Casa di cura "Portosalvo"

Stampa questo copione

Casa di Cura "Portosalvo"

Commedia per bambini di Nunzio Cocivera

Personaggi: (interpretati da bambini)
La direttrice
La maestra
10 vecchie e 7 vecchi

All'apertura del sipario sulla scena la direttrice
(entra una coppia di vecchi)

Giuvanna bongiornu ca semu io e me soru

Maria comu dissi idda semu ca!

Direttrice suvvia sorridete benvenuti alla casa di cura Portosalvo, mi prenderò cura di voi

Giuvanna e di nostri soddi

Direttrice purtroppo bisogna pagare è inevitabile

Giuvanna ma siti troppu cari

Maria Non ci basto a pinzioni i nostri fighi anna pagari , centu mila liri l'unu!

Direttrice non è colpa mia se gli artigiani avete pensioni basse

Maria certu non è colpa so

Direttrice bene qui starete benone, il cibo è buono la compagnia pure; ci sono dei bravi vecchietti; quello che un po' da fastidio è l'ammiraglio ma quando si attacca basta dirgli "arriva il nemico e lui scompare"

Giuvanna ca semu a postu

Maria mu pensu !

Direttrice inoltre abbiamo una bella maestra che ci fa sempre lezioni, questo mese la lezione è sull'euro (entra l'ammiraglio)

Amm. Buon giorno oggi attaccheremo il nemico sul fianco gli romperemo un rene. Poi con un siluro nel didietro lo rispediremo a casa con la coda tra le gambe !

Direttrice si affretti che arriva il nemico

Amm. Il nemico ! non me ne frega un fico attacchiamo il nemico all'attacco (esce)

Maria chiddu era ?

Direttrice lui era !

Giuvanna lei dicia di l'euru chi mi interessa a mia ormai

Direttrice come non le interessa?

Giuvanna certu chi non mi interessa i soddi si pighia tutti lei chiù l'autri

Maria perciò comu dici iddu sinnonnavemu chinninteressa quantu valunu!

Direttrice bene venite vi mostro la vostra stanza (incrociano la maestra)

Maestra buongiorno

Maria buongiorno e pi lei

Giuvanna dissi giustu idda pi lei !

Maestra ne deduco che non siete contenti di venire qui !

Direttrice si adatteranno

Maestra starete bene; io sono la maestra, piacere (si danno la mano)

Giuvanna (ironica) che bellu nta vicchiaia ni diplomamu !

Direttrice venite andiamo che aspetto un'altra ospite

Maria nautra clienti nta sta putia

Maestra questa non è una putia come dice lei.

Giuvanna na galera

Direttrice andiamo e finitela con questi discorsi (escono)

Maestra questi due credo che non saranno dei studenti

Marco parli sola ?

Maestra riflettevo sulla coppia appena arrivata

Marco da quello che ho sentito non saranno studenti , si fa per dire

Maestra sempre con quel tuo sarcasmo...

Marco parliamoci chiaro qui ti usano, sei un modo che i gestori usano per tenere un po' a bada gli ospiti! Come dicono loro, ma come in tutti gli ospizi il loro scopo primario è il denaro, l'euro che incassano

Maestra Può essere vero, ma mi tiene impegnata se no impazzirei!

Mauro Non ti pagano né ti scendono la cifra da pagare, ma per loro svolgi un lavoro

Direttrice (entra e li interrompe, seguita da una vecchietta) vieni Clotilde accomodati

Clotilde (Claudicante si fa avanti) bongiornu a tutti

Direttrice (li presenta) questa è la Maestra questo è Mauro

Clotilde piaceri tantu pi diri! (gli altri danno la mano)

Maestra piacere

Marco benvenuta, perchè ha detto il quel modo?

Direttrice Lei è un'attrice di teatro, recitava, bella battuta!

Clotilde Non era na battuta era uno sfogo!

Maestra Come mai?

Clotilde Perché io non dovrei essere qui!

Marco Dica!

Clotilde La buonanima di Cristoforo si girerebbe nella tomba (SALVE)

Lucia salve a tutti. Chi è Cristoforo Colombo!

Clotilde no Papero!

Direttrice Belle battute; ci sono due attrici, organizzeremo presto il teatro! Lei e Lucia attrice di cinema!

Clotilde Piacere

Lucia scusa la battuta è spontanea.

Clotilde ci sono abituata i nomi non comuni riprestano alle battute

Lucia ne so qualcosa io sai come faccio di cognome Pollo! (entra un uomo)

Carmelo Lucia è prontu u pollu !

Lucia prontu si tu e puru pollu!

Direttrice lui è Carmelo l'idraulico, fa tutto lui!

Marco gratis

Carmelo Aiuto la baracca!

Lucia ci stava dicendo di Cristoforo

Carmelo chiddu chi scupriu a merica !

Clotilde Cristoforo era….(entra un altro vecchio)

Nino chiddu di tri caramelli !

Clotilde chiddu di masticanti !

Direttrice lui è Nino il contadino che fa il giardiniere

Marco gratis

Carmelo puru iddu iuta a baracca

Nino se no chi fazzu iurnati sani misu ca!

Lucia basta! Clotilde rivoleva parlare di Cristoforo, la volete fare parlare!

Direttrice bene ci racconti di Cristoforo:

Franco appena in tempo che c'è un'altra maestra di storia, bene ma la storia di Colombo vecchia più di noi ormai saputa e risaputa (entra di corsa)

Direttrice lui è Franco, l'elettricista, e lavora gratis

Tutti Aiuta la baracca!

Clotilde parliamo di mio marito; ormai il nome lo sapete, se sapesse che sono qui si girerebbe nella tomba.

Franco come mai ?

Clotilde diceva sempre: i figli sono una benedizione, nelle vecchiaia un aiuto; più sono e meglio è!

Maestra Io non ho figli, ma forse sono l'unica qui, gli altri ne hanno tutti:

Clotilde non so voi ma io di figli ne ho undici !

Tutti Undici !?

Clotide esatto, e venti nipoti !

Franco putevi fari tridici a chi ti trovavi; ammenu picciuliavi!

Marco Io vado via ci vediamo ! undici undici (incrocia Carla)

Carla chi duni i numeri? chi su si undici?

Marco figli figli

Carla Figli? cu è sa pazza chi fici unnici figli ?

Clotilde Io sugnu!

Carla piaceri io sugnu carla tu cusi chi fa ca?

Clotilde chiddu chi fa tu !

Carla Ma io fighiu naiu unu e a milanu, ma tu cu unnici figli...

Sara cu e chissa di tutti si fighi

Direttrice lei è Sara, lei è Clotilde madre di undici figli

Sara Me nonna dicia sempri: un patri crisci centu fighi e centu fighi non chiscinu un patri... E avia ragioni !

Franco ma ca i fighi su unnici,capistu? unnici (entra l'ammiraglio)

Amm: Cosa c'è qua, assemblea? dov'è il nemico, che succede ?

Direttrice lei è Clotide ed ha undici figli

Amm: peggio per lei! li porto tutti in guerra, all'attaccooo! (esce)

Clotilde come pazzo ?

Direttrice No !

Tutti No picca; assai !

Direttrice Scusate torno subito, vado a vedere se vi è arrivata posta. (esce)

Maestra allora ora che siamo un buon gruppo parliamo dell'euro; tra poco sarà di uso comune.

Sara Va beni; nitri pagamu centucinquanta milaliri o ionnu: quantu fa in euru ?

Maestra Facile! togliamo i tre zeri finali, resta 150, diviso due fa 75, perciò 75 euro sono 150 mila lire

Sara E poi picchì ama npacciri? quannu riva l'euru i prezzi su in euru!

Carmelu Giustu! facennu i cunti in liri si nesci pacci; basta zignarisi u valurui di l'euru

Pappina cu è niru ? (sorda)

Sara Pappina, parraumu da moneta unica!

Pappina chi a tunica ? Quali chidda du parrinu, cia lavu io si vuliti

Sara non parravumu du parrinu, ma ..

Carmelu du monicu !

Pappina Chi? non sentu :

Sara Camina cu mia, tu spiegu io (escono entrambe)

Proprietaria Salve a tutti; visto che io non vengo spesso qualcuno approfitta; avete visto il falegname?

Falegname (arriva con attrezzi) ca sugnu !

Proprietaria Dico, quand'è che vedrò aggiustata la serranda nel mio ufficio ?

Falegname Sa che ci dico?! Sa giustassi lei !

Direttore come, ho sentito bene?!

Falegname benissimo

Direttore Ma dico sei impazzito !?

Falegname No, sono rinsavito: non aggiusto chiù nenti !

Proprietaria Dovè la Direttrice ?

Falegname a ciccassi! Lei è a patrona !

Direttore Cos'è successo qui! Direttrice… Direttrice... (esce)

Falegname succedi chi ca ni unbrughiaru a tutti

Dottoressa Buongiorno a tutti

Tutti (in coro) buongiorno!

Dottoressa allora forza! in ambulatorio chi vuole essere visitato!

Falegname A mia, mava fari na visita a testa

Dottoressa cos'hai alla testa ?

Falegname nenti, sbagliai... alla testa deve visitare i gestori di sta baracca

Dottoressa Perché, cosa è successo!?

Falegname Hannu a testa malata !

Dottoressa dove sono, sopra ?

Falegname Si ciccassi puru lei !

Clotilde chi succidiu ?(il dottore esce)

Marco succidiu chiddu chi dicu sempri io

Clotilde farcitimi capiri, cacchi cosa chi vi umintaru l'arterii?

Marco Insomma tutti approfittano di noi, primu i fighi: dopu chi ci dedicammo a vita ni depositanu o spiziu o ospidali

Maestra I vecchi sono come un libro vecchio gia letto !

Carmelu O puru dicemu cosi vecchi chi non hannu chiù valuri

Clotilde A vita canciò in peggio! Ma tu chi vulevi diri?

Marco Qua ci sfruttano perché tutti i lavori li facciamo noi e gratis, noi ho chi per noi paga, loro si trovano tutto fatto e si fregano i nostri soldi!

Tutti Allora ?

Marco allora non lavoreremo più gratis, o ci pagano o si cercano gli operai: ( tutti) benissimo!

Clotilde Io avrei un'idea migliore ! Vediamo se vi piace: dunque, prenderemo due piccioni con una fava; visto che l'ospizio lo gestite voi in tutti i settori, sabotiamo tutto, luce acqua riscaldamento

Marco Ho capito, noi siamo ospiti paganti perciò se non funziona nulla, e noi non lavoriamo, anzi sabotiamo, per ripristinare tutto ci vorrà qualche settimana; dove ci metteranno?

Clotilde Ci manderanno nelle nostre rispettive case ! E i nostri cari figli che si meritano questo e altro dovranno occuparsi di noi!

Marco Ci state?

Tutti Ci stiamo (entra un vecchio con valigia)

Vecchio Salve, ci sto pure io, dato che dovrò stare qui !

Tutti zitti

Vecchio Ditemi, chi sono i capi ?

Marco Tu chi sei ?

Vecchio un povero vecchio non è più nessuno !

Clotilde sante parole, ma dove sono i tuoi ?

Vecchio Mi hanno posato qui, sono corsi a prendere l'aereo, vanno in Francia; mi sarebbe piaciuto andarci

Marco Quanto staranno in Francia ?

Vecchio un mese


Marco Ci faremo una sorpresa anche a loro!

Clotilde Torneranno prima, vedrai che sorpresa! Forza noi muoviamoci !

Tutti E vai! A casa! (Escono tutti di corsa in varie direzioni)

Vecchio non so dove, ma vengo anch'io (si avvia)


Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 154 volte nell' arco di un'anno