Bambola di bisquit

Stampa questo copione

BAMBOLA DI BISQUIT

*BAMBOLA DI BISQUIT*

***

Dialogo critico tra un uomo ed una bambola

di

Angelo Rojo Mirisciotti

BAMBOLA DI BISQUIT- Commedia di costume- 1 attore solo  + 4 voci - durata circa 40 minuti Si è rotta l’ascensore ed il protagonista ritrova fuori della sua porta di casa senza chiavi con un regalo per la moglie : un bella bambola di bisquit.

Non si può entrare, bisogna aspettare..E’ l’occasione per fare una lunga serie di riflessioni sulla vita di oggi, sui rapporti umani, su quelli coniugali in particolare, sulla aridità  dei sentimenti che contraddistingue la Società odierna. E’ un monologo dove gli altri personaggi non si vedono mai ma pesano lo stesso. Prova d’attore…


PERSONAGGIO

CARLO IODICE..UN UOMO CHE VIVE IN EQUILIBRIO TRA LE MILLE DELUSIONI E CONTRADDIZIONI DI UNA VITA STERILE ED I SOGNI DEL FANCIULLO CHE ., NONSTANTE TUTTO,CONSERVA DENTRO DI SE…..

LE VOCI DI FUORI

LA SIGNORA CAPOBIANCO…….,…..………UNA PERVERSA ED ARIDA VECCHIETTA RINCITRULLITA

IL RAGIONIER PENNACCHIO E

LA SIGNORA PAPARELLA        …VICINI DI CASA…

L’OPERAIO SAMENTA…..UN UOMO SQUALLIDO E “SINISTRO”

DAGOBERTO  …UN BAMBINO..PER MODO DI DIRE..

GLI ONIRICI

LA BAMBOLA DI BISQUIT

BIANCANEVE, CUCCIOLO, LO SCHIACCIANOCI, CAPPUCCETTO ROSSO, GARRONE, SANDOKAN E ANCORA TANTI ALTRI COME TANTI SONO I LIEVI PERSONAGGI DEI NOSTRI SOGNI

                                                    

BAMBOLA DI BISQUIT

Dialogo critico tra un uomo ed una bambola

di

Angelo Rojo Mirisciotti

                                                                                           

                                          ********

ALL’APERTURA DEL SIPARIO SI VEDE,POSTA DI TRAVERSO A 30°, UNA PORTA DI CAPOSCALA DI PREGEVOLE FATTURA,ALLA DESTRA DELLA STESSA UN PIANEROTTOLO CON ZERBINO. ALLA SINISTRA SI INTUISCE L’ESISTENZA DI UN APPARTAMENTO DI LIVELLO ALTO BORGHESE. SULLA PORTA UNA TARGHETTA IN BRONZO CON INCISO “IODICE”.NEL PIANEROTTOLO,A PARETE UN ELEGANTE ABAT JOUR DI CRISTALLO E BRONZO DIFFONDE UNA LUCE AZZURRINA. MUSICA DI SOTTOFONDO : E’ LA BELLISSIMA CIARDA DI MONTI  (INTERMEZZO DEI FLAUTINI).DOPO POCHI SECONDI UN PASSO SI SOSTITUISCE ALLA MUSICA CHE NEL FRATTEMPO SI VA SPEGNENDO DOLCEMENTE…APPARE CARLO, IL PROTAGONISTA….E’ QUESTI UN UOMO DI CIRCA 50 ANNI,APPENA BRIZZOLATO,VESTITO MOLTO ELEGANTEMENTE, CON GESSATO SARTORIALE,CAPPELLO A LARGA TESA E TRENCH BIANCO . RECA TRA LE MANI LA 24 DEL COMPUTER E UN GROSSO SCATOLO OBLUNGO DI LEGNO INFIOCCHETTATO CHE SI INDOVINA ESSERE UN DONO PREZIOSO SEPPURE  POCO PESANTE.

Carlo   :   (con un lieve ansimare)…assa fa a Dio…so’ arrivato…!!.. l’ascensione ‘o Calvario è fernuta !!.…Mamma mia bella., non ne potevo più….sette piani a piedi…Ahhh…..e doppo accussì veneno gli infarti …e questo è un altro bel regalo della mia famiglia….’O vì….Hanno voluto a forza l’attico super panoramico… l’attico ‘e chi l’è stravivo..….Dice che oggie se porta… che fa più alta borghesia..: higt life !..Sette piani..!!!…Dice ma che fa..?  Ci sta  sempre l’ascensore….!! A chi..?..Addò..?!….l’ascensore….seh, l’ascensore ‘d’a mamma…. quando  funziona…Sono tre giorni che deve venire quello scornacchiato del tecnico….e che ne fai il professor Cotrufo…quello viene solo per appuntamento…con tre giorni di prenotazione, libretto di manutenzione in mano, guanti gialli, mascherina, assistente ca porta ‘a borza…e opera ad orario : dieci minuti venti euro..!!!…(poggia il pacco a terra in verticale)..Madonna..Sette piani a piedi…!!…Ma po’ dico io… perché mai devono fare i palazzi di sette piani…?..Una volta le case se facevano raso terra..massimo al  piano rialzato…tre, quatte scalini..e tiè….eri bello e arrivato…..mo no…eh, mo c’è il progresso..ci sono le manie di grandezza..bisogna andare su..sempre più su’….po’ se scassa l’ascensore e ce l’avimmma fa ‘a pere…!!(riflette)..e po’ dopo ce veneno gli infarti…!!!…(si fruga le tasche)…’E chiave’…??!!…(si rifruga e trasale)….’e mo ‘e cacchio d’e chiave addò stanno..? (si rifruga ancora)..no…niente..(si batte la fronte)..Uh Madonna le chiavi le ho lasciate in macchina….si…attaccate al cruscotto…!!...Porca puttana..!!…e mo chi scende e sale un’altra volta…?…(guarda il pubblico)…E già.. mo voi vi domandate : ma questo perchè non bussa alla porta come tutti i cristiani..? E pecchè….Perchè questa casa qui è    casa “ Iodice ”, ovverossia è casa mia…..e a quest’ora essa casa, lo so bene, sta vacante…desolatamente vacante..e si, perché vedete,…..oggi è giovedì…e allora..?..E allora essendo giovedì..’a filippina sta in libera uscita…..mia moglie Giuliana sta dal parrucchiere…..mia figlia  Marcella sta alla Danza Moderna e quel cornuto di Igor mio figlio il giovedì pomeriggio tiene il torneo di calcetto…e allora che saciccio busso a fare..?…e mo che faccio…?! ( si gratta la nuca)…Aspetta..idea geniale….mo’ telefono ad Antonio il guardaporte..me faccio piglià ‘e chiave a dinto ‘o garage…cu’ cinque, massimo dieci euro me la cavo…quello basta che vede soldi,..(cava il telefonino e fa un numero)..e chi t’o da..?..niente… ‘stu chiaveco ‘e telefonino è  del tutto scarico…stutato…morto…’o chiavasse din’o muro…!(ne cava di tasca un altro) chist’ato nun tene campo……Dice: “ Evviva le comodità della vita moderna” : “tenimmo ‘o telefonino..!” Abemus Telefunken..!!..E questa è un’altra belle invenzione del progresso....Quatte ‘e nuie, in famiglia : otto telefonine ….dico otto telefonini, anzi nove pecchè n’avimma avuto accattà uno pure per la filippina..Dice..ma come due telefonini a testa…??..e si capisce..uno ufficiale..l’altro di stramacchio..uno per il lavoro l’altro per il piacere…!uno per farti trovare ..ed uno per non farti trovare…!!! E po’ quanno servono tutt’e duie nun funzionano maie…..!!…E non era meglio una volta quando ci stava il paniere che si acalava..?  Mi ricordo mia madre buonanima…“Donna Carmè..!!- Donna Carmela era ‘a purtiera –“..Donna Carmè, per cortesia… mi favorite una testa di accio e due cipolle dentro al paniere..??”  e Donna Carmela Coviello, più di quindici metri più sotto…” Subito..Donna Marì....!Acalate…!!!.”….e mammà da sopra al balcone..:“…..grazie assaie, siete sempre squisita..!..a buon rendere….”…”P’ammore ‘e Dio..è un piacere servire una vera signora come a voi..!!” ‘A testa d’accio arrivava immantinente e puntuale  e nel frattempo si erano pure favoriti i rapporti umani tra il proletariato e la borghesia, tra ‘a purtiera e ‘a signora Iodice d’o terzo piano..alla faccia del qualunquismo, del demagogismo,del comunismo  e và….pure del razzismo..!!

                Oggi invece ce sta ‘o telefonino…anzi…ce stanne ’e telefonine per parlare..programmare....dire…sapere…comunicare..già..già…….per comunicare ….ma con chi..?..per parlare a chi..?..se oggi nessuno sa più ascoltare..?…Io sapete che ho fatto..?..su di un telefonino ho registrato la mia voce che dice..” Si cara……come vuoi tu cara…..certo cara…”  sull’altro arriva la telefonata di mia moglie..io metto in comunicazione i due aggeggi..e so’ vedeno tra loro per almeno dieci minuti….!!! Geniale…o no..?..Geniale un cacchio….e io sto sempre qua fore ‘a porta…E che pozzo fa..?….Un momento…ecco qua…si….ho trovato…mo’ busso all’Avvocato Capobianco…..il mio caro vicino….da casa sua citofono ad Antonio..e mi faccio portare le chiavi…bene…facile no.?..Risolto..!!!..dunque..(si accosta alla porta del vicino e bussa)…aspettiamo un attimo..(ribussa)..niente..ma com’è possibile ..pure quà non ci sta nessuno in casa..?..No..zitto zitto..sento dei passi…ecco…si….viene qualcuno….(bussa ancora)..Avvocato..!!!!

               ….Avvocato Capobianco…!!

La nonna   :..( da dentro )..chi è…?

Carlo     :    ( tra se)..ce sta ‘a vecchia…( poi gentile) …signora…signora Capobianco..sono Iodice… aprite vi devo chiedere una cortesia..

La nonna   :…io non apro a nessuno…

Carlo    : ma come..sono io..sono Carlo Iodice..il vostro vicino…..vi devo chiedere un piccolissimo piacere…’na cosa ‘e niente…

La nonna  : mio figlio mi ha raccomandato di non aprire a nessuno perché      

                   stanno in giro molti malintenzionati….jatevenne….!!!!

Carlo    :  …ma come jatevenne..? Signò,sono  Iodice … aprite….!!

La nonna :     manco si m’accideno…!!

Carlo  :      ( iniziando ad arrabbiarsi sul serio)..Signò…ne ma voi davvero

                 fate..arapite   sta cacchia ‘e porta..v’aggia parlà…

La nonna : no..e che ne so se voi siete una  canaglia …??magari …un

                   assassino…?…un criminale  rapinatore..??

Carlo  :      ma quale criminale rapinatore…??…Signò…..p’ammore ’e   

                  Dio…sono  Iodice,….Carlo Iodice…l’amico  di vostro figlio

                  Maurizio..!!

La nonna    : ma quale amico e amico..? Mio figlio dice sempre che Iodice è ‘nu fetente sagliuto e ‘nu miezo mariunciello….

Carlo      :  (sottovoce amaro)..Ah..così va dicendo Maurizio..?e va bene  mo  c’avimma sta.poi facciamo tutto un conto….( poi alzando il tono..) signora Capobianco ..ma come….non  riconoscete la mia voce..?

La nonna : io non riconosco a nessuno…e poi ci vuole assai a falsificare una voce come quella di Iodice…una voce senza tono..senza nessuna modulazione…. senza forza…

Carlo     :….e io nunn’o sapevo c’aveva fa nù corso ‘e dizione pe’ me fa a rapì ‘na saciccia ‘e porta..( poi veramente arrabbiatissimo ) …Signora…..!…Signò..arapite..!!!!!..Aprite, ho detto..!!

La nonna  :  ecco..vi siete tradito…state alluccanno..come un vero e proprio criminale..comm’a ‘na belva…e chi vi apre..jatevemne se no chiamo le guardie…!!

Carlo     : ‘e guardie..???….ma ca site pazza…???

La nonna : ah.. te miette paura d’e guardie eh…??

Carlo    :     nooo…quando mai..no..dicevo così…,…signò..ve lo chiedo pe’ cortesia,….guardate dentro allo spioncino…così mi vedete…mi riconoscete e aprite questa Madonna di porta..!!

La nonna  : ah.bene….mo strilli e  bestemmi pure…!!!… lo vedi che sei un senza Dio..nu’ malamente..nu’ malandrino…!!…Via ..Va….!

                   Via…Va vattenne…!!

Carlo    :     nooo..( fingendo calma)..no signora..dicevo così..signò..guardate nel   buchillo della porta…..cosi vedete che sono Iodice…..il vostro amico Iodice..

La nonna : e già..perchè ci vuole assai a travestirsi da Iodice..quello mi sembra

                        un pagliaccio..sempre col cappellone..il trench…’e baffe…

Carlo    :  (considerandosi)..dimane ‘stu tench ‘o jetto e me taglio pure ‘e

                 baffe…!!Signora..vi prego..sono rimasto fuori al porta senza

                 chiavi..fatemi fare una citofonata al portiere..solo questo..

La nonna :..il trucco è vecchio..’a citofonata..poi entri mi zompi addosso e

                   magari mi violenti pure …!

Carlo      : signò,…voi tenete ottantadue anni…..a chi devo violentare..??!!..e

                 già…mo violento a essa..e nun tengo che fa…?!!ù

La nonna  :..basta mo..mo so io ca tengo che fa :…devo cucinare la cena per mia nuora quella se non trova tutto pronto fa la pazza…è ‘na vipera…Su da bravo vattene a casa toia e  siente a me,…nunn’è fa chiù che sti rapine.!!

Carlo     : ‘e rapine…??? io faccio ‘e rapine…?!!! (tra se)….No, è pazza..(poi a voce alta)…..Signora Capobianco..!!!..signora..!..vi prego….! (non c’è risposta) niente..!…se n’é andata..ma dico io…si può essere contemporaneamente accussì  surde e cretini comm ’a ‘sta vecchia…???

LA VECCHIA SI E’ DIFATTO RITIRATA…..CARLETTO IODICE E’ NUOVAMENTE SOLO ED ALLE PRESE COL SUO PROBLEMA DI INGRESSO..PROVA A TEMPESTARE LA PORTA DI PUGNI…HAI VISTO MAI CHE LA MALEDETTA CEDA..???

Carlo    : macchè..quella stronza di mia moglie ‘a porta l’ha voluta blindata… col doppio rinforzo e pure insonorizzata..chella stronza..

DELUSO ED INCAZZATO IL NOSTRO CARLETTO SI SIEDE SU DI UN GRADINO..AUTOMATICAMENTE TRAE A SE LO SCATOLONE .

Carlo  : pure ‘o scatulone con il regalo mi sono dovuto salire…e si..perché domani è l’anniversario del mio matrimonio e ho voluto regalare a mia moglie una cosa speciale…(apre lo scatolone con delicatezza e ne trae una bellissima bambola di bisquit alta come una bambina di sette/otto anni.)..a vi ccanno..’a vì… chesta è essa..! Una bambola in porcellana di bisquit a grandezza naturale..che volete mi è sembrato un regaluccio originale…forse sarrà pure ‘na strunzata..ma mi piaceva di regalare alla mia donna una cosa delicata..romantica, dopo tanti anni di matrimonio…dopo tanti collier..tante pellicce..tanti viaggi nelle Capitali europee..una volta tanto…mi era sembrato carino donare ‘na cosa che magari sarà pure inutile..però ci riporta alla giovinezza…alla semplicità dei tempi andati..guardate quant’è bella…guè..tutto Limonges originale…!..neh, chella pare overo ‘na creatura vera..che visetto..! e che espressione…e il vestito  : tutto organza e merletti..l’ho pagata un occhio della fronte..speriamo che mia moglie apprezzi… speriamo..No, perché quella, la signora mia è pure complicata di gusti..quanta volte un regalo importuno me l’ha vuttato appriesso..Eh, ma se ci prova..stavolta la precedo..c’ ‘a scasso ‘ncapa e non se ne parla più..! (fruga nello scatolo e ne cava un depliant colorato)  Caspita…Nella scatola ci sta pure il libretto di accompagno con le istruzioni..prima non l’avevo notato Speranzella..!…Uè…”Speranzella..la Bambola più bella”..io nome è carino..ma un è poco troppo banale e demodè…Vediamo che dice appresso “Caro amico…complimenti per il vostro gusto  etc..etc..Attenzione : Maneggiare con cura..non esporre al calore intenso e ricordare che  Speranzella la bambola più bella  sarà da oggi la vostra amica del cuore..la vostra confidente…la custode dei vostri segreti… la complice delle vostre emozioni…Rifletterà i vostri momenti di gioia e i vostri attimi di dispiacere…” ..Che strunzate ca scrivono..chella è ‘na bambola ‘e porcellana ..che cazzo po’ riflettere..uno ‘a mette ‘ncoppo ‘o cummò e là s’a scorda…Mah..le solite scemenze per i ragazzi…Riflette..?..Ma riflette..? quella sorride beata...Se fosse vero che mi riflette  mo si dovrebbe incazzare come sto incazzato io... Cose ‘e pazze…Fuori  alla porta da un’ora..!!!!..e quella pernacchia di mia moglie che non torna…!!

                    Ah, ma da domani..niente più canasta..niente burraco ..’a spezzo ‘e cosce…e quanto alla cameriera niente più permessi..niente libera uscita..adda ciuncà dint’a casa..le faccio ved’è io ..’o permesso e’ soggiorno…. ‘e marchette..divento un negriero…!!..’a frusto….m’’a vengo…!!!Per non parlare di quei due pernacchi minorenni ed infami dei miei figli..figli mo..?…sanguette..!!..Sanguette ca stanno dint’‘o stato ‘e famiglia mia…sulo pe’ m’arrubbà ‘e sorde… ’E che so’ figlie chilli duie..?..Freddi..disamorati...scostanti…distanti…e po’: nun parlano..nun dialogano..nun te guardano mai ‘nfaccia…estranei con lo stesso DNA..altro chè….Maie ‘na vota che uno di loro venisse vicino..” papà come ti senti..? Vuoi qualche cosa..? ..che hai fatto oggi..? vogliamo parlare un poco noi due..?..Ci andiamo insieme a fare un passeggiata..?..”..Mai..mai…eppure ne ho fatti di sacrifici per loro..Lasciamo perdere quelli di lavoro per soddisfare tutte le loro necessità....è normale che un padre lavori per famiglia..ma ce li vogliamo ricordare un attimino i sacrifici che ho fatto per quei due piccoli bastardi proprio a titolo personale..fisico..?  Dunque accumminciammo co’ grosso..: tre mise cu ‘a pertosse..’a mamma ‘a notte durmeva  e ‘stu strunzo annanze e areto tutt’a nuttata cu ‘o criaturo ‘mbraccio…Poi…le scuole..”Papà, mi fai vedere il problema..ed il latino..e l’inglese..e la fisica di chi l’è stravivo..!” E papà stanco e acciso dal lavoro si metteva vicino e ..matematica..latino inglese e ‘a fisica ‘e chi l’è stravivo..!e ‘o bello ‘e Dio e che ‘o juorno appresso pigliavamo pure quattro meno meno..!!!!E ‘a femminella..: la bambina tiene una puntina di balbuzie..e portala dalla logopedista..e passe l’ore sane pe’ farla parlà…Ah..dopo cominciò la fase dello sport agonistico..Tennis.. E aizammece ‘e cinche a dummeneca matina per andare a Mirabella Eclano a fare la coppa Memorial Rag.Cipolletta.. Avesseme maie vinto ‘nu cacchio.!!..pure pe’ soddisfazione mia : sempre penultima..!!!!..Cosa ca te fa ncazzà ancora di più..l’ultimo pure tiene un ruolo..la maglia nera fa tenerezza..è ‘na cosa…..no niente..penultima..!!! Speranzè, beata a te che pur volendo non puoi avere figli..!!…Penza che i figli miei adesso sono tutti e due adolescenti..diciotto e sedici anni…Siamo nella fase del segreto : segreto esistenziale e segreto amoroso.. papà non deve sapere niente ..tanto che ‘o sape a fa..? ‘O stesso nun capisce niente..!       Ma chi l’ha ditto ca papà nun capisce….? Io capisco..capisco tutto..solamente è che ‘sti guaglione ‘e mo’ nun se riconoscono..so diverse a nuie .so’ è n’ata razza…eh,so’ alieni di razza purissima…!!!

                Mio figlio..per esempio addo va..?..che fa.?..cu chi sa fa..? Sempe cu ‘nu jeans fetente ncuollo,..’na maglietta vrenzuliata..però di marca..da cento euro…a barba ‘nfaccia ‘e capille lunghe d’estate..a Naziskin d’inverno….!!…tene .pure ‘o tatuaggio di Madonna copp’a ‘na coscia..!…No, no il tatuaggio della Madonna vera..fosse ‘a Maronna..no di Madonna,  chella pereta americana  ca canta..! Ma ch’è diventato..ma chi è..?..Oramai non mi chiede nemmeno più i soldi..fa solo il gesto..stropicciando il pollice e l’indice..così…embè..io l’accedesse..Neanche a dire “ papà…per cortesia..me li cachi in mano trenta euro.?.”..Niente..non c’è dialogo..! Mi ricordo invece che quando ero ragazzo io..con mio padre buonanima il sabato pomeriggio..il momento della paghetta era un rito..un gioco..un duello di intelligenza e di astuzia : “ Papà, papà… m’’e daie cinchemila lire ?”..” Quattemila lire ..?..e che n’e’a fa ‘e tremila lire..? Ma tu te pensasse ca io duiemila lire ‘e trovo pe’ terra ?..Tiecchete na bella mille lire e puortame ‘a cincuciento  lire ‘e riesto..!!..Bellissimo..sublime..!!!.era un momento di grande contiguità..direi quasi di tenerezza ..tenerezza economica …ma sempre tenerezza…!!!!

                 E Speranzè…po’ ce sta  ‘a femminella..Marcella…’a ciaccarella ‘e papà..quella che da piccola il bidet se lo faceva fare solo da me..la mia innammoratella…il mio fiorellino…Addo sta chiù ? Che fine ha  fatto..? Mo’ porta ‘e capille viola..’a panza ‘a fore…’o cazone largo largo che comincia sotto la suddetta…e duie telefonine..appise...uno per gli amici e un altro non si sa….Tene sempe ‘a cuffia ‘ncapa e sente ‘na musica ca nun se capisce ..nu misto ‘e tube ‘e scappamento appilato e de’ martello pneumatico..ca però nun vanno manco a tempo tra loro..!! Mo s’è fatto pure ‘o piercing..eh..sissignore…’o piercing..!…chille ferrettielle ‘mpezzate dentro alla carne..La cosa che mi ha dato fastidio è che mi ha detto “ papà..scusami tanto ..non ti posso far vedere dove me lo sono messo..” Neh, ma chesta ‘o fierro addo cazzorola se l’ha miso..?….Figli….!!??…e che i miei so’ figli come su deve ?..Piuttosto so’ duie estranei..nemici pagati…!!!!!

                Ah..ma io stasera appena arrivano ‘nce sequestro ‘e motorine a tutt’e duie..…se l’hanna vedè cu me,..e già accussì se chiude ‘nu pate fore ’a porta…!!!…e tu Speranzè..pure me guardi e pare che ridi…ma che tieni da ridere…?

VA ALLA PORTA…BUSSA SCONSIDERATAMENTE DI NUOVO A LUNGO IL CAMPANELLO….OVVIAMENTE NON C’E’ RISPOSTA..TIRA UN PAIO DI  CALCI ALLA STESSA..POI SI AGGRAPPA ALLA TROMBA DELLE SCALE E GRIDA  :

Carlo  :            Antonio..!!..Antonio..!!!..nientechi t’è stravivo,portiere maledetto…ma addo’ staie .?….addo’ saciccio te sì ‘nfrattato.?..Eh,ma.alla prossima riunione di condominio mi faccio sentì…’o citofono faccio mettere …‘o citofono..!!

Cav.Pennacchio : (del quale si sente solo la voce dal piano di sotto del vano scale)..Ma insomma..!!..la finiamo di fare chiasso..?..la smettiamo con queste urla disumane..?..è ora di riposare questa..Se non sapete vivere tra gente civile andatevene in un basso ..tra i vostri simili..!Silenzio..!

Carlo :              (tra se e se ) chis’è n’ato ca s’abbusca ‘na paliata..(poi con falso garbo perché gli può tornare utile)..Cavalier Pennacchio..Cavaliè..voi mi dovete scusare…

 Pennacchio.    :..non scuso nessuno..tacete e non disturbate …!

Carlo       :    ..nooo, Cavaliè....abbiate pazienza…dicevo..mi scuso..se ho un attimino alzato la voce ma dovete sapere che…

Pennacchio . : non me ne frega niente dei fatti vostri..tacete e andate in casa..!

Carlo  :        e proprio questo che vorrei fare…ma..vedete… non mi aprono la porta..

Cav. Penn. : …e usate la vostra chiave..imbecille…!

Carlo       :…(tra se) voi come credete che succedano gli omicidi..?   Voi già state già comme a ‘nu pazzo..po’ truvate a ‘nu strunzo ‘e chiste che  ve fernesce d’accidere ‘a salute..la testa si infuma….si perde il controllo e scorre il sangue..! (poi si modera, raddolcendo la voce)…Cavaliere..voi che siete tanto una brava persona…

Cav. Penn. : non vi consento di giudicarmi…mascalzone…!

Carlo     :... ma io ho detto brava persona…

Cav. Penn. : un’altra parola e chiamo la Polizia…!!!..Ma guardate che elemento..che incivile…a casa..a casa…!!!..E non osate  mai più rivolgermi più la parola..

Carlo  .. :….c’è un malinteso..Cavaliere..vedete…io..per un disguido….sono   

                    rimasto fuori casa…mia moglie….mi ha…

Cav. Penn. :  ben vi sta…vostra moglie vi ha buttato fuori e ha fatto bene perché siete un delinquente..!…Solidarizzo con la vostra signora..per quanto non mi metterò tra voi..se vi ha cacciato avrà certamente le sue buone ragioni..con un fetente come ‘e voi..!Io l’ho sempre detto che tenete lo sguardo sporco..da pedofilo…pure la signora Paparella che è qui accanto a me ..la pensa così…

Carlo        : pedofilo io …?..ma voi siete pazzo…!!!!

Cav. Penn. : mi avete chiamato pazzo..!  Signora Paparella avete sentito..? Mi ha chiamato pazzo..Paparella ..voi mi farete da buona testimone in sede legale..Mascalzone..!!…Ci rivedremo in Procura…

Paparella  : contate su di me ..in questo condominio la debbono finire con le prepotenze…!

Carlo      : signora Paparella…ci siete anche voi..? Embè voi che siete una signora…

Pennacchio : che volete dire che io sono un beduino..?

Carlo      :     per carità….ma la Paparella che è una signora di antico stampo..

Paparella     : io so’ di antico stampo..? e che volete dire che sono vecchia..?!!

Carlo      :    per carità…abbiate bontà..cercate questa volta almeno voi di comprendere…

Paparella     : “questa volta”…devo cercare di comprendere…?..perché volete dire che di solito non comprendo..? Allora volete dire che di solito  sono stupida..?…Si…mi avete chiamato stupida !! Ragionier Pennacchio..avete inteso..?..Mi ha chiamato stupida..!..Pennà…Voi mi farete da teste in Tribunale perché lo denunzio per offesa a pubblico condomino anch’io a questo cafonaccio…!

Carlo     : …cafonaccio a me..?..badate a come parlate,Paparè…!!!

Paparella  : ah..è così..? mo’ siamo arrivati pure alle minacce fisiche..alle intimidazioni..Cavalier Pennacchio..annotate…segnate…Iodice mi ha minacciato..e se non ci fosse stato un vero gentiluomo come voi presente..magari già mi avrebbe di certo  aggredita fisicamente..si..mi avrebbe picchiata a sangue…il timbro di voce l’avete sentito e guardate..guardate Iodice come s’è fatto brutto..quello tiene  l’espressione di un pazzo..!!!

Carlo     :    ma quale pazzo..?  …..signora Paparella …

Paparella   : …. Addio, assassino..!

Carlo     : ….ragionier Pennacchio…!!

Rag. Pennacchio..: …ci rivedremo a Filippi..! addio..!!!

SUBITO SI SENTONO SBATTERE LE DUE PORTE AL PIANO SOTTOSTANTE…CARLO E’ ANNICHILITO DALLA SCORTESIA, DALLA STOLIDITA’ DEI VICINI…DOPO QUALCHE ATTIMO DI PERPLESSA ATONIA..SI RIPIGLIA E SI INFURIA…

Carlo        :…Speranzè..ma tu hai visto..?…Ti sei resa conto di come oggi si può passare un Madonna di guaio senza saper leggere e scrivere..?..Carogne…Uh all’anima dei fetenti tutti e due  no uno si e n’ato no,..tutti e due…ma come si fa..dico ma come si fa ad essere così stronzi all’unisono..??…ma che l’hanno fatto cu’  ‘a carta copiativa ..?.Ma che hanno partecipato a ‘nu stages per Condomini Chiattilli..?.Noooo…. io non posso rimanere in un Condominio di serpi velenose…Eh,ma quella come la solito è stata mia moglie..Disse  : “Per carità..a via Petrarca è tutta un’altra cosa..vuoi mettere la classe..la signorilità delle persone di llà sopra…Che ne dobbiamo fare più di Fuorigrotta..?..Le possibilità ci stanno…cambiamo casa…noi siamo nati per stare in quartiere ben più elegante..raffinato…chic…!”..L’ho vista la signorilità..l’ho visto lo chic…per essere rimasto fuori alla porta…chi mi vuole far arrestare..chi mi vuole denunziare..e allora non era meglio il Rione Miraglia..??..Case popolari..si..ma con gente semplice.. di cuore…disponibile..Mi ricordo che una volta che papà per una marachella di ragazzi  mi chiuse fuori alla porta ho dormito due notti dalla signora affianco..eh, la povera signora Strazzullo che mi  ospitò e  mi nutrì di nascosto come un paracadutista americano atterrato per sbaglio a Monte Cassino in mezzo ai Tedeschi…!..Altri tempi..altra gente…. altro cuore..!..E comunque pure questo è un altro bel regalo che debbo a quella pernacchia di mia moglie..!

                      Mo’ tu Speranzè mi dirai “..e allora perché non te ne torni in grazia di Dio  al Rione Miraglia..a Fuorigrotta..?..E perché..?…Per tanti motivi…Il primo è che quella casetta lì oramai non ci basterebbe più nemmeno come dipendance.. : bagno e cucina e due stanze..In una  dormivano i miei genitori e la nonna nell’altra noi tre figli..insomma stevemo uno ‘ncuollo a n’ato..pero’ a ripensarci ora mi sembra che eravamo più felici…era un montone..di felicità..!..L’altra ragione è che oggi siamo cresciuti..e cazzo..! Oggi apparteniamo alla middle class..! Ci vuole..è d’obbligo la casa grande con : la stanza per noi..quella per il figlio maschio..quella per la femminuccia..lo studio..il salotto bivano con vista sul Golfo..’a stanzulella p’‘a filippina…tre bagni...Guè..noi oggi siamo gente importante..benestante..e questo si deve vedere pure da qualche parte.. o no..??!! … Ma siamo felici..?…Mah…??

                      Che ora s’è fatta..? Le sette..!..Se tutto va bene mi devo stare qua fuori un’altra ora abbondante..!..E che faccio…?..’Sta cessa della Capobianco non mi apre, quei due sotto me vonno vedè carcerato…Zitto mo per guadagnare tempo mi metto un poco a lavorare..(Apre la valigetta e ne trae un PC portatile di ultima generazione) ….”Speranzè.‘o vì ccanno ‘o vì..Il mio fido computer da sette milioni…il mio più valido collaboratore..!Tu non hai idea che cosa riesco a fare io cu ‘stu coso…..Ecco…adesso, per esempio, mi collego ad Internet..mi scarico la legislazione vigente…e mi anticipo la relazione della perizia per la Causa contro il Monte Paschi di Siena..Ecco..Basta ragionare..stare calmi e si trova sempre come utilizzare per bene il tempo..come capovolgere le situazioni da apparentemente negative in altamente positive…!..Bene..Start…Start..Pass Word…Ma ch’è..? perché il monitor non si illumina.?…E dai..dai…..!!..Niente..! Niente..E qua si sono scaricate le batterie…Per forza l’ho utilizzato per due giorni senza spegnerlo mai..e va be’..poco male..mo mi collego ad una presa a muro e vado a corrente..! Una presa..una presa.una presa..e addò saciccio  sta ‘na presa ‘e corrente coppo a nu’ ballatoio..????..Guè..ma veramente sto fuso…Aspetta aspè forse una soluzione ci sta..mo svito la cassetta di deviazione vicino alla porta dell’ascensore ..mi prendo i due fili ..il positivo ed il negativo…mi attacco…accendo il computer e vado..Un genio..!..quando voglio sono un genio..!! Dunque..La cassetta sta la…un poco troppo in alto…mi manca ancora un bel mezzo metro di altezza..come ci arrivo..?..Facile…Facilissimo..ecco qua prendo queste due posacenere alte di metallo ..li uso come appoggio..ci salgo..sopra,.e no Speranzè..no..non mi guardare preoccupata..è un a sciocchezza tiene mente..tiè…….e uno..e due…

BRRRRUMMMMMM…!!!..CARLO CADE CON TUTTO IL SUO PESO AL SUOLO: OVVIAMENTE SI FA ABBASTANZA MALE DATA LA STAZZA E L’ETA’  E RESTA A TERRA SUPINO…

Carlo   :   aiuto…ahia…mi sono stroppiato…la schiena..Madonna e che dolore…aiuto…soccorr’uomo..Signora Capobianco….! Aiuto… aprite…mi sono fatto male davvero ..aiutatemi..Signora..signora Capobianco..!!! Aiuto…!!…Ahia…guè..io veramente non mi posso alzare..e questi fetenti chiavici che non sentono o peggio..Aiuto..!!!Aiuto..! Chiamate un medico..!!!!….fate correte un’Autoambulanza…!Ma perchè fanno finta di non sentire..questa è la solidarietà civile..magari pe’ delfine australiane  oppure pe’ tartarughe cinesi facevano ‘e marce di protesta de mamme loro……pe’ me ca sto ‘nterra stroppiato  e bisognoso di soccorso nunn’arapene manco ‘na fetente ‘e porta…

CON ENORME FATICA SI TRASCINA CARPONI AL CAMPANELLO DELLA CAPOBIANCO E LO SUONA PROVANDO GRANDE DOLORE..DRINNN…

Capobianco  :  ….chi è…?

Carlo    : ….signora Capobianco…sono Iodice…..

Capobianco  : ancora voi…non ve lo siete tolto il vizio di fare le rapine..!!!

Carlo      :.. signò..quali rapine..?…sono Carlo Iodice .. e mi sono stroppiato..mi sono fatto male…

Capobianco  : e pe’ forza,.. a fa ‘e rapine si corrono rischi..vi fate male e dopo cercate scè scè….

Carlo         : Gesù,Giuseppe e Maria…embè faccio il voto davanti alla Madonna di Pompei che se esco vivo da questo ballatoio..faccio una strage..’a primma adda essere chesta stronza affianco..(cambiando voce e raddolcendosi) Signora…Signora Capobianco……vi prego…cercate di capire…sono Iodice..sto fuori alla porta e mi sono fatto male…

Capobianco:  Uh, povero figlio vi siete fatto male..??…e camm’è stato..eh, comm’è stato....???

Carlo        :.. stavo cercando di accendere il mio computer e sono caduto da sopra a due ceneriere…

Capobianco : e po’ ‘a scema so io… Voi state farneticando..comme s’appiccia ‘o computer saglienno ‘ncoppo a duie ceneriere…? Il fatto è che voi siete completamente pazzo e certamente volete fare una bella rapina a casa mia…eh, ma io sto in guardia..mio figlio me l’ha tanto raccomandato..” Mammà - mi dice sempre – Mammà..non aprite a nessuno..non vi fate fare scema – badate….ci stanno in giro tanti malintenzionati..quelli sono capaci di tutto per farsi  aprire..pure di fingere che si sono fatti male….

Carlo       :    ma io mi sono fatto male sul serio…

Capobianco  : e andate all’Ospedale..perché perdete tempo fuori alla porta mia…andate..andate..la Madonna vi accompagna..

Carlo    :….Signò..io non mi posso muovere..credetemi..anche perché se mi potevo muovere già vi avevo sfondato la porta e vi avevo massacrata di mazzate..!

Capobianco  :..Assassino..!..Criminale…!!!..In galera..in galera..mo chiamo il 113 e ti faccio arrestare..

Carlo        :  ….signò..per pietà chiamate pure il 118…

Capobianco : ….il 118…??!!…e pecchè..che n’aggia fa..???…io sto tanto bella…non ho nessun bisogno di essere ricoverata…Io sto bona..’e capito…alla faccia tua..tiè…tiè….tiè….!!!!!..guè..e mo’ non disturbarmi più perché sto cucinando..tengo il capretto nel forno…te piace ‘o capretto…eh,,te piece…?

Carlo       :…nun me piace..e se  mi posso permettere..che dite posso..?

Capobianco  :  …..prego…

Carlo  : embè….v’avita affugà…cu l’uosso chiù grosso d’o capretto……v’adda rummanè ‘ncanna…avita cercà aiuto e manco ‘e cane v’hanna cunsiderà… ‘sta strega…’sta stronza..’sta strega stronza…!!!!!

Capobianco  :…..Iodice…. Morite di subbito….!!!         

      SI ALLONTANA CIABATTANDO E BORBOTTANDO……

Carlo    :   Speranzè, tu hai capito niente…mo devo morire io..?…io..!!….Ma comm’è possibile. ?…Morene tanta guaglione,..tanta giuvinotte….tanta persone innocente nel fiore degli anni ..e ‘sta diece ‘e vecchia maligna adda respirà ancora… ???!!!

                  Ahia…Ahi..Ahi…E mo che faccio..?..io non mi fido di muovere da terra…ci mancava pure questo..Magari mi sono frantumato la spina dorsale…forse si è spaccato il bacino..può darsi resterò paralizzato…a vita…e tutto perché nessuno mi ha aperto la porta…Una vita distrutta per mezzo di una chiave dimenticata..Che siamo..che cosa piccola e fragile è questa vita nostra..Comm’’a fronna ‘a n’albero caduta…Insomma…20 grammi di ferro seghettato valgono un’esistenza..!!…E questo fatto della chiave è colpa mia…me la sono scordata come un cretino..Però..però….se c’era qualcuno in casa tutto questo non capitava..io entravo.mi toglievo le scarpe..mi mettevo la giacca da camera..e adesso stavo davanti alla televisione con un wuiskino in mano..!Famiglia maledetta..Famiglia di merda..senza amore..senza affetto senza rispetto per un padre che lavora che si suda quei sette otto milioncini al mese che servono giusto giusto per soddisfare  tutti gli stravizi di quei quattro fetenti…!Ah..ma appena tornano mi sentono..vita nuova…desunte le spese ospedaliere che mi serviranno…la sedia a rotelle…la fisioterapista a casa..e speriamo che sia bunarella..dicevo..desunte tutte queste voci…il resto saranno pinzellacchere..onde per cui…: La fame ..la fame dovranno fare..altro che burraco…motorini..e vestiti houte couture..’A famme..’A famme…!! Si deve perdere io nome di Carlo Iodice se non li straviso a tutti quanti..Ah..e niente più cameriera…!.Via via..! mia moglie se li lava lei i piatti..’a cera pe’ terra ‘a pass’essa.!!..e mia figlia farà i letti..!..mio figlio..poi..e che ce faccio fa a chillu chiaveco sfaticato..?  ‘A machina.!!!.ecco..me lava ‘a machina..tutti i giorni..!!!..dice ..ma è pulita..! nun me ne fotte..! S’adda fa ‘o mazzo tanto..!!!E già :  io a letto cionco e lui col motorino appresso alle sue  zoccolelle..Mai..Mai..!!..S’adda perdere ‘o nomme mio…!!Da domani..anzi da stasera ‘o vì..in questa casa ci sta un regime dittatoriale…Ciaucescu a fronte a me adda essere Mastu Geppetto..! Speranzè, credimi da questo momento hanna tremmà..tutte quante…Ci faccio vedere io chi è l’uomo vero ..il capo di casa…!..l’uomo forte…..l’uomo di acciaio…!!!! (poi subito per una piccola fitta si torce dal dolore)…Ahia…Ahi..Uh Madonna..e che dolore alla schiena..…Piano…ecco…forse piano piano riesco ad arrivare fino..ai gradini…si..dolce dolce..così…Ah. ah…ecco qua..mo mi giro..piano..piano…si..si ci sto riuscendo..eccomi ..ci sono…(a fatica si siede sul secondo gradino) Guarda la..’o computer nuovo pe’ terra…e chillo sicuro s’è sfrantummato..sette milioni..sette milioni buttati nel cesso....e fossero solo i soldi..la dentro eh..nell’hard disk ci stanno tre quattro anni di lavoro..non sia mai a Dio si è sfottuto l’hard disk sono rovinato..tanta fatica buttata dentro alla chiavica..D’altra parte abbiamo voluto la tecnologia..i cips d’’e sore loro sempre più perfetti sempe chiù piccerille ..dint’a ‘nu cip..ce sta  tutta ‘a Treccani..po’ s’abbrucia ‘o cip..e perdimme ‘a Treccani..E nunn’era meglio quando ‘e cose si scrivevano a mano libera..Documenti..relazioni..lettere..eh..pure le lettere di amore.le lettere d’amore…addò stanno chiù..?..io personalmente l’ultima lettera d’amore a mia moglie l’ho scritta nel ’76..quando facevo il soldato a Spilimbergo…so’ passare trent’anni…e pe’ forza..a che serveno più oggie chesti antichità….?’E lettere…?..nooo….meglio ‘e telefoni…allora..adesso poi ce stanno i telefonini…e se non bastasse..le e-mail….He…le e-mail…cose ‘e pazzi…!!…adesso non si scrive più all’innamorata…. si chatta…!! Chatta…Che è pure volgare comme parola “chattare”.. Speranzè..neanche più una lingua nostra teniamo.. “il Bel Paese ove il sì suona”..diceva il poeta…ma c’adda sunà chiù..mo o sai l’inglese o si futtuto…insomma si nascesse mo che so’ un Leopardi..un Carducci..un D’Annunzio,..se muresserero ‘e santissima famme… ammenocchè ….ammenocchè nun scrivessero in Inglese..”The Infinaite..”..”The solitair passer”…“Iorio’s Doughter.”..chi schifo…!!!..chi..schi..

 

ALL’IMPROVVISSO UN MIRACOLO: SI ACCENDONO I LEDS DELL’ASCENSORE E SI SENTE IL MOTORE CHE VA..L’ASCENSORE  FORSE FUNZIONA E STA SALENDO AL PIANO…!!CON LE ULTIME FORZE CARLETTO IODICE SI TRASCINA DAVANTI ALLA PORTA DELL’ELEVATORE PRONTO A CHIEDERE AIUTO..

Carlo  : l’ascensore si sta movendo..allora adesso funziona…viene qualcuno..sono salvo…(con quanta voce ha ancora in gola chiede soccorso)..aiuto…aiutatemi….

L’ASCENSORE SI FERMA AL PIANO LE PORTE SI APRONO E DAL VANO VIEN FUORI LA VOCE DELL’OPERAIO SAMENTA. CHE STA SUL TETTO DELLA MEDESIMA PER OPERARE LE NECESSARIE RIPARAZIONI AL MOTORE…

Samenta :..che fate là a terra….?

Carlo  : (ironico)…ho perso una lente a contatto e per ritrovarla mi sto facendo il pavimento a spilla a spilla…

Samenta  : ..bravo….vedete di non scarpesarla…

Carlo     :  ( tra se) …chisto è n’atu scienziato…(a lui)…Amico…e se non la vedo come evito di scarpesarla..? Piuttosto, per cortesia, venite fuori e datemi una mano…

Samenta  : a truvà a lente a contatto..?

Carlo  : ma no…io il fatto della lentina l’ho detto così tanto per scherzare…la verità è che  sono caduto e mi sono stroppiato la schiena..per cortesia..venite fuori e datemi una mano….

Samenta  : non posso…l’assicurazione mia non copre i rischi di incidente subito fuori dell’ambito del cantiere..ossia ..nella fattispecie…del vano ascensore…

Carlo  :... ma che cazzo significa ?..se mi aiutate  a me mica state lavorando…

Samenta  : dottò..io tengo un contratto par time …firmato con la CIGL…sei ore e venti giornaliere continuative senza uscire dal cantiere…se mi muovo da quà dentro mi possono pure licenziare…mi dispiace non posso uscire..tengo famiglia..

Carlo  : neh, ma voi veramente state facendo….io sto a terra ferito e voi pensate al contratto con la CIGL…. ..venite fuori ed aiutatemi…!

Samenta  : l’aiuto non è previsto dalla piattaforma sindacale…

Carlo   : ma che c’azzecca ‘a piattaforma sindacale…qua si tratta di umanità …soccorrere un infortunato è un preciso impegno morale..da buon cristiano…

Samenta  : non sono cristiano..Piuttosto Marxista leninista-Ateo osservante…

Carlo  : e allora consideriamo lo un atto di solidarietà ..solidarietà sociale..un impegno morale..

Samenta  : uh…impegno morale..? solidarietà sociale..?..e a fine ‘o mese se non ho lavorato quello il mio titolare mi da soltanto la solidarietà…e ‘e figlie miei s’’a magnano miez’ ‘o pane..Niente da fare..senza cattiveria…e per favore..non mi interrompete più che tengo che fa..

Carlo  :.. disgraziato..!!!…figlio ‘e ‘ntrocchia …!!…Ma tu overo  staie facenno..?…..Damme ‘na mano… Fa ambressa…!!!!

Samenta  : e che fate ..urlate…?…offendete..?…prevaricate..?…E’ chiaro dunque  che siete anche voi un Padrone ..un borghese ricco e schiavista…e voi lo sapete “ noi”..al padrone  schiavista che cosa diciamo quando facciamo il corteo  a Piazza Matteotti..?

Carlo    : (con un filo di voce)…no….che gli dite..?

Samenta :   (canticchiando)…“ la Dittatura della Borghesia

                                                 deve finire….

                                                 Padrone Fascista,

                                                Devi Morire..! Devi morire….!”

Carlo     : no,….devi morire tu fetente di un  bolscevico…!

Samenta  : po’ mumento siete voi che vi dovete fottere la ‘nterra….

Carlo  : ….omme ‘e niente..!

Samenta  :  le offese  dei  Capitalisti sono medaglie al Valore dei Proletari..

Carlo    : Gesù, Gesù, Gesù....proprio a me m’aveva attuccà ‘o figlio scemo ‘e Mao Tze Tung…Va be…ho capito con questo imbecille mo m’aggia sta..cambiamo tattica...(mellifluo) “..Scusate…per cortesia..signor lavoratore…abbiate bontà…se non mi potete soccorrere….per lo meno avvisate  il Portiere che io sto qua…”

Samenta   :….come dite..?

Carlo  : …. ‘o Purtiere…..

Samenta  : che dite..?…non sento..qua dentro il motore..fa troppo casino..voi mi sentite..?..ah…e se  mi sentite…sappiate quest’ascensore resterà fermo almeno un altro paio di giorni…Addio….!  

CHIUDE LE PORTE E SPARISCE. LE PAROLACCE DI CARLO SI SPRECANO….L’UOMO POI SI RITRASCINA CON SFORZO SINO ALLA GRADINATA..QUI’ GIUNTO SI TROVA DI NUOVO FACCIA  A FACCIA CON LA SORRIDENTE BAMBOLA DI BISQUIT..DOPO AVERLA OSSERVATA A LUNGO….

Carlo  : ….Che guardi..? Che cazzo guardi pure tu..?…e soprattutto…che tieni da  ridere..? Hai ragione che ti ho pagata 150 euro se no già ti avevo schiattato in faccia al muro pure a te…Ma come?..stai assistendo a tutti i miei guai…sei testimone ca me so struppiato..hai visto ca tutti ‘sti fetienti del Condominio me schifano pe’ mano ‘e legge..e non dici niente..?..non fai niente…non cambi nemmeno questa espressione imbecille che tieni stampata in faccia..?…Mo per esempio ..se stavamo in una favola di Disney, per regola, tu ti dovevi animare..ti facevi un paio di passi dal “Lago dei Cigni”  o meglio ancora dallo “Schiaccianoci”..ti trasformavi in una giovane donna bellissima ..ti innamoravi di me..e quanto meno ..m’accumpagnave ‘o Spitale…!!!...e invece niente..resti là fredda ed  immota..di porcellana…E si capisce..qua...fuori a questo ballatoio… mica siamo in stupida favola colorata a pastello..qua Fate Turchine, Principi Azzurri, Regine Nere e Castelli incantati non ce ne stanno…ce stanno invece una maniata di chiavici..degni rappresentanti della cosiddetta moderna “società civile”….Madonna mia bella e che cos’è diventato questo mondo..che fetenzia…- Homo homini lupus..! -..A che siamo ridotti..Gente che abita gomito a gomito e che si ignora cordialmente..che non si parla..non si conosce…e se incontra per le scale si guarda sospettosa ed impaurita..palazzine di lusso circondate dal verde..che nessuno  pratica  pecchè  stanno  ‘mpestate ‘e serenghe

              e di profilattici usati..…appartamenti chic col doppio ingresso..ah..ah..ah..il doppio ingresso..! Ma perché..?..ma per chi. ..si dint’‘e case per il terrore degli altri nun facimme trasì chiù a nisciuno…!!!..Ahia, Ahia e..che dolore..!questa povera schiena mia…!..Vediamo che ora si è fatta..le sette e tre quarti..Mah..tra poco ..alle otto dovrebbe rientrare la filippina..la filippina tiene la chiave..e si (dubbioso)..perché la filippina la chiave la tiene…o almeno spero..(poi illuminandosi si da uno schiaffo in fronte)..No..!..No..! Porca puttana..la filippina la chiave non la tiene..perché quella pereta di mia moglie non gliel’ha voluta dare la chiave alla filippina..dice che poi “ quella fa entrare dentro il fidanzato..il fidanzato tiene una brutta faccia da filippino…torniamo una mattina e troviamo la casa svaligiata..!”.. Ragionamento femminile che non fa una grinza..! e io intanto sto qua fuori…Va bene, vuol dire che quando arriva la serva almeno la mando giù a prendere le chiavi vicino al cruscotto…sempre che questa mansione sia prevista dal contratto di lavoro..cu’ sti filippini c’avimma sta accorte…(pensandoci bene)..no, no..a chi..?…io a manno abbascio …magari dopo me fa causa..ma primma ‘e chiave me l’adda piglià…!!!!

D’UN TRATTO UN PALLONE COLORATO DI GOMMA ARRIVA SUL PIANEROTTOLO E RIMBALZA PRIMA DI CHIUDERE LA SUA CORSA ACCANTO A CARLO…

Carlo   : …un pallone..?…allora c’è vita su Marte..allora ci sta qualcuno che

                gioca in  questo condominio di merda…chi è la ?..chi c’è…?..sarrà ‘o figlio dell’ingegnere Tetucci al piano di sotto che palleggia..benedetto figliolo…Beh,..sia ringraziato Dio…un bambino..un’anima innocente che mo’ mi aiuterà..hai visto Speranzè.?…non bisogna mai perdere la fiducia…Iomo lo chiamo, lui accorre e io sono salvo..come se chiamma il frugoletto.? Ah sì..Dagoberto…(chiama) Dagoberto…! Dagoberto…!  Sei tu…?..Vieni su  caro…. il pallone tuo sta qua..sali …sali caro…!!!

DALLE SCALE SI ODE UNO SCALPICCIO INFANTILE  POI LA VOCETTA DI UN RAGAZZINO DI CIRCA DIECI ANNI…

Dago   : …damme ‘o pallone….!

Carlo      : certo…carino…ma vieni su a prenderlo..

Dago      : ..no..!  buttamelo tu giù.....

Carlo    : non posso…non mi posso muovere..mi sono fatto la bua…vieni che ti devo chiedere pure un  piacerino…

Dago  : no..sopra non salgo,..mammà mi ha detto di non dare confidenza agli sconosciuti…

Carlo  : ma io non sono uno sconosciuto..sono Iodice…l’Architetto dell’ultimo piano …il papà di Marcella…

Dago      : ‘o pedofilo…!

Carlo   : ‘o pedofilo..? ma che dici…carino…quale pedofilo…?…Sono il signor  Iodice…quello che ti da sempre le caramelle….

Dago    :   appunto….!…tu mi dai le caramelle perché mi vuoi fare scemo e portare dentro alla tua tana..la dopo mi zompi addosso..mi violenti e mi fai pezzo pezzo…come il mostro di Marcinelle…!..ma a me non mi fai fesso…alla televisione hanno fatto vedere che quelli come te uccidono i bambini e se li mangiano..

Carlo    : . ma no..no..chi ti fa vedere queste assurdità..?

Dago  : papà e mammà…per tenermi buono e farmi capire i pericoli…mi mettono dodici ore davanti alla televisione e mi fanno vedere tutte le cose pericolose…films dell’orrore…Real TV con morti e feriti in diretta…i Simpson..le stragi dei Tutsi…Stanotte ho visto pure come gli Iracheni di Al Kaida hanno tagliato la testa a quell’americano…uha..troppo bello….!..è stato ’a sta guerra..!

Carlo   : ma che dici…no…che orrore..!!…Oh signore Iddio…ci mancava il bambino tele dipendente e appassionato di storie macabre…Senti Dagoberto…Dagoberto all’Architetto…sentimi bene…io, giuro, non ti voglio fare nulla  di male..anzi..se vieni su. e mi aiuti...ti regalo dieci euro…

Dago  :   uhhhhhh…e io a papà che ci dico ?…”sai, papi..il signore del piano di sopra mi ha dato dieci euro”..e lui dice “ e perché…?.” “ perchè gli ho fatto un piacerino..!”..quello papà, capisce il “piacerino”…. prima mi spezza le cosce e dopo mi sequestra la play station..Architè..io sono piccolo ma non sono scemo…

Carlo  :  e va bene..ho capito..non salire…resta là..i dieci euro te li do lo stesso basta che vai un momento a chiamare donn’Antonio il portiere e lo fai venire da me…

Dago  :   …va bene…ma voglio venti euro….

Carlo  : hi che  sanguetta…!!..Venti euro…!!!…e va bene…pigliati i venti euro e fa presto…Su vieniteli a prendere…

Dago  : e allora non avete capito niente..io vicino a voi non ci vengo…se no voi mi acchiappate e mi zompate addosso…

Carlo    : (tra se arrabbiato) te zumpasse io addosso ma pe te fa ‘na madonna ‘e mazziata come Dio comanda…(poi,più dolce al ragazzino) e se non vieni qui ..io come te li do i soldini..?

Dago  : fate un bel razzetto ..un aereoplanino…ci soffiate in punta  e dopo lo tirate fino a me…

Carlo   : ‘e capito che figlio ‘e sfaccimma…

ESEGUE I DETTAMI DEL GIOVANE RICATTATORE..LANCIA IL RAZZETTO CON DISCRETA ABILITA’..

Carlo  :   Uhà… non faccio per dire ma al Liceo ero ‘o masto a fa gli aereoplanini…Guarda che lancio guà…..perfetto..1

Dago    :   il pallone…!

Carlo   : ecco…(tira come può il pallone)..Allora..sanguetta..hai avuto il pallone…il prezzo del tuo ricatto è pagato..mo…fa ambressa..corri gù e portami subito a Donn’Antonio qua sopra..

Dago   : adesso…??!!…e non è possibile..sono le otto passate…Donn’Antonio ha chiuso la portineria ..l’imbasciata ce la faccio domani mattina…

Carlo  :    Dagoberto..!!!

Dado  :   Ciao Architetto…ha, e ..mi raccomando….non dare più fastidio ai bambini…’sta volta ti è andata bene..la prossima vai a finire in galera…                                 VA VIA SGAMBETTANDO FELICE

Carlo  :    ….disgraziato…!!!!!!!!!!…cornuto…..!!!!!

CARLETTO IODICE HA APPENA AVUTO LA SUA ENNESIMA DELUSIONE…MASSAGGIANDOSI CAUTAMENTE LA SCHIENA CHE EVIDENTEMENTE VA UN POCHINO MEGLIO, SI ALZA DAL GRADINO..E FA DELLE CONSIDERAZIONI…

Carlo  : bambini..? e che sono bambini questi..? Mostri..Mostri sanguinari..!

        Ma sono cose da pazzi…Speranzè..ma tu lo hai sentito a quel coso..?..E che era un bambino quello..?  Gesù.. mi ha fatto venire il freddo addosso…Ma che cosa siamo diventati…? Ma ch’è  succie- so..? Addò cacchio vulimmo arrivà..?.. Quello gnomo perverso niente di meno mi ha fatto aglio e uoglio a me ..e questo sarebbe niente data la mia risaputa fessaggine..No…quello ha detto pure che se la gode un mondo a vedere feriti veri e morti scannati..guerre etniche e stermini di massa…incidenti in diretta con sangue e frattaglie esposte.…Gesù..Gesù..Gesù…dodici ore davanti a quell’infame elettrodomestico che è oggi la televisione..senza battere ciglio ..senza un fremito di compassione..solo desideroso di vedere il dolore degli altri..Ma Perché..perché.???…Forse per allontanare le proprie paure..per esorcizzare le angosce della via..A dieci anni.?…A dieci anni si dovrebbe vivere dentro un cartone animato…giocando con Bamby e Tamburino..facendo il girotondo con i sette Nani e andando all’assalto dei cattivi insieme Sandokan… .Nooo. ma che cazzo sto dicendo..La verità è che la nostra generazione ha partorito dei mostri…Abbiamo voluto scrollarci dalle spalle il peso delle educazioni dei figli..???….abbiamo voluto delegare allo schermo l’intrattenimento delle giovani generazioni..? ed ecco qua il risultato..Bello vero..? abbiamo voluto la bicicletta e mo non ci resta che pedalare…pedalare..pedalare..si ma per andare dove..?  mah…!

LA STANCHEZZA, IL MALESSERE STANNO AVENDO RAGIONE DEL POVERO CARLETTO IODICE….L’UOMO SI MASSAGGIA LA SCHIENA TASTANDO I PUNTI DI MAGGIORE DOLENZIA….

Carlo  :   Qua ….qua..sopra al coccige…è qua che mi fa più male…il dolore poi sale e si diffonde un poco più lieve a raggiera  per il resto della schiena…ahia…e ci sta pure un bel risentimento a livello di costato..magari mi sarò lesionato un paio di costole…nientemeno ca me so’ arruvinato pe ‘na caduta accussì fessa…(si tocca la nuca)..e credo che mi sono pure fatto qualcosa alla testa…Speranzè.. …’o ì lloco ‘o vì..’o sapevo.. tocca qua …ci sta pure un bel bitorzolone sotto ai capelli..proprio qua…dietro alla nuca…forse ho battuto la testa sopra al gradino e non me ne sono addonato..Ahhhhhh…(si tocca e sbadiglia, si ritocca e risbadiglia)..Ahhhhh…Uh…Madonna mia bella….e che saciccio è potuto   succedere..???…appena tocco il bitorzolo sbadiglio..!..vuol dire che le due cose sono collegate..magari si saranno lesi i terminali nervosi..…Piuttosto…ècome se si fosse creato un collegamento tra il bombò ed il  sonno..Gesù,Gesù…quelli veramente si chiudono gli occhi..e che caspita di stanchezza…io mi sto addormentando unu piezzo qua fuori.. la verità è che forse sto morendo… Ahhhhhh….non ce la faccio a tenere gli occhi aperti…Ahhhhhh…..cedo al sonno…ce..ce..do..al so…al so….n…no…

CARLO IODICE RECLINA LA RESTA SU DI UN BRACCIO E SI ADDORMENTA (?)…DOPO QUALCHE SOSPIRO E QUALCHE TREMITO IL SUO RESPIRO SI FA LEGGERO…LEGGERO, LIEVE,COME QUELLO DI UN BAMBINO SERENO…A QUESTO PUNTO ACCADE QUALCOSA DI INCREDIBILE…LA BAMBOLA DI BISQUIT. LENTISSIMAMENTE MUOVE DAPPRIMA GLI OCCHI..POI GIRA LA TESTA VERSO L’UOMO ..LA SUA ESPRESSIONE INIZIALMENTE STOLIDA E FISSA SI MUTA IN UN SORRISO DI SIMPATIA E COMPLICITA’…

LA BAMBOLA CHISSA’ COME E CHISSA’ PERCHE’ SI E’ ANIMATA

MENTRE NELL’ARIA SI DIFFONDONO LE NOTE DEL PASSO A DUE DELLO “SCHIACCIANOCI”.. ELLA INIZIA CAUTAMENTE A BALLARE DAPPRIMA CON MOVENZE ROBOTICHE POI SEMPRE PIU’ SCIOLTE SINO A CHE DIVENGONO STRAORDINARIAMENTE ARMONIOSE….AL MOMENTO OPPORTUNO ENTRA DALLA SINISTRA IL PRINCIPE SCHIACCIANOCI E DANZA FELICE CON LEI…MAN MANO CHE DANZANO ENTRANO ALLA SPICCIOLATA IN SCENA I PERSONAGGI DEI CARTONI, DELLE FAVOLE E DEI RACCONTI PER FANCIULLI CHE CARLETTO, BAMBINO COI BAFFI DI 50 ANNI , HA PRECEDENTEMENTE RICORDATO ED EVOCATO..

ORA TUTTI SONO COINVOLTI FELICEMENTE NELLA MAGICA ATMOSFERA DELLA MUSICA ETERNA DI TCHIAICOWKY…PRIMA CHE  GLI ULTIMI ACCORDI SI SPENGANO TUTTI I DANZATORI ATTORNIANO CARLO, LO CONSIDERANO BENEVOLMENTE, LO ACCAREZZANO ED INFINE PRESOLO SULLE SPALLE DORMIENTE, LO PORTANO VIA ATTRAVERSO QUELLA PORTA CHE QUESTA VOLTA CHISSA’ PERCHE’.. FINALMENTE SI E’ APERTA..!!!

 

SULLA MUSICA

CALA LA TELA

Primo settembre 2004

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno