Che gli farò alle donne?

Stampa questo copione

Massimo Valori

CHE GLI FARÒ ALLE DONNE?

Tre atti brillantissimi in vernacolo empolese

Personaggi:

Cesare Bucchioni

Teresa, moglie di Cesare

Andrea,

Giovanni detto Bacchiolo

e Michelino, loro figli

Anna, fidanzata di Andrea

Assuntina

Salvatore, padre di Assuntina

Ughetta, sorella di Cesare

Gabriella

Ovidio, fidanzato di Gabriella


OPERA TUTELATA DALLA SIAE – TUTTI I DIRITTI RISERVATI


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ATTO PRIMO

La scena.

Salotto di casa Bucchioni. Sulla parete di sinistra, tre porte: la Comune in fondo, che conduce alle altre stanze, la porta della camera di Andrea e Michelino e la porta della camera di Bacchiolo. Sul fondo, a destra, la porta d’ingresso. Sulla parete di destra, una finestra. Un divano al centro della stanza; alla parete di destra un tavolino con una sedia e un telefono; sul fondo, una credenza e un mobiletto vicino alla porta d’ingresso. Altri posti a sedere nella stanza. Uno specchio vicino alla finestra.

Sono in scena Andrea e Bacchiolo, seduti sul divano. Bacchiolo tiene in mano un notes e scrive di tanto in tanto.


1-

2-

3-

4-

5-

6-

7-

8-

9-

10-

11-

12-

13-

14-

15-

16-

17-

18-


BACCHIOLO:(attraente, ben vestito; una specie di playboy)Andrea, senti questa! "Ferramenta Bucchioni:

non solo chiodi e viti, ma anche dadi e bulloni!" Eh? Che ti pare?

ANDREA:(normale, di carattere brillante)No, no... Ci vorrebbe qualcosa... Qualcosa che faccia colpo,capito? Qualcosa che rimanga ni’ capo della gente!

BACCHIOLO: Ma son questi! Sono gli slogan tormentoni come questi che rimangono ni’ capoalla gente! Te faglielo senti’ dieci o venti vorte ai’ giorno, poi tu lo vedi!

ANDREA: Dieci o venti vorte ai’ giorno? Ma a codesta maniera tu la rinciucchisci la gente, abbipazienza!

BACCHIOLO: E allora? O ‘un va bene?

ANDREA: Noe! Ci vole quarche cosa che la gente lo sente una vorta sola e gli rimane ni’ capo!

Una frase a effetto, capito? Codesta sembra una poesia, sembra!

BACCHIOLO: Senti: io per ora quarche idea l’ho avuta, e continuo su questa strada! Quande tun’avrai qualcuna anche te, fammi un fischio, va bene?

ANDREA: O Bacchiolo, e fo pe’ ragiona’! O che te ne pigli?

BACCHIOLO: Io? No che ‘un me ne piglio!

ANDREA: Mi pare di sì, invece!

BACCHIOLO: Senti: fai come me! Pigliati i’ tu’ blocchettino, mettiti costì e fai le tua; io fo lemia e poi si starà a vede’!

ANDREA: Certo, ‘un si pole ragiona’ con te, eh?

BACCHIOLO: Come! O se gliè du’ ore che tu sta’ qui a criticare i’ mi’ lavoro! Facile a codestamaniera, eh? E allora, da qui in avanti ‘un ti dico più nulla, forza! Ma guardate...

ANDREA: Te tu se’ permaloso, ecco icché tu sei!

BACCHIOLO: O allora? Ammazzami!

ANDREA: Ecco, bravo, be’ discorsi tu fai! Bravo!

BACCHIOLO:(si china sul suo notes, annotando qualche parola ogni tanto)

ANDREA:(pausa; fra sé)Incoccino che ‘un tu se’ attro! Che caratteraccio che ha, ragazzi! A vortegliè peggio delle donne!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                              2


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


19-

20-

21-

22-

23-

24-

25-

26-

27-

28-

29-

30-

31-

32-

33-

34-

35-

36-

37-

38-

39-

40-

41-

42-

43-

44-

45-

46-

47-

48-

49-

50-


BACCHIOLO: Che ti cheti, pe’ piacere? Sto creando!

ANDREA: Oh, scusa! Scusa, eh! Abbi pazienza!

CESARE e MICHELINO:(entrano dalla Comune)

CESARE:(uggioso, sempre preoccupato)O ragazzi...

ANDREA: Zitto, babbo, zitto! I’ genio sta creando!

CESARE: Che fa?

ANDREA: Bischerate!

BACCHIOLO: Bischerate? Babbo, senti questa! Senti, eh: "Ferramenta Bucchioni: gli arnesigiusti per tutte le professioni!" Eh? Che ti pare?

ANDREA:(a Cesare)Che cervellone, eh?

BACCHIOLO: Pensa a’ fatti tua, te!

ANDREA:(a Bacchiolo)Che parlo con te, io? Parlo co’ i’ mi’ babbo!

CESARE: Calma, ragazzi, via! State boni du’ minuti! Prima di partire ho da ragiona’ con voi!

ANDREA: Cose serie?

CESARE: Serie. Dimorto serie.

MICHELINO:(sciocco, ingenuo, infantile, semplicione; bischero, insomma)Che è successo?

CESARE: Nulla, Michelino, nulla. ‘Un è successo nulla. Voglio parla’ con voi proprio perchévoglio che ‘un succeda nulla!

ANDREA: Siamo tutt’orecchi!(a Bacchiolo, togliendogli il notes di mano)Lo posi codesto coso, c’è babboha da parla’ con noi!

CESARE:(a Bacchiolo)Difatti i’ discorso riguarda più che attro te!

BACCHIOLO: Me?

CESARE: Sì, te!

BACCHIOLO: O perché?

CESARE: Ora te lo spiego. Dunque: voi vu sapete che s’ha da aprire la ferramenta nova, indoves’anderà a lavora’ tutt’e cinque!

MICHELINO: Io sto alla cassa, eh?

CESARE: Va bene, Michelino, di codesto se ne parla dopo...

BACCHIOLO:(interrompe)No no, lui sta alla cassa! Ci mancherebbe attro!

ANDREA: Perché?

BACCHIOLO:(a Andrea)Perché? O ‘un te ne ricordi di quella vorta che andò a aiuta’ babbo?Quande vide che a anda’ a piglia’ chiodi ci s’insudiciava le mani, e disse "Son sudici!"; e ci buttò una secchiata d’acqua! Ci toccò butta’ via ogni cosa!

MICHELINO: Io credevo di fa’ bene, ba’!

ANDREA:(a Bacchiolo)O lascialo fa’!

BACCHIOLO: No no, lui sta alla cassa!

CESARE:(risoluto)Insomma, di codeste cose se ne pole parla’ anche dopo! C’è attri problemi daaffronta’, prima!

ANDREA: E quali sarebbero?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                              3


51-

52-

53-

54-

55-

56-

57-

58-

59-

60-

61-

62-

63-

64-

65-

66-

67-

68-

69-

70-

71-

72-

73-

74-

75-

76-

77-

78-


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

CESARE: I’ primo son questi.(mima con la mano)I quattrini.

ANDREA: Perché?

CESARE: Boni, boni, ora ve lo spiego. Dunque: voi vu sapete che i’ mutuo in banca ‘un cel’hanno voluto da’!

BACCHIOLO: Nati d’un cane!

CESARE: Su codesto son d’accordo anch’io, ma sta di fatto che ‘un ce l’hanno dato! E allora s’èsentito i’ parere di zia Ughetta, visto che a lei i quattrini ‘un gli mancano. E lei, meno male, ha detto di sì. Però, come gliè giusto, prima ha preteso di sapenne quarche cosa di più, di vede’ ‘n dove si farà i’ negozio novo, come verrà... E allora noi ora siamo in partenza pe’ anda’ a Ginevra a piglialla!

ANDREA: Va bene, fin qui la storia si sa anche noi.

CESARE: Bene. Allora vu saprete anche che tipo gliè la zia Ughetta! E come la pensa su certecose!

BACCHIOLO: Quali cose?

CESARE: Diciamo... Su’ rapporti fra òmini e donne!

ANDREA:(sogghigna)Eh eh... Bacchiolo, questa qui gliè per te!

BACCHIOLO: Per me?

ANDREA: Diamine! O chi è i’ pleibòi di casa?

CESARE: Vedo con piacere che vu avete bell’e capito!

BACCHIOLO: Ma capito icché? Io ‘un ho capito proprio nulla!

ANDREA: ‘Un c’è peggior sordo...

BACCHIOLO: Insomma, mi volete spiega’, sì o no?

CESARE: Vedi, Giovanni, pe’ dittela proprio papale papale, te pe’ la mi’ sorella tu se’ un po’troppo Casanova! Che ci siamo ‘ntesi?

ANDREA: I tipi come te, a zia Ughetta, ‘un gli stanno bene a mano, ecco! Giovanni, tu se’ unpo’ troppo Dongiovanni! Eh? Segnala, segnala sui’ blocchetto questa, vai!

BACCHIOLO: Cioè, allora io che dovre’ fa’? Fammici un nodo?

ANDREA: ‘Un sarebbe mica una brutt’idea!

CESARE: Fattici un nodo no, ma... ‘Nsomma, te tu lo sai quello che ‘ntendo, no? Te tu se’ unoche, in queste cose, e fa come gli pare!

BACCHIOLO: Io?

ANDREA: No, macché...

CESARE: O Giovanni, o via, o ‘un mi fa’ ragiona’! Più che mi garberebbe che tu mettessi la testaa posto...

BACCHIOLO: O gente, ‘un è mica corpa mia! E son le donne a veni’ da me! Dopotutto, se michiamano Bacchiolo, un motivo ci sarà!

MICHELINO: Perché tu se’ bravo a gioca’ a biliardo!

ANDREA: E ‘un è solo pe’ quello, Michelino!

BACCHIOLO: Ora sta’ a vedere che di tre fratelli che siamo quello che dà problemi son io!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                              4


(indica Michelino)

79-

80-

81-

82-

83-

84-

85-

86-

87-

88-

89-

90-

91-

92-

93-

94-

95-

96-

97-

98-

99-

100-

101-

102-

103-

104-


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

CESARE: Sicuro! Sicuro, tu ha’ detto proprio bene! Tu se’ te, i’ problema! Tu se’ te, co’ la vitache tu fai! (indica Andrea) O ‘un potresti fa’ come lui? ‘Un ti potresti da’ una carmata e trovatti finarmente una brava ragazza, eh?

BACCHIOLO: Pe’ fa’ piacere a zia Ughetta? Ma che v’ha dato barta i’ cervello?

CESARE: No, che c’entra, dicevo così... Che ‘une staresti meglio, no?

BACCHIOLO: Ba’, bella roba...

ANDREA: Perché, o che son bischero, io?

BACCHIOLO: No, te tu ha’ fatto bene! Perché vedi, te certe possibilità ‘un tu l’hai! ‘Un tu ha’mica i’ fascino latino di’ sottoscritto, te! Uno come me, volevo dire, e fa un certo effetto!

ANDREA: A me tu mi fa ride’, per esempio!

BACCHIOLO: Ridi ridi! I fatti lo dimostrano! Io di donne(mima con la mano)ce n’ho così! E vistoche madre natura m’ha dato questa fortuna...

CESARE:(interrompe)Ma sentitelo! O Giovanni, ma ti rendi conto che tu ha’ quasi trent’anni!

BACCHIOLO: Ventisette!(indica Andrea)E lui n’ha due più di me!

CESARE: O ‘un è uguale? Eh? E pensa’ come sare’ contento di vedetti sistemato! E ‘nvecequande una, quande un’antra...

BACCHIOLO: Son proprio disgraziato, di’ la verità!

CESARE: O Giovanni, ma io ho caro che tu ti diverta! Ma c’è sistema e sistema! Ma ti ricordi diquella vorta che mi vidi arriva’ tu’ ma’ ‘n camera e mi disse "O Cesare, e son briaca! E ci vedo doppio!" E io venni di qua e ti trovai con du’ gemelle! Eh? Te lo ricordi? Du’ ragazze uguali come du’ gocce d’acqua!

BACCHIOLO: No, uguali uguali no! Perché una, difatti, aveva un neo...

CESARE:(interrompe)‘Un me ne ‘mporta di sape’ ‘ndove aveva i’ neo! Giovanni... Giovanni, te se‘un tu cambi quarche vorta tu vai a fini’ male, te lo dico io!

BACCHIOLO: I’ pericolo gliè i’ mi mestiere!

ANDREA: Sì, eh? E quella vorta che vennero in quattro a ricercatti? Marito, babbo e du’ fratelli!

E ci toccò digli che tu eri partito militare!

BACCHIOLO: Sì, mettitici anche te, ora... Tanto codesta gliè tutt’invidia!

CESARE:(a Andrea)Ma lo senti? Eh? Lo senti? Digià, te tu se’ l’unico che tu mi se’ venuto

perbene! (indica Bacchiolo) Poi uno troppo                                                                                          e uno troppo poco!

ANDREA: Tu t’avevi a ferma’ ai’ primo, si stava meglio tutti!

BACCHIOLO: Come?

MICHELINO:(fa una linguaccia a Andrea)

ANDREA: E scherzo, ragazzi, scherzo, giù...

CESARE: Tu scherzi, eh? E ‘un c’è tanto da scherza’, co’ i’ tu’ fratello! Ma te lo ‘mmagini se necapitasse una quando c’è la zia Ughetta? Addio ferramenta!

BACCHIOLO: Eeh, come tu se’ tragico!

CESARE: O Giovanni, ‘un lo saprò? Vòi che un conosca la mi’ sorella? Quella piglia e va via, e iquattrini pe’ i’ negozio novo e si vedan dai’ buco della chiave! O che ti chiedo, ‘n fondo! Ti chiedo solo di sta’ un po’ carmo finché lei starà qui!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               5


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


105-

106-

107-

108-

109-

110-

111-

112-

113-

114-

115-

116-

117-

118-

119-

120-

121-

122-

123-

124-

125-

126-

127-

128-

129-

130-

131-

132-

133-


BACCHIOLO: Ho capito! Siccome viene la mi’ zia che ha l’idee di’ Medioevo si mette i’coprifoco! Eh?

CESARE: Giovanni, e ‘un tu ti devi da’ una carmata pe’ fa’ un piacere a me! Gliè un dovere!

Siccome i quattrini l’ha lei, e bisogna fa’ come gli pare a lei!

ANDREA: Chi ha sòrdi, a questo mondo, ha sempre comandato!(plateale)Bacchiolo! La patriachiama! Gliè giunta l’ora che tu ti sacrifichi!

CESARE: Ma guarda! Io son qui che mi danno l’anima pe’ convincilo e te tu scherzi!

ANDREA: O babbo, via... E si sa tutti che Bacchiolo gliè... Un po’ allegro, ecco, ma certe cose lecapisce anche lui! Eh?

BACCHIOLO: ‘Nsomma...

ANDREA:(sottovoce)O dici di sì, accident’a te!

CESARE: Ce l’ho da vede’, io!

BACCHIOLO: E va bene! Viene zia Ughetta? Si mette i’ coprifoco? Va bene, facciamo anchequesta! Siete contenti?

CESARE:(si siede sul divano, all’estrema sinistra; per sedersi toglie prima un cuscino; si mette pensieroso)

ANDREA: Bravo Bacchiolo! Io lo so che costì dentro batte i’ cuore d’un eroe! Che poi, ‘un èmica detto che certe cose ‘un tu le possa fa’! Basta che tu le faccia di nascosto, ecco!

CESARE: ‘Un ti prova’ a portalle ‘n casa, eh, perché com’è vero che mi chiamo Cesare piglio i’sovrapposto di là e fo un macello!

ANDREA: No, ma che ‘n casa! Eh? Diglielo, Bacchiolo! O se ‘un tu ce l’hai più portate ‘n casa!Eh? Vero?

BACCHIOLO:(non sa che dire)Ecco...

ANDREA: Quant’è? Quanto tempo gliè che tu ci portasti l’urtima, eh?

BACCHIOLO:(c.s.)Saranno...

ANDREA:(subito)No, ma sarà anche di più! Eeh! Saranno cinque o se’ mesi!

BACCHIOLO:(c.s.)Più o meno...

ANDREA:(sottovoce)O dici di sì! Maremma come tu se’ duro!(a Cesare)L’ha’ visto babbo? Di che ti

preoccupi? Tu hai un figliolino modello! Un po’ allegro, magari, ma ‘nsomma...

CESARE: Ma che...(si rialza; dove si era seduto ci sono un paio di slip da donna; li raccoglie)O queste?

BACCHIOLO:(fra sé)Ecco ‘ndo’ erano!

CESARE: Che son queste?

MICHELINO: Un paio di mutande!

CESARE: Di chi sono?

ANDREA: Ah, mia no!

BACCHIOLO: Nemmen mia!

CESARE: Lo vedo, lo vedo che ‘un son vostre! Son da donna!(pausa)Della vostra mamma ‘unsono!

ANDREA: Eh, no. E neanche d’Anna, eh? A quella maniera ‘un ce l’ha ma’ avute! Però...(leguarda) Belline, quasi quasi gliele compro...

CESARE: Andrea, ‘un cambia’ discorso! Giovanni!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               6


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

134 -BACCHIOLO: Oh.

135 -CESARE: Ne sa’ nulla, te?

136 -BACCHIOLO: No...

137 -CESARE: Come no!

138 -BACCHIOLO:(pausa)‘Nsomma... Oddio, forse... Ieri sera...

139 -CESARE: Ieri sera? Ieri sera... Ieri sera s’era a mangia’ fori!

140 -MICHELINO: E a un certo punto lui gliè andato via perché diceva che si sentiva male!

141 -CESARE: Si sentiva male?(a Bacchiolo)E tu se’ venuto qui a senti’ bene! Eh?

142 -BACCHIOLO: O babbo...

143 -CESARE: O babbo un cavolo! Lo vedi? Lo vedi che ho ragione a preoccupammi? ‘Un ci si polefida’ di te! Anche le bugie tu racconti!

144 -BACCHIOLO: Le bugie?

145 -CESARE: O ‘un ha’ detto che era se’ mesi che ‘un tu ce le portavi qui, le donne! Eh?

146 -BACCHIOLO: Io? ‘Un l’ho detto mica io! L’ha detto...

147 -MICHELINO:(interrompe)Le bugie hanno le gambe corte!

148 -BACCHIOLO:(a Michelino)E te un occhio nero, fra pochino!

149 -CESARE: Andrea! Lo dico a te che tu sei i’ più grande!

150 -ANDREA: Vai! Lo sapevo, io!

151 -CESARE: In questi giorni che io e mamma si sarà a Ginevra,(indica Bacchiolo)che ‘un si mova diqui! Che ‘un si mova di qui, eh?

152 -ANDREA: Sì, e lo legherò a catena...

153 -CESARE: Parlo sui’ serio, Andrea!

154 -BACCHIOLO: O babbo!

155 -CESARE: E te silenzio!

156 -MICHELINO: Zitto! Bene!(fa una linguaccia a Bacchiolo; prende una rivista e si mette a leggere)

157 -ANDREA: O babbo, via... ‘Un è mica i’ caso di piglialla a codesta maniera, giù! Guarda:garantisco io! Ti garantisco che Bacchiolo da stasera fino a quande zia Ughetta ‘un sarà riandata via, righerà diritto! Vero?

158 -BACCHIOLO: Va bene.

159 -ANDREA:(a Cesare)Se’ contento?

160 -CESARE: Contento! Sarò contento quande questa faccenda sarà finita!

161 -ANDREA: E ha sempre da ‘ncomincia’...

162 -TERESA:(semplice, ingenua; entra dalla Comune)O Cesare...(vede gli slip)O codeste? O di chi sono?


163-

164-

165-

166-

167-


CESARE: Eh?

BACCHIOLO:(si mette le mani nei capelli)

TERESA: Codeste mutande! Fa vede’...(le prende)Si po’ sapere di chi sono?

CESARE: E sono...(non sa cosa dire)

ANDREA: E son di Anna, mamma!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               7


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


168-

169-

170-

171-

172-

173-

174-

175-

176-

177-

178-

179-

180-

181-

182-

183-

184-

185-

186-

187-

188-

189-

190-

191-

192-

193-

194-

195-

196-

197-

198-


TERESA: Di Anna?

MICHELINO: O se tu ha’ detto prima che ‘un ce l’ha a quella maniera!

ANDREA: Difatti gliele regalo! Gliele stavo facendo vede’ a loro, pe’ sape’ se gli garbavano!

MICHELINO: Sì però prima...

ANDREA:(interrompe; sottovoce a Michelino, minaccioso)O sta’ zitto!

TERESA: Mah... O che gliè roba pe’ Anna, questa?

ANDREA: Ba’, se gli sta!

TERESA: Sì, ma ‘un mi sembra i’ tipo, ecco...

ANDREA:(prende gli slip e li mette in tasca)Oh ‘nsomma, che gliè mai venuta lei a vede’ che mutande tuporti te? E allora!

TERESA: Mah!

CESARE: Che... Che volevi quarche cosa?

TERESA: Sì, ti volevo dire... La vòi la maglia di lana?

CESARE: La maglia di lana?

TERESA: Sì, la maglia di lana, che fo, la porto?

CESARE: Di questa stagione? ‘Un si va mica fra i pinguini!

TERESA: Che lo so, io! Credevo che a Ginevra fosse freddo! ‘Nsomma la vòi o un la vòi?

CESARE: O ‘gnamo, Teresa! Pe’ ave’ le valigie più pese, poi!

ANDREA: E avessele da porta’ dietro!

TERESA: Perché? Che si dovrebbero lascia’ qui?

BACCHIOLO: No, mamma... Ma se vu andavi coll’aereo, vu le mettevi sui’ nastro e... Zà! Vu leritrovavi a Ginevra! E te ‘nvece dura!

TERESA: O Giovanni...

CESARE: Ha ragione! Ha ragione, ‘nvece! O perché tu devi esse’ così paurosa!

TERESA: A me l’aereo ‘un mi garba! Si sente di’ certe disgrazie...

CESARE: Se gliè pe’ codesto, a vorte deragliano anche i treni!

TERESA: Meno, però!

ANDREA: O mamma, ma se uno sta sempre a pensa’ a codeste cose, ‘un mette neanch’i’ nasofor di casa! Pensa ‘nvece a come gliè ganzo monta’ ‘n aereo! Tu arrivi, una signorina ti dice bongiorno, ti fa vede’ i’ posto a sede’, tu ti ci metti e in du’ balletti tu riscendi e tu sei a Ginevra! E mentre tu se’ lì, ti portano da mangia’, da be’, tutto icché tu vòi! E poi, ci ha’ pensato a quande tu tornerai, che tu lo racconterai alle tu’ amiche, eh? "I’ mi’ marito m’ha portato ‘n aereo!" Tu le faresti schiatta’ tutte!

TERESA:(ci pensa un po’)Anche la Cesira ‘un c’è ma’ stata...

CESARE:(fa cenno a Andrea di insistere)

ANDREA: Già! La Cesira! Te lo ‘mmagini quande lo sa? Che figurone tu faresti!

TERESA:(c.s.)Ma che saremo sempre a tempo?

ANDREA: Ha’ voglia! Basta anda’ alla Stazione e sfissa’! Guarda, ti ci va Bacchiolo, ‘un c’èproblemi!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               8


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


199-

200-

201-

202-

203-

204-

205-

206-

207-

208-

209-

210-

211-

212-

213-

214-

215-

216-

217-

218-

219-

220-

221-

222-

223-

224-

225-

226-

227-

228-


BACCHIOLO: Io?

ANDREA: Silenzio! O ‘un se’ sotto la mi’ tutela?

TERESA:(c.s.)Quasi quasi...

CESARE:(sottovoce a Andrea)Bravo Andrea, bravo! Sta a vede’ che si va ‘n aereo davvero!

MICHELINO: Aléeee! Bello! Questo stasera lo vedo, eh?

CESARE: Icché?

MICHELINO: Questo firme! L’ho bell’e visto, ma lo rivedo, eh! Gaannnzooo!

ANDREA: Come s’intitola?

MICHELINO: "Terrore a diecimila metri"!

BACCHIOLO, CESARE e ANDREA:(gesticolano per far tacere Michelino)

TERESA: O di che parlava?

MICHELINO: Parla d’un aereo, no? Poi a un certo punto picchiano co’ un antro aereo, ma uncascano, però more tutti i piloti, no? E allora tutti i passeggeri hanno paura e gli tocca guida’ a uno di loro, no? E poi stanno pe’ precipita’ e ‘un sanno come fa’! E allora...

TERESA:(interrompe)Si va ‘n treno, eh? No no no no no....

CESARE: O Teresina...

TERESA: Vo di là a fini’ di fa’ le valigie!(via dalla Comune)

CESARE: Teresa... Teresa!(a Michelino)Ecco. Se’ contento?

MICHELINO: O icché ho fatto?

CESARE: Nulla! Nulla! In questa casa ‘un fa ma’ nulla nessuno! Gliè corpa mia! Ma se avevofatto tre donne, ‘un era meglio! (via dalla Comune)

MICHELINO: E poi chiamano la torre di controllo...

BACCHIOLO:(interrompe; riprende il notes)O Michelino, guarda, pe’ piacere...

MICHELINO: O se a me mi garba firmi di paura!

BACCHIOLO: Sì, eh? E poi come tu ragli la sera(fa il verso)"Andrea, vieni a letto, ho paura!"Digià ‘un so come fa a dormi’ con te!

MICHELINO:(gli fa la linguaccia)

BACCHIOLO: Ma io, a su’ tempo, ci ho pensato e son tornato ‘n camera da me solo!(indica la suaporta di camera)

(suona il campanello)

MICHELINO:(si avvicina alla porta di camera sua e di Andrea; la indica)Tanto noi in camera nostra ‘un ti cisi vole! Bene! Vero Andrea che noi ‘un ci si vole Giovanni ‘n camera?

ANDREA:(va ad aprire)Digià gliè piccina, tu ci hai a fa’ veni’ anche lui!

MICHELINO:(a Bacchiolo)L’ha’ visto?(altra linguaccia)

ANNA:(battagliera, di lingua svelta; entra dall’ingresso)Ciao.

ANDREA: Buongiorno, amore!

BACCHIOLO: Ba’, Anna!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                               9


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

229 -MICHELINO:(saluta con la mano)

230 -ANNA: Che son pronti?

231 -ANDREA: Sie! C’è la mi’ mamma voleva porta’ anche le maglie di lana! E ci hanno da sta’ tregiorni!

232 -ANNA:(a Bacchiolo)O che fai costì?

233 -BACCHIOLO: Sono a scrive’ lo slogan pe’ la pubblicità di’ negozio! Senti: "Ferramenta

Bucchioni: voi avete i problemi e noi le soluzioni!" Eh? Di’ la verità, son’un ganzo?

234 -ANDREA: Lascialo fare, venvia...

235 -TERESA:(entra)Ah, Anna che ci sei?

236 -ANNA: Buongiorno. Son venuta a salutarvi.

237 -ANDREA: Siamo pronti?

238 -TERESA: Sì.

239 -ANDREA: O babbo?

240 -TERESA: Arriva.

241 -CESARE:(entra con due valigie molto pesanti)Permesso permesso permesso...

242 -ANDREA: Maremma... O che ci ha’ messo dentro?

243 -TERESA: Che ci ho messo! I’ necessario! E neanche tutto!

244 -CESARE: Diamine! E voleva porta’ anche l’impermeabile!

245 -BACCHIOLO: Sentite questa! "Ferramenta Bucchioni..."

246 -CESARE:(interrompe)E se tu duri...

247 -TERESA: Gnamo, venvia, gliè tardi!

248 -CESARE e TERESA:(vanno a salutare Michelino e Anna)

249 -ANDREA: Ve le porto io le valigie, vai...(le alza, poi ne posa una)Ohiohi... Sarà meglio che ne portiuna sola! Bacchiolo!

250 -BACCHIOLO: Oh!

251 -ANDREA: Gnamo, vieni anche te, così tu porti una valigia!

252 -BACCHIOLO: Uffa...

253 -ANDREA: O giù, invece di sta’ costì a scrive’ bischerate! Gnamo! E silenzio!

254 -BACCHIOLO: Va bene, va bene! Ora ci ho anche i’ tutore!(si alza e prende l’altra valigia)

255 -TERESA: Allora ciao, eh! Mi raccomando!

256 -ANDREA e TERESA:(escono dall’ingresso)

257 -BACCHIOLO:(a Cesare)Meno male vu andate ‘n treno...

258 -CESARE: Perché?

259 -BACCHIOLO: Perché con queste valigie qui nell’aereo bisognava che vu ci montassi voi duesoli!

260 -CESARE e BACCHIOLO:(escono dall’ingresso)

261 -ANNA: Allora, Michelino, che si fa, s’ha a cominciare a preparare pe’ la cena?

262 -MICHELINO: O che ci se’ te a facci da mangia’?

www.massimovalori.net

10


(prende il contenitore da Anna

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

263 -ANNA: Stasera e basta, però! Fino a sabato poi vu v’arrangiate!

264 -MICHELINO: S’è bell’e fatto i turni!

265 -ANNA: I turni?

266 -MICHELINO: Pe’ organizzassi meglio, no?

267 -ANNA: E come sarebbero?

268 -MICHELINO: Allora: domani Andrea fa da mangia’.

269 -ANNA: Andrea?

270 -MICHELINO: Sì, dice che gli conviene fa’ pratica!

271 -ANNA: ‘Mbecille...

272 -MICHELINO: Io rigoverno e Giovanni asciuga!

273 -ANNA: E giovedì?

274 -MICHELINO: Uguale. E anche venerdì!

275 -ANNA: O che turni sarebbero codesti?

276 -MICHELINO: Tu vedrai! Giovanni ‘un sa fa’ nulla, io so rigoverna’ e basta, sicché...

277 -ANNA: Vu avete fatto i turni.

(suona il campanello)

278 -MICHELINO: Gliè una bell’idea, no? L’ho avuta io!

279 -ANNA:(va ad aprire)Eh, mi pareva...

280 -ASSUNTINA:(più insignificante e insipida possibile; sulla porta d’ingresso; ha un contenitore in mano)Buongiorno. Michiamo Assuntina. Sono una nuova vicina, sono venuta a stare qui da due giorni.

281 -ANNA: Ma senti... Vieni, vieni... Io sono Anna.

282 -ASSUNTINA:(entra)Piacere. Abita qui?

283 -ANNA: No, sono la fidanzata di Andrea, uno de’ figlioli. Lui invece gliè Michelino, uno de su’fratelli.

284 -ASSUNTINA:(a distanza)Piacere.

285 -MICHELINO:(saluta con la mano)Ciao.

286 -ASSUNTINA: Volevo sapere se mi potevano fare un favore.

287 -ANNA: Diamine! Che ti serviva?

288 -ASSUNTINA: Sono rimasta senza sale.

289 -ANNA:(prende il contenitore da Assuntina)Ma ci mancherebbe... Michelino, ci vai te?

290 -MICHELINO: ‘Ndove?

291 -ANNA: A prende’ i’ sale pe’ Assuntina?

292 -MICHELINO: Sì sì, ci vo io, me l’ha fatto vede’ mamma ‘ndove lo tiene!ed esce dalla Comune)

293 -ANNA: Sai, i genitori son partiti ora ora pe’ la Svizzera, vanno a prendere una zia. Maaccomodati, via! Vuoi qualche cosa da bere?

294 -ASSUNTINA: No no, non voglio nulla, grazie.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            11


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


295-

296-

297-

298-

299-

300-

301-

302-

303-

304-

305-

306-

307-

308-

309-

310-

311-

312-

313-

314-

315-

316-

317-

318-

319-

320-

321-

322-

323-

324-

325-


ANNA: E sicché tu se’ venuta a sta’ qui?

ASSUNTINA: Sì. Mio padre è venuto a cercare lavoro al Nord.

ANNA: A Firenze?

ASSUNTINA: Sì.

ANNA: ‘Un è mica tanto al Nord, Firenze!

ASSUNTINA: Per me sì. Io prima stavo in Sicilia.

ANNA: Ah, allora... Ti trovi bene qui?

ASSUNTINA: Un po’ spaesata... Sa, non conosco nessuno...

ANNA:(fra sé)Ba’, poerina, in codeste condizioni...

ASSUNTINA: Prego?

ANNA: No, dicevo... I primi tempi gliè sempre così. Ma poi, vedrai che qualcuno tu conoscerai.A proposito, ‘un mi da’ di’ lei, dammi di’ tu!

ASSUNTINA: Grazie. Ma non ho mica tanto tempo per conoscere gente. Devo accudire alla

casa: sai... Siamo soltanto io e mio padre.

ANNA: O la tu’ mamma?

ASSUNTINA: E’ morta quando ero piccola.

ANNA: Oh, mi dispiace... Ma un po’ di tempo libero tu ce l’avrai!

ASSUNTINA: Sì, ma tanto... Te lo puoi immaginare: mio padre non mi manda molto volentierifuori da sola. E poi, dove vuoi che vada!

ANNA: Beh, pe’ comincia’, intanto tu conosci noi! Tu po’ veni’ qui!

ASSUNTINA: Non disturbo?

ANNA: Macché disturbo! Anzi, tu ci fa’ piacere!

ASSUNTINA: Ma quanti abitano qui dentro?

ANNA: Cinque. Padre, madre e tre figlioli.

ASSUNTINA: Tre maschi?

ANNA: Davvero. Michelino, che tu l’ha’ bell’e visto; poi c’è Andrea, i’ mi’ fidanzato, eBacchiolo.

ASSUNTINA: Bacchiolo?

ANNA: Sì, si chiama Giovanni, ma tutti lo chiamano Bacchiolo, anche Andrea. Lo chiamanocosì perché gliè bravo a gioca’ a biliardo.

ASSUNTINA: Bacchiolo!(ride)

ANNA: Ora ci siamo io e Michelino soli perché Andrea e Bacchiolo sono andati alla stazione aaccompagna’ Cesare e Teresa.

ASSUNTINA: Sarebbero il papà e la mamma?

ANNA: Difatti. Gliè tutta brava gente, sa’? Oddio, un po’ turbolenti, a vorte, ma ‘nsomma.All’inizio, magari, mettano un po’ ‘n soggezione, ma poi... (sorride) Eh, mi ricordo della prima volta che venni qui...

ASSUNTINA: Da quanto sei fidanzata?

ANNA: Quasi tre anni.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            12


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


326-

327-

328-

329-

330-

331-

332-

333-

334-

335-

336-

337-

338-

339-

340-

341-

342-

343-

344-

345-

346-

347-

348-

349-

350-

351-

352-

353-

354-

355-

356-

357-

358-


ASSUNTINA: Ma era tanto che lo conoscevi quando sei venuta qui?

ANNA: Chi, Andrea? Da un giorno, sì e no!

ASSUNTINA: Accidenti! Aveva proprio fatto colpo su di te, eh?

ANNA: No, fui io a fa’ colpo su di lui! Ero ‘n macchina, lui m’attraversò la strada co’ la biciclettae lo chiappai in pieno! Si ruppe anche una gamba, poerino! Più colpo di così!

ASSUNTINA:(ride)

ANNA: Avevo torto, eh? Torto marcio! Ero passata coi’ rosso! E la sera lo venni a trova’, così,pe’ vede’ come stava... E una visitina oggi, una visitina domani, ora siamo fidanzati!

ASSUNTINA:(c.s.)Fu proprio un colpo di fulmine!

ANNA: Di paraurti, no di fulmine!(ride)

MICHELINO:(entra con il contenitore pieno)Ecco i’ sale!

ANNA: Ora dicevo: ma che gliè andato alle saline di Volterra a pigliallo?

MICHELINO:(porge il contenitore ad Anna)Tieni.

ANNA: ‘Un è mica per me. Dallo a lei.

MICHELINO:(timido)Glielo do io?

ANNA:(sottovoce)Sì, tu gli dici "Prego" e tu glielo dai. Su!

MICHELINO:(confuso, porge il contenitore ad Assuntina)Prego.

ASSUNTINA: Grazie.

MICHELINO: Prego.

ASSUNTINA: Molto gentile.

MICHELINO: Grazie.

ASSUNTINA: Prego.

MICHELINO:(non sa che dire; ad Anna)E ora che gli dico?

ANNA: Nulla, basta, basta!

ASSUNTINA: Mi dispiace, ma devo proprio andare. Piacere di avervi conosciuto. Grazieancora.

MICHELINO: Prego.

ANNA: Sì, va bene, Michelino, basta!(ad Assuntina)Torna quando ti pare, Assuntina, eh!

ASSUNTINA: Va bene! Arrivederci!(esce dall’ingresso)

MICHELINO: Arrivederci!

ANNA: Ciao!

MICHELINO:(contento)M’ha detto arrivederci...

ANNA: Però, tu ci potevi anche ragiona’ un pochino di più, eh, Michelino! In fondo tu se’ te i’padrone di casa!

MICHELINO: O che gli dovevo di’?

ANNA: ‘Un lo so, quello che ti pare! Tu gli ha’ detto "Prego" e basta!

MICHELINO: E rideva, quande lo dicevo, e io lo ridicevo, ba’!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            13


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


359-

360-

361-

362-

363-

364-

365-

366-

367-

368-

369-

370-

371-

372-

373-

374-

375-

376-

377-

378-

379-

380-

381-

382-

383-

384-

385-

386-

387-

388-

389-

390-


ANNA: Michelino, Michelino! Con le donne bisogna esse’ un po più spigliati, chiacchiera’ un po’di più! Bisogna che tu ti butti quarche vorta! Se no, tu rimani sempre a piedi!

MICHELINO: Tanto un antr’anno vo a piglia’ la patente!

ANNA: Ma ‘un dicevo ‘n codesto senso costì! Come tu se’ duro! Ecco, ammettiamo che tu vedauna ragazza che ti garba, e che tu ci voglia attacca’ discorso. Che gli dici?

MICHELINO: Boh...

ANNA: Boh gliè un po’ poco. Forza: facciamo una prova. Io son qui, e te tu vòi attacca’ discorsocon me.

MICHELINO: Perché?

ANNA: Perché ti garbo, no?

MICHELINO: O se lo sa i’ mi’ fratello?

ANNA: Ma gliè una prova, Michelino, te l’ho bell’e detto! Io son qui, da me sola. Te tu vòiattacca’ discorso. Cosa mi dici?

MICHELINO:(ci pensa un po’)Si va a fa’ cena?

ANNA: Come, si va a fa’ cena?

MICHELINO: O ‘un c’è da prepara’ pe’ cenare?

ANNA: Sì, ma... Io sono una ragazza che ‘un tu conosci, ‘un son mica Anna. Te tu ha’ da fa’cena con me, ma con questa ragazza no!

MICHELINO:(si guarda intorno)Quale ragazza?

ANNA: O Michelino...

MICHELINO: Intanto, però, s’è attaccato discorso, l’ha’ visto?

ANNA: Va bene! Allora cambiamo tattica!(afferra Michelino e lo mette a sedere)Te tu se’ qui a sedere!Passa una ragazza, mettiamo che sia io, e ti fa "Michelino, lo sai che tu sei proprio un be’ ragazzo?", e si mette a sedere vicino a te! (esegue) Te cosa rispondi?

MICHELINO: Grazie. Me lo dice sempre anche la mi’ mamma.

ANNA: E basta?

MICHELINO: Davvero, me lo dice la mi’ mamma e basta!

ANNA: Michelino, bisogna proprio che te lo dica: te tu se’ un caso irrecuperabile!

MICHELINO: Grazie!

ANNA: E ‘un è mica un complimento!

MICHELINO: Prego.

ANNA: Andiamo a fa’ cena, vai, gliè meglio!

MICHELINO: L’ha’ visto? Piano piano tu da’ ragione a me!

ANNA e MICHELINO:(escono dalla Comune)

BACCHIOLO e ANDREA:(entrano)

ANDREA:(si tocca la schiena)Maremma, con quella valigia che sudata che ho fatto!

BACCHIOLO: E ti manca i’ fisico, fratellino!

ANDREA: E ‘un vo mica ‘n palestra come te, io!

BACCHIOLO: Finalmente! Via libera!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            14


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

391 -ANDREA: Eh?

392 -BACCHIOLO: Ho bell’e programmato tutto! Quattro serate di foco che, ai’ confronto, "Ultimo

tango a Parigi" gliè un documentario di Piero Angela!

393 -ANDREA: Come come come....

394 -BACCHIOLO: Oh, naturalmente ho pensato anche a te, eh? Ci sarebbe quelle du’ gemelline, te

le ricordi?

395 -ANDREA: Bacchiolo...

396 -BACCHIOLO: E poi si potrebbe da’ anche una festa! Qui la discoteca,(indica la Comune)di là i’

buffet (indica le camere) e là dentro, maremma diavola...

397 -ANDREA: Bacchiolooo...

398 -BACCHIOLO: Ma ci pensi? Quattro giorni senza genitori, con questa casa tutta pe’ noi? Eh?

399 -ANDREA: Bacchiolo! Lo sai icché si fa in questi quattro giorni?

400 -BACCHIOLO: Icché?

401 -ANDREA: Proprio nulla.

402 -BACCHIOLO: Eh? Come nulla!

403 -ANDREA: Nulla. Niente! ‘Un voglio preoccupazioni!

404 -BACCHIOLO: Andrea! In nome della nostra amicizia!

405 -ANDREA: O se siamo fratelli...

406 -BACCHIOLO: In nome della nostra fratellanza!

407 -ANDREA: Senti: babbo, prima d’anda’ via, m’ha dato tutte le responsabilità a me! E io grattacapi‘un ne voglio, va bene?

408 -BACCHIOLO: ‘Un tu mi poi fa’ questo, Andrea...

409 -ANDREA: O Bacchiolo, ma è possibile che ‘un tu possa pensa’ a attro!

410 -BACCHIOLO: Dimmi te icché c’è di più bello, ni’ mondo!

411 -ANDREA:(pausa)Oddio...

412 -BACCHIOLO: Lo vedi? Lo vedi? Ma pensa alla fortuna che s’ha! Si potrebbe invita’ qui du’ragazze che conosco...

413 -ANNA:(entra)

414 -BACCHIOLO:(continua)... Gli si direbbe che noi s’abita qui da noi soli, sai, le donne pe’ queste

cose ci moiano! E dopo...

415 -ANDREA:(vede Anna; interrompe)Bacchiolo!

416 -BACCHIOLO: Poi si crea un po’ d’atmosfera...

417 -ANDREA:(c.s.)Bacchiolo chetati!

418 -BACCHIOLO: O fammi fini’! Si stappa una bottiglia di champagne...

419 -ANDREA:(c.s.)Chetati!

420 -ANNA: No, fallo anda’ avanti!

421 -BACCHIOLO: Ba’... Anna, o che eri qui?

422 -ANNA: Sì!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            15


(cambia tono)

(riattacca precipitosamente)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


423-

424-

425-

426-

427-

428-

429-

430-

431 -


BACCHIOLO: Sai, si parlava...

ANNA:(interrompe)Ecco! Sarà meglio che vu parli, e basta!

ANDREA: Guarda Anna che gliera lui che...

ANNA:(c.s.)Con te si fa conti dopo!(esce dalla Comune)

ANDREA: Ecco! Se’ contento? Solamente co’ discorsi e basta, tu m’ha’ bell’e fatto guasta’ co’ lami’ fidanzata! Maremma... Te tu se’ bono attro che a fa’ confusione! O ‘un l’ha’ visto, anche prima con quelle mutande! ‘Un tu ne fa’ una pe’ i’ verso! (trae gli slip di tasca) A proposito, tieni, vai... (glieli consegna) Ridalle a chi l’ha perse, sempre che tu ti ricordi chi era!

BACCHIOLO:(sorride)Eh, era una...

ANDREA:(si avvia verso la Comune; interrompe)E pe’ quanto riguarda le ragazze l’atmosfera e i’ tango aParigi sarà meglio che tu te li levi dai’ capo, e subito! Chiaro? (verso la Comune) Anna! Anna... (esce)

BACCHIOLO:(fa il verso)Anna! Anna!(pausa)Ma guardate! Un’occasione così ‘un ricapiterà più!Tutta la casa a disposizione e quell’attro bacchettone... Maremma! Guardate se a quasi trent’anni mi dovevo ritrova’ i’ tutore!

(trilla il telefono)

BACCHIOLO:(va a rispondere)Pronto?... Amore!... ‘Un vedo l’ora di vedetti!... Conto tutti i minuti,sìiii... No, a casa mia no... Ma si pole fa’ come sempre...


432-

433-

434-

435-

436-

437-

438-

439-

440-

441-

442-

443-

444 -


ANDREA:(entra)

BACCHIOLO: ... Tanto, l’importante gliè esse’ noi due... Icché ce ne ‘mporta di’ mondo, a noi...

Quando son con te io...                                                            Eh?... Sì, va bene!

ANDREA: O chi era?

BACCHIOLO: Era... La proprietaria delle mutande.

ANDREA: Ah! Ma perché tu ha’ riattaccato a quella maniera?

BACCHIOLO: Perché(confidenziale)gliè una sposata, e gliera arrivato i’ marito, sicché m’ha dettoche richiama lei.

ANDREA: Sposata?

BACCHIOLO: O Andrea, o ‘un tu lo sai? I’ pericolo gliè i’ mi’ mestiere!

ANDREA: Bada che ‘un ti licenzino!

(trilla il telefono)

BACCHIOLO: Toh, come si fa, come si fa a di’ di no!(risponde)Amore, amore mio, dimmiquando ci si vede che ti voglio mangia’ tutta!... (cambia tono) Eh?... Zia!... Zia Ughetta!... (a Andrea) E’ zia Ughetta!

ANDREA: O Maria Vergine...

BACCHIOLO: No zia, un’interferenza... Eh, da Ginevra a qui ci sta... Sì son bell’e partiti! Si sonportati alla stazione!... Sì, coi’ treno!... Tu lo sai, mamma ha paura dell’aereo!... Domani alle nove!... Sì! Sì!... Va bene!... A proposito, cercagli du’ facchini, perché hanno certe valigie... Eh!...

Ci pensi te?... Va bene zia, ci si vede!... Ciao!... Ciao!... (riattacca, asciugandosi il sudore con gli slip; poi se ne avvedee li rimette in tasca)

ANDREA: O ‘un dico bene a di’ che te tu se’ bono a fa’ confusione e basta!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            16


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


445-

446-

447-

448-

449-

450 -

451-

452-

453-

454-

455-

456-

457-

458-

459-

460-

461-

462-

463-

464-

465-

466-

467-


BACCHIOLO: O Andrea...

ANDREA: No no, ha ragione babbo! Ha proprio ragione lui!

BACCHIOLO: Ma, abbi pazienza!

ANDREA: N’ho avuta anche troppa di pazienza! Senti: i’ pericolo sarà anche i’ tu’ mestiere, ma‘un è i’ mio! Sicché, finché c’è i coprifoco, sta’ carmo, perché sennò va a fini’ male! Che ci siamo ‘ntesi?

BACCHIOLO: Come tu la fa’ lunga...

(trilla il telefono)

ANDREA: Ah la fo lunga? O guarda come si fa!(si precipita e risponde, battendo Bacchiolo sul tempo)Pronto?... No, sono i’ tutore!... Senta, Bacchiolo ‘un c’è! I’ pericolo gliè i’ su’ mestiere, ma lui ha preso una settimana di ferie! E pe’ quanto riguarda le mutande vorrà di’ che gliele manderà pe’ posta! Arrivederci! (riattacca) Oooohh...

BACCHIOLO:(si siede, impermalito)

ANNA e MICHELINO:(entrano)

MICHELINO: ‘Nsomma, mamma me l’aveva detto! I’ sale a destra e lo zucchero a sinistra! Oera i’ sale a sinistra e lo zucchero a destra?

ANDREA: Che è successo?

ANNA: Gliè successo che i’ tu’ fratello ha scambiato i’ sale co’ lo zucchero! Ora con queglispaghetti ci si potrebbe fa’ i’ budino!

BACCHIOLO: A me mi fa anche fame!

ANDREA: Ba’, anche a me! Sa’ icché si fa? Si va tutti a mangia’ la pizza, e poi si va ai’ cine! OffreAndrea!

ANNA: Paghi te?

ANDREA: Ma ‘un ci fate l’abitudine, eh...

MICHELINO: Dai, dai! Si va a vede’ "I’ ritorno de’ morti viventi"!

ANDREA: Gnamo, Bacchiolo!

BACCHIOLO: O ‘un lo so!

ANDREA: Bacchiolo...

BACCHIOLO:(interrompe)Lo so, lo so, ho capito, son sotto la tu’ tutela! Va bene!

ANNA e MICHELINO :(vanno verso la porta d’ingresso)

ANDREA: Ma è possibile che tu abbia sempre da brontola’?

BACCHIOLO: E ci credo io! La pizza pole anda’ anche bene, ma passa’ tutta la sera a guarda’

un firme, via, abbi pazienza...


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            17


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

468 -ANDREA: Ba’, o se tu ci vai tante vorte anche te, ai’ cine!

469 -BACCHIOLO:(con intenzione)Ragazzo, quando vo ai’ cine io, i’ firme e me lo fo racconta’, ‘un so

se mi sono spiegato...

470 -ANDREA: Gnamo gnamo, venvia...

FINE del PRIMO ATTO


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            18


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto.

(sono in scena Michelino e Bacchiolo; Michelino è seduto; Bacchiolo indossa un grembiule)

471 -BACCHIOLO: Allora, riproviamo, eh? Io sono un cliente:(mima)entro. Te tu mi dici...

472 -MICHELINO: Buongiorno, mi dica!

473 -BACCHIOLO: Ecco, bravo! Io ti chiedo: vorrei una punta da trapano da dodici! E te tu dici...

474 -MICHELINO: Aspetti, le chiamo mio fratello!

475 -BACCHIOLO: Noe! Allora lo vedi che ‘un tu ha’ capito! L’esperto! Io son l’esperto!

476 -MICHELINO: Va bene! Allora dico: aspetti chiamo i’ mi’ fratello, che gliè esperto!

477 -BACCHIOLO: No, Michelino, l’esperto e basta! L’esperto, e basta!

478 -MICHELINO: Aspetti chiamo l’esperto e basta!

479 -BACCHIOLO: Oh, ma allora tu se’ duro, eh?

480 -MICHELINO: Uffaaa...

481 -BACCHIOLO: Io sono l’esperto, quello che gliè specializzato nel risolvere i problemi de’ clienti,capito? Mi ci vedi, con la spolverina bianca a consiglia’ la clientela?

482 -MICHELINO: Com’i’ dottore?

483 -BACCHIOLO: Di’ la verità, farei figura, eh?

484 -MICHELINO: La voglio anch’io, la spolverina bianca!

485 -BACCHIOLO: Te?

486 -MICHELINO: O dàaaiii...

487 -BACCHIOLO:(pensa)Sì, dopotutto ti si potrebbe da’ anc’a te!

488 -MICHELINO:(sorride)Come i dottori!

489 -BACCHIOLO: In fondo, se ai’ banco ci si deve sta’ noi due, gliè giusto che ci s’abbia la divisa

uguale! Una bella spolverina bianca, con la scritta sui’ taschino: "Ferramenta Bucchioni"!

490 -MICHELINO: Ganzo!

491 -ANDREA:(entra dalla Comune, con un vassoio con tre tazzine)I’ caffè, ragazzi!

492 -BACCHIOLO: Ah! Quale gliè i’ mio?

493 -ANDREA:(porge il vassoio ai presenti)Oh, dunque... Sì: i’ tuo gliè quello e questo gliè di Michelino!

494 -BACCHIOLO e MICHELINO:(prendono una tazzina e sorseggiano; in coro)Bleah!

495 -ANDREA: No, allora gliè all’incontrario!

496 -BACCHIOLO e MICHELINO:(si scambiano le tazzine)

497 -BACCHIOLO: Come tu farai a béllo dolce a codesta maniera!

www.massimovalori.net

19


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

498 -MICHELINO: Come dolce! Quattro cucchiaini soli! Te piuttosto, senza zucchero e corretto!

499 -BACCHIOLO: Eh, questo gliè da òmini veri!

500 -TUTTI:(bevono)

501 -MICHELINO: Andrea, lo sai che noi ci si mette la spolverina bianca?

502 -ANDREA: Eh?

503 -BACCHIOLO: E dice di’ negozio! Io e lui, siccome si sta ai’ banco, gliè giusto che ci si vesta inmodo adeguato!

504 -MICHELINO: Lui ha detto che gliè l’esperto!

505 -ANDREA: L’esperto?

506 -BACCHIOLO: Diamine! Esperto, nonché addetto a rifare le chiavi!

507 -ANDREA: Le chiavi?

508 -BACCHIOLO: Che vòi, gliè i’ termine che m’ispira!

509 -ANDREA: E ritonfa! I maiali sognan ghiande! E, ditemi un po’, ai’ banco vu ci vorresti sta’ voidue soli?

510 -MICHELINO: Che siamo troppi?

511 -ANDREA: Vu siete pochi, no troppi! E meglio sarebbe! Ci si starà anche io e babbo ai’ banco!

512 -MICHELINO:(a Bacchiolo)L’ha’ visto? La vole anche lui la spolverina!

513 -ANDREA: Sie! M’importa assai, a me, della spolverina! Quello che conta gliè che ci siano clienti!

514 -BACCHIOLO: Va bene, ma i’ lùcche...

515 -ANDREA: Icché?

516 -BACCHIOLO: I’ lùcche, l’aspetto estetico, e va curato, eh!

517 -ANDREA: Oh, e ‘un è mica un atelié di moda, e gliè una ferramenta!

518 -BACCHIOLO: Ma ‘nsomma...

519 -ANDREA: See, tu’ se’ poco lùcche! Pensiamo alle cose serie, ‘nvece! Perché neancora ‘un siamomica sicuri! La tu’ zia arriva domani!

520 -BACCHIOLO: Maremma, tu mi sembri babbo, tu mi sembri! O che volete da me? Vu avetemesso i’ coprifoco e io l’ho rispettato!

521 -ANDREA: E tu ha’ fatto bene! Però, no pe’ un fidammi di te, eh, ma io finché ‘un ci son entrato

dentro...

522 -BACCHIOLO: Pessimista, ecco icché tu sei!

(trilla il telefono)

523 -ANDREA:(va a rispondere)Chiamami come ti pare...(esegue)Pronto?... Amore!... Sei sempre a casa?...

524 -MICHELINO:(a Bacchiolo)Oh, fra pochino incomincia i’ firme, io vo di là!

525 -BACCHIOLO: Porta di là i’ vassoio, vai!

526 -MICHELINO:(esegue)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            20


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


527-

528-

529-

530-

531-

532-

533-

534-

535-

536-

537-

538-

539-

540-

541-

542-

543-

544-

545-

546-

547-

548-

549-

550-

551-

552-

553-

554-

555-


ANDREA: Ah, c’è la riunione di condominio... O quante durerà?... E allora?... Va bene... Vabene, via, facciamo così!... Ho capito! Se tu vieni, tu vieni, se no... Tanto io vo a letto tardi... Ma no, ‘un ti preoccupare... E se no ci si vede domani...

BACCHIOLO:(fra sé)O vai! Stasera tutti alla televisione!

ANDREA: ... Piri piri piri...(fa una serie di smorfie al telefono)

BACCHIOLO:(osserva divertito)

ANDREA: ... Ciao... Ciao... No, riattacca prima te... No, prima te... Insieme?... Ciao... Ciao...

Ciao... (riattacca)

BACCHIOLO:(fa il verso dei piccioni)

ANDREA: Ridi, ridi! Prima o poi ti toccherà anche a te!

BACCHIOLO: Bacchiolo gliè di tutte e di nessuna!

ANDREA: Sì sì... Però... O Bacchiolo, bisogna proprio che te lo dica: ‘un m’aspettavo che tufacessi i’ bravo ‘n questa maniera!

BACCHIOLO: No?

ANDREA: Davvero, guarda! ‘Un tu se’ mica più quello d’una vorta! Domani torna babbo emamma e te tu ha’ rigato diritto pe’ tutto questo tempo! Perché, volevo dire, pe’ uno come te, non approfitta’ di’ fatto che siamo rimasti soli... ‘Un è mica da te! O che ‘nvecchi, Bacchiolo?

BACCHIOLO: Ha parlato quello giovane!

ANDREA: ‘Un cambia’ discorso, fratellino! Gliera digià un po’ di tempo che ci avevo fatto caso,eh, dicevo: "ma sarà una mi’ impressione, mi sembrerà a me..." E ‘nvece, di’ la verità: i’ grande cacciatore comincia a perde’ quarche corpo!

BACCHIOLO: Ora ‘un esageriamo!

ANDREA: Però ‘un ho mica dato tanto difori!

BACCHIOLO: Eh... Se no ‘un si sarebbe fratelli!

ANDREA: Cioè?

BACCHIOLO: Cioè... ‘Un lo so... Forse tu ha’ ragione, ecco.

ANDREA: Bacchiolo!

BACCHIOLO: ‘Un è proprio che perda i colpi, ma... ‘Nsomma, ho un po’ cambiato mentalità,ecco. Anche ora, quando te tu eri ai’ telefono, una vorta ti pigliavo ‘n giro...

ANDREA: Perché, ora no?

BACCHIOLO: Sì ma,... Ma ora quasi quasi t’invidio!

ANDREA: Bacchiolo, o che ti senti male?

BACCHIOLO: Dico davvero. A vorte ci penso! Prima, quando finiva un’avventura, era una

cosa così, com’ave’ finito una sigaretta: tu la pigli e tu la butti via. Ma ora...

ANDREA: Tu vorresti fuma’ anch’i’ filtro!

BACCHIOLO: Ora ci lascio sempre un pezzettino di me.

ANDREA: Bada, ti s’accorcia i’ bacchiolo.

BACCHIOLO: ‘Une scherza’, Andrea, son cose serie! Ha’ capito quello che voglio dire? Penso

sempre: magari questa gliera quella giusta. E mi garberebbe continua’, conoscila meglio...

ANDREA: Giusta, ma giusta pe’ fa’ icché?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            21


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


556-

557-

558-

559-

560-

561-

562-

563-

564-

565-

566-

567-

568-

569-

570-

571-

572-

573-

574-

575-

576-

577-

578-

579-

580-

581-

582-

583-


BACCHIOLO: Pe’ accasassi, pe’ ritirassi dalle competizioni, pe’ mette la testa a posto, come vudite sempre voi!

ANDREA: Te?

BACCHIOLO: Io, sì! Che credi? Se trovo quella bona, mi fermo!

ANDREA: Bacchiolo, ‘un ti riconosco più! Ma ti senti bene?

BACCHIOLO: Ma come: vu brontolate sempre tutti che mi devo carma’, che se no vo a fini’male...

ANDREA: No no, gliè vero. Ma ecco, ‘un ci son abituato a sentitti fa’ codesti discorsi.

BACCHIOLO: Questo comunque ‘un vol dire che Bacchiolo abbia chiuso, eh? Solo che primale lasciavo anda’, ora invece prima ci penso.

ANDREA: E poi tu le lasci anda’ uguale!

BACCHIOLO: Eh, per ora sì.

ANDREA: E allora gliè cambiato poco, via! Comunque gliè già quarche cosa. Sta’ a vede’ che tumetti giudizio!

BACCHIOLO: Sì, mi sorte i’ dente! Senti Andrea, visto che siamo ‘n argomento... Volevo

chiedere una cosa... Ai’ tutore! Io la chiedo: domandare è lecito, rispondere è cortesia.

ANDREA: Va’ avanti.

BACCHIOLO: Dicevo... ‘Un si potrebbe... Revocare i’ coprifuoco, pe’ una sera?

ANDREA: Cioè?

BACCHIOLO: Senti: martedì son venuto ai’ cine; mercoledì siamo stati a gioca’ a bùlinghe; ierisera siam’andati ai’ Piazzale... Perché, visto che gliè l’ultima sera, ‘un vu mi lasciate solo, eh? Una sera, una sera sola!

ANDREA: Solo?

BACCHIOLO: Cioè, solo... Solo solo no!

ANDREA: Ah, ecco! Mi pareva strano che tu fossi stato bonino bonino fin’a ora! Tutti i discorsi,eh, Bacchiolo qui, Bacchiolo là... E tu lo sa’ te come porta’ i’ cappello!

BACCHIOLO: Guarda Andrea, gliè una che ne vale la pena, ma davvero! Si chiama Gabriella;m’hanno detto che gliè una di quelle coi’ foco nelle vene! Bella, maremma diavola, pare fatta coi’ pennello! E poi sai, romantica... Dice che gli garba sta’ ‘n silenzio, ni’ buio più completo...

ANDREA: In silenzio, ai’ buio? O di che sa?

BACCHIOLO: Gliè quello che ho detto anch’io! Ma m’hanno assicurato che con lei glièun’esperienza indimenticabile! Gliè una un po’ viziosa, gli garba tutte le cose strane... La panna montata...

ANDREA: La panna montata?

BACCHIOLO: Davvero.

ANDREA: Cioè, ecco, come... Come contorno?

BACCHIOLO: Come contorno, proprio!

ANDREA: Allegrotta la signorina, eh?

BACCHIOLO: Chi? Ma che scherzi? Gliè stata ma una conquista difficile!

ANDREA: Davvero?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            22


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


584-

585-

586-

587-

588-

589-

590-

591-

592-

593-

594-

595-

596-

597-

598-

599-

600-

601-

602-

603-

604-

605-

606-

607-

608-

609-

610-

611-

612-


BACCHIOLO: Eh, sì! Proprio per questo gliè ancora più bello! A lei, capito, ‘un gli garbano itipi come me, gli garba questi tipi timidini, tutti sulle sua... Gliè un po’ strana, come figliola... Ma con Bacchiolo ‘un ha resistito!...

ANDREA: Eh, te tu le stendi tutte!

BACCHIOLO: ‘Nsomma, la fine gliè quella... E guarda, riuscicci con lei sarebbe proprio i’massimo! Perché, capito, gliè anche fidanzata...

ANDREA: Bacchiolo...

BACCHIOLO: E che gliè corpa mia se i’ fidanzato la trascura? Tu lo vedessi: tutto peloso, unnocciolone... Fa attro che anda’ ‘n palestra!

ANDREA: E ‘un tu ha’ paura?

BACCHIOLO: I’ pericolo gliè i’ mi’ mestiere!

ANDREA: Ah già, me n’ero dimenticato. E allora stasera tu vorresti fa’ un po’ di straordinario,via!

BACCHIOLO: O stasera o più, Andrea! E guarda, ‘un me lo perdonerei pe’ tutta la vita!

ANDREA: Cala cala...

BACCHIOLO: Andrea, ho bisogno di vede’ se i’ grande cacciatore ha sempre la mira bona! Oh,gliè in gioco i’ mi’ equilibrio psicologico, eh!

ANDREA: O ‘un la fa’ tanto lunga...

BACCHIOLO: O che ti chiedo? Che ti chiedo, ‘n fondo? Una sera e basta! Se poi ‘un vu mivolete lascia’ solo, vo di là (indica la sua camera), zitto zitto...

ANDREA: Tanto a quella gli garba sta’ ‘n silenzio...

BACCHIOLO: Appunto!

ANDREA: Difatti, stasera c’è uno di que’ firmi che gli garbano a Michelino, ‘un tu lo smovi pe’tutto l’oro di’ mondo! E poi, anche ora Anna ai’ telefono mi diceva che ‘un sa se ce la fa a veni’ stasera, sicché ‘un posso anda’ via neanch’io!

BACCHIOLO: Ma noi si va di là, zitti zitti...

ANDREA:(guarda Bacchiolo perplesso)

BACCHIOLO: O dai, Andrea...

ANDREA: O se tu andassi via te?

BACCHIOLO: E ‘un posso, Andrea! ‘Un è tipa da certi posti, te l’ho detto... Ci vole tranquillità,

atmosfera, oscurità...

ANDREA: Ti ci vole anche la panna...

BACCHIOLO: Andrea, dico sui’ serio! Dai, pe’ piacere...

ANDREA:(pausa; sospira)Bacchiolo, guarda, se succede quarche cosa...

BACCHIOLO: Grazie! Grazie!

ANDREA: Mi raccomando, Bacchiolo. Mi raccomando!

BACCHIOLO: ‘Un ti preoccupa’, gliè tutto sotto controllo. Son le nove ora, alle nove e mezzo

arriva, sicché...

ANDREA: Ba’... O che ci avevi bell’e fissato?

BACCHIOLO: Diamine!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            23


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


613-

614-


ANDREA: E se io ti dicevo di no?

BACCHIOLO: Ma io lo sapevo che ‘un tu gli avresti detto di no ai’ tu’ fratello!


615-

616-

617-

618-


(trilla il telefono)

ANDREA:(va a rispondere)Speriamo d’un pentissene...(esegue)Pronto?... Sì!... Un attimo!...(a Bacchiolo)Gliè per te! Omo!

BACCHIOLO: Omo?

ANDREA: Sì, gliè un omo! Tò!...

BACCHIOLO:(prende la cornetta)Pronto?... Ba’, o Renato! Che si dice?... Come ‘n do’ sono! A casa,no?... Me? Pe fa’ icché?... (cambia espressione) Accident’alla diavola della miseria, me n’ero dimenticato! E ora?... Subito?... Boh, o che lo so... O Renato... E vengo, via... Cinque minuti... Sì! Sì!... Bona!

(riattacca)


619-

620-

621-

622-

623-

624-

625-

626-

627-

628-

629-

630-

631-

632-

633-

634-

635-

636-

637-


ANDREA: Che è successo?

BACCHIOLO:(si toglie il grembiule; si avvicina alla credenza)Stasera c’era la finale di’ torneo di stecca asquadre! E son tutti a aspettammi, bisogna che vada! (dà il grembiule ad Andrea)

ANDREA: ‘Ndo’ vai?

BACCHIOLO:(si mette a cercare nella credenza; tira fuori alcune scatole che dà ad Andrea)Tieni abbi pazienza... Evo ai’ Circolo, a gioca’! Senza di me, si perde garantito! O ‘ndo’ l’avrò messa!

ANDREA: E quella tipa?

BACCHIOLO:(continua c.s.)Senti... Pensavo, tanto io fo alla sverta, vo, vinco e torno, ho da gioca’una partita sola... (prende una valigetta nera) Eccola, meno male! Senza la mi’ stecca mi sentirei monco! Dicevo, perché intanto ‘un tu la ‘ntrattieni te?

ANDREA:(ha le braccia piene di cianfrusaglie)Chie?

BACCHIOLO: Gabriella!

ANDREA: Eh?

BACCHIOLO: Quando arriva tu me la mandi di là, tu glielo dici che arriverò ‘n ritardo, eh? Eh,Andrea?

ANDREA: Bacchiolo guarda, ‘un se ne parla nemmeno...

BACCHIOLO:(interrompe)Grazie! Grazie! Lo sapevo che ‘un tu m’avresti detto di no! Allora iovo, eh?

ANDREA: No, Bacchiolo, guarda che...

BACCHIOLO:(c.s.)Tanto fo alla sverta! Sapevo di pote’ conta’ su di te! Grazie, eh! Ciao! Ciao!(via dall’ingresso)

ANDREA:(perde tempo a liberarsi da tutta la roba che ha in mano)No, ma che conta’ su di me! Ma guardate!...E meglio sarebbe! Bacchiolo! Bacchiolo! (apre la porta e lo chiama, senza risposta) Bacchiolo!... (rientra) Ecco, ora mi tocca anche reggigli mano! Figlio d’un... Ma io lo sapevo! Lo sapevo che ‘un gli dovevo di’ di sì! Che zuccone che sono! Ora mi tocca ‘ntrattenella a me! Se lo sa la mi’ fidanzata...

MICHELINO:(entra)O ‘ndov’è Giovanni?

ANDREA: A pigliallo...

MICHELINO: A piglia’ icché?

ANDREA: Gliè andato a gioca’ a biliardo! O i’ firme?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            24


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


638-

639-

640-

641-

642-

643-

644-

645-

646-

647-

648-

649-

650-

651-

652-

653-

654-

655-

656-

657-

658-

659-

660-

661-

662-

663-

664-

665-

666-


MICHELINO: C’è la pubblicità! Ora ricomincia!

ANDREA:(rimette la roba nella credenza)Ecco, Michelino, quando ricomincia fammi un piacere: stai dilà e non ritornare di qua finché ‘un è finito! Va bene?

MICHELINO: Sì sì, va bene! Però poi, quande vo a letto tu vieni anche te, vero?

ANDREA: Sì, Michelino, vengo anch’io, ‘un ti preoccupare!

MICHELINO: Perché tu lo sai, quande vedo que’ firmi lì io poi ho paura a sta’ da me solo...

ANDREA: O ‘un lo so, Michelino, o ‘un lo so! Che poi, ‘un è mica tanto che tu ti sognasti anchela notte! Accesi la luce e ti vidi a sede’ sui’ letto che tu bociavi "l’omìni verdi, l’omìni verdi!"

MICHELINO: Ma se a me mi garbano...

ANDREA: Lo so che ti garbano. Vai vai, che vedrai ricomincia! E se stanotte ritorna l’omìniverdi te li mando via io, vai! (dà il grembiule a Michelino) Tieni, portalo di là!

MICHELINO:(via)

ANDREA: O che gli vo’ fa’, poerino, se gliè contento a quella maniera! Vedrai che prima o poi sisveglierà anche lui!

(suona il campanello)

ANDREA: Eccola! Speriamo che faccia alla svelta quell’attro!(apre la porta)

ASSUNTINA:(sulla porta d’ingresso, con lo stesso contenitore del primo atto)Permesso?

ANDREA:(rimane senza parole)

ASSUNTINA:(entra)Spero di non disturbare...

ANDREA:(c.s.)

ASSUNTINA: C’è qualcosa che non va?

ANDREA: Eh?

ASSUNTINA: C’è qualcosa che non va? Si sente poco bene?

ANDREA: No no...(chiude la porta; fra sé)Gliè i’ mi’ fratello che si sente male!

ASSUNTINA: Io sono...

ANDREA:(interrompe)Lo so di già chi è lei!

ASSUNTINA: Ah, le hanno detto...

ANDREA: Me l’hanno detto, me l’hanno detto! Lei gliè venuta pe’ i’ mi’ fratello...

ASSUNTINA: Sì, avevo portato lo zucchero!

ANDREA: Lo zucchero?... Ah, ho capito...(fra sé)L’aveva detto Bacchiolo che questa era unaviziosa! La panna montata... Ma co’ lo zucchero proprio ‘un l’avevo mai sentito di’. Che poi, o che ‘un gli daranno noia tutti que’ pippolini addosso... (fa una smorfia) Bleah!

ASSUNTINA: Diceva qualcosa?

ANDREA: No, dicevo... Purtroppo i’ mi’ fratello ‘un c’è. Ma ha detto che torna presto. Se lovuole aspettare qui...

ASSUNTINA: Con lei?

ANDREA: Uno ‘n qua e uno ‘n là, eh?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            25


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


667-

668-

669-

670-

671-

672-

673-

674-

675-

676-

677-

678-

679-

680-

681-

682-

683-

684-

685-

686-

687-

688-

689-

690-

691-

692-

693-

694-

695-


ASSUNTINA: Va bene. Lei dev’essere Andrea!

ANDREA: Sì, ma ‘un ci pigliamo tante confidenze!

ASSUNTINA: No no...

ANDREA: Perché a me queste cose ‘un mi son mai garbate!

ASSUNTINA: Va bene.

ANDREA:(fra sé)Poero Bacchiolo come tu mi se’ peggiorato! E ho ragione a di’ che si sentemale! ‘Ndo’ l’avrà trovato un cantero ‘n quella maniera! Dice che gli garba fa’ le cose ai’ buio! Pe’ forza! O perlomeno co’ un sacchetto ‘n capo! "Un’esperienza indimenticabile!" ‘Un ave’ paura che ‘un tu te la scordi lei, vai!

ASSUNTINA: Spero che torni presto, perché non posso stare fuori per molto. E’ già tanto seson potuta uscire stasera! Sa, ero sola...

ANDREA: Quando i’ gatto ‘un c’è, i topi ballano!

ASSUNTINA: Ha ragione. Ma in fondo, io non chiedo mica troppo: un po’ di svago ogni tanto,ecco!

ANDREA: Alla faccia dello svago!

ASSUNTINA: E qui son venuta volentieri, perché suo fratello fu così gentile con me...

ANDREA: Eh, ha un’arte quello lì! Ma proprio qui vu dovevi venire?

ASSUNTINA: Sa, visto che avevo sempre lo zucchero, ho pensato che fosse una buona idea!

ANDREA: No no, come idea gliè bona, ‘un c’è che dire!

ASSUNTINA: Perché sa, ci fu un malinteso...

(suona il campanello)

ANDREA: Ah, eccolo! Forse questo gliè lui!(fa per aprire la porta, poi si ferma; fra sé)Ma subito così... Epoi Bacchiolo ha le chiavi, di solito! O se fosse Anna? A parte, vero, ‘un penserà mica che io possa anda’... E lo pensa, lo pensa! (ad Assuntina) Senta, scusi...

ASSUNTINA: Dica.

ANDREA: Che gli dispiacerebbe anda’ a aspetta’ i’ mi’ fratello di là?

ASSUNTINA: Dove?

ANDREA:(indica la camera di Bacchiolo)Lì, in camera sua! Tanto viene subito!

ASSUNTINA: Ma... Lo zucchero?

ANDREA: Ma se gli ci vole... Venga venga! L’accompagno!(esegue)

ASSUNTINA:(via dalla camera di Bacchiolo)

ANDREA: A me queste cose ‘un mi garbano, accident’a quando ho detto di sì!(apre la porta)

GABRIELLA:(molto sexy; sulla porta d’ingresso)Ciao! Sono Gabriella. Cercavo Bacchiolo!

ANDREA: Chie?

GABRIELLA: Bacchiolo... Oh, scusa: Giovanni! ‘Un c’è?

ANDREA: No!

GABRIELLA: Ma ritorna?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            26


(chiude la porta; a Gabriella)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


696-

697-

698-

699-

700-

701-

702-

703-

704-

705-

706-

707-

708-


ANDREA: Sì!

GABRIELLA: Lo posso aspetta’ qui?

ANDREA:(confuso)Sì... Cioè, ‘nsomma...

GABRIELLA: Ma se disturbo!

ANDREA: No, no...

GABRIELLA:(entra)

ANDREA:                                                  Accomodati...

GABRIELLA: Grazie. Posso fumare?

ANDREA: Eh?

GABRIELLA: Ti do noia se fumo?

ANDREA: No no, fai pure.

GABRIELLA: Grazie.(esegue, molto sensuale)

ANDREA:(fra sé)Allora: se lei gliè Gabriella, quell’attra ‘n camera chi è? Sta a vede’ che i’ mi’fratello aveva fissato con due! Eh, difatti l’ha detto che ci fu un malinteso!... Ma guardate che mi va a combina’! O ragazzi, ai’ mi’ fratello gli garba l’accoppiate! Certo, vero, icché ‘un ha una ha quell’attra! Boh! Quande viene vorrà di’ che ci pensa lui!... Meno male quell’attri tornan domani!

(si sente la chiave nella porta)


709-

710-

711-

712-

713-

714-

715-


ANDREA: Oh, eccolo! Meno male, via!

CESARE:(apre la porta d’ingresso, mette le chiavi sul mobiletto accanto alla porta)Siamo arrivati!(esce per prendere levaligie)

ANDREA:(si precipita e chiude la porta)O Maria Vergine!

GABRIELLA: Chi c’è?

ANDREA:(frastornato)Chi c’è?

GABRIELLA: ‘Un lo so, lo domandavo a te!

ANDREA: E c’è... Senti, facciamo così, vieni di qua per piacere...(la accompagna in camera sua e diMichelino)

(suona il campanello)


716-

717-

718-

719-

720-

721-

722-

723-


GABRIELLA: Ma Bacchiolo...

ANDREA: Ora viene, Bacchiolo, ‘un ti preoccupare! Quando mi sarà passato fra le mane ‘un loso quello che sarà ‘n condizione di fa’, però viene! Sta’ tranquilla!

GABRIELLA: Va bene, va bene.(esce dalla camera di Andrea e Michelino)

ANDREA:(chiude la porta e va ad aprire all’ingresso, palesemente imbarazzato)

CESARE, TERESA e UGHETTA:(sulla porta d’ingresso; lo guardano senza parlare)

ANDREA: (pausa)O che siete bell’e tornati?

CESARE, TERESA e UGHETTA:(c.s.)

ANDREA: Ma perché vu state costì sulla porta, gnamo!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            27


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

724 -CESARE, TERESA e UGHETTA:(entrano)

725 -ANDREA: Scusate pe’ prima, ma... ‘Un v’avevo sentito... Sa’, si sente di’ certe cose ai’ giornod’oggi... (a Ughetta) Zia! (la saluta) Come stai?

726 -UGHETTA:(stessa età di Cesare, ma portata meglio)Bene, Andrea, bene. Te?

727 -ANDREA: Insomma, via! Allora? Come mai vu siete tornati in anticipo?

728 -CESARE: E’ stata la tu’ zia che ‘un ha voluto senti’ ragioni! Ha voluto veni’ in aereo ‘n tutte lemaniere! Ha anche pagato lei!

729 -ANDREA: Ma vu potevi anche telefonare...

730 -TERESA: Andreino, ma che hai? Ti senti bene?

731 -ANDREA: Io? Sto bene, sto bene! ‘Un son ma’ stato così bene!

732 -TERESA: Tu mi sembri strano...

733 -MICHELINO:(entra)Ba’! Mammaaa!...(va ad abbracciare tutti)

734 -ANDREA:(si mette in fila anche lui; al suo turno lo abbraccia a sua volta)Michelino! Allora, com’è?

735 -MICHELINO: Andrea! Come stai?

736 -ANDREA:(trascina Michelino da una parte)Senti Michelino ti volevo dire...

737 -MICHELINO:(interrompe)Ma te ‘un tu eri mica con loro!

738 -ANDREA: No, lo so, lo so! Ascolta! Quando tu vai a letto...

739 -MICHELINO:(c.s.)Tu vieni anche te, vero? Io ho paura da me solo!

740 -ANDREA: Sì però ti volevo dire...

741 -CESARE:(si avvicina)O Giovanni ‘un c’è?

742 -ANDREA: Giovanni?(adirato; mostra il pugno)E se c’era!...

743 -CESARE: O ‘ndov’è andato?

744 -MICHELINO: Era andato a piglia’... Era andato a piglia’ quarcosa...

745 -ANDREA: No, Michelino...(a Cesare)Gliè andato a gioca’ a biliardo! Aveva la finale!

746 -CESARE:(sottovoce)Dicevo, Andrea: qui gliè tutto regolare, sì?

747 -ANDREA:(con intenzione)Eeh! Tutto liscio come l’olio!

748 -CESARE: Ma tu mi sembri tutt’agitato!

749 -MICHELINO:(si avvia verso la sua camera)Allora buonanotte, io vo a letto!

750 -UGHETTA e TERESA: Buonanotte!

751 -CESARE: Buonanotte Michelino!

752 -ANDREA: Michelino!

753 -MICHELINO: Che!

754 -ANDREA:(guarda i presenti; pausa; rassegnato)Buonanotte...

755 -MICHELINO: Buonanotte!(via)

756 -UGHETTA: Teresa, anch’io andrei volentieri a letto, sa’? Che ti dispiace Andrea?

757 -ANDREA: No no, vai vai!(a Cesare e Teresa)Anche voi, vu sarete stanchi... Perché ‘un vu andate aletto?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            28


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


758-

759-

760-

761-

762-

763-

764-

765-

766-

767-

768-

769-

770-

771-

772-

773-

774-

775-

776-

777-

778-

779-

780-

781-

782-

783-

784-

785-

786-

787-


TERESA: Davvero!

CESARE: Macché! O se io son fresco com’una rosa!

ANDREA: Anche codesto sarebbe un buon motivo pe’ anda’ a letto!

UGHETTA:(a Teresa)Che ha detto?

TERESA: Nulla, Ughetta, nulla!

CESARE:(si avvicina a Andrea; sottovoce)Andrea! Tu lo sai che ‘un li voglio certi discorsi davanti allami’ sorella! Ma che hai, si po’ sapere?

ANDREA: Nulla, babbo, nulla! O va’ a letto!

CESARE: E anderò a letto! Ma guardate se bisogna fassi comanda’ da figlioli! Gnamo, Teresa,via!

TERESA: Ughetta, vieni ti fo vede’ la tu’ stanza! Buonanotte Andrea!

UGHETTA e CESARE: Buonanotte!

ANDREA: Buonanotte!

(si sente la chiave nella porta)

ANDREA:(si precipita e vi si appoggia con le spalle, a braccia conserte)

CESARE, TERESA e UGHETTA:(lo guardano)

ANDREA: (pausa)Buonanotte!

CESARE: Ma... Chi c’è alla porta?

ANDREA: Nessuno!

CESARE: Ma come, se ho sentito i’ rumore della chiave!

ANDREA: No, babbo, ero io che tossivo!

BACCHIOLO:(dall’interno dà degli spintoni alla porta, facendo fare degli scossoni a Andrea)

ANDREA:(finge di tossire)Lo vedi? Tutta roba di gola!

BACCHIOLO:(riesce a fare capolino)Oh! E volevo entra’ ‘n casa, io!

CESARE: Giovanni! Ma... Io ‘un lo so!

ANDREA:(si toglie dalla porta; fra sé)Un poteva aspetta’ attri du’ minuti!

BACCHIOLO: O voi, o che siete bell’e tornati! Zia! Come stai?

UGHETTA:(si salutano)Bene! Te?

BACCHIOLO: Vi s’aspettava pe’ domani!

UGHETTA: Sie! O che io posso passa’ tutto qui’ tempo ‘n treno a senti’ gli scossoni! E allora ho

detto: "Gnamo, si va ‘n aereo!"

TERESA: Scossoni se n’è sentiti diversi anche lì, eh...

UGHETTA: Eh, come tu se’ difficile! Io ci sono stata proprio bene!

BACCHIOLO: Ma la mi’ mamma che ci sia stata bene ci credo poco! O ‘un mi sarebbe garbatovedella! Però, via, vu me lo raccontate domani, perché gliè tardi e voi vu sarete stanchi. E poi a me mi fa un sonno... Vo subito a letto!


788 -ANDREA: Bacchiolo!(gesticola)

www.massimovalori.net

29


(con intenzione)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


789-

790-

791-

792-

793-

794-

795-

796-

797-

798-

799-

800-

801-

802-

803-

804-

805-

806-

807-

808-

809-

810-

811-

812-

813-

814-

815-


BACCHIOLO:                        Buonanotte, Andrea!

ANDREA: Bacchiolo...(continua a gesticolare)

BACCHIOLO:(c.s.)Lo so, ho capito... Buonanotte!(via)

ANDREA: Buonanotte!(si lascia cadere sul divano)

TERESA: Mah, Andrea, io ‘un lo so che tu hai!

CESARE, TERESA e UGHETTA:(si avviano verso la Comune)

CESARE: Boh! Che ci capisci nulla te?

UGHETTA: E son giovani, Cesare...

CESARE: Sì, ma lui ‘un è ma’ stato a quella maniera!

CESARE, TERESA e UGHETTA:(via, chiacchierando)

ANDREA:(appena se ne sono andati si precipita verso camera sua)Pe’ l’amor di Dio... Michelino! Michelino!(faper aprire la porta; si interrompe) Michelino! (origlia; poi strabuzza gli occhi e continua, incredulo) Eppure... (c.s.) SentiMichelino... (verso la porta) O che ti sembran momenti, questi?... (fra sé) Digià, vero, o chi l’avrebbe detto?... Ma guardate! (va all’altra porta) Di qua?... (ascolta) Eh, ‘un c’è male! (si allontana; passeggia per la stanza,in ansia) Gliè tutt’uno sfraschìo qui, boh! Ma io domando e dico... Di Bacchiolo ‘un mi stupisco,vero; certo che però gliera bruttina sodo quella tipa, eh?... Ma Michelino, se credeo! Mah! Ma ecco, proprio stasera!... (pausa) Via via, io li vo a chiamare... (va verso la porta di camera sua, poi ci ripensa) Bah, però mi dispiace... Ma che vo’ chiama’, venvia... (si siede e accende una sigaretta) Speriamo che facciano alla sverta! (pausa) Certo, però, bella figura tu ci fai! Loro due di là, e te qui da te solo! Almeno arrivasse la mi’ fidanzata, si guarderebbe di combina’ quarcosa anche noi! Tanto pe’ rimane’ ai’ passo, no? Digià, a quest’ora ormai ‘un viene mica più! Potrei anche anda’ a letto!... Eh, già! Potrei!... Michelino, venvia, guarda se tu fa’ alla sverta!

GABRIELLA:(d.d.; forte)Michelino...(urla)

ANDREA: Porca miseria! Chiama e rispondi!

MICHELINO:(entra in canottiera, impaurito)Andreaaaaa....

ANDREA: Oh! Che c’è? Che è successo?

MICHELINO: O chi c’era di là ‘n camera nostra?

ANDREA: Te lo spiegherò, ‘un ti preoccupa’!

MICHELINO: Come un ti preoccupa’! Gliè morta!

ANDREA: Gliè morta?

MICHELINO: Insomma se gliè morta ‘un lo so, ma si sente male! Gliè tutta diaccia, dura...

ANDREA: S’è svenuta?

MICHELINO: Boh...

ANDREA: Ma che gli ha’ fatto?

MICHELINO: Io? Nulla! Ha fatto ogni cosa lei!

ANDREA: Cioè?

MICHELINO: Son entrato prima ai’ buio, no? E mi son sentito chiappa’! E m’ha detto "Zittozitto, ci son io qui con te!" E poi ha cominciato a... A... (gesticola) ‘Un lo so... Però m’è garbato, eh?

ANDREA: E poi?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            30


(chiude la porta)

(entra dall’ingresso)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


816-

817-

818-

819-


MICHELINO: E poi a un certo punto m’ha detto "Ohiohi Bacchiolo!" E io gli ho detto "‘Unson mica Bacchiolo, io, son Michelino!" E lei ha detto “Michelino?”... Poi ha acceso la luce, m’ha visto, ha urlato e s’è sentita male! E io sono scappato, ba’!

ANDREA:(si avvia verso la porta di camera sua)Mi fa’ un po’ vede’, abbi pazienza...(esegue, sulla porta)

MICHELINO: Che fa ‘mpressione?

ANDREA:(ironico)Eeh! Fa un’impressione!(la osserva)Però, o Michelino!(si mette il dito sulla gota)Coi’fischio!


820-

821-

822-

823-

824-

825-

826-

827-

828-

829-

830-

831-

832-

833-

834-

835-

836-

837-

838-

839-

840-

841-

842-

843-

844-

845-


MICHELINO:(va dietro ad Andrea e guarda anche lui)‘Ndove l’ha i’ fischio?

ANDREA: E gliè un modo di di’, pe’ di’ che gliè una bella figliola! ‘Un se ne trova mica tante ‘nquella maniera! Bravo Michelino! Via, oh, e ‘un si pole mica lascialla lì, eh, bisognerà falla rinveni’! Va’ a piglia’ un accappatoio ni’ bagno!

MICHELINO: Perché, che la vo’ mette a bagno pe’ falla rinveni’?

ANDREA: No, Michelino! E gliè che... E ‘un è vestita uso Prima Comunione, ‘un so se mispiego! ‘Un si pole mica portalla di qua ‘n quelle condizioni! Vai vai, fa’ alla sverta!

MICHELINO:(esegue; via dalla Comune)

ANDREA:(sospira)Eh, se avessi una fidanzata di meno, e ti farei rinveni’ io, a te!

MICHELINO:(torna con l’accappatoio)Tieni!

ANDREA:(prende l’accappatoio ed esce in camera sua)

(suona il campanello)

MICHELINO:(va ad aprire)

ANNA:                                  Ciao! O che eri digià a letto?

MICHELINO:(si guarda)Suppergiù.

ANNA:                             O come vu siete andati a letto presto, stasera!

MICHELINO: Eh, sai, babbo e mamma son bell’e tornati!

ANNA: Ah sì? O Andrea? Gliè a letto anche lui?

MICHELINO: No, ora viene.

ANDREA:(entra voltando le spalle con Gabriella in braccio, che ha l’accappatoio)

MICHELINO: Eccolo!(si avvicina alla porta di Bacchiolo)

ANNA:(trasale)Andrea!

ANDREA:(c.s.)Anna!

ANNA: Chi è lei?

ANDREA: Vedi Anna...

ASSUNTINA:(entra, dalla camera di Bacchiolo; richiude la porta e vi si appoggia; mormora, in sollucchero)Michelino...

MICHELINO: Ciao.

ASSUNTINA:(lo vede e urla)

MICHELINO:(scappa piagnucolando)Ma perché tutte le donne urlano quando mi vedano?

ASSUNTINA:(si avvicina a Michelino e gli dà uno schiaffo)Vigliacco!(va verso la porta d’ingresso e la apre)

www.massimovalori.net

31


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


846-

847-

848-

849-

850-

851-


OVIDIO:(grosso e minaccioso; è sulla porta)

ASSUNTINA:(lo sposta con uno spintone)Permesso!(via)

OVIDIO:(entra)

CESARE, TERESA e UGHETTA:(entrano)

TERESA: Ma che è tutto questo baccano?

ANDREA:(a Ovidio)Te chi sei?


852 -OVIDIO:(accenna Gabriella, che è sempre in braccio a Andrea)Sono Ovidio, i’ su’ fidanzato! Un amico m’hadetto che era venuta qui!

853 -ANDREA: Era meglio se stava zitto!

854 -ANNA: Insomma, Andrea! Chi è lei?

855 -CESARE: Chi è questa ragazza? Rispondi!

856 -ANDREA: Gliè...(accenna Ovidio)Gliè la su’ fidanzata, no?

857 -OVIDIO: E che ci fa qui?

858 -ANNA: Che ci fa qui?

859 -CESARE: Già, che ci fa?

860 -ANDREA: Che ci fa?...(non sa che dire; la corica sul divano poi guarda i presenti)Gliè la mi’ ganza!

861 -TUTTI meno ANDREA e GABRIELLA: Come?...

862 -ANDREA: Tanto se vi racconto come gliè andata ‘un vu ci credete mica!

863 -OVIDIO: E te lo do io, te lo do...

(confusione generale; Ovidio aggredisce Andrea; Ughetta strepita perché vuole andare via)

FINE del SECONDO ATTO


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            32


(la sorregge mentre si alza)

(annuisce, ululando)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto.

(Sono in scena Cesare, Assuntina e Teresa. Cesare è seduto al tavolino di destra, nervoso. Assuntina piange ululando, mentre Teresa cerca di consolarla)


864-

865-

866-

867-

868-

869-

870-

871-

872-

873-

874-

875-

876-

877-

878-

879-

880-

881-

882-

883-

884-

885-

886-

887-

888-


TERESA: Via, signorina, non faccia così, su...

ASSUNTINA:(piange)

TERESA: O che si piange a codesta maniera?

CESARE: Davvero! Se proprio deve piange’, falla piange’ un pochino meglio, ba’! Mi par disenti’ le sirene di’ bombardamento!

TERESA: O Cesare, via...

ANNA:(entra dalla camera di Andrea e Michelino)

TERESA: Anna, guarda se ti riesce di consolalla un pochino, giù...

ANNA: Assuntina... Assuntina, via, non fare così... Ascolta, perché ‘un tu m’accompagni, ho da

andare a fare un giro ‘n centro! Almeno tu ti svaghi, no...

ASSUNTINA:

TERESA: Che ha detto?

CESARE: Ha detto "uuuuhhh"!

ANNA: O gnamo, via... Vieni...

ASSUNTINA:(si alza, sempre ululando)

ANNA:(a Teresa)Ritorno dopo, a vede’ come sta Andrea!

TERESA: Già, ora c’è anche quello! Ma ‘un dovrebb’esse’ nulla di grave, vero?(apre la porta d’ingresso)

ANNA: No, no... Qui’ dolore lì passa!(indica Assuntina)Gliè questo che gliè duro a passa’!

ASSUNTINA:(ulula più forte)

CESARE: Portala via, venvia, fammi i’ piacere...

ANNA: Vieni, vieni, Assuntina...

ANNA e ASSUNTINA:(escono a braccetto)

TERESA:(chiude la porta)Poera figliola!

CESARE: Poera figliola? Poeri noi, altro che!

TERESA: Uh, quanta confusione pe’ du’ strilli!

CESARE: Ma che strilli, Teresa, ma che strilli! M’importa assai degli strilli, a me! O meglio, mene ‘mporta, ma no di quelli di lei! Di quelli della mi’ sorella! La sentisti iersera? "Io ‘n questo bordello ‘un ci voglio resta’!" E via, in albergo! Ora, addio ferramenta Bucchioni!

TERESA: Ma si ricrederà...


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            33


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


889-

890-

891-

892-

893-

894-

895-

896-

897-

898-

899-

900-

901-

902-

903-

904-

905-

906-

907-

908-

909-

910-

911-

912-

913-

914-

915-

916-

917-

918-


CESARE: Sie! ‘Un la conoscerò! E pensa’ che m’ero tanto raccomandato...

BACCHIOLO:(fa capolino dalla sua stanza)Gliè andata via?

CESARE: Che ci risei?

TERESA: Sì, gliè andata via co’ Anna!

BACCHIOLO:(entra)Oh, meno male! Maremma, quand’ha cominciato a piange’ a quellamaniera... ‘Un la potevo senti’!

TERESA: Che cuore peloso che tu hai! ‘Un ti dispiace nemmeno un pochino, eh? E piange pe’te, quella figliola, lo sai?

BACCHIOLO:(risentito)Chi l’ha detto che ‘un mi dispiace? Mi dispiace, ‘nvece!... Ma anche lei, emi viene fori con certi discorsi... I’ matrimonio, io!... E poi, ma che l’avete vista?

CESARE: O che te,(marcato)prima, o che ‘un l’avevi vista?

BACCHIOLO: Io? No davvero!

CESARE: Figlio d’un...

BACCHIOLO: O babbo, abbi pazienza! Entrai e spensi la luce, e lei c’era digià; si stette sempreai’ buio; lei riandò via ai’ buio, sicché...

CESARE: Maremma, voiattri vu mi ci manderete me, ai’ buio! Ni’ forno, sa’!

BACCHIOLO: ‘Nsomma babbo, io ‘un l’avevo ma’ vista, prima d’oggi!

CESARE: Ma ieri sera tu l’ha’ sentita, però!

BACCHIOLO: Sì, va bene...

CESARE: Teresa reggimi, reggimi perché se no fo un... Un figliolicidio!

BACCHIOLO: O senti babbo, e siamo ni’ dumila! Certe cose si possan fa’ anche senza sposassi!

TERESA: Ma lei gliè d’un’antra mentalità...

BACCHIOLO: E allora? Che vorresti che facessi? Che andassi all’altare co’ un cantero ‘n quellamaniera? (pausa) Che... Che saresti contenta?

TERESA: Oddio... Contenta contenta... No!

BACCHIOLO: Appunto!

CESARE: Giovanni, e ‘un è pe’ codesto! ‘Un sare’ contento neanch’io, lo vedo anch’io che tu tipotresti merita’ quarche cosa di meglio! Icché mi rode a me gliè che ‘n affari come questi noi ‘un ci s’era ma’ ritrovati! E son capitati proprio ora che c’è la mi’ sorella!

BACCHIOLO: E sarebbe l’ora che quarcuno glielo spiegasse, anche a lei, come va i’ mondo!

CESARE: Come va i’ mondo? Te lo dico io, come va i’ mondo! In settimana nova ti convieneanda’ all’ufficio di collocamento, perché la ferramenta Bucchioni va a fassi benedire!

MICHELINO:(entra dalla sua camera)Piano, Andrea, piano...

OVIDIO e ANDREA:(entrano c.s.; Ovidio sorregge Andrea, che ha il volto tumefatto, si tiene una borsa per il ghiaccio sullatesta ed è tutto dolorante)

ANDREA: Ohiohi...

TERESA: Andreino...(va vicino a lui e lo sorregge)Vieni, vieni... Vieni sui’ divano...(ce lo accompagna)

ANDREA:(si siede)Ohiohi...

CESARE: Ohiohi? E te lo do io ohiohi!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            34


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

919 -TERESA: O sta’ bono, su...

920 -ANDREA: E m’ha rovinato... Ohiohiohi...

921 -CESARE: T’ha rovinato? Siamo tutti rovinati! Con tanto che m’ero raccomandato!(a Michelino)

Gliel’avete detto che la su’ zia gliè andata a sta’ ‘n albergo?

922 -MICHELINO:(annuisce)

923 -ANDREA: E ritornerà...

924 -CESARE: E la maiala...

925 -TERESA:(interrompe)Cesare!

926 -CESARE: Ma come Cesare! Ma come! Bisognerebbe che facessi come quande glieran piccini:

botte! E sode!

927 -ANDREA: Anc’a me?

928 -CESARE: A te poi, che tu se’ i’ più grande! E pensa’ che mi fidavo...

929 -ANDREA: O via, forza! Così moio e ‘un se ne parla più... Uh... Uh... Ohiohi! L’olio santo... ‘Unmi fate mori’ senza l’olio santo...

930 -TERESA: Andrea, via, gnamo ‘un è nulla... E poi ti sta bene, fra l’attro!

931 -ANDREA: Ah, mi sta bene, eh?

932 -TERESA: Sicuro! Abbi pazienza, tu ce lo potevi di’, tu ci potevi spiega’!(indica Ovidio)Anche a lui...

933 -ANDREA: Ma che volevi che gli dicessi! ‘Un ci capivo più nulla neanch’io! Tutta la casa piena didonne, (indica Bacchiolo e Michelino) quest’attri due che gli davano come coniglioli, quell’attra che si sente male... Ma che volevi che dicessi!

934 -OVIDIO: Ma ‘nsomma, la mi’ fidanzata con chi doveva anda’?

935 -ANDREA:(a Teresa)Toh, lo vedi che neancora ‘un ha capito nulla?

936 -TERESA: Co’ la su’ fidanzata(indica Bacchiolo)ci ha fissato lui, ma poi, pe’ un malinteso,(indicaMichelino) c’è andato lui!

937 -ANDREA: E da urtimo n’ho toccate io! Senti come torna bene!

938 -OVIDIO: Ma allora, io chi devo picchia’?

939 -ANDREA: Ma cosa vo’ picchia’... ‘Un ti basta ave’ rovinato un terzo della famiglia? Ohiohiohi...

940 -CESARE: E ‘nvece sarebbe bene! Sarebbe bene che ve la desse una bella lezione! A tutt’e due,sa’!

941 -MICHELINO:(piagnucola)O che c’entro io?

942 -BACCHIOLO: Tu c’entri, tu c’entri! Tu ci se’ entrato iersera, sicché...

943 -OVIDIO:(mostra il pugno, plateale)‘Un mi sare’ mai creduto che la mi’ Gabriellina m’avesse potuto fa’questo!

944 -ANDREA:(mostra le corna)A di’ la verità t’ha fatto queste...

945 -TERESA:(si avvicina a Andrea)Fallo riarrabbia’, sa’? Tanto tu n’ha’ toccate pochine!(prende la borsa delghiaccio e la tiene sul capo di Andrea)

946 -OVIDIO: Mi dispiace...(ad Andrea)Mi dispiace d’essermi accanito con te che ‘un tu c’entravi nulla!

947 -ANDREA: Lascia fare, venvia... Che poi, gliè stata anche colpa mia, sicché...


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            35


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


948-

949-

950-

951-

952-

953-

954-

955-

956-

957-

958-

959-

960-

961-

962-

963-

964-


OVIDIO: So di averti fatto male, ma... ‘Un so come spiegammi... Avevo dentro una rabbiacome... ‘un lo so... Ma ora basta, eh? Ho deciso! Da oggi mi voglio dedica’ alla palestra e basta! Donne, chiuso!

ANDREA: Bravo! Gliè la meglio cosa che tu potevi fa’! Tanto son donne, nini! La peggio razzache poteva crea’ i’ Padreterno!

TERESA: Davvero?(sbatte la borsa del ghiaccio sulla testa di Andrea)O tieni! Fai da te!

ANDREA: Ohiohiohi...

CESARE: ‘Un ha mica dato tanto di fori!

BACCHIOLO: Ha ragione.

TERESA: Anche voi? Guardate, eh...(mostra la mano tesa)

MICHELINO: A me ‘nvece quasi quasi m’incominciavano a garba’ ora!

BACCHIOLO: Ah sì, eh? E ci credo! Dopo quella di ieri sera!

OVIDIO:(guarda Bacchiolo, fremendo)

BACCHIOLO:(continua)Doveva esse’ proprio una di quelle... Eh? Dì la verità!(si accorge di Ovidio;cambia tono; pausa) ‘Giorno! Che giornatina, eh?

OVIDIO:(cerca di reprimere l’ira)Non ti preoccupare... Son guarito! Vedi? Non mi arrabbio! La mi’fidanzata è stata co’ un antro? (urla) E io ‘un m’arrabbio!!... Son calmo! Calmo! (si avvia verso l’uscita; urlaancora) Calmoo!!...

ANDREA: Bada a ‘un t’addormenta’...

OVIDIO:(apre la porta; cambia tono, tornando sui suoi passi)E voglio dire a chi verrà dopo di me...(indeciso; adAndrea) Ma a chi lo devo di’?

ANDREA: Boh...

OVIDIO:(pausa)E allora ‘un lo dico a nessuno! Arrivederci!(esce dall’ingresso)

CESARE: Ma guardate... Una famiglia rispettabile come la nostra... Guardate come ci si ritrova!


965-

966-

967-


TERESA: Gliè corpa vostra! Vu siete stati voi òmini a fa’ confusione! Ora vu rimediate!

ANDREA: O mamma, gnamo...

TERESA: Gnamo? Gnamo ‘ndove? O ‘un siamo "la peggio razza che poteva crea’ i’Padreterno"? Va bene! Io vo a tende’ panni! (esce dalla Comune)


968-

969-

970-

971-

972-

973-

974-

975-

976-


ANDREA: O mamma... Mamma, e lo dicevo pe’ consolallo... Mamma... Oh, e gliè da ieri serache ‘un n’azzecco una, eh!... Ohiohi...

CESARE: Ora vu m’avete fatto anche guasta’ la moglie! ‘Un ci mancava che questa!

BACCHIOLO: O gnamo, babbo! Codeste son cose che si rimediano...

CESARE: Eh, a te, intanto, i’ rimedio pe’ quello che tu ha’ fatto ieri sera ‘un ti sta bene!

BACCHIOLO: Ma... Io ‘un ho capito se vu dite pe’ scherzo o sui’ serio! Andrea! O diglieloanche te! O che gliè possibile che io possa sposa’ un catafarco come quello! O diglielo!

ANDREA:(a Cesare)Bah, e farebbe prima a buttassi in Arno!

BACCHIOLO: Eh?

ANDREA: Dicevo che tu faresti prima a buttatti in Arno!

BACCHIOLO:(non convinto)Ecco, appunto.


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            36


977-

978-

979-

980-

981-

982-

983-

984-

985-

986-

987-

988-

989-

990-

991-

992-

993-

994-

995-

996-

997-

998-

999-

1000 -

1001 -

1002 -

1003 -

1004 -

1005 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

CESARE:(a Andrea)Ma perché? Ecco quello che dico io, perché ci si deve ritrova’ ‘n questesituazioni?

ANDREA: E che me lo domandi a me?

CESARE: E a chi lo devo domanda’?

ANDREA: Domandaglielo a loro, ba’! Io gliero di qua a senti’ sfrasca’, e basta!

CESARE: Se ‘un tu avessi quasi trent’anni...

ANDREA: Ecco, babbo, gliè proprio codesto i’ problema! Te tu se’ arretrato! Le donne d’oggi‘un tu le conosci! (indica Bacchiolo) Ma lo sai quante ce n’ha avute lui che gli hanno chiesto di sposalle, di anda’ a sta’ con loro...

CESARE: Dimmelo, anche! Rigira i’ coltello nella piaga!

ANDREA: Ma poi se ne dimenticano! Che credi? Vedan’un antro, più bello di lui, gli vannodietro e se i’ giorno dopo tu gli domandi di Bacchiolo ‘un si ricordan neanche di che colore era!

CESARE: Mah...

ANDREA: Ti dico che gliè così! Ora cosa, la scorfana, come si chiamava...

BACCHIOLO:(subito, serio)Assuntina...

ANDREA: Ecco, Assuntina, frignerà un po’, farà un po’ di confusione, ma se fra una settimanatu vai da lei e tu gli rammenti Bacchiolo ‘un si ricorda più nemmeno ‘ndove sta di casa!

CESARE: Sarà!

ANDREA: Come sarà! E gliè, no sarà, te lo dico io! E lo stesso pe’ zia Ughetta! Vedrai che fra unpochino ritorna e di tutto quello che gliè successo ‘un se ne ricorda più!

(suona il campanello)

BACCHIOLO:(va ad aprire)

ANDREA: Toh! Vo’ vede’ che gliè lei? O ‘un lo dico sempre io che quello che dice Andrea glièVangelo. Gliè Vangeloo!

BACCHIOLO:(apre la porta)

SALVATORE:(classico siciliano, con la coppola, i baffi e tutto, accento compreso; entra dall’ingresso)Buongionno.

BACCHIOLO: A lei. Con chi ho l’onore?

SALVATORE: Cangemi Savvatore, padre di Assuntina.

BACCHIOLO: Ah...(chiude la porta)

CESARE: Dai’ Vangelo secondo Andrea!

BACCHIOLO: Prego, s’accomodi!

SALVATORE: Gentile, ma ringrazio. Prima vogghio sapere... Cufù!

CESARE:(pausa; poi guarda Bacchiolo)

BACCHIOLO:(fa l’indifferente; pausa; a Cesare)E che guardi me?

CESARE: Guardo te sì!

BACCHIOLO: Io ‘un c’entro mica nulla! La su’ figliola ‘un credeva mica che fossi io!(indicaMichelino) Credeva che fosse lui!

MICHELINO: Ma ‘un era mica con me, era con te!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            37


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1006 -

1007 -

1008 -

1009 -

1010 -

1011 -

1012 -

1013 -

1014 -

1015 -

1016 -

1017 -

1018 -

1019 -

1020 -

1021 -

1022 -

1023 -

1024 -

1025 -

1026 -

1027 -

1028 -

1029 -

1030 -

1031 -

1032 -

1033 -

1034 -

1035 -

1036 -


BACCHIOLO: Che vorrebbe di’ codesto! Assuntina...

SALVATORE:(alza il tono, interrompendo)Mia figghia mi disse che... Un po’ di confusione ci fu! Ma io

vogghio sapere... Chi ha compiuto l’atto materiale. ANDREA:(a Bacchiolo)Eh, questa vorta... MICHELINO: Io no, eh?

BACCHIOLO:(rassegnato, si siede)

SALVATORE:(pausa; indica Bacchiolo; a Cesare)Lui fu?

CESARE: Lui fu.

SALVATORE: E... Intenzione di riparare ha?

CESARE:(pausa)Bacchiolo!

BACCHIOLO: Oh.

CESARE: Dice a te.

BACCHIOLO: Io? ‘Un voleva mica me! E voleva Michelino! Sicché, se bisogna riparare, cipenserà Michelino!

MICHELINO: No davvero! ‘Un c’ero io con lei, ieri sera!

BACCHIOLO: Ma lei era venuta per te!

MICHELINO: E che gliè corpa mia se Andrea te la mandò a te?

BACCHIOLO: Gliè corpa d’Andrea!

MICHELINO: Ecco, gliè corpa d’Andrea!

ANDREA: Sta’ a vede’ che da urtimo mi toccherà sposalla a me!

BACCHIOLO: Ci sta! Se ‘un tu avevi fatto confusione, ‘un era successo nulla!

ANDREA: Io? E te, fissa’ con la gente senza ricordatti che tu avevi la partita?

BACCHIOLO: Ma io t’avevo dato istruzioni!

ANDREA: E la su’ figliola venne a riportammi lo zucchero!

BACCHIOLO: Perché aveva sbagliato Michelino a daglielo! Se ‘un aveva sbagliato...

MICHELINO: Che ne so io ‘n dove la tiene mamma la roba!

CESARE: Basta! Ora basta, eh? Giovanni! Gliè inutile che tu cerchi d’intorba’ l’acqua! Chi hafatto l’atto materiale l’ha disonorata; chi l’ha disonorata la deve sposa’! E siccome l’atto materiale tu l’ha’ fatto te, te tu la devi sposa’! Ooh!

SALVATORE: Ma che vossia siciliano è?

CESARE: No... Ecco, dicevo le cose come le vede lei...

BACCHIOLO: ‘Nsomma, dovere o non dovere! In queste cose ‘un si pole parla’ di doveri! ‘Unc’è mica un contratto scritto! Uno o vole o ‘un vole! E siccome io... (esita) Io ‘un voglio, ‘un la sposo!

SALVATORE:(a Cesare)Iddu la prese, iddu se la sposa!

ANDREA: O compare Turiddu, e ‘un ci siamo mica ‘ntesi!(fa per alzarsi)

BACCHIOLO:(si siede vicino a lui e lo trattiene)Sta’ calmo, Andrea, via!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            38


1037 -

1038 -

1039 -

1040 -

1041 -

1042 -

1043 -

1044 -

1045 -

1046 -

1047 -

1048 -

1049 -

1050 -

1051 -

1052 -

1053 -

1054 -

1055 -

1056 -

1057 -

1058 -

1059 -

1060 -

1061 -

1062 -

1063 -

1064 -

1065 -

1066 -

1067 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ANDREA: Ma come sta’ calmo! "Iddu la prese"! Icché ha’ preso? Tu ha’ preso icché t’ha dato lasu’ figliola! (a Salvatore) E meno male che ‘un l’aveva neancora vista, perché se no, ‘un lo so! Brutta ‘n quella maniera...

SALVATORE: Brutta?

BACCHIOLO: O lascia fare, Andrea!

ANDREA:(a Bacchiolo)O diglielo anche te!

BACCHIOLO:(a Andrea)Bono, via...

SALVATORE: Assuntina un fiore purissimo è!

ANDREA: Un fiore di zucca! Son boni fritti!

SALVATORE: Come?(va verso Andrea)

CESARE:(trattiene Salvatore)Si calmi! Si calmi!

BACCHIOLO: Andrea, pe’ l’amor di Dio! ‘Un ti bastano quelle che tu ha’ preso ieri sera?

ANDREA:(a Bacchiolo)Ma ‘un lo senti icché dice?

CESARE:(a Salvatore)Abbia pazienza, via... S’è lasciato un po’ prendere dall’ira...

SALVATORE: Non si preoccupi! Non è mia intenzione infierire su un uomo...(indica Andrea)incerte condizioni.

ANDREA: Che condizioni, oh...

BACCHIOLO: O sta’ calmo, Andrea!

SALVATORE: Signori, Cangemi Savvatore se ne va, non senza avere ribadito la sua proposta!

CESARE: Ooh! Sentiamo questa proposta!

SALVATORE: Iddu sposare se la deve!

CESARE: E poi?

SALVATORE: Eccetera, quello che segue al matrimonio.

CESARE: Sì, ma... Di solito in una proposta c’è uno scambio, no? Una specie di contropartita,ecco. Lei, in cambio del matrimonio, cosa ci dà?

SALVATORE: Mia figghia!

CESARE: Ah... E questa sarebbe la su’ proposta?

SALVATORE: Ce la devo rispiegare?

CESARE: No, ‘un importa...

ANDREA: E sarebbe un parlamentare a caso, lui!

SALVATORE: Me ne vado, ma... Tonnerò presto! Arrivederci!(esce dall’ingresso)

(pausa)

CESARE: Se credeo...

MICHELINO: Sembra di vede’ una telenovela!

ANDREA: Sentite, gente...

CESARE:(interrompe)Guarda Andrea, saranno cazzotti che tu ha’ preso, ma da quande son tornato

ieri sera a sta’ a senti’ te ‘un s’indovina mai!


www.massimovalori.net

39


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1068 -

1069 -

1070 -

1071 -

1072 -

1073 -

1074 -

1075 -

1076 -

1077 -

1078 -

1079 -

1080 -

1081 -

1082 -

1083 -

1084 -

1085 -

1086 -

1087 -

1088 -

1089 -

1090 -

1091 -

1092 -

1093 -

1094 -

1095 -

1096 -

1097 -


ANDREA: Dicevo: facciamo i’ punto sulla situazione!

CESARE: E te lo dico io i’ punto della situazione, te lo dico io! Siamo di’ gatto!

ANDREA: Ecco, bravo! E a di’ a codesta maniera che ha’ risolto? Nulla! Invece, cerchiamo diriflette’ un pochino e vediamo quello che si pole fa’.

CESARE: O via, forza! Riflettiamo! Chiacchiera!

ANDREA: Allora: ieri sera è successo quello che è successo, e pe’ una serie di coincidenze...

CESARE:(interrompe)Siamo ‘n un ginepraio!

ANDREA: O fammi ragiona’! I problemi ora come ora son due: la zia Ughetta, che ‘un ci voleda’ più i soldi pe’ aprire la ferramenta, e Assuntina, la quale pretende che Bacchiolo la sposi.

BACCHIOLO: Fra tutt’e due i problemi, ‘un saprei quale sceglie’!

ANDREA: Cominciamo dai’ primo: la zia Ughetta! Che si fa?

CESARE: Ma che vo’ fa’, Andrea, che vo’ fa’...

ANDREA: Parlacci, almeno, si potrebbe, no?

CESARE: Sie...

BACCHIOLO: E dice bene, ‘nvece, babbo! Abbi pazienza: invece di sta’ qui a brontola’, prova aanda’ da zia all’albergo! Tu provi a ragionacci, a convincila, no? Perlomeno fa’ un tentativo! Sarà sempre meglio che sta’ qui a pesticcia’, che ti pare?

CESARE: Ma te ‘un tu la conosci...

BACCHIOLO: No, ma conosco mi’ pa’! E siccome so che lui quando s’è messo una cosa ni’capo la fa, dovesse casca’ i’ mondo, son sicuro che se tu vòi tu riesci a porta’ zia Ughetta a più miti consigli!

ANDREA: Bravo Bacchiolo! Tu ha’ parlato com’un libro stampato!

CESARE:(pausa)Dopotutto son sempre i’ su’ fratello.

ANDREA: Appunto. E anche lei, come tu’ sorella, ‘un ci starà bene di certo ‘n questa situazione!Che dici?

CESARE:(alza le spalle)

ANDREA: Ha detto bene lui, babbo: o prova! Vai là, e parlaci. Vedrai che quarche cosa turuscoli. E se poi ‘un va bene, oh, ‘un si potrà di’ che ‘un s’è provato!

CESARE:(si alza)Vi voglio da’ retta! Anche perché se rimango qui piano piano stianto!

ANDREA: Bravo babbo!

CESARE: E vo, ma mi raccomando: ora che ‘un ci sono, ‘un mi combinate nulla di novo! Se noqui va a fini’ che, invece d’un matrimonio, e si fa un trasporto! (chiama) Teresa! Teresa!...

TERESA:(entra)Che c’è?

CESARE: Vo via, vo all’albergo a vede’ di ragiona’ un po’ co’ la mi’ sorella!

TERESA:(risentita)Arrivederci!(via)

CESARE:(con intenzione)Arrivederci!(via dall’ingresso)

TERESA:(chiama d.d.)Michelino!(rientra)Michelino! Mi vieni a da’ una mano?

MICHELINO: Sì mamma!(via dalla Comune)

TERESA:(via c.s.)

www.massimovalori.net

40


1098 -

1099 -

1100 -

1101 -

1102 -

1103 -

1104 -

1105 -

1106 -

1107 -

1108 -

1109 -

1110 -

1111 -

1112 -

1113 -

1114 -

1115 -

1116 -

1117 -

1118 -

1119 -

1120 -

1121 -

1122 -

1123 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ANDREA:(fra sé)Ecco, preciso! E ora, affrontiamo i’ secondo problema!(guarda Bacchiolo)

BACCHIOLO:(non lo sente; siede pensieroso)

ANDREA:(va allo specchio e si guarda l’occhio)Poer’Andrea, quante tu n’ha’ toccate! E ‘un glien’ho resoneanc’uno! Gli facevo vento e basta! A dura’ un par d’ore ‘n quella maniera, forse piano piano gli avre’ fatto fa’ uno starnuto! Bacchiolo, bisognerebbe che tu mi dessi quarche lezione! Bacchiolo!

BACCHIOLO:(c.s.; non risponde)

ANDREA:(alza la voce)Bacchiolo!

BACCHIOLO:(c.s.)

ANDREA:(in tono normale)Bacchiolo c’è Assuntina ti cerca...

BACCHIOLO: Chie?

ANDREA:(annuisce ridendo; pausa)L’ha’ visto se tu ci se’ cascato!

BACCHIOLO: Cascato ‘ndove?

ANDREA: Gnamo, ‘un lo fa’ i’ finto tonto! Tu ha’ voglia di ragiona’! Quella figliolina, a te,(si toccala fronte) e t’è rimasta qui!

BACCHIOLO:(esitante)Rimasta... Rimasta come?

ANDREA: Rimasta, Bacchiolo!... Te tu ti se’ ‘nnamorato!

BACCHIOLO: A me tu mi sembri scemo! Ma che l’ha’ vista?

ANDREA: Se l’ho vista? L’ho vista, l’ho vista!

BACCHIOLO: E... Che ti pare?

ANDREA: Gliè brutta!

BACCHIOLO: Cioè?

ANDREA: Cioè gliè brutta, Bacchiolo, come te lo devo di’! Fa schifo, fa ribrezzo, fa onco!(pausa)Allora ‘un tu sei ‘nnamorato di lei?

BACCHIOLO: Io? Io no!

ANDREA: Bene, meglio così!(parla lentamente; mentre parla, si siede e accende una sigaretta)Mi sarebbedispiaciuto vede’ i’ mi fratello a giro con qui’ granocchio! Che poi, guarda, a me mi sembra anche poco ‘ntelligente! Una senza cervello!... E poi antipatica, maremma... Ha qui’ fare a quella maniera... No no, ‘un mi garbava punto! Di peggio ‘un tu avresti potuto trova’, te lo dico io!

BACCHIOLO: Sì, Andrea, però...

ANDREA:(interrompe)E poi, via, praticamente ‘un tu la conoscevi nemmeno... Di certo nonabbastanza da pote’ giudicare chi era e chi ‘un era...

BACCHIOLO:(interrompe)Perché, o te quanto tempo ha’ avuto?

ANDREA: Io?... Sì, d’accordo, ma...

BACCHIOLO:(c.s.; in crescendo)‘Un è mica Venere, son d’accordo con te! Ma che ne sai te se glièsenza cervello, se gliè antipatica... ‘Un tu la conosci nemmeno! Tu l’ha’ vista una vorta! Una sola, e tu ti metti costì a giudica’, a sputa’ sentenze... Ma chi ti credi d’esse’! Pe’ quello che tu ne sa’ te, Assuntina potrebbe esse la meglio ragazza di’ mondo! Mezz’ora, lo vo’ sape’? Mezz’ora siamo stati ‘nsieme, la mezz’ora più bella che ho passato da che son’ai’ mondo! Perché lei gliè brava! Gliè affettuosa! Gliè capace di cose che te ‘un tu te le ‘mmagini neanche! (si avvicina ad Andrea, risoluto) Te, lo vedi, te, ‘un tu se’ neanche degno di legagli le scarpe! Ha’ capito? Ha’ capito sì o no? Perché sennò...


www.massimovalori.net

41


1124 -

1125 -

1126 -

1127 -

1128 -

1129 -

1130 -

1131 -

1132 -

1133 -

1134 -

1135 -

1136 -

1137 -

1138 -

1139 -

1140 -

1141 -

1142 -

1143 -

1144 -

1145 -

1146 -

1147 -

1148 -

1149 -

1150 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ANDREA: Sennò?

BACCHIOLO: Sennò...(lo prende per la camicia e lo alza in piedi)

ANDREA: (pausa)O vienimi a di’ che ‘un tu’ se’ ‘nnamorato, ora!

BACCHIOLO:(lentamente, lascia andare Andrea; si siede)

ANDREA: Allora?

BACCHIOLO: Allora icché?

ANDREA: Aspetto che tu lo dica: forza! Levami questa soddisfazione!(pausa)Lascia fa’ quelloche ho detto dianzi, l’ho detto pe’ fatti arrabbia’! E ti ci ho chiappato! E ‘n pieno, sa’? (pausa) Allora? O via! O dillo! Tanto manca solo che tu me lo dica, ormai l’ho capito!

BACCHIOLO: Ohiohi, sì, va bene, sì, sono ‘nnamorato di lei, ooh!

ANDREA: Ba’! E ‘un è mica una disgrazia, eh!

BACCHIOLO: ‘Un ci ho dormito, Andrea! ‘Un ci ho dormito, stanotte! Io... Boh!

ANDREA: No no, ma lo fa, eh...

BACCHIOLO: Sì, ma... O come fo, me lo dici? Eh?

ANDREA: Come tu fai a fa’ icché? A sposalla?

BACCHIOLO: Eh! Me lo dici come fo?

ANDREA: Come vo’ fa’, com’hanno fatto tutti, no? Le bomboniere, le pubblicazioni, i’ristorante, i’ prete...

BACCHIOLO: O Andrea, pe’ piacere! E dico sui’ serio! Come fo a sposa’ una ragazza a quellamaniera! Eh?

ANDREA: Perché, o che ti vergogni?

BACCHIOLO: ‘Nsomma... Mi vergogno... Gliè che io, Bacchiolo, che ce n’ho avute un monte,certe ti levavano anch’i’ fiato... E son’andato a ‘nnamorammi d’una brutta! Che figura ci fo, eh? Perché lo vedo anch’io che gliè brutta! Ma, ‘un lo so... ‘Un ci posso fa’ nulla...

ANDREA: Te, lo vedi, Bacchiolo, ‘un tu sei scemo! Tu sei du’ vorte scemo! O se tu l’ha’ detto teora! ‘Un si deve mica giudica’ le persone per come son fatte difori! Quello che conta gliè icché c’è dentro! E te tu ha’ paura de’ discorsi? Ma che te ne frega! Tanto la gente gliè fatta apposta pe’ chiacchiera’! E te, invece, tu devi fa’ la scelta giusta e cammina’ a testa alta! Ni’ mondo ‘un bisogna mai ave’ paura di mostra’ quello che si prova: anzi, bisogna esserne orgogliosi! E allora, fagli vede’ chi è Bacchiolo, fagli vede’ che te ‘un tu ha’ paura di nulla! Se’ ‘nnamorato di lei, sì o no?

BACCHIOLO: Sì!

ANDREA: E allora che ci fai costì? Va’ da lei, no, invece di falla piange’ a quella maniera!

BACCHIOLO:(pausa)Tu ha’ ragione. Mi son proprio comportato da... Da... ‘Un mi vieneneanche la parola!

ANDREA: Io un’idea ce l’avrei, ma lasciamo fare, vai!

BACCHIOLO: Ma che... Che credi che mi perdonerà? Eh?

ANDREA: Ha’ voglia che ti perdona!

BACCHIOLO: Perché? Chi te lo dice?

ANDREA: Perché anche lei gliè ‘nnamorata di te!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            42


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1151 -

1152 -

1153 -

1154 -


BACCHIOLO: Sì?

ANDREA: Diamine, si vede lontano un chilometro! Eh, e pensa’ che manca poco mi scoltellocon compare Turiddu... (pausa) Ma che se’ sempre costì? O moviti!

BACCHIOLO: Ah, già...(si avvia verso la porta di camera sua; torna sui suoi passi)Ma ancora ‘un tu m’ha’detto icché tu ne pensi! Che ti pare, eh?

ANDREA: Bacchiolo, a me ‘un mi pare nulla! Se gliè la donna di cui tu se’ ‘nnamorato te, allora...Gliè la più bella di’ mondo!


1155

BACCHIOLO:(gongolante)Grazie!(via dalla sua camera)

1156

ANDREA:(pausa)Digià neancora ‘un ci credo! Bacchiolo ‘nnamorato! Anche le querce fanno i

limoni!

1157

BACCHIOLO:(fa capolino)Andrea!

1158

ANDREA: Oh!

1159

BACCHIOLO: Che mi metto?

1160

ANDREA: Boh, che ne so io...

1161

BACCHIOLO: La camicia verde sarà troppo sgargiante?

1162

ANDREA: No, va bene, va bene...

1163

BACCHIOLO: Grazie!(via)

1164

ANDREA: Eh, quando ‘un si sa che camicia mettisi, siamo proprio di’ gatto! O meglio, della

gatta!

(suona il campanello)

1165

ANDREA:(va ad aprire la porta)

1166

ANNAeASSUNTINA:(entrano; Assuntina è irriconoscibile, trasformata in una bella ragazza)

1167

ANDREA: Oh, guarda chi c’è!(chiude la porta)

1168

ANNA: Come va? Ti fa sempre male la testa?

1169

ANDREA: No, ora m’è passato.

1170

ANNA: Meno male, se no si doveva anda’ ai’ Pronto Soccorso!

1171

ANDREA: No no, m’è passato!(guarda Assuntina)Davvero, sarà un par d’ore che...(si blocca; pausa)O

Anna!

1172

ANNA: Che c’è?

1173

ANDREA: Bisognerà andacci lo stesso ai’ Pronto Soccorso!

1174

ANNA: Perché?

1175

ANDREA: E m’ha rimbischerito quello lì a furia di cazzotti! E ho l’allucinazioni!

1176

ANNA: O che vedi?

1177

ANDREA: E mi pare di vede’ Assuntina, ma... ‘Un è mica lei!

1178

ANNA: No no, gliè lei, gliè lei!

1179

ANDREA: Anna, ‘un mi piglia’ ‘n giro!

1180

ANNA: Ma chi ti piglia ‘n giro! Assuntina, diglielo anche te!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            43


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1181 -

1182 -

1183 -

1184 -

1185 -

1186 -

1187 -

1188 -

1189 -

1190 -

1191 -

1192 -

1193 -

1194 -

1195 -

1196 -

1197 -

1198 -

1199 -

1200 -

1201 -

1202 -

1203 -

1204 -

1205 -

1206 -

1207 -

1208 -

1209 -

1210 -


ASSUNTINA: Le piaccio?

ANDREA: Eh, abbastanza... Ma dammi pure di’ tu, eh?

ANNA: ‘Un la guarda’ tanto, eh, pe’ piacere!

ANDREA:(ad Anna)O che ha fatto?

ANNA: Nulla! L’ho rimessa un po’ a novo! ‘Un te lo ricordi che sono estetista?

ANDREA: Ah! O quant’ha’ speso?

ANNA: Ma che speso! E’ bastato un vestitino un po’ meglio, le scarpe coi’ tacco, una pettinatina,un po’ di trucco...

ANDREA: ... E mezza boccia d’acqua di Lùrdesse!

ANNA: O via, ‘gnorante! Io, che ‘n queste cose ho un certo occhio, come si dice, me n’eroaccorta che Assuntina ‘un era tanto brutta! I’ su’ problema era che ‘un si sapeva valorizza’, ecco! E allora siamo andate a casa mia e gli ho prestato un po’ di roba della mi’ sorella!

ANDREA:(guarda Assuntina; pausa)Ho detto bene prima: anche le querce fanno i limoni! Aspettache la veda Bacchiolo! Si ragionava di lei ora! Gli vien’un coccolone!

ASSUNTINA: Bacchiolo? O dov’è?

ANDREA: Gliè a cambiassi, ora viene.

MICHELINO:(entra; vede Assuntina; anche lui rimane stupito)Ba’... Assuntina!

BACCHIOLO:(entra)Andrea, io vo!

ANDREA:(ad Anna)Sarà meglio anda’ a reggilo, ‘un abbia a casca’ ‘n terra!(si avvicina a Bacchiolo)‘Ndove vai?

MICHELINO:(mentre parla Bacchiolo, abbassa il capo e si siede in disparte)

BACCHIOLO: Da Assuntina! Vo e gli dico... Gli chiedo se mi perdona, perché mi soncomportato com’un imbecille... E che sono ‘nnamorato di lei, e se... Se lei mi vole sempre, io... ‘Nsomma gli domando se si vole fidanza’ con me! Che va bene?

ANDREA: A me tu lo domandi? Domandaglielo a lei!

BACCHIOLO: A chie?

ANDREA: A Assuntina!

BACCHIOLO: O ‘ndo’ è?

ANDREA:(indica Assuntina)O ‘un è lì!

BACCHIOLO: Dove? Ah, ma no lei! Io...(si blocca; pausa)Assuntina?(stupefatto; a Andrea)O che hafatto?

ANDREA: Gliè venuta la fatina di Cenerentola! Ma sta’ attento, perché a mezzanotte ti sismonta tutta!

ANNA:(dà uno scappellotto ad Andrea)Ma come tu sarai ignorante!(lo porta via)

BACCHIOLO: Assuntina, ma... O che se’ proprio te?

ASSUNTINA:(risentita)Sì.

BACCHIOLO: Ma che...Che t’è successo, si può sapere?

ASSUNTINA: Te ne importa così tanto? Oggi non mi sembravi così premuroso!

ANNA e ANDREA:(curiosi, tendono l’orecchio)

www.massimovalori.net

44


(a capo basso)

(esce dalla Comune)

(escono senza salutare, guardandosi negli occhi; chiudono la porta)

1211 -

1212 -

1213 -

1214 -

1215 -

1216 -

1217 -

1218 -

1219 -

1220 -

1221 -

1222 -

1223 -

1224 -

1225 -

1226 -

1227 -

1228 -

1229 -

1230 -

1231 -

1232 -

1233 -

1234 -

1235 -

1236 -

1237 -

1238 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

BACCHIOLO: Tu ha’ ragione, ma...(vede Anna e Andrea)Che ‘un avete nulla da fa’ voi due?

ANDREA: Chi, noi? No...

BACCHIOLO:(a Assuntina)Che... Che stavi andando a casa?

ASSUNTINA:(c.s.)Sì.

BACCHIOLO: Ti dispiace se... Se ti accompagno? Volevo parla’ con te.

ASSUNTINA:(cerca di stare seria, ma non le riesce)Va bene.

BACCHIOLO:(gongolante)O gnamo!(prende Assuntina sottobraccio e va verso l’uscita)Vedi Assuntina, tivolevo parlare perché... Non so se tu ha’ sentito quello che dicevo prima ai’ mi’ fratello... (continua aparlare)

ASSUNTINA e BACCHIOLO:

ANDREA: Maremma... S’è pers’i’ meglio, s’è perso!

ANNA: Da quanto tu se’ diventato così bracone?

ANDREA:(con veemenza)Io?

ANNA: No, macché...(indica Michelino)O Andrea! Che ha fatto Michelino?

ANDREA: Eh... Ho paura di’ sapello icché ha fatto!(pausa)Senti, che ci lasci soli du’ minuti?

ANNA: Diamine! La tu’ mamma ‘un c’è?

ANDREA: Gliè di là! Vai vai!

ANNA:

ANDREA:(fra sé)C’è anche i’ terzo de’ problemi!(si avvicina a Michelino)Che hai, Michelino?

MICHELINO:                              Nulla!

ANDREA: No, nulla ‘un lo di’! Dimmi che ‘un tu me lo vo’ dire, e ci credo! Ma nulla ‘un lo di’!(pausa) Provo a ‘ndovina’? (pausa; si avvicina) Ti dispiace pe’ Assuntina? Eh?

MICHELINO:(pausa; guarda Andrea, poi annuisce)

ANDREA: Eh, lo so. S’è ‘nnamorata di Bacchiolo!

MICHELINO: Però era venuta per me...

ANDREA: Sì, ma ‘un tu te ne devi mica piglia’! Ce n’è tante di donne, a questo mondo! Vedraiche prima o poi quella bona ti capita anc’a te! Tanto, che credi, e succede quande meno tu te l’aspetti! Ti ricordi come ci si conobbe io e Anna? Ero ‘n bicicretta e a un certo punto... Pun! I’ femore rotto! Me la ricordo sempre, quande sorti’ fori dalla macchina e mi venne a raccatta’! Quante gliene dissi! La feci entra’ ‘n un carzinotto! Ecco, se ‘n qui’ momento fosse venuto uno a dimmi "Quella lì gliè la tu’ futura fidanzata!", lo sa’ ‘ndo’ l’avre’ mandato! E ‘nvece... Borda! Capito quello che voglio di’? Uno gliè inutile che ci faccia i’ capo, tanto quella bona viene quande meno tu te l’aspetti! Oddio, ‘un importa mica che tu ti faccia mette’ sotto da una macchina, eh...

MICHELINO:(sorride)

ANDREA: L’importante gliè ‘un pigliassene! Se gliè andata a fini’ così, vordi’ che Assuntina ‘unera quella giusta! Quella giusta arriverà!

MICHELINO: Sì?

ANDREA: Diamine, te lo dico io! Tu vedrai che un giorno, proprio quande ‘un tu ci pensi,(faschioccare le dita) eccola!

MICHELINO: Come?


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            45


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

1239 -ANDREA:(c.s.)Eccola!

1240 -MICHELINO:(anche lui fa schioccare le dita)

1241 -ANDREA: Ecco, così, bravo! ‘Un ci pensa’ a Assuntina, Michelino, dammi retta!

1242 -MICHELINO: A me mi garberebbe ‘un pensacci, ma ci penso uguale, ba’!

1243 -ANDREA: No, ‘un pretendo mica che tu la dimentichi subito così in du’ balletti! Vorrebbe di’che tu se’ uno senza cuore, scusa! Però tu te ne devi fa’ una ragione, ecco! Se’ convinto?

1244 -MICHELINO:(annuisce, sorridendo)

1245 -ANDREA: Oh, bravo! Così tu mi garbi!(si allontana; fra sé)Maremma, se ‘un s’apre la ferramentavoglio fa’ i’ concorso pe’ assistente sociale! Eppure mi riesce!

(suona il campanello)

1246 -ANDREA:(va ad aprire)

1247 -GABRIELLA:(sulla porta d’ingresso)Ciao! Posso entrare?

1248 -ANDREA:(imbarazzato)Eh?... Diamine, vieni vieni!(chiude la porta; fra sé)E questo gliè i’ quarto, diproblemi!

1249 -GABRIELLA: Come stai?

1250 -ANDREA: Son ristato meglio, comunque ‘un ci lamentiamo, eh?

1251 -GABRIELLA: Mi dispiace pe’ quello che t’ha fatto Ovidio... Gliè tutta colpa mia!

1252 -ANDREA: Lascia fare, tanto ormai... Comunque tu se’ stata gentile a veni’ a trovammi!

1253 -GABRIELLA: Bè, a dir la verità...

1254 -ANDREA:(interrompe; fra sé)Eccoci, lo sapevo!

1255 -GABRIELLA: Come?

1256 -ANDREA: Eri... Eri venuta pe’ i’ mi’ fratello?

1257 -GABRIELLA: Sì.

1258 -ANDREA: Mi dispiace, ma ‘un c’è! E credo che sia... Abbastanza ‘mpegnato, ecco!

1259 -GABRIELLA: Come non c’è?

1260 -ANDREA: Eh, nina, e ‘un c’è! Che lo vedi te?

1261 -GABRIELLA:(vede Michelino)O se è là!

1262 -ANDREA:(c.s.)Ah, lui! Michelino! No, lui c’è, diamine...

1263 -GABRIELLA: Michelino!(gli si avvicina; dolce, per tutto il dialogo)O... Che non mi saluti nemmeno?

1264 -MICHELINO:(saluta con la mano)Ciao.

1265 -GABRIELLA: Posso sedermi qui vicino a te?

1266 -ANDREA: O Maria Vergine!(si siede sulla sinistra, in disparte, esterrefatto)

1267 -MICHELINO:(imbarazzatissimo)Sì sì...

1268 -GABRIELLA:(si siede alla sinistra di Michelino)Sai Michelino, ero venuta per parlare un po’ con te... Tidispiace?

1269 -MICHELINO: Mi... Mi dispiace?(guarda Andrea)


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            46


(fa cenno di sì)

(guarda Andrea)

MICHELINO:

MICHELINO:

1270 -

1271 -

1272 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ANDREA:(fa cenno di no)

MICHELINO: No!

GABRIELLA: Ah, bene! Sono contenta! Perché... Vedi Michelino... Io... Io non avevo maiconosciuto un ragazzo come te... (mette una mano sulla gamba di Michelino)


1273 -

1274 -

1275 -

1276 -

1277 -

1278 -

1279 -

1280 -

1281 -

1282 -

1283 -

1284 -

1285 -

1286 -

1287 -

1288 -

1289 -

1290 -

1291 -

1292 -

1293 -

1294 -

1295 -

1296 -

1297 -

1298 -

1299 -

1300 -

1301 -


(guarda Andrea)

ANDREA:(fa segno di mettere la sua mano su quella di lei)

(esegue)

GABRIELLA:(continua)... Tu sei così... Dolce, buono... Non sei come tutti gli altri. Tu dentro haiqualcosa che... Che non ha nessuno, ecco!... Ieri sera... Ieri sera sono stata così bene insieme a te... Tu non sei stato bene con me?

MICHELINO:(guarda Andrea)

ANDREA:(fa cenno di sì)

MICHELINO: Sì...

GABRIELLA: Mi dispiace per come mi sono comportata ieri sera... Sai, non mi aspettavo che tuci fossi te, con me... Mi perdoni, Michelino?

MICHELINO:

ANDREA:

MICHELINO: Sì...

GABRIELLA: Davvero? Come sono felice!(cinge con un braccio le spalle di Michelino)

MICHELINO:(guarda Andrea)

ANDREA:(fa cenno a Michelino di cingerle la vita con il braccio)

MICHELINO:(esegue)

GABRIELLA:(appoggia la testa sulla spalla di Michelino; sospira)

ANDREA:(sottovoce)Michelino!

MICHELINO:(guarda Andrea)

ANDREA:(c.s.)Ti ricordi quello che si diceva prima?(fa schioccare le dita)

MICHELINO: Eccola!

GABRIELLA: Cosa, Michelino?

MICHELINO: Eh?

GABRIELLA: No! Non dirmelo! Parlavi forse... Della luce dell’amore?

ANDREA:(fa cenno di rispondere di sì)

MICHELINO: Sì, sì, difatti...

GABRIELLA: Lo vedi? Lo vedi che ci intendiamo di già, Michelino? E’ una fortuna che cisiamo incontrati! E lo sai di chi è il merito di tutto questo?

ANDREA:(si pavoneggia, come per dire che il merito è suo)

GABRIELLA: Della nostra buona stella! Della stella dell’amore!

ANDREA:(fa un gesto con la mano come per dire "Ma va’ via...")


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            47


(si alza e va incontro a Andrea)

Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

1302 -GABRIELLA: Sai... Mi piacerebbe tanto restare un po’ con te... Oggi al cinema c’è un bel film,

di quelli che piacciono a me... Non mi ci accompagneresti, Michelino?

1303 -MICHELINO: Un... Un minutino, vo a senti’ i’ mi’ fratello, eh?Andreaaa...

1304 -ANDREA:(va incontro a Michelino)Che t’avevo detto? Eh? Guarda lì!

1305 -MICHELINO: Che fo, Andrea?

1306 -ANDREA: Come che tu fai? Tu vai, no?

1307 -MICHELINO: Sì?

1308 -ANDREA: Diamine! Ce n’hai sòrdi?

1309 -MICHELINO: ‘Un lo so...

1310 -ANDREA: ‘Une ‘mporta!(cerca in tasca)Aspetta, eh...

1311 -GABRIELLA: Scusa, Michelino...(lo guarda fisso)Volevo sapere dov’è il bagno...

1312 -ANDREA: Di là, seconda porta a destra!

1313 -GABRIELLA:(sempre guardando Michelino)Grazie!(lo bacia su una gota)

1314 -ANDREA: Prego!

1315 -GABRIELLA:(via dalla Comune)

1316 -MICHELINO: O Andrea...

1317 -ANDREA: Ma come Andrea! Ma che ‘un l’ha’ vista?

1318 -MICHELINO: Ma io ho paura...

1319 -ANDREA: Paura? D’icché?

1320 -MICHELINO: ‘Un tu ci se’ mica te, ai’ cine, a fammi i segnali!

1321 -ANDREA: Macché, macché segnali... Tanto ormai tu se’ sulla via bona!

1322 -MICHELINO: Ma come fo...

1323 -ANDREA: ‘Un ti preoccupare, tanto fa tutto lei! Te vagli dietro, e basta!(gli dà i soldi)Tieni! Portala

anche a mangia’ i’ gelato, eh?

1324 -MICHELINO: O Andrea...

1325 -ANNA:(entra)

1326 -ANDREA: Michelino, questa gliè la tu’ occasione, ‘un te la lascia’ scappa’! Ma dico, ma che l’ha’vista? Io una come quella pe’ le mane ‘un ce l’ho mica mai avuta!

1327 -ANNA: No, eh?

1328 -ANDREA: Ba’, Anna...

1329 -ANNA:(indica la Comune)Che ci fa quell’attra?

1330 -ANDREA:(indica Michelino)Gliè venuta pe’ lui!

1331 -ANNA: Pe’ chie?

1332 -ANDREA: Pe’ Michelino!

1333 -ANNA: Che si fa, si ricomincia? Guarda che questa vorta te le do io, eh?

1334 -ANDREA: Ma gliè vero, Anna! Diglielo anche te, Michelino!

1335 -ANNA:(a Michelino, incredula)Gliè venuta per te?

www.massimovalori.net

48


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1336 -

1337 -

1338 -


MICHELINO:(annuisce sorridendo)

ANNA:(guarda Andrea)

ANDREA: Ah, ‘un guarda’ me! Io ‘un ci capisco più nulla

(si sente la chiave nella porta)


1339 -CESARE e UGHETTA:(entrano, dall’ingresso)

1340 -CESARE:(chiama)Teresa, son tornato!(a Ughetta)E ‘nsomma ti dicevo, Ughetta, che gliè stato tutto

un malinteso!

1341 -UGHETTA: Ma quella ragazza coll’accappatoio...

1342 -CESARE: Ecco, proprio lei! O secondo te, o che gliè possibile che sia stata ‘n camera con

Michelino? Via, gnamo...

1343 -UGHETTA: No?

1344 -CESARE: Macché, e si vede tu ha’ capito male, in tutta quella confusione...

1345 -UGHETTA: Mah! Sarà...

1346 -TERESA:(entra)Ba’, o che c’è anche Ughetta!(si avvicina a Andrea)Meno male gliè tornata, via...

1347 -ANDREA:(a Teresa)Meno male? Aspetta a dillo!(si avvicina a Cesare; sottovoce)O babbo...

1348 -CESARE:(interrompe; sottovoce)O Andrea, lo so, lo so... Quarche cosa gli s’inventerà, gnamo!

1349 -ANDREA: Ma, ascolta....

1350 -CESARE:(c.s.)Andrea, ‘un ne parliamo ora, davant’a lei, via! Gliè digià tanto se ce l’ho fatta aportalla qui!

1351 -ANDREA: Noe, invece bisogna parlanne proprio ora!

1352 -CESARE: Ma perché?

1353 -GABRIELLA:(entra)Michelino, si va?

1354 -ANDREA:(indica Gabriella)Ecco perché!

1355 -TERESA: Uh, mamma!

1356 -CESARE: O che ci fa qui lei?

1357 -MICHELINO: Gliè venuta per me!

1358 -UGHETTA: Lei gliè quella di ieri sera! Quella coll’accappatoio!

1359 -MICHELINO:(insolitamente risoluto)Sì, gliè quella di ieri sera! Quella coll’accappatoio! E ora si va ai’cinema ‘nsieme! (la prende a braccetto) E poi si va anche a mangia’ i’ gelato! Arrivederci!

1360 -MICHELINO e GABRIELLA:(via dall’ingresso)

1361 -ANDREA: Anche le querce fanno i limoni! O ‘un ho ragione?(contento)Bravo Michelino!

1362 -CESARE: Bravo un cavolo! Anche Michelino ci s’è messo...

1363 -TERESA:(a Anna)Ma che era i’ mi’ figliolo, quello lì?

1364 -UGHETTA: No no, vo via! Vo via! Ritorno a Ginevra!

1365 -CESARE: Ughetta, pe’ l’amor di Dio...

1366 -UGHETTA: Come! Io, secondo te, dovre’ rimanere in questa casa di tolleranza? Neanche pe’sogno!


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            49


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?


1367 -

1368 -

1369 -

1370 -

1371 -

1372 -

1373 -

1374 -

1375 -

1376 -

1377 -

1378 -

1379 -

1380 -

1381 -

1382 -

1383 -

1384 -

1385 -

1386 -

1387 -

1388 -

1389 -

1390 -

1391 -

1392 -

1393 -

1394 -

1395 -


CESARE: Ma son ragazzi, Ughetta!

UGHETTA: E come tu mi dicevi che ho capito male, che sarà stata la confusione... Ma checredi, che sia scema, io! E ci vedo bene, sa’! E l’ho visti bene anche ora, usci’ tutt’e due abbriccati insieme!

ANDREA: Ma, o zia! Ma che fanno di male, abbi pazienza!

UGHETTA: Proprio te, che ieri sera tu l’avevi in collo! ‘Un ti vergogni?

(si sente la chiave nella porta)

BACCHIOLO, ASSUNTINA e SALVATORE:(entrano)

ANNA: Ma signora, lei ‘un ha capito...

UGHETTA:(interrompe)Ho capito, ho capito, ‘nvece! E bisognerebbe che capisse anche lei, invecedi resta’ qui in questa gabbia di matti, tra questa gente che non sa cos’è il timor di Dio! (volta le spallealla porta d’ingresso)

BACCHIOLO: Vai, riè banda!

TERESA:(vede Assuntina)Ma... Quella lì gliè Assuntina!

CESARE:(a Andrea)Giovanni?...

ANDREA: Lo vedi, babbo! Se ne ‘nserpenta uno e ne guarisce un antro!

CESARE:(vede Assuntina; a Andrea)O lei? O che lavoro è?

ANDREA: Babbo, l’ha’ presente la novella di’ principe granocchio? Eh...(fa un gesto con la mano comeper dire "più o meno”) I baci di Bacchiolo fanno quell’effetto lì!

CESARE: Ma guardate che voglia di fa’ i’ bischero che ha questo qui con tutti i problemi che cis’ha!

BACCHIOLO: Allora gente ‘un vu ‘ndovinerete mai chi s’è ‘ncontrato mentre si veniva ‘n qua!

ANDREA: Michelino!

UGHETTA: Insieme con quella svergognata!

BACCHIOLO: Ba’, e io che credevo di favvi una sorpresa!

CESARE: Sorpresa? Bella sorpresa, sì! Ma voi, me lo dite che vu ci fate insieme?

BACCHIOLO: Noi? Semplice: io e Assuntina s’è deciso di fidanzassi!

CESARE e TERESA: Come?

ASSUNTINA: Anche mio padre è d’accordo! Vero papà?

SALVATORE: Vero è!

CESARE:(a Ughetta)L’ha’ visto? L’ha’ visto che piano piano si sistema tutto!

UGHETTA: Io ho visto quella svergognata insieme ai’ tu’ figliolo, ecco icché ho visto! E se tufossi un babbo come si deve, tu piglieresti provvedimenti!

SALVATORE: Brava signora! Questo parlare da uomo è!

UGHETTA: Guardi che io...(si gira verso di lui; si interrompe; cambia tono)Io sono una donna!

SALVATORE: E accotto me ne sono! Un complimento era! Pemmette? Cangemi Savvatore!(siavvicina a Ughetta, tendendole la mano)

ANDREA: O vai! Ora ci si mette anche compare Turiddu...


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            50


1396 -

1397 -

1398 -

1399 -

1400 -

1401 -

1402 -

1403 -

1404 -

1405 -

1406 -

1407 -

1408 -

1409 -

1410 -

1411 -

1412 -

1413 -

1414 -

1415 -

1416 -

1417 -

1418 -

1419 -

1420 -

1421 -

1422 -

1423 -

1424 -

1425 -

1426 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

UGHETTA:(confusa; stringe la mano a Salvatore)Bucchioni Ughetta... Piacere mio...

SALVATORE: Onoratissimo. Me deve scusare se sono intevvenuto a sproposito, ma sonorimasto colpito nel vedere una signora così bedda con un carattere tanto fòtte! (sospira) Per un attimo mi sembrò quasi di rivedere la mia povera mugghiera! Idda donna di carattere era! Come vossìa!

UGHETTA: Grazie...(a Cesare)O chi è lui?

CESARE: I’ socero di’ tu’ nipote!

UGHETTA: Ah... E te mi mandavi via... Senza farmelo conoscere?

CESARE: Io? Io ti mandavo via? Tu eri te che...

UGHETTA:(interrompe)Ma no, ma che dici... Non fai accomodare gli ospiti?

CESARE: Eh?

UGHETTA:(a Salvatore, indicandogli da sedere)Prego.

SALVATORE: Se ho ben capito, la signora voleva privarci della sua presenza radiosa! Nonabbita in questa casa?

UGHETTA: No... Io abito a Ginevra! Ero venuta qui per... Per un investimento! Mio fratellovoleva aprire una ferramenta.

SALVATORE: Un negozio di ferramenta?

CESARE: Eh, ma ormai... ‘Un se ne fa più di nulla!

SALVATORE: Mi dispiace, mi dispiace assai! Anche pecché io senza lavoro sono! Magari laferramenta poteva essere un’occasione...

UGHETTA: Ma diamine! O se Cesare mi diceva prima che gli mancava del personale!

CESARE: Io?

TERESA:(a Cesare, sottovoce)Chetati, bischero!(a Ughetta)Sì, l’ha detto anche a me!

UGHETTA:(a Cesare)Il signor Salvatore gliè proprio quello che fa per te, vero?

CESARE: Ma pe’ fa’ icché?

UGHETTA: Ma come pe’ fa’ icché! Pe’ venire a lavorare nella nuova ferramenta, la ferramentaBucchioni!

CESARE: Si fa?

UGHETTA: Ma certo che si fa!

ANDREA: Si fa, si fa! Compare Turiddu tu se’ un muso!

CESARE:(a Teresa, sottovoce)Ma ‘un aveva detto...

TERESA:(interrompe; a Cesare, sottovoce)O chetati!

SALVATORE:(a Ughetta)Signora, voi la mia savvézza siete! Come potrò ringraziarvi?

UGHETTA: Ma si figuri...

ANDREA: E lo sa lei, vai, come!

BACCHIOLO: Insomma, o gente! Qui c’è da festeggiare! I’ mi’ fidanzamento e la ferramentaBucchioni!

CESARE: Bravo Giovanni! E allora si va tutti a cena fori, offre la ditta!

TUTTI:(approvano)

www.massimovalori.net

51


1427 -

1428 -

1429 -


Massimo Valori – Che gli farò alle donne?

ANDREA:(forte)Gente!...

TUTTI:(silenzio)

ANDREA:(pausa)Bacchiolo, ho trovato lo slogan pe’ la ferramenta! "Ferramenta Bucchioni: danoi anche le querce fanno i limoni!" Eh?


FINE della COMMEDIA


www.massimovalori.net                                                                                                                                                            52

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno