Angela Paraguai in Bellezza

Stampa questo copione

                       

ANGELINA PARAGUAI  in   BELLEZZA

di Agnello Salvatore

commedia in dialetto napoletano

 

  Un interno in un quartiere popolare  napoletano,  porta di ingresso sul fondo, una finestra sul fondo, due porte di lato. Dalla finestra si intravede un altarino dedicato alla Madonna.  L’ ambiente è modesto ma non  povero. Un tavolo con quattro sedie.  Fornelli e acquaio. Altri mobili e suppellettili, qualche piccolo vezzo della padrona di casa: tendine, un vaso con due fiori ecc . La vicenda si svolge negli Anni ’60.

                                            Personaggi

Angelina Paraguai in Bellezza   casalinga                                         

Don Carmine Paraguai              suo padre- Presidente del C.A.C.    

Don Raffaele Bellezza                suo marito- imprenditore  

Lisetta                                           sua figlia  - sartina                                      

Donna Carmela                           vicina di casa                                    

Rodolfo Paolillo                         giovane a modo                                

Vicenzino                                       dipendente di Don Raffaele                    

Peppino                                         dipendente di Don Raffaele                      

Donna Isabella                            moglie di Vicenzino                           

Jack Senise                                    malavitoso   italo-americano                                       

Donna Margherita                     madre di Rodolfo                               

Gennaro                                       amico di Rodolfo                            

Scena I    Angelina, Carmela

ANGELINA:     (sta cucinando, la tavola è preparata, poi si affaccia alla finestra e chiama verso l’alto): Donna Carmeè!    pausa  Donna Carmela… a ttenite nu poco de arecheta? (Attende qualche secondo poi tra sè ) Donna Carmela s’è fatta’ nu’ poco surda. (a voce alta)  Donna Carmèee, a ttenite nu poco de arecheta?

CARMELA (risponde dall’alto):

Sì a tengo, a tengo, aspettate nu’ momento, mo’ scenno abbascio e va’ porto.

Angelina continua a sfaccendare in  cucina.

CARMELA:       bussa Angelì song’io.

ANGELINA:     Trasite Carmè  entra.

CARMELA:      Angelì, ecco l’origano che  mi avete chiesto. Non avevo sentuto perché stevo facendo ‘o rraù e nun ‘o ppotevo lassà.

ANGELINA:     E’ ‘o vero. S’abbrucia.

DONNA CARMELA: Allora…..me ne torno a via ‘e ‘coppa.

ANGELINA:     E stateve nu minuto accà. L’avite ‘stutato ‘o ‘rraù?

DONNA CARMELA: Si, è che mo’ vene chello ‘mbicciusu e maritema.

ANGELINA:     E quanno vene ‘o sentimmo passa’ ‘ca ‘nnanze.

DONNA CARMELA: E va bbuo’.  (si siede) Quello, mio marito è nu poco difficultusu. ‘O rraù si nun c’ho faccie come dice iss va a furnì ca ce ‘ntussicamm ‘a jurnata e po’ va’ giranno p’a casa come ‘n  anima in pena. Dice ca sulo ‘o mangià gli è rimasto e almeno con quello deve godere. Che se non può avere nu’ poco ‘e soddisfazione dalla vita, che campa a fa?

ANGELINA :    L’uommene…,  loro, l’uommene, hann' avè ‘e soddisfazioni.  Eh già, noi femmene invece che soddisfazioni tenimmo? Loro fanno  gli esigenti, ma nun ‘o ssanno tutto quello ca nuie femmine avimm’ a fà   in’t a  casa, tutto il santo giorno chiuse ‘nta quattro mura. ‘E chesti tempi poi, c’avimmo ‘a fa salti mortali pe’mette  ‘nsieme ‘o pranzo co’ la cena. Loro fanno gli uomini di principio, tengono gli ideali,  ‘na missione da compiere… per il bene delle generazioni future, loro!

CARMELA :     Tante uommene so’ proprio accussì! Mio marito però, tolto il mangiare, ché lo vuole  bene condito e anche nu poco  piccante, non lo vedi e non lo senti. Tene a pressione avta, o polistirolo e i tre -cigleridi. Ce l’aggio ditto ca quacche vota e chesta schiatta, ma isso nun vo’ sentere ragioni … dice che almeno schiatta cuntento.

ANGELINA:     ‘Onna Carmè chesti so’ l’uommene, chesti ce simmo pigliati e chesti c’ammo ‘a  tenè. E vui ‘n casa ne tenete uno sulamente. Io tengo pure a patema ca da quando se miso in capo ‘e fa ‘o …Presidente se ne vene cu mille penzate ca nun capisco se è ancora sano e cerviello o ha perso ‘a capa completamente.

Figurateve che l’atro jorno se n’è venuto co’ nu proclama  per tutte le famiglie del quartiere, addò ce stava scritto che isso dava a tutti ‘o permesso di commercio, vendita e scambio mercanzie, senza licenze e senza pagà e’ tasse, alla faccia del governo, che ci ha sempre sfruttato e se n’e sempre fottuto ‘e nuje.

CARMELA:      Ah, Ah ride. Eh che vulite fa’, chesto è niente. St’Italia nostra è nu’ paese chino e’ presidenti ca pigliano nu sacco e’denari pe’ fa che poi? ‘O resto ‘e niente. Almeno Don Carmine, oltre a essere nu’ sant’ommo, nun leva denare a nisciuno. Iss vulesse fare del bene, pure se  a modo suo.  Ce ne volessero tanti come  a iss.

  

                        E pure ‘o marito vuosto è ‘nu brav’ommo, sempre educato e se ‘nto quartiere quacche famiglia ave bisogno sa che se po’ rivolge a Don Raffaele .

ANGELINA:     Ma sì, sì, Rafele mio nun è malamente, ma l’unica mia vera consolazione è quell’ angiulillo e’ figliema Lisetta. Tene nu’ sacco e belle qualità, ma povera figlia mia, pure a essa me la vedo cundannata a na’ vita  come a mia, nta’ sti vicoli scuri, addò nun trase mai o’ sole. Chi nasce  dinto a ‘sti quartieri comme ne po’ ascì e sperà  na vita diversa?... Va’ ricurdate a Filumena Marturano, comme facette pe’ ascì dai vicoli?

CARMELA:      Nun v’amariggiate. ‘A Madonna l’aiuta. Angelì, ‘o Signore vede e pruvvede. Lisetta è ‘na brava figliola e tutte quante dinto ‘o vico   le vonno bene assai.

ANGELINA:     Già, già. cambiando tono Donna Carmè, tanto pe’ nun penzà a e guai ‘sta  sera c’a facimmo ‘na bella tombolella?  Putessemo chiamà ‘e cumpagne nuoste, che venessero  accà. ‘A semana passata come mi sono divertita  e aggio pure vinto assai.  V’o ricurdate?  Tenevo sei cartelle, e aggio fatto 'o terno co’ ‘o 41.

CARMELA:      "’o curtiell",

ANGELINA:     A quaterna co’ ‘o 44

CARMELA:      "’o carcere".

ANGELINA:     E a tombola co’ ‘o 47

CARMELA:      “'o muort"

ANGELINA:     Maronna mia!  mo ca me ce fate  penzà, quanto so’ brutte ‘sti nummere: chesto è proprio nu  malaurio!!!

CARMELA:      Ma chè jate ricenno!, vui site na femmina furtunata. Pe’ stasera avesseme a verè si Isabella, Assuntina, Marietta, Adelina, Carolina e Lucietta ponno venì. ‘O fatt è che se mettono appaura ‘e cammenà ‘o scuro pe dint ‘o vico. Mah, non vi preoccupate, se nun è possibile  ve lo farò sapere.

ANGELINA:     Sapite che facimm? C’o dicimm a Vincenzino e Peppino se ‘e ponno accumpagnà.  Stù piacere ce l’anna a fa!

DONNA CARMELA:          Mah, ora me n’aggia  proprio ‘a turnà  a via ‘e copp. Vaco a fa’ a tavola ca chillo ‘mbicciuso e maritema sta salenno ‘e scale e nun l’aggia a fa aspettà.

ANGELINA:     Salutiamo Donna Carmè.  E grazie per l’origano.

DONNA CARMELA:          Pe’ nu poco d’origano? È cosa e niente!(Esce)

ANGELINA:     E questo è tutto il divertimento e la speranza nostra. Vincere   ‘na bella tumbulella.

Scena II    Don Raffaele, Angelina

Angelina (mette in tavola - canta sottovoce)

DON RAFFAELE : (entra) Angelì, sto cà.

ANGELINA:              E io pure sto cà. 

DON RAFFAELE: (imbarazzato) E stammo tutti e ddue ca! Che bell’accoglienza a ‘o marito che torna ‘a casa!

ANGELINA:     Né, Rafè, vulisse l’inchino, ce vulessemo fa na ballata!?

DON RAFFAELE:     Ma beata a te….cu sta stanchezza che tengo.

ANGELINA:     Stanchezza e chè? Nun me pare ca ‘e sti tiempi te stai affaticando assai. Sempre appriesso a patema e a o’ Comitato.

DON RAFFAELE: Ma qua’ fatica, so’ e’ pensieri ca tengo. ‘A situazione è sempre cchiù complicata. Nun se ne vere a maniera pe’ ne ascì.

Silenzio gravido di tensione.

ANGELINA:              E’  fernuta?

DON RAFFAELE:     No,  nun  è fernuta.

ANGELINA: (alterata)        E quanno fernisce, ‘sta caspita ‘e protesta,  è sempre troppo tarde, visto che pe’ tramente  ‘e faticà ‘nta n’ata manera  nun vo’ vulite truvà!

DON RAFFAELE: (seccato)          Mo nun cumincià co’ a solita litania. Voi femmene nun vulite capì ca certe cose se fanno per il bene della popolazione, anche se….. è necessario ‘e suffrì nu’ poco. Quanno nun se pò chi ij annanze  si deve prendere una decisione e la protesta è l’unico modo pe’ reagì. Ma poi di che   ti lamenti. Si tratta d’ avè ‘nu poco ‘e pacienza fino a quando l’opinione pubblica capirà le nostre legittime richieste e sosterrà la nostra categoria. Quando tutta Napoli sarà dalla nostra parte, vedrai ca vincimmo nuje!

ANGELINA:     Vincite vui, e chi site vui, ‘o Napule? Rafè tu fusse Omar Sivori?? Tu  veramente crire che i napulitani se metteranno cu vuje? Che il popolo scenderà in piazza e farà cose e’ pazze per sostenere la vostra causa e magari farà pure le barricate? Rafè, sente a mugliereta: a ‘e napulitane,  nun le passa manco pa’ capa.

DON RAFFAELE: Ma pecché no? Quanta gente ce campa  sopra a merce nostra? E quanta gente se l’accatta? In fin dei conti se tratta d’ avè ‘nu poco ‘e pacienza. Mica  ce murimmo ‘e fame.

ANGELINA:     Stammatina  nooo!  …(pausa)  …  Ma  da stasera nun se mangia.

DON RAFFAELE :    E…. pecchè nun se mangia?  Fusse ‘sciuta pazza, né Angelì?

ANGELINA:     Ah, je so’pazze?… Nun se mangia,  pecchè  nun ce sta niente e che  mangià ! T’u vuò mettere ‘ncapa? Chi non fatica non mangia.

DON RAFFAELE: Ma comme nun ce sta niente? Ce steva na dispensa chiena e rrobba e già l’he fernuta?

ANGELINA:     Ah, io l’aggio fernuta? E’ ‘o vero, è ‘o  vero, io l’aggio fernuta!   pecchè sulo io mangio ‘nta  sta casa.  Invece tu, patema e figlieta nun mangiate, campate d’aria… e di belle parole!  ‘O fatto è che quel poco che c’era l’ho dato a chi ha chiù bisogno e nui. Tu e patema organizzate ‘e proteste e poi ‘a gente vene ca a lamentarse.

DON RAFFAELE: Ah, ma ‘o saie si o no ca si’ scucciante! Chiù tarde te porto ‘na cofana e’ robba, e poi verimmo!

ANGELINA: (con ironia)     Mi raccomando, marito caro, non portà assai robba ca po’nun saccio addò l’aggia mettere ‘e va a fernì ca sa magnano ‘e surici!

DON RAFFAELE : E fernescila! Mo   vaco a lavarmi le mani poi mangiammo. (esce)

ANGELINA:     E lavatelle cull’acqua! Perchè pure o’ sapone è fernuto.

Scena III   Don Carmine, Angelina

DON CARMINE: (entra) Buongiorno figlia mia. Il Presidente Don Carmine Paraguai, nonché tuo illustre genitore, dopo aver elargito saggi consigli e  risolto una infinità di gravi problemi alla popolazione del quartiere, torna in questa umile casa a rinfrancarsi.

ANGELINA:     E comme no, eccellenza,   pe’ stavota  vi potete rinfrancare. Fosse mai ca facessemo mancà i dovuti onori a’o presidente……de’ muorte ‘e famma.

DON CARMINE: Sciocca femmena, gli abitanti del quartiere mi vedono come loro nummero titolare, come una guida care asmatica e si rivolgono a me pe’ ogni quistione.

ANGELINA:     Ih, che bellezza, udite udite popoli. Mo mettimmo ca fora l’ufficio co’ la sala d’aspetto.  Tenimmo n’ato Sindaco do’ Rione Sanità.

DON CARMINE: Ancora non mi hanno fatto Sindaco, sono solamente un semplice Presidente, ma ogni cosa a suo tempo.

ANGELINA:     Speriamo presto, ma facitemelo sapere prima accussì mi preparo, per entrare nell’alta società.

DON CARMINE: A proposito,  siente nu fattariello divertente ca te dimostra che la mia fama si espande. L’altro giorno Don Liborio ‘o prevete ha spiegato ai guagliuncielli che Dio è uno e si trova in ogni luogo. Uno e chesti nun aveva capito bbuono, allora iss’ c’ha domandato: per esempio chi è o’ Ddio do’ Pallonetto. Sae che l’ha risposto chello?  O’ Dio do’ Pallonetto è  Don Carmine Paraguai!

ANGELINA:     Ah, che bellezza, site pure ‘nu ddio. Ma visto ca risolvete tanti problemi, nu’ problema a me quando me lo  risolvete?

DON CARMINE: E… quale problema. Dite...figlia mia, non mancherò di soddisfare la progenie implorante, né di far torto alla mia fama!

ANGELINA:     Quann’è ca ve levate a ‘nnanz ‘e piedi , vuje e maritema?

DON CARMINE: Figlia ingrata, la prosperità è alle porte e tu, incredula, vorresti che sparissi, magari avvolto da una nuvola di vapori, con ai piedi una folla osannante.

ANGELINA:     Sì, assunto al cielo, come a Maronna do’ Carmine!

DON CARMINE:  E no, e no! Se trattasse ‘e … don Carmine da’Maronna.

ANGELINA: sospirando Lassammo sta’. Ca a Maronna c’accompagni! Piuttosto come è andata al Comitato? Avete pigliato qualche decisione, accussì nun se po’ chiù  ji annanzi.

DON CARMINE: Gli ho detto che avimm’a essere uniti. Accussì il popolo si unirà alla nostra protesta e il Governo dovrà cedere alle nostre richieste. Decine di migliaia e’ cristiani dipendono dal noi e il governo nun se po’ permette’ na rivolta popolare.

ANGELINA:     La rivolta popolare! come no! Le quattro giornate di Napoli!(ironica)  Già ‘e veco ‘e  barricate dint’e’ vichi e la gente che si immola per la vostra causa! (Canta Aspetta e spera che già l’ora s’avvicina). Ma s’è fatto tardi, com’è che Lisetta ancora nun vene, l’avete vista?

DON CARMINE: Poco fa  steva vicino ‘o negozio di Don Gaetano o’ verdummaio  ca parlava cu’ nu giovane, na brava perzona me pareva.

ANGELINA:     Quattro cascette ‘e verdura ‘ncopp a  nu carretto e vui ‘o fate addiventà nu negozio. Mah! E chi sarà stu giovane? Un altro candidato presidente?.... Già…., prima dell’assunzione in cielo la dovevamo completare la Trinità, Padre, Figlio e Spirito santo.

DON CARMINE: Quante parole inutili sapite dicere voi femmene. Avesteve ‘a tenè la limitazione giornaliera delle parole. Io direi, che ssò, non più di dieci al giorno, accussì ve l’avestev’astipà per le comunicazioni essenziali.  Fernute chelle se ne parla dimani. (si siede al tavolo).

ANGELINA:     E l’ uommini avesser’a tenè la limitazione giornaliera delle fesserie che fanno.  Che ‘ssò, non ne avessero ‘a fa più di mille al giorno… e già fosse ‘nu bello guadagno.

Scena IV  Don Raffaele, Don Carmine Angelina

DON RAFFAELE : (rientra)         Oh Don Carmine, siete tornato, qua’ notizie mi portate dal Comitato?  si siede al tavolo e iniziano  a mangiare )

DON CARMINE: La protesta procede .. procede, ma alcuni giovani si sono stancati pecchè nun tenono ‘o coraggio di affrontare le privazioni.

DON RAFFAELE : Eh, le privazioni, hanno ragione ‘sti poveri guaglioni! Stammatina Nicolino m’ha ditto ca e piccerelle soie hanno a mangià e che nun se po’ permette e fa quacche fesseria perché, coi suoi precedenti, se lo prendono con le mani nel sacco stavota se fa na bella villeggiatura a Poggioreale.

DON CARMINE: Uommene ‘e nient! Tu nun t’o ricuorde il ’48! Quelli si che erano bei tempi! Ato che chiste! Quando uno sciopero   durò quaranta giorni e nessuno denfenzionò. Allora sì che la gente steva a sentì la voce dell’autorità.

DON RAFFAELE : Eccome nun m’o ricuordo. Ma nel ’48 a Napoli erano altri tempi, c’era il boom economico! ‘Nu sacco ‘e gente si dava da fare in una quantità di industrie moderne. Il fior fiore all’occhiello dell’economia italiana! C’erano: …. quella delle pezze americane a Forcella, quella dei  rottami di guerra, le demolizioni e tante ate belli ‘ccose. E ora ca ce penzo, pure chella d’e  sigarette. Allora nun tenevano ‘o filtro, se raccoglievano ‘e cicche, se lavavano e se facevano sigarette nuove che erano na meraviglia.

DON CARMINE:Era la rivoluzione industriale! L’economia del futuro!

DON RAFFAELE: Ma poi….. quello sciopero comme è fernuto?

DON CARMINE: E’ fernuto che io, ottenuti importanti risultati ho dato il permesso di  ricominciare il lavoro. Gli americani, insieme a tutto il ben di Dio che mandavano in Italia,  hanno capito che anche il nostro settore andava potenziato e hanno accuminciato a mandà  merce in quantità. Ovvero aggio parato i guai in bellezza.

DON RAFFAELE: Eh no. Si permettite Paraguai site vuje e Bellezza song’ io!

DON CARMINE: Intendevo dire che allora tutto procedeva per il meglio, si andava e si veniva carichi e’ robba senza l’intromissione degli ….scocciatori.

DON RAFFAELE: Che ne parlammo a fa. Chelli  là  nun se fanno mai e’ fatti lloro. Ce ne stessero ‘e affari chiù seri che putessero fa e invece venono a scuccià  ‘o saciccio a nuje ca simmo persone …oneste.

DON CARMINE: L’onestà, prima di tutto! Il nostro motto è : “ Guadagnarsi il pane dando sollievo al popolo”.

ANGELINA:     E fottere il governo!... Aggiungeteci pure questo, nel motto.

DON RAFFAELE: Sentitela a questa scostumata. Certe parole ‘mbocca a ‘na femmina! Angelì, ma tu stai sputann dint’ ‘o piatt addò magne, ‘o saie?

DON CARMINE: Come le vene ‘nta capa? Meglio crescere porci che figli! L’animali so’ chiù riconoscenti e non chiedono niente .

ANGELINA:     Almeno ve li potete mangiare, ai figli invece glielo dovete dare  voi il mangiare.

DON CARMINE: Mo basta figlia degenere! E chè noi siamo delinquenti! Tu non capisci e non capirai mai. Senza la nostra voglia e faticà che ne sarebbe di voi femmine indifese.

ANGELINA:     E’ giusto! Voi solamente  faticate! E qua invece ci sta l’unica cretina della famiglia. E meno male ca ce putimmo vantare  dell’ intelligenza e rettitudine   dell’ uommene ‘e casa. Un radioso futuro ci aspetta, pieno di soddisfazioni e di denari!

(Gli uomini si fanno segno di lasciarla perdere)

Scena V   Detti e Lisetta

LISETTA: (entrando) Ciao mammà, ciao papà, ciao ‘o nò.

ANGELINA:     Lisetta, a quest’ora ti presenti? Io nun trovavo pace, stu poco ‘e magnà s’è fatto tutto friddo e ‘ngnessato! .

LISETTA:          Oh mammà, scusa se ho fatto tardi, ma io non mangio.

ANGELINA:     Nun mange? E pecchè, Te siente male? qua sta tutto pronto!

LISETTA:          Ho incontrato un giovane, ma proprio un bravo giovane,  e insieme ci siamo mangiati una bella pizza.

DON CARMINE: (prende il piatto di Lisetta)   E chè l’avimmo a lassà pe’ stasera? …Se non vi dispiace….mangia

ANGELINA:  (guarda il padre e fa un gesto)   Eh già, noi  la sera non mangiamo roba riscaldata. Anzi vi comunico che da questa sera non mangiamo proprio.

DON CARMINE: Ma che staie ricenno, Angelì? comme sarebbe? Avimma ‘a fà penitenza?

ANGELINA:     Io la penitenza la faccio già da un pezzo, e da stasera, visto ca nun ce sta cchiù niente e che mangià, la farete pure voi. Tu Lisetta non ti preoccupare che Donna Carmela per te tiene un occhio di riguardo.

DON RAFFAELE: Ma nun le date retta. Si lamenta che nun ce sta niente e che mangià, ma stasera ci penso io.

DON CARMINE: Lo vedete che l’intervento di un uomo serio e volitivo risolve tutte ‘e cose? Io l’ho sempre detto che per trarre una donna in salvamento ce vò n’ ommo.

ANGELINA:     Ato che salvamento! Ca ce volesse nu’ miracolo, anzi un bombardamento  di miracoli. Ma… Lisetta, a mammà,  abbiamo saputo dalla Radio del quartiere ca stavi in compagnia e nu’ giovane. E chi sarebbe stu bravo giovane?

LISETTA:          Si chiama Rodolfo. Stammatina, scendendo abbascio ai vicoli m’ è ghiuto e fernì ‘o tacco da scarpa dint ‘a na saittella e si è scassato. Bello e buono si è avvicinato chistu giovane ben vestito e ma ritto se vulevo essere accompagnata add’o calzolaio. Mammà, a verità? Aggio ritt subito si!!! Quant’era educato, assaie assaie. Quanno poi avimmo fernuto c’a pizza, m’ha ritto “Signorina, la posso rivedere?” Mammà, a verità? Gli ho detto subbito e sì. Ha detto che, se non avete niente in contrario, verrebbe dopo mangiato, qua.

ANGELINA:     Ha ritto subito si!!! (annuisce con sguardo furbo…)

LISETTA:         Ho fatto male, mammà ? tenete qualcosa in contrario?

ANGELINA:     No, niente in contrario per carità, preferisco sapere subito di che galantuomo si tratta. Teniamo una certa esperienza in famiglia. (sospira) Io  spero solamente  che tu potessi tenè a fortuna che non aggio  avuto io.

DON RAFFAELE:     Ecco qua, ha parlato ‘a principessa Taitù!

DON CARMINE:       Angelì, nun te lamentà che Rafele è n’ommo accustumato.

ANGELINA:     Il fatto è  che oltre al costume ce’ vulesse pure nu’ poco e tranquillità e di speranza.  (Angelina esce- va nella sua camera)

(Bussano alla porta. Lisetta va ad aprire)

LISETTA:          Entrate Vicenzì  (al padre)  Allora io vado di là  da mammà. esce

Scena VI    Vicenzino, Don Raffaele, Don Carmine

VICENZINO:  (Entra, guarda con interesse la tavola).        Don Raffaele…, buongiorno  Presidè. I guaglioni  dicono che non s’a firano chiù a stare senza fa’ niente. Quelli so’ faticatori e tenono voglia e’ faticà.   E poi ‘sta protesta non porta a niente. ‘O popolo se ne fotte e, pure se ha da spennere nu poco e cchiù,   si  rivolge… al fornitore ufficiale. Qua avimm ‘a piglià  ‘na decisione, anche perché l’atre furniture, quelli nuoste, minacciano di spostare i carichi in un altro porto. Pare, che so, nel Nord a ….Civitavecchia.

DON CARMINE:   Ma guardate che mi tocca ‘e sentì! Tutti scarzi, ‘sti giovani d’oggi, nun vonno capì che  solo con la fermezza si giunge a grandi risultati.

VICENZINO:    Presidè,  ‘a fermezza ‘nte  e cosce  oramai nun ce sta cchiù. Co’ la fame che tenono, è già tanto se non fanno fesserie.

DON RAFFAELE:     Forse  l’avimm’a fernescere co’ ‘sto  sciopero.

VICENZINO:    Beh, sciopero, nun dicimmo parole grosse, nel  nostro caso… l’attività è ‘nu poco, come putesse dì?….fuori del comune.

DON CARMINE: Fuori del comune? Pausa Un’attività come la nostra, che porta continuamente nuova energia e ricchezza. Che rappresenta  il futuro per le nuove generazioni?

VICENZINO:    Eh, Don Carmine, vui site sempre ottimista e girate attuorno a’e parole. Ma chiamatela come se chiamma.

DON CARMINE: stentoreo La nostra attività?La nobile arte? … Importazione,

distribuzione e commercio di generi di prima necessità.

 

VICENZINO: Ovverossia?

DON CARMINE: … Contrabbando delle sigarette. pausa

DON RAFFAELE: Si, contrabbando, Facimmo ‘o contrabbando o no? Ve pare n’attività…. normale ?

DON CARMINE: E si capisce! Qua è in gioco la sopravvivenza di almeno cinquantamila persone, considerato anche tutto ‘o riesto appriesso: meccanici, magazzinieri, distributori, trasportatori, venditori al minuto eccetera. Il contrabbando è l’unica risorsa e  fino a quando non ci daranno un altro mezzo per vivere, chesto avimm ‘a fa! Lo Stato e la Finanza ci hanno dichiarato guerra  e ci sparano pure addosso. Noi dobbiamo organizzarci ed essere uniti per difendere il nostro diritto. Questo si era detto all’ultima assemblea del C.A.C.,  mi  avete proclamato Presidente e mo  vulite turnà addereto?

DON RAFFAELE:     Ma, Don Carmine…..guardammoce ‘nte palle dell’uocchie.

DON CARMINE:  Nun ve scordate la ‘ntenzione originale. Co’ sto sciopero vulessemo dimostrà ca ‘o contrabbando, ca  ‘o Stato nun ‘o permette sulo pecchè ce vo’ guadagnà, è indispensabile pe’ Napoli e nun se ne po’ fa a meno. Se è un male, come dicono loro, pe’ Napoli è un male necessario.

DON RAFFAELE: Sarà necessario, ma me pare ca nisciuno ancora se n’è accuorto.

DON CARMINE: Bisogna aspettare ancora un poco e ci daranno ragione. E poi, dove la vulite mette tutti  chell’onesti lavoratori  ca senza ‘e nui s’avessero a levà pure l’unico sfizio ‘e fumasse na sigaretta?

VICENZINO:    E và ‘buò Don Carmine,  ma che vole dicere stu C.A.C., io nun l’aggio ancora capito!

DON CARMINE: Capa’ ‘mbrella! E nun o’ saie ancora?  C.A.C sta per   Collettivo Autonomo Contrabbandieri. Una delle maggiori costituzioni di Napoli e dintorni. ‘Gnurante!’Mbarete!

VICENZINO:    Ah! Pe’ l’anema e patema.

Scena VII Detti e Peppino

(bussano, Vicenzino va ad aprire)

VICENZINO:    Don Rafè, è’ Peppino.

DON RAFFAELE:     E fallo trasì, ch’aspietti..

entra Peppino con un cartello che reca la scritta : Il contrabbando non si tocca- Malboro-Luchi Straiche-Muratti-Pallemall- Riunione del CAC 1l 16/1 al Salone Sciacquapennielli).

PEPPINO: (è un poco balbuziente)   Buongior…no a vuje.

DON RAFFAELE:     Tu stai qua? Cu stu cartiello ‘n mano. Non ti avevo detto e’ fa pulizia a o’ magazzino?

PEPPINO:         Eh, l’a….ggio fatta, ma poi, quando a…ggio veruto ca nun ce steva cchiù nien…te a fa’ me ne so’ ghiuto o’ Cafè Pa..paris. Maronna! Ce steva na’ folla ‘e cumpa…gne nuoste, ma erano accussì ne…ne…rvuse, ca io me ne so’ ju…to subbito. M’aggio piglia….to o’ cartiello e me ne so ve….nuto ca.

DON RAFFAELE:     Hae fatto buono. Assettate.

PEPPINO :                 Ma nun saccio come ve l’aggia a dicere…nun è tu…tutto.

DON RAFFAELE:     E parla! T’aggià a tirà e parole ra ‘a vocca?

PEPPINO :        Il fatto è…. ca  o’ Bar….. era arriva…ta la notizia….. che al ma..ma…gazzino nostro è arrivata la Fina..nza e ha messo i sigilli e ha sequestrato tutt’ cose. Io m’aggio salvato per miracolo.

DON RAFFAELE:     Sangue di Bacco! Pure chesta ce vuleva! Mo stammo veramente ‘nguaiati! Nun tenimmo manco l’uocchie pe’ chiagnere.

DON CARMINE:       Il destino si accanisce sugli indifesi. Questa è la fine! Ma io mi domando e dico: Si ‘o Stato avesse ‘a sistemà   cinquantamila persone quanto gli costasse? E siccome stu buono lavoro lo Stato non glielo dà, ‘sti cinquantamila cristiani che avessero a fa? avessero a ji a rubbà? Non hanno ancora capito che a Napoli il contrabbando è na grazzia ‘e Ddio, la pane a cea di tutti mali. Noi mica arrubbammo, ci opponiamo solamente all’ inutile rapina di uno Stato ‘ncannaruto. E in più facciamo girare l’economia della città. Senza ‘e  nuje Napoli sarebbe ‘na desolazione.

DON RAFFAELE:     E mò? Senza chella poco e’ robba nun putimmo fa niente. Prima di trovare un altro carico passerà  poco poco ‘na semana.

DON CARMINE: Bisogna sentire primma ‘e subbito Jack o’ mericano !

DON RAFFAELE: A questo ci penso io. Ma pe’ tramente?

PEPPINO:                  Don Raffaè, però ci sta ancora il ca…carico ca rimanette n’coppa o motosca….fo  per via dello scio..pero e si deve levare a….sinnò piglia di umido, e se ‘nfraceta!

DON RAFFAELE:     E’ overo! Proclamiamo la fine dello sciopero e jammucello a piglià.

DON CARMINE:       E per forza! Bere o affogare! Per il momento c’avimm piegà, ma non ci spezzeremo mai.

PEPPINO:          Sì, sì. Nun ce so  altre native.

VICENZINO:    Scusate Presidè’. Ma nuje sti cartune ‘e sigarette  doppo che ‘e pigliammo a coppa o’ motoscafo addò e mettimmo?

DON RAFFAELE:   Già! Addò e mettimmo?

DON CARMINE: Addò e mettimmo?

DON RAFFAELE: E putessemo mettere a casa tua, Vicenzì.

VICENZINO:    Sapete il rispetto che vi porto ma non se po’ fa! Io tengo ‘na cammara sola,  ‘a mammà dinto ‘o lietto, ‘e muglierema  è nu poco chiattulella, voi la conoscete. Avessema a caccià e lietti e durmì  n’coppa ‘e casse.

DON RAFFAELE:     Peppino nun tene manco na casa. Dorme a o magazzino e Zi’ Totonno.

DON CARMINE: Rafè, l’avimmo  a  mettere qua!

DON RAFFAELE: (si guarda intorno pensieroso)     Ma che site sciuto pazzo! io che sono l’organizzatore  d’o bisiniss sono più di tutti nell’occhio della Finanza. Se me le metto qua rischio di essere pigliato con la rrobba sotto o’ culo.

DON CARMINE:       Bere o affogare Rafè. Faremo il trasporto questa notte stessa.   Ai lati d’o vico mettimmo  due comparielli nostri e cerchiamo di fare zitto zitto, tanto fa friddo e nisciuno sta n’coppa a ‘o balcone..

DON RAFFAELE:     Sì, facimmo accussì. Allora, voi due stasera andate al motoscafo, pigliate ‘e casse col carretto senza farvi vedere e le portate qua. M’arraccumanno, non vi fate sentere ‘a nisciuno. Alle nove. Puntuali!

DON CARMINE:       Allora io me ne vado. E visto che lo sciopero è fernuto  aggi ‘a sapè  che ne pensa il popolo e dare gli ordini necessari, per  proseguire sta caspita ‘e attività, come dicite vuie nu poco sdegnoso…..fuori del normale.

VICENZINO:    I miei rispetti Don Rafele.

PEPPINO:         Se...servo vostro.(Escono Vicenzino, Peppino e Don Carmine.)

Scena VIII    Angelina Don Raffaele Isabella Carolina

ANGELINA: (entra) Il consiglio delle volpi ha purtato nu poco e galline?

DON RAFFAELE:     Sempre spiritosa! Pe’ mo le cose se stanno mettenno malamente. Vire ca stasera, per cause di forza maggiore, amm’a purtà qua certe cartune ‘e merce. Solo pe’ quacche juorno in attesa ‘e truvà n’ ato magazzino, pecchè quello che tenevamo è stato sequestrato.

ANGELINA:     Qua! Ma site proprio rimbambiti tutti quanti. ‘Int ‘a casa mia? Accussì se vi pigliano ‘nchiurono pure a me e figlieta. Sui giornali si leggerà: “Le donne della mala, madre e figlia arrestate insieme a marito e padre  contrabbandieri ”. Io di me me ne  frogoleo, ma figliema no, chella non s’e po’ arruvinà!

DON RAFFAELE:     Tu nun te ‘a preoccupà. E’ questione ‘e poco tiempo. L’importante è che v’avita sta zitte, chè le voci corrono e le sorprese sgradite  possono arrivare da un momento all’altro.

(Bussano alla porta- Angelina va ad aprire- Isabella e Peppino)

ANGELINA:     Ah, Donna Isabella, trasite. Che dite, qual buon vento?

Donna ISABELLA: alterata                   Don Rafele, Donna Angelì salutiamo. O’ viento… è viento è tempiesta. Avite a sapè ca tant’ anni fa  Vicenzino … e fratema Peppino,  campavano e’embruoglie. Quanno s’ha spusato cu me ha sentuto ‘a responsabilità della famiglia, ha lassato la vita malamente e s' è miso, onestamente,  int ‘e sigarette, e ‘o stesso ha fatto fratema. Je aggio tirato un sospiro di sollievo, pensando che era arrivata finalmente ‘na vita normale. Ora per via e’ stu sciopero sti ‘dduje so’ messe strani pensieri ‘nta capa. Chesti prima o poi vanno a rubbà nata vota, e poi li chiudono  a Poggioreale pe’ na’ mappata d’anne. E nel frattempo la sottoscritta medesima  qui presente se more e’ famme.

DON RAFFAELE: Ma no, quando mai!  vostro marito nun è accussì sciemo.

                            E manco Peppino.

PEPPINO:                  Eh come no!

DONNA ISABELLA: Se non rifila ‘a faticà, mio marito Vicenzino è capace e fa na’ fesseria, e pure stu turso e fratema  farà comme a isso. E’ overo Peppì?

PEPPINO:         Io faccio sempre chello ca dice Vicenzino.

DONNA CAROLINA: Che v’avevo detto! Vui l’avite a capì ca senza faticà onestamente nun se campa. Maritema s’è proprio scucciato. Va jenno pe’tutti e vicoli in cerca e’ arrangià quaccheccosa. Se poi non trova niente se ne vene nervuso ‘a casa. Figurateve che l’ata sera facettemo questione e a ‘nu mumento m’o vero cu na  mano aizata  contra ‘e me. E quanno mai. Accussì nun se campa chiù.

DON RAFFAELE:     Donna Sabbè, non vi preoccupate, presto si ricomincia il lavoro. E pe’ mo, ringraziate a  S.Gennaro.  Del resto, ‘o sapimmo, nuje faticatori de’ sigarette stiamo alla rovina, alla popolazione nun glie passa manco pa’ capa e l’unico ca ci guadagna  è o’ govierno.

DONNA ISABELLA:          Cheste so’ parole sante. O’ governo ‘ngrassa e ‘nvece o’ contrabbandiere è malepatuto.

DON RAFFAELE:     Ma faciteme nu piacere però, nun  o’ffate sentì a  tutte quante.  Int ‘a cheste cose ci vuole discrezione. La ….”radio” del quartiere, capiamoci bene,  non ‘a da da’ ‘a  nutizia.

PEPPINO:         con aria interrogativa Essa, Sabella, no, a radio manco, se vulite ce penso io a dicere sta cosa a tutte quante.

DON RAFFAELE: Statte zitto tu e nun piglià iniziative.

PEPPINO:         Và ‘bbuò, va bbuò.

Donna ISABELLA:    Avimmo capito e ringraziammo ‘a Maronna pure stavota,  ma io so venuta cà  pe’ addimannà, pe’ tramente, si fosse possibile, n’anticipo sui futuri guadagni pecchè a casa mia nun ce sta ‘e che mangià. Non un regalo, ma un anticipo.  Don

                          Rafele  abbiate pietà, tenimmo tre guaglioni. Fino a mò l’aggio potuti tenè quieti, ma mo nun saccio chiù c’aggia a fa.

PEPPINO:         E’ puro a me quaccheccosa, tengo na famme.

ANGELINA:     Mi dispiace,  ma qua  pure nui abbiamo decretato la sospensione dell’attività masticatoria. Mi spiego meglio: pure int ‘ a sta casa  non si mangia.

DONNA ISABELLA:          Ah. Pure vuje state ‘nguaiati. Ma che bruttu mumento. Maronna mia pensaci tu! Don Rafele, m’arraccumanno pure a vuje, non ci facite fare la fine del cavallo di Monsignor Perrella!

DON RAFFAELE: E che facette stu cavallo?

DONNA ISABELLA: Quando imparò a non mangià, murette!

ANGELINA:     Non vi preoccupate Donna Isabè, quando mai vi abbiamo  abbandonato, tra puverielle ci si dà una mano, nu pere e….

Donna ISABELLA:    Questo è overo, si nun fosse per Don Rafele, ne avremmo visti assai di brutti momenti comme a chesto.

ANGELINA: si fruga in tasca       Pigliateve ‘ste cincheciento lire pe’ e guagliune, creriteme, è tutto chello ca ve pozzo dà.

DONNA ISABELLA:          No grazie, le cincheciento lire tenetavelle. E come ve putessemo levà l’ultimi solde ca tenite?

DON RAFFAELE:     Ora scusateci Donna Isabella, stiamo aspettando una visita molto importante. Non per comando, mi capite? Anzi, se vostro marito è in casa vengo ‘nu momento pure io perchè  c’aggia a dicere ‘na cosa importante .

Donna ISABELLA:    Ma comme no Don Rafele! sempre serva vostra, e scusate se io e Peppino, ambo e due, vi abbiamo addimannato denari in questo frangento accussì brutto.

PEPPINO:         Salutiamo Donna Angelì, servo vostro. Escono

ANGELINA:     Ma vuie verite? Chi l’avesse mai ritto? A gente vene a chiagnere iessa addu me. Addu me, ca songo a cchiù scumbinata e tutte quante….

Scena IX  Angelina Don Raffaele Rodolfo Lisetta

(Angelina è sola, rassetta- Bussano, va ad aprire)

RODOLFO:       La famiglia Bellezza? E’permesso?

ANGELINA:     Prego, prego. Lisetta vieni, mi sa che ci sta  quel giovine  di stammatina, trasite.

LISETTA: (entra) Rodolfo, sei venuto, e che piacere vederti.

RODOLFO:       Il mio non è un piacere, è una gioia.

ANGELINA:     Accomodatevi, non fate complimenti.  Si siedono

RODOLFO:       Grazie signò, lieto di fare la vostra conoscenza. Permettete che mi presenti. Il mio nome è Rodolfo Paolillo. Per caso questa mattina, un piccolo incidente alla scarpa di vostra figlia mi ha

                          dato la possibilità di  conoscerla e ne sono subito rimasto incantato. Devo dire che ora che ho visto la mamma non mi meraviglio più. Con tale madre la figlia non poteva che essere un angelo sceso dal cielo.

ANGELINA:     Oh, come siete gentile. Questi complimenti a me so’ esagerati assai, mo’ me facite addiventà tutta rossa. Lisetta invece ha una sua grazia particolare e poi, non lo dico perché è  figlia a me , ma è veramente ‘na bona guagliona e si fa ben volere da tutti. Nel quartiere tutti le vogliono bene.

RODOLFO:       Questo l’avevo capito al primo istante. E’ veramente una rarità oggi, incontrare persone aggraziate, serie ed oneste, del tutto fuori luogo in questi quartieri un poco degradati.

ANGELINA:     E’ overo, l’onestà chi la conosce più, siamo circondati da mariuoli. A n’atu poco li teniamo pure in casa.

RODOLFO:       Ma l’importante, per un giovane di sani principi come a  me,  è entrare in una casa onesta e ora che ho conosciuto anche a voi sono sempre più   convinto di trovarmi nel posto giusto. La cosa in cui credo fermamente è che la giustizia trionfa sempre prima o poi e ai disonesti non dà scampo.

ANGELINA:     Ehm! Già, già. (fa una smorfia) Ma dal vostro accento mi sembra di capire che voi non siete di Napoli, come mai vi trovate qui?

RODOLFO:       Per la verità sono di Sorrento. I miei genitori gestiscono un piccolo albergo in riva al mare. Mio padre voleva tanto che restassi con lui per dargli una mano,  ma io non sono portato per quell’attività. Perciò alcuni anni fa, terminati gli studi,  sono partito per il Nord in cerca di fortuna.

ANGELINA:     Ah, e di che cosa vi occupate, se non sono indiscreta?

RODOLFO:       Io…. mi occupo …. di tutelare ….gli interessi economici di una grande società.

ANGELINA:     Ma che meraviglia! E questa società ha sede qui a Napoli.

RODOLFO:       La nostra sede di Napoli è in… Viale 2 giugno, ma abbiamo sedi in tutte le città d’Italia. Figuratevi che io, prima di qua, sono stato a Genova, poi a Trieste e anche a Roma.

ANGELINA:     E bravo, vuje site nu’ zucchero.

RODOLFO:       Macchè signora, faccio solo il mio dovere.

LISETTA:          Mammà, basta non inquietate più Rodolfo, non gli fate il terzo grado, altrimenti scappa e non torna più.

RODOLFO:       No, no le parole di tua madre mi fanno veramente piacere, è giusto che voglia sapere tutto di questo intruso che è capitato come un fulmine a ciel sereno in casa vostra. Ora non mi resta che di conoscere tuo padre, già me lo immagino,  sarà sicuramente una degnissima persona.

ANGELINA:     Ehm… mio marito è andato da un suo  collega di lavoro per sistemare una faccenda, ma a momenti  ‘o verite  arrivà.

RODOLFO:       Ah, bene, e di che cosa si occupa vostro marito?

ANGELINA:      Ehh… spedizioni, trasporti. Gli affari in questo momento non vanno molto bene per via della concorrenza, ma preghiamo la Madonna che le cose si acconciano.

RODOLFO:       Ah, come mi dispiace,  sarà un problema passeggero, vedrete che tutto si risolverà per il meglio. Ma tu Lisetta, pure tu lavori?

LISETTA:          La mia passione è la moda, mi piace tanto disegnare vestiti. Per il momento devo accontentarmi di lavorare in una piccola sartoria vicino a Piazza Dante. Però ho disegnato molti   abiti  a certe    signore  e sono rimaste   contente assai.

RODOLFO:       Ma è proprio una bella professione e vedrai che in un prossimo futuro certamente avrai le grandi soddisfazioni che meriti.

ANGELINA:     Ma prego, posso offrirvi nu’ bicchierino e’ rosolio?

RODOLFO:       Non vi disturbate , io sono pure astemio.

ANGELINA:     Allora nu’ poco e pastiera ‘e grano fatta co’ le mani mie.

RODOLFO:       Vi prego di non considerarmi antipatico signora, ma dopo aver incontrato vostra figlia ho incontrato un collega e questo mi ha voluto offrire per soverchieria  un’altra  pizza, cosicché ora sono proprio sazio.

ANGELINA:     E a pastiera va’ stipate, ve la conservate per dopo.  Ma vostra madre, quanno facettee a vuje che n’ce mettette?

RODOLFO:       Troppo buona signora, e dite bene voi, se io sono nu’ buono guaglione è merito solo dei miei genitori, che sono due angeli.

ANGELINA: (tra sé  Proprio com’a nnuje)     Io e’ vulesse acconoscere sti genitori, quanto so’ belli.

RODOLFO:       Non mancherà certamente, giustappunto mia madre è qui a Napoli da una sua sorella.

ANGELINA:              E portatela qua. La casa è quello che è, ma noi vi offriamo tutto il nostro cuore.

RODOLFO:      Mi fate commuovere, signora. Ma adesso purtroppo me ne devo andare, anche se non vorrei separarmi da Lisetta e sì, diciamolo, anche da sua madre che è così simpatica.

Entra Raffaele

DON RAFFAELE:     Buongiorno, scusate, con chi ho l’onore.

RODOLFO:       Rodolfo Paolillo, molto piacere. Scusate questa mia irruzione  fuori luogo, avrei dovuto mandare un biglietto per  avvisarvi. Ma la verità è che mi premeva di fare la vostra conoscenza.

DON RAFFAELE:     Ma   figuratevi,  il piacere è tutto nostro.

RODOLFO:       Oggi ho conosciuto   vostra figlia e ne ho avuto subito una splendida impressione. Oserei dire che sono stato folgorato sulla via di Damasco.

DON RAFFAELE:     Via  Damasco? Qua a Napoli?

RODOLFO:       Ah, Ah. Voi scherzate. Mi riferivo al passo biblico.

DON RAFFAELE:     Neanche stu…. Passo biblico mi risulta, qua a Napoli. Angelì tu i conosci sti posti?

RODOLFO:       Ma che uomo di spirito. E’ raro trovare una persona di intelligenza così pronta, allegra e ottimista. Siete proprio una simpatica famiglia.

DON RAFFAELE:     Ma, veramente, caro il mio giovane, in questo momento non c’è di che stare allegri.

RODOLFO:       Sì, vostra moglie mi ha detto che avete qualche difficoltà con le spedizioni. Vedrete che presto la situazione migliorerà e i traffici riprenderanno più intensamente di prima.

DON RAFFAELE: (guarda con aria interrogativa la moglie)      E comme no! Contiamo di rimetterci in sesto al più presto, anche se al momento siamo praticamente senza lavoro.

RODOLFO:       Ah, che disdetta! Io, come stavo dicendo a vostra moglie, sono costretto mio malgrado ad allontanarmi perché il dovere mi chiama.

DON RAFFAELE:     Il dovere innanzitutto. Ma vi prego, ritornate presto a trovarci.  La nostra casa è sempre aperta per voi.

RODOLFO:       Non mancherò per tutto l’oro del mondo e la prossima volta, vedrò di portare anche a mammà mia. Arrivederla, signora, i miei rispetti Don Raffaele, ciao Lisetta, a presto. Convenevoli fra i fidanzati esce

Scena X  Don Raffaele, Angelina Lisetta

DON RAFFAELE:     Che bravo giovine. Ma ch’ha ditto? che mestiere fà ?

LISETTA:                   Ha ditto che cura gli interessi economici di una grandissima società con sedi in tutta l’Italia e i genitori hanno un piccolo albergo a Sorrento.

DON RAFFAELE:     Ah. Pe’l’anema e patema! Però!… Lisetta,  pare ch’hai fatto tredici o’ totocalcio! Ma non si sa mai. E’ meglio non cantare vittoria prima del tempo. Mo faccio piglià qualche informazione , so io chi mettergli alle calcagna.

ANGELINA:     Eh chi ha da essere, o’ Dottor Jekill! Primmo se vere subito n’faccia che è na brava persona, e poi basta sentirlo parlare pe ‘ capì che nun è nu mariuolo.

DON RAFFAELE:     E a faccia mia comm’è? Io che faccia tengo, chella e nu malamente?

ANGELINA:     Tu nun si nu malamente Rafè,  ca si ffusse io nun starria ancora ca’. Ma tu, all’età tua,  avesse a truvà ‘e faticà  e nata manera. Che vita è chesta nostra e a toia, sempre annascunnuto, in mare ‘e notte co’ a Finanza che te corre appriesso.  Alla gente io c’aggia   dicere ca mio marito è un imprenditore di spedizioni.

DON RAFFAELE:     Mah, e si a putesse truva n’ata cosa a fa! Ma ca a Napule che ce sta? M’aggia a mette a tirà e carrette a o’ mercato o a fa e’ scartiloffi a e’ turisti?

ANGELINA:     Pure a carretta fosse meglio, ma o scartiloffio nun è pe’ te. Nun te ce vero proprio a te che dai al forestiero nu pacco chieno di mattuni al posto  ‘e quello overo? Ma famme o’ piacere!

LISETTA:          Ma no, papà merita qualcosa di meglio. Non è uno scaricatore, né un  ‘mbroglione. Certo, quando Rodolfo saprà  ‘e che  vivimmo  nun se farà cchiù vedè , e io questo non lo potrò sopportare.

ANGELINA:     Mo’ ch’ a fortuna tua sembra arrivata int ‘a sta casa nun ‘o  putessi suppurtà manc’io.

DON RAFFAELE:     Avite proprio ragione.

Scena  XI  Don Raffaele,  Jack

Bussano forte alla porta- Raffaele apre -appare Jack, tipico gangster, entra in silenzio, minaccioso.

JACK:                Proprio you, cercavo.

DON RAFFAELE:     Ah, tu qua? Angelina, Lisetta, fateme ‘o piacere, jatevenne di là. Aggia a parlà cu stu ….. signore. Escono ma Angelina origlia dietro la porta.

JACK: si siede con aria da padrone        Don Rafael, forse non vi siete accorti che la situazione è grave, avete scherzato col fuoco, e senza neanche avvertirci.

DON RAFFAELE:     E che pe’ smette ‘e  faticà dovevamo fare la dichiarazione di sciopero?

JACK:               Strike, strike, sono venuto a dirti che tu e quel tuo suoggero president, con questa farsa di sciopero avete procurato many many danni all’organizzazione. Avete voluto insistere troppo e da Chicago ho ricevuto ordini di dare una punizione esemplare, to you!

DON RAFFAELE:     Ma nuje l’abbiamo fatto solo per poter lavorare in pace. Per dare un segnale alla Finanza, ca ci sta ‘ncoppa ‘e spalle. Se lo sciopero riusciva era meglio pure pe’ vuje, avremmo potuto fare tanti più carichi.

JACK:               Questo non  mi interessa. Avevate fatto un accordo tra uomini d’onore, e gli accordi si devono rispettare. Ora pagherai tu per tutti.

DON RAFFAELE:      Ohè, Jack tu ‘o ssai ca io tengo moglie e figlia, song’ommo d’onore, e vui  dell’organizzazione ’o ssapite.

JACK:               Troppo tardi, l’organization si è stancata di te e mi ha dato ordine di affidare the traffic of cigarettes ad  altra gente più       fidata, perciò  ora siete fuori dal giro. Se non l’hai capito sei disoccupato.

DON RAFFAELE:     E come aviss’ a campà?

JACK:               Ah, no problem campare, pecchè io, Jack l’americano prendo un provvedimento esemplare. Un colpo alla tempia and go! Scegli:  tu  o il suoggero.

DON RAFFAELE:     Ma chello e nu’ povero viecchio ca non c’entra ‘e niente.  Truvammo n’ata soluzione, farò tutto quello che vulite.

JACK:               Ora venite a chiedere pietà, dovevate pensarci prima. (pensa) Con quella gente non si scherza. ….Ma, ora che ci penso una cosa ci stesse, e tu, prima di questo sciopero sei stato una persona fidata. Tengo un mio bisiniss al di fuori dell’organization,  very very important. Se mi aiuti sono disposto a dimenticare e a dire a quelli là in America che la faccenda è sistemata.

DON RAFFAELE:     E quale sarebbe, parla. Faccio tutto quello ca vulite.

JACK:               Un carico very small, appena una diecina di piccoli pacchettini, ma guai a you, se qualcosa va storto. Vengo qui e ti ammazzo davanti a tua moglie e a tua figlia.

DON RAFFAELE:     Ma che d’è sta robba. Che me vulite fa fa? Aggio capito. Io e cose brutte nun è faccio. Na’ cosa e a sigaretta, ma st’ eroina cocaina e purcarie  varie tenetavelle. Io non sono ‘nu malamente, e il contrabbando l’ho fatto per necessità.

JACK:               All right, visto che non vuoi colaborare, pagherai di persona. Ti do one day per pensarci. Mi aggio spiegato? Un giorno solo.

DON RAFFAELE:     Eh Madonna do’ Carmine, sulo st’affare tieni? damme n’ata possibilità.

JACK:               Sì, ti potrei mandare a vendere aspirapolveri? Ti piacerebbe? ….Ci vediamo presto Don Raffaele, e forse per l’ultima volta. Pensaci bene. Fa il segno di tagliare la gola. esce

Scena XII  Angelina, Don Raffaele, Don Carmine

ANGELINA:     entra Gesù, Giuseppe e Maria aiutatece vuje. Rafè aggio sentuto ogni cosa. Mo che facimmo? Si stato nu’ grand’ommo, ‘e salvato a patema, nun hai vuluto fa purcarie, ma mo’ chillo t’accide! Madonna mia santissima che guaio! piange

DON RAFFAELE:     Se vere che è venuto  o’ momento ‘e pagà ‘o cunto co’ a vita pe’ tutto chello c’aggio fatto fino a ‘mò. Mò diceva sempe pateme: Rafè, meglio muort ‘e famm, cà omm ‘e nient!

ANGELINA:     Rafè, ma tu ‘o vero faie? Ma poi ch’ ‘e fatto ‘e male? ? Ma a chi hai acciso? ‘O cuntrabbando ‘e sigarette… e allora? Chesta vita è ingiusta… paga sempe ‘a povera ggente. Ma tutti stì ricchi cà mandan ‘e miliun ‘a Svizzera.. chill null’arrestano maie???

DON RAFFAELE:     Se io avesse tirato ‘o carretto tutta a vita, mo, fossimo ugualmente poveri, ma tranquilli, e soprattutto vivi.

ANGELINA:     Confidiamo na’ Madonna.

DON CARMINE: entra       Rafè salutiamo.

DON RAFFAELE:     Salutiamo.

DON CARMINE:       E che d’è sta faccia.? Manco t’avessero minacciato e te taglià  ‘ngann!

DON RAFFAELE:     E fosse sulo pa’ ‘a gola mia, ca ce sta pure la rovina e ‘a famme per tutt ‘a famiglia!.

DON CARMINE:       E pecchè, ch’è successo ca non si può risolvere? Non esiterò a offrire un mio intervento e vedrete ca  tutto s’ accuoncia.

DON RAFFAELE:     Eh! Foss ‘a Madonna!. Qua si tratta degli americani. E’ venuto ca Jack. Quelli m’a vonno fa pagà per tutti i danni che gli abbiamo fatto con la prutesta d’e sigarette.

DON CARMINE:       E allora se l’avessero a piglià primma cu me.

ANGELINA:     Raffele si è offerto di sacrificarsi pe’ vuje.

DON CARMINE:       Bene! ..anzi no! Male, malissimo. Chelli po’  non si sarebbero vendicati  co’ nu povero viecchio comme a me. Ma so io c’aggia ‘a fà, andrò da Jack   ‘o ‘mericano e lo convincerò a cambiare idea. Fosse l’ultima cosa che facess ‘ngopp a ‘sta terra!.

ANGELINA:     Pe’ carità, padre, nun ve ce mettite pure vuje a complicare  e’ ccose.

DON CARMINE:       Cheste so’ cose che s’è deve sbruglià un esperto. Jack ‘o ’mericano è tuosto, ma ancora addà nascere ‘n americano chiù tosto e  nuje napulitane. Lassate fa a me.

DON RAFFAELE: Vi supplico, pa’ammor ‘a  Maronna, nun fate fesserie.

Scena XIII Vicenzino, Peppino, Jack

Luci spente – Vicenzino è’ sulla porta della  camera con uno scatolone- si sente la nota canzone di Celentano…: e nel buio senti sussurrar….

VICENZINO:    a voce un poco sostenuta        Peppi’ , sfaccimme, a ‘do staie?  .....a voce normale  Pure a luce se n’e juta! Si accendono le luci basse- è sera  Ah. È turnata.

PEPPINO:         Sto ca’, Vicenzì, sto ca’.   entra Mannag…gia a capa toja, t’eri scurda…to e tirà o’ freno a o’ carretto e se ne stava jenno abba…scio. Meno male ca’ l’aggio pigliato a tiempo. Va truvanno ‘a  chi glielo diceva a Don Rafe…le che o’ carico se n’era caruto e si era sparso per tutto ‘o vi…colo.

VICENZINO:    Ah, era a vota ca te pigliava a cavuci ‘nto culo!

PEPPINO:         A me?  A te! Questo dove lo me…tto?

VICENZINO:    La dinto  nun c’è sta chiù posto. Gli altri li dobbiamo mettere qua. 

PEPPINO:         Ma qua chiunque tra…..se  ‘e vere  sti  cartune, e cosa può pensare?

VICENZINO:    E ce mettimmo nu’ lenzolo a’ coppa. Jammolo a piglià ‘nta la camera. Finiscono di scaricare e vanno  a prendere il lenzuolo.

JACK:               entra con un pacco in mano. Si guarda intorno, apre un mobile e sistema al suo interno il pacco contenente  una polvere bianca. Esce

VICENZINO:    rientrano Macchè, nun ce sta ‘o lenzolo. Truvammo n’ata cosa,   na tuvaglia ‘e tavola, na tenda….

PEPPINO:                  Addo’ e tene  Donna Angelina e tuvaglie? Ah, forse ca’, ‘nta chesto mobbile. Apre,  la tovaglia è  sotto il pacco lasciato da Jack, allora lo prende e lo lascia sul mobile, poi prende la tovaglia dimenticando il pacco, chiude e coprono le casse.

VICENZINO:    Va ‘bbuò accussì può bastare.

PEPPINO:          rientrano Ma a chest’ora  Don Rafele e a muglie…ra pecché nun ce stanno, addò se ne so’ ghiu…te?

VICENZINO:    E che ne saccio io . M’ ha ditto che dovevano ij a accatta nun saccio che! Nu vestito me pare, pecchè adda venì ‘a mamma  ‘e chello   giovane c’ha canusciuto Lisetta, pe’ fà …‘na buona impressione.

PEPPINO:         Ah, a’mpressione, e chi ha da essere sta signo….ra, una nobbila? E come ce vene mmie….zzo a sti vicoli ‘e gente pu….veriella?

VICENZINO:    E che ne saccio io. A me che me ne ‘mporta.

   PEPPINO:        Be’, facimmo ambresso. Chiu….rimmo a porta e ce ne jammo.

  VICENZINO:    Iesci tu, ca io ‘stuto ‘a luce e chiuro  ‘o purtone.

   Esegue , escono, buio

VICENZINO:    Fuori scena Ah, site ca’ Don Rafele, nuje avimmo fernuto mo mo.  Buonanotte  a vuje!

   DON RAFFAELE: Grazie Vicenzì, grazie assai. Bonanotte.

 

Scena XIV   Angelina, Don Raffaele Lisetta Don Carmine

Altro rumore di chiavi, apre portone, accende la  luce. Entrano con pacchi in mano e si siedono

ANGELINA:       Ah, me fanno male ‘e piedi p’a stanchezza. Quacche cosa usata e a    poco prezzo    però l’avimmo truvata.

DON RAFFAELE:     Erano l’ultimi denari! E doppo che ne sarà ‘e nuje?

LISETTA:          Papà, nun essere  triste, non devi smettere di sperare. Il Padreterno non ci abbandonerà.

DON CARMINE:       entraQualcuno ha nominato la parola Padreterno? Eccomi qua, io non vi abbandono.

ANGELINA:     Ma patema è proprio ‘nzallanuto!

DON RAFFAELE:     Si parlava del Padreterno,  quello che sta la ‘ngopp non di voi che ancora non siete eterno.

DON CARMINE:       No, no! E che, mi volete beatificare da vivo?

ANGELINA:     Aggio capito: Patemo nun ce sta chiù ‘ca capa!.

LISETTA:          Oggi, caro nonno è venuto a trovarci Rodolfo che è tanto nu  bravo giovane e me pare che me vole bene assai. Siccome ha ditto che presto porterà qui sua madre, siamo andati a comprare qualcosa da mettere addosso per fare un po’ di bella figura. Mo vado a posà la robba di là. Lisetta va nella camera

DON CARMINE:       Ah, per questo tutte ‘ste spese!

ANGELINA:     Il canto del cigno, chello che canta e poi muore. Ovvero l’ultima carta. Se ‘o destino se presenta co’ l’asso ‘e briscola sulo a croce ce putimmo fà.

DON RAFFAELE:     Ma sta catasta qua ch’erè? Scopre la tovaglia.

ANGELINA:     ‘E sigarette!

DON RAFFAELE:     Ma quanto so cretini chelli doje. Qua l’hanno misse.

LISETTA:          rientra Per forza papà la camera la dinto è piena di cartoni.

DON RAFFAELE:     Ah, la dinto è chino ‘e robba? Ma qua nun sta bene, se qualcuno ‘e vere?

DON CARMINE:       A fine de’ cunti so’ solo sigarette, mica tenimmo droga in casa. Se quaccuno ‘e vere c’offrimmo da fumà. Di una cosa per lo meno c’è abbondanza.

ANGELINA:     Assolutamente l’avimmo  annascondere, specialmente  a Rodolfo e a sua madre o simmo perduti. Se no l’unica bella novità che è arrivata ‘int a sta casa mette le ali e spicca il volo. E addio bel principe azzurro.

LISETTA:          Oh, No! mammà, no!

DON CARMINE: Copriamole bene e mettimmoci a’coppa nu’ bello soprammobile.

DON RAFFAELE:     Si, avite raggione,  Eseguono Ma dimani chiamammo n’ata vota a  Vicenzino e Peppino e i facimmo purtà  a n’ata  parte.

ANGELINA: vede il pacco    Rafè…… ma chello pacco l’è purtato tu?

DON RAFFAELE:     Quale pacco?

ANGELINA:     Chello….. là ‘ncoppa ‘o mobile!

Tutti si avvicinano, prendono il pacco lo portano sul tavolo -  guardano

DON RAFFAELE:     Forse l’ha purtato Vicenzino. Ma ch’rè? apre uno spiraglio infila il dito annusa Jack!  Maronna mia, chesta è droga!

 TUTTI:           Droga!??!

ANGELINA:     E perché sta ca? che vole significà sta cosa? Chello ce vole fa fessi a tutti quante.

 

Scena XV  Detti Isabella Carmela e Carolina

Bussano ripetutamente e rumorosamente

ANGELINA:     E chi sarà a chest’ora e’ notte?  Oh anime sante del Purgatorio aiutatece vuje.

DON RAFFAELE:     E’ arrivata ‘a Finanza!

DON CARMINE:       So’ arrivati  i Carabbinieri!

LISETTA:          E’ arrivata ‘a Polizia!

ANGELINA:     E’ arrivata la fine!! Voi, mettetevi davanti alle scatole e fate finta di niente. Tu Lisetta mettete’nnanze ‘o pacco.

La porta si apre lentamente  cigolando …..  terrore , non si vede nessuno.

ISABELLA, CARMELA, PEPPINO :    improvvisamente entrano con le cartelle in mano e i sacchetti Angelì, Angelì, allora, sta tumbulella, a vulimmo fa o no?!

ANGELINA:     Oh madre santa, me l’ero scurdato! Si abbandona su una sedia

BUIO      FINE 1° ATTO


                                               II ATTO

 Stessa scena del I atto. E’ la mattina del giorno seguente.  Angelina entra in scena con un pacco simile a quello della droga. Sostituisce quest’ultimo nel mobile  e nasconde la droga fuori,  dietro all’altarino della Madonna . Rientra in scena. Gli abiti sono quelli comprati la sera precedente.

Scena I  Don Raffaele, Angelina

ANGELINA:     (tra sé) In casa mia quella roba non la voglio. Mo' me sento meglio, poi si vedrà.  Rafele, vienite a piglià ‘o ccafè!

DON RAFFAELE:  (Entra) Angelì, stanotte nun aggio potuto durmì. Mille  penzieri me giravano ‘nta capa e uno chiù strampalato e chell’ato.

ANGELINA:     A me ‘o ddici!

DON RAFFAELE:  Ma la notte porta consiglio. Alla fine, proprio ‘nta matinata,

 quanno stavo pe’ piglia sonno, m’è venuta n’idea formidabile.

ANGELINA:     Sentiamo, sentiamo st’idea formidabile.

DON RAFFAELE: Penza ca ti ripenza a chello ca ‘nce  putessemo ‘nventà primma e stasera, e dato ca quel fetente ha ditto ca m’accide (si interrompe, confuso) si nun faccio chello ca dic’isso, (tra sé) ma poi m’accide overamente o me vuleva sulo mettere appaura?  Mah! A me  me pare ca chello è nu guappo ‘e cartone. No, nun po’ esse che fa certe fesserie. L’americani so’ sempe stati gente fidata. Nun c’è stato mai da discutere …..so’ solo parole.

ANGELINA:     (spazientita) Rafèè ….Allora?

DON RAFFAELE:(Spavaldo) Ah! Sono arrivato alla conclusione che Don Raffaele Bellezza nun se mette appaura accussì facilmente e se le cose si mettono male,  chillo strunzu, prima 'e fa quacchecosa, se poi l’avesse a fa,  se l’ha da verè cu me. C’aggia a dare corda fino a domani, poi, in caso, ce stanno certe amici miei ca ce faranno passà a voglia ‘e sfotte 'a gente comm’a mme.

ANGELINA:     Ma t’o vulesse levà a ‘mienzo? Famme ‘o favore ferniscela. Nui nun avimmo mai acciso a nisciuno. Se isso sarà 'o primmo a lasciare questa valle di lacrime tu che pienze, che nun sarraie 'o secundo furtunato.... della lista degli  scomparsi?

DON RAFFAELE: Ma quanno mai, nun aggio mai penzato a chesto. Tu lassa fa a mme e nun ce penza cchiù ! Se trattasse solo de ‘na bella lezione.   (cambiando discorso). 

                            ‘O ssai, stanotte se pe’ nu mumento pigliavo suonno, tutte sogni                    scumbinate   e me  svegliavo n’ata vota.

ANGELINA:      Io ‘nvece me so ‘nzunnata ca n’auciello me correva appriesso e me muzzecava ‘int ‘e ccarne; io fuievo e me annascunnevo arreto a na muntagna e’ cartoni. Chesti  me carevano ‘ncuollo e asciva na muntagna e sigarette ca me seppellevano. Ma l’auciello me tornava a muzzecà, e alla fine  m’aggio   svegliata io pure . Saranno state e quatto d’a matina e da allora nun aggio cchiù potuto chiudere occhio.

DON RAFFAELE: ‘O veramente, ‘nu brutto sogno, un incunabolo! Siente tu come ‘o cerviello gira e arrivota co’ chello ca chiù le dà penziere.   Li cartuni so’ chelli d’e sigarette ca tenimmo  dinto ‘a casa e l’auciello ca te vola appriesso  è Jack. Tu te ne fuji ma ‘e sigarette te carono ‘ncuollo.

ANGELINA:      Ca ce volesse nu’ miracolo! Ma nun se ponno aspettà ‘e miracoli. Pigliammoce e’ curaggio e ce jammo  a cuntà tutto quanto a la Polizia.

DON RAFFAELE: Ma tu si’ pazza! Che ce vaco a dicere a’ Polizia? Commissà, chello fetente ‘e Jack me vole accidere pecchè c’aggio scumbinato o’ contrabbando de’  sigarette. Però nun m’accide si me metto a fa cu’ iss nu poco ‘e  traffico e ‘ droga. ‘Sta droga la teniamo già stipata ‘n casa ma è stato iss e nui non ci entriamo. Commissà, vui l’avite ‘a capì ca  i’ songo na persona perbene e  ‘o traffico ‘e droga nun o’ voglio fa. N’ommo ‘e specchiata virtù comme a ‘me nun se po’ mette co’chella gente.

ANGELINA:     Pure tu hai ragione, hai ragione.. Ce simmo cacciate proprio ‘inta a ‘nu brutto guaio. C’aggio penzato e penzato, ma nun aggio trovato ‘na via d’uscita. Sulo patema pensa ca se po’ truvà  ‘na manera  ‘e risolve’ ‘stu ‘mbruoglio.

DON RAFFAELE: Pateta nun se perde mai ‘e curaggio.

ANGELINA:     Ma, a proposito…. nun ‘o sento. Addò sta?

DON RAFFAELE:  Sta ‘int ‘a camera soja,  se sta vestenno. S’è   mmiso ‘n capo che ha da ji da Jack pe’ o convince a lassamme perdere e a ricumincià o’contrabbando comm’a prima.

ANGELINA:     E te pareva che ‘e na manera o n’ata, isso nun pensava ca era suo preciso dovere  ‘ncaricarse ‘e risolve la faccenna. Comme puteva sta’ senza  mettece vocca?

Scena II      Detti e Don Carmine

DON CARMINE: entra       Salute a vui, gente. Guè, e che so’ cheste facce e’     funerale. Un giorno radioso è sorto all’orizzonte di questa casata illustre.  Oggi il Presidente Paraguai vi risolve tutt’cose. Mo’ vaco a parlà co’ chello guappetiello senza cerviello e’ Jack ‘o mericano e lo convinco io.  A me non me pò dicere ‘e no. Io poi rappresento una categoria di lavoratori e le loro famiglie, per non dire di tutto il popolo di Napoli e dintorni.

ANGELINA:     Buum! Il Presidente del Sindacato Lavoratori del Fumo  va a contrattà col padrone della Fabbrica del tabacco. E ‘stu padrone chi fosse? Jack? No, padre mio nun jiate, tenete i piedi per terra ‘na vota tanto, chello è solo  nu fetente, profittatore e pericoloso.

DON RAFFAELE: Stateme a sentere a me! Già ve l’aggio già  ditto  e ve lo ripeto:    è una faccenda tra me e isso. Avete visto? E’ venuto a piglià ‘e  pietto a me, non a vuje.

DON CARMINE: Io sono il Presidente del Comitato, e di tutto chello ch’è succiesso sono io il solo e unico responsabile.  Nun ve pigliate  ‘e preoccupazione   ca saccio io come pigliarlo a chillo fetente. Nun ve ne incaricate che è cosa fatta, ce verimmo aroppo. esce

ANGELINA:     Mannaggia ‘a morte!  mo tengo st’atu pensiero pa ‘a capa. Avesse a cumbinà n’atu guaio.

DON RAFFAELE: E  chi ‘o pò sapè. Chillo fa sempre ‘e capa soja, c’aggio  parlato pure primma ma  nun ‘o pozzo  convincere. Tene sempre a convinzione ca se iss’ vole, po’ risolve tutt’ cose. E fino a mo, che t’aggia a dicere, ha fatto sempe ‘buono.

ANGELINA:     Fosse ‘a Maronna!  Sperammo ca nun combina n’atu guaio.

DON RAFFAELE: Speriamo.

ANGELINA: Ma a Vicenzino e a Peppino l’hai chiamate?

DON RAFFAELE: Si, si, mo veneno. Io però vulesse ij nu’ momento o’ Comitato a cercà chell’amici mei. Nun se po’ mai sapè.

ANGELINA:    E io pure voglio ascì. Voglio ji a’ chiesa a chiedere ‘a grazia a la Madonnella mia che m’assiste e me guarda ‘a là n’coppa. Essa, io ‘a saccio, non me po’ abbandunà!

Scena III     Don Raffaele, Angelina , Vicenzino, Peppino

Bussano

PEPPINO:         E’ pe..permesso? Buongiorno.

Aprono,  entrano Peppino e Vicenzino

VICENZINO:    Salutammo, i miei rispetti , Donna Angelina.

DON RAFFAELE: Ah,  trasite, trasite, assettateve.

VICENZINO:    Ma pecchè c’avete chiamato Don Rafè?  non vi è andato bene il servizio? Avimmo fatto aumma aumma. Ve posso assicurà ca nisciuno c’ha visto, e nisciuno c’ha sentuto.

DON RAFFAELE: V’aggio chiamato pecchè va be’ ca nell’ata stanza nun  c’era chiù posto, ma ‘sta robba ‘a ca s’ha da levà e‘ tuorno. Nun è ca se ponno  tenè e sigarette ‘nnanze a porta. A tutte chelle che traseno ce vulimmo fa verè a mercanzia?

VICENZINO:    Nuje aiere sera nun sapevamo chiù addò l’avevamo a mette’ sti cartuni.   Che putevamo fa?  Don Rafele, ce lo dovete dire voi c’avimm a fa.

DON RAFFAELE:  Arreto ‘a porta ce sta ‘nu sgabuzzino. Verite se a robba ce trase, ma stateve accorti  e nun ve faciteve verè ‘a nisciuno.

PEPPINO:         V..va buono Don Rafele,   o’ facimmo mo mò.    Don Rafè, ma se ‘nvece e’ spustà accà e allà ce mettimmo ca ffora cu na casciulella  e ce ‘e mettimmo a vennere?

DON RAFFAELE: Peppì, fa come t’aggio ditto e nun te fa venì strane penzate. Tu devi solo eseguire quello che ti si dice. Tu non ‘ai ‘a pensà, sei esimuto dal pensare.

PEPPINO:         E.. si.. muto?.... Va ‘bbuono… muto, stongo muto senza penzà.

DON RAFFAELE: Ma, ‘na cosa vulesse sapè. Iere a sera nun l’avete visto  ‘nu pacco  sopra ‘o mobile?

PEPPINO:         ‘Nu pacco ‘ncoppa ‘o mobbile?

VICENZINO:    Qua’ pacco? Nisciuno pacco.

PEPPINO:         Ah, si, si, come no! Ecco, ‘ncoppa no, chello steva ‘int ‘o mobbile. Io,  pe piglià a tuvaglia  l’aggio levato a ‘inta e poi me l’aggio scurdato ‘ncoppa.

DON RAFFAELE: Ah, steva into ‘o mobile? Quindi già steva alloco quando site arrivate. Mi raccomando, ‘e stu pacco nun ne fate parola cu nisciuno.

VICENZINO:    Sarete servito, Don Rafè. Hae capito Peppì?

PEPPINO:                  E come no! Che songo sciemo io?

DON RAFFAELE: Sentite, nui avimmo  ascì ‘nu mumento . Dinto ‘a casa non c’è sta nisciuno perché Lisetta è ghiuta a faticà , perciò fate vuje e poi tirateve a porta. Me raccumanno portate fora tutto. Me so’ spiegato.. tutto.

ANGELINA:     Prima guardate fuori, però. Si nun ce sta nisciuno portate fora tutt’ cose e l’annascunnite. C’a Maronna v’accumpagni!

VICENZINO:    Nun ve preoccupate, fate come si fusse già fatto. Ce penzammo nuje.

PEPPINO:         State tranquilli . Ce penza…mmo nuje, purtammo tutto ‘a fora.

Raffaele e Angelina escono

Scena IV    Vicenzino e Peppino

 Vicenzino e Peppino cominciano a spostare le scatole.

PEPPINO:         N’ata vota a spustà ‘sti  cartuni. Avanti e addereto. Accà  e allà. A nuje, carne e maciello,  ce tocca sempe  fa..ticà…. tanto, e magnà……poco.

VICENZINO:    Sposta, sposta Peppì ca’ dimane nun se sa se faticammo chiù.

PEPPINO:         E pecchè? Mo accumincia…mmo nata vota  co  ‘e…sigarette. Don Rafele ha ditto ca ‘a prutesta è fernuta, e pure Don Carmine l’ha ditto. Finalmente se mangia. M’aggia a fa na bella cofana e’ maccaruni.

VICENZINO:    Tu ce credi? …, a me me pare ca tira n’aria brutta assai. Don Rafele prima aveva ditto accussì ma poi ‘nvece m’ha ditto ca o’ traffico de’ sigarette ce l’hanno levato. L’americane se so scucciati e nuje. Perciò  avessemo a truvà e’  faticà da n’ata parte. Chi o’ ssape si quacche atro principale ce piglia a faticà cu’ isso?

PEPPINO:         Ma Don Rafele nun ce lasserà mmiezz’a na via, e ce mannerà ‘e sicuro a faticà co’ n’ato principale.

VICENZINO:    E certo! Don Rafele nuostro è n’ommo accustumato.

PEPPINO:         nel prendere una scatola fa cadere a terra il suo contenuto Santo dia..volone, mannaggia a’ ca…pa mia, a scatola era aperta. Tutto n’terra se n’è… juto.

VICENZINO:    Ah, Peppì, mannaggia a capa toja, ma comm’è ca ‘sti ccose capitano sempe a te. Come te move fai nu guaio. Tu c’avesse a spiegà ca teni a fa a capa?

PEPPINO:         A capa? Come ca a tengo a fa ...?  E che saccio io?

VICENZINO:    E t’o dich’io. Tu teni a capa  sulo pe’ spartere e’ recchie.

PEPPINO:         E fernescila, ha parlato o’ scienziato. Mo’ e co….coglio. Ma però invece tu, si’ chiù bravo tu, ca aiere sera e’ lassato o carretto senza  o’freno, e se ne stava scenne..nno tutto abbascio. Si nun c’ero io ca ‘o pigliavo a..vessemo fatto na bella sce..neggiata.

VICENZINO:    E pecchè l’avevo a mette io o’ freno? Tu nun ce stevi  pure?  Si trasuto ‘nta casa doppo e me. Mo’ fa ‘e pressa però, io veco si pozzo leva quacche cartune da ‘a cammera. Entra in camera.

PEPPINO:       raccoglie le sigarette e prende anche il pacco dal mobile . Don Rafele ha ditto, purtate  tutto ‘a fora e io  porto tutto  ‘a fora.   In quel momento si affaccia alla porta Rodolfo con lamadre. Peppino, confuso,gli mette quasi in mano il pacco, poi esce.

                            Rientra Vicenzino

Scena V  Detti, Rodolfo , Margherita

RODOLFO:       Buongiorno. Scusatemi signori, ma temo di aver sbagliato casa. Io cercavo l’abitazione di Don Raffaele Bellezza. Sono Rodolfo Paolillo.

VICENZINO:    No, signurì, non avete sbagliato. Chesta è a casa e’ Don Rafele. Nui simmo due amici suoi e stammo ‘cca pecchè avimmo a fa nu servizio. Don Rafele e a mugliera so’ asciti nu’poco ma mo’ tornano. Assettateve.

DONNA MARGHERITA: a parte           Mah, Rodolfo, dove mi hai portato?

RODOLFO:       Nun ve preoccupate mammà, so’ brava gente. Accomodatevi là su  chella seggia. E’ una casa modesta, ma sono persone perbene.

DONNA MARGHERITA:   Se lo dici tu, ci credo, figlio mio.

RODOLFO:       Ma…, state facendo un trasloco?

PEPPINO:                  No, si…gnurì, stamo spusta….nno i cartun de’…..de’

VICENZINO:    prende Peppino  per un braccio e lo scuote  Le scatole dei…biscotti. A parte E statte zitto, fa parlà a me.

RODOLFO:       Povero Don Raffaele, è proprio nu brutto momento. Non sa dove depositare la merce e quindi è costretto a tenerla in casa.

VICENZINO:    Solo per poco, signurì, fra poco riprendiamo a lavorare come na vota. Pare che la situazione sta migliorando.

PEPPINO:         A roba sta ccà pecchè o’ magazz…zino nuostro  ce l’hanno see…seeq

VICENZINO:    lo azzittisce Se….Seppellito.

RODOLFO:       Seppellito? Ma come seppellito?

VICENZINO:    Si…. seppellito,  no…è stato che ….al piano di sopra… ce steva n’atu magazzino e o’ padrone l’ha caricato e’ robba pesante assai ….e allora, aiere matina se n’è sceso tutto abbascio. Meno male che è succiesso a ‘e cinche e’ matina e sotto nun ce steva nisciuno.

RODOLFO:       Eh, dite bene . Meno male.

PEPPINO:         a Vicenzino Vicenzì, ma che vaie dice….

VICENZINO:    Statte zitto tu, ca’ nun saje niente.

PEPPINO:         Mah!..... o’ magazzino  se n’è caruto abbascio? Allora io nun’aggio capito proprio niente.

VICENZINO:    Come al solito Peppì.  Pecchè a teni a capa tu?

 PEPPINO:        trionfante Pe’…pe’ spartere e recchie, l’e’ ditto tu.

RODOLFO:       Ah, ah, che spiritosi! Hai sentito mammà, la testa non gli servirebbe ad altro che a tenere separate le orecchie…ah,ah. A Napoli ogni giorno puoi sentire  nuove battute, una più spiritosa dell’altra.

DONNA MARGHERITA:   Oh, si è veramente spiritosa. Rodolfo senti, la zia mi aspetta per fare delle spese. Pensi che dovremo attendere tanto?

RODOLFO:       Non credo mammà, queste brave persone hanno detto che Don Raffaele e la signora Angelina saranno qui a poco.

Scena VI    Detti, Don Raffaele

DON RAFFAELE:     Apre la porta Oh, … ma che bella sorpresa!

RODOLFO:       Buongiorno Don Raffaele, scusateci, la porta era aperta e ho visto questi due signori che stanno lavorando per voi. Io credevo di aver sbagliato casa ma invece loro ci hanno detto di entrare e di aspettarvi, che non avreste tardato molto. Vi presento mia madre, donna  Margherita Paolillo.

DON RAFFAELE:     Ah! voi siete la mamma di Rodolfo. Onoratissimo, signora. Ma non vi incomodate, restate comoda.

DONNA MARGHERITA:   Molto lieta signor Don Raffaele.

DON RAFFAELE: Signora, sono veramente dispiaciuto di accogliervi in questa modesta abitazione e con questa confusione, ma i miei amici mo’ fernescono e se ne vanno. Fate conto che da questo momento quel poco che ho, nonché la mia persona, è a vostra esposizione. Noi siamo gente modesta, ma di cuore.

DONNA MARGHERITA: Don Raffaele, voi mi sorprendete, mi confondete.

DON RAFFAELE: E’ il minimo che posso fare con persone come a voi. Mi dispiace che mia moglie è asciuta. E’ andata in chiesa a pregare, a domandare una grazia alla Madonna.

DONNA MARGHERITA:   Oh, anche lei, come me, è una donna timorata di Dio. Di questi tempi donne così non ce ne sono più.

RODOLFO:        Ma, se permettete, potrei dare io una mano ai vostri amici?

DON RAFFAELE: Non sia mai. Gli ospiti per me sono sacri. E poi è il loro  lavoro, lasciateli fare, anzi hanno già finito.

PEPPINO:                  Nui avimmo fe….rnuto.   So’ tutt’a posto…. ‘e  ssi…’e ssi…..

VICENZINO:    calca la frase dando una spinta a Peppino E si…ccome avimmo fernuto ce ne andiamo! Buongiorno signori.

                         

                          Jammuncenne Peppì! Salutammo Gli dà una spintarella. Escono

DON RAFFAELE: Scusateli, sono un poco rozzi, ma sono dei bravi cristiani.

DONNA MARGHERITA: Oh sì. Si vede che sono bravi uomini, onesti e lavoratori.

DON RAFFAELE: Mah, signora, come mai vi trovate a Napoli? Vostro figlio mi ha detto che siete di Sorrento.

DONNA MARGHERITA: Sono a Napoli per fare delle spese, ospite di mia sorella che abita a Posillipo. Rodolfo ha insistito tanto perché venissi a conoscervi. Dato che è un giovane con la testa sulle spalle, che mai ha preso una sbandata, mi sono convinta che ancora una volta ha visto giusto. Questa ragazza che ancora non conosco deve essere proprio un angelo. Non fa che parlare di lei.

DON RAFFAELE: E come no!  Lisetta non vi deluderà. E’ la soddisfazione di questa povera famiglia, l’unico raggio di sole che arriva ca dinto. Ora è al lavoro, presso una sartoria a Piazza Dante. E’ un impiego a cui tiene moltissimo e che le dà qualche soddisfazione.

DONNA MARGHERITA: Non vedo l’ora di conoscerla. Ma non solo lei, anche vostra moglie.

RODOLFO:       Vedrai mammà, la signora Angelina è proprio simpatica.

Scena VII  Detti, Angelina, Jack

Si apre la porta - in tutta questa scena  Rodolfo e Margherita daranno le spalle alla finestra

ANGELINA:     Oh, buongiorno, buongiorno, ma che piacere!

DONNA MARGHERITA: Ma lei è la signora Angelina! (si baciano)

ANGELINA:     Che piacere signora mia. Scusatemi, ero andata in chiesa nu’ momento, perché non mi aspettavo che arrivaste accusì presto.

DONNA MARGHERITA:   Scusate noi piuttosto, che siamo arrivati senza avvertire, ma mio figlio vuole precipitare le cose.

ANGELINA:     E si vede che è un colpo di fulmino! Ma anche da parte di Lisetta sa! Non l’ho mai vista accosì contenta. Vostro figlio mi ha fatto una  bella impressione. E’ un ragazzo d’oro, intelligente e con una posizione invidiabile.

DONNA MARGHERITA: Signora, detto da me che sono la madre potrebbe sembrare esagerato, ma vi assicuro che chiunque può dire di mio figlio esattamente le stesse cose che avete appena detto voi.

ANGELINA:     Si vede subito che è un giovane dabbene come ce ne stanno pochi. Ma Rafele, non hai  offerto niente  a Rodolfo e alla signora?

DON RAFFAELE: Oh, mi dispiace, ma avevamo cominciato a parlare così piacevolmente che me ne ero scordato.

ANGELINA:     Nu’ poco e ‘rosolio?

DONNA MARGHERITA:   Non vi incomodate, Angelina.

ANGELINA:     Ma per carità, pe nu poco ‘e rosolio! Prende rosolio e bicchieri e serve mentre Jack  si affaccia dalla finestra e guarda dentro minaccioso.

DON RAFFAELE: vede Jack- fa un piccolo gesto di disappunto e si mette all’angolo opposto, guardandolo.

JACK:               fa il segno di tagliare la gola

DON RAFFAELE: con voce tremante Questi… ragazzi sono…. fatti l’uno per l’altra. Tutti e duei buoni e….. giudiziosi.

DONNA MARGHERITA: Ma, Don Raffaele, vi trema la voce, forse vi sentite poco bene?

DON RAFFAELE:No, no, è solo  ‘nu poco ‘e commozione. Lisetta è la nostra unica figlia. Non so immaginarmi come sarà questa casa un giorno, senza ‘e essa.

DONNA MARGHERITA: E’ vero. Pure io, quando Rodolfo se ne è andato, mi sentivo completamente fuori di testa. Ma poi mi sono rassegnata. In fondo se ne era andato per il suo bene, perché teneva molto alla sua carriera. Speriamo solamente che presto possa avere un incarico più tranquillo, senza pericoli.

DON RAFFAELE:     Pericoli?

RODOLFO:       Ma no, mia madre intende dire che quando si hanno delle responsabilità e per di più si ha il  compito di intervenire con prontezza, c’è sempre qualche rischio da correre.

JACK:      continua a fare gesti minacciosi e indica il mobile

DON RAFFAELE:     Eh….. e chi  non lo corre qualche rischio. Io, per esempio, pur’io…sto passando i miei guai.

ANGELINA:     che ha visto Jack Rafele, che vai dicendo alla signora e a Rodolfo. Un brutto momento capita a tutti. Vedrai che passerà.

DON RAFFAELE: sconsolato, si tocca la testa  L’importante è raccontarlo.

RODOLFO:       Don Raffaele, voi siete un poco depresso a causa del vostro lavoro, e forse vi sentite  poco bene . Ma domani vi porterò a fare un bel giro a mare e vedrete che vi passerà tutto.

ANGELINA:     E bravo  a Rodolfo, pure per mare andate? E quando mi ci portate pure a me?

RODOLFO:       Ehm,…che sbadato,  purtroppo non è possibile. Dimenticavo che la barca è in secco per manutenzione e i miei uomini ci stanno lavorando. Mi dispiace,    ma dovremo rimandare. Oppure ne troverò un’altra più comoda e vi porterò tutti quanti a fare una bella gita a Procida, ve lo prometto.

ANGELINA:     tra sè Tene pure la barca co’ l’equipaggio! Fosse nu contrabbandiere? No, nun po’ essere se no Rafele ‘o conoscesse.

JACK:      Fa un ultimo segno, saluta beffardo  e se ne va

DONNA MARGHERITA: Si alza Beh, si è fatto tardi. Sono veramente felice di avervi conosciuto. Ora siete voi che dovreste venire a conoscere quel sant’uomo  di mio marito. Sapete, non può muoversi  mai dall’ albergo perché porta avanti il lavoro tutto da solo.  Se mi fate sapere quando verrete, faremo in modo di lasciare la nostra stanza migliore per voi.

ANGELINA:     Che meraviglia, me lo desidero proprio un bel viaggetto!

DONNA MARGHERITA:   Arrivederci, sono molto contenta di avervi conosciuto. Baci e abbracci

DON RAFFAELE:     Tornate presto a trovarci. Siamo ansiosi di rivedervi.

RODOLFO:       A domani Don Raffaele. Donna Angelina….

ANGELINA:     A presto, a presto. Escono

DON RAFFAELE:     Sperammo bbuono pure pe’ ‘sto viaggetto mio.

Scena VIII     Don Raffaele, Angelina, Vicenzino

ANGELINA:     Rafè, ma ce pienzi come stammo cumbinati! tenimmo una mano in paradiso e  un piede all’inferno. Chissà ‘o sape se ‘o nostro destino è volà   in alto o sprofonnà nel fuoco eterno?

DON RAFFAELE:Ma che vai dicendo? Io m’o sento, chillo, patete risolve tutt’cose. Nun è un’ommo e’ niente, anche se tene a mania ‘e parlà Taliano  è n’ommo che sape il fatto suo.

ANGELINA:     Aspettammo. E confidiamo nella buona sorte.

Bussano forte, Angelina va ad aprire.

VICENZINO:    gridando, ansimante Maronna che guaio, che guaio. O’ mericano ha sequestrato a Don Carmine!

ANGELINA:     No! Povero padre mio, nelle mani di un gangstèr! Si butta su una sedia piangendo

DON RAFFAELE:     Ma come sequestrato, che ne sai? Chi te l’ha ritt’? Parla.

VICENZINO:    riprende fiato N’coppa a scalinata d’a chiesa e San Domenico, m’ha fermato uno co’ na faccia brutta assai e m’ha ditto ca se vulimmo che Don Carmine torna a’ casa, avimma a fa chello che Don Rafele sape. Se sì,  v’avite  a truvà a menzojorno o’ Molo Beverello ‘n faccia a o’ chiosco do’ limonaro, per le istruzioni del caso.

DON RAFFAELE: Maledetto! Ma l’ha da pagà primma  ‘e mo!

VICENZINO:    E mo’ che facimmo, Don Rafele?

DON RAFFAELE: Io mo vaco e se  aggi’a pagà io per tutti, non mi tirerò indietro. E se ‘no, sapete che faccio?  Faccio finta di accettare  fino a quando  non ha liberato  a Don Carmine e poi ‘o jetto a mare co’ na petra ‘ncuollo.

ANGELINA:     Ma  pecchè? Ma pecchè  la vita nostra  è accussi infame cu nuje?

VICENZINO:    Don Rafele, na soluzione ce fosse. E se facissemo ‘nu colpo ‘e mano?

DON RAFFAELE: E quale?

VICENZINO:     Vuje jate all’appuntamento.  Io e Peppino c’annascunnimmo arreto ‘o chiosco. Mentre vui parlate  nui  salimmo  n’capo a Jack  l’americano e  tutt’e tre o’  purtammo a la Polizia.

DON RAFFAELE: Accossì c’arrestano a tutte quante e poi, che vai dicendo, chello è nu malamente,  chi t’o ddice che nun se porta pure quccheduno dell’amici soje.

VICENZINO:    Già, putesse essere pure accussì. Chilli so’ fetienti che sparano!

  ANGELINA:   Sapete che ve dico io? Cheste so cose e’ femmene!

  DON RAFFAELE:   Famme o’ piacere Angelì, nun te ce mette pure tu. Farò quello   che vuole Jack o’mericano, sebbene mi ripugna teatrale e poi sparirò per sempre. Tu vai pure Vicenzì. esce

  ANGELINA:   Ahi, poveri noi!

Scena IX     Don Raffaele, Angelina, Isabella, Peppino

  Bussano, vanno ad aprire

ISABELLA:      Buongiorno a tutti

PEPPINO:           Salutiamo.

ANGELINA:     E quale vento vi porta oggi ?

ISABELLA:       Vento e tempiesta Donna Angelì, ma no quello di ieri. Stavota è nu viento co’ tuoni, fulmini e pure l’eruzione ‘e Casamicciola.   Nel quartiere già si è sparsa la notizia che hanno rapito a Don Carmine, chillo  sant’uomo ‘do pate vuosto! San Gennaro, San Ciro, San Pasquale, aiutatece vuje.        E oltre a ‘sto rapimento, come m’ha detto maritema, l’americani vonno spustà o’ contrabbando ‘int a n’ata città. Io me ne faccio un

                          punto d’onore di mobilitare tutto o’ quartiere. Non si può stare sempre a guardare, avimmo a fa   ‘na manifestazione, anzi ‘na sollevazione popolare   pe’ salvà a Don Carmine nostro e pure o’ traffico de’ sigarette.

ANGELINA:     Grazie, grazie, ma che potete fa co’ la sollevazione. Credete davvero ca chelli se metteranno appaura?

ISABELLA:       Chesto nun o’ saccio. Ma se tutta la gente de’ vicoli accumincia a’ alluccà e a fare nu maciello e pure ‘o sciopero della famme,  verite vui  se chelli là nun se mettono appaura   a torcere un capello a Don Carmeniello nuosto. Nun se po’   trattà accussi ‘a povera gente. Magari ‘o sciopero d’a famme non è una nuvità, ma a nui che ce ne ‘mporta: ‘o stammo facendo ‘a quanno simmo nate e o’ continuammo a fa n’atu poco.

DON RAFFAELE: Qua,  tra Polizia e mafia americana, chi finisce male simmo solo  nui.

PEPPINO:         Io aggio già parlato co’ tutte ‘e cristiani  do’ vicolo . Don Carmine è nu padre pe’ tutte quante e nisciuno se tira  addereto… senza cuntà ca senza sigarette nun se mangia.

ISABELLA:       Jammo Angelì, nun perdimmo tiempo! Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria! Verite  cà! Mo facimmo  succedere ‘o quarantotto. Avimmo cacciato   i tedeschi e cacceremo pure a chesti dalla nostra bella Napoli.

ANGELINA:     L’avevo detto io ca cheste so’ cose ‘e femmene. Andate avanti ca mo’ arrivo, fusse che il cielo ci ascolti. Tu Peppi, resta ‘nu mumento. Isabella fa per andare.

DON RAFFAELE:  Mah, addò jate ? Non risponde.  Non è accosì che si  risolvono il problemi. Non risponde   E va!, jate jate, ma non fate niente prima delle tre perché alla mezza devo prendere accordi con i rapitori ……e che Dio c’aiuti!

ISABELLA:       Va buono , se nun ce fate sapè niente, doppo e’ tre ce mettimmo in movimento nui. vanno

ANGELINA:     Allora, Rafele mio ti sei convinto? Io tengo ‘na paura…. ma nun putimmo lassà  a  patema nelle mani ‘e chella gente pericolosa assai? Isabella è na ‘bbona femmena,  vulesse fa quacchecosa, ma a che servirà?

DON RAFFAELE: Mah, a che servirà? a niente.  L’unica cosa che mo putimmo  fà è cedere al ricatto e salvarlo. Per il resto, poi  verimmo.

ANGELINA:     Ma con quale faccia putimmo sta ‘nnanze alla gente onesta, a Rodolfo e ai suoi genitori.  Comme putimmo discolparci di un fatto accusì grave?

DON RAFFAELE: Va buò, ma noi simmo i  ricattati e questo ‘o putimmo sempre dimostrare.

ANGELINA:     Mah, ‘e  pezze vecchie volano sempre pe’ l’ aria, Rafè.

DON RAFFAELE:   Io mo vaco. Tu statti  tranquilla. l’abbraccia ed  esce

ANGELINA:     fa un gesto di saluto.  Si truovo nu curtiello l’ammazzo io a quel fetente.

PEPPINO:         Donna Angelì, è proprio na disgrazia, ma Peppiniello vostro è a ‘ndisposizione! Diteme c’aggia a fa.

ANGELINA:     Peppì, m’avesse a fa ‘nu piacere.

PEPPINO:         Dite, dite, sarete servita.

ANGELINA:     Accumpagname qua vicino. M’aggio ‘a levà nu penziero.

PEPPINO:         Jammosubbito subbito. Ma siete sicura ‘e nun perde tiempo invece de ji alla manifestazione?

ANGELINA:     Ci andremo alla manifestazione, ma primma voglio fa sta cosa.    Escono. A questo punto la luce si spegne lentamente. Al buio entrano Don Carmine Vicenzino e Peppino e si siedono al tavolo. Si accende la luce come se fosse pomeriggio inoltrato.

Scena X Don Carmine, Vicenzino, Peppino

Luce-  Seduti attorno al tavolo

DON CARMINE: Beh, io mo sono a casa, libero, grazie a Rafele che si è  sacrificato pe’ me. Ha accettato chillo  spuorco ricatto,  ma nun l‘ aveva  a fa. I’ so’ solo  nu povero viecchio e se Jack mi avesse acciso, pacienza. Basta c’avesse risparmiato ‘a famiglia. 

VICENZINO:    Che dite Don Carmine, voi siete rispettato e amato da tutti quanti. Meno male ca Jack è stato di parola e vi ha liberato.

DON CARMINE: Ma che parola è a parola e’ nu fetente. A chillo interessavano solamente  i’ traffici soje.   Ma ora chi ‘o ssape che farà Rafele, nun è ommo da mettese a trafficà co’ chella fetenzia. Nun ce crero manco si ‘o  vveco.

VICENZINO:    Don Raffaele dice ca pare che stasera stessa s’ha da  fa chello lavoro co’ la schifezzia ma Jack  ancora nun ha ditto  addò s’ha da purtà.  Presto ci farà  avè istruzioni.

DON CARMINE:  Io sto cercando e capì  si ce fosse ‘na maniera e risolve stu ‘mbruoglio.

VICENZINO:    Fosse ‘a Madonna che  se sapesse!, nui facessimo tutto chello ca se putesse fa. Voi e  Don Raffaele, ‘o ssapite,  potete sempre contare su di noi.

PEPPINO:         Ma comme no, a faccia mia sotto e’ pieri vuoste, Don Carmine!..... Ma……. statemi a sentere mo, aggio avuto n’idea.

 DON CARMINE: E sentiammo.

PEPPINO:         Mettimo ‘nu banchetto ca’ ffora, ce mettimmo a vennere chella robba e poi a Jack ce damme ‘e sorde.

DON CARMINE: Peppì, nun dìcere fesserie e soprattutto cusete ‘a vocca. Noi non siamo spacciatori, esercitiamo onestamente il contrabbando delle sigarette. Che è pure illegale, ma sulo pecché quelli ca stanno al  governo so’ tutti mangiapane a tradimento e fanno e’ lleggi accussì ponno  sfottere alle spalle della povera gente. Loro o’ ponno fa e noi no? E pecchè?

PEPPINO:         Va bbuò, nun se po’ dì na parola . Dicevo per dire.

VICENZINO:    Tu è meglio ca nun dici niente, pe’ te sigarette e a cocaina song’a stessa cosa. Don Carmine nun ve preoccupate, a isso ci penso io.

DON CARMINE:  Piuttosto, figliema Angelina arò è ghiuta?

VICENZINO:    Sarà andata cu muglierema Isabella alla manifestazione.

DON CARMINE: Ma qua’ manifestazione? Se mi hanno già liberato!

VICENZINO:    No, nun è chella che vulevano fa primma pe’fa ammuina. Vogliono fa ‘na festa  per il vostro ritorno. ‘Int ‘o  quartiere  tutti so’cuntenti,  la gente vi vuole bene, ‘o ssapite. E pure se ci sta  scarsezza alimentare stanno preparanno nu sacco ‘e cose, carne ‘e piecura,  sgugliatelle, babà, vino e’ Procita e tric-trac.

PEPPINO:         Che festa, che ammuina! Oggi se mangia! Viva Don Carmine, viva ‘o Presidente!

Scena  XI    Detti, Jack

bussano

DON CARMINE:       E chi è mo?

PEPPINO:                  Vaco ad araprire.  Apre Ah!

JACK:               sulla porta con sorriso minaccioso  Dove sta Don Rafael,  perché non è in casa. Gli avevo detto di farsi trovare in qualunque momento.

DON CARMINE:  Rafele nun ce sta e nun saccio manco  addò sta. Ma quello che devi dire lo puoi dire pure a noi. E’ ‘a stessa cosa.

JACK:               Forse non avete capito con chi avete a che fare. State molto attenti, perché se mi volete fregare vi schiaccio come le cimici. Quando stavo in America a uno che voleva fare il furbo l’ho appeso a un palo della luce con una cravattina di filo di ferro.

VICENZINO:    Noi non futtimmo a nisciuno e figurammoce a vuje, ma  fate presto e nun ce fate verè chiù sta faccia   vostra!

PEPPINO:         E’ o vero, ma quanto site brutto.

JACK:               Ah, Ah poveri illusi, io posso farvi sparire a tutti e tre in un colpo solo. Altro che brutto, forse non sapete quanto Jack l’americano può essere cattivo.

DON CARMINE: Ma overo  ti credi ‘e  fammi paura a me?  Parla e vattenne, chesta è a casa mia. ‘Na casa e’ perzone perbene!

JACK:               E io le persons  perbene le schiaccio come vermi, e neanche mi giro indietro a guardare. Anzi, se chiedono pietà mi fanno venire da ridere.

DON CARMINE: E sai che cunzulazione pigliassela  co  ‘a gente indifesa. Te vulesse vedè contro a ‘nu fetente peggio e’ te.

JACK:               Taci vecchio, stasera la merce deve partire per il Nord, quindi dite a Don Raffaele di tenersi pronto. Fra poco ritorno qui e dovrà venire con me. Se no ve lo farò vedere veramente quanto so’ brutto, e pure very very bad, molto, molto cattivo. Fa il segno di tagliare la gola.

DON CARMINE: Glielo diremo, statti tranquillo. Ma poi nun te fa chiù vedè ‘a parta nostra!

JACK:               Apre il mobile e prende il pacco.  Questa la prendo io. uscendo      Ah. Ah, e credete di mollarmi così presto? E invece mi vedrete molto spesso d’ora in poi. Questo è solo l’inizio, poveri illusi! Ah,ah! Ho in mente un bisinis che mi frutterà molti dollars, alla faccia vostra.

DON CARMINE: ad alta voce   E lievete annanze!

VICENZINO:    Puozze sculà.

Scena XII   Detti, Don Raffaele

DON CARMINE: Puozz murì ‘e subbeto!. Chesto nu c’o levammo chiù da nanz. Chi sa quant’ ate vote ce verrà a sfruculià, se nun c’o’ levammo a mienzo.

PEPPINO:         Overo. Jè po’ sempe capità na’ disgrazia, però!

VICENZINO:    Pe’ mo a disgrazia è capitata a nuje. Quanto a iss’ che ‘nce putesse succedere?  Ji a finì…… sotto a n’automobile, annegato, sparato,morto acciso cu nu curtiello ‘int ‘a panza?

PEPPINO:         No, meglio na cuofana e’ mazzate e poi jettato jnta a’ na fognatura.

DON CARMINE: E accussì diventammo degli assassini pure nui. Nui nun simmo ‘e   chella razza.  Nun simmo capaci ‘e fa ‘sti ccose. Siamo impotenti.

Si apre la porta

DON RAFFAELE: Ah, voi state  tutti qua.

DON CARMINE: Raffaè, purtroppo t’avimma a da’ na brutta notizia. Jack èstato

 ccà e ha ditto ca stasera s’ha da fa o’mbruoglio. Fra  nato poco torna.

DON RAFFAELE: O’ ssaccio, o’ saccio. L’aggio ‘ncuntrato proprio ccà vicino.

M’ha ditto tutto. E’ arrivata l’ora di fare il grande salto. Io me sputass ‘nfaccia! Che scuorno!

Durante questa scena due individui non identificati, in strada, aprono l’altarino e portano via il pacco con la droga.

DON CARMINE: Nun disperà che na’ giustizia c’ha da sta  pure pe nuje.

DON RAFFAELE: E a forza e’ aspettà a giustizia sto finenno giustiziato,  senza colpa e senza pruciesso.

VICENZINO:    Se vulite vado  io al posto vostro. A disposizione Don Rafè, vui a ssapite.

PEPPINO:         E pure io a esposizione.

DON CARMINE: Tu Peppì è meglio ca lassammo perdere. Ma pure tu Vicenzì, ti ringrazio ma nun è il caso.

DON RAFFAELE:  Io pure vi ringrazio, ma voi nun tenete colpa. Chesto è solo affare mio.

Scena XIII  Detti, Angelina

ANGELINA: Apre la porta  Ah, la Ditta al completo!

DON RAFFAELE: Angelì, è venuto l’americano e  ha ‘itto ca stasera s’ha da fa o ‘mbruoglio. Mo ‘o verimmo ‘e  turnà e   aggio a ji appresso a isso.

  ANGELINA:      Ma proprio stasera? Nun puteva aspettà ‘nato poco?

DON RAFFAELE: Che te pozzo dicere. Chella è merce che scotta.

DON CARMINE: No, e nun se po’ fa. Per tutta  una vita simmo stati accorti a non superare quella soglia oltre la quale avremmo perso la qualifica di galantuomini per diventare disonesti ! E dire che l’occasione si è presentata molte volte.

ANGELINA:     Ma invece di fare sempre quella vita, alla vostra età potevate    ascì  una volta o l’altra. Cunfessatelo che a voi e andata bene accosì. Avevate  ‘o guadagno co’ poca fatica e sulo, ogni tanto qualche rischio.  ‘Na passejata ‘e notte a mare   e i denari pe’ tirà ‘nnanze nun mancavano.

PEPPINO:         E nun è faticà ji  sbattenno pe’ mare a’ notte, co’ friddo e co’ viento? Me doleno tutte l’ossa. Stongo chino e’ dulori romantici. E poi, quei disonesti d’a Finanza ca ce corrono appriesso  comme si fussemo banditi, addo a ‘ mettite?

VICENZINO:    Peppì, quanno Donna Angelina ha ditto faticà ‘ntenneva n’ata cosa, non chello ca facimmo nui.

DON RAFFAELE:  Ormai è inutile chiagnere sul latte versato. Stasera, o la va o la spacca.  pensa … C’ho  combino io nu bello tiro a chello fetente, la pelle mia nun a venno così facilmente.

ANGELINA:     E secondo te  gli fai un brutto scherzo e quello se lo tiene, eh? rispondi a me, secondo te  ‘aroppo lo potrai raccontare?

DON RAFFAELE:  E che me ne ‘mporta a me.  Mi bastasse la soddisfazione di averlo sfottuto .

ANGELINA:     E questo ti fa onore. Ma tu poi fai  ‘na brutta fine  e io rimango senza e te. Cerca solo e piglià tiempo, siente a me..

DON CARMINE: E tutto per salvare nu    vecchio inutile  ca nun serve a niente. Ca fosse meglio si se ne stesse a ‘ casa.

DON RAFFAELE: Non dite questo. Voi siete il nostro riferimento, il nostro Presidente. E poi Jack non si sarebbe   accontentato di accidere a voi. Da mo’ ca  vuleva farme entrà  nei suoi traffici sporchi. Era da tempo ca faceva certe allusioni.

DON CARMINE: E’ questo pure è overo, me ne ero accorto io pure.

PEPPINO:         Ma pecchè traffici sporchi? Quella è na polverina bianca bianca, pulita pulita. E poi so tutti pacchetielli  piccerelli. Nun se fatica proprio!

VICENZINO:    Lassammo perde, Peppì. Tu nun te la vuò proprio cosere a vocca!

PEPPINO:                  Aho, ma ccà nun se po’ proprio parlà! E' meglio ca me ne                 vaco.  esce

Scena XIV   Detti, Lisetta, Jack

LISETTA:           Entra Oh, state tutti qua. Buongiorno.

DON RAFFAELE: Purtroppo figlia mia oggi  non è un buongiorno. Jack è stato qua e vuole che stasera facimmo l’imbruoglio.

LISETTA:          Oh, papà. Lo abbraccia e piange

ANGELINA:     Ma non è detta l’ultima parola, Lisè, confidiamo nella Madonna.

LISETTA:          Questa sarà la mia e la nostra rovina. Rodolfo non mi vorrà più vedere. Ma vi rendi conto? La figlia di un trafficante di droga, che scuorno!

ANGELINA:     Bella e’ mammà. Il destino ce l’ha cu  nuje.

LISETTA:         Però  era peggio ancora se papà o   nonno avrebbero pagato con la vita per colpe che non hanno commesso. Allora….. un sacrificio lo faccio volentieri.

DON RAFFAELE:     Grazie Lisetta tu sei una figlia d’oro.

LISETTA:          Anche voi siete dei genitori d’oro. Li abbraccia

DON RAFFAELE: Già ma mo  quello ce lo verimmo arrivare qua. E io aggia ji cu isso  .

LISETTA:          Che  perzona infame . Ma può essere mai che non l’hanno ancora arrestato?

ANGELINA:     Ah, prima o poi  ‘o jetteranno ‘ncatenato in fonno a ‘na caverna. A Madonna vede e provvede!

DON CARMINE: La giustizia divina arriverà. Tossico, veleno e vetro pestato ‘nte budella. Contorcimenti ‘e panza, dolori  e strilli.

ANGELINA:     E già che ci siamo putesse piglia pure fuoco?

DON CARMINE: E perché no. Streghe e diavoli questo si meritano. Hanno ‘a patì mille tormenti e contorcersi nello spasimo.

JACK:      spalanca la porta con un ghigno terribile     Sono qua!  Terrore

TUTTI:    Ah! Gesu, Giuseppe, Sant’Anna e Maria!

JACK:      Smettete di pregare, femmenelle e quaquaraquà, come dite a Napoli.

DON CARMINE: Qua si c’è nu quaquaraquà chello si tu. Co na pistola ‘int ‘a sacca te creri e’ fa ‘o padrone da puteca? Vattenne in America!

JACK:               Tiè, in America non ci torno. Ma ora basta vecchio, mi hai scocciato!   Fa per estrarre la pistola.

DON RAFFAELE: Va ‘bbuò, non ci riscaldiamo, che nun serve a niente. Jack leva ‘a ‘nnanze sta pistola!

JACK:               Ecco, vedo che hai capito, my frend have anderstend.

ANGELINA:     Ma che ave a stendere mio marito? Alla biancheria ci penso io, se permettete.

JACK:               Statti Zitta, donna. Tu non conti proprio niente. E nemmeno your father,  quel vecchio rimbambito.

Scena XV  Detti, Rodolfo, Margherita, Gennaro

Bussano, Angelina va ad aprire

RODOLFO:       E’ permesso. Buonasera.

MARGHERITA: Buonasera. Eccoci qua un’altra volta.

ANGELINA:     Accomodatevi, trasite, ecco questa è Lisetta.

LISETTA:          Sono molto felice di conoscervi, signora.

MARGHERITA:  Oh cara Lisetta come sei dolce!  Si abbracciano e confabulano.

ANGELINA:     Stasera saremo tanti perché il quartiere ha organizzato una festa per papà, ma più siamo meglio stiamo.

RODOLFO:       E allora mi scuserete se mi sono permesso di  portare anche Gennaro, un mio carissimo amico che ha una sorpresa per voi…

GENNARO:      Permettete che mi presenti. Gennaro Scognamiglio, per servirvi. Rodolfo ha insistito tanto perché venissi anch’io e non me la sono sentita di dirgli di no. Ma se sono di troppo posso aspettare qui fuori.

ANGELINA:     Ma che dite, chiunque è amico di Rodolfo è anche amico nostro. E per quale motivo dovevate rinunciare? Accomodatevi, trasite.

RODOLFO:       Oh, preferiamo rimanere in piedi, se non vi dispiace. Accomodatevi voi mammà. Margherita si siede in disparte

MARGHERITA: Angelina, avevamo saputo della festa per Don Carmine e non ce la saremmo persa per tutto l’oro del mondo.

ANGELINA:     Ma certo, ora che ci siete anche voi la festa sarà ancora più bella. Mio padre è una vera istituzione in questo quartiere.

 Ora tutti parlano fra di loro mentre, in disparte:

JACK:               fa segni a Raffaele di seguirlo

 RAFFAELE:    fa segno come per dire: dopo, dopo

JACK:      a parte a Don Raffaele Allora? Andiamo, presto. E’ tutto pronto per il lavoro che dovete fare.

DON RAFFAELE: a parte   Si, sono pronto anch’io, visto che non ho scelta, ma aspetta ancora nu poco.

JACK:               alzando la voce e prendendolo per il colletto No, sbrighiamoci, è tardi, devi andare all’appuntamento con i compratori. La merce è nel  mobile.

DON RAFFAELE: Nel mobile in casa mia. Come te si permisso?

JACK:      Non ho bisogno del tuo permesso. L’ho messa là perchè stanotte non la potevo tenere da me. L’hai capito o no che l’ho sottratta all’organizzazione!

DON RAFFAELE: E allora pure chesto hai fatto! L’hai messa in casa mia. Mo’ nun  putimmo  fa niente pecchè  ce sta tutta sta gente ca’ nnanze? No, no.

JACK:               Tu mi vuoi fregare. Se non ti muovi te ne faccio pentire. Va ad aprire il mobile e si accorge che il pacco non c'è più).

RODOLFO:       estrae la pistola. Fermo là dove sei, delinquente, mani in alto. Voi allontanatevi tutti.

JACK:               alza le mani esterrefatto

 Stupore generale, gli  altri si allontanano

RODOLFO:       Gennaro, mettigli le  manette.

GENNARO:      Dammi i polsi delinquente. Hai finito di terrorizzare la povera gente.

JACK:               Malediction, m’hai fregato Rafaele, ‘J will kill you. Ora torno e ti ammazzo.

GENNARO:      lo perquisisce e gli toglie la pistola  Forse fra vent’anni, se non t’è passata ‘a voglia. Ma ora vieni con me  e poi dal giudice che ti spedirà sicuramente  a fare un bel soggiorno in America, dove ti faranno passare tutte le voglie. Lo ammanetta

JACK: piagnucola      No! In America no! Vi scongiuro. Vi supplico. In America non ci voglio andare. Lo porta via-Applauso.

Scena XVI   Detti

RODOLFO:       Il lupo feroce è diventato un agnellino. Supplica di non essere portato in America. Sfido, con i suoi precedenti rischia di essere condannato all’ergastolo e forse alla sedia elettrica.

DON RAFFAELE: Ma allora…voi ..voi  chi siete ?

RODOLFO:        Rodolfo, ovvero il Capitano Paolillo della  Squadra    narcotici della Guardia di Finanza. Ve l’avevo detto che il mio amico Gennaro, ovvero Brigadiere Scognamiglio, aveva una sorpresa per voi.

DON RAFFAELE: ‘A Finanza??  è finità!porge le braccia per farsi ammanettare 

RODOLFO:       Ma cosa fate. Caro Don Raffaele voi non avete nessuna colpa. So tutto. Anche di più di quello che credete voi.

DON RAFFAELE:     Ma…Cosa sapete? Chi ve l’ha detto?

RODOLFO:       Il vostro angelo custode, caro Don Raffaele, è sceso dal cielo e mi ha raccontato dei vostri guai.

DON RAFFAELE: Un angelo custode? Però, nun ‘o  sapevo che ne tenevo uno.

RODOLFO:       E invece lo tenete, eccome!

DON RAFFAELE:  Ma chi fosse st’angelo?

RODOLFO:       Non l’avete capito? Pensateci un poco.

DON RAFFAELE: Qualcuno dei miei?

RODOLFO:       Ma è vostra moglie Angelina! è stata essa che è venuta al Comando e mi ha raccontato del vile ricatto che Jack l’americano stava operando su di voi. Mi ha avvisato del rapimento di Don Carmine e del fatto che avete dovuto accettare l’infame proposta pur di salvarlo.

DON RAFFAELE: Abbraccia Angelina  E cosa cambia, io  non songo uno stinco ‘e santo. La vita per me non è stata facile e aggio dovuto

                          sopravvivere, pure se in modo non del tutto onesto. Trasale E poi  l’organizzazione ora vorrà vendicarsi di me.

RODOLFO:       Ma no. Jack era ormai un cane sciolto e se non l’avessimo preso noi l’organizzazione gliela avrebbe fatta pagare.

DON RAFFAELE: Ma, io non capisco, la droga che c'era in casa mia, dov'è, come posso giustificarmi?

RODOLFO:       Quella che stava nel mobile?

DON RAFFAELE:     Si, quella.

RODOLFO:       Proprio non saprei, vostra moglie aveva messo quella vera  dietro l’altarino della Madonna sostituendola con un pacco del tutto simile. Quindi  Jack stava per prendere un bel pacco di...nulla.

DON RAFFAELE:  Nulla??  Senti tu!! Ma io non capisco che fine ha fatto 'sto                    pacco 'e nulla.

RODOLFO:       ride Ah, ah! E chi lo sa. Ma che ce ne importa.

DON RAFFAELE: Ma  voi sapevate tutto di me, fin dal primo momento?

RODOLFO:      Ma certo, pensavate che fossi un ingenuo anch’io? Da tempo controlliamo il traffico delle sigarette e sapevamo pure dello sciopero. E sapevo anche che in fondo siete un bravo cristiano. Sono i pesci grossi, anzi i pescecani come Jack, che ci interessano.  La povera gente a Napoli campa come può, anche se a volte è al limite della legalità.

DON RAFFAELE: La legalità? Mah, è legale una vita senza prospettive, che  costringe ‘a ggente a mille manere per sopravvivere ‘inta a nu vascio  maleodorante?

RODOLFO:       E’ vero, è difficile fare la morale a chi non ha prospettive. Noi però dobbiamo fare il nostro dovere e combattere l’illegalità. Però promettetemi che il vostro impegno sarà d’ora in poi di esercitare un’altra attività, più legale della precedente.

DON RAFFAELE:  La lezione mi è bastata. Anche se avessi  a ‘ij a tirà ‘a carretta ai mercati generali, lo facessi volentieri.

RODOLFO:       Dovete ringraziare vostra moglie e vostra figlia Lisetta. La prima per la sua intelligenza e per il suo amore per voi, la seconda perché ha fatto breccia nel mio cuore. Ora so che è lei la donna della mia vita, e quindi anche la sua famiglia è la mia. Non so come mi sarei comportato se non ci fosse stata lei.

LISETTA:          Ma allora tu, Rodolfo, quando mi hai avvicinato stavi facendo un’indagine? Ti sei interessato a me solo per entrare in casa nostra.

RODOLFO:       Credimi Lisetta, non sapevo chi eri. Diciamo che l’indagine  ha preso una piega inaspettata e per me molto piacevole. Il caso ha voluto che la ricerca di un malvivente mi desse modo di conoscere la donna della mia vita.

LISETTA:          Se lo dici tu, ci credo. Lo abbraccia

DON RAFFAELE: Ma voi perché non ci avete detto subito chi eravate?

RODOLFO:       Non potevo dirvelo  subito perché dobbiamo ad agire con cautela, e per noi è ormai un’abitudine non svelare chi siamo. Del resto se mi fossi rivelato subito non avrei potuto approfittare dell’elemento sorpresa.

ANGELINA:      Rafè, conoscendoti tu  avresti fatto sicuramente  qualche gesto sconsiderato.

RODOLFO:       Da molto tempo eravamo sulle tracce di Jack l’americano, aspettavamo solo di prenderlo al momento giusto, in modo che non potesse farla franca, con l’aiuto di un bravo avvocato. Ma stavolta, grazie alla signora Angelina, lo rimanderemo in America dove non sono affatto teneri. 

Scena ultima               Tutti

DON RAFFAELE: Angelì, ma com’hai fatto a capì tutt’cose?

ANGELINA:     Quando Rodolfo ha ditto che la sede della sua società è a Viale 2 Giugno… e ca teneva ‘na  barca co’ l’equipaggio, sta cosa m’aveva già fatto nascere un piccolo sospetto, poi Donna Margherita ha ditto pure che il mestiere di suo figlio era un poco pericoloso. A furia di pensare e ripensare a quale puteva essere l’attività e ‘stu giovane, me so’ voluta sincerà e sono andata a Viale 2 giugno…. Là l’unica sede importante è o Comando da’ Guardia e’ Finanza.  Ho domandato a uno co’ e’ stellette ca passava se   conosceva un certo Rodolfo Paolillo e chello m’ ha risposto chi…il capitano? Non so come nun m’è pigliato nu colpo. Però aggio  pensato che forse questa era la soluzione di tutte e’ nostre guaie, e allora mi sono fatta portare da lui e c’ho raccontato tutto.

DON CARMINE: L’ho sempre detto che pe’ salvà a n’ommo ce vo’ na femmina.

DONNA MARGHERITA: ‘Na madre di famiglia, altro che ‘na femmina.

DON RAFFAELE:  Addò a truove n’ata femmena accussì? E la droga? Pecchè hai  cambiato il pacco?

ANGELINA:     Chella robba l’aggio annascunnuta ca’ ffora pecchè nun putevo tenè chella fetenzia ‘nta casa mia. Voi uommeni fate e disfate, vi sentite i padroni del mondo, ma nel momento della difficoltà vi perdete. ‘E femmene invece fanno lavorà ‘a capa, specialmente quanno se tratta d’a famiglia. E forse pure a’ Madunnella mia m’ha aiutato ‘nu poco.

RODOLFO:       Poi siamo venuti noi e l’abbiamo sequestrata in seguito alla denuncia della signora, ma abbiamo fatto tutto in silenzio, allo scopo di prendere Jack.

DON RAFFAELE: E’ bravi, Rodolfo e Angelina mia. Mo’  sarà dura risalire la china, ma faremo tutto quello che onestamente putessimo fare.

MARGHERITA: Don Raffaele, venitevene con noi a Sorrento. Mio marito non è più giovane ed è ora che smetta di fare tutto quel lavoro da solo. Sarà senz’altro felice di dividerlo con voi.

DON RAFFAELE:      Ma davvero dite? Accetto volentieri, aria nuova, vita nuova.

ANGELINA:     Grazie! Siete  troppo buona!

MARGHERITA: E anche voi Don Carmine verrete a stare con noi.

DON CARMINE: Io vi ringrazio di tutto cuore, ma io vulesse restà ca. Aggio  passato tutta la vita in questo quartiere e non mi saprei vedere a n’ata parte. Tutti qui mi vogliono bene e non mi faranno mai mancare nu piatto ‘e menestra.

DONNA MARGHERITA: Insisto Don Carmine.

DON CARMINE: Grazie di cuore, ma io ‘a matina esco da casa e tutti mi salutano, mi riveriscono e si fermano a parlà cu mmè. ‘O barbiere, ‘o verdummaio, ‘o panettiere, tutti vogliono offrirmi qualche cosa, mi chiedono consigli e quacche vota perfino i numeri al lotto. ‘E femmene, se tenono quacche problema ‘n casa o col vicinato chiedono a me consigli e giudizi. Una mia parola e tutti corrono per servirmi.

MARGHERITA: Lo sappiamo che siete una specie di divinità del quartiere.

DON CARMINE:  Divinità? Addirittura? Sono solo un pover’uomo che ama profondamente questa gente puveriella, ma sincera.  Ma non vi preoccupate, vuol dire che ogni tanto verrò a farmi una passeggiata a Sorrento.

MARGHERITA:  E voi Angelina, diventerete la mia migliore amica.

ANGELINA:     Grazie Margherita, un’altra donna, visto chello che è succiesso non avrebbe più voluto avere a che fare con noi. Ma voi siete un angelo.

DON CARMINE: a Margherita    State sicura signò, che n’coppa a sta terra nun ce sta n’ata femmena comme a chesta.

ANGELINA: si fa avanti      Non per niente mi chiammo Angelina Paraguai in Bellezza…e co’ chesto nomme come putevo nun  … parà ‘e   guai ……in  Bellezza?

Entrano Isabella Carmela Peppino.  con vassoi carichi di pietanze gridando: Viva Don Carmine!

DON RAFFAELE: Peppì, vieni accà nu poco ( Peppino si avvicina) Tu ne sai niente di quel pacco ca steva là?

PEPPINO: ...Il pacco? ...Cercavate il pacco? Eccolo qua. (mostra una pizza) Voi mi avete detto 'e purtà fora tutto e io 'aggio purtato fora pure 'o pacco. Però mi sono accorto che dentro c'era farina... e non ho saputo resistere alla tentazione. Sentite qua che bontà!

TUTTI:     Ognuno grida un evviva ad un altro dei presenti ad es.:

 ANGELINA: Viva Raffaele 

RAFFAELE:     Viva Angelina

PEPPINO: Viva ‘ à pizza, e maccaruni, e babà.    ecc. ecc.

Cala la tela                       

                                         Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno