Caio Gracco

Stampa questo copione

Caio Gracco

Caio Gracco

di Vincenzo Monti

PERSONAGGI

C. GRACCO

CORNELIA

LICINIA

L. OPIMIO

, console

LIVIO DRUSO

, tribuno

M. FULVIO

Un liberto di CAIO

Senatori

Tribuni

Littori

Popolo

La scena è nel Foro e nell'atrio della casa di Gracco imminente al Foro.

ATTO PRIMO

SCENA I

CAIO solo.

CAIO

Eccoti, Caio, in Roma. Io qui non visto

entrai protetto dalla notte amica.

Oh! patria mia, fa cor, ché Gracco è teco.

Tutto tace dintorno, e in alto sonno

dalle cure del dì prendon riposo

gli operosi plebei. Oh buoni, oh veri,

soli Romani! Il vostro sonno è dolce,

perché fatica lo condisce; è puro,

perché rimorso a intorbidar nol viene.

Tra il fumo delle mense ebbri frattanto

gavazzano i patrizi, gli assassini

del mio caro fratello; o veramente,

chiusi in congrega tenebrosa, i vili

stan la mia morte macchinando, e ceppi

alla romana libertà; né sanno

qual tremendo nemico è sopraggiunto.

Or basta: salvo io premo la paterna

soglia. Sì, questa è la mia soglia. Oh madre!

Oh mia Licinia! oh figlio! A finir vengo

i vostri pianti, e tre gran furie ho meco:

ira di patria oppressa, amor de' miei,

e vendetta, la terza; sì, vendetta

della fraterna strage. Entriam. Ma giunge

qualcun. Foss'egli alcun de' nostri!

SCENA II

FULVIO con uno schiavo, e DETTO.

FULVIO

Sgombra,

servo fedele, ogni timor. Compiemmo

arditamente un'alta impresa: abbiamo

tolto a Roma un tiranno. Alta del pari

mercé n'avrai, la libertà. Ma bada:

sul tuo capo riposa un grande arcano.

Non obbliar che dal silenzio tuo

la mia fama dipende e la tua vita.

Lasciami. - Stolto! alla sua morte ei corre.

M'è necessaria la sua testa. Un troppo

terribile segreto ella racchiude;

e demenza sarìa. . . Ma chi s'appressa?

Son tradito. Chi sei che qui t'aggiri,

tenebroso spiando i passi altrui?

Non t'avanzar: chi sei? parla.

CAIO

La voce

non è questa di Fulvio?

FULVIO

Che pretendi

tu da Fulvio? Che ardir s'è questo tuo

d'interrogar fra l'ombre un cittadino

che non ti cerca?

CAIO

Ah! tu sei desso. Oh Fulvio!

Abbracciami. Son Caio.

FULVIO

Oh ciel! Tu Caio?

Tu?. . .

CAIO

Sì, taci; son io.

FULVIO

Oh me felice!

Oh sospirato amico! E qual propizio

nume ti guida? Io di Cartago ancora

sul lido ti credea. Come ne vieni?

Come dunque ritorni?

CAIO

Io là spedito

fui di Cartago a rialzar le mura.

Adempiuto ho il comando; ed in due lune,

che fur bastanti a rovesciarla appena,

da' fondamenti suoi Cartago è sorta.

Incredibile impresa, e minor solo

del mio coraggio, a cui dier sprone i tuoi

frequenti avvisi, e l'istigar che ratto

qua fosse il mio ritorno. Aver prevalso

l'inimico partito, esser del nostro

atterrata la forza, ed in periglio

star le mie leggi e Roma. Io l'opra allora

precipitai, la consumai; veloce

mi parto da Cartago; e, benché irato

fosse il Tirreno, e minacciosi i venti,

pure al mar mi commisi, ed improvviso

qual folgore qui giungo. Or, quale abbiamo

stato di cose?

FULVIO

Periglioso e tristo.

L'altero Opimio, il tuo crudel nemico,

console indegno e cittadin peggiore,

la lontananza tua posta a profitto,

guerra aperta ti muove. E dello scorno

a che tu l'esponesti, allor che chiese,

e per te non l'ottenne, il consolato,

solennemente a vendicarsi aspira.

Propon che tutte ràdansi del tuo

tribunato le leggi; e il dì che viene,

a quest'opra d'infamia è già prefisso.

CAIO

Ma i tribuni che fan?

FULVIO

Fanno mercato

de' lor sacri doveri. A prezzo han messa

lor potestade, e i senator l'han compra.

CAIO

Oh infami!

FULVIO

E Druso, il capo della mandra

tribunizia, il codardo e molle Druso,

la sua vilmente trafficò primiero.

Gli altri, che sono più vil fango ancora,

seguîr tosto l'esempio. A questo modo

avarizia si strinse a tirannìa,

e collegate consumâr di nostra

cadente libertà, delle tue leggi,

e forse pur della tua vita, il nero

orribile contratto.

CAIO

Alto contratto,

degno di tali mercatanti! Oh Roma!

Già madrigna tu vendi i generosi

ai pravi cittadini, e venderai,

se un giorno trovi il comprator, te stessa.

Oh senato, che un dì sembrasti al mondo

non d'uomini consiglio, ma di numi,

ch'altro adesso se' tu che una temuta

illustre tana di ladroni? Io fremo.

FULVIO

Freme ogni vero cittadin. Ma questo

di dolor non è tempo e di sospiri;

tempo è di fatti.

CAIO

E li farem. Ma pria

le nostre forze esaminiam. Rispondi:

quanti amici, se amici ha la sventura,

nella fede restâr?

FULVIO

Pochi, ma forti.

L'intrepido Carbon, già tuo collega

nelle agrarie contese; e Rubrio e Muzio,

animosi plebei, possente ognuno

nella propria tribù. Vezio v'aggiungi,

e Pomponio e Licinio, alme bollenti

di libertà del par che di coraggio.

Di me non parlo; mi conosci. Il resto

rapì seco il rotar della fortuna.

Ed ecco tutte del tuo gran naufragio

le onorate reliquie. Oh amico! oh quale

mutamento di cose! Fu già tempo

che, di tutto signor, devoti avesti

popoli e regi al cenno tuo. Dinanzi

ti tremava il senato; riverenti

ti fean corona i cittadini; un detto,

uno sguardo di Caio, un suo saluto,

un suo sorriso li facea superbi.

Ambìa ciascuno di chiamarsi amico,

cliente, schiavo di questo felice

idolo della plebe; e nel vederli

si prostrati, tu stesso vergognavi

di lor viltà, tu stesso. Alfin tramonta

la tua fortuna, ed ecco ir tutte in nebbia

le sue splendide larve, ecco disfatto

questo nume terreno, e dagli altari

gittato nella polve.

CAIO

E che per questo?

Nell'ire sue l'avversa sorte a Gracco

non tolse Gracco. Ho tale un cor nel petto,

che ne' disastri esulta; un cor che gode

lottar col fato, e superarlo. Il fato,

credi, è tremendo, perché l'uomo è vile;

ed un codardo fu colui che primo

un dio ne fece. Ma perché tra' nostri

Fannio non conti?

FULVIO

Fannio? Il vile è fatto

tuo nemico mortal. Pose in obblio

costui quel giorno che per man davanti

alla plebe il traesti, e, Opimio escluso,

del consolato intercessor gli fosti.

E tel predissi allor che tu nel core

d'un ingrato locavi il benefizio.

CAIO

Sì, nel cor d'un patrizio. Ah! ch'io non sempre

fui nella scelta degli amici uom saggio.

Mal dal mio core giudicai l'altrui,

e spesso il diedi a' traditori. In questo

non so scusarmi. Or dimmi: e della plebe

quale intanto è il pensier? Perse ella tutto

di sue sventure il sentimento? È morta,

parlami vero, è tutta in lei già morta

la memoria di Caio?

FULVIO

Aura che passa,

ed or da questo or da quel lato spira,

è amor di plebe. Ma scusarla è forza.

Vien da miseria il suo difetto; e molti

sendo i bisogni, esser dee molta ancora

la debolezza. In suo segreto al certo

ella ancor t'ama, e il suo sospir t'invìa;

ma il labbro non lo sa. Timidi e muti

sono i sospiri, ed il pallor del volto

solo gli accusa, il susurrar tuo nome

sommessamente, e l'abbassar del ciglio;

ch'uno non già né due sono i tiranni,

ma quanti in Roma abbiam patrizi, e quanti

opulenti e tribuni. E girne impune

può ben la tirannìa. Vedova è Roma

della più fiera gioventù; ché tutta

Fabio la trasse a guerreggiar sul Tago,

e i men forti restâr. Quindi smarrito

langue ogni spirto; trepida, abbattuta

geme la plebe; ti desìa, ma tace.

CAIO

Io parlar la farò. Lion che dorme

è la plebe romana, e la mia voce

lo sveglierà: vedrai. A tutto io venni

già preparato, e, navigando a Roma,

i miei perigli meditai per via.

Mormoravano l'onde; inferocito

mugghiava il vento, aprìasi in lampi il cielo,

e tremava il nocchiero. Ed io pensoso

stavami in fondo all'agitato legno,

chiuso nel manto, e con lo sguardo basso

in altra assorto più crudel tempesta.

Strette intorno al mio cor tenean consiglio

fra lor dell'alma le potenze; e Roma

volgea per mente, e antivedea pur tutti

del senato e d'Opimio e de' tribuni

e degli amici i tradimenti. Oh Fulvio!

Io fremea nel pensarli, e lagrimava;

ma lagrime di rabbia eran le mie:

e in piè m'alzava, e m'aggirava intorno,

e col vento ruggìa; ché furioso

mi rendea la pietà dell'infelice

patria, e l'immago d'un fratel che grida,

son dieci anni, vendetta, e ancor non l'ebbe.

FULVIO

Già l'ebbe.

CAIO

E quale?

FULVIO

Lo saprai.

CAIO

Ti spiega.

FULVIO

Senti. . . (Incauto, che fo?)

CAIO

Perché t'arresti?

perché non parli?

FULVIO

Scusa. Ha qualche volta

i suoi segreti l'amistà.

CAIO

No, mai

la verace amistà. Ma, sia qualunque,

rispetto il tuo segreto, e più non chieggo.

Dimmi sol, ché saperlo assai ne giova,

quale osserva contegno in tanto affare

il mio congiunto Emilian? Che dice?

FULVIO

Emilian?. . . Perdona, ogni tuo detto

è una domanda; e della madre ancora,

e della sposa, o Caio, e del tuo figlio

nulla inchiedesti?

CAIO

I pensier primi a Roma:

darò i secondi a mia famiglia. Or dunque,

d'Emiliano che sperar? Marito

di mia sorella. . .

FULVIO

Nol chiamar marito,

ma tiranno.

CAIO

Lo so che la meschina

di tal consorte non è lieta.

FULVIO

E il puote

esser mai donna che plebea si stringe

a marito patrizio? Egli l'abborre,

e te del pari abborre.

CAIO

Ed io. . . non l'amo.

Ma non t'ascondo il ver: l'alta sua fama,

le grandi imprese che gli fêro il nome

di secondo African, la cieca e muta

verso lui riverenza della plebe,

che lo sa suo nemico e lo rispetta,

tutto in lui mi conturba; e duro intoppo,

s'egli n'è contra, alla vittoria avremo.

FULVIO

E noi vittoria avrem, s'altro non temi:

ti rassicura.

CAIO

. . . Io non t'intendo.

FULVIO

In breve

m'intenderai. Ma noi spendiam qui indarno

tempo e parole. Non lontana è l'alba;

e niuno degli amici ancor s'avvisa

di tua venuta. A confortarli io corro

di tanto annunzio.

CAIO

Férmati.

FULVIO

A qual fine?

CAIO

A farmi chiaro il tuo parlar.

FULVIO

T'accheta.

Romor di passi ascolto, e venir sembra

dalle tue soglie.

CAIO

Oh ciel! che fia?

FULVIO

T'accheta.

SCENA III

CORNELIA, LICINIA col figlio per mano, il liberto FILOCRATE, e DETTI

CORNELIA

Frena il pianto, Licinia, e non tradire

co' tuoi lamenti i nostri passi. Andiamo

tacitamente, o figlia. - E tu ci scorta,

Filocrate.

CAIO

Qual voce! Udisti? Ah! questa,

questa è mia madre.

FULVIO

Avviciniamci.

CORNELIA

Gente

s'appressa. - State: io vado innanzi, io sola

esploratrice.

CAIO

Il cor mi balza.

CORNELIA

Olà,

cittadini, chi siete?

CAIO

Oh madre mia!

CORNELIA

Di chi madre?

CAIO

Di Gracco. Sì, son io;

non sospettar, son Caio; riconosci

del tuo figlio la voce.

CORNELIA

Ah tu sei desso!

Il cor ti vede. Oh caro figlio! E come?. . .

Quando?. . .

CAIO

Tutto saprai. Ma la consorte,

Licinia mia, dov'è? Tu la nomavi

pur or: dov'è?

LICINIA

Fra le tue braccia. Il suono

di tua voce su l'anima mi corse,

e il cor sentì la tua presenza.

CAIO

Oh gioia!

LICINIA

E questo il vedi? Lo ravvisi?

CAIO

Il figlio?

Possenti numi! il figlio mio? Nell'ora

in cui natura ed innocenza dorme,

tu, povero innocente, tu ramingo

per quest'orrido buio, all'onte esposto

degli elementi? Oh madre mia! Qual dura

cagion di Gracco la famiglia astringe

per quest'ombre a vagar? Chi vi persegue?

Chi vi caccia?

CORNELIA

. . . Filocrate, rientra,

e teco adduci quel fanciul. - Chi è questi

che t'accompagna?

(Piano a CAIO.)

CAIO

Un mio fidato amico,

e udir può tutto.

CORNELIA

Dirò dunque aperto

di tua famiglia il duro stato, e quali

ne sovrastan perigli. - Il dì che giunge,

d'orror fia giorno, o figlio; e questo Foro,

campo già di virtù, fia campo in breve

di tumulto, di sangue e di delitti.

Qui giacque spento il tuo fratel, percosso

per la causa miglior. Queste che calchi

son le tue soglie. Attender forse io deggio

che imperversando a violarle venga

il patrizio furor? V'ha forse asilo

sacro per queste avare tigri in toga,

di plebeo sangue sitibonde? Oh figlio!

Tu ne stavi lontano ed io tremava;

per me non già; la madre tua, lo sai,

non conosce timor; ma per gli amati

pegni io tremava de' tuoi sacri affetti,

per questa donna del tuo cor, pei giorni

del tuo tenero figlio, in cui mi giova,

se perir devi, assicurarti un qualche

vendicator. Perciò m'ascolta. - In tanta

congiura di malvagi, havvi chi sente

pietà del nostro iniquo stato; un giusto

che, patrizio, detesta de' patrizi

le nere trame, e men porgea l'avviso

e n'offeriva ne' suoi tetti asilo,

sicurezza, silenzio. Io di ciò dunque

sollecita movea, fidando all'ombra

queste vite a te care. Or che presente

tu sei, cangiato è il mio consiglio, e l'alma

più non mi trema.

CAIO

E di tremar ti vieto.

Fra poco il sole ed il tuo figlio in Roma

mostreranno la fronte, e cangerassi

degli uomini la faccia e delle cose.

LICINIA

Lo spero io ben; ma se lontan mi fosti

di lagrime cagion, presente adesso

di spavento lo sei. Molto m'affida

e molto m'atterrisce il tuo coraggio.

Fieri nemici a superar ti resta:

il senato, i tribuni, e il più tremendo,

il più fatal di tutti, anco te stesso.

Sii dunque mansueto, io te ne prego;

va prudente, va cauto, e nella tua,

deh! custodisci per pietà la vita

del tuo figlio e la mia.

CAIO

Ti riconforta,

consorte amata; e sulla certa speme

di destino miglior gli spirti acqueta.

Questo terrore lascialo alle spose

de' miei nemici. - Ma chi è questo, o madre,

di mia famiglia protettor pietoso?

questo patrizio non perverso?

CORNELIA

Il figlio

d'Emilio, il tuo cognato.

CAIO

Un mio nemico?

CORNELIA

Non è tal chi comparte un beneficio.

CAIO

Ei m'è nemico; e atroce offesa io stimo

il beneficio di nemica mano.

Da chi m'odia, m'è caro aver la morte

pria che la vita. Ov'anco ei tal non fosse,

egli è l'idol de' grandi, il più superbo

dispregiatore della plebe, e basta.

CORNELIA

Tu oltraggi la virtù.

CAIO

Non è virtude,

ov'anco amor del popolo non sia.

Cessa: m'irrita il tuo parlar.

CORNELIA

La prima

volta s'è questa che al mio figlio è grave

la mia favella. Al tuo dolor perdono

l'irriverente tua risposta.

CAIO

Oh madre!

FULVIO

Più tacermi non so. - Donna, tu prendi

sconsigliata difesa, e sul tuo labbro

duro è la lode udir d'un cittadino,

grande sì, ma tiranno. A chi fidavi

tu de' Gracchi la vita? Ad uno Scipio?

Ed uno Scipio non fu quel che fece

te vedova d'un figlio? Oh degli Scipi

orgogliosa despotica famiglia,

d'alme grandi feconda e di tiranni!

Oh Cornelia! tu sei famoso seme

di questa schiatta, e tu la plebe adori?

CORNELIA

Caio, chi è questo temerario?

FULVIO

Appella

qual più ti piace il ragionar mio franco;

Marco Fulvio son io.

CORNELIA

Sei Fulvio, ed osi

voce alzar me presente? E ancor non sai

che ammutir deve ogni ribaldo in faccia

alla madre de' Gracchi? Tu mal scegli,

Caio, gli amici, e d'onor poca hai cura.

Di tua sorella, sappilo, costui

insidia la virtù. Quindi la soglia

il tuo cognato gli precluse; e quindi

l'altr'ier le stolte sue minacce, ed ora

le ancor più stolte sue calunnie. Oh figlio!

Che di comune hai tu con un siffatto

malvagio? Un Gracco con un Fulvio!

FULVIO

Oh rabbia!

Quale oltraggio?

CORNELIA

Qual merti.

FULVIO

E chi ti diede

su me tal dritto?

CORNELIA

I tuoi costumi, e forse

i tuoi misfatti.

FULVIO

I miei misfatti, o donna,

son due: l'odio a' superbi, e immenso, ardente

amor di libertà.

CORNELIA

Di libertade

che parli tu, e con chi? Non hai pudore,

non hai virtude, e libero ti chiami?

Zelo di libertà, pretesto eterno

d'ogni delitto! Frangere le leggi

impunemente, seminar per tutto

il furor delle parti, e con atroci

mille calunnie tormentar qualunque

non vi somiglia; insidiar la vita,

le sostanze, la fama; anco gli accenti,

anco i pensieri incatenar; poi lordi

d'ogni sozzura predicar virtude,

carità di fratelli, attribuirvi

titol di puri cittadini, e sempre

sulle labbra la patria, e nel cor mai:

ecco l'egregia, la sublime e santa

libertà de' tuoi pari, e non de' Gracchi;

libertà di ladroni e d'assassini. -

Figlio, vien meco.

SCENA IV

CAIO e FULVIO

FULVIO

Udisti? E mi degg'io

soffrir sì atroce favellar? Daresti

tu fede al detto di costei?

CAIO

Rispetta

mia madre, e pensa a ben scolparti; intendi?

A scolparti.

SCENA V

FULVIO solo.

Io scolparmi? e sai tu bene

chi mi son io? Va, stolto! Al nuovo sole

l'opra vedrai di queste mani; e forza

t'è laudarla, tacerla, o perir meco.

ATTO SECONDO

SCENA I

OPIMIO e DRUSO

DRUSO

Il primo raggio appena al Palatino

illumina le cime, e già pel Foro

move senza littor', privato e solo,

il console di Roma? In questo giorno,

a te giorno d'onor, di scorno a Gracco,

di trionfo al senato, ogni pupilla

in Opimio è conversa. A lui confida

umil la plebe il suo destino, i grandi

la lor fortuna, il suo riposo Roma,

di contese già sazia: ed ei qui stassi

inoperoso? e il dirò pur, se lice,

dimentico d'altrui e di sé stesso?

OPIMIO

Tribuno, hai pronti i tuoi colleghi?

DRUSO

Tutti

da te pendiamo.

OPIMIO

Riposar poss'io

su la lor fede?

DRUSO

Ella t'è sacra.

OPIMIO

I capi

del popolo son nostri?

DRUSO

Il ricevuto

oro, e la speme di maggior mercede

te n'assicura.

OPIMIO

E le tribù son tutte

alla calma disposte ed al rispetto?

DRUSO

Tutte. La plebe non fu mai, mel credi,

più docile, più saggia e mansueta.

OPIMIO

È la plebe romana una tal belva,

che, come manco il pensi, apre gli artigli,

e inferocita ciecamente sbrana

del par chi l'accarezza, e chi l'offende.

Oggi t'adora, e dimani t'uccide,

per tornar poscia ad adorarti estinto. -

Di me che pensa questa belva?

DRUSO

Muta

t'osserva, e trema.

OPIMIO

Il suo tremar m'è caro

più d'assai che l'amarmi. Ma, di plebe

vedi natura! o dominar tiranna,

o tremante servir. Libertà vera

che tra il servaggio e la licenza è posta,

né possederla, né sprezzarla seppe

il popol mai con temperato affetto.

E non invoca, non rimembra intanto

il suo Gracco ella più?

DRUSO

Ben lo rimembra;

ma come sogno lusinghier fuggito.

Rotto è il fascino al fine, in che l'avvolse

quel periglioso forsennato.

OPIMIO

E credi

che indifferente ne vedrà soppressi

i plebisciti?

DRUSO

Il lor funesto effetto,

le discordie vo' dir, che amare e tante

da questa fonte derivâr; la strana

di tai leggi natura; i modi ingiusti

che ne seguîr; la sana esperienza

che cento volte le deluse; al fine

l'impossibile loro adempimento

in dispregio le han poste ed in obblio:

e tutte cancellarle opra ti fia

agevole del par che gloriosa.

OPIMIO

Più dura, amico, che non pensi.

DRUSO

E quali

ostacoli figuri? Onnipossente

è il tuo partito, disperato e nullo

quello di Gracco: egli è lontano, e temi?

OPIMIO

Io mai non temo. - Ma senti e stupisci:

Gracco è in Roma.

DRUSO

Oh! che dici? In Roma Gracco?

OPIMIO

In Roma.

DRUSO

E come, se in Cartago?. . .

OPIMIO

In Roma,

ti dico; e Fulvio già ne porse avviso

a Pomponio, a Licinio, e a quanti v'hanno

suoi parteggianti.

DRUSO

E non potrìa qualcuno

ingannarti?

OPIMIO

Ingannar me non ardisce

nessun. Per tutto orecchie ed occhi e mani

ho io, per tutto. La sua giunta è certa.

E tu medesmo lo vedrai tra poco

manifestarsi, e brulicar le vie

di popolo affollato, ed alte grida

sollevarsi di gioia. Un'altra volta

vedrai la plebe minacciar furente

i consoli, il senato, e disegnarli

vittime a questa rediviva e cara

popolar deità.

DRUSO

La maraviglia

il pensier mi confonde e le parole.

Qual dio nemico lo condusse?

OPIMIO

Un dio

che lo persegue; il dio che spinse a morte

già suo fratello, in questo luogo, in mezzo

alla frequenza de' Quiriti, in braccio

della plebe, che vile e sbalordita

spirar lo vide al suo cospetto, e tacque.

Vedrai. . . Ma prima vo' parlargli. Io venni

espressamente a questo, e qui l'attendo.

DRUSO

Console, bada: temerario e fiero

e bollente è quel cor.

OPIMIO

Ma generoso,

ma leal. Sua virtù mi fa sicuro

di sua caduta. Parlerogli; a pace

l'esorterò, ma per averne effetto

contrario. Hai chiaro il mio pensier?. . . Va, trova

i tuoi colleghi, avvisali di tutto

che da me già sapesti, e lor prescrivi

di starsi in calma, e nulla osar. Non chieggo

da voi, tribuni, che prudenza.

DRUSO

Io volo.

SCENA II

OPIMIO

solo.

Io mi dolea che lungi ei fosse; ed ecco

propizia sorte me l'invìa. Compiuta

sarà pur dunque alfin la mia vendetta.

Tu mi togliesti, ten sovvenga, o Gracco,

tu mi togliesti un consolato, e un Fannio

mi preponesti. Oh mia vergogna! un Fannio.

Ma, tuo malgrado, questa che mi copre

gli omeri e il petto, è la negata invano

porpora consolar. Gli sdegni alfine

più non sono impotenti, ma di forza

vestiti e d'alta autorità. Tu hai

una vita, e io la voglio. - Ancor per poco

statti chiuso nel petto, o mio disdegno.

L'ora s'appressa. . . Ma, venir già veggo

fervid'onda di plebe, ed orgoglioso

fra gli applausi avanzarsi il mio nemico.

POPOLO

dentro la scena.

Viva Gracco.

OPIMIO

Tripudia, esulta, sfógati,

stolida plebe, generata in seno

alla paura: imparerai tra poco

a tacer.

SCENA III

GRACCO, POPOLO e DETTO

Viva Gracco. Onore a Gracco.

UNO DEL POPOLO

Morte ai patrizi.

CAIO

A nessun morte, amati

miei fratelli; a nessuno. Io qui non miro

che romani sembianti; e se qualch'alma

non è romana, vi son leggi; a queste

il giudicar lasciate ed il punire.

Popolo ingiusto è popolo tiranno,

ed io l'amore de' tiranni abborro.

S'io Gracco vi son caro, ognun ritorni

a sue faccende, ognun riprenda in pace

le domestiche cure. Ancor lontana

dell'adunanza convocata è l'ora.

Tosto che giunga, io qui v'aspetto, e tutti.

Fia quello il tempo di spiegar la vostra

alta, tremenda maestà.

PRIMO CITTADINO

Ben parla:

Gracco è un nobile cor.

SECONDO CITTADINO

Del giusto amico.

TERZO CITTADINO

Vero sangue plebeo. Gracco, disponi

di nostre vite.

(Il popolo si ritira.)

SCENA IV

OPIMIO e GRACCO

OPIMIO

A che mi guardi, e in atto

di stupor ti soffermi? Non ravvisi

Lucio Opimio?

CAIO

Son tali i tuoi sembianti,

che si fan tosto ravvisar. Ma, dove

nol potesse lo sguardo, il cor che freme

alla tua vista, mi dirìa chi sei.

OPIMIO

Ti dirà dunque ch'io son tuo nemico,

e securo abbastanza il cor mi sento

per affermarlo, e non temerti. - Or dunque

che tutto mi conosci, odi e rispondi.

CAIO

Vuoi tu tradirmi innanzi tempo?

OPIMIO

Il forte

non sa tradire; ed io son forte.

CAIO

E iniquo:

e tal tu sendo, ascoltator ti cerca

più rispettoso.

OPIMIO

Se consiglio prendi

dall'odio, va; se tuttavolta caro,

più che l'odio privato, hai della patria

l'alto interesse, férmati. Qui trassi

a parlarti di lei.

CAIO

Dell'interesse

sol della patria?

OPIMIO

Di ciò sol.

CAIO

T'ascolto.

OPIMIO

Giurami calma, attenzion.

CAIO

La giuro.

OPIMIO

Tra noi tu vedi in due Roma divisa:

tu libera la brami, ed io la bramo.

Uno è lo scopo, ma diverso il mezzo:

e noi calchiam sì opposte vie, che l'una

certo è fallace, ed a ruina debbe

più che a salvezza riuscir. Chi dunque,

chi le nuoce di noi? fors'io? ma guarda

e giudica. - Qui siamo, io del senato,

tu della plebe difensor. La causa,

per cui vindice sorgo, è quella causa,

per cui Giove tonar dalla tarpea

rupe palese i nostri padri udiro;

per cui pugnâr Fabrizio e Cincinnato,

e Papirio e Camillo, ed il divino

più che senno mortal di Fabio e Scipio,

e quanti, in somma, sollevaro al cielo

la romana potenza, e nascer fêro

tra' barbari sospetto che disceso

fosse il concilio de' Celesti in terra,

e sedesse e parlasse, e nella piena

sua maestade governasse il mondo

nel senato latino. - Ecco il partito

a cui, romano cittadin, m'appresi,

il partito de' saggi e degli Dei.

Qual ti scegliesti or tu? Quello scegliesti. . .

non accigliarti, non turbarti, osserva

la tua parola. - Tu scegliesti quello

della rivolta, del furor civile;

di quel furor che tra i tumulti un giorno

del Monte Sacro partorir si vide

l'onta eterna di Roma, il tribunato.

Ecco il cammino che tu calchi. E quali

illustri esempli nella tua carriera

ti proponi? Un Sicinio, un Terentillo,

un Trebonio, un Genuzio, un Canuleio,

un Rabuleio, e quella tanta ciurma

di Rutili, d'Icili e di Petili,

alme tutte di fango, e vitupéro

del gran nome romano.

CAIO

E Opimio ardisce

con questi vili pareggiar me Gracco?

Me?. . .

OPIMIO

Tu manchi d'onor, se manchi a' tuoi

giuramenti. Tu devi, e lo pretendo,

ascoltarmi e tacer. Quando fia tempo

risponderai. - Non io con sì vil turba

ti paragono, io, no. Gente fu quella

d'ignominia vissuta e di misfatti,

che protestando di vegliar sul sacro

del popolo interesse, fu del popolo

prima ruina, ed istrumento fece

la miseria di lui di sua perversa

ambizion. Tu, inclito nepote

del maggior Scipio e di Cornelia figlio,

un cor tu porti generoso e degno

dell'origine tua. Tu il popol ami,

non per te stesso, ma per lui: lo veggo,

non lo contrasto. l'la che oprâr di strano

quei malvagi e di rio, che con più danno

e tu fatto non l'abbia? tu de' tristi

sostegno eterno, tu che tutto ardisci,

tu che tutto sconvolgi, e che fors'anco

terribile saresti, ov'io non fossi?

CAIO

Hai tu finito?

OPIMIO

Non ancor, sta cheto;

non rompere i miei detti. Ad isfogarti

t'avrai quanto vuoi tempo. Io qui non voglio

uno per uno memorar gl'insani

tuoi plebisciti, e come per lor giace

vilipesa, prostrata la suprema

maestà del senato. Io non vo' dirti

a che mani togliesti, e a quai fidasti

le bilance d'Astrea. Taccio le tue

di scandalo feconde e di tumulti

frumentarie Calende; il sacro io taccio

di roman cittadino augusto dritto

per tutta Italia prostituto; e a cui?

A gente che pur anco il solco porta

delle nostre catene. Io di ciò tutto

non vo' far piato. Ma tacer poss'io

de' tuoi deliri il più funesto? Io dico

l'Agraria, eterno doloroso fonte

delle risse civili, e forse un giorno

della romana libertà la tomba.

E tu dal sonno in che giacea sepolta

questa legge fatal, tu, forsennato,

la provocasti! E adulator di plebe,

querula sempre, né satolla mai,

tu per costei del pubblico riposo

ti fai nemico? per costei? Né il fato,

anzi neppur l'infamia ti sgomenta

di Genuzio, di Melio e Viscellino,

tuoi precursori in sì nefanda impresa?

E che dico di questi? Il tuo fratello

perché giacque?

CAIO

Perché de' giusti è fatto

carnefice il senato.

OPIMIO

Punitore

delle colpe è il senato. E nondimeno

mai causa più perversa ebbe un più puro

proteggitor. Sì: la virtù difese

l'iniquità; ma pur soggiacque. E allora

fu manifesto che in contrario tutti

congiurati di Roma eran gli Dei;

perocché il solo che potea far giusta

sì ingiusta causa e meritar perdono,

dal fulmine del ciel fu tocco anch'esso.

Dopo un cotanto esempio, che pretendi

tu mal cauto? che speri? A che lasciasti

di Cartago le sponde? A che venisti,

misero? A sostener contra il senato,

contra il ciel, contra me le tue proscritte

tribunizie follìe? T'inganni. È fisso

che le tue leggi perano. Tu stesso

perirai, se t'opponi: io son che il dico.

Se di tua vita non ti cal, ti caglia

della tua fama, cagliati di Roma,

che di sangue civile un'altra volta,

se non fai senno, si vedrà vermiglia.

Ciò mi mosse, e null'altro, a favellarti.

Or che aperto conosci il mio pensiero,

fa ch'io del pari il tuo conosca; e parla.

CAIO

Orator del senato, e de' superbi

ricchi malvagi, che si noman grandi,

vuoi tu risposta? Io la darotti, e breve. -

Di patria t'odo ragionar. Non chieggo

se n'hai veruna; e se la merti, quando

per te il senato è tutto, il popol nulla.

Ben io ti dico, che mia patria è quella

che nel popolo sta. Piace agli Dei

del senato la causa? A Gracco piace

la causa della plebe. E vuoi saperne

lo perché? Perché il fasto, l'alterezza,

l'ira, la gola, l'avarizia e tutta

la falange de' vizi e delle colpe

è vostra tutta quanta; e star non puote

la libertà, la pubblica salute

con sì vil compagnia. Ma non vo' teco

perder tempo e parole. - Tu se' grande,

tu se' vero patrizio, e non m'intendi.

Non vantarmi i Camilli ed i Fabrizi:

imitali piuttosto, e mi vedrai

caderti al piè per adorarti. Quanto

alle mie leggi, che tu inique appelli,

tu senator, tu console, tu parte,

giudice acconcio non ne sei. De' grandi

la tirannìa ne freme; e ciò m'avvisa

che giuste fûro e necessarie e sante.

OPIMIO

Altra risposta non mi dai?

CAIO

La sola

di te degna.

OPIMIO

E non curi il mio consiglio?

CAIO

Consiglio di nemico è tradimento.

OPIMIO

Or ben, se sprezzi le parole, avrai

fatti.

CAIO

Sì, quelli del crudel Nasica,

dell'assassino del fratello mio.

Ben tu se' degno d'imitarlo.

OPIMIO

Io taccio.

CAIO

E tacendo parlasti.

OPIMIO

Innanzi a Roma

più chiaro in breve parlerò.

CAIO

E più chiare

n'avrai risposte.

OPIMIO

Le udirem.

CAIO

Lo spero.

SCENA V

DRUSO e DETTI

DRUSO

Console, . . . io vengo apportator di nuova

che porrà tutto in pianto. . . Al rio racconto

manca la voce. . . Tu perdesti, o Caio,

un illustre congiunto, e Roma il primo

de' cittadini. Emiliano è spento.

OPIMIO

Oimè! che narri?

DRUSO

Verità funesta.

Osserva che frequente d'ogni parte

il popolo v'accorre. Altro non odi

per la contrada che lamenti e cupi

fremiti di pietà. Chi piange in lui

il protettor, chi il padre e chi l'amico;

tutti il sostegno della patria; ed havvi,

per tutto dirti, chi bisbiglia voce

di violenta morte.

OPIMIO

Oh ciel! che ascolto?

CAIO

Quale orrendo sospetto?

(Tra sé.)

DRUSO

Ecco Cornelia.

Il turbato suo volto assai ne dice

che il fiero caso l'è già noto.

SCENA VI

CORNELIA e DETTI

CORNELIA

Figlio,

un doloroso annunzio. Il tuo cognato

più non respira.

CAIO

Oh madre!. . .

CORNELIA

A che mi traggi

in disparte? Che hai, figlio? tu tremi?

che t'avvenne? che hai?

CAIO

Druso racconta

cosa che fammi inorridir. Va, corri,

vedi, osserva, t'informa. Il cor mi strazia

un sospetto crudel.

CORNELIA

Parla, ti spiega. . .

CAIO

Qui nol posso. Deh! vola, e dall'estinto

non ti partir fin ch'io non giungo. E tosto

ti seguirò.

CORNELIA

Mi trema il cor.

SCENA VII

OPIMIO, DRUSO e CAIO

OPIMIO

Notasti?

DRUSO

Notai.

OPIMIO

Vedesti quel pallor?

DRUSO

Lo vidi.

OPIMIO

Quel pallor, quella smania, quel sommesso

favellarsi in disparte, m'assicura

che fiero arcano qui s'asconde. Vieni.

SCENA VIII

CAIO, poi FULVIO

CAIO

Ho l'inferno nel cor. Di Fulvio i detti

mi ricorrono tutti alla memoria,

come strali di foco. - A tempo giungi.

Parla, perfido amico. Emiliano

giace in braccio di morte assassinato:

chi l'uccise?

FULVIO

A me il chiedi?

CAIO

A te, che in guisa

ragionavi di lui da farmi or certo

che tu medesmo l'assassin ne sei.

Parla dunque, fellon; parla.

FULVIO

Se tanto

al cor t'è grave la costui caduta,

o tu non sei più Gracco, o tu deliri.

Dovrìa Gracco più laude e cor più grato

al generoso ardir che un oppressore

tolse alla patria, un avversario a lui.

CAIO

Dunque tu l'uccidesti.

FULVIO

A che mi tenti,

ingrato amico? L'onor tuo periglia;

la libertà vacilla; un reo senato

mette Roma in catene; a morte infame

spinge uno Scipio il tuo fratello; un altro

i tuoi giorni minaccia; un risoluto

e magnanimo colpo al tuo partito

la vittoria assicura; a te la vita

salva e la fama; vendica la plebe;

placa l'ombra fraterna: e ti lamenti,

e mi chiami assassin? Va, tel ripeto,

o tu non sei più Gracco, o tu deliri.

CAIO

Or ti conosco, barbaro! E tu servi

alla mia causa co' delitti?

FULVIO

E quelli

del superbo ch'io spensi e tu compiangi,

dimenticasti tu? Più non rammenti,

opra di questo destruttor crudele,

di Numanzia la fame, opra che nero

fe' il nostro nome ed esecrato al mondo?

Obbliasti di Luzia i quattrocento

giovinetti traditi, e colle monche

man sanguinose ai genitor renduti?

Interroga Cartago; alle sue rive

chiedi di questo bevitor di sangue

le terribili imprese. Ai pianti, ai gridi,

alle stragi ineffabili di cento

e più mila infelici, altri in catene,

altri al ferro, alle fiamme abbandonati,

d'ogni età, d'ogni sesso, ho maraviglia

che inorriditi non s'apriro i lidi.

Eran barbare genti, eran nemiche;

ma disarmate, imbelli e lagrimanti

e chiedenti mercede: e la romana

virtù comanda perdonare ai vinti,

debellar i superbi. - Ma che vado

esterne colpe di costui cercando?

Se la misera plebe ancor sospira

sola una gleba ove por l'ossa in pace;

se la provvida legge, che sì breve

patrimonio le dona, e che suggello

ebbe dal sangue del german tuo stesso,

ancor rimansi inefficace e vana,

chi la deluse? Chi sviò, chi tolse

ai tre prescelti il libero giudizio

delle terre usurpate? Alfin, chi disse

nella piena adunanza utile e giusta

del tuo fratel la morte? Emiliano.

E ricòrdati, Caio, le parole

che, presente la plebe, in quel momento

fulminâr le tue labbra. Io le ho riposte

altamente nel cor. - Uopo è, - dicesti

- uopo è dar morte a quel tiranno. - Il feci.

E mi chiami assassin? Se questa è colpa,

l'assassino sei tu. Tua la sentenza,

tuo pur anco il delitto. Amico, e cieco,

io non fei che obbedirti.

CAIO

Amico mio

tu, scellerato? Di ribaldi io mai

non son l'amico, io mai. Fulmine colga,

sperda que' tristi che, per vie di sangue

recando libertà, recan catene,

ed infame e crudel più che il servaggio

fan la medesma libertà. Non dire,

empio, non dir che la sentenza è mia.

Spento il voleva io, sì, ma per la scure

d'alta giustizia popolar, per quella

che il tuo vil capo troncherà. Tu festi

orribil onta al mio nome, e tu trema.

FULVIO

Caio, fine agli oltraggi; io tel consiglio:

fine agli oltraggi. Iniquo o giusto sia,

raccogli il frutto del mio colpo, e taci,

non sforzarmi a dir oltre.

CAIO

E che diresti?

FULVIO

Quel che taccio.

CAIO

Che? Forse altri delitti?

FULVIO

Nol so.

CAIO

Nol sai? Gelo d'orror, ned oso

più interrogarti.

FULVIO

E n'hai ragion.

CAIO

Che dici?

FULVIO

Nulla.

CAIO

Quel detto il cor mi serra. Oh quale

nel pensier mi balena orrido lampo!

Hai tu complici?

FULVIO

Sì.

CAIO

Quali?

FULVIO

Insensato,

non dimandarlo.

CAIO

Vo' saperlo.

FULVIO

Bada,

ti pentirai.

CAIO

Non più: lo voglio.

FULVIO

Il vuoi?

Chiedilo. . . a tua sorella.

SCENA IX

CAIO solo.

A mia sorella?

Spento ha il marito la sorella mia?

Oh nefando delitto! oh immacolato

nome de' Gracchi divenuto infame!

Infame? Io sento a questa idea sul capo

sollevarsi le chiome. Ove m'ascondo?

ove l'onta lavar di questa fronte

disonorata? Che farò? Tremenda

voce nel cor mi mormora, mi grida:

- Va, corri, svena la tua rea sorella. -

Terribil voce dell'onor tradito

di mia famiglia, t'obbedisco. Sangue

tu chiedi, e sangue tu l'avrai: lo giuro.

ATTO TERZO

SCENA I

CORNELIA, LICINIA e CAIO

CORNELIA

Figlio, calma il furor; torna in te stesso,

mio caro figlio, per pietà. Rispetta

il dolor d'una madre e della tua

sposa infelice che tutta si scioglie,

vedila, in pianto. Non fuggir lontano

da queste braccia; guardami, crudele;

io son che prego.

CAIO

Ah madre!. . .

CORNELIA

Deh! sì fiero

non rispondere, o figlio; supplicarti

io no, non voglio per la rea sorella. . .

CAIO

Non mi nomar quel mostro. Una tal furia

non m'è sorella. Perché m'hai di pugno

strappato il ferro che già tutto entrava

nelle perfide vene? Oh! tu lo caccia

per pietà nelle mie, e qui m'uccidi.

CORNELIA

Deh! considera meglio. Il suo delitto

non è palese: il suo pentir, l'orrore

della sua colpa lo scopriro a noi

più che gl'indizi della colpa istessa.

Ella è per anco occulta, e col punirla

tu la riveli, e sul tuo nome stampi

tu medesmo l'infamia. In altra guisa,

credi tu che trattar questa mia mano

non sappia un ferro, e, dove onor lo chiegga,

nel sen vibrarlo ancor de' figli? Io porto

un cor qua dentro, se nol sai, più fiero,

più superbo che il tuo. Ma questo capo,

questo mio capo, o figlio, è più sereno;

e con più senno governar sa l'ira,

e drizzarla al suo fin. Non disputiamo

dunque, ti prego, e la mia voce ascolta;

ch'or altro è il volto delle cose, ed altri

esser denno i pensier. - L'ora s'appressa

dell'adunanza popolar. Raccolto

di Bellona nel tempio è il reo senato:

e in quell'antro di colpe e di vendette

che si congiura? la tua morte. Il tempo

è d'alto prezzo, e in altro che lamenti

adoprarlo convien. Raccogli adunque

la tua virtude, e ne circonda il petto.

Più che vita, l'onor ti raccomando,

e la patria. Va, figlio; e sia qualunque

il tuo destin, non ismentir te stesso,

né me tua madre.

LICINIA

Oh me infelice!

CORNELIA

Intendo

il tuo gemito, o figlia; ma disdice

alla moglie di Gracco, a una Romana.

LICINIA

Se romana virtù pianto non soffre,

se mi comanda soffocar natura,

e tradir di consorte il pio dovere,

ben io mi dolgo, oimè! d'esser Romana.

Te le lagrime mie, me attrista, o madre,

la tua fiera virtù. Poss'io vederti

alla morte esortar questo tuo figlio,

questo dell'alma mia parte più cara;

poss'io vederlo e non disfarmi in pianto?

CORNELIA

Vuoi che Cornelia una viltà consigli?

Vuoi tu ch'ella?. . .

LICINIA

Sia madre: altro non chieggo.

Qual più sublime, qual più santo nome

che quel di madre, e che più scenda al core?

Di tre parti feconda, uno il perdesti

per patrizio furor, l'altro la luce

di tua stirpe macchiò con un misfatto.

Non rimanti che il terzo; e questo, ancora

questo incalzi di morte sul cammino,

sol d'affanni bramosa e di sventure?

Madre, e questa è virtù? Deh! per l'amato

cenere sacro dell'ucciso figlio,

a lui salva il fratello, a me lo sposo,

una dolcezza a' tuoi lugùbri e tardi

vedovi giorni, una speranza a Roma. -

E tu cangia, amor mio, cangia consiglio.

Ineguale di forze e di fortuna,

non cozzar col destino, e la tua vita

non espor senza frutto in questa arena.

Sai di che sangue è tinta, e per che mani!

oimè! che, sitibonde anche del tuo,

quelle mani medesme han fatto acuto

nuovamente il pugnal contro il tuo seno.

Non affrontarle, non portar tu stesso

sotto i lor colpi volontario il petto.

Deh, non ridurre a tal la tua consorte

di dover vagabonda per le rive

aggirarsi del Tebro, e pregar l'onde

di rendermi pietose il divorato

tuo cadavere!

CAIO

Oh tu! su le cui labbra

colsi il primo d'amor bacio divino,

che i primi avesti e gli ultimi t'avrai

palpiti del cor mio, non assalire

con le lagrime tue la mia costanza;

né contra l'onor mio, se ti son caro,

co' tuoi singulti cospirar tu stessa!

Abbastanza son io da più crudele,

da più giusto dolor cinto e trafitto;

dal dolor. . . Ma che pro? Sul nome mio

piombò l'infamia, ed io la vita abborro.

LICINIA

Me misera!

CAIO

Fa cor, Licinia, e prendi

convenienti al tempo alma e pensieri.

Se fisso è in ciel che sia questo l'estremo

de' miei miseri dì, non io ti chieggo

di lagrime tributo e di sospiri:

ciò mi farìa tra' morti ombra dolente.

Ben ti chieggo d'amarmi, e vivo avermi

nel caro figlio, e lui per man sovente

alla mia tomba addurre, ed insegnargli

a spargerla di fiori, e con la voce

pargoletta a chiamar l'ombra paterna.

Esulterà nell'urna, e avviverassi

per la vostra pietà la polve mia.

E tu del padre gli racconta allora,

onde apprenda virtù, le rie sventure.

Narragli quanto amai la patria, e come

per la patria morii. Digli ch'io m'ebbi

un illustre fratel, per la medesma

gloriosa cagion spento ancor esso.

Ma non gli dir ch'io m'ebbi una sorella:

non gli dir che de' Gracchi nella casa

entrar delitti, orribili delitti. . .

e invendicati.

CORNELIA

Oh figlio! e perché tenti

con memorie sì crude il mio coraggio?

Che vuoi tu dunque? Alla viltà del pianto

forzar anco la madre? Ebben, . . . crudele. . .

tu l'ottenesti. - Di Tiberio mio

vidi lacero il corpo; lo raccolsi

tra queste braccia; ne lavai le piaghe

con queste mani, le baciai; non piansi.

Sì; senza pianto contemplai lo strazio

di così caro oggetto: e, al rio pensiero

dell'ignominia di mia stirpe, il ciglio

più non resiste, e il cor mi scoppia.

SCENA II

Un banditore s'avanza con un decreto alla mano; lo appende ad una colonna, e il popolo vi accorre avidamente per leggerlo. Un CITTADINO, dopo d'averlo osservato, si accosta a CAIO sepolto nel dolore, lo scuote pel manto, e dice:

Gracco,

Gracco, un decreto del senato; il vedi?

T'accosta e leggi.

CAIO

(s'accosta e legge)

«Il console provvegga

che non riceva detrimento alcuno

la repubblica.«

LO STESSO CITTADINO

Guàrdati, infelice:

quel decreto è fatale alla tua vita.

LICINIA

Ahi che sento!

CAIO

Lo veggo, e ti ringrazio,

cortese cittadin. Tu, se non erro,

tu sei Quintilio.

Il CITTADINO

(stringendogli la mano)

E amico tuo: coraggio.

(Si ritira.)

CORNELIA

Volgiti, figlio: al popol tutto in mezzo

fiero s'avanza a questa volta Opimio.

Svégliati: il tempo d'aver core è giunto.

CAIO

Va: non temer.

CORNELIA

La man mi porgi.

CAIO

Prendi;

senti se trema.

CORNELIA

No, non trema: è quella

del mio figlio; e mi dice che tu sai,

pria che tradirne l'onor tuo, morire.

Son tranquilla.

CAIO

Licinia. . . addio. . . m'abbraccia.

Se questo amplesso. . . se il destin. . . Soccorri

questa misera, o madre: ella già perde

la conoscenza. Addio. Ti raccomando

la mia sposa, il mio figlio.

CORNELIA si ritira, sostenendo LICINIA vacillante, mentre CAIO, arrestandosi dinanzi alla statua del padre, dice:

O tu, che muto

da questo marmo al cor mi parli, invitto

mio genitor, t'intendo, e sarai pago.

O libera fia Roma oggi, o tra poco

nud'ombra anch'io t'abbraccerò.

SCENA III

OPIMIO preceduto dai littori, e seguìto dai senatori; DRUSO, e gli altri tribuni; FULVIO confuso tra il popolo che accorre da tutte le parti, e CAIO

OPIMIO

Romani,

la salute del popolo è in periglio.

Chieggo parlarvi.

POPOLO

Parla.

OPIMIO

(sulla tribuna)

Le divine

norme del giusto; lo splendor supremo

de' magistrati; l'eminente nome

di roman cittadino, a cui null'altro

s'agguaglia in terra; i sacri patti, ond'hanno

lor sicurezza le sostanze; alfine

la servatrice d'ogni stato, io dico

la concordia civil, giaccion per nuove

funeste leggi mortalmente offesi,

e domandan riparo. Alto il suggetto,

ma sì grave è il dolor che il cor m'ingombra,

che mal risponderanno alla grandezza

dell'argomento mio le mie parole.

Più che a parlarvi, a lagrimar son io

preparato, o Quiriti. E veramente,

qual de' barbari ancor potrìa dal pianto

temperarsi, pensando alla caduta

del maggior de' Romani? Il grande, il giusto,

l'invitto Scipio Emiliano è spento,

e di Roma con lui spenta la luce.

E fosse noto almen, se degli Dei

o degli empi la man troncò uno stame

sì prezioso.

FULVIO

Console, tu lungi

vai dal proposto tuo: torna al suggetto.

POPOLO

Al suggetto, al suggetto.

OPIMIO

Io ben mi veggo

che il sol ricordo dell'estinto eroe

fa talun qui tremar; ma dovendo io

d'inique leggi da quel giusto in prima

biasmate ragionar, duolmi che spenta

or sia di tanto riprensor la voce;

viva la qual, sarìa salva quest'oggi

la patria, e muto chi a perir la mena. -

Caio Gracco, ove sei? Mostra la fronte.

Delle tue leggi io parlo, e innanzi a questo

da te tradito popolo ne parlo.

Tu crollasti gli antichi e venerandi

tribunali di Temi; ne fidasti

a' tuoi trecento le bilance. Or quale

n'hai còlto frutto? Io tel dirò: la piena

libertà dei delitti. E ch'altro è adesso

libero in Roma che il delitto? Hai fatti

cittadini romani (e con tal nome

io vo' dir più che re) chi? Schiavi. E quanti?

Milioni. E a qual fin? Per farti solo

tiranno de' suffragi, indi assoluto

della patria tiranno!

CAIO

(lanciandosi alla tribuna)

A me tiranno!

Mentitor, scendi, ch'io risponda, scendi.

OPIMIO

È mia, Romani, la tribuna; io chieggo

libertà di parole.

PRIMO CITTADINO

Il giusto ci chiede:

libertà di parole.

CAIO

Egli mentisce. . .

POPOLO

Libertà di parole.

DRUSO

Ti slontana,

forsennato, obbedisci. Il popol solo

è qui sovrano, e le sentenze ei vuole

liberissime. Taci: nel suo nome

io tel comando.

CAIO

Oh rabbia!

TERZO CITTADINO

piano a CAIO

Incauto, affrena

l'intempestivo tuo furor. Ti perdi

se interrompi: nol vedi?

OPIMIO

A te di nuovo

mi volgo, o Gracco. - Seduttor te chiamo

del popolo, te solo, e tel dimostro.

Tu suscitasti di Stolon la legge,

che, ognor promossa e trasgredita ognora,

son tre secoli e più che squarcia il seno

della torbida Roma. - Or voi, Quiriti,

datene tutti attento orecchio: udite

la ruinosa di sì stolta legge

conseguenza, e fremete. E primamente

scorrete la città, questa del mondo

dominatrice augusta: e che vedete?

Vilipeso il senato, anima e vita

dell'imperio; sconvolti e lacerati

dalle discordie i cittadini; il popolo

adulato, sedotto, pervertito,

e col sogno fatal di beni estremi

in mali estremi già sepolto, e fatto

de' ribaldi lo schiavo e di sé stesso.

E chi fe' questo? Gracco: e non è tutto.

Scorrete i campi: e che vedete? I dritti

del tempo, che consacra ogni possesso,

infranti; espulso il comprator, che indarno

le leggi invoca: violati i patti;

incerto delle terre ogni confine;

la dote incerta delle spose; incerta

l'eredità de' padri; al vento sparse

le ceneri degli avi, e le lor sante

ombre turbate dai riposi antichi.

E chi fe' questo? Gracco: e non è tutto.

Trascorrete gli eserciti; portate

per le lor file il guardo: e che vedete?

D'Africa e d'Asia i vincitor corrotti,

molli, infingardi; ne' lor petti estinto

della gloria l'amor; ritrosa all'armi

la gioventù coscritta; abbandonate

le bandiere latine; alfin, perduta

la disciplina, la virtù primiera

del soldato; e perché? Perché le terre

alla plebe concesse, a lei togliendo

i suoi bisogni, ogni virtù le han tolta;

del travaglio l'amor, la tolleranza

degli stenti, il rispetto ai condottieri,

e tutto, in somma, che rendea tremendo

il romano guerriero. E chi fe' questo?

Chi?. . . Non vo' dirlo. Il vostro cor fremente

per cotanti delitti assai vel dice.

CAIO

Non più, Romani; vo' parlare.

OPIMIO

Io tutto

ancor non dissi, e qui ditollo, e Roma

ne farà suo giudizio. - I nostri padri

pena di morte pronunciâr sul capo

degli oziosi cittadini. Ed ora

chi ravviva la legge? Ove s'ascolta

una voce d'onor che la risvegli?

De' censori la verga è neghittosa;

vôti i seggi curùli, e fatto infame

traffico la giustizia. Oh! dove sei,

giusto Pisone, dove sei, verace

non creduto profeta? In mezzo ai campi

tu dell'Asia combatti, adorno il crine

di greco alloro e di sirìaca polve.

Te fortunato che, da noi lontano,

l'orror che predicesti, ora non vedi!

Quelle destre non vedi che le mura

rovesciâr di Numanzia, arser Corinto,

che spensero Cartago, che in catene

strascinâr d'Alessandro il discendente,

che Grecia conquistâr tutta, e dell'Asia

cinquecento città: sì, quelle stesse

belliche destre abbrustolate ai soli

d'Africa, or fiacche, avvinazzate in mezzo

alle taverne della vil Suburra,

del brando in vece maneggiar le tazze.

Arme, arme intanto l'Oriente grida,

arme l'arsa Numidia, arme Lamagna.

E quinci move Mitridate, e quindi

il perfido Giugurta, ed alle spalle

ne vien di Cimbri procelloso un nembo,

aspra gente crudele, e che del pari

trattar sa il ferro e dispregiar la morte.

E noi stolti, noi ciechi, e giuoco eterno

di questo rivoltoso, infino a quando

dormirem neghittosi in sul periglio?

Infino a quando patirem gl'insulti

d'un forsennato? O cara patria, o casa

de' numi, e seggio di virtù divina!

Hai guerra in seno, nell'esterno hai guerra,

per tutto guerra e tempesta e ruina;

e chi ti pone nel naufragio è vivo?

Ahi! che non solo è vivo, ma superbo

passeggia le tue vie, frequenta il Foro,

il popolo seduce, e fin dai lidi

d'Africa viene a lacerarti il petto. . .

CAIO

Assai dicesti: or me, Romani, udite.

DRUSO

Popolo, non udirlo: egli è provato

seduttor; non l'udir.

PARTE DEL POPOLO

Gracco s'ascolti.

ALTRA PARTE DEL POPOLO

No; Gracco è seduttor.

I PRIMI

Gracco s'ascolti.

I SECONDI

Gracco al Tarpeo.

CAIO

Deh! per gli Dei, m'udite,

poi m'uccidete.

UN VECCHIO DEL POPOLO

Udiam, fratelli, udiamo.

Quetatevi, sentite. Opra sarìa

di voi non degna il condannar qualunque

pria d'ascoltarlo. Alfin gli è Gracco, il nostro

benefattor.

PRIMO CITTADINO

E fosse anco nemico,

udirsi ei debbe, ed ammutir chiunque

ha qui venduta coll'onor la voce.

Gracco, è tua la tribuna: io ten fo certo,

io non venduto a qualsisia partito.

Monta securo, e ti difendi.

CAIO

(su la tribuna)

È questa

l'ultima volta che vi parlo. I miei

nemici e vostri la mia morte han fissa;

e grazie vi degg'io che, permettendo

libere le parole alle mie labbra,

non permettete ch'io mi muoia infame.

E qual più grave infamia ad un Romano,

che agli estinti passar col nome in fronte

di tiranno? Verrammi incontro l'ombra

del trucidato mio fratel; coperto

d'ignominia vedrammi e di ferite:

- E chi t'impresse - mi dirà - quest'onta?

Chi ti fe' queste piaghe? - Ed io, Romani,

che rispondere allor? - A questo strazio -

dirò - m'han tratto quelle man medesme

che te spensero il dì che sconoscente

t'abbandonò la plebe, e tu giacesti

rotto la fronte di crudel percossa,

e d'innocente sangue lunga riga

lasciasti, orribilmente strascinato;

finché tepido ancor, qual vile ingombro,

nel Tebro ti gittâr, che del primiero

civil sangue macchiato al mar fuggiva.

Né ti valse, infelice, esser tribuno

ed aver sacra la persona! E anch'io -

dirò - fui spento da' patrizi; e reo

de' medesmi delitti, anch'io tiranno

fui chiamato, io che tutti ognor sacrai

alla patria, a lei sola i miei pensieri;

io che tolsi la plebe alle catene

de' voraci potenti; io che i rapiti

dritti le resi e le paterne terre,

io povero, io plebeo, io de' tiranni

tormento eterno, anch'io tiranno. - Oh plebe,

qual ria mercede a chi ti serve!

TERZO CITTADINO

Gracco,

fa cor: la plebe non è ingrata, il giuro.

Niun t'estima tiranno: arditamente

di' tua ragione, e non tremar.

CAIO

Tremare

soli qui denno gli oppressor. Son io

patrizio forse? Tremai forse io quando

con alto rischio del mio capo osai

d'auguste leggi circondar la vostra

prostrata libertà? Pur quello io sono,

riconoscimi, Roma, io mi son quello

che contra iniquo usurpator senato,

e libero e monarca e onnipossente

il popol feci. Fu delitto ei questo?

Plebe, rispondi: è questo un mio delitto?

TERZO CITTADINO

No; qui tutti siam re.

SECONDO CITTADINO

Nel popol tutta

sta la possanza.

PRIMO CITTADINO

Esecutor di nostra

mente il senato, e nulla più.

CAIO

Nemico

è dunque vostro chi di vostra intera

libertà mi fa colpa, e va dolente

della patrizia tirannìa perduta.

In tribunal sedenti eran trecento

vili, venduti senatori. Il forte

rompea la legge o la comprava, ed era

la povertà delitto. Io questa infame

venal giustizia sterminai. Trecento

giudici aggiunsi di tenace e salda

fede, e comune colla plebe io resi

il poter de' giudizi. Or, chi di santa

opra incolparmi a voi dinanzi ardisce?

Un Opimio, o Romani, e que' medesmi,

que' medesmi perversi, a cui precluso

fu il reo mercato delle vostre vite,

delle vostre sostanze. Ahi nome vano,

virtù, ludibrio de' malvagi! Ahi! dove

porrai tu il trono, se qui pur, se in mezzo

dell'alma Roma e de' suoi santi numi,

nome acquisti di colpa e sei punita?

IL VECCHIO

(sotto voce al più vicino.)

Vero è, pur troppo, il suo parlar. Mostrarsi

di virtù caldo è gran periglio. Un dio

sul suo labbro ragiona.

CAIO

Io per supremo

degli Dei beneficio in grembo nato

di questa bella Italia, Italia tutta

partecipe chiamai della romana

cittadinanza, e di serva la feci

libera e prima nazion del mondo.

Voi, Romani, voi sommi incliti figli

di questa madre, nomerete or voi

l'italiana libertà delitto?

PRIMO CITTADINO

No, Itali siam tutti, un popol solo,

una sola famiglia.

POPOLO

Italiani

tutti, e fratelli.

IL VECCHIO

Oh dolci grida! oh sensi

altissimi, divini! Per la gioia

mi sgorga il pianto.

CAIO

Alfine odo sublimi

romane voci, e lagrime vegg'io

d'uomini degne. Ma cessate il pianto,

l'ultima udite capital mia colpa;

e non di gaudio, ma di rabbia e d'ira

lagrime verserai, plebe tradita.

Tu stammi attenta ad ascoltar. - De' grandi

l'avarizia crudel, di tua miseria

calcolatrice, a te rapito avea

tutto, e lasciato in avviliti corpi

l'anime appena; e pietade pur era

col paterno retaggio a te rapire

l'anima ancora. Ti lasciâr crudeli

dunque la vita per gioir di tue

lagrime eterne, per calcarti, e oppressa

tenerti e schiava, e, ciò che peggio estimo,

sprezzarti. Or odi l'inaudita, atroce

mia colpa, e tutta in due motti la stringo:

restituirti il tuo; restituirti

tanto di terra che di poca polve

le travagliate e stanche ossa ti copra.

Oh miseri fratelli! Hanno le fiere

pe' dirupi disperse e per le selve,

le lor tane ciascuna, ove tranquille

posar le membra e disprezzar l'insulto

degl'irati elementi. E voi, Romani,

voi che, carchi di ferro, a dura morte

per la patria la vita ognor ponete;

voi, signori del mondo, altro nel mondo

non possedete, perché tor non puossi,

che l'aria e il raggio della luce. Erranti

per le campagne e di fame cadenti,

pietosa e mesta compagnia vi fanno

le squallide consorti e i nudi figli

che domandano pane. Ebbri frattanto

di falerno e di crapole lascive,

fra i canti fescennini a desco stanno

le arpìe togate; e ciò, che non mai sazio

il lor ventre divora, è vostro sangue.

Sangue vostro i palagi, folgoranti

di barbarico lusso, e l'auree tazze,

d'Arabia i profumi, e di Sidone

le porpore e i tappeti alessandrini.

Sangue vostro quei campi e le regali

tuscolane delizie e tiburtine;

quelle tele, quei marmi; e quanto, in somma,

il lor fasto alimenta, è tutto sangue

che a larghi rivi in mezzo alle battaglie

vi trassero dal sen spade nemiche.

Non han di proprio che i delitti. Oh iniqui,

oh crudeli patrizi! E poi ne' campi

di Marte faticosi osan ribelli

e infingardi chiamarvi, essi che tutta

colla mollezza d'Oriente han guasta

l'austerità latina, ed in bordello

gli eserciti conversi; essi che, tutti

de' popoli soggetti e dell'impero

ingoiando i tesor, lascian per fame

il soldato perire, e per tal guisa

querulo il fanno e disperato e ladro.

E poi perduta piangono l'antica

militar disciplina; e poi nell'ora

gridano della pugna: - Combattete

pe' domestici numi e per le tombe

de' vostri padri. - Ma di voi, meschini,

chi possiede di voi un foco, un'ara,

una vil pietra sepolcral?

POPOLO

con altissimo grido.

Nessuno,

nessuno.

CAIO

E per chi dunque andate a morte?

Per chi son quelle larghe cicatrici

che rosseggiar vi veggio e trasparire

fuor del lacero saio? Oh! chi le porge,

chi le porge a' miei baci? La lor vista

m'intenerisce, e ad un medesmo tempo

a fremer d'ira e a lagrimar mi sforza.

SECONDO CITTADINO

Misero Caio! Ei piange, e per noi piange.

Oh magnanimo cor!

TERZO CITTADINO

Costerà caro

ai patrizi quel pianto.

FULVIO

E caro ei costi.

Che si tarda, compagni? Ecco il momento. . .

Mano al pugnal; seguitemi.

CAIO

Romani. . .

PRIMO CITTADINO

Silenzio; ei torna a ragionar; silenzio.

CAIO

Fratelli, udiste i miei delitti. Or voi

puniteli, ferite. Io v'abbandono

questo misero corpo. Strascinatelo

per le vie sanguinoso; Opimio fate

di mia morte contento, e col supplizio

del vostro amico il suo furor placate.

Già son use a veder le vie latine

di mia gente lo strazio; usa è del Tebro

l'onda pietosa a seppellir de' Gracchi

ne' suoi gorghi le membra; e la lor madre

già conosce le rive, ove de' figli

cercar la spoglia lacerata. Oh patria!

Felice me, se il mio morir. . .

TERZO CITTADINO

No; vivi:

muora Opimio.

(I congiurati ripetono con furore le ultime parole.)

OPIMIO

Littori, alto levate

le mannaie, e, chiunque osa, ferite.

Il capo de' littori ANTILIO con la scure in alto, e gridando: «Addietro», si avanza contro il popolo alla testa de' suoi compagni.

FULVIO

Vile ministro di più vil tiranno,

muori dunque tu primo.

(ANTILIO cade trafitto da molti pugnali)

CAIO

(precipitandosi dalla tribuna)

Ahi! che faceste?

FULVIO

(ai congiurati)

Coraggiosi avanzate: Opimio muora.

POPOLO

Muora Opimio.

CAIO

(frapponendosi)

Fermate, o me con esso

trucidate. E che dunque? Altra non havvi

via di certa salute e di vendetta,

che la via de' misfatti? Ah! per gli Dei,

ad Opimio lasciate ed al senato

il mestier de' carnefici. Romani,

leggi e non sangue. Abbasso l'ire, abbasso;

nel fodero quei ferri, e vergognate

del furor che v'acceca, e gli assassini

del mio fratello ad imitar vi mena.

TERZO CITTADINO

Vogliam vendetta.

CAIO

E noi l'avrem. - M'ascolta,

console, ed alza l'atterrito viso.

Tu delle leggi violar tentasti

la santità, la maestà. Te dunque

nemico accuso della patria: e tosto

che spiri il sommo consolar tuo grado,

che tua persona or rende inviolata,

io Caio Gracco a comparir ti cito

avanti al tuo sovrano, avanti a questo

giudice delle colpe. A lui la pena

pagherai delle tue. - Romani, ognuno

si rimanga tranquillo, e non sollevi

nessun qui grido insultator; nessuno.

Del popolo il silenzio è de' tiranni

la più tremenda lezion. Partite

queti, e lasciate a' suoi rimorsi in preda

questo superbo.

(Parte, e il popolo si ritira modestamente)

FULVIO

Oh vil clemenza! oh stolta

virtù! Per Gracco Opimio vivo!. . . Io sento

d'altro sangue bisogno: e questo ferro

mi darà sangue, se non d'altri. . . il mio.

SCENA IV

OPIMIO, DRUSO, SENATORI e LITTORI

DRUSO

A che pur taci, e torvo guardi e fremi?

Tu meditavi la sua morte, ed egli

ti fa don della vita. Dopo tanto

benefizio a che pensi?

OPIMIO

Alla vendetta.

DRUSO

E vuoi che Gracco?. . .

OPIMIO

Muoia. - Odi, Rabirio.

DRUSO

Quale e quanto è nel cor, comincio or tutto

a conoscere Opimio.

OPIMIO

(a Rabirio, che subito parte)

Il mio comando

corri veloce ad eseguir. - Tribuni,

statevi pronti al cenno mio, se cara

la patria avete. - Senatori, udite.

(Parte, discorrendo in segreto co' Senatori.)

ATTO QUARTO

SCENA I

CORNELIA e CAIO

CORNELIA

Faccian gli Dei che non ti penta, o figlio,

di tua troppa virtù. Se generosi

sensi in Opimio speri, invan lo speri.

Egli è tutto tiranno: e, ciò che parmi

più da temersi, svergognato e carco

d'un benefizio. Quel suo cor malnato

mai perdonarti non saprà lo scorno

di doverti la vita.

CAIO

E nol perdoni;

non pentirommi del mio don per questo.

Sia fierezza o virtù, più mi lusinga

la sua vergogna, che la sua ruina.

Se reo sangue versarsi oggi dovea,

altro ve n'era, e tu lo sai, più degno

d'esser versato.

CORNELIA

Tu, crudel, rinnovi

memoria d'ira e di dolor che tutto

del tuo trionfo il dolce m'avvelena.

Ma poiché torni tu medesmo, o figlio,

a trattar la ferita, odi sospetto

che mi forza a tremar. - Sappi che dianzi

segretamente il console egli stesso

del tuo cognato a visitar la spoglia

esanime recossi; e cor maligno

certo il condusse più che cor pietoso.

Che si tenti non so; ma scellerato

colpo si tenta. Se costui. . . Che veggio?

Cinto il Foro d'armati?

CAIO

Anzi di sgherri.

La schiera è questa de' Cretensi.

CORNELIA

Oh cielo!

De' Cretensi la schiera! Ed a qual fine?

Mai non muovon per Roma armi siffatte

senza sangue e terror. Figlio, in tuo danno

son quelle lance; il cor mel dice.

CAIO

E a tanto

spinge quel vile la perfidia?

CORNELIA

Ed altro

speri tu da un tiranno?. . . Ma che vale

strapparsi i crini, infuriar? Qui vuolsi

senno, o figlio, e non rabbia. Va, raduna

il popolo, e ti mostra, e parla, e tuona.

Sul tuo labbro è la folgore, e vibrarla

tu sai nell'uopo. Or tu la vibra, e sperdi

chi t'insidia, e punisci. Al giusto nuoce

chi al malvagio perdona; e ti ricorda

che comun benefizio è la vendetta

de' benefici. Va, tronca gl'indugi,

quel perfido confondi, il fallo emenda

di tua clemenza, e vendicato torna,

o non tornar più mai.

CAIO

Madre, lo veggo;

il tradimento mi circonda, usate

armi patrizie. Ma schivarne i colpi

ella è del tutto un'impossibil cosa

senza sangue civile; ed io di sangue

non ho sete; e lo sai.

CORNELIA

Di guasto sangue

Roma ha colme le vene, e sta nel trarlo

la sua salute.

CAIO

Traggalo la scure,

non la man del tuo figlio. Anche de' rei

il sangue è sacro, né versarlo debbe

che il ferro della legge.

CORNELIA

E che ragioni

tu di leggi, infelice, ove la sola

voce de' sommi scellerati è legge?

Ove d'oro e di porpora lucenti

vanno le colpe, e la virtù mendìca?

Ove delitto è amor di patria? Ov'ebbe

iniqua morte il tuo fratel, trafitto;

e da chi? Dalle leggi? - Amato figlio,

vuoi tu leggi ascoltar? Quella sol odi

divina, eterna, che natura a tutti

grida: Alla forza oppon la forza. - Il brando

qui di giustizia è senza taglio, o solo

il debole percuote, e col potente

patteggia.

CAIO

Madre, se mi sproni ad opra

di sangue, tu m'oltraggi. Io non son nato

ai delitti, né queste eran le imprese

a che tu m'educavi.

CORNELIA

E chi ti chiede

delitti? Armarsi, cospirar, dar morte

a chi la patria opprime, è sacrosanto

dover. Temi tu forse le vendute

e trepidanti lor mannaie? Hai forse

temenza di morir?

CAIO

Donna. . .

CORNELIA

Che dissi?

Io t'offesi; perdona. Amor materno,

ira, timor, pietà sulle mie labbra

spingon parole che ragion condanna.

Ma veder che imminente è la caduta

di nostra cara libertà; vederti

circuìto, tradito, e in tua ruina

tornar la tua virtù; veder che morte

ti si prepara, e morte infame!. . . oh figlio,

non mi dir per che mezzo, ma provvedi

al tuo periglio, all'onor tuo.

CAIO

Su questo

statti sicura. . . So che far. . . Tra poco

o vivo o spento intenderai ch'io sono

di te degno.

CORNELIA

Ed inerme ad espor corri

tra' nemici la vita?

CAIO

Ho l'arme al petto

dell'innocenza; e basta.

CORNELIA

Tra' pugnali

vai de' vili ottimati, e bastar credi

d'innocenza lo scudo?

CAIO

Io tel ridico;

io non vo' sangue cittadin.

CORNELIA

Tu vuoi

dunque tua morte?

CAIO

Intatta fama io voglio.

O fera o mite che mi sia fortuna,

mai non farà che da me stesso io sia

degenere. - Ma senti. Incontra io vado

(LICINIA comparisce in fondo della scena.)

a gran periglio, e l'infelice sposa

di ciò sa nulla, ed io da lei mi parto

senza pure un addio. Madre, ti giuro

per questa man ch'io bacio e stringo, forse

l'ultima volta, che veder l'afflitta,

né soffrir il suo pianto, né la vista

del mio figlio non posso. - Tu consola,

tu sovvieni in mia vece, ov'io succumba,

questi due derelitti. Andrò più fermo

con questa speme ad ogni rischio; e dolce

mi fia, quando che giunga, il mio morire.

SCENA II

LICINIA e DETTI

LICINIA

Morir? crudele! Ed in obblio ponesti

ch'altri pure in te vive? E questa vita,

di che disponi, è forse tua? Non hai,

non hai tu dunque una consorte, un figlio

che sui tuoi giorni han dritto, e moriranno

se tu muori?

CAIO

Licinia, e tu pur vieni

a lacerarmi?

LICINIA

A ricordarti io vengo

che tu sei padre, che tu sei marito,

che inumana, esecrata opra commetti

se n'abbandoni. Già non vai tu a guerra

ove gloria si colga, ove tua morte

lutto onorato partorir mi possa.

Misto allor fôra d'alcun dolce almeno

il vedovil mio pianto, e al cor conforto

le vittorie narrarne, e i fatti egregi,

e l'oneste ferite. Ma qui, lassa!

a cimento tu corri, ove sicura

fia l'ignominia, e per la patria nullo

del tuo morire il frutto. Già vincenti

sono i peggiori; violenza e ferro

tutto decide; il tuo nemico ha vôlto

contra te stesso il beneficio tuo:

per infame decreto egli è di Roma

arbitro, e l'armi che ne fan qui cerchio

son segnale di morte. Iniqui amici

Iniqua han fatta la tua causa: i pochi

non scellerati, ma tremanti e vili,

si dileguâr: sei solo e inerme, e carco

d'odio patrizio. In cotanta ruina

che ti resta, infelice?

CAIO

Il mio coraggio,

la mia ragion, la plebe.

LICINIA

E in chi t'affidi,

sconsigliato, in chi speri? Infausti e brevi

son di plebe gli amori, e un rio ne fece

esperimento il tuo fratel. - Deh! prendi

altro consiglio. Sàlvati, ricovra

a' tuoi Penati in braccio. Io ti fo scudo

di questo petto. Me, me prima in brani

faran l'armi d'Opimio. Ah! vieni, ah! cedi,

invólati. Per questo pianto mio,

pel nostro marital nodo, per quanti

d'amor pegni ti diedi, pel tuo figlio,

pel tuo misero figlio, abbi, ti prego,

pietà della cadente tua famiglia,

e al cor ti scenda di natura il grido.

CAIO

Deh! Licinia, t'accheta; e di mia fama

non voler che tramonti oggi la luce,

né ch'altri un giorno il tuo consorte debba

arguir di viltà. Roma è in periglio,

odo intorno sonar le sue catene,

odo il suo lungo dimandar mercede,

e gridar che preporre a lei si denno

e sposa e figli e vita. Ed io starommi

appiattato, atterrito? io Gracco, io nato

di questa madre, io genero di Crasso,

io Romano? No, sposa. Al mio dovere

lasciami dunque satisfar: sostieni

che in tua pace mi parta, e alla chiamata

della patria obbedisca. - Addio.

LICINIA

No, resta.

CAIO

Lasciami.

LICINIA

No, crudel!

CAIO

Lasciami.

LICINIA

O resta,

cuor di tigre, o m'uccidi: oltre non passi,

no, se prima non calchi questo corpo

atterrato a' tuoi piedi.

CAIO

Oh padre!. . .

LICINIA

Io vinsi,

numi pietosi! Intenerito e fiso

del padre ei guarda il simulacro, e muto

scorrer gli veggo per le gote il pianto.

Sì; quel pianto mi dice che spetrossi

finalmente il suo cor.

SCENA III

PRIMO CITTADINO e DETTI

PRIMO CITTADINO

Caio, sul capo

gran disastro ti pende. L'Aventino

tutto d'armi è ricinto, e si divulga

tra la plebe altamente esser caduto

di violento colpo Emiliano;

e tu, e Sempronia la tua suora, e Fulvio

detti ne siete gli assassini; e Druso

questa voce avvalora; e d'ogni parte

ripetendo la van lingue nemiche.

Il popolo bisbiglia, e l'uno all'altro

la susurra all'orecchio, e già la crede.

CAIO

E già la crede?. . .

PRIMO CITTADINO

Né ciò sol, ma giura

dell'ucciso vendetta. Io che pur anco

innocente ti reputo. . .

CAIO

La plebe

già mi crede assassino?. . .

(Parte rapidamente come fuori di sé.)

LICINIA

Ah! ferma, ah! senti,

barbaro; ferma. . .

CORNELIA

Dove corri, o figlia?. . .

LICINIA

Lasciami, madre.

CORNELIA

No, lo tenti invano.

LICINIA

Madre crudel!. . . Me misera!. . . Più mai

nol rivedrò, mai più!

PRIMO CITTADINO

. . . Gracco è innocente.

Ben feci.

SCENA IV

CORNELIA e LICINIA

CORNELIA

Ah! riedi nel tuo senno, o figlia;

e per soverchia doglia, ove non sono,

non crearti sventure. Ami tu forse

più ch'io non l'amo, il figlio mio? Tranquilla

nondimen tu mi vedi, ed io son madre.

LICINIA

. . Nol rivedrò più mai!

CORNELIA

Più saldo petto,

e più romano pianto m'aspettava

io dalla nuora di Cornelia.

LICINIA

Ei corre

a certa morte, e tu mi fai delitto

del piangere?

CORNELIA

Egli corre ove l'appella

voce sacra d'onor.

LICINIA

Ma quando innanzi

brutto di sangue, piagato, sbranato

tel vedrai tratto nella polve, allora

che farai?

CORNELIA

Ciò che feci il dì che cadde

il suo fratello. Adotterò contenta

la sua gloria, e terrammi il nome suo

vece di figlio nella dolce stima

della fedel posterità. Tu imita

la mia costanza, e datti pace.

LICINIA

Io pace?

Più non l'attendo che da morte. Il rogo

che le tue mani accenderanno al figlio,

non fia solo, tel giuro.

SCENA V

CORNELIA sola.

Ove si vide

più infelice famiglia, e cuor di questo

più stranamente tormentato? Io figlia

del maggiore African, madre de' Gracchi,

per sì bei nomi un dì famosa, e chiesta

a regie nozze, io sfortunata, omai

più non posseggo di cotanto grido

che il lugubre splendor di mie sventure.

Due figli a Roma partoriti avea,

due magnanimi figli; e fastidita

della sua libertà, Roma gli uccide.

E per che man gli uccide! Ah! ch'esser madre

d'alme grandi è delitto, e omai sol laude

generar scellerati. Ma tal merto

s'abbian le madri degli Opimi: a me

piace aver figli trafitti, scannati,

anzi che infami. Ma seguir vo' l'orme

dell'infelice. . . Oimè! che turba è quella?. . .

Una bara funébre; e su le spalle

la portan mesti i senatori. Oh vista

che le vene m'agghiaccia! Ecco il ferétro

d'Emiliano. . . Il cor mi trema, . . . e il piede

appena ha forza d'involarsi. Oh figlia,

empia figlia, che festi!

SCENA VI

OPIMIO, SENATORI che portano il feretro d'Emiliano, LITTORI e POPOLO

OPIMIO

Qui posate

quell'incarco feral. - Popolo, amici,

senatori, qui l'ultimo dobbiamo

di pubblica pietà mesto tributo

al miglior de' mortali. Unqua più giusta

cagion non v'ebbe e non v'avrà più mai

di lagrimar. Romani, il vostro padre,

lo splendor dell'impero, anzi del mondo,

giacciono spenti in quel ferétro. Oh quanto

di vigor, di grandezza oggi ha perduto

la romana potenza! Oh quanto liete

all'annunzio crudel d'Asia n'andranno

e d'Africa le genti! Il braccio invitto

che fea tremarle, è senza moto, e indarno

lo richiama alla vita il nostro pianto.

Quinto Fabio dov'è? Dianzi al mio fianco

io l'ho pur visto. . . Oh, sei qui, Fabio? In mente

ognor mi suona quella tua sublime

sentenza: - Era, - dicesti - era destino

ch'ivi fosse l'impero della terra

ovunque fosse sì grand'alma. Or io

ben ringrazio gli Dei che qui le diero

nascimento; ma dolgomi che tosto

l'abbian rapita, e noi stimati indegni

di possederla. - Oh! Lelio, e qui tu pure,

illustre esempio d'amistà? L'angoscia

le lagrime ti vieta; tu contempli

stupito e muto per dolor quel tetro

letto di morte. Oh! misero! che cerchi?

Il tuo Scipio, il tuo amico? Eccolo, in veli

funébri avvolto, esanime e per sempre

muto, per sempre. Non udrai più dunque

le sue piene di senno alte parole,

l'amor spiranti della patria, e sparse

di celeste saper. Più nol vedrai

fulminar fra' nemici, e dopo il nembo

delle battaglie serenar la fronte,

stender la destra mansueta ai vinti,

e piangere con essi e consolarli,

e mostrar nella pace e nella guerra

in sembianza mortale il cor d'un nume.

Tenero figlio, tenero fratello,

tenero amico, liberal, cortese,

sobrio, modesto, cittadin perfetto,

tutte nel suo gran cor tenea raccolte

le romane virtù. - Questo è l'Eroe

che noi perdemmo. E per qual via? - Quiriti,

io non cerco, io non voglio il vostro pianto

in furor convertire. Io non vo' dirvi

che un gran delitto s'è commesso. Oh! mai

non sappiate, no, mai che vi fe' privi

del vostro padre un assassinio.

PRIMO CITTADINO

Parla:

vogliam saperlo.

OPIMIO

No, Romani: io deggio

tacer: vi prego, non forzate il labbro

a nomar gli uccisori.

CITTADINO

Il nome, il nome

degli assassini.

OPIMIO

Deh! calmate il vostro

sdegno, fratelli. A che nomarvi i rei,

se di tanto misfatto ancor le prove

non conoscete?

SECONDO CITTADINO

Ebben, le prove: udiamo,

vediam le prove.

OPIMIO

Le volete? Io dunque

alzerò la gramaglia che nasconde

quella fronte onorata. Avvicinatevi,

fatemi cerchio e contemplate.

POPOLO

Oh rio

spettacolo!

(Retrocedendo inorridito.)

OPIMIO

Mirate per l'asceso

sangue alla faccia tutte della fronte

gonfie le vene. - Ho qualche volta io visto. . .

M'udite attenti: ho visto alcuna volta

cadaveri, recente abbandonati

dalla vita; ma pallidi, sparuti,

estenuati. Nel conflitto estremo

che fa natura colla morte, il sangue

ministro della vita al cor discende

per aitarlo in sì gran lotta. E quando

serra il gelo mortal del cor le porte,

quivi inerte ristagna, e delle guance

più non ritorna a colorir le rose.

Ma, qui, il vedete? tutto quanto il viso

dell'infelice n'è ricolmo e nero.

Le vedete voi qui livide e peste

le fauci, e impresse della man che forte

le soffocò? Mirate le pupille

travolte, oblique, e per lo sforzo quasi

fuor dell'orbita lor. Notate il varco

delle narici dilatato, indizio

di compresso respiro; e queste braccia

stese quanto son lunghe; e queste dita

pur tutte aperte, come d'uom che sente

afferrarsi alla gola, e si dibatte

finché forza il soggioga. - E dopo tanto,

direm noi fuor di queste membra uscita

per fato natural l'alma che dianzi

abitarle godea? L'alma del giusto

con tanta offesa, ah! no, non abbandona

il carcere terreno. Ella non fugge

come nemico che devasta, e l'orme

lascia del suo furor, ma si diparte

dall'ingombro mortal placida e cheta

come amico che dice, al termin giunto

d'affannoso cammin, l'ultimo addio

al compagno fedel delle sue pene. -

Oh Romani! oh non possa il vostro sguardo,

siccome il mio, veder chiaro il delitto!

PRIMO CITTADINO

Egli è chiaro, evidente, e ne vogliamo

tutti vendetta.

POPOLO

Sì, vendetta.

OPIMIO

E voi,

la vorrete voi, quando vi fia noto

chi commise il misfatto? Io non vi dissi

de' rei pur anco il nome.

TERZO CITTADINO

E tu li noma;

di' chi sono, e vedrai.

OPIMIO

E non vel dice

chiaro abbastanza la lor colpa istessa?

Chi potea consumarla? Chi furtivo

dell'infelice penetrar la stanza,

e in piena securtade, e nel silenzio,

e nel mezzo de' suoi torgli la vita?

Da domestica man dunque partito

mi sembra il colpo.

SECONDO CITTADINO

Ei dice il vero.

TERZO CITTADINO

Opimio

ben parla: il colpo non potea partire

che da mano domestica.

PRIMO CITTADINO

Tacete,

ascoltiam.

OPIMIO

Fra' suoi cari è forza dunque

il reo cercar. Ma su qual capo? Egli era

da' suoi servi adorato; ognuno in lui

godea d'un padre; avrìa difeso ognuno

col proprio sangue il suo signor. Chi dunque,

chi l'abborrìa?

PRIMO CITTADINO

La moglie.

OPIMIO

A questo nome

veggo, o Quiriti, le sembianze vostre

impallidire, stupefarsi. E pure

a chi non noto che siffatta moglie

detestava il consorte? Ma costei,

benché audace di cor, potea costei,

donna, e sola, eseguir tanto delitto?

No: sì lunge non va femminea forza.

Qual braccio adunque l'aitò? - Saprìa

di voi nessuno in suo pensier trovarlo?

Indicarlo? - Ognun tace, e per terrore

muto è fatto ogni labbro. - Io non ardisco

dunque dir oltre, e taccio anch'io.

PRIMO CITTADINO

No, parla;

libero parla, non ne far l'oltraggio

di pensar che tra noi tema nessuno

la verità: noi la vogliam.

SECONDO e TERZO CITTADINO

Sì, tutti:

la verità, la verità.

OPIMIO

Ditolla.

Ma consentite una dimanda sola:

voi giudici dell'opre e dei costumi

de' cittadini, che opinate voi

dei costumi di Fulvio?

SECONDO CITTADINO

Egli è un infame.

TERZO CITTADINO

E nimico di Scipio, ed io l'intesi

io qui ier l'altro con atroci detti

minacciarne la vita.

PRIMO CITTADINO

E tutto questo

anch'io l'affermo, ché presente io v'era;

e quanto affermo, sosterrollo a fronte

di quel vile, e di tutti.

OPIMIO

Or dunque udite.

Questo indegno Romano (io parlo cose

già manifeste), questa vil di colpe

e di vizi sentina ama di Scipio

la barbara mogliera, ed io non cerco

di quale amor. Ben so che Scipio avea

interdetta a costui la propria soglia;

so che fremeane Fulvio; e sappiam tutti,

perché pubbliche fur, le sue minacce.

E oimè! che Fulvio a minacciar sì cara

e nobil vita non fu sol.

PRIMO CITTADINO

Chi altri?

Tutto rivela: io qui per tutti il chieggo.

OPIMIO

Voi lo chiedete, e a me il chiedete? E quelli

non siete voi che un giorno in questo Foro

Gracco udiste gridar: - Scipio è tiranno,

spegnerlo è d'uopo -: ed ecco Scipio è spento;

ecco il fiero di Gracco orrido cenno

eseguito. E qualor penso, o Quiriti,

che di Fulvio all'oprar norma costante

fu di Gracco il voler, che Gracco e Fulvio

sono un'alma in due corpi; che l'un drudo,

l'altro è fratello di colei che detta

fu consorte di Scipio; qualor miro

che improvviso e segreto in questa notte

Gracco ne giunge da Cartago, e Scipio

cade all'istante assassinato; alfine,

quando osservo de' Gracchi in sì grand'uopo

la studiata non curanza, e l'alto

lor feroce silenzio, ove primieri

dovrìan (siccome carità, dovere

vuol di congiunti) dimandar del fatto

conoscenza e vendetta; qualor tutte

sì orrende cose nel pensier rivolgo,

poss'io non dire?. . . Ma che dir, se caro,

se protetto, adorato è l'assassino?

SECONDO CITTADINO

Postumio, udisti? Non ti par che dritto

il console ragioni?

PRIMO CITTADINO

Oh! Gracco è reo;

più non v'ha dubbio.

SECONDO CITTADINO

Non v'ha dubbio, è reo.

Che far dobbiam?

TERZO CITTADINO

Di Fulvio arder le case,

e nel mezzo gittarlo delle fiamme

scannato.

SECONDO CITTADINO

E Gracco?

PRIMO CITTADINO

Abbandonarlo.

SECONDO CITTADINO

E vuoi

che il misero perisca?

PRIMO CITTADINO

E ben, perisca.

Vegga il senato che siam giusti.

OPIMIO

Osserva,

Fabio, quei volti. Il mio parlar gli ha tutti

sgominati e confusi. Ecco il momento

di por l'ultima mano al mio disegno.

SCENA VII

DRUSO e DETTI

DRUSO

Console, accorri: orribil zuffa è sorta

fra soldati e plebei sull'Aventino.

Tutto è sangue e terror. Gracco ha parlato,

e il popolo dal fulmine racceso

di sua calda eloquenza, al ferro, ai sassi,

alle faci s'appiglia. Il furor l'armi

somministra; e, gridando orribilmente

a te morte e al senato, un sanguinoso

impeto ha fatto nelle guardie. I tuoi

menan l'aste e le spade, e d'ogni parte

si fa sangue e macello. E già trafitto

morde Fulvio il terren. Lo scellerato,

primo al tumulto, e primo anco alla fuga,

fra le ruine di deserto bagno

avea cerco lo scampo. Ivi con esso

il maggior de' suoi figli, un grazioso

giovinetto, di padre miglior degno,

fu raggiunto da' tuoi. Piangea quel vile

non pel figlio, per sé; piangea pel padre

all'opposto il fanciullo, e offrìa per lui

l'innocente suo capo. Invano. Entrambi

son trucidati. Ma la piena intanto

soprabbonda del popolo, e mal ponno

far argine i Cretensi al ruinoso

torrente che s'avanza; e non l'affrena

né sclamar di tribuni, né preghiera

de' più canuti. E Lentulo ben sallo,

principe del senato. Il venerando

vecchio, grave di merti e di pietade,

era accorso nel mezzo, e lagrimoso

e supplice: - Ah! fratelli, - iva gridando

- qual vi porta furor? Sangue romano

è il sangue che versate: ah! per gli Dei,

per la patria, per me, che vostro sono,

fermatevi, sentite. - In questi detti

acciaro traditor gli squarcia il fianco

di ferita mortal. - Vedi lui stesso

(Si vede LENTULO ferito trapassar la scena appoggiato ad un servo.)

strascinarsi spirante e sanguinoso

da man pietose sostenuto.

OPIMIO

Oh vista

che dalle fiere ancor trarrebbe il pianto!

Mirate e inorridite. Oh! popol cieco,

nelle gesta d'onor codardo, e solo

coraggioso al delitto, ecco del tuo

Gracco l'imprese: Emilian strozzato,

Lentulo trucidato, ingombra tutta

Roma di stragi, e le più illustri vite

in estremo periglio. - E che più resta

al suo furore? E noi, che facciam noi?

Aspettiam forse che costui ci sveni

fra' domestici Dei le spose, i figli,

e noi sovr'essi? Eh! prendavi vergogna

della vostra viltà, dell'error cieco

che vi fece adorarlo. Io, rivestito

di quel poter che a pubblica salute

il senato m'affida, io vi dichiaro

Gracco nemico della patria, e a prezzo

ne pongo la rea testa che consacro

agl'infernali Dei. - Padri, stendiamo

tutti la man su quest'esangue, e tutti

giuriam di vendicarlo.

I SENATORI

(stendendo la mano sul cadavere.)

Il giuro.

OPIMIO

Or parte

di voi prenda la via speditamente

della porta Capena, ed accompagni

agli avìti sepolcri l'onorato

cadavere. Con meco il resto venga.

Via gl'indugi. - Littori, alto le scuri;

soldati, all'armi; senatori, il ferro

fuor delle toghe: ardire. Io vi precedo.

ATTO QUINTO

SCENA I

LICINIA

Qual lugubre silenzio! oimè, qual mesta

solitudine! il Foro abbandonato,

le vie deserte, né passar vegg'io

che dolorose inorridite fronti

di lagrimanti vecchi; altro non odo

che gemito di madri, ed ululato

e singulti di spose che, plorando,

ridomandano i figli ed i mariti.

E anch'io qui gemo, e ridomando al cielo

il crudel che nel pianto m'abbandona.

Sì, crudele, tu, Caio! E lo potesti,

tu lasciarmi potesti! e tutte indarno

fur le lagrime mie! Or chi sa dirmi

dove t'aggiri? Chi sa dirmi, ahi lassa!

se più sei vivo?

SCENA II

LICINIA e il VECCHIO dell'atto terzo, riconducente il giovinetto suo figlio dal tumulto dell'Aventino.

IL VECCHIO

Ah figlio, amato figlio!

Non resistere, vieni. Alle tremanti

mie man, deh! cedi quell'acciar. Non ire,

forsennato, a macchiarlo nelle vene

de' tuoi fratelli; ché fratei pur sono

i nemici che affronti. . . I numi, il vedi,

contra noi stanno, e le romane colpe

maturata ne' fati han l'ultim'ora

della romana libertà. Salvarla

non può di Gracco la virtù suprema;

e tu, insensato, lo pretendi?

LICINIA

. . . Io tremo

tutta. . . dal capo alle piante. . . Vorrei

interrogarli, . . . e la voce mi spira

su le labbra.

IL VECCHIO

Non più, vieni, sostegno

unico e caro di mia stanca vita;

a lagrimar vien meco la ruina

di nostra patria; a spirar di dolore,

ma innocenti.

SCENA III

LICINIA

A que' due certo è palese

il destino di Caio. E perché dunque

non osai dimandarlo? perché fredda

suda la fronte? perché, numi avversi,

il supplicar de' padri al cor de' figli

la via ritrova, e de' mariti al core

non sa trovarlo delle spose il pianto?. . .

Ma quali odo da lungi orrende grida?. . .

qual per l'aria rimbombo?. . . Par che Roma

tremi tutta. . . Che fia?. . . Ecco la madre.

SCENA IV

CORNELIA e DETTA

LICINIA

Ah! madre, dov'è Caio? È salvo? è vivo?

CORNELIA

traversa la scena senza rispondere.

Non mi risponde. L'affrettato passo,

lo smarrito suo volto, il suo tacere,

oimè, mi dice che il mio sposo è morto.

Chi mi soccorre? Io manco.

(Si abbandona vacillante su i gradini della tribuna.)

SCENA V

LICINIA e CORNELIA che rientra col pargoletto di Caio in braccio, seguìta dal liberto FILOCRATE

CORNELIA

Andiam, mi segui,

servo fedel. . . Che miro? Il duolo oppresse

quest'infelice. Or io che fo? - Deh! prendi

tu, Filocrate mio, questo innocente:

corri, lo porta inosservato in salvo

alle case di Crasso. . . Ah! corri, vola;

all'amor tuo l'affido. - Alzati, figlia;

apri alla speme il cor: Caio ancor vive.

LICINIA

Vive Caio? e dov'è? perché nol veggo?

perché teco non è? deh! parla.

CORNELIA

. . .Oh! figlia,

che dir poss'io che ti conforti e insieme

non t'inganni? Le vie dell'Aventino

son di sangue allagate. Orrenda pugna

fan la plebe e il senato; e si decide

se dovrem tutte maledir la nostra

fecondità, se le romane spose

liberi figli partorir dovranno,

o schiavi. Intanto dormono le leggi,

e svegliansi i delitti, che afferrata

han di giustizia la tremenda spada,

e scorrendo van Roma, e percotendo

le più libere fronti.

LICINIA

E che vuoi dire?

Dunque Caio?. . .

CORNELIA

M'ascolta, e coraggiosa

all' avversa fortuna il cor prepara. -

Sai che a difesa di sua fama ei corse

sull'Aventino ad arringar la plebe,

a rintuzzar di Druso e dell'infame

compro Rabirio le calunnie. Ei giunse,

e inerme tutta la persona, e armato

sol dell'usbergo del sentirsi puro,

parlò, confuse i traditori: il resto

fe' la presenza mia, ché ardita io pure

colà mi spinsi e disprezzai perigli.

Nel popolo già tutta era la calma

restituita, allor che Fulvio ad ira

nuovamente il commosse; e della strage,

ch'or si consuma, eccitatore, e a un tempo

fu vittima egli stesso. Ora nel mezzo

della mischia è il tuo sposo, e la sua vita,

non vo' ingannarti, in gran cimento. Io corsi

per fargli scudo del materno petto,

per porgli almanco nelle mani un ferro,

ché un ferro il tengo. Ma l'immensa folla

vietollo; e d'ogni parte in un momento

di pugnali, di lance e di trafitti

circondata mi vidi, e a qui tornarmi

ogni sentier preciso. Io nondimeno

mossi animosa in mezzo all'armi, e l'armi

mi dier per tutto riverenti il passo.

Mentre che fra le stragi e fra le grida

altri accorre, altri fugge, ed io, la sponda

del Velabro tenendo, inorridita

sollecitava a questa volta il piede,

in lontananza vidi. . . oh Dio! che vidi!. . .

e che racconto io mai?

LICINIA

Madre, finisci

di straziarmi; prosegui. E che vedesti,

di', che vedesti?

CORNELIA

Oh figlia!. . . aste, bipenni,

e snudati pugnali, e senatori

e littori e soldati, e innanzi a tutti

l'implacabile Opimio: e dove ei corra,

contro qual seno sian tant'armi ed ire,

tu l'intendi. . . Ma, deh! non darti in preda

a dolor disperato. Alto è il periglio

del tuo consorte, ma più alto, credi,

il suo coraggio; e vi son numi in cielo.

LICINIA

Sì, ma non giusti. Ed in quai numi, o madre,

aver più speme? In quelli al cui cospetto

fu l'innocente tuo Tiberio ucciso?

Vuoi che da questi del mio sposo attenda

la salvezza? Da questi? Oh me deserta!

Misero Caio! A chi dovrolla io dunque

dimandar? Chi sarà che ti soccorra?

Meglio mi fôra supplicar le tigri;

meglio mi fôra dimandarla ai venti,

alle burrasche, al mar che tu sfidasti

per qui venire a salvar Roma oppressa.

Oh della patria amor fatale! Oh cruda

della virtù mercede! Or dove, ahi lassa!

dove il piè porterò, che del perduto

mio consorte il pensier non mi persegua?

Qui la ragion del popolo ei tonava,

e i perversi atterrì; quivi la plebe

suo padre il salutò; suo salvatore

colà i legati delle genti; a tutti

ei largìa benefici; era di tutti

la speranza, l'appoggio; e tutti, oh vili!

l'abbandonâr. Deh, voi, romani colli,

voi vendicate la virtù tradita,

scotete i fianchi, rovesciate al piano

questa iniqua città, che nido è fatta

di tiranni e d'ingrati, e me sovr'essi,

me seppellite nelle sue ruine.

CORNELIA

Mi sbrana il cor.

SCENA VI

PRIMO CITTADINO che accorre spaventato, e DETTE

PRIMO CITTADINO

Donna, che fai? La morte

sul tuo figlio già pende: a prezzo è messa

la sua testa; nol sai?

(Via subito.)

LICINIA

Cielo, che intesi!

CORNELIA

Che disse? Il capo del mio figlio a prezzo

qual d'infame ladron? Roma crudele,

grazie ti rendo dell'atroce offesa.

Ripiglio alfin la mia fierezza, alfine

mi riconosco. - Esci, timor materno,

da questo petto. - Andiam, figlia; vien meco;

ardir, vien meco.

SCENA VII

SECONDO CITTADINO fuggendo egli pure atterrito, e DETTE

SECONDO CITTADINO

Il piè fermate, o donne,

non innoltrate; ché per tutto è strage

e morte inevitabile.

CORNELIA

E il mio figlio?

SECONDO CITTADINO

Misera madre! tu non hai più figlio.

(Via subito.)

LICINIA rimane stupida per dolore.

CORNELIA

Perché torno a tremar? Perché le chiome

sento agitarsi sulla fronte, . . . e freddo

il terror mi ricorre per le vene?

Mia virtù, non lasciarmi.

SCENA VIII

TERZO CITTADINO e DETTE

TERZO CITTADINO

Ti conforta,

eccelsa donna; è salvo il figlio. . .

LICINIA e CORNELIA

Oh gioia!. . .

LICINIA

Salvo il mio sposo?. . .

CORNELIA

Il figlio mio! deh, narra. . .

LICINIA

Narra: il cor torna, per udirti, in vita.

TERZO CITTADINO

Da' Cretensi inseguìto, e dimandando

a tutti un ferro per morir da forte,

e negandolo tutti, l'infelice

con virtù disperata a darsi in preda

de' nemici correa, di vita schivo

e prodigo dell'alma. Le preghiere

istanti, e molte de' rimasti amici

lo distornâr con forza dal feroce

proponimento, e un pio dover gli fêro

di serbarsi alla patria, che precetto

di vivere ne fa quando il morire

inutilmente ad essa è codardìa,

e il vivere coraggio. Allor, da tanto

pregar forzato ei più che persuaso,

torse le piante, e ricovrossi al bosco

consecrato alle Furie.

CORNELIA

. . .E che racconti

tu de' Gracchi alla madre? Una vil fuga

posto ha in salvo il mio figlio?

TERZO CITTADINO

A sgherri infami

dovea dar egli con più vil partito

così nobile vita?

CORNELIA

E non avevi

tu dunque un ferro?

TERZO CITTADINO

Pe' nemici il ferro;

per gli amici il mio sangue: e questo, o donna,

dato gli avrei se mel chiedea. - Furente

per lo scampo di Caio, Opimio intanto

co' feroci patrizi e i suoi di Creta

sagittari crudeli, un dispietato

fa macello de' nostri, e d'ogni parte

i resistenti uccide, e ne' fuggenti

saettar fa la morte. In sul Sublicio

resiston soli i generosi petti

di Pomponio e Licinio.

CORNELIA

E vile il resto,

sempre vile la plebe, e sempre ingrata

abbandona il mio figlio?

TERZO CITTADINO

I numi, o donna,

lo tradîr, non la plebe; e ne fan prova

mille e mill'ombre di plebei trafitti

per la causa di Gracco, e nella fronte

e nel petto trafitti. Il Tebro è tutto

de' nostri corpi ingombro, e la vermiglia

onda riempie di terror le viste.

E dopo tanto?. . . Ma strepito d'armi

odi tu?. . . Mira; d'ogni parte inonda

il popolo atterrito. Ah! certo arriva

il console crudel: fuggi.

CORNELIA

Io fuggire?

Ad incontrarlo io corro.

SCENA IX

CAIO, accorrendo precipitoso, e DETTI

CAIO

Un ferro, o madre,

un ferro per pietà. Non abbia il vanto

di mia morte quel vile.

CORNELIA

A quel tiranno,

questo vanto? - No, mai.

CAIO

Deh! madre, un ferro:

tu l'hai, porgilo: all'onta mi sottraggi

di vilmente cader.

SCENA ULTIMA

OPIMIO con seguito di Patrizi, d'armati, e DETTI

OPIMIO

Eccolo: in lui

abbassate quell'armi.

CORNELIA

(lanciandosi tra CAIO e i soldati)

I vostri colpi,

pria che al suo petto passeran per questo.

LICINIA

(facendo lo stesso)

E per questo, crudeli.

OPIMIO

Allontanate,

soldati, a forza quelle donne; il reo

percotete. Il suo capo alla salute

pubblica è caro. Percotete.

CORNELIA

(con una mano avvolgendosi il capo nel manto e con l'altra porgendo rapidamente al figlio il pugnale)

Ah figlio,

prendi, e muori onorato.

CAIO

In questo dono

ti riconosco, o madre. In questo colpo

riconosci tu il figlio.

(Si uccide.)

LICINIA

(gettando un grido acutissimo e cadendo tramortita)

Oh dio!. . . mi moro.

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno