Benvenuto reverendo

Stampa questo copione

(Missa Jucunda)

(Versione in lingua italiana)

(08/08/2011- 23/10/2012)

Commedia brillante in tre atti di:

GIANNI CRAVERO

PERSONAGGI

DON

- DE MARIA

Sacerdote, nuovo parroco

TANO

- VIALON

Il sagrestano siciliano

SUOR

- AMELIA

Suora a disposizione della parrocchia

GINA

- SALVERE

Perpetua

PRIMO - GALLO

Sindaco

PINA

- GALLO

Corista, moglie del sindaco

NINA

- COTO

Corista

RINA

- SUNNAC

Corista

SARA

- MORGANDO

Nuova direttrice del coro

BERTO - LASO

Responsabile  della  croce  rossa,  della

protezione civile, dei pompieri e capo

scout.

M.LLO

- BRIGANTE

Maresciallo dei carabinieri


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

AMBIENTAZIONE: ...........................................................................................

3

ATTO 1° ...............................................................................................................

4

SCENA 1 (TANO, SUOR, DON) .............................................................................

4

SCENA 2 (SUOR, DON) ........................................................................................

5

SCENA 3 (DON, GINA) ........................................................................................

6

SCENA 4 (PRIMO, SUOR, PINA) ...........................................................................

7

SCENA 5 (PRIMO, PINA, NINA, RINA, DON, SUOR) .............................................

7

SCENA 6 (SUOR, DON) ........................................................................................

9

SCENA 7 (TANO, GINA) ....................................................................................

10

SCENA 8 (TANO, SUOR, DON) ...........................................................................

12

SCENA 9 (TANO, DON, BERTO) .........................................................................

13

SCENA 10 (BERTO, PRIMO) ...............................................................................

14

SCENA 11 (PRIMO, SUOR, SARA) ......................................................................

15

SCENA 12 (PRIMO, PINA) ..................................................................................

16

SCENA 13 (SUOR, GINA) ...................................................................................

16

SCENA 14 (SUOR, BERTO, DON) .......................................................................

18

SCENA 15 (BERTO, DON) ..................................................................................

19

SCENA 16 (BERTO, PRIMO, PINA, NINA, RINA) .................................................

19

SCENA 17 (BERTO, PRIMO, PINA, NINA, RINA, DON, SUOR, GINA, TANO) ......

20

SCENA 18 (BERTO, PRIMO, PINA, NINA, RINA, DON, SUOR, GINA, TANO, SARA)

.........................................................................................................................

22

ATTO 2° .............................................................................................................

24

SCENA 1 (DON, SARA) ......................................................................................

24

SCENA 2 (DON, NINA, RINA, PINA) ..................................................................

26

SCENA 3 (DON, RINA) ......................................................................................

27

SCENA 4 (RINA, PINA, SUOR, BERTO)...............................................................

28

SCENA 5 (RINA, PINA, SUOR) ...........................................................................

29

SCENA 6 (TANO, SUOR) ....................................................................................

30

SCENA 7 (PINA, PRIMO, BERTO, SUOR) ............................................................

30

SCENA 8 (BERTO, PRIMO, PINA, SUOR, DON) ...................................................

31

SCENA 9 (SUOR, DON) ......................................................................................

32

SCENA 10 (DON, SARA) ....................................................................................

33

SCENA 11 (DON, M.LLO) ..................................................................................

34

SCENA 12 (TANO, M.LLO) ................................................................................

35

SCENA 13 (TANO, SARA) ..................................................................................

36

SCENA 14 (TANO, SARA, PINA, NINA, RINA) ....................................................

37

SCENA 15 (SARA, PINA, NINA, RINA) ...............................................................

38

SCENA 16 (SARA, PINA, RINA, NINA, PRIMO, BERTO) ......................................

39

SCENA 17 (SARA, GINA, SUOR, DON) ...............................................................

40

ATTO 3° .............................................................................................................

42

SCENA 1 (TANO, SUOR) ....................................................................................

42

1


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SCENA 2 (TANO, GINA, SUOR)................................................................. 42

SCENA 3 (TANO, BERTO).......................................................................... 43

SCENA 4 (TANO, DON)............................................................................. 44

SCENA 5 (DON, SARA)............................................................................. 46

SCENA 6 (DON, M.LLO)............................................................................ 47

SCENA 7 (DON, GINA).............................................................................. 48

SCENA 8 (SARA, PINA, PRIMO, RINA, NINA, BERTO, CORISTI COMPARSE). 49

SCENA 9 (SARA, PINA, PRIMO, RINA, NINA, BERTO, SUOR, GINA, CORISTI

COMPARSE)....................................................................................................................... 49

SCENA 10 (DON, TANO, SARA, PINA, PRIMO, RINA, NINA, BERTO, SUOR, GINA,

CORISTI COMPARSE).................................................................................. 50

SCENA 11 (TANO, SARA).......................................................................... 56

SCENA 12 (TANO, SARA, DON, SUORA, BERTO)....................................... 57

SCENA 13 (DON, SUORA, TANO).............................................................. 58

2


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

AMBIENTAZIONE:

La scena si svolge nella zona dell‟altare della chiesa parrocchiale di un paesino qualunque.

Il palco è l‟altare, la platea è la navata principale della chiesa. Ci sono due passaggi, uno a destra del pubblico, che va in sagrestia, l‟altro a sinistra e va in canonica. Dietro l‟altare vero e proprio c‟è un piccolissimo abside dove canta il coro. È molto importante, ai fini della recita, che i personaggi, passando davanti all‟altare, facciano un segno della croce anche se frettoloso. Tutti tranne Tano che si considera a casa propria più che in chiesa.

Tutta la parrocchia è in attesa del nuovo parroco che dovrebbe arrivare da un momento all‟altro. All‟apertura del sipario è in scena Tano, il sagrestano, che sta controllando che tutto sia in ordine.

3


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

X(Sigla)

Atto 1°

Scena 1 (Tano, Suor, Don)

(Si apre il sipario e troviamo Tano, il sagrestano, che sta controllando che sull’altare sia tutto a posto. Si sentono due rintocchi di una campana. Dopo un po’ di secondi, entra Suor Amelia da sinistra)

X(Campana 2 rintocchi)

SUOR   - Tano, è tutto a posto?

(Passando davanti all’altare, suor Amelia si fa il segno della croce e accenna ad una genuflessione affrettata)

TANO   - Sto controllando, sorella, sto controllando.

(Dal fondo della sala, comincia ad avanzare un prete con una valigia in mano.)

SUOR     - Mi raccomando, Tano, dobbiamo accogliere il nuovo parroco nel modo migliore. Dev‟essere tutto perfetto, senza sbavature.

(Alle ultime parole della suora, Tano si passa la manica sulla bocca, come per pulirsela, poi si rivolge alla suora)

TANO   - Ci sono ancora?

SUOR   - Cosa?

TANO   - La bave, sulla bocca.

SUOR   - Le bave? Ma cosa…

(Mentre la suora parla Tano ripete il gesto di prima)

SUOR - Ma che schifo, Tano, ti pare il momento e soprattutto il modo? TANO - Me lo spiò lei che non ci devono essere bave.

(Il prete si ferma a metà della sala ed osserva in silenzio)

SUOR   - Ma Tano, ho detto sbavature, e non…e comunque volevo dire che

deve essere tutto perfetto.

TANO   - Chiddu l‟avevo capito, è da quinnici iurni ca mi maciulla i cabbasisi

cun sta minchiata.

SUOR   - Tano, modera il linguaggio, siamo in chiesa.

TANO   - Cun tuttu chiddu ca succede nel mondo nun pinsu ca u signuri si

scandalizzi pi le mie parolazze.

SUOR   - Beh, anche se non scandalizzi Lui, dai fastidio a me, per cui…

(Tano, gira le spalle alla suora e si avvia verso la porta a destra guardando l’altare, passando davanti al crocefisso senza farsi il segno della croce.)

SUOR   - Tano, dove vai? Ti stavo parlando.

(Il prete riprende ad avanzare e si porta quasi sotto l’altare)

TANO   - Ho  finito di  controllare e  sto andando a fare  un altro  travaglio.

Chiddu ca lei mi stava spiando lo so già a memoria. Si vuole glielo

ripeto io.

SUOR   - Maleducato. Non hai nemmeno salutato.

(Tano si ferma un po’ stupito, si gira verso la suora)

TANO   - Salutammo suor Amelia.

SUOR   - Non me, ma Lui.

(Indicando il crocefisso)

SUOR   - Il Signore.

(Tano gira la testa verso il crocifisso poi fa un cenno di saluto con la mano e se ne va.)

4


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

Scena 2 (Suor, Don)

SUOR   - Perdonalo, Signore, non è una cattiva persona, è solo un po‟…

DON         - Scorbutico, è tipico di molti sagrestani.

SUOR   - Chi è là? Fatevi riconoscere.

DON         - Oh-la-la. Dall‟abito si direbbe che lei sia una suora ma il frasario è

decisamente da caserma. Debbo dedurre che lei è la sentinella di

codesto maniero?

SUOR   - Ma… chi parla? Venga fuori dal buio non la vedo.

(Avanzando verso il palco)

DON         - Mi chiamo don De Maria, sono il parroco che aspettavate e…sono

disarmato.

SUOR   - Oh, reverendo, mi scusi ma non l‟avevo riconosciuta.

DON         - E come poteva dato che non ci siamo mai visti?

(Il prete arriva dal palco e si appresta a salire)

SUOR   - Ha ragione ma io mi riferivo all‟abito.

(Il prete sale sul palco)

DON         - Sorella, mi delude, dovrebbe saperlo anche lei che l‟abito non fa il

monaco, in questo caso il prete.

SUOR   - Non so cosa dire…sono mortificata.

DON         - Non è il caso, mi creda.

(Tendendo la mano)

DON         - Piacere di conoscerla.

(La suora fa l’atto di baciare la mano al sacerdote che esclama…)

DON         - Ma cosa fa, sorella, sono solo un semplice prete, non un vescovo o un

cardinale.

SUOR   - Mi scusi.

DON         - Non si scusi e mi dia una bella stretta.

(Il prete porge nuovamente la mano alla suora e questa gliela stringe)

SUOR   - Piacere, suor Amelia.

DON         - Oh, la suora che ammalia.

SUOR   - Come?

DON         - Niente, niente, una citazione.

SUOR   - Ah. Le porgo il benvenuto a nome della parrocchia. L‟aspettavamo

stasera dopo che Lei ieri ci ha avvisato che avrebbe tardato di un

giorno. Il comitato di benvenuto non si riunirà prima delle 18.

DON         - Comitato di…per carità, sorella, mi risparmi questa tortura. Voglio

solo rinfrescarmi e riposarmi. Saluterò tutti nei prossimi giorni ed in

particolare domenica, durante la messa.

SUOR   - Ma abbiamo organizzato tutto, ci saranno anche le autorità, il coro.

Pensavamo che avrebbe gradito un benvenuto ufficiale con tanto di

messa.

DON         - No,  no,  io  sono  per  le   cose  semplici,  spontanee  e    soprattutto

silenziose.

SUOR   - Ma così deluderà subito i suoi parrocchiani. Siamo un piccolo paese

e lei sarà un‟istituzione, finchè rimarrà qui da noi.

(Il prete alza la mano per zittire la suora e si ferma a pensare un momento)

5


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

DON         - Va bene, se proprio devo, incontrerò il comitato di benvenuto ma

niente messa.

SUOR   - Ma…

DON         - Niente ma. La messa è una cosa importante e non si celebra ad ogni

piè sospinto, come se si bevesse un bicchiere d‟acqua. La celebrerò a

tempo debito. D‟accordo?

SUOR   - Sia fatta la volontà di Dio.

(La suora se ne va a sinistra senza salutare nè il crocefisso nè il nuovo parroco)

Scena 3 (Don, Gina)

(Parlando fra sè)

DON         - Veramente basterebbe fare la mia di volontà.

(Il prete comincia a camminare sul palco/altare come per familiarizzare con il posto)

DON         - E così questo è il palco da cui mi esibirò dalla prossima domenica.

(Don si ferma presso il leggìo su cui è appoggiato il Vangelo e comincia a sfogliarlo)

(Presso il leggìo c’è un microfono ed il prete si avvicina ad esso. Il microfono è posizionato su di un’asta che sembra regolata per una persona molto alta. Infatti, il microfono è ben oltre la testa del prete.)

DON         - Chi legge qui, un vatusso?

(Il Don gira attorno al leggìo per regolare l’asta e si accorge che il microfono è acceso)

DON         - È acceso che strano. Ah, ah…prova, prova. Cari fratelli…

(Sentendo la sua voce nel microfono, il prete viene preso dalla voglia di cantare qualcosa, palleggia una o due volte l’asta, si guarda attorno e poi si scatena in un rock di Elvis Presley)

DON         - A Whop bop-a-lu-ba a whop bam boom. Tutti frutti all Rutti…

(Mentre il prete canta, entra silenziosamente in scena da  destra, la perpetua, Gina)

(Alla fine dell ritornello, il prete si gira e vedendo la perpetua passa istantaneamente ad una canzone più consona)

DON         - Tutti frutti all Rutti…Ahhhhlleluia, alle-e-lu-ia-a, alle-e-lu-ia.

(Attimo di silenzio mentre il prete posa il microfono)

DON         - Si rende conto che adesso la dovrò uccidere, vero?

(Vedendo che la donna rimane immobile ed in silenzio, Don sorride e le dice)

DON         - Scherzavo, naturalmente.

(La donna continua a non proferire parola)

DON         - Lei è…?

GINA       - Sconvolta.

DON         - Lo posso capire. In realtà, volevo sapere come si chiama e …

GINA       - Sono Gina, la perpetua.

(Don le va incontro porgendole la mano)

DON         - Piacere Gina sono…

GINA       - Ha già mangiato pranzo?

(Don rimane un attimo interdetto con la mano a mezz’aria)

DON         - Ah…si, si l‟ho fatto.

(Gina gira sui tacchi senza replicare e scompare a destra)

(Don che si era girato un attimo non la vede più e il suo sconcerto aumenta)

DON         - Ahi, mi sono giocato la perpetua.

(Il prete va a recuperare la borsa che aveva lasciato vicino al leggio. Nel frattempo, rientra silenziosamente la perpetua che, con voce tonante, esclama)

GINA - Mi vuole seguire, si o no? DON - Ohhhh si, mi scusi, vengo subito. Faccia strada.

(La perpetua esce a destra con Don al seguito)

6


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

Scena 4 (Primo, Suor, Pina)

(Da dietro le quinte a sinistra di chi guarda)

SUOR     - Senta, signor sindaco, non venga dirlo a me, io gliel‟ho detto del vostro comitato di benvenuto, ma non ha voluto saperne.

(Suor Amelia entra da sinistra seguita dal sindaco e dalla moglie)

PRIMO - Ma suor Emilia, il nuovo parroco non può snobbarci così.

SUOR   - Amelia, signor sindaco, suor Amelia, quand‟è che imparerà il mio

nome? E quanto allo snobbarvi, l‟ha già fatto; per cui, si rassegni.

(Pina, Gina e Nina parlano con marcato accento piemontese)

PINA       - Ohmmi, e il coro? Abbiamo sgobbato come delle matte per imparare

la canzoncina di benvenuto.

(Rivolgendosi alla moglie)

PRIMO - Lascia perdere la canzoncina, ci sono cose più importanti.

(Rivolgendosi alla suora)

PRIMO - Io non metto in dubbio che non sia colpa sua, sorella, ma lui non può trattarci così. Cosa dirà la gente che abbiamo mobilitato e a cui dovremmo dire di stare a casa?

SUOR   - Secondo me sarà solo contenta.

PINA       - Ma ch‟a disa nen parei. La gente è contenta di partecipare a questi

svenimenti.

SUOR   - Avvenimenti, Pina, non svenimenti.

PINA       - Com‟a dis chila, sorella.

SUOR   - Senta, Pina, se proprio ci tenete tanto, io ve lo vado a chiamare e così

ci parlate direttamente, va bene?

PRIMO - Bene, suor Amalia, l‟aspettiamo.

(Tra sè)

SUOR   - Dio misericordioso dammi la forza per non ucciderlo.

(Rivolgendosi al sindaco)

SUOR   - Amelia, Amelia, Amelia, capito?

(Senza aspettare risposta si gira ed esce da destra, facendo il segno di croce mentre passa davanti al crocifisso.)

PRIMO - Secondo me è stressata sta povera donna.

PINA          - Ma che stressata. A l‟aveisa da mandè avanti „na famija. Allora si che sarebbe stressata.

Scena 5 (Primo, Pina, Nina, Rina, Don, Suor)

(Entrano da sinistra Nina e Rina e, senza degnare di uno sguardo il sindaco, si rivolgono subito a Pina)

RINA       - Pina, è vero che il nuovo parroco non vuole la festa?

NINA       - Ma come mai? Ci abbiamo fatto qualcosa?

PINA       - Ma  cosa  vuoi  che  ti  dica,  non  lo  so.  Suor  Amelia  è  andata  a

chiamarlo.

(Risentito)

PRIMO - Non salutatemi tutte insieme, eh?

(Distrattamente, senza guardarlo)

RINA       - Cerea

NINA       - Cerea

PINA       - Piantala di fare la prima donna, e sta zitto. La situazione è delicata.

7


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PRIMO - Come sarebbe…io sono il...

RINA       - Sindaco, si, va bene, ma adesso piantala.

(Il sindaco si mette in un angolo un po’ imbronciato)

NINA       - Per caso qualcuno ci avrà fatto sapere qualcosa?

PINA       - Ma non penso e poi…cosa?

(Entra la suora da destra seguita dal nuovo parroco; fanno il segno di croce passando davanti al crocifisso)

PRIMO - Buon giorno, reverendo, permetta che, in qualità di sindaco di questo ridente paese le dia…

(Il sindaco fa l’atto di andare incontro al prete ma viene sorpassato e messo letteralmente da parte dalle tre donne, che sono con lui)

PINA       - Oh…signor parroco, grazie di essere venuto.

NINA       - Abbiamo fatto qualcosa di sbagliato?

RINA       - Smettila, Nina, sara sta gaioffa.

SUOR   - Calma, ragazze, calma. Don De Maria è appena arrivato ed è stanco,

per cui vi ringrazia del pensiero gentile, ma…

DON         - Grazie, suor Amelia…So parlare da solo.

(Rivolgendosi alle tre donne che sembrano colpite dal nuovo parroco e assumono un atteggiamento civettuolo)

DON         - Voi dovete essere le coriste, o sbaglio?

(Parlando con risatine)

NINA       - Oh, ma come fa a saperlo?

DON         - Me l'ha detto suor Amelia.

(Ridacchiando)

NINA       - Ah già, che gnòca.

(Porgendo la mano al sindaco)

DON         - Lei invece dev'essere il sindaco. Piacere.

PRIMO - Si capisce subito che lei c'ha occhio per le autorità, Don Gianmaria.

PINA       - Don De Maria, Primo, De Maria. E poi non montarti troppo la testa.

A péudija nen sbagliè, vist ch'it sei l'unic omu present a parte chiel.

(La suora si rivolge a Don con la mano davanti alla bocca per non farsi sentire dal sindaco)

SUOR   - Il sindaco non azzecca mai i nomi di nessuno. Non ci faccia caso.

DON         - Grazie, me lo ricorderò.

PINA       - Signor reverendo...

DON         - Basta Don Luigi, signora.

(Ridacchiando gongolante, imbarazzata e contenta)

PINA       - Oh, ch'a scusa, Don Luigi.

(Un po’ risentita, gelosa dell’amica)

NINA - Ma a iera nen Don De Maria, n'attim fa? DON - Luigi è il nome e De Maria è il cognome, signora.

(Anche Nina ha una risatina ridicola per il fatto che il prete l’ha chiamata signora)

RINA       - Tòta.

DON         - Prego?

(Rina interviene in tono secco, un po’ catttivo)

RINA       - Non è signora, è signorina.

NINA       - Ma ficca il naso nei tuoi affari pettegola.

DON         - Su, su, calmatevi gentildonne, non accoglietemi con un litigio, per

giunta nella casa del signore, ve ne prego.

8


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

(Segni della croce, risatine e svenevolezze delle tre donne ammaliate dai modi del nuovo parroco. La suora interviene con tono secco, autoritario)

SUOR - Don De Maria ha ragione, veniamo al dunque. PRIMO - Mi scusi, signor reverendo Don Luigi Maria, ma vorrei prima di ogni

cosa darle il benvenuto dell‟amministrazione comunale in questa … PINA - E piant‟la…lo scusi reverendo ma vuole sempre essere il primo, di

nome e di fatto.

(Con tono lamentoso, mortificato)

NINA       - Il dunque, comunque, è che noi abbiamo preparato un benvenuto

ufficale per lei e ci dispiace molto che lei non ci piaccia la nostra

idea…

RINA       - Nina, sta ciuto e lassa ch‟a parla Pina.

DON         - No, no, la signorina Nina si è spiegata benissimo. Apprezzo la vostra

idea e soprattutto la vostra gentilezza, ma queste ufficialità mi imbarazzano enormemente, per cui vi sarei grato se riducessimo il tutto ad una breve presentazione.

(Mentre il Don parla, le tre donne si guardano e guardano il prete con sguardi da “crava morta”, assentendo in modo incoerente alle sue parole.)

NINA       - Ma…e il canto. Ci siamo fatte un mazzo così per imparare la musica

e tutto il resto.

SUOR   - Tutto il resto?

NINA       - La corografia.

RINA       - Creografia, cretin-a.

PINA       - Coreografia e ste ciute tute e doi, a l‟è meij.

DON         - Siete molto care ma me lo farete sentire domenica, durante la messa.

(Le tre coriste sono un po’ deluse)

RINA       - Prima ch‟a sija duminica ij son dësmenciam lo.

SUOR   - Facciamo così: adesso sono quasi le 14,30. Ci troviamo qui alle 15 in

punto e salutiamo Don De Maria con il canto, senza messa e senza la

popolazione ma solo con le autorità. Una cosa da 20 minuti, va bene,

Don Luigi?

DON         - Ma…veramente…

(Cercando di essere seducente ma in modo goffo)

PINA       - La prego reverendo ci dia questo piccolo contentino.

DON         - Va bene, ma voglio una cosa molto sobria.

PINA       - Niente vino allora.

PRIMO - Ma io lo faccio il discorso, ne.

SUOR   - Certamente, sindaco ma adesso vada a radunare gli altri. Alle 15 in

punto qui, va bene?

PRIMO - Subito, suor Attilia. Vieni, Pina.

(Il sindaco esce seguito dalla moglie e dalle due coriste.)

Scena 6 (Suor, Don)

SUOR   - Grazie, Don De Maria, ha fatto un‟opera buona.

DON         - Mi chiami Don Luigi, facciamo prima. Veramente ne avrei fatto a

meno, ma mi spiaceva per quelle poverette che hanno lavorato per

imparare il canto.

9


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

SUOR

- Aspetti a rallegrarsene, prima le senta cantare.

DON

- Perché, cantano male?

SUOR   - Diciamo  che

come

penitenza  prima  della

comunione

vanno

benissimo.

DON

- Va beh, in fondo è il pensiero quello che conta.

SUOR   - Ne

parliamo

dopo

l‟esibizione.   Comunque,

ho   trovato

una

gentilissima signorina che ha accettato di fare da direttrice del coro.

Dovrebbe essere qui in giornata.

DON

- Ah, bene. A proposito, sorella, nel disfare la valigia ho notato che mi

manca  lo  spazzolino.  Mi  può  indicare  un  negozio  dove  possa

comprarne uno?

SUOR

- Farò di meglio, l‟accompagnerò io stessa, mi segua.

DON

- Faccia strada.

(Don Luigi e suor Amelia escono da sinistra)

Scena 7 (Tano, Gina)

(Entrano Tano e Gina da destra. Passando davanti al crocifisso, Gina fa il segno della croce)

GINA       - Come ti sembra questo nuovo parroco?

TANO   - Boh! Ancuora nun l‟incontrai.

(Mentre parlano, Tano passa a spegnere i lumini, mentre Gina lo segue, tutte le volte che passano davanti al crocifisso, Gina si fa il segno della croce mentre Tano no)

GINA       - È un po‟ strano.

TANO   - Pirchì?

GINA       - Mah, appena arrivato si è messo a cantare col microfono del leggìo.

TANO   - E allora? Magari gli aggrada cantari.

GINA       - Si, ma avessi sentito, Tano, cantava una canzone strana che parlava

di frutti che fanno fare i rutti.

TANO   - Pe mia può cantari finché vuoli, a me mi firriano i cabbasisi perché

avevo appena addumato tutti li ciri e uora devo astutarli di nuovo.

GINA       - Ma se lo fai tutte le volte.

TANO   - Nun è la stissa cosa. In mezzo ci sta la missa.

GINA       - Va beh, comunque a me quel prete puzza.

TANO   - Miii, ecco la suolita Gina ca vide u malu a tutt'i banni.

GINA       - Non è vero, io non vedo il male dappertutto, sono solo sospettosa di

natura e preferisco stare in guardia.

TANO   - Sarà, però tu sulu ca vidi qualcuno ca nun canusci spiani subito

l‟artiglieria.

GINA       - Ma quale artiglieria…sto sulle mie…ecco, per prudenza.

TANO   - Brava, figghia mia, la prudenza non è mai troppa.

GINA       - Vero? Con i tempi che viviamo poi…

TANO   - Comunque manco a mia mi sfruguglia .

GINA       - Chi?

TANO   - Il nuovo parrinu.

GINA       - Ma se hai detto che non l‟hai ancora incontrato.

TANO   - Non aggiu bisogno d‟incontrarlo per sapiri chi nun mi piace. A mia

non piacciono i parrini.

10


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

GINA

- Non ti piacciono i preti? E perchè fai il sagrestano allora?

TANO

- Ho detto ca nun mi piacciono i preti, nun u signuruzzu beddo. Mi

piace stare in chiesa, sentiri u silenzio, u ciàvuru d‟incenso, tagliare

tutti chiddi bei quadri ie prigari.

GINA

- O basta la, non pensavo che fossi contro i preti.

(Arrabbiandosi)

TANO

- Io nun sugnu contro niddu. Non mi piacciono e basta.

GINA

- Va bene, Tano, non ti scaldare, era solo una curiosità.

(Piccola pausa)

GINA

- A proposito di curiosità. È tanto che ti vorrei chiedere una cosa,

posso?

TANO

- Spia.

GINA

- Spia? A me? E perché?

TANO

- Spia, parla, dimmi.

GINA

- Ah …ecco…si…dunque. Tu sei siciliano, no…

TANO

- Tch, no.

GINA

- Come no, con quell‟accento…

TANO

- Io nun sugnu siciliano, sugnu siculo.

GINA

- Ah beh, sai la differenza. Comunque volevo chiederti…come mai porti

un cognome, VIALON, che sembra più veneto che siciliano.

TANO

- Pirché mi matre s‟ammaritò cun uno sbirro ca vieniva da chidda

terra.

GINA

- Ma va? Quindi sei mezzo veneto.

TANO

- Tch, manco pe na minchia. Mi patre siculo macari iddu fu.

GINA

- Ma se hai appena detto che tua madre ha sposato un veneto.

TANO

- Ammogliatu  si.  Ma  mi  matre  iera  già  incinta  di  mia  prima

d‟ammaritarsi.

GINA

- Ah…e chi era tuo padre?

TANO

- Un galantuomo, pace all‟anima sua.

GINA

- Oh mi dispiace...tuo padre è morto, quindi. E com‟è successo?

TANO

- Ci sparò u sbirro.

GINA

- Oh misericordia. Sarà mica stato quello che sposò tua madre?

TANO

- Sissi, proprio iddu.

GINA

- Oh, che tragedia. Ma com‟è andata, fu un incidente?

TANO

- Ma quali incidente, u sbirro curriva appresso a mi patre, quanno iddu

sparò cun u revorbaro. U sbirro sparò macari lui cun u mitra.

(Tano fa il gesto di chi spara con un mitra)

TANO   - TA-TA-TA-TA…lu tagghiu in due cun na raffica.

GINA       - Oh Maria vergine, che sgiai. Ma come mai poi tua madre ha sposato

chi le aveva ucciso l‟uomo?

TANO   - Mi patre nun iera l‟omo di mi matre.

GINA       - Ah no? E…come mai…tua madre…cioè, voglio dire…

TANO   - Rimase pregna? E nun lo immagini, pirché?

GINA       - Certo,   sono  mica   nata  ieri,   ma  se  tuo   padre  non  era  il   suo

uomo…come mai…

TANO   - Mi matre faciva la buttana.

11


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

GINA

- Oppss..quindi tu sei…

TANO

- Figghio di buttana.

GINA

- Oh scusa, Tano, non volevo…

TANO

- Mica colpa tua iè.

GINA

- E abitano in Sicilia i tuoi, cioè volevo dire, tua madre e suo marito?

TANO

- Nonsi, cadavari tutt‟e due sugnu.

GINA

- Gia morti? Mi spiace.

TANO

- E pirché? Uno iera sbirro l‟altra buttana.

GINA

- Ma come sono morti?

TANO

- U sbirro accise mi matre pirché continuava a fare il mestiere.

GINA

- Quindi lui fu arrestato?

TANO

- Nonsi, l‟ammazzai io cun il suo revorbaro, eppoi scappai qui al nord

e mi nascosi in chistu paesino.

(Gina si spaventa tantissimo, comincia a tremare ad agitarsi e straparlando cerca di allontanarsi da Tano mentre quest’ultimo le si avvicina con fare minaccioso)

GINA       - Oh signor, „n sasin, oh misericordia adess ch‟a l‟ha contame tut an

masserà „dcò mi.

TANO   - Che c‟è, ti scantasti?

GINA       - Eh?

TANO   - Ti ho spaventata?

GINA       - Mi? No, no, io mi sboglio mica tanto felicemente.

TANO   - Ma tu stai tremando.

GINA       - Io? Fi-fi-gu-gurati un po‟ sa-sarà la lebbra, cioè, no…volevo dire la

febbre.

(Andandole incontro)

TANO   - Fammi toccare il collo macari hai proprio la febbre.

GINA       - A l‟è nen ël cas, adesso vado a ficcarmi una supposta.

TANO   - Vuoi che venga con tia?

(Cercando di allontanarsi)

GINA       - No, no, no, no. Tu stai pure qui che io me la cavo.

TANO   - Sei sicura?

GINA       - Sicurissima.

(Tano si avvicina e fa per toccare Gina)

GINA       - AHHHHHHHHHHHH!!!!!   A    véul        masseme,    non    toccarmi,

delinquente. AIUTOOOOOO!!!!

(Gina esce  da destra e scappa letteralmente via, mentre Tano sogghigna compiaciuto.)

Scena 8 (Tano, Suor, Don)

(Entrano da sinistra Don e Suor)

(Vedendo che Tano sta ridacchiando…)

SUOR   - Tano, cos‟hai da ridere e chi era che urlava.

TANO   - Nenti, sorella, mi sono un po‟ divertito alle spalle di Gina.

SUOR   - Tano, non le avrai per caso raccontato qualche storia delle tue, vero?

TANO   - Picca, sulu „n pochino.

SUOR   - Tano, per favore, smettila di spaventare a morte le perpetue. Questa è

la terza che mi fai scappare. Non è poi così facile trovarle sai?

TANO   - Eh, che sarà mai, ho solo babbiato.

12


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

DON

- Scusate, ma che cosa le racconta di così terribile, signor Tano?

TANO

- Mi chiami solo Tano, mi sento più omo.

SUOR

- Le avrà raccontato qualche frottola riguardante la sua nascita, vero?

TANO

- Già.

SUOR

- Ecco,  adesso  dovrò  faticare  un  bel  po‟  per  calmarla.  Tu  intanto

confessati, subito.

TANO

- Sissi, sorella.

SUOR

- Mi perdoni reverendo vado di là da Gina.

(Suor esca da destra)

Scena 9 (Tano, Don, Berto)

DON

- E allora Tano, vuoi davvero confessarti?

TANO

- Sta min…

DON

- Basta un no.

TANO

- Scusasse, Don, l‟abitudine.

DON

- Non importa, però vorrei sapere…

TANO

- Don, meno sa meglio è, per tutti. Salutammo.

(Tano fa per voltarsi per andarsene ma Don lo prende per un braccio)

DON         - Aspetta, non andare via.

(Entra da sinistra Berto, vestito da vigile del fuoco)

BERTO - Buongiorno a tutti, come va?

DON         - Buongiorno, lei è?

BERTO - Laso,  Berto  Laso,  capo  dei  Vigili  del  Fuoco,  responsabile  della

Protezione Civile, capo della Croce Rossa locale nonché Capo Scout

Agesci.

DON         - Però, uomo tuttofare.

TANO   - Niente.

BERTO - Ah, ah, buona questa, e bravo Tano, sempre la battuta pronta eh?

(Rivolgendosi a Don)

BERTO - Bravo reverendo vedo che mi ha inquadrato al primo sguardo. Esatto sono “il factotum della città”

(Il factotum della città cantato come nel Barbiere di Siviglia.)

DON         - Ecco, si, a cosa devo la sua visita?

BERTO - Sono qui per il sopralluogo in veste di vigile del fuoco.

DON         - Sopralluogo? Perché?

BERTO - Ma come perché? Via, Don, alle 18 ci sarà la cerimonia del suo

insediamento e devo controllare che sia tutto a norma!

TANO   - Miii, Berto, non dire vasterie, l‟hai già fatto ieri il controllo e pure

ieri l‟altro, che minchia devi ancora controllare, ah?

BERTO - Tano,  tu  non  t‟impicciare  nei  miei  doveri  e  pensa  ai  tuoi.  Devo

controllare i ceri, le candele e via dicendo.

TANO   - Berto, sono a batteria i ceri, scimunito.

BERTO - Fa niente, devo controllarli lo stesso… è la prassi.

TANO   - Ma guarda stu conrnutu.

DON         - Va bene, Tano, calmati.

(Rivolgendosi a Berto)

13


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

DON         - Va bene signor Laso, faccia pure quello che deve. Ci vediamo più

tardi.

BERTO - Mi chiami pure Berto, reverendo.

DON         - Va  bene  Berto,  a  dopo.  Vieni,  Tano,  devo  chiederti  alcune  cose

riguardanti la chiesa.

(Don e Tano escono da destra)

Scena 10 (Berto, Primo)

(Berto, rimasto solo, comincia a controllare i ceri provando ad accenderli e a spegnerli)

(Entra Primo da sinistra.)

PRIMO - Ciao, Berto, come va?

BERTO - Ciao, Primo, sto effettuando il controllo previsto dal protocollo “Grandi Manifestazioni”.…

PRIMO - E piantala, tanto lo so che stai cazzeggiando.

BERTO - Ma, sindaco, vuole offendermi?

PRIMO - Qualunque battuta faccia non potrebbe mai offenderti.

BERTO - Ah no? E perché?

PRIMO - Perché tanto non le capisci.

(Primo si mette a ridere in modo strano risucchiando l’aria e in modo che sembra isterico)

BERTO - Ridi, ridi, ma sappi che in questa città, se non ci fosse Berto Laso, nessuno si prenderebbe questi incarichi così importanti per la comunità.

PRIMO - Si, si, bravo, adesso però ascolta. La “Grande manifestazione” non ci sarà.

BERTO - Ah no?

PRIMO - No. Pare che il nuovo parroco sia allergico ai benvenuti.

BERTO - Allora vado subito a mettermi la divisa da croce rossa e vengo con l‟ambulanza.

PRIMO - L‟ambulanza, cosa c‟entra adesso l‟ambulanza?

BERTO - Un‟allergia non deve mai essere trascurata.

PRIMO - Berto, “allergico” era un modo di dire. Non è malato, non vuole solo essere festeggiato.

BERTO - E non potevi dirlo con parole più facili.

PRIMO - Non sempre mi ricordo con chi ho a che fare...

BERTO - Allora sono libero!

PRIMO - No, alle 15 ci sarà comunque una piccola festicciola con solo noi autorità ed il coro per accogliere Don Remigio.

BERTO - Bel modo di accoglierlo, quel coro può anche essere letale. Meglio che prepari anche il defibrillatore.

PRIMO - Spiritoso, comunque è un mese che si preparano e hanno il diritto di esibirsi.

BERTO - Più che un‟esibizione mi sa di esecuzione. Dovrebbero chiamarsi le 007.

PRIMO - Perché?

BERTO - Perché così avrebbero la licenza di uccidere.

PRIMO - Sempre più spiritoso.

14


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

BERTO - Dì la verità, Primo, tu le difendi perché c‟è anche la “First Lady”, nella banda, eh?

PRIMO - Già sennò chi la sente, poi. Comunque tu scegli una delle tue molteplici divise e presentati qui alle 15,00, capito?

X(Campana rintocco della mezz‟ora)

(Il sindaco guarda l’orologio)

PRIMO - Le due e mezza, vai, è tardi.

BERTO - Agli ordini, comandante in capo.

(Berto batte i tacchi ed esce da sinistra)

PRIMO - Cretino.

Scena 11 (Primo, Suor, Sara)

(Entra da destra Suor)

SUOR   - Buongiorno , sindaco, desidera?

PRIMO - Buongiorno suor Cecilia…

(La suora alza la mano per fermare il sindaco, cerca di calmarsi e sbotta)

SUOR

- Alt, signor sindaco. Per evitare uno spargimento di sangue in un

luogo sacro, la prego, la supplico, le ordino di chiamarmi, d‟ora in

poi, solo più sorella.

PRIMO - Ma come mai è sempre così acida con me?

SUOR

- Senta, ho appena passato gli ultimi minuti a cercare di convincere

Gina a non andare via e sono oltremodo stanca e depressa. Non ce la

faccio proprio a sopportare lei che storpia il mio nome. E adesso mi

dica cosa vuole.

PRIMO - Va bene, va bene, non si scaldi. Volevo solo sapere se…

(Una ragazza si affaccia da sinistra)

SARA       - Scusate, disturbo?

(Il sindaco si gira verso la ragazza ma non fa a tempo a dire nulla che la suora si dirige verso di lei)

SUOR   - Dica pure, desidera?

SARA       - Dovrei incontrare Suor Amelia.

SUOR   - Sono io.

SARA       - Buongiorno, mi chiamo Sara Morgando e sono qui per dirigere il

coro della parrocchia.

SUOR    - Ah molto bene, signorina Sara, l‟aspettavo con ansia. Venga pure che

l‟acconpagno di là, in canonica.

PRIMO - Ma sorella, stavamo…

SUOR   - Signorina Sara, permetta che le presenti il nostro primo cittadino. Il

sindaco, Primo Gallo.

SARA       - Che carino, non avevo mai sentito chiamare così un sindaco, prima

d‟ora.

PRIMO - Così come?

SARA       - Primo Gallo. Cos‟è? Un titolo di origine gallica, presumo.

SUOR   - Molto più banalmente il suo nome e cognome.

SARA       - Oh, mi scusi, signor sindaco, sono mortificata.

15


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PRIMO - Non fa niente signorina Mara, in effetti è un nome piuttosto inusuale.

Comunque mi permetta, in qualità di …

SUOR   - Va bene, signor sindaco, i convenevoli a dopo, adesso abbiamo fretta.

Venga con me, signorina SARA, andiamo di là.

SARA       - Arrivederci, signor sindaco.

(La suora prende Sara per un braccio e la trascina verso l’uscita di destra, quasi scappando)

PRIMO - Ci vediamo più tardi, Clara.

Scena 12 (Primo, Pina)

(Entra Pina da sinistra)

PINA       - Primo, hai parlato a suor Amelia?

PRIMO - Macchè. Ho cercato di parlarle ma è arrivata la nuova direttrice del

coro, Fata Morgana, e me l‟ha portata via.

PINA       - Fata Morgana? Ma sei ubriaco?

PRIMO - No, no, è il nome della signorina che …

PINA       - Sara Morgando, SA-RA…MOR-GAN-DO. Così si chiama sta ragazza.

PRIMO - La conosci?

PINA       - Non l„ho ancora vista, ma so come si chiama perché me l‟ha detto

suor Amelia. Dove sono andate?

PRIMO - Di là, in canonica.

PINA       - Vado di là a salutarla, allora.

PRIMO - Io vado ad informare il maresciallo che la cerimonia sarà alle tre invece che alle sei.

PINA       - Ma scusa, non puoi telefonargli?

PRIMO - Ho già provato ma non risponde. Provo ancora una volta.

PINA       - Va beh, ci vediamo alle tre. Ciao.

PRIMO - Ciao, salutami Lara.

(Pina esca da destra mentre Primo fa il numero del maresciallo)

PRIMO - Buongiorno maresciallo, sono il sindaco, volevo solo informarla che la cerimonia di benvenuto per il nuovo parroco è stato anticipata alle 15,00…Come non può? Ma non può liberarsi? …Ah…mi dispiace…va bene, non mancherò. Saluti all‟arma.

PRIMO - Porca miseria, sto Don Gigi a më sta già „n si còrn.

(Il sindaco se ne va dalla sinistra)

Scena 13 (Suor, Gina)

(Appena uscito Primo, entrano Gina vestita per uscire, con una valigia in mano, seguita da Suor Amelia)

GINA       - No, no e poi, no! Io non resto qui nemmeno un minuto in più con in

casa quel delinquente.

SUOR   - Ma Gina, guarda che non è vero quello che ti ha raccontato Tano, se

l‟è inventato per ridere alle tue spalle.

GINA       - Allora è un delinquente stronzo. Motivo in più per andarmene.

(Suor Amelia sorpassa Gina e le si mette davanti)

SUOR   - Fermati ed ascoltami. Lascia che ti dica come stanno realmente le

cose e poi deciderai.

GINA       - Inutile, tanto ho già deciso.

16


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SUOR   - Aspetta, non puoi lasciarmi proprio adesso che è arrivato il nuovo

parroco, dammi almeno il tempo di trovare un‟altra perpetua…

GINA       - Questo è un problema suo, auguri.

(Gina fa per scostare la suora ma quest’ultima non si sposta)

SUOR   - Tano è un galantuomo, te l‟assicuro, lui rischia la vita per un atto

eroico che ha compiuto.

GINA       - Davvero? Stento a crederci.

SUOR   - Eppure è così.

GINA       - Va bene, sentiamo.

SUOR   - Non posso dirti come stanno le cose. È un segreto.

GINA       - Lo sapevo, si faccia da parte altrimenti, suora o non suora l‟appendo

al crocifisso.

(Facendosi il segno della croce)

SUOR   - Ma, Gina, siamo in chiesa, un po‟ di rispetto.

GINA       - Chiedo scusa al crocifisso, ma adesso si tolga di mezzo.

(Gina cerca di avanzare ma la suora si pianta per terra e cerca di fermarla)

SUOR   - Va bene, ti racconterò tutto quello che posso dirti.

(Attimo di silenzio)

GINA       - Sul serio?

SUOR   - Certo.

GINA       - Spari.

SUOR   - Non qui, la chiesa ha mille orecchie.

GINA       - O me lo dice adesso o me ne vado.

SUOR   - Parla più piano, ti sentiranno fin dalla piazza.

GINA       - Allora?

(Attimo di esitazione di suor Amelia. Poi la suora prende Gina sotto braccio e la porta davanti. Parlando sottovoce)

SUOR   - D‟accordo,  ascolta:  Tano  è   qui,  sotto   falso  nome,  perché   ha

testimoniato contro un mafioso.

GINA       - Non  ci  credo,  come  fanno  a  credere  ad  uno  che  va  in  giro  a

raccontare balle.

SUOR   - Lascia perdere quello che ti ha detto, scherzava. In realtà è qui sotto

copertura, per protezione.

GINA       - Lo giuri.

SUOR   - Io non giuro mai, dovresti fidarti di me, non ti ho mai mentito.

GINA       - Questo è vero, però…non so…a me quel Tano non piace.

SUOR   - Se è per questo non piace nemmeno a me, ma ti posso assicurare che

è una persona per bene ed onesta.

GINA       - Uhmm…va bene, voglio fidarmi di lei ancora una volta. Resto.

SUOR   - Dio sia ringraziato.

GINA       - Ma perché voi religiosi ringraziate sempre Dio? E a me che deve dire

grazie, lui non c‟entra nulla.

SUOR   - Scusa, Grazie, Gina.

(La suora, volta Gina e la spinge a destra, verso la sagrestia)

SUOR   - Adesso, però datti da fare che il ricevimento incombe.

GINA       - Ma se è tutto pronto da mò, e non spinga.

17


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SUOR   - Controlla di nuovo che sia tutto in ordine, sono quasi le tre.

GINA       - Va bene, va bene, vado.

(Gina esce da destra)

Scena 14 (Suor, Berto, Don)

(La suora, prostrata, si siede sfinita su un sedile di legno posto a lato dell’altare.e chiude li occhi)

SUOR   - Non ne posso più. Sono morta.

(Suor Amelia non si accorge che a sinistra si è affacciato Berto, vestito con la divisa da CROCE ROSSA)

SUOR   - Tra un po‟ mi verrà un infarto.

(Berto, a quelle parole, esce per un attimo e poi rientra con una valigetta da pronto soccorso e con un in mano un ambu)

BERTO - Stia calma, sorella, non si agiti, ci sono qua io, la salverò. SUOR - Ma…cosa…

(Velocissimo, Berto caccia l’ambu sul viso della suora e comincia a pompare)

BERTO - Respiri piano, sorella, e stia calma.

(La suora cerca di liberarsi il volto ma Berto insiste)

BERTO - Un attimo che prendo il defibrillatore, arrivo…

(Suor Amelia si divincola e riesce a liberarsi)

SUOR   - Berto, sei scemo? Cosa ti è preso?

BERTO - Sorella, lei non collabora. Su, si sdrai per terra che le attacco gli elettrodi.

(La suora svicola verso l’altare ed afferra uno dei candelabri).

SUOR   - Tu prova a toccarmi e ti tramortisco.

BERTO - Lei è sotto schock, sorella, si fidi di me.

SUOR   - Neanche morta, tu sei più idiota del solito…

(Richiamato dalle urla, arriva il Don da destra. Avendo sentito alcune frasi e, vedendo la suora scarmigliate, pensa che sia vittima di uno stupro)

DON         - Ehi tu, porco, levale le mani di dosso.

BERTO - Ah, reverendo, venga anche lei, mi aiuti a tenerla ferma.

DON         - Tenerla ferma mentre tu la violenti, ma come osi, depravato.

(Il prete prende Berto per il bavero e fa per dargli un cazzotto)

BERTO - Ma, cosa fa? È impazzito?

SUOR   - Si calmi, Don Luigi, c‟è stato un equivoco.

DON         - Equivoco? L‟ho visto io che tentava di immobilizzarla. Mi ha anche

chiesto di tenerla ferma.

SUOR   - Si, ma solo perché quel cretino, credeva che fossi infartuata e voleva

salvarmi

(Rivolgendosi a Berto)

DON         - È vero?

BERTO - Certo, l‟ho sentita io che diceva che stava per venirle un infarto.

SUOR   - Ma era un modo di dire, Berto, sveglia.

BERTO - Sarà, ma io la    vedo svaccata sulla sedia con gli occhi chiusi e le

sento  dire:  “Sento  che  mi  sta  venendo  un  infarto”…chiunque  si

sarebbe preoccupato.

SUOR   - Si, ma tutti mi avrebbero chiesto:  “Sta bene, sorella?”, prima di

soffocarmi  con  quel  coso;  e  nessuno  avrebbe  cercato  di  usare  il

defibrillatore.

18


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

DON

- Va bene, buoni, su, è stato un equivoco. Lei sorella lo perdoni, in

fondo cercava solo di esserle di aiuto, e lei, Berto, cerchi di essere

meno irruente. La stava quasi per spogliare.

BERTO

- Meglio una suora nuda che una suora morta.

SUOR

- Berto!!!

DON

- Era  una  battuta,  sorella…spero.  Su,  da  brava,  adesso  vada  a

ricomporsi. Manca pochissimo alle 15.

SUOR

- Ha ragione, vado e torno.

(La suora esce da destra)

Scena 15 (Berto, Don)

DON

- E adesso mi spieghi cosa ci faceva qui col defibrillatore.

BERTO

- Mi stavo preparando per la festa di benvenuto.

DON

- La festa? Pensa forse che mi sentirò male per l‟emozione?

BERTO

- Visto che canta il coro. Comunque devo essere presente come croce

rossa quando c‟è una manifestazione…

DON

- Berto…saremo quattro gatti. E poi non è una manifestazione ma un

semplice benvenuto. Non mi sembra il caso per un intervento della

croce rossa.

BERTO

- Non si sa mai, non si sa mai.

DON

- Va beh. Adesso rimetta tutto a posto, si metta in un angolo e se ne stia

buono. Stanno per arrivare gli altri e devo ancora andare di là un

attimo.

BERTO

- Conti su di me. Sarò vigile ma discreto.

DON

- Speriamo.

(Don si gira verso il pubblico, fa due passi verso il bordo del palco poi guarda verso il cielo come se parlasse con qualcuno)

DON         - Anche tu, però, un minimo di controllo qualità. Eh?

(Don se ne esce dalla destra. Nel frattempo, Berto raccatta tutto e si sistema in disparte. La posizione dipenderà molto dalla conformazione del palco, ma sicuramente sulla sinistra)

Scena 16 (Berto, Primo, Pina, Nina, Rina)

(Entrano da sinistra Primo, con la fascia tricolore da sindaco, Pina, Nina e Rina più altri eventuali coristi, come comparse. Pina si rivolge a Berto)

PINA       - È di là il reverendo?

BERTO - Eh…se non è di qua è di là.

RINA       - Che risposta stupida.

BERTO - A domanda stupida risposta stupida.

NINA       - Che domanda?

PINA       - Ti ho solo fatto una domanda, ne.

BERTO - E io ti ho solo dato una risposta.

RINA       - Stupida.

NINA       - Che risposta?

PINA       - Era solo una domanda spontanea.

BERTO - Ma stupida.

RINA       - Ah, la risposta, che è stata intelligente.

NINA       - Non ho capito niente.

19


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

PRIMO

- Berto! Smettila di trattare mia moglie come una stupida.

BERTO

- Basta che non la faccia, la stupida.

PINA

- Ma come ti permetti? Io sarei una stupida?

RINA

- Lui si, che è furbo.

NINA

- Chi, Berto?

PRIMO

- Che sia stupida o la faccia, tu la devi lasciare in pace, capito?

PINA

- Ma cosa dici, Primo, io non sono stupida e non la faccio nemmeno.

RINA

- Che marito idiota.

BERTO - Io ho solo detto che ha fatto una domanda stupida.

PINA

- Io faccio la domanda che voglio e come voglio, capito? E non sei tu a

decidere se è stupida.

PRIMO

- Ben detto, solo io posso deciderlo.

(Furiosa)

PINA

- Chiudi la bocca, cretino.

PRIMO - Ma…Pina…

NINA

- Chi è cretino?

RINA

- Primo.

NINA

- Ah, già.

BERTO

- Va bene, calmatevi, scusa, Pina, non volevo dire che sei stupida.

NINA

- Ma chi è stupida.

(A questo punto, esasperati, tutti gli altri si girano verso Nina e le urlano)

TUTTI  - TUUUU !!! TU SEI STUPIDA!

(Attimo di silenzio e di sconcerto di Nina che comincia a fare le smorfie di chi sta cominciando a piangere)

NINA       - Ma che ho detto, io?

(Poi scoppia in un pianto dirotto)

PINA       - Visto, Berto, l‟hai fatta piangere.

BERTO - Io?

RINA       - Ci va anche poco, ne.

PRIMO - Adesso, però, qualcuno la faccia smettere.

Scena 17 (Berto, Primo, Pina, Nina, Rina, Don, Suor, Gina, Tano)

(Entrano da destra il Don, la suora, Gina e Tano)

(Andando verso Nina e prendendola per un braccio, affettuosamente)

SUOR   - Nina, cosa succede? Perché piangi?

RINA       - Berto le ha detto che è stupida.

BERTO - Io non le ho detto proprio niente.

PRIMO - Come no? Tu hai offeso mia moglie.

SUOR   - E allora perché è Nina che piange?

RINA       - Perché è stupida.

NINA       - UAHH!!

PINA       - Adesso  basta,  lasciamo    perdere,  c‟è  il   signor  reverendo  e  noi

dobbiamo dargli il benvenuto e non possiamo farlo litigando fra noi.

SUOR   - Ben   detto,   brava,   Pina.   Adesso   datevi   tutti   una   calmata     e

prepariamoci per il canto. Coriste…ai vostri posti.

20


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

(Il coro prende posto, mentre il Sindaco si piazza sulla sinistra, davanti al leggìo. Il Don si siede su una seggiola sulla destra a lato dell’altare. Nina continua a singhiozzare, in silenzio ma visibilmente)

SUOR   - Gina, Tano, venite anche voi nel coro, su.

GINA       - Io non sono capace…e poi devo servire il rinfresco.

TANO   - Io sono capace ma non canto.

SUOR   - Non importa, venite qui con noi e diamo il  benvenuto a Don De

Maria.

(Anche Gina e Tano passano da destra a sinistra. La suora si pone davanti al coro per dare l’attacco. Nel frattempo, in modo ostentato, Berto tira fuori un paio di paraorecchi di quelli che usano gli operai quando maneggiano il martello pneumatico) (Il Sindaco fa per iniziare il discorso)

PRIMO - Caro signor reverendo Don…

SUOR   - Aspetti, signor sindaco. Prima la sigla.

PRIMO - Come?

SUOR   - Il canto di introduzione, prima. Aspetti il suo turno.

PRIMO - Ma dopo che avrete cantato non so se ci saremo ancora tutti.

SUOR   - Per favore, sia serio.

(Improvvisamente Nina si stacca velocemente dal coro e corre verso Don che spaventato si alza in piedi. Nina gli prende la mano)

NINA       - La prego reverendo, la supplico, li perdoni.

DON         - Chi?

NINA       - Perdoni loro che non sanno quello che fanno.

(La suora cerca di staccare Nina dal Don)

SUOR   - Nina, che fai? Torna al tuo posto.

NINA       - La prego, padre.

DON         - Lasci sorella, è tutto a posto.

(La suora si allontana mentre il Don fa alzare Nina.)

DON         - Sta tranquilla figliola, ci ha già pensato il padre.

NINA       - Il padre di chi?

(Attimo di silenzio e perplessità da parte di Don mentre tutti gli altri alzano gli occhi al cielo o si mettono un mano sulla faccia e così via, imbarazzati)

DON         - Ma Lui, cara.

(Indicando con l’indice verso l’alto)

DON         - Il Padre di noi tutti.

(Nina alza lo sguardo al cielo)

NINA       - Grazie Padre.

DON         - Brava figliola. Adesso torna nel coro e fammi sentire di cosa sei

capace.

(Nina torna nel coro)

SUOR   - Pronti? Guardate tutti me.

(La suora alza le mani per dare l’attacco ma Rina parte per prima, da sola)

RINA       - Benvenuto, caro reverendo...

SUOR   - Rina, aspetta l‟attacco, insomma.

RINA       - Prima si comincia e prima si finisce.

SUOR   - Silenzio!!! Riproviamo.

(Questa volta il coro parte con la canzoncina)

21


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

(La canzoncina deve essere eseguita nel modo più stonato ed orribile possibile. L’effetto deve essere agghiacciante. Durante l’esecuzione il Don rimane perfettamente immobile rivelando però con l’espressione del viso una indicibile sofferenza)

(Finalmente la tortura finisce. Il Don rimane in silenzio con la faccia ridotta ad una smorfia di dolore, incapace di parlare.)

(Tutti si aspettano un applauso o una parola ma niente, il prete rimane come paralizzato)

(La suora, preoccupata si avvicina al prete)

SUOR   - Don Luigi, sta bene?

(con voce sofferente, lamentosa)

DON         - Non so

SUOR   - Dica qualcosa, le è piaciuto.

(Prendendo in disparte la suora, per non farsi sentire dagli altri)

DON         - Non so che dire…

SUOR   - Bravi, eh?

DON         - Che non sia offensivo.

SUOR   - Ma…non hanno cantato così male.

DON         - Non mi dica che possono fare peggio.

SUOR    - Mi scusi reverendo, mi sembra che lei sia un po‟ troppo duro con quei

poveretti.

DON         - Le assicuro che non sono scappato solo perché le gambe non mi

rispondevano.

SUOR   - Non capisco, pensare che vogliamo fare una tournè nelle parocchie

limitrofe.

DON         - Allora si procuri un porto d‟armi perche altrimenti l‟arrestano per

porto abusivo di armi letali.

PINA       - Allora, possiamo cantarne un‟altra?

(Con un urlo belluino)

DON         - NOOOOOO!!!!

(Tutti rimangono di sasso, imbarazzati ed il prete se ne accorge)

DON         - Ehm…c‟è poco tempo e vorrei sentire il discorso del signor sindaco.

PRIMO - Oh…alla buon‟ora.

Scena 18 (Berto, Primo, Pina, Nina, Rina, Don, Suor, Gina, Tano, Sara)

(Entra Sara da destra, alle spalle del prete)

SARA       - Scusate il ritardo, mi sono persa qualcosa?

SUOR   - Oh, vieni, Sara, vieni che ti presento a tutti.

(Sara si avvia verso la parte destra passando di fianco al prete che nel frattempo si gira verso la nuova venuta)

DON         - Tu? Cosa ci fai qui?

SARA       - Dice a me?

SUOR   - Vi conoscete?

(Il prete mostra chiari segni di disagio e comincia a toccarsi la fronte come se gli facesse male)

DON           - Scusate tutti ma devo assolutamente andare a distendermi perché mi è venuto un atroce mal di testa.

(Il prete se ne va, quasi correndo dalla destra)

PRIMO - Ma dove va?

SUOR   - Non capisco… dice di star male.

BERTO - Lo dicevo io che il coro sarebbe stato fatale.

22


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

NINA       - Gli è piaciuta la canzone?

PRIMO - E il mio discorso?

(Tutti insieme fanno al sindaco il gesto di andare a quel paese e se ne vanno da sinistra)

(Il sindaco comincia ad uscire rincorrendo quelli che se ne vanno mentre si chiude il sipario)

PRIMO - Aspettate, sentitelo almeno voi…il mio discorso.

(Chiusura sipario)

23


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

Atto 2°

Scena 1 (Don, Sara)

(Si apre il sipario e troviamo il Prete che passeggia tra le due uscite, su e giù con un libricino in mano. Mentre il Don le da le spalle, Sara entra in silenzio da destra e si avvicina furtivamente al prete. Arrivata vicino lo tocca sulla spalla)

DON         - Si?

(Il prete si gira e, vedendo Sara gli sfugge un mezzo urlo)

DON         - AHHHH…

(Sara gli fa cenno di tacere ed il prete trasforma l’urlo in uno sternuto)

DON         - …TCHUUU!!!

(Il prete fa per chiamarla per nome)

DON         - Sa…

(Ma la ragazza, ancora una volta gli fa cenno di tacere e che potrebbe esserci qualcuno in ascolto. Il prete completa la frase in modo diverso)

DON         - …lute.

SARA       - Reverendo, mi scusi.

(Sara parla in modo scandito facendo cenni d’intesa con il Don)

SARA         - Mi permetta di presentarmi: mi chiamo Sara Morgando e sono la nuova direttrice del coro.

(Dopo un attimo di esitazione durante il quale Sara lo incita a rispondere, il prete decide di assecondarla)

DON         - Piacere, Sara, io sono Don Luigi De Maria ma mi chiami pure Don

Luigi.

SARA       - Grazie, Don Luigi. Sta meglio ora?

DON         - Si grazie, e lei?

SARA       - Non c‟è male. Ieri ci ha spaventati tutti andandosene così di colpo.

(Sara fa l’occhiolino al prete e gli fa segno di rispondere in modo adeguato)

DON         - Ah, si, mi scuso ma mi è sopraggiunto un terribile mal di testa e sono

dovuto correre in bagno a vomitare.

(Sara fa segno di OK al prete.)

SARA       - Mangiato qualcosa di andato a male?

DON         - No, ascoltato un canto venuto male.

SARA       - Un canto? A cosa si riferisce?

DON         - Se ne accorgerà quando farà le prime prove.

SARA       - Ah, il coro. È così mal messo?

DON         - Secondo me è scioccante.

SARA       - Ma va la. Addirittura? Va beh, vedremo cosa riuscirò a fare. Userò

molta pazienza.

DON         - E cotone.

SARA       - Cotone?

DON         - Per le orecchie.

(Sara ride)

SARA       - Ah, ah…simpatico. Ma, mi perdoni, Don Luigi, vorrei chiederle di

confessarmi.

(Attimo di silenzio durante il quale il prete guarda Sara con uno sguardo tra lo smarrito ed il sospettoso)

24


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

DON

- Confessarti, pardon confessarla? Io?

SARA

- Eh..beh..lei è un prete,

no?

DON

- Eh già…sono un prete, si.

SARA

- E allora …deve confessarmi, no?

DON

- Ah…ehm..va bene, ma…non vedo confessionali, qui.

SARA

- Non importa. Venga, andiamo lì davanti. Andrà benissimo.

(Sara prende sottobraccio il prete e lo porta dalla balaustra)

SARA       - Padre…io ho molto peccato.

(Il prete fa segno con la mano come per dire “Altroché”. Sara continua con tono irritato)

SARA       -  Come anche lei, del resto.

DON         - Io?

SARA       - Certo.. vorrà per caso negare di essere anche lei un peccatore?

DON         - No, no, siamo tutti peccatori in questa valle di lacrime, figliola.

SARA       - Bene…come  le  dicevo, ho  molto  peccato  e  sono  qui  per  peccare

ancora.

(Il prete, a questa affermazione, si gira di scatto verso Sara)

DON         - Cosa? Peccare ancora?

SARA       - Si, reverendo, ha proprio capito bene.

DON         - Ma, figliola, non posso darti l‟assoluzione per tuoi peccati senza il

tuo pentimento. Se parli di peccare ancora…

SARA       - Ma io sono pentita. Però, sa com‟è…le tentazioni sono molte, la

carne è debole…

DON         - Si, e il pesce puzza. Tutte scuse, figliola, la verità è che si deve fare di

tutto per resistere alle tentazioni.

SARA       - Ah certo, e lei, allora, come mai è qui?

(Attimo di silenzio, durante il quale il prete si guarda nervosamente in giro)

DON         - Ma per prendere in mano la parrocchia, figliola.

SARA       - Sicuro che sia solo la parrocchia che l‟ha spinto a venire qui? O

forse è qualcos‟altro che vuole prendere in mano?

(Sottovoce)

SARA       - Se non la smetti di chiamarmi figliola ti faccio diventare un soprano.

(Il prete fa segno vigorosamente di stare zitta a Sara)

DON         - Per favore, fi…signorina, torniamo alla confessione. Mi riveli i suoi

peccati.

(Sottovoce)

SARA       - Ti piacerebbe, eh

(A voce normale)

SARA       - Desidero sempre la roba degli altri.

DON         - Capisco.

SARA       - Lo so.

DON         - Ehm…volevo dire…è un peccato molto comune.

SARA       - Già, in effetti ce l‟ho in comune con lei.

(Il prete si guarda nuovamente in giro nervosamente)

DON         - Signorina siamo qui per confessare lei, non me. La prego di parlare

solo dei suoi di peccati.

SARA       - Va bene, va bene, visto però che la lista è molto lunga, l‟ho stampata.

(Sara tira fuori da una borsetta un foglio di carta e lo consegna al prete)

25


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SARA       - Ecco, reverendo, qui ci sono tutti i miei peccati, legga attentamente,

con calma.

DON         - Ma che storia è questa?

SARA       - Legga!!

(Il Don comincia a leggere il foglio ed impallidisce)

DON         - Oh mio Dio.

SARA       - Eh si, come le dicevo, ho molto peccato.

DON         - Ma tu…sei una grande…

SARA       - Peccatrice, lo so, ma sono sicura che lei saprà redimermi, reverendo.

(Si affacciano all’apertura di sinistra le coriste che vedendo il prete impegnato si fermano sulla soglia. Sara si rivolge a loro)

SARA         - Un attimo, signore, finisco di confessarmi e vi lascio subito Don Luigi.

(Sottovoce)

SARA       - L‟assoluzione  mandamela  pure  per  e-mail,  indicandomi  anche  la

penitenza.

(A voce normale)

SARA       - Grazie, reverendo, a presto.

(Sara se ne esce da sinistra e, passando davanti alle coriste…)

SARA       - È tutto vostro.

Scena 2 (Don, Nina, Rina, Pina)

(Le coriste salutano Sara e la ringraziano tutte in coro)

PINA       - Possiamo venire?

DON         - Prego, prego, venite pure.

(Un po’ spingendosi, con confusione, le tre donne si avvicinano al prete)

PINA       - Cerea, Reverendo, disturbiamo?

DON         - No, no, come posso esservi utile?

RINA       - Dobbiamo confessarci

DON         - Pure voi?

RINA       - Eh, sì, anche noi siamo peccatrici come quella là.

DON         - Ah…si…ecco, io, veramente…

RINA       - Non ci dica di no, la prego, ne abbiamo proprio bisogno.

PINA       - Parla per te. Io sono pura come un giglio.

RINA       - Sì, figuriamoci.

DON          - Va bene, non…va bene, d‟accordo. Facciamo in fretta però perché ho

un appuntamento.

RINA       - Tocca a me.

(Rina si siede sulla sedia e l’avvicina a quella del prete)

(Il rete fa il segno della croce)

DON         - Da quant‟è che non ti confessi?

RINA       - E chi se lo ricorda.

DON         - Beh…più o meno.

RINA       - Mah ! forse andavo ancora a scuola.

DON         - Va beh. Diciamo da tanto tempo.

(Rina accavalla le gambe)

DON         - Ti ascolto, figliola.

(Rina si gira verso Pina, poi avvicina la testa al prete e parlando sottovoce…) 26


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

RINA       - Anche lei.

(Attimo di silenzio con il prete che dimostra disagio)

DON         - Ehm…si…capisco.

(Rivolgendosi a Pina)

DON - Senta, Pina, può aspettare di là in canonica, per favore? PINA - Va bene, reverendo.

(Pina si alza ed esce da destra)

Scena 3 (Don, Rina)

(Per tutta la scena, Rina deve dare l’impressione che lei voglia sedurre il prete. Deve ammiccare, parlare in modo sensuale, fare movimenti equivoci, ecc…)

DON         - Ti ascolto.

RINA       - Ho fatto molti cattivi pensieri.

DON         - Di che tipo?

RINA       - Beh sa...di quelli che riguardano gli uomini.

(Da questo momento, il prete deve dimostrarsi sempre più a disagio)

DON         - Ah…capisco. E…come mai?

RINA       - Per via del mestiere che faccio, io ho a che fare con molti uomini.

DON         - Ah…continua.

RINA       - Io mi sforzo di capire le loro esigenze, di soddisfarli, ma diventano

sempre più esigenti. E così devo adattarmi a fare delle cose che non

mi piacciono. Mi capisce?

(Il Don comincia a mostrare disagio, passandosi il dito nel colletto e così via)

DON         - Uhh…ehm…si, si. Ma come mai sei finita a fare… quel mestiere?

RINA       - Ma cosa vuole, ho sempre pensato che avrei voluto fare qualcosa per

gli altri, renderli felici e così ho deciso di fare un lavoro che mi

permettesse di mettermi al servizio della comunità.

DON         - Santo  cielo…ma  con  tutti  i  mestieri  che  potevi  scegliere,  perché

proprio quello?

RINA       - Beh, sa, oggigiorno, con la vita frenetica, le mogli non hanno più

tempo per queste cose. Magari qualcuna lo fa, ma in fabbrica, in

catena.

DON         - Oh signore…

RINA       -  Io mi sono detta: “Rina tu devi riempire i buchi lasciati aperti dalle

mogli”

DON         - Oh misericordia…

RINA       - E così ho cominciato ad occuparmi degli uomini che  sentivano il

bisogno di lavori su misura, fatti come si deve, con piacere e non per

forza.

DON         - Basta Rina ho capito e, sinceramente mi sento a disagio.

RINA       - Ma come, non mi dirà che è la prima volta che sente una confessione

del genere.

DON         - No, questo no, ma…

RINA       - E comunque non le ho ancora raccontato il mio peccato.

DON         - Ah no? Mi pare che nel tuo caso i cattivi pensieri siano l‟ultimo dei

problemi, mia cara. Tu i cattivi pensieri li stai facendo venire a me.

27


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

RINA       - Davvero ?  Eppure  non  le  ho  ancora  confessato  quello  più  grave,

quello che ho avuto verso di lei.

DON         - Verso di me? Ma non se ne parla proprio. Sono un uomo di chiesa,

io.

RINA       - Ma via, reverendo, non mi dirà per caso che non avrebbe piacere

anche lei di un lavoretto coi fiocchi?

DON         - Ma come ti permetti, io…

(Rina si avvicina al prete e allunga una mano verso il suo petto)

RINA   - Sa, con queste mani, potrei rimetterlielo a nuovo, farglielo diventare più bello e persino …che so…ricamarci sopra le sue iniziali.

(Il prete non riesce più a controllarsi e si alza spaventato)

DON         - Basta, non posso più starti a sentire.

(Il prete si avvia verso la destra)

RINA       - Ma ...reverendo...dove va…la confessione.

DON         - L‟abito che porto non mi permette di accettare tali profferte.

RINA       - Ma si figuri, per me un abito vale l‟altro. Se lo tolga e vedrà di cosa

sono capace.

(Rina si alza e fa l’atto di avvicinarsi al prete)

DON         - No, no, per carità…adesso devo proprio andare, sarà per la prossima

volta.

(Il prete fugge da destra lasciando Rina sconcertata.)

RINA       - Ma chissa cosa gli è preso. Certo che questo prete è proprio strano.

Con quello che c‟era prima non c‟è mai stato nessun problema.

Scena 4 (Rina, Pina, Suor, Berto)

(Entra da destra Pina)

PINA       - Ma cosa è successo? Don Luigi è scappato in canonica e non mi ha

degnato di un saluto.

RINA       - Non so, stavamo parlando del mio lavoro e io mi sono offerta di

sistemagli l‟abito perché ho visto che ci stava largo.

PINA       - E lui?

RINA       - E diventato rosso come un pomodoro e ha cominciato a farfugliare.

Poi è scappato.

PINA       - Ma basta la. Pensare che tu poi sei la sarta più brava che c‟è in

paese. Glielo avresti sicuramente aggiustato bene.

RINA       - Ma si. Forse ha pensato che glielo avrei fatto pagare caro.

PINA       - Mah, vai a sapere. Certo che però un po‟ strano lo è.

(Entra la suora dalla destra)

SUOR   - Chi è strano?

PINA       - Buongiorno suor Amelia.

RINA       - „giorno.

SUOR   - Buongiorno ragazze. Chi è strano? Di chi stavate parlando?

PINA       - Ma veramente noi…

RINA       - Del nuovo parroco. Secondo me ce ne hanno mandato uno esaurito.

SUOR   - Davvero? E perché?

(Entra Berto dalla sinistra vestito da Croce Rossa)

28


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PINA       - Beh, tanto per cominciare ieri sera se n‟è andato senza salutare. Non

ci ha nemmeno ringraziato per il canto.

BERTO - Ringraziate voi che non vi ha denunciato per aggressione sonora.

PINA       - Ciao Berto.

BERTO - Ciao a tutte.

PINA       - Cerchi mio marito?

BERTO - Si, mi hanno detto che era al bar ma lì non l‟hanno visto, sono andato

alla bocciofila ma non c‟è nemmeno lì.

PINA       - Hai provato a telefonare?

BERTO - Si ma mi da sempre occupato.

RINA       - Berto, scusa la domanda stupida ma, l‟hai cercato in Comune?

BERTO - No.

RINA       - Cretino.

BERTO - Perché?

PINA       - Ma, Berto, dove pensi che stia un sindaco durante il giorno?

BERTO - Ma se non c‟è mai, in Comune.

RINA       - Magari sta correndo dietro a qualche segretaria…

PINA       - Rina, cosa dici, il mio Primo non fa queste cose.

RINA       - Ma se lo sanno tutti, qui in paese, che fa il galletto con tutte.

PINA       - Ma come ti permetti, linguaccia malefica.

BERTO - Aspettate a picchiarvi che vado a prendere la cassetta del pronto

soccorso.

SUOR   - Calmatevi voi due e tu Berto fila. Vai in Comune a cercare il sindaco.

BERTO - Glielo mando qui?

SUOR   - Sei tu che lo stai cercando, scemo.

BERTO - Ah già! Vado.

(Berto esce da sinistra)

Scena 5 (Rina, Pina, Suor)

SUOR   - E voi, insomma, belle amiche siete.

PINA       - Già un‟amica non dovrebbe sparlare male del marito dell‟altra.

RINA       - Un‟amica deve aprire gli occhi alla moglie cornuta.

SUOR   - Rina, Pina, smettela subito, ricordatevi dove siete.

(Con un tono misto di rabbia e pianto)

PINA       - Io me ne vado, e tu non sei più mia amica.

(Con tono canzonatorio, agitando la mano)

RINA       - Ciao, ciao, cornuta.

SUOR   - Rina!!

(Pina esce da sinistra sull’orlo del pianto)

RINA       - Dico solo la verità.

SUOR   - Ma dai non mi sembra possibile che Primo si comporti così.

RINA       - Mai fidarsi degli uomini, e poi...ha fatto il cascamorto anche con me.

(Con tono da curiosa pettegola)

SUOR   - Davvero?

(Suor si siede su una delle seggiole usate per la confessione e fa segno a Rina di fare altrettanto)

SUOR   - Racconta, racconta, devo sapere.

29


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

RINA       - Ma...suor Amelia, non la facevo così interessata al gossip.

SUOR   - Ma cos‟hai capito? A me sta a cuore la felicità delle mia sorelle.

(Con tono ironico e canzonatorio)

RINA       - Già, già, come ho fatto a non capirlo. Comunque, io non sono una

pettegola e mi sa che dovrà carpire le informazioni a qualcun‟altro.

(Rina si avvia verso l’uscita)

SUOR   - Ma Rina…

(Uscendo)

RINA       - Arrivederci.

(Rimasta sola, la suora ha un moto di stizza)

SUOR   - Ma  tu  guarda,  pensare  anche  solo  per  un  momento  che  io  sia

pettegola. Ma come si permette?

Scena 6 (Tano, Suor)

(Tano entra da destra)

TANO   - Scusasse sorella.

SUOR   - Ciao, Tano, dimmi.

TANO   - Il vino per la missa.

SUOR   - Si?

TANO   - Finito ie.

SUOR   - Come finito?

TANO   - Como è finito? Tutto se lo bevettero.

SUOR   - Ma se ce n‟era una damigiana.

TANO   - Io non saccio nenti.

SUOR   - Vabbè, non importa. Fanne arrivare dell‟altro.

TANO   - Tch...Lei deve telefonarci.

SUOR   - Va bene, adesso lo faccio. Vai pure, ci penso io.

TANO   - Com‟accomanda.

(Tano se ne esce da destra seguito dalla suora)

Scena 7 (Pina, Primo, Berto, Suor)

(Mentre la suora sta per uscrire entrano Pina, seguita da Primo e Berto)

(Molto arrabbiata)

PINA - Sei proprio un maiale, un porco, un… PRIMO - Ma Pina calmati, ma sei impazzita?

(La suora, esterrefatta, dopo un attimo di smarrimento interviene)

SUOR   - Ehi,  voi  due,  vi  ricordo  che  vi  trovate  nella  casa  del  signore,

smettetela subito.

PINA       - Scusi sorella ma sono talmente arrabbiata con questo uomo immondo

che…

BERTO - Di mondo.

PINA       - Cosa?

BERTO - Si dice “uomo di mondo”.

PINA       - Ma stai zitto, idiota.

SUOR   - Pina!!!

(Facendo la linguaccia)

BERTO - Ecco.

SUOR   - Stai zitto, idiota.

30


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

(Berto, incrocia le mani ed assume un atteggiamento imbronciato)

SUOR

- Allora, si può sapere cosa vi è preso?

(Indicando Primo)

PINA

- Quell‟infingardo mi tradisce.

PRIMO - Ma no, Pina, non è vero…

PINA

- Sta solo zitto, porco, non hai scuse, ti ho visto.

PRIMO - Ma non è come pensi.

SUOR

- Un attimo…calmatevi, Cosa vuoi dire, Pina con “Ti ho visto”.

PINA

- Quello che ho detto. L‟ho visto con i miei occhi fare il cascamorto con

una delle segretarie.

PRIMO - Ma non è vero stavo solo dettandole una lettera.

PINA

- Ah ma certo, scusa… non sapevo che per dettare meglio le lettere si

debba mettere una mano sul culo della segretaria.

SUOR

- Primo!! Vergognati!! Pina ha ragione.

PRIMO

- Ma no, io le stavo solo togliendo un filo dalla gonna.

PINA

- Già, ed intanto le guardavi le tette. Ancora un po‟ e ti cascavano gli

occhi nella scollatura.

SUOR

- Pina, abbassa la voce, siamo in chiesa.

PINA

- Scusi sorella ma ho il sangue che mi va alla testa.

BERTO - Ti misuro la pressione?

SUOR

- Berto, togliti di mezzo, non hai niente altro da fare?

BERTO - Veramente devo ancora sempre parlare col sindaco.

SUOR

- Adesso il sindaco è impegnato, vai a casa.

BERTO

- E perdermi il seguito? Voglio vedere come va a finire questa storia di

corna..

PRIMO - Ma che storia di corna, io non ho fatto le corna a nessuno.

BERTO - Per adesso.

PRIMO - Ma…Berto.

PINA       - Visto anche lui lo dice.

PRIMO - Ma lui è un deficiente.

BERTO - Sindaco, non negarlo, sei stato preso con la mano sul culo.

PRIMO - Ma sta zitto idiota.

(Alzando la voce)

BERTO - Idiota a chi?

PINA       - A te.

BERTO - Ah, ah!! Allora avevo capito bene.

Scena 8 (Berto, Primo, Pina, Suor, Don)

(Entra Don con passo di corsa destra)

DON         - Ma cos‟è tutta sta cagnara, ma dove credete di essere? All‟osteria?

(Tutti ammutoliscono e rivolgono lo sguardo verso il basso)

DON         -  Anche lei sorella? Me ne stupisco, diamine.

(Inginocchiandosi davanti a Don)

SUOR   - Ha ragione, mi perdoni, reverendo.

(Inginocchiandosi davanti a Don)

PINA       - Anch‟io le chiedo scusa reverendo.

(Pina tira per la manica Primo facendolo inginocchiare)

31


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PINA       - Anche mio marito le chiede scusa.

DON         - Alzatevi   e   spiegatemi   piuttosto   cosa   sta   succedendo.     Perché

litigavate?

BERTO - Primo ha fatto le corna a Pina mettendo la mano sul culo…

TUTTI  - Sta zitto, idiota.

BERTO - Chi io?

TUTTI  - Si, tu.

BERTO - Ah va bene, va bene.

DON         - Insomma, possibile che non siate capaci di parlarvi e di chiarire la

questione a casa vostra? Questo non è il posto per discutere, chiaro?

PINA       - Ma reverendo io pensavo che …

DON         - Avanti andate a casa e parlatevi a quatrocchi, senza litigare, da

persone adulte e civili.

(Primo e Pina si guardano perplessi, in silenzio)

DON         - Su, che aspettate? Andate.

PINA       - Va bene, vieni Primo andiamo a casa, dovrai spiegarmi molte cose.

(Pina si avvia con fiero cipiglio verso l’uscita di sinistra)

PRIMO - Ma Pina, ti dico che non è successo nulla.

(Primo segue la moglie come un cagnolino, con la coda bassa)

(Fuori scena)

PINA       - Zitto, ne parliamo a casa.

BERTO - Aspettatemi, vado a prendere il pronto soccorso e arrivo.

(Berto esce anche lui da sinistra)

Scena 9 (Suor, Don)

(Rimasti soli, la suora si siede stancamente su di una seggiola)

SUOR   - Non ce la faccio più, don Luigi.

DON         - Su sorella. Sono solo pecorelle smarrite e noi siamo i loro pastori.

SUOR   - Ha ragione, reverendo, ma ogni tanto mi viene voglia di farne una al

forno.

(Sogghignando divertito)

DON         - Sorella…

SUOR   - Stavo scherzando, stavo scherzando. Ci mancherebbe. Il fatto è che

ogni tanto mi piglia lo sconforto.

DON          - La capisco, mi creda, ma dobbiamo aiutarli, con l‟esempio, la parola,

ascoltandoli.

SUOR   - A proposito di parola…ha già pensato alla lettura per la messa di

domani?

DON         - La messa?

SUOR   - Certo, la messa di domani alle 11. Si ricordi di preparare anche una

bella predica. Sarà il suo saluto ai suoi nuovi parrocchiani.

(Il prete si dimostra imbarazzato)

DON         - Veramente… io pensavo che…

SUOR   - Non si preoccupi per la messa di stasera perché avevo già avvisato

don Raffaele nel caso lei avesse ritardato.

DON         - Ah…bene…ecco…io…

32


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SUOR   - Domattina alle 9, invece ci sarà un anniversario di matrimonio e

hanno chiesto che possa celebrare un congiunto.

DON         - Meno male…

SUOR   - A lei, quindi rimane solo la messa delle 11, quella più importante. Ci

saranno tutti.

(Con marcata ironia mista a preoccupazione)

DON - Che bello…non vedo l‟ora… SUOR - Bene, la lascio perché ho da fare. Ci vediamo a pranzo.

(La suora esce da destra)

DON         - Salve…suor…Amelia.

Scena 10 (Don, Sara)

(Rimasto solo il prete rimane un attimo fermo poi si stampa una manata sulla fronte)

DON         - La messa!! Non ci avevo pensato. Che cretino!!!

(Entrando da sinistra)

SARA       - Ooooh, finalmente l‟hai capito anche tu.

DON         - Sara!!! La messa!!! Domani devo dire la messa!!!

SARA       - Embè? Sei o non sei un prete?

DON         - Per favore Sara, non scherzare…la cosa è seria.

SARA       - Ma cosa stai dicendo? Non dirmi che non ti ricordi più come si

celebra una messa.

DON         - È da tanto tempo che non lo faccio e non mi ricordo bene le varie fasi

e poi magari hanno cambiato qualcosa.

SARA       - Ma dai, oramai sono anni che le fanno sempre uguali. In ogni caso

cercati un messale. Li dovresti trovare tutto, no?

DON         - Speriamo, sono preoccupato.

SARA       - Dai, vedrai che andrà tutto bene. Piuttosto, sai dove sia Tano?

DON         - Chi?

SARA       - Tano, il sagrestano.

DON         - Ah…il siciliano.

SARA       - Si. Sai dov‟è?

DON         - No, non l‟ho ancora visto. Perché lo cerchi?

SARA       - Ma niente, volevo solo chiedergli una cosa per il coro.

DON         - Tipo strano quello.

SARA       - Già…secondo me non è un vero sagrestano.

DON         - Cosa vorresti dire?

SARA       - Ma, non so, mi sembra…falso, non al posto giusto.

DON         - Beh, dove dovrebbe stare secondo te se non in chiesa?

SARA       - Ma cos‟hai capito? Secondo me, Tano non è un sagrestano.

DON         - Dici? Da cosa lo deduci?

SARA       - Non so, istinto. Cosa sai di lui?

DON         - Ma cosa vuoi che sappia? Sono appena arrivato.

SARA       - A me sembra che la suora sappia chi è veramente e cosa ci faccia qui.

DON         - Mah…perché ti interessa?

SARA       - Solo curiosità femminile.

33


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

DON         - Raccontala ad un altro. Tu non fai mai domande solo per curiosità.

Cosa c‟è sotto? Lo conosci? Stai cercando qualcuno?

SARA       - Altre domande? Te l‟ho detto: mi incuriosisce, tutto li. Bene ti lascio

ma ci rivredremo fra un po‟. Oggi ho la prima prova col coro. Vuoi

assistere?

DON         - Preferirei martellarmi gli ammenicoli.

SARA       - Addirittura? Ma cantano così male?

DON         - Non immagini quanto.

SARA       - Bene, mi sono sempre piaciute le imprese impossibili. Ciao.

(Sara esce da sinistra)

Scena 11 (Don, M.llo)

DON         - A me quella non convince, dovrò stare attento.

(Mentre il Don parla, fra sè, si rivolge al pubblico o verso la destra, dando, in ogni caso, le spalle all’ingresso di sinistra)

DON           - Devo capire perché si interessa al sagrestano, se mi ha fatto delle domande su di lui è perché è venuta qui per incontrarlo.

(Da sinistra entra silenziosamente il maresciallo dei carabinieri che, aspetta pazientemente che il prete si giri)

DON         - Devo chiedere a suor Amelia che mi dica tutto.

(Il prete si gira e, vedendo il carabiniere, rimane di sasso)

(Il Maresciallo va verso il prete tendendogli la mano)

M.LLO  - Don De Maria, suppongo.

(Il prete, tra lo stupore del carabiniere alza le mani)

DON         - Non ho fatto niente.

(Il Maresciallo rimane interdetto con la mano a mezz’aria)

M.LLO  - Prego?

(Il prete capisce di aver fatto una stupidaggine e cerca di rimediare. Incomincia a battere le mani, sempre tenendole in alto e accennando ad una danza)

DON - Eh..eh..sto provando una coreografia per la messa di domani. M.LLO - Ah…capisco…Lei è …

(Stringendo la mano al carabiniere)

DON         - Don Luigi De Maria.

M.LLO  - Ah, bene, proprio lei cercavo.

DON         - A che proposito?

M.LLO  - Ci è stato segnalata la possibile presenza nei paraggi di un ladro

specializzato in furti di opere sacre e reliquie.

DON         - Davvero? E chi vi ha fato la soffiata?

M.LLO  - Scusi?

DON         - Cioè, volevo dire…sempre all‟erta eh? Bravi, bravi.

M.LLO  - Grazie, dovere, padre.

DON         -  Eh…sapete chi è questo…ladro?

M.LLO  - Purtroppo no, di lui non si sa nulla.

DON         - Meno male.

M.LLO  - Perché, meno male?

DON         - No, dico, meno male che siete sulle sue tracce.

M.LLO   - Si, ma non sappiamo nemmeno se sia un uomo od una donna. L‟unica

cosa certa è che colpisce nell‟ombra e parrebbe giovane ed atletico

34


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

perché riesce ad entrare nelle chiese nei modi più inverosimili, cose

da circo.

DON

- Ah, però.

DON

- Comunque,  sono  venuto  ad  accertarmi  che  prendeste  le  dovute

precauzioni per tutelare…lei sa cosa.

DON

- Cosa?

M.LLO

- Come, cosa?

DON

- Volevo dire, cosa mi consiglia di fare?

M.LLO

- Beh, per cominciare si accerti che il sistema di allarme sia sempre

inserito, poi cercate di non perderlo mai di vista, magari facendo i

turni, almeno fino a che non avremo preso il malvivente.

DON

- Speriamo di no.

M.LLO

- Come sarebbe a dire?

DON

- No, dicevo…speriamo che non accada nulla.

M.LLO

- Stia tranquillo, reverendo, la manderò un mio uomo a piantonare il

quibus.

(Preoccupato)

DON

- Ma non credo sia il caso di disturbare nessuno. Bastiamo noi per

sorvegliare il malloppo.

M.LLO

- Ah, ah, ah, l‟avevo gia sentito chiamare in diversi modi ma mai

“malloppo”.

DON

- Eh, eh, beh, per il ladro in questione è pur sempre un malloppo.

M.LLO

- Giusto, padre, giusto. Bene arrivederci a domani mattina.

DON

- A domattina?

M.LLO

- Che  sbadato,  certo,  lei  non  può  saperlo.  Io  sono  il  chierichetto

ufficiale  della  nostra  parrocchia.  Se  posso  non  manco  mai  alle

funzioni.

DON

- Che bellooo…

M.LLO

- Bene, a domani.

DON

- Salve.

(Il prete aspetta che il Maresciallo se ne sia andato, poi…)

DON           - Ecco perché Sara è venuta qui. E forse ho anche capito perché si interessa a Tano. Devo assolutamente parlare con suor Amelia.

(Il prete esce da destra)

Scena 12 (Tano, M.llo)

(Entra Tano da destra con uno straccio e comincia a pulire)

(Dopo poco, entra da sinistra il Maresciallo)

M.LLO  - Ciao, Tano, come va?

(Tano si gira e, visto chi è esclama, girandosi…)

TANO   - Ah lu sbirru iè.

M.LLO  - Eh via, Tano, possibile che tu mi veda solo come uno sbirro?

TANO   - Eh  cuomo  minchia  devo  vederla?  S‟appresenta  cuomo  nu  sbirru,

veste cuomo nu sbirru, parla cuomo nu sbirru. Pe mia sbirru iè.

M.LLO   - Va beh, pazienza. Mi piacerebbe che tu avessi un po‟ più di fiducia in

me.

TANO   - Fiducia? Io quella manco a mi matre la do. Figuriamo a nu sbirru.

35


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

M.LLO

- Va bene, basta , non parliamone più. Prima ho parlato con Don Luigi

ma mi sono dimenticato di chiedergli quale sarà la lettura di domani.

È di la in sagrestia?

TANO

- E che ne saccio io?

M.LLO

- Tano, non riesco ad esserti simpatico e pazienza ma voglio un po‟ di

rispetto, perbacco. Ricordati che i miei uomini rischiano molto per

proteggerti.

TANO

- Bravo! Se vuole spiarlo a tutti lì c‟è il microfono. Bedda protezione,

soprattutto discreta.

M.LLO

- Ehm scusa mi sono lasciato trasportare. Comunque stai tranquillo. Il

nostro occhio è sempre vigile.

TANO

- Cuomo chiddu di na capra fissa. Comunque, a mia ci bado da me

medesimo.

M.LLO

- Va bene, stai pure all‟erta ma mi raccomando: niente colpi di testa.

Se vedi o senti qualcosa di sospetto o se ti senti in pericolo chiamaci

immediatamente.

TANO

- Come vossia comanda.

M.LLO

- Bene. Allora dove posso trovare Don Luigi?

TANO

- Il parrino iè de là, in canonica.

M.LLO

- Ha ha. Hai visto che lo sapevi dov‟era il parroco. T‟ho beccato.

(Prendendo in giro il Maresciallo)

TANO

- Mii, Maresciallo, che civreddo fino. Mi ha costretto a confessare. Iè

meglio de Kogiàkke.

M.LLO

- Kòdjac.

TANO

- Scusasse, nalfabeto sugnu.

M.LLO

- Non è colpa tua, Tano, allora vado di là, ciao.

TANO

- Salutammo.

(Appena il Maresciallo si avvia verso la porta a destra, Tano gli fa il classico gesto di andare a quel paese)

Scena 13 (Tano, Sara)

(Mentre Tano continua a fare gestacci all’indirizzo del Maresciallo entra Sara da sinistra)

SARA       - Salve Tano.

(Sobbalzando)

TANO - Signorina…un sincopo mi fece pigghiari. SARA - Scusa. Sono già arrivate le coriste. TANO - Si fusse accussi, io già sarei annato. SARA - Ma perché ce l‟avete tutti col coro? TANO - Bedda mia…non voglio vastarle la sorpresa. Salutammo.

(Tano fa per voltarsi ed uscire da destra, ma Sara lo ferma)

SARA       - Aspetta. Mi piacerebbe conoscerti meglio.

(Sospettoso)

TANO   - Conoscerci meglio? E perchè?

SARA       - In futuro dovremo vederci spesso, collaborare.

TANO   - E che minchia ci azzecco io col coro?

SARA       - Ma non canti anche tu?

(Sdegnato)

36


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

TANO

- Tano non ha mai cantato in vita sua, omo d‟onore sugnu.

SARA

- Peccato, avrei avuto bisogno di un basso nel coro.

TANO

- Si iè solo pi questo ci mando un mio paesano che iè più basso di mia,

manco mi arriva alle spalle.

SARA

- E bravo Tano, ti piace prendere in giro la gente, eh?

TANO

- Quanno si può babbiare…

SARA

- Ma dimmi un po‟… cosa ci fai così distante dalla tua bella Sicilia?

TANO

- E chi l‟ha mai vista la Sicilia?

SARA

- Come sarebbe? Non sei nato in Sicilia.

TANO

- Nonsi. Mi matre fu rapita da soldati „miricani al tempo della guerra e

io qua venni al munno.

SARA

- Ma a chi vuoi darla a bere? Se fossi nato qui non parleresti certo in

dialetto siciliano e con quest‟accento poi.

TANO

- Mi matre, m‟imparò a parlare accussì. Lei parlava solo siculo e io

nun sugno annato a scuola.

SARA

- Mmmh! E che lavoro hai fatto prima di questo?

TANO

- Sempre questo, fin da quanno ero picciriddu. Mi matre faciva la

perpetua e io facivo lu sagrestanu.

(Sara fa per ribattere ma viene interrotta dall’arrivo delle coriste da sinistra)

Scena 14 (Tano, Sara, Pina, Nina, Rina)

(Tano approfitta dell’interruzione per allontanarsi da Sara e continuare a pulire)

PINA       - Si può?

SARA       - Salve ragazze, venite, venite.

NINA       - Buongiorno.

RINA       - Salve.

SARA       - Dai, venite e datemi del tu.

PINA       - Piacere, Pina.

NINA       - Ma lei è la maestra.

RINA       - E allora? La bocca ce l‟ha sotto il naso come noi.

NINA       - Ma Rina!

SARA       - Rina ha ragione, consideratemi una di voi e andremo d‟accordo.

PINA       - Va bene.

RINA       - Ok.

NINA       - Ci provo.

SARA       - Brave, ragazze. Tuo marito non viene, Pina?

RINA       - Sarà in infortunio.

PINA       - Non cominciare, Rina.

SARA       - In infortunio?

(Guardando malamente Rina)

PINA       - Niente. Niente, adesso arriva, doveva finire un lavoro.

SARA       - Bene, e quell‟altro signore che lavora in Croce Rossa?

PINA       - Berto?

SARA       - Ecco si, Berto, non viene?

PINA       - Non lo so, forse è di turno come pompiere.

SARA       - Non importa, cominciamo noi.

37


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

(Sara si gira verso Tano)

SARA

- Allora, Tano, non vieni proprio a cantare con noi?

TANO

- Mancu si mi torturate.

NINA

- Dai Tano, vieni anche tu, noi abbiamo bisogno di un uomo.

TANO

- Vero ie, ma nun pi cantari

NINA

- Cosa vuoi dire?

RINA

- Che dovresti farti togliere le ragnatele da qualcuno.

NINA

- Ma che ragnatele?

PINA

- Lascia  perdere,  Nina.  Se  Tano  non  vuole  cantare  non  dobbiamo

insitere.

NINA

- Si, ma dove sono le ragnatele?

RINA

- Poi te lo spiego, adesso finiscila.

SARA

- Bene cominciamo.

TANO

- Salutammo.

(Tano esce da destra, quasi scappando)

Scena 15 (Sara, Pina, Nina, Rina)

SARA

- Prima di cominciare voglio valutare le vostre capacità.

(Attimo di pausa)

SARA

- Nina fammi una scala.

NINA

- Una scala?

SARA

- Si, fammi una bella scala.

(Nina rimane un po’ perplessa, poi fa qualche passo verso il centro della scena mimando una persona che porta una scala sulle spalle. Si ferma, posa la scala per terra, la apre e comincia a salirci sopra. Il tutto sotto lo sguardo attonito delle altre.)

SARA       - Ma cosa stai facendo?

NINA       - Non la faccio bene?

SARA       - Cosa?

NINA       - La scala.

(Attimo di pausa durante il quale Rina e Pina si coprono il viso con le mani, ridendo e Sara cerca di capire se Nina la sta prendendo in giro o se è proprio tonta) (Scandendo le parole lentamente)

SARA       - Nina, una scala musicale, do-re-mi-fa-sol-la-si-do.

NINA       - Oh, che stupida, quella.

RINA       - Già, che stupida.

PINA       - Rina!

SARA       - Coraggio Nina, fammi la scala musicale.

(Nina si concentra e parte con la scala di Do più stonata che si possa fare)

NINA       - Do-re-mi-fa-sol-la-si-do.

(Attimo di pausa mista a panico)

SARA       - Ecco…si…ci sarà da lavorare molto. Adesso fammela al contrario.

(Nina si gira di 180 ° e rifà la scala, anche peggio della prima)

NINA       - Do-re-mi-fa-sol-la-si-do.

SARA       - Veramente al contrario vorrebbe dire…va be, non importa vai pure a

posto.

(Intanto Rina ridacchia e Pina cerca di consolare Nina)

SARA       - Sentiamo te Rina, visto che sei così allegra.

(Anche Rina si esibisce in una scala stonata, però riesce a fare anche quella a scendere)

38


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

RINA       - Do-re-mi-fa-sol-la-si-do…do-si-la-sol-fa-mi-re-do.

(Sara comincia grattarsi la testa in segno di disagio)

PINA       - Provo io?

SARA       - Eh…prova.

PINA       - Do-re-mi-fa-sol-la-si-do.

(Stesso risultato delle altre due)

PINA       - Siamo andate bene?

(Sara pensa un po’ prima di parlare)

SARA       - Io mi sono sempre fatta vanto di essere schietta e sincera.

(Pausa, durante la quale Sara pensa a cosa dire)

PINA       - E quindi?

SARA       - Questa volta farò un‟eccezione.

PINA       - Non capisco.

SARA       - Diciamo che i margini di miglioramento sono notevoli.

(Battendo le mani dalla contentezza)

NINA       - Oh, meno male.

PINA       - Ce la metteremo tutta.

RINA       - Veramente ci ha detto che facciamo schifo.

NINA       - Parla per te, sei solo invidiosa.

PINA       - Nina ha ragione, Sara ha detto che ci farà migliorare. Vero Sara?

(Sara non risponde subito)

SARA       - Sarà dura, ma ce la faremo.

(Nina si gira verso Rina)

NINA       - Visto?

Scena 16 (Sara, Pina, Rina, Nina, Primo, Berto)

(Primo e Berto entrano da sinistra)

(Berto è vestito da pompiere, mentre Primo ha una fasciatura alla testa)

BERTO - Arriviamo, scusate il ritardo.

(Guardando Primo)

SARA       - Sindaco, cosa si è fatto alla testa?

RINA       - L‟avevo detto io che era in infortunio.

PINA       - Rina, morditi la lingua.

BERTO - Bella, eh, la fasciatura, gliel‟ho fatta io. Ferita da corpo contundente,

sferrato dall‟alto verso il basso con…

PRIMO - Grazie, Berto, non mi hai fatto un‟autopsia, ma solo una fasciatura.

(Rivolto a Sara)

PRIMO - Signorina Lara, mi permetta di darle il benvenuto a nome di tutta la…

(Astiosa, insofferente)

PINA       - Alla signorina SARA non interessano i tuoi discorsi da politicante.

(Con tono dimesso, quasi petulante)

PRIMO - Ma Pina, io volevo solo…

PINA       - Piantala!!

(Tossicchiando)

SARA       - Grazie del benvenuto. Siete qui anche voi per cantare nel coro?

PRIMO - Certamente, carissima Mara, in qualità di sindaco… BERTO - Ancora per poco.

39


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PRIMO - Come?

BERTO - Rimarrai sindaco ancora per poco.

PRIMO - Chi lo dice?

PINA          - Io lo dico, porco, dopo quello che mi hai fatto il minimo che tu possa fare è dimetterti.

PRIMO - Ma perché? Guarda i politici a Roma, fanno delle cose peggiori delle mie e mica si dimettono.

BERTO - E ma loro lo fanno per il bene del paese.

PRIMO - Appunto, io devo rimanere al mio posto per il bene…

PINA       -  …della tua crapa! Se non ti dimetti, le ferite da corpo contundente

non saranno più occasionali ma croniche.

SARA       - Primo, Pina, suvvia, smettetela, siamo qui per cantare, divertirci.

BERTO - Con queste qui, cantare e divertirsi non vanno d‟accordo.

RINA       - Zitto, Berto hai già parlato troppo.

BERTO - Ma è possibile che con voi non si possa mai parlare?

RINA       - Tu non parli sprechi solo fiato. Hai la testa piena di ragnatele.

NINA       - Anche a me hanno detto che ho delle ragnatele da qualche parte. Mi

dai una mano toglierle?

BERTO - Ma cosa dice questa?

SARA       - Per favore, calmatevi tutti. Smettetela o me ne vado.

BERTO - Le ha già sentite cantare?

TUTTI    - Zitto!!!!

BERTO - Allora me ne vado.

(Berto si avvia imbronciato verso sinistra)

NINA       - Aspetta, Berto, mi aiuti a togliere le ragnatele?

(Nina segue Berto uscendo a sinistra)

PRIMO - Che ragnatele?

PINA       - Quelle   che  toglievi  dalla  gonna della  tua  segretaria   mentre  la

palpeggiavi.

PRIMO - Quello era un filo.

PINA       - Porco!!! Non venire a casa per cena stasera.

(Pina si avvia arrabbiata verso sinistra)

PRIMO - Ma, Pina, ti dico che non erano ragnatele, era solo un filo.

(Primo segue come un cagnolino bastonato Pina uscendo da sinstra)

RINA       - Va beh, visto che per fare un coro bisogna essere almeno in tre io me

ne torno a casa, Ci vediamo domani alla messa.

SARA       - Ma non abbiamo provato nemmeno un pezzo.

RINA       - Perchè? Pensa che se l‟avessimo provato faremmo meno schifo?

SARA       - No eh?

RINA       - Ciao.

SARA       - Ciao.

(Anche Rina esce da sinistra)

Scena 17 (Sara, Gina, Suor, Don)

(Appena è uscita Rina da sinistra, entra tutta trafelata Gina da destra)

GINA       - Sono ancora in tempo per le prove del coro?

(Vedendo che non c’è nessuno)

40


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

GINA       - Sono già finite?

SARA       - Veramente non sono nemmeno cominciate.

(Entra da destra la Suora)

SUOR   - Allora, come vanno le prove?

(Anche lei rimane interdetta vedendo solo Sara e Gina)

SUOR   - Già finito?

GINA       - Non hanno nemmeno cominciato.

SUOR   - Cos‟è successo?

SARA       - Troppo lungo da spiegare.

SUOR   - Ma…e domani?

SARA       - Domani mi inventerò qualcosa.

(Entra da destra il Don che si rivolge a Gina parlando molto forte)

DON         - Gina mi sa che c‟è qualcosa che sta bruciando sul fuoco.

GINA       - Oh misericordia, le patate.

(Gina si fionda a destra, quasi travolgendo il prete)

SUOR   - Io devo andare a fare una commissione, ne parliamo dopo. Ciao,

Sara.

(La suora esce da sinistra e Sara ed il prete rimangono soli)

SARA       - Sei venuto a ridere di me?

(Parlando forte)

DON         - Eh? Che bidèt?

SARA       - È stato un fallimento.

DON         - Cosa ho sul mento?

SARA       - Ma che ti prende, sei scemo? E perchè parli così forte?

DON         - Quali porte?

(Urlando)

SARA       - Perché parli forte?

DON         - Ah…scusa…i tappi

(Il prete si toglie i tappi dalle orecchie)

DON         - Per la salute mentale. Com‟è andata?

SARA       - Cretino, lo sai benissimo com‟è andata.

DON         - Beh, sei ancora viva.

SARA       - Già, non so come ci riescano.

DON         - Dev‟essere un dono di natura.

SARA       - È stato orribile.

DON         - Dai che per oggi è finita, vai a casa e riposati.

SARA       - Ok, ciao.

(Sara si avvia verso sinistra, si ferma sulla soglia, si gira e dice)

SARA       - Ricordati di ripassare la messa per domani.

DON         - Lo sai che sei fetente, vero?

SARA       - Si e ne sono fiera. Bye, bye.

(Sara esce da sinistra e si chiude il sipario)

41


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

Atto 3°

Scena 1 (Tano, Suor)

(Si apre il sipario e in scena c’è Tano che sta preparando l’altare per la messa. Mentre Tano si muove attorno all’altare, si sentono dieci rintocchi, dopodichè entra la suora)

X(Campana 10 rintocchi)

SUOR   - Tutto a posto, Tano?

TANO   - Sto ancora a preparare, Suor Amelia.

SUOR   - Bene, mi raccomando! Deve essere tutto a posto per la messa delle

undici. Controlla che non manchi nulla.

TANO   - Veramente qualichi cosa che manca c‟è.

SUOR   - Cosa?

TANO   - Lu vino.

SUOR   - Il vino?

TANO   - Si  ricorda  ieri?  Lei  stessa  medesima  mi  dicesse  chi  ci  avrebbe

telefonato.

SUOR   - Oh misericordia!! Me ne sono dimenticata. E come ha fatto il prete di

prima?

TANO   - Ne aveva un poco in una fiaschetta.

SUOR   - Devi andare subito a comprarne una bottiglia.

TANO   - Nun posso, finire acchì devo.

SUOR   - Va bene.

(La suora va fino dalla uscita di destra e chiama la perpetua)

SUOR   - GINA!!!

(La suora fa qualche passo nervosamente su e giù. Poi richiama la perpetua)

SUOR   - GINAAA!!

(La suora esce da destra per andare a chiamare la perpetua)

SUOR   - Ma cosa starà facendo quella là.

(La suora, fuori scena, chiama ancora una volta la perpetua)

SUOR   - GIIINAAAA!!!

Scena 2 (Tano, Gina, Suor)

(Dopo che la suora ha chiamato l’ultima volta Gina, quest’ultima compare da sinistra carica di borse della spesa e pacchetti)

GINA       - Tano, per favore, aiutami. Prendimi almeno le borse.

TANO   - E che? Macari lu facchinu sugnu?

GINA       - Dai, non ce la faccio più, posso lasciare le borse?

TANO   - Ah, pe mia…

(Senza attendere risposta Gina scarica letteralmente su Tano tutte le borse ed i pacchetti, ma Tano non le afferra e così casca tutto per terra)

GINA       - Ma Tano, guarda cos‟hai fatto! Che disastro, le uova…

(Attratta dal fracasso rientra da destra la suora)

SUOR   - Ma cosa sta succedendo? Cosa è questo fracasso?

(Indicando Tano)

GINA       - La colpa è di questo scemo, suor Amelia. Mi ha lasciato cadere le

borse per terra.

42


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

SUOR

- Ma Tano, insomma!

TANO

- E che minchia c‟entro io?

GINA

- Mi hai detto che potevo lasciare le borse.

TANO

- Nonsi. Tu mi hai taliato si potevi lasciare andare le borse?

GINA

- Si.

TANO

- E io ti ho risposto “Pe mia” cha vuol dire “vossia faccia come vuole”

e tu le ha lasciate cadere.

GINA

- Ma brutto…

SUOR

- Basta, Gina, lascia perdere. Oramai il disastro è fatto. Piuttosto, hai

per caso comprato del vino?

GINA

- No, non me l‟ha scritto nel biglietto.

SUOR

- Va be, non importa. Porta tutto di là e poi corri a comprare una

bottiglia di vino per la messa che siamo rimasti senza.

GINA

- Va bene, va bene, tanto l‟asino qui lo faccio sempre e solo io, vero

Tano?

TANO

- Come dice vossia.

(Gina tenta di sbattere una borsa sulla testa di Tano, il quale evita il colpo)

GINA       - Vieni qui. Se ti prendo ti distruggo.

SUOR   - Basta Gina, vai subito a comprare il vino. La roba la ritira Tano.

(Rivolgendosi a Tano)

SUOR   - Così impara a fare il furbo.

GINA       - Vado.

(Gina esce da sinistra)

SUOR   - Tano, prendi le borse e portale di là.

TANO   - Come accomanda sorella.

(La suora esce da destra senza dire altro, mentre Tano prende le borse da terra)

Scena 3 (Tano, Berto)

(Entra Berto da sinistra, vestito da pompiere)

BERTO - Ciao,Tano, come ti butta?

TANO   - Stuorto.

BERTO - Bene, sono qui per il sopralluogo antincendio.

TANO     - Eh miiii, Berto, me l‟hai già proprio scassata assai. Ma quale sopralluogo?…ma quale antincendio?...Vattinne prima che ti metta in croce al posto del Signoruzzu beddo.

BERTO - Calmati, calmati, cos‟è successo? Devo fare il mio dovere, lo sai no?

TANO   - L‟unico tuo dovere è quello di scomparire dalla mia vista.

BERTO - Beh, anche a me fa piacere vederti.

TANO   - Che fai? Sfotti?

BERTO - Non mi permetterei mai. A proposito, hai sentito del ladro che circola

da queste parti?

TANO   - Ladro? Quali Ladro?

BERTO - Hosentito il Maresciallo che parlava col sindaco di un ladro specializzato in opere d‟arte, arredi sacri, tutta roba che si trova nelle chiese.

TANO   - E che ci traso io?

43


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

BERTO

- Tano, parla italiano, per favore. Lo sai che non ti capisco quando

parli arabo.

TANO

- Perché lo vieni dire a mia?

BERTO

- Ma, niente, così, per parlare.

TANO

- Ma non c‟hai proprio nenti da fare tu?

BERTO

- Figurati, sono impegnatissimo. Per caso non hai mica visto dei loschi

figuri qua attorno, dei brutti ceffi.

TANO

- No, però qualche minuto fa è entrato uno con la faccia da idiota.

BERTO

- Ah, ah, devi fare attenzione a quelli che sembrano stupidi perché

sono i più pericolosi.

TANO

- Ma quello che dico io è proprio scimunito forte.

BERTO - Magari ti sembra solo scemo e invece è furbo come una faina.

TANO

- No, no, quello è proprio nato scemo.

BERTO - E come fai a dirlo?

TANO

- Perché noi stiamo parlando di lui e lui manco se ne accuorge.

(Berto si irrigidisce come se avesse capito che Tano sta parlando di lui, si guarda in giro e poi fa segno a Tano di tacere e di stare fermo. Poi si dirige cautamente verso il coro, si getta improvvisamente dietro al coro e poi, con aria perplessa esce dall’altra parte)

BERTO - Ma qui dietro non c‟è nessuno.

TANO   - E chi ha detto che era li dietro?

BERTO - Ma, dove si è nascosto?

TANO   - Non si è nascosto, è qui, davanti a me.

(Di nuovo, Berto sembra aver capito e si ferma. Poi fa di nuovo segno a Tano con l’indice sulla bocca di tacere e si gira di scatto atteggiando una mossa di kung fu)

BERTO - MIIIII-AAAAOOO.

(Attimo di sconcerto nel non trovare nessuno)

BERTO - È già sparito? Ma è velocissimo!

TANO   - Miiii, Berto, inseguilo, presto, forse riesci ancora prenderlo.

BERTO - Ma in questo momento faccio il pompiere, non il vigile.

TANO   - Ma anche un pompiere può arrestare un ladro, corri!

BERTO - È vero, vado.

(Berto corre fuori per prendere il fantomatico ladro)

BERTO - Fermati, in nome della legge.

(Tano si gira verso il pubblico facendo segno con l’indice contro la tempia)

TANO   - Incredibile.

Scena 4 (Tano, Don)

(Da destra entra Don che sente l’ultima frase di Tano)

DON         - Cosa è incredibile?

TANO   - La stupidità di Berto.

DON         - Ah, perché?

TANO   - Perché è scemo.

DON         - Ah ho capito. Senti, volevo sapere, come funziona la messa qui?

TANO   - A mia lo chiede? È lei lu parrinu.

DON         - Si, ma io volevo sapere: chi è che serve messa, chi legge, ecc.

TANO   - Ah, vuole sapere la formazione.

DON         - Eh, diciamo così.

44


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

TANO   - Normalmente, la messa la servono nu picciotto, o Suor Amelia ma

stamattina, visto che ci sta lei, potrebbe servire lu sbirro.

DON         - Chi, il Maresciallo?

TANO   - Eh.

DON         - Accidenti.

TANO   - Eh che? Macari lei ce l‟ha cun li sbirri?

DON         - No, no, pensavo solo che sarebbe meglio un ragazzo.

TANO   - Eh, ma, quannu ci stà una messa importante, lu  Maresciallu non

lascia il posto a niddu.

DON         - Va beh. E…chi legge le scritture?

TANO   - Nina.

DON         - Aspetta, non ho ancora imparato bene i nomi, qual è?

TANO   - Ha presente quelle che viaggiano sempre insieme? Le tre coriste?

DON         - Ah si.

TANO   - Quella più scema.

DON         - Ah, quella con quell‟accento piemontese molto marcato?

TANO   - Eh, proprio idda.

DON         - Bene. E tu passi a raccogliere le offerte?

TANO   - Manco pi sognu. Per quello ci sta nu vecchiareddu.

(Don si avvicina al microfono dal leggìo e lo prova)

DON         - Ah, prova, ah. Ma non funziona.

TANO   - Forse perché sugnu spenti.

DON         - Giusto, non puoi mica lasciarli sempre accesi.

TANO   - Anche perché se no il primo cretino che passa si mette a cantari

cuomo Elvis Presley.

(Don capisce che Tano si riferisce a lui e si allontana dal microfono come se avesse preso la scossa)

DON         - Ah, certo, certo. E…chi suona l‟organo?

TANO   - Nuddu.

DON         - Nessuno? E come mai?

TANO   - Forse pirchì non ci sta l‟organo.

DON         - Ah…nemmeno un armonium?

TANO   - Nonsi. Ci sta solo u coro.

DON         - È quello che temevo.

TANO   - Alla gente piace u coro.

DON         - Sono tutti sordi?

TANO   - No è pirchi accussi la missa dura molto meno.

DON         - Ah, capisco.

(Don si avvicina nuovamente al leggìo dove sta il Vangelo)

DON           - Una volta ho avuto tra le mani un messale vecchissimo, tutto miniato, del 500, credo. Era bellissimo.

(Tano non risponde, come se non avesse sentito e allora il Don va avanti, sfogliando il librone)

DON    - Questo  è  anche  bello,  per  carità,  ma  quello  là  era  speciale… unico…raro. Tu hai mai visto un vecchio messale? TANO   - Come no. La soffitta della canonica iè piena di libri vecchi.

45


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

DON

- Eh, ma quello che dico io non sarebbe in una soffitta, nella polvere.

Sarebbe in una teca di cristallo o in una cassaforte.

TANO

- In cassaforte? E che ci trase un libro con la cassaforte? D‟oro iè?

DON

- Alcuni di questi libri sono effettivamente laminati d‟oro e riccamente

decorati con gemme, ma quello che li rende preziosi è l‟antichità, la

rarità.

TANO

- Adesso che mi ci fa pinsari, suor Amelia, quannu venne il viscovo,

tirò fora un librone tanticchia vecchio, scritto in latino, fittu fittu, con

figure colorate…

DON

- Bravo, proprio quello. Dove si trova?

TANO

- Nun lu saccio. Ce lo deve spiare a suor Amelia.

DON

- Ah.

TANO

- Ma pirchì ci interessa iddu libro?

DON

- Ma, niente… il fatto è che sono un appassionato di libri antichi. E

sarebbe un‟emozione per me celebrare con quel messale.

TANO

- Ma si è scritto in latino, non si capisce nenti.

DON

- Vabbè, ma…sarebbe solo per fare figura, così …per fare un po‟ di

scena.

TANO

- Provi a parlarne con suor Amelia, potrebbe tirarcelo fora.

DON

- Proverò.

TANO

- Si nun avete più bisogno di me, andrei di là che aggiu altro da fari.

DON

- Si, si, vai pure.

(Tano esce da destra, verso la canonica)

Scena 5 (Don, Sara)

(Don comincia a camminare su e giù, pensieroso, parlando fra sè)

(Nel frattempo, si affaccia da sinistra Sara che si ferma il tanto che basta per ascoltare la frase del Don)

DON         - Accidenti, come fare? Non posso chiederglielo a Suor Amelia così,

come niente fosse.

SARA       - Cos‟è che non puoi chiedere alla suora?

(Come al solito, Don si spaventa)

DON         - Porca   miseria,   la   smetti   di   spaventarmi,   non   sei   capace  di

annunciarti, che so con un colpo di tosse.

SARA       - Ma come, ho impiegato anni per diventare silenziosa e tu non lo

apprezzi?

DON         - Non scherzare, la situazione è seria.

SARA       - Cos‟è che ti preoccupa.

DON         - Si avvicinano le 11 e se non risolvo la questione velocemente dovrò

dire messa.

SARA       - Beh…vattene se non te la senti.

DON         - E rinunciare? Non l‟ho mai fatto.

SARA       - C‟è sempre una prima volta.

DON         - Se almeno scoprissi…non puoi aiutarmi tu?

SARA       - Ah no, caro, ognuno per sè; e poi io sono qui per dirigere il coro.

DON         - Si, figurati, raccontala ad un altro.

46


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SARA         - Se non mi credi il problema è tutto tuo. Arrangiati. Adesso devo andare, ciao, ciao.

(Sara si avvia verso destra e quando arriva sulla soglia della porta si ferma e si gira)

SARA       - Non esagerare con la predica, mi raccomando.

DON         - Vai al diavolo, fetente.

(Sara se ne va ridendo)

DON         - Che fare, maledizione, che fare.

Scena 6 (Don, M.llo)

(Entra il Maresciallo)

M.LLO  - Buongiorno, reverendo.

DON         - Buongiorno.

M.LLO  - Vengo  a  scusarmi  per  il  fatto  che  non  potrò  servirla  durante  la

messa.

DON         - Che culo!

M.LLO  - Scusi?

DON         - No…volevo  dire  …che  culo  che  dovete  farvi  voi  carabinieri,  in

servizio 24 ore su 24, nemmeno la messa potete servire.

M.LLO  - Eh dice bene, reverendo. Del resto siamo o non siamo gli angeli

custodi della società?

DON         - Siete, siete.

M.LLO  - Comunque  volevo   anche  dirle   che  oramai  siamo  ad  un  passo

dall‟arresto.

(Con preoccupazione)

DON         - Di chi?

M.LLO  - Come di chi? Del ladro, no?

DON         - Ah, già.

M.LLO  - Ma non è per questo che devo disertare la messa.

DON         - Ah no?

M.LLO  - No, per una  cosa molto più grave. C‟è  stato segnalato un  killer

inviato  dalla  mafia  per  assassinare  un  collaboratore  di  giustizia

affidato alla nostra custodia.

DON         - Un killer?

M.LLO  - Già.  Pare  che  sia  pericolosissimo.  Nessuno  sa  nulla  di  lui,  non

esistono foto o altro per poterlo identificare. Possiamo solo stare

all‟erta e sperare di intercettarlo.

DON         - Speriamo bene.

M.LLO  - Comunque, grazie ad una soffiata sappiamo che arriverà stamattina

in paese. Abbiamo messo dei posti di blocco su tutte le strade di

accesso e pattugliamo le campagne con i cani. Non ci sfuggirà.

DON         - Bene, allora la lascio andare a lavorare.

M.LLO  - Grazie. Arrivederci, don Luigi.

(Il Maresciallo esce da sinistra ed il Don, dopo che il carabiniere è uscito esclama)

DON         - Speriamo di no.

47


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

Scena 7 (Don, Gina)

DON         - Siamo a posto, ci mancava anche il killer. Anche se, a pensarci bene

la cosa potrebbe tornare a mio vantaggio…

(Entra Gina da sinistra con in mano una bottiglia di vino)

GINA       - Ecco il vino, reverendo, l‟ho trovato.

DON         - Il vino, che vino?

GINA       - Il vino per la messa. Era finito e suor Amelia si era dimenticata di

ordinarlo. Andrà bene lo stesso questo?

DON         - Veramente ci vorrebbe quello approvato dal Vaticano ma, se è di

quello buono, va bene lo stesso.

GINA       - Ci pensa lei a riempire la boccetta?

DON         - Si, si, va bene. Lasciamelo pure che intanto lo assaggio.

(Gina da la bottiglia al prete)

GINA       - Bene, io vado che ho miliardi di cose da fare.

DON         - Vai pure, figliola.

(Gina esce da destra)

DON         - Sentiamo un po‟ sto vino.

(Il prete apre la bottiglia che ha il tappo a vite e beve un sorso di vino)

DON         - Buono, un po‟ liquoroso ma molto buono.

(E beve un altro sorso. Intanto ripensa a quello che gli ha detto il Maresciallo)

DON         - Un killer per assassinare un collaboratore di giustizia. Però, sembra

di essere in un thriller.

(Altro sorso)

DON         - Chi sarà mai l‟obiettivo del killer? Non vorrei essere nei suoi panni.

(Altro sorso)

DON         - Ho già le mie di preoccupazioni.

(Rintocco della campana della mezz’ora. Il prete comincia a parlare con la bocca impastata)

X(Campana 1 rintocco)

DON          - Le dieci a mezza, si sta avvicinando l‟ora del mio show. Miseria, devo

assolutamente trovare un modo per non dire sta messa.

(Altro sorso)

DON         - Sarebbe un macello…

(Altro sorso)

DON         - Un suicidio…

(Altro sorso)

DON         - Un…di..di..sastro.

(Altro sorso)

DON         - Un…ca..si..no

(Altro sorso)

(Entra da destra Gina che, vedendo il Don che sta tracannando rimane esterrefatta)

GINA - Ma…Don Luigi, cosa fa? DON - Ciiiiaaaaaoooo GINNNAAAA!!!!!!!!!!!!!!

(Il prete cerca di alzarsi in piedi ma barcolla e si risiede)

GINA       - O Maria Vergine, ma è ubriaco?

(Gina si precipita per aiutare Don)

DON         - Ma noooo, che non sono „mbriaco.

GINA       - Ma se non riesce a stare in piedi!

DON         - È il peso delle responsabilità.

48


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

GINA

- Ma non dica fesserie, lei è ubriaco fradicio. Adesso devo chiamare

Suor Amelia.

DON

- No, no, no, no, la suora non si può. Lascia stare in pace la sorella

suor Amelia. Io sto bene.

GINA

- Ma si rende conto che tra un quarto d‟ora deve dire messa?

DON

- La messssssa….stavo cercando di non pensarci.

GINA

- Ma cosa diavolo le è preso?

DON

- Niente, niente solo problemi personali.

(Aiutandolo a stare in piedi)

GINA

- Venga che le preparo un caffè forte e l‟aiuto a vestirsi.

DON

- Ginnnnaaaaaaaa…ti amoooooo.

GINA

- Ma Don Luigi, la smetta e sia serio.

(Gina alza Don e lo sorregge uscendo da destra)

Scena 8 (Sara, Pina, Primo, Rina, Nina, Berto, Coristi comparse)

(Per questa scena si possono usare delle comparse come coristi, dipende da quanto sarà grande il palco)

SARA       - Venite, ragazzi, venite pure avanti e ognuno prenda il proprio posto.

(Mentre i coristi si dispongono, Sara, che porta in mano un lettore di cd, cerca un posto dove collegare il congegno e srotola una prolunga fino in canonica, uscendo da destra)

SARA       - Allora…state bene attenti…

(Rina alza la mano)

SARA       - Dimmi, Rina.

RINA       - Ma come facciamo a cantare se facciamo schifo?

BERTO - Schifo farai tu.

PRIMO - Il sindaco non fa mai schifo e…

PINA       - Infatti tu fai vomitare.

SARA       - Silenzio, zitti.

(Tutti si zittiscono)

SARA       - Rina purtroppo ha ragione. Non siete per niente intonati, ma, per

tamponare la situazione, ho trovato una soluzione.

(Sara indica il lettore cd)

SARA         - Ho chiesto a dei miei amici che hanno una corale di incidere un cd con la canzoncina di benvenuto che avevate preparato. Quando sarà il momento farò partire il cd e voi dovrete solo fare finta di cantare,

pensate di esserne capaci?

(Nessuno risponde)

SARA       - Avete capito quello che ho detto?

(Tutti annuiscono)

SARA       - Mi raccomando, le parole le sapete, cercate di muovere la bocca a

tempo con la musica.

Scena 9 (Sara, Pina, Primo, Rina, Nina, Berto, Suor, Gina, Coristi comparse)

(Entra da destra la suora con Gina)

SUOR   - Comunque, Gina, mi hai proprio deluso.

GINA       - Ma, suor Amelia, che colpa ne ho io se Don Luigi ha cominciato a

tracannare vino, gli avevo solo chiesto di riempire le boccette.

SUOR   - Una perpetua come si conviene lo fa lei quel lavoro.

49


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

GINA

- Va bene, ma cosa c‟entro io con il fatto che lui si è sbronzato?

SARA

- Scusate, ma chi si è sbronzato?

SUOR

- Don Luigi.

NINA

- Oh Santa Leopolda.

RINA

- L‟avevo detto io che era strano.

PINA

- E adesso, come facciamo?

BERTO - Devo andare a cambiarmi e prendere il pronto soccorso ciucca.

PRIMO - Beh, se il parroco non è in grado di celebrare la messa posso sempre

fare un discorso alla cittadinanza.

SUOR   - Tutti zitti, per favore. Devo pensare.

SARA       - Si  ma  decidiamo  qualcosa. C‟è  tutta  la gente  che aspetta per la

funzione.

SUOR   - Va beh, adesso ci parlo io.

(La suora si rivolge al pubblico dal microfono del leggìo)

SUOR     - Fratelli e sorelle, ci scusiamo ma la messa non potrà avere luogo perché Don Luigi DeMaria, il nuovo parroco, non si sente bene e quindi…

Scena 10 (Don, Tano, Sara, Pina, Primo, Rina, Nina, Berto, Suor, Gina, Coristi comparse)

(Da destra, fuori scena si sente cantare la marcia nuziale)

DON         - Ta…ta-ta-ta…ta…ta-ta-ta...

(Da destra entrano a braccetto Don e Tano, solennemente come se andassero ad un matrimonio)

(Tano, che porta le ampolline e il calice, è sconcertato e continua a guardare ora uno ora l’altro picchiando l’indice contro la tempia)

DON         - Ciao, ragazzi, ci siamo tutti? Cominciamo?

SUOR   - Reverendo, la prego, si contenga. Se la sente di celebrare?

DON         - Éuhhhhh!!

SUOR   - Guardi che non è obbligato, se non sta bene…

DON         - Dai, leviamoci il pensiero.

(Attimo di silenzio, in cui la suora si allontana e tutti aspettano che il prete cominci)

(Il Don ad un certo punto si rivolge alla suora)

DON         - Psttt…ehi, sorellina…psstt.

(La suora si gira e il Don le fa segno di avvicinarsi)

SUOR   - Dica, reverendo.

(Sussurrando nell’orecchio della suora)

DON         - Scusi ma ho un buco. Com‟è che comincia?

SUOR   - In nome…

DON         - Ah, si.

(Rivolgendosi ai fedeli)

DON         - In nome del popolo italiano.

SUOR   - No, no, in nome del Padre.

DON         - Ah, scusi.

(Di nuovo rivolto ai fedeli)

DON         - In nome del Padre…del popolo italiano.

SUOR   - Don Luigi…deve fare il segno della croce.

DON         - Ah…quello.

(Facendo dei gesti solenni)

50


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

DON         - In nome del Padre, del Figlio e dello Spirito.

(La suora da un colpo di tosse)

SUOR   - Ehm, ehm.

DON         - Ah… si…Santo.

(Il prete allarga le mani)

DON         - Siamo qui riuniti per celebrare questa ca…stissima messa che apre il

ciclo delle messe che…ogni domenica, alla stessa ora sullo stesso

canale saranno trasmesse in diretta.

(Sconcertata la suora interviene)

SUOR   - Chiedo scusa, reverendo, adesso ci sarebbe il coro.

DON         - Nooooo, di nuovo, io ho già dato.

SUOR   - Stia tranquillo, sono migliorati tantissimo, sentirà. Adesso si sieda la

di lato.

(La suora accompagna il prete dalla panca a destra, poi si dirige al microfono dal leggìo)

SUOR     - Adesso, cari fedeli, il coro si esibirà in una canzoncina che ha preparato per dare il benvenuto al nuovo parroco, Don Luigi De Maria. Si intitola “Benvenuto Reverendo”. Dirige la nuova maestra del coro:”Sara Morgando”.

(La suora si siede a sinistra e fa cenno a Sara di cominciare)

(Sara fa partire la base e comincia la canzoncina, nel frattempo, il prete reclina il capo in grembo e si addormenta)

(Durante la riproduzione del brano, si può impostare la scena a piacimento. Il coro può eseguire, per esempio, il pezzo semplicemente in playback, senza null’altro oppure può fare una scena comica a piacimento. Alla fine della canzone ricomincia la recitazione)

(Siccome le comparse non sono più necessarie, possono andare dietro all’abside ed uscire di scena)

(La suora si alza e si complimenta silenziosamente con Sara, poi va verso il prete che per tutto il tempo è stato col capo chino, e gli domanda…)

SUOR   - Allora, reverendo, ha sentito che bravi?

(Silenzio. A questo punto, il prete russa sonoramente)

SUOR   - Ma…Don Luigi…

(La suora si gira verso Sara)

SUOR   - Si è addormentato.

BERTO - Secondo me è mancato.

RINA       - Sta zitto.

(La suora scuote il prete)

SUOR   - Reverendo, Don Luigi…

(Il prete si sveglia di soprassalto e alza le mani come per arrendersi)

DON         - Non ho fatto niente, non sono stato io.

SUOR   - Ma, Don Luigi, non ha sentito la canzoncina?

DON         - La canzoncina?

SUOR   - Si, il coro le ha cantato la canzoncina di benvenuto, si ricorda?

DON         - Devo essere svenuto.

BERTO - L‟ho detto io.

SUOR   - Magari gliela faccio ripetere.

(Alzandosi in piedi)

DON         - Nooo, nooo, basta, abbiamo fretta e la gente vuole andare a casa.

Andiamo avanti.

SUOR   - Va bene, ma adesso c‟è il sindaco che deve fare il discorso.

51


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PRIMO - Davvero?

SUOR   - Prego, signor sindaco.

(Andando verso il leggìo)

PRIMO - Ah…era ora, finalmente.

(Il sindaco estrae dalla giacca un fascio di fogli e li distende sul leggìo, poi si sistema il microfono e lo prova)

PRIMO - ha

DON         - Uh

(Primo si gira verso il prete)

PRIMO - Eh?

(Come se si scusasse)

DON         - Ohh.

PRIMO - Ah

(Agitando la mano velocemente)

DON         - Hiiii

PRIMO - Prova, 1,2,3.

DON         - La gallina fa il bidèt.

(Prima si gira guardando di brutto il prete, che fa cenno di scusa)

PRIMO - Bene…Cari concittadini.

(Il Don se ne esce con una grassa risata)

DON         - Ah,ah,ah,ah.

(Primo si gira sospreso verso il prete, che, di nuovo, gli fa un cenno di scusa coprendosi la bocca con la mano)

PRIMO - Dicevo…Cari concittadini…

(Altro scoppio di risa)

DON         - Ah, ah, ah, ah, ah.

PRIMO - Ma insomma, cosa le prende.

DON         - Scusi, ma è così buffo…

PRIMO - Come buffo, cosa c‟è di così buffo?

DON         - Niente, niente mi scusi, continui…

PRIMO - Grazie.

DON         - Se ci riesce.

(E scoppia di nuovo a ridere)

PRIMO - Come scusi?

(A questo punto la suora si avvicina al prete e cerca di calmarlo)

PRIMO - Grazie, suor Cecilia, lo tenga buono.

DON         - Amelia, asino, suor Amelia, non Cecilia.

PRIMO - Ma…come si permette…

BERTO - Ah, visto Primo non lo dico solo io.

PRIMO - Tu sta zitto, scemo.

BERTO - A chi, scemo?

RINA       - A te.

BERTO - Lascia che lo dica lui.

SUOR   - Zitti, ma, dico, siete matti? Siamo a messa, nella Casa del Signore.

(Attimo di silenzio)

SUOR   - Sindaco, concluda e lei Don Luigi si ricordi chi è.

PRIMO - Come concluda, se non ho ancora incominciato.

DON         - Ah, ah, ah, ah, bella questa.

52


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

PRIMO - Se quello non la smette di ridere io me ne vado.

BERTO - Ve bene, tanto lo conosciamo già il tuo discorso.

PRIMO - Ah, beh, allora, se la mettete così, io ho finito.

(Il sindaco ripirega il foglietto con il discorso e si avvia all’uscita)

SUOR         - Si fermi, signor sindaco, la prego, magari lo farà dopo il discorso,

quando saremo tutti più tranquilli.

PRIMO - Non se ne parla proprio, Suor Amelia, io…

(Quasi urlando)

SUOR   - Oh, benedetto sia il Signore…

PRIMO - Cosa le prende, adesso?

SUOR   - Per la prima volta da quando ci conosciamo mi ha chiamata col nome

giusto.

PRIMO - Ma come, io sono stato offeso e a lei interessa come la chiamo?

Questo è troppo, addio.

(Il sindaco si avvia verso sinistra)

RINA       - Saluti e baci.

(Salutando con la mano)

BERTO - Bye,bye.

PINA       - Che figura.

NINA       - Perché va già via?

DON         - La pace sia con te, figliolo.

(Attimo di silenzio)

SUOR   - Signore nostro perdonaci. E adesso?

DON         - A chi tocca parlare?

NINA       - A me, devo leggere le scritture.

DON         - Prego, allora, a te il microfono.

(Nina lascia il coro e si avvicina al microfono, mentre il Don si risiede sulla sedia contro il muro e si riaddormenta subito. Anche la suora ritorna al proprio posto con la testa fra le mani)

NINA          - Dalla prima lettera di S. Paolo ai Tessalonicesi:…”Riguardo poi aitempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; infatti sapete bene che il giorno del Signore verrà come un ladro

di notte.

(Il Don si riscuote improvvisamente)

DON         - Ladro, che ladro, qui non c‟è nessun ladro.

(Accorrendo)

SUOR   - Ma, reverendo, cosa le succede?

DON         - Qualcuno ha parlato di un ladro.

SUOR   - Ma … è Nina che sta leggendo, stia calmo. Vuole andare a riposare?

DON         - No…no…sto bene, mi sono solo …ma, prego, Nina, vai avanti.

(La suora fa cenno a Nina di proseguire.)

NINA       -   E  quando  la  gente  dirà:  «C’è  pace  e  sicurezza!»,  allora

d’improvviso  la  rovina  li  colpirà,  come  le  doglie  una  donna

incinta; e non potranno sfuggire. Ma voi, fratelli, non siete nelle

tenebre, cosicché quel giorno possa sorprendervi come un ladro.

DON         - Ecchelo li… Ma allora ce l‟avete proprio con i ladri, voi.

NINA       - Ma io che c‟entro? Sto solo leggendo qui.

53


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto

Reverendo

commedia in tre atti di

Giovanni Cravero

SUOR

- Nina finisci in fretta. Lei reverendo stia calmo, per cortesia.

DON

- Va bene, va bene.

NINA

- Posso?

SUOR

- Vai, leggi.

NINA

- Infatti siete tutti figli della luce e figli del giorno; noi non

apparteniamo alla notte, né alle tenebre. Non dormiamo dunque

come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri.

(Battendo fragorosamente le mani)

DON

- Brava, bravissima, bene.

(Nina scappa letteralmente a posto)

NINA

- È matto.

SUOR

- Don Luigi, basta.

DON

- Scusi. Posso leggere io, adesso?

SUOR

- Passiamo subito al vangelo. Prima finiamo e meglio sarà per tutti.

(Dando una pacca sul sedere della suora)

DON

- Brava sorella, ben detto.

(Il Don si reca dal leggìo e osserva il Vangelo aperto. Dopo un attimo di silenzio si gira verso la suora e la chiama con un gesto della mano)

DON         - Psst, sorella.

(La suora volgendo lo sguardo verso il cielo va verso il leggìo)

SUOR   - Cosa c‟è ancora?

DON         - Quale nastrino devo girare?

(La suora subito non capisce poi, guardando in malo modo il Don, apre il Vangelo sulla pagina giusta)

DON         - Grazie.

(La suora torna al proprio posto)

DON         - Dal Vangelo secondo Giovanni.

(Tutti si segnano)

DON         - In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non

entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un‟altra

parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore

delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce:

egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E

quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e

le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo

invece  non  lo  seguiranno,  ma  fuggiranno  via  da  lui,  perché  non

conoscono  la   voce   degli   estranei».   Gesù   disse   loro   questa

similitudine,  ma   essi   non  capirono  di  che   cosa   parlava  loro.

Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io

sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me,

sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la

porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e

troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e

distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l‟abbiano in

abbondanza».

Parola del Signore.

(Il Don aspetta un attimo e poi inizia la predica. Quella che segue è solo una traccia)

54


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

DON         - Cari fratelli…sorelle…zie, zii, nipoti e parenti tutti. Avete appena

ascoltato  un  pezzo  scritto  da  Secondo  Giovanni  che  parla  di  un

pastore e di ladri. In questo caso di ladri di pecore. E si, perché i

ladri mica sono tutti uguali. …

(La predica è scritta su di un testo a parte. Potrà essere fedele al testo od improvvisata ma dovrà sempre avere al centro del discorso il tema dei ladri. Durante la predica il prete si rende conto che essere un ladro, alla fine è sbagliato. La predica termina con la confessione che anche lui è un ladro)

DON         - Ebbene, si, io non sono il prete che aspettavate ma sono solo un

ladro.

SUOR   - Un ladro? Ma cosa dice, Don Luigi?

RINA       - Oh, Maria Santa!! Mi sono confessata con un ladro.

NINA       - Ladro? Che ladro?

GINA       - Ma se lui non è Don Luigi…

PINA       - Don Luigi dov‟è?

NINA       - Ma, non è li?

(Minaccioso, andando verso il Don)

BERTO - Rispondi, mascalzone, cosa ne hai fatto del vero reverendo? L‟hai

ammazzato?

DON         - Non preoccupatevi, Don Luigi è vivo. Ha abbracciato un palo della

luce con tutta l‟auto ed è finito in ospedale.

SUOR   - Oh, Signore e come sta?

RINA       - Bene no di sicuro.

DON         - L‟ho soccorso io, per caso e, quando mi sono accorto che aveva

perso la memoria e non si ricordava più chi fosse mi è venuta l‟idea di

prendere il suo posto per rubare il bellissimo e prezioso manoscritto

del „500 che custodite in questa chiesetta.

TANO   - Auora si spiega pirchì stu fetuso mi spiava del librone. Stu cornuto.

BERTO - Libro? Che libro?

PINA       - Quello che tiriamo fuori per la festa di S. Agostino.

NINA       - Vuole rubare quel libro vecchio? Ma è scemo?

DON         - Ma adesso non ce la faccio più. Ho fatto una così bella predica che

adesso mi sento un verme per l‟idea che mi è venuta.

(Don si toglie i paramenti)

DON         - Non sono degno di indossare questi paramenti.

(Don si toglie la veste bianca)

DON         - E nemmeno questa veste.

(Don comincia a sbottonarsi la tonaca)

SUOR   - Don Luigi o chiunque lei sia, non vorrà per caso spogliarsi qui, in

chiesa, vero?

(La suora chiama Gina)

SUOR   - Gina, accompagna il signore in sagrestia e aiutalo a cambiarsi.

GINA       - Ma, sorella…

SUOR   - Fai quello che ti ho detto!

(Gina prende il Don per un braccio e piuttosto brutalmente lo strattona verso l’uscita a destra)

DON         - Piano, piano, che mi viene da vomitare.

55


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

GINA       - Che ci provi e glielo faccio rimangiare tutto.

(Gina e il Don escono da destra. Appena i due sono usciti, si scatena il pandemonio)

BERTO - Adesso vado a chiamare il Maresciallo. RINA - Giusto! buttiamo quel ladro in gattabuia. NINA - E chi dice la messa? PINA - Venire a rubare in chiesa, è uno scandalo.

(Urlando)

SUOR   - SILENZIO!!!!

(Tutti si zittiscono immediatamente)

SUOR   - Cos‟è sta cagnara. Non vi ricordate più dove vi trovate?

PINA       - Scusi,  suor  Amelia,  ma  Berto  ha  ragione,  dobbiamo  chiamare  il

Maresciallo.

RINA       - E‟ vero, anche se è scemo, Berto ha ragione.

(Compiaciuto)

BERTO - Grazie.

SUOR     - Certo che Berto ha ragione, ma non voglio che tutto si svolga qui, in chiesa. Del resto Don…il ladro, è troppo sbronzo per muoversi per cui abbiamo tutto il tempo per fare le cose come si deve. Qualcuno conosce il numero di telefono del maresciallo?

(Tutti dicono di no)

SUOR     - Poco male. Berto, vai a cercarlo in caserma ed informalo della situazione.

BERTO - Vado e torno.

(Berto esce dalla sinistra)

SUOR   - Voi altri andate tutti a casa.

NINA       - E la messa?

RINA       - Ma piantala con sta messa!

SUOR   - La messa vedremo di farla nel pomeriggio. Adesso andate a casa.

(Escono tutti mestamente tranne Tano e Pina, che si rivolge alla suora)

PINA       - Sorella, devo dirlo a mio marito?

SUOR   - Fai  come  ti  pare,  basta  che  non  venga  qui  a  fare  uno  dei  suoi

discorsi.

(Esce anche Pina)

SUOR   - Tano, spegni tutto. Io vado di là a vedere come va.

TANO   - Cuomo accomanda.

Scena 11 (Tano, Sara)

(Tano comincia a spegnere i lumini. Dopo qualche secondo entra Sara)

SARA       - Ciao, Tano.

TANO   - Vossia che ci fa qui. Ca nisciuno canta.

SARA       - Veramente sono qua per te.

TANO   - Pe mia?

SARA       - Si, Tano.

(Estraendo una pistola col silenziatore)

SARA       - C‟è qualcuno che ti vuole mandare dei saluti.

(Tano, quando vede la pistola si ferma e si raddrizza)

TANO   - E chi minchia è? Manco parenti tengo.

56


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

SARA       - Tano,  Tano,  mi  deludi.  Pensi  di  potermi  ingannare  con  il  tuo

travestimento?  So  perfettamente  chi  sei.  Perciò  non  affannarti  a

negare.

TANO   - Badate che vossia si sbaglia.

SARA       - Basta, abbiamo già perso troppo tempo. Don Cuffaro ti saluta. Addio

Tano.

Scena 12 (Tano, Sara, Don, Suora, Berto)

(Sara prende la mira e fa per sparare quando si sentono delle voci da destra e entrano il Don e la suora)

DON         - Mi lasci sorella devo andarmene.

SUOR   - Ma non può scappare per sempre, si costituisca.

(I due si fermano alla vista di Sara con la pistola spianata)

DON         - Sara? Cosa …No, non dirmi che…

SARA       - Ciao reverendo, buongiorno sorella. Alzate le mani e mettetevi contro

il muro, subito.

(La suora esegue mentre il Don rimane fermo)

DON         - Sara, non farlo.

SARA       - Non crearmi problemi, vai con la monachella.

DON         - Tu non sei un‟assassina…

SARA       - Sono solo una ladra, come te. Ma cosa vuoi, ho deciso di fare un salto

di qualità e ho cambiato lavoro.

DON         - È il tuo primo incarico?

SARA       - Non sono fatti tuoi.

DON         - Allora è si.

(Il Don muove un passo verso Sara)

SARA       - Stai indietro e smettila con ste cavolate. Devo lavorare.

DON         - Sei ancora in tempo per tornare indietro, Sara, non farlo.

(il Don si mette davanti a Tano)

SARA       - Togliti da lì, idiota.

DON         - No, dovrai spararmi.

SARA       - Davvero?

DON         - Si.

SARA       - Va bene.

(E Sara spara al Don)

(Il Don, colpito, si porta la mano sulla ferita e la ritrae sporca di sangue)

(Guardando la mano)

DON         -  Ma …mi hai sparato davvero

(Detto questo il Don si affloscia e Tano lo afferra sotto le ascelle e lo sostiene)

(La suora esclama)

SUOR   - Oh misericordia, Sara, cos‟hai fatto!!

(La suora si affretta a soccorrere il Don )

(Nel frattempo Berto si affaccia da sinistra)

SARA - Maledizione, toglietevi di mezzo o vi ammazzo tutti quanti. BERTO - Cos‟è ? Una recita?

(Sara si gira di scatto ed esplode un colpo verso Berto, mancandolo)

(Urlando, Berto si accuccia per evitare il colpo)

BERTO - AHHHH!!!!

57


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com


Benvenuto Reverendo                              commedia in tre atti di                             Giovanni Cravero

(Approfittando dell’attimo di distrazione di Sara, Tano si lancia sulla ragazza e tenta di disarmarla. Ne nasce una colluttazione con mosse di Kung-fu durante la quale Sara perde la pistola. Berto cerca di dare una mano ma ogni volta che ci prova le prende da qualcuno. La scena deve essere studiata dal regista. Il risultato finale deve essere la fuga di Sara) (Berto rimane a terra dolorante)

BERTO - Ahia, che male, qualcuno mi aiuti.

TANO   - Stai zitto, Berto, don Luigi è ferito. Vai a chiamare aiuto.

BERTO - Vado a prendere l‟ambulanza?

TANO   - Sbrigati!!!

BERTO - Vado … posso mettere la sirena?

TANO   - Fila!!!

Scena 13 (Don, Suora, Tano)

(La suora cerca di rianimare il prete)

SUOR   - Don Luigi, don Luigi, la prego, mi risponda…

TANO   - Ma  perché  lo  continuate  a  chiamare  Don  Luigi?  Iddu  nun  è  lu

parrino un latro é.

SUOR   - Non so quale sia il suo nome, non l‟ha detto e poi, che importanza

ha?

(Il Don apre gli occhi)

DON         - Sono morto?

SUOR   - Sia lodato Gesù Cristo. È vivo.

DON         - Dov‟è Sara?

TANO   - Scappata é.

DON         - Sicuro?

TANO   - Sicurissimo.

SUOR   - Stia tranquillo, è finita.

DON         - È finita?

SUOR   - Si.

DON         - Sicuri?Finita, finita?

SUOR   - Finita, finita.

DON         - E allora, se è finita … Sipario.

58


Posizione S.I.A.E. n° 145741                                                             e-mail: giovanni.cravero@el-fornel.com

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno