Capitan Tempesta

Stampa questo copione

ROXY e MAYA       :

ROXY                      :

TEMPESTA            : 

ROXY                      :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

ROXY                      :

GLORIA                  :

ROXY                      :

GLORIA                  :

ROXY                      :

GLORIA                  :

NARRATORE        :

ROXY                     :

TEMPESTA            :

UFFICIALE DI BORDO                  :

TEMPESTA            :

ROXY                     :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

ROXY                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

MAYA                     :

GLORIA                 :

TUTTI                     :

ROXY                      :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

TUTTI                      : TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TUTTI                      :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

TUTTI                      :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

ROXY                      :

COOKIE                  :

TUTTI                      :

MAYA                     :

ROXY                      :

MAYA                     :

GLORIA                  :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TUTTI                      :

ROXY                      :

TUTTI                      :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

TUTTI                      :

MAYA                     :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TUTTI                      :

MAYA                     :

ROXY                      :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

COOKIE                  :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

ROXY                      :

PROSPERO           :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

MIRANDA TEMPESTA

PROSPERO e

ALTRI                     :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

 

COOKIE                  :

ARIEL                     :

ROXY                      :

COOKIE                  :

ROXY                      :

COOKIE                  :

ROXY                      :

COOKIE                  :

COOKIE                  :

MIRANDA               :

COOKIE                  :

MIRANDA               :

COOKIE                  :

MIRANDA               :

ARIEL                     :

 

ROXY                      :

ARIEL                     :

ROXY                      :

ARIEL                     :

ROXY                      :

ARIEL                     :

ROXY                      :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA e       

ROXY                      :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

PROSPERO           :

MIRANDA               :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

TUTTI                      :

MIRANDA               :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

PROSPERO           :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

ARIEL                     :

ROXY                      :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

MAYA                     :

ROXY                      :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

NARRATORE        :

NARRATORE        :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

ROXY                      :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

PROSPERO           :

ROXY                      :

TEMPESTA            :

MEMBRO EQUIPAGGIO         :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

MAYA                     :

ROXY                      :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

ROXY                      :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

PROSPERO           :

ROXY                      :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

INSIEME                 :

GLORIA                  :

TEMPESTA  e COOKIE                  :

ROXY                      :

GLORIA                  :

ROXY                      :

GLORIA   e

 ROXY                     :

ROXY                      :

GLORIA                  :

ROXY                      :

GLORIA   e

 ROXY                     :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

ROXY                     :

PROSPERO           :

TEMPESTA  e

ROXY                      :

TUTTI                      :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

ROXY                     :

TEMPESTA            :

ROXY                     :

MAYA                     :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

PROSPERO           :

MAYA                     :

TUTTI                      :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

ARIEL                     :

MIRANDA               :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

MIRANDA               :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

MIRANDA               :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

ROXY                     :

MAYA                     :

ROXY                     :

COOKIE                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

ROXY                     :

COOKIE                  :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

PROSPERO           :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

MIRANDA               :

TEMPESTA            :

GLORIA                  :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

GLORIA                  :

COOKIE                  :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

COOKIE                  :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

MIRANDA               :

TEMPESTA            :

MAYA                     :

ARIEL                     :

TUTTI                      :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

ARIEL                     :

TEMPESTA            :

TEMPESTA            :

TUTTI                      :

MAYA                     :

TUTTI                      :

MIRANDA               :

TEMPESTA            :

MIRANDA               :

NARRATORE        :

Signore e signori, da parte del Capitan Tempesta e del suo equipaggio vi diamo il benvenuto a bordo del Volo 9 Ispezione  Scientifica di Routine. Prima di cominciare le operazioni di decollo, è previsto dal comando della flotta spaziale che noi vi informiamo delle nostre procedure di emergenza. Le uscite di sicurezza sono situate qui (indica), qui (indica) e qui (indica). In caso di depressurizzazione  della cabina, le maschere ad ossigeno scenderanno dagli appositi comparti sopra di voi. Avvicinatele al naso e alla bocca e respirate normalmente. Per finire, la procedura di “Inversione di Polarità”. Si tratta di una procedura molto pericolosa. Se guardate qui (indica) vedrete il nostro amico Johnny. Johnny è il cervello elettronico della nostra astronave. Proviamo a chiederlo a lui. (Armeggia sul computer) Johnny, cosa pensi dell’”Inversione di Polarità”?

(Da Johnny proviene un urlo agghiacciante, stile film dell’orrore)

Ciononostante, nella sfortunata evenienza che ci trovassimo in una situazione di inversione di polarità, vi chiediamo di seguire queste semplici istruzioni. Vi prego di osservare con attenzione:

Primo – braccia in alto

Secondo – incrociate le mani sulla testa.

Terzo – spingete verso il basso.

Quarto – al comando “Invertire la polarità” compensate il vostro equilibrio esterno gridando “Yeah”!

Bene, proviamo ancora una volta. Primo, secondo, terzo e al comando “Invertire la Polarità”, quarto – “Yeah”!

Grazie per la vostra cortese attenzione. Ricordate queste istruzioni. Potrebbero salvarvi la vita. Buon viaggio!

(Gli attori si raggruppano sul palcoscenico. Il segnale di autorizzazione viene dato al Capitan Tempesta che salta sul palcoscenico)

(Saluta) Capitano sul ponte !

(Saluta) Procedete

Membri dell’equipaggio e passeggeri, attenzione, prego. Il Capitan Tempesta da a voi tutti il benvenuto a bordo del Volo 9 Ispezione Scientifica di Routine.

Auguro a tutti un buon viaggio. Nel caso vi vengano in mente delle domande da fare, chiedete pure al nostro Ufficiale Scientifico.

Che sarei io.

(a Roxy) Fulmini e saette ! Una donna ?

Crede che questo mi renda meno qualificata ? Maya, dia il via ai controlli preliminari. Controllare la matrice.

(Effetto sintetizzatore)

Matrice controllata.

Controllare gli scudi fotonici.

(Effetto sintetizzatore)

Scudi fotonici controllati.

Resistenze gravitazionali.

(Effetto sintetizzatore)

Resistenze gravitazionali controllate.

Controllare tutti gli schermi audiovisivi.

Padre e madre pari entrambi in nobiltà

in lite per antica rivalità,

incontreranno qui il loro fato

ove il nostro dramma è situato.

Dai lombi fatali dei due nemici

la vita nacque a dar giorni felici,

ma di questa fanciulla il primo amore

offende il padre e poi gli spacca il cuore.

La torva marcia del suo marchio di morte,

l’orrida fine che non sfuggirà la sorte,

l’ira della madre da placare:

ecco cosa andrete ad ammirare.

Detto così, lo so, non sembra chiaro

quello che avverrà dietro il sipario.

Ma se orecchio paziente presterete

tutto piano piano capirete.

E’ l’arte nostra un luminoso raggio

Che illumina il cammino a questo viaggio.

I controlli preliminari sono terminati, signore.

Conto alla rovescia. 

10,9,8,7,6,5,4,3,2,1…

Contatto !

(La batteria comincia l’assolo di WIPE OUT dei SURFARIS sotto al dialogo seguente. Quando le chitarre e le tastiere si uniscono, la luce si alza dando l’idea che la nave sia in fase di decollo, mentre sullo schermo vediamo la nave decollare da terra e volare attraverso lo spazio).

Signori e signore atutti voi un cordiale benvenuto. Grazie per aver scelto di viaggiare con noi a bordo del Volo Interplanetario numero 9. In questo momento stiamo viaggiando nell’interspazio e, quando il Capitan Tempesta avrà disattivato il segnale, potrete togliervi le cinture di sicurezza. Grazie.

(Segnale di chiamata)

Tenente ! Si sbrighi. Prenda il comando del ponte. Cookie, vai di sotto a far da mangiare. Muoviti. Dopo ci potresti essere utile qui.

Che fai? Alzi le spalle? Guarda che se trascuri o esegui contro voglia gli ordini, ti metto agli arresti.

(a Maya) State attenti a non ingozzare la ciurma. Se state sempre a riempirgli la pancia si impigriranno.

Quella donna ha un’aria cattiva e maligna. Pensa troppo. Le donne sono pericolose.

Non abbia paura, Capitano. Non è pericolosa. E’ un bravo dottore, molto preparata.

Non ho paura di lei, ma ho capito il tipo e non mi piace. Sicuramente legge troppo, e in base ai suoi studi osserva ed analizza le azioni degli uomini. E, come tutte le donne, non si arrende mai, neanche davanti a qualcuno più autorevole di lei. E’ per questo che le donne sono pericolose.

( GLORIA appare non vista dietro a Tempesta )

E io sono donna! E non solo. Sono donna, madre e moglie. Donna, madre, moglie e stimata professionista. Se non ci crede guardi la mia scheda.

Si vergogni e si tolga quella espressione dalla faccia! Non mi guardi in quel modo. Una donna arrabbiata è come una fonte torbida: fangosa, malsana, senza nessuna bellezza. Perché mai i vostri corpi sarebbero stati creati molli, fragili, lisci e inadatti a faticare se non per far si che il vostro cuore e il vostro animo siano in armonia con il vostro aspetto esteriore?

Ben detto, signore. Molto poetico.

(A Roxy) Zitto lei, collaborazionista! (A Tempesta) Sa che le dico? Le nostre anime e i nostri cuori si equivalgono. La differenza sta nel quoziente di intelligenza, nel senso che è superiore il mio.

Mi vergogno per lei, dottore. Non solo sono un uomo, ma sono anche un suo superiore.

Chissà se c’è una medicina che può farle passare questi stupidi pensieri da misogino? Forse una purga!

La smetta, mi ha già importunato abbastanza.

La misoginia nasconde gravi complessi.

Complessi? E questa dove l’ha letta?

E’ psicologia basilare. Mai sentito parlare di Sigmund Freud?

Si, era un centravanti del Tel Aviv!

La sua psicologia può darla ai cani. Io non so che farmene. Dica quello che le pare, ma il mondo è degli uomini.

Si, ma che mondo sarebbe se non ci fosse una donna?

Lei farebbe perdere la pazienza a un santo! Gli uomini hanno creato le automobili. Roxy?

Per andare sulla strada, signore.

Grazie, Roxy. L’uomo ha creato la ferrovia… Tenente!

Per trasportare le merci, signore.

Molto bene, tenente. L’uomo ha scoperto la luce elettrica. Vediamo… Cookie?

Per poter usare il frullatore e il pelapatate elettrico!

Eccellente, Cookie. L’uomo ha costruito le navi per navigare come… come…

Noè con l’Arca.

Grazie.

Si… ma tutti questi signori chi li aveva messi al mondo?

( Improvvisamente panico sul ponte)

Signore, Johnny ci segnala una pioggia di asteroidi in rapido avvicinamento.

Dobbiamo escogitare una manovra evasiva. Siamo in rotta di collisione.

(Sibilo. Pausa)

Yeah!

(Esplosione)

Porca vacca!

In sottofondo parte “SCOPPI! SBOTTI PALLE DI FUOCO!”

( Great Balls of Fire)

Ho i nervi scossi, mi fuma il cervello.

( Un’esplosione)

Rivelazione danni! Rivelazione danni!

Questi asteroidi ci schianteranno.

(Un’altra esplosione)

Un incidente! Lo scudo è infranto.

(Un’altra esplosione)

( Canta) Scoppi! Sbotti! Palle di fuoco!

(Il pezzo continua in versione strumentale sotto al dialogo parlato)

Roxy!

Comandi signore!

Su, presto, svelti corriamo ai ripari ognuno faccia il proprio dovere. Svelti! Svelti!

(Cantano) Scoppi! Sbotti! Palle di fuoco!

(Parlato) Forza, equipaggio forza e coraggio.

Alla navicella di salvataggio!

Lo scudo di forza!

(a Gloria) Obbedisca al Capitano!

Così finirà male. E’ meglio se scappiamo.

Vada di sotto.

Non ha sentito? Qui è solo d’impiccio.

Ce la farà? Si spezzerà? Che ne sarà? Di noi! Di noi! Di noi!

(Canta) Io sto tremando dalla paura. Non c’è speranza, la vedo dura!

Ma non parlare. Datti da fare!

(Cantano) Scoppi! Sbotti! Palle di fuoco!

(Parlato) Diminuire la velocità. Presto! Rallentare! Rallentare! Spegnere i motori!

Ma Capitano…

Si tappi quella bocca! Stia zitta, non si intrometta!

Come si permette? Non lo ha ancora capito che finiremo tutti a fette!

Adesso basta! Mantenere la nave in rotta! Due gradi a dritta! Ho detto a dritta!

Aiuto! Aiuto! Stavolta è finita.

Pietà! Pietà! Si schianta!

Addio compagni, è stato bello conoscervi.

Oddio, si spacca, si spacca!

(Cantano) Scoppi! Sbotti! Palle di fuoco!

Ragazze, darei mille stelle per un pezzo di terra ferma, anche duemila!

Non dirlo a me!

Ma noi due quassù come ci siamo finite?

(Canta) no non voglio. Io non rischio più…

Insomma, basta! Siete un dottore non potete scappare.

Ve lo confesso! Mi sento un fesso!

Sentite terra! E’ un S.O.S.!

(Cantano) Io sto tremando dalla paura. Non c’è speranza la vedo dura.

(Canta) niente da far, se non pregare!

(Cantano) Scoppi! Sbotti! Palle di…

(Silenzio. Si sente una misteriosa musica. Effetto sintetizzatore come se qualcosa avesse urtato l’astronave, poi tutto torna calmo. Durante le battute seguenti, sullo schermo si vede l’atterraggio graduale sulla superficie del pianeta)

Da dove viene questa musica ? Dallo spazio o dalla terra?

Non si sente più. Ma di sicuro è al servizio di qualche forza che si trova su quel pianeta. Questa musica passa tra gli asteroidi e con la sua dolce melodia calma la loro violenza e la mia ansia.

L’abbiamo seguita fin qua. Anzi, è stata lei a trascinarci, ma adesso è sparita.

(Pausa)

Yeah!

No ecco che ricomincia.

Siamo rimasti intrappolati in un campo gravitazionale che sembra venire da quel pianeta.

Johnny dice che non possiamo respingerlo. Sembra che non possiamo fare niente.

Presto, chiama l’Ufficiale Scientifico sul ponte. Ho bisogno di un consiglio. Non ho un piano.

Se n’è andata, signore, con la nostra ultima capsula di salvataggio.

(Pausa. Si sente il rumore della capsula che passa sopra l’astronave)

Adesso è sul monitor.

(Il sintetizzatore suona un’intera misura musicale)

Alla Corte Marziale, se mai l’acciufferemo!

Signore, io non posso credere che l’abbia fatto per vigliaccheria.

Non difenderla. E’ una traditrice!

(L’astronave atterra bruscamente. Le luci vacillano. La musica cessa)

Caspita!

Che pianeta è mai questo?

(Usando il sintetizzatore come fosse il computer di bordo)

Scespiria,Capitano.

(Controlla i comandi)

Il pianeta è incantevole invero e pieno d’ossigeno sincero.

Il clima che già estivo si può dire invita il corpo e l’anima a gioire.

(Perplessi) Eh ?!...

(Entrando in un delirio poetico)

No, non ti chiamerò giorno d’estate,

tu sei più amabile e di lui più lieve.

Del vento crudo teme le sferzate

di maggio il fiore, ahimé, l’estate è breve,

l’occhio del cielo troppo caldo splende

od è il suo oro dalle nubi offuscato

ed ogni grazia la sua grazia arrende

al corso di natura oppure al fato.

Non così svanirà questa tua estate,

delle tue grazie perdendo il dolce vanto

dalla morte nell’ombra trascinate;

tu sboccerai in eterno, col mio canto.

Esso vivrà e tu con lui, infinito,

finché dall’ultimo uomo sia mai udito.

Tenente caro, ma come parlate? O vi sentite male o sragionate!

Parlo così come mi rispondete, il perché non lo so, non lo chiedete.

Volete smetterla di parlare in versi? Dentro lo spazio, ahimé ci siamo persi!

(Si rende conto di aver parlato anche lui in versi)

Oh Signore, cosa ci succede?

Parliamo solo in versi, non lo vede?

Si, ma perché? Sembra una malattia!

E pensare che io odio la poesia!

Beh, insomma, cavoli, che dobbiamo fare? Io ho fame! Se volete cucino per tutti e sennò arrangiatevi!

Tutti lo guardano stupiti.

Avete udito? Lui parla normale!

Forse perché ha una natura più animale.

Ooooh! Animale a chi?!

Signore, c’è un segnale sullo schermo!

Attiva il collegamento! Non star fermo!

Mi sembrate tutti diventati scemi. E questo posto non mi piace per niente.

Come faremo? Poveri noi!

(Effetto laser ed appare PROSPERO)

Non mi preoccuperei se fossi in voi!

Capitano, guardate!

Mio Dio, io la conosco quella faccia!

 E’ Prospero, scienziato assai stimato,

che dalla terra dicono sia scappato

or son  tre lustri senza lasciare traccia.

Non fu proprio così, ma benvenuto.

Questo pianeta adesso è casa mia

regno d’arte, di scienza e di poesia.

Come il divino Shakespeare l’ho chiamato

che fu da me ogni ora venerato.

Chi tocca questo suolo parla in versi

ora sciolti, ora in rima.

E anche nell’ira, con lingua forbita

l’opera del poeta spesso cita.

Fulmini e dannazione! Un incantesimo!

Sei tu che ci hai attirati in questo luogo!

 E’ vero, ma l’ho fatto solamente

per prendermi cura di tutti voi.

Di voi e della mia diletta figlia

che ignora chi io sia e da dove venni

ne sa che assai migliore ero stimato

del Prospero che solo ora è padrone

di un misero laboratorio malandato.

Canta UN UOMO CHE SOFFRE ( Don’t Let Me Be Misunderstood)

Ehi amico, non giudicarmi se

ti sembro un uomo che anima non ha.

Ma non esiste uomo che sia un angelo in fondo

sarò crudele con chi non ha pietà.

Ma io sono un uomo che soffre anche se,

oh no ! voi non crederete mai in me.

Prospero, non menar il can per l’aia!

Poche storie e parla chiaramente

per quanto sia possibile con questi….

(cerca disperatamente di non fare la rima, ma non ci riesce)

… versi dell’accidente!

Per quale vile ragione ci hai condotti qui?

Il momento è giunto che io vi informi.

Prestate orecchio.

Mia moglie ed assistente, a nome Gloria,

-e notate vi prego come possa

una madre esser perfida-

era colei che sol dopo mia figlia

più amavo al mondo e dunque a lei affidai

il mio laboratorio che era il primo

per dignità e importanza come io

ero considerato senz’eguale

per dignità nell’arte della scienza.

Un progetto il Governo mi affidò

assai importante e nei segreti studi

io fui rapito e allora l’empia donna… mi seguite?

Con attenzione.  

Gli interessi montani trascurai

votato come ero a coltivare

la mente e ad affinarla.

Quello che accadde a Gloria io non lo so

ma certo dentro il seno

qualcosa di malvagio nacque e crebbe.

Completammo il progetto e all’improvviso

mi colpì dietro il capo e prigioniero

mi legò mani e piedi.

E perché non ti uccise?

Non osò.

A bordo di una nave mi sospinse

-che di un satellite era la carcassa-

e quel rottame lo lanciò nello spazio.

Essa ignorava o almeno così credo

che proprio quella nave era riparo

ai giochi e al dolce sonno della figlia

che così dunque insieme al genitore

fu gettata nel buio e nell’orrore.

PROSPERO riprende a cantare

Destino crudele, un mondo spietato

una vita che non ti perdona mai

il prezzo ho pagato, la strada è finita

ma non ho mai cercato la vendetta!

Ehi amico, sono un uomo anch’io

dentro me nascondo sentimenti

ma a volte mi ricordo quei rimorsi e i rimpianti

quello che ho fatto e non dovevo fare.

Perché sono un uomo che soffre anche se,

oh no! Voi non crederete mai a me.

(La canzone finisce)

Oh quale storia tragica hai narrato

si può ben dire che sei assai…

(Non gli viene la rima e si inceppa)

Sfigato!

Oh mai racconto fu più doloroso

di questo di Gloria e Prosperoso… Prospero.

Alla fine, dopo lungo tempo

 a soccorrermi siete venuti.

Fu l’atterraggio qui da me forzato,

 ma ormai ogni pericolo è scampato.

Capitano, di nuovo, benvenuto.

Anch’io, con uguale cortesia

 a voi do il mio.

(PROSPERO entra. COOKIE lo controlla con il geiger)

Ed ora lietamente festeggiamo,

chiacchieriamo pure e poi mangiamo.

(Si gira verso gli altri facendo un gesto per dire “Ammazza come sono diventato bravo”!)

Tanto cucina lui!... Il prossimo che mi parla in rima me lo mangio io, crudo!

(Dal portello entra ARIEL. La luce si abbassa e il sintetizzatore emette suoni minacciosi)

E questo chi è? Pussa via! Sciò!

Amico caro, non aver paura

questo è un robot ed è la mia creatura.

Non sono amico tuo e questo coso mi fa paura.

E’ innocuo. Accende il fuoco e fa la legna…

Si chiama Ariel ed è il mio servitore.

(Usando il microfono come misuratore Geiger, COOKIE controlla ARIEL. Una scossa elettrica lo manda a terra e lascia il microfono ad ARIEL)

Parla mio robot.

Salve, ragazzi! Mi chiamo Ariel.

Sono un’invenzione del Dottor Prospero!

La pena egli si è dato di farmi parlare e d’insegnarmi ogni momento una cosa o un’altra, quand’io non sapevo neppure che cosa fossi e come la più rozza creatura balbettavo. “Shakespeare”, “La tempesta”, atto…, scena… 

Il benvenuto sei anche tu con lui.

(A Prospero) Mio caro amico, prima di lasciarci

un problemino avrei che assai mi cruccia.  

Si, già lo conosciamo. Ritrovare dovete il vostro ufficiale. Ella è scappata, nel momento del bisogno, con la vostra ultima capsula. Le sue tracce sul mio schermo radar ho seguito fin a quando non ha oltrepassato l’orizzonte ed è scomparsa oltre faccia buia sul pianeta.

Mio robot, aziona il radar. Io voglio

saper dov’è finita quella nave

che posizione ha e che intenzioni. Capito?

ARIEL si mette a lavorare, mentre parte la musica di VIBRAZIONI ( Good Vibrations). Entra MIRANDA.

Wow!

Silenzio!

Che cos’è quella luce che ora irrompe da quel portello?

E’ mia figlia, signore.

Gesù, che sventola!

Cantano VIBRAZIONI ( Good Vibrations)

TEMPESTA 

Mai – Io non ho visto ma-a-ai

una donna così bella come le-e-ei

mai – su nessun pianeta ma-a-ai

se io la cercassi non la trovere-e-ei

ARIEL                                                            CORO

Io sento le vibrazioni                                    Vi-vi-vi-vibrazioni

Saranno le sue emozioni                              E-e-e-emozioni

TEMPESTA 

Già lo so! – Se mi avvicino a le-e-ei

quel sorriso prigioniero mi farà

eeeee, ripararmi più non potròòò

dalla luce di una stella come lei.

ARIEL                                                             CORO

Io sento le vibrazioni                                    Vi-vi-vi-vibrazioni

Saranno le sue emozioni                              E-e-e-emozioni

(Parlato)

Vai mio robot

e trova la navetta

io qui ti aspetterò

ma tu vai in fretta.

(Canta)

Non so dov’è / ma la troverò.

(Ariel esce)

TEMPESTA

Sono vibrazioni che (ti) fanno tremare il cuore

Sono vibrazioni che (ti) fanno tremare il cuore

Sono vibrazioni che (ti) fanno tremare il cuore

(Gli altri continuano sotto il seguente dialogo)

Capitano, io voglio presentarvi

la mia figliuola. Mirando vieni qua.

(TEMPESTA va a stringere la mano di MIRANDA)

E’ uno spirito?

No, mia sciocchina, giacché mangia e dorme

e fa ogni cosa che anche noi facciamo.

E però potrei dire che è divino

niente in natura è mai così carino.

(MIRANDA e TEMPESTA si toccano)

Ah!

TEMPESTA                                                   CORO

Io sento le vibrazioni                                    Vi-vi-vi-vibrazioni

Saranno le sue emozioni                              E-e-e-emozioni

PROSPERO                                                   CORO

Io sento le vibrazioni                                    Vi-vi-vi-vibrazioni

Saranno preoccupazioni                              E-e-e-emozioni

(La canzone finisce)

Mio buon Capitano, una parola.

Scusate.

(PROSPERO prende TEMPESTA in disparte)

(A parte)

Ella insegna alle torce a illuminare!

Sul volto della notte ecco che appare

come su un negro lobo ricca gemma.

Fino ad oggi ho mai amato?

No, occhi miei, no non avrei potuto

senza vera bellezza aver veduto.

“Romeo e Giulietta” atto… scena…

(Esce Ariel)

(A Cookie)

Parli in versi anche tu! Invero amore

Di prodigi è capace! E così in fretta!

Oh signor mio, finché non ho scoperto

che poteva accadere io mai ho creduto

possibile o probabile tal cosa.

E poi d’un tratto mentre me ne stavo

così, senza far nulla di speciale,

in quel nulla l’amore è apparso a me.

Oh Cookie, così a lungo l’hai guardata

che, forse ti è sfuggito chi ella sia.

Che importa? Le sue labbra di corallo

dischiudersi ho osservato e il suo respiro

profumare di fiori l’aria intorno

tutto quello che è in lei è sacro e puro.

Smettila Cookie. Esci da questa trance.

Svegliati, su, ti prego! Se tu l’ami

pensa piuttosto a come conquistarla!

Brucerò, languirò, morirò se non la ottengo

consigliatemi voi che lo potete

assistetemi, so che lo volete,

Parte la SHOOP SHOOP SONG

COOKIE

Come fare io non lo so

voglio sapere se mi ama o no

è negli occhi suoi…

ROXY e MAYA

Oh no, non lo vedrai !

COOKIE

Dentro agli occhi suoi…

ROXY

Oh no, t’ingannerai:

se l’amore c’è

nei suoi baci li

lo troverai!

CORO

Baciala, dai!

COOKIE

Negli sguardi suoi!

ROXY e MAYA

Oh no, è solo charme!

COOKIE

Negli abbracci suoi!

ROXY e MAYA

Oh no, t’illuderai

se l’amore c’è

nei suoi baci li

lo troverai!

CORO

Baciala, dai!

ROXY e MAYA

Oh-oh-oh…

Prendila,

stringila e poi 

potrai scoprire tutto quello che vuoi

se c’è amore

nei suoi baci vedrai

e li che lo troverai!

COOKIE

Ma se lei non ci sta…

ROXY e MAYA

Oh no, non lo farà!

Non ascolti e non capisci che

se l’amore c’è

nei suoi baci li

lo troverai!

CORO

Baciala, dai!

(Il dialogo che segue è parlato sulla musica)

Dolce Mirando?

Cosa comanda?

Dolce signora, pietà di me!

Pietà di te? Che cosa c’è?

Dove c’è pena ci sarà sollievo.

Se per la pena mia d’amore voi soffriste

donandomi l’amore il vostro duolo,

scomparirebbe insieme alla mia pena.

Non ho capito niente, mio signore

ma un bel bacino te lo do di cuore.

(Bacia COOKIE sulla guancia)

(La canzone riprende)

CORO

Eccola là!

ROXY e MAYA

Oh-oh-oh…

Prendila,

stringila e poi 

potrai scoprire tutto quello che vuoi

se c’è amore

COOKIE

Nei suoi baci lo so

è li che lo troverò.

ROXY e MAYA

Ma se lei non ci sta…

COOKIE

Oh no, non lo farà!

Tutto questo l’ho capito ormai

se l’amore c’è

nei suoi baci li

lo troverai!

CORO

Lo troverai!

(La canzone finisce. Rientra ARIEL)

Roxy, Roxy, buone e cattive notizie, come non ne avete mai udite finora.

Buone e cattive insieme? E come mai?

Non è forse una buona notizia sapere che il nostro Ufficiale Scientifico sta tornando?

È qui?

No, signore.

E allora?

Sta arrivando.

E quando sarà qui?

Quando sarà dove sono io e vedrà voi che siete li.

(A Roxy)

Pazienza, pur se intelligente

Ragiona da robot. (Ad Ariel) di buone nuove

sei sempre portatore! Ora una cosa

c’è che vorrei sapere. Hai tu trovato

che cosa il tuo padrone abbia scoperto

di si importante? Io son curioso, parla.

Certamente, signore. Io stesso ci ho lavorato e visto che non son programmato per mentire, rivelerò la grande conquista del padrone mio, che quando sarà approfondita, lo collocherà tra i più grandi uomini di tutte le epoche. Esempi: Pitagora, Darwin, Copernico, Einstein…

Grazie, ho capito!

(A Roxy)

Egli ci sta dicendo che ha scoperto

di Prospero la magica invenzione.

Si, però, forse…

Io devo investigare.

Parte l’introduzione di “IL MONDO CAMBIERO’” ( I’m Gonna Change the World)

Il mio padrone – che benedica Dio le mani che mi hanno costruito in ogni mia parte – per molti anni in solitudine ha lavorato ad un’idea rivoluzionaria, una scienza nuova: la Telegenesi.

La telegenesi?

(Accordo di chitarra)

La creazione attraverso il solo pensiero, senza bisogno di strumenti.

Oh, ma questo è impossibile!

La creazione della materia con la mente. Per far questo lavoro – userò qui termini da profano – si devono utilizzare i nove decimi del cervello che i comuni mortali non usano.

È l’elasticità cerebrale.

L’elasticità cerebrale?

Si. La conquista avvenne quando il signor Prospero distillò una pozione che chiamò Fattore X e che utilizzava questa parte di materia grigia intatta. Ne bevve un sorso mentre stava in laboratorio e ora dirlo mi rincresce, ma da allora non è più stato lo stesso.

(Che ha origliato il tutto, si avvicina ad ARIEL)

Chiudi quella boccaccia di metallo,

lattina di arancia su rotelle!

Ti annienterò se parli.

(A Tempesta e Roxy)

E voi con lui!

Inizia “IL MONDO CAMBIERO’” ( I’m Gonna Ch’ange The World).

TEMPESTA 

Senti un po’

non ti arrabbiare

resta calmo

e lasciami parlare

non siamo in guerra io e te

gridi tanto senza un perché.

PROSPERO

Il mondo cambierò

Il mondo cambierò

se mi fermerai

te ne pentirai.

Bada a te non mi sfidare

Io ti posso far soffrire

Vai via, via da qui

Non potrai fermarmi sai

Il mondo cambierò

Il mondo cambierò

se mi fermerai

te ne pentirai.

(La musica continua e si smorza sotto il dialogo seguente)

Io vedo il babbo mio molto arrabbiato

e a dire il vero molto maleducato.

È il capitano il primo uomo invero

per cui il mio cuore palpitò sincero.

Pietà, commuovi tu il mio genitore

spiegagli le ragioni del mio cuore!

Silenzio, figlia mia!

(A Tempesta)

E in quanto a voi scoperto ho il vostro gioco.

Voi non siete quello che dite,

ma una sporca spia

venuta sul pianeta per rubare

la mia preziosa formula.

No, per quant’è vero che è un uomo!

Non mi sorprenderei se fosse complice di Gloria,

la maligna sposa mia.

Lo spirito maligno non può stare

in un tempio si bello ad abitare!

E parli con il cuore?

Si, signore.

Giovane e così dura?

Giovane e così vera.

E allora sia così. Prenditi in dote questa tua verità!

“Re Lear”…atto primo … scena prima…

Taci Ariel! Non metterti fra il drago e il suo furore!

(A Miranda)

Davanti al sole e al suo fulgore sacro

per Ecate e i misteri della notte

davanti agli astri e al loro eterno moto

in cui la vita prende e lascia forma

io qui ripudio ogni paterna cura

prossimità e proprietà di sangue

e come estranea a me ed al mio cuore

ti discaccio per sempre..

Perdindirindina!

MIRANDA canta “CHE COS’E’ QUEST’AMORE” (Teenager in Love)

MIRANDA (Parlato)

Se lui mi tratta male

mi sembra di morire.

Non so che cosa voglio

perché devo soffrire?

Che cosa accade dentro di me?

(Cantato)

Ma che cos’è questo amor che cos’è?

A volte son felice

ma poi piango perché

mi sento tanto sola

e lo vorrei con me

Che cosa accade dentro di me?

Ma che cos’è questo amor che cos’è?

Io voglio lui

soltanto lui

se non lo avrò lo so, lo so io morirò.

Se vuoi farmi disperare

no, non ti perdonerò.

Ma se mi vorrai amare

giuro che ti seguirò.

Che cosa accade dentro di me?

Ma che cos’è questo amor che cos’è?

(MIRANDA canta la canzone a PROSPERO, ma sul ritornello si rivolge a TEMPESTA. Alla fine del pezzo, con furia e gelosia che sconfinano nell’incestuoso, PROSPERO va al portello e abbandona la nave)

(Parlato)

Padre, ti voglio bene, ma il mio cuore

è qui con lui. Smuoviti opaca terra

e riafferra il tuo centro perduto.

(A Tempesta)

Se il velo della notte già non fosse

disteso sul mio volto esso sarebbe

di virgineo rossore imporporato

per quello che da me hai testè udito.

Lo so che non sta bene e se potessi

tutto rinnegherei, ma ormai a che serve?

Niente più complimenti. Di mi ami?

(Commosso)

“Romeo e Giulietta”… atto…scena…

Senti, ascoltami tesoro:

sulla tua innocenza giuro…giuro

che il cuore e l’anima che ho

a nessuna donna mai darò.

Nessun ne avrà il possesso

tranne solo me stesso.

TEMPESTA canta “BIMBA” (Young Girl)

Bimba

non piangere, dai

non posso amarti come tu vuoi

ma ti amerò

quando crescerai.

Sembri una donna ma poi

sveli la bambina che è in te

mi hai fatto credere – che eri tu

quella per me

ma ora so la verità.

Bimba

non piangere, dai

non posso amarti come tu vuoi

ma ti amerò

quando crescerai.

Senza profumo né make-up

Sei troppo piccola per me

ma anche se sai – che tu non puoi

amarmi – hai

troppa passioni dentro al cuor.

Bimba

non piangere, dai

non posso amarti come tu vuoi

ma ti amerò

quando crescerai.

(Intermezzo strumentale)

Vai, torna dal tuo papà

ti vuole bene e tu lo sai.

Non mi tentare – devi a-spettare

di cre-scere

non posso amarti e tu lo sai.

Bimba

non piangere, dai

non posso amarti come tu vuoi

ma ti amerò

quando crescerai.

( La canzone finisce)

( Parlato )

Ora addio, mia signora

che ormai giunta è l’ora.

Non hai già veduto

che tuo padre è arrabbiato… arrabbiato? 

Bello mi appare perfino il rifiuto

quando dalle sue labbra esso sia uscito

la colpa di un delitto

non si viene a mostrare

prima di un amore

che vorremmo celare.

Il meriggio è la notte dell’amore.

Oh Capitano, sulle dolci rose

di primavera, sulla mia purezza,

sulla sincerità e sul mio onore

giuro che ti amerò anche a dispetto

del tuo orgoglioso cuore

giacché né volontà e né ragione

posson nasconder questa mia passione

(Canta)

Ma che cos’è, quest’amor che cos’è?

 (Canta)

Ma che cos’è, quest’amor che cos’è?

(Parlato)

Oh Dio, non hai pietà lassù nel cielo

guardando nell’abisso del mio cuore?

Mi hai baciato la gota ed ho pensato

che tu mi avessi scelto ed ora invece

è al Capitano che professi amore.

Oh Miranda, l’amor che mi hai mostrato

aggiunge altro dolore al mio dolore.

È l’amore una nebbia che i sospiri

creano col loro fumo rarefatto

un fuoco che negli occhi degli amanti

si agita, un oceano

che il flusso delle lacrime alimenta.

(Qualcuno ride)

Ridono di me il Capitano e l’equipaggio.

(Altre risa)

Io mi vendicherò su tutti voi!

Canta LEI NON C’E’ – ( She’s not there )

COOKIE

Perché nessuno mi ha detto

che male fa.

Perché nessuno mi ha detto

che lei pietà non avrà.

Per i rimpianti è troppo tardi

ma riprovare non servirà.

Non perder tempo ad inseguirla

lei non c’è.

Ma se ripenso a quegli sguardi suoi

alla sua bocca e a come parla lei

con voce mor-bi-da

con occhi splen-di-di

ma poi non c’è.

(Parlato)

Natura, sei il mio Dio e alla tua legge

solo io mi inchino. E perché dovrei

soffrire quest’angoscia e sopportare

che questo Capitano mi sconfigga

quando certo di me non è migliore

per fierezza d’aspetto o di pensiero?

(Canta)

Ma se ripenso a quegli sguardi suoi

alla sua bocca e a come parla lei

con voce mor-bi-da

con occhi splen-di-di

ma poi non c’è.

(Parlato)

Ed ora a noi, mio Capitano!

Se scovo l’occasione e trovo il modo

io ti supererò per quanto è vero

che Dio è coi bastardi!

(Canta)

E lei non c’è! (Perché lei non c’è!)

(Fine del numero. Rientra PROSPERO)

Mai in vita mia mi son così sentito

Confuso, strano, mai così furioso.

Mia figlia, la bambina del mio cuore

la mia figliola cara ecco è fuggita

col Capitano, vile lupo dello spazio!

Parte l’introduzione di “ CHE SCOSSA DA’” (I’m all shook up)

Soffiate venti, spaccatevi le gote!

Infuriate! Soffiate!

Inondateci piogge torrenziali!

“ Re Lear”… atto…

(PROSPERO gli tira una cosa addosso e riprende)

Sommergete le torri ed annegate gli alti pennoni!

O voi sulfurei fuochi che guizzate

come un pensiero e siete messaggeri

dei fulmini che schiantano le querce

fate fiammelle della mia testa bianca!

Tuono che tutto scuoti rendi piatta

di questo mondo la corposa sfera!

Della natura spezza gli stampi

e disperdi nel vento tutti i germi

che fanno l’uomo ingrato!

(PROSPERO si agita. E‘ chiaramente vittima di un grande tormento)

PROSPERO 

Se sbagliato ho

cosa far potrò?

Mi pizzicano il cuore

cento api o che?

O forse son colpi

d’un cuore in età…

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO e TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

PROSPERO

La lingua si secca

la mano mi scrocchia

e quasi non mi reggo

sulle mie ginocchia.

TEMPESTA

Chi devi benedire

se ti senti già morire?

 

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO e TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

PROSPERO

Vi prego non chiedete

che mi ronza in testa.

TEMPESTA

Son come il nome mio

tutta una tempesta.

MIRANDA

Se casomai

io vedo lui.

PROSPERO

Mi batte il cuor

lo so ne morirò.

TEMPESTA

Quando la vedrò

tutto tremerò

perché gli occhi suoi

brillano nei miei.

PROSPERO

Son sicuro che

lei mi assisterà.

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO e TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

TEMPESTA

M’ingoio le parole

che pur voglio dire.

PROSPERO

Lo stomaco s’incarta

come trippa da bollire

e quasi non c’è cura

per lenir il male.

TEMPESTA

Io voglio lei

ma l’avrò mai?

Quando la vedrò

tutto tremerò

perché gli occhi suoi

brillano nei miei.

PROSPERO

Son sicuro che

lei mi assisterà.

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO-MIRANDA-TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

(Parlato)

È tua Tempesta. Puoi prenderla poiché

io non ho più una figlia e mai non voglio

riveder la sua faccia e dunque addio.

Vogliam ancor – andata! E via!

L’amavo e m’illudevo riposare

Sotto la sua tutela. Via, lontano

e d’ora in poi sfuggite la mia vista!

Vieni, dolce liquore!

Vieni mio poderoso fattore X!

Tu sei il rimedio per la mia febbre.

(Beve)

Fosti onesto speziale, agisce svelta

la tua mistura!

(Cantano)

PROSPERO

La lingua si secca

la mano mi scrocchia

e quasi non mi reggo

sulle mie ginocchia.

TEMPESTA

Chi devi benedire

se ti senti già morire?

 

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO e TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

PROSPERO

Vi prego non chiedete

che mi ronza in testa.

TEMPESTA

Son come il nome mio

tutta una tempesta.

MIRANDA

Se casomai

io vedo lui.

PROSPERO

Mi batte il cuor

lo so ne morirò.

TEMPESTA

Quando la vedrò

tutto tremerò

perché gli occhi suoi

brillano nei miei.

PROSPERO

Son sicuro che

lei mi assisterà.

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO e TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

TEMPESTA

M’ingoio le parole

che pur voglio dire.

PROSPERO

Lo stomaco s’incarta

come trippa da bollire

e quasi non c’è cura

per lenir il male.

TEMPESTA

Io voglio lei

ma l’avrò mai?

Quando la vedrò

tutto tremerò

perché gli occhi suoi

brillano nei miei.

PROSPERO

Son sicuro che

lei mi assisterà.

MIRANDA

L’amo già!

PROSPERO-MIRANDA-TEMPESTA

Che scossa dà! – oh yè!

(Alla fine del numero PROSPERO collassa a terra. La musica continua con l’introduzione di “GLORIA”. Magari iniziando con un giro di basso e aumentando gradualmente, come se si avvicinassero dei passi pesanti)

Badate al Dottore!

Signore, state bene?

Non fate caso a me, nobile amico.

Ho uno strano malore che è ben noto

a chi mi sta vicino.  

Capitano! Capitano!

Chi urla così forte?

C’è un segnale sul monitor. Ed è un beep!

Senza dubbio è il vostro Ufficiale Scientifico.

Catturala su, Ariel, come già ti era stato ordinato.

Un momento! Qualcos’altro appare

un altro beep potrebbe essere invero…

Un altro beep?

Potrebbe essere…

Essere, oppure no?

Questo è il problema.

Il secondo segnale è assai più grande, mostruosa è la sua forma e svelto corre per afferrarla io credo.

Angeli e voi ministri della grazia

venite qui q difenderci! Cos’è?

Uno spirito santo o un demonio?

E che intenzioni ha, buone o cattive?

Esistono più cose in cielo e in terra

di quante mai sognai al laboratorio. 

In tanti anni mi ricordo bene

di aver veduto cose assai tremende

e strane invero, ma questa orrenda vista

supera di gran lunga ogni forma già nota.

E allora a noi mostrala, che aspetti?

(Sullo schermo appare un mostro al di fuori dell’astronave)

È un mostro quel che vedo innanzi a me

con tentacoli al posto delle mani?

No! Non lasciate che mi si avvicini!

Io non lo vedo.

E io invece si!

Oh fatale visione, sei sensibile

alla sua vista ed alla mia non parli?

O sei soltanto un mostro della mente.

Una finta creazione che proviene

dalla mente impazzita?

Alzate lo scudo protettivo. Lo terrà lontano.

Ariel e l’Ufficiale Scientifico

sono nella camera di decomposizione, signore.

E che cosa aspetti? Falli entrare.

(Cantano)

MAYA

Sono qui.

Sono qui.

Sono qui.

TUTTI

Cosa mai accadrà?

MAYA

Sono qui.

TUTTI

Che succederà?

MAYA

Sono qui.

(Si apre il portello ed entrano ARIEL e GLORIA.)

PROSPERO

Gloria!

GLORIA

Ahi, ahi, ahi, ahi, ahi, ahi!

TUTTI

Gloria!

GLORIA

Che brutta storia!

(Ripetono)

GLORIA

È già qui!

È già qui!

È già qui!

GLI ALTRI

Cosa mai accadrà?

GLORIA

È già qui!

GLI ALTRI

Che succederà?

PROSPERO

Aiuto, aiuto, aiuto!

TUTTI

Gloria!

GLORIA

Che brutta storia!

(Ripetono)

(Quando la canzone finisce, buio e silenzio. Scende lo schermo)

Si salverà la nave da questo attacco mortale?

Ricambierà Tempesta di Miranda l’amore?

Perdonerà Prospero la sua moglie crudele?

Al bar prima di tutti riuscirete ad arrivare?

Tutto e molto di più potrà essere udito

nella seconda parte del Pianeta Proibito!

(Si riaccendono le luci e si vede l’equipaggio lottare contro i tentacoli del mostro. Uno di questi ha catturato GLORIA e la solleva per aria. BUIO)

FINE I° ATTO

(Gli attori si trovano nella stessa posizione della fine del primo atto. BUIO. Scende lo schermo.)

A chi la storia non seguì a puntino

permettete ch’io faccia un riassuntino.

Con molte scuse se tralascio il peso

di numeri e canzoni. Per esteso

davveroe in verità non posso andare

se non voglio le palle far cascare.

Un’astronave in volo d‘ispezione

su un pianeta atterrò per attrazione,

dove Prospero, insigne scienziato,

viveva da gran tempo relegato

lavorando a una magica pozione

che del cervello causa l’espansione.

Mentre scartocciavate caramelle

È apparsa poi fra noi Miranda bella,

di Prospero la figlia beneamata,

subito di Tempesta innamorata.

Ma il Capitan non se la fila affatto,

mentre il cuoco di bordo, un sempliciotto,

della fanciulla è già bello e cotto.

Mentre chiacchieravate con il vicino

fummo edotti che Prospero, meschino,

era stato spedito nello spazio

da Gloria, che è sua moglie e un vero strazio.

E, guarda tutti i casi del destino,

porta lo stesso nome, assai carino,

l’Ufficiale Scientifico di bordo.

Gloria anche lei (ditelo al vecchio sordo

che ulula seduto in galleria)

e abbiam lasciato questa donna ria

preda di un mostro orrendo e assatanato

che si era della nave impossessato.

È tutto chiaro? Possiamo andare avanti?

Qualcosa avete messo sotto i denti?

Sigaretta fumata?

Bibita tracannata?

Se anche la pipì avete fatto

state zittini, inizia il secondo atto.

(Termina il video e riprende il numero di GLORIA della fine del primo atto. Questa volta, però, GLORIA viene salvata da ARIEL)

Incubi, incubi, incubi!

Via, maledetto mostro, via ho detto!

Ancora una volta l’attacco contrasta,

dai, forza amico, il suo scudo devasta!

E se non basta dagli in testa l’asta!

Fai appello all’olio che nelle vene ti scorre!

Ficcagli tutto il phaser dentro il cuore!

(ARIEL colpisce il mostro col suo phaser e lo cattura, poi GLORIA lo finisce ed il mostro scompare. PROSPERO casca per terra con un urlo e sviene)

Bolle ha la terra come acqua o lava

questo era il mostro, ma dov’è sparito?

(Controllando gli strumenti)

Nell’aria e ciò che solido sembrava,

come fiato nel vento ecco è svanito.

(Disfatto dalla stanchezza)

Macbeth, atto… scena…

Erano qui davvero queste cose

di cui stiamo parlando o abbiam mangiato

tutti dalla radice della pianta

che si chiama follia e che la ragione

rende sua prigioniera?

Qualsiasi cosa fosse, tornerà.

Ne sono certa.

(effetti di sintetizzatore come se il mostro stesse tornando. Poi scompare)

Ma voi, mio caro amico, state bene?

Sono di nuovo un uomo.

Si, ma non vi agitate.

Tu, Robot, cosa dici?

I miei sensori non registravano alcun organismo. Eppure quello schermo laggiù confermava una presenza aliena sull’astronave che il mio phaser ha fortunatamente cacciato via.

Oh Ariel, mio laborioso Ariel.

Cosa volete, mio potente padrone? Son qui.

Tu e il tuo phaser vi siete fatti onore.

E per questo vi devo ringraziare.

Qui noi tutti lo dobbiamo fare.

Anch’io e dal profondo del mio cuore.

(A Cookie)

Ma che cos’è un phaser?

Un misto fra un phon, un freezer e un laser.

Il serpente è schiacciato, ma non morto

ritornerà, forte com’era prima

e il tuo misero phaser tremerà

del morso del suo dente.

È piena di scorpioni la tua mente,

moglie mia cara.

Suggerirei di citare altri danni. Il “Macbeth” porta notoriamente iella.

Il nostro Ufficiale Scientifico è tua moglie!?

Questa è la donna, fate il dovere vostro.

Oh Gloria, io in arresto ti dichiaro

su richiesta di Prospero, marito

da te molto oltraggiato.

Signora mia, mi avete fatto torto.

Davvero Prospero? No!

Parte in sottofondo UN UOMO CHE SOFFRE (Don’t Let Me Be Misunderstood)

Nota pirata, galattica ladra!

Quale folle audacia ti ha portato

qui, al cospetto della mia pietà

che in modo sì deciso e si brutale

hai reso tua nemica?

Oh Prospero, mio nobile signore,

non ti crucciare se io qui rinnego

i nomi che mi dai! Non fui mai ladra

e pirata nemmeno! Perché mai

mi chiami tu così?

Guardati in uno specchio! Sei un demonio!

Non c’è deformità che non peggiori

se posta in una donna!

Tu sei un povero pazzo che nasconde

la sua vergogna dietro i falli altrui!

(Piano a Roxy)

In che senso?

Poetico.

Taci, losca creatura! Non parlare!

Tu prestami attenzione, o Capitano!

Codesta donna che ora qui tu vedi,

altro non è che un verme che minaccia

il futuro del mondo.

La mia grande scoperta che si chiama,

come sai, Telegenesi ed è nata

grazie al fattore X, da me isolato,

potrebbe dare un nuovo immenso impulso

alla razza degli uomini, creare

cose meravigliose con l’ausilio

soltanto del cervello e far cessare

le carestie, le guerre ed i malanni!

Felice il mondo che li sconfiggesse!

E questa panacea, questo prodigio

lei voleva distruggerlo!

Tempo non sprecheremo a riconoscere

tutti i delitti di cui si è macchiata.

Lo faremo più tardi, sino a allora

ritieniti sospesa dal servizio.

GLORIA (Canta)

Sono una donna che soffre perché

perché - voi non crederete mai a me.

Valorosa Gloria, se permetti i piedi insieme ti incatenerò.

No! Io mi opporrò con forza, non mi avrete!

In vostra mano mai non mi terrete!

(PROSPERO telegenesizza GLORIA che casca a terra)

Obbedisci, suvvia! Sono i tuoi muscoli

come quelli di un pargolo e non hanno

né forza né vigore.

Già è così!

E allora, bella mia? Che cosa c’è? Non hai più parole?

ARIEL  canta CHE COSA C’E’ (Who’s Sorry Now).

ROXY, TEMPESTA, MAYA, PROSPERO e COOKIE fanno il coro.

 

ARIEL

Che cosa c’è?

Piangi perché?

Tu stai soffrendo

ma non basterà.

Triste sarai

e piangerai

come lui ha pianto per te.

Tu già lo sai

Scuse non hai.

Hai detto no e allor

Che cosa vuoi?

È tardi ormai

ed ora scuse tu…

( parlato)

Scusa: sostantivo femminile. Scusante, attenuante, discriminante. Aggettivo : scusabile, perdonabile, giustificabile. Transitivo: scusare, perdonare, condonare, discolpare, coonestare, scagionare, difendere, scolpare. Plurale: scuse. Avverbio: spiacevolmente. Oppure: scappatoia, espediente, pretesto, sotterfugio, scappavia. Superlativo assoluto: scurissima. In altre parole…

CORO

Cosa?

ARIEL (canta)

… scuse tu non hai!

(La canzone finisce)

Occupatevi della signora!

E quando avremo in fretta riparato

i danni all’astronave poi vedremo,

tosto di interrogarla per sapere

molto di più su queste orrende cose.

Si agitano in noi dubbi e paure,

ma nella grande mano del Signore

io saldo sto e insieme a lei discaccio

disegni oscuri e malfidate azioni.

E così farò anch’io!

E così tutti!

Rivelazione danni, Capitano!

Lo scafo della nave si è spezzato

per l’attacco del mostro!

Tu puoi aggiustarlo, Ariel?

Detto fatto!

Metterò una fascia intorno alla nave in venti minuti.

(Esce)

Ma non è questo l’unico problema.

Che altro c’è? Forse qualche altro danno?

Il nostro Johnny…

No, non lui! Non dirlo!

… per respingere il mostro si è inceppato.

Tutti a lavoro, presto, e in ogni modo!

Quel mostro ci ha ridotti…

(fatica un po’ a trovare la rima)

… un colabrodo!

Dovete sistemare il vostro Johnny

oppure l’energia ci mancherà

utile per andarcene di qua.

E su questo argomento una parola,

vi prego, Capitano.

Mettila ai ferri, Cookie, spetta a te.

(COOKIE si avvicina a Gloria)

Ecco che l’opportunità mi si presenta

di mettere fine al mio scontento.

( A Cookie ) è da un po’ che ti osservo e nei tuoi occhi

non vedo gentilezza, né letizia.

Non vi crucciate. È vero, sul mio sguardo

è sceso un velo, mesto e cupo insieme.

Ma la causa di questo mio contegno

Non è da addebitarsi che a me stesso.

Passioni differenti dall’usato

lottano nel mio cuore e nel lottare

macchian  la mia condotta.

Ma dimmi, che cosa è questa tristezza

che allunga le tue ore?

Il non avere ciò che le accorcerebbe.

Quell’amore così dolce alla vista e così crudo

e tiranno in realtà.

(A parte) C’è dell’amore, si, ma anche dell’odio.

Quella che amo e venero è tua figlia.

E se tu mi dirai che cosa fare

in cambio avrai il mio aiuto per salvarti

da questa disperata situazione.

Ho la schiena che prude, se la gratti

la gratterò io a te, con idee e fatti.

Finisce il sottofondo di LEI NON C’E’ ( She’s not there)

Va bene caro Cookie, il patto è stretto.

Ti dirò come vincere il suo cuore

ma la formula prima devi avere

che Prospero ha inventato, quella droga

detta Fattore X. Se tu la prendi

la mente ti si spande immantinente

e a lei non sembrerai più un deficiente.

Proprio perché mi crede scemo in testa

mi preferisce il Capitan Tempesta!

Esatto.

Ora capisco!

Ed io, quando avrò in mano quella bomba,

lo spedirò dritto alla sua tomba.

Non parlerai sul serio! Lo vuoi morto!

Tu vuoi la carne, ma non vuoi il coltello

che il macellaio usa per staccarla.

Era forse ubriaca la speranza

che mi hai confessato? Ed ora, sveglia,

guarda tremante e pallida l’azione

così liberamente vagheggiata?

Pace, ti prego, pace! Io posso osare

qualsiasi cosa un uomo possa fare.

Chi supera i confini non è un uomo!

Va bene, lo farò.

Da così poco tempo la conosco

è mai possibil che mi piaccia tanto?

Da così poco tempo la conosco

è mai possibil che mi piaccia tanto?

Possibile che solo con lo sguardo

sia nato amore, dall’amor desio

e al desiderio lei poi risponda?

E la farei felice?

E la farei felice?

Ahimé!

( A Cookie ) Quale passione grave peso appende

Alla tua lingua già così leggera?

Non riesco a parlarle.

(a Tempesta) Eppur vi sorta.

Oh!

Mio capitano…

(Una a Cookie l’altra a Tempesta)

… cosa ti possiede?

Al pensiero di lei tutto già cede?

(a Tempesta)

L’amore io lo conosco

( A Cookie)

Tu la devi

voler con ogni forza del tuo cuore

(a Tempesta)

Se ti è entrata nel sangue qual veleno…

Falla tua.

Segnalazione guasto!

Rivelazione danni! Rivelazione danni!

Johnny è fuori uso!

Ascoltate! Addetti alla manutenzione al livello 19.

Addetti alla manutenzione al livello 19.

Invertite la polarità

Invertire la polarità?

Invertire la polarità?!

I circuiti non reggeranno!

È un vecchio trucco,

 ma potrebbe andare.

Poco logico mi appare.

Della tua logica io non so che fare!

Scostati! Ho delle vite da salvare!

Invertite la polarità.

Invertite la polarità.

A tutti i passeggeri e membri dell’equipaggio,

procedete ad invertire la polarità.

(Il pubblico partecipa alla manovra)

Forza Johnny, lo sai, di te mi fido

comportati perciò da vero amido… amico.

TEMPESTA canta JOHNNY ( Johnny B. Goode)

TEMPESTA

Accendi una scintilla in un segreto chip

e facci poi sentire il suono d’un tuo beep

risveglia nel circuito i fili che tu sai

e dacci il tuo segnale poi, Johnny su vai!

Noi qui sappiamo bene quali tue virtù

sonnecchiano in un cuore che non pulsa più.

TEMPESTA e CORO

Su va!

Va! Johnny va! Va! ( Ripetono 4 volte)

TEMPESTA

Johnny su vai!

Accendi mille luci sul tuo videoscreen,

si come un grattacielo in un vecchio film.

Poi portaci con gioia verso un happy end

sarai per tutti noi John Wayne o Cary Grant

l’eroe che solitario monta su una sella

e fa brillare alta in cielo la sua stella

TEMPESTA e CORO

Su va!

Va! Johnny va! Va! ( Ripetono 4 volte)

TEMPESTA

Johnny su vai!

 Accendi una speranza infine in tutti noi

che siam di sangue e carne ma non certo eroi

circuiti terminali d’una civiltà

che pur se Johnny vive un giorno morirà

ma Johnny adesso dorme e noi tiriam a sorte

Johnny su vai stanotte!

TEMPESTA e CORO

Su va!

Va! Johnny va! Va! ( Ripetono 4 volte)

TEMPESTA

Johnny per noi!

C’è un sovraccarico! Più forte! Più forte!

(Si sente un crash)

Continuate! Continuate!

Polarità invertita.

Yeah!

E Johnny come sta? Ha vinto la partita?

Signore, il nostro Johnny è operativo,

più sano assai d’un pesce e ben più vivo!

(Gioia generale da parte di tutti)

Sono deciso e fermo in ogni fibra

proteso anima e corpo al reo delitto.

Tutto falsi sorrisi e tutto amore

nasconderò l’abisso del mio cuore.

( COOKIE esce per andare a rubare la formula)

 

 Prospero, Prospero, perché sei tu Prospero?

Deve moire. Anche se per mia parte

non ho ragione per volergli male

lo faccio per il bene della terra.

Egli ha la droga e come può cambiare

con ciò la sua natura è un gran problema.

È per questo che a lui meglio è pensare

invero come a un uovo di serpente

che una volta covato crescerebbe 

perfido come la sua specie e per ciò stesso

va ucciso quand’è ancora dentro al guscio.

(Esce GLORIA, entra ARIEL)

Capitano! Capitano!

È fatto. Ho riparato la falla nello scafo.

Sembra che il Capitano sappia bene quel che fa.

Sebbene talvolta non mi convinca affatto.

(MIRANDA rientra, molto truccata e con un vestito di lamè dorato. La fanciullona ora sembra una quarantacinquenne)

Salve bel bamboccione, mi presento.

Son’io, il tuo fantastico portento!

(Imitando Mae West)

È sempre li che porti la pistola

o solo di vedermi sei contento?

Parte PRETTY WOMAN

ARIEL – ROXY – MAYA

Pretty Woman

io non so chi sei

Pretty Woman

Io non so chi sei

Pretty Woman

Quasi finta sembri tu

ma piaci sempre più

Pretty Woman

bella più che mai

Pretty Woman

quanto mi amerai?

Pretty Woman

tu mi dirai di si

già lo so sarà così.

Pretty Woman – tu per me

Pretty Woman – senza se

Pretty Woman – baciami così, yeah

Pretty Woman – yeah, yeah, yeah

Pretty Woman – si perchè

Pretty Woman – amo solo te

Perché ti amo – ti servirò

Sarò tuo schiavo – non dirmi no

Pretty Woman

non andare via

Pretty Woman

ti amo alla follia

Pretty Woman

vieni qui da me

vieni qui da me…

ah, ah, oh, oh…

yeah… Pretty Woman

Siete voi, padroncina, sotto quel trucco e quell’acconciatura?

(A parte)

Squinzia si orrenda e così bella insieme

io mai non vidi da che mondo è mondo.

Son io, Ariel caro, e giacché nulla

col fascino innocente di fanciulla

dal Capitano non riuscii a sfangare

pensato ho allora che per farmi amare

fosse opportuno farmi un po’ di trucco

per prender al mio laccio il mammalucco

e un vestituccio ho poi confezionato

che su un antico tomo ho rimirato

di quelli che si leggon sulla terra

e che d’amore insegnano la guerra.

“Mani di fata” è il nome e vi è anche scritto

Come intrecciare col rovescio il dritto

(alternativa)

Si chiama “Grazia” e li viene trattata

la scienza di apparir sofisticata.

No, padroncina, non funzionerà mai.

Farai cilecca con quel vestito. Non è il tipo da vestiti sexy.

Davvero?

Come ti sei conciata? Porca vacca,

ti sei data un centimetro di bacca!

Al tuo faccino invero non serviva

di cerone e di fard tutta una stiva.

Di una Barbie dovrei forse invaghirmi?

Vai subito con l’acqua a ripulirti,

o, meglio ancora, torna in profumeria

non per il trucco, ma per tirarlo via.

(Sonetto di Shakespeare da inserire)

Oh, Ariel tu si sei un vero amico

e con tutto il mio cuor grazie ti dico.

(Pausa)

Cambia il mio amore sempre d’opinione!

Prima ero una bimba, ora un troione!

E in uno dei due casi gli va bene

io non ne posso più di tante pene!

Gli uomini sono invero una iattura,

non ce la prendo più la fregatura!

Canta VOGLIO UN ROBOT ( Robot Man)

MIRANDA

Io voglio un bel robot capace sai

che non va sempre in giro a fare guai

e che mi tenga stretta stretta a sé

senza venirmi a fare tante chiacchiere.

Io voglio un bel robot tutto per me

che non si faccia attendere fino alle tre

ma che a ballare vada solo con chi

la chiave del suo cuore tiene stretta qui.

L’avrò tutto per me

CORO

Tutto per te

MIRANDA

Sette dì su se-tte

CORO                                                   TEMPESTA (parlato)

Sette su sette                                       Sette su sette!?

MIRANDA

Litigheremo mai

CORO

Mai poi mai

MIRANDA

E gli sarà impossibile parlare o guai!

Non voglio un uomo che mi fa patir

e pianger tante lacrime fino a svenir

perciò sogno un robot che m’ami si

girando una chiavetta piccola così!

ARIEL

 Sarò tutto per te

MIRANDA

Tutto per me

ARIEL

Sette dì su se-tte

MIRANDA

Sette su sette

ARIEL

Litigheremo mai  

MIRANDA e CORO

Mai poi mai

MIRANDA

E gli sarà impossibile parlare o guai!

Non voglio un uomo che mi fa patir

e pianger tante lacrime fino a svenir

perciò sogno un robot che m’ami si

girando una chiavetta piccola così!

girando una chiavetta piccola così!

girando una chiavetta piccola così!

Alla fine della canzone, MIRANDA bacia ARIEL. Il portello della nave si apre ed entra COOKIE con la formula del Fattore X)

Ecco, ho compiuto l’opera e ottenuto

La formula di Prospero. La droga

ora è in mano di Gloria e quando lei

distillerà la magica pozione

si espanderà talmente il mio cervello

che sembrerò a Miranda perfin bello.

(COOKIE vede MIRANDA che bacia ARIEL)

Oh, no! Che cosa vedono i miei occhi?

Donna crudele per te io morirò!

Ora te la fai anche col robot!

Amico, vedila cosa dal lato sbagliato.

Ma che cos’hai in mano? Non credo che sia roba tua.

Bada agli affari tuoi, non ti immischiare

lattina di fagioli arrugginita!

Se non giri alla larga e non stai attento

Ti stacco la corrente in un momento!i 

Se restituisci subito la formula non dirò niente. Ma se insisti ti darò una lezione.

Parte SHAKE RATTLE AND ROLL. Alla fine del numero ARIEL recupera la formula e la mangia.

(Tirando fuori il phaser)

Bidone d’immondizia, fermo lì!!

(Mangiando la formula)

Spiacente, la formula non c’è più.

Sciocco robot, che cosa hai combinato?

Il segreto di Prospero hai ingoiato! 

(ARIEL si comporta stranamente, come se la formula avesse agito sul suo cervello meccanico come la droga avrebbe fatto su un cervello umano)

Hey, ferro vecchio, e adesso che facciamo?

Leggiamo…gulp… osserviamo… gulp… e digeriamo!

Aiuto, padre! Ariel si è ingrippato!

Il suo cervello in tilt se n’è già andato!

Calmati, ragazzina, quell’affare

Ormai non si può certo riparare!

Oh maledetti! Maledetti sciocchi!

Fuggite dal furor dei miei occhi!

L’avete stoltamente rovinato

e la formula in gola si è cacciato!

L’opera di una vita ora è distrutta,

ma tremenda sarà la mia vendetta!

( Comincia in sottofondo il basso di GLORIA, che aumenta progressivamente. Prospero grida.)

Orrore! Orrore! Orrore!

Non c’è cuore che possa concepirti

né lingua darti un nome!

Che succede?

Capitano, sul radar c’è un segnale!

La stessa forma assume, qui correndo

che aveva poco fa quel mostro orrendo!

Presto, dottore, presto, rinvenite!

I phaser del robot svelto aggiustate!

È inutile che strilli, quel rottame

è fuori uso ormai senza speranza.

Cantano

MAYA

È già qui

È già qui

È già qui

GLI ALTRI

Cosa mai accadrà?

MAYA

È già qui

GLI ALTRI

Che succederà?

(GLORIA ruba la pistola a COOKIE e la punta su PROSPERO. La musica si blocca)

Gloria!

E cosi, eccoci qua. Prospero caro.

Metti giù quel phaser!

Non fatelo!

Sta zitto! ( A Prospero) E tu sta fermo!

Basta, Gloria! Te lo ordino!

Confessa i tuoi peccati. Giunta è l’ora.

A tutti voi, senz’altro ha raccontato

come mi comportai molti anni orsono

di come prigioniero lo mandai

nello spazio infinito.

Ebbene è vero, ma mia colpa sola

fu quella di non togliergli la vita1

una pazza, una pazza sono stata,

poiché sapevo che nel suo cervello

il male germinava e l’invenzione

della droga terribile poteva

rendere sconfinato il suo potere.

Ma lo amavo e tentai metterlo in guardia

acchè mettesse un frena all’ambizione.

Basta! Ti prego Gloria, non parlare!

No! La verità si deve palesare!

Quel mostro che prima ci ha attaccato

sei tu che con il tuo subconscio lo hai creato!

Subconscio? Che cos’è? Una medicina?

No, scemo, studia Freud! È della mente

la parte occulta e insieme più potente.

Continuo a non capire.

Con il Fattore X e col suo genio

è riuscito a creare la materia

solo facendo uso del cervello,

ma non ha calcolato il potere

dei pensieri nascosti della mente:

l’ odio, la gelosia, la distruzione

non sono governati da ragione,

se diventan materia sono mostri

come quelli che han visto gli occhi nostri.

Un mostro nel subconscio? Dio, che orrore!

È caduto anche lui nell’empio errore

che sempre, fatalmente, compirà

chi la natura troppo sforzerà.

Son io che ho gli scorpioni nella mente!

Io che le porte ho aperto dell’inferno

che avevo dentro l’anima ed il mostro

nascosto nel mio cuore ho liberato

pronto all’odio e al delitto!

(GLORIA lascia cadere il phaser., termina il sottofondo)

Ho fatto quel che entrambi sapevamo

che avrei dovuto fare già da tempo.

Perdonami, l’ho fatto solamente

per l’amore che porto a te, a mia figlia

e al mondo che verrà e che voglio bello,

senza mostri creati dal cervello. 

Son’io quel mostro!

Io devo morire!

(PROSPERO grida e si afferra la testa, poi improvvisamente si calma)

Parte I WHO HAVE NOTHING finisce la canzone.

Gli incantesimi miei si sono infranti

e la forza che ho è mia soltanto.

E la storia di Prospero è finita

i miei delitti pago con la vita.

Parte l’introduzione di CHISSA’ ( Go now )

Cercavo solo il bene, ma né scienza

né arte per salvarmi ho ritrovato,

e ora qui io muoio disperato.

Sia una preghiera per me il vostro saluto

lo giuro, esser migliore avrei voluto.

GLORIA (canta)

No, nessuno mai

lo sa

Che cos’accadrà

dico solo- chissà

chissà, chissà

chissà

se ci rivedremo mai.

No, non devi dirmi

quello che ora tu farai

Quante volte potrò dirti che ti amo ancora

che per sempre ti amerò

No, nessuno mai

lo sa

Che cos’accadrà

dico solo- chissà

chissà, chissà

chissà

Ma non creder sai – che per me

sia possibile dimenticarti ormai

Tu sei dentro di me

e non te ne andrai

( Intermezzo strumentale )

Ora devi andar

e io dico - chissà

chissà, chissà

chissà

se ci rivedremo mai.

No, non devi dirmi

quello che ora tu farai

Quante volte potrò dirti che ti amo ancora

che per sempre ti amerò

Ti dico solo allora amore

solo – chissà

( Durante la parte strumentale della canzone Prospero esce)

Cosa dite di lui, mio Capitano?

Avanti su parlate.

In sottofondo si sente UN UOMO CHE SOFFRE ( Don’t let me be misunderstood )

Questo piccolo mondo cavalcava

come un colosso e noi, come dei nani,

camminavamo sotto alle sue gambe

cercando ignominiose sepolture.

Del loro fato gli uomini talvolta

sono padroni e così fu per lui.

La colpa non è sempre delle stelle

ma spesso in noi che ci facciamo schiavi.

( Fuori dall’astronave si sente la voce tombale di PROSPERO)

PROSPERO (canta)

Io sono un uomo che soffre perché

perchè – non trova amore dentro sé

( Avanza )

Spezzati cuore, spaccati, ti prego.

Potente padre, giaci così in basso?

Tutte le tue conquiste e i tuoi trionfi

Glorie, successi… tutto ridotto a nulla?

Non è tutt’oro ciò che risplende

savio è solo chi l’intende.

Se qualcuno un ombra bacia

un’ ombra è il premio della sua audacia…

( a parte )

Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino…

Dovunque ora tu sia o padre mio

ti giungano il mio bacio ed il mio addio!

Alza gli occhi amor mio, non torturare

il suo fantasma, via, lascialo andare.

Non trattenerlo al mondo per soffrire

le pene che era stano di patire.

Se n’è andato per sempre.

E mi sorprende

che così a lungo abbia vissuto in terra

un uomo con se stesso così in guerra.

Venite su. Tempo è ormai di andare.

La fede, la virtù, tutto il mio cuore

son tuoi, Miranda mia, dolce mio amore.

Oh quale febbre sento nel cervello!

Oh Capitano mio, quanto sei bello!

Felici amanti, al fine voi trovate

la gioia che da tempo meritate.

Vieni figliola, stringiti al mio seno

che sempre e sol d’amor per te fu pieno.

Ti credevo perduta e ritrovarti

È gioia pari solo all’abbracciarti.

MIRANDA e GLORIA si abbracciano e cantano IO VOGLIO DI PIU’ ( No More Tears )

GLORIA

Io madre, tu figlia

Bastiamo noi per fare una famiglia

tempo abbiamo sai.

MIRANDA

Credevo, speravo,

le stelle – interrogavo

e ora tu sei qui.

INSIEME

Sognavo sempre di essere con te

ma ora non sogno e tu sei qui con me

con me…..

GLORIA ( con controcanto di Miranda)

Amore

Tesoro

Io non ti lascerò mai più

INSIEME

Sei tu il mio amor

sei tu.

Se  tu lo vorrai

io lo so mi amerai

si lo so

Io lo so oramai

tu per sempre sarai qui con me

Dimmi che lo vorrai

per me, per te

che per sempre mi amerai

e che così con me tu canterai

Io voglio di più

di più di più

ancor di più.

Io voglio di più

lo voglio si

insieme a te – a te così

 Sognavo sempre di essere con te

ma ora non sogno e tu sei qui con me

con me…..

oh, oh, oh, oh…

Io voglio di più

di più di più

ancor di più.

Io voglio di più

lo voglio si

insieme a te – a te così

Amore mio…    (put down this girl) 

Si di più                                                Ti amerò  (this habit)

Si di più     (No more tears)                 sempre più  (is enough)

Si di più

(Alla fine della canzone, MIRANDA corre ad abbracciare TEMPESTA)

Si amano, si baciano, è finita

conclude una sconfitta la partita.

( A Miranda )

Non ti darò più noia con lamenti

so  bene dentro il cuor che cosa senti.

Ti penserò in silenzio e ricordarti

sarà forse più dolce che l’amarti.

Quando in disgrazia alla fortuna e al mondo

piangerò solo il deleritto stato

turbando di lamenti il cielo sordo

maledicendo nel guardarmi il fato,

agognando di un altro alla speranza

invidiandogli amici ed ambizione

e ad un altro il talento o la sostanza,

sempre scontento di ogni mia passione,

me stesso e i miei pensieri disprezzando,

penserò a te con gioia e il mio dolore

(come allodola al giorno che spuntando

sta dalla buia terra ) canterà al Signore.

Tanta ricchezza sarà pensare a te

che non invidierò neppure un re.

( Riavendosi dal torpore)

Sonetto diciottesimo…

Un amore infelice ed una colpa

ti velano lo sguardo di dolore.

Il suo furto di tutto causa è stato.

Dev’essere punito o perdonato? 

(Aspetta una risposta, eventualmente anche dal pubblico)

Perdono! Perdono! Pietà!

La pietà è una virtù che non si estorce.

Come pioggia gentile essa ricade

sopra la terra e gli animi consola.

( più pimpante)

Il Mercante di Venezia, atto quarto, scena…

Perdonalo signore, te lo chiede

quella che a te giurato ha eterna fede.

Suggello al suo perdono sia un tuo bacio

più fresco e profumato assai di un…

(non trova la rima e va nel panico)

Cacio?... micio?... Lucio?...

MIRANDA gli tappa la bocca con un bacio, mentre COOKIE soffre visibilmente.

Poi MIRANDA e TEMPESTA cantano TI DIRO’ DI SI (Unchained melody)

TEMPESTA e MIRANDA

Oh, oh amooor

amore.

Con te – sempre vivrò

Con te

Con te

E tu – sarai –

la vita

gioia – tu sarai.

Con me

Con meeeeee/se lo vuoi

se lo vuoi

io – ti dirò di si.

Questo nostro amor vincerà - vincerà

ogni avversità con un si.

Sempre e solo si ti dirò – ti dirò

Sempre ti amerò – cooosì…

Oh, oh amooor

amore.

Con te – sempre vivrò

Con te

Con te

E tu – sarai –

la vita

gioia – tu sarai.

Con me

Con meeeeee

Ohohohoh/ si

Io – ti dirò di si

( La canzone finisce )

Presto! Aiuto! Il sensore è impazzito!

Di fuoco una tempesta si avvicina!

Io molte ne ho vedute che con furia

alberi sradicavano ed il mare

gonfiavano e infuriavano di vento

ma mai una così

che fiamme ardenti

porta nelle sue nubi minacciose.

Se permettete, tutto questo appare molto logico.

( Terrorizzati)

Cioè?

Se l’inconscio di Prospero ha creato quel mostro, allora vuol dire che questo splendido pianeta rappresenta il suo super-io.

Oh, no! Ancora Freud?!

Visto che Prospero ha distrutto se stesso commettendo un suicidio galattico, questo pianeta, in quanto creato dal suo super-io, si accinge a fare altrettanto.

E che dobbiamo fare?

Ah, non ne ho la minima idea.

Prepararsi al decollo! Presto, presto!

Da anni luce è meglio distanziarsi

da un pianeta che sta per suicidarsi!

Cantano DOBBIAMO FUGGIRE DA QUI ( We’ve Gotta Get Out)

Coro

Dobbiamo fuggire da qui

un altro momento non c’è.

 Dobbiamo fuggire da qui

TEMPESTA

Ti attende un’altra vita sai, insieme a me!

Tu Miranda sei dolce e cara

ma la cosa vera è che

morirai senza saper perché

sparirà la tua virtù al vento

nella luce che non vedrai

stessa luce di fredda stella – mai!

Mai! Mai! Mai!

Io con te sarò là

sempre insieme a te sarò

fredda luce di stessa stella – sai !

TEMPESTA e CORO

Sai! Sai! Sai!

Dobbiamo fuggire da qui

un altro momento non c’è

dobbiamo fuggire da qui.

TEMPESTA

Ti attende un’altra vita sai, insieme a me!

TEMPESTA e CORO

Dobbiamo fuggire da qui

un altro momento non c’è

dobbiamo fuggire da qui.

TEMPESTA

Ti attende un’altra vita sai, insieme a me!

Allarme rosso! Allarme rosso!

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1

Contatto!

(La batteria riparte con WIPE OUT. Entrano , poi, tutti gli strumenti. Sul video si vede il decollo. La musica passa ad una versione misteriosa di TELESTAR dei Tornados. Segnale di chiamata) 

Stiamo viaggiando nell’iperspazio. La situazione d’emergenza è stata superata.

Yeah!

(Eccitatissima)

Si va sulla terra! Sulla terra! Basta con quel pianeta del cavolo! (A Tempesta) lo senti amore mio? Non parlo più in rima. E neanche in versi sciolti. È meraviglioso!... posso smetterla di dire solo parole poetiche!... Prosciutto! Cazzabubbolo! Bigodino! Supermercato! Telegiornale! … LI MORTACCI TUA !!!...

(Frenandola)

Calmati, tesoro… non diamo spettacolo! Sei la mia signora adesso! E poi mi ci ero abituato alla poesia. Dai, da brava, dimmi altri due versi di Shakespeare… solo due… poi giuro che non te lo chiedo più!  

Va bene amore, ma non farci l’abitudine. Sia ben chiaro che sulla tua astronave sei padrone, ma a casa comando io!

Suonate tamburi, trombe squillate

le nostre pene sono terminate.

Finita è ormai ogni paura e noia.

Vivremo insieme in sempiterna gioia.

Canta STELLE DEL CIELO ( Mr. Spaceman)

Mi son svegliata

di notte così

ma anche nel buio

la luce era qui.

Era una luce

dentro di me

e lo so io il perché

Era l’amore che avevo per te

splendeva di più

del sole lassù

Nel cielo blu

noi voliamo e non c’è

né un come né un perché.

Stelle del cielo

(su dai) venite tutte qui

a vivere con noi

 

Stelle del cielo

(su dai) venite tutte qui

qui con me

Se mai ti svegli

tu pure così

guarda nel buio

vedrai che lui è li

Dalla finestra

anche tu puoi volar

su dai che lo sai far

 Stelle del cielo

(su dai) venite tutte qui

a vivere con noi

MIRANDA

Stelle del cielo

(su dai) venite tutte qui

qui con me

( Epilogo)

Se noi ombre abbiam tediato

questo pubblico pregiato

non fischiateci, pensate

che soltanto dormivate

e nel sogno sol vi appare

la vision di queste larve.

Se poi siete divertiti

su, non state li impettiti!

Se battete assai le mani

ci vedrem forse domani!

RINGRAZIAMENTI SU MEDLEY !!!!!

FINE

 

    

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 14 volte nell' ultimo mese
  • 46 volte nell' arco di un'anno