Bac-Kukka la maga turca

Stampa questo copione

PAOLO TORRISI

1         

PAOLO  TORRISI

BAC-KUKKA  LA  MAGA  TURCA

Farsa in due Atti

in vernacolo anconetano

SINOSSI

            Matteo Faina e l’amico Settimio, vengono licenziati, perché scoperti a fare un secondo lavoro in nero. Le mogli dei due amici, Santina e Priscilla, sono a casa e già stanno pensando di trascorrere le vacanze estive alle isole Barbudos e mentre pregustano il caldo sole e l’azzurro mare…arriva la “tegola”! Come fare? Adesso che lavoro possono fare i mariti? Non hanno più neanche il lavoro nero!…Un volantino, reclamizzante le strepitose virtù veggenti di un mago, fa balenare loro una singolare idea per poter fare i classici …“ soldi a palate!”….

Atti 2

Personaggi  U  5;   D 5; 

n.b. -Commedia registrata presso la Siae n°808908/A; Codice n° 59296-

      -Torrisi Paolo

        via Abruzzo,3.

        60025-Loreto (AN) 

       torrisipaolo@virgilio.it

       tel. 071/978063; cell. 349-7824237;

**    In calce vi è un piccolo <glossario>, per facilitare la lettura

PAOLO  TORRISI

BAC – KUKKA  LA  MAGA  TURCA

PERSONAGGI:

MATTEO FAINA                                       operaio

SANTINA                                                 sua moglie

ANDREA                                                   suo figlio

SETTIMIO                                                 amico

PRISCILLA                                               sua moglie

TERESA DEL PASSERO                         cliente

PEPPE LECCALASAGNE                        cliente

MARIA FAMMENOJA                              cliente

CARLO DUREZZA                                  cliente

DADY PENNINO                                       cliente

        

 

P R I M O    A T T O

             L’azione si svolge in casa di Matteo, nella camera di disimpegno o tinello; Santina, la moglie, sta stirando dei panni….e nel mentre canticchia una canzone senza badare alle parole……

SANTI- (Canta la canzone “TIPPI-TIPPI-TI”- Orietta berti)

                                                               

Eh tippi-tippi-tì

ma 'ndo' sai?

Eh tippi-tippi-tì

ma 'ndo' vai?

Eh tippi-tippi-tì

sa chi stai?

Voi 'rturnatte

sa meeeee!!!????…

 -CAMPANELLO-

           Ha da esse’ Priscilla! (va ad aprire e rientra seguita dall’amica) Ennà, quanto te c’è voluto pe’ ‘riva’!…Lu sai che duemi parlà de le ferie.

PRIS- Nun pudevo lassà el sugo ‘ntel fogo, santa pipitula! (è un suo intercalare)…Ce n’emo de tempo pe’ parla'?!…Me so’ purtata i ferri…(va a sedere)…Famme mette’ a sede’!

SANTI- Sbajo o è el pullovere che hai cumenciato tre anni fa’, pe’ tu marito?

PRIS- No, nun te sbaji, è proprio quello! Solo che nun c'ho mai tempo pe’ fadigacce ‘n pughetto, santa pipitula!…Stago sempre a cure de quà e de là…, d’en giò, d’en sù…

SANTI- …”Viva i pompieri de Viggiù!” (vecchia canzone)…

PRIS- Ma, pe…pe…

SANT- …Pe-pé…piripì e parapà, me sai dì cu’ c'hai da fa’? Nun c'hai fiji da custodì, né bestie da guvernà e me vieni a dì sempre che nun c'hai tempu!

PRIS- Hai ditto be'! Nun c'ho fiji, né bestie da guvernà, ma te ‘rcordo che c'ho  un omo da pensa'!

SANT- Settimio? Settimio è un omo…

PRIS- Santa pipitula cus’hanne ‘nteso le ‘recchie mia!? Settimio è un omo?Settimio ènne sette omini! Cume el nome che j hanne meso.

SANT- Jezu, cume esageri!

PRIS- Esagero?…Mejo a guverna’ cento fiji e cento bestie, piuttosto che sta a guverna’ a lu, santa pipitula! Ma chi je l’ha meso sto nome?

SANTI-  “Settimio” è un bel nome…Ce n’è de peggio!

PRIS- Fa tutto pe’ “sette”: sette camigie, sette para de scarpe, sette calzò, sette mutande!…

SANTI- Oh, Priscilla, te l’immagini si avristi poduto ave’ fiji? Vanne ‘n po’ a fanne sette!…La mammana ce l'avristi avuta sempre drento casa!

PRIS- Cu’ tanti nomi che ce stanne ‘ntel calendario, proprio Settimio! Pudevane chiamallo... Medardo!

SANTI- Jàh!! Che schifo! E Medardo è un bel nome? So’ scigura che se lu ‘rdigo: ‘rgomito!…Jutame a ‘rpiegà sti pagni!…

PRISCI- (mentre aiuta) …Cu’ te ne pare de “Cesario”?

SANTI- (ironica) Bello chiss’altro!…Cesario! E famme tucca ferro!…

PRISCI- Manco quessu te piace, è vé?

SANTI- No che nun me piace!…Dimme te se a ‘na donna je pole piace’ ‘ssu nome: Cesario. Quessu, fija mia, è un nome de malaugurio!…Se una ‘spetta un fijio (mimica di gravidanza) ogni vo’ che chiama al marito: je pare da duvello fa’ cul “cesario”!

PRISCI- Senti questo: Desiderio…Nome da rumanzo!

SANTI- Proprio un rumanzo…De quelli che nun fenisce mai: ‘rmani sempre cul “desiderio”! E sempre mejo Settimio! Se dice: “Dio li fa e po’ l'accoppia”! Defatti io e mi marito ce semo accoppiati be’, lù Matteo e io Santina. Matteo: tutto “matto”! Una ne fa e cento ne pensa! Dacché la vole cruda, a ché la vole cotta! Scappa pe’ ‘nda’ al cinema e va a fenì ‘nte ‘na sala da ballo. A chi pudeva spusa’, segondo te? A ‘na “santa” e ecchime qua: “Santina”!… Oh?!  Ormai ce l’emo e bisogna che ce li tenemo!

PRISCI- Me sa che c'hai ragiò, santa pipitula!

SANTI- Fadigane in do' posti. Nte uno so' regulari e  alla “BRICONCELL” fadigane in nero…Do' sumari e lora nun c'è differenza! Nun c'hanne fatto mai manca’ gnente…

PRISCI- A Natale famo la settimana bianca!

SANTI- A Pasqua ‘na settimana in Costa Azzurra!

PRISCI- Le ferie ce le fanne fa’ ‘ndo’ vulemo no’!

SANTI- A proposito! ‘Ndo’ ce famo purta’ st’anno? Bisogna che prenutamo, sennò truvamo tutto occupato!

PRISCI- Io vuria ‘nda’ ‘nte cul posto che dicene sempre a la radio….Alle Isole…Cume je dicene?… Santa pipitula!….

SANTI- L’ho ‘nteso pure io…Me pare a le isole “Barbutos”!

PRISCI- Brava, quelle lì!…Dicene che se sta da papi! Sole e sempre sole! Pe’ quanto lu stanne  a reclamizza’,  la gente sarà cuscì! (mimica con la mano ad indicare “folla”)

SANTI- ‘Ppena 'cendi la radio: “ NDLIN-NDLON!…(imita la voce delle spikers radiofoniche) Cusa fate qui a pena'? ‘Ndate alle isole Barbutos!”

PRISCI- (anche lei)…”Te sei guardata ‘nte lo specchio il tuo viso bianco? Vieni alle isole Barbutos che te lo 'mbrustolisci!”

SANTI- Do’ mariti boni cume i nostri ‘ndo’ li trovi?!

PRISCI- Ce n'è poghi cume a lora.

SANTI- Se volene be’ cume a do’ fratelli! Anzi, de più.

PRISCI- So’ cresciuti sempre insieme: stesso quartiere, stessa scola, stesso lavoro e segondo lavoro!

SANTI- Quanno uno è in fabbrica, l’altro è in mutua pe’ fa el lavoro in nero e se danne puntualmente el gambio.

PRISCI- A proposito,quann’è che Matteo fenisce i 15 giorni de lavoro nero?

SANTI- Venerdì, duma'! Perché nun lu sai?

PRISCI- C'ho de ‘nda’ dal duttore, santa pipitula! Tocca a Settimio a mettesse in mutua, pe’ dà el gambio a Matteo alla fabbrica Briconcell!

SANTI- Nun te scurdà, per l’amore di Dio!

                   

                 Scena 2^: -Detti e Andrea-

ANDR- (è vestito alla “Jovanotti” canta e balla a tempo di “rap”)

Ciao donne, io sono arrivato

se mi vedete stanco

è perchè ho studiato,

latino, matematica

e filosofia,

adé però so' stanco

e vojo 'nda' via!

Vago con gli amici

cuscì io mi diverto

e scì che mi diverto

e scì che mi diverto!!!

Però tu mamy

sgancia la grana

cuscì cu' i amici

io posso 'ndare in “Tana”

Tana o Pizzeria

vulemo fa' merenda

e allora spegheremo

la fame tremenda

…La fame tremenda!

La fame tremenda!…

SANTI- E statte fermo! Cu’ c'hai le furmelle?

ANDR-  Oh, ma’, nun me posso ferma’. Me devo tiene in allenamento. Sabato c'ho la gara de Rap alla discoteca “SDRUMBULO’-FRI”!(leggere come scritto) Sgancia!

SANTI- El portafojo è sulla cunsolle dell’entrata!

ANDR- (canta e balla) 

Ciao mamy

io pijo la grana

cuscì cu' i amici

io posso fare Tana!

Ciao Priscilla

adé io vago via

tuttu cuntento

a ffa' j affari mia

e scì che me diverto!

E scì che me diverto! (esce)

SANTI- (imita il figlio seguendolo fin sulla soglia)

Pija el giusto

nun esagerà

all'ora de cena

c'hai da 'rturna'!

Nun cumbinare guai

sa i amici tua

sennò le sberle

saranne solo tua!

E allora….

(ritornando in scena)

scì che te diverti

scì che te diverti!

PRISCI- Imbé? Te metti a cantà cume a lù?

SANTI- Essà! E’ cuscì che se riesce a capì i giovani! Pe’ fasse stimà e rispettà 'gnà esse' cume a lora!

PRISC- E je fai pijà i soldi a piacere sua?

SANTI- Ai fiji 'gnà daje fiducia! L’ho letto su “Famija Cristiana”, ogni settimana ce mettene l’<insetto>: “Capire i giovani, per essere giovani.”…Io e el padre, c’emo un colloquio operto, sa lù!

PRISC- A me me pare esagerato, santa pipitula! Cuscì è troppu facile: c'ha tutto senza manco desiderarlo ‘n pughetto!

SANTI- Te sbaji! Miga “è sempre dumenica”! Ave’ i quadrì pe’ cumprasse ‘n buccò de pizza è ‘na cosa e 'n'altra cosa so' le cose 'mpurtanti! Pe’ fatte capì: è do’ mesi che padre e fijo parlane de la moto, Andrea la vuria subito, ‘nvece el padre cerca de faje capì che saria mejo ‘spetta’ e che po’ le moto giappunesi costane de più de quelle nostre. Me pare che vole la “Sonda”…bòh! Nun so cume caulo se dice.

PRISC- Scì, però je la compra!

SANTI- Oh, Priscì, no’ solo quessu c’emo de fijo! E po’ i soldi c’enne e bisogna spendelli! E cus’è ce li duemo purtà dietro?!

PRISC- C'hai raggiò, santa pipitula!

SANTI- (che avrà sentito del rumore)…Ecco  Matteo!…Ennà! Degià so’ le sei e mezze!

MATT- (è in tuta da lavoro. Ha in mano delle buste con della spesa. Saluta) Bona!!!…Ciao Priscì,… e Settimio?

PRISC- Ancora nun è ‘rturnato.

MATT- Eppure a st’ora duveva esse’ qua!…J avranne fatto ffa’ 'n’ora de straordinario! Porta de là ste borse cu’ la spesa!

SANTI- (prendendole) Cume mai se passato a ffa’ la spesa? Quanno te lu cumanno io me risponni che nun c'hai tempo!

MATT- Oggi ce l’ho avuto perché so’ dovuto fugge…E’ ‘rivato uno dell’ispettorato del lavoro, per un controllo.

PRISC- De sciguro qualche soffiata!

SANTI- Cum’è che a certa gente nun je cade la lengua?

MATT- Gente cattiva ce n’è tanta! Adé vago a famme ‘na doccia de mezz’ora, pe’ levamme la stanchezza!

SANTI- ‘Spetta! Poso la spesa e te preparo i pagni puliti pel gambio!(esce)

MATT- (a Priscilla) Ce sei stata dal duttore pel certificato de Settimio? Te ‘rcordo che lunedì tocca a lù mettesse in mutua pe 'nda’ a ffa’ el segondo lavoro a la Bricconcell!? Io i 15 giorni mia l’ho feniti oggi!

PRISCI- Me ‘rcorderò!? Ne parlamie prima cu' Santina.

SANTI- E' tutto pronto.Quanno te pare puoi ‘nda’ a fa’ la doccia!

MATT- Vago!…(si avvia) Oh, se ‘riva Settimio, ditej de ‘spettamme che ce duemi dì el lavoro ch’emo svolto ‘nte le fabbriche! (sulla soglia) Santìna: Andrea è in camera sua?

SANTI- Nò! E’ scappato do’ minuti fa!…E’ ‘ndato a fa’ merenna n pizzeria cu’ j amici sua!

MATT- Adé? Alle 6 e 40? Manca pogo pe' cena'!?

SANTI- Vole dì che ha fatto merenna e cena!

MATT- Ce lu sai che vojo che magna a casa e quello che magno io?

SANTI- Je ‘ndaceva de magna’ ‘n buccò de pizza cu’ j amici! Cusa sarà mai!Ha studiato fin’adé, poru cocco! Tra pogo sarà qua. Lu sai che all’ora de cena è puntualmente a casa, pure se ha già cenato?

MATT- Scì, ma quann’è cuscì a me me va via l’appetito! Nun riescio a magna’!

PRISC Cus’è te tappane la bocca?

MATT- Guasi! (spiega a Priscì)…A tavula: de qua c'ho a Santina, che pe’ tiene la linea magna un pacchettì de “crecchesse” cul stracchino e quanno mastìca me pare che ‘n esercito de tarli me se sta a rosica’ la sedia sotta al culo… Andrea, ‘nvece me sta de fronte, nun magna, ma mastìca la ciccingomma e cu’ la scuffia ‘nte le recchie scolta la musica. Io je parlo e lù smove la testa cume cuj cagnulì de pezza che stanne ‘nte le macchine e se je digo se ha capito quello che ho ditto: pe’ dimme de scì me scoppia ‘n palluncì ‘nte la faccia! Me sai dì cume fai a magna’? Lasso tutto e me metto a fa’ la linea pure io!

PRISC-  Fai bè a magna’ pogo. Pure Settimio fa la dieta. Magna solo verdure. Cuscì st’estate in costume…

MATT-  … pare ‘na zucchina!

PRISC- Oh, sciapo!?…

SANTI- (ch’era entrata all’ultima battuta di Matteo) Cu’ chi ce l'hai, Prisciì?

PRISC- Cu’ cul matto de Matteo!

SANTI- (sorvolando. Al marito) Oh, lu sai ch’emo deciso ‘ndo’ ‘nda' in ferie?

MATT- Ah,scì? E ‘ndo’ ete deciso de 'nda’?

SANTI- Alle Isole Barbutos.

MATT- E ‘ndo’ se trovane?

SANTI- Priscì ‘ndo’ stanne?

PRISCI- Bòh!?…Miga lu so!… Chi le cunusce?…L’ho ‘ntese pe’ radio…

SANTI- Dicene che so’ rustiche. Che le ma’ dell’omo ancora nun l’hanne ruvinate!

PRISC- Mare chiaro, cielo azzurro e sole che scotta!…Io i passaporti l’ho degià bullati!

SANTI- I mia è da do’ mesi che so’ pronti!

MATT- Insomma se pole sape’ ‘ndo’ stanne?

               

                   Scena 3^: Detti, più Andrea-

ANDR- (entra, e al padre) Ciao, ba'!…’Ndo’ sei stato a raccoje ‘n po’ de grano pe’ cumpramme la moto?

MATT- Scì! Babbo pure oggi l’ha raccolto un pugnetto de gra’!…

ANDR- Babbo, la vojo: azzurro mare.

MATT- Me lu rcorderò: azzurro mare! Però, adé dimme ‘na cosa, tu che hai studiato: ‘ndo’ se trovane le Isole… Cume ete ditto che se chiamane?

DONNE-  “Barbutos”!

ANDR- Barbutos?…Bòh?…Ahaaa!!!…Forse vulete dì “ Barbados?”

DONNE-  Eh! Proprio quesse.

ANDR- Cusa ce vulete fa’ cu’ le isole Barbados?

MATT- Ce volene ‘nda’ in ferie st’estate.

ANDR- Ma lu sapete che se trovane in Venezuela?

DONNE-  Imbéh?

ANDR- Come: “imbéh?” Ve pare che stanne tra “Torrette e Chiaravalle!?”

PRISC- Che nun stacevane qua vicino ce lu sapemie pure no’, santa pipitula!

SANTI- Tant’è ch’emo già bullati i passaporti!

ANDR- Per me!? ‘Ndatece pure, però ve ripeto che quelle se trovane in Venezuela: ‘nte l’america meridionale e tanto pe’ capicce mejo, vicino al Brasile!

MATT- (preoccupato) America meridionale?…Brasile?…

SANTI- Adé perché fai cula faccia lì?

MATT- Perché c'ho questa sola!

SANTI- Druvisti esse’ cuntento che semo vicino al Brasile, cuscì mentre no’ pijamo el sole, vo’ omini pudete anda’ a pijavve un caffè. Dicene che lì è speciale!

PRISC- Capirai! Settimio ce va matto! De sciguro sarà cuntento de 'ndacce.

MATT- Ma c’ete pensato quanto verrà a custa’ solo el viaggio?

ANDR- Oh, io vago de là a ‘mpara’ qualche novo passo de Rap!…(avvicinandosi al padre) Ba’, nun ce 'nda’ che costa troppo e dopo i soldi pe’ la moto nun bastane!…(alle donne) C'ha raggiò babbo: el viaggio costa troppo! (va in camera)

SANTI- Costerà el viaggio, ma lì la vita nun è caristosa pe’ gne'!

PRISC- (dà man forte all’amica) Certo che la spesa più grossa sarà solo el viaggio, perché pel resto, essendo un posto rustico nun ce saranne manco tanti negozi che t’invitane a spende’ i quadrì!

SANTI- Dal parrucchiere ce ‘ndamo prima de partì!…

PRISC- I capelli ce li famo taja’ alla maschietto!…

SANTI- Da magnà nun se compra perché lì ce so’ banane e noci de cocco e pesce a vuluntà..Anzi el pesce lu pudete ‘nda’ a pesca’ vo’!

MATT- Allora scì che magnamo!

 -C A M P A N E L L O -

                Quessu ha da esse’ Settimio! (va ad aprire)

                   

                  Scena 4^:-Detti più Settimio-

SANTI- Me sa che nun je sgnagnera* tanto…(si riferisce alla poca convinzione del marito)

PRISC- Ce n’emo de tempo pe’ cunvincelli, santa pipitula!

MATT- (rientra seguito da Settimio)…Sta’ un po’ a sentì ‘ndo’ volene anda’ in ferie ‘sse do’! Su, ditej ‘ndo’ vulete ‘nda’!

PRISC- ‘Nte le isole Barbados!

SANTI- Stanne un po’ da longo, ma però sparagnamo su tante cose!…

PRISC- Gnente ricordini, né per parenti, né per amici!…

SANTI- Nessuna spesa extra…

MATT- Perché nun je lu dite che se trovane in Venezuela?

SANTI- Terra da scoprire!…

MATT- ‘Nte l’America meridionale…Vicino al Brasile!

PRISC- Cuscì pudete pija’ el caffè bono!…

SANTI- E mentre pijate el caffè, no’ saremo sdraiate sulla sabbia calda a  sbragiulcce* tutte!

PRISC- Degià sento i tamburi e vedo a do’ indiani che ce ballane davante, cume alle Hawai!…

SETTI- Ma ‘ndo’ vai, Hawai?…Svejate, che st’anno scì e nò che ‘rivamo alla sbocca* del Musciò*! (se il   paese o città è attraversata da un fiume si può anche far dire il nome)

SANTI- Cume saria a dì?

MATT- (preoccupato) Ma c’è qualcosa che nun va?

SETTI- Tutto nun va! Matteo, semo ruvinati! (da quando è entrato in scena ha avuto in una mano un foglietto colorato che pubblicizza la bravura di un “mago”, con relativo indirizzo, che sbadatamente darà poi a Matteo al posto della lettera che conserva ancora in tasca) Ecco! Leggi…

MATT-  (rigirando tra le mani il foglietto colorato) Questo cus’è?

SETTIMI- (lo riprende) Me so’ sbajato!… (butta a terra il foglietto e tira fuori dalla tasca la lettera di licenziamento)  Ecco….è della fabbrica “BRICCON-CELL”

MATT- (mentre la apre) Speramo de nò…speramo de nò…(ripete finché) …E ‘nvece: scì! “CARO SIGNOR MATTEO FAINA, CI DISPIACE COMUNICARLE CHE DA DOMANI NON CI AVVALEREMO PIU’ DELLE SUE PRESTAZIONI, IN QUANTO SIAMO VENUTI A CONOSCENZA DI UN SUO SECONDO LAVORO PRESSO LA DITTA “BRICON-CELL”, OLTRETUTTO NOSTRA CONCORRENTE DIRETTA. LA ASPETTIAMO AL PIU’ PRESTO PRESSO I NOSTRI UFFICI AMMINISTRATIVI PER LIQUIDARE IL SUO AVERE. E’ INUTILE PORTARE GIUSTIFICAZIONI IN MERITO.  CARLO DUREZZA DIRETTORE DELL’UFFICIO PERSONALE.”

SANTI- Cus’è Settimio, uno dei soliti scherzi tua?

SETTI- Cusa so’ un fijolo che me metto a fa’ scherzi de sto genere?   

PRISC- Jezu! Quanto me dispiace, Matteo, che hai ricevuto sta brutta nova!(al marito) Fortuna che tu hai fatto el turno precedente!

MATT-  Cume mai 'rivi adé? Hai fatto un’ora de straordinario?

SETTI-  Nò! Ho parlato cul Direttore del Personale: Carlo Durezza.

PRISC- T’ha ditto che te promuove a capo reparto?

SETTI-   M’ha ditto che pure io parto! (accompagna con mimica)

PRISC-  Santa pipitula! Pure a te hanne licenziato?

SANTI- Perché lù è più bello che ce lu lassavane?

PRISC- Allora t’hanne dato pure a te la lettera, santa pipitula!?

SETTI -  Scì,oh!

MATT-  Semo ruvinati! (alla moglie) Te l’evo ditto che duemi smette’ de ffa’ el segondo lavoro?!…La corda se la tiri troppo se strocca*!…Ma te c’evi le recchie tappate. “ Ma chi voi che se ne ‘corge? Nun lu vedi a fine mese quanti quadrì boccane?” Adé  a fine mese  ne boccane de meno!

SETTI-  E pure io je lu dicevo a Priscilla…Figurte che un giorno emo fatto cagnara da la porta de casa nostra al purto' de casa vostra! Tutto perché ero deciso a ditte: “Matté, smettemo da ffa’ el segondo lavoro.” Ma lia: “ C'hai paura che te ‘chiappane? Sei un fifò e voj mette’ paura pure a Matteo!”…Cuscì nun t’ho ditto più gnente. Adé io e Matteo pe' colpa vostra semo ruvinati

PRISC-  Aòh! Bel tomo, nun sta a di’ sciapate. Nun semo state no’!

MATT-  E ‘nvece sete state proprio vo’!

SANTI- (interviene) Ehì, bel “tonno”…

PRISC-  (la corregge) Bel to-mo!

SANTI- Me so' sbajata!…Bel tomo, cerca de capì che se siete ruvinati vo’, semo ruvinate pure no’!

PRISC- No’ lu dicemi pel be' vostro, santa pipitula!

MATT- Adé cume famo…cume famo…?

SANTI- Nun te dispera’ che c’emo la scorta!

MATT-  Scì, la scorta armata!

PRISC- Ha ditto be’, Santina: c’emo la rota de scorta, santa pipitula!

SETTI- Ve ce vole davé qualche rutella de scorta! (indica la testa) Cu’ vulete dì cu’ sta scorta?

PRISC- Santina se riferisce al segondo lavoro, a la fabbrica Bricon-cell. E’ quella la rota de scorta!

SANTI- El segondo lavoro deventa el “primo”!

PRISC- Ve fate mette’ in regola e dopo un po’ de tempo ve cercate ‘n antro segondo lavoro.

SANTI- Cuscì tutto ‘rtorna cume prima!

PRISC- Settimio, fa ‘na cosa: telefona al padrò della Bricon-cell. Je dici se te vole assume cume operaio effettivo…Je dighi che te sei licenziato perché te piace de più fadiga’ da lù!

SETTI-  Io nun telefuno a nisciù!…Questa è casa de Matteo: telefunasse lù!

MATT- Ma tu fa’ cume se fusse casa tua. Te dago el permesso!

SETTI- Te ringrazio, ma è  mejo de no! C'ho sette diavuli pe’ capello e nun so cusa me pudria scappa’ da la bocca!

SANTI- Allora telefunaje tu, Matté! Vedrai cume sarà cuntento appena je lu dighi!…(va al telefono) …El numero te lu fago io!…Sarà cuntento d’avecce ‘nte la fabbrica sua do’ operai specializzati?!… (che nel mentre avrà fatto il numero)…Ecco! E’ libero (gli dà la cornetta) …Risponni.

MATT-  (sottovoce) Ma cusa je digo?

SANTI-  E dàje, nun fa’ el fijolo!

MATT-  (vedendo che tardano a rispondere, toglie la cornetta dall’orecchio e…) Ce lu sai che nun so’ bono!…So’ andicappato! Ecco, so’ andicappato!…(riportando la cornetta all’orecchio) …Andicappato!…No, non dico a lei…., me lu stacevo a dì dapermé!…Lu so che nun c’era bisogno che facevo el numero sua pe’ dirmelo…Nò, non riattacchi!…Je vuria parla’….Chi sono io?…(sperduto) Io chi so'?

SANTI- Matteo Faina.

MATT-  Eh! Sono Matteo Faina…. Ah, bene! Lei per l’appunto stava pensando a me e a Settimio Traino?! La ringrazio tanto che ha pensato a no’. Anche noi pensami a Lei, difatti  j ho telefonato…Je vulevo di’… (guarda la moglie)

SANTI- Che non ci piace più lavorare con la ditta “MIGADURA”!

MATT-  Che non ci piace più lavorare con la ditta Migadura…

SANTI- E voressimo venì a lavorare da Voi, se ci mettessive in regola! (detto velocemente)

MATT-  E volessimo…volaressimo….vorrasti…Insomma io e Settimio vulemo venì a fadigà alla Bricon-cell, ma in regola. ( si asciuga la fronte)…Mi dica, l’ascolto!…Ah!…(fa cenno di “si” col capo) Sì…Ho capito…

SANTI- (agli altri) Dice de scì…dice de scì!

SETTI- Allora ce pija?!

PRISC- Cu’ te dicevo, santa pipitula?

MATT- (adesso fa cenno di “no”)

SANTI- Cus’è, adé dice de no?

PRISC- Cus’è c'ha rpensato? Santa pipitula!

SETTI- Allora nun ce pija?!

MATT– Arrivederla!…Ho sbajato? Ah, ho capito: saria stato mejo se je dicevo: “ a non rivederla”!…Esequio!…Grazie!…

SANTI- Se lu ringrazia vole di’ ch’è andata bene!

PRISC- Meno male! Semo stati fortunati.

MATTE- ...Tante esequie! Grazie!….Grazie ancora! (posa la cornetta)

SETTI- Matteo, quanno cumenciamo a fadigà dumà mattina?

MATT- (affranto, fa cenno di no)

SANTI (fa il verso al marito)…dumà mattina? Pensa prima de oprì la bocca!

PRISC- Me sa che cumincerete la settimana prossima, pe’  ffa’ conto pari!

SANTI- Zitti, fatelo parla'!...  Allora, Matteo?

MATT-  Adé scì che stamo be’!

SETTI- Ha ditto “stamo be’”: allora vole di’ che ce paga più de cul’altro!

MATT- Scì! Stamo freschi!

PRISC- Cusa voi di’ che fadigate all’ombra?…Miga te capiscio, santa pipitula!

MATT-  ‘Ntel senso che nun ce  vole più vede.

SANTI- Cume saria? Ma se l’hai ringraziato pe’ telefono?

MATT- Vulevi che lu mannavo a cul paese? Puretto, lu miga c'ha colpa! Anzi che c'ha fatto fadiga'!

SETTI- Cuscì nun ce vole mette’ in regola, a quanto ho capito.

MATT-  Nun solo nun ce vole mette’ in regola, ma  nunce fa più fadigà manco in “nero”!

SANTI- Manco più “ a ore?”

PRISC- Partime! (dire come è scritto)

SETTI- Partimo! (quasi arrabbiato) Lia pensa a partì!…Pensa alle cose serie e non a parti’!

PRISC- Guarda che io ho ditto quello che ha ditto Santina “partime” e “a ore” è l’istessa cosa! L’ho ditto in inglese. Solo che tu sei ‘gnurante e nun sai l’inglese, santa pipitula!

SETTI- Pipitula ‘nte la lengua! Zitta!…Donca, Matteo? Me voi spiega’ un po’ tutto con calma che nun ce sto a capì più gnente?

MATT- Donca…Loro lu sanne perché già je l’ho raccuntato…So’ ‘rturnato dal lavoro un’ora prima perché è 'rivato uno dell’ispettorato del lavoro. M’hanne fatto scappa’ dall’uscita de servizio pe’ nun famme vede da cussù!…Cercava propio a no’: Matteo Faina e Settimio Traino. Il padrò ha fatto el finto tonto. J ha ditto che nun ce cunusceva. Adé, m’ha ditto, che j deve ‘riva’ ‘na “congiunzione”… che so... ’na specie de multa!…Quindi je famo un grosso favore se nun passamo più manco da la strada de la fabbrica e che se ce chiameranne in tribunale, duvemo dì che a lù nun lu cunuscemo perché nun c’emo mai fadigato.

SANT- Allora, al direttore che t’ha licenziato j poi dì che nun hai fatto 'n antro lavoro..

MATT  Adè basta, che m’hai stufato. Sta zitta!

PRISC- 'Nvece c'ha raggiò a parla’, santa pipitula!

SETT-  La lengua te deve casca’, altro che pipitula!

                    ( I QUATTRO AMICI LITIGANO A SOGGETTO)

              Scena 5^- Detti più Andrea-

ANDR- (entra e dalla soglia li guarda un po’- poi gridando più forte di loro) Uhééééé!!!!…….Se pole sape’ cu’ c’ete da sgaggia’ ‘nte ‘ssu modo?

SANT- Babeto è stato licenziato!

PRISC- E pure Settimio.

ANDR- (incredulo) Licenziato?…Babbo, t’hanne licenziato?

MATT- Scì!

ANDR- (amareggiato) Porca….la moto!…Oh ba’? E l’honda?

MATT- Adé, fijio mia, se voi l’onda: 'gna' che vai giò a la marina e te sceji quella del culore preferito: “ azzurro mare”!

ANDR- (quasi protestando) Ma ba’…?

SANTI- Va' in camera, pe’ l’amore de Dio!…Va'!

ANDR- (piagnucolando) Lu sapevo che feniva cuscì!…(via)

TUTTI-  (dopo una pausa di silenzio come: “e adé che famo?”)

MATT- (porge la lettera di licenziamento a Santina) Ecco! Salvala!

SANTI- (la prende)

SETT- (imita il compagno) Ecco! Salvala! (però dà il foglio che pubblicizza il mago, se ne accorge e buttandolo a terra) Ma sempre sto fojo c'ho ‘nte le ma’? (prende la vera lettera) Ecco! Salvala.

SANTI- (raccoglie il foglio e legge mentalmente)

PRISC- Da’ qua!…Je fago ‘na bella curnice e te la metto ‘ntel cumudì!

SANTIA- (gli è balenata un’idea) Gente, e se andamo tutti da sto Mago, pe’ vede se ce pole risolve sto problema?

MATT- I problemi so’ i nostri e bisogna che ce li risulvemo dapernò!

SETTI- Ormai è troppo tardi. Dal mago ce duemi anda’ prima, cuscì sapemie pe' mtempo che ce duvevane licenzia’!

MATT- I soldi ce servene. Da oggi bisogna che ce regulamo ‘nte le spese e nun pudemo sprecalli cu’ i maghi!

SANTI- Quanto vurrà mai cussù!?

PRISC- Sta gente nun c'ha prezzo! 'Na sdrega, a Fontespina, vole 50.000 lire pe’ la lettura de la mano o del vecchio libro de Zodomonte, 100.000 lire pe’ legge' ‘nte la palla de vetro e 150.000 se voi che se 'ndorme! 'Nvece pe' 'na fattura 1.000.000, sia pe’ farla che per levarla! 3.000.000 se voi ‘na seduta spiritica!

MATT- E io duvria spende sti soldi?

PRISC- Scì, però te dice tutto, santa pipitula!…Se vinci al gioco, se trovi marito, se l’affari te vanne be', quanto campi…

SETT- Uno tira fora tutti sti quadrì pe’ sape’ quanno j pija ‘n colpo? Tanto vale che ‘spetta. Del resto,quanno te deve ‘riva’ nun lu ferma nisciù!

SANTI- Ma la gente è curiosa da sapello prima e paga. La casa de  ste sdreghe è sempre pina de gente! Bisogna che ce vai a le cinque de mattina a pija' el numero, se te voj sbriga’ prima!

MATT- Ma se poi nun ce ‘chiappa?

PRISC- Pazienza!

SETTI-  Vai a prutesta'. Je lu dighi che nun c'ha 'chiappato e te ffai rturna' i quadrì!

SANTI- E chi ce va a prutesta’? Quella è gente che fa paura! Roba che te fa ‘na fattura de quelle che te fa stirà le zampe prima de 24 ore!

MATT- (togliendo il foglio dalle mani della moglie) Cuscì questi incassane e basta!

SETTI- Scummetto che nun ce pagane manco le tasse!

SANTI- Dimme te!…A nun averceli no’ sti puteri de indovina’! Sai i quadrì che faristimi? A la gente triste je prospetti un futuro migliore, la sullevi de 'n pughetto e capace che ‘nvece de 50.000 te ne lassane 100.000.

SETTI- (adesso usa la parola -“Cucca” - alla quale si possono attribuire molti significati, come: -”prendi”- “incassa”-…) E culia: cucca!

SANTI- A ‘na zitella basta che je dighi che al più presto incontra l’omo de la sua vita…

PRISC- 'Nvece de centomilalire te ne lassa docento!

SETTI-  E culia: “cuuuccàaaaa!!!!…

SANTI- (come parlasse ad una cliente) Vole ‘na fattura  d’amore? Ce n’è da 300, da 400, da 500milalire.

PRISC- Più paga e più la fattura fa effetto. Ecchete un milione!

SETTI- (ascolta, ma ha sempre lo sguardo lontano) E culia: cuuuccàaaa!!!!

SANTI- Se 'nvece ‘riva una che vole levata la fattura che je hanne fatto: un milione e mezze!

SETTI- E culia: cuuuuccàaaa!!!

MATT- (mostra entusiasmo per l’idea che ha avuto) Gente!…Ho truvato l’oro. La maga ce l’emo pure no’.

DONNE-   Ce l’emo?… E ‘ndo’ sta?….

SETTI- Drento la buttija! (ironico)

MATT-  (indica Santina) Ecchela!

SANT- Ioooo?  Cusa sai matto? Io nun so bona. No,no,no!

MATT- Te jutamo no’ e se ce n’è bisogno pure Andrea.

SETT- No’? Cume la pudemo juta'?

MATT-  Scoltate! Sto mago (indica il foglio) riceve per appuntamento: e pure no'! Quindi quanne ce telefunane p’ave’ un appuntamento,  li famo parla’ più che pudemi, in modo da capì quale prublema c'hanne. La telefunista la farai tu (a Priscilla) Però, c'hai da parla' 'nte 'n modo diverso da chì...cume se sai del Norde. Insomma, nun devene capì che sai de qua.

SETTI- E nun dì santa pipitula, che sennò te ricunoscene a l’istante!

MATT- Invece tu, Andrea, saputo l’indirizzo e numero de telefono  de ste persone, pe' sapenne de più: 'ndate 'ntel quartiere de lora, cuscì li pudemo ‘mbrujà mejo!

SANT- Ma me cunoscene tutti!…

PRISCI- C'ha raggiò, santa pipitula! Cume se pole ffa’?

SETTI- Certo che nun pole deventa' ‘na sdrega tutto d’en botto! Chi voi che ce crede a quello che dice?

PRISC- E po' ‘ndo’ la voi riceve’ la gente: qua?

MATT-  Qui, no! Affittamo ‘na casa e l’arredamo a dovere.

SANT- La casa la puoi affitta’ ‘ndo’ te pare, ma se viene gente che me cunosce è l’istesso! Nun se ne fa gnente!

SETT- Cume nun se ne fa gnente? E lassamo tutti sti soldi cuscì…?

SANT- Quali soldi? ‘Ndo’ stanne?

SETT- (mima) Eccheli! Io degià me li sento…Me li vedo!..

PRISC- Però l’idea che ha avuto Matteo, me piace ‘n bel po’ e duemi truva’ el modo de puterla sfruttà, santa pipitula!

MATT- Ce so’! Lia nun è de qua: nun è italiana!

PRISC- Bravo!

SANTI- Ma me ricunosceranne da la faccia!

SETTI- Nun je la pudemo tigne?

MATT- E scì! Je la tighemo.

SANTI- E io tutte le mattine me devo ‘mpastrucchia’ la faccia?

SETTI- De che culore je la tighemo?

PRISC- Nera o cume la cioccolata!

MATT- Turca!

SANTI- C'ho da fa’ la turca? Nò, ve sete sbajati!

MATT- Tu stai zitta e fai cume te digo io!…Tu sei turca.

PRISC- Ma sì, so scigura che a la fine te ce diverti pure!

SANTI- E vo’ nun ve ‘mpastrucchiate?

MATT- Certo! Pure no’.

SANTI- Però  cu’ i clienti nun ce vojo ‘rmane dapermè.

MATT-  Ce semo pure io e Settimio.

PRISC- E io?

MATT-  Tu stai ‘nte la sala d’aspetto…Sei quella che li fa buccà.

SETTI-  Io chi so’?

MATT-  Tu sei quello che incassa!

SETTI-  Cuuuuccàaaaa!!!! (da adesso in poi vede già i clienti che debbono pagare e con mimica incassa ed intasca)

MATT-  Adé duvemo pensa’ a truvà casa!

SETT- Stamo a fa’ i soldi a palate!…Quanto pago? Docentomila! E culia: cuuuccàaaa!!!

PRISC- Bisogna che famo fare i volantini, cume ha fatto fa’ quessu, pe’ dì chi è la maga,  ‘ndo’ riceve.

MATT- A piazzalli ce penserà Andrea.

SETTI- Quanto pago? Un miliò! Cuuuccàaaa! Ennà, nun c'ho più ‘ndo’ mettelli, c'ho le saccocce piene!

MATT- ‘Ntei vulantini ce famo scrive che sa fare tutto: legge le carte, ‘ntel libro, ‘nte la palla de vetro, ‘nte le ma’, ‘ntej pia, ‘nte le recchie…Le fatture le sa fa’ e le sa leva’!

SETTI- 'Ndo’ lu metto sto miliò?

PRISC- Dimo però che è specializzata ‘nte le sedute spiritiche, e che è ‘na medium de fama internazionale. Ogni seduta tre miliò!

SETTI- (che ha sentito) Tre miliò? Cuuuuccàaaa!!!

SANTI- (frastornata ha guardato ora l’uno ora l’altro) Ma nun è mejo che lassamo perde’ 'gnico'?

PRISC- Che “lassamo perde'” oh!? Cume la chiamamo? Ce vole un nome che faga effetto…

MATT- Menelik!

SANTI- No! Cuscì nun me ce vojo chiama’!

PRISC- Ce vole un nome turco, santa pipitula!

SETTI-  Quanto pago? Do’ miliò. E culia: cuuuuccàaaa!!!

MATT- Bravo,Settimio! La chiamamo “Kukka”.

SANTI- Manco quessu me piace! E’ brutto! Sona male!

PRISC- Ce vole pogo a fallo deventa’ bello, basta metteje davante una aggiunta che lu ffa’ suna’ bene…

SETT- Io lu so chi sona bene: “Bac”!

MATT- Bravo! Ce mettemo davante “Bac”:  Bac-Kukka! Te piace?

SANT- ‘Mbé!

PRISC Tutti verranne da Bac-kukka, la maga turca!

SANTI- Io cume duvria parla’?

SETTI-  Cume al purtiere de la fabbrica! Tutto cu’ la “u”: “Bungiornu…Bonuseru…Padronu…”

MATT- Ma quello è marocchino!

SETTI- Chi voi che se ne ‘corge tra Turco e Marocchino?

SANTI- Ma se me metto a parla’ ‘nte sto modo, la gente, nun me capisce.

MATT- Nun te preoccupa’! Io te stago vicino e te fago da traduttore, perché  cunoscio l’italiano più mejo de te!…(agli amici) Stasera rmanete a cena quì perché ce duemi organizza’!

PRISC- Io vago ‘nte le agenzie pe’ truva’ ‘na casa in periferia!

MATT- Io vago in tipografia a fa’ stampa’ i vulantini!

SANTI- Io se riescio a truva’ un bugo me ce ficco drento e nun scappo più!

MATT- E nun sta a ruvina’ sempre tutto!Piuttosto ‘ndamo a cena. Tutti a magnà! (Matteo torna in scena per chiamare Settimio) E tu nun vieni a cena?

SETTI-  (ch'era rimasto a fare mimica...) Vieno, vieno!…Quanto pago? Tre miliò!…Cuuuucàaaaa!!!!

S I P A R I O

                                          

S E C O N D O   A T T O

                      

                         La scena è la stessa del 1° atto.  Cambia l’arredamento: tavolo con sopra un teschio, un librone antico, una palla di vetro. A muro dei quadri ad arte e su un mobile: una civetta imbalsamata o delle corna. Sedie…e quant’altro si vuole aggiungere per dare l’idea di essere la casa di una fattucchiera .

                         All’aprirsi del sipario, in scena, vi sono Matteo e Santina, che stanno completando la scena aggiungendo degli oggetti.

                  Scena1^- Santina-Matteo-Priscilla-Settimio.-

MATT-  Sta testa de morto ‘ndo’ la devo mette’?

SANTI- (indica) Lì soprE! (continua a mettere a posto)

PRISCI- (entra) Le sedie bastane?

SANTI- Penso de scì…E po’ più de do’ a la volta nun li famo bucca’!

SETTI- Questi ‘ndo’ vanne?

MATT- (cerca di prenderli) Sul tavolo. Da’ qua!

SETTI- (ritraendosi) Nun li tucca’!…Ce li metto io!…Vincé, el sagresta’, me l’ha affittati pe’ un mese; j ho dovuto da’ 50.000 lire! E’ el libro ‘ndo ce stanne scritte le nascite dal 1901 al 1930! (li poggia sul tavolo)

SANTI- (guardando intorno) Pare che ce l’emo fatta a mette’ tutto a posto!…

MATT- Pure no' semo a posto. Penso che cuscì cumbinati nun ce rcunosce nisciù!

SETTI-  Certo che semo brutti ‘n bel po’! Prima me so’ visto ‘nte lo specchio e me so’ meso paura!

SANTI- Priscilla, chi è la prima?

PRISC- (legge dal notes che ha in mano) Donca, pe’ prima duvria ‘rivà, (guarda l’orologio) fra cinque minuti pe’ esse’ precisi: Teresa Passerotto. Quella ch’è ‘rmasa veduva tre vo’.

SANTII- A quessa la cunoscio be'!

MATTI- Chi è che nun la cunosce?! N’ ha fatti fora tre: tre mariti!

PRISC- Dicene che tre nun je so’ bastati: cerca el quarto !

SETTI-  Tutti i zitellò, quanno la ‘ncontrane pe’ strada, se girane e toccane ferro!

PRISC- Viene pure perché c'ha problemi de salute! Dopo de lia viene: Peppe Leccalasagne cu’ la moje Maria Fammenoja. De questi è mejo che ve spiega lù (indica Settì) perché c'ha pensato lù!

SETTI- Io e Matteo ne sapemie già qualcosa de sti do’, perché in fabbrica se n’è parlato tanto! Donca, Maria Fammenoja se la ffa sal cumpare sua, un certo Filippo Pistulì, fattore delle Opere Laiche. Sta ‘nte lu stesso palazzo de lora. Ora, sta Maria, la notte, lassa che, el marito, Peppe leccalasagne, s’endorme, e po’ facendo fenta da esse’ sunnambula: se mette la vestaglia, esce de casa e ‘rtorna dopo un’ora o due!

              (Ognuno può attribuire a questo “Pistulì”  (Pistolina) un lavoro presso una Fabbrica, un Ente ecc. del paese o città dove viene rappresentata la Commedia)

SANTI- E el marito nun se ne ‘corge?

MATT- Alla fine el marito se n’è accorto e ‘na notte, ha 'spettato che rincasasse e po’ ha cercato de parlaje, ma lia ha fatto fenta de nun sentì e è ‘rturnata a letto, cume gnente!

PRISC- Possibile, santa pipitula?

SETTI- Oh, questo ce l’ha raccuntato un vicinato de lora, che lavora cu’ no’. Je l’ha cunfidato proprio Peppe Leccalasagne!

MATT- La mattina, 'ppena sveji, el marito ha volsuto ‘na spiegazziò de quello che eva visto, ma lia j ha risposto che forse j era ‘rturnata la malattia che c’eva da ragazza: el sunnambolismo. Addirittura j ha raccumannato de nun svejalla se la vedesse gira' de notte pe' casa, perché ce pudria ‘rmane secca!

SETTI- Adé, Peppe, la porta qua pe' guarilla da sto male.

SANTI- E io cusa je fago?

MATT- Quanno semo lì decideremo.

PRISC- Santina, sai chi viene per ultimo? El Direttore della Fabbrica Duramiga: Carlo Durezza!

SANTI- Quello che v’ha licenziato?

SETTI- Proprio lù!

SANTI- Cusa vurrà, cussù?

PRISC- ‘Na seduta spiritica.

SANTI- Ma io nun so' bona a...

MATTE- Nun te preoccupa’ ch'emo preparato tutto e se ce riesce: pole dasse che ce ‘rpija a fadigà ‘nte la fabbrica!

SANTI- Me sa che fenimo tutti in galera! (si può specificare il nome delle carceri del luogo...)

-C A M P A N E L L O-

PRISC- Santa pipitula!…Sarà ‘rivata Teresa Passerotto?! Je vago a oprì!…

MATT- Nun la ffa’ buccà subito! Dacce un minuto pe' organizzacce! Quanno semo pronti ve chiamerà Settimio!

PRISC- Va bé! (esce)

SANTI- (preoccupata, cammina per la scena) Oh, Dio, Dio, Dio….

MATT- Sta calma!…Fermate!…Mettete a sede! (indica la sedia dietro al tavolo)

SANTI- (ubbidisce) Scì, è mejo.

MATT- Ricordate de parla’ turca. Mettece le “u” e pure “oski” quanno parli….Te li ricordi i nomi dei mariti sua ? El primo se chiamava Antò, el segondo Pasquà, e, el terzo Vincé. El primo è morto de ‘n colpo, el segondo de vecchiaia e el terzo 'ffugato.

SANTI- Nun è che me posso ritira'?

MATT- Ormai semo ‘ntel ballo e duvemo balla'!…Settimio, adé li pui ffa’ buccà,. Pure tu c'hai da parla’ turco e ‘rcordate de sta sempre vicino a la porta, pronto aj ordini della maga Bac-kukka!…Io invece stago sempre vicino a Santina e spiego quello che lia dice. Falli buccà!

SETTI  Obbedisciu de presciu! (dalla soglia) Viè o’-ska (mimica con mano)

                   Scena 2^- Detti più Teresa.-

TERE- (entra e dalla soglia) Jezu, quanto so’ brutti! Parene cotti ‘nte la brage!

SANTI- Sed-oski!…Sed-oski!

TERE-  Me pudesse pijà ‘n ‘accidenti, se ho capito ‘na parola de quello che ha ditto!

MATT- Cara segnura, vo-ski (mimica) sete alla presenza de la maga turca, la famusa maga Bac-kukka! Iu  studiatu italianu e ve jutu a capire.

TERE- Meno male che ce sete vo’. Cusa ha ditto prima ‘ssa “bacucca”?

MATT- Ha dittu: sedutu! Pregu, sedutu!

TERE- Seduta, “..ta” e non “…tu”, perché io so’ femmina!

MATT- Cusa vulere tu da maga: lettura manu, libru anticu o palla?

TERE-  Perché pure ‘nte le palle sa legge’ cussia? Che bella cosa!…Per me cusa saria mejo?

SANTI- Meju libro-ski! Libro-ski… (mentre mette davanti a sé il libro) Quantu tu nas-ki hai?

TERE-  Quante “vasche” c'ho? Quante ce n'ho d'ave’? Una. 'Na vasca. Ce n’ho una ‘ntel bagno.

MATT- No! Bak-kukka vulere sapere quandu tu nasci! Tu data de nascitu!

TERE-  Jezu, nun la capisciu a ‘ssa turca!…Vulete sape’ quanno so’ nata?

SANTI- Si-k!

TERE-  Oh, io ve lu digo, però da qui nun deve scappa’!…Capirai, ce so’ certe vicinate ‘nvidiose e zengare, che nun so cusa fariane pe’ sapello!…So’ nata el dodice de Giugno del ’40…Fateve un po’ el conto?!

SANTI- Nom-aski.

TERE-  Né maschi, né femmine! Nun ce n’ho 'vuti fiji.

SANTI- (ripete appena spazientita) Nom-aski.

TERE-  Me sa che nun l’ho capita manco sta vo’!

MATT- Dire tu nomu!

TERE-  Ah, el nome mia? Teresa Tomazzo, ‘ntesa Passero!

SANTI- Tomazzu o Passeru?

TERE-  Tomazzo o Passero è l’istesso. Però qui me cunoscene più cume “Passero”, perché a bonanema de mamma…

SETTI- (che fino ad allora ha ascoltato)…Je piaceva el passerottu!

TERE-  Bravo!…Ma a vo’ chi ve l’ha ditto? Cume l’ete saputo?

MATT- (interviene) Perché pure lù: magu, indovinu! (a Settimio a denti stretti) Careski-caraski-scemoski-zittoski!

SETTI- Ubbidisciu padronu!

SANTI- (comincia a leggere nel libro) Quannu tu na-ski, tu stella brilla-ski pogu, pogu!

MATT- (traduce) Quannu tu nata: tu stella faceva poga luce!

SANT- Tu stacevi ‘nte unu “casinu” de campagna.

TERE- Co’? Io stacevo ‘nte 'n casino? Oh…

MATT- Tu stavi int’un villinu de campagna, cume dite vo’: casina, casulare!

TERE- Ah, ‘mbé! (rasserenata)

SANT- Tu babbu era cacciatoru e ‘mazzava ‘ccelleti cu’ le scarcarelle e tu mammu magnum!

MATT- Tu padru era cacciatoru e sparava a passeru….

TERE- (interrompe) Pe’ quessu che ce chiamane “Passero”.  Però io so’ venuta pe’ sape’ se me risposo!

SANT- (arrabbiata: Forte) Ziit-oski! Zitt-oski!

MATT- Tu muta. Maga dire a tu tutta vita passata. Non parlare!

TERE- Jezu! E chi opre più bocca?

 

SANTI- Tu marit-aski tre vo’. Primu maritu de nomu Antoniu era Kazi-oski e murutu debul-oski.

MATT-  Tu maritu de nome Antoniu era calzularu e è mortu de lanquidezza, de fame!

TERE- Ce credo, la gente, pe' sparagna', ‘ndaceva scalza!

SANTI- Segundu maritu de nomu Pacc-aski e mortu vecchi-oski!

MATT- Tu secundu maritu de nomu Pasqualu è mortu de vecchiaiu e lassare a te ettaru de terra!

TERE-  Però, la Bacucca nun ha ditto gnente del terreno!

MATT-  (si giustifica)…Mmmmhhh!!!…Bak-kukka ha trasmessu  sua pensieru ‘nte miu testu!

SANTI- Tri-oski marit-oski de nomu Vinz-eski: è mortu ‘ntel maru grossum fugazzatu!

MATT- El terzu maritu de nomu Vincenzu è mortu affugatu ‘ntel maru: era pesciatoru!

TERE-  Quanto me vuleva be’!…El pesce fresco in casa nun mancava mai!…(ricordando) E’ da tanto che nun vedo un “cefalo”! A me i cefali me piacene tanto… Vincé me li purtava spesso. So’ tanto boni cotti ‘nte la brage…

SANTI- Zitt-oski donn-oski linguacciuna! Iu nun haio tempu!

MATT- Se tu parli sei donna parlottiera, linguacciuna! Maga nun ha tempu: aspetta altru clientu!

TERE-  Ennà quant’è sufistica! Nun se pole dì ‘na parola! (tra sé) Sti turchi nun solo so’ brutti, ma so’ pure ‘ntipattighi! (alla maga) ‘Ndate avante che nun parlo più!

SANTI- Tu voleru marit-oski ancoru, ma a tu fari  fattur-oski e ominu scappunu via!

MATT- Tu volere maritaru ancora, ma gente cattiva che stare vicinu a casa, fare a tu fattura, perché invidiuse de tu!

TERE-  Me l’hanne fatta ‘sse brutte muso tento! Saranne state quelle de la piazzetta! Ecco perché da ‘n po’ de tempo me pijane i *“capistorni” e fadigo a anda’ de corpo!…Oh, Bacucca, se me levi ‘ssa fattura e riesciu a spusamme, me puoi dumanna’ quello che te pare!

SETTI- (sbarra gli occhi e…) Cuuuuuccàaaaa!!!!!

TERE- (s’è girata verso Settì, quasi spaurita)

MATT- (interviene) Gnente!…Fa lode a maga Bak-kukka! E pure iu fare lode! (va di fronta a Settimio e battendo le sue mani contro quelle dell’amico o inventando delle mosse ritmate col corpo a mo' di balletto)… 

                                    CUCCA CUCCA CUCCA

                                    EVVIVA LA BAK-KUKKA!

SANTI- (andando dai due) Venite ‘n po’ qua?!

TERE-  Cusa faranne adé sti tre turchi?

SANTI- (a mazza voce) Adé cu’ fago... Cu’ digo?

MATT- Ha ditto che fadiga de stomigo, è vé?

SETTI- Cuscì ha ditto.

MATT- Allora  je damo ‘na bella purga!

SANTI- Bravo!

MATT- Settì, adé chiami a Priscilla, ‘ndate in cucina, riempite ‘na buttija de  acqua, ce mettete un po’ de sale inglese e po’ la purtate de qua… E nun te scurda’ el bicchiere! (a Santina) Vatte a sede e chiama a Settì e je dighi quellu che deve ffa'.

SANTI- (tornando a sedere) Sett-oski chiama a Priscilla-ni che vojo el preparatu!

SETTI- Ubbidisciu! (chiama) Priscilla-ni?

PRISC- Comandu?

SANTI- Andaru cu’ Sett-oski in cucinu!  ( I DUE ESCONO)  ( a Teresa) Iu adessu dare a tu bever-oski contru duloru, prudoru, stitic-oski e mal-oski!

MATT- La maga ha dittu che dare a tu un beveraggiu che te fa passare i dulori, i prudori e malocchi. Dopu bevutu tu spuserai quartu maritu!…Pagaru trecentu mila liru!

TERE- Nun me date gnente contro la fattura?

MATT- Beveraggiu! Prima pagare, perché dopu avere bevuto nun sapemu se tu arrivi a oprire la borsu!

TERE- (aprendo la borsa) Pago….Basta che nun me ‘nvelenate!...

 I DUE   - (rientrano. Priscilla: esce- Settimio mette tutto sul tavolo e va alla porta)

TERE- (continua)…Eccheve trecentomilalire…Se riuscite a famme rispusa’ ve ne dago ‘n’antre trecento!

SETTI- Cuuuccàaaaa!!!!

SANTI- (riempie il bicchiere e lo porge a Teresa) Bevu!

TERE-  Cus’è qua me l’ho da bere?

MATT- Certu! Mentre tu bevi maga dire parole magicu!

TERE- (berrà lentamente per dar tempo a Santina di dire le “parole”)

“RE DI ORI

FA FINIRU LI PRUDORI!

PORTA VIA STO MAGO’

DAJE L’ASSO DE BASTO’!

TRICCHE E TRACCHE

TRABUCCHE E TRASPIA

EL MALOCCHIO PORTA VIA!

TERE- (asciugandosi la bocca con una mano) Jhaaa!! Che schifo!…Sa de sale! Cu’ c’era drento?

MATT- Sudore de ciambottu, scorza de serpentu e acqua de pozzu! Tu bere un bicchieru al giornu e tu sposi! (sospingendola verso l’uscita) Tu andaru adessu che nun poi fare qui tu bisognu!

TERE- (andando)Tutta colpa de cule disgraziate del vicinato! Sposerò el più bello del paese e cuscì muriranne d’invidia ‘sse morammazzate! Bona Bacucca e grazie! (via)

           Scena 3^:- Settimio-Santina-Priscilla-Matteo-

SANTI- (sedendo) Jezu! So’ tutta molle de sudore! Ce mancava pogo che svenivo!

PRISC- Allora? Com’è ‘data?

MATT- Ce duvevi esse’, pareva davé ‘na turca!

SETTI- (prende i soldi che stanno sul tavolo e li mostra) Cuuuuccàaaaa!!!!

MATT- (togliendoglieli) Stamme be’ a sentì: nun t’azzarda’ più a entra’ ‘ntei discorsi che Santina fa ai clienti. Se ce scoprene finimo ‘n galera!

SETTI-  C'hai raggiò. Scusame!

-C A M P A N E L L O-

SANTI- Nun me dì che so’ ‘rivati ji altri?

PRISC- (va e poi ritorna subito)…Sì, è lora: Peppe Leccalasagne cu’ la moje Maria Fammenoja!

MATT- Va de là!  Te lu dimo no’ quanno devene buccà!

PRISC- Va be’! (via)

SANTI- Famucce ‘n po’ st’altra fadigata!

SETTI-  Trecentomila lire nun so’ da butta’ via!

SANTI- Lu so, ma ho paura de sbajà!

MATT- Ma che paura? Cusa stamo a ffa’ de male? Gnente! Anzi famo del be’. A Teresa j emo data ‘na semplice purga, che je svaga lu stomigo e magari je farà passa’ i giramenti de testa. Pole dasse  che trova pure marito! Cu’ questi do' che boccane 'nvece deve finì che lia nun deve ffa’ più la finta sunnambula, in modo che Peppe pole ‘rturna’ a ffa’ sogni tranquilli!…Mettete a sede che adé li fago buccà! (a Settì) Dì a Priscilla de falli buccà!

SETTI- Ubbidisciu! Vie’-oski!…(invita i due) Boccàren!

              

                Scena 4^:-Detti-Peppe-Maria-

PEPPE   (entra e alla moglie fuori scena) Vié oltra! (saluta) Bona!…

MARI-   ( saluta) Bona!

SANTI- Sed-oski!

MATT- (con mimica) Sedutu! (i Due si mettono a sedere)

SANTI- Nom-aski!

MATT- Vostru nomu!

PEPP-   Giuseppe Beccarì.

MARI-   Io, Maria Medago.

PEPP-   Detta: “Fammenoja!”

MARI-   E tu: “Leccalasagne!”

SANTI- Bon-oski! Bon-oski!

MATT- Boni! Non cagnaru!…Perché venutu da maga Bak-kukka, la maga turca? Cusa vuleru sapere?

PEPP- So’ venuto perché mj moje da ‘n pogo de tempo nun è più lia…Nun sta be’! S’è ammalata e cuscì io de notte nun posso durmì!

MATT- Bak-kukka vedere sua malannu in palla de vetru! Lia guarire e tu dormi, ma custare tantu denaru!

PEPP-   Nun m’emporta quanto vie’ a custare, basta che me se guarisce!

SANTI- Zitt-oski che vedu…(indica a Matteo la palla di vetro)

MARI-  (ha un atteggiamento incredulo e di sfida) Sa’ cusa vedrà?!

MATT- (avvicina a Santina la palla di vetro o fac-simile, che sta sul tavolo: Questa poggia su di una base, fornita di due pulsanti che sono diretti a due lampadine che stanno dentro alla palla di ferro in basso, una verde e una rossa)  Eccu palla!

SANTI- Io veder-oski famiglia in cagnar-oski!

MATT- Tu e lia bisticciu!

SANTI- Amore luntanu…Sempre luntanu! Tu, bruttu malannu: dormi in pia o ‘ntel lettu di altru personu! Sunnambul-oski!

MATT- Sunnambula. Tu camminari e durmire! Nun dormi 'ntel lettu tua.

PEPP- Questu è vero! La notte se alza e scappa de casa. Io nun je digo gnente, perché se la svejo je pole pijà ‘n colpo.

SANTI- Tu bonu!

SETTI-   Tu fessu!

MATT- (alza la voce per coprire Settimio) Troppu benevulu con moje!

PEPP-  Pure questu è vero! Figuratevi che quanno, la notte, lia esce, io je scanzo pure le sedie pe’ nun faccela sbatte’. Je opro la porta de casa e ‘rmano ‘nte l’entrata a ‘spetta’ che ‘rtorna. Me tocca ‘spettalla un’ora, do’ ore…dipende. Cuscì, dormo pogu e la mattina me alzo cu’ la fronte che me dole!

SETTI- E ce credo, quelli pesane! (mimica)

I DUE-  (si girano verso Settimio) 

MATT- Occhi!…Occhi pesano per stanchezza! (da occhiataccia a Settì) Durmiri pogu e fari mali occhiu e testa!

PEPP-   Però, me pare che ete ditto che mi moje dorme ‘nte ‘n antro letto. Me sbajo?

SANTI- Dorme a casi-noski de Filippu de Pistulì!

MARI-  (tra sé) Ennà! Questa ce ‘cchiappa pe’ davé!…Ma cu’ state a dì? Io ‘ntel letto de Pistulì?  E quanno mai?!

SETTI-   E quanno sempre!

SANTI- Tu falza e bugiard-oski! Tu nun sai, perché sunnambula, ma ce dormi l’istessu!

MARI-     E ‘nte la palla se vede…

MATT-  (continua)…el casin-oski de Pistulì!

SANTI- Iu vedu mamm-oski de Filippu, tantu rabbita, perché dunnaccia entrari di notti in camer-oski de suu fiju!

MATT- Mamma fari cagnara cu’ fiju perché vistu che donna je bocca in camera.

 

SANTI- Mammu adessu nun durmiri più e spettare donna per schiuppare con fucilu! Tu muriri. Iu vedere mort-oski tua!

MATT- Mamma de Filippu vole ‘mazzare a tu moje!

PEPP-   Nun ce devi ‘nda’ più, core mia!

MARI-  Io miga so ‘ndo’ vago de notte! Io so’ sonnambola e nun me ‘rcordo de gné!

PEPP-  Ma tu devi cercà de guarì, core mia! Pe’ sbajo, pudristi ‘nda’ pure in canonica e buccà ‘nte la cambura del parruco!…No,no,no, tu devi guarì! Fatemela guarì e ve dago qualsiasi cosa!

SETTI- Cuuuuccàaaaa!!!!!

 I  DUE   -  (si girano)

MATT- (per rimediare si avvicina a Settì ripetendo “cucca” finché non gli è vicino e poi con Settì ripete la stessa scena come quando c’era “ Teresa Passerotto”, poi ritornando vicino a Santina) Tu dare a Bak-kukka mezzu milionu e Bak-kukka guarire a moglie!

SANTI- Mentre io guarire Maria, Peppu andare foru. Lù nun pole sculta' e vederu!

PEPP-  Me costa un pughettu, ma nun m’emporta! (tira fuori il portafoglio e mentre prende i soldi)…Speramo che guarisce, almanco dormo e al mattino nun me sento dole più la fronte!…Tenete! (li porge a Santina)

SANTI- (ha una certa ripugnanza a prendere i soldi) Iaaaahhhhh!!!! (si gira da una parte)

PEPP-    Cusa je ho fatto?

MATT- Maga Bak-kukka nun tuccare quadrinu.A lia fari schifu!

SETTI-  Se enne poghi!

MATT- (indica) Lassari sul tavulu!

PEPP-   (Esegue) Me scusarete, ma nun ce lu sapevu!…

MATT- Adessu tu aspettari di là e quanno tuttu finitu lu chiama a te! (lo accompagna alla porta)

PEPP-  Chiamateme quanno ete fatto!

MARI-   Aòh! Me lassi dapermé cu’ sti turchi?

PEPP-  Sta bona, che questi te guariscene.

MARI-  Ma che guariscene?

MATT- Tu non avere malu? Tu non sunnambulo-ski? Tu fare vero cu’ Pistulì?

MARI-  Ma tu quante ne voj sape’?

PEPP-  Core mia, sei malata o no?

MARI-  Scì! So’ malata. So’ sunnambula.

PEPP- Allora sta lì che te guariscene e po’ ormai l’ho pagati!…Io la mattina me vojo svejà sorridente e senza sto dulore. (esce toccandosi la fronte)

SANTI- (voce di comando, forte e sicura) Mari-oski?  Sed-oski.

MARI-   Nun me ce metto a sede’!

SETTI- Allora fatela mette’ colca! (a parte, ma forte)

MATT- Tu sedutu,sedutu! (la invita a sedere prendendola per le spalle)

MARI-   (divincolandosi) Aòh, mettete giò le ma’!…Se me tuccate me metto a sgaggià cuscì forte che me sentiranne fino al porto!…(andando a sedere) Me ce metto seduta, ma nun me tuccate!

SANTI- Iu nun toccu, ma dicu che tu essere falza e bugiard-oski! Tu nun avere malattiu de sunnambulu. Iu ho dittu che tu malatu, perché maritu tuu è troppu fess-oski!

MATT- Troppu bonu.

SETTI-  Un cujò!

SANTI- Tu non andari più da Filippu de Pistulì, perché gent-oski dire a Peppu che tu essiri amant-oski de Pistulì. Allora lu capiri perché dulori in testu e prende fucilu e fari PUM! a te.

MATT- La maga ha dittu…

MARI-    L’ho capita, l’ho capita!…

SANTI- Tu nun andari più. Se no iu dire a Peppu la verit-oski, e, lu ammazzare a tu.

MARI-    E se io nun ve dago retta?

MATT- Bac-kukka fare a te grossa fattura e tu divintari: brutta, rachitica e cu’ forti dulori de panza, finché tu morta.

MARI-  (tra sé) Ce lu sapevo che qua nun ce duvevo venì!

SANTI- Cuminciu fattur-oski?

MARI-   Sta bona, che cuminci?…E va be’! Fago cume ete ditto vo’!…Adé fateme scappa’!

MATT- Sett-oski? (fa cenno di fare entrare a Peppe)

SETTI-  Bocc-oski oltra!

PEPP-    Ete già fatto?

MATT- Tu moglie guaritu: non più sonnambulu. Se tu vederi che di notte lia fari sunnambulu: tu ven-oski da no’ e po’ ce pensari Bak-kukka.

PEPP-   Va bene! Se io vedo che la malattia je ‘rpija: vieno qua e ce penserà la Bacucca…(alla moglie) Te senti già mejo, core mia?

MARI-    Cu’ te devo dì? Me sento un pughettu mejo, però degià sentu che me manca qualcò!

PEPP-     (cingendole le spalle e avviandosi) Vole dì che se nun trovi quello che te manca: vieni qua e ce penseranne ‘ssi turchi !…Bona! (escono)

            Scena 5^:-Santina-Priscilla-Matteo-Settimio-poi Andrea-

SANTI- C’è mancato pogo che sta palla je la rumpevo ‘nte la testa!

MATT-  Che muso tento! Ha ditto pure che je mancherà qualcosa!

SETTI-  Se la vie’ a cerca’ qua: je la darai tu!

PRISC-  (entra e ascolta)

SANTI- Ma ce penserai tu, che voj sempre cuccà!

SETTI-   Nun ce duvete manco pensa’!

PRISC- (non capisce...) Ecco! ‘Ppena c’è qualcò lù se tira indietro. 'Nvece ce pensi tu, santa pipitula!

SETTI- Ma se nun sai manco de cosa parlamo?

MATT- Settì, metti via i soldi e cumenciamo a prepara’ la seduta spiritica, pel caro signor Carlo Durezza!

PRISC- P’adé pare che le cose vanne be’!

SETTI- Emo guadagnato 800.000 milalire ‘nte ‘na mezz’ora.

MATT- Spustamo el tavulo: mettemulo al centro de la stanza…(Settì lo aiuta)

ANDR- (ha un involto, con dentro il costume da fantasma) Ecchime! Qua c’è el costume da fantasma!

SANTI- Te ce n’è voluto de tempo!

ANDR- Manco me lu vuleva presta’! Nun lu strappate che po’ me tocca sentillo a me a Francé!

MATT- Sta zitto e scolta! Adé te metti sotta al tavolo e quanno Settì batte tre colpi: lu fai trittica’.

SETTI- 'Rcordate: prima attacco la musica e dopo dago tre colpi.

ANDR- Scusate, pole esse’ musica Rap?

SANTI- Te la voi fenì cu’ ‘ssa musica?

ANDR- Almeno alleno l’orecchio.

MATT- El cervello devi allena’, che t’è ‘rmaso indietro! Ogni volta che lu vedo balla’ me pare che j è pijati i “sdrimbulò”!

ANDR- Oh ba’! A me me piace el Rap!

MATT- Zitto! Se no cu’ ‘na sberla te rapo i capelli a zero!

PRISCI- Andrea,sta bono! Nun te ce mette’ pure tu,santa pipitula!…Santina, me raccumanno c'hai de ‘nda’ in “tram”!

SANTI- Quanno? E perché c'ho de ‘nda’ ‘ntel tram?

PRISC- Te devi ‘ndurmì, oh!

ANDR- Te vole dì che devi andare in “trans”, un sonno apparente, che non è.

SANTI- Nun cj ho capito gnente!… (agli uomini) Vo’ c’ete capito qualcò?

I   DUE-      Imbé!….

PRISCI- Sta a vede: (imita e nel mentre parla) Te ‘ndormi…po’ la testa te la fai cade e tiri su…dopo un pughettu cumenci a chiamare l’anema del morto che el direttore vole che si presenta…Po’ tocca a Settimio cu’ la musica e dopo ce saranne i tre colpi…

ANDR- E da cul mumento, ogni tanto, fago trittica’ el taulì. Giusto!

MATT- Giusto.

PRISC- Po’ entra Settìmio vestito da fantasma!…Nun te scurda’ de abbassa’ la luce prima de bucca’, se no se perde l’effetto, santa pipitula!

SETTI- Boccu io e fago la voce dell’anema chiamata…Speramo che nun è femmina!

SANTI- Ecco! Ha sbajato.

PRISC- Sei un testò, santa pipitula!

SETTI- E ‘ndo’ ho sbajato?

MATT- Nun devi fa la voce dell’anema che ha chiamato, ma de un amico dell’anema!

PRISC- Cu’ ne sai tu che voce c’eva in vita l’anema chiamata?

MATT- Tu nun ce lu sai, ma el direttore scì, perché l’ha ‘ntesa quann’era in vita.

SANTI- Quessu ce manna tutti ‘n galera!

SETTI-  Almanco magnamo e nun fadigamo!

MATT-  Boni e calmi, che andrà tutto bene.

                                                                  -C A M P A N E L L O-

                    Andrea, va sotta al tavulo!

ANDR- Scì, ma questa è l’ultima volta!

SANTI- Voj che ce vago io e tu te metti al posto mia?

ANDR- No,no,no…(ritorna sotto)

SETTI- Vago de là e bocco quanno me chiami! (esce)

PRISC- Io li fago ‘spetta’ ‘n pughetto!(andando) Jutame tu, santa pipitula!(via)

MATT- Qua è tutto a posto! (ha dato uno sguardo in giro)

SANTI- Matté! Io cj ho tanta paura!

MATT- E de co’? Sta calmì che io sto a trema’ cume ‘na cannafoja!

PRISC- (entra di corsa) Gente el direttore nun è cu’ la moje, ma cu’ la sigritaria…’Na certa Dady Pennino!

MATT- Ah, cu’ la segretaria?…

SANT- Ecco! Ce lu sapevo che ‘ndaceva tutto storto! (dicendo questo si sfoga dando tre colpi sul tavolo)

SETTI- (entra vestito da fantasma e con voce forte e profonda) Ecchime!

I   TRE-     (che gli davano le spalle si mettono paura)

PRISC- Cusa sei buccato a fa’? Nun è ora!

SETTI- Ma ho ‘nteso tre colpi!

ANDR- (tira fuori la testa) Mamma cj ha ragiò: ‘ndamo deritti,deritti ‘n galera! (rientra sotto)

MATT- Va sotta, uccellaccio del malaugurio!

SANTI- Adé cume famo?

SETTI-  Ma cusa è successo?

MATT- El direttore è venuto cu’ la segretaria, ‘nvece de la moje!

SETTI- Sto porco è venuto cu’ l’amante!

PRISC- Quella è l’amante? Mejo, santa pipitula! Lu pudemo ricatta’ mejo!

SETTI- Lassateme fa’ che ce penso io a sistemallo! Alla segretaria Dady Pennino je rompo el pennino, cuscì ha fenito da scrive!

SANTI- Nun esagera’ che se ne ‘corgene!

MATT- Adé va de là e ricordate: prima la musica…

ANDR- (tira fuori la testa e la ritira velocemente) Rap!

MATT- (col piede fa come se gli volesse pestare la testa)…dopo abbassi la luce e po’ entri.Va!

SETTI- (andando) Lu fago piscià nero da la paura! (via)

PRISC- Li fago bucca’! (via)

SANTI- Matteo, ricevili tu che io c'ho de ‘nda’ de là…me sa che me s’è sciolto lu stomigo!

MATT- Adé? Ma come? te ce vuleva l’olio de ricino…Sbrigate,però! Nun me lassa’ dapermé.

               Scena 6^ -Detti-Carlo-Dady.-

PRISC- Pregu, comud-oski!…(presenta) Questu essire maestru Matt-oski: guaritoru e lettoru de pensieru! Vedi tu maestru lora bisognu, che iu c'ho de ‘nda’, santu pipitulu! (esce)

CARLO-  E vieni avanti!…Nun me sta dietro!…(a Matteo) Sa…prima vogliono e poi hanno paura!Vuole provare questa emozione…E’ lei il “medium”?

MATTE- No! Iu essiri guaritoru de malattiu. Iu con mia manu entrari drento el corpu e tirari fora  budellu, puliri e poi mettiri drento…Tirari fora cervellu e poi mettiri drento…Tu malata? Iu tirari fora parti malata e poi…

DADY-      Nò! Io sto bene!

CARL-    Siamo qui per una seduta spiritica.

MATTE- Ah,voi veniri per mea amiga: Bak-kukka la maga turca! Grande maga! Iu chiamu. (si avvicina alla porta) Bak-kukka?…Voi spettaru che lia arriva!…Eccula!

SANTI- Chiamatu per cosu?

MATTE- (parla sottovoce Santina)

SANTI-(va a prendere posto) Pregu, sed-oski!…(i tre siedono)…Adessu mettiri manu cuscì…dita operte…tuccari tua a mia e sua a tua…fari catena!

DADY-      Carletto, ho paura!

CARL-  Guarda che se sono qua è per te e non per me. Hai detto che volevi provare quest’emozione!

DADY-      E adesso ci ho ripensato! (si alza)

MATT- Tu nun vulere più seduta spiriticu? Nun fa niente. Tu pagari lu stessu, perché presu appuntamentu. Tu pagari un milionu!

CARL-    E allora se mi tocca pagare lo stesso, voglio provarla io l’emozione! Siedi!

SANTI- Tu non pauru. Qui tuttu bonu!

DADY-       (siede)

MATT-  Fare catena cu’ manu! (tutti eseguono)

SANT- (fa finta di addormentarsi e fa ciondolare la testa e dopo aver fatto dei lunghi respiri,comincia a parlare con vocione grosso e non più straniero) Me trovo de là!…Chi volete?

CARL-    Dady, con chi vuoi parlare?

DADY-      Non voglio parlare con nessuno!

CARL-    Ma avevi detto che volevi parlare con tuo nonno!

DADY-      E adesso non voglio più parlarci!

CARL-    E allora parlerò col mio! Voglio parlare con l’anima di mio nonno.

SANT- Come si chiama?

CARL-    Asdrubale!

SANT- Asdrubale?…C’è qualcuno?…Se ci sei fatti sentire!…Asdrubale!…

                                          M U S I C A

                   Ecco! La musica dice che ‘rriva qualcuno!

                                          IL TAVOLO COMINCIA A MUOVERSI

DADY-       Ca…Ca…Carletto?!

CARL-    (balbetta pure lui) Di…dimmi te…te…tesoro!

MATT- Niente pauru!

SANT- Scccchhhhh!!!!…Silenzio!…Se vuoi parlare cun noi fatti sentire: batti tre colpi!

                 GIOCHI DI LUCETAVOLO MOSSO-  TRE COLPI STACCATI-

CARL-    Scusate, qui c’è un bagno?

MATT- Adessu nun se pole!

SANT- Fagli le domande.

CARL-     (da adesso in poi parlerà in dialetto) Nonno Asdrù, nun me mette’ paura!

SETT– Io nun so’ noneto Adrubale, ma un amico sua! Noneto sta a fadigà e me ce ha mannato a me!

CARL-    Nonno fadiga? E che lavoro sta a fa’?

SETT-  Sta a preparà le vasche pe’ la purificazziò de le aneme che ‘rrivane. Dimme cusa voj, che cj ho premura!

CARL-    Adé nun me viene niente in mente…So’ tanto confuso… 

 

SETT-  E allora te lu digo io! No’, quassù, sapemo ognicò de quello che succede e deve succede giò da voi. Difatti tu sei venuto da sta maga pe’ sape’ da noneto se te cunvie’ divorziare da tu moje e cuscì spusa’ a sta bella fijola. E’ ve’?

CARL-    A esse’ sinceri eravamo venuti per questo.

SETT-  ‘Nvece la devi lassa’ in pace, perché presto sposerà un bel bardascio…,più bello e più ricco de te!

DADY-    (interessata) Dite davvero?

SETT-  Non se polene mette’ in dubbio le parole nostre. Quassù semo seri.

CARLO-    Cuscì io duvria lassa a lia e tenemme a cul catafascio de…

SETT-   (gli dà una sberla)

CARL-  Ahhiiiaaa!!!!...

SETT- Te devi tiene a tu moje! Scì, te la tieni e basta!…Piuttosto cume mai sai qua, mentre j altri stanne a fadigà?

CARL-  Io so’ el direttore e non debbo dare conto a nessuno! (altra sberla) AHIAI!!!… Nun mena’!

SETT-  E, tu cerca de risponne senza tante arie!…Lu sai che manca un’ora alla chiusura del lavoro? Nun pudevi venì dopo la chiusura?

CARL-    Ma io so’ el capo del personale!…(sberla) AHIAI!!!…

SETT-  Ma nun sei el padrò, perciò nun puoi fa’ cume te pare!…Sei stato bono a licenzia’ do’ padri de famija, cume a Matteo Faina e Settimio Traino…L’hai messi ‘n mezzo a ‘na strada! ‘Ncora stanne a piagne!

CARL-  Ma quelli erane do’ che se ne approfittavano: stavano con un piede in due staffe!…AHIAI!…Ma perché me meni?…

SETT-  E nun ce stai pure tu cu’ ‘n piede in do’ staffe? Uno lu tieni in casa cu’ tu moje e uno vicino a ‘ssa fijola! Pure tu saristi da licenzià!..Adé fai cume te digo: primo, questa ha da esse’ la segretaria e basta! Segondo, riassumi a cuj do’ che hai licenziato, perché se nò lu digo a noneto e te fago preparà ‘na vasca, cuscì appena arrivi te purifichi de tutti ‘ssi peccati!

CARL-    Cu’ voj dì, che se nun fago quello che hai detto…morirò?

SETT-   Scine! Te la sei capita?!

CARL-     Ma io so’ ancora giovane, nun vojo murì!

SETT-  E allora fai cume t’ho ditto.

CARL-    Sì,sì! Fago come m’hai ditto!

SETT-  Adé vago via che c'ho da fa’! (esce)

CARL-   Ciao!…E salutame a nonno…E dije de nun prepara’ la vasca, perché riassumo a Matteo Faina e a Settimio Traino…Requiescat in pace a tutti!!!!!!

                     ( DI NUOVO MUSICA ALTA MENTRE LO SPOT SI SPEGNE E LE LUCI DEL PALCO PIANO PIANO RITORNANO VIVE COME PRIMA MENTRE LA MUSICA SCEMA AL PARI DELLE LUCI )

                    (SANTINA SI SVEGLIA DOPO DEI SOSPIRI – MATTEO LE ASCIUGA LA FRONTE-  CARLO SI ALZA E VA ALL’ESTREMA SX o DX DEL PALCO- DADY SI ALZA PURE E CORRE VERSO CARLO-)

DADY-      (vuole abbracciarlo) Carlo…Carletto!!!???

CARL-  (la allontana) Ennò!…Stammi lontana. Non l’hai sentito che se sto ancora insieme a te morirò? Da adesso ognuno al suo posto…E’ meglio per tutti e due!

MATT- Hai sentutu anema? Tu spusare bravu ragazzu bellu e cun denaru!

CARL-    Cominciamo da subito: tu ritorni a casa tua in taxi…pago io!…Si può chiamare un taxi?

MATT- Priscill-oska?

PRIS-  Cumandi?

MATT-   Chiamari tass-oski per signurina! Presci-oski!

PRIS-  (viadi corsa)

CARL-      Va bene se pago con un assegno? (a Santina)

SANT-  (fa un cenno di assenso)

MATT-  Tuttu bonu: assegnu tuu è comu denaru!

CARL- (porgendo l’assegno a Matteo) Non l’ho intestato e potete ritirarlo quando vi pare!

MATT- Sentutu anema? Tu fari lavurari prestu a omini che hai licenziatu, se no tu mortu!

CARLO-   E chi ci perde tempo! Non vado manco a casa.Faccio subito due raccomandate espresse. Li riassumo subito.Vi saluto. (a Dady) Aspettiamo il taxì di sotto.Grazie e arrivederci!

                ULTIMA SCENA

 SANT- (va alla porta d’entrata per assicurarsi che siano andati via e poi) Ce l’emo fatta!

MATT-  Semo stati veramente bravi!

PRIS-  è entrata dopo di Santina) Allora vi riassume in fabbrica!?…

SETT-   Nun l’hai ‘nteso, santa pipitula!

PRIS-  Pure tu lu dighi adé?

SETT-   Quanno ce vole, ce vole!

ANDR-  (che fino allora non ha fatto altro che sgranchirsi le gambe e le braccia) Adé posso  scappà?

MATT-  Va’! Va’ cu’ j amici tua e…alla fine de la scola cj avrai l’honda!

ANDR-  Quala, quella della sbocca?

SANT- No, quella vera. Te la prumette mameta!

ANDR- (esce come fosse sopra ad una moto) BRUUUMMM!!!…BRUUUMMM!!!! (via)

MATT- Finalmente è ‘rturnata la tranquillità e la pace!

SANT- E no’ pudemo pensa’ alle ferie!

PRIS- Certo, santa pipitula, nun pudemo pensa’ de ‘nda’ alle isole Barbutos!

SANTI- Nun fa gnente!…Vole dì che ‘ndaremo a Sirolo, alle do’ sorelle! (escono)

SETT-  Oh! Se so’ bone ce venimo pure no! (seguendole)

MATT- Scì, scì… Cuccaaaaa!!!! (segue anche lui le donne)

F I N E

              

Loreto, 06-01-1993.-                                                                    Paolo  Torrisi

 

         

n.b. -La commedia è regolarmente registrata presso la S.i.a.e.

       -Il testo è reperibile presso l’Autore: Prof.Torrisi Paolo via Abruzzo,3.

         60025-Loreto   e-mail torrisipaolo@virgilio.it

         L’opera è depositata presso la S.I.A.E. con n°808908/A  Cod.59296-

GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Guzzo- Fine- Appuntito-

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                             

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella- Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno