Cercasi marito pensionato. Importanti ca mori subitu

Stampa questo copione

(La scena comparirà evidenzindo tanto lusso

Belmonte Mezzagno 11/07/2010

Prefazione

Rosa, tempo fa lesse nel giornale “cercasi marito pensionato” fu da qui, che usando la sua astuta ipocrisia, si mise d’accordo col dottore di una casa di cura, iniziò a riciclare mariti che avessero varie patologie. Giunti sul punto di morte, avendo anche il prete d’accordo, sposava il mal capitato per far si che le restasse la pensione da vedova. Arrivata alla soglia del tredicesimo marito, lei non vedeva l’ora che morisse per far tredici! Quest’ultimo, tutti credevano fosse scemo e grazie a questo che Rosa arrivò al punto di...

Nel corso della lettura, troverete dei simboli che seguono delle parole espressamente dialettali: -  - e (  )

I due trattini, -  - riporteranno a seguire la parola in italiano.

Le parentesi, (  )  riporteranno la definizione in italiano della parola che l’attore con difetto di pronuncia, esprimerà nel suo modo di dire. GRAZIE!

Cercasi marito pensionato

Importanti ca mori subitu

Commedia brillante in due atti di:

Giovanni Allotta

Personaggi

Rosa Crapalicca                     moglie

Peppe Cacalasagne                 1°marito

Cettina                                   cameriera

Prete

Tanina lacrima veloce           vicinadi casa

Becchino

Dottore casa di cura

Sebastiano Culosicco              2°marito

Direttore del manimomio

Infermiere/a                          comparsa

(La scena comparirà ben arredata. Bei quadri, una vetrina dove si scorgono oggetti vari come piatti, bicchieri. Lato destro, vi si trova un comò con un vaso sopra, una poltrona in ottimo stato e la porta di accesso nella casa. Al centro un tavolo con dei fiori sopra, sedie intorno. Lato sinistro finestra con tenda e porta di uscita casa. nella parete centrale, bacheca con undici quadretti di foto buffe di uomini. in un angolo della stanza vi si trova Peppe, seduto su di una poltrona con la flebo vuota messa nel braccio)

PEPPE

(Parla forzatamente, quasi voce tirata come chi sta male e non tiene forza) Rosa Rosa, Portami u giornali! (Rosa entra, posa con poco garbo il giornale sul tavolo e si avvia ad uscire) oh! E allura?

ROSA

(Sguaiata)Allura chi! Mi lu leggiu ju pi tia? (Si siede e legge) Palermo: è stata trovata carbonizzata in una fabbrica di ghiaccio, a zà Bastiana cosci lordi! U vidi? Pi curpa tua, Bastiana muriu pi fariti leggiri u giornali. Si tu nun liggissi, l’avutri nun murissiru pi fariti un piaciri a tia! ( Da il giornale a Peppe con sgarbo. Esce)

PEPPE

Rosa Rosa, vidi ca a flebo finiù! (Rosa entra con un fiasco di vino, toglie la flebo, gli mette la siringa nel fiasco e lo mette nell’attrezzo che lo terrà sospeso. Peppe meravigliato) Rosa, chi midicina mi dasti, u vinu? Così, mi fa moriri tu!

ROSA

I dutturi dicinu ca u vinu, fa cogghiri sangu! Campa e statti mutu... vuliva  diri, zittuti e mori in paci!  (Esce sempre con premura)

PEPPE

(Legge con gli occhi il giornale, dopo un po’ la richiama) Rosa Rosa, portami u sicarro! (Entra Rosa poggia con poco garbo il sigaro sul tavolo e si avvia per uscire) Oh! E allura?

ROSA

U vo misu puru ‘nta vucca? Grapila granni, se no u bucu nun lu vju! (Peppe apre la bocca, Rosa si schifa, scostandosi) Chi schifiu! Chiudi sta fognatura, un tumore mi fai veniri

PEPPE

L’ultima vota chi mi lavavu i denti, fu quannu nascivu. Dumani vaju nno dintista e mi li fazzu puliziari!

ROSA

No dintista? Tu hai di bisogno uno spurgo pozzi neri, avutru chi dentista! (Gli infila il sigaro in bocca) chiudi subitu, nun grapilla mancu pi respirari! 

PEPPE

(Tenta di fumarlo) Mi lu fai fumari astutatu? Chi mi sucu, l’aria?

ROSA

Sempri megghiu du fumo ca poi ti veni u granchio (Apre la finestra) Anzi, accumincia a sucariti tuttu lo smoking e vidi ca di cca a stasira scoppi di salute! (Rosa gli da indicazioni e Peppe esegue, con bocca aperta) Aspira e tira...Tira e aspira...

PEPPE

Sai, mi sentu megghiu cu tuttu stu smoking chi mi staju sucannu! Sicuramente, mi fa meno male di lu sicarro! (Butta il sigaro dalla finestra)

VOCE FUORI SCENA

Curnutu!!!!

PEPPE

Rosa, ma parrava cu mia chistu?

ROSA

Boh, ora ci dumannu! (Alla finestra) Senta signor lei, ma con chi parrava?

VOCE FUORI SCENA

Cu du curnutu di so maritu parru, ca havi i corna così longhi, ca ci po’ fari i treccine!

ROSA

Grazie, molto gentile! U Signuri lu binidici! (Chiude la finestra) dici ca sei un cornuto chi corna longhi! Dici, ca a prossima vota, ti ci fa i treccine!

PEPPE

Ma comu! Mi dicinu cornuto e tu nun ci dici nenti?

ROSA

Nenti? Ci dissi grazie e lu binidicivu puru!

PEPPE

Mancu mi difinnisti!

ROSA

Chi havia a fari? ci havia a lanciare una mossa di cacatè da finestra?

PEPPE

Minimo minimo, ci havii a tirari u tavulu da finestra cu tutti i seggi! (Triste) Ma siccomu tu a mia, nun ci teni proprio!

ROSA

(Beffarda)Pi dimostrariti ca ci tegniu a tia, che fari? te cantari ca chitarra, finchè la barca va lasciala andare, o un cuore matto batte solo per te?

PEPPE

Mi facisti nesciri di la casa di cura, comu si mi vulissi bene. In cinqu misi, nun ha fattu avutru chi trattarimi mali, e mi desideri a morti! Ancora nun l’haju capito picchì mi teni cca, ma lo scoprirò!

ROSA

Senti, signor commissario dalle mille e una notte, ti fici nesciri da casa di cura dunni ti truvavi, pi sposarimi cu tia!

PEPPE

(Meschino nel parlare) Chistu l’havia caputu puru ju! E poi, chiddu chi nun rinesciu a capiri, picchì cerchi maritu dintra ‘na casa di cura!

ROSA

A mia, i mariti ca morinu subitu, (Con falsa eccitazione) mi eccitano!

PEPPE

E quannu u maritu ti mori, chi ti resta?

ROSA

A pinsioni! (Si tappa la bocca)

PEPPE

Ora u capivu, picchì scegli pazienti da casa di cura! Così dopo ca morinu, ti resta a pinsioni! Nun mi futti! U piaciri di mittirimi nell’altari cu l’avutri pi tu futtiriti a me pinsioni, nun ti lu dugniu! Sugnu sofferente, no cretino

ROSA

(gli si avvicina con dolcezza) Amore, che cazzarola dici! L’avutri mureru, picchì nun havianu impegni. Fra miliardi di persone, ti sceglivo picchì sei ricco di qualità. hai u ciriveddu bruciatu, a prostata in riserva, u telepass ‘nto cori, gastrite fulminante, diabete allucinante, ti pisci di supra, soffri di continente. Sai quantu fimmini si desiderano sposari un maritu comu tia!? (Triste) Nun mi vo sposari, picchì a differenza tua, scoppio di salute! (Piange, si allontana dando le spalle a Peppe)

PEPPE

(gemente, con voce tremante) Nun diri così, se no mi pisciu tuttu. Ti prometto ca ti sposo cu tutti i scarpi e i quasetti... (Rosa fa un gesto di vittoria con la mano, di nascosto di Peppe) si entro deci anni nun moru però

 

ROSA

(voce piangente) Invece no! si tu mi vo beni, a moriri subito, ma prima mi sposi! Siccomu tu, nun mi vo beni, come ti voglio io! (Piange recitando)

PEPPE

(Piange come un bimbo) puru ju ti vogghiu beni, pi dimostraritillu ti fazzu vidiri ca puru ju sacciu moriri per amore!

ROSA

Prima mi sposi, e poi...(Piange) nun ci pozzu pinsari che amore grande che hai! Ju nun sugnu degna di tia!

PEPPE

(Piangente) Rosa, si tu vo, vidi ca ju nun moru cchiù!

ROSA

(Seria e impulsiva) oh, ma chi dici! prima dici ca vo moriri, e poi ci ripensi!

PEPPE

(Con dispiacere) Ma tu devi sapere che l’amore è cieco.

ROSA

(Piangendo) E a morti è orba, ca perdi tempu a viniriti a prelevare!

PEPPE

(Sempre dispiaciuto) Si, ma chi priu –gioia- c’è, ca ju pozzu moriri. Poi, chi ti resta di mia?

ROSA

(entusiasta) A pinsioni! Cchiù bellu ricordo di chistu, nun mi po’ lassari! Ogni misi quannu arriva, vidi quantu preghieri ca fazzu, ca l’anima ti pigghia focu! (Bussano, apre ed entra la cameriera con dei sacchetti. Non piange, ma si adira) Mi l’havia scurdatu ca haju ‘na cammarera. Se ogni vota ca facemu shioppening, devo chiamare a chi l’ha visto pi truvariti, nun ci arrivamu cchiù

CETTINA

(Stanca) Se lei mi aiutassi a purtari sti biniditti sacchetti, invece di cumannarimi a bacchetta, vidi ca nun pirdissi tuttu stu tempu!

ROSA

(Adirata) Cicciolina, tu non sei nessuno pi dirimi i cosi a mia. Zittuti e va sistema a spisa da dintra! Vai, di corsa!!

CETTINA

Prima di tutto, mi chiamo Cettina!

ROSA

Nun sugnu capaci a chiamariti Cettina, mi sbatte a lingua ‘nte denti! (Fa la prova) Cetti...cetti... u vidi? Invece Cicciolina, mi veni cchiù facili!

CETTINA

Ma Cicciolina è u nomi di chidda ca fa film chi luci rosse. A mia, mi da fastidio stu nomi, picchì sugnu vergine!

 

ROSA

Si si, u sacciu! Nun diri nenti, se no a chistu ci acchiana a prissioni! Ora, va jettalu di là, sistemi a spisa, fa i pulizie, pripara di mangiare! Spicciati e fammi quattro messaggi ‘nte peri! (Si siede)

CETTINA

C’è cchiù nenti? Mi detti u travagghiu di un misi! Un po’ di rispetto! Nun è giustu ca sugnu la sua servitù, eh!

ROSA

Tu l’hai mai liggiuto ‘nto vocabolario a parola, servo io? (Cettina dice no) ma servitù! E poi, suona bene, servi tu! Annaccati e nun ti lu fari diri cchiù!

PEPPE

(Si alza da solo) Ti fazzu risparmiare fatica Cettina. Da dintra ci vaju sulu, mi riposo un poco, ca oggi mi sentu veramente male. (esce)

ROSA

(Ferma Cettina che stava per uscire coi sacchetti) Aspetta! Canciavu idea, fammilli ora quattro messaggi ‘nte peri, così mi rilasso. Nun mi fare male però (Cettina si inginocchia, inizia a massagiarle i piedi) brava Cicciolina! (Cettina le torce il dito del piede) ahi! Stai attenta a messaggiare! Pari ca stassi muncennu vacche!

CETTINA

Scusassi, mi svirticchiò a mano!

ROSA

Stamatina mi vinni a truvari l’onorevole Pastafrolla, mi dissi ca disbrigò li pratiche all’inps e oggi c’era u ritiro di li pinsioni. A proposito, a quantu pinsioni semu arrivati?

CETTINA

Basta cuntari i fotografie nell’altare! (Conta) uno, due, tre, quattro, cinque, se, sette, otto, nove, dieci e undici! undici pinsioni!

ROSA

Bonu, chi sugnu cuntenta! Viditi chi furtuna, in poco tempu hai avutu undici pinsioni! Alla faccia di chi nun n’havi mancu una! A proposito, ci passasti  da posta a pigghialli?

CETTINA

Certu, i pigghiavu tutti!

ROSA

Ca pigghiali! Ancora tempu perdi! Dunni i mittisti?

CETTINA

Nna cassaforte! (Tira fuori dal seno undici buste, gliele conta) uno, due, tre, quattro...dieci...e chista frisca frisca undici!

ROSA

Quanti beddi picciuli! U vidi beddu travagghiu chi mi truvavu! Pinsari che tutto è nato per scherzo da un articolo di giornale! “ Cercasi marito pensionato” io schirzannu pinsavu “ importante ca mori subitu!” pensa e ripensa, pensa e ripensa arrivavu a sta soluzione di circari schecchi morti nne ospitali, pi scipparici i ferri! (Ride e bacia le buste) brava Cicciolina!

CETTINA

(prega tra se con rabbia) Santa Befana, facci cadiri a lingua cu tutti i cannarozza a sta gran Butt...

ROSA

(La interrompe) Ma chi hai ca parri sula!

CETTINA

Sula? Ci stava dicennu ‘na preghierina a santa Befana! Speriamo ca mi fa a grazia!

ROSA

Speriamo ca la grazia la fa puru a mia a befana di fari tredici nna schedina!

CETTINA

Si a befana mi fa a grazia chi ci dissi, mi mettu u tanga acchianu supra u tettu da machina e ballo u tango!

ROSA

Appena fazzu tredici, avutru chi tanga cu tango. Mi mettu u perizoma leopardato e vaju a trovu a tarzan alle sei ascelle! (Ride)

CETTINA

Lei mi parra di schedina, fari tredici! Lei mica ha jucatu mai schedina!

ROSA

(Dal seno esce un foglio) u vidi chistu? (Cettina guarda) Chi leggi?

CETTINA

(Leggendo) Chisti sunnu i nomi di li undici mariti chi mureru!

ROSA

Giustissimo! Cu chistu chi haju dintra, se si stocca u ciriveddu a cripari puru, sunnu dudici. Dopo, mi nni fazzu consigliari navutru maritu du dutturi, così appena mori, mi danno a pinsioni e fazzu tredici!! (felice. La riposa nel seno) A posu cca, sta schedina ca c’è a galleria profonda ed è sicura! ma tu, nun ammucciari cchiù pinsioni nelle mandorline tue!

CETTINA

Picchì è rischioso? Haju dui muntagni  ca ci pozzu ammucciari ‘na banca!

ROSA

Taliatilli, sunnu così sgonfie ca si porti nno gommista, pi vuncialli, chiui pi fallimento! Invece talia chiddi mii, ci pozzu jucari a ping pong!

CETTINA

Dunni mi li pozzu ammucciari?

ROSA

Dintra i mutanni. Però, mettili dunni nun c’è umidità! Ora vai e sistema a spisa, ca io mi rilasso! (Si siede)

CETTINA

(esce coi sacchetti, rientra subito urlando e fa spaventare Rosa) Beddamatri chi spaventu! Chi impressione!

ROSA

Chi hai? Scummissa ca vidisti a Peppe nudu e ti bloccò i tonsille?

CETTINA

(Col fiatone) È misu ‘nto centro du letto a testa sutta e i peri ‘nta l’aria!

ROSA

(Preoccupata) porca miseria, muriu a senso unico! Ora chi facemu? A cu chiamamu?

CETTINA

Chiamo all’esorcista? Così l’esorciccia tuttu, e si mette dritto!

ROSA

Ma quali esorcista. (Serena) Chista è ‘na bella notizia!

CETTINA

Comu, prima era preoccupata, ora è ‘na bella notizia? Ci funniu u ciriveddu puru a lei?

ROSA

Sugnu preoccupata ca muriu suttasupra, mi scantu si mi veni a custa chiossà fallu trasiri ‘nta cascia pi peri, ca pa testa. Ma sugnu cuntenta ca si decisi finalmente dopo cinque mesi! Sai comu si dici? Morti sua, e pinsioni mia!

PEPPE F. S.

Rosa! Rosa, mi senti?

CETTINA

(Spaventata) Aiuto, u morto chi parra! (Si nasconde dietro Rosa)

ROSA

(La spinge) Finscila cretina! Si parra, vol diri ca ancora è vivo! Chi vò!

PEPPE F. S.

(Sofferente) Mi sentu mali! Chi pozzu fari pi stari beni, aiutami!

ROSA

Ti spari e vidi ca ti passanu tutti cosi!

CETTINA

(Entra Peppe barcollando. Spaventata) U morto chi camina! Aiuto!

PEPPE

(Va a sedersi. Ha l’affanno) Cicciolina, pigghiami ‘na pinnula du core!  Haju u cori ca pari un cavaddu pazzo! Ahi ahi!

CETTINA

(Stizzita, va a cercare nel cassetto) ‘nta punta da lingua a quannu mi chiamati cu stu nomi di pecura zoppa!

PEPPE

(Ha l’affanno) Rosa, mi sentu mali. Mi manca l’aria! Va pigghiami a bombola di ossigeno!

ROSA

Già finiu, tu scurdasti! Vaju ‘nta cucina ti vaju a pigghiu a bombola du gas, ti appizzi a vucca nno tubu, tiri e vidi ca ti passa l’asma!

CETTINA

(Si gira verso i due) Pinnula du core cca nun ci nnè, ci sunnu sulu supposte!

PEPPE

Docu dintra sunnu! Dumannaci a Rosa ca u sapi!

ROSA

Docu dintra sunnu, cerca bonu!

CETTINA

(Parla con voce stizzosa) Ma cca, sulu supposte chi corna ci sunnu!

ROSA

Chisti sunnu i pinnuli chi ci dugniu! Ci la pò dari una. Vai col liscio!

PEPPE

Pi chistu nun mi voli passari u duluri ‘nto cori! Al posto da pinnula pu cori, mi haju datu a supposta pu culu! sei disgraziata e cunsuma famigghia!

ROSA

(arrabbiata) Sugnu cunsuma famigghia? Tu si impastura peri, ca havi cinqu misi chi ti haju menzu a casa!

PEPPE

Appena io moru, ti vegniu a tiru pi peri e ti portu cu mia, nel blu dipinto di blu

ROSA

Io mi incatinu ‘nto lettu, e ti futtu!

PEPPE

Appena arrivu da supra, mi fazzu aiutari di l’avutri mariti, e ti tiramu! Mancu un viaggio a Lourdes a cavaddu e scarpi ti salva!

ROSA

(Si avvicina puntandogli il dito contro, intimorendo Peppe) Si nun ti spicci a fare il trapassato, ti stacco a spina da prostata e ti fazzu schirzari io!

PEPPE

(Si tocca il petto è sofferente) Rosa, nun è ura di schirzari, vidi ca staju mali. Si nun mi dati aiutu, tempu cinqu minuti e resto sicco!  Aiutami!

ROSA

(Nota Cettina la guarda) A cu talii i muschi? Va pigghia u lettinu, u pigiama e u berretto cu pom pom, ca l’avemu a condiri.(Cettina esce)

PEPPE

Mi devi condiri a mia? pi fari chi?

ROSA

Condiri è il dialetto, dell’italiano cunsari! Voce del verbo paesano, sdivacati ‘nto lettu ca è ura di partiri! (Entra Cettina col lettino, all’interno il pigiama) u berretto cu pom pom tu scurdasti?

CETTINA

Berretto nun ce ne era, ci mittissi chistu, u stissu è! (Le da in mano un colapasta)

ROSA

Bonu è, così u ciriveddu ci pigghia aria! Forza Peppe, mettiti u pigiama e stu berretto, ca è tardi! (Cettina aiuta Peppe a mettersi il pigiama, il colapasta e lo mette a letto. Affaccia dalla finestra e grida) signorino parrino, signorino parrino! Vinissi a me casa!

PRETE F. S.

Chi c’è! che veniri a fari?

ROSA

Haju un maritu novu, ca sta partennu. Si spicciassi! (Chiude finestra)

PEPPE

Cu è chistu ca chiamasti?

ROSA

Chiamavo u parrinu. È un mio grandissimo amico ca pinna d’oro!

PEPPE

(Si drizza nel letto) Comu? Picchì tu ci l’hai vistu?

ROSA

Ci l’haju puru tuccatu! Ogni corpo di pinna chi duna u parrinu, pi mia sunnu picciuli! (Bussano) Ripigghiati, almenu ti fai vidiri du parrinu beddu tisu tisu! Va grapi Cicciolina!

CETTINA

(Mentre va ad aprire, parla a voce alta) Ma mai ci veni un infarto ‘nta lingua! Mai! (Apre ed entra il prete) 

PRETE

(sopra l’abito sacerdotale nero, intorno la vita ha un cordone ke gli pende in mezzo le gambe. Si ferma sulla porta con braccia protese) Pace e bene fratelli e sorelle. Oggi il sole è sceso su di voi, per mezzo del quale gli uccellini cantano inni di gioia, ti sorridono i monti e le caprette ti fanno ciao

ROSA

(lo interrompe) parrinu, chi è drogato ca matinata? Avutru chi cantanu gli uccellini, e le caprette mi fanno ciao, si perdi tempu i palluni ni arrivanu ‘n terra! Si spicciassi a fari u so travagghiu!

PEPPE

Parrinu mi scusi, chi havi chi ci pinnulia in menzu i cosci?

PRETE

Ce l’ho profumato! (Cettina si scandalizza e si tappa le narici con le dita. Prete annusa aria) Si si, tanto profumato! Lo vuoi toccare?

PEPPE

Parrinu, moribondo sono, mica ricchionello! (Si posiziona, come fosse già morto, non muovendosi e con occhi chiusi)

CETTINA

Per favore, nun mi facissi odorare nenti, ca ancora sono vergine!

ROSA

Parrinu, oggi vinni pa festa o pi rumpirici a testa! Si calmassi i calorie e facissi u so travagghiu!

PRETE

Cosa avete capito, scimuniti! Il cordone, ce l’ho profumato! (Apre le mani e guarda in alto) Caro defunto attaccato alle catene, ti libero da questo mondo di pene, ti mando in cielo senza fermata, facendoti risparmiare i soldi da raccomandata! Vola, vola nel blu dipinto di blu!

ROSA

Un momento! (Tiene Peppe) Prima di farlu partiri, mi deve sposare!

PRETE

(Guarda che non si muove) Picchì ancora vivu è? (Peppe emette un rutto)

CETTINA

Ancora respira!!!

PRETE

(Si avvicina a Peppe, esce da sotto la tunica un registro. Vede Rosa distante da Peppe) si ci mittissi vicino! (Rosa gli si mette vicino vicino, quasi di sopra)

ROSA

Ci piaci così parrinu?

PRETE

Bene, facissi finta ca u voli beni! Allora miei figliuoli, infilatevi gli anelli!

ROSA

Parrinu, nun pinsassi a ste fesserie! Nun si usanu cchiù gli anelli! andiamo avanti!

PRETE

Allura, non vi infilate niente? (Rosa gli facenno di procedere) Tu Rosa Crapalicca vuoi prendere come tuo sposo...scusate, comu si chiama?  

ROSA

Si chiama Peppe Cacalasagne! Diccillu comu ti chiami, inveci di dormiri!

PEPPE

(Parla con fatica) Ca già ci lu dicisti tu, comu mi chiamu. Nun mi fari sprecare parole!

PRETE

Crapalicca, vuoi prendere a Cacalasagne come tuo sposo?

ROSA

...Si u vogghiu!

PRETE

Tu Cacalasagne Peppe, vuoi come tua sposa a sta Crapalicca? (Peppe sempre più sofferente, si sforza a parlare) allura, ta pigghia o nun ta pigghi?

ROSA

Certu ca mi pigghia parrino! Ora ca semu tutti e dui pigghiati, ni facissi firmari!

PRETE

(Gli porge il registro i quali firmano. Peppe a fatica, firma innervosendo Rosa) Ora firmo io! A me firma cunta più di tutte! Si nun firmu io, voi non sarete mai marito e moglie!

ROSA

Si lu sacciu parrinu! Picchistu pi mia è importanti! Ad ogni suo corpo di pinna, pi mia è ‘na furtuna!

PRETE

(Dopo aver firmato, chiude il registro) Vi dichiaro marito e moglie! (Cettina tira il riso ai novelli sposi. Peppe farnetica, credendo di annegare al mare e sputa quello che gli entra in bocca. a Rosa) condoglianze signora! (Rosa lo ringrazia. A Peppe) Buon viaggio! (Cettina bacia Rosa, a Peppe lo bacia come fosse già morto)

PEPPE

(Guarda nel vuoto inizia a delirare) Talu c’è la coppia più bella del mondo, Cicciu affuca mugghieri e Giannina ammazzapatri. Prego, assittativi.

CETTINA

(Guardandosi in giro) ma cu cu sta parrannu? Ju, nun vju a nuddu!

PEPPE

Tutti sti cristiani, ti parinu porci? (Saluta a vuoto con la mano) Buongiorno, buongiorno a tutti. (Si gira) Zù Tanu Pinnasicca, lei si mette di dietro? Si mittissi avanti ca c’è posto! Rosa, oggi sti amici, mancianu cu nuatri. Facci assaggiare u baccalaro!

ROSA

Diccillu a da tappinara di to soru, ca n’havi di vinniri!

PRETE

(Sottovoce) Possibile che non capisce! Le persone che nomina, sono anime che sono venute a prenderlo!

ROSA

Chi significa parrinu, ca c’è dari a tutte sti anime, u baccal...

PRETE

(Gli tappa la bocca) Suo marito, parla di pesce!!! Tra pochi minuti, andrà via. Le stia vicino! Per chi si trova nelllo stato agonizzante come suo marito, per dare loro una morte più veloce, la persona vicina, in questo caso lei, dovrebbe fargli capire quanto bene gli vuole, piangendo e disperandosi

ROSA

Cicciolina veni cca! Va chiama a Tanina lacrima veloce. Curri! (Esce Cettina) Parrinu, sta vinennu una mia amica, ca pi chianciri si piscia tutta!

PRETE

Ma il marito è suo, no di quella signora!

ROSA

Chi significa! si u maritu è miu, devo sentirmi obbligata a chianciri? Lei si facissi u parrinu, e ju mi fazzu a mugghieri! mah! (Entra Cettina con Tanina già vestita di nero) Ciao Tanina! (Si salutano) Mizzica, già vistuta di nivuru? Chi fa, u sapivi ca havia bisognu di tia?

TANINA

Sugnu vistuta di nivuru, picchì stava pi ghiri a travagghiari. Per ora, nun mi pozzu lamintari. Grazie a Dio tri, quattru cristiani o jornu morinu, e io mi guadagno a pagnotta! Chi ti servi?

ROSA

Mi sirvissi ‘na sceneggiata di lacrimi. U vidi, haju a me maritu ca nun voli moriri, si nun vidi chianciri. Tu che sei esperta, mu fai stu piaciri?

TANINA

Ma quannu, ora? No no! ti dissi ca era pronta pi ghiri a chianciri u mortu menzu a casa. pi oggi, mi ristaru i lacrimi giusti giusti pi fari moriri a tutti. mi dispiaci, nun ti pozzu aiutari Rosa!

ROSA

(Cerca di convincerla, ma Tanina rifiuta) Amunì, fammi stu piaciri! Ma quantu ti pigghi pi chianciri?

TANINA

Dipenni di li chianciuti, di la durata, di li fissarii che diri duranti lu chiantu! Di solito, 50 euro. Però, già sugnu in ritardo, famminni iri! (Vuole uscire, ma Rosa la trattiene facendole offerte, tutte rifiutate da Tanina)

ROSA

Si ti dugniu 100 euro, mu chiaci u mortu? (Tanina dice a tutte le offerte, no) 150 euro? ....200 euro? ... 500 euro!

TANINA

(Di scatto) Accetto accetto! Ora ti fazzu ‘na chianciuta chi fiocchi! U mortu cu è chistu? (Da la mano a Peppe) Piacere signor morto, sono la sua chianciulina! Stassi tranquillo, fra due minuti, a fazzu decollare! Pigghiatimi ‘na seggia. (Cettina le porge la sedia, i presenti si siedono attorno al lettino) Sugnu pronta! Accuminciamu? (Rosa annuisce col capo. Piange con strazio a fianco di Peppe) Sangu miu, gioia della mia gioia. Tu parti tranquillo e beato, e mi lasci vedova allegra in questa valle di lacrime. Vogghiu moriri, vogghiu moooriri! Taliatilu chi occhi beddi chi hai, parinu veri, parinu! Chi beddu nasiddu, cu tu fici Picasso o michilancilo? Chi vuccuzza duci duci, cu ta fici un pitturi? (Lo scuote con violenza) Disgraziato parra! Si sapivi ca havii a moriri, picchì nascisti, ah dimmillu, picchì! (Peppe muore. Rosa fa fermare Tanina, accerta la morte di Peppe)

ROSA

(Si congratula con Tanina, che si asciuga la fronte con un fazzoletto) Complimenti Tanina, mi facisti attisiri u pilu! Cicciolina, puru a chistu nu livamu di menzu li peri, si cuntenta? (Cettina parla sottovoce, ma poi si tiene la bocca e inizia a piangere in silenzio)

PRETE

Complimenti figliuola! Mi sono piaciute le parole poetiche e filosofiche che hai usato! Brava! Tu si, che sei una vera donna con dei sentimenti!

ROSA

(Vede Cettina piangere) Chi hai tu? Chianci ora ca muriu? Havii a chianciri prima quannu era vivo!

CETTINA

(gemendo) nun chianciu pi iddu. Quannu mi chiamò Cicciolina, in silenzio ci stava dicennu una insaccata di paroli, e mi muzzicavu a lingua! (Piange) 

ROSA

Fai ‘na cosa, va chiama o becchino, ca si porta a stu casca morto! (Cettina esce)

VOCE FUORI SCENA

( gridando) Signora Tanina, ancora assai tempu perdi? Vidissi ca u mortu, ci siddiò aspittari!

TANINA

(Rispondendo) Accuminciati a fallu moriri, ca staju vinennu! Rosa u sintisti? Io mi nni vaju, pi picciuli comu ni mittemu?

ROSA

Vai tranquilla Tanina, mi fazzu sentiri ju! (sta per uscire Tanina, quando Peppe si alza per metà nel letto, e con serenità parla. Cettina entra.)

PEPPE

( I presenti non si rendono conto, come se tutto fosse normale) Scusate signori, gradirei un bicchiere d’acqua!

ROSA

Si Peppe, ta fazzu pigghiari. Cicciolina, pigghiaci un bicchiere d’acqua a...(Si rende conto inizia a balbettare,Cettina ha la tremarella. Poi, scappano tutte sulle sedie. Il prete cerca di calmarle) beddamatri, u mortu vivo c’è!

CETTINA

(Spaventata) chi spaventu, il trapassato è tornato presente!

PRETE

State calmi figliuole! Questa qui, (Indicando Peppe) è un’anima vagante!

CETTINA

(Spaventata) Ma quali anima vacante! È vunciu comu da vacca di me nanna Bittina. (Peppe ricade nel letto. Tutti silenziosi si tranquillizzano)

ROSA

Parrino, chi fici muriu? ( Le donne scendono dalle sedie)

PRETE

Dovete sapere prima che l’anima si stacchi dal corpo, deve fare l’ultimo respiro prima del grande viaggio! Vedete? È già partita l’anima!  

ROSA

Secunnu mia, ci curpa Tanina. Nella sua chianciuta, nun ci infilò bonu bonu u discursu, e chiddu nun potti partiri! Quindi, ti dugniu 250 euro!  

TANINA

Quantu? Mi devi sborsare 500 euro, se no, chianciu così tantu ca a tutti fazzu moriri! (Le donne hanno un piccolo diverbio, mentre Peppe balza dal letto e inizia ad ululare. Rosa sale sulla stessa sedia di Cettina, tenedosi abbracciate. Tanina si nasconde sotto la veste del prete, il quale la scaccia) Arreri cca è! ma nun havi chiffari?

CETTINA

Secunnu mia, ci deve essere sciopero di treni e nun parti cchiù!

PRETE

(Va da Peppe e lo immobilizza nel letto) Grapiti a porta, subito! (Cettina apre)  Esci da questo corpo, esci subito da questo corpo! Via sciò sciò

ROSA

Parrinu, si nun si ci levi di supra, chiddu nun si po’ susiri du lettu pi partiri!

PRETE

Io parlo con l’anima, ignoranti! Grapiti a finestra! (Cettina va ad aprire) Esci da questo corpo. Esci da questo corpo e lascia questa casa! vai via, via! Subito!

CETTINA

Parrinu, si nun la pigghia l’anima e la jetta da finestra lei, chistu resta cca!

PRETE

(Nota che Peppe è morto) Stavolta è andato! Parola di parrinu!

TANINA

(Spaventata, cammina piano piano verso l’uscita con gambe divaricate) io scappo da sta casa di pazzi!

PRETE

Perché cammina così? L’ è venuto un colpo al nervo sciatico?

TANINA

Mi vinni un colpo di diarrea fulminante! Haju vistu morti ammazzati, morti spugghiati, morti drogati, ma mai haju vistu un morto chi parra e fa u cani. Rosa, cu mori mori dintra a to casa, nun mi veniri a circari cchiù! (Uscendo lentamente) Ci appizzavu vuci, lacrimi, saluti, e puru i mutanni! Ahi ahi...

PRETE

Figliuola, io vado anche.

ROSA

Grazie parrinu pi l’aiuto. U Signuri lu paga!

PRETE

Ma quali Signuri! Lei mi deve pagare, se no, a prossima vota, nun vegniu cchiù!

ROSA

U capivu, stavo scherzannu! (Mette la mano nel petto)

PRETE

(Si gira imbarazzato) Ma che fa signora Rosa! La smetta!

ROSA

Comu la smetta. Dici ca voli essiri pagato.

PRETE

Si, ma con i soldi, no in natura!

ROSA

Ma quali frutta e verdura. Cca tutta roba genuina (Si scandalizza il prete. Tira fuori i soldi) Tinissi cca. Pace e bene fratello parrinu!

PRETE

(Prende i soldi, li odora in modo piacevole, nota che le donne lo guardano e va via di corsa) Pace e bene pace e bene! (Esce lasciando porta aperta)

ROSA

Mischinu, comu si vidi ca chistu a carni nun ni mancia! Però i denti boni l’havi!!! Comunque, ci telefonasti o becco?

CETTINA

Mi dissi ca stava vinennu.

ROSA

Fai ‘na cosa, aspettalu tu. Vado a telefonari o dutturi. è fissari un appuntamento, pi circari navutru marito pensionato, spirannu ca mori subitu, no comu chistu! (Sta per uscire)

CETTINA

(La ferma) Mi lassa sula cu iddu? mi scantu! Mi facissi cumpagnia!

ROSA

Ti pari ca ti mancia? Oramai partìu! Chissà avissi a turnari, ti pigghi ‘na seggia e ci dai un corpu di anestesia cca,(indicando la testa) lassami ca haju chiffari, lassami! (Cettina fa i capricci, non lasciandola andare. Bussano) avanti.

BECCHINO

(Vestito di nero col cilindro in testa. Entra con la carriola) Buongiorno! U morto comu sta?

ROSA

È chiuso per ferie! Si sta facennu a crociera, nell’azzurro celeste!

CETTINA

Signor becco, facissi con comodo, importanti ca lei e sta mummia, vi nni iti di cursa!

BECCHINO

Aiutatemi a caricarlo, nna me curriola cabriolet! (Tocca Peppe) Mih, già duru è! Io u pigghiu pa testa, (A Rosa) lei pi pedi e a (A Cettina) signora u pigghia du mezzo.

CETTINA

No, mi dispiaci. Tempo fa ero zita, ma sugnu ancora signorina e i cosi duri nun li pozzu tuccari!

ROSA

(Ironica) mischina, a signorina è fina comu a lattuchina!

BECCHINO

Va bene, pigghiamulu tutti dui (Rosa aiuta il becchino a portare Peppe nella carriola) Facemu attenzione a comu u pigghiamu, picchì si po’ rumpiri!

ROSA

Beddamatri comu è duru! In vita sempri moscio, di mortu tuttu duru! (Lo posano nella carriola)

BECCHINO

Allora signora, mi dica in che cascia lo devo coricare. per ora ho in offerta speciale tabuto familiare. Prendi due e paghi tre! Visto ca siete tre, risparmiate pi quannu muriti puru vuatri!

ROSA

(Rosa e Cettina fanno le corna e il Tié) ci lu facissi fari a so mugghieri cu so soggira!

BECCHINO

Aspittassi ca pigghiu u tacchino pi l’appunti (Prende un taccuino per scrivere) allora, le voglio proporre un nuovo modello. Havi specchi antiproiettile, pi avere una finestra sul mondo. materasso ad acqua, autoradio effetto discoteca, aria climatizzata. Bella, ma cara! Costa cinquecentosessantisssssssmmmsssmmms...euro!

ROSA

Chi cosa? Lei è pazzo ca ci spennu sssmmsssmmm euro pi ‘na cascia ca hava a stai ferma ‘na vita. Quantu custa a cchiù economica?

BECCHINO

A cchiù economica havi specchi ca cu ‘na sputata si rumpinu e nun si po’ affacciare nel mondo se no, cade! Anidride carbonica incorporata, materasso a secco, autoradio effetto camposanto, aria confezionata in pacchetti da mezzo chilo. Chista custa centoventisettessimo euro!

ROSA

Chi cosa? Lei è pazzo ca ci spennu il settesimo euro, pi ‘na cascia ca si l’hannu a manciari i vermi tabutari! Chi mi consiglia pi spenniri cchiù picca di nenti?

BECCHINO

U pigghia, u metti dintra u contenitore da munnizza, e u va jetta a mari! Cchiù gratis di così nun ci nnè!

ROSA

Facemu ‘na cosa, ora ju ci dugniu cento euro e ci pensa lei. (Prende dalla tasca i soldi) Tinissi sti soldi. ora pi piaciri, mu livassi di davanti

BECCHINO

Ok ci penso io, però mi deve pagare la tassa di rottamazione del defunto

 

CETTINA

(turbata) rottamazione? Beddamatri, ora u fannu divintari ‘na pezza cacata!

ROSA

(Non tanto contenta) amunì, mi dicissi quant’è?

BECCHINO

Cinquanta euro! (Rosa prende i soldi e glieli da) Ci sarebbe anche da pagare una piccola tassa per il passaggio di proprietà.

ROSA

Chi cosa? Cinquanta euro pi darici un passaggio! Picchì nun sa po’ fari a peri, inveci di accumpagnallu lei!

BECCHINO

Quannu era vivu era cosa sua, ora ca è mortu, mi lu sta vinennu a mia! a leggi è chista! mi da cento euro, e u passaggio è fatto!

ROSA

(si irrita, prende i soldi dal seno e li da al becchino) mi pari a mia, ca lei mi vulissi pigghiari pu cu ..(Si blocca guardando Cettina) pu curriculum! Ora, su porta e si leva davanti l’occhi mii puru lei!

BECCHINO

Ci sarebbe di pagare altri duecento euro pi farici l’assicurazione sulla vita contro furto e incendio. (Intanto Rosa si infuria sempre più, Cettina le va accanto e la soffia con un panno e la calma) nun si po’ mai sapiri, se su rapiscono o pigghia focu, c’è sempre ...

ROSA

(Esplode) vatinni beccu morto! Vatinni se no puru a tia ammazzu! (Il becchino impaurito, prende la carriola con Peppe sopra e scappa sbattendo a destra e sinistra, ed esce) chiudi a porta Cicciolina! (Cettina si irrita) sta cosa nutuli, mi voleva distorcere denaro, ci pari ca truvà a banca!

CETTINA

Siccomu iddu sapi ca lei havi assai pinsioni, avennu famigghia numerosa, circava di tirarici cocchi cosa in più, pi campari i so figghi!

ROSA

E ci l’haju a campari io i so figghi? Certu ca tu bona ragiuni! Inveci di iri a favuri a mia, vai a favuri di l’avutri!

CETTINA

Io vaju a favuri di cchiù deboli!

ROSA

Picchì ju nun sugnu debole? Si nun ti stocchi lu coddu a priparari u manciari, scoppu ‘nterra!

CETTINA

A che siamo in argomento, lei ancora mi hava a pagari tri misi di stipendio!

ROSA

Ancora ci pensi? Io mi l’havia scurdato! Nun ci pinsari o passato, pensa o futuro

CETTINA

E pinsari o futuro, e i picciuli chi avanzu ci pari ca mi scordu?! U sapi ca haju a me matri e me patri, jettati ‘nto funnu di lettu malati. Io travagghiu pi iddi! si lei nun mi paga, cu da misera pinsioni chi pigghianu, mancu ci bastanu pi midicini.

ROSA

A curpa mica è mia si iddi stannu mali! Io ti dugniu a manciari, ti fazzu travagghiari e quannu mi ricordo, ti dugniu u stipendio! Sai ca soffro di minnesia e mi scordu i cosi.

CETTINA

Travagghiu non ce n’è, me calari a testa e picca stissu pi chiddi ca mi duna, me stari cca. Lei pensa ca è giusto, chiddu ca lei fa? Va pigghia a casa di cura gente chi sta male, sul momento della morte li sposa, facennuci cridiri ca li voli beni, aspetta ca morinu, pi fregarici a pinsioni. Nun è giustu! Nna sta terra, putemu fari chiddu chi vulemu, putemu essiri i patruni du munnu. Si pinsassimo ca un jornu, avemu a dari cunta e ragiuni di li nostri azioni a Dio, ci pinsassimu deci voti prima di fari certi sbagli.

ROSA

Tu cu si, pi dirimi chiddu che fari! Nun è peccato si mi sposo mariti pensionati. Si nun morinu, chiddu si ca è peccato! Con il mio ingegno mi truvavu un beddu travagghiu, tu ca to critinaggini, resterai sempre cammarera! (Ride. Cettina umiliata china il capo. bussano) va pripara di manciari, io telefono o dutturi. Si surda? Grapi a porta! (Cettina apre ed entra il dottore che porta la gobba)

DOTTORE

(Per via del suo handicap, avrà una voce attutita, ma squillante allo stesso tempo. entra ben vestito con una valigetta) Buongiorno a tutti.

ROSA

Taliati chi coincidenza! A lei stava pinsannu. I proverbi antichi nun falliscinu mai! Si parra di dutturi, e ci spuntanu i corna!

DOTTORE

Lei pinsava a mia, ed io pinsava a lei.

ROSA

Viditi chi telecinesia! Si assittassi dutturi, chi ci pozzu offrire da bere? Caffè, camomilla, wischy e soda e rock ‘n roll!

DOTTORE

No, grazie! Io preferisco bere un bel bicchierone di acqua!

ROSA

(Si rivolge a Cettina) Cicciolina, va pigghiaci un catu d’acqua o cammello! (Cettina esce lamentandosi) allura dutturi, picchì mi pinsava?

DOTTORE

Mi trovavo in giro a visitare un paziente, e mi chiedevo cosa ci fosse che non va che non la vedo nel mio ufficio da cinque mesi. Così pensai: “ ‘un facemu inveci di moriri u maritu, muriu idda?”

ROSA

(Fa le corna) Dutturi, chi dici! Si moru ju, finisci l’economia! A lei, pazienti nun ci nni pozzu riciclari e mancu guadagna cchiù picciuli!

DOTTORE

No no, Dio ce ne libera, lei hava a campari cent’anni! Da quando lei si sta sucannu i me pazienti, fa travagghiari a tutti ed io sto arricchendo! Picchì, mi leva di li stanzi certi cadaveri, così haju posti letto pi avutri mummie chi vennu. Fa travagghiari a quel beccamorto di me cugnatu, e siamo felici e contenti! (Entra Cettina e gli da il bicchiere d’acqua) Grazie!

ROSA

Po’ nesciri ora, Cicciolina! (Cettina Esce sbattendo i piedi dalla rabbia) Dutturi, dintra a borsettina, ci l’havi a lista di nozze di mariti pensionati?

DOTTORE

Sapevo di venire, che fa non la portavo? (Esce dalla valigetta, un registro e legge) eccolo qua! Manuale d’amore per mariti col crepacuore! Le voglio offrire un paziente con scarsa visibilità, capiddi scippati, stomaco ammaccatu. Per i suoi problemi, prende di pensione cinque cento euro. Visto che è appena arrivato, glielo offro a mille euro!

ROSA

Quanto mille euro, cu cinque cento euro di pensione? Cu sta pinsioni, mancu un caffè a farmacia mi pozzu iri a pigghiari! Vogghiu un marito economico, ma con una pinsioni ricca

DOTTORE

(cerca col dito) Vediamo un po’...eccolo qua! Marito con dentiera, braccio mutilato cu un peri scippato, con culo smarmittatu! Di pensione pigghia mille euro. A lei glielo offro a otto cento euro!

ROSA

Otto cento euro pi un marito ca mi veni a custa chiossà di riparallu? Si lei nun mi fa un buon prezzo, ci giuru, vaju o mercatinu dell’usato e cu deci euro, sapi quanti mariti trovu.

DOTTORE

Lei questo non può farlo! Se perdo una cliente come lei, pozzu iri a fari u scarparu! Allura, ci fazzu una occasione sensazionale! Haju un maritu tuttu scimunitu, aricchi a ombrello, ciriveddu bruciatu e ca lingua tippi tappi!

ROSA

Ca lingua tippi tappi?

DOTTORE

Le faccio un esempio,io dico: buonasera signore e signori. Iddu dici: bonatera tignori e tignore! Ju dicu: si, curnutu! Iddu dici: Ti tunnutu! Comu pinsioni pigghia tre cento euro o misi e nuddu lu voli e mi lu vogghiu livari di menzu. Su pigghia lei?

ROSA

Nun lu vogghiu un maritu difittusu. Pi capiri a so lingua, avissi a caminari da matina a Sira cu vocabolariu ticchi tacchi! Chistu nun mi lu pigghiu mancu si...

DOTTORE

...io ci lu vuliva regalare!

ROSA

(Di scatto) Mu pigghiu ju! L’accendiamo, lo incartiamo e nu purtamu! Vistu ca mu regala, chiudu un occhio pu fattu da pensione e mu pigghiu.  Tantu appena mori, l’aumentano pu fattu ca resto vedova. Dutturi, mi lu spedisci ca posta paretaria, mu pigghiu ju! Mi dicissi ‘na cosa, a garanzia di morte ci l’havi?

DOTTORE

No, mi dispiaci.

ROSA

Allura nun facemu nenti! Mi avissi a teniri un scimunitu in eterno cu ‘na pinsioni di tre cento euro! No no! nun lu vogghiu cchiù!

DOTTORE

(Nonostante che il medico parli per convincere Rosa, lei continua a dire “Nun lu vogghiu cchiù!”)Le do la garanzia ca è scimunito!... Vedrà ca quannu ci siddia, mori sulu!... È uscita una legge in Italia, ca mori un scimunito ogni ora!... 

ROSA

(Di scatto) ...allura mu pigghiu, mu pigghiu! U facissi veniri subitu, ca già ci priparo a cascia cu parrinu e u matrimonio! Si spicciassi dutturi! Cu sa mori pi strata e ci perdu a pinsioni!

DOTTORE

Mi fa piacere che si sia accordata! Glielo farò avere in giornata! Visto che le ho fatto fare questo affare, deve rispettare il nostro accordo!

ROSA

(Mette la mano dentro le calze e tira fuori i soldi, e li da al dottore) uno, due, tre, quattro e cinque. Ci raccumannu dutturi, appena stu scimunitu nun mori subitu e mi resta cinqu misi comu l’ultimo, vegniu in ospitali e ammazzu a lei!

DOTTORE

Le do la mia garanzia, che lo scimunito hava a moriri! ( Si alza per andare) arrivederla signora Rosa

ROSA

Dutturi, sapi chi staju pinsannu? Io a lei ci piaciu?

DOTTORE

Certo ca lei mi piaci! Picchì mi dici così?

ROSA

Ma lei comu pinsioni pigghia assai?

DOTTORE

Essendo dottore, pigghiu assai! Picchì?

ROSA

Staju pinsannu, si lei mi duna a garanzia ca mori subitu, mi sposu cu lei, puru ora!

DOTTORE

Ma issi a fari ‘nto culu cu tutta a pinsioni! (Va Via)

ROSA

Viditi comu è vastasu! Mancu apprezza ca mu sposo torto e minorto pi com’è! un cristianu ‘na vita beni nun hava a fari mai! mah! Ma chi fini fici Da sciacqualattuchi! Cicciolina, cicciolina ma chi stai facennu?

CETTINA

(Adirata) Si po’ sapiri quannu è ca deve imparare ca mi chiamo Cettina!

ROSA

Mi piaci chiamariti Cicciolina! E chiossà a tia, ti da fastidio, io ti ci chiamo! Punto e basta! Ora dimmi chi stavi facennu da dintra, Cicciolina!

CETTINA

Chi stava facennu? Ero affacciata a finestra chi taliava a so matri e a so soru, chi travagghiavanu.

ROSA

Me matri e me soru, chi travagghiannu? A fari cosa?

CETTINA

Vinniru ne mia dicennumi chi circavanu lavoro. Io ci consigliavu un beddu mestiere. Lei u sapi ca giù davanti a porta ci stannu tutti di cavaddi ca tiranu i carrettini siciliani. Mischini di poveri animali sunnu sempri stanchi, ci consigliavu a so matri e so soru di fari... permette ca ci lu dicu all’aricchi, mi scantu si blocca a crescita a qualcunu!

ROSA

Dimmillu! (Cettina le parla all’orecchio, facendo andare su tutte le furie Rosa) A me matri e me soru sti cosi? Ma io t’ammazzo!

CETTINA

Nun si preoccupa! Nun si fannu mali! Forti chi ci fannu abitudini! (Rosa insegue Cettina. Cala il sipario)

 

Fine primo atto

Secondo atto

(una voce annunzierà ch’è passato un mese. La scena comparirà leggermente diversa, come anche i vestiti degli attori, per dare impronta che sia trascorso il tempo. nella bacheca, ci sarà una foto in più, ovvero dodici, per via della morte di Peppe. Rosa è appisolata nel divano, da fuori scena si sentono le voci di Cettina che richiama Bastiano che zuzzurelloneggia come un bimbo. Rosa nel sentire quelle grida, balza in aria e si irrita)

CETTINA F. S.

Bastiano finiscila! Nesci di sutta u lettu! Scinni di supra u lampadaio! (Si sentono le urla di Bastiano che imita tarzan) zittuti, se no a signora du terzo pianu, ci pari ca ci sunnu i spirdi!

ROSA

(Esaurita) Nun ci la fazzu cchiù! Nun ci la fazzu cchiù! Havi un misi, chi fazzu abilii cu sta cosa inutili. Du crastu du dutturi, dici ca mori un scimunito o jornu, chistu mancu su sogna! (Si sentono grida e urla di Cettina che richiama Bastiano) Ora capisciu picchì mi lu regalò, pi livarisillu di menzu! Si c’è veru u Signuri, o dutturi ci avissi a scoppiare a gobba di notre damme.

BASTIANO

(Uomo maturo, ma ritardato. Scimunito con difetto di pronuncia. Entra stando a cavallo della scopa, con in mano una paletta, la alza in aria. Urla) buonatera tignore e tignori, tono Giuteppe Garibaddi, tono il campione del terzo mondo! (Attraversa la stanza galoppando e nitrisce) ammatto a tutti le pertone con la mia pada fulminante!

ROSA

(Spaventata balza in piedi sul divano) Cicciolina, ferma a furia cavallo dell’est!

CETTINA

(Insegue Bastiano, fino a domarlo, lui scalpita) Fai u bravu. Ora accucia! 

ROSA

Ma dicu ju, mancu in paci quannu dormu pozzu stari? Menu mali ca ci sei tu, fra di vuatri pazzi vi capiti.

CETTINA

Prima di tuttu, pazza nun ci sugnu. (Bastiano sbuffa e nitrisce) Chistu mu chiama pazzu? L’havi scrittu puru nall’elenco telefonico ca è scimunito!

ROSA

A curpa è ri du crastu du dutturi! havi un misi ca lu chiamu pi telefono e nun mi rispunni. Appena ci vaju o spitali, mi lu pistu sutta i peri! U jmmu    –gobba-  di li spaddi, ci lu fazzu spuntari da panza! (mima pancia grossa)

BASTIANO

Amore mio, tei arrabbata con me?

ROSA

(Adirata) nun mi chiamari amore mio, cu sta faccia di cretino!

BASTIANO

(A cettina) Per favore, ce lo diti tu amore mio, al potto mio!

CETTINA

Chi cosa? C’è diri amore mio, al posto tuo? Si mi senti corcunu, ci pari ca sono diventata frocia!

BASTIANO

( piange) mih, ora nn ti potto più chiamare amore mio, pecchè haju la faccia stupita!

ROSA

(lo quieta) Nun ci sugnu cchiù arrabbiata cu tia! basta ca nun chianci cchiù!

BASTIANO

Sono felice, che mia mogliera non è arrabbata! aspetta ca ti vaso tutta tutta! ( si accanisce su Rosa, baciandola. Se pur viene respinto con forza)

ROSA

(Riesce a scostarlo) Vacci piano! Appena mi vasi di nuovo così, ti dugniu un corpo di ombrello in testa, ca ti fazzu annegare u ciriveddu! E poi, io e tu nun semu nenti! Se nun ti spicci a moriri, nun ti marito mancu si ti fai parrinu tu.

BASTIANO

Ancora non tei mia mogliere? U dutturi mi ditti ca tu tei mia mogliere! Allura, mi pigghiò pi pitta?

ROSA

A tutti e dui pigghiò pi fissa sta bestia!

BASTIANO

Ora, ci telefono al dottore e ci faccio i compimenti! (prende il telefono, e dice gridando) Tignore dottore, lei è cchiù tunnutu di so patri. bonatera!  

CETTINA

(Ride da non trattenersi) viditi ch’è bella chista! Puru u scimunitu sapi ca u dutturi è curnutu!

BASTIANO

Certo ca u sacciu! Ti pari ca tugnu timunito? Boh!  

ROSA

Tu sei troppo intelligente! Sei sprecato! Ora nescitinni di cca, ca mi vogghiu riposari un poco.

BASTIANO

(sta per uscire, ma si ferma e girandosi piano, parla come un bimbo timido) Vitto che abbiamo parlato di malito e mogliere, te la potto dire una cosa? Appena ci maritamo, dobbiamo fare tetto?

ROSA

Dobbiare fare il tetto, appena ni maritamu? Ma chi vo’ diri?

CETTINA

U capivu! Vi sposati, acchianati supra u tettu, addumu u caminu pi fari effetto crociera, vi vaju tirannu cati d’acqua di supra e vi vasati! (Ride)

BASTIANO

Nun mi capittivu! Io ditiva tetto, nel senso ca ni maritamu ni curcamu e facciamo (fa le grida di piacere) aaaahhh ti ti, antora antora, non ti permare poccellone, ciapazzami tutta! (Strapazzami tutta)  

ROSA

U capivu! Iddu dici, ni sposamu e facciamo sesso, facciamo l’amore. Chistu vulivi diri? (Cettina si tappa le orecchie con le mani)

BASTIANO

(felice) Ti ti, hai indovinato. U dutturi mi ha piegato ca qunnu uno si sposa, deve fare tetto! Ma io non l’ho faciuto mai! non so, dove si mettono le mani! Chi ci voli pi fallu?

ROSA

Ci voli u strumento!

BASTIANO

U strumentu? E io, nun sugnu capati a tunari u strumentu!

CETTINA

Pi favuri, nun parrati di sti cosi, picchì ancora ju sugnu vergine!

BASTIANO

(timido) dimmi una tosa, come si fa?

ROSA

Ca come si fa...pigghia di sutta, metti di supra  zu zu zu e si fa...tutto qui!

BASTIANO

Tu tu tu? Allura è fatili fatili! Mi pariva cchiù diffitili! Già mi tava cunfunnennu tuttu! (Ride) Ticcome voglio ettere techisi (essere sexi) quannu io e tu facciamo tetto, che vetiti mi devo mettere?

ROSA

Scimunito, picchì quannu si fa l’amore mica si usano i vistiti!

BASTIANO

(Meravigliato) ah no? e come ti fa, in cottume?

ROSA

Ma chi costume! Si fa l’amore tutti nudi!

BASTIANO

(Spaventato) Comu? Tutti ...nudi? (Rosa gli dice si. lui s’imbarazza) Chi malafiura! Io mi vergogno a mittirimi nudo! 

CETTINA

(Sempre con orecchie tappate) sugnu vergine! Un poco di rispetto pi cu havi le aricchie di plastica!

BASTIANO

(turbato) per forza nudi dobbiamo ettere? Non pottiamo fare l’amore, con i vetiti?

ROSA

Con i vestiti? E poi, i manu dunni mi li metti, nne sacchetti? si fa, nudi!!!

CETTINA

Silenzio, picchì mi fate sbocciare la mia natura morta!

BASTIANO

Dimmi una tosa, se mi metto nudo, mi guardi ...il pitellino? (Rosa dice si. imbarazzatissimo si nasconde il viso) Chi malafiuuura!!! Però, te mi guaddi il pitellino, ti blocca a crescita!

ROSA

Allura di quantu ni haju vistu, avissi a essiri quantu ‘na babbaluci!              – lumaca- inveci, sugnu ‘na citroluna!

BASTIANO

Te io mi poglio, ti spogli pure tutta nuda e mi fai vedere...(timidezza) la gatta morta?

ROSA

(Adirata) oooh! A Gatta morta da cosci lordi di to matri ci l’havi.

BASTIANO

(imbarazzato)Chi malafiuuuura! Quando tiamo nudi, che cota facciamo?

ROSA

(Ironica) Ni taliamu ‘nte facci!

BASTIANO

Chi malafiuuuuuura!!!! (Si nasconde il viso con le mani)

ROSA

Cretino! Semu nudi ni putemu taliari mai ‘nte facci? No! Accuminciamu a tuccarini e munciri, fino ca acchianano le calorie!

BASTIANO

(Imbarazzato) Chi malafiura!!!! Io non ho monciuto mai! Come si moncie?

ROSA

Ca comu si fa, pigghi, afferri e tiri (mima la mungitura) zig zag zig zag!

CETTINA

(smaniosa) Nun parrati di sti cosi, mi stati facenu veniri manciasciummi!                      – prurito-

ROSA

Vatinni da dintra, curri! Va arraspati – grattati- o muru! (La spinge per il braccio, ma Cettina rimane)

CETTINA

No, vogghiu ristari cca!

BASTIANO

Spiegami un’altra cota. Appena il mio pitellino vede il gattino bello che hai là,(Indica il posto) che cota fanno?

ROSA

Chi fanno? L’impollinazione!

BASTIANO

L’impallinazione? E comu ti fa?

ROSA

Il pisellino, si avvicina al fiorellino, allungha la testa e dice: (Mima il gesto) “C’è nessuno?” nun vidi a nuddu e nesci. Nun essennu convinto, ci infila arreri a testa “c’è nessuno?” e nesci arreri. Fa sempri sta vita trasi e nesci, trasi e nesci. I masculi quannu vi fissati ‘nta na cosa, nun ci po’ nenti!

CETTINA

(con fiato smorzato per via dell’eccitazione) Vi prego, vi dissi di finilla, ca mi stannu attisennu tutti cosi!

ROSA

Vogghiu fari una opera di bene, sia pi iddu, ma soprattutto pi mia!! Veni cu mia. Aspetta cca Cettina! (Esce insieme a Bastiano lato destro, dopo un po’ Bastiano scappa ha il fiatone) Veni cca Bastiano! Nun ti fa nenti. Nun ti muzzica, veni! (Continua a chiamarlo)

CETTINA

Vai nna signora Rosa, u senti ca ti chiama! A cu vidisti ca scappasti? Vai!

BASTIANO

(Imbarazzassimo) Mi fici vidiri a foretta amattonica! Chi malafiuuuuura! (Cettina si tappa le orecchie)

ROSA F. S.

(Voce desiderosa) Veni Bastiano, ca ti fazzu andari in paradiso! (Bastiano apre la porta infilandoci la testa per guardare Rosa, mentre gli parla)

BASTIANO

(Richiude la porta ancora più preoccupato e col fiatone) La strada pu paradisu chidda è? Ma però è tretta (Stretta) e non ci entro! (Rosa continua a chiamarlo, lui mette la testa dentro dalla porta e poi la richiude) Chi malafiuuura! (Si blocca, inizia a preoccuparsi, si guarda in menzo le gambe e piange) Ma chi è! Chi succedi! Aiuto! Beddamatri! Chi mi sta succedinu! Aiutu! (Scappa per la stanza correndo a gambe divaricate) aiutatimi!!! To moreeeeendo!!!!

ROSA

(rientra in scena, sistemandosi) Nun facemu ca ci vinni l’infartu pi chiddu ca vitti! Chi schifia hai?

BASTIANO

Mi sta succedinu una cota gravissima! (Si allarga le gambe e si guarda in mezzo, da fuori) Menzu li cosci mi sta vunciannu una cota. Chi cosa è? (Piange)

ROSA

Disgraziato! Chistu è normali! Significa ca è pronto pi impollinare! (Cettina, emette un grido di piacere e scappa)

BASTIANO

Chi ci pigghiò a chidda? È’ cappata pecchè mi stannu vunciannu tutti cosi?

ROSA

No, scappò picchì puru a idda, ci stannu vunciannu!

BASTIANO

(Preoccupato) Tu diti ca è normali. A mia, una cota di chista, nun mi ha succidutu mai! si mi scoppia, chi fa moru tenta pitellino?

ROSA

Ma quali scoppia cretino! Chista tutta saluti è! Talìa!

BASTIANO

(Si allarga i pantaloni e guarda felice) talè, quantu divintò! Chi fici si è trappormato? Che bellu! U pozzu tuccari? Chi fa, mi muzzica? U vò vidiri?

ROSA

No no, pi carità! Appena ni sposamu, mi presenti i parenti. Ora no! Ora carmati ca ju e nesciri. Cicciolina, cicciolina, ti ripigghiasti?

CETTINA

(Entra sistemandosi) ma chi dici! ci pari ca io...nun pinsassi sti cosi!

ROSA

Se se, u capivu! Senti, io vaju o spitali a parrari cu du disgraziatu du dutturi. stai attenta a Bastiano. (Esce e rientra mettendosi uno scialle di sopra e con la borsa) mi nni vaju. Ti raccumannu, nun facemu ca lu violenti? (Ridendo)

CETTINA

A voli finiri! Ci pari ca sugnu ‘na fimmina di menzu la strata? Seria sugnu!

ROSA

(Ironica) vulissi vidiri! Senti, visto ca ieri fu duminica a posta fu chiusa, pensu ca oggi u postinu avissi a purtari a pinsioni (Con disprezzo) Visto ca tu nun ci sei ancora andata! (Cettina sta per spiegare, Rosa la blocca) Ti raccumannu! Si mori tu, nun m’interessa, si perdi a pinsioni, t’ammazzo! (Sottovoce) ti ricordu, ca stu misi sunnu dodici! Ricordi Peppe? Vaju a parru cu dutturi, pi vidiri che fari cu stu cretinu pi fallu moriri e pi aviri puru a so pinsioni. (Parla normale) Mi nni vaju! (Indietreggia saluta in tanti modi) Baci baci. Orevuà! Gud natiche, salutami a nonna, va sucati l’ovu, Alen delon! (Esce)

BASTIANO

Ma dove ta andando?

CETTINA

U sintisti, dissi ca sta niscennu pi jri a parrari o dutturi!

BASTIANO

(Corre alla porta) Talutami il dutturi ci diti ca è un grandittimo tunnutazzu pecchè mi ha preto per pitta! (Rientra e si va a sedere)

CETTINA

Zittuti, ca ci sunnu cristiani! Nun si dicinu sti paroli!

BASTIANO

Qual è u problema, tantu io tono cretinu! E nun mi ditinu nenti! (Ride)

CETTINA

Ah, è così? beatu tu, ca lu po’ fari! si lu dicissi io, fussi ‘na spregiudicata!

BASTIANO

(Dandosi arie) Chi fa, sei gelosa picchì io tono cretino e tu no? la mia cretinaggine è un dono di natura!

CETTINA

Nun ti pari ca ju sugnu tanta cchiù intelligente di tia. Si lu fussi havi chi l’avissi lassatu sula alla tua futura moglie! Siccomu sugnu cretina, sugnu sempri cca!

BASTIANO

(Felice l’abbraccia) allura pure tu, tei cretina! Menu mali, mi pariva mali se u cretinu cca dintra ero tolo io. Almeno, mi fai compagnia!

CETTINA

Caro Bastiano, grapiti l’occhi e mettilu un poco di giudizio. Nun ti pari ca la signora Rosa, sunnu tutti rose e fiori! Stai attentu  è pericolosa!

BASTIANO

Mia mogliere pericolota? Chidda è cchiù brava di ‘na jatta, ca si licca u culu chi corna! Mi ha scelto come malito, pecchè sogno troppo bellittimo!

CETTINA

Sa pensi così, chi vo ca te diri? Scusa! Talè, io vaju da dintra a fari i pulizie, tu statti cca e ti raccumannu nun ti susiri da seggia pi nessun motivo! (Esce)

BASTIANO

(Da seduto) nun pottu fari nenti nenti? Almeno, pozzu respirari?

CETTINA F. S.

Si, po respirari ogni tantu!  

BASTIANO

(Fa un respiro di sollievo) menu mali! (Guarda in giro, nota le dodici foto in bacheca) Cu tunnu chitti? Di luntanu non ti vede nente! Pocca miseria, manco mi potto alzare dalla seggia. Te mi alzo, quella s’incatta (Incazza) (dalla tasca esce una corda, la passa da sotto la sedia, la lega intorno le coscie per fissare la sedia al sedere e si alza curvato) tono intelligentissimo! (Va vicino le foto) tono santi impiccicati a muro? Boh! ( li conta) uno, due, ce, quaccio, cinco, tei, (si stanca) ma quanto mintia tono? tette, otto, nove, desi, unditi e doditi. U capivu! Tono i doditi apottoli! (Fa il segno della croce) bontonno tignori apottoli. Tono il malito di Rota, la conoscete? Lo tapete, ci dobbiamo potare in chieta! (Triste) però, ho peccato e mi tento titte! (Triste)  Mi potto confettare? Si? grazie! L’altro giorno, ho ficcato ad una ragazza! Quando uno ti deve potare, non si ficca alle altre ragazze, vero? Però la coppa non è mia! lei mi ha faciuto l’occolino così. (fa l’ occhiolino) Volete vedere come ho fatto? ( va al centro della stanza, si prepara per fischiare con le dita in bocca, entra Cettina)

CETTINA

(Lo interrompe) Bastiano! Chi sta facennu? Ti havia dittu di nun muviriti da seggia pi nessun motivo!

BASTIANO

Mica mi muvivu da seggia! A vidi? Me la tono attaccata nel culo.

CETTINA

Chi ci fai nno menzu da stanza?

BASTIANO

Sto ficcando!

CETTINA

(Sconvolta, non sa con le mani cosa coprirsi prima gli occhi, ho le orecchie) Vastaso! U fai apposta a diri sti cosi, sapennu che sono ancora ‘na bomboniera impacchettata con i setteveli!

BASTIANO

Mi tono confessato con i doditi apottoli, ci fazzu vedere come ficco

CETTINA

(Si premura a cercare qualcosa per tappare gli occhi) Aspetta, non lo fare, sono verginissima! (Non trova nulla in giro, si toglie il reggiseno, sfilandolo da sotto la veste, lo lega intorno agli occhi, come se avesse gli occhiali) fai chiddu ca vò, tanto io nun ti pozzu vidiri!

BASTIANO

Allura ficco? (Porta le dita in bocca, e fischia ripetutamente, tanto che Cettina si toglie il reggiseno dagli occhi e l’osserva. Bastiano parla alle foto) Avete vitto? Mi perdonate? (Bastiano continua a parlare con le foto, senza ricevere risposta) mi perdonate! Chi fa nun parrate?

CETTINA

Chi sugnu cretina. Parrava di fischiare! Mi l’havia scurdatu ca havi a lingua di pezza! (Nota che parla alle foto) Chi ci parri a fari, tantu nun ti sentono

BASTIANO

Come non mi tentono, ma se hanno le aricchie nelle fotocafie. Che chifio di santi tono, se non mi tentono, puh!   

CETTINA

Santi? Ma cu chiddi? Ma quannu mai! chisti sunnu parenti tuoi!

BASTIANO

Parenti mei? Cu ta faccia di Mintia?I me parenti tono più intelligenti! Chitti non pottono essere mai, parenti miei!

CETTINA

Invece si! Chisti sunnu, i dodici mariti chi ha avuto a signora Rosa, prima di te

BASTIANO

Come? Mia mogliere, ha avuto doditi mariti prima di mia? (Cettina annuisce) ma se l’altra volta, mi ditti che io tono il tuo primo marito!

CETTINA

Tu cridi a idda? È una donna falsa, senza cuore! È attaccata ai picciuli! Ti fa cridiri ca ti voli beni, inveci ti voli sfruttare, comu fici cu l’avutri dodici!

BASTIANO

Com’è ca mi po’ sfruttare, si nun haju mancu l’occhi pe pangere?

CETTINA

Ti sbagli! Tu, essendo malato, scusa che te lo dico, hai una pensione ca giustamente ti spetta. Nun avennu famigghia ca pensa a tia, ti sei ritrovato a casa di cura. Idda, consigliata du dutturi, scegli a chiddu ca havi a pinsioni cchiù grossa, e havi problemi di salute cchiù gravi. Insomma, ca sta pi moriri. Si lu metti dintra. Sul punto di morte, fa veniri u parrinu e su sposa. Murennu u maritu, lei resta vedova, e ci resta a pinsioni! Ed è già arrivata a dodici pensioni! U capisti? Do- di- ci pensioni! Pigghia chiossà du papa!

BASTIANO

Chi mogliere intelligenta chi haju! Tono tato fortunato a trovalla!

CETTINA

Ma sei cretino?! Fra ‘na para di giorni, sarai misu puru nna bacheca insieme ai tuoi parenti mariti! E a idda, ci danno a to pinsioni! E cu la tua morte, idda fa tredici nna schedina! E tu ci resti futtutu e bastuniatu!

BASTIANO

(Fa il tiè con le braccia) Te quetta cionza (Stronza) di mia mogliera è convinta ca io moru pe lei, lei ha battuto la tetta!

CETTINA

Accuminciamu! Pozzu capiri ca sei arrabbiato, non dire parole erotiche!

BASTIANO

Capisci sempre al contraro! Ditevo tetta, no nel senso di minna che si fa po pi po pi (si tocca il seno) ma nel senso di tetta! (Si tocca la testa)con i capelli

CETTINA

Mi devi scusare Bastiano, ma nun sugnu abituata a parrari a senso unico! Comunque, fai finta ca nun sai nenti. Se no, si lu sapi si arrabbia cu mia!

BASTIANO

Chi cota? (Inizia a slegarsi dalla sedia) Allura ti pare che tono vero cretino? Io tono fubbo! E ora che ho capito quetta cota, sono più catto! (scaltro)

CETTINA

Bastiano a finisci di diri sta parola! Vidi ca ancora non sono stata trapanata da nessuno, sentirti dire sta parola, mi fa bollire a bomboniera!!

BASTIANO

Ora fazzu coppiare la quinta guerra mondale! A pigghio per i capelli, e ce li inpilo dentro la tetta! Ci scippo le aricchie, e ci metto per collana. Lei voli ammattari a mia, e io ammatto a lei, così finisce di pendere in giro le pertone deboli come me! E poi io... io... (Si siede triste, quasi piange) io non to ammattare a nettuno! Io non tono cattivo. (Piange)

CETTINA

(Ha compassione) dai Bastiano, nun chianciri! U sacciu ca tu non sei cattivo! Nun chianciri!

BASTIANO

(Triste) Due anni fa, non parlavo cotì! Ero sposato e facevo l’attore di teato! Poi, in un incidente tadale, (Stradale) ho battuto i denti e mi manciavu a lingua! Mia moglie ti vegognava di me, e mi ha chiuto nella cata di cula. (Casa di cura) Non tono cretino! Faccio il cretino, per fare ridere le pertone e non farle scappare da me. A me non piate, vedere le pertone che soffono. Il mio togno era quello di fare l’attore, guadagnare tanti toldi e aiutare tutti quelli poveri che soffono. Invece ora, che parlo cotì, non lo potto fare più l’attore e tono un fallito! Te avetti i toldi, mi opererei nella lingua e parlerei bene. invece...( Piange)

CETTINA

(Commossa) Nun mi l’aspittava di tia, ca mi emozionavi così cu sti paroli! A prima io ti diciva cretino. U sbaglio chi tutti facemu è chiddu di giudicare all’apparenza, senza vidiri chi cosa hanno dintra i genti! Scusa Bastiano!

BASTIANO

Non c’è bitogno che mi chiedi cusa. Tu, tei una pettona bava! Ti, vero! Io ti guaddo dentro gli occhi! Pecchè lavori qua, se tu sei bava? (Brava?)

CETTINA

(Gemente) Lavoro qua, picchì nun c’è travagghiu da nessuna parte! Si nun fussi ca avissi i me genitori sofferenti, mi nni partissi al nord a cercare fortuna! Invece, sugnu costretta a stari cca a travagghiari pi ‘na miseria, ed a fari puru a schiava da matina a Sira!

BASTIANO

Mi dispiace assai assai! Pocca miseria, nun ti pozzu aiutari a risolviri i to problemi!

CETTINA

Io ti ringrazio caro Bastiano, ma pensa pi tia! Scappa, vatinni di sta casa. Appena veni a signora Rosa, farà tutti i modi e possibili di fariti moriri e aviri a to pinsioni! (Lo accompagna alla porta)Scappa, ci invento una scusa!

BASTIANO

(Sta per uscire, esitando) invece no! nun voglio scappare! Voglio ritolvere quetta tituazione una volta e pe sempre! Se scappo, poi chidda prende ancora mariti, ora batta!

CETTINA

Mu vo diri comu po’ fari? vidi ca cu ‘na fimmina malvagia comu chidda, nun ci la po’ fari ne ora e ne mai!

BASTIANO

Tu diti? (Pensa ) Va pigghiami l’elenco teleponico! (Cettina chiedeva spiegazioni, ma lui la blocca) spicciati, nun pirdemu tempo! (Cettina esce)

CETTINA

(Rientra con l’elenco telefonico) Cca c’è l’elenco telefonico. Mu spieghi chi vo fari? dimmillu!

BASTIANO

(Parla mentre sfoglia l’elenco) u sacciu io, che cota devo fare! Ora ti faccio vedere, chi cota sa fare uno chetino! U truvavu! dimmi una tosa, come ti chiamava l’uttimo malito di mia mogliera? (Digita il numero)

CETTINA

Si chiamava Peppe Cacalasagne! Ma picchì? Fermati! A cu stai chiamannu? Vidi ca nuddu ti po’ mai capiri parrannu a senso unico! Blocca!

BASTIANO

(Al telefono parlerà con una certa classe e dizione, come se non avesse problemi di pronunzia. Al telefono) Pronto? Buongiorno! Sono il signor Peppe Cacalasagne, vorrei parlare col direttore. Ok, attendo!

CETTINA

(è basita) ma comu...ma tu...a lingua a senso...unico...tu parri...così...

BASTIANO

Ti lu ditti ca fativa l’attore! Quindi, non ti meravillare! (Meravigliare) (Al telefono) si, eccomi, mi scusi avevo una interferenza! Salve, sono Peppe Cacalasagne, marito di Rosa...(A cettina) Come fa di cognome Rota?

CETTINA

Crapalicca!

BASTIANO

Si le dicevo...marito di Rosa Crapalicca- volevo denunziare quella pazza di mia moglie, perché mi violenta dalla mattina alla sera! Dice che mi vuole succhiare il sangue fino a vedermi morto e mettermi in bacheca con gli altri santi! È una vampira! Quando mi ha sposato, sembrava santa, ma è una pazza! (Voce spaventata) eccola è lei! fate presto, prima che mi violenti! (A Cettina) che via è chitta?

CETTINA

Via dei cornuti, numero 2! (Facendo le corna)

BASTIANO

Ci troviamo in via dei cornuti numero due. La prego, fate presto! Ho paura! No, eccola viene verso di me... aiutooooo il numero dodici no, il numero dodici nooooooo(Chiude chiamata) appotto!

CETTINA

Comu facisti a parrari o telefono in italiano perfetto? A cu la facisti sta telefonata?

BASTIANO

Tu vero metti in dubbio ca io tono motto fubbo! Ti ho detto che tono un attore di teato, lascia fare a me! Ora facciamo una cota. Pima che vene mia mogliera, peparami u letto pi moriri. Fai venire il parrinu, per il macimonio! (Matrimonio)

CETTINA

Comu, vo moriri? Io ti cuntavu tutti cosi pi stari attento, e tu vo moriri!

BASTIANO

Mi pari ca io tono cimunito, e tu tei quella tenta cerevello! Dobbiamo fare lo stesso gioco chi fa mia mogliera! Ci dobbiamo fare chedere che io to morendo lei fa tredici, così mi sposa e poi...finale a sorpresa!

CETTINA

Ma come finale a sorpresa? no no, io mi scantu! Nun collaboro!

BASTIANO

Nun ti preoccupare! Ti assicuro che sarà un bellittimo finale! Io già lo so, come veni a finisci, però a sorpresa e per te! Quindi, priparamu u letto! (Bussano e i due si fermano)

ROSA F. S.

Cicciolina, cicciolina veni grapi ca mi scurdavu i chiavi!

BASTIANO

(Agitato) Pocca miseria, ora non potto morire più! Come mintia moru ora, tenta letto?

CETTINA

Po’ moriri nno divano! Veni cca, spicciati! (frettolosamente lo mette nel divano, mentre lo prepara con un fazzoletto che gli tenga stretta la bocca, Rosa urla da fuori) staju vinennu, un minutu!

BASTIANO

Un momento, sto morendo! (Tutto è pronto. Bastiano nel divano è posizionato come fosse morto e si lamenta. Cettina va ad aprire)

ROSA

(Adirata) quantu ci voli pi grapiri a porta! Prima o poi, a tia te licenziari! (Vede che Cettina è triste, quasi piangente) Chi ci chianci? (Cettina gli fa segnale verso Bastiano che si lamenta) Bastiano! Chi ti successi? Picchì hai stu fiocco in testa? Mi devi fare un regalo? Parra!

BASTIANO

(Sofferente, mentre parla ha tosse ed è come se dovesse espettorare, facendo schifare Rosa) Amore, amore mio...ti devo dire una cota butta (Brutta) to morendo!!!!

ROSA

Grazie amore, per il regalo che mi fai! (capisce d’aver esagerato e finge compassione) ma chi dici Bastiano! Mi dici a verità? (Bastiano annuisce. Rosa si allontana da lui e girandosi verso Cettina, da segni di gioia, poi rigirandosi da Bastiano si rattrista) ma chista vita è? una si fa i progetti per una vita, e poi svanisce tutto! No, non è giusto ca si mori così!

BASTIANO

Io vuliva moriri nno letto, nno divano effettivamente è scomodo! Chiama al parrino, che mi voglio potare! (Sposare)

ROSA

Si si, subito! Trombettina, invece di stari impalata, chiami o parrinu. Dicci ca si spiccia! (Cettina va alla finestra e chiama il prete)

BASTIANO

(Rosa al fianco di Bastiano) Te io moro, tu ti pendi ad un altro malito?

ROSA

Ma che dici Bastiano! Appena mori tu, mi fazzu parrina! (Cettina va vicino loro) u chiamasti? Comu finì?

CETTINA

(triste) Mi dissi cinque minuti e veni!

ROSA

Ma si po’ sapiri chi hai? Pari ca avissi u mortu menzu a casa! (Bastiano da segni di espettorare)

CETTINA

Io sugnu tanto siddiata, picchì sta murennu ...(Piange)

ROSA

(Si allontana da Bastiano e le parla) u capisci è ‘na furtuna ca sta murennu puru iddu. Chistu significa pi mia, navutra pinsioni! Se ti ricordi, fazzu tredici!

CETTINA

(Esplode) Ora basta! Lei non ha cuore! Lei pensa sulu e picciuli! Nun ci fa pietà stu poveru cristianu, u taliassi! (Bastiano aumenta la sua sofferenza)

ROSA

Alzi a voce cu mia! Cu schifia mi rappresenti! Ti pari ca mi scantu a jettariti fora? Navutra cammarera cchiù cretina di tia, a trovu! Da questo preciso istante, pi mia sei una estranea! E se nun ti nni vai, ti denuncio ca trasisti a me casa, senza permesso! E ora, via! Vatinni da me casa!!

CETTINA

(Si toglie e getta a terra il grembiule da cameriera) Mi nni vaju! Ma chiddu ca lei nun sapi, è lei a perdiri no io! (Sta per uscire e la chiama Bastiano)

BASTIANO

Aspetta Tettina! (Cettina) non te ne andare proprio ora! Almeno vidi come finisco di molile (Morire) e poi te ne vai! (Rosa obbietta, ma Bastiano la convince) Amore, fammi questo regalo! Voglio che Tettina, mi vede chepare! (Crepare)

ROSA

A lassu stari cca, fino ca tu parti! Appena decolli, idda deve sparire da circolazione! Assettati luntanu picchì sugnu allergica agli estranei! (Cettina si siede in disparte. Bussano va ad aprire Rosa, entra il prete)

PRETE

(Braccia protese in avanti, col cordone che gli pende da mezzo le gambe) Pace e bene fratelli e sorelle! Oggi è un giorno di gioia, perché è un giorno in più di ieri e meno di domani! Perché se non fosse così nel presente, non ricordereste il passato, senza sapere che ti darà il futuro...

ROSA

(Stufa lo interrompe) Parrino, lei ogni volta chi veni, fa mezz’ora di romanzina! Se aveva intenzioni di fare il romanziere, lei mica si havia a fari parrino. Havia a fari u ginecologo!

PRETE

Figliuola, ma è la vita che ci da questa filosofia!

ROSA

Si lei nun si smovi, a vita di chistu si nni va, e a mia pinsioni a cu resta a sofia? No megghiu a mia! si smuvissi! (Il prete alza la tunica e tira fuori un registro. Rosa si mette vicino Bastiano il quale dal suo modo di espettorare fa schifare il prete)

PRETE

(Sottovoce a Rosa) C’è scanto ca chistu mi sputa ‘nta facci!

ROSA

(Sottovoce) ma chi va pinsannu, me maritu è educato!

PRETE

(Proprio nello stesso istante Bastiano sputa e prende in viso il prete che si pulisce alzando la tunica) Meno male ca è educato, u porco! (Rosa gli molla un ceffone a Bastiano) Allora infilatevi gli anelli!

ROSA

Sempre cu sta camurria di anelli! nun lu sapi ca oramai nun si usano cchiù!

PRETE

Veru, mi l’havia scurdatu! (Legge dal registro) allora, Rosa Crapalicca vuoi prendere come tuo sposo il qui presente...comu si chiama?

BASTIANO

Mi chiamo Tebattano Culoticco. (Sebastiano Culosicco)

PRETE

Tebattano Culoticco? Ma è pastore tedesco?

CETTINA

Signor parrino, si chiama Sebastiano Culosicco!

ROSA

(Inveisce su Cettina) Oh, a tia cu t’invitò al nostro matrimonio! Intanto lei è estranea e si facissi i cazzi so, ca chiddi di me marito ci penso io! Prego parrino, comunque, si chiama così!

PRETE

Tu Rosa Crapalicca, vuoi prendere Sebastiano Culosicco come tuo sposo?

ROSA

Si, certo che me lo piglio!

PRETE

Tu, Culosicco, vuoi prendere come sposa a Crapalicca?

BASTIANO

Ti, me la prendo a sta Crapa!

PRETE

Per essere riconosciuti come coniugi, firmate in questo registro! (Rosa firma, Bastiano mentre firma espettora e il prete chiude il registro) apposto, vale pi firma! Io vado, ca già mi schifiavo abbastanza! (A Rosa) Auguri signora. ( A Bastiano) Condoglianze! (Bastiano fa gli scongiuri, toccandosi le parti basse. Si sente una sirena, poi mentre il prete sta per uscire, si scontra con due uomini in camice bianco)

DIRETTORE SPARACELLI

Buongiorno! Per chi non mi conoscesse, sono il direttore Sparacelli del manicomio criminale della Città!

ROSA

Buongiorno direttore! Desidera qualcosa?

DIRETTORE

Abbiamo un mandato di cattura, per la signora CrapaLicca Rosa!

ROSA

Un mandato di cattura, pi mia? ma vuatri siti pazzi!

INFERMIERE

(Mezzo matto, ride sempre specie quando lo guardano e ripete le parole finali che dice il direttore, infastidendolo) no no, a pazza è lei! (Ride)

DIRETTORE

Ho avuto modo di parlare con suo marito al telefono, il signor Peppe Cacalasagne, il quale asseriva che lei lo violentasse fino alla morte!

ROSA

(Inizia a menare Bastiano) Ti pirmittisti di denunciarimi, dicennuci ca ti violento! Ma si ancora manco abbiamo fatto tetto, comu dici tu...(Riflette) aspetta...dissi Peppe Cacalasagne?

DIRETTORE

Si, Peppe Cacalasagne. Suo marito!

ROSA

Signor direttore, vidissi ca me marito Peppe, già muriu! (L’infermiere ripete muriu e ride)

DIRETTORE

Cavolo! Siamo arrivati in ritardo! (all’infermiere) presto mettigli la camicia di forza! Signora lei è un’assassina! (l’infermiere non esegue, ridendo)

ROSA

Un momento! Ma quali assassina. Pi disgrazia ci vosiru cinqu misi pi moriri però, me maritu sulu muriu! Deve essere stato stu cretino cca a fari stu scherzo! (l’infermiere ripete “muriu sulu” e ride)

BASTIANO

Ma che chifio diti. Io quando muoio, non ne faccio schezzi alle pertone!

DIRETTORE

Signora, lei nega l’omicidio! Vuol incolpare questo pover uomo. E poi, a sentirlo parlare, non era la sua voce, ma quella di un uomo di gran classe e cultura. Questo è tutto cretino!

BASTIANO

Oh, chetino c’è to patri! la tua fortuna è che sto morendo, se no, mi arrabbavo!

DIRETTORE

Infermiere rovisti la casa e mi trovi qualcosa che riveli qualche indizio. Subito! (L’infermiere cerca in giro) Signora, lei è psicopatica?

ROSA

Io psicopatica? grazie a DIO, o gabinettu ci vaju ogni minutu e piscio che è una meraviglia!

DIRETTORE

Signora non mi faccia perdere la pazienza! Mi dica dove ha nascosto il cadavere di suo marito, parli!

ROSA

Ma quali cadavere! Docu c’è a so fotografia!

DIRETTORE

(L’infermiere fissa le dodici foto e inizia a ridere tanto) ma chi hai di ridiri! Accidenti quanti santi! uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci, undici e dodici! (Pensa) un momento! Signora chi sono questi santi?

ROSA

Ma quali santi! Chisti i me mariti sunnu! L’ultimo e Cacalasagne

INFERMIERE

(Fa conta con le dita e aumenta sempre più la risata) unu pu jornu, una pa notti, unu pu suli, unu pa luna, unu pi l’asciutto, unu pi l’acqua (Ride)

DIRETTORE

Ho trovato! Il signor Cacalasagne al telefono gridava il numero dodici, mentre lei lo violentava fino alla morte! È tutto chiaro! E l’ha deposto insieme a questi santi!

ROSA

Ma quali santi! Sunnu i me dodici mariti! E chistu e u tredicesimo!

BASTIANO

Piacere, Culoticco Tebbattano!

INFERMIERE

Culoticco Tebattano! (Ride) è parenti di Topo gigio? (Ride come un matto)

DIRETTORE

Lo ammetta signora, lei soffre di disturbi psichici! Non riconosce nemmeno i santi e asserisce che siano suoi mariti!

ROSA

Ce lo giuro che sono miei mariti! Me li sceglivo in una casa di cura tutti pensionati, aspittava ca murivanu e mi pigghiava a loro pinsioni!

DIRETTORE

Signora, la smetta di bestemmiare! Queste cose nessuno le ha mai fatte con le leggi rigorose che vigilano negli ospedali. Infermiere, mettile il maglione di forza! (L’infermiere nn esegue l’ordine)

ROSA

Un momento! Cicciolina, diccillu puru tu ca nun sugnu pazza e chiddi sunnu i me mariti!

CETTINA

Cicciolina? (Guarda dietro di lei) Signora, parra cu mia? Mi chiamo Cettina

ROSA

Diccillu tu, ca io sugnu bona di cervello. Diccillu ca nun ci sugnu pazza!

CETTINA

Prima di tutto, ca io a lei nun la canusciu signora! non l’ho mai vista! Chista è a prima vota chi vegniu a so casa! non posso sapere se quei santi sono stati suoi mariti.  nun lu pozzu sapiri si è pazza o no!

ROSA

(Si alza, va verso Cettina urlando, per menarla) ora nun mi canusci! Quannu ti faciva fari a schiava a me casa, mi canuscivi? Io t’ammazzo! (Al direttore) chista a schiava da me casa è!

DIRETTORE

(insieme all’infermiere che ride, la trattengono) Infermiere, le metta a questa donna il giubbotto di forza, presto!

CETTINA

Direttore, ma sta signora havi veramente problemi! Mi voleva violentare! Io a schiava in vita mia, nun l’haju mai fattu, ebbene che lo sappia, signora!

ROSA

Bastiano, diccillu tu o dutturi ca nun sugnu pazza, diccillu!

BASTIANO

Ma tu sei pazza d’amore, per me! Vero?

ROSA

Direttore, me marito dissi a verità! Si sono pazza, ma d’amore! mi lasci!

DIRETTORE

Infermiere ha sentito? Questa signora ha ammesso la sua pazzia! Presto, la catena di forza! (Rosa si dimena per liberarsi, ma il direttore e l’infermiere la tengono stretta)

BASTIANO

Pe favore tignor direttore, potete fare meno boddello (Bordello) che devo morire?

DIRETTORE

Mi scusi! Infermiere ha da un ora che le dico, le mette la camicia di forza e niente. Il maglione di forza e niente. Giubbotto di forza e niente, catena di forza e niente! Come schifio la dobbiamo attaccare a sta pazza?

INFERMIERE

(Tira fuori una camicia bianca) Direttore, la camicia di forza è qua. Ma nun ci la pozzu mettiri picchì...mi manca a forza a mia! (Ride a crepapelle, mentre Rosa si dimena e urla per liberarsi dalla morsa dei due) e troppo forte sta signora! dice che nn è pazza! ma è cchiù pazza di mia! (Ride)

DIRETTORE

Ora vi chiudo nna stessa cella! Tantu fra pazzi vi capiti! Scusate il disturbo, signori! (Escono tirando con forza Rosa urlante, l’infermiere continua a ridere)

BASTIANO

(Va a guardare alla finestra, poi felice a Cettina) hai vitto? Quetto è il finale a sorpresa! ti è piaciuto? (Cettina è triste) chi hai che sei titte?

CETTINA

Però nun è giustu di falla chiudiri o manicomio criminale!

BASTIANO

E dunni l’avianu a purtari?

CETTINA

A stazione, a lavari u culu e scecchi morti! (Ridono entrambi e si abbracciano felicemente) sugnu cuntenta! Almeno nun pigghia cchiù pi fissa, a genti! (Bussano. Bastiano Scappa a lamentarsi nel divano) arreri cca sunnu! (Va ad aprire e le consegnano una busta)

BASTIANO

Ma chi cota è quetta butta? (Busta)

CETTINA

(La apre, ne conta dodici buste) Chista sai chi sunnu? Sunnu i pinsioni! I pinsioni di li bonanima di mariti di tua moglie. chi facemu?

BASTIANO

(Glieli toglie dalle mani) chi fatemu? Abbiamo fatto tredici! Ce li teniamo!

CETTINA

No, nun è giustu! Mica sunnu piccioli nostri, sunnu di li poveri cristiani ca mureru!

BASTIANO

Dici che tono miei parenti! e poi, mi sono potato con Rota e quindi, quello ch’è suo è mio! Quindi, sono tutti miei! Anzi, i nostri! Ora potto aiutare le pertone deboli che soffono!

CETTINA

Grazie Bastiano! Allura, veru tridici ficimu!(Sono felici) Sai chi facemu? Tu, ti vai a operare nna lingua a senso unico, ta fa mettiri a doppia corsia. Io pozzu curari i me genitori, senza cchiù problemi di circari travagghiu!

BASTIANO

U vidi? Idda diciva ca nuatri semu chetini! Eh si, i proverbi antichi nun sbaglianu mai! “ i cretini hannu sempri cchiù furtuna”

CETTINA

E “ i scarti, morinu sempri nne manu di fissa”  (Sono felici)

BASTIANO

Ora te la potto dire una cota? Vitto che tutta quetta brutta storia è pinita, ci dobbiamo sposare insieme? Tu sei una bava ragazza!

CETTINA

(Emozionata) Vero dici Bastiano? (Bastiano annuisce) nun mi l’aspettavu di tia, ma nun sacciu che ...sai chi ti dicu? Si, accetto!

BASTIANO

Quetto significa che (Timido) io e te,  dobbiamo fare tetto quando ci posiamo? (Sposiamo)

CETTINA

Si, ma dopo il matrimonio! Non voglio farlo prima!

BASTIANO

Ti ti cetto! Faremo tetto, dopo, no prima! Io ti voglio bene!

CETTINA

(Lo abbraccia e lo bacia) Grazie Bastiano, per questo rispetto che mi porti! Sei una persona speciale! (Continua a baciarlo)

BASTIANO

Non mi baciare attai Tettina, pecchè se no, il mio pitello si può trappormare e poi...(Si guarda in mezzo le cosce) U vidi, lo tapevo io! Mi stanno vunciannu tutti cosi! Ora, chi fazzu?

CETTINA

(Eccittata) chi ti sta vunciannu? Beddamatri che caldo! ora chi fai? Veni cu mia, e facciamo bum bum!(Lo tira per la mano per uscire)

BASTIANO

(Spaventato) chi cota, bum bum? Ma io non so sparare! Aspetta aspetta, vidi ca io tono vergine! (Uscendo) aiuto, beddamati! Picciotti, ora chitta mi violenta. aiutoooooooooooooooooo(Escono. Cala il sipario)

Fine

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno