Capisci a me!

Stampa questo copione

CAPISCI A ME…

Capisci a me!

Commedia in due atti

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 887392A

mail: macrisa@libero.it - anno 2009

Personaggi:

Luigi, impiegato

Piero Mingione, Presidente PPP

Carmela, cameriera

Ginetta, moglie di Luigi

Andrea

Faisal Talatu

Maddalena

Principe

Pasionaria

Bambolina

Scena: interno di appartamento moderno, quadri, sedie, tavolo, almeno un mobiletto con una scatola da scarpe ed un tavolino basso al centro. Comune a destra, altra uscita a sinistra per l’interno dell’appartamento.


Primo atto – Scena prima: Luigi, Carmela, Ginetta

Luigi                   (entrando dalla comune con un giornale sportivo in mano) Che bella giornata! Finalmente oggi nun fatico e me pozzo leggere 'o giurnale comme dich'io! E po’ me ne vaco ‘ncopp’ ‘a internet, senza scucciatori arret’ ‘e spalle… ahhh... e cchiù tardi ce sta pure ‘a partita …! Ahhh! Che benerizione! (si siede su una sedia o in poltrona, apre il giornale e mette i piedi sul tavolino)

Carmela              (entra da sinistra)  ‘On Lui’… ma mo’ state cca’, overo? Ve site aizato… definitivamente?

Luigi                   Sì, (scuotendo il giornale) …ma comme ‘o dici brutto! “Definitivamente” m’arricorda… che saccio… robba ‘e muorti!

Carmela              ‘On Lui’, io nun me permettesse mai ‘e farvi chisto malaugurio… però! ‘O ssapite che dice ‘o prevete? Che ‘n Paraviso se sta buono…, anzi, che nun ce sta ‘nu posto cchiu’ bello… ‘On Lui’! Vui si vulite sta buono, ‘ata i’ lla’!

Luigi                   (facendo gli scongiuri) Brutta janara! Primma dici che nun me fai ‘o malaugurio e po’ tiri chesti forme ‘e secce! Vavattenne! Ushh! Famme leggere ‘n pace!

Carmela              No, no e no! Nun ‘ate capito niente! Era pe’ gentilezza! ‘A signora m’ ‘a ditto che aggia ‘ncummincia’ a fa’ ‘o lietto…

Luigi                   Brava! Allora vavattenne ‘a lla’!

Carmela              …ma po’ aggia pulezza’ chesta stanza! Perciò, si ‘ate bisogno ‘e coccosa, facitelo subbeto ca po’ vengo io e nun ve putite movere cchiù!

Luigi                   E che fai, m’attacchi ‘ncopp’ ‘a seggia?

Carmela              No, no e no! ‘A signora cumanna e io faccio! Primma aggia pulezza’ ‘e seggie e ‘o tavulino, doppo ve assettate e nun ve muvite cchiù mentre chi io scopo e lavo pe’ terra! Manco pe’ fa’ ‘a… pe’ lavarve ‘e mani! ‘Ate capito? ‘Ate capito a me…?

Luigi                   E sia fatta ‘a vuluntà ‘e Dio! Però tu pulezza senza fa ammuina…

Carmela              No, no e no! ‘A signora cumanna e io faccio! Aggia passa’ l’aspirapovere, ‘a scopa elettrizzata e ‘o muscio pe’ terra! E vuje si vulite sta cca’, nun ve muvite! Io nun ce pozzo i’ pe’ sotto…! Vietato spurcare! Primma ‘a signora vere, cuntrolla, e po’ vuje ‘nchiaccate! E levate chisti pieri!

Luigi                   (esegue, scuotendo il giornale) Sienti, me so’ scucciato! Vavattenne a fa’ ‘o lietto, e po’ se vere!

Carmela              Ce verimmo int’ ‘a cinche minuti! (esce a sinistra)

Luigi                   Ah, comme me sento buono… (rimette i piedi sul tavolino ed riapre il giornale; mentre legge, con lunghe pause)  Chesta è vita… ‘e giurnali ‘ncopp’ ‘o computer so’ cchiu’ aggiornati… cchiu’ comodi… ma vuo’ mettere ‘a suddisfazione ‘e sfuglia’ ‘nu giurnale nuovo…? Quasi quasi… doppo vaco a vede’ che se dice ‘o bar… accussì chella pulisce... fa tutto 'o rummore che vo'... che bella vita…

Ginetta                (entrando da sinistra, anche lei con pause tra le battute) Luigi caro! Buon giorno!  Comme stai? Eh? Te sienti buono? Comm'è che oggi te si' aizato ampressa...? Te putive arripusa’ n’ato poco…! Vulisse coccosa? 'Nu cafè? Dici, dici...

Luigi                   (con malcelata impazienza, scuotendo il giornale ad ogni domanda ricevuta) Bellissima… buon giorno… si forse 'o cafè, però doppo... Me so' aizato ampressa, me so ghiuto a accatta' 'o giurnale... e m' 'o vulesse leggere senza annasconnerlo sotto ‘a scrivania, senza farlo mappecea’ tutto quanto! Capisci a me!

Ginetta                (si avvicina e vede i piedi di Luigi sul tavolino; con impeto)  Ahhh! Assassino! Che ‘e fatto?

Luigi                   (attonito) Io… che stai dicenne… (si alza incerto, lasciando cadere il giornale sulla sedia)

Ginetta                (inorridita, indicando il tavolo) ‘O tavulino…! ‘O tavulino ‘e mammà! ‘O sai che è l’unico ricordo d’ ‘a bon’anema ‘e mamma mia! E tu… ce miette chilli pieri ‘ncoppa…! Chelli scapacce! Chi sa addo’ si ghiuto…! Chillo se sporca e se scippa! (strillando verso l’interno) Carmela! Carmelinaaa…!

Carmela              (entra allarmata da sinistra) Signo’…

Ginetta                Pulezza chisto tavulino! Chillo… (indica Luigi)  …fetente ce ‘a miso ‘e pieri ‘ncoppa! Anzi… lievece chelli scarpacce e jettale!

Carmela              A chi? No, no e no! Signo’, io chelle scarpe… nun ‘e tocco! Seee! Chelle se sentono ‘a cca’!

Luigi                   ‘Ate fernuto? Gine’, io vulesse sape’ pecche’ fratete ‘e pieri c’ ‘e po’ mettere… e io no! E po’ ‘e scarpe mie so’ pulite… so’ nove! (rivolto a Carmela) …e nun puzzano!

Ginetta                Che c’entra, chelle ‘e frateme so’ scarpe italiane… ormai so’ ‘e famiglia, porta sempe chelle ‘a cinche anni… ‘e toje chi sa chi l’ ‘a fatte… so’ d’importazione! Int’ ‘a chilli paesi ‘e fore ce sta ‘a peste… ‘a lebbra… (rabbrividisce, poi, decisa) e po’ ‘o tavulino se scippa!

Carmela              ‘Ave ragione ‘a signora! Chi sape chi l’ ‘a fatte… che malatie teneva…! E po’ io ‘e ssento…! (storce il naso ed esprime disgusto)  Chi sape ‘e che culore v’anno fatto ‘e pieri…!

Ginetta                Carme’, nun te preoccupa’… stasera quanne s’ ‘e leva, c’ ‘e metto dint’ ‘a ‘na busta… e dimani se jettano!

Carmela              Ah, accussì va buono…! ‘E vaco a jetta’ cu’ piacere… mò torno a fa ‘o lietto, po’ torno e pulisco tutte cose! (esce a siistra)

Luigi                   Ma tu vidi ‘nu poco… stanotte m’aggia annasconnere ‘e scarpe, si no me jettano ‘e scarpe nove…! (si avvicina a Ginetta che ispeziona il tavolino)  Io me stevo liggenne ‘o giurnale…


Primo atto – Scena seconda: Luigi, Carmela, Ginetta, Piero

(bussano)

Ginetta                (si rialza di scatto e urta Luigi facendogli perdere l’equilibrio mentre va ad aprire alla comune) Ma comme è venuto già…?

Luigi                   (cade sulla sedia, dove c’è il giornale) Gine’… che te pozzano… ma chi aspietti…? (si rialza, e cerca di stendere il giornale ormai spiegazzato)

Ginetta                (entra con Piero, facendogli strada)  Prego, eccellenza… accomodatevi, eccellenza…

Luigi                   (tra sé) Trasite, deficienza…

Piero                  (entra con suggiego papale)  Buongiorno! Grazie, grazie… la sollecitazione vostra mi fa chiagnere…

Luigi                   E nuje invece stammo cchiù alleri quanne verimmo a te!

Ginetta                Luigi! Comme te mietti a parla’, cu’ ‘o Presidente?

Luigi                   Gine’, e dalli… ce cunuscimmo ‘a tanti anni, ‘o sai che ‘ammo fatto ‘e scole ‘nzieme…

Piero                  …e infatti ce pariammo cu’ cunfidenza… Ginetta… pure tu… quanne te decidessuve a pariare cu’ nuje? E io vulesse pure che tu accanuscisse a muglierema… e i guagliuni…

Ginetta                Ma io nun pozzo… pe’ rispetto che ve porto… nun me vene! Ma… accomodatevi, eccellenza… ve pozzo offri’ cocche cosa? ‘Nu liquorino… ‘na tazzulella ’e cafè?

Piero                  (si accomoda sulla sedia di Luigi; con un sospiro di soddisfazione, mette i piedi sul tavolino) Gine’ nun fa’ cumplimenti, nun voglio niente… ma nun me dicesseve niente… me so’ stancato a chella cerimonia… aggia pacienza…! Te dispiace?

Luigi                   Ginetta! ‘E ‘ntiso…? Vulissi risponnere a Piero, o te stai squaglianne…?

Ginetta                No, quanne mai… facite, chesta è casa vosta…!

Luigi                   E po’ tiene ‘e scarpe italiane, è overo? Songo chelle che fanno ‘a differenza!

Carmela              (entra con scopa e secchio da sinistra) No, no e no! ‘On Pie’ ce avite ammiscata vuje ‘a malatia? (a Piero) Scustumatone! Levate chelli scarpe che feteno ‘a llà ‘ncoppa!

Ginetta                (inorridisce; poi a Piero) Eccellenza, scusate… chesta è sorema pazza…! (prende sottobraccia a Carmela e la porta fuori a sinistra, soffocando le sue proteste)

Piero                  (toglie i piedi dal tavolino) Neh, Lui’… ma io nun ‘o sapevo…! Povera mugliera toja… poveri a vuje… è periculosa ‘a pazza? Chella è asciuta pure c’ ‘a scopa! E addo’ ‘a misa, mo’?

Luigi                   ‘O posto suojo! Chella sta sempe dint’all’armadio… ‘a caccia fore sulo quanne s’adda pulezza’…

Piero                  Puverella… stritto e scuro… ma ce dorme pure ‘a rinto lla’?

Luigi                   Ce dorme… ‘a scopa?

Piero                  Ma qua scopa! Io stongo parlanne d’ ‘a pazza!

Luigi                   ‘O vi’ che si’ scemo proprio? Po’ mai essere che ‘na femmena ‘a mettimmo dint’ ‘o stipo? Ma te criri tutte cose, pure ‘a Befana?

Piero                  Ecco…!  Proprio ‘a Befana ce azzecca… sienti, io so’ venuto pecchè me serverebbesse ‘nu piacere… quanne aggio telefunato, mugliereta toja m’ ‘a pure invitato a pranzo, ma nun tengo tiempo… tu capescissi, stammo sotto l’elezioni… aggia magna’ cu’ perzone ‘mpurtanti… facissemo n’ata vota!

Luigi                   Nun cagni maje, eh? Ma chilli che te danno ‘e voti, te sentono quanne parli?

Piero                  Nun m’ ‘o fa’ arricurda’! ‘E tiempi se so’ fatti difficili…! ‘Na vota ogni tesserato era ‘nu voto assicuro… mo’ nun se capisce niente! Ma m’ ‘o fai chillo piacere?

Luigi                   Io me vulevo leggere ‘o giurnale! Se vere che nun è cosa…! che piacere te serve?

Piero                  Ecco qua…‘na cosa da omme a ommo! Si trasesse mugliereta toja, cagna fuoglio… capisce a me!

Luigi                   E allora?

Piero                  Eh! Tu ‘o sai ausa’ ‘o computèr? Io me l’aggio fatto ‘nzigna’… ‘na consulenza … però l’aggio fatta fa’ pure a chilli ‘e l’ufficio…

Luigi                   Bravo! Chella è ‘na cosa che ce vo’… se sparagna tiempo, ‘a carta se ne cunzuma meno… io po’, ce fatico cu’ internet… tengo cinche caselle postali… sapisse quanta robba che m’arriva… songo n’esperto!

Piero                  Eh, già… ‘o saccio che si’ bravo… sulo che io ‘o tiempo ‘na vota ‘o sparagnavo… po’ è abbiata pure addo’ me ‘a posta elettica…

Luigi                   Che dici? ‘A posta elettronica!

Piero                  Sienti, nun me ‘mpappina’… stevo dicenne… tu cunusci buono a internet, overo? ‘O sai che ce stanno… comme se dice… ‘e gruppi d’amici…

Luigi                   Se dice “Social network”, Pieri’!

Piero                  Ecco… chilli… che uno se mette ‘nu nomme a piacere… e addiventa chello che vo’… aggio visto imperatori, befane, draghi, streghe… ce sta tutte cose! E… si uno… le vene ‘a voglia ‘e fa’ doje parole cu’ ‘na figliola… che male ce sta?

Luigi                   Beh, si so’ sulo chiacchiere…

Piero                  Ecco… però… po’ ‘e chiacchiere addiventano… ecco… si ‘a guagliona ce mette ‘na fotografia ‘e chelle… capisci a me…

Luigi                   ‘E chiacchiere…, che addiventano?

Piero                  Inzomma t’aggia spiega’ tutte cose? ‘A primma vota, so’ ghiuto diretto sulo sulo all’appuntamento…

Luigi                   Ma che dici? Ve site ‘ncuntrati overamente? E te si’ fidato ‘e una che nun cunusci? Ma tu si’ scemo?

Piero                  E chella, ‘a fotografia era…, diceva… tutte cose! Beh, pe’ nun t’ ‘a purta’ a luongo… so’ ghiuto… e aggio truvato a una ca teneva ‘a barba e steva vestuta comme a ‘na Befana!

Luigi                   E ben ti sta! (ironico) Ve site dati pure ‘nu bacetto?

Piero                  Che schifezze vai penzanne? No, no… me ne so’ fiuto… e chella… chillo… nun ‘o saccio buono che d’ è… me scrivesse ancora ‘nu sciumme ‘e lettere, ma io nun risponnesse!

Luigi                   E allora t’ è bastata ‘a lezione?

Piero                  Ma chelle, ce stanno cierti guaglione…! Nun hai idea! Mo’… tengo n’appuntamento cu’ n’ata figliola…

Luigi                   Tu fai tutto chesto, e mugliereta nun sape niente, overo?

Piero                  Chella me cecarrebbe n’uocchio si ‘o venesse a sape’…!

Luigi                   E tu ce vuoi i’ ‘o stesso…?

Piero                  Ecco… si… però… vacce primma tu! Chisto è ‘o piacere che me serve! Tu vaje e viri, si è femmena me fai segno… e vengo io!

Luigi                   Eh? E a me Ginetta che me dice? E po’, nun ‘a può vede’  ’a luntano, e po’ ce vaje vicino?

Piero                  Ginetta… nun l’adda sape’! Nisciuno adda sape’ niente…! Ce jammo a piglia’ ‘nu cafè… facimmo ‘o servizio… e po’ tu te ne sagli…! Io ‘a sulo nun ce pozzo i’… pure essa s’ è scuttata, e ‘a ditto che ‘a cunosco pecchè mette ‘nu signale… duje euro vicino ‘o bicchiere quanne coccheruno s’avvicina! Tu capisci, nun pozzo i’ a guarda’ troppo ‘a vicino… chella subbeto se n’accorgesse, tene ‘a fotografia mia!

Luigi                   Si’ accussi’ scemo che l’ ‘e dato pure ‘a fotografia! E quanne tenissi chist’appuntamento?

Piero                  (guarda l’orologio) N’oretta ‘o bar cca’ vicino… “’A tazzulella”, ‘o tavolo vicino ‘o bancone… ‘o canusci? Che dici… pe’ ll’amicizia vecchia che tenimmo…? Io nun tengo a nisciuno affidato comme a te… tutti scurpiuni e vipere! Capisci a mme!

Luigi                   Tu me si’ sempe stato antipatico, pecchè si’ scemo e nun fai niente pe’ cagna’! E pe’ te da’ ‘na lezione, te faccio cuntento! Ma sicondo te, una ‘e chelle, che te po’ da’? Che te manca dint’ ‘a famiglia? Si te va bona, se piglia tutt’ ‘e sorde che tieni… si po’ fa ‘nu scandalo… che te succere? Pierdi a mugliereta, se sfascia ‘a famiglia, ‘a carriera politica t’ ‘a ‘nguai… pe’ ‘nu sfizio senza futuro… c’ ‘e penzato buono…?

Piero                  Sienti… nun parlammo ‘e chella ‘nziriosa ‘e muglierema…! Chella è n’incrocio tra ‘na Befana e ‘na strega! Io aggio fatto sulo ‘na vita ‘e cani, striscianne sempe e alleccanne ‘e scarpe a chilli cchiu’ gruossi… aggio suppurtato tutte cose ‘a muglierema, ‘a gelosia, ‘e scenate, l’appiccichi ‘e cani… aggio sempe dato, senza pigliarme niente, umiliazioni, dispiaceri… è l’ultima occasione che tenesse…! Io a chella guagliona l’aggia vede’! ‘O saccio che nun po’ dura’… ma voglio ‘nu ricordo bello…

Luigi                   Me sape che invece, (gesticolando) te fai proprio ‘nu bello ricordo…! Iammuncenne! Povero giurnale mio…! (si alzano; verso l’interno) Ginetta! Io e Pierino ce jammo a piglia’ ‘nu cafe’… ‘o bar cca’ vicino! E nun me jettate ‘o giurnale…!

Piero                  Jammo, facessemo ampressa… chi sa, n’imprevisione…

Luigi                   Guarda che se dice “imprevisto”… e po’ jammo a pere… traffico e bucature ‘e rote nun ce ne stanno… e ce sta tiempo… n’ora sana!

Piero                  Comme si’ filosofo! E si se fa ‘nu buco dint’ ‘a ‘na scarpa? Jammucenne! (prende per il braccio Piero e lo trascina fuori per la comune)


Primo atto – Scena terza: Carmela, Ginetta, Andrea

Carmela              (entra da sinistra con Ginetta e si dirige al tavolino) Signo’… oiccanne…! L’ ‘a scippato! Signo’… chelle erano proprio scarpe furastiere!

Ginetta                (osservando da vicino)  Chillo è ‘nu scustumato… ‘nu fetente… Presidente e buono…

Carmela              Però quann’aggio ditto io, ve site fatta piglia’ pe’ pazza… ‘o verite che tenevo ragione…?

Ginetta                Forse se leva… è piccerillo… (si sputa platealmente su un dito e strofina sul legno) Va meglio… miettece ‘nu poco ‘e cera… e po’ passa ‘o lucidante…

Carmela              Si nun jesce buono ce mettite ‘nu centrino… ‘na cosa bella… pesante… accussì sparagno ‘e pulezza’ ‘a sotto!

(bussano)

Ginetta                E chi è? Nun aspetto nisciuno…

Carmela              Aspettate… arapo io… chi è? (va ad aprire alla comune e ritorna dopo Andrea)

Andrea                (entra e si accomoda) Ahhh! Gine’ buongiorno, comme jammo?

Ginetta                Buongiorno Andre’, comme ‘o solito… vulisse ‘nu poco ‘e cafè?

Andrea                Sì, però… aspetto n’amico… fai ‘a cafettera grossa, che po’ ‘o dammo pure a isso…

Carmela              Signo’, ‘o vaco a fa’ io… ‘o metto dint’ ‘o termos, accussi’ nun s’adda scarfa’ pe doppo… va buono? (esce per l’interno)

Ginetta                (sedendosi) Andre’, ma io nun saccio comme te veco…

Andrea                Cara sora mia, stongo cuntiento assai! Stongo facenne n’affare… ‘na cosa… me sistemo ‘na vota e pe’ sempe… e campo ‘e rendita!

Ginetta                Andre’… nisciuno addiventa ricco int’ ‘a ‘nu mumento… si se cumporta buono! ‘E vinto ‘a lotteria? Che è ‘sto fatto?

Andrea                E chello è quasi comme a ‘na lotteria! Uno accatta ‘o biglietto… sulo che stavota ‘a vincita è sicura! Garantita! Se po’ dicere che ‘o biglietto m’accatto ch’ ‘e sordi d’ ‘a vincita!

Ginetta                Andre’, si’ sicuro? Nun è che fai comme quanne…

Andrea                Stavota è sicuro! Perciò aggio pigliato cca’ l’appuntamento! Voglio che ce stai pure tu e Luigi, accussì sentite pure vuje!

Ginetta                Ah! E chillo Luigi è asciuto…

Andrea                E chi se ne ‘mporta? ‘O chiammo c’ ‘o telefonino… (prende il suo telefonino e schiaccia dei tasti) …oiccanne! ‘O suojo ‘o tene appriesso, overo?

Ginetta                ‘Ncullato dint’ ‘a sacca!

Andrea                Zitta che sta chiammanne… (pausa) …ma nun risponne!

Ginetta                Ohe’… prova n’ata vota… chillo sta ‘o bar cca’ vicino…

Andrea                (richiama; pausa) Niente! …Nun risponne!

Ginetta                Maronna aiutace! Chillo sta malamente! (torcendosi le mani) Forse è svenuto… n’incidente… forse sta ‘o Spidale… jammo ‘o bar! (si alza e prende Andrea per il braccio, costringendolo ad alzarsi) Jammo, che aspietti…?

Andrea                Gine’… ma nun è che sta sulo distratto… e nun esagera’… io po’ aspetto a chella perzona…

Ginetta                Allora vaco io! Povero marito mio! Chillo è ferito… (mani alla bocca) Forse è muorto! Forse nun risponne che tene ‘e manette… o l’hanno tagliato ‘e mani! Si’, m’ ‘o sento, è succiesa ‘na disgrazia! Tu… (prende una scatola da scarpe dal mobiletto) …tu fai ‘na cosa, spicciati! (gli dà la scatola) Scigli ‘na bella fotografia ‘e Luigi ‘a cca’ mmiezo… (uscendo per la comune) …accussi’ ce ‘a mettimmo ‘ncopp’ ‘a lapide! Povero marito mio! (gesticolando, esce per la comune)

Andrea                Maronna aiutace overamente! (posa la scatola sul tavolo, con delicatezza, girando le spalle all’uscita di sinistra) Sorema è sempe stata esagerata… ma io ch’ ‘e fotografie ‘e muorti nun ce voglio ave’ a che fa’…!

Carmela              (entra con un vassoio, con una tazzina) No, no e no! Nun è ‘o posto suojo!

Andrea                (si spaventa e porta una mano al cuore) Maronna…! M’ ‘e fatto tremma’…! Io so’ malato ‘e core… ce putesse rummane’… (incespicando, si va a sedere e si slaccia il colletto) Maronna… tengo ‘o core che pare ‘nu tamburo…

Carmela              Ma comme, sulo pecche’ v’aggio ditto che chella scatula nun va lla’… ve facite veni’ n’infarto?

Andrea                L’infarto m’ ‘o fai veni’ tu… brutta janara… ma viri che se passa…

Carmela              Jammo, nun è stato niente, pigliateve ‘sto cafè…

Andrea                Lassa sta’… pure ‘o cafè me fa male, mò…

Carmela              Beh, io v’ ‘o lasso cca’… si ‘o vulite… (posa la tazzina sul tavolino)


Primo atto – Scena quarta: Carmela, Andrea, Maddalena, Principe, Pasionaria

(bussano)

Andrea                Siente… ce vai tu… io nun me pozzo sosere ancora… sarrà chill’amico mio…

Carmela              Vaco io… nu ve prioccupate…! Chi è? (va alla comune ed apre, facendo entrare Maddalena, che dà la mano a Principe e Pasionaria)  

Maddalena           Permesso… (ai figli) Principe e Pasionaria, fate i bravi…

Carmela              Ah… e vuje chi site?

Maddalena           Io sto cercando mio marito…

Andrea                E ‘o state cercanne cca’?

Maddalena           (isterica) Ma che, me pigli pe’ scema? (serena) Se sono qui è perché so che è venuto qui… dov’è?

Carmela              Scusate, ma chi è vostro marito?

Maddalena           (in dialetto) Mariteme è Piero Mingione, ‘o Presidente d’ ‘o PPP, “Partito Popolare Populisti”

Carmela              Ah, sì, è venuto, ma mo sta ‘nu mumento ‘o bar cca’ vicino… “ ‘A Tazzulella”… cu’ don Luigi!   

Principe               Uh, mammà, voglio i’ pure io ‘o bar…! Voglio n’aranciata! tengo sete!

Maddalena           E aspietti! Statti zitto, se tratta ‘e cinche minuti…

Pasionaria           E io voglio ‘e caramelle!

Maddalena           (isterica) Stateve zitti si no ve meno a tutti e duje! (serena) Tranquilli… adesso ci andiamo tutti al bar… andiamo incontro a papà… ci facciamo pure quest’altra camminata… (isterica) …e verimmo che sta facenne, chillo disgraziato! Oggi le faccio scunta’ tutte cose! Faccio succedere n‘ammuina!

Andrea                No signo’… forse l’ammuina è già succiesa… ce sta già sorema che sta jenne ‘o bar… mio cognato nun risponne ‘o telefono… essa s’ è misa paura… che saccio… forse ‘na difficoltà… n’incidente…

Maddalena           Ahhh, allora po’ essere che ci sta già l’ambulanza? (serena) Ragazzi vedete papà com’ è fortunato?

Principe               Uh, mammà, voglio i’ pure io int’all’ambulanza!

Pasionaria           Io no! A me me piace quanne corrono ch’ ‘e barelle! Io nun ce saglio!

Principe               Mammà, che dici, ‘a pozzo guida’ ‘nu poco pure io?

Maddalena           Nun te preoccupa’… papà se ne compra una tutta per lui, tanto gli servirà spesso…

Pasionaria           E s’accatta pure ‘e barellieri?

Andrea                Carmeli’… pecchè nun te vai a affaccia’ ‘nu poco ‘mmiez’ ‘a via? Viri si stanno turnanne… (rivolto a Maddalena) …signo’, assettateve, addo’ vulite i’, cu’ chisti guagliuni?

Carmela              Overamente! Assettateve ‘nu poco… io me vaco a  affaccia’… ‘on Andre’, ve sentite meglio? Si ve serve coccosa… io vengo subito! (esce per la comune)

Andrea                (appoggia i piedi sul tavolino)  Ecco… accussi’ me sento ancora meglio…

Maddalena           Sentite, nun po’ essere…! (ancora in dialetto) I’ nun pozzo sta assettata a ‘na parte quanne chillo disgraziato sta ciacenianne cu’… (guarda i figli) …chi so io! Ragazzi, andiamo al bar, comportatevi bene…! Primma spacco ‘a capa a papà, e po’ v’accatto aranciata e caramelle! Va buono?

Principe e Pasionaria (insieme)  Sì, sì, va buono!

(Maddalena, Principe e Pasionaria escono per la comune, facendo numerosi inchini e cenni di saluto ad Andrea, ancora con i piedi sul tavolino, che risponde come può)


Primo atto – Scena quinta: Carmela, Andrea, Faisal

Carmela              (rientrando) Ma se n’è ghiuta…! (guardando Andrea) No, no e no! ‘Stu tavulino s’ è scippato! Levate chisti pieri!

Andrea                Stavota nun m’ ‘e pigliato ‘e sorpresa! Oramai me so’ pure arripigliato… (leva i piedi) …ma nun l’aggio scippato io! Guarda ‘e scarpe…

(bussano)

                         …e chisto adda essere isso… arapi, pe’ piacere… ma nun ce steva niscuno che turnava?

Carmela              No, nisciuno… (va ad aprire e fa entrare Faisal, che porta una capace borsa) Scusate… chi siete e che volete?

Faisal                  Oh, io Faisal Talatu… appuntamento con signor Andrea…

Andrea                Carme’, fallo accomodare! (alzandosi) Prego, Faisal, assettateve… comme se dice in inglese…

Carmela              Wellcome! Sit down, please!

Andrea                Carme’…! Ma tu sai ll’inglese e nun dicive niente?

Carmela              No, no e no! Io saccio l’inglese ma ‘o parlo sulo si m’ ‘o dice ‘a signora! ‘Ate capito?

Andrea                Che te pozzano ‘mpennere! Vavattenne, e puortace ‘nu poco ‘e cafè, spicciati!

Carmela              Vaco, vaco… ma chello s’è arrefreddato… ne faccio n’ato! (prende la tazzina ed esce a sinistra)

Andrea                (si accomodano; Faisal mette la borsa accanto alla sedia) Allora, mister Faisal… come va? Comm va your vitesse?

Faisal                  No, non parlare strano… io capisce italiano… importante che tu capisci a me… capisci a me?

Andrea                Sicuro! Io capisco a te… e dimmi… ma è overo chello che m’ ‘e scritto? Comm’è chesta storia?

Faisal                  Lunga e dolorosa come vita di alligatore senza acqua! Mio patre in Niger fatto sacco di dollari con petrolio… e io non posso prendere denaro, perché vincolati su conto estero… italiano! Io già detto questo, ricordi? Io ho bisogno di giro su conto banca italiana per sbloccare soldi… dare venti per cento… per riservatezza… tu capisci a me? 

Andrea                Ma perché non lo fai con banca nigeriana?

Faisal                  Perché bancari non vogliono! Io provato con tutti mezzi, dato buste con dollari, ma loro preso e dato niente! Vincolo è che soldi non possono ritornare in Niger! Allora bisogna girare, poi prelevare e viaggiare contenti…

Andrea                Viaggiare contanti… cioè te servono ‘e banconote… ‘e dollari?

Faisal                  Anche euro buoni, valgono più, perciò meno pacchi… molto buono!

Andrea                E quanti soldi sono?

Faisal                  (si gira intorno) Qui niente spie? Parlare tranquilli?

Andrea                Sicuro! Niente spie!

Faisal                  Diciotto milioni dollari… tu fare conto quasi quindici milioni euro… se tu dai mano, prendi tre milioni euro… capisci a me?

Andrea                Mannaggia che nun ce sta sorema! Ma io non capisco… pare facile… e tu… io che devo fare?

Faisal                  Tu dire tuo numero di conto… io fare giro da Italia conto-conto, e tu trovi milioni su tuo! Poi si va banca, prende tutto e poi poco a te e tanto a me, ok?

Andrea                Facimmo! Sono d’accordo! Chi ci va in banca?

Faisal                  Vado io, per fare giroconto devo lavorare con miei numeri… quando tu dare tuoi numeri conto e numeri altri io faccio servizio… io vado subito in banca, e faccio operazione, veloce come fulmine in deserto! Capisci a me! Tu quanto avere in banca? Questi tuoi soldi io devo sapere per fare conto preciso… soldi tuoi restano tutti a te!

Andrea                Ma preciso preciso nun m’arricordo… ma songo quasi quindicimila euro…

Faisal                  Facciamo quindicimila! Pochi soldi! Allora io prelevo tutto, ok? Poi facciamo conti e quindicimila si mettono sopra tua parte… ok? Adesso dare numeri…

Andrea                E io ‘o sapevo! Me l’immaginavo che se jeva a ferni’ cca’! Ma me so’ premunito!

Feisal                  Tu… sapevi… chiamato qualcuno… polizia…?

Andrea                Ma che c’entra ‘a polizia? No, no… (mette la mano in tasca) …ecco qua! Cca’ ci sono tutti numeri, conto, codice, numeri controllo… tutto! Sono stato bravo a preparare tutte cose?

Feisal                  Bravissimo… (si asciuga il sudore)  Feisal ha avuto momento caldo… ma adesso passato… allora io vado banca, fare giro e prelevare… però… forse non necessario prelevare tutto… faccio stare i pochi soldi tuoi su conto… e lascio pure percento di tre milioni… giusto?

Andrea                Giusto! Tanto io nun ne ho bisogno di tanti contanti… allora che fai?

Feisal                  Io vado (si alza) Tu stare riposato… io torno qui, lascio qui mia corrispondenza con preziosi documenti… (apre la borsa e mette una cartella piena di carte sul tavolo) soldi metto in borsa, più sicuro… va bene? Feisal va, e pulisce conto… tu capisci a me?

Andrea                Sicuro che aggio capito! E che aspietti? Ah…porta a me l’estratto conto, quando tornare!

Fesal                  Estratto… conto… sì adesso faccio subito estrazione conto… e poi torno subito a dare roba a te e prendere documenti… tu capisce me? Aspetta qui… non muovere! (esce per la comune)

Carmela              (entra con due tazzine) Uh, ‘on Andre’, e chillo aro’ è ghiuto…?

Andrea                (si alza) Eh, bella mia… è asciuto a fa’ ‘nu servizio… io vaco ‘o bar, a festeggia’ sulo cinche minuti, però…! Chillo adda turna’…! Astipa ‘sti carte… (Carmela prende la cartella) Sapisse che stongo pe ave’, e senza fa’ niente…! Chillo me sta facenne ‘nu servizio… lavato e stirato a puntino… capisce a me!

fine primo atto


Secondo atto – Scena prima: Luigi, Carmela, Piero

Luigi                   (entrando dalla comune) Aro’ sta? Ahhh, t’aggio piscato! (recupera il giornale) Finalmente…! (si siede su una sedia, apre il giornale e mette i piedi sul tavolino)

Carmela              (entra da sinistra con attrezzi per pulizia)  No, no e no!‘On Lui’… ma ‘a vulesseve ferni’ ‘e mettere ‘e pieri ‘ncopp’ ‘a chisto tavulino…? ‘On Lui’…? ‘On Lui’…!

Luigi                   (scuotendo il giornale) Carmela… pe’ piacere… sto liggenne…

Carmela              Io ve l’aggio ditto… si vulite sta veramente buono…

Luigi                   (scuote nervosamente il giornale)

(bussano)

                         Ecco… e manco oggi se po’ fa’ niente…

Carmela              (va ad aprire e fa entrare Piero) Chi è…?

Piero                  Permesso… buongiorno… ce sta… Luigi! Amico mio!

Luigi                   ‘O sapevo! (ripiega il giornale e leva i pedi dal tavolino) Buongiorno… assettate, Pieri’…! Carme’, pe’ favore…

Carmela              Sissignore, ‘o cafè… ma doppo torno a pulezza’! (esce)

Piero                  Lui’…, tutto a posto? Io… no…

Luigi                   Ma tu che vai truvanne? Te si’ ‘ncuntrato cu’ chella guagliona, ‘e scansato a mugliereta… che ‘ato vuo’?

Piero                  Lui’… me serve ‘nu piacere… e sulo tu me putisseve aiuta’!

Luigi                   Pe’ me, te serve sulo ‘e sturia’ ‘nu poco d’italiano, e io nun faccio ‘o professore…

Piero                  No, no… siente… (si gira intorno) …stammo suli, overo? Sienti… chella… Bambulella… io ce avessi parlato…

Luigi                   Me l’immaginavo… ma nun se n’è fiuta, quanne t’ ‘a sentito?

Piero                  Povera anima innucente! Chella nun sape niente d’ ‘a vita… ‘a perzo ‘a fatica, tene ‘a mamma paralitica, ‘o frato invalido, ‘e nonni caricati ‘ncuollo… adda pava’ ‘o pesone…

Luigi                   E tu… te si’ creduto tutte cose? Chesta canzone è vecchia! Quanto l’he dato?

Piero                  No, vo’ sulamente fatica’, ma nun sape fa’ niente! Allora…io aggio penzato… e pure essa è accunvenuta… se ‘mpara ‘e fa’ ‘a cammeriera… ma ce vo’ coccheruno che ‘a ‘nzegna!

Luigi                   E allora?

Piero                  E allora si tu accunvieni… ‘o dicimmo a mugliereta… e ‘a facimmo fatica’ ‘nu mese vicino a Carmela…

Luigi                   Ma tu si’ pazzo! Io nun me metto una ‘e cheste dint’ ‘a casa! Seee! Una che se chiamma “Bambulella”!

Piero                  Ma se chiamma proprio accussi’… l’avesse visto io, sta scritto ‘ncopp’ ‘a chillo foglio che l’ ha dato ‘a Pulizia… si nun trova subbeto fatica… se n’adda turna’ in Polonia…

Luigi                   Ah! Ha avuto pure ‘o foglio ‘e via!

Piero                  E chillo perciò è ‘nu caso che sulo tu e mugliereta putisseve accuncia’…

Luigi                   (con veemenza) Ma nun se ne parla proprio…


Secondo atto – Scena seconda: Luigi, Carmela, Piero, Ginetta

Ginetta                (entrando da sinistra) Signore Presidente! Buon giorno! Scusate si songo ritardata… Carmela m’ ‘a ditto che eravate vuje, e allora… me songo misa primma in ordine… per ossequiare l’eccellenza vosta! Ve pozzo offri’ cocche cosa? ‘Nu liquorino… Carmela sta facenne già ‘na tazzulella ’e cafè…

Piero                  Grazie, Ginetta, ma nun c’era bisogno… comme stevo dicene a Luigi, tengo ‘nu problema…

Luigi                   Ohe! E accussi’ nun vale!

Ginetta                Zitto tu! ‘O Presidente… (moine) …si le serve coccosa… è già fatta!

Piero                  Grazie, Gine’! Allora ce sta ‘na povera guagliona, venesse pe’ qualche giorno a ‘mpararsi a fa’ ‘e pulizie, ‘nzieme cu’ Carmela…  nun ve costa niente… e po’ le truvasse io ‘nu pusticiello…

Ginetta                Sicuro! Facitela veni’ subbito!

Luigi                   Sienti, Gine’, ma nun te pare che…

Ginetta                Zitto tu! Vulissi pe’ caso che ‘o Presidente le facessimo chist’affronto, chesta malazione? Chiammatela, chiammatela…

Luigi                   (a Piero, a denti stretti) Po’ facimmo ‘e cunti…

Piero                  Allora io ‘a faccio sagli’! Chella sta aspettanne ccà sotto! (si alza) Grazie, grazie… a nomme d’ ‘e viecchi suoi che starebbero quasi ‘miez’ ‘a via…! Corro… nun ve scuitate a accumpagnarmi! (esce per la comune)

Luigi                   (alzandosi) Gine’, ‘e fatto ‘nu guaio! ‘O sai che chesta… se chiamma “Bambulella”, tene ‘o foglio ‘e via… chi sape chi è e che ‘a fatto…

Ginetta                E tu pe’ chesto facissi ‘na scortesia ‘o Presidente! Ma statte zitto! Carmela! Carmelinaaa!

Carmela              (entra) Signo’, che è succieso…? ‘A miso n’ata vota ‘e scarpe…?

Ginetta                No, è n’ata cosa… Carmeli’, ce sta ‘na povera guagliona che ave bisogno ‘e fatica’…

Carmela              No, no e no! Vuje cu’ chesta scusa, me vulite licenzia’?

Ginetta                Ma quanne maje? No, è che s’adda ‘mpara’ a fa’ ‘e servizi…

Carmela              No, no e no! Accussi’ cresce ‘a concorrenza, ‘a richiesta ‘e mercato nun saglie, ’e prezzi d’ ‘e prestazioni scenneno… e io ce vaco pe’ sotto!

Luigi                   Carme’, ma tu tenissi ‘a laurea in economia?

Ginetta                Nun te preoccupa’, chella ‘o posto ‘o tene già… e nuje… anzi io t’aumento ‘o stipendio…

Luigi                   Ehhh?

Ginetta                (guarda ferocemente Luigi) …dicevo… ti aumentiamo lo stipendio… abbasta che me ‘mpari bona a chesta… (schiocca le dita)

Luigi                   …Bambulella…

Ginetta                Ecco! Nun me veneva!

Carmela              Accussi’ se po’ fa’… però quanne se ne va, ‘o stipendio mio nun scenne! E chesta chi è? ‘A ro’ vene? Quanti anni tene?

Ginetta                (a Luigi) Appunto! Chesta chi è? ‘A ro’ vene? Quanti anni tene? Ma comme, tu me mitti ‘na perzona dint’ ‘a casa senza sape’ niente? Tu si’ ‘nu scemo!

Luigi                   (si alza, rassegnato) Nun ce sta niente ‘a fa’… songo veramente scemo… a rummane’ dint’ ‘a ‘sta casa! Vaco ‘o bar! (mette il giornale sotto braccio ed esce per la comune)

Carmela              Signo’, ma chesta… quanne vene… che le faccio fa’? Io nun ve cunsigliassi ‘e cose delicate… che saccio… nun le facesse fa’ ‘o lietto… chi sa si tene malatie…

Ginetta                Però s’adda pure ‘mpara’…! Facimmo ‘na cosa… tu addimanna… viri ‘e capi’ che ‘a avuto… si ‘a tenuto malatie… e te reguli tu… capisce a me!

                              


Secondo atto – Scena terza: Carmela, Ginetta, Bambulella

(bussano)

Ginetta                (fa segno a Carmela di aprire, e si mette in disparte)

Carmela              (apre con cautela) Chi è? Ah… trasi… cioè… came in, dolly!

Bambulella          (entra con timidezza) Ma io no capire inglese… tu inglesa?

Carmela              Signo’, e comme facimmo? Io saccio parla’ sulo inglese, chesta pare che…

Bambulella          Ah, ma si’ parli napoletano, io capiscia tutto!

Ginetta                Overamente? Allora Carme’, stai a posto… (scansa Bambulella che accenna a volerla salutare) Piacere, piacere, sono Ginetta… Carme’, io… me pare che me chiammano… aspetta…(esce velocemente per la comune)

Carmela              E mò m’ ‘a lassato sola…! Io mi chiamo Carmela, e tu… comme te chiammi overamente?

Bambulella          In polacco mio nome è Dolàr, ma è guaio! Chi capisce “dolore”, chi dice dollaro… “Bambulella” significa stessa cosa in polacco, però tutte quante capisceno che significa!

Carmela              E ce crero! Allora, famme senti’… tu te vuo’ ‘mpara’ a fa’ ‘e servizi ‘e casa… ma nun sai fa’ proprio niente?

Bambulella          Io… si’! Quando ero piccerella tenevo casa a Katowice (mima), pigliavo ghiaccio pe’ fare acqua, spaccavo legna per fuoco, pulivo piatti e pentole con sabbia… spazzolavo pellicce orsi e volpi…

Carmela              Beh, forse ‘e cose sono ‘nu poco diverse, qui… t’ ‘e ‘mpara’ a usa’ detersivi giusti… spolverare… cambiare letti con lenzuola… ah! Tieni pe’ caso… allergie? Ce sta qualche cosa che te fa male…?

Bambulella          No, niente male… temperata da inverno polacco… chi non muore durante lungo inverno può campare anche tutta breve estate!

Carmela              E chisto cunto v’ ‘o facite ogni anno, è vero? Aspiette ‘nu poco… (esce e torna con un grembiulino e un piumino) Miettete chisto, e leva ‘a polvere… io vaco a fare letto… ma senza accetta e senza martiello… chillo è già costruito! Faccio solo bello cu’ lenzuola e coperte… poi vengo e veco se tu pulito bene, ok?

Bambulella          Ok, ok… ma se io debbo fare… qualcosa, dove vado?

Carmela              (indica a sinistra) Seconda porta… e ci sta l’acqua corrente, pure calda!

Bambulella          Allora ok, ok! (mette il grembiule)


(bussano)           

Carmela              (a Bambulella) Vieni e ‘mparate… si bussano comme se fa?

Bambulella          Si rape!

Carmela              No, no e no! Quanno mai! Tu devi conoscere a loro, si no nun rape! Vedi come faccio io… (alla porta) Chi è?

Ginetta                (di fuori)  Sono io, Ginetta… Carmela, apri, me sono scurdata le chiavi…

Carmela              (a Bambulella, mentre apre) Ecco… ha detto chi è, ha detto pure il mio nome… se po’ rapi’!

Ginetta                (si affaccia a metà dalla comune) Carmela… come andiamo… malatie… tutto a posto?

Carmela              Si, signora… pare che ce simmo…

Ginetta                Allora vieni cu’ me, damme ‘na mano a jetta’ cheste buste che stanno cca’ fore dint’ ‘o cestone… duje minuti!

Carmela              Va bene… (a Bambulella) Ohe’, nun te ne scappa’, va buono? E si bussano, fa’ comme t’aggio ditto… nun arapi’ a nisciuno!(esce lei con Ginetta)

Bambulella          (comincia a spolverare in posti assurdi come le pareti esterne del proscenio, o –meglio- scendendo tra gli spettatori a spolverare le loro scarpe)

(bussano)

Bambulella          (ritorna velocemente alla porta, senza aprire)  Chi è?

Ginetta                (dall’interno) Sono io Ginetta, apri la porta! Mi sono dimenticata le chiavi!

Bambulella          E io che ne saccio si è overo? Io non arapo a nisciuno!  Carmela me l’ ‘ha ditto e sulo Carmela po’ cagna’! Capisce a me!

Ginetta                Ma comme sarebbe? Io sono la padrona, Carmela è scesa… arapi chesta porta! Spicciati… devo fare una cosa… urgente!

Bambulella          Allora tu aspietti che torna Carmela… essa dice e io rapo! Se poi mi dici mio vero nome, allora io rapo subito!

Ginetta                E che ne saccio comme te chiammi overamente? Arapi! (batte sulla porta)

(incurante delle proteste, Bambulella riprende a spolverare, canticchiando; la situazione si protrae per alcuni secondi, con Ginetta che fa rumore dall’interno e Bambulella che spolvera)

Gianetta              Che dolore! Spicciati…!

Bambulella          (va velocemente alla porta e la apre)  Ah detto mio nome… adesso potere entrare!

Ginetta                (entra) Te pozzano abbenericere! Me steva scappanne…! (via per l’interno)

Bambulella          (le grida dietro)  Seconda porta… e ci sta l’acqua corrente!

Carmela              (che nel frattempo è entrata e ha guardato in giro)  Bambulella… a spusta’ ‘a povere si’ brava… chella che steva ‘ncopp’ ‘e mobili mo’ sta ‘nterra, e chella che steva ‘nterra… lassammo perdere! Vieni cu’ me… jammo a fa’ ‘o lietto, po’ cucinammo… tanto primma o poi… (decisa) ‘na malatia sempe s’anna piglia’…! E mica so’ eterni, pure loro ‘anna muri’! (esce con Bambulella)


Secondo atto – Scena quarta: Luigi, Feisal, Ginetta

Luigi                   (entra con Feisal) Entra, Feisal, assettammoce e ‘ncumincia ‘a capo!

Feisal                  (si siede) Vedi, io posso fare grande aiuto a te… ma per niente soldi! Io no tocca soldi… Io visto in bar su internet tua abilità e velocità… in mio povero paese tu fare subito carriera… e questa era cosa che dicevo… vieni in Niger! Io come Sottosegretario a Sviluppo posso organizzare…(apre la borsa e mostra velocemente delle carte) … ecco copia di mie credenziali presso Ambasciata, dove portato posta diplomatica… ecco… vede, vede… vede?

Luigi                   Ma che vuò vede’, che sta scritto arabo!

Feisal                  Problema, questo… tu fare corso di arabo! Non difficile, grammatica italiana più difficile… tu fare corso sul posto… te venire tra… due mesi?

Luigi                   Bello mio… ma io tengo lavoro, ‘na mugliera… cioè moglie, wife, insomma… lasso tutto.. senza garanzie?

Feisal                  Io dare migliore garanzia possibile! Tu venire in Niger e io fare parlare con Capo Gabinetto Ministro, e pure con Ministro! Io assicuro paga almeno centomila dollari anno… più consulenze, più bustarelle su acquisti computer… tutto senza tasse! Dopo ok Ministro tu non muove… io faccio arrivare primi sei mesi soldi, almeno cinquantamila, tu prelevi e dopo tu vieni!

Luigi                   E c’ ‘o Ministro quanne ce parlo… e addo’?

Feisal                  Tu vieni Niger per sette giorni… ma questo a tuo carico! Viaggio, albergo, nuovi vestiti arabi, poi cene e spesucce di bazar… almeno sei-settemila euro tu devi investire!

Luigi                   E comme facessi… tutto in arabo? Prenotazioni all’albergo, ‘o sarto… ‘o biglietto aereo ancora ancora, tutti parlano inglese… me facesse aiuta’ da Carmela… ma ‘o riesto…?

Feisal                  Tu vuoi aiuto? Io posso fare… ma non posso anticipare tutto denaro… necessario che io sacrifichi me stesso e accetti di spendere tuoi soldi… servono solo mille euro contanti per sarto, resto va bene carta di credito!

Luigi                   Beh, senti, n’aggia parla’ cu’ mia… wife primma… però… insomma… doppo parlato c’ ‘o Ministro… se putesse fa’!

Feisal                  Allora parlare con moglie… io aspettare… domano no possibile, ho grande riunone, e dopo domani io ritorna in Niger… mia casa, finalmente! Perciò tu decide subito! Parla con moglie… telefono?

Ginetta                (entra da sinistra)  Uh, Lui’…chi è chisto signore?

Luigi                   Ginetta! Meno male… sienti… te presento Feisal… me offre ‘nu lavoro in Niger… e nun vo’ niente d’intermediazione!

Feisal                  Buongiorno signora… a Lagos, per precisione, dove è Ministero Sviluppo Nazionale… incarico importante, io visto sue capacità su colputer… ricco stipendio!

Ginetta                Piacere… uh, che bella cosa! E vai a fatica’ in Australia? Accussi’ te lievi ‘a nanze e me manne sulo ‘e sorde? E quanno parti?

Luigi                   Primma ‘e tutto, ‘o Niger sta in Africa… po’ me penzavo che almeno… me facive ‘na scenata! Ma comme, io me ne vaco a fatica’ in Africa e tu… dici che va buono?

Ginetta                E quanne fatichi cca’, chi te vere mai? Quanne tuorni te mitti vicino ‘o computèr, e bona notte! T’aggia chiamma’ pe’ mangia’… si e no te veco quanno duormi… che differenza fa?

Luigi                   Ah… allora pozzo accettà… ma chisto dice che ce vonno settemila euro pe’ ‘na sittimana, pe’ parla’ c’ ‘o Ministro…

Ginetta                E me pare pure poco! ‘Na sittimana… fai quinnicimila, vengo pure io!

Luigi                   Ma inzomma, ‘e sta’ sempe ‘mmiezo? E po’, quanti sordi…

Ginetta                Che c’entra? Tu vai a parla’… e io faccio ‘a turista, e ‘e sorde me servono… capisce a me!

Feisal                  A me sembra buona idea… signora può fare turista, io avvisare agenzia e prevedere scorta… Niger molto povero… e signora essere… carina… gentile… potrebbe avere noie…!

Ginetta                Allora è deciso! Tu caccia ‘e sorde! Quanno se parte?

Feisal                  Io posso programare viaggio tra due settimane… tu signora e tuo marito dovete fare vaccinazioni e avere vestiti arabi… io fare cucire… e prenotare tutto… dovere fare tutto adesso… perché io domani impegnato in grande riunione…

Luigi                   Va buono! Scennimmo, prelevo… millecinquecento euro p’ ‘o sarto… e po’ te dongo ‘e riferimenti d’ ‘a carta ‘e credito… jammucenne… (si alza)

Feisal                  (si alza anche lui) Allora andiamo…

Ginetta                Andate! Arrivederci!

Luigi                   Allora io vado…

Feisal                  Allora andiamo, lui preleva, io prendo i soldi, carta credito… e corro a spendere… tu capiscia a me?

Ginetta                Andate, andate!

(Feisal e Luigi escono, parlando tra loro)


Secondo atto – Scena quinta: Ginetta, Carmela, Maddalena, Principe, Pasionaria

Ginetta                Carmelinaaa! Aro’ stai?     

Carmela              (entra da sinistra) Signo’, che vulite?

Ginetta                Comme sta jenne ‘a Bambulella?

Carmela              Signo’, no, no e no! E’ ‘nu disastro! Nun ne parlammo d’ ‘a pulizia, nun sape carica’ ‘a lavatrice, a cucina’ italiano nun è bona, ‘o lietto nun ‘o sape fa’ senza pellicce, vuleva lava’ pe’ terra cu’ ‘a spazzola… però ‘a bona vuluntà ‘a tene!

(bussano)

Carmela              Vaco io… Chi è? (va alla comune ed apre, facendo entrare Maddalena, che dà la mano a Principe e Pasionaria)      

Maddalena           Permesso… (ai figli) Principe e Pasionaria, fate i bravi…

Ginetta                Ah… e vuje chi site?

Carmela              ‘A conosco io, signo’… è ‘a mugliera ‘e ‘on Piero…

Maddalena           Io sto ancora cercando mio marito…

Ginetta                Uh signo’, accomodatevi! Che onore! Io ve vulevo accanoscere ‘a ‘nu sacco ‘e tiempo, ma me so’ sempe misa scuorno! Prego, prego… ma che belli guagliuni… (Maddalena si siede impettita, con Principe e Pasionaria ai due lati)  E ‘o marito vuosto, ‘o Presidente Piero… ‘o state cercanne cca’?

Maddalena           (isterica) Ma me pigli pe’ scema? (serena) Se sono qui è perché so che è venuto qui… dov’è?

Ginetta                Ma noi nun abbiamo avuto ancora l’onore d’ ‘o vede’… ve pozzo offri’ qualche cosa, mentre l’aspettate? Carmela…

Carmela              Si signo’, vaco…

Principe               Uh, mammà… chella chi sa che ce porta… io tengo famme…

Pasionaria           Io invece tengo sete…

Maddalena           (isterica) Stateve zitti si no ve meno a tutti e duje! (serena) Tranquilli per favore, non fatemi trascendere… adesso aspettiamo cinque minuti e se papà non si vede, ci facciamo un’altra camminata… (isterica) …’o ‘ncucciammo e verimmo che sta facenne, chillo disgraziato! Oggi le faccio scunta’ tutte cose! Faccio succedere n‘ammuina!

Carmela              (rientra con un vassoio con dolcini, due tazzine di caffè e due bicchieri di aranciata) Signora, va bene accussi’? (poggia il vassoio ed esce)

Ginetta                Brava a Carmela… (mentre porge il caffè a Maddalena) ecco qua… assaggiate, vedite comm’ è buono…

Pasionaria           (prende un dolcino e lo mangia avidamente) Ah, comm’ è buono chisto, invece…!

Principe               (strilla di rabbia e cerca di colpire Pasionaria, ostacolato da Maddalena) Tu… brutta janara! Tu tenivi sete, che te mitti a mangià? Chillo pasticciotto ‘o vulevo io! Mammaaaaaà! ‘A viri a chesta?

Pasionaria           (si difende continuando a mangiare)  Statte zitto si no me bevo pure tutte cose! Puorti rispetto a soreta!

Maddalena           (cercando di fermarli) Basta! Zitti! Composti! Silenzio! Guagliù, io ve sgommo ‘e sanghe, v’affoco, parola mia…! (serena, dopo che i due si sono calmati) Ragazzi, non è modo… siete pur figli di un Presidente…


Secondo atto – Scena sesta: Ginetta, Carmela, Maddalena, Principe, Pasionaria, Piero, Bambulella

 (bussano)

Ginetta                Presidentessa, perdonate… (aprendo la porta) chi è?

Piero                  Sono io… (senza notare moglie e figli) Comme va ‘a Bambulella?

Maddalena           (si alza, minacciosa) ‘O villoco, ‘o fetente! Te si’ spezzato ‘e cosce, a veni’, finalmente! E… comm’ ‘e ditto? Bambulella?

Piero                  No, veramente… aggio sbagliato… vulevo dicere… bumbulella… ‘a bumbulella ‘e gas… l’aggio data a Luigi… tu ne sai niente, Gine’?

Ginetta                Ma… ah, si, chillo… l’ha pruvata… ma nun jeva bona, Presidente… mo’ Carmela sta cercanne d’ ‘adatta’… Carmela!

Carmela              (entra da sinistra) Dicite, signo’…

Ginetta                Carmè… capisci a me… chella (enfatizzando) “bumbulella”, capisci a me… comme va?

Carmela              Hmm… putesse pure i’… adattannese ‘nu poco…

Piero                  Meno male… so’ contento… (a Maddalena) …ma tu comme sapivi che venevo cca’?

Pasionaria           L’ ‘e ditto pe’ telefono, nun saccio cu’ chi parlavi, che te serveva ‘nu piacere… addo’ Luigi! E sicondo te io nun ‘o dicevo a mammà?

Principe               Si ‘o sentevo io, me scurdavo tutte cose!

Maddalena           (minacciosa, a Piero) E di che piacere si tratta?

Piero                  No era che… sai… stammo vicini all’elezioni… allora… ‘nu poco ‘e appoggio…

Ginetta                Preside’, assettateve ‘nu poco… ‘nu cafè?

Piero                  (si siede) Grazie, Ginetta, volentieri! Assettate pure tu, Matale’… mo’ me piglio ‘stu cafè e po’ ce ne turnammo ‘a casa…

Carmela              Mò ce penzo io! (prende il vassoio ed esce a sinistra)

Principe               Mo’ porta ll’ati pasticcini!

Pasionaria           E m’ ‘e magno tutti io!

Principe               (lamentoso) Mammaaaaaà! ‘A viri a chesta?

Maddalena           Ragazzi, insomma… Pie’, ‘e vulissi sgumma’ ‘nu poco ‘e sanghe tu, ‘na vota?

Carmela              (entra da sinistra col vassoio rifornito e lo poggia sul tavolo)

Bambulella          (entra da sinistra con una bottiglia) Carmela! Te si’ scurdata l’aranciata! (agli altri) Scusate… (esce)

Maddalena           Chi tanto e chi niente! Piero, ‘a signora tene doje cameriere… e io aggia sempe sgubba’! Signo’… ma ve servono tutt’ ‘e doje?

Ginetta                Veramente ‘a siconda se sta ‘mparanne… po’ se ne va…

Maddalena           E allora m’ ‘a piglio io…! Pie’, tu statte zitto! ‘A cameriera me serve! Però… tene n’aria strana… Pasionaria!

Pasionaria           Dici, mammà.

Maddalena           L’ ‘e vista chella signurina? Beh, chella vene a fatica’ addo’ nuje… quanne sta pe’ dint’ ‘a casa nosta, tu ‘e sta’ azzeccata a essa e a papà! Nun voglio che a ‘stu rimbambito le veneno idee… capisci a me!

Pasionaria           Ho capito tutto, mammina bella… nun te preoccupa’, a papà ce penzo io! (ridacchia)

Principe               (mangiando) Io nun aggio capito niente!

Piero                  E si io nun fosse d’accordo a tenerme Ba… chesta… badante int’ ‘a casa?

Maddalena           Allora ‘o Presidente se lava ‘e panni… se cucina… se stira ‘e cammise… pecchè io me ne vaco! Me porto a Pasionaria e a te, te lasso a Principe!

Piero                  A chi vuo’ fa’ passa’ ‘stu guaio? No, no… meglio che vene, chesta… accussi’ quanne ‘a veco, m’arricordo… d’ ‘o pericolo scampato!

Bambulella          (entra portando il caffè)  Scusate, io m’aggia ‘mparà…

Piero                  Signurina Ba… badante… vuje venite a fatica’ cu’ mia moglie… le serve n’aiuto p’ ‘a casa… fernisce che ce verimmo poco o niente pecchè io stongo sempe fore… quindi… capisce a me!

Bambulella          (guardando Piero) Aggio capito tutte cose… pe’ me va buono… (a Maddalena) Signo’, io songo di Polonia, perzo lavoro che dava da magiare a me e ‘a famiglia mia… me stongo ‘mparanne a aiuta’… avite ave’ pacienza cu’ me… si sbaglio… nun me castigate… vuje nun paliate a Dolàr, overo?

Maddalena           Povera figlia… e tieni pure ‘nu bello nomme… nun te preoccupa’…

Pasionaria           Mammà, chesta m’ è simpatica! Pecchè nun vene cu’ nuje, mo’ che ce ne jammo?

Ginetta                Neh, Dolar? Pe’ me va buono…

Maddalena           Allora è fatto! Jammo, levati chisto grembiulino… po’ parlammo ‘a casa, te dico chello che s’adda fa’ e ce mettimmo d’accordo… va buono?

Bambulella          (lentamente si leva il grembiulino e lo porge a Maddalena) Io trovato lavoro overo… lavoro onesto, finalmente…! Signora Maddalena, grazie, anche anche a Carmela… grazie tutto… io farò tutto possibile… e nun me guardate, me metto scuorno! (si nasconde il volto tra le mani)

Maddalena           (si alza, la abbraccia e la conduce fuori per la comune) Povera figlia… arrivederci a tutti, scusate… Pie’, porta ‘e guagliuni!

Piero                  (alzandosi) Ma comme? Io…? ‘O presidente d’ ‘o PPP?

Pasionaria           Sì, sì, papà… e nun te scurda’ che io so’ ‘a figlia d’ ‘o Presidente! (si alza e gli dà la mano) Jammucenne!

Principe               E che facite, me lassate cca’? Papaaaaaà! (si avvicina e gli dà la mano)

Piero                  Beh… arrivederci… Gine’, salutateme a Luigi… arrivederci… scusate si nun ve dongo ‘a mano… nun ne tengo cchiu’!

Ginetta                Uh, eccellenza! Nun ve preoccupate…! P’ ‘e saluti state servito! Arrivederci!

Principe e Pasionaria (insieme)  Arrivederci!

(Piero, Principe e Pasionaria escono per la comune)


Secondo atto – Scena settima: Ginetta, Carmela, Luigi, Andrea

Ginetta                Carmelina…

Carmela              (entra da sinistra) Che c’è signo’… uh! Se ne so’ ghiuti tutti quanti… e Bambulella?

Ginetta                Bambulella mo’ se chiamma Dolàr… è ‘na brava guagliona, e è ghiuta ‘a casa ‘e Maddalena!

Carmela              Accussì… senza niente? Bah… ‘nu poco me dispiace… stevemo bone ‘nzieme, e me stevo affezionanne! E’ ‘nu poco rimbambita, ma se ‘mpara subito!

(entrano Luigi, con la borsa di Feisal, e Andrea)

Luigi                   Ah, Gine’… famme assetta’…(si siede) Ahhh!

Andrea                Pure io, pure io… (si siede) Ahhh!

Ginetta                Ma che v’ è succieso?

Luigi                   Mo’ te dico… Carmelina, facce ‘nu poco ‘e cafè, pe’ piacere…

Carmela              Si, ma parlate forte, che pure io aggia senti’ che ‘ate cumbinato! (prende il vassoio dal tavolo ed esce a sinistra)

Luigi                   Che ‘ammo cumbinato? Gine’, si nun ce steva fratete, stevemo ‘ngiuaiati!

Andrea                Ohe’, nun esagera’, chella è stata ‘na cumbinazione…

Luigi                   …furtunata assai! Gine’, te ricuordi a Feisal? Chillo disgraziato! Mentre stevo pe’ preleva’ ‘e sorde inzieme cu’ isso, Andrea m’ ‘a visto ‘a luntano e s’ è avvicinato… e Feisal ‘a ancuminciato a tremma’, me diceva ‘e fa’ ampressa… e cchiù Andrea s’avvicinava e cchiù isso me ‘nfanfareva… po’ Andrea ‘a canusciuto pure a isso…

Ginetta                Ah, ‘o canuscive pure tu? E allora?

Andrea                Eh, zitto, chesto l’aggia dicere io! Luigi steva ancora vicino ‘o banconat… io cammenavo, e isso cammenava… me so’ avvicinato n’ato poco… ebbe, chillo ‘a abbiato a correre! Tu che ‘issi fatto?

Ginetta                Nun ‘o saccio…

Carmela              (entrando con i caffè) No, no e no! Io me fosse messa a correre appriesso pure io!

Andrea                E’ chello che aggio fatto! Ahhh! (prendendo il caffè) Grazie!

Luigi                   E pure io (come Andrea)  me so’ miso a correre… ce simmo fatti tre chilometri almeno… ma si nun mullava ‘a borza, ‘o pigliavo!

Ginetta                Ah, allora chesta è ‘a borza soja?

Luigi                   Sì, proprio essa… chillo fetente! L’ammo aperta… sta chiena ‘e giurnali furastieri…arabi, pure tedeschi… però Andrea dint’ ‘a ‘na sacca ce ‘a truvato pure ‘o biglietto suojo ch’ ‘e coordinate bancarie…

Ginetta                (sgomenta) Andre’… s’ ‘a pigliato ‘e sorde tuoi? Ce si’ caruto n’ata vota?

Andrea                No, no e no...!

Carmela              ‘On Andre’, nun cupiate ‘e parole mie!

Andrea                So’ ghiuto a cuntrulla’, nun s’ ‘a pigliato niente!

Luigi                   E chillo mica era scemo… ‘nu minuto primma ‘e parti’, se pigliava ‘o tuoio…

Andrea                …e ‘o tuojo!

Luigi                   …e ‘a Polizia nun teneva ‘o tiempo ‘e interveni’!

Ginetta                Allora tutto a posto?

Andrea                Tutto a postissimo… (si alza) mo’ me ne torno ‘a casa… me so’ arripusato… ma me voglio mettere ‘nu poco ‘ncopp’ ‘o lietto… arrivederci! (esce per la comune)

Carmela              (prende il vassoio) Vaco a pulezza’ chesta robba… (esce per la sinistra)

(bussano)           

Ginetta                E mo’ chi è? (va ad aprire ed entra Bambulella)

Bambulella          Scusate, me so’ scurdata ‘na cosa d’ ‘o marito mio… (si dirige alla borsa e la prende)  Vuje capite, fino a quanne nun trova ‘na fatica onesta pure isso… chillo nun se po’ accatta ‘na borza nova ogni juorno… capisce a me! (esce)

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno