Beccamorto

Stampa questo copione

PRIMA DEL CAMPOSANTO

BECCAMORTO

Quante volte a leggian, e un sappian el significato de le parole. A me a’mme succeda spesso e spesso a vaco a cercare per quanta-a-posso  per podè capì. O’vve sete mae dimandati quel ch’al vò dì per  esempio  la parola   “BECCAMORTO”

Da i cenni storici ch’assè nel tempo retroato a Muntignoso, come in tante altre parte d’Itaglia, a’jesistea la figura del  beccamorto.

Al vinia cugì chiamato un omo del paeso che igghjaea el compito di podè capì se un cristian che i-pparea morto i lo fusse veramente o se oppure aera solo ‘na morta ch’al parea . Mò a doete pensà che a’sse parla de tempi lontan intorno al 1350 e un c’era anche mò conoscenza de la scienza medica come acce po’ esse ogge. A’sse ‘ndea un po’ a occhjo e per  ‘sperienza. Un c’era nè machinari nè altro, per podè fà de-jaccertamenti e avè de le certezze, a’sse-ndea a taston.

Questa persona, el beccamorto, ighghjaea el compito de vedè se el presunto morto ighhjera proprio morto o se i’ffea finta de essello o altro. Queio de Muntignoso, de’ j-anno 1350 appunto,  i’sse chiamava   Felice  DESOTTERA’.

Come a’sse leggia  nei libri  de-igghj archiui  de prima de l’unità  d’Itaglia,          (  quande aerene  chi sotto un, chi sotto un altro e   accerà  già chi  volea stà sotto un anzi che sotto un altro o  chi voleà stà sotto tutti e dò,  famosa a quej tempi  aera donna  Mastella VELADO’)    tutti  più o meno igghjaeene el BECCAMORTO.

Lu,   el nostro beccamorto, come tutti quej del resto del mondo i doea ‘ndà a cà del prisunto morto ed effettuà questa operazion:-

Lù igghjaruaa i lo miraua,  i lo girua, i lo remiraua, i lo regiraua  e’ppò a capo del letto igghje scupria i’ppè, dopo-de-chè con un fare da esperto i’sse chinaa  e i’ddea una boccata sul dito grosso del pè.  ECCO  PERCHÉ  BECCAMORTO . Se el morto un dea nisciuna reazion al volea dì ch’ìgghjera proprio morto e quindi a’sse podea fà el trasfirimento fin al camposanto, in caso contrario… gnanche a dillo tutti contenti, compreso el beccamorto che per fa questa operazion,  sia ch’al finisse in un modo che in quejaltro, i’sse pigghjaua 3 scudi.

El beccamorto igghjera un bel mestiere.

Tutto ‘nde ben fin al 1400 quande al morse un senza gambe…

Da lì innà a’ssen chiamate……pompe funerbri.

Lino Liano Baldi

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno