Cane e gatte

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

Cane e gatte

da Jalouse, di Bisson

Commedia in tre atti

Personaggi:

Felice

D. Raffaele

Michele

Antonino

Luigino

D. Peppino

Carluccio

Ninetta

Rosina

Carmela

Lauretta

Teresina

Bettina

Fifì

L’azione del primo atto è in Napoli, secondo e terzo a Foggia.

ATTO PRIMO

Camera da pranzo in casa di Felice. Porta in fondo. Tre porte laterali e una finestra:prima quinta a destra. In fondo ai due lati della porta credenza e buffet a sinistra e cristalliera a destra. Nel mezzo tavola da pranzo per tre persone, al centro un vaso di fiori. Alla parete a sinistra in fondo, un quadro raffigurante polli ed erbe. Sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Teresina, poi Carluccio.

TERESINA (terminando di leggere):«Vieni, ti aspetto senza meno. Tua affezionatissima comara Concetta Paparella». Seh, vieni senza meno, ti aspetto, e comme nce vaco, io pe la sortita mia aggio tiempo n’auti 8 juorne, che dico a la signora, chella è accussì arraggiosa, e pò ogne momento le serve na cosa, ogne momento me chiama, mannaggia quanno maje me mettette a fà la cammarera... Sì, ma mò che vene Carluccio maritemo avimma trovà no mezzo, na scusa qualunque; io ogge assolutamente aggia da j da la commara.

CARLUCCIO (uscendo con carta in mano):Ma sono cose che succedono soltanto a me. E come faccio, io non posso mancare certamente, che figura faccio.

TERESINA: Carlù, ch’è stato?

CARLUCCIO: Seh, ch’è stato, na piccola cosa. Mò che so’ venuto, aggio trovato abbascio a lo palazzo questa carta, la società dei camerieri si riunisce oggi alle 15 in assemblea generale, e mi mandano a chiamare d’urgenza. (Legge:)«È pregato vivamente il socio fondatore Signor Carlo Fasulillo d’intervenire oggi alle 15 alla sede della Società per l’elezione di un portabandiera e del Presidente».

TERESINA: E comme faje; li quinnece che ora è?

CARLUCCIO: Comme, non saje li quinnice che ora è, dudece, tridece, quattordici e quindici. (Numera con le dita.)Songo li tre.

TERESINA: Li tre. Juste li tre. Chille li patrune a li tre se mettene a tavola.

CARLUCCIO: E ca chesta è stata la combinazione, io l’autriere me pigliaje la sortita, che le dico, che scusa trovo, no, ma io non pozzo mancà. Io sono socio fondatore, debbo dare il mio voto. Se trattasse sulo de lo portabandiera, non me mportarria niente, ma là si tratta del Presidente, e pò io aissera sapette che forse forse me fanno a mme, si non sto presente, stateve bene, perdo tutte li speranze.

TERESINA: E tiene mente la combinazione, io poco prima aggio avuto sta lettera da la commara. (La dà.)

CARLUCCIO (legge):«Cara Commarella. Siccome oggi mio marito dà un pranzo in occasione del battesimo di nostro figlio Erricuccio, ti preghiamo di venire a mangiare con noi e così stare un poco allegramente. Vieni senza meno, ti aspetto. La tua affezionatissima Comara Concetta Paparella».

TERESINA: Capisce? Chillo lo marito è cuoco, sa che pranzo avarrà fatto, e comme nce vaco, comme lasse ccà, si non nce vaco chella se pò piglià collera... e giustamente, tu sai li beneficie che nce ha fatto. Si non erano pe chelle 300 lire che nce mprestaje l’anno passato, e che non l’avimmo tornate cchiù, comme sarrieme sposate?

CARLUCCIO: Ma guardate che combinazione! Una cosa però la commara me poteva invità pure a me.

TERESINA: Ma chell’era sottinteso, se capisce che avive da venì pure tu, e pò doppo che non nce venive, che d’è te dispiaceva, quanno sapive addò steva.

CARLUCCIO: Ah, chesto è certo!

TERESINA: Che simme geluse nuje?

CARLUCCIO: Manco pe la capa! Io sulo chesto ringrazio lo Cielo che m’ha fatto trovà na mugliera che la penza comme a mme, maje gelosie.

TERESINA: Se capisce. Ched’è sta gelosia. Eh, sì, chesto nce mancava, voleva fà comme a chella pazza de la patrona mia che la gelosia se la roseca, mamma mia, fà un’arta co chillo marito.

CARLUCCIO: Pover’ommo, ha passato lo guajo, non se pò movere, non pò dà no passo, da ccà, llà.

TERESINA: Ogne ghjuorno n’appicceco, e pò sempe all’ora de tavola. (Ridendo.)

CARLUCCIO (ridendo):Doppo che s’hanno fatto na bona spellicciata, che s’hanno ditto no cuofene de male parole, lo signore se ne va da D. Vicienzo l’amico sujo a lo primmo piano, la signora se ne va da la modista a lo terzo piano... se stanno fino a la sera, di un comme a duje cane...

TERESINA (ridendo):E nuje nce magnamme tutte cose!

CARLUCCIO: Dimmeneca, te ricuorde, se ne jettene a li tre tornajene ccà a li 10 e mezza della sera. Mò addò so’ ghiute?

TERESINA: E che ne saccio! So’ asciute a miezo juorno pe gghì a fà cierte spese da Mele, ma stammatina stevene mpace però.

CARLUCCIO: Seh, e dure assaje la pace! Intanto, io comme faccio, che scusa trovo pe me ne j.

TERESINA: E io che le risponno a la commara?

SCENA SECONDA

Ninetta, Felice e detti.

NINETTA (d.d. gridando):Teresina... Teresina...

TERESINA: Li vì ccà... se so’ ritirate. Si accummencia a me ncujetà, aizo ncuollo e me ne vaco.

CARLUCCIO: Io non te lo impedisco, ma haje da trovà prima la piazza, si nò rieste a spasso.

TERESINA: Oh! Chesto è certo...

NINETTA (fuori):Teresina... ma se pò sapé addò cancaro staje?

TERESINA: Stevo ccà, signorì.

NINETTA: Stive lloco, me fà tanto piacere! Avive da stà fore a la sala, capisce, fore la sala... te l’aggio ditto tanta vote! Mò m’avesse d’arraggià pure cu ttico, peggio de chello che stongo? Pose st’involtù dinto a la cammera mia.

TERESINA: Subito. (Prende tre grandi involti che Ninetta portava ed entra a sinistra.)

NINETTA: E chist’auto... (Gridando.)E chist’auto... a te, animale... (Getta un’altro involto per terra e si sente un rumore di cristallo che si rompe. In questo mentre esce Felice. Carluccio alza l’involto e guarda l’oggetto rotto.)

CARLUCCIO: Che peccato!... S’è rotta sta bella giara

 NINETTA: Meglio accussì; non me ne mporta niente! (Si leva il cappello e siede.)Voglio rompere tutte cose, non voglio tenere niente cchiù! Vattenne dinto a la cucina tu, prepara lo mangià. Soltanto per mio marito però, pecché io non tengo appetito, e non mangio, sa, ogge non mangio, voglio sta diuno, diuno fino a dimane, fino a doppo dimane, fino a lo mese che trase, non aggio da dà cunto a nisciuno. (Felice fà cenno a Carluccio «guarda che vita!». E Carluccio risponde con gesti «abbiate pazienza».)Me voglio fà cchiù secca de chello che songo, voglio non, così il mio signor marito sarà libero, e potrà fare quello che gli pare e piace. E chillo chesto va trovanno, chesto volarria... ma io non moro, no, non moro, me faccio secca secca, sì m’arraggio momentaneamente, ma non moro!

CARLUCCIO: Ma signorì, scusate... vuje mò pecché v’avita da piglià sempe collera.

NINETTA: Pecché m’aggio sposato n’assassino, no birbante, n’ommo che m’ha pigliata per interesse non per amore.

FELICE: Ti prego di non dire più questa cosa, perché non intendo di fare cattive figure avanti alla gente. Io vi ho sposato per affezione, non per interesse, e tutti lo sanno. Io non ero no disperato qualunque, mio padre mi lasciò 1600 lire di rendita al mese.

NINETTA: E una metà ve l’avete mangiata co ballerine, modiste e sortorelle. Io saccio tutto sà, saccio tutto!

FELICE: Sono tutte calunnie, esagerazioni, ogni giovine fà le sue scappatelle, che vuol dire, ma pò mette cape, se nzora, vò bene a la mogliera e cerca de stà quiete.

CARLUCCIO: Oh! Chesto è certo...

NINETTA: Statte zitto tu. Ogne giovene se capisce, tutte l’uommene fanno accussì, ma voi no, voi siete sempe lo stesso e a me non mi conviene, non ne pozzo cchiù!

FELICE: E io manco, e io manco, quanno lo vuò sapé.

NINETTA: Bravissimo!

CARLUCCIO: Ma signurì calmateve.

FELICE: Che calmare, questo è un continuo veleno che io me piglio tutte li juorne, e che voglio crepà!? Io m’ero nzurato pe stà qujeto, tranquillo, e invece stongo dinto a l’inferno! Questa è una femina terribile! Non pozzo ascì, non pozzo guardà a nisciuna parte, ogne tanto me manea dinto a li sacche pe vedé che tengo, pe vedé si trova quacche lettera de femmena quacche prova di tradimento.

NINETTA: Se capisce, e che m’avive pigliata pe scema a me?

CARLUCCIO: È gelosa, che nce vulite fà.

FELICE: Ma che gelosia e gelosia, quella non è gelosia, è tortura! Io nce lo faccio chesto a essa? Niente affatto! Quanno vò ascì esce. La settimana passata voleva j a Foggia da lo patre e da la mamma, io non me fidave, tenevo no forte dolore de cape, dicette: và tu sola, che male nce steva! Nonsignore, non nce volette j.

NINETTA: Non è overo che tenive dolore de capa, volive rimanè sulo pe gghì a trovà a quacche antica fiamma. Ma te sbaglie però, te sbaglie, pecché io si, appuro quacche cosa te sciacco!

FELICE: Vedete che termini! Te sciacco!... E dire che è figlia di un signore, pò me fa fà certe figure infelicissime. Nuje simme asciute quiete quiete, essa stammatina ha ditto: aggio da j a fà cierte spese da Mele viene pure tu. Jammuncenne. Simme juto ncoppo a lo secondo piano addò se vennene li mantelline, là nce steva na figliola, brutta quanto mai, ma piena di grazia, piena di maniera, la quale appena m’ha visto m’ha fatto tanta cerimonie. Che comanda il signore? Che cosa possiamo servirla...

CARLUCCIO: Ma vuje la conosciveve a sta figliola?

FELICE: No...

NINETTA: Vedite si lo pozzo credere. Non la conoscive?

FELICE: Non la conosceva.

CARLUCCIO: Ma allora ne poteva fà a lo meno de se vummechià.

NINETTA: E me pare. Quanno na persona non se conosce non se fà tutta chella ammuina, e siccomme essa a me non m’ha visto, pecché io stevo più indietro, se credeva che il signorino steva sulo, capisce, e io che m’aggio da avuto supporta chella bella scena. È vita che se pò fà chesta? Potimmo tirà annanze accussì?

FELICE (vedendo che Carluccio approva tutto quello che dice Ninetta): (Mò vide che punio te siente ccà ncoppa!). Queste sono le solite supposizioni. Io la conosceva, essa non l’ha vista, credenno che steva sulo... e chesto facimmo, si suppone una cosa e nce fà no castiello in aria ncoppe. Llà chelle figliole so’ tutte quante educate, gentili, pecché Mele vuole così, che c’entra o conoscere o non conoscere una persona è sempre lo stesso, neh, chella che ha fatto? M’ha pigliato pe pietto e m’ha tirato accussi forte pe li grade che m’ha fatto j co la capa nfaccia a no specchio che steva de rimpetto... non saccio comme non l’aggio rutto. Jammoncenne, ccà non è cosa, jammo addò Miccio. Aggio fatto na bella figura!

NINETTA: E che me mporta a me, n’auta vota te mparo.

CARLUCCIO: Va bene, signorì, non ve pigliate cchiù collera, questo sono schizzi di amore.

FELICE: Tu quà schizzi, chisti so’ granule!

CARLUCCIO: Mò vaco a sollecità lo pranzo, ogge mangiate cchiù ambressa verso li doje, pò ascite, ve facite na bella cammenata, e quanno songo li 10 ve ritirate.

FELICE: Seh, nce ritiramme all’una doppo mezanotte!

CARLUCCIO: Che vulite fà? Volite mangià a li doje?

FELICE: Io faccio chello che vo essa.

NINETTA Io non tengo appetito, e non voglio mangià, mangio stasera, e tu famme lo piacere, ntrichete de te! (Pausa.)

CARLUCCIO (a Felice):Facitele quatte cerimonie, vuje lo sapite, chella subbeto se calma. Mangiate e ascite, jatevenne cammenanno fino a stasera miezo a la strada, capite, non pò allucca.

FELICE: (E già, e io stongo sempe miezo a la via!).

CARLUCCIO: (Cielo mio, fannilli ghì, io che figura faccio co la Società). (Via.)

NINETTA: E ogne ghiuorne m’aggio da piglià chesto veleno, ogne ghjuorne m’aggio da arraggià de chesta manera... è na storia che ha da fenì assolutamente.

FELICE: Ma si tu che t’arraggio pe senza niente.

NINETTA: No, si tu, si tu che me faje arraggià, pecché quanno n’ommo vò bene a la mugliera non fà chello che faje tu.

FELICE: Ma che faccio io pover’ommo? Ma famme capì che faccio. Io stongo sempe dinto a la casa, poche vote esco sulo pe quacche affare e tu sai addò vaco, e quanno me ritiro accommencio a tremmà da mmiezo a li grade, e già, pecché non trovo na mugliera, trovo no giudice istruttore: me guarda, me fissa, pesa li parole che dico, studia le risposte, sta attiento che mossa faccio co l’uocchie, si me faccio janco, si me faccio russo si me mbroglio a risponnere, è n’affare serio!

NINETTA: E na vota che non hai fatto niente pecché accommencio a tremmà da miezo a li grade. L’uomo innocente non ha paura della giustizia.

FELICE: Nient’affatto, è l’uomo innocente che per lo più passe lo guajo! Niné, siente a me, non facimme cchiù quistione, non facimme ridere la gente. Tu te cride che quanno te ne vai ncoppa da la modista, arraggiata, diuno, chella te compatisce, n’ave dispiacere, ma no, chella anze se recrea tutta quante! E quanno io dummeneca me ne scennette da D. Vincenzino a lo primmo piano, che te cride che chillo cercave de mettere pace, nient’affatto, anze dicette: ma allora spartiteve, lassatela, che nce aspettate.

NINETTA: E pure D. Luisa me dice sempe chesto.

FELICE: E se capisce, e tutte quante chesto stanne aspettanno... ma pecché, nuje nce simme spusate co tanto piacere, è appena n’anno che simme spusate, pecché nce avimmo da piglià tanta collera. Tu tiene l’esempio de papà e mammà. So’ 34 anne de matrimonio, non c’è stato maje na quistione fra di loro, sempre d’accordo, sempre in perfetta pace.

NINETTA: E vuò mettere papà cu ttico? Ma papà è nu santo. Papà, una femmena ha conosciuto ncoppa a la terra ed è stata mammà.

FELICE: Ma mammà, non ha tenuto lo carattere tujo, tu faje menà da coppa abbascio a no pover’ommo, tu me miette co li spalle nfaccio a lo muro.

NINETTA: Tu lo sapive comme la pensavo e te lo dicette, quanno faceveme ammore, te ricuorde! Felì bada che tu non haje da guardà nfaccia a nisciuna femmena, non haje da pensà nemmeno de me tradì, pecché si no so’ guaje, so’ guaje!...

FELICE: Ma che nce penza, chi te vò tradì.

NINETTA: E già, avarria da stà sempe appriesso a te!

FELICE: E miettete sempe appriesso a me, che t’aggio da dicere, io la matina tu lo saje, vaco nu poco dinto a la Borsa pe vedé de fà quacche affare, te pozzo portà passianno pe dinto a la Borsa... e là nce stanno cierte bammenielle che chesto jarriene trovanno. No juorno sì e no juorno no, me vaco a fà la barba addò Cobianco, miezo Toleto... te pozzo portà pure a te dinto a lo salone! Che figura faje? Chesto che cos’è, fatte capace. Levate sta gelosia da la capa. Nuje putarrieme stà cujete, tranquille. Papà tujo me passa 1500 lire a lo mese. Io fra la robba che me rimanette mamma, levene tasse, quacche debituccio, qualche obbligazione restano sicuro più di 1000 lire e non nce so’ mise che dinto a la Borsa abbusco due o treciento lire, che volimmo cchiù. Putarrieme stà nella pace degli angeli. Chella povera Tuzchicella la gatta, pecché te pigliave collera che io me la mettevo nzine, l’accarezzavo, dicive che io curavo cchiù a essa che a te, cinche sere fà la pigliaje e la portaje a sperdere fore a la marina.

NINETTA: Uh! Povera bestia!...

FELICE: E bisognava vedere che facette quanno io la lassaje, se afferraje ncuollo a me, io la sbattette nterra e me facette no scippo ccà ncoppa.

NINETTA: Voglio vedé.

FELICE: Lo vì ccà, lo vì, lo vì; mò se sta seccanno. (Mostra il braccio.)

NINETTA: Ah!... Te facette nu brutto scippo, non me n’era accorto... veramente la gatta te facette stu scippo?

FELICE: Mò te lo siente no pacchero, e chi me l’aveva da fà, addimanne a Carluccio lo servitore che venette cu mmico chella sera.

NINETTA: Pover’animale, me dispiace!

FELICE: Mò le dispiace mò!

NINETTA: Da na parte me dispiace e da n’ata parte me ha fatto piacere che se n’è ghiuta. Tu pe chella gatta facive cose de pazze.

FELICE: Ma vattenne, famme stu favore! Vedite, mò piglie gelosia de na gatta! Va, fenimmela, non ne parlamme cchiù, damme n’abbraccio.

NINETTA: E chella figliola che steva dinto da Mele, veramente non la conoscive?

FELICE: Non la conosco, credimi.

NINETTA: E giuralo.

FELICE: Te lo giuro sulla tomba di mio padre e di mia madre.

NINETTA: Va bene, ti credo. Che aggio da fà, nun songo io, io so’ gelosa, so’ gelosa assaje, dubito sempre.

FELICE: Ma non dubità di niente pecché io voglio bene a te, solamente a te. (L’abbraccia.)

SCENA TERZA

Luigino e detti.

LUIGINO (vedendo i due abbracciati, tossisce per farsi sentire).

NINETTA: Uh! Luigino!...

LUIGINO: È na cosa curiosa, sapete, pare fatto apposta, vuje mò ve appiccecate sempe, facite un’arte da la mattina a la sera, e la combinazione quanno vengo io ve trovo abbracciati.

NINETTA: Te dispiace?

LUIGINO: Ma no, anze me fà piacere, volarria che stisseve sempre accussì, ma dico guardate la combinazione, aggio da trasì sempe co na cannela mmano! Carissima sorella, mio caro cognato. Sono capitato in un brutto momento, è vero? Ma dovete scusare, io che ne sapevo.

FELICE: E accussì, che novità me puorte? Sei riuscito all’esame?

LUIGINO: Riuscito all’esame? Ancora a chesto state, e tu non l’haje detto niente?... Io fuje bocciato!...

FELICE: Ah! Neh!... Vì che bella cosa!

LUIGINO: E per la terza volta! Ma mò facette addirittura no guajo! Quando il cattedrattico mi domandò: Che cos’è l’idropisia? Io risponnette: È quella malattia che corre l’està pei cani. Figuratevi avette na cucca llà ncoppe; tutte quante: Più più cacciatennillo fore; Facette na figura infelicissima.

FELICE: E bravo! Mò credo che papà se ha luvato lo pensiero de te fà studià.

LUIGINO: No, se lusinga ancora, e me seguita a mannà la mesata. Isso sape che l’esame non l’aggio dato ancora. (Ridendo.)

NINETTA: Povero papà!

LUIGINO: No, ma per carità, sapete, nun dicite niente!

FELICE: Oh... te pare...

NINETTA: Da quanto tiempo non vide a mammà e a papà, stanne buone?

LUIGINO: Benone!... Si li vide me parene duje piccerille. Io ogne quinnece juorne li vaco a trovà. Ultimamente me facettene trovà no pranzetiello proprio scicco, ma che carne, che vino sta a chillo Foggia.

NINETTA: Non s’hanno volute movere cchiù da là.

FELICE: E se capisce! Chille tenene chella casa, chella massaria, chell’aria! Basta, Niné, io vaco no momento a la Borsa, sto co no penziere terribile, la settimana passata m’accattaje no poco de rendita, voglio j a vedé che se fà.

LUIGINO: E ghjate, ghjate, facite ambressa.

FELICE: Io mò torno. Lesto lesto non trico manco no quarto d’ora.

NINETTA: Ma nce putive j quanno simme asciute...

FELICE: Io steva cu te comme faceva? T’aveva rimmanè mmiezo a la strada? O pure t’aveva portà cu mmico dinto a la Borsa?

LUIGINO: Ah! No, non conveniva. La Borsa è fatta per gli uomini.

FELICE: Nun accummincià a fà castielli in aria, famme stu piacere, io mò vengo, mò vengo. Luigi, tiennele no poco de compagnia.

LUIGINO: Se capisce, fate i fatti vostri.

FELICE: Nu quarto d’ora, 20 minuti e sto ccà. (Via.)

NINETTA: (Quacche appuntamento teneva, e ha trovato la scusa de la Borsa, afforza me vò mbruglià!).

LUIGINO: Niné, io aggio avuto piacere che se n’è ghiuto maritete, pecché t’aggio da dicere na cosa a te sola. Un affare mio, un affare serio.

NINETTA: N’affare serio? E de che se tratta?

LUIGINO: Ti debbo parlare del mio prossimo matrimonio.

NINETTA: Matrimonio tujo? (Ridendo.)Te vuò nzurà? Tu?

LUIGINO: Io sì, e non capisco che c’è da ridere, che forse nun me pozzo nzurà, ched’è nuh songo ommo?

NINETTA: Ah! Sicuro. Ma me pare na cosa curiosa co lo carattere tujo, allegro, pazziariello, volubile... tu tiene sempe tre o quatte nnammurate nfrisco, te nzure? E comme te nzure?

LUIGINO: Embè, me nzoro! Questa volta ci sono capitato. Sarà il destino, il feto... il fato... ma sta vota me nzoro non nc’è che fa non ne pozzo fà a meno, mi trovo compromesso, ho dato la mia parola.

NINETTA: E chi è sta figliola, sta povera figliola disgraziata che ha da capità mmano a te. (Ride.)

LUIGINO: Niné, famme lo piacere nun ridere! È nu zucchero, na rusella de maggio, tene 17 anne, ma che vucchella... che uocchie, che manelle, che grazia!

NINETTA: Ma denare ne tene?

LUIGINO: A zeffunno! Lo patre se chiatnma D. Peppino Scorza, lo cunoscene tutte quante è di Casoria.

NINETTA: Ah! So’ de Casoria?

LUIGINO: Già, negoziante di porci, milionario, nun tene nisciuno, sulo chella figlia, che t’assicuro è proprio n’angelo. Si chiama Serafina.

NINETTA: Uh! Che brutto nomme.

LUIGINO: Si, ma io la chiammo Fifì. Bella Fifì... Viene ccà Fifì...

NINETTA: Comme fossena cacciottella... (Ride.)E te piglie a una de Casona? Na cafona?

LUIGINO: Cafona? Ma tu non saje quella che cos’è. Na simpatia rara.

NINETTA: Ma comme la conusciste?

LUIGINO: Pe na combinazione, na vera combinazione. Nu mese fa, verso le 10 a sera, io stevo cammenanno sulo pe Tuledo cu la sigaretta mmocca e pensavo a chell’assassina de Lucia la modista che dopo tanta promesse, tanti giuramenti m’aveva lassato e s’era misa cu n’ato. Quanno tutto nzieme vaco pe me avotà e veco na guagliona che correva correva pe coppe lo marciapiede a sinistra vicino a me e chiagneva: Io voglio a Tatillo, io voglio a Tatillo mio!... (Piange.)

NINETTA: Tatillo?!!...

LUIGINO: Allora, ma mò l’aggio mparato a dicere papà.

NINETTA: Ah! Bravo; e addò steva Tatillo?

LUIGINO: L’aveva sperzo mmiezo la folla, e chiagneva comme a che, allora m’accostai: nennè, pecché chiagnite, ch’è stato? Aggio sperzo a Tatillo mio, comme faccio?... Io voglio a Tatillo, io voglio a Tatillo... Ma addò l’avite perzo? Simme trasute dinto a na chiesa pe me piglià la benedizione, quanno simme asciute mmiezo a tutta chella folla de gente, nce simmo sperzo, uh, io mò moro! Io mò moro... ma aspettate, non chiagnite, mò vedimmo si lo potimmo trovà, a quale chiesa site trasute? E chi lo sape! Na chiesa granna granna, e na strada longa longa addò steveno tanta lampiune — aggio capito, dicette io, ha da essere a San Francisco de Paolo, mmiezo Palazzo, venite co mmico. Arrivajme mmiezo Palazzo... nonsignore, non è stato ccà. Uh, io voglio a Tatillo. (imita il pianto della fanciulla.)Chell’era na chiesa che sta ncoppa a na sagliuta appesa appesa — po nce stanno tanta grade. Ah, aggio capito, ha da essere ncoppa Santa Maria degli Angeli. Sissignore venite co mmico. Jettemo nientemeno ncoppe Santa Maria de l’Angelo.

NINETTA: Da miezo Palazzo, fuje na bella cammenata!

LUIGINO: E chi se n’addonnaje! Figurete, io teneva a chella pe la mano, pareva comme avesse volato. Jettemo ncoppo S. Maria de l’Angelo, tutta chella sagliuta... Nonsignore, non è stato ccà. Uh! Io voglio a Tatillo — se dice papà. (Piange.)Io aggio ditto sempe Tatillo. Ma comme se chiamma papà vuosto? Si chiamma Peppino Scorza io me chiammo Serafina. E mò v’accompagno a la casa, addò state de casa? A Casoria, nuje simme de Casoria. Ma che site venute a fare a Napoli? Ajere venettemo a trovà na zia mia che s’è fatta monaca — embè, ajssera addò dormisteve co papà? Jetteme a la lucanda. Bravo, mò là ve porto. Comme si chiamma sta locanda? E chi se lo ricorda! E na locanda granna granna, miezo a na strata...

NINETTA: Longa longa... lo solito!

LUIGINO: Io la verità me pareva ca vicino a essa volavo, ma m’ero stancato de cammenà, non me fidavo cchiù! Addò jevo piscanno sta locanda granna granna, miezo a na strata longa longa... dicette: mò sapite che facimmo? Ve porto ncoppo da la patrona de la casa mia, chella ve dà na stanza, v’addurmite, e dimane vedimmo de trova a papa. No, vuje che dicite, vaco a dormì dinto a na casa che non conosco. Vuje pazziate! Tatillo m’accidarrie! Uh, povera a me, povera a me, io mò moro, aiutateme! Dicenno chesto me cade dinto a li braccia co na convulsione!

NINETTA: Povera figliola!

LUIGINO: Oh, stateve bene — dicette io — è succiesso lo guajo!

NINETTA: E allora che faciste?

LUIGINO: Eh, non me perdette de coraggio! Chiano chiano, passo passo, la portaje dinto a na puteca de zarellara che fortunatamente steva aperta. Princepà, scusate, facite assettà no momento a sta figliola, ha sperzo lo patre e tanto de la paura è svenuta... io mò vengo, vaco a chiammà no miedeco. Uh, poverella, jate jate, ce stongo attiento io. Grazie tanto. Me mettette a correre, s’erano fatte l’unnece e meze. Mentre me stevo accostanno a chella farmacia che sta a la calata de lo Museo, veco a no viecchio che chiagneva, co li bracce pe l’aria e dicèva: Figlia mia! Bambinella mia! Aggio sperzo a figliema mia!

NINETTA: Uh, lo pate!

LUIGINO: Già, lo pate, D. Peppino Scorza che ghieva trovanno la figlia. Figurati, dinto a chillo momento non ncè vedette cchiù. L’afferraje — diciteme na cosa vuje ve chiammate D. Peppino Scorza?... Sissignore. Tenite na figlia che si chiamma Serafina? Sissignore. E stasera l’avita sperza? Sissignore. E l’aggio trovata io! La tenite vuje? E addò sta, cacciatela! — Comme l’avesse tenuta dinta a la sacca — Venite co mmico. Jetteme da la figlia e te puoi immaginà che scena! Abbracci, vase, pianti, chiagneveno loro, chiagnevo io, chiagneva la zarellara. La gioia nun me faceva capì niente cchiù! Lo pate vasavà a la figlia, vasava a me — io vasavo a loro e stunato, vasaje pure a la zarellara. (Ninetta ride.)Me purtaje la cena — e stettemo nzieme fino a li 2 doppo mezzanotte — po l’accompagnaje a la casa — tanta ringraziamenti. — Lo pate me dicette: Vuje mi avete fatto trovà a figliema e io pe vuje so’ pronto a fà tutto, cercatemi qualuncua cosa. Va bene, jateve a cuccà, dimane se ne parla. La mattina appriesso la jetti a fà na visita — me facetteno restà a mangià co loro, po nce tornaje, accomminciaje a dì quacche parola alla guagliona, e finalmente dicetto a lo pate che me la volevo spusà.

NINETTA: Bravo!

LUIGINO: Co tutto lo piacere, dicette isso. Faciteme conoscere a la famiglia vosta, e si veco che so’ gente oneste, quiete, pecché sulo chesto vaco trovanno, io subito ve la faccio spusà.

NINETTA: Bravissimo, l’hai portato a Foggia a conoscere a mammà e papà?

LUIGINO: No, no ancora, io l’autr’iere me spiegai. Stammatina so’ venute a Napole, e mangiammo ncoppo a li ciardine de Torino. Doppo mangiato li porto primme ccà, a farle conoscere a te e maritete e dimane po li porto a Foggia.

NINETTA: E dico io na vota che li vuò fà conoscere a me e a maritemo, pecché avita da magnà ncoppa a na trattoria, mangiate cca co nuje?

LUIGINO: Oh, te pare, me faciarrie piacere, era pe non ve dà fastidio.

NINETTA: Ma che fastidio, quanto sì scemo! (Chiamando.)Carluccio, Carluccio, Teresina.

SCENA QUARTA

Carluccio, Teresina, poi Carmela e detti e Michele.

CARLUCCIO (con giacca e cappello da cuoco):Comandate. (Di malumore.)

NINETTA: Carlù, prepara lo pranzo pe n’aute tre persone.

CARLUCCIO: Altre tre persone? Va bene.

NINETTA (a Teresina che è uscita senza parlare):E tu Teresì, miette a tavola n’auti tre posti.

TERESINA: Va bene. (Poi con Carluccio facendo qualche gesto di disperazione.)

LUIGINO: Grazie tanto Niné, mò te voglio cchiù bene. Vedrai che pupattella, che bisciù.

NINETTA: Ma papà li sape sti fatte?

LUIGINO: Sicuro, le contaje tutte cose.

NINETTA: E non ha ditto niente ch’è na cafona?

LUIGINO: No. Dicette basta ch’è na bona figliola, lo riesto è niente.

NINETTA: E allora va bene.

MICHELE (di dentro):È permesso?

NINETTA: Chi è? oh, D. Michelino, Carmela, favorite favorite.

MICHELE (fuori, Carmela lo segue):Carissima signora.

CARMELA Cara amica.

MICHELE: Guè, Luigì, stai ccà?

LUIGINO: Ai vostri comandi.

NINETTA: Comme va che site venute, finalmente ve site fatto vedé doppo duje mise.

CARMELA: Che vuò da me, tu sai che maritemo non se vò movere mai da Foggia.

MICHELE: Cioè, non me voglio movere, non me pozzo movere, io là tengo lo studio, là tengo tutti i clienti miei, quacche vota vengo a Napoli ma io solo, per affari.

CARMELA: A me pò me porta a Napole quanto proprio nun tene che fa.

LUIGINO: Che peccato! Una bella giovine come voi stare sempre a casa, io se vi fossi marito vi porterei sempre con me.

MICHELE: (Luigi te prego, non fà lo farenella!).

CARMELA: E D. Felice maritete non nce sta?

NINETTA: No, poco prima è asciuto, è ghiuto no momento a la Borsa, almeno comme ha ditto isso, ma mò lo vedite venì.

MICHELE: No, io non parto si non l’aggio primmo salutato, e pò l’aggio da fà na masciata de D. Raffaele, papà vuosto.

NINETTA: A proposito, comme sta papà e mammà, quanno l’avite visto?

MICHELE: L’autr’iere nce mmitajene a mangià co loro. Stanne na bellezza tutte li duje. D. Rafele, specialmente, s’è fatto che non ne pò cchiù.

CARMELA: Chille so’ duje perzune sule, se vonno bene, non se pigliene mai collera, non fanno maje chiacchiere, se capisce che hanno da stà buone.

MICHELE: La matina se vanno andacquanno li fiore che teneno fore a lo ciardino, lo juorno se fanno na passiatella ncarrozza a riva de lo mare, la sera se fanno la partetella.

NINETTA: Ah, la sera giocano?

MICHELE: Già, fanno lo scopone, nzieme Co n’amico mio avvocato, no cierto Antonino e la simpatica Lauretta.

NINETTA: E chi è sta Lauretta?

MICHELE: Non la conoscite?

NINETTA: No, non l’aggio visto mai.

MICHELE: È un’emima di S. Carlo, vedova, lo marito era un ricco negoziante genovese, la rimanette bona, capite, e siccome l’aria di Foggia dice che le fà bene, accussì l’affittai no quartino de proprietà de D. Rafele dinto a lo stesso palazzo sujo. Ma è veramente na bella figliola, tene duje uocchie che fanno restà ncantate.

LUIGINO: L’uocchie sulamente? E la bocca?

MICHELE: Ah, la bocca poi non ne parliamo, tene cierte diente che se ponno pittà.

NINETTA: Lo dicite de na manera che quasi quasi facite credere quacche cosa.

MICHELE: No, chesto pò no! Vi assicuro che non ho tradito ancora mia moglie.

NINETTA: È overe, neh, Carmè?

CARMELA: E che ne saccio!

LUIGINO: Neh, signori miei, io v’aggio lascià, abbiate pazienza, aggio da j a piglià a D. Peppino co la figlia, chille me stanno aspettanno ncoppa la lucanda.

MICHELE: Chi è sto D. Peppino?

LUIGINO: È il padre della mia prossima sposa.

MICHELE: Ah, te nzure? Bravissimo!

CARMELA: Volimmo conoscere la sposa.

LUIGINO: Oh, troppo onore, ogge mangia ccà. Mia sorella ci ha invitati. Se aspettate, ve la faccio conoscere, vedrete un tipo nuovo, una cosa troppo scicca!

CARMELA: E bravo Luigino! (Ride.)

MICHELE: Voglio vedé proprio che gusto haje tenuto.

NINETTA: Ma allora restate vuje pure a mangià ccà, passammo na giornata allegramente!

MICHELE: Grazie tanto. Che dice neh, Carmè?

CARMELA: Che aggio da dicere, accetto, te pare, quanno se tratta de sta ncompagnia de Ninetta.

MICHELE: Allora accettiamo e grazie di nuovo.

CARMELA: Però primme de mangià, volarria j a fà visita a zi zia, chella che sta malata poverella.

MICHELE: Ah! Sicuro, me n’era scurdato, nce pigliamme na carrozzella e ghiamme e venimmo lesto lesto.

CARMELA: Dice buono, e và fà venì na carruzzella.

MICHELE: Eccomi qua.

CARMELA: Venite priesto.

MICHELE: Non dubitate. Jamme Luigi, scennimmo nzieme.

LUIGINO: Con tutto il piacere, Signora. Cara Ninetta, mò nce vedimme. Ve voglio fà restà co la vocca aperta!

MICHELE: Tanto che è bella?

LUIGINO: È una cosa rara!

MICHELE: E bravo Luigino! (Viano.)

CARMELA: Ma veramente se nzora?

NINETTA: E chi lo sape, isso accussì dice, povera figliola che nce capita, ha passato lo guajo, mò fa tanta ammuina, la chiamma bella assai, nce va pazzo, appena pò le sarrà marito, ne và trovanno a n’auta.

CARMELA: E pecché, pò essere che la vò bene, e le fà na bona compagnia.

NINETTA: È impossibile, tutte l’uommene so’ accussì. Tutti li marite hanno da tradì li mugliere.

CARMELA: Oh, agge pacienza, Niné, tutte li marite pò no, me pare n’esagerazione, nce stanno pure chille che non lo fanno.

NINETTA: Maritete, per esempio... (Ridendo.)

CARMELA: E pecché ride... mariteme, sì, te pozzo assicurà che Michele me vò bene e non sarria capace de tradirme.

NINETTA: Povera Carmela, me faje compassione!

CARMELA: Ma pecché?

NINETTA: Tu tiene troppa fiducia a maritete.

CARMELA: Ma pecché che saje quacche cosa d’isso?... Ma parla.

NINETTA: No, io nun saccio niente... ma... dimme na cosa, quanno maritete esce te non vai sempe appriesso a isso?

CARMELA: No, se capisce, e che ghiarrìa a fà sempe appriesso.

NINETTA: E quanno esce tu saje addò va?

CARMELA: Sì, va da li clienti suoje, va a lo tribunale insomma va a fà li fatti suoi.

NINETTA: Sulamente pe chesto esce? E ne tiene na prova?

CARMELA: No, ma me l’immagino.

NINETTA (ridendo):Ah! Allora quanno te l’immagine va bene.

CARMELA: Ma che vuò che faccio, comme putarria sapé addò va...

NINETTA: Uh! Nce stanne tanta mezze, tanta maniere pe l’appurà... Per esempio, quanno torna a la casa, tu l’addimanne da dò vene?

CARMELA: No, non nce lo addimanne mai.

NINETTA: Brava! E che fai?

CARMELA: Niente. Si sta sudato lo faccio cambià, si me conta quacche fatto, lo stongo a sentere, si nun me dice niente, è segno che niente m’ha da dicere, nce assettamme a tavola e mangiamme.

NINETTA: Ma quacche vota liegge li lettere che riceve?

CARMELA: No, chesto mai. Se pigliarria collera.

NINETTA: Vai a vedé dinto a la scrivania che tene, dinto a lo portafoglio, dinto a li sacche?

CARMELA: No, mai!

NINETTA: E allora se capisce che non può appurà niente, tu non te ne incariche e chillo fà chello che vò isso.

CARMELA: Ma no, cara Ninetta, io non me ne incarrico pecché lo voglio bene, e sti cose non le penso affatto.

NINETTA: Oh, io pure voglio bene a mariteme, ma però lo sorveglio sempe, lo stongo sempe ncuollo. Quanno esce l’addimanne addò và, quanno torna voglio sapé da dò vene.

CARMELA: Povero disgraziato!

NINETTA: E quanno me risponne io me stongo attienta che dice, si se mbroglia.

CARMELA: E le succede quacche vota?

NINETTA: Mai.

CARMELA: E dunque?

NINETTA: Eh, chillo è astuto! Tutte li lettere che riceve io l’apro senza che se n’addona.

CARMELA: E comme faje?

NINETTA: Oh, na cosa facilissima, Co lo fummo de l’acqua bollente, dinto a duje minute la busta è aperta, te l’aggia mparà.

CARMELA: E n’hai scoperta quaccheduna compromettente?

NINETTA: Mai.

CARMELA: E allora?

NINETTA: Se vede che se le fà mannà fermo in posta. Quacche vota nce so’ ghiuto appriesso dinto a na carrozzella co lo mantice alzato.

CARMELA: E l’hai visto j da quacche femmena?

NINETTA: No, pecché chillo è fino assai, se n’addone che nce vaco appriesso e chillo juorno và pe li fatte suoje. Vide, io la notte so capace che non dorme pe sentì chi sa dicesse quacche cosa nzuonno, quacche parola, si annommenasse quacche femmena. E cu tutto chesto che faccio, chill’assassino me tradisce... oh, ne so’ certa!

CARMELA: Ma si non hai avuto nisciuna prova...

NINETTA: Fino a mò, ma l’aggio da avé, oh, non nce penzà! Pecché quann’esce co mmico subeto se veste e quanno esce sulo sta n’ora e meza vicino a la toletta? Pecché soltanto quann’esce sulo vò la cammisa stirata, lo fazzoletto pulito. Pecché?

CARMELA: Combinazioni, cara mia, combinazioni che si danno.

NINETTA: Tu credarrisse accussì, ma io no. Io non so’ scema comme a te.

CARMELA: Niné, vuò sapé la verità? Chesta è na brutta malatia che tiene, tu te riende infelice senza ragione, la gelosia te fà immaginà mille cose e non staje mai quiete, tu hai da essere cchiù sciolta.

NINETTA: Pe essere cchiù sciolta avvarrìa tenere lo carattere tujo.

SCENA QUINTA

Carluccio, poi Teresina.

CARLUCCIO: Signurì, abbascio ve sta aspettanno la carrozzella co lo marito vuosto.

CARMELA: Ah, sì, eccomi qua. Dunque, Ninè, io vaco da zi zia, a n’auto poco nce vedimme, sta jurnata te voglio fà stà de buonumore, nce volimmo fà nu sacco de rise.

NINETTA: Viene ambressa.

CARMELA: Mò vengo... mò vengo... (Via.)

NINETTA: Carlù, dì a Teresina che mettesse a tavola n’auti duje poste, e prepara lo pranzo pe cinche perzone de cchiù.

CARLUCCIO: N’auti duje, va bene.

NINETTA: E vide si chill’assassino vene, ha ditto che subeto tornava, va trova addò è ghiuto, va trova addò se sta trattenenne. Eh, ma io nun so’ Carmela. Si nun vene pe n’auti diece minute, vaco dinto a la Borsa, e guaje si nun lo trovo llà, la faccio fenuta, nun sento cchiù ragione. (Via a sinistra.)

CARLUCCIO: Ma guardate la combinazione, juste ogge avevano da stà cinche perzune a mangià ccà. E comme la combino, addà vaco a mettere la faccia co lo presidente, coi soci.

TERESINA (uscendo):Carlù, lo patrone s’è ritirato?

CARLUCCIO: No ancora. Sai che mmece de tre so’ cinche poste che hai da mettere a tavola, ne venene n’auti duje.

TERESINA: N’auti duje? Meglio, non te ne incarricà. Aggio fatta na pensata che si me riesce facimmo lo colpo, tu vai all’Assemblea e io vaco a mangià da la commara.

CARLUCCIO: Possibile, tu che dice, e comme?

TERESINA (cacciando una bottiglia dalla tasca):Addora ccà, chesto ched’è?

CARLUCCIO: E na butteglia d’addore.

TERESINA: E de che addore?

CARLUCCIO (odorando): E che saccio, addore de purpetielle.

TERESINA: È muschio. Me la regalaje na compagnia mia.

CARLUCCIO: E che haje da fà cu chesta?

TERESINA: Quanno lo patrone e la patrona s’appiccecano che fanno? Isso se ne scenne da D. Vincenzino a lo primmo piano, essa se ne saglie ncoppa da D. Luisella la modista e nuje rimmanimme ccà, fino all’unnece de la sera comme a duje mamozie. Embè, ogge invece de rimmanè ccà, nce ne jamme a fà li fatte nuoste placidamente. Quanno songo li 10 turnamme.

CARLUCCIO: Ah! Sicuro. Ma s’avarriano da appiccecà, e nce volarria no buono appicceco.

TERESINA: Nce penzo io, non te ne incarricà, chesta bottigliebla ha da fà tutto. Zitto... me pare che vene isso... D. Felice... sì, sì, e isso... mò è lo momento. Dalle chiacchiere.

CARLUCCIO: Che!

TERESINA: Dalle chiacchiere. Dille quacche cosa.

SCENA SESTA

Felice e detti, poi Ninetta, indi Carluccio e Teresa.

FELICE: Aggio perzo 200 lire! La rendita è scesa senza sapé pecché. Assolutamente aggio da luvà mano co sta Borsa. Va bene che io non so’ azzardoso, ma na vota de chesta nce pozzo capità co na somma e addò vaco a piglià pede. Ma già, io lo sapeva, quanno faccio quistione co muglierema non me riesce niente cchiù. Ajere me ne ascette nervoso, jette là dinto e accattaje, mentre non aveva accattà, fuje no ciuccio!

CARLUCCIO: Signò, scusate, che v’è succiesso?

FELICE: Niente, cierti fatte de li miei.

CARLUCCIO: V’ha fatto piglià collera la mogliera vosta, dicite la verità?

FELICE: No, sto così per altre cose.

CARLUCCIO: Ogge tenite mmitate, lo sapite?

FELICE: Mmitate? E chi songo?

CARLUCCIO: Cinque persone. La signora D.a Carmela co lo marito.

FELICE: Ah, Michele. E l’auti tre?

CARLUCCIO: Lo cognato vuosto D. Luigino e l’auti duje non li saccio hanno da essere amici suoje. Io aggio mannato a piglià n’auto chilo de costate, e n’auto chilo de pesce pe la frittura, comme ve pare?

FELICE: Hai fatto buono.

CARLUCCIO: Si volite fà na pezzella doce, io la faccio pure, non nce metto niente.

FELICE: No, bassa stà, io tengo appetito, non me fido aspettà cchiù! (In questo mentre Rosina ha spruzzato tutta la bottiglina di odore addosso a Felice.)E sta gente addò stanne? Dinto?

CARLUCCIO: No, so’ scise, ma credo che mò tornano.

FELICE: E va Carlù, vide de spiccià, io non aggio fatto manco marenna.

CARLUCCIO: Subeto. Approposito, quanno stammatina so’ venuto co la spesa D. Vincenzino lo primmo piano m’ha ditto: saluteme tanto tanto a D. Felice.

FELICE: E io lo ringrazio.

CARLUCCIO: Io vaco, permettete. Teresì, jamme spicciammoce, che lo patrone tene appetito, hai ntiso?

TERESINA: Eh, tene appetito! Basta che la signora lo fà mangià! Mamma mia, che carattere, che femmena, a li vote pe na cosa de niente, pe na scemità, se ntosseca essa e ntosseca a sto pover’ommo! Va bene che non lo fà pe male, va bene che è la gelosia che nce lo fa fà, ma è troppo, è troppo!

CARLUCCIO: E uno pò nun la da dà tuorto quanno chillo se nfoca, votte tutte cose pe l’aria e va a sfucà da l’amico sujo a lo primmo piano. E se capisce!

TERESINA: E che diavolo, n’ommo non è de fierro!

FELICE: Perciò primme che succede quacche cosa, spicciateve!

ROSINA: Subeto. (I due viano.)

FELICE: Tutte quante me danno ragione, ma se sape, chella è n’affare serio, pe na cosa de niente, a li vote, fà revotà la casa!

NINETTA: A, si tornate finalmente, è stato no quarto d’ora no poco luongo.

FELICE: Che vuò da me, quanno vaco dinto a la Borsa, tutti gli amici se mettene a parlà e passa lo tiempo senza che me n’addono.

NINETTA: Si non venive pe n’aute cinche minute veneva io là.

FELICE (ridendo):E là me trovave. Carluccio m’ha ditto che tenimmo invitate ogge.

NINETTA: Sì, Carmela co lo marito e Luigino co la sposa e lo patre.

FELICE: La sposa? E chi è, chella modista?

NINETTA No, è n’auta, è na figliola de Casoria che na sera aveva perduto lo patre pe mmiezo Tuleto e isso la trovaje. (Ride.)

FELICE: Ma che pazzo, che stravagante! Allora stammatina potimmo stà no poco de buonumore, te pozzo vedé nu poco allegra. (Si avvicina a Ninetta.)

NINETTA: Ma io starria sempe allegra, sì tu che me faje arraggià.

FELICE: Ma no, sì tu che suspiette sempe.

NINETTA (Che puzza de muschio!).

FELICE: Tu t’immagini na cosa e lo daje pe fatto certo, e questo è brutto sai, io ti assicuro che si nun tenisse sto carattere te vularria cchiù bene... Ch’è stato, me pare no cane!

NINETTA: Chi t’ha dato sto muschio? Pecché puzze de muschio?

FELICE: Io puzzo de muschio? Ma no, t’inganni!

NINETTA: Felì, non mi negare l’evidenza che me faje cchiù attaccà li nierve! Tu puzze de muschio.

FELICE: È vero, na puzza la tengo, ma non me pare muschio.

NINETTA: Non te pare muschio? E che cos’è?

FELICE: Sicuro, è muschio... e comme va che lo tengo ncuollo? (Escono Teresina e Carluccio e preparano la tavola in mezzo.)

NINETTA: E l’addimanne a me co chesta faccia innocente. Sì stato a la Borsa, ovè, gli amici se so’ misi a parlà e accussì è passato lo tiempo?...

FELICE: Te lo giuro!

NINETTA: Zitto, mbrughione che sì! Va trova addò sì ghiuto, a chi signora sì ghiuta a trovà che t’ha voluto profumà de chesta manera. Bravissimo!

FELICE: Io te lo giuro che non saccio niente! Aspetta, sangue de Bacco, mò me ricordo, a lo puntone de lo vico mò che me so’ ritirato nce steva no pisciavinole co na spasella de purpetielle, me n’ha fatto addurà uno. Sissignore, chesto è stato.

NINETTA: Ah, già, lo pisciavinnole t’ha fatto addurà no purpetiello, e te l’ha mbruscenato pe faccia a lo soprabito.

FELICE: Ma io t’assicuro... (Carluccio mette il mensale.)

NINETTA (tirando il mensale dalla tavola):Vattenne traditore, me ne vogl’ì, me voglio spartere, non nce voglio stà cchiù nnanze a te! Dimane matina me ne vaco a Foggia addò mamma e papà, e non te voglio vedé cchiù, mai cchiù!

FELICE: Ma cheste so’ cose de pazze, agge pacienza!

NINETTA: Ah, so’ cose de pazze, so’ pazza appriesso?

FELICE: E se capisce, sulo na pazza fà chello che faje tu! Io non saccio niente de sta puzza, che vuò da me.

NINETTA: Non ne saje niente? Tu puzze de chesta manera e dice che nun ne sai niente! La sentite vuje sta puzza de muschio? (A Teresa e Carluccio.)

CARLUCCIO: Sissignore. E addò vene?

NINETTA: La tene mariteme ncuollo, l’ha purtata da fore. Vuje m’avite da fà da testimone, pecché me voglio spartere, non nce voglio stà cchiù dinto a sta casa.

FELICE: E sì, vattenne, lasseme stà na vota pe sempe.

NINETTA: E sì, me ne vaco, me ne vaco! Mò sto nervosa, sto de chesta manera, m’aggio primme calmà e po te servo, dimane a primma matina me ne vaco a Foggia.

FELICE: Ogne ghjuorno è chesto, ogne ghiuorno è chesto, che voglio morì! (A Carluccio.)Nun m’addorà cchiù da dereto!

TERESINA: Ma signurì calmateve.

NINETTA: Niente, nun sento cchiù ragione! Me voglio spartere assolutamente! E che figura faciarria co la gente, a tené vicino chesta specie de marito? Oh, mai cchiù, mai cchiù... (Via a sinistra.)

FELICE: Io so nu galantome e la gente non ha che dire sul mio conto! (Via appresso.)

CARLUCCIO: Uh, quante jamme bello!

TERESINA: Nce so riuscita caspita!

CARLUCCIO: Zitto, jammuncenne dinto, preparamme tutte cose. Mò succede comme haje ditto tu.

TERESINA: Ma se capisce! (Via pel fondo a sinistra.)

SCENA SETTIMA

Luigino, D. Peppino e Fjfì, poi Carmela e Michele.

LUIGINO: Favorite D. Peppì, senza cerimonie.

PEPPINO: Grazie tanto! Ma site sicure proprio che non damme fastidio?

LUIGINO: Ma che fastidio! Mia sorella ha detto che è fortunatissima di fare la vostra conoscenza.

PEPPINO: E allora va bene. Serafì, assettete.

LUIGINO: Signorina accomodatevi.

FIFÌ: Io me metto scuorno!

LUIGINO: E di che ve mettite scuorno? Qua state in casa di mia sorella, come fosse casa mia, cosa vostra.

PEPPINO: Va bene, ma quanno ve la spusate, mò simme ancora gente estranea e avimmo da stà co tutta l’educazione.

LUIGINO: Ma no, avite da fà comme stisseve a la casa vosta. D. Peppì mò che mangiamme faciteme assettà vicino a Fifì.

PEPPINO: No, scusate, sarria na mala crianza. Serafina s’ha da assettà vicino a la sorella vosta.

FIFÌ: No, io me metto scuorno, me voglio assettà vicino a vuje.

LUIGINO: Ma se capisce e si no vuje non la facite mangià.

PEPPINO: Allora essa mmiezo, vuje da llà ed io da ccà.

LUIGINO: Perfettamente.

MICHELE: Eccoci qua a noi.

LUIGINO: Ah! Bravissimo. Avvocà vi presento il signor D. Peppino Scorza padre della signorina Fifì, mia prossima sposa.

MICHELE: Ah! Bravo, piacere tanto. (Gli dà la mano.)

PEPPINO: Padrone mio.

LUIGINO: Questo è un amico de famiglia, l’Avvocato Michele Stoppino, e questa è sua moglie.

PEPPINO: Riverito.

CARMELA: E quella è la sposella? Bravo! Veramente è una simpatica giovine.

PEPPINO: Grazie, è bonta vosta. (Rispunne!). (A Fjtì.)

FIFÌ: Grazie, è bontà vosta.

MICHELE: È veramente una bella coppia!

CARMELA: E quanno provamme li confiette?

PEPPINO: Isso, capite, va de pressa, volarria spusà dimane, ma io aggio voluto conoscere primma la famiglia.

CARMELA: Ah, se sape.

PEPPINO: Nuje non ghiamme truvanno carrozze, cavalle, palazze de casa, ricchezze, nonsignore, niente di tutto chesto. Jammo truvanno che lo sposo appartenesse a na bona famiglia, gente quiete, che non se fanno sentere, lo riesto non me mporta.

MICHELE: E allora potite stà contento, pecché v’assicuro che so’ tutte gente tranquille, lo patre, la mamma e tutti i parenti stanno in perfetta armonia.

SCENA OTTAVA

Felice, Ninetta e detti, poi Felice, Ninetta, Michele e Carmela, indi Teresa e Carluccio.

NINETTA (di d0. gridando):Non voglio parlà cchiù, lassame stà, hai capito o no?

FELICE (di d0. c.s.):E feniscela, miettatenne scuorno!

NINETTA (c.s.):No, t’haje da mettere scuorno tu pe chello che faje.

FELICE (c.s.):Io so’ conosciuto a Napoli, so’ no galantome.

NINETTA (c.s.):No, sì no puorco!

PEPPINO (che si è alzato):Ched’è neh! Ch’è succiesso?

LUIGINO: (Mannaggia l’arma vosta, chille mò se avevene d’appiccecà!).

CARMELA: Jamme a vedé che è succiesso. (Via a sinistra con Michele.)

LUIGINO: No, niente, è mia sorella Ninetta che quacche vota fà na quistioncella co lo marito.

PEPPINO: Na quistioncella? Chille stanne alluccanno de chella manera!

NINETTA (c.s.):Non ne pozzo cchiù, non ne pozzo cchiù!...

FELICE (c.s.):E io nemmeno! Sta femmena me fà menà da coppo abbascio!... Questa è una pazza!

NINETTA (c.s.):Felì, non me chiammà pazza che te dongo na seggia ncapo!

FELICE (c.s.):Pure chesto? Me daje na seggia ncapo? E provati, provati, si sì femmena!

CARMELA-MICHELE: Ah! Fermateve... (Di dentro gridando.)

FIFÌ: Papà, io me metto paura!

PEPPINO: Jammoncenne, figlia mia, jammoncenne! Chiste so’ li pariente vuoste? Chest’era la famiglia qujete? Chiste so’ cane e gatte! Jammoncenne, facimme ambressa!

FIFÌ: Mamma mia e che paura! (Via trascinata dal padre.)

LUIGINO: Sangue de Bacco! E comme faccio! E chisto è no guajo!... Ah, che puzzate sculà! Ma D. Peppì... sentite... Papà, aspettate... (Via appresso.)

FELICE: Lassateme stà, è troppo, non me ne fide cchiù!

MICHELE: Ma calmateve.

CARMELA: Niné, ma siente.

NINETTA: Non sento niente, la voglio fernì.

MICHELE: Ma se pò appurà almeno che è stato?

NINETTA: Ma che volite da me, io me metto scuorno pure de lo dicere, ma non la sentite la puzza che tene ncuollo?

MICHELE: Overo, tu puzze de muschio, e pecché?

FELICE (gridando):Non lo saccio, non lo saccio!

NINETTA: Vedite mò tene lo muschio ncuollo e non sape comme lo tene, ma se pò credere chesto? Me voglio spartere, me voglio spartere!

FELICE: Pe me pure dimane!

NINETTA: Pe me pure stasera!

CARMELA: Ma scuse Niné, chesta nun me pare na ragione pe te spartere da maritete, tu faje tutta chest’ammuina, pecché? Pe no poco de puzza de muschio.

FELICE: A rischio de farme venì n’accidente!

NINETTA: No, me vene a me l’accidente! Carmè, si tu si na femmena sciolta, io no, io tengo sangue dinto a li vene!

CARMELA: Ma nisciuna mugliera fà chello che fai tu agge pacienza!

NINETTA: Io voglio fà chello che me pare e piace, nun aggio da dà cunto a nisciuno, e te prego, Carmè, de te ntricà de li fatte tuoi.

CARMELA: Se sape, e che me ne mporta a me! Io si aggio parlato è stato pe bene tujo. Jammoncenne, Michè, chiste non so affare che ci riguardano.

MICHELE: Aspetta no momento.

CARMELA: No, me ne voglio j. Ninetta non ha capito mai che significa amicizia. Non sape trattà. (Via pel fondo.)

MICHELE: Mò s’è pigliata collera mò, Felì...

FELICE: Michè... so’ risoluto. Dimane l’accompagno a Foggia da lo patre e da la mamma, pecché m’aggio da discolpà co loro, e pò me voglio spartere, legalmente. (Marcato.)

NINETTA: Se capisce, legalmente.

FELICE: Sono deciso!

NINETTA: So’ risoluta...

MICHELE: Ma non facite ridere la gente! Basta, dimane nce vedimme là. (Via.)

FELICE: La tavola mise, gente invitate. Hai fatto sta bella figura!

NINETTA: L’hai fatto tu la brutta figura, no io! Basta, non voglio sentere niente cchiù. (Chiamando.)Teresina... Teresina...

TERESINA (uscendo con piatto di formaggio):Comandate... (Carluccio la segue con zuppiera di maccheroni che depone a tavola.)

NINETTA: Io me ne vaco ncoppe da la modista, non me chiammà fino a stasera, chiunque venesse.

TERESINA: Ma signurì...

NINETTA: Zitto! Hai ntiso? Nun me chiammà fino a stasera.

TERESINA Va bene... (Ninetta via pel fondo.)

FELICE: Vedete che agire! E sì na signora tu? Sì na femmenella! Sì na femmena de strata! La signora non lassa la casa e se ne va ncoppa da na modista. Queste sono prove per avere la separazione, altro che puzza de muschio! Ricordatevelle, sapite, l’avite da dicere in tribunale. Avite da dicere ch’è na pazza, ch’è na femmena che me vò fà murì. E ricordateve che essa se n’è ghiuta da la modista e io non me movo da ccà. So’ no galantomo, so’ no buono marito, m’assetto a tavola, mangio e stongo dinto a la casa fino a che non se ritira essa... e non ve movite da vicino a me... pecché me pò venì na cosa e non tengo chi m’aiuta! (Nervosissimo scopre la zuppiera e mangia avidamente i maccheroni fumanti. Carluccio e Teresina, avviliti, cadono sulle sedie, mentre...)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera con due porte in fondo, tre laterali e una finestra. Prima quinta a destra, in fondo, tra le due porte, una mensola, con sopra orologio e candelabro. Un tavolino con tappeto nel mezzo del teatro, con sopra bottiglia di Cognac e bicchierini. Sedie ecc. ecc. Nel mezzo della scena vi sono sospensioni a luce elettrica, ma spenta.

SCENA PRIMA

Rosina e Bettina, poi Raffaele.

ROSINA (prendendo il caffè):Bettì, Papele che sta facenne?

BETTINA: Signò sta aspettanno lu guardaporta che l’è ghiuto ad accattà na libbra de frutte sciureppate, l’aggio ditto: Mò l’aspetto io signò, jatevenne dinto. Nonsignore, l’aggio da aspettà io, e non dicere niente a Rosina.

ROSINA: Ah! Aggio capito, me vò fà la sorpresa, siccome poco primme aggio ditto che m’avarria proprio mangiato doje perelle e doje castagne sceruppate, isso è ghiuto e me l’ha mannato ad accattà. E accussì cu tutto cose, so’ priva de arapì la vocca.

BETTINA: Che ommo! Che marito!... L’avarrie ne da attuppà tutte li femmene!

ROSINA: Sì, ma io pure lo voglio bene, figurete so’ 34 anne che simme spusate e non me ricordo ancora che me avesse piglià tanto de collera, né io nce n’aggio fatto piglià a isso.

BETTINA: Che bella cosa!... Viate a vuje! (Cielo mio mautieneme lo stommaco!).

ROSINA (si alza e va in fondo e grida):Papele, Papele?...

RAFFAELE (di d0.):Mò vengo... mò vengo... e che diavolo!... Tanto tiempo nce voleva, mò me facive figlià!... (Fuori.)Eccome ccà a me. Assettammoce, t’aggia da dà na cosa. (Con cartoccio nascosto.)

ROSINA: Le solete cose segrete. Che m’haje da dà?

RAFFAELE: Quanno avimmo fenuto de mangià poco primme che haje ditto?

ROSINA: E chi se lo ricorda mò...

RAFFAELE: Comme, quanno nce stevene mangianno li frutte che vulo t’è venuto?

ROSINA: Ah! Sì... li castagne e li perelle sceruppate.

RAFFAELE: E li bì ccà. Te l’aggio fatto accattà.

ROSINA: E pecché... che diavolo era gulio de prena.

RAFFAELE: Tè... doje perelle a te... e doje perelle a me. Tre castagne a te e tre Castagne a me. St’aute mbroglie pò te li piglie tutte quante tu. Io ogge aggio mangiato assaje, non me ne fido cchiù.

BETTINA: Sul’ogge, neh signò? Vuje cu salute ogne ghjuorne mangiate e bevite buono.

ROSINA: E s’ha da mantené nu poco, lo vide che panza haje fatta?

RAFFAELE: Sì, chesto è overo, la panza s’è ngrossata nu poco, ma la toja manco scarzea! Lassele crescere, nun te ne incarricà, è segno de salute. Jammo, n’auto bicchierino de Cognac. (Versando il Cognac in due bicchierini.)

ROSINA: No, non ne voglio cchiù, me fà male.

RAFFAELE: Ma che male e male, anze chesto fà digerì, bive... (Bevono.)Neh, nuje che avimme da penzà... a mangià e a bevere. Lo cielo nce ha mannato tutto chello che vulevemo, co li fatiche meje m’aggio fatto na discreta posizione e nun aggio bisogno de nisciuno, avimmo avuto nu mascolo e na femmena, la femmena l’avimmo mmaretata cu nu buono giovene, non le manca niente, e s’adorano de penziere, lo mascolo Luigino, studia a Napole, s’è fatto onore co li maeste, mò l’è venuto ncapo de se nzurà, ha truvato na guagliona ricca e bella. Simme rimaste nuje sule, che avimmo da fà? Che avimmo da penzà? Mangiammo e bevimmo.

BETTINA: E pe cient’anne signò, e pe cient’anne!

RAFFAELE: Grazie. Leva sta tazza da ccà ncoppa, sta butteglia e sti bicchierini. Mò vide venì D. Antonino l’avvocato, D.a Lauretta, e avimmo da fà lo scopone. (Bettina toglie tutto dal tavolino.)

ROSINA: A proposito, saje che ajeressera D. Antonino m’ha parlato n’auta vota de D.a Lauretta?

RAFFAELE: N’auta vota?

ROSINA: È n’affare serio, è na fissazione! Ha ditto che si nun se spose a chella, isso nun pò campà.

RAFFAELE: E sta frisco!...

BETTINA: A mme pò m’è tanto antipatica chella D.a Lauretta che si fosse ommo nun la guardarria manco nfaccia.

RAFFAELE: Bettì, famme lo piacere ntrichete de te, questi non sono affari che ti riguardano, e te ne prego de tené nu poco de maniera co D.a Lauretta, pecché prima di tutto quella è una signora e merita tutti i riguardi, e poi è inquilina mia e me dispiace che la trattasse malamente.

ROSINA: Oh! Se Capisce.

BETTINA: E chi le fà niente neh signò, chella è essa che tene tanta superbia.

RAFFAELE: Basta te l’aggio avvisato e mò nun te lo dico cchiù. Va, vattenne fore, lasseme parlà.

BETTINA: Sissignore. Io tengo maniere cu tutte quante, ma la superbia non la pozzo suffrì, chella cumanna a meglio a meglio, comme fosse la padrona de la casa. (Via pel fondo a sinistra.)

RAFFAELE: Lo difetto de sta figliola è che mbrusunea sempe. Dunque, steveme dicenne che D. Antonino se vularria spusà a D. Lauretta?... Ma nun pò essere, se l’ha da luvà da la capa. Primme di tutto isso nun tene niente, tene la professione, e che le dà sta professione? Tanto poco che niente. E poi, io saccio che chella doppo la morte de lo marito nun ha voluto sapé cchiù de matrimonio, e si no te pare... è ricca, è na bella figliola, la facevano stà ancora a spasso?

ROSINA: Isso vularria che tu parlasse cu D.a Lauretta e nce mettisse na bona parola.

RAFFAELE: Io?...

ROSINA: Non credo che te dispiace?

RAFFAELE: No... anze me fà piacere, ne songo certo che è na cosa inutile.

ROSINA: Dice che no?

RAFFAELE: Ma si capisce...

ROSINA: E non mporta. Almeno lo facimmo cuntento. Tu le faje lo piacere, che pò nun pò essere che avimmo da fà?

RAFFAELE: E va bene, ogge quando me capita nce parlo.

SCENA SECONDA

Lauretta e detti.

LAURETTA (di d0.):È permesso?

ROSINA: (Zitto... la vì ccà’...).

RAFFAELE: Favorite... favorite...

LAURETTA (fuori):Cara D.a Rosina. Carissimo D. Raffaele.

RAFFAELE: Comme va ogge site venuta cchiù tarde?

LAURETTA: Sì, pecché so’ ghiuta a esigere cierte mesate de no fondo che teneva mariteme vicino Foggia. Figurateve nu sito che pe nce arrivà nce vò la mano de lo Cielo, sagliute, scese, alberi, polvere, a lo tornà so’ ghiuta a la casa e m’aggia avuta cambià da capa a lo pede, perciò so’ tricato nu poco.

ROSINA: Ma vuje avisseve bisogno de n’ommo, n’esattore...

LAURETTA: Sì, avete ragione, ma nun l’aggio fatto pe nun me mettere n’auta spesa ncuollo.

RAFFAELE: Ma se capisce... e pò che ne ha da fà dell’esattore, chella fa tutto essa e fa buono, nun sta soggetta a nisciuno.

LAURETTA: V’aggio purtata la mesata de lo quartino, ogge è scaduta, siamo in perfetta regola.

RAFFAELE: Avite fatto buone de purtarmela ogge, pecché io già aveva preparata la citazione. (Ridono.)Ma che ghiate facenne, lassate stà, me li date tutte e doje lo mese che trase.

LAURETTA: No, no, io non voglio tenè penziere... ecco qua. (Gli dà il denaro.)

RAFFAELE: Grazie tanto. Rosì, tiene, pigliete sti denare.

ROSINA: Tutte l’inquiline avarriano da essere puntuale comme a vuje, sarria no piacere. (Conta il danaro.)

RAFFAELE: Damme nu calamaro e nu foglio de carta. Ce aggio da fà la ricevuta. (Rosina va a prendere il calamaio e la carta.)

LAURETTA: E va buono, dimane me la farete trovare.

RAFFAELE: No, scusate, ve l’aggio da dà mò, in perfetta regola, mò m’avite dato la mesata e mò v’aggio da fà lo ricevo.

ROSINA: Ecco ccà lo calamaio e la carta. (Parlece mò primme che vene D. Antonino, io faccio avvedé che vaco dinto).

RAFFAELE: (E sì, dice buono, accussì nce luvamme lo penziero).

ROSINA: Permettete D.a Laurè, vaco a piglià nu fazzuletto dinto a la cammera mia, mò torno.

LAURETTA: Fate pure... (Rosina via a sinistra.)

RAFFAELE: E nce state sempe cu piacere dinto a chillo quartino?

LAURETTA: Sempe, sempe, me piace tanto, solamente a lo salottino s’ha da cambià la carta, sta abbastantemente sciupata.

RAFFAELE: Ma la faccio cambià subeto, ve pare, non sulamente a lo salottino, ma a tutte l’aute stanze.

LAURETTA: No, l’auti stanze stanno bone.

RAFFAELE: V’hanno portato chelli piante che me cercasteve pe fore a lo ciardino?

LAURETTA: Sissignore, so’ belle assai. Grazie tanto. L’aggio mise attuorne a la fontana.

RAFFAELE: Bravo. Ah! Chella fontana che me fa venì a mente...

LAURETTA: Stateve zitto pe carità...

RAFFAELE: Io cierti vote, crediteme, nce penzo e dico: Ma che ero asciuto pazzo chillo juorno? Comme putette essere accussì ardito, così scostumato, io doppo nce avarria chiagnuto, sapite...

LAURETTA (ride):Ah! Ah, ah, ma che ghiate pensanno...

RAFFAELE: Veramente nu poco la colpa nce l’avisteve vuje... Io ero venuto a vedé lo ciardino comme steve... vuje m’afferrasteve e me portasteve vicino a la funtana: Guardate, chillo pesce è muorto... Nonsignore, dicette io, pare accussì, mò lo vedite friccecà. E io ve dico che è muorto, e io scummetto che è vivo. Allora ve tirasteve li maneche ncoppa e lo voliveve acchiappà. In quel momento nun saccio che succedette, dinto a la capa mia, vedenno chelli bracce tonne, porpose, bianche come l’avorio, perdette li scuse, nun nce vedette cchiù e v’abbracciaje e ve vasaje.

LAURETTA: Ma ve state zitto o no?

RAFFAELE: Nun nce pensate, muglierema nun suspetta niente, pecché io nun l’aggio maje tradito. Voi spero che mi avete ritornata la stima e avite perdonato a n’ommo che in quel momento era pazzo.

LAURETTA: Ma io nun nce aggio pensato cchiù, ne potite essere sicuro.

RAFFAELE: Bravo... Grazie tanto.

LAURETTA: Me vulite dà stu ricevo?

RAFFAELE: Nun l’aggio fatto ancora... ecco qua... (Mentre scrive:)Vi assicuro che all’età che tengo nun m’era maje capitato nu fatto simile. Che songo li cervelle de l’ommo? Nu sfuoglio de cepolle!... Nu sfuoglio de cipolle. E accussì succede quando uno s’accide... dice: Comme ha potuto tené lo coraggio de se levà la vita. Ma quale coraggio... quale coraggio... anze in quel momento chillo è stato na carogna, n’animale, ha perzo la ragione e non ha capito niente cchiù.

LAURETTA: (E vvì si la fenesce!...) Dateme ccà, facite ambressa...

RAFFAELE: Ecco servito. (Dà la carta.)

LAURETTA: E ccà nun nce sta la firma?

RAFFAELE: Ah, sicuro, scusate. (Mette la firma.)Ecco fatto. (Ritorna la carta.)

LAURETTA: E accussì D. Antonino nun vene stasera? Lo scopone non lo facimmo?

RAFFAELE: E che saccio!... Chillo vene sempe primme de vuje, quacche combinazione se sarrà data. (A proposito, io l’avevo da parlà de lo fatto che m’ha ditto muglierema). Io, D.a Laurè, appunto d’isso v’avevo da parlà.

LAURETTA: A me? E che m’avite da dicere?

RAFFAELE: Na cosa inutile... na cosa che nun pò succedere, ma del resto io nun nce perdo niente a ve lo dicere.

LAURETTA: Ma che cosa?

RAFFAELE: D. Antonino m’ha pregato che v’avesse ditto che s’è nammurato de vuje e assolutamente ve vo spusà.

LAURETTA: Sì, io me n’ero accorta, ma caro D. Raffaele, D. Antonino è nu buono avvocato, sì, lo saccio...

RAFFAELE: Ma non ve piace, sì, lo capisco.

LAURETTA: No, non dico, questo, anze... e nu buono giovine...

RAFFAELE: Ma pe ghiucà a lo scopone.

LAURETTA: Io pe mò non tengo l’intenzione de me mmarità n’auta vota.

RAFFAELE: E l’aggio ditto.

LAURETTA: Se me decido de farlo... ne parleremo.

RAFFAELE: Va bene. Chesto l’avite ditto pe non essere troppo aspra... aggio capito tutto cose... non parlammo cchiù.

SCENA TERZA

Rosina, poi Antonino e detti, poi Bettina, indi di nuovo Bettina.

ROSINA: Sta venenne D. Antonino, l’aggio visto da la fenesta.

RAFFAELE: (Seh! Curre, curre, che staje frisco!).

ROSINA: (Nce haje parlato? Che t’ha ditto?). (A Raffaele.)

RAFFAELE: (È inutile, nun se vò mmaretà, io lo sapevo, nun le dicere niente mò, facimme primme lo scopone si no chillo se mette de malumore e gioca malamente).

ROSINA: (Ah, se capisce!).

ANTONINO (uscendo):Signori vi saluto. Caro D. Raffaele, cara D.a Rosina, signora D.a Lauretta.

LAURETTA: Egregio avvocato.

ROSINA: Spero che stasera ve mettite no poco in allegria, che non pensate a guaje.

ANTONINO: Che volete, cara signora... gli affari, le cause, adesso ne tengo una importantissima, una separazione, sono stato in questi giorni un poco preoccupato, ma spero di avere buone notizie.

ROSINA: Accussì speramme.

RAFFAELE: Aissera, per esempio, facisteve cierte scemità a lo scopone imperdonabili.

ANTONINO: Sì, è vero, ajeressera stavo nervosissimo, e la signora si arrabbiò.

LAURETTA: Ma no, ve pare, solamente me dispiaceve che D. Raffaele e D.a Rosina vincevene e nce cuffiavano.

RAFFAELE: Vincettene niente meno sette partite, una appriesso all’auta.

LAURETTA: Fuje proprio na disdetta!

ANTONINO: Ma stasera però, prenderemo la rivincita. Ci siamo?

RAFFAELE: Prontissimo. Bettina... (Chiamando.)

BETTINA: Comandate.

RAFFAELE: Lo mazzo de carte.

BETTINA: Subeto.

RAFFAELE: E appiccia sta luce. (Bettina apre la chiavetta della luce elettrica.)

LAURETTA: Bettì, porteme nu bicchiere d’acqua.

RAFFAELE: Haje ntiso? La signora vò nu bicchiere d’acqua.

BETTINA: Aggio ntiso. Va bene. (Via.)

ANTONINO: (Signò, D. Raffaele ha parlato a D.a Lauretta?).

ROSINA: (Non ancora, io stammatina nce l’aggio ditto).

RAFFAELE: Signò assettateve, pigliamme posto.

LAURETTA: Eccoci qua. (Siede.)

RAFFAELE: Giocamme a lo solito, è vero? Paste e marsala.

LAURETTA: Chello che volite vuje.

ROSINA: Avvocà accomodatevi. (Siede.)

ANTONINO: Grazie. (Siede.)

BETTINA (uscendo con le carte):Ecco ccà lo mazzo de carte. (Lo mette a tavola.)

LAURETTA: E lo bicchiere d’acqua te sì scurdata?

BETTINA: Ah, già, vuje vuliveve bere. Mò ve lo porto. (Via.)

RAFFAELE: Signò, scusate, chella è na stunata de primm’ordine.

LAURETTA: Oh, è cosa da niente.

ANTONINO: Vediamo chi fa carte. (Alza il pacchetto di carte, lo stesso fà Rosina la quale va a compagno con Raffaele.)Fate carte voi. (Mentre Rosina mischia e dà le carte.)E vostra figlia Ninetta col marito stanno bene?

RAFFAELE: Benissimo. L’auto juorno me scrivette.

LAURETTA: E D. Luigino comme se porta a Napole?

RAFFAELE: Magnificamente, fa progresso giorno per giorno.

LAURETTA: Bravo. Me fa piacere.

ANTONINO: Eh, quello è un giovine che farà onore alla famiglia, tiene un bel avvenire.

RAFFAELE: Accussì speramme. Basta, badamme ccà mò. (Guardando le carte messe a terra.)Scuse. Hai miso sette denare nterra, n’asso, no doje e no re, e se l’hanno da piglia a forza... e se lo pigliano senza paura.

ROSINA: E ch’aggio da fà? So’ stata io, la combinazione.

RAFFAELE: Ma sempe che faje carte succede sta combinazione!

ROSINA: Già, sulo cu me succede, che sciocchezza!

LAURETTA: Avvocà, e quanno ve lo pigliate?

ANTONINO: Che cosa?

LAURETTA: Sette denare.

ANTONINO: E comme me lo piglio? Io sette nun ne tengo.

LAURETTA: Cavallo?...

ANTONINO Nemmeno.

LAURETTA: Donna. Sette e uno otto.

ANTONINO: Non tengo nemmeno donna.

LAURETTA: Manco donna? E comme state infelice!

ANTONINO: Proprio così, avete detto bene. Sono un infelice!... Che cosa non avrei pagato per tenere quel sette, per farvi contenta, per vedervi sorridere, non ho che farci. Pazienza... (Gioca e prende.)

RAFFAELE: Aspettate, avvocà, avite pigliato tre co doje.

ANTONINO: Ah, quello è due, scusate, l’avevo preso per un tre.

LAURETTA: Avvocà, statevi attento. (Giocano.)

ROSINA: Scopa!

RAFFAELE: Bravo!

BETTINA: Ecco qua l’acqua.

LAURETTA: Ah! Finalmente... (Beve.)

BETTINA: Signò è venuto D. Michele, l’amico vuosto.

RAFFAELE: Ah, D. Michele, fallo trasì.

BETTINA: Favorite. (E via.)

SCENA QUARTA

Michele e detti, poi Bettina che torna diverse volte.

MICHELE: Signori, buonasera a tutti.

ROSINA: Caro D. Michele. (Strette di mano.)

RAFFAELE: Quanno site tornato da Napole?

MICHELE: N’ora fà. So’ stato nu momento a la casa e so venuto subeto ccà.

ROSINA: E D. Carmela pecché non l’avite portata?

MICHELE: Steva nu poco stanca, non s’è fidata. Ha ditto che dimane ve vene a trovà. (Mannatene a l’avvocato e Donna Lauretta, v’aggio da parlà seriamente).

ROSINA: (A me? E de che se tratta?).

MICHELE: (N’affare importante. V’aggio da parlà de la figlia vosta).

ROSINA: (De Ninetta? E che è succiesso?).

RAFFAELE: D. Michè, voi ci permettete che seguitammo?

MICHELE: Anzi, vi prego.

RAFFAELE: Jamme Rosì...

LAURETTA: Chi gioca?

ANTONINO: Giocate voi.

LAURETTA: Ecco qua, un quattro.

ROSINA: Signori miei, scusate, io nun pozzo giocà cchiù, non me sento bona.

ANTONINO: E che vi sentite, signora?

ROSINA: Che saccio, me sento accussì curiosa... n’oppressione dinto a lo stommaco.

RAFFAELE: E ghiammoncenne fore a lo ciardino, piglie nu poco d’aria.

LAURETTA: Sicuro, dice buono.

ANTONINO: Se volete che vado a chiamare un medico.

ROSINA: No, no, grazie, è cosa de niente, m’avote nu poco la capa.

RAFFAELE (chiamando):Bettina... Bettina...

BETTINA: Comandate.

RAFFAELE: Piglie la butteglia co l’acite.

BETTINA: E pecché?

RAFFAELE: Pecchesto! Ha da sapé pure pecché!

ROSINA: No, non ne voglio acito, sto nu poco meglio... è stata na cosa momentanea, solamente, scusate si me vaco a mettere nu poco ncoppa a lo lietto.

LAURETTA: Ma che scusate, ve pare.

ANTONINO: Fate il vostro comodo.

RAFFAELE: Vedite che faccia che ha fatto! Chella mò steve tanto bella. Lasseme vedé lo polso.

ROSINA: (Io non me sento niente; statte zitto).

BETTINA: (Io credo che chelli perelle sceruppate erene sereticce e l’hanno fatto male. Mò le vaco a fà nu decotto de cammomilla). (Via.)

LAURETTA: Chesta è cosa de niente, jateve a riposà no poco e vedite che ve passa tutte cose. Io me ne vaco, nce vedimme dimane.

ROSINA: Ma si vulite restà?

LAURETTA: No, e senza de vuje che nce facciamo? D. Rafè, a rivederci a domani.

RAFFAELE: A rivederci.

ANTONINO: Io pure me ne vado. Se posso avere l’onore di accompagnarvi?

LAURETTA: Oh, con piacere, grazie.

ANTONINO: Michè, tu non cali?

MICHELE: No, io resto nu poco co D. Raffaele.

ANTONINO: Allora a rivederci.

LAURETTA: Cchiù tarde faciteme sapé comme state?

ROSINA: Sissignore. Grazie tanto.

LAURETTA: E di nuovo a rivederci. (Via con Antonino per il fondo a destra.)

ROSINA: Dunche, D. Michè, che m’avite da dicere de Ninetta?

RAFFAELE: E comme, non te vai a mettere ncoppa a lo lietto?

ROSINA: Dalle dà! Non hai capito ch’è stata na finzione che aggio fatta pe ne fà j a chilli duje.

RAFFAELE: E pecché?

ROSINA: Pecché D. Michele ha ditto mannatemmille che v’aggia parlà necessariamente de la figlia vosta Ninetta.

MICHELE: Sissignore.

RAFFAELE: Ah, mò aggio capito. E che è stato, de che se tratta?

ROSINA: Parlate.

RAFFAELE: Quacche disgrazia?

ROSINA: Sta malata, forse?

MICHELE: Nonsignore. Niente di tutto questo. Felice e D. Ninetta se vonno spartere.

ROSINA: Se vonno spartere? Vuje che dicite?

RAFFAELE: Ma comme, e pecché?

MICHELE: Pe no forte appicceco che avettene ajere, io steva llà nzieme a Carmela, succedette l’inferno! Hanno deciso che se vonno spartere, non vonno sentere ragione. Da nu mumento a l’auto li vedite venì cca.

RAFFAELE: Venene ccà?

MICHELE: Sissignore. Felice se vò difendere nnanze a vuje, la figlia vosta sta arraggiata assai!

ROSINA: Ma ch’è pazza? Lassa lo marito, e che figura se faciarria!

RAFFAELE: La gente và te trova che se crede, addò se va a mettere la faccia?

MICHELE: Io e muglierema facetteme tutto pe calmarla, pe farle capì la ragione, ma fu impossibile. So’ troppo risolute.

BETTINA (con decotto):Signò, pigliateve stu decotte, chisto fà bene.

RAFFAELE: Vattenne, non nc’è bisogno, non nce rompere ’a capa!

BETTINA: Eh, ched’è neh, uno crede de fà na cosa bona... che gente, mamma mia! (Via.)

MICHELE: Vedenne che nun nce cacciavene niente, avimmo creduto de ve prevenì, e invece de stà tre ghjuorne a Napole, simme partite ogge.

ROSINA: Grazie tanto, D. Michè, grazie tanto!

RAFFAELE: Felice se vò difendere nnanze a nuje, dunche è la moghiera che se vo spartere?

MICHELE: Gia D.a Ninetta l’ha ditto primme, e pò s’è deciso pur’isso. Ha ditto che la moghiera è na pazza, che no juorno de chisto lo fa menà da coppe abbascio, ch’è insopportabile, che lo vò fà morì, che insomma non ne pò cchiù!

RAFFAELE: E have ragione, chella è na capricciosa, na pazza! Nun te ricuorde che nce ha fatto passà quanno era piccerella! E io te lo diceva sempe. Rosì, tu pe troppo vulé bene a sta guagliona la purtarraje appesa nganne. Le faceve passà tutti li gulie, tutti li capricce, non la strillava mai, essa era la padrona dinto a la casa, e accussì è venuta co chillo carattere insoffribile.

ROSINA: Mò statte a vedé che la colpa è mia.

RAFFAELE: E se capisce, pecché non è chella l’educazione che s’ha da dà a na figlia.

ROSINA: E pecché nun nce la dive tu l’educazione?

RAFFAELE: E te sì scurdato che quanno jeva pe parlà me zumpave nfaccia e io pe troppa bontà, pe nun fà na questione me steva zitto.

ROSINA: No, te stive zitto pecché nun te ne incarricave mai de niente.

RAFFAELE: Non me so’ ncarricato mai de niente? Hai ragione, aveva fà lo patre, aveva fà lo marito, so’ stato nu ciuccio! (Dando un pugno sul tavolo.)

BETTINA (uscendo):Ch’è stato? Signò, ch’è succiesso?

RAFFAELE: Niente, vattenne! Mò te piglio a cauce! (Bettina fugge.)

MICHELE: Ma D. Rafè, calmateve!

RAFFAELE: L’aveva dà io l’educazione, me steva zitto, non me so’ ncarricato mai de niente, hai ragione. All’ultimo chesto m’aveva sentere, ma mò te faccio vedé comme me rregolo. Mò te faccio vedé comme se fà lo padre, comme se fà lo marito. Appena essa vene, io me ne vaco e non nce accosto cchiù dinto a sta casa.

ROSINA: Te ne vaje? E addò vaje?

RAFFAELE: Non lo saccio, all’albergo, a na casa mobigliata, parto, me ne vaco fore, faccio chello che me dice la capa.

MICHELE: Nonsignore, D. Rafè, chesto non l’avite da fà.

ROSINA: Parte? Te ne vaje fore? E bravo chesto non me l’aspettavo! Doppo 34 anne de matrimonio è la primma vota che te sento parlà accussì, è la primma vota che te sento dicere chesto. Vò dicere allora che te sì seccate de me, e se capisce, pecché che c’entro io co figlieta? È proprio a me che vuò lassà.

MICHELE: Ma nonsignore, D. Rosì, avite capito malamente.

ROSINA: E và vattenne, parte, vattenne fore, che aspiette a fà che vene essa, lasseme sola, io doppo nu mese m’acquieto, me faccio capace, me chiudo dinto a quatte mure e non comparisco cchiù. Ma tu, tu nun truvarraje pace, pecché na femmena comme a me t’assicuro che non la truove, no, non la truove! (Piange e siede.)

MICHELE: Signò, finitela! D. Rafè... ma insomma che volite fà? Ve volite accidere de collera? (Rosina piange.)

RAFFAELE (guarda Rosina e si commuove):Io l’aggio ditto pe dì, ma a essa non la lassavo mai se sape, so’ cose che se dicene dinto all’arraggia.

MICHELE: Jamme facite pace, quanno mai avite fatto chesto.

ROSINA: Mai, è stata la primma vota.

RAFFAELE: Io nun me saccio appiccecà, me mbroglio.

MICHELE: Ma non nc’è ragione de ve appiccecà. Meh! Abbracciateve.

ROSINA: E lo dice cchiù chello che haje ditto?

RAFFAELE: Mai cchiù, Rosenella mia!

ROSINA: Papele bello! (Si abbracciano.)

RAFFAELE: Ma intanto datece nu consiglio, quanno venene comme nce avimmo da regolà?

ROSINA: Chesto che cos’è, li pregamme, le facimme capì lo male che fanno.

RAFFAELE: No, io non li volarria pregà, pecché si no succede che si s’appiccechene n’auta vota, se la pigliano cu nuje, dicene che nuje li facetteme fà pace.

MICHELE: E se capisce. Avarriano fà pace loro, senza che nisciuno le dice niente... Io... mò che ve site appiccecate tutte li duje m’era venuto una idea...

RAFFAELE: Che idea?

MICHELE: Avarrisseve da fà na finzione... na cosa... che tenarriano né lo tiempo, e né lo coraggio de parlà... ma l’avarrisseve da fà naturale...

RAFFAELE: Che cosa?

MICHELE: Io songo certo che se faciarria lo colpo. Anticamente, a Sparta, per ispirare ai giovanotti l’orrore e il disgusto dell’ubbriachezza, facevene ubriacà li schiave... Vuje v’avarrisseve da fà vedé...

SCENA QUINTA

Felice, Ninetta e Bettina.

FELICE (di d0.):Non nc’è bisogno, grazie.

NINETTA (di d0.):Grazie, Bettì grazie...

MICHELE: Eccoli ccà, zitto, jammoncenne dinto, mò ve dico io chello che avite da fà, non dicite che io sto ccà, si no chille capiscene la finzione.

RAFFAELE: Ma quale finzione?

ROSINA: Ma che avimmo da fà...

MICHELE: Zitto. Dinto ve dico tutto... Jamme... (Viano a sinistra.)

NINETTA (fuori, nervosa, con borsetta da viaggio):Non nce sta nisciuno.

BETTINA: Ma che bella sorpresa! Signorì, non ve vedevo da no mese e mmiezo. Che piacere che n’aggio avuto!

NINETTA: Mammà e papà addò stanno? Che stanno facenne?

BETTINA: Mò proprio stevene ccà, ma loro non ve aspettano.

NINETTA: No, pecché io non l’aggio fatto sapé niente.

BETTINA: Sa che piacere che n’avarranno! Mò li vaco a chiammà.

NINETTA: Aspetta. Famme saglì primme chilli duje bauglie, e paga ha carrozzella.

FELICE: Famme lo piacere, paga pure la carrozzella mia.

BETTINA: Va bene. (E ched’è, duje perzune, doje carruzzelle). (Via pel fondo.)

NINETTA: Posso sapere quando mi levate l’incomodo della vostra presenza? Pozzo sapé pecché m’avite voluto accompagnà?

FELICE: Io non v’ho dato nessun fastidio, non m’aggio fatto manco vedé. Voi avete viaggiato nel compartimento delle signore sole e io in quello dei fumatori. Arrivate alla stazione, vuje ve avite pigliata na carrozzella ed io me n’aggio pigliata n’auta, perciò non avete che dirmi.

NINETTA: Ma tenite l’intenzione de rimmané ccà?

FELICE: Nient’affatto. Doppo che aggio parlato co papà e mammà vaco a dormì all’albergo, e dimane me ne vaco. Ci tengo a stare presenta quando parlate co loro.

NINETTA: Io le dico tutte verità.

FELICE: E io pure.

NINETTA: Va bene.

FELICE: Le purtamme sta bella notizia! Le damme sta bella consolazione! Ma non pensate che sentenne na cosa de chesta, chille duje povere viecchie, tanto de lo dispiacere, ponno pure morì?

NINETTA: E nce aggio colpa io, forse?

FELICE: E nce aggio colpa io?...

NINETTA: Se capisce.

FELICE: Nuje simme ancora a tiempo Niné, chille non sanno niente ancora e niente saparranno, siente a me, fatte capace. Io sono innocente.

NINETTA: Chi t’ha dato chello muschio che tenive ncuollo!

FELICE: Non lo saccio, parola mia d’onore, non lo saccio!

NINETTA: Non lo saje? Allora non ne parlammo cchiù, o me dice la verità, o si no so’ tosta, tosta comme a no pepierno, a chello che vene vene.

FELICE: E sia, fà chello che buò tu! Chille duje viecchie non appartenene a me, appartenene a te. Non fà che morene de subeto, che me ne preme! Ma t’assicuro che te ne pentirai. Aggio da cecà si te dico cchiù na parola. Non m’accosto vicino a te manco co li cannonate! Mammete e patete hanno voglia de fà che mò non ne cacciano niente, proprio niente! (Gridando.)

NINETTA: Non alluccà, non fà lo lazzaro, ricordete che non stamme a la casa nosta. Stamme dinto a la casa de duje sante. Che te cride che papà è comme a te? Chesta è na chiesa. Ccà non se capisce che significa no strillo. (Di dentro a sinistra si sente un gran rumore di piatti e di mobili rovesciati. Urli, tumulto, frastuono.)Ch’è stato? Ch’è succiesso?

FELICE: No terramoto dinto a la chiesa!

SCENA SESTA

Rosina, poi Raffaele e detti.

ROSINA (esce e parla al di dentro):Assassino, assassino! ommo senza core! Ah! Mamma mia, che dolore, mò moro, mò moro... (Con una mano in fronte.)

NINETTA: Mammà...

ROSINA: Figlia mia, stai ccà. D. Felì, vuje pure? È stato lo Cielo che v’ha mannato!

NINETTA: Ma ch’è succiesso?

ROSINA: Figlie miei, abbracciateme. Figlia mia cara cara! Si sapisseve! Patete m’ha menata na scopetta nfronte. Si me la coglieva a la chiocca me rimmaneva nterra! Io mò veneva a Napole, non nce voglio sta cchiù ccà... voglio stà cu buje, dinta a la casa vosta.

FELICE: (E chesto nce manca!).

ROSINA: Ah! Che dolore! Che dolore! Ccà mò sa che molignana che se fà?

NINETTA: Ma pecché papà ha fatto chesto?

ROSINA: Pecché... pecché è nu nfamo, è n’assassino, non contento che m’aveva menata la scopetta nfronte arraggiato comme steva, ha dato nu punio nfaccia a la cristalliera e m’ha rutto tutte cose!

FELICE: E chisto è asciuto pazzo!

ROSINA: Figlia mia, figlia mia!

NINETTA: Se pò sapé ch’è stato?

ROSINA: Ch’è stato? E non te lo pozzo dicere, figlia mia! So’ cose che non te li pozzo dicere, cose tremende, cose terribili, cose che non se credene! Io non nce pozzo stà cchiù vicino a st’ommo, non nce pozzo sta cchiù! La voglio fà fenuta! (Risoluta.)Figlia mia, damme nu vaso e statte bona. (Per andare alla finestra.)

NINETTA (gridando):Ah! Felicié, la fenesta!

FELICE (la trattiene):Aspettate, mammà!

ROSINA: Non me tenite, me voglio menà abbascio, voglio murì!

NINETTA: Zitto, sta venenno papà!

RAFFAELE (coi capelli irti, la fisionomia di rabbia, terrà sul braccio camice, calzonetto, e molti abiti suoi, alla mano sinistra terrà un paio di pantofole e alla destra uno scatolo con pipe):Pe mò me sparto de lietto e vaco a dormì dinto a lo salotto, ncoppe a lo divano, dimane pò penzo io addò aggia j.

NINETTA: Papà...

RAFFAELE: Ah! Staje ccà figlia mia, e tu pure Felicié... e comme va che site venute? Vuje mancate da ccà da no mese e miezo, non sapite che sto passanne io pover’ommo co sta femmena scellerata!

ROSINA: So’ scellerata appriesso?

RAFFAELE: Pss... zitto... sa! Zitto!... Io non ne pozzo cchiù sta femmena no juorno de chisto me fa menà da coppe abbascio, me fa crepà! Ma primmo che more, te tiro la capa da dinto a la noce de lo cuollo! Te squarte viva!

ROSINA: Va llà vattenne, famme sto piacere, vuje vedite sto viecchio che s’ha chiavato ncape!...

RAFFAELE: Io so’ viecchio! Guardate chi parla, chella s’è fatta na candara de patane!

NINETTA: Papà, calmateve...

ROSINA: Non nce voglio stà cchiù nnanze a te, non nce voglio stà cchiù, me voglio spartere!

RAFFAELE: Se capisce, e quanto cchiù priesto pò essere.

NINETTA: (Pure loro?).

RAFFAELE: Dimane, dimane t’acconcio io, vecchia pazza!

NINETTA: Ma papà che è stato, se pò sapé?...

FELICE: Quanno mai ve site appiccecate de chesta manera?

NINETTA: Quale è stata la ragione?

RAFFAELE: Quale è stata la ragione? Volite sapé ch’è stato? (E che dico mò?). Cose terribili, figli miei, cose tremende, è meglio che non lo sapite, so’ cose che non se ponno dicere! Me vaco ad acconcià lo lietto dinto a lo salottino.

ROSINA: E io me vaco a fà lo bauglio e me ne vaco!

RAFFAELE: E quanno dico! Vattenne, vattenne, non me te fà vedé cchiù!

ROSINA: E si viene addò stongo, si me viene a trovà me sconto tutto chello che m’hai fatto!

RAFFAELE: Io vengo a truvà a te? Sciù pe la faccia toja!...

ROSINA: Pe la faccia de mammeta! ... (Raffaele via a destra e Rosina via a sinistra.)

FELICE (ridendo):Ma cheste so’ cose de pazze!

NINETTA: Me pare che nun nce stesse niente da ridere.

FELICE: No, rido pe la combinazione, ma comme nuje da na parte e loro da n’auta, è stato bello!

NINETTA: Co na circostanza comme è chesta, lo dovere nuosto è chillo de mettere pace, de calmarle, de non fà succedere sta separazione.

FELICE: Ah, se capisce!

NINETTA: Doppo 34 anne che so’ state unite, chille ne pigliarriene la morte.

FELICE: Oh, chesto è certo.

NINETTA: E non avimmo fà capì niente che nce simme appiccecate che nce vulimmo spartere.

FELICE: È sottinteso. Io non parlo certo.

NINETTA: Non voglia maje lo Cielo e lo sapessere, se pigliarriano cchiù collera. Nnanze a loro avimmo da fingere, avimmo da fà vedé che stamme in perfetta armonia.

FELICE: Va bene.

NINETTA: Quanno loro hanno fatto pace, le dicimmo la verità e facimme chello che s’era ditto.

FELICE: Perfettamente.

SCENA SETTIMA

Bettina, poi Raffaele, Rosina e detti, in ultimo Michele.

BETTINA: Li bauglie stanno fore a la sala e li carruzzelle so’ state pagate.

NINETTA: Va bene. Bettì, viene ccà, dimme na cosa.

BETTINA: Comandate signurì.

NINETTA: Papà e mammà pecché se songo appiccecate?

BETTINA: E che ne saccio, signorina mia, chille stevene accussì bello, tutte nzieme a mammà l’è venuto no svenimento, lo signore s’è infuriato comme e che, me pareva no cane arraggiato, a mmé m’ha dato no sacco de strille ncape, e pe poco primma, si non era lesta a finì, steve avenne nu brutto caucio!

NINETTA: So’ cose che nun se credene, ma quanno mai papà ha fatto chesto?

RAFFAELE (vedendo Bettina):Che fai tu ccà? Tirete indietro e aspetta. (Bettina va in fondo.)

ROSINA: Niné, figlia mia... oh, non sapeva che nce steva isso!... (Si volta.)

RAFFAELE: Che? Che dice? (Gridando.)Che dice!

ROSINA Eh! (Vì che cannarone che tene!).

NINETTA: Papà!

FELICE: Nun alluccate!

RAFFAELE: Che dice? Che haje ditto?

ROSINA: Non parlo a te, parlo a figliema, animale!...

RAFFAELE: Animale a me!

NINETTA: Mammà, finitela!

FELICE: Calmateve pe carità!

ROSINA: Mò vedimme stasera comme fenesce! Sì, avite ragione, me calmo. Niné, tu sai che nuje tenimmo na cammera pe buje, pe stanotte t’haj da cuccà co mmico.

NINETTA: Sissignore, mammà.

RAFFAELE: Dinto a lo salotto nce stanno duje divane. Felicié...

FELICE: Papà.

RAFFAELE: Pe stanotte haje d’avé pacienza, t’haje da cuccà nzieme co mmico, ncoppe a n’auto divano.

FELICE: Ma ve pare, io dormo pure nterra.

ROSINA: Me dispiace che pe stanotte t’aggio da spartere da maritete.

NINETTA: Oh, e che fa, non fa niente.

FELICE: Ma ve pare, pe na notte!...

RAFFAELE: E si no me ne vaco a cuccà io all’albergo.

FELICE: Ma no, che site pazzo?

NINETTA: Io pe me so’ stanca de lo viaggio, comme me cocco accussì m’addormo.

FELICE: E io pure me sento stanco, è meglio che dormo sulo.

ROSINA: Va bene. Ma mò che nce penso, vuje forse tenite famme?

RAFFAELE: Ah, già, e chi nce pensava!

NINETTA: No, mammà, non tengo genio de niente, avimma fatto marenna dinto a lo treno. È vero? (A Felice.)

FELICE: Sì, nce avimmo mangiato no sacco de cose... ma io a la verità tengo nu poco d’appetito.

RAFFAELE: Bettì, nce sta niente pe mangià?

FELICE: Na piccola cosa, vì.

BETTINA: Nce sta no poco de presutto, nu poco de casecavallo.

FELICE: Seh, no poco de presutto e no poco de casecavallo.

RAFFAELE: E niente cchiù?

BETTINA: Ah, nc’è pure miezo pullo.

FELICE: E porta, spuzzuleo no poco.

BETTINA: E nce stanno pure doje felle de ragù ch’è rimasto a tavola.

FELICE: Porte pure lo ragù.

BETTINA: Pure lo ragù.

RAFFAELE: Na butteglia de vino e lo pane, porta tutte cose dinto a lo salotto.

BETTINA: Va bene. (Via pel fondo.)

ROSINA: Dunque, Felicié, bonanotte.

FELICE: Bona notte, mammà.

RAFFAELE: Figlia mia, felicenotte. (Abbraccia Nina.)

NINETTA: Bona notte, papà. (Lo bacia.)

ROSINA: E a maritete nun le dice niente? Non l’abbraccie?...

NINETTA: Ah, sì! (Abbraccia Felice.)Bonanotte, marito mio!

FELICE: Mugliera mia, cara cara!

RAFFAELE: (Lo fanno afforza!).

NINETTA: Mammà, papà, v’aggio da dicere na cosa.

ROSINA: Che cosa, figlia mia?

NINETTA: Voglio na prova che veramente me volite bene.

RAFFAELE. E che prova? Parle.

NINETTA: Abbracciateve e vasateve pure vuje.

ROSINA: Io? (Sdegnosa.)

RAFFAELE: A essa? Mai! (Tragicamente.)

ROSINA: Abbraccià e vasà a isso? More cchiù priesto!

RAFFAELE: Abbraccià e vasà na femmena comme a chella? Ma meglio ha morte!

ROSINA: Jamme Niné. (La porta via a sinistra.)

RAFFAELE: Jamme Felicié. (Lo porta via a destra. Dopo un momento escono Raffaele e Rosina, in punta di piedi, si avvicinano pian piano e si abbracciano mentre Michele esce dalla seconda porta a sinistra e ride a crepapelle.)Rosinella mia!

ROSINA: Papele bello! (Fanno un giro abbracciati.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La medesima scena del secondo atto.

SCENA PRIMA

Rosina e Michele, poi Raffaele.

MICHELE (uscendo dal fondo a destra e Rosina dalla prima porta a sinistra):E accussì, signò, che ne dicite? Carmela muglierema m’ha mannato p’avé notizie, pe sapé quacche cosa. Che avite fatto?

ROSINA: Stamme ancora accussì. Vuje aviveve ragione, so’ troppe nsolute, nun pensano auto che a se spartere.

MICHELE: E vuje avite recitato la parte naturale?

ROSINA: Naturalissima, ve pare, e comme se l’hanno creduto!

MICHELE: Bravo!

RAFFAELE: D. Michè state ccà?

MICHELE: Mò proprio so’ venuto. D. Felice comme ha passata la notte?

RAFFAELE: Ha runfuniato comme a no puorco fino a ghjuorno. E Ninetta che ha fatto?

ROSINA: Ha dormuto nu pare d’ore, poverella, pò s’è scetata e ha accumminciato a smanià.

RAFFAELE: Lo bello che aissera Feliciello volette sapé pe forza pecché nc’eramo appiccecate de chella manera.

MICHELE: E vuje che le dicisteve?

RAFFAELE: Le dicette che chesta s’era fatto insoffribile pe la troppa gelosia, che io non ne potevo cchiù!

MICHELE: Bravo.

RAFFAELE: E io aggio ditto a Ninetta che tu te si fatto nu scapestrato, no libertino.

RAFFAELE: E me ne so addunato ambressa!

MICHELE (ride):Ah! Ah! Chesta è bella!

RAFFAELE: E mò che avimmo da fà? Avimmo da seguità ancora?

MICHELE: Se capisce, almeno tutta sta jurnata, anze ncasate la mane!

RAFFAELE: Va bene.

ROSINA: Sì, ma vedimmo de fenì ambresse sta cosa, pecché io non me fido de sta appiccecata co Papele manco pe pazzià.

RAFFAELE: A mme me pare na cosa curiosa... me sento tutto stunato. D. Michè, permettete che nce abbracciamme nu poco...

MICHELE: Fate... fate!...

RAFFAELE: Patanona mia, patanona! (Fa per abbracciare Rosina.)

SCENA SECONDA

Antonino e detti.

ANTONINO (uscendo dal fondo a destra):Neh, Michè... (Vedendo che Raffaele si accosta a Rosina.)No, seguitate, seguitate, e scusate il disturbo. Signora, i miei rispetti.

ROSINA: Buongiorno.

ANTONINO: Aissera tanto io che la signora Lauretta ci spaventajeme, stammatina comme ve sentite?

ROSINA: Meglio, grazie.

ANTONINO Bravo. Michè, dimme na cosa. L’originale de sta lettera che l’aggio da presentà dimane all’udienza, assieme ad altri documenti pe chella causa di separazione che te dicette, la tiene tu?

MICHELE: Quale lettere, io nun me ricordo.

ANTONINO: Comme, chella lettera che D. Amalia Fresella, la cliente mia, trovaje dinto a la sacca de lo marito... che tu te pigliaste pe la leggere, chesta ccà, la vì, che fortunatamente me ne facette na copia, ma capirai, a mme me serve l’originale. (Dà la lettera.)

MICHELE (legge):«Tesoro mio. Domani sera mio marito va a Roma. A mezzanotte scavalco come al solito il muro del tuo giardino. La tua Gemma». Ah, sì, mò me ricordo, ma chisto fuje n’affare de quatte mise fa.

ANTONINO: Seh! Quatte mise fa.

MICHELE: La tengo a la casa, dinto a la scrivania, viene ogge e te la dongo.

ANTONINO: Grazie tanto. Mannaggia l’arma della lettera, m’ha fatto ascì pazzo, non me potevo arricordà addò steva. D. Rafè, quanno so’ venuto io, vuje stiveve abbraccianno a la signora, fatelo senza cerimonie.

MICHELE: Antonino è persona di casa.

RAFFAELE: No, sapite che cos’è? Io non pozzo accummincià la jurnata, senza abbraccià a muglierema, me pare no mal’aurio.

ANTONINO: Ma si capisce, perciò fate il comodo vostro.

RAFFAELE: Grazie tanto! Patanona mia, patanona! (Fa per abbracciare Rosina, ma questa vedendo venire Felice dà un urtone a Raffaele, il quale cade nelle braccia di Michele.)

RAFFAELE: Guè!...

SCENA TERZA

Felice e detti.

FELICE: (E ched’è, neh?).

ROSINA (gridando):T’aggio ditto, scostete, lasseme stà! Ma comme lo buò sentì?

MICHELE (a Raffaele):(È venuto D. Felice!).

RAFFAELE: (Ah, aggio capito!).

ROSINA: Nfame, birbante traditore!

ANTONINO: (Ma ched’è? È asciuta pazza?)

RAFFAELE: Sta jurnata non fenesce bona, vì, non fenesce bona!

ROSINA: Ah! Mannaggia lo momento che me purtajene la primma mmasciata! Sarria stato meglio si m’avessere accisa!

RAFFAELE: Mannaggia quanno mai dicette che sì ncoppa a lo Municipio, sarria stato meglio si avesse perzo la lengua!

MICHELE: (Cose de la settimana passata!).

ROSINA (gridando):Vattenne, vattenne, lasseme stà!

RAFFAELE (gridando):Chi te tocca, chi te vò tuccà!

ANTONINO: Signò, calmateve!

MICHELE: D. Rafè, nu poco de prudenza!

FELICE (facendosi avanti):Fenitele, chesto che cos’è.

ROSINA: Ah, D. Felì, site vuje?

FELICE: Mò facite revutà lo palazzo, che maniera è chesta! Michè, sì tornato a Napole?

MICHELE: Si, so’ turnato pe n’affare de premura.

FELICE: E vedimme de fa fernì sta cosa, justo justo, mò sta pure D. Antonino, amico stretto de D. Rafele. D. Antonì, jamme, mettiteve vuje pure na bona parola. Levamme sta quistione da miezo.

ANTONINO: Ma che cosa, io non ne saccio niente.

FELICE: Comme, vuje nun sapite che papà e mammà se so’ appiccecate e se vonno spattere?

ANTONINO: Se vonno spartere? (Vedendo che Raffaelee Michele gli fanno segno.)Ah, sì, sicuro, lo saccio, ma io a la verità me credeva che pazziavene.

MICHELE: (Che animale!).

FELICE: A la verità, io pure credo chesto.

RAFFAELE: Pazziammo, pazziammo, ve faccio vedé si pazze!

ROSINA: E ched’è, io a primma matina v’aggio mannato a chiammà appositamente, per mettermi io pure in regola, pe me spartere legalmente, me metteva a pazzià.

ANTONINO: Scusate, ho sbagliato. Dunque, volete fà seriamente?

ROSINA: Seriamente.

ANTONINO: Va bene. Allora nce vedimmo cchiù tarde, pecché mò aggio che fà, non tengo no minuto de tiempo.

ROSINA: Nce vedimmo cchiù tarde, v’aspetto dinto a la cammera mia.

MICHELE: E io pure tengo n’appuntamento co n’amico, mò scennimme nzieme.

ANTONINO: Jammoncenne. A rivederci D. Rafè.

RAFFAELE: A rivederci.

MICHELE: Ncasate la mano, ncasate la mano! (Via con Antonino.)

ROSINA: Mò vedimmo si so’ femmena de mantené la parola!

RAFFAELE: Vecchia pazza e capricciosa!...

ROSINA: Viecchio veziuso e puorco!...

RAFFAELE: A me?

ROSINA: Sì, puorco, no una ma ciente vote!... (Via a sinistra.)

FELICE: (Nun pò essere, chisti fanno apposta. E na pazzia che stanno facenne. Ma pecché sta pazzia?).

RAFFAELE. Hai visto, Felicié, hai visto che passo io pover’ommo? E chesta è la vita mia, chesto facimmo ogne ghjuorno, non me ne fido cchiù!

SCENA QUARTA

Ninetta e detti.

NINETTA: Papà, ch’è stato? Aggio ntiso li strille da dinto. Avite accumminciato n’auta vota?

FELICE: E peggio d’aiere sera. Mò che so’ asciuto io ccà fore anze pare che avessene aspettato a me p’accummincià!

RAFFAELE: Figlia mia comme sì stata stanotte, hai dormito buono?

NINETTA: Sissignore, papà.

RAFFAELE: Maritete è stato male, poveriello, e se capisce, ncoppa a no divano, non ha fatto auto che smanià sempe!

FELICE: (Addò, io aggio dormuto magnificamente!).

RAFFAELE: E pò, doppo che steva dinto a lo lietto chillo, manco dormeva, ne so’ certo, pecché s’era spartuto da te. È vero?

FELICE: Ah, se capisce!

RAFFAELE: Vuje ve vulite bene, lo saccio, state sempe d’accordo, sempe in armonia, e lo Cielo ve pozza benedicere, spero che non avite mai na quistione pecché quanno no marito e na mugliera se mettene in urto, è nu guajo! Perdono la pace, il riposo, la salute, tutto, li figli venene malate, nervosi, pazzi, morene ambressa, e viene la distruzione di una famiglia.

NINETTA: Ah sì, avite ragione.

FELICE: È proprio accussì! E tanta vote, quest’urto fra marito e mugliera vene pe na cosa de niente, pe na sciocchezza qualunque.

RAFFAELE: Sicuro, tanta vote per un’inezia... pe na cosa che se ne putarria fà passaggio, vuje pecché ve site appiccecate?

NINETTA: Nuje?

RAFFAELE: No, vuleva dicere: io pecché me so’ appiccecate co muglierema, pe na cosa proprio de niente, pe no sbaglio, na supposizione... un’abberrazione... e intanto, a poco a la vota, chiano chiano, mò na parola pugnente, mò no strillo, mò n’appicceco, simme arrivate a no punto che nce avimmo da spartere.

NINETTA: Ma che spartere, papà, non lo dicite chesto!

RAFFAELE: E comme, nun l’aggia da dicere, chella ha parlato pure co l’avvocato pe se spartere legalmente. E sia, quanto cchiù priesto pò essere, non me ne fido cchiù, so’ arrivato co l’acqua nganna.

FELICE: Ma comme, vuje ve vuliveve tanto bene, tutto nzieme ve site cagnato de chesta manera?

RAFFAELE: Embè, avite visto? Pe na cosa da niente, l’amore si cambia in odio. E non importa. Io, pe grazia de lo Cielo, non so’ sulo, tengo a buje, che so’ sicuro, me vulite bene veramente e nun ve cagnate mai.

NINETTA: Ah! Se capisce....

RAFFAELE: Quanno lo tribunale nce ha accurdato la separazione, credo, per incompatibilità di carattere....

FELICE: Doppo 34 anne?

RAFFAELE: E già. Quando saremo divisi legalmente, io vengo a fenì li juorne miei mmiezo a buje, a la casa vosta, non credo che nieghe na cammera al tuo vecchio genitore.

FELICE: (Bravo, pur’isso!). Vedete papà, vostra figlia certamente non negherà una cammera al suo vecchio genitore, ma ve prevengo che si venite a la casa nostra trovate pure la vecchia genitrice!

RAFFAELE: Comme!...

FELICE: Già, aissera nce lo dicette.

RAFFAELE: E allora m’affitto na cammera e me venite a truvà vuje a mmé ogne ghjuorne. Si, ve voglio vedé ogne ghjuorno. (Commosso.)Basta che ve veco, aunite, che state cuntente e saccio che ve vulite bene sarraggio felice! (Piange.)

NINETTA: Ma papà, vedite de fenì sta cosa, vedite de fà pace.

RAFFAELE: No, figlia mia, non po’ essere, nce simme troppo disgustate. Mammeta non m’ha saputo conoscere, non m’ha saputo apprezzà, m’ho voluto piglià de ponte, e lo marito non se piglia de ponte. Quanno se vò bene veramente, se tratta co maniera, co belli mode, e si pure sto marito mancasse, la mugliera co bone parole, co buoni consiglie l’ha da fà turnà in sé e l’ha da fà capì la ragione.

FELICE: Ah, che puzzate essere beneditto! Se capisce, chesto fà na mugliera bona!

NINETTA: Secondo i caratteri, caro papà, nce stanno femmene che non la penzano accussì!

RAFFAELE: E chesta è mammeta! Mammeta non la penza accussì e se trovarrà malamente... m’ha disgustato, me so’ seccato e mò non nc’è cchiù rimedio; nce avimmo da spartere, a chello che ne vene, vene! Povera a essa, povera a essa, la veco e la chiagno!... (Via pel fondo a sinistra.)

FELICE: Hai ntiso che ha ditto patete? Hai ntiso comme se tratta lo marito?

NINETTA: Io a papà nun l’aggio potuto risponnere, si no le diceve che non se fà chello che ha fatto isso a na mugliera che le sta vicino da tant’anne.

FELICE: Ma pecché? Che l’ha fatto?

NINETTA: L’ha tradita, s’è miso co n’auta femmena!

FELICE: D. Rafele? Neh, nun me fà avutà lo stommaco! Chille tene da coppe a sissant’anne, se metteva co n’auta femmena!

NINETTA: È ommo, e l’ommo è sempe lo stesso!

FELICE: E chi è sta femmena? (Ridendo.)

NINETTA: Mammà non me l’ha voluto dicere, ma io l’appuro però, tanto che aggio da fà che aggio da sapé chi è.

SCENA QUINTA

Bettina e detti.

BETTINA (con caffè):Signurì, lo cafè.

FELICE: Miettele ncoppa a lo tavolino, dinto a lo salotto, mò me lo vaco a piglià.

BETTINA: Sissignore. (Via a destra, poi torna.)

FELICE (ridendo)D. Rafele s’è miso co n’auta femmena. So’ cose de pazze, uno ha da ridere afforza! (Via a destra.)

NINETTA: Povera mammà, povera vecchia, all’età soja avé chisto dolore! Ma stongo io ccà però, chiunque è sta femmena l’ha da fà co mmico! (A Bettina che ritorna dalla destra.)Bettì, viene ccà, dimme na cosa.

BETTINA: Comandate, signorì...

NINETTA: Mammà co chi pratica, chi songo li femmene che la venene a trovà?...

BETTINA: Li femmene che la venene a trovà?... Una sola, vene a fà lo scopone la sera.

NINETTA: Ah, vene a fà lo scopone ha sera? E chi è, comme se chiamma?

BETTINA: E na certa D.a Lauretta, che io non la pozzo vedé pe la superbia che tene. Quanno vò quacche cosa comanna comme fosse la patrona de la casa, ajessera me facette avé na cancariata da lo pate vuosto pe causa soja, dice che io la tratto malamente. Essa dice ch’è na signora, vedova de no gran negoziante genovese, ma io, a la verità, non nce credo

NINETTA: E comm’è, è na bella figliola?

BETTINA: Eh, accussi, non nc’è male.

NINETTA: E addò sta de casa?

BETTINA: Ccà, dinto a lo stesso palazzo, a lo primmo piano.

NINETTA: Ah, è inquilina de papà?

BETTINA: Sissignore, tene chillo quartino a sinistra co lo ciardino.

NINETTA: Ah, bravo. Grazie tanto. (Bettina si mette a rassettare la stanza.)Chella è essa! E mammà riceve sta femmena dinto a la casa? E non tene lo coraggio de le dicere niente. Fortuna che so arrivata io. M’incarrico io de fà capì a sta signora che ccà non nce ha da venì cchiù! (Si avvia.)

SCENA SESTA

Rosina e dette, poi Felice e Raffaele.

ROSINA: Niné, addò vaje?

NINETTA: Mò vengo mammà, mò vengo, no quarto d’ora e sto ccà, arrivo fino a lo pontone.

ROSINA: Ma si vuò quacche cosa, nce pò ghì Bettina.

NINETTA: No, nce aggio da j io, è na cosa che l’aggia da vedé io, mò vengo, subeto subeto! (Pausa.)Povera mamma.... Povera martire!... (L’abbraccia.)Coraggio e fidatevi di me.

ROSINA: M’aggia da fidà de te?...

NINETTA: Sì... avite sufferto assaje, suffrite ancora, e io sultanto ve pozzo cumpatì, ma mò nce sta la figlia vosta cca, nce penzo io, nce penzo io! (Via pel fondo a sinistra.)

ROSINA: Povera martire! Avite sufferto assaje... E chi la capisce

BETTINA: Signò... chesta è la nota de ajere, la volite riscontrà? (La fà vedere).

ROSINA: Sicuro. Miette ccà. (Bettina gliela dà.)

BETTINA: Pe la spesa d’ogge che m’avite da dicere?

ROSINA: Se ne parla cchiù tarde.

BETTINA: Va bene. Me chiammate vuje. (Via pel fondo a destra.)

ROSINA (siede al tavolino di sinistra e riscontra la nota):Cinche e cinche 10 e sei sidece e sette 23.

FELICE (uscendo vede Rosina che si troverà con le spalle voltate a lui). Vularria fà na cosa pe m’assicurà. (Si nasconde.)

RAFFAELE (dal fondo a sinistra):Rusì, che staje facenne? (Si ferma sotto la porta.)

ROSINA: Sto facenne stu cunto. 23 e cinche 28.

FELICE (comparisce e dice a Raffaele):(No momento... non ve movite...).

RAFFAELE: (Che vuò fà?). (Felice piano piano si accosta a Rosina e la bacia sul collo.)

ROSINA (ridendo senza voltarsi):Statte sode Papè, mò non è momento de fà chesto, si nce vede Felice, Ninetta, stateve bene, scombinammo tutte cose. (Felice le volta la testa e le fa vedere Raffaele.)Uh! Tu staje lloco e allora chi è che m’ha vasata?

FELICE: So’ stato io...

ROSINA: Vuje?

RAFFAELE: Nce l’ha fatto, caspita!

FELICE: Dunche vale a dicere che nce state mbruglianno da jere, che l’appicceco è na finzione?

RAFFAELE: Sì, è na finzione.

FELICE: Io lo diceva ch’era na pazzia, nun poteva essere, ma a quale scopo scusate...

RAFFAELE: Avimmo fatto sta finzione nel vostro interesse, tu te vuò spartere da Ninetta?

FELICE: Io?... È essa che se vo’ spartere da me. E a vuje chi ve l’ha ditto?

RAFFAELE: D. Michele che s’è trovato ajere a la casa vosta, proprio a lo momento de l’appicceco.

ROSINA: E nuje avimme fatto chesto pe ve fà vedé quanta è brutta la discordia fra marito e mugliera specialmente quanno se vonno spartere.

FELICE: Aggio capito, perciò avite fatto stu poco d’ammuina? No, l’idea me piace!

ROSINA: Nun dicite niente a Ninetta, lassatela credere ancora che facimme veramente.

FELICE: Ah, se capisce!

RAFFAELE: Addò sta Ninetta?

ROSINA: Mò proprio è asciuta. Ha ditto che veneve subeto, arrivava fino a lo pontone. Ma m’ha ditto cierti parole strane. Mi ha chiamato povera martire, avite sufferto e soffrite ancora ma mò nce sta la figlia vosta ccà, nce penzo io, mò vengo, mò vengo... m’ha abbracciata e se n’è ghiuta.

FELICE: Aggio capito. (Ridendo.)Mò certo è ghiuta a fà n’auto guajo, s’avarrà immaginato quacche cosa e va trova a chi è ghiuta a ncoità.

RAFFAELE: Ma comme, famme capì.

FELICE: Mammà, quando Ninetta ha voluto sapé pecché v’ireve appieccecate l’ha ditto che vuje l’aviveve tradita, che ve site miso co n’auta femmena. (Ridono.)Essa sentenne chesto s’ha puosto ncapo d’appurà chi era sta femmena, mò va trova a chi era sta femmena, mò va trova a chi ha sospettato e nc’è ghiuta a parlà. (Ride.)

ROSINA (ride): Oh, chesta è bella! E addò è ghiuta?

RAFFAELE: Ah, chesta veramente è graziosa! (Ride.)E addò è ghiuta?

FELICE: E chi lo sape? (Ride.)

ROSINA: Aspettate, mò che io so’ trasuta dinta a sta cammera, aggio trovato a essa e a Bettina, sapesse quacche cosa Bettina... mò la chiammo. (Chiamando.)Bettina... Bettina...

RAFFAELE: Ma non capisco chi femmena ha potuto sospettà. Ah! ah! Che cosa curiosa!

FELICE: Cose de pazze, che ne volite sapé!

ROSINA (chiamando):Bettina... Bettina...

SCENA SETTIMA

Bettina, poi Luigino e detti.

BETTINA: Comandate.

ROSINA: Dimme na cosa, sapisse Ninetta addò è ghiuta?

BETTINA: Credo che è ghiuta da D.a Lauretta a lo primmo piano, pecché ha voluto sapé comme se chiammava e addò steve de casa.

ROSINA (ridendo):Uh, D.a Lauretta... Ah! Ah!...

RAFFAELE: E tu l’hai dato l’indirizzo?

BETTINA: Sissignore, e che nce steva de male? Ha voluto sapé chi erano li femmene che praticavano dinto a sta casa, e io l’aggio ditto che veneva soltanto D.a Lauretta.

RAFFAELE: E comme t’è venuto ncape? Che te mportava a te... chella è na signora onesta...

BETTINA: E chi l’ha chiammata malamente...

RAFFAELE: T’avive da ntricà de li fatte tuoi, capisce, jesce, vattenne fore! (Gridando.)

BETTINA: Eccomi ccà. (Via pel fondo a destra.)

RAFFAELE: Ma guardate no poco, chella è inquilina mia, na figliola onesta, se fà li fatte suoi, e chella bestia le và a dicere comme si chiamma e addò sta de casa, me so’ pentito che non l’aggio pigliato a schiaffe.

ROSINA: E va buono, pecché te piglie tanta collera? Se dice a D.a Lauretta che figlieme ha pigliato no sbaglio.

FELICE: Perfettamente.

RAFFAELE: Nce volarria scennere no momento pe vedé ch’è succiesso, pe vedé D.a Lauretta che l’ha risposto.

ROSINA: Che l’aveva risponnere, l’ha fatta na risata nfaccia.

RAFFAELE: Vuje vedite che combinazioni, so’ cose che non se credene.

ROSINA: Ma pecché t’è dispiaciuto tanto volarria sapé.

FELICE: Pare che sta D.aLauretta ve premesse veramente.

RAFFAELE: A me... e che me mporta a mme... me sento corrivo che chella cancaro de la cammarera ha da chiacchiarià sempe, si nun le diceve comme se chiammava e addò steva de casa, Ninetta non nce sarria juto.

ROSINA: Uh, te la tire troppo a luongo, e va buono mò!

LUIGINO (dal fondo, porta a sinistra):Mammà, papà, buongiorno.

ROSINA: Guè, Luigì, lo solito, viene sempe a la ntrasatta.

LUIGINO: So’ arrivato co lo primmo treno mò proprio. D. Felì, state ccà?

FELICE: Sì, da jere a lo juorno.

LUIGINO: Nzieme co Ninetta?

FELICE: E se capisce.

LUIGINO: Mannaggia l’arma vosta, vì che guajo me facisteve ajere a Napole, non saccio comme aggio arreparato!

FELICE: Che te facette?

LUIGINO: Comme, io aveva da mangià a la casa vosta nzieme co la sposa e lo padre, tutto nzieme succedette chell’ammuina!

FELICE: Embè, che vuò da me, te l’hai da piglià co soreta!

LUIGINO: Papà, mò so’ venute co mmico, la sposa co lo patre, D. Peppino Scorza, ricco negoziante di porci. Simme trasute pe lo canciello de lo ciardino, pecché l’aggio voluto fà vedé la villetta nosta. Stanne aspettanne llà fore.

RAFFAELE: E pecché non li faje trasì?

LUIGINO: Pecché lo patre ha ditto che non è educazione trasì accussì tutto nzieme, che l’aveva primma annunzià, aveva essere certo che non deve fastidio a nisciuno e pò trasevene.

FELICE: Eh, dice bene.

RAFFAELE: E ghjammele a ricevere.

LUIGINO: Aspettate. Papà, mamma, vuje l’avite da invità a mangià co buje, pare brutto, so’ venuto fino a ccà.

RAFFAELE: Ah, se capisce.

ROSINA: È regolare.

LUIGINO: Chille pò non vanno attaccate a cerimonie, a lusso, nient’affatto, vanno trovanno sulo pace, tranquillità. Io l’aggio ditto che sta casa è no convento, e come così è, che vuje site duje angele. Jamme, papà, jamme. D. Felì, venite vuje pure. Ve ce presento.

FELICE: Jammoncenne. (Via con Raffaele e Luigino per la porta di fondo a sinistra.)

ROSINA: E chisto è n’auto stravagante! È buono che se nzora, accussì sto a penziero quieto.

SCENA OTTAVA

Ninetta e detta.

NINETTA (dal fondo a destra):Tutto è fatto.

ROSINA: Che cosa?

NINETTA: Vengo da essa, dalla Signora Lauretta.

ROSINA (ridendo):Ah, là dunche sì stata?

NINETTA: Sì.

ROSINA: Ma primme d’azzardà na cosa de chesta, me lo potive dicere a me.

NINETTA: E si ve lo dicevo, me faciveve j?

ROSINA: Ah, no certamente!

NINETTA: Dunche, aggio fatto buono a non ve dicere niente. Vuje site troppo debole, mammà. Co sti fatte s’ha da essere risoluta, s’ha da taglià subeto la cancrena; si no lo male cresce.

ROSINA: Ah, sì; haje ragione, ma insomma che l’haje ditto a chella figliola?

NINETTA: Pochissime parole e so’ bastate pe non la fà venì cchiù dinto a sta casa.

ROSINA: Possibile! Ma che l’hai ditto?

NINETTA: L’aggio ditto la buscia pe sapé la verità. Aggio fatto vedé che io sapevo tutto cose, cioè della relazione che tene co papà, allora essa s’è fatta una lampa de fuoco, ha calato l’uocchie nterra e po m’ha ditto: Che volite che ve risponno? Ve lo giuro, ncoppe non nce saglie cchiù, papà vuosto faccio comme non l’avesse mai conosciuto. Io allora sentenne chesto, che auto le potevo dicere? L’aggio lassata comme a na bestia fore a la sala e me ne so’ ghiuta.

ROSINA: Che sento? Ma allora è overo? Veramente s’è mise co chella? E io che non me ne songo mai accorta. Che ciuccia che so’ stata! Uh! Mamma mia e quanno s’appura sto fatto che figura facimmo, a chell’età! Birbante! Assassino!... Uh! Niné, aiutame, me sento venì na cosa... m’abbaglia la vista... M’avota la capa!... (Siede svenuta.)

NINETTA: Mammà, mammà, pe carità, non me facite mettere paura! Uh! Chella s’è fatta fredda fredda! (Gridando.)Neh, quaccheduno, corrite ccà!

SCENA NONA

Raffaele, poi D. Peppino, Fifì, Felice e Luigino, indi Ninetta.

RAFFAELE: Ch’è stato, neh?

NINETTA: Mammà è svenuta!...

RAFFAELE: Rosina? E comme? Piglie nu poco d’acite.

NINETTA: Aspettate, io tengo lo liquore Anudino. (Via a sinistra.)

RAFFAELE: Rosì, Rosì, mugliera mia, ch’è stato? Apre l’uocchie, Songh’io, so’ maritete, so’ Papele tujo!

ROSINA (aprendo gli occhi):Ah, sì tu? Nfame, birbante! (Gli dà un forte schiaffo, in questo momento dalla porta in fondo a sinistra comparisce D. Peppino, Fjfì, Felice e Luigino, i quali si fermano sotto la porta.)

RAFFAELE: All’arma soja! E pecché m’hai chiavato sto pacchero?

ROSINA: Pecché te lo mierete, viecchio viziuso!

RAFFAELE: Ah, sà, tu la finzione l’hai da fà co li parole, non già co li mmane, lo sai che m’hai fatto male?

ROSINA: E se capisce e che te vulevo fà bene? Galiota, assassino!...

ROSINA: Ma tu faje veramente?

ROSINA: Sì, veramente, veramente!

NINETTA (esce con bottiglina di odore):Mammà, non ve pigliate cchiù collera!

ROSINA: Me voglio spartere, non te voglio vedé cchiù! (Via a sinistra.)

NINETTA: Ma mammà, sentite. (Via appresso.)

RAFFAELE: Ma fa apposta o fa overo? Lo schiaffo è stato overo! Forse pecché D. Michele l’ha ditto ncasate la mano! Ah! Già. Tu sei na vecchia pazza! Hai capito? Na vecchia pazza! (Dice queste parole gridando e va appresso a Rosina e Ninetta.)

PEPPINO: D. Luigì, tenite auti pariente da nce fà conoscere? Chisto è lo convento? Chiste so’ l’angiole?

LUIGINO: E che ne saccio, quanno mai hanno fatto chesto! Io non capisco niente cchiù!

FIFÌ: Quanta strille, mamma mia!

PEPPINO (vedendo che Felice ride):E lo cognato vuosto che ride pure! Me pare che non sta a cuffià la gente de chesta manera! Serafì, jammoncenne, non è cosa!

FIFÌ: Pare comme lo facisseve apposta!

PEPPINO: Ma pe chi nce avite pigliato neh, D. Luigi, io sò no galantuomo, addimannate a Casoria io chi songo. Jammoncenne Serafì, non ne parlammo cchiù! Avite ditto che papà e mammà erano duje angele, chille sò duje diavole scatenate. Mamma mia, e chi nce vò avé che fa! Jammoncenne, jammoncenne! ( Via pel fondo a sinistra. Fifì lo segue.)

LUIGINO: Ma pecché mammà ha chiavato chillo sorte de pacchero a papà?

FELICE: Non è overo, hanno fatto apposta.

LUIGINO: Comme?

FELICE: È na finzione che fanno pe fà cagnà lo carattere a soreta, pe le fà vedé quanto è brutto quanno s’appiccechene marito e mugliera. Me l’hanno ditto loro poco primma.

LUIGINO: Ah, perciò, io voleva dicere! E ghiusto mò l’avevano da fà, assammencelle j a dicere a D. Peppino... Vuje vedite la combinazione, se nc’è miso lo diavolo! (Andando via.)D. Peppì... D. Peppì...

FELICE: Io mò moro da la risa, non ne pozzo cchiù! Intanto, co tutta la pazzia D. Rafele ha avuto chillo papagno! (Ride.)

SCENA DECIMA

Bettina e detto, poi Ninetta e Raffaele.

BETTINA: Signorì, lo fattorino ha portata sta lettera pe vuje. (La dà.)

FELICE: Grazie. (Bettina via.)E de chi è sto carattere, non lo conosco. (Apre la lettera e legge la firma:)«Carluccio e Teresa Fasulillo». Lo servitore e la cammerera mia, e che vonno? (Legge:)Illustrissimo Signore. Il muschio che tenevate ieri addosso, fu la mia moglie Teresa che ve lo buttò per fare uno scherzo con Vostra Eccellenza. Ora vedendo che vi siete contrastato con la signora e che il fatto si fa serio, ho creduto mio dovere scrivervi per dirvi ha verità. Ritornate dunque in casa, dove vi aspettano i vostri affezionatissimi e fedeli servi. Carluccio e Teresa Fasulillo. Io mò che l’aggio da fà a chisti duje? So’ cose de curtellate! Chella pe fà nu scherzo me mena lo muschio ncuollo! Quanno vaco a Napole li sciacco a tutte li duje, ch’aggia da fà! Sta lettera però è stata bona, pecché nce l’aggio da tuzzà sotto a lo musso a muglierema. Ah, la vì cca...

NINETTA: Mammà nun vò sentere ragione.

RAFFAELE: Ma se capisce! Tu m’hai combinato chillo piattino. Felicié, chella è ghiuta da D.a Lauretta!

FELICE: E comme t’è venuto ncape!

NINETTA: Aggio fatto buono, aveva fenì lo scandalo! E pò chella non se l’ha negato affatto, non ha ditto manco na parola, s’è fatta rossa rossa comme a lo fuoco e m’ha giurato che non nce vene cchiù dinto a sta casa.

FELICE: (Ma allora era overo!).

RAFFAELE: Tu non avive da j da chella signora senza avvertì primme a mme.

NINETTA: Io l’aggio datto pecché voglio bene assaje a mammà, pecché la trascurate? Pecché ve site miso co n’auta femmena? Io siccome aggio saputo che dinto a sta casa pratica soltanto sta D.a Lauretta...

RAFFAELE: Hai supposta che era essa?

FELICE: E chella accussì fa, suppone na cosa e lo dà pe certo.

NINETTA: E me pare che certo è stato!

RAFFAELE: Chi t’ha ditto che io trascuro a mammeta? Chi t’ha ditto sta cosa?

NINETTA: Essa stessa, mammà, e perciò ve site appiccecate, perciò se vo spartere.

RAFFAELE: Ma vattenne che non è overo, st’appicceco è stata na finzione, è stata na cosa che l’avimmo fatta apposta.

FELICE: Già, me l’hanno ditto, facevene vedé ma non era overo. (Ride.)

RAFFAELE: Fruje na penzata che facette ajere D. Michele. Chella pò mammeta non sapenne dirte la ragione pecché c’eramo appiccecate, te dicette che io l’aveva tradita co n’auta femmena.

NINETTA: Possibile? Allora tutte chelli chiacchiere, tutta chella collera, la separazione?...

RAFFAELE: Tutto fatto apposta!

NINETTA: E pecché sta finzione?

FELICE: Pe causa toja!

RAFFAELE: Mammeta lo sape pecché, va, va ce lo addimanne.

NINETTA: Ma sicuro. Me l’ha da dicere. (Via a sinistra.)

RAFFAELE: Vuje vedite chella che m’ha combinato co D.a Lauretta! Felice mio, m’ha fatto nu guajo!

FELICE: Ma papà, dicite la verità... voi sapete che con me potete parlare... sta D.a Lauretta fosse veramente una vostra fiamma?

RAFFAELE (dopo pausa con espansione):Sì, mio caro Felice, sì... è stata l’unica bestialità che facette da che me so’ nzurato. Ma finì subito, te l’assicuro, fu un’abberrazione, fu il cuore. Amor ch’è in cor gentil, ratto s’apprende.

FELICE: Bravo!

RAFFAELE: Ma Felì...

FELICE: Oh, ve pare...

SCENA UNDICESIMA

Carmela e detti, poi Michele.

CARMELA (arrabbiata dal fondo a destra):D. Rafè, scusate, Ninetta addò sta?

RAFFAELE: Sta dinto da la mamma.

CARMELA: Pozzo trasì?

RAFFAELE: Favorite.

CARMELA: Grazie. Buongiorno D. Felì.

FELICE: Cara D. Carmela.

CARMELA: Sapite Michele mariteme addò sta?

FELICE: È stato ccà stammatina, ma subeto se n’è ghiuto, pecché ha ditto che teneva n’appuntamento co n’amico.

CARMELA: Teneva n’appuntamento co n’amico?... Va bene... isso se crede che me mbroglia ancora, ma mò non me mbroglia cchiù, mò nun songo cchiù scema comme a na vota. Ninetta m’ha fatto scoprì tutto!

FELICE: (Va trova che auto guajo ha fatto a chesta e a Michele!).

RAFFAELE: Ninetta v’ha fatto scoprì tutto? E scusate che v’ha fatto scoprì?...

CARMELA: Sta lettera la vedite, questa lettera terribile? (La fà vedere.)Chisto è nu brutto documento pe isso, io non faccio chiacchiere comme fanno l’auti mugliere. Mò che aggio saputo che me mbroglia, che me tradisce, io lo lasso sotto a lo colpo... me voglio spartere! Io lo voleva bene e nce teneva tutta la fiducia. Ninetta però me consigliaje de me stà attiento, de le fà la spia, de vedé si trovava quacche lettera de femmena dinto a lo portafoglio o pure dinto a la scrivania. Stammatina aggio apierto lo teraturo de miezo e aggio trovata sta lettera, non saccio comme non so’ morta! Sentite. (Legge. Dal fondo a destra comparisce Michele e si mette a sentire:)«Tesoro mio. Domani sera mio marito va a Roma, a mezzanotte scavalca, come al solito, il muro del giardino. La tua Gemma». Avite capite D. Rafè, e si non era pe Ninetta, tutto chesto non l’avarria saputo e mariteme seguitava a scavalcà lo muro de lo ciardino. Mbruglione birbante!

MICHELE (avanzandosi):Ma tu che stai dicenne, tu che stai accocchianno... quale muro aggio scavalcato io? Chesta è na lettera che me dette a leggere quatte mise fa Antonino, l’amico mio, è na causa che tene.

CARMELA: Niente, non te credo, cheste so’ chiacchiere.

MICHELE: Ma no, crideme, è la verità. Sta lettera la teneva dinto a la sacca lo marito de D.a Amalia Fresella.

CARMELA: Non ne credo niente! Tu si paglietta, e comme mbruoglie a l’aute te cride de mbruglià pure a me. No, no, mò non so’ cchiù scema. Me voglio spartere!

MICHELE: Te vuò spartere? E tu quanno maje hai ditto sta cosa? Va trova che te passe pe cape e mo’ pe me lassà hai trovato chesta scusa. Ma t’inganni però, t’hai fatto lo cunto senza lo tavernaro! Io, primmo che dai no passo de chisto, t’accido, te ne levo da lo munno. D. Rafè, scusate.

RAFFAELE: No, fate, fate...

MICHELE: L’avé trovata sta lettera dinta a la scrivania de no marito che fa l’avvocato, non è na ragione che na mugliera, na bona mugliera se vò spartere! Va trova pecché se vò spartere!

CARMELA: Guè! Io so’ na figliola onesta e a me non s’have che dicere!

MICHELE: E io so’ no galantuomo, capisce, so’ troppo conosciuto. Te vuò spartere? E va bene. Starremme a vedé!

CARMELA: Starramme a vedé!

SCENA DODICESIMA

Ninetta e Rosina, poi Luigino.

NINETTA(uscendo, parlando con Rosina che la segue di cattivo umore): Sì, so’ decisa, so’ risoluta! Ajere, cara mammà, non ve dicette niente, pecché ve trovai appiccecate co papà, ma si sapeva che chillo appicceco era na finzione, io ve dicevo tutte cose. Si me voglio spartere, non nce voglio sta cchiù nnanze a st’ommo!

ROSINA: Hai ragione, figlia mia, hai ragione, non te pozzo dà tuorto, mò ve pozzo compatì.

RAFFAELE: Rosì, mugliera mia...

ROSINA: Zitto, birbante, io nun so’ cchiù mugliera toja, t’aggio ditto che me voglio spartere.

MICHELE: Quanno t’aggio dato li prove che sta lettera non è rrobba mia, t’aggio abbuffà la faccia accussì!

CARMELA: A me?...

MICHELE: Sì, a te, a te grandissima civetta!

CARMELA: Neh, sentite, vuje site testimone, ha ditto che me vò vattere e m’ha chiammata civetta, capite, civetta...

FELICE: E tutto pe causa toja capricciosa pazza!...

NINETTA: E mò me chiamme n’auta vota pazza? Neh, avite ntiso tutte quante? Ricordatevelle, in pubblico m’ha chiamma pazza!...

RAFFAELE (a Rosina che si è messa a scrivere al tavolino):A chi staje scrivenne?

ROSINA: Sto scrivenne a frateme che sta a Barletta, me ne vaco addò isso, non nce voglio stà cchiù dinto a sta casa.

RAFFAELE: Io t’assicuro, Rosì...

ROSINA (gridando):Non nce voglio stà cchiù!

RAFFAELE: E vattenne, non me rompere cchiù la capa!

ROSINA: Neh! Avite ntiso, me n’ha cacciata! Ricordatevelle tutte quante. (Tutti passeggiano arrabbiati.)

LUIGINO (dal fondo a sinistra):Eh, mò non me la facite cchiù! Stanne pazzianne tutte quante, lo fanno apposta. Neh, sapete, io aggio fatto capace a D. Peppino. Stamme aspettanno mmiezo a la strada, li pozzo fà saglì?

FELICE: Che hai da fà saglì, ccà sta l’inferno apierto!

LUIGINO: Ma fanno apposta?

FELICE: No, fanno overo!

LUIGINO: Uh, e comme faccio? Io l’aggio ditto che l’appicceco era na pazzia, e chillo mò addirittura me piglie a cauce! Signori miei, calmateve no poco, io aggio da fa trasì la sposa mia co lo patre, la quale va trovanno pace, tranquillità nella famiglia, vuje me facite no guajo! Papà, mammà, pe carità, stateve zitto, si no me facite scombinà lo matrimonio, chella tene 50 mila ducate de dote. No momento, pe na mez’ora, e po’ accumminciate n’auta vota!

RAFFAELE: Signori, vi prego, un poco di calma! Avete inteso di che si tratta? (Pausa seggono silenziosi.)Và li piglie, fà ambressa...

LUIGINO: Grazie tanto. Fisonomia, ridenti... Ah, si ve putisseve fà trovà abbracciati... sarria na bella cosa!

RAFFAELE: Chesto non pò essere... mò vuò troppo mò! Và li piglie, non perdere tiempo.

LUIGINO: Eccomi qua. (Via pel fondo a sinistra. Pausa.)

CARMELA (sottovoce):Civetta ovè, e so’ civetta io? Lo può dicere?

MICHELE (sottovoce):Se capisce, pecché non se parla de chella manera nfaccia a no marito comme a me!

RAFFAELE (guardando in fondo a sinistra):Pss, embè, io v’aggio pregato. (Pausa.)

NINETTA: Te voglio fà vedé sta capricciosa, sta pazza, che sape fà!

FELICE: Nun nce appure niente, pecché tengo la prova della mia innocenza.

RAFFAELE: Pss... Stateve zitto!...

ROSINA: Che bella cosa, che ommo, a chell’età! (Sottovoce.)

RAFFAELE: Ete può lagnà de me? (Gridando.)

TUTTI: Pss... Zitto!...

RAFFAELE (sottovoce):Te può lagnà de me...

SCENA TREDICESIMA

Antonino seguito da Bettina e detti.

ANTONINO: Signori miei, vengo a darvi una bella notizia. D.a Lauretta ha accettato la proposta de matrimonio che l’aggio fatto e lo mese che trase spusamme.

RAFFAELE: Bravissimo!

ROSINA: Veramente?

ANTONINO: Veramente.

RAFFAELE (a Rosina):(Va buono mò? Sì contenta?).

ROSINA: (Respiro!).

MICHELE: Dimme na cosa Antonì. Tu che volive da me stammatina che te serveve pe la causa de D.a Amalia Fresella?

ANTONINO: La lettera che te dette a leggere sei mise fa, che essa trovai dinto a la sacca de lo marito.

MICHELE: E la copia la tiene?

ANTONINO: Sì, eccola ccà. (La caccia.)

MICHELE: E falla vedé a muglierema. L’originale la tene essa, l’ha trovato e se crede che appartiene a me.

ANTONINO: No, cara Signora, chella è de na cliente mia, e datemella pecché dimane l’aggio da presentà all’udienza. Tenite, liggite la copia. (La dà.)

CARMELA (legge la lettera piano, poi dice):Aggio tuorto. So’ na bestia. Pigliatavella.

ANTONINO: Grazie tanto.

CARMELA: Agge pacienza. Michè, aggio fatto chesto pecché te voglio troppo bene.

MICHELE: E io perciò te perdono.

RAFFAELE: Niné, fa pace cu maritete.

NINETTA: Oh, pe me nun nce pensate, a nuje è n’auta cosa.

RAFFAELE: Te lo comanda tuo padre!

NINETTA: È inutile. M’avarria dicere pecché ajere teneva chella puzza de muschio ncuollo, e siccomme non me lo pò dicere, non se pò discolpà, non potimmo fà pace.

RAFFAELE: Che dite voi? Vi potete discolpare?

FELICE (sardonico, caccia la lettera di Carluccio dalla tasca):Leggete questa lettera.

NINETTA: E ched’è sta lettera?

FELICE: Me l’ha mannata Carluccio lo servitore, l’aggio ricevuta poco primma. (A Bettina.)Èvero?

BETTINA: Sissignore... signorì.

NINETTA (dopo letta la lettera):Possibile! E comme, Teresa se permette de fa sti pazzie co tico, nce ha da stà quacche cosa co Teresa.

FELICE (gridando):Eh! Mò Teresa mò? E feniscela, quanno jammo a Napole ne la cacciamme!...

RAFFAELE: Me pare che può essere contenta, abbracciateve, andiamo! (Felice e Ninetta si abbracciano.)E vuje pure! (A Michele.)

MICHELE: Ma se capisce!

CARMELA: Co tutto lo core! (Si abbracciano.)

ROSINA: E a me, ched’è, non m’abbracce?...

RAFFAELE: Se sape... e stretta stretta! (Abbraccia Rosina.)

ANTONINO: Che bella cosa! Che bello quadro!...

SCENA ULTIMA

Luigino, D. Peppino, Fjfì e detti.

LUIGINO (introduce Peppino e Fifì, senza parlare, mostra il quadro e dice):Che? Che ve ne pare?

PEPPINO: Bravo! Me piace assai!

FIFÌ:Comme stanno belle!

PEPPINO: La vera pace della famiglia!

LUIGINO: Papà, mammà. Signori, ho l’onore di presentarvi il Signor D. Peppino Scorza, e sua figlia Fifì. (Inchini e riverenze di tutti.)

PEPPINO: D. Luigino se vò spusà a figliema, io acconsento.

RAFFAELE E ROSINA: E nuje pure...

LUIGINO: Ah, finalmente! (Abbraccia Fjfì.)

ROSINA: Ogge restate a mangià cu nuje.

RAFFAELE: Se capisce!

PEPPINO: Grazie tanto. Una cosa volarria sapé... pecché v’appiccecate apposta e ve chiavate chilli sorte de schiaffe, accussì pe pazzià? Che sfizio nce provate a fà sti cose finte?

FELICE: D. Peppì, noi qua facciamo tutto finto, tutto apposta, e quando le nostre finzioni non so’ fatte bene... so’ guai pe me... e pe tutte quante! (Ridendo e marcato.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 158 volte nell' arco di un'anno