Angelo de Roma

Stampa questo copione

ANGELO DE ROMA

Atto unico di

Paolo Galli

Personaggi :

Lelletta              Angelo protettore di Roma sotto le spoglie di una barbona

Cecilia                Barbona amica di Lelletta

Romoletto         Cantastorie amico delle due barbone

Fiorella              Direttore di scena       

La scena

Unica per l’intero atto si svolge all’aperto. Veduta di Roma (Castel S. Angelo) sullo sfondo.

All’alba, ai tempi nostri.

Sale la musica e dopo qualche battuta si apre il sipario.

Scena prima

Cecilia       (è una barbona. Canta Alba Romana)

Lelletta      (è anche lei una barbona. Durante la canzone di Cecilia dorme sdraiata sopra dei cartoni, nascosta dalle coperte. Finita la canzone, sempre nascosta, emette un lungo sbadiglio) Ahhhhh!

Cecilia       (al pubblico) La principessa s’è svejata!

Lelletta      (con voce rauca ed ancora assonnata) A Cecì...!

Cecilia       (si toglie una maglia, la rigira, poi se la rimette) Eh!

Lelletta      A Cecì, già te sei arzata? Ancora è presto... ma che ore so’?

Cecilia       Ma si nun sai che ore so’... come fai a dì che è presto?

Lelletta      (tirando fuori solamente un braccio) Io ‘o sento nell’aria che è presto! E dai! Viè a dormì!

Cecilia       Ma che dormì! Che nun te ricordi che giorno è oggi?

Lelletta      (realizzando) Ah! ... Oh Dio mio ... (si affaccia da sotto le coperte) m’ero scordata! ... Dai arzamose ... arzamose!

Cecilia       Arzamose! Io da mo’... che me so’ arzata!

Lelletta      No, arzamose ner senso che me devi da arzà! E da sola quanno je la faccio!

Cecilia       (tra sè) Ma è possibile che tutte le mattine me tocca de fa ‘sti sforzi?

Lelletta      E dai! Te stai sempre a lamentà!

Cecilia       (aiutandola ad alzarsi) Si, ma vedi de sbrigatte che faccio tardi!

Lelletta      Ma .. te sei lavata?

Cecilia       No! Ancora no!

Lelletta      Ma lo sai che le persone sporche nun le sopporto! Devi da esse ‘na persona pulita!

Cecilia       Veramente, io aspettavo te pe’ lavamme! Che famo... consumamo tutta l’acqua? Lo sai che er sindaco de Roma ha detto che se deve risparmia’ su tutto ... puro sull’acqua!

Lelletta      Puro questo è vero (intanto svita una bottiglia piena d’acqua , ne versa il contenuto dentro il tappo e lo porge a Cecilia) Tiè! ‘sta vorta tocca pe’ prima a te.

Cecilia       (intinge un dito nell’acqua del tappo e poi a due mani si lava la faccia) Ah! Certo quant’è bella l’acqua fredda la mattina!

                   Intosta!

Lelletta      (porgendole il tappo) E adesso reggeme er lavabbo!

Cecilia       (prende il tappo)

Lelletta      (posa la bottiglia in terra, intinge prima un dito della mano destra, poi uno della mano sinistra e si lava la faccia anche lei. Poi si rivolge a Cecilia con gli occhi chiusi) L’asciugamano? ‘n do’ hai messo l’asciugamano?

Cecilia       (porgendole un angolo della propria gonna) Eccolo.

Lelletta      Ah, grazie! (si asciuga) Adesso ‘na bella pettinata ... (si tocca appena i capelli con le mani) Ecco fatto. Adesso sì!

Cecilia       E io come sto?

Lelletta      Bene! Stai benissimo!

Cecilia       Lo sai che ce tengo! Oggi devo fa bella figura!

Lelletta      E c’hai raggione! Lo sai come sarà contento! A proposito, je devi portà ‘na cosa da parte mia!

Cecilia       Che je devo portà?

Lelletta      (cercando dentro una grande busta) Eh ... ‘na cosa!

Cecilia       (incuriosita) Che cosa?

Lelletta      (c.s.) Eh ... ‘na cosa!

Cecilia       (c.s.) Ma che  ... cosa?

Lelletta      (con uno scatto di nervi) Ah... t’ho detto una cosa! Eccolo questo (con due dita le passa un foulard pulito)

Cecilia       E che è?

Lelletta      (quasi timida) Un fazzoletto!

Cecilia       Un fazzoletto?

Lelletta      Un fazzoletto!

Cecilia       Un fazzoletto?

Lelletta      (con uno scatto di nervi) Eh! Un fazzoletto!

Cecilia       E dove l’hai trovato?

Lelletta      (quasi timida e talmente sottovoce che non si riesce a sentire) Nel cassonetto all’angolo)

Cecilia       (che non ha capito) Ehh?

Lelletta      (c.s.)

Cecilia       Ehh?

Lelletta      (urlando) Nel cassonetto all’angolo! E mamma mia ... ma che sei sorda?

Cecilia       E nun m’avevi detto gnente?

Lelletta      (quasi timida) Te volevo fa’ ‘na sorpresa! Ma te ricordi de dajelo?

Ceilia         E certo che me ricordo figurete!

Lelletta      (piangendo) Pora creatura!

Cecilia       E dai! Mo che te metti a fa’? Adesso ... che ha quasi finito?

Lelletta      (c.s.) Capirai ... artri cinque anni!

Cecilia       E che voi che siano! Già ne so’ passati quindici! Dai rifamo er letto!

Mentre continuano a parlare prendono la coperta e la piegano, poi ripiegano il cartone, come se fossero lenzuola.

Lelletta      (rivolgendosi al cielo) A Michè! Me raccomanno pensece te!

Cecilia       Ah ... eccola che ricomincia questa!

Lelletta      (c.s.) Nun te scorda’ de buttà un occhio all’angelo suo perchè...

INSIEME  Artrimenti semo rovinati!

Lelletta      E’ inutile che sfotti, sa’! Se nun ce fosse Michele ... lo sai dove staressimo tutti quanti?

Cecilia       (paziente) Lo so! Lo so! .. Adesso vado che è tardi!

Lelletta      Va bella, va! Io me metto in poltrona (dal saccone tira fuori una seggiolina pieghevole) comoda comoda ... e t’aspetto!

Cecilia       (canta Le Mantellate poi esce dalla scena).

Scena seconda

Lelletta      (rimasta sola, è seduta sulla seggiola e parla tra se) Beh, adesso che so’ rimasta sola, me posso mette a lavorà in pace. Oh, vedemo un po’! ...

Ar Vaticano ... sì ... sembra tutto tranquillo!  A Montecitorio ... mmm ... mamma mia che caciara! Nun saprebbi manco ‘n do’ mette le mani!

Adesso famo un bel giretto sui sette colli... Uh ... anvedi la sora Teresa ha partorito! Guarda che ber bambino, che pupone! (facendosi il segno della croce) Che Dio lo benedica! (si rattrista di colpo e si alza) Uh ... ma è malato! No ... Signore mio! Perchè?

(Si rivolge al cielo e chiama) Michele! .. Michele! A Michè!  ... Ah ... ce sei!

(parla con l’Arcangelo Michele) Hai visto er fijo de’ la sora Teresa ? No quello che fa er meccanico, quello che è nato da 5 minuti! Ah, già sai tutto! ... E ... mejo così!

Scusa si me permetto ... no ... lo so che nun ce n’è bisogno ... e lo so , e nun te scordà che io sto a fà er lavoro mio! No ... mica te vojo riprenne, ce mancherebbe ... va bene ... ciao Miche’!

(al pubblico) C’ha un caratterino! Eh .. ma d’artro canto ce da capillo! Lo sapete quanti semo noiatri? Nun ve ne fate nimmanco un’idea! Una schiera infinita ! Se tutti, pe’ ogni piccola stupidaggine, je se mettemo a rompe ...

(come se Michele interrompesse, lei guarda al cielo e dice)  ... le scatole! A Michè ... stavo a dì le scatole! Nun te preoccupa’ ... nun me sbajo!!

(al pubblico) Aho ... E’ incredibile sà! Nun je sfugge gnente.

(si rimette seduta) ! Ndove eravamo rimasti? Ah sì, vedemo un po’ ... er traffico ... come al solito! Che je posso fa! Nun ce so’ rimedi!

(al pubblico)  Dovressimo tornà tutti cor cavallo e co’ la carrozza,ma figurateve! Io nun parlo mica pe’ me ... no! Io vado a piedi ... anzi sto più seduta che in piedi. Io parlo de voi romani. Ma nun sete stufi a vive così? Avete perso er contatto co’ quello che è er mondo vero, la tera, le origini.

L’altro giorno stavo seduta qui in portrona che passa ‘na signora cor fijo, la mamma doveva annà ar supermercato a comprà er pollo; er fijo la sente e je chiede.

-    A  mà ... che animale è er pollo?

–Ma come – j’arisponne la madre – nun lo conosci? E’ quell’animale schiacciato, tutto impanato ...

–Ah ... la spinacina!

–Eh! Vedi che ce lo sai!

–E indove nasce er pollo?

–In un grande giardino ... e er padrone de ‘sto giardino se chiama Findus!

Si alza e riprende il dialogo con il pubblico.

Lo vedete che confusione, noi poveri angeli custode ...

...a proposito ... a proposito! Io nun v’ho detto ancora chi so’! Nun me so presentato! Che figura imperdonabile! Io non so’ un essere umano co’ un corpo spirituale ... io ... so’ un essere spirituale co’ un corpo umano! Certo ... de corpo ho rimediato solo questo, che ce posso fa! Lo  sapete quant’anni c’ho? L’anni de Roma. Sapete com’è annata? Lassù, quer giorno Michele me chiamò e me disse.

- Siccome a Raffaele jo dato da fa un’artra cosa,  preparete ... che  te devo da’ un incarico importante!

Un incarico importante a me? E quanno mai? Io ero un angelo de terza classe, m’ero sempre occupato de cosette semplici, de piccolezze ... che ne sapevo io de “incarichi importanti”. Però ubbidiente je dissi che ero pronto.

- Sta pe’ nasce ‘na città, me disse e me serve quarcuno che stia sur posto, pronto a vigila’ su tutto ... e che me riferisca in modo rapido e veloce!

Capirai ... sverto e veloce. Ma me state a capi’ ? Dovevo diventa’ ‘na specie de messaggero celeste! Io! Je dissi che forse era mejo che mannava quarche artro angelo ... nun so’ si sarei stato all’altezza.

Michele co’ quella voce da combattiero che s’aritrova m’arispose.

-Nun te stà a preoccupa’, ce la farai, t’aiuto io!

A quelle parole me so’ tranquillizzato ... e so’ venuto. Da quanno è nata Roma ho fatto de tutto. All’inizio pure er gladiatore. Poi lo scribacchino, er calzolaro. Ho fatto er macellaio, l’arrotino, er fabbro, una suora, un parroco! ... De tutto. Ma oggi Roma è cambiata, nun è più quella de ‘na vorta. Tutti corono, corono ... nun se fermeno mai! La gente nun t’ascorta! ‘Na vorta abbastava che sussurravo le cose all’orecchio de’ la gente pe’ famme sentì! Oggi manco si me metto a strillà, a urlà ... ma chi te sente. Allora so’ finito a fa er barbone, tanto il lavoro mio lo faccio lo stesso, pure pieno de pidocchi. Perche... pure li pidocchi so’ anime de Dio.

Scena Terza
Romoletto          (entra in scena sulla musica, portando una chitarra e canta stornellata romana)  

Lelletta                (entra) a Romolè! Già de mattina a bon’ora? Che sei cascato dar letto?

Romoletto          Letto? Ma quale letto? E chi c’è annato a dormì stanotte!

Lelletta                Hai finito tardi?

Romoletto          C’era ‘na comitiva de giapponesi che m’hanno mannato ar manicomio!

Lelletta                Si!?

Romoletto          J’ho dovuto canta’ de tutto! Nun sapevo più che inventamme! A le cinque de mattina je s’è fatto giorno (facendo il verso) mazzolino, mazzolino, vogliamo mazzolino!

Lelletta                Che d’è ‘sto mazzolino?

Romoletto          Quer mazzolin de fiori!

Lelletta                (ride divertita) Pure quella j’hai cantato!

Romoletto          Eh... figurete! So’ partito co’ “quanto sei bella Roma” e so’ arrivato a cantaje “avanti popolo”, “faccetta nera”, “o bianco fiore” ... tutte ... je l’ho cantate tutte. Dovevi da vede’ che caciara! A le sette de mattina so’ esciti dar ristorante che cantavano (facendo il verso) ...

                            “giovinezza... plimavela di bellezza...!”

                            A momenti me carcerano a me e ar padrone der ristorante.

Lelletta                (sempre divertita) E tu je vai a canta’ ‘sta robba!

Romoletto          Ma che ne so io ... potevano canta’ (facendo il verso) “Fatece lalgo che passamo noi ...” invece hanno attaccato co’ “Giovinezza”. Nun ce la faccio più ... c’ho la testa che me scoppia! Tra cantà, beve e magnà! ... A proposito de magna’, v’ho portato ‘n par de panini (tira fuori dalle tasche due panini incartati e li porge a Lelletta), a te e a Cecilia.

Lelletta                (prendendo i panini) Grazie!Sei sempre pieno de pensieri pe’ noi artre! Che Dio te benedica!

Romoletto          Ma Cecilia ‘ndo’ stà?

Lelletta                Oggi è giorno de visita! E’ annata a trova’ er fratello!

Romoletto          Ah già ... er fratello! Come sta Silvano, sai gnente?

Lelletta                Sta bene, sta bene! Giusto ieri è scivolato mentre giocava a pallone co’ l’altri carcerati e s’è distorto un ginocchio ... ma gnente de grave!

Romoletto          Ah ...  meno male! (realizzando) E come ce lo sai che s’è distorto un ginocchio? Chi te l’ha detto?

Lelletta                (cercando di coprire la gaffe) E chi me l’ha detto?

Romoletto          Eh! Chi te l’ha detto?

Lelletta                E ... chi me l’ha detto?

Romoletto          Eh! Chi te l’ha detto?

Lelletta                E ... nessuno me l’ha detto ... me lo so’ sognato stanotte.

Romoletto          Te lo sei insognato?

Lelletta                Stanotte!

Romoletto          Stanotte?

Lelletta                Eh! Stanotte, stanotte! Che nun me lo posso insogna’? Du’ giorni fa me so’ sognata puro a te!

Romoletto          A me?? Che facevo? Me rompevo ... quarche cosa?

Lelletta                (materna, dandogli un buffetto sulla nuca) Sì, la capoccia ... si continui a fa’ ‘sta vita!

Romoletto          Dimmelo a me (ripensandoci) E poi senti chi parla! Vivi in mezzo a la strada e vieni a parla’ a me! Che me so’ fatto l’angelo custode?

Lelletta                Embè? Perchè? Che ce sarebbe de male? Che c’hai da di’ contro l’angeli custodi?

Romoletto          Io? ... Gnente! Magari esistesse ‘n’angelo custode che pensa a me!

Lelletta                Ma perchè ... nun ce credi all’angeli?

Romoletto          Sì ... ce credo ma a quelli senza custode!

Buio. Una luce illumina solo Romoletto che viene avanti verso il proscenio. Musica di sottofondo.

Oh si ... ce credo all’angeli, eccome!

Per esempio, nun so’ angeli ... l’asini sotto ar bastone?

Nun l’hai viste le loro ali ... travestite da orecchie?

So’ angeli ai funerali, quelli rimasti soli!

Nun l’hai viste le loro ali ... in mezzo ai fiori?

So’ angeli i cattivi pe’ infelicità,

angeli quelli spaventati in mezzo alle città

e guarda che rosse le piume de che volava,

guarda la fame seduta in mezzo a’ la strada,

so’ angeli vermigli li gatti spiaccicati,

e guarda che angeli pallidi ... li malati!

Senti ‘ste voci? So’ le loro

E li senti ‘sti canti? So’ l’angeli in ... coro!

La musica finisce e torna la luce.

Lelletta                (con tenerezza) A Romolè! Se continui così ... te danno le ali puro a te!

Romoletto          Sì! Bonasera!

Lelletta                Però io intendevo ... l’angeli veri!

Romoletto          L’angeli ... l’angeli?

Lelletta                Eh!

Romoletto          Ma che hai bevuto?

Lelletta                Macché ho bevuto! Ce credi o no?

Romoletto          No! Nun ce credo! Forse nun c’ho mai pensato, che ne so’! Ce credevo quann’ero regazzino! Ce credevo perché me faceva paura!

Lelletta                Paura?

Romoletto          Sì! Corpa de mi madre! Co’ ‘sta storia ... me ricattava sempre! Quanno facevo quarche cosa che nun dovevo fa’ ... me diceva: “guarda che passa l’angelo e dice amen!”

Lelletta                Ma quella è ‘n’artra cosa! E’ un modo de di’ qua a Roma ... sta tranquillo ... che mò te ce faccio crede io (lo prende sottobraccio, inizia a parlare ma viene interrotta da Cecilia che entra)

Scena quarta

Cecilia entra visibilmente triste. Non dice una parola.

Lelletta                A Cecì! Già sei tornata? E com’è? Cecì! Ahò ... ma se pò sapè che t’è successo? (a Romoletto, sottovoce) Ma che j’ha preso?

Romoletto          E che ne sò! Nun se sentirà bene?

Lelletta                (sospira) E lo so io ... che c’ha!

Romoletto          Lo sai?

Lelletta                (riprendendosi) No ... dico: lo so io...

Romoletto          ... lo sai o no?

Lelletta                Ma è un modo de dì! Se dice ... no? Lo so io ... se dice!

Romoletto          Ma che se dice! Nun lo vedi che questa se sente male?

Cecilia                 Nun me sento male! E’ che Silvano l’hanno trasferito a Torino! Ieri s’è fatto male a ‘n ginocchio ... e stamattina l’hanno trasferito.

Romoletto          Così ... de punto in bianco?! Ma ‘o ponno fa’?

Lelletta                Ehh! (prolungato, spostandosi verso lato sinistro)

Cecilia                 Ma che ... eh!

Romoletto          Pure te!

Lelletta                E va be’ ... mò manco più ehh ... posso di’?

Romoletto          Ma statte zitta no! Questa sta così ... e tu je vai a fa’ pure ehh!

Lelletta                (prende una bottiglia vuota di plastica dal suo sacco) Ho capito va! Accompagname Romole’! Annamo a prenne un po’ d’acqua fresca a ‘la fontanella ... vedrai, se fa ‘na bella bevuta e se carma! (lo prende per un braccio e lo conduce fuori con sè)

Romoletto e Lelletta escono a destra. Sale la musica e Cecilia canta Coraggio bene mio.

Scena quinta

Romoletto          (entra da solo leggendo un giornale e parla tra sé) Ma che li spenno a fa li sordi per giornale ... che li spenno a fa! Tiè, tiè ... senti che robba! (si guarda attorno e vedendo solo Cecilia si rivolge a lei) A Ceci’  ... senti qua: ministro arrestato (gira pagina) deputato ... corrotto (gira pagina) famoso politico del mezzogiorno è stato ucciso a mezzanotte. (chiude il giornale) Ma te pare ... a te? ‘A prossima vorta me presento puro io alle elezioni! Co tutti l’amichi che c’ho ... pjo più voti io che Bertinotti!

 ‘O sai  ... già me vedo a fa’ er discorso! Me pare proprio de sentimme! (si mette in posa con fare autorevole) Elettori carissimi! (rivolgendosi a Cecilia) Sì, ma quanno dico “elettori carissimi” tu me devi batte le mano ... eh!

(Cecilia per accontentarlo, batte le mani) Carissimi elettori! (Cecilia rimane ferma) Ma come t’ho detto che me devi batte le mano!

Cecilia                 Sì, ma quanno dici “elettori carissimi” ... mo’ hai detto “carissimi elettori”!

Romoletto          Ma è uguale! O dico elettori carissimi o carissimi elettori è la stessa cosa ... tu me devi sempre batte la mano!

Cecilia                 Sempre?

Romoletto          Sempre! Quello che dico, dico ... a te nun te ne deve importa’! Tu me batti le mano e basta! Vabbè? Arifamo! Carissimi (guarda Cecilia, che ancora una volta resta ferma) Ah ... ma allora nun se volemo capì!

Cecilia                 (risentita) Aho! Ma se po’ sape’ che voi? Prima dici ‘na cosa ... poi ne dici ‘n’artra ... ma io che ne so!

Romoletto          Va bè! E’ corpa mia! Arifamo! Carissimi elettori.!

Cecilia                 (batte le mani ed acclama) Bravo! Bravo! ...Bravo!

Romoletto          Eh ... vabbè ... ma mo’ nun esagerà! De meno!

Cecilia                 (batte le mani piano, piano) Così?

Romoletto          Ecco,  brava! (poi parla rivolto al pubblico) Elettori carissimi, essendo stato ministro della salute pubblica senza avecce avuto nimmanco la varicella ... essendo stato ministro del commercio, già condannato pe’ truffa e poi assorto pe’ sufficienza de prove ... essendo stato ministro della difesa avendo studiato la battaglia d’Annibale sur Trasimeno... me propongo a voi ... gnete popo’ de meno che ... sindaco de Roma!

(Cecilia batte le mani)  Popolo de Roma! Apri la bocca e sbigottisciti per gaudio! Roma è una distesa ... più distesa che dritta! C’ha le colonne spanzate, le fogne otturate, i baraccati che s’ammucchiano ar Colosseo, non per piacere ma pe’ disgrazia! Ce so’ li romani che sprecano la monnezza ... e li romani zozzi che se la rimagnano (indica Cecilia) Questa Roma, ora, io la raddrizzo! M’affaccio sur popolo e dico: Questo è mio ... questo è mio .... questo è mio ... questo è mio ! Famo a capisse ... qui è tutto mio (imita il duce) E se io ve dico chi è che m’ha dato ‘sto testamento ... voi me direte ...

Cecilia                 ... vattene a casa! Aricordate che i discorsi dar barcone ... hanno sempre portato jella!

Romoletto          Ho capito va! Nun se pò più manco scherza’! Ma ... Lelletta dove è annata?

Cecilia                 Ma come? Nun stava co’ te?

Romoletto          Sì ... ma io poi so’ annato a pja’ er giornale! Dopo ch’ha preso l’acqua alla fontanella nun l’ho più vista! Aspetta che la vado a cerca’!

Cecilia                 No! Ce vado io! Forse è passata ar negozio qui all’angolo!

Romoletto          Quale negozio?

Cecilia                 Er cassonetto! Stamme attento ar guardarobba (esce a destra)

Romoletto          Er guardarobba! Che guardarobba? (guarda gli stracci ed i cartoni) Ah ... questo guardarobba! Guarda che robba ... guarda!

Sale la musica e canta “Roma che fu” di Romolo Balzani poi esce.

Scena sesta

Lelletta                (entra trafelata e visibilmente sconvolta) Oh mamma mia, mamma mia! Signore mio! Come famo adesso ... come famo! Oh Dio mio  questa nun ce voleva ... nun ce voleva proprio! (cammina in su e in giù) Ma te pare a te che me doveva capità ‘na cosa simile! Dove me metto le mani vojo sapé ... adesso che faccio?

Cecilia                 (entrando in scena ha sentito le ultime parole di Lelletta) Ma che t’è successo Lellé ? Sei sconvorta!

Lelletta                (nascondendo il vero motivo della sua apprensione, continua a camminare in su e in giù) Come faccio! Come faccio! Me so’ persa un bottone ... quì der giaccone ... come faccio ... dico io!

Cecilia                 Ma se nun ce l’hai mai avuto quer bottone!

Lelletta                Ah sì? Nun ce l’ho mai avuto? Ma guarda un po’ che sbadata! Va bè ... chissene’mporta! (e si mette seduta)

Cecilia                 Ma se po’ sape’ che fine hai fatto?

Lelletta                Che fine ho fatto? Sto qua ... seduta in portrona!

Cecilia                 No ... che fine hai fatto prima! Romoletto a ‘n certo punto nun t’ha visto più ...

Mentre Cecilia parla, Lelletta (in controscena) fa movimenti da disperata che interrompe appena Cecilia si volta e la guarda. Questo si ripete diverse volte.

Cecilia                 Eri andata a prenneme l’acqua! Potevo puro morì de sete a aspetta’ te! ... ma me stai a senti’?

Lelletta                (che non ha sentito nulla di quello che le ha detto Cecilia) Eh ...? Che c’è...? No ...!

Cecilia                 No??

Lelletta                Sì!

Cecilia                 Sì o no?

Lelletta                Nun lo so! Ma che d’è?

Cecilia                 (amorevole) Ho capito va! Che te succede Lellé?

Lelletta                iente ... che voi che me succede!

Cecilia                 Sì, perché io ... nun te conosco!

Lelletta                Guarda che te sbaji!

Cecilia                 Sicura?

Lelletta                (tra sé ma rivolta al cielo) Perdoname Miché se dico ‘sta bucia! E’ solo a fin di bene però! (rivolta a Cecilia) Nun c’é proprio gnente da preoccupasse! Parola de Lelletta! (ricordandosi dei panini che le ha dato Romoletto) A Cecì ... m’é venuta un po’ de fame! Te lo magni un pezzo de panino co’ me? Questi ce l’ha portati Romoletto!

Cecilia                 Mah! Un pezzetto! Nun me va!

Lelletta                (porgendole un panino le rifa’ il verso) Mah! Un pezzetto! Ma che t’ha preso ‘n’attacco de culo de gallina? Come nun te va? Magnate ‘sto panino e falla finita! Te devi mette in forze ... t’aspetta ‘na be ... (si ferma di colpo per evitare la gaffe)

Cecilia                 Che m’aspetta?

Lelletta                No ... gnente!

Cecilia                 Che stavi a di’?

Lelletta                Stavo a di’ che t’aspetta, anzi c’aspetta un inverno freddo ... ma così freddo ... che già c’ho li brividi! Brrr ...(si copre con una coperta)

Cecilia                 (guarda e riguarda il panino e poi lo spezza in due) Tutto nun me va, mezzo me lo magno dopo!

Lelletta                (con il boccone in bocca) T’ho detto ...

Cecilia                 ... Me lo magno dopo!

Lelletta                (c.s.) Va be’ ... fa come te pare! (le due mangiano) Mmm! Aspetta che c’avemo puro l’acqua fresca! (apre la bottiglia e versa da bere in un bicchiere di carta, poi lo porge a Cecilia) Bevi che te fa bene!

Cecilia                 Mo’ pure l’acqua me fa bene? Che l’hai presa pe’ un brodino de pollo?

Lelletta                (si versa altra acqua e beve) Si nun ce fosse Romoletto! Santo Romoletto! Eppure alla fame ce saremmo dovute abituà! Ogni vorta che parlo de fame ... ripenso ar tempo de guera! E quanno penso alla guera ripenso a tutte le guere c’ho visto!

Cecilia                 Ma perché ... quante guerre hai visto?

Lelletta                C’ho detto ... visto? Me so’ sbajata ... volevo di’ sentito! Quante guere de cui ho sentito parla’! E poi le guere so’ tutte uguali! Cambiano le divise ... cambiano le armi ... ma la gente morta ammazzata è sempre la stessa! Mah! (dà un morso al panino) Ahm...

Cecilia                 Quello che ho sentito della guerra me lo raccontava mi’ madre!

Lelletta                E che te diceva?

Cecilia                 Me raccontava sempre ‘na storia...

Sale la musica e canta Roma città aperta di M.Frisina

Scena settima

Finita la canzone, ancora sulla musica, Cecilia si distende in terra sui cartoni, si copre con la sua coperta e si mette a dormire.

Lelletta                (le rimbocca la coperta) Sì, ariposete! Comincia a fa’ freddo . Bella de Lella sua. (poi la chiama per vedere se si è addormentata) Ceci’! Dormi Ceci’? (non riceve risposta e con la voce strozzata dal pianto parla tra sé) Cecilia ... Cecilia! Porella! Come posso fa? (si sposta all’angolo sinistro del palcoscenico e rivolgendosi al cielo)

 Signore mio, tu lo sai che io nun me so’ mai impicciata! Quello che hai deciso tu ... io l’ho sempre accettato ... ma ‘sta vorta ... te vojo dì na cosa, te la posso dì? Posso? Aripensace! Cecilia no! Je vojo troppo bene! Nun posso sta a guardà ... senza poté fa’ gnente!

                            De tutta la gente a Roma ... solo lei me sta vicino! S’è presa cura di me fin dar primo giorno che me so’ messa a fa’ la barbona! Er fratello sta carcerato, la sorella ... se ne frega! E io che sò ... io che conosco tutto ... dovrei fa’ finta de gnente e lascià che succeda?

                            Nun so’ capace! Je l’avevo detto a Michele ... Io nun so’ capace! Io so’ n’angelo chiacchierone! Invece de famme le ali ... me dovevi cuci’la bocca! Io nun so sta’ zitto!

                            (si sposta all’angolo destro del palcoscenico sempre rivolta al cielo, come all’inizio) Michele! Perché nun me dai ‘na mano te? Michele!!! A miche’!!! (urlando) Michele!! Me stai a senti’!?

Michele               (per venire sulla terra a parlare con Lelletta usa il corpo di Romoletto) E che strilli! Damme er tempo no?

Lelletta                A Romole’ ... che stai a fa’ qua? Nun eri annato a casa?

Michele               Ma quale Romoletto!

Lelletta                Perché ... nun sei Romoletto? Che me so’ rincitrullita?

Michele               Me pare de sì! Possibile che nun me riconosci? Me chiami ... me chiami ! Io vengo ... e manco me riconosci!

Lelletta                (realizzando) Michele! (gettandosi ai suoi piedi) Sia benedetto il tuo nome Arcangelo Michele!

Michele               (tirandola sù) Dai Lellé Tirete sù! Pe’ nun da’ nell’occhio ho preso in prestito er corpo de Romoletto ... e tu fai tutta ‘sta caciara! Nun se famo riconosce!

Lelletta                (alzandosi, ma ancora sconvolta) Michele! Michele benedetto! Fatte bacià armeno le mani (esegue)

Michele               Va be’  ... va be’ .. ma adesso basta Lellé! Nun me posso ferma’ più de tanto ... dimme che c’è!

Lelletta                (non ricorda) De che cosa?

Michele               Ma come! Te sei messa a strillà ... Michele ... Michele ... Michele ... io t’avevo pure risposto ma tu gnente (facendole il verso) Michele ... Michele ... ho fatto prima a venì giù direttamente!

Lelletta                Hai fatto bene Miché! Hai fatto proprio bene! (musica) Ma lo sai ... se la gente sapesse che l’Arcangelo Michele sta qui a Roma! Er Principe del Cielo, er Fedelissimo della Chiesa!

Michele               Sai le volte che già so’ venuto Lellé e nessuno se n’è accorto! Non parlo delle apparizioni, e ce ne so’ state tante... parlo delle vorte che senza fa rumore so’ venuto ar capezzale d’un’anima gentile, quanno so’ stato vicino a chi partoriva nel dolore, o quanno so’ venuto ad abbraccia’ li disperati e quelli soli ar mondo ...quando, senza esse visto ho fermato la mano all’assassini... e poi, tu non lo sai, ma c’è un caso in cui vojo scenne sulla terra ... quanno vengo a piagne lacrime amare de sofferenza...!

Lelletta                E quanno?

Michele               Ogni vorta che procurano un’aborto in ospedale! Li vengo a prenne sempre io quell’angioletti che nun hanno mai visto la luce!

Lelletta                Porelli, morti prima del tempo!

Michele               Che morti, Lellé! Vivi! So’ vivi ... nun so’ morti! E saranno vivi anche tra miliardi di secoli! Sapessi quanti so’ ...e so’ così felici!

Lelletta                Felici?

Michele               Certo! Quelli so’ angioletti che partono per il viaggio co’ quarche mese d’anticipo ... so’ prediletti! Dio tiene conto der torto che hanno subìto e se li tiene stretti stretti a lui! Pe’ forza so’ felici!

Lelletta                Michele ... Michele mio! Quanto devo ancora impara’! Nun so’ degno de quello che faccio ... me sento così piccolo!

Michele               No Lellé! Sei un bravo angelo! E nun te sta a preoccupa’ pe’ Cecilia. Alla fine de ‘st’inverno sarà in paradiso ... co’ me! Sei contento?

Lelletta                (tossisce) E’ proprio de questo che te volevo parla’!

Michele               Dimme.

Lelletta                Ma nun se po’ rimanda’ ...? Armeno ‘n’artro pochetto ... che so’ ... de na settantina d’anni?

Michele               E perché?

Lelletta                Perché! Perché ... nun me sento de vedella morì de freddo ... lì per terra ... sopra ‘n cartone!

Michele               E che vorresti fa?

Lelletta                Nun lo so ... nun c’ho idea!

Michele               (con rassegnazione) E allora?

Lelletta                Ma ce posso penza’ ... però! Damme quarche minuto e vedrai che me faccio veni’ ‘na bella idea!

Michele               (fa per andarsene) No ... nun c’ho tempo ... devo annà!

Lelletta                No! Aspetta! Dimme che armeno posso fa’ quarche cosa io!

Michele               Tu?

Lelletta                Io ... si! Ce provo!

Michele               Vabbè!

Lelletta                Va bene?

Michele               Va bene.

Lelletta                Guarda che io ce provo!

Michele               Staremo a vede’!

Lelletta                (si getta ai piedi di Michele) Grazie Miche’! Grazie.

Buio in scena e subito luce. Grazie Michele! Grazie ... grazie!

Romoletto          (l’Arcangelo Michele ha lasciato il corpo di Romoletto) Grazie de che? De la carozza!

Lelletta                Michele?

Romoletto          (si guarda attorno) Ma chi è ‘sto Michele? Ma te voi arza’ ... se pò sape’ che t’ha preso!

Lelletta                Romoletto? Sei Romoletto?

Romoletto          No ... nun so’ Romoletto!

Lelletta                E chi sei?

Romoletto          So’ Giuseppe Garibaldi! Ma certo che so’ Romoletto ... che hai bevuto?

Lelletta                (lo riempie di baci e abbracci) Bello Romoletto ... bello!

Romoletto          (cercando di allontanarla) Ma sta’ bbona! Fermete!

Lelletta                (c.s.) Viè qua! Fatte abbraccia’!

Romoletto          Ma che t’ha preso?

Romoletto esce a sinistra inseguito da Lelletta. Dopo qualche attimo Cecilia si sveglia.

Cecilia                 Ammazza che sonno ... pare che stanotte nun ho dormito. Nun me devo senti’ bene ... c’ho er freddo fino dentro le ossa. Me sa che devo rimedia’ ‘n’artra coperta! (si alza) Però guarda che meravija...! Uno se arza e vede Roma! Ma chi è che sta mejo de me!

Sale la musica e canta        “Quanto sei bella Roma”


Scena ottava

Finita la canzone Cecilia esce da destra.

Lelletta                (entra in scena e vedendo le coperte pensa che Cecilia stia ancora dormendo) Ma ancora stai a dormì? Dai su arzete! Se dovemo incammina’ p’anna’ a pranzo! La Caritas ch’aspetta ... oggi ce so li spaghetti cor tonno! A Cecì! Ammappate che sonno duro che c’hai! Peggio d’un sercio! Li spaghetti... cor tonno... nun te piace più er tonno? (tocca le coperte con un piede) A Cecì! (si spaventa) O mamma mia quanto sei diventata secca! Ma che t’è successo? (cerca tra le coperte) Ma ‘n do’ stai? Esci fori! Te sei nascosta eh! (realizzando) Ma nun ce stà! Qui so’ solo coperte! Chissà dov’è annata! Come giri l’occhi ... spariscono tutti. Famme vedé ‘n dov’è annata ! (si concentra) Ah ... tutto a posto! Tutto sotto controllo! Mo’ ritorna ... è annata qui vicino! (al pubblico) E’ ‘na sarvata, eh? Pe’ noi angeli celesti è ‘n’attimo! Tutto quello che succede... noi lo vedemo chiaro e limpido come in un film! Ve piacerebbe pure a voi eh...? Dateme retta... è meijo de no! Nun è sempre positivo vedecce chiaro! A vorte è meijo esse ignoranti ... se soffre de meno.!

                            Per esempio... adesso che Michele m’ha dato il permesso de risorve er problema de Cecilia ... io nun sò manco da che parte comincia’!

Allora ... con carma! Iniziamo a spreme le meningi! Certo che prima de pranzo a fa’ ‘sti sforzi! Vabbè! Famose coraggio!

Primo: io vojo sarva’ la vita de Cecilia!

Secondo: se Cecilia continua a dormi’ pe’  strada e a fa’ la barbona, ‘st’inverno morirà de freddo!

Soluzione ... soluzione ... soluzione ... soluzione... semplice! Cecilia nun deve più dormi’ pe’ strada! Cecilia deve smette de fa’ la barbona!

Eh! ‘Na parola! E dove va? Er fratello sta carcerato ... la sorella ... (realizzando) La sorella! Pò annà a vive da la sorella!

Eh, capirai! Ho fatto ‘na bella pensata! So’ dieci anni che nun se vedono più! Da quanno c’hanno avuto ‘na questione d’eredità, perché si se sfasciano le famije è sempre una questione de sordi, nun se so’ più viste! Litigarono de brutto, ma così de brutto  che a momenti finivano a cortellate! All’epoca vivevano tutti assieme, ma poi Cecilia se ne andò da casa, sparì dalla circolazione e se mise a fa’ la barbona!

La sorella nun sà nimmanco che fine ha fatto Cecilia! E Cecilia nun sa che fine ha fatto la sorella! Teresa, sì ... la sorella de Cecilia, cambiò casa ... annò via da Roma ... se trasferì al nord ... insomma è tutta ‘na storia! Come fanno ‘ste due a rincontrasse ... come fanno se nessuna delle due sa dove è finita l’artra! Manco Raffaella Carrà sarebbe capace de ritrovalle!

(realizzando) Raffella Carrà ... no! Ma io sì ... che so’ capace! (felice) Che bella pensata! Che bella pensata! (si rattrista) Ma da sola nun ce posso riusci’! Come posso fa? Come posso fa! Semplice ... me faccio da’ ‘na mano da Romoletto! Lui c’ha un’ascendente particolare co’ Cecilia! Lui la convincerà a torna’ dalla sorella! Io intanto vado a convince Teresa ... (innervosita al pubblico) V’ho detto che Teresa è la sorella di Cecilia! Ma me state a sentì quanno parlo? Insomma ... v’ho detto che ... no! Nun ve lo dico più (esce da sinistra mentre borbotta tra sé) E’ inutile ... no ... nun ve lo dico ... che ve lo dico a fa ... ecc.ecc.

Entra in scena Romoletto che canta “A Nina”

Scena nona

Lelletta                (entra trafelata e parla velocissima senza farsi capire. La battuta è solo indicativa in quanto Lelletta parlerà a braccio in modo caotico e confusionario) A Romolé! Meno male ... è urgente ... sapessi ... ‘n da dove comincio ... Cecilia ... l’inverno ... brrr ... lo sai che freddo ... dorme sopra li cartoni ... li pormoni (colpi di tosse) ... enfisema ... dolori ... e poi more ... io nun voijo ... Romolé ... aiuta ... sorella!

Romoletto          (senza parlare la guarda e dopo qualche attimo si avvia verso l’uscita a destra)

Lelletta                ‘Ndo’ vai?

Romoletto          A chiama’ la neuro!

Lelletta                Ma quale neuro!

Romoletto          Ah ... ho capito! (si avvia per uscire a sinistra)

Lelletta                ‘Ndo’ vai?

Romoletto          A chiama’ er CIM!

Lelletta                Er CIM?

Romoletto          Centro d’Igiene Mentale!

Lelletta                Nun me serve tutta ‘sta robba!

Romoletto          Ma mica pe’ te! Pe’ me! Me stai a manna’ ar manicomio! (urlando e facendo il matto) portateme ar Cim! Portateme ar Cim! Ecc.ecc.

Lelletta                Dai ... smettila! ... Sta’ bono! ...(cerca di fermare Romoletto, ma lui continua) Finiscila! Dai ascortame! Nun fa’ er buffone! (vedendo che Romoletto non si ferma gli impone le mani, come fanno i maghi e lo blocca facendolo rimanere immobile come una statua) Zitto! Ohh! E mamma mia! Un po’ de silenzio! Ohh! (al pubblico) Ma tu guarda questo che me fa fa’! Abbassamme a ‘sti giochetti! Io che so’ l’Angelo de Roma ridotto a fa’ er mago Silvan! Che vergogna! (lo guarda) Però lo sai ...che sei caruccio! Io quasi quasi te lascio così   un par de settimane! Eh ? Che ne dici? Che fai ... nun parli? Ah già! Nun poi parlà! Però m’ascorti! Me devi ascortà pe’ forza! Io adesso te sblocco ... e tu ... stai bono e zitto ... senza strillà! Va bene? E’ vero che va bene? Sì? Di’ de sì! Nun poi parlà? Allora movi l’occhi! Su e giù ... su e giù! Fai sì ... coll’occhi! Siii! (Romoletto muove gli occhi in su ed in giù) Bravo Romoletto! (imponendogli le mani) Tiè!

Romoletto          (appena viene sbloccato urla come un ossesso) Ahhhhh...

Lelletta                (lo blocca di nuovo) Zitto! (Romoletto si blocca di nuovo ma in una posizione diversa dalla precedente) Ahh! Ma allora nun voi capi’! Ma come ... io te sblocco e tu urli! M’avevi detto puro de sì coll’cchi! Allora sei buciardo!! Dillo che sei buciardo e famo prima! Te pijerei a carci! Me stai a senti’!? (Romoletto muove gli occhi su e giù) Si! Bravo! Allora sentime bene! Io adesso te risblocco ‘n’artra vorta, però ... tu ... nun urli più! Perché se strilli e se fai er matto... io ... sai che faccio? Te faccio rimane’ come ‘na statua de cera pe’ tutta la vita! Hai capito? (Romoletto fa sì con gli occhi) Guarda che Lelletta tua ‘sta vorta nun scherza ... aricordatelo! E’ vero che te lo ricordi? Di de sì! Me lo ricordo! Dì me lo ricordo! Nun poi parla’? Nun te preoccupa’ ... movi sempre l’occhi! Me-lo-ri-cor-do! Bravo (Romoletto muove gli occhi ripetutamente) Guarda che stavorta si nun mantieni quello che dici ...prima te faccio diventa’ ‘na statua de cera e poi te dò pure un cazzotto in testa! Tiè!!!

Romoletto          (la guarda terrorizzato) Ma che sei ‘na strega?

Lelletta                ‘Na strega a me? Nun te permette sa!

Romoletto          (c.s.) Che m’hai fatto la macumba?

Lelletta                T’ho fatto er mambo ... no la macumba! Ma che stai a dì?

Romoletto          E allora come sei riuscita a paralizzamme!?

Lelletta                Mo’ te lo spiego! Devi sapè...

Romoletto          (interrompendola) ...No! Nun lo voijo sape’!!!

Lelletta                E Perché? Te lo dico! Devi sapé ...

Romoletto          ... nun vojio senti’! (si tappa le orecchie con le mani e canta) la ..la..la..la..la..

Lelletta                (smette di parlare)

Romoletto          (vedendo che Lelletta non parla più si toglie le mani dalle orecchie)

Lelletta                (dopo alcuni attimi di silenzio riprende a parlare) Devi sapé ...

Romoletto          (si tappa le orecchie come prima) la..la..la..la.. (la cosa si ripete altre due volte)

Lelletta                (stanca e irritata, gli blocca solo le braccia) Ho detto tié!

Romoletto          Aho! Che è successo? Chi é che me sta a tene’? (si sforza di muovere le braccia, ma inutilmente) Ahh! Lasciateme! Lasciateme! Ve la pijate co’ me perché so’ da solo! A Brutti zozzi! Lasciateme!

Lelletta                Ma la voi fini’ ‘na bona vorta? Possibile che nun capisci?

Romoletto          (parla avendo sempre le braccia bloccate) Ma che devo capi’? Queste so’ stregonerie!

Lelletta                (risentita) Arifacce sa! Nun so’ stregonerie! Al contrario!

Romoletto          Contrario? Che contrario?

Lelletta                Io non sono una strega.

Romoletto          No? E chi sei?

Lelletta                Un angelo!

Romoletto          (urlando) Portateme ar CIM! Vojo annà ar CIM!

Lelletta                Ma me fai parla’?                

Romoletto          (c.s.) Noo! Vojo annà ar CIM!

Lelletta                Famo un patto.

Romoletto          Che patto?

Lelletta                Io te sblocco le braccia e tu nun strilli più. Va be’?

Romoletto          Va bene.

Lelletta                (lo sblocca) Tiè! Io faccio la barbona pe’ nun da’ nell’occhio ... ma la verità è che sono l’Angelo protettore de Roma. Hai capito?

Romoletto          (sottovoce) Portateme ar CIM!

Lelletta                Aho! Hai capito? Sì o no?

Romoletto          (c.s.) Vojo annà ar CIM!

Lelletta                (sottovoce) L’Angelo de Roma!

Romoletto          (c.s.) Ar CIM!

Lelletta                A Romole’! Sto a parla’ seriamente! Prima è venuto pure l’Arcangelo Michele!

Romoletto          Ah sì! E indove è venuto?

Lelletta                S’è infilato dentro ar corpo tuo!

Romoletto          (urla) Portateme ar CIM!

Lelletta                No! No! C’hai ragione ... c’hai ragione!

Romoletto          Eh! ... Meno male!

Lelletta                (prendendolo per mano) Viè qua! Mettete seduto un attimo! Oh! Bevete un po’ d’acqua che te ripij subito! (prende la bottiglia e un bicchiere di carta. Sta per versare l’acqua ma si ferma) No, aspe’! Innanzi tutto l’igiene! Areggi. (porge la bottiglia a Romoletto, poi con un lembo della propria maglia pulisce il bicchiere. Riprende la bottiglia e versa l’acqua nel bicchiere, porgendolo a Romoletto) Tiè, bevi!

Romoletto          (attonito) No ... grazie! Nun c’ho sete!

Lelletta                Va bè’! Me lo bevo io. Alla salute! (beve) Adesso ascoltame! Con carma! Te ricordi stamattina che parlavamo dell’angeli?

Romoletto          (dopo qualche attimo) Sì.

Lelletta                Oh! E perché parlavamo dell’angeli?

Romoletto          E che ne so?

Lelletta                (molto lenta e pacata) Perché io sono ...

Romoletto          (sgrana gli occhi)

Lelletta                ... no! Troppo sverta! (tra sé) Come je lo dico ... come je lo dico ... (realizza) Ah ... ecco! L’angeli ... come te li immagini? Tutti bianchi? Co’ le ali? Che volano tra le nuvolette? Sii? Si? No!

Romoletto          No!

Lelletta                (molto lenta e pacata) L’angeli so’ come noi! Anzi ... come voi! Perché io non sono una barbona! Io ... sono ... un’angelo! Hai capito?

Romoletto          (come se stesse chiedendo una grazia) Portame ar CIM!

Lelletta                No! Nun te ce porto! E lo sai perché nun te ce porto? ... Perché tu mi devi aiutare! Hai capito?

Romoletto          (facendole il verso) No!

Lelletta                (c.s.) Ma è semplice! Perché non vuoi capire? Mi spiego meglio! Siccome io sono un angelo... io vedo tutto!

Romoletto          Vedi tutto?

Lelletta                Vedo tutto!

Romoletto          Allora perché nun vedi de portamme ar CIM?

Lelletta                Er CIM è chiuso! Allora ... siccome io vedo tutto ... ho visto che fra qualche mese Cecilia, durante la notte morirà de freddo ... tu non voi che Cecilia more de freddo ... è vero che nun lo voi?

Romoletto          (si alza) E certo che nun lo vojo ... che discorsi!

Lelletta                Allora devi convince Cecilia ad anna’ a vive co’ la sorella ... così la smette de fa la barbona!

Romoletto          Ma perché nun la convinci te!?

Lelletta                Tu hai mai visto una barbona che cerca de toje dalla strada ... ‘n’artra barbona?

Romoletto          No!

Lelletta                Appunto! Ce devi penza’ te! Pure l’Arcangelo Michele ha detto che posso decide quello che me pare! Perciò ...  c’ho carta bianca!

Romoletto          L’Arcangelo Michele!

Lelletta                Esatto! L’Arcangelo Michele!

Romoletto          E quando ch’avresti parlato ... co’ l’Arcangelo ...

INSIEME           ...Michele?

Lelletta                Prima! Lo sai che ha fatto? Ha preso in prestito er corpo tuo ... ed è venuto quì a parla’ co’ me!

Romoletto          Er corpo mio?

Lelletta                Eh!

Romoletto          E com’è che nun me ricordo gnente?

Lelletta                Nun te lo poi aricorda’! O famo apposta! Come nun te ricorderai tutto quello che adesso se stamo a di’!

Romoletto          Nun me ricorderò?

Lelletta                Eh no! Nun te potrai ricorda’ ...

INSIEME           ... lo famo apposta!

Lelletta                Bravo! Lo vedi che hai capito!

Romoletto          Ma scusa ... hai detto che vojartri angeli ... sempre che tu sei ‘n’angelo, potete entra’ nei corpi della gente?

Lelletta                Certo ... è vero !

Romoletto          (con aria di sfida) Allora entrace tu ner corpo mio e parlace te ... co’ Cecilia! No?

Lelletta                (tra sé) Ah ... già, è vero! Nun ch’avevo pensato!

Buio in scena. Dopo alcuni attimi torna la luce. Durante il buio i due che prima erano uno a destra e l’altro a sinistra, si sono scambiati di posto. Da questo momento in poi Lelletta sarà impersonata da Romolo e viceversa.



Lelletta *             (con il corpo di Romoletto) Et voilà! Detto fatto

Romoletto *       (con il corpo di Lelletta, urla come un ossesso) Ahhh ... o Dio mio! Che m’è successo?? Mamma mia aiutateme! Portateme ar CIM! Portateme ar CIM! Aiuto!

Lelletta *             Te voi sta’ bono! Carmete! Dai su, nun fa’ così! (Romoletto continua ad urlare e Lelletta lo blocca) Zitto!

                            (Romoletto si blocca) Ahh! Ma allora ce rifai? Ma come! Me l’hai detto tu che potevo entra’ ner corpo tuo! Io manco ch’avevo pensato! Nun te devi spaventa’! Te l’avevo detto che so’ un angelo! Che pensavi che scherzavo?

Romoletto *       (muove gli occhi per dire di sì)

Lelleta *              Si? E no ... invece! Adesso devi solo sta’ bono una mezzoretta, te tieni er corpo mio ... casomai te vai a fa’ un giretto ... poi tutto ritorna come prima! Va be’? Sii? Dì de si!

Romoletto *       (muove gli occhi per dire si)

Lelletta *             Tiè!

Romoletto *       (urla) Ahh ! (Lelletta sta per ribloccarlo ma viene interrotta da Romoletto) No! Fermate! Vabbè! Ho capito! Nun me fa’ rifa’ più la bella statuina ... che me so’ stufato! Ho capito! Però me fai ‘na cortesia ...

Lelletta *             (materna) Dimme, dimme tutto, figurete!

Romoletto *       Dopo ...

Lelletta *             Eee...

Romoletto *       Quando è finito tutto ....

Lelletta *             Eee ...

Romoletto *       Te chiedo solo ‘na cosa ...

Lelletta *             Che cosa?

Romoletto *       Portateme ar CIM! (esce a sinistra seguito da Lelletta)

Sale la musica di “ Una voce de Roma” che viene cantata da Cecilia. Al termine della musica entra in scena Lelletta sempre nel corpo di Romoletto.

Scena decima

Lelletta *             (mentre entra parla tra se) Certo che ‘sti pantaloni! Nun c’ero più abituato! Ma tu guarda! Ecc. ecc.

Cecilia                 A Romolé, che parli da solo? A Romolè?

Lelletta *             Ah so’ io Romoletto! Nun me ricordavo!

Cecilia                 Nun t’aricordavi? E ‘ndo’ stai co’ la testa ? ... tra le nuvole?

Lelletta *             Eh! Quasi! (felice saltella lungo tutto il palcoscenico) So’ Romoletto ... So’ Romoletto ...

Cecilia                 A te, te và de giocà ... a me nun me va pe’ gnente!

Romoletto *       Perché?  che t’è successo?

Cecilia                 Famme succede quarche artra cosa! Oggi poi nun me sento bene! So’ tutta un dolore! A forza de dormi’ sulli cartoni, me sto a ‘ncriccà tutta!

Lelletta *             Ma chi te lo fa fa’!

Cecilia                 Ma che stai a di’?

Lelletta *             Parlo sur serio! Perché nun smetti da fa’ ‘sta vita?

Cecilia                 Ma io questa c’ho! Nun ce n’ho artre!

Lelletta *             Ma nun senti er bisogno d’un po’ de serenità? Magari ... de na famija?

Cecilia                 Io ce l’ho ‘na famija! Lelletta è la famija mia!

Lelletta *             Nun me di’ così ... che me fai commove!

Cecilia                 Che c’entri te? Io sto a parla’ de Lelletta!

Lelletta *             Ehm ... appunto! Me commovo a pensa’  a quanto sete affezionate!

Cecilia                 E poi che so’ ‘sti discorsi  Romole’?

Lelletta *             Pure Lelletta te vo’ bene! Sapessi quanto!

Cecilia                 E tu che ne sai?

Lelletta *             E io che ne so?

Cecilia                 Eh ... che ne sai?

Lelletta *             (prima bisbigliando a mo’ di Lelletta poi ripetendo forte) Me l’ha detto lei.  ...Me l’ha detto lei!

Cecilia                 Te l’ha detto lei? E che t’ha detto?

Lelletta *             ‘Na vorta stavamo a parla’ e me disse: sapessi quanto bene je vojo a Cecilia: Farei qualsiasi cosa pe’ vedella felice!

Cecilia                 T’ha detto?

Lelletta *             Eh! Me piacerebbe che vivesse in una bella casa! (Cecilia è in estasi ad ascoltare e sospira ogni tanto) Una casa comoda ... co’ l’acqua , la corrente, l’acqua corrente, un ber camino. Magari co’ li termosifoni ... sempre accesi!

Cecilia                 Giorno e notte !

Lelletta *             Giorno e notte! Una casa con una bella cucina ... piena de pentole ... un bel frigorifero sempre pieno de robba bona! Una casa co’ tanti regazzini che correno da tutte le parti ... una casa piena de persone che ami ... un marito ... un fratello ... una sorella! ...

Cecilia                 (torna in sé) No ... la sorella no!

Lelletta *             (tra sé) e te pareva! (a Cecilia) Perché la sorella no?

Cecilia                 (risentita) Perché no! La sorella no e basta! E poi t’ho detto che ‘sti discorsi nun me vanno!

Lelletta *             Ma che t’ha fatto la sorella?

Cecilia                 Nun vojo parla’ de sorelle, va be’?

Lelletta *             E ne dovemo parla’ pe’ forza!

Cecilia                 Perché ne dovemo parla’ pe’ forza?

Lelletta *             Perché?

Cecilia                 No, te lo chiedo io perché!

Lelletta *             E chiedilo!

Cecilia                 Perché?

Lelletta *             (cercando le parole) Perché ... perché ... quanti ne avemo oggi?

Cecilia                 Nun me cambia’ discorso! Risponni a me! Perché?

Lelletta *             Perché Teresa ... (si fa scappare il nome di Teresa)

Cecilia                 (infuriata) Teresa? Che ne sai tu de Teresa! Eh ? :::Che ne sai?

Lelletta *             Aho! Statte carma! Che me te voi magna’?

Cecilia                 (c.s.) Si nun me dici subbito come fai a conosce Teresa, te stacco ‘na gamba e te ce pijo a carci!

Lelletta *             L’ho vista!

Cecilia                 L’hai vista? E ‘ndove?

Lelletta *             Qui

Cecilia                 Qui? Ma che stai a di’?

Lelletta *             (urla) Ahhh! Statte carma! Si stai carma te racconto tutto ... se invece continui a fa’ così ... me ne vado e nun te dico gnente ... me poi stacca’ tutte le gambe che te pare ... giuro che nun te dico gnente!

Cecilia                 Vabbè! Me so’ carmata!

Lelletta *             Stai carma?

Cecilia                 (urlando) Sii!

Lelletta *             (fa per andarsene) Allora me ne vado.

Cecilia                 (calmandosi) No ! Vabbè! Sto carmissima!

Lelletta *             Allora mettete seduta sulla portrona mia e ascorta!

Cecilia                 ‘A portrona tua?

Lelletta *             Ehm ... sulla poltrona de Lelletta volevo di’!

Cecilia                 No ... sto in piedi!

Lelletta *             (urlando) Mettete seduta!

Cecilia                 (urlando) No!

Lelletta *             (fa per andarsene) Allora me ne vado!

Cecilia                 (correndo a mettersi seduta) No! ... No! Me metto seduta ... me metto seduta! Ecco ... sto a sede! (urlando) Allora?

Lelletta *             Come?

Cecilia                 (a voce bassa) Allora?

Lelletta *             Prima, quanno tu nun c’eri ... è venuta una donna e ha chiesto de te! M’ha detto : “cerco una barbona de nome Cecilia”. E io quante Cecilie conosco che dormono sui cartoni e fanno la barbona? Quante ne conosco?  

Cecilia                 E che ne so!

Lelletta *             Una! Ne conosco una! Te! Conosco solo te!

Cecilia                 E che j’hai detto?

Lelletta *             E che j’ho detto ! Che te conoscevo bene! Anzi benissimo!

Cecilia                 E lei? Che t’ha detto lei?

Lelletta *             M’ha raccontato una storia!

Cecilia                 Una storia? Che storia?

Lelletta *             La storia de una famija che all’inizio era tanto unita. In questa famija c’erano tre figli ... due femmine e un maschio. Ar maschio, un girono, je girò la capoccia e fu carcerato ... e le due sorelle ... una se ne andò da casa e cambiò città, l’altra lasciò tutto e se mise a fa la barbona!

Cecilia                 (seccata) ‘sta storia la conosco, nun me dici gnente de novo!

Lelletta *             Ma nun sai come continua! Per esempio nun sai che ar fratello carcerato l’hanno appena trasferito a Torino e j’hanno concesso la libertà condizionata!

Cecilia                 (si alza) Silvano!

Lelletta *             Sta’ seduta ... ancora nun ho finito!

Cecilia                 Silvano ... Silvano mio!

Lelletta *             Silvano ... sì! Ma famme raccontà!

Cecilia                 A Romolé ... e sbrigate che sto sulle spine!

Lelletta *             E tu mettete seduta che te spiego tutto (Cecilia si siede) Silvano s’è trasferito a casa de Teresa! Artrimenti nun je la davano la libertà condizionata! Così i tuoi fratelli se so’ rincontrati dopo tanti anni ... ma se so’ accorti che ancora je manca una cosa molto importante pe’ esse veramente felici!

Cecilia                 Che j’amanca?

Lelletta *             Je manchi tu! Pe’ tornà a esse ‘na famija vera ... manchi solo te Cecì!

Cecilia                 (sbotta a piangere. Si alza e fugge via a sinistra)

Lelletta *             (chiamandola) Cecì! Cecilia! Nun ho finito de raccontatte! Cecilia! Sì, metteje er sale sulla coda! Quella è annata a cerca’ Lelletta ... te lo dico io! Ma Lelletta so’ io! Me tocca annà a riacchiappa’ Romoletto! Artrimenti sai che combina! (si avvia verso una quinta, ma si arresta) Ma prima de riconsegna’ ‘sto corpo ar legittimo proprietario volevo tojeme ‘no sfizio! Ce l’ho du’ minuti? Ma sì! Pe' du' minuti soli! Er tempo de cantà ‘na canzone ... artrimenti quanno me ricapita ner corpo de Lelletta! Stonata come so’!

Sale la musica e canta “Le Streghe”. Finita la musica esce a sinistra mentre Romoletto entra da destra.

Scena undicesima

Romoletto *        Lo sapevo io ... nun c’è! Mannaggia la miseria ... vedrai che me tocca annà in giro cor corpo de Lelletta tutto er giorno! M’ha detto - “Nun te preoccupa’ ... vatte a fa’ ‘na passeggiata ... è roba de ‘na mezzoretta!” - Figurete! Devo fa’ pure la pipì .. ah ma io nun ce vado! Magari crepo! Io nun so’ abituato a certe cose! Me dovessi pija’ ‘no spavento! No, no ... pe’ carità! ( strilla) Arivojo er corpo mio! Aridateme er corpo mio!

Lelletta *             (entra in scena da sinistra) Eccome ... eccome! Mamma mia ... e mica scappo!

Romoletto *        Ma me scappa a me! Dai sbrigate aridamme er corpo mio!

Lelletta *             Ma ancora nun ho risorto gnente! Cecilia è scappata e devo fini’ er discorso!

Romoletto *        Me dispiace, tempo scaduto!

Lelletta *             E come famo co’ Cecilia?

Romoletto *        Ah ... nun lo so! Quarche cosa s’enventeremo! (sempre più impaziente) Aridamme er corpo mio ... me la sto a fa’ sotto!

Lelletta *             E mamma mia! Me pari ‘na creatura!

Buio in scena , poi torna la luce, nel frattempo i due si sono cambiati di posto e sono tornati nei loro rispettivi corpi.

Romoletto          Ahh! Che sollievo!

Lelletta                (adesso scappa a lei la pipì) Oddio ... oddio, devo fa’ la pipì! Presto ... presto! Oddio ... oddio...(esce da sinistra)

Romoletto          (con sollievo) Ah! Ognuno se ripijasse li giocarelli sua ... pe’ piacere! (si bacia da solo) Bello, bello! Quanto te vojo bene! Non ti lascerò più! Che hai fatto senza de me tutto ‘sto tempo! Bello ... bello! Io cor corpo de Lelletta me so’ fatto un giro a Porta Portese! Me piace da mori’! Me diverto, me divago! A vede’ tutta quella monnezza ... me sento a casa mia! Abituato co’ ‘ste due! (indica i cartoni, poi cambia tono e si rivolge ad una persona del pubblico) Porta Portese! Ma che nun la conosci? Anvedi, questo nun conosce Porta Portese! Adesso ve la racconto io!

                            Venghino signori da questa parte

                            Ecco, guardate, queste so’ tre carte

                            Questa è quella che vince, state attenti.

                            Pronti! ‘ndo sta? Qui? Bravo, complimenti!

                            E’ fortunato lei caro signore!

                            Visto? Già m’ha fregato diecimila lire!

                            Sta’ bono, ‘n ce prova’, quell’è er compare

                            Tiramo avanti, annamo, fa er favore.

                            Te prego, ‘n corpo solo, so’ sicuro

                            Visto? T’hanno fregato ... ber somaro!

                            Hai perso centomila ... la miseria!

                            Credi che stanno qui pe’ cambia’ aria?

                            ‘Namo vie’ via, sbrighete, cammina

                            che già me rode er chiccherone stammatina

                            Anvedi ‘sto giaccone, che bellezza

                            Lascialo perde, ‘n vedi ch’è monnezza!

                            Guarda ‘sti pantaloni, stanno bene?

                            Si, ma nun vedi che saccocce strane!

                            Aho, ma che sta’ fa’ ... che guardi in basso   

Te copri co’ la mano, ch’è successo?

Lo possinammazzallo, è stato er vecchio

Che m’ha ficcato ‘n dito dentro a n’occhio!

Possibile, la ggente nun ce vede

Quell’altro, prima, m’ha acciaccato er piede

Facenno marcia ‘ndietro cor carretto

E m’è finito proprio sur calletto.

Annamosene ‘n pò dall’altra parte

Che vojo visità l’oggetti d’arte.

Da’ ‘n’occhiata a la faccia de ‘sto Cristo

Ma come mai che sta così nascosto?

Aho ...io credo che sia ‘n po’ incacchiato

Pe’ quel Cristo che prima m’è scappato!

Ma tu che dici? Forse lui me scusa

Si me lo compro e me lo porto a casa?

Scusi ‘sto Cristo quanto me lo mette?

 Co’ ‘sti tre buchi e ‘ste du’ dita rotte?

Mah ... damme ‘n pò seicentomilalire

Viene da Bethlemme, è originale!

Possibile che nun se trova ‘n Cristo

Che se possa comprà più a basso costo?

Vede caro signore, su li santi

Nun ce potemo pratica’ sconti.

Verremo quanno passeno de moda ...

Però nun me pare che ce sia la coda!

Vabbè ... lasciamo perde, annamo avanti

Oggi nun è aria de comprà li santi!

Vedemo a ‘n’artro banco “omini politici”

Ch’annamo ahò, daje vie’, tu che ne dici?

Daje sbrigamose che sinnò ce chiude

Là me diverto, fanno così ride.

Quanto viè quer Berlusconi? No, er busto!

‘n par de mijoni? Ammazza ... più de Cristo!?

Andreotti l’avete già venduto?

Eh, sì! ‘N’americano l’ha comprato.

E pe’ Bossi ce sta già quarcuno?

No! E’ libero ... nun lo vo’ nessuno!

Se je ‘nteressa je lo do pe’ poco.

No! Dicevo così ... pe’ daje foco!

Pannella ce l’avete lì da ‘n pezzo!

Si, ma pe’ poco, ‘sta annà su e giù de prezzo.

Venga qui che je faccio fa’ n’affare

‘sto busto je lo metto poche lire!

Chi è, che fa, io mica lo conosco!

Come! E’ Re Umberto, m’è arrivato fresco;

sentite, io nun c’ho da perde tempo

diteme chi volete e ve lo stampo

tanto so’ fatti co’ la macchinetta

nun me ne sbaja uno, è perfetta:

No, grazie, arrivederci, nun fa gnente

Era p’ave’ ‘na cosa divertente

A ‘n’angolo de casa, sa ... fa ambiente

Ma poi me chiedo: capirà la gente?

Sa ... noi semo ‘n popolo ‘gnorante!

Esce a sinistra mentre sale la musica. Entra Cecilia che canta “Roma nun fa’ la stupida stasera. Al termine della canzone entrano in scena anche Lelletta e Romoletto.

Scena dodicesima

Lelletta                Ah eccola!

Romoletto          Eh che sei ... peggio de la primula rossa!

Cecilia                Ma che me so’ fatta i controllori?

Lelletta                (scherzando) Aho ... risponni bene sa!

Romoletto          (scherzando) Nun te permette sa!

Le vanno addosso e, a soggetto, le fanno il solletico

Cecilia                Eh no! Eh no! Dai, nun me va de scherza’! Nun me sento!

Si sente squillare un telefono cellulare. I tre si fermano interrompendo la scena. Escono dal personaggio ed assumono l’identità di tre attori che stanno facendo le prove di una commedia.

Lelletta                Non ci posso credere!

Romoletto          Mo’ de chi è ‘sto cellulare!

Entra il direttore di scena con un cellulare in mano.

Direttore             Sandra è per te!

Romoletto          Ma porca miseria!

Lelletta                Ma li volete chiudere questi cellulari!

Cecilia                (rispondendo al cellulare) Pronto!

Lelletta                Siamo riusciti a farla tutta di filato e lai lascia il telefonino acceso!

Cecilia                 (sempre al telefono) Eh si! Stavamo facendo le prove! ... (a Lelletta) Eh ... me so’ scordata er telefonino acceso!

Lelletta                L’unica! Tutta la compagnia l’ha spento ... lei no!

Cecilia                 (al telefono) E pure te che me vai a chiama’! Ma che hai provato! Sai che sto a fa’ le prove generali e me vai a telefona’!

Romoletto          Sì ... mò  ‘ a corpa è de chi te telefona!

Lelletta                Se tu lo tenevi spento ...

Cecilia                 Zitti un po’ che non sento!

Romoletto          Pure!!

Lelletta                Dobbiamo stare zitti noi ... hai capito!!

Cecilia                 Pronto! E nun sento bene ... questi nun se stanno zitti! Ma che me devi diì? (si sposta in avanti verso il proscenio e si accorge della presenza del pubblico in platea. Impallidisce alla vista della gente) Te richiamo ! Si ... si .. te richiamo! E nun posso parla’ ...

Lelletta                (che non si è accorta di nulla) No parla, parla! Ormai ci siamo fermati ...

Cecilia                 (c.s.) Te richiamo...! Ciao! (spegne il telefonino. Fa finta di niente e si avvicina a Lelletta, bisbigliandole una cosa all’orecchio)

Lelletta                Non ti capisco... che c’è?

Cecilia                 (sottovoce) Il pubblico!

Lelletta                Che pubblico?

Cecilia                 Il pubblico ... in platea!

Lelletta                Ma che pubblico (si avvia verso il proscenio e guarda in platea) Ma che è tutta questa gente?

Romoletto          (guardando anche lui in platea) Ma che state a di’ ... aho! Uh .. anvedi ... er pubblico!

Cecilia                 (a Lelletta) Ma chi l’ha fatta entra’ tutta ‘sta gente?

Lelletta                E che ne so io! (al pubblico) Buona sera! (al maestro) Maestro ma non ti eri accorto di niente? No, eh! E che te ne pare! (rivolgendosi al direttore di scena che è dietro le quinte) Fiorella! Accendi un po’ le luci in sala!

Accese le luci salgono sulla scena il coro. Tutti i cantanti chiedono spiegazioni e si accorgono del pubblico in sala.

Cecilia                (al pubblico) Scusate, ma chi è che vi ha fatto entrare?

Romoletto          Li caccio via io?

Lelletta                Ma sta buono! Che cacci! Adesso si risolve tutto! (al pubblico) Signori scusate noi stavamo facendo le prove e le prove non sono aperte al pubblico

Cecilia                 (sempre al pubblico) Ma voi avete visto tutto ... dall’inizio?

Romoletto          E magari vonno pure vedé come va a fini’ ‘sta storia!

Cecilia                 No, ormai se semo fermati! Non potemo più continua’!

Lelletta                Questo è vero! Ormai!

Cecilia                 E come fanno?

Romoletto          Tornano ‘n’artra  vorta!

Il coro dissente a soggetto.

Lelletta                No ... no! Buoni ... state buoni! Andate a prepararvi e cantiamo dai!

Tutto il coro riscende borbottando. Rimangono in scena soltanto Lelletta, Cecilia e Romoletto.

Lelletta               Fiorella! Spegni le luci in sala!

Fiorella               (borbottando a soggetto esegue)

Lelletta               Maestro ... dai va’! L’ultima fatica! Ed a voi caro pubblico cosa possiamo dire?

Cecilia                Gli angeli custodi esistono o no?

Romoletto          E Roma ce l’avrà il suo angelo custode?

Lelletta               Ognuno di voi la pensi pure come crede ... ma l’unica cosa che vi possiamo dire ...

Cecilia                State attenti ai barboni

Romoletto          In ogni barbone se nasconne un angelo custode..

Lelletta               E poi ... se è o non è l’Angelo de Roma, che importa ... Fermi! (blocca sia Cecilia che Romoletto. Poi ri sivolge ancora al pubblico)  L’importante è crederci! ... Tiè! ( i due si sbloccano)

Sale la musica con il coro che canta Nannì

S I P A R I O

Le canzoni – Suonate da M° Michele Santoro con il coro della Diocesi di Roma:

Alba Romana                                         Don Marco Frisina

Le Mantellate

E’ nato insieme a me                            Massimo Ceccarelli

Coraggio bene mio                                Inedito del ‘700

Roma che fu                                           Romolo Balzani

Roma città aperta                                 Don Marco Frisina

Canzone a Nina                                     Gaudiosi

‘Na voce de Roma                                Ventre – Di Benedetto

Le streghe

Roma nun fa’ la stupida stasera         Armando Trovajoli

Nannì                                                       Silvestri.

                           

                           

                                     

                           

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno