Atto unico

Stampa questo copione

Atto unico

Atto unico

PERSONAGGI

AMELIA

CLEMENTE, suo marito

persone di servizio:

STEFANO

GIUSEPPE

ALFONSINA

ANNA

TERESA

Stanza da pranzo signorile. Un tavolo in mezzo coperto per la colazione. In un canto una scopa.

SCENA PRIMA

AMELIA e CLEMENTE

Il signor Clemente e la signora Amelia prendono il caffè.

AMELIA.       No posso darme pati della fortuna che go 'vuda. In un sol giorno go trovà coga, camerier, cameriera e serva de cusina. No gaverò piú da maneggiar quell'ordigno là (additando la scopa). Una fortuna simile non me ga tocà dopo che son nata.

CLEMENTE. E se no sbaglio me par che ti me gabia sposà dopo che ti xe nata.

AMELIA.       Dai! No arabiarte! No ti vorà meterte a confronto con quatro de loro: Coga, camerier, cameriera e serva de cusina.

CLEMENTE. Ti gà bon tempo, ti!

AMELIA.       Eh! zà! scherzo! (Molto seria.)

CLEMENTE. No capisso perché che no ti gà sposà un camerier. Almeno non te gaveria ocorso de zercar quatro de loro ma tre.

AMELIA.       Anche ti ti ga bon tempo! Come se no se savessi che voialtri omini prima de sposarve prometé mari e monti e po... El me gavaria promesso de tegnirme la casa in ordine, de lustrar e anche de cusinar e po el saria andà a spasso e a mi me gaveria istesso tocà de tor in casa un altro camerier un vero camerier.

CLEMENTE. Ma se tuo marí fosse stado un vero camerier anche lú, no ti gaveria vú i soldi per pagar quell'altro.

AMELIA.       Ma no ti vedi che scherzo?

CLEMENTE. Mi me par che ti sta diventando mata.

AMELIA.       Sí! Dal piazér un poco me gira la testa.

CLEMENTE. E chissà che zente che ti gà tirà in casa. I xe arivai qua stanchi morti alle quatro de matina. Pareva che i gavesse caminà tutta la note.

AMELIA.       Sí! Iera un poco strano ma no se podeva miga butar fora de casa la fortuna. No i me ga gnanca dito che can elo che li gà mandà. I se ga messo subito a dormir e a russar tutti d'acordo. Se doveria per questo creder che i sia in bona armonia fra de loro. Se xe cussí basta che femo atenzion de no farli rabiar noi e i me resta per tutta la vita.

CLEMENTE. Se no i me fa rabiar a mi, mi no li fazzo rabiar a loro.

AMELIA.       Come se fosse la stessa roba. Ti, ti te rabi, ti va via e ghe xe meno da far. Inveze se se rabia loro... Intanto ti ti resti e ghe xe uno de piú da servir.

CLEMENTE. Dopo tanti ani che ti xe parona de casa saria ora che ti savessi tegnir in ordine la tua servitú.

AMELIA.       Ma no ti xe proprio ti che ti me buta tuto per aria? Ti ti gà manda via Giacomo! E per una roba de niente.

CLEMENTE. Per una roba de niente? El me ga dà un piato per la testa, el me ga dà!

AMELIA.       Per sbaglio! El credeva de meter un piato sul altro! Dopo el xe corso alla guardia medica e el te ga assistí quando che el dotor te ga cusido la testa! Ma no ga servido a niente e ti ti lo ga volesto fora de casa.

CLEMENTE. Stimo mi! Lo go sentido mi a dir al dotor che el iera rimasto sorpreso della durezza della mia testa.

AMELIA.       Iera per tuo ben! El doveva pur dirghe al dotor tutto quel ch'el saveva de quela testa. E cussí tutto xe andà per aria. La coga iera la so sposa e la xe andada via anche ela. La cameriera ga fato lo stesso disendo che la gaveva el stomigo debole e che no la voleva cambiar coga. La serva po vedendosi sola con mi e con ti la se ga anoià e la xe scampada. E xe un mese che sgobo sola e che no rieso a meter ordine in sta casa. Fra ti e i tui fioi ghe voria almeno trenta de servitú.

CLEMENTE. Quei poveri fioi che xe serai tuto el giorno in quella camera de drio.

AMELIA.       E ti voria che li lassassi sporcar anche de qua. No son miga come la signora Berta quassú che tien la casa come una stala. Go visto la sua casseta del carbon tutta nera.

CLEMENTE. E che color la ga da aver?

AMELIA.       Stupido! El carbon ga da esser nero ma la casseta deve esser bela, pulita, bianca. Ti ga finalmente finí de bever el cafè?

CLEMENTE. Voria ancora una chichera.

AMELIA.       Lassa star che te fa mal de nervi.

CLEMENTE. Lassa star che de nervi mi no ghe ne go. (Si versa del caffè.)

AMELIA.       Ah! ti me ga macià la tovaia apena messa.

CLEMENTE. Una macieta, no fa gnente.

AMELIA.       Come no fa gnente? Xe l'ultima tovaia che go del mio coredo. Forse lavandola subito no ocore lissia! (Leva via dalla tavola tutto l'apparecchio e anche la tovaglia di cui mette un lembo in un bicchiere. Clemente con la tazza in mano resta male.) Ti la ga finida con quel cafè? Ti sporcherà anche per tera. (Gli leva dalle mani la tazza.)

CLEMENTE. Uuff! (Dopo una pausa.) El Picolo? A che ora vien adesso el Picolo?

AMELIA.       Anche el Picolo ghe ocore apena dismissià! No ti pol tortelo quando che ti va in magazin?

CLEMENTE. Xe per riguardo alla tua nova servitú che go de rinunziar a questa mia vecia abitudine?

AMELIA.       Che servitú d'Egitto! Xe el portiner che porta el Picolo! Scominzia a prender in urta la servitú! Mi te conosso, merlo! Un bel giorno ti te impizi e ti me la fa andar via tuta. Ma no ti gaverà sto bàgolo. Anzi voio che ti stia a sentir la regola nova che meto in sta casa. Una regola assoluta e la deve valer per ti, per mi e per loro, per tutti.

CLEMENTE. Sentiremo anche sta regola.

AMELIA.       Ti sentirà come che trato mi la servitú e voio che ti la trati nel stesso modo anche ti. (Suona il campanello elettrico.) Una... per el camerier, po due per la cameriera, tre per la coga e quatro per la serva.

SCENA SECONDA

GIUSEPPE, ALFONSINA, TERESA, ANNA e DETTI

AMELIA        (maestosamente). Ti vedi intanto come che i me ubidisse.

CLEMENTE. Scova nova... (Vede il "Piccolo" in mano a Giuseppe.) Tò! El Picolo! La senta! La me faria el piazer de imprestarme quel giornal?

GIUSEPPE.   No posso! Nol xe mio.

CLEMENTE. E de chi el xe se se pol saver?

GIUSEPPE.   Mi no so! Lo ga portà el portiner.

CLEMENTE  (glielo strappa di mano). E allora el xe mio. Bel ordine questo! No ti li ga gnanca avisadi che el giornal xe per mi! (Riscaldandosi) Ma come che el xe inteligente el tuo novo camerier. Per chi el vol che sia el giornal? Per el gato forse?

GIUSEPPE.   Soio mi! No lo tignivo miga per mi. Mi nel Picolo no lezo che el romanzo e questo xe presto fato.

AMELIA        (minacciosa sotto voce a Clemente). Ti vol star zito ti adesso?

CLEMENTE. Aspeta! (cerimonioso a Giuseppe.) Se la vol lezer el romanzo del Picolo che lo taierò fora.

GIUSEPPE    (contento). Va ben cussí! Allora ghe porterò el giornal apena ch'el ariva.

AMELIA        (con calore). Grazie, Clemente (a bassa voce).

CLEMENTE  (a bassa voce). Se ti badi a mi buta subito fora quel muso de can. (Si mette a leggere.)

AMELIA        (stringendosi nelle spalle). Ti xe mato ti. Dunque, senti., Quà volemo andar ben d'acordo perciò che voialtri ve trové ben e anche mi. Dunque mi ve dirò prima quel che mi domando e diseme pur francamente quel che ghe ne pensé. Parlando se finisse col intenderse. Prima de tuto voialtri conossé i regolamenti de polizia?

I QUATTRO  (un po' intimiditi). Polizia?

AMELIA.       Se no li conossé ve dirò intanto mi una delle legi che xe in sto regolamento. (Poi scandendo le sillabe.) Per abbandonare un servizio bisogna dare un preavviso - me sté a sentir? - de... de... de sie mesi.

GIUSEPPE.   E mi che credevo che per lassar un servizio bastava meter insieme le proprie robe e andarsene? Sie mesi? Mi go leto el mio libreto e go visto che no ocore che un preavviso de ventiquatro ore.

AMELIA.       Oh! Bugiardo! In tuti i libreti sta scrito oto giorni.

GIUSEPPE.   Vada per oto giorni. Ma dove la ga visto parlar de sie mesi?

AMELIA        (imbarazzata). Eh! in quel stesso libreto dove se parlava delle ventiquatro ore. Ma se ti conossi el libreto perché ti vol darme da intender che no ti lo conossi? Questo me dispiasi. Xe una mancanza de franchezza. Come poderemo intenderse se fingemo de saver e de no saver? El libreto lo savemo tuti. E po' no se trata de andar via adesso, se trata de restar. Fin che mi son bona e vú fé el vostro dover de libreto no ghe né bisogno.

ALFONSINA.           E difatti noi no lo gavemo gnanca. Lo ga solo lú Giuseppe.

AMELIA.       Diavolo! Se core rischio de pagar dele multe! Fame veder el tuo libreto.

GIUSEPPE.   El xe un poco sbagazzà... ma no fa gnente! (Lo porge.)

AMELIA        (guardando il libretto). Oh! bela! Da quatro ani nol iera piú in servizio.

GIUSEPPE.   La guardi meio! No pol esser! (Guarda anche lui il libretto.) Quatro ani! Eh! sí! 1909! Quatro ani, quasi zinque anzi! Come che passa el tempo! E mi che sono ancora tuto stanco de lavorar!

AMELIA.       Ma come ti ga fato a viver tuto questo tempo?

GIUSEPPE.   Oh! Bela! (Imbarazzato.) Mi...

ALFONSINA            (gli parla all'orecchio). Dighe che ti ga eredità...

AMELIA.       Cossa xe sto parlarse in orecia?

GIUSEPPE    (ad Alfonsina). Ma sí! Cossa xe sto parlare in orecia? Go giusto mi bisogno dei tui sugerimenti! Siora squinzia!

ALFONSINA.           A mi squinzia? Toco de mus!

CLEMENTE. Ve prego de no far barufa in sta camera!

GIUSEPPE.   Ah! basta dirmelo! In questa camera no se fa barufa! Ti ga sentí. Nelle altre sie ghe xe abastanza posto!

CLEMENTE. Nol me faza 'rabiar co' sto suo spirito de bacalà! Se el vol far spirito el vada in quela camereta là sul coridoio! In che casa el credi de esser?

GIUSEPPE.   To'! Mi credevo de esser in una casa pulita dove che quando i fa barufa i sta a sentir e no i ghe dà adosso a uno de loro! No xe casa per mi questa.

AMELIA        (a Clemente). Te prego Clemente de star zitto. Se el va via lui te fazzo far de camerier a ti. (Ai quattro a bassa soce.) No steghe badar a lú. In casa, zà, no 'l ghe ne entra.

GIUSEPPE.   Nol xe suo marío?

AMELIA.       Sí! Giusto per questo no 'l ghe ne entra. (A Giuseppe.) Ma cos' ti fa barufa con Alfonsina? No i me ga dito che ti sta per sposarla?

GIUSEPPE.   Sí! Ma fora de servizio! Apena che entremo in un servizio se fa barufa! Ela vol che mi neto tute ste camere e la vol far la siora! Apena entrai in sta aria serada se fa barufa. Fin che se iera all'aria averta...

AMELIA.       Ma no podé lassar che mi fazzo la distribuzion del servizio? Almeno cussí no ghe saria barufe fra voialtri.

ALFONSINA.           Eh! sí! Xe meio barufar coi paroni.

AMELIA.       Con mi no gaveré mai barufe! Steme a sentir! Sé in due per le camere!

ALFONSINA.           In tre! La serva no ghe ne entra forse?

TERESA.       Mi gò abastanza da far in cusina.

AMELIA.       Ma ti pol anca ti darghe una man.

TERESA.       Ah! no ghe ne voio saver. Prima se dà una man, po' due, po' tre. No se sa dove che se va a finir! La serva xe maltratada da tuti. Dai paroni e dai servi. Finissi che l'unica che lavora in una casa xe la serva. Quatro ani fa nel mio ultimo servizio i me gaveva ciolta per la cusina, po' i me ga dà i anditi e go finí in camera da leto. E loro intanto se la blangiava.

AMELIA.       Da quatro ani ti xe anca ti fora de servizio?

GIUSEPPE.   E perché no dirghelo? Quatro ani fa xe morta la nostra ultima parona e la ne ga lassadi eredi universali.

AMELIA.       Che bona idea! Anca mi se sé boni e fe el vostro servizio ve lasso soldi in testamento.

GIUSEPPE.   Gavé senti? (Agli altri tre.) Cara parona! El servizio? Altro che! Ghe lustreremo le cosse fin che le va in frantumi.

AMELIA.       Ma se podaria calarve un poco la paga. Dopo trovaré el dopio alla mia morte.

I QUATTRO  Ah! no! (Disillusi.)

ALFONSINA.           La xe poco furba, ah?

GIUSEPPE.   De quel'orecia non ghe sentimo.

AMELIA        (pensierosa). Ma se podaria trovar un modo de andar d'acordo. Per esempio de qua a qualche ano poderessi trovar un capitaleto.

GIUSEPPE.   Ma prima volemo la paga intiera.

AMELIA.       Ah! ben! Xe un poco difficile. Prima volé tuto e po de novo tuto.

ALFONSINA.           Semo stati abituai cussí!

AMELIA.       Ben, ghe penseremo! Intanto andé al vostro lavor. Mi no voio secarve. Cerché de andar d'acordo. Mi capisso che xe meio che no me missio tropo. Nassaria malani da bel principio.

ALFONSINA            (a Teresa). E cussí ti ti filerà moscardinal

ANNA.           No badarghe! Ti ti resti in cusina.

ALFONSINA.           Due ore al giorno e no de piú. (Tira a sé Teresa.)

ANNA            (la strappa a sé). Che vedo mi!

TERESA        (piangendo ad Amelia). La vedi siora parona cossa che le me fa.

AMELIA.       Meno mal che una almeno farà el suo servizio! Ben, coga! Cos' ti ne fa da magnar ogi?

ANNA.           Mi cusino una sola volta al giorno. Per zena ghe xe el porzetér! O se no no xe possibile de tegnir neta la cusina.

AMELIA.       Sia! Ma per pranzo cos' ti ne fa?

ANNA.           Intanto gnochi de patate!

CLEMENTE  (alzando gli occhi dal giornale). No me dispiasi. Ma almeno ti li sa far i gnochi?

ANNA.           Oh! bela! No savarò far i gnochi. Ciogo prima le patate le piú giovani e le mastruzzo. La capissi? (Gli va quasi addosso.)

TERESA.       Oh! Che bela coga! La se dimentica de spelàr le patate!

ANNA.           Ti vol taser bruta petegola? Spelar te toca a ti! Mi quando ciogo le patate per mastruzzarle le devi esser zà spelade.

CLEMENTE. La vol cessar de meterme le man adosso?

ANNA.           La scusi! Mi me iera simpatico un omo che ghe piasi i gnochi.

AMELIA.       Ben andé, andé al vostro lavoro che xe tardi.

ANNA.           Ma mi oggi i gnochi no ghe li fazzo a sto omo. Per ogi i dovaré andar dal porzetér anca a pranzo. La cusina xe sporca come una stala. Devo prima netarla.

CLEMENTE. Ti vedi cos' che ti fa a forza de bontà? Gavemo la coga e saremo condanai al salame per tuta la vita.

AMELIA.       Lassa, lassa per ogi. La gà in fondo ragion. Ti pol imaginarte che sola come che iero no podevo miga meterme a netar anca la cusina.

CLEMENTE. Ben, ma el pranzo...

AMELIA.       Coss' ti vol forse darme una filada davanti a tuta la servitú? Bel onor che ti me fa.

GIUSEPPE    (a bassa voce). Brava!

CLEMENTE  (rimettendosi al suo giornale). No la pol sfogarse con lori e cussí la se la ciapa con mi.

AMELIA.       Ben, andé, andé a lavorar. No steve sfadigar tropo ma fé pur qualche cossa per tignir in ordine la casa. Anche vú gavaré un poco de ambizion e se la casa spuzza i parlerà mal anca de voialtri.

GIUSEPPE.   La se fidi de mi siora Amelia. Mi farà quel che posso. Lavoro solo dò ore al giorno ma in quele ghe ribalto tuto el quartier. (Esce.)

ALFONSINA.           Mi inveze lavoro tuto el giorno ma voio aver la serva a vizin per alzar le scovazze che fazzo. (Esce trascinando con sé Teresa riluttante.)

ANNA.           Se i me porta via la serva no so quando che podarò scominziar a cusinar in quela cusina. (Esce.)

SCENA TERZA

AMELIA e CLEMENTE

AMELIA        (prende la scopa). Capisso che con la servitú che gò no poderò star de bando. (Pensierosa si mette a scopare.) Ancora coi altri se podaria andar d'acordo ma quela coga me fa paura. (Scopa ancora.) To! Che idea! Senti, Clemente, e se ti ti ghe fazessi la corte alla coga?

CLEMENTE. A quel folpo? Ti xe mata? Ancora ancora se se tratasse de quel boconzin de cameriera...

AMELIA.       Ciò! Sporcacion ti vol star zitto? Te dago la scova per la testa...

CLEMENTE. No ti me ga ti proposto de darme la coga? Se go da ciorghene una me par che poderò sceglier.

AMELIA.       La coga te la proponevo perché non la me fa paura.

CLEMENTE  (con brivido). Ma la me fa ben paura a mi.

AMELIA        (scopando pensierosa). Ti sa che bel che saria de poderghe dir la prima volta che la ne manda dal porzetér: Te accuso per adulterio; te fazzo meter in cheba.

CLEMENTE. Sí ma i me meteria in cheba anche a mi e con ragion.

AMELIA        (scopando rabbiosamente). Zà con la servitú no se la vinze mai. (Pausa.)

CLEMENTE  (eccitatissimo e spaventato a bassa voce). Oh! Amelia! Cossa che ne nassi. Ti sa chi che xe sta tua servitú?

AMELIA        (scopando). Eh! A sta ora so che no i val piú dei altri.

CLEMENTE. Parla pian, te prego. Ti sa cossa che i xe? (Porgendole il giornale.) Guarda, guarda. I xe ladri forse assassini.

AMELIA        (prende il giornale e lascia cadere la scopa). Che vedo! Dove? Dove? (Cercando nel giornale.) "Una villa di via Rossetti svaligiata. Una banda di ladri scomparsa." I xe loro? - "Una giovine bellina dall'aspetto petulante... Una brutta dall'aspetto stupido..." Eh! I xe lori! "Un uomo di trent'anni circa dall'aspetto di manutengolo ben nutrito..." Eh! Xe Giuseppe. "Un uomo grosso che è di solito travestito da donna." La mia Ana xe un A... La mia coga xe un cogo. Da tanti ani che volevo un cogo!

CLEMENTE. No zigar! Legi pure avanti. Mi intanto vado qua in via Scussa a avisar el comissario. (Cerca il cappello.)

AMELIA.       Ti con pena no ti te moverà fin che no te digo mi. (Lo obbliga a sedere.) Legemo avanti. "La villa di via Rossetti fu trovata in pieno ordine, solo vi mancavano gli oggetti preziosi. Anzi fu notato con sorpresa che la cucina fu pulita e lustrata dai ladri. La signora Ameri, la proprietaria della villa, dice che mancava di servitú da un mese e che perciò la sua cucina era molto sucida." Oh! cari, cari, i ga netà prima de scampar.

CLEMENTE  (con gesto analogo). Ghe gira, certo ghe gira. Forsi la paura...

AMELIA.       E come i sa sti diavoli che aspeto che ga la mia servitú? Oh! guarda! Iera con lori un cúcer e quel i lo ga becà. Che pecà! A noi che ne ocoreva giusto anche el cúcer.

CLEMENTE. Mi vado dal comissario...

AMELIA.       Ti adesso ti farà quel che voio mi. Ti anderà in magazin...

CLEMENTE. Vado! Vado! Meno mal che no te me oblighi de star in sta casa piena de ladri... Gnanca a pranzo no vegno. Zà per andar dal porzetér posso andarghe solo.

AMELIA.       Ti ti vegnerà a pranzo e ti trovarà un bel pranzo coi fiochi: Gnochi de patate, carne in tecia e strucolo de pomi. Oh! Ma come che xe stupidi sti omini. No te capissi, insempià, che finalmente saremo servidi non da servitú ma da briganti? Finalmente no gavarà piú servitú. Che liberazion! Me parerà d'esser in paradiso! Dunque ti ti andarà in magazin e ti me manderà el tuo grosso Stefano, quel che ghe somiglia a Raicevich. El magnerà e el dormirà qua. Ti te ciolerà un altro fachin e Stefano starà sempre in casa a aiutarme a diriger sta zente pericolosa. Ben, ti te distrighi?

CLEMENTE  Ti vol Stefano? Ma ti sa che ogni sera el xe imbriago?

AMELIA.       Mandimelo istesso! Ghe darò una bela mancia perciò che nol beva.

CLEMENTE. Se ti ghe dà la mancia el sarà imbriago anche prima de sera.

AMELIA.       Ben! Fin a stasera ghe penseremo. Intanto mandilo subito su. Va presto!

CLEMENTE  (in procinto di uscire ritorna ad Amelia). E no ti ga paura de restar sola coi briganti? (Entra Giuseppe ed egli s'arresta ed esce mormorando.) Forsi che i me la copa.

SCENA QUARTA

GIUSEPPE e AMELIA

GIUSEPPE.   Adesso gavaria de meter in ordine questa stala. Ma da che parte go de scominziàr?

AMELIA        (tradisce un po' di paura). El fazza pur pian, pianin, un poco al giomo!

GIUSEPPE.   Intanto Alfonsina deve meter in ordine la tavola. Cossa ghe ne entro mi coi crepi? (Va al campanello elettrico.) Per Alfonsina se ciama due volte? (Suoni.)

SCENA QUINTA

ALFONSINA e DETTI

ALFONSINA.           Se la me ciama continuamente se sa che no ariverò a far niente.

AMELIA.       Cara Alfonsina, no te go miga ciamada mi.

GIUSEPPE.   Siora squinzia! La go ciamada mi. La spareci la tavola che no xe afar mio.

ALFONSINA.           La tavola va ben, ma i crepi xe afar de Teresa. Per Teresa se sona tre volte? (Eseguisce.)

SCENA SESTA

TERESA e DETTI

ALFONSINA.           Ciò Teresa! Distrighite! Porta via quei crepi.

TERESA.       Mi no posso perché la coga me ga dà de netar le molete. (Sta per andarsene.)

GIUSEPPE    (la trattiene rudemente per la spalla). Ti vol far el tuo lavor toco de asina?

TERESA        (spaventata). Sí, subito. Che maniere.

GIUSEPPE.   Ma cossa la fa lei siora parona? Se la lassa che ne manchi de rispeto la serva alora dove se va a finir?

AMELIA.       Eh! se sa! La serva doveria ubidirghe a tuti...

GIUSEPPE.   Sí! Anche ala parona.

SCENA SETTIMA

ANNA e DETTI

ANNA            Cossa ti me lassi impiantade le molete tute sporche de grasso? Te le dago per la testa, ti sa?

GIUSEPPE.   Le molete ga tempo! Lassa che la finissa prima sta camera.

ANNA            (ad Amelia). Ma che parona del diavolo la xe ela? La lassa che tuti comandi. La diga ela una bona volta: Con chi ga da star Teresa? Qua altrimenti anderemo a pugni! (Suona il campanello.)

AMELIA.       Aspeté un momento e mi ve dirò subito con chi che ga da star Teresina. Vado a averzer mi perciò che voialtri no perde tempo. (Esce.)

GIUSEPPE.   Mi me par che per sta volta ghe la gavemo fata ala polizia. Pecà che quel mato de cúcer se ga lassà ciapar.

ALFONSINA.           Eh! podemo star tranquili. Se comportemo come se fossimo stai in servizio tuta la nostra vita.

ANNA.           Solo ste cotole me seca. Chissà per quanto tempo che me tocherà portarle.

GIUSEPPE.   Oh! Per un meseto! Dopo nessun ghe pensa piú e podaremo andar per la nostra strada.

ALFONSINA.           Ma a mi sta casa me piasi. La parona xe tanto geiitile e el paron tanto stupido che xe un piazer.

SCENA OTTAVA

AMELIA, STEFANO una frusta in mano e DETTI

GIUSEPPE.   Chi selo sto quà?

AMELIA.       El vol star zito fin che no ghe dago mi la permission de parlar. Dunque zà che volé saverlo ve presento el sior Stefano che sarà un altro vostro paron!

TERESA.       El suo moroso?

AMELIA        (le dà uno schiaffo). Ciò, bruta servazza, con chi ti credi de aver da far.

TERESA        (piangendo). Anche la parona me ga dà una sberla!

GIUSEPPE.   Cossa xe ste maniere? La ga bastonà la serva? Ah! No xe casa per noi. (S'avvia.)

AMELIA.       Aspeta un momento perché anzi questa xe l'unica casa per voialtri. El momento che passé per questa porta ve consegno ala polizia. (Tableau.) Ah! credevi de vegnir in una casa pulita per robar? Intanto qua ve go messo la guardia. Fin che staré boni e che faré el vostro lavor no gavé de aver paura de nessun...

GIUSEPPE.   Grazie, grazie parona. La ne vol salvar...

AMELIA.       Altro che salvar, salvar per mi. Ma contéme un poco come che ve sé pensadi de netar e lustrar la casa che gavé svodada.

ALFONSINA.           Ne fazeva schifo de moverse in quel logo cussí sporco.

AMELIA.       Bravi! Se mi fossi giudice ve assolveria. Che sporcona quela siora Armeri. E adesso poche ciàcole e marsch! Al vostro lavoro. Ancora un momento! Capiré che mi tegno sto omo per voialtri, per sorvegliarvi. Dunque la vostra paga resta quela che gavemo dito ma metà ghe la daremo a Stefano. Sé d'acordo?

GIUSEPPE    (ad Alfonsina che lo interroga). Eh! Cossa volé che femo? Semo d'acordo.

AMELIA.       E ti Anna ti te caverà ste cotole! Perché mi voio aver un cogo.

ANNA.           Meno mal! Almeno questo!

AMELIA.       Ma dopo pranzà perché prima no ti gaverà tempo, cara Ana. Ti ga da far i gnochi, cara Ana, ti ga da far la carne in tecia e po' un picolo strucolo de pomi.

ANNA.           Ma come! No andé dal porzetér?

AMELIA.       Del porzetér no se parla piú. E ti netarà la cusina, sporcona. (Dandole un calcio.) Che finora no ti ga netà che le molete. Per dopopranzo voio vederla lustra come un specio! Va in malora! (La spinge fuori.)

ANNA.           E Teresa no vien a aiutarme?

AMELIA.       Teresa per stamatina no ga tempo (A Stefano.) Daghe una frustada che la vada al suo lavor. E adesso marsch! Giuseppe e Teresa vien con mi a netar zinque camere da drio. Per stamatina no ve domando altro. Intanto Alfonsina netarà queste due. Stefano te sorveglierà. Mi vado con questi due. Mi basto per due. Marsch! (Esce con Giuseppe e Teresa ma subito rientra.) Dame la frusta a mi. Ti ti ga da far con la sola Alfonsina e con quela te basta i pugni. (Esce e subito dopo si sente un grido di dolore di Giuseppe e poi un altro di Teresa.)

SCENA NONA

STEFANO e ALFONSINA; voce di GIUSEPPE

STEFANO.    Ciò, moscardina, lavora! Son qua per starte a veder. El momento che ti te fermi, me movo mi.

ALFONSINA.           Eh! La fa un bel mestier! Mi no me degneria. El aguzin!

STEFANO.    Ti sa! De solito me sta a veder a mi el magazinier. Del resto no son miga un cativo mulo e se no ghe fosse quela marantega te lassaria far quel che te par e piasi. Quanti ani ti ga?

ALFONSINA.           Ventidue.

STEFANO.    E ti ga el moroso?

VOCE DI GIUSEPPE. Aiuto la me copa.

ALFONSINA.           Sí, quel che ziga. (Piangendo.) Se la xe un bon mulo la ghe dia un fraco de lignade a quela baba.

STEFANO.    No me mancheria altro. Fame piutosto ti el piazer e metite a zigar come se te bastonasse.

ALFONSINA.           Ahi! Ahi! (Urlando.)

STEFANO.    Brava! Cussí va ben. Ma gavé vu una bela fortuna de imbrocar sta casa dove che i zercava giusto tanta zente. Eh! La polizia come mi la conosso no ve trova mai piú. E la siora Amelia no ve lasserà meter gnanche el naso fora de la porta. Sastu dove che i tien el vin in sta casa? El paron me ga dito che i me daria un bicer de vin!

ALFONSINA.           A pranzo iera stabilí che i ne lo daria anche a noi. Ma adesso no so gnanche se i ne lasserà bever Nabresina.

STEFANO.    Eh! Fin a pranzo ti vol che aspeti? (Inquieto.) Noi, in magazin gavemo la petesseria alla porta e femo ogni tanto un scampon. Mi bevo poco, assai poco, ma sempre. (Guarda negli armadii e trova una bottiglia; la guarda con sospetto.) Chissà che roba da gnente! Qualche vin franzèse! (Lo prova e poi giocondamente.) Qua fora i scrivi che se trata de vin e drento inveze xe rum! E stagno, ti sa! Ti ghe ne vol una iozza?

ALFONSINA.           Mi de matina no ciogo che el cafè.

STEFANO.    E alora beverò anche mi la tua parte. (Ripete la bevuta e rimette la bottiglia al suo posto.) Adesso per quindise minuti almeno son bon. Te prego scova un poco perciò che la parona no se rabi con noi. Voria almeno finir quela botiglia. Aspeta che te aiuto. (Lui scopa ed essa si dà da fare alla tavola.)

SCENA DECIMA

AMELIA e DETTI

AMELIA.       Che beleza! Anche el guardian lavora.

STEFANO.    No me piasi de star cole man in man e cussí... (Imbarazzato.)

AMELIA.       Ma anzi! Lavora pur! Mi me piasi la zente che lavora! Ti vol una iozza de rum?

STEFANO.    No xe veramente la mia ora ma se la xe cussí bona no voio farghe el smaco de rifiutar. (Beve il bicchierino offertogli.)

AMELIA.       De là i lavora che xe un piazer. In oto giorni gaverà la casa piú lustra de Trieste. Adesso vado in cusina a conzar la coga.

SCENA UNDICESIMA

CLEMENTE e DETTI

CLEMENTE. Oh! Amelia! Xe la polizia! I ga circondà tuta la casa e i xe zà sule scale!

AMELIA.       Ciò! Se vengo a saver che ti xe sta ti dal comissario ti passi un bruto quarto d'ora.

CLEMENTE. Mi? Ti xe mata? Son sta avisà per telefono che la polizia ga ocupà la casa e son corso qua.

AMELIA.       Ma mi la mia servitú no la dago fora. La polizia no ghe entra in casa mia. Mi no ghe averzo la porta.

ALFONSINA.           Brava, siora Amelia! La ne difendi!

CLEMENTE. Sta atenta Amelia che no andemo in dispiazeri.

AMELIA.       Go un'idea! Noi dò e Stefano se vestimo de servi e loro li vestimo da paroni. La polizia ga la descrizion dei ladri ma no la zercherà quei conotati nei paroni. Zà quando che se ghe cambia la scorza no se sa piú se se trata de paroni o de servi. (Essa suona il campanello e nello stesso tempo grida.) Ana! Giuseppe! Teresa!

SCENA DODICESIMA

ANNA, GIUSEPPE con la testa bendata, TERESA con un occhio tumefatto e DETTI

AMELIA.       Sentí! Ghe xe la polizia! Ma mi go un piano de salvarve. Son sicura de riuscir.

GIUSEPPE.   Ma mi no voio salvarme. Mi voio andar in preson. Dove xe la polizia? Che la vegni che xe ora.

AMELIA.       Te prego Giuseppe. No esser cativo. No te darò piú per la testa. La credevo piú dura. Guarda a quel che ti fa! Ti no ti sa quel che xe la preson.

GIUSEPPE.   Come no so quel che sia la preson; ghe iero tante volte!

TERESA.       E anca mi! In confronto de sta casa la preson xe un paradiso. Intanto là no i domanda che se lustri e che se freghi! E po' no i dà pugni nei oci.

AMELIA.       Ben quel xe sta un sbaglio; scusime. Senti! La polizia xe sule scale. Se vede che i sta visitando un pian dopo l'altro. Dunque ghe saria tempo de meter in ordine sta povera casa. Mi gò butà tuto per aria credendo de aver el tempo de far tuta la casa in grande. Ve dago una setimana de paga se me lavoré per un'oreta.

ALFONSINA.           De paga intiera, de mezza o de un quarto de paga?

GIUSEPPE.   La ne dia qua i soldi e po' faremo quel che podemo.

AMELIA.       Ma se la polizia no me lassa tuta l'ora de tempo mi no pago niente.

GIUSEPPE.   Furbona! La lassi che andemo a riposar un poco anca noi.

AMELIA.       Sentí! Quando che gavaré scontà la pena no volé tornar da mi? Mi go finí col volerve ben e ve aspeteria.

GIUSEPPE.   La ne aspeti pur! Mi spero de no vederla che in quel logo dove che no ghe xe né case de lustrar né paroni né servi. Vegní, fioi! Che altrimenti le siore guardie le perdi la pazienza e le va via. Andémo! (Esce con Teresa, Alfonsina e Anna. Fuori c'è un momento di confusione e poi silenzio.)

SCENA TREDICESIMA

AMELIA, STEFANO e CLEMENTE

AMELIA.       Ciò, Stefano! Ti me darà ti una man a meter in ordine sta casa.

STEFANO.    Volentieri siora parona. Solo che questa saria la mia ora.

AMELIA.       De cossa?

STEFANO.    De un bicerin.

AMELIA        (velenosa). Ah! ti vol bever?

STIEFANO.   Bever poco, s'intende. Mi bevo sempre poco! Fazzo in modo de no esser imbriago prima dele sete de sera.

AMELIA.       Te darò mi el bicerin per la testa. Va al tuo lavor birbante.

CLEMENTE. Cussí ne toca andar a pranzo dal porzetér?

AMELIA        (urla). Oh! che odor de brusà! Me se brusa i gnochi! Birbante de Ana! No la podeva avisarne? (Corre via seguita da Clemente.)

SCENA QUATTORDICESIMA

STEFANO solo

STEFANO.    Senza bicerin la vol lassarme? (Prende la bottiglia dall'armadio.) Ogi sicuro no arivo ale sete de sera. (Beve lungamente.)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno