Arturino…

Stampa questo copione

“ARTURINO

“ARTURINO....”

Di

Angelo Rojo Mirisciotti

Commedia comica di costume in due atti

ARTURINO - 

commedia 2 ATTI - 5 - 5 d. - DURATA 100 MINUTI

Sinossi :

Don Giovanni  il pater familias di casa Afeltra è un vero Uomo, un Macho di quelli all'antica...In casa la virilità è un dovere,un mito cui tutti si devono assoggettare. Che succede quando si scopre che il promogenito, Gabriele , " 'o masculone 'e papà" ha definitive tendenze omosex..? Tragedia, lacrime e sangue...!!!...Ma per fortuna che c'è Arturino, l'amichetto dolcissimo di Gabriele che sarà pure gay ma ha un cuore e due palle grosse così...Alla fine quindi,delicatamente, tutto si aggiusta..siamo o no a Napoli città della tolleranza e dei femminielli?

Napoli        ************************************     16 Giugno 2009


“ARTURINO....”

….si nasce uguali….diversi si diventa..!

di

Angelo Rojo Mirisciotti

Commedia quasi comica di costume in due atti

PERSONAGGI E TIPI

1.Giovanni Afeltra ..................il papà del discolo,un macho...

2.Pina Afeltra...................................sua moglie,una martire....

3.Gabriele Afeltra...................................18 anni,il deviante....

4.Arturino Capece...................18 anni, l’ “amico”di Gabriele

5.Teresa Esposito...................la svanitella cara amica di Pina

6.Donato Lo Purpo....................................l’Amministratore...

7.Pia Posalaseggia...................................condomina bizzoca...

8.Gigione Busecca………….…..un focoso amico di Giovanni

9.Marilù Esposito……………….……………..figlia di Teresa

10.Lolita…la bella e un poco zoccola Fidanzata del Lo Purpo

“ARTURINO....”

di

Angelo Rojo Mirisciotti

Commedia comica di costume in due atti

SIAMO NELLA CASA DELLA FAMIGLIA  AFELTRA............E’ UN MODESTO APPARTAMENTO IN UN COMPLESSO DI CASE POPOLARI AL RIONE LUZZATTI..L’ARREDAMENTO E’ DIGNITOSO PERCHE’ SI DEVE LEGGERE LA CURA CHE PINA LA PADRONA DI CASA METTE DELLA PULIZIA E NELLA MANUTENZIONE DELLA CASA...COMUNQUE GLI ARREDI QUANTO TUTTO IL RESTO E’ DI MODESTISSIMO VALORE..AL CENTRO UN TAVOLO TONDO DI NOCE CON SOPRASTANTE VASO DI FRUTTA ALLA MANIERA NAPOLETANA,A DX GUARDANDO UN DIVANETTO DI PELLE ROSSA , A SINISTRA UNA CREDENZA PIATTAIA..SULLA PARETE DI FONDO UNA MACCHINA PER CUCIRE E LA COMUNE. A SIN. LE PORTE VERSO DUE CAMERE DA LETTO,A DESTRA LA PORTA DELLA CUCINA E DEL BAGNO..AL SIPARIO SONO IN SCENA LA PADRONA DI CASA PINA AFELTRA UNA DONNONA RUBICONDA E GIOVIALE, RICCA DI BUON SENSO, LA CLASSICA MAMMONA NAPOLETANA E TERESA ESPOSITO LA SUA AMICA E CONFIDENTE DA SEMPRE, UN SIGNORA BIONDA CHE ESSENDO MOGLIE DI UN USCIRE DEL TRIBUNALE HA QUALCHE  PRETESA SFACCIATA DI SIGNORILITA’ E DI ELEGANZA..COSTEI E’’NU PUCURILLO SVAGATA E PERDE SPESSO IL FILO DEL DISCORSO..

Teresa : ( mentre Pina la guarda fisso perché le deve dirle cose sostanziali,divaga con lo sguardo ..poi toglie dei pelucchi prima dalla sua veste, poi dal divano,poi come in trance dal vestito di Pina…) e chist’e isso ‘o vì….

Pina     : (esasperata)..Terè…..!!!!!!!

Teresa    : (come uscendo da una trance e come se fosse stata sempre attentissima)  ma insomma,Peppì...parla..! che io tempo da perdere non ne ho… ( Pina guarda il Pubblico con intenzione)…si può sapere ch’è successo.? Mi hai fatto correre di subito...io ho lasciato tutto come stava...

Pina   : (recuperando un minimo di calma)  ..Terè, ’a sora......è ‘na cosa importante....una cosa di vita e di morte...

Teresa  : nientemeno...?..però facimme ca sia na’ morte ‘e subbito ..no perche ...pecchè quando mi hai chiamata dal balcone  io ho stavo ammonnanno i dieci fasci di friarielli per Pasquale..quello a Pasquale mio ci piacciono tanto i friarielli....

Pina        :  ....va bè.....aggio capito...però...

Teresa   :..no perché...oggi mi è venuto lo sfizio di fare la pasta con  i friarielli...e poi dopo ci potrei mettere vicino due salcicce.....così faccio saciccie e friarielli...però..pure due peperoni fritti vicino non starebbero male....

Pina      : uh..Terè...io te faccio scennere ‘e pressa e tu..m’accire ‘a salute cu ‘e salcicce.. ‘e  friarielle...’e peperone fritte ..

Teresa   :.. ‘e peperone so’ pesante è ove...?....meglio na ‘nzalatella fresca fresca...

Pina      : basta...Terè ma è possibile che quando si parla con te non si puo’ seguire il filo di un discorso..

Teresa  : ma quando mai...

Pina    : Terè tu pure ‘a scola facile ascì pazze a tutte quante ...vuoi vedè..recita “ il cinque maggio”  ..t’’a ricuorde,..?

Teresa  : indimeno..io ‘a tengo tutta qua...(in testa) .Senti siè..  “ Il  5 maggio 1821..

.....nel mezzo del cammin di nostra vita....

mi ritrovai con un passero solitario nella mano

 ...chè la cavalla storna era smarrita....

..Ah pargoletta mano...passata è la tempesta...!.

....Odo augelli far festa,...

Oh Silvia...te li ricordi...ancora..

Eran trecento era giovani e forti...

..e sono morti...!!”           

              …. Comme s’o ghiuta...?

Pina     : (prima guarda il pubblico per averne conforto poi l’amica)..no Terè tu ti devi far vedere...ma no da uno qualunque..dev’èssere un medico  buono ....un primario...!un luminare…!!!!!

Teresa :...per la  sciatica...?

Pina       : no..p’’a cervella..!...tu tiene ‘a capa comme ‘na sfoglia ‘e cepolla..

Teresa : esatto ci metto due o tre cipolle quando soffriggo i peperoni..

Pina  : . basta !si dice n’ata parola  te metto doie reta n’canno..Terè,zitta ed ascolta..Dunque,.ti ho detto che è una questione di vita o di morte..’a verità  è che ho scoperta una cosa gravissima  in casa mia.....

Teresa  : ‘e scarrafune...ovè..? ma quelli con un poco di polvere di DDT....

Pina  : zitta...quali scarrafune ?...è una cosa più grave..Terè..guardame a me...Terè..Gabriele.. mio figlio ( singhiozza)

Teresa   : ( singhiozza pure lei) Uh madonna che tene..???........Sta malato..???

Pina .: praticamente..tiene ‘na malattia ca piglia ‘e recchie..

Teresa    :...è surdo..?

Pina       : .....qua surdo....?

Teresa  : ho capito...tiene l’otite ..!....e quella si cura.

Pina   : Ma possibile ca nun capisce mai niente a volo..Terè..quello mio figlio Gabriele..tene ‘e mutandine rosa..

Teresa    : e quelle oggi si portano...’sti guagliune ‘e mo se vestene na chieveca..

Pina        :  ....Terè...Gabriele..si mette  il profumo Chanel n° 5...

Teresa    : ...una casa fine..

Pina        : Terè....quello usa il maskàra...

Teresa   : e va buò se non è allergico.... (poi capisce..si blocca sbigottita) Uh Madonna..Gabriele usa il mascàra..?...vuoi dire..che...???????

Pina      :...  ...voglio dire che....!!!!

Teresa: Gesù, Giuseppe e Maria..Gabriele : un giovanottone di quella maniera...sportivo...aitante.. bello...con gli occhi verde azzurri (poi  divagando)...eh..ma ‘o mascara ennè ..con gli occhi verde e azzurri c’avessa sta buono..

Pina    :.. Terè...nun dicere fesserie...io ti ho chiamata per un consiglio...quello quando lo sa il padre lo uccide..quello Giovanni mio tiene il culto del maschio,della virilità...vuole un figlio Play boy...e mò chi glielo dice..?

Teresa  : e va buò oggi  ce stanno le vedute larghe..

Pina    :.  No quello Giovanni qua ,...vedi qua in fronte ce le fa le vedute larghe...dieci punti di sutura ogni veduta...quello l’altro ieri ci ha comprato i guantoni di boxe....

Teresa  .. e va buò che fa..? vuol dire che Gabriele se li mette e ..fa a pugni chianu chianu..saltellando leggero..grazioso...ammiccante...

Pina      :  no,io ti ciacco ....Terè  qua mi devi dare un consiglio...Rispondi:ce lo devo confessare al padre o no..?....e se  quello dopo ci ammazza...?

Teresa  : e va bene..andiamo sopra da me a monnare  i friarielli e pe’ tramente parliamo.. vedrai che una soluzione la troviamo...(poi fermandosi di botto come se avesse un’idea)..un momento Pinù...ma..... ‘e mutandine rosa...

Pina      : ( fiduciosa in qualche idea illuminandosi )..si....?

Teresa   :  comme so’  :  trasparente o a perizoma...????

Pina     : cammina ‘a scè..!!!...jamme ‘a munnà ‘sti friarielle....!!!   ESCONO.....

DOPO POCHI SECONDI CHE SONO USCITE SI SENTE GIRARE LA CHIAVE NELLA TOPPA ED ENTRANO DUE RAGAZZI DI CIRCA 18 ANNI MANO NELLA MANO...SONO GABRIELE IL FIGLIO DI PINA ED ARTURINO CAPECE..IL SUO DOLCE AMICHETTO...I DUE GIOVANI ARRIVATI A CENTRO SCENA SI FERMANO,DEPOSITANO GLI ZAINETTI SCOLASTICI SULLE SEDIE,ARTURINO SI SIEDE VEZZOSO, GABRIELE VA IN CERCA DELLA MADRE..

Gabriele  :...Mamy...mamy....(si affaccia in un po’ di stanze)...niente..niente.la mamy non c’è...

Arturino  : sai come sono queste donne di casa ..sempre a fare le faccendine...magari cucinando le sarà mancata una capa d’accio ed è scesa a comperarla..

Gabriele : io quando mi sposo non cucino..tutti i giorni al ristorante..tutti...!

Arturino   : io invece no..io tengo una predilezione per la cucina...per me sarà un godimento preparare le pietanze più saporite per il mio Amore...significherà dirgli una volta di più “Ti amo”...( lo guarda con intenzione)..ogni murzillo significherà: “ ti voglio bene ”

Gabriele : Arturì..tu sei troppo romantico,troppo....quella la vita di oggi è frenetica.. e quello tra il lavoro,l’estetista,i massaggi,..il pocorillo di palestra..ah,il parrucchiere..e dove si trova il tempo per fare i manicaretti...?

Arturino : quando si vuole si trova...come pure adesso dobbiamo trovare il tempo per fare gli esercizi di matematica...tu hai preso tre all’interrogazione perchè non sapevi fare derivate ed integrali....mo ti spiego io...

Gabriele   :...uffa..a me gli integrali e le derivate non  mi piacciono..me stanno antipatici..!!!!

Arturino  :...vieni qua....siediti vicino vicino  a me..adesso le derivate te le faccio capire benino benino...

I DUE RAGAZZI SI METTONO AL TAVOLO,APRONO LIBRI E QUADERNI E COMINCIANO A STUDIARE

Arturino  : ...dunque..dicesi derivata prima di una funzione y = f(x) il limite, per  x che tende ad x0 , del rapporto incrementale…

Gabriele : uffa...io da grande voglio disegnare abiti da sposa..!.....a che mi servono queste funzioni ...’sti derivate del salciccio ?

Arturino  : senti tu..io un fidanzato ignorante non lo voglio...tu devi essere promosso e per fare questo devi studiare..devi studiare...e io ti faccio studiare...!!!

              IN QUEL MENTRE ENTRA DALLA COMUNE IL PADRE DI GABRIELE DON GIOVANNI AFELTRA UN OMACCIONE DAI MODI BRUSCHI DIPENDENTE ATAN IN DIVISA BLU’ CON UN BORSA DI PELLE SOTTO IL BRACCIO...

Giovanni  :....Bravo Artù ...bravo !....fallo studiare a questo asino ciuccio...l’ultima pagella pareva la schedina totocalcio..1-2-2-1-2-2...

Arturo :(levandosi molto rispettosamente in piedi)...buongiorno Don Giovanni..bentornato a casa…

Gabriele  : guè papà sei arrivato prima oggi..?

Giovanni  :. sciopero selvaggio.!....alle 11,30 precise la categoria ha incrociato le braccia ed ha proclamato lo sciopero ad oltranza.. !!!!

Arturo  :….bravi…e si può sapere perché….

Giovanni  : perché dentro ai gabinetti nostri ci hanno messo la carta igienica a fiorellini gialli...

Gabriele  : embè....?

Giovanni  : ma che si scemo.?....i fiorellini gialli a noi ..? a noi autisti dell’ATAN..che siamo tutti uomini veri...uomini duri....gente che solo con una guardata spacca il culo ai passerotti...mannaggia a Berlinguer mannaggia....

Arturino  : ma  che c’entra il povero Berlinguer..?

Giovanni : come ..quello buonanima..era troppo buono..voleva fare il compromesso storico con quei froci della Democrazia Cristiana e poi andava a prendersi il caffè con quello effeminato e  ricchiunciello di Zannella..

Gabriele : ...papà ma che ne capisci tu di politica..???

Giovanni : ringraziando a Dio,niente...! però capisco quando uno piglia una brutta strada e nun fa l’ommo...!

I DUE RAGAZZI SI GUARDANO CON INTENZIONE

Giovanni  : mammà non ci sta..?

Gabriele : no..... deve essere andata a fare la spesa...

Giovanni : meglio perché sta salendo la signorina Soldini del terzo piano...quella che fa l’infermiera al CTO...no  (si accosta complice)..ragazzi noi qua siamo tra uomini..

Arturino  : chi è..?

Gabriele  : addò…?

Arturino  : in che senso ..?

Giovanni  : no dicevo..siamo tra veri maci ..quindi ci aiutiamo è così..? dunque...’a signorina Soldini è ‘nu femmenone ‘chella manera ..tene doie zizze accussì ....!

Gabriele  :  ( nauseato)..va be..va be.....abbiamo capito..e allora..?

Giovanni  :....no siccome mi sono inventato che tengo un poco di cervicale qua...proprio sull’osso sacro...

Arturino : ‘a cervicale sull’osso sacro...?

Giovanni : non sottilizziamo..ogni scusa è buona per farsi mettere le mano addosso da una bella femmina..dunque quella mò scende  a portarmi una medicina e se ci so fare mi fa ci scappa pure il massaggino..!

Gabriele   :......Ma come ‘.....nella casa coniugale..? e se torna mammà..?

Giovanni  : . guagliò...noi supermaschi veri dobbiamo acchiappare a volo le occasioni femminaiole...Ma perchè ....tu non avresti fatti così, a papà..?

Gabriele   :....No..mai...!

Arturino : ehm..no lui vuol dire che alla signorina....l’avrebbe portata in un luogo più solitario…. romantico..che so…in un bosco fiorito…

Giovanni : e l’avesse zompata ‘ncuollo..!

Arturino  : no…(all’occhiataccia di Giovanni),..cioè si…magari vicino al mare,al chiaro di luna…

Giovanni : e l’avesse zompata ‘ncuollo..!.Gabriè a papà tu sei un play boy di classe.......hai pure ragione ma qua la carne è debole ....io a chella me la devo..( gesto...)

DRINN DRINN  :....LA PORTA..

Giovanni : ‘a vì locco..vì   è essa..fuori voi..anzi andate studiare sul pianerottolo e appena vedete di tornare a mammà..mi fate il segnale..due bussate lunghe ed una corta..( va ad aprire )

TORNA SEGUITA DALLA SIGNORINA LOLITA SOLDINI UNA DONNA CIRCA TRENTENNE BRUNA ALTA PIUTTOSTO BELLOCCIA, PROROMPENTE,MOLTO,MOLTO ALLA MANO...INDOSSA UNA MINIGONNA GIALLA A FIORI E UNA CAMICETTA BIANCA MOLTO SCOLLATA..RECA CON SE UNA BOTTIGLINA DI OLIO MEDICINALE..

Giovanni: (molto cerimonioso) grazie..grazie signorina Lolita..vi siete voluta incomodare...prego..prego..Venite avanti..venite....

 Lola   : quando mi avete detto di aver la cervicale non ho saputo resistere..sapete:  fare l’infermiera a CTO è una vera e propria  missione... te lo porti dentro..non puoi vedere soffrire la gente.... ed allora vi ho portato questa soluzione al mentolo e passiflora che è miracolosa ( mostra ‘a buttigliella )..

Giovanni : grazie,grazie  Lolita... siete un vero Angelo...

Lola   : voi aprite la bottigliella ..ne mettete un pocorillo sulla manella…

Giovanni  : comme fa bellella….tutti vezzeggiativi…

Lola    : poi vi calate i pantaloni ( simula su di sé come si abbassasse la gonna)

Giovanni : ( deglutendo ) San Pasquale Baijlonne…

Lola  : e poi ve la spalmate così ovvì (si massaggia lei sensualmente  i suoi fianchi tondi)…proprio qui..con movimento circolare..partendo  dal gluteo..

Giovanni : ( oramai in trance) ..dal..??

Lola  : gluteo…il popò..( sul suo formosissimo)  ecco proprio come questo..

Giovanni : Uh Madonna .....fate un’altra volta...(ai ragazzi) comme fà bella...!!!!

Lola        :...( ripete ) premendo un po’....con mano ferma ma carezzevole...

Giovanni   : ..Gesù.....voi me sta facendo surà friddo...

Lola           :  non è tanto difficile, ma bisogna saperlo fare... ...se non ce la fate voi, ve la fate spalmare dalla vostra signora..

Giovanni  : A chi...?....quella mia moglie Pina la sapete…è una lottatrice di Sumo..!..e poi non tiene garbo..me fernesce ‘e scamazzà....io d’altra parte sono impedito..ci vorrebbe qualcuno che…(la guarda ammiccante)..voi ..voi invece  avete detto che c’avete la missione dentro..ecco...( insinuante)..perchè non me la spalmate voi..?

Lola         : ...si potrebbe pure fare ..ma in posizione distesa..servirebbe un letto..

Giovanni  :…..un letto..?...e come no…da questa  par…

Gabriele  :  papà..!!!

Arturino : Don Giovà…in camera da letto nella vostra stanza matrimoniale no..!...c’è troppo disordine..!!!!

Giovanni : c’è troppo disordine…

Lola        : va bene e allorase venite un momento sopra da me....

Giovanni : San Giovannea Carbonara.!!!...io venire sopra da voi....???...e qual’è ‘o problema..?.Agli ordini...! Signorina...Lolita prego da questa parte..Guagliù  a voi...ricordatevi la mmasciata.....in caso di bisogno due bussate lunghe e una breve ..! due bussate lunghe e una breve ..! Prego...signorina Lolita da questa parte..camminate avanti a me..San Pasquale Bajlonne ( si fa la croce guarda in alto) … grazie !!!

ESCONO DALLA COMUNE LE I SCULETTANDO AVANTI LUI DIETRO COME IPNOTIZZATO....I DUE RAGAZZI SI GUARDANO IN  FACCIA..

Arturino   : no.....papà tuo è pazzo....

Gabriele  : si capisce...quella se torna mammà..è capace di far succedere tragedia...

Arturino  : questi maschi con il loro testosterone a mille che impazzisce....

Gabriele   :.. . ma hai visto pure lei come si è subito abboccata ...la zoccolona...

Arturino : ( mettendogli una mano sulla bocca)..non dire parolacce...su prendi i libri ed andiamoci a mettere di sentinella fuori alla porta ..

I DUE RAGAZZI ESCONO MANO NELLA MANO E NELLO STESSO ISTANTE SI IMPIZZA  CON VEEEMENZA DENTRO IL RAGIONIER DONATO LO PURPO FIDANZATO CORNUTO E CONTENTO DELLA BELLA LOLITA NONCHE’ AMMINISTRATORE DEL CONDOMINIO CON L’ANZIANA SIGNORINA PIA POSALASEGGIA....

Donato    :...fermi tutti....dobbiamo parlare di una cosa urgente con il capo di casa... o chi ne fa le veci…

Gabriele  : ....allora con mammà......Papà non c’è..

Donato   : ...chi sia  sia  ....è un problema di condominio..

Gabriele   :...accomodatevi nel tinello...mammà mo’ viene....

Donato    :.... e voi..?

Gabriele :... noi siamo in missione segreta....(fa l’occhiolino al ragioniere)   ESCONO

Donato   :... Gesù. !....Avete visto...?....Quello mi ha fatto l’occhietto...!!

Pia   :..Santa Vergine Maria con tutti i Cherubini !...E voi ragioniè avete notato....?...Nientemeno che quei due camminavano mano nella mano : che tempi...che scuorno...!!!!

Donato : no,questa storia deve finire..mo basta..questo condominio è diventato un lupanare...froci, zoccole, guagliune d’o salumiere ca sagliono e scennono...e meno male che nel palazzo ci state voi che siete una donna di Chiesa e quella santa della mia fidanzata Lolita...

Pia        : .. siamo Angeli .. sante..!...Eh,fossero tutte così le ragazze di oggi....!!!

RIENTRANO PINA E TERESA....HANNO CONFABULATO A LUNGO CERCANDO UNA SOLUZIONE AL PROBLEMA...

Pina    :    hai visto,Terè.....Gabriele e l’amico suo appena ci hanno incocciate fuori alle grare so’ scappate sopra al terzo piano..

Teresa  :   e forse si mettevano vergogna di farsi vedere insieme...

Pina       : uh, Terè guarda qua chi ci sta...il ragioniere Lo Purpo...con la signora del 5° piano....

Pia       :... signorina prego...

Teresa  : voi la dovete scusare..quella i sacicci vostri non li sa..

Pia        :.io non ho sacicci ne palesi né occultati....

Teresa   :... a proposito ‘e salcicce. Me so’ scurdata  ’e mettere nu poco di vino dentro alle salcicce...Pina risaliamo sopra...

Pina   :..aspetta...vediamo  a che dobbiamo questa gradita  visita...Ragioniè,niente niente s’è appilata n’’ata vota ‘a frecale...?

Donato  : ..no no..di più....

Pina       :.  E allora fatemi andivinà...ah..si….: la gatta del maresciallo Piccirillo ha fatto di nuovo i bisogni in mezzo alle scale..

Pia          : ..no no..di più....

Teresa  :..hanno spaso il bucato  che sgocciolava sulle macchine....?

Donato  : ..no no..di più....

Pina     : è finito il rischiatutto..? io non tengo più domande..mi arrendo..e allora..?

Pia      :  questo è uno scandalo che deve finire...!!!!

Teresa  : è uno scandalo che deve finire...ha ragione la signorina Lavalaseggia..

Pia        : Posalaseggia...!!!!! signorina Posalaseggia….

Teresa : però signorina l’ho indovinato...

Pina      : ma di che parlate tutte quante..?

Teresa :  io non lo so...facevo cos’ tanto per dare ragione a qualcuno..

Pina    :... e tu dai ragione così a cazz.....

Pia       : ah..ah..ah...non si dice...

Pina  :.... cazzarola....

Donato : insomma ..alle corte..il Condomini  ha deliberato..ecco l’atto...

Teresa :.. ma quale atto..? è un atto importante ....

Pina  :  ....un atto formale e pubblico..! ( smorfie di Teresa che non capisce)

Pia      : grandissimo e definitivo….la delibera tiene  la maggioranza dei millesimi  ..

Pina        : ah se c’è la maggioranza il fatto è grave assai...Allora..?

Donato  : .......vostro figlio..!

Pina      :  ......mio figlio...?

Pia         : ......vostro figlio.....!!

Teresa  :   .... suo figlio...???

Donato  : ....dà scandalo..!

Pina      : ....dà scandalo ..?

Pia       : .. ..dà scandalo...!!!

Teresa  :.....dà scandalo...?????

Donato  : .....si è fidanzato...!

Pina       :.....si è fidanzato..?

Pia        :.....si è fidanzato .!!!!

Teresa  :..(candida)....si è fidanzato..embè...?????

Donato : si è fidanzato con un uomo…..

Pia      :….con Arturino Capece...!!

Teresa : ….tanto un bravo giovane....

Pia      : vergogna..!! Sodoma e Gomorra dentro al Palazzo...!!!!

Pina     : esagerata..quelli sono solo compagnielli di scuola....solo buoni amici..

Pia       : ma quando mai..Li abbiamo visti noi che  camminavano mano nella mano e poi ....l’altro ieri sotto al portone si scambiavano un tubo di Baci Perugina..

Pina      : ....e quello era Sant’Arturo...

Teresa :..... un tubo di Baci ce vò….è il minimo....

Donato : tra un maschio e una femmina...!..Quelli invece sono due uomini..Basta..! Gabriele la deve smettere..deve fare l’uomo..se no prima diciamo tutto al padre...e poi ve ne andate dal Palazzo..è il Regolamento di Condominio...

Pina     : ma quello il regolamento è del 1880..l’ha scritto Giuseppe Garibaldi...

Donato :...Garibaldi o Cavour.... non fu mai abrogato...

Pia       :..e poi la delibera parla chiaro..carta canta ...tenete....!! (mette  con malagrazia la delibera sopra al tavolo)

Donato  :....missione compiuta.......signorina Posalaseggia..!

Pia         :...ragionier Lo  Purpo.....!!!??

Donato  :  Andiamo....!!!!                                 

                                                                                     ESCONO

Teresa   :... Gesù ,Gesù, Gesù, Gesù......ma questi veramente fanno...??

Pina     : ‘o fatto ca ce ne cacciano in quanto inquilini genitori di un femminiello nun me fa paura..vulesse vedè...ricorriamo in Tribunale...

Teresa :  ….ma chille tenene ‘a carta..

Pina    :.... e ce se pul.... (si mette la mano sulla bocca per non dire la volgarità)...no, Terè chello cha me preoccupa è ‘o pate.....quando lo scopre Giovanni a Gabriele mio me lo ammazza...

Teresa   :... come fare..come fare....????  ( va avanti e dietro grattandosi la testa)

                   Un’idea ..ci vuole un’idea…

Pina        :..e statta soda..ferma…!!! ecco .. ho un’idea...tua figlia Marilù....!!!

       Teresa  :  ....Marilù mia figlia  ?....e che ce trase...???

Pina      :.. Comme !....chella è accussì bellella ..e con Gabriele mio ci ha tenuto sempre   il pensiero..

Teresa    : si ma Gabriele..” il pensiero”...non ce lo ha mai tenuto...

Pina    : nun ‘mporta....tu devi dire a Marilù di fare un poco la ‘nzipeta con Gabriele... in guerra se chiamma tecnica diversiva...Gabriele esce un poco con lei...Sagliono,scenneno, vanno al cimena...si vanno a mangiare un coppetto...Po’ essere pure ca Gabriele vicino a ‘na bella guagliona se scorda ‘e Arturino e s’acconcia ..accussì ’o pate nun sape niente ....... ‘o Condominio se fa ‘nc..(mette  un altra volta  la mano sulla bocca)..e tutto fernesce in Gloria..

Teresa  : speranno ca non fernesce a mazzate...beh..io me ne saglio...ti mando due saciccie abbascio...con i friarielli...no..meglio con le patanelle...!!! 

Pina     : . ma quà salcicce..?...tu mi devi mandare a Marilù..’eh capito..?

Teresa  : e mica sono scema,..ho capito ..ti mando a Marilù…e ci metto vicino  pure due patanelle ..!!!    ESCE

BUSSANO ALLA PORTA…PINA VA AD APRIRE E RITORNA SEGUITA DA GIGIONE,UN ROBUSTO PODEROSO COLLEGA DI GIOVANNI SUO COMPAGNO DI AVVENTURE E FISSATO CON IL CULTURISMO..  

Pina    :.. accomodatevi,Gigiò…mio marito è uscito un momento ma mo’ lo vedete di venire…..

GIGIONE  DATO CHE C’E’..E PER METTERSI IN MOSTRA SI METTE A FARE UN PO’ DI FIGURE DI CULTURISMO. GONFIANDO I BICIPITI, TENDENTO GLI ADDOMINALI..INSOMMA TUTTE QUELLE POSE CHE ESALTANO UN FISICO POSSENTE..

Gigione  :... donna  Pì..avete visto che robba….che ne dite…?

Pina     : (pensando a tutt’altro e per nulla colpita dalla esibizione)

              bella….bell’assaie ..direi è color lilla carico ..

Gigione  :lilla carico.:?  ma voi di che parlate ..?..che avete guardato..?

Pina  :. d‘a cammisa…mi volevate fare vedere la cammisa nuova..bella bella saie..ma adesso datemi un poco di permesso che  in cucina tengo una cosa sul fuoco…

Gigione .: un momento…(guardandola fissa e con intenzione)..donna Pì..fermatevi..vi devo confidare un segreto….Due punti: : che si sappia.e pure io tengo una cosa sul fuoco…

Pina       :… e l’avete lasciata così a casa vostra. Ug Gesù….e quella si appiccia….Ma dico io,…non la potevate spegnere sotto…..?

Gigione : (con passione e focosità) e chella cosa là non si può spegnere..solo voi…volendo..solo. voi (si accosta oltre il lecito ) solo voi.. se solo lo voleste …me la potete spegnere.. io ardo….Guardate donna Pì…io sono tutto un tizzone ( mostra il suo corpo da culturista : i bicipiti) due fiaccole…(mostrandosi le tempie)Le  braci..( il bacino).. la miccia…!...

PINA CHE FINALMENTE HA REALIZZATO LE VERE INTENZIONI CONCUPISCENTI DELL’UOMO..CERCA ALLORA DI SOTTRARSI COME PUO’ ALL’ASSALTO VIRILE…

Pina    :  Gigiò…e io  tengo giusto  una bella tiana si acqua gelata piena di perzeche ..io ve la butto in faccia accussì si placa il bruciore..

Gigione : non scherzate..Donna Pina,non scherzate..perchè la mia passione è un uragano,un terremoto…un pericoloso  tzunami…

Pina    : . vuie v’avissava fa male…?...e comunque ( impugnando un scopa con la quale tiene a debita distanza l’energumeno)..indietro!...…indietro demonio tentatore..i vostri sono ztunami che non ci interessano…io tengo a ‘nu bellu marito e sono una femmina onesta…

Gigione : …. e pure io...

Pina       :… pure voi siete una femmina..?

Gigione  : no…..dico pure io sono onesto….mi sono tenuto tutto il corpo per troppo tempo..per rispetto a Giovanni che è mio collega ed amico mi sono trattenuto…ho patito..ho soffiato sulla bruciatura…ma ora basta.! Il livello del fiume è tracimato dal suo letto..da quando poi avete fatto la cura dimagrante..sentitemi bene: Due punti : Io la notte non dormo e mi sogno  la vostra siluette..

Pina        :…la  che..???

Gigione  :…siluette..la vostra sagoma femminale…bella…armoniosa….con le chiappe tonde  e il seno che guarda all’insù..

Pina       : (considerandosi)..addò guarda..?

Gigione : all’insù…Tutto ciò premesso io ora onestamente vi dico questo: due punti…:  (cercando di accostarsi sempre di più) …Dona Pì..Donna Pì…o mi date pace dandovi a me in un amplesso carnale…o quant’è vero Iddio  faccio una dieci di pazzia…!!!

Pina    :.. (sempre parandosi con la scopa) ‘a pazzia ‘a faccio io e te scasso ‘sta scopa di ben 10 euro sopra alla naserchia..Che s’adda suppurtà..E mò..Via..Via…Santa Maria Antesaecula proteggimi…!...vade retro Satanasso.!!!…terque quaterque…(lo spruzza con dell’acqua )..

Gigione  : mi piace questa tua resistenza..mi eccita…

Pina      :   chist’è pazzo…( continua a spruzzare)..

Gigione : e dimmi femmina concupiscente..femmina arrapante…quella che spandi è acqua di colonia per l’amplesso.?

Pina       : no Acqua Santa della Parrocchia dell’ Immacolata..!!

DALL’INGRESSO LE VOCI DI GABRILE ED I ARTURINO…

Gabriele : mammà …Mammà curre..!!....”Arturino  : signora,presto è cosa urgente…!”

Pina     : (cogliendo al volo l’occasione)…mio figlio con l’amico..statevi sodo con le mani se no passiamo un guaio tutti e due…

ENTRANO DI CORSA ARTURINO E GABRIELE:

Gabriele : mammà presto..devi correre sopra dalla signorina Lolita..papà…….

Pina         : Uh, Gesù..ch’è succieso a Giovannino mio....?

Arturino  .: quello don Giovanni era andato sopra per mettere a posto un tubo…

Gabriele  : ……un tubo…un tubo della lavatrice…

Arturino : e mentre che stava piegato in due..vicino..diciamo…alla lavatrice..così è rimasto..!

Gigione: si chiama: due punti: il colpo della strega…!

Gabriele : povero papy mio..andate..andate a soccorrere l’infortunato…

Pina      :…( A Gigione per proteggersi) … camminate voi avanti…

Gigione : (sottovoce e complice a Pina) piccerè…è chiaro che ‘o fatto d’o tzunami è solo rimandato..

Pina   : ma faciteme ‘o piacere……..Giovannino ..Giovannino mio.,!!!!!

ESCONO PINA E GIGIONE DI CORSA…

Gabriele  : ma che si passa per coprire quel mandrillo di mio padre..

Arturino : dico io…. tu tieni un certa età e una pancia così..ti mette a fare le acrobazie sopra alla lavatrice con Lolita..

Gabriele : questi maschiacci vogliosi..sono irrefrenabili…prendi esempio..prendi esempio…

Arturino  : io  sono per un amore romantico (canta)..♫♪♫ Voglio che sia un amore romantico nell’attesa che giunga quel giorno..ma ora no..!  ♪♫..Non ho  l’età. …Non ho  l’età per amarti… Non ho  l’età …♪♫.”

ENTRA MARILU’ LA FIGLIA DI TERESA..E’ UN BELLA RAGAZZA BRUNA DI UNA VENTINA DI ANNI BEN FATTA,MOLTO SVEGLIA ED INTRIGANTE…HA AVUTO UNA MISSIONE DALLA MADRE MA COME AL SOLITO HA DECISO DI FARE DI TESTA SUA E DI ESAGERARE..

Marilù   : ola..chicos…!! Hasta luego a todos..!

Arturino : una tua amica spagnola..?

Gabriele : no,una mia amica cretina..!...Marilù avanti…dimmi che vuoi…che ti serve…..un poco di fondotinta..la matita..il pennellino …?

Marilù : no…sono..in missione segreta…!Operazione Godfinger…(canticchia mettendosi in posa alla James Bond) )  ♫♪♫: :” ta.tata.tatatà..tata.ta tatata…♫♪♫

Gabriele  : signori e signore : ‘a sora scema ‘e Gemes Bond..!

Marilù :…guè pidocchietto..guarda che ti atterro con un colpo di ju jutzu…Silenzio ed ascoltate: io sono stata mandata quà  da mammina  in missione segreta…..mi devo fare subito un fidanzato…

Arturino  : e lo vuoi proprio  quà…ah..ah..ah…

Gabriele  : mi sa che hai pigliato a uno per un altro..

Marilù   : lo solo so che siete due crocerossine..ma dobbiamo fare finta…finta che Gabriele è il mio ragazzo..se no don Giovanni lo uccide…

Gabriele : papà mi uccide perché sono gay…..?

Marilù   : mi sa di si…e io credo pure che se ti uccide ti ha trattato…

Arturino : io no..non credo ….come è fatto don Giovanni mi sa che non lo uccide..

Gabriele : (sollevato)…ah..non mi uccide…

Arturino :.. noooo..lui ti prende e  :  bunghete-banghete… ti lascia vivo ma storpio ..così ogni giorno ti può fare  una mazziata nuova…poi ti porta all’ospedale ..ti fa curare..e dopo..: bunghete-banghete….una mazziata nuova..

Gabriele: ( atterrito)…tu Arturì pe’ fa coraggio sei unico….!!

Marilù  : dunque sentite il mio piano…Io e Gabriele da questo momento in poi ci fingiamo due fidanzati..ci facciamo le coccole..ci diamo tanti bacini..pomiciamo..

Gabriele : no..pomiciamo no…tutto ha un limite..

Marilù  : zitto tu..dicevo pomiciamo..andiamo a ballare insieme…ci facciamo vedere teneramente abbracciati…..facciamo all’amore…

Arturino  : . a me sta Missione Segreta me pare cchiù ‘na Mission Impossible…

Marilù  : ….zitto tu..!! Insomma in un paio di mesi io ti ricostruisco una reputazione virile e tu….

Arturino   :..e io lo lascio perché sono geloso..

Marilù    : zitto tu e..dicevo..in cambio  tu mi regali il tuo motorino rosa e oro che mi piace tanto..

Gabriele : mi devono solo uccidere..il motorino . seh..seh...al massimo.. …al massimo  ti porto a fare un paio di giri…( poi) oh..Marilù e pe’ sape ‘sta dieci di pensata del fidanzamento virtuale chi l’ha fatta..?

Marilù    :   mammà….!

Gabriele : e che dubbio ci stava Einstein ha fatto un altro teorema….(poi imbronciato) ….solo che io non sono d’accordo....a me le femmine mi fanno ribrezzo…tutte quelle cose morbide che pendono di qua e di la…i capelli lunghi…i piedi sempre gelati..a me le femmine mi fanno schifo…!

DALLA PORTA RIENTRA IL GRUPPO LACOONTICO DI GIGIONE, LOLITA, PINA E TERESA,POSALASEGGIA, LO PURPO CHE IN UN TAPPETO PORTANO A FATICA IL CORPO DI DON GIOVANNI CHE A SUA VOLTA SI LAMENTA..

Gabriele   : oh Gesù …il mio papy caro si è infortunato..!!!

Teresa    : una grazia…abbiamo avuto una grazia…

Giovanni  : ah..ah,..e che dolore..che dolore…(con un filo di voce)

Teresa  :io stavo affettando le cipolle per la genovese….Sapete,io ci metto 2 chili di cipolle, ma quelle rosse, della zona di Sarno…

Pina       : ma ch’è stato  ?? Si può sapere  che è successo?

Teresa  :  un incidente..! io  quando ho sentito gli strilli…Giovanni che urlava,la gente che correva..ebbene…io mi sono messa a piangere..

Marilù      : per il dispiacere..?

Teresa    :  No…….p’’e cipolle!..!!

Giovanni : è cosa ‘e niente ..mi èe andata bene..( poi facendo mente locale ad un parte del discorso di Gabriele che ha sentito )…Fermi…!!( poi al figlio) A te ( Gabriele) assamme sentere : …ho sentito bene…? Mente entavo ho sentivo che dicevi che ..a te ti farebbero schifo le femmine…!!!???!!

Arturino  : (per apparare) le femmine del ratto..!...si le femmine dei sorici dette anche scientificamente zoccole : le abbiamo studiate in zoologia,..certi peli così… i dentoni…’na coda tanta…

Giovanni : ah, be…volevo ben dire…ahi..ahia..che dolore..che dolore…!

Gigione : povero amico mio… povero amico mio..cornuto e mazziato..!!!

Pina      : no……fino a mo solo mazziato… solo mazziato…

Gigione : …..era andato per suonare e fu suonato…

Pina          : neh..ma che cosa doveva suonare  tanto pe’ sapè…?

Giovanni : (a Gigione) ma perchè..perchè…ahia..non..ti fai..ohi ohi che dolore….perchè dico io…caro amico….perchè non ti fai i cazzarielli tuoi…( poi a Pina )…io dovevo suonare..dovevo suonare…

Lolita     : ( illuminandosi) …. la campanella della lavatrice…!!!!!

Posalaseggia : ma perché la vostra lavatrice tiene la campanella…???

Lolita       : la mia si…avvisa quando è finito il bucato..

Lo Purpo : e si chiama Timer…quella ingenuona della mia fidanzata ( le manda dei bacini)..quell’anima santa non sa che si chiama Timer…la chiama campanella..quando finisce il fatto..quella suona…

Marilù   : e ha suonato..?..( piu’ che maliziosa) cioè..il fatto che si doveva fare…è stato fatto..?

Giovanni : macchè…io ci stavo là là per mettere le mani sopra… ma appena mi sono acalato : pof..!  così sono rimasto…! ( con al mano fa segno dei 90 gradi)

 

Lolita    : già…io stavo per fargliela vedere ..ma non c’è stato niente da fare… don Giovanni non l’ha nemmeno potuta toccare…

Lo Purpo    :.ma è chiaro.... quella sta in basso…si vede che lui appena ci ha provato ci è venuto il corpo della strega…

Gigione  :. e quelle ….certe lavatrici….sono pesanti …stazzano  tra cento e i duecento chili…

Lolita      : (maliziosa) a coscia…eh..ma ce ne stanno altre molto più leggere….

Arturino  : ( deviando il discorso che si sta facendo pericoloso perchè Pina ascolta tutto perplessa)  Guè…ma la finite o no vuie e ‘sta lavatrice..? Qua il povero don Giovanni  è vivo per miracolo….

Posalaseggia : una grazia..la Madonna di Portosalvo ci ha messo la mano sua..io       

                  sto al piano di sotto e ho sentito un fragore come se venisse giù il 

                   solaio..

Marilù     :. E scommetto avete sentito pure ansimare…

Lo Purpo : io..io…e io che abito alla porta a fianco… avevo sentito il trambusto dentro dalla mia fidanzata,.. non sapendo che era successo.. credetemi..volevo chiamare i Carabinieri..

Lolita     :…esagerato…..io dico che la mia casa è un pochino turbolenta..ma ..ma addirittura i Carabinieri…!

Giovanni :. piano..piano posatemi sopra al divano..con calma..mi fa male tutto…

                Pina ..Pina mia : tuo marito è  rimasto storpio..invalido…

Pina     :.. ma no.. ..Giovà…quello con un poco di Lasonil e due passate di spirito si leva..due tre giorni di riposo e starai  dritto come un fuso..

Lolita    :... dritto lui.?...mah,… io credo poco…beh..noi ce ne saliamo..Vieni Donato…

Lo Purpo :…eccomi amore..mo salgo da te e il Timer te lo aggiusto io…

Lolita       : ma quando mai..tu sei un essere inutile..per andare sul sicuro aspetto Alfonzo l’idraulico.

Posalaseggia: (a Pina )..noi andiamo e  ricordatevi il fatto del guaglione vostro…nel Condominio nostro…niente purcarie..!!   I TRE ESCONO

Gigione  : beh..me ne scendo anche io…devo andare in palestra..Giovà riguardati..e non lo fare piu’

Pina      :  che cosa non deve fare piu’..?

Gigione : Gesu’: gli sforzi ..!...Io,io me li posso permettere ( fa le pose culturiste per far vedere i muscolacci )..tu no..!!...Donna Pina..Anchantè..ESCE

Giovanni : Ahia ..ahia..la schiena..questo è un altro che non sopporto piu’ isso e ‘e muscole ‘e chi l’è bivo……A proposito Pì..ma che voleva dire quella Befana  lei e le purcarie… ?..il Condominio non vuole,..non vuole che cosa..?...che c’entra ‘o guaglione nuosto..? Che cacchio ha combinato ‘stu masculone di papà..?

Pina    :  e..e che ha combinato..??..Giovà..tu mo’ stai male e non puoi avere colpi..ne parliamo un’altra volta……...

Giovanni  : ..no..ne parliamo adesso..!...e se mio figlio ha fatto del male o combinato dei guai.. deve riparare e chiedere scusa..da uomo vero!!

Marilù   :  e ci vuole un miracolo…

Giovanni : Gabriè parla..!...che vogliono da te…???....che hai fatto ‘a papà..?

Gabriele  : e va bene..parlo..parlo..(mettendosi disperato le mani tra i capelli e sull’orlo di una crisi isterica)..Basta..! non ce la faccio più a tenermi questo immane segreto chiuso nel petto…Papà io ti devo confessare una cosa..una cosa drammatica..definitiva..una cosa che tu non mi potrai mai perdonare…d’altra parte non è nemmeno colpa mia..è la Natura matrigna che l’ha voluto..è la Natura che ha agito..sono stati i cromosomi che hanno operato..Papà..io sono..io sono…

GABRIELE STA PER COMUNICARE AI PRESENTI LA SUA DIVERSITA’..E’ UNA TTO DEFINITIVO CHE PEPOTRA AVERE NEL NUCLEO FAMILIARE UN EFFETTO DEVASTATANTE. ARTURINO IL PICCOLO SAGGIO DECIDE A VOLO DI INTERVENIRE..

Arturino  :..lui è…il padre del bimbo che Marilù porta in grembo…!!!

Pina    : ….Marò….!!!

Lolita : ….Giesù…!

       Teresa  :….’a criaturella mia…!!!!!!!!!!!!! Me l’hanno arruvinata…!!

…..TUTTI SI GUARDANO..ESTERREFATTI PER LA RIVELAZIONE: MARILU’ CERCA DI SCHERNIRSI MA ARTURINO CON UNA GOMITATA E DEI CENNI DISPERATI LA OBBLIGA A STARE AL GIOCO..SI ATTENDE L’ESPLOSIONEDI GIOVANNI..

        Pina    :    Giovà….so cose che succedono…tieni considerazione ..nunn’e fa

                    niente…

        Teresa  :  ( dandosi degli schiaffi in viso)…e che problema..che problema….!!!!!

Giovanni : e qualè ‘o problema ? Pur’io venti anni fa mettette incinta a sua madre.( guarda il figlio con orgoglio) .’O masculone  bello ‘e papà’o mandrillone nuosto..! Chillo tene ‘e stesse cromosome mieie..!!!Auguri…masculò..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

                                               CALA LA TELA

“ARTURINO....”

di

Angelo Rojo Mirisciotti

II ATTO

LA SCENA E’ LA MEDESIMA DEL PRIMO ATTO. MARILU’ STA STRAVACCATA SU DI UN DIVANETTO FUMA ED OSSERVA GABRIELE CHE SI PROVA DEI VESTITI FEMMINILI PROPONENDOSI ALLA SUA ATTENZIONE COME IN UNA SFILATA DI MODA…

Gabriele  : ( indossando un abito lungo e passeggiando come una indossatrice )  Soire  d’Avril sur la Seine…!!! (  annuncia il nome dell’abito)

Marilù  : ( applaude)…bello…!...E chisto pure l’hai fatto tu..?

Gabriele : bien sur…je sois l’estilist..! E questo non è niente…aspetta, non venire a curiosare…:  ( andando a cambiarsi nell’altra stanza) adesso ti faccio vedere la mia ultima creazione ..un capolavoro…si chiama : “Tramonto sul Mar Morto” ..Guì… ..Tramont sur la Mer Defunt…!!

Marilù  : si ma fa ambresso ca si vene patete e te trova accussì cumbinato so’ mazzate…

Gabriele  : ( dall’altra stanza) ..si m’acchiappa..!....quello dopo l’infortunio di giovedì  non può fare sforzi...Mo’ per esempio  sta con mammà al Terapic Center per la riabilitazione …viene tra una mezz’ora…Chiudi gli occhi..! (rientra in abito rosso fuoco e tacchi vertiginosi ).Tramont sur la Mer Defunt…!!

Marilù  : Madonna del Rosario..!!  ( le ha esclamato perché alle spalle di Gabriele ha visto Pina e Giovanni sull’arco della porta che guardano allibiti il figlio…)

Gabriele : ( che ha frainteso l’esclamazione di Marilù e non si è accorto dei suoi..)..te piaciuto assale ..è ovè…dì la verità  :.. c’est tres jolie…???!!

Marilù  : ( cercando di fargli dei segni per fargli intendere il pericolo)…Ga..Ga..Ga..

Gabriele  : sei rimasta senza parole..addirittura cacagli..ti ho uccisa..!!

Marilù : ( con una levata d’ingegno fa un zompo, afferra il ragazzo per le spalle  e se lo spiaccica addosso sul divano)..Vieni qua…malatone mio!..Baciami ancora ..seducimi…! …fammi tua..!

Gabriele  : (cercando di resistere all’abbraccio)..coff. coff….. Ma dico..sei impazzita..mi fai male..aiut..

Marilù : ( simulando un amplesso in corso)..e che sì..e che sì..!!! Maschiaccio..!

Pina      :    Giuseppe, Sant’Anna e Maria..!!

Giovanni : Gabriele…!!!!.....che state facendo…?!!!!????

Gabriele : Oh cacchio….! Papà..!!  ( salta su imbarazzatissimo)

Marilù : (ricomponendosi)..Don Giovà voi ci dovete scusare se ci siamo approfittati del vostro divano…ma vostro figlio è un mandrillo…una forza della natura : quando ci vengono i 5 minuti non vuole sapere niente…dove stiamo stiamo  mi acchiappa e comincia l’Hula Hop…

Gabriele :… già…...l’Hula Op..

Giovanni : ho capito..ma tu piccerè porti un bimbo nella pancia ..queste acrobazie adesso non le potete fare…

Pina     : (che ha mangiato la foglia e vuole aiutare) ..fino al sesto mese si può e ….e poi..e poi quello tuo figlio ha pigliato di te..pure tu…con me..dove stavamo stavamo……

Giovanni : ho capito…..ma perché Gabriele sta vestito da femmina..?

Pina     : …sta vestito da femmina..?...non me m’ero proprio addonata…

Giovanni : Uh Gesù..quello tiene un vestito rosso e i tacchi a spillo…!

Marilù  : e sta così..così..perchè..perchè…Ecco..perchè è l’ultima moda erotica…

Pina      : l’ultima perversione sessuale…

Giovanni : ( alla moglie ) e tu che ne sai e che ‘sti cose…?

Pina     :…uh Giovà…se tu sei  un paleolitico…io mi aggiorno…!!!

Marilù : insomma l’abbiamo visto sopra una rivista osè..insomma l’uomo se si veste  da femmina si eccita di più perché ci sembra che sta dentro un rapporto  lesbico…...e si alza il testosterone…

Pina   :….si alza ... il testosterone…!!!

Gabriele : ..beh..io mi vado a cambiare..perchè siete arrivati voi e non possiamo fare niente più..

Marilù   : che peccato….!!  Ti accompagno…ESCONO VERSO LA CAMERETTA   DI LUI

Giovanni : chistu guaglione me fa paura a  me…..E’ troppo virile..!..troppo femminaiuolo..lo dobbiamo tenere  un poco a freno…

Pina         : già….io vado a mettere la pentola sul fuoco..guè …oggi pasta con gli  spollichini e fiordilatte..stono stanca e nun me cuoglie..non mi firo di fare niente..tra te accussì combinato..tuo figlio che da un guaio esce ed in un altro entra e..po’ tutte ’e pazze ca girano pe’ sta casa io non ce la faccio più…

Giovanni  : Pinù io non sto capendo più niente…e quando mai hai fatto questo…?..da che  hai saputo che diventerai nonna non ci stai più con la testa….

Pina    : io…?..Io non ci sto più con la testa…?...mo ‘a pazza so’ io…??!!..Guè….oggi pasta e spollichini e fiordilatte..ho detto..!   ESCE

Giovanni   :  (guardandola uscire)..augh…( poi chiama)…Gabriè…Gabriè a papà…

 GABRIELE VESTITO DA UOMO RIENTRA SEGUITO DA MARILU’..…

Giovanni : bello ‘e papà…fammi una carità..portami sopra al letto che mi voglio fare 5 minuti prima di mangiare…

GABRIELE LO SOLLEVA POI DRINNNNDRINN:..LA PORTA..LO LASCIA RICADERE SUL DIVANO CON GRAN DOLORE

Giovanni : uh Madonna..che dolore…!

POI GABRIELE VA AD APRIRE…RIENTRA SEGUITO DALLA SIGNORA POSALASEGGIA

Posala :. Voi dovete scusare l’intrusione don Giovà..ma o vi devo parlare 5 minuti…

Giovanni : è cosa urgente ..?

Posala    :   urgentissima e di vitale importanza…!!!!!

Giovanni : dite….dite pure..

Posala  . ..è meglio che queste due anime innocenti prima escano..le cose che ho da dirvi potrebbero turbare le loro caste orecchiuzze…

Giovanni : signò..qua tra poco battezziamo il bambino e chiste duie tenene ‘e caste orecchiuzze….?

Gabriele : papà..noi ce ne saliamo sopra da Marilù..andiamo a decidere la data del Matrimonio..

Marilù    : e a definire i dettagli del corredo…io voglio 12 di tutto…

Giovanni : masculò..’a guagliona vuole 12 di tutto…..apprufitta ‘a papà…!!!!!

Posala   : Gesù Gesù Gesù…che devo sentire  (si fa la croce più volte – i due escono scimmiottandola )..A noi…!!!

Giovanni    :…dite….

Posala  : …Arturino….!

Giovanni : embè…?

Posala  :..Arturino..si..l’amico di vostro figlio Gabriele…è …è… Gesù Gesù Gesù…perdona questa povera peccatrice….(si fa la croce più volte)… Arturino….insomma Arturino…come dire….ecco qua…è...è….è gay….!

Giovanni : gay…?...no..non è possibile…me ne sarei accorto..io tengo un sesto senso per queste cose..’nu ricchione lo sgamo ..lo annuso a due km almeno…

Posala  : e questa volta il fiuto ha fatto fetecchia…insomma Arturino stava stamattina all’Istituto di Bellezza Fatt’ Chiù Charmant e si faceva depilare tutti i peli dal torace, dalle gambe, dal cu..dal sedere….

Giovanni :..e voi come lo sapete..?

Posala : ehem…hem…io stavo la per due massaggi..sapete..la cervicale…

Giovanni : e va beh.,.può darsi che si voleva depilare come fanno i calciatori..pure Hamsik. Lavezzi e Santacroce so’ senza pile…

Posala : ma quale Santacroce ?...don Giovà..a me non la si fa..quello parlava con la signorina e diceva che sj stava facendo bello per il suo macho…

Giovanni : Uh Madonna allora è vero..!

Posala : io vi ho voluto avvisare perché datosi che si frequenta con Gabriele non vorrei che..

Giovanni :per carità quello mio figlio ha dato prova che ce piacene ‘e femmene ..quà tra poco nasce la creatura…..

Posala   : si capisce…ma io parlavo per l’onore della vostra casa..sentite a me….non la fate più entrare qua dentro a quella ..a quella..a quella (si fa la croce più volte)… a quella checca..!     

Posala : ah, don Giovà….un ultima cosa….quando ho saputo che Gabriele vostro  aveva messo incinta a Marilù…..so’ stato contenta assale..

Giovanni : ……overo..?

Posala      : eh..ho tirato un bel sospiro di sollievo,…       

Giovanni  : nientedimeno….???  

Posala    :   il mondo è pieno di tentazioni…(si fa la croce)..                   ESCE

Giovanni  : Pina..Pina…!!

ENTRA LA MOGLIE ASCIUGANDOSI LE MANI AL GREMBIALE..

Pina  : ch’è stato..?

Giovanni : Pina..una cosa incredibile..schifosa…intollerabile..’o guaglione è ricchione..!

Pina      :  ( pensando che parli di Gabriele, atterrita ) ….Allora…hai saputo..?

Giovanni : ..ho saputo….

Pina      : p’ammore ‘e Dio, Giovà…so’ cose che succedono…nunn’o fa niente.!!.tu l’aviss’ accidere..?

Giovanni : io..? magari..!...ma uccidere un frocio è dovere della sua famiglia… ci deve pensare il padre…..

Pina        : il padre..?..la sua famiglia..?scusa  ma tu di chi stai parlando..?

Giovanni : Gesù..di Arturino..!!...Ho saputo che Arturino è ricchione..ma perchè tu  chi avevi capito..?

Pina    : ( tergiversando)… nooooo…io pensavo al guaglione dentro alla televisione ..quello ..comme se chiamma …???’….Fiorello….!!!

Giovanni :….e io accedevo a Fiorello…??...Piuttosto…a quel pervertito di Arturino non me lo far vedere più in questa casa..se mi capita a tiro una tarantella di cavece ‘nculo non glieli toglie nessuno…Appena lo vedo in casa mia ci faccio un lisciome busso che se lo ricorda per tutta la viata..Seh..insidiare il mio Gabriele..’o masculone bello ‘e papà..Comunque Ma mò basta:  accumgname dint’a stanza ‘e lietto….mi voglio stendere un poco…anzi sa che vuo’ fa…..vieni pure tu..mi trovo sul letto…ci facciamo una mezzora di zigo zago….!!!!!

Pina        : mò..?...ma io aggia cucenà..

Giovanni : cammina..!...femina arraposa…!…odalisca…!!! Matha Hary mia…il dovere coniugale è un obbligo…iesce dinto…!!!.

Pina      : (sorreggendolo verso la stanza da letto)..ma vedite ‘nu poco che se passa dint’a ‘sta casa..                                                                      ESCONO

DOPO QUELCHE ATTIMO DALLA COMUNE ENTRANO ARTURINO E GIGIONE BUSECCA IL BODY BILDER…

Gigione  : ma io non capisco questa gente tiene la porta sempre aperta…cu ‘na femmina bona ‘e chella manera dint’a casa..

Arturino  :  quale femmina..?

Gigione  :…. lo so io…..no dico…con tanti fetenti di Rumeni, Albanesi,Nire tutti arrapati che vanno in giro a violentare le nostre donne…neh,chille lasciano a porta  aperta..

Arturino : ma perchè gli Albanesi nun tenenne che fa...veneno proprio qua sopra a stuprare una femmina..al terzo piano..??

Gigione  : e non si può sapere…Tu piuttosto…pecchè stai cca..mica vai trovando alla signora Pina..?

Arturino : no..quando mai…p’ammore ‘e Dio..io cerco al mio compagnuccio Gabriele..Sapete, dobbiamo studiare fisica..…

Gigione   : bravi, bravi studiate…

Arturino : ( chiama) Gabry…Gabry…!!...( poi si affaccia alla stanza dell’amico) Niente in casa  non ci sta…. sarà andato sopra da Marilù…mo lo vado a prendere per le orecchiette..permettete……( flautando) Gabry ..! Gabry

Giovanni  : (che ha sentito la voce entrando un poco in desabigliè perchè stava a colloquio intimo con la mogliera)…a te…!..fermo la…!!!!

Arturino  : dite a me..?

Giovanni   : a te, proprio a te…Ti ho colto sul fatto malandrino…tenevamo la serpe in seno e non lo sapevamo..Ah, ma ahi finito di fare lo nancchennella dentro alla casa mia..hai finito di turbare gli equilibri sensuali di mio figlio..brutto mafroditolo..!.

Arturino : ( mortificatissimo ) ma don Giovà non vi capisco..

Giovanni : e mi capisco io,schifosa checca ricchione che non sei altro…( cerca di aggredirlo ma è bloccato dal robusto Gigione)..vieni cca ca t’aggia scassà ‘e corne..

Gigione    :  ma c’è stato che vuoi da questa creatura..?

Giovanni : ‘a creatura è un gay fetente che sta insidiando a quell’anima santa di mio figlio Gabriele..…!!!!!!!!!!

Pina    : ( dalla stanza da letto )…Giovà ma ch’è stato..che so’ ‘sti strille..?

Giovanni : zitta tu e giaci….quando sistemo una situazione…

Arturino : ( piangendo ) io non ho insidiato a nessuno..io a Gabriele ci voglio bene…

Giovanni : cosa..e che è na femmina che si vuoi bene..?

 

Gigione . e non e no,…sti cose nun se fanno tu overo si ‘nu chiaveco…vattenne vattenne ca si no mi scordo che sono della protezione animale e scioglio ’o cane (intendendo Giovanni che sta ancora trattenendo)

Pina       . ( sempre da dentro) neh..ma si può sapere ch’è stato..?

Giovanni : zitta tu…bajadera…famme fà…..( poi al ragazzo)..dunque dicevo….e tu. …tu residuato di saittella ..tu vai per le case ad attentare alla virilità dei maschi veri come mio figlio Gabriele..…quello è talmente uomo che con due botte  ha messo pure incinta una ragazza e mo arrivi tu….

ENTRA PINA IN VESTAGLIA DA CAMERA UN POCO DISCINTA PERCHE’ PROVIENE DA UN INTIMO  FOCOSO RAPPORTO  COL MARITO.

Pina       : ma insomma ch’è stato…?

Gigione : ( guardandola con desiderio)..niente …abbiamo colto sul fatto il maniaco..

Giovanni : ah..ma questo deviato  ha finito di fare il zezo in casa mia …

Arturino  : ma io non ho colpa…è la Natura che mi ha  fatto così…e pure Gabriele

Giovanni : Gabriele che..?..non ti permettere sai …’a Natura…Bene..per il momento sei agli arresti domiciliari ‘ncopp a chella seggia..assettate là e non ti muovere..mò che torna Gabriele facimmo ‘o confronta all’americana..Io mi vado a mettere una cosa addosso..( a Gigione ) Gigiò,tu fai la guardia e non farlo fuggire..                                                                                         ESCE

GIGIONE RIMANE SOLO CON IL SUO DESIDERIO PROIBITOAPPENA LA VEDE SUBITO SI INGRIFA..E CERCA DI ACCOSTARLA..DI GHERMIRLA..PINA CERCA DI SFUGGIRE..I DUE GIRANO INTORNO ALLA TAVOLA SOTTO LO SGUARDO ALLIBITO DI ARTURINO CHE AVENDO OSSERVA NON VISTO DALL’ARCO DELLA PORTA.:

Gigione : ( ad Arturino ) chiude l’uocchie…! ( Arturino esegue –poi alla donna) fermati ninfa.!...fermati…naiade della foresta…così…nuda..discinta ti voglio vedere…

Pina      : Giggiò fermatevi voi….chè ci sta Giovanni di là..e se se ne addona ci uccide a tutti e due…

Gigione : oramai il mio focoso destriero ha rotto le briglie..e corre corre..nessuno potrà domarlo e poi Giovanni è inabile..non può venire di qua..non mi può fare niente..

Pina       : lui  no.. ma io sì….Gigiò..io vi scasso il fronte due parti…

Arturino : Signò…

Gigione : zitto tu….

Arturino  : signor Gigione..

Pina       : zitto tu…

Gigione : e io in cambio ti abboffo di baci…( la ghermisce e bacia. Lei resiste poi per un attimo cede) ..

Pina      : Ah..che che fa fare la passione incontrollabile..(poi ad Arturino )..tu non hai visto niente…

Gigione   : ( ad Arturino) è meglio per te che non hai visto niente…è chiaro..

Arturino : p’ammore ‘e Dio…

Pina  :  ( in posa da  Duse appesa ad una tenda) ah…l’Amour…l’amour…jè vais..

PINA SI VA A RIFUGIARE VERSO LA CAMERA DA LETTO ENTRA TERESA COME UN TORNADO..….EMETTE FUMO E FIAMME DALLE ORECCHIE E DAGLI OCCHI E VIENE A S’APPICCECA’.. DALLA SINISTRA RIENTRA PURE GIOVANNI CHE SI E RIVESTITO DI TUTTO PUNTO.. ARTURINO SU UN SUO QUADERNUCCIO NEL FRATTEMPO HA PRESO APPUNTI…

Teresa      : ..buongiorno…!!!!!

Giovanni   :…. guè cara consuocera….

Teresa    :… (con una spinta lo fa precipitare sul divano)…cara consuocera un cacchio….!!!!

Giovanni : Ahia ! ( poi ripigliandosi)…non ho capito..e come ti devo chiamare..?

Teresa    :..tutto ma non consuocera…..io mi oppongo..!!!

Giovanni : uh..e  pecchè…?...non sei contenta che i nostri ragazzi si sposano.?

Teresa    :…. manco ai cani……A parte il fatto che mi figlia il mese che trase deve fare il concorso per velina alla Regione.

Giovanni : comme se fa ‘nu Cuncorso pe’ fa  a velina..?

Teresa     : si capisce..Il Governatore nostro… che Dio l’abbia in Gloria ! (si fa la croce).. sta organizzando uno stage per velina, poi ne fa una altro per cento posti  di portaborse, e ancora un altro pe’ 22 posti da sciacquetta professionale…

Giovanni   :…. sciacquetta professionale..???!!!

ARTURINO PRENDE APPUNTI

Teresa    : eh,..hai presente a Monica Lewinsky sott’a scrivania…?...Dice che  i Dirigenti della Regione si devono rilassare…tra una seduta e l’altra del Consiglio..entra la sciacquetta e….sniffete..snaffete…

Giovanni : ….sniffate snaffete…?

Teresa    :..capisceme a me…mò…figuriamoci se con queste brillanti  prospettive di lavoro ..io faccio spusà a Marilù….chella adda fa ‘a carriera soia…..ato che cu’ ‘nu nennillo ‘mbraccio..

Giovanni  :.. .  a si..? e allora che vorresti,assassina, che la ragazza si abortisse..?????

Teresa    : prima  ‘e mo….ossia..abortisse ‘e che..? quella ‘a piccerella mia è come la Vergine Maria….

Giovanni   : …miracolosa..?

Teresa    :   no..Immacolata..!..e già…perchè tuo figlio a lei non l’ha mai…..

Marilù     : ( entrando ed avendo ascoltato)..mammà….!!! ma che stai dicendo…?

Teresa     : ‘a verità…ossia tu non sei…

Marilù    :..come non sono.. …Sono… sono…!!!!

ENTRA PINA

Pina     :  neh,ma che sta succedendo qua..?...ati strille,…?...in questa casa non si può stare un minuto quieti…Teresa che ti manca….

Giovanni  :... Pinù..io non ci sto capendo niente…questa qui è entrata come una pazza..che sò..la figlia deve fare sniffate snaffete ai Dirigenti…..il Governatore vuole una sciacquetta sott’a scrivania..…le veline  fanno un  Concorso….la Madonna Immacolata è come Marilù…’Nu manicomio: ce mancano sulo  Napoleone Bonaparte ….Garibaldi e Vittorio Emanuele…

ENTRA IL RAGIONIER  LO PURPO SPINGENDO PER IL BRACCIO LOLITA.

Lo Purpo   :….fermi tutti….ca mo succede ‘o 48…!

                  La breccia di Porta Pia è ‘nu pertusillo a fronte a chello ca faccio succedere io…

Giovanni   :.. e difatti….

Lo Purpo  : so tutto….Lolita ha confessato…galeotta fu la lavatrice e chi la usò..!!

Pina         : ‘a lavatrice..?

Lo Purpo  : ( a Pina)…compagna di sventure……compagna di corna…

Pina        :  corna..??????????

Lolita    : Donato…io sono innocente…è stat’isso ca…

Giovanni : io…? chell’è stat’essa che mi ha fatto…..

Pina       : che ti ha fatto che..?

Giovanni : pigliare la scioliata…con conseguente colpo della strega,sciatica e 30 giorni di riposo salvo complicazioni..

Arturino : (che è stato sinora in silenzio prendendo appunti )..Basta..Silenzio..fermi tutti…!!!...Adesso parli io…( consulta il suo quadernuccio )..premesso che io sono il mostro..il fetente..il diverso..lo sporco…e va bene…in dieci minuti in questa bella casa onorata io ho assistito :

1.a un tradimento dell’Amicizia con annesso  tentativo di stupro…

2.un palese cedimento muliebre con tentativo di corna…

3.una vendita all’asta dell’Onore di una figlia…..

4.il tentativo di far abortire una ragazzina…

5.una maialata scoperta in fragrante…

Gigione    : ma che dice chisto..?

Giovanni : neh….ma comme te permiette…?

  Arturino  : Fatemi finire….senza contare il razzismo becero e schifoso di chi vuol criticare un essere umano nascondendosi dietro al perbenismo,al moralismo,al comune senso del pudore…basta però che il pudore si quello del vicino e non il suo…bene ..ciò detto ..io vi comunico che  sono gay…

   Lo Purpo : e noi che avevamo detto..?

   Arturino  : per piacere  : dunque dicevo…Io Arturino Capece di anni 18 studente  sono gay….frocio…pederasta…ricchione… ma senza offesa  sono pure un bravo ragazzo  e voglio bene a questa fetente di famiglia Afeltra  ed in particolare a Gabriele  che ….lo vogliate o no…amo perdutamente dai tempo delle scuole elementari…e che vi piaccia o no…. pure lui ama me…

      Giovanni  : ( rosso paonazzo e inviperito ) ma che dici brutto schifoso..???...mio figlio e normale…!!!!!!

      Arturino  : e pure io lo sono…guardate..: ho due gambe..due occhi,miopi ma sono due…Ho un naso…pure due mani come le vostre..un cuore che batte  come il vostro…l’avete inventato voi e la Chiesa che una persona che  ama uno del suo sesso è anormale….è sporco..è pervertito….

       SULLA PORTA E’ COMPARSO GABRIELE

       Arturino   : finalmente sei qui…Gabriè..siamo stati sgamati..ci hanno scoperto…il sono stato insultato e messo alla porta…cacciato da questa casa onorata…e hanno detto pure che sono un bugiardo perché tu invece non saresti come me…Parla..parla tu…amore mio..diglielo che ci vogliamo bene da tanto tempo,diglielo che tu sei tutta al vita mia e io sono la tua…..

     GABRIELE PERO’ HA PERSO TUTTO IL SUO CORAGGIO CERCA DI    PARLARE,FARFUGLIA SOTTO LO SGUARDO DI RIPROVAZIONE DI SUO PADRE E DI GIGIONE, QUELLO IRONICO DI COMMISERAZIONE DEGLI ALTRI,QUELLO DI PIETA’ DELLA MADRE…

    Giovanni  : Gabriè..parla..parla ‘a papà…dimme ca ‘stu fetente va dicenno sulo ‘nfamità….

    Gigione    : (con un ghigno di scherno) Gabriè…ma che ce fai senti..? ricchione tu..?

    Pina        : lasciatelo in pace lassat’’o sta…mio figlio è normale…avite capito ca è normale..? normale…..diccelo ‘a mammà…

    Gabriele  :..io….io veramente…( dopo una lunga pausa)…non è vero niente…Arturino è un bugiardo….Io e lui siamo solo amici…è lui che si è illuso..ma io sono…...io sono “normale”…

    Arturino   : ( prima sconvolto,poi rassegnato)..ho capito…e va bene…don Giovà se gli arresti domiciliari sono scaduti..il fetente..il ricchione… la checca il frocio se ne va..toglie il disturbo…Esce dalla vostra vita a passi leggeri ..zitto zitto come vi era entrato…vi siete liberati della malattia,del cancro,del malessere…statevi bene famiglia Afeltra…e pure tu Gabriè..a te auguro di essere non troppo infelice quando tornerai ad essere come loro….Addio…!!                                                                              ESCE

         TUTTI HANNO ABBASSATO LO SGUARDO SULLE ULTIME PAROLE  

          DI ARTURINO..POI QUALCUNO SOLLEVA GLI OCCHI E C’E’ UNO

          SCAMBIO DI SGUARDI RECIPROCI INTERROGATIVI E CARICHI DI

         SOTTINTESI…

       Pina      : ……..povera creatura….core ‘e mamma soia ….

       Lo Purpo  : ma che voleva dire come a noi ..come a noi che….che…?

       Lolita  : ….io non ho capito granchè…A te cammina sopra…che mi devi riparare la lavatrice…

       Lo Purpo  : allora tutto bene quel che finisce bene..beh con permesso…ESCONO LEI E LO PURPO

       Marilù     : io devo andare a preparare la domanda per il concorso di velina…( si toglie dalla gonna un cuscinetto con il quale aveva simulato la gravidanza)…Gabriè..qua sta tuo figlio…

         Teresa  : vengo con te..ho lasciato gli spollichini sul fuoco….ESCONO MAMMA   E FIGLIA

        Gigione   : alle cinque tengo la lezione di aerobica in palestra…statevi bene…ESCE

        DALLA PORTA APERTA SI INTRODUCE LA POSALASEGGIA

        Posala    :…..poco fa ho visto uscire dal palazzo quel brutto fetente di Arturino…teneva una faccia janca janca e pareva che stava pure piangendo…(tutti la guardano con durezza )….vuol dire che finalmente lo avete cacciato..ve ne siete liberati…ha..aria..aria..finalmente nel condominio si respirerà aria più pulita…

         Pina      : Neh, Posalasè…...ma voi li date sempre i soldi con l’interesse al 100% mensile..?

        Posala     : come dite …?

        Pina      : …e la sera ve lo entrate ancora in casa ‘o parrucchiano che con la scusa della benedizione vespertina   viene a consolare la vostra vedovanza..?

        Posala     : ma che dite…? Come osate…?

        Pina      : e vostra sorella…..vostra sorella  Marilena è vero o no che  l’avete chiusa in un istituto per frocoliarvi tutta la sua parte di eredità..?

       Posala   :  ma come vi permettete di insinuare che io …?

       Pina     :…come dice quella frase del Vangelo: “Amico..tu guardi la pagliuzza nell’occhio mio e non vedi la trave che tieni nel tuo…”

       Posala  : .. brutta pettegola…ma io…

       Pina      : tu te ne vai a fa ‘nculo…fuori da quiVia…!  ( mentre le fugge le urla dietro )…. e fance ‘o piacere ‘a dimane nun ce  salutà chiuù….!!!!

       NEL RIENTRARE SI ACCORGE CHE IL MARITO E’ SBIANCATO…DON GIOVANNI PERCOSSO DAGLI ULTIMI EVENTI, SCONVOLTO DALL’AVER COMPRESA LA  VERITA’ SUL FIGLIO E’ PREDA DI UN MALORE CHE GLI HA PORTATO UN LANCINANTE DOLORE AL PETTO

      Giovanni :  ( con un filo di voce)….nun me sento tanto buono…

      Gabriele  : papà….??

      Pina        : Giuvà….!!!!!    Uh, Madonna e che te siente..?......tu tiene ‘a faccia  

                     janca..stai friddio freddo..Giuvà..parla c’è stato…?.....che te siente..???

      Gabriele :   papà rispondi…...vuoi un bicchiere di acqua ..?

       IL POVERO GIOVANNI E’ PREDA DI UN GRAVE MALORE

      Giovanni .:… è niente ..è cosa ‘e niente…solo che tengo un dolore dentro a

                      questo   braccio ( indica il sinistro)……e mi preme qua dentro al

                     petto…

       Pina     : Gesù. Giuseppe  e Maria ….e questo è un infarto.. ….Gabriè io corro al   

                   piano di sopra a chiamare il Dottor Delicato….tu non ti muovere da 

                   vicino a papà..                                        ESCE DI CORSA

      Giovanni  :..quà..nel petto come una morsa ..a si…..a si..ni..stra…

 Gabriele. : .papààà..!...papà parla…!!!.....( il padre ha stabuzzato gli occhi) ..Papà,guardami.ti prego…ripigliati…hai fatto la faccia bianca.,.bianca…aiuto..aiuto..!!!...papà mio sta male..papà sta morendo…

      IN QUEL MENTRE ENTRA ARTURINO….

  Arturino  : scusatemi assai mi ero scordato i libri…( vede la scena)..Uh Gesù ma ch’è stato..?

  Gabriele  : Arturì,papà sta male..papà muore e io non so che fare..

  Arturino : aspetta..questo è un principio di infarto…mettiamolo supino..ecco così piano .( dimostrando grandissime doti di coraggio e  di freddezza Arturino si muove per salvare la vita al povero Giovanni)…Anche mio nonno ne soffre e due volte mi sono trovato solo con lui..Alzagli i piedi…si così ( opera un profondo massaggio toracico)…portami subito un bicchier di acqua e zucchero e mettici dentro 30 gocce di questa coramina…l’avevo pigliata po’nonno…(Gabriele corre mentre Arturino pratica pure la respirazione bocca a bocca poi fa bere le gocce chi Gabriele ha portato..)

GIOVANNI SI VA RIPRENDENDO..PRENDE COLORE..TOSSISCE DUE TRE VOLTE…POI SOLLEVA LA TESTA…IL PEGGIO E’ PASSATO……..NEL FRATTEMPO E’ RIENTRATA PINA CHE NON HA TROVATO IL DOTTORE…

       Pina : (disperata)..niente..niente...’o Duttore sta fuori casa..Giovà..Giovà..comme te siente..?

      Arturino: ora va meglio…. il peggio è passato….per sicurezza…chiamate l’autoambulanza per un controllo…il polso però  ( controlla l’orologio ed le pulsazioni) è quasi regolare…permettete…io vado….

      Gabriele :…. grazie..grazie..Artù…

 

      Pina    : ( che ha capito tutto)…’A Madonna te benedice figlio mio..grazie…..

      Gabriele  : ( con gli occhi bassi tendendo al Arturo..la mano che questi però   

                      ignora)…Grazie Artù..grazie…e scusami per prima…scusami sono stato un vigliacco…

      Arturino : ( con un sorriso amaro)……aviva fa “l’omme”…e non ci sei riuscito.. e comme facive…?...non è arte tua…

     GIOVANNI SI E’ SOLLEVATO SUI GOMITI E SI GUARDA INTORNO

     Giovanni  : Pina, Gabriè…sto meglio sto meglio…ma chi m’ha salvato..chi è stato..?

      Arturino : (prendendo i libri e allontanandosi)…nisciuno..… uno che nunn’è nisciuno..uno che nunn’è manco n’omme…!                             ESCE

       GIOVANNI GUARDA ARTURINO USCIRE E POI GUARDA ANCHE IL  

       FIGLIO  E LA MOGLIE CHE E’ CORSA AD ABBRACCIARLO…….

      Giovanni   : ( con poca voce,sofferente)…quando nascesti tu io dicette..: - tengo un figlio..un figlio maschio,nun moro chiù, nun moro chiù !! (questo è un omaggio ad una frase indelebile di Eduardo De Filippo) - ..e tutti i compagni di lavoro,gli amici a farmi i complimenti ,..” Giovà,Auguri..è un maschio capisci ?,un figlio  maschio .!!!”…. “Chisto è ’o masculone ‘e papà suoio.” “E ne farà piangere di sottane questo qui..!” “Per quanto è bello ne spezzerà di cuori femminili..!” E io tutto contento..perchè mio figlio era bello come il sole..e dopo diventava grande e faceva piangere le sottane…ne spezzava di cuori femminili..era maschio…Che vuò..a papà …..era la mentalità con la quale mi hanno cresciuto pure a me …cinquanta anni fa si ragionava così..

        Gabriele   : e basta papà..non parlare..non ti affaticare….

        Giovanni  : appena sapevi camminare e io ti comprai i guantoni di boxe..perchè così imparavi a vattere all’ati creature…poi la palestra…poi quando tornavi ciaccato io ti davo il resto perché dovevi essere forte,cattivo,un duro….non avevo capito niente,Gabriè…niente…tu mi devi perdonare Gabriè..tu devi scusare questo stupido padre che ti infizzato a forza dentro ai guantoni di boxe mentre tu giustamente..per la tua natura…ti volevi mettere lo smalto alle unghie..

       Gabriele     : ( piangendo ) basta.,non dire più niente…

       GIOVANNI HA RIPRESO COLORE..LA CRISI STA PASSANDO

                  

       Giovanni: che scemo a papà che sono stato…ma sono ancora a tempo per riparare…mi sento meglio..molto meglio tenevo un grande peso sul cuore e adesso mi è passato…guarda mi alzo pure  sui gomiti…è passato..…

       Gabriele  :   non fare sciocchezze….stai giù…..non fare sforzi…

       Giovanni : ..Gabriè…vai a cercare Arturino..digli di venire quà..chè un vecchio stupido gli deve chiedere scusa per tutte le cattiverie che gli ha fatto e gli detto…e pure tu..pure tu gli devi chiedere scusa…

        PINA  NEL FRATTEMPO HA TELEFONATO ALLA CROCE ROSSA

        Pina     :   dieci minuti al massimo  e stanno qua…..l’autoambulanza col dottore sta arrivando…

      Giovanni  : l’Autoambulanza non serve..e anche il dottore non serve..era solo un’indigestione..già….un’indigestione di cattiveria e di ignoranza che tenevo qua alla bocca dello stomaco..è passato ( Pina corre ad abbracciarlo)….Adesso è tutto chiaro…Ti volevo vedere felice..si ma a modo mio..secondo l’idea mia di felicità.”.’e femmene…la virilità…’e suttane stracciate ‘a cuollo..”

       Pina         :..neh,ma che stai dicenno..?....quà suttane..…?

      Giovanni  : niente…. che vuoi capire tu che sei vecchia e chiatta …ma ciò nonostante si tutt‘o core mio e me faie ancora ascì pazzo..Dunque dicevo…in fondo l’unica cosa che voglio adesso è vederti felice…Perciò …Vai a papà..vai a chiammà....a chillo…come devo dire…il tuo fidanzato..no..la tua  fidanzata ..no..il tuo  compagno..no ..il tuo l’amichetto..insomma comme cazzo ve chiammate tra vuie....?

       Gabriele :  …..Amore …………..

   

       Giovanni   :..Amore..?...Ma pecchè pure tra vuie..?...e va buò …vuol dire che tengo ancora tante cose da imparare..Vaie……va a papà…..vaie e tuorne ambresso…io e mammà t’aspettammo ccà…!!! (Mentre Pina commossa abbraccia il suo Giovanni che finalmente da macho è diventato  Uomo……)…..

                                         CALA  LA TELA

               Napoli 16.giugno 2009                                  Angelo Rojo Mirisciotti

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 38 volte nell' arco di un'anno