Buon sangue… non mente

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

 n

GIALLO COMICO (ma non troppo)

IN DUE ATTI di

RAFFAELE CAIANIELLO

Versione in dialetto napoletano di

PAOLO DI PERNA


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

TERESA, cameriera del defunto Loffredo Ripamonti       _____________________

TOTONNO, tuttofare del defunto                                 _____________________

GILDA, moglie di…                                                        _____________________

LORENZO RIPAMONTI, nipote del defunto                  _____________________

DON VINCENZO, prete iettatore cugino di Lorenzo    _____________________

RODOLFO, altro cugino di Lorenzo                              _____________________

VIOLA, cugina di Lorenzo                                              _____________________

RENATO, altro cugino di Lorenzo                                   _____________________

FIORELLA BONAZZI, moglie del defunto fratello di Lorenzo                                                                                                                  _____________________

CARLO, altro cugino di Lorenzo                                      _____________________

SELENIA, figlia a sorpresa del defunto                         _____________________

FILIPPO MARELLI, notaio                                    _____________________

VITTORIO RIMESSA, ispettore di P.S.                  _____________________

ROMEO, aiutante di Vittorio                                 _____________________


ATTO PRIMO

Salone di casa del defunto Loffredo Ripamonti.

Una comune, due porte laterali, una a sinistra e una a destra; una finestra.

Divano, scrivania, sedie, quadri alle pareti.

All’aprirsi del sipario, TOTONNO va avanti e indietro. Mentre TERESA dà una sistemata alla sala.

SCENA PRIMA

(TERESA e TOTONNO)

Teresa            (Sulla cinquantina, ancora piacente. Scopre una alla volta le poltrone coperte da lenzuola bianche, mentre Totonno apre la finestra e guarda fuori. Teresa si ferma e disapprova) Totò, te vulisse spiccià invece ‘e fà ‘o mammalucco? Chilli llà ‘a ‘n’atu ppoco sò pronte e ccà sta ancora tutte cose sotto e ‘ncoppa.

Totonno         (Gay, si muove evidenziando curiosamente il suo stato) Stevo guardanno ‘o cielo: oggi sarrà ‘na brutta jurnata. Ancora hanno arrivà ‘a signora Selenia e purtroppo pure don Vincenzo.

Teresa            Eh, don Vincenzo! Quanno arriva sunarrà ‘o cancello, e primma ca attraversa tutto ‘o viale e pusteggia ‘a macchina, hê voglia ‘e provvedè…

Totonno         Già. E tu sì sicura ca po’ stammo al sicuro? Pe’ ttramente aggio pruvveduto già. (Apre la giacca e ai due lati sono appesi corni rossi e magnetini) Guarda ccà, guà!

Teresa            (Sempre sistemando, mette le mani in tasca e tira fuori un corno rosso gigante) E io no! Ecco qua, ‘o vvide? ‘On Vicienzo se vene a spartere l’eredità e po’ essere ca se sta cujeto.

Totonno         ‘On Vicienzo cujeto? Forse cu’ ‘e mmane, ma no cu’ ‘o penziero.

Teresa            Ca po’ io m’addimanno: comme fa a ffà ‘o prevete uno ca porta accussì tanta sfurtuna? Ma tu ce pienza quanno ‘a ggente va addu’ isso pe’ se cunfessà? Chillo ‘e peccate ‘e ffà scuntà cu’ ‘e ddisgrazie, no cu’ e ppreghiere!

Totonno         E figurati quanno ‘o chiammano ‘e malate p’‘o cunforto! Chillo ‘nce dà direttamente l’estrema unzione!

Teresa            Mamma mia! Meglio ca nun ce penzamme. E chissà che succedarrà cu’ chesta banda ‘e scieme! E chissà nuje che fine facimmo! Je sò sicura ca se vennene tutte cose e nuje ce truvammo ‘mmiezo a ‘na via.

Totonno         Dipende. ‘O cummendatore ha lassato ‘sta casa sulamente a uno ‘e lloro, po’ essere pure ca restammo. Io comunque penzo ca ‘o viecchio ce ha lassato quaccheccosa pure a nuje. Te faccio avvedè, ‘sta lettura ‘e chistu testamento sarrà ‘na surpresa.

Teresa            Ti cride? Ah già, tu ire ‘o confidente sujo, ‘a guardia soja… ‘a spia soja! Sì, a te sicuramente t’avarrà lassato quaccheccosa.

Totonno         Pecché, a te no? Quanta vote sì trasuta dint’‘o lietto sujo? Sempe pronta e disponibile a lle suddisfà tutte ‘e vvoglie!

Teresa            Nun aggio dà cunto a tte. E ppò figurati si putevo trasì dint’‘o tujo! Me piaceva d’‘o ffà e l’aggio fatto!

Totonno         Pe’ tutte ‘e riale ca te faceva o pecché te mettive appaura dei suoi momenti ‘e pazzaria? ‘O ssaje ca a mme nun me può ddicere ‘e buscie: io saccio sempe tutte cose!

Teresa            E chi t’‘e ddice?! Oramaje… (Si sente suonare il campanello, va ad aprire la porta) Hê visto? Accummencia ‘a festa!

Totonno         ‘A festa?... È arrivato don Vincenzo? (Teresa, tirando il corno di tasca, annuisce)

Teresa            (Andando ad azionare un pulsante vicino alla porta) Io me ne vaco dint ‘a cucina, vidatella tu!

Totonno         Ma quà vidatella tu?! Hê ‘a stà ccà pure tu, ‘o signor Lorenzo ha ditto ca aveveme ‘a sistemà ‘o salone e ancora nun avimmo fernuto, jamme, damme ‘na mana.

Teresa            Cierti vvote ‘o signor Lorenzo nun se supporta. ‘A mugliere po’, me pare l’eterna infelice. Nun sia maje ‘sta casa fernesce dint’‘e mmane lloro!

Totonno         Perché, si capita dint’a ati mmane cagna quacchecosa?

SCENA SECONDA

(GILDA, LORENZO e detti, poi DON VINCENZO)

Teresa            (Entrano Lorenzo e Gilda, Teresa fa un inchino) Prego, accomodateve.

Gilda             (Bella donna, esterna irrequietezza e nel suo sguardo c’è evidente tristezza) ‘Stu salone fete ancora ‘e chiuso, avite fatto cagnà l’aria?

Lorenzo         (Medico, è il più anziano, sui sessanta. Soffre di tic nervoso. Veste bene e si dà arie da gran signore) Totò, arape ‘nu poco ‘a fenesta! (Si accomoda sulla poltrona e tira fuori dalla tasca dei documenti)

Totonno         Sì, signor Lorenzo. (Va verso la finestra ed apre)

Gilda             (Va verso Lorenzo) Tesò, ma è proprio necessario durmì ccà stasera?

Lorenzo         Nunn’‘o ssapimmo. ‘O nutaro ha ditto ca vene stasera e si se fa tardi avimmo ‘a rimmanè pe’ fforza, e po’ ancora hanno ‘a venì Vicienzo e chella femmena, comme se chiamma… ah, Selenia.

Gilda             Già, ‘o jettatore e ‘a zoccola ‘e zieto, che bell’accuppiata! A proposito ‘e zoccole, cugineta Fiorella è già scesa?

Lorenzo         Nunn’‘o ssaccio e nun te permetto ‘e parlà accussì ‘e cuginema!

Gilda             (Con noncuranza) Comme vuò tu… Ma nun è accussì diversa d’‘a zoccola d’‘o zio.

Lorenzo         A me m’incuriosisce ‘o fatto ca ‘sta femmena, chesta Selenia… nun l’avimmo vista maje e nun è stata maje ccà. (Va al mobiletto, tira fuori una bottiglia e due bicchieri, versa e ne dà uno a Gilda)

Gilda             (Prende e sorseggia) Però sapimmo ca ‘o zio jeva spisso addu’ essa.

Lorenzo         Già. Ha dda essere stata abile assaje pe’ se fà mettere dint’‘o testamento… (Suonano alla porta) Chi sarrà?

Teresa            È don Vincenzo! Totonno, vai ad aprire. (Totonno, a malincuore, va ad aprire)

Gilda             Vicienzo? Oh, Madonna! (Entra don Vincenzo, apre le braccia e colpisce Totonno che era di lato, mentre Gilda mette le mani nella borsetta e afferra qualcosa e Lorenzo fa le corna e prende le chiavi dalla tasca)

Totonno         (Portandosi le mani al volto) Oh Pataterno, e nunn’è manco arrivato!

D.Vincenzo   (Veste con abiti talari e porta occhiali scuri e un borsone; non fa caso a Totonno, vede Lorenzo e Gilda e va verso di loro) Oh, cari cugini, pace e bene, comme state?... No, nun ve preoccupate. (Guardando le loro mani) ‘O ssaccio, state già armati, ma stammatina nun tengo cattivi pensieri p’‘a capa, pecché vuje site cunvinte ca je porto sfurtuna, è ‘overo? Jamme, faciteve abbraccià! (Li abbraccia)

Lorenzo         Caro cugino, ma che vaje penzanno?!

Gilda             Nuje nun ce credimmo a chello ca dicene ll’ate.

D.Vincenzo   Ah, sì? (A Lorenzo) E allora via chelli cchiavi… e tu, Gilda, miette chillu cuorno dint’ ‘a burzetta: che te cride, ca te po’ aiutà ‘overamente contro ‘a sfurtuna?

Gilda             (Come colta sul fatto) Ma io ‘o tenevo accussì… pe’ scagno…

Lorenzo         Beh, accussì se dice e po’ nun se po’ maje sapè.

D.Vincenzo   Aah, caro cugino! Nun fà ‘o superstizioso: ‘e cchiavi, ‘o fierro ‘e cavallo, ‘e ccorna… nun servono a niente. Sai quanta perzone veco ca durante ‘nu funerale, quanno passa ‘o carro funebre fanno ‘e ccorna? ‘Nu cuofano! Eppure a paricchie ‘e lloro aggio dato l’estrema unzione!

Lorenzo         Sì, ma… (Non visto fa le corna insieme a Gilda) Meglio ca nun ne parlammo, caro cugino.

D.Vincenzo   Sì, è meglio. (Va verso Teresa) Qual è ‘a cammera mia?

Totonno         (A parte) Fosse per me, ‘a cammera ardenrte!

Teresa            Sempre la stessa, don Vincenzo.

D.Vincenzo   Ah bene, allora Terè accumpagname. Carissimi, ce vedimmo doppo e… attenti: l’al-cool fa male!

Gilda             Ma no, è sulamente ‘na goccia! (Non fa in tempo a finire che comincia a tossire e quasi affoga; Lorenzo l’aiuta)

D.Vincenzo   (Andando via, a Teresa che lo segue con il borsone e tenendo una mano in tasca) Io l’hêvo avvisata!

Lorenzo         (Accanto a sua moglie) È passato, tesò?

Gilda             Sì, e sperammo ca nun ce starrà cchiù niente appriesso.

SCENA TERZA

(RODOLFO e detta)

Rodolfo         (Entra dalla comune. È sui cinquanta, scapolo e curioso Latin lover; veste alla moda, ha il tic di fare l’occhiolino ed è mezzo sordo) Ah, già state ccà? Ve site pigliate quaccheccosa ‘a vevere?

Lorenzo         (Si alza e gli va incontro) Certamente, Rodolfo caro, come va?

Rodolfo         (Non capisce) ‘A nisciuna parte, pecché, addò aggio ‘a jì?

Lorenzo         Nunn’‘o ssaccio… vide tu.

Rodolfo         Noo, stongo ccà! Cara Gilda… (Le fa il baciamano) sempe fresca e prufumata!

Gilda             E tu sempe accussì galante!

Rodolfo         Grazie. Beh, che facimmo ogge mentre aspettammo l’arrivo d’‘o nutaro?

Lorenzo         Nunn’‘o ssaccio, decidimmo appena stammo tutte quante ccà.

Gilda             Je me facesse ‘na bella passiata dint’ ‘o parco, chest’aria ‘e primmavera m’invoglia assaje!

Rodolfo         (Si alza) Cara Gilda, t’accompagno io. ‘Nu poco d’aria fresca farrà bene pure a mme.

Lorenzo         Io resto ccà e aspetto all’ate.

Gilda             Vabbè, allora nuje jamme: ciao tesò, ce vedimmo doppo! (Via con Rodolfo)

Totonno         Signor Lorenzo, stasera cenate tutte ccà o facite ‘e ‘n’ata manera?

Lorenzo         (Guarda l’orologio) Penzo ca stamme tutte quante ccà. Però appripara ‘na cusarella liggiera. (Si sentono dei gemiti e dei sospiri, poi un urlo liberatorio di piacere) Oh Madonna, ch’è stato?!

Totonno         (Con le sue movenze) E se n’ha fatto ‘n’ato!

Lorenzo         Ch’hê ditto?

Totonno         No, dicevo… È ‘nu fatto naturale… Era ‘a signora Fiorella.

Lorenzo         Fiorella! E che cacchio, pure ccà?!

Totonno         Eh sì: o sotto o ‘ncoppa,o ‘a ccà o ‘a llà, chella sempe ‘n’arte fa! Pecché, vuje nun ne sapite niente? (Con un gesto fa intendere che anche Lorenzo ha fatto il suo)

Lorenzo         (Si guarda intorno) Shhh! Statte zitto, animale! ‘O ssaje buono ca, puverella, è malata!

Totonno         No, è ninfomane!

Lorenzo         Sempe ‘na malatia è: se tratta ‘e ‘na degenerazione sessuale. Ma mò statte zitto!

SCENA QUARTA

(VIOLA, RENATO e detti)

Viola             (Entra insieme a Renato. Ha in braccio il suo gatto e ogni tanto l’accarezza. Indossa sempre i guanti e porta sempre con sé la borsetta, dalla quale estrae ogni tanto degli spray; va verso Lorenzo) Oh Madonna mia! Lorenzo, hê ‘ntiso?

Lorenzo         (Con rassegnazione) Aggio ‘ntiso, ma cu’ cchi?

Renato           (Porta occhiali spessi, vede solo ombre e porta un bastone bianco) Ah, Certamente no cu’ mme! (Cammina piano facendo uso del bastone per evitare ostacoli, ma finisce per colpire Totonno dietro il sedere. Lamento comico di Totonno che si sposta in continuazione per evitarlo)

Lorenzo         Je stevo ccà!

Viola             Chi ce sta ancora ‘ncoppa?

Lorenzo         Sicuramente Vicienzo ca mò è arrivato, e Carlo. Vicienzo sta cu’ Teresa e quindi…

Renato           E quindi Carlo l’ha consolata.

Totonno         (Pulendo con il piumino, intona il motivo) Uno alla volta, per caritàààà!

Lorenzo         (Guarda Totonno) ‘O vvedite? Che ffigura ‘e… quatto sorde!

Renato           Ma quala figura, tene ragione! E po’ lloro oramaje se songo abituati…

Viola             A vvedè ‘e ffetenzie d’‘a famiglia nosta famiglia? Che schifo! Totonno per favore, porta ‘o gatto mio dint’‘a cucina e dacce ‘nu poco ‘e latte. (Consegna il gatto a Totonno, tira fuori lo spray e lo spruzza sulle mani, poi si avvicina a Renato, gli alita vicino e lui si ritrae schifato) Si chilli llà ‘nu juorno lassano ‘sta casa, sai ‘a pubblicità ca ce farranno? Je faccio comme a Ponzio Pilato, me ne lavo ‘e mmane.

Renato           Meglio si te lavasse ‘a vocca! (Alza il bastone come a trovare un ostacolo e colpisce Lorenzo in mezzo alle gambe)

Lorenzo         (Si porta le mani alle parti nobili imprecando) Ahiaaa! Che dulore! (Si siede) E statte attiento, tu e chillu bastone maledetto!

Renato           Scusa tanto cugino. Mò però m’arraccumanno: quanno scennono, nisciuno commento. (Si sente don Vincenzo che blatera qualcosa dall’esterno) Oilloco, oì… pericolo in arrivo!

SCENA QUINTA

(DON VINCENZO e detti, poi GILDA e RODOLFO)

D.Vincenzo   (Entra e si guarda intorno) E io ‘o ssapevo! (Va verso Renato e Viola, i quali fanno un gesto come a proteggersi) Carissimi! È ‘a quanno ‘o zio se n’è gghiuto ca nun ve vedevo! (Da fuori si sentono altri gemiti di piacere sempre crescenti mentre don Vincenzo abbraccia i due, poi Viola si pulisce con lo spray e don Vincenzo alza il dito verso l’alto) Avite ‘ntiso ‘o grido d’‘o peccato?

Renato           Casomai ‘o grido d’‘a libberazione!

D.Vincenzo   (Aprendo le braccia) Signore, sii misericordioso! Riconduci ora stesso sulla retta via quei peccatori vittime della lussuria e spegni quel furente fuoco della loro carne! (Si sentono altri gemiti e sospiri e poi ancora un urlo liberatorio di piacere) Avite ‘ntiso? Se vede ca mò ‘o Signore tene ato p’‘a capa. (Apre le braccia e colpisce Viola la quale, lamentandosi, tira fuori lo spray e si disinfetta, mentre entrano Rodolfo e Gilda, poi Viola e Renato si siedono)

Viola             (Portando le mani al volto) Aggio ‘ntiso! Nuje avimmo ‘ntiso… Loro forse no. (Indicando i nuovi entrati)

Gilda             Che d’è ca nun avimmo ‘ntiso?

Viola             I soliti amplessi rumorosi di Fiorella.

Gilda             Pure ccà?! Che sfacciata!

Rodolfo         Che impudenti!

Lorenzo         È ‘n’indecenza! Nun teneno rispetto pe’ nisciuno, manco d’‘o povero zio ca ce ha lassate accussì prematuramente!

D.Vincenzo   Senza ‘e ce havê dato manco ‘a possibilità d’‘o salutà pe’ ll’urdema vota!

Gilda             Pe’ fforza, ce l’hanno purtato chiuso dint’a ‘na bara e avimmo avuto justo justo ‘o tiempo ‘e ll’accumpagnà p’‘o funerale!

SCENA SESTA

(FIORELLA, CARLO e dettti, poi TERESA)

Fiorella        (Entra seguita da Carlo. È una donna ninfomane ed approssimativa. Non è una donna di classe ma è molto bella. Un po’ ignorante, sbaglia sovente i vocaboli ed ha quasi sempre il cellulare in mano ed ogni tanto batte i tasti) Oh cari, state tutte quante ccà?

Carlo             Ce credeveme ca stiveve dint’‘o ciardino a ve piglià quaccheccosa ‘a vevere

Fiorella        Scusateme si quanno songo arrivata nun songo passata a ve salutà, ma stevo tutta surata pe’ bbia d’‘a machina mia.

Rodolfo         Pecché, mò no?

Gilda             Ch’è succieso?

Fiorella        Chella cretina d’‘a machina mia s’è fermata all’intrasatto e nun si abbiava più!

Lorenzo         E pecché?

Fiorella        Ha ditto ‘o meccanico ca s’era scassato ‘o sfinterogeno!

Renato           Seh, ‘o tujo magari!... Vuò dicere ‘o spinterogeno?

Fiorella        Ah, sì… Insomma chillu coso ca fa arrivà ‘a scossa elettrica.

Gilda             Sì, sì, a’mmo capito!

Fiorella        Ve site pigliate già ‘o ccafè?

Lorenzo         Ancora no. Tu invece… già hê cunsumato!

Carlo             Sempe ‘e stessi battute insinuose!

Fiorella        È tutta ‘mmiria!

Gilda             Ma comme te permiette?

Lorenzo         Vabbuò, mò basta, cercammo ‘e nun ce ‘nguajà ‘a serata! (Guarda nervosamente l’orolo-gio) Eh, pure ‘o nutaro: a chest’ora aveva stà già ccà!

Gilda             Tesò calmate, ‘n’atu ppoco ‘o vide ‘e venì. (Entra Teresa)

D.Vincenzo   Avarrà avuto ‘nu contrattempo, cosa imperdonabile p’‘o povero zio nuosto: ‘a precisione era il suo credo! Ma nuje putimmo pazientà. Terè, pecché nun ce puorte quaccosa ‘e fresco. (Teresa annuisce)

Fiorella        Certo, però sperammo ca nun fa troppo tarde.

D.Vincenzo   (In modo ironico) Ma site tutte quante accussì ansiosi? Oramaje ‘o zio ‘o testamento l’ ha fatto già!

Carlo             ‘E miliarde all’amante e le briciole ai parenti!

Fiorella        Oilloco, ‘o ssapevo: te pareva ca nun sparava strunzate?!

Viola             Tu ‘overamente te cride ca ha ditto ‘na strunzata?! Nun è ‘a primma vota ca Carlo vede cchiù lontano ‘e tutte quante nuje.

Renato           È ‘overo, Carlo ‘e strunzate ‘e spara, ma tanti vvote… ci prende!

D.Vincenzo   (Guarda con sospetto i parenti) Già, ed io credo ca a ‘stu giro nun tene tutte ‘e tuorte.

Gilda             E ghiammo, nun cride ca zieto ha lassato tutte ‘e beni suoje a chella zoccola?!

Rodolfo         E chi ‘o ssape? Comme se dice: “Tira cchiù ‘nu pelo ‘e… femmena, ca ‘na pareglia ‘e voja!” Chello però ca nun capisco è pecché nun ce l’ha vuluta maje fa cunoscere!

Viola             (Ipocondriaca) Forse teneva appaura ca tu ce levave ‘a purpetta ‘a dint’‘o piatto.

Fiorella        T’‘a fusse trombata ‘a primma occasione! Oramaje ‘o zio s’era fatto viecchio e chella ha truvato ‘o gallo cetrangolo e l’ha sfruttato. Pe’ mme nun l’hêva manco annummenà dint’‘o testamentario!

Gilda             Beh, nun è ca chesta è tanto diversa ‘a te!

Fiorella        Che vulisse dicere, ca nun tengo ‘o diritto ‘e stà ccà? Maritemo forze nun era nipote allo strapassato zio?

Rodolfo         E comme no!? Sulamente ca chillu povero cugino è muorto doppo manco sei mise ca te l’ire spusato!

Fiorella        E che vvò dicere?! Songo sempe la sua ereditaria!

Lorenzo         Già, tu sì l’erede d’‘a bellezza ‘e cinche marite, prematuramente scomparsi!

Fiorella        Nun è colpa mia si a mme ‘e mariti me durano poco!

Carlo             E chissà pecché!...

Fiorella        Che vvulisse insidiare, ca forze l’aggio fatte schiattà io?

Gilda             Non direttamente, ma… pe’ conseguenza. E tu ‘o ssaje comme.

Renato           ‘E ccunzuma fino ‘o midollo, fino a quanno…

Totonno         (A parte) Fino a quanno ce rimmanene ‘a sotto!

Fiorella        Che ce pozzo fà si a ‘nu certo punto arrivano e po’… se ne vanno!?

Rodolfo         E io penzo ca ‘sta Selenia ha usato ‘o stesso sistema tujo cu’ ‘o zio!

Carlo             Chella è capace ‘e se mettere d’accordo cu’‘o notaro e ce fotte a tutte quante!

Gilda             Certo ca tiene ‘na bella fantasia! ‘O duttor Marelli è ‘na persona onesta e leale!

Rodolfo         Chesto è ‘overo, è ‘nu carissimo amico e compagno di scuola mio e su di lui posso mettere le mani sul fuoco, anzi, si avesse ‘a scegliere fra zio Loffredo e ‘o nutaro nun tenesse nisciuno dubbio!

Lorenzo         Certo ca ‘o zio dint’a ll’urdeme anne se l’è spassata! ‘Na vita ‘e bagordi e lussuria.

Fiorella        Isso sì ca ha vissuto ‘a vita e se l’ha goduta!

D.Vincenzo   Signore misericordioso perdona i suoi peccati! (Apre le braccia e colpisce Rodolfo che gli era vicino)

Rodolfo         (Si porta le mani al volto lamentandosi) E io che ce azzecco? È ‘o zio ‘o peccatore! E po’ nun credo ca ‘o Signore perdona ‘nu lussurioso ca s’ha trombato pure ‘a nepote.

Gilda             ‘Na cosa inaccettabile! D’altra parte ha campato sempe dint’‘o peccato: era viva ancora ‘a bonanema d’‘a zia e isso se purtava ll’amante fino a ddint’‘a casa …

Fiorella        È stato sempe ‘nu libbardino! Ll’uommene nun songhe tutte ‘e stesse. E già, tu mò vulisse ca fossere tutte quante comme a mariteto? Serio, irreprendibile, onesto, eccetera eccetera?

Renato           A chesta ce vò ‘n’interprete ogne vota ca arape ‘a vocca!

Lorenzo         Si ogne ommo tenesse l’onestà e ‘a serietà dint’‘o DNA, ce stesse sicuramente ‘nu munno migliore.

Carlo             Certo, caro cugino, ma chesto non nun vò dicere ca nun ce se pò spassà e godè ‘e piacere terrene! E in quanto al DNA, nun credo ca o tujo è diverso d’‘o nuosto.

Lorenzo         Stisse forse insinuanno quaccosa?

Carlo             Ma te pare?! (Chiama la cameriera con un cenno) Terè, vuò purtà ‘n’ato aperitivo al mio caro cugino Lorenzo? (Mentre Lorenzo fa cenni di nervosismo Carlo alza il bicchiere) Ma no questo, piglia chillo ca ce piace a isso!

Teresa            (Anch’essa apparentemente nervosa) Subito, signore. (Esegue e serve cercando complicità in Lorenzo che fa cenni come a rassicurarla, mentre Totonno esce)

Gilda             Maritemo nun rinnega ‘o sangue sujo. Però ha sempe agito nei limiti dell’onestà!

Fiorella        Già, l’onestà… Me pare ca pure tu e mariteto state ccà p’‘o testamentario d’‘o zio.

Viola             (A Gilda) E pure tu te sì precipitata ccà appena ‘o notaro ce ha convocate.

Gilda             E che ce azzecca ‘stu fatto?

Fiorella        Nun sì forse fiduciosa ‘e sperà ‘e havê ‘nu sostantitivo lascito d’‘o zio? (Teresa raccoglie i bicchieri vuoti e va via)

Gilda             Pecché, tu invece sì vvenuta ccà sulamente pe’ ppurtà ‘e sciure ‘ncoppa ‘a tomba? Si ‘o zio avesse saputo ca tradivi ‘o nepote, sicuramente a chest’ora non stisse ccà! (Fiorella si alza indispettita, prende il cellulare e batte i tasti nervosamente mentre entra Totonno con una guantiera di biscottini che depone sul tavolo)

Renato           Oh, bravo Totonno! (Prende i biscottini) Questi ci volevano proprio. (A Fiorella) Ma che ffaje cu’ ‘stu telefono? Staje sempe a diggità… Stai facenno quacche gioco?

Fiorella        No, nisciuno juoco. Quanno stongo ‘nu poco nervosa arapo sempe Fesseboocc!

Viola             Sulo quanno staje nervosa? Tu ‘a tieni sempe aperta!

Fiorella        No pe’ tte cara mia, no pe’ tte!

Rodolfo         E ghiammo, dateve ‘na calmata. L’eredità d’‘o zio è grossa assaje. ‘E ttenute, ‘e ccase, ll’investimente e ‘e conte in banca ponno soddisfà a tutte quante. È inutile ca ce rinfacciammo a vicenda vizi e pecche ca tenimmo. M’aggio forse lamentato io? Io ca, a differenza ‘e vuje, quanno ‘o venevo a truvà nun ce aggio maje chiesto sorde?

Renato           Però gli trombavi le amanti..

Rodolfo         Certo nunn’‘o pputive fà tu! Non scuprimmo ll’altarini… Tu venive ccà pe’ Totonno! A proposito, è ancora il tuo amante preferito?

Renato           Sei un villano!

Lorenzo         Sulamente pecché dice ‘a verità?

Renato           Tu penza ‘e panne sporche tuoje. Io nun aggio mai sparlato ‘e te e ‘e mugliereta.

Fiorella        Hê fatto bbuono: ‘e panne sporche se lavano in famiglia!

Gilda             Nuje nun tenimmo niente ‘a lavà!

Fiorella        Ah, sì? Lorè, vuò dicere a mugliereta quanno è stata l’urdema volta ca m’hê stropalizzata?

Gilda             Stropalizzata?

Fiorella        Insomma trombata!

D.Vincenzo   O Signore, pietà per questi peccatori!

Lorenzo         (Allibito guarda Gilda) Ma io… io… ma nunn’è ‘overo! Sta dicendo fesserie!

Carlo             Statte tranquillo Lorè, mugliereta nun te farrà nisciuna scenata, nun ce cunviene: tene pur’essa quacche scheletro dint’a ll’armadio, nunn’è ‘overo Gilda?

Gilda             (A Carlo) Vigliacco!

Fiorella        E pecché vigliacco? Oramaje è inutile tenè cuperte ll’altarini. Jamme, dincello quanta vote ‘o zio te veneva a visità.

Totonno         (A parte) Già, ma sempe a vvacante.

Gilda             Era nostro zio e teneva tutto ‘o diritto ‘e ce venì a truvà.

Fiorella        Si veneva spisso, teneva i suoi buoni motivi e forse ‘o mutivo ire tu, se vedeva chiaramente ca lle piacive.

Lorenzo         Chesto nun vò dicere ‘o riesto ‘e niente!

Rodolfo         Fiorè, smettila di insinuare! Gilda è ‘na femmena onesta!

Viola             La stai forse compiacendo?

Gilda             Cumpiacenza? Chella ‘a tiene tu, grandissimo piezzo ‘e lesbica!

Viola             Sì, ma perlomeno nun coinvolgo nisciuno d’‘a famiglia!

Lorenzo         (Si porta le mani al volto) Dio mio che orrore! Che orrore! (Esce mentre Gilda gli va dietro)

Viola             Avite visto a che ccosa portano ‘e ‘nciucie vuoste?

Renato           ‘E nuoste? Pecché, ‘e tuoje?

Viola             Pecché, ch’aggio ditto io?

Carlo             No, nun hê ditto niente: tu vutte ‘a petrella e annascunne ‘a manella. Tiene sempe ‘a lengua abbronzata!

Viola             Sapite che ve dico? Jate a ffanculo! (Esce blaterando invettive)

D.Vincenzo   Nervosetta ‘a cuginetta… Spero ca pe’ stasera riesce a se calmà. (Si sente un grido e poi silenzio) Forse già s’è calmata!

SCENA SETTIMA

(TERESA e detti)

Teresa            (Entrando di corsa) Qualcuno viene a darmi una mano? La signora Viola è caduta e non riesce ad alzarsi!

D.Vincenzo   (Alzandosi) Vengo io!

Carlo             P’ammore ‘e Ddio statte commodo, ce penzo io. (Si alza per uscire ma passando vicino a Vincenzo inciampa e cade) Ahia! M’aggio struppiata ‘a spalla! Mamma d’‘o Carmene e che dulore! (Si risiede)

D.Vincenzo   (Alzandosi) L’hêvo ditto ca jevo io! Jammo Totò. (Escono Totonno e don Vincenzo)

Renato           (Alzandosi, solleva il bastone e andando via lo sbatte sulla gamba di Carlo) E me ne vaco pur’io primma ca torna ‘o scarrafone. (Esce)

Carlo             (Lamentandosi) Ahia! Tu e ‘stu maledetto bastone! Nun abbastava ‘a spalla, mò pure ‘a coscia!

Rodolfo         Ccà tira ‘na brutta aria!

Fiorella        Sì, tiene ragione, ccà tira ‘na brutta aria!

Carlo             E nun fernesce ccà! Sperammo ca ‘o nutaro vene ampressa, e pure chella femmenna… (A Fiorella) Comme se chiamma? Me l’aggio scurdato…

Fiorella        Selenia! E nun me chiedere niente cchiù pecché nun saccio né chi è né chello ca fa.

Rodlofo         Si era ‘n’amica d’‘o vecchio chi po’ mai essere e che po’ ffà maje? ‘A prostituta, no?

Carlo             Chi ‘o ssape che ll’avarrà lassato!

Fiorella        ‘O solito contentuccio ca se lassa a ‘n’amante… Poca robba.

Rodolfo         Sò d’accordo. ‘O zio era ‘na perzona strana e penso ca ‘o patrimonio nun sarrà spartuto in tanta parte.

Carlo             Vuò dicere ca sulamente a uno ‘e nuje andrà quasi tutta ‘a furtuna soja e all’ate sulamente ‘e mmullechelle?

Rodolfo         Proprio accussì. T’‘e rricuorde quale songhe state sempe ‘e pparole soje? Spartenno ricchezze, addeventa povertà. (Rientra Renato e si siede)

Fiorella        Bravo. Je ‘a penso tale e quale, ma chi ‘e nuje sarrà ‘o prescelto?

Carlo             Chesto nunn’‘o ssaccio. (A Renato) Sicondo te chi ereditarrà tutta ‘a furtuna d’‘o zio?

Renato           State dicenno ca ll’ate avaranno poco o niente?

Rodolfo         Esattamente. ‘O canuscive ‘o zio, no?

Renato           Certo. Si avesse ‘a fa ‘na scelta, penzasse a Lorenzo: ‘o zio ‘o teneva assaje in considerazione.

Carlo             E je penzo ca tu tiene propeto raggione.

Fiorella        E già, purtroppo è accussì: Lorenzo se piglia tutto e nuje avremo piccoli contentucci, comme l’amante soja..

Carlo             Sto penzanno ‘na cosa. Si pure ‘o nutaro vene stasera, sarrà tarde e sicuramente dorme ccà e quindi ‘o testamento l’arape dimane mmatina.

Renato           Embè, e che cagna?

Carlo             Mettimmo ca dint’‘a nuttata ‘stu testamento sparisce: a chistu punto, visto ca nun ce sta cchiù ‘o testamento, venesse spartuto tutte cose in parti uguali e nun ce starrà cchiù ‘nu sulo erede ma sarriamo accuntentate tutte quante, giusto?

Fiorella        Ma tu sì propeto un ingenuoso si pienze chesto. Te pare ca ‘o nutaro se porta ccà ‘o documento originale? No, caro mio, purtarrà ‘na copia, mentre l’originale s’‘o starrà dint’‘a cassamorta.

Rodolfo         Sì, vabbuò… Però tiene raggione. Io dico d’aspettà ‘o nutaro, po’ essere pure ca nun ce starranno surprese!

Renato           Po’ essere, ma comunque ce sta ‘o rischio ‘e rimmanè cu’ ‘e mmane vacante mentre Lorenzo fa ‘o pieno. (Si sente suonare alla porta) Chi sarrà, ‘o nutaro o ‘a puttana d’‘o zio? (Entra Totonno, va verso la porta, apre e guarda fuori) Chi è?

Totonno         È una macchina scura. Da qui non posso vedere, è ancora in fondo al viale… Ah sì, è una donna.

Rodolfo         Allora sarrà sicuramente chella femmena e m’arraccumanno: cercate di essere ‘e gentiluomini e le gentildonne che site. Non mettimmo ‘ata carne a ccocere, nun è ‘o caso!

Renato           Tiene raggione, oramaje ce simmo ditte tutte cose. (Totonno va verso la porta ed apre)

SCENA OTTAVA

(SELENIA e detti, poi TERESA, indi DON VINCENZO e VIOLA)

Selenia          (Entra. È una bella ragazza, veste con eleganza e si muove con apparente sensualità. Parla solo in italiano. Si guarda intorno e, senza mostrare alcun segno di timidezza, si dirige verso gli altri) Salve, sono Selenia Leali, il notaio Marelli mi ha convocata qui per la lettura di un testamento. Immagino che voi siate i parenti del signor Ripamonti.

Carlo             (Rimasto come gli altri in ammirazione per la bellezza e lo charme di Selenia) Accomodatevi signorina, io sono Carlo. (Tende la mano) Piacere di avervi qui. (Poi la presenta a tutti) Permettete? (Presentazioni)

Rodolfo         (Chiama Teresa la quale accorre subito) Penso che dopo il viaggio avete bisogno di rinfrescarvi. Teresa, accompagna la signorina Selenia nella stanza riservata a lei. Spero che poi scendiate per un drink.

Selenia          Vi ringrazio, il tempo di sistemare le mie cose e scendo. (Totonno prende la borsa)

Teresa            Venite signorina, accomodatevi. (Esce insieme a Selenia e Totonno)

Carlo             ‘A faccia mia e che piezzo ‘e … guagliona! Ecco pecché ‘o zio ce teneva assaje!

Fiorella        Sì, l’aggio ammettere, è ‘overamente bella assaje.

Rodolfo         Io ancora nun capisco pecché nun ce l’ha prisentata maje.

Renato           Pecché t’a fusse trombata! (Entrano Viola e don Vincenzo che ascolta le ultime parole)

D.Vincenzo   Vieni Viola, assettate. E vuje basta cu’ ‘sti ttrombate e cu’ ccheste accuse reciproche! Cercate ‘e jì d’accordo perlomeno in questa occasione. ‘O ssaccio ca ‘o fatto ca simme pariente nun significa ca ce avimmo vulè bene afforza. Nun avimmo rimmanè afforza aunite comme ‘na famiglia, ma almeno sfurzammoce ‘e sta tranquilli!

Viola             Vicienzo tene raggione. ‘A famiglia è ricordi in comune, gioie e dolori. Si se riescono a condividere funziona, o si no è meglio ca lassammo perdere.

Fiorella        Ecco, brava, lassammo perdere e penzammo a doppo. ‘O nutaro nun è arrivato ancora?

Carlo             ‘O nutaro no ma... (Con ironia) ‘A signurina Selenia sì.

Rodolfo         E che sventola ‘e signurina!

SCENA NONA

(GILDA e detti, poi TERESA)

Gilda             (Entra, va verso don Vincenzo, gli si accosta e gli sussurra qualcosa; poi, mentre stanno per andare via, si rivolge a tutti) Ha chiammaato ‘o nutaro, starrà ccà pe’ ll’ora ‘e cena. (Esce insieme a don Vincenzo)

Renato           (Agli altri, con ironia) Uhm… ‘O cugino nuosto, doppo ‘e ttriste rivelazzione, tene bisogno d’‘o cunforto d’‘a Cchiesa.

Rodolfo         Se cunfurtarrà dimane quanno se legge ‘o testamento.

Fiorella        Io invece penzo ca stanno tramanno quaccheccosa.

Carlo             ‘O ppenzo pur’io… Vabbuò, visto ca ‘o nutaro vene tarde, me ne vaco dint’‘a cammera mia. Scendo adoppo p’‘a cena. (Esce)

Rodolfo         Vaco pur’io. Tu che ffaje, Renà, te ne viene?

Renato           E sì, jammuncenne. (Esce insieme a Rodolfo)

Fiorella        (Chiama Teresa) Teresa!

Teresa            Eccomi, signora!

Fiorella        Appreparia p’ ‘a cena e appreparia pure ‘n’aperitivo pe’ tutte quante ccà dint’‘o salone. Violè, che ddice, vulimmo jì ad apprepararci pure nuje?

Viola             Sissignore, jammo a ce appreparià. (Esce insieme a Fiorella)

Teresa            (Verso Fiorella che va via) Che ffemmena ‘e classe! Io ‘o ssapevo, ce l’avimmo ‘a suppurtà pure dimane! (Si affaccia alla comune e chiama Totonno) Totonno! Totò, viene ccà!

SCENA DECIMA

(TOTONNO e detta, poi RENATO, indi VIOLA e DON VINCENZO, poi RODOLFO e FIORELLA,

indi GILDA e SELENIA)

Totonno         (Entrando) Sto ccà, ch’è stato?

Teresa            È stato ca m’hê ‘a dà ‘na mana. ‘Sta banda ‘e scieme… l’avimmo ‘a  suppurtà fino a dimane, po’ ‘o Signore ce ‘a manna bbona. Mò però, mentre io appriparo ‘a cena, tu appripara l’aperitivo, ca ‘n’atu ppoco ‘e vvide ‘e scennere.

Totonno         Sperammo ca se risolve tutte cose ampressa ampressa, almeno sapimmo chello ca ce attocca. Vattenne, và, ca ccà m’‘o vvech’io. (Teresa esce) Eh, ma io ‘o ssaccio comme va a fernì… (Ride in modo misterioso) Aaah… aaah… aaah (Entra Renato)

Renato           (Si ferma a guardare Totonno che ride mentre prepara in modo comico l’aperitivo) Embè? Che ttiene ‘a ridere?

Totonno         (Gli si avvicina con evidenti moine) Uh, caro Renatino… (Gli accarezza il mento)

Renato           (Alza il bastone e non volendo colpisce la gamba di Totonno, il quale subito si lamenta) T’aggio ditto ca nun m’hê chiammà accussì ‘nnanze ‘a ggente!

Totonno         (Lamentandosi) Ma nun ce sta nisciuno! Siamo soli. (Gli si avvicina di nuovo) Oggi nun m’ hê fatto manco ‘na coccola… cattivone!

Renato           (Portando il dito al naso) Shhh, statte zitto, venarrà ‘o mumento! (Si siede mentre entrano Viola e don Vincenzo) E tiè, tiè… si salvi chi può!

D.Vincenzo   (Andando verso Renato) Ueh, caro Renatino, già sì pronto? (Renato fa cenni di sì allargando le braccia) Vieni Violè, accomodiamoci. (A Renato) E ll’ate?

Renato           Stanno tutte quante dint’‘e ccammere lloro, pure l’urdema arrivata, chella… Selenia.

Viola             Ah, è arrivata? E comm’è, giovane?

Renato           ‘Overamente ‘na bella femmena. Rodolfo e Carlo già stanno sul piede di guerra… Ma mò vide che ‘n’atu ppoco scenne pur’essa.

Viola             Sò propeto curiosa d’‘a cunoscere.

D.Vincenzo   Mò ‘a cunuscimmo, nun te preoccupà Violè, e si è ‘na pecurella smarrita, cercherò di condurla all’ovile. (Entrano Rodolfo e Fiorella, si vanno a sedere parlando fra di loro e don Vincenzo fa cenno a Viola) ‘E vvide a chilli dduje? Sò ddoje pecurelle ca nun truvarranno mai l’ovile.

Viola             (A Totonno) Totonno, che ci sta per cena?

Totonno         Quello che ha comandato il signor Lorenzo: un antipastino di verdure, un brodo leggero, una spigoletta all’acqua pazza e un’insalatina mista.

Viola             Bene, ‘na cusarella leggera…

D. Vincenzo  Accussì arrepusamme meglio.

Renato           A me ‘o pesce nun me piace!

Viola             ‘Overo? Strano!

D.Vincenzo   Guagliù, pe’ piacere, nun accummenciammo ‘n’ata vota. (Entra Gilda, seguita da Selenia e da Teresa) Oh, la nostra ospite ha già fatto conoscenza! (Si alza e va incontro a Selenia) Carissima, è un piacere conoscervi, io sono…

Selenia          Don Vincenzo.

D.Vincenzo   Mi conoscete?

Selenia          Di nome. Il caro Loffredo mi ha parlato di voi come di tutti. (Tendendo la mano) Molto piacere don Vincenzo.

D.Vincenzo   Piacere mio, cara Selenia. (A Gilda) Lorenzo non scende ancora?

Gilda             Scenderà fra poco.

Fiorella        Nel frattempo chi se vene a ffà ‘na passiata dint’‘o parco?

Viola             T’accumpagn’io, ‘na bella cammenatella stimolerà l’appetito.

Rodolfo         (A Selenia) Venite pure voi, dopo un viaggio così lungo vi farà bene.

Selenia          Con piacere. (Esce con Viola, Fiorella e Rodolfo)

Renato           Oilloco Rodolfo ca parte all’attacco d’‘a zucculona.

D.Vincenzo   Cugino, ti prego…

SCENA UNDICESIMA

(CARLO e detti, poi FILIPPO, indi RODOLFO, SELENIA, FIORELLA e VIOLA, poi TOTONNO,

infine CARLO e DON VINCENZO)

Carlo             (Entrando) Je stongo ccà… e tutte quante ll’ate?

D.Vincenzo   So gghiute a se fà ‘na passiata dint’‘o parco.

Carlo             Pure Selenia?

Renato           Pure Selenia.

Carlo             Strano, penzavo ca ‘a vulevene isolà. Se vede ca ‘a guagliona tene fascino…

Gilda             Seh, ‘o fascino d’‘a perversione. (Si sente bussare alla porta e Totonno corre ad aprire) Chi è, Totonno?

Totonno         (Apre la porta) È una macchina nera.

D.Vincenzo   Allora è ‘o nutaro Marelli ca sta arrivanno.

Gilda             Finalmente!

Carlo             Almeno mò sapimmo ca dimani s’arape ‘stu benedetto testamento! (Si sente un urlo di dolore e tutti rimangono sorpresi, poi Gilda, seguita da Teresa e da Totonno, escono di corsa)

Teresa            (Rientra subito dopo sconvolta) Aiuto!... Aiuto!... Il signor Lorenzo è morto! Aiuto!... (Tutti si precipitano in soccorso lasciando la scena vuota)

Filippo            (Entra subito dopo l’uscita di tutti gli altri, si guarda intorno e non vede nessuno, poi adagia la borsa sul mobile) Ma che d’è, non ce sta nisciuno? (Si sentono poi delle voci incomprensibili dall’in-terno) Ah, ecco, me pareva… stanno ‘ncoppa. (Entrano Rodolfo e Selenia seguiti da Fiorella e Viola)

Rodolfo         Oh, caro notaio, vi abbiamo visto arrivare.

Filippo            Signori, vogliate scusarmi. Il mio ritardo è imperdonabile, ma ho dovuto sbrigare le ultime pratiche di rito.

Fiorella        Caro notaio, l’importante è che siete qui e che finalmente sapremo le ultime volontà del nostro compiantuto zio.

Filippo            Certo, ma se permettete aprirò il testamento domani mattina, stasera meglio riposare. E tutti gli altri? (Entra Totonno tutto sconvolto)

Rodolfo         Ah, giusto tu, ma che è succieso? Addò stanno tutte quante?

Totonno         Oh signor Rodolfo, è successa una disgrazia: mentre stavamo tutti giù, abbiamo sentito un urlo, siamo corsi di sopra e abbiamo trovato il signor Lorenzo a terra nella sua stanza e con il volto pieno di sangue!

Filippo            Oh mio Dio! (Fiorella, Viola e Rodolfo vanno via di corsa, mentre Selenia si siede sconvolta su un divano) Oh Santo Dio! (A Totonno) Ma è morto?

Totonno         A me così è sembrato: era a terra con gli occhi stralunati e con il volto tutto insanguinato. Io sono scappato giù perché il sangue mi fa impressione.

Filippo            (Si avvicina al telefono) Meglio chiamare la polizia, questo ha tutta l’aria di essere un delitto e, se è così, non mi va di passare la notte con un assassino in giro per la casa. (Compone il numero) Pronto, polizia? Sono il notaio Marelli, sono alla villa del signor Ripamonti. Ispettore, temo che qui ci sia stato un delitto, venite.

Totonno         Signor notaio, se volete vi faccio vedere la vostra stanza, io da quelli non ci torno.

Filippo            No, dopo. Prima voglio sapere bene di questa faccenda e poi sta venendo l’ispettore. (A Selenia) Voi siete Selenia, vero?

Selenia          Sì. Voi siete il notaio Marelli? (Fa per alzarsi)

Filippo            Sì. Ma prego, sate comoda. (Entrano Carlo, Rodolfo e don Vincenzo) Allora?... È morto?...

Rodolfo         Diciamo che ci è andato vicino. S’è ripreso e Teresa lo sta medicando.

Filippo            Ha detto come è successo?

Carlo             Non ancora. Forse è scivolato.

D.Vincenzo   O forse qualcuno l’ha spinto!

Filippo            Ma perché poi?

D.Vincenzo   Forse perché si è pensato che possa essere lui ad ereditare il tutto e allora…

Filippo            Ah, siamo già a questo? Beh, allora mettetevi l’anima in pace: il commendatore ha deciso diversamente.

Carlo             Diversamente? Che vuol dire?

Filippo            Domani lo saprete. Posso solo aggiungere che il commendatore, sentendosi alla fine, ha voluto compensare la sua immorale condotta di vita terrena con un’opera misericordiosa. Diciamo che si è affidato nelle mani e alla volontà del Signore. Totonno, accompagnami nella mia stanza.

Totonno         Subito signor notaio. (Esce con il notaio)

Rodolfo         (Va verso don Vincenzo) E bravo ‘o zì prevete, anzi ‘o cugino prevete! Sotto sotto… sì stato cacchio ‘e cunvertì ‘a pecorella, anzi, ‘o piecurone smarrito!

Carlo             Vuò forse dicere ca isso… (Indicando don Vincenzo) è riuscito a se fà ‘o viecchio e a se fà intestà tutte cose? Mò me spiego pecché jeva e vveneva ‘a dint’‘a clinica… (A don Vincenzo) È accussì, è ‘ovè

D.Vincenzo   Io aggio fatto sulamente ‘o duvere mio. Ce aggio purtato ‘o cunforto d’‘o Signore. Si ha deciso accussì, facci la sua volontà: aiuterò ‘e bisognose.

Carlo             ‘E bisognose? Ne dubbeto. Pure si sì ‘nu prevete, comme se dice… buon sangue non mente!

D.Vincenzo   È ‘overo, buon sangue non mente, ma quanno se sta p’arrivà ‘o traguardo ce se pò ssempe pentì e ‘o viecchio, a quanto pare, s’è pentuto. Vaco a vvedè comme sta Lorenzo. (Esce)

Carlo             Già: ‘nce ha dato ‘a benedizione e s’ha pigliata ‘a beneficazione!

Rodolfo         E già. ‘E pparole d’‘o nutaro sò state chiare. (Bussano alla porta) E chisto è l’ispettore ca ha chiammato ‘o nutaro: ‘n’atu scandalo ca ce cade ‘ncuollo. (Entra Tonio e va ad aprire)

Carlo             Nun ce preoccupammo cchiù ‘e tanto.

Rodolfo         Ah, no? Tu ‘overamente pienze ca Lorenzo è sciuliato?

Carlo             Certamente. Nisciuno ‘e nuje pò essere stato, steveme tutte quante ccà, pure ‘a servitù; ll’ate stevene tutte ‘nzieme fore ‘o parco, chi vuò ca ce ha fatto quaccosa, a meno che nun ce sta ‘n’ata perzona annascunnuta dint’a ‘sta casa?

SCENA DODICESIMA

(VITTORIO, ROMEO e detti, poi GILDA, VIOLA, LORENZO, RENATO, FIORELLA, e DON VINCENZO,

infine TERESA)

Vittorio        (È l’ispettore chiamato dal notaio; entra accompagnato da Totonno e seguito da Romeo, il suo aiutante) Salve! (Ha un soprabito bianco e porta in mano una lente di ingrandimento; va verso i due e gliela punta addosso come a cercare delle tracce) Sono l’ispettore Rimessa, e a me nessuno mi fa fesso. Dov’è la vittima?

Rodolfo         Pare che è resuscitata.

Romeo            (Con baffetti e bombetta, tiene sempre tra le mani un ciondolino e ogni tanto lo agita in modo rotatorio. È sempre dietro a Vittorio ed è molto arguto, a differenza del suo capo, che non ci azzecca mai) Cosa? I morti non resuscitano, tranne Lazzaro!

Vittorio        (Si volta verso Romeo con fare comico) Statte zitto tu! I miracoli possono succedere. (A Rodolfo) E come ha fatto?

Rodolfo         (Non capisce) Ah? Boh!... Che avete detto?

Vittorio        Come ha fatto a resuscitare?

Rodolfo         (C.s.) Come?

Romeo            (Si avvicina a Vittorio) È sordo.

Vittorio        Nun dicere strunzate!

Carlo             Sì, mio cugino è un po’ sordo e intendeva dire che non è morto, ma solo ferito ed ora sta bene. Permettete? Io sono Carlo Ripamonti e questo è mio cugino Rodolfo.

Vittorio        (Li guarda con sospetto) Piacere. Ora però voglio vedere la vittima ferita e domani intendo scoprire chi è stato, perché a me nessuno sfugge.

Totonno         Venite con me ispettore, prego. (Stanno per uscire quando tutti, tranne Teresa, entrano preceduti da Gilda e Viola che sorreggono Lorenzo con la testa fasciata e ognuno di loro si muoverà a soggetto nel salone)

Vittorio        (Con un movimento felino e in modo comico si posiziona davanti alla porta d’ingresso) Fermi tutti! E che nessuno esca da questa casa!

Rodolfo         Cchiù ca ‘n’ispettore chisto me pare ‘a brutta copia ‘e Coliandro.

Carlo             Stammo ‘ncoppa a ‘nu paisiello ‘e muntagna e ‘st’ispettore sarrà ‘nu povero diavulo fallito.

Rodolfo         Già, ma intanto ce l’avimmo ‘a tenè ‘nnanze ‘e piede fino a dimane

Vittorio        (Li guarda uno per uno) Da questo momento nessuno può lasciare questa casa. Prima che il notaio legga il testamento sarete tutti interrogati! (Si avvicina a Renato, il quale a-vanza a tentoni aiutandosi con il bastone) Voi dovreste essere la vittima…

Romeo            (A Vittorio) Veramente ‘a vittima è isso. (Indica Lorenzo)

Vittorio        Statte zitto tu, e smettila ‘e sbattere ‘stu coso! (Guarda Lorenzo) Uhm… scoprirò il colpevole ed avrà la giusta pena.

D.Vincenzo   (Guardando verso l’alto) Possa il colpevole pagare questo atto infame! Che la sua anima possa bruciare nel fuoco dell’inferno e le sue mani bloccarsi insieme alla sua mente! (Tutti si spaventano e si stringono fra di loro)

Totonno         L’anatema è lanciato… Nun vulesse stà dint’‘e panne d’‘o colpevole.

Teresa            (Entrando) Signori, la cena è pronta! (Tutti fanno per dirigersi verso la comune ma sono bloccati da Vittorio che si para loro davanti)

Vittorio        Fermi tutti! Ho detto che nessuno deve lasciare questa casa!

Romeo            Ispettò, si ‘a cena è pronta vonno jì dint’‘a sala ‘e pranzo.

Vittorio        Statte zitto tu! (Guarda tutti) La cena? (Tutti annuiscono) E allora andiamo, interrogherò dopo!

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto.

In scena TERESA, TOTONNO, VITTORIO e ROMEO. TERESA sta servendo il caffè a VITTORIO mentre TOTONNO, con un piumino, toglie la polvere e sistema i divani.

SCENA PRIMA

(TERESA, VITTORIO, ROMEO e TOTONNO, poi DON VINCENZO)

Teresa            (Versa il caffè) Ispettò qua ci stanno anche dei biscotti, vulite ‘o zucchero? (Vittorio annuisce) Semolato o di canna?

Vittorio        (Si alza in piedi) Canna? Ah, fate uso di droga, eh?

Romeo            Nossignore ispettò, vuleva dicere ‘o tipo ‘e zucchero.

Vittorio        Statte zitto tu! (A Teresa) Un po’ di zucchero e niente semola, grazie. (Teresa alza le braccia al cielo e poi versa)

Teresa            E vuje signor Romeo?

Romeo            Grazie, faccio io.

Vittorio        (A Teresa) Quindi voi siete al servizio di questa casa da molto tempo.

Teresa            Io sò quase quindici anni.

Romeo            E tu, Totonno?

Totonno         Venticinque anni.

Romeo            (A Totonno) Quindi conoscete bene la storia di questa famiglia.

Teresa            Eh sì, isso cunosce morte e miracoli ‘e chesta famiglia. ‘O commendatore se fidava assaje ‘e Totonno.

Vittorio        Che tipo era il commendatore?

Totonno         Diciamo che a parte quacche mumento ‘e pazzaria, era ‘nu brav’ommo. Lle piacevano assaje ‘e ffemmene e ‘a bella vita.

Vittorio        I parenti del defunto venivano spesso a trovarlo?

Teresa            Spesso no. Chilli llà aspettavano sulamente ca ‘o vecchio veneva chiammato da ‘o Signore!

Vittorio        E oltre ai parenti c’era qualcun altro che veniva a trovarlo?

Totonno         (Girandosi in modo curioso verso Vittorio) Comme, no? Tante belle… donnine!

Vittorio        Donnine? Gli piacevano le donne di piccola statura?

Romeo            Ma no, vuleva dicere ca ‘o defunto riceveva in casa molte signore compiacenti… insomma, prostitute!

Vittorio        Statte zitto tu! E… le riceveva a casa sua?

Totonno         Esattamente. In casa, fuori casa… era un grande amatore e assetato ‘e sesso.

Vittorio        (Con ironia, guardando Totonno muoversi vicino a lui) Solo di donne?

Totonno         Purtroppo sì.

Vittorio        E a voi, Teresa, non ha mai rivolto nessun interessamento?

Teresa            (Riluttante) ‘A verità… sì!

Totonno         Teresa era la sua colazione e quacche vota pure ‘a cena hahahaha.

Teresa            E tu ‘a pazziella ‘e Renato!

Vittorio        Oh oh, uhmm… Vabbè, andiamo di sopra: ho detto a tutti che a nessuno era permesso scendere. Andiamo ad interrogarli uno alla volta.

Romeo            Ma nunn’‘e putite tenè priggiuniere dint’‘e cammere lloro, è contro la legge!

Vittorio        (Porta il dito al naso indicando silenzio) Sshhh! Vabbuò, chi vuole po’ scennere, però li interrogheremo a turno. Jammuncenne! (Esce con Romeo)

Totonno         (A Teresa) Che personaggio chill’ispettore, non ce azzecca maje!

Teresa            Pare Sherlock ‘o scemo! Menu male ca l’aiutante pare uno in gamba… Vabbè, jammo a ppriparà ‘e ccolazioni; tu pe’ ttramente sparecchia e si scenne quaccheduno me chiamme. (Esce)

SCENA SECONDA

(DON VINCENZO e detto, poi ROMEO, indi, da dentro, VITTORIO)

Totonno         (Comincia a sparecchiare la tavola) Me sape ca ogge nun fernesce ccà. (Entra don Vincenzo e subito Totonno prende le posate) Oh, caro don Vincenzo, siete sceso per la colazione? Stavo appunto preparando…

D.Vincenzo   (Sedendosi) Bravo figliolo, puorteme ‘nu bellu cappuccino e ‘nu cornetto caldo.

Totonno         Subito, vado e torno. (Esce con le posate in mano mentre Vincenzo tira fuori il breviario e legge; dopo un po’ entra Totonno con il vassoio) Ecco qua: latte, caffè e cornetto, serve altro?

D.Vincenzo   Ah, bravo, vai, vai. (Con un inchino Totonno esce: don Vincenzo, nel momento in cui si appresta a fare colazione, sente uno strano rumore come se fosse un graffiare dietro la porta posta di lato) Chi è? (Il rumore aumenta e Vincenzo con curiosità si alza e va verso la porta, l’apre, esce e guarda fuori. In quel momento una figura coperta con un lenzuolo entra dalla comune, si avvicina al tavolo e versa delle gocce nella tazza del latte, poi sparisce mentre rientra don Vincenzo) Mah, chissà chi era… forse ‘a jatta… (Prende il cornetto e comincia a mangiarlo, poi prende la tazza e fa per portarla alle labbra, ma in quel momento entra Romeo)

Romeo            Ah, don Vincenzo, voi state qua?

D.Vincenzo   (Voltandosi e posando la tazza) È successo qualcosa?

Romeo            (Avvicinandosi al tavolo) Non ditemi niente, vi desidera l’ispettore.

D.Vincenzo   È urgente? Almeno posso finire la mia colazione?

Romeo            (Sedendosi e agitando il ciondolino) Certamente, qualche minuto può aspettare.

Vittorio        (Da dentro, gridando) Romeo!

D.Vincenzo   (Fa per pendere la tazza in mano ma Romeo lo blocca) Ch’è stato?

Romeo            Dobbiamo andare!

D.Vincenzo   Ma fatemi almeno prendere il cappuccino!

Romeo            Vi prego, dopo! Voi non conoscete l’ispettore! (Entra Totonno mentre Romeo si alza e inavvertitamente fa cadere il ciondolino nella tazza) Oh, mi dispiace! (Toglie il ciondolo e lo pulisce)

D.Vincenzo   E vabbuò, nun dammo retta, jammuncenne! (Esce insieme a Romeo)

Totonno         Ah! (Prendendo la tazza) E ‘stu llatte mò ce ‘o dammo ‘a jatta d’‘a signora Viola!

SCENA TERZA

(TERESA e detto, poi CARLO e RENATO, indi VIOLA)

Teresa            (Entra con una guantiera coperta e si avvicina al tavolo) Ccà stanno ‘e cornette, ma nun è sciso ancora nisciuno?

Totonno         Sulamente don Vicienzo, ma po’ l’ha chiammato l’ispettore e nun ha manco fatto colazione. Anzi, piglia ‘stu llatte e dancello ‘a jatta d’‘a signora Viola.

Teresa            Pecché, nun è bbuono? (Tocca la tazza) È ancora cavero, lassalo stà ccà ‘ncoppa, si vene quaccheduno ‘nce ‘o dammo.

Totonno         Ma è spuorco, c’è caduto dinto ‘o ciondolo ‘e Romeo!

Teresa            Famme vedè… (Prende la tazza) Ma no… po’ gghì, chi se n’addona? (Posa la tazza proprio mentre entrano Carlo e Renato)

Carlo             (Si avvicina al tavolo e si siede mentre Renato, aiutandosi con il bastone, si avvicina al tavolo cercando una sedia) Oh, veco ca ‘a colazione già è pronta! (A Teresa) ‘O llatte è cavero?

Teresa            Sissignore.

Carlo             E ‘e cornette?

Totonno         Appena sfornati.

Carlo             Benissimo! Renà, assettate. (Prende il caffè e lo versa nel latte mentre entra Viola con il gatto in braccio) Ah, Violè, faje colazione ‘nzieme a nuje?

Viola             Buongiorno cari. (Si siede, accarezza il suo gatto, poi solleva la carta dalla guantiera dei cornetti) Oh, che meraviglia! (Ne prende uno) Oh, cavero cavero comme me piace a mme!

Renato           (Alzando il bastone per orientarsi, lo sbatte sul braccio di Carlo che versa una parte del latte sul vestito di Viola che impreca, mentre Carlo, per mantenere la tazza, ci mette il dito dentro) Uh, scusateme! (Si siede)

Viola             Tu e chillu bastone maledetto! Guarda comme m’hê cumciato ‘o vestito!

Carlo             Ma insomma! Terè, porta ‘sta tazza ‘a via ‘e dinto e puortammenne ‘n’ata!

Viola             (Si alza) Jammo Terè, damme ‘na mano a pulezzà ‘o vestito. ‘O llatte rimasto dint’‘a tazza dancello ‘o micetto mio. (Teresa prende la tazza ed esce insieme a Viola)

Renato           Me dispiace p’‘o llatte tujo.

Carlo             Latte ce ne sta assaje! ‘O guajo l’hê cumbinato a Viola!

Renato           (Ridendo) Ha ha ha ‘e chesto nun me ne fotte propeto!

SCENA QUARTA

(GILDA, LORENZO e detti, poi VITTORIO, SELENIA, IL NOTAIO, RODOLFO e DON VINCENZO,

indi VIOLA, TERESA e TOTONNO, infine ROMEO e FIORELLA)

Gilda             (Entra insieme a Lorenzo tenendolo sottobraccio) Vieni tesò… (Vanno a sedersi sul divano) Ccà starraje commodo.

Carlo             (Si avvicina a Lorenzo) Come va?

Lorenzo         (Toccandosi la testa) Insomma… Mi pare ‘e tenè ‘a capa dint’a ‘nu pallone pigliato a cavece.

Renato           Menu male ca te sì repigliato! Ma sì sicuro ca nun sì caduto tu sulo?

Gilda             Quanta vote l’aggio ‘a dicere? È stato colpito ‘ncapa cu’ ‘nu bastone!

Lorenzo         Già, aggio ‘ntiso ‘nu colpo forte ‘ncapa e po’… ‘o scuro.

Carlo             Io m’addimanno chi sarrà stato! (Si sente un urlo provenire da dentro. Tutti rimangono sorpresi e immobili mentre accorrono l’ispettore, Selenia, il notaio, Rodolfo e don Vincenzo)

Vittorio        (Si porta al centro della stanza) Chi è stato?

Viola             (Da dentro, urlando) L’hanno acciso!... Assassini!... Assassini!:..

Vittorio        (Si dirige verso la porta ma, proprio mentre sta per uscire, entra Viola con il gatto in braccio seguita da Teresa e da Totonno) Chi hanno ucciso?

Viola             (Alzando il gatto quasi sul viso di Vittorio) A Fufù! Il mio amato Fufù!... Assassini!

Vittorio        (Scosta le braccia di Vittoria e si porta al centro della sala) Fermi tutti! (Va verso Viola e guarda il gatto) Come è morto?

Viola             ‘O llatte! Appena ha bevuto ‘o latte ha fatto “miaooo” e poi… è crollato a terra morto!

Vittorio        Il latte? Quale latte?

Teresa            Quello che era rimasto nella tazza.

Vittorio        Rimasto? E chi ha bevuto prima del gatto?

Teresa            Nessuno, era il latte che doveva bere il signor Carlo, la tazza era caduta sul tavolo ed il latte rimasto lo abbiamo dato al povero… gatto defunto. (Carlo si porta una mano alla testa, cade a terra e sviene)

Rodolfo         Teresa, Totonno, aiutateme: Carlo è svenuto! (Totonno e Teresa aiutano a sollevare Carlo che viene adagiato sul divano)

Renato           E ce credo ca è svenuto, ‘o llatte l’aveva vevere isso! Si nun era p’‘o bastone mio ca ce l’ha fatto cadè, a chest’ora steva passianno cu’ zio Loffredo p’‘e viali d’‘o Paraviso… o forse dint’a quacche girone ‘e ll’inferno!

Vittorio        Cosa? Ma insomma, questo latte da dove è arrivato? (Si sentono i soliti gemiti e sospiri come nel I atto) Che succede? (Rimane in ascolto come a cercare di scoprire da dove arrivano) Shhh! C’è qualcuno che si lamenta!

Renato           No no, ispettore, non si lamenta nessuno!

Vittorio        Silenzio! (Ancora gemiti) Li sentite?

D.Vincenzo   (Alzando le braccia al cielo) Oh Signore!

Vittorio        Silenzio! (Ancora gemiti e poi un urlo liberatorio di piacere molto lungo. Vittorio tira fuori la pistola) Romeo, con me, jamme! (Si guarda intorno, non vede Romeo ed urla) Romeo! (Romeo accorre mezzo svestito seguito da Fiorella) Ma addò stive? Nun hê ‘ntiso ll’allucche ‘e ‘na femmena?

Romeo            Stevo ‘ncoppa ispettò. È tutto a posto, tutto a posto.

Vittorio        Tutto a posto? E chi è ca se lamentava e alluccava?

Romeo            Ecco… io… insomma…

Renato           (Alzando il bastone) Ispettò, posso?

Vittorio        Sì.

Renato           Romeo stava trombando nostra cugina Fiorella!

Gilda             Chella zoccola! Pure cu’ ‘e gguardie!

Vittorio        Cosa?! (Verso Romeo) Cu’ tte po’ facimme ‘e cunte.

Romeo            Ma ispettò, site stato vuje ca m’avite chiesto ‘e indagà!

Vittorio        Sì, ma no accussì a fondo!

Fiorella        (Alza le braccia toccandosi i capelli, quasi trasognata) È stato meraviglioso!

Vittorio        Uhmm.. Signori, siete liberi di tornare alle vostre camere tranne il signor Carlo, Totonno, Teresa, la signora Viola e don Vincenzo. (Gli altri escono) Dunque, torniamo a noi: il latte, chi ha preparato il latte?

Teresa            Io, ispettò, ma vi assicuro che non era avvelenato: ho aperto la busta nuova, ‘na parte l’ho bevuto e ‘n’ata parte l’ho scaldato e l’ho servito a tavola per la colazione.

Vittorio        Che per fortuna il signor Carlo non è riuscita a fare.

D.Vincenzo   Il Signore ha voluto essere misericordioso.

Viola             Però se l’è pigliata con il mio povero Fufù! (Siede sul divano accarezzando il gatto) Povero mio Fufù!

Vittorio        Io però mi chiedo chi voleva la morte del signor Carlo! (A Carlo) Lei ne sa qualcosa?

Carlo             No, veramente non saprei… Sono ancora così scosso… Ho bisogno di riposare, posso andare?

Vittorio        Sì, sì andate. (Carlo esce) Beh, è comprensibile, non è facile sapere che il latte destinato alla sua colazione era avvelenato.

Totonno         Veramente non era per lui.

Vittorio        E certo, era per il gatto! Ma perché ammazzare un povero gatto! Per dispetto?

Romeo            Ispettò, forse Totonno vuleva dicere ‘n’ata cosa.

Ispettore       Shhh! Statte zitto tu! Po’ facimmo ‘e cunte. Che vuoi dire Totonno?

Totonno         Che il latte non era per il signor Carlo. Teresa lo aveva preparato per la colazione di don Vincenzo!

D.Vincenzo   Comme?

Totonno         Sì, è così, però non lo avete bevuto perché è venuto il signor Romeo a chiamarvi e lo avete lasciato sul tavolo.

D.Vincenzo   Oh mio Dio! È vero! Oh Signore!

Romeo            Sì è vero, lui voleva berlo ma per fortuna il mio ciondolo è caduto nella tazza e così… lo ha lasciato.

Vittorio        Al gatto.

Viola             (Con lamenti) Il mio povero Fufù!

Teresa            Veramente no… Ecco ispettò… Totonno voleva, ma mi pareva uno spreco darlo al gatto e così, visto che il signor Romeo aveva riavuto il suo ciondolo, il latte l’abbia-mo lasciato per la colazione del signor Carlo.

Vittorio        Insomma, lo avete riciclato! Allora le cose cambiano. Dite, don Vincenzo, quando siete sceso eravate solo?

D.Vincenzo   Sì, c’era solo Totonno che mi ha servito la colazione.

Vittorio        Con il latte avvelenato!

Teresa            Nossignore ispettò, il latte era buono: l’ho bevuto pur’io!

Vittorio        Questo è un mistero.

Romeo            Forse il latte è stato avvelenato dopo che è stato portato a tavola.

Vittorio        Shhh statte zitto tu, famme penzà!... Don Vincenzo, ma voi vi siete allontanato mai dalla tazza?

D.Vincenzo   Sì! Mò che ci penso, dopo che Totonno mi ha servito la colazione ed è uscito, ho sentito un rumore dietro la porta, come se qualcuno la graffiasse; incuriosito, sono andato a vedere, ho aperto la porta, ho guardato fuori ma non ho visto niente!

Romeo            E mentre voi siete uscito…

Vittorio        (A Romeo) Shhh, statte zitto tu! Qualcuno ha versato il veleno nel latte. Ma perché volere la morte di don Vincenzo?

D.Vincenzo   Qualcuno voleva la mia morte? La morte di un povero prete? Assassini! (Alza le braccia al cielo) Eh, ma ci penseranno il Signore e i Santi del Paradiso a punirli per avere osato fare questo!

Teresa            (A Totonno) E statte sicuro ca… (Indicando don Vincenzo) isso arriva primma d’‘o Pataterno… Sììì, ce penza isso!

Totonno         ‘Ncoppa a chesto nun ce stanno dubbi.

Viola             Oh!... Il mio povero Fufù!

D.Vincenzo   Poverina, come soffre! (Va verso Viola e le si siede accanto per consolarla)

Vittorio        (In disparte a Teresa e Totonno) Che volevate dire a proposito che… (Indica don Vincenzo) ci penserà lui?

Teresa            (Apre leggermente la camicetta da dove compaiono due corni rossi) Li vedete questi?

Vittorio        Sì, ma non capisco…

Totonno         Sono l’unico rimedio per proteggersi da don Vincenzo!

Vittorio        Cosa? Ma come, un prete iettatore?

Teresa            Ispettò, se quello vi punta… siete in un mare di guai!

Vittorio        (Facendo le corna) P’‘a marina! Romeo, procura subito dei corni rossi! Vai!

Romeo            Subito ispettò, però io intanto sentirei il notaio… Forse ‘sti tentativi di omicidi teneno a che ffà cu’ ll’eredità del defunto Ripamonti.

Vittorio        Uhmm… famme penzà… sì, forse… Chiammame ‘o nutaro e pure il signor Lorenzo e… nun te scurdà d’‘e cuorne! (Romeo esce mentre Viola ancora si lamenta. L’ispettore va verso Viola tenendo dietro la schiena una mano che fa le corna) Signora Viola, fate una cosa: fatevi aiutare da Totonno e andate a fare il funerale a questo gatto.

Viola             Oh, no! Il mio Fufù rimarrà sempre con me, lo farò imbalsamare!

Vittorio        Signora Viola, fate quello che volete ma portatelo via che questo già puzza!

Viola             (Si alza adegnata) Siete uno sbirro insensibile e senza cuore! Andiamo Fufù. (Esce)

D.Vincenzo   Poverina, è distrutta ma… il colpevole pagherà!

Vittorio        (Come a precisare, alzando un dito e con timore) Il colpevole… (A Teresa e Totonno) Voi andate, se ho bisogno vi chiamo. (Teresa e Totonno escono) Don Vincè, voi non avete alcun sospetto? Nessuno dei vostri parenti ha sentito la necessità di confessarsi?

D.Vincenzo   Se solo sapessi chi è stato… raccomanderei la sua anima al Signore!

SCENA QUINTA

(ROMEO, FILIPPO, LORENZO e detti)

Vittorio        (Mentre entrano Romeo, Filippo e Lorenzo; Romeo di nascosto dà un corno un po’ grande a Vittorio il quale lo nasconde comicamente in tasca) Oh, prego, accomodatevi. Vorrei fare il punto su questi due tentati omicidi per fortuna non andati a buon fine. Dunque, il mio aiutante ha identificato i due corpi del reato: ha trovato in un armadio nel corridoio un bastone ancora sporco di sangue, che si presume essere stato il corpo contundente con cui è stato colpito il signor Lorenzo. Romeo, fai vedere il bastone ai signori. (Romeo si avvicina alla tenda e prende il bastone avvolto in una custodia)

Romeo            (Tira fuori il bastone dalla custodia) Eccolo, per caso lo conoscete?

D.Vincenzo   (Si alza stupito) Ma è il bastone del povero zio!

Lorenzo         (Si avvicina) Sì, è proprio il bastone dello zio!

Vittorio        Che per fortuna vi ha solo sfiorato.

Lorenzo         Solo perché ho sentito un fruscio dietro di me e mi sono mosso.

Vittorio        Già. Romeo, prendi la tazza. (Romeo esegue e la consegna a Vittorio) Questa è la tazza dove è ancora presente un po’ di latte. Il veleno che c’è dentro è cianuro, veleno di solito inodore ma esalante il tipico odore di mandorle amare se viene messo in contatto con l’umido o con l’aria.

D.Vincenzo   Ora che ci penso, quando stavo per berlo ho sentito questo aroma particolare.

Romeo            Già, e grazie al mio ciondolo vi siete salvato. Ma la domanda è: da dove proviene questo cianuro?

Vittorio        Shhh statte zitto tu! Sono io che deduco. Allora, sapete qualcosa?

Lorenzo         Sì, non è un mistero: nostro zio lo aveva in un anello apribile. Lo portava da quando partì per la guerra, diceva che era l’ultima ratio in caso di estremo pericolo.

D.Vincenzo   Sì, è così.

Romeo            E ditemi una cosa, ma vostro zio… voi lo avete visto morto?... Insomma, avete assistito alla sua morte?

D.Vincenzo   Prima che morisse, sono andato in clinica e l’ho confessato, poi, dopo un giorno, abbiamo saputo che era morto.

Vittorio        Quindi non avete mai visto il suo cadavere…

Lorenzo         Esatto. Lo hanno portato in una cassa chiusa e poi abbiamo fatto i funerali. Ma… Ma… Voi state pensando che nostro zio non è morto?

Vittorio        Potrebbe. E in questo caso, viste le prove e i corpi del reato, potrebbe aver architettato un piano per farvi fuori tutti.

D.Vincenzo   Ma è assurdo! E poi perché volere la nostra morte? Lui aveva già tutto e senza nessuna necessità di dare niente a nessuno!

Romeo            Beh, questo è vero. Però la mente umana a volte fa paura, a volte è diabolica, perché è tremendamente complessa e molte volte concepisce pensieri limitanti, tuttavia io non sono convinto di questa teoria, non credo allo zio finto morto che possa ammazzare tutti, troppo complesso.

D.Vincenzo   Sapere quello che accade nella mente dei folli è un privilegio di pochi e forse di nessuno e nostro zio, seppure all’apparenza sembrasse normale, dentro di sé coltivava il seme della follia.

Lorenzo         Questo è vero, ma se così fosse perché prendersela con i suoi parenti? Lui di noi se ne è sempre fregato, ha condotto la propria vita in perfetta autonomia e nessuno di noi lo ha mai ostacolato, non vedo perché mai dovrebbe ammazzarci!

Romeo            Appunto, non c’è movente e poi, per fare una cosa del genere, avrebbe bisogno di complici e i suoi domestici non sono così stupidi da assecondare una pazzia del genere. Io escluderei questa pista.

Vittorio        La mente umana è un abisso difficile da sondare e non mi sentirei di escludere niente. Intanto, perché non analizziamo gli episodi successi e quello che abbiamo trovato? In tal modo seguiamo due tracce. La domanda però è: se nella prima ipotesi abbiamo individuato il colpevole, nella seconda chi può essere?

Romeo            Signor notaio, oltre lei c’è qualcun altro che conosce il testamento?

Vittorio        E no, le domande le faccio io! (Si guarda intorno curiosamente e poi a Filippo) Potete rispondere?

Filippo            No, l’ho redatto io personalmente.

Vittorio        Ha parlato del contenuto con qualcuno?

Filippo            No, con nessuno.

D.Vincenzo   Però un commento è stato fatto… Vi ricordate cosa si è detto ieri sera?

Filippo            Sì, ricordo: stavamo commentando quello che era successo al signor Lorenzo

D.Vincenzo   Esatto. Si pensava che fosse stato colpito da qualcuno perché sospettato di essere il destinatario di tutti i beni dello zio e invece voi, notaio, in qualche modo lo avete escluso.

Romeo            (Al notaio) Che avete detto precisamente?

Filippo            Testuali parole: che lo zio, in qualche modo, prima di morire si era ravveduto e, all’ ultimo momento, ha voluto compensare la sua immorale condotta di vita terrena con un’opera misericordiosa. Diciamo che si è affidato nelle mani e alla volontà del Signore!

Romeo            Allora è tutto chiaro: l’assassino ha pensato che il destinatario all’eredità fosse don Vincenzo.

Vittorio        Shhh, statte zitto, questo è scontato! La domanda è: chi è l’assassino?

Filippo            Già, bella domanda.

Romeo            Qualcuno che ha bisogno di molto denaro e ha paura che non possa ereditare un bel niente. Ispettò, direi di fare il punto per restringere il cerchio dei sospettati.

Vittorio        Uhmm… ‘Na vota tanto tiene raggione. allora, vediamo un po’: partiamo dall’episo-dio capitato a don Vincenzo. Escluderei i domestici: non hanno movente; il signor Lorenzo, vittima anche lui, e sua moglie, erano in camera; poi…

Romeo            Escludiamo la signora Viola: se fosse lei l’assassina non avrebbe avvelenato il suo gatto.

Vittorio        Escludiamo anche don Vincenzo: era la vittima e poi era a colloquio con me ed il notaio quando è successo il fatto.

Romeo            Giusto. Escluderei pure la signorina Selenia, non può essere lei: è appena arrivata e non conosce nessuno.

Vittorio        Escludiamo anche il notaio ed anche la signora Fiorella che in quel momento era… sottoposta alle tue profonde indagini…

Romeo            Beh, ecco… sì! Allora restano tre persone: i signori Renato, Carlo e Rodolfo.

Vittorio        Giusto… E niente di strano che uno di loro sia un assassino e che in questo momento può pensare di fare fuori qualcuno sotto i nostri occhi.

D.Vincenzo   Dimenticate che quando è stato colpito Lorenzo tutti erano con tutti e quindi tutti avevano un alibi.

Vittorio        Romeo, fai vedere cosa abbiamo trovato nell’armadio del corridoio.

Romeo            (Tira fuori un registratore, lo accende e si sente un urlo, poi lo spegne e tutti sono sorpresi) Ingegnoso eh? L’assassino lo aveva nascosto dietro una parete, aveva colpito il signor Lorenzo e poi, convinto di averlo ammazzato, è sceso giù con gli altri; poco dopo ha azionato il telecomando e, acceso il registratore, tutti hanno sentito l’urlo quando il signor Lorenzo era già a terra tramortito e quindi tutti avevano un alibi di ferro.

Filippo            Per la miseria, allora questo può continuare ad uccidere chiunque!

Vittorio        Non senza un movente! E a mio parere la vittima rimane ancora don Vincenzo, in quanto l’assassino pensa che sia l’unico erede.

Romeo            Sempre che questa sia la pista giusta. Se invece l’assassimo è il fantasma di vostro zio che ritorna è tutto inutile.

Filippo            Io direi di mettere fine a questa storia aprendo il testamento.

Vittorio        Ma così non scopriremo mai l’assassino!

Filippo            Ispettò ma qua, a parte il gatto, non è morto nessuno!

Vittorio        Solo per fortuna! No, prima dobbiamo scoprire chi è l’assassino. Caro don Vincenzo, voi sarete la nostra esca per pescarlo in flagranza

D.Vincenzo   Io non voglio fare la fine del pesciolino! Piuttosto affido il colpevole o i colpevoli al Signore … Lui saprà come castigarli!

Lorenzo         (A don Vincenzo) Si chesta è ‘n’intercessione, nun vulesse stà dint’‘e panne lloro!

D.Vincenzo   (Come ad ammonirlo) Lorè… tu il Signore lo devi ringraziare!

Vittorio        (A don Vincenzo) Se è per questo, pure voi.

D.Vincenzo   Tutti dobbiamo ringraziarlo… pure voi, ispettore. (Vittorio mette le mani in tasca e tocca il corno) Siete superstizioso?

Vittorio        Chi, io? No, no… ho un pruritino all’inguine… Comunque devo scoprire chi è stato; non lascerò che questo assassino ammazzi qualcuno da un momento all’altro. (Si sente un urlo di uomo e poi un grido di donna che chiede aiuto; Vittorio mette le mani in tasca e tira fuori il corno al posto della pistola che poi prende rapidamente)

SCENA SESTA

(SELENIA, RODOLFO e detti, poi TERESA)

Selenia          (Si precipita in sala mezza svestita con Rodolfo che le va dietro) Aiuto!... Aiuto, mi vuole violentare! (Va dietro a don Vincenzo mentre Rodolfo viene bloccato da Romeo e Vittorio. Entra Teresa)

Lorenzo         (Va verso Rodolfo) Zuzzuso! Miettete scuorno!

Rodolfo         (Tiene una mano alla testa e comprime un fazzoletto sporco di sangue; ancora con affanno ma consapevole del suo gesto insano) Scusami Selè, scusateme tutte quante, io… nun saccio che m’ha pigliato … (Teresa si avvicina con un bicchiere d’acqua e fa bere Selenia)

Lorenzo         Sì sempe ‘o solito rattuso: basta ca vide ‘na gonna e nun ce vide cchiù!

Vittorio        (A Rodolfo) Sedetevi. (A Selenia, in sottoveste) State tranquilla, è tutto finito, sedete. (A Rodolfo) Allora, raccontatemi com’è andata.

Rodolfo         Niente, stavo scendendo giù e, quando sono passato vicino alla stanza di Selenia, l’ ho sentita cantare: la porta era socchiusa e così, incuriosito, ho sbirciato dentro. Lei si stava spogliando e… vederla era uno spettacolo!

Lorenzo         Malato!

Vittorio        Continuate…

Rodolfo         Lei non si è accorta di me, continuava nel suo personale spogliarello ed io ad un certo punto ho perso il lume della ragione: sono entrato come un pazzo e… l’ho aggredita. Volevo farla mia e c’ero quasi riuscito se all’improvviso qualcuno non mi avesse colpito alla testa. Il resto lo sapete.

Romeo            (Va verso Selenia) È la verità oppure aveva altre intenzioni?

Selenia          Sì, è la verità: mi ha afferrata e stesa sul letto, ha tentato di baciarmi e di violentarmi poi, all’improvviso, come colpito da qualche cosa, ha dato un urlo ed io sono scappata.

Romeo            (A Rodolfo) Dove siete stato colpito?

Rodolfo         (Alza il fazzoletto) Qua, di striscio sulla tempia.

Vittorio        Avete visto chi vi ha colpito?

Rodolfo         No, appena mi sono girato era scomparso.

Romeo            (A Selenia) E voi avete visto qualcosa?

Selenia          Ero sotto il corpo di Rodolfo e non sono riuscita a vedere niente.

Vittorio        È il nostro assassino. Romè, jammo dint’‘a cammera d’‘a signorina Selenia e facimmo ‘nu sopralluogo accurato. Voi, Rodolfo, andate e fatevi medicare. (Esce insieme a Romeo e Selenia)

Teresa            Signor Rodolfo venite, vi pulisco la ferita e vi metto dei cerotti. (Escono)

D. Vincenzo  E mò che ne pensate?

Filippo            Io dico che la verità è nel testamento.

D.Vincenzo   Ma voi il testamento lo conoscete, perché non me lo rivelate? Potrei aiutare l’ispetto-re a risolvere questo caso.

Filippo            Perché la mia etica professionale me lo impedisce.

D.Vincenzo   E allora ditemelo in confessione.

Filippo            Ma in questo caso nemmeno voi potreste rivelarlo a nessuno.

D.Vincenzo   Vabbè, però potremmo indirizzare le indagini in un certo senso… diciamo… facendo delle supposizioni…

Filippo            Mi dispiace, non posso farlo!

SCENA SETTIMA

(FIORELLA e detti, poi VITTORIO, indi TOTONNO e TERESA)

Fiorella        (Entra, ha un vestito corto e scollato, va verso Filippo) Avete visto all’ispettore?

Filippo            È salito in camera di Selenia. (Entra Vittorio) Ah, eccolo qui.

Fiorella        (Va verso Vittorio) Vi posso parlarvi? (Si guarda intorno) In privato… ho saputo dell’ag-gredimento a Selenia!

Vittorio        Aggredimento? Ah, sì, certo…. Signor notaio, don Vincenzo, permettete? (I due asseriscono con un cenno) Allora, dite…

Fiorella        (Si avvicina a Vittorio con gesti provocatori) Vedete ispettò, questi aggredimenti… questi incidenti, m’hanno fatto sossere dei sospetti…

Vittorio        Sossere? Ah, sorgere! (Un poco timoroso, visti gli atteggiamenti di Fiorella) Bene bene, dite allora.

Fiorella        (Si fa ancora più vicina a Vittorio) Qua ci stanno un sacco persone che vanno e veneno e un sacco di recchie sempre appezzate, venite con me nella mia stanza, saremo al sicuro da occhi indiscretini.

Vittorio        (Titubante) Ma veramente…

Fiorella        (Si avvicina e gli tocca con provocazione la cravatta) Mica tenete paura di una povera donna indifesa?

Vittorio        No, è che… (Fiorella gli fa cenno con gli occhi come a dire: “andiamo”) E va bene, ma non vi mettete strane idee in testa: se vengo è solo per le indagini.

Fiorella        Ma certo, io vi farò scoprire tutto… Andiamo. (Escono proprio mentre entrano Totonno e Teresa)

Teresa            Hê visto? Che ne pienze?

Totonno         E ch’aggio ‘a penzà, Terè? Ca mò se tromba pure all’ispettore.

Teresa            Ah, chesto è sicuro, nisciuno sfugge al suo fascino. Io però parlavo d’‘a situazione in essere.

Totonno         Ah beh, io ‘na meza idea me l’aggio fatta.

Teresa            E quale fosse?

Totonno         Io penzo ca è ‘o signor Carlo ca sta architettanno ‘o juoco.

Teresa            Po’ essere. È l’unico ca ce jesse a perdere: ha ‘mpignato tutte cose dint’‘o casinò e si ll’eredità attuccasse sulamente a uno ‘e lloro, pe’ comme ha fatto capì ‘o nutaro, pe’ isso fosse ‘a ruvina. Sulamente ca quann’è stata aggredita ‘a signurina Selenia, ‘o signor Carlo steva abbascio ‘o ciardino a se ripiglià d’‘o spavento…

Totonno         Eh, ma te sì scurdata ca da ‘o ciardino, p’‘a scala posteriore esterna, s’ arriva propeto ‘nnanze ‘a cammera d’‘a signurina Selenia?

Teresa            Tiene raggione!... Forze ‘nce l’avimmo ‘a dicere all’ispettore.

SCENA OTTAVA

(RENATO e detti, poi VIOLA e GILDA, indi FILIPPO e DON VINCENZO)

Renato           (Entra, va verso il tavolo e siede con l’aiuto del bastone) Terè, puorte ‘nu bellu cafè?

Teresa            Subito signor Renato. (Esce)

Renato           (A Totonno) Ajeressera t’aggio aspettato, pecché nun sì vvenuto?

Totonno         E nun avite visto ‘o burdello ca c’è stato? Io stongo ancora tutto agitato…

Renato           Tiene raggione, ‘stu fatto sta mettenno tutte quante in agitazione. (Entra Teresa con il caffè)

Teresa            E se siete agitato perché prendete il caffè? (Mette la tazza di caffè sul tavolo)

Renato          Pecché senza ‘o ccafè cadesse in depressione. (Indicando il caffè) È sicuro, sì? (Beve mentre entrano Gilda e Viola)

Viola             (Va verso Renato) Il mio povero Fufù, hê visto? Il mio povero Fufù, l’avimmo ‘nterrato!

Renato          Meglio Fufù ca nostro cugino!

Gilda             Certo, meglio isso.

Viola             Sì, ma intanto il mio Fufù non c’è più!

Renato          E vabbuò mò smettila, t’accatte ‘n’ata jatta e ‘a chiammeFufù. (Si sentono gli ormai famosi gridolini di piacere di Fiorella) Oh, no!

Gilda             ‘N’ata vota chella zoccola ‘e Fiorella! (I gridolini si fanno sempre più forti fino all’urlo di piacere finale) Ma mò cu’ cchi?

Teresa           Però… L’ispettore è un poco imbranato, ma con le donne ci sa fare!

Gilda             Cu’ ll’ispettore? Possibile?

Renato          A Fiorella nisciuno sfugge! (Entrano Filippo e don Vincenzo)

Filippo           Cosa succede ancora?

Renato          Tranquilli, nostra cugina Fiorella si è fatta anche l’ispettore.

D.Vincenzo   Almeno a lui se l’è fatto Fiorella! A me mi volevano fare in un altro modo!

Gilda             Chella pensa sulamente a ‘na cosa!

Renato          Addoò sta Lorenzo?

Gilda             Sta con l’aiutante ‘e ll’ispettore… Poco ce manca ca ll’accumpagna pure dint’‘o cesso!

Filippo           Poverino, dopo quello che gli è accaduto è normale che stia in allarme.

Gilda             A questo punto io suggerisco un aperitivo in giardino, che dicite?

Renato          Ottimo. Terè, prepara ed avvisa ll’ate ca stammo fore ‘o ciardino. (A tutti) Allora, vulimme jì? (Escono lasciano soli Teresa e Totonno)

Teresa           (A Totonno) Io vaco a ppriparà ll’aperitive, si venene ll’ate pienzece tu e… parla cu’ ll’ ispettore, io nun ce ‘a faccio cchiù ‘a ttenè tutta ‘sta gente ‘nnanze ‘e piede!

Totonno        A chi ‘o ddice?!

SCENA NONA

(VITTORIO, ROMEO e detto, poi TERESA)

Vittorio        (Entra con Romeo, è mezzo intronato e va a sedersi sul divano) Totonno, mi dai un gin?

Totonno        Subito ispettò. (Lo prende, lo versa e poi lo dà all’ispettore)

Romeo            Addò stanno tutte quante?

Totonno        Fore ‘o ciardino, ‘n’atu ppoco Teresa lle porta l’aperitivo.

Vittorio        (Sorseggiando il gin) Ah, bene, allora possiamo parlare un po’. Romeo, fai tu, io ascolto.

Romeo            Va bene. Dimmi ‘na cosa, Totò, tu ‘o ssaje chi è Selenia, è ‘ovè?

Totonno         (Come sorpreso) Chi, io? ‘A verità nun saccio…

Romeo            Avimmo fatto dduje chiacchiere cu’ essa, ‘na guagliona ‘e vint’anne ca vive e studia dint’a ‘nu collegio ‘e suore non è ‘na prostituta comme ccà dicene ll’ate, nun te pare?

Totonno         No, infatti… Beh, ecco… mò ca m’avite ditto ‘stu fatto me vene ‘nu dubbio, ma è ‘nu sicreto ca nun pozzo rivelà: l’aggio prummiso a ‘o muorto.

Vittorio        Potresti essere accusato di complicità in questi tentati omicidi.

Totonno         Ma io… E vabbuò, ve dico tutte cose, ma m’avite ‘a prumettere ca nun dicite niente.

Romeo            Promesso. Chello ca ce dice servirà sulamente a chiarì chesta storia.

Totonno         E va bene. Vint’anne fa ‘a bonanema d’‘o cummendatore s’annammuraje ‘e ‘na guagliona ‘e diciott’anne. Perdette talmente ‘a capa ca, cu’ tutto ca era ancora viva ‘a bonanema d’‘a mugliera, ‘a facette passà pe’ ‘na parente d’‘a soja e ‘a faceva venì spesso a casa.

Vittorio        Quindi questa giovane amante la conoscevi?

Totonno         Certamente. È la signora Gilda.

Romeo            ‘A mugliera d’‘o signor Lorenzo?

Totonno         Propeto accussì, ma all’epoca ancora nun se cunuscevene. ‘O signor Loffredo mettette incinta ‘a signora Gilda e, quanno ‘o venette a ssapè, ‘a purtaje a vivere dint’a ‘na villa ccà vvicino. Po’ nascette ‘na criatura e ‘o signor Loffredo dicette ca era nata morta, ‘a storia fernette lloco e nisciuno sapette cchiù niente.

Romeo            Tu invece ‘a verità ‘a cunuscive, è ‘overo?

Totonno         Sulamente ‘a primma parte. Po’’nu bellu juorno, poco primma ‘e murì, ‘o signor Loffredo, me cunfidaje ‘o riesto: me dicette d’‘a figlia. Pe’ ppaura ‘e ‘nu scandalo, d’accordo cu’ ‘o ginecologo, facette credere ‘a mamma ca ‘a criatura era nata morta e invece l’affidaje a ‘n’orfanotrofio, condicendo ca l’hêva truvata vicino ‘a casa soja e ca se l’avesse visto isso ‘e tutto chello ca puteva servì. Po’, adoppo, ‘a mettette din-t’a ‘nu collegio ‘e lusso e ogne tanto ‘a jeva a truvà. Io nun aggio saputo maje comme se chiamava né addò ‘a teneva e isso nun ha ditto maje ‘a verità ‘a signora Gilda.

Romeo            Quindi ‘a signurina Selenia putesse essere ‘a figlia d’‘a signora Gilda?

Totonno         Po’ essere, pure si p’‘a signora Gilda ‘a figlia nun esiste.

Vittorio        Uh! Che brutta storia!

Romeo            E po’ comm’è ca ‘a signora Gilda se ‘nzuraje cu’ ‘o signor Lorenzo?

Totonno         Beh, p’‘o cummendatore fuje ‘na pazziella a lle fà cunoscere ‘o nepote e favorirne le nozze. Accussì isso alluntanaje ‘e sospette d’‘a mugliera e tenette tranquilla ‘a signora Gilda. Me dicette ca ‘e quacche mmanera l’hêva indennizzata.

Vittorio        Il defunto in seguito continuò ad avere rapporti con la signora Gilda?

Totonno         No no, ‘a signora Gilda, ‘na vota ‘nzorata, cu’ tutto ca ‘o signor Loffredo insisteva, nun l’ha vuluto vedè cchiù.

Vittorio        Uhmm… ma questo non spiega i tentativi di omicidio e chi li attua.

Totonno         Ah ispettò, ve vulevo dicere ca sia a me ca a Teresa è venuto ‘nu dubbio ‘ncoppa a ‘stuo mistero.

Vittorio        Ah sì? E dicci, dicci…

Totonno         Vedete, ‘o signor Carlo ‘a paricchiu tiempo nun s’‘a passa assaje bbuono: praticamente sta sul lastrico e putesse essere interessato cchiù ‘e tutte quante all’eredità. Po-co fa, quanno stevemo fore ‘o ciardino, pe’ ‘nu mumento non l’avimmo visto cchiù e, datosi ca ce sta ‘na scala che d’‘o ciardino saglie direttamente ‘ncoppa e sponta vicino ‘a cammera d’‘a signurina Selenia…

Vittorio        Ho capito bene… Tu che dici, Romè?

Romeo            Dico ca a chistu punto s’avessero ‘a fà ddoje chiacchiere cu’ ‘o signor Carlo, cu’ ‘a signora Gilda e cu’ don Vecienzo, o no ispettò?

Vittorio        Ma sì, certo… quacche vvota tiene raggione pure tu. (Entra Teresa con gli aperitivi) Teresa, lascia qui qualche aperitivo e facci il piacere di far venire qui il signor Carlo e la signora Gilda. (Teresa esce)

Romeo            Vulite sempe ca ll’interrogo io?

Vittorio        Sì, è meglio, me sento ‘a capa vacante!

Romeo            (Con ironia) Sulamente ‘a capa, ispettò?

SCENA DECIMA

(CARLO, GILDA e detti)

Vittorio        Nun sfottere! A te t’è capitata ‘a stessa cosa. (Entrano Carlo e Gilda) Oh, prego, accomodatevi. (Gilda e Carlo si siedono sul divano poi, a Totonno e Teresa) Voi andate (Totonno e Teresa escono)

Romeo            Dunque, vi ho fatti chiamare perché siamo giunti alla fine delle indagini e penso che tutti e due ci dovete spiegare alcune cose. Cominciamo da voi, signor Carlo: ditemi, perché avete assalito il signor Rodolfo poco fa?

Carlo             (Come sorpreso) Come? Ma vi assicuro che non sono stato io!

Romeo            Non potete negare, vi hanno visto e riconosciuto senza ombra di dubbio.

Carlo             (Come folgorato) Io… io… e va bene sì, è vero: passavo per caso per il corridoio e ho sentito gridare la signorina Selenia, ho visto la scena e non ho potuto fare a meno di intervenire.

Romeo            Ma poi perché siete fuggito? Forse perché eravate salito per cercare qualcun altro?

Carlo             No, ero salito per caso: volevo andare in camera mia a prendere le mie pillole antidepressive.

Vittorio        Siete depresso?

Carlo             Sì, un poco.

Romeo            Forse a causa dell’eredità o a causa della bassa fortuna che vi affligge?

Carlo             Forse per tutte e due le cose.

Romeo            Ed è per questo che avete assalito e tentato di assassinare il signor Lorenzo? Confessate!

Carlo             (Come preso in castagna) Io… io… sì, ho tentato, è vero! Ma all’ultimo momento ho deviato il colpo. E mi sono pentito e mi vergogno di averlo fatto.

Romeo            Così pentito che poi ci avete riprovato con don Vincenzo?

Carlo             No, non sono stato io! Non c’entro. Io ho tentato solo di colpire Lorenzo pensando che potesse essere lui il beneficiario di tutta l’eredità! (Sul viso di Gilda è evidente la sofferenza)

Vittorio        Sì, ma poi il notaio vi ha fatto capire che forse era don Vincenzo e quindi… vi conviene confessare! (Lo sguardo di Gilda è sempre più sofferente)

Carlo             No! Don Vincenzo no, non sono stato io!

Romeo            Confessa!

Gilda             (Inaspettatamente rompe gli indugi e, portando le mani alla fronte) Basta, non torturatelo più! Io… sono stata io! Io ho tentato di avvelenare don Vincenzo!

Vittorio        (Sorpreso) Voi?

Gilda             (Con lacrime e singhiozzi) Sì, io!

Romeo            Ma perché?

Gilda             Perché don Vincenzo conosce un mio segreto.

Romeo            Quello che sappiamo pure noi?

Gilda             Voi sapete? (Vittorio e Romeo fanno cenno di sì con la testa) Oh Dio mio!

Romeo            (A Carlo) Voi potete andare, ma tenetevi a disposizione e non fate parola con nessuno di questa conversazione. Andate. (Carlo con un cenno esce) Ora, signora Gilda, con calma diteci tutto.

Gilda             Cosa sapete di me?

Romeo            Quasi tutto. Sappiamo della vostra relazione con il defunto ed altre cose. Ora parlate, perché don Vincenzo?

Gilda             Tempo fa, in un momento di scoramento, gli ho detto tutto, della mia storia con Loffredo e della mia bambina nata morta.

Vittorio        In confessione?

Gilda             No, per avere dei consigli.

Romeo            E allora? Continuate…

Gilda             Loffredo prima di morire mi scrisse questa lettera, (La dà a Vittorio) dove dichiara che mi avrebbe intestato tutti i suoi beni. Capite bene che don Vincenzo, non avendo ricevute le mie confidenze in confessione, avrebbe sollevato uno scandalo. È vero, la mia giovane età mi portò a sbagliare e il Signore mi ha castigato togliendomi la mia creatura, ma dal momento che ho sposato Lorenzo l’ho amato con tutto il cuore e non l’ho mai tradito e tuttavia, se avesse saputo, non mi avrebbe mai perdonata.

Vittorio        Capisco. Romeo, chiama il notaio e fai venire tutti. Facciamo aprire il testamento. (Romeo esce; poi a Gilda) Ora calmatevi e state buona perché le emozioni non finiscono qui.

SCENA UNDICESIMA

(TUTTI IN SCENA)

Romeo            (Entra seguito da tutti gli altri che entrano un po’ alla volta) Signori, vi prego, prendete posto. (Si siedono gli uni dirimpetto agli altri. Selenia si siede di fronte a Gilda mentre il notaio, con la sua borsa, si accomoda dietro il tavolo)

Vittorio        Bene, ci siamo tutti. Notaio, se volete, siete autorizzato ad aprire il testamento.

Filippo            Grazie ispettore. (Prende la borsa e, con lentezza, sistema le carte sul tavolo) Vedo che siete tutti presenti, compresa la servitù. Bene, mi accingo a leggere le ultime volontà del defunto signor Loffredo dettatemi il giorno prima della sua dipartita. (Inforca gli occhiali, prende un foglio e si prepara a leggere con solennità schiarendosi la voce)

Romeo            Prima che il notaio legga, qualcuno ha qualcosa da dichiarare? (Nessuno parla) Va bene, notaio, procedete.

Filippo            Va bene. Io, Filippo Marelli, notaio di fiducia del fu signor Loffredo Ripamonti, certifico quanto segue: “Io, Loffredo Ripamonti, lascio ai miei nipoti Carlo Ripamonti, Lorenzo Ripamonti, Renato Ripamonti, Rodolfo Ripamonti e alla signora Viola Ripamonti la somma di centomila euro cadauno e così pure alla signora Fiorella Bonazzi, vedova di mio nipote Giacomo.” (I nipoti si guardano stupiti)

Renato           ‘O ssapevo: ‘o zio ce ha fatta ll’elemosina!

Viola             Già è assaje pe’ uno comme a isso.

Filippo            Signori vi prego, silenzio! (Tutti zitti con smorfie, il notaio riprende la lettura) “Lascio a don Vincenzo Ripamonti la mia proprietà…”

Fiorella        Avite visto? Comme diceveme nuje… ‘on Vicienzo pigliatutto, comme l’asso!

Filippo            Silenzio! (Riprende a leggere) “Lascio a don Vincenzo Ripamonti la somma di duecentomila euro e la proprietà di Villa Eden affinché la stessa possa diventare una casa per gli anziani. Ai miei due servitori lascio la somma di trentamila euro a testa e la custodia della villa di famiglia…”

Carlo             E a chi va la villa di famiglia… le aziende… i titoli bancari e tutti i suoi milioni?... A chi?... A chi vanno?

Filippo            Silenzio! (C.s.) “Lascio come erede universale di tutti i miei averi e di tutti i miei possedimenti la signorina Selenia.”

Rodolfo         No! Nun po’ essere! Lassa tutte cose a ‘na sgualdrina! (Gli altri si uniscono alla protesta e ognuno fa i suoi apprezzamenti, tranne i servitori, Selenia e Gilda, che resta in silenzio)

Filippo            E invece sì! (Il notaio prende dei documenti e li mostra a Selenia) Il signor Loffredo vi ha riconosciuta come figlia. D’altra parte, era tramite me che provvedeva al vostro mantenimento in collegio, anche se io sono venuto a conoscenza che voi siete sua figlia solo una settimana prima che morisse.

Selenia          Oddio! È venuto tante volte a trovarmi e non me l’ha mai detto! (Gilda è in agitazione)

Filippo            I documenti che attestano il tutto sono in mio possesso. Il signor Ripamonti, vent’an-ni fa, si invaghì di vostra madre, allora una ragazza povera e indifesa, la mise incinta e, per evitare scandali, quando essa partorì le fece credere che eravate nata morta.

Selenia          E mia madre?... Chi è mia madre?

Gilda             (Non riuscendo più a trattenersi, scoppia in lacrime, poi, singhiozzando, si alza) Figlia mia! Io… io sono tua madre!

Selenia          Tu… mia madre? (Le corre incontro e si abbracciano) Madre mia, quanto ti ho cercata!

Gilda             Figlia! Figlia mia! (Tutti sbalorditi, con Lorenzo che sviene sul divano e viene aiutato dagli altri)

Filippo            Sì, tua madre senza ombra di dubbio. Ho raccolto io stesso la confessione del defunto e questi documenti firmati da lui lo attestano.

Fiorella        Ma tutto chesto è assurdo! (Voci sommesse di tutti, mentre rinviene Lorenzo)

Lorenzo         (A Gilda) Tu?... Tu l’amante ‘e ziemo?! Io ‘a vittima ‘e chesta vergogna?!

Filippo            Nessuna vergogna. La vittima semmai è stata la signora Gilda, la cui unica colpa è stata quella di farsi irretire da vostro zio quando era appena nel fiore degli anni e quindi facile preda di una persona ricca e astuta. Vostra moglie, dal momento che vi ha sposato, non vi ha mai tradito ed è stato lo stesso signor Loffredo a confidarmelo. Ci ha tentato tante volte, ma mai riuscito.

Totonno         (Alza la mano) È vero, lo posso testimoniare!

Gilda             Figlia mia! (Sempre abbracciata a Selenia, si gira verso Lorenzo) Nun t’‘o pputevo dicere, te cunosco, aggio preferito suffrì in silenzio invece ‘e scatenà ‘na tragedia. Perdoname Lorè!

Lorenzo         (Si avvicina a Gilda e Selenia) Mia cara Gilda, tu nun hê ‘a essere perdunata, songh’io ca te chiedo perdono pecché aggio dubbitato ‘e te ca hê sufferto assaje. Avimmo fatto tutte cose p’havê ‘nu figlio ca nun è vvenuto, mò ne tenimmo una. (Si abbracciano)

Filippo            (Raccoglie le carte) Io ho finito. Fra una settimana potete ritirare la copia del testamento di vostro zio. (Prende la borsa, la chiude e va verso Selenia) Signorina, le mie congratulazioni e… quando volete, sono al vostro servizio. Arrivederci (Esce)

Vittorio        (A Romeo) Vabbè, ora veniamo a noi. (Guarda tutti) A questo punto, non avendo trovato traccia riconducibile ai due tentati omicidi… dichiariamo l’inchiesta sospesa.

Romeo            Ma ispettò…

Vittorio        Statte zitto tu! Nun è succieso niente!

Viola             Ma il mio povero Fufù è morto!

Vittorio        E a noi dispiace. E comunque non è detto che è morto per avvelenamento. Ha potuto morire anche per cattiva digestione, vero signor Lorenzo? (Lorenzo annuisce) È vero don Vincenzo?

D.Vincenzo   (Guarda Vittorio che annuisce) Sì, sì, certo. Comunque… (Si guarda intorno e tutti fanno scongiuri) va beh, nun fa niente, lassammo perdere…

Romeo            (A Lorenzo) Voi, signor Lorenzo, intendete sporgere qualche denunzia?

Lorenzo         Io, per la felicità… ho dimenticato già tutto.

Vittorio        Signorina Selenia, voi avete qualche denunzia da sporgere?

Selenia          (Guarda Rodolfo che implora con gesti) No, ispettore, nessuna denunzia.

Vittorio        Bene. A questo punto, signori, potete andare. Siete liberi.

Carlo             Tutti?

Vittorio        Tutti, anche voi ma… (In disparte) occhio, non è detto che finisca qui… Andate, andate…Ah, signora Gilda, solo una parola… (Tutti escono fra commenti vari, tranne Totonno e Teresa, i quali restano in piedi vicino alla porta, mentre Lorenzo e Selenia siedono sul divano)

Gilda             (Va verso Vittorio) Ispettore, io non so come ringraziarvi: mi avete salvata!

Vittorio        E con piacere. Non avrei mai potuto togliervi di nuovo la felicità, avete già sofferto abbastanza. Romè, jammuncenne!

Romeo            Ispettò tenite ‘nu core… (Fa segno) accussì! (Esce insieme a Vittorio)

Totonno         (Indicando Teresa) E noi che facciamo?

Selenia          Voi andate a prendere una bottiglia di champagne per brindare tutti insieme alla felicità! (Selenia abbraccia Gilda e Lorenzo) Ora siete voi i miei genitori!

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno