Andonie e Minguccio

Stampa questo copione

                             Atto Unico             

                “ Andònie e Minguccio “

                            Che tempi…che tempi

                                               di

                              Pino Antonante

Personaggi

Andonie, benestante , elegante,ci vede poco

Minguccio,  molto trasandato , ci sente poco

Cameriere del bar,  un tipo effeminato

Andonie e Minguccio sono due amici che da molto tempo si sono persi di vista e per puro caso si ritrovano. La scena si svolge  presso  un bar della città vecchia.

Andonie  , mezza età , indossa un bell’abito , occhiali da vista molto evidenti,cappello a falda larga, è  seduto al tavolino del bar e  legge un quotidiano, sul vassoio il resto di un’abbondante prima colazione, caffè, latte , etc…Minguccio , abbastanza trasandato , porta scarpe strettissime , passeggia male e svogliatamente, passando davanti al bar osserva attentamente quel signore distinto, s’ avvicina  guarda sul tavolino  e frettolosamente mangia tutto intero  un  bel pezzo di briosce  rimasto. Andonie abbassa il giornale  incrocia lo sguardo di Minguccio che con la guancia gonfia  simula  un  mal di denti .

Andonie…Bèh !?

Minguccio…Bèh  , ce cose ?

Andonie…Come ce cose, la vostra guancia destra è gonfia e no jè ‘n ascesse !

Minguccio…Avite sce’ ‘o cesse ?

Andonie…Ma che faccia di bronzo…

Minguccio…Quello che lei partorisce di corpo non mi  interessa ha capito !

Andonie…Ma guarda un po’che tipo…stoche a parle d’a facce ca tine gonfie…

Minguccio….Ah si si, mi scusi eh,  ahhh…ahhh, com’è gonfia, sarà una caria …

Andonie…Sarà la briosce che gonfia…

Minguccio…Tenete la coscia gonfia ?

Andonie…( alza la voce) La briosce …

Minguccio…Ah, briosce …magari…

Andonie…Mi pare che la state ancora masticando…

Minguccio…No macchè , sto’ cercando di uccidere questa caria…ecco vedete mastico più velocemente così la uccido prima…che dolore… che tenete qualcosa per i denti ?

Andonie…Un’attimo…cameriere…cameriere…

      Arriva il cameriere, molto effeminato

Cameriere…Siiii…eccomi, cosa desiderate, caffè, tè, me…?

Andonie…Solo uno stuzzicadenti per il signore…

Minguccio…No grazie, m’a passate ‘u delore, non la sento più sarà ca l’agghje accise.

Andonie…Sarà ca  l’avite ‘gnuttùte !

Cameriere…Signori, avrei da fare …

Andonie…Vada  cameriere , vada a  fare il suo da fare…

Minguccio…Cameriere, vada  a fare …

Cameriere…Uèh  ma stamatine come v’avite azate…ma so’ numere…so’?!(esce)

(Mentre il cameriere esce ,Minguccio , indifferentemente passa via. Andònie continua a leggere mentre l’altro, lentamente, si riavvicina , osserva le scarpe slacciate  del signore seduto e poi mette gli occhi  sul giornale  per  rubare qualche notizia, finchè Andònie riabbassa il giornale  e lo ripesca  stavolta a leggere.

Andònie…(fra se ) Ma so’ cose da pacce…

Minguccio…Eh ?!

Andonie…So’ cose da pacce…

Minguccio…E’ vere , è vere…

Andonie…Che tempi , che tempi ! (si rimette a leggere )

            Minguccio con le mani dietro e leggermente piegato in avanti .

Andonie…Bèh, che cè ?

Minguccio…(Tirandosi su )…Ahhh , tenghe certe delure de rine…

Andonie…Tene ‘u delore camenànte,  dalle dinte a passate alle rine…

Minnguccio…Tutt’aqquà rete…( si massaggia la parte lombare)

Andonie…Ce tenite  problemi de rine , vesciche o d’uretre ?

Minguccio…’U retre  stè  buene ‘u probleme è quanne me pieghe pe’ leggere ‘u giurn…’u giurne , si de giurne me face chiù male… 

Andonie…Di notte no ?

Minguccio…E nonge ‘u sacce , ‘a notte dorme , certe vote pe’ vedè ce me face male me mette ‘a sveglie alle quattre de matine , ma po’ agghje capite ca ce stoche sveglie come fazze a sapè ce quanne dorme me face male e allore dorme ma ce dorme come fazze a sapè ce me face male, no’ jè ca me putite fa ‘na notte da me…

Andonie…Ce fa zze ‘a nfermiere…ma vide ce tiatre…

Minguccio…ije diche ca po’ essere ‘u timbe…

Andonie...Po’ essere  l’artrose…

Minguccio…Che tempi , che tempi…

Andonie…Quidde ca diche pure ije…ormai ’u timbe a Tarde nuestre è come la famme ( femmina in francese), repentin cangiante …

Minguccio…( fra se) E ce ‘ngentre ca è cretine ‘a cantante…

Andonie…Ma che ha capito,è un’esempio di paragonabilità fra il tempo e la famme .

Minguccio…Ma famme ‘u piacere, n’agghje capite ninde…’u paragone, l’abilità…

Andonie…La donna, cambia subito umore, quindi è cangiante, mutante…

Minguccio…E menu male ca se cange ‘u mutande…ce no ?!

Andonie…Ne conosco una ,l’esempio vivente , Margherita, (sospiro) ahhh Margherita Margherita, cambia con le quattro stagioni, una capricciosa , una diavola.

Minguccio…Queste no’ jè  ’na femene,  è ‘na pizzeria…(guardando il cielo ) oscje è nuvoloso , ieri no…domani  certamente variabile…

Andonie…Lei dice che sarà tendente  ?

Minguccio…Chi era tenente ?

Andonie…Ma quale tenente, dico era  tendente  quindi  varia…

Minguccio…Pure voi una caria, mi dispiace,  la carie è come il politico quando s’insedia s’attacca.

Andonie…S’insedia ?

Minguccio…Si, insedia, s’accula alla poltrona…

Andonie…Ho capito…Ci mancava la politica…

Minguccio… Le dò un consiglio vada subito dal dentista , ne conosco uno che pratica la formula una carie 50 euro, tre carie 70 …

Andonie…Scuse eh, ma se vado per  una a che serve la formula tre…

Minguccio…A suonare no…

Andonie…La formula dei tre denti…

Minguccio…Serve  e conviene,  io l’ho fatta e mi sono trovato contento, ad uno avevo la carie e per gli altri  ho scelto due denti sani e lui me li ha curati , così è certo che la carie lì non si formerà…

Andonie…Per favore lasciatemi in pace…

Minguccio…Era solo per farvi un favore…

Andonie…Teneteveli  per voi questi favori del… , comunque io , come potete ben vedere  non ho carie…

Minguccio…Complimenti, però avete i denti molto gialli…avete messo qualcosa…

Andonie…Ma vide ‘nu poche stamatine…non vedo cosa posso mettere su i denti gialli.

Minguccio..Le suggerisco una cravatta marrone…

Andonie…Sentite se avete voglia di scherzare avite sbagliate palazze…

Minguccio…Era solo un consiglio per un abbinamento azzeccato e non parlo di cani,  comunque lo sente , stà variando…( bagna il dito con la saliva lo alza al vento ) … ora  viene da sud…

Andonie…Cosa … lo scirocco?

Minguccio…Lo scirocco…il levante…

Andonie…I venti ?

Minguccio…E chi lo sa se sono venti, trenta , quaranta, ne dispone solo il dio dei venti , trenta , quaranta…. “Eccolo” …

Andonio …Chi?

Minguccio…  “Eccolo” !

Andonio…Aspettate qualcuno ?

Minguccio…Il dio dei venti , dei trenta ,quaranta…” Eccolo “

Andonio…Ma  no’ se vede nisciune…ah , volete dire il dio dei …ma quale “ Eccolo” siete un ignorante, il dio dei venti  si chiama “ Embolo “…ma levatevi di torno…

Minguccio… Non ci faccia caso …ma prego continuate a leggere, facite come ce state a casa vostre…

Andonie…Quanta storie p’apprufettà a leggere …andate andate…

              Minguccio si allontana girandosi a guardarlo

Andonie…( fra se) Oh, e ‘nziste , quante vuleve sapè ce tene da uardà’…

Minguccio…(fra se) No so’secure o’ cinde pe’ cinde ma chidde scarpe cu’le lacce staccate…màh ,  po’ essere ‘na  cumbenazione , certamente si , però me pare proprie ca è jdde …

                   Andonie lo guarda e Minguccio ricambia con un bel sorriso

Andonie…(fra se) Ce faccia toste , oh…m’a fatte ‘u sorrisine , quiste o è ‘na menzafemene  in cerche de cumpagnie o ‘nu ‘mbrugghjone patendate, megghje tenè l’uecchje apirte…( rilegge il giornale)

Minguccio…(fra se)Sinte come stè rùsce sotte pe’sotte…

                 Andonie riabbassa il giornale , Minguccio gli ripassa davanti e…

Minguccio…Uh , ma guarda un po’ce cumbenazione, ci rincontriamo di nuovo …sarà il destino che ci avvicina…

Andonie…No’ t’ avvecenà  assaje  ce no nel vostro destino  stè  ‘na bella  mazziate ?

Minguccio…Bella e ‘ngraziate a me…(gli sorride apertamente e si siede al tavolino a fianco )permettete…sapete mi siete simpatico però  sappiate  ca ije so’ maschele…

Andonie…E  ije no’so’ femene…

Minguccio…Ce site menzafemene ?

Andonie…Uhh,ce scucciatore, fammene scè ca è megghje …( lascia dei soldi sul tavolino ,si alza e s’avvia)

Minguccio…Scusi …signore …aspettate…

Andonie…’U sapeve…(si ferma , si volta )  a tenite cu’’mme ?(Regolando  la distanza degli occhiali come se volesse focalizzare meglio) Signore, io non so’chi siate  ma  v’ avverte  , a’ sciurnate se stè ‘mbrogghje…

Minguccio…E ce posse fa’ ce tenite le rògghje…

Andonie…Nàaaa ….ma vide ce ruèspe stamatine…

Minguccio…Scusate se vi intrattengo in un inaspettato parlatorio   ma voi mi ricordate qualcuno, lasciate che vi osservi meglio…la prego…il vostro gesticolare un po’ frivolo…

Andonie…Oh Signore Iddio…ma ce t’è mise ‘ngape …

Minguccio… Non si preoccupi…( lo esamina toccandolo)  orecchie grosse…le labbra carnivore…l’uecchje tuerte…eh si ‘a bruttezze è ‘a stesse…

Andonie…Ma ce ste’ dicite, so’ frivele, le recchje, so’ brutte, uèh…mi dovevate vedere da giovane…poi è chiaro la gioventà passa…

Minguccio…E ‘a bruttezze reste…

Andonie…Ma  cu’ ce cape v’avite azate stamatine ?

Minguccio…Sempre ‘a stesse da quanne agghje mise pède suse a’‘sta terre…

Andonie…Agghje capite , vulite scherzà…ce ve credite ca so’ ‘nu povere  fesse ?

Minguccio…Non ho mai detto ca site ‘nu cocchere allesse…

Andonie…Queste è belle, une jesse pe’‘na tranquilla colazione, pe’ relassarse e pe’ sorprese ce te jacchje nanze…

Minguccio…’A sorprese ca tenite nanze no’ me ‘nteresse….

Andonie…Quiste ste stròleche…

Minguccio…E pigghjeteve‘na pinnele…

Andonie…Pe’ ce cose?

Minguccio…P’à còleche…

Andonie…(Si aggiusta gli occhiali )…a quiste no’nge ‘u veche proprie  buene, agghje ditte “ stròleche”… quanne se parle no’ se sape quidde ca jesse…

Minguccio…Appunte, p’a coleche ce vole ‘nu cesse…

Andonie..Ma a ce vulite sfottere…mo’ chiame le uàrdie e te fazze fa ‘a galere.

Minguccio…V’avita fa’ nu clistere…?

Andonie…Ma insomma , voi non sapete  chi sono io…

Minguccio…E pe’ quiste v’agghje fermate…chi siete ?

Andonie…Ije so’…ma piccè po’ te l’agghja de dicere…

Minguccio…E tenete ragione, sule ca…si insomma mi sembra di conoscervi…

Andonie…E’ impossibile, no’n’ agghje maje tenute conoscenze sìmele, caro lei avete preso un granchio…

Minguccio…No’ so’ pescatore…

Andonie…Gise Criste mije oscje và’...un abbaglio…

Minguccio…Nessun abbacchio… la carne rossa mi scatena la bigotta…

Andonie…Volete dire la gotta…

Minguccio..A ‘nu pede, a me’avene a tutte e doje…permettete una  domanda…

Andonie…Una sola domanda e’ po’ giurate ca ve luàte da nanze…

Minguccio… Volevo solo  sapere, voi come vi mettete ?

Andonie…Come se mette sorete !

Minguccio…Ma ce avite capite… ma che tenete problemi di udito  ?

Andonie…A me…no quiste è troppe…

Minguccio… Tu,  chi siete  ?

Andonie…Ce italiane, ignorante, mettete il  “voi”.

Minguccio…Voi chi sei ?

Andonie…Dalle…adesso ci va’ il “ tu “…

Minguccio…Signore , dare del “tu” ad uno sconosciuto è pericoloso.

Andonie…Stamatine me ne voche ‘ngalere…sentite , ije no’nge ‘a fazze chiù  lassateme stà’, pe’ favore…

Minguccio…E allora diteme come vi chiamate…

Andonie…So’ l’otre ca me chiamene e po’ no’ so’ fatte vuestre.

Minguccioi…Per caso siete Andonie ?

Andonie…Dalla nascita  e  non per caso ma per convinzione…

Minguccio…V’avite fa l’estreme unzione ?

Andonie…Ma ce avite capite...

Minguccio…Ca state pe’ murè …

Andonie…(fa le corna)Ma ce ste’ dice, egregio signore  vi do’ un  consiglio…

’a matine prime cu’jsse tappete ‘a vocche e stappete le recchje…

Minguccio…Ije no’nge agghje tappate ‘a vocche a nisciuna vecchie…

Andonie…Me serve ‘nu mideche…

Minguccio…Scusate  ma so’ nu picca surde.

Andonie…’Nu picche,una curiosità ,ma voi che siete sordo, il dolore lo sentite?

Minguccio…E come no, il mal di denti di più,  stè proprie vicine a’recchie, comunque non vi dispiacete …putite azà ‘a voce…

Andonie…Azà ‘a voce ,con voi egregio signore s’adda azà  il livello dell’umana  sopportazione …( a se stesso) t’è vulute fermà  e quiste t’ammirete,manteniamo la calma ,caro signore  se non vi spiace, riprendo il passo e mi levo di torno,(s’avvia)

Minguccio…Andò’…Andònie  uècchje luce…

Andonie…(Si ferma , si volta  e torna sui propri passi )…Come  sapite ca  pe’ soprannome  de settema generazione ne canoscene come  “ l’ uècchje luce “?

Minguccio…Passando  v’agghje uàrdate  do’ cappidde alle scarpe  e lì non ho avuto dubbi…

Andonie…Dalle scarpe…m’è  canusciute dalle  scarpe…

Minguccio…Precisamente dalle lacce, le lacce staccate…

Andonie…Ije le porte sempre accussì…

Minguccio…Ancore no’ t’è ‘nzignàte  a fa’ ‘a nocche  eh ?!

Andonie…E ce pozze fa’  è chiù forte de me… ma tu…come face a sapè  ‘u soprannome…e  po’ ‘stu  particolare de le lacce,  personalissimo …

Minguccio…Ce t’attacave le scarpe quanne sciucave ‘o pallone abbascje a’ marine…?

Andonie…Quanne sciucamme ‘o pallone …ninde de mene…ah si , mo’ me stoche arrecorde , me l’attaccave  n’amiche mije …se chiamave …’u tenghe suse ‘a ponte da’ lenghe…

Minguccio…Ce lenghe, ‘u tine  nanze  all’uecchje…

Andonie…No ! Tu si …’u figghje de Meline ‘a ‘nzerràte ?

Minguccio…Mengucce.

Andonie…Mengucce !?…tu si’ Mengucce ?

Minguccio…Proprie ije, ’u megghje amiche tue…

Andonie…Ce soprese, e ce l’aveva dicere …‘u megghje amiche mije da gioventù…

             Mengucce e Andonie si abbracciano con affetto.

Andonie…E no’ m’u putive dicere subete, m ‘è fatte rimbambì’…

Minguccio…Ce t’agghje date ‘nu poche fastidie ?

Andonie…Ce teneve ‘na pestole t’avisse accise…

Minguccio…Andò’ce remanime  abbrazzate, se penzene ca sime fedanzate…

Andonie… E tine ragione…pinze ‘ca t’aveve pigghjate pe’ gay …

Minguccio…A me…(ridono )…so’ proprie  cuntende  ca si’ ancore vive Ando’…

Andonie…(fa le corna ) A ci’ù ste dice, stamatine tutte me puteve aspettà ma stà sorprese mai … quant’anne Mengu’?

Minguccio…40…

Andonie…Ma no’ me fa ridere …40, ce face come le femene ca  s’asconnene l’età…

Minguccio…40 so’ l’anne c’onne passate.

Andonie…Benediche , come passe ‘u timbe…

Minguccio…None Andò, no’ jè ‘u timbe ca passe, sime nu’ ca passame intre ‘o timbe…

Andonie…Quarant’anne  , giuste giuste pe’ scè in pensione…

Minguccio…’A pensione determina ‘a fine de qualche cosa, l’amicizia , quedda vera è sempre in servizio, no’ ve’ maje in pensione.

Andonie…Ce belle parole , mo’azzettamene pigghjamene ‘nu belle  cafè…

             Naturalmente Andonie parlerà con un tono di voce più alto . Si siedono al     tavolino

Minguccio…Grazie Andò’,  ma scive de frette ‘o sbaglie…

Andonie…De frette ije …no piccè ?

Minguccio…No’nge a scè chiù ‘a stazione ?

Andonie…Notra vote…Mengu’è perse le recchje eh…(alza la voce ) …

Minguccio…Sine Ando’ ,chiste e doje me l’onne ‘mprestate…

            Entra il cameriere, gay

Cameriere…Signori  , da stamatine ca state a qua… cosa prendono…

Minguccio…A me no’ m’appenne ninde…e te t’appenne ‘ nguarche cose ?

Andonie…Famme sta ‘ citte ca è megghje…il ragazzo chiedeva cosa prendiamo…

scuse se’…l’amiche mie no’ tande sente…se puoi alzare la voce…

Cameriere…No’po’ essere  da jere sere ce l’ho infiammato…

Andonie… E’ ‘ntise Mengu’, ‘u tène ‘nfiammate…

Minguccio…Mittele a bagne  ca t’addefrische…

Cameriere…Uhhh, ma ce avite capite… tenghe‘a faringite ‘nganne…

Andonie…Piccè addò ‘a vulive tène ‘a faringite…’u poste suje quidd’è .

Minguccio…E ninde te ste’ pigghje…

Cameriere…Come no…’u mideche m’à scritte  ‘nu sckatele de supposte da 10…so’ chidde forte forte…

Minguccio…E pure luenghe luenghe … dece cm.

Cameriere…Uèh, ’u sckatele da dece…

Minguccio…E no’ ere megghje ’u sceroppe …face effette chiù subete  , arrive subete ‘nganne…le supposte ‘nvece onna fa’ chiù strade p’arrevà ‘a destinazione, devono risalire una via tortuosa e pericolosa,  chiene d’ostacoli solidi, liquidi e aerosol , sono come i salmoni, fanne tanda strada pe’ scè murè…perciò statte attinde.

Cameriere… Nàaa ce malaùrie, ma da ‘ssute quiste  qua…a parte c’o salmone no’ me piace, a me piacene le cazze de re…so’ chiu ‘ngraziate, ‘a veretà è ca ije preferische le supposte ‘o sceroppe …

Minguccio…Quiste l’aveve penzate…

Cameriere…Pe’ favore  no’ me facite  studechì eh…oh insomma , ce me vulite fa lecenzià, amma sciucà o facime st’urdenazione ?

Minguccio… Pure tu a scè a stazione…

Cameriere…Ordinazione…avite capite (grida) ordinazione …

Andonie… Calma calma…comunque per la prima colazione è un po’ tardi…

Minguccio… E ci è tarde p’à prime a me puerteme ‘a seconda …

Cameriere…Na’, ma proprie sane sane è …(ad Andonie) mi scusi eh ma secondo voi è un caso difficile o complesso ?

Andonie…Meglio complesso, suona e ci intrattiene pure, senti all’amico porta un cappuccino e briosce…

Minguccio…No grazie , ‘a briosce me l’agghje già mangiate…

           Andonie ride di gusto

Andonie…A me il solito caffè…

Cameriere…Allore , ditemi se ho capito , un caffè per voi e p’u surde   un cappuccino  …briosce no…va bene una crèpes…

Minguccio…Crepe a me …si tu ca’ crepà…

Cameriere…Madonna meje aiuteme tu, a crepes… ‘u dolce, o vuè  nu’cornette…va bene a marmellate ?

Minguccio...A me ’na  martellate …

Cameriere… Madonne ce sciurante ca m’allucesciùte …insomme ce v’agghja purtà ?

Minguccio…Puerteme ’nu belle felòne  cu’ sazizze e pruvelone piccante…

Cameriere…Quiste qua, ‘u limete l’à surpassate…

Minguccio…Si , fammene  une cu’ ‘a suppressate…e  ‘na birre …naturalmente Raffo.

Andonie…A quest’ore…? ma jere sere è mangiate  o no ?

Minguccio…None Ando’, stoche  a’ disciune, cioè fazze ‘a dieta, a dieta  saltuaria…

Andonie…Ah, la famosa  dieta saltuaria…salti la carne,salti la pasta…

Minguccio…Salto proprio  il pasto, così resto in forma..

Andonie…Così resti a digiuno, infatti ti vedo piuttosto magro….

Minguccio…Si , in questi ultimi giorni ho dato un’accelerata alla dieta, so’ tre giurne

ca stoche a discjune completo …naturalmente mi dirai “ e come cambe” e qua ti volevo, io sopperisco con l’introduzione di liquidi , se togli da un lato dall’altro devi mettere , altrimenti l’equilibrio nutrizionale è falsato e allora io che faccio…

Cameriere…Che fai ?

Minguccio…Ti ringrazio per la domanda, mi innaffio di acqua che sgorga da posti diversi …

Cameriere…Agghje capite, acque oligominerali ricche di sali minerali che aiutano la diuresi e la digestione..

Minguccio…No’ quelle per la digestione non le bevo non vorrei che mi autodigerissi  lo stomaco.

Andonie…Uno stomaco vuoto…

Minguccio…Voglio dire che , ringrazianne Dije,  ho una digestione  rapida,veloce, e allora…

Cameriere…Se ho capito bene, per integrare le sostanze  diverse bevete acqua che sgorga  da sorgenti diverse…

Minguccio…Esattamente, bevo da rubenette , funtane e funtanelle …

Cameriere…Se volete un bicchiere dal nostro rubinetto…

Minguccio…Ti ringrazio ma  avaste cu’ l’acque…

Andonie…Tine ‘u stomache vacande eh ?!

Minguccio…Si, però ‘a  vesciche mo’ spettèrre…

Cameriere…Allora ve porte ‘na tre quarte ?

MInguccio…Si si, tre o quattre , fa’ tu…e mi raccomando il filòne , ben cotto…

Cameriere…Quiste è ‘nu bar miche ‘nu panificie…ma so’ cose da pacce come me sente nervuse…m’agghja pigghjà n’ansiolitro…

Andonie…Forse  un ansiolitico…

Cameriere…No no, n ‘ansio da ‘nu litre…

Minguccio…Ma ce tipe ca se jacchjene da nanze no  !?

Andonie…A me m’u ste dice…comunque cu’ le diete n’esagerà…scuse eh, ma perché non prendi l’apparecchje  ?

Minguccio…Ando’, ho paura di volare…

Andonie…L’apparecchje p’a recchje …(Lo guarda aggiustandosi gli occhiali)per sentire meglio…dimme ‘a veretà … no’nge  t’a passe buene eh …

Minguccio…Come no,ce no’ me de’ ‘u timbe de parlà, ste’ diceve ca stè in riparazione

Andonie…’A machenette p’à recchje in riparazione?

Minguccio…E’ di un vecchio modello…

Andonie…Tecnologia limitata  e struttura possente, i vecchi modelli sono i migliori.

Minguccio…Ma ce tecnologie,struttura possente , era proprio un vecchio 86 anne ca da giovane  faceve ‘u modelle ,  no’ se manteneve in piede, infatti a breve ci lasciò tu capisci , a lui non serviva più e allora il suoAmplifon  lo misero in palio nella mensa dove…cioè il ristorante , ed io lo vinsi, ’u probleme è ‘a spine, intre a case va bene, ma quanne  jesche no’ sacce  a ‘ddò  ‘nfelarle…

Andonie…No’ ne tene pile ?

Minguccio…Mo’ none,  magare cu’ sveluppe …

Andonie…(Guarda Minguccio allungando e avvicinando gli occhiali come a voler focalizzare meglio)Mengu’,sinceramente non ti vedo bene…

Minguccio…Solo una tua impressione…

Andonie…Ma ce ‘mpressione, non ti vedo bene no…t’arrecuerde  quante n’amme passate …

Minguccio…E ce s’u po’ scurdà, amme passate tutta ‘a gioventù assieme…

Andonie… Amici per la pelle, e quanta sciuèche ,’u spezzidde, ‘a levòrie, ‘a stàcchje…

Minguccio…E ce se le scorde chiù…

Andonie…Chidde erene sciueche, spariti nel nulla, la tecnologia avanza e li ha sterminati, le uàgnune oscje a’dije no’ fanne otre ca’ stà nanze  ‘o computer ’u cellulare…no’ se scrive chiù manghe cu’ ‘a penne, mo’ tutte abbreviato, tratti e trattini, pare un aramaico misto ucraino …secondo me  ‘sta gioventù  no’jè capace de scrivere manghe ‘na cartulline de salute e bace.

Minguccio…Tine proprie ragione, la penna, la cara vecchia penna, quanta lettere d’amore , quanta mangiaminte de cervidde pe’ dicere …”Ti Amo”  Ando’, ije purtasse ‘u computer nanze ‘o giudece…

Andonie…Con quale amputazione ?

Minguccio…Omicidio d’a fantasia…

Andonie…E ce amma fa’….oramai il progresso ci annienta…ce no’ me sbaglie attande fu’ trasferite in Calabria…

Minguccio…Eh si, ‘u destine  n’à fatte ‘nu brutte scherze, no’ fu facele , papà truò poste come fonico…

Andonie…Ah,  tecnico audio…

Minguccio…Ma ce tecniche, assugave le capidde da ‘nu varviere…’a paje ere picche e le figghje dudece, otte maschele e tre femene…

Andonie…Otte  maschele e tre femene so’ unnece…ne manghe une…

Minguccio… Si Carluccio,  ma no’ se capive  ce ere femene o maschele, eravamo poveri, pinze ca ‘u tredeceseme compleanne mije l’amme festeggiate quanne arreveve a diciotte…a’ mezzanotte de tutte le Natale  papà asseve fore e sparave ‘nu colpe de pestole in aria, traseve  se metteve a chiangere e diceve : “ figli miei una disgrazia, Babbo Natale si è suicidato “ …po’ ‘nu Natale  le cose cambiarono…

Andonie…Non ci fù il colpo di pistola !

Minguccio…Due colpi,  ‘u prime le tremave ‘a mane e si colpì di striscio…

Andonie…Me despiace assaje Mengù’, e  da tànne‘onne passate  40 anne …e da quann’jè ca è turnate a Tarde …

Minguccio…Doje  anne…

Andonie…Comunque no’ te vede proprie buene…bèh raccontami, come t’a passe  ? ( pulisce con accuratezza gli occhiali )

Minguccio…Alla grande Andò’…Elena , mugghjereme se chiame Elena,  me vole ‘nu bene pacce, so’ proprietarie de ‘na bella case, gli affari a gonfie vele,tenghe ‘na capa machene, do’figghje ca m’onne date tande soddisfazione…

Andonie…E ce fanne ?

Minguccio…E ce fanne…bèh ’u maschele è laureate e ‘a femene …non so’ come spiegarti… sta nel campo agrario partecipa  alla produzione di frutta  ma  a cosa chiù ‘mportande…’a salute, Andò ‘a matine me sveglie con entusiasmo, una voglia di fare che non ti dico…

Andonie…Quello che è importante è lo spirito…

Minguccio…E’ importante ce te face male …ije stoche buene, me sente ‘nu tore, none cu’ doje ma cu’ quattre  cuerne…ma ce diche ‘nu tore….’nu torrone …

Andonie…E brave a Mengucce, non si direbbe eh, però so’ proprie cuntende …te lo meritavi…

Minguccio…E tu ‘nvece …ce me dice …

Andonie…(Guardando gli occhiali e girandoli nelle mani ) …E ce diche, diche ca pure a sforzarsi  no’ te vede pe’ ninde buene…

Minguccio…No eh…bèh si…è per via degli affari , sai in questo momento non’è che va proprio bene ,  con la crisi  non vanno come dovrebbero e allora un po’ ne risento…

Andonie…Da vicino si nota di più…non ti vedo assolutamente bene…

Minguccio…A essere sincere  qualche probleme stè è inutile nasconderlo , Andò’ voche nanze  a solde ‘mpriste,  usurai alle calcagne , no’ tenghe ‘na lire, quante po’ durà Ando’ …quante ?

Andonie…L’aveve capite Mengu’(alterandosi )ma porca miseria…porca miseria …

Minguccio…E porca miseria si !…e tu Andò’ come t’a passe…

Andonie..No me lamente, ‘u se’, mammà era intitolata  contessa, teneve  terre   e appezzamenti , olie , vine , frutta, po’ papà  con le  costruzioni, un mercato fiorente, insomma  no’ jè facele ma vivo di rendita…

Minguccio…Tua moglie sarà contenta…

Andonie…Mugghjereme…e ce so’ fesse, no, ninde legami ,ce sape com’jè  quanne le tine apprisse  per la linea ,palestre , dietologi, nutrizionisti,diete a morire,  po’te lassene e volene ‘nu puzze de solde  pe’l’ alemente…

Minguccio…Sarà che il divorzio gli mette appetito…quindi  no’nge t’è spusate ?

Andonie…E a ce me serve…’a vite me l’agghje gudute, da  qua a cinde anne  c’arrive ‘a senza nase me ne andrò senza rimpianti…

Minguccio…So’ cuntende pe’ te…ma no’ te sinte sule…

Andonie…Sule, io vivo nella mia villa di Lido Silvana, piscina, garage e artico con vista paranoica sulla baia …

Minguccio...E piccè  abbaia…

Andonie…Chi abbaia…?

Minguccio…’U cane, è ditte c’abbaia.

Andonie…La baia, il golfo…tenghe tre cameriere, tuttofare...e quanne dico tutto fare…tu mi capisci…una slava…

Minguccio…Menu male ca une se lave…

Andonie…Una  arriva dall’ Ucraina…

Minguccio…Une arrive cu’traìne…

Andonie…E l’otre  è polacche…

Minguccio…E l’otre no’ se jacchje…

Andonie…So’ lavate, sterate e riverito, idromassaggio a quattre marce  tutte le giurne, sapisse ce vite e ce piacere,quanne jesche de dà è come ce tanne agghje state parturite…

Minguccio…E ce te sinte ?

Andonie…Piccè no’ nge ‘u sé ?

Minguccio…E ce s’arrecorde, so’ tanda anne c’agghje nate…

Andonie…Mengu’, no’ me dicere ca no’ t’è fatte mai l’idromassaggio…

Minguccio…Come no, prime me  fazze ‘na  bella zuppe de fasule e po’ ‘a sere  me mette intre ‘a vasche…

Andonie…Ah ah ah…( si toglie gli occhiali e guarda l’amico )… però io continuo a non vederti  bene…

Minguccio…E no’ me vide buene no, ajere agghje avute ‘u sfratte…ca’ po’ si fa fatica a chiamarla casa, ‘nu cafuèrche da 12 mt.quadri , umida, talmente umida ca quanne ‘ntròne jessene le patedde, ingressino, cucinino, stanzino da lettino cu’ bagnine…

Andonie…E quidde  è ‘mportande , anche se è un bagnino…

Minguccio…’U bagnine de Marechiare…coabitavamo …

Andonie…Cu’ bagnine…donne niente…

Minguccio…Si , una do’ mise fa,  Teresa, si chiamava Teresa, lei era di Manduria, era nata lì, Teresa era nata lì…ca po’ no’ capische piccè se chiamave Teresa se era Natalì …non era un gran chè…la conobbi ad una festa, nisciune’a nvetave a ballà…

Andonie..Era proprio brutta…

Minguccio…Ma furba…s’avvecenò a me e mi disse “ scusi qual è il termine per indicare una grossa bugia “ ije dicive “ balla “ m’azzeccò e no’ me lassò chiù, po’ sembre femene ere no ?

Andonie…E ce fine a fatte…

Minguccio…Mo’ te spieghe, ‘nu giurne passeve da ‘na boutique di intimo femminile, in vetrina stave ‘nu manichine con un completino sexi ca ere ‘nu spettachele, ti metteva un fuoco addosso sule a vedè ,  lo comprai e lo portai a Teresa, o Natalì…mo’ non so’ di preciso…comunque lei lo indossò…’na delusione tremenda…faceve schife…tutto ciò che in me si era eroticamente inerpicato  d’un tratto crollò tramortito,  lei infuriata mi disse…” caro che ti succede “…io le dissi “ sai su di te non fa lo stesso effetto che sul manichino “ e lei più incazzata di prima “ allora fallo col manichino “…Andò’… ti dirò,col manichino non’è stato male…

Andonie…Ti vedo ombrato…

Minguccio…Ombrato, ije stoche  proprie gnùre …

Andonie…Ma no’nge t’è spusate…?

Minguccio…Come no, doje anne fa me disse c’aveva sce’ ‘ccattà  do’ brascjole e ancore no’ se vede…

Andonie…Mengù’, se vede stè folle…

Minguccio…’U penzeve pure ije  e aspettai , ma dope tre mise d’attesa m’avenì ‘nu dubbie e  mi chiesi “ possibele ca stè  tanda folle…”   in macelleria, me dicerene ca da tre mise no’ se vedeve chiù manghe ‘u macellare , in quel momento ho capito, se n’a sciute cu’Ursus …’u macellare se chiamave Ursus .

Andonie…Non andavate più d’accordo ?

Minguccio…Lei  non parlava molto…io parlavo, parlavo ma non mi capiva…

Andonie…Diversità di pensiero…

Minguccio…Di nazionalità,  era Bulgara, poi con mia grande sorpresa parlò, ricordo che  andò a prendere due fettine  di cavallo e tornò a casa con un chilo e mezzo di filetto di vitello e mi disse “ Minguccio , tu vali meno di una mutanda , almeno quella lascia un segno in vita…” rimasi un po’ così…” ma cara “, gli dissi,    “ non ce problema allargala…” e lei…” non ce bisogno,  da oggi non le porterò mai più …”.

Andonie…E piccè ?

Minguccio…Una nuova patologia “ vagina claustrofobica” …sarà stata l’aria inquinata…?

Andonie… O ‘u chile e minze de felette…

Minguccio…Tu ce dice ?

Andonie…( armeggia con gli occhiali) E ce diche…dico che intorno …si intorno hai come una specie di …

Minguccio…Scarogna,  so’ chine de  scarogne, sfurtune, malasorte…Andò , stoche ‘nguaiate…tre anne fa’ m’anne licenziate …

Andonie…Però  se non altro la soddisfazione dei figli…la femmina  hai detto che sta nella produzione frutta…ce frutte ?

Minguccio…Pere…quanta pere ca’ se face…

Andonie…Ah,  cocaine , marjuana …sostanze pericolose…

Minguccio…Allore pure  pe’ me è pericolose…

Andonie…Ti droghi ?

Minguccio…No, però  il camerino da lettino dove abito  ha il tetto pericolante…

Andonie…Embè ?!

Minguccio…Pure chidde so’ stanze pericolose…

Andonie…(guardando con attenzione le lenti )Però almene  ‘u maschele… è laureate…

Minguccio…Si, economia e commercio ( con la mano indica su se stesso l’ avanti e il dietro ) .

Andonie…E  questo giustamente  ti deprime ?

Minguccio…E pe’ forze, l’uneche figghje maschele se chiame “ Deborah “…

Andonie…(pulendo gli occhiali e rimettendoli )…Andò’ ti vedo male , malissimo…

Minguccio…Stoche male …tenghe pure do’ ernie struzzate e no’ me volene operà…

Andonie…( riferito agli occhiali )E’ quiste è nu’ fastidie…

Minguccio…Otre ca fastidie…

Andonie…E  no, così non va’…no no…mo’ chiame ‘o dottore  e gli spiego la situazione…(fa un numero al cellulare…)

Minguccio…Grazie Andò’, si n’amiche…

Andonie…Pronto, ce il dottor  Zampone…ah è lei…sono il signor Antonio

Quagliarulo…si si proprio io , senta dottore , ho qui vicino a me un amico…

Minguccio…Quello con due ernie strozzate…

Andonie…Quello con  due ernie…no’ scusi , dicevo che lo guardo da  qualche minuto ma mi creda  non lo vedo bene, lo vedo sfocato, non riesco a metterlo al fuoco… il contorno non mi piace…è circondato da…come dire …

Minguccio…Scarogna nera..

Andonie…Scarogna nera…no mi scusi, dicevo che anche leggendo il giornale mi sono accorto che non vedevo bene …si si ora provo…Minguccio può metterti più in la…

          Minguccio si allontana di qualche passo

Andonie…Ma piccè camine  accussì, ce tine le calle ?

Minguccio ..So’ le scarpe…ije porte ‘u 42 chiste so’ 37…

Andonie…37 !? …e piccè ?

Minguccio…E’ l’uneca soddisfazione ca m’a remaste…

Andonie…E ce soddisfazione stè …?

Minguccio…’A sere, quanne me le leve !

Andonie…Stè proprie ‘nguajate eh…fatte chiù ‘ddà… fermati…pe’ favore piegati un’ attimo…

Minguccio…( si piega ) Ahhh… mi fanno male…malissimo.

Andonie…Male dottore, malissimo, eh si è  evidente che gli occhiali che ho ritirato stamattina hanno  un problema di messa a fuoco…ah benissimo allora adesso torno  e sistemiamo  la gradazione delle lenti , arrivederci…

               Entra il cameriere

Cameriere…Ecco il caffè…

Andonie…Allora caro Minguccio  che mi stavi dicendo …

Minguccio…(Andando via ) Ma vide ce ve’ face ….

Cameriere…Oh , ma quiste cu’ ‘mmè a tene …

Andonie…Mengu’…addò ve’ ?

Minguccio…Da sorete !

  ( Esce brontolando a soggetto e fra lo stupore di Antonio cala la tela sulla …

                                                           F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno