Andonio Petito

Stampa questo copione

Mariano Burgada

Mariano Burgada

Siae 120850

Andonio Petito

farsa a vapore in due atti

ispirata al teatro di

Antonio Petito

BR  - 2 atti - 8m  - 4f

Andonio Petito

omaggio a Petito in due atti

di Mariano Burgada

Personaggi:

Pulcinella padre;

Pulcinella figlio

Primo Attore;

Luigi;

Procopio

Un'attrice

Lisa

Rafele

Alonso

Eugenio

Annetta

Primo attore

Suggeritore

Secondo Attore

Augusto

Spettatore

Antonio

Cleopatra

© Mariano Burgada

N.B.: Alcuni attori  possono interpretare più personaggi.

Atto Primo

Al buio gli attori si dispongono in scena come per il ringraziamento finale. All'alzarsi delle luci ci sarà un applauso al quale gli attori risponderanno con un inchino come se avessero appena terminato la rappresentazione, quindi Pulcinella farà segno di zittire, si toglierà la mascherà, la guarderà con tristezza e declamerà.

Pul.­ - Pubblico bello mio/ scusate nu mumento

         primma de dirve addio / figliemo vi presento.

         Pur'isso è nu Petito / di me la gente è sazia,

         li forze meje nun ponno /

         so' viecchio e vi ringrazio.

         E lasso a vuje Totonno.

(L'azione si ferma e la luce cala lentamente mentre sulla destra una leggera luce illuminerà il 1° attore).

1° A. - Con questi pochi versi, il vecchio Pulcinella Salvatore Petito, in una sera del 1863, presentava al pubblico del glo­rioso teatro S.Carlino, il nuovo Pulcinella: Antonio Petito.

(Contemporaneamente un'altra luce illumina a centro l'azione: il Pulcinella consegna la maschera a suo figlio che però non è in scena perchè sarà lo stesso 1°attore ad impersonare il giovane Pulcinella con un piccolo movimento coreografico).

1° A. - Poi, con mano tremante per l'emozione ed accompagnato da una tenera sinfonia musicale, Antonio Petito indossava per la prima volta davanti al pubblico quella vecchia maschera di cuoio del padre che tante volte aveva provato di nascosto.

(Tutti gli attori applaudono e fanno festa, ma l'allegria dura poco perchè Antonio invita tutti al lavoro)

Pul.- Basta mo'. La festa è finita. Jamme a fatica', ca 'o pubblico  ha pagato e vuole ridere. Tanto ci sta già chi ci fa piangere.

(Borbottando tutti rientrano mentre restano in scena il l°Attore e una attrice)

l°A.- E da questo momento tenimme pure nu Pullecenella nuovo dizecca: don Antonio Petito.

Att.- Detto Totonno 'o pazzo.

l°A.- Ma dimme, dimme, è veramente pazzo comme se dice?

Att.­- 'A verità, nun credo. Penso che l'hanno chiamato accussì solo pecché è nu tipo ca sbarea c"a capa. Insomma è nà capa 'e a  tista, una capa fantasiosa. I suoi fratelli invece sono più positivi. Siente, si ente comme 'e chiammano: Gaetano detto 'o  francese; Davide detto 'o gesuita e Pasquale detto l'inglese.

l°A.- Inglese come inglese?

Att.- Inglese. Dell'Inglitterra, no?

l°A.- E già: inglese è dell'Inglittera. Puteva maje essere da Sguizzera.

Att.- Sarebbe stato sguizzero.

l°A.- E intanto guarda la combinazione. Tu haje mai saputo che dice

            Cuoco?

Att.- Che dice 'o cuoco? Chello che dice dice, per me è sempre nu

            cuoco. Ma chi è stu cuoco? 

l°A.- Cuoco Vincenzo, filosofo napoletano. Pensa che questo signore ha diviso i napoletani in quattro categorie e sono proprio quelle stesse dei fratelli Petito: i Francesi, i Gesuiti, gli inglesi e per finire i pazzi, che poi simme nuje, 'o popolo.

Att.- E faticamme pe' tutte quante.

l°A.- Ma saje che te dico? Si a Petito 'o chiammano 'o pazzo allora vuol dire che arrapresenta il popolo.

Att.- E allora a me m'è simpatico.

l°A.- Pure a me. (In coro i due come fosse una presentazione) Totonno 'o pazzo.

(Al suono ritmato della musica del pazzariello compare ballan do una buffa tarantella Pulcinella)

Pul.­- Sissignore, in famiglia mi hanno messo il sprannome 'o pazzo.

         (Fingendosi pazzo) Ma io nun so' pazzo, sono un artista. Ca po' è 'a stessa cosa. (Ride divertito poi torna serio) E tanto per cominciare, devo cambiare subito chistu Pulcinella, ca me ha passato mio padre, grande attore Salvatore Petito, ma ormaje surpassato. Il vero Pulcinella deve rappresentare Napoli, la sua gente, perciò non puo' essere cetrulo e babbasone. Adda essere comme simme nuje, con i nostri pregi e i nostri difetti: umano, buffone, sentimentale, maliconico, spiritoso, adulto.

(Intervengono i due attori che sono rimasti fermi in penombra ad ascoltare)

l°A. e Att.- E faticatore?

Pul.- Faticatore? Ma pe' fatica' già 'nce sta tanta gente, che f acimme tutte a stessa cosa? Ci vogliamo ammassare? E ammassiamoci. Ma non ammassiamoci di fatica.

(Esce a ritmo di tarantella)

l°A.- Mo me pare ca s'è muntato nu poco 'a capa. Che facimme 'o Pulcinella simbolo delle aspirazioni popolari?

Att.- (Cantilenando scherzosa) Pulcinella, servo sciocco/ da Totonno, con un tocco/ vien cambiato in uomo vero/ e fornito di pensiero.

l°A.- E si, facimme 'a rivoluzione cu Pulcinella.

Att.- E chi lo sa. Le cose grosse vengono sempre dal basso.

Pul.- (Affacciandosi tra le quinte) Né, gué. Vuje state ancora lloco? Jamme a faticà, vedite chello che avita fa', ca ogge se prova la mia uldima farsa "Masto Rafele e nun te ne 'ncaricà".  (Via)

l°A.- (Ironico). Subbeto signor padrone.

Att.- Abbiamo parlato troppo ampressa, chisto overo ca è pazzo...

l°A.- ...primma dice ca nun avimma faticà e nu minuto doppo già ha cagnata idea.

            (Via tutti)

Pul - (Entra accompagnato da una marcetta, poi si avvede di aver dimenticato qualcuno tra le quinte, ritorna indietro a prendere Don Raffaele, vecchio e sdentato e lo aiuta a sedersi).

         Caro don Rafele, adesso vi chiammo io una bella lettera. Vuje sapite ca la mia specialità, doppe è maccarune c"a sarza, sono le lettere. Non a caso mi chiammano il letterato.

Raf -Veramente mi giunge nuova questa novella, seppur gradita.

         Caro Purginella, io devo chieder a Sua Eccellenza una grazia, adunque si tratta di cosa delicata...

Pul - Quanta chiacchere, jamme ai fatti. Allora io vi chiammo una

         lettera con punti e virgole.

Raf - (Imitando la voce di un cameriere) Na pizza cu 'e cicenielli. Ma pecché nun 'a scrive direttamente tu.

Pul - Perché io nun nce vedo molto bene, e allora vi posso aiutare solo cu la bocca: un aiuto oracolo.

Raf - Liggimme 'e carte. Va bbuo', jamme avante fatte ascì 'o spireto.

Pul - (Concentrandosi goffamente) Scrivete: Eccellenza, giacché voi siete quello che siete e possiamo essere tutti, mi dirigo a

         lei, primus per farle accunoscere il mio cattivo stato di salute e tanto spero di sentire di lei e famiglia.

         La prego, faciteme giustizia, essendo lei un uomo giustizia­to. Spero che mi favorirete facendo voi stesso una simile funzione. Tanto spera e l'otterrà l'umile e sempre vostro affezionatissimo schiavuttiello ca ve bacia le mani e pure i piedi.

Raf - Ma sei sicuro che verrà accolta questa istanza.

Pul - Ma volete schizzare? Quanno l'eccellenza sua leggerà questa mia scritta da voi, vi accoglierà in un salone, ato che stanza e cucina, caro don Rafele "e nun 'nte 'ncaricà".

         (Si ode un gran trambusto tra le quinte)         

         Neh,gué. 'Nce facite fa? (Silenzio) Vulesse sape' che diavo­lo sta succedendo all' addereto?

Att- (Uno degli attori fa capolino) No, niente. Se so appiccecate n'ata vota Paolo e Francesco. (Via)

Pul - Chilli dduje vanno d'accordo sule 'ncoppe 'e libbre.

         (Al pubblico) Signori, scusate, ma tenimme duje da cumpagnia ca so' terribbili. Se stanno appiccecanne a nu mese. (Togliendosi la barba finta e il cappello) Chiammala fesse­ria. Chillo Paolo s'è fatto truvà dinto 'o camerino abbrac­ciato cu 'a 'nnammurata 'e Francesco.

Pul­ - (Alzandosi la maschera) Embe'?

Raf­ - Come embe'? Ma tu che avisse fatto si vedive 'a femmena toja tra le braccia di un altro uomo?

Pul­ - Niente.

Raf - Niente?­

Pul - Si, niente

Raf­ - Te tenive 'e corne?

Pul - (Calmo) No, l'accedevo a tutte 'e dduje. (Gridando) Ma nun facevo tutta sta mmujna (calmo) rompendo l'anima a nuje ca stammo provanno. Ma comme faccio io, a prparà nu lavoro buono cu quattro sfessate comme a vuje? Lo devo cambiare o no stu teatro napulitano, l'avimma cagna' o no stu Pulci­nella. E allora aggia sta quieto. O si no me sfasterio e nun faccio cchiù niente. Accussì fra cient'anne a gente dirà: Petito non ha rinnovato il teatro napoletano e per qusto non abbiamo potuto avere nuppure Scarpetta, Viviani, De Filippo, ... (Andando via) ... e cumpagnia bella.

Raf - (Al pubblico) Ma vuje vedite chisto comme se muntato per quelle quattro stroppole ca scrive. Ca scrive? Chillo nun sape manco scrivere e leggere e vo fa' a rivoluzione.

Att- (Entrando) E che c'entra? Pecché, per dicere na cosa devi essere 'nu letterato? Abbasta 'a capa e 'o core. 'A capa pe' penza' e 'o core p'ave' 'o curaggio do fa'. E io credo ca chillo pazzianno pazzianno 'o fa.

Raf - 'O fa?

Att - 'O fa. Ho letto qualche copione scritto di suo pugno. Nun te dico, pareva giappunese. Però la fantasia comica è viva, è fresca, è nuova. Insomma ha una sua personalità e nun vive dell'eredità d'o pate. E la gente, ca nun è fessa, lo capirà, anze l'ha già capito, perciò 'o triatro è sempre chino.

Raf - E va bene, 'o triatro è sempre chino. Ma pecché fa ridere e basta.

Att - Guardala buono 'na commedia di Andonio Petito. Nei suoi personaggi ci troverai l'estratto del na­poletano di tutti i tempi: passato, presente e futuro.

Raf - Insomma ha fatto un estratto concentrato.

Att - No, ha fatto 'o dado in brodo. Lui ha dato una nuova imma­gine del popolo napoletano. Per esempio, dinto a "Palummel­la zompa e vola" il Pulcinella pe' me è addirittura la personificazione della volontà partenopea ca vo' correggere il corso della vita per noi sempre disgraziata: Napule, grandezza e miseria, nobiltà e indegnità.

Pul - (Che si era affacciato tra le quinte poco prima).  Ne, Cusumie', 'e miso 'a lengua dint"o pulito? Vattenne, c"a gente ha pavato 'o biglietto pe' ridere e no pe' durmì.Tie' ,

         'nati dduje minute e cca dinto pareva 'o durmitorio.

         Allora se prova. Atto primo, scena seconda. (Via)

Att - Palummella. (Contento) Palummella (Via)

Raf - (Facendo il verso) No, l'estratto 'e femmenella.(Via)

(Sul motivo di Palummella entrano in scena Luigino e Annetta, fidanzata di Pulcinella e mimano un dialogo alquanto intimo)

Pul - (Affacciandosi dalle quinte) Oh, per Bacco. E che 'nce fa 'a 'nammurata mia Annetta cu chillo capone spennato 'e Luvigino. Me stesse facenno qualche curniciello? Qui si deve appurare. (Si nasconde, ma ascolta)

         (Sottovoce) Annetta mia, io nun ce la faccio cchiù. Io, ricco e indipendente, me so redutto a fare lu finto servitore in questa casa per sta' vicino a lei, la mia amata. Ah, Lisa. Non che questo sia per me un gran peso, ma non posso sopportare di vedere che i suoi genitori gli buttano avanti come promesso sposo chillo coso antipatico del barone Arronza.

Ann - Calmateve, p'ammore do cielo. Vuje sapite quanta papocchie aggio inventato per farve trasì dint'a sta casa comme servitore, onde farve parla' c"a signurina Lisa cu tutte 'e commode vuoste. E mo vulisseve arruvinà ogne cosa?

Lui - Ma che mi giova il segreto quando con le mie orecchie aggio

         da sentì che adda essere mugliera al barone.

Ann - Ma io nun capisco. Cu tanta ricchezze ca tenite, v' hadda manca' justo nu titolo, nun saccio, princepe, marchese, imperatore...

Lui - ...'do Giappone. Anne' ma ca te pienze ca 'e titole se trovano pe' terra?

Ann - O ssaccio, ma vedite, cu nu titolo si poteva aggiusta' la faccenda, perché 'a padrona, la mamma della signurina Lisa, è fanatica p"a nubiltà. E mo' che ha truvato 'o baruncino Arronza che s"a sposa cu chella mappata 'e titoli e chella mappata 'e gioventù... (ammirata).

Lui - S"a sposa a chi?

Ann - Comme a chi? Alla vecchia. Se sposa la mamma della signurina Lisa. Perciò 'a vecchia sta allummata e poco le importa de sacrificà la figlia in moglie al barone padre.

Lui - Ho capito. 'O baruncino figlio se sposa a mamma 'e 'o ba­rone pate v"a in nozze con la figlia.

Ann - E accussì essa, la vecchia, s"è 'nfilata a duvere nella nubiltà. Ma all'origine essa, sempe 'a vecchia, era 'na spigaiola c"a venneve 'e spighe.

Lui - Ma no?

Ann - Ma si. E si nun 'nce credite, ve faccio accunoscere 'o frato ca si chiamma Zi peppe e c' ancora vende 'e spighe.

Lui - Ma no.

Ann - Ma si.

Lui - E se io mi presento alla mamma e le dico: Signora, amo Lisa, sono ricco e m"a voglio spusà...

Ann - Ma no.

Lui - Ma si.

Ann - Ma non avete i titoli.

Lui - Ma tengo i soldi

Ann- Lei non vuole i soldi, pecché ce li ha già. La vecchia va truvanne solo titoli. Si vuole nobilitare.

Lui- (Alzando la voce in modo che Pulcinella che è comparso tra le quinte può ascoltare) Oh, Annetta mia. Il mio caso è nelle tue mani.

Pul - Annetta tiene 'o ccaso in mano?

Lui - E tu sai come mi brucia

Pul - Primmo ce mette 'o caso in mano e po' le brucia. Perciò sta 'nfucato.

Ann - Vuje strillate troppo. Se ci sente quaccheduno?

Pul - Ah 'nfamona, traditora. Faje l'ammore cu mico da tre anne e...

Lui - Annetta, io nun 'nce la faccio cchiù.Il mio è un caso disperato.

Pul- Aje da vedé comme sono disperato io.

Lui- Perciò ti prego Lisa, io per stasera devo fare tutto.

Pul- Meno male. Me credevo ca 'o vuleva fa mo.

Lui- Tieni, prendi questa lettera e sii latore di tutti i sentimenti miei.

Pul - E' ladrone di tutti i sentimenti suoi. All'anema da mariola.

Ann - Dateme cca, mò lo nascondo e po', quando è stasera ca nisciuno nce vede... Chesto è troppo.

Lui - Posso sperare.

Ann - Nun 'o ssaccio. Voglio prima parla' con la signorina.

Pul - E capito? 'A signurina le tene 'a mano. In che epoca siamo.

Lui - Grazie Annetta (l'abbraccia).

Pul - Adesso siamo arrivati al non puz ultra. (Balzando fuori) Alto la, scarrafone arruzzuto.

Ann - Pulcinella?!

Lui - Chisto ha sentito tutto.

Pul - Ho sentito e visto tutto. E mo vaco a dicere tutto cosa al barone, al baruncino e pure alla signora spicaiola.

         (Ad Annetta) E tu, donnaingrata, doppo che io te rialaje pure 'o fazzuletto 'e seta ca m'arrubbaje 'a dint'a sacca d'o maestro

         'e musica ca veniva 'a Parigge, te miette a fa' l'ammore cu stu franfellicco senza pietto e senza persunale maritesco.

Ann - (Sottovoce a Luigino) Zitto. C"a pigliato nu zarro. Se crede ca io e vuje... Ora ci divertiamo.

         (A Pulcinella) E si, me ne so nnammurato, che bbuò fa. Ormai non si può più nascondere la nostra tresca.

Lui - (Preoccupato) Ma veramente io...

Pul - Sottacete voi. Oramai ho scoperto la ventresca.

Lui - E nce'facimme na nzalata de rinforzo.

Pul - Che ditto? E allora mandate a chiamare mo' proprio lo schiattamuorto, pecché m'adda scavà 'nu fuosso e po' m'aggia atterrà, (piangendo) pecché sta vita mia è fernuta. (Ad Annetta) Sti uocchie nun vivevano ca pe' vuje. Sti rrecchie nun sente­vano c"a vuje. Sta vocca ca nun magnava ca pe' vuje, e vuje?

         (Cambiando improvvisamente e diventando duro)

         Gué, damme 'ofazzuletto 'e seta e pure l'otto pasticciotte ca te rialaje.

Ann - 'O fazzuletto l'avrete, poi. 'E pasticciotte me magnaje aiere. E se li volete, dovete aspettare... stasera, forse.

Pul - E va bene. I pasticciotti sono oramaje già liquidati, ma dateme 'o fazzuletto ca si no...

Ann - Ca si no... ­(Dall'interno si ode la voce della signorina Lisa)

         Annetta, Annetta. Dove sei? Ho una cosa per te. (Entrando) Ah, ecco ti qua. Pe' liberarme di quell' importuno d"o barone, aggio detto che dovevo venire a purtarte quaccosa da magna'. Tié, è 'na coscia 'e pollo.

Pul - Ma che de' nu cane?

Lis - (Vedendo Luigi, tra se) Ah, Luigino mio sta cca?

Anne', che dice, 'o saluto? Lle dico qualche parola?

Ann - No, pe' carità. La nce sta Pullicenella, ca si capisce quacche cosa è capace do dicere a mamma vosta, anze tengo na lettera pe' vuje e se mi assecondate con la finzione io va la faccio leggere mo mo.

Lis - Si, si.

Ann - (A voce alta) Signurì, ve prego. Risolvete vuje questa questione fra sti dduje: chisto more e spandeca pe' me, cu Pullecenella nce faccio ammore a tre anne. Gomme m'aggia regula'?

Pul - (Facendo il verso) Comme s'adda regula'?

Lis - E io che saccio, mo? 'Nce vulesse un giudizio salomonico.

Pul - No, il salamone no. Gia tenimmo la ventresca.

Lui - Ma parle sempe 'e magna?

Pul - Egreggia signurina, quà le cose oramaje sono inoltate e se non ci credete, esiste anche una corrispondenza letteraria. (Ad Annetta) Caccia 'a lettera ca tiene mpietto.

Lis - Si, si. Vediamo questa lettera. (Annetta da la lettera)  "Angelo dei miei pensieri..." (sospira) "Se ti perdo, perdo anche la mia vita. Non sposare quell'orrido ceffo..."

Pul - Orrido cefalo a me? Ma tu si n'anguilla 'e sciummo.

Ann - Statte zitto e faje leggere 'a signurina.

Pul - Guè damme 'o fazzuletto.

Lis - A costo di qualunque sacrificio, non acconsentire mai a questo matrimonio, poiché quando io vedrò perduta ogni spe­ranza, allora ammazzerò il mio rivale e poi finirò me stesso."

Pul - (Preoccupato) Ma che nce azzecca stu rivale? Tu te vuò acci­dere?

Lui - Si, mi sparerò una palla in un orecchio.

Pul - Ecco,bravo. Miettete 'na palla dint'a recchia ma non accidere il tuo rivale. Non fare un'altro micillo.

Lis - (Scoppiando in lacrime) Basta, io non ce la faccio cchiù. lo non posso cchiù fingere. (Guardando verso i due) Tu si'o co­

         re mio. La sola ancora di speranza ca me resta. O tua o della morte. A costo d'essere cacciata di casa. A costo d'essere bastonata. A costo 'e nun ave' la vesta nova, io sarò tua e pe' sempre. (Si lancia tra le braccia di Luigi e lo bacia)

Pul - Guééé. Chesto che cosa è. Siamo arrivati al comunismo. E poi c'era primma lei.

Lis- Scusate.

Pul- Fate. Ormaje ve truvate. Vuol dire che adotterò pur'io il sistema.dell'amico (Fa per lanciarsi su Annetta e baciarla)

Ann- Ma l'amico nun è nu servitore, ma nu ricco signore ca fa l'ammore ca signurina ed è venuto cca ncoppa travestito, pecché 'a mamma nun vo' ca se sposano, perché nun è nobile.

Pul- (Sorpreso) E' vero quel che ha detto? Non era una ventresca?

Lis e Lui - (Abbracciati fanno di no con il capo).

Pul - Me sento 'a fronta fresca. E allora tienete 'o fazzuletto.

(Parte la musica di "Palummella zompa e vola", ma subito dopo si odono voci concitate e la musica perde di giri e finisce. Tutti entrano tra le quinte per vedere cosa succede mentre si affaccia un attore che informa Pulcinella, il quale si è alzato la maschera e si è seduto in un angolo avvilito)

Att­ - Scusate, sono i soliti amici ...

Pul - Paolo e Francesco.

Att -...che stanno ancora discutendo su quella questione...

Pul ...di corne. Ma io 'e caccio fore a cavice. (All'attore). E mi parlate pure di rinnovare il teatro. Ma io aggia fa o triatro comme se faceva primma: tutt'uommene. (Andando) Accussi fernescene sti storie. (Rientrando)

         A te, che faje la 'mpalato. Datte da fa.

Att- Veramente io avessa pruva 'a parte 'a don Alonso...

Pul- E staje ancora accussì. Appriparate, accummiencia, ca io fra nu minuto sto cca.

Att- Ma veramente quelli devono provare il secondo atto...

Pul- Il secondo atto? Ah, loro stanno nel secondo atto...

Att- E se li cacciate, nuje comme facimme 'o sicond' atte?

        

(Si ode di nuovo un trambusto. Pulcinella va dentro, poi si ode rumore di vetri e cose varie, poi esce Pulcinella con le maniche rimboccate e la maschera che aveva sulla fronte rivolta verso dietro).

Pul- E pure 'o sicond' atto è partito.

Att- E comme facimme?

Pul- Inventammece n' ata cosa. Nun te preoccupa'. Pe mo pruvamme 'a scena 'e don Alonso Peripetros, ca tene a Spagna dinto a l'osso. Poi vedremo come fare.

Att- (Calandosi un naso finto e mettendo un cappello spagnolo)

         Io sono prontissimo.

Pul-  Vaje.

Att- Vaco. (Mostrando una lettera) Con questa lettera ho risolto

         il mio problema.Ah, Marcellina, mi corason. Per tico ho perduto toto: spirito, brio e desinvoltura e quel che è pejor che non ho il coraggio de dichiararme, de dirle che l'amo.

Pul- (Parlando solo) Aggio avuto proprio una bella pensata.Que­sta è la carta, questa è la busta e questa è la penna cu la gnostia. Mo le scivo 'na bella lettera nella quala nce di­co che sono pazzamente 'nnammurata d'essa e così spero de me. Ah, Marcellina, Marcellina / quanno te veco ogni matina/ io me sento 'na mappina.

         Un momento, 'nce un prublema: io me so arricurdato ca nun saccio scrivere (Piagnucola) Ma vuje vedite nu poco, avevo fatto chesta bella pensata e po' nun se po' fa pe nu motivo accusì (vedendo Alonso) accussì cretino. Ho trovato il cretino che me la scrive.

Alo- (Scorgendo Pulcinella) Ecco lo stupido che porterà la mia

         lettera.

(I due si salutano contemporaneamente)

Alo e Pul - Salute a voi. Ve pozzo domandare una grazia?

Alo e Pul - Prego.

Pul - Don Arro', parlamme nu ciuccio 'a vota. Prego parlate voi.

Alo- Ma no, prego parlate voi Pulcinella, che poi avrò anch'io da pregarvi.

Pul- Come preferite. Ecco la mia preghiera: me putisseve scrivere 'na lettera pe' una persona...alla quale e senza la quale, io nun songo tale e quale.

Alo- Bravo. Non ho capito niente, se non che vuoi essere scritto qualcosa. Bueno, la lettera è già bella e scritta.

Pul - Comme?

Alo - La lettera è già bella e scritta.

Pul - E tu che ne sapive.

Alo - Ma no, è un modo di dire: Fai conto che la lettera è come se te l'avessi già scritta.

Pul-  Ah. Ma cumme parle , puozz' essere acciso. Dunque, questa è la carta, questa è la busta e questa è la penna cu la gnostia.

Alo- Possiamo principiare.

Pul-  Principiante. E screvite buono pecché sta lettera va ad una persona di gentilsenso.

Alo- Ad una donna dunque.

Pul-  Gnorsì, ad una donna bella, bella, bella.

         (Si accorge che Alonso non scrive)

         Don Arro'. Vulite nguacchià 'sta carta o aspettate 'o finale.

         (Dettando) Bella. Bella, che addora di cannella. (Ad Alonso)

         Ma che de' na puisìa. (Dettando) O mio casatiello 'mbuttunato'e passe...

Alo- ...ripieno di uva passa.

Pul- Da quanno ti ho visto son rimasto comme nu salame. Tu si la funicella che m'ha arravugliato comm"a 'na nserta 'e sasicce.

         (Ad Alonso) Te piacene 'e sasicce?

Alo - Dipende. Son fatte con il finochhietto o senza? Pecché el finocchietto a me non me gusta.

Pul - E a me che me fregas do finocchietto. Io voglio sape' se te piaceva questa frase rumantica: Tu si la funicella...

Alo - Ah, da morir.

Pul - Da morir che cosa? Te piace da morir o nun te piace da morir?

Alo - No, no. Me gusta da morir.

Pul - Ah, bene. Me fa piacere che te gustano le mie sasicce.

Alo - (Tra se) E' un amore viscerale.

Pul - (Concentrandosi) Per tutto quanto innanzi, vi prego di voler bene ad uno comm"a me, che pe' vuje se squaglia comme ...

Alo - (Tra se) Gué, non ha parlato da magna'.

Pul - ... comme 'a 'nzogna 'o sole.

Alo - Eccolo qua.

Pul - Che dice, 'nce metto quacche altra cosa?

Alo - No basta, 'o casatiello è completo.

Pul - Dici bene, poche parole, ma succose.

Alo - Esattamente. Firmato Pulcinella Cetrulo.

Pul - Attenzione a comme miette 'o Cetrulo. Deve essere una firma bella, elegante, importante.

Alo - Ecco qua, tié, guarda che Cetrulo. Po ghi' annanze 'o re.

Pul - Bene,bene. E mo screvite a chi va: Alle tenere e delicate mani della signorina Marcellina Barretti.

Alo - (Saltando) Marcellina Barretti, la mia innamorata. Ma questo è ... ma lui non lo sa che anch'io ne sono innamorato e allora, mi viene un' idea. (Sostituendo la sua lettera con quella di Pulcinella)  Pulcinella, chi te puerta esta lettera?

Pul - Comme?

Alo - Chi te puerta esta lettera?

Pul - Ah?

Alo - Chi t"a porta sta lettera?

Pul - El sottoscrito.

Alo - Bene, eccoti la lettera, consegnala nelle mani di Marcellina, mi raccomando e dille pure che chi scrive è pronto a sposarla e in casa comanderà sempre lei.

Pul - Io te ringrazio di tanta premura, ma tu pienza a te, ca dint"a la casa mia saccio io chi adda cumanna'.

         (Via seguito da Alonso)

(Entra in scena Procopio, il quale tira un siparietto, se si vuole dare l'idea del cambio di scena e comincia a spazza­re il pavimento con molta flemma, addirittura seduto.)

Pul- (Facendo capolino) E' permesso? (Procopio non sente per­che alquanto sordo) Gué, bell'ommo. Bellu gio'. Maestro. Capo, Capucchio'. (Avanzando) Ma fosse surdo? (Gridando nell'orecchio a Procopio) Mbomma!!!

Pro- (Si gira calmo come se non avesse sentito) Neh, giovanotto, e pecché trasite zitto zitto? Almeno fatevi sentire. E chesta che educazione è. A riseche a me  fa mettere appaura.

Pul- T'avessero sparà dint"a na recchia pe te fa mettere appaura a te. Me fatto cunsumà lu cannarone.

Pro- Sei nu mascalzone? 'O ssaje e 'o dice pure? Mo che vuo' da ccà.

Pul- Tu si 'o servo 'e Marcellina?

Pro- Te serve 'na gallina?

Pul- No, me serve nu capone.

Pro- Ah, te serve lu padrone?

Pul- Chisto che recchie tene?

Pro- Nun saccio a che ora vene. Perciò se volete ritornare?

Pul- Chisto è nu bell' affare.

Pro- Voi siete lu cumpare?

Pul- Ma me dice 'na cosa?

Pro- Marcellina se sposa? E vuje site lu cumpare. Bravo, bravo. Accomodatevi.

Pul- Chisto tene 'e recchie 'e prosutto.

Pro- Si, io tengo na seggia ch"è rotta. Ma a che vi serve?

Pul- Pe' fa assettà a mammeta quanno 'a luna è piena.

Pro- La sposa è prena? Chesto me dispiace. Ecco pecché 'e nozze 'e presso 'e presso.

Pul- Tu me staje accedendo. (Scandendo forte) Io voglio parlare cu la signurina Marcellina.

Pro- Eh! E che gridate a fare. Vi sento, vi sento. La signurina Marcellina...

Pul­ - Ha 'ntiso 'na parola.

Pro - 'Nce fa male la mola? E 'nce vuleva tanto po' di. Mo 'nce faccio nu poco 'e scarola cotta e s"o mette 'ncoppo a mola. Povera signurina. Chella è pure prena, saje che dulore. Povero criature (Esce).

Pul - Ma vuje vedite. Uno accussì passa nu guaio.

Mar - (Entrando) Pulcinella, a chi volete?

Pul - (Sorpreso) Ma veramente...

Mar - E allora, che fate, titubate?

Pul - (Con la mano in testa) Il turbante? Veramente io tengo il cuppulone.

Mar- Non menate il can per l'aia.

Pul- No, per l'amor di dio. Io, il cane non lo meno per l'aria. Ah, 'o surdo... Nun capisco niente cchiù.

Mar- Pulcinella, se non mi dici cosa fate in casa mia chiamerò la polizia.

Pul- State calma bella mia, qua nun serve a pulizia. Vedete, io tenesse... tengo 'na lettera pe'  voi...

Mar- Ah ,  sei latore.

Pul- E io 'o sapevo ca me pigliava pe' ladrone. No Signurina mia, io non sono un ladrone.

Mar- Ma che ladrone. Damme questa lettera. Chi la manda?

Pul­ - Nun si sa.

Mar - (Tra se) Sarà del mio Eugenio ca me dice che è pronto per fuggire cu me stanotte.

Pul - (Tra se) Arrecriete core mio. Vide ca te scrive chistu 'nfamone 'e Pullecenella tuojo.

Mar - (Leggendo) O dolce vaso di pesche 'nzuccherate.

Pul - Percoche 'nzuccherate?

Mar - (c.s.) Tu sei come un chiodo che mi ha trafitto il core...

Pul - Ma addo sta liggenno. 'E percoche, 'e chiuove? Ma addo' sta 'o casatiello chino 'e passe.

Mar - Haje da darme pure nu casatiello cu li passe?

Pul - No, è un casatiello mio.

Mar - (Leggendo) Ti prego, non farmi morire...

Pul - No, tu 'e ha muri 'e subbeto.

Mar - (c.s.) ...perchè lo so che senza te io morirò.

Pul­ - Meno male.

Mar- (c.s.) Ma a me di morire non mi importa...

Pul- 'E ha vede' a me.

Mar- (c.s.) Io sono pronto... (Tra se) Mo aggio capito chisto chi è. Pulcinella, io nun sapevo ca tu facive 'o ruffiano.

Pul- Cornuto e mazziato.

Mar- Ti ho sempre stimato nu giovane a modo (Si ode un fischio)

        Mamma mia, Eugenio. (Preoccupata guarda la porta).

Pul- Cara signorina Marcellina, io v"o giuro, nun faccio 'o porta­pullaste. Chiste m'hanno cagnato 'a lettera... (Entra Eugenio vestito da militare con sciabola)

Mar- Noooo...

Pul- Siiii, m'hanno cagnata 'a lettera nella  quale 'nce steva la di­ chiarazione di tutti i sentimenti che esprimo per voi.

Mar- (Rispondendo ad Eugenio che sta alle spalle di Pulcinella non visto e che invita Marcellina a mandarlo via)

         Siii.

Pul­ - E nun sapenno scrivere adeguatamente a voi, me so' fatto scrivere da don Alonzo Peripetros...

Mar - (Eugenio fa segno a Mar. di volerlo uccidere con la spada) Nooo.

Pul- Siii, è overo. E chillu carugnone sicuramente m'ha cagnato la lettera d"o casatiello...

Mar- (Eug. continua a mi mare di mandarlo via)

            Siii.

Pul- Ve piace 'o casatiello è vero? E io perciò 'nce l'haggio miso. E oldre al casatiello cu 'e passe nc' avevo miso pure na bella 'nzerta 'e sasicce...

Mar - (Eug. continua a minacciare di uccidere Pul.)

         Nooo.

Pul - Comme no? 'O vulite sape' meglio 'e me. Erano sasicce con il  finocchietto.

Mar - Pulcinella basta. Ora questo è troppo. Come ti permetti di parlare così ad una signora.

Pul - Pecché comme aggio parlato?

Mar - Con questo tuo fraseggio da cucina.

Pul - Ma pecché nun magna sera 'e matina?

Aug - (Intervenendo con la spada sguainata)

         Ma perché infastidisci la mia Marcellina?

Pul - (Alludendo alla spada)

         Ma pecché 'e cacciato stu temperino?

Eug - Ma perché ti devo ridurre a pezzettini.

Pul - E allora io me la squaglio.

Eug - Ma non fa rima.

Pul - Si, però io me la squaglio lo stesso.

Eug - Ma io te voglio fa' sei o sette pertusi.

Pul - E io te voglio dì ca chesto non si usa/ Ormai siamo civili, è arrivato il progresso.

Eug - E tu saje addo' 'o metto? 'O metto dinto 'o...

Mar - ...adesso, amore mio,ti prego di finire/

         cu' chesta tiritera./ Lascialo al suo destino.

Pul - Lasciami l'intestino./ Tanto partiam stasera.

Eug - E' vero. Quello che importa/ è che tu sei felice.

Pul - (Tra i due) Si nun 'nfilo la porta faccio 'a fine d'alice.

(Si odono solite voci dei due litiganti, rumore di oggetti rotti vocio di altre persone. Entra in scena un'attrice)

Att - (Con atteggiamento da diva) Basta, io me ne vado. Nun ce la faccio cchiù.

Eug - Ma ch"è stato?

Att - E' stato che (con ironia) i due signori attori, hanno ricominciato a litigare, rompendo la mia concentrazione.

         E quanno se rompe, ohi ni', se rompe.

Pul - La signora toscaneggia.

Att - Neh, gué, e chi t"o fa fa 'o pullecenella?

         Haje ragione ca so' na signora e nun me abbasso, ca si no te azzeccavo nu cinquefranche a mana smerza ca te faceva scennre 'o catarre facciale.

Pul - (Alzandosi la maschera) Ma che vo' sta pernacchia? Mo' la jetto lla fore.

Att - Pernacchia, a me. Ma tu si' nu maccarone 'e zite.

Pul - (Riparandosi dall'aggressività della donna) Ma tu si' nu cuoppo allessa

Att - Neh, Cetrulo, io cu te passo nu guaio?

Pul - Neh, lumera, passane dduje.

(Si inizia una specie di danza con tutti gli attori che mantengono i due contendenti che a turno vengono in evidenza e possono gridare la loro invettiva.)

Att - Abbunato, accattone, accrastatore...

Pul - E' fernuta la lettera A.

Att - Buffone, babbasone, battilocchio...

Pul - La lettera B nun fernesce quì: bagascia.

(nel trambusto parte una marcetta mentre si forma il classico corteo di inseguitori ed inseguiti che dopo un giro di palco a tempo di musica e continuando ad inveire tra di loro, prende la via del le quinte. La musica continua per pochi attimi a scena vuota, poi ricompare dall'altra parte trafelato Pulcinella)

Pul - Signori miei, ci dovete perdonare. ma quanno avimme a che fa' cu certa gente...

        

(Rientrano tutti inveendo contro Pulcinella che scappa via impaurito sotto una pioggia di ortaggi lanciati dagli stessi attori offesi per l'affermazione di Pulcinella)

FINE del PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Al momento in cui si spegne una parte delle luci di sala, (mezza sala), a sipario chiuso si odono urla di litigio e la voce di alcuni attori che dicono di andare via. Ancora un po' di trambusto e poi si riaccendono le luci in sala. Esce a proscenio un attore e con un certo imbarazzo si ri volge al pubblico.

lAT- (Gridando al tecnico) Dammi un po' di luce per favore. (Al pubblico) Signore e signori, scusate, ma purtroppo a causa di problemi tecnici, non possiamo presentarvi il secondo atto. Ripeto, purtroppo, ma non è colpa no­stra.

         (Guardando tra le quinte fa cenno con la testa di no) Se ne so' ghiute? (Arriva qualche fischio dal pubblico fatto da due attori precedentemente seduti in platea e che saranno poi utilizzati fingendosi semplici spettatori).

2AT- (Entrando) Signori purtroppo un incidente può capitare a tutti. Noi vi avevamo preparato un secondo atto più impegnativo, insomma una sorpresa, ma è il caso di dire che la sorpresa l'abbiamo avuta noi, stasera e natural­mente pure voi. lo direi, però, (guardando l'altro at­tore) di non lasciarci così, insomma di restare ancora insieme, (al pubblico) se siete d'accordo, per tentare un esperimento di teatro che coinvolge pure il pubblico. Se c'è qualcuno che vuole venire quì sul palco per col­laborare, naturalmente guidato ad noi, potremmo tentare di tirar fuori il secondo atto.

lAT- (Incredulo) Ma tu veramente vuo' fa sagli' qualcuno qua sopra? E che dobbiamo fa', 'e guarattelle?

2AT - Facciamo recitare il pubblico, pecché, nun te piace?

1AT - Non è ca nun me piace, è che non credo che sono capaci di...

2AT - Pecché so' cretini? Scusa, reciti tu, perché nun hanna recità loro.

lAT- Nu fare lo spiritoso fuori luogo. Non è che so' cretini, è che non sanno che devono fare... che devono dire...

2AT- Tu vuo' vede' ca loro vanno meglio 'e te?

lAT- Ma allora tu vuo' sfottere 'a mazzarella 'e San Giuseppe.

2AT- E tu staje facenno tanta difficolta. Io sto cercanno di salvare la serata e tu...

lAT- E va be'. Fa' comme vuo' tu. Po' vedimmo chi ha ragione.

2AT- Ti piacerebbe. Io me piglio la responsabilità e poi? Se va bene? Tu che faje?

lAT- E si va malamente tu che faje?

2AT- Tu pensa a da na mano e po' vedimme. C'è qualcuno che vuole partecipare? Avanti su coraggio. (I due attori tra il pub­blico alzeranno la mano e saranno scelti) Ecco, lei. No, lei, lei. Bravo, quel giovanotto, venga venga e pure quell'altro.

         (I due sono sul palco)

         Ecco qua due coraggiosi volontari che meritano un ball'applauso. Avete mai recitato?

          (I due rispondono a voce bassa di no)

         Non avete mai recitato. Bene, non fa niente. Imparerete ora. Solo però, dovete alzare la voce pecché 'a gente v'adda sentì e poi non vi mettete mai con le spalle al pubblico.

         Si fate questo già avete fatto assaie.

lAT- (Sottovoce all'altro attore) Ma a nuje 'nce serveva nu maschio e 'na femmena. E no duje maschi.

2AT- Staje calmo, fammi fare. (Al primo spettatore) Lei se la sentirebbe di fare la parte della femmina?

lSP- A me?

2AT- Si, si, a lei.

lSP- E pecché?

2AT- E pecché cosa?

lSP- E pecché nun lo fate fare a lui (indicando l'altro spettatore).

2AT- E perché il signore qua, ha dei lineamenti meno adatti a...insomma lei ha un aspetto più...

lSP- ...più da femmena?

2AT- No. Un aspetto più gradevole (sottovoce guardando l'altro)

         A questo, comme 'o facimme fa' la femmena.

1SP - (Forte) Ma pecché, è brutto?

2SP - E' bello isso.

1SP - E allora fa tu 'a femmena.

1AT - (Nervoso) Va be', basta. Tagliamo corto. I quanta chiacchere. Pare ca s'hanna spusa. Il signore nun se sente tagliato a fa' ...

2AT- Va be'.(Indicando l'altro spettatore) Allora tagliamo lui.

         (E fa il gesto con le dita delle forbici porò piuttosto in

         basso provocando la reazione preoccupata dello spettatore)

2SP- Gué. C'hamma taglia'?

2AT- No, niente (ridendo) Non tagliamo niente. Allora lei impersonerà un personaggio stupendo, un personaggio bellissimo...

2SP- Scusate ma pecché nun 'o facite vuje stu personaggio accussì

         bello?

2AT- Ma quanto è spiritoso il signore. Mo chiano chi ano se stanno allarganno. Stanno pigliando confidenza con il pubblico. Bravi. lo no posso farlo perché tengo che fa allà dereto. Capito? E po' hamma fa' o nun l'hamma fa? E facimmo ambressa. (Spingendo lo spettatore tra le quinte) Mettitece 'o costume a chisto. (All'altro attore) Mentre io presento, tu vuo' vesti' a chist' ato?

(I due vanno dietro un siparietto che nasconde una scena di ambientazione egiziana, mentre il secondo attore riprende a parlare al pubblico ma stavolta con un tono ufficiale).

2AT - Signore e signori. Ora andremo a presentarvi una tragedia a vapore. Che cosa è una tragedia a vapore? E' un'invenzione del grande Petito. Egli amava definire così quelle tragedie classiche da lui riproposte al pubblico in una chiave ironica o meglio farsesca.

         Siamo a metà dell'ottocento e certamente Petito compie una operazione veramente rivoluzionaria intervenendo su dei te­sti che erano come dei monumenti sacri. Ormai la società industrializzata avanza ed ecco l' immagine moderna della locomotiva allegra e scattante proprio come le sua farse.

         Le farse a vapore. Famosa fu la "Francesca da Rimini", ca faceva schiatta' 'e resate...(Si sente lo spettatore dietro al siparietto ridere forte poi si affaccia l' altro attore per giustificarlo)

1AT - Scusate, ma soffre il solletico.

2AT - (Nervoso) E tu nun 'o celleghia'. Signori, noi stasera ten­teremo un esperimento. Quello di presentarvi un classico della letteratura italiana rivisitato alla maniera di

         Antonio Petito. Di Alfieri Vittorio: Antonio & Cleopatra. Con Antonio (Chiede all'attore dietro al siparietto)

         Comme se chiamma?

1AT - (Si ode dall'interno) Come vi chiamate? Come?

         (Facendo capolino) Pasquale Pagliarulo.

2AT - Nel ruolo di Antonio, Pasquale Pagliarulo.

1AT - (Si ode lo spettatore gridare dall'interno) Quagliarulo.

         (Facendo capolino) Quagliarulo non Pagliarulo.

2AT - (Scocciato) Va be', ho capito.  Nella parte di Antonio  Quagliarulo...   (Esita perché non ricorda il nome)

1SP - (Dall'interno) Pasquale.

2AT - E grazie. Cleopatra (Guarda verso l'interno, ma nessuno r! sponde) Cleopatra, comme se chiamma?

2SP - (Dall'interno) Nun fa niente.

2AT - Comme, nun fa niente?

1AT - (Facendo capolino) Se mette scuorno.

2AT - (Sempre scocciato) Cleopatra se mette scuorno. E nella parte di Augusto, il sottoscritto.

1AT - (Scostando la tenda e mostrando lo spettatore in mutande) Neh, gué. E io addò sto?

2AT - Comm'è addo staje?

1AT - A me non mi hai nominato.

2AT - E che c'entra? Tu faje 'o suggeritore?

1AT - Allora 'o suggeritore nun va niente?

2AT - Ma chi ha ditto ca 'o suggeritore nun va niente?

1AT - Allora  o faccio il prologo. (Si prende un copione tra le quinte) Ma quale prologo?

1AT - Insomma s'adda presentà sta tragedia, o si no 'o pubblico che capisce.

2AT - A forza. ma te pensasse ca tutta la gente fosse tardiva comme...

1AT - Comme?

2AT - E' meglio ca me ne vado. Me vado a vesti'.

1AT - (Guardandolo minaccioso) E' meglio. Signori, il prologo. (Dall'interno come se parlasse con qualcuno) 'O siente,o no? Siamo avanti a Cristo. Antonio, che è un generale romano amico intimo di Giulio Cesare, se lo vede uccidere, sotto agli occhi da alcuni sicari. Allora questo Antonio dice tra se e se: Azz... cioè, per Giove, hanno ammazzato il mio amico, mo' me spetta il posto suo e così diventa lui imperatore. Ma non sapeva ca Cesare teneva un figliastro che comincia afare storie: io sono il figlio, a me me spetta,

         e Cicerone 'nzulfava. Allora Antonio decide 'e fa na bella guerra, accussì la gente se distrae e magari torno vincitore e tutti si staranno zitti. Decide di attaccare l'Egitto, perché era governato da una femmina. Lui ha pensato: è femmina, me la faccio, nel senso che vinco, più facilmente.  E fu così che conobbe Cleopatra. Ma questa Cleopatra era una bellezza, e cosi Antonio, come la vide perdette a capa e pe s"a fa, nel senso che se la voleva fare, cominciò a regalarle tutte le province romane dell' Egitto. A questo punto Augusto, da Roma, vene a sape' tutto cosa e dice: primma ca chisto 'nce manna mmieza 'a 'na via, dobbiamo fare qualcosa, cioè l'hamma accidere. E accussi con una grossa flotta attacca la flotta egiziana, comandata dallo stesso Antonio e vince. Quando Cleopatra viene a sapere che Anto­nio ha perso, succede una tragedia. E qua comincia la nostra tragedia. Buon divertimento.

         (Si mette vicino alla ribalta in modo da fungere da suggeritore ma da rimanere sempre visibile dal pubblico. Intanto la luce si è abbassata, ma Cleopatra non entra)

         Entra Cleopatra. (Cleopatra non entra) Entra Cleopatra!!!

2SP - (Dall'interno) 'A musica.

1AT - Vai con la musica, per favore.

         (Parte la marcia trionfale dell'Aida. Solo allora, inquadrata da un"occhio di bue" entra con passo marziale Lo spettatore vestito goffamente da Cleopatra. Da questo punto i due saranno indicati col nome di Cleopatra e Suggeritore)

Sug - (Sottovoce) Cleopatra è addolorata.

Cle - (Recitando con enfasi) Cleopatra è addolorata.

Sug - No.No.Non è...

Cle - (Guardando il suggeritore) Non è?

Sug - E' addolorata, ma non lo deve dire.

Cle - E pecché?

Sug - Accumminciammo buono. Perché questa non è una battuta, ma bensì uno stato d'animo che va mimato. (Accenna a mimare con una ma­no sulla fronte a simboleggiare il dispiacere).

Cle - (Imitando goffamente) Ho capito. (Fa una smorfia)

Sug - (Tra se) Cleopatra era stitica. (A Cleo) Che farò/ giusti Dei/ Scampo non veggo/.

Cle - (Credendo sia un commento continua a mimare esagerando)

Sug - ... scampo non veggo.

Cle - Vuje nun vedi te scampo, ma io chesto saccio fa.

Sug - Ma che dice?

Cle - E vuje continuate a rusecà: nun veco scampo, nun veco scampo.

Sug - Il suggeritore' non commenta ma da la battuta, che guarda caso è: Che farò/ giusti Dei/ scampo non veggo/. E' chiaro, mo?

Cle - Chiaro. (Riprende posizione). Io mi pensavo che non vi piaceva il mio dolore.

Sug- (Tagliando corto) Andiamo avanti col dolore. Che farò/ giusti Dei/ scampo non veggo.

Cle - Che farò giusti Dei, scampo

Sug - Bravo. (Con voce sottile da donna) Mi raffiguro in mente ogni periglio.

Cle - (Si guarda intorno come a cercare un gatto).

Sug - Ma che staje cercanno?

Cle - No, niente.

Sug - (Con voce sottile) Mi raffiguro in mente ogni periglio.

Cle - Ah, siete voi, ...che fate questa questa voce? Me pensavo ca era 'na jatta.

Sug- Ca era?

Cle - 'Na jatta. Una animale.

Sug - Una gatta? Un animale? Una animale ce sta e sono io. Sto facen­do questa voce per far capire che, essendo Cleopatra femmina, deve pur avere una voce sottile.

Cle - Ho capito. Mi devo sforzare a fare la femmina. (Esegue con voce querula) Mi raffiguro in mente ogni periglio.

Sug - Nun fa niente. Cleopatra teneva 'na bella voce doppia. Stolta son'io/. A niun fra tanti/ m'accomuna il caso.

Cle - (Perplesso) Storta son'io? A diuno tra tanta maccarune c"o caso. (guarda il suggeritore per vedere l'esito).

Sug - Col caso?

Cle - Col caso. Il formaggio.

Sug - Quale formaggio?

Cle - Mah.Non lo so gli egiziani che formaggio facevano.

Sug - 'O pecorino?

Cle - 'O pecorino?

Sug - 'O parmigiano?

Cle - 'O parmigiano? Nooo. Il Parmigiano lo fanno a Parma. Chella stava invece in Egitto.

Sug- (Gridando verso l'interno) Appiccia nu poco 'a

         Giusto Cleopatra stava ad Alessandria e perciò

         sere Parmigiano.

Cle - Ma scusate, nun stava in Egitto?

Sug - Pecche io che ho detto?

Cle - Stava ad Alessandria. Alessandria sta vicino Torino.

Sug - Ah, si? E chi lo dice?

Cle - Zio Antonio. Zi' Antonio, 'o fratello 'e mammà, ha vinto il concorso nelle Poste e poiché la raccumandazione era accussì accussì, allora l'hanno mandato ad Alessandria, vicino Torino.

Sug - E comme sta?

Cle - Nun c'è male. Lui telefona sempre, a dint"a l'ufficio senza pa­va'. Però dice (imitando la voce da lontano) Qua si sta bene, E' tutto pulito, nun 'nce sta 'na carta pe' terra. Pero fa nu ca...volo 'e friddo che m'aggia avuta mettere le mutande longhe.

Sug- (Fingendo una risata) Ah.Ah.'E mutande longhe. Siamo partiti dall' Egitto e simme arrivate alle mutande.

Cle - Ah, Ah. Le mute Ande. Ho capito. Come dagli Appenini alle Ande.

Sug - Ma porca miseria. Ma comme se po' fa' ... io nun capiscocchiù. . .

         (Attirato dalle grida entra l'altro attore in parte vestito da romano e oon una vistosa corona di alloro in testa)

2AT - Ma ch'è stato?

Sug - Ch'è stato? Siamo arrivati al caso 'ncopp"e maccarune".

2AT - (A Cleopatra) Ma comme, 'o caso 'ncopp"e maccarune?

Cle - Ma pecché, scusate 'o caso nun se mette 'ncoppe 'e maccarune?

2AT - Che c'entra, se mette, ma non in questo caso...

Cle - E' n'ato caso?

2AT - Ho capito, vaje avante. (Via)

Sug - (Ritorna l'effetto luce) L'onor e il regno/ ambo mi par/ d'aver perduto.

Cle - L'onore e il regno...

Sug - Aiza 'a voce.

Cle - (Forte) Ambo.

Sug - Terno.

Cle - Ambo... ho perduto.

Sug - Mi par, mi par. Nun l'he perduto ancora.

Cle - Mi pensavo che l'aveva perduto.

Sug - (Nervoso) Damme n'ata vote 'a luce. Qui non si pensa. Si esegue. Allora, ch"a perduto Cleopatra?

Cle - L'ambo.

Sug- E io ho sapevo. L'ambo? Ma comrne, nell'antico Egitto, se juca­va 'a tumbulella?

Cle - E infatti mi pareva 'nu poco fuori posto stu fatto.

         Ma allora, chist'ambo che dde?

         (Si intravede l'altro attore tra le quinte)

Sug - Cos"e pazze. Viena cca. Tu faje fint"e nun sentì? Spiega nu poco 'a chisto che dde l'ambo?

2AT - (Non capisce perche non ha seguito) L'ambo. Embè, l'ambo...ma qual' ambo?

Sug - Chisto 'ne 'nato.

2AT - Faje poco lo spiritoso. Qual'ambo e che state parlanno?

Sug - (Recitando) L'onore e il regno/ ambo... mi par d'aver perduto.

2AT - Ah. L'ambo mi par... dunque, questo non è l'ambo che esce sulle ruote del bancolotto...

Cle - ...Milano, Torino Salerno...

2AT - Salerno non è una ruota.

Cle - Non è una ruota? E ch"e dde?

2AT - E'...

Sug - Mo si ghiuto in crisi, eh?

2AT - Siente, tu m"e proprio scucciato. Statte 'o posto tuoio e fa chello che ha fa.

Sug - No, io voglio vede' a te 'o posto mio.

2AT - Io aggia fa Augusto, me metto 'a fa 'o suggeritore. E si. (Via)

Sug - (Salendo sul palco e parlando tra le quinte) E allora vattenne a via 'e dinte e statte zitto. 'O suggeritore. (Guarda Cleo che è impaurito dal litigio e non sa che rispondere)

Cle - 'O suggeritore...

Sug - (Suggeritore si gira e lo guarda come per dire: stai al tuo posto. Riprende a suggerire voltando le spalle)

         Vacilla il piè/ su questo inerme soglio.

Cle - (Si affaccia tra le quinte e bisbigliando chiama l'altro attore)

2AT - (Facendo capolino) Che dde?

Cle - Fancillo per piacere, ha ditto che ne ha bisogno.

2AT - Che cosa?

Cle - Forse vo' fa pace?

2AT - (Con un gesto di stizza rientra, mentre si gira il suggeritore e con una faccia da pazzo gli va vicino)

Sug - Ma cu chi staje parlanno?

Cle - (Impaurito) Io? Con nessuno.

Sug - (In piedi forte nell'orecchio) Vacilla il pièl su questo ine£ me soglio.

Cle - (Abbozzando una risata) Ah? lo mi pensavo... (guarda il suggeritore e poi con la mano mima "qui non si pensa)

Sug - (Ammiccando soddisfatto con la testa) Allora?

Cle - Il verme saglie... sogna...segna... saglie e scenne?

Sug - (Melodrammatico) Il verme so' io ca perdo 'o tiempo cca. (Recitando) Altro non mi restai ,che il mio pianto.

Cle - (Avvicinandosi affettuoso) E ghia', nun facite accussì.

Sug - (Distrutto decide di tagliare la parte e così strappando al­cuni fogli dal copione grida verso le quinte in moda da far anticipare l'entrata di Antonio)

         Entra Antonio, entra. (Non vede nessuno) Antonio, ti prego entra.

Cle - (Avvicinandosi alle quinte continua a non vedere nessuno).

Sug - (Di spalle seduto con il capo basso) E trasuto Antonio?

Cle - (Assecondandolo) Si, si sta cca Antonio. (Gridando tra

         le quinte) Signor Antonio.

Sug - (Voltandosi non vede Antonio) Il signor Antonio.

Cle- (Credendo che il suggeritore abbia delle visioni) Il signor

         Antonio, eccolo qua'. Vi abbiamo chiamata nu sacco 'e vote. Sta bello il signor Antonio, eh?

Sug- (Avvicinandosi) Tu devi essere pazzo. Il signor Antonio lo vedi?

Cle - (Indeciso non sa cosa rispondere e fa con la mano si e no)

Sug - 'Nce sta Antonio? No.

Cle - No.

Sug - E allora? (Tra le quinte) 'O facite trasì o no.

         (Ritorna sul palco dall'altra parte)

Cle - (Affacciandosi tra le quinte) E ghiammo belle, ca sta facenno 'o pazzo.

Ant - (Compare Antonio vestito da guerriero romano con elmo)

Cle - (Cleo incomincia a ridere)

Ant - (Antonio risentito risponde a voce alta) Neh, e che tiene 'a ridere. Ma tu nun t'ha visto quanto faje schifo?

Sug - Antonio. tu stai venendo dalla battaglia. (Antonio non capisce) Tu vieni dal mare.

Cle - (Sottovoce ad Antonio) Dice che si, se no chisto fa 'o pazzo. (Capisce che è pazzo e incomincia ad aver paura) Si, si. Sto venendo dal bagno. E che mare. Tengo ancora 'e capille bagnati.

Cle - (Per dare credito) Si, si è overo. Guarda cca, so tutte umidi.

Sug- (Ormai depresso non ascolta ma passa la battuta)  A che nascesti Antonio?

Ant - (A Cleo) Che vo'?

Cle - Quanno nascesti. In che anno?

Ant - E pecché?

Cle - E che ne saccio? (Fa il gesto che è pazzo)

Ant - (Rispondendo forte) 3, 3, 78. Sezione Vicarìa.

Sug - (Alzandosi e guardando i due come un pazzo) Bravo. Bravo. Stiamo 'ncopp"o municipio. Ci facciamo un bel certificato. Come lo volete, col bollo o senza 'o bollo?

Ant - (Per assecondarlo) Col bollo.

Sug - Ah, col bollo. E noi bolli non ne abbiamo.

Cle - He visto? Se diceve senza bollo, chillo 'nce lo faceva.

Sug - Voi andate dal tabaccaio, qua, sotto al palazzo, comprate il bollo, tornate

Ant e Cle - (I due cominciano a sgattaiolare verso le quinte).

Sug - Me lo date, io lo azzecco 'ncoppo 'o certificato e poi ve lo do. (Forte) Addo' jate?

Ant e Cle- Addo tabbaccaio.

Sug- Venite cca. (Mostrando il copione) A che nascesti Antonio, lo dice Alfieri e aggiunge: Del disonor di Roma/ e di natura/ lo scherno in oggi sei/ del mondo intiero./ Ognun ti fugge, o Antonio/ Ognun ti sprezza/.

Ant - Ho capito. Uhhh...si spezza.

Cle - Si spezza... ma non si piega.

Ant - (Corregendolo) Si piega ma non si spezza.

Sug - No. Songh'io ca ve spezzo a tutt"e dduje, pecché nun nce la faccio cchiù. (Si va a sedere afflitto, strappa alcune pagine

dal copione) Basta, facciamola finita. Dai l'aspide a Cleopatra.

Ant- (Chiede a Cleo che vuole  a gesti ma riceve risposta negativa allora guardandole il posteriore tenta) Caspita, Cleopa'.

Sug- Hai dato l'aspide a Cleopatra?

Ant- Sissignote, già fatto.

Sug- Bene, allora Cleopatra stramazza al suolo.

Ant- (Ritornando da Cleo) Allora Cleopatra ramazza il suolo.

Cle- C'aggia fa'?

Ant- Ramazza il suolo. Devi scopare.

Cle- Pe' terra?

Ant- No, pe' cielo.

Cle- Ma comme, Cleopatra che è 'a riggina 'e l'Egitto se metta a scupa' 'nterra? Ma nun teneva 'na schiava, una cammarera?

Ant- Ma che ne saccio, chillo accussì ha ditto. Perciò tu vuò scupà o no.

Cle- Si, si. Abbasta ca 'nce ne jammo.'A scopa addo 'a piglio?

(Guardando l'elmo di Antonio) Damme chesta, faccimmo 'cchiu ambressa.

Ant - (Risentito) Vette', chillo è l'elmo d'Antonio.

Cle - E che te ne fotte, che si Antonio tu.

Ant - Comme nun so' Antonio, e chi so'?

Cle - (Tentando di predere l'elmo) No, dico si Antonio 'o romano? Tu si' Antonio ma no 'o romano, si Antonio Antonio.

Ant - Gue', ma tu fusse asciuto pazzo?

Sug - (Sentendo il litigio si volta ed i due si bloccano) Ma che state facenno?

Cle - Io voglio scupa' e isso non vuole...

Sug - Comme?

Cle - Io voglio scopare ma egli non vuole...

Sug - Scupa' scupa? E chi ve l'ha ditto?

Ant - Come, me l'avete detto voi, poco fa, vi ricordate? Cleopatra ramazza il suolo.

Sug - (Stupito) Ramazza? Stramazza, stramazza.

Ant - E va be', non vi arrabbiate. C'è un contrordine. Allora hadda murì.

Cle - Tu e isso.

Ant - (Sottovoce a Cleo) Va buo', muore e ce ne jammo.

Cle - Ma pecché nun muore tu?

Ant - Ma voi vedete. Quella parla comme se avessa murì overamente. Cose 'e pazze. (Al suggeritore) Ma allora stamme dinto 'o mani­comio?

Sug - Si, è vero. Il manicomio, io la vado, ma primma vi faccio fuori, a tutt"e dduje. Muore Antonio cu' tutta Cleopatra.

Cle - No, chillo è : Muore Sansone cu tutt"e filistei.

         (Alle urla entra l'altro attore vestito da Augusto)

2AT- Ma che so' sti strille, eh?

Cle e Ant - (Al suggeritore per impaurirlo) 'O mastugiorgio, 'o ma­stugiorgio. Fujetenne.

Sug- 'O mastugiorgio a me? E che so'pazzo, io?

Cleo e Ant - Siii...(I due scappano tra le quinte inseguiti dal suggeritore).

2AT- (Gridando) Calma. Calma. Non perdete la calma.Stiamo solo reci­tando. (Al pubblico) Ma voi vedete. Chillo overo se so' appic­cecate. Hanno perso il senso della realta. E hanno perso anche l'educazione e il rispetto: io po' so' sempre Augusto.(Ride) 'Nce vulesse ca diventasse pazzo pur'io.

(Si ode un grande trambusto tra le quinte e rumore di roba che si rompe, un grido di dolore).

2AT - Ma ch"è succieso.

(Corre a vedere tra le quinte e ritorna portando  sotto braccio il suggeritore tutto sporco e con addosso alcune foglie di verdura e bucce varie)

2AT -  Ma ch'è stato?

Sug- Ch'è  stato? E'stato, ca pe' correre appriesso a chilli dduje, so' caduto, e so' ghiuto a sbattere c"a capa contro 'o bidone d"a munnezza.

2AT - Dint"o bidone d"a munnezza. Guarda cca che te si cumbinato.

Cleo - (Facendo capolino) E comme fete.

'O vvi' comme so' loro. Io l'aggia...

Ant - E basta mo'. Perbacco. 

La farsa è ormai finita.

Il pubblico io spero

s'è anche divertito.

Ma si sa che un bel gioco

dura sempre poco.

Cle - Sbaglio, o quel che hai detto

            ha l'aria di un versetto?

Ant - Che chiude con la rima,

            come si usava prima?

2AT - Non sbagli, bello mio

            e certamente sai

che tutt"a cumpagnia

cuntenta nun è mai

se non riceve prima

da questa amata gente

in segno della stima

un applauso ardente.

FINE DELLA COMMEDIA

(C) 1980 Mariano Burgada

SIAE  120850

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno