Basta che sian di fori

Stampa questo copione

Massimo Valori

BASTA CHE

SIAN DI FÒRI

Tre atti brillantissimi in vernacolo empolese

Versione 2.00

Personaggi:

Carlo Sguanci

Andreina, sua moglie

Graziella, sorella di Andreina

la signora Luigia Prosperi

Donato Cubattoli

Marcella, compagna di Donato

Roberta, sua figlia

Francesco Ceccatelli

Lorenzo, padre di Francesco

Pompilio De Renzis

Romano Forconi

Vincitrice del

Fiorino d'Argento ex aequo

nella sezione "Testo teatrale inedito" della XXVII edizione del "Premio Firenze"

organizzato dal Centro Culturale Firenze-Europa "Mario Conti"


OPERA TUTELATA SIAE – TUTTI I DIRITTI RISERVATI


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

ATTO PRIMO

La reception dell’agriturismo di Carlo e Andreina Sguanci, marito e moglie. Sul fondo, al centro, il bancone che guarda il proscenio; alla sua sinistra un pannello con le chiavi dei vari appartamenti. Porta a sinistra che conduce agli appartamenti e in giardino, porta a destra che porta fuori, alla capanna e alla piscina. A destra del bancone una finestra dalla quale si intravede un panorama di verdi colline, senza boschi, ma con vari alberi disposti qua e là; in primo piano tre acacie. Sul proscenio, sulla sinistra un divano; altri due posti a sedere sulla destra; vari quadri appesi alle pareti, alcuni pubblicitari delle città della Toscana; la porzione di parete di fondo dietro al bancone, deve risultare vuota, perché dovrà accogliere le insegne che vi verranno appese. Sul bancone c’è un telefono, il registro e un portapenne.

SCENA 1.


1-

2-

3-

4-

5-

6-

7-

8-

9-

10-

11-

12-

13-

14-

15-

16-

17-

18-


E’ in scena Carlo, seduto sul divano, che sta dipingendo l’insegna da appendere al muro. Accanto alla parete di sinistra c’è una sedia, sul bancone chiodi e martello.

Carlo. (sulla cinquantina, un po’ irascibile, ma gioviale)‘Dreina!(pausa; nessuno risponde; ripete)‘Dreinaaa! See… Va’ apesca’ ‘ndo’ è!

Andreina. (stessa età di Carlo; pausa; entra da sinistra; si mette a spolverare)

Carlo. (non ha visto entrare Andreina; chiama forte)‘Dreinaaa!

Andreina. Ma cosa urli, tu mi fa’ paura!

Carlo. Ah, che se’ costì? Ti volevo di’, o come si scrive “boschetto”?

Andreina. O Carlo, come vo’ che si scriva, “boschetto”.

Carlo. Sì, ma io volevo dire…

Andreina. Co’ l’acca, Carlo, co’ l’acca.

Carlo. Ecco, appunto. No, mi pareva, eh, ma sa’, prima di sbaglia’… Andreina. Diamine, diamine.(pausa)O ‘ndove lo scrivi?

Carlo. Sull’insegna, no? Agriturismo “Il boschetto”! ‘Un è bellino?

Andreina. Bellino gliè, ma… O ‘ndo’ è qui i’ boschetto?

Carlo. Che c’entra codesto.

Andreina. Come che c’entra! Abbi pazienza: se io vo all’albergo “Miramare”, m’aspetterei ditrovacci la vista sui’ mare! Se vo ai’ ristorante “Verdi colli”, voglio mangia’ coi’ panorama de’ verdi colli davanti! Ma qui, alla gente tu gli rammenti i’ boschetto, e ‘un c’è!

Carlo. O ‘un c’è tre casce lì davanti?

Andreina. Quali?(le indica)Quelle?

Carlo. Eh!

Andreina. Sentilo! O che ti pare un bosco, quello lì?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                              2


(qualche anno più giovane di Andreina; pungente e sarcastica; entra, con in mano la spesa e i resti della statuetta di un

19-

20-

21-

22-

23-

24-

25-

26-

27-

28-

29-

30-

31-

32-

33-

34-

35-

36-

37-

38-

39-

40-

41-

42-

43-

44-

45-

46-

47-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Carlo. No, ‘un è un bosco! Un boschetto: son tre sole!(si alza, ammira l’opera compiuta, la appoggia sulbancone; attaccherà l’insegna al centro della parete di fondo; sull’insegna, però, ci sarà erroneamente scritto “IL BOSHETTO”)

Andreina. Ma anche tre sole, Carlo, che boschetto è?

Carlo. Senti, io ho guardato sui’ vocabolario. Ci dice: “bosco, uguale insieme di alberi”. Quelleson tre casce? Sono ‘nsieme? E allora sono un bosco! Ma siccome gliè piccino, boschetto!

Andreina. Mah, a me ‘un mi torna.

Carlo. E’ possibile che tutti i nomi che penso io vu abbia da ridi’?… Te tu lo sai come mi sarebbegarbato chiamallo, quest’agriturismo! Ma pe’ prima cosa fra te e la tu’ sorella vu avete fatto attro che dinne male…

Andreina. E ci credo! A me ‘un mi sa di nulla l’agriturismo “Sette nani”!

Carlo. Ma perché no?

Andreina. Perché no, perché un nome a quella maniera ‘un è da agriturismo, gliè più da localetipo ristorante, pizzeria, discoteca, roba così… Un agriturismo deve ave’ un nome che rammenti la natura, i’ paesaggio, la tranquillità…

Carlo. I sette nani ‘un eran mica de’ ragazzacci scarmanati che facevan tardi la notte, eh!

Andreina. Ohiohi, ora si ricomincia! O come fo a fattelo capi’…

Carlo. Era proprio un be’ nome, era!

Andreina. Ma tanto ora anc’a volere ‘un si pole più.

Carlo. Vu l’avete fatto apposta. Prima te tu spaccasti Eolo… Andreina. E’ ‘un s’è fatt’apposta. La tu’ macchina a vorte ‘un frena. Carlo. A me m’ha sempre frenato!

Andreina. Bugiardo! L’attro giorno tu lo dicesti anche te che t’aveva dato quell’impressione!

Carlo. Ma io ‘un ammazza’ nessuno!

Andreina. Perché noi chi s’è ammazzato? Io la settimana passata ruppi Eolo… Carlo. Po’ la tu’ sorella spaccò Gongolo, e ierlattro anche Brontolo. Andreina. Carlo, son tutt’e sette lì davanti… Carlo. Ora son quattro, no sette!

Andreina. Quanti sono sono! Se s’arriva lì e la tu’ macchina ‘un si ferma, e’ ci si picchia! Eh!

Graziella.

nano)

Carlo. Io ‘un c’ho ma’ picchiato. Li compra’ apposta pe’ da’ i’ nome a questo posto, e loro… Telo ‘mmagini ganzo se avevo l’insegna fòri? “Agriturimo I Sette Nani”, poi un giorno sì uno no mi toccava piglià la scala e scancella’… “Sei”, “Cinque”, “Quattro”…

Graziella. Ecco, allora rimontaci.(posa i resti della statuetta sul bancone)Tre.

Carlo. No!(va a vedere)Cucciolo!

Andreina. Poerino, i’ più piccino…

Graziella. Ma se ‘un tu fa’ quarcosa a quella macchina, va a fini’ che ti resta Biancaneve sola!

Meno male lei gliè più ‘n dentro, ci vole tropp’aire!

Carlo. Maremma… Ora vo io, eh, vo a vede’ io! E se a me mi frena, torno e ti rompo i’ muso!(esce a destra)


www.massimovalori.net

3


Bongiorno signora! Prego!

Massimo Valori - Basta che sian di fòri


48-

49-

50-

51-

52-

53-

54-

55-

56-

57-

58-

59-

60-

61-

62-

63-

64-

65-

66-

67-

68-


Graziella. Ma cosa vo’ rompe… Qui si rompe attro che ‘ nani.

Andreina. Poero Carlo, ci teneva tanto.

Graziella. E che c’ho a che fa’ io? L’ha a sposta’, se li vole tene’ ‘nteri. O se no, sistema lamacchina. Ma tanto ora riè la solita musica: prova lui, gli frena, ritorna e brontola. E a accomodalla ‘un ce la porta. (va alla finestra; urla) Invece di fa’ tante prove, spendi du’ sòrdi pe’ portallo dai’ meccanico, codesto barroccio!…

Andreina. Graziella! Se ci sente ‘ clienti!

Graziella. Clienti? Che clienti! C’è la “sospirona” e basta!

Andreina. Non la chiama’ a codesta maniera!

Graziella. (legge l’insegna al muro)Bo… Bosc… Ah, boschetto!

Andreina. Gliè i’ nome che ha messo Carlo. Ti garba?

Graziella. Meglio di quello che aveva pensato prima gliè. Ma… Gliè scritto male, o mi pare ame?

Andreina. Scritto male?

Graziella. O ‘un lo vedi ci manca la “c”?

Andreina. Davvero.

Graziella. Lo vòi un nome adatto pe’ questo posto? Te lo dico io: “Le du’ sorelle”, e ci si sta io ete, e lui si manda ‘n qui’ posto!

Andreina. Te tu ha’ sempre voglia di scherza’… Va’ a sistema’ la spesa, vai, metti la roba ‘nfrigorifero.

Graziella. (da lontano sbircia all’interno della porta di destra e intravede Carlo che arriva; a Andreina)Rieccolo… Sta’ asenti’ eh… (imita Carlo) “La mi’ macchina frena propio bene”!

Carlo. (entra, gesticolando plateale)La mi’ macchina frena propio bene!

Graziella. (c.s.)“Se ‘un vu la sapete manda’…”(continuerà, facendo gli stessi gesti di Carlo)

Carlo. Se ‘un vu la sapete manda’ la corpa gliè di chi vi dette la patente! Io son trent’anni che cel’ho, e a me codeste cose ‘un mi son successe mai! (si avvede degli scimmiottamenti di Graziella) Che fai, pigli ‘n giro?

Graziella. Io? No no, vo a sistema’ la spesa, io…(si avvicina al bancone; alludendo alla statuetta rotta)Dicevo… All’esequie di Cucciolo ci penso io?

Carlo. (annuisce)E porta ‘ sacchetti di là! ‘Gnorante e ciuca!

Graziella. (esegue)Agli ordini!(si avvia a sinistra)


SCENA 2.


69-

70-

71-

72-

73-

74-


Luigia. (sulla cinquantina; stessa corporatura di Marcella, che ancora deve entrare; lugubre nei discorsi e nell’aspetto, triste emalinconica; entra, mestamente, con un fazzoletto in mano)

Graziella. (incrocia Luigia; la fa passare)                                                         (esce a sinistra)

Luigia. (risponde con un cenno del capo; si siede sospirando; continuerà a sospirare brevemente)

Andreina. (si avvicina a Carlo)Eccola… Questa ‘un si rimedia, vedi… Come gliè mogia stamattina…

Carlo. Perché, quell’attre mattine?

Andreina. Guarda se tu la tiri un po’ su…

www.massimovalori.net

4


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

75

Carlo.Tiralla su? Sì, e come fai? Nemmeno a dàgli a leva co’ un bacchio!

76

Andreina.Uno de’ nostri doveri è anche quello di fa’ sta bene la gente, di tenegli compagnia, no?

Lei par che n’abbia tanto bisogno, poera donna.

77

Carlo.Pensa’ che io speravo di vede’ arriva’ gente allegra, spensierata, giovane… Guarda lì… Se

i’ bongiorno si vede dai’ mattino, sa’ che acqua!

78

Andreina.Ieri ho provato io a parlacci un poìno, ma… A me ‘un m’ha detto nulla. Forse con

te…

79

Carlo.Che gli devo fa’, i’ terzo grado? Ci avra’ ‘ su’ giramenti come tutti!

80

Andreina.Rustico che ‘un tu’ se’ attro!(si allontana)Buongiorno, signora!

81

Luigia.Buongiorno.

82

Andreina.(a Carlo)Saluta!

83

Carlo.Signora Luigia, buongiorno!

84

Luigia.Buongiorno.


85-

86-

87-

88-


Andreina. (a gesti invita Carlo a continuare)

Carlo. (non sa che dire)Eh… Che… Come… Ehm… Come si sta bene, stamani, eh?

Luigia. (nega con la testa e comincia a piangere rumorosamente)

Carlo. (allarga le braccia)


89 -Andreina. (scuote la testa)Vo a rifagli la camera.(esce a sinistra)

90 -Carlo. Signora… Signora Luigia, via… ‘Un faccia così, cerchi di reagire…

91 -Luigia. Mi scusi.

92 -Carlo. Ma s’immagini, signora, ‘un si deve mica scusare.

93 -Luigia. Se solo potesse immaginare il dolore che mi lacera le membra…

94 -Carlo. Ha… Ha mangiato troppo ieri sera?

95 -Luigia. No, no… Lei non può capire… Il mio è un dolore… Profondo, intrinseco…

96 -Carlo. (fra sé)Che vo’ sape’ che gli dole!

97 -Luigia. La mia è una vita infelice. Tanto infelice. E tutti gli anni, quando arriva il mese di giugnoio… (riprende a piangere)

98 -Carlo. (fra sé)E riraglia! Ma guardate… Signora, via… Mi mette anche ‘n imbarazzo a fa’ così… Sisfoghi, ne parli con qualcuno, si confidi…

99 -Luigia. (si calma; scuote la testa)Mi scusi… Mi scusi tanto.

100 -Graziella. (rientra con un grembiule)Spesa a posto. Che c’è da fa’ ora? T’aiuto?

101 -Carlo. Ero qui a cerca’ di tira’ un po’ su quella signora.

102 -Graziella. La sospirona?

103 -Carlo. O non la chiama’ a codesta maniera, se se n’accorge!

104 -Graziella. Lei? Ma di che vo’ che s’accorga, venvia!

105 -Luigia. (sospira rumorosamente)

106 -Graziella. Senti? A stagli dintorno tu ci pigli la bronchite!

107 -Carlo. Io ho provato a digli quarche cosa, ma… E’ frigna di continuo.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               5


(fa gli scongiuri)

Massimo Valori - Basta che sian di fòri

108 -Graziella. E allora?

109 -Carlo. E allora, giù, o che si pole lascialla così? Ci fa anche una brutta pubblicità, ci fa!

110 -Graziella. Se gliè pe’ codesto, tanto, ‘un c’è nessuno, sicché…

111 -Carlo. Sì, ma ‘nsomma… Prova te, venvia.

112 -Graziella. Io?

113 -Carlo. Sì, tu se’ una donna, forse con te s’apre di più, si lascerà un po’ andare… Prova!

114 -Graziella. (si schiarisce la voce e va verso Luigia)Ehm… Allora… Allora, signora, come va? L’ha visto chebella giornata che gliè anc’oggi? Eh, ragazzi, quande s’arriva a giugno con queste giornate lunghe…

115 -Luigia. (riprende a piangere)

116 -Graziella. Ora, ‘nsomma, lunghe… Lunghe lunghe lunghe no…

117 -Luigia. Il mese di giugno per me… E’ un mese… Dolorosissimo…

118 -Graziella. Davvero? O perché?

119 -Luigia. E’ stato sempre di giugno… Per cinque, cinque volte in questo mese ho creduto dirinascere e poi… Poi… (riprende a piangere)

120 -Carlo. Rinascere?

121 -Graziella. Che i’ su’ compleanno viene di giugno?

122 -Luigia. (scuote la testa)No… No, non è questo…

123 -Carlo. Che c’entra i’ compleanno!

124 -Graziella. So assai! Dice che si sentiva rinascere!

125 -Luigia. Mi sentivo rinascere perché è stato sempre in questo mese che ho conosciuto…L’amore!

126 -Graziella. Solo di giugno?

127 -Carlo. Un mese l’anno gliè un po’ poco, ci credo che piange!

128 -Luigia. Gli uomini della mia vita… Li ho conosciuti tutti nel mese di giugno…

129 -Graziella. Ma di che anno?

130 -Luigia. Di anni diversi.

131 -Carlo. O Graziella!

132 -Graziella. O allora, o se ‘un capisco…

133 -Luigia. Io ho avuto cinque fidanzati. Tutti e cinque conosciuti nel mese di giugno.

134 -Graziella. Cinque?

135 -Carlo. A chi tanti e a chi punti, vero?

136 -Graziella. ‘Mbecille.

137 -Luigia. E tutti e cinque sono… Sono morti!(riprende a piangere)

138 -Graziella. O poerini…

139 -Carlo. Questa porta ma male, te lo dico io!

140 -Graziella. Tutti morti?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               6


141-

142-

143-

144-

145-

146-

147-

148-

149-

150-

151-

152-

153-

154-

155-

156-

157-

158-

159-

160-

161-

162-

163-

164-

165-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Luigia. (annuisce)L’ultimo fu tre anni fa… E’ per questo che… Da tre anni nel mese di giugno minascondo, cerco di non incontrare nessuno, perché… Perché non voglio che…

Carlo. Fa bene, fa. Se no sa’ quanti n’ammazza!

Luigia. E quest’anno ho deciso di venire qui, in questo posto isolato, arroccato su questo colle,dove non viene nessuno, che sembra quasi… Disabitato…

Graziella. Bella pubblicità, eh, Carlo?

Luigia. No, scusate… Io non volevo… Non intendevo…

Carlo. C’è poca gente perché s’è aperto ora, l’agenzie ancora i’ nostro nome ‘un ce l’hanno. Ma‘ntanto c’è bell’e stato uno che ha prenotato, viene oggi. E fra un po’, s’aspetta le gente a carrettate!

Graziella. Ora però la carretta gliè vòta, dice bene lei.

Carlo. Son le prime difficoltà d’un posto come questo, gliè logico. Se s’era sulla statale, aquest’ora ci avevan bell’e visto tutti. Qui ci vole un po’ di pubblicità, se no la gente ‘un ci trova mica.

Graziella. E’ ‘un siamo sulla statale noi, vai! Si trova certi mangia e bei pe’ veni’ qui, sembrad’esse’ sull’otto volante! Eh, signora?

Luigia. (riprende a piangere disperata)

Graziella. Uh mamma! O che gli fa male la macchina, signora, gli dà noia le curve?

Carlo. Ma che dici?

Luigia. Lei… Lei m’ha appena rammentato il mio terzo fidanzato… Graziella. I’ su’ terzo fidanzato?

Luigia. Emilio. Lavorava nelle giostre, gestiva proprio un otto volante.

Graziella. Ah, l’otto volante… Mi scusi.

Carlo. Ecco, ‘un avevi attro da fa’ te che rammentagli… Graziella. Ma come facevo a sapere…

Luigia. Non si preoccupi, non è colpa sua. La colpa è del destino. Questo destino infame che hareso la mia vita un inferno!

Graziella. Poera donna.

Luigia. Conobbi Emilio nel mese di giugno. Bello, era…(descrive sommariamente le fattezze di Pompilio, cheancora deve entrare; farà la stessa descrizione anche negli altri racconti) E poi, sempre contento, allegro, faceva quelbel mestiere, faceva divertire la gente… Me ne innamorai subito, a prima vista… Aveva un po’ di “lisca”, ma pochino pochino… Sapete, ci si vedeva di rado, perché lui era sempre in giro di città in città, con la giostra… Ci s’incontrava quando veniva alle fiere da queste parti… (sospira)

Carlo. Altro giro altra corsa… O vai!

Luigia. E una volta arrivai da lui che aveva appena finito di montare la sua giostra… Mi disse“Luigia, vieni, si fa un giro insieme…” Io avevo sempre avuto paura a andare sull’otto volante, ma quella volta me lo disse lui… Non s’era mai fatto un giro insieme… E allora andai! Mi prese stretta stretta e si cominciò a salire, a salire… E poi via, su e giù, su e giù, e io… Io non avevo paura, perché c’era lui, il mio Emilio…

Luigia e Graziella. (sospirano insieme)

Carlo. (a Graziella)Se’? O che cominci anche te?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               7


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


166-

167-

168-

169-

170-

171-

172-

173-

174-

175-

176-

177-

178-

179-

180-

181-

182-

183-

184-

185-

186-

187-

188-

189-

190-

191-

192-

193-

194-

195-


Luigia. Quando a un certo punto mi fa “Oddio! Luigia!… I bulloni all’ultima curva!” Graziella. I bulloni?

Luigia. Quand’ero arrivata io, lui ancora aveva da finire di mettere i bulloni alle rotaie…Poverino, innamorato com’era, quando m’aveva visto se n’era dimenticato… E mi disse “ora tu lo vedi che volo che si fa!”… E difatti quando s’arrivò a quella curva… Vun!… Via per l’aria!… E io gli dicevo “Emiliooo” e lui mi diceva “Luigiaaa”!

Carlo. A fantasia stavan bene tutt’e due, eh…

Luigia. Si fece un volo di cinquanta metri… Io andai a rifinire sui tappeti elastici… E poi sulchiosco dello zucchero filato… Sfondai la tenda e cascai tra lo zucchero filato… Mi ritrovai tutta sudicia, appiccicosa… Però non m’ero fatta nulla…

Graziella. E lui?

Luigia. Lui…(singhiozza)Emilio, poverino… Andò a cascare sul labirinto degli specchi… Glielispaccò tutti, fece fallire anche la giostra… E alla fine del volo picchiò col capo su un palaccio di ferro… Restò lì, morto sul colpo, col capo schiacciato, povero il mio Emilio, è morto tanto male, gli volevo tanto bene…

Graziella. (pausa)Mamma mia!

Carlo. Paian barzellette.

Graziella. No no, che barzellette! Gliè tutto vero, eh signora?

Luigia. E’ vero, è vero… Vorrei anch’io che fosse tutto un sogno, ma… Graziella. L’ha’ visto? Gliè vero.

Carlo. Lo so che gliè vero, gliera un modo di dire! Che figure tu mi fa’ fa’!

Andreina. (entra)O vai, le camere sono a posto.

Graziella. E sai, tu n’avevi da fa’ dimorte…

Andreina. Ora volevo anda’ a da’ una pulita dintorno la piscina, ieri con qui’ vento ci s’èammonticato tutte quelle foglioline…

Graziella. Vo’ che venga anch’io?

Andreina. Pe’ fa’ icché? Fo bene da me.

Carlo. No, meglio se te tu rimani qui.

Andreina. Giusto, c’è anche la signora… A proposito, come va?

Carlo. Mah. E gliè una storia lunga, cinque fidanzati, gli son morti tutti… Andreina. Madonna santa! Tutti?

Graziella. Tutti, ‘un glie n’è campato neanc’uno. Vero signora?

Luigia. (riprende a piangere, si alza ed esce mestamente a sinistra)

Carlo. Certo che te come delicatezza…

Graziella. Bah, volevo vede’ se a scherzacci un po’ sopra… Andreina. Graziellina… ‘Nsomma, io vo, eh.(esce a destra)

Carlo. Io ‘ntanto anderò a vede’ di mett’a posto l’urtimi tre nani. In attesa che ce ne rimanga due!

Graziella. E se ‘un tu accomodi la macchina tu lo vedi come si fa alla sverta!

Carlo. Te sta’ qui, e se vien quarcheduno tu mi chiami. Va bene?


www.massimovalori.net

8


207 -

206 -

(esce a destra)

196-

197-

198-

199-

200-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Graziella. E poi?

Carlo. E poi basta.

Graziella. I’ can da guardia, come Pinocchio!

Carlo. Preciso. Se entra quarcuno, tu abbai!

Graziella. Mah… C’è sempre tanto da fa’ ‘n un agriturismo…(esce a sinistra)


SCENA 3.


201-

202-

203-


Donato. (sulla cinquantina; stessa corporatura di Pompilio, che ancora deve entrare; viscido e malvagio, il classico tizio fatto appostaper tirarlo in quel posto al prossimo; entra da destra, guardandosi intorno, spavaldo)

Marcella e Roberta. (entrano c.s., intimidite)

Donato. Perfetto. Gliè un posto perfetto!


204 -Marcella. (stessa età di Donato; stessa corporatura di Luigia; dimessa, piegata ai voleri di lui)O Donato, ma che ci simette a fare?

205 -Donato. Non ti preoccupare! Gliè tutto sotto controllo.

Marcella. Ma che si viene a sta’ qui?… E co’ sòrdi come si fa?

Donato. Zitta, te ‘un parlare a sproposito. Paga’ e mori’ c’è sempre tempo!

208 -Roberta. (sui vent’anni, di bell’aspetto; spigliata e senza peli sulla lingua, tutto il contrario della madre)Venvia… Sentiamose la mi’ zia c’ha un po’ di posto, andiamo a sta’ da lei… Qui si spende un capitale!

209 -Donato. Ho detto di no! ‘Un ti ci mettere anche te!… Ehm, c’è nessuno?

210 -Graziella. (entra)Ci son io. Chi è?

211 -Donato. (a Graziella)Volevamo un appartamento.

212 -Graziella. Ah, sì, diamine… Siamo qui apposta!

213 -Marcella. (a Graziella)Però se il prezzo non…

214 -Donato. (a Graziella)Il prezzo non è un problema, signora.

215 -Roberta. (a Donato)Ma se noi…

216 -Donato. (a Graziella)Ho detto che il prezzo non è un problema, non si preoccupi!

217 -Graziella. Io? O se vu avete detto ogni cosa da voi!

218 -Donato. L’importante è che sia tranquillo e pulito.

219 -  Graziella.Codesto ci po’ giurare. Aspetti che chiamo i’ mi’ cognato.(va alla finestra)Carlooo! Carlovieni, c’è genteee! Carlooo! Carlooo!!… (pausa) O ‘ndo’ è andato? O voi, e’ vo a chiamallo, eh, ‘un

vimovete! (esce a destra)

220 -Donato. Se son tutti come la padrona, questi si mettono ni’ mezzo come si vole.

221 -Roberta. Padrona? Lei?

222 -Donato. Ha risposto lei, sarà la padrona.

223 -Roberta. Mah. A me ‘un mi sembrava.

224 -Donato. Marcella, te che dici?

225 -Marcella. Io dico che ci conviene anda’ via finché siamo a tempo! E fa’ come dice Roberta, anda’a senti’ la mi’ sorella se…

www.massimovalori.net

9


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


226-

227-

228-

229-

230-

231-

232-

233-

234-

235-

236-

237-

238-

239-

240-

241-

242-

243-

244-

245-

246-

247-

248-

249-

250-

251-

252-

253-

254-

255-


Donato. Meglio palaia! Così ‘n du’ minuti lo sa tutt’Empoli!

Marcella. E chi se ne ‘mporta! Che lo sappiano che c’hanno buttato fòr di casa! Tanto ormai… Donato. Ormai! Ormai icché?… Te tu vedi sempre tutto nero!

Marcella. E come lo devo vede’? Guarda qui, siamo come gli sfollati ‘n tempo di guerra… Senzacasa, senza sòrdi…

Donato. Se gliè pe’ codesto, ricordati che tu se’ te che tu ci ha’ messo ‘n questa bella situazione! Roberta. Rieccolo! Falla finita perché sennò guarda…

Donato. Oh, bimba! I’ borsellino coi’ Bancomat e’ ‘un l’hanno fregato a me!

Roberta. E c’è bisogno tutte le vorte di ribatte’ su codesto chiodo, poera donna?

Marcella. Roberta, venvia…

Roberta. Ma da ‘ Carabinieri subito vu dovevi anda’, sa’!

Donato. Ci son andato appena ho potuto!

Roberta. ‘Ccidenti! Le’ se n’accorse la sera alle quattro e tu ci se’ andato la mattina alle dieci! Digià poi neancora ‘un ho capito perché tu ci se’ andato te e no lei!

Donato. Ma che vo’ che differenza faccia… Alla sera eran bell’e spariti tutti, i’ conto corrente erastato bell’e prosciugato, e siccome coi’ Bancomat quella zuccona ci teneva anch’i’ codice, la banca ‘un ne risponde! L’unica ora è spera’ che ‘ Carabinieri li piglino, se no que’ trentamila euro ‘un si vedan più!

Marcella. Trentamila euro… Pensa’ quante mi c’era voluto a mettili da parte… Ci si dovevariscatta’ la casa…

Roberta. Mamma, via… Ormai gliè andata così, pensiamo ai’ domani.

Marcella. Sì, domani… Qui bisogna ma pensa’ all’oggi! Guarda qui…

Donato. Tutto quello che ci serve gliè una sistemazione pe’ quarche giorno. E meglio che qui,‘ndo’ vo’ anda’?

Roberta. O proviamo a senti’ i’ babbo di Francesco…

Donato. Sì, eh? E che speri che lui te lo dia poi, i’ su figliolo, a sape’ tutta questa storia! Eh?

Roberta. Guarda che Francesco e i’ su’ babbo ‘un sono le persone che tu credi. Son genteperbene, una mano ce la darebbero di certo.

Donato. Già codesto ci credo poco! E poi, anche se fosse, si prenderebbe i’ dito, ma i’ braccioanderebbe a fassi benedire!

Marcella. Che braccio?

Donato. ‘Ndo’ pensi di ritrovallo un genero come quello? I’ figliolo d’uno de’ meglio avvocatid’Empoli! Con lui Roberta sta bene pe’ tutta la vita!

Roberta. Bene ci starò bene di certo, ma no pe’ i’ braccio, come tu lo chiami te. Donato. Eh, ma se te lo dico io…

Roberta. Poer’a te. Tu pensi sempre d’ave’ capito tutto di tutti e poi…

Donato. E poi? Finisci che tu stavi dicendo, se tu ha’ i’ coraggio!

Roberta. Tu ha’ capito da te.

Donato. Ma sentitela! Eh?…(a Marcella)E te ‘un di’ nulla, eh… Difendila sempre! Roberta. Oh, con te mi difendo da me, io, capito?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            10


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


256-

257-

258-

259-

260-

261-

262-

263-

264-

265-

266-

267-

268-

269-

270-

271-

272-

273-

274-

275-

276-

277-

278-

279-

280-

281-

282-

283-

284-

285-

286-

287-


Marcella. Fatela finita di zipittavvi, tutt’e due!… Che vi pare i’ momento?

Graziella. (rientra)L’ho trovato, eh, ora viene! Gliera andato laggiù didietro, avevo voglia aabbaiare io…

Roberta. Abbaiare?

Graziella. Come Pinocchio, signorina, l’ha presente? Roberta. (a Marcella)Ma che c’è tutta, secondo te? Marcella. Mah.

Graziella. Loro sono… Turisti?

Donato. Sì.

Marcella e Roberta. (contemporaneamente con Donato)No.

Graziella. Ah. Ma siete di queste parti o mi sbaglio?

Marcella. Sì.

Roberta. (contemporaneamente con Marcella)Si sta a Empoli.

Donato. (c.s.)No, siamo di passaggio.

Graziella. Ah. Babbo, mamma e figliola, eh?

Donato. (c.s.)Sì.

Roberta. No, che babbo? Lui ‘un è i’ mi’ babbo, è lei che gliè la mi’ mamma.

Graziella. Ah. Più che attro vu avete l’idee chiare, mi pare.(pausa)Sa’, si fa così pe’ ragiona’, eh,mentre s’aspetta i’ mi’ cognato…

Carlo. (entra)Buongiorno.

Donato, Marcella e Roberta. (rispondono a soggetto)

Carlo. Volevate un appartamento?

Donato. Sì, per noi tre.

Carlo. Si guarda subito.(si avvia verso il bancone)

Graziella. Se gliè ogni cosa vòto, ma che guardi…

Carlo. (viene distratto da qualcosa alla finestra; va a vedere; poi va nuovamente verso il bancone)Graziella, o di chi è qui’camioncino con tutta quella roba sopra lì ni’ mezzo?

Graziella. Boh.

Carlo. Da’ anche noia, parcheggiato a quella maniera.

Donato. E’ nostro, ora glielo sposto subito.

Carlo. Vostro? Mi scusi, ‘un credevo…

Donato. Sì, di solito non si va a giro a quella maniera, ma…(si fruga in tasca)Ora è un momento unpo’ così… (trae un foglio da dieci e lo porge a Carlo) Particolare… Lei mi capisce…

Carlo. Io la capisco?… Ah, vorrebbe dire che… ‘Nsomma mi devo fa’ l’affari mia?… Eh…(prendei soldi) Io son i’ padrone e certe cose ‘un le dovre’ accettare… Ma d’attra parte, se ‘un l’accetto leise n’offende… Allora sa che si fa?… Graziella, vien qua!

Graziella. Che?

Carlo. Ringrazia questo signore che t’ha appena dato la mancia.(le consegna i soldi)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            11


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


288-

289-

290-

291-

292-

293-


Graziella. Boia! Grazie, eh!

Donato. Ah, perché lei… E’ una dipendente?

Graziella. In un certo senso. Son la su’ cognata, ma sono anche una dipendente, ni’ senso che iolavoro qui, ma (marcato) dipende da come gli gira a lui…

Carlo. Graziella, vai a fa’ vedere l’appartamento numero quattro ai signori… Prego, vi fastrada…

Graziella. Venghino signori venghino! Da questa parte…(prende la chiave 4 ed esce a sinistra)

Donato, Marcella e Roberta. (ringraziano e salutano Carlo a soggetto; escono a sinistra)


SCENA 4.


294-

295-

296-

297-

298-

299-

300-

301-

302-

303-

304-

305-

306-

307-

308-

309-

310-

311-

312-

313-

314-

315-

316-

317-


Carlo. (va alla finestra)Mah, guarda lì… O che hanno da trasloca’?… Tutto c’hanno lì sopra, mobili,divani, valigie… Gliè proprio strano i’ mondo… E poi, anche a sentilli parlare, ‘un devan veni’ mica da tanto lontano… Lui poi ‘un m’è neanche una faccia nova.

Andreina. (entra)Ho fatto presto, eh?… O qui’ camio’ di chi è?

Carlo. Clienti. Babbo, mamma e una figliola, se ho capito bene. Gli ho dato i’ numero quattro. Andreina. E son venuti coi’ camio’? O di do’ sono?

Carlo. Mah, a giudica’ dalla calata, o son di qui o son di poco lontano.

Andreina. O che ‘ documenti ‘un te li se’ fatti lascia’?

Carlo. ‘Orco boia, me lo son scordato!

Andreina. ‘Une ‘mporta, glieli chiedo io quande li vedo. Quante t’hanno detto che restano? Carlo. E…

Andreina. ‘Un gli ha’ domandato neanche questo?

Carlo. Ba’, e… Volevo, poi… No, ‘un gliel’ho domandato. Andreina. Paga’ pagano, sì? Che hanno detto di’ prezzo? Carlo. (tace)

Andreina. O Carlo, però…

Carlo. O nina, senti: s’era detto che qui tu ci stavi te, no? Io pe’ certe cose ‘un ci son portato. Eora ‘un tu c’eri e ringrazia Iddio se ho fatto quello che ho fatto!

Andreina. Accipicchia! O se ‘un tu ha’ fatto nulla! Graziella. (entra)Sistemati, eh? Venga, signora, venga…

Luigia. (entra, sempre mesta, sospirando)

Graziella. E rifiata! Consuma più aria lei de’ mantici dell’organo di chiesa!

Andreina. Signora! Signora Luigia! Oggi resta a desinare con noi?

Luigia. No, no. Non mi sento di mangiare, oggi…

Andreina. Via, via… Du’ bocconi ‘n compagnia gli fanno attro che bene. ‘Un si deve mica staresenza mangiare! L’aspetto, signora, eh, mi raccomando! (esce a sinistra)

Carlo. Signora…

Luigia. Mi dica.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            12


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


318-

319-

320-

321-

322-

323-

324-

325-

326-

327-

328-

329-

330-

331-

332-

333-

334-

335-

336-

337-

338-

339-

340-

341-

342-

343-

344-

345-

346-

347-

348 -


Carlo. No, mi volevo scusa’ pe’ prima, quande ci ha raccontato… Quella disavventura… Noi ‘unsi voleva mancagli di rispetto.

Luigia. Non si preoccupi.

Carlo. Siccome l’ho vista anda’ via a quella maniera, pensavo “magari s’è offesa”…

Luigia. No, no… E’ che a volte ho paura di nuocere, di dar noia con tutti i miei singhiozzi, i mieilamenti, i miei sospiri… (sospira)

Carlo. Noo! Ma ‘un lo deve pensa’ neanche! Luigia. Io starei bene da sola. Sola, col mio dolore.

Graziella. No, via, signora… Oggi si desina ‘nsieme, vedrà che poi si sentirà meglio! Sono stataio a fa’ la spesa, ma la cuoca gliè la mi’ sorella. Desinare semplice, eh? Una pastasciuttina ai’ pomodoro e poi un be’ corpaccio!

Carlo. Un?…

Graziella. Corpaccio! O ‘un si chiama così?

Carlo. O che è?

Graziella. Quande si piglia la carne cruda bellina fine, ai’ sangue, e ci si mette l’olio sopra…

Carlo. Ah, i’ carpaccio!

Graziella. Sì, insomma…

Luigia. (sbotta in un pianto dirotto)

Carlo. O che s’è detto?

Graziella. Si vede che i’ carpaccio gli garba poco.

Luigia. Quintilio…

Carlo. Chi?

Graziella. Quintilio.

Carlo. E chi è?

Graziella. Sarà un antro de su’ fidanzati. Eh, signora?

Luigia. (annuisce)

Graziella. I’ quinto?

Luigia. No, il secondo.

Graziella. Ah, credevo, quinto, Quintilio…

Luigia. Mi avete fatto tornare in mente il mio povero Quintilio… Povero Quintilio…

Carlo. Che era macellaro?

Luigia. Era un documentarista.

Graziella. Un documentarista?

Luigia. Faceva i documentari che si vedono alla televisione. Bello, era…(descrive sommariamente lefattezze di Pompilio) E poi faceva quel bel mestiere, sempre a contatto con la natura, con le bellezze delmondo… Lo conobbi nel mese di giugno… Me ne innamorai subito, a prima vista… Aveva un po’ di “lisca”, ma pochino pochino… Era così bello andare in giro con lui… Boschi, grotte, città d’arte… Era sempre in cerca di cose interessanti, sempre con la cinepresa dietro…

Carlo. Aveva un be’ mestierino.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            13


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


349-

350-

351-

352-

353-

354-

355-

356-

357-

358-

359-

360-

361-

362-

363-

364-

365-

366-

367-

368-

369-

370-

371-

372-

373-

374-

375-


Luigia. E una volta mi disse “Luigia, devo fare un servizio su un frantoio! Vieni con me?” E iol’accompagnai. Ne conosceva uno, in cima a un poggio… Era novembre, ma era una bella giornata e si decise di andarci in bicicletta.

Graziella. Vi toccò fa’ anche la salita, allora.

Luigia. Andammo e lui fece tutto il suo servizio. Riprese tutto, tutte le fasi della produzione…Poi venne l’ora d’andar via. Lui rimise la cinepresa a posto e si rimontò in bicicletta… In quella passò un operaio del frantoio, con un secchio pieno d’olio…

Graziella. Morì affogato nell’olio?

Carlo. Graziella!

Graziella. Che ne so, se ha da mori’…

Luigia. Quest’operaio inciampò e cadde; e nel cadere tirò una secchiata d’olio a Quintilio… Carlo. Un gavettone d’olio?

Luigia. Lo imbrattò tutto, da capo a piedi, lui e la bicicletta! Gocciolava, tutto pieno lo prese!

Graziella. Chissà come s’arrabbiò!

Luigia. Chi, Quintilio? No… No lui era un tipo calmo, tranquillo… Anzi, ci fece una bellarisata…

Graziella. Morì dai’ ridere?

Carlo. Che ti cheti?

Luigia. Si riprese le biciclette e si fece per tornare a casa. E sulla via del ritorno, per la discesa melo vedo andar via… Sempre più veloce, più veloce… E io gli dicevo “Quintilio, frena!” E lui “Non mi frena, non mi frena!”

Carlo. Con tutto quell’olio, ‘un gli frenava no!

Luigia. Lui tirava i freni, poverino, ma tutta la bicicletta era sporca d’olio… E cominciò a urlare“aiuto, aiuto!” E anch’io urlavo “aiuto, aiuto” e me lo vedevo andar via per la discesa, me lo vedevo sparire dietro le curve… E a un certo punto… Si sentì la tromba dell’autobus!

Graziella. (fa il verso)Tu-pè, tu-pè, tu-pè…

Carlo. (le dà una gomitata)

Graziella. Che vòi? O ‘un fa così?

Luigia. Mi par di risentirla come allora… E a un certo punto… Bum! Una botta che la sentii ioda cento metri!… Corsi là a vedere, e c’era il mio Quintilio spiaccicato sul radiatore dell’autobus… Ci aveva picchiato di testa, aveva tutto il capo spaccato… Con tutto quel sangue, quell’unto…

Carlo e Graziella. (fanno un’espressione di disgusto)

Carlo. O chi lo mangia i’ carpaccio ora?

Luigia. Restò lì, morto sul colpo, col capo schiacciato, povero il mio Quintilio, è morto tantomale, gli volevo tanto bene…

Graziella. Poera donna.

Carlo. Va’ via a digli alla tu’ sorella che ci faccia du’ bracioline… Cotte bene …

Graziella. Io? O ‘un potresti anda’ te?

Carlo. No, vacci te.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            14


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


376-

377-

378-

379-

380-


Graziella. Ma prima tu m’avevi detto di resta’ qui.

Carlo. E ora ti dico d’anda’ di là! Chi è i’ padrone?

Graziella. Te, anche se ti riesce poco.

Carlo. Come sarebbe a di’ che mi riesce poco?

Graziella. (esce)


SCENA 5.

381 -Carlo. L’ha visto, signora, come rispondano i sottoposti oggi? ‘Un c’è più rispetto pe’ chicomanda, sa?


382-

383-

384-

385-

386-

387-

388-

389-

390-

391-

392-

393-

394-

395-

396-

397-

398-

399-

400-

401-

402-


Luigia. (annuisce)

Carlo. Ma lei c’ha attro pe’ i’ capo, eh? Eh, me lo ‘mmagino. Ma si deve fa’ forza, via… ‘Unanderà mica sempre così, prima o poi lo troverà quarcheduno che…

Luigia. Ormai ho perso le speranze. E poi non voglio più. Faccio di tutto per passare il mese digiugno lontano da tutto e da tutti, per sfuggire a questo destino terribile…

Carlo. Chissà che ‘nvece quarche ‘ncontro ‘un lo possa fa’ anche qui.

Luigia. Spero di no con tutto il cuore. Ho già stroncato cinque vite.

Carlo. Ma ‘un è stata mica corpa sua, scusi!

Luigia. Pensare che facevo di tutto per resistere, sa?… Già dopo il terzo mi resi conto che inquesto mese io dovevo… Insomma, dovevo stare attenta… Ma è più forte di me! Vede, signor Carlo, quando in me scatta il colpo di fulmine io… Io non riesco a resistere, è una forza incontrollabile, più grande di tutte le energie di tutta la mia persona! Incontro lui, lo guardo (guardaCarlo) e rimango…

Carlo. (si sposta)No, eh?… Guardi da un’antra parte, pe’ piacere! Eh!

Graziella. (rientra)Allora bracioline, eh, so’ padrone! A’ su’ comandi!

Carlo. (le fa il verso)So’ padrone, so’ padrone! Porta rispetto, ‘nvece di piglia’ ‘n giro!

Graziella. Ma io ‘un è che ‘un ti porti rispetto. E’ che mi pare che ‘un tu ci se’ portato. Ti riescepoco, te l’ho bell’e detto.

Carlo. Mi riesce poco?

Graziella. Anche a quelli che son venuti dianzi. I documenti ‘un tu gliel’ha’ chiesti, quante cistanno ‘un tu gliel’ha’ domandato…

Carlo. Ma te tu credi che sia facile. Mi garberebbe vede’ te che tu combineresti. Graziella. Io? Sare’ meglio di te cento vorte!

Carlo. Te meglio di me? Codesta gliè bellina davvero!

Graziella. Tu po’ sta’ sicuro!

Carlo. Ah sì? Allora guarda come si fa: i prossimi clienti che vengano tu pigli i’ mi’ posto, così sivede che tu sa’ fa’. Va bene?

Graziella. Benone! Allora a’ prossimi che entra ci penso io, eh?

Carlo. Voglio proprio vede’.

Graziella. Oh, ma te zitto, eh? Non tu devi di’ una parola!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            15


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


403-

404-

405-

406-

407-

408-

409-

410-

411-

412-

413-

414-

415-

416-

417-

418-

419-

420-

421-

422-

423-

424-

425-

426-

427-

428-

429-


Carlo. Va’ tranquilla. Tanto da quant’avrò da ride’ a ragiona’ ‘un ce la farò!

Graziella. (a Luigia)I’ mi’ cognato pensa che io frigga co’ l’acqua! Che gli pare a lei, o che ci sfigurauna come me dietro i’ banco?

Luigia. Insomma… A me pare di no…

Graziella. (a Carlo)L’ha’ visto?

Carlo. Ma lei? Lei sfigurerebbe anche co’ le scimmie di’ circo Togni, glielo dico io!

Luigia. (riprende a piangere)

Graziella. Addio, rieccola!

Carlo. Dio bonino, ma qui tutte le cose che si dice gliè un piagnisteo… Luigia. Attilio…

Graziella. Attilio?

Luigia. Attilio fu il quinto… Povero il mio Attilio… Graziella. Sentito? Questo gliè i’ quinto. I’ morto più fresco. Carlo. Che ci racconterà anche questo? Graziella. Ora si sente.

Luigia. Attilio lavorava in un circo equestre, faceva il domatore di leoni… Graziella. L’ha’ visto? Ci racconta anche di questo. Carlo. Il domatore di leoni? Però!

Luigia. Lo conobbi nel mese di giugno… Me ne innamorai subito, a prima vista… Aveva un po’di “lisca”, ma pochino pochino… Faceva quel bel mestiere, sempre a contatto con gli animali, sempre sprezzante del pericolo… (descrive sommariamente le fattezze di Pompilio) Bello, era… Specialmente quando si metteva il costume da Tarzan, tutto peloso…

Graziella. Ma chi era peloso, lui o i’ costume?

Luigia. No, il costume… Era bravo, eh… Domava quelle bestiacce come se fossero gattini… Ela sua specialità, alla fine del numero che faceva, era mettere la testa nella bocca del leone, e poi fargli chiudere la bocca! Com’era bravo, la gente gli batteva le mani…

Graziella. Che vo’ sape’ com’è morto male questo qui!

Luigia. Un giorno… Era d’inverno, un freddo birbone… E al circo s’era rotto l’impianto diriscaldamento. Lo spettacolo lo fecero lo stesso, il direttore si scusò col pubblico… Ma la gente non ci fece caso più di tanto. E poi toccò a Attilio, che però era preoccupato, perché con quel freddo aveva paura che gli s’ammalasse i leoni e le tigri… Quelli son animali abituati al caldo… Il numero suo andò bene, la gente era contenta, applaudivano… Poi alla fine, Attilio fece aprire la bocca del leone e ci infilò la testa dentro, come sempre. E poi gli fece… Gli fece chiudere la bocca…

Graziella. Poi il leone aveva fame…

Carlo. O fa’ ragiona’ lei!

Luigia. No… Non aveva fame, povera bestia… E’ che sentiva fresco… E mentre aveva inbocca la testa di Attilio fece un… Un tossicone!

Carlo. Un tossicone?

Luigia. Non lo so che era! Un tossicone, uno starnuto… Fece così, ciun!(fa azione)E schiacciò ilcapo del mio povero Attilio…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            16


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

430 -Carlo. Roba dell’attro mondo!

431 -Graziella. Un domatore ammazzato dai’ leone ‘nfreddato. Gliè anche vergogna!

432 -Luigia. Quando lo tirarono fuori, povero Attilio, col capo schiacciato tutto ciancicato… PoveroAttilio, è morto tanto male, gli volevo tanto bene…

SCENA 6.

433 -Romano. (sulla cinquantina; cortese e cordiale; entra, guardandosi intorno)Permesso? Buongiorno.

434 -Carlo. Ah, buon…

435 -Graziella. Oh! Come s’era detto?

436 -Carlo. Che fai?

437 -Graziella. Questo tocca a me. Te silenzio!

438 -Carlo. Ah, già… O vai, via, fammi vede’.

439 -Graziella. Buongiorno, benvenuto all’agriturismo “Il boschetto”! Desidera un appartamento?

440 -Romano. Sì… Sì, vorrei un appartamento.

441 -Graziella. Aveva prenotato?

442 -Romano. Sì… Forconi.

443 -Graziella. Prego, venga. Un attimo solo che controllo…(va dietro al bancone)

444 -Carlo. (approva, stupito)

445 -Romano. (segue Graziella al bancone)

446 -Graziella. Dunque, vediamo… Sì, Forconi, ecco… Appartamento numero tre. Quanto pensa distare qui da noi?

447 -Romano. Fino a… Dopodomani…

448 -Graziella. Bene. Ha un documento?

449 -Romano. Ah, sì…(cerca un documento)Lei è la titolare?

450 -Graziella. Sì.

451 -Carlo. (si indigna, fa per dire qualcosa)

452 -Graziella. (gli fa cenno di stare zitto, che rispetti gli accordi)

453 -Romano. Ecco a lei.(consegna un documento a Graziella)

454 -Graziella. Grazie.

455 -Romano. Ma il prezzo?

456 -Graziella. Sono 50 euro al giorno, compresi uso della cucina a metano, acqua, scaldabagno,corrente elettrica e televisione. Va bene?

457 -Romano. Sì, mi sembra un buon prezzo. E… Avete molta gente, qui?

458 -Graziella. S’ha cinque appartamenti. Due son sempre liberi, ma si conta di riempirli di qui apoco.

459 -Romano. Fate buoni affari?

460 -Graziella. S’è aperto ora, ma… ‘Nsomma, ci si contenta, ecco.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            17


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


461-

462-

463-

464-

465-

466-

467-

468-

469-

470-

471-

472-

473-

474-

475-

476-

477-

478-

479-

480-

481-

482-

483-

484-

485-

486-

487-

488-

489-

490-


Romano. Bene, allora io andrei a sistemarmi…

Graziella. Diamine! Valigie n’ha?

Romano. Sì, una.

Graziella. (a Carlo)Ragazzo!

Carlo. (va su tutte le furie, ma si controlla; risponde)Oh.

Graziella. “Oh”? Che “oh”! “Sì signora”, si risponde, capito? Guarda d’impara’ l’educazione, seno… Aria!

Carlo. (c.s.)Sì, signora!

Graziella. (prende la chiave 3 e la consegna a Carlo)Vai coi’ signore, prendigli la valigia e accompagnalo ai’tre. Ma fa’ una cosina di giorno, ‘un fa’ come sempre che tu sparisci e ‘un si sa ‘ndo’ tu se’ andato a finire! (a Romano) Scusi, eh, ma co’ la manovalanza d’oggigiorno ‘un ci si fa vita, guardi…

Romano. Non si preoccupi.

Carlo. (fa cenno a Romano, arrabbiatissimo)Dopo di lei…

Romano. (esce a sinistra)

Carlo. (sulla porta a Graziella)Quande torno ti sistemo io, a te! Manovalanza!(esce a sinistra)

Graziella. Ma come! O ‘un aveva detto che dovevo piglia’ i’ su’ posto? E io l’ho preso! Ho fattola padrona! E mi par d’avella fatta anche bene!

Andreina. (entra)O Carlo?

Graziella. E’ andato a accompagna’ un cliente ai’ tre.

Andreina. L’ho visto arriva’ uno dalla finestra…

Graziella. Guarda come son stata brava! I documenti, i’ nome, tutto segnato! Fattelo di’ dallasignora: quande son dietro i’ banco i’ tu’ marito ‘un mi lega neanche le scarpe!

Andreina. C’ha’ pensato te?

Graziella. Diavolo. E a accompagnallo c’ho mandato lui. Gli ho fatto porta’ anche la valigia.M’ha voluto mette’ alla prova, e io l’ho superata a pieni voti!

Andreina. Alla prova?

Graziella. Siccome pensa d’esse’ bravo più di me dietr’ai’ banco, allora m’ha detto “prova te,voglio proprio vede’”. Ce l’ho abbuiato! E ora gli rode!

Carlo. (rientra)Vien’un po’ qua, te…

Graziella. (scappa per la scena)L’ha’ visto? Te lo dicevo!

Carlo. (insegue Graziella)“Manovalanza” a me ‘un me l’ha ma’ detto nessuno, capito cosina? Andreina. Carlo! Carlo, ma che se’ ammattito?(lo blocca)

Graziella. Guarda che tu se’ buffo, eh, più de’ cazzotti tirati male! Signora, lo dica lei! Sono statabrava o no?

Luigia. Per me sì.

Graziella. L’ha’ visto?

Andreina. Carlino, via… Che t’avrà detto mai, ‘gnamo… Carlo. “Manovalanza”, m’ha detto. Lei! A me!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            18


491-

492-

493-

494-

495-

496-

497-

498-

499-

500-

501-

502-

503-

504-

505-

506-

507-

508-

509-

510-

511-

512-

513-

514-

515-

516-

517-

518-

519-

520-

521-

522-

523-

524-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Andreina. E che sarà… Tu glielo ridici e tu se’ pari! Ascortate: i’ desinare è quasi pronto, frapochino vi chiamo, va bene? E te sta’ carmino! (esce a sinistra)

Carlo. E son carmo, sì…

Luigia. Ora sì. Ma prima quando è entrato sembrava…. Una bestia feroce!

Graziella. Eeh! Un cignale!

Luigia. (abbassa il capo e riprende a singhiozzare)

Carlo. Rieccola!

Graziella. Un’antra vorta?

Carlo. Che ha’ detto?

Graziella. Io?… Si vede che se l’è rammentato da sé questa vorta, a di’ della bestia feroce gli saràtornato ‘n mente coso… Attilio, i’ domatore…

Luigia. (scuote la testa, sempre singhiozzando)

Graziella. Ah, no? Allora che ho detto… Ho detto che tu mi parevi un cignale…

Luigia. (annuisce c.s.)

Carlo. Glie n’ha fatto veni’ ‘n mente un antro? Eh? Luigia. (annuisce c.s.)Duilio… Il mio primo fidanzato… Graziella. I’ primo?

Luigia. (annuisce c.s.)

Carlo. Che ci rientrerà coi’ cinghiale?

Graziella. Si vede che era uno grosso… Che era un be’ cignale…

Luigia. (nega c.s.)No no… Era assessore…

Graziella. Assessore?

Carlo. O ‘un voglio vede’ come gliè morto questo qui!

Luigia. Bello, era…(descrive sommariamente le fattezze di Pompilio)Lo conobbi nel mese di giugno… Me neinnamorai subito, a prima vista… Aveva un po’ di “lisca”, ma pochino pochino… Aveva la passione per la caccia…

Graziella. La caccia? Allora gliè morto pe’ una fucilata!

Carlo. Sie, diamine… Gliè troppo facile.

Graziella. Come, troppo facile?

Carlo. E son morti tutti ‘n certi modi strani… O che vòi che questo sia morto pe’ una fucilata? Graziella. Ma un cacciatore…

Carlo. O che ‘ cacciatori moian tutti di fucilate? E vanno a capannello, eh, no ‘n trincea!

Graziella. Che discorsi… ‘Nsomma io dico che gliè morto d’una fucilata!

Carlo. E io dico di no!

Graziella. Vo’ scommette’?

Carlo. Vai! Cinquanta euro!

Graziella. Cinquanta?

Carlo. ‘Un tu ha’ i’ coraggio!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            19


525-

526-

527-

528-

529-

530-

531-

532-

533-

534-

535-

536-

537-

538-

539-

540-

541-

542-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Graziella. Io? Ma che scherzi!(dà la mano a Carlo)Tanto tu paghi te!

Luigia. Fu colpa mia… Fu tutta colpa mia…

Graziella. Che gli sparò lei?

Luigia. (nega)

Carlo. Che lo fa’ racconta’ a lei?

Luigia. Eravamo andati a fare una battuta al cinghiale. Io ero su un terrazzino in cima a unalbero, con un cacciatore… Duilio era giù, sotto di me, con un altro. Erano tutti pronti, col fucile in mano… Il cinghiale stava arrivando, erano tutti tesi, tutti emozionati… Io avevo un binocolino di quelli piccoli, da teatro… Guardavo se lo vedevo arrivare…

Carlo. Ni’ bosco? Coi’ binocolo?

Graziella. O che te ne ‘mporta!

Luigia. A ‘un certo punto si sentì sfrascare giù e l’altro cacciatore… Pum pum! Due fucilatesecche!

Graziella. E Duilio… Chiò! Giù ‘n terra! Eh?

Luigia. (nega)

Carlo. La chiudi codesta boccaccia?

Luigia. Io non ci sono abituata alle fucilate… E dalla paura mi cadde il binocolo di sotto… Edissi sottovoce “Duilio, Duilio, m’è caduto il binocolo”… E lui mi fece di sì con la testa… Mi voleva tanto bene, povero Duilio… Posò il fucile e si mise a cercarlo lì nella macchia, zitto zitto…

Carlo. (già si immagina)Addio…

Luigia. E fece un altro po’ di confusione, proprio vicino all’altro cacciatore… Quell’altro, sentì ilrumore proprio dietro, si girò e…

Graziella. Pàaa! Seccato Duilio!

Carlo. Che ti cheti?

Luigia. (nega)Aveva finito le cartucce… E impaurito com’era… Perché il cinghiale è pericoloso,sapete… Prima che potessi dire qualche cosa, prese il fucile per la canna e giù! Nella macchia!… Gli dette il calcio del fucile nel capo, povero Duilio, glielo spaccò di netto… Lo tirarono fuori dalla macchia tutto sanguinoso… Povero Duilio, è morto tanto male, gli volevo tanto bene…

(piange)


543-

544-

545-

546-

547-

548-

549-

550-

551-


Graziella. Ma i’ binocolo aimmeno glielo ritrovò? Andreina. (chiama d.d.)Gliè prontooo!… E’ ‘n tavolaaa!…

Carlo. O ‘gnamo allora, via! Signora, su… Via, ora s’è sfogata, stamani ha chiacchierato un po’con noi, eh? Dovrebbe sentissi un po’ meglio!

Luigia. (alzandosi)Mi fa bene… Mi fa bene parlarne, sì… Me lo dicono tutti… Ma io tutte levolte… Tutte le volte è sempre peggio…

Carlo. E allora, signora, che si deve fa’! Ci vole coraggio!

Graziella. Piano piano lo troverà uno che gli campa!

Luigia. Io non so più cosa sperare. Non lo so più. Povera me, povera me…(esce a sinistra)

Carlo. (si avvia anche lui)

Graziella. O te!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            20


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

552 -Carlo. Oh.

553 -Graziella. O che ‘ debiti ‘un si pagano?

554 -Carlo. Che debiti?

555 -Graziella. Come che debiti! La scommessa!

556 -Carlo. Ah, già, giusto.(tende la mano)Son cinquanta euro!

557 -Graziella. Diavolo! O ‘un lo so! O che devo paga’ io?

558 -Carlo. Bah, no! O chie?

559 -Graziella. Tu mi sembri quello che me la fece sull’uscio e po’ la rivoleva!

560 -Carlo. No no no! Avevi detto che moriva d’una fucilata sì o no? Sicché paga! Forza!

561 -Graziella. E allora? O ‘un è morto d’una fucilata?

562 -Carlo. No davvero!

563 -Graziella. Come no! Ma se piglio un randello e te lo do ni’ capo, che ti do?

564 -Carlo. Una randellata!

565 -Graziella. Se ti ci do un martello che ti do?

566 -Carlo. Una martellata!

567 -Graziella. E se ni’ capo ti ci do un fucile, che ti do?

568 -Carlo. Una fu…(si interrompe)

569 -Graziella. Pagare! Pochi, maledetti e subito!

(inizia a chiudersi il sipario)

570 -Carlo. No!

571 -Graziella. Ma come no! Disonesto che ‘un tu’ se’ attro!

572 -Carlo. Ma te tu ‘ntendevi di’…

573 -Graziella. Una fucilata! ‘Ntendevo di’ una fucilata!

574 -Carlo. Ma lo sparo?

575 -Graziella. ‘Un anda’ a cerca’ calie! Paga!

576 -Carlo. No, tu devi paga’ te!

577 -Graziella. Te!

(litigano a soggetto, fino a chiusura del sipario)

FINE PRIMO ATTO


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            21


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto, il mattino dopo. Non c’è più l’insegna appesa al muro.

SCENA 7.

Sono in scena Carlo e Graziella. Carlo, seduto al divano, sta dipingendo una nuova insegna.

578 -Graziella. Ma che vor’ di’ “casce”?

579 -Carlo. Casce. Le casce son casce, che devan esse’?

580 -Graziella. Ah, casce… “Le tre casce”. Queste qui fòri?

581 -Carlo. Ho sentito brontola’ tutt’i’ giorno ieri! E boschetto qui, e boschetto là… Allora guardacome si fa. “Le tre casce”. ‘Un è bellino?

582 -Graziella. Sì, abbastanza.

583 -Andreina. (entra da destra, con i resti di una statuetta di un nano)

584 -Graziella. (vede entrare Andreina)Addio… Ora riè banda…

585 -Andreina. Carlo, sistema quella macchina perché se no…

586 -Carlo. No! Dotto! Eh? Gliè Dotto, codesto?

587 -Andreina. O Carlino, so assai chi è io… Gliè uno de’ nani.

588 -Carlo. (si libererà da ciò che ha in grembo e si alzerà)Ma guardate voi… Due, due soli me n’è rimasti!Assassine! Mettilo costì sui’ bancone.

589 -Andreina. Tanto la corpa gliè tua, no nostra. Quella macchina a vorte ‘un frena.

590 -Carlo. Io per ora ‘un n’ho rotti punti.

591 -Graziella. Pe’ forza! La macchina si piglia io e lei, te ‘un tu ci monti mai!

592 -Carlo. Se ci montavo io ce l’avevo sempre tutt’e sette!

593 -Andreina. E sa’, ‘un tu lo convinci, eh!(mostra le chiavi della macchina)Guarda, le chiavi le rimetto qui.(lemette in un cassetto del bancone)

594 -Carlo. (si è avvicinato al bancone)Gliè Dotto, gliè Dotto. Siete contente, ora?

595 -Andreina. Che poi, come li riconosce anche, tutti… Io conoscevo que’ du’ o tre. ‘Un mi ricordonemmeno come si chiamano!

596 -Graziella. Come! O chi è che ‘un sa ‘ nomi de’ sette nani?

597 -Carlo. Che te se’ sicura di sapelli?

598 -Graziella. Diamine!

599 -Carlo. O dimmeli.

600 -Graziella. Fammici pensa’…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            22


608 -

Massimo Valori - Basta che sian di fòri

601 -Andreina. O vo’ due, ragionamo di cose serie! La carne l’ho fissata, po’ bisogna ritorna’ a pigliallafra un pochino, ricordiamocelo fra tutti, va bene? (prende i sacchetti della spesa) Questa roba la sistemo io!

602 -Carlo. (alludendo alla statuetta)Porta via anche lui, vai…

603 -Andreina. (esegue)S’è fatto più straporti ‘n questi giorni…(esce a sinistra)

604 -Carlo. (si rimetterà a sedere sul divano e riprenderà a dipingere l’insegna)Allora? Li sai questi nomi o no?

605 -Graziella. Come no! Allora c’era… Dotto, quello morto ora.

606 -Carlo. Poi?

607 -Graziella. Poi c’era… Pisolo…

Carlo. Eh.

609 -Graziella. Poi… Poi c’è… Dondolo…

610 -Carlo. Dondolo? Se’ sicura?

611 -Graziella. Sì sì, c’era anche lui… Poi c’era… Bussolo…

612 -Carlo. Bussolo?

613 -Graziella. Quello… Più cicciottello…

614 -Carlo. E poi?

615 -Graziella. Eh… C’era… Prenzolo…

616 -Carlo. Chie?

617 -Graziella. Prenzolo. Era quello… Un po’ più arto di quell’attri…

618 -Roberta. (entra da sinistra)

619 -Carlo. E’ te li dico io:(enumera sulle dita, ma il settimo gli manca)Dotto, Eolo, Mammolo, Pisolo, Gongolo,Brontolo…

620 -Roberta. (nessuno le bada)Permesso…

621 -Graziella. Mignolo?

622 -Carlo. No, che Mignolo…(c.s.)Dotto, Eolo, Mammolo, Pisolo, Gongolo, Brontolo…

623 -Roberta. (c.s.)Bongiorno.

624 -Carlo. (c.s.)O qual è quello che manca…

625 -Roberta. Cucciolo?

626 -Carlo. Già, brava signorina! Cucciolo!

627 -Graziella. Che bischeri! Quello morto ieri!

628 -Roberta. (guarda Graziella, poi si riprende)Dicevo… Che posso fa’ una telefonata? Poi vu mi dite quantovi devo.

629 -Carlo. Faccia pure, signorina. Gliela metto ‘n conto ai’ su’ babbo.

630 -Graziella. (fa di no col dito)

631 -Roberta. No no, guardi, la telefonata la pago io. E poi quello ‘un è i’ mi’ babbo.

632 -Carlo. Ah… Scusi, eh, ma io pensavo…

633 -Roberta. Eh, purtroppo lo pensan tutti, mica solo lei.

634 -Carlo. Faccia, faccia pure tutte le telefonate che vole, ‘un si preoccupi.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            23


(vede l’insegna sulle ginocchia di Carlo)

(riattacca; a

Massimo Valori - Basta che sian di fòri


635-

636-

637-


Roberta. (si avvia al telefono e compone il numero)

Carlo. (fa cenno a Graziella “Non è il suo babbo?”)

Graziella. (fa cenno a Carlo “No… Son sempre a discutere…”)


638-

639-

640-

641-

642-

643-

644-

645-

646-

647-

648-

649-

650-

651-

652-

653-

654-

655-

656-

657-

658-

659-

660-

661-

662-

663-

664-


Roberta. Pronto?… France… Ciao… T’ho cercato anche ieri sera, ‘ndo’ eri?… Ah… Io? Io sonqui ‘n un agriturismo… Sì, tutt’e tre… Eh, gliè stata un’idea di’ grand’omo… No, ma gliè vicino, eh… Si chiama… Ba’, o se ieri sera c’era l’insegna… (ai presenti) Come si chiama qui?…

Graziella. “Il boschetto”.

Carlo. No! “Le tre casce!”

Graziella. Ah, già, s’è cambiato nome…

Roberta. Come? Le tre… ?

Carlo. Casce.

Graziella. Casce!

Roberta. Ganasce?…

Carlo. Casce!

Graziella. Tanto poi lo vede dai’ cartello, signorina…

Roberta. (nuovamente al telefono)O France, e’ ‘un lo so come si chiama… Gliè un posto…(sottovoce)Glièun po’ strano, ora ragionavano d’ammazza’ sette nani… Boh… Avrò capito male… (in tono normale) Ora te lo spiego, ascorta: ti ricordi qui’ ristorante ‘ndo’ tu mi portasti a mangia’ pe’ San Valentino?… Ecco, siamo da quelle parti. Te vieni in qua, io ti vengo a riscontra’ a piedi, tanto gliè vicino. Va bene?… Sì, diamine… Mi fa ma bene fa’ du’ passi, c’ho un nervoso addosso… Meglio se ne fo quattro, eh?… Ma ‘un me la rifò mica con te, ciuccarellino… Sì, meglio, così po’

davvero ‘un so più ‘ndo’ anda’ a batt’i’ capo… Va bene… Anch’io, amore… Ciao… Carlo) Quanto gli devo?

Carlo. No, signorina, ma che deve… Pe’ una telefonata… Roberta. No, via, mi dica quant’è.

Carlo. Offre la ditta. E mi scusi pe’ la gaffe di prima. Io ‘un sapevo che… Roberta. No, ma che scherza…

Carlo. Siamo pari, signorina, ‘un si preoccupi.

Roberta. Allora grazie, eh, grazie tante.                                                                                                                             Ah, casce! Le tre casce.

Carlo. Sie.

Roberta. Ma… Che sono le casce?

Graziella. Le casce, l’arberi, ha ‘nteso?

Roberta. Aah… O che si chiamano “casce” in italiano?

Carlo. Perché, o come si chiamano?

Graziella. Anch’io l’ho sempre chiamate così.

Roberta. Ma ‘un è “acacie”?

Carlo. A…?

Roberta. Acacie! Casce gliè come si chiamano noi, ma ‘n italiano…

Carlo. Mah, ormai i’ cartello l’ho fatto… Eh?(lo mostra; c’è scritto “LE TRE CASCIE”)

www.massimovalori.net

24


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

665 -Roberta. E poi io credo che si scriva senza la “i”.

666 -Carlo. Senza l’”i”?

667 -Graziella. Ha ragione la signorina. Lo so anch’io che a italiano scritto ci avevo cinque e mezzo.

668 -Carlo. Che vor’ di’ codesto, io c’ho riavuto anche quattro.

669 -Roberta. (fra sé)E si vede.


670-

671-

672-


Carlo. Come?

Donato. (entra da sinistra)

Roberta. Niente, niente. Gliè proprio un be’ cartello. Grazie ancora pe’ la telefonata, eh,arrivederci. (si avvia per uscire a destra)


673

Donato.Che telefonata? A chi ha’ telefonato?

674

Roberta.Che te ne ‘mporta?

675

Donato.Che modi son questi di rispondere?

676

Roberta.Io a te ti rispondo come mi pare. E ho telefonato a chi mi pare.

677

Donato.E ora ‘ndo’ vai?

678

Roberta.‘Ndo’ mi pare, a fa’ che mi pare.(esce a destra)

679

Graziella.Se ti pare, se no è lo stesso.

680

Carlo.(in disparte)Chetati!

681

Graziella.(c.s.)E m’è venuta, bah. Però ci stava bene.

682

Carlo.(c.s.)‘Un bisogna ‘mpicciassi dell’affari de’ clienti, zuccona! Zitta , eccolo…(normale)Allora,

ti garba i’ cartello?

683

Graziella.Bellino sarebbe anche, ma ora ti tocca rifallo un’antra vorta.

684

Carlo.See! Ma che da’ retta a’ discorsi, te? E l’italiano, e va levato l’”i”… Vieni vieni…

Fammel’attacca’ vai!

685

Donato.Che sono le casce?

686

Graziella.Rieccoci.

687

Carlo.L’arberi, ha presente? Come quelli qui fòri.

688

Donato.Ah, quelli… Acacie, allora.

689

Carlo.O che li chiama così lei?

690

Donato.No, ma ‘n italiano…

691

Carlo.Qui siamo ‘n Toscana, ‘un si parla l’italiano.

692

Graziella.No, macché, si parla turco…

693

Donato.E poi secondo me “casce” si dovrebbe scrivere senza la “i”.

694

Graziella.Toh. Scopa!

695

Carlo.(brusco)Ormai l’ho fatto così! E l’attacco così!(appoggia l’insegna sul bancone, per applicarvi il gancio per

appenderla) Graziella dammi i‘ gancino e i’ martello.

696

Graziella.O ‘ndo’ sono?

697

Carlo.Che ‘un l’ho portati dianzi?

698

Graziella.Io ‘un l’ho visti.

www.massimovalori.net

25


(esce a sinistra)

(prende l’insegna e va per uscire)

699-

700-

701-

702-

703-

704-


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Carlo. Allora l’ho lasciati ‘n capanna. Li vo a piglia’.(esce a sinistra)

Donato. Permaloso i’ su’ marito, eh?

Graziella. Sì e no.

Donato. Cioè?

Graziella. Sì gliè permaloso, no ‘un è i’ mi’ marito. Gliè i’ mi’ cognato.

Donato. Ah già, ha ragione, lo disse ieri.


SCENA 8.


705-

706-

707-

708-

709-

710-

711-

712-

713-

714-

715-

716-

717-

718-

719-

720-

721-

722-

723-

724-

725-

726-

727-


Romano. (entra da sinistra)Buongiorno.

Graziella. Ah, signor Forconi, buongiorno. Dormito bene?

Romano. Benissimo. Non ho sentito nemmeno la sveglia.

Graziella. Ma se doveva svegliarsi a una cert’ora me lo poteva dire, eh! Ci avre’ pensato io.

Romano. Grazie, troppo gentile. E poi l’avevo messa solo così, tanto per fare. Una mezz’orettadi sonno in più mi ha fatto altro che bene. (vede l’insegna)

Graziella. Bene, son contenta. Ha bisogno di qualcosa?

Romano. E’ la vostra insegna, questa?

Graziella. Quale insegna? Ah, quella? Sì, ma… L’ha fatta i’ ragazzo, ‘un ha neanche la terzamedia… E’ sbagliata, vero? Difatti ora gliela fo rifare.

Romano. Il nome poteva anche essere originale. “Le tre casce”, un nome agreste, toscano… Ma

èscritto male. Graziella. E tre!

Romano. (non ha capito)Eh?

Graziella. Ehm… O ‘un l’ho detto anch’io che gliè sbagliata? Difatti, ora guardi, la porto di là. Si

figuri se voglio un’insegna con un errore d’ortografia.                                                                                                                                                   Con permesso,

eh…

Romano. Prego, prego.

Donato. Forconi, eh? Romano Forconi. Ecco chi era! Romano. Ci conosciamo?

Donato. Donato Cubattoli, piacere. Lei non sa chi sono io, ma io lo so chi è lei. Lei gliè i’Forconi, quello dell’agenzia.

Romano. Agenzia?

Donato. Quello dell’agenzia turistica, sì. ‘Un è lei?

Romano. Ehm… Sì, son io, ma…

Donato. Ma?

Romano. Ecco… Gradirei che non si sapesse…

Donato. Perché?

Romano. Vede, noi… La nostra è un’agenzia molto qualificata e… Questo agriturismo hachiesto di lavorare con noi e io… Sono venuto di persona in incognito a vedere… Insomma, a verificare…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            26


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


728-

729-

730-

731-

732-

733-

734-

735-

736-

737-

738-

739-

740-

741-

742-

743-

744-

745-

746-


Donato. In incognito? In missione segreta?

Romano. In un certo senso. Così possiamo renderci conto se una struttura è veramenteaffidabile oppure no. Finora ci sono stati solo dei contatti telefonici, non ci eravamo mai visti, sicché…

Donato. Ma senti ganzo!

Romano. Spero di poter contare sulla sua discrezione.

Donato. Certamente. Io… Io sono un gentilomo.

Romano. Grazie…

Donato. Fra gentilomini un accordo si trova sempre. Vero?

Romano. Un accordo?

Donato. Ora, ‘un pensi che io sia uno di quelli che approfitta di certe situazioni per ave’ untornaconto personale… Ma però, sa… Tra òmini di mondo…

Romano. Dove vuole arrivare? Mi faccia capire.

Donato. Io son sicuro che ci siamo di già ‘ntesi.

Romano. Ah. Sì sì. Ho capito, ho capito di certo. O vediamo se ora capisce lei. Io da giovaneson stato campione regionale di pugilato, pesi super-welter (eventualmente correggere, in base alla corporaturadell’interprete). Ora sono un po’ arrugginito, ma insomma… La mi’ bella figura la fare’ ancora.

Donato. Cioè?

Romano. (velatamente minaccioso)Sono sicuro che ci siamo di già ‘ntesi.

Donato. Sì. Sì, diamine. No, ma io dicevo pe’ dire, eh…

Romano. Certamente. Si fa tanto pe’ discorrere.

Donato. Ecco, ecco, appunto.

Romano. Meglio così. Buona giornata.(esce a destra)

Donato. Va’ a pensa’ che questo gliera stato cazzottaio, da giovane! Tutti io li trovo!


SCENA 9.


747-

748-

749-

750-

751-

752-

753-

754-

755-

756-

757-


Carlo. (entra da sinistra, con l’insegna in mano; guarda Donato)

Donato. L’aveva portato di là la su’ cognata. Dice che un’insegna co’ un errore d’ortografia ‘un lavole.

Carlo. Ah! Così ha detto?(si mette ad applicare il gancio all’insegna, poi la attaccherà al solito posto)

Donato. Ha detto anche che l’ha fatta uno che ‘un ha neanche la terza media.

Carlo. Ah sì, eh?

Donato. Sì. Eh, sapesse quante cose potrei dirle io… Carlo. Lei? A me? Della mi’ cognata?

Donato. No, mica solo di lei. Anche… Anche di una certa clientela che lei si ritrova qui… Carlo. Una certa clientela?

Donato. Sì, sa… Però non sono cose che si dicono… Carlo. ‘Un ho capito. Me le vole dire o ‘un me le vole dire?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            27


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

758 -Donato. Io? Io vorrei, ‘un è che ‘un voglio. Però…

759 -Carlo. Però?

760 -Donato. Ecco, pensavo… Sa, siamo òmini di mondo. Diciamo che… Co’ uno sconticino sui’prezzo, io sarei… Sarei più disposto, ecco.

761 -Carlo. Sconticino?

762 -Donato. Mica di tanto, eh… E mi creda: ‘un se ne pentirà.

763 -Carlo. Ascolti, so’ coso…

764 -Donato. Donato. Donato Cubattoli.

765 -Carlo. Ecco, so’ Cubattoli. Se c’ha quarche cosa da dimmi me la dica e alla sverta, se no…

766 -Donato. Se no?

767 -Carlo. Se no butto fòri lei e quell’attre due che son venute con lei, vi rimetto sui’ càmio’ e vi foritorna’ a Empoli. Che ci siamo ‘ntesi?

768 -Donato. Ora, ‘un la pigli male subito, anche lei!

769 -Carlo. Anche lei? Perché anche lei?

770 -Donato. Ma che ha l’aria di queste parti, eh? Vu avete tutti un nervoso di mattinata…

771 -Carlo. Tutti? Ma tutti chi?

772 -Donato. No, dicevo per dire… Tutti… Tutti voi!

773 -Graziella. (rientra)

774 -Carlo. So’ Donato, a me ‘un mi garba fammi piglia’ ‘n giro, che ha capito? Mi dica quello che midoveva dire e subito!

775 -Graziella. Carlo! O che fai?

776 -Donato. Eccola. Eccola quella che ha detto che lei era un ignorante! ‘Cola lì!

777 -Graziella. Un ignorante? Io? Io ‘un l’ho ma’ detto! Lo penso, magari, però…

778 -Carlo. (a Donato)‘Un cambi discorso.

779 -Donato. ‘Un l’ha detto, ma l’ha fatto capire. Ha detto che ‘un aveva neanche la terza media!

780 -Graziella. E allora? Se l’ho detto a le’ che gliene ‘mporta? Son cose tra me e lui!

781 -Carlo. Senta, a me i’ su’ modo di fa’ mi garba sempre di meno.

782 -Donato. Eh… ‘Un si pole mica resta’ simpatici a tutti. Allora arrivederci, eh?

783 -Carlo. Che arrivederci! Io son qui che aspetto di sape’ quello che mi deve di’.

784 -Donato. Che gli devo di’?

785 -Graziella. Che ti deve di’?

786 -Carlo. Ha detto che sa delle cose su de’ nostri clienti, voleva uno sconticino perché me ledicesse…

787 -Graziella. Uno sconticino?

788 -Donato. Ma ‘nsomma, son cose così… Facevo pe’ dire, via…

789 -Graziella. Che sa? Che cose? Fòri, e subito!

790 -Donato. Ma via, ma che vi pare che io mi metta a racconta’…

791 -Graziella. Però co’ lo sconticino, eh?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            28


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


792-

793-

794-

795-

796-

797-

798-

799-

800-

801-

802-

803-

804-

805-

806-

807-

808-

809-

810-

811-

812-

813-

814-

815-

816-

817-

818-

819-

820-

821-

822-


Donato. Via, tanto sono… Son piccolezze…

Carlo. Maremma… E poi più che dura e più che mi fa ‘nvarvola’! Ora gli do i’ martello ni’ capo,gli do…

Graziella. Vai, te lo reggo io!

Donato. No. No no no!… Ve lo dico! Ve lo dico.

Carlo. O forza.

Donato. Ecco… Il signore che era qui prima…

Graziella. I’ Forconi?

Carlo. Che ha? Che ha fatto?

Donato. Nulla, nulla… E’ che… E’ qui in incognito… Carlo. Gliè un ricercato?

Donato. No, ma che ricercato… E’ quello dell’agenzia turistica… Quella che vu ci volevilavorare ‘nsieme, ha detto. E’ venuto pe’ verificare, pe’ vedere se quest’agriturismo gliè… Se gliè perbene, come voglian loro…

Graziella. Lui?

Carlo. Gliel’ha detto lui?

Donato. Sì, me l’ha detto lui. Contenti ora?

Carlo. Vada, vada, venvia… Si levi da tre passi.

Donato. Ve l’ho detto che era una cosa da nulla, no? C’era bisogno di fa’ tanta confusione? Carlo. Si levi da tre passi, gli ho detto!

Donato. (si avvia verso per uscire a destra)E vo, e vo… Ma guardate che modo di tratta’ clienti! Va a fa’piaceri alla gente… (resta sulla porta)

Carlo. Accident’alla lupacchiotta della miseria! Era meglio fassi tira’ una pedata ‘ndo’ ‘un batt’i’sole!

Graziella. Che brontoli?

Carlo. Che brontolo? E siamo messi benino di nulla, ora! Quello dell’agenzia pensa che lapadrona tu sia te!

Graziella. E allora? Se quande gliè arrivato trovava te, vedrai v’aveva bell’e scancellato! Ringraziai’ Padreterno che c’ero io, ‘nvece, che t’ho fatto fa’ un figurone!

Carlo. Sì, eh? E ora che si dovrebbe fa’, anda’ avanti a questa maniera?

Graziella. Bah. A me mi garba.

Carlo. E a me no!

Graziella. Studia un sistema pe’ fa’ differente, allora.

Carlo. (sospira; purtroppo non c’è altro da fare)Ma non sgarra’ perché ti sfarino, eh…

Graziella. Chie? Io? O se ci son nata pe’ fa’ la padrona! A te poi…

Donato. (ha ascoltato, si è avvicinato)Comunque, se pe’ quello sconticino vu ci ripensassi… Carlo. Che gliè sempre qui lei? Fòri!

Donato. (esce a destra)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            29


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

SCENA 10.

823 -Luigia. (entra da sinistra, mesta come sempre)

824 -Graziella. Oh, ecco i’ ber tempo, vah… Bongiorno sora Luigia…

825 -Luigia. Buongiorno a voi.

826 -Carlo. Buongiorno. Come va stamattina?

827 -Luigia. (sospira)

828 -Graziella. Si poteva ‘ndovina’ anche da noi.

829 -Carlo. (in disparte a Graziella)Ora si ricomincia come iermattina… Ne manca sempre uno.

830 -Graziella. (c.s. a Carlo)Che uno?

831 -Carlo. Dicevo de’ fidanzati. O ‘un n’aveva avuti cinque?

832 -Graziella. Sì.

833 -Carlo. E ieri ci raccontò di quattro, ne manca sempre uno. C’era l’assessore…

834 -Graziella. I’ primo.

835 -Carlo. No, quello gliè stato l’urtimo.

836 -Graziella. Era l’urtimo che ci ha raccontato, ma di fidanzati era i’ primo.

837 -Carlo. Ah. E poi chie?

838 -Graziella. Aspetta, eh… I’ domatore di leoni era… I’ quinto… Quello de’ documentari era i’secondo… E poi c’era…

839 -Carlo. I’ giostraio, che era…

840 -Graziella. I’ terzo. ‘Un n’ha detti più?

841 -Carlo. No ‘un n’ha detti più. Allora mancherebbe…

842 -Graziella. I’ quarto.

843 -Carlo. Già, i’ quarto.

844 -Graziella. Famosi racconta’ anche questo, giù!

845 -Carlo. No, sie, diamine…

846 -Graziella. Che te ‘un se’ curioso?

847 -Carlo. Curioso? Un po’ curioso sono, ma…

848 -Graziella. Che a te ‘un t’hanno fatto ride’?(inizia a ridere, poi continuerà sempre di più)

849 -Carlo. Bah, ‘nsomma…(cercherà di trattenersi, poi riderà c.s.)

850 -Graziella. O se io ci ho pensato tutta la notte… Quello delle giostre, che ha fatto falli’ la dittache gli ha rotto tutti gli specchi… I’ cignalaio…

851 -Carlo. Perché quello di’ frantoio… “Frena, frena”… Te lo ‘mmagini?

852 -Graziella. Ma i’ meglio gliè stato i’ domatore… I’ capo nella bocca di’ leone e quello… Ciun!

853 -Carlo. Già, già… Via via, tu ha’ ragione, bisogna fassi racconta’ anche questo.

854 -Graziella. O domandiamoglielo!

855 -Carlo. No no, domandaglielo no… Guardiamo di faglielo veni’ a mente, come pe’ quell’attri.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            30


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

856 -Graziella. Sì, bah, bravo! Si sa assai noi icché digli pe’ faglielo veni’ a mente.

857 -Carlo. Tu ha’ ragione anche te…. Si sa solo che era i’ quarto.

858 -Graziella. Come si fa?

859 -Carlo. Proviamo un po’…(ricomincia in tono normale)O Graziella… A che ora se’ andata a fa’ la spesaieri?

860 -Graziella. (c.s.; non capisce)Che vo’ che mi ricordi io che ora era…

861 -Carlo. (allusivo)O sforzati un pochino…

862 -Graziella. Che ora sarà stato, saranno state le…(capisce)Aah!… Alle nove e(marcato, verso Luigia)unquarto!

863 -Carlo. Ah, credevo a(c.s.)un quarto alle dieci!

864 -Graziella. No no… Alle nove e(c.s.)un quarto!


865-

866-


Luigia. (“non raccoglie”, espressione immutata)

Carlo. (pausa; cenni d’intesa con Graziella)


867 -Graziella. Dicevo… T’è bastato i’ vino che t’ho comprato?

868 -Carlo. A me?

869 -Graziella. Eh, a te!

870 -Carlo. (capisce)Ah… No, m’è avanzato! Gliè troppo mezzo litro, quest’attra vorta pigliamene(c.s.)un quarto!

871 -Graziella. (c.s.)Un quarto?

872 -Carlo. (c.s.)Un quarto, vai, sarà meglio.

873 -Luigia. (c.s.)

874 -Carlo. (cenni d’intesa c.s.; fa un altro tentativo)O Graziella, prima facevo le parole ‘ncrociate… Ce n’è unache ‘un mi vole veni’ a mente… “Il porto in Liguria da cui partirono i Mille”, sei lettere!

875 -Graziella. Sei lettere… In Liguria… Un porto… Genova!

876 -Carlo. Che Genova!

877 -Luigia. Ma non era… Quarto?

878 -Carlo. Brava signora! Era Quarto!

879 -Graziella. O via, sentiamo!

880 -Luigia. Sentiamo… Quarto è il porto da cui partirono i Mille di Giuseppe Garibaldi, che poifecero scalo a Talamone e sbarcarono a Marsala!

881 -Carlo. Eh. La storia la sa.

882 -Graziella. (rompe gli indugi)Signora, senta. Io e i’ mi’ cognato ‘un ci s’è dormito, stanotte. Lei haavuto cinque fidanzati, no? Coso, Emilio, Duilio… Poi com’era…

883 -Luigia. (sospira, commuovendosi)Duilio, Quintilio, Emilio, Virgilio e Attilio.

884 -Carlo. Virgilio! I’ quarto, gliè lui!

885 -Luigia. Prego?

886 -Carlo. No, dicevo, siccome…

887 -Graziella. O sora Luigia, che ci racconta anche di’ quarto!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            31


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


888-

889-

890-

891-

892-

893-

894-

895-

896-

897-

898-

899-

900-

901-

902-

903-

904-

905-

906-

907-

908-

909-

910-

911-

912-


Carlo. Virgilio…

Graziella. Eh? Se no noi ‘un si pole sta’!

Luigia. Virgilio… Il mio povero Virgilio… Bello, era…(descrive sommariamente le fattezze di Pompilio)Loconobbi nel mese di giugno… Me ne innamorai subito, a prima vista… Aveva un po’ di “lisca”, ma pochino pochino… Era vigile urbano…

Graziella. Ah, allora moiano anche loro, eh!

Luigia. (nega)E’ morto per colpa della sua passione… Lui era anche paracadutista… Carlo. Questa anche se ‘un ce la racconta, si capisce anche da noi!

Luigia. Era bravo, povero Virgilio… Nella bella stagione, tutte le domeniche faceva lospettacolo…

Graziella. Lo spettacolo?

Luigia. Il suo era uno dei numeri più belli di tutti. Si buttava col paracadute con la bicicletta, efaceva finta di pedalare per l’aria! E poi atterrava sulla bicicletta, era l’unico che riusciva a farcela! Com’era bravo, povero Virgilio…

Carlo. Bravo, sta’ a vede’… ‘Un durava nemmen fatica…

Luigia. E fu in una giornataccia d’estate… Cioè, il tempo era bello, ma io maledico quel giornoperché gli successe l’incidente…

Graziella. Questo ‘un c’è gusto a fasselo racconta’. Che vòi che ‘ncidente gli sìi capitato a unocoi’ paracadute?

Luigia. Virgilio si era appena buttato… Tutti lo guardavano col binocolo, lui era sulla biciclettache pedalava per l’aria, tutta la gente batteva le mani, gli diceva bravo… Anch’io lo guardavo col binocolo…

Graziella. Allora l’aveva ritrovato nella macchia, eh… Carlo. Graziella!

Luigia. E a un certo punto vedo che comincia a divincolarsi… Era il momento che dovevaaprire il paracadute, ma non lo apriva mai… E io dicevo “apri, Virgilio, apri”…

Graziella. E Virgilio ‘un apriva…

Luigia. C’era uno dei suoi compagni accanto a me, anche lui lo guardava e mi disse “ha deiproblemi, non gli si apre!” E difatti si vedeva, poverino, che era disperato… Lasciò andare la bicicletta e si mise a contorcersi tutto, a tirare quelle funicelle con tutta la forza… E intanto veniva giù, veniva giù, sembrava che ci dovesse venire addosso… E tutta la gente lì intorno aveva capito che lui era in difficoltà… E lui veniva giù, sempre più vicino, sempre più vicino…

Graziella. E’ lunga a casca’ di lassù, eh…

Luigia. Finché a un certo punto…

Carlo. Pàaaa! La buca ‘n terra!

Luigia. A un certo punto, proprio all’ultimo momento… Il paracadute si aprì, e Virgilio arrivò aterra sano e salvo!

Carlo. Se’…

Graziella. Ba’… Allora?

Luigia. Io mi misi a correre verso di lui, gridavo “Virgilio, amore, sei salvo”… E correvo, eanche lui correva verso di me… Ci si stava per abbracciare insieme, quando a un certo punto si sentì come un fischio per l’aria… (emette un suono tipo un fischio)


www.massimovalori.net

32


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

913 -Carlo e Graziella. (insieme)E che era?


914-

915-

916-

917-

918-

919-

920-

921-

922-

923-

924-

925-

926-

927-

928-

929-

930-

931-

932-


Luigia. La bicicletta! Gli arrivò diritta sul capo, povero Virgilio, glielo spaccò di netto! PoveroVirgilio, è morto tanto male, gli volevo tanto bene…

Carlo. Ma guardate voi quanti sistemi di mori’ c’è ni’ mondo! Guarda che ‘ fidanzati che ha avutolei fanno un campionario che nemmeno i’ tenente Colombo!

Graziella. Poera donna. E noi gli si rammentano, anche.

Luigia. (si alza)Scusate, è meglio che vada a prendere un po’ d’aria… Scusate… Carlo. No, signora, prego. Scusi lei.

Andreina. (entra)Signora Luigia. Si sente meglio, stamani?

Luigia. (piange ed esce a sinistra)

Andreina. Mamma mia… Ma che si deve fa’ con questa donna? Quella ci si rifinisce!

Carlo. Lasciala fa’, pe’ l’amor di Dio. Quella gliè peggio delle vedove nere!

Andreina. Io vo a piglia’ la carne, allora. Vi manca più nulla?

Carlo. No, vo io.

Andreina. Te?

Carlo. Piglio la bicicretta, fo una girata… Mi fa anche bene.

Graziella. (fra sé)Ma la macchina ‘un la piglia, sa’! I’ nani ce li fa ammazza’ tutt’a noi!

Carlo. Queste ‘ncombenze gliè meglio se le fo io. Tanto quello che fo qui se vien gente ‘un ti stabene, allora guarda come si fa: vo io e te tu sta’ qui. Tanto a anda’ e torna’ si fa alla sverta.

Andreina. Ma…(indica Graziella)O ‘un c’era lei che era brava dietro i’ banco?

Carlo. No no no, gliè meglio se tu ci sta’ te. Tanto anche lì ora… Via via, speriamo ‘n bene.

Andreina. Perché?

Carlo. Fattelo spiega’ dalla tu’ sorella, vai. La padrona!(esce a destra)


SCENA 11.


933-

934-

935-

936-

937-

938-

939-

940-

941 -


Andreina. La padrona?

Graziella. Ieri, quand’ho fatto finta d’esse’ io la padrona… E’ venuto quello… Come sichiama… Romano…

Andreina. (consulta il registro)Forconi.

Graziella. Ecco, lui. Lo sa’ chi è?

Andreina. No.

Graziella. E gliè quello dell’agenzia, quella che vu avete sentito pe’ fa’ pubblicità. Andreina. O Madonna! O se a me ‘un m’ha detto nulla!

Graziella. ‘Un t’ha detto nulla perché gliè venuto qui di nascosto a noi, vole controlla’ comesiamo, come gliè i’ posto, come si tratta la gente, ma senza che si sappia noi, ‘nteso? I’ tu’ marito dianzi quande l’ha saputo gliè doventato verde. E ha ragione, ora se ‘un gli si dice bisogna continua’ a fa’ la commedia finché ‘un va via.

Andreina. Allora diciamoglielo!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            33


966 -

965 -

964 -

962 -  Graziella.

Massimo Valori - Basta che sian di fòri


942-

943-


Graziella. Ba’, bella figura tu ci fai. I’ padrone gliè una cosa seria, ‘un è una cosa che si prova afalla co’ la gente pe’ vede’ se siamo bravi. Che penseresti te d’un posto ‘ndove uno ti dice che gliè i’ capo e ‘nvece gliè l’omino delle pulizie?

Andreina. Eh, gliè un affare a caso!


SCENA 12.


944-

945-

946-

947-

948-

949-

950-

951-

952-

953-

954-

955-

956-

957-

958-

959-

960-


Pompilio. (entra; stessa corporatura di Donato; distinto, ben vestito, comportamenti e aspetto da “damerino”; sullacinquantacinquina, adatto per Luigia; ha la “lisca”) Permesso? Buongiorno.

Andreina. Buongiorno.

Graziella. Buongiorno.

Andreina. Vo io?

Graziella. E ci credo! Io ‘un lo fo più davvero!

Andreina. (si avvia verso Pompilio)Prego, mi dica!

Pompilio. Chiedo scusa, ma ho un serio problema con la mia automobile, l’ho parcheggiata qui.Questo è un agriturismo?

Andreina. Sì.

Pompilio. Almeno una cosa che potrebbe tornarmi utile. C’è posto?

Andreina. Ma certamente, venga!(va dietro il banco)E’ rimasto fermo con la macchina?

Pompilio. Per andare va, ma… Per queste strade devo aver preso una buca un po’ troppo forte.

Sento che mi va tutta da una parte, non vorrei che fosse qualcosa che non va al semiasse.

Andreina. (non capisce a causa della “lisca”)Al?…

Pompilio. Semiasse! Scusi, ma ho questo piccolo difetto di pronuncia…

Andreina. No, che difetto di pronuncia, no no… Sono io che avevo capito male. Guardi, perquello aspettiamo che torni Carlo, mio marito, che ne sa più di noi. Magari possiamo chiamare qualcuno da qui.

Pompilio. Guardi, mi libererebbe da un’ossessione grandissima.

Graziella. (sul proscenio, dà le spalle agli altri due)Accidenti! Ha una lisca sembra che abbia ‘n bocca trecastagne secche! (pausa; assume un’espressione sospettosa) La lisca?

Andreina. Dunque, se vuole approfittare abbiamo ancora disponibilità, come le dicevo. Ha undocumento?


961 -Pompilio. Certamente. Ho la carta d’identità.(la cerca)

(rammenta le stesse caratteristiche ricordate da Luigia nei suoi racconti, constatando che collimano anche con Pompilio)

No, ma ‘un ci sta mica!

963 -Andreina. Il suo nome?

Pompilio. De Renzis.(continua a cercare) Andreina. De Renzis. Di nome?

Pompilio. Pompilio, Pompilio De Renzis. Ecco a lei.(dà la carta d’identità a Andreina)

967 -Graziella. (strabuzza gli occhi)Pompilio? Come Duilio, Virgilio, Attilio… Emilio…(a Andreina)Oh, e’‘un c’è posto!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            34


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


968-

969-

970-

971-

972-

973-

974-

975-

976-

977-

978-

979-

980-

981-

982-

983-

984-


Andreina. Che?

Graziella. (a Pompilio)So’ coso, e’ ‘un c’è mica posto, sa? E’ arrivato un atobusse di cinesi sipensava che fussin pochini, ‘nvece sa come sono ‘ cinesi, fanno come ‘ coniglioli, hanno figliato pe’ la via e ora ‘un si sa ‘ndoe mettili!

Andreina. Graziella, ma che dici?

Graziella. (a Andreina)Mandalo via. ‘Un c’è posto, mandalo via!

Andreina. (a Graziella)Ma Graziella, ma…(a Pompilio)La lasci fare, la mi’ sorella ha sempre voglia discherza’…

Graziella. (a Graziella)E’ ‘un sono scherzi, son cose serie!(a Pompilio)So’ Quintilio… Pompilio. Pompilio.

Graziella. ‘Nsomma, fa rima co’ Ilio, gliè uguale. Guardi, ce n’è tanti di be’ posti a giro, ne vada acerca’ quarchedun’antro, lasci fa’ l’agriturismo “I’ boschetto”!

Pompilio. Boschetto?

Graziella. E gliè i’ nome!

Pompilio. (indica l’insegna)Ma se lì c’è scritto…

Graziella. Ecco, l’ha visto? ‘Un siamo boni neanche a sape’ come ci si chiama!

Pompilio. Non è neanche scritto bene, fra l’altro.

Graziella. Ecco, e quattro! So’ coso, s’immagini lei come gliè capitato male! Dia retta, si levi datre passi e vada…

Andreina. Graziella!(la strattona)Ma che t’ha dato barta i’ cervello? Lascia sta’ i’ signore!(a Pompilio)La scusi tanto, forse sarà stato i’ sole che gli ha dato noia… (a Graziella) Ma io davvero ‘un so che dire! Ma ‘un ti vergogni?

Graziella. (si allontana; in disparte)Addio, ora si fa la frittata…

Andreina. (a Pompilio)Abbia pazienza, guardi… Venga, così la registro. Allora, la carta d’identitàme l’aveva data, vero?


985-

986-

987-

988-

989-

990-

991-

992-

993-

994-

995-


Pompilio. (annuisce)

Graziella. (c.s.)Fatti lascia’ anch’i’ tesserino sanitario…

Andreina. Quando ripassa dopo gliela restituisco, va bene? E pe’ i’ posto… Guardi, se vole laposso fa’ anche scegliere, mi dica lei dove vuole andare…

Graziella. (c.s.)In terra o ‘n forno?

Pompilio. Faccia lei, non si preoccupi.

Andreina. Il numero due, eh? Vedrà che si troverà bene.

Graziella. (c.s.)Anche accanto glielo mette! Siamo a posto!

Andreina. Venga, l’accompagno. Ha dei bagagli?

Pompilio. Ho due valigie, le ho lasciate in automobile. Vado a prenderle.

Andreina. Come vole. Prego.

Pompilio. (esce a destra)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            35


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

SCENA 13.


996-

997-

998-

999-

1000 -

1001 -

1002 -

1003 -

1004 -

1005 -

1006 -

1007 -

1008 -

1009 -

1010 -

1011 -

1012 -

1013 -

1014 -


Andreina. (furibonda)O te! Ma che ti sembra i’ modo di tratta’ la gente? Ma me lo spieghi che t’èpassato pe’ i’ cervello?

Graziella. M’è passato che ora te tu c’ha’ un morto sulla coscienza, ecco che m’è passato! Quellogliè un morto che cammina! Ora tu lo vedi, cammina, chiacchiera… Ma gliè bell’e morto! Poer’omo! E poi come moian male anche tutti, se gli resta i’ capo stiacciato quande gliè qui… Ah, ma io ti ci mando te a puli’, eh! Ti do una balla di segatura e tu t’arrangi da te! Ma ditemi voi…

Andreina. Graziellina, ma che t’è venuto la febbre terzana? Ma ci sei o ci fai?

Graziella. (sospira)La sospirona! Ha avuto cinque fidanzati, tutt’e cinque(rammenta le fattezze di Pompilio,dicendo sempre “tutt’e cinque”), tutt’e cinque l’ha conosciuti di giugno, tutt’e cinque hanno la lisca e tutt’ecinque hanno i’ nome che fa rima co’ Ilio.

Andreina. E allora?

Graziella. E allora, anche i’ so’ coso che tu’ gli ha’ dato propio l’appartamento accanto a lei, glièpari pari come quell’attri cinque, e siamo ni’ mese di giugno! Gliè quistion di tempo: lei lo vede, l’avviticchia e ce lo secca!

Andreina. E te pe’ codeste fisime tu fa’ tutto codesto casino?

Luigia. (entra)

Graziella. Fisime? Tu lo vedrai, se son fisime! Ci scommetto la mi’ liquidazione, guarda, che luiquest’anno i’ panettone ‘un lo mangia!

Andreina. Graziella, ma fa’ sui’ serio pe’ davvero?

Graziella. ‘Un tu ci credi te, eh?

Andreina. No, ‘un ci credo. Ma per nulla, guarda.

Graziella. Se ‘un tu cred’a me, tu credera’ a tu’ occhi. “Doman te n’avvedrai”, diceva i’ PiovanoArlotto! (si avvede di Luigia) O mamma eccola… Venvia, ‘Dreina, fa’ un’opera di bene, va’ a digli che vada via a qui’ disgraziato!

Andreina. Te tu ti se’ bevuta i’ cervello!

Pompilio. (rientra con una valigia; la deposita davanti al banco)Ecco qua. Scusino se ci ho messo un po’, ma…Non sono proprio leggere! (esce a destra per prendere l’altra valigia)

Andreina. Ma gli s’aiuta noi, eh! Ci mancherebbe!(prova a prendere la valigia, ma è troppo pesante e non ci riesce)Graziella, aiutami anche te!

Graziella. (in disparte)Attro che valigia, ci vole ma la cassa da morto ora… Andreina. Graziella!

Graziella. E vengo, e vengo…(si avvicina alla valigia, prova anche lei a sollevarla senza successo)Boia!(a Andreina)‘Pingi!


1015 -

1016 -

1017 -

1018 -

1019 -


Andreina e Graziella. (comicamente, spingono la valigia verso l’uscita a sinistra)

Pompilio. (rientra con la seconda valigia, ma questa la deposita dietro al banco)

Andreina e Graziella. (c.s., spingeranno anche la seconda valigia verso l’uscita a sinistra)

Pompilio. Grazie infinite! Non sono incline a farmi aiutare dal gentil sesso in simili pesantimansioni, ma…

Andreina. (mentre spinge, a fatica)Ma non si preoccupi, è un piacere…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            36


1020 -

1021 -

1022 -

1023 -

1024 -

1025 -

1026 -

1027 -

1028 -

1029 -


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Graziella. (c.s., a Andreina)Piacere un cavolo, poera bischera…

Luigia. (si avvede di Pompilio)Oh… Buongiorno.

Pompilio. A lei, signora.

Luigia. (assume un’espressione estasiata, sorride; si mette una mano al petto come se avvertisse una fitta al cuore; cambia totalmenteportamento, diventando appassionata e gioviale)

Pompilio. Signora, si sente bene? C’è qualcosa che non va? Luigia. No… No, è tutto a posto, non si preoccupi. Signor…

Pompilio. De Renzis, Pompilio De Renzis. Scusi il lieve difetto di pronuncia.

Luigia. Oddio!(sempre più incantata)Non si preoccupi! Piacere, Luigia, Luigia Prosperi.(porge la mano aPompilio)

Pompilio. Il piacere è tutto mio, signora.

Pompilio e Luigia. (parlotteranno fra loro)


SCENA 14.


1030 -

1031 -

1032 -

1033 -

1034 -

1035 -

1036 -

1037 -

1038 -

1039 -

1040 -

1041 -

1042 -

1043 -

1044 -

1045 -

1046 -

1047 -

1048 -


Roberta e Francesco. (entrano da destra; a soggetto)Buongiorno.

Andreina e Graziella. (a soggetto)Buongiorno.

Roberta. Ecco, vedi France?

Francesco. (sui venticinque anni; di bell’aspetto, simpatico e cordiale)Però, bellino! ‘Un lo sapevo che c’era unagriturismo da queste parti. (legge l’insegna) “Le tre cascie”… O che si scrive così?

Graziella. E cinque!

Roberta. France, ragioniamo di cose serie. Questo gliè i’ posto ‘ndove i’ Cubattoli vole fa’ tutta lamessinscena.

Francesco. Qui? Ma che gliè ammattito?

Roberta. Ma che ne so! Io di già ‘un ce l’ho mica con lui, ce l’ho con quella ciucca della mi’mamma che ci si perde! Come fa a ‘un accorgisi che gliè un imbecille! Ma ora, da quande ci hanno rubato anche tutti i sòrdi…

Francesco. Già. Trentamila euro.

Roberta. (annuisce)

Francesco. Du’ giorni prima d’anda’ dai’ notaio pe’ riscatta’ casa vostra.

Roberta. (c.s.)

Francesco. Coi’ Bancomat.

Roberta. (c.s.)

Francesco. Mah.(si gratta la testa, poco convinto)A me questa storia mi fa quasi ridere.

Roberta. Perché?

Francesco. Perché…(desiste da spiegarle ciò che pensa)Mi fa ride’, Robi, che ti devo di’.

Roberta. E a me mi fa piangere, guarda un po’! Aimmeno si fosse ‘n mani bone… Invece ci simette anche qui’ bellimbusto con tutta la su’ prosopopea a martirizza’ la mi’ mamma pe’ ave’ perso i’ portafoglio! ‘Un c’è giorno che ‘un glielo rammenti!

Francesco. Ma te lascialo fa’, venvia…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            37


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1049 -

1050 -

1051 -

1052 -

1053 -

1054 -

1055 -

1056 -

1057 -

1058 -

1059 -

1060 -


Roberta. Ma come lascialo fa’!

Francesco. Fagli fa’ come gli pare, tanto che ce ne ‘mporta a noi?

Roberta. Ma te ha’ capito che vole fa’ ora? Lui vole davv’a ‘ntende’ d’esse’ lui i’ padrone quidentro, che qui gliè tutto suo, pe’ fa’ bella figura coi’ tu’ babbo!

Francesco. Come se ai’ mi’ babbo gliene ‘mportasse quarche cosa.

Roberta. O ‘un lo so! O ‘un lo so la persona che gliè! Santi tutti vi dovrebbero fa’, ‘n codestafamiglia!

Francesco. Ora ‘un esageriamo. Mi pa’ gliè avvocato, Robi, forché santo pole diventa’ ugnicosa.

Comunque, si fa alla sverta: se tu se’ sicura, si va e gli si racconta tutto. Così ci si diverte anche lui.

Roberta. Ma che sarà fatta bene, France?

Francesco. Dammi retta, gliè la meglio. Anzi, gliela voglio propio racconta’ io questa storia, a mi’pa’.

Roberta. Perché?

Francesco. Perché… Perché sì, Robi.(cambia discorso)Ma ‘un ci doveva esse’ la tu’ mamma? Roberta. Ah, già. Andiamo a vede’ se gliè ‘n camera.

Roberta e Francesco. (escono a sinistra)


SCENA 15.


1061 -

1062 -

1063 -

1064 -

1065 -

1066 -

1067 -

1068 -

1069 -

1070 -

1071 -

1072 -

1073 -

1074 -

1075 -

1076 -

1077 -


Pompilio. (a Andreina e Graziella)Chiedo scusa, un’informazione… Loro hanno una vettura dicortesia?

Graziella. Loro chie?

Pompilio. Loro... Voi.

Graziella. Loro noi?

Pompilio. Sì. Hanno una vettura di cortesia?

Graziella. So’ coso…(vorrebbe usare la sua solita espressione, ma sbaglia)Una macchina loro i’ mi’ cognato cel’ha, che marca è ‘un lo so…

Andreina. (per farla tacere)Graziella… No, signor De Renzis, non ce l’abbiamo… Ma può prenderequella di mio marito, non ci sono problemi. Se si tratta di andare nei dintorni…

Graziella. (fra sé)Basta che ‘un gli attraversi un nano…

Pompilio. Normalmente non avrei approfittato, ma credano che ne ho assoluto bisogno!Naturalmente pagando! (non vede le valigie) Ma… Le mie valigie?

Andreina. (le indica)Guardi, noi ci s’è provato, ma… Magari s’aspetta i’ mi’ marito…

Graziella. Se si lavorava nella cooperativa facchini, ‘n quarche modo si faceva, ma…

Luigia. Lei, signor Pompilio, è appena arrivato?

Pompilio. Sì, esattamente, stavo per andare a prendere possesso del mio appartamento.

Luigia. Ma ce lo accompagno io, se qui hanno da fare…

Andreina. Macché, ma è troppo disturbo!

Luigia. Ma quale disturbo!

Andreina. Ma c’è anche le valigie…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            38


1078 -

1079 -

1080 -

1081 -

1082 -

1083 -

1084 -

1085 -

1086 -

1087 -

1088 -


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Luigia. Ma non preoccupatevi! Diano a me!(risoluta, prende le valigie di Pompilio, le alza a fatica ma ci riesce; nondistoglie gli occhi da lui) Che numero di appartamento le hanno assegnato?

Pompilio. Non ricordo…

Andreina. (stupefatta e impressionata; non risponde)

Graziella. (dà una gomitata a Andreina)Oh! Che numero gli ha’ dato?

Andreina. (sempre sbigottita)I’ due.

Luigia. (gridolino di soddisfazione)Oh! Che felicità! E’ proprio vicino al mio! Così avremo l’occasioneper fare… (sentimentale) Quattro chiacchiere...

Pompilio. (un po’ imbarazzato, ma senza disdegnare la corte di Luigia)Ehm… Non mancheremo sicuramente,signora. Io devo uscire nuovamente quasi subito, devo andare in un paese qui nei dintorni, ammesso che lo trovi, perché non conosco tanto la zona. Però quando rientro…

Luigia. (avviandosi verso l’uscita a sinistra)Dove deve andare?

Pompilio. A San Miniato.

Luigia. Ah, ma è una città che conosco molto bene, sa? Se avesse bisogno di qualcuno che lefacesse da guida… (esce a sinistra)

Pompilio. Signora, io la ringrazio, ma non vorrei approfittare troppo della sua disponibilità…(escec.s.)


1089 -Andreina. (perplessa)

SCENA 16.


1090 -

1091 -

1092 -

1093 -

1094 -

1095 -

1096 -

1097 -

1098 -

1099 -

1100 -

1101 -

1102 -

1103 -

1104 -


Graziella. L’ha’ visto? Che ti diceva la tu’ sorella? Questa gliè la fase dell’avviticchiamento. Poic’è la seccatura, intesa come distruzione fisica, vero, di Pompilio sesto. E gliè tutta corpa tua!

Andreina. (si scuote)No no no. E ‘un ci sta, via!

Graziella. Come no! A quello gli manca attro che le maniglie!

Andreina. Che maniglie?

Graziella. Della cassa, pe’ caricallo sui’ carro da morto!

Andreina. Graziella, falla finita!

Graziella. Ma allora ‘un tu vo’ capire!

Romano. (entra da destra)

Andreina. Insomma, basta! Non ne voglio senti’ più di codesti discorsi!

Graziella. (si è avvista di Romano; cerca di dissimulare)Ehm… Ecco, brava!

Andreina. Son tutte baggianate! Fantasie, e basta! Graziella. (c.s.)Tu ha’ fatto bene! Tu ha’ fatto bene a diglielo! Andreina. (non ha visto Romano e non si rende conto)Eh?

Graziella. Perché gliè l’ora di falla finita di fassi mette’ ‘ piedi ‘n capo dalla gente! Cortesia vabene, ma ci dev’esse’ un limite a tutto, maremmina! E che vor’ di’ ora perché… (non sa cosa dire) Brava! Brava! Così vu mi garbate! E ora glielo vo a di’ anch’io!

Andreina. A chie?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            39


(indica Marcella).

Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1105 -Graziella. (a Andreina, accennando Romano)So assai, fo pe’ di’, no!(si avvicina a Romano)Oh, so’ Forconi,come va? Tutto a posto?

1106 -Romano. A postissimo. Ero andato a vedere la piscina, bella davvero, accogliente, pulita…

1107 -Andreina. (fra sé)E vorre’ vede’, ho strusciato tutta la mattina ieri!

1108 -Romano. Avevo quasi voglia di farci il bagno. Peccato che sono senza costume. Li avete voi quidisponibili per i clienti?

1109 -Graziella. (non sa cosa rispondere)Ehm…

1110 -Romano. Faccio tanto pe’ sapere, eh, perché ‘n ogni modo ‘un avre’ tempo, devo anda’ via.

1111 -Graziella. Peccaaato! S’ha un assortimento completo, in tutte le taglie e in tre colori! Eh! Perchéla gente quande vien qui ‘un ci pensa mica a portassi i’ costume, fanno tutti come lei. Peccato che ‘un abbia tempo, vero?

1112 -Romano. Ma forse, dieci minuti….

1113 -Andreina. (c.s.)Addio!

1114 -Romano. No, via, fo troppo tardi.

1115 -Graziella. (sospiro di sollievo)Meno male!


1116 -

1117 -

1118 -

1119 -


Romano. Meno male?

Andreina. (esce a sinistra; rientrerà subito con una scopa e si metterà a spazzare)

Graziella. No, dicevo: meno male se n’è ricordato, se no andava a fa’ i’ bagno, sa Iddio che ora cifaceva…

Roberta e Francesco. (entrano da sinistra)


1120 -Roberta. (a Graziella)‘Un sa mica se i’ so’ Cubattoli è qui o è uscito?

1121 -Romano. Suo padre è qui, signorina, era su una sdraio vicino alla piscina, l’ho visto ora.

1122 -Roberta. Grazie, ma quello ‘un è i’ mi’ babbo. Per me se ci cascasse nella piscina gli starebbeanche bene.

1123 -Roberta. (a Romano)Mi scusi la sfarcata, ‘un ce l’ho con lei. Ma quell’omo io urtimamente meno lo

vedo e meglio sto.

1124 -Romano. Pensavo che fosse suo padre.

1125 -Marcella. (entra da sinistra)

1126 -Roberta. No. Gliè quello che sta colla mi’ mamma, che sarebbe lei.

1127 -Romano. (vede Marcella)Marcella?

1128 -Marcella. (c.s.)Romano?

1129 -Roberta. O che vi conoscete?

1130 -Romano. Ma diamine che ci si conosce! S’era…

1131 -Marcella. (a tempo)Compagni di scuola.

1132 -Romano. Sì, anche… S’era anche compagni di scuola.(le si avvicina e le stringe la mano)

1133 -Roberta. Se quell’attro gliè sempre qui sarà meglio anda’ via subito. ‘Gnamo France. Mamma,

noi si va. (esce a destra)

1134 -Francesco. A domani, signora.(esce c.s.)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            40


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1135 -Marcella. (a Romano)Scusa eh…(risponde a Roberta)Arrivederci! Ci si vede dopo, nina, miraccomando!

SCENA 17.


1136 -

1137 -


Andreina. (spazzando, si interesserà al dialogo di Romano e Marcella, romanticamente; si avvicinerà sempre di più, a sinistra)

Graziella. (accortasi del dialogo tra Romano e Marcella, prenderà uno straccio e si metterà a spolverare, apposta per star lì a sentire,dalla parte opposta a quella in cui si trova Andreina; anche lei si avvicinerà sempre di più)


1138 -Romano. Che bella figliola. Assomiglia tutta a te.

1139 -Marcella. ‘Un è vero, è tutta i’ su’ poero babbo.

1140 -Romano. Già… Lo sentii dire di quella disgrazia.

1141 -Marcella. Ormai son quindici anni.

1142 -Romano. Mettiamoci a sede’ du’ minuti.


1143 -

1144 -

1145 -

1146 -

1147 -


Marcella. (perplessa)

Romano. (si siede sul divano)S’era compagni di scuola, no? Tu l’ha’ detto te! E du’ compagni discuola ‘un possano fa’ du’ chiacchiere?

Marcella. (si siede anche lei)

Romano. E ‘nsomma, dopo la disgrazia… Tu ti se’ rifatta una vita, eh?

Marcella. (sospira, e si stringe nelle spalle)


1148 -Romano. No, ma tu ha’ fatto bene. Non posso approva’ la scelta che tu ha’ fatto…

1149 -Marcella. O che lo conosci Donato?

1150 -Romano. Ci siamo presentati qui, prima. ‘Un è che m’abbia fatto una grande ‘mpressione.

1151 -Marcella. Eh… Anche nelle grazie della mi’ figliola Donato ‘un c’è ma’ entrato.

1152 -Romano. Sì, però io…(pausa)Prima volevo dire che… Tu ci avresti avuto chi scegliere, se tuvolevi sceglie’ bene.

1153 -Marcella. Se’ vedovo anche te?

1154 -Romano. Io? No, io no. Son pinzo, come si dice.

1155 -Marcella. Ah! Bravo. Tu te la godi, allora.

1156 -Romano. Mah. Dipende… Da’ punti di vista.

1157 -Marcella. È una scerta che tu facesti te. A que’ tempi, avre’ anche potuto…

1158 -Romano. (interrompe)Ma io ero tutto differente, a que’ tempi! Avevo solo la boxe ni’ capo, pensavod’avecci una carriera davanti… Mi ritrovai a dove’ scegliere. Oddio, io avrei fatto anche tutt’e due le cose ‘nsieme, ma tutti mi dicevano… Mi sconsigliavano.

1159 -Marcella. Chi fa coi’ cervello di quell’attri…

1160 -Romano. Quante tu ha’ ragione, Marcellina.

1161 -Marcella. (sorride)

1162 -Romano. Che c’è?

1163 -Marcella. No, è che… Era tanto che ‘un mi sentivo chiama’ Marcellina.

1164 -Romano. E te come mi chiamavi?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            41


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1165 -

1166 -

1167 -

1168 -

1169 -

1170 -

1171 -

1172 -

1173 -

1174 -

1175 -

1176 -

1177 -

1178 -

1179 -

1180 -

1181 -


Marcella. Romanino.

Romano. Te lo ricordi?

Marcella. Poteva dura’ pe’ sempre, e ‘nvece…

Romano. Io ‘un t’ho dimenticato mai, Marcella. In ogni donna che ho conosciuto ho cercato diritrova’ un po’ di te, ma… Donne come te ‘un ce n’è, Marcellina.

Marcella. Romano… Se tu sapessi quante vorte ho sperato che ti sorbassero bene bene! Romano. Come?

Marcella. Quande tu ci avevi gl’incontri, che tu venivi sempre a dimmelo… Romano. ‘Un tu se’ ma’ venuta, però.

Marcella. No, perché… Prima che ci fosse l’incontro speravo che te le dessero perbene, che tibuttassero kappaò subito, che ti passasse quella smania, quella passione che tu avevi… Poi quando arrivava l’ora… Allora chiudevo l’occhi, stringevo ‘ pugni e dicevo tra me “Madonnina Madonnina perdonami, fa’ che ‘un si faccia male i’ mi’ Romanino”!

Romano. Bah, però pare che la Madonnina… Insomma, co’ un po’ di ritardo, ma una mano cel’ha data. C’ha fatto ritrovare.

Marcella. ‘Un son più que’ tempi, Romano. Quande s’era ragazzi gliera differente, ‘un s’avevapensieri. Quande s’andava bene a scuola s’era a posto.

Romano. Per te anda’ bene a scuola gliera facile! Per me no!

Marcella. Perché ‘un tu studiavi! Tu passavi i’ tempo a tira’ cazzotti ‘n qui’ saccone!

Romano. No, gliè anche che… Io pe’ l’istruzione ci son sempre stato portato poco.

Marcella. (fa il verso del professore di italiano)“Forconi! O studiar con impegno ed esser uomini…”

Romano. (imita c.s.)“… O in Empoli volar pel Corpus Domini!” Codesto gliera lo Scali!(ride)

Marcella. (ride anche lei)Un po’ ciuco tu eri davvero, però, eh!


1182 -Romano. Che vo’ che sia! Di ciuchi gliè pien’i’ mondo, Marcellina. L’ha’ vista anchequest’insegna qui, la vedi?


1183 -

1184 -

1185 -

1186 -

1187 -

1188 -

1189 -

1190 -


Marcella. L’insegna?(si volta a guardarla; ride)“Le cascie?” Poerini, quello gliè peggio di te!

Graziella. E sei!(si rende conto di aver disturbato Romano e Marcella)Uh… Scusate.

Marcella. (da ilare torna seria)

Romano. (imbarazzato)Ehm… Che… Ci avevi da pulire?

Graziella. Sì, sa, noi si tiene all’igiene.

Romano e Marcella. (si alzano)

Romano. (prende Marcella sottobraccio e si avvia a sinistra)‘Gnamo, venvia. Si va di qua, c’è i’ giardino co’ lepanchine.

Romano e Marcella. (escono a sinistra)


SCENA 18.


1191 -

1192 -


Andreina. Graziellina! Tu ci ha’ levato tutt’i’ divertimento.

Graziella. Davvero, accident’alla mi’ boccaccia! Mi sembrava d’esse’ alla tivù, a vede’ unatelenovela!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            42


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1193

Andreina.Te che dici, come va a fini?(volgerà le spalle alla porta di destra)

1194

Graziella.Io dico che que’ due piano piano…(fa cenno con le dita come per dire “stanno insieme”)

1195

Donato.(entra da destra)

1196

Andreina.(non ha visto Donato)E lo dico anch’io. Che poi lei, a sta’ con qui’ bellimbusto…

1197

Graziella.(ha visto Donato e cerca di sviare)No. No no…

1198

Andreina.Come no? O che ti pare un omo quello lì?

1199

Graziella.Ehm… Che si diceva?

1200

Andreina.‘Un cambia’ discorso! Secondo te i’ so’…

1201

Graziella.(a tempo, si schiarisce rumorosamente la voce)

1202

Andreina.Senti lì che raschiore! Fuma fuma, ti fa bene!

1203

Donato.Scusate, avete visto mia moglie?

1204

Andreina.(spaventata)Eh? La su’ moglie?

1205

Donato.Eh. L’avete vista?

1206

Andreina.S’è vista?

1207

Graziella.S’è vista?

1208

Andreina.E… M’è venuta a mente una cosa, bisogna che vada di là!(esce a sinistra frettolosamente)

1209

Graziella.Nata d’un cane!

1210

Donato.L’avete vista o no?

1211

Graziella.Intende la signora… Marcella?

1212

Donato.Sì, lei.

1213

Graziella.‘Un è mica la su’ moglie.

1214

Donato.Non si impicci, pe’ piacere! Risponda!

1215

Graziella.No, ‘un l’ho vista. Sarà ancora ‘n camera.

1216

Donato.Oh! Finalmente!

1217

Graziella.Abbia pazienza, e’ chiede della su’ moglie! La su’ moglie qui ‘un c’è, ‘un c’è ma’ stata e

‘un si conosce! O via! (pausa) Scusi i’ tono, ma dopo quella discussione di stamattina sono un po’…

‘Nsomma, bisogna che mi passi, ecco.

1218

Donato.Eh, via… Una divergenza di vedute, roba da nulla.

1219

Graziella.Codesto lo dice lei, abbia pazienza.

1220

Donato.(pausa; si guarda intorno circospetto)Lo sa? Lei è l’unica persona con cui si può veramente parlare,

qui dentro.

1221

Graziella.Se gliè un complimento, grazie.

1222

Donato.Senta…(confidenziale)Si ricorda quel… Piccolo presente che le ho elargito ieri?

1223

Graziella.I dieci euro?

1224

Donato.Esattamente.

1225

Graziella.Che li rivole?

1226

Donato.No no. Pensavo però che… Io sono certo che lei vorrà… Vorrà ricambiare, facendomi

un piccolo favore.

www.massimovalori.net

43


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1227 -Graziella. Favore? Ah no no no no no! Glieli ridò e siamo pari come prima, guardi.

1228 -Donato. Va bene. Allora lei mi costringe.

1229 -Graziella. La costringo? A fa’ icché, scusi?

1230 -Donato. C’è quel tale signor Romano, di cui discutevamo amabilmente stamattina…

1231 -Graziella. Meno discorsi, cosino, venga ai’ dunque!

1232 -Donato. Lui sarebbe contento di sapere chi è che comanda qui.

1233 -Graziella. Sarebbe contento di sape’…(capisce)Brutto filibustiere terrorista faccendiere rubapolli egalline! Gliè un ricatto, codesto?

1234 -Donato. Eeh, che parolone! Chiamamolo un accordo.

1235 -Graziella. Accordo di che? Io accordi con lei ‘un ne fo!

1236 -Donato. Ma se ancora ‘un sa quello che voglio.

1237 -Graziella. ‘Un me ne ‘nteressa!

1238 -Donato. Via, signora…

1239 -Graziella. Signorina.

1240 -Donato. Ah, anche? ‘Un lo sapevo, mi fa piacere.

1241 -Graziella. No, allora ritorniamo alla signora, mi garba di più!

1242 -Donato. Stia calma. Tranquilla. Mi lasci spiegare.

1243 -Graziella. (gli volta le spalle, ma ascolta)

1244 -Donato. Le chiedo solo di continuare a fare la parte della padrona, con me. Con me e conun’altra persona che verrà qui domani. Tutto qui. Io domando e lei risponde, da padrona. Troppo difficile?

1245 -Graziella. ‘Un è codesto. Sono ‘ ricatti che a me…

1246 -Donato. Signorina…

1247 -Graziella. Signora. E dimorto, per lei.

1248 -Donato. Facciamo questo accordo, sulla fiducia. Ci sta?

1249 -Graziella. Vole solo questo?

1250 -Donato. Questo e basta. E alla fine di tutto potrei… Potrei anche aggiungere un’altra mancia,con uno zero un più.

1251 -Graziella. ‘Un si sciupi, ‘un ne voglio sòrdi da lei.(riflette)Allora va bene, ma oh: domande erisposte, e rizzati.

1252 -Donato. Brava. Fa la scelta giusta.

1253 -Graziella. No, fo la scerta che lei mi costringe a fa’. Gliè differente.

1254 -Pompilio e Luigia. (entrano da sinistra)

1255 -Donato. Allora siamo d’accordo, eh? Arrivederla.(esce a destra)

1256 -Graziella. Stia bene.

SCENA 19.

1257 -Pompilio. Ma io non voglio approfittare troppo della sua gentilezza…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            44


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1258 -

1259 -

1260 -

1261 -

1262 -

1263 -

1264 -

1265 -

1266 -

1267 -

1268 -

1269 -

1270 -

1271 -

1272 -

1273 -

1274 -

1275 -

1276 -

1277 -


Luigia. Ma che approfittare! Sono proprio contenta di svagarmi un po’, me lo dicono tutti che neho bisogno… Pompilio.

Pompilio. Io davvero… Mi consentirà di ricambiare il favore che mi fa con… Un invito apranzo… Luigia.

Luigia. Con molto piacere! Diamoci del tu, Pompilio… Se per te va bene.

Pompilio. Ma certamente, Luigia.

Graziella. O voi! Che andate via?

Luigia. Pompilio… Cioè, il signor De Renzis deve andare a sbrigare una commissione a SanMiniato, e io… Lo accompagno!

Graziella. O brava. Andate andate. Più lontani vu andate e meno si rischia. Guardi: voleva lamacchina? (va al bancone e trae le chiavi dal cassetto) Ecco a lei, le chiavi gliele do io. Faccia pure i’ su’ comodo. E attento ai’ capo, eh?

Pompilio. Perché? C’è il tettino basso?

Graziella. No, nulla, lasci fare, pensavo a un’antra cosa. D’attra parte, io quello che potevo fa’l’ho fatto. Ma andate a fa’ una girata, andate… Anche dopo mangiato, se vi pare d’un torna’… ‘Un vi preoccupate, andate…

Pompilio. Dopo mangiato? Ma sì, perché no? Si potrebbe andare a fare un giro verso il mare!

Luigia. Oh, Pompilio, con queste belle giornate… E poi per cena conosco un ristorantino aTorre del Lago dove fanno un pesce meraviglioso!

Pompilio. Allora… Non ho più scelta!

Luigia. Che mattacchione!

Graziella. (fra sé)Mattacchione? Ha detto ma bene! Ormai ‘un ha più scerta!(fa azione come per dire “nonc’è più niente da fare”)

Pompilio. Andiamo. Prima sbrigo quella faccenda, prima saremo liberi di andare a divertirci!

Graziella. (fra sé)E sa’ gliè un divertimento a caso! L’urtima cena, vah!

Luigia. Andiamo, Pompilio. Arrivederci.(esce a destra)

Graziella. Arrivederci.

Pompilio. Arrivederci!(esce c.s.)

Graziella. (le sovviene)‘Un gli ho detto nulla de’ freni!(desiste)Ma sì, pazienza, tanto lo fa una vortaogni tanto… Se gli metto paura capace restan qui e poi ci tocca lavora’ di segatura! No no, lascia fa’ che vadino! Più lontano vanno…


SCENA 20.


1278 -

1279 -

1280 -

1281 -

1282 -

1283 -

1284 -


Carlo. (entra da destra, col sacchetto della macelleria)O chi è quello co’ la signora Prosperi?

Graziella. Un disgraziato!

Carlo. L’ha’ visto come gliera tutta svenevole? A trova’ compagnia ha ripreso subito galletto! Graziella. Pe’ un po’ sì. Quante gli durerà ‘un si sa.

Carlo. Ma che, venvia… Ha’ visto mai che questa sia la vorta bona…

Graziella. Sì sì. Anche la mi’ sorella ‘un ci crede. Vu vedrete come va a fini’.

Carlo. Oh, e’ saranno problemi sua.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            45


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1285 -Graziella. Ci sta che siin anche tua. Vanno via co’ la tu’ macchina.

1286 -Carlo. Colla mi’ macchina?(va alla finestra)Ma… Vanno via co’ la mi’ macchina!

1287 -Graziella. O ‘un te l’ho detto ora? Gli ho dato le chiavi io!

1288 -Carlo. Tu gli ha’ dato le chiavi te?

1289 -Graziella. Io ‘un c’entro nulla, eh? Gliè stata la tu’ moglie! La tu’ macchina gliè doventata lavettura di gentilezza!

1290 -Carlo. Gentilezza?

1291 -Graziella. No, aspetta… No gentilezza, com’era… Di premura… No, neanche… Come sidice…

1292 -Carlo. Ma come si dice icché?

1293 -Graziella. Di cortesia! Ecco!

1294 -Carlo. Che cortesia?

1295 -Graziella. Siccome lui ha problemi alla su’ macchina, l’ha lasciata qui e ha preso unappartamento. E la mi’ sorella gli ha detto che poteva piglia’ la tu’ macchina, n’aveva di bisogno.

1296 -Carlo. E ‘ndo’ vanno?

1297 -Graziella. Ragionavan d’anda’ a Torre di’ Lago! Ma per me ‘un arrivano neanc’a Pontedera!

1298 -Carlo. E io come fo senza macchina?

1299 -Graziella. Ora tu eri a giro ‘n bicicretta, come fa’ tu lo sai.

1300 -Carlo. Io… Io cert’idee ‘un le capisco! Ma come, da’ via la mi’ macchina! Ora quande mi viene atiro tu lo vedi, lupacchiotta della miseria! Gli rompo quarche cosa sui’ groppone.

1301 -Graziella. Ecco, allora, se tu vo’ piglia’ du’ piccioni co’ una fava,(indica l’insegna)rompiglici quella!

1302 -Carlo. Quella quale?

1303 -Graziella. L’insegna! Da stamani n’ho contati sei che hanno detto che gliè scritta male. E menomale ‘un se ne doveva accorge’ nessuno!

1304 -Carlo. Ma ditemi voi se uno come me si deve fa’ piglia’ ‘n giro a questa maniera!

1305 -Graziella. O Carlo, se tu vo’ sistema’ le cose c’è du’ modi soli: o tu ‘mpari l’italiano, o tu butti giùle casce!

1306 -Carlo. Come?

1307 -Graziella. O tu ‘mpari l’italiano, o tu butti giù le casce!(pausa; sorride)Va’ a piglia’ la motosega, vai!

1308 -Carlo. (impermalito)Maremma, ma che credi che abbia paura! E vo davvero, eh!(esce a destra)

1309 -Graziella. (lo segue)No, Carlo! Carlo! E scherzavo, Carlo! Vien qua!(esce c.s.)

(sipario)

FINE SECONDO ATTO


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            46


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

ATTO TERZO

Prima dell’apertura del sipario si ode il rumore di una motosega al lavoro.

La stessa scena del primo atto, il mattino dopo. Non c’è più l’insegna appesa al muro e non ci sono più le acacie sullo sfondo.

SCENA 21.


1310 -

1311 -

1312 -

1313 -

1314 -

1315 -

1316 -

1317 -

1318 -

1319 -

1320 -

1321 -

1322 -

1323 -

1324 -

1325 -

1326 -

1327 -

1328 -

1329 -


Carlo, seduto al divano, sta dipingendo una nuova insegna.

Andreina. (entra da destra, con la borsa della spesa ricolma)Ohi ohi che mattinata! Meno male son andata viapresto! Ma l’ho fatte tutte, eh? Guarda, ‘un son nemmeno l’undici. Qui chi c’è?

Carlo. Io. Che da ieri son senza macchina.

Andreina. (sarcastica)E sa’, lo ridice!

Carlo. Lo ridico sì! Qui vetture di cortesia ‘un ce n’è. La mia poi, che sia la prima e l’urtima vorta.

Tutt’al più di cortesia ci si potrà mette’ una bicicretta, se propio propio.

Andreina. Va bene, ormai pe’ questa vorta gliè andata così. Allora: qui ora chi c’è?

Carlo. Chi c’è… La Prosperi e quello novo ‘un ci sono, s’è detto. Poi la figliola degli sfollati… Andreina. Gli sfollati?

Carlo. Sì, gnamo… Quelli d'Empoli…

Andreina. Ah, i Cubattoli.

Carlo. Lei gliè andata via presto. Poi gliè andato via anche lui, i’ su’ babbo che ‘un è i’ su’ babbo.

La su’ mamma era sotto l’ombrellone a chiacchiera’ coi’ Forconi. Mi sbaglierò, ma lì c’è di’ dorce.

Andreina. E’ ‘un tu se’ l’unico che lo pensa.(si avvicina a Carlo e vede l’insegna che sta facendo)O che ne fa’un’antra? O ‘un bastava che tu ci levassi l’”i”?

Carlo. (impegnato nel suo lavoro, non capisce)Eh?

Andreina. O ‘un bastava l’”i”?

Carlo. (fraintende)Indove lì?

Andreina. Lì. Sull’insegna.

Carlo. Eh. Che ci dovevo leva’?

Andreina. L’”i”.

Carlo. E ho capito. Lì, che ci dovevo leva’?

Andreina. L’”i”, t’ho detto.

Carlo. E io ti rispondo: va bene, lì, ma che cosa ci andava levato lì, lupa della miseriaccia!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            47


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1330 -

1331 -

1332 -

1333 -

1334 -

1335 -

1336 -

1337 -

1338 -

1339 -

1340 -

1341 -

1342 -

1343 -

1344 -

1345 -

1346 -

1347 -

1348 -

1349 -

1350 -


Andreina. La “i”, Carlo, la lettera “i”, la vocale, lì sull’insegna! Ooh!

Carlo. (capisce)Aah… L’”i” lì… Cioè l’”i” qui! E te dillo!

Andreina. E te ‘ntendilo!

Carlo. Comunque gliè un problema superato. Ora si cambia nome.(gira l’insegna e c’è scritto “LAPACIE”)

Andreina. (legge)“La…” O che è? Ah, pace! La pace! Ma tu ha’ risbagliato. C’è un “i” di troppo. Carlo. Anche qui!

Andreina. Attro che quattro tu avevi te, a italiano. T’è andata bene se ‘un t’hanno espatriato.

Carlo. Con codesto spirito la mi’ mamma ci puliva ‘ vetri.

Andreina. Giusto. Avevo detto di da’ una pulita a questi qui, di vetri.(va alla finestra per osservare i vetri,poi si rende conto che le acacie non ci sono più) O mamma… O che… Carlo!

Carlo. Oh.

Andreina. Ci hanno rubato le casce!

Carlo. Gli serviranno pe’ fa’ i’ foco!

Andreina. Ma… Se’ stato te?

Carlo. Un problema risolto, e bene! Pensa’ che gliè stata un’idea della tu’ sorella! Stamani hopreso la motosega, in un’oretta ho fatto!

Andreina. Ma perché tu l’ha’ levate?

Carlo. Perché vu me l’avete rotti! Gliè du’ giorni, e boschetto, e casce, e l’acca, e l’”i”… Guardacome si fa, mi son detto, così ‘un c’ha più da di’ nulla nessuno!

Andreina. Eppure a te i’ sole t’ha dato noia!

Carlo. Senza conta’ la legna, che fa sempre comodo. Un mezzo quintaletto c’è sortita fòri.

Andreina. Ha ragione la tu’ cognata quande dice che tu se’ permaloso, eh? Pe’ du’ critiche chet’hanno fatto, c’era bisogno di risolve’ i ‘ problema a quella maniera?

Carlo. (si alza)Così, i’ giorno che mi criticano la moglie, tu sa’ quello che t’aspetta!(verso l’uscita asinistra) Vo a piglia’ chiodi e martello! (esce a sinistra)

Andreina. (lo segue)Poero citrullo! Pe’ butta’ giù Andreina, attro che motosega! A me ‘unm’ammazza nemmeno lo schiacciasassi, lo disse anch’i’ dottore! (esce a sinistra)


SCENA 22.


1351 -

1352 -

1353 -

1354 -

1355 -

1356 -

1357 -


Marcella e Romano. (entrano da destra, in quest’ ordine; lei cerca di allontanarsi da lui)

Romano. Marcella… Aspetta, vien qua!

Marcella. No, Romano, via…

Romano. (la afferra per un braccio e la blocca)Ma perché no?

Marcella. Senti, io ho bell’e ricominciato daccapo una vorta. E ‘un voglio ricomincia’ ancora.

Basta, ormai son così e ci sto.

Romano. Ma ti pare di stacci bene, con qui’ coso?

Marcella. Ci sto. Ormai ci sto.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            48


1358 -

1359 -

1360 -

1361 -

1362 -

1363 -

1364 -

1365 -

1366 -


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Romano. (annuisce; pausa)Senti, ma ti ricordi… Quella vorta che tu mi passasti i’ compito dimatematica, che se no mi bocciavano… Te lo ricordi?

Marcella. O che ti viene a mente ora?(si compiacerà via via che Romano racconta)

Romano. In che peste ero, mamma mia… Io ‘n tutti que’ numeri a fila ‘un ci ho ma’ capito nulla.Mi vedevo di già i’ quattro scritto di rosso sui’ foglio. Allora ti chiamai, disperato; e te tu ti girasti. E ti dissi “Marcellina, o tu mi sarvi te, o se no un antr’anno ‘un siamo ‘n classe ‘nsieme”. Allora te tu ti mettesti lì a scribacciola’ e poi tu mi buttasti una pallina con quella formulaccia fatta, con tutti i passaggi. Io ti chiamai e… Te lo ricordi icché ti dissi?

Marcella. Tu mi dicesti “ci ho bell’e fatto una scancellatura, come fo?” Romano. E te tu mi rispondesti…

Marcella. (continua lei)“Ndove ce n’è una, tu ce ne fa’ un’antra!”

Romano. Preciso, a codesto modo. Feci come tu avevi detto te, e consegnai. E presi nove.

Marcella. I’ professore bubbolò un po’, ma te lo prese pe’ bono lo stesso.

Romano. E allora, dico io…(si avvicina a Marcella, le prende il viso tra le mani)Te, ora, sui’ tu’ compito,quello della tu’ vita, quello più ‘mportante di tutti… Un’antra scancellatura, ‘un ce la vo’ fa’?


1367 -

1368 -


Marcella. (appoggia le sue mani su quelle di Romano, le afferra e lentamente se le toglie dal viso; sembra quasi cedere all’avance dilui, poi china il capo ed esce a sinistra)

Romano. (chiama, senza seguirla)Marcellina… Marcella…(scuote il capo, deluso; esce a destra)


SCENA 23.

1369

-

Carlo. (rientra con martello e gancini; ne applicherà uno all’insegna, che poi attaccherà al solito posto)O vediamo se ora…

Un bussolo di vernice m’hanno fatto fini’, a furia di scritte!

1370

-

Graziella e Donato. (irrompono da destra; Graziella, molto alterata, trascina Donato, che ha il giornale in mano)L’avete

letto i’ giornale?

1371

Carlo.Che c’è scritto? Che ci hanno rubato le casce?

1372

Graziella.Va a chiama’ la tu’ moglie!

1373

-

Carlo. Perchè?

1374

-

Graziella. (si avvicina all’uscita di sinistra; chiama)Andreinaaa! Vieni qua, subitooo!

1375

-

Carlo. (a Graziella, sarcastico)Bongiorno, eh?

1376

Graziella.Bongiorno? Che bongiorno! Oggi gliè un giorno da tragedia! Ma io l’avevo detto, eh…

Io l’avevo detto, e voi duri!

1377

Carlo.Detto di che?

1378

Andreina.(entra)Si po’ sape’ che tu urli?

1379

Graziella.Aspetta d’ave’ letto i’ giornale, poi vedrai tu urli anche te!(strapperà il giornale dalle mani di

Donato)

1380

Andreina.O che c’è scritto?

1381

-

Graziella. (a Andreina)Che c’è scritto? Che c’è scritto?(sbatte ripetutamente il giornale addosso a Andreina)Che

c’è scritto, tu mi domandi? Eh?

1382

Andreina.Graziellina! Ma che t’è preso? Ma che avete tutti stamani?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            49


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1383 -

1384 -

1385 -

1386 -

1387 -

1388 -

1389 -

1390 -

1391 -

1392 -

1393 -

1394 -

1395 -

1396 -

1397 -

1398 -

1399 -

1400 -

1401 -

1402 -

1403 -

1404 -

1405 -

1406 -

1407 -

1408 -


Donato. Ehm… Sarebbero ottanta centesimi… Se poi vu volessi arrotondare all’euro, pe’ i’disturbo…

Graziella. (a Donato)Ma si cheti, lei, queste son cose gravi, sono!(a Andreina)Vo’ sape’ che c’èscritto? Eh? Guarda, guarda! Assassina!

Andreina. (guarda la foto sul giornale)Uh mamma che lavoro! O ‘ndo’ è stato? Carlo. Fa’ vede’…(si avvicina e legge)“Tragedia sulla Firenze-Pisa-Livorno.”

Graziella. (riprende a sbattere il giornale c.s.)Tragedia! Ha ‘nteso? Criminala!

Andreina. O Graziella, tu mi fa’ paura, via… Ma che è successo?

Graziella. Che è successo? La sospirona e i’ disgraziato, abbrosticciati tutt’e due! Toh!

Andreina. O che dici?

Carlo. Ma venvia, ma che scherzi davvero!(toglie il giornale di mano a Graziella)

Graziella. Scherzo? Leggi, leggi! Faglielo senti’, a quella sciagurata! Rovinafamiglie!

Carlo. Fammi vede’ un po’ a me!(legge)“Tragedia sulla Firenze-Pisa-Livorno. Nel pomeriggio diieri, verso le sedici, si è verificato un terribile incidente, in direzione Pisa, subito dopo l’uscita di Montopoli.”

Graziella. Lo dicevo io, che ‘un arrivavan neanc’a Pontedera!

Carlo. (legge)“Una Duna…”(commenta)Come la mia, una Duna!

Graziella. La vettura di cortesia! Sempre corpa tua, eh! Delinguentessa!

Carlo. (ricomincia a leggere)“Una Duna con a bordo un uomo e una donna ha tamponatoun’autocisterna piena di gasolio. Per il tremendo urto il combustibile ha preso fuoco, avviluppando la vettura senza lasciare scampo agli occupanti. I vigili del fuoco accorsi sul posto hanno dovuto lavorare ore per spegnere l’incendio ed estrarre dalla vettura i loro poveri resti. La loro identificazione appare particolarmente difficile, soprattutto per quanto riguarda l’uomo, che si trovava al volante e…” (commenta) Lupacchiotta della miseria!

Graziella. Leggi, leggi!

Carlo. (continua a leggere)“… E la cui testa si è praticamente fracassata nell’incidente!”

Graziella. Che dici! O ‘un lo sapevo io! E la tu’ moglie che l’aveva messi anc’accanto, lei all’uno elui ai’ due!

Carlo. Però a questo giro c’è rimasta anche lei!

Graziella. Gliera l’ora, gliera! Se no quella barbogia piano piano riempiva un camposanto ‘ntero!

Donato. (non visto dai presenti, si reca dietro il bancone e prende le chiavi delle camere uno e due - di Luigia e Pompilio -, poi usciràa sinistra)

Carlo. (si dispera)Sentite che dice dopo! “La dinamica dell’incidente non risulta ancora ben chiara,ma gli inquirenti ipotizzano che la vettura avesse dei problemi al sistema frenante.” Son rovinato! Ora mi mandano ‘n galera!

Graziella. Davvero… O poero i’ mi’ cognato a Sollicciano! Però un po’ ti sta bene, se tu l’avevifatta accomoda’…

Andreina. ‘Une scherziamo con queste cose, via!

Carlo. E chi scherza? Se ‘un gli ha frenato hanno picchiato sì! E quello gliè corpa mia, lupacciamiseriaccia! Ma anche tua, che tu gli ha’ prestato la macchina!

Andreina. Se gliè pe’ codesto, le chiavi gliel’ha date lei!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            50


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1409 -Graziella. Ecco, la meglio gliè che vu mi ci tiri ni’ mezzo me, sì! Io eseguivo l’ordini!

1410 -Carlo. ‘Dreina, gnamo!

1411 -Andreina. Gnamo ‘ndove?

1412 -Carlo. Da’ Carabinieri, no?

1413 -Graziella. Vai, bravo, gliè la meglio. Se tu ti costituisci ti danno l’attenuanti generiche. Quarcheanno di meno te lo fanno fa’. O mamma mia, poero Carlo…

1414 -Andreina. O ‘un le dite codeste cose, vu mi fate paura…

1415 -Carlo. Gnamo, via…(si avvia verso la porta di destra, demoralizzato)Tu m’accompagni te, poi se mi civole… ‘Un lo so, un cambio, quarcosa da mettimi… Tu me lo porti là.

1416 -Andreina. Ma là ‘ndove?

1417 -Carlo. A Sollicciano.

1418 -Andreina. Ma come, o che t’arresteranno pe’ davvero?

1419 -Graziella. Gliè di già tanto se ‘un son venuti qui a pigliallo!

1420 -Andreina. O Carlo pe’ l’amor di Dio… Come farò a vive’ con questo peso sulla coscienza…

1421 -Graziella. Guardate a che ci si deve ritrova’ pe’ ave’ fatto una gentilezza ai’ prossimo! Meglioesse’ ma maleducati, ni’ mondo, ci si guadagna di più!

1422 -Andreina. Carlo, ma che possano da’ la corpa a te?

1423 -Carlo. ‘Dreina, se loro son morti co’ la mi’ macchina, se la macchina gliera difettosa, se i’ difettogliè corpa mia…

1424 -Graziella. Omicidio colposo plurimo. Ma che lo sai quant’anni di galera sono?

1425 -Andreina. Quanti sono?

1426 -Graziella. So assai, ‘un son mica avvocato io!

1427 -Andreina. Via, no, tu’ ha ragione… La meglio gliè anda’ da ‘ Carabinieri. E co’ icché ci si va?

1428 -Carlo. In bicicretta, vedrai… Ti monto sulla canna. E poi tu tornera’ da te.

1429 -Andreina. In gonnella su una bicicretta da omo! O come fo!

1430 -Carlo. ‘Dreina, o che ti pare i’ momento…

1431 -Andreina. Tu ha’ ragione, tu ha’ ragione… Gnamo, via! Fammi piglia’ i’ registro,(esegue)c’è dati ditutt’e due, aimmeno se ce lo domandano…

1432 -Graziella. A proposito, Carlo, diglielo a’ Carabinieri, eh! Diglielo, che tanto per lo meno luidoveva mori’ pe’ forza, ormai gliera segnato!

1433 -Andreina. E meglio sarebbe digli a codesto modo!

1434 -Graziella. Perché? Gliè la verità! Basta che tu gli racconti di quell’attri cinque. Te li ricordi?

1435 -Andreina. ‘Un facciamo discorsi a bischero, pe’ piacere! Via, gnamo da questi Carabinieri! Maguardate…

1436 -Carlo. ‘Dreina, i’ tu’ marito sta pe’ essere accusato d’omicidio! Ma ci pensi allo scandalo, andrò sututti ‘ giornali…

1437 -Graziella. Anzi, codesto sarebbe bene! Si mette i’ cartello fòri: “qui abitava l’omicida diMontopoli”! Sa’ quanta gente ci viene?

1438 -Andreina. O Graziella ‘un le di’ codeste cose! Gnamo.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            51


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1439 -

1440 -

1441 -

1442 -

1443 -

1444 -

1445 -


Carlo. Addio Graziella.

Graziella. Addio Carlo. Ti si verrà a trova’, vai, co’ la supestrada si fa alla sverta… Andreina. Graziellina, qui pensaci te, eh…

Carlo. Graziella, ‘un di’ nulla a nessuno, eh? Fa’ come se ‘un fosse successo nulla. Addio.(esce adestra, mestamente)

Andreina. Davvero Graziellina, eh, fa’ come se nulla fosse, ‘nteso? Noi si torna prima che sipole.

Graziella. Voi? Io dico che tu torni da te sola!

Andreina. Madonna mia benedetta teneteci una mano sui’ capo voi!(esce a destra)


SCENA 24.


1446 -

1447 -

1448 -

1449 -

1450 -

1451 -

1452 -

1453 -

1454 -

1455 -

1456 -

1457 -

1458 -

1459 -

1460 -

1461 -

1462 -

1463 -

1464 -

1465 -

1466 -


Graziella. Io me lo ‘mmaginavo, me lo ‘mmaginavo! Via via, andiamo a sistema’ questa roba. Quic’è un’attività da manda’ avanti. Hanno detto bene, ora bisogna fa’ come se ‘un fosse successo nulla. Gliè come ni’ circo: lo spettacolo deve continua’! Anche ni’ teatro però si dice, eh… (esce asinistra)

Roberta, Francesco e Lorenzo. (entrano da destra)

Lorenzo. (sui sessant’anni; elegante, ma alla mano; è avvocato, ma non lo fa pesare al prossimo; arguto, intelligente)Ma si deveaspetta’ qui?

Roberta. L’appuntamento era qui, ma siamo un po’ ‘n anticipo. Ma lei gliè sicuro che…

Lorenzo. E’ tutto a posto, t’ho detto. Vu m’avete spiegato come sta la storia, e io… Io ho fatto ‘mi’ passi. Vedrai che ti servo bene.

Roberta. Ma gliè proprio necessario che ci si debba sta’ anche noi?

Lorenzo. Necessario ‘un sarebbe, ma io credo che sia meglio se tu resti. Tu vedrai che quello cheviene fòri t’interessa anc’a te.

Roberta. Io mi vergogno com’una ladra, guardi.

Lorenzo. Ma la ladra ‘un tu se’ mica te.

Roberta. Che vorrebbe di’?

Lorenzo. ‘Un mi fa’ ragiona’, nina… Se scopro le carte ora poi ‘un c’è più sugo. Lo pettino io,sta’ tranquilla. Te ‘un tu ti devi vergogna’ di nulla.

Francesco. Fidati, Robi. L’avvocati son razzaccia a avélli contro, ma a avélli dalla nostra parte…

Lorenzo. … Son anche peggio.

Roberta. E mi fiderò, che devo fa’.

Lorenzo. Però gusto n’ha avuto, eh, i’ so’ Cubattoli. Gliè proprio un be’ posticino questo.

Francesco. E tu vedessi fòri da parte di là, la piscina… Gliè un chicchino.

Lorenzo. Gnamo a vede’ mentre s’aspetta, vai.

Francesco. (a Roberta)Te resta qui, eh? Tu ci vieni a chiama’ quand’arriva.

Roberta. Va bene.

Lorenzo. E stai tranquilla. È tutto sotto controllo.

Roberta. Gliè quello che dice sempre anch’i’ grand’omo.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            52


1474 -  Donato.

1467 -

1468 -

1469 -

1470 -

1471 -

1472 -


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Lorenzo. Ma lui ‘un è mica l’avvocato Ceccatelli. Eh, se no noi che ci si sta a fa’! Gnamo France,fammi vede’ questa piscina. (esce a destra)

Francesco. (a Roberta)Amore, ‘un ti preoccupare, dài.

Roberta. Ma che te sa’ quarche cosa?

Francesco. Io? No. Però me lo ‘mmagino.

Roberta. E che…

Francesco. (mette le dita sulle labbra di Roberta, facendole cenno di tacere; le dà un bacio su una gota; esce a destra)Eccomi

babbo!


1473 -Roberta. (si siede, sospirando)

SCENA 25.

(entra da sinistra, vestito con i vestiti di Pompilio del secondo atto; risulta goffo e inelegante; rimette a posto le chiavi degli appartamenti uno e due) Oh, ecco la mi’ nina!

1475 -Roberta. Nina di chie?(si volta e lo vede)O come ti se’ vestito?

1476 -Donato. Quande la fortuna gira, vedi? Guarda qui che figura, eh? Sembro un signore, o no?

1477 -Roberta. Te ‘un tu sembreresti signore nemmeno se tu fossi.

1478 -Donato. Continua, continua a dammi contro. Vedrai che poi tu mi ringrazierai.

1479 -Roberta. Io ti ringrazierò i’ giorno che tu ti levi da tre passi. Ma codesta roba ‘ndo’ l’ha’ trovata,che ‘un te l’ho ma’ vista?

1480 -Donato. E gliè d’uno che me l’ha prestata, tanto a lui ormai…(ride)E tu vedrai la tu’ mamma!

1481 -Roberta. Mamma?

1482 -Marcella. (entra da sinistra, vestita col vestito di Luigia del secondo atto, ingioiellata; non si sente a suo agio)

1483 -Donato. Eccola. Guarda qui che roba!

1484 -Roberta. Mamma!

1485 -Marcella. Via, nina, aimmeno poi si finisce questa storia…

1486 -Roberta. Ma… Che roba è codesta? Codesti sono i vestiti… Quelli di quella signora!

1487 -Donato. Ora te ‘un fa’ tanta confusione. Di chi sono sono, va bene?

1488 -Roberta. Ma te tu ha’ perso i’ cervello più di lui, mamma!

1489 -Donato. Non parla’ così alla tu’ mamma!

1490 -Roberta. Parlo così perché gli voglio bene!

1491 -Graziella. (entra; vede Donato e Marcella)Boia! O che siete di matrimonio?

1492 -Donato. (a Roberta)Vedi? La signora ha già visto la differenza.(a Graziella)Siamo di fidanzamento,per ora. Poi verrà anch’i’ matrimonio!

1493 -Graziella. Di vo’ due? Auguri!

1494 -Donato. No, no di noi. Di lei.

1495 -Graziella. (guarda Roberta)Lei ‘un mi sembra ‘n tono con voattri, però.

1496 -Donato. Eh, ha ragione. Roberta, vai anche te…


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            53


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1497 -Roberta. (interrompe)Codeste mascherate tu l’ha’ a fa’ te e quella lì che ti viene dietro! Vergognatevi,anda’ a ruba’ ‘n camera della gente!

1498 -Graziella. Ruba’? …(si rende conto; a Donato)Ma lei c’ha’ vestiti di… Di’ defunto!(a Marcella)E anchelei!

1499 -Donato. Visto che ci fanno comodo…(a Graziella; allusivo)Lei naturalmente è d’accordo, vero? Seno, gliel’ho detto, eh? Piglio e racconto ugni cosa ai’ Forconi dell’agenzia!

1500 -Graziella. E me lo ricordo, me lo ricordo.

1501 -Roberta. (a Graziella)Che si presta anche lei alle scenate di quest’esaltato qui?

1502 -Graziella. (a Roberta)Io ‘un vorrei, signorina, ma lui c’ha degli argomenti che purtroppo…(contrariata; a Donato) Però dopo andate a rimettili ‘ndo’ erano!

1503 -Roberta. Mamma, venvia, va’ a cambiatti!

1504 -Donato. (a Roberta)La tu’ mamma sta bene così, e anche te tu ti dovresti mette’ quarche cosa di piùadatto. Vai, forza!

1505 -Roberta. Ma nemmeno se tu mi buchi.

1506 -Donato. Eh, se tu eri mi’ figliola, nina…

1507 -Roberta. M’ero di già levata dai’ mondo.

1508 -Graziella. Bella cosa, eh, l’armonia ‘n famiglia!

1509 -Donato. (a Graziella)‘Un s’impicci, lei! Si ricordi ‘nvece quello che deve fa’: qui gliè tutto mio, vabene? Lei risponda solo quand’è interrogata. Chiaro?

1510 -Graziella. Chiaro, chiaro.

1511 -Donato. Ma ‘ padroni ‘ndo’ sono?

1512 -Graziella. Eeh… La mi’ sorella ‘un so quande torna, e i’ mi’ cognato… Ci sta anche che torni fratrent’anni!

SCENA 26.

1513 -Francesco e Lorenzo. (entrano)

1514 -Francesco. Ah, sono arrivati! Eccoci qui!

1515 -Donato. Carissimo avvocato Ceccatelli!

1516 -Lorenzo. Buongiorno a tutti. Il signor Cubattoli, immagino.(porge la mano)

1517 -Donato. (la stringe)Per servirla.(presenta)Marcella, la mia signora.

1518 -Lorenzo. (stringe la mano a Marcella)La degna genitrice di una figlia deliziosa. Piacere.

1519 -Marcella. (imbarazzata)Piacere.

1520 -Donato. Sono contento che ci sia finalmente venuto a trovare, avvocato. Si accomodi. Gradiscequalcosa da bere?

1521 -Lorenzo. Sono a posto, grazie.(si siede)Senza complimenti.

1522 -Donato. (si siede vicino a Lorenzo)Ma proprio nulla, tanto per gradire.

1523 -Lorenzo. No, grazie. Preferirei venire subito al sodo, se non le dispiace.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            54


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1524 -

1525 -

1526 -

1527 -

1528 -

1529 -

1530 -

1531 -

1532 -

1533 -

1534 -

1535 -

1536 -

1537 -

1538 -

1539 -

1540 -

1541 -

1542 -

1543 -

1544 -

1545 -

1546 -

1547 -

1548 -

1549 -

1550 -

1551 -

1552 -

1553 -


Donato. Il sodo? Presto detto, avvocato. Come le dicevo, io sono contento che ci sia venuto atrovare, così abbiamo modo di conoscerci e di concertare insieme, vero, l’unione di questi due ragazzi che si vogliono tanto bene. Creda che per me pensare che questo è il primo passo verso il distacco dalla mia Roberta… Mi riempie il cuore di tristezza. Ma sono contento perché ha trovato Francesco, un ottimo ragazzo, di una famiglia rispettabile come la sua. E quindi non posso che sottoscrivere in pieno. Quello che siamo noi, lei lo vede: questa è la nostra tenuta, che abbiamo trasformato in agriturismo. Un’attività che oggi rende, rende bene.

Lorenzo. E’ tutto di sua proprietà qui?

Donato. Certamente. L’attività viene gestita(indica Graziella)dalla mia fida collaboratrice, noipraticamente ci limitiamo a goderne gli utili. Che sono molti, e cospicui, glielo posso assicurare.

Lorenzo. Mi compiaccio.(a Graziella)Quanti appartamenti ci sono qui?

Graziella. Cinque.

Donato. Cinque in quest’ala, che è la più piccola. Poi ce ne sono altri sette nell’ala dall’altraparte… E altri nove in un’unità distaccata.

Graziella. (fra sé)I bugiardi dican sempre dispari.

Lorenzo. (a Graziella)E quanti ospiti avete in questo momento?

Graziella. A ieri sera sei, poi due ci son morti, sicché ora son quattro.

Donato. (ride forzatamente)Sempre mattacchiona, la nostra… La nostra…

Graziella. Graziella.

Lorenzo. (a Donato)Una così fidata collaboratrice e ‘un sa nemmeno come si chiama? Donato. Eh, ho così tante cose da pensare, avvocato.

Lorenzo. Non ne dubito.(a Graziella)Ventuno appartamenti e sei ospiti soli? ‘Un è un po’ poco?

Donato. Ma lei parlava di quest’ala qui. In tutto ora dovremmo essere su una trentacinquina dipresenze.

Graziella. (fra sé)Più Biancaneve e du’ nani. Se s’ha a esagera’, s’ha a esagera’ perbene. Lorenzo. Ah, ecco, ecco.(a Graziella)Sono stranieri?

Graziella. (fa per rispondere, poi ci ripensa; a Donato)Di do’ sono? Tanto si fa prima a domandallo a lei.

Donato. Ehm… Moltissimi tedeschi, sì, quasi tutti.

Graziella. Tedeschi, tedeschi. Tutti biondi, sono.

Lorenzo. (a Graziella)Ah. Parla tedesco lei?

Graziella. Io? Bah…(guarda Donato)

Donato. Ma che domande, avvocato! Diamine!

Lorenzo. (c.s.)Davvero? Und wo haben Sie Deutsch gelernt(pr. “und vo habn si doic ghelernt?”?

Graziella. Ehm… Ja!

Donato. Visto?

Lorenzo. Veramente gli ho chiesto ‘ndo’ ha ‘mparato i’ tedesco.

Donato. Ah.

Graziella. Sì, diamine! Gliera la stessa scuola ‘ndo’ ‘mparai i’ francese!

Lorenzo. Ma senti!

www.massimovalori.net

55


1573 -

1572 -

(indica Donato)

Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1554 -Donato. (a Graziella, in disparte)E dove l’ha ‘mparato i’ francese?

1555 -Graziella. (a Donato, c.s.)Io? ‘N punti posti!

1556 -Lorenzo. Ma mi parli un po’ di lei, signor Cubattoli. Che mestiere fa?

1557 -Donato. Io sono… Sono agente di borsa. Compro, vendo… Sa, oggi si fa tutto col computer,praticamente lavoro da casa.

SCENA 27.

1558 -Romano. (entra da destra)Oh, scusate, buongiorno a tutti.(breve pausa)V’ho interrotto?

1559 -Donato. (contrariato)No no.

1560 -Graziella. E tu ci mancavi attro che te, vah!

1561 -Donato. (cerca di sviare il discorso; a Lorenzo)Ma perché dobbiamo parlare di me, eh? Quello che contaora è la felicità di questi due ragazzi.


1562 -

1563 -


Romano. (a Marcella)‘Ccidenti che eleganza!

Marcella. (sorride, imbarazzata; non è contenta che Romano la veda vestita a quel modo)


1564 -Lorenzo. No, io pe’ di’ la verità volevo continuare a parla’ di lei.

1565 -Donato. Ma non capisco che cosa…

1566 -Lorenzo. Avrò diritto di conoscere i’ futuro consuocero, no?

1567 -Donato. Sicuramente. Se è questo il suo volere, sono qui a sua completa disposizione. Però, sa…Forse era meglio se c’era un po’ più tranquillità.


1568 -

1569 -


Carlo e Andreina. (entrano; nessuno li nota; Carlo si interesserà al discorso)

Lorenzo. Mi pare ‘mpossibile che lei ‘un si possa prende’ certe libertà qui dentro. O ‘un è tuttosuo qui?


1570 -Romano. Suo di chie?

1571 -     Lorenzo.                                Di lui!

Romano. No davvero! Lorenzo. Come no?

1574 -Romano. (guarda verso Graziella)Qui gliè ma tutto suo!

1575 -Carlo. (alle spalle di Lorenzo)Suo di chie?

1576 -Romano. (indica Graziella)Di lei!

1577 -Carlo. No davvero!

1578 -Lorenzo. Come no?

1579 -Carlo. Qui gliè ma tutto mio!

1580 -Lorenzo. Mio di chie?

1581 -Carlo. Mio di me! O lupacchiotta della miseria, lo saprò!


1582 -

1583 -

1584 -


Carlo e Romano. (si mettono a discutere)

Lorenzo. (si mette a ridere, scuotendo la testa)

Donato. Ehm… Forse sarà meglio continuare quest’incontro un’altra volta, eh?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            56


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

1585 -Graziella. (si avvicina a Andreina)Allora... ‘Un l’hanno arrestato?


1586 -

1587 -

1588 -

1589 -

1590 -

1591 -

1592 -

1593 -

1594 -

1595 -

1596 -

1597 -

1598 -

1599 -

1600 -

1601 -

1602 -

1603 -

1604 -

1605 -

1606 -

1607 -

1608 -

1609 -

1610 -

1611 -


Andreina. O ‘un lo vedi come siamo tornati subito! E ‘un siamo neanche andati! Graziella. Perché?

Pompilio e Luigia. (entrano da destra, mano nella mano; Pompilio ha in mano i resti di una statuetta di un altro nano; sirecherà vicino a Donato)

Andreina. Perché pe’ la via s’è ‘ncontrato…

Luigia. (allegra)Uh, quanta gente! Buongiorno a tutti!

Graziella. (terrorizzata)I fantasmi! I fantasmi!…

Brusio generale. L’attenzione viene attirata da Luigia e Pompilio.

Andreina. (a Graziella)O falla finita, scema!

Luigia. (a Carlo, restituendogli le chiavi della macchina)Grazie ancora per averci prestato la macchina!Abbiamo fatto proprio una bella girata! Anche se non siamo andati a Torre del Lago, ieri sulla superstrada c’era un incidente, allora siamo usciti e siamo andati a Montecatini.

Andreina. (c.s.)Se ripenso alla strizza che tu c’ha fatto piglia’…

Graziella. Diavolo! Se vu siete paurosi che c’ho a che fa’ io! Comunque, via, meglio così. So’Pompilio, tutt’a posto?

Pompilio. A postissimo.

Graziella. Senti come struscia…

Luigia. Ci rincresce solo per un piccolo guaio che abbiamo combinato. Pompilio fagli vedere…

Pompilio. (mostra a Carlo i resti della statuetta, che poi poserà sul bancone)Mi spiace tanto, creda… Ma è statocosì strano, come se la macchina non frenasse…

Carlo. Mammolo! Quello gliera Mammolo. Ora me ne resta uno solo… Donato. Ehm, dicevo… Allora ci si rivede più ‘n qua, eh…(fa per andarsene)

Pompilio. (non si rende conto; ferma Donato per complimentarsi)Mi scusi. Perdoni l’ardire, ma io devo propriofarle i complimenti per il suo buon gusto. Sa che anche io ho un completo molto simile a questo? Anzi, direi… (osserva) Direi che è quasi uguale!

Graziella. No no, gliè proprio uguale, glielo dico io!

Pompilio. E l’abbino sempre a una camicia… Ma guardi che è incredibile! Ci metto sempre unacamicia… Praticamente…

Graziella. Uguale, anche quella! Eh?

Pompilio. Ma è strabiliante! Abbiamo gli stessi gusti, caro signore! E anche la cravatta!

Graziella. O ‘un pare la solita anche quella!

Pompilio. Davvero! Ah, se sapesse quanti negozi visitai, prima di trovare la “mise” chedesideravo!

Graziella. Lui no, eh! Lui ha fatto meglio, ha trovato tutto ‘nsieme!

Pompilio. Ma no! Sul serio?(a Luigia)Luigia! E’ incredibile!

Luigia. (ha squadrato Marcella)Mica tanto, sai. Forse gliè meno incredibile di quello che tu pensi te!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            57


della manica dalla sua parte, come a dirgli “se vuoi venire a portarmi via afferrami da qui”)

1612 -

1613 -

1614 -

1615 -

1616 -

1617 -

1618 -

1619 -


Massimo Valori - Basta che sian di fòri

Marcella. (sbotta a piangere a dirotto; si alza)Insomma, basta! Basta! Basta con questa pagliacciata! Nonmi son ma’ vergognata tanto ‘n vita mia! Basta! Scusate, io… Scusate tanto, io, guardate… Vorre’ sprofondare…

Donato. (distante)Ma cara, ma che cosa ti succede? Io non capisco davvero… Romano. (avvicinandosi a Marcella; a Donato)Ma si cheti, pe’ piacere.

Donato. Cosa vuole ora lei?

Romano. (accanto a Marcella)Venga a levammi di qui, se ha i’ coraggio.(provocatorio, mostra a Donato un lembo

Guardi, pe’ qui...

Donato. (pausa; desiste, cercando di darsi un contegno)

Romano. Lei gliè bono attro che a prende’ ‘n giro la gente!(cinge le spalle di Marcella; trae un fazzoletto e glielodà) Tieni.

Graziella. Già! Un momento!… Se(indica Romano)lui ora sa che i’ padrone gliè i’ mi’ cognato,allora… Caro so’ Donato, l’alleanza finisce qui! S’arrangi da sé solo! Gente, confermo: quello lì vi piglia ‘n giro tutti!

Brusio generale.


SCENA 28.


1620 -

1621 -

1622 -

1623 -

1624 -

1625 -

1626 -

1627 -

1628 -

1629 -

1630 -


Lorenzo. Signori, silenzio! Silenzio, per favore!

Graziella. Silenzio, o faccio sgombrare l’aula!

Lorenzo. No no, che sgombrare…

Graziella. Di solito quande c’è confusione si dice così.

Donato. (cerca di riprendere in mano la situazione)Io non capisco …

Lorenzo. E se ‘un capisce glielo spiego io! Lasciate parla’ me un minuto e vu vedrete che tutticapiscan tutto!

Carlo. Lei? O come fa lei…

Lorenzo. Io qui son l’ultimo arrivato, ma credo di sape’ come son andate le cose meglio di tutti.

Allora.

Graziella. Via, lasciamo parla’ Perry Mason! Lo vedevo sempre alla televisione…

Lorenzo. Allora dunque. Facciamo un po’ di storia. La qui presente signora Marcella e sua figliaRoberta avevano risparmiato per molti anni, per mettere da parte trentamila euro che sarebbero serviti pe’ sbloccare l’ipoteca che avevano sulla casa. Vero signora?

Marcella. (guarda un po’ dei presenti, ma non Donato; per ultimo guarda Romano, e annuisce)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            58


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1631 -

1632 -

1633 -

1634 -

1635 -

1636 -

1637 -

1638 -

1639 -

1640 -

1641 -

1642 -

1643 -

1644 -

1645 -

1646 -

1647 -

1648 -

1649 -

1650 -

1651 -

1652 -


Lorenzo. Poi un be’ giorno (si fa pe’ dire)… Sparisce i’ Bancomat. E in quattro e quattr’ottospariscono anche i trentamila euro dal conto corrente. E quindi Marcella, Roberta e il signor Donato, che vive con loro, vengano sfrattati. E allora… Idea geniale di’ so’ Donato! Siccome Francesco Ceccatelli, figlio del sottoscritto avvocato Lorenzo Ceccatelli, è fidanzato co’ la signorina Roberta, niente di meglio che approfitta’ della situazione pe’ sistemare l’economia familiare, diciamo. E allora viene organizzata una bella montatura per dàmmi a ‘ntendere che loro siano de’ gran signori, e io vengo invitato qui a vedere un agriturismo che mi vien presentato come di proprietà della famiglia, mentre così ‘un è. Anzi, se ho capito bene, ‘un sono di loro proprietà nemmeno ‘ vestiti che portano ‘ndosso.

Donato. Avvocato, lei ci deve perdonare, ma… Sì, è vero, abbiamo cercato di fare una buonaimpressione su di voi, deve scusarci.

Lorenzo. No no no no. Intanto chi si deve fa’ perdona’ ‘n questo caso ‘un vu siete voi, ma lei,solo lei, caro so’ Donato. La signora ‘n tutta questa storia gliè solo una vittima, e lo sa anche lei.

Donato. Ma guardi avvocato…

Lorenzo. E poi… ‘Un ho finito, caro so’ Donato. Perché, dicevo, quella gliè l’ultima delle coseper cui deve chiede’ scusa. So’ Donato, che la conosce lei la Cassa di Risparmio?

Donato. La Cassa di Risparmio? Diamine, che la conosco.

Lorenzo. Sa chi è i’ direttore?

Donato. No, per dire la verità…

Lorenzo. Il dottor Ceccatelli, Augusto Ceccatelli. E’ i’ mi’ fratello.

Donato. Suo fratello?

Lorenzo. Che coincidenza, vero?

Donato. Davvero.

Lorenzo. C’ero propio stamattina. Gli ho chiesto ‘nformazioni a proposito di’ Bancomat.

Donato. Bancomat?(si inquieta, e si inquieterà sempre più durante il dialogo)

Lorenzo. Gli ho chiesto: ma se uno trova una tessera di’ Bancomat coi’ codice, praticamente poleprosciuga’ i’ conto di’ proprietario, no? E lui m’ha risposto: diamine, ma ‘un si possan preleva’ più di duemila euro ‘n un mese, e nemmeno più di cinquecento euro ai’ giorno. Allora, gli ho chiesto io, se su un certo conto ci fossero mettiamo (marcato) trentamila euro… Per prosciugallo tutto ci vorrebbe… Più d’un anno. Eh?

Donato. (non risponde)

Lorenzo. Devo continua’?

Donato. (c.s.)

Lorenzo. Allora i’ mi’ fratello m’ha chiesto se pensavo a quarcheduno ‘n particolare. Perché lui…‘Nsomma, certe cose co’ le leggi d’oggi ‘un le potrebbe fa’, ma se glielo chiedessi io… (allude aDonato, molto ironico e sarcastico) Si potrebbe scopri’, per esempio, che c’è un certo signore… Che ‘un sisa chi sia, eh… Che recentemente ha aperto un libretto con trentamila euro tondi tondi… Devo continua’?

Roberta. Farabutto, ‘mpostore, disgraziato!

Marcella. Donato! Gliè vero?

Donato. (rassegnato, si guarda intorno, tutti gli occhi sono su di lui; allora diventa altezzoso, sprezzante; si fruga nella tasca e traeun libretto di risparmio, mostrandolo a tutti; si avvicina a Marcella e glielo getta sul viso)


1653 -Romano. (fa per aggredirlo)

www.massimovalori.net

59


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1654 -

1655 -

1656 -

1657 -

1658 -


Marcella. Romano, no! No, sta’ bono. ‘Un ti c’insudicia’ le mane. ‘Un ne vale la pena.

Donato. (squadra i presenti, poi senza dire una parola esce a destra)

Roberta. (si mette a piangere di gioia)Brava, brava mamma!(corre incontro a Marcella e la abbraccia)

Lorenzo. Mi pare che questo fidanzamento meglio di così ‘un si potesse comincia’. Eh? Francesco. Babbo, tu se’ un ganzo. Se mi ci vole un avvocato vengo da te di certo.


SCENA 29.


1659 -

1660 -

1661 -

1662 -

1663 -

1664 -

1665 -

1666 -

1667 -

1668 -

1669 -

1670 -

1671 -

1672 -

1673 -

1674 -

1675 -

1676 -

1677 -

1678 -

1679 -

1680 -

1681 -

1682 -

1683 -


Romano. E allora ora tocca anc’a me, eh… Scusate, ma a questo punto anch’io vi devo di’ laverità. Io, vedete…

Graziella. Lei gliè quello dell’agenzia turistica.

Carlo. Gliè venuto qui pe’ vedere se s’era adatti a entra’ ni’ su’ giro.

Andreina. Senza dicci nulla, pe’ giudicacci meglio.

Romano. Allora vu lo sapevi?

Graziella. Abbia pazienza, anche lei va a racconta’ le su’ cose a qui’ basdraone che era qui ora! Carlo. Chissà la bella figura che s’è fatto, eh?

Romano. No no, invece. ‘Un ho capito perché all’inizio qui tutti mi davano a ‘ntendere che lapadrona fosse lei (indica Graziella), ma preferisco ‘un domanda’ spiegazioni perché già ora mi fumica i’ cervello. Pe’ i’ resto, mi pare che questa sia un’aziendina che potrebbe rende’ dimorto bene. E poi (si avvicina a Marcella, le prende la mano) se le cose vanno come dico io, una vorta all’anno s’ha da veni’ qui a festeggiare.

Andreina. Allora s’è passato l’esami?

Romano. Direi di sì. A parte una cosa.

Graziella. Icché?

Romano. Trovategli un nome perbenino, a quest’agriturismo… Tutti. (ridono)

Romano. E soprattutto, quarcheduno che lo scriva come si deve!

Tutti. (c.s.)

Carlo. Allora: i’ nome a questo punto decidetelo voi, io ci metto solo i’ sottotitolo. Andreina. Sottotitolo?

Carlo. Di certo. Sotto i’ nome ci scrivo…

Graziella. Sì, addio!

Carlo. Insomma, sotto i’ nome ci fo scrivere… “Basta che sian di fòri”!

Graziella. E tu se’ poco di fòri, te!

Carlo. Io ‘ntendo di’ ni’ senso geografico! Toscani ‘un ce ne voglio! Tanto siamo boni a fa’ casinoe basta, guardate qui!

Marcella. (si avvicina a Luigia)Scusi ancora, se mi son permessa… Creda, ‘un era mia ‘ntenzione… Luigia. ‘Un si deve preoccupare! Oddio, l’ori li rivoglio, vero!

Marcella. Ma ci mancherebbe…(inizia a togliersi i gioielli di Luigia che si era messa)

www.massimovalori.net

60


Massimo Valori - Basta che sian di fòri


1684 -

1685 -

1686 -

1687 -

1688 -

1689 -

1690 -

1691 -

1692 -

1693 -

1694 -

1695 -

1696 -

1697 -


Luigia. Ma pe’ i’ vestito… Guardi, a lei gli torna che è un amore, se gli piace glielo lascio! Io mivoglio rinnova’ tutt’i’ guardaroba! Roba nuova, allegra, colorata… Come l’amore!

Pompilio. A proposito, ma… Quel signore se n’è andato coi miei vestiti addosso! I pantaloni dilino! La camicia di mako!

Graziella. La cravatta!

Pompilio. La cravatta, di seta pura! Non posso permettere, e che diamine! Scusate!(esce a destra)

Carlo. (va alla finestra)Vada vada, so’ Pompilio, che tanto lui gliè sempre lì a fa’ manovra coi’ camio’.Gliè vicino alla mi’ macchina…

Marcella. Ma… Tutti i nostri mobili…

Roberta. Ma lascia fare, mamma! Pe’ du’ carabattole che s’aveva, venvia! Lascia che le raccatti lui!

Carlo. ‘Cciderba, gliè proprio ‘ncavolato i’ so’ Pompilio, eh!

Graziella. L’ha arrivato?

Carlo. Sì sì, è lì che lo chiama, ora… Ora i’ camio’ fa marcia ‘ndietro… Dio bonino, o che ‘unl’ha visto… Oh, ferma! E tu lo butti ‘n terra a codesto modo, oh!… Addio! Eccolo! No, fermo, fermo! Tu lo schiacci!… (si mette le mani nei capelli) Nooo!

Tutti meno Carlo. (urlano di raccapriccio)

Carlo. (sdegnato)L’ha schiacciato!

Graziella. Ha schiacciato i’ capo ai’ so’ Pompilio?

Carlo. Ma che Pompilio! Pisolo! L’urtimo nano m’era rimasto, m’hanno schiacciato anche quello!


Tutti inveiscono contro Carlo, mentre Marcella sorregge Luigia.

FINE DELLA COMMEDIA


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            61

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno