Cavadduzzu, cavadduzzu…

Stampa questo copione

" Cavadduzzu, cavadduzzu

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

“CAVADUZZU, CAVADUZZU …”

Commedia brillante in tre atti di

PINO GIAMBRONE

PERSONAGGI

—        FOFONE' SANTIA

—        MARIU’ MAGRI’, sua moglie

—        NINFUZZA SANTIA, sorella di Fofonè

—        BIAGINA, figlia di Ninfuzza

—        FIAMMETTA ALU'

—        COLA CAPPALONGA

—        NINETTA MAGRI', vedova Cappalonga

—        NINI' CAPPALONGA, figlio di Ninetta

Tutti i diritti riservati — Iscrizione alla S.I.A.E. — DIREZIONE GENERALE ROMA SEZIONE D.O.R.. Per la rappresentazione, versione in dialetto, in lingua Italiana straniera e varia utilizzazione di brani e riduzione cinematografica, rivolgersi alla S.I.A.E.. — Direzione Generale Roma - o all’Autore, via Roma n. 22 — 93010 CAMPOFRANCO (CL) Tel 3385995676

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO PRIMO

LA SCENA

Unica per tutti e tre gli atti. Salotto di casa Santìa. Divano e due poltrone ricoperti con dei copridivani. Grossi cuscini posati sul divano sulle poltrone ed alcuni per terra. Sedie e quadri. Comune in fondo con due porte a vetrate. Porta a vetrata sulla sinistra che si accede negli appartamenti di Fofonè. A destra porta a vetrata che si accede negli apparta­menti di Ninfuzza. Arredi vari.

SCENA PRIMA

Ninfuzza, Fofonè, Mariù e Biagina

Ninfuzza         —(entrando dalla destra con un cavalluccio di cartapesta in mano. Sorella di Fofonè. Ha subìto un trau­ma dopo che il fidanzato l’ha lasciata incinta di Biagina. Cammina sempre con questo cavalluccio di cartapesta e ripete spesso la filastrocca avanti scritta. Ha momenti di lucidità che si alternano con momenti di assoluto oblìo. Diventa isterica quando ricorda momenti tristi della sua vita passata.) Cavadduzzu, cavadduzzu,

puorti l’acqua e ia ci appuzzu,

acqua limpida e sciaurusa,

dormi dormi la carusa.

Cavadduzzu, Cavadduzzu...... (entra Fofonè)

Fofonè                        —Ninfuzza, a suoru, ti l’haju dittu milli e 'na vota, ca ssà filastrocca nun l’ha cantari. Lu sai ca ssà ninna nanna è un sonnifero pi ma muglieri. Lu sai ca appena senti 'sta ninna nanna ma muglieri s’ad­dummiscì subitu, nun sulu ha cummattiri cu li pro­blemi di ma muglieri e macari ha cummattiri puru cu tia. Lu Signuri mi detti 'sti cruci, e ia l'ha purtari ‘nsina a quannu muoru!

Ninfuzza         —(sorridendo) Cavadduzzu, Cavadduzzu....

Fofonè            —(tappandole la bocca) Zizzuti ti dissi! (entra la moglie Mariù con un reggiseno in mano. Ninfuzza si mette in disparte giocando col cavalluccio di cartapesta.)

Mariù              —(mostrando il reggiseno, inviperita ed isterica) Tocca ccà! Mitti la manu ccà!

Fofonè            —(toccando il reggiseno) Aih! Chi ccì su spini?

Mariù              —Fofonè! Si fa finta di nenti. 'Nnuccenti sì! 'Nnuccen­ti……...

Ninfuzza         —Cavadduzzu, cavadduzzu, puorti l’acqua e ia ciappuzzu.....(a questo punto Mariù si blocca, incomincia ad assopirsi. Fofonè corre subito per tappare la bocca a Ninfuzza

Fofonè                        —Muta, statti muta!

Mariù                          —(ritornando in se e non ricordando nulla di ciò che era successo unmomento prima). Tocca tocca ccà!

Fofonè                        —(toccando il reggiseno.) Aih! Chi ccì sù spini di ficudinij?

Mariù                          —Ma no! Ma chi dici veru? Si, fa finta, fa finta di nun sapiri nenti. Fofonè, Fofonè....quann’è l’ura... quann'è l’ura ca la finisci... ah

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Ninfuzza         —Cadduzzu, cavadduzzu, puorti l’acqua e ia ci appuzzu! (Mariù incomincia ad assopirsi).

Fofonè            —(come al solito, tappandole la bocca.) Ma ha la testa dura, a suoru! Ti dissi ca chissa nun l’ha ripetiri!

Ninfuzza         —C’è! Si Avi siti lu cavadduzzu!

Mariù                          —(ripigliando coscienza) Negalu! Negalu ….negalu ca nun fusti tu! (si tocca il seno in quanto nel reggiseno che indossa ci sono delle spine.) Nun ni puozzu cchiù! Sugnu trafitta di li spini cuomu a San Sebastianu! Fofonè, nun ni puozzu cchiù. Nun rispunni?

Fofonè                        —Ia surfaru! Sicuru si, ca fu ia? O si tu ca cumini 'sti scherzi, pi dari pua a mia la curpa? Ah! (piglia dalla tasca un paio di mutande) Li canusci? Li canusci chisti?

Mariù              —Cuomu ca nun canusciu li to luordi mutanni!

Fofonè            —Sulu pi la lurdia li canusci? Cu ccì lu stricà lu peperoncinu? Ccà ni la parti unni.....Ah, cu ci lu stricà? Avi iorna ca haju lu fuocu ni li... e nun sacciu chi c'è mittiri pi allifriscarli. Ghiacciu, a chila ci n'haju misu! Pi truvari un po di refrige­riu, tutti l’haju tintatu. Ma pua, chi tipu di peperoncinu ccì stricasti? Allura? Dimmi cu ccì lu stricà? (pigliando un fazzoletto) ni chisstu? Ni chistu quanti peperoncinu ccì stricasti? Lu nasu m’abbruscia cuomu un tizzuni! Nun fusti tu, a cuminari 'sti scherzi babbi? Ah?

Mariù                          —Vidi a ccù l’ha ghiri a ‘ncucchiari! Fofonè! Chissi e chisti. (riferendosi al reggiseno) su cosi studiati di tia. E lu sta faciemmu pi farimi stancari! Ma cu mia tu nun ci pò. A tia li fazzu mangiari li uvita a muzicuna! Lu diciva sempri ddà bonarmuzza di ma matri ca fu muglieri di to patri! Mi lu diciva sempri Mariù, a figlia, nun ti pigliari a chistu, nun ti lu pigliari ca è cuomu a so patri! Chi sbagliu fici ia, a maritarimi cu so patri, nun vuogliu ca tu fa lu stessu. Chissu mi diciva sempri ma matri. Purtroppo ma matri nun mi cummincì mi fici cummingiri di chiddu chi mi diciva lu cori. Ma mi sbagliavu, e ora mi ritruovu……..

Fofonè            —Si! Conzala! Conzala quantu vua...Tu si l'artefici di tutti 'sti scherzi, e ora vua dari curpa a mia! Chi curpa haju ia, ca mi maritau cu tia. Nun vonzi ascuntari a ma patri, ca mi diciva sempri ca tu nun eratu cosa pi mia. Mi fici ammaliari di tia ‘ncagliavu cuomu lu surci ni la surcera.

Mariù              —Surcera doro! 'Na bella eredità ca mi lassà ddà bonarma di ma matri....

Fofonè            —E di ma patri! Ricordatillu! Ricordatillu, ca tutti 'sti proprietà appartinivanu a ma patri. To matri mancu aviva lu lazzu pi li scarpi. Ma patri cedendo alle lusinghe di to matri ni lu matrimoniu nun fici lasiparazione di li beni....

Mariù                          —Ueh! Ma chi va discurriennu! Vidica to patri era nulla tenente. Ma matri fula ricchizza d’iddu. Chi ci purtà to patri? Ddà catapecchia di casa, quattru mobili tarlati e.. e.. nun mi fari diri chiddu ca nun vulissi diri!

Fofonè            —E dillu! Dillu! Pirchì nun parli?

Mariù              —Parlu? Vidica parlu! Ah!

Fofonè            —Parla, parla. Ettalu ssù vilenu chi ha ni la panza! Ettalu 'stu fiele!

Mariù              —Ah si? Ah si? Nun ti lu dissi to patri ca tu si figliu….....

Ninfuzza         —(Ch'era messa in disparte agiocare col suo cava1luccio). Cavadduzzu, cavadduzzu, puorti l’acqua, e ia c’iappuzzu.. (Ninfuzza continua la filastrocca e Mariù incomincia adassopirsi.)

Fofonè            —(alla sorella) Zittuti ti dissi a suoru! Zittuti Evatinni ddà banna!

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Ninfuzza         —(obbedendo al fratello e cantando) Oh mamà losai chi c’è? E’ arrivato Fofonè. E’ arrivato alletre! Peperepepe! (esce accompagnata dal fratello nella portadi destra.)

Mariù                          —(ritornando in se e continuando a parlare) Nun ti ludissi ca si mulu.Casi unmulu fanzu!

Fofonè            —Da quali pulpitu veni la pridica! U cubaitaru ‘nzocchi avi, vannia! T'arrivà ora ssà notizia! Vidica a to matri la canuscivanu tutti! La canuscivanu cu era! Simulu c’è ni 'sta stanza.....

Mariù                          —Basta! Basta! Mi stancau a sentiri bistialità! Miegliu ca mi 'nni vaiu ddà banna. (esce dalla sinistra.)

SCENA SECONDA

Detto, Biagina e Ninfuzza

Biagina           —(Figlia di Ninfuzza, usa portare gonne corte con calzettoni bianchi. Fiocco in testa. Non cammina maballa. Entra dalla comune.) Ciao zio Fofonè! Unni è ma matri?

Fofonè                        —Ciao Biagì! Passà ddà banna,ora ora! (Biagina esce per rientrare subito con Ninfuzza)

Biagina           —(pigliando per mano sua mamma) Eccola quà!

Ninfuzza         —(sorridendo) Eccomi quà! Cavadduzzu, cavadduzzu... (si blocca subito in quanto s'accorge che non ha in mano il cavalluccio di cartapesta. Esce dalla destra e rientra subito con il cavalluccio di cartapesta inmano.)

Biagina           —E unni è la pezza?

Ninfuzza         —(tirando dalla tasca un pezzo di stoffa) Eccola quà.

Biagina           —(pigliando il pezzo di stoffa e coprendo il cavalluccio.) Amuninni, mamà!

Fofonè                        —Si, amuninni, ca ia viegnucu uantri!

Ninfuzza         —(mentre si accinge ad uscire, avvicinandosi al fratello Fofonè.)

                        Ohmamà lo sai chi c'è,

E' arrivato Fofonè,

E’ arrivato alle trè

Peperepepè! (escono dalla comune.)

SCENA TERZA

Mariù e Cola.

Mariù                                —(che ha assistito alla scena dietro la porta.) Unni ivu a fìniri! In quali famiglia ivu a capitari. Ni ssà famiglia su unu chhiù babbu di l'antri. Ninfuzza almenu un motivu ci l’avi. Sedotta ed abbandonata dal suo fidanzato. La lassà incinta di Biagina e nun si sappi ne vecchia ne nova di 1u zitu. Ristà traumatizzata, nun ci su curi pi fal­la stari bona. Accussì almenu dicinu! (suonano alla porta, è Cola amante di Mariù. Indossa un vestito blù gessato. Baffi accennati sotto il naso. Ha un tic: stringe le mani strofinandoli per poi allargarle con le palme rivolte verso l’alto, all’altezzza delle spalle. Mariù va ad aprire.) Però ci voli coraggiu viniri ccà! Tu lu sai ca curriemmu un grosso guaio si ni scuoprunu?

Cola                —Mariù, Mariù amuri mia, ia pi tia affruontu qualsiasi periculu. (la bacia.)

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Mariù                          —Ccà lu periculu e gruossu! T'haju dittu sempri ca si ma maritu scopri ca ia haju l'amanti, pierdu tutta l'eredità chi ni lassà ma matri e so patri. Chista è la condizione di lu testamientu Accussì vali anchi pi iddu. Quindi si unu di nantri dù addumannammu lu divorziu, perdi lu dirittu all’eredità.

Cola                            —E allura, scusa, Mariù, faciti 'na separazioni consensuali e accussì vi spartiti l'eredità.

Mariù                          —Ma matri e lu patri di ma maritu, pinzaru anchi a chissu. Se la separazione e consensuale l’eredità va a finiri a li parienti prossimi, ca fussiru Ninfuzza cu la figlia Biagina. Quindi caru Colacircammu di essiri sperti. Ma maritu fa tuttu lu possibili pifarini stancari. Mi ni cumina unu a lu minutu pi farimi stancari, accussì secunnu iddu,ia ci chiedu lu divorziu, e iddu diventa eredi univesarli. Si lu vitti iddu su filmi! Caru Cola dobbiamo essere prudenti, pirchì si scopri di n'antri dù,siemmu rovinati!

Cola                —Si, ma la sua testimonianza vali quantula tua!

Mariù              —Chissu è veru, ma si avi provi li porta davanti a lu notaru,allura si!

Cola                —Ma chi tipu di provi?

Mariù                          —Qualsiasi: foto, registrazioni, testimoni ..... guarda fisso Cola e sta un po a riflettere.) Cola mi vinni'na pinzata! (lo guarda dalla testa ai piedi, poi pigliando il copridivano, improvvisa sul corpo di Cola un abito da donna..) Cola! Cola truvavu 'na soluzione al nostro problema!

Cola                —Chi soluzioni? Quali problema?

Mariù              —Ti viestidi fimmina!

Cola                —Chi?

Mariù              —Ti viesti di fimmina. 'Na bella vesta, un paru di minni .....

Cola                —Ma chi niscistifoddi?

Mariù                          —Ascunta! Tu ti viesti di fimmina, cu 'na scusa qualsiasi vieni ccà a truvari ma maritu. Lo corteggi, arrivu ia e vi truovu abbrazzati. Pigliu 'na macchina fotografica e vifazzu 'na fotografia a uantri dù abbrazzati!

Cola                —Si, troppu semplici ni pari! Pua to maritu indaga esi veni a scopriri l'ingannu!

Mariù              —E cuomu ava viniri a scopriri. La donna, ca puasi tu, sparisce nel nulla!

Cola                —Mipari…...

Mariù              —Nun ti preoccupari, studierò io il piano,nei minimi particulari. (abbraccia Cola.)

Cola                —Mariù!

Mariù              ---Chi fù?

Cola                —Mariù! (l'afferra stretta tempestandola di baci).

Mariù              —Chi? Balla?

Cola                —Si balla, ballami la danza del ventre.

Mariù              ---Quali ventre?

Cola                            —Chiddu tua! Dai, tu lu sai ca mi eccita, ca mi fa muriri quannu tu balli la danza del ventre. Dai balla, annacati. (continua a tempestarla di baci.) Annacati ca mi eccita. (piglia i fianchi di Mariù e li muove. Mariù fail seguito, muovendo freneticamente i fianchi.) Ah, cuomu mi fa muriri! (tic). Ah cuomu mi fa muriri! Ah cuomupi fa muriri! La frenesia m'acchiana! La frenesia! (preso dal delirio si mette a ballare anche lui la danza del ventre. Movimenti a soggetto.) Mariù, Mariù buonu cchiù! (la piglia in braccio, preso dall'eccitazione, per portarla nella stanza di

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

sinistra ma viene bloccato da Mariù, in quanto sente rumore di apertura porta. E' Ninfuzza che prima di entrare in scena canta il solito motivetto.)

Ninfuzza         —(d.d.) Ohmamà lo sai chi c’è? E' arrivato.....

Mariù                          —Macugnata Ninfuzza è, cu ma maritu! (in mano tiene ancora il copridivano, fa sedere Cola nella poltrona e lo copre con il copridivano. Mariù sta in piedi ad aspettare.)

Ninfuzza         —(entrando dalla comune) Cavadduzzu, cavadduzzu...... (mentre ripete la solita ninna nanna. Mariù si assopisce cadendo sul divano. Ninfuzza esce dal­la destra. Cola non ricevendo nessun segnale da parte di Mariù, incomincia a scoprirsi lentamen­te. S'accorge che Mariù distesa esamine sul divano. Momenti di smarrimento.)

Cola                            —Mariù, Mariù chi hai? (da alcuni schiaffetti.) Mariù svegliati. Oh! Oh! bedda matri, cuomu fazzu? (poggia l'orecchio sul petto di Mariù) Viva, viva è! Menu mali! Ma chi ccì successi? (soffia sul viso) Mariù! Parlami! Parlami d'amori, Mariù, tutta la mia vita sei tu! (piglia il copridivano ed incomincia a sventolare. Nello stesso istante entra di nuovo Ninfuzza. Cola preso dalla paura fa cadere il copridivano su Mariù. Ninfuzza riconosce in Cola il suo fidanzato, padre di Biagina. Si mette ad urlare )

Ninfuzza         ---Ah! Cola Cola! Tu si. Cola, Cola colonna di la vita mia! (Ninfuzza gli gira attorno. Cola resta immobile) Cola, Cola! Avi diciott’anni c’aspiettu 'stu momentu. Cola, Cola! (Cola senza dare una risposta si avvia verso la comune.) Cola, Cola nun mi lassari! Nun mi lassari 'mmiezzu 'na strata cuomu facisti 'na vota. (Non ricevendo risposta lo piglia a borsate. Cola esce. Ninfuzza rimasta sola fa come una pazza.) Cola! Cola arrieri sula mi lassasti, si butta sul divano esamine.) Cola cuomu fazzu senza di tia! (sviene.)

SCENA QUINTA

Dette, Biagina e Fofonè

Biagina           ---(entrando dalla comune vedendo la mamma sulla poltrona svenuta.) Mamà! Mamà, chi ti successi?

Biagina           —Chi c,è? Chi successi? (entrando dalla comune)

Biagina           —Zio Fofò, la mamma sta mali!

Fofonè            —Ninfuzza, Ninfuzza a suoru (incomincia a ripigliare i sensi). Ninfù, ia sugnu Fofonè! Ninfù! (incomincia a cantare la canzoncina che canta spesso Ninfuzza.) Oh! mamàlo sai chic’è?

E’ arrivato Fofonè!.......Oh! mamà......

Biagina           ---Mamà lu sientiFofonèvinni!

Ninfuzza         ---(aprendo gli occhi e gridando) Cola, Cola!

Fofonè                        —Chi vua la coca cola?

Ninfuzza         —Cola, Cola!

Fofonè            —Ninfù ora ti la vaiu apigliu! si siede sul di­vano su cui s’era assopita Mariù.)

Chi c’è, ccà? (scopre il divano e s’accorge della moglie esamine.) Bedda matri!Mariù ccà sutta? Mariù, Mariù (Poi associala presenza di Ninfuzza con lo svenimento di Mariù. Schiocca pertre volte le dita e Mariù si sveglia.)Si nun si faaccussì mancu li bummi ci puonnu a svegliarla!

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Mariù              —(ancora incosciente) Cola, Cola!

Fofonè            —E c’aviti oj? Tutti siti di coca cola?

Mariù                          —(ripigliando coscienza) La coca cola vuogliu (vedendo sulla poltrona Ninfuzza Chi ci succes­si?

Fofonè            —Nenti, avi siti anchi idda! Siti di coca cola!

Mariù              —Vaiu ddà bannaca mi pigliu un pocu d'acqua. (esce dalla sinistra.)

Fofonè                        —(alla sorella) Ch ti successi, a suoru?

Biagina           —Mamà parla, chi ti successi?

Mariù                          —(rientrando) Fofò, vidica staju iennu apigliari l’alzata di porcellana di Capodimonte, chidda ca mi lassàma matri, ca era di la sò nannaula. L'alzata ca vali un saccu di miliuna. Spirammu ca la pulizziaru bona. Ti salutu! (esce).

Biagina           —Mamà, amuninni ddà banna, ca t'ha ripuosi tanticchia!

Ninfuzza         —(non avendo tra le mani il cavalluccio) Unni è? Unni è?

Biagina           ---(pigliandolo da terra) Ccà è! Amuninni ddà banna.(escono dalla destra.)

SCENA SESTA

Detto, la Vedova Cappalonga eMimì

Fofonè            —(suonano alla porta, va ad aprire) Prego accomodatevi! ( Sono, la vedova Cappalonga, con il suo figlio Mimì. La vedova vestetutta in nero, velo davanti il viso che glielo copre interamente. Un grosso cappello nero, guantineri. Porta a tracollo una striscia di stoffa con la scritta "Per mio marito", scritta usata nelle corone difiori per i funerali. Tiene in mano un mazzo di crisantemi. Parla lentamente con voce d'oltre tomba. Quando rimprovera ilfiglio ripete duevolte la frase. Il figlio Mimì,anch'esso vestito in nero. Sia la giacca che i pantaloni sono corti. Camicia bianca con colletto sporco. Cravatta a farfalla o a scocca.. Sta mangiando una banana. I due personaggi quando entrano in scena sottofondo musicale funebre. Mimì anche lui ha la striscia con su scritto “Per mio padre"). Si accomodi signora!

Cappalonga     ---Non sono una signora!

Fofonè            —Signorina!

Cappalonga     ---No! Non sono una signorina!

Fofonè            —M'ava scusari o una l’antra ava essiri!

Cappalonga     ---Ia nun sugnu! Ma fu! Fui signora, ma ora dopu la morti di maritu (mostra la striscia al petto) nun sugnu cchiù nenti. Vivu pirchì c'è di viviri. Mangiu, pirchì c'è di mangiari. La mia vita non ha più senso. (pianto).

Mimì                           —(ha finito di mangiare la banana e butta per terra la buccia. Si pulisce il naso.) Mamà, vuogliu a fimmina!

Cappalonga     ---Sì, la mamma, cori di la vita mia sì! Perciò stava diciennu la ma vita nun avi cchiù sensu, nun avi cchiù significatu di quannu murì ma maritu. (mostra la striscia al petto). Non esisto più!

Mimì              ---(tirando la veste alla mamma) Mamà, vuogliu a fimmina!

Cappalonga     —(con tono di rimprovero) Sì la mamma (poi con voce maschile) Si lu papà!

Fofonè                        —Chi avi lu giovanottu?

Cappolanga     ---Voli la fimmina!

Fofonè                        —E pirchì nun ci l'accatta.

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Cappalonga     ---Ogni cosa a suo tempo! Perciò ci stava diciennu la ma vita nun avi cchiù speranza. Non avi cchiù meta! Io vago!

Fofonè            —Unni?

Cappalonga     ---Vago, Vago!

Fofonè                        —E unni?

Cappalonga     —Unni chi?

Fofonè                        ---Dicu, unni và? Vago in canpagna, vago.

Cappalonga     —No, vago come per dire vagare senza meta!

Fofonè            —M'ava scusari, ancora nun haju avutu lu piaciri di sapiri cu ccù staju parlannu!

Cappalonga     —Aviti ragiuni. Io sono Concetta Magrì, vedova Cappalonga, e chistu è ma figliu Mimì, Mimì Cappalonga. Fai l’inchino, amamma. (la vedovacon la mano spinge la testa del figlio verso il basso.)

Fofonè                        —Magrì?

Cappalonga     —Si, Magrì, la souru di Mariù, sua moglie. Ittata fori di la famiglia, pirchì rea di essere stata innamorata di lu patri di 'st’anima 'nnuccenti!

Mimì               —(pulendosi il naso) Mamà, vuogliu a fìmmina!

Cappalonga     —Si la mamma! (poi con voce maschile) Si lu papà! Diciva ittata fori cuomu un cani. Ero considerata la piecura niura di la famiglia. La iettatrice. Tuttu chiddu chi succidiva la curpa era mia. Ma patri si rumpiva ‘nu vrazzu, cadiennu di li sca­li. La curpa di cu era? Mia! Si tagliava 'na mani, ci viniva ‘na broncopolmoniti, azotomia, coleste­rolo, appendiciti......di cu era la curpa? Sempri mia! anchi la morti di ma patri, la curpa fu data a mia. Ero considerata! “L' attira-disgrazij" Nun vuonziru ca mi maritassi cu lu futuru patri di 'st'anima 'nnuccenti, e fu scacciata fori di casa, portando in grembo il frutto dell’errore commesso, se così si può dire, (piange). Ora mi truovu, senza maritu, senza casa e senza di chi putiri mangiari! Ora vinni ccà a chiedere un vostro aiuto!

Fofonè            —Certu, ma e miegliu ca ni parlu cu ma muglieri, so suoru!

Cappalonga     —(con rammarico)  E sia! Ma ava viniri il giorno del giudizio unni li masculi e li fimmini.......

Mimì               —(interrompendo) Mamà, vuogliu a fimmina!

Cappalonga     —Si, la mamma! Diciva, il momento in cui tutti avranno la giusta punizione. (a questo punto si sente rumore di vetri rotti che proviene dall’ingresso. Fofonè va a vedere cosa sia successo.)

Fofonè            —(d.d.) Chi successi?

Mariù                          ---(ch'era entrata portando l’alzata di porcellana) Si ruppi l’alzata. Sciddicavu cu 'sta scorcia di banana e si ruppi ddà bella alzata di porcella­na di Capodimonte. Ma vulissi sapiri cu ccì la ittà ‘nterra 'sta scorcia di banana.

FINE PRIMO ATTO

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto.

                                                 

SCENA PRIMA

Biagina, Mimì, Fofonè e la vedova Cappalonga

Biagina           —(entrando dalla destra tenendo in mano un mini registratore, che va a nasconderlo       sotto i cuscini            del divano. Suonano alla porta. E' Mimì. va ad aprire.) Accomodati, Tu si Mimì, è veru? Ia sugnu Biagina la niputi di to zi Fofonè. Assittati! (Biagina si sposta con passi piccoli e quando si ferma, li incrocia.)

Mimì               —Mimì, Mimì Cappalonga! (allunga la mano, col braccio diritto per salutarla)

Biagina           —(gli va incontro dandogli un bacio sulla guancia.) Piacere! E' un piacere conoscerti. Cuomu ti truovi ni l'appartamento ccà allatu?

Mimì               —Chi c'è ma matri?

Biagina           ---No! Nun l’haju vistu! Veni ccà, assittati! (Biagina si siede sul divano, mentre Mimì resta all'impie­di dietro il divano.) Dai, vieni, siediti. (si alza e lo fa sedere accan­to. Mimì e impacciato. Biagina durante la discussio­ne piglia le mani di Mimì e se li porta sulle sue ginocchia.)

Mimì               —(riportando le mani sulle sue ginocchia.) Biagì……Biagì……

Biagina           ---Si, Mimì, parla!

Mimì               —Biagì, dimmi 'na cosa, tu nun sì fimmina?

Biagina           —A certu ca sugnu fimmina, nun lu vidi ca haju li capiddi luonchi, cchiù luonchi di tia!

Mimì               —Ma cuscinu avi li capiddi luonchi, chi è puru iddu fimmina?

Biagina           —Cu è to cuscinu?

Mimì               —U figliu di ma zi Nunzia, Iachinu!

Biagina           —No, chi c’entra! Sugnu fimmina ca oltri a li capiddi luonchi, puortu puru l'oricchini.

Mimì               —Giuvanni puru l'avi l'oricchina!

Biagina           —Si, ma ia haju n’antra cosa!

Mimì               —Chi?

Biagina           —Cuomu, chi! Nun si vidi chi? (mostrando il seno)

Mimì               ---Nun si vidi chi?

Biagina           —Nun si vidi ca puortu........ca puortu.......(mostrando il seno in maniera spropositata).......ca puortu dù belli mazza di rosi duri e sciaurusi.

Mimì               —Veru! Iachinu nun l’avi si dù mazza di rosi!

Biagina           —Mimì, vua tuccari 'sti dù belli mazza di rosi?

Mimì               —E si mi pungiu?

Biagina           —Babbu, chisti su rosi senza spini! Te toccali, toccali e sciaurali. Inchiti lu nasu di 'stu profumu, asprue vellutatu. (piglia le mani di Mimì perpoggiale sul suo seno, masi sente un rumore di porta. E’ Fofonè. Biagina subito cambia atteggiamento, facendo finta di giocare, battendo le sue mani contro quelle di Mimì.) Ciao zio Fofò!

Fofone            —Chi iucavanu a limani calli?

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Biagina           —Si, e ci stava addumannannu a Mimì, cuomu si trova ni l'appartamentu ccà allatu.

Fofonè                        —Ih,cuomu si trova? Cuomu ti truovi, Mimì?

Mimì               —(Che stato fermo, senza muoversi un secondo.) Unni è ma matri? Unni è la mamma?

Fofonè            —Giustu dici, unni è so matri? (suonano alla porta  è la vedova Cappalonga. Biagina va ad aprire e rientra subito.)

Biagina           —So matri è! (Fofonè fa scongiuri. Musica funebre, come sottofondo musicale. La vedova si ferma al centro della scena.)

Mimì               —(vedendo la madre le va incontro le sussurra all’orecchio.)

Cappalonga     —Chi c'è, nun haju caputu nenti! (Mimì ripete il gesto.) Parla cchiù forti!

Mimì               —Mamà! (continua la frase sussurrandole all’orecchio.)

Cappalonga     —Mimì, ti dissi di parlari cchiù forti! Poi nun è educatu parlari all’orecchio quannu ci su persuni!

Mimì               —(pigliandosi di coraggio.) Mamà, truvavu a fimmina!

Cappalonga     —Chi truvasti?

Mimì                           —Truvavu a fimmina cu dù belli mazza di rosi, duri profumati, cu profumu aspru e vellutatu!

Cappalonga     —(sconcertata da questa affermazione, guarda Fofonè, che fa cenno di non capire niente.) Mimì, ti dissi e ti lu ripietu ca ancora nun è ura! (gli dà uno schiaffo. Poi ripete la stessa frase con voce maschile.) Mimì, ti dissi e ti lu ripietu ca ancora nun  ura!

Mimì                           —(piangendo) Ma ia vugliu a fimmina, a fimmina, a fimmina cu dù mazza di rosi.....(Biagina va verso Mimì per consolarlo.)

Cappalonga     —Mimì! atteggiamento di rimprovero) Mimì! (Mimì si allontana da Biagina e va ad appoggiare la testa sul seno della mamma.) Purtroppo chista fu la volontà di ma maritu, pace all'anima sua, (indica la striscia che ha sul petto.) Mi dissi prima di lasciare questa terra: Ninè, vidica t’affidu nostru figliu, fa tu la mia volontà. E accussì, ia à fari puru la parti di ma maritu. (piange)

Fofonè                        —Ah, pirchissu....... Mimì (con voce di donna)...... Mimì (voce di uomo.)

Capppalonga   —Purtroppo si! Adesso mi concedo. (al figlio)

Mimì               —Mamà…...ma ia…......

Cappalonga     ---Ti dissi No! (Mimì poggia di nuovo la testa sulla spalla della mamma, e con passi lenti escono dalla comune.)

Biagina           —(guarda lo zio stranito della situazione) Zio, zio Fofò, ia vaiu ddà banna, vaiu a pigliu 'na cosa e pua niesciu.Vaiu ni la mamma, ca sta faciennu la tirapia di gruppu. (esce dalla destra.)

Fofonè            —(rimasto solo) L’omu chinu di misteru! Non una, na tanti facci avi. La psiche, la psiche umana! Ma! (esce dalla sinistra)

Biagina           ---(rientrando dalla destra, va verso il divano, piglia il registratore, che precedentemente aveva posato, fa ritornare la cassetta indietro e lo rimette al posto di prima. Esse dalla comune.)

SCENA SECONDA

Fofonè e Fiammetta.

Fofonè            —(va verso la porta di destra) Biagina, Biagì!  Sinnì ì! Mi pigliu la giacca e niesciu

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

puru ia. (suonano alla porta. E' Fiammetta la sua amante. E’ rappresentante di

Enciclopedie. Cammina con passi flemmatici. Quando in stato di eccitazione, in delirio, incomincia a gorgheggiare cantando brani di musica lirica.) Oh signorina si accomodi! (poi va verso la porta di destra e si accerta che Biagina sia uscita effettivamente.) Siemmu suli, ia e tu. Però ti l’haju dittu milli voti, ca ccà dintra nun t'ha fari vidiri, pirchì…...rischiamo molto. Vieni tra le mie braccia, mia cara Fiammetta. Fiamma del mio cuore.

Fiammetta       —Fofonè, vidica ia mi stancau di 'sta situazione, quann'è l’ura ca ci addumanni lu divorziu a to muglieri?

Fofonè            —Dimni 'na cosa, Fiammè! Ti piaci 'sta casa?

Fiammetta       —Si!

Fofonè            —Ti piaci la villa a mari?

Fiammetta       —Si!

Fofonè            —Ti piaci la villa in montagna?

Fiammetta       —Si!

Fofonè            —E allura si fazzu un passu di chissu, ca addumannu lu divorziu a ma muglieri, pierdu tutti cosi.Ti l’haju ripitutu un saccu di voti. Ni lu testamentu chi lassà ma patri cu la matri di mamuglieri, c’era scrittu chissu. Ca si ia lassu a iddapierdu tutti cosi! E accussì vali pi idda.

Fiammetta       —Ih, si vi lassati tutti di comuni accordu?

Fofonè            —Anchi a chissu pinzaru, li bonanimi. L'eredità va a finiri a li parienti prossimi!

Fiammetta       ---E allura?

Fofonè            —E allura, allura amma continuari accussì, fina quannu scuopru ca ma muglieri mi fa li corna cu n'antru, o ca si stancadi mia..... accussì puozzu divintari eredi universali. (cambiando discorso) Fiammè, Fiammè mi staju abbrusciannu. Ogni vota chi staju vicinu a tia abbrusciu tuttu. La testa mi sta scoppiannu, lu sancu mi vuddi, lu cori mi fa tummi,tummi. Cedialle mielusinghe! (allarga le braccia)

Fiammetta       —Chi?

Fofonè                        —Iettati!

Fiammetta       —Ah, si! Cedo, cedo alle tue......

Fofonè                        —Lusinghe!

Fiammetta       ---Si, alle tue lusinghe. Mi iettu.

Fofonè            —(mettendosi in ginocchio) Specchio delle mie brame chi è l'amore tuo del reame?

Fiammetta       —Chi?

Fofonè            —(buttandosi sul divano) Nenti, iettati!

Fiammetta       —Si! Sono tuttatua! (mentre Fofonè incomincia a baciarle la mano, per poi salire sul braccio, Fiammetta si alza ed incomincia a gorgheggiare, e cantare un brano di musica lirica.)

Bella figlia dell’amore,

schiava sono dei vezzi tuoi,

le mie pene, le mie pene,

consolarla. La. La....la...

Fofonè                        —Anch'io sono schiavo, schiavo di te e di …...ma muglieri.

Fiammetta       —Chi c'entra to muglieri?

Fofonè            —(ricomponendosi e preoccupato) Ma muglieri, sta viniennu ma muglieri! Sintivu rumuri di porta. E cuomu faciemmu ora? (si muove per la stanza.)

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Fiammetta       —Addio villa a mare, villa in montagna.....

Fofonè            —Sangue freddo! Assittati ccà! (indica la poltrona. Toglie il copridivano, fa sedere Fiammetta e la copre con il copridivano. Si Siede sopra e fa finta di leggere il giornale, messo al contrario. Mimica a soggetto. Entra Mariù tutta arrabbiata.)

SCENA TERZA

Detti e Mariù.

Mariù                          ---(irrompendo in scena. Nervosissima.) Unni sì? Unni si? (vedendo il marito seduto sulla poltrona) Ah, ccà sì! Lu fai apposta, ah? Lu fai apposta?

Fofonè            —(seduto su Fiammetta) Si po sapiri chi hai?

Mariù              —Chi haju? (esce dalla borsa alcune paia dimutande e gliele butta in faccia.)

Fofonè                        —Chi su si cosi?

Mariù                          ---Chi fa finta di nun sapiri nenti? Ah? Chi figura ni facisti accucchiari in casa di donna Carmela, a morta! Tutti chi chiangivanu pi la disgrazia ca ccì successi. Ia pigliavu lu fazzulettu pi asciu­carici li lacrimi a la figlia, e chi ci dugnu a lu puostu di 1u fazzulettu, mutanni, rnutanni! Ma pua fra tanti borsi, propriamenti ni chista, isti a mittiri li mutanni, ah? Disgraziatu, nun rispunni? Ah? Nun Rispunni? Un momentu! (escedalla sinistra per andare a pigliare altre borse. Nel frattempo Fofonè fa alzare Fiammetta, scoprendola, e la invita subito ad uscire.)

Fofonè            —Dai sbrigati, curri, vatinni! (Fiammetta non fa in tempo ad uscire, in quanto rientra subito Mariù con altre borse mano. Fofonè per nonfare accorgere la presenza di Fiammetta, alza il copridivano che teneva già inmano, stendendolo coprendo, così interamente Fiammetta. Si trovano in scena, sul­la sinistra Mariù, al centro Fofonè e sulla destra Fiammetta che non sacosa fare.)

Mariù                          —(aprendo le altre borse) Piezzu di....... puru ni l’antri borsi mittisti li mutanni! (fuoriesce tutte le mutande contenute nelle barse. Poi s’accorge del­la strana posizione del marito col copridivano inmano ed esteso) E chi cifa cu ssà pezza? Misu accussì ‘ncruci?

Fofonè            —La stava spolverannu! Ti l’haju dittu sempri, ca ni 'stu periodo sugnu puru allergicu a la polveri! Quannu li spuolveri li cosi? Lu sai ca mi veni l'asma!

Mariù                          —Quannu criepi è troppu tardi? Tutti li borsi mi inchisti di mutanni, talia! (gli butta in faccia le mutande, e si va spostando e contemporaneamentesi sposta Fofonè, in maniera da coprire sempre Fiammetta. Dopo aver fatto un mezzogiro della stanza, Fofonè fa risedere sulla poltrona Fiammetta coprendola colcopridivano.) Vili, vili ricurriri a 'sti meschinità, pì farimi stancari, ah! Nun parli, ah?

Fofonè                        —Ia surfaru!

Mariù                          —Cu 'stu surfaru t’a farifari 'nasurfarata, ca t'ava nesciri di la testa ddù picca ciarvieddu chi ti ristà! Nun parli,ah?

Fofonè            —Ia nun ci trasu nenti! Tu sìl’artefici di 'sti cosi edi l’antri. Tu lu fai apposta, pi dari la curpa a mia. Capitana, capitana di li ma stivali!

Fiammetta       —(da sotto il copridivano) Bravu Fofonè!

Mariù              —(sorpresa nel sentire la strana voce) Chi è?

Fofonè                        —Chi è? (smarrito) E' la voce della mia coscienza, che approva il mio agire. (contraffacendo la voce) Bravu Fofonè!

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Mariù                          —La voce della tua coscienza! Quali? Quali, si tu nun l’hai mai avutu! Coscienza, si n'avissitu tantic­chia, nun facissitu 'sti scherzi, di cattivu gustu. (riferendosi alle

mutande) Coscienza! Vidica ia di 'stu iuocu nun mi stancu. Lu sai cuomu dissi lu rizzu dintra la tana “cu si senti pungiri si ‘nni và”. E ia nun mi sientu pungiri, e nun mi 'nni vaiu. Resterò sempri ccà, vua o nun vua. E accuminciu di ora! M'assittu ccà (si siede sull’altra poltrona) e nun mi susu cchiù.

Fofonè                        —E mancu ia di ccà! (anche lui seduto sull'altra poltrona, sopra Fiammetta. Mimica a soggetto. Fofonè vedendo che la moglie non va via, sblocca la situazione rocorrendo alla ninna nanna:

Cavadduzzu, cavadduzzu,

puorti l'acqua ia ci appuzzu,

acqua limpida e sciarusa,

dormi dormi la carusa......Cavadduzzu.....

(mentre recita la ninna nanna Mariù si assopisce, addormendandosi completamente sulla poltrona. Fofonè si alza, toglie il copridivano, scoprendo Fiammetta.) Lestu, lestu vatinni, curri subitu! (Fiammetta si alza ed emette un grido lacerante nel vedere ancora presente, nella stanza, Mariù.)

Fiammetta       —Ah! Addio ville! Addio! (poi accortasi che Mariù giace esamine sulla poltrona.) Oh Diu! Oh Diu, chi fici murì? L’ammazzasti? (gridando) L’ammazzasti?

Fofonè                        —(tranquillizzandola) No, dormi!

Fiammetta       —Cuomu dormi? E si si sveglia?

Fofonè            —Mancu li bummi Talia! Bumm! Cucù! Scema! (si mette a ballare e a fare schiamazzi.)

Fiammetta       —Chi ci facisti?

Fofonè                        —Nenti, cosi mia sunnu! Vatinni!

Fiammetta       —Ciao, mi ‘nni vaiu. Pericolo scongiurato. Ciao cucciolotto, cucciolotto mio! Ciao. (esce dalla comune.)

Fofonè            —(rimasto solo schiocca per tre volte le dita e Mariù si sveglia. Fofonè si risiede sulla poltrona.) E allura?

Mariù              —(svegliandosi e non ricordando nulla.) E allura Chi?

Fofonè                        —La vua finiri cu 'sta recita?

Mariù                          —Fofonè, Fofonè, va cuntala all'antri, va cuntala all'antri. "Sceccu e mulu, accravaccaci sulu". E ora mi 'nnì vaiu. (Piglia una delle tante borse, toglie alcune mutande e va via dalla comune.)

Fofonè            —(buttandosi sulla poltrona.) A rischio di'nfartu! A mia dici, sceccu e mulu accravaccaci sulu. Ma la curpa è di Fiammetta, ci l’haju dittu sempri di nun viniri 'ncasa mia. Idda nunm ni voli sentiri. (Suonano alla porta. Fofonè va ad aprire. E' Cola vestito di donna. Portacappello con una leggera veletta chele copre interamente il viso.)

SCENA QUARTA

Detto, Cola, Ninfuzzae Mariù

Fofonè            —Si accomodi, signorina.

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Cola                            —(Conuna valigetta ventiquattrore in mano. E' un rappresentante. Contraffacendo la voce.)Si,grazie! (si siedono uno sulla poltrona e l’altro sul divano.)

Fofonè                        —In che cosa la posso servire?

Cola                —Io la devo servire. Sono rappresentante.....

Fofonè                        —Rappresentante di che?

Cola                            —Di abbigliamento intimo, delle migliore marche. Saquella propaganda che fanno alla TV. Aspetti che gliela facciovedere. (Si alza per far vedere le mutande.)

Fofonè            —Signorina, non c’è bisogno che si scopra!

Cola                            —Si che c’è bisogno. (si butta suFofonè ed incomincia a toccarlo. Entra Ninfuzza riconosce, anche se vestito di donna,Cola.)

Ninfuzza         —Co....Co....Cola, Cola! (gli si avventa contro, pigliandolo come al solito, a borsate. Cola fugge via per la comune. Ninfuzza sviene! Fofonè cerca di rianimare la sorella. Mimica a soggetta.)

Fofonè            —Ninfuzza, a suoru chi ti successi? Dilla 'na parola. To fratuzzu sugnu. Ninfù, o Ninfuzza. (Entra Mariù con una macchina fotografica. Vede il marito posto sopra Ninfuzza, quindi scambia Ninfuzza per Cola, vestito di donna.)

Mariù                          —Tradituri, tradituri. (scatta delle foto) Adesso ho le prove che mi tradisci. (continua a scattare le foto. Ad ogni scatto di flasch, Fofonè cambia posizione. La scena si svolge al buio, illuminata sola­mente dai colpi di flasch. Alla fine Fofonè scopre interamente Ninfuzza. S'illumina la scena.) Ninfuzza! 

FINE  SECONDO ATTO

            " Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO            TERZO

(Stessa scena del primo e del secondo)

Fiammetta, Mimi, Fofonè e la vedova Cappalonga.

Fiammetta       —(entrando dalla comune da sola.) Che bellu, finalmenti sugnusula, sula cu Fofonè. Ora ni mangiammu 'na bella pizza, e cuomu finisci, finisci. (si siede sul divano e legge un giornale. Sente un rumore di porta.) Chissu è Fofonè, ca porta li pizzi. Ora ci fazzu 'na bella surprisa. L’amuri senza paura chi amuri è? (piglia il copridivano, e prima di coprirsi interamente, spegne la luce. Quando si apre la porta al centro,Fiammetta piglia il copridivanoecopre, assieme a lei, la persona testè arrivata. La persona è Mimì, ma Fiammetta non s’accorge, crede che siaFofonè. Incomincia a tastare sot­to il copridivano.) Mih, Fofonè, cchù luoncu mi pari ccà sutta. Mi pari cchiù masculu. Bedda matri chi è ssà cosa? Muoru, muoru! (esce da sotto il copridivano, lasciando coperto Mimì, ed incomincia a gorgheggiare poi a cantare.)

La donna èmobile,

qual piume al vento

muta d'accento e di pensier.

                        La donna è mobile......

(siva a sedere sul divano) son tutta tua! (in quell'istante entra Fofonè.) Fofonè sono tutta tua! Cuomu dicivatu l'antra vota. Cedo alle tue lusinighe. (Fofonè accende la luce, ha in mano ledue pizze, e vede la persona coperta col copridivano eFiammetta distesa sul divano. Fianmetta nel vedere Fofonè, si chiede chi è la persona coperta dal copridivano. Guarda in faccia Fofonè e poi la persona misteriosa.) Fofonè,addio alleville, addio! (Fofonè deciso, scopre Ia misteriosa figura. E' Mimì con capelli tesi, occhi fuori l’orbita, come seavesse visto un fantasma.)

Fofonè            —Mimì? Mimì? (poirichiamandolo) Mimì! Mimì!(poi loscuote.)

Mimì                           —A fimmina, 'nantra fimmina truvavu, cu dù bellimazza di rosi. (suonano alla porta.)

Fiammetta       —Manun mi avivatu dittu ca dintra nun c'era nuddu? Ca turnavanu stasira tardi?

Fofonè            —Si, accussì è! Cu po essiri? (Fofonè fa sedere Fiammetta sulla poltrona e la copre col solito copridivano. Va ad aprire. E' la vedeva Cappalon­ga a cercare il figlio. Musicafunebre.)

Cappalonga     ---(irrompe in scena)Unni è ma figliu? Atu vistu ma figliu? (poi vedendolo si tranquillizza.) Mimì, la mamma chi hai? (Mimì non risponde, ancora scioccato) Mimì, a mamma chi hai? (a Fofonè) Chi ci successi a ma figliu? Mimì!

Mimì               —Mamà, truvavu a fimmina!

Cappalonga     ---Quali fimmina?

Mimì               —(indicando il divano e ridendo) Chidda!

Cappalonga     —Ma chi ci successi a ma figliu?

Fofonè            —Nenti, quannu trasì, era accussì.

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Mimì               —Truvavu a fimmina, mamà!

Cappalonga     —Amunì, Mimì, amunì!

Mimì               —No, mamà! Vuogliu a fimmina, chidda!

Cappalonga     —Si, amunì, ca pua ti la vaiu accattu. (Mimì non si sposta) Mimì (poi con voce di uomo) MIMI'! amuninni! (afferra per braccio il figlio ed escono.)

Fofonè                        —(scoprendo Fiammetta) Finalmente! Mi stava viniennu 'nfartu!

Fiammetta       —Mi dicisti ca stasira eramu suli?

Fofonè            —Ma muglieri, ma suoru e Biagina sugnu sicuru ca anna viniri tardi. Mi stranizza cuomu Mimì rapì la porta, cu ci la detti la chiavi? Boh!

Fiammetta       ---Fofonè, amuninni, amuninni ddà banna. Bollo, bollisco.

Fofonè            —Si, amuninni ddà banna. (escono dalla sinistra. Fiammetta gorgheggia.)

                       

SCENA SECONDA

Mariù, Cola, Fofonè, Fiammetta e Biagina

Mariù              —(entrando dalla comune) Trasi, trasi Cola.

Cola                —Suli siemmu? (la tempesta di baci)

Mariù              —Si suli. Ma maritu mi dissi ca iva forestieri e viniva tardi.

Cola                —Mariù andiamo stenderci sul tuo talamo!

Mariù              —Chi?

Cola                —Liettu!

Mariù                          —Ah! (suonano alla porta) Cu po essiri? Di la fa­miglia sicuramenti no! Cola, ascunta vatinni ddà banna. (indica la porta di sinistra, poi ripensan­doci.) No forse è miegliu ca t’ammucci ccà sutta, cu sa fussi ma maritu! (lo nasconde come al solito sotto il copridivano. Spunta Fofonè dalla sinistra)

Fofonè            —Tu ccà sì?

Mariù              —Tu ccà sì?

Fofonè            —Mi sbrigavu prima, e tu?

Mariù              —Ia puru! Mi parsi ca sunaru.

Fofonè                        —Puru a mia, mi parsi! (nessuno si sposta per andare ai aprire, in quanto ognuno deidue ha paura di essere scoperto. Di nuovo scampanellata.)

Mariù              —Ancora sonanu! Va a rapicitu, quantu ia mi vaiu a cangiu 'sta vesta!

Fofonè            —Vacci tu! C’è luragiunieri Calcagnuca mi perseguita, enun mi vuogliu fari a vidiri.

Mariù              --- E’ allura ci vaiu ia?

Fofonè            —A quantu pari, vacci tu! (un po di mimica soggetto per decidere chidei due deve andare adaprire. Alla fine va Mariù ad aprire. Nel frattempo Fofonè chiama Fiammetta dalla porta di sinistra.) Fiammè, Fiammè curri! Mittiti ccà. (la fa sedere sulla poltrona, libera, e la copre col copridivano. Troviamo così idue amanti seduti sulle due poltrone.) Quannu ti fazzu signali scappa via,1u capisci? (Fiammetta annuisce con latesta. Rientra subito Mariù con Biagina. Fofonè si siede sulla poltrona.) Biagì, tu si? Chiffà nun n’avivatu chiavi?

Biagina           ---(esitante in quanto aveva dato la chiave a Mimì) Mi la scurdavu ni l’antri pantaluna. Passu ddà banna quantu mi vaiu a cangiu. Sugnu invitata a una festa!

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

(Mariù si siede sull’altra poltrona, sopra Cola. Biagina esce. I due rimasti soli si sorridono, sono gentili tra di loro come non lo sono stati mai.)

Fofonè            —Chi bella iurnata chi c’è oj? E' veru?

Mariù              ---Veru bella, è! (si affaccia Biagina dalla porta di destra.)

Biagina           —Zia vieni un momentu, quantu mi dici quali cammi­sa ci ha mittiri cu li pantaluna.

Mariù              —(che non vuole alzarsi) Vacci tu, ca ia sugnu stanca. (al marito)

Fofonè            —Ma chisti su cosi di fimmini! Chi ci entru ia?

Mariù              —Biagì pigliali e mi li fa vidiri! (Biagina rientra)

Fofonè            —(con sorriso da ebete) Però avi assà ca nun chiovi?

Mariù              ---Veru, assà avi! (rientra Biagina.)

Biagina           —(Con due camice in mano.) Quali ti piaci cchiossà?

Mariù              —Chidda rosa!

Biagina           —Va beni (esce).

Fofonè                        —Chi callu c’ha fattu?

Mariù                          —Veru callu ha fattu, di moriri! (i due si guardano e ridono. Non sanno cosa dire, poi assieme.)

Fofonè            ---E allura?

Mariù              ---E allura?

Fofonè                        —Allura chi?

Mariù              —No! Tu allura chi? (entra Biagina.)

Biagina           —Tutto a posto, esco, verrò tardi!

Fofonè                        —E to matri, unni e?

Biagina           —Pi la solita tirapia di gruppo. Pua passu ia e la vaiu a pigliu. (esce dalla comune.)

Fofonè            —Carusa d'oro Biagina, veru?

Mariù                          —Veru! Carusa d'oro! (i due si guardano e sorridono, non sanno come sbloccare la situazione. Mimica a soggetto.)

Biagina           —(rientrando di corsa e preoccupata) Zio Fofò, zia Mariù, curriti subitu, c'è Mimì ca si senti mali  'mpalatu, fermu, ca dici la stessa cosa. (Biagina esce dalla comune. I due si alzano in contemporanea, e fanno segnale ai propri amanti.)

Fofonè                        —(ad alta voce per farla capire alla sua amante.) Allura ci iammu, iammu a vidiri chi successi?

Mariù                          —(pure lei ad alta voce.) Si amuninni, iammu a vidiri chi successi. Ma dintra nun resta nuddu?

Fofonè            —Nuddu, nuddu, chi ci fà! Amuninni. (escono dalla comune.)

SCENA TERZA

Detti, Fofonè, Mariù e Biagina

(I due amanti rimasti soli incominciano a scoprirsi. Mimica a soggetto. Una volta scoperto la testa, ognuno s’accorge della presenza dello altro.)

Cola                —Buonasera!

Fiammetta       —Buonasera!

Cola                ---Bella giornata vero?

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Fiammetta       —Bellissima!

Cola                —Come mai da queste parti?

Fiammetta       —Così per caso, passavo da questi parti......

Cola                            —Anch’io! (alzandosi e lasciando sulla poltrona il copridivano) Mi presento, Cola, Cola Cappalonga.

Fiammetta       —(alzandosi e lasciando il copridivano sulla poltrona) Piacere, Fiammetta Alù! (si danno la mano)

Cola                —Parente del padrone di casa?

Fiammetta       —No, amica! E lei?

Cola                ---Amico!

Fiammetta       ---Del padrone di casa?

Cola                            —No, della signora. (a questo punto si sente rumore di porta e vocìo di Fofonè e Mariù. I due amanti presi dalla paura, non curanti della presenza dell’altro, riprendono i copridivani e si siedono, scambiando le poltrone, e si coprono. Fofonè entrando per primo, corre subito, mettendosi vicino alla poltrona su cui è seduto Cola. Capisce che l'amante è ancora seduto sulla poltrona. Altrettando fà Mariù, va verso la poltrona su cui è seduta Fiammetta, e anche lei s'accorge che il suo amante è ancora seduto sulla poltrona.

Mariù                          —Chi ccì successi a ddù carusu. Pariva scioccatu ripitiva sernpri la solita frasi! Mamà truvavu a fimmina! Chi vuliva diri? (A questo punto si siedono in contemporanea.­  Fofonèsi siede su Cola, e Mariù si siede su Fiammetta. Mimica a soggetto. Poi Fofonè e Mariù incuriositi della stranezza del caso, si alzano scoprendo, sempre in simultaneità, le due poltrone, mettendo a nudo i due amanti. Risata da ebete sia dall'una che dall’altra parte.)

Fofonè            —Settete! Cucù! Cucù e brava a Mariù!

Mariù              —Tu fusti cchiù bravu di mia, e nun ti dicu nenti cchiù.

Fofonè                        —(rivolto a Cola) Permette che mi presento: Alfonso, per gli amici Fofonè, Alfonso Santia, il marito della sua amante, il cornuto, per capirci meglio! E io con chi ho l’onore, se così si può dire?

Cola                            —(titubante) Nicola, per gli amici Cola, Nicola Cappalonga, "l’amico" di sua moglie!

Mariù                          —(verso Fiammetta) Permette, Mariù Magri, la moglie del suo amante, la….. piacere!

Fiammetta       —(stando al gioco) Fiammetta Alù, piacere!

Fofonè            —(a Cola che è ancora seduto sulla poltrona, piglia il copridivano e lo posiziona sul

davanti a modo di asciugamani) Preferisce barba, capelli o sciampo?

Mariù              —E finiscila 'na bona vota, sempri lu stessu sì! Sempri bravu a cuminari fissarij.

Fofonè            —Veramenti tu si cchiù brava! Lu peperoncinu ni li mutanni, ni li fazzuletta.....

Mariù              —No! Aspetta! Chissu tu fusti! Tu fusti a cuminari ‘sti scherzi, pi dari la curpa a mia, tu fusti a mittiri li ficudinij ni lu reggisenu........(entra Biagina)

Biagina           —(imterrompendo il discorso e continuando)......Li mutanni a lu puostu di li fazzuletta.........(Fofonè e Mariù non danno peso all'intervendo di Biagina, in quanto preoccupati della sua presenza.)

Fofonè            —(subito) Ciao Biagì, ti presento alcuni amici di famiglia! La signora.........

Biagina           —Fiammetta!

Mariù              —E il marito........

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Biagina           —Cola!

Fofonè            —Ah li canusci?

Biagina           —Abbastanza!Finitila di fari 'sta farsa. Dicitilu chiaru: i vostri due amanti!

Fofonè            —(mansuetu) Ma chi dici, Biagì. Mancu l’ha pinzari!

Mariù              —(piùdolce) Machi ti scappa di la vucca! Nantri'sti cosi?

Biagina           —(andando a pigliare il registratore che sta sotto il divano, riavvolgendo il nastro fa ascoltare alcune registrazioni degli amanti.) Allura? Insistìti a ancora? Tutti cosi sacciu.

Fofonè            —Va bè, Biagì, tu lu sai chi sunnu, debolezze... 'na 'mbriacatina, 'na 'mpidugliata di pedi.... e

Biagina           ---Atutti ma a uantri no! Uantri siti speciali. Vi ricuordu li condizioni di lu testamientu lassatu di li vostri genitori.....

Mariù                          ---E bravaa Biagina, brava, veramenti brava. Ora capisciu tutti cosi, oracollego. Dicisti pocu fa, quannu trasisti, li mutanni a lu puostu di li fazzuletta..... Allura tutti li scherzi sunnu opira tua (suonano alla porta, Biagina va ad aprire. Mariù rivolta al marito.) Lu vidi c'ammu addivatu dintra, 'na serpi vilinusa. (rientra Biagina con Mimì, tenendolo per mano. Mimì nel vedere Fiammetta gli occhi siilluminano, incominciando ad inebriarsi. Non s'accorge della presenza di Cola.)

Minì                            —(vuole svincolarsi dalla stretta di mano di Biagina.) Buongiorno, zio Fofò, buongiorno zia Mariù, (poi rivolta a Fiammetta) Buongiorno. (si sofferma a guardarla fissa. Biagina lo richiama, tirandolo verso di se.

Mariù                          —Brava veramenti brava. Edimmi 'na cosa, con quanti altri hai organizzato questa meschina  commedia?

Mimì               —(svincolandosi da Biagina, va verso Fiammetta.) Ciao, ia mi chiamo Mimì! E tu?

Fiammetta       —(esita un po) Fiammetta, mi chiamo Fiammetta!

Mimì               —Tu sì, ca si fimmina, cu dù belli mazza di rosi!

Fofonè                        —Veni ccàMimì! (lo piglia per mano.)

Mimì               —No! No ccà mi piaci stari, allatu diFiammetta.

Biagina           —(pigliandolo per mano e tirandoselo verso di se. Poi suonano alla porta.) Amunì Mimì,amunì vidiemmu cu è ca sona! (vannoad aprire. Mimì adesso si accorge della presenza di Cola e rimane esterefatto. Ma Biagina non gli da il tempo di riflettere. Escono per aprire la porta.)

Cola                —Chi fà tolgo il disturbo?

Mariù                          —A quali disturbo. Resta dduocu, staremo a vedere come andrà a finire 'sta commedia. A quantu pari puru Mimì è d’accordo cu Biagina. (Rientrano Biagina, la vedova Cappalonga e Mimì. Quest'ultimo ancora assalito dal terrore, fa segnale alla mamma di guardare verso Cola.)

Cappalonga     ---(Nel vedere Cola simette a gridare. Vede in Cola il suo defunto marito.) Ah! Ah!

guardando fisso Cola e quasi svenuta) Luii.......Luii.......Luigi! Luigi! (fa segno di croce, tutti restano allibiti dal comportamento della vedova Cappalonga.)

Mimì               —(verso Cola) Papà, papà!

Cappalonga     —(tenendo stretta per mano Mimì.) Luigi, vivusì! Vivu si! Mi sientu mali! (la fanno sederesulla poltrona. Cola s’avvicina per soccorrerla, ma la vedova emette ungrido strazian­te quando viene toccata da Cola.) Lu spirdu! Lu spirdu di ma maritu!

Fofonè            —Ma chi avi? Chi ci piglià?

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Mariù              ---Chi sacciu, nun ci stajucapiennu nenti!

Cola                            —Vi lu spiegu ia! Ia sugnu Cola Cappalonga lu frati gemelludi Luigi Cappalonga, lu maritu di la signura ccà prisenti. Eramu dù gemelli can'assimigliavamu cuomu dùgucci d’acqua.

Cappalonga     —Luigi, Luigi, ah Luigi! (Mimì ripreso dallo spavento va verso Fiammetta a stuzzicarla. In tutto il dialogo che segue Mimì andrà sempre a stuzzicare Fiammetta e verrà sempre ripreso da Biagina. La vedova Cappalonga chiarito l'equivoco, chiama verso se Cola e lo tocca.) Precisu, precisu è! Precisu a ma maritu. (al figlio Mimì) Mimì, Mimì! (non sente il richiamo della mamma, è nelle vicinanze di Fiammetta.) Mimì, Mimì, unni sì? (lo vede assieme a Fiammetta) con voce maschile) Mimì! (Biagina va a pigliare per mano Mimì e lo porta alla mamma. La vedova così tiene per mano da una parte Cola e dall’altra il figlio) Mimì saluta a to patri! Dai Mimì saluta a to patri! (Mimì si svingola dalla stretta della madre e va ad abbracciare Fofonè.)

Mariù              —Mimì, to patri nun è chissu! Chiddu putiva essiri!

Mimì               —(abbracciando Fofonè) Iddu è ma patri!

Mariù              —(guardando la vedova Cappalonga) Ma chi dici?

Cappalonga     ---(annuendo con la testa) La verità!

Mimì               —(abbracciando a Mariù ) Mamà!

Mariù              —Ma chi niscì foddi? (respingendo Mimì)

Cappalonga     —No, cara Mariù, chissu è to figliu. Figliu tua e di to maritu Fofonè.

Mariù              —Fofonè, lu sienti chi dici?

Fofonè            —Avi ragiuni, Mimì e nostru figliu! Ti ricuordi......

Mariù              ---Allura nun muri?

Fofonè                        —No, nun murì! Quannu nascì nostru figliu, prima ca ni maritassimu, ma patri pi paura ca succidiva  'nu scannalu e quindi avissi avutu conseguensi nella sua carriera politica, fici cridiri ca nostru figliu nascì muortu, inveci lu detti in affidamentu a to suoru cu 1u maritu. A to suoru Ninetta ci murì lu figliu a la nascita!

Mariù             —Ma a tia cu ti lu dissi?.

Fofonè                       —Ma patri, ma patri prima di muriri!

Mariù              —(abbracciando Mimì) Perciò Mimì......

Fofonè                        —.....Si! Mimì è nostru figliu. (Mariù e Fofonè lo abbracciano. Così pure Biagina. La vedova Cappalon­ga presa dalla scena così patetica, abbraccia pure Cola che non la vuole più lasciare.)

Cappalonga     —Luigi nun mi lassari!

Cola                —Nun sugnu Luigi ma Cola!

Cappalonga     —Luigi Cola, veni cà, assittati allatu amia. Adà, Luigi Cola. (Mariù gli fa segnodi acconten­tarla. Cola sisiede con la vedova Cappalonga. A questo punto entra Ninfuzza. Resta frastornata dalla presenza di tutta quella gente. Poi si accorge di Cola ed incomincia a gridare..)

Ninfuzza         —COLA, COLA, Cola nun mi lassari! Vaverso Cola e lotira versodi se.)

Cappalonga     —(tirandolo verso di se)No, mia è, mia è!

Ninfuzza         —Ahh! Ahh! Arrieri m'ava lassari, Cola! (lo piglia a borsate. Fofonè e Mariù cercano, di calmare Ninfuzza.)

Fofonè            —Calmati a suoru, calmati! (a Cola) Ma chi ci facisti? (Cola non risponde.)

" Cavadduzzu, cavadduzzu ......."commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Ninfuzza         —Cola nun mi lassari, nun fari cuomu facisti tanti anni fa, lassannumi incinta di d’innuccenti! (indica Biagina) Cola colonna dila vita mia!

Biagina           ---(alla mamma) Mamà, chi è allura ma patri?

Ninfuzza         —Si, to patri è! (Cola ) Nun diri di no, se no ti pigliu a borsate! (piange, piglia dei fazzoletti dalle due borse per asciugarsi le lacrime. Mariù riconosce i suoi fazzoletti che teneva nelle sue borse.)

Mariù                          —(Togliendoli dalle mani di Ninfuzza) Vidi, vidi cu è l’artefici, vidi cu è l’altra complici! (Ninfuzza fa finta di niente.)

Fofonè            —Perciò Cola tu fusti lu zitu di ma suoru e la lassasti incinta di Biagina, e nun ni pigliasti cchiù cuntu?

Cola                            —Sì, è così, sono stato un vigliacco! Ho sbagliato! (mentre parla Ninfuzza fa mulinare le borse) Adesso sono pronta a riparare! (Biagina e Ninfuzza vanno ad abbracciare Cola.)

Cappalonga     —(mettendosi a piangere) Sono una seconda volta vedova! (piange) E ristavu sula, senza maritu efigliu! Sula!

Fofonè            —Aspetta! (a Fiammetta ) Fiammè, tu nun ci dicivatu ca stavatu sula dintra? Sula cuomu un cani? Ebbene ti presento la tua futura mamma! (alla vedova). Ninè, ti presento la tua futura figlia. (piglia per mano Fiammetta e l'avvicina alla vedova. Al centro della scena.)

Fiammetta       —(pigliando per mano la vedova) Mamà, vuogliu u masculu!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 67 volte nell' arco di un'anno