Aspetta e… spera

Stampa questo copione

“Aspetta e…spera”

Aspetta e…spera”

commedia brillante in tre atti di

RENATO  FIDONE

Aspetta e…spera “

commedia brillante in tre atti di

Renato Fidone

Personaggi

                         Don Andrea Artale…………………...professore

                     Santuzza………………………………cameriera

                     Aitina…………………………………sposina

                     Donna Teresa Verdesca……………...vecchia padrona di casa

                     Donna Sara Artale……………………sorella del professore

                     Padre Mariano Artale……………….. fratello del professore, sacerdote

                     Don Ninu Restivo…………………….sensale

                     Niluzzu Restivo………………………figlio di don Nino

                     Cornelio Pazienza…………………….marito di Aitina

                     Cav.Alfio Spanò  …………………….Podestà

*********

                

                 

                   La storia si svolge in Sicilia intorno al 1930

                   Ogni riferimento a fatti, a persone o nomi,  è puramente  casuale e dettato dalla

                       fantasia dell’ Autore    

                   Scicli, giugno 2002

La commedia “Aspetta e…spera “ di Renato Fidone, è tutelata dalla SIAE. Si diffida  chiunque apporti all’Opera parziali o sostanziali modifiche senza l’autorizzazione dell’Autore

 - Renato Fidone - Socio SIAE – Sez. D.O.R. – n° 68330 di posiz. Categ. Autori

    via Lido, 47 – 97018  SCICLI ( Rg) – 0932.937912 casa -  0932.830008 estate

    0932.768612 ufficio – 333.6016300

   

                                                         

PRIMO ATTO

La scena rappresenta lo studio del prof. Andrea Artale. L’abitazione è l’esatta mettà di un appartamento situato al primo piano di un vecchio fabbricato, al centro della città. I due appartamenti hanno un unico portone d’ingresso, al piano terra, dove è allocato il Bar Italia. La comune sul fondo funge da corridoio che conduce a destra per chi guarda, verso l’uscio, e a sinistra nella zona interna dell’abitazione. Una scrivania trova posto alla sinistra della scena, una poltrona modesta, scaffali con dei libri antichi, un divanetto, qualche sedia. Il professore Artale è immerso nella lettura di un libro. La sua età si aggira sui 50 anni. E’ poco curato, ha un paio d’occhiali dai vetri rotondi, con la barba lunga e la giacca da camera. In mano ha un grosso sigaro spento che sulla scena non accenderà mai, tranne che alla fine della commedia, all’ultima battuta.

      All’aprirsi del sipario la luce è fioca ed è quella che traspare da una finestra a destra della scena. Sono le cinque del pomeriggio.

DON ANDREA

 ( intento a leggere un libro, così come fa ogni pomeriggio a quell’ora, da diversi anni; ma dopo qualche attimo di silenzio, arriva come una furia dal fondo a sinistra, Santuzza, la cameriera, che lo distrae con i suoi discorsi; è sui 35-40 anni, ancora piacente, ma veste in modo sciatto, nutre un certo affetto verso don Andrea che, però, non ricambia )

SANTUZZA

(rivolta a don Andrea, acida…)  Ca se nun fussi pirchì è ‘na vecchia ‘nzipita, ci pigghiassi l’occhi e c’i mintissi d’arreri ‘a testa…! Brutta, pezzu di vipara e ‘mprugghia cristiani…egoista! ‘Cchi ci pari giustu ca ‘ppà  ‘rrobba…

DON ANDREA

(prendendole le mani con forza)  Zittiti…zittiti, sparrittera, ucca di vilenu. Hai ‘na lingua ‘cchiù longa di ‘mpisci spata. Muta statti, botta di sangu!!

SANTUZZA

Chi ‘cci pozzu fari si cosi storti nun ni pozzu vidiri? Chissi sunnu supirchiarii…Chissi sunn…( don Andrea le tappa la bocca con una mano )

DON ANDREA

Ci ‘a finisci, si o no? A mia ‘cchi’ cosa mi cunti? ‘Cchi c’entru iu ‘nta ‘stì ‘mbbrogghi? Affari suoi sunnu. Tu pensa ppì tia e nun ti pigghiari iatti ‘a pilari.

SANTUZZA

Vossia dici accussì pirchì nun ‘nn’avi cori. Se iu avissi l’armu…

DON ANDREA

( sorridendo ) ‘Cchi cosa facissutu, sintemu?

SANTUZZA

Appoi ci ‘u facissi vidiri iu ‘cchì ci facissi! ‘Nn’avissi beddi testi d’aggiustari!  (riferendosi a quella del professore, poi con rassegnazione )  Ma ‘u  Signuruzzu…

DON ANDREA

Lassa stari ‘u Signuruzzu. T’haiu dittu di pinsari ‘e fatti toi…

SANTUZZA

Parrari ‘ccù vossia è comu parrari ‘ccò muru. Quannu appoi si metti ‘nmezzu cummina ‘cchiù disgrazzi ca giuvamentu. Nun s’avi ‘a scurdari quannu fu di don Cicciu Naschi Lurdi…

DON ANDREA

(seccato) ‘Ppì carità…’ppì carità, nun pigghiari ‘stu discursu! (fra se) Matri Santa, ‘ccuminciau ‘ccù don Cicciu Naschi Lurdi, e ora quannu ‘a finisci?

SANTUZZA

Sissignura, ca se nun nn’era ‘ppì vossia ca mi scunzava l’opira, accamora fussi bedda maritata ‘ccù ‘na para di figghi…

DON ANDREA

Nu beddu matrimoniu avissutu fattu . Ti consumavutu ‘a vita, figghia mia. Era picca scansafatichi e poi…poi  (dicendo una bugia)  mi pari ca dissi  che… non eri il suo tipo!

SANTUZZA

(su tutte le furie)  Comu…comu? Ma chi ci stati ‘ncucchiannu, prufissuri? Fui iu ca ci dissi ca nun vi vulìa lassari…ca doppu 15 anni di servimentu non me la sentivo di lassarivi…’Nveci ‘cchì successi? Mi lassau iddu! ‘Cchi bellu guadagnu ca ci fici!

DON ANDREA

E io ti sono riconoscente e ti dicu puru ca ti vogghiu macari beni, comu ‘mpatri voli beni ‘a ‘na figghia…

SANTUZZA

E iu di ‘ssù beni nun ‘nni vogghiu. ( risentita )

DON ANDREA

( non avendo sentito bene)  Chi dicisti, Santuzza?

SANTUZZA

Quannu nun ci cummeni nun ci senti, è veru? ( spolverando rabbiosamente col piumino)

DON ANDREA

Ma ‘cchi hai?  ‘Cchi vai pinsannu? Mi vuoi fari sturiari?

SANTUZZA

‘Cchi haiu? ‘Ccu quali facci mi diciti ca mi vuliti beni comu a ‘na figghia?

DON ANDREA

Ma pirchì, comu ti vogghiu beni?

SANTUZZA

Ah, si? Siti ‘nu beddu munzugnaru! Quannu fu di don Cicciu Naschi Lurdi, vi ricurdati? (scuotendolo per la giacca da camera) Quannu iu eru ‘ccà valigi pronta, ammezzu ‘a stanza,  vui ‘cchi mi dicistuvu?

DON ANDREA

( fingendo di non ricordare ) E ‘ccù s’u ricorda?

SANTUZZA

Ah, nun v’u ricurdati!!  Allura v’u ricordu iu! Mi dicistuvu ( simulando la voce del prof.) : “Santuzza…Santuzza bedda, nun mi lassari ‘ppì ‘ssù chiaccu ‘i furca. Chissu ti cunsuma ‘a vita! Santuzza, se vuoi ‘nmaritu ‘ppì forza, ti spusu iu! ( il professore che stava distrattamente sfogliando un libro si ferma…)

DON ANDREA

Iu ti dissi accussì? Mah!!

SANTUZZA

Ma aviti ‘na bella facci tosta!! ( gli tira il piumino e scappa via per il fondo a sinistra)

DON ANDREA

‘A curpa è mia, ci haiu datu troppa confidenza, devo allargare, devo allargare…’Cchi voli chista di mia? ‘Cchi cosa s’ha misu ‘ntesta, chista? Nun ‘nn’è ancora nata chidda ca mi deve incastrare!! Sulu, vogghiu stari sulu! Quannu poi sugnu vecchiu rachiticu e fora di testa…Ppppà….’Ncorpu di pistola ‘ntesta e via!! ( riprendendo a leggere; silenzio intorno, dal fondo a destra appare Aitina, incinta di qualche mese, che timidamente si affaccia nella stanza cercando del professore…)

AITINA

(timidamente, chiamando il professore) Prufissuri…prufissuri…( don Andrea  ha un sussulto…)

DON ANDREA

( visibilmente urtato ) Cu è? Avanti…avanti…ca oggi nun ‘nn’è cosa! ( chiudendo il libro sgraziatamente )

AITINA

Don Andrea, chiffà ‘u  disturbu. Se ‘u disturbu mi ‘nni vaiu! (timida)

DON ANDREA

Disturbu…disturbu…Oramai si ‘ccà,  è inutili ca fai ‘a pietosa. Dimmi ‘cchiuttostu ‘cchì vuoi, c’haiu ‘cchi fari. Forza…

AITINA

(timidamente) Don Andrea, lei ‘u sapi pirchì ‘a zia Teresa mi teni ‘ccà ccù idda, a mia e a mè maritu, Corneliu?

DON ANDREA

‘Ppì faricci cumpagnia, immaginu? Alla sua età chi cosa putissi aspittari, sulu ‘a morti. Avendo una nipote e il marito in casa si sente più tranquilla, o no? ( dal fondo di sinistra appare Santuzza entrando con circospezione )

SANTUZZA

(decisa) Aitina, se nun ci ‘u dici tu, parru iu!!

DON ANDREA

Ancora tu? ‘Cchi ci fai ancora ‘ccà? ‘U sai ca se ti trova ‘ccà donna Teresa, senza fari nenti, s’a pigghia ‘ccù mia e nun mi lassa ‘mpaci…

SANTUZZA

E chi mi fa? Mi nni manna?

DON ANDREA

Ti nni manna a tia? E se nni manna a tia, ‘ccù mia cu ci cummatta. Vuoi ca mi nni vaiu all’ospiziu? Vuoi chissu? Unni ‘a truvamu ‘na casa accussì, vicinu ‘a scola, comoda, ‘ccù picca sordi? E poi, Santuzza, i patti quali erunu? Tu putevi stari ‘a condizioni ca badavi ‘a mia e a idda e ristavutu schetta.

SANTUZZA

Certu, ‘na speci di cammarera a vita, senza contributi, senza marchi, senza mancu dirimi grazi!

DON ANDREA

Ti pago io, nun ti basta?

SANTUZZA

Va beni, lassamu stari ‘a mia ca sugnu strana, ma Aitina è so nuputi, pirchì ‘a teni comu ‘na schiava, m’ù voli spiegari?

DON ANDREA

Ma chi ci stai ‘ncucchiannu, quali schiava? Di prucchiusa pozzu diri ca è prucchiusa, ma addirittura a trattari ‘na niputi comu ‘na schiava…Nun diri ‘i soliti fissarii, Santuzza!!

SANTUZZA

Ah, si? Allura ‘u voli sapiri questa povira disgraziata come è costretta a vivere a casa di sua zia? Aitina, parra tu!!

AITINA

( titubante ) Santuzza…lassa stari…

DON ANDREA

Ora ‘a parrari, sinnò ‘cchi vinisti ‘a fari? Forza, sfoghiti!

AITINA

Don Andrea, m’affruntu.

SANTUZZA

Avanti, Aitina, cunticci a don Andrea tutti cosi, ca iddu sà chiddu ca ‘a fari!

DON ANDREA

(allarmato) ‘Cchi sacciu…’cchi sacciu iu, vidi chiddu ca ‘a fari e sbrighiti ca se veni ‘a vecchia ni ‘nni manna a tutti sutta ‘o ponti!!

AITINA

Don Andrea, quannu mè zia mi dissi ca mi dava na manu a mia e Corneliu, ci dicu ‘a virità, nun mi parsi veru. Mè matri mi aveva descritto sempre la zia comu ‘na pirsuna scontrosa, solitaria, avara, che mai aveva dato una mano ai parenti più stretti, mancu a mè matri, quannu morsi mè patri di tifu e ristammu suli senza nuddu.

DON ANDREA

La descrizione che tua madre ha fatto di tua zia  è conforme all’originale, te lo posso garantire.

AITINA

Sei misi fa, appena sposata, vinni a mè casa, e mi dissi che lei voleva cambiare la sua vita, che confessava di aver trattato male mia madre, che voleva riparare alle maleazioni fatte nei nostri confronti e che voleva che io a mio marito ci trasferissimo a casa sua.

DON ANDREA

Bene, no?

SANTUZZA

Aspittati, prima di dari sentenzi! Continua, Aitina!

AITINA

Aveva posto, però delle condizioni.

DON ANDREA

Quali?

AITINA

Avevumu a dormiri spartuti ‘ccù mè maritu e non dovevamo avere figli per almeno cinq’anni!!

DON ANDREA

( rimanendo allibito ) Ma nun ci pozzu cridiri, Aitina? Chisti nun sunu condizioni, chisti sunu cattiveri, sopprusi, pazzii…E tu chi facisti…?

AITINA

Don Andrea, vi confesso che questa sistemazione ci fece comodo. Cornelio aveva trovato un posto come cassiere al bar Italia, propriu ‘cc’assutta, una bella paga e…

DON ANDREA

(imbarazzato) …e col fatto di …si,  insomma…di dormire…(soggetto “separati”)

AITINA

Non ce l’abbiamo fatta…

DON ANDREA

E…si capisce…

SANTUZZA

(allusiva) ‘Cchi ci capiti vui?

AITINA

Ogni tantu…di notti…comu ‘e latri, don Andrea…comu ‘e latri…(imbarazzata)

DON ANDREA

( disorientato ) Certu, di notti…comu ‘e latri…Cosi da pazzi…

SANTUZZA

Continua, Aitina, cunticci tuttu.

DON ANDREA

Ancora ci ‘nn’è??

AITINA

Sugnu ‘ncinta, di tri misi!!

DON ANDREA

Certu, di notti…comu ‘e latri…( ripensandoci, scandalizzato ) Comu sì?

AITINA

Sugnu ‘ncinta di tri misi

DON ANDREA

Ma comu si potti verificari? ( ingenuamente )

SANTUZZA

Ma ‘cchi ‘ddummanni idioti!! ( il prof.non la sente )

AITINA

(ingenuamente) Scivilai, prufissuri!!

DON ANDREA

Certu, di notti, ‘o scuru, nun vidisti unnu mintevutu ‘i pedi e…scivilasti…Corneliu ‘ppì nun ti fari cadiri ti pigghiau… La carne è debole e ‘a pagghia vicinu ‘o fuocu sbampa!! Ahhhhh! ( sospirando profondamente) Figghia mia, dovevate stari attenti…Cu ‘a senti ora a chissa…(riferito a donna Teresa Verdesca)

 

SANTUZZA

‘A carni, ‘a pagghia, ‘u fuocu…Dovevate stare attenti…A vui vi pari facili…’Cchi ‘nni sapiti…

DON ANDREA

E tu ‘cchi ‘nni sai, bisbetica? L’hai fattu mai ‘nfigghiu tu?

SANTUZZA

E comu ‘u fazzu, sula? Ci voli ‘nmaritu, picciottu e beddu, e finu a quannu staiu ‘ccù certi vecchi pozzu stari frisca…(allusiva)

DON ANDREA

Lassamu perdiri, và, ca è megghiu ppì tutti. Dunchi, figghia mia, ‘cc’haiu ‘a fari, accurzamula?

SANTUZZA

Ma comu ‘cc’aviti ‘a fari? La dovete convincere, nò?

DON ANDREA

Cunvinciri a ‘ssà testa di trunzu? ‘Na parola!! ( si ode la voce di donna Teresa che cerca Santuzza)

VOCE f.c.

(Don Andrea ha un sussulto di paura) Santuzza, unni si?

DON ANDREA

Matri Santa, prestu, vativinni. Forza…forza!! ( le due donne via dal fondo a destra, mentre Don Andrea si affaccia dalla finestra…) Donna Teresa, ‘cchi c’è cosa? ‘Cc’aviti bisognu?

VOCE f.c.

Prufissuri staiu vinennu, che vi devo parlare!

DON ANDREA

(Confuso) Maronna mia, spiramu ca ‘u cori, oggi,  l’avissi rimuddatu. ( va a sedersi sulla poltrona aspettando donna Teresa Verdesca che entra dal fondo con grande disinvoltura e decisa a dare battaglia; vestita con cura, è sulla settantina, età che porta con grande signorilità; ha un carattere molto forte e duro, di un’avarizia indicibile; don Andrea per non farsi intimidire incomincia lui la prima mossa…)  Donna Teresa, Santuzza vinni ‘nti mia ‘ppì dirimi che fra non molto delle persone devono venire a farmi visita e nello stesso tempo ha dato una sistemata nella camera, come suo dovere, ecco tutto.

DONNA TERESA

Vossia si facissi ‘u prufissuri ca di fari l’avvocatu nun ‘nn’è cosa! A vossia ‘a chiacchira ‘ccì piaci e a idda ‘cchiù di vui e quannu vi iunciti pirditi matinati sani, questa è la verità.

DON ANDREA

Nun ci rispunnu pirchì ‘a cumpatisciu, data l’età e ci portu rispettu!

DONNA TERESA

Bravu, vossia sempri mi l’ha purtari, pirchì ci pozzu veniri soru granni…

DON ANDREA

Dicimu matri…

DONNA TERESA

Soru…

DON ANDREA

Matri…

DONNA TERESA

(con maggior impeto) Ci dissi…

DON ANDREA

( cercando di calmarla )…soru! Va beni ‘ppì soru. ( fra se ) Diu ni scanza!! Una mi basta!!

DONNA TERESA

‘A propositu di frati e soru, vostru frati ‘u parrucu ‘avi assai ca nun scrivi’?

DON ANDREA

Quinnici iorna.

DONNA TERESA

E vostra soru?

DON ANDREA

Se mancu sapi leggiri, figuramini a scriviri. Ma chi mi stati facennu l’interrogatoriu?

DONNA TERESA

 No, ‘ppì carità. Nel caso in cui voi dovevate rispondere a qualche lettera dei vostri fratelli, mi ci davate i saluti e i ringraziamenti…

DON ANDREA

Mè frati ‘u parrucu vi dissi quarchi missa?

DONNA TERESA

‘Nca quali!! Tempu fa, vostra soru mi fici veniri un tiziu c’aveva bisognu di sordi pristati. Ci detti ducentuliri, col pattu che me li doveva riconsegnare intra un anno…

DON ANDREA

Senza interessi?

DONNA TERESA

Senza interessi? Ma ‘cchi siti pazzu? Ci ho fattu un trattamentu di conoscenti…Ci ho fatto pagare solo il 10%…

DON ANDREA

‘Nta l’annu…!!

DONNA TERESA

Ma quantu siti ingenuo. ‘O misi, scunchiurutu ca siti!!

DON ANDREA

Minchia!

DONNA TERESA

Comu dicistuvu?

DON ANDREA

( con intenzione )  Dissi minchia!!! Ora capisciu pirchì vi chiamati Verdesca…

DONNA TERESA

‘Cchi vuliti diri?

DON ANDREA

La Verdesca appartiene alla famiglia degli squali, i più feroci e vui siti peggiu di ‘nu squalu, siti ‘na sagnetta!!

DONNA TERESA

Vi mintiti a fari ‘u moralista ‘ccù mia, ma finitala, comu se nun vi canuscissi. E poi i rischi li devo correre io…E se chissu ‘i sordi nun mi duna ‘cchiù? Mi turnati vui? ‘Ddummannatici ‘a vostra soru a quantu ci duna, idda è ‘cchiù prattica di mia!!

DON ANDREA

Affari suoi sunnu! ( dal fondo entra Santuzza con due tazze di caffè su un vassoio; il prof. con decisione…) Ti poi purtari, ‘u cafè m’ù purtau donna Teresa, bellu amaru e carrucu!!

SANTUZZA

Ma iu ‘u fici…

DON ANDREA

( c.s.)  Ti dissi ca nun ci ‘nn’è di bisognu!! E la prossima volta aspetta i miei comandi!! ( Santuzza incredula, si riporta il vassoio con i due caffè; donna Teresa guarda incredula la  scena, non ha parole)  Dunchi, parramu di cosi seri! Comu si trova vostra niputi Aitina?

DONNA TERESA

E comu mai tuttu ‘stu interessamentu ‘ppì mè niputi? ‘Cchi siti ‘u so prutitturi?

DON ANDREA

Voli diri ca haiu interessi.

DONNA TERESA

Mè niputu ‘ntà mè casa fa la regina, e so maritu è…

DON ANDREA

…’u re ‘i coppi…!!! Nun diti fissarii, donna Teresa, sacciu tuttu e vi dicu sulu ‘na cosa: chiddu ca stati facennu è una cosa troppu gravi…troppu sporca…Vi dovreste vergognare!!! ( donna Teresa è su tutte le furie…) Una nipote, ‘a figghia di vostra soru morta doppu tanti dulura, sposina frisca, costringerla ‘a farivi ‘a serva, oltri a tutti l’umiliazioni ca ‘cci fati subiri…

DONNA TERESA

‘Cchi ci manca…’cchi ‘nnì sapiti vui ca parrati a matula…Nun ci prummisi ca ci lassu tutta ‘a robba!

DON ANDREA

E l’attu? Ci ‘u facistuvu l’attu?

DONNA TERESA

‘A iaddina si spinna quannu è morta!! ‘Cchi vi paru babba? Attu, nisba!! Se ci fazzu l’attu, ‘a matina appressu mi ettunu fora, e no mio caro prufissuri!

DON ANDREA

‘Cchi fimmina terribili!

DONNA TERESA

Doppu tutta ‘sta discussioni, iu vulissi sapiri unni vulissivu iri ‘a sbattiri.

DON ANDREA

V’a facistuvu ‘a cumunioni?

DONNA TERESA

Si capisci, comu ogni matina ‘e setti.

DON ANDREA

E ci ‘u cuntastuvu ‘o cunfissuri ca ‘a vostra niputi ‘a faciti dormiri spartuta di sò maritu…

DONNA TERESA

Chisti nun sunnu cosi ca ponnu cuntari ‘o cunfissuri. Il nostro è stato un patto, un patto e basta!

DON ANDREA

(su tutte le furie e con grande impeto) Ma ‘cchi pattu e pattu!! ‘Sti patti nun si ponnu fari fra persone civili di buon senso. Sunnu maritati? Vossia mi rispunni? Mi rispunnissi, sangu di la marina. Sunnu maritati, si o no??

DONNA TERESA

( remissiva e con il capo chino ) Si!!

DON ANDREA

E allura, santu Diu, pirchì nun ponnu dormiri assemi? ‘Cchi mali c’è?

DONNA TERESA

‘A casa sua, non ‘nti mia!!

DON ANDREA

E putissi sapiri pirchì, fimmina diabolica?

DONNA TERESA

Pirchì appena fannu ‘u primu figghiu, ‘nni sduvacunu unu l’annu, comu ‘e iatti. Ah ora ci fazzu ‘a cuva ‘a mè casa! Foddi sunnu, pazzi di manicomiu!! Ma, chiuttostu, a vui cu vi ‘ccì misca? Pirchì tuttu ‘stu interessamentu?

DON ANDREA

(preso alla sprovvista)  Io…io…c’entru pirchì…pirchì…pirchì  nun pozzu vidiri ì cosi storti…eccu!!

DONNA TERESA

Bravu, ora vi dununu ‘a medaglia. Quantu mi ‘nni vaiu sinnò mali finisci, và!

DON ANDREA

Prima ca v’inniti, vi dovrei dire un’ultima cosa…Sempre se avete il tempo e la pazienza di ascoltare…( incuriosendo donna Teresa , nel frattempo entra di nascosto Santuzza che rimane quasi nascosta a sentire quello che dicono )

DONNA TERESA

Sbrigativi ca haiu ‘cchì fari.

DON ANDREA

( schernendosi ) Nenti d’importanti…sciocchezze…Vi volevo solo dire che vostra nipote…è incinta di tre mesi!!! ( come una pugnalata nel petto di donna Teresa, Santuzza gioisce in silenzio )

DONNA TERESA

Comu?

DON ANDREA

Vicinu Milanu!!  Incinta…incinta…( soggetto pancia )

DONNA TERESA

( sbiancando in volto ) Nun po’ essiri! Nun po’ essiri, vui siti pazzu!

DON ANDREA

( con grande semplicità ) Dici ca era ‘o scuru e…scivilau…Corneliu ‘ppì nun ‘a fari cadiri ‘a pigghiau…

DONNA TERESA

Chisti sunnu cosi ca vi stati ‘nvintannu vui, ora videmu! ( fa per andare )

DON ANDREA

Ah, un’altra cosa, se ci fati qualchi schigghiu, o aviti malintenzioni nei suoi confronti vi denunziu ‘e carabinieri ‘ppì usura! M’haiu spiegatu, signorina Verdesca!

DONNA TERESA

Nun chiamatimi signorina…

DON ANDREA

Non è che siete sposata, eh! L’appellativo  “Donna”  tocca alle signore ‘ccù tantu di maritu…( con odio )  Voi siete solo una zitella…ca nun ‘avi nessuna spranza di spusarisi, grazie a Diu!

DONNA TERESA

E vui ‘cchi spranza aviti? Siti comu ‘o sucarru stutatu  c’aviti sempri ‘nta ucca, ‘na cosa morta, spenta!

DON ANDREA

Nun vi pigghiati pena, ‘stu sucarru ‘u vogghiu teniri stutatu,  quannu ‘u viditi addumatu, voli diri ca ‘a cosa è fatta. Iu haiu ancora 52 anni e vui 70. Non per fare paragoni…ma è megghiu ca v’inniti e vi luvati davanti l’occhi miei. ( come un fulmine esce dalla comune; subito dopo  compare Santuzza e assesta un grosso bacio al prof. che rimane di stucco ) Ma..ma tu si pazza…pazza di catina. Ma ‘cchì fai? ‘Cchi ti niscerru i sintimenti? Se ti vidìa qualcunu? ( va a chiudere la finestra, poi si accascia sulla poltrona )

SANTUZZA

‘Cchì mali c’è? Mi vinni d’ò cori! Ci cantastuvu ‘a carta Gibiliana!!

DON ANDREA

( ancora imbambolato per il bacio )  Comunchi…comunchi…nun sunnu cosi ca si fannu, specialmenti ‘a ‘na pirsuna di ‘na certa età… ( riferendosi alla sua )…bisogna stari attenti ‘o cori…

SANTUZZA

( equivocando )  ‘Na certa età? Ma vuliti schirzari? Chissa cori nun ‘nn’avi. Haiu tortu ‘o ragiuni? ( rivolta al prof.) 

DON ANDREA

( c.s. )  Comu dici, Santuzza?

SANTUZZA

Vi sintiti bonu? Siti ‘ggiarnu comu ‘nlinzuolu! ( gli accarezza la testa mentre lui le allontana la mano, poi ancora qualche carezza e lui come prima; così per tre volte…poi il prof. imbarazzatissimo….)

DON ANDREA

Mi…mi…stai facennu veniri ‘nchiuritu!! ( spostandole con forza la mano )

SANTUZZA

Maronna mia, ‘cchi siti. E ‘cchi vi staiu facennu? ‘A virità è ca nun ci siti abituatu ‘e carizzi, ‘cchi malu c’è! ( con malizia )  Nun mi dicistuvu ca mi vuliti beni comu ‘a ‘na figghia? E iu comu ‘a ‘na figghia vi fazzu ‘i carizzi…

DON ANDREA

( c.s. )  Va beni…va beni…Ma ‘a mia ‘u chiuritu sempri ‘u stissi mi veni.

SANTUZZA

Chissu è pirchì ‘u sangu si movi e vi acchiana ‘nta testa ‘ccù ‘na forti prissioni…

DON ANDREA

( non potendone più , si alza ) Ora basta! Mi vaiu ‘a dari ‘na lavata ‘ccù l’acqua frisca ca è megghiu! ( mentre fa per uscire a sinistra…)

SANTUZZA

Vi  vulìa diri ca  ci sunnu visiti ppì vui…

DON ANDREA

Falli trasiri e dicci di aspittari. ‘Ntantu facci cumpagnia tu…

SANTUZZA

Ma iu ‘cchì cci pozzu diri?

DON ANDREA

Ma ‘cchì ‘nni sacciu? Fai chiddu ca voi, iu vaiu e tornu. ( esce per la sinistra)

SANTUZZA

Ma tu ‘a vidiri comu mi lassau ‘nte ‘mprogghi. Ora ‘cchì cci dicu a chisti…mah! ( esce sul fondo a destra, poi si sente chiamare…)  Avanti…avanti…accomodatevi…( entra Santuzza seguita da  don Nino Restivo, sulla trentina, di professione sensale, con i baffi e con la coppola, vestito di velluto, tipico benestante di campagna; dietro di lui il figlio Niluzzu, un ragazzo di 17/18 anni, in mano ha un quaderno nero; è l’identica copia del padre…)  Prego…prego…accomodatevi…’U prufissuri a momenti sarà qui, stamattina ha avuto una giornata troppo pesante…( i due sui siedono su un divanetto a due posti e Santuzza su una sedia)  Vi posso offrire qualcosa?

DON NINO

( parla sempre con solennità senza scomporsi mai, con una voce gutturale )  Non volessimo disturbare, grazzi! Se lei ci permetti, signorina, aspittamo con rispettosissima cunfirenza e, diciamo, quannu veni ‘u prufissuri si ‘nnì parra! M’ haiu spiegatu?

SANTUZZA

Come volete.

DON NINO

( Più sicuro di prima )  Vossia mi dovesse scusare, diciamo, ma è la governatrice del prufissuri?

SANTUZZA

Diciamo che sono la domestica.

DON NINO

Domestica? Prima ‘cch’era sarvaggia?

SANTUZZA

Lei di sicuru devi aviri ‘i scoli auti?

DON NINO

Fici ‘a terza, a servirla se ‘avi di bisognu! Ma lei, ‘ccò prufissuri in casa, diciamo, è a posto!

SANTUZZA

Vostru figghiu, immagino da è studenti superiori…

DON NINO

‘A scola và, l’ armali! Alla media…studenti minorato è!!

SANTUZZA

( accarezzandogli la testa )  Ah, non si direbbe però, è abbastanza sviluppato…

DON NINO

Signorina, per il suo bene, ci stapissi ‘a rassu…

SANTUZZA

E ‘cchì ‘ffà muzzica?

DON NINO

Vidissi, signorina, lo sviluppo Ninuzzu l’ha fatto…ma no ‘nta testa…

SANTUZZA

E unni allura?

DON NINO

( avvicinandosi  a Santuzza , sottovoce )  In tutto il corpo, diciamo! E chi sorti di sviluppo! Diu ‘nnì scanza! Ma ‘a testa…’a testa l’avi sempri ‘nta puntu…( Niluzzu abbassa la testa per la vergonga )

SANTUZZA

Ci piaci ‘u palluni?

DON NINO

( schioccando la lingua tra i denti come a dire sicilianamente “NO”)

SANTUZZA

Ci piaciunu ‘i carti?

DON NINO

( c.s. )

SANTUZZA

Ma allura ‘cchì ‘cci piaci ‘o picciottu?

DON NINO

( avvicinandosi c.s. )  ‘I fimmini ci piaciunu, signorina, ‘i fimmini!!

SANTUZZA

( sorridendo ) E va beni, chi mali c’è, carusu è!!

DON NINO

Signorina, ma ‘cchì discursi mi fa, in presenza do picciriddu? E ‘a scola? ‘A scola nun ‘nnì voli mancu ‘a broru, questo dibbosciatu…! ( gli dà  uno scappellotto )  Disgraziatu, rovina della mia casa. ( Niluzzu si ripara )

SANTUZZA

Non preoccupatevi ca ‘u prufissuri ‘u minta ‘a postu. Iddu ‘u sapi chiddu ca ‘a fari.

DON NINO

Speriamo, signorina. Iu ‘o prufissuri ‘vogghiu beni comu ‘mpatri e ogni vota ca mi trovu a passari di ‘ccà nun pozzu fari a menu di farci una sorpresa, diciamo. Signurina, ppì nuatri do paisi, ‘u prufissuri è una specie di monumento nazionale, figghiu do cavaleri Artale, nobili di sangu e di cori e beni ‘u sapi quantu ‘nn’ha fattu?

SANTUZZA

M’u ‘mmagginu!

DON NINO

No, lei nun s’u ‘mmaggina!

SANTUZZA

Ci dicu di si!

DON NINO

( alzando la voce )  E iu ci dicu di no, diciamo!!!  ( dal fondo di sinistra appare il Prof. )

DON ANDREA

Santuzza, dicci di no, sinnò mali ti finisci! ( alla sua vista, Don Nino si lancia per abbracciare don Andrea e per baciargli la mano, così anche il figlio Niluzzu ) Ma chi faciti, scimuniti. Sempri ‘i stessi siti, non progrediti mai, zaurdi e zampirri!! Assittativi! ( i due si siedono, Santuzza rimane in piedi aspettando i comandi )

SANTUZZA

Iu ‘cchi fazzu, prufissuri?

DON ANDREA

Chidu ca vuoi fari fai…Anzi, porticci all’amici qualchi cosa frisca…!

DON NINO

Col vostro permesso, don Andrea, vulisi stari ‘a siccu!!

DON ANDREA

E ‘o picciuottu? ‘Na bella cazzusa frisca?

DON NINO

Nun s’a merita, ma se vossia ‘nsisti…( guardando in cagnesco Niluzzu che si ripara da eventuali ulteriori scappellotti ) 

DON ANDREA

Allura, Santuzza, ‘na bella cazzusa frisca ‘ppò carusu…( Santuzza via sul fondo a sinistra, poi rivolto a don Nino e riferendosi al ragazzo ) ‘Cchì è tostu?

DON NINO

Tostu? E’ malacarni, prufissuri! Chidda ca è scola, mancu ‘a parrarini. Ci piaci sulu ‘na cosa, ‘i fimmini! ( dandogli uno scappellotto, ma Niluzzu la scansa e don Nino sta per cadere; a don Andrea gli scappa un sorriso…)

DON ANDREA

E bonu…bonu, Ninu, lassulu stari, carusu è!

DON NINO

Armali è, prufissuri!

DON ANDREA

Quannu tu erutu all’età sua, a ‘cchì cosa pinsavutu, Ninu?

DON NINO

Veru, pinsava ‘e fimmini, ma dietro l’autorizzazione di mè patri, diciamo!

DON ANDREA

Ma nun mi fari ridiri, Ninu! Nun ti canuscissi. ( entra dal fondo Santuzza con un bicchiere per Niluzzu; glielo porge ) 

DON NINO

Prufissuri, per l’antica amicizia ca mi lega ‘a vossia, ‘a ‘st’armali di gebbia ci deve dari aiutu, o quant’è veru Diu, ‘gn’ornu ‘i chisti ‘u ‘bbìu ‘nto puzzu e m’ù levu davanti l’occhi !! ( a Niluzzu gli viene una tosse nervosa..)

DON ANDREA

Ci ‘a facisti iri di traversu…! ( gli assesta una gran manata sulle spalle ) Nun ti preoccupari Ninu, ‘u mintu a postu iu. Mannammillu tri voti ‘a simana e vidimu chiddu ca si po’ fari.

DON NINO

‘A ‘ntisu ‘o prufissuri? ( Niluzzu annuisce ) Ora va fatti dui passi ‘ddà sutta  e aspettimi ca staiu vinennu.

DON ANDREA

Santuzza, accumpagnulu.

DON NINO

Signurina, mi raccumannu, ‘a rassu…ci stapissi ‘a rassu…

DON ANDREA

Ma ‘cchi significa?

SANTUZZA

Nun si scantassi, nenti mi fa. E’ veru Niluzzu? ( il ragazzo la guarda sorridendole da ebete, poi vanno via sul fondo a destra )

DON NINO

Don Andrea, ci dissi ca ‘cci piaciunu ‘i fimmini e appena ‘nni vidi una…ci veni ‘na speci di musca cavaddina…Prufissuri, sapissi ‘cchi cummattu ‘cchè fimmini ca mi cogghiunu ‘aranci! Nun voli veniri ‘cchiù nuddu, diciamo!!

DON ANDREA

Di stà manera? ( si sente il grido di Santuzza…)

VOCE di Santuzza f.c.

‘I manu ‘o postu, delinquenti…!! ( don Nino dalla finestra, gridando…)

DON NINO

Niluzzu, vidi ca scinnu e ti struppìu…debosciatu!

DON ANDREA

Lassulu stari, Ninu. Avanti assettiti e cuntimi ‘cchì si dici ‘o paisi!

DON NINO

( calmandosi a stento ) Scusati, prufissuri, ma iu ve l’avevo detto. Bisogna stari attenti ‘a chiddu ca fa. ‘A testa ‘ntà l’aria ha, ci ‘ù dissi. Mah!! Parramu d’autru, ca è megghiu.

DON ANDREA

Dimmi, chiuttostu, quali sunnu ‘i novità do paisi.

DON NINO

E ‘cca succediri! ‘O paisi, vui ‘u sapiti, ‘a vita scurra comu all’acqua ‘nto ciumi; n’agghiorna e n’ascura e mancu n’i ‘nn’accurgimu. ‘Ppì nuatri è ‘na cosa naturali! C’è cu’ mori, c’è cu’  nasci, c’è cu’s’a spusa. E’ ‘a vita, no? Se vi po’ interessari, l’annu scursu morsi don Mariu Nativu, ‘u nutaru, e ‘a cosa ‘cchiù bella è ca quannu travagghiava circava di mintiri d’accordu ‘i  parenti do mortu e ora ca morsi iddu, ì so figghi si stannu sciarriannu comu all’animali, besti ca nun sunnu autru, diciamo!

DON ANDREA

Ma comu, ‘avi tri figghi tutti lauriati!  Allura è veru ca ‘a troppu scola certi voti fa mali!

DON NINO

E iu ‘ppì chissu vogghiu essiri ‘gnuranti, diciamo!

DON ANDREA

E poi ‘cchì c’è di nuovu, tuttu ‘ccà? Tu ‘u sai ca quannu veni mi devi aggiornare di tuttu chiddu ca succedi, tuttu. ( scherzando ) Tu sei come la  Domenica del Corriere. Allura ?

DON NINO

Avanti, vi ‘nni dicu  ‘n’autra, va beni! Si spartìu ‘ccù so mugghieri Totò Martisi, ‘u signurinu!

DON ANDREA

Ninu, m’a scusari, ma ‘stà novità m’aspittava, anzi ‘u dicevunu tutti, t’u ricordi? Totò nun nn’era cosa di spusarisi, eh…eh! E poi, allora si diceva ca era un po’…( allusivo )

DON NINO

Tuccatu da rannula, ‘u criatura, diciamo! Schetto doveva stare, signorino, và!! Ora inveci ci dicu una bella novità, ca vossia nun s’u ‘mmagginassi mai..

DON ANDREA

Avanti, nun mi fari stari ‘nte spini, spara!

DON NINO

Prufissuri, s’arricorda ‘dda bedda picciotta, Lisetta, ‘a figghia do farmacista, chidda ca s’aveva ‘nnamuratu di vossia, s’arricorda? ( il prof. ha un malinconico ricordo e inavvertimanete prende una boccata dal sigaro spento, e si rilassa sulla poltrona…è come se fosse in trans…) Prufissuri…prufissuri…( preoccupato )  Stutatu è!  ( riferendosi al sigaro )  Vi sintiti bonu?

DON ANDREA

( riprendendosi )  Comu dici, Ninu?

DON NINO

Và ‘rristau ‘nta menti, veru? Bedda era e bedda ristau! Chissa era ‘a mugghieri ‘ppì vui!  Eh, caru prufissuri, con tutto il rispetto e la sottomissione ca haiu ppì vui, ve lo debbo dire : cumminastuvu ‘na gran minchiata a nun v’a spusari, diciamo!

DON ANDREA

E chissa nun fu ‘a sula, caru Ninu! E comu stà?

DON NINO

E comu ‘a stari, bona e bedda comu ‘o suli e truvau puru l’anima gemella.

DON ANDREA

( un po’ contrariato )  Ah, si? E’ zita?

DON NINO

Zita? Si spusau!!

DON ANDREA

E ‘ccu cui?

DON NINO

‘Cco ‘ncignieri Palermu.

DON ANDREA

Una brava persona. Fanno una bella coppia. ( malinconicamente )

DON NINO

Si, comu diciti vui, ma la vostra persona è tutta un’altra cosa, diciamo! Ma pirchì tannu ‘ssù matrimoniu ‘ccu vui nun potti cuagghiari?

DON ANDREA

‘U vuoi sapiri, Ninu? Perchè sono stato un cretino, un egoista, eccu pirchì! Mè soru Sara e mè frati ‘u parrucu mi torturavanu ‘a vita dicennimi :” Ti devi laureare, tu devi fare il professore, devi avere la tua vita o ti finisci  a fari ‘u giuvini d’a farmacia ppì tutta ‘a vita e campari alle spalle di tò soggiru!” E iu li accontentai, è fazzu questo schifo di mestiere, sulu comu ‘ncani!! Eccu pirchì nun m’i  spusai a Lisetta!!

DON NINO

Avanti don Andrea, pinsari ‘o passatu è comu macinari l’acqua ‘nto murtaru. Basta, parramu d’affari ca è megghiu.

DON ANDREA

Ragiuni hai, parramu d’autru!!

DON NINO

Dunchi, diciamo, qualchi annu fa vossia m’incaricò di occuparimi della vinnita della “Casina Russa” , chidda ca vi lassau vostru patri, paci all’anima so. ( si segna ) Dunchi, ‘avi tridici voti ca ci mintu ‘u cartellu “Si Vende” e la billizza di tridici voti ca scumpari. Don Andrea, mi doviti crediri, l’haiu ‘ttaccatu ‘ccò lazzu, ‘ccò filuferru, l’haiu ‘nchiuvatu ‘nto purtuni, nenti. Doppu ‘na simana, scumpari, cosi d’amminchialiri. Pinsati c’arrivai ‘a pigghiari ‘u culuri biancu e ci ‘u fici scriviri ‘o bestia di mè figghiu ‘nto muru…Minchia, ‘cchi nun cancillarru puru chissu! Ora mi domando e dicu, voli vidiri ca ‘nta ‘sta casa biniditta ci sunnu ‘i spirdi? Diciamo!!

DON ANDREA

( con calma )  Nun sunnu ‘i spirdi, Ninu.

DON NINO

No? E ‘cchi sunnu, allura?

DON ANDREA

Ninu, dimmi ‘na cosa, mè soru unni stà?

DON NINO

A ducentu metri d’a casina, ‘ntò palazzu di famigghia…

DON ANDREA

Bravu! E dal palazzo si videva quannu tu ci mintevi ‘u cartellu?

DON NINO

‘Nca certu, e propriu ‘nfacci!

DON ANDREA

Allura ti pozzu diri ca fù mè soru!!

DON NINO

Vostra soru? E pirchì?

DON ANDREA

Nun voli ca mi vinnu ‘a casina, eccu. Pirchì la famigghia Artali nun vinni, accatta!! ( ironicamente ) Eppoi nun voli ca ‘nta mè casa, ca idda considera puru sua, ci trasunu estranei, la possono contaminare. ( c.s. )

DON NINO

Comunchi, chiddu c’avia diri oltri a chistu, era un’altra cosa.

DON ANDREA

Parra!

DON NINO

Chiddu ca vi vulia diri è ca forsi truvai ‘u ‘ccattaturi e accussì ci ‘a finemu ‘ccò scippa e chianta. Unu sulu e chiusumu ‘a discussioni, diciamo!!

DON ANDREA

E chi sarebbe?

DON NINO

Ci confessu ca è ‘na cosa un po’ delicata, ma comunchi è ‘na cosa ca si po’ fari! Dunchi, il cavaliere Spanò, il nostro Podestà…

DON ANDREA

( sorridendo ) Alfiu Spanò, Podestà? Curaggiu, ah? E sintimu…sintimu…

DON NINO

Appuntu! Comu ci diceva in primisi, il nostro Podestà all’autru ieri si fici ‘nu giru in tuttu il paisi per controllari se c’era una casa che avrebbi fattu per la sua nicissità e appena vitti la vostra, caru prufissuri, arristaù comu ‘a chiddu…

DON ANDREA

A cui?

DON NINO

A chiddu, no!

DON ANDREA

Ma ‘a chiddu cui?

DON NINO

Ma non chiddu nel senso di qualcunu..?Chiddu non esisti, prufissuri, chiddu è una palora ca si dici accussì ppì diri “ impressionato  “  “ amminchialutu “….Diciamo! Avete capito? Pozzu cuntinuari? ( don Andrea annuisce ) Dunchi, il Podestà arristau…

DON ANDREA

…comu ‘a chiddu!

DON NINO

Esatto! Allura, mi ha incaricato subitamente di parrarivi della cosa ‘ppì sapiri se c’e la vostra disponibilità alla vendita, diciamo.

DON ANDREA

Iu ti ringraziu, Ninu, ma non mi tocca di sapiri quantu è dispostu a darimi e ‘cchi cosa ci deve fare?

DON NINO

Giustu…giustu…giustissimu. Dunchi, sua eccellenza il Podestà per quanto riguarda il prezzo mi disse che è disposto a darivi il doppiu di quantu vali…

DON ANDREA

Ah, si?  ( meravigliato )

DON NINO

Sicuru! Mentri ‘ppì quantu riguarda chiddu ca ci devi fari…( imbarazzato ) Eccu è…una speci…diciamo…

DON ANDREA

…la Casa del Fascio?

DON NINO

Nun mi pari… ( sempre più imbarazzato )

DON ANDREA

La Casa del Littorio?

DON NINO

Eccu… non è  propriamenti una casa…Iddu dici che ci nnì devi essiri unu ogni paisi…’ppì…’ppì…

DON ANDREA

( vedendo l’imbarazzo di Nino )  Ninu, ‘cchi è ca mi voi diri, parra? ‘Cchì ci ‘a fari ‘a mè casa?

DON NINO

Eccu…iu v’u dicu, ma però…

DON ANDREA

Parra ti dissi…

DON NINO

( prende un foglio dalla tasca e lo legge )  Il Podestà, per venire incontro alle tante esigenze della popolazione maschile di una certa età, maggiorenni e ppì contrastari li tanti malatii di venniri e ppì

luvari lu schifu ca c’eni strati strati, chini di…di…( impaurito dalla reazione del prof.) fimminazzi di tutti li culura, ‘ppì ordini di Sua ‘ccillenza il Duci, ‘ddummanna ‘a tutti li cittadini se hannu casi, palazzi, o…

DON ANDREA

( alzandosi di scatto, prende il foglio, lo appallottola e lo tira in faccia a Nino, che cerca di ripararsi..)  Casini…!! Chistu ci voli fari, Casini, Case d’appuntamento, Postriboli….

DON NINO

( timidamente ) …iddu ‘i chiama Case Popolari dell’ Amore, diciamo!! ( temendo un’altra reazione del prof.)

DON ANDREA

Vergognati! ( gli sputa ; è nervosissimo, passeggia, sta per accendersi il sigaro, ma poi spegne il fiammifero…) Case popolari dell’Amore…Ignorante…( poi si accascia sulla poltrona e pensa…)

DON NINO

( aspettando che si calmi )  Prufissuri…iu nun vulia veniri…ma vossia ‘u sapi, ‘ccù ‘ssà genti ‘cu ci po’ parrari…Accussì dici e accussì s’avi ‘a fari. Iu ce lo dissi che voi eravate una persona perbene, famigghia di genti seri, ca era una cosa troppo pesante, offensiva…Iddu ‘u sapiti ‘cchì mi dissi?  ( impostando la voce del gerarca fascista )  “ Tutti dobbiamo fare la nostra parte per il bene del Partito e della Patria. Se il Duce ci ordina di costruire le Case Popolari dell’Amore, noi dobbiamo farlo. Tu non sei d’accordo?” Prufissuri, ‘cchi ci v’aveva ‘a diri. Supra ‘o tavulu c’era ‘nu buttigghiuni di ogghiu di ricinu prontu ‘ppì mia e quannu iddu fineva di parrari, ogni tantu  ‘u pigghiava e ‘u smuveva…e mi diceva “ Sai, ‘u sbattu ‘ppì nun ci fari veniri ‘u lippu, appoi fa mali, è veru Ninuzzu? “  Ci aveva ‘nu scantu, prufissuri, ca mancu v’u ‘mmagginati. Iu ca già di corpu vaiu lisciu, corpu vaiu beni, diciamo, anzi troppu beni e se mi faceva viviri dui litri di ‘ssà schifezza, avissi ghittatu puru l’ossa di mè nannu. Allura fici ‘a parti do fissa e ci dissi che ero d’accordo e sarei venuto a trovarvi per riferirvi della cosa. Diciamo!! Vi chiedo perdono!!!( tentando di baciargli la mano, ma il prof. la ritrae… ) 

DON ANDREA

( che nel frattempo si era calmato )  Nun ti preoccupari, Ninu. ‘A curpa è tutta di mè soru e di ‘ddù cretinu di mè frati ‘u parrucu. Quasi quasi s’ù miritassuru…’Na bella casa…popolari di chissa e mè soru fussi ‘a postu ppì tutta ‘a vita. ( alzandosi, risoluto )  Ninu, ti ringraziu. Dammi un po’ di tempu e ti fazzu sapiri cosa. ‘A tò figghiu mannammillu quannu voi, vidimu se ci pozzu dari ‘na sistimata.  ( Nino tenta di baciargli la mano, il prof. come prima la ritrae )  Ma finisciala ‘ccù ‘stu vasamanu, ‘cchì ti paru viscuvu?

DON NINO

Don Andrea, iu vi vogghiu troppu beni, vui ‘u sapiti e sugnu tuttu umiliatu ‘ppì chiddu ca vi dissi, diciamo!! ( mentre fanno per avviarsi entrano dalla comune, spaventati, Aitina e suo marito Cornelio Pazienza, sui 30 anni, occhiali spessi, basco in testa calato fin sulle orecchie e le mezze maniche nere da contabile,  è un brav’uomo, forse troppo…)

AITINA

Don Andrea…don Andrea…aiutu, donna Teresa mi voli ‘mmazzari…Ci cunfissai ca sugnu ‘ncinta!!

CORNELIO

( anche lui spaventato, rifugiandosi dietro la moglie )  Puru a mia…puru a mia, don Andrea!

DON ANDREA

Si ‘ncintu puru tu? ( con calma serafica )

CORNELIO

Ma no, voli ammazzari puru ‘a mia!!

DON ANDREA

( scherzandoci sopra ) E nun si cuntentu? Faciti comu a Giulietta e Romeo, uniti fino alla morte.

CORNELIO

Vui ci schirzati!

DON ANDREA

Nun vi preoccupati, ci pensu iu. ‘Ccà nenti vi fa, siti in campo neutro.

DON NINO

Se permettete, don Andrea, ci pozzu parrari iu a questa fimmina ‘nfirnali, all’usu miu. ( uscendo di tasca un grosso coltello ) A cunvinciu iu, don Andrea!

DON ANDREA

Grazzi, Ninu, ma ci bastu iu, ca ‘a sacciu pigghiari! Idda unn’è?

CORNELIO

Stà vinennu ‘ccà. ( dalla comune entra come una furia donna Teresa, ha in una  mano un grosso mattarello e con l’altra trascina per l’orecchio Santuzza…)

DONNA TERESA

( rivolta a Santuzza )  A tia ti dissi ca prima ‘a fari ‘i sirvizza ‘nti mia e poi ti ‘nni poi ‘iri dal tuo professore ( ironicamente ) 

DON ANDREA

Oltri a essiri usuraia e schittarruna siti puru manesca, brava!

DONNA TERESA

Eccoli ‘’ccà, tutti dal loro protettore. Così vi dovrebbero chiamare, no professore…protettore, eccu chiddu ca siti, un protettore delle anime perse. ( verso Aitina )  Vinisti ‘ccà pirchì avevutu paura e vergogna della tua azione, vipera e ingrata.

DON ANDREA

Ma vui siti pazza, pazza di manicomiu. Ma ‘cchì ‘ccì putiti diri ‘a stà povira picciotta, di che cosa la potete accusare? Di essere la moglie di questo bravo giovane, di essere la madre di stà criatura cà stà criscennu? ( toccandole la pancia ) Ma ‘cchì cori aviti?

DONNA TERESA

E se u patri nun fussi iddu? ( tutti sono increduli )

CORNELIO

( con un filo di voce )  Ma chi stati dicennu?

DONNA TERESA

Tu zittiti, cosa morta! ( don Nino chiede con un colpo d’occhio a don Andrea l’autorizzazione di saltarle addosso…Ma questi lo ferma.)  Iu sempri ‘ccà haiu statu, notti e ‘gghiornu, haiu controllatu sempri. Quannu successi? ‘Nti mia nun po’ essiri, forsi ntì vui! Siti capaci anchi di daricci ‘u comutu!  O forsi avete provveduto personalmente, comu si dici in giru? ( maliziosamente )

DON ANDREA

Accurzamula, ‘cchi cosa vuliti?

DONNA TERESA

Questi due concubini, intra dumani si fannu ‘i coffi e si ‘nni vannu ‘o paisi di unni vinnunu. ‘A vui, signor Califfu, tempu ‘na simana, mi lassati l’appartamentu e vi purtati puru ‘a criata. Nun ‘nn’haiu di bisognu!!

( rivolta alla nipote ) Verognati! Ieri sira fici veniri ‘u nutaru e ti ho nominato eredi universali…Ma ‘u Signuri m’ha dari ‘a forza di passari ‘a nuttata. Dumani matina, all’ottu , ci vaiu iu e ti scancellu!

Lassu tuttu ‘a chiesa, megghiu accussì!

DON ANDREA

E se ‘a notti nun ‘nn’a passati?

DONNA TERESA

‘Ccù ‘ssà spranza putiti moriri!

DON ANDREA

Sempri doppu di vui.  ( a questo punto donna Teresa ha come un nodo in gola, tossisce nervosamente, si sente male e la fanno sedere sulla poltrona…)

AITINA

Zia..zia, ‘cchì hai?  ( in agitazione ) Prufissuri…prufissuri…prestu chiamamu…

DON ANDREA

( cinicamente )  ‘A cui? ‘A ‘mpreti? ‘Ppì idda ci voli sulu ‘mpreti cuscinziusu, ca ‘a raccumanna ‘o Signuri.

AITINA

Zia, zia…parra…parra.

DON ANDREA

E ‘cchì t’a diri ‘cchiù di chiddu ca t’a dittu? ( donna Teresa ha un attimo di lucidità…e con la mano chiama la nipote…)

DONNA TERESA

Chia…ma….chia…ma  ‘u nu…’u nu..’u nutaru…

DON ANDREA

L’hai vistu, Aitina? ‘A testa sempri ‘nta puntu l’avi!!

DON NINO

Don Andrea, ‘a ‘ccupu ‘ccò cuscinu? Un attimo, ‘cchì ci voli, diciamo!

DON ANDREA

Nun ‘nn’è ‘u casu. Ora ci pensu iu. ( rivolto all’orecchio di  donna Teresa, con cattiveria ) Signorina Teresa…signorina Teresa…Mi sentite? ( donna Teresa si agita e cerca di afferrarlo…)  Vi arrabbiate?  ( con calma eccessiva ) E che vi arrabbiate a fare, signorina siete…una vecchia zitella, anzi, una vecchia infernale e malefica zitella che ormai è arrivata al capolinea. Vi volete pentire dei peccati?

DONNA TERESA

( che cerca sempre di afferrarlo, farfuglia qualcosa…)  Affanculo!!  ( e spira subito dopo )

DON ANDREA

E con il tuo Spirito. Riposa in pace. Mischina, si voleva pentire…non c’è la fatta!! ( tutti si segnano e lentamente al suono di una musica da funerale cala il sipario )

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La stessa scena del primo atto. Sono trascorsi sette mesi e un mese fa Aitina ha partorito un bel bambino maschio. Il professore è molto affezionato al piccolo e non perde occasione per giocare con lui, coccolarlo. All’aprirsi del sipario, Aitina entra dalla comune per portare un giornale e la posta.

VOCE DON ANDREA  f.c.

Dormi…dormi, figghiu beddu,

dormi…dormi  ‘Ncilineddu

c’è ‘na stidda supra ‘ncelu

ca ti stenni lu s’o velu

Dormi…dormi figghiu amatu

ca tò matri t’a disiatu

dormi…dormi ‘Ncilineddu

ca ‘ntò munnu si ‘u ‘cchiù beddu

( una musichetta accompagna la ninna nanna e mentre Aitina ascolta con grande sentimento,  sorride dolcemente; subito dopo entra Cornelio, infastidito dalla eccessiva attenzione del professore…chiude la finestra e spezza quella poetica armonia che si era creata )

AITINA

( contrariata )  Ma ‘cchì fai? Pirchì chiudi ‘a finestra?

CORNELIO

 ( parlando quasi sottovoce per non farsi sentire dal prof. ma con impeto a denti stretti  )  ‘U senti…? ‘U senti …? ‘Avi quinnici iorna ca fa accussì! Si senti puru d’a piazza. Ma ti pari giustu?

AITINA

Ma ‘cchi vuoi diri? Nun ti capisciu?

CORNELIO

Nun mi piaci, eccu! E ‘cchi è? Tuttu st’interessamentu! E ‘cchi ni veni, patri? Frati? Cu  schifiu è? E ‘ppoi tutti ‘sti regali ‘ppò picciriddu, ppì tia…’ppà casa…

AITINA

Ma ‘cchi stai dicennu? ‘Cchi ti scappa d’a ucca? Mi vuoi diri ca si gilusu?

CORNELIO

E ‘cchi c’è di stranu? Chista è bella! Ora ‘nmaritu nun po’ essiri gilusu di so  muggheri.

VOCE DON ANDREA f.c.

( ripete la prima  strofa della ninna nanna )

CORNELIO

( turandosi le orecchie ) ‘U senti…’u senti…Ma pirchì ci devi cantari ‘a ninna nanna…’Cchi sensu ha?

AITINA

Ma pirchì nun ci ‘a canti tu, vistu ca si ‘u patri?

CORNELIO

E cu’ ‘u dici ca sugnu ‘u patri?

AITINA

( su tutte le furie ) Comu? Ma allura ti niscerru ‘i sintimenti?

CORNELIO

( cercando di calmarla ) Aitina…scusami…scusami…Nun vulia! ( Aitina si chiude in se, quasi piangendo e Cornelio cerca di consolarla ) Aitina, tu mi devi capiri. ‘O bar, ogni tantu qualcunu ‘ncugna qualchi battuta pesante…tipu…” Truvastuvu ‘a Merica  ‘ccò prufissuri, è veru Corneliu?” o “ Facci fari ‘u parrinu, Corneliu, ti cunveni!” o “ Pari so figghiu comu ‘u vizzìa ‘o picciriddu “ . Aitina, ‘a genti parra, c’è ‘u paisi chinu  e poi…poi…pensu ‘a chiddu ca dissi ‘a vecchia prima di moriri…

AITINA

E ‘cchi dissi, sintemu?

CORNELIO

Tu però nun ti siddiari!

AITINA

Nun mi siddiu, parra!

CORNELIO

( timidamente ) Prima di moriri, quannu dissi ca idda aveva controllatu iornu e notti, e che nun puteva essiri ca tu erutu ‘ncinta di mia…’o prufissuri ci dissi… ( c.s. ) Aitina, tu però giurami ca nun ti siddii!

AITINA

Ti dissi ca nun mi siddiu!! ( invece è come un vulcano che sta per esplodere )

CORNELIO

‘A vecchia ci dissi, ‘o prufissuri, “ …o forse avete provveduto personalmente…”  Nun ti siddiasti, è veru? ( Aitina prende il giornale che aveva portato al professore, La Domenica del Corriere, e glielo tira con forza )

AITINA

Tu si pazzu, pazzu di catina. Vattinni…vattinni…nun ti vogghiu vidiri. Vattinni!!

CORNELIO

( cingendola per le braccia da dietro e chiudendole la bocca con una mano ) Parra pianu, ca ti po’ sentiri!  Mi dicisti ca nun ti siddiavi. Aitina, Aitinuzza, ‘ssì paroli hannu statu comu ‘na petra ‘o coddu ‘ppì setti misi;  appoi ‘i genti, ‘i regali, tu ca si sempri ‘ccà, iddu c’annaca sempri ‘o picciriddu…Insomma, Aitina, n’omu ‘ppì gilusia po’ perdiri ‘a libertà, ‘u capisci?? ( si accascia su una sedia, esausto )

AITINA

E ‘na fimmima ‘a ‘nmaritu gilusu ci po’ rapiri ‘a porta e ci dici “ Fora di ‘sta casa, cretinu!!” Tu si malatu, si, malatu! Comu poi pinsari ‘sti cosi? Ma se mi po’ veniri patri!

CORNELIO

‘Avi ancora 52 anni, ricordalo. E’ ancora giovanili, si manteni beni!

AITINA

E allura? ‘Cchi mali c’è se si pigghia cura do picciriddu, se ci ‘ccatta qualchi regalu…

CORNELIO

‘A culla, ‘a carrozzella, giocattoli…La farina di latte!!! Ca costa un’occhiu d’a testa! Avimu ‘a casa ca pari un bazar…

AITINA

Ma se chiddu figghi nun ‘nn’ha. ‘Sti sordi ca pigghia ‘a cui ‘a dari? Ma pirchì nun capisci, Corneliu? ‘Ppì iddu ‘u picciriddu è qualcosa della sua famiglia…’cchi mali c’è? ‘A genti…falli parrari…E’ tutta invidia.

CORNELIO

Sarà comu dici tu, ma iu ci vogghiu parrari. ‘Ngnornu ‘i chisti ‘u pigghiu ‘i latu e mi devo sfogare.

( appena finisce di dire queste parole entra Don Andrea pronto per uscire ; alla sua vista Cornelio è imbarazzato e ha perduto il piglio battagliero )

DON ANDREA

Aitinuzza, vidi ca Anciluzzu dormi, ‘u misi ‘nta culla. ( le da un bacio in fronte; Cornelio trattiene a stento la rabbia ) Cornelio, beddu gioia. Pirchì nun si ‘o travagghiu? ( gli da un pizzicotto sulla guancia; smorfia di insofferenza di Cornelio ) Ah…Cornelio Cornelio! Tu sei Cornelio Gracco, della nobile famiglia dei Gracchi che gracchiavano tanto dalla rabbia fino a quando qualcuno di loro scoppiò. ( scherzosamente a Cornelio, un altro pizzicotto malsopportato )  Ti piacìu, Cornelio? V’a travagghia, và!!

CORNELIO

( sgarbato ) Ci lassai ‘a Lisi. ( facedosi coraggio, si prepara per parlare col prof. ) Ecco..iu..

DON ANDREA

( senza ascoltarlo )  Aitina, ‘cchi c’è posta ‘ppì mia?

AITINA

Mi pari di si. Ci purtai ‘u giurnali e ‘sta littra. ( il prof. apre la busta e legge, mentre Cornelio a soggetto con la moglie che cerca di dissuaderlo dall’idea… ) Cornelio, pirchì nun vai ‘a travagghiari? ( a soggetto col marito che non ne vuole sentire…)

CORNELIO

Prufissuri iu…

DON ANDREA

( distrattamente ) Ciao..ciao…Cornelio, buon lavoro. ( continuando a leggere, Aitina consiglia a Cornelio di andarsene, questi a malincuore acconsente…)

CORNELIO

Allura…mi ‘nni vaiu?

AITINA

Buon lavoro, Corneliuzzu.

CORNELIO

Mi ‘nni vaiu, vah!  ( esce per la comune, poi verso la moglie le fa cenno come a dire “ Poi ne parliamo “ )

DON ANDREA

Stranu, mi manna ‘a chiamari ‘u presidi! E ‘cchi voli? Mah! Aitina, ci v’arrivu.  Tu mi raccumannu, duna ‘a cura ‘a ‘Ngiluzzu!! Vidi ca ‘a manciari ‘e tri, nun t’u scurdari?  ( si avvia per la comune poi si ferma…) Vidi ca sta vinennu Santuzza, dicci ca fra ‘na menzuretta sugnu ‘ccà. Ciao. E ripositi , ca  si parturuta frisca, riguarditi. Ti salutu!

AITINA

Si…si, nun vi preoccupati. ( il prof. esce per la comune ; appena uscito, Aitina apre ala finestra e si accascia sul divano prendendosi la testa tra le mani assorta tra mille pensieri;  dopo qualche secondo di pausa compare Santuzza, dopo aver fatto la spesa; si accorge di Aitina e le si avvicina preoccupata…)

SANTUZZA

Aitina, ‘cchi hai?

AITINA

Santuzza, sugnu ‘na picciotta disgraziata!! ( quasi piangendo )

SANTUZZA

( cercando di consolarla )  Disgraziata? Ma conu, ora ca sì patruna di tutta ‘sta casa, hai ‘nu beddu figghiu, ‘nmaritu affezionatu…certu nun ‘nn’è ‘mpileri, però ti voli beni, ‘u prufissuri ca è comu ‘mpatri….e dici ca sì disgraziata? E iu allura c’avissi ‘a diri? ‘Avi quinnici anni ca sugnu ‘ccù…’ccù…’stu…testa di…di…do prufissuri! ‘Ppì stari ‘ccù iddu haiu ppersu ‘nsaccu di matrimonii…pirsuni di bona famigghia…E iddu…iddu mancu mi talìa. Mi dissi ca mi voli beni comu ‘a ‘na figghia! ( dice questa parole con impeto )  Ma ‘cchì haiu ca nun và? M’ù vuoi diri? Sugnu zoppa, sugnu surda, sugnu orva? Difetti nun ‘nn’haiu, dinari mancu, è veru, ma ci ‘ll’avi iddu ‘ppì mia, ‘cchì ‘nn’ha fari e poi…poi…oramai m’i ‘cci affezzionai…Senza di mia s’u manciunu ‘i vermi a chissu ‘ddocu. ( piangendo sommessamente ed asciugandosi le lacrime; Aitina cerca di consolarla…)  

AITINA

Santuzza, nun ci pinsari! Prima o poi don Andrea farà chiddu ca è giustu fari. Sugnu sicura ca ti voli beni, a modu so, si capisci. Pensu ca si scanta do matrimoniu, nun si voli ‘ncatinari e forsi…forsi…ca nun ‘nn’avi tantu tortu! ( con amarezza )

SANTUZZA

Ma ‘cchi dici, Aitina? Ma se nun videvi l’ura di maritariti?

AITINA

Si è veru, ma antura Corneliu mi fici ‘na scenata…di gelosia!!

SANTUZZA

( incredula )  Di gelosia?? Corneliu?? E di unni ci vinni ‘sta novità?

AITINA

Se t’u dicu nun ci cridi!

SANTUZZA

Avanti, parra, ca staiu murennu d’a curiosità!

AITINA

Tu ‘u sai ca ‘u prufissuri è troppu affezionatu ‘o picciriddu, ‘u vesta, ‘cci ioca, ‘cci ‘ccatta unu di tuttu, pirsinu ‘u ‘nnaca…e tuttu chistu ‘u fa senza scopu…senza malizia…comu fussi ‘mparenti strittu. ‘Cchi mali c’è? Dimmillu tu?

SANTUZZA

E Corneliu pensa ca ‘u prufissuri ‘u fa ‘ppì tia…? 

AITINA

Mi dissi ca c’è ‘mpaisi sanu ca parra ‘a matula. Ca ‘o bar ‘u sfuttunu. Addirittura pensa ca ‘u patri è iddu…’u prufissuri! ( sconvolta )

SANTUZZA

Pezzu di cretinu! Comu po’ pinsari ‘na cosa di chisti?  E iu ‘cchiffà nun mi ‘nn’avissi accurgiutu?

AITINA

Ma ‘cchi dici, Santuzza?

SANTUZZA

Ma no da parte tua, da parti di iddu…se avissi fattu ‘u cascamortu ‘ccù tia…Chistu vuliva diri. L’avissi lassatu sulu comu ‘ncani e ‘na fraccata ‘i lignati ci avissi datu!! ( pensandosi sopra )  Ma figurati, chiddu nun ‘u smovi mancu ‘na cannunata.

AITINA

E’ un galantuomo, Santuzza!!

SANTUZZA

( comicamente a soggetto ) Anchi troppu ppì mè gusti!!  E ‘u prufissuri ‘u sa ‘stu fattu ?

AITINA

‘Ppì furtuna ancora no. Iddu vuleva, ma comu fu e comu nun fu, nun ‘nn’ebbi ‘u curaggiu!

SANTUZZA

Menu mali! ‘Na collira s’avissi pigghiatu ‘u cristianu! Ma ora iddu unn’è?

AITINA

‘U chiamau ‘u presidi. Mi dissi ca manca ‘na menzuretta. ( pausa ) Santuzza ‘cchi dici di fari? Iu mi scantu ca ‘ddù testa ‘i trunzu di Corneliu parra ‘ccò prufissuri!

SANTUZZA

Ma dimmi ‘na cosa Aitina! Di unni potti nesciri tutta ‘sta farsa?

AITINA

A ‘cchi ‘nni sacciu? Certu è ca di ‘ccà nun potti essiri, nun faceva comutu a nuddu!

SANTUZZA

Cu ‘u sapi se tò zia prima di moriri ‘a parratu ‘a matula?  Tu ‘u sai ‘cchi vucca di vilenu ‘avìa? Nun sulu, l’odiu ‘ppò prufissuri, i continui sciarri…

AITINA

Ma a idda ‘cchì cosa ‘cci ‘nni vineva?

SANTUZZA

Lo odiava e basta. Era troppo coccolato. Di mia, di tia…profissuri di ‘ccà…prufissuri di ‘ddà…E forsi forsi…’ntò cori aspirava a qualchi cosa di ‘cchiù d’ò prufissuri…( allusiva )

AITINA

A sittantanni?

SANTUZZA

‘Ppì ‘sti cosi, Aitina, nun c’è età. Mè nannu a ottantacinq’anni era gilusu di mè nanna ca ‘nn’aveva ottanta. Figuramini!!

AITINA

E comu fici a spargiri ‘a vuci? Corneliu mi dissi ca c’è ‘mpaisi sanu, ‘u capisci? E ‘cchi fici ‘i manifesti?

SANTUZZA

‘Nca quali manifesti. E’ bastatu ca si ‘nni ieva ‘a chiesa…ogni ‘gghiornu…e dai oggi e dai dumani…a ogni posta di rusariu si passarru ‘a vuci. Iu ‘nni canusciu quattru pettegoli ca ‘na cosa tanta ‘a fannu addivintari tanta! ( soggetto mano ) Appoi c’è ‘u fattu ca era cucina d’ò presidi da scola, ci parrau e ‘a ficu è fatta!

AITINA

Tu dici ca potti aviri tutta ‘sta cattiveria ‘ntò cori?

SANTUZZA

Minticci putu ca Corneliu, mischinu senza curpa, …mi pari bruttu ‘a diritillu…ma ‘a taliallu accussì…a prima vista, pari propriu il classico cornuto, eh!! E poi di cugnomu fa puru Pazienza, ed chidda ca hannu ‘aviri ‘i curnuti, pazienza a nun finiri!

AITINA

Mischinu, ‘cchi cci po’ fari se è accussì? ( pausa ) Forsi è comu dici tu. Allura ‘u Presidi potti chiamari ‘o prufissuri ‘ppì ‘stu mutivu?

SANTUZZA

Se è accussì, aspittamu ca veni e taliamulu ‘nta facci. Se nun ridi o nun parra, è di sicuru siddiatu friscu friscu. Appoi ‘u sacciu iu comu pigghiallu ‘i lingua. Oramai ci canusciu ‘i vizi. ( pianto del bambino )

AITINA

Bedda matri, ‘u picciriddu ‘sta chiancennu, m’avìa scurdatu ca è sulu!! ( scappa via dal fondo a destra, nel frattempo suonano, Santuzza va ad aprire, ma prima si affaccia alla finestra…)

SANTUZZA

Matri Santa, ‘i frati do prufissuri! ( via per il fondo a destra, va ad aprire; poi ritorna seguita da donna Sara, sorella del prof., acida e dura, sui 60 anni, veste di scuro, cappellino con veletta, parla con la puzza sotto il naso e a denti stretti; la seguel’altro fratello sacerdote, padre Mariano, persona molto mite, succube della forte personalità della sorella, sui 55 anni, indossa la solita tonaca nera ed un baschetto che ogni tanto tortura tra le mani, parla piano quasi sottovoce…)  Prego..prego…, accomodatevi. ‘U prufissuri ‘sta vinennu, ‘u chiamau ‘u Presidi.

DONNA SARA

( sgraziata ) Si capisci!

DON MARIANO

( timidamente ) Sara, nun cuminciari.

DONNA SARA

( rimproverandolo ) Zittiti, tu. ( a Santuzza) Tu sì sempri ‘ccà a chiddu ca vidu?

SANTUZZA

( sfrontata ) Megghiu ‘ccà ca ‘ddà, grazi a Diu!

DONNA  SARA

Spiritusa!!! Vattinni, lassini suli!

SANTUZZA

V’aviti ‘a cunfissari? ( scappa sul fondo a sinistra )

DONNA SARA

( su tutte le furie ) Viddana e malarucata!  ( al prete ) ‘A vidisti? Chista è tutta ‘a cunfidenza ca ci ha pirmissu nostru frati. ( smorfia di disappunto ) ‘A ‘na criata, vergogna!! Figuramini se fussi so mugghieri!

DON MARIANO

‘U vulisti tu.

DONNA SARA

Iu ‘cchi? Scimunitu! Chista è la rovina di Andrea, ‘u vuoi capiri? Ma comu t’ù spieghi ca doppu quinnicianni ca è al suo servizio nun ‘nn’ha pinsatu di spusarisi, ah? E tò frati…tò frati è ancora signurinu, ah?

DON MARIANO

E tu? Pirchì sì ancora schetta? Te lo sei mai chiesta? ( colpendola nell’orgoglio ) Pensa…pensa prima di parlare, Saruzza. Chi è senza peccato scagli la prima pietra!!

DONNA SARA

E va beni, lassamu stari ‘u matrimoniu. Dimmi comu mai, ‘ccu ‘nu beddu stipendiu di chissi, non è stato capaci di ‘ccattarisi ‘na casa e vivi ancora ‘a pinsioni? Spiegammillu tu ca sì scienziatu! Sugnu sicura ca chissa si ‘cci manciò tutti ‘i picciuli, sicuru e matematicu!!! ( sdegnosa )

DON MARIANO

’I  po’ aviri sarvati ‘a banca? ‘Cchi ‘nnì sai? Pirchì fari ‘mprucessu senza sentiri l’imputatu.

DONNA SARA

( sarcastica ) ‘A banca. Chista ‘cchi ti peri ‘na casa di unu ca ‘avi ‘i sordi ‘a banca?  ( si ode del romore del portone che si chiude ) Mutu, ca c’è l’amputatu!! ( si sistema come se dovesse recitare la parte, poi rivolta al fratello…) Comu ti paru?

DON MARIANO

Comu sempri, tali e quali!

DONNA SARA

Cretinu!! ( appare don Andrea, dall’aria sconvolta, che alla vista dei fratelli non riesce a trattenere il suo disappunto e la sua collera )

DON ANDREA

Oh, i miei cari fratelli Caini!!!

DON MARIANO

Andrea…

DON ANDREA

( con la rabbia tra i denti ) Forsi mi vuoi diri, fratello Mariano, che Caino era unu sulu e che poi c’era Abele…Mi vuoi diri chissu? Ebbeni, nel nostro caso i Caini siti dui, sissignora, dui Caini comu ‘a vuatri, tali e quali e iu sugnu Abele, il povero Abele, ca ci vuliti sucari ‘u sangu. Ma vi sbagliate, pirchì iu ‘u sangu di vuatri nun m’u fazzu sucari.

DONNA SARA

Andrea, calmati, bedda matri. Nun fari accussì! Nuatri simu ‘i tò frati, ricordalo, sangue del tuo sangue e nun ‘nnì poi trattari accussì.

DON ANDREA

Siti i mè frati? Quali frati? Iu nun ’nn’haiu frati! Mè matri ‘ppì fari ‘nfigghiu ‘ccò versu, cioè iu,

n’ebbi a fari tri. Prima fici a tia, vecchia arpìa, vitti ‘u risultatu e iu avanti. Appoi spuntau ‘stu bellu ‘gghiommuru, ‘stu pupu niuru, e dissi “Ma ‘cchi fici? N’abortu d’a natura?” Quantu vidu ‘cchi ci nesci ‘ccò terzu, e fici ‘a mia, finalmenti! E ‘cci risultai, senza aiutu di nuddu, ricordatelo, assassini, senza aiutu di nuddu!!

DONNA SARA

Senza aiutu di nuddu? E allura dimmi ‘na cosa? Cu’ ti dissi di iritinni d’ò paisi; cu’ ti dissi di andare a Catania, all’università, di diventare prufissuri…cu’ fù, parra?

DON ANDREA

Tu ‘u sai pirchì m’u dicisti, nun mi fari parrari a matula!

DON MARIANO

Andrea…

DONNA SARA

Zitto, parru iu!

DON ANDREA

( a mò di sfottò )  Mutu, parra idda, la Voce del Padrone!!

DONNA SARA

Ebbeni sì, ‘ssà picciotta nun mi piacìa, eccu!! Tu potevi scegliere di meglio. ‘Cchi avveniri avissutu avutu, parra? ‘U giuvini ‘i farmacia e poi? (cambiando la voce ) “Lisetta, mi pozzu pigghiari cinqu sordi ‘ppò cafè?”, “Lisetta mi pozzu pigghiari 10 sordi ‘ppò giurnali”, “ Avimu ‘a fari ‘a fari ‘a spisa, mi duni ‘i sordi?” Questo dovevi fare, ‘ddummannari…dummannari,  sempri ‘ddummannari. Volevi questo? Ora s’ì prufissuri, sei indipendente, poi fari chiddu ca vuoi…

DON ANDREA

Pozzu fari chiddu ca vogghiu? E allura pirchì siti ‘ccà? Mi devi ancora proteggere? Mi devi ancora dire chiddu ca haiu a fari e chiddu ca nun ‘nn’haiu a fari?

DONNA SARA

‘Ppì forza, vistu ca mi cummini sempri cosi strorti. ‘Cc’haiu ‘a fari? Corro in tuo aiuto, comu haiu fattu sempri!

DON ANDREA

‘Cchi facci di basulatu! Cosa di pigghialla ‘a timpulati!

DON MARIANO

Calmati ‘o frati!

DONNA SARA

( con esagerata enfasi, quasi recitando una parte, si commuove ) Quannu morsi ‘a mamà, ottu misi doppu ‘o papà, avevutu deci anni e Marianu chinnici, dui picciriddi ‘ntè mè manu. Iu ‘cchì eri, ‘na povira fimminedda sula di vintanni, in età già da marito che ha sacrificato la sua vita ‘ppì s’ò frati. Mai una festa, ‘nu ballu…

DON ANDREA

( ironico ) Piccatu ‘cchi ti pirdisti!!

DONNA SARA

Mai un pensiero carnali ‘ccù nuddu, mai! Mai un fiore da nessuno. Avevo una lista di pretendenti tanta  ( a soggetto)! E iu? Niente!! Ci diceva “Haiu ‘a crisciri ‘i picciriddi, appoi si ‘nni parra!”

DON ANDREA

‘Mia mi facisti spartiri ‘ccu l’unica fimmina ca haiu vulutu beni e mi esiliasti a Catania. ( rivolto a don Mariano che abbassa la testa ) A ‘stù poviri disgraziatu appena fici 16 anni ‘u ficcasti ‘o seminariu…Puoi esserne orgogliosa, vergognati!!

DONNA SARA

( con falsa tenerezza ) ‘U ‘nnuccenti aveva la vocazione!

DON MARIANO

Veramente…

DONNA SARA

( duramente ) Mutu!! ( cambia tono, dolce ) ‘U picciriddu diciva ‘a missa ‘ncasa a soli 15 anni! Il Rosario, tutte le poste del Rosario a memoria le sapeva, a memoria…Diccillu, Marianu.

DON MARIANO

Ecco…veramente…

DON ANDREA

Marianu, forza diccillu a Sara pirchì dicevutu ‘a Missa ‘ncasa, pirchì sapevutu tutti ‘i posti d’ò Rusariu a memoria! Diccillu ‘cchi cosa facevutu ‘cca vedova Pennisi, ‘ddà bedda fimmina ca assumigghiava a ‘dd’attrici d’ò cinima, comu si chiamava…

DON MARIANO

( sempre più timidamente ) Pampa…Pampanini…

DONNA SARA

( gli lancia un’occhiata che è come uno strale ) Confermi??

DON ANDREA

Bravu. Silvana Pampanini, giustu. Diccillu…diccillu a Sara qual’era la tua vocazione ‘ccà vedova…Vuoi ca ‘cci ‘u dicu iu?  ( Mariano abbassa la testa dalla vergogna )

DON MARIANO

( visibilmente umiliato )  No, ti prego, lassa perdiri. Sara non c’entra, ‘a curpa è mia! Non mi ha obbligato ‘a ‘ggh’iri ‘o seminariu. Il mio carattere è così! Non ho mai voluto lottare. E ‘ppì unu comu ‘a mia, quali futuru c’era? Fari ‘u preti, da questo punto di vista la vita è comoda. Stai lì, nella tua parrocchia, hai tutto a disposizione, dici ‘a missa, cunfessi ‘e parrucchiani, ci fai ‘a cumunioni, li assolvi dai peccati, li consoli, li conforti, gli dici di avere fede e speranza e soprattutto carità. Iddi ti stimano, ti vinnu beni, credono in te…capisci Andrea? Credono in me!! Io, che non ho mai creduto in me stesso!! ( abbraccia Andrea ) Scusami…scusami, frati miu!!

DONNA SARA

( con cinismo ) ‘Cchi scena, mi fati pietà! Siete ridicoli!

DON ANDREA

( duramente alla sorella ) Nun ti ‘nni mannu ‘a pidati ‘ntò…pirchì mi fai pena.

DONNA SARA

Iu d’a tò pena nun nn’haiu ‘cchi ‘nnì fari! Accurzamula! Siamo stati dal sig. preside, il tuo preside e ci abbiamo raccontato tutto…

DON ANDREA

Ti ringrazio per la pubblicità.

DONNA SARA

Iddu mi fici chiamari e iu  ci sono andata di cursa! La famigghia Artale è onorata e lo devono sapere tutti! Se c’è un’ombra nella vita di mè frati, io ho il dovere di sapere, di capire e di giustificare. Ma con tutto lo sforzo, non posso né capire e né giustificare queste voci….queste dicerie nei tuoi confronti. ‘U presidi m’ha ‘ddummannatu se sapeva di ‘stà storia di figghi bastardi…di amanti…di criati…di mariti consensienti? E’ uno schifo! Gli ho confessato che in paese è arrivato a nostru frati un vociglione di certe cose…malignità…Parra tu! ( a Mariano )

DON MARIANO

( minimizzando ) Ma si, qualche pettegolezzo, niente di più. Le solite cose, Sara. Ne hai fatto un problema di stato…

DONNA SARA

Incosciente!!

DON MARIANO

( conciliante ) Insomma, la verità è che, Andrea, questa tua posizione un po’.…si ecco…, un po’ anomala…

DONNA SARA

‘A chiama un po’ anomala,  ingenuo!!( fra se )

DON ANDREA

Anomala? In che senso?

DON MARIANO

Ecco…tu scapolo…in questa casa piena di donne…

DON ANDREA

Donne ?

DONNA SARA

Sissignora, donne…donne!

DON MARIANO

Si,  esatto, la tua cameriera, per esempio…

DON ANDREA

( ingenuamente ) Santuzza, donna?

DONNA SARA

E ‘cchi è masculu?

DON MARIANO

La giovane mamma…

DON ANDREA

( c.s.) Aitina?

DON MARIANO

Esatto. Suo marito, che pare non oppone  resistenza…

DONNA SARA

( spietata ) Poviru curnutu!!

DON ANDREA

Corneliu?

DON MARIANO

Proprio così! ( timidamente )  Se a ciò aggiungiamo le tue cure, i tuoi regali, le tue attenzioni verso il piccolo, alla madre…Ecco…ne viene fuori un quadro…a dir poco…equivoco…

DONNA SARA

( con cattiveria, scoppia…) Ti chiamunu ‘u Califfu!! ‘U capisci? ( segnandosi ) Gesù,Giuseppi e Maria! ‘Ntà famigghia nostra, ‘u Califfu! ( don Andrea è sconvolto ) Comunque, il preside è una brava persona, dopotutto, e mi ha detto che la cosa è troppo forte. Lo scandalo potrebbe nuocere all’immagine della scuola, quindi…quindi sarebbe opportuno un tuo trasferimento al nostro paese, dove di recente hanno aperto una scuola media. Iu ‘u ringraziai, che ci dovevo dire? Anzi ci dissi che proprio al nostro paese tu avresti dove stare, hai ‘na bedda casa, i vecchi amici…’U circulu della Cultura…’U sai ‘cchi m’ì dissi “ Ci faccio fare anche il preside “ Iu allura ci vasai ‘i manu ‘o cristianu!!

DON ANDREA

Ma ci ‘u dicisti ca è tuttu farsu! Che non è vero niente, ca iu nun sugnu ‘u tipu… Iu ‘u Califfu? ( guardando i due che sono chiusi nel più completo silenzio ) Insomma non mi avete difeso? E ‘cchi c’istuvu ‘a fari?  ( gli balena un terribile sospetto e guardando con odio la sorella…) O forsi…forsi fusti tu…vecchia usuraia…strega…ca mintisti in giru ‘sta vuci ? ‘A cumminciri ‘o presidi a trasferirimi ‘o paisi…( al massimo della collera, la sorella si spaventa…)

DONNA SARA

E ‘cchi interessi avissi avutu?

DON ANDREA

( convincendosi sempre più ) Certu, e cui sennò? Avrai saputo del fatto che avevo in mente di vendere la mia casa al Podestà ppì faricci chiddu ca tu sai e pinsasti…” Ora fazzu trasferiri a mè frati ‘o paisi accussì ‘a casa nun s’à vinni ‘cchiù!! “ Ma ci volevano motivi gravi per potermi fare trasferire, quali potevano essere? Uno scandalo! E così è stato!! E ci sei riuscita!! E’ accussì, brutta vicchiazza…!( tenta di strangolarla , ma Mariano lo ferma, mentre la sorella a stento si riprende…) Cattiva, tu…tu hai avuto il coraggio di ittarimi tuttu ‘stu fangu per i tuoi sporchi interessi? ( a Mariano ) E tu, Marianu, ora capisciu pirchì mi dicisti “scusami..scusami frati miu!” Il rimorso…il rimorso ca ti manciava ‘u cori? E ora fora…fora di ‘ccà…( i due si alzano…Andrea si trasforma in un vero e proprio Mr. Hyde…) Ma prima ca v’inniti vi vogghiu diri ca è vera ‘a storia ca ‘nvintastuvu…Si è tuttu veru!  ( recita la parte alla perfezione, i due sono sgomenti e indietreggiano ad ogni battuta, uno dietro l’altra…) Io sono un Califfo, un essere spregevole, uno sciupafemmine, un amante focoso, bestiale. Faccio all’amore, contemporaneamente, con tre, quattro femmine..Pozzu resistere ‘na simana, dui simani…Haiu figghi a ogni cantunera… ( Sara e Mariano indietreggiano spaventati, poi arrivati fino alla comune, di corsa donna Sara…) 

DONNA SARA

( spaventatissima ) Prestu, Marianu, amuninni! Tò frati niscìu pazzu!! ( i due via di corsa dal fondo a destra mentre a sinistra compare Santuzza che si prepara a gettare le braccia al collo del prof. ma questi la blocca…)

DON ANDREA

Ferma!! Nun ti moviri!

SANTUZZA

E cu’ si movi! Haiu ‘ntisu tuttu! Bravu…bravu!!! ( in estasi ) Comu mi siete piaciutu!!

DON ANDREA

( fra se ) Sbagghiava chissa!

SANTUZZA

Ma, scusatimi prufissuri. Ci dicistuvu ca era eruvu “un amante focoso…un essere spregevole…dui…tri…quattru fimmini…resistenza di ‘na simana…” Ma pirchì?

DON ANDREA

Vistu ca misi ‘ngiru ‘sta vuci, la dovevo accontentare, no?

SANTUZZA

Ma ‘u sapiti ca siti un’attore nato! E pinsati ca a mia m’era parsu ca era stata donna Teresa ‘a mintiri in giru ‘sta vuci, quantu sugnu stupita!

DON ANDREA

E si capisci! Donna Teresa quando ha saputo che Aitina era ‘ncinta è morta lo stesso giorno, non ha avuto il tempo di fare propaganda, eh! ( pausa ) Mi sentu megghiu…Mi sfucai!! ( Santuzza lo guarda affascinata senza ascoltare quello che dice ) Mah! Mi ‘nni vaiu ‘ntà mè stanza. Vidi ca ‘a momenti avissi ‘a veniri Niluzzu, ‘u figghiu di Ninu Restivu. Fallu aspittari e ti raccumannu di staricci ‘a rassu…( Santuzza non risponde, è come imbambolata…) Ahù, ‘ccù tia staiu parrannu!!

SANTUZZA

( sospirando ) Ahhhh!! Voscenza si, signor Califfo!!

DON ANDREA

Cerca di finilla ‘ccù ‘stà liscìa, scimunita, ca nun ci nesci nenti!! ( via dal fondo a sinistra )

SANTUZZA

( si siede su una sedia e sparlotta con se stessa ) Ma ‘cchi mali ci haiu fattu ‘o Signuri? Pirchì nun mi voli? ( suonano, Santuzza sbuffando va ad aprire, poi ritorna seguita, a debita distanza, da Niluzzu; ha un pacchettino in mano, veste con i pantaloni neri alla zuava, giacca e coppola nera) ‘U prufissuri mi dissi che a momenti sarà ‘ccà e che lei lo deve aspettare qua. S’assittassi bonu bonu, manzuliddu e ‘cchè manu ‘o postu! ( guardinga; Niluzzu si siede, ma subito dopo si alza e come un perfeto gentiluomo…)

NILUZZU

Signorina, mè patri mi dissi di faricci li scusi ‘chiù urgenti di sottomissione e ci dà l’autorità di pigghiarimi ‘a timpulati finu a quannu vossia ‘avi l’armu e la vogghia. Dopodicchè ci cunsinnu ‘ mpinsieru confezionatu da me personalmente nella spiranza ca è di suo gradimento! Si nun ci piacia, mè patri Ninu, ci dà l’autorità di ‘ncugnarammillu ‘ncoddu. Mi haiu spiegatu? ( le porge il pacchetto )

SANTUZZA

‘A ringraziu a lei e ‘a so patri, non si doveva scomodare. ( disfa il pacchetto )

NILUZZU

Se vossia acconsente ci dugnu una a spiegazione del contenuto! ( Santuzza acconsente ) Questo prodotto, signurina, si chiama “sbuccillatu”, ‘u sapi? Ebbeni, sunnu puzzuddi di scorci di ‘rancia, calati ‘nta l’acqua ‘ncilippata di zuccuru, allura ‘i scorci ‘cchì fannu? ( durante la spiegazione guarda Santuzza con gli occhi spalancati e gonfi di desiderio )

SANTUZZA

‘Ccù voli sapiri di mia?

NILUZZU

No, ce lo dico io! ‘I scorci s’allippunu con il zuccuru e poi si sciornano e si fannu siccari. Appena siccanu addiventunu trunzuti cimu ‘a carinu ‘i maiali e vossia si li po’ manciari a unu a unu…( mima l’atto di magiare, con lussuria…) Ahu…ahu…! ( Santuzza capisce che la discussione stà diventando delicata…)

SANTUZZA

La ringraziu di cori. ‘Cchiù tardu ‘i ‘ssaggiu…

NILUZZU

Pinsassi a mia, signurina! ( c.s.)

SANTUZZA

( mentendo ) Ci puntassi! ( subito ) Ma lei ‘cch’ì ranci ci sapi fari, ah?

NILUZZU

Mi piaciunu, haiu ‘na passioni. Ci ‘nn’haiu milli arvuli e ducentu fimmini ca ‘i cogghiunu…

SANTUZZA

E pirchì sulu fimmini?

NILUZZU

( ridendo da ebete ) Ah…ah…ah…’A mè patri ci piaciunu…

SANTUZZA

L’ aranci?

NILUZZU

No, ‘i fimmini! ( risata c.s. )

SANTUZZA

E a lei?

NILUZZU

( annuisce abbassando la testa  e spalancando gli occhi ) Puru a mia…puru a mia…! ( risata c.s.) Pirchì nun ci veni puru lei ‘a cogghiri ‘i ‘ranci? Iu ci tegnu ‘a scala! Ah…ah…

SANTUZZA

( sconcertata dalla stupidità di Niluzzu )  Ah, ma tu vidi? ( fra se ) Iddu mi teni ‘a scala! ( risoluta) Iu haiu ‘cchì fari. Lei stapissi bonu, ca ‘u prufissuri ora veni…

NILUZZU

Vegnu ‘ccù lei?

SANTUZZA

( urtata ) ‘Cchì ‘ccì pigghiau attorna ‘a manìa di l’autra vota o l’haiu a fari sapiri ‘a so patri?

NILUZZU

( spaventato ) No…no…no…Staiu ‘ccà…staiu ‘ccà…M’assettu bonu bonu e aspettu ‘u prufissuri!!

SANTUZZA

( andando via sul fondo a sinistra, fra se )  Ma cu è ca ci ‘ù purtau stamatina ‘a chistu? ( Niluzzu rimanendo solo, dopo che Santuzza scompare a sinistra, si alza e quatto quatto si avvicina sul fondo per guardare dove Santuzza se ne sia andata, appena si affaccia dietro la quinta si imbatte quasi col professore che lo prende per un orecchio e lo riporta al centro della scena e lo fa sedere)

DON ANDREA

Unni vulevutu iri, Niluzzu? ‘U lupu perdi ‘u pilu ma nò ‘u viziu, eh…eh…!! Calmo devi stare, calmo! Ora ti sistemu iu!!

NILUZZU

( toccandosi l’orecchio ) Prufissuri, ci portu ‘i saluti sottomessi e umiliati di mè patri e mi dissi se ‘avi cumanni di dalli a mia che ci farò da portavoce subbitaniu e devoto.

DON ANDREA

Mi liggisti ‘ntò pinseri, bravo! ( dalla tasca prende una lettera e gliela consegna ) Tieni e ci dici ca aspettu una risposta al più presto possibile. ( Niluzzu la mette in tasca )

NILUZZU

Vossia ‘a fari cuntu ca è cosa fatta!

DON ANDREA

Beni, ora passamu ‘a scola. Dimmi unni ti trovi ‘cchiù debboli?

NILUZZU

Grazi a Diu, prufissuri, haiu ‘na forza ca paru Macisti!

DON ANDREA

Facimu ‘mpattu, Niluzzu. Vidi ca tempu nun ‘nnì voggiu perdiri! Appena vidu ca ti minti ‘a fari ‘u spertu e cerchi di sfuttirimi, ‘ccù ‘na pidata ‘nto culu ti ‘nnì mannu ‘a casa, va beni?

NILUZZU

‘Ni capemmu!

DON ANDREA

Affare fatto!  Dunchi, passiamo alla storia. Parliamo di Garidaldi. Ne hai mai sentito parlare?

NILUZZU

‘Cchi era chiddi dè milli?

DON ANDREA

Bravu. E cu t’ù dissi?

NILUZZU

Mè patri ‘na vota ‘avìa ‘ncuratulu ca badava ‘a mannara e dicìa sempri  ca canusceva ‘a Garibaldi, chiddu dè milli. Ora, iu, a diricci ‘a virità ‘cchì sunnu ‘sti milli nun ‘u sacciu, pirchì mè patri di dici sempri di farimi ‘i fatti mei. ( don Andrea lo guarda con commiserazione )

DON ANDREA

Dimmi ‘na cosa ca ti piacia, ‘a parti ‘i fimmini!

NILUZZU

‘Cchì di scola? ( don Andrea annuisce )  Il corpo umano dè fimmini!

DON ANDREA

( prendendosi la testa tra le mani )Ah, tantu ‘ppì canciari ! E dimmi, ‘cchì ti piaci del corpu umano dè fimmini?

NILUZZU

( con un leggero sorriso da ebete ) Le mende! ( indicando i seni )

DON ANDREA

( sconfortato ) Ah, le mende? E poi?

NILUZZU

Appoi l’anchi, prufissuri! Qunnu iddi sunnu ‘cchianati ‘nte scali, iu fazzu finta di tiniriccilli e mi ‘cci affacciu ‘i sutta…L’haiu vistu fari ‘a mè patri, prufissuri! L’avissi vidiri puru lei?

DON ANDREA

( arrivato al culmine della pazienza, si alza e prendendolo per l’orecchio, lo fa alzare e gli assesta una grossa pedata )  Vattinni, levati davanti ‘i mia e nun ti fari vidiri ‘cchiù! Vattinni! ( Niluzzu, di corsa, va verso la comune…)

NILUZZU

Ci baciu le mani, prufissuri. ( scompare sul fondo a destra )

DON ANDREA

( gridandogli ) Bestia, nun ti scurdari ‘a littra. ( si accascia sulla poltrona, esausto ) N’autra iurnata di chista e m’attrantunu ‘i palitti. ( si sdraia comodamente e chiude gli occhi, poi dal fondo entra Santuzza e di nascosto, alle spalle del professore, gli massaggia le spalle ) Ah, tu sì? Basta ca nun m’ì tocchi ‘a testa, c’appoi mi caurìa!.

SANTUZZA

( con delicatezza ) Prufissuri, viditi ca c’è Corneliu ca v’ha parrari di una cosa un po’ delicata

.

DON ANDREA

( senza scomporsi e rilassato, mentre Santuzza gli massaggia le spalle) ‘U sacciu…’u sacciu. Tutti mi vonnu parrari…Tutti ci l’hannu ‘ccù mia…

 

SANTUZZA

Maronna mia, prufissuri, aviti tutti ‘i nerava ‘mprugghiati!! Cunfirativi ‘ccù mia, forsi appoi vi sintiti megghiu. ( sempre massaggiando )

DON ANDREA

Santuzza, sugnu ‘ncretinu!

SANTUZZA

E pirchì?

DON ANDREA

Se ti spusassi, si cunzassuru tutti cosi!!

SANTUZZA

( felicemente incredula )  Diciti daveru?

DON ANDREA

Daveru? Ma ‘u dissi tantu ‘ppì dirini una, ‘cchì vai pinsannu ?  ( Santuzza gli scompiglia i capelli dalla rabbia e scappa via per la comune a sinistra quasi piangendo, mentre al professore gli spunta un leggero sorriso; sulle note di una musichetta, lentamente cala la tela )

FINE DEL SECONDO ATTO

 

TERZO ATTO

Stessa scena degli atti precedenti. Qualche giorno dopo.

( a destra del fondo appaiono Aitina e Santuzza che prendono per mano Cornelio e con delicatezza lo trascinano dentro la scena )

SANTUZZA

Chista è ‘a vota bona, nun ti scantari, leviti ‘stù pisu d’ò stomucu c’appoi ti senti megghiu. E’ veru Aitina?

AITINA

Macari a Diu? Se chistu è ‘u prezzu c’avimu ‘a pagari, pagamulu e basta!

CORNELIO

‘A vuatri vi pari facili! Sugnu iu ca ci fazzu ‘a malafigura, ‘a vuatri ‘cchì v’interessa? Iu sugnu chiddu ca passu ‘ppì pazzu…’ppì deficenti…’ppì curnutu accurdatu…E chista è ‘a cosa ‘cchiù forti ‘i digeriri! Essiri consideratu ‘ncurnutu accurdatu!!! E poi…’ddà ninna nanna ‘o picciriddu, mi fa moriri…si mancia ‘i cirivedda…mi distrugge!!

AITINA

E si fissau ‘ccù ‘stà famusa ninna nanna! Ma ‘cchì mali c’è, Santuzza?

SANTUZZA

Ma chiddu ‘u fa ‘ccù tuttu ‘u cori.

AITINA

 Tantu voli beni ‘a ‘Ncilineddu ca ‘ccì scrissi ‘a ninna nanna ‘cchè so manu, sulu ‘ppì iddu! Dovresti essere onorato!

VOCE f.c.

Dormi dormi figghiu beddu

dormi dormi Ancilineddu

c’è ‘na sticca supra ‘ncelu

ca tistenni lu s’ò velu…

( Cornelio appena sente la voce del prof. va a chiudere la finestra di corsa, poi va a sedere come prima, mordendosi le mani dalla rabbia, mentre dal fondo entra il prof con il bimbo in braccio avvolto in un lenzuolino, poi si avvicina ad Aitina e le da il solito bacino in fronte, soffre Cornelio…)

DON ANDREA

Aitinuzza, vidi ca ‘avi fami, nun t’ù scurdari! ( le porge il bimbo ) Ah, avimu ‘a Corneliuzzu, beni..beni...Allura, vistu ca simu tutti chisti i parenti d’à zita, circamu di sbrigarini pirchì mi sa ca stamatina ‘a iurnata sarà pisanti…e iu ‘nnì sugnu stuffu, a dillu a tia, caru Corneliuzzu. ( gli torce l’orecchio, smorfia silenziosa di dolore di Cornelio, mentre sia Santuzza che Aitina spingono Cornelio a confessarsi al prof. che è andato ad aprire la finestra…)  Nun capisciu cu’ chiudi sempri ‘stà finestra, mah!! Allura, cù parra?

SANTUZZA

( facendosi coraggio )  Don Andrea, c’è Corneliu che vi deve parlare di una cosa delicata, personale! Chiffà niscemu?

DON ANDREA

E pirchì aviti ‘a nesciri? Se siti tutti di famigghia, ‘cchì mali c’è? Iu nun ‘nn’haiu nenti di ‘mmucciari e tu, Corneliu? Avanti, parra, leviti ‘ssù cutugnu ca hai ‘ntò stomucu!

CORNELIO

Prufissuri, iu ‘u sacciu ca sugnu bestia…

DON ANDREA

Ancora mancu hai ‘ncuminciatu e già sì bestia? E quannu finisci ‘cchì diventi pudditru? Comunichi è già ‘na bella cosa quannu unu si ricanusci i propri difetti!

CORNELIO

Sugnu cunfusu e ‘mbarazzatu!

DON ANDREA

Voi ‘iri ‘o bagnu? Senti, facimu accussì, parru iu e vidimu se è chiddu ca pensi tu, va beni?

CORNELIO

Si..si.. (togliendosi un peso)

DON ANDREA

Beni! Corneliu, iu ti capisciu, ‘cchi cridi? Ti capisco bene e ti confesso ca nun ‘u sacciu mancu iu ‘o tò postu chiddu ca avissi fattu. E poi ‘nta ‘ssù schifu di cafè…m’u ‘mmagginu…Battuti idioti…’U prufissuri di ‘ccà…’U prufissuri di ‘ddà….’U picciriddu assumigghia tuttu ‘a iddu…( Cornelio annuisce…) Certu, tu che cosa puoi fare? Sei un dipendente, nun ‘nnì puoi sbattiri fora d’ò cafè! Però avresti dovuto chiederti il perché di queste voci, perché si erano diffuse così rapidamente ?  E perché ti sei convinto che corrispondevano a verità? ‘Cchi mutivu c’era? Forsi tò muggheri Aitina ti ha dato motivo di sospettare? O, forsi,sono io che ti ho dato motivo di questo? Mi ritieni ‘na pirsuna di chissi, un traditore dell’amicizia sacra e inviolabile ca c’è tra di nuatri? Mi ritieni unu di chissi? ( alzando la voce per scuoterlo )

CORNELIO

Prufissuri, iu ‘u sacciu ca nun c’è mutivu di essiri gilusu, ma..viditi…la gelosia è una speci di malattia…qualsiasi cosa…qualsiasi parola…qualsiasi gestu…tuttu, insomma, ti fa vidiri ‘i cosi di ‘na manera, col sospetto…con la malvagità…con la malizia…con l’imbroglio. Sei convinto ca tutti ti talienu ‘ppì chiddu ca forsi nun sì…

DON ANDREA

( duramente ) Un cornuto!!

CORNELIO

Esatto! Viditi…’u fattu ca ogni matina annacati ‘o picciriddu…ca ci facistuvu addirittura ‘a ninna nanna apposta ‘ppì iddu…

DON ANDREA

Capisciu, capisciu!

CORNELIO

‘A finestra sbanticata…vui ca aviti ‘a voci comu ‘ncantanti liricu…’Ddà sutta hannu ‘u sbaddu e parrunu ‘a matula. ‘Ppì nun parrari di tutti ‘i regali ca ‘ni faciti…delle attenzioni ppì ‘Ncilineddu…’ppì ….’ppì Aitina… E poi c’è ‘nsonnu ca ogni notti fazzu, da più di un mese, ca mi tortura ‘a vita! ( abbassa la testa, mortificato; )

DON ANDREA

Un sogno? E tu sì gilusu ‘ppì ‘nsonnu?

CORNELIO

Ma chistu è ‘nsonnu terribili…tragicu…ca mi mancia ‘i nerava. Ci ‘u cuntu??

DON ANDREA

Se ti mancia ‘i nerava, nun vulissi ‘ss’autru pisu ‘nta cuscenza. Sfochiti! Sintimu ‘stù sonnu!

CORNELIO

Ogni notti…

DON ANDREA

L’avimu caputu! Da più di un mese ca fai ‘stù sonnu, continua!

CORNELIO

Eccu…appena staiu ‘ppì chiudiri ‘u cafè, a mezzannotti precisa, vi prisintati intra assiemi a Aitina, ‘a ‘bbraccettu. Trasiti e chiuditi ‘a porta. Iu vi talìu ‘ccù l’occhi di fora e vi dicu “ Prufissuri, ‘cchì ‘ccì faciti ‘ccà ‘ccù mè mugghieri?” e vui mi rispunniti ‘ccù tantu di supirchiaria “ Ti vogghiu fari vidiri ‘cchè tò occhi ca è veru ca sì curnutu…Sì, proprio così, cornuto!! “ Iu restu comu ‘nsalami e vi dicu, vi imploro..” Prufissuri, vi prego, nun mi diti ‘stì cosi, mi fannu mali…” e vui, spietato, “ No, lo devi sapere, lo devono sapere tutti che tò figghiu è miu, che con Aitina ci amiamo alla follia e che tu sei di troppo!!” Appoi mi pigghiati ‘ccù tutta ‘a forza ca’ aviti e mi ficcati d’intra ‘o frigorifico d’ì gelati e iu vi supplicu..” Prufissuri, vi prego…abbiate pietà di me, pigghiativi ‘a mè mugghieri, ma nun m’ammazzati…e vui “ No, devi morire! Aitina, aiutimi! “ E mè mugghieri v’aiuta! ( tutti lo guardano stupiti e increduli, poi Cornelio abbassa la testa lasciandosi andare a un pianto sommesso )

AITINA

E iu l’aiutu? ( Cornelio annuisce )

DON ANDREA

Finisti?  ( Cornelio annuisce ) Beni, ho capito tutto! Sei malato e spero ca chiddu ca ti st’haiu ppì diri ti possa fari guariri! Sentimi bonu, Corneliu! Tu sei malato di immaginazione, tipico delle persone gelose come te e se non chiariamo le cause del malessere tu ci poi moriri, te lo garantisco. E iu nun vogghiu aviri ‘nta cuscenza ‘st’autra curpa. Dunchi, ti posso dire con certezza che questa voce calunniosa l’ha messa in giro mè soru Sara, ‘a canusci? ( Cornelio annuisce ) Ha messo in giro questa voce per farmi trasferire al mio paese pirchì vinni ‘a sapiri ca mi vuleva vinniri ‘a mè casa al federale Spanò per farci un…ecco…una specie di casa di piacere…E siccumu ‘a casa mia  è ‘nfacci a s’ò casa, misi in giru ‘stà vuci in modo ca ‘u presidi mi avrebbe obbligato o a dimettermi o a cambiare sede. E quale migliore sede se non quella del mio paese, promosso addirittura preside. E così è stato. Tutte le mie attenzioni nei confronti della tua famiglia non sono altro che un modo come un altro di affezionarmi a qualcuno, io che nella mia vita non ho mai avuto l’affetto di nessuno. E’ per questo che stravedo per tuo figlio, per tua moglie, si per tua moglie, ma non  con l’intenzione che hai pensato tu, no! Iu di fimmini ‘ntà mè vita ‘nn’haiu vutu sulu una e mè soru mi fici perdiri ‘a spranza! Ci ‘nni fussi n’autra, Santuzza, ca forsi mi canuscia megghiu di tutti, ma nun sacciu se mi voli! Eccu pirchì ‘i regali a tò mugghieri! ‘A cu’ l’avìa a fari?  ‘A mè soru, ca mi voli vidiri mortu? ‘A mè frati ca nun cunta nenti? Corneliu, tu sì ‘mpicciottu furtunatu, iu sugnu disgraziatu, pirchì sugnu sulu comu ‘ncani! ( prendendo il bimbo dalle braccia di Aitina e dandolo a Cornelio )  ‘Stà criatura è tua, canticci ‘a ninna nanna, facci sentiri ‘a tò vuci! Ah, l’ultima cosa, Cornelio! Ti consiglio, sempre se sei d’accordo, di canciari nomu. Vedi, il tuo nome si adatta bene agli equivoci, tu mi capisci? Lassati chiamari, macari, Elio, ma levicci davanti ‘i “corna”. E cerca di canciari fisionomia, leviti ‘stù birrittu, ‘stì manichi ‘i raggiunieri, vestiti ‘cchiù modernu. Appoi fa’ comu vuoi! Ti salutu! ( altra tirata d’orecchio, smorfia di dolore e di fretta va via dal fondo a sinistra, tutti rimangono impietriti )

SANTUZZA

Aitina, ‘u sintisti puru tu? Dissi ca ci sugnu puru iu ‘ntè s’ò pinseri!! Ma è stranu, doppu chinnici anni si cunfissau? Nun ci cridu…no…no…nun po’ essiri!! ( galvanizzata )

AITINA

( a Cornelio che col bimbo in mano, fortemente imbarazzato, si affaccia alla finestra ) Sì cuntentu di chiddu ca dissi ‘u prufissuri?

CORNELIO

Ma iu nun mi fidu ‘a diri ‘a ninna nanna! ( poi si fa coraggio e declama la ninna nanna quasi affacciandosi alla finestra in modo che lo sentano tutti , con la solita musichetta in sottofondo)

Dormi dormi figghiu beddu

dormi dormi ‘Ncilineddu

hai la peddi comu ‘a sita

di tò patri sì la vita

( commosso si ritrae ) Mi vinni accussì. Vì piacìu?

AITINA

( abbracciandolo ) E’ bellissima!

SANTUZZA

Bravu, Corneliu!  ( timidamente riconsegna il bambino alla moglie che gli da un bacio su una guancia )

CORNELIO

Ma 'cchì vulìa diri 'u prufissuri quannu dissi di canciari fisionomia? 'Chì staiu mali accussì? ( le due donne lo guardano con un certo imbarazzo )

AITINA

(minimizzando) Ma no! 'Nca quali! Certu…un piccolo ritocco nun ti facissi mali, è veru Santuzza?

SANTUZZA

( all'orecchio di Aitina ) Autru ca piccolo ritoccu, 'ccà ci vulissi 'nmiraculu!!

AITINA

A mia mi piaci accussì, oh! ( pianto del bimbo ) No…no…picciriddu miu, pirchì chianci? Hai fami?

Si, fami hai e a mamma ore ti fa manciari!

CORNELIO

Dammillu, Aitina, quantu mi 'nsignu a tinillu. 'U fazzu manciari iu 'a 'stù  monellu!"! ( carezza, pianto bimbo ) 'Ppì forza chianci, mancu mi canusci! Nun t'haiu tinutu mai 'mbrazza! Forsi 'u prufissuri 'avi ragiuni!

SANTUZZA

‘U prufissuri ha sempri ragioni, no forsi! Vaitivinni, va, quantu dugnu ‘na sistemata! ( i due via dal fondo a destra, Santuzza rassetta, poi ritorna don Andrea dalla sinistra )

DON ANDREA

Santuzza, ti vuleva diri ca fra qualchi ‘gghiornu iu mi ‘nni vaiu di ‘sta casa: Aspettu ‘na risposta. Nun ci pozzu stari ‘cchiù! E poi è giustu accussì! Iu nun ti vogghiu obbligari a veniri ‘ccù mia, anche se…si…insomma, mi…mi facissi piaceri. Comunichi, comu vuoi fari fai! ( Santuzza rimane di stucco) Iu nun ti pozzu prummintiri nenti, sugnu fattu accussì, è il mio carattere! Ancora sì picciotta, hai una vita davanti…trovati ‘ncarusu a modu e ti spusi. ‘A mè vita, oramai, è senza futuru, senza presenti e ‘u passatu è megghiu ca nun m’ù ricordu!!  ( Santuzza prende il fazzoletto e piange ) Questa vergogna che ho subito è stata troppo forte, troppo umiliante, sugnu distruttu! Basta! Dumani, se hai tempu, mi dai ‘na manu ‘ppì priparari ‘i valigi, ti ringraziu!

SANTUZZA

( come sopra ) Ma comu, dicistuvu ca iu sugnu l’autra fimmina ca vuliti beni! Dicistuvu accussì, è veru? Iu ‘u ‘ntisi e puru Aitina e so maritu…Ma allura…

DON ANDREA

( urtato ) Ma Santuzza, lassimi perdiri ‘ppì favori. ‘U dissi tantu ‘ppì cumminciri a ‘ssù testa di trunzu di Corneliu, e comu nun ‘u voi capiri!!

SANTUZZA

( c.s.) Nun ‘nnè giustu, però! ‘Avi chinnici anni c’aspettu…

DON ANDREA

E tu aspetta…aspetta e spera!! ( via seccato dal fondo a sinistra )

SANTUZZA

( asciugandosi le lacrime e gridando…) E iu aspettu…aspettu, nun vi preoccupati! Bruttu vecchiu!! ( si asciuga le lacrime, poi suonano…) Camurria! E cu po’ essiri a ‘st’ura? ( si affaccia alla finestra e grida sgraziatamente ) Staiu calannu, don Ninu. ( via per il fondo a destra poi ritorna seguita da don Nino che ha in mano un pacco ) Don Nino accomodatevi, ca ora v’a chiamu ‘o prufissuri. Mi vuliti dari ‘stu paccu, ca ‘u posu.

DON NINO

( veste come nel primo atto ) Non ve la dovete pigghiari a offesa, ma vogghiu cunsinnari personalmente questo pacco, pirchì ci tegnu in modo troppo maravigghiusu, diciamo!

SANTUZZA

Va beni, fate come volete, compermesso! ( suonano, mentre Santuzza va ad aprire…)

DON NINO

Signorina nun si scomodassi, è ‘ddù chiaccu di furca di mè figghiu Niluzzu. Voli trasiri ‘ppì forza, ma nun po’ essiri!

SANTUZZA

Ma pirchì?

DON NINO

Doppu chiddu ca comminò all’autra vota ‘ccà, in questa casa onorata nun ci minta ‘cchiù peri, diciamo!

SANTUZZA

Comu vuliti vui, vaiu a chiamari ‘o prufissuri! ( via dal fondo a sinistra, poi don Nino si affaccia alla finestra e con la mano tra i denti, dandosi dei morsi per la rabbia, verso il figlio…) Disgraziatu…disgraziatu figghiu, ti dissi ca nun trasi e nun trasi! L’haiu caputu? Aspettami ‘o cafè. No…no…poi moriri, disgraziatu!! ( dalla sinistra entra don Andrea, guarda incuriosito don Nino…)

DON ANDREA

Ma ‘cchi parri sulu, Ninu? ( alla sua vista, don Nino corre a baciargli la mano ) Ma finiscila, assettiti!

DON NINO

Prufissuri, vi ‘ddummannu piddonu di presenza per la malarucazioni di mè figghiu e per la sua tistazza di crapa ca vi fici perdiri tempu priziosu. Piddonu…piddonu e piddonu, diciamo! E ‘ppì farmi piddonari da vossia, ci purtai una pizzicedda di formaggi ‘cchè pipi, di chiddu ca piaci ‘a vossia, diciamo!

DON ANDREA

Va beni…va beni…, sei perdonato! Sinnò ‘ccà ‘nì scura ‘ntè manu e ancora avimu a parrai. ‘U formaggi posulu ‘ddocu. Ma prima ti vogghiu diri ‘na cosa…

DON NINO

Parrati! Vuliti ca mi strazzu ‘i carni?

DON ANDREA

Ma quali carni e pisci! Ti vulìa diri ca tò figghiu tanta curpa nun ‘nn’avi!

DON NINO

Nun capisciu, scusati la mia ‘gnuranza.

DON ANDREA

Mi dissi ca ci piaciunu ‘i iammi dè fimmini quannu sunnu ‘cchianati ‘nta scala, iddu ci ‘a teni e talìa! Dici ca ‘a vistu fari a tia, po’ essiri? ( don Nino su tutte le furie )

DON NINO

Prufissuri, sull’anima nobili di vostru patri, vi giuru ca mai…

DON ANDREA

( risentito ) Ninu, ma dicu, nun putissutu giurari sull’anima di tò patri?

DON NINO

Con piaceri, prufissuri, ma è vivu, purtroppo, diciamo!

DON ANDREA

Di tò matri, mancu?

DON NINO

E’ viva puru idda, purtroppo!

DON ANDREA

E va beni, e sia ‘ppì l’anima di me patri!

DON NINO

Comu diceva, prufissuri, sull’anima nobili…

DON ANDREA

L’abbiamo capito…Ninu! Sull’anima di me patri…

DON NINO

Esatto. Sull’anima nobili di vostru patri, mai, dico mai, ‘i mè occhi s’hannu pusatu supra ‘i fimmini ca cogghiunu l’aranci, mai!

DON ANDREA

L’occhi no, ma i manu sì, è veru? ( divertito )

DON NINO

(colpito nell’orgoglio maschile) Bè, vi confesso ca certi voti mi portunu ‘o puntu di ittaricci ‘i manu ‘ncoddu…tantu sunnu provocanti! ‘U fannu apposta, prufissuri, ‘ppì mintirimi alla prova. Iu, purtroppo, masculu sugnu, diciamo! La ncarne è debole e non resiste. ‘Ngnornu una…’ngnornu n’autra, haiu comu passari ‘u tempu! Che cosa dovessi fare? Rifiutare? ‘Nsia mai? L’omu è omu pirchì è cacciatori, diciamo!

DON ANDREA

E ‘ccù tò mugghieri comu fai?

DON NINO

Prufissuri, vossia mi deve credere, haiu una vitalità troppo disgraziata. Nun ‘ncinn’è ‘ppì nuddu! Da bonu maritu, pensu puru a idda, mischina, nun nn’è giustu falla soffriri!

DON ANDREA

Bravu, sì anchi cuscinziusu. Dunque, dopo questa bella lezione di virilità…

DON NINO

Vili? Prufissuri, mi scusassi, ma se nun fussi vossia, ci mancassi di rispettu! Tuttu mi putiti diri, ma vili, mai!!

DON ANDREA

Ma cosa hai capito? Ho detto virilità, potenza sessuale…

DON NINO

Forza mascolina, và?

DON ANDREA

Esatto, e mi pari ca tò figghiu pigghiau di tia!

DON NINO

( contrariato ) Pigghiau di mia? Ma vui vuliti schirzari? Con tutta la sottomissione, prufissuri, chiddu nun nn’avi testa e allura pirchì sugnu ‘ccà ‘ntì vossia? Haiu avutu ‘na speranza ca ‘stu picciottu puteva iri ‘a scola, istruirsi…

DON ANDREA

Ninu, ti vulia parrai nachi di chissà, ‘Ssà speranza ca hai t’à poi scurdari! Niluzzu nun nn’è cosa di iri ‘a scola. Facci fari chiddu ca vuoi, ma lassa stari ‘a scola. ‘A scola è ‘na cosa seria, è tutta n’autra cosa, troppo impegnativa. Mintulu ‘nta l’azienda a controllari ‘i fimmini ca cogghiunu l’aranci…

DON NINO

Prufissuri, se ci mintu ‘a Niluzzu, tutti ‘i fimmini, ‘ntò giru di ‘nmisi, ‘i fa scappari. Pi nun parrai ca se qualcuna, ‘ppì disgrazia, resta ‘ncinta, ‘u sapiti quantu mi custassi?

DON ANDREA

Fai comu vuoi tu, ma 'ppì mia nun nn'è cosa!

DON NINO

( rassegnato ) Don Andrea, chiddu ca fati vui è ben fattu ! Se diciti accusssì, accussì fazzu! Comunchi, passamu al nostro pobblema ca è 'cchiù gravi e pericoloso, diciamo! Parramu d'a littra ca mi mannastuvu 'ccù Niluzzu…

DON ANDREA

Giustu, parramu d'à littra ca è megghiu!! 'Cchi mi dici?

DON NINO

Quella bestia quatrupete di mè figghiu Niluzzu appena arrivò 'a casa, pigghia 'a littra e m'à sbatta quasi 'nta facci " Papà, 'u prufissuri mi detti 'sta littra e dici ca è 'mpurtanti assai  e 'cci devi dari 'ccù prescia una risposta!"

DON ANDREA

Va beni, ma 'cchi mali fici?

DON NINO

'Chi mali fici? Prufissuri, ma 'u sapiti cù c'era in quel momento specifico 'a mè casa? 'U Podestà Spanò!!! Sangu di la marina! 'U capiti? 'U Podestà Spanò! Appena l'armali 'i gebbia mi detti 'a littra, 'u cavaleri mi dissi " Saranno notizi importanti?, immaginu?" Don Andrea, che cosa avrebbi dovuto rispondere? Ci dissi " Cavaleri, se 'avi la bontà di aspittari, 'a rapemu e videmu subitu!" Mancu s'ù fici diri menza vota, 'a pigghia 'ntè manu e mentri ca 'a liggeva calava 'a testa, iu pinsai " Cuntentu è, megghiu accussì!" E 'nfatti diceva ogni tantu "Beni…beni…" 'O terzu beni dissi " Quindi 'u prufissuri nun si voli vinniri ''a casa, nun sulu, mancu ci voli stari! Bravu! Dici ca 'cci devi trovare una casa luntana di so soru e dalla sua ci devi togliere il cartello SI VENDE. Beni! Voli diri da 'ntà 'sti iorna 'cci vaiu a fari una bella visita !" Prufissuri, mentri ca parrava 'i naschi 'ccì 'ddivintarru comu 'o cavaddu di S.Giorgiu, pigghiau 'a littra e 'a fici 'ddivintari di milli pezzi e si 'nnì iu! Iu ca scola 'nn'haiu picca, 'a littra appoi 'ntà 'ssì condizioni, pigghiai 'i pezzi e pianu puianu 'i 'ncucchiai tutti. ( dalla tasca prende la lettera e la porge al prof.)

DON ANDREA

( guardando la lettera ) Carogna!!!

DON NINO

'U scantu mio era ca stamatina avissi arrivatu prima di mia e nun  sacciu se veni mentri ci sugnu iu, diciamo! E se veni 'nta 'stu mumentu, 'a ficu è fatta!!

DON ANDREA

Nun ti preoccupari, Ninu. E dimmi, 'cca  casa ca ti dissi di truvarimi?

DON NINO

'Nnì truvai una ca và beni ppì vossìa, all'autra parti d'ò paisi, vicinu 'a scola!  'U patruni è 'Ngnaziu Parrineddu! Oramai è pensionatu  e 'i s'ò figghi sunnu tutti 'a Torinu, 'a FIAT. Arristau sulu comu 'ncani, Appena ci dissi ca era cosa vostra mi dissi ca quannu vi deciditi, vi 'cci putiti turnari, diciamo!

DON ANDREA

Grazzi, Nino! E 'u prezzu com'è?

DON NINO

Ottimo!! ( pausa e cambiando tono ) Prufissuri, ma vui siti propriu decisu a veniri 'o paisi? 'Ssù malacarni d'o cavaleri 'a vita complicata v'a renni!!

DON ANDREA

E 'cchi mi fa? Mi struppìa? Mi stà beni! M'ammazza? Megghiu!!

DON NINO

 Scusati prufissuri, ma 'cchi stati sdilliriannu? Vi niscerru 'i sintimenta?

DON ANDREA

Ninu, 'cchiù di chiddu ca haiu subitu nun pozzu subiri, quinndi? Haiu 'na speci di corazza! 'I minacci, 'i corpa, qualunchi cosa…mi passa di lisciu, mi sciddica comu 'o lippu 'ntè scogghi. Nun mi fa né cauru e né friddu! Campu 'a 'gghiurnata! ( suonano, don Nino, allarmato, fa per affacciarsi alla finestra…)

DON NINO

Spiramu ca è mè figgghiu…( si affaccia guardingo, abbassandosi…poi subito di scatto si ritrae spaventato ed in quella posizione… sottovoce…) Minchia, iddu è!!!

DON ANDREA

Tò figghiu?

DON NINO

No, 'u cavaleri Spanò!! (spaventato a morte, altro squillo )

DON ANDREA

Ti vuoi ammucciari 'dda intra?

DON NINO

( orgoglioso e spaventato nello stesso tempo ) Mai!! Ormai sugnu 'ccà e nun vi lassu sulu! Unu è iddu e unu sugnu iu! O la vita o la morte, diaciamo!!

DON ANDREA

E iu nun cuntu?

DON NINO

Vui, prufissuri, scusatemi, ma 'ppì 'sti cosi nun nn'aviti 'i stigghi, diciamo! ( appare Santuza dalla sinistra…)

SANTUZZA

( sgraziata ) 'Cchi 'cci rapu?

DON ANDREA

Comu ti spera 'u cori! ( va ad aprire, mentre don Nino si fa il segno della croce, poi ritorna seguita dal cav. Spanò,la 50/na, abito bianco, una banda nera sull'occhio sinistro, capelli impomatati e la riga nel centro, un piccolo stemma del fascio sul petto della giacca, sul taschino, oltre ad un vaporoso fazzoletto nero, qualche astuccio di penna e qualche medaglia; i suoi modi sono duri ed autoritari, copia l'atteggiamento del Duce; fondamentalmente è grossolano ed ignorante fino ad apparire grottesco; al suo ingresso, imperioso, don Nino saluta romanamente e il cav. risponde, mentre il prof. rimane impassibile )

SPANO’

Finalmente rivedo il mio carissimo amico Andrea Artale, il mio compagno d’infanzia preferito. Bene…bene…Vedo che hai visite illustri…( ironicamente ) Il famoso sensale Restivo’ famusu comu i voi di fera! Bravo!

DON ANDREA

( capendo la delicatezza del momento ) Alfiu, assettiti, ti prego! Santuzza…( distratta dagli sguardi penetranti del cavaliere Spanò…) Santuzza, porticci ‘o cavalieri Spanò qualcosa di forte…immagino, vero Alfio?

SPANO’

Si capisce!

SANTUZZA

( sgraziata ) Avimu Grappa Tre Stelle, Cognacchi ca nun sacciu di quali marca, Stocchiti 84, Fuocu di Russia, Latti di Soggira, Rosoliu e…cazzusi….

SPANO’

Fuocu di Russia, doppiu, signorina! ( allusivo ) Signorina, non è vero?

SANTUZZA

( scontrosa ) Nun sugnu spusata, finu a st’ura! ( guardando il prof. con intenzione )

SPANO’

Non avete risposto alla mia domanda!

SANTUZZA

‘Cchi è n’interrogatoriu?

DON ANDREA

Santuzza basta! Porta chiddu ca ‘a purtari, vai!! ( sbuffando, Santuzza via a sinistra ) Alfiu, ti prego di scusalla, ha ‘ncarattiri ca sulu iu ci pozzu cummattiri!

SPANO’

Lo vedo…lo vedo! Impertinente! Ma comu si chiama, di cuè figghia e di unni veni? Hai in casa una rivoluzionaria!!

DON ANDREA

( minimizzando ) Ma lassa stari,Alfiu, ti prego di perdonarla. ( a don Nino ) Bè, Ninu, ti ringraziu ‘ppò formaggi, ‘ppì tò figghiu ‘nnì parramu n’autru iornu. ( don Nino fa per alzarsi e si appresta a salutare romanamente il cav. ma  questi lo costringe a sedersi nuovamente )

SPANO’

Seduto, ca t’haiu a parrari puru a tia. ( il cavaliere si alza e passeggia con calma ) Andrea, ti ricordi ca quannu erumu picciotti ti sfotteva pirchì purtavutu l’occhiali, comu ti diceva?

DON ANDREA

( non capendo dove voglia arrivare il cav.) Certu ca m’ù ricordu!

SPANO’

Mi pari ca ti diceva accussì “ Andrea…Andrea Artali                                           

     Quattru occhi e dui fanali

   Andrea…Andrea Artali

      Nasci omu mori armali “

Diceva così, mi pare, non è vero Andrea? ( il pros. Annuisce, smarrito ) E tu ‘cchi mi rispunnevi?

DON ANDREA

( titubante e imbarazzato ) Veramente nun m’ù ricordu bonu, Alfiu!

SPANO’

Dai…dai ca t’ù ricordi, sforziti!

DON ANDREA

( c.s.)  Forsi..forsi faceva accussì “ E ca chiovi e ca chiovi

                                                            Alfiu Spanò nun si la trovi

  Iddu ‘a cerca ‘ntè mutanni

                                                             Acqua caura e focu ranni “

( durante questa strofa, il prof. è preoccupato così come don Nino, nel viso del Cav. traspare un filo di rabbia malcelata )

SPANO’

Bravo, te la ricordi bene. Ti volevi vendicare, mi dicevi che ce l’avevo troppo piccolo! Avevi ragione. ( cambiando tono e divenendo più aggressivo ) Ma lo sai perché? ( all’orecchio del prof. con grinta ) Pirchì in compensu haiu dui cosi di ‘stà manera!! ( tipico gesto ) Tu nun mi pigghi ‘ppì fissa, no no! Iu ti fici sapiri tramiti questo fetente e spia ( indicando don Nino) che mi serviva la tua casa per un …per un progetto che il nostro amato Duce…( saluto romano assieme a Nino ) tiene in modo particolare! Ti feci sapere poi, che te l’avrei pagata il doppio del suo valore e che avresti avuto tempo per pensarci…Sono passati sette mesi, Andrea, a che gioco giochiamo?

DON ANDREA

E infatti, Nino me ne ha parlato ampiamente….

SPANO’

Ma te lo disse questo miserabile e tintu sensali, che ci tenevo troppo e che già ne avevo parlato ai superiori, ah?

DON NINO

Col vostro permesso, cavalieri, ‘cci giuru ca ci dissi ‘o prufissuri unu di tuttu!!

SPANO’

E ce lo dicesti che ci dovevamo fare la Casa Popolare dell’Amore per ordine del nostro amato Duce? ( saluto romano c.s.)

DON NINO

Sicuro che ce lo dissi! ( entra Santuzza con un vassoio in mano con sopra due bicchieri e la bottiglia del Fuoco di Russia, dimenticando però la gazzosa per don Nino, quindi versa nei due bicchieri il liquore, don Nino essendo astemio è alquanto preoccupato )

SPANO’

( brindando ) Alla Patria e al nostro amato Duce!! ( don Nino esita…) E tu non bevi?

DON NINO

Certu…certu…( perde tempo e poi fa finta di bere, al contrario del cav. che lo trangugia d’un fiato)

DON ANDREA

( facendosi coraggio ) Santuzza, portimi ‘nu bicchieri puru ‘ppì mia e lassa ‘a buttighia.

SANTUZZA

( gurdandolo incuriosita ) Ma ‘cchi siti pazzu? Quannu mai vui…

DON ANDREA

( autoritario ) Fai chidu ca ti dissi di fari e pipa . Marciamu!!

SPANO’

Bravu, accussì si trattunu ‘i criati! Polso…ci vuole polso! ( Santuzza via a sinistra )

DON NINO

( approfittando dell’occasione ) Prufissuri, se pirmittiti v’ì dugnu ‘u miu, è senza tuccatu!

DON ANDREA

( prendendolo ) Grazzi. ( lo beve d’un fiato, Santuzza che aveva assistito alla scena, col bicchiere in mano, rimane allibita così come pure gli altri due ) Ahhhhh! Ci vuleva! ( a Santuzza) ‘Cchi hai di talari? Marciamu ‘ddà banna!! ( Santuzza, indispettita, va via e don Nino approfittando della disattenzione del cav. Spanò, le va dietro) Forsi hai ragioni, Alfiu! Bisogna trattarla come merita il suo rango!

SPANO’

Esatto! Sei troppo democratico e a democrazia è tempu persu! ‘I maneri forti ci vonnu, chissi sì ca ‘nsignunu ‘u Credu ‘o Diavulu!

DON ANDREA

( è sua intenzione fare ubriacare il cav. per renderlo più malleabile ) Alfiu, vivimi. ( riempie i due bicchieri )

SPANO’

Al Duce!!

DON ANDREA

( sottovoce ) Al Du…( incomincia ad essere un po’ su di giri..)

SPANO’

Andrea, parramu chiaru, iu nun ti vogghiu fari del mali e anche se non siamo della stessa fede politica, io ti rispetto. La vecchia amicizia non muore mai. Io sono capace di capire, di aspettare…ho pazienza, tanta pazienza! Ma…nella mia delicatissima posizione, non posso passare per stupido, per incapace…tu mi capisci!

DON ANDREA

( che è come se non lo avesse ascoltato ) Alfiu, ti ricordi quannu ‘ngnornu, il primo di maggio del 1914, ni ‘nnì ‘emmu a mari. Tò matri, mischina, ‘ni fici ‘i rancini, t’ù ricordi? Appoi mi dissi “ Andrea, ‘u ricordu ‘a tia ca sì ‘cchiù saggiu di Alfiu! Stati attenti, carusi, ca ‘u mari è tradituri e boni nutizi nun ‘nni duna!!”

SPANO’

( commosso ) Mi ricordu ca ‘ni detti ‘na tuvagghia ‘ppò mari nova nova…c’era stampata ‘na navi ca si chiamava…Nun m’ù ricordu…maledizioni…

DON ANDREA

Si chiamava “ Principe di Savoia “.

SPANO’

Si…si..bravu, Principi di Savoia. ‘Cchi testa ca hai! E poi mi dissi “ Tistazza dura, nun ‘nn’a perdiri ca ricordu di tò patri è!!” Mi detti ‘nvasuni e partemmu! ( pausa ) Eravamo giovani, bei tempi. ‘Cchi fimmina, mè matri! Nun ci ‘nnè ‘cchiù di chissi, Andrea!!

DON ANDREA

( riempie i due bicchieri ) Vivi, Alfiu. Alla nostra saluti!

SPANO’

E del nostro Duce, nun t’ù scurdari.

DON ANDREA

Si…si..e per il nostro Duc…( bevono, poi continua il racconto )  Appoi, mentri ca ‘ni facevumu ‘u bagnu, persimu di vista ‘a Pietru ‘U Turcu. Allura tu, in un lampu, comu ‘na crapa, acchianasti supra ‘nu scogghiu ‘ppì vidiri megghiu…e…

SPANO’

…e ‘u vitti…e comu se ‘u vitti ‘o poviru ‘i Pietru. Era a tri metri di mia, ‘nfunnu ‘o mari. Mi tuffai e ‘u ‘cchiappai ‘ppè capiddi e ‘ppo culu e ‘u tirai fora ‘i l’acqua. Pareva mortu di cent’anni, mischinu!

DON ANDREA

E mentri ca nuatri erumu tutti scantati morti, tu ti facisti curaggiu e ci facisti ‘a respirazioni bocca a bocca, appoì ci dasti dui pugna ‘nto pettu ca ‘ccì tunò comu ‘na campana e pianu pianu ‘ncuminciò a respirari. Lo hai salvato, Alfio! ( Spanò riempie i due bicchieri e poi beve il suo c.s.) Allura nun ci ‘ddummannasti di quali partitu era!!

SPANO’

Ma cosa dici?

DON ANDREA

( con durezza, spezzando quel clima amichevole che si era creato ) Oggi, Alfiu, l’avresti salvato, sapendo che era socialista? Rispondimi!

SPANO’

Ma ‘cchi vai dicennu? ‘Cchi c’entra ‘stu discursu?

DON ANDREA

C’entra…c’entra, e comu se c’entra! Come ti sei permesso di pensare, solo minimamente  che la casa di mè patri, di mè matri, onorata e rispettata, avrebbe potuto essere un luogo di bordello? In base a quali principi? In virtù di quale diritto? Pirchì nun ci duni ‘a tua? Potresti fare unica cosa, casa e putìa! ( pausa ) Ma ‘cchì razza di genti siti?

SPANO’

Avrei dovuto immaginarlo che non sei migliore degli altri.

DON ANDREA

E cu sunnu l’autri? Chiddi ca nun ‘a pensunu comu ‘a tia ? Le persone libere di pensare quello che vogliono?

SPANO’

Ma ‘cchi ‘nnì sai di politica? ‘Cchi parri a fari?

DON ANDREA

Haiu saputu tutti ‘i supirchiarii ‘a povera genti, l’ogghiu di ricinu a ciumi ca ci aviti fattu viviri! Chista nun nn’è politica, chiesta è vergogna! Teniri ‘ncatinatu ‘mpopulu col terrore, le minacce…

SPANO’

A mia mi vonnu beni tutti!

DON ANDREA

Ma nun diri fissarii! Di tia hannu paura, si scantunu. Nun ti vonnu beni! Nun putiti canciari ‘a testa d’a genti ‘ccù l’ogghiu di ricinu, ci vonnu i fatti.

SPANO’

I fatti ci sunnu, ma ci voli puru l’ogghiu di ricinu. E’ il prezzo che bisogna pagare per uno Stato migliore. La Patria ha bisogno di ideali e ‘ccà simu arrivati ‘o puntu ca bruciunu ‘a bannera, vergogna

DON ANDREA

‘A Patria…’a Patria …Quali Patria? Ma se mancu ti facisti ‘u surdatu! E poi ‘ssà benda nivara, ‘i medagli ca hai appisi…Quanto sei ridicolo!!

SPANO’

Ho perso l’occhio nel ’22, durante la marcia su Roma!!

DON ANDREA

( ironico )  Sì, ‘a marcia funebri! ‘Nca quali marcia, fù tò patri ‘ccù ‘na ugghia, mentri cusìa ‘nvistitu. Tuttu sacciu, Alfiu! Sei un povero diavolo che ha bisogno di sentirsi qualcuno. Mi fai pena!! ( il cav. è distruttu dalla mortificazione del prof. e dalla paura che il professore possa raccontare in giro la verità )

SPANO’

Ma…

DON ANDREA

Senza ma…E’ accussì e basta! Ma nun ti preoccupari non è mia intenzione fari pubblicità, a condizioni…

SPANO’

( intravedendo la speranza di potersela cavare ) Parra…!

DON ANDREA

Mi devi lassari in pace. Ognuno col suo destino. Iu vogghiu aviri ‘a libertà di pinsari ‘ccà mè testa, di parrari, di fari chiddu ca vogghiu…Cosi ca tu nun poi fari pirchì sì schiavu del tuo Duce…(saluto romano di Spanò )…dei tuoi assurdi e ridicoli principi.

SPANO’

( si alza lentamente, è malfermo sulle gambe e beve l’ultimo bicchiere di liquore, poi con voce bassa e sottomessa…) Allura… dici… di fari accussì ? ( quasi barcolla ) Bè…mi pari ‘na cosa …ca ca…si po’ fari…per il bene della Patria e del…nostro Duuuci! ( saluto romano e stramazza sul divano, poi don Andrea chiama…)

DON ANDREA

Santuzza…Ninu…curriti, prestu! ( entrano dalla sinistra, preoccupati )

DON NINO

‘Cci ‘ffa ‘u ‘mmazzastuvu?

DON ANDREA

Ma nun diri fissarii, Ninu? E’ ‘mbriacu comu ‘na signa, ‘a bestia. Dimmi, ‘cchiuttostu, comu facimu a purtallu ‘a casa senza ca nuddu si ‘nn’accorgi?

DON NINO

Prufissuri, nun c’è pobblema. ‘Ddà sutta haiu ‘u motocarru…a iddu ‘u mintu ‘nta cabina e a Niluzzu ‘ntò cassuni…( suonano, Santuzza va ad aprire ) ‘Ccà c’è l’armali! ( entra Santuzza avendo cura di stare a debita distanza da Niluzzu che si toglie la coppola e bacia la mano al prof. col  solito fastidio di quest’ultimo ) Niluzzu…Niluzzu…(distratto da Santuzza) Bestia, ‘a mia ‘a sentiri, ‘u capisti? Dammi ‘na manu. ( prendono sotto le ascelle il cav. Spanò e lo trascinano per la comune, poi…)

DON ANDREA

Ninu, ti ringraziu!! Vidi ca da oggi ‘u cavalieri sarà ‘cchiù comprensivu e caritatevoli. Ah, n’autra cosa. Ci dici ‘a ‘Ngnaziu Parrineddu ca mi ‘nnì pintì e  mi tornu ‘a mè casa. Me lo ringrazi assai assai assai.

DON NINO

E ‘ccò fattu ca vostra soru vi ‘sta davanti, a du’ passi? ( il prof. beve l’ultimo bicchiere di liquore, poi…)

DON ANDREA

Ci muru tutti ‘i finestri ca dununu ‘nti idda! Accussì nun nn’a vidu!

DON NINO

Sempri ‘e vostri cumanni, prufissuri. S’abbenedica! Signorina, a Niluzzu ‘u scusassi, chistu è!! Amuninni!! ( escono dalla comune a destra e il prof. ,esausto, si accascia sul divano, è abbastanza alticcio…)

SANTUZZA

( dolcemente ) Allura, prufissuri, vi turnati ‘a casa vostra? Pozzu veniri ‘ccù vui?

DON ANDREA

( senza scomporsi ) ‘U postu c’è!  ( dalla comune entra Aitina col bimbo in braccio e la segue Cornelio, trasformato al massimo, veste un abito di colore chiaro, ha i capelli impomatati, la riga nel centro, con i soliti occhiali dalle lenti spesse )

AITINA

Prufissuri, scusatini se disturbami!

DON ANDREA

( che fa una certa fatica ) Avanti…avanti…Aitina. Cu è chissà ca è ‘ccù tia?

AITINA

Corneliu, prufissuri! Abbiamo seguito il vostro consiglio. Comu ci pari?

DON ANDREA

( guardandolo attentamente )  Haiu troppu liquori ‘nta testa,  ma a occhiu e cruci mi pari ca po’ ‘gghiri. Bravo Cornelio!! ( gli da il solito pizzicotto malsopportato sulla guancia; si accascia nuovamente sul divano )

CORNELIO

Professore, da oggi mi chiamo Elio! Vi piaci? Comu dicistuvu vui.

DON ANDREA

Ci livasti ‘i corna, beni. Accussì ‘ss’autra farsa si finiu. ( pausa ) Ah, Aitina, t’avia a diri ‘na cosa: ‘i fimmini finu a quannu ponnu aviri figghi?

AITINA

Mè matri mi fici c’aveva 40/anni, pisava cinqu chila!

DON ANDREA

Santuzza, quant’anni hai?

SANTUZZA

( sgraziata )  ‘Cchi v’interessa?

DON ANDREA

Voli diri ca m’interessa.

SANTUZZA

Trentacinqu dumani!!

DON ANDREA

( compiaciuto ) Ah! Se ‘cci ‘ncuminciamu prestu…a trentasei anni ‘u picciriddu avrà n’annu. Bellu fussi!

SANTUZZA

Ma prima duviti aviri ‘u curaggiu di spusarimi!!

DON ANDREA

Quannu sarà!

SANTUZZA

( risoluta ) E iu aspettu! ( a braccia conserte )  ‘Avi chinnici anni c’aspettu!

DON ANDREA

E tu aspetta…aspetta…Aspetta e spera!!!  ( si alza, accende il sigaro, aspira una grossa boccata ed in mezzo ad una nuvola di fumo e sulle note della solita musichetta, allarga le braccia per accogliere, finalmente, Santuzza in un affettuoso e lungo abbraccio; lentamente cala la tela)

F I N E 

 

NOTE  DELL’AUTORE

Penso che in ognuno di noi che scrive, non importa se teatro, narrativa o altro,  o che lavori di fantasia, arriva un momento in qui si ha la necessità di fare una verifica della propria esperienza e maturità artistica. Arriva in ognuno, insomma, quel desiderio di scrivere cose nuove, originali, interessanti, che attraggano il lettore, lo spettatore o gli addetti ai lavori, in genere.

Ed è per questo che dopo venti commedie, molte delle quali rappresentate da numerose compagnie della Sicilia e oltre, che mi hanno dato tante entusiasmanti soddisfazioni, dopo due anni di riflessione e di altre esperienze ho pensato ad “ASPETTA E…SPERA “, il cui spunto devo al mio caro amico Nello Giavatto, prematuramente scomparso,  ed alla cui memoria dedico questo mio lavoro.

Non è la mia classica commedia densa di colpi di scena, di battute ad effetto, ma un lavoro teatrale in cui “i sentimenti” la fanno da padrone. I sentimenti più disparati che compongono il campionario umano. La commedia, ambientata intorno agli anni trenta, periodo storico che mi ha sempre affascinato perché oltre al fatto di non averlo vissuto, con tutte le sue contradizioni, mi è stato raccontato dalle persone a me più care. Un periodo storico che rappresenta la scena ideale per un tipo di scrittura teatrale tradizionale e popolare che ha dato, attraverso i grandi della commediografia siciliana – Martoglio, Russo Giusti, Macrì, Capuana, Verga, Pirandello – il meglio del Teatro Siciliano.

Ed è per questo motivo che è molto difficile, oggi, scrivere pensando alle tematiche di quegli anni, quando tutto è stato scritto dai “mostri sacri”, ed ancora più difficile cercare di rendere credibili le storie senza scadere nella banalità o nelle frasi fatte, ma, al contrario attrarre lo spettatore e fargli vivere la commedia nei suoi lati più reconditi, nella sua essenza più interiore, fino a fargli assaporare i sapori, i colori e gli umori di quell’epoca. E’ un’impresa ardua ed affascinante nello stesso tempo, quasi fosse una scommessa con te stesso, ed proprio per questo che necessita quella maturità  ed esperienza di cui parlavo prima. Ed è con la consapevolezza di queste difficoltà che per più di tre mesi mi sono sforzato di entrare nella storia che ho descritto, come fosse un “ritorno al passato “, perdendo nottate intere nel pensare sempre ad essa, con sempre maggiore intensità, fino a farla diventare, più delle altre, qualcosa di me stesso. Ho lavorato sui personaggi fino a “dipingerli” nel modo più credibile e non so se sia riuscito nell’impresa, gli altri potranno dirlo, ma in ogni caso con “ASPETTA E…SPERA “ mi sono sforzato di dare una svolta al mio modo di scrivere teatro, descrivendo qualcosa che è dentro di me e che da tempo aspettava di essere espresso.

Un breve cenno sui personaggi

Andrea Artale è il personaggio su cui ruotano tutti gli altri, pregno di quella bonaria umanità e dell’ironia tipica del nostro popolo,  che lo rendono simpatico ed accattivante nella sua dimensione scenica. Ma se il professore Artale è la simpatia personificata, donna Teresa Verdesca, la padrona di casa e donna Sara Artale, sua sorella,  sono proprio l’opposto contrario, ossia, la cattiveria e la malafede. Ma c’è anche l’aspetto sentimentale e ingenuo, rappresentato dalla cameriera Santuzza, il lato umano più vero nei personaggi di Aitina e Cornelio, i due sposini, o nel fratello prete don Mariano Artale,   o quello comico e di carattere in don Nino Restivo e suo figlio Niluzzu, per finire con il podestà Alfio Spanò, grottesco e falso fino al midollo.

                                                                                                                                   Renato Fidone

BIOGRAFIA DI RENATO FIDONE 

SETTEMBRE  2014

RENATO FIDONE è nato a Scicli (Rg) il 13.4.1950. Laureato in Scienze Sociali all’università D’Annunzio di Chieti/Pescara, ha lavorato presso il di D.S.M  di Modica (Rg)  coordinando  dal  1990  il Servizio Sociale Dipartimentale della AUSL 7, oggi ASP Ragusa. Dall’ 1.10.2011 è in pensione.

Da oltre 40 anni è impegnato con il Teatro Amatoriale e dal 1984 dirige la Compagnia Teatrale “Gli Amici di Matteo”, di cui ne è il Presidente/Legale Rappresentante.

Nel 1988 fonda, assieme agli altri componenti dell’epoca della compagnia, il Teatro Piccolo Stabile, una struttura teatrale di 99 posti, adiacente alla sede della compagnia, utile per le prove degli spettacoli e per eventuali rappresentazioni.

Come autore ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui:

Premio Speciale alla Carriera dal Comune di Scicli  per il 60° anno d’età   2010 Primo Premio al Concorso Internazionale  “Teatro di Locarno” 1998 Premio Regionale “Alessio Di Giovanni” sez. Teatro – Raffadali (Ag) 1999 Premio “Ulivo d’Oro” Catania 1995 Premio “Ulivo d’Argento” Ragalna 1991 Secondo classificato al “Premio Scena” Zafferana Etnea 1992 Premio Speciale del Comune di Agnone (prov. di Isernia) 1992 Targa di Riconoscimento Speciale dalla Compagnia “Le 4 C” di Agnone (Is) 1992 Secondo Premio al Concorso Internazionale “San Giuliano” Milano 1989 Terzo Premio al Concorso Regionale “Scrivere in Dialetto” Catania 1988 Terzo Premio al Concorso Regionale “Ulivo d’Argento” Ragalna 1998 Migliore Testo di Autore Meridionale – Soveria Mannelli (Cz) 1988 Migliore Novità Teatrale al Festival Nazionale di Termini Imerese 1987 Premio  Speciale come Miglior Autore alla  Rassegna Nazionale di Rosarno (RC) 1988 Premio  Speciale come Miglior Autore  alla Rassegna Nazionale di Rosarno (RC) 1989 Premio Sezione Cultura “Giornale di Scicli” 1985

Ha ricoperto per conto della F.I.T.A. ( Federz. Italiana Teatro Amatori ) la carica di Presidente Provinciale e Regionale. Al Congresso Nazionale FITA del 16.5.2000 è stato eletto Presidente del Collegio dei Sindaci.

Nel 2008 viene eletto Consigliere Regionale con la delega di Direttore Artistico e responsabile delle attività teatrali e dei rapporti con le compagnie affiliate. Nell’ultimo congresso FITA SICILIA del giugno 2012 a Pergusa,  è stato rieletto Consigliere Regionale  e riconfermato  Direttore Artistico regionale

Ha scritto diversi monologhi recitati dall’attore Enrico Guarneri, in arte “Litterio” e ha svolto in alcune occasioni  le funzioni di “esperto” nei progetti PON delle scuole pubbliche e di direttore artistico  in particolari avvenimenti artistici e teatrali. Viene chiamato di sovente, vista la sua ampia conoscenza ed esperienza nel panorama teatrale siciliano, dalle compagnie amatoriali, come consulente per gli allestimenti dei cartelloni teatrali.

Autore, tra l’altro, di poesie dialettali e in lingua, collabora con un gruppo di musica folk ,  scrivendo i testi di alcune canzoni,   racchiuse  in un cd  e recentemente pubblicato e regolarmente registrato alla siae.

I suoi lavori teatrali, rappresentati in Sicilia, Puglia, Calabria, Basilicata, Toscana, Lombardia, Belgio, Svizzera, Francia, Canada, e N.Y., da numerose compagnie della Sicilia e oltre, sono tutelati dalla SIAE, cui è iscritto dal 1984, divenendone Socio il 12.3.1997. Dal 22 maggio 2010 ha acquisito il diritto all’assegno mensile di professionalità, riconoscimento riservato agli autori ultra sessantenni più rappresentativi. Da oltre 25 anni è socio del sindacato ANART, associazione nazionale autori radiotelevisivi e teatrali.

       

              Elenco dei suoi lavori depositati alla SIAE :

1.AMURI DI FRATI  (1981) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

2.E’ TUTTA UNA CONGIURA (1982) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 11 personaggi

3.LA CASA POPOLARE (1982) commedia in 1 quadro e 3 tempi (scena unica nei 3 tempi) 9 personaggi

4.ALLE DONNE PIACE COLA (1980) commedia in 3 quadri e 2 tempi (3 scene in un unico spazio)11 personaggi

5.LA COSCIENZA NON BASTA (1980) commedia in 2 tempi  ( scena unica )9 personaggi

6.LA POESIA E’ UNA COSA SERIA (1986) commedia in 3 atti ( scena unica )12 personaggi

7.LA POSIZIONE SOCIALE (1984) commedia in un atto (scena unica) 6 personaggi

8.IL PROBOVIRO (1986) da G.Fava rid. e adatt.in 3 atti (3 scene in un unico spazio) ( 50% dei diritti)  12 personaggi e 3 comparse

9.SOLI SULLA NAVE DEL PIACERE AVVINTI DAL DESTINO (1987) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 13 personaggi

10.LO SPIRITO DI MIA MOGLIE (1988) commedia brillante in 2 tempi (scena unica)7 pers.

11.I  SOLITI  IDIOTI COLPISCONO ANCORA (1989) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

12.VI PRESENTO MIA SORELLA (1991)commedia in 3 atti (scena unica)versione in lingua italiana di Amuri di Frati – 10 personaggi

13. MEGLIO UN UOMO VERO CHE UN PRETE FINTO (1992) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 11 personaggi

14.FERMATA A RICHIESTA (1992) atto unico grottesco (scena unica) 3 personaggi

15.DONNA PIACENTE…QUASI VEDOVA, CERCA MARITO (1993) commedia brillante in 2 quadri e 3 atti (scena unica)11 personaggi

16.UN PRONTO SOCCORSO QUASI PRONTO (1993) farsa in un atto (scena unica) 8 pers.

17.IL FILO SPEZZATO (1994) dal romanzo di Nicola Caporale “L’amica d’infanzia” commedia drammatica (due scene in un unico spazio) 6 personaggi

18.NON TI PAGO  (1994) da E.De Filippo- riduzione dialettale e adattamento in 3 atti-  (30% dei diritti) 12 personaggi-scena unica

19.IL PARACADUTE, ovvero, come intrappolare un taccagno (1995) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

20.AVANTI …A CHI TOCCA , storia tragicomica di un avvocato (1997) atto unico brillante (scena unica) 5 personaggi

21.L’EREDI UNIVERSALI (1998) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

22.ASPETTA E…SPERA (2002) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

23.IL RITORNO DEI SOLITI IDIOTI  (2002) commedia brillante in 3 atti e 1 quadro  (scena unica) 12 personaggi

24.‘U PARANINFU SICILIANU  (2004) da  Lu Paraninfu di L.Capuana, riduzione e adattamento-11 personaggi-(due scene)

25.MA CHE BELLA FAMIGLIA!!  (2005)commedia tragicomica in 3 atti, 10 personaggi in unica scena

26.ALL’OMBRA DELLA TORRE (2010)  trasposizione teatrale e libero adattamento dal romanzo di M. Giardina “La Risacca” ( tre scene in un unico spazio con giochi di luci)

27.EMPORIO LOMAZZO, tutto a metà prezzo (2012)  commedia brillante in due tempi (scena unica) 12 personaggi

28.L’ULTIMO ESAME   (2012)  atto unico con finale a sorpresa  – (scena unica)    4 personaggi

29.ALBERGO SPLENDOR, storie di donne sole  (2013)  commedia in due tempi (scena unica) 12 personaggi

  RENATO FIDONE

  Via Lido, 47 –97018 SCICLI (Rg)  - Tel.: 0932 . 937912 casa – 0932. 830008 estate e festivi

  333.6016300 – email fidoner@tiscali.it    -  fb

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 48 volte nell' arco di un'anno