Che Natale..!!

Stampa questo copione

“CHE NATALE CH’E’ SCHIARATO

                                                                     

“CHE NATALE..!!”

SCENE NATALIZIE TRAGICOMICHE

       PER “  LA PICCOLA SCUOLA DI TEATRO

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

*****

 SETTEMBRE 2004

RIEDITA ED ALLA SIAE OTTOBRE 2005

CHE NATALE..!- Musical - 2 atti -  43 personaggi ( almeno 20 attorI) - durata 110 minuti E' il musica cult che ogni anno portiamo in scena Natale. Scene comiche, scene drammatiche, scene commoventi, scene tenerissime si alternano nei vicoli come si alternano nella vita. Le bellissime musiche natalizie hanno un testo da me riscritto per adattarlo ai tempi e  alle circostanze.

“CHE NATALE ..!!”

PERSONAGGI E TIPI

Scena 1 : Antonio, venditore di Presepi,

                poi Donna Concetta e Donna  Carolina,sua Sorella

Scena 2 : Geggè,cameriere,

                  poi Dr. Saverio Sellitto, ed Angela sua moglie

Scena 3 : Stefano ed il cameriere

Scena 4 :  Filumena la pescivendola,

                  Donna Bice e  Donn’Alfredo,suo marito

Scena 5   :  Stefano e  ‘o Guappo Tatore ‘Nfamità         Doie  lire’e speranza

 

Scena 6 : Peppino ‘a Figurella e Gigino Maratona ,poi Briggida

Scena 7 : Donna Selvaggia,una snob, Topazia, sua figlia adolescente,

               Donna Carmela, una povera donna, Nannina, sua figlia

                                                          Quant’è bell..!

Scena  8 : ‘E Puzzulane

Scena 9 : Tobia, vecchio zampognaro e

                   Simone, giovane zampognaro

Scena  10 : Mustafà, un extracomunitario e

                 Matilde, una professoressa di buon cuore

Scena  11  :  Paolo e Francesca

 

Scena  12 : Cornelia la turista e la vajassa napoletana

Scena 13 : I mariuoli :...Gigino,Taniello Suariello e poi 

                      le Suore : Suor Teresa e Suor Martina

Scena 1 4 : Maria e Giuseppe, sposi infelici 

 Scena 15.   La tombola dei Ciaramella

 

Facimme natale

 “…CHE NATALE..!”

SCENE NATALIZIE TRAGICOMICHE

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

                                                                        **************

UN ANGELO CHE REGGE UNA LANTERNA ATTRAVERSA LA PLATEA  CANTANDO CON VOCE MELODIOSA “ TU  SCENDI DALLE STELLE ” ..UN RIFLETTORE AZZURRINO, NE SEGUE IL CAMMINO ....ALLA FINE DELLA CANZONE  L’ANGELO SOFFIA SULLA LANTERNA......

SCENNIMMO A NAPULE

ALLA FINE DEL CANTO DELL’ANGELO

                                            ......VOCI DEL PARADISO FUORI CAMPO

S. MICHELE  : SAN  PIETRO..!!....SAN PIETRO  DAL CAPO..!!!!

SAN PIETRO  : VIENE.....!!!!..( A DIO)... ECCELLE’...COMANDATE PURE ..!

DIO          : PIETRO...STAMATTINA VORREI FARE UN SALTO SULLA TERRA...

PIETRO  : MA COME ...?....PROPRIO OGGI CHE STIAMO PREPARANDO GLI ADDOBBI DI NATALE..NON  SI POTREBBE  FARE DOPO LE FESTE..?

DIO       :     HO DETTO STAMATTINA ...PAROLA DI DIO...!...AH...E VOGLIO  SCENDERE PROPRIO A NAPOLI...DICE CHE A SAN GREGORIO ARMENO STANNO PREPARANDO DEI PRESEPI  BELLISSIMI... COSE MAI VISTE..

PIETRO  : .....E ‘O CENONE...?

DIO          : ...CI PENSANO LE TRE MARIE...

PIETRO    :...ECCELLE’...E IL TRAFFICO  ..??

DIO       : GUIDA SAN CRISTOFARO.....LO SAI CHE QUELLO NEL TRAFFICO  FA MIRACOLI...SU,SU ...VECCHIO BRONTOLONE.. PREPARATI.... E VESTITI ELEGANTE..CERCHIAMO DI FARE UNA BELLA FIGURA...

PIETRO     :....COME VOLETE VOI...... ECCO QUA....VA BUONO ACCUSSI’.?.GESSATO....CAPPOTTO DI CAMMELLO..BORSALINO... CRAVATTA BLU’ ...E PER FINIRE....UN PICCOLO BASTONE DI BAMBU’...STO BENE...?

DIO            : ELEGANTONE...!!!.....ANDIAMO...!!

PIETRO  : ......E GHIAMMO....!.QUANNO .ME PIGLIO ’E GUANTE ....!!!

SAN MICHELE  :..ED INFATTI IN UN LAMPO ECCOLI A PIAZZA SAN LORENZO MAGGIORE...LA SERA DELLA VIGILIA.....PROPRIO NEL BEL MEZZO DELLO STRUSCIO NATALIZIO...

PER LE STRADE DEL QUARTIERESI VA DIFFONDENDO LA CLASSICA ATMOSFERA NATALIZIA CON SUONI DI CORNAMUSE IN LONTANANZA. ADDOBBI. LUMINARIE, GENTE CHE PASSA FRETTOLOSA PER LE STRADE IN AZIONE PER LE SPESE DEL NATALE. E’ IL 24 DICEMBRE DEL 2001..QUASI SERA….AL SIPARIO SUL FONDO A DESTRA ALCUNI TAVOLINI DI UN BAR,…AL CENTRO UNA GROSSA BANCARELLA DI PASTORI E CIANFRUSAGLIE DI ANTONIO,PIU IN LA LA  BANCARELLA DI FILUMENA : ESSI DANNO LA VOCE DELLA LORO MERCANZIA…:

                                                    SCENA I

Antonio  :  Hi che pasture belle..!!!

Filumena  : Hi che purpe..!!!!

Antonio :    Hi che miniature ‘e Capemonte..!!

Filumena  : Hi che scuncigli…!!!

Antonio    :   donna Filumè....e per piacere…!!!

Filumena   : E che ce l’ho con voi..?…Pesce fresco… !!! Pesce tenero..!!

Antonio :   è tuosto..è tuosto…. È ‘o meglio sughero..!!! Sughero..!!!

Filumena  : Donn’Antò ..ma vuie vulisseve sfottere..

Antonio   : p’ammore ‘e Dio…

Filumena :   (tra se) è meglio che vado a fare una consegna…si no a chisto  pure

                    ‘o  vatto…Donn’Antò ..mi devo allontanare cinque minuti….mi 

                     potete dare un’occhio all’Azienda…???

Antonio  :..state senza pensiero..(Filomena fa per uscire  di pesce.)….Donna Filumè..un momento…e si ‘e capitune se ne fuiene..io nun voglio responsabilità....

Filumena    : Donn’Antò chilli capitune là so muorte l’anno passato..ESCE

Antonio     : Cose ‘e pazze….Accattateve ‘o Talebano..!!……Mettite a Bin Ladèn ‘ncopp’ ‘o Prisepio…..!!…Teniamo l’ultima novità americana…!

Donna Concetta :  (è un’anziana signora del vicolo che passa insieme alla sorella Carolina, un’anziana certamente abbonatella e con alcune buste piene si vettovaglie)….e ‘o dice pure..!.. Neh..ma nun te miette scuorno e vennere  ‘a chillu diece ‘e fetente pe’ ‘ncoppo ‘o presepio …’ncoppo ’o presepio ca è ‘na cosa religiosa..na cosa sacra….

Donna Carolina   : cose ‘e pazze….vo mettere a chillu mostro disgraziato e assassino vicino a nostro Signore Gesù…guardate che scuorno, guardate…(si fa la croce)…..Santa Marinella Ligure.,.che s’adda vedè…!

Antonio   :   Donna Marì, Onna Carulì…io vi compiatisco perchè siete anziane  e  antiquate ...Ma comme non lo sapete che sopra al presepe ogni anno si mettono tutte le novità che sono uscite durante l’anno ..?…Mo per esempio  Mi devono arrivare le statuine dei personaggi del Grande Fratello : Marina..cu ‘e cosce a fore…Taricone…Lorenzo’o femmeniello.. Mascia….e tutto ‘o riesto…

Donna Concetta  :……Gesù..Giuseppe, Sant’Anna e Maria..! che tempi….che vergogna…chi schifo.. ma come se fa…? Dico…Comme se fa..a mettere accussì ‘nziene sacro e profano….

Donna Carolina  : e già…mo mettimmo  Taricone nzieme a San Giuseppe ....e ’A Maronna vicina  a ‘na  sciaquetta cu ‘e cosce a fore..….!!!!San Sebastiano al Vesuvio scanza e libera..!!!

Antonio  :   torno a ripetere… il problema è che siete antiquate e fuori della realtà reale… ragionate, Donna  Cuncè.. ragionate con me..e rispondete..Che  cos’è il presepio veramente..?

Donna Concetta:  uh Gesù…è la natività di nostro Signore….con tutti i personaggi della Sacra rappresentazione … la Madonna….San Giuseppe….. i Pastori..i Re Magi…

Donna Carolina :…..l’asinello….’o cammello…. Benino che dorme… …’a pecurella….guè a me quante me piace ‘a pecurella…!.Cuncè voglio ’a pecurella…!!!…ia’..Cuncè…e accattame ….’a pecurella…!!!

Donna Concetta : Carulì..nun te ce mettere pure tu…dunque dicevo.. po’  sul presepio ce steveno pure i pescivendoli..i contadini…

Donna Carolina  : le tavernelle…

Antonio  :  …le che…?

Donna Carolina  : le tavernelle..le putechelle con le tavolelle..con sopra le bottiglielle..le pagnottelle…le cozzechelle….le sciuscelle…

Donna Concetta  : Avimme capito, Carulì…basta…Dunque poi sul Presepio ci steva ancora : il Centurione con i tutti Soldati Romani…

Antonio  :    brava..e qua vi volevo..!…I Soldati Romani….che po’ senza offesa….erano ‘e fetiente. di allora...insomma il Presepe deve rappresentare la realtà…. Il bene e il male…e oggi nella vita il male chi è….: ’o Talebano..! E’ chiaro…!!?? Ja..pigliatavinne uno pure vuie..guardate quanto è bellillo cu ‘o turbante,’o kalasnicov e ‘a barbettella….proprio naturale naturale….

Donna Concetta :  …le’…le’..passa a là…....e cheste ce mancasse…mi dispiace donn’Antò ma a casa mia siamo tradizionalisti…niente Talebane ..dateme  piuttosto una bella  Stella Cometa…

Donna Carolina   : eh…perché quella dell’anno scorso se l’è rusecata il nostro cane Feliciello  (Antonio le passa un oggetto)…Uh, Giesù….Ma che d’è ‘sta cosa..?

Antonio : ‘a Stella Cometa…si capisce..è una Stella Cometa moderna,….chist’anno l’anno fatta a forma di astronave americana cu’ ‘o fummo areto e  ‘a bandiera a stelle e strisce ….sono solo cinque euro…qua vi accattate  la modernità….la vera modernità….!!!

Donna Concetta.  :  Antò…ma va t’arriffe tu e ‘a modernità…Ahhhhh..quanno ce vo ce vo…!!!! (raccatta le sue buste e si avvia nervosa) Cammina Carulì…!!!

Donna Carulina : (andando via sotto braccio alla sorella)….vuleve mettere l’astronave ‘ncoppo ‘o Presepe…Ma allora si scemo..???….O scè…’o scè..!!!!

                                                  

                                           ESCONO SOTTO BRACCIO

SCENA II      :    Saverio,Angela ed il Cameriere

Antonio    : ..mo ‘o scemo so’ io …!!! Guardate…guardate  che elementi….(a due distinti signori che passano)…Accomodatevi…!!..…venite a vedere le ultime novità del Presepio…

Saverio    : (alla moglie Angela cui dava il braccio)…aspetta un secondo..quando mi piglio una serie di pisellini…Capo..datemi una serie bianca da venti pisellini….

Antonio    : mi dispiace..ma quest’anno ci stanno solo le mini lucciole giapponesi o  in alternativa la rezza luminosa coreana che suona 10 canzonette natalizie…...pisellini niente…

Saverio   :   ma io devo illuminare  il cammino dei Re Magi….c’aggia fa cu ‘a rezza coreana..?

Antonio    : mi dispiace ma le serie vecchie non sin fanno più..mo’ so le industrie giapponesi e coreane ca decidono le luminarie del Prisepio…

Angela     : cose ‘e pazze…manco chiù ‘o Presepio putimmo decidere noi..ce sta pure ‘na multinazionale che ci sceglie gli addobbi ……scommetto che quest’anno  la mangiatoia l’ha disegnata Aiazzone e ‘o vestito d’a Maronna è firmato Moschino…!

Saverio     : mi sa che hai ragione…pazienza vuol dire che mi arrangio con le serie vecchie…piuttosto sediamoci al bar due minuti ……

Antonio   : signurì…datosi che devo arrivare un  momento a piazza Francese e che voi state fermi qua..mi date un occhio alla bancarella…

Saverio  : fate i fatti vostri…

Antonio  : ah…vi trovate facendo guardate un poco pure chella ‘a Donna Filomena si no chi a sente..ESCE

Angela  :….no chiste so’ nummere ..cose ca succedono sulo a Napule…

SEGGONO AL TAVOLINO DEL BAR A DESTRA MENTRE LA BANCARELLA DI ANTONIO CHE ERA IN LUCE SCOMPARE ALLA VISTA.

Saverio    :  …cameriere…cameriere…!!

Geggè      :    Pronto..!!!! ..(accorrendo)..scusate se stavo dentro ma siccome tengo un poco di catarro …cerco di stare dentro il bar il più possibile…

Angela    :  …. ma se fa questo freddo perché mettete i tavolini fuori..?

Geggè       :  e che vi devi dire signore mio….a Napoli sono sbarcati per le feste più di duemila Turisti Svedesi… quelli là il freddo se lo vanno cercando..e qua fuori sono sempre altri sedici coperti…male a mè c’aggia sta cca fore a servì…’o viento e ‘o gelo comme a nostro Signore Gesù bambino….comandate pure…..

Saverio   : ….due cioccolate calde….

Geggè        : …subito….

Angela  : (mentre il  Geggè va)…ah….e pure due briosces….!!

Geggè    : ..(tornando sui suoi passi)…bene….(andando)..

Saverio : ..ah….per me….dolcificante a parte…

Geggè      :  (tornando sui suoi passi)…come preferite.. (andando)..

Angela   : ah..e…mi portate pure un poco il Giornale….

Geggè       :  (tornando sui suoi passi)…sarà fatto…(andando)..

Saverio  : mo me scurdavo…per favore…’nu pucurillo ‘e borotalco…tengo ‘na macchiulella ‘e spicce sopra ‘o pantalone…….

Geggè      :  (tornando -- sottovoce)..e ‘o bucato nun ve l’aggia  fa…?

Saverio   : …. come dite…?!!

Geggè      : ..niente…se solo mi volete ordinare tutto insieme….sapete è per il catarro….e poi tengo i piedi piatti….

Angela   :…neh,giovane..qua catarro e piedi piatti..?…che ce ne importa a noi..! …portate quanto abbiamo ordinato…

Geggè      : ..subito….…(andando)..

Angela    : ….ah….cameriere….

Geggè      :   (tornando sui suoi passi)……dite….

 Angela  :  ….sopra la cioccolata mia….….panna abbondante….!!

      Geggè       :   (andando, sottovoce)..avita murì ‘e subbito..!

     Saverio  :  come avete detto..?!!??

     Geggè   :   niente..ho detto vengo subbito….con permesso………..ESCE

    Angela  : ( ridendo)…Ah..Ah…e nun t’o vuò luvà ‘o vizio ’e fa tutte ‘e vote ‘sta

                    sceneggiata…

    Saverio  : Qua sceneggiata..???…Moglie,rammenta…questo è Viviani…’O

                   Vico…….Arte ..Arte pura….!!!

    Angela  : e qua  una volta di queste…..artisticamente…si capisce, ..qualche 

                    cameriere pure ci manda diritti diritti ai Pellegrini a tutti e due….

Saverio  : Cameriere..!
Geggè  :  (da dentro) viene ..!
Angela  : e forza…ma che siete una lumaca…?

Geggè  :  ( da dentro)…quando aregno la carriola..! (poi ritornando con le ordinazioni)..Ecco qua….state serviti…ecco le due cioccolate..una zucchero a parte…l’altra con panna abbondante…le briosces…’o Roma…..’o borotalco…Ah,Dottò…si ve servesse ‘a chiave d’‘o cesso sta appesa dietro ‘a porta del Bar….!!!.

Saverio   :  …guè..scostumato…!!!…e chi to fa fà…?!!?…..’A chiavetella d’o cesso a me..!!!

Angela   : ma vedete che screanzato,..Savè… iammuncenno al Gambrinus..!                                 

                ESCONO RAPIDAMENTE BORBOTTANDO CONTRO LA SCOSTUMATEZZA DEI CAMERIERI NAPOLETANI

Geggè  : puh..!….Hi chi schifezza ‘e clienti…che cataplaseme….!!!…e po’senza offesa…  adonRaffaele Viviani ‘o saccio pur’io..!

SCENA III :  STEFANO E IL CAMERIERE

GEGGE’ IL CAMERIERE DELLA SCENA PRECEDENTE SPARECCHIA IL TAVOLINO FISCHIETTANDO UNA CANZONCINA DI RAFFEALE VIVIANI  (...COMM’A FRONNA D’A ‘N’ALBERO CADUTA ‘STA VITA S’E PERDUTA .DINT’ALL’OSCURITA......’VOLA E CANTA CU’ L’ANEMA SCUNTENTA ADDO’ TE PORTA ‘O VIENTO CARENNO ACCA’ E ‘A LA’...)....POI ENTRA STEFANUCCIO UN POVERO RAGAZZINO AFFAMATO

Stefan.:  ( guarda con desiderio il vassoio colmo) Sono cioccolate   quelle ..?

Geggè  :  calde....

Stefan  : e quelle sono brioches ..?

Geggè  : no..so’ taralle cu ‘a ‘nzogna...!!!!...Neh, piccerì ma me vulisse sfottere pure tu..?

Srefan  : p’ammore ‘e Dio..si domandava..così..per fare una chiacchiera..e dicevo così...quelle due povere brioches non se le mangia nessuno..????

Geggè  : no..mo ‘e metto a posto dint’a vetrina...

Stefan  : Gesù..e non si può..

Geggè  : come non si può.....?

Stefan  :..e quelle sonno toccate....non sta bene...se passa un vigile e se ne addona vi fa una salciccia di multa..Capo...sentite  a me...buttatele via..anzi...datosi che casualmente sto andando vero il contenitore della mondezza...datele a me..ve le butto io...senza complimenti..

Geggè  : ho capito...te muore ‘e famma..... è ovè...?

Stefan  :   quando mai...è che sono servizievole..anzi volendo vi potrei pure buttare dint’ ‘a munnezza quelle due cioccolate fredde...

Geggè  :.....calde.....

Stefan  :   erano calde...mo so’ fredde...se passa un Vigile vi fa una...

Geggè  : una saciccia di multa...!!!! e già.. (impietosito comprendendo la fame profonda del ragazzino che gli potrebbe essere figlio) ..e va buò..è Natale.....pigliate tutte cose...

Stefan  :....grazie..site ‘nu Santo..!!!...( gli da un rapido bacio sulla guancia e scappa via col vassoio)

Geggè  : ...so..’nu Santo e già... ( poi ripensando al fatto che è volatilizzato pure il vassoio).. Guè....Chi t’è bivo..!.’e tazze.....’o vassoio.!!!...Niente... m’ha fatto pure chist’ato....Uh Madonna...e che ghiurnata...Don Raffaele Viviani mio me dispiace pe’ vuie ma doppo cient’anne dint’a stu vico nunn’è cagnato ninte...!!!!

 ESCE CANTICCHIANDO ANCORA   “COMM’ ‘A FRONNA”  E PORTANDO VIA IL TAVOLINO

SCENA III (  Filumena , Donna Bice e Donn’Alfredo)

LA SCENA SI SPOSTA ALL’ALTRO ANGOLO DEL PALCOSCENICO DOVE E’ IMPIANTATA LA BANCARELLA DI FILUMENA,LA NOSTRA SIMPATICA PESCIVENDOLA RIENTRA DALLA SUA CONSEGNA STRINGENDOSI FREDDOLOSA NELO SCIALLE. POI DONNA BICE E SUO MARITO ALFREDO,UN OMETTO MOLTO MIOPE…..

Filomena  : e pure questa è fatta…al ristorante se so pigliato pure ‘o pesce 

                  surgelato pe’ frisco…d’altra parte cu stu freddo. (dando la voce)….Uhà……e che pesce bello e sapurito ca tengo…!!!!…Orate…!....Spingole….!!..Treglie…Capitune…Purpe  verace…!!…Femmene belle….Onorate a Filimena..!..Accattateve  ‘o capitone ‘e Filumena….!!!!

Donna Bice : (è un’anziana ma ancora arzilla ed arguta donna del popolo).’Onna Filumè, vuie facite troppi chiacchiere……vulesse proprio vedè si ‘stu pesce è overo accussì frisco..…

Alfredo  : (toccando la merce) niente, niente Filumè…chiste so’ pisce muorte ‘e
                  Vicchiaia….E sento pure ‘na diece ‘e puzza…!!
Filum :  ‘Onn’Alfrè….pulezzateve ‘e lente….Modestamente ‘a puzza song’io..Questo pescio invece è freschissimo..:guardate..quello parla…!

Donna Bice  : parla..?!!..overo..?….e vulesse sapè  proprio che dice…

 

Filum.    : (accostandolo all’orecchio)..dice..Filumèna.mia….vinneme a Donna Bicia  : voglio essere cucinato da chella capa cuceniera…voglio essere fritto ‘a chelli belli manelle….!!!..Avite visto ca il pescio mio parla…?

D. Bice    : ma comm’o sapite vennere belle….!!…piùttosto..a quanto ‘o vennite  ‘o chilo ‘stu diece ‘e fenomeno….

Filum.    : … …25 euro ‘o chilotto,ma  a voi….. si passa n’ata  me n’adda da almeno 30…!!

Donna Bice :   lè..lè……25 Euro ‘o chilo..!..e nun me ne voglio accattà tutte alice ..?Ca sia Natale ascite pazze tutte quante..…e a me stu coso ca se move  me fa pure schifo…chillo è chillu vezziuso ‘e mio marito..isso e ‘a  tradizione….dice ca senza il capitone non gli pare Natale…

Alfredo :   ..moglie..quella la vita mia già è una zoza…Donna Filumè…sentiteme a me.. Io piglio 350 euro al mese di pensione …dentro al vascio tengo lo sfratto esecutivo..non ci vedo ..e tengo a chesta pe’ mugliera…mo faccio pure a meno d’o capitone  a Natale…..m’aggia sulo sparà…!!

Donna Bice  : spiritoso….e po’’ a Tradizione uno se l’adda putè permettere..

Filum.    : e ghià… ‘onn’Alfredo ha ragione …. chella ‘a tradizione è Sacra…!! Mo vene ‘Onna Bice e ce  scumbina ‘na tradizione  ca tene ‘e chiù ‘e duimila anne….: ‘a sera da Vigilia’a regola cumanna..:.’e vongole verace, ‘a ’nzalata ‘e rinforzo, ‘o capitone e ‘e ciociole..si no che Natale è..?

Donna Bice : e avite ragione pure vuie…però mo Natale s’ammesura  a botta ‘e carte ‘e cientemila….

Filum.  : ..euro..euro…ammodernatevi…Allora,’Onna Bì,…io tengo ‘a gente…c’avimma fa cu’‘stu capitone…?..pozzo ‘ncartà.?

Donna Bice  : ma…sto titubante…

Alfredo  :  ‘ncartate..!!..Donna Filumè, ncartate..!!!!….Ca tutto l’anno questa femina me fa magnà bastuncine Findus , cucuzzielle allesse e ‘nzalata fraceta…Basta…!! In casa l’uomo con il cazone sono io…e stasera voglio magnà chello ca dico io..! Voglio ‘o capitone..! si no chiavo mazzate ’a cecato…!!

Donna Bice : Vezziuso…!!! Birbante…..è ‘a passa  ‘nu guaio comme dich’io..!! (rassegnata)…e va buò, ‘o faccio p’a pace d’a casa.. Nun me voglio ‘ntussecà Natale…..‘Onna Filumè…datamillo ‘o capitone..…..però no chisto....dateme chill’atu là  ..chillu cchiù piccerillo…

Filum.    : e va bene….come dice donna Bice…. mo ve do chistu cca che è ancora giuvinotto…tenerissimo….(pesa)..grammi 800 abbondanti… Cassa:..venti euro…!..scontato…avimmo fatto l’attenzione ai clienti affezionati..…!!

Donna Bice  : guè bel mobile..uomo con il cazone….a ‘stu coso l’accire tu…..a me me fa schifo..!
Alfredo  : l’acciro io…!!??…a chi…??! Moglie…Primma di tutto Io sono della protezione Animali.e poi in nun veco maco ‘o treno d’a direttissima , acchiappo’o capitone.. Moglie .il  pescio adda murì a pe isso…senza violenza…di morta naturale…

Donna Bice  : e già… mo ce dongo ‘o veleno pe’ surece…a isse…e pure a te..!!

                                            

                                                              ESCONO LITIGANDO

Filumena : Nun ve preoccupate….ve lo mando a casa già pulizzato..Jate..iate…Auguri e buon Natale…!!…Femmene accomodatevi,..onorate a Filumena…!!!…’O tengo bello e frisco ‘o capitone..!”

                                               

 SCENA IV  :    STEFANUCCIO E TATORE ’NFAMITA’

STEFANUCCIO:( COMPARE ANSIMANTE DAL VICOLO CON IL SUO PREZIOSO VASSOIO DI CIOCCOLATE E DI  BRIOCHES,).... “ MADONNA MIA BELLA E CHE CORSA..! SI..QUA’ STO LONTANO ABBASTANZA ..POZZO FA MARENNA...(SI SIEDE TRANQUILLO SU DI UN GRADINO)...PERO’..CHILLU CAMERIERE CHE BRAV’OMME..!..GENEROSO DI CUORE..L’AVESSE TENUTO IO ‘NU PATE ACCUSSI’..” ( FA PER ADDENTARE UNA BRIOCHE..)

DALLA PARTE OPPOSTA ENTRA TATORE ‘NFAMITA’ UN GUAPPO DI TRE SOLDI CHE SPADRONEGGIA NEL VICOLO: AZZIMATO, CAMMINATA SMARGIASSA, GIACCA CHIASSOSA,FOULARD ...

TATORE   : .....BONA SERA E SALUTE....!!!!!!!

STEFANUCCIO  : DON SALVATORE BELLO ..QUALI COMANDI..?

TATORE: ( IMPERIOSO)...SONO BRIOCHES QUELLE..?

STEFANUCCIO : NO..SO’ TARALLE CU ‘A ‘NZOGNA...!

        TATORE  : E BRAVO...FACCIAMO GLI SPIRITOSI...!GUAGLIO’ TU STAIE PAZZIANNO CU ‘A MORTE..TATORE ‘NFAMITA’ HA CHIAVATO CURTELLATE PER MOLTO MENO..’NA VOTA A FOREROTTA SICCOME UN GIOVANOTTO DI MALAVITA SI ARRIFIUTO’ DI DARMI UN BACIO...

STEFANUCCIO : UN BACIO DI RISPETTO..?

TATORE  .:.. NO..’E CIUCCULATA..EMBE’ IO STRACCCIAIE ‘NU LAMPIONE ‘A TERRA E COMME FOSSE STATO NU SFILATINO ‘E PANE FRANCESE...POH!!!..CI’O SCAMAZZAIE ‘NCAPA...

STEFANUCCIO : .....ALL’ANEMA D’A ......

TATORE    : ALL’ANEMA ‘E CHE....???

STEFANUCCIO :NO DICEVO..ALL’ANEMA D’A FORZA !! COSE CA MANCO KING KONG...

TATORE  :.... ESATTO..!! DUNQUE .DANTOTI UNA SECONDA POSSIBILITA’ DI VITA ......ARRIPETO LA TOMANDA: SONO BRIOCHES QUELLE...??

STEFANUCCIO : SI..E’ LA MIA MARENNA : FURTO CON DESTREZZA!...VOLETE FAVORITE.. PREGO ..PIGLIATEVE TUTTE COSE..

TATORE    : NO.. TUTTE NO...A ME PER CAMORRA E’ DOVUTO ESATTAMENTE IL 20%.....FAVORISCIMI LE DUE CAPOCCHIE....!!!!!!

 STEFANUCCIO : E’ GIUSTO...GRADITE PURE UN POCO DI CIOCCOLATA...?

TATORE     : IL 20%..PURE NUIE AVIMMA FA NATALE,...(MANGIANO E BEVONO SEDUTI VICINO)..GUAGLIO’ ,MA TU NON STAVI CHIUSO DENTRO AL RIFORMATORIO DI NISITA..?

STEFANUCCIO : ME NE SO’ FUJUTO....

TATORE  : BRAVO...!!!E COMME MAIE STIVE DINT’E CANCELLE..?

STEFANUCCIO: SEI MESI PER SCIPPO........’A SOLETA CIORTA MIA ‘E CAZZETTA..M’ARRUBBAIE ‘NU ROLEX A ‘NA GUAGLIONA ..NEH, CHELLA ERA CAMPIONESSA MONDIALE ‘E KUNG FU.. SUBITO M’AGGIO ABBUSCATO ‘NA MADONNA DI MAZZIATA E DOPPO ....SEI MISE ‘E CARCERE..!!!

TATORE  : E PECCHE’  SI FESSO...NUN TIENE ‘NFAMITA’...SI ER’IO ‘NCE DEVO PRIMMA ‘NA TRENTINA ‘E CURTELLATE PO’ ‘A STRAFUCAVO, PO’ SCIPPAVO ‘NU LAMPIONE A TERRA E PO’.....

STEFANUCCIO :...SE VA BUO’.VA BUO’...INTANTO STASERA CHE E’ VIGILIA..IO STO MIEZO ‘A VIA..SULO E MUORTO ‘E FAMMA.....

TATORE  : SI E’ PE’ CHESTO PUR’IO STO SULO..VACO FUIENNO..’A PARANZA MIA SE VA SPARANNO CU CHELLA DE’ MALANOTTE: 23 FERITI E DUE INVALITI... SI ME TROVANO ‘E MALANOTTE ME FANNO COMME ‘ A ‘NU SCOLAPASTA..

STEFANUCCIO : E CHE VUO’ FA.. E’ LA VITA DI NOI CAMORRISTI....BE..DON SALVATO’..MO ME NE DEVO ANDARE..PERMETTETE..

TATORE  : E ME LASSE SULO...? ADDO’ VAIE..? TIENE ORGANIZZATA QUACCHE RAPINA?..NU SCASSO..?A ME NUN ME FAIE..PARLA!.IO TENGO DIRITTO ‘O 20%..! PARLA !...ADDO’ VAIE..???

STEFANUCCIO : A SAN GREGORIO ARMENO..VOGLIO VEDE’ PUR’IO ‘NU     PRESEPE CA LUCE  INTO ‘O SCURO ( CANTA) DUIE SORDE ‘E SPERAN

SCENA V  :  Gli zampognari  (Tobia e Simone)

ENTRA UN VECCHIO ZAMPOGNARO,TOBIA, NELLA CLASSICA TENUTA MOLISANA,IL TASCAPANE A TRACOLLA,LE CIOCE E LA CONSUNTA ZAMPOGNA.CON LUI ENTRA  UNO ZAMPOGNARO GIOVANISSIMO,SIMONE, CON LA CIARAMELLA MA CON CAPELLI TINTI ALLE TEMPIE TIPO PUNK, L’ORECCHINO AL LOBO E  PERCING VARI.SUONANO LA NOVENA ALLA MEGLIO.

Vecchio Z.  : (finita la novena che era piuttosto stonata, con un fortissimo

                        accento molisano))…sia lodato Gesù Cristo…

Giovane Z   : (facendosi la croce)…..oggi e sempre…!

Vecchio  Z  : Simò…e quanto avimme accocchiato..??

Giovane  :   (vuotandosi la tasca) duie eure…tre buttune…e una figurella di     

                   Santa Rita da Cascia..

Vecchio   : e si capisce..si capisce……senza offesa, Simò..sta vota, ringrazianno a Dio haje sunato molto,ma molto più una chiaviche delle altre volte…!!!....

 

Giovane Z:    ah..io ho suonate una chiaviche..?..la virità Tobì,è ca tu si fatto vecchio e di musiche nun capisci un cacchio..!..Sei ‘ntiquato…Io,invece sono   un vero musicista muderno…I tempi cambiano…oggi il mondo và di corza..alla gente oggi nun ci piace chiù la Novena tradiziunale moscia moscia…accossì io l’aggiu fatta un tantinello più Rock..!!!!

 

 Vecchio Z. :  ma sentite a stu critino,,!! E si…mo jammo a sunà Tu scendi dalle stelle di dalle stelle” dintu alla Discoteca… e ammacari San Giuseppe sona la battaria e la Madonna balla lu Rep..! Stupido..!!!…e po’…sa che te dico, Simò…ca mancu ce la  saie sunare la ciaramella…!

Giovane Z   :…io..?..io nun la saccio sunare la ciaramella….!!??…pienza a te ca ti tremano tutte e doie le mani e nun chiappi chiù nianche li pertusilli della zampogna..!!

Vecchio Z :   mo te dongo ‘nu pacchero che t’arravoto la capa..piuttosto vedite a ‘stu ruospo comme s’è cummbinato ca me face schifo sulo a purtarmelo appriesso pe’ Napule....tene lu ricchino comme li femmene..li ferrietti ‘mpezzati pe’ tutte parti..pure uno ‘ncoppo a la panza..chi schifo...!!

Giovane Z.:   E’ l’ultima moda..! Tu sei preistoriche…io so muderne..! …e poi nun scuccià…lo saie ca  non ci volevo venire a fa lo Zampugnaro cu tine..lo saie cha a me me fa schifo del sunà la ciaramella....a me me piace cu  sax a fare  la bluse….!!!

Vecchio Z :   si,la blusa di mammeta..uno dritto e uno rovescio..!..Statte zitto,va…E po’ch’era  meglio a ‘sta lu paese de Campuvascio a t’arrubbà li stereo dentro a li machine..? (beve vino da una fiaschetta)

Giovane Z :  sine…macare si guadagnava qualche soldo..da stamattine nun avimmo accucchiate niente….e nun bere… ca te mbriachi… e doppo avimma mettere la cassetta cu la Nuvena pecchè nun ‘ngarri chiù a sunà…

Vecchio Z :   io sono pure ‘mbriaco…però sono sempre un’artiste…(dando al voce alle finestre) …Signurì….qua stanne li zampognari vostri… signurì…una bella Novena….solo sei eure….(risponde a una finestra dalla quale chiedono il prezzo)…Si,sei eure …lo so l’anno scorse erano cinque…ma poie c’è state l’inflazione, l’alluvione, Berluscone…avimme avute guaie pe’ tutte pizze..!!!

Giovane    : (da la voce anch’egli verso la gente affacciata) Signurì…onorateci ..Belli Femmene’,chiammateci allu Presepio..…e a gentile richieste, sapimmo fare pure tutte  li canzone di Nino D’Angele… Signurì…gli Zampognari....Signurì….….

                                                                                    

                                           ESCONO SUONANDO

                                                                                    

SCENA VI

ENTRANO SELVAGGIA E LA FIGLIA TOPAZIA..POI NANNINA E LA MADRE CARMELA.LE PRIME DUE SONO RICCHISSIME PERSONE DI POSILLIPO PIENE DI PACCHETTI E COSE DI VALORE. LE ALTRE DUE SONO POVERACCE DEI VICOLI CON STRIMINZITE BUSTE DELLA SPESA.

Selvaggia  : …che traffico…che folla e che confusione !Ti camminano addosso ..Ah, ma il prossimo Natale le spese le andiamo a  fare a Cortina..!!!

Carmela  : che traffico…che folla e che scostumatezza …Te camminano pe’ cuollo…Ah, ma Il prossimo Natale ‘e spese ‘e jamme a fa  a Resina…!!

Topazia  : mammà…a me un teppistello ha cercato di scipparmi il rolex nuovo…!...già..ma io l’ho atterrato con una mossa di Kung Fu..!

Nannina  : mammà…a me ‘nu scurnacchiatiello ha cercato di scipparmi il panino con la mortadella…eh…ma io l’aggio sputato ‘nfaccia ….accussì  se ‘mpara..!

TOPAZIA SI ACCORGE DELLA CARA COMPAGNA DI SCUOLA NANNINA E LE VA INCONTRO

Topazia    : Nannina….!!

Nannina  :   Topazia..!! (la bacia sulla guancia)

Selvaggia : (A Topazia tirandola da parte)…Topazia,chi sono queste due zandraglie..?

Topazia   : come ..lei è Nannina  la mia compagna di banco con la madre…

Selvaggia  : che gente...Ah ma l’anno prossimo ti iscrivo alla scuola Svizzera   

           ..Topazia ti prego non me le presentare, non me le presentare...!

Nannina  :   Buon Natale signora..le presento Mammà….

Selvaggia  :  ( tra se) appunto...

Carmela  : fortunatissima…Carmela Bencivenga…

Selvaggia  : (superba)…Selvaggia  Caprioli  Di Sottopanzano..

Carmela  : (quasi genuflettendosi)…quale.onore….e,dite Donna Capriola… state pure voi a fa doie spesulelle pe’ Natale…

Selvaggia  : già…non me ne parli, cara,sono sfinita.. e poi che prezzi..pensi..un po’ di caviale, camenberry,patè di fua’ gràs, champagne, salmone e profitteroles….200 euro…!…un furto…!

Carmela    : a chi lo dicete,signora mia bella..due friarielli e una scella di baccalà  …venti euro…!! ‘na rapina a mana armata..!

Topazia    : poi guarda..a me mammà ha comprato una camicia di Krizia, un pantalone di Valentino e due paia di Hogan…

Nannina    : quante so’ belle….a me mammà non ha potuto comprare niente di vestiti..solo due collane….

Topazia  :  ….di brillanti..?

Nannina  :   …noooo..di castagne secche…

Selvaggia  : beh……adesso noi due dobbiamo proprio andare……Ancora Auguri ...vieni Topazia… l’autista aspetta….

Carmela  : andiamo anche noi..’o Tram nunn’aspetta….!!! Nannì, cammina…!

LE DUE DONNE DI AVVIANO-NANNINA TRATTIENE TOPAZIA

Nannina :  aspetta..io ho solo queste….( mettendole al collo una delle collane di castagne)...tieni..una è per te….Auguri…!

Topazia  : (commossa)..Grazie..(le porge la busta con le scarpe nuove)..per te..!

Nannina  : no…è troppo..

Topazia  : ….Buon Natale….!!!! (la bacia e scappa via)

SCENA VII : ‘E PUZZULANE.  ( SABELLA E CATARINA CON FILOMENA)  poi  LE SUORE

LA SCENA E’ QUELLA DALLA QUALE SONO USCITI APPENA PEPPE E M. LUISA ENTRANO DUE DONNE CON FORTISSIMIO ACCENTO DI POZZUOLI...FILUMENA CONTINUA A VANTARE LA SUA MERCANZIA....

Sabella    :      Catarì...aspetta...visto ca ce truvammo ‘a Napule....pigliammelo ca nu poco ‘e pesce p’o Cenone...( A Filomena) Bella fè.... ce servisse ‘nu poco ‘e pesce frisco....

Filomena .  :  signo’...’e pisce mie so’ talmente frische ca si nunn’e sparate nun morono...

Catarina     :.  Ciaccarè..primme ‘e fa diebbete co la vocca....tiene prisente ca nuie  simme puzzulane de Pozzuole..

Filumena    :      guardate ? quello non si sentiva proprio...

Catarina    :   .... è pecchè simme signore fernute..dunque dicevo....e in  quanto’a pesce io e ‘a cummara...  simme pratiche assaie ...a nuie fesse nun ce faie...

Sabella          : nuie nu pesce basta ca ‘o guardammo e sapimmo subbuto  si è buono....!

Filomena   :.... e che dubbio ce sta...?...Accomodateve...guardateve ‘e fatte vuoste...( tra se)..chi me l’ha mannate ‘a chesti doie ?

Sabella      :...( prendendo un capitone)..’stu capitone..per esempio...nun tene ‘e recchie..onde per cuie...nunn’è ‘nu capitone masculo...ma è n’anguilla vecchia... t’o può tene..

Catarina .  :..( prendendo un’aragosta)..st’aragosta...’a vi...se move si..ma pecchè sta in agonia....è .il canto del cigno..t’a può tenè..

Sabella     :... ( prendendo delle vongole)..’sti vongole...

Filomena..  : so’ verace...venono mo mo d’ Manfredonia...quant’è vero Iddio....!

Sabella  :.... lascia sta a Dio ca faie peccato...sti vongole, dicevo...feteno di perimma... onde per cuie ato ca Manfedonia...cheste sono del Chiavicone di Nisita...t’e può tenè....

Catarina  :...   ( toccando i saraghi).... sti saraghe...’e vì...

Filomena    : guè, belli fè......lassate sta ‘e sarache mie ca ce pigliammo collera..chille parlano..!

Catarina    : ..si parlano ...ma .cinese..pecchè d’a Cina stanno arrivanno ...surgelate ‘e buone...

Filomena  :   ..aaaalt !!! ( rimboccandosi le maniche)...mo basta mo...! ‘o capitone nun tene ‘e ‘recchie..’e Saracche so’ cinese...’e vongole so’ perute...basta...e vuie al pesce mio me lo  state facendo una chieveca...si avite accattà accattate ..si no jate alleggerì a n’ata parte...

Sabella      :   ...nuie avimma ì a alleggerì a n’ata parte..?......e comme te permette vrenzola di genepesca ..?

Filumena  :  ..genepesca a me...?...genepesche saranno quelle sogliole delle mamme vostre..!

Sabella   : (a Catarina)...Catarì..mia cara....(tirandosi anche lei su le maniche)..tengo la vaga sensazione che la pesciaiola qui presente si vuole ammisurare con due signore comme a noi.. ella non sape noi chi siamo...Prego...a te...

Catarina  ...: ne guè....bella bè.....per  tua norma e recola  :

                       “  Io so’  Catarina  Allessa

                          detta Katy  ‘a principessa....!

                          So’ ‘a mugliera ‘e Peppe ‘o stuorto

                          ‘nu facchino  ‘e vascio ‘o porto....

                          Tengo ‘e meglie bancarelle,                               

                          di samente e  di nucelle,

                          Venco ciociole e lupine

                          Franfellicche pe’ bambine

                          Tenco pure ‘e caramelle...

                                      So’‘a riggina  d’e sciuscelle...!!!

                          

Sabella  : ...          Io so’ ‘a figlia  piccerella

                            ‘E  ‘On Procopio Ciaramella

                             Venco fummo e sigarette

                             Accendine e farzulette....

                             E a  dummeneca matina

                             Cu nu sicchio e ‘na mappina

                             Arrecetto le toilette

                             Proprio affianco ‘e giardinette.

                             ‘E cliente chiuu’ elecante  

                              So’ cuntente e che ‘nce manca ?

                              Cu Isabella ‘a sottoscritta

                                          Hanno sempe carta bianca...!

Filumena  : I’ che sciccaria..na cummerciante ‘e sciuscelle e ‘na pulezzac...( stappa  

                      da sola  bocca perchè  passano in quel momento le due Suorine

                     Milanesi  ).

Suor Martina  :         Pace e bene...pace e bene...Un obolo per i bambini della parrocchia..un piccolo dono per i nostri piccoli Orfanelli...

TUTTA LA RABBIA DELLE TRE DONNE SEMBRA SBOLLIRE AL RICHIAMO DELLA REALTA’ DI CHI SOFFRE INNOCENTE SPECIALMENTE DI QUESTE GIORNATE...

Suor.......... : su donna Filomena voi che avete un cuore d’oro...non vi risparmiate..favorite qualche bel capitone per i miei bambini che stasera hanno più fame...

Filomena  : si capisce..prego don Carlù...mo vi incarto questi capitoni qua...( mette in busta 3/4 capitoni)...cu bona salute...   

 Le due suore : ( giulive )...  il signore ve ne renda merito...                                                 ESCONO

Caterina  :  aggio visto..c’avite dato chille senza recchie..!!                Ricomincia la lite a soggetto

  SCENA VII        ( Mustafà e Matilde )

MUSTAFA’ E’ UN POVERISSIMO EMIGRANTE DI COLORE CHE GIRA PER NAPOLI CERCANDO DI VENDERE I SUOI FAZZOLETTINI,LE PELLI DI DAINO ED ACCENDINI ALLA GENTE CHE PASSA VELOCE E DISTRATTA ...EGLI IMPERTERRITO DA LA VOCE AI PASSANTI :

Mustafà’ : ….gombrate  aggendini, prego signori…gombrate…! ( passa un a        

                      distintissima  signora la professoressa Matilde Spatella)..Prego,

                       Signora..volere un bell’aggendino…?

Prof. Matilde   : ( distrattamente) …guagliò…nun me serve….io non fumo..

Mustafà :….e allora gombrade fazzoletti…per raffreddore…

Prof       .: ….sciò..sciò…io nun ‘o tengo ‘o raffreddore…..!!

Mustafà  : ma fa tanto freddo.. ( insistente)..raffreddore potere sempre venire...

Prof.    :  ..sciò..sciò..e già...chesto ce manca can me faccio ‘e feste ‘e natale dint’o lietto..

Mustafà :  allora posso pulire  scarpe…? (la prende per la manica)..

                   prego…fare  pulire..

Prof  :  ( seccata)...Nonsignore…!!…(al pubblico)...Guè, nun ce bastavano ‘e muorte ‘e famme nuste ..ce vulevano pure tutte ‘sti nire….!

Mustafà : ..prego…allora gombrare una buona pelle daino per macchina…

Prof:  :...nun me serve..!..nun’a tengo ‘a machina..!...Insomma dovete dare fastidio pure in una  giornata di festa…!Oggi  e’ Natale..è Festa…!!

 

Mustafà  .:..(mortificato)…per me oggi no festa.. non è mai  festa…per chi ha fame….!!!

Prof  :  : tieni fame…?..e va bene ..eccoti 5 euro ,...ti compri una bella pizza e te la porti a casa....

Mustafà :.( contrito)....Mustafà non tiene casa…Mustafà dorme alla stazione.. dentro a un  cartone…

Prof  :  pure….!..mi dispiace ..veramente.. beh va be ,buon Natale e auguri…

Mustafà :..  grazie..(raccoglie da terra il portafogli che la signora nell’andare  ha perduto)..un momento…signora ferma..aspetta...!

Prof .. :  ancora ..?...e basta....!...t’aggio ditto ca nun voglio niente...!

Mustafà :. No.... io solo dire che tu perduto soldi….prendi…(porge)

Prof.: ( prendendo il portamonete ) grazie…...Madonna mia bella…….dentro. ci stava  tutta la mia  tredicesima..!!…più di mille euro..! (Poi pensosa)…Ma come è possibile....?..tu che sei un miserabile e ti muori di fame non ti sei rubato i soldi..? 

Mustafà :.( dignitoso) .signora…io sono extra gomunitario..no mariuolo..!!

Prof. : (colpita lo guarda con attenzione per la prima volta come un essere unmano)..già…Senti…Mustafà…..ma tu Natale dove lo fai..?

Mustafà : ho detto..in stazione…..dentro a cartone…

Prof. : sa che vuò fa…’Stu Natale te lo fai a casa mia…io e papà stiamo sempre soli...sarà felice pure lui se   porto un amico…

Mustafà  : grazie….grazie tu molto buona. E tu pure molto bellissima….

Prof.   :  ( vanitosa aggiustandosi i capelli e togliendosi gli occhiali)...io sono molto bellissima...?!!

Mustafà  : sicuro ..in mio paese io Professore di storia dell’Arte ..tu uguale a Madonna della Seggiola di Raffaello..

Prof :.. il so’ tale e quale ‘a Madonna d’a seggia..?..(al pubblico) Vuò vedè che alla mia età c’esce pure il fidanzato…(al Giovane )..Guè ..bellu mobile..cammina cu me a casa…..e puortame ‘e borze..!!!

                             ESCONO FELICI MUSICA

SCENA VIII  : Le Suorine  e i Tre Mariuoli

A LUCI SPENTE O QUASI ENTRANO IN SCENA CIRCOSPETTI GIGINO ‘O MARIUOLO ED I SUOI FIGLIO TANIELLO E SUARIELLO CON DELLE TORCE TRA LE MANI. PROFITTANDO DEL BUIO RUBANO E METTONO NEI SACCHI UN PO’ DI PESCE QUALCHE PASTORE E UNA CENERIERA…..

Gigino    : chiano…fa chiano … (ruba un pesce).. Una spingola…!!..e chesta pure è bona po’ cenone…. Miette ‘a pizzo Taniè….!…(Poi ruba pastori) E te tè.. Chiste so’ po’ Presepe… Gaspare,Melchiorre e Baldassarre più tre cammelle ….pure nuie avimma fa Natale….

Taniello  :  papà,papà……me pozzo fottere pure tutte ‘e paparelle…?

Gigino  : no..tutte no…due o tre..

Taniello  : ma pecchè…a me me  piacene tanto ‘e paparelle…!!!!

Gigino   :..mo papà ti da una grande lezione di Economia Politica…Dunque…si tu e io a Donn’Antonio ce futtimmo tutte cose che succede..?

Tanirello : ca donn’Antonio ‘o pasturaro va pezzente…!!!

Gigino   e si donn’Antonio va pezzente nuie a chi cazz arrubbammo chiù..?..E’ legge di economia..Arrubbare si…ma l’azienda non deve mai fallire…vedi la Parmalat…

Taniello   :  uhà..papa..si ‘a guerra…a te Tremonti t’adda  fa nu bu….

IL PAPA’ BLOCCA CON LE MANI LA VOLGARITA’ DEL RAGAZZIMO   

POI…SI ACCENDONO LE LUCI E ENTRANO IN SCENA DUE BELLE 

SUORINE PIENE DI PACCHI CHE VENGONO DA UN PAESE DELL’ALTA

ITALIA.

Suor Martina  : a voi…giovanotti…ehi giovanotti ..fermi la…!

GIGINO E TANIELLO SI BLOCCANO CON LE MANI IN ALTO….

Gigino  : Brigadiè non sparate,..non abbiamo  fatto niente..c’è un errore

               giudiziario..non sparate….!!

Suor Teresa : ma chi spara…??!!..Che dite..?…uèlà…ma come sono curiosi questi napoletani..vogliono sempre scherzare….

Suor Martina  : si sono divertentissimi, sono dei comici nati……Suor Teresa guardate questi due come di si sono vestiti….tengono le mascherine..!! ..ma che è Carnevale…?

Gigino  : no..è a Festa ‘e Piererotta..a Napoli oggi stiamo tutti mascherati…

Taniello  .chi si maschera da Charlot..chi da antico romano..io e papà ci siamo “ mascherati da “mariuncielli…”

Suor Martina  : ma…mariuncielli…? Che parola curiosa…ma cusa l’è che significa eh,…cusa l’è..?

Gigino  : significa che siamo ….confratelli della Confraternita. di..di…San Mariuolo…!!!

Suor Teresa  : san Mariuolo..? ma tu l’hai mai sentito nominare suor Martina a questo Santo…?

Suor  Teresa  : no..in verità mi giunge nuovo ….sarà un Santo locale…

Taniello :  si vocalissimo..’e coppo ‘e Quartiere..il protettore dei facchini..e noi, per voto, aiutiamo a fare i traslochi..dalle case dei ricchi a quelle dei poverelli…!

Suor Teresa : ma che bravi…ma che cari….e dite bravo giovine….Voi che siete tanto pii….ci sapete indicare il Convento delle Pecorelle Sconsolate  …

Suor Martina..: dobbiamo consegnare questi doni  alle nostre  Sorelle e scappare subito….

Gigino      :    siete pure voi ricercate eh..?

Suor Martina  : noooo..che simpatico ….il fatto è non siamo pratiche di Napoli ..non  troviamo il sito.!!!…

Suor Teresa   : e il treno per Milano ci parte tra un’ora e non sappiamo come fare…

Gigino  :     e qual è ‘o problema….?..Voi date tutto a me ..consegno io…

Suor Teresa  : davvero..?….che bravo…..consegna lui…

Suor Martina : che anima buona..!!…grazie tante fratello…

Gigino   : grazie a voi .….arrivederci Sorelle … (fanno per squagliarsi)

Suor Teresa  :  un momento….fermo là..!!

Gigino  : (alzano le mani di nuovo) ‘o sapevo….Non sparate…

Suor Martina  : …che simpatici…no, dicevo… voi due così buoni ve ne andate e non date niente per i poveri Orfanelli..?

Suor Teresa : ….per esempio ( le prende di mano) …. queste belle torce….!

Suor  Martina..: e questa bella pistola…una spigola……Uh..pure i pastori….!

Suor Teresa :e queste belle mascherine di Carnevale ..sapete. per i nostri Orfanelli (le due Suorine si prendono tutto )…che fanno tanto bisogno….

Taniello  : ( si cava i guanti)…a Milano fa freddo…prendete…dateli agli Orfanelli….

Suor Martina  : ..uh..pure i guanti….grazie…..Grazie  ancora e Buon Natale…!       

                                                                                            (VANNO VIA FELICI)

Gigino  : (del tutto confuso)..Buo….Buon Natale…

Taniello    :  papà….tu che sei un genio dell’Economia dimme na cosa: avimmo fatto fesso nuie loro o loro a nuie…??!!

                                                   ESCONO CONFABULANDO

SCENA N.°.IX.....PAOLO E FRANCESCA

PAOLO E FRANCESCA SONO DUE CONIUGI MOLTO ANZIANI, DI LIVELLO ECOMNOMICO E CULTURALE MEDIO ALTO. VESTONO IN MODO DIGNITOSO CON QUALCHE TOCCO DI RICERCATEZZA. LUI PORTA FARFALLINO E BASTONE DAL POMO DI ARGENTO,LEIUN CAPPOTTO NERO CON PELLICCETTA CAPPELLINO CON VELETTA. SIEDONO SU DI UNA PANCHINA STRETTI STRETTI  L’UNO  ALL’ALTRA...

FRANC.  : ... È arrivato un altro Natale....

PAOLO :  già...un altro....lo sai che non me ne ero quasi accorto...

FRANC : ma come ..non lo hai sentito il suono delle zampogne..l’odore della minestra maritata..il frastuono dei tric trac..?

PAOLO : quello si..stanotte alle tre ne hanno sparato uno così forte che stavo cadendo dal letto...

 FRANC.: ......esagerato..

PAOLO    :    non ho potuto piu’ dormire..quasi quasi ti volevo svegliare...

FRANC.: .....si..? ( dolcemente maliziosa ) e per fare che..?

PAOLO  : guè non sfottere.....se non fosse per la pressione  bassa..il colesterolo alto..l’artrosi e il poco di angina ti facevo vedere io...

FRANC :... lo so..quella notte dell’86 fosti fantastico...

PAOLO : ...ricordi..? ti feci chiedere pietà...

FRANC : .....il mio uomo..!

PAOLO   : perdinci...! ( poi dopo un lunga pausa)...Stamattina ha telefonato Guido da Boston..dice che non può venire per le Feste..

FRANC : figlio mio bello ..quello deve lavorare..e così a Boston lo facevano Direttore di Sede..

PAOLO  : eh...ma non viene neanche Marcella con i bambini da Milano..

FRANC  : figlia mia..ch’adda  fa?..lo sai che i ragazzi oramai sono milanesi e tengono gli amici la...

PAOLO   ..già..e Corrado.’o piccerillo che fa a natale..?

FRANC : Paulù..Corrado “ ‘o piccerillo” ...tiene quarant’anni..Va con la fidanzata a Roccaraso..

PAOLO  :  ( tristissimo)...insomma questo Natale stiamo proprio soli...??

FRANC : ......questo Natale si...

PAOLO  : Francè...sono tre anni che per un motivo o per un altro ..stiamo soli...

FRANC  : che vuò fa...i figli oramai sono grandi...tengono i loro impegni.....i loro pensieri..

PAOLO  : e invece due genitori vecchi come noi non sono un impegno...non sono un pensiero...Ma lo pensano o no che il prossimo Natale forse non ci stiamo più...?

FRANC  : guè Paulù..e mo ti metti a fare l’uccello del malaugurio..E’ Natale...è festa..stasera ci facciamo una bella cenetta io e te...

PAOLO   : .....capirai..brodino vegetale e spinaci...

FRANC  : ...e solglioletta...!!!..Dopo invitiamo il cavaliere Paolillo con la moglie e ci facciamo una bella Tombola..a mezzanotte poi: via ! Tutti e quattro alla Santa messa...!!

PAOLO  : uhà...una botta di vita.!!....e dimmi ..visto che in quattro facciamo più di tre secoli...’a Chiesa ci andiamo direttamente con l’autoambulanza..?

FRANC . :....spiritoso...(guarda il cielo)..Amore..hai visto che luna che ci sta in cielo stasera..?

PAOLO   :  bellissima...Francè...ti voglio dire una cosa che non ti ho detto mai..Lo sai che quando stavo al fronte in Albania..nel ‘43..la notte guardavo la luna..la guardavo fisso fisso..così fisso che piano piano dentro alla luna vedevo la tua faccia ..i tuoi occhi immensi..il tuo sorriso...Poi..per paura di non vederti più mi mettevo a piangere..ero innamorato di te come uno stupido..

FRANC  : tesoro mio..! e perché non me lo hai detto mai..?

PAOLO  : mi vergognavo..

FRANC  : come ..quando ti faccio il clistere non ti vergogni  e per un pensiero romantico si..?

PAOLO  : che c’entra..? Sempre un uomo sono..e poi queste cose sdolcinate alla nostra età..

FRANC  : stupido....

PAOLO  : senti Francè...ti volevo dare il mio regalo..( porge una busta ) vedi se ti piace..

FRANC : uh..uno scaldapiedi elettrico..bellissimo..! Solo che .vedi....io .adesso tengo un poco di  vene varicose ed il calore mi fa male...

PAOLO  :..che scemo non ci avevo pensato...

 

FRANC : senti Amore..visto che ti sei voluto anticipare..eccoti anche il mio regalo..:..è una rara edizione della Divina Commedia in edizione mignon..

PAOLO : stupenda...! grazie è quella che desideravo..solo che con la mia cataratta non vedo nemmeno più la copertina..

FRANC  : scusami amore..sono proprio una sciocca ...Oramai mi sono fatta troppo vecchia che te ne fai più di me..? Beh..adesso andiamo a casa è scesa l’umidità..copriti bene..(gli aggiusta la sciarpa con amore)

PAOLO  : ( fermandola dolcemente)..aspetta Francè..aspetta..

FRANC  .:.. che c’è..?

PAOLO  :...( guardando fisso verso il cielo)..la luna Francè..! guarda la luna...Con tutti i miei occhi birbanti..stasera la vedo proprio bene..com’è bella..! Guarda Francè-..la sto guardando fisso fisso e come allora vedo ancora il tuo viso..i tuoi occhi immensi....il tuo sorriso..!!

FRANC   : Paolo mio..!!

PAOLO  : che scemo Francè..(si tocca il viso)..sto chiagnienno..!...comme allora ..sto chiagnienno..!

ESCONO ABBRACCIATI COME I DUE INNAMORATI CHE ANCORA SONO...

SCENA X :......PEPPINO ‘A FIGURELLA , MARADONA E BRIGGIDA

ENTRANO IN SCENA DUE PERSONAGGI,DUE  MISERI MENDICANTI, PEPPINO ‘A FIGURELLA CIECO  E  GIGINO DETTO MARADONA, CLAUDICANTE

MARADONA  :…. E NUN CORRERE..CA ME FAI CADE’..

PEPPINO     :… . AGGIE PACIENZA MARADO’, MA STASERA CH’E’ ‘A VIGILIA  IO VOGLIO ARRIVA’ A CHIESA  AMBRESSA  AMBRESSA PE VEDE’ A BRIGGIDA MIA …

MARADONA : A PARTE ‘O FATTO  CA NUN CE VIDE.  .SI CURRE ACCUSSI’.. ATO CA BRIGGIDA …JAMME LUONGHE LUONGHE ‘NTERRA E  ARRIVAMMO PRIMMA  ‘O CARDARELLI…

PEPPINO  :    HAI RAGIONE..ME SCORDO SEMPE CA CU TE  APPRIESSO NUN POZZO I’ ‘‘E PRESSA…GIA’..MA QUELLA LA COLPA E’ TUA…

MARADONA  : COLPA   MIA…!..OVERO…? E SI PUO’ SAPERE PERCHE’..?

PEPPINO  :  GESU’..TU STAI SEMPE ACCUSSI’ ALLERO…SI SEMPE ACCUSSI’ FELICE E  SPENSIERATO CA  IO ME SCORDO  DEL TUO PICCOLO  “ PROBLEMA” E  VACO FUIENNO….

MARADONA : PEPPI’…PENZA AL TUO  “PROBLEMA” CA SENZA DI ME NE PIGLIASSE TUTTE CAPATE DINT’O MURO…

PEPPINO   : VA BE VA BE..PIUTTOSTO…DIMME NA COSA…STIAMO VICINO  ‘A CHIESA ‘E PIEDIGROTTA..? QUANTO CI MANCA ANCORA..?

MARADONA : POCHI PASSI…DEI TUOI…PER ME..( ANCHEGGIANDO)..UNA VENTINA DI FINTE DI MARADONA…

PEPPINO    : E VIDE SI ‘A FERNESCE ‘E FA ‘E BATTUTE..ALLORA CI SIAMO…?

MARADONA  : SISSIGNORE..ECCOCI SUL LUOGO DI LAVORO..PUTIMMO MARCA’ ‘O CARTELLINO…AVANTI..MIETTETE IN POSA..( SONO DAVANTI ALLA CHIESA E SI PREDISPONGONO  AL LORO ACCATTONAGGIO..GIGETTO AGGIUSTA PEPPINO E LO SISTEMA CONME UNA STATUA DELLA DISPERAZIONE POI DA LA VOCE..)….IL CIECO, SIGNORI FATE LA CARITA’ AL POVERO CIECO..NON VI RISPARMIATE..SE NON TENETE SPICCIOLI SI ACCETTANO PURE CARTE DI CREDITO E ASSEGNI POSTDATATI..

PEPPINO  : GIGI’….STA  VENENDO DONNA BRIGGIDA..?..LA  VEDI..?

MARADONA  : NON ANCORA..UN MOMENTO…’A VI’ LOCO..STA VENENNO..NUN GUARDA’..NUN GUARDA’..!!!....A VI CCANNO… NUN GUARDA,’NUN GUARDA’...!!!

PEPPINO : E COMME GUARDO..?..EMBE’ QUANNO FAI ’STI BATTUTE TE CECASSE N’UOCCHIO…!

ARRIVA DONNA BRIGGIDA UNA BELLA POPOLANA CHE SI RECA A MESSA…PEPPINO NE E ‘ INNAMORATO MA NON SI DICHIARA PER PUDORE DI SE..

BRIGGIDA :  BUONASERA DON PEPPI’…PURE STASERA CHE E’ VIGILIA…STATE QUA

MARADONA  : DONNA BRI’…DI QUESTE SERATE LA GENTE UN POCO E’ PIU’ BUONA..UN POCO SI VERGOGNA DEL SUO BENESSERE VICINO ALLA NOSTRA INFELICITA’ E NOI AGGUAZZIAMO BENE…E POI L’AMICO QUA’ NON VEDEVA L’ORA DI VEDERVI..

PEPPINO    : E VIDE SI ‘A FERNESCE ‘E DICERE FESSARIE !..DONNA BRI’ NON LO DATE RETTA QUELLO E’ SCEMO…

BRIGGIDA : OVERO..? E ALLORA VOLETE DIRE CHE STASERA NON AVEVATE PIACERE DI INCONTRARMI…EPPURE IO VI HO PENSATO…

PEPPINO :  ….DAVVERO..?

BRIGGIDA  : COME…! PENSAVO A VOI CHE NON TENETE A NESSUNO …COME FATE DA SOLO IN QUESTE GIORNATE DI FESTA ?....CHE SO ?…UN POCO DI SPESOLELLA..IL CENONE…

PEPPINO     : CI ARRANGIAMO..COME SEMPRE….

MARADONA  : DONNA BRI’..QUA DAVANTI A VOI VEDETE PEPPINO ‘A FIGURELLA E GIGINO MARADONA..CAMPIONI MONDIALI DI SALTO DEL PASTO..E MEDAGLIA D’ORO ALLE OLIMPIADI DELLA SECCIA…UN APPLAUSO PREGO…!

BRIGGIDA : MA QUANT’E’ SIMPATICO…!!!MA COMME FA A STA SEMPE ACCUSSI’ ALLERO…???

MARADONA : E’ UNA  DOTE DI NATURA..UN DONO DI DIO..DONNA BRI’..L’ALLEGRIA ‘O PATETERNO ME L’HA LEVATA ‘A DINT’E COSCE E ME L’HA MISA ‘NCAPA…

PEPPINO    : …VEDI SE LA SMETTE DI FARE IL BUFFONE..PIUTTOSTO DONNA BRI’ ENTRATE IN CHIESA CHE COMINCIA LA MESSA..

BRIGGIDA  : VERAMENTE IO STASERA NON SONO VENUTA PER LA MESSA…LA VERITA’ E’ CHE VI VOLEVO ACCOMPAGNARE ALLA MENSA DEI POVERI A PIAZZA DEL GESU’..MAGARI UN POCO MI TRATTENEVO PURE IO…

PEPPINO   :  DONNA BRI’..UN MOMENTO PERMETTETE CHE NE MANDO IL RAGAZZO……MARADO’…VAI PURE … TUORNATENNE A CASA..SEI LIBERO..STASERA SMONTI PRIMA DAL SERVIZIO..

MARADONA : . E GRAZIE ..!..VUOL DIRE CHE ME NE VACO DERITTO DERITTO A CASA..

BRIGGIDA  : ….MA COMME FAIE..TU SULO…?

MARADONA  . E CHE CE VO..?...DONNA BRI’…UNA VENTINA DI FINTE DI MARADONA..UN LAMPO E STO ADDU MAMMA MIA…!!!!…(CANTICCHIA USCENDO)..CHISTO E ‘ ‘O PAESE D’O SSSSSOLE…. HI CHE CAZZAROLA ‘E FRIDDO..CHISTO ‘E ‘O PAESE D’O MAREEEEE…!!!!

BRIGGIDA : CHE TIPO..ME PARE N’AUCELLUZZO CUNTENTO..

PEPPINO.. :….GIA’…E ALLORA ME LA VOLETE RIFARE ADESSO LA DOMANDA DI PRIMA..?

BRIGGIDA  :…. COMME..!.ALLORA….DON PEPPI’…VI POSSO ACCOMPAGNARE ALLA MENSA E MAGARI FARVI UN POCO DI COMPAGNIA..

PEPPINO    :  ….NO..!..E’ MEGLIO DI NO…

BRIGGIDA :  …UH..E PERCHE’..?

PEPPINO  : …E’ MEGLIO DI NO…VEDETE DONNA BRI’..VOI SIETE UNA BUONA DONNA..SIETE UNA BRAVA CRISTIANA…E STASERA VOLETE FARE UN’OPERA BUONA..COME SI DICE UN FIORETTO…VE METTITE SOTTO ‘O VRACCIO MIO  E ME PURTATE..POI MI FATE….“UN PO’ DI COMPAGNIA “ …..E’ COSI’..?

BRIGGIDA     :…SI….

PEPPINO : E IO NON VI BASTO A RINGRAZIARE…MA PO’..QUANDO ‘E’ DOPPO..STANOTTE….DIMANE…...’O JUORNO APPRIESSO….CHILLU VRACCIO..CHILLU CALORE….CHILL’ADDORE ‘ E FEMMENA..ADDO’ ‘O PROVO CCHIU’….? ME LO DATE ANCORA VOI…?(ASCOLTA CON ANSIA IL TONO DELLA RISPOSTA CERCANDO DI CAPIRE AL DI LA DELLE  PAROLE)

BRIGGIDA  :   ( CONFUSA) ….MI DISPIACE PEPPI’……MA IO TENGO FAMIGLIA..

PEPPINO  :   E ALLORA LASCIATE STARE…UNO COMME A ME ‘E COSE BELLE SE LE DEVE SOLO IMMAGINARE…E’ MEGLIO….E MO ANDATE..JATE DONNA BRI’..….ACCUMENCIA ‘A MESSA…SANTA NOTTE E BUON NATALE..

BRIGGIDA  :    BUON NATALE…  DAVVERO…                           (ESCE COMMOSSA)

PEPPINO  :  ( DOPO ESSERSI ASCIUGATI GLI OCCHI CHE NON VEDONO MA CHE SANNO PIANGERE,DA LA VOCE) IL CIECO, SIGNORI FATE LA CARITA’ AL POVERO CIECO..NON VI RISPARMIATE..SE NON TENETE SPICCIOLI SI ACCETTANO PURE CARTE DI CREDITO E ASSEGNI POSTDATATI..!!!

RIENTRA GIGINO CHE PUR CON LA SUA ANDATURA INCERTA LO PRENDE SICURO ED AFFETTUOSO  SOTTO IL BRACCIO E SE LO PORTA VIA PER STRADE CHE SONO SOLO LE LORO…                 MUSICA

SCENA XI IL FERROVIERE ( DON VIRGILIO E CIRUZZO INFERMIERE )

PASSA DA SINISTRA A PASSO SVELTO DON VIRGILIO CHIAPPETTA CAPOTRENO DELLE  FF.SS. IN DIVISA DA LAVORO, SCIARPONA, BORSA SDRUCITA DI PELLE. DA DESTRA ENTRA CIRUZZO GALEOTA,GIOVANE INFERMIERE DEL LORETO MARE, CON GIUBBOTTO,PASSAMONTAGNA E UN FASCIO DI  BENGALA SOTTO IL BRACCIO....

Ciruzzo   : guè don Virgì...salute e auguri...!!

Don V.    : ..Ciruzzo....

Ciruzzo   : ...ne ma addò iate accussì combinato..?..Non mi dite che state di servizio di questa Santa Serata..

Don V      : e che te pare..?..Mi mettevo in divisa po’ veglione ..!..’a ciorta mia!!...Tra malati e festivi m’hanno schiattato ‘a Vigilia ‘e Natale....Ero reperibile e m’hanno acchiappato proprio a me per il Napoli-Milano delle 22 e 55... !!

Ciruzzo   : guardate.....e ‘o Cenone  ?

Don V    : nun me ne parlà..abbiamo cenato alle 7 e mezza...aggio lasciato ‘e criature chiagnenno (imitandole) – faceva Isidoro mio figlio - :“Papà, papà..e non apriamo i regali sotto l’albero..? - e a femminella - ..”Papà,papà..perché te ne vai pure stasera ..allora non ci vuoi bene..?” ..Me ne so sciso ‘a coppa cu ‘na pena ‘mpietto.. So’ criature :...vanci a spiegare che il dovere è dovere...e tu invece addo te ne staie jenno..?..

Ciruzzo   :..”a lavurar anca mi..!”...comme dicene a Milano...Stanotte sto  di servizio in Pediatria....Si...però..mi sono fatto mettere io...volontario..!!

Don V    : ...volontario...?..ma allora si scemo...

Ciruzzo   :.... no..è che io non tengo a nessuno..e a sta sulo me muravo ‘e collera.. allora meglio mmiezzo ‘e piccerille del Loreto Mare...magari ‘e faccio fa ‘doie resate..’e pazzeo..Insomma,ci facciamo compagnia...Guardate Don Virgì...’nci ho comprato pure i biancala e le stelletelle....a mezzanotte..li appiccio e tutti insieme cantiamo le canzoncelle di Natale..

Don V.    : si nu buono giovane...Embè quanno veco  ‘a cierti guagliune comme a te... penso ca stu paese ‘e tre sorde tene ancora quacche speranza...

Ciruzzo   :.ma io ‘o faccio cu tutto ‘o core..

Don V.   :  e io perciò tengo speranza..Cirù..siente..mia moglie mi ha messo nella borza un pacco di struffoli..io tengo ‘a glicemia e me fanno male..tiè pigliatille tu...però..in cambio...mo’ voglio io ‘na cosa a te..

Ciruzzo    :  ....comandate ..

Don V   : damme duie biancala...A mezzanotte precisa il treno ferma 10 minuti  a Cassino Scalo...a quel momento già lo so..il Macchinista Brambilla tira fuori ‘o Panettun...Bruseghin ‘o spumante...Proietti ‘o romano caccia ‘a chitarra ..e facciamo una piccola funzione tra noi ...vuol dire che io da buon Napoletano..metto un poco di allegria coi tuoi biancala....

Ciruzzo   :.Don Virgì e se poi vi dicono che siamo i soliti  Napoletani ....che facciamo solo casino...che non rispettiamo le regole...che addirittura appicciammo ‘e botte dint’ ‘o treno..?!!!

Don V     : e chi se ne fotte, Cirù....parlassero pure.... Il  Paese chiama e Don Virgilio Chiappetta risponde : obbedisco....!..Però c’hanna fa fà... Natale è Natale e s’adda festeggià....Pure dint’ a ‘nu treno..pure dinto ‘a ‘nu Spitale..!!!

Ciruzzo    : parole sante....buon viaggio e auguri....( poi ilare)..Ah,Don Virgì..vedete di non correre troppo col treno...

Don V.    : e tu vide nun te magnà tutte ‘e struffoli....!!!

SI DANNO CALOROSAMENTE LA MANO UN POCO PIU’ SERENI PERCHE’ GLI UOMINI DI BUONA VOLONTA...ADDO’ STANNO STANNO....NATALE SE LO PORTANO SEMPRE UN POCO APPRESSO.....

                         SCENA XII :.... …Maria  e Giuseppe

ENTRANO IL SCENA MARIA E GIUSEPPE DUE GIOVANI SPOSI CHE SONO DISPERATI PERCHE’ NON POSSONO AVERE FIGLI

Maria  : e pure queste analisi sono negative..(piangendo)..ormai ci dobbiamo rassegnare..un bambino nostro non lo avremo mai…..

Giuseppe  : non piangere,Marì……vedrai..magari..con un altro ginecologo…

Maria     : Giuseppe, non mi prendere in giro..sono dieci anni che proviamo di tutto…ormai sono disperata…mi sento così sola …..

Giuseppe  : ma ci sono io che  ti voglio tanto bene…

Maria     : lo so..ma io voglio un bambino..un bambino tutto mio….a Natale poi..quando tutti vanno in giro con i figli a far spese…..a comprare i doni ai loro bambini …la mia solitudine è ancora più triste…

Giuseppe  : già..pensa che questa volta ci avevo messo il pensiero..sicuro che  tu eri incinta e nasceva un bel maschio ci avevo già comprato il pallone e la maglietta del Napoli…il N° 10..come Maradona…

PER LA SCENA D’IMPROVVISO SI SENTE IL PIANTO DISPERATO DI UN POPPANTE

Maria  :  .....Giusè..hai sentito…?

Giuseppe  : si..è stata ‘na gatta…!!

Maria  : ma qua gatta…?...questo è un bambino che piange…qua vicino….lo sento…

Giuseppe  :  è vero…viene da là dentro…(frugando concitato nella mondezza) Marì…corri..Marì,guarda che ho trovato….

GIUSEPPE HA TRATTO DALLA SPAZZATURA UN POPPANTE CHE PIANGE AVVOLTO IN UNO SCIALLE

Maria    : Madonna mia bella..!!..un bambino…! Un bambino di pochi giorni..! Anima di Dio…….l’hanno buttato dentro alla mondezza…Assassini…Infami..!

Giuseppe : guarda, tiene un biglietto attaccato..( legge ) ..: “chi trovasse questo angioletto ne abbia pietà..io non posso tenerlo..”

Maria      : che mamma disgraziata....lasciare così la sua creatura…

Giuseppe  : portiamolo al Commissariato..ci penseranno loro…

Maria    :  no..!!! io l’ho trovato..è mio..!!…Nostro Signore me l’ha donato..si…ha aspettato che passassi proprio io perchè sapeva che lo desideravo tanto…è mio…!!!!

Giuseppe  : …ma, Maria ragiona……ascolta….

Maria      non voglio sentì niente…è mio figlio…! guarda,guarda Giusè com’è bello e ti somiglia pure…..tiene le stesse orecchie come le tue…

Giuseppe  : ..si, un poco a sventola…però  tiene gli occhi neri belli come i tuoi…Guè,Marì..mi ha sorriso….Marì forse hai ragione..in fondo con chi  potrebbe trovare più amore..?…sarà la nostra gioia…

Maria     : si, cuore di mamma sua…(stringendo a se il piccolo)…Dì,Giusè…e a nostro figlio come lo chiamiamo..?

Giuseppe  : beh, è ovvio ….io sono Giuseppe..tu sì Maria..è Natale…’o chiammammo  Gesù.Bambino….!!!

MENTRE I DUE SI STRINGONO TENERAMENTE SI SENTE LA DOLCISSIMA NENIA DI NATALE SUONATA DALLE ZAMPOGNE E TUTTI I PERSONAGGI RIENTRANO IN SCENA PER AMMIRARE LA FELICE FAMIGLIA,IMMOBILI COME IN UN PICCOLO PRESEPE VIVENTE,DOVE I PASTORELLI SONO UOMINI E DONNE VERE CON I LORO TANTI DRAMMI E LE LORO PICCOLE GIOIE.

NAPOLI 25.09.2002 FINE

Questa parte può eseguirsi coma appendice e corollario finale alla Commedia o come scenetta singola avendo un andamento unitario

SCENA XII :....‘A TOMBOLA dei Ciaramella

Voci fuori scena:

( Giusy) “ jammo ..appriparate ‘a tavulata..!”..

(Elena) ”Cuncè,puorte ‘e fasule..!!...”..”

( Armando) “Papà...ausammo ‘e scorze ‘e mandarine..? “...

( Peppe )” Peppì, nun te scurdà  ‘o nonno..!”

ENTRANO IN SCENA UNA SERIE DI PERSONAGGI DELLE CLASSICA FAMIGLIA NAPOLETANA, PRONTI A GIOCARSI UNA BELLA PARTITA DI TOMBOLA..VINCENZO, ED ARMANDO PORTANO DUE TAVOLINI CHE UNIRANNO A CENTRO SCENA...GAIA E MARUZZA PORTANO CIASCUNA DUE SEDIE..ELENA PORTA UN VASSOIO RICOLMO DI CIOCIOLE...PEPPE NUTINI PORTA IL NONNO SANDRO IN  CARROZZELLA..GIUSY PORTA LA TOMBOLA E IL PANARIELLO, PEPPE BARESCHINO BOTTIGLIE DI LIQUORE...

Giusy  : guè appriparate buono ca l’anno passato me schiattasteve tutto ‘o servizio buono...

Peppe B.  : ’o servizio buono..!!!.moglie....chille erano quatte piatte scumpagnate ..!

Giusy  : ...tu quando puoi parlare male della casa tua...

Armando  : mammà ..chille fuine buono a mezzanotte d’o 31..facettene tutte unu viaggio. d’o quinto piano...! roba vecchia addio...!!!

Nonno     :..ne io pozzo sta tranquillo...?? M’avisseva ittà abbascio..?

Gaia      :   seh..e chi ‘o tocca ‘o nunnariello mio..(lo bacia sulla pelata)

Elena  :.. . preparate la tavola ad etichetta...io ci tengo ..non per niente sono una signora..

Giusy   : . Fernà...tu fatiche ‘a mensa d’’o Cardarelle ...quà signora e cacchio...?

Elena   :. niente..siete gentarella..plebe..e io che mi ribasso a stare il Natale con voi...

Vincenzo  :.(a Peppe B).... don Peppì..mo che ghiucammo nun facite ‘o solito vuoto ca mbriugliate cu ‘e nummere...

Peppe   : io ‘mbroglio..? Embè tu sì ‘a schifezza ‘e tutte ‘e generi...Io nun ‘mbroglio: chille so ‘e nummere ca so’ piccerille..!!

Maruzza : e ..cu a scusa ce   vede....papà mette ‘e nummere addò vo’ isso...

ENTRAVENDULA  PORTANDO UNA SEGGIOLA

Gaia  : ‘a ì lloco  ‘e vi.. ‘a signurina del piano nobbile...!!!

Nonno  : gue’...‘a signurina hadda sta vicino a me..chella e’ troppo bona..!!

Armando  : ( malizioso) ‘o no’..ma quanno pure ve stanne vicino...vuie che ce facite...?

Nonno  : nun me ricordo.....

Vendula    : JASCH. NOSCH BASCH INTOSCH !!!

Tutti          :  che ha ditto...????

Vendula  :  Buon Natale...Sante Feste.....!!

Vincenzo : ( precipitandosi ad abbracciare Vendula )..Benvenuta. Benvenuta..che piacere di vedervi.. accomodatevi accomodatevi...

Vendula      : grazie...mi siedo qui..?

Maruzza  : no...mettetevi la..vicino ‘o nonno..(poi al marito Vincenzo)..tu quando puoi fare lo ‘nzipeto con questa  papera..non perdi l’occasione..

Nonno     : qua..quà..vicino a me...( abbrancandole come può)..grandezza ‘e Dio..

Peppe B : Papà....e per piacere ..vediamo di non intossicarci Natale...

Vendula    :  io vi volevo ringraziare dell’invito... E per  ricambiare  ho portato mezzo panettone e due cassatine..!!!

Elena   : s’e sprecata..!....( alla cognata)...all’anema d’a perucchiosa...!!

Giusy  : basta mo...accumminciammo ’a giuca.....!!

Armando  : neh...quant’e ‘a cartella..?

Peppe N...: guè..io stasera sto in forma...ve voglio sbancà  a tutte  quante..!

Peppe B.  : facimmo duie euro a cartella  

Tutti : ...è assaie...!!!

Peppe B..: un euro...!??

 

Tutti    :..è troppo...!!

Peppe N.  : aggio capito facimmo cinquanta centesime........muorte ’e famme..!!

PASSA PAOLINO IL FIGLIO MINORE CON GLI AMICI STEFANO E  PARIDE. CON IL QUALE  STA ANDANDO IN DISCOTECA.............

Tutti    :     guè..Paulù...fatte ‘na passata ‘e Tumbulella..

Paolo  : ‘a Tumbulella..? Ma vuie.a chi.vulite accidere cu ‘sti cose preistoriche..e po’..nuie stasera avimma  ì  ‘a ballà..!!.

Giusy  :     ...‘a   balla’..?... ‘A sera ‘e Natale ?.. A sera ‘e Natale se sta cu ’a famiglia...!

Paride :  ...Signò stasera tenimmo na situazione....

Stefano  :..All right...Stasera…‘o Drive Off  ..on the Roofat the Top…ce stanno ‘e Beck street Boys..!

Maruzza  : ma è straniero pure chist’ato..?

Paolo      :   no ..è comme parlammo nuie..

Paride    :..e po’ stasera tenimme tre  purpettelle pe’ mane..

Stefano  :. Yes...we have ‘a purpett muviment.. : movimento ‘e femmene...!!

Nonno  : ...femmene donne..?....e pozzo venì pur’io...???!!!!

Peppe B...: silenzio..!!...’a tradizione d’a Tombola  è sacra..primma jucate  e doppo ve jate a magnà ‘e purpette..! Seduti...!!

Paolo, Stefano  e Paride :  (capitolando)....sei cartelle!!!

Gaia     :  ......papà ..mi presti dieci euro...poi se vinco facciamo a metà...

Peppe B.  :..Aggio fatte n’ato affare..e tieni...Guè ‘o cartellone  a me..!

Elena           : a me tre cartelle..qua stanno i soldi.

Maruzza :  qua stanno i miei e di Vincenzo... ..sei cartelle..!!!

Vendula  : ma io  non so giocare..se qualcuno mi insegna...

Vincenzo  : io mi offro volontario.....mo vengo llà...

Maruzza   :....Tu cionchi qua...!!...Il gioco ce lo spiega il nonno...

Nonno : ....’ o spieg’io..t’o spiegh’io...accostate...!!

Vendula  : Uh...Don Peppì...ma perché  mi mettete la mano sulla coscia..????.

Nonno : .....fa parte del giuoco.. piccerè statte...!!

Giusy   :..Papà...!!...Peppì..jamme bello ..tira primmo ca ce pigliamme collera..

Peppe B  : ( doppio aver girato il panaro) ...Uno...!

Stefano   :..One..!

Gaia     : l’Italia...        

Paolo   : ‘o Tengo..!                       

Paride   : nunn’o tengo...!

Peppe   : quattro...!

Stefano :...Four  : the pig..!

Peppe Nutini  : ‘o Puorco..praticamente  :... ’o Nonno..!!

Paolo e Paride  : nunn’o tengo...!

Vendula  🙁 guardando la cartella)....ambo....!!

Armando : già....hi che mazzo ca tene...!!

Nonno : e io che ho detto...

Peppe B  : trenta..!

Elena  : ‘e palle d’o tenente..!!

Stefano : ....the official’s  balls...!!

Vendula     : Uh...che simpatico.....e che significa   “ ‘e palle del tenente..???”

Vincenzo : ....poi  vengo e te lo spiego io...

Maruzza  :    tu te staie ‘o posto tuo se no ti ciacco....

Vincenzo  :....tu ciacche a me ..??....e famme vedè...!!!

Palluccia   : ( è la caldarrostaia del vicolo che rientra sfatta dal suo giro di vendite..ha con se ancora la merce invenduta..interviene sulla battuta di Maruzza)...Guè...guè... che stato.??...stateve quiete.. avasciate ‘sti mane se no ci ricordiamo Natale...!!...Ia..facite pace...!!...Io per aver cacciato venti anni fa  a mio marito Giruzzo .....si capisce....dopo averlo buono paliato...da allora  me lo sto ancora piangendo...

Elena  :...non ci avete perso niente... quello Ciruzzo  era un dieci di  fetentone...

Palluccia  : ...Cummà...meglio un fetente in casa che questa fetente di solitudine..

Gaia        : ..Pallù...nun ce pensà...gioca co nuie,....pigliati due cartelle...

Palluccia : grazie...ma mi difetta la moneta.......Potrei pagarvi in natura...?

Nonno  :   (mandrillo)...magari...!!! viene accà, Pallù.......incasso io...!

Peppe  :   papà..quella Palluccia intende pagamento in castagne....

Bambenella  :  (entrando :è in vecchia puttana ottimista che smonta dal lavoro).. Guè...io  ‘e castagne  niente  però tengo  ‘na bella stecca ‘e mabboro..’nu cliente tabbaccaro..m’a rialato pure ‘e stelletelle...pigliate...fanno alleria..

Giusy  : Brava..! Bambenè ....assettate...e tu ...Peppì.. avuote stu panariello..

Peppe    :  eccoci...’a mano è libera..ne ca io tiro........sedici..!!!

Stefano  :  sixtheen...the back..!

Nonno   : ...’o Cu...!!

Armando  : (tappando la bocca al nonno..)..e non si dice..!...in italiano pulito culo si dice il DEREDIETRO!!

Paolo e Paride : nunn’o  tengo....!

Vendula  :   ( mettendo un fagiolo sulla cartella).......lo tengo...!  Quaterna...!!!

Vincenzo :   e te pareva...... chesta ‘è tene tutte quante...! Hi che DEREDIETRO !!

Bambenella :..... e chello ce vulesse pure pe’ me..’nu poco ‘e deredietro...!

Peppe N.   : ma pecchè Bambenè chello ca tieni nun te basta..tu loco tiene ‘na montagna ‘e sfizio...io so che i militari ci vanno pazzi...

Bambenella  :.... ‘na vota...adesso l’Azienda s’è fatta vecchia..è in bancarotta..Basta pensammo a ghiucà..E’ uscito il 29..?...Ne tengo due...

Peppe Nutini  :... solamente ....Serata magra eh.Bambenè...!

Giusy  : ( severa e saggia).non zignore...il 29 ancora deve usciere e speriamo che non

                            esce che quello ogni volta che esce fa un saciccio di guaio...

Armando : e brava a mammà..pure filosofa..!..Avanti papà che..vado per la Cinquina..

Peppe.   .:..88...I caciocavalli...!  

Stefano :.....comme cacchio se dice in inglese..88 ..?  

Vendula : ...cinquina...!! 

Palluccia  : salute e bene.. l’estero s’ha futtuto tutto cose ..!!         

Bambenella : cu ‘e casecavalle. nuoste..!!

Gaia   :  a proposito ‘e casecavalle ... e vi loco ‘e vi...stanno arrivanno ’e doie casecavalle d’o vico......

ENTRANO INFATTI LE CURIOSE SORELLE RESI E LUISA PETTOLIN LE DUE PROFESSORESSE DEL VICO IN PENSIONE..

Resi      : buonasera... ben trovati..Luisa guarda che carini...giocano..Ma cos’è..ma cosè che state facendo tutti quanti insieme seduti in mezzo al vicolo...?

Tutti      : .....‘a tumbulella..!!

Luisa    : Resi...stiamo a Napoli dal quarantatrè e ancora non conosci gli usi  locali....Stanno facendo  la tombolella...E’ una specie di Lotto primitivo...

Resi       : Si...si....adesso ricordo .. A Napoli la tombolella è come il lotto..soltanto che i Napoletani insieme ai numeri ci mettono pure le maleparole....!!

Vincenzo.:...quanto so’ bellelle tutte ‘e doie...accomodatevi accomodatevi prufessurè..vediamo se stasera riusciamo a fottervi tutta la pensione..

Vendula  :  “ a fottervi,...”....e che significa...????

Nonno       :   ..po’ t’ ‘o spegh’io  bella d’o zio..!.

Peppe : e vedimmo si ‘a fernesce......prossimo numero...’o ì canno ‘o ì....mio figlio..!

Resi   : ...e sarebbe..?

Luisa   :...questa la so..questa la so..su diciamolo tutti in coro..uno... due... tre...:

Tutti   : ....23..!.....’o scemo...!!!

Armando : e pe’ forza me vulite ‘ncuità...... neh, ca io mo’ scasso tutte cose ..!

Giusy  : ‘o servizio buono...!!!.....statte sodo....!!!!!

DALLA FINESTRELLA DEL PRIMO PIANO SI AFFACCIANO LE PADRONE DI CASA MICHELA E DANIELUCCIA

Michela :....e allora la finiamo con questa caciara...?....noi dobbiamo riposare..la bambina qua è delicata..

Daniela   :..io se non mi faccio e mie 10 ore di sonno la mattina non servo...

Elena : perché quella di solito la bambina serve assaie..!

Bambenella: Ma stasera è ‘a Natale...s’adda festeggia..! jammo scennite  abbiscio a giucà cu nuie..

Michela :  giocare a tombola per strada..?...mai..!!..Noi siamo delle signore.....Nuie simme ‘e padrone ‘e casa...A scendere non scendiamo...

Daniela  :  ....mannatece quatte cartelle ‘ncoppa..!!

Armando  : faccio io..Signurì..acalate ‘o panaro..cu 4 euro ‘a dinto...

Michela : giovanotto..scaliamo da sopra alla pigione...

ENTRA GIGINO MARADONA CON PEPPINO ‘A FIGURELLA E BRIGGIDA

Maradona  :  Santa Notte a tutti quanti...

Palluccia  : Guè Maradò..assettate cu nuie...

Maradona  :... . a verità (ancheggia) mi stavo ritirando diritto diritto a casa...però se non giocate pesante...Quant’è a cartella..?

Bambenella :... solo 50 centesimi...

Maradona. :.... Bene..allora datemi (si fruga) tre...no...due...no....Don Peppì..datemi una cartella!  Quatte finte ‘e Maradona e pure cu una cartella sola ve pulizzo a tutte quante...!!

Armando:.  Cca,,miettete  ca...!!.(Armando gli cede carinissimo il suo posto)

Maradona  :.....Alè oho..alè..ohòòòò..!!

Vendula  : quant’è carino..! io me lo porterei a casa..già lo tengo nel cuore..

Nonno    : . e a me ..?...a me addò me tiene..? Nu sciupa femmene comme a me ....e che me manca..?

Resi       : a me mancano due numeri e faccio scala !!

M. Luisa : ma sei de’ marmo tosa..! di questo gioco non hai capito ancora niente..!

Elena  : Don Peppino..Donna Brigida..onorateci per il gran finale ...

Peppino ‘A  : Grazie...ma io ‘e cartelle nunn’e veco...

Briggida : e io vicino a te che ce stongo a fa..? t’‘e mett’io ‘e nummere.!!

Maruzza   : (curiosa)... ma allora....?

Briggida : ...ci siamo fidanzati...Marù..m’aggio pigliato l’omme chiù doce d’o munno...

Peppino ‘A. :....e io ho avuto una grazia...’o Pateterno m’ha mannato l’uocchie ca nun tenevo...don Peppì....mo ce veco... ce veco....!!! ( bacia Briggida)

Maradona : (come sempre allegrissimo...accendendo una stellina)...e io so ghiuto disoccupato..!!...Pacienza....Alè  Ohoo...Alè..Ohooo...

Daniela   : ...su ..su...don Peppì tirate.!...non mi fate stare in ansia..!

Elena     :......a me mi manca un solo numero..

Peppe  : pronto ..eccolo   :....90 ....!..

Stefano  : ‘A paura...!! ...The Paur...!!!                         

Paolo :...’o tengo,...!!                           

Paride  : nunn’o tengo..!!!

Vendula : ...Tombola...ho fatto Tombola..!! 

Peppe N. : chi l’è bivo...!...chesta .pure ‘a tombola ha fatto..!!

Vincenzo  : ( accostandola) brava,..bella e brava..Fortunata al giuoco..ed in Amore..?

Maruzza  : ..ancora faie ‘o ‘nzipeto..? ma stasera pe’ forza t’aggia manna’ ‘o Cardarelli...?

Vincenzo  :... tu a me..?..tu a me.? Ma io mo te...

Giusy  :    Basta..! E’ Natale  e facimmolo ‘ngrazia ‘e Dio..Facimme Natale..!!         

mentre parte la musica di  FACIMME NATALE

Napoli 30.11.05                                                                    Angelo Rojo Mirisciotti

 

                                    

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 27 volte nell' arco di un'anno