Avita campà cient’anne

Stampa questo copione

Il malato immaginario

Posizione siae :Nellantonio Aprea POSIZIONE N.216006

All’autore farebbe piacere essere contattato per eventuali cambi 3389932568


Presenta

di

Antonello Aprea

Liberamente ispirato da

“Il malato immaginario”

Di Molière

Napoli: seconda metà del XIX Secolo. La scena è ambientata in casa di don Peppe, un benestante signore di mezza età, ipocondriaco padre di una bella figlia, marito di una donna opportunista e  fedifraga,  vittima di uno sciame di dottorini-avvoltoi salassatori e ciarlatani. L’uomo, estremamente irascibile, ingenuo protagonista della vicenda forse spera di ingannare la morte, credendo a una malattia che gli consente di sconfiggere, almeno in apparenza, "il vero, immancabile, malanno di esistere". Sanissimo ma fanaticamente convinto di essere ammalato, egli passa la sua vita a consultare medici e ad ingoiare medicine. All’apertura del sipario appare solo, seduto ad una sedia a dondolo affollata di cuscini, posta sulla dx della scena. Sul fianco sx della sedia vi è un tavolinetto alto abbastanza da consentire all’uomo di operare su di esso senza doversi abbassare. Sulla sx, al lato opposto un altro tavolinetto, basso, corredato da due poltroncine. Al centro in fondo un mobile, anch’esso basso, di foggia antica, di un verde acqua con due porticine. Sul mobile vi saranno disseminati una miriade di vasetti di svariate misure, ampolle e  bottigline dalle quali traspariranno liquidi di vari colori. Ai lati del mobile due sedie.

                                                                          

ATTO PRIMO

Pulcinella

Orazio

Veronica

Orazio

Veronica

Orazio

Veronica

Pulcinella

Don Peppe

Pullicenè è pronto lu clisterie….pullicenè piglia l’interoclismo detersivo  a base di camomillo, ma che hadda lavà i panne? Pullicenè famme nu lavative disintossicante, per favorie assimilazione scarico ed espulsione, pullecenè che dice arrivo fino a dimane? E che ne sacce che tengo a palle e vrite?pullecenèèè me fa male ‘a capa, e a me m’abbrucia ‘o fronte, pullecenè me fa mala a panza, e pigliate nata purga, haaaaa pullecenella mia lu purmone m’ha lasciato, e se ne fuioto ca cistifellia, hanna fatto una fuita d’ammore, mo nascene e fecatieelle…pullecenella…se la milza è ancora fresca posso durare un’altra settimana? Padrò vuie avita campa cient’anne….sempe se ve luvate e miedece a tuorne ,  dottoooooooooo allora ogge che ce damme allu mio padrone ?

 Stai zitto e aspetta bestia ,Allora vedimme   che liggetta ce mannamme a don Peppe ogge,donna Veronica per i mali di panza che ci mandiamo ?

clisterie alla melissa, da aggiungere un litro d’acqua, bollire foglia di lattuga con fronna di testa ruta,  al mattino poi   un clisterino insinuativo, preparatorio e rammollente, destinato ad ammollire, umettare e rinfrescare le interiora di Vossignoria

Tre e ddoie cinche e cinche fanno dieci. e dieci vinte, e pure per oggi ci abbiamo

guadagnato….

Orazio , non esageriamo …’o stamme rignenne e lassative purghe e clisterie…

( fa segno che soldi non ce ne sono)

…. Servono…. servono se no la farmacia va e sotte e ngoppe, scrivimme scrivimm…dottò dettate …

Padrooooooooooooo, la ricetta con lu cunto dellu dottore….

.» Chello ca me piace de ‘st’ ommo, è ca quanno scrive lli fatture  è garbato, pulito, mai irriverente, manco si scrivesse ‘na puisia, ‘na preghiera, ‘na lode ecco. Guarda, guarda, «...le interiora di Vossignoria, tornesi  trenta.» (Sorpreso, e scattando) Sì; ma, signor orazio, essere urbano non basta: bisogna anche essere ragionevole. Trenta tornesi, sarebbe a dire tre grani, ae,  e  chisto co’ ‘n’ati sette grani facimme ‘no carlino, pe’ ‘na purga. ‘Na purga  costa quase ‘no carlino! Ah, no! L’ate vvote erano vinte;  venti tornesi, in gergo farmaceutico, vuol dire dieci.’E vi’ cca’: dieci. Eh, ma iatece chiano, caro Signor Gaudenzio! Vedite ca, de chisto passo nisciuno sarà cchiù disposto a cadé’ malato. Accuntentatevi ‘e quatto! Ecco qua, dunque vedimmo ‘no poco, tutte cose fa (ricontando) ……quatto e tre sette, ….unnece….  totale un carlino e sei grani. Sicché, dunque, questo mese, ho preso: una, due, tre, quattro, cinque, sei, sette e otto, medicine; e: uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci, undici e dodici lavativi; mentre, lo scorso mese, le medicine erano dodici e venti i clisteri. Ah,  mo capisco, allora, pecché ‘o mese passato stevo meglio. Ce l’aggio ‘a dicere a’’o miedeco, ha da vede’ che ha da fa’. Io me ‘o sentivo ca ero peggiorato. Se ha da sta attiento. Vulesse pazzìà co’ ‘a salute mia?!?. E mo’. Iammo bello, levateme tutte ‘sti scartoffie ‘a ‘nanzo. (Cessa la musica) (Non vedendosi obbedito ed accorgendosi d’esser solo nella stanza) Nisciuno! Non c’è verso che mi restino accanto ‘no momento!Aggio voglia d’alluccà’. ! Sempre solo come un cane, mi piantano! (Afferra il campanello ch’è sul tavolo e l’agita stizzoso) Non sentono! (Aiutandosi con la voce) Dlin, dlin, dlin...(resta ad ascoltare)  Niente da fare! Dlin, dlin, dlin... Tutti surdi! Tonina! Dlin, dlin, dlin... Tal quale non suonassi! Ah, cagna! Ah, brigante! Drin, drin, drin... Di che impazzire! (Smette di suonare e con la voce, gridando) Dlin, dlin dilindindin...Ca lu divolo te pigliasse,  ‘sta carogna! È possibile si lasci solo così un povero infermo? Dlin, dlin, dlin... (Fanciullescamente lamentoso)Da piangere, verrebbe! Dlin, dlin, dlin, dlin... Ah, mio Dio,e chiste me fanno schiatta’…... Dlin, dlin, dlin...

... Mo me se schiatta a meuza. Hanna abbandonato nu povero malato? S’hanna mise tutt quant a Vammace dinte ‘e recchie. Me farriane murì comme nu cane. Rosellaaaaaaa. Pullecenellaaaa!!!

Rosa

E che malora, sto cca…

Don Peppe

(sputando a terra) Ianara! Puozze pruvà la ghigliottina cu nu boia male pratteco

Rosa

Maledetta stà presse ca tenite! Tante de strille c’ ‘avite fatte, pensanne a correre sulo aggia pigliate nu sciuliaculo.

Don Peppe

Vaiassa!!!

Rosa

Uuuuuh!!!

Don Peppe

E’ cchiu ‘e n’ore…

Rosa

Iiiiiiih!!!

Don Peppe

…Che me lassate sule…

Rosa

Uuuuh iiiih ooooh!

Don Peppe

Te vuò stà zitte! Mo te schiaffo

Rosa

Chest’ è bella, vuje schiaffiate a me?! Vuje avite raggione ca site vecchio

Don Peppe

Tu m’amminacce pure. Natu poche tante de strille che aggia menato chiammannete, me se steve schiattanne a guallara!

Rosa

E ssai c’ asceve?… E vvuie tante da presse ca m’havite mise nguolla, me stevo rumpenno na custata. Quindi stamme parapatte e pace, io ‘a custate e vuje a guallara.

Don Peppe

Aaah Drapechera scustumate rispustera

Rosa

Si strillate me n vache e ve lascio sule …..e a voglia di alluccà sule tu….

Don Peppe

Chi tene ‘a forze de alluccare, io so nu povero malato, forse ogge è l’ultimo jurne ca campo, e tu faccia ggialle mo staje ndussecanno

Rosa

Uuuu iiii oooo

Don Peppe

Ma nu pozze avè neanche ‘o sfizzie ‘e me sfucà

Rosa

Siiii… sfucate, che a vuje ve piace e v’allamentà . . . vide llà nun se mette scuorne sta sempe cu na vocca aperta….hahaha…

Don Peppe

Nun so padrone? perché tu nun me faje arrapì n’anche ‘a vocca, ca te miette ‘a piccià… uuu iii oooo

Rosa

Vuje tinite o ggenie ‘e sfucà e io tenco ‘o ggenie e piccià, vabbuò

Don Peppe

Basta…stutamme stù lucigno, schiattosa! Sfratta stù tavulino

Pulcinella e detti

Pulcinella

d.d. Padrooooo… Padroooo…

Don Peppe

Acchiappe ‘a chist’aute… Chelle che nun haggia fatte ‘a te ‘o faccie ‘a isse

Pulcinella

Padrò eccome presente! Vuje avite chiammate, e io haggia currute

Don Peppe

Azz ‘e currute… me nu male! E si nun currive quande arrivave, ‘o mese che trase?

Pulcinella

Padrò, ma vuje v’ha arricurdate quande è luonghe o corridore?

Don Peppe

‘E comme no, ma che c’azzecca?

Pulcinella

C’azzecca Padrò, c’azzecca, Vuje quande iveve giuvunuttiello, nu corridore e chiste vo facivene dinte ‘a niente. Ma mo ca site malate, ce vo nu secolo…

Don Peppe

Ma pecchè tu si malate? Animale

Pulcinella

Io… arrassusia, ma ‘a voce vosta si! A puvurella nun c’ha fa a correre po’ corridore. A lloche parta bbone, po’ s’arrepose p’avia. E mente arriva nella recchia mia medesima ce ne passa de tiempo. Ca brutta cosa è la malatia. È o vere padrone mie… (piangendo) povero padrone mie…

Don Peppe

Sarria l’urdima cosa ca faccie, ma io t’accire

Rosa

‘E nu chiagnere, ca si ancora cchiu brutte, e po’ me puorte mala augurie… a vocia malata, ‘o corridore…..

Pulcinella si avvicina che la vuole abbracciare

Rosa

Tu piense a voce malate do signore? Invece e pensà a stì mane morte ca tiene… stù rattuse

Don Peppe

Uueeeh Basta! Iamme sfrattate stù tavuline, rosè ma nu lavativo d’ogge a fatte effetto?

Rosa

Lo lavative che v’avite fatto?

Don Peppe

E’ quale quello ca nun m’haggia fatto?! C’era bile assaje? Ciuccia!

Rosa

Che ne saccio, io nun ce trase dinte stì schifezze. ‘o miereco se piglia li denare,e isse ce invizza ‘o nase a dinte….

Pulcinella

Prendendo il pitale Padrò… bello… ha fatte effetto, e c’addore ca tene

Rosa

Tiè tiè e comme s’arrecrea ….pare che tiene na guantiera e paste mane….

Don Peppe

L’acqua cavere po lavative ha tenete sempe pronte?

Rosa

Pulleceneee, puorte l’acqua cavere o padrò

Pulcinella con recipiente che bolle ancora

Pulcinella

Eccome padrone L’acqua po’ lavativo è pronte

Don Peppe

Bestia!!! Me vuò va murì scaurate! Io v’aggia capite a tutt’e duje, ve site stancate e me… povero viecchie  e malate (piange)

Rosa

Nun mo fire do sentere… Padrò mo c’allungamme l’acqua fresca adinte

Don Peppe

‘A uso ‘e brore, io povero viecchie murì mane ‘a na lavannare e nu meza faccia, che fine

Pulcinella

Padrò…? Ma vuje che malatie tenite?

Rosa

‘E c’ho spie o padrone? Ce le addimandà ‘a don Micco e don Orazio, ca se spassano cu lu cuorpe de lu padrone, cu sciaquapanze e schifezze varie. ‘A lore c’avimme addimandà e che male soffre don Peppe e quanne le renne stà zezzenella c’hanna truvato?

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Uè.. sei medica tu? Tieni la laurea?

Padrò la tengo ma non la uso tanto spesso solo quando cucino la sasiccia, e comme venen spurite, padrò ve l’agia fa pruvà arricurdateme che vi porte

Ma che cosa? Che mi vuoi portare? Ma che stai dicenn cu sta vocc e lavannare ca tiene

Padrò ! il laureo quello che si mette nelle sasicce che si fa il decotto quando tente mal di pancia

Ma quale laureo e laureo e sasicce?Laurea

Aaaa, ma c’è anche la pianta femmina? Nun ‘a canosca.

uèèè….Tu ‘e parlà sulo ‘e culate ‘e de renaccie! Va me chiamme ‘a figlieme Nicoletta

Rosa

Padrò, ditte e fatte ‘o vellicolo ngape ‘o fuoco. A vi loca

Entra Nicoletta

Don Peppe

Nicoletta figlia mia cara, vieni a propuosito, mo te mannavo a chiammà

Nicoletta

E io so venute

Don Peppe

Rosa

Maronna, che friccicamiento in nguorpe, Nicolè, ca io vaco ‘e torno. Rosè pigliame o bastone… Fa’ ‘a mbress

(tra i denti) ci ‘o sunasse ngape…prego Padrone…(gli da il bastone)

Pulcinella

Padrò… Ma questo friccicamiento che vi sentite dinte ‘a lu ventre vostro fosse lu verme sulitario?

Rosa

Nu ci mettere ati penziere pe cape, lu padrone subbito se fisse

Don Peppe

O vere! Fossa la coda ca si friccichea dinte allu stentiniello mije. Mo ca vene don Orazio c’’a dimande (via di corsa con Pucinella)

Rosa

Facite priesto, ca vuje vi chiammate don Peppe e miedici vuoste vi farranno passà tutta ‘a vita ngoppe ‘a nu zi peppe

Nicoletta

Rusè

Rosa

Che c’è di nuovo signurì

Nicoletta

Guardame ‘n facce, tu già sai chello ca te voglie dicere

Rosa

Me vulite parlà e don Camillo e tutta ‘a semmane ca me ne parlate sempe e si nun ‘o facite pe na mezzora ve vene la pucundria

Nicoletta

Puozze essere benedetta, pe nu dicere acciso! Ma tu rosella mia dillo in coscienza aggio tuorte se penzo sempe ‘a Camilluccio?

Rosa

Ngoppa stù fatto tuorte nun vidarria mancu nu ciuccio

Nicoletta

Rosella mia, lu core che ve dice? Camilluccio è fedele ‘o me cuffea? 

Rosa

Signurina mia che ve pozze rispunnere? Mica ve pozze nduvinà si è male tiempo ‘o jesce o sole? Aiero che masciate ce mannasteve: Ca se sta storia adda je annanze, adda cercà la mano a lu pate vuoste. E tra poco se sbroglie sta matassa

Nicoletta

Si Camilluccie è nu faveze, nun voglie più guardare nfaccie ‘a l’uommene

(Entra Anastasia con don Onofrio)

Anastasia

(d.d.) Peppuccio, Peppuccio… è arrivata la tua dolce sorellina

Rosa

Chesta pappagalla nun ci voleva proprio, essa ‘e chillu addurmuto do marito

Anastasia

Buongiurno a tutti, ca mana attuorno, addo stà frateme Peppuccio

Rosa

‘E ‘a do po stà… indo ‘o cessuccio

Anastasia

Madonna… Maronna mia, frateme sta male?

Onofrio

Mio cognato sta male! Cosa è successo? Cosa è successo?

Rosa

Eeh don Onò, bravo, è na questione e cess… commo ‘o solito

Onofrio

Infatti non è una novità, chillo sta sempe ‘accussì nguaiate

Anastasia

Uee chi ha parlato (girandosi intorno) è trasuto nu cane? Oo ‘e parlate tu… commo ‘o solito ‘e parlate male da famiglia mia, pienza ‘a te e ‘a razza toje

Onofrio

Io a me vulesse penza… ma comme se po ffà io non riesco più a esprimere un pensiero?

Anastasia

Uee ma tu stai parlanne ancora, tiè piglete stù ventaglie a sciosceme, ca fa cavere, renditi utile… Nicolè bella di zia nun saccio comme te veco

Rosa

‘E comma ‘a vulite vede, tene ‘o core indo mmele

Anastasia

Uee ha fernute mariteme ‘e accumience tu, ma tu parle sempe ammieze, ndrighete de faccende toje

Rosa

Onofrio

Anastasia

Donna Anastà, pe crianza, lassateme stà, io nun songhe comme don Onofrie, io ‘o ventaglie vo chiave nfacce… (Rivolgendosi ad Onofrio) scioscia sciò

Rosella, e che vulite dicere, io sono ben onorato di soffiare la mia signora

Avite viste a isse ce piace di sciosciare … Io non capisco perché ‘a chesta nun ‘a cacciate uè ma ti sei fermato? E scioscia sciò…

Anastasia

… bella da zia chi ta muzzecate, ‘a passione ‘e l’ammore?

Nicoletta

Zi zia… è troppe nu bravo ‘e bellu giovane e forse ogge vene ‘a chiedere a mane ‘a papà

Anastasia

Che gioia che me stai danne… avvarria essere viva ‘a bonaneme ‘e mammete, speramme ca vene oggie accussi zi zi o cunoscie e te da pure o cunsenzo suoje

Onofrio

Auguri e felicità…questo è un grande giorno ed io sono onoratissimo ad essere testimonie a quest matrimonio….. viva gli sposi (sbatte le mani)

Anastasia

Chi è? chi ha parlate…? io ‘o sapevo, sì sempe tu, sei sempe esagerato, già l’he fattu spusà, forza scioscia ‘e statte zitto

Rosa

Scioscia scio

(entra Rita)

Rita

Papuccio… papuccio, dov’è papuccio?

Rosa

L’opera è completa, papuscio non c’è, sta in camera di concentramento

Rita

(ride) Ha fatto un lavativo?

Anastasia

Rituccia a zia come sei cresciuta, bella bella bella, tene ‘a stessa faccia gialla da mamma..bella..bella..

Onofrio

Se fatte propeto una signurina…alta… educata ….

Anastasia

Uee uee chi ha parlate? Ma tu ‘e capite che ‘e sciuscià e basta! Ma po’ comme te permiette di chiammarla signurina, chella è na creatura

Onofrio

Ma tu ‘e ditte che e crisciute? ‘e a me spontaneamente m’è sciute signurina…ma che ho dtto di male vorrei capire?

Anastasia

Ma che ci azzecca, io posso dire tutto, io e come si fosse ‘a zia,e sempe a figlia da seconda mugliere e frateme peppeccio tu chi si? Basta pe tramente nu vene Peppuccio, jamma ‘a salutà a donna Popa e tu scioscia..  ! Rituccia a zia ma la mamma dove sta?

Rita

Anastasia

Rita

Onofrrio

Anastasia

Rituccia

Anastasia

Rituccia

Onofrio 

Rosa

Rituccia

Anastasia

Rosa

Rituccia

Anastsia

Rosa

Onofrio

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Rosa

Don peppe

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Pulcinella

Rosa

Pulcinella

Rosa

orazio

Signora…scusatemi mi dimentico sempre di chiamarvi zia…

Sempe se ti fa piacer?

Diciamo di si

Ci ha fatto ‘a grazia ..e comme è spuntuta

Rituccia a zia, dicevo, ma mammà sta alla parte di dentro….?ce l’aggia ditte in italiano

Nun ‘o sacce ! mica devo sapere tutto quello che fa mia madre? Nun ‘o sacc…mica solo la sua guardiana, la sua ombra? Io nun sacc nulla va bene?

Rituccia io niente ti ho chieso e tu me mang e chesta manera?

Io vi mangio? Voi da quando siete entrate mi state abboffando di domande

Ma quella la zia voleva sapere semplicemente….

Insieme diranno: uè!… ma chi sta parlann? Statte zitte tu

E scioscia sciò

Con permesso io mi ritiro nelle mie stanze…(via)

Maronn ma chest piccerella peggiora sempre

Tene a stessa simpatia da mamma

‘a guagliona è  criscita, ma ha crisciute pure ‘a lengua nu poca troppa spuntuta

uè..

aggia capite …zitto e scioscia …(vanno via)

bravo ce mette tiempe, ma ‘e cose ‘e capisce

(seguendoli per un po’scorge dalla finestra) Scioscia sciò….maronn sta venenne chillu scucciante e don Orazio….

(entra Don peppe)

Che bella cosa, mi sento svuotato . . .

E quante ne avita fatte… troppo bello . . .

Pullecenè.,Tu ‘o dice  e a me  m’avote ‘o stommache…i che bello passatempo che ti sei trovato

Io con questo non ce la faccio più, appena me vede che devo svuotare le viscere corre isse annanze, che deve annusare e deve vedere

 Padrò però mai mentre lo fate, sempre dopo… io credo che facenne accussì addevento pure io mierico….

 ‘o mierico? O mierico da puppù….Padrò a proposito è puppù, sta venenne don orazio, ‘o mierico….

‘e sentuto ‘a puzza?

(va verso la comune per far accomodare don Orazio) Dottore prego accomodatevi.

Buongiorno caro don Peppe, allora come vi sentite oggi?

Don peppe­­: caro dottore, cosa le posso dire, la mia condizione peggiora giorno per giorno,

i dolori aumentano, il ventre è sempre gonfio , ho un peso in testa uno sui reni e un altro sulle spalle

Rosa

orazio

Rosa

Pulcinella

Orazio

Don peppe

Orazio

Rosa

Orazio

Rosa

Pulcinella

Orazio

Pulcinella

Don peppe

Orazio

Don peppe

Orazio

pulcinella

don peppe

orazio

pulcinella

don peppe

pulcinella

Se mise a fa ‘o portabagaglie ‘o padrone mie….

C’è sempre un problema di bile, la quale non fuoriesce tutta dal vostro ventre malato e si deposita un po da per tutto …bisogna fare solo lavativi, clisteri perette e intrugli vari ….caro don Peppe, la vostra situazione è molto grave e dovete ringraziare alla mia scienza al mio sapere, se siete ancora in vita….

In vita? Ngoppe ‘o cesso…

Una vita di merda… ma sempre vita è….

Allora adesso fatevi visitare….forza mostratemi il pancino…

Dottore, non mi fate male

Orazio esegue facendo una visita molto veloce

Forza, aprite la  bocca, alzate le braccia,dite 33, ancora 33, ancora 33

Dottò, non è meglio che dite direttamente 99….

Rosella per favor non mi far imbestialire, piuttosto portami il pitale…

Non è compito mio, le bomboniere le distribuisce pulcinella che è un grande intenditore, padrò io vache a sbrigare delle faccende ‘a parte e dinte se mi volete mi chiamate…

Dottò, ieri sera il padrone mangiò due fagioli, e questa mattina li ha fatti tali e quali , solo con un colorito diverso, erano scure e faccia…guardate.. (alza il coperchio del pitale)

Ho capito, ho capito, bisogna continuare ancora con lavativi aggiungendo un nuovo medicinale, dopo passo da donna veronica la farmacista e gli spiego tutto, a proposito di donna Veronica la farmacista, mia cognata, moglie della buon’anima  di mio fratello Amilcare, il figlio ,come vi annunciavo ieri mattina, avrebbe intenzione di prendere moglie

Sta in calore….? Comme e cane?

Quindi, ditemi….. io ho capito dove volete arrivare.

Vostra figlia pure è zitella …allora io pensavo di combinare questo matrimonio, io vi assicuro che mio nipote e proprio un bravo giovane e fra poco si prenderà anche la laurea in medicina…..

Mamme do carmine,e questa è una fortuna?

Don peppe caro , il ragazzo l’ho portato qui con me , se volte dargli uno sguardo

A use cavallo…

Dottore illustrissimo,e come no! io sono confuso, questa gran fortuna capita proprio a me? Fatelo accomodare, chiamatelo, dove sta?

È giù al palazzo che mi attende vado subito a chiamarlo.(esce per risortire dopo poco)

Padrò , io ho capito voi non potete dire di no, è il vostro medico, quindi lo dovete rispettare, ma mica potete decidere la sorte di vostra figlia?

Tu statte zitte e fatte e fatte tuoje…..

Mo’ donna Nicoletta se sposa…co nu mierico così lu padrone mie nu starà chiu malate cu nu mierico dinta alla casa

Entrano Orazio e Filiberto

orazio

Don Peppe

filiberto

orazio

filiberto

orazio

filiberto

don peppe

orazio

don peppe

filiberto

orazio

don peppe

filiberto

orazio

don peppe

pulcinella

Entra filiberto, entra don Peppe vuole fare la tua conoscenza

Prego prego accomodatevi …senza cerimonie, pullicenè, prendi due sedie

Buongiorno , questa è una visita non ufficiale, la visita ufficiale per chiedere la mano di vostra figlià si farà solo in presenza di mammà, zizio è vero? Senza mammà io non decido nulla….poi ho tutti i discorsetti preparati, zizio è vero?

Certo , certo, come vedete è un giovane garbato e intelligente, e tiene molto ai consigli della mamma

E certo la mamma è colei che mi ha creato e gli debbo la vita, zizzio è vero?

Certo certo, ma mo ferniscl, si non nun apparamm neanche sta vote, t’arricuord a casa do barone?

Zizzio allora che faccio giro su me stesso così il signore mi vede?(esegue)

Ma a questo gli date la  corda?

Allora cosa vi pare?

Un bravo giovine….però…

Allora vado a chiamare mammà e concludiamo il tutto è vero zizzio??

Si è vero? Adesso andiamo a chiamare donna veronica e concludiamo il tutto , sempre se don Peppe è d’accordo?

Si ma io dicevo…

Certo che è d’accordo…andiamo zizzio andiamo …don peppe tra un poco ci rivediamo così sarà la seconda volta che mi vedete….è vero zizio???

Ma te vuo ‘ sta zitto?andiamo andiamo …don peppe ci vediamo fra un po, a proposito la visita di oggi me la pagate domani

Vi pago domani…a più tardi

                                                Nicoletta , rosa e detti

Augurie , augurie …evviva la sposa…

Stà pezza ianca nun si fire ‘e tenè tre cicere mmocca, pe correre annanza me stive sbattenne pe terra. (si rivolge a Nicoletta) Figlia mia, oggi è nu grande juorne pe te, poche fa nu giovane con la mamma e  lù zio è venuto a cercà la mana toje… Vì comme faje lu pizze ‘a rise veco ca nu si suppresa

Nicoletta

Patu bello mio, io vi obbedirò in tutto e per tutto

Don Peppe

Gioia da vita mia, io già sapenno ‘e che panne tu vieste, aggia concluso già l’affare

Nicoletta

Io ve seguo comme na cecata nata

Don Peppe

Muglierama, matreata aveva penzato ‘e te fa’ monaca, sia ‘a te che ‘a Rita, ma io nu so state maje d’accordo

Rosa

‘A mugliera do padrone è vorpa vecchia…

Pulcinella

Vorpa vecchia fa buon brodo… ma che buò dicere?

Rosa

Cagnamme animale… è zoccola vecchia!

Don Peppe

Donna Popa faceva l’ ‘nfernosa ngoppa ‘a stà cosa, ma io so state tuoste

Rosa

Signore mio pe sta penzata vosta io ve farria na statua de marmo

Pulcinella

Io ve farria… (pensa) …ve farria… nu rinale d’oro

Rosa

‘e fa sempe ‘o smaferamazzo…

Don Peppe

 Mo che vedi Lu giovaneù rimarrai cuntento tu ed io

Nicoletta

Sicuramente…

Rosa

Sicuramente…

Pulcinella

Securamente…

Nicoletta

‘o consenso vuoste, mi autorizza ad aprirvi il mio cuore, e non esito a dirvi che ci siamo conosciuti pe na cumbinazione sei giorni fa, e che la domanda che v’è stata posta è l'effetto do trasporte che abbiamo sentito l'uno per l'altro

appena ci siamo visti.

Don Peppe

Chesta m’arriva nova: ma so talmente cuntento ca nu voglie truva pile intà l’uovo. Mi hanno detto che è un bel giovanotto.

Nicoletta

Si padre mio

Don Peppe

Bello schiantato

Nicoletta

Senza dubbio

Don Peppe

Appartena ‘a na famiglia seria, e alletterata, e onestissima

Nicoletta

Assolutamente si

Don Peppe

Cunosce la lengua de li muorte  lu latino e chelle delli mierici lu greco

Pulcinella

‘e cunosce anche la lengua di pecuriello…

Don Peppe

‘a lengua ca nun se ne care ‘a te…

Nicoletta

Stu fatte de lengue m’è nuovo

Don Peppe

T’è nuove… chille fra tre giorni prenderà la luarea in medicina

Nicoletta

Miedeco?!

Rosa

Miedeco?!

Pulcinella

Piecoro?!

Nicoletta

Ma chi ve la ditto?

Don Peppe

‘e miedeco miedeco… me la ditte don Orazio

Rosa

Forse ‘o conosce?

Pulcinella

Don Orazio cura pure ‘e piecori? Pecciò vuie nun state mai buone, chille è miedeco delli animali

Don Peppe

Frusta ‘a lla… chille è nepote a don Orazio…

Rosa

Nepote a don Orazio.

Pulcinella

Don Orazio tene nu piecoro pe nipote? …Che schifo!

Nicoletta

Camiluccio nepote a don Orazio

Don Peppe

Ma quale Camillo e Campomillo, io parlo de lu giovane che te vole sposare

Nicoletta

E io pure parlo d’isso

Pulcinella

Ma allora stu piecoro chi la sciuveto?

Rosa

(a Pulcinella) staje mbruglianno la matassa, cchiù de chello ca r’é. Ca uno piecoro ci sta ‘e si tu. Statte zitto!

Don Peppe

È nepote ‘a don Orazio che è ‘o figlio ‘e donna veronica a speziale ‘a cainata suoje; ‘e se chiamme Filiberto. ‘e non Camillo comme ‘dice a capa toie. (a Nicoletta) Ma che de ‘te si gelate?

Pulcinella

A signurina è rimaste ‘e marmule

Rosa

Se ne scesa ‘a lengua nganne… (reagendo) Signò ma vuje paziate, si te ricco e vulite ammaretare ‘a na figlia cu nu mdechiello pacchesicco?

Don Peppe

Muccusella, sciosciallessa, ndrighete de li fatte tuoje

Rosa

Padrò! Raggiunamme ‘a sanghe friddo, ma voje pecchè vulite cumbinà stu matrimonio

Don Peppe

Verenno ca vaco npile npile cu la salute, voglio ‘a fianco ‘a me nu iennero ch’è mmiedico e ‘a gioja mia è ‘a tenè miedece pè pariente, cossì faccio sta apposta ogni malanno, senza spennere più nu solde pe chi me tocca lu pulse e me scrive ricette.

Rosa

Guardateme nfaccia, parlamme chiattu chiatto, ma vije che malattia suffrite?

Don Peppe

Ma ‘e che te ndriche lacertela vermenara

Rosa

Aggio tuorto?! ‘e vabbè state malato, anzi sapite che vi dico, che ‘a ca a ciente anni rimanite senza nase. Ma mente nun vene sta santa jurnata la signorina mia, ca pe ciorta nun tene nisciuna malatia, n’ava bisuogne e mierece pe marito.

Don Peppe

Io o facce pe me, l’interesse è ‘o mie, ‘e m’ apparentà cu nu  miereco; ‘e na figlia bona sape che l’obbligo suoje è chella di accuntentà ‘o pate.

Rosa

Sulo nu cunsiglie ve voglio dare, levateve a cape stu brutte matrimonio

Don Peppe

‘e pecchè?

Rosa

Pecchè la signurina ‘a sti miedece… comme si chiammano,  stu zio e nepote … ! Nun ‘e vo vede nanche ‘a luntane

Don Peppe

Ma che stai dicendo,brutta vajassa,chesta è na ciorta nsuonne. Donna Veronica tene sulo ‘a stu figlio e chiste è l’erede suoje, e don Orazio ‘a stu nipote lasse tutta ‘a rrobba soja che ammonta a ottomila lire!

Rosa

Puozze iettà ‘o sanghe, vide  ‘a quanta ggente ha ‘ccise pe se fa tanta denare, ‘e nun è niente ancora

Don Peppe

Io Voglie fa sti nozze!

Rosa

Vuie facite e nozzele nganne…Che schifo io nun so d’accordo

Don Peppe

Nun è cose?

Rosa

Gnorno!

Don Peppe

‘E chi sì  ca t’appune ‘a stu matrimmonio?

Rosa

S’appone lu munne sane sane! ‘A stu sacrileggio che vulite fare

Don Peppe

Nun me ne importa ‘e niente ‘e nisciune! Nicoletta ‘e chiste sarrà sposa

Rosa

State frische signò, comma ‘a na rosa

Don Peppe

‘O ‘a sposa ‘o ‘a metto ‘o monastero

Rosa

Che munastero ‘e monastero….accussì a facimme adeventà monaca e zoccola…

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Ma che dice?‘… nun c’a pozzo chiudere?

Padrò quante dinte ‘o munastere se chiudene sti figliole senza vucazione e chiene e desiderio, prima o poi, o chi sacristane ‘o che ciardiniere anna ra sfoche e bullure ca tenene nguorpe …e perciò facite sacrilegge a metter nu vulcane e cheste dinte a nu cunvente…

Mia figlia nu vulcane?

Vabbuo’ padrò scusate ….vulcane no …forse è meglio a sulfatare e pozzuole, chelle volle sempe….bolle bolle…

Pulcinella

rosa

Buone, ce menamme e maccarune?

E maccarune? ‘o maccarone…ne basta uno…

Don Peppe

Na comme chella è figlia mia…e tu ne parle accussì, ma comme te permiette e nun pozze fa chella ca dico io?

Rosa

‘E vuje site pate buone?

Don Peppe

‘E pate decidono l’affare

Rosa

‘O pate è chille che cu na carezza, cu na voce azzuccosa, nu vasillo, tutto l’amare da vita fa diventare doce

Don Peppe

Aaaaaah! So tutte nzepetarie

Rosa

Voje site nu pate d’ore quanne vulite

Don Peppe

‘E quanne voglie io songhe d’arsenico

Rosa

Ma nun penzate ca state malate… verite che faccella… che suspira affannato, uno che sta cumme vuje penza ‘a murì tranquillo

Don Peppe

Ciucciuvettola, io penzo ‘a una cosa ca Nicoletta m’adda obbedì

Rosa

‘E lu cunsenzo mio

Don Peppe

Ma che figlie ‘a tte? ‘O forze l’e vinciute ‘a ficiatella, ‘o jucanne mazze ‘e piveze, ‘o ‘a scarrecavarrile? La serva padrona

Rosa

Io nun voglie sti nozze

Don Peppe

Maledettaaaaaaa!

Rosa

È proprio una vergogna, nu miereco pe genero

Don Peppe

Carognaaaa!

Rosa

M’adda sta ‘a sintì ‘a mme ‘e no ‘a vuje

Don Peppe

Nicolè, acchiappale pa vesta, finchè n’’arrive tienamella

Nicoletta

Papà calmatevi pensate alla salute

Don Peppe

Maronna, io m’ero ‘scurdate, io so malate!

Rosa

Malate… voje state frische e toste

Don Peppe

  Anastasia

 Don peppe

Onofrio

Don peppe

Onofrio

  

Rosa

Onofrio

Anastasia

 

Rosa

Don peppe

Don peppe

Onofrio

Don peppe

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa 

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Rosa

Onofrio

Anastasia

onofrio

Rosa

Anastasia

Rosa

Don Peppe

Rosa 

Don Peppe

Faciteme assettà, ‘e forze nu me reggono. ‘A forze me vulite fa iettà ‘o sanghe, Popa! Popa! Mugliera bella mia…

Donna Anastasia e don Onofrio

Peppuccio peppuccio dorge fratello mio ….che succede?

Carissima sorella, che bella sorppresa …(notando Onofrio) c’è anche il mio cognato? È vivo ancora?

Siente chi parle!Carissimo peppuccio che bello rivederti in salute comme se dice? frisch e tuost

Ma che stai dicenn….io non mi sento un solo giorno bene…sto sempe con un dolore nuovo

Non esgerare io ti vedo veramente in forma, e poi la tua faccia parla chiaro, hai un bel colorito, anche gli occhi sono vivi …

L’ha pigliate pe nu pesce

Voglio dire che so proprio cuntento di trovarti bene in salute….

Onofrio, già hai parlato troppo, mi dispiace il tempo e la ma pazienza  sono scaduti….e poi come ti permetti di dire che mio fratello sta bene?…sta frisc e tuost….ma non lo vedi come sta? Che impressione mi sembra la buonanima di nostro fratello Giacomino la stessa faccia…che dopo tre giorni morì….no aspetta mi sembra  Gaetano il fratello maggiore…si si hai lo stesso colorito giallo avorio di Gaetano il quale dopo tre giorni morì….

Na razza forte e resistente ‘a vosta?

Anastà…bello ru frate…ma me vulisse tirà i piedi???io ‘e ‘o vero che non sto bene

Ma tu me stai rusecanne a funa…

Lo vedi ‘o dico io che  si sempe esgerata..lo dicevo che lo vedo una bellezza…io non mi sbaglio

Na bellezza???ma allora non avete capito??io non sto bene…e non vi muovete non vi agitate che provocate aria fredda e io mi raffreddo….

Uè ma ti sei fissato?? Chille nu sta buone

Ma io ‘o veco meglio delle altre volte…pe mmè sta buone sta buone

sta peggio,sta  peggio….

No chiste so na famiglie e scieme….sentite mo dico io comme sta don peppe, don peppe e na sciabbula che nun cumbatte e nun va a guerre..sta appesa comme ‘e prosutte…oppure forse è meglio che ve dico comme diceve ‘a nonna, a tiana singhiate campe chiu assaie…’o è meglio dirvi morte desiderata nun arriva maie…

Iamme nun fa chiacchiere..ce mancave sula essa a gatte da casa

Signò ‘a gatta scippa…

Facce vedè a camera nosta

(rivolta al pubblico) ma perché chesta rimane cca? Madonna mia io nun c facc…mi metto in malattia…..

Peppuccio caro comme te scriviette che lasciavo per un po di tempo le campagne di Guardia Sanframondi pe venì a Napule pe n’affare che ‘onofrio deve combinare

Se tratte di un  affare grande, dovrei comprare na partita e vacche e i puorce che provengono da avellino e  ‘o sanzare pass pe napule e dobbiamo accordarci

No tu si proprio scostumate a dinte ‘o cuorp e mammete,e vacche ‘e puorce…ma comme si cafone… ma se sto parlando io, tu non devi intervenire ti devi stare zitto…vo parlà semp’isse

Madonna mia …io a facess na mazziate, e stu papuscio ca nun le da nu bello paccarone

Ma io…. Steve spiegando meglio l’affare

Ueeeeeeeeeee….ueeeeeeee….ma tu me vuò fa venì na cosa? Basta! scioscia scioscia

(fra se’) una cosa è poca nun facimme niente….

Scioscia, scioscia, che le venute n’ata vampata…

Uè basta purteme avvedè a stanza

E sempe a stessa, mo ve manne a pullecenella….avviateve(i 2 vanno via)

Ma quante si screanzata, ma tu dinte ‘a casa mia vuo’ cummannà afforza…ma lo vuoi capire o no che io so malate malate…e tu me vuoi far morire..

Ma che malate e malate, vuie state buone troppe buone …chistu ccà ce vede e murì a tutti quante e nuie

Popa Popa ma addo canchere sataie

Donna Popa

(entrando correndo insieme a Rita) Bellu mio che è stato!

Don Peppe

Aiuto sto murenno

Donna Popa

anema mia…..

Don Peppe

Me fanne piglià collera

Rita

‘E chi è che ti fa ‘o malamento?

Don Peppe

Rosa, la serva…dice che io nun songhe malate

Donna Popa

Steve ‘mbriache sicuramente

Don Peppe

Chella è tutto lu fracite ca tengo int’a sta panze è nu secolo ‘e miezo che sto dicenno ca l’avimma caccià

Donna Popa

Rita

Donna Popa

Le vajasse sono nemiche pagate ..

ma nuje tenimme inte ‘a sta casa la meglio tra li lupe.

Rosa è attenta, è puntuale, e chesta virtù ma fa tenè in palma di mano… (chiamando) rosè viene ‘a cca

Rosa

Sto cca

Donna Popa

Ma comme stu marite mie tene ‘a salute ‘e na caraffa singhiata ‘e s’adda piglia collera cu tte?

Rosa

Signora mia io nu ve capisco, io nun aggia fatte niente

Don Peppe

Ogni bucie se n’adda carè na mola

Rosa

Lu signore vuole da la figlia ‘a nu certo don filiberto nipote e don Orazio, e io signora bella lo persuoadeva a mannà la signurina a lu convento

Donna Popa

Don Peppe

Rita

Rosa

Donna popa 

Rosa

Rita

Don peppe

 

Chiste su cunsiglie, brava,

Nun nda muccare niente, chesta ‘a vì, tene na faccia ‘a nanze ‘e nata ‘a rrete

Pure Nicoletta  a lu cunvento? Allora e meglio che chiudete sule ‘a essa io nun voglio e non voglio farmi monaca…

Ma perché pure a signorina Rita s’adda chiudere dinte ‘o cunvente?

Sissignore, comme fanne tutte e signorine perbene…

Si chesta se fa monaca io addevente papa….anze papessa

Mammà, vuie nun me putite costringere, avite ragione ca pateme e muorte e io tengo sule a vuie e aggia accettate tutte chelle che avita volute fà, spusanneve con questo essere inutile…

L’essere inutile sarria io?

Popa

Rosa

Rituccia

Rosa 

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Rita

Popa

Ma che stai capenne? Chelle c’e l’ave cu rosella

(sbracciandosi) cu chi c’e l’ave? Uè ma allora nun avite capite che a me nun m’avita tuccà

uè serva sguattera ma che t’allumme affà? Ma perché io non so padrona e te chiammà comme voglio io

sentite signurì io nu tenghe padrone, une padrone ce stà e….

e songh’e io…

no don pè , sta nciele…e vui cara signorina Rita stateve ‘o poste vuoste io ve rispetto e vuie m’avita rispettà…..

Madonna mia me sente male aiutateme

Hai visto stai facendo morire papuccio

Tiè mittete duie cuscine accussì arriciate meglie, Riutuccia passeme chella cupertella…Rosa damme e cuscine, une ccà nate ccà e …

Rosa

E chist’urtemo ngape (come a soffocarlo va via poi si nasconde per ascoltare )

Don Peppe

To voglie ra nfacce! Te ne fuje? Mo m’affugave

Donna Popa

Core mi che state?

Don Peppe

Me steva affuganne. Mo ce vonne pe turnà bbuone sei ristorative e dieci lavative

Donna Popa

Piglia ciate, core mio

Don Peppe

Pe te rennere tutto l’ammore ca me puorte, voglio fare testamento

Donna Popa

Rituccia

Popa 

Arrassusia! Ma che stai dicenno (finta) Rituccia bella di mamma sua vaie nu poche a parte e dinte, a galletta se sta spugnanne, a chiste , mo cumbine io ….e tu devi fare quello che dico andrai per educanda nel convento delle suore di santa Gesulda già aggia fatte na lettera a madre superiora e dinta a sti juorne ce venene a fare visita..

Mammà ma io nun voglio e nun voglio….io tengo troppo un fuoco interno se vado dint’o o cunvento l’appiccio

Statte zitte famme cumbinà l’affare io aggia convincere e chiudere pure a figlia accussì l’eredità è chiu grossa…famme fa a mammà

Don Peppe

Popa

Don peppe

Maronne ma ch’è succise? fosse muorte e non me so accorte? Popa popa …core mio

Zuccariello mio sto ccà ….

Popa mia Ma io già ti avvisaje, parle cu qualche nutaio amico tuoie pe lu testamiente

      Popa

Sta la dinde, già l’aggio fatte venì

Don Peppe

Fallo trasì

  Popa

Quanno veramente se vo bene nu marito ‘e te caro, nun se pensano a sti cose… Nutà trasite

Don Peppe

Accomodateve nutà. Mia moglie mi ha detto che siete amico suo, e uomo di coscienza, e lei già va detto che voglio fare testamento e…

      Popa

Zitto! Ca nun cia faccio manco ‘a  immaginà stu fatto

Don Malario

La signora mi ha riferito delle vostre intenzioni, Signore, e del progetto che avete in mente per lei; vi devo dire a questo

proposito che non potete lasciare nulla a vostra moglie per testamento

Don Peppe

‘E Perché?

Don Malario

Vi si oppongono le nostre usanze. Tutto ciò che un uomo e una donna congiunti in matrimonio possono fare a beneficio l'uno dell'altro è una mutua donazione fra viventi; è anche necessario che non vi siano figli, sia dei due coniugi sia dei singoli separatamente, nel momento della scomparsa dell'uno o dell'altro

Don Peppe

Chest me pare impossibile! Nun pozze lasciare tutto a muglierema? Ne voglie parlà cu l’avvocate mio…

Don Malario

Non bisogna ricorrere agli avvocati, che sono in genere molto severi in materia, e si mettono in mente che disporre in contrasto con la legge sia un delitto. Le cose devono

essere facili, altrimenti non si combinerebbe un accidente, e un mestiere come il nostro non varrebbe un soldo

Don Peppe

Dice bbuone muglierema, dicenno ca vuje site furbe assaie; jamme insegnateme la via cumm’aggia lassà sta robba mia

Don Malario

Come potete fare? Potete scegliere tranquillamente un amico fidato di vostra moglie, al quale lasciare per testamento, in

buona forma, tutta la quota disponibile; questo amico poi gliela restituisce. Potete anche, mentre siete in vita, consegnare a vostra moglie del denaro contante, o dei biglietti di credito, se ne avete, pagabili al portatore.

Donna Popa

‘A chesta nun penzà Peppuccio mio. Quanne tu muore, io more appriesso ‘a te

Don Malario

Ora le lacrime sono fuori luogo. Non siamo ancora arrivati a questo punto

Donna Popa

Vuje nun site spusate notà pe capì sti cose

Don Peppe

L’unico rammarico mio, è che con te non ho avuto nessun figlio. Don Orazio mi aveva detto, ca me ne faceva avè uno

Don Malario

Questo può ancora accadere

Don Peppe

Pensamme mo ‘a fa ‘o tenstamento, faccimme comme ‘a ritte lu nutaio. Ma pe tramente te voglie cunsignà quattemila ducate d’ore, che stanne nascoste dinte ‘a chillo arcuovo, e doje cambiale, pagabbele ‘a vista, della ditta Sisto e Giambattista.

Donna Popa

(piangendo) nun voglie niente, nun voglie niente! Quante so li dinare inde ‘a l’arcuove?

Don Peppe

Quattumila ducate Popa mia.

Donna Popa

Nun me parlà più de denare… ‘e chelle doje cambialette…

Don Peppe

Una di ottuciente ‘e nate e mille

Donna Popa

Io voglie ca tu staje bbuone

Don Malario

Volete che procediamo al testamento?

Don Peppe

Scusateme, me sente nu freccichiamiento dine ‘a panza subbito ve raggiungo (via)

Donna Popa

Malario mio…c he bella pensate che hai avuto…appene stu vecchio more..io e te soli ce n’aimma vedè bene…

Rosa

Donna Popa

Rosa

Donna popa 

Malario

Donna Popa

S. Fessinia

Lavinia

Donna popa

Fessinia

Lavinia 

Donna popa

Fessinia

Lavinia

Fessinia

Lavinia

Donna Popa

Rosa

Popa

         Rosa

Popa

           Rosa

Lavinia

Rosa

  

      Lavinia

Rosa

Fessinia

Rosa

Fessinia

Rosa

Fessinia

Rosa

Lavinia

Rosa

Fessinia

Rosa

Lavinia

Rosa

Fessinia

Lavinia

Fessinia

    Rosa

Pulcinella

Rosa

Pulcinella

Rosa

Rita

Rosa

Rita

Rosa

Rita

 

Rosa

Nicoletta

(Entra Rosa )

signò, scusate ho disturbato la conversazione? so venute doie munacelle…che chiedono di voi…

che disturbato e disturbarto, quello l’avvocato è un mio carissimo amico d’infanzia

aaaaaaaa ‘ho capito! l’avite tenute a pietto quant’ere piccerillo?

ma che dice? forza ,fai passare le Monacelle, notà è meglio che andate via…ce vedimme con più calma

al solito posto ..(via)

Donna Popa e suor Fessinia e suor Lavinia

Sorelle, prego  accomodatevi, sonoproprio contenta che la made superiora subbito vi ha mandato da me, adesso vi presento a mio marito e aggiustiamo tutto, si tratte di chiudere nel vostro convento mia figlia ela mia figliastra ,  e corde l’avite purtate…?

Donna popa! …ma che so cacciuttelle?

Prima le dobbiamo studiare e interrogare e vedere se esiste la vera vocazione

Il convento delle monache di santa Gesualda è un convento serio…prima la vocazione

 

Si, sorelle , io dicevo per sbrigare presto la faccenda e non farvi perdere tempo

Donna popa , non vi preoccupate noi rimaniamo tre giorni in casa vostra e in questi tre giorni appureremo se le ragazze sono pronte..

Il convento delle monache di santa Gesualda è un convento serio …

Come? dovete stare tre giorni in casa nostra…e comme se fa?

Questo prevede il regolamento …noi siamo monache serie e severe…figliulelle che  tengono ‘a capa allerta non le accettiamo

Il convento delle monache di santa Gesualda è un convento serio, io prima di farmi monaca mi fecero superare una serie di prove pesantissime rivolte alla carne e allo spirito…quindi si fa quello che diciamo noi….

 Se no ‘a superiore ce abboffe ‘e mazzate …

Di punizioni vuoi dire , punizioni serie, perché il convento delle monache di santa Gesualda è un convento serio…

sorelle adesso vi affido nelle mani della camerira poi andiamo da mio marito, e facimme ‘o servizio a chelli doie culumbelle…..(chiamando) Rosa Rusella … ?

Rosa e dette

Dicite padrò…

Sti ddoie munacelle devono restare con noi tre giorni , quindi ‘e sistieme dinte a na stanza

Signò chelle a stanza degli ospiti è stata occupata da donna Anastasia  e o marito , cca l’albergo è completo e pozze sule mettere dinte o salotte ….

 Va bene accussì…inizi ad avvisare a mio marito ci vediamo dopo

Zi munacelle ..allora seguitemi …io sono rosa

Io sono suor Lavinia …

Suor? Malivia ?

Suor Lavinia

Ho capito ..malivia

Io sono suor Fessinia

Come vi chiamate ?Suor  fess….?

Suor fessinia, non avete mai sentito questo nome?

 Come…io tengo una mia amica intima..che si chiama come voi ..fessell…..fessinia

È un nome raro …

Si , non si fa vedere tanto… dicimme e scurnosa …ma esiste…sorelle? Ma voi siete venuta a convincere alle ragazze a farsi monache?

No a convincere, donna popa  nella sua lettera ha già scritto che sono piene di vocazione

Comme a tene essa…

Ma cosa volete dire?

Suor fessella , ascoltatemi , la figlia di donna Popa è piena di vocazione …dalla capa ai piedi ma la figlia di don peppe no…perdite tiempe, perciò senza che me facite perdere tiempe pa appriparà a stanza , io mo va chiamme ‘e vuie va purtate, accussì, pure pe vuie, facite chiu ambressa.

Ma come ti permetti, ma non hai capito , il convento di santa Gesualda è un convento serio serio ….

Zi munacè e nun ve ngazzate…io volevo darvi una mano

Lavinia

Fessinia

Andiamo in camera nostra …rosa accompagnaci e non fiatare

Sorella non ci riesco, pure il padrone me lo dice sempre, una volta per farlo stavo morendo affocata…prego, vi accompagno…seguitimi Fessella. Lavella… andiamo…

Ruseeeeeeee…ruseeeeeeeeeeee ….ruseeeeeeeeeee….

Che stai passando?

È venute ‘oo guaglione da spziale e ha ditte che frà poche verranno ccà ngoppe a chesta case pe appuntà ‘o matrimonio ca signorina Nicoletta…avimma avvisà ‘o padrone

‘o matrimonio e Nicoletta, ma chiste so pazze a mugliere a vo monaca’ o marite spusate e comme se fa, io nun me pozze movere accà, pullecenè, fai na cose, ndrattiene a chelli doie munacelle e puorte dinte a cucina e fai mangià na cose, m’arracumanne nun fa ‘o scostumate,,,,io nun  me pozze movere a ca dinte , aggi risolvere sta situazione

Rita e detti

Rosella, ma che succede? Io vedo tanta gente in casa…

Niente signurì so venute e munacelle per portarvi in convento , cose e niente

queste so cose e pazze, mammà sa mise ngape che mi vuole fare monaca ma io me ne fuie me ne vache da casa…

Signorina Rita , iamme vuie site accussi brava, in convento sapete come state bene, con queta bella voce che vi trovate vi mettono a cantare…(imitando la voce di Rita) alleluia alleluia…gia ve facce nanze all’uocchie..iamme facite a brave..

Uè io nun stonghe a sentere a nisciune io me ne fuie comme a na cavalla pazza…(via galoppando)

Nooooo, a chesta a zetellamme le ghiuta ngape…

Nicoletta e detta

Rusè , ma che succede ?

Rosa

Signurì, Ve la avviso, ‘e po’ me scutuleo li panne.pe prime  E’ venuto lu nutaro, e l’aggia ntise parla ‘e testamiento. Aggie paura ca donna Popa ve fa restà co ‘e riente sicche ‘e ‘o cannarone asciutto

Nicoletta

Può disporre de ricchezze come desidera isse, purché non disponga del mio cuore. Hai visto, rosa , con quale tracotanza lo stanno abbindolando? Non mi abbandonare, ti prego, nella situazione in cui mi trovo.

Rosa

Signurì comme parlate belle…aspettae ce sta ‘o riesto  Donna Popa ,ha fatte veni certe capipezze pe pigliarve a vuie e a figlia pe farve  chiudere dinte ‘o cunvenso si santa fessella, mo nunme ricorde che sante ha ditte. Chella femmena nun me va proprio ‘a genio, anzi Io farraggie ‘a vede ca ve so ontrarie, pe scoprire che viente tira ‘a chella parte.

Nicoletta

Rusè, avimma fa sapè a Camillo, stu matrimonio che è uscito in mezzo

Rosa

Nicoletta

Rosa

Signurì mo ce mannamme a Pullecenella, state cu pensiere tranquillo che io nun vi abbandono

Rusè io tengo sule a te ca me vuò bene comme a na mamma,

iate a penziere tranquille vonne guerra e guerra ce facimme pullecenèèè pullecenèèèè viene (buio)

                         

Rosa

 Don peppe

Rosa

don Peppe

Rosa

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Rosa

Pulcinella

Rosa

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Rosa

Don peppe

iamme Don Peppe, voi dovete mangiare…..

Ma lo vuoi capire che io non mangio perché non ho appetito , io so malato  nun pozz mangiare… sto male il cibo per me è veleno, devo solo mangire cibi scaldati e poco conditi

‘o viccanne padrò, vi ho portato il vostro brodino vegetale, una capa di carota,una capa di alaccia…una capa di rafaniello una capocchiella di cipolluzza e una capa di…niente sono finite le cape…

e meno male…tutte sti cape

pullecenè forza apparicchiamme ‘o padrone, manciamme cu isse, accussì isse vedenne e magià nuie mangia pure lui, comme facimme che crriature

e ce mangiammo pure nuie tutte questa capuzzelle? Io le schifo io già tengo la capa mia che non è tanto buone poi ci infizzo nelle viscere pure sti capuzzelle sciacquate …

ma si pazzo, io, aggia preparato nu bello ruote e maccarune chine e robbe…

ove, case, ventresca, sasiccia, fungetielle, mulignanelle, ricuttelle, mozzarelle prociuttella, murtarella e provola,l’aggia fatte liggere, tu devi veder ata gente che ci mette dentro,a me me piace e cucinà leggiero , poi l’aggia fatte na bella passate e nzogne e l’aggia nvezzate dinte ‘o furne…e che te magne, po vide che doppe te siente leggiero leggiero, perché io a dinte c’aggia nfezzate pure un poco di finocchietto, chille e digestivo…padrò vulite favorire

 tu me vuò vedè muorte?

Padrò quella ci ha messo pure il finocchietto dentro è digestivo e medicamentoso…

Nun m’avessa fa male?

Padrò sicondo me si magiate tutte queste capuzzelle ve sentite male, le cape sono pesanti, la capa è  la parte del corpo più pesante …non lo sapete?

Tu accussì dice??

E secondo vuie io voglio ‘o male vuoste??

io l’aggia fatte ca mano do core ,Poi io cucino leggiero…fidatevi…..

Iamme padrò che nu piatte ‘e chiste fa resuscità pure li muorte, cioè a vuie…

Iamme curagge facimme accussì Facimme l’areoplane …mo me scurdave ancore nun c’e stà…’o trenino …ancora anna ventà e che facimme?

‘a carrozzella che cavalle….cloc cloc cloc ..(don peppe viene imboccato)

(dopo qualche boccone ) maronn…me sente ‘o fuoche dinte ‘a panza…maronn…’o terremote nguorpe

chille so ‘e cavalle..cloc ..cloc…cloc

maronne pulicene’, accumpagne ‘o padrone dinte ‘o zi peppe…forse aggia sgarrate che finucchielle, subbite l’hanna fatte alleggerì…

alleggerì, io tengo na tempeste nguorpe

Rosa

Pulcinella

Rosa

Camillo

 

Rosa

Camillo

Rosa

Camillo

Rosa

Don peppe 

Rosa

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don  Peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don peppe

Camillo

Rosa

Camillo

Rosa

Do peppe

Rosa

Camillo

Rosa

Don peppe

Camillo

Rosa

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don Peppe

ROSA

Don Peppe

Nicoletta

Don peppe

Nicoletta

Camillo

Don peppe

Camillo

Don Peppe

Nicolettta

Camillo

Don Peppe

Camillo

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Nicoletta

Camillo

Don peppe

Camillo

Don Peppe

Camillo

Rosa

Don Peppe

Anastasia

     Rita

Onofrio

Anastasia

Anastasia

Onofrio

Don Pe

 

Veronica

Don Pè nun  ve preoccupate , mo facit doie tronele e ve passa tutte cose….(annusando nell’aria)già l’ha fatte…fiete senza botte mietto o naso sotto ‘o cappotto….mamma mia e comme fete….

Padrò forza che mo sgravate ….e subbito ve arrepigliate….(ese per risortire subbito solo con il capo )nun c’è la fatto…la perze pa strade se ne scese a dinte ‘o cazunett..che peccato…nu piezzo d’omme e chella manera….
Camillo e Rosa

Se sta chiagnenno ‘o muorte chillu piezzo e scemone(vede Entrareo a Camillo ancora fuori, che lì per lì non riconosce) - Che cercate,signore? A chi volite?

(Entrando da sx) Comme che cerco….a chi voglio?

Ah, site vuie? Pollecenella v’ha fatto l’imbasciata.E dunque, che volite fa?

(Ponendosi al centro e guardandosi intorno) Voglio conoscere ‘o destino mio! A parlare con Nicoletta, sentire quel che dice lo core suoio e chiederle, la cosa più importante, cosa  ha deciso riguardo alla malaugurata proposta di matrimonio, di cui aggio  saputo.

E brave …e che ve credite chè è cose e niente, nvizze vizze nfurneme sta pizze.. vulite parlare cu Nicoletta,

quella è sorvegliata a vista , se l’avete incontrata a messa è stata una cosa speciale solo  là potete vederla e di quell’incontro nessuno deve sapere nulla, si no me tagliano ‘a capa

E difatti io non mi presento qui come Camillo e tanto meno come innamorato; bensì come un amico del suo maestro di musica, da lui mandato a sostituirlo

Bravo, sti giuvene e ogge sanna a lecca a mecca e mevera secca..,’o villiche ‘o pate, Non ve  mostrate, pe’ ‘o momento: datemi il tempo di annunciarvi.(Escono in fretta )

(Entra da dx e credendosi solo, passeggia per la stanza ma indeciso se andare a dx o a sx , in avanti o in fondo) – E’ già chillo è facile pe’ li miedeche ….”passeggiare, passeggiare,” , quando m’alzo, passeggiar per la stanza, dodici volte. E si, dudece vote, ma sanghe d’a marina …. addove? In su? ?In giù; In lungo o in largo? Dudece a ghire e dudece a venire, o dudece in tutto?…No, no, meglio ca non me movo, non vorrìa sbaglià e faccio ‘no guaio. Se, se, ce volesse, comme sto combinato me ce vole sulo de sgarrare la ginnastica…., Chiederò prima a don Orazio ,  stamane mi sono scordato di chiederglielo.(Rimane così assorto a cercare di ricordare o di capire dove ecome passeggiare. Il lazzo durerà qualche tempo fino a che non sarà interrotto dal’’ingresso di Rosa)

(Entrando da sx allegramente con voce squillante)Padrone, c’è un...

 (Quasi ci rimane secco dalla paura causata dall’improvviso parlare della serva. Infiniti lazz prima di riprender fiato e profferir parola stravaccato sulla sedia a dondolo)Ca puozze i’ sperza pe’lo munno, hai ‘a passa’ tanti guaie quante vote sbatte lo mare ‘nfaccia a li scuoglie, s’ha da perdere lo nomme tuoie pe’ sette generazioni, tu ne so’ certo me vuo’ fare morire. Che allucche? Che sbraiti? Che bèrci, sciagurata? Me fai caccià’ lo cervello da la capa ‘n’ato ppoco, me faie veni’ ‘na sincope..(altri lazzi)  Co’ chesta vociaccia si parla ad un povero infermo?

 (Con voce regolare) Volevo dirvi, padrone...

Sottovoce, ti dico….

Signore... (seguita a muover le labbra, senza emettere suono)

(Lazzi)Eh? Cosa?

 Vi dicevo che... (come sopra)

Che diavolo dici?

(forte) Che c’è un coso di là che chiede di parlarle cu vuie

(Scatta dalla sedia con vera foga) Vide ca si’ t’afferra te combine ca manco li cani te addorano.. Aspita quella grida a quel modo, che, me vuo’ spaccà’ ‘no timpano? (Ricordandosi di essere ammalato, con scena grottesca torna in fretta alla sedia e si ridispone ad essere infermo) S’accomodi. (Rosa fa segno a Camillo di farsi avanti)

Signore...

 Parlato chianu chiano …ma che cos’è questa voce che tenete?avasciate ‘a voce  Ché se no, il cervello del signore se ne esce da la capa.

Signore, son felice di trovarvi in piedi e di constatare che state meglio.

Ma che faccia tosta. Comme, meglio? Meglio, no’  cuorno! Il signore sta male come sempre.

È ‘o  vero.

Cammina, dorme, magna e beve comme a tutte ll’ate; ma  è   gravemente ammalato.

Ho sentito dire che il signore stava meglio, e mi sembra che abbia una buona cera.

Bona cera? Cadaverica, la tiene! Non lo vedite? (Argante assume ancor di più, se possibile , l’aria del moribondo e contemporaneamente annuisce alle parole di Tonina)) Chi può avervi detto che stava meglio, se non un impertinente? Mai, il mio padrone è stato così male.

La pura verità, signore.

Oh, ne son proprio desolato! Mi manda il maestro di canto della signorina vostra figlia.

Costretto a recarsi per qualche giorno in campagna, m’ha pregato, come suo intimo amico, di sostituirlo nell’insegnamento: una interruzione potrebbe, egli teme, far dimenticare alla scolara quanto ha appreso.

Come è premuroso quel maestro di musica che brava persona…venite con me vi accompagnio io dalla signorina

Addo vaie ..Chiamma a Nicoletta e falla veni ccà

Ma non sarebbe meglio che conducessi da lei il signore?

Quante accumience a parlà italiano me vuò fa fesso Che venga qui lei. Stamme a sentere ‘na vota.

Padrò ma senza il necessario raccoglimento comme ponne fa ‘a lezione? Chill ‘o maestro qua, deve cacciare lo strumento da fuori… il volo d’una mosca basta a darvi il mal di capo?

 Come ho detto, come ho detto! (Affannandosi) Madonna , e vide si nun vole la morte mia ‘sta caiotola.. La musica me piace, e sarò ben lieto di... Ah! Eccola! (scorgendo NICOLETTA poi A rosa ) Va’ a vedere se mia moglie è vestuta.

Comme volite (Esce sbuffando a dx e incrocia Nicoletta che entra)

 (Scattando di nuovo con successivo repentino ulteriore ripensamento) E non sbuffare…(Calmandosi)Vieni, figlia mia. Il tuo maestro di canto è andato in campagna, e a far le sue veci ha mandato questo signore

Ah, Cielo!

Te veca surppresa…che pass

E’…. tutta la notte ho fatto un sogno curioso assaie , stevo in pericolo e na persona uguale al signore mi ha salvato. Quindi quando l’aggia viste ccà in carne ed ossa me steva schiantanne….

Tutto questo mi lusinga, me dispiace che era sule  nu  suonno…

E che guaio avive passato anema mia?

Era attorniate da persone che le vulevene male….

(Sorpreso) Ma….pecchè vuie avite fatto lo stesso suonno?….comme sapite che guaio aveva passato…. ? (Ride) La persona del sogno era simile a voi, non eravate voi, …

se l’avrà fatte ngape papà….

Na bella figliola comme vuie sicuramente deve essere difesa da persone malamente che vi vogliono molestare, tanto da riportare in sogno tale ansia

Facite lo miedeco?

No, vi ho detto ..maestro di canto

Peccato …

Rosa e detti

Oh,  padrone, da questo momento sto cu vui;  m’agliotte tutto chelle  che ho potuto dirvi. C’è di là Don Orazio c’o  Nipote Filiberto, venuti in visita. Caspita e comme ve lo site  saputo scegliere il genero! Vedrete il più bel giovanotto d’o munno,… e pure  il più intelligente. Non m’ha ditto che ddoie parole e m’ha conquistato. Vostra figlia ne resterà incantataca vocca aperta(  ride)

non ve ne andate , voglio che rimanete pure voi per appuntare il matrimonio che farà mia figlia…. È il figlio di una farmacista e nipote de no’  bravo miedeco; ed entro quattro giorni si celebreranno le nozze.

E stai frisco ….

(Sempre meno convincente, sbiancando per la arrabbia)Che  meraviglia.

Non ve ne andate, signore. Sto maritanno mia figlia; ed è lo futuro sposo che adesso le conducono, perché faccia la sua conoscenza.

Onoratissimo, signore, che mi vogliate testimone di questo così  piacevole incontro.

 (Risolvendo infine) Ma che avite, vuie non state buono, tenite ‘na faccia ianca ca ve ponno atterrà’ e nisciuno se ne addonnarrìa ca site vivo…., ve consiglio de farve vede’ dal signor  Orazio visto ca se trova ccà, sapite è ‘no valente miedeco. Stateme a sentere ca io ne so’ pratico..

 (Sforzandosi di riprendersi) Non è niente, ve ne ringrazio , ma è stato ‘no malore passeggero….

 Allora, posso farli passare?

 Aspetta mo’ venimmo nuie a riceverli e doppo ce ne tornammo ca, (A Cleante, incamminandosi verso l’uscita di Dx) io po’ sapite malato comme so’ non posso resta’ troppo in piedi in giardino, ma l’ospitalità mi impone de ‘sto sacrificio e andargli incontro. Ah che se fa pe’ sti figli. (Esce seguito dagli altri che fanno gesti tra loro.

                        

                             Donna Anastasia , don Onofrio e dette

 (Entra in camera vedendo correre galoppando Rituccia)Uè rituccia a zia , ma non vuoi conoscere il futuro marito di Nicoletta?

Io non voglio conoscere a nisciune, sto troppa nervosa me sente comme a na cavalla pazza….

Ma nun te vuò levà ‘ò vizio di da retta ‘a chesta??

Ma nun te vuò levà ‘o vizio e parlà sempe in mezzo?? Me scucciate,  mo statte zitte stanne venenne ,sentimmece tutta a spiega,

Stamme dinte’ a messa

Don peppe, don Orazio, Veronica, Filiberto, Camillo e Nicoletta

(Accogliendo gli ospiti entrando da dx con tutti.  Ha un parlare lezioso e senza accento, a sottolineare l’importanza, per lui della qualità dei presenti.) – Venite, venite, ccà stammo meglio, io non ce la faccio a stare troppo all’inpiedi.( si tocca, senza togliersela, la cuffia.) Scusate, signore, se non mi scopro. Me l’ha proibito il medico. Siete medico anche voi e non ignorate quindi le conseguenze cui m’esporrei.(Si siede)

 don Peppe carissimo vedo che le cure che io e mio cognato vi faccimo fare fanno effetto, voi lo sapete che con voi ho sempre avuto un’occhio di riguardo, siete cliente della mia farmacia in mano alla buonanima di mio marito, e non mi sembra vero che dopo tanti anni di conoscenza diventiamo parenti

 

 

   Orazio

Veron ica

Filiberto

Rosa

Orazio

Filiberto

veronica

orazio 

Rosa 

Veronica

Rosa

filiberto

Rosa

Orazio

   veronica

Orazio

Filiberto

Orazio

Filiberto

Veronica

Filiberto

Rita

Filiberto

Rita

Filibero

Orazio

Veronica

Orazio

 

Veronica

Orazio

Filiberto

Veronica

Rosa 

Filiberto 

Rosa 

Veronica

Filiberto

Orazio

Anastasia

            Rosa

Onofrio

Anastasia 

Don peppe

Onofrio

Anastasia

Onofrio

Don peppe

Orazio

Don peppe

Orazio

Veronica

Don peppe

Camillo

Don peppe

Camillo

Nicoletta

Rosa

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Popa .

Veronica

Orazio

Rosa

Veronica

Filiberto

Popa

Rita

Anastasia

Rita

Onofrio

Rita

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Onofrio

Rita

Filiberto

Orazio

Veroncia

Don Peppe

Orazio

Veronica

Filiberto

Orazio

Popa

Rita

Nicoletta

Popa

Rosa

Don peppe

Popa

Rosa

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Rosa

Fessinia

lavinia

rosa

don peppe

Rosa

Suvvia, filiberto, fatti avanti: presenta i tuoi omaggi

Bello di mamma sua, fammi fare bella figura come le prove che abbiamo fatto a casa

È dal  padre, vero, che debbo cominciare...

Dal padre il figliuolo e lo spirito santo…

Certo …filiberto dal padre forza…

Signore, saluto in voi, riconosco, amo e venero un secondo padre. Ma un secondo padre, verso cui, oso dire, mi sento più in debito che verso il primo. Il primo è morto voi no…..non mi ricordo più

E io ‘o sapevo , se scurdate tutte cose

Questa è un’altra figura che facciamo…

N’aggia mai ntise tante tante ciucciarla tutte nzieme

Mo parlo io, appare a situazione….don peppe caro, mio figlio non tiene che a me , quindi dove va lui vado io , quello che fa lui faccio io , è il mio sangue, non mi posso dividere

Chesta vecchia, è capace e se cuccarrà mieze alli spuse…

Mammà ha ragione è la mia unica genitrice vivente…

Madonna mia , me fanne vutà o stomaco

Miei cari parenti , dopo passiamo a questi dettagli, donna veronica, non esagerate stateve zitte

Io nun me stonghe zitte, uno figlio tengo e lo devo sistemare come si deve..iamme a mamma fai gli omaggi alla signorina

Te ricuorde o discorsetto numero due ?

Si zizio …mia cara suocera il cuore già mi spinge..

Ma come mia cara suocera? Questa è l’innamorata….

Mi sono dimenticato…e grave zizio e gave mammà?

No a mammà è una distrazione

 Ma io devo rivolgermi prima alla suocera (si rivolge a rita)

Mia cara suocera….

A me suocera? Uè micillo, ma pe chi me pigliate p’a sore i matusalemme ?

Ho capito voi siete l’innamorata?

Bello ! hai sbagliato palazzo ….scinne e scale e tuzzulie a natu purtone…(tra se)..però è sfezziuso…

(Tra se)  però è simpatica ….peccato che non è l’innamorata mia…

Ma come si fa?  l’abbiamo provoato prima di scendere , pezzo per pezzo…io sono avvilito.. .mio nipote da piccolo, non è mai stato quel che si dice un birichino, un ragazzo vivace; si teneva sempre cheto e taciturno; non apriva mai bocca e non giocava a nessuno di quei piccoli giochi che vengono detti infantili. Dovemmo faticare per fargli imparare a leggere e scrivere:

a nove anni, ancora scambiava una lettera per un’altra.

 Bene, io mi dicevo: gli alberi che stentano a dar frutto son quelli che lo danno migliore. Si fatica ben di più a scrivere sul marmo che sulla sabbia;

ma quel che è inciso sul marmo, sfida i secoli..

Quando lo mandai a scuola, si trovò a disagio; ma contro le difficoltà si metteva di puntiglio.

Ed i suoi maestri  lo elogiavano sempre per l’assiduità e l’applicazione. Finché, dagli e dagli, a forza di battere, superò con lode gli esami; e, senza vantarmi, posso dire che, in questi due anni di corso, è il candidato che nelle discussioni più si è fatto notare.

Allora, adesso, posso fare il discorsetto alla mia innamorata

Forza ‘a mammà concetrati bene e nun te mpappinà sanu sanu..iamme tantu bello dice tutto il discorsetto

A mamma mette ciente punte acoppe ‘o filglio riguarda a scimità …

(donna veronica lo segue e lo suggerisci passo passo)Signorina, come il fiore denominato Girasole che di continuo si volge verso il sole, così d’ora innanzi il mio cuorei si volgerà verso le splendenti stelle dei vostri occhi adorabili……

quante è bellillo vo fa ‘o girasole…chille sbatte terre (canzonandolo) – Lo vide che vo’ dicere studiare! Quante belle cose s’imparano a dire….

bello a mammà…vai avanti stai andando bene

mammà… zizzio … io me so scurdate tutte cose…

 è inutile… è inutile ….ma come dobbiamo fare con questo, quello non si ricorda nulla

tiene na capa comme a na scolapasta…..

è nu poco emozionato ‘o guaglione, pure mio marito quando mi vennea chiedere la mia mano nun riusciva aparlare…

e se capisce parlava sul’essa….

È vero, tenevo proprio la lengua azzeccate …annurecata…mi venne tanto nu triemmele pe carne che non potete immaginare, poi mi feci coraggio…

Invece mo parla nu poche troppe assaie, Nicoletta a zizia è buon segno , così fanno una buona riuscita , lo vedia tuo zio …..

Anastà nun dicere bestialità, don Filiberto è medico, nun tene niente a che vedè con tuo marito…

Io m’aggia iettà proprio …..

Mio marito è perfetto pure se non è mierico è un gran signore , una difetto tene parle assaie

Maronne, ma io parlo assaie e nun me ne accorgo? M’aggia fa vedè

Non vedo l’ora di avere una visita da questo medico novello

L’ha pigliate pe patane…caro don peppe il mio caro nipote è capace di fare delle diagnosi senza visitare il paziente …il suo nome starà in bocca a tutta Napoli per i suoi successi in medicina

Mamma mia quanto onore…talmente dell’onore che mi date…io per rispetto vostro non mi sento bene …Nicoletta a papà tra quattro giorno ti sposi

Non mi sembra vero …ce l’avimma fatto

Overamnete speriamo bene…

Don camillo, forza fate cantare qualcosa a mia figlia

Potrebbe cantare in questo momento solo un requiem, ma non mi sembra il caso, quindo con il permesso di tutti io vado via…

Maestro ma è un giorno felice , mia figlia si sposa

Per mè no, non è un giorno felice, quindi vi lascio il buon proseguimento e tanti auguri  (via )

Donna popa e detti

(entra donna Popa e si mette ad ascoltare)

no ..aspettatte….Papà, di grazia, non precipitate le cose. Accordateci almeno il tempo di conoscerci e di lasciar nascere in noi, l’uno per l’altro, l’inclinazione indispensabile ad un’unione perfetta. Padre mio,  ci vorrei  pensare, vi prego. Il matrimonio è una catena cui non si deve mai sottomettere un cuore per forza; e se il signore è un gentiluomo, non può accettare per moglie una che fosse costretta a diventar sua

Quante parla pulito ‘a signorina se fanne e carne pecune pecune…….

Bella di zia, nun fa piglià collere a papà….

Se ne po piglià na malatia……

Ancora?(fa segno di zittire)

Ha probabilmente del tenero per qualcun altro.Se fossi in te, caro, non la forzerei punto a maritarsi. Saccio io che farria.

Con sarcasmo) So, signora, che cosa intendete dire e le premure che avete per me;ma temo proprio, per voi, che i vostri consigli non saranno affatto seguiti.

Mi sento offesa, trattare così un ragazzo d’oro corteggiato e ammirato da tutta Napoli

Don Peppe , siamo molto offesi dal comportamento della signorina.

Mi dispiace che debbo continuare ad essere il vostro medico

E se capisce, se no fernesc a zezzenella ….

Andiamo via filiberto a mamma’ ..non ti preoccupare

 Mammà, ma a me paice quell’altra signorina…

Uè signorino quell’altra signorina si deve fare monaca fra tre giorni, nun ce mettimmme pigne ngape

Maronn …a chiesto la mia mano… no io mo faccio a pazza…faccio a pazza…mo voglio spusà

Rituccia aspettiamo prima cosa decide Nicoletta e poi ti metti tu in mezzo

Ma vuie state sempe arret  a me ? io nun c facc ….io faccio na pazzaria

Rita , la zia Anastasia voleva dire che?

Primma che to dice muglierete te lo dico io, statte zitte zitte!

 Overo nuofrio statte zitte e scioscem nu poche, che de te si fermate? Sciosiamo sciosciami, che comme stonghe che nierve me sente tutta nfucate con permesse

Con permesso …noi andiamo…scusate delle chiacchiere ma quella mia moglie

Nuofrio..

Statte zitte e scioscia ….scioscia …(insieme vanno via)

Menu male, ma comme me so antipatiche…(manda uno sguardo a Filiberto)

Mammà zizio ma questa ragazza mi piace assai assai …

E si accussì aumentammo  a razza de scieme…

Ma tiene uocchio fronte a mammà, non è per te…

(Scattando dalla sedia dimentico dei suoi immaginari malanni, la insegue) signori scusatemi mo parlo io  Sienteme buono: o entro quattro giorni sposi il signore o trase dinte ‘o convento. (Girandosi si rende conto di aver fatto intendere una improvvisa guarigione, torna prontamente al suo stato di infermo e con difficoltà si risiede)adesso potete andare ci vediamo tra un paio di giorni state tranquilli o il convento o il matrimonio.

Bravo don peppe , così mi piacete ci vuole il pugno di ferro

Hai capito a mamma fra un paio di giorno sappiamo se ti sposi

Oppure mi chiudo nel convento…

Andiamo a zizio te lo spighiamo a casa… buona serata

(saluti di tutti a soggetto)

Marito mio, già, aggia dato mandato allu convento di santa Gesualda, donna Beatrice ‘a superiora, m’ha mannate ddoie munacelle dinte a casa nostra e pe tre ghiuone e priparene spiritualmente sia a nicolettache a rituccia mia figlia….e fra trè ghiurne partiranno po cunvente , Dio sia lodato…

È fatte e cunte senze ‘o tavernare prime e stasera me ne fuie ….

Papà cheste nun ‘o putite permettere fa cummannà n’estranea ‘a vita mia..

N’estranea? Io so a mugliere e patete, a padrona da casa…

Signo scusate, ma mo pare che state aizanne nu poche troppe a capa… padrò senza che ve facite gialle e russe, donna popa, vuie site a mugliere do padrone ma non avite niente a che vedè co sanghe da signorine, vui avite avute a ciorte ‘e addeventà mamma ma ‘o core e mamma  nun l’avita mai avute…a figlia vosta comme l’avita sgravate senza dolore? Co quale core e vulite chidere dinte ‘o cunvente ? io mi oppongo mi oppongo..

Uè, giudicia, pare a giudicia do tribunale…mi oppongo mi oppongo ….fatte e fatte tuoie anze sa che te dico

Peppuccio mo parlo io , frà tre ghiurne appena sti doie culumbelle se ne vanne te ne vaie pure tu…ho deciso

E stai fresche …hanna primma passà sti tre ghiurne saranne e tre ghiurne chiu lunghe da vita vosta  e poi vi faccio vedere…

Pulcinella e marachelle

Padròòò rusellaaaaaaaaaaaa…..madonna mia aggia passato nu guaio …ma, con il vino si dice la messa?…è una bevanda santa?

Animale ch’e’ combinate ?

Le monacelle appartengono alla classa religiosa della messa?…io mica le puteva da a bere l’acqua ? l’aggia dato ‘o vino …tanto vino

Madonna ha ubriacato a suor fessella e lavella…

(ridendo cercando pulcinella) dove stai ‘ sove stai?? Porcinella porcinella

mascalzone noi ci siamo spogliate e tu hai detto che ci facevi vedere la sorpresa

madonna mia, porcinella porcinella sei un porci sei un porci…

aiuto me sente male, preparateme nu lavative, nu clisterio ,me sento ‘ ‘o  fuoco dinte a panza

padrò nu ce bisogno avite cacciate tutte cose…..                 

Atto secondo

La scena rappresenta una strada o una piazza napoletana dove si avvicendano  i personaggi della nostra storia. Entrano Donna Popa   con Rituccia  seguite dalle Suore

              

Donna Popa

Suor fessinia

Rituccia

Donna Popa

Rituccia

Donna Popa

Rituccia

Donna Popa

Rituccia

Donna Popa

Suor Lavinia

Sur Fessinia

Suor Lavinia

Suor Fessina

Veronica

Filiberto

Veronica

Filiberto

Veronica

Filiberto

Veronica

Rosa

Nicoletta

Rosa

Suor Fessinia

Suor Lavinia

Rosa

Suor Fessinia

Rosa

Suor fessinia

Rosa

Pulcinella

Rosa

Feli/lavi

Pulcinella

Fessinia

Lavinia

Fessinia

Lavinia

Pulcinella

Fes/lav

Pulcinella

Fessinia

Pulcinella

Nicoletta

Rosa

Nicoletta

Rosa

Camillo

Rosa

Camillo

Rosa

Nicoletta

Rosa

Camillo

Nico/camill

Rosa

Camillo

Nicoletta

Rosa

Donna Popa

Veronica

Donna Popa

Veronica

Donna Popa

Veronica

Donna popa

Veronica

Donna popa

Veroinica

Donna popa

Veronica

Rosa

Donna popa

Veronica

Rosa

Popa

Rosa

Rita

Filiferto

Veronica

Rosa

Popa

Rita

Rosa

Popa

Rosa

 

Orazio

Rosa

Don peppe

Orazio

Don peppe 

Rosa

Orazio

Rosa

Orazio

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Orazio

Rosa

Orazio

Don peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Rosa

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Rosa

Anastasia

Anastasia

Don Peppe

Anastaia

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Rosa

Anastasia

Rosa

Anastasia

Don Peppe

Anastasia

Rosa

Onofrio

Rosa

 

Onofrio

Don Peppe

Rosa

Onofrio

Don peppe

Rosa

Don peppe

Onofrio

Don peppe

Onofrio 

Rosa

Onofrio

Rosa

Onofrio

Rosa

Don Peppe

Onofrio

Rosa

Onofrio

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Pulcinella

Suor Fessinia

Suor Lavinia

Pulcinella

Suor Fessinia

Rosa

Suor Lavinia

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Rosa

Pulcinella

Suor Fessinia

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe 

Pulcinella

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Onofrio

Rosa

Don Peppe

Anastasia

Onofrio

Don peppe

Onofrio

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Veronica

Rosa

Orazio

Don Peppe

Veronica

Rosa

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don peppe

Orazio

Veronica

Orazio

Rosa

Don peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Rosa

Veronica

Don peppe

Orazio

Rosa

Don peppe

Orazio

Don Peppe

Rosa

Veronica

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Filiberto

Veronica

Rita

Don Peppe

Rita

Veronica

Rita

Filiberto

Rita

Veronica

Rosa

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Onofrio

Don Peppe

Anastasia

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Onofrio

Don Peppe

Rosa

Pulcinella

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Rosa

Onofrio

Anastasia

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Anastasia

Rosa

Onofrio

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

   Rosa

Don Peppe

     Rosa

Don Peppe

    Rosa

Don Peppe

     Rosa

Don Peppe

   Rosa

Don Peppe

      Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

    Rosa   

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Rosa

Don Peppe

Don Peppe

Onofrio

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don peppe

Onofrio

Peppe

Anastasia

Peppe

Onofrio

Peppe

onofrio

Anastasia

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Don Peppe

Rosa

Rosa

Donna Popa

Rosa

Donna popa

Rosa

Donna Popa

Rosa

Donna Popa

Rosa

Donna Popa

pulcinella

Rosa

Pulcinella

Nicoletta

Rosa

Nicoletta 

camillo

Nicoletta

Rituccia

Filiberto

Don Orazio

Veronica

Don orazio

filiberto

onifrio

anastasia

rosa

donna popa

 

Don Peppe

Popa

Rosa

Popa

Don peppe

Popa

rita

Filiberto

Popa

Onofrio

Orazio

Veronica

Don peppe

veronica

filiberto

rituccia

peppe

Don peppe

Nicoletta

Camillo

Don Peppe

Anastasia

Don peppe

Camillo

Nicoletta

Pulcinella

Don peppe

Suro fessinia

Suor lavinia

Suor fessinia

Pulcinella

Don peppe

Suor fessinia/ lavi

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Onofrio

Anastasia

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

 

muzzecotala addo’ curre? Sorelle, aspettate nu momento devo dire due parole a mia figlia..

prego donna popa prego voi siete la mamma

Mammà perdimme ‘a messa…

 

Cu chi parlave l’altra sera ? a coppe’a fenesta?

Certamente era n’omme mascule, ‘o vuo capì ‘o no che tu ti devi andare a chiudere nel convento….ti devi fare venire questa caspita di vocazione….io non ce la faccio ad averti sempre con me..frà poco mariteme muore ed io devo essere libera libera

mammà, vuie site chifatte, io dentro a questa casa non ci resisto, io voglio un poco di libertà , vuie me chiudente dinto ‘o convento..mammà io mi voglio sposare…voglio capiere e vedere i piaceri della vita

ti tie…vuole capire i piacere della vita, io ancora l’aggia vedè e capì’e chelle e vo vedè e capì essa?

Mammà io me so cucciate io me voglio spusà cu filiberrto, me piace , è maniariello freccicarille me pare nu mucillo, me piace e basta…

Nun è cosa ‘a mamma’ tu me fai appececà cu mariteme, chille deve sistemare la figlia, e si sape nu fatte e chiste..

Mammà , se fa na decina e lavative e pumpetelle e le passe o tutte coose,…io me so scucciate…mammà io faccio qualche pazzaria…

 

Cammina, jamme a messa,  cammina

Ma non vedo ancora Nicoletta con Rosa  la serva

A me, quella donna fa paura…Lavinia

Fessinia

Stammece accorte (viano)

( Donna Veronica e Filiberto)

Ne’ Filiberto, Filiberto…ma con chi parlavi l’altra sera ? con riutccia? La figliastra di don Peppe, hai capito a mammà, la figliastra, no la figlia, don peppe a questa no gli lascia nulla hai capito? Cuore di mamma sua, tu devi capire una cosa,la farmacia sta jenne e sotte ngoppe, qua, malati ce ne sono pochi ,stamme campanne a coppe a chillu malate ‘e cape e don peppe, perciò bello di mamma fa l’omme e vide quello che devi fare e spusete a Nicoletta…

 Mammà… ma quella quando mi vede mi guarda tutto schifata…e come se gli venisse una scippacentrella allo stomaco

Nun le dare retta, tu devi insistere e poi figlio mio caro tu devi essere più di conseguenza , ma nun è pigliate proprio e patete, tu quando la vedi la devi saltare addosso…gli devi fare la corte…

saltare addosso? Fare la corte?….mammà, ma io non lo so fare…

e ti devi svegliare figlio mio …ti devi svegliare…te ‘a scetà….

Vabene mammà appena la vedo ‘a zompo ncuollo…

Certo faccio una corsetta e opplà, la salto addosso …

 mi meraviglio stesso io  che songhe ‘a mamma, di come fa a dire tutte queste scemenze…. Dopo la messa ti insegno le tecniche di comportamento amoroso….vai vai (Via  con Filiberto)

Donna rosa e Nicoletta poi le suore

Signurì , e non vi voltate sempre indietro , sicuramente ‘o truvamme dinte a chiesia

Rusè, aiuteme , e da chella sera che nun l’aggia viste chiu’, sto troppo preoccupata

io già vi sto aiutando assaie, e se ho sape ‘o padrone, me taglie a capa.

Suor Lavini e suor Fessinia

Signorina Nicoletta, ma perché non avanzate il passo il rosario è già iniziato, frà un poco inizia la messa

La puntualità è un grande pregio , e per entrare nel convento delle monache di santa Gesualda, questa dote è molto importante

Suor Fessella scusatemi,

non mi chiamo fessella, ma Fessinia

ed io come ho detto? Fessella…comunque sorella io non ci tengo, stavo dicendo che se abbiamo allentato il passo e perché ci stiamo facendo le orazione per strada io e Nicoletta per tutti i morti specialmente i vostri …avviatevi sorelle facitele pe tutte e muorte vuoste avviatevi

possiamo pregare con voi…?

No suor fessella non è cosa, guardate chi sta venendo? Porcinella…(chiamando) Porcinella…Porcinella

Pulcinella e detti

Rusè, senza che fai , ma io a messa nun ce vengo, mi gira a cape dinte a chiesa songhe allergico…

aspiette, famme parlà, vuleve dicere , perché non pigli le ‘e munacelle e le porti a fare una bella passeggiata per tutte le chiese di Napoli e ce lieve a nanze nameza jurnata…?

Porcinella…porcinella..

Suore  monacelle…allora volete venire con il vostro porcinella?vi faccio vedere le chiese, con tutti i campanili

È una bella occasione

Certo, stamme sempe chiuse a dinte … Fessinia

Lavinia

Andiamo…

Fessinia lavinia, forza mettiteve sotto ‘o braccio mio e andiamo..

sapete adesso dove vi porto?

Dove dove??

Sulla giostra che gira gira gira …cosi io mi metto sotto e mentre voi girate con tutte le veste da monche che si aizano, vedo il paradiso…

porcinella poi ce lo fai veder pure a noi il paradiso?

Poi ne parlammo, seguitatemi sorelline che vi porto sulla giostrino….

io nun me voglie fa moneca, e nun me voglie spusà cu chille addurmute e Filiberto, meglio a morte, e si camilluccio nun me vo chiù? Rusè aiuteme

Signurì, calmatevi , vedite che già a suor fessella e suor vavella,  già l’avimme sistemate cu  pullecenella e ce l’hamma luvate a tuorne,e mo chianu chiane si sistema tutto, state tranquilla

Ruse’, aiutame….?

‘’o villoche, sta venenne don Camilluccio….

Don camillo e detti

Nicoletta, vita mia (abbraccia nicoletta) , non vedevo l’ora di vederti…’a capa me diceve che nun t’aveva vedè chiù , ma ‘o core no….

Don Camì, mieza ‘a via nun ve abbracciate.chesta già sta nfucate…

Donna Ro’, aiutateme …

Mo accumencia pure chist’ate…

Core mio e perché a cape nun vuleva ? tu me stai accerenne cu sti parole, Rusè aiutame…

Signurì, ma faciteve aiutà nu poche  a don Camilluccio

Core mio statte a pensiero tranquillo io stonghe a sentì ‘o core mio ero solamente preoccupato e chelle che se mise ngape patete..e crereve che tu pe farle contento accettave ‘a situazione che t’aveva proposto….io me sento d’asci pazzo comme avimma fa?

Ruse’ aiutatece

Mo, m’ho dicene in coro….ma io puverella che pozze fa?

 

(camillo abbraccia e bacia Nicoletta) tu devi essere mia…

(perdendosi nelle braccia di Camillo) e sarraggia pe sempe a toia comme all’ellera attaccate ‘e mure

signurì, mo’, nun ve serva n’aiuto?…ue ue….ca si passe qualcuno io passe nu guaio, forze jamme ‘a messa, camminate, (non la ascoltano quindi Rosa prende uno spillo dal petto e punge i due) ma nun me sentite, forza camminate camminate, vergogna, e opate a vo chiudere dinte a nu convento…cose i pazz… camminate …me state facente fa ‘e croce a smerza…(tutti e tre vanno via)

Donna Popa venendo dal fondo

Donna Veronica, buongiorno, che cos’è non salutiamo,

se me date ‘o tempo, buongiorno

 donna Verò, se vedo ancora vostro figlio parlare con mia figlia Rituccia faccio succeder un finimondo

Signora mia, e che gli posso mettere il sale sulla coda? Io molto chiaramente  gli ho detto che la deve finire, ma isse niente, niente …Filiberto, gioia di mamma sua, chelle e sule figlia a mamma no a don Peppe ..don Peppe e ricco donna Popa chi sa cu chi la fatte?

L’aggia fatto cu nu mascule, cu chi lo potevo fare secondo voi? Cu na femmina? E meglio che non parliamo, ognune ca se vedessa ‘o scartiello ca ten adderete e rine..invece e guardà chille e late..

Io nun tengo nisciuno scartiello …di me non si può dire nulla… nulla

 Io nun sacce niente ma ‘a gente ‘o dice …che la buonanima di vostro marito il farmacista il vero farmacista morì avvelenato cu na tazza di tisana che non si sa’ chi la preparò, ma tutte quante ‘o sanne che fu preparata da voi…

Madonna mia, voi mi stata chimando assassina …assassina a…mme a…mme

Io non ne sarei capace io sono una signora

Signora?…vui ve mantinite ‘o notaio …’o sanno tutte quante

A si..e comme te permiette? ..acchippete chest…(gli da una ceffone)

(Gli salta addosso e se le danno di santa ragione)

Rosa e dette

Madonna, ma che d’è chillu  arravuoglio e femmine?….ma chella è donna Popa ca farmacista .No, mo nun e sparte , ‘a  voglie fa   fa prime na bella mazziata, so merita …(osserva, poi dopo un poco a bassa voce) forza non litigate…voi siete due signore perbene, chi fa queste cose fa la volontà del diavoletto…forza non litigate….uèèèèèè…. mo basta…iamme

Rusè lasceme stà…l’aggia fa mettere a parrucca

Comme ‘a tiene tu …

Comme ‘o sapite?

Tu statte zitte

Signo’ ma quella ha detto la verità…ma comme ‘o sape …uno nun po dicere na confidenza a nisciuno che subbito ‘o sape tutto ‘o paese…

(Entrano Filiberto e Rita e detti)

(soppresa di vedere donna Popa) madonna… e cheste mo m’ accide

stai tranquilla ti difendo io, è vero mammà?

È vero un corno ..io t’accide…preparo io stesso na buccettelle e veleno e ti uccido, trase adinte …trase …battilocchio …è vero mamma? E vero mamma?

Mi stai azzecande ‘a cervella…(dentro insieme a Filiberto)

Facitene nu poche supierchie e veleno donna Verò, ve po servì pure a vuie

(rivolgendosi a rita) culumbrina, io te sapevo nzerrate in casa e tu stai mieze a na via, mo che ghiamme a casa t’aggia attaccà che catene…curre a casa

mammà, io ‘o voglio ‘o voglio ‘o voglio…e troppo bellillo

iamme, na facite piglià collere, acccattatancelle…chelle va ‘a casa e ci gioca un  poco…

ci gioca un poco? Jamme ‘a casa che’è meglio?

A casa? ..e che m’aspetta ‘a casa….

Mutamento a vista

Ritorna la scena del primo atto

Orazio e Don Peppe

Caro non  Peppe la vostra condizione è peggiorata molto….avete un intestinus incurabilis e infiammaticum….in poche parole tutta questa infiammazione che parte dalle viscere, sale sale sale sale…e si infiltra nella testa

Puteve mai dicere che steve buone?

Madonna mia, sto inguaiato….don orazio caro aiutatemi…

Io voglio aiutarvi ma voi non volete più, avete rifiutato di maritare vostra figlia con   mio nipote Filiberto…quindi rifiutando lui avete rifiutato anche me e la mia scienza…

Ma che dicite? Ma non avete capito che  frà un paio di giorni la situazione è risolta, mia figlia non si vuole fare monaca …e l’aternativa è: ‘o il matrimonio con Filiberto? O chiusa, nzerrate  a vita, dinte o nu convento.Quindi non vi preoccupate, chell fa’ quello che dico io….

Padrò scusate , ma comme ha ditte don orazio? Che l’intestinus e inffiammatus? Dottò, scusate, ma dinte all’intestinus ci stà la caccus?…quindi come ho capito io ‘o padrone mio tiene la caccus in testa, perciò fa questi ragionamenti sballatti e appunto di caccus ….

La scienza, in mano a una sguattera …vedete dove siamo arrivati …Rosella,voi  che siete una serva non potete mettere la lingua nella scienza, quindi, io come medico, vi ordino che dovete solo sciaqueriarius , pulezzarius , e rammendarus…

Ed io come serva vi dico è meglio che vuie iate a vennere ‘o per e o muss…

Ma sentite che insolente

Don orazio, non vi preoccupate che frà qualche giorno è finita anche per lei ..

È finita anche per lei? Ma perche che facite? M’accirite?

No, nu t’accide sule perché so malate e nun tengo forza, ma te manne  a sperdere

‘ a use gatte ….ma ‘e gatte scippane…scippane

come disse Dante ..non ti curar di loro ma guarda e passa

come disse frateme papele…non da rette a nisciune ,ma sputa e passa.. con permesso vado a  fare una culatas…vache a lavà e panne,per essere precisa  ‘e mutande e don peppe…

caro don peppe più tardi mia cognata, donna Veronica vuole venirvi a farvi visita per avere spiegazioni e delucidazioni in riguardo al matrimonio , credo allora che non ci siano problemi…

per me è un ‘onore accogliere in casa mia donna veronica ‘a farmacista..quando vuole la fate venire

così coglie l’occasione anche per portarvi i nuovi farmaci.don peppe se diventiamo parenti, io credo che voi guarirete, sono proprio convinto, ma ci pensate, ogni volta che avete un mal di testa, subbito il parente cioè il genero medico ve lo farà sparire.

Don orazio allora è proprio come la penso io, un’ultima domanda, ma se invece del mal di testa si presentasse….tengo paura pure di nominarla …ecco mo lo dico, si presentasse ‘a morte…il parente medico potrebbe sconfiggerla

Ma certo…. È normale la medicina fa miracoli…miracoli…adesso vado via buona giornata e state tranquillo fin quando i medici frequenteranno la vostra casa …sorella morte ne starà lontana…

(chiamando)pulcinella …pulcinella…

Pulcinella e detto poi suor Fessina e suor Lavinia

(di corsa) Eccome padrone diciteme tutto, state murenn? State male’ avite lu catarro? Vi fa male lu stenteniello? Lu stumachiello l’uosse pazzille…iamme che dolore nuove ve venute diteme tutto..

se me dai ‘o canzo..

se ne caduto? Addo è caduto? Padrò io ‘o pensave prima ‘o poi se ne cade fracito

steve troppo arruvinate

ma che stai dicenne? Se me dai ‘o canzo di parlare …stai parlanne peggio e Rusell..quindi ascoltami, è l’ora che mi devi fare il secondo clisterio…appriparalo

va bene padrone l’acqua è già calda che c’avimma mettere dinte?

La solita mistura di donna Veronica

Iamme padrò che ve faccio lo sevizio (insieme vanno via)

Rosa ,Anastasia e Onofrio

Donna Anastasia ‘e fatte stanne comme ve dico io , donna Popa e na granda..

Ho capito capito …

Ma io nun me so spiegata…è na granda …..

Rusè , t’aggia capite …non dire volgarità

Donna Anastasia, io, me so’  mbarate, aggia studiate nu poche, in lengua pulita si dice topolona per identificare una zoccola grande….

In poche parole l’ha chiammate zucculone….

Dunque mio fratello è allo scuro di tutto(inizia a mangiare dei confetti dalla scrivania)…cioè sta femmina è capace di arravuglià n’omme e chesta manera? Io nun me faccie capace…ma mia nipote allora già è fidanzata?

Nu brave giovane, maestro di musica e di canto ..tene nu bello strumento…

Ma perché mio fratello non vuole?

Non avete capito nulla? Vuole nu Jennero medico accussi vene sempe curato e nun spenne chiù denare …

Si deve trovare qualche rimedio ..

E ‘o vuò truvà tu? Tu ti devi stare zitto e basta..comme so buone sti cunfettielle, ma servene pa tosse? O pe canarini…

Questi rossi? No, donna Anastà, so purgativi….

Io me n’aggia mangiate nu cufanette sane

E adesso vi viene una bella veloce….vui sapite addò sta’? pigliate e currite..a prossima vote prime e nfezzà mocca vedite e che se tratta

E cheste e na grazia…madonna mia, rimane te vengo a ringrazià

Signurì sta venenne o signore m’arracumanne cercammo do convincere e nun fa chiudere e figliole dint ‘o cunvente e cercate e scanaglià quacche cose in riguarda ‘o testamento

Nun te preoccupà mo ce penso io…

Don peppe e detti

Peppuccio fratello mio , come va? Come stai?

Ah, sora mia ,  peggio non si potrebbe!

Come! Male, male?

Malissimo! Me ‘ncuollo ‘na debolezza da non credere!

Appena riesco a trova’  la forza de parlare!

E io che venivo a parlarti di  mia nipote Nicoletta!

 (balzando da sedere, con impeto) Quella sciagurata? Non me ne parlare! È una furfante, una impertinente, una spudorata che, non passeranno due giorni, e la farò chiudere in convento!

Maronne parve che mo steve murenn….e subbete s’è arripigliate…

(inizia sentirsi male pe l’effetto del purgante) mammamia  , me sente na cascata dinte a panza che vo asci afore…

donna anastà, so i cunfettielle…facite ambressa si no a cascate allaga a stanza….currite currite

maronne me sente male me sente male…

sora mia ma che te vene? Guarda che ‘o malato song’io, me vulisse levà l’accunte?

Peppuccio doppe parlammo ….(scappa via )

Don Onofrio , ma comme fa belle la danza del ventre vostra moglie…onn Onofrio mo ca esse nun ce stà …putite parlà..io nun ve dico niente, parlate parlate, sfucate….facite nu bello discorsetto a don peppe che l’anima e tutte e muorte vuoste ne truvarann giuvamente…..

 Rusè m tu dice che io posso parlà? Posso fare io un discorso lungo a mio cognato?

Certo e che aspettate…

Cognato carissimo vist che mi sorella è dovuto scappare per un improvviso malore, ne approfitto pe fare quattro chiacchiere insieme sempre se te fa piacere…maronn mia, haggia ditte tutto cheste e niscune m’ha fermate?

Parla vai dicenne …

Forza donn Onofrio, parlate parlate.

E allora volimmo parla’ ‘no poco pacatamente, senza che vi facciate venire nisciuno malore pe’ chello ca ve voglio dicere?

Pecchè che me volite dicere?

Jamme rispunnite senza scarfarve comme acqua ca volle a la tiana?

Accettato.

Senza animosità e senza partito preso?

Mio Dio, sìne. È fernuto ‘sto preambolo, ca già me s’abboffa la guallera?

E allora, diciteme qual è la ragione pe’ la quale , co’ tutte le sostanze  che possedete e non avendo ca ‘na figlia,…

qual è la ragione pe’ la quale, de la ‘nzerrà ‘nconvento?

Me pare na cosa che…

Nun sta bene proprio…chella creature adda sta mieze a chelli cape i pezze

Heeee….ruseè, prime dice parlate, parlte e po parle tu…dio ‘o sape e a maronne ‘o vere ‘e comme sto parlanne , senza muglierme ngoppe ‘a noce do cuolle

E chi sta parlanne? Io ve vulevo da na mano, vui po’ nun site tante abituate a parlà….jamme don Pè, rispunnite pecchè vulite chiudere a Nicoletta dint’o convento? Site contento? ve sto facente parlà a vuie…

Qual è la ragione? La raggione è ca dint’’a la casa mia so’ io lo padrone.

Vostra moglie….

 La topolessa…

non fa che spingervi a disfarvi in questo modo delle  due figliole; e son certo che,(ironico) per il loro bene, s’intende, sarebbe felicissima di vederle monache tutte e due.

Oh ‘o vi ca ce simmo. Mo subbeto si mette in ballo la mia povera moglie. È lei che ha tutte le colpe e tutti ce l’hanno co’ essa.

Anastasia e detti

Mamma d’o Carmine che brutta cosa so è dolore e panza…scusateme mo me sento meglio ….allora caro fratello la situazione è questa, chella povera creatura…

Nanà, tuo marito già mi ha detto tutto ..stai tranquilla

Comme, ha parlate isse ca voce soia?

Maronn, tene na bella voce, non l’avevo mai sentita sana sana….

Nuofrio e comme te si permise ‘e parlà da famiglia mia senza ‘o consenso mio

Maronne, me voglie spartere…

Donna Anastà, facitele po bene da signorina …nun  decite niente chille ‘a parlate

buone…

Pulcinella e detti

Padrone, qua stanne le munacelle che vogliono parlare subbito con voi

Don peppe , i nostri omaggi, siamo allo scadere del terzo giono e le due figliole non si mostrano ancora pronte per poter entrare in convento

noi vorremo tanto restare …..

qualche giorno in più…

così abbiamo il tempo…

e ce bevere tutto ‘o riesto do vino che è rimasto abbascio a cantina…

appunto…, dicevo…è importante che noi restiamo, perché il convento di santa Gesualda è un convento serio

quindi padrò fate scrivere una lettera alla capona di pezza..comme se dice ‘a superiora, dicendo che le suore monacelle restano ancora qualche giorno qua.

Ma tu che parle a ffa a mieza…? Che interesse hai

Padrò sapite che d’è? E che a me è venuta la vocazione di farmi monaca…

E se capisce, te l’ha fatte venì suor fessella?…

Si dice fessona , no fessella…

Fessinia …fessinia, come ve lo devo dire?

Comunque luvamme sti trascurze a mieze, se si deve fare così, così si farà

Ebbiva ‘o padrone…sorelline seguitemi venite con me…

Addò ‘e puorte?..bestia

Andiamo a fare un ritiro spirituale…abbasc ‘a cantine…(via ridendo)

Padrò, ‘o vedite dinte a chesta casa cosa sta succedendo? Ed è tutto merito vostro

Peppuccio è vero, te si mise dinte a chesta stanza ti sei vestito da malato e a fore a chesti mure te stanne scavanne na fosse…

Donna Anastà, me sita piaciute, se assettate ngoppe a chillu dondolo se cunnulea se piglia medicine , se fa nfezzà nguorpe acqua fetente che l’appriparene chill’ate mbrugliuone e don orazio e chella papera morta da farmacista

Senza importarsi di nulla…solo di medici e medicine

Senza capì che pe fa ‘o bene a isse stesse sta accerenne na figlia che ‘o vo bene chiù da vita soia…scuorne..scuorne…

Aiutatemi me sento male…devo farmi nu clisterio pe caccià tutta sta raggia che se nfezzate dinte ‘a panza,vuie vulite ‘a morte mia e specialmente tu ,(a Rosa)

Che si fattucchiera, e fatte na fatture pure e pariente mie pe me fa truvà contro,

strega strega, me sento male…

Oggie me sto proprio sfucanne …che bella cosa..vedite comme allucate, allora a salute a tenite bone..

Ma comme te permiette io so malate malate…faciteme subbito nu clisterio che aggia jettà fore tutte ‘o tuosseche che me state danne…

Peppe …stamme a sentì!  basta cu sti medicine e chisto mierece ca te spillano sule denare

‘e mierece vogliono sule ‘e denare vuoste, nun voglione mai a saluta vosta, chiu state buone e chiu’ ve fanne cadè malate, pe’ pura ca perdono e solde

 (Alzandosi)Pensatela comme volite, ma mo tengo da farme ‘na piccola lavanda: questione de ’no momento.

Possibile ca non stare ‘n’ora  senza pigliare medicine?

Rimandate a dopo, diavolo! Concedetevi un po’ di tregua!

 

(Risedendosi a malincuore) Me faciarrite morì, ..vabbuono me la faccio stasera

O domattina.?

Mo non esagerate. Oh!

(Entrando da sx) Padro’, fore ce sta Don orazio, ‘o miedeco, con donna veronica a spezziale, cioè ‘a farmacista

E fallo trasire, no?(pulcinella va) Mo siente ca sape ca non me aggio fatto lo clisterio.

 (Entrano dinnanzi a Pulcinella, ascoltano le ultime parole di Don Peppe. Il loro è un parlare grottescamente ampolloso)

Come, come, come? Appena entrato, vengo a saperne una bella: che in questa casa ci si infischia delle mie prescrizioni e che ci si è rifiutati di assumere il rimedio da me ordinato.

Dottore, non so’ stato io...

E che modi sono questi? Ho capito? Vulite murì!

Hanno troppa ragione…e vire comme l’abbrucia ‘o tafanario?

Un enteroclisma che m’ero compiaciuto d’apprestare di mia mano!

Non so’ stato io...

Ideato e composto secondo tutti i dettami dell’arte. Era venuta qui pe farcelo conle mie mani, pe ce fa vedè e senti l’effetto

Onna Anasta’ ? avite capite ce vuleve fa senti’ l’effetto adderete ‘o padrone mio

E ch’era destinato ad operare meraviglie sull’intestino.

So’ state soreme e cainateme che...

Respingerlo, un simile toccasana, con sprezzo!

(indicando Anastasia e Onfrio ) –Isso e issa...

Un attentato enorme alla Medicina!Un crimine di lesa Facoltà, per il quale non C’è punizione adeguata!

Ero venuta io stessa, mi sono abbassata di nuovo a venire dopo l’offesa che mi ha fatto la vostra signora questa mattina, aggia ditte vabbuo’ luvamme l’occasione, avete sedotto quel povero figliuolo di mio figlio…

Per cui vi dichiaro, signor bello, che da questo istante rompo con voi ogni rapporto.Che non intendo più contrar con voi parentela.

Ah, bella pensata!.

È colpa di mia Sorella!

Sprezzare il mio clistere!

Facitammelle …facitammelle..so pronto (si abbassa i pantaloni)

Io v’avrei rimesso in salute in men che non si dica! (rivolgendosi a Veronica che vuole eseguire) fermati…basta … Non se lo merita!

Non merita, non merita!

Ma poiché guarire per opera nostra  non avete voluto...

La colpa non è mia!

M’è giocoforza dirvi che vi abbandono alla vostra cattiva costituzione, alla intemperia delle vostre viscere, alla corruzione del vostro sangue, all’acredine della vostra bile e alla feculenza dei vostri umori.

Ben fatto.

Mio Dio!

E questo farà sì che, in meno di quattro giorni, voi entrerete nel novero degli ammalati incurabili.

Ah, pietà di me!

Padrò ma che chiagnite affà? Cheste è cosa vecchia, vuie siete state sempe inculabile mane a chisti duie

Mo’, invece, sarà inculabile assaie assaie assaie…

Cadrete in bradipepsia.

Signor orazio!

Dalla bradipepsia nella dispepsia.

Signor 0razio!

Dalla dispepsia nella apepsia.

Signor orazio!

Dalla apepsia nella lienteria.

Signor orazio!

Dalla lienteria nella dissenteria.

Signor orazio!

Dalla dissenteria nella idropisia.

Signor orazio!

E dalla idropisia nella cessazione della vita, cui vi avrà condotto la vostra insensatezza. A mai più..(fa per andare) poi vi manderò il mio onorario (via)

Entrano Filiberto e Rita

Mammà , mammà, io ho deciso , mi voglio sposare a rituccia mia , Don Peppe, ve la potete tenere conservata cara cara a vostra figlia Nicoletta…queste so femmine.

Tu me vuo’ vedè morta…

Filibe’, e tu non hai visto ancora nulla, io ancora t’aggia fa vedè ‘o meglio da vita…

Uscite fuori subbito…e tu Rita ritorna subbito nelle tue stanze

Io me ne scappo , mo basta, Filiberto fuisci con me ….

Filibè a mammà tu mi fai morire dal dolore non scappare

Filibè…o  mamma’ o io!

(si Guarda Intorno ) mammà, zizio… me so scurdate tutte cose…(via)

O Filiberto o la morte…fili fili…(via)

vo dico chiattu chiattu, ‘a vita jettà ‘o sanghe…accà, ngape a quatte juurne, e salutateme a mugliera vosta , decitencelle che se a ncontra e meglio che lascia a parrucca a case, accussi ‘a scippe a coppe e a sotte…e arricurdateve ca songhe na signora…e a mio figlio nun vo faccio vedè manco pittato…Fili Fili..

 Fili fili…se spazzate o filo,   Forza… facimme aria nova, ascimme fore…. Che Dio sia lodato…aria aria (osserva don peppe) chiste mo me more averamente, mo aggia risolvere comme ‘o solite a situazione…donna Anastà, donn Onofrio subbito vengo e assecondateme…mo’ subbete vengo..pullecenella, pullecenella

(don Peppe viene colto da una esagerata crisi di paura che renderà comica la sua preoccupazione. A soggetto)Ah, Dio mio son morto. Sorella, cognato per colpa vosta.

Ma che dicite?

Avite sentuto quali spaventose malattie mi verranno?

Quattro giorni…e so’ schiattato ,…. ha detto.

cognato caro, ma mica  e un oracolo che ha parlato?

 (Incominciando a calmarsi)Ma isso conosce a fondo il mio fisicuccio debole; sa di che cure, di che medicamenti tengo io bisogno.

Si’ ‘no fissato, fratello, debbo dirtelo: un fissato; pare che tiene e  parauocchi.

 

 (da sx)Padro’, fore c’è ‘duie mierece ca cercano ‘e vuie.

 (Cambiando completamente atteggiamento. Come se un segno del destino che un altro lo salverà dalla sicura morte.)Qua…qua…qualo miedeco?

Un medico della Medicina.

Chi è, chi l’ha chiammate?

Non lo canosco; ma uno e lore rassomiglia ‘e ‘na manera padro’ da non ce credere, a pullecenella, doi  gocce d’acqua; al punto che, se non sapessi che a  mamma era ‘na santa femmina, ne avrei dubitato assaie

Ma che vai ciancianno, la farmacista che somiglia a pullecenella Ma comunque spicciate, ampressa, falli passare.(Rosa  esce a sx)

Certo ca nun te può lamenta’,. Nu miereco s se ne va e ‘n’ato arriva

Sperammo ca chisto è capace de salvarme. Perché… vorrei sbagliarmi; ma temo proprio, pe’ colpa vostra, d’essere agli sgoccioli.

Ancora! Sempe a chesto, pensate?

Vedete, me le sento qui, sul cuore, tutte quelle malattie che non conosco, quelle...ca traseno pe’ lo naso mentre ca tu respiri, pe’ la vocca , pe’ l’uocchie mentre guarde, da lo culo mentre cache, lli malatie so’ serpe furbe ca te piglieno senza ca tu ne saie niente ….te pigliano, te mangiano, te divorano e ve ne venite vuie li miedece non servono. Sst.  Si non fosse pe’ loro, invece,  ca le conoscono, le scovano, le scoprono e le combattono….ah, ah, si non fosse pe’ loro

(da sx, non essendo ben ferrata in italiano di tanto in tanto la serva sbaglierà qualche finale o qualche verbo)Non vi spiaccia, signoro, se venco a farvi visita?

 ad offrirvi le mie moteste prestazioni per tutti i salassi e i serviziali di cui aveste bisuogno.

Obbligatissimo, signore. (A Beraldo) Ma questa è pulcinella in persona! Ave ragione, le somiglia comme a ‘no specchio.

Non mi giudicato male, signore, se non ho potuto resistere alla curiosità di vetere un illustre infermo, quale voi siete.

Signore, servo vostro.

Noi siamo metici ambulanti.

Eh, sine, comme ‘e mollacurtielli….Infatti.  Passiamoo di città in città, di provincia in provincia, di regno in regno; in cerca di case interessanti per la mia arte, di infermi meritevoli , sui quali abbia moto di provare l’efficacia delle proticiose cure che ho scoperto.

 Ma chiste nun c’azzecca na parola…

Il girare per il monto e sentire parlare sempre lengue diverse mi fa confondere qualche vota nel spiecarmi. Ma la medicina ha un solo licuaggio, per tutto il munno.

Questo è giusto, anche se non condivido.

Perciò, stateve accorte quello che dicite, (poi a bassa voce a i due) nun arruvinamme a situazione…

 Ma zitto, ‘sto miedeco me piace… Andate puro annanzo signoro.

Sentiamo il pulzo.mamma del carminiello, ma comme scoppettea…!, Il vostro medico curante, di grazia?

Il dottor Orazio seggetta…

Seggetta? Un nome che, sul mio elenco di grandi luminari, non ficura.

Non ficura non ficura ….sarrà nu ciuccio

 La sua Tiagnosi?

Malattia di fegato. Altri, opinano di milza.

e a capa malate che tene…..

Chi ‘ha parlaten?…hai parlaten tu? Silenzien…se mi fare incazzaren io  parlo tedesco …e poi anche marrucchino…

T’o mierete…statte zitte…

Non fate incazzare il dottorone, se no non fa più la tiagnosi , diventa un pastore tedesco

Questi metici sono tutti asini. Attaccato, è il polmono.

Il polmono?

Il polmono. Che vi sentite?

 Ogni tanto, mal di testa.

Appunto: il polmono.

Mi pare a volte d’avere un velo davanti agli occhi.

Un velo? Volete dire una mappina

 E’ Il polmono.

Fitte al cuore, qualche volta.

Il polmono.

E certi giorni avverto in tutto il corpo una stanchezza...

Il polmono.

Anche dolori di ventre, mi prendono qualche volta, come si trattasse di coliche.

Il polmono. Mangiate di buona voglia?

Sì, dottore.

Il polmono. E un bicchierotto lo bevete con piacere, è vero?

Sì, dottore.

Il polmono. Sulla digestione, un po’ di sonnolenza,  vero?

Come fate a saperlo?

Il polmono, il polmono, vi dico. Che dieta vi ha ordinato il vostro medico?

 

Minestra...

Ignorante!

Carne bianca

Ignorante!

Brodini...

Ignorante!

E, la sera, prugne cotte, per sciogliere il corpo...

 Ignorante!

 Ma, soprattutto, di bere il vino molto annacquato.

Ignorantus, ignoranta, ignorantum! Il vino, dovete berlo assoluto.

 E, per ispessire il sanguo, che è troppo sottile, manciate na bella bistecca di Vitellone, in abbondanza, buona carna di maiale; formaggio d’Olanda; e, poi, lasagna panzarotte e purpette , e niente brodi e brodimi con cape e capozzelle. Il vostro medico è una bestia. Sì... Ma di questo braccio, che ve ne fato?

Come sarebbe a dire?

Ecco un braccio che, se fossi in voi, io mi facessi  tagliare all’istante.

Il braccio?

 Ha ragione il mio coleega, non vedete  che è un braccio parassito? Che si zuca lui tutto il nutrimento, lasciando a riuno l’intero lato destro? Anche quest’occhio si nutre il nutrimento di quello sinistro…percio’ ne abbiamo due, vanno tagliati, subbito , è vero colleca,,

Vedo: ma come farrìa  senza? Ma non è mica urgente?

Ed ora, arriveterci. Mi scuse di andarmene così presto; ma ho un consulto urgente per un tizio deceduto ieri.

Un consulto per un morto?

Appunto. Per appurare quale trattamento lo avrebbe guarito. A buon rivederci. (Esce in fretta a sx)

Scusate se non vi riaccompagno; ma gli infermi, sapete...

Capperi! Chisto è ‘no miedeco!

Sì. E’ vero, ‘no valente  miedeco! Però me pare ca pe’ certe cose va ‘no  poco troppo per le spicce...

Eh, ma…., i grandi medici…. son tutti così

Lo so, lo so,  però…tagliarme ‘no braccio, l’occhio, perché stia meglio l’altro! Io m’accontento che l’altro sta come sta.’Na fessarìa  a ridurmi guercio e zuoppo! Vuie che dicite?

Rosa e detti

 (fingendo di parlare a qualcuno, alle sue spalle) - Ehi! Li mmane a posto, te faccie cadè pe terra!

Che è?

 

Voleva tastare lo polso pure a me, il vostro medico!

Briscola!

Ed ora, visto che col vostro medico ve site oramai disgustato che ne dicisseve si ve parlasse di quest’ato partito che si presenta per vostra figlia?

Inutile, cognato: si è opposta alla mia volontà e intendo metterla in convento.

E co’ chesto? Si pure tenesse ‘no debole per qualcuno, sarebbe ‘no delitto? Che male ce vedite, dato che Nicoletta non fa nulla di male e che tutto va a finire in un matrimonio?

 Non importa: sarà monaca lo stesso, aggio deciso.

Vuie volite accontentare qualcuno.

So chi volite dicere. Tornate sempre lì, perché con mia moglie ce l’avete.

 Ebbene, sì, sono franco: è di vostra moglie che parlo.

Nuofrioo…ma ti si è prorpio scioveta la lengua? Fatte e fatte tuoie

Ah, chiano, signore, chiano! Non parlate accossì della padrona mia ! ; ‘mica è n’anfame che fa finta di amare ‘o marito?

Ditegli un po’ come mi coccola!

Comme a’no pupo!

Che ansiia ca tene pe’ la malatia mia

Ansietà? Dite poco!

Di che attenzioni mi circonda! Come si sacrifica per me!

Ancora poco dicite! Volite ‘na prova? Volite toccare co’ mano quanto la mia padrona ama suo marito? Facimmece vedè’ padro’ comme se sbaglia

In che modo?

La signora sta pe’ turna’. Coricatevi lungo disteso ngoppo ‘o lietto e fingetevi morto. Vedrete, signor Onofrio, come resterà la mia padrona

Perché no? Io ci sto.Accossì vedarrite.

ma adda durà poco sta finzione. Si na ‘a poverella  mare dal dolore…!

Per questo, ci penso io.

E voi nascondetevi in quell’angolo.

Ma, simulandola, non me l’attirerò la morte?

Ma che storie! Allungatevi qui ben disteso. (All’orecchio di Argante) Vedrete con che naso rimarrà vostro cognato e vostra sorella!quante verene che donna Popa vo murì appriesse a vuie. Ssst: eccola! Fate bene la vostra parte. (Una breve musica accompagna i preparativi)

Madonna miaaaaaaaaa…che disgrazia, che disgrazia, nu ritte e nu fatte nu ritte e nu fatte..è muorte ‘o padrone

Ch’è succise Rusella?…percchè te dispere tanto?

È muorte ‘o padrone, è muorte don Peppe… ruseee famme nu clisterie, ce l’aggia fatte, ha fatte nu peritone e ‘e muorte…comme a nu sante

E’ morto mio marito?…Ma davvero?

Purtroppo! Nessuno ancora lo sa; è capitato ch’ero sola in casa. Da ‘no momento al’ato!

Dio sia lodato! Eccomi scaricata d’un bel fardello. Come siete sciocca voi, ad affliggervi per tanto poco!

Crerevo, signo’, ca fosse doveroso piangere in questi casi, o no?.

Iammo, iammo, : ca non ne vale proprio la pena. Che si perde con la sua morte? Di che utilità era da vivo?’Nommo comme a isso , antipatico a tutti, sporco da muovere lo stomaco, con sempre in corpo un medicamento o un lavativo; sempre dietro a soffiarsi il naso, a tossire, a sputare; senza spirito, noioso, perennemente di malumore; che aveva notte e giorno bisogno di tutti e tutti ripagava di rampogne e di urlacci!

Madonna mia…e comme se dispera ‘a padrona

Iammo, chiuttosto dateme ‘na mano e dell’accaduto non fiatiamo. Ci son carte, c’è danaro che devo mettere al sicuro; non sarebbe giusto che, dopo avergli sacrificato i miei più begli anni, restassi a mani vuote.  le chiavi! Tutte le chiavi,anzitutto!….

Pulcinella e suore e detti

Padrooooo è lora della lettura del vangelo forza sorelline leggete leggete..(guardando don peppe sul letto) mamma do carmie è muorte ‘o padrone?

Sine… statte zitte statte zitte…

Nun  è possibile chille è stato sempe buone chille aveva campà cient’anne??

Mo vache a chiammà ‘o dottore…sorelle pregate pregate..

Nicoletta e detti

Rosè, ma ch’è succiese?

 ‘na  brutta nutizia!Vostro padre, ccà ‘o vedite,  è morto!

Morto? Mio padre? Oh Cielo! Che sventura! Che perdita crudele! Ahimè! La sola persona cara, l’unico sostegno che mi restava! E proprio in un momento come questo! Proprio oggi che lo avevo contrariato! Che sarà di me? Quale conforto potrò mai trovare ad una perdita simile?(Piange senza freni la morte del padre)

camillo e detti

Che c’è, nicoletta? Che c’è? Piangete! Perché? Qualche disgrazia

(che dal padre non ha distolto gli occhi) - Ahimè! Piango perché ho perduto quel che avevo di più caro al mondo! Perdono, perdono, padre mio, d’essermi mostrata disobbediente! mio, che vi faccia ora qui solenne promessa di farmi monaca ..scusami camillo …ma voglio fare la volontà del mio caro padre..

Rituccia Filiberto  e detti

Ma è vero quello che dice pulcinella chè è morto papuccio??

Ma è morto morto oppure si è convinto di essere morto mentre non è morto invece pensa di essere vivo?? Aspettate adesso controllo io che sono quasi medico….

Don Orazio e donna veronica

No fermati, me lo vedo io…sono proprio contento la mia profezia si è avverata prima del tempo

So state e ghiastemme mie…..

(lo guarda ha timore di toccarlo) filiberto allora tu che dici è morto? Controlla..

(gli prende il polso) si zizio mortus mortum…

è morto un grand’uomo un uomo che ha vissuto alla mercè di tutti …

quante se more ..tutte cagne attuorne, comme fosse belle se scemasse e veress tutte cheste verità…

vedesse chi ‘o vo bene e chi ‘o vo male ….

E mo baste cu chiste chiagnistei…iamme , mo a padrona da casa songh’io..(va a strappare la chiave dal collo di don Peppe)

( si alza di scatto e afferra la mano di donna Popa recando una razione di paura in tutti i presenti)

madonna mia…nun è muorte, rusè chiste nun è muorte…

madonna mia nun è muorte, 48 ‘o muorte che parla 78 a bbona cristiana e 19 e risate (ride) so nummere sicure

allora tu ire d’accorde (guarda verso Anastasia e Onofrio i quali ridono) e pure vuie?

Accossì me volive bene cana traditora? Con vivo piacere veco e sento  quanto mi amavi ….avive mise  l’uocchie ngoppe a robba mia? …e stai fresca, chelle ‘e a porta

Rituccia, iammucenne a mammà..papuccio è nu grande attore

No mamma, mo basta, vulive a libertà e l’avita avute, iatevenne che vuie nun sita mai stat ne muglier e ne mamma..io resto ccà …e me spose a Filiberto..

Non ci chiudiamo nel convento?

Eri d’accordo? Era un piano per smascherarmi? Vipera, sguattera malefica. Ho perso tutto.(Scappa a sx)

- Ecco dunque, cognato: site persuaso?

Se permettete noi togliamo il fastidio, don Peppe più tardi passo e vi faccio una bella visita togliamo tutti questi rancori da mezzo

In fondo in fondo, non è successo niente..quatte chiacchiere avimma fatte , dopo veniamo e vi prepare un bel clisterino come dico io ….

Basta con voi voglio rompere ogni tipo di rapporto..so guarito …mnun tengo bisogno di niente aveva passà pa morte pe capì che era a vita…

Filiberto iammucenn …

Io non lascero rituccia ….me la voglio sposare…

Papuccio dateme ‘o consenso

E sine sine …che nozze siano…( si abbracciano  e vanno vi veronica Filiberto e rituccia)

Ah figlia mia! (a nicoletta) .Ccà, priesto ccà, , fra le mie braccia! Tu sì, si overo lo sangue mio, la vera figlia mia. Che bene me fa a lo core averlo toccarlo con mano!

Ebbene, allora, dal momento che miracolosamente siete resuscitato, consentite ne approfitti per rivolgervi una preghiera. Se la scelta che aveva fatto il mio cuore la disapprovate e Clamilluccio non vi garba per genero, ebbene, non costringetemi, almeno, vi scongiuro, a sposare un altro. È tutto quello che vi chiedo.

Prego signore, cedete alla supplica di vostra figlia; alla quale unisco la mia: esaudite i voti ardenti di due cuori

Se diventa medico ..perché no..

E ancora, fratello? Ancora resiste?

E va bene..acconsento …

Grazie signore (abbraccia nicoletta)

Papà…si guarito…papà…si guarito…(va via con camillo)

Padrò…che allegria ..finalmente nun site muorte ..anche se vuie sita state muorte na vita sana, e a primma vota che ve veco vivo..ma vivo e cape e i core ..e visto che avete acconsentito a tutti queti matrimoni acconsentite pure al mio

E a chi te spuse?

La promesso a me..

No a me…

Ho detto a me..

Basta non litigate…mo me ne vengo in convento da voi e ci ragioniamo..padrò dateme ‘o permesso , visto che voi ci tenete tanto che qualcuno si chiude nel convento, dateme ‘o consenso che mi chiudo per questa invocazione che mi è venuta….

E vattenne dint’ o convento pure tu…

Grazie grazie don peppe … (insieme vanno via)

Fratu mio ..sta vote me ne vache chiu cuntena..ho ritrovato un fratello

E io a vocia mia ,mugliera mia vi comme è brutte  a fa tutte a capa soie, perciò adesso che ho riacquistato la favella si tu accummience n’ata vote io sarò costretto no a fare no una finta morte ma un vero omicidio ..Peppuccio togliamo il fastidio..

Nuofrio…

Uè chi sta parlanne?? Basta aiesce a casa..

Fratello statte buone

‘o sapeve che guarendo rimanevo sulo comme a nu cane..

padrò e io che ce stonghe affa’…

tu ? tu me vuò vedè muorto…

allora , nun avita capite proprio niente padrò…e io suppurtave tutte che elle che m’avita fatte pe chella miseria che me divede, padrò scetateve…io vaggia vulute sempe  bene…

rusè..che gioia che me stai danne..basta voglio sta buone ..basta cu sti  malattie

me ne voglio vedè bene da vita l’aggia lascia stu lietto..

padrò, vuie vulieta sta buone ? E allore ‘o liette nun l’avita lascià ancora. Padrò ( con aallusione ) e sotte a chesti lenzole che ve ca ve faccia passà tutte e malatia

vuie avita campà cient’anne e o rimedio ‘o tengo io …(l’abbraccia e lo scaraventa sul letto)

Fine

sipario

                                                                                                                                        






Donna popa

Rituccia

Donna Popa

Rituccia-

Donna Popa

Rituccia

Veronica

Filiberto

Veronica

Filiberto

veronica-

Filiberto

Filiberto

Veronica

Donna Popa

Veronica

Donna Popa

Veronica

Donna popa

Veronica

Donna popa

Veroinica

Donna popa

Veronica

Rosa

Orazio

Rosa

Don peppe

Orazio

Don peppe 

Rosa

Orazio

Rosa

Orazio

Don peppe

Rosa

Don peppe

Rosa

Orazio

Rosa

Orazio

Don peppe

Orazio

Don Peppe

Orazio

Don Peppe

Pulcinella

Don Peppe

Pulcinella

Don peppe

Pulcinella

Don Peppe

Rosa

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Anastasia

Rosa

Anastasia

Rosa

Onofrio

Rosa

Anastasia

Anastasia

Don Peppe

Anastaia

Don Peppe

Anastasia

Don Peppe

Rosa

Anastasia

Rosa

Anastasia

Don Peppe

Anastasia

Rosa

Onofrio

Rosa

 Onofrio

Don Peppe

Rosa

Onofrio

Don peppe

Rosa

Don peppe

Onofrio

Don peppe

Onofrio 

Rosa

Onofrio

Rosa

Onofrio

Nicoletta

Pulcinella

Nicoletta 

Pulcinella

Nicoletta

Rita

Pulcinella

Rita

Pulcinella

Rita

Pulcinella

muzzecotala addo’ curre? Cu chi parlave l’altra sera ? a coppe’a fenesta?

Certamente ero n’omme mascule, ‘o vuo capì ‘o no che tu ti devi andare a chiudere nel convento….ti devi fare venire questa caspita di vocazione….io non ce la faccio ad averti sempre con me..frà poco mariteme muore ed io devo essere libera libera

mammà, vuie site chifatte, io dentro a questa casa non ci resisto, io voglio un poco di libertà e vuie me chiudente dinto ‘o convento..mammà io mi voglio sposare…voglio capiere e vedere i piaceri della vita

ti tie…vuole capire i piacere della vita, io ancora l’aggia vedè e capì’e chelle e vo vedè e capì essa?

Mammà io me so cucciate io me voglio spusà cu filiberrto, me piace , è maniariello freccicarille me pare nu mucillo, me piace e basta…

Nun è cosa ‘a mamma’ tu me fai appececà cu mariteme, chille deve sistemare la figlia, e si sape nu fatte e chiste..

Mammà , se fa na decina e lavative e pumpetelle e le passe o tuosseche…io me so scucciate…mammà io faccio qualche pazzaria…

altra parte della scena

ne’ Filiberto, Filiberto…ma con chi parlavi l’altra sera ? con riutccia? La figliastra di don Peppe, hai capito a mammà, la figliastra, no la figlia, don peppe a questa no gli lascia nulla hai capito? cuore di mamma sua, tu devi capire una cosa,la farmacia sta ienne e sotte ngoppe, ca malati ce ne sono pochi stamme campanne a coppe a chillu malate ‘e cape e don peppe, perciò bello di mamma fa l’omme e vide quello che devi fare e spusete a Nicoletta…

 Mammà… ma quella quando mi vede mi guarda tutto schifata…e come se gli venisse una scippacentrella allo stomaco

Nun le dare retta, tu devi insistere e poi figlio mio caro tu devi essere più di conseguenza , ma nun è pigliate proprio e pàtete, tu quando la vedi la devi saltare addosso…gli devi fare la corte…

saltare addosso? fare la corte?….(fa segno di impersonare una persona bassa) mammà ma io non lo so fare…

e ti devi svegliare figlio mio …ti devi svegliare…te ‘a scetà….

e vabbè mammà….a vabene mammà appena la vedo ‘a zompo ncuollo…

Certo faccio una corsetta e opplà, la salto addosso …

Io mi meraviglio stesso io che songhe ‘a mamma di come fa a dire tutte queste scemenze….vai dentro vai che dopo ti insegno le tecniche di comportamento amoroso….vai vai (Filiberto via)

Donna popa nenemdo dal fondo

Donna veronica, buon giorno, io so venuta a dirvi che se vedo ancora vostro figlia parlare con mia figlia rituccia faccio succeder un finimondo

Signora mia, e pare che se ce lo dico ci metto il sale sulla coda, io ce lo sto dicendo molto chiaramente che la deve finire ma isse niente niente …Filiberto, gioia di mamma sua, chelle e sule figlia a mamma no a don peppe ..don peppe e ricco donna popa chi sa cu chi la fatte?

L’aggia fatto cu nu macule, cu chi lo potevo fare secondo voi? Cu na femmina? E meglio che non parliamo, ognune ca se vedessa ‘o scartiello ca ten adderete e rine..invece e guardà chille e late..

Io nun tengo nisciuno scartiello …di me non si può dire nulla… nulla

 Io nun sacce niente ma ‘a gente ‘o dice …che la buonanima di vostro marito il farmacista il vero farmacista morì avvelenato cu na tazza di tisana che non si sà chi la preparò, ma tutte quante ‘o sanne che fu preparata da voi…

Madonna mia, voi mi stata chimando assassina …assassina amme amme

Io non ne sarei capace io sono una signora

Signora…vui ve mantienite ‘o notaio …’o sanno tutte quante

A si..e comme te permiette ..acchippete chest…(gli da una ceffone)

(Gli salta addosso e se le danno di santa ragione)

Rosa e dette

Madonna, ma che d’è chillu ravuoglio e femmine?….ma chella e donna popa ca farmacista

No, mo nun e sparte , ‘a  voglie fa   fa prime ne bella mazziata, so merita so merita…(osserva, poi dopo un poco a bassa voce) forza non litigate…voi siete due signore perbene, chi fa queste cose fa la volontà del diavoletto…forza non litigate….uèèèèèè mo basta…iamme

Donna popa

Rusè lasceme stà…l’aggia fa mettere a parrucca

Rosa

Caro non  peppe la vostra condizione è peggiorata molto….avete un intestinus incurabilis e infiammaticum….in poche parole tutta questa infiammazione che parte dalle viscere, sale sale sale sale…e si infiltra nella testa

Puteve mai dicere che steve buone?

Madonna mia sto inguaito….don orazio caro aiutatemi….

Io voglio aiutarvi ma voi non volete più, avete rifiutato di maritare vostra figlia con   mio nipote Filiberto…quindi rifiutando lui avete rifiutato anche me e la mia scienza…

Ma che dicite? Ma non avete capito che  frà un paio di giorni la situazione è risolta, mia figlia non si vuole fare monaca …e l’aternativa è: ‘o il matrimonio con Filiberto? O chiusa, nzerrate  a vita, dinte o nu convento.Quindi non vi preoccupate, chell fa’ quello che dico io….

Padrò scusate , ma comme ha ditte don orazio? Che l’intestinus e inffiammatus? Dottò, scusate, ma dinte all’intestinus ci stà la caccus?…quindi come ho capito io ‘o padrone mio tiene la caccus in testa, perciò fa questi ragionamenti sballatti e appunto di caccus ….

La scienza, in mano a una sguattera …vedete dove siamo arrivati …Rosella,voi  che siete una serva non potete mettere la lingua nella scienza, quindi, io come medico, vi ordino che dovete solo sciaqueriarius , pulezzarius , e rammendarus…

Ed io come serva vi dico e meglio che vuie iate a vennere ‘o per e o muss…

Ma sentite che insolente

Don orazio, non vi preoccupate che frà qualche giorno è finita anche per lei ..

È finita anche per lei? Ma perche che facite? M’accirite?

No, nu t’accide sule perché so malate e nun tengo forza, ma te manne  a sperdere

‘ a use gatte ….ma ‘e gatte scippane…scippane

come disse Dante ..non ti curar di loro ma guarda e passa

come disse frateme papele…non da rette a nisciune ,ma sputa e passa.. con permesso vado a  fare una culatas…vache a lavà e panne,per essere precisa  ‘e mutande e don peppe…

caro don peppe più tardi mia cognata, donna Veronica vuole venirvi a farvi visita per avere spiegazioni e delucidazioni in riguardo al matrimonio , credo allora che non ci siano problemi…

per me è un ‘onore accogliere in casa mia donna veronica ‘a farmacista..quando vuole la fate venire

così colglie l’occasione anche per portarvi i nuovi farmaci.don peppe se diventiamo parenti io credo che voi guarirete, sono proprio convinto, ma ci pensate, ogni volta che avete unmal di testa, subbito il parente cioè il genero medico ve lo farà sparire.

Don orazio allora è proprio come la penso io, un’ultima domanda, ma se invece del mal di testa si presentasse….tengo paura pure di nominarla …ecco mo lo dico, si presentasse ‘a morte…il parente medico potrebbe sconfiggerla

Ma certo…. È normale la medicina fa miracoli…miracoli…adesso vado via buona giornata e state tranquillo fin quando i medici frequenteranno la vostra casa …sorella morte ne starà lontana…

(chiamando)pulcinella …pulcinella…

Pulcinella e detto poi suor Fessina e suor Lavinia

(di corsa) Eccome padrone diciteme tutto, state murenn? State male’ avite lu catarro? Vi fa male lu stenteniello? Lu stumachiello l’uosse pazzille…iamme che dolore nuove ve venute diteme tutto..

se me dai ‘o canzo..

se ne caduto? Addo è caduto? Padrò io ‘o pensave prima ‘o poi se ne cade fracito

steve troppo arruvinate

ma che stai dicenne? Se me dai ‘o canzo di parlare …stai parlanne peggio e Rusell..quindi ascoltami, è l’ora che mi devi fare il secondo clisterio…appriparalo

va bene padrone l’acqua è già calda che c’avimma mettere dinte?

La solita mistura di donna Veronica

Rosa ,Anastasia e Onofrio

Donna Anastasia ‘e fatte stanne comme ve dico io , donna Popa e na granda..

Ho capito capito …

Ma io nun me so spiegata…è na granda …..

Rusè , t’aggia capite …non dire volgarità

Donna Anastasia, io, me so’  mbarate, aggia studiate nu poche, in lengua pulita si dice topolona per identificare una zoccola grande….

In poche parole l’ha chiammate zucculone….

Dunque mio fratello è allo scuro di tutto(inizia a mangiare dei confetti dalla scrivania)…cioè sta femmina è capace di arravuglià n’omme e chesta manera? Io nun me faccie capace…ma mia nipote allora già è fidanzata?

Nu brave giovane, maestro di musica e di canto ..tene nu bello strumento…

Ma perché mio fratello non vuole?

Non avete capito nulla? Vuole nu Jennero medico accussi vene sempe curato e nun spenne chiù denare …

Si deve trovare qualche rimedio ..

E ‘o vuò truvà tu? Tu ti devi stare zitto e basta..comme so buone sti cunfettielle, ma servene pa tosse? O pe canarini…

Questi rossi? No, donna Anastà, so purgativi….

Io me n’aggia mangiate nu cufanette sane

E adesso vi viene una bella veloce….vui sapite addò sta’? pigliate e currite..a prossima vote prime e nfezzà mocca vedite e che se tratta

E cheste e na grazia…madonna mia, rimane te vengo a ringrazià

Signurì sta venenne o signore m’arracumanne cercammo do convincere e nun fa chiudere e figliole dint ‘o cunvente e cercate e scanaglià quacche cose in riguarda ‘o testamento

Nun te preoccupà mo ce penso io…

Don peppe e detti

Peppuccio fratello mio , come va? Come stai?

Ah, sora mia ,  peggio non si potrebbe!

Come! Male, male?

Malissimo! Me ‘ncuollo ‘na debolezza da non credere!

Appena riesco a trova’  la forza de parlare!

E io che venivo a parlarti di  mia nipote nicoletta!

 (balzando da sedere, con impeto) Quella sciagurata? Non me ne parlare! È una furfante, una impertinente, una spudorata che, non passeranno due giorni, e la farò chiudere in convento!

Maronne parve che mo steve murenn….e subbete s’è arripigliate…

(inizia sentirsi male pe l’effetto del purgante) mammamia  , me sente na cascata dinte a panza che vo asci afore…

donna anastà, so i cunfettielle…facite ambressa si no a cascate allaga a stanza….currite currite

maronne me sente male me sente male…

sora mia ma che te vene? Guarda che ‘o malato song’io, me vulisse levà l’accunte?

Peppuccio doppe parlammo ….(scappa via )

Don Onofrio , ma comme fa belle la danza del ventre vostra moglie…onn Onofrio mo ca esse nun ce stà …putite parlà..io nun ve dico niente, parlate parlate, sfucate….facite nu bello discorsetto a don peppe che l’anima e tutte e muorte vuoste ne truvarann giuvamente…..

 Rusè m tu dice che io posso parlà? Posso fare io un discorso lungo a mio cognato?

Certo e che aspettate…

Cognato carissimo vist che mi sorella è dovuto scappare per un improvviso malore, ne approfitto pe fare quattro chiacchiere insieme sempre se te fa piacere…maronn mia, haggia ditte tutto cheste e niscune m’ha fermate?

Parla vai dicenne …

Forza donn Onofrio, parlate parlate.

E allora volimmo parla’ ‘no poco pacatamente, senza che vi facciate venire nisciuno malore pe’ chello ca ve voglio dicere?

Pecchè che me volite dicere?

Jamme rispunnite senza scarfarve comme acqua ca volle a la tiana?

Accettato.

Senza animosità e senza partito preso?

Mio Dio, sìne. È fernuto ‘sto preambolo, ca già me s’abboffa la guallera?

E allora, diciteme qual è la ragione pe’ la quale , co’ tutte le sostanze  che possedete e non avendo ca ‘na figlia,…

qual è la ragione pe’ la quale, de la ‘nzerrà ‘nconvento?

Me pare na cosa che…

Nun sta bene proprio…chella creature adda sta mieze a chelli cape i pezze

E ruseè, prime dice parlate parlte e po prle tu…dio ‘o sape e a maronne ‘o vere i comme sto parlanne grazie e dio, senza muglierme ngoppe ‘a noce do cuolle

Qual è la ragione? La raggione è ca dint’’a la casa mia so’ io lo padrone.

BERALDO - Vostra moglie non fa che spingervi a disfarvi in questo modo delle vostre due figliole; e son certo che,(ironico) per il loro bene, s’intende, sarebbe felicissima di vederle monache tutte e due.

ARGANTE - Oh ‘o vi ca ce simmo. Mo subbeto si mette in ballo la mia povera moglie. È lei che ha tutte le colpe e tutti ce l’hanno co’ essa.

Pulcinella, pulcinella…….quando lo vuoi non lo trovi mai…

Eccomi eccomi…..cumandate sugnurì…

Puorte subbito chesta lettera ‘o maestro camillo, m’arracumanne nun te scurdà..e fa ambressa…

Chiu’ lesto e na saetta…signurì state a penziero tranquillo…(via)

Aggia scritte a camille e c’haggia ditte che questa notte scappiamo insieme …ho già tutto organizzato(via)

Pulcinella pulcinella…pulecenèèèèè….

Signurì sto annanze a vuie allerte comme a nu salame che vulite?

Puorte subbito chesta lettere a casa da farmacista….la devi consegnare in mano al figlio ….mi raccomando nun te sbaglià e fa ambressa …

Aggia pigliate un impiego postale’….faccio il piccione viaggiatore….

Mammà vaggia fatte ‘o servizio, questa notte me ne fuie co Filiberto,  ‘o cunvente ve rimarrà nganne, ce chiurite a chella bellella e Nicoletta…io me ne fuie, me ne fuie…comme ne cavalla sfrenata e selvatica…. (via)

Mamma do carmine io già me sente stanche e stuptute…allora riepilogandolo il fatto è questo, questo è il biglietto per il dottorino farmcistiello, inzomma ‘o scemo…quest’altro è il biglietto po maestro e musica con lo strumento…? Madonna mia  me so mbrugliato, ciorta mia aiutame tu….sotta a chi tocca(li butta in aria) questo e per il maestro e questo per il  dottorino….facimme accussi è la stessa cosa, quelle mi hanno detto puorte stu bigliette ed io eseguo ci porto il biglietto, ‘o riesto nun conte…io sono esecutore, porto il biglietto…(via)



 Aggiungere al 2 atto

Donna popa-

 muzzecotala addo’ curre? Cu chi parlave l’altra sera ? a coppe’a fenesta?

Certamente ero n’omme mascule, ‘o vuo capì ‘o no che tu ti devi andare a chiudere nel convento….ti devi fare venire questa caspita di vocazione….io non ce la faccio ad averti sempre con me..frà poco mariteme muore ed io devo essere libera libera

Rituccia –

mammà, vuie site chifatte, io dentro a questa casa non ci resisto, io voglio un poco di libertà e vuie me chiudente dinto ‘o convento..mammà io mi voglio sposare…voglio capiere e vedere i piaceri della vita

donna popa

ti tie…vuole capire i piacere della vita, io ancora l’aggia vedè e capì’e chelle e vo vedè e capì essa?

Rituccia-

Mammà io me so cucciate io me voglio spusà cu filiberrto, me piace , è maniariello freccicarille me pare nu mucillo, me piace e basta…

Donna popa –

Nun è cosa ‘a mamma’ tu me fai appececà cu mariteme, chille deve sistemare la figlia, e si sape nu fatte e chiste..

Rituccia

Mammà , se fa na decina e lavative e pumpetelle e le passe o tuosseche…io me so scucciate…mammà io faccio qualche pazzaria…

) mammà ma io non lo so fare…



    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno