Begli amici i parenti

Stampa questo copione

Begli amici i parenti

di Vincenzo Rosario Perrella Esposito

                                                                                                                       (detto Ezio)

06/06/2010

Personaggi:   11

Lello Battilocchio

Alice Pesce

Felice Di Notte

Murena Pesce

Primo Pasta

Benedetta Traledonne

Gustavo Fagioli

Fortuna Chesisto

Dazio Vinicio

Amira Sbagliata

Cesare Bano

Napoli, nel 2010. Casa Battilocchio. Questa storia dimostra come molto spesso i parenti ci siano vicini durante i momenti di difficoltà. Ma ci portano i loro problemi, non risolvono i nostri. L’impiegato di banca Lello Battilocchio si imbatte in una serie di disavventure provocate dai suoi familiari più stretti e quelli di sua moglie Alice. Lello si ritrova in una montagna di guai che cerca di risolvere disperatamente. La morale della favola è che gli amici si vedono nel momento del bisogno, ma i parenti si vedono nel momento dei guai. I loro!

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it


            Napoli, salone di casa Battilocchio. Alla stanza si accede da un ingresso comune. A sinistra, una porta conduce in cucina, camera da letto e uno studio. A destra, l’altra porta conduce alla stanza da bagno e cameretta. A centro stanza c’è un tavolo con quattro sedie. Alla destra della comune c’è una credenza. Qualche quadro alle pareti rifinisce la stanza.

ATTO PRIMO

1. [Lello, Alice Pesce, Felice Di Notte e Murena Pesce]

                 A centro stanza, Lello indossa in fretta la giacca e chiama sua moglie.

Lello:      Alice, fa’ ambresso! Alice, muòvete! Alice, ma si’ pronta?

Alice:      (Voce da sinistra) ‘Nu mumento, aggio quase fernuto!

Lello:      ‘E ffemmene, comme site mosce! E gghiamme bello, jamme!

                Da sinistra entra Alice, già vestita, mentre toglie i bigodini. 

Alice:      Lello, so’ pronta, so’ pronta! M’aggia levà sulo ‘e bigodini, m’aggia pettinà e

                infine m’aggia mettere ‘o prufumo!

Lello:      No, troppi ccose. Elimina una: nun te mettere ‘o prufumo. Vai, scatta in bagno.

Alice:      Sì, sì, sì…!

                Corre in bagno a destra mentre Lello gironzola nervoso e le parla freneticamente.

Lello:      Amma scennere, scennìmme subito, o si no vénene sòreta e ‘o marito ccà. Picciò

                amma riuscì a gghì ‘a casa lloro, primma che c’’e truvamme fora ‘a porta, pecché

                amma sparagnà ‘a currente, l’acqua e ‘o magnà! (Si ferma) Ma si’ pronta o no?

                Alice entra pettinandosi.

Alice:      E me vuo’ da’ ‘o tiempo ‘e me pettinà? Guarde, stongo bona?

Lello:      Sì, sì, staje bona.

Alice:      Allora vaco a pusà ‘o pettine ‘int’’o bagno.

Lello:      No, no, se perde troppo tiempo. Puortatillo appriesso!

Alice:      Vabbuò. (Ripone il pettine in borsa, da cui estrae un pacchetto) Ce ne putimm’ì.

Lello:      (Nota il pacchetto) Che ce sta ‘int’a ‘stu pacchetto? Zucchero e ccafé?

Alice:      No, se tratta ‘e ‘nu piezzo ‘e furmaggio!

Lello:      ‘O ffurmaggio? Ma comme, tu vaje a truvà ‘e gente e ce puorte ‘o ffurmaggio?

Alice:      Tu nun te prioccupà. Mò jammuncenne, o si no facimme tarde!

Lello:      (Ironico) Ah, mò songh’io che faccio fa’ tarde! Jamme, jamme!

                I due si avviano ad uscire, quando suonano alla porta. Così si bloccano.

                Ah, e mò chi sarrà?

Alice:      Tranquillo, sarrà ‘a signora a fianco che vene a cercà ‘o prutusino!

Lello:      Alì, t’arraccummànno, arronza ‘a signora. He’ capito? 

Alice:      Va bene.

                Escono dalla comune, poi però tornano sbuffando, seguiti da Felice e Murena.

Felice:     Carissimo cognato, carissima sorella, comme state?!

Murena: Che se dice, tutto a posto?!

Lello:      (Guarda male Alice) He’ visto, disgraziata?! ‘O vestito, ‘o prufumo, ‘e bigodini,

                ll’anema ‘e chi t’è vvivo…!

Alice:      E si è pe’ chesto, tu te si’ addurmuto ‘ncoppa ‘o lietto e te si’ scetato mez’ora fa!

Lello:      Ma nun essere ridicola!  

Alice:      Io? Tu sì cchiù ridicolo ‘e me!

Lello:      No, tu!

Alice:      No, tu!

                Lello allora spintona Alice e lei reistituisce la spinta. Felice e Murena li dividono.

Murena: Eh, ma ch’è succieso? Pecché ve state appiccecanno accussì brutto? Stranamente,

                ate accumminciato a v’appiccecà quanno simme trasute nuje.

Felice:     E allora, pe’ nun ve fa’ appiccecà cchiù, io e Murena ve venìmme a truvà cchiù

                spisso. Site cuntente?

Alice:      Sì, però cocche vvota ve venìmme a truvà pur’io e Lello a vuje.

Felice:     E vabbé, se capita che ci riuscite…!

Lello:      E nuje ve vulésseme venì a truvà. (Guarda male Alice) Però siamo troppo lenti!

Murena: Vabbuò, basta. Mò facìmmece ‘nu cafè e parlamme.

Felice:     E ppo’, cchiù tarde, ce mettimme a tavola e ce facimme ‘na bella magnata. E

                infine appicciamme ‘a televisione e ce guardamme’ ‘nu DVD ‘e Totò!

Lello:      (Ironico) Felì, nun t’he’ scurdato niente?!

Felice:     Me pare che no. Murena, secondo te m’aggio scurdato coccosa?!

Murena: Sì, secondo me t’he’ scurdato ‘a cosa cchiù importante: chillu fatto llà!

Felice:     Ah, già, he’ raggione: chillu fatto llà!

Lello:      ‘Nu mumento, che d’è chillu fatto llà?!

Murena: No, niente, ‘na cosa ch’avita parlà tu e Felice.

Alice:      Ma pecché, io nun aggia sapé niente?!  

Murena: Facimme accussì: jamme a priparà ‘o ccafé e t’’o ddico pure a te. Si’ cuntenta?

Alice:      (Ironica) E grazie tante!

Murena: E che me ringrazie a ffa’? Tu me si’ sora. E mò, Felice e Lello, parlate, parlate.

                Appena è pronto ‘o ccafé, io e Alice v’’o ppurtamme. Vabbuò? Jamme, Alice.

Alice:      Néh, ma che l’ha da dicere Felice a Lello?

Murena: Eh, si sapisse!

                Le due escono a sinistra.

2. [Lello e Felice. Poi Dazio Vinicio. Infine Alice e Murena]

               Lello e Felice sono rimasti soli nella stanza. Il primo osserva perplesso l’altro.

Lello:     E allora? Se po’ ssapé che m’he’ ‘a dicere?  

Felice:    Mò m’assetto e t’’o ddico. (Si siede al tavolo) Vieni, siediti pure tu.

Lello:     E vabbuò. Assettammece. (Si siede al tavolo, rassegnato) Allora?

Felice:    Vedi, caro Lello Battilocchio, il mondo si divide in due parti: “avere” e “dare”. E

               nella vita esiste chi “avere” e chi “dare”. Io appartengo alla categoria “dare”. 

Lello:     E pur’io!

Felice:    E per questo, il mondo… (Poi taglia corto) Siente, Lello, me sérvene sorde!

Lello:     Ah, mò aggio capito pecché stive piglianno ‘a curva accussì larga!

Felice:    E certo. Tanto, se tratta ‘e ‘na cifra ridicola: 50.000 Euro!

Lello:     (Ironico) Uh, comm’è ridicola, ‘sta cifra!

Felice:    Allora m’’a daje? Grazie, Lelluccio!

Lello:     Ma che Lelluccio? Io nun t’aggio ditto che t’’e ddongo.

Felice:   (Patetico) He’ visto? Questi sono i parenti! Uno ti chiede una mano e tu la rifiuti.

Lello:     ‘Na mana? Tu m’he’ cercato 50.000 Euro. E chi ‘e ttene?

Felice:    E chi te crede? Tu lavori in banca.

Lello:     Ma io faccio sulo l’impiegato. Piuttosto, posso aiutarti ad avere un prestito.

Felice:     E me lo danno? Io non ho la busta paga. Me so’ scigliuto proprio ‘nu bellu lavoro:

                 rappresentante di castelli. Tu, per esempio, lo vuoi un castello?

Lello:      Io m’aggia accattà ‘nu castiello? E che me n’aggia fa’?

Felice:     Embé, Lello, io nun me ne vaco cchiù ‘a ccà, si tu nun me prieste ‘e 50.000 Euro.

Lello:      E va bene. Farò la richiesta alla banca per la quale lavoro. E la farò a mio nome.

Felice:     Ma si t’’e ppiglie tu, ‘e sorde, io comme ll’aggio?

Lello:      Ma no, quanno m’’e ddanno a me, io aroppo t’’e presto a te! E con l’interesse.

Felice:     E quant’è, st’interesse?

Lello:      Dipende dal tasso. Ecco, tu devi scegliere il tasso.

Felice:     ‘O tasso? Ma dimme ‘na cosa: magna assaje?

Lello:      Chi?

Felice:    ‘O tasso.

Lello:      Ma mica ‘o tasso, l’animale? Il tasso percentuale, ossia il TAN. Hai capito? TAN!

Felice:    TAN… TAN… TANn’accidere, nun ce sto’ capénno niente!

Lello:      Felì, praticamente, devi calcolare il 5% su 50.000 Euro. Totale: 52.500 Euro. 

Felice:    E vabbuò, ‘a mazzata è forte. Però l’importante è che se po’ ffa’. Grazie, Lello.

Lello:      E di che? Però non mi devi chiedere mai più soldi.

Felice:    Ma certo… parola di bugiardo! E mò va’ a accattà ‘a sciampagna, così io brindo!

                Suonano alla porta.

Lello:      ‘A porta. (Si alza in piedi) Vado ad aprire un momento. Chi sa chi è?

                Lello va ad aprire la porta, dopodiché Felice si alza e salta di gioia per la stanza.

Felice:    Ce ll’aggio fatta! Lello me fa avé ‘e 50.000 Euro p’apparà tutt’’e diébbete mie…!

                Lello torna con Dazio Vinicio. I due si fermano dietro Felice che parla da solo.  

                ‘Nu cainato cchiù fesso ‘e chisto, nun ‘o putevo truvà! Io non posso avere i soldi

                perché non ho la busta paga… e isso mette ‘a firma pe’ m’’e ffa’ avé! Ma se po’

                essere cchiù imbecille ‘e iss…? (Si volta e nota i due, così subito torna pietoso)

                Lello, cognato mio adorato, tu sei un bijou! Ti voglio troppo bene! Ti amo!

Lello:      (Lo guarda male) Aroppo facìmme ‘e cunte! Adesso guarda chi ci sta.

Dazio:     Caro Felice!

Felice:     Uhé, Dazio Vinicio.   

Dazio:     Come stai, Felice? Ma tu si’ felice overamente, oppure no? 

Lello:      Dazio, nun accummincià a ffa’ domande sceme, comm’’o ssolito.

Dazio:     Lello, famme parlà ‘nsanta pace cu’ chisto! Néh, Felice, e comme sta Murena?

Felice:     Mia moglie? Nun ce sta. Tene ‘a freva!

Dazio:     Tene ‘a freva? Ma allora s’è misa ‘int’’o lietto?

Felice:     (Ironico) No, s’è misa ‘int’’o bagno! E certo che sta ‘int’’o lietto. Tene ‘a freva.

Dazio:     Aggio capito. Ma le passa?

Felice:     (Ironico) No, ‘a tene pe’ sempe!

Dazio:     E allora, quanno ‘a vide, salutammélla!

                Da sinistra tornano Murena e Alice (ha un vassoio con quattro tazzine di caffè).

Alice:      Il caffè è pronto. Pigliatavillo, ch’è buono! (Posa il vassoio sul tavolo) Ah, ma è

                venuto pure Dazio? Murena, guarda chi c’è.

Murena: (Per nulla contenta) Sì, sì, l’aggio visto.

Dazio:     E come, Felice, tu mi avevi detto che tua moglie stava a letto con la febbre.

Felice:     E è guarita! Mica po’ sta’ pe’ sempe malata?!

Alice:      Allora ti lascio il caffè di Murena.

Murena: E pecché proprio ‘o mio?

Alice:      Tanto, te lo faccio di nuovo. Lo vuoi, Dazio?

Dazio:     E se capisce. Ma ‘o ccafé ‘o ssaje fa’ buono?

Alice:      Mò nun accummincià a ffa’ ciento domande. Prenditi il caffè e basta!

Dazio:     Va bene. Intanto, Murena, siediti con noi.

Murena: (Schifata) No, no, io vaco a ffa’ ‘o ccafé ‘nzieme a Alice. Jammuncenne, Alice.

                Volta la faccia a Dazio. Le due escono a sinistra. Dazio la osserva perplesso.

Lello:      Va bene, accomodiamoci.

                I tre si siedono al tavolo. 

Felice:     Assaggiamme ‘stu ccafé. (Lo assaggia e lo sputa) Ma chisto sape ‘e furmaggio!

Lello:      Ma nun dicere scimmità. (Lo assaggia e lo sputa pure lui) He’ raggione, Felì!

Dazio:     ‘Nu mumento, ma mò me l’’essa vevere pur’io ‘stu ccafé che ssape ‘e furmaggio?

Lello:      E si ‘o vvuo’, t’’o ppiglie! Vabbuò? Piuttosto, Dazio, come mai da queste parti? 

Felice:     Io lo so: Dazio, mi hai portato quella cosa che sappiamo noi? (Fa segno dei soldi)

Dazio:     Ehm… aspetta cinque minuti. Caro Lello, ci possiamo appartare un momento?

Lello:      E vabbé. Aggie pacienza, Felì.

                I due si spostano verso destra (Felice tende orecchio per cercare di ascoltare).

Dazio:     Vedi, caro Lello, il mondo si divide in due parti: “avere” e “dare”. E nella vita

                esiste chi “avere” e chi “dare”. Io appartengo alla categoria “dare”. 

Lello:      (Dubbioso) Dazio, m’è venuto ‘nu sospetto. Ma pe’ caso te sérvene sorde?

Dazio:     Po’ dice ca io faccio ‘e ddomande sceme. (Poi taglia corto) Sì, me sérvene sorde.

Lello:      E te ll’avéssa da’ io?

Dazio:     E allora che te so’ venuto a truvà a ffa’? Caro Lello, mi servono 200 Euro.

Lello:      Ah, vabbuò, ‘a spesa è bassa. (Li prende dalla tasca) Técchete ‘e dujcient’Euro.

Dazio:     (Glieli tira di mano) Grazie, Lello, grazie. Chesto nun m’’o scordo maje cchiù!

Lello:      E mò jammece a assettà. (Va a sedersi al tavolo)

Dazio:     No, veramente, avessa dicere ‘na cosa a quatt’uocchie pure a Felice.

Felice:     A me? (Si alza in piedi) E vabbuò. Scusaci un secondo, Lello.

Lello:      Prego, prego. (E sorseggia il suo caffè)

                I due si appartano.   

Felice:     E allora? Che me vuo’ dicere?

Dazio:     (Esibisce i soldi) Chiste so’ ‘e dujcient’Euro che m’he’ prestato! ‘E vvuo’ o no?

Felice:     (Se li prende) Sì, sì, e comme!

Dazio:     Bene, allora stamme pace! E mò jammece a assettà. (Va a sedersi al tavolo)

                 I due tornano al tavolo. Dopo pochi secondi, Felice interpella Lello.

Felice:     No, veramente, avessa dicere ‘na cosa a quatt’uocchie a Lello.

Lello:      A me? (Si alza in piedi) E vabbuò. Scusaci un secondo, Dazio.

                I due si alzano e si appartano (Dazio beve il suo caffè). Lello è incuriosito.

                E allora? Che m’he’ ‘a dicere?  

Felice:     (Gli consegna i 200 Euro) Chiste so’ ‘e dujciento Euro che m’he’ prestato.

Lello:      Ma si io ancora te ll’aggia prestà!

Felice:     E sono un anticipo dei 50.000 Euro! Mò stamme pace!

Lello:      Nun stamme pace niente. Come hai detto tu, sono un anticipo. Vieni, sediamoci.

                I due tornano a sedersi. Lello ha subito una domanda per Dazio.

                Allora, Dazio, arricuordete che t’aggio prestate dujcicento Euro.

Felice:     Pure tu ce l’he’ prestate?

Lello:      E sì.

Dazio:     E allora facciamo così: Felice, viene cu’ me. Ce avimma appartà ‘nu sicondo.

Felice:     Vabbuò.

                I due si alzano in piedi e si appartano.

Dazio:     Felice, nun me dicere niente, m’avissa prestà ‘n’ata vota dujciento Euro!

Felice:    ‘N’ata vota? E che ffaje? M’’e ddaje e t’’e ppiglie ‘n’ata vota?

Dazio:     Nun te prioccupà, dimane t’’e restituisco.

Felice:     Aspiette ccà. (Va da Lello) Lello, viene cu’ me. Ce avimma appartà ‘nu minuto.

Lello:      Vabbuò.

                I due si appartano dalla parte opposta a dove si trova Dazio.

Felice:     Priesteme dujciento Euro.

Lello:      Comme?

Felice:     Ma si’ surdo? Priesteme dujciento Euro.

Lello:      (Glieli consegna, perplesso) E tié!

Felice:     Grazie. Aspiette ‘nu poco. (Va da Dazio e gli consegna i soldi) Dazio, chiste so’

                ‘e dujciento Euro.

Dazio:     Grazie assaje. (Poi va da Lello) Lello, viene cu’ me. Appartàmmece ‘nu sicondo.

Lello:      Vabbuò.

                I due si appartano.

Dazio:     Chiste so’ ‘e dujciento Euro che m’he’ prestato. Mò stamme pace. ‘Int’a diece

                minute, ce aggio rimesso quattucient’Euro!

Lello:      Menu male che nun m’he’ cercato 50.000 Euro comm’a Felice.

Dazio:     Caso mai, non te li avevo ancora chiesti. Ma giacché ti va di parlarne…! 

Felice:     No, no, un momento. Quali 50.000 Euro? Lello li ha già promessi a me.

Dazio:     E li deve promettere pure a me.  

Felice:     Lello, ma nun ‘o da’ retta, a chisto.

Dazio:     Ma tuornatenne ‘a casa!

Felice:     No, tuornatenne tu!

                I due scattano in piedi e si ritrovano a muso duro a centro stanza. Lello li separa.

Lello:      Uhé, uhé, ma che vvulite fa’?

Dazio:     Felì, si nun te ne vaje, te dongo ‘nu pacchero! (Tira uno scalpellotto, ma a Lello)

Felice:     (A Dazio) E io invece te dongo ‘nu cavicio! (Tira un calcio, ma a Lello)

                Dazio da uno spintone a Lello verso Felice, che lo spinge di nuovo verso Dazio.

Lello:      (Stufo) Ooooh! E mò basta! Vuje ve state vatténno, però stongo abbuscanno io!

                Da sinistra tornano Alice e Murena, richiamate da quelle grida.

Alice:      Ma che sta succedenno ccà ddinto?

Murena: Pe’ caso se stanne appiccecanno?

Lello:      (Ironico) No, se stanne accarezzànno!

Alice:      (Si avvicina loro) Uh, e pecché state facénno chesto? Dazio, famme sentì.

Dazio:     (Offeso) Alice, non si trattano così i cugini.

Alice:      Ma pecché, ch’è stato?

Dazio:     Uno ti chiede un minuscolo prestito di 50.000 Euro e tu non glielo dai?

Alice:      Un prestito di 50.000 Euro? Ma io nun ‘e ttengo.

Dazio:     E già, tu staje d’accordo cu’ tuo marito. Grazie di essere miei parenti! Bonasera.

Alice:      ‘Nu mumento! E ‘o ccafé nun t’’o ppiglie?!

Dazio:     No, grazie, sape ‘e furmaggio!

                Esce via di casa frettolosamente. Intanto Murena si avvicina agli altri.

Murena: Felice, ce l’he’ ditto chillu fatto a Lello?!

Felice:     Sì, sì, tutto a posto. Ha ditto che se po’ ffa’ chillu fatto.

Alice:        Chillu fatto? Lello, ma non pensi che “chillu fatto” si potrebbe fare pure per

                  Dazio? E’ pur sempre tuo cugino. Tu ci tieni tanto per lui.

Lello:        (Spalanca gli occhi, perplesso) Ma allora so’ cientomila Euro! Nun ‘o ssaccio,

                  ce aggia penzà. Mò me vaco a piglià ‘n’atu poco ‘e café. Po’ essere ca me sceta!

Felice:       Faccio cumpagnia a Lello! E’ meglio che nun ‘o perdo ‘e vista! Se n’avessa fujì?

                  Si avviano verso sinistra, nel frattempo parlano.

Lello:        Allora arricuordete che m’he’ da’ dujciento Euro.

Felice:       Ma io te ll’aggio date già. Caso mai, me l’he’ da’ tu a me!

Lello:        E no, nun me trovo.

Felice:      (Lo segue) E io invece sì.

Lello:        (Gli cede quei soldi, non convinta) Ma si’ sicuro?

Felice:       Parola ‘e buciardo!

Lello:        Tengo ‘o sospetto che tu e Dazio m’avìte fatto fesso! Comunque…!

                  Escono via.

3. [Alice e Murena. Poi Fortuna Chesisto]

                  Alice e Murena, rimaste sole, si siedono al tavolo.

Alice:       Allora hai sentito a Lello? Ha detto che vi farà avere i 50.000 Euro. Però ti

                 raccomando: Felice deve restituire i soldi alla banca.

Murena:  Ma pe’ chi ce he’ pigliate, Alice?! Marìteme sarrà pure ‘nu buciardo e io

                 sarraggio pure ‘na ‘mbrugliessa, però simme doje perzone perbene!

Alice:       Ma pecché, tu he’ cumbinato cocch’ata cosa?

Murena:  E già. Aiére io e Felice simme jute ‘o supermercato e amme accattato ‘nu sacco

                 ‘e rrobba. E tu vuo’ sapé comm’aggio pavato? Cu’ ‘na banconota ‘e cient’Euro.

Alice:       Embé?

Murena:  Falsa!

Alice:       Oddio! E ‘a cassiera nun se n’è accorta?

Murena:  No. Anze, chella m’ha dato pure 50 Euro ‘e riesto. Però falsi!

Alice:       Comme sarebbe?!

Murena:  Nuje amme fatto fessa a essa e essa ha fatto fessi a nuje! Che mondo cattivo!

                 Suonano alla porta.

Alice:       Aspiette ‘nu poco, ‘a porta. Vene gente. Picciò, nun parlà cchiù. He’ capito?

Murena:  Nun te prioccupà. Va’, va’. Va’ a arapì.

                 Appena Alice esce, Murena prende la frutta fresca dal vassoio sulla tavola e la

                 sostituisce con della frutta di plastica che tiene in borsa. Poi aspetta che torni  

                 Alice. Quest’ultima torna insieme a Fortuna.

Alice:       Carissima Fortuna, come mai da queste parti?

Fortuna: Passavo a trovarti. Devo chiederti un enorme favore.

Alice:       Sì, ma parliamone sedute a tavola. Guarda, ci sta pure Murena.

Fortuna: (Fa un pessimo viso) Ah!

Murena:  (Invece si bea) Uh, guarda chi si vede! La nostra cugina adorata. Vieni, vieni!

Fortuna: Ma io, veramente…!

Alice:       Jamme, vienete a assettà!

                 Fortuna (per nulla convinta) si siede al tavolo. Alice allora le chiede una cosa.

                 T’’o ppiglie ‘o ccafé?

Fortuna: No, pe’ piacere. Nun tengo ‘a capa ‘e me piglià ‘o ccafé.

Alice:       Allora ce ‘o pigliamme io e Murena.

Murena:  Sì, grazie. Già me l’ho pigliato, però me lo piglio di nuovo. Allora due caffè.

Alice:       No, tre caffè. E scusa, ma allora io nun me l’aggia piglià?

Murena:  Fai pure. Tu sei la padrona del caffè!

Fortuna: Però non è che può andare Murena a fare il caffè? Così io e Alice parliamo.

Alice:       Murena, aggie pacienza. Tanto, il caffè già sta nella macchinetta grande.

Murena:  Vabbuò.

                 Murena esce a sinistra.  

Alice:       E allora, cara Fortuna Chesisto, hai un bellissimo nome e cognome.

Fortuna: Sì, ma sulo ‘o nomme e ‘o cugnomme.

Alice:       Ma pecché, ch’è stato?

Fortuna: Vedi, il mondo si divide in due parti: “avere” e “dare”. E nella vita esiste chi

                 “avere” e chi “dare”. Io appartengo alla categoria “dare”.

Alice:       E che significa?

Fortuna: Cara Alice, annanzo a Murena nun aggio vuluto parlà, pecché pareva brutto. Ma

                 io aggia pavà ‘nu debito ‘e 50.000 Euro.

Alice:       Pure tu?

Fortuna: Pecché, pure tu?

Alice:       No, io? Pe’ carità!

                 Torna Murena con un vassoio con tre tazzine di caffè.

Murena:  Ecco qua il caffè.

Fortuna: Amme fernuto ‘e parlà! Senti, Alice, ci possiamo appartare due secondi?

Alice:       Non puoi parlare con Murena davanti?

Fortuna: Non è questo, però si tratta di una cosa un po’ riservata. Tu ci scusi, Murena?

Murena:  Jate a parlà addò vulite vuje. (Prende una tazzina) Io intanto me vevo ‘o ccafè!

                 Alice e Fortuna si appartano un po’.

Alice:       E allora?

Fortuna: (Tende la mano) Dammeli di nascosto.

Alice:       Che cosa?

Fortuna: I 50.000 Euro.

Alice:       Ma non li tengo. Caso mai, chiedo a mio marito Lello di farti avere un prestito.

Fortuna: E me lo danno?

Alice:       Sì. Anzi, sai cosa ti dico? Tu…

                 Murena intanto fa rumore, mentre beve il caffè (lo fa per infastidire le due)

Murena:  Comm’è brutto ‘stu ccafé! Sape ‘e furmaggio!

Fortuna: In che senso?

Murena:  Secondo me, Alice, invece ‘e ce mettere ‘o zucchero ‘a dinto, ce ha menato ‘o

                 furmaggio grattuggiato!

Fortuna: Che cosa comica! (Poi ad Alice) Dunque, torniamo a noi.

Alice:       Ah, già. Stavo dicendo che i soldi puoi restituirli anche in 20 o 30 anni.

Fortuna: E quando li posso avere?

Alice:       Io direi…

Murena:  (Interrompe ancora) Belle, vogliamo uscire un po’? Ci compriamo un bel gelato!

Fortuna: (La guarda male) Sì, dopo, dopo. (Poi ad Alice) Scusa, cara, che dicevi?

Alice:       Dicevo che…

Murena:  (Le interrompe ancora) Avete visto l’ultima puntata di “Un posto al sole”?

Fortuna: (Irritata) Néh, ma ce ‘a faje dicere ‘na vrezola ‘e parola?

Alice:        E sì, Muré. Tu me pare ch’’o ffaje apposta pe’ nun fa’ parlà a ‘sta puverella.

Murena:  (Fa finta di niente) Ma scherzate? Io non ho sentito che le servono 50.000 Euro!

Fortuna:  Ah, e me fa piacere!

Murena:  Ma non ti preoccupare, io non sono invidiosa.

Fortuna:  E ce mancasse pure! Allora, Alice, parli tu con tuo marito?

Alice:       Nun te prioccupà. Però mò vatténne. Cioè… vai tranquilla! Insomma, ciao.

Fortuna:  Grazie di cuore. Io torno presto. Allora ciao. (Poi, acidamente a Murena) Cià!

                 Esce via di casa. Murena si alza e va da Alice.

Murena:  Uhé, i 50.000 Euro li deve avere prima mio marito. Hai capito?

Alice:       Ma non avevi detto che non eri invidiosa?

Murena:  L’ho detto e lo ribadisco. Parola ‘e ‘mbrugliessa!

                 Si mette sottobraccio a lei e poi le due vanno a destra.

4. [Lello e Felice. Poi Primo Pasta e Gustavo Fagioli]

                 Da sinistra torna Lello, seguito da Felice che tenta di nascondere nella propria

                 giacca un pacco di carta igienica, senza riuscirvi. Il primo non lo nota subito.  

Lello:       Felice, ho deciso: metto la firma sulla richiesta di prestito per te e per Dazio. Hai

                 capit…? (Lo nota impegnato a nascondersi la carta) Néh, ma che staje facenno?                

Felice:      (Rinuncia e finge di niente) Ehm… sto’ vedénno comm’è fatta ‘sta carta igienica!

Lello:       E comme ha da essere fatta? ‘E carta! Ma pecché sta ccà?

Felice:      Beh, l’ho vista, mi è piaciuta e l’ho presa. Non capisco perché la tieni in bagno!

Lello:       E addò l’aggia mettere? ‘Int’’o soggiorno? E poi non distrarmi. Io sto pensando a

                 come risolverti il problema dei soldi.

Felice:      Sì, sì, scusami, scusami. Vai continua, prima che qualcuno ci interrompa.

Lello:       Dunque…

                 Suonano alla porta.

Felice:     (Seccato) Uff! Ma chi sarrà, mò?

Lello:       Niente, sarrà ‘a signora a fianco che vene a cercà ‘o prutusino! Vado ad aprire.

                 Lello esce per la comune. Felice così rompe il pacco e cerca di nascondere nella

                 giacca i rotoli di carta igienica, operazione faticosa, e lui commenta a modo suo.

Felice:      E gghiamme bello! E che ce vo’?!...

                 Abbottona la giacca, ma due rotoli di carta pare gli facciano avere seni

                 prosperosi! Torna Lello con Primo e Gustavo, due tipi insulsi.

Lello:       Uhé, carissimi Primo e Gustavo. Come mai da queste parti?

Primo:     Niente, passavamo qua fuori e ti siamo venuti a trovare.

Lello:       Ma venite con me. Guardate chi ci sta là.

                 I tre si avvicinano a Felice.

Primo:     Uhé Felice carissimo!

Gustavo: E già, ce sta Felice!

Felice:     Cià, guagliù.

                 Lello, Gustavo e Primo gli osservano quelle strane protuberanze sotto la giacca.

Gustavo: Felice, nun saccio comme te veco strano!

Primo:     ‘O vero. Staje tutto abbuffato!

Felice:      No, chella è ‘a giacca. E allora, guagliù, ‘o vvulite ‘o ccafé?

Lello:       Ma chesto ce ll’aggia domandà io. Guagliù, ‘o vvulite ‘o ccafé?

Gustavo: No, grazie. Nuje simme passate a ccà pe’ te salutà e pe’ te dicere ‘na cosa.

Lello:       E io vi ascolto.

Gustavo: Dunque… Vabbuò, Primo, dincello tu.

Primo:     Sì, sì. Allora… dunque, Lello, devi sapere che il mondo si divide in due parti:

                 “avere” e “dare”. E nella vita esiste chi “avere” e chi “dare”.

Lello:       E scommetto che tu e Primo appartenete alla categoria “dare”!

I due:       Bravo!

Lello:       Embé, ma comme se fa? Tutte quante appartenìte a chesta categoria! E allora?

Gustavo: (Tono scherzoso) Caro Lello, devi sapere che io e Primo stavamo facendo una

                 scommessa. E’ vero, Primo?

Primo:     (Tono scherzoso) E già. Io gli ho detto: “Gustavo, vuoi scommettere che Lello, il

                 marito di mia cugina Alice, dice sempre di sì?”… E lui mi ha risposto: “No,

                 chillo è ‘nu taccagno!”…

Gustavo: Insomma, io ho scommesso sul no e lui sul sì. Ma tu mi devi smentire.

Primo:     E poi, caro Lello, tu mi hai affittato pure la casa dove abito adesso.

Gustavo: E pure a me. Hai capito, adesso?

Lello:       Coccosa sì e coccosa no.

Felice:     Lello, mò te faccio ‘a traduzione simultanea: ‘sti duje vonno ‘e sorde!

Primo:     Ma quando mai? Ma comme te permiette?

Gustavo: Nuje nun vulimme ‘e sorde.

Primo:     Noi vogliamo solo alcuni soldi!

Felice:      Ecco, m’aggio scurdato ‘e dicere “alcuni”!

Lello:       Sentite, mò ha da fernì ‘sta storia. Ccà ogni tanto s’appresenta uno, me fa ‘o

                 solito discorso del “dare” e “avere” e va truvanno ‘e sorde ‘a me.

Primo:     Vabbuò, ma nuje simme ‘e famiglia! E siamo pure parenti stretti!

Lello:       Stretti? Io ‘e cugnomme faccio Battilocchio. Tu, invece, te chiamme Gustavo

                 Fagioli, mentre isso se chiamma Primo Pasta!

Gustavo: Sì, ma le nostre madri sono sorelle a tuo padre. Perciò, i cognomi non contano.

Lello:       Già, ma stranamente, ogni vvota ca io e Alice ve venimme a truvà, nun ce staje

                 maje ‘a casa! Mò invece site venute ccà.

Felice:      Se la montagna non va da mastro Geppetto, mastro Geppetto va dalla montagna!

Lello:       No, chillo è Maometto!

Primo:     Ma comme, Lello, mò me faje perdere ‘a scummessa cu’ Gustavo?

Lello:       Nun me passa manco p’’a capa!

Gustavo: Ma almeno lasciaci spiegare come stanno veramente le cose. Che ti costa?

Felice:      No, no, no, nun ‘e sta’ a sentì, Lello!

Primo:     Ma te faje ‘e fatte tuoje?! Lello, ascoltaci un minuto e poi decidi se aiutarci o no.

Lello:       E vabbuò.

Gustavo: Sì, però non possiamo appartarci un secondo?

Lello:       Ce amma pure appartà? E appartàmmece. Venite cu’ me.

                 Lello, Gustavo e Primo si avviano a sinistra. Felice resta solo e trama qualcosa.

Felice:      Ma ‘sti duje me vuléssene arrubbà ‘a purpetta ‘a ‘int’’o piatto a me?! E no!

                 Entra deciso a sinistra.  

5. [Alice e Murena. Poi Lello, Gustavo, Primo e Felice]

 

                 Da destra torna Alice, seguita da Murena che ha un cappellino e un soprabito. 

Alice:       He’ visto che bella cuperta m’ha regalato Lello?

Murena:  Sì, è bella assaje!

Alice:       Me l’ha accattata ‘o mercat…! (Le nota il cappellino in testa e il soprabito

                 indossato) Uh, comm’è bellillo ‘stu cappellino! E comm’è bello ‘stu soprabito!

Murena:  Grazie.

Alice:       (Dubbiosa) Ma perché, quando tu sei entrata dalla porta, già li indossavi?

Murena:  E certamente.

Alice:       Strano, ‘stu cappellino e ‘stu soprabito ténene ‘na faccia cunusciuta!

Murena:  No, nun ce penzà! A proposito, chi sa si Felice e Lello hanne fernuto ‘e parlà?

Alice:       Ma sicuramente è accussì. Chillo, Lello, è accussì accomodante!

                 Da sinistra escono di corsa Gustavo e Primo, inseguiti da Lello. I tre si fermano.

Gustavo: Aiuto!

Primo:     Nun ce fa’ male, Lello!

Alice:       (Si frappone tra i due fuggitivi e Lello) Néh, ma ch’è stato?

Lello:       ‘O vvuo’ sapé? ‘Sti duje m’hanne ‘nguajato a me!

Alice:       (Ai due) E pecché? Ch’avìte cumbinato?

Gustavo: Tre gghiuorne fa, senza le nostre mogli, io e Primo simme state a Venezia.

Primo:     E visto che ci siamo trovati nei pressi del casinò, volevi che io e lui non

                 andavamo a vederlo da vicino?!

Gustavo: E visto che siamo andati a vederlo da vicino, volevi che non entravamo?

Primo:     E visto che siamo entrati, volevi che non giocavamo?

Gustavo: E visto che abbiamo giocato, volevi che non perdevamo?

Alice:       E avete pagato?

I due:       No!

Alice:       Embé, e allora?

Primo:     Io e Gustavo ci siamo messi d’accordo col direttore del casinò. Gli abbiamo detto

                 che noi due teniamo un garante. E secondo te, chi è questo garante?

Alice:       Lello.

I due:       Brava!

Alice:       Sì, ma quanto avete perso?

Primo:     La casa mia e la casa di Gustavo!

Alice:       E a nuje che ce ne ‘mporta?!

Lello:       Cretina! Chelli ccase so’ tutt’e ddoje mie! E io ce ll’aggio affittate a ‘sti duje

                 parassite pe’ poco e niente! Ma io l’aggia accidere!

I due:       Aiutooo!

                 Lello li insegue fino alla porta di ingresso, poi lo si sente minacciare i due.

Lello:       Nun ve facìte vedé maje cchiù, o si no nun ve faccio jucà cchiù ‘a rulette, ma ve

                 faccio fa’ ‘a rulette russa! Avite capito?

                 Torna nella stanza e va a sedersi al tavolo, sotto gli occhi delle due. E commenta.

                 M’aggia ‘ntussecà sempe cu’ tutte quante. Famme magnà ‘na mela, va’! (Prende

                 una mela dal tavolo, ma si accorge che…) Néh, ma che tene, ‘sta mela? (Poi nota

                 anche gli altri frutti) Alice, ma ‘sta frutta è ‘e plastica!

Alice:       Ma tu che staje dicenno? (Va a constatare)

Lello:       Ma comme, vaje a mettere ‘a frutta faveza ‘ncoppa ‘a tavola?  

Alice:       Ma io nun l’aggio misa.

Lello:       E allora chi l’ha misa?

                 Al che i due osservano Murena che, imbarazzata, cambia discorso.

Murena:  Ehm… ma Felice addò sta? Se n’è gghiuto?

                 Da sinistra torna Felice con una tovaglia chiusa a fagotto in mano.

Felice:     No, io stongo ccà!

Lello:      (Sorpreso, lo osserva) Che? E che ce sta lloco ddinto?

Felice:     Lloco ddinto addò? Io nun veco niente!

Lello:      (Si alza e va da lui) ‘Int’a ‘stu fagotto.

Felice:     Ah, ccà ddinto? No, niente, doje scimmità!

Lello:      (Afferra il fagotto) Lassa mommò ‘sta tovaglia. (Glielo tira di mano)

Alice:      Ma comme? Te vaje a piglià ‘a rrobba d’’a casa nosta? E pure tu, Murena.

Murena: Néh, ma che vvulisse dicere? Ca io e Felice ce pigliamme ‘a rrobba vosta?

Lello:      ‘Na cosa ‘e cheste!

Felice:     Ah, sì? Ah, sì? E allora me songo offeso. Me ne vaco.

Lello:      Cià!        

                Felice si avvicina all’appendiabiti. Vi si ferma e commenta, polemico!

Felice:     Ma ccà overamente facìmme?

                Prende un cappello e lo mette in testa, poi prende un soprabito e lo poggia sulle

                spalle, infine prende un ombrello. Poi precisa qualcosa.

                Ma tu te penzasse ca io aggio bisogno d’’a rrobba toja? Io sono un signore! 

                Toglie dalla giacca un rotolo di carta igienica, lo getta in terra e poi esce di casa.

Lello:      Uh, Giesù! Chillo s’ha pigliato ‘o cappiello, ‘o soprabito e ‘o ‘mbrello! Marjuolo!

Alice:      Lello, calmati!              

                Felice è inseguito da Lello che è inseguito dalle due che cercano di calmarlo.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1. [Lello e Alice. Poi Primo, Gustavo, Fortuna e Benedetta]

                   Lello (che ha una tazza di camomilla in mano) è seduto sul divanetto,

                   imbronciato. Accanto a lui, Alice prova a calmarlo.

Alice:         Jamme, Lello, nun sta’ accussì. Nun me fido cchiù ‘e te vedé cu’ ‘sta faccia.

Lello:         Nenné, io aggio perzo doje case pe’ colpa ‘e chilli duje scieme!     

Alice:         E tanto, ormai è succieso. Che ce vuo’ fa’? Gustavo e Pirmo so’ pariente.

Lello:         Belli pariente! E’ meglio a perderle che truvarle, ‘sti pariente ccà!

                   Suonano alla porta.

Alice:         ‘A porta. Sarrà ‘a signora a fianco che va truvanno ‘o prutusino. (Si alza in

                   piedi) Lello, io vaco a arapì. Te lascio ‘o cammumillo. Vivatìllo.

Lello:         Sì, sì, vabbuò.

                   Alice va ad aprire. Lello assaggia la camomilla e dopo fa una pessima faccia.        

                   ‘Stu cammumillo è peggio d’’o ccafé: sape ‘e gorgonzola!  

                   Posa il bicchiere. Alice torna seguita da Benedetta Traledonne e Fortuna.

Alice:         Venite, venite, entrate!

Le due:      Grazie!

Alice:         Lello, guarda chi ci sta: Benedetta e Fortuna.

Le due:      Ciao, Lello.

Lello:         Ua’, me parite ‘e gemelle Kessler!

Alice:         Ma si cheste nun so’ manco sore!

Lello:         No, però me pàrene ‘e ssore d’’o…!

Alice:         Ehm… ma prego, dite, dite pure, ragazze.

Benedetta: Senti, Lello, possiamo entrare tutti e quattro?

Lello:         Tutti e quattro? Ma pecché, chi ce sta cchiù?

Fortuna:    E mò te facimme vedé. (Va alla comune) Uhé, a vuje, venite, trasite!

                   Timidamente, impauriti, mano nella mano, entrano Primo e Gustavo.

I due:         Possiamo?

Fortuna:    Eccoli qua: i nostri mariti.

Lello:         Vuje? Ma state ancora ccà?

Alice:         Lello, fa’ ‘o bravo! E allora, su, accomodiamoci. In grazia di Dio. Tutti quanti.

                   Alice, Benedetta e Fortuna si siedono al tavolo, Lello sul divanetto.

Lello:         (Nota Primo e Gustavo in piedi) E vuje nun v’assettate?

Primo:       (Timoroso) Possiamo rimanere in piedi vicino all’uscita?

Gustavo:    E sì, non si può mai sapere.

Alice:         Va bene, lasciali stare dove vogliono. Posso fare il caffè?

Benedetta: No, grazie, niente caffè. Noi siamo qua per altri motivi.

Fortuna:    Vogliamo solo chiedervi scusa per l’episodio delle due case.

Benedetta: Però, ormai, dimentichiamo tutto. Sono cose che capitano. Fesserie!              

Lello:          Fesserie? Ma vuje ate capito ca io aggio perzo doje case? Questi due babbei le

                    hanno perse al casinò, da gente che non conosciamo neppure. Ma chi sono?

Primo:        (Desolato) E nun te prioccupà, nuje t’’e ffacimme cunoscere!

Gustavo:    (Desolato) Tra qualche giorno vengono qua a prendersi le case!

Lello:          S’’eportano ‘ncoppe ‘e spalle?

Alice:          Lello, Lello e calmati! Nun fa’ ‘o scemo. Questi signori che si devono prendere

                    le case, che ne sanno dove abitiamo? E che ne sanno tu chi sei?

Lello:          (A Gustavo e a Primo) ‘O ssanne?

I due:          (Imbarazzati) Ehm… no, no.

Alice:          Hai visto? Perciò, adesso tranquillizziamoci.

                    Suona il telefono.

Lello:          ‘O telefono ‘int’’a cucina. ‘O vaco a piglià io.

Alice:          (Si alza in piedi) No, ce vaco io. Tu però nun te movere. Con permesso.

                    Alice esce a sinistra. Lello allora parla ai due in lontananza.

Lello:          Meno male, quelli che vogliono prendersi le mie case, non mi troveranno mai.

                    Torna Alice con un cordless (copre la cornetta con la mano).

Alice:          Lello, ce sta ‘nu signore che vo’ parlà cu’ te.

Lello:          Chi è?

Alice:          E’ ‘o direttore d’’o casinò, chillo che s’ha da piglià ‘e ccase!

Lello:          (Fa una pessima faccia e poi si alza in piedi) Miette ‘nu poco ccà. (Le prende il

                    telefono, guarda male Primo e Gustavo, poi risponde) Pronto! Sì, sì, sono io,

                    Raffaele Battilocchio. Ma voi siete il direttore del casinò? Ah, sì? Vi chiamate

                    Zonin? Ho capito. (Ad Alice) E chesto pecché ‘stu tizio nun m’’eva truvà maje!

Alice:          E tu che vvuo’ ‘a me?  

Lello:          Ehm… signor Zonin le mie case non le avrete mai. Cosa dite? Ve le porterete  

                    con voi aVenezia? Embé, signor Zonin, appena metterete piede in casa mia, vi

                    prenderò a calci nel…! Chiaro? (Spegne il cordless, poi ai due) Disgraziati!

                    I due scappano per un momento dietro la comune. Lello gli parla ancora.

                    Avevate detto che nessuno sapeva io dove sto di casa. E invece sanne pure ‘o

                    nomme e ‘o cugnomme mio!!

Fortuna:    (Desolata, si alza in piedi, va da lui) E vabbuò, Lello, po’ se sistema tutto cose.

Benedetta: E già, nun te prioccupà. E ppo’ nuje simme pariente!

Lello:         ‘E che bella cosa che me staje arricurdanno!

Benedetta: No, chesto nun sta bene. E poi, se permetti, noi quattro siamo più nei guai di te.

Lello:         ‘O vero? E facìteme sentì pecché.

Benedetta: Semplice: tra poco tempo, noi non terremo più una casa dove abitare.

Lello:          E ch’è colpa mia? Ce l’avita dicere a chilli duje!

Primo:        Chesto è ‘o vero. Però, Lello, io e Gustavo tenìmme ‘na proposta pe’ te.

Lello:          Cioè?

Primo:        Nun è che tenisse ati ddoje case? Una pe’ me e una pe’ Gustavo!

Lello:          (Si arrabbia) E vuje tenìte pure ‘stu curaggio?

                    I due scappano per un attimo dietro la comune. Lello gli grida ancora contro.    

                    Embé, io me vulésse sfugà ‘ncuollo a vuje! Però è meglio si ve ne jate. Sparite!  

Primo:        (Si arrabbia) E jammuncenne, Gustavo. Li vedi? Questi sono i parenti. Quando

                    hanno bisogno di te, vengono a tozzoliare la tua porta. Ma poi ti arronzano!

Gustavo:    (Sdegnato) E già, comme si nuje ce avésseme miso ‘a mana dint’’a sacca!

Lello:          (Spazientito) Jatevénne!          

                    Inseguito e placato dalle tre donne, Lello rincorre Primo e Gustavo fino alla

                    comune, mentre i due fuggono via di casa. Lello gli parla dietro.   

                    Nun ve facìte vedé mai cchiù, io e vuje nun simme cchiù pariente. Avìte capito?

Alice:          Su, su, Lello! Calmàmmece ‘nu poco.

Lello:          No! (Va verso destra) Voglio sta’ nervuso. Ate capito? Voglio sta’ nervuso.

                    Ed esce via a destra, sotto lo sguardo perplesso delle tre.

Fortuna:   ‘Sta vota s’è proprio arraggiato.

Benedetta: Ma pecché, cocche vvota l’he’ visto maje calmo?

Alice:         Va bene, ragazze, lasciatelo stare. Adesso ci parlo io.

Benedetta: Ecco, brava, faje buono. Nun me piace comme se comporta Lello cu’ nuje.  

Fortuna:    Siamo dispiaciute per lui ma siamo offese. Andiamo, Benedetta. Cià, Alice.

Alice:         Aspettate, vi accompagno alla porta.

                   Le due escono via, accompagnate da Alice.

2. [Lello ed Alice. Poi Felice e Murena]

                   Da destra torna Lello che sta parlando al telefono con qualcuno.

Lello:         Pronto, Amira, sono Lello. Tu mi devi aiutare. Ho bisogno della tua consulenza

                   di avvocato. Quando posso venire da te? Come dici? Vieni tu a trovarmi? Allora

                   ti aspetto. A dopo. (Spegne il telefono) Ecco qua. Ormai, perzo pe’ perzo…!

                   Dalla comune, torna Alice. Nota Lelloe gli va vicino.

Alice:         E allora? Te si’ calmato?

Lello:         No. Tu invece si’ calma, pecché nun te ne frega niente, nun t’abbrùcia ‘o fronte!

Alice:         E invece te sbaglie. Però pare brutto. Chille so’ pariente!

Lello:         Allora ‘e pariente ce ponno pure accidere, però un fa niente, pecché pare brutto?

Alice:         Vabbuò, è comme dice tu. E intanto, come vuoi fare per difendere le tue case?    

Lello:         Tra poco ha da venì l’avvocato Amira Sbagliata. Le dirò tutto a lei.

Alice:         Bravo. E denuncia pure a questo Zonin. Che brutta voce teneva al telefono!

Lello:         E già. E teneva pure l’accento “leghista”! Speriamo che l’avvocato viene presto.

                   Suonano alla porta. I due si guardano in faccia perplessi.

                   ‘A signora a fianco. Mannaggia a essa e ‘o prutusino!

Alice:         Mò ce ‘o pporto ‘nu mumento.

                   Alice esce a sinistra, mentre cominciano a suonare insistentemente alla porta.  

Lello:         Alice, e ffa’ ambresso! Secondo me, ‘a signora sta scarza a prutusino!

                   Torna Alice con un piccolo fascio di prezzemolo in mano.  

Alice:         ‘Nu mumento, ‘nu mumento! Sto’ gghienno, sto’ gghienno!

                   Alice esce via, mentre Lello si siede al tavolo, rilassandosi, con gli occhi chiusi.

Lello:         Sto’ distrutto! Nun ce ‘a faccio cchiù!

                   Dalla comune invece ecco Alice, Murena e Felice (col prezzemolo in mano). Si

                   avvicinano a lui, specialmente Felice che lo osserva. Lello non li nota e seguita.

                   San Lello mio, fai che non ricevo mai più visite sgradite. Va bene? Ti ringrazio. 

Felice:        Néh, ma pozzo capì pecché Alice m’ha miso ‘stu prutusino ‘nmana?

Lello:         (Al sentire quella voce, apre gli occhi e si volta verso lui) Tu? E che ce faje ccà?

Felice:        (Posa il prezzemolo sul tavolo) E mica sto’ sul’io? Ce sta pure Murena.

Murena:    (Acida) Già, però a me nun m’ha salutato nemmanco!

Alice:         No, e mò chillo te saluta. E’ ‘o vero, Lello?

Lello:         (Disinteressato) Sì, sì, bonasera, bonasera!  

Murena:    Va’, Felì, mò puo’ parlà. Dince a Lello ‘o fatto d’’e 50.000 Euro.

Lello:         Ancora? Siente, nun ‘o ssaccio si voglio ancora firmà pe’ te fa’ avé ‘o prestito.

Felice:        Ah, vabbuò. Grazie ‘o stesso. Allora jammuncenne, Murena.

Murena:    Ma che ffaje? Te ne vaje? Tu devi insistere, noi dobbiamo avere quel prestito.

Felice:        Ma chillo tene ‘nu probblema!

Alice:         Lello, quanno se prumette ‘na cosa, s’ha da mantené. Ave raggione Murena.

Lello:      Alice, ma io nun ‘a tengo proprio, ‘a capa. Aggio perzo doje case.

Felice:     Doje case? E vuoi che ti aiuto a cercarle?

Alice:      Ma non è che le ha perse veramente. Le vuole il direttore del casinò di Venezia,

                un tale Zonin. E tutto questo per causa di Primo e di Gustavo.

Murena: Ma pecché, che hanne cumbinato?

Alice:      Hanno perso le case che gli ha affittato Lello al casinò.

Murena: Uh, mamma mia, che cosa comica!

                Murena e Felice cominciano a ridere. Lello ed Alice si guardano interdetti.

Lello:      Nun aggio capito, ma ‘stu fatto ve fa ridere?!

Murena: (Ridendo) Sì, assaje! E’ troppo spassuso!

Felice:     (Ridendo) Comme me dispiace che nun aggio pututo vedé ‘a faccia toja quanno

                 he’ saputo ‘a nutizia! (E ride di più)

Lello:      (Ad Alice) Embé, a chisti duje ‘e sbatto fora a cavice!

Alice:      Calma! Hai capito? Calma! (Poi severa coi due) Uhé, a tutt’e dduje, mò basta!

                I due smettono di ridere e si giustificano.

Felice:     Scusateci, non ridiamo più. Guarde ccà, Lello, m’he’ fatto chiagnere d’’e rresate!

Murena: Erano anni che nun me facevo ‘na panza ‘e resate accussì.

Lello:      E allora vuo’ ridere overamente? Bene: io non firmo più per farti avere il prestito!

I due:     (Si inginocchiano imploranti) Nooo, nooo!        

Lello:      Niente da fare.

Murena: Pe’ pietà, Lello!

Felice:     Te giuro che nun me metto a ridere maje cchiù ‘ncoppa ‘e disgrazie toje!

Lello:      Nun me ne ‘mporta niente!

Alice:      E vabbuò, Lello, mò basta. Fernìmmele ‘e fa’ ‘sti ccriaturate. Metti la firma per

                fargli avere i soldi e poi punto e basta! Si comincia a fare una vita più sana.

Murena: (Si rialza) Sì, sì, certamente.

Felice:    (Si rialza pure lui) Nun ‘o ssaccio che vvo’ dicere “più sana”, però io ‘a faccio!

Lello:      E vabbé. Mettiamo questa firma.

Felice:    Grazie, Lello! E appena ‘ncontro a Primo e a Gustavo, ‘e ffaccio ‘nu llucco ‘ncapa

                a tutt’e dduje. Ma comme se perméttene ‘e perdere ‘e ccase toje?!

                Dopodiché ricomincia a ridere e dietro lui fa lo stesso pure Murena.

Lello:      (Ad Alice) He’ visto? No, dico, tu ‘e staje vedenno a ‘sti duje?

Alice:      Aggio capito. Murena, viene cu’ me. Te porto a vedé chelli belli scarpe nove che

                m’aggio accattato.

Murena: (Ridendo) E sì, jammuncenne.

                Le due escono a destra. Felice continua a ridere. Si siede al tavolo ridendo.

Felice:     Oddio, Lello, me staje facenno schiattà ‘e resate! Ma tu si’ ‘nu comico nato!

Lello:      Ma ‘a vuo’ fernì ‘e ridere, sì o no? (Si siede al tavolo imbronciato)

                Felice intanto smette pian piano di ridere: sembra quasi una macchina che frena.

3. [Lello, l’avvocato Amira Sbagliata e Felice]

 

                Lello e Felice sono seduti al tavolo, quando suonano alla porta. 

Felice:    (Preoccupato) E chi sarrà, mò?

Lello:     Pecché?

Felice:    No, dico: si è coccheduno che va cercanno ‘nu prestito, tu dincello che nun è cosa!

Lello:     Ma stattu zitto! E comunque, sarà la vicina di casa. Va truvanno ‘o prutusino!  

Felice:  Ah, sì? (Si alza in piedi e prende il prezzemolo sul tavolo) E mò ce ‘o pporto io.

Lello:   E pecché?

Felice:  Tu mi devi mettere la firma per avere il prestito. Nun te puo’ stancà!

Lello:   Niente di meno?

Felice:  No, ti prego, Lello, io aggia sta’ qujeto, tu devi stare in forma per la firma! Capito?

             Felice porta con sé il fascio di prezzemolo. Lello allora fa delle considerazioni.

Lello:   Mah! Intanto, Amira non è venuta più. Non mi posso fidare proprio di nessuno.

             Dalla comune entra Amira Sbagliata (ben vestita e con ventiquattrore) seguita da

             Felice con il prezzemolo in mano. Lei protesta contro di lui.

Amira: Insomma, mi volete lasciare in pace? Io devo parlare col signor Lello Battilocchio.

Felice:  Signò, e v’’o vvulite piglià ‘stu prutusino, o no?                 

Lello:   (Si alza in piedi ed interviene) Néh, uhé, disgraziato, ma che staje cumbinanno?

Felice:  Io? Niente. Voglio da’ ‘o prutusino ‘a signora, però essa dice che tene ‘o llauro!

Amira: Ma quale lauro? Io ho detto che tengo la laurea!

Felice:  E vabbuò, lauro è maschile, ma giacché vuje site femmena, se dice “laurea”!

Lello:   Ma stattu zitto ‘nu poco cu’ chella lengua! Lei non è la vicina.

Felice:  Ha cagnato casa?

Lello:   Esatto, ha cagnat…! No, nun ha cagnato niente! Lei è l’avvocato Amira Sbagliata.

Felice:  St’avvocato tene ‘a mira sbagliata? Allora ha bussato a ‘na porta pe’ ‘n’ata?

Amira: Ma Amira Sbagliata è il nome e il cognome.

Felice:  Aggio capito. Ma allora nun ‘o vvulite ‘o prutusino?

Amira: Ma qualu prutusino? Che me n’aggia fa’?

Felice:  (Lo posa in tasca della giacca) E allora m’’o ppiglio io, è peccato a ittà ‘a rrobba!

Lello:   Pigliatìllo, abbasta ch’’a fernìmme! Abbi pazienza, Amira. Lui è mio cognato.

Felice:  Felice Di Notte. Ma, ‘a verità proprio, io so’ infelice vintiquatt’ore su vintiquatto!

Lello:   Va bene, ma adesso, Felice, permetti che io riceva l’avvocato come si deve?

Felice:  Va’, va’, tu staje ‘a casa toja e ppuo’ ffa’ chello che vvuo’ tu!

Lello:   Menu male! Prego, Amira, accomodati.

             I tre si siedono al tavolo.

             Amira, posso farti il caffè?

Felice:  No, avvocà, nun ve conviene.

Amira: E perché?

Felice:  ‘Int’a ‘sta casa fanne ‘o ccafé che sape ‘e furmaggio!

Lello:   Ma te staje zitto? Insomma, io sono privo di fare il caffè ai miei ospiti?

Felice:  Va’, va’, tu staje ‘a casa toja e ppuo’ ffa’ chello che vvuo’ tu!

Amira: Lasciamo stare il caffè. Insomma, Lello, qual è il motivo della mia venuta qui?

Felice:  Scusate, avvocà, prima che iniziate, io vendo castelli! Non è che ve ne serve uno?

Amira: E che me ne debbo fare?

Felice:  Vabbé, non dite: “Che me ne debbo fare?”… Dite che non tenete i soldi per

             comprarvelo. Che ci sta di male?

Lello:   Felì, ma me vuo’ fa’ parlà cu’ ll’avvocato?

Felice: Va’, va’, tu staje ‘a casa toja e ppuo’ ffa’ chello che vvuo’ tu!

Lello:   Dunque, Amira, le cose stanno così: io ho due cugini carnali. Uno si chiama Primo

             Pasta e l’altro Gustavo Fagioli.

Felice:  Esatto. Uno se chiamma Pasta e chill’ato Fagioli. Hanne fatto Pasta e Fagioli!

Lello:   E basta! Come dicevo, Amira, a questi miei cugini ho affittato due mie case. Ora,   

             questi due signori, hanno lasciato le loro mogli a casa e sene sono andati a Venezia.

Amira:  Veramente?

Lello:    Sì. E hanno perso i loro soldi al casinò, solo che non avevano i soldi per pagare.

Amira:  Veramente?

Lello:    Sì. E niente di meno, mi hanno reso loro garante, e così il direttore del casinò, tale

              signor Zonin, verrà insieme ad un altro tizio a prendersi le mie case.

Amira:  Veramente?

Felice:  (Spazientito) Scusate, avvocà, vuje dicìte sempe “Veramente? Veramente?”! Ma  

              secondo voi, mio cognato ve sta cuntanno sulo ‘na marea ‘e palle?

Amira:  No, ma io non sto mettendo in dubbio ciò che dice lui. Quello è un mio intercalare.

Lello:    E guarde si ‘a fernesce. Basta, Felice! Insomma, hai capito tutto, Amira?

Amira:  Sì, Lello, sì. Però io non capisco qual è il problema. Chiamatemi scema!

Felice:   Scema!

Amira:  Ma come vi permettete?

Felice:   E mica l’aggio ditto io? L’ate ditto vuje.

Lello:    Ma ‘a vuo’ perdere ‘nu poco ‘a lengua?!... Abbi pazienza, Amira, che dicevi?

Amira:  Dicevo che non ho capito il problema, in quanto non sussiste. I tuoi cugini hanno  

              preso in affitto case tue, non di loro proprietà. Dunque non possono venderle.

Lello:    Sei sicura?

Amira:  Come avvocato, penso di capirne qualcosa in materia di leggi!

Felice:  Ah, ma allora nun è scema! He’ visto, Lello?

Lello:    E chi l’ha ditto ch’è scema?

Felice:  Tu!

Lello:    No, veramente, l’he’ ditto tu ch’è scema!

Amira:  Sentite, a tutt’e dduje, ma ‘a vulite fernì ‘e me chiammà scema?

Lello:    E mica t’aggio chiammata “scema”? Ma si’ scema?

Amira:  He’ visto?

Lello:    Ma chillo me sta facenno ‘mbruglià a me!

Amira:  Insomma, basta. Lello, nessuno può mettere le mani sulle tue case. La legge parla

               chiaro e io ne mastico benissimo. E ne mastico pure i comma.

Felice:   (A Lello) He’ ‘ntiso? Mastica pure ‘e ggomme!

Amira:  (Si arrabbia) Ma quali gomme? Ho detto “comma”, “comma”! (Seccata, scatta in

               piedi) Ora basta! Ma come si permette questo?

Lello:    (Si alza pure lui) No, va bene, calmati, calmati. Non gli dar retta. Facciamo così:

              andiamo a parlare tranquillamente nel mio studio. Là non ci scoccerà nessuno.

Amira:  Ecco, bravo.

Felice:   E vabbuò. Avvocà, però facìte ambresso. Ve concedo a Lello pe’ diece minute!

Amira:  Uff!

               I due escono a sinistra. Felice osserva Amira con perplessità.

Felice:   Quant’è antipatica, chella! E vabbé. Prima che Lello torna, io sai che faccio? Vado  

               a fare la spesa quaggiù.‘O prutusino invece già ‘o ttengo!

               Lo estrae dalla tasca e lo osserva. Poi esce via di casa, perplesso.

4. [Murena e Alice. Poi Lello ed Amira. Infine Felice]

                Da destra tornano Alice e Murena (che indossa le scarpe nuove della sorella).

Murena: Alice, te piace comme me stanne ‘sti scarpe?

Alice:      Sì, però mò levatelle.

Murena: ‘Nu mumento, fàmmece cammenà ‘nu poco. Quelle stanno meglio a me che a te!

Alice:       E addò stanne Felice e Lello? Ma Lello s’è scurdato che ha da venì l’avvocato?

Murena: Qual’avvocato? 

Alice:      ‘N’amica soja. L’ha da risolvere ‘o problema d’’e ccase.

Murena: ‘N’amica ‘e Lello? ‘Na femmena? ‘Sta faccenda nun me piace tanto.

Alice:      Ma nun dicere scimmità. Chiuttosto, vatte a levà ‘e scarpe mie.

Murena: E tu pienze ‘e scarpe? Ma tu lo sai cosa dicono le statistiche sui matrimoni falliti?

Alice:      No.

Murena: Il più delle volte, si comincia a chiamare a casa un amico o un’amica avvocato.

Alice:      (Interessata) E ppo’?

Murena: E poi, dopo il fatto professionale, entrano in mezzo altri fatti di pura rattusamma!

Alice:      Di pura…?

Murena: Rattusamma!

Alice:      Siente, ma quanno t’’e llieve ‘e scarpe mie?

Murena: Nun ‘e ppenzà cchiù, ‘e scarpe. Cambia avvocato. Appena viene questa avvocata,

                mandala via, prima che si apparta con lui.

Alice:      Ma nun te prioccupà. Mio marito è ‘n’ommo serio. Nun tene niente ‘a nasconnere.

                Da sinistra riecco Lelloe Amira in atteggiamento confidenziale. Le due li notano.

Lello:      Cara Amira, ora mi sento molto meglio grazie a te! A proposito, quanto ti debbo?

Amira:    Ma no, per la prestazione che ho fatto, non voglio essere neppure pagata!

Lello:      Uh, e perché?

Amira:    Per la nostra stima reciproca! Stai tranquillo, ho fatto tutto con piacere.

Lello:      Ti ringrazio. (Le stringe la mano)

Murena: Ma tu staje vedenno, Alice? Va’, va’ addù lloro e ffaje ‘nu scandalo!

Alice:      Ma…

Murena: E vva’!

                La sospinge fino ai due e così Alice va a tamponare Lello.

Lello:      Néh, ma ch’è stato?

Alice:      No, niente, niente. (Ingelosita) Siente, Lello, pozzo sapé che staje cumbinanno?

Lello:      Sto parlando con la mia carissima amica avvocato. Amira, lei è mia moglie Alice.

Amira:    Piacere, avvocato Amira Sbagliata. (Tende la mano per una stretta)

Alice:      (Non le stringe la mano) Piacere.

Amira:    E così, lei è la moglie di Lello?

Alice:      (Acida) Già.

Murena: (Da dietro aizza Alice) Va’, attacca, attacca! Te voglio vedé comm’a ‘nu Pitt Bull.

Alice:      Sì, subito. Sentite, Lello e avvocato, ma che stavate facendo, in quella stanza?

Amira:    Niente, noi stavamo…

Alice:      Non l’ho chiesto a lei. L’ho chiesto a mio marito!

Lello:      E che steveme facenno? Steveme parlanno d’’e ccase mie. Inizialmente è stata una  

                conversazione sofferta, ma per fortuna Amira mi ha tirato su di morale!

Alice:      (Ironica) Overamente?

Lello:      Sì. Ed è stata molto carina: per la sua prestazione non ha voluto neppure un Euro.

Alice:      (Ironica) Uh, quant’è bellella!

Lello:      Io lo dico sempre: sono meglio gli amici che i parenti! Che ne pensi, Alice?

Alice:      Che ne penso? (Si arrabbia) Penso che tu sì ‘nu puorco!

Lello:      Io? Ma pecché, ch’aggio fatto?

Alice:      Tu niente. Ha fatto tutto cose essa! E si nun s’ha fatta pavà, ha sbagliato!

Amira:    Signora, ma come si permette?

Alice:      Uhé, io me permetto e comme! Ma voi due lo sapete che cosa dicono le statistiche

                sui matrimoni falliti?

I due:      No!

Alice:      Il più delle volte, si comincia a chiamare a casa un amico o un’amica avvocato.

I due:     (Sorpresi) Eh?

Alice:      Sì. E dopo il fatto professionale, entrano in mezzo altri fatti di pura rattusamma!

Amira:    “Rattu” che?

Lello:      “Samma”! Se dice quanno ‘e ggente so’ rattuse! Cioè, malati sessuali!

Amira:    Ma noi non abbiamo fatto niente di male. Abbiamo parlato delle case di Lello. Ed

                 abbiamo stabilito che esse sono intoccabili.

Alice:      Overamente?

Amira:    Sì. Nessuno può. (Poi traduce in latino) “Nemo potest”!

Alice:      Comme?

Murena: No, niente è latino.

Alice:      E che vvo’ dicere?

Lello:      Vo’ dicere  che si coccheduno se piglia ‘e ccase mie, Nemo protesta!

Murena: Nemo? E chi è ‘stu Nemo?

Lello:      E chi cacchio ‘o cunosce?

Amira:    Ma no, “nemo” vuol dire nessuno. Cioè, nessuno può prendersi le case di Lello.

Alice:      Sì?

Amira:    E certo. “Alea jacta est”.

Murena: (Guarda a terra) Addò sta?

Amira:    Chi?

Murena: ‘A jatta!

Lello:       Sta a est!

Alice:       ‘A jatta sta a est?

Amira:    No, “Alea jacta est” vuol dire “Il dado è tratto”. Insomma Lello, “Carpe diem”.

Lello:      No, ma io nun faccio ‘o carpentiere. Io faccio l’impiegato ‘e banca!

Amira:    “Carpe diem” vuol dire “cogli l’attimo”. Va bene? Ed ora vi saluto. “Ad Majora”!

Lello:      (Ad Alice) Ah, he’ capito? Va a Maiori!

Alice:      Ah, avvocà, nuje invece amma ì a Ascea!

Amira:    Ma no, “Ad Majora” serve per il commiato.

Lello:      E mio cognato nun ce sta!

Amira:    Va bene, ho capito, basta così. Ci sentiamo telefonicamente, Lello. Arrivederci.

                Amira esce di casa. Cosicché Alice guarda male Lello. Lui le parla tranquillo.

Lello:      He’ ‘ntiso? Sape parlà pure latino. (Poi nota lei che lo guarda male) Ch’è stato?

Alice:      ‘O vvulesse sapé io ‘a te. Tu e chell’ata, ch’avite cumbinato ‘int’’o studio tuojo?

Lello:      Ancora? Ma ch’amma cumbinà? Ti ho detto che abbiamo parlato delle mie case.  

Alice:      Sì, ma st’avvocatessa nun me piace, è troppa azzeccosa. Tu e lei mi fate paura.

Lello:      Ma chi t’’e mmette st’idee ‘ncapa?

Alice:      Giustamente, m’ha fatto riflettere mia sorella qui presente. E le statistiche!

Murena: Esatto. Secondo le statistiche, l’80% dei mariti non ammette subito l’adulterio.

Alice:      (Arrabbiata) Disgraziato, buciardo, infame, fetente, traditore e puorco!

                Se ne esce a destra, arrabbiata. Lello tenta di chiamarla, ma vanamente.

Lello:      Alice…! Ma dich’io, Murena, comme te vene ‘ncapa ‘e dicere ‘sti ccose a Alice?

Murena: Io nun aggio proprio araputo ‘a vocca! Quelle sono le statistiche!

            Esce a destra. Lello, rimasto solo, allarga le braccia, poi si siede al tavolo.

5. [Lello e Dazio. Poi Felice, Alice e Murena]

            Lello, seduto al tavolo, trama qualcosa.

Lello:  E va bene. Insomma, Amira ha detto che il veneziano non può toccare le mie case.

            Quasi, quasi, voglio proprio divertirmi alle spalle di Primo e Gustavo. Li faccio

            tremare un poco. Vendetta sia fatta!

            Suonano alla porta.

            ‘A vicina ‘e casa. A chesta le manca sempe ‘o prutusino! Embé, mò n’’a caccio!

            Si alza in piedi ed esce dalla comune. Lo si sente inveire:

            Signò, e mò basta…!

            Pochi secondi dopo torna seguito da Dazio (cupo e triste) e si scusa con lui.

            Uh, scusami, Dazio, io mi pensavo che tu eri la signora a fianco!

Dazio: E perché hai aperto la porta senza vedere chi è?

Lello:  Dazio, nun me fa’ domande. Piuttosto, accomodati.   

Dazio: E non posso sedermi. Io sono un uomo inguaiato. Perciò, voglio solo… suicidarmi!

Lello:  Néh, ma che staje dicenno?

Dazio: (Tira fuori una pistola) Sì, io sono venuto ad uccidermi qui in casa tua!

Lello:  Uh, mamma mia! Cu’ tantu spazio, tu te vuo’ suicidà proprio ‘a casa mia?!

Dazio: Sì, pecché accussì m’ha ditto ‘a capa. Stongo troppo ‘nguajato, me sérvene ‘e sorde.

Lello:  Va bene, ma discutiamone prima.

Dazio: No. Dopo la mia morte, ti sentirai in colpa. (Si punta la pistola alla tempia) Addio!

Lello:  No, no, no!

            Afferra la pistola e ne nasce una disputa tra i due che sbattono dappertutto, poi si

            rotolano sul pavimento, quindi Lello disarma Dazio, dandogli un pugno sul viso.

Dazio: (Protesta) Oh, ma tu me staje salvanno ‘a vita, oppure me staje vattenno?!

Lello:  (Si rialza) E pe’ te salvà ‘a vita, t’aggia vattere! Ed ora mi prendo la pistola. (La

            posa in un cassetto della credenza) La riavrai solo quando ti sarai calmato.

Dazio: Ah, sì? (Si rialza in piedi e dalla tasca estrae un coltellino) E allora io m’accido cu’

            ‘na curtellata ‘int’’a panza!

Lello:  Uhé, puose mommò chillu curtiello.

Dazio: No! (Si prepara ad auto-accoltellarsi) Addio per sempre, Lello!

            Lello interviene in tempo per fermarlo. Nasce una disputa tra i due che sbattono

            dappertutto, si rotolano sul pavimento, a un tratto si sente Lello gridare di dolore!

Lello:  Aaaah!

Dazio: Ch’è stato, Lello, t’aggio cugliuto?

Lello:  Puozz’ittà ‘o sango, si nun era p’’a currea, m’accedìve! Ma damme ‘stu coso e

            statte qujeto! (Gli tira di mano il coltellino, si rialza  e lo posa nella credenza)

Dazio: (Si rialza) Ah, sì? (Dalla tasca estrae una boccetta) Allora mi suicido col cianuro!

Lello:  Ma accìdete, fa’ chello che vvuo’ tu!

Dazio: (Perplesso) Guarde, ca chesto è cianuro.

Lello:  Pigliatéllo!

Dazio: Ma si io m’’o ppiglio, moro!

Lello:  Te faccio ‘nu bellu funerale!

Dazio: (Rassegnato) Aggio capito. L’unica manera pe’ pavà ‘o debito mio, è ‘a morte.

Lello:  Ma nun ‘o vuo’ cchiù ‘o prestito d’’a banca addò fatico io?

Dazio:     Sì, lo voglio. Però dobbiamo scendere ora. Andiamo in banca. Ti accompagno io.

Lello:      Ma si songhe ‘e nnove ‘a sera.

Dazio:     E che ffa’? E’ meglio accussì. Nun ce sta ggente.

Lello:      Ma tu te penzasse ca io tengo ‘e cchiave d’’a banca? Mica è ‘a mia?

Dazio:     (Si siede al tavolo) E come faccio, adesso?

Lello:      Ma che ne saccio? Speramme sulo che putìmme sta’ ‘nu poco ‘nsanta pace.

                Va per sedersi al tavolo, ma proprio mentre sta per farlo, suonano alla porta.

                Ma chi è? Uffa! Sarrà ‘a signora a fianco che va truvanno ‘o prutusino. Che palle!

                Va ad aprire e torna seguito da Felice (che ha con sé due buste di spese).

Felice:     Allora, tutto a posto cu’ l’avvocato?

Lello:      Sì.

Felice:     (Va per posare le buste sul tavolo e nota Dazio) Ah, ce staje pure tu?

Dazio:     E certamente. Lello m’è cugino.

Felice:     E a me m’è cainato!

Dazio:     Ma a me me vo’ cchiù bene.

Felice:     E invece a me me vo’ bene cchiù assaje!

Lello:      Uhé, vedìte d’’a fernì, tutt’e dduje. Chiuttosto, Felì, ma tu ire asciuto?

Felice:     E certo. Aggio fatto ‘a spesa. Però nun aggio accattato sulo rrobba ‘a magnà.

Lello:      E che te si’ accattato cchiù?

Felice:     (Si distanzia un po’) Aspetta e t’’o ddico. (Dalla tasca estrae una pistola) Chesta!

Lello:      Uh, Giesù, e che vvuo’ fa’, cu’ ‘sta pistola?

Dazio:     Aggio capito: vuo’ sparà a Lello! 

Felice:     No, quase quase te sparo a te!

Dazio:     No, no, nun te prioccupà, spara a Lello!

Lello:      Ma che? Jamme chiano, cu’ ‘sti ccose!

Felice:     Nun te prioccupà, Lello, nun t’aggia sparà a te. M’aggia sparà io!

Lello:      Pure tu te vuo’ suicidà?

Felice:     Ma pecché, chi ce sta cchiù?

Dazio:     Io! Songo depresso pecché sto’ ‘nguajato!

Felice:     E io stongo peggio ‘e te! (Si punta la pistola alla tempia) Per cui, addio!

Lello:      No, no, uhé, uhé! Ma che vvuo’ fa’? Stattu fermo.

Felice:     Grazie di tutto, Lello! Allora io mi sparo. Tanti saluti!

Lello:      (Lo raggiunge) Statte qujeto, t’aggio ditto!

                Afferra la pistola, nasce una disputa tra i due che sbattono dappertutto, rotolano              

                sul pavimento, poi parte un colpo dalla pistola che sfiora Dazio.

Dazio:     (Si alza in piedi, spaventato) Oh, ma site scieme?! M’avìte sparato a me!

Lello:      Uh, mannaggia ‘a miseria!

                Lello disarma Felice, dandogli un pugno sul viso.

Felice:     Oh, ma si’ scemo? Tu me faje male!

Lello:      (Alzandosi in piedi e gli mostra la pistola) Ah, pecché, ‘a pistola te fa bene?

                Da sinistra tornano Alice e Murena.

Alice:      Néh, ma che sta succedenno, ccà ddinto?

Murena: (Nota la pistola in mano a Lello) Oddio, Alice, Lello sta sparanno a Felice!

Alice:      Uh, ma si’ pazzo?

Lello:      Ma si’ pazza tu? Secondo te, io voglio sparà a chisto?  

Murena: E allora che ce faje cu’ ‘sta pistola ‘nmana?

Lello:      Io niente. E’ Felice che se vo’ suicidà!

Murena: Tu te vuo’ suicidà? T’hanna accidere, disgraziato!

Felice:    (Rialzandosi) Oh, e te staje qujeta? Mica t’aggio sparata a te? Me voglio sparà io!

Lello:      E intanto, invece ‘e te sparà tu, he’ sbagliato mira.

Dazio:     Infatte, m’he’ quase cugliuto a me!

Lello:      Ah, ma nun t’ha cugliuto? (Poi va al muro dall’altra parte) Uh, è ‘o vero. Guarde,

                ccà, he’ fatto ‘nu buco vicino ‘o muro! (Torna da lui) Disgraziato!

Murena: Felice, ma pecché he’ fatto chesto?

Felice:     Niente, me voglio suicidà pecché sto’ ‘nguajato.

Alice:      Ma Lello t’ha promesso che te fa avé ‘o prestito.

Dazio:     (Si alza e va dagli altri) Nient’affatto! Lello, ‘o prestito, me l’ha da fa’ avé a me.

Murena: ‘O vero? E pecché?

Dazio:     E pecché aggio avuto primm’io l’idea ‘e me suicidà!

Alice:      E addò sta, ‘a pistola? Tu nun ‘a tiene!

Dazio:     Ah, sì? (Corre alla credenza, apre il cassetto, prende la pistola) E chesta che d’è?

Lello:      Uhé, puose chella pistola, mommò!

Dazio:     (Se la punta alla tempia) No, io nun ‘a poso. Addio per sempre!

Felice:     Sì? (Disarma Dazio, si punta la pistola alla testa) Io me sparo, addio pe’ sempe!

Murena: (Spaventata) Uh, no!

Dazio:     Lello, deciditi: a chi ‘o daje ‘o prestito? A me?

Felice:     No, a me!

Dazio:     No, a me!

Felice:     E allora saje che te dico? Nun me sparo cchiù io. Te sparo a te!

Dazio:     E pur’io!

Alice:      (Spaventata) Oddio!

Lello:      (Spaventato) No, no, pe’ carità, arraggiunamme!

Felice:     No, io nun arraggiono cchiù!

                Felice va alla porta di sinistra e vi si nasconde; Dazio va a quella di destra e fa lo

                stesso. Lello, Murena ed Alice vanno accanto al tavolo e vi si accovacciano per

                ripararsi dai proiettili, visto che Dazio e Lello si scambiano un colpo a testa. 

Lello:      Daziooooo! Feliceeeee! Bastaaaa! Stateve attiente ‘o muro!

                Parte un altro colpo di pistola. E Lello richiama i due.          

                ‘A porta, ‘a porta se scassa!

                Parte un altro colpo di pistola. E Lello richiama i due.          

                Stateve accorte ‘a credenza! 

                Parte un altro colpo di pistola, ma stavolta Lello balza in piedi, tenendosi con le

                mani il sedere dolorante, gridando come un pazzo!

                Aaaaah!

                Alice e Murena si rialzano, Dazio e Felice smettono di spararsi e vanno da lui.         

Alice:      (Preoccupata) Ch’è succieso? Si’ ferito? Parle, parle!

Dazio:     Uh, amme sparato a Lello ‘ncoppa ‘o popò!

Felice:     Lello, fa male?

Lello:      (Dolorante) Jatevénne, o si no ve sparo a tutt’e dduje! (E grida di dolore) Aaaaah!

                Lello gironzola dolorante, mentre gli altri cercano di calmarlo.

FINE ATTO SECONDO

Napoli, salone di casa Battilocchio: tre mesi dopo.

ATTO TERZO

1. [Lello, Amira, Alice. Poi Felice e Murena]

                Seduta al tavolo, c’è Amira. Lello ed Alice invece gironzolano nervosamente.

Lello:      Avete visto che significa aiutare i parenti? C’è tutto da perdere… pecché ce sta ‘a

                cunferenza. Sono tre mesi che ho messo la firma sui loro prestiti, ma non hanno     

                restituito ancora niente alla banca. E ‘o direttore, cu’ me, sta comm’a ‘nu pazzo!

Amira:   Ma hai provato a telefonare a tutti e due?

Lello:      Solo telefonare? Io ‘e stongo cercanno pe’ tutta Napule. Ma niente, sono spariti!  

Amira:   Vuoi che provi io a telefonare a tuo cognato?

Alice:      No, avvocà, è inutile. Mia sorella e mio cognato hanno il telefono di casa staccato.

Lello:      (Sgrana gli occhi e poi guarda male sua moglie) E tu mò ‘o ddice?

Alice:      E io m’aggio scurdata. Anzi, aggiungo che quei due non tengono nemmeno i

                cellulari. A mio cognato gliel’hanno rubato e mia sorella non ce l’ha proprio.

Lello:      Pure? T’’e staje facenno ascì tutte quante mò, ‘sti nnutizie?! 

Amira:   E allora facciamo così: datemi il numero di telefono di Dazio Vinicio.

Lello:      E’ inutile. ‘O cellulare risulta irraggiungibile e ‘o telefono ‘e casa è staccato. A     

                casa sua nun ci sta proprio. Forse ha espatriato.

Amira:   Lello, ma dico io, tu sei il garante di un prestito. Almeno vuoi essere previdente?

Lello:      Già, hai ragione. E pensare che io ho sempre cercato di isolarmi da quella gente.

Alice:      Ma poi fammi capire: che succede se quei due non restituiscono i soldi?

Lello:      Che succede? Che succede? Ce li devo rimettere io! Marò, nun me ce fa’ penzà!

                Esce via a sinistra, con le mani tra i capelli.

Amira:   Beh, signora, suo marito ha ragione.

Alice:     (Si siede al tavolo) E lo so. A proposito, avvocà, io mi devo ancora scusare con lei.

Amira:   E per cosa?

Alice:      Tre mesi fa, per colpa dei consigli sbagliati di mia sorella, ho pensato male di lei,

                come amante di mio marito. Ma quale amante? Lei è una professionista seria.

Amira:   E’ acqua passata. Adesso pensiamo ad aiutare suo marito.

Alice:      E’ ‘na parola. Chi sa dove sono scappati, quei quattro scellerati dei miei familiari?

                Suonano alla porta. Le due si guardano in faccia, ma Alice tranquillizza Amira.

Alice:      E’ ‘a signora a fianco. ‘O fatto è ch’aggio fernuto ‘o prutusino! Non è che lei ne

                tiene un pochino?

Amira:    Io tengo ‘o prutusino?

Alice:      Ah, già, lei è avvocato! Non usa il prutusino! (Si alza in piedi) Con permesso!

                Alice va ad aprire la porta, lasciando Amira perplessa.

Amira:    Io nun uso ‘o prutusino? E chi ce l’ha ditto, a chella? Mah!

                Alice torna insieme a Felice (che ha una ventiquattrore) e Murena.

Felice:     Un saluto a tutti! (Posa la ventiquattrore sul tavolo)

Alice:      (Richiama i due) Ah, finalmente vi siete fatti vivi! Ma allora nun site muorte!

Murena: Ma pecché, è succieso coccosa?

Amira:    (Si alza in piedi e va dai due) Sono tre mesi che non date più vostre notizie.

Murena: Scusate, ma io ve cunosco? Ah, già, vuje site l’avvocato ‘e mio cognato Lello.

Amira:    Esatto.

Murena: Embé, e perché vi dobbiamo dare nostre notizie?

Amira:    Non a me, ma a suo cognato.

Murena: Suo cognato? Ma ‘o cognato ‘e chi?

Felice:     Murena, ‘o tuojo! Sulo che tutt’e ddoje nun ve capite, pecché tu ce staje danno ‘o

                “vvuje” a essa e essa te sta dando ‘o “lei”!

Murena: E allora ci vogliamo dare del tu?

Amira:    La mia etica professionale me lo vieta. Diamoci pure del “voi”, se volete.

Alice:      Vabbuò, basta, invece ‘e dicere cose inutile, penzamme ‘o fatto ‘e Lello: i soldi.

Felice:     Giusto! Ma cara cognata, tu lo sai che ci sta una bella novità lavorativa per me?

Alice:      E quale?

Felice:     Io non vendo più castelli. Adesso vendo l’aria di Napoli dentro i boccacci chiusi!

Alice:      Aggio capito: nun he’ purtato ‘e sorde. Si te vede Lello, te scanna vivo!

Murena: Addirittura!

                Da sinistra torna Lello. Sta soffiandosi il naso.

Lello:      Alice, io vaco a… (Nota i due) Ah, ma vuje state ccà? (Corre da Felice, lo afferra

                per un braccio) Finalmente t’aggio acchiappato! Ma addò cacchio si’ stato?

Felice:     Ma ch’è succieso? Te veco tutto ‘ntussecato!

Lello:      Te stongo cercanno ‘a tre mmise. Ma ‘o telefono ‘e casa nun ‘o tiene cchiù?

Felice:     Come no? Però ho cambiato numero. Aspié, Murena, qual è ‘o nummero nuovo?

Murena: Eh, e chi s’’o  ricorda?

Felice:     Non ce lo ricordiamo. Ma tu, Lello, nun te prioccupà, teliéfeneme ‘o stesso.

Lello:      E comme te telefono, si nun saccio ‘o nummero tuojo?

Felice:     Nun te prioccupà: tu fa’ ‘nu nummero qualunque, tanto io saccio che ssi’ tu e

                rispongo ‘o stesso!

Lello:      Ma pecché, tu tiene ‘e nummere ‘e telefono ‘e tutta Napule?

Alice:      Felì, ave raggione Lello.

Lello:      Siente, basta, nun ce perdimme in chiacchiere inutile!

Felice:     Aspiette ‘nu mumento, nun ghiamme ‘e pressa. T’aggia da’ ‘na bella nutizia.

Murena: (Contenta) Uh, sì, dancella, dancella!

Felice:     Lello, io aggio cagnato lavoro. Non vendo più i castelli. Adesso sai cosa vendo?

                L’aria di Napoli in barattolo!

Lello:      E che d’è, ‘sta cosa? L’he’ ‘nventata tu?

Felice:     No, non è una mia invenzione. Aspetta, mò ti faccio vedere. (Dalla ventiquattrore

                estrae un barattolo trasparente) Ecco qua. (Apre il barattolo) Sentite, sentite tutti. 

                (Passa in rassegna ognuno, a cominciare da Amira, a far odorare dall’orlo del

                barattolo) Sentite l’aria inconfondibile di Napoli! (L’ultimo è Lello)

Lello:      No, chesta nun è aria ‘e Napule. Chesta è l’aria ‘e Arzano!

Felice:     Arzano? Ma si’ sicuro?

Lello:      Sicurissimo. Io ce so’ nato!

Felice:     (Sente pure lui) Mah! Forse he’ raggione tu. Aspié, mò te piglio ll’aria ‘e Napule. 

                (Prende un altro barattolo dalla ventiquattrore, lo apre e sente) No, chesta è

                ll’aria ‘e Casandrino! (Prende un altro barattolo) Chesta è ll’aria ‘e Ercolano!

                (Prende un altro barattolo) ‘A vì ccanno, chesta è ll’aria ‘e Napule!

Amira:    Chiedo scusa per la domanda: ma come si fa a capire di che aria si tratta?

Felice:     Segreto professionale!

Lello:      Vabbuò, ma mò turnamme a nuje. M’’e vvuo’ da’ ‘sti sorde, sì o no?

Felice:      Quali sorde?

Lello:       ‘A rata mensile d’’o prestito: 400 Euro, per tre mesi, fanno 1.200 Euro.

Felice:      Ah, già. E’ proprio chesto che te vulevo dicere. Te pozzo da’ sulo ‘n’anticipo?

Lello:       ‘N’anticipo? Mannaggia ‘a capa toja! Damme st’anticipo.

Felice:      Sì, sì, subito, subito. (Prende il portafogli e vi scava dentro)

Lello:       Dammi solo i 400 Euro del primo mese. Gli altri me li dai il mese prossimo.

Felice:      Quattuciento Euro? E chi ‘e ttene? Io al massimo te pozzo da’ vint’Euro!

Lello:       Vint’Euro? Vabbé, allora mi darai 20 Euro al giorno.

Felice:      No, vint’Euro ‘o mese!

Lello:       (Minaccioso) Che?

Amira:     Calmati, calmati, Lello. 

Lello:       E famme sfugà ‘nu poco, Amira!

Amira:     Ma sfogati in un altro modo.

Lello:       ‘O pozzo denuncià?

Amira:     No.

Lello:       Embé, e comme me sfogo, allora?

Felice:      Ma io non tengo soldi. Che vvuo’ fa’, me vuo’ accidere?

Lello:       ‘A brutta nutizia è proprio chesta: nun te pozzo accidere!

Felice:      E che t’aggia dicere? Mò vaco a ffa’ ‘na rapina!  

Lello:       Senti, quanto tempo vuoi per restituire i soldi?

Felice:      ‘N’annetto! Quasi due!

Lello:       (Sconvolto) Che? Ma allora tu… ancora nun ‘e ttiene ‘e sorde?

Felice:      Sinceramente? No.

Lello:       E io comme faccio? ‘O direttore me spara! (Si siede al tavolo, sconvolto)

Felice:      (Sotto voce) Ehm… Murena, ce ne jamme? (Riprende la sua ventiquattrore)

Murena:  (Sotto voce) So’ d’accordo cu’ te! E’ meglio si io e te sparìmme!

                 Fa segno che se ne vanno ad Alice e ad Amira. Poi i due escono in silenzio.

Lello:       (Scatta in piedi ed addita qualcuno) Embé, Felì, io…! (Non lo nota più) E addò

                 sta, Felice? Addò è gghiuto?

Alice:       Se n’è asciuto isso e Murena.

Lello:       E tu nun ‘e pputìve fermà?

Alice:       Ma che ll’aveva, incatenà?

Lello:       Sì! Mannaggia ‘a morte! Speriamo che il mio amico Cesare Bano, vicedirettore

                 della banca, mi aiuti lui. Non deve svelare niente al direttore. Vado a telefonarlo.

                 Esce via a sinistra, imbronciato. Amira ed Alice si guardano perplesse.            

Amira:     Provo a calmarlo io?

Alice:       Beh…! (Annuisce col capo)

                 Amira non aggiunge altro ed esce a sinistra. Alice si siede al tavolo, pensierosa.

2. [Alice, Fortuna e Gustavo]

                 Alice, seduta al tavolo, pare molto mesta. Fa delle considerazioni da sola.

Alice:      Che situazione! Hanne lassato a mio marito ‘int’’e guaje. E chi l’aiuta, mò? Chi?

                Suonano alla porta. Si alza in piedi.

                E chi è, mò? Chiunque sia, speràmme che me porta cocche bona nutizia!

                Va frettolosamente ad aprire, ma torna seguita da Fortuna e Gustavo.

Fortuna: Buongiorno, mia cara Alice. Comme staje?

Alice:       Tutto a posto. A te?

Fortuna: Pure a me.

Alice:       E a te che se dice, Gustavo?

Gustavo: Pe’ mò, tutto a posto! Ma mò ch’accummencio a parlà, nun è cchiù tutto a posto!

Alice:       Ma pecché, ch’è succieso?

Fortuna: Niente, ‘na cosa grave. Però ne vulìmme parlà con calma.

Gustavo: E già, assettammece!

                 I tre si siedono al tavolo.

Alice:       E allora, che m’’ita dicere?

Fortuna: Va’, Gustavo, parle tu.

Gustavo: Sì. Dunque, Alice, marìteto Lello m’ha fatto ‘nu bruttu scherzo. Ma brutto assaje:

                 mez’ora fa, ‘a casa nosta, s’hanne appresentàte due scagnozze d’’o veneziano! E

                 nun se ne vonno ì cchiù d’’a casa nosta.

Alice:       Quala casa, scusate?

Fortuna: La casa di mia madre, dove viviamo da due mesi e mezzo.

Alice:       Ma nun aggio capito: ‘o veneziano nun se n’è gghiuto tre mmise fa? 

Gustavo: Sì, però Lello gli ha detto dove sto di casa io. E ‘o veneziano, puntualmente, m’ha

                 mannato a duje veneziani! E mò comme facìmme, nuje?

Alice:       Nun riesco a capì comme ve putìmme aiutà io e Lello.

Gustavo: Alice, ‘o veneziano va truvanno ‘e sorde. Ma io nun ‘e ttengo. Picciò, chillu

                 spiritoso ‘e Lello m’ha da aiutà a avé ‘nu prestito.

Alice:       Lello si è già impegnato a far avere i soldi per suo cugino Dazio e mio cognato  

                 Felice. Ma alla fine, nisciuno ‘e tutt’e dduje ha restituito ancora ‘n’Euro! E Lello  

                 sta comm’a ‘nu pazzo. Perciò, io vi consiglio di non chiedergli niente!

Gustavo: E vabbuò, allora te dico ‘a verità.

Alice:       Quala verità?

Gustavo: ‘E veneziani nun stanne ‘a casa d’’a mamma ‘e Furtunata, bensì stanne ‘a casa ‘e

                 Lello, addò stéveme in affitto.

Alice:       Uh, Giesù, e comme se tròvene lloco?

Gustavo: Beh, visto che Lello s’è tanto divertito a me mannà “i veneziani” pe’ me fa’

                 abbuscà, io me songo divertito a ffa’ ‘nu contro-scherzo a tuo marito!

Alice:       Uh, mamma mia! Ma vuje site pazze, tutt’e dduje?  

Gustavo: E aspiette, nuje t’amma dicere ancora ‘n’ata cosa.

Fortuna: Sì, però ce vulimme appartà ‘int’a ‘n’ata stanza?

Alice:       E pecché?

Fortuna: Pecché nuje, ‘o fatto cchiù grave, ancora te ll’amma dicere!

Alice:       Embé, vuje me facite paura! (Si alza in piedi) Vabbuò, forza, jammuncenne

                 dinto. (Indica a destra) E speramme che nun m’’ita dicere ‘na cosa grave assaje!

Gustavo: (Si alza pure lui) E invece sì, è grave assaje.

Alice:       (Preoccupata) Uh, mamma mia, venite, venite!

                 Escono subito a destra.

3. [Amira e Lello. Poi Benedetta e Primo. Infine Cesare Bano]

                  Da sinistra tornano Lello ed Amira.

Amira:     Caro Lello, sono dolente di informarti che non possiamo denunciare a nessuno.

Lello:       E perché?

Amira:         In realtà, la banca per cui lavori, non sa nemmeno dell’esistenza del signor

                     Dazio Vinicio e di tuo cognato. Hai firmato tu per loro.

Lello:           Ah, ‘e che fregatura!

Amira:        Però ci sono mille modi per simulare una truffa oppure un’estorsione.

Lello:          (Felice) Brava, così li denuncio tutti. Ma tu sei un genio! E sì, facciamolo!

Amira:        Io allora torno al mio studio e comincio a lavorare. Poi ti dico cosa facciamo.

Lello:          Vai, vai! E lavora, ti raccomando!

Amira:        Ci sentiamo dopo.

                    Lei esce via. Lello si siede sul divanetto, fregandosi le mani.

Lello:          Ora li frego tutti quanti! Hanna venì a chiagnere addù me implorando pietà! 

                    Dalla comune incrocia Benedetta e Primo: si avvicinano a Lello che séguita.

                    Chissà se un giorno Primo e Gustavo mi capiteranno ancora a tiro?!

Primo:        E pecché?

Lello:          (Salta ion piedi) Chi è? Vuje?

Primo:        Sì, Lello, t’amma parlà. Si tratta della tua casa. Quella che ci hai affittato.

Lello:          E cioè?

Benedetta: Prima di tutto, non sta bene lo scherzo che tu hai fatto a Primo e a Gustavo.

                    Seconda cosa, il veneziano ha mandato qui a Napoli due uomini suoi.

Lello:          Ma si io aggia fa’ ancora niente?!

Gustavo:    Ah, no? I due scagnozzi del veneziano ti stanne aspettando sotto la casa tua.

Lello:          ‘O vero? Ma io nun capisco, pecché l’avite purtate proprio ‘a casa mia?

Benedetta: E tu ire capace ‘e rifiutà cu’ ‘na pistola puntata ‘ncanna?!

Lello:          Mannaggia ‘a miseria! Venite cu’ me, jamme ‘a casa mia. Forza! ‘E che guajo!

                    Mentre però i tre si avviano ad uscire, suonano alla porta. Vanno nel panico. 

Gustavo:    E chi sarrà, mò?

Lello:          (Si tranquillizza) ‘A vicina ‘e casa. Le manca sempe ‘o prutusino, a chella!

                    Vuje aspettate ccà, io m’’a levo ‘a tuorno!

                    Lello esce, mentre i due tramano qualcosa.

Gustavo:    Benedetta, ma chillu fatto quanno ce ll’amma dicere?

Benedetta: Dopo, quando avrà visto quello che è successo a casa sua.

Gustavo:    Ma secondo me, ce conviene ‘e ce ‘o ddicere primma!

Benedetta: E allora, mò che torna, pàrlece tu e dincello.

Gustavo:    D’accordo.

                    Ma Lello torna tutto allarmato.

Lello:          Mamma mia, aggio visto ‘a ‘into all’occhio magico: nun è ‘a vicina ‘e casa. E’

                    il vicedirettore della banca dove lavoro io, il mio collega Cesare Bano.

Gustavo:    Bene, accussì ce puo’ ffa’ avé ‘nu bellu prestito a me e a mia moglie!

Lello:          A vuje?

Gustavo:    Sì, e visto che io non tengo la busta paga…!

Lello:          Aggio capito: io avessa firmà pe’ ve fa’ avé ‘o prestito!

Benedetta: He’ visto, Gustavo? Ha accettato!

Lello:          Ma io aggia ascì sulo pazzo! E mò jatevenne ‘int’’a cucina.

Gustavo:    E pecché?

Lello:          ‘O collega mio nun v’ha da vedé ccà. E nun facite domande! Jatevenne!

                    Li spinge via a sinistra, poi corre subito ad aprire la porta, tutto spaventato.

                    Mamma mia, che casino!

                    Poi torna con Cesare Bano, ben vestito in un gessato grigio.

                 Vieni, entra, Bano.

Cesare:    Grazie, carissimo Battilocchio. (Nota Lello affannato) E cos’è questo affanno?

Lello:       No, niente! E’ solo che io sto un attimo impegnato con due veneziani! No, cioè,

                 volevo dire due veneziane. Sarebbero le persiane. Devo farle riparare.

Cesare:    Allora ti ruberò pochi secondi. Dunque, tre mesi fa tu hai ottenuto un prestito di

                 100.000 Euro dalla nostra finanziaria. E non capisco, cosa aspetti a restituirlo?

Lello:       Eh, e mò comme t’’o spiego? Ce vulessene tre ore pe’ te fa’ capì!

Cesare:    Comunque la banca tratterrà, dal tuo stipendio, 800 Euro mensili!

Lello:       Che? Uttucient’Euro?

Cesare:    E tu che vvuo’? Hai voluto fare il prestito rimborsabile in meno anni.

Lello:       Ma io guadagno 1400 Euro al mese. Se tu te ne prendi 800, me ne restano 600!   

Cesare:    Se non sbaglio, oltre a questa casa, tu ne hai altre due in affitto.   

Lello:       Le mie due case sono sfitte. Devo trovare prima qualcun altro che se le affitta.

Cesare:    Battilocchio, tu conosci bene le regole. Hai capito, Battilocchio?

Lello:       Famme capì ‘na cosa: ma tu me staje chiammanno Battilocchio comme

                 cugnomme, oppure me staje dicenno che songo ‘nu battilocchio?!

Cesare:    Tutte e due le cose!

Lello:       Bano, tu sei un amico e mi devi aiutare. Non devi dire niente al direttore.

Cesare:    Di che?

Lello:       Di quello che ti sto per dire. Vedi, i soldi del prestito non erano per me, ma per

                 mio cognato e per mio cugino. Io gli ho fatto solo il piacere di garantire per loro.

Cesare:    Benissimo, allora saranno loro a restituirti quel che hanno ricevuto in prestito.

Lello:       E’ ‘na parola. Chille nun ténene manco ll’uocchie pe’ chiagnere!

Cesare:    E io come te lo posso risolvere questo problema?

Lello:       (Gironzola) E chi ‘o ssape? Ma tu, per esempio, nun me puo’ prestà niente?

Cesare:    Amico, io pavo ‘o mutuo! Che t’aggia da’? Piuttosto, se vuoi, ci parlo io coi tuoi

                 familiari. Dimmi i loro nomi.

Lello:       Mio cugino Dazio Vinicio e mio cognato Felice Di Notte. Ma cosa vuoi dirgli?

Cesare:    Lo so io. Tu pensa a convocare qui tuo cugino e tuo cognato. Io torno tra poco.

Lello:       OK, ti accompagno alla porta. (Uscendo) Torna presto, Bano! Ti raccomando.

                 I due escono dalla comune. Poi si sente la voce di Lello dalla porta d’ingresso.

                 No, signò, ‘o prutusino nun ‘o ttengo! Passate cchiù tarde!

                 Poi torna.

                 ‘E che palla, ‘sta signora!... Comunque, menu male, mò Bano m’acconcia tutto

                 cose isso. A proposito, me so’ scurdato a chilli duje ‘int’’a cucina. Mannaggia!

                 Esce frettolosamente a sinistra.

 

4. [Alice, Gustavo e Fortuna. Poi Lello, Benedetta e Primo]

                 Da destra tornano Alice, Gustavo e Fortuna.

Gustavo: Alice, he’ capito chello ch’è succieso?

Alice:      (Turbata) Ma tu e Primo, ‘int’a qualu guajo state caccianno a Lello!

Fortuna: E tutto chesto è pe’ colpa ‘e tuo marito.

Gustavo: Giusto! Se lui avesse dato le sue case al veneziano, sarebbe stato meglio.

Alice:      ‘Nu mumento, ma che state pazzianno, tutt’e dduje?

Fortuna: No, stamme facénno ‘o vero.

Alice:      Sentite, è meglio che nun ve facìte sentì ‘a Lello!

Gustavo:     Sì, ma mò addò sta? Amma parlà cu’ isso pe’ ce dicere ‘o fatto ch’è succieso.

Alice:          Nun ‘o ssaccio addò sta. Mò vaco a vedé si sta ‘int’’a cucina. (Si avvicina alla

                    porta a sinistra e grida) Lello, staje lloco? Si staje lloco, aiésce ‘nu mumento!

                    Da sinistra escono Lello, Primo e Benedetta (non notano Gustavo e Fortuna).

Lello:          Alice, t’aggia dicere ‘na cosa. Guarde chi ce sta ccà: Primo e Benedetta.

I due:         Cià, Alice.

Alice:         Cià, cià. E comme va state ccà? E’ succieso coccosa?

Primo:       Uff, si tu sapisse!

Lello:         Vabbuò, t’’o spiego io aroppo. Adesso devo andare un mumento di fronte, in

                   una delle mie due case. Ce stanne duje scagnozzi d’’o veneziano.

Alice:         E tu comm’’o ssaje?

Lello:         Me l’hanne ditto Primo e Benedetta.

Alice:         E loro come lo sanno che a casa di Fortuna e Gustavo ci stanno i veneziani?

Benedetta: E che c’entrano Fortuna e Gustavo? Gli scagnozzi stanno nella ex casa nostra.

Alice:         ‘O vero?

Gustavo:    (Si avvicina a loro) No, no, ‘nu mumento! Addò jate? I due veneziani stanno

                    nella ex casa nostra. E’ ‘o vero, Furtunà?

Fortuna:    (Si avvicina pure lei) Esattamente!

Primo:        Ma no, che state dicenno? ‘E veneziani stanne ‘into all’ex casa nosta!

Benedetta: Ma vuje ve sbagliate. Chille stanne aspettanno addò steveme ‘e casa io e Primo.

Gustavo:    E invece no.

Primo:        E invece sì!

Gustavo:    Ma mò vulite abbuscà, tu e mugliereta?!

Benedetta: No, abbuscate tu e mugliereta!

Fortuna:    E vulimme vedé!

Alice:          No, no, che ffacite?

                    I quattro vengono a contatto, spintonandosi. Alice e Lello cercano di fermarli.  

Primo:        Lieveme ‘e mmane ‘a cuollo!

Gustavo:    No, lievammélle tu!

Benedetta: Uhé, lieveme ‘e mmane ‘a cuollo!

Fortuna:    No!

Lello:         (Spazientito, grida e li ferma) Bastaaaaa!

                   I quattro smettono di menarsi e lo osservano perplessi. Lui li richiama.

                   Ma che cacchio sta succedenno, ccà? Se po’ ssapé addò stanne ‘sti veneziani?

Alice:         Lello, fa’ accussì: va’ a vedé ‘a vicino.

Lello:         E pe’ forza. Mò m’è venuta ‘a curiosità!

Alice:         Però t’arraccummanno: nun fa’ storie. Si se vonno appiccecà, tu abbozza! E si

                   invece te vonno vattere, tu abbozza! E si pe’ caso te vonno accidere, tu abbozza!

Lello:         Néh, ma ch’aggia abbozzà? Io spero sulo ‘e nun abbuscà!

Alice:         Comme si’ pauruso!

Lello:         Vabbuò, facìmme accussì: io vaco a vedé che sta succedenno. Si entro ‘nu

                   quarto d’ora nun me vide ‘e turnà, chiamma ‘o cientettririce! He’ capito?

Alice:         Sì, sì, aggio capito. Però mò fa’ ambresso, piglie ‘e cchiave d’’e ccase toje.

Lello:         Subito. (Va alla credenza, apre il cassetto e le prende) Ecco qua, io so’ pronto.

                   (Torna dai quattro) Sentite, pe’ curiosità: ma ‘e duje veneziani, che tipe so’?!

Primo:       Brutti, brutti assai!

Lello:         (Preoccupato) Mamma mia!

Gustavo:    Ténene doje cicatrice ‘nfaccia, una ognuno!

Lello:         (Preoccupato) Mamma ‘e ll’Arco!

Fortuna:    E ppo’ ténene cierti muscoli! E so’ alte assaje!

Lello:         (Preoccupato) Giesù, Giesù!

Benedetta: E quanno parlano, pàrene sempe ‘ncazzate!

Gustavo:    Infatte! Ce sta uno che parla accussì: (Con voce roca) “Uhé, mi son venesian”!

Lello:          San Lello mio! E che v’aggia dicere? Andiamo in missione di pace! Alice mia,

                    se non torno, ricorda che è stato un piacere conoscerti!

Alice:          (Preoccupata) Sì, però cirche ‘e turnà sano e salvo! O si no comme faccio a

                    pavà ‘o mutuo? Ce vonno ancora vint’anne!

Lello:          (Col cuore in gola) Jamme, jamme!

                    Alice accompagna gli altri alla porta.

5. [Alice ed Amira. Poi Cesare Bano]

                   Dalla comune, torna Alice che ha accompagnato gli altri alla porta. Squilla il

                   telefono in cucina. Va a sinistra a prenderlo. Poi torna parlando al cordless.

Alice:         Mammà, pe’ piacere, mò nun è ‘o mumento ‘e organizzà ‘na cena ‘int’’a casa

                   mia. Lo so che è il compleanno tuo… ma io sto’ rischianno ‘e rimané vedova.

                   Però mò nun te pozzo spiegà niente. Te chiammo cchiù tarde. ‘Nu bacio. Cià!

                   Spegne il telefono e lo getta sulla tavola. Suonano alla porta.  

                   ‘N’ata vota ‘a porta? Nun è ch’è Lello che sta turnanno? E famme arapì, va’!

                   Va ad aprire e poi torna seguita da Amira (che ha in mano il Codice Civile).

                   Avvocato, adesso mio marito non ci sta. E’ uscito un momento.

Amira:       Va benissimo, non c’è problema. Sono uscita un momento per andare nel mio

                   studio. Ho preso il Codice Civile.

Alice:         Serve per mio marito?

Amira:       Sì. Sto trovando il modo di incastrare i signori Dazio Vinicio e Felice Di Notte.

Alice:         Brava, non fa niente che sono parenti, fateli condannare a morte!

Amira:       Signora, si calmi, troveremo una soluzione. Bisogna convocare i signori Vinicio

                   e Di Notte. Lo so che non hanno i telefoni. Ma dove abitano esattamente?

Alice:         Uno sta ‘e casa a Piazza Dante e ‘n’ato sta a Montesanto.

Amira:       Benissimo! Conoscete qualcuno che abita nelle vicinanze?

Alice:         Conosco i vicini di casa. Ma che c’entrano? Noi dobbiamo chiamare a loro due.

Amira:       Ma se noi chiamiamo i vicini di casa, gli chiediamo cortesemente di passarci i

                   signori Vinicio e Di Notte. Non le pare?

Alice:         Uh, non ci avevo mai pensato. Andiamo a telefonare nello studio di mio marito.

                   Sulla sua scrivania ci sta la rubrica con tutti i numeri di telefono. Venite, venite.

                   Suonano alla porta.  

                   Oh, no, ‘a vicina ‘e casa che va truvanno ‘o prutusino proprio nun ce vo’! 

Amira:       Non si preoccupi, dia a me il telefono. Vado a telefonare io.

Alice:         Avvocato, la ringrazio. (Le cede il cordless)

Amira:       Ma si immagina? E’ una lotta contro il tempo. Allora, con permesso!

                   Amira esce a sinistra. Alice la osserva con ammirazione.

Alice:         Ma comm’aggio fatto a penzà che chesta è l’amante ‘e Lello? Mah!

                   Esce per la comune, poi torna con Cesare Bano (ha un quadernone con anelli).

                   Buongiorno, dottor Bano.

Cesare:  Buongiorno a lei, signora Alice.

Alice:     Mi sorprende la sua presenza qui. Pensavo che fosse la signora a fianco.

Cesare:  Quella che viene a cercare sempre il prezzemolo? Purtroppo non verrà mai più.

Alice:     E pecché?

Cesare:  Non ha visto che è morta?

Alice:     (Dispiaciuta) Uh, veramente? Allora picciò nun l’aggio vista cchiù. Vabbé,

               torniamo a noi. Mi dispiace, dottor Bano, ma mio marito è uscito un momento.

Cesare:  Sì, lo so, mi ha detto che doveva riparare certe veneziane!

Alice:     Ma quali veneziane? Quello deve parlare con certi veneziani!

Casare:  Strano, a me ha parlato di persiane veneziane! Comunque, adesso non è lui che mi

               interessa, ma bensì i signori Dazio Vinicio e Felice Di Notte.

Alice:     Ultimamente quei due sono molto richiesti. Il fatto è che non tengono né telefoni

               fessi, né cellulari. Però forse ho trovato il modo di rintracciarli.

Cesare:  Benissimo, allora voglio convocarli pure io. Bisogna togliere suo marito dai guai.

Alice:     Un momento, ma che potrebbe succedere?

Cesare:  Potrebbe rimetterci la sua busta paga oppure una delle sue case.

Alice:     No, no, no, per carità! Vogliamo raggiungere l’avvocato Sbagliata nello studio di

               mio marito? Così vediamo se è riuscita a telefonare a Vinicio e a Di Notte.

Cesare:  Va benissimo, signora. Ma quando torna suo marito?

Alice:     Speriamo che non ha ancora abbuscato dai veneziani!

Cesare:  In che senso?

Alice:     Dottor Bano, ma non lo conosce il verbo “abbuscare”? E’ quando uno vi picchia!

Cesare:  Lo so, lo so. Ma perché mai Battilocchio dovrebbe “abbuscare”?

Alice:     Niente, è successo un mezzo pastrocchio con le sue case. Lei deve sapere che…

Cesare:  Mi scusi, signora, per favore, non mi racconti altro. O si no vaco ‘o manicomio!

Alice:     Dottor Bano, la prego, aiutiamo mio marito.

Cesare:  Bisogna darsi da fare. Nella vita, bisogna pagare dazio.

Alice:     Dazio? Il cugino di mio marito?

Cesare:  No, signora, è un modo di dire. Una metafora per dire che occorre soffrire.

Alice:     Va bene, allora mi segua. Venga, prego, prego!

               I due escono immediatamente a sinistra.   

Scena Ultima. [Lello, Felice, Murena, Alice, Primo, Cesare ed Amira]

                Dalla comune, entra Lello con le chiavi di casa in mano ed una busta. Si lamenta.

Lello:      ‘E ggente so’ proprio scieme! (Posa la busta sul tavolo) E chilli quatte songhe ‘o

                 mmassimo: m’hanne fatto ì ‘int’’e ccase mie pé senza niente! Addò sta Alice?

                Suonano alla porta.

                ‘A porta? E chi sarrà?

                Va ad aprire. Torna seguito da Felice e Murena. Li accoglie non benissimo.

                Ch’è succieso, ‘sta vota? Pecché state ccà?   

Murena: Va’, Felì, parle.

Felice:     Caro cognato, ho avuto una grande idea su come restituirti i soldi del prestito!

Lello:      (Con entusiasmo) E fattella ascì!

Felice:     Eccola qua: tu mi puoi fare avere un altro prestito a firma tua, così appena ricevo i

                soldi, te li restituisco e il gioco è fatto!

Murena: Te piace st’idea?

Lello:      (Perde l’entusiasmo) E quanno po’ m’he’ restituito ‘e sorde?

Felice:     Niente, stamme pace!

Lello:      Cretino, ignorante, deficiente! E il precedente debito chi lo paga?

Murena: (Casca dalle nuvole) Uh, Felì, nun ce amme penzato proprio!

Lello:      Va bene, ho capito, adesso ci penso io. Ti faccio parlare con un tale Bano.

Felice:     Cu’ chi me vuo’ fa’ parlà?

Murena: Ha ditto che te vo’ fa’ parlà cu’ ‘nu talebano!

Felice:     (Preoccupato) Ma comme, Lello, me vuo’ fa’ accidere ‘a ‘nu talebano?

Lello:      Ma qualu talebano? Io ho detto che ti faccio parlare con un tale… staccato…

                Bano! Si tratta di Cesare Bano, che è un mio collega di lavoro. Capito?

Felice:     Ua’, m’he’ fatto venì ‘nu colpo!

Murena: Embé, e pecché vuo’ fa’ parlà a Felice cu’ ‘stu tizio?

Lello:      Perché lui può aiutarvi a estinguere il debito che avete con me e con la banca.

Murena: E addò sta ‘stu santo?

Lello:      Tra poco viene qua.

Felice:     Uh, nun veco ll’ora!

Murena: E pur’io!

Lello:      Sì, ma mò assettàteve. Ve faccio ‘o ccafé.

                I due si siedono. Lello intanto chiama Alice nella porta di sinistra.

                Alice, ce staje? No, niente. Forse starrà fora ‘o barcone a spannere ‘e panne!

                Da sinistra torna proprio Alice.

Alice:      Lello, menu male che si’ turnato. So’ cuntenta che si’ ancora vivo! Ma, dico, i due

                veneziani che ti hanno fatto? Non ti hanno fatto niente?

Lello:      No, niente.

Alice:      Allora erano venuti con intenzioni pacifiche?

Lello:      No, nun so’ venute proprio!

Alice:      In che senso?

Lello:      Nel senso che nun ce stévene! Questo fatto degli scagnozzi del veneziano è stata

                tutta un’invenzione di quei quattro, e soprattutto di Primo e di Gustavo!

Alice:      E pecché?

Lello:      Per farmi aprire le mie case, poi si sono buttati dentro e non vogliono uscire più.

Alice:      E il debito col direttore del casinò di Venezia?

Lello:      Mi hanno promesso che chiederanno un prestito, pure se non hanno la busta paga.

Alice:      E lasciali fare. Può darsi che sistemano la situazione. Ora tocca a Felice e a Dazio.

Felice:     (Si alza e si avvicina loro) ‘Nu mumento, ch’aggia fa’ io?

Alice:      Ah, ma tu staje ccà?

Murena: (Resta seduta) E ce stongo pur’io!

Alice:      Ah, ce staje pure tu? Siente ‘nu poco, addò stanne ‘e scarpe nove mie?

Murena: E ‘e vvaje truvanno ‘a me?

Alice:      Sì, pecché tre mmise fa t’’e pruvaste e nun m’’e ddiste cchiù!

Murena: No, nun è ‘o vero.

Alice:      Vabbuò, po’ ne riparlamme ‘n’atu mumento. Mò aggia dicere a Lello che dint’’o

                studio suojo ce stanne l’avvocato Amira Sbagliata e Cesare Bano.

Felice:     Ah, ce sta ‘o talebano che ha da parlà cu’ me?

Lello:      Ancora cu’ ‘stu talebano? Senti, Alice, ma che stanno facendo quei due?

Alice:      Stanno telefonando ai vicini di casa di Felice e di Dazio. Vabbé, poi ti spiego.

Lello:      Alice, aggie pacienza, e fall’’e vvenì ccà, a Bano e a Amira.

Alice:      Subitissimo! (Si volta verso la porta di sinistra e chiama ad alta voce) Avvocato

                Amira Sbagliataaaa! Dottor Cesare Banoooo!

Lello:      Néh, ma si’ scema?

Alice:      E che vaje truvanno? So’ stata velocissima!

                Infatti da sinistra subito entrano Cesare ed Amira.

Amira:    Signora Alice, niente da fare. I signori Di Notte e Vinicio sono introvabili.

Alice:      Il signor Di Notte sta qua.

Amira:    Ah, eccolo.

Cesare:   Finalmente!

Felice:     (Preoccupato) Scusate, ma che me vulite fa’?

Cesare:   Ma niente. Ci appartiamo un momento io, il signor Battilocchio e lei. Le dispiace?

Lello:      Va bene. Intanto voi accomodatevi, Amira e Alice.

                Amira ed Alice si accomodano al tavolo, mentre i tre uomini si appartano.

Cesare:   Dunque, caro Battilocchio e caro signor Di Notte, ascoltatemi un momento.

Lello:      Ch’è stato?

Cesare:   Volevo dire che per risolvere il caso di Lello, bisogna pagare dazio.

Lello:      (Scambia uno sguardo di sorpresa con Felice) A chi amma pavà?

Cesare:   Dazio!

Felice:     Ma per forza?

Cesare:   E si capisce.

Lello:      Scusaci un secondo.

                Felice e Lello si appartano.

Felice:     Ma tu he’ capito niente, Lello? Amma pavà a Dazio! E pecché, po’?

Lello:      E sarà una strategia del mio collega. Allora, appena vediamo Dazio, paghiamolo!

Felice:     E vabbuò, dammece ‘nu paro ‘e centinaio d’Euro per ono, e accussì stamme pace!

                Dopo un cenno d’intesa tra i due, questi ultimi ritornano da Cesare.

Lello:      Allora io e Felice siamo d’accordo.

Cesare:   Meno male. Adesso non resta che aspettare il signor Dazio Vinicio.

                Suonano alla porta.

Alice:      Vado ad aprire io.

                Si alza in piedi e va ad aprire. Lello impreca tra sé e sé, con gli occhi al cielo.  

Lello:      ‘Sta signora a fianco, essa e ‘o prutusino!

                Ma entra di corsa, felice, esultante, con una schedina in mano, Primo (con Alice).

Primo:    (Grida come un matto) Ho vinto, ho vinto! Sono ricco! Win for life! Ho vintooo!

Lello:      Oh, e calmete ‘nu poco!

Primo:    Signori, un saluto a tutti. Scusate, non mi dite niente. Aggio vinciuto. So’ troppo

                felice e commosso! Ora potrò pagare il mio debito, quello di Gustavo e di Felice!

                Tutti gli altri allora cominciano ad esultare e a stringersi intorno a Primo.

Murena: Bravo, Primo, comme so’ cuntenta!

Felice:     E pur’io!

Amira:    Complimenti! E quanto ha vinto? 100.000 Euro in tutto o 6.000 Euro al mese? 

Primo:    Cientomila Euro? Seimila Euro ‘o mese? E chi l’ha vinciute? Fosse ‘o Dio!

Lello:      Famme capì, ma pecché, quanto he’ vinciuto?

Primo:    Cient’Euro!

Gli altri: (Lo mandano a quel paese a gesti) Ma va’ fa’…!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno