Cacao club

Stampa questo copione

CACAO CLUB

CACAO CLUB

Di

Mario Brancaccio

Personaggi

ZAZA NAPOLI, vedette del Cacao Club

RENATO, impresario, regista e amico di Zaza

GIRO, domestico di Zaza

CIOCCOLATE, artista del Cacao

CARAMEL, artista del Cacao

CAPUCINE, artista del Cacao

PASCALE, spia italo-americana

IL BIONDO, spia italiana

MUSCA, spia russa

All’aprirsi del sipario, Zaza Napoli, vestita da Marlene, seduta su un alto sgabello , canta un brano tratto dall’Angelo Azzurro. Si sente chiaramente che la sua voce è inadatta al brano. Renato è in sala, insofferente. Dopo un po’, Renato fa segno al tecnico di sfumare la base.

ZAZA

Come sono andata? N’amore, no?

RENATO

Eh... (ironicamente esagera)

ZAZA

Sono stata molto più sensuale, no?

RENATO

(c.s.) Eh...

ZAZA

Rena’, ma me vulisse sfottere?

RENATO

(c.s.) Eh...

ZAZA

Non era sensuale la mia voce?

RENATO

(crudo) Zaza, sembravi una marmitte sfiaté.

ZAZA

A me: marmitta sfiatata?! E come ti permetti!? (rifacendo il suo francese) Neh, orangotàng senza banàn! Guardate! Io ho cantato una favola. Alcune notine ancora me le devo mettere in gola, ma ho sostenuto il canto col diaframma e con la sensualità del mio corpicino... Da quando ho rinunciato alla Nutella, mi sono fatta più bella!

RENATO

Tu dovresti rinunsciare anche a pain, pâte, gâteaux , chocolat...

ZAZA

Eh, piano, piano, che mi vuoi vedere anoressica? Me vuo’ vedé morta a mme?! Va a fernì che mi si abbassa l’ugola e non canto più...

RENATO

Non è così, tu vois Zaza, tu fai déjà beaucoup de numéros dans le spectacle, questa scitazione de la Marlene est un po’ trop...

ZAZA

Troppo? Questo è un momento di seduzione, un attimo dedicato agli uomini e solo a loro... Va bene buttarsi sul comico, ma un pochino, al pubblico, facciamolo anche sognare.

RENATO

Sognare, sì, ma dargli un cauchemar, non!

ZAZA

Un incubo? Che vuo’ dicere! Parla nfaccia, si tiene pietto!... Comunque non mi voglio alterare con te. (al tecnico con voce strìdula) Lo rifaccio un’altra volta...

RENATO

No, Zaza, non puoi... Proprio adesso, mi sono venute... (cercando)

ZAZA

Te so’ venute? Finalmente. Io me credevo ca ire incinta!...

RENATO

Mi sono venute nuove di idee... (chiamando) Capucine?... Capucine?

ZAZA

(dando la voce) Cappuccine! Cornette!... Che ci azzecca, quella, mo?

RENATO

Capucine? Puoi uscire.  (entra Capucine con gli stessi abiti di Zaza; canta il brano di Marlene; tenta di sedere sullo sgabello)

ZAZA

Femmenè, posa ‘o sgabello!... Stop! Stop!... Rena’, ched’è sta sceneggiata?

RENATO

(fa segno al tenico di togliere la base) Brava Caramel. Tu peux aller. (con cautela, cercando le parole) Vedi Zaza... Non tutti possiamo interpretare ceri ruoli... Tu sei straordinaria, e chi più di me lo sa... Mais la sensuelité, non... Tu es plus apte au comique...

ZAZA

Io non sono sensuale?!... Io tengo un corpicino ca parla sulo isso!... Io so’ erotica d’’a cimma de’ capille fino all’ogne de’ piede!... Guardate sta mummia egiziana che se fida ‘e dicere!... Io ll’ata sera pe’ dicere a nu spettatore: mi vuoi? Chillo s’accapputtaje ncopp’a seggia p’’o scianto e avettema chiammà ‘o miedeco!... Vide sta mala lengua che se fida ‘e dicere! Chella è ‘a mmidia ca tiene ncuoll’o corpicino mio!...

RENATO

Disci quello che vuoi, mais je pour ton bien...

ZAZA

Per il mio bene? E quanno maje tu ‘e vuluto bene a quaccuno? Tu sei fredda...

RENATO

Freddò.

ZAZA

Sei malavagia...

RENATO

Malvagiò.

ZAZA

Sei repressa...

RENATO

Repressò.

ZAZA

E si’cchiù femmena ‘e me!

RENATO

Finis-lui Zaza.

ZAZA

(piangendo) M’he chiagnere a llacreme ‘e sango... Quando ti piaceva il mio corpicino non mi trattavi così. Si sa, l’abitudine fa stancare... Sempre la stessa carne, te vene ‘o schifo!... (gli dà uno schiaffo)  Traditore! Ma te faccio vedé io... T’aggia mettere corna a quintale, a litri, ma che dico: corna a chilometri! (esce in lacrime)

RENATO

(chiama all’interno) Filles? Continuate voi... (inseguendo l’artista) Zaza? Zaza? (esce)

  Capucine, Caramel e Cioccolate eseguono “Limon limonero”.

Durante la parte musicale in cui le tre ballano avviene la scena seguente:

MASCHERINA

(trattenendo un uomo che tenta di entrare i sala) Aspettate non potete entrare...

BIONDO

Allora non capisci? E’ questione di vita o di morte! Mi vogliono uccidere! (si nasconde tra le poltrone)

MASCHERINA

Oh, Dio! (esce)

PASCALE

(entra in sala impugnando un revolver; con accento italo- americano) Biondo? Dove sei? Ti ho visto entrare. Se ti prendo ti sbudello... (entra nella toilette a cercare il Biondo)

  Le tre eseguono la seconda parte della canzone. A fine canzone escono dopo aver ringraziato un immaginario pubblico.

                          RUOTA LA SCENA, appartamento di Zaza.

ZAZA

(in abito da viaggio con cappello e necessaire) E’ inutile, me ne vado...  (musica sentimentale in sottofondo alla scena seguente)

RENATO

Mais dove vai...?

GIRO

(è un figlio della guerra; molto femminile, ma con voce grave) Nun facite accussì, padro’!

ZAZA

Vado, Girò. Non so. Ho voglia di uscire. Vagare. Mi voglio perdere...

GIRO

(scoppia in un pianto dirotto) Uh, uh...

ZAZA

Mado’, me fa piglià na paura a’ vota!... (serio) Vado...

RENATO

E non pensi a me?

ZAZA

Tu? Tu devi sparpetiare. Devi morire col mio nome in bocca. (imitandolo) Addò sta Zaza?... Addo sta Zaza?...

RENATO

Eh, sì. Così, dopo mi “fascio” pure la canzone.

ZAZA

No, a canzone nun t’’a può fascià pecché nun saie cantà. Sei stonato come una capanna.

RENATO

Come una campana, vuoi dire.

ZAZA

No, a campana è troppo piccerella pe’ tte! Ce vo na capanna, pecché ‘o stunamiento tuoio è gruosso assaie.

GIRO

E’ overo. (ride sguaiato) Ah, ah, ah...

ZAZA

‘A gatta ‘e zi’ Mari’: na vota chiagne e na vota ride!... (riprende) Vado...

RENATO

Finiscìla.

ZAZA

No, stavolta è finita. Mi hai umiliata nell’intimità femminile.

RENATO

Tu mo tu es énervée...

ZAZA

No, sono calma, vedi?Addio Renato, vado a mettere il mio corpicino a n’ata parte.

RENATO

Zaza, ma non pensi a me?

ZAZA

Mi dispiace, Rena’, ma tu ormai per me sì na menesta scarfata! E poi, se lo vuoi sapere, desideravo da tanto tempo di evadere nu poco. Prendere un poco di aria. Me stevo facenno vecchia appriesso a tte... Tu staie facenno a panza, io qualche zampa di gallina sugli occhi... E poi... Non conosco niente della vita... So stata sulo cu tte. Mi hai presa ca ero ancora na criatura. E che me ne so vista da vita? Nun m’he purtata maie a nisciuna parte. Maie a nu cinema, maie a Roma. Io avevo tanto desiderio e vedé ‘o Papa.

RENATO

E che dovevi fare col Papa?

ZAZA

Niente. Ce vulevo dicere tante cose. Sai, tra donne ce capimmo. (GIRO ride a crepapelle) Ma, niente. Nun aggio fatto maie niente. E ch’è stata ‘a vita mia cu tte: sulo casa e casino. Casa e casino!

RENATO

Casinò vuoi discere... (paziente) Se vuoi, lunedì ti porto dal Papa.

ZAZA

Lunedì, e chillo o llunnedì sta chiuso.

RENATO

E che è un barbier che sta chiuso!?

ZAZA

Ma addo me vuo’ purtà? Tu prumiette certo e viene meno sicuro. Rena’, tu si’ nu cataplasemo vivente! Tu si’ nu cippo ‘e guaio! Voglio rifarmi una vita... Voglio uscire. Andare a ballare. Voglio vedere gli uomini... Voglio vedere sotto che ci sta... Te faccio vedé io se piaccio ancora e se sono sensuale... Famme salutà ‘e guaglione...

GIRO

Nun facite accussì... (c.s.)

RENATO

Zaza,sei ridicule!

                         RUOTA LA SCENA, palcoscenico del Cacao.

ZAZA

Nun ce sta nisciuno...

RENATO

Saranno nei camerini...

ZAZA

Va buo’. M’’e ssalute tu... (scende in sala)

          Il Biondo tenta di uscire attraversando la sala. Nel mentre esce Pascale dalla toilette pistola in pugno; Biondo si accorge del pericolo ed abbraccia Zaza.

ZAZA

Uh! E ched’è? Giovane, che vi prende?...

RENATO

Zaza?!

ZAZA

E ch’ aggia fa? Sarà un fans, un ammiratore focoso! Piano, giovane. Non vi mettete troppo addosso che mi vengono le vampate...

BIONDO

(si copre con la donna) Mi fai morire... Zaza... Andiamo. Prima che muoio... Vieni. Vieni... Muoio. (allude a Pascale)

ZAZA

Che aggia fa...? Chisto more pe’ mme... E non mi ha ancora conosciuto nell’intimità... Teng’’o ffuoco ‘e Sant’Antonio...

BIONDO

(c.s.) Andiamo. Facciamo presto. Scappiamo... (la porta verso l’uscita)

ZAZA

(canta) Io non ti conosco... Io non so chi sei... (Biondo la trascina via) Uh! (lancia un urlo ed escono dalla sala) Ma che ‘e faccio all’uòmmene? T’aggia fa corne a meliune!...

RENATO

(vede Pascale che li insegue arma in pugno) Merde! Che sta suscedendo? (in quinta) Ragazze provate il terzo numero. Mi assento un attimo. (esce di corsa)

       Segue numero sigla del Cacao Club. E’ cantato e ballato dalle tre. Si tratta di una melodia sudamericana con testo napoletano che inneggia alla femminilità, al travestimento e al divertimento. A fine brano le tre ringraziano l’immaginario pubblico.

MUSCA

(entra con barattolo di vetro tra le mani; è vestita da mendicante; ha spiccata cadenza dei paesi dell’Est) Signori, fate carità. Carità signori! Tiengo ùnnice figli e mio marito sta da dieci anni disoccupato... Tengo ùnnice figli e mio marito sta da dieci anni disoccupato...

CARAMEL

Marìteto nun fatica e avite fatto ùnnice figlie?

MUSCA

E nuie nun tenéveme che fa’!

CAPUCINE

E facìveve figlie?!... Passa llà.

MUSCA

Dove essere prima donna?

CIOCCOLATE

Siamo qui, bella, be’. Si’ cecata?!

MUSCA

Fatemi parlare con prima donna...

CARAMEL

(vedendola entrare in quinta) Addò t’avvie, Titò?

MUSCA

Fatemi trasire un poco...

CAPUCINE

Che cosa?! Se vuoi vedere lo spettacolo devi pagare il biglietto.

MUSCA

Pago biglietto...? Io tiengo ùnnice figli...!

CIOCCOLATE

Embé, e vuo’ ji’ a teatro?!

MUSCA

E vado a casa, faccio altro figlio, poi me lo dai a mangiare, tu?

CIOCCOLATE

Va’ llà, vattenne.   (Musca esce dalla sala borbottando)

CAPUCINE

Gué, nenne’, jammoce a cagna’, ca tengo famma...

CARAMEL

Pur’io, s’è apierto ‘o stòmmaco... (escono a sinistra)

                 

RUOTA LA SCENA, appartamento di Zaza.

GIRO

(sta spolverando, canta) “E’ nato nu craturo niro niro e ‘a mamma ‘o chiamma: Giro, sissignore ‘o chiamma Giro... Ué, na nuttata gué...

ZAZA

(entra sorretta da Renato) Aiutateme! Aiuto! Aiutateme!

GIRO

Uh, la padrona! Che è succieso?

RENATO

Portale un bisciere d’acqua.

ZAZA

Che acqua! Voglio una cosa forte...

GIRO

Un maschio?

ZAZA

Magari.

GIRO

Faccio un the?

RENATO

Mieux une camomille.

ZAZA

Che camomilla. Chisto me vo vedé sempe abbattuta!

RENATO

Io dicevo: une camomille per me.

GIRO

Ma si può sapere ch’ è successo?

RENATO

Cosa non è suscesso, vuoi dire.  Questa pazza ha conosciuto un uomo...

GIRO

Finalmente!

ZAZA

Pecché, neh, te pare strano?!

GIRO

E comme era bellillo?

ZAZA

Troppo bello: alto, con gli occhi azzurri e talmente biondo ca se faceva chiammà ‘o Biondo!

GIRO

Comme me piace!

ZAZA

Chi?

GIRO

No, stu fatto.

RENATO

Vous voulez la finir.

GIRO

E ca ccà nun se vede n’ommo d’’o “3”...

ZAZA

Ha ditto buono.

RENATO

Dunque, dicevo, questa pazza ha acchiappato un uomo, che poi abbiamo saputo si fasceva appeler il Biondò, che se l’è portata in un hotel...

ZAZA

(sognante) Accussì. Ampressa, ampressa...

GIRO

Il vero maschio è fatto accussì. Subbeto fà!

ZAZA

(c.s. canta) Poh, poh, poh! Tutt’è fatto e se ne va...

GIRO

E allora?

ZAZA

E che nuttata se stava arapenno!

GIRO

E ce ‘o ccredo!

ZAZA

Io ero combattuta, ncuorpo a mme dicevo: Io so’ na femmena onesta... Me mengo o nun me mengo? Me mengo o nun me mengo?

GIRO

E c’avite fatto?

ZAZA
Gesù, me so’ menata!

RENATO

Est-ce que je peux raconter?

LE DUE

Eh! (come a dire: sì)

RENATO

Questa pazza stava per mettersi a letto con il Biondò...

GIRO

Io morta nterra!

RENATO

Ma io, ho ouvert la porte e sono entrato.

GIRO

(con disappunto) No!

ZAZA

M’ha schiattato!

RENATO

E meno male che sono entrato. Perché dopo poco, a questo Biondò gli è venuto une merde... (alle tre che non capiscono) Una siocopeppe.

GIRO

Che?

ZAZA

E’ ghiuto a faccia nterra!

GIRO

Comme me piace!

ZAZA

Che cosa?

GIRO

Stu fatto. Me pare nu film...

ZAZA

E saie pecché è schiattato a faccia nterra? Pecché stu criminale, appena è trasuto, ha ditto: (rifacendolo) Biondò, cà dinte sce stanno tre uòmmene. Io, tu e Zaza!

GIRO

Comme me piace!

ZAZA

A chesta le piace tutte cose!?

GIRO

E comm’è ghiuto a fernì?

ZAZA

‘O Biondo appena ha sentuto stu fatto, ha ditto: mo moro. Mo moro. Guè, chillo overo è muorto!

GIRO

E comme maie?

ZAZA

Gesù! M’ha fatt’’o dichiaro nnante a chillo!

GIRO

Che cattiveria!

ZAZA

‘A gelusia è na brutta bestia.

GIRO

Comme me piace!

ZAZA

(a Giro) Sì nun te ne vaie te votto nu zuòccolo!

RENATO

Merde! E non è finita.

GIRO

Pecché ce sta ‘o riesto?

ZAZA

Ancora he ‘a sentì!

RENATO

Dopo pochi secondi che il Biondò era stramazzé, si ouvert le balcone ed è sorti un altro uomo...

GIRO

Guè! E comme era? Bellillo?

ZAZA

E pienze sempe a na cosa?!... Era troppo bello! Nu Totore esagerato. Alto, bruno, cu ll’uocchie blù. Me pareva Costantino!

GIRO

Comme me piace.

ZAZA

E vide, tu?!... Basta, in tutti i modi, E’ venuto verso di me e me guardava cu nu sguardo penetrante... Nu sguardo blù, ‘nfame, ca pareva ca a nu mumento a n’ato, me pigliava pe’ capille e me sfrantummava ‘a capa ncpp’a culunnetta!...

GIRO

Comme me piace!

ZAZA

E io, so’ fessa...!?

RENATO

E invesce, no. L’uomo dagli occhi blu, si è avviscinato alla bocca di Zaza ed è stramazzé!

GIRO

Se senteva l’alito...?

ZAZA

Pecché, a me se sente l’alito, neh, zezzò?! Io addoro ‘e rosa!

RENATO

Rien di tutto questo. Mi sono avviscinato ai due corpi ed ho scoperto che le deux  erano stati colpiti da frescette avvelenate.

GIRO

Muorte accise? Comme me pia... (Zaza la zittisce con la scarpa)

ZAZA

He capito, mo. Io volevo chiamare la polizia, ma lui, niente, se n’è voluto scappa’...

GIRO

E ha fatto bene. E che vuliveve passà nu guaio nnocentemente?

RENATO

E se uscidevano anche nous, che eravamo stati testimoni d’une omicide?

GIRO

Bravo, Renato, avete fatto bene.

ZAZA

Comme se po’ ffà? Io nun esco mai... Na vota che acchiappo nu bellu guaglione, passo nu guaio cchiù niro d’’a mezzanotte. Non ce che fare. Rena’ tu mi secci! Tu sì ‘o malaugurio mio. E’ destino ca rimango signorina...

GIRO

(con sarcasmo) Arrassusia!

RENATO

Maintenant, speriamo che non abbiamo noie con la polizia.

GIRO

Speriamo che nessuno vi ha riconosciuti.

ZAZA

He capito? Chillo ce ponno chiudere ‘o locale. Nuie già avimmo cagnato na vota da Banana blu a Cacao, va a fernì ca avimma fa ‘O Cocco bello, mo...

GIRO

P’ammore ‘e Dio. Io aggia faticà. Aggia purtà ‘e denare a maritemo.

ZAZA

Sì, e pecché nun va a faticà, mariteto?

GIRO

Nun ce ‘a fa, è allergico!

ZAZA

Che brutta razza, ‘e femmenielle!

                  RUOTA LA SCENA, palcoscenico del Cacao

                Le ragazze eseguono pantomima del matrimonio dei femminielli. Un femminello prete celebra un matrimonio tra Zaza e un femminella- uomo. Indi i due si nascondono dietro un telo e, ad ombra, si vede il parto del bambino, mentre le altre suonano e danzano una musica tribale. Indi mostrano un bambino nero. Grande stupore! Segue “Tammurriata nera”. A fine numero ringraziano l’immaginario pubblico.A fine numero il tecnico porge a Renato una cuffia che, ascoltando, impallidisce; indi...

RENATO

Zaza est terrible! Insopportabile!

ZAZA

Ma si’ scemo!? Chillo è venuto accussì bello!

RENATO

No, io discevo... Ascolto la radio... (fa segno al tecnico) Fasci ascoltare...

La voce di uno speaker annuncia: “ Edizione straordinaria del TG radio! Duplice omicidio in un albergo cittadino. Una misteriosa donna dopo aver commesso i delitti, sparisce nel nulla...

ZAZA

Ma che dice?!

LE TRE

Mado’!

CARAMEL

(a Zaza) Chisto è ‘o fatto ca c’he raccontato a là ddereto...?

ZAZA

Sine.

CIOCCOLATE

‘O fatto dd’o Biondo...?

RENATO

Oui, mais silencieuses. Nous écoutons.

Lo speaker continua: “ La polizia cerca attivamente la donna. Ricordiamo che era di statura media, aveva tra i cinquanta e i sessanta...

ZAZA

Io?! A me me ne danno massimo  trenta...

LE TRE

Mado’!

RENATO

Ssshh!

Speaker:”... Chiunque possa fornire notizie è pregato di mettersi in contatto con la polizia. Ricordiamo, infine, che l’anziana signora indossava un completo pantaloni bianco, molto pacchiano...”

ZAZA

Pacchiano?!... A ssòreta! (toccandosi l’abito) Quello è griffato: Eau de Pasgiolì...

CARAMEL

(ironica) E chella l’Acqua de Fagioli è bianca!...

ZAZA

(minacciosa) C’heditto?

CIOCCOLATE

Niente. Ha detto che ti sta un pennello...

CAPUCINE

Come il pennello di Raffaello!

ZAZA

Rena’, manda subito una lettera di protesta alla radio. Mi hanno offesa e voglio soddisfazione!

RENATO

E sai che soddisfazione se sanno che sei tu? Ti fai una ventina di anni di carscere come moindre... come minimo.

ZAZA

Rena’, ma io sono innocente!

RENATO

E pròvola! Quelli intanto ti arrestano. (rifacendo lo speaker) “Indossava un completo pantaloni biancò molto pacch...”

ZAZA

(interrompendolo) E dalle! (alle tre ridono) Gué!

RENATO

La polizia starà tracciando già il tuo identikit...

ZAZA

(piccata) Sì...? Chi sa come mi faranno il corpicino? (si liscia i fianchi)

RENATO

(rincarando la dose) Trente ans il ne te les enlève pas personne...

ZAZA

Ma nun erano venti ll’anne?

RENATO

E le aggravanti non sce li vuoi mettere? “Duplisce” omicide!

LE TRE

Mado’!

ZAZA

(alle tre) E vvide si’ fernésceno!

RENATO

Ma scherziamo? Duplice omicidio. Omicide volontarì: l’ergastòlo non te lo leva nessuno...

ZAZA

Mo l’ergastolo? Ma ched’è mentre parle ll’anne saglieno sempe ‘e cchiù!?... No, Rena’, vide che he ‘a fa’... No! Nun voglio ji’ ngalera! No!

CARAMEL

Vent’anni minimo in un carcere femminile...

ZAZA

Ngalera cu tutte femmene? Che schifo!... Nun voglio ji’, Rena’!

RENATO

Ma che carscere femminile! Tu vai in un carcere maschile. All’anagrafe sei un uomo.

ZAZA

Vado in un carcere con tutti uomini?

LE TRE

(languide) Mado’!

ZAZA

Addò v’avviate vuie?!... (interessata) Un carcere maschile... e io non ci avevo pensato...

CARAMEL

Ce vulesse ji’ pur’io!

ZAZA

Overo? E vuo’ fa venì na cosa a chilli poveri carcerate!?... (riflette) Certo un poco di tempo in una piezza di cella con un uomo...

CIOCCOLATE

Un uomo? Almeno tre.

CAPUCINE

Che cosa? Con il sovraffollamento delle carceri, in una cella ci stanno almeno cinque uomini...

ZAZA

(spalancando gli occhi) Cinque?

LE TRE

(vogliose) Mado’!...

RENATO

Est-ce que vous avez fini?

CAPUCINE

(sospira) Che galera da sogno!

CIOCCOLATE

Che hard- galera!

CARAMEL

Una prigione a luci rosse!

ZAZA

No, io nun ‘o ssacio si’ ce ‘a facesse a resistere...

CAPUCINE

Come sarebbe?

CIOCCOLATE

Tu che dice?

ZAZA

No, pe’ chillo fatto llà... Ma, sa’, essendo io ll’unica femmena, avessa cucenà pe’ cinche perzone, fa ‘e panne, ‘e llavatrice, tutti i giorni la spesa... A Pasqua e a Natale pulizze e lampadarie, lava ‘e tapparelle, lieve ‘e tende...

RENATO

E che vai al Grand Hotel? Zaza tu vai in carcere.

Et pour un omicide double c’èla prison "dure"...

LE TRE

(allusive) Mado’!

RENATO

Potresti finire in un istituto di massima sicurezza. Cellule d'isolement! Tu sola in tre metri per due: per trent’anni!...

ZAZA

(come realizzando) No! (urla) Uh! Uh! Rena’, nun ce voglio ji’! Uh! Sti vvrénzole me vulevano levà ‘a tuorno! Ata schiattà!... Rena’, aiutami, aiutami. Che ne sarà di me?...

RENATO

Bravò. Adesso cominsci a ragionare.

CARAMEL

Che brutta situazione.

CIOCCOLATE

Pericolosa pure.

CAPUCINE

Vedete in che guaio...

CARAMEL

Fatevi aiutare... Mettete in mezzo un parente, un politico...

RENATO

No, meglio non far immischiare nessuno. E’ troppo pericoloso.

Il y a ici de demi deux délits.

ZAZA

(c.s.) Uh! Uh! Uh!

RENATO

Se tu non fascevi la chiatta morta... la jatta morta col Biondò, non ti trovavi in questo casinò.

ZAZA

E che è colpa mia? Tu sei il colpevole. Quando si dice a una donna: tu non sei sensuale, tu può fa solo ridere... La donna si vendica e te fa ‘e ccorne!

LE TRE

Brava!

RENATO

Idée! Ho avuto un’idea.

ZAZA

Finalmente. Dice...

RENATO

La polizia cerca una donna. Une femme, entendues? Noi questa donna la fasciamo sparire...

ZAZA

Che significa?

RENATO

E’ necessario per un po’ di tempo, che nessuno ti riconosca. La police aura déjà lâché ses informateurs... Se ti vesti da uomo: il gioco è fatto! Caramel, ragazze, fate sparire tutti gli abiti di Zaza. Metteteli in un baule e fatelo portare a casa del nostro tecnico.

ZAZA

(quasi in lacrime) E io che avess’’a fa’?

RENATO

Andiamo Zaza, non è una tragedia vestirsi da uomo...

ZAZA

Io, aggia fa’ ll’ommo?

RENATO

Sì.

CARAMEL

E’ na parola!

ZAZA

(piange) Nooo! Uh!

RENATO

Il mondo è pieno di uomini che si vestono da uomini.

CAPUCINE

Di uomini. (carezzando Zaza) Ma questa non è un uomo.

CIOCCOLATE

Chella è troppo femmena.

CARAMEL

S’arapa ‘a terra e ‘o ddice!

RENATO

Zaza arrête de pleurer.

ZAZA

Nun ce ‘a faccio. Sto “troppo” male.

RENATO

Au lieu de pleurnicher vai dentro e aiuta les filles à recogliere tes habits.

ZAZA

Per te è facile. Tu, pure si si’ femmena he sempe purtato ‘o cazone, io, no. Io ‘a piccerella me vestevo ‘a femmena e giucavo cu ‘e bbambulelle. Appena mi usciva un pelo m’’o levavo. (alle tre) Ho cominciato a farmi la ceretta a quattordici anni... Mo che faccio? Me faccio crescere ‘a barba?

LE TRE

(con orrore) Mado’!

ZAZA

Me faccio crescere ‘e pile nfaccia ‘e ccosce.

CARAMEL

(tragica, a Renato) Site senza core! Ma che a vulite fa pare tale e quale a na scigna?

ZAZA

(risentita) Pecché, io pare na scigna?

CARAMEL

P’ammore ‘e Dio tu tiene nu corpicino ca parla sul’isso...

RENATO

Fais! Fais! Vite, che la polizia può arrivare da un momento all’altro.

CARAMEL

Andiamo.

CAPUCINE

Vieni, Zaza...

CIOCCOLATE

Ti aiutiamo noi...

RENATO

A proposito, Zaza, questo abito che indossi, deve sparire al più presto... Brusciàno!... Brùscialo!

ZAZA

E’ pazzo. Io me l’aggio miso nu paro ‘e vote...

RENATO

Celle-ci est une preuve indiziaria. Tutti ti hanno vista con quest’abito.

ZAZA

E va bene. Ragazze, s’adda jettà l’Eau de Pasgiolì...

CARAMEL

E va be’, jettammo st’acqua de Fagiolì...

ZAZA

...E mettimmo a fa’ ‘e llenticchie! (escono)

RENATO

(al tecnico) Allora... Ecoute moi... Cambiamo la scaletta dello spettacolo... Zaza, dobbiamo sostituirla, da un momento all’altro...

BIONDO

(entrando con la pistola e sguardo allucinato) Ehi, a te...? (chiama Renato) Vieni qui e non urlare.

RENATO

(al colmo dello spavento) Vous?... Qui?...

BIONDO

Mi conosci?

RENATO

Mais, vous n'étiez pas morts...?

BIONDO

Bravo. Questa è la conferma che eri in albergo anche tu...

RENATO

Ma come è possibìle...?

BIONDO

(lo afferra per il bavero) Il morto era mio fratello gemello...

RENATO

(fuori di sé dallo spavento) Ah... avete fatto un gemellagio... Aiu...

BIONDO

(gli punta la pistola alle tempie) Sta zitto che ti faccio saltare il cervello!

RENATO

Je reste silencieux. Non mi uccidete!

BIONDO

Allora rispondimi: eri con la donna e mio fratello nell’albergo?

RENATO

Oui...

BIONDO

E la donna, la conosci...?

RENATO

Io..? No. Mai vista.

BIONDO

Ah, sì?A me hanno detto che la conosci molto bene e che lavora qui.

RENATO

Mensonges... Io, non l’ho mai vista...

BIONDO

(gli punta il revolver alle tempie) Ti conviene dirmi la verità, perché se mi dici che non la conosci, ti ammazzo...

RENATO

Je la connais, la conosco.

BIONDO

Ah, ora mi piaci... E dov’è?

RENATO

E’... andata via.

BIONDO

Sì...?

RENATO

Abbiamo litigiàto... Non andavamo d’accordo già da tempo...

BIONDO

(incredulo) E così è andata via... Zaza Napoli, non è più qui...?

ZAZA

(entrando da sinistra vestito da operaio, con tuta blu, cappello, secchio e panno per lavare) Uh, Rena’...? Come sto? (vede Biondo e rimane di stucco)

BIONDO

(nascondendo il revolver) E’ Zaza...?

RENATO

Chi, lui?... Zaza Napoli? Ma siete pazzo... (si avvicina a Zaza)

ZAZA

(sottovoce) Ma nun era muorto?

RENATO

(sottovoce) Dopo ti spiego... (al Biondo) Questo è... Gennarò, l'homme de le pulizie... (sottovoce a Zaza) Fa’ l’uomo!

ZAZA

(si mette in posa scimmiesca e lancia suoni gutturali) Uh, uh, uh... Io Gennaro, e tu?

RENATO

(in imbarazzo) Ah, lui è un amico... (dandogli pacche virili sulle spalle) Comme il va, Gennarò?

ZAZA

(c.s.) Na bellezza. (rispondendo alle pacche con altrettante manate)

RENATO

(c.s.) E la famiglià?

ZAZA

(c.s.) Na bellezzà, sango ‘e na ravustella!...

RENATO

(infastidito dal continuo darsi “pacche”) Basta così! Basta... E tua moglie, come sta?

ZAZA

(femminile, con fastidio) Muglierema, a chi ‘a vuo’ da’!?

RENATO

(tossisce con intenzione) Toh!... Toh...

ZAZA

(cambiando repentinamente) ‘A muglierema?... Sta bona. Sta sempre bona... (cambia non accorgendosi) Ca pozza schiattà!

RENATO

(imbarazzatissimo) E i tuoi figli? (al Biondo) Ha fatto tanti figli!... (a Zaza) Come stanno i bambini?

ZAZA

Stanno bbuono. Stanno sempe bbuono... (cambiando) Ll’hann’accìdere!

RENATO

Scherza sempre... E’ un uomo rude...

ZAZA

Uh, uh, uh... Io rude, e tu?

RENATO

(spingendolo verso la sala) Maintenant va au travail, al làvoro, su.

ZAZA

E non spingete... Sangue ‘e Giuda! (spinto da Renato, inciampa e cade; femminile al massimo) Uh! Uh! Me so’ spezzat’’o piedino! Chit’è vvivo!... Rena’ m’he fatto male... Uh, che dolore!... Uh, che dolore!...

BIONDO

(impugnando il revolver) Non era Zaza, vero?... Io vi ammazzo a tutti e ddue.

I DUE

No!

BIONDO

Volevate fregarmi... Ma io vi brucio il cervello!...

I DUE

No!

          Entrano le ragazze e ballando e cantando la sigla di “Cacao” tentano di distrarre il Biondo con movenze seduttive. Trambusto generale. Finale a concerto.

SECONDO TEMPO

Stessa scena del primo tempo. All’aprirsi del sipario sono in scena: Cioccolate, Caramel e Capucine.

CARAMEL

Mado’, e che se so’ scanzate!

CAPUCINE

Grazie sempe a nnuie.

CIOCCOLATE

Io, appena me ne so’ accorta, aggio subito, subito chiammato ‘a piezza ‘e polizia!

CARAMEL

E, ma ccà, pare ca ‘o sasiccio se sta mbruglianno.

CIOCCOLATE

Tu che sasiccio staie dicenno!?

CARAMEL

Ma comme, nuie chiammammo ‘a polizia e chillo vene n’agente segreto americano. Nu cierto Pascale. Da più di un’ora stu crestiano s’ha miso sotto a Zaza e nun ‘a lassa ‘e pede.

CAPUCINE

Chistu Pascale è un agente della CIA.

CIOCCOLATE

E tu che ne saie?

CAPUCINE

Passanno pe’ vicino a’ porta...

CARAMEL

(ironica) S’è truvata a mettere a’ recchia vicin’a porta!

CIOCCOLATE

E che vo’ stu Pascale?

CAPUCINE

Diceva: (imitando Pascale) “Mi devo dare il microfilm! Me lo devo dare!”... Pare ca ‘o gemello d’’o Biondo, prima ‘e mettere il sasiccio all’altro mondo, ha dato na capsula a Zaza e dentro c’era questo microfilm.

CARAMEL

E che se vede dint’a stu microfilm?

CIOCCOLATE

Nu filmino pornografico?

CAPUCINE

Pienze sempe a na cosa, sora mia. Nonsignore, dentro c’è segnata una formula per la clonazione umana.

CIOCCOLATE

Tu che dice!

CARAMEL

Sono anni ca se parla e sta clonazione... Vonno fa ll’uommene artificiali! Ma quanno? Quanno ‘e ffanno a st’uòmmene, ca ccà stammo comm’e ppazze!?

LE DUE

E overo è!

CAPUCINE

Zaza, però nega di avere ricevuto qualcosa...

CIOCCOLATE

E chella è n’egoista, se vo’ tené tutto pe’ essa.

CARAMEL

Siente a mme, chella l’ha ricevuto e se l’è pure scordata.

MUSCA

(entra dalla sala) E tiengo ùnnice figlie e marìtemo sta da dieci anni disoccupato... E tiengo ùnnice figlie...

CARAMEL

Ah, ah, n’ata vota chesta...

CAPUCINE

Ma chi l’ha fatto trasi’...?

MUSCA

(afferrando Cioccolate) Oh, io tiengo ùnnice figlie, hai capito?

CIOCCOLATE

E che te l’aggi’’a dà a magnà io?!

MUSCA

Dàteme quacchecosa...

CARAMEL

Va ‘a llà, vattenne...

CAPUCINE

Siente, ma tu, figlie mascule ne tiene...?

MUSCA

No, purtroppo io essere fatto solo ùnnice figlie femmene...

CAPUCINE

‘E ffemmene, che schifo!

CARAMEL

Oj ne’, vide addò te n’he ‘a ji’...

CIOCCOLATE

Sti femmene !... Nuie  già simme assaje, ce vulite pure vuie...

MUSCA

(curiosando) ‘A padrona ndòsta?

CARAMEL

C’adda ntustà...?

MUSCA

Dove sta? Faciteme trase...

CIOCCOLATE

Non si può. Comm’è traseticcia chesta! La padrona è impegnata.

CAPUCINE

E’ impegnata con un agente della CI...

CARAMEL

(interrompendola) Ma si’ tutta scema! (a Musca) Gué, a padrona nun po’ veni’. Ma che vuo’ ?

MUSCA

Niente. M’hanno detto che se chiama Zoza... e essere buona donna. Io penzo che può darmi quaccosa... Io voglio lavorare qui. A me qui piace, piace...

CIOCCOLATE

E a nuie nun ce piace!

CARAMEL

E po’ che può fa’, tu...?

CAPUCINE

‘A primma cosa: na bella dieta!

CIOCCOLATE

Tiene troppa cellulite, sora mia.

CARAMEL

He ‘a dicere a chillu puorco ‘e maritete ca nun t’’adda fa fa’ cchiù figlie.

CAPUCINE

Brava. Si’ se vo’ sfucà, venesse addu nuie... Ca nuie ce pigliammo ‘a pillola!

CIOCCOLATE

Ma po’. Che fatica può fa’ tu...?

CARAMEL

Che facive a Russia?

MUSCA

Io sono figlia d’arte: pezzente di carriera!

CARAMEL

Ih, che bellu mestiere!

MUSCA

Da cento anni mia famiglia ha fatto tutti mestieri di pezzentarìa... Mio nonno faceva finto paralitico su piazza Rossa, mia nonna faceva scema con sputazzella davanti Cremlino e papà si faceva venire mosse sotto Metropolitana...

CARAMEL

Ih, che bella famiglia!

CIOCCOLATE

(ironico) Embé pecché vuo’ cagnà sta bella attività?

CAPUCINE

(sarcastico) Tu tiene stu mestiere p’’e mmane!?

MUSCA

Perché oggi non più come prima... Prima, io, con semplice fazzoletto su fronte fingevo male capa e mi abbuscavo tre, quattro rubli, mo te puo’ fa’ veni’ pure ernia per gridare non ti da niente nessuno...

CARAMEL

E devi cambiare aria, non devi stare sempre stesso posto...

CIOCCOLATE

T’he fa’ desiderà nu poco...

MUSCA

No. Oggi chi credere che io sono morta di fame...? Nessuno. Mi sono fatto un poco robusta...

CARAMEL

Ato che robusta?

CAPUCINE

Puverella, però... Me fa pena. Jamme, vedimmo d’’a fa faticà ccà.

MUSCA

Grazie. Siete buone matrioske. Faciteme fatica a locale Cacao...

CIOCCOLATE

Aspetta nu momento. Mo vattenne. Tuorne cchiù ttarde c’’a padrona sta impegnata. Vedimmo nuie che se po’ ffà.

MUSCA

Grazie (le abbraccia) Faciteve dare vaso...

CARAMEL

(staccandola) Comm’è azzeccosa chesta.

CIOCCOLATE

(liberandosi) Eh, lasseme...

CAPUCINE

Te ne vuo’ ji’...?!

MUSCA

Vado, ma torno presto...

CARAMEL

(notando il barattolo di vetro al collo della russa) Ma che tiene appiso ncanna?

MUSCA

(fissando il barattolo) Ah, questo...? (alle donne con intenzione) Questo essere mia regalo per voi... Ho qui grande sorpresa...

               

Stacchetto musicale “Cacao”

                               RUOTA LA SCENA, appartamento di Zaza.

ZAZA

Basta, basta, basta. Nun ce ‘a faccio cchiù!

RENATO

Zaza, calmés.

PASCALE

Don't do so, best man. (apre la giacca e fa vedere un revolver) Nun fa’ accossì, compa’.

ZAZA

Comare, prego.

PASCALE

E tu tiene stu vestito a man, a ommo, aggio pacienza!

ZAZA

Necessità, solo necessità. Io ‘e vestite ‘e ll’uòmmene ‘e schifo! Comunque, vi ho ripetuto mille volte ca stu Biondo non mi ha dato niente! Ve lo volete mettere nella chiocca?! Per questo ‘o gemello ‘e chillo me vuleva accidere...

GIRO

L’hanno salvata le ragazze a sta povera criatura.

RENATO

Et, excusez don Pâques, l'avete preso, puis, à quel Dieu Blond?

PASCALE

Futtroppo, no. Ma i miei ragazzi lo stanno cercando. Zaza, vedo, la quistione è di massima importanza. Se ‘u mmicrofilm cade nelle mani di spie straniere senza scrupoli quelli se lo vendono ai terroristi che ci fanno la pella. The whole world is in danger! ‘O munno stace in pericolo!

RENATO

Possible?

PASCALE

Compa’, penza: tu sei un  capo di terroristi e puoi fabbricare uomini che, per te, si fanno uccidere senza problemi. Understand? La clonazione può essere usata pe fa cose criminali...

ZAZA

Uh, allora pure chesta è femmena clonata. (indica Giro) ‘O marito l’accide ‘e mazzate e essa nun dice niente, anze le piace...

RENATO

Ridicùle... Ridicùle!

PASCALE

(a Zaza) Don't joke. Nun pazzia’, cumpa’!

ZAZA

(correggendolo) Comare, prego. Comare!

PASCALE

Voi mi doveta aiutare a trovare ‘u mmicrofilm... (apre la giacca e fa vedere il revolver) don Zaza...

ZAZA

Gué, donna Zaza.

PASCALE

The humanity is in you hands! L’umanità sta mmana a tte!

ZAZA

Ma se vi dico che stu Biondo nun m’ha dato niente? Mi dava una cosa in mano e non me ne accorgevo?

GIRO

Impossibile.

PASCALE

Mr. Renato, convince her/it you. Cunvincela tu, ca tengo pallottole pe tutte dduie... (solito movimento del revolver)

RENATO

Zaza, si tratta di un oggetto minuscòlo... Pense bien. Era custodito in una capsùla, come un piccolo pastiscio...?

ZAZA

Eh, ‘o pasticcio!? Na pasticca p’’a gola vuo’ dicere... (ricordando) Uh!

RENATO

Zaza?

PASCALE

C’he passate?

ZAZA

(fingendo) No, niente.

RENATO

Tu ricordi qualcosa...

PASCALE

(grave) L’umanità sta mmana a tte!

ZAZA

(piano a Pascale) Don Pâques, fate allontanare Renato.

PASCALE

(mettendo mano al portafogli) Rena’, va’ te piglia nu gelato, và...

RENATO

E che sono un criaturò?

PASCALE

(con tono fermo, mostrando un revolver sotto l’ascella) You I have to go... Mo, mo!

RENATO

Che signifìca?

ZAZA

Signi-fìca ca è meglio che te ne vai...

GIRO

(confidenziale) La padrona deve confessare qualche piccolo peccatuccio...

RENATO

E ched’è nu prevetò?... Zaza, confessa: tu hai fatto qualcosa col Biondò...?

ZAZA

Io...? In effetti, ma... (minimizzando) Poca roba...

RENATO

Poca roba!? (disgustato)Merde! Col Biondò?!

GIRO

Embé?! S’’o lasciava scappà?

ZAZA

‘O lassato è perduto, oj né...!

PASCALE

E vuojo andare?

RENATO

(dandosi un tono) E pourquoi? Pourquoi?

ZAZA

Eh, ‘e purtuàlle! Te n’he ‘a ji’!

RENATO

Pourquoi dovrei sortir? Io sono una persona aperta, moderna... La gelosia!? Mon Dieu de la France... Roba passé, smerdé abbondantement... (ride nervoso) Non sono affatto geloso... (prende dalla giacca un barattolino e ingurgita due pillole) Je suis calme et rilassé...

ZAZA

Chillo sta murenno...!

PASCALE

So much comes him/it to know however. Chello ca nun se fa’, nun se sape! Parla, compà Zaza.

ZAZA

Dalle cu stu cumpare!... Rena’, non è che ci è stato qualcosa di speciale tra me e il Biondo... solo che a un certo punto, prima che entravi tu e scummigliave ‘o fenucchio, mi ha detto: Zaza, non so se domani sono ancora vivo. Fatti abbracciare...

RENATO

Ah, sc’è stato un abbrasciòla.

ZAZA

No, na cutaletta! Un abbraccio... Sta a vint’anne in Italia e manco se mpara a parlà! Dicevo ce stato un abbraccio, e poi...

RENATO

Non è finita...?

ZAZA

No.

GIRO

(soddisfatto) ‘O ssapevo, chella ce sape fa’!

ZAZA

Dopo avermi abbracciato...

RENATO

(prendendo altre pillole) Qu'il a fait? Qu’il a fait?

PASCALE

Self-acknowledged... Parla, compa’...

ZAZA

(dopo un’occhiataccia a Pascale, indi molto pudica) C’è stato... un bacio.

GIRO

(deluso) Accussì poco?

RENATO

Un ba-ba, un bacio... completò?

ZAZA

Completò.   

GIRO

E che faceva ‘e ccose a metà, ‘a padrona?! (come in una pubblicità) “Con quella bocca può fare ciò che vuole!”

PASCALE

(ansioso di sapere) T’ha ddato ‘o kiss... E po’?

ZAZA

Ecco... durante il bacio, mi sono sentita in bocca come una bistecca...

GIRO

(in estasi) Comme me piace  ‘a bistecca...

RENATO

(sempre più sulle spine) Et puis?

ZAZA

E dopo la bistecca mi sono sentita... una cosa molliccia sotto...

GIRO

(deluso) Gué, e ched’é...?!

ZAZA

(precisando) Sotto la lingua...

GIRO

Ah.

ZAZA

Ho sentito che questa cosa si scioglieva in bocca, poi si è aperta ed ha cacciato come una pallina di ferro...

PASCALE

‘U mmicrofilm!

ZAZA

Io mi credevo che nel bacio mi aveva passato una pasticca per la gola, e...

RENATO

E... tu l'as crachée...?... L’hai sputata?

ZAZA

L’ho ingoiata.  

GIRO            

(applaude) Nun ghietta niente, ‘a padrona mia! E’ una ragazza educata.

RENATO

(stressato) Un baiser complet... Ridicùle ! Ridicùle!

ZAZA

Rena’ è stato solo un attimo. Nun m’’o ricordo manco cchiù...

GIRO

E po’, comme se dice: “Pizzeche e vase nun fanno pertose!”

RENATO

(colpevolizzandosi) C’esta ma faute... C’esta ma faute!... (all’agente, risoluto) Don Pâques, ont résolu le cas. Non sci resta che aspettare.

PASCALE

What does it mean? Che bbuò dicere?

GIRO

Dice buono ‘o patrone. Quella la pasticca è entrata da sopra e mo ‘a vedite ‘e scènnere pe sotta! Chillo è unu corridoio!

PASCALE

Tu pazzie? Nuie simmo fottute!

RENATO

Et pourquoi, pourquoi?

PASCALE

T’’o spieco sùbbito... Zaza, quanto hai avuto stu kiss?

ZAZA

Tre giorni fa.

PASCALE

Sentito?... ? L’ha cacciata da tre gghiuorne, e mo chi sa addò sta...!?

ZAZA

Vi sbagliate don Pâques... Io vado in bagno na vota ogni morta ‘e Papa... Ho il corpicino stitico.  

RENATO

Et tu n'es pas encore... ?

ZAZA

No. Po’, figùrate, c’’a paura ca me so’ pigliata, s’è bloccato tutte cose...

PASCALE

(felice) Compa’, si’ grande! So’ contento assaissimo! Muvìmmoce. Anze, muòvete! He ‘a caccia’ a capsula primma ‘e mo.

ZAZA

Vuie site pazzo!

PASCALE

Nun è ppe’ me: l’umanità sta mmano a tte!

ZAZA

Veramente, mo, sta a n’ata parte...

PASCALE

Fa ampressa.

ZAZA

Nu mumento. E che si fa a comando? Mo me metto e faccio...

RENATO

Il faut attendre.

PASCALE

Nun putimmo, compa’. Io devo portare alla CIA la capsula primma ‘e dimane. He capito bbuono? Pure a costo ca ce ‘a levo io stesso cu ‘e mmane meie.

GIRO

(vogliosa) Comme me piace. (proponendosi a Pascale) Io pure ho problemi di stìpsi, ch’amma fa?

ZAZA

Lèvate ‘a nanze.

PASCALE

Muòvete, cumpa’!

ZAZA

Comara! Comara! Ma comme te l’aggia dìcere?!

RENATO

Fais là... Fais là...!

ZAZA

E’ na parola! (toccandosi il ventre) Niente. “Interrogato, il morto non rispose”. Che v’aggi’’a dìcere...? Andate in farmacia e prendetemi un erba lassativa, na purga...

RENATO

Génial. Vado a ce moment, a ce moment...

PASCALE

Ottimo idea, compà. Rena’, venco cu tte!

RENATO

Tu prova, intanto.

GIRO

E che prova, cu stu probblema...?

RENATO

Che puoi fare... ? Sci sono ! Fascite la Tarentelle du cacaré...

GIRO

La taratella d’’o cacare ?!

PASCALE

Yes, yes, falla cumpa’... (ride)

ZAZA

Mo ‘a faccio... Po’ essere ca m’avvia...

                               RUOTA LA SCENA, palcoscenico del Cacao

Segue “Tarantella del cacare” ballata e cantata. Zaza fa segno periodicamente alle ragazze che il “fatto” non si smuove. A fine brano, ringraziano.

GIRO

Padrona, è arrivato Renato e don Pack.

ZAZA

Uh, (alle ragazze) scusate un momento, devo fare... (esce seguita da Giro)

                               RUOTA LA SCENA, appartamento di Zaza.

RENATO

(con busta della farmacia) Voilà la bustà!

PASCALE

(asciugandosi il sudore) What a run! Che corsa! That sweaty, sto na zuppa ‘e sudore...

ZAZA

C’avite accattato...?(prende dalla busta le scatole di medicinali)

RENATO

Il farmaciste sci ha assicurato che l’effetto sarà dirompenté... Immediatò...

PASCALE

Compà, tra poco, farai ll’artificial fires ,‘e bòtte ‘e ll’urdimo ‘e ll’anno... (ride, accompagnandosi col gesto dei botti) Boh, boh, boh...

RENATO

Così ti sortirà la capsùla... (ridacchia) Eh, eh...

ZAZA

Ma come siete volgari! Un poco di eleganza. Siete davanti a una signora...

GIRO

A due signore!

ZAZA

Addò te miette, tu?! Allora, vedimmo che me pozzo piglià...?

RENATO

Une chôse che tu veu... (ridacchia, seguito da Pascale che mima i botti) Eh, eh, eh...

ZAZA

E vvide si’ ‘a fernesceno...?

GIRO

Inzomma, ‘a vulite fa stizzì ancora ‘e cchiù dint’a panza?!

ZAZA

Ah, ll’uòmmene! (melodrammatico) Non capiscono le difficoltà di una donna... Chello, è comme si’ io avess’’a parturì... (i due ridono) Come siete superficiali! Io nun ve penzo proprio!... (pensandoci) Tu, po’, Rena’, nun aviss’’a parlà proprio! Ca ncuorpo tiene ‘e gatte morte cu ‘e Fornarine a ‘o pede! Famme fa’ ‘a signora, va. Allora, (mette gli occhiali per la lettura) leggiamo un po’...? (legge) lassativo “Stàppol”... nun me piace! “Sciòldol”, chisto nun è bbuono, quando c’è il “Dol” finale è un antidolorifico... Smerdòl, Cacanèt, Avvìol, Mutandafresh... Ma che so’ sti nomme?!

RENATO

Pourquoi? A moi, già me fait mal la panscià... (ridacchia) Eh, eh, eh...

PASCAL

Sulo ‘o “name”, già m’abbasta... (ride, si tocca il ventre e mima i botti) Boh, boh, boh...! Ah, ah, ah...

ZAZA

Siete due tamarroni, cafoni! Mi state bloccando peggio!

GIRO

Gué, ‘a padrona è na femmena riservata... La volete far “rilassare” un poco...

ZAZA

Io più mi stizzisco e più mi stitichizzo!

PASCALE

Io pazzeo, pe’ nun “cry”, pe nun chiancere, compa’. (serio) ‘O “time” sta pe’ scadé... (mostrando il revolver) Hurried to make the cacca!

ZAZA

C’ha ditto?

RENATO

Sbrigàti a farè quello che devi farè...

ZAZA

E che tengo, la seduta a comando?... Queste medicine non mi ispirano... Meglio i vecchi sistemi...

GIRO

Ve piglio olio e prezzemolo?

ZAZA

E che me faccio ‘o pinzimonio?!

PASCALE

Now is enough! M’he scocciato... Pìgliate ddoie “plums”, ddoie prugne, ‘o vì ccanno ‘o scatòlo...

ZAZA

Le prugne? ‘A chi ‘e vvvuo’ dà?! “I don't like it”, me fanno schifo!

RENATO

Che schifo? Quelle sono buonissime... (apre la confezione e ne mangia una quantità) Douces... delicate...

PASCALE

(a Zaza) Siente, cumpa’, pigliate chello ca vuo’, ma you do soon, fa ampressa, ca ‘o time cammina! Ll’umanità sta mmano a tte!

ZAZA

Niente... Nun c’è che fa, quanno cchiù vuo’ fa na cosa, cchiù le passa ‘o genio...

GIRO

Pigliateve lo Stappòl, s’’o piglia pure na zia d’’a mia e se trova n’amore...

ZAZA

E damme stu Stappòl...

PASCALE

Finalmente. Mo se sparano ‘e botte cu ‘o Stùppol!

ZAZA

Qua’ Stùppolo? Stàppol, stàppol. Giro, stappa ‘o Stappòl

PASCALE

A moment, please. Controllammo nu poco ‘o sceruppe.... (apre la confezione e l’annusa)  Mhm... l’addore me pare buono... (a Giro) Man, assaggia...

GIRO

Io?... Io sono regolare...

PASCALE

(perentorio) Assaggia!

GIRO

Ma pecché, io?

ZAZA

Ave ragione, io aggio bisogno...

PASCALE

Nun capisce? Facimmo assaggià a ‘o man, caso maie ‘o sceruppo è avvelenato... Si’ more, tu nun t’’o ppiglie...

GIRO

A chi?! Io nun assaggio! Io faccio a cammarera mica ‘a missionaria!

RENATO

Lasciatèla stare, se non vuole... (a Pascale, in confidenza) Quella sci può fare una vertensa sindacalé.

PASCALE

Ok. Ok... (a Renato) Allora, prova, tu.

RENATO

Io?... A me lo sciroppò mi fa fare le palumme!... Pourquoi non mangi le prugnè, Zaza? (mangiando prugne) Io dico che le prugne sono l’ideale... Sicure...

PASCALE

Compà, ponno essere avvelenate pure cheste...

RENATO

(sputando) Merde! Non sci avevo pensatò... Oh, mon Dieu, mon Dieu, non voglio mourir!...

ZAZA

(a Renato) E che si’! Dateme ‘o sceruppo senza assaggià. A mio rischio e pericolo...

GIRO

(all’americano che toglie il tappo allo sciroppo) Don Pak, mettetemelo qui... (mostra un cucchiaio) Bevete padrona...

ZAZA

(ingurgitando con disgusto) E comm’è brutto! Pare ‘o vveleno...

RENATO

Mon Dieu, io non mi sento tanto bené...

ZAZA

Rena’, nun t’impressiona’ ca nun tiene niente... (ai tre) Beh, allora, che si fa?

PASCALE

Io dicesse de fa no “dance”, no ballo, accussì se smove ‘o stenteniello e ffaie lle bbotticelle... Ah, ah, ah...

GIRO

Dice buono ‘o ‘mericano, padro’ iate a balla’, muviteve...

ZAZA

E andiamo. Ca po’ essere ca ‘o sceruppo fa ll’effetto suio... (a Renato) Viene tu pure, ca si no tu te fisse e t’avimma purt ‘o spitale...

RENATO

Io mi fascio male a la panscia...

ZAZA

E ppe’ fforza! Tu  te si’ magnato miezzu chilo ‘e prugne...

RENATO

No, io sono abituato mangia prugne... Fascio male panscia...

PASCALE

Tu pienze ‘a belly, ‘a panza d’’o cumpare Zeza... Ca ‘o time fuje!

                        RUOTA LA SCENA, palcoscenico del Cacao.

                                                        

 

CARAMEL

Che stanno faceno llà dinto?

CAPUCINE

Fra poco avimm’a fa ‘o spettacolo...

CIOCCOLATE

Stanno chiuse ‘a n’ora...

ZAZA

(entrando) Ragazze, su, proviamo...

CARAMEL

Finalmente.

CIOCCOLATE

Ma che sta succedenno?

PASCALE

Calm, people, tutto ok!

RENATO

Tuto a postò... tranne mia panscia...

ZAZA

Fatemi provare un ballo ché mi devo smuòvere l’intestino.

CAPUCINE

E che facimmo...?

ZAZA

Na cosa qualunque...

                        Attacca la musica. Numero del Cacao.

PASCALE

Allora, cumpa’? Che se dice?

ZAZA

Dàlle cu stu cumpare! Comare,comare!... Che aggia dicere...? Niente. Forse, ‘a capsula s’’e misa a na parte ca ha appilato tutt’a situazione...

RENATO

Io troppo male panscia... Oh, oh... (tenendosi il ventre) Scusate moment, io vado fare cosa impellente... (scappa via)

PASCALE

Compa’, addo vaie? No, you, essa adda correre ‘o water...

ZAZA

Guarda a chillo! “E fòdere cumbatteno e ‘e sciabole stanno appese!”

MUSCA

(dalla sala con zaino e solito contenitore di vetro al collo) Tiengo ùnnice figlie e mio marito sta da dieci anni disoccupato... Tiengo ùnnice figlie...

ZAZA

E chi è chesta?

CARAMEL

‘A vi’ ccanno...

CIOCCOLATE

E una ca cerca ‘a fatica...

CAPUCINE

Pecché nun po’ magnà...

ZAZA

Nun ce pare proprio...

CARAMEL

Puverella, Zaza, tene ‘o marito ca è nu birbante.

PASCALE

(tra sé) Tene ‘o “face” ca m’arricorda quaccuno...?

MUSCA

Granda Zaza, tu essere femmena molta canosciuta, pure a Russia e Pugaciof te sape...

ZAZA

Chi è stu Pugaciof?

MUSCA

Granda ballerina russa di Bolscioi... Fatto tutto repertorio classico, moderno, uno ‘e tutto a fatto, proprio cumm’’a tte è stata pure nobile: prima marchetta di Russia...

ZAZA

Gué, che marchetta!?

MUSCA

Sbagliato, scusa, voleva dicere prima marchesa di Russia... Granda femmena, famme tràsere nu poco...

PASCALE

(piano a Zaza) If you don't know her/it? Cacciàla!

ZAZA

Pecché? Se vede ca è na bona femmena... (a Musca) Comme te chiamme, bella picceré?

MUSCA

Musca, granda fèmmena.

ZAZA

(piccata) Grazie. Te chiamme Mosca, come la città?

MUSCA

No Mosca, assaie... Assaje ‘e cchiù: Musca!

PASCALE

(tra sé) Stu “name” l’aggio già sentuto...?

ZAZA

Ah, ho capito. Musca, comme uva muscarella...

MUSCA

Brava. Io essere doce comme uva, ma amara come friddo della steppa!... CARAMEL

Jamme, Zaza, che ‘a può fa fare...?

ZAZA

E non lo so... Po’ vedimmo, mo tengo ati sasicce p’’a capa...

PASCALE

Non pe’ capa, ‘o sasiccio sta ‘a n’ata parte e l’he ‘a caccia’ “now”!...

ZAZA

Sentite?

RENATO

(esce) Ah, je me suis liberé!...

ZAZA

Guardate che mmiria...

RENATO

(vedendo Musca) Qui est cette femme?

ZAZA

(rifacendolo) Cette famme è ‘o ritratto d’’a famme!... Rena’ è na profuga ca cerca fatica.

RENATO

Passé dimane, madame.

MUSCA

Nu me caccià, Renatof, voglio fatica ccà pe Zaza...

ZAZA

Senti, muschia, passa dimane, ca ogge nun è ccosa, devo fare una cosa che addora di rosa e ce l’aggia dà a chillo... (indica Pascale)

MUSCA

Pecché tu dare a chillo prodotto di tuo corpo...?... (cava un mitra dallo zaino) Tu dare a me!... (tutti gridano e fanno gruppo tranne Pascale)

ZAZA

Muscare’, staie pazzianno?

MUSCA

Pasca’, nun movere mane ca ti spiezzo in due con pallottole di mio Kalascnicof!

PASCALE

Mannaggia a me! Ll’aveva capì primma, ca ire, tu!?

ZAZA

Rena’, che sta succedenno?

RENATO

Je sais pas! Ci volete spiegare?

MUSCA

Io sono spia venuta a prendere microfilm!...

PASCALE

Have you understand, now?

ZAZA

Ma io non ce l’ho stu microfilm?

RENATO

Pure Pascale vuole, mais noi non sci abbiamo...

MUSCA

Non dite fesserie che vi spiezzo con pallottole di mio Kalascnicof!...

LE TRE

Mado’!

MUSCA

 Io, prima ho abbracciato ragazze e ho messo loro addosso piccole microspie. So tutto!

RENATO

(piano a Zaza) Paura, mi smuove panscia... Oh mal, mal...

ZAZA

Vide a chisto si è ‘o mumento, mo?

MUSCA

(prende una corda) Paskal, lega tutti con corda stretta...

PASCALE

(Pascale esegue) I’ am, agente CIA...

MUSCA

Saccio. Saie addò tengo CIA? Appeso gabinetto di mia casa... Muòviti americano, che ti brucio cervello di merda che tieni!

RENATO

Non mi fare legare, Moscia, che devo scapare a cesso...

MUSCA

E ti fai sotto!

ZAZA

E terribbele, chesta!

CARAMEL

Nun ce pareva a vuttazzella!

CIOCCOLATA

Chella picciò è chiatta...

CAPUCINE

Tene ‘a nfamità!

MUSCA

Adesso vi faccio cacare io a tutti...

CARAMEL

Un momento, Titò. (indica Zaza) Solo la signora deve defecare per necessità...

CAPUCINE

Essa tene ‘o film arreto...

ZAZA

Vide a sti cajòtole comme me cantano...

RENATO

Je mal a la panscia... Oh, mal, mal...

MUSCA

(apre il barattolo) Vi avevo detto che qui c’era sorpresa per voi ! Ho dentro vermi che vi faccio mangiare... Morirete in pochi secondi tra mali di pancia atroci...

RENATO

Io già ho male atròce...

ZAZA

E perché non ci spari...

PASCALE

Chilli “worms”, e vierme t’accideno e police nun trova tracce ncuorpo a tte...

MUSCA

Vedo che tu capisci... Ora mangiate mio verme solitario... (a Zaza) Comincia tu, che dopo ti apro ventre e prendo microfilm...

ZAZA

Ma pecché faie chesta, Crudelia Demòn?

MUSCA

Perché io vendo microfilm per clonazione e divento ricca io e mia famiglia.

RENATO

Se è pour l’argents, sci mettiamo d’accordo...

MUSCA

Tu staie zitto... (annusa) Io vicino a te sento fieto...

RENATO

Io? Je suis un uomo dabbené, scerte cose non fascio!

MUSCA

Basta! Passiamo fatti. (a Zaza) Mangia verme che dopo ti sguarro!... (si avvicina minacciosa)

BIONDO

(dal fondo della sala) Musca, non ti muovere che ti freddo!

MUSCA

(puntandogli il mitra) E io ti caldo!

BIONDO

(spara) L’hai voluto, tu!

MUSCA

(cade ferita su Zaza)

ZAZA

Mammà, m’è caduto nu palazzo ncuollo!

PASCALE

(prendendo la spia) Viene cu mme, fly, te porto a Sing Sing... E tu pure, Biondo, posa ‘o rivolver ca te “fire”!

RENATO

Oh, io non sce la fascio più... (scappa via tenendosi il ventre)

BIONDO

Mettiamoci d’accordo, Pascal. A te il microfilm e a me la libertà. Dopotutto vi ho salvato la vita...

ZAZA

Ave ragione ‘o Biondo...

CARAMEL

Che bell’ommo!

PASCALE

Viene cu mme all’Office e ne parlammo... (a Zaza) E tu cumpà, muòvete ca ‘o time fuje!

RENATO

(esce) Falso allarmé...

PASCALE

Fa comme ‘o cumpare Renato, muòvete.

ZAZA

Don Pak, v’aggia cunfessà na cosa. Siente tu pure, Rena’... Io, pe paura ca succedeva quaccosa a me e a vuie, aggio ditto ca nun m’era ancora asciuto ‘o microfilm a cuorpo, ma... in effetti... io l’avevo già... cacciato stammatina.

RENATO

Mais, ouì?

ZAZA

Ouì.

PASCALE

Shit! Hai già fatto ‘o pakkott stammatina?

ZAZA

Yes.

BIONDO

Hai già cacciato tutto?

ZAZA

Sì.

LE TRE

Mado’!

PASCALE

We have wasted time, ammo perzo tiempo, allora!?

ZAZA

Mi dispiace, ma la paura mi ha fatto dire questa bugia...

RENATO

E tu, mo, per una bugià, stavi fascendo suscedere n’asciso e nu mpiso!

ZAZA

E che vuoi da me, sempre una donna debole sono...

BIONDO

Questa non ci voleva... Ho un’idea, Pascale, andiamo al Collettore generale. Può darsi che siamo fortunati...

PASCALE

E sì, scartammo ‘a dint’a shit!... Jamme all’Office, primma ca me ncazzo!... (uscendo con Biondo e Musca dolorante) Ma tu vide! Ll’artiste so’ tutte busciarde...

BIONDO

Bugiardi e perditempo...

PASCALE

Ll’artiste... E so pure tutte ricchiune. (viano)

LE TRE

Gué!

ZAZA

Parla pe tte, sa’... Nuie simme femmene al cento per cento... Tu si’ nu miezzo nzertato!

RENATO

Villanò, insultare le mie donne...  Uh, la panscia, non posso crier...

CARAMEL

Però, Zaza, putive dicere primma stu fatto...

CIOCCOLATE

Ce sparagnaveme sta paura...

CAPUCINE

E si’ chelle ce deva ‘e vermezzulle...?

ZAZA

E, ma ‘o vermezzulle puteva pure addeventà: capitone...

LE TRE

Mado’!

RENATO

Io vado al bagnò...

ZAZA

No, aspetta. Aggia dicere ll’ùrdema cosa d’’a jurnata.

RENATO

Dì, vite.

ZAZA

‘A verità, ‘o microfilm, sta ancora ccà. (indica il ventre)

LE TRE

Overo?

RENATO

Tu che disci?

ZAZA

Vedenno tutto chillo maciello, ‘e spie, ‘e mericane, l’italiane, e russe ca s’appiccecavano pe se piglià sta mappa segreta sulla clonazione umana, aggio pensato: dìceno ca la clonazione serve a guarire le malattie e chesto è buono, ma fino a quanno ll’uòmmene useranno le scoperte degli scienziati p’accidere ll’at’uòmmene e no p’’e salvà, sapite che ve dico, fino a chillu juorno, la mappa genetica sulla clonazione umana starrà sempe ccà, ncuorpo a mme... E si’ esce... Vi giuro ca m’agliotto n’ata vota e accumminciammo d’a capo...

                                       Musica finale

                             FINE DELLA COMMEDIA

 

                 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno