Catozzo guardia del colpo di Agnello

Stampa questo copione

Catozzo contro Boranga

Catozzo guardia del colpo di Agnello

Derelitta - Veni ca a tavula è pronta

Vito - (finendo di allacciardi i pantaloni sotto la panza, si dirige verso i tavolo della cucina attraversando la stanza passa accanto ad Addolorata che telefona) Chi fa chista sempri attaccata o telefunu  ca a natra anticchia ci veni l’aricchia a forma di cornetta (strappa il ricevitore dalle mani della ragazza) pi cu mi pigghiasti? per Paperon de Paperopoli ah? Cu cu sta parrannu?

Addolorata - (risponde)

Vito - (alla moglie) Chi sta dicennu chissa?

Derelitta - Dissi chi si sta prenotannu pa trasmissioni di “Fatti vostri”

Vito - (urla) E tu mi vo diri ca a li setti e menza di lunedi matina ti sta prenotannu pa trasmissioni du venerdi a sira? Ora tu fazzu je u quiz ( alza la mano aperta una chiusa a pugno e solleva un piede) Avanti scegli na busta chi voi u tumbuluni, u pugnu o un cavuciu? Ma talia tu si je aia aviri tri figghi accussì una sta sempri o telefunu..(si gira verso l’altra che balla) chista abballa sempri, senti musica e abballa, ma soccu abballi ca trema tuttu u palazzu? pari ca c’è u terremotu. La prima ballerina di la Scala Mercalli si tu. Sempri cu sti cuffi dintra l’aricchi (Vito toglie le cuffie alla figlia e li indossa) Fammi sentitìri anticchia a mia chi musica c’è ca ddintra (Strabuzza gli occhi fa il segno della croce come davanti al diavolo, si strappa le cuffie e si rivolge alla moglie) Ci criu ca chista è scimunita, cu sta musica ‘nt’aricchi ca macari ca ci venu un pinseri mancu u senti, e tantu pi ristari in tema di volumi (indica la terza figlia che legge) Chi fa chista sempri ddocu a leggiri, ca a forza di leggiri già ha cunsumatu tri para di occhiali, ma chi leggi? (prende il libro e controlla la copertina e legge sillabando il titolo) Le Trojadi (Vito si indigna e ruggisce) Chista è na casa anurata  ca sti cosi vastasi un’hannu a passari mancu di davanti a porta, chi su sti trojadi?

Immacolata - (emette un borbottio, lui si gira verso la moglie)

Vito - Chi dissi?

Derelitta- Chi sunnu li figghi di Priamu.

Vito- E cu è su Priamu?

Immacolata - (Risponde)

Vito - Chi è ca dissi?

Derelitta - Dissi ca era un re

Vito - Ah bella erucazioni ca ci resi a li figghi! E iddu ‘mmeci d’assittarisi a lu tronu unni s’assittava alla cassa? (si mette il libro sotto braccio e guarda negli occhi la figlia) Chistu lu sequestru je e si vo leggeri cocchi cosa d’ora nn’avanti ‘nsigniati a leggiri a manu. Moana! (si mette a tavola) Eranu tantu beddi li tri scimmietti nun viru, nun sentu e nun parru! A mia ‘nveci mi capitaru tri gorilla: vidu vastasati, sentu terremotu e parru sempri o telefunu.  E Oronzu chi fa ancora dormi?

Oronzo - (entrando) No sono sveglio, con tutto il trambusto che fate, come si fa a dormire?

Vito - (si gira verso di lui ) Taliatilu a me figghiu. Chi masculu ! Veni cca o figghiu ca ni facemu na bella colazioni comu l’omini!

Oronzo - (si avvicina al tavolo ancheggiando) C’è uno yogurt?

Vito - Ma chi yogurt! Salami, cascavaddu, pipi, stigghiola, cozzi, prummuni, rugnuni, peri i porcu... chistu ci voli a matina p’accuminciari bona a jurnata

Oronzo - Ma papà nello yogurt ci sono i fermenti lattici.

Vito - Ma chi t’intaressa di frammenti elastici,

Derelitta – (Mette a tavola una pentola con coperchio)

Vito - Talia ccà (scoperchia la pentola e guarda stupito Derelitta) Vongole! Chi mi facisti i vongoli pi culazioni? Je mi sduvigghiu a matina presto e prima di iri a travagghiari m’haia mangiari i vongoli? Ma tantu ni sta casa je ‘un cuntu nenti (si alza si aggiusta i vestiti e si dirige verso la porta rimane sull’ingresso a guardare moglie e figlie) nenti cuntu na sta casa! Eppuri l’haiu dittu milli voti ca a matina mi piaciunu i cozzi!

Derelitta - (alle figlie) Je staiu niscennu  pi  fari a spisa stativi carmi ca staiu turnannu (esce)

Le figlie - (appena la madre esce ritornano freneticamente alle loro attività consuete)

Vito - (Entra furtivo e senza dire una parola va in camera da letto, mentre le figlie continuano a soggetto ognuna nella propria attività)

Derelitta - Picciò chi faciti? u sapiti ca a natra anticchia arriva vostru patri e s’arrabbia siddu v’attrova accussì!

Le figlie - (Rispondono)

Derelitta - Già dintra è ? (guarda l’orologio) E chi ci fa già dintra a st’ura

Vito – (Esce dalla camera da letto abiti borghesi, cappellaccio calcato, e occhiali naso e baffi da carnevale)

Derelitta - Bedda matri addulurata ma comu ti cumminasti Vitu?

Vito - Sshhh  donna, il capo mi ha mandato in missione

Derelitta -  E tu cu sta facci ci vai?

Vito - E cu quali, cu chidda to? (estrae un foglietto e lo sventola davanti a Derelitta disgustato) Talia ccà la missioni importantissima: due etti di prosciutto cotto, un etto di bresciaola...

Derelitta - Vitu ma ti mannau a fari a spisa?

Vito - Certu e dopu c’ha lavari puru a machina! Pi na missioni di chista chi vuliatu ca mi mittia a faccia di Scio Conneru quannu fici Gens Bont? E speriamu cu nn’avissi a sapiri nuddu ma si nno perdu puri a me di facci. (estrae la patente e comincia a sputarci sopra)

Derelitta - Vitu ma chi fa’

Vito - Vistu ca un rinesciu sputarimi na facci sputu ammenu na fotografia da patenti? Je Vito Catozzo la più veloce delle colt addivintavu la più veloce delle colf. Puh!

Derrelitta - Ma picchì non ci dicisti di no?

Vito - Pi centunovantacincu motivi, tri sunnu ccà (indica le figlie) l’autri centonovasntadui sunnu li rati di la machina chi ancora ha pagari.

Derelitta - A propositu di machini arrivau na litrra di la FIAT (derelitta porge a vito una busta)

Vitu - Da FIAT? E chi è n’avvisu di pignoramentu? non po essiri sugnu nnarreri sulu di tri rati, fammi viriri (mette la patente in mano ala moglie) Teni cca sputa anticchia tu

Derelitta - (Comincia diligentemente a sputare)

Vito - (Apre la busta e legge man mano si trasforma) Derelitta semu a cavaddu come il calcio sui maccheroni, ma chi fai sputi? (blocca la moglie)

Derelitta - Ma Vitu mu dicisti tu...!

Vito - E ora ti sta dicennu basta, fimmina, Matri mia mi sentu u cori chi caucia, u sangu chi mi ugghi, mi sta vinennu un corpu o popletticu

Derelitta - Matri mia Vitu chi hai, chi ti senti mali?

Vito - Megghiu d’accussì nun c’ha statu mai a mugghieri! T’arricordi quannu ci mannau u curriculus da vita cu i dettagli frattagli e conquagli p’addivintari guardia di colpo di Gianni Agnello?

Derelitta - E allura?

Vito - (pausa a effetto) E allora mi hanno assunto!

Derelitta - No!

Vito - Si!

Derelitta - No!

Vito - Si!

Derelitta - No!

Vito - Senti tu chi vo ca mi pigghiaru o no?

Derelitta - Certu

Vito – E allura finiscila di diri no e cumincia a diri si! Porco il mondo che c’ho sotto i piedi (Cammina per la stanza come un leone in gabbia poi di colpo si gira verso le donne ) Sintiti ora sta niscennu, s’arriva u capu facitilu aspittari!

Derelitta - E tu unni vai?

Vito - Mentri aspettu di mannari a iddu unni ricu je, vaiu je unni mi mannau iddu ... a fari a spisa. (esce con espressione diabolica)

Derelitta - (Suona il campanello, va ad aprire) Buonasera dottor Boranga trasissi, me maritu nisciu pa so cummissioni, a mumentu torna .

Boranga - (Si guarda intorno disgustato) Speriamo, ca haiu na certa prescia

Vito -  (Si apre la porta ed entra insieme con i tre amici)

Boranga - Ah bene Cat.. (rimane senza parole per l’abbigliamento)

Vito - Ah cca è u dutturi Boranga

Boranga - Catozzo, ma comu ti cumminasti? Ma unni ti senti o ciramu?

Vito - (si gira con sufficienza verso gli amici poi con aria di superiorità volge lo sguardo al Boranga, con voce melliflua) Certu anzi si nun vi dispiaci fazzu trasiri i spettatori ca ora accumincia u film

Gli amici - (Entrano e si mettono seduti attenti come a teatro)

Boranga - Ma chi dici Catozzo, quali film?

Vito - (agli amici) Quali film Quali film dici iddu...(cresce l’ira di Vito) “La rivolta degli schiavi” chistu è u film!

Boranga - Catozzo basta un saccio soccu ti succeri ma...

Vito - Ah un u capisci soccu succedi? Succede che la qui presente capanna dello zio Tom e Jerri si è rotta le scatole di raccogliere il cotone cantando il blues, a mia u blues tra l’autru mi fa schifu, a mia mi piaci u lisciu (si gira compiaciuto verso gli amici che approvano)

Boranga - Senti Catozzo i cunti pi stu ciramu ni facemu dopo, ora runami a spisa ca haiu prescia.

Vito - Ah la spisa? La spisa vo? E damuccilla sta spisa o caru dutturi! (tira fuori il contenuto dei sacchettie comincia a lanciarlo addosso a Boranga in particolare un pacco di patatine in testa, un barattolo di nutella spalmato in faccia il tutto commentato a soggetto) E a cioccolatta senza a panna non po esseri non è veru amici mei?

Gli amici - E comu no!

Vito - E allura mittemuccilla sta biniditta panna! (Con una bomboletta di panna sprai guarnisce Boranga finendo con un ciuffo in cima alla testa, fa un passo indietro e ammira la sua opera d’arte) Ecco fatto è accussi beddu ca veni di fari comu a Michilangilu  Boniroti dittu u scarafaggiu: ora ti rugnu na martiddata in testa e poi t’addumannu picchì non parri

Boranga - Catozzo ma chi niscisti pazzu?

Vito - No sono diventato la nuova guardia di colpo di sua santità Gianni Agnello

Boranga - (Scoppia ridere) Tu guardia del corpo di Gianni Agnelli? Ma fammi u piaciri!

Vito - (Estrae la lettera e la sventola davanti a Boranga) Teni ccà leggi tu si un mi cridi

Boranga - (inizia a leggere) “Gentile Signor Catozzo

Vito - U capisti? Gentile Signor Catozzo non comu tia  “Catozzu ri cca Catozzu ri dda, va fammi a spisa, lavami a machina, portami a spassu u cani... ma je ti lu ‘nchiaccu ravanti l’uocchi ssa manata di puci, emu avanti!

Boranga-  (continua) “Abbiamo preso atto con molto piacere, della sua domanda di assunzione ma visto il suo curriculum la vorremmo pregare di volerci esonerare della sua presenza

Vitu - I capisti a chissi non sulu onorare ma addirittura ESONORARE della sua presenza e je a stari cca a farimi trattari comu na pezza da un pezzu di fangu comu a tia. Ta pozzu diri na cosa cu tuttu u cori? Ma va jeccati ‘nta un puzzu e  fatti mangiari de cani.

Gli amici - (applaudono e gridano festanti)

Boranga - Catozzo... Forse non nu capisti bonu ESONERARE non esonorare ed “esonerare della sua presenza” vuole dire “fare a meno”, mancu fariti vidiri, aria, smamma, scioh

Vito - (distrutto e atterrito) allura vol diri chi scanciai luccioli ppi lambretti, vol diri ca travagghiu non mi ni runanu

Boranga - ... esattamente

Vito -  (dopo un breve istante di pausa guarda la moglie e le figlie, si getta ai piedi di Boranga e gli bacia le mani) Capo, Eccellenza,Sua santità nun mi cunsumari è stato un tragico equinozio Pinsassi ca haiu na famighia ‘ncapu i spaddi, ha vistu quantu pisanu chisti: quattru fimmini setti quintali. Non mi licinziassi pi carità, cil lavu la machina, ci portu a spassu ddu beddu cagnuleddu cu ddu beddu pilu e di puci accussì duci, ci duggnu arrè di lei anzi ci ricu di vossia, anzi u pozzu chiamari eccellenza?

Boranga - (Aiuta Vito a rialzarsi) Sta tranquillu Catozzo ca non ti licenziu e sai picchì

Vito - Picchì lei è bonu è un patri, è un pezzu di pani

Boranga - No, picchì ti vogghiu viriri soffriri jornu pi ghiornu, minutu pi minutu, lentamenti, scientificamenti ...benvenuto all’inferno, uomo! (con una risata beffarda esce, e continua a ridere a lungo)

Vito - (Cerca di recuperare la faccia...) Ma si, vattinni. chi mi ni frega di tia e di chiddi comu a t...

Boranga - (si riapre la porta di scatto e rientra) Dicisti quarche cosa?

Vito - Nenti di nenti, mutu comu un pisci aiu statu!

Boranga - Benissimo t’aspettu dumani matina a li setti

Vito - (Scatta sull’attenti e batte i tacchi) Posso veniri e sei di matina?

Boranga - (Senza rispondere chiude la porta)

Gli amici - (lentamente senza dire una parola se ne vanno)

Derelitta e le ragazze - (Spariscono con le facce serie e in fila indiana)

Vito - Ma si itivinni tutti, chi mi ‘ntaressa di vuatri! ma iti a fari tutti ‘nsacchetta, iu ma passu benissimu macari sulu, nun haiu bisognu di nuddu, u sapiti chi fazzu , scrivu a Berlusconi, eccu chi fazzu! Ci scrivu o Cavaleri e mi nni vaiu intra a televisioni ! ... ‘Ntantu però mi va curcu ca dumani m’haia susiri prestu, (mentre si allontana) c’haia puttari u cani a spassu,c’haia lavari amachina, c’haia fari a spisa, c’haia puliziari a casa... e chi vi pari ca sugnu sfacinnatu je.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno