Carosello Napoletano

Stampa questo copione

 

Musical in 2  parti

Personaggi

2u – 2d

di Tonino Termine

           

2008


Parte Prima

Uomo e donna, anziani, con passo lento, vestiti modestamente, si  devono avvicinare ad una panchina inserita a lato sinistra del palco. (l’occhio di bue deve seguire i movimenti, buio tutto attorno) in sottofondo la musica di Mandulinata a Napule, deve accompagnare i loro movimenti.  A fatica si siedono, l’uomo deve stentare maggiormente:

La vecchia – (tono lento, voce tremante) Tommasì, vabbuò c’ancora si n’ arillo.. ma che maronna…. pe t’assettà aggia chiamà ‘na squadra ‘e stutafuoco, (con forza) miette ste pacche su sta panca!….

Il vecchio – (tono lento, sedendosi soddisfatto) ….Rosinè… calma…. calma… tenimmo ancora ‘na vita annanze… nun affrettà e  nun accumencià  ch’’e male figure….che po’ penzà  sta gente  “ guarda che zappatori che  gnuranti e che viecchia  incitrullita, (piano, al pubblico) scusatela,  tene l’Alzamere  e ……..( fare segno di morire)

La vecchia – (irata) Ah, io so incitrullita…. Ha parlato o bambniello…… (dare una spinta di disapprovazione)….. Sto rincretinito..…ciunco e pure cecato….

Il vecchio – (con calma, cercando di rimettersi dalla botta, sempre voce tremante) Rosinè nun accumincià cch  ‘e male figure, sta gente ch  po’penzà… “ Ma a quale  munnezza è asciuta fora sta femmena!”

La vecchia – (irata) D ‘a munnezza ‘e sòreta….. (silenzio. La donna fa l’atto di annusare e guardarsi attorno. Rivolta al pubblico congiungendo le mani) …. Oddio, ‘n’ata vota!!!!... Tommasì, non è c’a ti sij perzo lagana e fasuli d’aiere  ssera? (continuando ad annusare il cattivo odore)

Il vecchio – (si alza preoccupato, con una mano toccare il suo posteriore ed odorarsi. Al pubblico soddisfatto)…… Penzav ‘e tenè ‘a lagana e fasuli nel cazunetto…. (poi guarda la donna, serio) Rosì nun è invece, ca si tu che e  perso quel vinello che hai ‘ntrummato ieri sera come acqua fridda…….

La vecchia – (preoccupata, cercare di chinarsi avanti e far atto di annusarsi ) Io tengo tutti i pertusi tappati …. No (soddisfatta) si tu ch’ adduri ‘e chiaveca…. (silenzio, si guardano attorno)

Il vecchio – (soddisfatto ma meravigliato, indicando) Rosì… Rosì…. È na muntagna ‘e spazzatura…….

La vecchia – (sorpresa osservando) Oddio, che  è diventata sta città!?! (lunga pausa, con voce fantasiosa) Ti ricordi quando proprio qui vedevamo passare carrozze tirate da due, quattro cavalli, e sopra le gran                    signore che impettite nemmeno guardavano il percorso. E in capa tenevano quei cappelli che sembravano tante piazze Plebiscito di quanto erano grandi. Gli inchini che facevano quando incontravano  na persona accanosciuta….. (pausa)  T’anno non si vedeva nu piezzo ‘e carta pà via……

Il vecchio –  E quando ti portavo a vedere i signori che al Gambrinus, seduti, sentevano ‘a musica e con accrianzatezza mangiavano: Babbà, sospiri,sfogliatelle, zeppole,  sciù, cannuoli, cassatine…

La vecchia – (irata) Basta… s’auza  ‘o tiabete e’o culistirolo !

Il  vecchio – (normale) …. E vevevano un rosolio o un caffè o fumavano sicari che da come erano luonghi sembravano  via caracciolo!…

La vecchia – (triste) E noi, comme allocchi tenevamo ‘o musso azzeccato alla vetrina, in mano (sceneggiare la parola) na pizzella talmente indigente che p’esse convinti di quanto era grande, davamo nu muzzeco ogni ora…..

Il vecchio -  E ‘o mare? Comm’era ‘zurro! ‘E pisci pigliavano certe capate ‘ncuollo ‘e scogli perché s ‘mbrugliavano con il colore del cielo….. pure lui  ‘zurro… penzavano ch’ era o mare, Rosinè…..

La vecchia – (indicando un punto della scena) E mo che vedi: munnezza solo munnezza, ‘o mare grigio, ‘e peici bon ‘aneme. E p’a via, guarda: ciucci motorizzati, fumo nero, gente ca curr  e nun t  guarda, tromme ca musicano, allucc, parole…..

Il vecchio – (guardando a destra e sinistra, indicando) Ma e signore che passeggiano ci stanno ancora Rosinè….. e invece de cappielli mo, guarda che cosce t fanno vede…..

La vecchia – (al pubblico) Mo capite a che punto è arrivata la sua rimbambitaggine….. (con indifferenza) Tommasì,  quelle non so ‘gnore ‘gnore…. So… so…. soccorritrici di pene altrui….

Il vecchio – (guardando) Rosì, tengono  ‘e cosce bone…

La vecchia – (con forza) Tommasì, so zoccole…

Il vecchio – Rosinè, a me m piacesse essere assecurzo………       

La vecchia – (con ironia) Uhm…. E spiegami, e quale pene dovrebbero soccorrerti?….

Il vecchio –  E io che pene tengo? So allero comme sto….

La vecchia – (indifferente, accompagnato da una pacca sulle spalle all’uomo) Bravo, è meglio che stai allero accussì….  Le tue pene le conosco solo io, e so quanto so amare da tempo immemorabile…. ( silenzio)

IL vecchio – (con preoccupazione) Rosinè, ma che è diventata sta città? (Buio su di loro).

Iniziare la canzone Dduje Paravise

Sul palco si devono presentare due cantanti, “posteggiatori”, con  chitarra.  L’occhio di bue, deve illuminare i due. Appena finita la canzone indirizzare la luce solo sui 2 personaggi della panchina.

La vecchia  -  (ironica) Tommasì ‘o paravise nuosto  è cà e non lo sapevamo? Sti du viecche o so incitrulliti assai o  tengono na bona penzione  …..

Il vecchio – ( con sentimento) Rosinè….  che c’’mporta, noi tenimmo l’ammore …..

La vecchia – (congiungendo le mani e con sbalordimento) Gesù, Giuseppe e Maria cosa devo sentì….. Ma spiegami ‘na cosa, quando s’iuto da u miereco pe ‘e pastiglie da pressione…… c’hai addimannato? … (al pubblico meravigliata) Vuoi vedè che sto scimunito, pe’ sentì l’ati viecchi comma iss,  ha chiesto le pastiglie pe….. come cacchio si chiamano ( gesticolare per ricordarsi) ….via…. via….

Il vecchio – (subito) del conservatorio…..

La vecchia – (sorridendo ironicamente) Si, a te dell’ospizio….

Il vecchio – ( con orgoglio) T’allicuordi che piezzo ‘e giuvinotto ero ……… Oddio, anche oggi mi difendo…

La vecchia – (beffarda) Si dalle polmoniti, dagli infarti e dai reumatismi….

Il vecchio – (sempre con orgoglio)Tutte le ragazze spasimavano per il sottoscritto: mi chiamavano Tommasino ‘o squalo, pe quante prede facevo.  Quando uscivo co la barca, pe’ piscà, dietro tenevo na fila ‘e femmene che mi seguivano con gli occhi finchè non sparivo all’orizzonte.  Quante pescate, quanto pesce abboccava nella rete …

La vecchia – (beffarda, con un gesto della mano) Pescavi,  Tommasì…. pescavi ….

Iniziare la canzone ‘O Marenariello

Buio sui 2 personaggi e gioco di luce mentre si intona la canzone. Sul palco, colui che canta  deve essere contornato di donne che a loro volta recitano la parte di smorfiose. Coro accompagna la canzone . Finita la canzone, tornare con il faro sui 2 personaggi in panchina –

Il vecchio – ( con fantasia) Poi un giorno apparisti come un sogno, eri tra la gente che aspettava le barche. Un fulmine mi colpì………….

La vecchia – (con gentilezza) Io mi nascondevo dietro le altre donne per guardarti di nascosto…. Eri nu diavolo tentatore……..

Il vecchio – Io che cercavo di farmi notare  per attirare la tua attenzione.

La vecchia -  E sono caduta nella tua rete come na sardella…………….

Il vecchio – Ti ricordi la nostra spiaggetta, quella casetta …………

La vecchia – (sarcastica) ….. Sgarrupata, più sgarrupata non c’era, che manco i soreci ci vivevano….

Il vecchio - … Il nostro nido d’ammore……………. (buio sulla panchina)

Iniziare la canzone  A Marechiaro

Luce azzurrognola e con l’occhio di bue proiettare in alto per creare la luna. Il cantante deve guardare in alto come se esistesse una finestra. Terminata la canzone  buio sul palco luce sulla panchina.

Il vecchio -  (continuando con lo stesso tono fantasioso) ……… E quante volte non mi mandavi a pescare per….

La vecchia –  (con malizia) …….Per acchiappà nel mio mare…….allora. (triste) Mo l’acqua è talmente ‘ntruvulata che  pesci non ci campano più….

Il vecchio -  (continuare senza ascoltare la donna) … Per accompagnarti a scuola, e alliera zumpettiavi davanti alle compagne p’addimustrà stu struggiammore…

La vecchia - …. E quelle  quattro cianciose  ti facevano l’uocchie e triglie e tu comme nu stoccafisso  arrispunnivi  co surrise maliziusi…. Penzavi che non me addonavo……………..

Il vecchio –……. Educato, rispunnevo ai saluti..

La vecchia -  (al pubblico con amarezza) Quando si dice che l’amore è cieco………… Quante palate ho preso per aver saltato ‘e lezzioni,  per seguire l’ammore…. (buio sulla panchina)

Iniziare la canzone  Lazzarella

Luci colorate sul cantante e sulla donna che fa la parte della studentessa. La donna deve fare la vanitosa. Terminata la canzone, buio sul palco e luce sulla panchina.

La vecchia - (imitazione uomo) “Rosinè, che pierde tiempo a fa co a scola…  vieni con me, t’insegno io eccose” (con distacco) Bell’insegnamento….. sole eccose d’ammore sapeva spiegà stu galantommo… (con malizia ma piano) m’mparò tante cose…

Il vecchio – ( con soddisfazione) .. So stato nu bravo prufissore, può strillà forte a ‘sti signuri…. (Buio su i 2 panchinari e il faro indirizzarlo su due ragazzi al lato opposto del palco)

 Il ragazzo – E si cari signori, dovete sapere che il nostro Tommasino, detto  “lo squalo”, piaceva alle ragazze e quando poteva, con ogni mezzo cercava di tener alto l’onore del soprannome che portava. Invidiato da i suoi coetani, mentre ascoltavano le sue avventure, sentiva accrescere in lui una persona di rispetto……..

La ragazza -  Ed essendo convinto di essersi creato un alone di rispettabilità ,  abbandona la vita di pescatore  e………………. (buio)

Iniziare la canzone  Guapparia

Buio sul palco, luce colorata sul cantante  vestito da malavitoso. Terminata la canzone, buio luce sulla panchina.

La vecchia – (con sarcasmo) Si come quella volta che t’attiggiav a Prufessure e Guapperia! ‘Na mezza cartuccia che manco  ‘o gatto ‘e casa tremmava, vedendoti .

Il vecchio – (con fierezza) Quando passavo io, tutti si inchinavano,  le donne mi baciavano le mani, le mamme mi chiedevano di benedire i figli e……..

La vecchia – (ironica) E’ arrivato S. Credente che non ha mai capito niente……. (spinta all’uomo) …. Guappo…. Ma vatte a cuccà……. (buio su loro. Luce sui 2 ragazzi)

La ragazza -  Qualche affaruccio, tanto da potersi dare un’aria importante, qualche piccola discussione risolta con la sua parola……..

Il ragazzo – …………Liti fra bambini,  discussioni tra donne: per lo stendere dei panni, per l’acqua delle piante che  cadeva nel balcone di sotto, qualche marito tradito.  Cose del genere….

La ragazza –  Ritenendosi “uomo di rispetto” il desiderio maggiore era di poter entrare, con tutti gli onori,  in quella società che lo aveva sempre ignorato e poter corteggiare quelle donne tutte ingioiellate, profumate, con abiti da sogno, che nelle sue fantasie erano sempre state inavvicinabili. Ora con la nuova posizione era sicuro di poter osare.  Rosina, lentamente comincia a sparire dai suoi pensieri…

Il ragazzo – E quel sogno un giorno cominciò a materializzarsi nella testa del nostro personaggio.  Passando dinanzi al Teatro Ariston vede la foto della prima attrice, quelle  donne con la “D” maiuscola. Folgorato da tanta bellezza,  perde quel poco di furbizia  che aveva e…

La ragazza –  ………E questa volta è lui che rimane intrappolato nella rete …. (buio)

Iniziale la canzone Ninì Tirabusciò

Luci ad effetto, tipo varietà sulla cantante. Mimare la donna che interpreta. Terminata la canzone buio sulla scena, luce sulla panchina.

La vecchia – ( con amarezza ) Certo, se penso ancora a quando facevi o “signorino”, alla carugnata che combinasti…  Io, bella e frisca comme na rosa e maggio, abbabbiata pe na catuoia vasciaiola……

Il vecchio – (Indispettito) Ancora quella storia!! (con fierezza) Però Rusì, devi ammette  che ti avevo dimenticata p ‘na centrale elettrica e u Vesuvio quando rutta, accucchiati….

La vecchia – (con sarcasmo) Sento, sento, ancora non hai deggerito,  ti è rimasto ancora sullo stomaco che co quella “gran signora” non sei riuscito a fare maniamienti…………..

Il vecchio – Il nostro è stato un amore spantecato, contrastato dagli eventi…

La vecchia -  Eventi!!  (dandogli una manata sulla spalla) Ma vatte ‘a cuccà, guappo!.... Tommà, quella era ‘na zoccola, signora, ma sempre zoccola era…. Oh!! (con soddisfazione. Buio su di loro, luce sui ragazzi)

Il ragazzo -  Affascinato dalle fattezze, dal modo di vivere e dall’attrazione che sprigionava la nostra

“sciantosa”  il nostro Tommasino abbandona definitivamente Rosina..  Secondo il suo pensiero, mostrare il dominio su quel genere di donna,  avrebbe fatto accrescere ancora di più il suo potere fra quella povera gente che viveva solo di pettegolezzi e fantasia. 

La ragazza -  Come un cagnolino seguiva passo passo ogni movimento della “fatalona”.

Il ragazzo – Ma la donna si serviva di lui solo per  togliersi capricci impossibili; i suoi occhi erano rivolti verso altri individui, verso coloro che avrebbero potuto sistemare per sempre la sua vita.

La ragazza -  Insomma Tommasino era il classico servitore ubbidiente, pronto a servire i suoi padroni con diligenza per non contrariare la loro suscettibilità…. (Buio su di loro).

Iniziare la canzone Malafemmena

Luce solo sul cantante e sul personaggio femminile che recita la parte della  maliarda mentre viene corteggiata da altri (coro canta ritornello” femmena…..)terminata la canzone, buio su scena e solo luce sui ragazzi.

Il Ragazzo – Tommasino cieco d’amore, non si accorgeva del disinteresse  della signora nei suoi riguardi. Impreparato a vivere in quel mondo, che a lui restava sempre più oscuro, quelle poche attenzioni  che la “smargiassa” ogni tanto elargiva, gli faceva credere che lei era altamente attratta dalla sua figura.

La ragazza – E Rosina? Rosina dopo i primi momenti di profonda disperazione,  si ribella. Fiera, giovane e bella,  comincia ad interessarsi ai corteggiamenti degli altri uomini.

Il ragazzo -  Tommasino pur avvertito sul comportamento della ragazza, si disinteressa, ormai in lui esiste solo un traguardo…

La ragazza - ………. Quello di rimanere con un pugno di mosche  nel palmo della mano. (Buio sui due e luce sulla panchina)

La vecchia  - (verso l’uomo con voce rassegnata) Quante me ne hai fatte passà, ma quante te ne ho fatte passà pur’ io!

Il vecchio – (guardandosi attorno) Passa chi? (sconsolato) Rosì, cca’ manc nu perucchie passa…. C’è sta troppa munnezza , s’allordano e scarpe……

La vecchia – (rassegnata) Spiegami cosa c’entrano e perucchie…. (tono sostenuto) Mi riferivo a noi… a quanto pane e veleno ci siamo mangiati per le tue smucchezze…

Il vecchio – ( sempre sconsolato) Rosì, noi mangiamo solo veleno, o pane  mo, è diventato  troppo tuosto p’a rastellera.

La vecchia – (ironica) Ma quando eri giovine, non t’mpurtava s’ era tuosto,  ti piaceva intingerlo nella tazza per ammorbidillo…. (al pubblico beffardamente) Però quella volta u’ pane era talmente tuosto che

gli è rimasto ‘ncopp ‘o stommaco per anni…. ( Buio completo).

Iniziare la canzone Luna Rossa –

Cantante  e coro ( E’ a luna rossa…) Illuminare il palco di luce rossa e con il faro creare effetto luna: Terminata la canzone buio sulla scena e luce sulla panchina)

La vecchia – (sempre al pubblico) Avete mai visto un campo ‘e vruoccole,? Dopo il raccolto che resta? …. Tanti  turzi….. Sto bell’imbusto era uno di quelli, nu turzo retro a na rapa….

Il vecchio – (indispettito) Sempre quel fatto …… so passati secoli…

La vecchia – (indicando la platea) Ma sti signori nun ‘o sanno….  e o devono sapè che turzo si stato!  (con orgoglio) Piena di freschezza, di bellezza e modestamente piacevo assaie, assaie, specialmente pe ‘a latteria che tenevo…. Faceva parla’ tutto o vicinato….

Il vecchio – (con malizia) E io so stato sempre il tuo miglior cliente……

La vecchia – (con rammarico) Mo ‘a latteria è chiusa da un pezzo e poi a te u latte fa aumentà ‘o colistirolo…  Mo beviti a cambumilla che è meglio! (buio sulla panchina, luce sui 2 ragazzi)

Il ragazzo – Latteria o non latteria  il nostro caro Tommasino  continuava  ad essere l’ombra della “Smargiassa”..

La ragazza – Perché la “ Smargiassa” non illuminava il nostro uomo se non quando le occorreva un vestito, un gioiello o qualsiasi altro desiderio impossibile. (buio su i 2. Luce sulla panchina)

La vecchia – T’arricuord  ‘na sera e maggio? Trullallero lallero lallà, Tommasino rimase come nu baccalà…….. (buio. Luce  soffusa sul cantante)

Iniziare la canzone Na sera ‘e maggio –

Il coro canta la parte principale, il solista “Quanno se dice si….. “ Luce profonda. Sceneggiare un uomo che triste cammina su e giu per il palco. Terminata la canzone buio, faro sui ragazzi.

Il ragazzo – Come era da prevedere, Tommasino rimase senza la sua musa, senza la sua valchiria, senza la sua amazzone…

La ragazza – L’amazzone aveva trovato un cavallo blasonato, un purosangue di razza nobile…

Il ragazzo – Tommasino disperato, cercava…

La ragazza – Ma che cercava? Il suo  miraggio era scomparso per sempre…. finalmente riuscì a compire che tutto era finito..

Il ragazzo – E’ disperato per l’affronto subito. Cerca di nascondere il fatto, ma il pettegolezzo passa di bocca in bocca, di casa in casa tanto da deridere la figura del nostro “uomo d’onore”, per la vergogna …. Sparisce.. (buio, luce su panch.)

La vecchia – (tono sarcastico)  Come dice ‘a canzone?…..”Chiágnono sti guagliune 'e malavita”….. Certo Tommasì, sei sempre stato nu ciuccio faticatore, come potevi pinzà che ‘na gran dama potesse cavalcare su ‘nu povero quattro zampe di paese …. Credimi,  quella volta vincesti un terno secco……. Ti pare poco, na zoccola che ti lascia senza tanti problemi!! (pausa, poi al pubblico, sempre sarcastica) Tutti ci aspettavamo che il fatto avrebbe portato al drammone, ‘na sceneggiata napoletana che finisce co ‘u muort’ammazzato, invece, (ironica)  sto eroe che fa? (con disprezzo) Scappa e va fa ‘o surdato…..

Il vecchio – Si, ma nella Leggione Immigrante …

La vecchia – (risata ironica) Si, hai fatto prima o sbarco clandestino …. Riuncitrullì…. Leggione  Furastiera…..( buio su di loro) 

Inizio canzone ‘O surdato nnamurato

 

Solista e il coro …………… luce bianco, rossa e verde sul palco. Terminata la canzone, buio luce sui ragazzi)

Il ragazzo – Come avete intuito, il nostro eroe si arruolò nella Legione Straniera … per essere precisi, non è stata  proprio la sua volontà ha decidere questa strada, è … è che sbagliò portone di reclutamento, sapete,  non aveva imparato a leggere….

La ragazza – Tra il sole cocente, le lunghe marce nel deserto, le imboscate, pallottole che sbucavano da ogni parte, mancanza d’acqua, al nostro “eroe” cominciò  l’abbattimento morale e fisico..

Il ragazzo -  Deperiva ogni giorno di più,  non mangiava, il suo cervello veleggiava verso altri mondi, finché dopo mesi d’ospedale….

La ragazza – Lo rispedirono a casa come un pacco postale. (buio su di loro, luce sui vecchi)

Il vecchio – (tono profondo) Mi ricordo la sabbia, il vento, ‘o sole…… combattevo tra mille pericoli, guidavo attacchi, prendevo nemici… e le bufere… quante bufere …..

La vecchia – (con ironia al pubblico) … Ieri sera ha visto Indiana Gionese alla televisione…… Ma statt  zitt scemunì,  che t’hanno rimandato a casa pe’ disperazione…. erano più le volte che ti cacavi sotto dalla paura…

Il vecchio – (dispiaciuto) Malalingua …. (buio su di loro, luce su i 2 ragazzi)

Il ragazzo – Tornato a casa, non ritrovò più le stesse cose lasciate prima della partenza. La famiglia e gli amici non ci sono più, tutti emigrati,  quelli che sono rimasti non lo riconoscono.

La ragazza – Cerca disperatamente Rosina..

Il ragazzo – Ma la nostra ragazza, ormai libera dal vincolo che la legava al nostro Tommasino, sapendo per di più, che non sarebbe tornato, aveva trovato un nuovo porto dove sistemare con sicurezza la sua “barchetta”.

La ragazza – Tommasino, non era più il prepotente di  una volta, con quell’aspetto deprimente, era trattato come un pezzente. Se chiedeva qualcosa veniva cacciato e se pronunciava il nome di Rosina, riceveva solo male parole. Tutti proteggevano la ragazza, ormai aveva trovato la vera sistemazione della sua vita.

Il ragazzo – Ma il mondo è piccolo, un giorno viene a sapere che la ragazza si sposerà presto. Corre per vederla, ma la famiglia di lei impedisce l’incontro, ne tanto meno dicono qualcosa alla ragazza sulle intenzioni del povero Tommasino.(buio)

Iniziare la canzone Dicitincello vuje

Solista, luce solo su di lui, viavai di gente che non si ferma alle sue richieste . Terminata la canzone, buio. Faro sui ragazzi –

La ragazza – Affranto, prende un’amara decisione ….

IL ragazzo –  Nel fondo del suo animo esiste ancora un angolo di “uomo d’onore”,  il suo orgoglio  grida  vendetta…. Tremenda vendetta… (buio su di loro, luce sulla panch. Tommasino si è assopito)

La vecchia – (tono pacato al pubblico) Quante pene ha fatto passà a ‘sta povera capa mia …… ma io niente, ‘o core suo era trasute nel mio….  E’ stato il prim’ ammore e si po’ scurdà? Ma è sempre stato comme o Vesuvio,  quando esplodeva faceva solo guai  e… (si accorge che l’uomo dorme) Oh.. (scuotendolo) Oh…. S’è addurmito, è caduto in letargo…. Guardatelo, mo pare nu faguttiello rinsecchito….  Ma! (lunga pausa) ….. Sapete cosa mi combina sto guappo ‘e quattro fasule? Il giorno che decisi di maritarmi con Totonne l’ambrellaro, stu piezz ‘e fetente, al momento del fatidico “si” arriva sull’altare e con tutto l’odio che teneva in cuorpo, mi getta addosso… nu pitale e pin ‘e merda… sissignori un vaso da notte pieno di merda!!!  Quando ci penso ancora sento a puzza …. (girandosi, indicando) Oddio, con tutto sto ben di Dio attorno è impossibile scurdà. Dovevate vedere comme rireva stu fetente… io piangevo, lui rireva! (buio)

Iniziare la canzone  Tu ca nun chiagne –

Solista, luce su di lui. Terminata la canzone, buio faro sui ragazzi -

Il ragazzo – (con ironia) Questa è stata la vendetta del vero “uomo d’onore” .

La ragazza – Immaginate il trambusto: chi piangeva, chi sveniva, chi rideva, un fuggi fuggi generale. Ma in tutto questo trambusto chi ha avuto la peggio è stato il nostro Tommasino. Quel gesto gli aveva  portato l’appellativo di Tommasino ‘o mmerdoso –

Il ragazzo – Lui che era stato un protettore di deboli, il consolatore delle afflitte, ora era diventato la macchietta do quartiere.

La ragazza – (al pubblico) Mi chiederete di Rosinella, dopo il primo momento di sbandamento, in lei era nata una donna  ancor più grintosa, ancor più aggressiva. Godeva  quando si accorgeva che Tommasino spiava  le sue mosse  mentre si attorniava  di tutti quelli che erano attratti dalla sua sensualità. (buio)

Iniziare la canzone Reginella

Coro, luci sul palco. Un uomo nascosto osserva  una donna seguita da altri uomini. Terminata la canzone, buio. Faro sulla panchina.

La vecchia – (stesso tono, al pubblico) Credetemi, quel gesto m’ha fatto conoscere di più l’ammore….  Ho sparato cartucce, questo è vero, ma o core restava surdo alle dichiarazioni che riceveva.. Non sentivo ‘e campane sonà quando mi baciavano….(volgendosi verso l’uomo, che continua a dormire) Sto galantommo mi aveva stregato…. Aveva rapito il mio cuore…. (buio, luce sui ragazzi)

Il ragazzo – Ma il nostro personaggio vedeva solo tradimenti e risolini maliziosi da parte dei paesani.

La ragazza – Sempre più solo,  più disperato, cominciò a perdere anche la fiducia del vivere (buio su di loro, luce sulla panch)

La vecchia – (stesso tono, sempre al pubblico) Stanca di essere solo un oggetto di piacere, decisi di sistemarmi nuovamente. Sto baccalà era scomparso. C’era nu bravo giovine, Rafele ‘o manipolo, un muratore, mi aveva chiesto in moglie. Non era ‘na bellezza, ma teneva nu quartino ammobiliato, qualche risparmio a la banca, inzomma potevo fa ‘a signora. Accettai. (buio luce sui ragazzi)

Il ragazzo – (con ironia) Quando si dice che la carne è debole. Infatti Rosinella e il suo Rafele decisero di compiere il fatidico passo.

La ragazza –  Ma l’uomo propone, Dio dispone.  Il giorno convenuto,  Tommasino: sporco, smagrito, barba lunga, vestito di stracci si fa trovare sui gradini della chiesa. (Buio)

Inizio della canzone  Core ‘ngrato

Coro, mentre un solista canta “Core, core ‘ngrato”….. Sceneggiare la disperazione dell’uomo. Luci su fondo blu, rosso ed il faro illuminare un ipotetico posto.Terminata la canzone, buio faro su panchina.

La vecchia -  (s.t. al pubblico, Tom. ancora dorme) Salendo i scalini della chiesa, sentivo che i passi si erano appesantiti. ‘Na compagna mi aiutava a andare su e fu lei che m’ avvertì della presenza del povero Tommasino.  Ma cecata dall’orgoglio, tirai innanze . Ma o core, o core!! (buio su panch. Luce sui ragaz.)

La ragazza – Rosinella  tentennante raggiunge l’altare, ma la figura di Tommasino, quegli occhi supplicanti… le fanno capire che non sta facendo la cosa giusta. Questa volta è lei che abbandona la cerimonia e fugge verso il primo amore.

Il ragazzo – Tommasino, visto che Rosinella era entrata senza neanche concedergli uno sguardo, disperato si dà alla fuga. Il suono della sirena di un piroscafo lo colpisce.

La ragazza – E anche questa volta prende  la decisione di scomparire…..Il nostro amico si imbarca….. (buio)

Inizio canzone  Santa lucia Luntana –

Coro. Ritornello “santa lucia luntana a te” un uomo che mima la partenza, con una valigia vecchia. Luce sul personaggio. Terminata la canzone buio, faro sui ragazzi

La ragazza –  ….. La nave porterà Tommasino lontano, in America –

Il ragazzo – Un altro pezzo d’Italia che va via, ma questa volta non è la fame a decidere l’esilio ….  Ma pene d’amore.

La ragazza – Rosinella si dispera, questa volta è lei a bussare a tutte le porte.  Nessuno sa darle una risposta, perché nessuno sa quale era l’ idea di Tommasino. Abbattuta, con le lacrime agli occhi supplica il suo uomo; il suono della sirena di un piroscafo interrompe i suoi lamenti, ha una fitta al cuore, e come se qualcuno le avesse data una spinta, corre al porto, ma non ci sono navi. Continua a invocare quel nome, si strappa il vestito da sposa, ma ormai è troppo tardi. Addolorata, si accascia.

Buio completo e terminare il tutto con sottofondo musicale ( Core ‘ngrato, per mandolini)

Parte Seconda

Iniziare la canzone Dduje Paravise.

Riapparire sul palco i due musicisti che cantano, luce fioca su di loro e faro sulla panchina. A questo punto la canzone deve essere sussurrata.

La vecchia – (innervosita) Oh… oh (scuotendo Tommasino) Oh, t’ vuo’ scetà…. Sti doje so turnati n’ata vota.  (scuotendo sempre Tom. ) St’inciututi  che reclamano da noi? …. 

Il vecchio – (di soprassalto, stralunato si guarda attorno) Che è!.... che è…….. ‘O festivallo ‘e Napule è accumenzato?

La vecchia – (irritata) ‘O festivallo ‘e soreta…. So tornati sti doje incitrulliti… e continuano a dicere che o paravise  è chistu cca….. So cicati e sclerotici….. (indicando) ma nun ‘a vedono sta muntagna ‘e munnezza!!!

Il vecchio -  (guardandoli, con tono pacato)  Ma parlano do paravise come un fatto oliatorio.

La vecchia – (risatina ironica) Si, tengono o trappito ……. Signor’iddio comme sadda fa cu st’ommo! (rivolta ai due sonatori, gesticolando) Uè, giuvinò, ghite da n’ata parte, ghite a piglià p ‘o cu…… andate a prendere per il di dietro  qualcun altro rimbambito….. (ironica) O Paravise cca’… ma andatevene a morìammazzati!!!! ….. (i due si allontanano, sempre cantando)

Il vecchio – Rosinè, comme mi piaci quando  s ‘ntussecosa.   Mi sento  tutto noscutulamiento …

La vecchia – (preoccupata) Oddio, ti fosse venuto pure o “ballo tremens”…..

Il vecchio – Rosinè, repigliamo ‘a via ‘e casa, mò sento ‘o paravise ….. nun pierde tiempo….. (cerca d’alzarsi, ma ricade sulla panchina)

La vecchia – (congiungendo le mani, sconfortata) Signore Iddio …. O paravise….. incitrullì, assettate! …. ‘a mazza a te serve solamente pè sostenè ste quatt’ ossa ca ti so rimaste …… Aggia parlà io co chillu maccarone du miereco, vediamo quale pillole t’adda segnà….. (buio su di loro, luce sui 2 ragazzi)

Il ragazzo -  Abbiamo lasciato la nostra Rosinella sul molo affranta, mentre il bastimento va per terre assai lontane.  Sola, questa volta è lei ad essere abbandonata da tutti …… prende un’amara decisione….

La ragazza  - Disperata, bussa al portone del Convento delle suore Addolorate……..

Il ragazzo -  Non sarà più di nessuno…. Sarà sposa solo di Dio…..  .

La ragazza - Il nostro Tommasino intanto è arrivato,  dopo una lunga traversata, a destinazione. Un altro mondo, un altro sistema di vita accoglie il nostro eroe (buio. Nell’istante la sirena di una nave deve risuonare sulla scena. Luce sulla panchina)

Il vecchio -  (tono sereno) Rosinè, quanto vurria fa ‘nu viaggio pe’ mare….’na crociera.

La vecchia – (ironicamente) E spiegami dove vorresti andare, non ti basta ‘o trase e gghiesce che tutti jurnii fai? ……. P’e spitali, da nu piano ‘a n’at; p’ accattà nu poco e mangià che stu fetente ‘e guverno ci fa mancà ogni giorno di più, a noi povera gente vascia. Salì e scenne ‘e scale ‘e casa senza ‘scinzore, ti basta?…… (pausa, con fermezza) Adesso ca ci pienzo, co chilli quatt fasule ca tenimmo ‘apparte, veramente, ‘na bella cruciera ‘a putimmo fa …..

Il vecchio – (contento) Oh finalmente  ti sei convinta, basta pienzà ai guai! E… e dove vorresti andare?

La vecchia – (sempre con decisione)   Per prima cosa vorrei na musica d’accompagnamento, poi na carrozza trainata da sei o otto cavalli…

Il vecchio – (con meraviglia) Rusinè, ma p’arrivà al porto basta nu tassì, co’ sto traffico arrivamo nnitto nfatto, tengono a curzea pe’ loro….. e … e tengono pure ‘a musica in macchina…..

La vecchia – (continuare con decisione) … Fiori Tommasì, tanti fiori  che hanno da sturbà tutt’a gente che ci segue –

Il vecchio – (meravigliato) Fiori? ‘A gente?….  Si, mo mettemo pure i manifesti  pe fa sapè l’affari nuosti a tutti…. Nessuno ‘o deve sapè….  dovessero mannà ‘na jattura…

La vecchia – (ironica) Tommasì , nel posto dove dovremmo andare nessuno ci ‘mmedierà …. Anzi,  sai quanti ci supplicheranno, dopo, p’ avè due o tre numeri vincenti…… Ma noi ‘o ve’ c’amma fa, mettiamo una tariffa: secondo quant’urazioni o messe ci offrono, noi  abbondiamo di numeri…

Il vecchio – ( meravigliato, al pubblico) Non ci fate caso, ‘u tiabete  ha chiuso  ‘e vie da raggione… Rosinè ma davvero stai dando i numeri! Preghiere, vincenti, ma che maronna stai a cuntand!!

La vecchia – (risoluta) Tommasì, si proprio nu baccalà, a crucera nuosta è quella che si va ma non si ritorna…. Hai visto mai qualche muorto se vutà d‘o campusanto? (immediatamente Tomm. cerca di toccarsi le parti intime)

Il vecchio – (spaventato) Gesù, Giuseppe e Maria…  ‘A morte!! No, no domani chiamo u miedeco e ti faccio fa na bona visita, non ci stai più c’a capa!!! (fare ogni sorta di scongiuri)

La vecchia -  (determinata) Io non ci sto ca ‘a capo, a te è da un secolo che ti ha abbandonato….. A cruciera ‘e mammeta…. E poi tu c’’a nave già ci sei stato..

Il vecchio – (voce strozzata) Tanto tempo fa……  n’amaro papòre…. (buio)

Iniziare la canzone  Munasterio ‘e Santa Chiara

Luce colorata il faro deve illuminare, se possibile foto di Napoli. Cantante deve vestirsi da contadino, con una zappa sulla spalla. Terminata la canzone buio, faro sui ragazzi)

Il ragazzo – Come abbiamo detto, finalmente il nostro Tommasino è sul nuovo continente. Ma non  ha nessuno ad attenderlo. Circondato da una folla immensa, con tante lingue diverse, resta sconcertato, la disperazione comincia ad assalire il suo giovane entusiasmo.

La ragazza –  Ha in mente un indirizzo dei suoi parenti. Chiede, ma nessuno sa indicargli quella strada……

Il ragazzo – …….Effettivamente nessuno può conoscere quella strada( pausa) E si miei cari signori, il nostro eroe ha sbagliato un’altra volta ….. Invece di prendere la nave per gli Stati Uniti, ha preso quella per l’Argentina. Ma questo lui non lo ha ancora capito.

La ragazza – Per capirlo passeranno dei lunghi mesi. Intanto per sopravvivere farà i più disparati mestieri: da scaricatore di porto, a venditore abusivo di pesce. Da lustrascarpe a pulitore di strade, da muratore a zappatore.

Il ragazzo – Per Tommasino, il sogno americano è restato sulle onde dell’Oceano…. (buio luce sulla panc)

Il vecchio – (scontento) Crociera acierva…. L’America………….

La vecchia – (meravigliata) Lo dici co’ sto tono? Intanto nu viaggio co li tu siensi l’hai fatto. Che devo dire io, povera ciuccia ‘e fatica, che non so’ mai sagliuta ‘n coppa ‘a nu treno!

Il vecchio – Ma che cunti! Si stata a Casierta, a Pozzuoli, a Surriento,  e nientemeno fino a Salierno…

La vecchia  - (ironicamente) Ho visto il mondo!!! Tommasì, non so mai sagliuta su nu treno lungo, lascia sta l’arioplano, al solo pienzà che uno sta in cielo, mi gira ‘a capo…… ma un treno, un treno lungo mai! Che maronna!!

Il vecchio – Allora vedi c’’a crociera sarebbe ‘na bona penzata…

La vecchia – (irata) ‘Na mala penzata….. ti devi caccià dalla mente st’idea…. I soldi servono  p’’o funerale… (l’uomo fa gli scongiuri) Inutile che ti manii, la nostra crociera non deve pesare sulle tasche dei figli!

Il vecchio – (sconcertato)  Che penziero bellillo cà teni. Nun parlo chiù, nun voglio chiù parlà di cruciere ….

La vecchia – E io che ho detto? Pienza solo a quell’altro tragitto e basta!  (di nuovo scongiuri da parte dell’uomo. Buio su di loro, luce sui ragazzi)

La ragazza – Il sogno di un pò di benessere non arrivò mai nelle tasche del nostro personaggio. Anzi, quando finalmente riuscì a capire l’errore di nazione, la disperazione e la tristezza s’impossessarono del suo cervello tanto da fargli  accrescere con rapidità il desiderio di tornarsene al sole, al suo mare, al cielo del suo paese. Ma come?

Il ragazzo – Cercava con ogni mezzo di far soldi per ripagarsi quel biglietto di ritorno…

La ragazza – ……… Anche accelerando gli introiti in modo illecito. Sfortunato come era, passò alcuni anni a carico dello Stato –

Il ragazzo – Un traguardo lo aveva raggiunto; appena scontata la pena, fu rispedito a casa, al suo mare, al suo sole, al suo cielo, come un pacco postale. (buio su di loro)

Iniziare la canzone ‘O paese d’o sole –

Il cantante deve essere vestito malamente, con la solita valigia.  Il coro accompagnare il ritornello “ chist’è ‘o paese d’’o sole…”Luci colorate sulla scena. Terminata la canz. Faro sui ragazzi.

Il ragazzo – Come il nostro personaggio rimette piedi sul suolo natio,  in lui ritorna,  per l’ennesima volta,  la voglia di vivere, la volontà di conquistare nuovamente una posizione, ma anche questa volta ritrova il suo mondo mutato.

La ragazza – Oppressa per i suoi problemi, la gente a malapena si accorge di chi ha accanto.  Si affanna per arrivare non si sa dove: l’egoismo, l’accaparramento e l’invidia, sono le nuove regole del vivere d’oggi.  Il sorriso non è più di questa vita terrena.

Il ragazzo – Per sbarcare il lunario, il nostro personaggio, si adatta a fare i lavori più umili. Non ci sono più i vecchi compagni, e quelli nuovi, che la sera vede al bar, sono anime perse che dietro un bicchiere di vino offerto, passano il tempo ascoltando, ormai a forza, le solite storie che lui inventa. (buio. Luce sulla panchina)

La vecchia -  (sentendo il suono di sirena della nave, con tono marcato) E poi, non ti basta tutti gli anni che hai vissuto sul mare?

Il vecchio – Che c’entra, ‘o mare m’è servuto pe’ guadagnà nu poco ‘e danaro ……. Ma non mi faceva addunà ‘e belli ccose ca c’erano attuorno.

La vecchia - (ironica ) Che poeta mancato…. ‘O mare t’ ha fatto guadagnare per vivere e mo tu vorresti renderglielo, spendendo danari pe’ ‘na crociera?

Il vecchio -  Rosinè, ‘na vota nella vita amma fa i signuri ‘ncravattati!!!

La vecchia – (sempre con sarcasmo) Signori!! Potevano essere signori co’ la “esse” maiuscola, ma dovevi restare in America…… mo tenevamo ‘na cadillacche, na casa co nu bello giardino e pure ‘a piscina… invece ‘o signorino teneva a nostalgia di casa sua…. na catapecchia, che neanche i perucchie ci volevano soggiornà…

Il vecchio – (amareggiato) St’America, st’ America ……. Mo basta caccià semp’ sta storia. Scurdammece ‘o passato….. (buio)

Iniziare la canzone Piscatore ‘e Pusilleco

Il coro intona la canzone, mentre due dei componenti fanno la parte di pescatori. Luce multicolore sulla scena. Terminata la canz. Buio, faro sui ragazzi.

Il ragazzo -  Come avrete intuito, il nostro caro amico è tornato a fare ‘O piscatore. Lavorava per conto di altri perché non aveva più neanche la sua vecchia barca, ma con tutto ciò era tornato a sorridere a vedere più rosea la sua esistenza .

La ragazza – Infatti tornò ad essere  l’amatore di una volta. Serenate, corteggiamenti, appostamenti,  ma nessuna donna riusciva  a condurlo verso il matrimonio. (Buio su di loro, luce su panchina)

La vecchia – (aria di sfida) Scusa ‘nu poco,  spiegami pecché teni tutto sto smaniamiento ‘e stommico quando si parla dell’America. Eppure la ci tieni tutt’’o parentato e tutti ‘i compagni ca stanno pure bene, co’ case, machinoni……….

Il vecchio – (infastidito) Pecché, pecché, pecché!! Sembra che solo in America uno si po’ fa ‘na casa co’ piscina e ‘nu machinone. In Italia sti ccose si fanno lo stesso….

La vecchia – (sonora risata e pernacchio) Ecco come si fanno! Pe’ na vita c’hai iettato sang’ su ‘na barca ca t’è trasuto in saccoccia? Fame, misericordia e compassione!  E se non ci arrivassero quei santi pacchi che ci manda o parentato dall’America ………………

Il vecchio – (indifferenza) Quattro zinzoli, nu poco  e sigarette e qualche bottiglia di Vischio…

La vecchia -  (irata) Stu chiachiello decrepeto! Zumpetta come ‘nu guagliunciello appena vede o bauglio. Chiama a raduno tutt’’a gente: figli, neputi,’o vicinato, n’ato poco tutta a città! (tono marcato) Tommasì,  co quella rrobba abbiamo messo su un commercio che ci permette ancora  di  mantenere tutta ‘a famiglia. Santi cainati!!....  Loro stanno in America, loro!!.... Ancora mi devi spiegare pecché tu sei qua e loro là!! (il vecchio non risponde) Oh, parlo cu te….(scuotendolo)

Il vecchio – (tono distratto) Rosì…. Non so rimasto pecché… pecché…. (cambiare tono, sicuro) Rosì, ma mo’ pecchè amma parlà de sti ccose….…..

La vecchia – (al pubblico con enfasi) I frate sua so tanto brava gente, umani, lavoratori. Tengono n’impresa di “tavuti”, so “beccamortari”! Grande impresa, so signuri veramente, pure ‘e core. Se uno tene besuogno d’aiuto, quando è vivo si capisce, basta che va da loro e zac trovano a porta aperta. Hai besuogno di soldi, zac, pronti e danari. Hai besuogno d’esse acquattato, zac, ti trovano ‘na banna. Tieni besuogno de ‘na protezione, zac loro ti mettono a disposizione tre o quattro maggiordommi completi anche di armeria….. ‘Na brava famiglia, solo sto torzolo non è stato capace di niente……

Il vecchio – (indispettito) Adesso che c’entro io? Perché noi non tenimmo ‘na brava famiglia?

La vecchia – (irata) A famiglia ‘e soreta!!!  Io mi riferisco a quella “famiglia”. (congiungendo le mani) Non mi faccio ancora capace, come loro, gente ‘e core, con te neanche ‘na mazzetta d’aiuto quando eri là .

Il vecchio – (imbarazzato) Pecché… pecché….. Rosì, ho un dolore sullo stommaco che tengo da anni…

La vecchia – (preoccupata) Gesù, Giuseppe e Maria che dolore tieni! Ogni sera prendi ‘e pastiglie p’’a digestione e mò te ne esci co’ sto problema!!

Il vecchio – Rosì, nun è ‘o stommaco stommaco, un dolore qua (indicando il cuore e la testa) …… Rosì io in (farfugliare le parole)

La vecchia -  (nervosa) Che dici! Non ti capisco….

Il vecchio - (st) Rosì, io a quell’America lla ‘ncòppa…. (tace)

La vecchia – (spazientita) Quell’America lla ‘ncòppa dove?

Il vecchio – Rosì, io in quell’America lì, dove stanno i parienti, non ci so mai juto….. Io so stato all’America d’abbascio…… (pausa lunga, chinando la testa e con voce bassa) Sbagliai nave…

La vecchia – (meravigliata) Sbagliare nave? (sonora risata) Come si fa a sbagliare nave (altra risata)  Potevo capire se dovevi prendere ‘o treno alla stazione, ce ne so’ tanti…. Ma una nave!!(altra risata) Gesù, Giuseppe e Maria ma perché t’ho sposato.(l’uomo china la testa, senza parlare)  Stavo tanto bene addove stavo, arriva sto grande gabbamondo ed io cazzona patentata ci so ricaduta!! (altra risata, al pubblico) Comme si fa ‘a sbagliare nave, spiegatemi voi!!  (all’uomo) Ma perché t’ho sposato, perché non m’hai lasciata in convento, a quest’ora tenevo ‘o paravise assicurato! (buio su di loro luce sui ragazzi)

Il ragazzo – Come abbiamo detto prima, Tommasino passava il suo tempo tra il movimento ondulatorio del mare blu e il movimento sussultorio di giacigli apparecchiati.

La ragazza – Cavalcava onde da mattina e sera..(buio su di loro)

Iniziare la canzone Maria Marì

Il ritornello il coro, il cantante deve guardare un punto della scena dove il faro si posa. Luce rossastra. Terminata la canz. Buio, faro sui ragazzi

Il ragazzo -  E la nostra Rosinella? Se vi ricordate, dal dolore la nostra protagonista si rifugiò nel convento delle suore sconsolate….

La ragazza – No, addolorate…

Il ragazzo – Sempre sofferenti sono…. Rosinella non ha preso i voti, ma seguiva con diligenza la regola della Casa: preghiera e lavoro, lavoro e preghiera.

La ragazza – Ma come sempre, il diavolo fa le pentole ma non fa i coperchi.

Il ragazzo – Un giorno mentre si recava, con le altre consorelle, in giro per la questua, si imbattè con uno sguardo clandestino.

La ragazza – Lo sguardo clandestino di Tommasino. Immaginate la scena: le prime suore che in fila indiana continuano a camminare, a capo chino, mentre Rosinella bloccandosi, fa sbattere tra di loro le altre consorelle che erano dietro di lei.

Il ragazzo -  Tra il comico ed il tragico, immaginate cosa successe (Buio, faro sulla panchina)

La vecchia – Mi ero ormai rassegnata alla vita “suorale”, m’ero levata dalla capo ogni desiderio, specialmente quello maschile, quando ho rivisto sto pesce lesso (indicandolo) lui, ‘o signorino, passiava avvinghiato a ‘na cozza lessata. Alla mia vista gli è preso un colpo, è rimasto come ‘na statua: immobile! Oddio, confesso che io mi sono sentita scarzià …… ( a mezza bocca) per lo strubbà mi sono pisciata sotto….. ‘O core, sto sciagurato, invece da tenè duro, se l’è fatta sotto pure lui!

Il vecchio – (risata compiaciuta) Ih, ih, ih!! Con quella palandrana lunga, sembravi  ‘na scopettina vestuta,  …  Però quegli occhioni che mi priavano, mi fecero rivedere ‘o sole!

La vecchia – (irritata) Priavano a chi! Hai sunnato, io supplicare a te…… (l’uomo con cenno della testa afferma la sua tesi. Buio, luce sui rag)

Il ragazzo – Dal momento che ha rivisto la donna, Tommasino torna ad essere il giovane innamorato della sua vera donna –

La ragazza – Come il cane che attende il ritorno del suo padrone sull’uscio di casa, così Tommasino, al rientro della pesca, ogni sera si sedeva sui gradini del convento e supplicava le suore che gli facessero vedere la sua Rosinella. (buio)

Iniziare la canzone I’ te vurria vasà

Coro. Mimare uomo che si dichiara alla donna. Luci colorate sulla scena  faro sui 2. Terminata la canz. Buio faro su panchina.

La vecchia – (al pubblico) Tanto ha detto, tanto ha fatto, che riuscì a farmi “smonacare”.  Era ‘no scrupolo quelle scene affettuose, sotto le finestre di un convento.

Il vecchio – (alterato) Scrupolo, per due serenatelle innocenti…… so sempre cap’’e pezza!

La vecchia – (con forza) Ah, due serenatelle? Tutte le sere la solita sinfonia. E come uscivo con le altre cap’’e pezza, tenevamo “’o guardaspalle” Si andava alla ghiesia, sto galantommo te lo trovavi dinanzi,  cu nu cero appicciato in mano più grosso do Vesuvio. Si faceva a pruciessione, chi t’accumpariva? sto beccamorto che purtava ‘o Santo.  Ogni giorno, sentivamo bussare al portone e chi ci trovavamo, ‘na cesta ‘e pisce…. Tutti i santi giorni… che detto fra noi, c’avevano scocciato…. Inzomma gira e vota, un giorno mi chiama a cap’’e pezza superiora e con accrienzatezza mi indica il portone d’uscita.

Il vecchio – ……………… Io mi trovavo con la rete, pronto pe’ t’acchiappà.

La vecchia – (ironicamente)  Per te, gli esseri umani so’ comme ‘e pisce.

Il vecchio – Dai che non t’è dispiaciuto tornare da me…

La vecchia – Tommasì, quando c’è la passione non si pensa mai cosa potrà avvenire domani…

Il vecchio – Domani è successo che ci siamo accasati. (con enfasi) Che bel matrimonio  facettmo!

La vecchia – (triste) Io, te, due attestanti che manco acconoscevamo, ‘u prievute e ‘o sacrestano.

Il vecchio – Per me è stata ‘na bella jurnata….. e t’allicuordi ‘o viaggio ‘e nozze….

La vecchia – (triste) A piedi fino a Surriento.

Il vecchio – A Surriento c’è l’ammore…..

La vecchia – Sentite st’ incitrullito….. Tommasì c’era l’ammore… c’era……

Iniziare la canzone Torna a Surriento –

Due cantanti mimano le parole, Luce sulla scena di multicolori .Interrompere a metà canzone. Faro su panchina

Il vecchio – (sempre con enfasi) Ti ricordi Rosinè quanto ci siamo voluti bene quella notte ..

La vecchia – (tono assente) Chi s’o po’scurda: sulla spiaggia, dentro ‘na barca, infreddoliti…… e dopo nove mesi è nato Gaetanuccio.  Continuare l’altra metà canzone (finita la canzone buio, luce  sulla panchina)

Il vecchio – (tono felice) Rosinè, abbiamo detto di non penzà più alla crociera…. Che ne dici se pigliassimo a “Vesuviana” e turnammo a Surriento?

La vecchia – (ironica) E secondo te, cosa ci andiamo a fare a Surriento? Tommasì, miettiti in capo  che ormai  teni n’età! Eppoi, dobbiamo chiedere il permesso ai figli, e quelli ti pare che ci dicono”ghite!”… L’mmasciate, ‘e neputi ‘e guardà…. Levati d’a capo pure st’asciuta!

Il vecchio- (amareggiato) Peccato, ci ricordavamo la nostra gioventù!

La vecchia – (amareggiata) Tommasì, è meglio nun arricurdà…. Se uno pienza a ieri significa che mo’ nun sta cuntento.

Il vecchio – (tono calmo) Rusinè,  non è che mo’ nun so cuntento, anzi…….. vulesse solo ‘nu piccolo riale, se fosse possibile,  qualche anno di meno.

La vecchia – (ironica) E pe fa’ cche? Pe’ suffrì ancora ‘e cchiù? No, dammi retta, restamo comme stamm…

Il vecchio – (tono dolce) Eppure ‘na vota mi piacess turnà arreto,  s’intenne se ci sei anche tu! Ti risposerei e di serenate te ne farei di chiù…

La vecchia – (prendendogli la mano) Come sei azzeccuso, Tommasì. Ma penzamo a dimane. (tono canzonatorio) E le serenate come le faresti oggi? ‘A voce nun ‘a teni chiù, se t’ azzardi a fa’ ‘na cosa del genere poco dopo arriva a polizia e t’arresta p’ avè disturbato ‘a cuietanza della gente…….. E poi, ti ricordi? Ad ogni serenata, dopo nove mesi nasceva “’U ritornello”? Mo te la sentiresti fa ‘na serenata?

Iniziare la canzone Voce ‘e notte –

La canzone, deve cominciare da fuori scena. Coro ed entrata di due cantanti a mo di “posteggiatori”. Luce su di loro. Terminata la canzone, loro restano sul palco allo scuro, faro sulla panchina.

La vecchia – (tono dolce) Tommasì, ti ricordi? Cu’ sta canzone nascettero ‘Mmaculata e Bicienzino……

Il vecchio – ( con meraviglia)  I che memoria c’a  teni!!

La vecchia – ‘Na femmena, certi istanti non se li scorda mai. Sei sempre stato un sentimentale, a te ‘a musica ti dava ‘o stimolo (ironica) Mo che sei assordato, a musica a te serve solo pe t’addurmì…..

Il vecchio – (risentito) Che ci vuoi fare, siamo avanti co’ l’età, ma pure a te ‘a musica serve pe t’addurmì! E poi a colpa non è l’età,  da ‘na recchia non ci sento tanto bene,  ‘O miereco dice che tengo ‘o tappo….

La vecchia – A prescindere ‘o fatto non si dice “tappo”, ‘o miereco certamente ti ha detto che teni la “ceralacca”. (sarcastica) Tommasì, ‘o tappo t’ha ‘ntippato n’ata cosa…… Te l’ho detto scurdammoce ‘o passato, pensammo a dimane….

Il vecchio – (risentito) Dimane, dimane……. Ma ‘o saje cà succede dimane? Rosì, solo ‘o passato è certezza!

La vecchia – A questa età che ti serve ‘o passato? Ad angustiarti l’animo nel ricordare quella gioventù ca nun torna chiù. E poi, non ti fa vedere “o traguardo” che si avvicina sempre più in fretta.

Il vecchio – Ah, quel traguardo!  Ma, noi vecchierelli,  ghiamo co’ passo chiano, così ‘o traguardo resta distante !

La vecchia – (amareggiata) Volesse a Maronna! (Buio sulla panchina e luce sui suonatori. Una voce fuori campo che dice ai due suonatori)

Voce – Giuvinò, scusate, ‘a canuscite  a canzona “ Silenzio cantatore”?

Iniziare la canzone Silenzio cantatore –

Solita scena dei due che cantano. Coro il ritornello. Luce colorata su di loro.

Terminata la canzone, buio sui sonatori luce sulla panchina –

La vecchia – (scuotendo Tom.) Giuvinò, che ti ricorda sta canzone? ( Tom. Fa cenno di non conoscere, tono dolce) Mi dicesti, “Rosinè, i guaglioni dormono, andiamo sulla spiaggia: c’è la luna che bacia ‘o mare, l’aria è frisca”. Mi prendesti per mano ed appoggiati ad una barca ascoltavamo ‘o mare che sussurrava. Lontano sentivamo ‘o suono di due mandulini (mettere sottofondo musicale della canzone) che sunavano ‘sta canzone…… A musica, a luna, o mare, doppo nove mesi è nata Filumena!!

Il vecchio – So’  figli radiofonici!

La vecchia – (con tristezza)  Poi si so’ astutate ‘e valvole della tua radio e la musica nun suonò più!!

Il vecchio – Quattro figli! Aitano, ‘o maggiore è miezzo miereco..

La vecchia – (risentita) Miereco!! E’ infermiere Tommasì!!

Il vecchio – (risentito) Tene ‘o camice? Da’ e medicine ‘a gente si o no?

La vecchia – (disinteressata) Fa le punture…….. ‘o miereco vero lo chiama e gli ordina quali medicine deve dare a la gente e lui va’!..... Infermiere si dice, è sotto miereco…..

Il vecchio – Sempre miereco è……. ‘Mmaculata è sposata co’ ‘o capo stazione…..

La vecchia – ( ironica) Tommasì, controlla altri benzinai. Giovannino lavora ad un rifornimento di benzina sull’autostrada..

Il vecchio – Sempre capo stazione è…..  Bicienzo porta o filobus, questo è zeccato? (la vecchia mugugna) Poi c’è quell’altra (con amarezza china il capo)

La vecchia – (con tristezza) Filumena!!.............La carfagna nira della famiglia, disgrazia nostra!

Il vecchio – (adirato) Non nominà chella persona …… (triste) E’ ‘a cchiù peccerella, crisciuta sempre bene, comme ‘na reggina, non solo, ‘e frat ‘a tenevano comme n’oracolo, eppure…….  (triste) Avimmo tirato su ‘na ianara!! (prendere un fazzoletto dalla tasca e fare atto di asciugare lacrime).

La vecchia – (agitata) Nun ne parlà, po’ dispiacere te po’ schiattà ‘o core!! E’ la rovina di tutta ‘a casa, sta svergognata!!

Il vecchio -  ( tono basso) E’ sparuta n’ata vota, non s’interessa neanche di quella povera anima innocente della criatura. Sta disgraziata, non sa’ neanche con chi l’ha  fatta!! (sempre abbattuto) Ce la portò piccerella piccerella, ci disse che non la poteva fare gruossa, doveva lavorare per vivere!!. Noi come fantocci ci simm fatti  abbabbià! Lei fa’ ‘a “signora”! Neppure ‘e frati so riusciti a sanare quella capa bacata. (con forza) Ma t’o ggiuro, (brandendo il bastone) quant’ è vero che song ‘o patre, vado sotto a casa e sarò io stesso medesimo, che con sta mazza, l’accido!! (fare l’atto di asciugare il viso)

La vecchia – (preoccupata) Non t’aggità Tommasì, non t’aggità che poi ti scoppia ‘o core…. Sia fatta  ‘a volonta da Maronna!

Il vecchio – (sempre triste quasi piangendo) Dove abbiamo sbagliato co ‘sta malafemmena, Rosinè…..

La vecchia - (con voce pacata, prendendogli la mano) Siamo stati bravi genitori! Tu hai sempre faticato, ‘ai jettato ‘o sanghe per non farci mancà niente. Io, ‘na ciuccia ‘e fatiga pe’ mandà avanti ‘a casa con quello che riuscivamo ad avè. Non abbiamo fatto fa’ ‘na vita da signori, ma a loro non abbiamo fatto manca’ nulla.  Guarda che famiglia siamo!

Il vecchio – (st) E allora perché quella sciagurata è ascita accusì?!

La vecchia – Solo Dio ‘o ssape….. Preghiamo Tommasì, preghiamo…… chissà se San Gennaro, nella sua magnificenza ci fa’ ‘a grazia ‘e sanà ‘a capo a quella dannata ………….

Il vecchio – (sempre sofferente) No Rosinè, io a San Gennaro non chiedo niente per una persona che non esiste int’a capa mia.(china il capo)

La vecchia – (alzando gli occhi al cielo congiungendo le mani tono pietoso) San Gennà tu che sei potente, siedi vicino a ‘o Patreterno e so che a volte ti chiede anche piaceri, sta volta chiedi tu ‘na cosa pe’ conto nostro, se non ‘o vvuò fa’ e persona, fa solo da vociavocio, così ‘o Patreterno nun po’ di’ che ti staje approfittanno troppo di lui.  Fai sana à capo a chella svergognata e poi perdona st’ommo, è nu bravo cristiano… un po’ incazzato è vero, ma lo sai pure tu che tene raggione…(lunga pausa. Anche lei china la testa. Accendere le luci anche sui 2 suonatori. La donna li vede)

La vecchia – (con voce bassa) Giuvino’, scusate……

Uno dei 2 – Dite, signò (avvicinandosi)

La vecchia – (st) Giuvinò, se non vi è di disturbo, vorrei rivolgere ‘na preiera…

Uno dei 2  - Preghiera? Al vostro servizio, chiedete!

La vecchia – (voce sempre bassa) Io e mio marito, vorremmo sentire ‘na canzuncella allegra, ‘na canzuncella  doce, doce, ca ce facesse truvà ‘a pace . Sapete, nel nostro cuore c’è sempre stato tanto rummore e mo’ co ‘a viecchiaia vulessimo truvà nu’ poco, poco, poco ‘e pace. (anche lei prendere un fazzoletto, asciugare il viso)

Uno dei 2 – Una canzone? 10, 100, 1000 canzoni vi facciamo sentì pur di vedervi contenti e felici per altri cent’anni co ‘na bona salute. (la vecchia, muove la mano a ringraziare. L’uomo fa cenno all’altro di iniziare)

Iniziare la canzone ‘O sole mio –

Luce piena sulla scena. Coro canta ritornello. Terminata la canzone, luce sulla panchina.

I 2 anziani si tengono per mano con il capo chinato, non un gesto. Uno dei 2 sonatori si avvicina

Uno dei 2 – Signò, è cominciata ad arrivare un po’ di pace nei vostri cuori?

L’altro – (avvicinandosi) Altro che pace, gli abbiamo fatto a “Ninna Nanna”, guarda come dormono!

L’altro – (adirato) Che scostumati,  neanche due soldi di mancia…. Bella giornata ‘e sole…… Andiamo da un’altra parte, che qua non si mangia… (mentre si allontanano, devono apparire sulla scena i 2 narratori)

Il ragazzo – (Rivolto ai sonatori, tono preoccupato) Scusateci, è una giornata che stiamo cercando due vecchierelli …. Voi che girate avete…

Uno dei 2 sonatori – (interrompendolo) Due vecchierelli? Proprio adesso due vecchi ci hanno chiesto ‘na canzone (si gira, indicando) Fossero quelli? (i ragazzi si girano)

La ragazza – (guardando) Nonni!!! Si grazie (si avvicinano. Buio in scena, faro sulla panchina)

Il ragazzo – ( vicino a loro) Guarda come sono carini, dormono!

La ragazza – Svegliamoli, bisogna correre a casa prima che si accorgono della loro assenza.  Dovessimo passà noi i guai che sti due combinano…

Il ragazzo – (scuotendoli) No’, oje no’… (alla ragazza) Dormono pure profondamente…

La ragazza – Svegliamoli, è tardi (scuote anche lei. I due anziani devono inclinare la testa  ancora di più, senza fare altri gesti)

Ragazzi  – (in coro con forza) No’ oje no’ (smuovendoli i due anziani si piegano uno sull’altro)

Il ragazzo – (con voce strozzata) So… so morti!! Buio sulla scena.

Iniziare la canzone Simmo ‘e Napule paisà –

Tutto il coro sul palco, luce colorata piena.

                                   FINE

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 8 volte nell' ultima settimana
  • 23 volte nell' ultimo mese
  • 110 volte nell' arco di un'anno