Bollenti spiriti

Stampa questo copione

Bollenti spiriti

di

Luciano Medusa


PERSONAGGI

Si tratta della prova generale della commedia “Tutto in famiglia”, quindi, i personaggi avranno due nomi, quello da attori e quello da personaggi della commedia che si sta provando:

                   Attori          Personaggi

 Ugo D’Orsi -           Antonio            (portiere    “Ore Liete”)

 Leonora Tagliere-       Maria              (cameriera “Ore Liete”)              

Fam. Improta

Marco Imposimato–      Mario Improta    (marito)    

Anna De Curtis -       Carmela Pezzella(moglie)

Sara Peluso–                Gaia Improta     (figlia)     

Oreste De Falco–         Dante Improta    (nonno)     

              

 Fam. Ruini

Gaetano Miceli-            Sergio Ruini              (marito)      

Lara Capobianco-          Giulia Forte                                (moglie)                

Alberto Minetti-          Alex Ruini         (figlio)     

Cinzia       Peretti-             Beatrice Santella      (nonna)                       

                  

Luca Forconi –    (regista)                                      

Luisa –             (guardianaTeatro Petito)

Tore -             (agente speciale Salvatore Manetta)

1° Atto

Scena: hall di un albergo, massimo, a 3 stelle; in fondo a destra, si vede l’ingresso da un vano aperto: un’ampia porta a vetri lascia scorgere la strada; sui vetri della porta si legge il nome dell’albergo all’incontrario: “Ore Liete”; la vetrata immette in una piccola saletta di disimpegno che dà accesso alla hall: il banco della reception è nell’angolo a sinistra, proprio al centro di due porte numerate coi numeri “101” e “102”, dietro il banco c’è una piccola entrata che immette in un ripostiglio; sulla destra, in prima e seconda quinta, altre due porte coi numeri “103” e 104”. Tra la “101” e il banco c’è un piccolo divanetto e un tavolino con sopra sparse alcune riviste.

Questa è la scena della commedia “Tutto in Famiglia”. In realtà ci troviamo nel Teatro Petito durante le prove generali della commedia.

All’apertura del sipario la scena e buia, una figura di uomo apre un’anta del portone facendo entrare una luce serale che illumina l’albergo, l’uomo apre l’altra anta e la luce aumenta facendo riconoscere Ugo D’Orsi, nelle vesti di Antonio, il portiere dell’albergo “Ore Liete”. Una volta aperto il portone accende le luci e si illumina tutto l’albergo, si guarda intorno e va ad aggiustare le riviste sul tavolino.

Antonio

(aggiustando le riviste)  Questo è dell’anno scorso e c’ ‘o pozze dà a chiste all’angolo pe’ fa ‘e cuppetielle p’ ‘e castagne… questo no… tene tre mise, è ancora buono… e chisto che ce fa’ ccà?! Questo  è di oggi, chisto me serve! (mette il giornale sotto il braccio) Io nun aggia capito ancora ch’ ’e mettimme a fa’ ‘sti giurnale ccà ncoppo? Comme si ‘a ggente che vene ccà  tene ‘o tiempo ‘e se leggere ‘o giurnale! Chille, se chiureno dint’ ’a cammera, (batte le mani) ppo-po-pò buongiorno e buonasera e via! Ma qua’ giurnale vai truvanno? (squilla il telefono; posa il giornale sul banco e da, dietro il banco e risponde)  Pronto, albergo “Ore liete” a servirvi… una camera?… si… adesso controllo… (mette una mano sulla cornetta e scimmiotta l’interlocutore) Mi può dire se avete una camera libera?… Una? Ma quante ne vuo’? I tempi sono cambiati! Oggi i giovani pensano ad altro: ‘a scarpetella, ‘o vestetiello, io te manno ‘o sms (detto senza vocali) a te, tu me manne o’ mms (detto senza vocali) a me, ma tu mi ami? E quanto mi ami?  Ma quand’ è ca ve chiurite dint’ ’a ‘na cammera d’albergo e ve facite che ‘a morte nun ve vo’ cchiù? (risponde) Signore… ecco, ho trovato, proprio perché mi è risultato simpatico, sono riuscita a trovare una camera libera… va bene… lei si chiama? (scrive) …va bene, l’aspettiamo. Signore!… ricordatevi, io sono il portiere, mi chiamo Antonio… buonasera. (posa il ricevitore)

Maria

(è Leonora Tagliere nelle vesti di Maria, la cameriera dell’albergo; proveniente dalla “103”, entra con attrezzi delle pulizie, si china, per prendere lo straccio caduto, col fondoschiena verso Antonio)

Antonio

Ma che è ‘o sole? Che è ‘a luna? Che so’ ‘e tramonti a cunfronte ‘e sta bella faccia ca tiene? (indica il sedere di Maria)

Maria

(accortasi delle intenzioni, si ricompone e si gira di faccia ad Antonio) Guè bello! Sta bella faccia mia nun è pe’ te! Circa ‘e guardà ‘a n’ata parte!

Antonio

‘A n’ata parte!? E comme faccio? Mica sono io! Quello è il mio occhio che vola come un’ape e si va a posare addo’ sta ‘o ddoce!

Maria

(infastidita) Uh, Anto’, tu m’hè scucciata proprio, ossa’!? Famme ‘o piacere ‘e cecà chiste uocchie ‘a n’ata parte. Io si acchiappo alla tua ape lle scippo ‘o pungiglione. Tu si’ ‘na cosa impossibile! Io so’ priva ‘e me movere, me vaco a girà e te trovo, sempe, cu ll’uocchie pusate ncoppo ‘o ddoce mio!? Io nun so’ pe’ tte! ‘O vvuo’ capì ‘o no!?

Antonio

(“piacione” canta sul motivo di “Core ingrato”) Oì Mari’, oì Mari’, pecchè me dice sti parole amare?

Maria

Maronna mia! Mo’ accumencia a cantà!? E’ inutile che canti!… nun me convinci… chist’uosso nun t’ ’o spuzzulie!

Antonio

(c.s.) Core, core ingrato, t’hè pigliata ‘a vita mia.

Maria

Ma chi s’ha pigliato niente! Io me jeve a piglià ‘a vita ‘e chisto! Va, vattene e ferniscela!

Antonio

(le si è avvicinato) Ma io nun te capisco! Ma addò ‘o truve ‘a n’ato comme a me?   

Maria

Dint’ ‘a gabbia de’ scigne! ‘O zoo!

Antonio

(eccitato) Si’ bella, quanno faje accussì si bella! Mari’, ma che te costa?... Piglia mo’! Nun ce sta nisciuno, ce chiurimme dint’ ’a na cammera e… te ne faccio ascì carica ‘e meraviglie!

Maria

(falsamente accondiscendente) Carica ‘e meraviglia (cambia tono) e delusione. (fa roteare l’indice e il pollice della mano)

Antonio

Ma tu che dice!? A me, sai comme me chiammano? Tonino ‘a trivella! (con intenzione) Capisci a me!

Maria

(risoluta e paziente) Tonino ‘a trive’, basta mo’, circa da fernì e fa’ na cosa bbona, piglia ‘o giurnal’ ‘e oggi e lieggeme l’estrazione del lotto (trae dalla tasca un biglietto) che aggia cuntrullà ‘sti nummere!

Antonio

(prende il giornale dal banco e lo sfoglia cantando)

Tutto chello che vuo’! Indifferentemente,

famme chello che vuo’, pe te nun so’ cchiù niente.

E damme stu veleno, nun aspettà a dimane,

indifferentemente, si tu m’accire io nun te dico niente!

(cercando la pagina) Allora vediamo…

Lara Capobianco, spaventatissima, irrompe in scena. I due attori che stavano recitando si bloccano e smettono di recitare.

Lara

(entra dalla destra, grida e si ripara dietro Antonio) Aiuto… Aiuto… li ho sentiti… aiuto… li ho sentiti un’altra volta…

Ugo

(Antonio smette di recitare e diventa Ugo D’Orsi) Chi hai sentito? Ch’è succieso?

Leonora

(Maria smette di recitare e diventa Leonora Tagliere) L’hè viste n’ata vota?

Luca

(è il regista sta in platea, disturbato, trattenendo l’ira) Ma perché interrompete!? Che sarà mai successo?

Lara

(c.s. verso la platea) Scusa Luca. Non volevo… ma li ho sentiti… madonna che paura! Scusate ma io dint’ ‘e camerini sul’io nun ce resto cchiù!

Gaetano

(in platea con Luca salendo in palcoscenico) Hai ragione! (malizioso) Te faccio cumpagnia io. Fa di me la tua guardia del corpo. Come guardo il corpo io, non lo guarda nessuno.

Ugo

(a Gaetano) Farenè statte zitto! Che fai a fa’ sempe ‘o scemo, si po’ nun t’ ‘a dà mai nisciuna.

Leonora

 (interessata e un po’ impaurita a Lara) Lara, famme sentere, chesta vota ch’hè sentute?

Lara

(c.s.) Niente di preciso: semp’ ‘e catene, ‘e passi e po’… gli spasimi.

Leonora

Gli spasimi?

Lara

I versi.

Leonora

Se so’ mmise a dicere ‘e poesie?

Lara

No! I versi… i mugugni… insomma… ansimavano come due che fanno l’amore.

Leonora

Ua’! Facevano l’amore passianno passiano cu’ ‘e catene ncuolle!?

Luisa

(entra, apprensivo a Lara) Signò li avete sentiti un’altra volta?

Ugo

(intromettendosi, ironico) Si, ha sentuto a isso che ‘a currevo appriesso che ‘a vuleve vattere cu’ ‘e catene e essa alluccava e se ne fujeva, spasimava e mentre spasimava dicev’ ‘e poesie!

Luisa

Signor Ugo nun pazziate.

Marco

(l’interprete del personaggio di Mario Improta; entra in scena dalla porta principale) Ma cosa è successo?

Luca

Lara ha sentito un’altra volta i fantasmi.

Marco

Lara? Chi è Lara?

Luca

Lara! (indicandola e dicendo il nome del personaggi che interpreta) Carmela!

Marco

(capendo) Ah, Carmela! (indicandola) Lara!?

Luca

(trattenendo l’ira) Marco, vatte a mettere ‘o posto tuoio, che te conviene.

Marco

(intimorito) Scusa, Luca, non avevo capito. Mo’ vaco.  (si avvia)

Luca

(salendo sul palco si rivolge agli altri) Scusate, Ma io…

Marco

(sta per uscire, credendosi chiamato, si ferma) Si, dimmi.

Luca

(non capisce) Che c’è?

Marco

Mi hai chiamato.

Luca

Io a te?

Marco

Si.

Luca

E quando?

Marco

Adesso. Hai detto: “Scusate Mario”.

Luca

“Scusate”? E io te reve ‘o vuje a te!? E po’, tu sì Mario?

Marco

Si, il mio personaggio è Mario Improta e tu mi hai chiamato: “Mario”.

Luca

(si passa le mani sulla faccia per stanchezza e disperazione) “Ma io”. Ho detto “Ma io”, non ho detto Mario!

Marco

Scusa, io credevo… sai…“Ma io”, Mario… sembrano uguali. (indietreggiando rovina su Ugo)…Uh, scusa… ti sei fatto male?

Ugo

(falsamente) No, non mi sono fatto niente. Ma adesso vai, va!... Esci!  Luca, fammi il piacere, riprendiamo queste benedette prove! (con intenzione) Ed usami la cortesia, la prossima volta (riferendosi a Marco) si ce stanno ‘sti piezz’ ‘e babà senza rhum, nun me chiammà proprio!

Marco

(confuso) Scusate, lo so, io... si, si… me ne vado… io vado… riprendiamo da dove abbiamo interrotto… o interrompiamo da dove abbiamo iniziato?… cioè… l’inizio… l’interruzione… come facciamo?… E’ meglio che lo dite voi. Ecco!

Luca

(grida) Marco, vattenne!

Marco

(sempre più confuso, indietreggia ed urta il secchio e ramazze, inciampa, insomma, esce da vero imbranato) Si… vado… mannaggia… ma è stato sempre qui, questo coso… vado. Ecco! (fa per uscire e si scontra con Oreste)… uh, scusa! Mannaggia, ma è stato sempre qui questo Oreste!? (esce)

Oreste

(entra guardandosi attorno e consultando un copione) Ma chesta nun  è ‘a cummedia? Ma stamme facenne “Tutto in famiglia” o avimma cagnate ‘o cupione?

Gaetano

Oreste, non abbiamo cambiato niente. Lara ha sentute n’ata vota ‘e fantasmi.

Oreste

(non si accorge di essere di spalle a Lara, con malizia) N’ata vota!? Chella si se sentesse na bella cosa ‘e carne, nun sentesse cchiù ‘e spiriti!

Lara

(offesa) Oreste!

Oreste

(si accorge della sua presenza) Tu staje ccà!? Pecchè nun è vero? M’avesse muzzecat’ ‘a lengua!?

Cinzia

(entrando) Chell’è ‘a dentiera che se ne fuje ‘a vocca!

Oreste

‘A dentiera mia nun se ne fuje. Ognune pensass’ ‘a dentiera soja!

Cinzia

‘A mia nun se ne fuje, me l’aggia azzeccata cu’ ‘a colla!

Oreste

 E te truove cu’ ‘a colla mmano, azzeccate pure ‘e carne ca se ne stanne carenne a piezze.

Cinzia

Piense a te, lloco! Almeno a me è carne a te so’  pellecchie!

Luca

(sale sul palcoscenico) Basta! Ma che vi sta succedendo!? Vuje e sti fantasmi me state levanne ‘a salute! Ma è possibile che il fior fiore del teatro napoletano non riesce a terminare una prova generale perché qualche (indica Lara) sciacquetta vere fantasmi pe’ tutte parte!?

Lara

Nun ‘e veco, ‘e ssento!

Oreste

L’aggia sentute pur’ io.

Cinzia

Teneve l’Ampliphon appicciato!

Oreste

 Io nun’o tengo l’Amplifhon. Ce sento bbuone.

Cinzia

Tu tiene sti recchie can un serveno proprio, vattenne, fatte accattà a chi nun te cunosce.

Oreste

Si io tengo ‘e recchie can un servono, tu nun sierve tutta quanta!

Ugo

(a Luca) Hai detto bene! Il fior fiore del teatro napoletano, probabilmente, non merita di stare in un teatrino come questo. (si guarda intorno, con disprezzo) Teatro Petito! 

Leonora

Stu teatro se l’era scurdato pure ‘o Pataterno! È fermo ‘a cchiù ‘e cient’anne, sta chin’ ‘e felinje e tu te sì mmise ncapa di riaprirlo.

Luca

Questo teatro rappresenta molto: è il teatro! ‘O verite comme sta? Abbandunato, fermo, chin’ ‘e felinie… di là ce stanno i costumi, pieni di tarme, vecchi, fuori tempo… come tutto il teatro di oggi! Copioni che di nuovo hanno solo la firma dell’autore, rimpasti di storie, battute di altri copioni, copie e ricopie di gag che, visto che vanno, si rifanno. Non c’è originalità, niente ‘e nuovo! Insomma ‘o teatro è in agonia come il Teatro Petito e se non possiamo aiutare il Teatro allora cerchiamo di fare qualcosa per il teatro Petito. E po’ ‘o propretario è...  è un amico mio e...

Ugo

(lo interrompe, ironico) ...E questo è il problema! Il proprietario è amico tuo, ‘o caratterista è amico del produttore, qualche attricetta è l’amante del regista...  quando le scelte si fanno per amicizia ed altri interessi personali, ‘o Teatro va in agonia!

Luca

(accusa il colpo) Questo non significa niente! Voi siete stati chiamati a fare il vostro lavoro e basta. (a Lara) Sti cazz’ ‘e fantasmi nun esistono! Hai Capito? Si ‘e ssiente n’ata vota te ne caccio! Va al tuo posto!

Lara

(intimorita, uscendo) Guè, ch’ allucchi a ffa’!? E comme te fai brutto! È meglio a sentì ‘e fantasmi che a guardà a te! Vado, Vado. Ma si ‘e ssente n’ata vota,  non me ne cacci tu, me ne vado io! (esce)

Gaetano

(a Luca) Chella già vacante sta bbona carica tu l’allucchi pure ‘ncapa… ma avulimme fa o no sta cummedia? Lara! (esce inseguendo Lara)

Oreste

(inseguendo Gaetano) Dance ‘o piezz’ ‘e carne, chella s’ arrepiglia. (esce)

Cinzia

E tu che ne saje, l’hè pruvate pure tu!? (esce)

Luisa

(a Luca) E mo, secondo voi avite fatte ‘na cosa bbona?

Luca

In che senso?

Luisa

Una cosa, se esiste veramente, esiste anche se uno non ci crede.

Ugo

Luisè, ma primma ‘e fa ’a guardiana del teatro Petito facive ‘a professoressa ‘e filosofia?

Luisa

Vuje facite ‘o spiritoso!? Cu’ ‘e spiriti nun se pazzea. In passato so’ succiese cos’ ‘e pazze. Perciò ‘o teatro è stato chiuso pe’ tant’ ‘anni.

Luca

(tagliando corto) I fantasmi che stanno nel teatro sono ben altri, credimi. E nun so’ spiriti, so’ ‘e carne ed ossa!  Comunque mo avimma pruvà. Luisa, fammi la cortesia, di queste cose ne parliamo un’altra volta.

Luisa

Se gli spiriti ce ne daranno il tempo… può darsi pure che quelli si sono indispettiti e nun ve fanne arrevà alla fine delle prove.

Luca

(facendo gli scongiuri) Luisè, famme ‘o piacere! Statte zitta e va al tuo posto, va!

Luisa

(mogio e deluso) Vado, vado… (girando la testa li guarda tutti e poi, gravemente) Addio! (esce)

Luca

(a Leonora) Leono’, facimme ampresse, riprendiamo le prove.

Leonora

(confusa e impressionata da Luisa) Stai parlando con me?

Luca

(disperato, si trattiene per non sbottare) Io mi sono rivolto ad una certa Leonora. Tu come ti chiami? Forse ti chiami Leonora Tagliere e stai interpretando la parte di Maria, la portiere dell’albergo “Ore Liete”?

Leonora

(timidamente) Si.

Luca

(nel trattenersi dall’ira gli compaiono alcuni tic) E allora sto parlando con te!

Ugo

(mitigando) Va bene, va bene! Adesso calmati, tu te fai venì ‘na cosa!

Leonora

Allora riprendiamo da: (senza intonazioni e velocemente)“… fa’ na cosa bbona, piagli’ ‘a pagina dell’estrazione del lotto che aggia cuntrullà ‘sti nummere.” ?

Luca

Si, riprendiamo dalla tua battuta. Però, Leonora, mi raccomando! Maria non è una cretina, Maria è una che sa il fatto suo… comme t’aggia dicere, pe’ te fa capì meglio, è una che fa credere ad Antonio che nun c’ ’o vvo’ dà, ma che c’ ’o desse, solo se lei decidesse ‘e  c’ ’o dà! Hè capito?

Leonora

Si, ho capito, ma ch’ hè ritto!? Cioè, prima di tutto, Leonora nun dà niente a nisciuno! Questo sia ben chiaro. (battendosi il petto) Leonora Tagliere non ha fatto carriera per quello che sa fare in orizzontale, come certe attricette che stanno in giro che se coccano cu’ viecchie zelluse pur di andare avanti, ma per quello che ha fatto in verticale.

Luca

(paziente) E questo è chiaro! Leonora nun dà niente a nisciuno, ma il personaggio che interpreti, Maria, tiene, come possiamo dire?… in bilico, il povero Antonio, facendogli credere che c’ ’o dà, ma sulo quanno dice essa. Maria nun è Leonora e quindi nun fa chello che facesse Leonora e Leonora nun è Maria e quindi nun fa chello che facesse Maria. È chiaro?

Leonora

(confusa) Io nun aggia capito niente! Ma tutto stu fatto chi l’avessa fa?

Luca

(al limite) Soreta!

Leonora

(da vera vajassa) Guè! Tu pienze a fa’ ‘o registe si l’hè a fa e nun te permettere ‘e parlà ‘e sorema; perché primma ‘e parlà ‘e sorema t’hè a fa’ tre ore ‘e meza ‘e gargarismi cu ‘a varricchina, hè capì!? 

Ugo

(cercando di calmarla) Eleono’, dai… non mi sembra il caso…

Leonora

(c.s.) Ugo, per favore nun te mettere mmiezo! Quanno me toccano a so-sora mia addevento na belva.

Ugo

Ma non c’è motivo…

Leonora

Pecchè nun è soreta! Si fosse soreta, tu facisse peggio ‘e me! Non c’è motivo?! Come non c’è motivo?! Perché non c’è motivo?

Ugo

Sì figlia unica!

Leonora

(si blocca, poi si riprende) E che c’azzecca? E’ pe’ principio.

Luca

Ma vi rendete conto che domani stiamo in scena? Domani c’è la prima! Vogliamo farla o no, questa benedetta prova generale?

Ugo

E che stamme facenno, Luca!? (si mette in posizione) Ecco qua! Io sono pronto, continuiamo? Riprendiamo da: (senza intonazioni e velocemente) “… fa’ na cosa bbona, piagli’ ‘a pagina dell’estrazione del lotto che aggia cuntrullà ‘sti nummere.”?

Luca

(si siede in proscenio, rivolto agli attori) Si, riprendiamo da lì e cercamme ‘e nun ce fermà cchiù!

Ugo

Nun te preoccupà. (a Leonora) Vai Leono’, vai!

Leonora

(come Maria, riprende a recitare) Tonino ‘a trive’, basta mo’! Circa da fernì e fa’ na cosa bbona,piagli’ ‘a pagina dell’estrazione del lotto che aggia cuntrullà ‘sti nummere.”

Ugo

(prende il giornale e lo sfoglia cantando)

Tutto chello che vuo’! Indifferentemente,

famme chello che vuo’, pe te nun so’ cchiù niente.

E damme stu veleno, nun aspettà a dimane,

indifferentemente, si tu m’accire io nun te dico niente!

(cercando la pagina) Allora vediamo… (mentre cerca fa cadere il giornale) Mari’, ogni tuo desiderio è un ordine ed ogni tuo ordine è un mio desiderio. Siente siè! Questa passione mia per te, m’ha fatte addeventà nu poeta. Mari’, io sono il tuo Giosuè Carducci.

Maria

E bravo! E quante ne sai dicere! (ironica) Signor poeta Giosuè mmeza cartuccia, aizate ‘o giurnale e liggiteme ‘e nummere.

Antonio

Lo alzo, lo alzo. Nun fa niente che mi prendi in giro. (nel chinarsi mostra il sedere a Maria)

Maria

(ironica) Ma che è ‘o sole? Che è ‘a luna? Che so’ ‘e tramonti a cunfronte ‘e sta bella faccia ca tiene? (indica il sedere di Antonio)

Antonio

(imbarazzato, divertito, comicamente si gira di scatto di fronte a Maria) Spiritosa! Hai visto? Anche tu sei sensibile alla bellezza.

Maria

(risoluta) Ma famme ‘o piacere! Dimme ch’è asciuto pe’ ‘a ruota ‘e Napoli.

Antonio

(deluso, sfogliando il giornale) E ghiamme a vedè… Quali numeri ti sei giocata?

Maria

(leggendo il biglietto) Me so’ giocata ‘e nummere ‘e nu suonno che m’aggia fatte qualche ghiuorne fa: 6, 16, 29 e 69.

Antonio

(malizioso) Mari’, ma che suonno t’hè fatte?!

Maria

(sognante sta per raccontare) M’aggio sunnato ca steveme… (si riprende, cambia tono) Niente! A te che te ne importa!?

Antonio

(c.s.) E ghiamme! Ce steve pur’io, dint’ ’o suonno?

Maria

(imbarazzata) E sì! Steve pur’ ‘isso! Nun avevo che ffa! Me ieve a sunnà a isso! Lieggeme ‘e nummere, fa ampresse e nun te fruscià.

Antonio

(c.s.) Chi sa ‘e chi era ‘o 29? E che c’hanno fatto a stu 6 e a stu 16? E stu 69 che significa?

Maria

(evidentemente in imbarazzo) Anto’ ferniscela! M’hanna cosere ‘a vocca si te dico quacche ata cosa! Me dice sti’ nummere si o no?

Antonio

T’hè ddico, t’hè ddico! (legge) Allora… Napoli…  5, 15, 28, 68 e 71.

Maria

(controllando) Ma comme!? E’ asciuto 5 e tengo 6, 15 e tengo 16, 28 e ccà sta 29, 68 e io tengo ‘o 69!? Tutti, un numero in meno!

Antonio

(guarda dal giornale e dal biglietto) E’ vero! Guarda ccà? Cos’ ’e pazze! Almeno ‘o 71 te l’hè jucato?

Maria

(stizzita) Nossignore, nun me l’aggia jucato pecchè quanno jette ‘o bacolotto nun te ‘ncuntraje, si te ncuntrave, m’arricurdavo sicura d’ ‘o 71! Chella, ‘a furtuna è furtunata pure ‘a essere cecata. Pecchè si nun era cecate ‘a cecavo io, cu ddoie dete, accussì. (fa il gesto contro Antonio)

Antonio

Mari’, statte accorte! Mo’ cecave a me.

Maria

(piange per rabbia) E levati! Stai sempe annanze, stai!?…

Antonio

(meravigliato, non capisce) Mo pecchè chiagne… nun te preoccupà nun m’hè fatto niente.

Maria

(c.s.) Ma che me ne m’porta ‘e te! Io nun ce ‘a faccio cchiù! Io nun so’ nata pe’ fa ‘a cameriera... io... voglio addeventà un’ attrice, una cantante, Che te pienze, che voglio continua’ a fa’ ‘a cameriera pe’ tutt’ ‘a vita… un giorno tutt’ ’a ggente mi chiederà l’autografo… tutti i teatri d’Italia  faranno la fila per potermi ospitare…

Antonio

(ironico) Si, brava! Vai dint’ ‘a tutt’ ‘e teatri d’Italia... vai a fa ‘a camariera.

Maria

(offesa, energica) Nossignore! Vaco a cantà e a ballà! Dimane aggia ji’ a fa nu pruvino, cu nu regista… nunl’aggio mai visto ‘o saccio sul’ ‘e nomme… chillo che ha fatt’ ‘o film “Napoli punto e a capo”. Anto’ già me veco dint’ a nu teatro, cu’ ‘e luce, ‘e custume, ‘e ballerini…

Antonio

(ammaliato) Ma quanto sì bella! Quanno te miette a sunnà sì na cosa troppo eccitante… (eccitato) tu m’hè squagliato tutt’ ‘o sango, io nun so’ cchiù Antonio, io so’ San Gennaro! Tu si’ ‘a femmena che io ho sempre cercato, Mari’, io non posso fare più a meno di te, (le va incontro per abbracciarla) io ti voglio, io ti devo avere...

Maria

(frappone secchio e ramazza tra lei ed Antonio) Anto’ nun fa accussì, me fai paura.

Antonio

(cerca di raggiungerla e ne risulta un balletto intorno agli attrezzi per la pulizia) Nun avè paura! Tu hè avè paura ‘e chi te fa ‘o mmale. (malizioso) Io te voglio fa ‘o bene!

Maria

(c.s.) Anto’, fermati, mo’ vene ‘a ggente.

Antonio

Nun te preoccupà, (la spinge nella “104”) loro venene e nuie ce ne iamme! (entra, sempre spingendo il secchio e ramazze, chiude la porta; si sente cantare) Chiude piano la porta, poi la schiaffa sul letto e poi, e poi…

Alex

(è Alberto Minetti che interpreta Alex Ruini. Entra dalla porta principale e parla come se con lui ci fosse qualcuno) Vieni, non ti preoccupare, vedrai che dopo mi darai ragione. (entra nella hall e va verso la reception; ad alta voce) Non c’è nessuno? (si guarda intorno) Dov’è il portiere? (sempre da solo si guarda intorno in cerca di qualcuno e non si accorge di essere solo) Gaia, dint’a machina nun è cosa cchiù! Ogni volta, io mi ritiro a casa cu ‘e dulure pe’ tutte parte. Tenesse na macchina grossa, comoda?!… Chella è ‘na Smart! E’ nu muorzo ‘e machina… ccà simme crisciute… io mi rendo conto delle tue difficoltà… ma ccà nun ce sta nisciuno?… Portiere!… Ma, bella mia, in albergo ci vanno tutti, si sta sicuri, comodi. Dint’ ‘a Smart p’accumencià amma primma mettere ‘e parati. Adesso ti faccio vedere… l’imbarazzo c’è solo la prima volta, poi, dopo provato la comodità, vorrai farlo solo in albergo. (si gira e si accorge di essere solo) Gaia! Dove stai? Gesù, io stongo ‘a mezz’ora a parlà io sulo!? (esce dalla porta principale) Gaia!

Maria

(entra dalla “104”; è spettinata e ha i vestiti in disordine; ha l’aria stanca e aggiustandosi va a sedersi sul divanetto) …Nu riavulo!… Chillo nun è n’ommo è nu riavulo!… Ma quanti mmane tene?… me pare nu purpo… è nu riavulo a forma ‘e purpo!

Antonio

(dalla “104”, entra, dà tutta l’impressione di aver “consumato”; un po’ sbracato, spettinato si appoggia alla porta; come se godesse ancora) Ah… madonna mia… e chi se l’ aspettava! E’ stata ‘na cosa… ’na cosa… madonna… (si massaggia le parti basse; con dolore) che dulore!… nfama assassina!… proprio llà, dico io! Cu tanti posti, proprio sulla “delicatezza”! Uh… madonna! (guardando nel vuoto) …Ma dico io, damme nu schiaffo, mozzicami, scippami sano, sano… tu me vai a dà proprio nu cavecio llà! A costo ‘e nun me fa fa’ cchiù ‘e figli!

Maria

Si hanna venì comm’ ’a tte è meglio ca nun ‘e ffai!

Antonio

Assassina, stai zitta! Che ce vuleva? Bastava che me dicive: “No, Antonio, no!” ed io mi stavo fermo.

Maria

Io te l’aggia ditto, ma tu nun hè sentuto.

Antonio

Io aggia sentuto. Ma ‘e vvote ‘e femmene diceno “no” pe’ dicere “si” e po’, nun ce scurdamme che  tu t’he sunnate ‘o 6 e ‘o 29?

Maria

‘E suonne miei so’ ‘e miei e a te nun t’hanna interessà! E che nce vuo’ fa, me jeve a sunnà o 29 suoie!? E ‘o suonne durava dduje siconde! Pigliami una lampadina  me hè fatte rompere chella ‘ncopp’ ‘o comodino a destra, cu’ ‘a capa (si massaggia la testa) quanno m’hè vuttata ncopp’ ‘o lietto.

Antonio

(prendendo la lampadina da sotto il banco) E va bè! Cagna sta lampadina! Ma sia ben chiaro, Mari’, tu hai vinto una battaglia, ma la guerra la vincerò io.

Maria

Io saccio sulo ca in questa battaglia ho fatto un ferito, vatte ammerecà primma e po’ ne parlamme! (va nella “104”)

Antonio

Madonna mia e comme è tosta! Ma nu bacio ce l’aggia arrivato a dà! E se non mi sbaglio, per un attimo, ha partecipato pure. Comme se dice? “Dalle e dalle, s’ammolla pure ‘o metallo!” (verso le quinte) tu sì bella… e quando fai ‘a carugnona, sì ancora cchiù bella! Tu sì bella ma senza core: “Bella senza anima!” Bella, quanto fai a carugnona, sì bella! (canta)

Va corri mettila… nza, nza…

in quella camera… nza nza…

si è fulminata… nza, nza…

nun fa ‘a distratta… nza, nza…

‘a lampadina, ‘int’ ’a cient’ ’e quatte!

(esce, va nel ripostiglio)

Alex

(entra dalla porta principale trascinando Gaia; si fermano nel disimpegno) Gaia, io me pensavo ca stive arret’ ‘a me, tu te ne sì fiuta!? Jamme nun fa ‘a scema, nun è niente!

Gaia

(è Sara Peluso che interpreta la parte di Gaia Improta, timidissima, tenta sempre di fuggire) Io non ce la faccio. Me metto scuorno.

Alex

Ma quale scuorno!? Non c’è niente da vergognarsi. Noi siamo qui per fare l’amore e come vuoi che uno si possa vergognare dell’atto che, in assoluto, esprime, pienamente, il concetto dell’amore?

Gaia

Lo so, hai ragione, ma io, concetto o non concetto, me metto ‘o stesso scuorno.

Alex

Io ho capito, tu hai vergogna del portiere, vero?

Gaia

Si. Chi lo conosce a questo, perché deve sapere che noi andiamo a fare l’atto che, in assoluto, esprime pienamente il concetto dell’amore?

Alex

Allora, facciamo così: stai ferma qui, io vado a prenotare la stanza prendo la chiave e dopo, in fretta, sgattaioliamo nella camera, tu ti nascondi dietro di me e ci chiudiamo dentro. Gaia, stasera, ti faccio assaporare che significa… la comodità!

Gaia

Si, mi sembra una buona idea. Va tu, io ti aspetto qui, poi dopo sgattaioliamo.

Alex

Tu aspetti, non scappi?

Gaia

No, te lo giuro giurin giurello, te lo giuro.

Alex

Aspetta, nun te movere ‘a ccà, faccio subito. (entra nella hall quando Maria è nel ripostiglio) Ma, qui, il portiere non c’è mai? Portiere! (si gira verso Gaia e la scorge che sta per andarsene) Giurin giurello, addo cazzo fuje!? (corre a fermarla)

Antonio

(esce) Eccomi, buonase… (non vede nessuno) Ma comme?!… Io me so’ sentuto ‘e chiammà!… Chesta è stata ‘a botta ‘e Maria. (massaggiandosi le parti basse ritorna nel ripostiglio)

Alex

(fa rimettere Gaia al suo posto e rientra) Giurin giurello ‘e chi t’è muorte, miette ccà e nun te movere! (va dentro) Io non capisco! Ma qui non c’è nessuno? Portiere! (c.s.)

Antonio

(c.s.) Ma chi è? Uh madonna mia! Ma che ce stanno ‘e fantasmi ccà dinto? (si sporge da sopra il banco per accertarsi che, dall’altra parte, non ci sia nessuno)

Alex

(entra) Portiere! Finalmente!

Antonio

(sentendolo sussulta e cade oltre il banco) ‘A capa!… Maronna mia! Me so’ rott’ ’a capa!

Alex

(soccorrendolo) Fatemi vedere. (controlla la testa di Maria) Non vi siete fatta niente. Alzatevi ‘e cosa ‘e niente!

Antonio

Cosa ‘e niente!? (alzandosi e porgendo la testa) Verite meglio.

Alex

(guarda) Niente… niente. Qua sta tutto a posto.

Antonio

Ma me fa male.

Alex

E’ normale. Avete preso una bella botta, ma oltre la contusione non c’è più niente.

Antonio

Menomale! Ma voi siete dottore?

Alex

No, sto ancora all’università...

Antonio

(lo interrompe) Medicina?

Alex

Economia e commercio.

Antonio

(deluso) Economia e commercio!? E io aggia miso ‘a capa mia mmano a nu commercialista! E che ne capite, vuie, ‘e cape?

Alex

Ce vulessene ‘e scienziati pe’ vedè si ‘na capa è rotta o no!? ‘O sango nun è asciuto, quindi nun è rotta.

Antonio

Ma vuie site proprio strano, ‘o ssapite?

Alex

Io, e pecchè?

Antonio

Vuie, primma, v’appresentate all’improvviso…

Alex

All’improvviso? Io ve sto chiammanno ‘a tre ore!

Antonio

Po’ dicite che site duttore…

Alex

Io ho detto che sto all’università, facoltà di Economia e Commercio.

Antonio

Ma ve site pigliata ‘a capa mia mmano, però.

Alex

E che c’azzecca?

Antonio

Uno che sta a Economia e Commercio che s’  ‘a piglia a fa a capa ‘e uno mmano? Io v’aggio visto ‘e guardà ncapo,  aggia penzato: “chisto ne capisce ‘e cape”.

Alex

(risoluto) E invece nun ne capisco. Chiudiamo questo discorso e vedete se c’è una camera libera.

Antonio

(recandosi dietro il banco) E che ghiurnata ca è schiarata!… Sto acchiappanno mazzate ‘a tutte parte! (prende il registro) Vediamo… si... c’è la “101” libera. Mi date un documento?

Alex

(gli dà la carta d’identità) Ecco.

Antonio

(la prende e sta trascrivendo i dati, poi si blocca e lo guarda) Ma vuie che avita fa?

Alex

(indispettito) E a vuie che ve ne importa?

Antonio

Ma, aspettate a qualcuna?

Alex

Nun aspetto a nisciuna.

Antonio

E pecchè ve serve ‘sta cammera?

Alex

Ma vuie quanti fatti vulite sapè?

Antonio

No, niente. Sulo che… si state sule vuje, chello ch’avita fa ‘o putite fa pure ‘a casa vosta, (con malizia) questo è un albergo addò se vene, minimo, a dduie.

Alex

E nun ve preoccupate, io nun so’ sulo. Datemi la chiave della camera e non vi preoccupate.

Antonio

(non capisce, si guarda intorno) Contento voi! Basta che pavate. (abbassa la testa e continua a trascrivere i dati)

Alex

(che durante la discussione ha dato sempre un occhio a Gaia, si accorge che, questa sta, di nuovo, andando via; corre da lei che ha avuto il tempo di uscire in strada)

Antonio

(finito di trascrivere i dati prende la chiave e la porge ad Alex) Tenete… (resta fermo; ha dubbi sull’esistenza di Alex, lo crede  un’allucinazione causata dal colpo alla testa) Io l’aggia visto… steve ccà… m’ha pigliato pure ‘a capa mmano… no, nun me l’aggia sunnato!… (poi si accorge della carta d’identità, si illumina) Ma qua’ suonne! Chillo m’ha data pure ‘a carta d’identità. (legge, ad alta voce) Signor Alex… Alex Ruini… Ruini?… Ma chisto è chillo ch’ha telefonato? (prende un foglio dal banco e legge) No, nun è isso, chisto se chiamma Sergio, Sergio Ruini. (chiama) Ruini… addò è ghiuto chisto?… (va verso l’uscita) chisto è ‘a rruina mia!

Maria

(esce dalla “104” col secchio e ramazze, vede Antonio esagitato) Ma ch’è succieso?

Antonio

(agitato e confuso) Io nun sto capenno niente! E’ venuto uno e... so’ carut’ ‘a coppo ‘o bancone...  m’ha guardato ‘a capa, ma steve ad Economia e Commercio... allora c’aggia levate ‘a capa ‘a mano, aggia ditto: “che ce fa nu commercialista cu ‘a capa mia mmano!?”... M’ha data ‘a tessera, steve sul’isso e ha ditto ca steve in compagnia, m’ha lasciat’ ’a tessera mmano ed è sparito.

Maria

(confusa e strafottente) Ah, sì! Comunque aggia cagnat’ ‘a lampadina.

Antonio

Ma comme!? Me succedene ‘sti guai e tu pienze ‘a lampadina?

Maria

Tu nun pienze ‘e mie e io nun penso ‘e tuoie.

Antonio

(le si avvicina) Mari’…

Maria

(lo evita, minacciosa, mettendosi in posa di combattimento) Nun t’avvicinà, ca facimme ‘o sicondo “raunte”! Pure ‘a lampadina ‘e sinistra s’è fulminata. Pigliamenne n’ata. Pigliamella primma che vene qualche commercialiste “mantiena capa”. Anzi, vuo’ fa na cosa bbona? Pigliala e valla a mettere tu. Io aggia mettere a posto chest’ati cammere.

Antonio

(sgarbato) Va, va! Miette a posto ll’ati ccammere, ‘a lampadina dinta ‘a “104” la metto io.

 (canta) Adesso siediti… nza, nza…

            su quella seggiola… nza nza…

            e sta sicura ca… nza, nza…

            è cosa fatta… nza, nza… 

            na lampadina, ‘int’ ’a cient’ ’e quatte!

(prende una lampadina dal banco e va nella “104”)

Maria

E canta ca’. Canta che ti passa! (va, col secchio e ramazze, nella “101”)

Alex

(entra dalla porta principale, questa volta, spingendo Gaia nella hall) Gaia, basta! Io nun c’ ’a facio cchiù! Stongo tutto surato! Quella mi stava dando la chiave della camera e adesso già stavamo…

Gaia

(lo interrompe) Facendo l’atto che, in assoluto, esprime pienamente il concetto dell’amore. (facendo resistenza) Non spingere, ti prometto che non scappo più, faccio la brava.

Alex

E no, bella mia! Nun te crere cchiù. Adesso vieni insieme a me, ti devo tenere sott’occhio. (guarda in giro, riferendosi al portiere) E chisto addò sta? E’ sparito un’altra volta! (disperato) Madonna, che s’adda fa p’avè nu poco ‘e bene! (ad alta voce) Portiere! (trascinando con se Gaia, va a controllare dietro il banco) Qui non c’è. (mentre sono tutti e due di spalle alla “104”)

Antonio

(entra, all’improvviso) Vuie state ccà!?

Gaia

(spaventata emette un grido e si accovaccia dietro il banco) Ah!

Alex

Ma so’ modi questi?

Antonio

Ma che state dicendo?

Alex

Uscite all’improvviso, ci gridate alle spalle, insomma, che ce vulite fa venì nu panteco?

Antonio

Uh Gesù! Vuie accumparite e sparite comme ‘a maronna ‘e Fatima, mi avete lasciato comm’ ’a nu babà senza rum,  io, a chiave e ‘a carta d’identità, e ‘a fine de’ cunte, fosse io chella che faccio venì ‘e panteche!? Signor… come-vi-chiamate, ll’ata avè sta cammera si o no?

Alex

Certo che la devo avere, altrimenti che sto a fare qui?

Antonio

E allora, fatemi il piacere, allontanate il cane dal banco. (indica il banco) Io ‘a piccerillo so’ state muzzecato e ‘a tanne tengo na paura de’ cani che non vi dico.

Alex

Ma quale cane?

Antonio

Nun è nu cane? Io nun l’aggia visto bbuono, ho sentito solo il verso, mi era sembrato un cane..., non ho fatto in tempo a vederlo, ma me pareva nu cane.

Alex

Ma quale cane!? Lì dietro c’è la mia ragazza!

Antonio

(meravigliata) La vostra ragazza è nu cane!?

Alex

Ma che cane! E’ una donna!

Antonio

È una cagna! Nun fa niente. È ‘a stessa cosa.

Alex

(offeso) Ma come si permette!? (a Gaia) Gaia, fammi il piacere, esci subito!

Antonio

(come ad un cane) Pss... pss… viè ccà,viè!

Gaia

(coprendosi il viso con le mani esce lentamente) Che vergogna!

Alex

Ecco qua, avete visto!? Adesso datemi la chiave della camera.

Antonio

Subito, scusate, io l’avevo presa per…

Alex

Basta con le chiacchiere, mi dia la chiave.

Antonio

(va a prendere la chiave e dal banco la porge ad Alex)

Alex

(la sta per prendere, ma Antonio se la ritrae) Mo’ ve mettite a fa pure ‘e giochetti?

Antonio

Nessun giochetto. Io, per darvi la camera, avrei bisogno di un documento di riconoscimento della signorina.

Gaia

(c.s. spaventata) No! Il riconoscimento no!

Alex

(all’apice della disperazione ) Santo Iddio! Santo Iddio! Si ‘o ssapevo me ne jevo dint’ ’a Smart! (a Gaia) Gaia, dammi la carta d’identità.

Gaia

No, la carta, no!

Alex

La carta, si!

Gaia

La carta, no

Antonio

(sottovoce ad Alex) Scusate, premetto che non sono fatti miei e che, addirittura, vado contro i miei interessi, sparagnat’ ’e soldi, sentite a me! Ma… se la signorina fa tutte queste difficoltà per darvi, una semplice carta d’identità, ma con quali speranze voi ve la portate in camera?

Alex

Vuie faciteve nu poco ‘e fatti vostri! (a Gaia) E tu, fa ampresse, dammi sta carta d’identità!

Gaia

(intimorita, gli dà il documento) Tieni.

Alex

(la prende e la passa a Maria) Ecco qui! Mi date la chiave, adesso?

Antonio

Un momento! (legge) Gaia Improta, nata… (si fa il conto) 21 anni! (dà la chiave ad Alex) La chiave è vostra.

Alex

Gaia, non ti sembra che adesso sia inutile nascondersi?

Gaia

(scoprendosi) Si, hai ragione, adesso, sono diventata una donna pubblica!

Alex

Non esagerare, andiamo. (si avviano per la “101”)

Maria

(entra dalla “101” e col secchio e ramazze urta le parti basse di Alex)

Alex

(stringendo le gambe e massaggiandosi la parte dolorante) Dio mio! Che dolore!

Maria

(soccorrendolo, mortificata, non capisce che parte ha colpito) Gesù, vi ho fatto male? Dove vi ho colpito, fatemi vedere. Vi faccio un massaggio?

Gaia

Signorina, ma che volete vedere, che massaggio volete fare!? Questa è roba mia! Lasciate stare, vedo io e massaggio io.

Maria

(vergognosa) Uh scusate! È quella parte là!? Io non avevo capito.

Gaia

Alex, andiamo dentro, adesso ci penso io.

Alex

(c.s. a Gaia) Nasconditi, c’è la cameriera.

Gaia

E non fa niente, tanto qui abbiamo fatto: “zitte zitte mmiez’ ’o marcato!” (lo sorregge ed insieme vanno nella “101”)

Antonio

(frettoloso) Mari’, è chillo ‘o commercialista che s’ha pigliato ‘a capa mmano… che m’ha lasciato ‘a carta e che è sparito… poi è turnato c’ ’o cane, ma po’, ‘o cane è addeventata na guagliona… Hè visto? Io non ti direi mai una bugia!

Maria

Ma che aggia cumbinato!? Chillo è venuto ccà pe’ sta cu ‘a guagliona e ce aggia date na botta proprio llà!

Antonio

Tu piense ‘a botta che c’ hè date llà e nun pienze ‘a botta che m’he date ccà!? (indica le parti basse)

Maria

(comprensiva) Pecchè te fa male ancora?

Antonio

(speranzoso, facendo il bambino) Si, me fa male assai, assai! Mari’, m’hè fatt’ ’a bua, sto’ suffrenno, maronna, comme sto’ suffrenno!

Maria

E comme suoffre brutto!

Antonio

Nun tiene nisciuno rimedio, pe’ stu mmale mio?

Maria

Comme! Tengo nu ddiece ‘e rimedio:… tagliare!

Antonio

(spaventato sussulta) Guè! Ma che dice?

Maria

‘O ssaccio io chello che dico! Mo, famme mettere a posto chell’ati cammere. Pigliami ‘e lenzole pulite.

Antonio

(indispettito) ‘E lenzole stanne dint’ ’all’armadietto dint’ ‘o ripostiglio, pigliatelle tu.

Maria

È certo, che m’ ’e vaco a piglià io. Da te non voglio niente. (va nel ripostiglio)

Dal soffitto cadono calcinacci che impolverano tutto l’ambiente 

Ugo

(spaventato si nasconde dietro il banco) Maro’ ‘o terremoto!

Da tutte le porti escono, spaventati, tutti gli attori. Si crea un via vai frenetico. Dal soffitto, legato ad una corda scende Tore.

Tore

(è un muratore, sporco di calce e calcinacci) Calmatevi, nun è ‘o terremoto. Fermi! Era solo nu poco ‘e sfravecatura.

Tutti si rassicurano ed escono commentando a soggetto. Restano in scena solo Luca, Tore, Ugo e Leonora

Luca

(disorientato) Ma che succede?

Tore

(una volta toccato il suolo fa segno di rialzare la corda, che si rialza) Scusate. È stata una distrazione. S’è girat’ ‘a cardarella e s’ ‘è arrevacata tutt’ ‘a sfravecatura.

Luca

(c.s.) Ma, chi è lei?

Tore

Io… so’ ‘o masto, so’ Salvatore Confuorto, per gli amici Tore ‘a Cucchiara… sto faticanno ccà… stiamo mettendo a posto stu teatro, se ne steve carenne a piezze. Stiamo lavorando, praticamente, per la stessa cosa. (si pulisce la mano destra sui pantaloni e la porge a Luca)

Luca

(stupito, dà la mano a Tore) Stiamo lavorando per la stessa cosa!?

Tore

E si! Pienzece bbuono, tu stai cercanno ‘e accuncià sta cummedia e io sto cercanno ‘e accuncià stu teatro. E allora, comme putimme dicere?… Stamme facenno ‘o teatro insieme! Insomma, fatecamme po’ stesso padrone.

Luca

(contrariato) Anche se la mano che ci paga è la stessa, mio caro, non è detto che facciamo lo stesso lavoro. Lei…

Tore

(lo interrompe) Lei!? Che ce trase stu “lei”? Nuje simme colleghi, Lucariè parleme cu ‘o tu! (gli dà una pacca sulla spalla)

Luca

(c.s.) Tu, caro mio, ti occupi dell’involucro, io del contenuto. E non è la stessa cosa.

Tore

Ovvilloco! Mo se mette a fa ‘o filosofo oì! Si te sì offeso... scusami. Me ne torno a faticà e facimme comme si nun fossa succieso niente.  

Luca

Non mi hai offeso, solo che, come devo dire?... Volevo chiarire che non facciamo lo stesso lavoro. E che hai interrotto le prove…

Ugo

(tossendo, sbuca dal banco, a Tore) Chi t’è muorte ‘e fravecatore! Me stive facenne murì sott’ ‘a sfravecatura d’ ‘o teatro? Ma che stive dicenne? Che fai tu? ‘O teatro pure tu? Bello, nuje simme attori e tu si fravecatore!

Marco

(timido e sottomesso entra dalla vetrata) Io sono pronto… mi vedi, sono qui… volevo entrare… ma poi ho pensato… che entro a fare?… allora ho aspettato… ma mentre aspettavo… gli altri hanno interrotto e si sono messi a correre e ho deciso: adesso entro!… Stavo entrando ma mi sono fermato, perché ho pensato: che entro a fare se hanno interrotto?… entro solo, e solo che faccio?

Tore

(a Luca) Avete ragione, non facciamo lo stesso lavoro: ‘e fravecature fanno ‘e fravecature e gli attori fanno gli attori. (con intenzione, guardando Marco) Pure si qualche attore facesse meglio a ghì a fa ‘o fravecatore!

Marco

(risentito) E con questo che vuoi dire?

Tore

(lo guarda con aria di sfida) Prima di tutto, io a lei non ci ho dato il permesso di arrivolgersi a me con  il tu. E allora, primma ca ‘a Tore ‘a Cucchiara ce saglia ‘o sango ncapa, fa trasì stu “tu” da dove è asciuto! Siconda cosa, si sti parole mie hanno disturbato a qualcuno, è segno ca stu qualcuno se l’ha pigliate pe’ isso, e si se l’ha pigliate pe’ isso, pe’ isso so state ritte!

Marco

(con sufficienza) Come disse il sommo poeta: “Non ti curar di lor ma guarda e passa.”

Tore

(c.s.) Comme dicette ‘o nonno mio: “Si nun sai fa ‘o scarpare nun scassà ‘o… (si trattiene e cambia) sfrantummà ‘e semmenzelle”!

Marco

(indignato, indispettito, continuando la metafora) Io ‘o scarpare ‘o saccio fa!

Tore

(c.s.) Chesto lo dice lei! Avessema sentì che ne pensano ‘e semmenzelle.

Marco

(c.s.) ‘E semmenzelle diceno ca io so’ nu bravo scarparo!

Tore

(c.s.) ‘E semmenzelle nun c’ ‘a fanno cchiù, stanne tutte sfrantummate!

Marco

Nun è vero! Io so nu bravo scarparo!

Luca

Mo’ piglio na scarpa e va chiavo nfaccia! Basta!

Tore

Signor registro, ha accumenciate primm’isso. M’ha ditto “nun te curà ma passa e spassa”.

Luca

Non mi importa di chi ha iniziato. Qui dobbiamo andare avanti, bisogna lavorare e ognuno faccia quello che sa fare.

Marco

Ecco, ognuno faccia quello che sa fare.

Tore

Ecco, io so fare il fravecatore e mo vaco a fa ‘o fravecatore, ‘o registro sape fa ‘o registro e mo va a fa ‘o registro. ‘O scarpare che è nu brave scarpare va a sfrantummà ‘e semmenzelle.

Marco

Ancora!?

Tore

Ll’hè ritte tu ca sì nu bravo scarparo, no?

Leonora

Marco! Nun da’ retta! Pensiamo a noi. (a Tore) E voi cercate di fare in fretta e soprattutto, cercate di fare poco rumore. Insomma, non disturbate.

Tore

Nun ve preoccupate! Mo cerco ‘e fa poco rummore (ironico) si no ‘o rummore che facite vuie nun se sente bbuono.

Leonora

(con la sua vera indole) Guè, Tore ‘a cucchià, tu m’hè accise ‘a saluta e si nun ‘a fernisce ‘e parlà e te miette, zitto e mute, a faticà, io piglio cucchiara, e cardarella e t’ ’e ‘nfizzo… (si trattiene) Ma che te pienze, che stai parlanno cu (indica Marco) stu sturduto? Tu hai a che fa cu Leonora Tagliere e si nun ‘a fernisce te scasso sta capa chin’ ‘e sfravecatura ca tiene! Ci siamo capiti?

Tore

(ammirato) Complimenti, signo’! Me ne vado. Vuje site l’unico vero uomo che sta ncoppe a stu palcoscenico! Me ne vaco, scusate, signo’ se vi ho disturbato, continuate pure. (esce)

Luca

(meravigliato) Leonora?

Leonora

Quanne ce vo, ce vo’!

Marco

(lamentandosi) Io poi sarei sturduto!?

Leonora

No! Non saresti, lo sei!

Luca

Adesso ricominciamo, su! Leonora preparati, Marco, vai al tuo posto.

Marco

(raggiungendo il suo posto, tra se) Io, Marco Imposimato, attore richiesto e acclamato da tutte le platee d’Italia, guarda che fine aggia fa? So’ scarparo pe’ nu fravecatore e sturduto pe’ na vajassa!

Leonora

Che stai dicendo?

Marco

(sorpreso) Niente! Parlavo tra me e me! È meglio ca me ne vaco. (esce)

Luca

Allora, siamo pronti?

Luisa

(imprecando entra da destra) Ma io nun capisco, eppure site gente intelligente, site artisti, mica site fravecature!

Luca

Ma che succede? Ma, oggi, avete deciso di non farci provare?

Luisa

E vuie m’ ‘o vulite fa fa ‘o guardiano ‘e stu teatro o no?

Luca

Perché, che è successo?

Luisa

Che è successo? Qua stiamo al teatro Petito, nun stamm’ ’o Colosseo ‘e Milano!

Luca

Che c’azzecca ‘o Colosseo?

Luisa

A Colosseo ‘e porte nun ce stanno e nun se chiurene, ccà ce stanno e s’anna chiudere! Steve ‘a porta vicino ai camerini tutta spaparanzata. Chille, ‘e mariuole, cheste vanno truvanne, accussì nun se scomodano neanche a rompere ‘e maschiature!

Ugo

Luisè, ma che vuo’ che s’arrobbena ccà? Ccà nun ce sta niente!

Luisa

Nun ce sta niente!? Tutt’ ’e custume, ‘e scene, gli attrezzi m’ ’e chiamme niente?

Ugo

E che se ne fanno ‘e chelli quatte pezze vecchie? Se vesteno ‘a carnevale?

Luisa

Carnevale o nun carnevale ‘e porte hanna sta chiuse! ‘O ngignere cheste m’ha arraccumannate e io chesto aggia fa!

Luca

A proposito, l’ingegnere quando viene?

Luisa

M’ha telefonato poco fa,  m’ha ditto che steve venenne, ma chillo quanno dice che sta venenne ‘o vedite ‘o juorno roppe.

Luca

Allora viene domani?

Luisa

No, chillo pò se scorda e vene doppedimane.

Ugo

(ironico) L’ingenere è puntualissimo!

Luisa

Accussì è fatto. Si ‘o vulite ‘a nati dduje juorne l’ata chiammà mo! Si ‘o vulivene pe oggi, l’ireva chiamma l’atrieri.

Ugo

Va quarantott’ ’ore arete! E’ puntuale nel suo ritardo.

Luca

Riguardo alla mia questione, mi capisci? Non ti ha lasciato detto niente?

Luisa

Quale questione?…Ah, ‘e sorde? No, nun m’ha ritte niente.

Luca

Speriamo che non si comporti per i pagamenti come si comporta per gli appuntamenti.

Luisa

L’ingegnere per i pagamenti va nu mese arete. M’ hadda dà ancora ‘o stipendio d’ ’o mese passato.

Ugo

Che bella cosa!

Luisa

La signora Lara ha sentito qualche altro rumore, vento improvviso, passi? Niente?

Ugo

No, non ha sentito niente. Mi sa che, la storia di questi fantasmi, come prevedevo, è tutta una scemenza.

Luisa

Non lo dite! Facitelo po’ ’o bbene vuosto! L’ultimo che ha ditto na cosa ‘e chesta ha passato ‘e pene dell’inferno. (si sente un rumore di catene e un uomo e una donna ansimare) Avete sentito?

Leonora

Maronna, che era?

Luisa

‘E catene  di Aristide Pelosi. E il suo godimento mentre stava con la moglie.

Ugo

Aristide Pelosi? Ma chi? L’attore che fu ucciso, insieme alla moglie, mentre recitavano?

Luisa

Esatto! Furono uccisi in questo teatro ma… nun stevene recitanno.

Leonora

E che stevene facenne?

Luisa

Signo’, stevene… come si dice… loro, prima di andare in scena, facevano… insomma, facevano, signò! Per rilassarsi.

Leonora

Perciò si sentono ansimare!?

Ugo

Me piace stu metodo ‘e rilassamento. Leono’, l’avimma fa pure nuje!

Leonora

Lassa sta! Io me rilasso a modo mio. Si tu n’hai bisogno, rilassati sule tu.

Luisa

Aristide Pelosi e Clarissa Volterra erano due grandi artisti e due grandi patrioti! Furono uccisi dagli austriaci proprio su questo palcoscenico.

Luca

Gli austriaci a Napoli?! Quindi all’inizio del 1700?

Luisa

(confusa) Uà! ‘O mill’ ‘e setticiento? Accussì luntano!?

Luca

Allora in che epoca?

Luisa

Forse nun erano austriaci, forse erano ‘e mericane, fatto sta ca sti dduje povere maronna, dopo aver recitato “La signora delle gardenie”…

Luca

Camelie.

Luisa

Come?

Luca

La Signora delle Camelie.

Luisa

Erano camelie? A me mi erano sembrate gardenie, insomma, dopo la recita, i due, si stavano, come si dice, rilassando un poco e vennero questi austroamericani e li uccisero.

Ugo

Luisè, tu stai ammiscanno tutte cose! Ma sta storia è vera o no?

Luisa

Primme, avite sentute ‘e catene? (si sente sbattere una porta e i sospiri)

Leonora

(abbracciando Ugo, impaurita) ‘A porta!

Luisa

Questa è Clarissa che sbatt’ ’e porte! In vita, quanno se ncazzava, sbatteva sempe ‘e porte. Le loro anime vonno sta sempe aunite dove la ggente li applaudiva.

Ugo

(impaurito) Luisè, nun fa ‘a scema! Si chisto è nu scherzo, ferniscela. E’ riuscito, iamme, c’amma mise paura, basta mo.

Luca

Veramente… in effetti… cioè… praticamente…

Leonora

(c.s.) Luca, si hè parlà, parla, ma circa hè dicere qualcosa!

Luca

(deciso) Questa storia è tutta vera!

Leonora

(c.s.) Che stai dicendo?

Luca

Si, Leonora. Sono una decina di anni che, i fantasmi, hanno incominciato a spaventare tutte le compagnie che venivano qui. E io sono voluto venire qui perché, voi lo sapete quanto amo il teatro, un’occasione così non potevo farmela scappare, mi sono sentito in dovere di fare qualcosa: no ai supermercati che prendono i posti dei vecchi teatri. E poi perché…

Luisa

Pecchè l’ingegnere ve ha dato belli sorde pè ve fa arapì ‘o teatro.

Luca

(minimizzando) Belli soldi!? Chi sente chissà quanto pensa che mi abbia dato. Anzi, che mi deve ancora dare. Stu teatro se ne steva carenne a piezze! Fino adesso, per i lavori di ristrutturazione, Per le scene e i costumi,  ho anticipato tutto io.

Ugo

(indagatore e sospettoso) Non ho capito, scusa, cos’è questa storia?

Luca

(alle strette) E va bene, mo vi dico tutto. Se non ho parlato fino ad adesso, credetemi, è perché mi stava a cuore la vostra tranquillità.

Leonora

Puose ‘o viulino e dice ‘a verità.

Luca

L’ingegnere Luigi Forte, il proprietario, molto amante del teatro, mi contattò qualche mese fa e mi chiese di aiutarlo a riaprire il prestigioso Teatro Petito dal quale, una leggenda e dei fatti strani successi molti anni fa, avevano allontanato tutti gli artisti e quindi tutto il pubblico.

Luisa

Una leggenda!? Io ho sentito, ho visto, ho odorato!

Leonora

Odorato!?

Luisa

Si, signora mia bella, “odorato”. Quanno ‘e spiriti passano mmiez’ ’a nuie, lasciano un fieto, ma un fieto… ca nun ve saccio dicere che fieto è! Una cosa schifosissima. Forse è ‘o fieto dell’inferno!

Ugo

Nu fieto ‘e ove fracete?

Luisa

No, ‘o fieto ‘ell’ove fracete a confronto è Chanel n°5.

Leonora

(tesissima ed impaurita) Fernitela! Me sta avutanne ‘o stommaco. (si sente il rumore di un forte vento e la coppia che ansima. Leonora si avvinchia a Ugo) Maronna, ch’è succieso!?

Luisa

Avete sentito? (accende un fiammifero) Si sente il vento, ma il vento non c’è!

Leonora

Luca, ma non ti sembra il caso di cambiare teatro?

Luca

Non dirlo nemmeno per scherzare! Tutti questi rumori sono frutto di una suggestione collettiva. Qui non c’è nessun fantasma! Io devo recuperare tutti i soldi.

Luisa

Ma quale “collezione digestiva”!?  L’ultimo regista che ha lavorato in questo teatro ‘a pensava tale e quale a vuie. Na notte, Clarissa e Aristide ‘o scetaieno ‘e rint’ ‘o suonno,  ‘o registe  perdette ‘a favella, ‘a mugliera perdette ‘e cervelle e a figlia perdette nu buono partito: ‘o figlio di un onorevole.

Luca

(con un gesto maldestro fa cadere il telefono)

Leonora

(credendolo un rumore dei fantasmi, spaventatissima, afferra la mano di Ugo e se lo trascina correndo per tutto il palco) Maronna mia, che è stato! ‘E fantasmi… stanno ccà… io ‘e ssento… maronna che fieto! (si ferma, a Ugo) E  tu che mi segui a fare?

Ugo

Nun so’ io, sì tu.

Leonora

So’ io!?

Ugo

Mi hai afferrato la mano e mi hai trascinato con te.

Leonora

E ‘o fieto l’hè fatte tu o il fantasma?

Luca

(alzando la sedia) Nun è nisciuno fantasma. E’ ‘il telefono ca è caruta!

Ugo

(a Luca) Tu hè passà tante ‘e chilli guai che ce vonno tre generazioni sulo pè cuntà! Luca, io ti voglio bene, e ti stimo, sia come regista che come uomo, ma io qui non ci resto.

Luca

Ma tu non sai…

Ugo

(lo interrompe bruscamente) Zitto! Non una parola in più! Non puoi negare che sei stato scorretto. Tu avevi il dovere di informarci di questi fatti, così ognuno poteva decidere. Tu, invece, ti sei arrogato il diritto di farlo per noi e questo non sta bene. Io e i fantasmi non andiamo d’accordo. Dove stanno loro non ci sto io e dove sto io, preferisco che non ci siano loro. Morale della favola, piglia ‘o cuntratto e straccialo. Fate pure senza di me!

Leonora

Io, invece…

Ugo

(minaccioso) Tu invece che cosa?

Leonora

(intimorita) Me ne vaco pure io.

Luca

Aspetta un poco, tu non sai….

Ugo

(c.s.) Non ho nessuna intenzione di aspettare, nè di sapere alcunché. Ugo D’Orsi quando prende una decisione è irremovibile. Leono’ andiamo! (fanno per uscire)

Luca

(gridandogli dietro) L’ingegnere ci ha offerto 10.000 euro a testa!

Ugo

(si blocca) 10.000 euro a me, 10.000  a essa (indica Leonora) e 10.000 a te?

Luca

10.000 euro ad ogni attore, ma… capiscimi, gli altri non lo sanno e ci siam mesi d’accordo per la paga normale.

Ugo

E quindi, nuie ‘e putimme…

Luca

Hai capito bene.

Ugo

In questo caso, Ugo D’Orsi è removibile... è molto removibile.

Luisa

(con intenzione) Gli altri attori, allora, nun sanno niente?

Luca

(con sospetto) Perché?

Luisa

Ma ce pensate si ‘o venessere a ssapè?

Leonora

Si ‘o venessere a ssapè, qualcuno ‘e nuie ce l’ha ritte. (alzando la sedia contro Luisa) Ma, stu qualcuno, comme c’ ’o ffa a ddicere se io lle scasso a capa?

Luisa

(alzando la sedia contro Leonora) Ma primme ca Leonora Tagliere scassa ‘a capa a Luisa, può darsi che ‘a capa della grande attricia, dint’ ’a una botta se fa meza e mmeza.

Leonora

(c.s.) E te sbagli, pecchè la grande attricia mo piglia a Luisa e ‘a cumbina che pure ‘a morte, quanno ‘o vere, ‘a schifa!

Luca

Ma la finite, o no!? Posate quelste sedie. (a Luisa) Ho capito, non ti preoccupare. Non posso rischiare che si sappia. Ho speso più del dovuto per i lavori, senza chiederlo a nessuno, e quindi facciamo una cosa, in cambio del tuo silenzio ti do… 1.000 euro. Va bene?

Luisa

(delusa) 1.000 euro!? Vuie ve mittite dint’ ’a sacca cchiù ‘e 10.000 euro e a me me vulite liquidà cu 1.000 euro?

Luca

Allora, facciamo 1.500!

Luisa

Allora, facciamo tremila e non se ne parla più!

Ugo

3.000 euro!?

Luisa

O tremila, o vaco a ffa ‘a trumbetta ‘a Vicaria!

Luca

Va bene, 3.000 euro.

Luisa

Veramente, 3.000 euro possono chiudere la bocca a me, ma a mio marito chi ‘o fa sta zitto?

Luca

Che centra tuo marito!? Tuo marito non sa niente.

Luisa

Adesso, ma quando glielo dirò, ‘o ssaparrà pur’isso.

Leonora

E tu non glielo dire e non lo saprà.

Luisa

No, signora mia, e io comme faccio!? Abbiamo fatto tanti anni di matrimonio proprio per questo: chello che saccio io, ‘o ssape isso e chello che sape isso ‘o ssaccio io. (si sente una porta sbattere ripetutamente) Sentite? Pure Clarissa è d’accordo.

Luca

Va bene, ho capito.  3.000 euro anche per il marito di Luisa ‘a guardiana. Altrimenti va a fernì ca chistu povera femmena divorzia cu’ ’o marito!

Ugo

E menomale che nun hanno avuto figli.

Luca

Allora, siamo d’accordo. Però, voi avrete questi soldi, solo a commedia rappresentata. Prima, non se ne parla nemmeno.

Luisa

Ma io vi posso garantire il silenzio mio e della mia signora. Ma Aristide e Clarissa chi ‘e mmantene?

Leonora

C’avessema dà na cos’ ’e sorde pure a loro!?

Luisa

Chille so’ fantasmi, che se ne fanno de’ soldi?

Luca

Se si limitassero solo a fare rumore, potremmo pure proseguire.

Luisa

Ma chille, nun fanno sulo rummore. Arricurdateve do’ regista che perdette ‘a favella, ‘a mugliera perdette…

Luca

…’E cervelle e ‘a figlia rummanette zetella! Gigì, io si nun faccio sta cummedia aggia fernuto ‘e campà!

Ugo

Noi siamo artisti! Senza le nostre creature nun riesciamo a vivere!

Luca

(disperato) Ma che artista!? Io, si pa’ fine da semmana nun dongo trentamila euro a Gennarino ‘a Cravatta, chillo me spara mmocca! ‘E solde p’ ‘a ristrutturazione nun’e teneve, me l’ha prestate isso! Si sta cummedia nun se fa io ‘e solde addò ‘e vvaco a piglià!?  (parla rivolgendosi ai fantasmi) Caro Aristide, cara Clarissa, adesso che vi trovate, come si dice: “nel mondo della verità” certamente mi capirete. Io mi sono indebitato per questo teatro e se questa commedia non si fa, non potrò incassare e quindi, pagare Gennarino ‘a Cravatta e si nun ‘o pavo, chillo m’accire e me manna direttamente addo vuje.

Leonora

(scoraggiato a Leonora) Io t’ ‘o ddicevo che sta cummedia nun la dovevamo fare!

Ugo

Nossignore! Sta cummedia s’adda fa! Pecchè si l’arrevamme a fa ce rignimme ‘e sacche chin’ ‘e sorde?

Leonora

(impaurito, guardandosi attorno) Si l’arrevamme a fa!?

Ugo

(parlando ai fantasmi) Guè! Facitece fa sta cummedia! Ci siamo capiti? Si no si a Luca lo uccide ‘o cravattare, io so’ capace ‘e m’ accirere sul’io accussì addeventamme fantasmi pure nuje e vi veniamo a trovare… e state sicuri che ‘a vita vostra da vivi è stata ‘na villeggiatura a confronto ‘e chelle che vi faremo passare da morti! Ci siamo capiti? Leono’, jamme ‘o bar, s’è spustat’ ‘a nervatura, m’aggia piglià ‘na cosa! (scendono le scalette e percorrono il corridoio del teatro)

Luca

(ai due che si allontanano) Guè, un quarto d’ora e riprendiamo.

Luisa

(al tecnico, in platea) Luciografo, stute tutte cose… t’ ‘o ddico io quando ll’hè appiccià.

Si spengono le luci…                                                                  

Fine 1° Atto

Secondo Atto

Scena: La stessa. Il sipario è rimasto aperto; è buio.

Luca

(entra) Qua non si vede niente! (rovina sul carrello) Maronna! (grida al tecnico luci) Ma è cosa chesta!? Ll’appicce ddoje luce!? (il tecnico accende, letteralmente, solo 2 fari; deluso) guagliò, ma ‘a pave tu ‘a currente? Io dico due fari e quello accende uno e due fari! Ma quanno te fai ddoje risate che fai “ah-ah “ e basta!? Appiccia tutt’ ‘e fari... al cento per cento! (si illumina tutto. Verso le quinte)  Ci siamo tutti?

Marco

(entra dal fondo) È certo! Io non mi sono mosso da qui, Luca non mi sono allontanato nemmeno un secondo, tu lo sai, io sono sempre pignolo quando lavoro.

Luca

(infastidito) Bravo, adesso va a riprendere il tuo posto e stai pronto.

Marco

Si vado. (sta per uscire e si scontra con Gaetano che entra dal fondo)

Gaetano

(infastidito) Sto qua! (a Marco) Maronna, ma tu stai sempe mmiezo!?  Luca, io sono pronto, pure gli altri so’ pronti…

Tutti gli altri attori, facendo capolino e rientrando, chi da una porta chi dall’altra, a soggetto affermano la loro presenza.

Alberto

(entra, seguito da Sara) ‘O ssaje bbuone! Da te non voglio niente! Ll’hè capite o no?

Sara

(seguendolo) Ma pecchè, teng’ ’o scartiello io?... so’ brutta io?... fosse troppo chiatta?... o fosse troppo secca?

Alberto

(al limite) Sara, sì troppo scassa ca... (si frena) E po’  t’aggia ritto ca t’hè a sta ferma cu ‘e mmane! Sei troppo aggressiva. (agli altri) Maronna, io nun c’ ’a faccio cchiù!

Sara

Ma pecchè fai accussì? ... Fai che non ti piacciono le donne?

Alberto

Nossignora, a me le donne piacciono, mi piacciono assai!

Sara

Allora sono io che non ti piaccio? Perché, che cosa ho che non va? (mostrandosi) Guagliò, chesta è tutta roba ‘e primma qualità, tuocche, vire comm’è fresca, vire comm’è bella.

Alberto

Ma che stai venneno ‘a carne!? Sara, io sono Alberto Minetti e sto interpretando il ruolo di Alex Ruini e tu sei Sara Peluso nella parte di Gaia Improta. Non ti confondere! È Alex che vuole fare all’amore con Gaia, Alberto invece a Sara nun ‘a pensa proprio!

Sara

Ma tu lo sai che mi stai offendendo? Ma che te crerisse, ca fusse l’unico uomo della terra? Davanti alla mia porta ce sta ‘na fila ‘e cient’ ’e ssirece chilometri ‘e uommene che me vulessene.

Alberto

E a chi aspiette? Arape ‘a porta e fa trasì ‘o primmo.

Sara

(indispettita) E io mo accussì faccio: mi do al primo che mi trovo avanti. (si gira e si trova davanti Luca) No, tu no! (si gira e incontra Gaetano) No, tu no! (sta per uscire, ma si scontra con Marco)

Marco

Scusa. Ti serve qualcosa?

Sara

E tu che tiene ca me può dà!?

Luisa

(entra, arrabbiata a Tore) Tu devi andare dove ti ho detto io. Hè sta ccà! Ccà s’adda accuncià pecchè vai ‘a llà?

Tore

Me ha scusà Luisè, me so’ sbagliato. Aggia perz’ a strada.

Luisa

E che stai ‘o centro e New York!? (indica il soffitto) Sagli llà e fernisce ‘a toneca sott’ ‘a graticcia.

Tore

Ma stanne pruvanne, io nun vuleve dà fastidio.

Luisa

Ma qua’ fastidio. Fatica nun te preoccupà.

Luca

(all’apice del nervoso) Guè! E basta mo! Se permettete se mi dà fastidio lo decido io. Basta! Io so’ ‘o regista e cumanno io! Alberto! Sara! Andate a mettervi al vostro posto. (i due eseguono sottomessi e frettolosamente)  Mettetevi tutti in posizione. Fuori chi non è di scena... (gli altri a soggetto escono, Luca si siede sulla sua sedia in proscenio) Riprendiamo. (è rimasto solo in scena) E gli attori dove stanno?

Gaetano

(con timore entra dal fondo) Luca, non possiamo riprendere.

Luca

E perché?

Gaetano

Io questo ti stavo dicendo, Ugo e Leonora non ci sono ancora.

 

Marco

(entra spintonando Gaetano) Luca, so’ gghiute ‘o bar ancora devono tornare.

Luca

(arrabbiatissimo) Gliel’ ho avvisato pure! Nun ce sta niente ‘a fa: quando uno nasce quadro nun more tunno! Sempe ‘o stesso vizio, sempre in ritardo. Sicuramente è colpa ‘e Ugo! È isso che fa sempe ritardo. Chillo pure quanno nascette facette aspettà ‘a mamma, ‘o ginecologo e tutt’ ‘a razza soia: ce mettette durece mise. Ma chesta ‘e l’ultima volta che lavora con me... m’ hanna taglià...

Gaetano

Nun ‘o ddicere! L’ultima commedia dicist’ ‘o stesso e mo l’hè chiammate n’ata vota.

Luca

Veramente io non l’ho chiamato.

Gaetano

‘O ssaccio, tu hè chiammat’ ‘a (con malizia) Leonora e Leonora senza Ugo nun veneva e allora…

Luca

(offeso) Guè! Non vi permetto nessuna allusione…

Leonora

(dalla platea, trascinando Ugo, Oreste e Cinzia li seguono) Luca, sto ccà!  Ugo fa ampresse.

Ugo

Nun me tirà, io care.

Luca

E chesto è chello che t’aggia ritto?

Ugo

Scusa, t’ ‘o ggiuro, nun è stata colpa mia, dint’ ’o bar ce steva ‘nu mare ‘e gente, me pareva ‘o San Paolo ‘o tiempo ‘e Maradona. (raggiungono il palco)

Leonora

Si, pe’ ce piglià ‘nu cafè...

Luca

Avete sfruttato il contropiede! Iamme belle, jà! Riprendiamo queste benetette prove.

Leonora

(boriosa) Oreste e Cinzia mi hanno accompagnato al bar, Lulù, nel bar c’era una folla! Poi mi hanno chiesto l’autografo; e che facevo, non glielo davo? È vero Oreste?

Oreste

L’autografo? Chillo, comm’ t’ha cunusciute, t’ha afferrate e t’ha chiesto ‘e sorde!

Leonora

(in imbarazzo) Nossignore! Mi ha riconosciuta e mi ha chiesto l’autografo.

Cinzia

E t’ha fatte mettere ‘na bella firma sott’ ‘a ‘na cambiale!

Leonora

Ma quale cambiale!? Quella era una mia fotografia.

Oreste

E nun sì venuta bbona! Cu ‘a curona ‘ncapa e piccerella piccerella dint’ ‘a n’angolo, nun staje tanta bbona.

Cinzia

Hè cunusce bbon’ ‘e cambiale tu, èh!?

Oreste

(indicando Cinzia) Ne tengo sempe una appriesso!

Luca

Basta! Tutti quanti ai vostri posti. Dove eravamo rimasti?

Ugo

(senza intonazioni, velocemente) “È certo, che m’ ’e vaco a piglià io. Da te non voglio niente.”?

Luca

(riprendendo il suo posto) Si, da lì. Fuori chi non è di scena!

Gli altri escono. Ugo e Leonora restano in scena nelle stesse posizioni di quando hanno interrotto. Nella parte di Antonio e Maria…

Maria

(riprende)  È certo, che m’ ’e vaco a piglià io. Da te non voglio niente. (va nello sgabuzzino)

Mario

(è Marco Imposimato, entra, è tutta un’altra persona: sicura di sé, sembra addirittura più alto; tiene per mano Anna De Curtis, nell’altra mano ha una valigetta; Anna interpreta Giulia Forte: timida, cerca di nascondere il volto e a volte si nasconde dietro Mario) Buonasera!

Antonio

(saluta e corre dietro il banco) Buonasera, signori, in che posso servirvi?

Mario

(ironico e risentito) Due cappuccini e due cornetti!

Antonio

(non capisce) Il bar sta affianco, avete sbagliato.

Mario

(con autorità) Non faccia lo spiritoso!  Secondo voi, io vengo in un albergo e ordino i cappuccini e i cornetti?

Antonio

Vuie accussì avite ditto! Io che ne saccio?

Mario

Io so bene quello che faccio e quello che dico e non mi sbaglio mai! Sono entrato in un albergo e quindi non voglio altro che una camera.

Antonio

Ed io nemmeno mi sbaglio e se mi chiedete una camera non vi do due cappuccini e due cornetti.

Mario

E allora mi dia una camera.

Antonio

E lei mi dia i documenti. I suoi e quelli della signora.

Mario

(estrae dalla tasca due carte d’identità) Eccoli, i miei e quelli della signora. (li dà ad Antonio)

Antonio

Un attimo che registro e vi do la chiave. (registra)

Giulia

(tirando a se Mario per un braccio, si allontanano dal banco) Mario, io ho paura! Mi stanno venendo gli scrupoli.

Mario

Giulia, bella mia, ormai è troppo tardi per gli scrupoli. Il dado è tratto!

Antonio

(origliando, tra se) Mo se fanne ‘o brore.

Giulia

Hai capito chi sono io? Io sono la moglie del tuo più caro amico e poi sei anche il suocero di mio figlio.

Antonio

(c.s.) Ua’! Anche i ricchi piangono!

Mario

Se è per questo non dimenticarti che sono anche il marito della tua più cara amica.

Antonio

(c.s.) Beatiful!

Mario

E allora? Dà retta a  me, non preoccuparti. Tu hai bisogno di un uomo tutto d’un pezzo! Altro che tuo marito! Sergio, è più adatto ad essere un buon amico, che un grande amante. E tu hai bisogno di un maschio, uno sicuro di sé, virile, come me. Stai sacrificando tutta la vita con lui che ti fa sentire solo donna e madre, ma tu hai bisogno di sentirti femmina, e lo sei, sei femmina fino al midollo, il tuo sangue bolle, lo so, lo sento... non senti anche tu il gorgoglìo del bollore?

Antonio

(c.s.) Sta vullenne ‘o brore, calatece ‘a pasta!

Giulia

(eccitata, frenandosi) Si... cioè no, Mario non fare così!… Non dire queste cose lo sai che mi fanno effetto e poi… non riesco a frenarmi... mi accendo, mi accendo e poi... (cede, si abbandona) Hai ragione, fa presto, approfitta di questo mio momento di debolezza, prendi la chiave.

Maria

(mentre i due parlavano, esce dallo sgabuzzino e dà una chiave ad Antonio, facendo capire, a gesti, che non riesce ad aprire il mobiletto delle lenzuola; Antonio, prendendo la chiave, sempre a gesti, le fa segno di stare al suo posto, va nel ripostiglio, Maria resta al banco)

Mario

La chiave! Si, io sarò il tuo Tinto Brass! (si gira per parlare con Antonio, ma si trova di fronte Maria. Si blocca, confuso. Maria gli fa un sorriso di cortesia e saluta con la mano; lui, confuso, fa lo stesso, poi a Giulia) Giulia, scusa, hai visto anche tu, prima, il portiere?

Giulia

Si.

Mario

Era maschio?

Giulia

Si, era un signore… era maschio. Ma perché mi fai queste domande?

Mario

Perché, adesso, il portiere e femm… (vorrebbe indicare Maria, ma, nel frattempo, Antonio, avendo risolto, manda Maria dentro a prendere le lenzuola. Mario resta impalato, si stropiccia gli occhi, poi ad Antonio) Scusi, ma lei è maschio, vero?

Antonio

(sospettoso) Perché, non si vede?

Mario

Si, mi scusi, adesso si, ma prima… io avrei bisogno… mi scusi... lei è proprio maschio?

Antonio

Io la scuso, per carità, ma lei scusi anche me, lei sa come mi chiamano? “Antonio ‘a trivella!”… (crede di capire e sospettoso) aaah!... probabilmente ho capito dove volete arrivare e ho capito, pure, di cosa avete bisogno, ma... mi scusi, non è cosa.

Mario

Non è cosa, cosa?

Antonio

Non è cosa, la cosa, che avete pensato di fare. A me, le cose a tre, non piacciono.

Mario

Ma che state dicendo, che avete capito?

Antonio

Ho capito quello che dovevo capire. Signor… come-vi-chiamate!… (legge dalla tessera) Mario Improta, prendetevi la signora… (legge la tessera) Giulia Forte e andate nella camera (gli dà la chiave) 103! E sentite a me: in due già siete una folla!

Mario

Lei è uno scostumato e uno screanzato! La sua fortuna è che, qui, io ci sono venuto per fare ben altre cose e non posso perdere tempo a litigare con un portiere che non si capisce, nemmeno, se è maschio o e fem…

Maria

(esce di corsa illuminata in viso, posa le lenzuola sul banco e saluta) Buonasera sigor Improta! (corre a stringergli la mano).

Mario

(man mano si spiega l’accaduto e ride; a Maria) Lei stava… (ad Antonio) e poi lei… ed io… scusate… adesso ho capito… scusate (ridendo, insieme a Giulia entrano nella “103”)

Giulia

Ma ti senti bene?… Perché fai così?… Mario, accussì me fai mettere paura. (entra nella “103”)

Antonio

Meno male che ha capito isso! Marì, ma tu, a chillo,  ‘o conusce?

Maria

(imbambolata guarda la porta della “103”) Lo conoscevo solo di nome, adesso lo conosco pure di persona. Maronna, che furtuna! Io comme aggia sentute Mario Improta steve carenno io e ‘e lenzole dint’ ‘o stanzino.

Antonio

(meravigliato) Furtuna!? Ma pecchè, chillo chi è?

Maria

(c.s.) E’ Mario Improta, tu nun capisci niente! Quello è il grande regista che mi deve fare il provino domani!

Antonio

Aaaah! Tu perciò te lo stai “visionando” ‘e chesta manera!?

Maria

(c.s.) Capisci, ne ho sentito sempre parlare e non l’ho mai visto, chesta è ‘a primma vota che ‘o veco!

Antonio

Ho capito: chesta è ‘a primma visione.

Maria

(su di giri) Antò, chest’ è ‘a furtuna che sta bussanno alla mia porta! Antò, mo che fernesce ‘e fa... chello ch’ è venuto a fa... io lo fermo e gli parlo.

Antonio

E che lle dice?

Maria

Lle dico... che lle dico?... facimme ‘na cosa: comme esce tu me chiamme, io me priparo, me metto ‘o vestito che me aggia mettere p’ ‘o pruvino, esco e lle canto ‘a canzone. Che ne pienze?

Antonio

Si... tu la canti bene... sì brava... però...

Maria

Però, che cosa?

Antonio

Però, io credo che se vuoi raggiungere qualche risultato, comme, ‘o regista esce dalla camera, tu ‘o piglio, ‘o stupedisce, ‘o faje trasì ‘nata vota dint’ ‘a cammera e... con le tue arti femminili puoi arrivare più lontano che con le tue arti artisiche. Io penso che Mario Improta è più sensibile alle cantanti che alle canzoni, hè sentute che vuleve a me?

Maria

Comme, aggia sentute! Ma cu’ mme ha sbagliato indirizzo. Invece tu pecchè non hai accettato?

Antonio

Marì, io ‘sti schifezze nun ‘e faccio!

Maria

Chi, tu? Tu, ‘ncapo, tiene sempe e sulo ’na cosa e cirche sempe e sulo ‘na cosa! Pecchè hè ditto no, pecchè steve io presente? Nun te preoccupà, io faccio finta ‘e nun sapè niente, va, va… va a fa ‘o puorco!

Antonio

Puorco, a me! Tu, ‘e me, nun hè capito niente! ‘Ncapo a me ce sta una sola cosa... ‘a toia!

Maria

(ha un sussulto di disappunto ma anche di eccitazione) Antò, ferniscela!

Antonio

Ma ‘o vuò capì o no? Pe’ mme tutte le altre donne sono come fantasmi, sono ombre camminanti. Invece tu sì ‘e carne, e che carne! Tu sei profumo che me trase dint’ ’o naso e me saglie dint’ ’a cervelle e nun me fa capì cchiù niente. Tu sì, stì capill’ ’e seta lucente, sì uocchie che arraggionano, sì vocca ca me cerca…

Maria

(c.s. prende le lenzuola e il secchio e ramazze, e scappa nella “102”) Tu sì pazzo e nun saie chello che stai dicendo.

Antonio

(canta) Io lavoro e penso a te…

            torno a casa e penso a te…

            po’ m’addormo e dint’ ’o suonno, sonno a te…

            ma che te costa, ammore mio, pe’ nun me fa suffrì…

            me basta sulo ca me dici si…

Carmela

(è Lara Capobianco; tiene per mano Sergio Ruini, interpretato da Gaetano Miceli; nell’altra mano ha una grossa borsa;  trascina, letteralmente, il povero Sergio) Vieni… me stai facenno surà sana sana!

Sergio

(cercando di liberarsi) No, Carmela, fallo per carità, non stiamo facendo una cosa bella. Non lo dobbiamo fare.

Carmela

Non lo dobbiamo fare!? Io non lo devo fare e isso si!? “Cara, stasera devo uscire con Sergio, torno tardi!” Esce con Sergio... Ma comme fai ad uscire con Sergio, si Sergio adda ascì cu’ mme?... Sicuramente, a quest’ora, starà in qualche infimo alberghetto in compagnia di una squallida puttanella! Si, squallida puttanella! Perché solo una puttana può uscire con un uomo sposato e con una figlia di ventun’anni!

Sergio

(c.s.) Carmela, non è per contraddirti, ma, ti voglio far notare che, noi adesso, siamo in un alberghetto e che io sono sposato e ho un figlio di ventun’anni.

Carmela

(colpita, si riprende) E che significa!? La mia è una reazione. Io lo faccio per ripicca, per ripagarlo con la stessa moneta!

Sergio

(c.s.) Carmela, sii ragionevole, ti invito alla temperanza! Mario, tuo marito, è il mio migliore amico! E Giulia, mia moglie è la tua migliore amica! Stai per cornificare la tua migliore amica e mi stai costringendo a cornificare il mio migliore amico.

Carmela

Ma a te non ti rode che, il tuo migliore amico, in questo momento, sta cornificando me?

Sergio

Si, mi dispiace per te, ma, io sono solo l’amico, non sono la moglie.

Carmela

Già, a te che importa se Mario mi sta mettendo le corna!

Sergio

Mi dispiace! Facciamo una cosa, adesso andiamo via, ti prometto che come vedrò tuo marito, gli farò sapere il mio disappunto, capisci  che io, un semplice amico, non posso andare a letto con la moglie perché lui va a letto con un’altra!

Carmela

E invece si! Adesso stai zitto. (ad Antonio) Buonasera, ci dovrebbe essere una camera prenotata dal signor Sergio Ruini.

Antonio

(nel frattempo si è messo al banco e divertito seguiva l’azione) Si, certo, il signore ha telefonato poco fa. Vogliono, per favore, favorire un documento?

Carmela

(fruga nella borsa e ne estrae una carta d’identità) Prendete! (a Sergio) Dammi la tua carta d’identità.

Sergio

No!

Carmela

(lo fruga e prende lei la carta d’identità) Ah no!?… dammi qua!… (ad Antonio) Prendete.

Antonio

(trascrivendo i dati, incuriosito a Sergio) Lei ha un figlio di ventun anni?

Sergio

(sorpreso) Si, lei che ne sa?

Antonio

Involontariamente, prima, mentre parlavate, ho sentito.

Sergio

Ah, quindi conoscete tutta la situazione?

Antonio

Involontariamente, si.

Sergio

Mi ha costretto lei a telefonare, io non volevo.

Antonio

Involontariamente, ho capito anche questo.

Carmela

Senta, ma lei,  volontariamente, perché non si fa un po’ i fatti suoi?

Antonio

Certamente! Signora non si preoccupi. Faccio questo mestiere da diversi anni e so essere discreto. Io sono una tomba! (le porge la chiave) La “104” è tutta vostra.

Carmela

(prendendo la chiave) Grazie. (a Sergio) Andiamo?

Sergio

(solenne) Carmela, prima di varcare quella soglia, sento il dovere di dirti che io non ti amo! Questa sera tu avrai il mio corpo, ma il mio cuore è e resterà sempre di Giulia!

Carmela

(solenne) Sergio, prima di varcare quella soglia, sento il dovere di dirti che del tuo cuore... non me ne fotte proprio niente! (lo trascina nella “104” e chiude)

Antonio

(segue i due, parla verso la camera) Gesù Cristo dà ’o pane a chi nun tene ‘e riente! Signor Sergio, ‘a signora ‘o vvo’ e tu dancelle! Te servesse ‘na mano!?

Maria

(esce col secchio e ramazze dalla “102” e osserva Antonio presso la “104”) Mo te miette a guardà pure ‘a dint’ ‘o buco da’ serratura!? Ma si’ proprio nu puorco!

Antonio

(sobbalzando) Mari’, tu stai ccà!? Ma ch’ hè capito!? Io li ho accompagnati alla porta... Mari’, ccà dinto ce stanno dduje che so’, precisamente, ‘o cuntrario e nuje: essa ‘o vvo’ e isso nun ce ‘o vvo’ dà! Si stesse io ‘o posto e’ chillo...!

Maria

(ironica) Essa nun  ‘o vulesse cchiù!

Antonio

Mari’, chi disprezza vuol comprare!

Maria

Tu fatte accattà a chi nun te sape!

Antonio

Tu perciò mi piaci: si’ battagliera, ferrigna, ll’ ultima è sempe ‘a toia.

Maria

Anto’, nun accumincià e famme ‘nu piacere... pigliami ‘a carta d’identità ‘e Mario Improta.     

Antonio

Per te questo ed altro. Ma che ne devi fare?

Maria

Voglio vedè quanno è nato, addò sta ‘e casa... so’ curiosa, pigliamella!

Antonio

(prende una carta d’identità e la porge a Maria) Tie’, questo è tutto quello che vuoi da me?

Maria

(guardando il documento) Ma che m’ hè dato? Chesta è femmina! Si chiama Gaia... (si blocca, legge) Improta... di Mario! (allarmata) Antò, ‘a guagliona... ‘o cane... insomma quella che sta qui dentro (indica la “101”) è ‘a figlia del regista.

Antonio

E già: Gaia Improta, Mario Improta... (pensa, preoccupato) Ma allora... (prende gli altri documenti e li sparge sul banco)

Maria

C’hè passato? Che stai facendo?

Antonio

Marì, questo non è un albergo, questo è un campo di battaglia. I Monteti e Capulecchi… cioè, i Capulenti e i Montolecchi... insomma, Giulietta e Romeo e le loro famiglie stanno qua!

Maria

Gesù… (accorre al banco, leggendo) Mario Improta… Gaia Improta… Sergio Ruini… Alex Ruini. Chiste so’ pate e figli!

Antonio

(porgendo le relative carte d’identità) E nun è fernuta! Carmela Pezzella è ‘a mugliera ‘e Mario Improta, nonché, ‘a mamma ‘e Gaia Improta!… E Giulia Forte e ‘a mugliera ‘e Sergio Ruini e quindi ‘a mamma ‘e Alex Ruini!

Maria

(innocente) Embè!? So’ ddoje famiglie ca se so’ scucciate ‘e sta ‘a casa e hanno voluto provare l’emozione dell’albergo.

Antonio

Marì, tu nun hè capito niente!

Maria

No, io aggia capito, si tu ca te sì spiegato ‘na meza zoza!

Antonio

Mo’ t’ ’o spiego meglio, viene ccà! (mostrandole le carte d’identità) ‘O vire a chisto? È ‘o pate ‘e chisto. Chist’ato, invece, è ‘o pato ‘e chesta. Chesta è ‘a mugliera ‘e chisto e chest’ata è ‘a mugliera ‘e chist’ato! Hè capito?

Maria

Aggia capito! Embe’!?

Antonio

Marì, mo’ me so’ spiegato bbuono, si tu ca hè capito ‘na meza zoza! (indicando le camere) Llà dinto ce sta (indicando le carte d’identità) ‘o marito ‘e chesta cu ‘a mugliera ‘e chisto. Lla invece ce sta ‘a mugliera ‘e chisto cu ‘o marito ‘e  chesta e llà ce stanno i loro rispettivi figlio e figlia. He capito, mo’?

Maria

Antò, mo aggia capito: questo albergo è diventato ‘na sporta ‘e maruzze!

Antonio

Finalmente!? Ccà, si qualcuno se ‘ncoccia, scoppia ‘a terza guerra mondiale!

Maria

Ma qua’ guerra! Si Mario Improta scopre che ‘a figlia sta llà (indica la “101” ) e ‘a mugliera (indica la “104”) llà. Dimane me vere a fa ‘o pruvino, e a me, me manna a ffa... llà! Hè capito! Mo sai, che faccio!? Mo, nun me faccio vedè, me ne fuje!

Antonio

Ma che vuò fuì! Dobbiamo restare qui! Dobbiamo impedire che si incontrino.

Maria

Ah, si!? (pensa) Anto’... forse è meglio che me ne vaco!

Antonio

Marì, si chiste s’appiccicano, va a fernì ca ce scappa, pure, ‘o muorto, vene ‘a polizia e tu ‘o pruvino dimane cu chi ‘o faje?

Maria

(decisa e allarmata) No, no! Che polizia!? Che stai dicendo!? Io dimane aggia fa ‘o pruvino!... io senza ‘o pruvino comme faccio?

Antonio

Fa ‘na cosa, va a pusà stu secchio e ramazze e viene subito qua. Stasera te ne vaie cchiù tarde.

Maria

Cchiù tarde? Antò, io me metto paura ‘e cammenà dint’ ’o scuro!

Antonio

T’accumpagn’io, nun te preoccupà.

Maria

M’accompagni tu!?... E io, ‘e chesto, me metto paura!

Antonio

Ma qua’ paura, Marì! Io nun t’ ’o riesco a fa cu ‘a luce, t’ ’o faccio dint’ ’o scuro? Va, va a pusà sta rrobba e curre subito ccà!

Maria

Mo vaco, subito faccio. (esce dal disimpegno e, come da copione, dovrebbe girare a sinistra, ma si trova Oreste e Cinzia davanti e gli rovina addosso)

Oreste

(dolorante) Maronna! M’ha scassate tutt’e ddoie rotule!

Cinzia

(dolorante) Maronna! Che fortuna, me n’ha scassate sol’una!

Luca

(alzandosi) Ma vuie che ce facite llà!?

Oreste

(c.s.) Luca, dobbiamo entrare noi. Questa è la nostra scena.

Luca

(ad Augusto) Augu’, devono entrare adesso?

Augusto

Ma quando mai! Devono aspettare la mia battuta: devo andare al banco, poi ho un’altra battuta ed entrano loro.

Luca

Nientedimeno, alle prove generali, non sapete ancora quando dovete entrare?

Cinzia

Io ce ll’aggia ritto a stu ‘nzallanuto! “Nossignora, dobbiamo entrare adesso!”  E trasimme. Che bella figura ‘e mmerda me fatte fa!

Oreste

Allora quando dobbiamo entrare?

Augusto

Ore’, devi entrare quando dico: ”... Ccà va a ferni ca cu ‘a terza botta me manneno ‘o criatore!” Hè capito?

Oreste

Si, si... mo m’arricordo... me manneno ‘o criatore e entriamo. Hai capito Cinzia? (esce)

Cinzia

Io avevo capito pure prima. Ccà si ce sta uno che adda capì, chillo sì tu! M’arraccumanno: me manneno ‘o criatore e usciamo. (esce)

Luca

M’arraccumanno! Se sbagliate un’altra volta, ‘o criatore ve mann’io! Eleonora, per favore, vuoi ripetere l’uscita?

Eleonora

(ironica, falsamente disponibile) E comme, no!? Noi stiamo qui per questo. Però, ancora devo capire se questa è una compagnia teatrale o l’ospizio comunale! Comunque, andiamo avanti. (si prepara e recita) Mo vaco, subito faccio. (esce dal disimpegno e gira a sinistra)

Antonio

(aggiustando i documenti) Nun voglia mai ‘o Signore ca chiste scoprono di stare tutti qui! Io, oggi, già aggia acchiappate doie botte: una ‘ncapo e n’ata sulla delicatezza. Ccà va a ferni ca cu ‘a terza botta me manneno ‘o criatore!

Dante

(è Oreste De Falco che tenendo sotto braccio Cinzia Peretti, nel ruolo di Beatrice Santella, entrando, cortesemente domanda) Scusi!

Antonio

(ancora occupato a mettere a posto, alza la testa e meravigliato) Avete sbagliato, l’INPS è due palazzi più giù, ma a quest’ora hanno chiuso.

Dante

(risentito) E che devo fare io con l’INPS?

Antonio

All’INPS, non lo so! La domanda per la pensione, dovete lamentarvi per qualche ritardo dei pagamenti, insomma… nun ‘o saccio!

Dante

Noi non abbiamo bisogno dell’INPS!

Antonio

Va bene! Ma, penso, che voi non avete, neanche, bisogno di un albergo come questo.

Dante

Perché, che cos’ha quest’albergo?

Antonio

Questo albergo si chiama “Ore Liete”. Non so se mi spiego. E penso che voi avete più bisogno di ore serene, che di ore liete. O no?

Dante

Ma cosa ne vuol sapere lei dei nostri bisogni? Giovanotto, mi faccia il piacere di fare il suo mestiere che ai nostri bisogni ci pensiamo noi.

Antonio

(meravigliato) Ma allora, voi siete qui, perché volete  una camera?

Dante

(ironico e indispettito) No! Siamo qui per vedere la bella faccia che avete! (imperativo) Dateci una camera e fate presto!

Antonio

Subito! Signor…?

Dante

Dante Improta.

Antonio

(ripete) Dante Improta. (spaventato) Improta?

Dante

Si, che meraviglia vi fa?

Antonio

(con discrezione) Scusate se mi permetto, signor Improta, lei ha un figlio di nome Mario?

Dante

Si, lo conoscete?

Antonio

(si agita, sbianca) Si… cioè… diciamo che l’ho conosciuto da poco… molto poco. Che brava persona, è tale e quale a lei… le assomiglia, non è vero?

Dante

Si, molto! Da me ha preso… come dire… la mascolinità, la virilità! Ditemi la verità, è un vostro assiduo cliente, vero?

Antonio

(imbarazzato) Vostro figlio?… e si… assiduo, mo... qualche volta è venuto, ma non lo vedo da parecchio! Voi della famiglia Improta siete battaglieri, venite da una famiglia di cacciatori?

Dante

(con orgoglio) Giovanotto, che vuole che le dica: ho una collezione di “paperelle” da fare invidia, persino, a Casanova!

Antonio

(sottovoce) E la signora è l’ultima paper… (si corregge) l’ultima sua preda?

Dante

Non si preoccupi, gridi pure, Beatrice è sorda come una campana. (a Beatrice) Beatrice, (indica Antonio) è il portiere!

Beatrice

Alice ‘nturtiera? No grazie, a quest’ora me fanno male, restano n’copp’ ’o stommaco!

Dante

Ha visto!? Capisce sempre una cosa per un’altra.

Beatrice

Dante, ma dov’è il belvedere?

Dante

Quale belvedere?

Beatrice

Come?! L’hai detto tu, ti sei scordato? Hai detto: “A Capua ci sono i gigli andiamo ad Albenga, lì c’è pure il  belvedere.”

Dante

(con pazienza) Ma che hai capito!? “A casa ci sono i figli, andiamo in albergo, lì nessuno ci può vedere.”

Beatrice

Ma po’, tutti sti gigli, addò stanno? A casa tua? A casa mia non ce ne sta nemmeno uno.

Dante

(c.s.) Figli, non gigli, figli! Tu con chi vivi? Con tuo figlio Sergio… Sergio, mi capisci?… Tuo figlio Sergio Ruini!

Antonio

(sbalordito) Pecchè, ‘a signora è ‘a mamma ‘e Sergio Ruini?

Dante

Perché, conoscete pure Sergio? Mi fa meraviglia! Un uomo così compito!

Antonio

(agitatissimo) Da poco… lo conosco da poco! Signor Improta, voi volete una camera? (corre a prendere la chiave, sempre frettoloso) Tenga, questa è la chiave e quella e la camera: la 102. Andate, andate!

Beatrice

Ma siamo arrivati a Lourdes?

Dante

A Lourdes? Perché, dovevamo andare a Lourdes?

Beatrice

Comme, tu mi hai detto: “Vieni con me che ti faccio vedere il miracolo”? E a Lourdes se fanno ‘e miracoli!

Antonio

(frettoloso e agitato, prende la signora sotto il braccio e l’accompagna verso la “102”) Signò, venite, per i miracoli, da questa parte, levateve ‘a miez’ ’a currente, trasite. Signor Improta accomodatevi.

Dante

Grazie, ha visto come è ingenua? Io per questo l’ amo; per l’ingenuità! (entra)

Antonio

(chiude la porta e appoggiandosi ad essa, sospirando, si asciuga il sudore) Ingenuità!? Ma qua’ ingenuità! Chella è nzallanutaggine!

Maria

(entra) Antò, t’aggia sentuto ‘e parlà, ch’è succieso?

Antonio

Stasera nun sto’ capenno niente! Marì, (indica la stanza 102) Sono venuti, pure, i capostipiti!

Maria

(non capisce) I capo che?

Antonio

Ccà dinto ce sta ‘o pato e uno e ‘a mamma ‘e n’ato! Uno è cacciatore ‘e papere e chell’ata nun sape neanche si è viva o è morta. Ccà dinto ce sta Dante e Beatrice.

Maria

(ironica) E aspettamme n’atu ppoco, accussì vire ‘e veni pur’ a Paolo e Francesca e  a Giulietta e Romeo. Antò, ma che stai dicenno?

Antonio

Ccà dinto ce sta ‘o pato ‘e chisto (indica la porta della stanza “103”) che, a sua volta , è ‘o pato ‘e chesta (indica la stanza “101”), però è pure ‘o marito e chest’ata (indica la stanza di “104”), la quale sta ccà dinto cu ‘o figlio ‘e chesta (indica la porta “102”), che  poi sarebbe ‘o pato ‘e chisto (indica la porta “101”) e suo suocero sta ccà dinto insieme (indica la camera “103”) alla mamma.

Maria

Gesù, s’è chiuso dint’ ’a cammera ‘nsieme ‘a mamma!?

Antonio

‘A mamma ‘e chi?

Maria

‘A mamma do’ suocero.

Antonio

Marì, ma ch’è capito? ‘O suocero veneve in albergo insieme ‘a mamma!?

Maria

Tu accussì hè ritto!

Antonio

Accussì aggia ritto!?

Maria

Può darsi.

Antonio

Comme, può darsi? Aggia ritto accussì o no?

Maria

Antò, ma tu che vuò ‘a me!? Tu m’hè mbriacato tutt’ ’e cervelle. T’aggia dicere ‘a verità!? Io sto chin’ ‘e paura, sto tutta agitata, nun aggia capito proprio niente.

Antonio

E nun fa niente. Basta che stai qui. Poi ti faccio capire dopo.

Mario

(in pigiama, esce dalla “103”; ad Antonio) Scusate ma gli asciugamani, in quest’albergo, non ci sono?

Maria

(correndogli incontro, impaurita, con cortesia lo spinge nella camera) E vuie che facite ccà fora? Andate dentro! 

Mario

(sorpreso) Gli asciugamani!?

Maria

(c.s.) Adesso ve li diamo. Vuie trasite dinto e chiurite ‘a porta.

Mario

(c.s.) Ma perché, che è successo?

Maria

Ccà ffora fa fridde! Vuie vi siete messo cu stu’ pigiamiello fino fino ncuollo, ve vulite fa venì ‘na cosa? Chiudetevi dentro, mo piglio gli asciugamani e ve li porto… io busso, voi aprite, v’ ’e pigliate e richiudete subito. Sta ‘nu viento ccà ffora, me pare Trieste!

Mario

(c.s.) Va bene, come siete premurosi, allora aspetto dentro.

Maria

Bravo, aspettate dentro. (chiude la porta) Sta nu friddo ccà ffora ca… sto suranno sana sana!

Antonio

(con ammirazione) All’anima! E tu sei quella che ha paura!?

Maria

(correndo al banco per prendere gli asciugamani) Io m’arricordo che l’aggia mise! E’ possibile che me  so’ scurdate gli asciugamani!?  Per colpa tua. Mi distrai, me vutte ncopp ’’o lietto, puose l’uocchie ncopp’ ’o ddoce mio e io nun saccio si l’aggia mise o no. (prende gli asciugamani dallo sgabuzzino, sta per porgerli ad Antonio…)

Alex

(in boxer e canottiera, esce dalla “101”) Scusate…

Antonio

(correndogli incontro, impaurito, lo spinge nella camera) Entrate dentro! Che ce facite vuie ccà ffora? Non avete visto che c’è una signora? Uscire in mutande, mezzo nudo, senza vergogna!

Alex

(mortificato, con la testa fuori) E’ vero, scusate, non sapevo che c’èra una signora.

Antonio

E che significa? Pure si nun ‘o ssapiveno, ve pare normale uscire in queste condizioni in una hall di un albergo?

Alex

(c.s.) Avete ragione, scusate. Volevo solo chiedervi…

Antonio

(prende gli asciugamani da Martia e glieli porge) Gli asciugamani! ‘O ssaccio, la cameriera ha dimenticato di metterli, eccoli qua!.

Alex

No, gli asciugamani ci sono, anzi, ce ne sono due paia.

Maria

(ad Antonio, riprendendosi gli asciugamani) Hè visto che l’aggia miso. Io nun me scordo niente!

Antonio

Diciamo che li hai presi, ma li hai distribuiti na meza zoza!

Alex

(sottovoce ad Antonio) Volevo chiedervi se… per caso… io me lo sono scordato… avreste un… (parla all’orecchio di Antonio)

Antonio

(sente, poi ad alta voce) Un preservativo?

Alex

(contrariato) Nun alluccate!

Antonio

Comme, ‘o tengo, io, almeno uno, me lo porto sempre appresso. Non si sa mai! (lo estrae dalla tasca dei pantaloni e lo porge ad Alex)

Alex

(prendendolo) Ne avete solo uno?

Antonio

Non vi preoccupate, tanto, per stasera, (guarda Maria) penso proprio che non mi serve.

Alex

No, dicevo, se può darmene qualcun altro… uno… è poco.

Antonio

All’anima! (a Maria, con intenzione) Marì, vire ‘a giuventù quant’è bella? Uno è poco, non gli basta. (ad Alex) Mi dispiace, ne ho solo uno. A me uno me dura pe’ duie, tre mmise!

Alex

Va bè, non fa niente, grazie lo stesso. (rientra)

Carmela

(vestaglietta di raso e pantofole da notte. Esce dalla “104”) Portiere!

Antonio

(correndole incontro, impaurito, la invita ad entrare nella camera) Signora mia, ma che fa? Vada dentro, non si faccia vedere così! Non sta, questo non sta!

Carmela

Perché, ho qualcosa fuori posto?

Antonio

No, signora mia, voi avete tutto al posto giusto ed è proprio per questo che vi invito ad entrare. (malizioso) Io putesse fa, pure, na fesseria!

Carmela

(civetta) Come siete galante. E chi vi dice che non sia contenta della vostra fesseria?

Maria

(preoccupata) Signò, ma che vi manca? (con sguardo minaccioso ad Antonio) Stammece accorte, stasera, a nun fa troppe fesserie!

Carmela

A me, non manca niente. La lampadina sul comodino di destra è fulminata. Ne avete di ricambio? (civetta ad Antonio) In certi momenti, mi piace la penombra, non il buio, perché bisogna vedere e non vedere, non so se mi spiego.

Antonio

(un po’ ammaliato) Avete ragione: vedere e non vedere, toccare, sfiorare…

Maria

(con lo stesso tono) Prendere la lampadina.

Antonio

(ripete automaticamente) Prendere la lampadi… (a Maria) Quale lampadina?

Maria

Guarda llà, gua’! Comme vede a ‘na femmena nun ce vede cchiù. ‘A signora vo’ ‘na lampadina, vall’ a piglià!

Antonio

Certo, signò aspettatemi (va a prendere la lampadina; vede la porta della “103” aprirsi, emette un grido) Marì!

Maria

(allarmata, butta dentro la camera Carmela e tiene chiusa la porta per la maniglia) Signò trasite, mo v’ ‘a porto io ‘a lampadina.

Mario

(uscendo) Ma quanto tempo bisogna aspettare per questi asciugamani?

Antonio

(con la lampadina) Sono pronti, eccoli qua! (gli porge la lampadina)

Mario

E ch’aggia fa cu chesta?

Antonio

(accorgendosi dell’errore) Scusate! Marì, dà gli asciugamani al signore.

Maria

(non vuole lasciare la maniglia della porta per paura che Carmela possa uscire) E comme faccio!? Io, ‘a ccà, nun me pozze movere.

Antonio

(va a prendere gli asciugamani da sotto il braccio di Maria e li porge a Mario) Tenga, ecco fatto. Vada dentro, vada! Buon proseguimento di serata. (lo spinge dentro e chiude la porta)

Carmela

(riesce ad aprire ed esce, alterata) Ma che modi sono questi?

Antonio

(brillante, le salta di fronte, mostrando la lampadina) Et voilà! La signora ha chiesto la lampadina ed ecco la lampadina per la signora. Ve ‘a facite mettere dal vostro amico o ve ‘a vengo a mettere io? Io, senza offesa, metto pure ‘e neon! Comme metto i neon io, non li mette nessuno!

Maria

(si frappone tra i due) ‘A signora se ‘a sape mettere sul’essa! Svit’ ’a fulminata e mette ‘a bbona. E’ vero, signò!?

Carmela

Si, adesso la cambio io. Grazie (entra)

Maria

Farenalla! Tu si nu farenella! Comme vire a na gunnella nun capisci niente cchiù. E po’ vò truvanne a mme!?

Antonio

Gelosona, tu si gelosa e me! Te saglia ‘o sango ncapa quanno guardo a n’ata femmena, è ovè!

Maria

Nun me passa manco pe’ ‘a capa!

Antonio

Tu ce tieni pe’ mme, io ‘o saccio! E fai ‘a sustenuta pecchè tu me vuò purtà all’altare.

Maria

Io, all’altare a te? Manco morta! Accussì faccio ‘a fine ‘e chesti ccà. Che bella cosa? ‘O marito ‘e una cu ‘a mugliera ‘e n’ata… che schifo! Antò, si ‘e fatte stanno accussì, io sull’altare nun ce voglio mai saglì! Nè cu te nè cu niscun’ ‘ato!

Antonio

(incantato dalla reazione di Maria) Marì, tu accussì ‘a pienze? Io me penzavo ca… ma si è accussi, io te voglio dà…

Dante

(camicia da notte, papalina e pantofole, dalla porta della “102”) Na butteglia d’acqua?

Antonio

(sorpreso, si gira verso Dante) Na butteglia d’acqua?

Dante

Si, si potrebbe avere una bottiglia d’acqua? Nun è pe’ me, è pe’ Beatrice, tene ‘a gola secca.

Antonio

Mi dispiace, noi non abbiamo il bar. Datele l’acqua della fontana.

Mario

(esce con un asciugamani, verso Antonio) Chisto è tutto sporco! Ma dico io… (si blocca, vede il padre)

Dante

(sorpreso) Mario!

Mario

Papà!

Maria

(ironica) Si ‘o nonno era vivo, stasera , steve pure isso ccà!

Dante

(contento) Il sangue non mente! Filibustiere! Maschio, maschio fino al midollo. Fammi sentire, chi ci sta lì dentro?

Mario

(imbarazzato, evasivo) Papà, non la conosci, è una nuova. E tu, chi hai portato qui?

Dante

Non lo indovineresti mai. (fiero) Beatrice.

Mario

(sgrana gli occhi) Beatrice, la madre di Sergio?

Dante

Si, proprio essa! La nostra stirpe ha una caratteristica che conserviamo sempre: siamo dei mandrilli, grandi cornificatori. Il nostro motto è sempre stato: “Un corno al giorno toglie il medico di torno.”

Carmela

(uscendo) Ma sono cose da pazzi. Si è fulminata pure que… (si accorge del marito, si blocca)

Mario

(allibito) Carmela!

Maria

(ironica) Un corno al giorno toglie il medico di torno!

Antonio

Mo succede ‘o finimondo!

Mario

E tu che ce fai ccà!?

Carmela

(dapprima sottomessa, poi sfrontata) Mario, io... veramente... Chello che ce fai tu! Sergio dove sta? (ad alta voce) Non hai detto che uscivi con Sergio? Fammi vedere dvove sta Sergio...

Sergio

(in pigiama, esce) Carmela, mi hai chiamato?

Mario

(allibito) Sergio!

Sergio

(inorridito, si nasconde dietro Carmela) Gesù, Mario!

Mario

Tu, il mio migliore amico!?… Con mia moglie?

Sergio

(piagnucolante, farfugliante) Io non volevo, te lo giuro, è stata lei che mi ha costretto. Io volevo stare a casa con Giulia… poi Giulia è uscita con le sue amiche…  sono rimasto solo… è venuta lei e mi ha costretto a prenotare e a venire qui! (accorgendosi di Dante, normalmente) Buonasera, signor Dante. Non te la devi prendere con me, io… (allibito, a Dante) Signor Dante, che ci fate voi, qui?

Dante

(evasivo) Probabilmente, quello che ci fate voi. Alla mia età si è ancora maschi!

Alex

(uscendo di spalle e parlando verso l’interno a Gaia) Aspetta, la farmacia è qui vicino, ne compro altri e torno! (si gira, ha il padre di faccia, distratto e normalmente) Ciao pa’, vado un attimo in farmacia e torno. (si avvia, si blocca e si gira lentamente, guarda uno per uno) Buonasera a tutti.

Sergio

Che ci fai, tu, qui?

Mario

Chi c’è lì dentro?

Carmela

Non dirmi che c’è Gaia?

Dante

Mia nipote in un albergo ad ore!?

Alex

Veramente c’è anche suo figlio e sua nuora.

Dante

Se è per questo, c’è anche tuo padre!

Alex

Già! Papà, e chi se lo aspettava!?

Giulia

(mentre gli altri parlano, esce dalla sua camera e rasente il muro cerca di sgattaiolare non vista)

Alex

(la scorge) Mamma!

Giulia

(si blocca, si gira, cretinamente) Ciao, buonasera a tutti!

Sergio

Giulia! Anche tu qui?

Giulia

(in evidentissimo imbarazzo) Bè… stavo passando di qui, ho sentito le voci e …

Sergio

Smettila, ti prego! (a Mario) Tu, il mio migliore amico!?… Con mia moglie?

Mario

(mortificato) Sergio… io… cioè… (realizza) ma anche tu però! E’ vero che io sto con tua moglie, ma tu stai con la mia!

Carmela

L’amica mia d’infanzia, l’amica del cuore, quella a cui dicevo tutti i miei segreti…

Giulia

A quanto pare, non me li hai detti tutti!

Beatrice

(esce, camicia da notte e pantofole) Dante, ma quest’acqua, arriva o no? (vede tutti che la guardano) Buonasera, bravi, siete venuti pure voi a Lourdes? Ma è inutile, era meglio che restavo a casa, nun è succieso nisciuno miracolo!

Sergio

Mammà!

Alex

Nonna! Qua ci manca solo Gaia. (ad alta voce verso la “101”) Gaia, vieni.

Gaia

(avvolta da un grande asciugamano, sbalordita) Mamma… papà… nonno! E dire che io non lo volevo far sapere a nessuno!

Antonio

Scusate se mi intrometto. Ma adesso, penso che sia inutile fare tragedie. Non pensate che sia meglio, ragionevolmente e da signori, cercare, pacificamente, una soluzione?

Mario

Quale soluzione!? Dopo che mia moglie mi ha tradito col mio migliore amico, che mi resta da fare?

Carmela

Io non ho tradito nessuno!

Sergio

E’ vero!

Carmela

Il tuo migliore amico, preso dagli scrupoli, non è riuscito a… capisci?

Mario

Davvero? Allora, neanche io ti ho tradita, Giulia, per perdere tempo, si è fatta cinque docce. E’ stata tre ore nel bagno!

Dante

(spavaldo) E che siete venuti a fare in un albergo ad ore!? Invece io…

Beatrice

(lo interrompe) Me ‘o vuo’ fa vedè stu miracolo, o no?

Dante

(sincero) Invece io... non riesco a fare miracoli! La vecchiaia si deve accettare per quello che è!

Maria

Da come sono andati i fatti, allora, stasera, non è successo proprio niente, anzi, è successo molto. Se mi permettete, voglio darvi un consiglio: mo state tutti qui, ricomponete le coppie, ma quelle vere, chiuriteve dinto e fate all’amore…(a Dante) pure vuie, chiuriteve dinto e addurmiteve uno vicino a n’ato. Accussì se fa! Andate, quanno ce sta ‘o bbene, ce sta sempe nuvità. (accompagna Mario e Carmela nella “103”)  Quanno duie se vonno bene, ogni vvota è comm’a primma vota. (accompagna Sergio e Giulia nella “104”; a Dante e Beatrice) Andate nella vostra camera, adesso vi porto l’acqua, la vado a prendere al bar qui vicino. (entrano; ad Alex) Tu va in farnmacia, fa ampresse. (accompagnando Gaia alla sua camera) E nun facite comm’ ’a loro.

Alex

(felice) Gaia, subito torno, aspettami, vado e torno! (sta per uscire)

Maria

(ad Alex) Mi fai un piacere?

Alex

Si, ditemi.

Maria

Piglia una bottiglia di acqua minerale per tua nonna.

Alex

Certo, vado. (esce correndo)

Maria

(a Gaia) Va, aspettalo. E’ nu bravo guaglione, auguri. Spusateve ampresse.

Gaia

Grazie. (entra)

Maria

(emette un sospiro) Ah! Finalmente tutto si è aggiustato.

Antonio

Si è aggiustato? L’hai aggiustato tu.

Maria

No, non io, l’ammore. Tutt’è ccose che ce stanne oggi, ce fanno scurdà ca tenimme ‘na coscienza e si se perde ‘a cuscienza, uno si scorda pure chi è, che vuole e che deve fare, allora fa chello che vola pè ll’aria. Ma l’ammore, nun se fa  fa’ fesso!

Antonio

E nuje, mo che facimme?

Maria

Anto’, priparete pure tu. Chiste, comme fernesceno ‘e fa... chello che hanna fa, escono e io lle presento il mio show, ‘o pruvino invece ‘e dimane c’ ‘o faccio stasera e io m’ ‘o  ssent’ ‘e scennere che lo supererò sicuramente.

Luca

(va verso gli attori) Stop! Bene. Finalmente, ci siamo riusciti.

Le prove sono finite e tutti si rilassano (chi si toglie la giacca, chi parlotta ecc. ecc.)

Marco

Luca, come sono andato, ti sono piaciuto?... lo so potevo andare meglio, però ti prometto domani, alla prima, sarà tutta un’altra cosa.

Luca

(infastidito) Marco, basta! Ma non sei stanco, si è fatto tardi, va a casa, va.

Mentre tutti fanno per andarsene: Sara importuna Alberto, Marco si scontra un po’ con tutti, Lara racconta a Leonora dei fantasmi… ecc. ecc..

Si sente uno colpo di pistola da dietro le quinte. Tutti, impauriti ammutoliscono e si raggruppano guardando verso l’origine dello sparo…

Luisa

(entra zoppicando tenendosi con una mano la gamba insanguinata e con l’altra un mangianastri) Carogna… m’hè pigliato dint’ ‘a coscia… ma nun me putive sparà, ho i testimoni, (ai presenti) Guardate, io sono disarmato.

Tore

(entra veloce, punta una pistola contro Luisa, agli altri, mostra un’altra pistola, che poi ripone in tasca, poi prende un distintivo e lo mostra) Niente  paura! Io sono L’agente speciale Salvatore Manetta, questa è la pistola che aveva Luisa, me l’ha puntata e gli è caduta quando gli ho sparato.

Leonora

‘O masto fravaecatore agente speciale?

Tore

Signora, ho finto di essere un muratore, io a chesta ‘a sto seguenne a tre mmise.

Luca

E perché che ha fatto?

Tore

Luisè, fa sentere ‘o nastro ai signori, accussì sanno pure loro perché ti seguo.

Luisa

(si arrende e porge il mangianastri a Marco) Tiè… piglia stu coso, appiccialo tu.

Marco

(con timore lo prende, guarda gli altri) Allora lo avvio?... Che dite… se me lo dite voi io lo avvio, altrimenti, no… che faccio lo avvio?

Tutti

Appiccia stu coso!

Marco

(terrorizzato, avvia il mangianastri. Si sente il vento, le porte che sbattono e i sospiri dei fantasmi) Questi sono Aristide Pelosi e Clarissa Volterra.

Tore

Esatto!

Leonora

Cioè, Luisa ha fatto finta che c’erano i fantasmi nel teatro.

Tore

Brava ‘a signora.

Ugo

Ha fatte nu scherzo?

Tore

Chiammammele scherzo.

Lara

(a Luisa) Hè ‘a passa nu guaio! M’hè fatte fa ‘o giallo! Pe’ tutt’ ‘e prove maggia avuta sentere a chiste ruje che scupavano, sbattevano porte e susciava viento perché il signore ci ha fatto uno scherzo?

Leonora

Agente speciale Salvatore Manetta ma voi a chille che fann’ ‘e scherzi ‘e sparate dint’ ‘e coscie? Non vi sembra un po’ esagerato?

Lara

No! Ha fatto bbuone!

Tore

Signora, io non sono né pazzo né violento. La signora Luisa, è la più grande ricettatrice della zona, ultimamente anche, spacciatrice di stupefacenti. Luisa è la custode di refutiva e di droga più grande di Napoli.

Luca

E dov’è questo deposito? Quando ci andava? Quello è stata sempre qui?

Tore

Infatti!

Leonora

Infatti che!? Pe’ favore, nun facite ‘e rebus. Parlate chiaro.

Tore

Sotto ai vostri piedi, nei sotterranei del Teatro Petito ci sono tonnellate di refurtiva e chili di droga. Per questo, Luisa, si era inventata la storia dei fantasmi, doveva far allontanare tutti in modo da restare sola e indisturbata a gestire il magazzino. Sono dieci anni che non riuscivamo a capire dove andava a finire tutto la refurtiva dei fetenti della zona. Mi son dovuto fingere, approfittando della ristrutturazione, muratore per poter entrare e sgamarlo.

Marco

(diventa un leone, si avventa contro Luisa e lo picchia) Disgraziata, femmena ‘e mmerda… tu tiene tutt’ ‘a rrobba arrubbata e vinne ‘o vvelene ai nostri figli? Ma io t’aggia accidere… dateme ‘a pistola che ‘a spare dint’ a chell’ata coscia.

Tore

(interviene, li divide e ammanetta Luisa) Ferma, mo m’ ‘o vveco io. (a Marco) Scusate signor Marco Imposimato, vuje nun site nu scarparo, quello che ho detto prima non lo penso, faceva parte del travestimento, dovevo essere credibile.

Marco

V’aggia dicere ‘a verità, eravate credibilissimo, fossere credibili e veri come voi tanti scarpare che diceno ca sanno recità, ‘o teatro se arripigliasse ‘e corsa. Il teatro, questo è diventato: un deposito, un deposito di cose rubate e di stupefacenti che imbambolano, stordiscono e non emozionano.

Luca

Portatevelo via. In teatro non ci deve stare gente come questa, sporca l’ambiente. E voi Agente Manetta, se caso mai doveste perdere il posto fatemi una telefonata che una parte in qualche commedia la potete tranquillamente sostenere.

Tore

Magari faccio la parte di un poliziotto, in missione speciale, chelle me vene naturale. (Prendendo una busta dalla tasca e porgendola a Luca) Comunque, prendete, questo penso che è vostro. È un’assegno dell’ingegnere, sta qui da una settimana.

Luca

(contento lo afferra, lo legge e lo sventola) Maronna! ‘O ngignere ci ha pagati!

Soddisfazione di tutti

Luisa

(esagitato) Arapite l’uocchie, chiste so’ mbrugliune, se vonne piglià…

Leonora

(corre a tappargli la bocca) … ‘a soddisfazione ‘e te spacca’ ‘a capa! Statte zitto. (a Tore) Purtatavelle a chesta femmena ‘e niente e nun ve scurdate d’ ‘o marito, chille si divnuidono tutto e non vogliono divorziare. (lo imbavaglia con un fazzoletto e) Nun m’ ‘a facite sentere cchiù a chest’ animale e busciarda.

Luca

(dà una mano a Leonora per imbavagliare Luisa) Astrigne! Hè ritte bbuone: busciarda, falsa e traditrice..

Tore

(a Luisa) Statte zitto e nun te movere. (prende il telefonino e chiama) Centrale?... Agente speciale Manetta… commissà, missione compiuta… refurtiva e droga. La prima volta mi ha visto e ho dovuto abbandonare l’obbiettivo. Poi si è distratto e ho visto con i miei occhi tutt’ ‘o bbene ‘e Ddio che sta ccà sotto. Commissà… fate venire pure un ambulanza… no niente… una gamba… vi aspetto. Mo è meglio che me ne vada. Cinque minuti e stanno qua.

Luca

Ma noi, domani, possiamo fare la commedia!?

Tore

Veramente…

Tutti

Veramente?

Tore

(cambia tono, rassicurante) Parlo io cu’ ‘o commissario, faccio mettere sotto sequestro solo il sotterraneo e voi domani, qui sopra, potete fare tutto quello che volete. ‘O teatro hadda jì annanze! (esce con Luisa)

Leonora

Che belli parole! ‘O teatro hadda jì annanze!

Ugo

(guarda tutti, poi prende l’assegno dalle mani di Luca) Sante parole! Il teatro deve andare avanti e deve farlo onestamente. Signori, in questi soldi ci sono 10.000 euro per ognuno di noi. L’ingegnere Forte ce li ha dati proprio perché superassimo la paura dei fantasmi e davamo una mano alla rinascita di questo teatro. Luca, non ve lo ha detto… (guarda Luca con intenzione) per farvi una sorpresa. Si sa, le cose non aspettate fanno più piacere.

Mormorio e reazioni di soddisfazione di tutti

Luca

Bravo! È proprio così. Per farvi piacere… però, a me… dimane me spareno mmocca!

Ugo

Luca ha 30.000 euro di debiti contratti per aggiustare questo teatro, con il signor Gennarino ‘a Cravatta e se domani non glieli dà… dopodomani andiamo al funerale del grande regista Luca Forconi.

Mormorio e reazioni di delusione di tutti

Marco

(guardandosi intorno) Scusate, posso dire una cosa?... cioè… l’ho pensata… e ve la dico… allora ve la dico?

Tutti

E parla!

Marco

Vista l’onestà di Luca, perché, parliamoci chiaro, quello poteva pure pagarci normalmente e prendersi tutto quello che restava.

Lara

È certo! Poteva togliersi il debito e non dirci niente.

Ugo

E invece no! Mai, la sua mente onesta, ha pensato di fare una cosa del genere. Veramente, anche sotto mio consiglio.

Leonora

È chiaro. Ugo gli ha consigliato di fare come sta facendo.

Marco

E allora? Simme tant’ ‘e nuje, questi soldi sono scesi dal cielo, facimme finta che ne so’ scise cchiù pochi e ci evitiamo un funerale. Che ne dite?

Tutti

(Dopo qualche secondo di consultazioni, uno per uno)

Levamme sti riebbete ‘a mieze e pensamme a fa ‘o teatro. 

Ma si nun c’aiutamme tra di noi, a nuje chi ci aiuta?

Luca, danc’ ‘e solde a sta sanguetta e pigliamece ‘o teatro.

Ugo

(a Luca) É  meglio accussì, no?

Luca

(a tutti) Grazie! Voi non immaginate che grande dono mi state facendo. È troppo difficile fare teatro, specialmente qui a Napoli. Non ci sono abbastanza soldi! Ci sono troppi ostacoli da superare e, a volte, non c’è abbastanza forza. (guarda Ugo) Io stasera stevo facenne ‘na fesseria e grazie ad un amico mio e ad una grande amante del teatro che nun l’aggia fatte cchiù. Grazie Ugo, grazie Leono’!

Leonora

(a Luca) Grazie alle persone come te che, fanno riebbete per l’arte e che pure cu’ na pistola ‘nfronte so’ capaci di essere lo stesso onesti.

Ugo

Grazie a quelli che vengono ancora a teatro, al pubblico, comme so’ belle i loro  applausi! Comm’ è bello sentì ‘e resate e gi applausi ca saglieno dalla platea … comm’ è bello ‘o teatro!

Tutti

Grazie teatro!

 Sipario

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 51 volte nell' arco di un'anno