Che lunedì matinna

Stampa questo copione


CHE LUNEDÌ MATINNA

Atto unico in dialetto milanese

di Ivano Bertoletti

PERSONAGGI

Franco Ferrari

Giovanni Trezzi

signora Donati

signora Ugge’

rag. Ceresa

rag. Filippi

Cardillo Pietro

Ufficio amministrativo di un'azienda, cosi arredato: tre scrivanie disposte a ferro di cavallo, k centrale di fron­te al proscenio, le altre due ai lati e quindi quella di sinistra è di fronte all'unica porta sulla destra; tre pol­trone da ufficio; contro la parete un armadio, e un tavo­lino con sopra una macchina da scrivere o un termi­nale video; appesi alle pareti un calendario e alcuni quadretti o poster; un attaccapanni e tre cestini della carta straccia. Su ogni scrivania ci sono: un apparecchio telefonico, una macchina calcolatrice, un calendarietto da tavola, un portapenne. Sulla scrivania di destra, al centro, un piccolo vaso (o un bicchiere) contenente dei fiori ormai appassiti.

Commedia formattata da

(All'aprirsi del sipario l'ufficio è deserto. Dopo alcuni istanti entra Franco. Ha in mano un mazzetto di fiori. Si porta alla prima scrivania, quella di destra ).

Franco                          - Semm anmò chi. On alter lunedì, on'altra settimanna. La solita solfa. (Toglie i fiori dal vaso). Già, mi me lamenti, ma ti, Gigi, (guarda i fiori appassiti) allora se te doariet di? Nanca quarantacinqu ann e zac!, in d'on bàtter d'occ, t'hee lassaa chi la scrivania voeuia. (Butta i fiori appassiti nel cestino e prende in mano il piccolo vaso). Sarà mèi cambia l'acqua. (Lascia i fiori freschi sulla scri­vania ed esce; rientra poco dopo e mette i fiori nel vaso). Vint'ann! Sèmm guardaa in faccia per vint'ann. E adess se vóri vedè i tò occ me tocca vegnì al cimiteri o guardà la foto ricordo che m'ha daa la toa miee. (Apre con la chiave i cassetti della sua scrivania, quella centrale, e poi l'armadio). Mì soo che tì te me sentet e magari te see adree a sorid. Ma ti pensa on poo a nun omen viv. E dass da fà de chi e cor de là, e ciappà de chi e mett de là, e sù e giò. Semper in moviment, on traffich de l'accident, attent a quest chì, attent a quell là. Anca tì prima te fasevet part de che la banda de matt chi. Ma tutt sto dass da fa, perché? per che robba? Se a la fin de la fera poeu succed quell che è capitaa a tì, Gigi? Sarà minga per caso che tutt sto cor, sto agitass sia solament on sistemma per pensà no a la mort, on sistemma per mazzà la mort? (sorride) Eh, però el bell l'è che, nonostant tutti i noster sforz, le, la mort, la se desmentega mìnga de nun. L'Omm, stupenda creatura, si, anca se pensi che nun hemm capii ben pocch de l'Omm. (Si siede). Mah, ogni tant, car el mè Gigi, me scappa anca mi de fà el filosofo. Però, come se dis, la vita con­tinua, e allora avanti cont la fadiga de tutti i di. (Toglie da un cassetto alcune cartellette e le pone sulla scrivania). Da sto moment chi, ci ragionatt Franco Ferrari entra in servizio. (Entra Giovanni). Ciao.

 Giovanni                      - Ciao, te see già chi?

Franco                          - Be', mì sont in orari, l'è tì invece che le in ritard su el solit.

Giovanni                       - (si siede alla scrivania di sinistra). Forse sì.

Franco                          - Te me paret già stracch.

Giovanni                       - (sospirando) Eh...

Franco                          - (lo fissa per alcuni istanti) Giovann, se te sucseduu? Venerdì te seret sù de gir, incoeu invece...

Giovanni                       - Nient... nient...

Franco                          - Ohe, cunta no su di stori. Te conossi da tropp temp e ormai capissi quand on quaicoss el te gira no per el vers giust. (Silenzio) On quai problemma in famiglia?

Giovanni                       - Te gh'hee reson, Franco. Hoo minga dormii, quasi tutta nott. Gh'hoo on penser de ier dopo mezzdì... La mia tosa la m'ha daa ona notizia che la m'ha lassaa de sass... la m'ha ditt che la spetta on fioeu...

Franco                          - (lo guarda, senza capire) E allora? La s'è sposada on quai mes fa e donca me par tutt regolar, no? La gh'aveva forse de domandà prima el permess a ti? O te see preoccupaa perché a cinquanta ann te saree già nonno?

Giovanni                       - (scuotendo il capo) T'hee capii no, Franco... l'è l'altra tosa che l'è incinta,

Franco                          - (sobbalza, ora veramente sorpreso) L'Ornelia?! Ma... ma la gh'ha appenna on ann in pù de la mia Valentina!

Giovanni                       - Dersett ann appenna, sì, ma incinta l'è. La m'ha ditt che l'è ona robba sicura.

Franco                          - Questa... questa si che l'è... ma... come l'è staa?

Giovanni                       - Verament mi sont entraa no in del particolar, anca perchè, dopo che me l'ha ditt, mì saveva pù quanti ghe n'aveva in saccoccia. Però, pensi che i avaran faa come fann tutti, o forse gh'è on quai alter...

Franco                          - (non sa cosa dire) No... mi voreva di... cioè... e lù?

Giovanni                       - Lù l'è el so moros; el gh'ha desdott ann.

Franco                          - Oh, pover nun... ma podevan no fa on poo...

Giovanni                       - (interrompendolo) Ma te capisset che hinn anmò duu fioeu, duu fioeu e l'hann fada propi grossa.

Franco                          - (é ancora sorpreso dalla notizia, ma cerca dì non farlo capire) Be', si... l'hann fada grossa... pe­rò... insomma... ecco... l'è no propi la fin del mond.

Giovanni                       - Eh, per ti l'è facil parlà insci. Voraria vede se la capitava a la toa Valentina.

Franco                          - Ohe, pian, cosa ghe entra Valentina? E poeu la mia tosa certi robb i fa nanmò... almen speri. Comunque sta sù cont el moral. On fioeu l'è semper ona vittoria de la vitta... in fin di cunt l'è mèi on fioeu che ona malatìa.

Giovanni                       - Ah, sì, quest l'è vera. Però intant i sfortunn capiten doma a mi. Franco - (rattristandosi) Già... perché duu ann fa, quand l'è morta la mia miee e mi sont restaa de- permì cont la Valentina... se quest per ti...

Giovanni                       - Scusóm, Franco, ma sont anmò sott e sora per sta storia che soo pù nanca quell che me disi.

Franco                          - Nient, te gh'hee no de scusass. E adess se te fee, allora?

Giovanni                       - Hann decis de sposass appenna possibil. Lù, per fortunna, el lavora già.

Franco                          - E per la cà? Al dì d'incoeu l'è minga facil trovan voeuna in pocch temp.

Giovanni                       - Infatti, l'è per quest che mi e la mia miee hemm decis che dopo el matrimoni vegnen a stà in cà nostra. Da quand s'è sposada la prima tosa, el post el gh'è; ,E mì che credevi de stà on poo pussee tranquill, invece, n'è andaa appenna foeura voeuna de cà che me trovi la famiglia aumentada de dò persona.

Franco                          - Su, dai. Te vedaret che quand nassarà el fioeu, te saree content come ona Pasqua.

Giovanni                       - Sì, quest el pensi anca mi; però l'è staa on beli colp.

Franco                          - Eh, l'è la vitta...

Giovanni                       - (sospirando) Già... Be', tiremm inanz, sen­nò incoeu comincerà pù a lavorà. (Apre la scrivania e in questo momento entra il rag. Ceresa. E' scuro in volto e ha in mano un foglio dì carta).

Ceresa                           - Buongiorno.

Franco                          - Buongiorno.

Giovanni                       - Buongiorno, ragionier.

Ceresa                           - (avvicinandosi a Giovanni) Ecco, quest l'è el document che mancava.

Giovanni                       - (lo prende) Grazie. (Poi toglie dal cassetto una cartelletta, posandola sulla scrivania).

Franco                          - Ohe, ragionier, gh'è on quaicossa che va no? El gh'ha ona faccia insci scura.

Ceresa                           - Se ved?

Franco                          - Alterchè! L'ha tacca lit cont la miee, stamatinna?

Giovanni                       - (sorridendo) Mi forse soo el perché: la Juve, vera ragionier?

Franco                          - (a Ceresa) Perché, se l'ha faa ier la Juve?

Ceresa                           - (quasi disperato) Come, eì sa no? L'ha pers, l'ha pers duu a vun!

Franco                          - (apposta sorpreso) No!?

Ceresa                           - Sì, invece. Ma la meritava minga de perd... ona partida inscì, la meritava no... no...

Franco                          - (serio, ma con un tono da presa in giro) Ma come l'ha faa a perd ona squadra inscì forta?

Ceresa                           - (agitato) Prima de tutù per colpa del noster porter che l'ha combinaa ona papera sul primm goal; e poeu per l'arbitro. El gh'ha daa on rigore a la Roma ch'el gh'era no e l'ha negaa on rigore a nun gross come ona cà.

Giovanni                       - Ma, ragionier, l'è tropp facile quand se perd dagh semper la colpa a'l'arbitro.

Ceresa                           - (reagisce stizzito e gesticolando) Ma come?! l'ha vist la television? Mi sont staa tutto el dopo mezzdì 'attaccasi a la radio, e poeu ho guarda " novantesimo minuto ", " pressing ", " domenica sprint", "la domenica sportiva". Hoo vist e hoo sentii tutt. E la moviola? Ohè, s'è vist benissim che el giugador de la Roma el sarà staa quasi cinq centimetri foeura de la nostra area, e quell disgraziaa d'on arbitro "fiiiiit", l'ha zifolaa el rigore. La moviola la parla ciar.

Franco                          - Sollament, ragionier, che l'arbitro el gh'ha no la moviola in camp.

Ceresa                           - (sempre più agitato) El pò anca stà a cà a fà i calzett se el ghe ved minga! No, no, lì gh'è sott on'altra storia. L'è staa compraa; a Romma gh'è i politici e allora...

Giovanni                       - Ma la Juve la gh'ha Agnelli.

Ceresa                           - Agnelli l'ha mai compraa ona partida! Mai! El noster centravanti, in pièna area, sbattuu giò come on salatomi E lù, l'arbitro, l'ha faa finta de nient. «Via, via, tutto regolare ». (gridando) Ven­duto!, d'un venduto! A la moviola s'è vist bellissimi (scandendo) Rigore! rigore!

franco                            - Jnsd siano» l'ha dormii no.

Ceresa                           - E come se fa a dormì davanti a chi robb chi? L'è ona ingiustizia bella e bonna. (dirigendosi alla porta) Ona ingiustizia tropp grossa, tropp grossa... (esce).

Franco                          - Car el me Gìovann, t'hee vist? Questi sì che hinn'problemma, no ti che te stee lì a ciappassela perché te nassarà on nevodin.

Giovanni                       - (scuote il capo) Mah... per mi gh'è de la gent che gh'ha minga de penser e allora i inventa, come el Ceresa die el se fa el fidegh marsc per la Juve e el passa la nott in bianch. (entra la signora Ugge. E' la segretaria del Capo del Personale. Magra, impettita, e con voce tagliente e autoritaria).

Ugge                             - Buongiorno rag. Ferrari, buongiorno rag. Trezzi,

Giovanni                       - Buongiorno, signora Ugge. oggi?

Ugge                             - Sì, una e importante. Questa mattina sarà as­sunto il rag. Filippi, il vostro nuovo collega, in so­stituzione del compianto rag. Bianchi, così pre­maturamente scomparso e il cui ricordo rimarrà impresso indelebilmente nei nostri cuori.

Franco                          - Oh, bene, signora. Noi siamo contenti di ave­re un nuovo collega, anche perché è già un po' che facciamo in due il lavoro di tre.

Ugge                             - (risentita) Ma cosa dice? E' soltanto un mese che il caro rag. Bianchi ci ha lasciato, e la Direzione si è fatta in quattro per trovare nel più breve tem­po possibile un nuovo impie... (nota il vaso di fiori sulla scrivania e alzando la voce) Che cosa sono questi?

Giovanni                       - Fiori.

Ugge                             - (dura) Questo lo so. Io voglio sapere perché oggi sono qui.

Franco                          - Ci sono sempre stati.., da quel triste giorno, in ricordo...

Ugge                             - Via! via! devono sparire, immediatamente! Sia­mo folli!? Vogliamo intimorire il nuovo arrivato!?

Franco                          - (alzandosi e mettendosi sull'attenti) Provvederemo subito, signora.

Ugge                             - E non si metta sull'attenti!

Franco                          - (sedendosi) Come la vùr lè, sciora Ugge.

Ugge                             - E non mi parli in dialetto! Quante volte glielo devo dire?!

Franco                          - (di scatto, si alza) Ai suoi ordini, signora

Ugge                             - (al colmo della rabbia) E non mi chiami maestra!

Franco                          - (sedendosi) Ma... visto che lei ha il diploma di...

Ugge                             - (c. s.) E non continui a sedersi e ad alzarsi!

Franco                          - (alzandosi) Va bene, va bene, come lei de­sidera.

Ugge                             - (con viso duro e con occhi cattivi) Mi sta forse prendendo in giro?

Franco                          - (sedendosi) Io?! ma cosa dice?! Non oserei mai prendere in giro la segretaria del Direttore del Personale.

Ugge                             - (rimane immobile alcuni istanti, trafiggendo Franco con lo sguardo) Chiaro, allora? questi de­vono scomparire! Arrivederci.

Franco                          - (si alza e con fare deferente) Arrivederci.

Giovanni                       - (che per tutta la scena ha, a stento, tratte­nuto il riso) Arrivederci. (Non appena la signora Ugge è uscita, entrambi scoppiano a ridere).

Giovanni                       - Ghe ,la fasevi pù, Franco. Quasi, quasi, s'cioppi a rid in faccia a lè.

Franco                          - Ogni tant, cont quella lì, bisogna fa inscì, altrimenti la te mett i pee in testa.

Giovanni                       - Però, che pell che l'è.

Franco                          - La gh'ha propi de la zitella inacidida. E invece l'è sposada e la gh'ha duu fioeu.

Giovanni                       - Chissà che vitta el so omm!

Franco                          - Ah, sì, pover diavol. Me l'immagini, la gene­ralessa. In cà soa sarà come in caserma. Scommetti che "a la matinna i se saluden insci, (fa il saluto militare) E per fortunna l'ha mai adoperaa ci di-plomma de maestra, sennò pover fioeu.

Giovanni                       - T'el see che ho sentii dì che per i omen sposila come quell de la sciora Ugge ghe sarà ona festa hoeuva: la festa de San Bartolomee.

Franco                          - (meravigliato) La festa de San Bartolomee?!

Giovanni                       - (sorridendo) Ma sì, pensa on attim al sant.

Franco                          - (sorridendo anche lui) Ho capii, ho capii. Quell lì l'è el sant clic l'è staa spelaa viv.

Giovanni                       - (c.s.) Propi...

Franco                          - (si alza) Fèmm sparì sti fior da questa scriva­nia, insci gh'è minga pcricol che on quaìdun s'impressionarà. (prende il vaso)' Per adess el tegni su la mia. (esegue).

Giovanni                       - E insci la "pratica Gìgi" l'è definitivament

Franco                          - Sicur, archiviada e per semper. Sarà anca giust, eh, perché tutt passa.

Giovanni                       - L'important l'è che nun ci ricordem chi denter. (segna con la mono il cuore).

Franco                          - Già. (si sta sedendo) Ah, gh'è anmò ona robba. (prende il suo cestino della cartastraccia).

Giovanni                       - Se te fee?

Franco                          - Foo cambi de cestin perché in quell de Gigì gh'ho traa denter i fìor vece, (esegue) Voraria no che el noster noeuv collega el se lamenta subii.

Giovanni                       - Sperem che el sia minga ona rogna.

Franco                          - Sperem de no. (si siede) Ma te see, cont tutti i elementi strambi che gh'è incoeu, per sicurezza nun ghe lassem tutt in ordin.

Giovanni                       - Pover Gigi. Ogni tant ghe pensi a come l'è mort, lì, a la soa scrivania. On colp e l'è restaa secch.

Franco                          - On mes £a, e mi e ti sercm già andaa vàa. Lù l'è staa chi a finì on'lavorà e invece...

Giovanni                       - Però, in fond, l'è ona bella mort. Zac! e senza acorges te finisset a l'alter mond.

Franco                          - Ah, sì, l'è vera, insci te ghe dee fastidi a nes­sun. Però me disposarla minga avegh la possibilitaa de sistema tutt i "me robb prima de andà de là. E poeti pensi che sia anca important, in quell moment lì, avegh visin i persomi che te ghe votet ben e che te voren ben. (entra la signora Donati. E' sulla cinquantina, pia­cente, esuberante. Ha in mano un pacchetto).

Donati                           - Buongiorno, Franco; buongiorno, scior Giovann.

Franco                          - Buongiorno, sciora Donati.

Giovanni                       - Buongiorno.

Donati                           - (avvicinandosi a Franco che tenterà inutilmente di rispondere dopo ogni domanda) Passada ben la domenica? Se l'ha faa de beli ier? E Valentina, come la sta? E la soa gola la ghe fa anmò mal?

Franco                          - No, adess l'è a post, grazie. Ona quai pastiglia e l'è passaa tutt. Ier sont andaa cont Valentina, che a proposit la sta ben, a la Certosa de Pavìa. L'aveva mai vista e la gh'è piasuda tant.

Donati                           - Chissà che beli. La Certosa de Pavia. (sospi­rando) Eh, saria propi vegnuda volontera anca mi. Già, ma avaria minga poduu, l'è vegnuu a trovatimi el me fioeu cont la miee e el nevodin. Che amor! che angioli L'è on poo vivace; el m'ha spaccaa in del gir d'on mìnutt duu biccer del servizzi pussee beli che gh'hoo, però, ciao, el sa, hinn fioeu e bi­sogna avegh pazienza.

Franco                          - (tenta di parlare) Eh, sì, l'è...

Donati                           - E pensa che el me fioeu e mia noeura hinn insci quiett. Chissà da chi l'avara ciappaa tutta quel­la vivacità lì?

Franco                          - Già, chissà?

Donati                           - Forse dai so de le, perché min... el me pover omra l'era ona pasta, e mi, insomma, me agiti minga tropp.

Franco                          - La sa, i fioeu a quell'etaa lì hinn quasi tutti on poo inquiett.

Donati                           - (gli porge il pacchetto) Quest chi l'è per lù. Nient de particolar, sollament ona scatola de cioc- colatin.

Franco                          - Ma no, la doveva minga.

Donati                           - Ma Bguremess! Mi ha portaa el me fioeu. El sa, mi i mangi no, non perché sia grassa, però sont nanca magra. Insomma, sont giusta, vera Fran­co? (si mette in posa).

Franco                          - (guardandola con la testa inclinata) Sì, sì... l'è giusta... propi giusta.

Donati                           - El me par no tropp convint.

Franco                          - Come no? (sottolineandolo) L'è giusta, giustis­sima, (a Giovanni) Vera, Giovanni?

Giovanni                       - (assecondandolo) Perfetta, sciora Donati, la staga semper insci che la va benissìm. Per l'etaa che la gh'ha, l'è propi on modellin.

Donati                           - (risentita) Com'è? L'è adree adamm de la veggia? Mi sont anmò ona donna giovina, ch'el se ricorda.

Giovanni                       - Me permettaria mai ona robba del generi L'ha capii mal quell che hoo ditt.

Donati                           - (a Franco) Vera che sont no veggia? Vera?

Franco                          - (complimentoso) Ma certament. Le l'è giovina depertutt, sia foeura che denter.

Donati                           - (dolce) Oh, Francoj lù sì che l'è on angìol.

Giovanni                       - L'è quell che voreva di mi. Forse ho sbagliaa a parla. Mi voreva di che le, sciora Donati, cont el spirit che la gh'ha e cont la soa bella presenza, la ghe bagna el nas a tanti donn pussee giovine de le. El me l'era on compiimene

Donati                           - Ah, grazie allora... e, come s'era adree a dì, mi voraria resta insci come sont. (a Franco, ab­bassandosi sempre di più verso di lui che a sua vol­ta s'inclina sul fianco per staccarsi da lei) E donca i doccolatin i mangia lù, magari chi in offizi quand el desidera mett in bocca on quaicoss de dolz.

Franco                          - (prendendo la scatola) Be', grazie...

Donati                           - Insci ogni volta che ne assaggia vun el se ri­corderà de mi.

Franco                          - (mette la scatola sulla scrivania) E podi ofrin

Donati                           - Come? Ah... si, si... senz'alter, ghe mancarla. A chiunque el vor lù. (cambia subito discorso) Ier, el mèfioeu el.m'ha faa on poo ona testa sora un cert argoment. L'ha cominciaa a di «Mamma, )'è no giust che te staghet deperti; te see anmò gioviru, te see anmò ona bella donna, perché te se troeuvet . .minga oh compagn, (Franco comincia a sentirsi a disagio) on omm seri, a post, ìnsci te podet risposass ». Mi gh'ho ditt che sto ben anca insci, libe­ra, ìndipendent, ma lù l'ha continuaa: «Possibìl che te conosset nissun, tra i visin, (marcandolo) su el lavora, (Franco non sa più dove guardare, che oggetti toccare) magari on vedov, in manera de podè forma ona noeuva famiglia». MI gh'ho rispost che, in effetti, ghe saria la personna giusta, on brav omm, e che, be', se lù el fudess d'accord, mi podaria anca decid de famm corteggia, insoomma a dona anmò tutt el me coeur, tutta la me personna, a fall felice per c3 rcst de la soa vitta. (fissando Franco) El capiss, Franco?

Franco                          - (sempre più a disagio) Per capii- capissi...

Donati                           - Però, nomm, mi, n'hoo faa minga, saria staa no corett.

Franco                          - No, no, per Pamor dei santi, ghe mancarla de fa nomm. Se dìs el peccaa, ma no el peccador.

Donati                           - ..(sospirando) Eh; si... (assume un'espressione trasognata) che beli però che saria... che felicità... (mentre rimane con lo sguardo fisso lontano, Franco, non sapendo più cosa dire, guarda Giovanni, invi­tandolo con gesti e occhiate a dire qualcosa).

Giovanni                       - (dopo alcuni secondi) Sciora Donati, l'è tornada da la malatia la soa collega d'offizi? (non risponde) Sciora Donati!

Donati                           - (si riscuote) E'? El parla cont mi? Ch'el me scusa, ma s'eri on poo via cont la testa.

Giovanni                       - Ho visi. Gh'hoo domandaa se la sciora De Stefani l'ha ripres a lavora.

Donati                           - Macché! L'è anmò a cà e la robba la va minga tropp ben.

Giovanni                       - Ma se pò savè se la gh'ha?

Donati                           - La soa l'è no ona malatia che pò cura ci dottor normal. (si indica la fronte) La soa l'è ona malatia psico-sociale.

Franco                          - Ma come mai?

Donati                           - L'è ona storia trista. Mi el soo ci raotiv, però, ecco, voraria no passa per voeuna che la spettegola su i disgrazi di altee

Franco                          - Be', se la preferiss parlan no...

Donati                           - Mi de lù me fidi come del confessor.

Giovanni                       - E de mi, no?

Donati                           - Sì... sì, anca de lù, come no. (breve pausa) L'è per el so omm che l'è andada focura de testa. Lù el vor separass, andà via de cà e piantala lì cont el fiolin. Hinn robb de matt; ghe vor on beli coragg.

Franco                          - Ohe, ma de chi casi chi, ogni tant, ne salta foeura vun.

Giovanni                       - Te se ricordet quel! del second pian che anca lù, me par duu ann fa, l'ha cìappaa on esauriment, quand !a miee l'ha lassaa? El se riamava... ma sì, l'era senza fioeu... ma scappa el nomm.

Franco                          - Ho capii chi l'è, poeu el se anca licenziaa.

Donati                           - El scior Berretti. Poverin, chissà che fin l'ha faa.

Giovanni                       - Propi lù.-L'era cambiaa da insci a insci. (capovolge la mano).

Donati                           - L'è propi voeuna di malati pussec brutt. E pensa che incoeu gh'c pien. Anca in della nostra ditta grl'è personn che vann dallo psicologo ormai da ann. Sperem che almen la De Stefani se riprenda prest. Mah... voo in del me offizi, tornaroo fra on poo perche ho savuu che incoeu ariva el noeuv ragionier, e vegnaroo a conossel. Buon lavoro, Fran­co; arnvederci, scior Giovann,

Franco                          - Anca a le.

Giovanni                       - Arrivederci. (mentre Donati sta per uscire, entra Cardillo, il fattorino dell'azienda, con in mano una borsa. Egli parla uno strambo e divertente linguaggio: un mi-sto meridionale-dialetto milanese).

Cardillo                         - Buongiorno a tutti, (i tre rispondono al sa­luto; poi, rivolto alla Donati) Dopo vengo da te. Ho in macchina qualcosa di delizioso.

Donati                           - (incuriosita) Che cos'è?

Cardillo                         - Sono delle camicie da notte, ultimo modello.

Donati                           - Oh, bravo Cardillo, ne ho proprio bisogno. E come sono?

Cardillo                         - Un "bijou", veramente stupende. E sono an­che... (fa gesti con la mano davanti al petto) Non so se in loro presenza (indica Franco e Giovanni) posso dire...

Donati                           - (che ha capito) Di pure, di pure.

Cardillo                         - Ecco, sono "osé", terribilmente "osé".

Donati                           - Scollate?

Cardillo                         - Un abisso.

Donati                           - Trasparenti?

Cardillo                         - Un velo.

Donati                           - (apposta) Bene. E i colori?

Cardillo                         - Belli! originali! Una poi è di un colore unico, Un colore nuovissimo. Non so se... posso dire... ci sono loro...

Donati                           - Non ti preoccupare, di, di il colore.

Cardillo                         - Insomma, una è "color peccato".

Donati                           - (sempre più malizioso) Chissà che bella!

Franco                          - (incredulo) Se te ditt, Cardillo? "color pec­cato"?

Cardillo                         - Sì, "color peccato".

Franco                          - Questa l'è propi l'ultima che senti. E come saria sto "color peccato"?

Cardillo                         - Be', non è facile spiegare, e poi non so se posso... (guarda Donati) ecco...

Donati                           - (decisa) Alt! ora basta! l'intimità de ona donna l'è sacra. Se pò no entra in certi particolar. (a fran­co) Me par che lù el voler savè on poo tropp.

Franco                          - Questa l'è bella! Adess sta attent che sont staa mi a tra in pè sto dìscors. "Scollate", "tra­sparenti", "osé", "color peccato", pareva de sentì ona pubblicità de la televisìon.

Donati                           - A tutt gh'è on limit. Certi robb se metten no in piazza, ìnsci come nient, e poeu, insomma, da­vanti a di omen sta rninga ben. (a Franco) El vòr vedem diventa rossa?

Franco                          - Mi, verament, véri vede propi nient.

Donati                           - Be', adess voo. (a Cardillo) E ti, dopo, passa de mi.

Cardillo                         - Senz'altro, verso mezzogiorno, quando avrò finito il giro delle commissioni.

Donati                           - Arrivederci. (esce).

Cardillo                         - Ho qualcosa anche per voi due, non solo per le signore.

Franco                          - Ohe, Cardillo, sarann mitiga dei pigiama "co-lor peccato".

Giovanni                       - Magari trasparenti.

Cardillo                         - Ma che dite? Avete sempre voglia di scher­zare. Si tratta di camicie di prima qualità, a prezzi stracciati: il 50% in meno di quanto costano nei negozi.

Franco                          - Grazie, ma per adess m'ìnteressen minga.

Giovanni                       - Mi, invece, gh'ho propi bisogn d'ona camisa. Però che la sia ona camisa forta, no che dopo dò lavad la me diventa on strasc bon per fa giò la polver.

Cardillo                         - Ma che dici? Ti ripeto che sono camicie di ottima qualità. Te lo garantisco io, di me ti puoi fi­dare come di tua figlia.

Giovanni                       - Per piasè, lassem perd la me tosa! Comunque va ben, quand te gh'hee temp portami de vede.

Cardillo                         - Domani mattina. Avete commissioni per oggi?

Giovanni                       - Incoeu no.

Franco                          - E i tò canarin come i vann?

Cardillo                         - Benissimo. Proprio ieri me ne sono nati al­tri quattro. Ne vuoi una coppia?

Franco                          - No, grazie.

Cardillo                         - Ma non ti costano niente.

Franco                          - L'è minga per quell. L'è che me sentì no de stagh adree a i canarin.

Cardillo                         - (a Giovanni) E tu? non vuoi svegliarti con un bel canto di canarino?

Giovanni                       - Ghe mancaria anca quell! Cont el canarin special che fra on poo me trovaroo in cà. Alter che canto! Sarà ona sveglia continua.

Cardillo                         - Come?

Giovanni                       - No, nient. Grazie ìstess, ma l'è minga el moment, l'è propi minga el moment.

Cardillo                         - Bene, allora vado a fare il mio giro. Buona giornata.

Giovanni                       - Anca a ti.

Franco                          - Ciao. (Cardillo esce)

Giovanni                       - Quell  lì el gh'ha semper on quaìcoss de vend. El mes passaa, se me ricordi ben, el gh'aveva la machinn piena de sciavatt.

Franco                          - E ì alter volt? I cadenn d'argent, i calzett, i cravatt Yves Saint Laurent, i orologg, i costumm de bagn, le sveglie... Giovanni - Pegg d'on marocchin. Chissà che gir el gh'ha!

Franco                          - Per mi l'è quasi tutta robba (fa il gesto con la matto) grattada. Non de lù, ma senz'alter eie on quai socio.

Giovanni                       - G'ha de vess per forza insci, cont i prezzi ch'el fa.

Franco                          - Per lù l'è on second lavora. A proposit, nun, incoeu, hemm nanmo cominciaa ci prim e uriich noster lavora. Sarà mèi dagh adrec.

Giovanni                       - bpctta on attlni zincamo.

Franco                          - Se gh'è?

Giovanni                       - Ecco... mi voraria fatt on cert discors che te riguarda.

Franco                          - (lo fissa alcuni istanti) Ho già capì! se te voret dimm.

Giovanni                       - Pensi che, come tò amis ile tanti ann, podi afrontà certi argoment.

Franco                          - Sìcur.

Giovanni                       - Se tratta de la...

Franco                          - (completa la frase, precedendolo) ...Donati.

Giovanni                       - Propi.

Franco                          - Gh'avana scommess su la cà che te tìravet in bali sta storia. Figuremess, prima o dopo la doeva vegnl foeura. Mi...

Giovanni                       - Te me lasset parla, sì o no?

Franco                          - (quasi rassegnato) Va ben, va ben, parla.

Giovanni                       - Le la te fa on fil de matt, e questa l'è minga ona brutta ròbba. Oltre che vess ona brava donna, l'è nanca mal per el rest, sia come aspett sia come simpatia. SI, gh'è de dì che la sarà on poo cìdaronna, ma qual è la donna che la gh'ha no la lengua longa? Ti, cinquantasett ann, e le cinquanta, cionca me par ona robba giusta, Insomma, te gli hee mai faa on penserin?

Franco                          - Che la Donati la me sta adree Phoo capii benissim, sont nanmò propi rimbambì. Per pensagh, sì, gh'hoo pensaa, ma, te vedet, mi per adess vóli andà avanti insci. E te spieghi anca el perché. Mi sont no depermì, la mia Valentina, anca se la gh'ha appenna sèdes ann, l'è ormai on donnin. Dopo la mort de la mamma, Pè diventada pussee madura, pussee responsabile. Tra nun duu gh'è on grand ariatament e in ca se aiutem a vicenda. Insomma tra mi e le regna l'armonia, se vorem ben e stemm ben insci. Ecco... e ona terza personna la pò anca ind Valentina la , rovinà tuttcoss. Fra tri terminare i studi, magari mi podaroo pensa a spo-sam anmo. (pausa) E poeu, Giovann, gh e on alter motiv, on motiv che el te pararà strano, ma che per mi invece l'è seri. De quand sont restaa vedov i momeut, disem, de sohtudin hinn sumentaa, anca perché Valentina la gh'ha la soa compagnia e quin­di minga semper, come le gmst, la sta cont mi. E, come disevi, in chi moment li, che de solit hinn brutt perché te se troeuvet a ricorda, ritnpiang, ecco mi, invece, ho laa ona scoperta che, podi dui senza esagera, l'ha cambiaa la mia vitta. Ho imparaa a "ascolta el silenzi". (Giovanni lo guarda meravi­gliato) Sì, propi, "ascoltare il silenzio", perché el silenzi el gh'ha ona vos forte e delicada. No, l'è minga ona contradizion. Certamente el te parla no come mi foo cont tì, ma el te parla denter. L'è no facil de spiega, ma te assicuri che te se sentet divers, pussee visin al Signor, superìor a tutt sto noster afannass, insomma te riesset forse a capì la grandezza de l'omm. (pausa) Giovann, prova anca tì a "ascolta el silenzi".

Giovanni                       - (dopo attimi di silenzio) Te credi, Franco Però te me spieghet come podi falla cont la fami­glia che me ritrovarò de chi on poo? L'unich sistemma saria quell de andà a fa l'eremita, ma pensi che sìa minga el caso. Capissi che, cont la Donati come miee, el silenzi te podet desmentegal del tutt, ma in compens ghe sarìen alter vantagg.

Franco                          - Sì, senz'alter, "ma per adess ne foo a men. (squilla il telefono dì Giovanni).

Giovanni                       - « Pronto... buongiorno... sì, subito... va bene ». L'è el cap, el me vor de là. (si alza)

Franco                          - Sarà per el noeuv collega.

Giovanni                       - El credi anca mi. (esce) (Franco prende la scatola dei cioccolatini e incomincia a togliere la carta che la avvolge).

Franco                          - Be', vìst che ghin, assaggem i cioccolatin de la sciora Donati. Però, come hinn cambiaa i temp. Ona volta, se l'era no l'omm a fass avanti, la donna la podeva bui nel so broeud per tutta la vitta; adess, invece, "la corte", come se diseva ona volta, te la fa le, e magari in ona manera tal che l'omm el cred de fa la conquista e invece el vegli conquistaa. (ha tolto la carta) Oheì, hinn de marca, (apre la scatola e scarta un cioccolatino) L'è la parità, disen. Giust. Però me car omm sta attent, altrimenti va a fini che doman te saree tì a lotta per la parità. (mangia il cioccolatino) Eon, propi bon. Ne man­giamo on alter. (mette in bocca il secondo ciocco­latino e in questo momento entra la Ugge. Franco non mastica il cioccolatino, trafitto dallo sguardo della Ugge che ha notato sulla scrivania la scatola aperta. Si fissano per alcuni secondi. Poi Franco porge la scatola, masticando il cioccolatino) Vuoi... favorire... signora Ugge?

Ugge                             - (gelida) No. Lo sa clic è maleducazione parlare con la bocca piena.

Franco                          - (deglutisce) Ha ragione, ma cosa potevo fare? O mi ingozzavo o Io sputavo fuori.

Ugge                             - (schifata) Per piacere, rag. Ferrari, non usi espressionì così plebee.

Franco                          - Come?

Ugge                             - Plebee: volgari, rozze, grossolane, sciatte.

Franco                          - Mi sembra il vocabolario Zingarelli. Come so­no fortunati i suoi figli; invece di sfogliare il dizio­nario interrogano la mamma, e a scuola, quando hanno il compito in classe d'italiano, cosa fanno? portano lei?

Ugge                             - Non dica stupidaggini, (guarda la scrivania di destra e il cestino della carta straccia) Bene, vedo che è tutto in ordine.

Franco                          - Secondo i suoi desideri.

Ugge                             - (si appressa alla porta) II rag. Filippi è dal Di­rettore del Personale; fra poco glielo presenterò. (esce)

Giovanni                       - (entra subito) Se la voreva quella là?

Franco                          - L'ha controlaa se gh'è tutt a post perché de chi a on poo arrivarà el Filippi.

Giovanni                       - L'è propi per lù che el capp el m'ha cia-maa. El m'ha daa l'incarich de fagh vede el lavora e de seguili, perché l'è el so prim post. El gh'ha appenna vint citili.

Franco                          - (porge la scatola) To', assaggia.

Giovanni                       - (prende un cioccolatino) Grazie. Uhm... bon.

Franco                          - Robba de qualità. Te ne voret anmò?

Giovanni                       - Sì. (mangiano entrambi un cioccolatino) (entra la Donati) Donali - Ma l'è nanmò arrivaa?

Franco                          - Semm adree a spettai anca nun. La sa che hinn bon 1 so cioccolatm. Ne vòr prova vun?

Donati                           - (avvicinandosi a Franco) Perché el vòr fa el diavol?

Franco                          - El diavol?

Donati                           - Sì, il "diavolo tentatore".

Franco                          - Oh, 'ndem, per vun sarà minga on delitt.

Donati                           - Va ben, de lù me lassi tenta, (prende un cioc­colatino dalla scatola che Franco le porge)

Franco                          - E nun ghe femm compagnia, (tutti e tre stan­no portando il proprio" cioccolatino alla bocca, quan­do entra la Ugge con il rag. Filippi. Questi è un giovane timido e ha due "tic": gira di lato, a scatti, il collo e contrae la guancia destra, vicino alla bocca. Ugge fissa con sguardo di rimprovero Franco, Gio­vanni e la Donati che iniziano a mangiare i ciocco­latini).

Ugge                             - (fa le presentazioni) II rag. Filippi, il rag. Fer­rari e il rag. Trezzi, suoi colleghi d'ufficio. Franco e

Giovanni                       - (dando la mano a Filippi) Piacere.

Ugge                             - La signora Donati, dell'ufficio contabilità for­nitori.

Donati                           - Benvenuto tra noi.

Ugge                             - Bene, io la lascio al suo nuovo lavoro. Arn­vederci.

Filippi                           - Arrivederci. (Ugge esce)

Donati                           - (a Filippi) Oh, che beli giovinott che l'è, el pò vess el me fioeu. L'ha faa el militar? L'ha mai la­vora prima? come...

Giovanni                       - (intervenendo a voce alta) Sdora Donati, per piasè, che la lassa respira! L'è appenna arrivaa in on post mai vist, demegh el temp d'ambientass.

Donati                           - (a Franco) Allora, podi ofrigh vun de i so cìoccolatin?

Franco                          - Certament.

Donati                           - Ecco, prenda, (tende la scalala a Filippi)

Filippi                           - (impacciato) Ma... io... non...

Donati                           - Su, su, el faga minga compiimene. Per mettel no in itnbarazz, ne mangiaremm vun anca nun. (a Franco e Giovanni) Vera?

Franco                          - Come la vòr. (tutti mangiano un cioccolatino)

Donati                           - (restituendo la scatola a Franco e rivolta a Filippi) Bon, vera?

Filippi                           - Sì, molto buono. Grazie. Per risponderle, si­gnora, io il militare non l'ho fatto in quanto non sono stato ritenuto abile.

Franco                          - (a Giovanni) E ghe credi.

Donati                           - Se l'ha ditt, Franco?

Franco                          - No... ecco... credi che lù el pò anca settass a la soa scrivania, (gliela indica)

Filippi                           - Grazie, (sì siede)

Donati                           - Ah, lo sa che proprio qui, a questa scrivania, un mese fa è morto di un colpo il rag. Bianchi che lei sostituisce. (Filippi ha uno scatto repentino e si rimette in piedi, spaventato) Giovanni (gridando, mentre Franco scuote la testa, contrariato) Sciora Donati          la lassa che me ocupi mi de lù, vist che gh'ho che l'incarich chi! Pussee tardi se vedaremm a la macbina del caffè.

Donati                           - Sì, el gh'ba reson. Voo, voo. Buona giornata, rag. Filippi.

Filippi                           - Speriamo. (Donali esce)

Franco                          - Ch'el se comoda.

Filippi                           - (rimane in piedi) E' vero quello che ha detto la signora?

Giovanni                       - Sì, è vero, ma non c'è d'aver paura.

Filippi                           - Sicuro, soltanto che non me l'aspettavo, (si siede)

Franco                          - El parla el dialett?

Filippi                           - No, però lo capisco.

Franco                          - Mei insci, perché, el sa, nun semm abituaa a parlali.

Filippi                           - Nessun problema, fate pure.

Giovanni                       - On'altra robba: siccome nun podom vess so pader, come la diseva la sciora

Donati                           - , ghe dispias minga se ghe demm del "ti"?

Filippi                           - No, anzi, mi farebbe piacere, (timidamente) Scusate, avrei bisogno del bagno, dov'è?

Giovanni                       - Appena fuori, addestra.

Filippi                           - Grazie, (si alza ed esce)

Giovanni                       - Ma par on bravo fioeu.

Franco                          - Anca a mi. (fa gli stessi "tic" di Filippi) On pò strenui, ma l'è logic. Però sont preoccupaa.

Giovanni                       - Per che robba?

Franco                          - De quest. (si indica ìl viso) Minga per scher­zali, ma chi robb chi certi volt hinn contagios, e sta insemma vott or al dì, ti te me capisset.

Giovanni                       - Per forza che l'ha faa no el soldaa.

Franco                          - L'è propi quell che hoo pensaa prima. Vorevi vedell quand el sparava: invece de colpì el bersali el ghe spazzettava la eoa a el prim passarin che pas­sava sora la soa testa.

Giovanni                       - Stemm attent de fa no chi robb chi (imita i "tic") davanti a lù, altrimenti el pensa ch'el toeudem in gir.

Franco                          - T'el se immagini, tutti e trii a fa insci (rifà ancora i "tic"), che offizi ch'el saria. A la Ugge ghe vegnaria l'esauriment nervos. (entra Filippi e i due smettono con i "tic").

Giovanni                       - (a Filippi) Che ne dici se cominciassimo a vedere qualche cosa?

Filippi                           - Io sono pronto.

Giovanni                 - Vieni qui, allora. L'è mei che te portet la toa poltronna.

(Giovanni si siede, mentre Filippi, impacciato e reg­gendo la poltrona dinnanzi a sé, cerca di passare da­vanti alla scrivania di Franco, ma la urta. Franco gli fa segno di aggirarla; lui esegue, ma arrivato da Giovanni urta anche la sua scrivania, poi finalmente gli si siede accanto. Giovanni gli mostra un docu­mento, mentre Franco si alza con una pratica in ma­lto, avviandosi alla porta. Franco si ferma due o tre volte, guardando verso Giovanni che è disturbato dai "tic" del nuovo collega, l due si guardano ras­segnati e contagiati dai "tic" di Filippi).

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno