Che pastiss, a Vila Beatriss!

Stampa questo copione

Che pastiss

a Vila Beatriss!

commedia comicissima in due atti di

TreMaGi

(Posizione SIAE n° 103597)


PERSONAGGI

Dotor Primo Neurotti, médich

PRI

Renata, soa fomna

REN

Dotor Giulio Squarta, chirurgi

GIU

Dotor Livio Reuma, médich

LIV

Gilda Chiappa, ex inferméra

GIL

Sergio, fieul ëd Gilda

SER

Prof. La Salma, diretor dla Vila

PRO

Tòta Orsolina, cap-inferméra

ORS

N’inferméra

(l’infermiera può essere una sola)

IN1

N’àutra inferméra

(l’infermiera può essere una sola)

IN2

Civich

CIV

Monsù Garetto, degent

GAR

Sandra Reuma, sorela ‘d Livio

SOR

Scena:

L’azione si svolge nello studio dei medici della Casa di Cura e Riabilitazione Funzionale “Villa Beatrice”. Sul fondo, grandi finestroni al centro danno sull’esterno, per cui si deve vedere il paesaggio: case, alberi, una porzione del nosocomio o simili a piacere. L’esterno delle finestre sarà utilizzato dagli attori per cui dovrà essere agibile. A fianco delle finestre, da un lato una libreria e dall’altro un poster o grande quadro di tema medico. Una porta sulla parete alla sinistra del pubblico dà sul corridoio che va ai reparti, una sulla parete di destra permette l’accesso ai servizi igienici. Un paio di scrivanie, mobiletto con telefono, quadri, riviste, magari una bacheca con appesi estratti, circolari e avvisi. Vicino alla porta del corridoio un attaccapanni con appesi cappotti, impermeabili, giacche, ecc. Sui mobili vi sono oggetti e strumenti vari di uso medico.


PRIMO ATTO

Scena I

(Primo e Giulio)

(UN OROLOGIO A PARETE SEGNA LE 10.45 E L’ORA AVANZA INSIEME ALL’AZIONE DELLA COMMEDIA)

PRI    (È SEDUTO ALLA SCRIVANIA E SCRIVE; DOPO UN MOMENTO SI ALZA IN PIEDI E DECLAMA IL DISCORSO CHE EVIDENTEMENTE STAVA SCRIVENDO) “…e per questo, in un’epoca in cui tutto il mondo si rivolge alla professione medica come a una guida e a una sicurezza che sia garante dei più alti livelli di tecnica, professionalità, dedizione… ehm…” (LEGGE SUI SUOI FOGLI) “…ed anche insegnamento, io chiedo a voi, amici neurologi, ed ai colleghi che da lontano e da molti paesi…” (INDICA COL DITO VARI PUNTI DELL’IMMAGINARIO UDITORIO) “…Australia, Canada, Pakistan, Bulgaria… a voi tutti chiedo di ricordare le parole del giuramento di Ippocrate...” (ENTRA IL DOTT. GIULIO SQUARTA CON UN VASSOIO DI DOLCI)

GIU   La torta i veuj tajéla mi, neh… i veuj pròpi dijlo, a col chirurgo taja-tripe, ch’as riserva ‘l cotel per tajoché ij cristian… ëd dani a na fa già an sala operatoria ch’a basto e a vanso. (RIDACCHIA; PRIMOGLI LANCIA UN’OCCHIATACCIA)Mè carissim coléga dotor Primo Neurotti… cerèa col ësgnor!... It veule na pasta?

PRI    Lassme perde, Squarta. It vëdde nen ch’i l’hai da fé?

GIU   E mi no? A l’è già ‘ncamin ch’ai riva ij primi congressista e i soma ‘nt le curve con ij preparativ… Da sì tre dì a j’è ‘dcò la recita per ij “degenti” e i l’oma ancaminà le preuve mach ier sèira… A propòsit… it sas se tòta Orsolina a l’ha lassame ‘mbelessì ij costum?

PRI    (MOSTRANDOGLI I FOGLI) I son ancamin ch’i cerco da ‘mparé sossì a memòria, at dispias?

GIU   Còs a l’è?Ël discors ëd presentassion ëd la recita?

PRI    A l’è ‘l mè discors per ël congress dë stamatin.

GIU   (DISINTERESSATO) Ah, col discors-lì? (CERCA IN GIRO PER VEDERE SE CI SONO I COSTUMI) Pijëtla pì tranquila… chi ‘t veule ch’a nomino primari dla neurologia, se nen ti, ch’i të s-ciame “dotor Primo Neurotti”?

PRI    It veule dì che ti it fase ‘l chirurgo mach perché i të s-ciame “Giulio Squarta”? Magara at anteresserà savèj che ij mè coléganeurologi, dal Perù al Giapon, a treuvo ch’a vala la pen-a ‘d fesse‘n viagi fin-a ‘mbelessì ‘dcò per sente la mia relassion!

GIU   Euh, i lo chërdo!... Tute le spèise pagà, viagi comprèis… Tre dì a gratis al Grand Hotel… disné e sin-a… (PRIMO RIPRENDE A STUDIARE IL SUO DISCORSO, INTANTO GIULIO HA TROVATO I COSTUMI; DURANTE IL DIALOGO CHE SEGUE LI TIRA FUORI E CONTEMPORANEAMENTE MANGIA UN DOLCE) Ecco… Bele fàit. A che ora ch’as ancamin-a?

PRI    (CONCISAMENTE) Mesdì.

GIU   Ah, beh… (GUARDANDO L’OROLOGIO) A j’è ‘ncora pì ‘d n’ora... Bon-a fortun-a.

PRI    Grassie.

GIU   It ses agità?

PRI    Sì.

GIU   E dài!… Preòcupte nen… S’it l’avras da manca d’un tranquilànt, con dosèntneurologi lì davanti an sala,ëd sicur quaidun al-l’avrà da dete!

PRI    (GLI DÀ UNO SGUARDO GELIDO E RITORNA AL SUO DISCORSO) “…di più alti livelli di tecnica, professionalità, dedizione e insegnamento, io vi chiedo…cari colleghi e amici neurologi…”

Scena II

(Renata, Primo e Giulio)

REN   (ENTRANDO)Scusa ‘n moment, Primo...

PRI    (ESASPERATO) Òhi, Renata!… Ma it bute ‘dcò ti?

REN   (SENZA DAR MINIMAMENTE PESO ALL’ACCOGLIENZA CHE IL MARITO LE HA RISERVATO, PORGENDO UNA BANCONOTA)It l’has da cambié? Mi servono per il parchimetro.

PRI    Sto cercando di prepararmi per il discorso... (CERCA IN TASCA LE MONETE)

REN   Si, certo… scusa, eh…i vorerìa nen pijéme na bela multa…Ciao, Giulio...

GIU   Buongiorno,Renata... It ses ëvnùita per la…(CON ENFASI) “Tavola Rotonda”?

REN   Beh, as capiss!... È naturale, no?Potevo mancare al grande giorno di mio marito?

PRI    Il grande giorno di tuo marito sarà un fiasco se i ‘mparo nen ës discors…

REN   Ma se ier sèira it lo savìebenissim…

GIU   (PORGENDO IL VASSOIO) It veule na pasta?

REN   No, grassie.

GIU   A son na bontà!A l’ha faje la suora dël reparto “Malattie Infettive”.

REN   (RIFIUTA CORTESEMENTE) Grazie, no... Li mangerò durante il rinfresco.

PRI    (HA CONTINUATO PER TUTTO IL TEMPO A CERCARE NELLE TASCHE) Squarta, it l’has pa ‘d moneda? (A RENATA) Come mai sei venuta così in anticipo?

REN   Il professor La Salma mi ha chiesto se potevo stare con te a dare il benvenuto ai partecipanti e accompagnarli nella sala delle conferenze.

GIU   (PORGENDO LE MONETE A RENATA) Ses euro. A basto?

REN   (PRENDENDOLE) Benissim, grassie. At jë rend peuj Primo, neh… (A PRIMO) Visto che poi magari avremo altro a cui pensare, it faso adess j’augùri per la toa relassion. (GLI STRINGE LA MANO E LO BACIA SULLA GUANCIA)

PRI    (DISSIMULANDO) Grassie, grassie…

REN   Sarai bravissimo.

PRI    Grassie…

REN   It ses nervos?

PRI    Sì.

REN   Dottor Squarta, ci vediamo nella sala conferenze.

GIU   No,Renata. Mi i ven-o nen al congress.Ho da fare cose ben più importanti.

PRI    Grassie,Squarta…

GIU   (SEMPRE A RENATA) Devo fare le prove della recita per i degenti.

REN   Ah, già… la recita che preparate tutti gli anni nell’anniversario di “Villa Beatrice”! Chissà che bel lavoro che preparate quest’anno che la clinica compie cinquant’anni!...It la fase ‘dcò ti st’ani, Primo?

PRI    (SECCAMENTE) Còs i duvrìa fé, mi?

GIU   La recita dij sinquant’ani ‘d Vila Beatriss.

PRI    I l’hai già fàit la gavada d’organisé ‘l congress ëd neurologia, per ij sinquant’ani ‘d Vila Beatriss… fin-a con ël mè discors inissial e na mia relassion sientìfica… davanti a dosent specialista da tut ël mond… i l’hai pròpi nen temp per le vòstre boricade!

REN   A dite la verità…mi sa che i duecento neurologi sarebbero molto più contenti se invece della conferenza tu li portassi alla recita. (ESCE RIDENDO; RIDE ANCHE GIULIO, CHE PERÒ SUBITO SI BLOCCA, NOTANDO LO SGUARDO RAGGELANTE DI PRIMO)

Scena III

(Primo, Livio e Giulio)

PRI    (RIPRENDE) “Vi chiedo, cari colleghi ed amici neurologi…”

LIV    (ENTRA SALUTANDO VERSO L’ESTERNO RENATA, APPENA USCITA) Arvëdse, madamin… (VERSO PRIMO) Ah, it ses sì…

PRI    (SCONFORTATO)Oh, vaca tèra!...

LIV    (SI TOGLIE IL CAMICE E PRENDE LA GIACCA DALL’ATTACCAPANNI) Ciao, Giulio.

GIU   Ciao, Livio.It vade pa via, no? A j’è le preuve dla recita…

LIV    No, no, ij son… (A PRIMO) I veuj fete j’auguri pì sincer.

PRI    Grassie, grassie…

LIV    I vurerìa nen esse a tò pòst…

PRI    (CONTINUANDO A CONCENTRARSI SUI SUOI FOGLI) I lo sai.

LIV    Grande giorno, eh?

PRI    Sì.

LIV    It ses agità?

PRI    Sì! Ma con dosent neurologi ant la sala,un tranquilant i lo treuvo ‘d sicur.

LIV    (INGENUAMENTE) It l’as da manca d’un tranquilant?

PRI    (ALZANDO LA VOCE) No! Livio, i son ancamin ch’i cerco ‘d prepareme‘l discors!

LIV    Ah, giust. Alora it lasso ‘ndé avanti...

PRI    Grassie tante. (PRIMO SI CONCENTRA NELLA LETTURA DEI FOGLI)

LIV    (DOPO UN MOMENTO) Ma it veule ‘mparélo tut a memòria?

PRI    Almeno ij preuvo!

LIV    (IMPRESSIONATO) Bòja, che testa! E pensé che mi i treuvo dificil ricordéme la mia part ëd la recita!... Dì, Giulio…come a të smija ch’a sìo ‘ndàite le preuve, ier sèira?

GIU   Bin, bin… A l’era mach la prima vòlta ch’is trovavo…

LIV    (A PRIMO)Deh, i deuvo intré… andé da l’inferméra dl’ortopedìa, ch’a fa la part principal e dije: “Stretta di prua e larga di poppa!”… (RIDE; POI SI FA SERIO, COLTO DAL DUBBIO; A GIULIO) Ma it ses sicur ch’a farà rije?

GIU   As pisseran a còl.

LIV    (PERPLESSO) Mah… mi sta batùa i la capisso nen…

PRI    (CERCA DI CONVINCERLO AD ANDARSENE) Livio, ma ti it duvrìe nen esse ant ël tò gir ëd visite?

LIV    I l’hai pen-a finì. (GUARDANDO PRIMO CON AMMIRAZIONE) Che gran giornà! Chi a l’avrìa mai dìlo, quand ch’i fasìo l’Università, che ‘n bel dì, ansima a col pùlpit, it sarìe stàje ti?...

PRI    Già… ma s’it la piante nen lì da ciaciaré, ansima a col pùlpit i starài ciùto come ‘n buràcio.

LIV    Ah, già… scusa…It veule ch’it pija quaicòs da bèive? Un cafè?

PRI    (SPAZIENTITO) No, grassie!

GIU   (CERCA DI CONVINCERE PRIMO) Ma s’ai fùissa mach da fé la comparsa… sensa dì gnente… am mancherìo tre o quatr personagi… per esempi ël mòrt…

PRI    Per cola part lì ciamje al professor La Salma!...Sent, fame ‘l piasì, cheuj tuti ij tò strass e va a canté ant n’àutra cort!

GIU   I l’avìa pensà che i podìo pijè un mòrt da le camere mortuarie, ma coj dl’anatomia patologica a l’han nen vorsùne savèj… ròbe da mat, gnanca s’a fùissa ròba soa!

Scena IV

(Orsolina, Primo, Giulio e Livio)

ORS   (ENTRA SPINGENDO UNA BARELLA CON SOPRA QUELLO CHE PARE UN CORPO COPERTO DA UN LENZUOLO) Buongiorno, dottori…

PRI    (SBOTTA) Ma ‘nsoma, là!...A smija da esse al pronto soccorso!

ORS   Euh, che neuròlogo nervos!...

PRI    Tòta Orsolina, costassì a l’è la“Sala Medici” e a duvrìa esse privà.

ORS   (CON NONCURANZA) Sì, i lo sai.

GIU   (A PRIMO) Ma per piasì, i soma pa al “Sancta Sanctorum”…(A ORSOLINA) A l’ha fàit benissim a vnì sì, Orsolina… ch’a së scusa nen.

ORS   Scuseme? Am passa gnanca per l’anticamera!

LIV    (RIFERENDOSI ALLA BARELLA) A l’è un ch’i conòsso?

ORS   (SOLLEVANDO IL LENZUOLO) Ijpremi dla loterìa… (LA BARELLA È CARICA DI PACCHI,GIOCATTOLI E ROBA VARIA)

LIV    Ah, bene! A l’ha damanca ‘d na man?

ORS   Grassie, dotor Reuma... Li terremo nella camera mortuaria fino a dopodomani.

GIU   Orsolina, as ricòrda che i l’oma le preuve?

ORS   Che preuve?

LIV    Le preuve dla recita per ij malavi, no?

ORS   No, no… st’ani i l’hai nen temp. I l’hai d’àutr da fé che la recita, mi. (ESCE CON LA BARELLA)

LIV    (ESCE DIETRO DI LEI)Orsolina… magara chila a peul spieghéme còs a veul dì “Stretta di prua e larga di poppa”...

GIU   A l’è nen possibil che tute le vòlte ch’as fa na batùa a dopi sens a venta spieghéila mila vòlte a Livio…

PRI    (IMPERATIVO) Giulio! It veule piantéla lì e sté ‘n pòch ciùto? O magara andétne a le preuve dla recita?

GIU   (CANZONATORIO) Bòja fàuss, che autorità!... It vëddo pròpi bin, come primari dla neuro, dotor Neurotti…

Scena V

(La Salma, Giulio e Primo)

PRO   (ENTRA) C’è il dottor Neurotti da qualche parte? (SI FERMA NEL VEDERE GIULIO, CHE NON RICONOSCE) E lei chi è?

GIU   Il dottor Giulio Squarta, professore. Chirurgia Generale. Ehm… Gradisce un dolce, professore?

PRO   (IMPERATIVO) Esca. Devo parlare al dottor Neurotti. (SI SERVE DA BERE)

GIU   (RADUNA I COSTUMI PER PORTARSELI VIA) Subito, signore. Posso intanto cogliere l’occasione per augurarle un buon Cinquantenario?

PRO   Vada via.

GIU   (SI AVVIA, MA SI FERMA) Non le piacerebbe fare la parte del morto, professor La Salma? (LA SALMA LO GUARDA MALISSIMO E GIULIO ESCE)

PRI    Buongiorno, professore.

PRO   (IMPAZIENTE) Sì, certo, certo. Senta, dottor Neurotti… non è necessario che le ricordi l’importanza di questaconferenza…

PRI    Certo che no, Professore.

PRO   Non m’interrompa.

PRI    Ch’a më scusa…

PRO   Come Presidente del Consiglio di Amministrazione ed ex primario di questa clinica, mi considero in una posizione unica…

PRI    Ah, beh, as capiss. (INDICA UNA SEDIA) Si accomodi, Professore.

PRO   (IGNORANDO LE SUE PAROLE) …una posizione unica al momento di scegliere il relatore. Quest’anno, dottor Neurotti, non è un segreto per nessuno che lei è stato la nostra ultima scelta per quel ruolo. Una specie di ripiego.

PRI    (SUPERFICIALMENTE) Sì, avevo sentito dire che non ero proprio il primo della lista dei candidati…

PRO   Era l’ultimo. Comunque, contrariamente al mio parere, quest’anno è stato scelto come soggetto della conferenza la neurologia. Lei in quel campo, per anzianità, è il nostro specialista. Ipso facto, il conferenziere è lei.

PRI    Non la deluderò, Professore.

PRO   Lo spero bene. Nel suo discorso c’è per caso qualche riferimento all’attuale governo?

PRI    Assolutamente no, Professore.

PRO   E allora ce lo metta, Neurotti!

PRI    Ah, bene. Che riferimento devo mettere? Qualcosa in particolare?

PRO   Dei complimenti, no? Ci sarà anche l’Assessore, probabile futuro Ministro della Salute… e noi abbiamo bisogno di un nuovo apparecchio per la TAC.

PRI    (SCRIVENDO) Sissignore, un mucchio di complimenti.

PRO   E pianga miseria.

PRI    Miseria. As capiss.

PRO   Ma non faccia capire che siamo al verde.

PRI    (CONTINUA A SCRIVERE) Va bene. Non al verde, ma piangere miseria.

PRO   E sia breve. Non voglio vederli dormire tutti. Venga da me tra cinque minuti. Voglio dare un’occhiata al suo discorso.

PRI    Cinque minuti. Grassie,professor. Molto gentile.

PRO   (DOPO UN ATTIMO DI ESITAZIONE)Questa conferenza potrebbe essere per lei il trampolino per il posto di primario, lo sa, no?

PRI    (CON FALSA MODESTIA) Beh, professore… non mi sarei mai permesso di immaginare un tale balzo in avanti per la mia carriera professionale…

PRO   Non dica stupidaggini. So benissimo che lei sta tramando da anni per questa promozione.

PRI    (GLI FA L’ECO, COLPITO NEL SEGNO) …mozione.

PRO   Come pensa che abbia fatto io per la mia carriera?

PRI    (DI SFUGGITA) Eh, i son sempre ciamàmlo…

PRO   (NON HA CAPITO VERAMENTE) Come dice?

PRI    Niente, niente, professore…

PRO   Cinque minuti! (ESCE)

PRI    (IMMEDIATAMENTE RICOMINCIA A PARLARE AL SUO INVISIBILE PUBBLICO LEGGENDO GLI APPUNTI)“Cari colleghi ed amicineurologi, in questo paese abbiamo la fortuna di avere sufficienti fondi per sostenere… ehm… (CORREGGE SCARABOCCHIANDO SUL FOGLIO)…un robusto servizio pubblico di Previdenza Sociale. Ciononostante, vedo che abbiamo fra noi oggi l’AssessoreIntrighi… ed a lui mi rivolgo per… piangere miseria.”(HA UN CENNO DI DINIEGO E CORREGGE)

Scena VI

(Gilda e Primo)

         (GILDAENTRA NON VISTA)

PRI    (RIPRENDE) “…E dunque, vorrei essere breve, ma devo in questa sede e di fronte a questo insigne consesso, complimentarmi con il governo per… ehm…”

GIL    Mi scusi...

PRI    (SUSSULTANDO) Ma vaca tèra!...

GIL    Oh, mi scusi… non volevo…

PRI    (INTERROMPENDOLA) Questa è la Sala Medici.

GIL    Sì, lo so.

PRI    La sala d’attesa dei pazienti è al piano terra.

GIL    Ma mi i vorìa parlé conchiel, dotor Neurotti.

PRI    (DISTRATTAMENTE CERCA DI LIQUIDARLA) Ch’a cerca la caposala, tòta Orsolina. Ai darà n’apontament. A deuv fesse fé l’impegnativa dal sò medich.

GIL    Ma dotor Neurotti, am riconòss pì nen? I son Gilda.

PRI    Gilda? (POI ALL’IMPROVVISO, REALIZZANDO CON GIOIA) Ma a l’è nen possibil! Gilda Chiappa! L’infermera Gilda Chiappa!

GIL    E già ch’a l’è passàine ‘d temp, neh?Pì ‘d disdeut ani…

PRI    Ma dài? Disdeut ani!... A l’è incredibil! It ses sempre l’istessa! It ses nen cambià per gnente!

GIL    Ah, ecco… (RIDACCHIANDO) A l’è per lòn ch’it l’has nen riconossùme subit?

PRI    Sì, sì… it ses nen anvejà d’un dì… L’infermera Gilda Chiappa… la pì brava e pì bela ëd tuta la neurologia…

GIL    Beh, sossì it l’has sempre dìlo a tute le infermere…

PRI    Eh, no, Gilda!... (SI AFFRETTA A CHIUDERE LA PORTA) Lòn ch’a l’è staje tra mi e ti… a l’è nen ròba ch’as fa con tute j’infermere...

GIL    Mach con quadun-a…

PRI    Infermera Chiappa!... Mi adess i son marià… marià e bin content da esslo…

GIL    Anche disdeut ani fa it j’ere marià e bin content da esslo…

PRI    Sì, sì, va beh… Ma a më smija nen da ricordé che a ti at dèissa tròp fastidi la mia situassion, ansi…

GIL    As capiss… (SOGNA AD OCCHI APERTI) Eravamo così meravigliosamente colpevoli e romantici. A torné ‘mbelessì im ricòrdo torna tut…

PRI    Ma guarda mach che sorprèisa… A l’è bel rivëdse dòpo tuti sti ani… (GUARDA L’OROLOGIO CON APPRENSIONE) A dì la vrità… i l’avrìa nen tant temp… i son un pòch ëd corsa, perché i deuvo fé na relassion al congress ëd neurologia ch’a j’è stamatin…

GIL    (SI FA SERIA ALL’IMPROVVISO) I l’avrìa dovùtlo dì disdeut ani fa!…

PRI    Che ròba?

GIL    Non ti sei mai chiesto come mai ho lasciato l’ospedale così all’improvviso? Sensa gnanca saluté?

PRI    Maaa… i savrìa nen…

GIL    I spetava…

PRI    Còs i të spetave?

GIL    Dopo quello che avevamo fatto, cosa vuoi che stessi aspettando?

PRI    Mi sì ch’i sai…Na promossion?

GIL    I l’hai lassà la clinica per avèj un cit.

PRI    (RIDACCHIANDO) Normalment as fa ‘l contrari. Cioè, le fomne a ven-o an clinica per avèj ij cit… (DI COLPO REALIZZA) Un cit?

GIL    Sì, un cit.

PRI    (STORDITO) I l’oma avù ‘n cit?

GIL    A l’è stàita colpa mia… N’infermera ch’a resta ‘ncinta!...

PRI    Beh… ‘dcò ‘l dotor… Scusa, neh… ma i deuvo setéme. (SI SIEDE)

GIL    It veule bèive quaicòs?

PRI    (ALZANDOSI) I deuvo ‘ndé dal professor La Salma da sì sinch minute! (GUARDA L’OROLOGIO) A son già bele passà! (SI SIEDE) E mia fomna a sta per rivé sì! (SI ALZA) Oh, vaca tèra! Mia fomna! (SI SIEDE) Còs a dirà mia fomna? (SI ALZA) Ma a pudrìa anche nen esse me, infermera Chiappa...

GIL    I son sicura.A j’era gnun d’àutri.

PRI    (SI SIEDE) A pòst. I son panà.

GIL    Mi i vurìa ditlo antlora… ma poi ho pensato che non era giusto mettere nei pasticci anche te e la tua vita. Tu avevi le tue giuste ambizioni… volevi fare la specializzazione…

PRI    Gilda…costì a l’è ‘n moment ch’i l’hai tant da fé… un baron ëd ròbe… Perché it l’has decidù ëd dimlo pròpi ancheuj… improvisament… dòpo tut ës temp?

GIL    Per Sergio.

PRI    Sergio chi?

GIL    Nòstr cit.

PRI    Nòstr cit a l’è ‘n mas-ciòt? E vaire ch’a pèisa?

GIL    Un maschietto di diciotto anni. A pija pì nen ël làit.

PRI    Già ch’a l’è vera…

GIL    Ansoma, là… io ho sempre detto a mio figlio che il nome di suo padre era Chiappa e che io ero la signora Chiappa.

PRI    (MEDITABONDO) Giust. Madama Ciàpa…

GIL    E che monsù Chiappa al’era mòrt che chiel a l’era cit.

PRI    Ël cit a pupava…

GIL    Scalando il Musiné.

PRI    (TRASALE) Ël Musiné?

GIL    Trovavo che era bello che un bambino immaginasse suo padre come un eroe romantico...

PRI    Sì, ma… ël Musiné…(PAUSA) almeno ‘l Ròciamlon…

GIL    Ma poi ieri ho raccontato a Sergio tutta la verità!

PRI    (TURBATO) E chiel?

GIL    Ier a fasìa disdeut ani…

PRI    E ti it l’has faje ‘n bel regal…

GIL    Avevo deciso da anni, che quando avrebbe compiuto diciott’anni gli avrei detto la verità su suo padre!

PRI    Vaca tèra!…

GIL    Non gli ho detto proprio esattamente che eri tu… cioè, i l’hai nen dije ‘l nòm…

PRI    (INTIMORITO) Còs it l’has dije ‘d precis?

GIL    Che avevo avuto una storia con un dottore della clinica Villa Beatrice quando facevo la scuola dainfermiera e che lui era già sposato.

PRI    Giust.

GIL    No, per niente. I l’avìa nen calcolà bin come a pudìa reagì.A l’è andait avanti tut ier con sta stòria… i l’avìa mai vistlo ant un ëstat parej... A rijìa… peuj a piorava… E siccome era il suo compleanno…i l’oma beivù ‘n pòch ëd moscato...

PRI    Ma ‘l mè nòm it l’has nen dijlo, eh?

GIL    No, ma stamatin, pòr fieul… era in pessime condizioni. Ieri sera aveva preso delle pillole per dormire e siccome non gli facevano effetto…a l’ha fàit che finì la bota dël moscato…

PRI    Beh, per un pòch ëd moscato…

GIL    …e mesa bota ‘d branda.

PRI    Còsa?Moscato, branda e sonnifero?

GIL    É.

PRI    S’it l’avèisse falo ti disdeut ani fa, ades i l’avrìo nen ës problema…

GIL    A l’era completament fòra ‘d testa. Continuava a dire che era tutta colpa tua.

PRI    Colpa mia?

GIL    E già, eh?...Ma s’it l’avèisse vistlo stamatin! Oltretut a l’ha ‘ncora ‘l feuj reusa…

PRI    (DOPO UNA PAUSA) Ël feuj reusa?

GIL    As capiss! A l’ha ‘ncor nen la patente. E a l’ha decidù dë vnì an clinica an machina… per scoprire chi è suo padre!...

PRI    (TERRORIZZATO) Cosa?

GIL    Prima che lo potessi fermare, a l’è sautà an machina e a l’è partì! I l’hai pijà ‘n taxi e l’ho inseguito... È giù al pianterreno.Nell’ufficio informazioni.

PRI    Nell’ufficio informazioni?

GIL    Oh, già…Anvece ‘d pòchi òss sperdù per la Val ëd Susa, adess as ritreuva ‘n pare viv e a completa disposission!...

PRI    No, no… un bel gnente, cara la mia Gilda!... I sarai magara viv, ma a disposission pròpi no, neh!...I l’hai da fé ‘l discors al congress!

GIL    Mach sinch minute… sinch minutin-e…

PRI    Ël professor La Salma a l’è ‘nt ël so ufissi ch’a më spéta per lese ‘l mè discors.Dame ‘l numer ëd telefono ‘d tò fieul. Ant ël dòpmesdì i vëdrai da telefonéje.

GIL    No, no… it deuve parléje adess!

PRI    Adess i peuss nen. Dòpmesdì. Adess pòrtëtlo a ca.

GIL    I peuss nen.

PRI    Euh, già, it peule nen...

GIL    I peuss nen. Ij civich a l’han arestàlo.

PRI    Ij civich?

GIL    Ma sì… a l’han fermalo ij civich… guidava ubriaco, senza patente, senza assicurazione e a l’è passà con ël ross.A vurìo fèje la multa… ritirargli il foglio rosa… allora lui si è infuriato e… a l’ha daje në s-giaflon a la vigilëssa…

PRI    A ‘n civich fomna?

GIL    A j’ero sì tacà, così l’hanno lasciato in custodia all’usciere ed i vigli sono andati al pronto soccorso. (PRIMO SI SIEDE SCONSOLATO) Credo che stavolta lo denunceranno...

Scena VII

(Livio, Primo e Gilda)

LIV    (ENTRA)Ah, Primo...

PRI    Nen adess, Livio… i pàiro nen…

LIV    (NONCURANTE, A GILDA) Mi scusi... (A PRIMO) La Salma a dis ch’a l’è ‘ncamin ch’a të spéta ant ël sò ufissi.

PRI    Disje ch’i rivo subit… mach un moment…

LIV    A veul parléte prima dla conferensa…

PRI    Disje ch’i rivo…

LIV    Eh, no… i vado nen dëdlà… i son ampegnà con le preuve dla recita... (DECLAMA) “Stretta di prua e larga di poppa!”(RIDE) Ah, ah, ah!Giulio Squarta a l’ha spiegàme ‘l dopi sens! I l’avìa pa capilo! (SGHIGNAZZA, POI SI GIRA VERSO GILDAE SMETTE DI COLPO) Giuda bastard!... Ma a l’è l’infermera Chiappa! (LE STRINGE LA MANO)

PRI    It la conòsse?

LIV    Ma ‘s capiss! A l’è l’infermera… (PENSA UN ATTIMO) Gilda!... Gilda Chiappa!

GIL    Ciao, Livio… it vëddo con piasì…

PRI    I savìa nen ch’iv conossìe… It j’ere già ‘dcò ti a Vila Beatriss, disdeut ani fa?

LIV    Disdeut ani? Bòja, disdeut ani… che giovo ch’i j’ero… mi i l’avìa… (CI PENSA UN PO’) Disdeut ani ‘d meno!

PRI    A va? ‘Dcò mi.

LIV    I j’ero tuti ‘mbelessì anséma! E vojàutri doi i smijave pròpi doi colombòt! (RIDACCHIA INNOCENTEMENTE)

PRI    (CERCA DI MINIMIZZARE) Mah… pròpi doi colombòt…

LIV    Come no!...Sempre anséma a schersé!... A fùissa nen già stàje Renata, i l’avrìa dit che… (GUARDANDO GILDA CON AMMIRAZIONE) Ma che bel! A l’è magnifich podèite rivëdde!

GIL    ‘Dcò mi i son contenta, Livio…

LIV    Già… it l’has pròpi fame ‘n bel regal, a fete rivëdde dòp tuti sti ani!...

PRI    É…a l’ha fame ‘n bel regal ‘dcò a mi…

GIL    It ses nen cambià per gnente.

LIV    Nooo, dis nen parej per feme piasì… altro che…Ij cavej… Le rupie…

PRI    Beh, it j’ere nen tant bel gnanca da giovo… (RIDONO TUTTI E TRE)

LIV    Disdeut ani?...

PRI    Disdeut ani.

LIV    (AMMIRANDOLA ANCORA COMPIACIUTO)Disdeut ani…

GIL    Disdeut ani… (CON INTENZIONE) …e neuv mèis.

LIV    Gilda Chiappa… L’inferméra Ciàpa…

PRI    Sì, a l’è pròpi chila… (VUOLE CHIUDERLA) ma adess a basta, là!...

LIV    Ma it ses sì per travaj o per rivëdde j’amis?

>   (INSIEME; POI, DOPO UN MOMENTO)

 
GIL    J’amis…

PRI    Travaj…

>   (INSIEME)

 
GIL    Travaj…

PRI    J’amis…

PRI    Metà e metà. A l’è vnùita a fene j’augùri per i sinquant’ani dla clinica… e a vorìa savèj s’i l’avìo quaiche pòst da infermera liber, che però il-l’oma nen.

LIV    Ma no! I l’oma tant da manca d’infermére!...

PRI    Ehm…(GLI VIENE UN’IDEA) Sì, però giovo. (RIVOLTO A GILDA) I l’hai già spiegatlo, no? I l’oma da manca ‘d fòrse neuve e nen d’infermére già ‘n pòch… ehm… madure. (CERCA DI TAGLIARE CORTO) Scusa, neh, Gilda… Ti it l’has tanta pressa e noi it foma perde temp. (ACCOMPAGNANDOLA ALLA PORTA) Torna prest a trovene, neh…

LIV    Ma no!... I son sicur ch’at manca nen ël temp per fermete con noi almeno per l’aperitiv…

PRI    L’inferméra Ciàpa a bèiv nen.

LIV    Ma se antlora, a fin servissi, i ‘ndasìo sempre ansema al bar per un vermouth!...

PRI    Antlora a fasìa tante ròbe che adess a fa pì nen.

LIV    (RIDACCHIANDO) E che bele feste ch’i fasìo!...Che ‘d rijade!... Che companìa!... (A GILDA) Chissà che marì fortunà ch’it ses trovate!

GIL    Beh… ansoma…

PRI    (FRETTOLOSAMENTE) A l’ha pròpi fàit parej.

LIV    Eh, im lo imaginava... E che travaj ch’a fa tò òmo?

GIL e PRI    (INSIEME) A l’è mòrt.

PRI    Ades Gilda a l’ha nen tanta veuja ‘d conté ij sò afé, Livio…A l’è tant giù ‘d còrda…A l’ha pen-a contame che so òmo a l’è precipità mentre a scalava ‘l Musiné.

LIV    Ël Musiné?Ma ròbe da mat! Che tragedia! (A GILDA) E quand a l’è capità?

GIL    (CERCA DI STARE AL GIOCO) Eh… tanto tempo fa…

LIV    Ah, ecco… E ades… it l’has quaiche…?

PRI    (INTERROMPENDO) No, al-l’ha nen. Guarda, it conto peuj mi, neh… A l’ha dime tut. Gnun marì, gnun moros e gnun cit. Senza famiglia. A l’è a tòch. A l’è fin-a vnùme le lacrime a mi…

LIV    Mama, che ròba! A l’è terìbil!(SINCERAMENTE AFFLITTO)

PRI    (PROVA A SPINGERE LIVIO VERSO L’USCITA) Va via, ch’it rive tardi a le preuve dla recita!

LIV    (SI OPPONE DISTRATTAMENTE ALL’USCITA) It reste almeno per la relassion ch’a farà Primo?

GIL    (FELICE DI AVER TROVATO UN APPIGLIO) I j’era pròpi ‘ncamin ch’i pensava…

PRI    Ma peuj a l’è ricordasse ch’a podìa nen. A deuv pronté da disné per la famija.

LIV    Ma it l’has nen dit ch’a l’è sensa famija?

PRI    Sì… ma a l’ha tanti amis che per chila a son diventà come na vera famija. (FINALMENTE RIESCE A SPINGERE LIVIO FUORI) Oh, là!…

Scena VIII

(Primo e Gilda)

PRI    (PRENDE IL SOPRABITO E LA BORSETTA DI GILDA E GLIELI PORGE) Bele fàit.

GIL    3282189314.

PRI    (NON CAPISCE) Còs a l’è?

GIL    Ël numer ëd Sergio.

PRI    Sergio? Che Sergio?

GIL    Nòstr fieul. 3282189314.

PRI    Ah, già… (PRENDE DA SCRIVERE) Come a l’è?

GIL    3282189314. (PRIMO SCRIVE) E còs i foma?

PRI    Quand?

GIL    (SPAZIENTITA) Che intension ch’it l’has con Sergio?

PRI    Ij telefono pen-a ch’i peuss…

GIL    E ij civich?

PRI    I telefono anche a lor, a la polissia e ai carabinié, a va bin?... (UN DUBBIO LO ASSALE) Ma tò fieul… ai civich… a l’avrà pa dije gnente ëd tut ës trigo?

GIL    Beh, per fòrsa!

PRI    (TRASALE) Còsa?

GIL    Già… Ma a l’ha contaje mach lòn ch’a sa… Che suo padre è un dottore di qui.

PRI    Ah, beh…

GIL    Comunque i vigli gli hanno detto che ai na frega gnente ‘d savej chi a l’è so pare. Ma vogliono portarlo in centrale per fare il test dell’alcol.

PRI    Giust. Bon-a idea.

GIL    Ma Sergio dice che ha il diritto di essere accompagnato da suo padre!

PRI    Vaca tèra!

GIL    A l’è per lòn che mi i son ëvnùita sù.

PRI    Ma mi i peuss nen, adess!... Disje a Sergio ch’a vada da sol. E ch’a vada pì che ‘mpressa, sednò a lo arésto… (APRE LA PORTA) E se ‘l mè discors e la conferensa a ‘ndaran a rabel, a sarà mach grassie a monsù Sergio!

Scena IX

(Gilda, Primo e Renata)

         (NELL’APERTURA DELLA PORTA APPARE RENATA; PRIMO LA CHIUDE VELOCEMENTE FUORI; POI RIMANE PARALIZZATO UN ATTIMO, ANCORA CON LA MANO SULLA MANIGLIA DELLA PORTA; DOPO UN MOMENTO RIAPRE; RENATA È ANCORA LÌ)

PRI    (PARLA FORTE, PERCHÉ RENATA SENTA) Certo!...Grazie, signora Sergio... Mi ha fatto molto piacere vederla, signora… ehm… Sergio. (GUARDA RENATA COME SE LA VEDESSE SOLO ADESSO)Ma ciao, cara!... (A GILDA) Signora Sergio, questa è… ehm… mia moglie. (A RENATA) Renata, cara… questa è la signora… ehm…

GIL    (SOGGHIGNANDO) La signora Sergio.

PRI    Signora Sergio, sì… (PRESENTANDO RENATA) E questa è la signora… ehm…

REN   (DIFFIDENTE) Neurotti.

PRI    Già… Sì... La signora Neurotti. Come mi, Neurotti. Mia fomna. (A RENATA) Che bello vederti, cara! (ABBRACCIA RENATA, CHE È MOLTO SORPRESA; DIETRO LA SCHIENA DI RENATA FA SEGNO A GILDA DI ANDARSENE; GILDA SORRIDE E SCUOTE LA TESTA DICENDO DI NO) Allora cara, che cosa hai fatto in tutto questo tempo?

REN   (PERPLESSA) I l’ha postegià la macchina.

PRI    Brava, brava… (L’ABBRACCIA DI NUOVO E FA ANCORA SEGNO A GILDA DI ANDARE VIA; LEI SCUOTE LA TESTA DI NUOVO E VA A SEDERSI SU DI UNA SEDIA) Bene!...

REN   (CAUTA, CERCA DI AVVIARE UNA CONVERSAZIONE) Fa parte del personale medico, signora Sergio?

GIL    Veramente, no.

PRI    No, la signora Sergio… ehm… è venuta… a fare una visita! Sì. È venuta a trovare suo marito. È un paziente ricoverato in quest’ospedale! Sì.La signora… ehm…

GIL    Sergio.

PRI    Grazie, sì… Monsù Sergio a l’è ‘nt ël reparto B… a l’ha bin dit parej, no, madamin Sergio?

GIL    Sì, reparto B.

PRI    Ah, che bel… Sì, un bel reparto, ël reparto B... (A RENATA) Comunque, madamin Sergio stava tornando a casa, ma nel corridoio le sono venute delle palpitazioni improvvise… E quando dico che le sono venute le palpitazioni nel corridoio… voglio dire che era nel corridoio, quando le sono venute le palpitazioni…

REN   (PERPLESSA) Ho capito benissimo cosa volevi dire, Primo.

Scena X

(La Salma, Primo, Renata e Gilda)

PRO   (ENTRANDO ARRABBIATO) Dottor Neurotti!...

PRI    (CORDIALMENTE) Oh,professor La Salma… sarò da lei tra un attimo.

PRO   Avevamo detto cinque minuti, Neurotti!

PRI    Sì, cinque minuti.

PRO   Già! Un quarto d’ora fa!

PRI    Ah, sì? (CERCA DI CAMBIARE DISCORSO) Questa signora è mia moglie.

PRO   La conosco, la signora Neurotti!

REN   Buongiorno, professore…

PRI    E questa è la signora Sergio. (A GILDA) Signora Sergio, il professor La Salma è il Presidente del Consiglio di Amministrazione della Clinica Villa Beatrice. Ehm… (A LA SALMA) Un piccolo problema, professore. Alla signora Sergio sono venute le palpitazioni nel corridoio. (A GILDA) Non si deve preoccupare…

GIL    (SORRIDE SERENA) No, tranquillo… Non sono per niente preoccupata.

PRI    Bene, sì… Gradisce qualcosa da bere, professor…

GIL    La Salma.

PRI    Professor La Salma?

PRO   (IRRITATO) No.

PRI    (CERCANDO DI APPARIRE DISTESO) Il discorso è tutto rivisto, professore… (GLI SERVE QUALCOSA DA BERE) Dal punto di vista politico, voglio dire... Un giusto equilibrio fra povertà da una parte e bancarotta dall’altra, eh, eh, eh!... (AMMICCA CON RICERCATA COMPLICITÀ, PORGENDO IL BICCHIERE)

PRO   (NON PRENDE IL BICCHIERE E SI RIVOLGE A RENATA) Signora Neurotti, dopo essersi occupato delle palpitazioni della signora Sergio,suo marito avrebbe fatto meglio a correre nel mio ufficio a discutere il discorso per la conferenza!...

PRI    (SI SCOLA IL BICCHIERE)Giust! Perché allora non si porta mia moglie, nel suo ufficio… e discute il mio discorso prima con lei? (IL PROFESSORE ACCENNA A REAGIRE, POI ESCE BRUSCAMENTE)

Scena XI

(Renata, Primo e Gilda)

REN   Non eri così nervoso quando sei uscito di casa stamattina...

PRI    I son pa nervos... Bene, mi pare che si sia ripresa bene, signora Sergio. L’accompagno. (SI AVVIA)

GIL    E ij civich? (RENATALA GUARDA STUPITA)

PRI    Ij civich?... Ah, sì, dica che suo marito quest’anno non potrà essere presente alla festa del Corpo. (A RENATA, MELLIFLUO) Monsù Sergio a l’è ‘n civich an pension… Cara Renata, madaminSergioa veul ch’ij la conta ‘n pòch d’ij problema ‘d sò òmo… ti ‘ncamin-a a ‘ndé, vah…

REN   Ma chi è il suo medico curante?

PRI    Eh? (EDUCATAMENTE) Còs it l’has dit, scusa?

REN   Chi è il dottore di suo marito?

PRI    Chi è il dottore di suo marito?... Reuma.

REN   Livio?

PRI    Ehm… Sì, Livio.

REN   (A GILDA) Posso garantirle che il dottor Reuma è più che competente.

PRI    (A GILDA) Ha visto? Còsa ij disìa? Il dottor Reuma è bravissimo per i reumi e le altre malattie reumatiche.

GIL    (SPAZIENTITA)Dottore, ha cinque minuti di tempo?

REN   Senta, parli dei suoi problemi con la caposala, signorina Orsolina.

GIL    (CON VOCE PIÙ FORTE) Non ho nulla da discutere con Orsolina!

PRI    Heullallà!... Ch’a së scàuda nen parej madamin Sergio… E peuj… davanti a mia moglie… È molto sensibile…

REN   (TAGLIANDO CORTO) Finisci di rivedere il tuo discorso. Io accompagnerò la signora al reparto B. (A GILDA, CERCANDO DI CONCILIARE) E se non riusciamo a trovare la caposala, ne parleremo al dottor Reuma, neh…

PRI    (TRASALE) No! (CERCA DI CALMARSI)La signora Sergio non vuole parlare con il dottor Reuma... Non si fida di lui.

REN   Ma è lui che sta curando suo marito…

PRI    A veul gnanca pì vëdlo!

REN   Sciocchezze... Il dottor Livio Reuma è un ottimo medico.

Scena XII

(Primo, Livio, Renata e Gilda)

         (LIVIO ENTRA NON VISTO)

PRI    Livio Reuma a l’è mach un badòla!...

LIV    (INCONSAPEVOLE) Quaidun a l’ha ciamàme? (VEDE RENATA) Oh, ciao, Renata…

REN   Buongiorno, Livio.

PRI    (CERCA DI LIQUIDARLO) Sì, sì, ciao… va a le preuve, ch’i l’oma da fé…

LIV    (A GILDA, CORDIALE) Oh, ancora sì?

REN   È molto agitata per suo marito…

LIV    Eh, i lo chërdo…

PRI    Chi non lo sarebbe?

REN   Si chiama Sergio.

LIV    A va? Sergio? E ‘d cognòm?

REN   No, no… Sergio è il cognome. È nel reparto B.

LIV    (DOPO UNA BREVE PAUSA) Chi?

REN   Il marito della signora Sergio. (PRIMO È SEMPRE PIÙ SCONSOLATO, NON SA CHE DIRE; GILDA INVECE È SEMPRE PIÙ DIVERTITA)

LIV    Ma s’a l’è mòrt…

REN   Oh, mamma mia! (ANGOSCIATA, SI COPRE LA BOCCA CON UNA MANO)

PRI    Ma… Livio!

LIV    Cò a j’è?

PRI    A të smija nen d’esse ‘n pòch… indelicà?

LIV    Perché? Còs i l’hai fàit?

PRI    Ma come… Dé na notissia parej ant ësta manéra... (IMITANDOLO) “Ma s’a l’è mòrt”!... Non hai un briciolo di sensibilità?

LIV    Sensibilità?

REN   Sì, è vero, Livio…sei stato brusco… dirlo in quel modo… (A GILDA) Mi dispiace… Si sieda un momento…

PRI    A peul nen. A deuv andé via.

GIL    Non sarebbe una cattiva idea, sedermi un attimo. Giusto per riavermi dalla cattiva notizia. (SI SIEDE)

PRI    (LA COSTRINGE A RIALZARSI) No!... Quando uno ha avuto uno shock non deve sedersi! Aria fresca! Aria fresca ci vuole! Molta e subito!

LIV    Mi i na capisso pì gnente. Ma còs a l’è rivàje, alora?

REN   Ma insomma, Livio!...Le è morto il marito!...

LIV    Sì, i lo sai. A l’è robatà dal Musiné.

PRI    Oh, vaca tèra!

REN   (MERAVIGLIATA) Caduto dove?

LIV    An sël Musiné…

REN   E come ci è arrivato, sul Musiné?

LIV    Beh… i chërdo andasand sù da Caslëtte…

REN   Ma se era qui al Villa Beatrice fino a cinque minuti fa!…

LIV    Ma chi?

REN   Non essere così ottuso, Livio! Il marito della signora!...

LIV    (SEMPRE PIÙ CONFUSO) Il marito di Gilda Chiappa?…

PRI    (INTERROMPE DISPERATAMENTE) Ma sì, Livio! (LO PRENDE SOTTOBRACCIO E LO TIRA IN DISPARTE)It vëdde… a l’è staje ‘n pòch ëd confusion… (SI SFORZA DI RACCOGLIERE LE IDEE) L’òmo ‘d madamin a l’è mòrt robatand giù da la terìbila “parete ovest” dël Musiné… ma col-lì a l’era ël “prim” marì!... Ël second, monsù Sergio…

REN   (SOLLEVATA) Ah, il secondo marito…

LIV    (SORPRESO) Scond marì?

PRI    Sì. Scond marì. Monsù Sergio. Che al momento attuale è un paziente della nostra stimata casa di cura.

LIV    A sì?

PRI    (RAPIDAMENTE) Comunque, la buona notizia è che il marito della signora non è morto, ma va recuperando magnificamente. Pertanto lei può lasciare subito Villa Beatrice più sollevata.

GIL    Subito?

PRI    Alla svelta!

LIV    (A GILDA) Ah, alora stamatin it j’ere an visita?

PRI    Pròpi parej!E ades l’oràri dle visite a l’è passà.

LIV    Ah, ecco…(QUASI DELUSO, A PRIMO) mi i chërdìa ch’a fùissa vnùita a trovéne noi…

PRI    Ma ‘s capiss ch’a l’è vnùita a trovéne noi!... I soma ij dotor ëd sò òmo, no? (A RENATA) Insomma… Livio è il medico curante ëd sò òmo, pa vera?...

LIV    Chi, mi?

REN   Sergio. Signor Sergio. Reparto B.

PRI    Ma a fa gnente, an che reparto a l’è, Renata…

LIV    Sergio?... Sergio?...

GIL    (SORRIDENDO A PRIMO) Sì, Sergio.

PRI    I podoma pa pretende ch’it ricòrde ij nòm ëd tuti ij tòpassient, no?...

LIV    Ma no… normalment per ij nom i l’hai bon-a memòria… Per che motivo è qui?

>   (INSIEME; POI, DOPO UN ATTIMO)

 
PRI    Analisi.

GIL    Un’operazione.

>   (INSIEME)

 
PRI    Un’operazione.

GIL    Analisi.

PRI    Monsù Sergioa l’è rivà ‘n clinica per fé d’analisie noi i l’oma decidù ch’a deuv esse operà.

REN   Oh, mamma...

LIV    (A PRIMO) E a l’era rivà mach per fé d’analisi?

PRI    Sì, sì…gnente ‘d grave… A sarà mach un po’ ‘d gòta... ehm… uricemia àuta…

LIV    E noi i l’oma operàlo?

GIL    Sì. Di emorroidi. (SORRIDE A PRIMOCHE LA GUARDA SBIGOTTITO; RENATA È AMMUTOLITA)

LIV    (NON SI CAPACITA) I l’oma ricoveràlo per la gòta?

PRI    (IN GRAVE DIFFICOLTÀ) E abbiamo scoperto che aveva anche le emorroidi!Livio, vaca tèra! It lo sas che contròj ch’i foma ambelessì, no? E ades piantla lì da agitète! (LIVIO LO GUARDA COME A DIRE “E CHI SI MUOVE?”)

Scena XIII

(Primo, Livio, Renata e Gilda)

         (SQUILLA IL TELEFONO)          (

LIV    (RISPONDE) Sala Medici… La signora Chiappa? Sì, subito… (PASSA LA CORNETTA A GILDA) È la reception, giù al pianterreno.

GIL    Grazie. (AL TELEFONO) Pronto? Sono la signora Chiappa.

REN   (CONFUSA) Credevo che si chiamasse Sergio...

PRI    È la signora Sergio... Ma il tipo che è caduto dal Musiné si chiamava Chiappa… Succede, cosa vuoi… a volte la chiamano Sergio e a volte Chiappa… o almeno così mi ha detto lei…

LIV    (STORDITO) It veule dì che ‘l prim marì dl’infermera Chiappa a së s-ciamava Chiappa ‘dcò chiel? (MOMENTO DI SILENZIO) Doe ciàpe?

PRI    (RENATA OSSERVA PRIMO, INCURIOSITA; DOPO UN’ALTRAPAUSA) Prima che la signora Sergio si sposasse con il signor Chiappa faceva l’infermiera e si chiamava infermiera Chiappa…

GIL    (AL TELEFONO) Sì. Lo aspetto al telefono. Me lo passi.

PRI    Veramente, signora Sergio… non potrebbe fare telefonate private da quest’apparecchio…

GIL    Mi hanno chiamato loro.Il vigile mi vuole parlare.

PRI    Molto bene! Vada giù e gli parli personalmente.

REN   E cosa c’entrano i vigili, adesso?

PRI    Massì… Il signor Sergio è un ex vigile… ehm… in pensione… e c’è un vigile… in servizio, che vuole invitare il signor Sergio ad andare alla festa del Corpo...

GIL    (AL TELEFONO) Sì, lo so, ma qui di sopra ho avuto un problemino…

PRI    (A LIVIO, CON PROFESSIONALITÀ) Dotor Reuma, it l’avìe nen dit a monsù Sergio che le sue condizioni non gli permettono di essere presente alla festa dei vigili urbani?

LIV    (CONFUSO) No.

GIL    (TAPPANDO IL RICEVITORE) Oh, no!... Sergio a l’è torna ‘ncamin a fé ‘l mat!... (AL TELEFONO) Per piacere, se ne occupi lei finché arrivo…

PRI    (ALLEGRAMENTE, A RENATA) Anche nevrotico, a quanto pare…

GIL    (AL TELEFONO) Va bene!Scendo subito!... (RIATTACCA) I l’avìa dilo mi, che Sergio prima o poi sarebbe di nuovo scoppiato!...

PRI    (SPERA CHE SIA LA VOLTA BUONA) Vada, vada… vada subito a consolarlo!...

GIL    Sicuro di non volerlo vedere? Gnanca per un momentin?

REN   Il suo medico è il dottor Reuma.

LIV    Chi, mi?

PRI    Mi metterò in contatto con lei più tardi, signora Sergio…

REN   (A GILDA) Il dottor Reuma la accompagna all’ascensore.

PRI    (A LIVIO)Ma mach fin-a a l’assenseur, neh… E fa ‘n pressa ch’it deuve torné subit a le preuve!

LIV    Prego ven con mi, Gilda... (GILDA GUARDA FISSO PRIMO E POI SCAPPA VIA SEGUITA DA LIVIO)

Scena XIV

(Primo, Orsolina, Renata e infermiera 1)

REN   Gilda?

PRI    Si ch’i sai? Livio a l’era nen tant ant ël sò, ancheuj, neh?

REN   Beh, anche ti it ses nen pròpi tut an quàder, neh…

PRI    (CON NONCURANZA) It treuve?Mah… a sarà… (FORZOSAMENTE RAGGIANTE) Bòn! Andoma dal professor La Salma a dije doe paròle e peuj… drit al congress!

ORS   (ENTRA) Dotor Neurotti, ch’a më scusa. Ël professor La Salma a l’è ‘ncassià come na bestia e a dis che s’a va nen subit dëdlà ‘d corsa a ven sì chiel e… (IMITANDO LA SALMA) “Lo rivolto come un calzino quant’è vero il Padre Eterno!”

PRI    Sì, sì, tòta… i soma ancamin a ‘ndé…

REN   Ah, signorina Orsolina, sa qualcosa del signor Sergio? (PRIMO TRASALE)

ORS   Sergio? E poi?

REN   No, “Sergio” di cognome. Dovrebbe essere nel reparto B.

PRI    Renata, a l’è nen ch’a sìo nòstri afé…

ORS   Mah… non mi viene in mente nessuno…

PRI    (CONCISAMENTE) A fa gnente, Orsolina...

REN   Può fare un controllo, per favore? Il signor Sergio è stato ricoverato per la gotta, ma è stato operato di emorroidi...

PRI    Renata, la caposala ha tanto da fare…

ORS   È stato ricoverato per…

PRI    (LA INTERROMPE URLANDO) Emorroidi, sì, emorroidi! Ch’am disa nen ch’a l’ha mai sentù parlé dle moròidi! Uno stato varicoso del retto! Ël tafanari ch’a sagna! (ESCE FURIBONDO)

ORS   (ALLIBITA) Ma… veramente…

REN   (IMBARAZZATA) Lo scusi, signorina… A l’è ‘n pòch agità… (ESCE IN FRETTA PER RAGGIUNGERE PRIMO, CHIAMANDOLO) Primo!...

ORS   (SI SIEDE, ANCORA COLPITA DALLO SCATTO DI PRIMO, QUANDO SI SENTE BUSSARE ALLA PORTA)Avanti...

IN1    (ENTRA)Buongiorno, caposala… Cercavo il dottor Neurotti...

ORS   Non è qui. È appena uscito. Comunque, è meglio non disturbarlo in questo momento.Cercaloalla fine del congresso di neurologia. Adesso, no. È di umore nero. Ah, dì un po’… sai qualcosa di un certo signor Sergio?

IN1    Sergio? E poi?

ORS   È il cognome. Dovrebbe esserenel reparto B. Non so altro.

IN1    Non mi viene in mente nessun Sergio…

ORS   Il dottor Neurotti vuole vederlo.

IN1    Per che cosa è ricoverato?

ORS   Non ho capito bene… Gotta o emorroidi, non so...

IN1    Vado subito a cercare. (ESCE)

PRI    (ENTRA E VA A PRENDERE LA GIACCA SULL’ATTACCAPANNI; È AGITATISSIMO)I l’hai dismentià la giaca. (GUARDA ORSOLINA) Vaca tèra, còs i jë smìjo?

ORS   Uno stato varicoso del retto. (ESCE, LASCIANDOLO DI STUCCO)

Scena XV

(Primo, Sergio e infermiera 2)

PRI    (VA AL TELEFONO E COMPONE UN NUMERO) Dottor Neurotti… sì, buongiorno. La signorina Chiappa è ancora lì?... Sì, grazie… Gilda, còs it fase ‘ncora sì?... Ma còs it dise, quand it ses calà giù… Sergio… E ‘ndoa ch’a l’era?... Come, a l’è vnùit a cerchéte?... E come a l’ha fàit a scapéje ai civich?... A l’ha daje ‘n causs andoa?... Oh, vaca tèra!… No, no, a l’è nen sì… (LA PORTA SI APRE E APPARE SERGIO; I DUE SI GUARDANO PER UN MOMENTO; SERGIO HA IL FIATO CORTO E HA L’ARIA DI ESSERE IN UNO STATO D’ANIMO DISTURBATO) I pudrìa cambié l’ultima frase?

SER   È questa la Sala Medici?

PRI    Sì, è questa…Ma è strettamente riservata ai dottori. (SERGIO IGNORA L’AFFERMAZIONE ED ENTRA CHIUDENDOSI LA PORTA ALLE SPALLE; DURANTE IL SEGUITO, SERGIOESCE IN BAGNO PER UNA BREVE ISPEZIONE) Sì, i son ancora sì… Sì, sì!… (OSTENTA DI PARLARE PROFESSIONALMENTE) La diagnosi che ha fatto delle sue condizioni era assolutamente esatta… No, lei rimanga lì e si assicuri che quel… “suo amico” rimanga lì anche lui. (RIMETTE A POSTO LA CORNETTA E UNA VOLTA ANCORA SI SCRUTANO A VICENDA)

SER   (TORVO) Stavo cercando mia madre.

PRI    (È IMPAURITO, MA OSTENTA DISINVOLTURA) Sua… madre?

SER   Era salita qui per parlare con uno dei dottori.

PRI    Ah, sì... Una signora che stava scendendo mentre io arrivavo. Probabilmente è scesa in ascensore mentre lei saliva per le scale…

SER   Lei è uno dei dottori di qui?

PRI    (ESITA UN MOMENTO, POI, GENTILMENTE) Mi scusi?

SER   (ALZANDO LA VOCE) A l’è ‘n dotor ëd la clinica?

PRI    Ehm… no! No, i son pa ‘n dotor... No. (VIVACEMENTE) I son un malavi.

SER   Un paziente?

PRI    Eh, sì, ai va tanta passiensa… cioè, sto facendo la passiensa… cioè, sì, sto facendo la convalescenza… Gotta ed emorroidi, sì... E a quelli che sono in convalescenza gli fanno fare un po’ di lavoro di segreteria… Segreteria riabilitativa. Perché non va fuori a cercare la sua mammina?

SER   Col crin schifos! (SBATTE IL PUGNO SUL PALMO DELL’ALTRA MANO)

PRI    (ARRETRA TIMOROSO) Calma, calma giovinotto!...

SER   È un porco maledetto!

PRI    Chi sarebbe il maialino?...

SER   Quel porco di mio padre.

PRI    (CERCANDO DI CALMARLO) Ma no… non dica così al papalino... non è mica un porco…

SER   E ti come ch’it fase a savèilo?

PRI    Beh… i son sicur ch’a l’è nen un crin…diamine… a l’è sò papà…

SER   E mè pare ‘nvece a l’è pròpi ‘n crin!Am piaserìa pròpi tant s-ciapéje tuti j’òss na bon-a vòlta! (SBATTE DI NUOVO IL PUGNO)

PRI    Ma no... ch’a fasa nen parej…

IN2    (ENTRA) Dottor Neurotti?

PRI    Non c’è.

IN2    (STUPITA) Come, “non cè”? Mi scusi, eh, ma lei…

PRI    (LA INTERROMPE) Qui non c’è nessun dottor Neurotti! (AMMICCA ALL’INFERMIERA) Non c’è, capito? Il dottor Neurotti è in ferie!

IN2    (UN PO’ STRANITA, STA AL GIOCO) Volevo solo dire al dottor Neurotti, che il professor La Salma lo vuole urgentemente nel suo ufficio.

PRI    (SBRIGATIVO) Va bene. Quando torna dalle ferie glielo dirò. (LA SPINGE FUORI)

SER   Non me ne andrò da qui finché non avrò visto tutti i medici dell’ospedale!

PRI    Ch’a na parla prima con soa mamina…

SER   (SI SIEDE CON UNA MANO SULLA FRONTE) Mi sento male…

PRI    No, nen adess… Ch’a s’àussa, su…

SER   Mi sento male…

PRI    Se as sent mal as sentirà motobin mejansema a la soa mamina…

SER   (ALL’IMPROVVISO SI AGGRAPPA A PRIMO) Prima i veuj trové mè pare! (CADE IN GINOCCHIO E SI AGGRAPPA AD UNA GAMBA DI PRIMO)

PRI    Ch’a scusa, neh… la gamba a sarìa mia… i n’hai da manca…

Scena XVI

(La Salma, Primo, Sergio e Orsolina)

PRO   (ENTRA) Quanto devo aspettare ancora? (SI BLOCCA AMMUTOLITO, VEDENDO SERGIO IN GINOCCHIO AGGRAPPATO ALLA GAMBA DI PRIMO)

PRI    (IMPACCIATO, A SERGIO) Abbia pazienza, caro… Mi lasci andare, di grazia… (LA SALMA HA UN CENNO DI REAZIONE, POI SE NE VA, SGOMENTO)

SER   Mi sento male…

ORS   (ENTRA) Ch’a më scusa, i vorìa mach… (VEDENDO SERGIO) Oh…

PRI    Ehm… a l’è ‘n pòch… ehm… bolversà…

ORS   Bolversà?

PRI    Gnente ‘d grave... A l’è che… ehm… a l’ha soa mama ricoverà sì.

ORS   (A SERGIO) In quale reparto?

PRI    Ch’as preòcupa nen, Orsolina… Ij penso mi.

SER   (SI ALZA; A ORSOLINA) I cerco mè papà…

ORS   Ah… ‘dcò ‘l papà?An che reparto a l’è?

PRI    Tòta Orsolina, i l’hai dije ch’ij penso mi! Ch’a vada a fé ‘l sò travaj!

ORS   Sì, dotor… I j’era tornà mach na minuta… per scusarmi del mio commento un po’ offensivo di poco fa.

PRI    A fa gnente…

ORS   Sono stata veramente molto rozza.

PRI    (SPINGENDOLA VERSO LA PORTA) Bin gentila. Le scuse a son acetà.

ORS   Grassie, dotor. (ESCE)

SER   (STUPITO) A l’ha ciamàlo “dotor”…

PRI    Eh?... Già ch’a l’è vera!...

SER   A l’avìa dit d’esse ‘n malavi…

PRI    E i lo son. I son malavi… tant malavi… ehm… E ‘dcò dotor. An teologia.

SER   Teologia?

PRI    (RIDENDO) Ma chiel a l’è giovo… a savrà gnanca còs a l’è un “dottore in teologia”, no?

SER   (SERIO) Un prèive.

PRI    (SMETTE DI RIDERE) Esatto!... I son un prèive…in via di guarigione… gòta e moròidi.E ades ch’a vada a cerché sua mama.

SER   Mi i vado nen da gnun-a part, fin ch’i l’abia nen trovà mè pare! (SI SIEDE SUL PAVIMENTO A BRACCIA CONSERTE IN ATTEGGIAMENTO DI PROTESTA)

PRI    Ma ‘mbelessì a peul nen ësté… La sala medici è strettamente privata… ah, beh… ij malavi an convalessiensa a peudo intré… come mi…

Scena XVII

(Livio, Primo, Sergio e infermiera 1)

LIV    (ENTRA) Che piasì, rivëdde la Ciàpa!... (VEDE SERGIO E SI BLOCCA) Oh…

PRI    (RIFERENDOSI A SERGIO) No, a l’ha pa gnente… A l’ha mach perdù la mama…

LIV    Oh, pòr fieul! E ‘d còs a l’è mòrta?

PRI    Lassa perde…

LIV    (SI AVVICINA A SERGIO) “Dio dà e Dio toglie”.

PRI    S’i l’hai dite ‘d lassé perde, lassa perde, no?...Giutme a portelo sota...

SER   (A LIVIO)Ch’am lassa sté! E dica al padre di lasciarmi stare anche lui!

LIV    (GUARDANDOSI INTORNO) Padre? (GUARDA PRIMO, CHE SI GUARDA INTORNO ANCHE LUI)

PRI    La mòrt ëd soa mama… evidentement a l’ha dàje ‘n pòch a la testa…

SER   A l’è mè pare ch’i l’hai perdù!

LIV    Ëdcò ‘l pare!

PRI    (CERCA DI MINIMIZZARE) A treuva pì nen sò pare, tut sì…

LIV    Ah, beh… meno male… Perché perde doi genitor ant l’istess dì a sarìa stàit terìbil...

IN1    (ENTRANDO) Mi scusi dottor Neurotti, le volevo dire che…

PRI    (ALLEGRAMENTE, CON CALMA) Il dottor Neurotti non è qui. (l’INFERMIERA E LIVIO SI GUARDANO STUPITI)

IN1    Mi scusi?

PRI    Il dottor Neurotti non è qui. Il dottor Neurotti era qui… ma il dottor Neurotti adesso è in vacanza... in ferie…

IN1    Ma io volevo solo chiedere se i premi della lotteria…

PRI    Bene. Lo chieda al dottor Neurotti quando torna dalle vacanze. Vada pure, cara.

IN1    E poi volevo anche dire che nel reparto B non si riesce a trovare nessun signor Sergio.

PRI    Ecco, sì, grazie. Lo diremo al dottor Neurotti quando torna. Via, via, via... (L’INFERMIERA ESCE CONFUSA)

LIV    (PREOCCUPATO) Primo… ma it ses sicur dë sté bin?

PRI    (NELLA PARTE DEL FINTO PAZIENTE PRETE) No, dotor, i lo sai nen. E prima i torno ant ël mè let… ant ël mè reparto… e mej a sarà…

LIV    Let?... Reparto?…

PRI    Let! Let! It sas còs a l’è ‘n let?

LIV    Reparto?...

PRI    (RINGHIANTE) Sì, reparto! Giutme a tiré su chielsì!

LIV    (DANDO DELLE PACCHE SULLA SPALLA DI SERGIO) “Dio dà e Dio…”

PRI    E mòl-la, vaca tèra!

Scena XVIII

(Renata, Primo, Livio e Sergio)

REN   (ENTRANDO) Primo!…

PRI    (LASCIA ANDARE SERGIO E SI AVVIA CORDIALE VERSO RENATA)Sì, cara?

REN   Ma che cosa hai fatto per far arrabbiare così il professor La Salma?

PRI    Mi? Gnente…

REN   Ha detto di non contare più su di lui e sul suo aiuto per rivedere il discorso… e che se alla conferenza farai degli sbagli… che Santa Beatrice ti protegga!

PRI    (LA SPINGE GENTIMENTEVERSO LA PORTA) A va bin. Tu intanto vai a prendere posto nella sala conferenze.

REN   Guarda che a s’ancamin-a tra… (VEDE SERGIO) Chi ch’a l’è chiel-lì?

PRI    Chi?... Ah, gnente…

LIV    (A RENATA, TRAGICO) Gli è appena morta la mamma. (A PRIMO CEDONO LE GAMBE)

REN   Oh, no!... (SI AVVICINA A SERGIO) Poverino… “Dio dà e Dio…”

LIV    È!... A l’è lòn ch’i l’hai dije ‘dcò mi!

SER   Voglio vedere il mio papà!...

PRI    Ai manca mach pì ij nòno!...

SER   Il mio papà è qui da qualche parte… i son sicur!...

REN   Certo… adesso devi essere tu il conforto di tuo padre. (LO CONSOLA)

PRI    Renatina… Lascia che ce ne occupiamo noi. (SI CORREGGE) Cioè, se ne occuperà il nostro dottore qui. (INDICA LIVIO)

REN   Era una paziente?

PRI    Chi?

REN   La mare d’ës fieul…

PRI    No, era M.A.A.

LIV    Oh, la malora!...

REN   M.A.A.?

LIV    (IN CONFIDENZA, CHE NON SENTA SERGIO) “Morta All’Arrivo”.

REN   Ma no!... E di che cosa è morta quella poveretta?

PRI    (TAGLIANDO CORTO) A l’è finìa sota ‘l tranvaj, a va bin? A l’ha ciapulàla come na siola!

SER   Mi sento male…

PRI    Ma vaca tèra!...

LIV    I lo compagno ant ël cess… (GUIDA SERGIO VERSO IL BAGNO, MA RIESCE A REGGERLO A MALAPENA)

REN   I vado a ciamé n’infermera!

PRI    Ecco, brava!... (RENATA SULLA PORTA SI IMBATTE IN GIULIO CHE ENTRA)

Scena XIX

(Giulio, Renata, infermiera 2, Primo, Livio e Sergio)

GIU   (ENTRA PORTANDO UN VASSOIO DI PASTICCINI, DEI QUALI NON NE RIMANE CHE UNO)Andoma, Livio!... A j’è le preuve! I spetoma mach pì ti!...

REN   Ssst!(INDICA SERGIO, CHE LIVIO STA SOSTENENDO)Gli è appena morta la mamma...

GIU   (A LIVIO CON TONO CONSOLATORIO) Oh, am dispias, Livio…

PRI    Squarta, vaca tèra! Piantla lì ‘dcò ti!...

LIV    (INDICANDO SERGIO) “Soa” mama...

GIU   Ah, ecco…

REN   Quando è arrivata al pronto soccorso era A.C.M.. (ED ESCE; PRIMO, LIVIO E GIULIO RIMANGONO UN PO’ INTERDETTI)

LIV    Verament a l’era M.A.A…. (POI, A GIULIO) It am giute a portélo ant ël cess?

PRI    Ma a sarìa nen mej portelo ant un reparto?

GIU   (OFFRENDO IL VASSOIO A SERGIO)Mangia na pasta, vah!...

LIV    Ma s’a l’ha veuja ‘d gumité…

GIU   E bin? A lo farà sté mej…

IN2    (ENTRA E VA A SOCCORRERE SERGIO) Che cos’ha?

LIV    Ma gnente… A l’è mòrtje la mama e alora a l’è vnùje veuja da gumité!

SER   I veuj vëdde mia mama...

IN2    Non ti preoccupare… (ALZANDO GLI OCCHI AL CIELO) Lei adesso è in mani migliori delle nostre…

SER   È andata al pianterreno…

IN2    (GENTILMENTE) No, caro…Abbi fede… Sono sicura che è andata lassù, da qualche parte… (ALZA DI NUOVO GLI OCCHI AL CIELO)

SER   No, no… me l’ha detto il padre… (INDICA PRIMO) Il padre mi ha detto che era scesa dalle scale... (L’INFERMIERA GUARDA PRIMO, CHE SORRIDE E SI STRINGE NELLE SPALLE)

LIV    Ës fieul a l’ha da bzògn ëd sò pare.

PRI    No! An n’ha pròpi gnun bisògn!

SER   Sì ch’in n’hai da bzògn, anvece! (SI SIEDE CON ARIA DECISA SU UNA SEDIA)

IN2    Ma suo padre è qui in clinica?

SER   Sì… era qui che parlava con mia madre, poco fa... (GLI ALTRI SI SCAMBIANO UNO SGUARDO)

IN2    Sua madre parlava con suo padre? Ma non è morta?

PRI    (LA TRAE IN DISPARTE) Prima che morisse!

GIU   (BISBIGLIANDO) Credevo che fosse M.A.A….

PRI    Lo era, sì… ma pare che uno dei dottori le abbia praticato la respirazione bocca a bocca e l’abbia fatta ritornare in vita… il tempo di dire poche parole… (CHIUDE RAPIDAMENTE) Poi è spirata di nuovo e definitivamente!

SER   Ehi, voi!Che cosa state complottando?

PRI    Niente, niente… Tutto bene!...

LIV    (GENTILMENTE, A SERGIO) Sì, niente di strano… Tua mamma ha detto a tuo padre poche parole, le ultime… e poi è morta serenamente. (PRIMO HA UN CEDIMENTO)

SER   (ALLARMATO) La mamma è morta?

LIV    Mah… parej a diso…

SER   La mamma ha parlato a papà ed è morta?

IN2    Molto serenamente.

SER   (ALL’IMPROVVISO, IN UNO STATO DI RABBIA) Quel maledetto bastardo ha ammazzato mia madre!

PRI    (INDIETREGGIANDO TIMOROSO) Fermo… fermo…

LIV    (CERCANDO DI CALMARE SERGIO) No, no… a l’è finìa sota al tranvaj!...

PRI    Oh, già… È stato un incidente…

SER   Altro che incidente!... Quel porco assassino! (SI ALZA RABBIOSAMENTE E CERCA DI SCAPPARE)

GIU   Calma, calma…

LIV    Sta tranquil... (GIULIO E LIVIO LO TENGONO FERMO)

PRI    (ALL’INFERMIERA) Vai a chiamare la caposala e dille di preparare una siringa di Dormiben.

IN2    Dormiben, sì, va bene…

PRI    50 milligrammi. No, anzi, meglio 100. E portatela qui subito. (L’INFERMIERA ESCE RAPIDAMENTE)

Scena XX

(Sergio, Giulio, Livio, Primo e Orsolina)

SER   Mi sento male…

PRI    (IMITANDO LA CANTILENA) It l’has già dilo…

SER   Ho voglia di vomitare…

GIU   Sì, ma nen ambelessì! (INSIEME A LIVIO CERCA DI PORTARE SERGIO VERSO IL BAGNO)

SER   (SI OPPONE) La ignora per diciotto anni… e peuj a la buta sota con ël tranvaj!...

LIV    (MINIMIZZANDO) Ma no…as peul nen dé la colpa a tò pare, se mamina a l’è fasse ciapulé dal tranvaj…

SER   Mio padre!... S’a podèissa, a vorerìa masséme ‘dcò mi! (PRIMO FA SEGNO DI SÌ CON LA TESTA COME UN MANIACO) Voglio andarlo a cercare! Devo vedermela con lui!

GIU   (LOTTANDO CON SERGIO) Fermo! (A LIVIO, IRONICO) Credo che sarebbe il caso che ci desse una mano anche il dottor Neurotti...

LIV    E già ch’a sarìa ‘l cas…

PRI    (CON CALMA, ALLEGRAMENTE) Il dottor Neurotti è in vacanza. (LIVIO E GIULIO SI GUARDANO STUPITI) A l’è n’ora ch’i lo diso a tuti, ma gnun a më scota. Il dottor Neurottiè in ferie.

GIU   (A LIVIO, RIFERENDOSI A PRIMO) Ma second ti, a l’è tut ant ël sò?

LIV    Mah?...

PRI    Per lòn ch’i na saiël dottor Neurotti a sta benissim, ma a l’ha gnun-a veuja da travajé, quand ch’a l’è ‘n ferie. Semplicissim, no?

GIU   (A LIVIO) Andoma. (PORTANO SERGIO VERSO IL BAGNO)

PRI    Tenìlo lì ‘ndrinta… E parléje nen. Guernélo bin, ch’a scapa nen.

GIU   (A LIVIO) È la terapia normale per un paziente in stato di shock?

LIV    A mi a l’han pa mostrame parej…

SER   Come a l’avrà fait mè pare a robé ‘n tranvaj? (VIENE SPINTO FUORI E I TRE COSÌ ESCONO CHIUDENDOSI IN BAGNO)

         (SQUILLA IL TELEFONO)          (

PRI    (RISPONDE AL TELEFONO)Sala medici… Gilda, sì i son mi… Ël civich a l’è ‘ncamin a vnì su? Ma i l’avìa dite da tenlo sota!… No, no, ti speta lì. (PRIMO RIATTACCA)

ORS   (ENTRA PORTANDO UNA SIRINGA SU UN VASSOIO DI ACCIAIO)A l’han dime ‘d preparé na siringa ‘d Dormiben per un ragazzo nevrotico.

PRI    Benissim.

ORS   Ma è assolutamente fuori dalle regole! Non ho visto la sua cartella clinica, non ne so niente…

PRI    Orsolina, ch’a fasa ‘l sò dover sensa tante ciance.

ORS   Ch’a guarda, dotor Neurotti, che anche tòta Orsolina può diventare cattiva, neh...

PRI    S’i l’oma dije ‘d fé ‘l Dormiben a j’è ‘n motiv. Ch’a vada lì ‘ndrinta e ch’a së sbreuja. A j’è ‘dcò ij dotor Reuma e Squarta...

LIV    (SPUNTA DAL BAGNO) A l’è ‘ncamin ch’a gumita.

ORS   Ma… i treuve nen che 100 milligrammi a sìo ‘n pòch tròp?

PRI    Ch’ai fasa sta pontura e basta! A meuirerà pa per sent miligrama ‘d Dormiben, no?

LIV    Soa mama a l’è rivà an clinica M.A.A….

ORS   M.A.…?

PRI    (INTERROMPENDO) Ciapulà da ‘n tranvaj! Ch’ai fasa sta pontura, rassa ‘d na… (SI INTERROMPE; ORSOLINA LO GUARDA TORVA ED ENTRA RAPIDA IN BAGNO; POI, A LIVIO) E s’ai na vansa, pija la siringa e piàntaila ant na ciàpa a la caposala! (SPINGE LIVIO NEL BAGNO)

Scena XXI

(Vigile, Primo e Livio)

CIV    (ENTRA) Mi scusi, signore…

PRI    Buongiorno. Dottor Primo Neurotti. (GLI PORGE LA MANO, MA IL VIGILE FA IL SALUTO MILITARE, ALLORA FA IL SALUTO, MA IL VIGILE GLI PORGE LA MANO; COSÌ PER DUE O TRE VOLTE, POI LASCIANO PERDERE) Posso fare qualcosa per lei?

CIV    Sto cercando un ragazzo.

PRI    Ah, ecco... Uno in particolare o un ragazzo qualsiasi le va bene?

CIV    (DECIDE DI IGNORARE LA DOMANDA)Circa diciott’anni, statura media, capelli scuri…

PRI    (FA LO SPAVALDO, PER NON TRADIRE LA TENSIONE) Segni particolari?

CIV    Ha lo sguardo… come dire… spiritato...

PRI    Spiritoso?

CIV    (BURBERO) Non faccia lei lo spiritoso, dottore! È una cosa seria. La mia collega è ancora in traumatologia col naso che sanguina… (POI RIPRENDE) È piuttosto in cattivo stato, molto eccitato. Qualcosa che ha a che fare con suo padre.

PRI    E già… che cosa avrà mai a che vedere suo padre con quest’ospedale?

CIV    Il ragazzo ha raccontato una storia confusa… suo padre sarebbe uno dei dottori che lavorano qui a Villa Beatrice…

PRI    (CON IRONICA SORPRESA) Ma no!...

CIV    Ma sì!

PRI    Ma basta, là…

CIV    La madre del ragazzo è anche lei giù all’ingresso della clinica.

PRI - Ma no!

CIV    Ma sì!

PRI    Ma basta, là…

CIV    Il ragazzo vuole trovare suo padre. Ma da quel che mi sembra di capire, questo medico non è tanto ansioso di essere ritrovato.

PRI    Già... Io comunque qui non ho assolutamente visto nessun ragazzo... È stata una mattinata molto tranquilla. Ma se dovessi imbattermi in un ragazzo un po’ eccitabile,glielo farò subito sapere, neh…

CIV    Le consiglio di non fare tentativi per fermarlo, dottore. Ha dato una sberla alla mia collega, un calcione dove non le dico a me… ed è riuscito a scappare!

SER   (DA FUORI) Aaah! Tochéme nen!

ORS   (DA FUORI) Stai calmo! Rilassa il muscolo!

SER   (DA FUORI) Lasséme sté!

LIV    (DA FUORI) Sta ferm! Guarda ch’it na giro un, neh!

GIU   (DA FUORI) Fòrsa con sta pontura! Gli sto seduto sopra!

ORS   (DA FUORI) Ma no! È su di me che sta seduto!

LIV    (ENTRA AFFANNATO DAL BAGNO) Dì, Primo, i l’oma da manca ‘d na man…

PRI    (CON CALMA ESAGERATA) Le presento il mio caro collega, il dottor Reuma. Come a van le preuve dla recita, Livio?

LIV    (DOPO UNA PAUSA) Le preuve dla recita?

PRI    Còs a l’è, una scena di “Dolce morte”? (LIVIO RIMANE ATTONITO) O avete preparato “Jack lo Squartatore”? (AL VIGILE) Ai pazienti quella che piace di più è “Stretta di prua e larga di poppa”! (RIDACCHIA)

ORS   (DA FUORI) Gli tiri giù i pantaloni!

PRI    No. Deve essere qualcosa di più piccante… (ALVIGILE) Mi dispiace… non posso esserle di aiuto.

CIV    (STRANITO) Allora la saluto… e me ne vado.

PRI    Molto gentile. (LO SPINGE FUORI DALLA PORTA)

LIV    (DOPO UNA PAUSA) I son un pòch preocupà per ti, Primo…

PRI    Va!... Va dëdlà e féje sta pontura! (SPINGE LIVIO NEL BAGNO)

Scena XXII

(Gilda, Primo, Livio e Orsolina)

GIL    (ENTRA)Primo Neurotti!...

PRI    (CON UN SOPRASSALTO) Non colpevole! (REALIZZANDO) Ti?... Ma it veule torné giù subit a ten-e d’euj coj civich?

GIL    I son tant preocupà per Sergio…

PRI    Sergio a sta benòne.

LIV    (RIENTRANDO ANGOSCIATO) A l’è rampià fòra dla fnéstra!

PRI    Còsa?

GIL    Chi?

LIV    Un fieul ch’a l’ha perdù soa mare...

GIL    No!

LIV    Sì.A l’è an sël curnison e a veul nen torné ‘ndrinta.

PRI    (FURIOSAMENTE) Vaca tèra!

LIV    A dis ch’a intra nen fin ch’ij portoma nen sò pare.

GIL    (A PRIMO) Ades it duvràs pròpi dijlo…

ORS   (RIENTRA DAL BAGNO TUTTA SCOMPOSTA E CON LA SIRINGA IN MANO)Quaidun ch’a vada a ciamé ij carabinié!

GIL    Còs a l’è rivàje?

PRI    I l’oma gnun dë bzògndij carabinié. Calma.(FA UNA BREVE PAUSA DI AUTOCONTROLLO) Siamo perfettamente in grado di occuparci di uno squilibrato.

ORS   Infatti attualmente non è del tutto in equilibrio… su quel cornicione…

GIL    (RISOLUTA) Dico a quel vigile di venire su. (ALZA LA CORNETTA)

PRI    No! Còs a peul fé ‘l civich?...

GIL    Sergio è in serio pericolo. (AL TELEFONO) L’ingresso, per favore…

PRI    (PIANO, IN DISPARTE, A GILDA) Ma a j’ëvnirà fòra tuta la vrità…

GIL    Am dispias. (A ORSOLINA)Caposala, vada a parlargli… gli continui a parlare…

ORS   Ma lei chi è, signora?

GIL    Sono sua madre.

ORS e LIV    (INSIEME) Sua madre?

PRI    (DISPERATO) Ma vaca tèra…

GIL    (AL TELEFONO) Pronto? C’è un vigile urbano lì giù, da qualche parte?… Potete mandarlo alla Sala Medici? È un’emergenza... Sì, grazie… (RIATTACCA LA CORNETTA)

ORS   (ALLIBITA) Ma la madre del ragazzo… non era M.A.A.?

GIL    (IRONICA) La madre del ragazzo a sta benòne e a l’è pròpi ‘mbelessì andoa ch’i la vëdde. (CORRE NEL BAGNO, SEGUITA DA ORSOLINA)

Scena XXIII

(Livio e Primo)

LIV    (CERCANDO DI CAPIRE) Ma… tòta Ciàpa a l’è la mama ‘d col giovnòt?

PRI    Beh… i chërdo ch’a sia rivàje ‘l moment…

LIV    Per còsa? (PRIMO FA SEDERE LIVIO)

PRI    Per féte na confidensa. Stame bin a sente, neh… a riguarda Gilda Chiappa...

LIV    Madamin Sergio…

PRI    Fame nen perde ‘l fil! Sta ciuto e scota!

LIV    Ah, sì… scusa…

PRI    Gilda a l’è la mama ‘d col fieul.

LIV    Ma s’a l’avìa dit ch’a l’era sensa famija…

PRI    A l’era… na cita busìa… it deuve capì… a l’è ‘n fieul “illegittimo”…

LIV    Illegittimo?

PRI    A l’è mai mariasse.

LIV    Come, mai mariasse?...E chiel-là mòrt an sël Musiné?

PRI    Boricade.

LIV    E ‘l sò scond marì? Col… Sergio… con la gòta?

PRI    Boricade.

LIV    E le moròidi?

PRI    Boricade!Moròidi ‘n còrno!A l’è mai stàita marià!Ël fieul… lì… a l’è ‘l risultà ëd na soa stòria con un dotor ëd la Vila Beatriss…disneuv ani fa…

LIV    La malora!...

PRI    It lo spetave nen, eh?

LIV    Gnanca per seugn.

PRI    Alora sta bin lì setà còmod, perché ades ai riva ‘l bel… Ël pare dël fieul a l’è…

LIV    A l’è? (PRIMO GUARDA LIVIO FISSAMENTE)

PRI    (DOPO PAUSA AD EFFETTO)It ses ti.

LIV    (PERPLESSO, DOPO UN MOMENTO)Chi?... Mi?

PRI    Sì, ti.

LIV    (SI RISCUOTE, PROTESTANDO) Ma it lo garantisso, Primo! Mi i l’hai mai fait cole ròbe là con tòta Ciàpa!

PRI    I lo sai benissim!... Ma i peus pa ‘ndé ‘n gir a dì che ‘l fieul a l’è mè?...

LIV    (INSISTENDO) Mi it giuro che mai e peuj mai i l’hai tocà… (SI INTERROMPE REALIZZANDO DI COLPO QUEL CHE PRIMO HA APPENA DETTO) A l’è tò?

PRI    E già, no?... Renata am mangerìa tut… la conferensa a sarìa finìa prima da ‘ncaminé… la promossion a primari ‘d neurologia i podrìa dësmentiémla… sensa parlé dël cavalierato…

LIV    No, no, speta ‘n moment…it veule dime che ti it sarìe ‘l pare ‘d col fieul dëdlà?

PRI    It vëdde ch’it ses rivàje?

LIV    E che ti e la Gilda Ciàpa…

PRI    Beh… it lo sas come ch’as fan ij cit, no?

LIV    Ma se col fieul at conòss gnanca…

PRI    Giust. L’unica ròba ch’a sa a l’è che sò pare, disneuv ani fa, a l’era ‘n dotor ch’a fasìa pratica ‘mbelessì e che ‘ncora ancheuj a travaja a Vila Beatriss. Pròpi come ti. A corispond perfetament.

LIV    Ma con na cita diferensa… i son nen ëstàit mi a ciapé la Ciàpa!

PRI    Va nen a sèrne le gran-e ‘d ris… a sarìa pro piasùte, vah…

LIV    Lòn a veul nen dì gnente...

PRI    Livio! Cercoma ‘d capisse! Ormai a l’è tard!I l’hai dije ch’i son un prèive an convalessiensa, malavi ‘d gòta e operà ëd moròidi.

LIV    Còs it l’has dije?

PRI    E dài, Liviuccio!Ti it l’has gnente da perde!

LIV    Come a sarìa, ch’i l’hai gnente da perde?…

PRI    Ansoma, it deuve pa ‘ndé ti a ten-e la conferensa a mesdì?...

LIV    No, a va bin, ma…

PRI    (INSISTE) E it ses pa ti ch’it deuve diventé primari, no?

LIV    No, a va bin, ma…

PRI    E it ses pa an lista per diventé cavajer?

LIV    No, a va bin, ma…

PRI    E it ses pa marià, no?

LIV    No, a va bin, ma… (SI FERMA, POI VEDE CHE PRIMO HA FINITO E PROSEGUE) ma còsa a peul dì mia soréla?

PRI    Toa soréla? (PIÙ FORTE) Toa soréla? (INDICANDO L’USCITA VERSO IL CORRIDOIO) Mia fomna a l’è lì fòra ch’a va su e giù!

LIV    E mia soréla a l’è a ca ch’a fa j’agnolòt!

PRI    Se Renata a ven a savèj dël fieul, am buta mi, ant j’agnolòt!

LIV    It l’avìe mach da penséje prima. A l’è piasùte la bici?Pedala!

PRI    Ma a l’è mach per n’ora o doe… Ti it deuve mach andé da Sergio…

LIV    Sergio? E chi ch’a l’è Sergio?

PRI    Sergio. Ël fieul?

LIV    Ma… Sergio… ëd nòm o ‘d cognòm? (PRIMO SI DISPERA) A l’era nen chiel-là con la gòta e le moròidi ch’a së s-ciamava Sergio?

PRI    (LO FA DI NUOVO SEDERE) Sent, Livio…A j’è gnun monsù Sergio. A j’è gnun pare mòrt an montagna e gnun-a mare mòrta sota al tranvaj… cancela tut! Libera la ment!... Sergio a l’è ‘l nòm ëd col fieul, nen ël cognòm. Ti it deuve mach andé da ‘s badòla, dije ch’it ses sò pare e compagnélo dai civich.

LIV    (MOLTO PERPLESSO) Dai civich?

PRI    (MINIMIZZA) Massì… Doe o tre iregolarità con la machina…

LIV    Oh, bòja fàuss!

PRI    Pen-a finìa la conferensa i rivo e ij diso tuta la vrità.

LIV    I sai nen s’i peus fideme…

PRI    Sensa conté la létera ch’i faràj consegné già stassèira al professor La Salma…

LIV    Che létera?

PRI    Ëd racomandassion per ël tò incarich da “Aiuto Primario”…

LIV    (SI STA CONVINCENDO, MA CERCA DI RESISTERE) Ma costassì a l’è corussion...

PRI    Giust. It l’has tacaje. Le toe diagnosi a son sempre precise al milim.

LIV    Ma i soma gnanca se Gilda Ciàpa a l’è d’acòrdi.

PRI    No. I lo soma nen. Ma a pudrà nen fé divèrs.

Scena XXIV

(Livio, Primo, Sergio, Orsolina, Giulio e Gilda)

         (FUORI DALLA FINESTRA, SUL CORNICIONE, DALL’ANGOLO VERSO IL BAGNOSPUNTA SERGIO; SI TIENE FATICOSAMENTE IN EQUILIBRIO CON LA FACCIA SCHIACCIATA CONTRO I VETRI)

LIV    No… i son nen bon a fé ste ròbe…

PRI    Ma ‘s capiss ch’it ses bon. A l’è mach per na mesorëtta al massim.

LIV    No, dabon… i peuss nen…

PRI    A peul pa capitéte gnente…

LIV    Eh… i son già stàit fregà tròpe vòlte!...

         (ORSOLINA APPARE SUL CORNICIONE SEGUENDO SERGIO IN MODO ALTRETTANTO PRECARIO E CON ANCORA IN MANO LA SIRINGA; COMINCIANO A LOTTARE FRA DI LORO)

PRI    Livio, it ses la mia unica possibilità…

LIV    Ciàmje ch’a lo fasa Giulio Squarta.

PRI    Dis nen ëd gavade… A l’è mach tre o quatr ani ch’a travaja sì…

LIV    Possibil ch’ai sìa gnun d’àutri da ciaméje?... (GLI VIENE UN’IDEA) La Salma!

PRI    A j’è pì nen temp!

LIV    I deuvo penséje…

PRI    A j’è nen temp, it diso… E a j’è gnun d’àutri, mach ti.

LIV    (SI ACCORGE DELLA LOTTA FUORI DALLA FINESTRA) La malora! Orsolina! (CORRE ALLA FINESTRA)

PRI    (NON HA ANCORA REALIZZATO) Ma ti ‘t ses fòl! La caposala? Ma a l’è na fomna! Come a fa a fé ‘l pare? No, no, Livio… it deuve félo ti… (FINALMENTE SI GIRA E VEDE LA SCENA; COME LIVIO) Vaca tèra! Orsolina!

LIV    (HA APERTO LA FINESTRA E STA CERCANDO DI AIUTARE SERGIO E ORSOLINAAD EVITARE DI CADERE GIÙ; PRIMO CORRE IN AIUTO) Ch’as ten-a fòrt, caposala!

ORS   A l’ha pijàme la siringa! (SERGIO HA EFFETTIVAMENTE IN MANO LA SIRINGA CHE HA STRAPPATOA ORSOLINA) Non fare lo stupido!

SER   Va via!

ORS   Vieni qui! Torna dentro!

SER   Lassme sté! (PIANTA LA SIRINGA NEL SEDERE DI ORSOLINA)

ORS   Ahhh! (SI MASSAGGIA LA NATICA; PRIMO E LIVIO SONO ATTERRITI)

SER   I l’avìa ditlo d’andé via!...

ORS   Mi ha iniettato 100 milligrammi di Dormiben!

GIU   (ENTRA DI CORSA DAL BAGNO E SI DIRIGE VERSO LA PORTA DEL CORRIDOIO) I vado a ciamé ‘n dotor!

PRI    Giulio! Ma ti it ses, un dotor!

GIU   N’àutr dotor!… Iseufro ‘d lordison… (ESCE DI CORSA)

GIL    (APPARE ALL’ANGOLO SUL CORNICIONE) Sergio, tesor!...

ORS   S’i lo ciàpo, it vëdde còs ij faso al tò tesor!

SER   Mama!

GIL    Sì, sì, caro... La tua mamma è qui… (POI, ARRABBIATA) Ma chi a l’è stàitcol beté ch’a l’ha dite ch’i j’era finìa sota a ‘n tranvaj?

SER   (INDICANDO PRIMO) Col beté lì!

Scena XXV

(La Salma, Primo, Livio e Orsolina)

PRO   (ENTRANDO AUTORITARIO) Neurotti! (PRIMO E LIVIO, CON UN MOVIMENTO VELOCE, CHIUDONO LE TENDE DELLA FINESTRA; PRIMO CORRE DA LA SALMA E LIVIO RIMANE IN PIEDI DAVANTI ALLA FINESTRA, COME A COPRIRLA)

PRI    (TUTTO GENTILE) Ah, eccola qua, professor La Salma!...

PRO   (CON STUDIATA CALMA) Dottor Primo Neurotti… lei è perfettamente libero di ignorare la mia offerta di aiuto per il suo discorso…

PRI    Grazie, professore… Non c’è nessun bisogno di aiuto.

PRO   (CERCA DI CONTROLLARSI) E comunque… adesso sono le 11,38! (N.B.: L’ORARIO CHE SEGNERÀ L’OROLOGIO AL MURO)

PRI    (GUARDA IL SUO OROLOGIO DA POLSO) Io faccio le 11,37… (N.B.: O COMUNQUE UN MINUTO IN MENO DI QUANTO DETTO PRIMA)

PRO   I primi colleghi stanno cominciando ad arrivare per la conferenza…

PRI    (CON ECCESSIVO OTTIMISMO) E non se ne pentiranno, perché sarà di quelle buone!

ORS   (DA FUORI) Aaah! I sghijo! Scivolo! (LA SALMA E PRIMO GUARDANO VERSO LA FINESTRA, CHE LIVIOCERCA ANCORA DI SCHERMARE CON LE TENDE)

LIV    (IMITANDO ORSOLINA) I sghijo! Scivolo!

PRI    (NONCURANTE, E SORRIDENTE) Mi permetta di offrirle qualcosa da bere, professore...

PRO   Lasci perdere, Neurotti!... È il conferenziere che deve accogliere i colleghi medici. (FA SEGNO A PRIMO DI AVVIARSI)

PRI    Ehm… Stavolta cambieremo!... L’attrazione della conferenza sono io… e sarà meglio se mi vedranno per la prima volta quando farò la mia entrata in scena!...

PRO   (DUBBIOSO) Ah, beh… forse…

ORS   (DA FUORI) Aiuto! (SI GIRANO A GUARDARE LIVIO DAVANTI ALLA FINESTRA)

LIV    (IMITANDO ORSOLINA) Aiuto!

PRI    (AUTORITARIO) Livio! Piantla lì da interompe! It vëdde nen ch’i son ancamin ch’i parlo con ël professor?(POI SORRIDE AMABILE A LA SALMA)

ORS   (DA FUORI) No! Mi fai cadere! Idiota!

LIV    (IMITANDO ORSOLINA) Idiota!

PRO   (GUARDANDO PRIMO, CHE SORRIDE EBETE) Idiota!(ESCE A GRANDI PASSI)

Scena XXVI

(Vigile, Primo, Livio, Sergio e Orsolina)

         (PRIMO CORRE DA LIVIO E INSIEME APRONO LE TENDE PER VEDERE COSA STA ACCADENDO; ORSOLINA E SERGIO STANNO LOTTANDO)

CIV    (ENTRA) E allora, dov’è finito quel ragazzo? (PRIMO E LIVIO IMMEDIATAMENTE CHIUDONO LE TENDE)

PRI    (CAMMINA SORRIDENDO SERENO IN DIREZIONE DEL VIGILE, MENTRE LIVIO RIMANE DAVANTI ALLA FINESTRA COME PRIMA) Buongiorno un’altra volta, signor maresciallo...

CIV    Non sono maresciallo… Che cosa è successo, dottore?

PRI    Che cosa è successo? Niente. Una mattinata tranquilla… tranquillissima…

CIV    Mi hanno detto giù che ha chiamato quella signora… com’è già che si chiama?... Diceva di salire qui urgentemente!

PRI    Ah, quella signora, sì…. Era urgente… Ma adesso non lo è più.

CIV    Che cos’era? Quel suo figlio un po’…suonato?

PRI    Sì, sì… niente di grave. Sua madre lo ha convinto ad andare dai carabinieri…

CIV    Alla caserma qui vicino?

PRI    Cioè… alla Polizia…

CIV    A quale commissariato sono andati?

PRI    Quello in centro, credo... ma è da un po’, che sono partiti, neh…

CIV    Chissà perché così lontano… mah! Corro lì subito anch’io, allora.

PRI    Ecco, bravo!... Vedrà, lo troverà mansueto come un bebero…

ORS   (DA FUORI) Sto scivolando! (PRIMO E IL VIGILE GUARDANO LIVIO)

LIV    (IMITANDO ORSOLINA) Sto scivolando! (POI SI METTE A CANTARE, SEMPRE CON LA VOCE IN FARSETTO) “Scivolando sugli sci, scivolando sugli sci, scivolando… sugli sci…” (IL VIGILE ALLIBITO GUARDA PRIMO)

PRI    (APPLAUDE CON GENTILEZZA) Grazie, dottor Reuma, molto bene. (AL VIGILE) Sono le prove della recita... (POI LO PRENDE SOTTOBRACCIO) Grazie, maresciallo. Vada pure alla centrale di Polizia in centro.

SER   (DA FUORI) Mamma! (PRIMO E IL VIGILE GUARDANO LIVIO)

LIV    (CANTANDO) “Mamma! Solo per te la mia canzone vola!” (SI METTE IN GINOCCHIO) ”Mamma! Sarai con me, tu non sarai più sola!”

PRI    (APPLAUDE CONVINTO) Molto bene! Neanche Pavarotti! Bravissimo! (AL VIGILE) La recita… Faccia un salto qui anche lei...

CIV    Ehm…vedrò… se non capita qualche guaio… Adesso vado alla polizia.

PRI    Ecco, bravo…poi mi dica, neh… (IL VIGILE ESCE FRASTORNATO)

Scena XXVII

(Orsolina, Gilda, Livio, Primo, Infermiera 1 e Garetto)

ORS   (URLA) Aaah! (PRIMO E LIVIO SUSSULTANO, POI CORRONO ALLE FINESTRE; GILDA, SERGIO E ORSOLINA SONO ANCORA LÌ, MA DI ORSOLINA ORA SI VEDONO SOLTANTO LE BRACCIA E LA TESTA PERCHÉ È SCIVOLATA GIÙ DAL CORNICIONE E SI TIENE ATTACCATA AL DAVANZALE)

GIL    È scivolata giù!

LIV    Come a sta, tòta Orsolina?

PRI    Che domanda stupida...

LIV    Orsolina, ch’a mòla nen, neh… im racomando!...

ORS   Ah, beh, as capiss, no?

PRI    Livio, anvece da dì ‘d tavanade, va sota e guarda s’i të riesse a ciapéla!

LIV    Subit! (PARTE, POI SI FERMA) Còs it dise? Ciapéla da sota?...

PRI    E sbreuite! (SPINGE FUORI LIVIO, POI TORNA ALLA FINESTRA) Orsolina, ch’a vëdda se a riéss a deurbe la fnéstra dël pian da sota con un càuss!

SER   (QUASI PIAGNUCOLANDO) Mama, am ven le furmìe ant le man!...

PRI    S’i të staghe nen ciuto it jë faso vnì ‘nt ël daré, le furmìe!...

ORS   Non posso resistere ancora per molto…

PRI    Ch’a ‘ncamin-a nen ‘dcò chila, neh…

ORS   Sto cominciando a sentirmi intontita. (L’EFFETTO DELL’INIEZIONE)

PRI    Ël Dormiben, vaca tèra!Ch’a mòla nen! (SI SPORGE FUORI DALLA FINESTRA) Livio! Ma ‘ndoa ch’a l’è finì, col balengo?

IN1    (ENTRA SPINGENDO UNA SEDIA A ROTELLE SU CUI È SEDUTO GARETTO) Mi scusi, dottor Neurotti…

PRI    Il dottor Neurotti non c’è. È in ferie.

IN1    (PROSEGUE) Senta, la caposala mi ha detto di trovare il signor Sergio e noi lo abbiamo trovato.

PRI    (CONFUSO) Il signor Sergio?

IN1    Sì, soltanto che non era nel reparto B. Era nel reparto C. Signor Sergio Garetto.

PRI    Chi?... Ma Sergio era il cognome…

IN1    Noi, questo abbiamo. Sergio Garetto. E non si tratta né di gotta né di emorroidi… solo un pochino di Alzheimer...

PRI    (IMPERIOSO) Fuori di qui! (L’INFERMIERA 1 SCAPPA FUORI LASCIANDO LA SEDIA CON GARETTO)

GAR   (SI GUARDA INTORNO SORRIDENTE) Alora, a sarìa costassì la mia stansia privà?...Ueilà, che lusso! A j’è fin-a ël bar… (SI ALZA DALLA SEDIA A ROTELLE E VA A SERVIRSI UN LIQUORE)

PRI    (FUORI DALLA FINESTRA)Ch’a ten-a dur, Orsolina!Gli aiuti stanno arrivando!

ORS   Mi i l’hai mach pressa d’andé a deurme...

PRI    (LA SCUOTE) No! A deuv nen deurme ades!

GIL    (RIESCE AD ENTRARE E SALTA GIÙ DAL DAVANZALE)Vado a cercare qualcosa per aiutarla a tirarsi su…

SER   No, mama! Lassme nen da sol con ël prèive...

GIL    (SI GUARDA INTORNO) Che prèive?

PRI    Va a cerché! (GILDA CORRE IN BAGNO)

SER   (GRIDA) Mama! Lassme nen sol!

PRI    Ma it veule sté ciùto?... (GLI DÀ UNO SCAPPELLOTTO)

SER   Ahia! (SERGIO LASCIA ANDARE LA PRESA PER UN ATTIMO PER METTERSI LA MANO SULLA TESTA E SEMBRA PERDERE L’EQUILIBRIO)

ORS   (SPARISCE DALLA VISTA) Aaah! (PRIMO GUARDA DAL PARAPETTO CON ORRORE; C’È UNA PAUSA)

PRI    (GRIDA) Brav, Livio!Gnanca Buffon!... Ecco… tirla ‘ndrinta!... Perfetto!

Scena XXVIII

(Giulio, Primo, Sergio, Garetto, Gilda e Livio)

GIU   (ENTRA SPINGENDO UNA BARELLA) Ecco! A l’è per butèje ‘nsima Orsolina… (GUARDA VERSO LA FINESTRA) Ma ‘ndoa ch’a l’è finìa?

PRI    A l’è volà giù.

GIU   (COPRENDOSI IL VOLTO) No!... Oh, no!...

PRI    Ma Livio a l’ha ciapàla al vòl! A son sì sota. Va a deje na man, vah…

GIU   I sai nen come ch’as senta Orsolina, ma mi i son a tòch… (ESCE LASCIANDO LA BARELLA IN SCENA)

PRI    (A SERGIO) E ti, ven andrinta!

SER   (RISOLUTO) Io non mi muovo da qui finché non viene mio padre!

PRI    Tuo padre sta arrivando e sarà qui fra poco. A l’ha avù ‘n ritard...

SER   E come ch’a fa chiel a savèilo?

PRI    A l’ha dimlo an confession! Fòrsa, ven andrinta!

SER   Quando arriva mio padre.

PRI    (SI ARRABBIA) Ma it vëdde nen, che tuo padre è tutto occupato a fare l’eroe?...

SER   L’eroe?

PRI    A l’ha pen-a salvà la caposala!...

SER   (FELICEMENTE INCREDULO) A l’è col-lì mè papà? (SI SPORGE FUORI PER VEDERE GIÙ)

PRI    As capiss, no? Dai, adess… ven andrinta.

SER   Col ométo dròlo a l’è mè pare?(SI SPORGE ANCORA DI PIÙ; POI LO CHIAMA) Papà!

PRI    Atent! (TIRA DENTRO SERGIO E CHIUDE LA FINESTRA)

SER   (VA VERSO GARETTO CHE SI È APPENA RISEDUTO SULLA SUA SEDIA A ROTELLE COL BICCHIERE DI LIQUORE IN MANO) Ho appena ritrovato mio padre! (GARETTO SI GUARDA INTORNO NELLA STANZA) È fantastico! (SERGIO SCUOTE LA MANO DI GARETTO TUTTO ECCITATO; DI CONSEGUENZA, L’ALTRA MANO MALFERMA FA ANDARE PER ARIA TUTTO IL CONTENUTO DEL BICCHIERE; SERGIO NON SA SE RIDERE O PIANGERE) È impressionante! È meraviglioso! (RIDENDO E PIANGENDO VA A SCUOTERE LA MANO DI PRIMO) Veramente impressionante!I l’hai trovate, papà! (POI SI METTE A PIANGERE SUL SERIO E SI AGGRAPPA A PRIMO)

PRI    (A SERGIO) Fa nen parej, dai… ch’i t’im bagne tuta la giaca… Andoma sota, vah… ch’it compagno da tò papà…

GIL    (ENTRA CON UNO SCOPINO DA WC)Sossì a peul andé bin?

PRI    Lassa perde, Gilda… a serv pì nen…

SER   (SORRIDENDO FRA LE LACRIME) Mama, i l’hai trovà papà... (È ANCORA ABBRACCIATO A PRIMO)

GIL    (NATURALMENTE PENSA CHE PRIMO ABBIA DETTO LA VERITÀ AL RAGAZZO) Sono così felice… per tutti e due!...

SER   Ma non è fantastico? (LASCIA PRIMO E CORRE AD ABBRACCIARE GILDA)

LIV    (ENTRA) Tòta Orsolina a l’è al pronto soccorso. Taj e niss…

SER   (VA VERSO LIVIO, INDICANDOLO)Il mio eroe! (LIVIO SI GUARDA D’INTORNO PER CAPIRE A CHI SI RIFERISCE; SERGIO GLI SI AVVICINA, LO ABBRACCIA, LO BACIA; LIVIO, ATTONITO, CERCA DI LIBERARSI) Ciao… papà! (LIVIO REALIZZA E GUARDA PRIMO, CHE ANNUISCE SORRIDENDO)

LIV    Ciao… figlio mio! (APRE LE BRACCIA E SERGIO LO ATTIRA A SÉ)

CALA IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Scena I

(Garetto, Sergio, Gilda, Primo, Livio e Infermiera 2)

         (LA SCENA CONTINUA DAL PRIMO ATTO; DURANTE L’INTERVALLO L’OROLOGIO AL MURO È STATO FERMATO)

GAR   (OSSERVA LIVIO E SERGIO ANCORA ABBRACCIATI) Ma, scuseme, neh, brava gent…i peude nen andévne da ‘nt la mia stansia e lasséme ‘n pòch tranquil?

SER   L’ho sempre saputo che doveva essere un campione di coraggio!...

GIL    Chi?

SER   Il mio papà! (ABBRACCIA LIVIO)

GIL    (SORPRESA) Papà? Ël dotor Reuma?

SER   Oh, come am pias ël nòm! Reuma! (A LIVIO) Papà Reuma! (SI METTE A RIDERE; LIVIO FA DEL SUO MEGLIO PER RIDERE ANCHE LUI)

GIL    (A PRIMO) Ma che boricade it l’has contàje?

PRI    Lòn ch’a l’ha sugerìme Reuma… Che chiel a l’è ‘l pare ‘d Sergio…

SER   Come i stoma bin ansema, neh papà? (SERGIO RIDERAGGIANTE; LIVIO È UN PO’ PERPLESSO, MACERCA DIMOSTRARSI FELICE)

PRI    (GIOIOSO) It vëdde? Che bela cobia, sti doi!... E adess, andé dai civich, fòrsa, ch’a vë speto…

GIL    (A LIVIO) Perché it dise gnente?

GAR   (CREDENDO CHE PARLI CON LUI)Ah, mi i l’hai gente da dì, pròpi gnente…

GIL    Livio! Dis quaicòsa…

GAR   E comsissìa, im ciamo nen “Livio”…

SER   Livio! Livio Reuma!I savìa gnanca ‘l nòm!... Che ‘d ròba ch’i l’oma da contesse, neh papà?

LIV    Eh, sì...

GIL    (A PRIMO, IN DISPARTE) Ma i podoma nen lassé ch’a chërda…

PRI    (LA INTERROMPE)Ma ‘s capis, ch’i pudoma! Ma it vëdde nen come a son content?(SERGIO ABBRACCIA LIVIO, RAGGIANTE) A l’è nen la completa felicità, ch’it veule per tò fieul? Ma guardje… Guardje tuti doi! (SERGIO È ESULTANTE, LIVIO UN PO’ MENO) Ansoma… Sergio, almeno… D’ògni mòdo, per ël moment a l’è la còsa miglior da fé, it lo garantisso…

GIL    La còsa miglior per chi?

PRI    Per Sergio… It veule pa ch’a daga torna ‘d testa come prima, no? (ALZA LA CORNETTA E SCHIACCIA UN BOTTONE) Pronto?...

GAR   (VICINO A PRIMO) Pronto!

PRI    (LO GUARDA MALISSIMO, POI AL TELEFONO) Portineria?... Neurotti… Sì, sì, buongiorno… Chiami un taxi per il dottor Reuma, immediatamente… No, non possiamo aspettare due minuti. È una emergenza... S’i riesse nen a trové ‘n taxi a pijeran l’ambulansa!... (METTE GIÙ LA CORNETTA E VA A PRENDERE IL SOPRABITO DI LIVIO)

SER   Perché tuta sta pressa? (A LIVIO) I l’eve bin dime tut, eh, papà?

LIV    Sì, sì… ansi, per ancheuj a më smija ch’i l’abio fin-a dite tròp, tesòr…

SER   Senti, se sei preoccupato per il passato…

LIV    No, no… semmai per l’immediato futuro.

PRI    Ël dotor Reuma av compagnerà sota a speté ‘l taxi… (DURANTE LA SCENA CHE SEGUE, TOGLIE IL CAMICE A LIVIO E GLI METTE IL SOPRABITO)

IN2    (ENTRA) Sergio Garetto?

GAR   (SALUTA MILITARMENTE) Comandi!

IN2    Venga… La devo riportare al suo reparto.

GAR   Gnanca per seugn! Ant la mia neuva stansia im treuvo benissim! (SI GUARDA INTORNO) Anche se… per dìla tuta… a j’è ‘n pòch tròpa gent…

IN2    A me è stato detto che lei deve tornare al “Reparto C”. Su dai, nonno! Non fare storie…

GAR   (STIZZITO) Tì, porila… s’it ven-e ‘n moment dëdlà it faso vëdde mi, còsa ch’at fa ‘l nòno… E d’ògni mòdo, mi da sì im bogio nen! (INCROCIA LE BRACCIA IN ATTEGGIAMENTO DI SFIDA)

IN2    La vedremo! (ESCE ADIRATA)

GAR   Ël cine, i vëdroma… (POI SI RASSERENA E RIPORTA L’ATTENZIONE SUI DISCORSI DEI PRESENTI, CHE CONTINUANO COME SE NULLA FOSSE)

SER   Papà, a j’è tante ròbe ch’i vorerìa savèj… Mi sento come un libro a cui mancano le prime pagine…

PRI    Le prime pagine a son sempre le pì noiose…

SER   Per esempi… adess i l’avrài ëd parent neuv…

PRI    As capis!... Ma tò papino at conterà tut, neh… Adess andé!... Bogéve!...

SER   Ehi! Devo avere anche dei cugini, sparsi per tutto il mondo…

PRI    Sì, tant lontan. Arvëdse a tuti.

SER   Non capite cosa vuol dire per me?... Cusin! I l’oma lë stess sangh!

PRI    É. I foma peuj na bela trasfusion, neh… ma adess andé giù!

SER   (METTE UN BRACCIO SULLE SPALLE A GILDA E L’ALTRO A LIVIO) Voglio che sappiate tutti e due che adesso sto bene… sono a posto. Sono veramente, veramente, veramente felice!

PRI    Oh, là… finalment. Siamo tutti felici.

GAR   No! Mi i son nen “felice” per gnente. (TUTTI SI GIRANO VERSO DI LUI) In n’hai a basta, d’avèj tuta sta gent ant la mia stansia!

PRI    Giust! A l’ha rason!... Fòrsa! Andé via tuti da la stansia dël monsù!

Scena II

(Renata, Garetto, Sergio, Gilda, Primo e Livio)

REN   (ENTRA) Per l’amor del cielo, Primo… ma còsa l’è ‘ncamin ch’ai capita?

PRI    (CON ARIA INDIFFERENTE) Perché? No… gnente dë special… (FA A RENATA UN SORRISO GENTILE) Na giornà tranquila tranquila, per ël moment…

REN   Ma Primo! (INDICANDO LA FINESTRA) La caposala è caduta di là!

PRI    Da là? Ah, sì… da cola fnéstra lì, sì…

REN   E la toa conferensa a ‘ncamin-a da sì quindes minute... (N.B.: O COMUNQUE I MINUTI CHE SULL’OROLOGIO MANCANO ALLE 12)

PRI    (ALLEGRAMENTE) Giust. It l’has rason. (A LIVIO) Vojàutri ‘ndé pura giù… scuséme s’iv compagno nen…

SER   Don, i spero ch’a guarissa ‘n pressa da la gòta e da le moròidi...

REN   (GUARDA PRIMO CHE SORRIDE ALLEGRAMENTE, POICERCA INTORNO IL PRETE IMMAGINARIO; A SERGIO) Sono riusciti a trovarlo tuo padre?

SER   (AL SETTIMO CIELO) Sì!

REN   Che sollievo!

SER   Ma non le posso dire chi è.

PRI    Infatti.

REN   E si occuperà di te?

SER   Oh, sì, certo!

REN   Ma non puoi dirmi chi è.

SER   No.

PRI    Nessuno può dirlo.

GAR   Sì, mi i peuss dilo. A l’è chiel-là. (addita LIVIO; RENATA È ALLIBITA; A PRIMO) Neh, ch’i l’hai anduvinà?

PRI    (FRA I DENTI) Oh, sì! It merite pròpi ‘n bel premi! (E FA IL GESTO DI COLPIRLO)

REN   (MERAVIGLIATA) Speta ‘n moment!... (A SERGIO)Livio Reuma a l’è tò pare?

SER   Beh, non volevo dirlo… ma guardi il profilo... (SI METTE DI PROFILO ACCANTO A LIVIO)

REN   Livio? (LIVIO È AMMUTOLITO)

PRI    (A RENATA) Sì… Ma a j’è na spiegassion semplicissima… (COMINCIA A PERDERE LA CALMA; A GILDA) It veule pijé tò fieul e sò pare e ‘ndé dai civich, vaca tèra?

REN   Dai civich?

SER   Ehi! Non parli a mia madre in quel modo!

REN   Chi? Tua “madre”? Credevo che tua madre avesse avuto un tragico incidente con un tram…

         (SQUILLA IL TELEFONO)          (

PRI    (ALZA LA CORNETTA, NERVOSO) Pronto?

GAR   Pronto! (PRIMO LO GUARDA MALE)

PRI    (AL TELEFONO) Sì, benissimo! (METTE GIÙ IL TELEFONO SBATTENDOLO) Andrete con l’ambulanza! (GILDA LO GUARDA STUPITA)

LIV    (MARCATAMENTE DISINVOLTO) Alora, i seve pront?

GIL    It ses sicur, Livio?

LIV    Ij civich a në speto!...

GIL    A va bin… alora, andoma.

REN   NON SA COSA PENSARE) Ma che cosa è successo dall’ultima volta che sono venuta qui?

GIL    Non si preoccupi. (GUARDANDO PRIMO) Il parroco le spiegherà tutto. (ESCE)

REN   Livio?

LIV    Ah, ciam-me nen a mi… i deuvo andé dai civich… at lo spiega peuj ël parco.

SER   (A LIVIO) Andiamo papà. Non ti dilungare…

LIV    Dis, gagno!...Tension a come it parle con tò pare, neh… (I DUE SI PREDONO PER MANO ED ESCONO)

REN   Che peuj… ai passa gnun tranvaj sì davzin…

PRI    Ma còs at anteressa, adess, lolì…A l’ha gnun-a ‘mportansa!...

GAR   Ma pensa mach che ròba dròla… Col fieul a l’ha lë stess mè nòm… Sergio… ‘dcò mi i më s-ciamo Sergio…

PRI    (LO GUARDA BURBERO; POI A RENATA) Alora, andoma a sta conferensa, là!…

REN   Sì, mach un moment... (A GARETTO) Ma alora… monsù Sergio… a l’è chiel?

GAR   As capiss!... Ma j’amis am ciamo “Garèt”… e a sa perché?

REN   (SINCERAMENTE CURIOSA) No... perché?

GAR   (DI COLPO SI ALTERA) Perché a l’è ‘l mè cognòm, no? Ël mè cognòm… “Garetto”… “Garèt”… che diamine! (RENATA È PERPLESSA; GARETTO TORNA IMMEDIATAMENTE AFFABILE) Ma chila ch’am ciama pura “monsù Sergio”…

REN   (A PRIMO) Aspetta un attimo... Ma quella donna… la mamma di quel ragazzo…a l’è la fomna d’ës monsù sì?

PRI    (CERCANDO DI SPINGERLA FUORI) Esatto…

REN   La donna che è andata via adesso, insieme a Livio?

GAR   (GUARDANDO VERSO L’USCITA) Cola là a l’era mia fomna?

REN   È venuta a trovarla stamattina…

GAR   Dabon? A më smijava ‘d ricordé ch’a fùissa andasne già tanti ani fa…

PRI    Renata… andoma, vah…

REN   Ma ‘l dotor Livio Reuma… in tutto questo, che c’entra?

PRI    Pòch, pòch… quasi gnente…

GAR   I deuvo dì la vrità… se cola là a l’è dabon mia fomna, i ‘ncamin-o fin-a a stè mej…

Scena III

(Primo, Livio, Renata e Garetto)

PRI    (A LIVIO, CHE ENTRA SBUFFANDO ACCALDATO)Ma còs it fase torna sì? (LIVIO NON RIESCE A PARLARE PERCHÉ GLI MANCA IL FIATO) E parla! Còs a j’è ch’a va nen? (LIVIO CI PROVA,MAANCORA NON RIESCE A PARLARE) Brute notissie? (LIVIO ANNUISCE ANSIMANDO) Ëd tò fieul? (LIVIO CONFERMA A GESTI; A RENATA) Va avanti ti… disje al professor La Salma ch’i tardo ‘ncora doe minute…

REN   Ancora?...

PRI    (CON ARIA COMPUNTA) Scusa, eh, Renata… ma Livio a l’è ‘l mè pì car e vej amis… e a l’ha ‘n gròss problema, pa vera, Livio? (LIVIO ANNUISCE; PRIMO ACCOMPAGNA RENATA ALLA PORTA) Ij problema ‘d Livio i peuss ëscotéje mach mi… mi e gnu d’àutri… a son confidense da medich a medich…

REN   Primo… a saran tuti lì ch’a speto mach ti per ancaminé…

PRI    I lo sai…

REN   Ma còsa ij conto, mi, al professor?

GAR   Ch’ai disa ch’a j’è n’epidemìa dë scarlatin-a… (LO GUARDANO TUTTI)

PRI    Disje lòn ch’it veule… (LA SPINGE FUORI; A LIVIO) Perché it ses nen dai civich?

LIV    Sergio!

GAR   Comandi!

PRI    (CON IMPAZIENZA) Còs a l’è rivaje?

LIV    I j’ero ‘ncamin ch’i intravo ‘nt l’ambulansa ch’a l’è rivàje col civich e a l’ha ciapalo.

PRI    Ma a duvìa nen esse an centro dai carabinié?

LIV    Mentre a surtìa da la clinica a l’ha aussà j’euj e a l’ha vist Sergio e Orsolina an sël curnison.

PRI    Oh, vaca tèra!...

LIV    Adess a veul arestélo per “tentato omicidio”… o “tentato suicidio”… o tuti doi...

PRI    E a va bin, a basta ch’as lo pòrto via da sì ‘ndrinta!...

LIV    No. A l’ha seràlo ‘nt ël ripostiglio e a veul tenlo lì ‘ndrinta fin ch’a l’ha nen anterogà Orsolina.

PRI    Orsolina?

LIV    É. A speta mach ch’a seurta dal pronto soccorso.

PRI    Vaca tèra! Al pronto soccorso?

LIV    Comossion cerebral e ‘n brass al còl. E mi? Còs i faso? Sergio a l’ha contaje al civich che mi i son sò pare! Tuta la clinica a savrà che mi i l’hai un fieul “illegittimo”...

PRI    It duvrìe esse content che a penso ch’it peusse esse bon a fé ‘n fieul!… Sent, i duvoma fé ‘n manera che Orsolina a sìa nen anterogà da ‘s civich.

LIV    E come i foma?

PRI    I lo sai nen. I speto ch’am riva n’ispirassion.

Scena IV

(Giulio, Primo, Garetto, Livio e Infermiera 1)

GIU   (ENTRA, TRAVESTITO DA DONNA) Eccoci.

PRI    (PRIMO GUARDA DA GIULIO A LIVIO E DA LIVIO A GIULIO, SORRIDENTE; LIVIO NON CAPISCE) Guardla sì, la mia ispirassion!...

GIU   Bòja, a l’era pròpi nen ël moment, che Orsolina afinièissa al pronto soccorso!...A duvìa esse la “prima donna” dla recita e mi intré con chila…

GAR   (RIFERENDOSI A GIULIO) A l’è costassì mia fomna?

PRI    No.

GIU   Adess i deuvo trové quaidun ch’a fasa ‘l mòrt...

PRI    (ADDITANDO GARETTO) Gnun problema, a lo fa chiel!...

GAR   Mi i faso tut lòn ch’i veule, a basta ch’im lasse sì tranquil ant la mia stansia.

PRI    (A GIULIO, CON ARIA ESPANSIVA) Dotor Giulio Squarta, carissim coléga…

GIU   Sì, Primo?...

PRI    It ij farìe nen un gròss piasì al tò amis, dotor Livio Reuma?

GIU   Ant ës moment i l’hai pròpi tant da fé…

PRI    Ai sarìa da butesse an sacòcia… disoma… dosent euro!…

GIU   Beh… disoma ch’i pudrìa libereme…

PRI    A ti at pias travestite, no?

LIV    (CERCA DI INTROMETTERSI, SUBODORANDO GUAI) No, pròpi per gnente.

GIU   (GONGOLANTE) I son bravissim a travestime.

PRI    Bravissim? Mach? Ti it ses meraviglios!Pì che tut quand it traveste da fomna.

GIU   O già!Dle vòlte i l’hai fin-a faje chërde al publich ch’i j’era na fomna dabon!

LIV    A pudrà mai fonsioné!...

PRI    (NON ASCOLTA; SEMPRE A GIULIO)It l’has pa idea da ‘ndoa trové ‘n vestì da caposala?

GIU   Un vestì da caposala?... Mah… magara an lavanderia!…

PRI    Fantastich!

GIU   Ma it ses ancamin ch’it pense ‘d feme fé la caposala ant la recita?

PRI    É. Disoma n’afé parej…

GIU   E per fé la caposala ant la recita t’im daras dosent euro?

PRI    E se a ven bin… ëdcò ‘n bel premi. Is trovoma an lavanderia da sì na minuta.

GIU   Esse pagà per recité! Ël mè seugn! (ESCE DI CORSA)

LIV    Ma it jë studie ‘d neuit o it amprovise? (PRIMO VA AL TELEFONO E SCHIACCIA UN PULSANTE)

GAR   A l’è bin gentil, da part vòstra, avèj preparà tut ës divertiment per mi e mia fomna…

PRI    (AL TELEFONO) Pronto?

GAR   (TUTTO CONTENTO) Pronto!

PRI    Sono il dottor Neurotti... Sì, buongiorno… Credo che lì da voi ci sia un agente dei vigili urbani, potreste mandarmelo su per favore?… In sala medici, sì. Gli dica che la caposala lo sta aspettando qui da noi. (RIATTACCA)

LIV    (CON RIMPROVERO) Bòja… ma Livio!...

PRI    (AIUTA LIVIO A TOGLIERSI IL SOPRABITO)Telefona al pronto soccorso e disje ch’a ten-o lì Orsolina pì ch’a peulo.

LIV    Se mia sorela a ven a savèj ëd tut ës trigo, ai pija ‘n colp!...

IN1    (ENTRA) Signor Sergio Garetto? (GARETTO SI TIRA SULLA TESTA LA COPERTA CHE, SEDUTO SULLA SEDIA A ROTELLE, AVEVA SULLE GAMBE; L’INFERMIERA SI GUARDA INTORNO, IMITATA DA PRIMO E LIVIO) Avete visto il signor Garetto?

LIV    Chi?

PRI    (SBRIGATIVO) Questa è la Sala Medici, non il Pronto Soccorso!

IN1    (STRANITA) Ma dove sarà finito? (ESCE)

PRI    Mi i vado ‘n moment an lavanderia a giuté Giulio. Bon-a fortun-a…

LIV    Grassie (POI REALIZZA) Come a sarìa a dì “bon-a fortun-a”?

PRI    Ma gnente… Sta atent che tut a vada per ël sò vers!...

LIV    Ah, no! Mi i resto nen ambelessì!

PRI    E già?... It ses ti ël pare!... Quand che Giulioa dirà ch’a l’era an sël curnison mach per fé në schers… parej per rije… ti it deuve deje rason.

LIV    Giulio? Ma Giulio a l’era pa an sël curnison!

PRI    Ma adess a fa finta d’esse Orsolina e chila an ël curnison a j’era, badòla!

Scena V

(Professore, Primo, Livio e Garetto)

PRO   (ENTRA FUMANTE DI RABBIA) Neurotti!

PRI    (CON CALMA) Sì, professore?

PRO   Sto aspettando per presentarla, dottore!

PRI    Mancano ancora cinque minuti... (N.B.: O IL TEMPO CHE SEGNA L’OROLOGIO)

PRO   Venga subito! Immediatamente!

PRI    Sì, sì… immediatamente… devo solo fermarmi un attimo in lavanderia. (ESCE)

PRO   Me ne faccia ancora una e la metto di servizio, in lavanderia! (ESCE) Neurotti!

GAR   (A LIVIO, CHE VA AL TELEFONO E SCHIACCIA UN PULSANTE) A sa, dotor? I son mai divertime parej…

LIV    (AL TELEFONO) Pronto?

GAR   Pronto!

LIV    Pronto soccorso? Sono il dottor Reuma. La caposala Orsolina è ancora da voi?… Bene… No, non la rilasciate. Voglio che le siano fatti tutti gli esami possibili: il cuore, le urine, gli esami completi del sangue, insomma, tutti… non c’è fretta. Un controllo completo. Arrivederla. (RIATTACCA, MENTRE BUSSANO ALLA PORTA)

GAR   (MOLTO ALLEGRO, QUASI CANTICCHIANDO) Avanti, entrate! Chiunque voi siate!

CIV    Permesso? Buongiono… (CERCA INTORNO)Credevo di trovare la caposala, qui…

LIV    Sta arrivando.

CIV    E lei intanto potrebbe andare da quel suo figliolo, dottore…

LIV    Sergio? Si sta agitando di nuovo?

CIV    Sua madre sta facendo quello che può, ma potrebbe essere un brutto affare quello in cui si è messo suo figlio…

LIV    Le assicuro che è tutto un malinteso…

CIV    Mah… vedremo cosa ha da dire la caposala.

LIV    No, non si preoccupi per la caposala…

GAR   Fin ch’a la guarda nen an facia, alora sì ch’as preòcupa… (IL VIGILE E LIVIO GUARDANO GARETTO CHE SORRIDE BEATO)

CIV    Chi è? Un degente?

GAR   Monsù Garèt, per gli amici. Ma lei può chiamarmi signor Sergio.

CIV    (PENSA) Sergio… Sergio… Dove ho già sentito…?

LIV    (INTERROMPENDO) Il signor Garetto è un nostro paziente a lungo termine. Monsù Garèt, perché a torna nen al sò reparto?

GAR   No, i preferisso stemne sì. Dëdlà im diverto nen parej… e peuj a l’è tornaje mia fomna, dòpo tuti sti ani ch’a l’era mòrta!

CIV    Come?

LIV    (A GARETTO, PER CALMARLO) Sì, adess ij faso portè su un let matrimonial, neh…

GAR   Antant ch’a vada giù e ch’ai disa da vnì ‘n moment da mi…

LIV    Chi a l’è ch’a duvrìa vnì sì?

GAR   (AL VIGILE)Mah… sti dotor a l’avran studià tant, ma a smìjo mach ëd beté!... (A LIVIO) Mia fomna, no?

LIV    (NON GLI DA PESO) Ah, si! Ma as capiss, soa fomna…

GAR   (AL VIGILE) Beté. Na banda ‘d beté. (A LIVIO) Ch’ai disa dë vnì su. Im la ricordava nen bela an forma parej… (FA GESTI ESPLICITI CON LE MANI)

LIV    A peul nen, adess. A deuv speté sota con sò fieul Sergio…

CIV    (PRENDE LIVIO DA PARTE, SCONCERTATO)Mi scusi, dottore… la signora che aspetta giù… è la moglie del signor Garetto?

LIV    A dire la verità, sono un po’ confuso sui dettagli esatti… ma mi pare di sì.

CIV    Mi sembrava di aver capito che siccome lei e la signora eravate i genitori del ragazzo… voglio dire, è lei il padre del ragazzo, no?

LIV    Anche su questo mi piacerebbe essermi confuso, ma purtroppo non posso.

CIV    (RIFERENDOSI A GARETTO) Allora lui sarebbe… il patrigno del ragazzo?

LIV    Sì, va beh… ma lasciamo perdere…

CIV    Certo che si è trovato una moglie… giovane e attraente…

LIV    Eh, già...

CIV    (A GARETTO) Si è sistemato proprio bene, lei…

GAR   Eh, se pensa che ho cominciato a tredici anni dietro al banco del negozio…

CIV    Boh… devo dire che qui a Villa Beatrice, con tutto quello che succede… sembra di stare in una telenovela...

LIV    Come le dicevo… ehm… le parentele in questa clinica per il momento sono un po’ confuse…

CIV    Già. Le mie, invece… sono molto chiare.

LIV    Le sue cosa?...

CIV    Le mie parentele in questa cilnica... Mio nipote lavora qui.

LIV    Davvero?

CIV    Certo. E lei probabilmente lo conosce. Il dottor Squarta. Giulio Squarta.

LIV    (HA COME UN MALORE; POI, SORRIDENDO NERVOSAMENTE) Il dottor Squarta? Livio è suo nipote?

CIV    Già, il figlio di mio fratello.

LIV    (SI SQUOTE) Mi scusi. (CORRE AL TELEFONO E SCHIACCIA UN PULSANTE; PARLANDO NELL’APPARECCHIO) Dottor Neurottiin Sala Medici. Subito. È un’emergenza.

CIV    Che cosa è successo?

LIV    Devo mettermi in contatto con il dottor Neurotti.Mi sono accorto improvvisamente che abbiamo fatto delle prescrizioni sbagliate.

CIV    Prescrizioni sbagliate?

LIV    Per la caposala. Per le condizioni della caposala. (PARLANDO NEL TELEFONO) Mayday, Mayday, Mayday!

Scena VI

(Livio, Vigile, Primo, Giulio, Garetto e Infermiera 2)

         (NON VISTO DAL VIGILE, ENTRA GIULIO VESTITO DA CAPOSALA, CON LA PARRUCCA FEMMINILE E CON UN BRACCIO AL COLLO)

LIV    (URLA) No! (CORRE A BLOCCARE IL VIGILE PERCHÉ NON SI VOLTI; GIULIO CAPISCE E SENZA CHE IL VIGILE LO VEDA, SI GIRA ED ESCE DI NUOVO; LIVIO LASCIA ANDARE IL VIGILE CHE È MOLTO SORPRESO) No! Non può lavorare serenamente, così! Prenda qualcosa da bere!

CIV    Mah, veramente… in servizio…

LIV    Come crede… (VA AL TELEFONO)

GAR   Magara i na pijo na stissa mi, vah… (SI ALZA DALLA SEDIA CON LA SUA COPERTA E SI VA A SERVIRE DA BERE)

LIV    (NEL TELEFONO) Dottor Neurotti!Aiuto!

PRI    (ENTRA CORRENDO) Còsa l’è ‘ncamin ch’ai capita?

LIV    (INDICANDO DI NASCOSTO IL VIGILE) Abbiamo fatto la prescrizione sbagliata!

PRI    (PERPLESSO) Prescrizione sbagliata? La Salma a l’era a metà dla presentassion ëd la conferensa quandi ch’a l’è sentusse la toa vos ant l’altoparlante ch’a sbraitava “Mayday, Mayday, Mayday!”

LIV    Certo. Glielo stavo dicendo al maresciallo Squarta. (MARCATO) È vero, maresciallo Squarta?

CIV    Non sono maresciallo… (PRIMO RIMANE INERTE)

LIV    Stavo offrendo da bere al maresciallo Squarta! (MARCATO)

CIV    Non sono maresciallo…

PRI    (CONTINUA A NON CAPIRE) A va bin… Daje da bèive…

IN2    (ENTRA) Signor Sergio Garetto? (GARETTO, IN PIEDI, SI METTE LA COPERTA SULLA TESTA E RIMANE IMPALATO) Ma dov’è finito?

PRI    (FURIOSO) Sì a j’è gnun Garèt! Questa è la Sala Medici! Se ne vada subito!

IN2    Eh, va bene, va bene… che modi… (ESCE MORTIFICATA; IL VIGILE È ALLIBITO)

PRI    (A LIVIO) Alora, còsa l’è st’emergensa? Mi i l’hai da ten-e na conferensa… e la caposala Orsolina… (SI GUARDA INTORNO) andoa ch’a l’è?

LIV    Andoa ch’a l’è? Eh? Ah, già! A sarà con ël dotor Squarta! (MARCATO) Con il dottor Giulio Squarta! (GARETTO A TEMPO SI È LEVATO LA COPERTA DALLA TESTA)

PRI    Ma còs at taca?

CIV    Avete fatto la prescrizione sbagliata, mi pare...

LIV    (ESULTA) Sì! Sì! La prescrizione sbagliata! È vero, maresciallo Squarta! Grazie, maresciallo Squarta! Ben detto, maresciallo Squarta!

CIV    Non sono maresciallo…

PRI    Piantla lì ‘d crijé, Livio!

LIV    No, no! I crijo nen “Livio”! I crijo “maresciallo Squarta”!

CIV    Non sono maresciallo… (GARETTO SORRIDE BEATO E SI VA A SEDERE)

PRI    Sent… mi i l’hai da ‘ndé a ‘ncaminé la conferensa…

LIV    Prima dobbiamo dare qualcosa da bere al “maresciallo Squarta”! (INDICANDOLO CON CHIARI GESTI)

CIV    Non sono maresciallo…

PRI    Squarta? (FINALMENTE REALIZZA E GRIDA) Squarta!

LIV    Come il nostro caro Giulio! Il maresciallo è lo zio di Giulio Squarta!

CIV    Non sono maresciallo…

PRI    Zio!... Barba civich!...

GAR   Alora, foma na cita pausa? Beivoma quaicòs? (PRIMO E LIVIO LO GUARDANO STORTO)

Scena VII

(Livio, Vigile, Primo, Giulio e Garetto)

         (GIULIO RIENTRA, ANCORA VESTITO DA CAPOSALA)

PRI    (URLA ATTERRITO) No! Nen adess,vaca tèra!(GIULIO, DI CUI IL VIGILE NON SI È ACCORTO, FA UNA PIROETTA SU SE STESSO ED ESCE DI NUOVO)

CIV    (SUSSULTA AL GRIDO DI PRIMO) È nervoso, dottore?

LIV    Il dottor Neurotti ha lavorato troppo, ultimamente…

PRI    (CERCA DI DARSI UN CONTEGNO) Eh, sì… stamattina ho già fatto… ehm… 12 prescrizioni!…

CIV    Ah, però!... E quante ne ha sbagliate?

PRI    (RIDE FORZOSAMENTE)E già… Quante ne ho sbagliate?

LIV    Una, solo una… Quella che abbiamo fatto insieme…

CIV    (SPAZIENTITO) Insomma, quando arriva ‘sta caposala?

PRI    (A LIVIO) Già, andoa ch’a l’è ‘ndàita a finì cola benedeta dòna? Va ‘n moment a vëdde còs a fa… (LO SPINGE VERSO LA PORTA, MENTRE ENTRA GIULIO, SEMPRE TRAVESTITO DA CAPOSALA; URLA) No! Va via!

GAR   Am dis a mi, dotor? (PRIMO SPINGE LIVIOADDOSSO A GIULIO, I DUE SI ABBRACCIANO E CON UN GIRO DI VALZER ESCONO)

CIV    Perché diavolo state tutti gridando?

PRI    Io? Stavo gridando? In che senso?

CIV    (SI GUARDA INTORNO) Ma… il dottor Reuma dov’è andato?

PRI    (PRENDE TEMPO) Chi? Il dottor Reuma?... Vuole dire il dottor Livio Reuma? (IL VIGILE ANNUISCE) Lo hanno chiamato per un’emergenza... Non ha sentito l’altoparlante?

CIV    No.

PRI    Ah, no?

CIV    (STUFO) Senta, se la caposala non arriva, andrò io a cercarla al pronto soccorso.

PRI    (CON UNO SCATTO) No! (POI SI CALMA) Cioè… la caposala sta arrivando…

CIV    Ma quando?

PRI    Bravo!Bella domanda. Io penso… ehm… penso… Penso che forse sarebbe meglio che andassi a cercarne una… ehm… a cercarla! (ESCE RAPIDAMENTE)

CIV    (GLI GRIDA DIETRO) Dottor Neurotti!

GAR   (MOLTO DIVERTITO) Sa, è tutto a spese della Mutua. Tut a gratis…

Scena VIII

(Renata, Vigile, Garetto e La Salma)

REN   (ENTRA AFFANNATA) Per l’amor del cielo, qualcuno ha visto il dottor Neurotti?

GAR   A sarà per lì ‘n girola a sbaglié quàiche prescrission…

CIV    È andato a cercare la caposala.

REN   la signorina Orsolina?

PRO   (ENTRA FURIBONDO) Ma che cosa sta succedendo in quest’ospedale?

GAR   (RIDENDO) S’i ‘ncamin-o a contéilo adess, i finioma doman matin…

PRO   Dov’è andato quell’idiota?

GAR   Col? Sì ‘ndrinta a l’è pien, ëd borich!...

REN   Ehm… professor La Salma… c’è stata un’emergenza…

PRO   Lo spero bene! Ho già dovuto ripetere tre versioni diverse del mio discorso inaugurale… Della conferenza non si è sentita ancora una sola parola … e i partecipanti stanno già facendo la pausa caffè!

REN   Vado a cercare di intrattenere il futuro Ministro della Sanità.

PRO   Non si tratta di intrattenerlo, ma di tenerselo buono.

REN   Sì… Ci penserò io. (ESCE; LA SALMA LA SEGUE USCENDO ANCHE LUI, FURIOSO)

GAR   (AL VIGILE RIDENDO SODDISFATTO) Chissà còs a l’han preparane, adess?…

Scena IX

(Garetto, Vigile e Giulio)

         (GIULIO VIENE SPINTO DENTRO DA QUALCUNO, INVISIBILE; È VESTITO DA CAPOSALA, CON LA PARRUCCA PETTINATA IN AVANTI A COPRIRE IL VOLTO ED IL BRACCIO AL COLLO; IL VIGILE, CHE HA COMINCIATO A PRENDERE APPUNTI SU DI UN BLOCCHETTO NOTE, NON HA ANCORA VISTO GIULIO, MA GARETTO SI AVVICINA CON LA SEDIA A ROTELLE ALLA FINTA CAPOSALA PER VEDERLA MEGLIO; GIULIO FA SEGNO ESPLICITO A GARETTO DI LEVARSI DI MEZZO, MA LUI NON SI MUOVE E SORRIDE; FINALMENTE GIULIODA UN LEGGERO COLPO DI TOSSE PER ATTIRARE L’ATTENZIONE)

CIV    (VOLTANDOSI) Ah, deve essere la caposala...

GIU   (CONVOCE IN FARSETTO) Sì, sono la signorina Orsolina. Come sta?

CIV    Vigile Scelto Squarta. (PRECISANDO) Non sono maresciallo… (FA PER DARLE LA MANO)

GIU   (RITRAENDOSI) No! Non si avvicini troppo!... Ehm… C’è il colera, in ospedale.

CIV    Il colera? Oh, perbacco... Mi scusi… (IL VIGILE FA DUE O TRE PASSI INDIETRO)

GIU   È che stamattina non ho ancora avuto tempo di lavarmi le mani. Stia più in là, per piacere.

CIV    (SI ALLONTANA ANCORA) Allora… si tratta di quel giovane che l’ha attirata sul cornicione della finestra…

GIU   (ALLEGRAMENTE) Ah, quel ragazzo... Ma stavamo scherzando!

CIV    Signorina… ho assistito all’incidente… e lei stava lottando con quel giovane…

GIU   No, no. Non stavamo lottando... ehm… Era un abbraccio. Ecco, sì, un abbraccio… È che forse avevo esagerato con lo spumante del congresso e quel giovane… ehm… mi aveva un po’ eccitata!

CIV    (INCREDULO) Ah, sì… Capisco. (SCRIVE)

GAR   (SI AVVICINA A GIULIO E RIFERENDOSI AL SUO SENO, IN CONFIDENZA) Ch’a scusa, neh… còs a l’ha butà lì ‘ndrinta? Doi portigaj o ‘n giornal?

GIU   (ACCENNA A DARGLI UN CEFFONE, MA IL VIGILE HA FINITO DI SCRIVERE; SORRIDENDO, AL VIGILE) Non ci sarà mica una denuncia, no? Per uno scherzo…

CIV    (METTE VIA PENNA E NOTES) Se lei è d’accordo, signorina…

GIU   (FELICE) Certo! D’accordo! D’accordissimo!

CIV    (ESITANTE) Forse, però…è meglio che chieda prima anche al prete.

GIU   (DOPO UNA PAUSA DI STUPORE) Il prete?Che prete?

CIV    Il ragazzo ha dichiarato che c’era un prete presente, quando sono successi i fatti.

GIU   (SFORZANDOSI DI RICORDARE) Non mi pare…

GAR   E già ch’a j’era. Un prevòst an borghèis, con la gòta e le moròidi.

GIU   Ah, col prèive…

CIV    Non lo interrogherò a lungo... È malato, no?

GIU   Beh, sì… molto malato… ehm… ma è veramente necessario?

CIV    Certamente… così potrà confermare la sua dichiarazione.

GIU   (NON SA CHE FARE) Certo, certo… ma… ma è che…

CIV    Prima lo vedo e prima me ne andrò di qui.

GIU   Giusto. Allora, se aspetta qui… (SI AVVIA)

Scena X

(Primo, Garetto, Vigile, Giulio e Livio)

PRI    (ENTRA VESTITO DA CAPOSALA CON IL BRACCIO AL COLLO) Allora, dov’è quel vigile?

GIU e PRI    (INSIEME, VEDENDOSI) Aaah! (IL VIGILE È ALLIBITO; LE DUE CAPOSALA SI GUARDANO ATTONITE, MENTRE IL TEMPO SI FERMA PER UN ATTIMO)

CIV    Non me l’avevano detto che ci sono due caposala…

PRI    Ah, no?...Lei è della medicina, mentre io sono di Chirurgia. Ehm… La collega che cosa ha dichiarato esattamente?

GIU   È stato solo un abbraccio e un bacio innocente...

PRI    (STUPITO) An sël curnison ëd la fnéstra?

GIU   É.

PRI    Ma i j’ere cioch?

GIU   (TAGLIA CORTO) Bene… se volete scusarmi, vado a cercare il prete.

PRI    Ël prèive?

GIU   Col prèive malavi…

GAR   Gòta e moròidi!

GIU   (INDICANDO IL VIGILE) Vuole interrogare anche lui.

PRI    E come?...

GIU   Non si preoccupi, cara collega… Ci penso io… (ESCE)

PRI    Dunque, se Medicina le ha già spiegato la situazione…

CIV    (AVVICINANDOSI) Comunque, io non riesco ancora a capire…

PRI    No!Non si avvicini troppo!...Ehm… C’è stata un’epidemia di tifo, al terzo piano…

CIV    Tifo?

PRI    Già… ma ora è sotto controllo. Resta ancora qualche caso di peste, ma dovremmo farcela...

CIV    Come mai anche lei ha il braccio al collo?

PRI    Che strano, neh?...Lei che cosa ne pensa?...

GAR   Mi i penso ch’it ses nen ampinite bin le pupe...

CIV    (UN PO’ SPAZIENTITO) Come ha fatto a farsi male al braccio, infermiera?

GAR   Sentoma ‘n pòch come as la gava ades?

PRI    (CON LA SUA VOCE) Chiel ch’a staga ciùto, se no ij faso ‘n clistere.(GARETTO VELOCEMENTE SI ALLONTANA SULLA SUA SEDIA A ROTELLE)

LIV    (È SPINTO DENTRO DA QUALCUNO; INDOSSA UNA VESTAGLIA, UN COLLARE DA PRETE ED HA UN PIEDE BENDATO QUASI COME UNA INGESSATURA; SI È MESSO ANCHE DEGLI OCCHIALI DA SOLE E DEI BAFFI; PRIMO LO SCRUTA E CHIUDE GLI OCCHI ANGOSCIATO) Buongiorno, figlioli… è questa la Sala Medici? (PRIMO ALZA GLI OCCHI AL CIELO)

GAR   Ch’a intra pura, sor pievan. Ch’as unissa a la combricola!

LIV    Non voglio avvicinarmi troppo. La mia epatite non è ancora completamente guarita…

CIV    Mamma mia, che ospedale poco salutare!...

PRI    (TORNA A PARLARE IN FARSETTO) Padre…

LIV    Dimmi pure, figlio mio… (VELOCEMENTE, SI CORREGGE) figlia mia…

PRI    Il signor vigile vorrebbe sapere se lei può confermare…

CIV    Il “signor vigile” può parlare anche da solo, infermiera. (A LIVIO) Lei può confermare che il giovane non aveva intenzioni criminali durante l’incidente di cui lei è stato testimone, sul cornicione della finestra?

LIV    Sì, in verità.

PRI    A l’ha vist? Còs ij disìa?

CIV    Eppure… c’è qualcosa che non mi convince…

PRI    (FACENDO FINTA DI PIANGERE) Questo è veramente troppo! Non ce la faccio più! Lavoro ventiquattr’ore al giorno per curare i malati e questo è il ringraziamento!... Basta una piccolissima mancanza… ed ecco che la povera e indifesa infermiera viene calunniata nel peggiore dei modi! (SCOPPIA A PIANGERE)

LIV    (LA CONSOLA) Andiamo, andiamo, cara figliola...

CIV    Accidenti… mi scusi… non volevo… Forse… date le circostanze… posso considerare chiusa qui la mia inchiesta e portare il ragazzo in sezione... (IMMEDIATAMENTE PRIMO SMETTE DI PIAGNUCOLARE E SPALANCA UN AMPIO SORRISO; ANCHE LIVIO È RAGGIANTE)

LIV e PRI    (INSIEME) Grazie, maresciallo!

CIV    Non sono maresciallo…

LIV    Sarai ricompensato nell’aldilà, figlio mio.

CIV    Allora, Padre… forse potrebbe chiamarmi il dottor Reuma.

LIV    Il dottor Reuma?

CIV    Lui è il papà del ragazzo… Deve venire con noi in sezione.

PRI    (GLI INDICA L’USCITA) Se aspetta giù all’ingresso, io le chiamo il dottor Reuma col cercapersone e glielomando immediatamente.

CIV    Va bene. Allora faccia una cosa rapida.

PRI    Non si preoccupi, verrà molto subito… ehm… prima che ‘mpressa.

GAR   A l’è già là!... (LO SQUADRANO TUTTI E TRE; POI IL VIGILE ESCE A GRANDI PASSI)

LIV    (SI TOGLIE I BAFFI) I pudrài mai perdonéte per lòn ch’it l’has combinà ancheuj!

GIU   (COMPARE SULLA PORTA; SI È CAMBIATO) Mè barba a l’è ‘ndasne?

PRI    Giulio! Perché it l’has mai dine ch’it l’avìe ‘l barba civich?

GIU   Beh… i l’oma mai parlane…

PRI    Che gadan!...

CIV    (RIENTRA DI COLPO) Ho lasciato il mio notes con gli appunti sul… (LIVIO SI RIAPPICCICA FRETTOLOSAMENTE I BAFFI, MA SOTTO LE LABBRA E NON SOPRA; PRIMO ATTIRA GIULIO IN UN ABBRACCIO, PER IMPEDIRE AL VIGILE DI VEDERGLI LA FACCIA; IL VIGILE SI FERMA VEDENDO LA CAPOSALA CHE ABBRACCIA UN GIOVANE RECALCITRANTE; LIVIO ESITA UN ATTIMO, POI ESCE; IL VIGILE SCUOTE LA TESTA INCREDULO, MA POI SI SOFFERMA A GUARDARE MEGLIO PRIMO E GIULIO)

GAR   Ancheuj sta caposala a l’ha pròpi n’aptit da sonador, neh?

CIV    (SI AVVICINA ALLA SCRIVANIA, MOLTO PERPLESSO) Ero venuto a prendere il mio blocchetto degli appunti…

PRI    (CON VOCE DA DONNA) Andiamo, faccia presto, che abbiamo da fare... (IL VIGILE PRENDE IL SUO NOTES ED ESCE SBIGOTTITO)

Scena XI

(Renata, Giulio, Livio, Garetto e Primo)

         (PRIMO E GIULIO FANNO APPENA IN TEMPO A SEPARARSI)

REN   (ENTRA) Primo, i congressisti stanno diventando… (AL SUONO DELLA SUA VOCE PRIMO SI BUTTA CARPONI PER TERRA E COMINCIA A PULIRE IL PAVIMENTO) Ma caposala… cosa fa? (PRIMO SI METTE A PULIRE FURIOSAMENTE) Signorina Orsolina!... (NON OTTENENDO RISPOSTA, SI RIVOLGE A GIULIO) Dotor Squarta, it l’has vist Primo?

GIU   (ESITANTE) A sarà nen al congress?

REN   No!... Sent, s’it lo vëdde prima ‘d mi, disje che i delegati a son ancamin a perde la passiensa…

LIV    (ENTRA E VA DA PRIMO CHE CONTINUA A PULIRE IL PAVIMENTO; SI È RIMESSO I SUOI VESTITI, MA HA ANCORA I PANTALONI ARROTOLATI E I BAFFI FINTI APPICCICATI AL MENTO) A va bin… alora mi adess i vado dai civich e… (SI IMMOBILIZZA, SENZA VOLTARSI, RENDENDOSI CONTO DELLA PRESENZA DI RENATA)

REN   Livio?...

GAR   Ah, che bel! Vëddoma ‘n pòch adess come ch’a la rangia!...

LIV    (È ANCORA BLOCCATO IN POSA; GIULIO GLI VA DAVANTI E SI TOCCA IL MENTO; LIVIO SI METTE LA MANO SUL MENTO E SI TROVA I BAFFI FINTI;SI RILASSA, SI VOLTA, SORRIDE GENTILMENTE A RENATA E SI SPOSTA I BAFFI DAL MENTO A SOTTO IL NASO) Scusa ‘n moment... (FA PER USCIRE)

REN   (AUTORITARIA) Livio!

LIV    (SI FERMA, CON NATURALEZZA) Sì, Renata?

REN   Ma i seve vnù tuti mat, sì ‘ndrinta?

LIV    (ALLEGRAMENTE) Sì. Cioè, it l’has rason… ant ës moment i soma nen pròpi an quader… (ED ESCE; RENATA SCUOTE LA TESTA, CONFUSA; DOPO UN ATTIMO ESCE ANCHE LEI)

GAR   Beh… a l’è ‘ncora gavasla discretament…

PRI    (SI ALZA E, MENTRE PARLA, SI TOGLIE IN FRETTA L’UNIFORME E SCOPRENDO I PANTALONI ARROTOLATI FINO AL GINOCCHIO) Squarta! Fa porté ‘s vej da ‘ndoa ch’a l’è rivà!... Speroma mach che giù al congress ai sìa ‘ncora quaidùn…

GIU   (A GARETTO) Andoma.

GAR   No, dài… ‘mbelessì i stago benissim… am basta ch’i fase vnì su mia fomna e ch’im pòrte ‘n bel let matrimonial…

GIU   Gnun-e stòrie… it pòrto bele subit al reparto C.

GAR   E a va bin, passiensa… con lòn ch’i l’hai veddù ‘mbelessì, in n-hai da contéda ten-e su ‘l moral a tut ël reparto!... (GIULIO LO SPINGE FUORI ED ESCONO)

Scena XII

(Orsolina, Primo e Livio)

ORS   (ENTRA; HA UN BRACCIO IMMOBILIZZATO; VEDE PRIMO ANCORA INTENTO A TOGLIERSI LA DIVISA DA CAPOSALA) Oh, la miseria!...

PRI    (SI RENDE CONTO CHE PORTA ANCORA LA PARRUCCA) I son mi, Orsolina... (SI TOGLIE LA PARRUCCA)

ORS   (TITUBANTE) Dotor Neurotti, a l’han dime ch’a j’è ‘n civich ch’a veul parléme…

PRI    A l’è vera.Ma a l’è già ‘ndàit via. Pienamente soddisfatto. A peul torné tranquilament a le soe facènde… (CERCA DI RICOMPORSI)

ORS   Eh, le mie faccende… ho qualche dubbio… i son tuta rota... I l’hai ancora col “Dormiben” ch’a gira… (SI SIEDE)

PRI    Bin. Ch’as ripòsa ‘n pòch.(CON TONO DA ORATORE) “Cari colleghi medici, cari amici neurologi, signore e signori… benvenuti!...” (TRAE UN PROFONDO RESPIRO E, SENZA RENDERSENE CONTO, PRENDE LA PARRUCCA E SE LA METTE IN TESTA, POI ESCE, CON I PANTALONI ANCORA ARROTOLATI)

ORS   I l’hai da manca d’un pòch d’aria… (SI ALZA, MA VACILLA E TORNA AD APPOGGIARSI ALLO SCHIENALE DELLA SEDIA, TENENDOSI LA TESTA E DANDO LE SPALLE ALLA PORTA)

LIV    (IRROMPE IN PREDA AL PANICO E SI PRECIPITA DA ORSOLINA, CHE NON VEDE IN VOLTO) Fa ‘n pressa! Gavte la vesta! (LE DÀ UNA MANATA SUL SEDERE; ORSOLINA SI TASTA IL DIDIETRO SCONCERTATA) Dài! Dësbreuite, ch’i l’oma nen temp da perde! (FA PER SBOTTONARE IL CAMICE, MA ORSOLINA GLI MOLLA UNO SCHIAFFO SULLA MANO) Fa nen dë stòrie! Giù a j’è ‘n casin ch’a finiss pì!... (IMPALLIDISCE QUANDO ORSOLINA SI VOLTA E LUI LA RICONOSCE; CERCA DI ESSERE NATURALE) Tòh, guarda… Orsolina… Come ch’a sta?

ORS   (STIZZITA) A l’è chiel ch’a sta nen bin, dotor Reuma! (MA CONTINUA AD ESSERE INTONTITA DAL DORMIBEN)

LIV    (NEL TELEFONO) Datemi il dottor Neurotti!

ORS   Dottor Reuma… credo che lei mi debba una spiegazione.

LIV    Ma ‘s capiss… subit. (NEL TELEFONO) Dottor Reuma al dottor Neurotti! Dottor Reuma al dottor Neurotti! Rispondi, Neurotti!

ORS   Alora?

LIV    Alora còsa?

ORS   Un moment fa chiel a l’è sautame adòss e a l’ha preuvà a disvestime!

LIV    É. I lo sai. E alora? (NEL TELEFONO) Reuma chiama Neurotti! Reuma chiama Neurotti! Neurotti, la malora!

ORS   (PRENDE L’UNIFORME DA CAPOSALA LASCIATA DA PRIMO E GLIELA MOSTRA) E sossì, còs a l’è?

LIV    (CERCA DI MINIMIZZARE) Na vestimenta da caposala…

ORS   (VUOLE INDAGARE, SOSPETTOSA) Cosa ci fa qui?

LIV    Maaah… i savrìa nen… a l’è na stòria longa… na stòria da nen chërde…

ORS   Chiel ch’a preuva a contémla…peuj mi i decido se chërde o no.

LIV    Chila a chërderà ch’a son ròbe da mat…

ORS   Ch’a j’ero ròbe da mat i l’avìa già capìlo.

LIV    (GLI VIENE L’IDEA) L’aministrassion ëd l’ospidal… per risparmié… a veul ch’is cuso le divise ognidun per sò cont… e parèj… i j’ero ‘ncamin ch’i guardavo…

ORS   A l’ha rason, dotor.

LIV    Che ròba?

ORS   Ij chërdo nen. (LO GUARDA TORVA ED ESCE)

LIV    (AL TELEFONO) Dottor Neurotti! Ven subit! Ovunque tu sia!


Scena XIII

(Garetto, Livio, Primo e Infermiera 1)

GAR   (ENTRA CON LA SUA SEDIA A ROTELLE) Guardme sì ch’i son rivà. Còs i son perdùme?

LIV    Oh, no!... Ma perché a l’è tornà ‘mbelessì?

GAR   Perché a j’è pì da divertisse!

PRI    (ENTRADI CORSA; NON HA PIÙ LA PARRUCCA E HA SROTOLATO I PANTALONI) Còs it fase ‘ncora sì? It duvrìe esse dai civich con Sergio…

LIV    (VEDENDOLO, È SOLLEVATO) Oh, meno male!

PRI    Còs at capita? I j’era a metà dël mè discors, ch’a l’è sentusse la toa vos ch’a brajàva ant l’altoparlante!

LIV    Ma còs it veule ch’am n’anfasa dël tò discors? Giù a l’intrada a l’è scatenasse l’infern!

PRI    (NON LO ASCOLTA)A l’era già ‘ncaminà mal quand i son presentame con la pruca e le braje tirà su…

LIV    (CONTINUA A RIFERIRSI AI PROBLEMI ALL’INGRESSO)Là sota a l’è ‘n disastro…

PRI    Ël professor La Salma a l’era fin-a verd… a continuerà chiel la mia relassion…

LIV    E còs ij diso a mia sorela?

PRI    A sarà già bele vers la fin… (SI RENDE CONTO) Come? Toa sorela?

LIV    I j’ero ‘ncamin ch’i surtìo per andé dai civich… quandi ch’a l’è rivàme lì… an sle croste…

PRI    (PREOCCUPATO) Faje nen savèj gnente! Fala torné subit a ca!

LIV    Tròp tardi! A l’è presentasse al civich, ch’a l’ha presentaila a Sergio…It capisse?… Adess a penso d’esse dl’istess sangh!

PRI    Livio… costassì it deuve vëddetla ti.

LIV    Mi? E come i faso? Sergio a piora come ‘n bocin e mia sorela a l’è svenùa...

IN1    (ENTRA AFFANNATA) Signor Garetto? (GARETTO SI COPRE CON LA COPERTA)

PRI    (FURENTE) Vatne subit fòra da sì! Va via!

IN1    Ma dottore… abbiamo perso un paziente…

LIV    (CERCA DI CONCILIARE) Va beh, passiensa… Ai na j’è tanti d’àutri… (LA ACCOMPAGNA VERSO L’USCITA; L’INFERMIERA ESCE SCONSOLATA)

PRI    (A GARETTO, CHE SI È SCOPERTO) Chiel! Ch’a torna ant ël sò reparto!

GAR   Ma va!... A l’è pien ëd vej!

PRI    E alora? ‘Dcò chiel a l’è ‘n vej balord!

GAR   E peuj ambelelà mia fomna a vnirìa nen. A l’è giovo, chila.

PRI    Ch’a torna dëdlà sednò i lo pòrto mi a sgiaflon daré ‘d j’orìe!

LIV    Lassa perde ‘s roclò, adess… It deuve vnì a contéje la vrità a Sandra.

PRI    A chi?

LIV    A Sandra, mia sorela.

GAR   (SODDISFATTO) I lo savìa, mi, ch’a j’era da divertisse…

Scena XIV

(Gilda, Garetto, Primo e Livio)

GIL    (ENTRANDO) Livio!...

GAR   Guardla sì, mia fomna…Dotor? A më scriv cole pastiglie bleuve? (SI ALZA E COMINCIA A FARE ESERCIZI GINNICI)

PRI    (A GARETTO) It veule stè ferm?

GAR   (SEMPRE FACENDO ESERCIZI) I deuvo tenme ‘n forma per cola fomnin-a lì… (PRIMOLO SPINGE A SEDERE SULLA SEDIA A ROTELLE)

GIL    (A LIVIO) Livio… a dis ël civich che s’it torne nensubit sota av aresta tuti doi, ti e Sergio.

LIV    E mia soréla?

GIL    A l’han cogiàla ans na barela.

GAR   (TUTTO CONTENTO) La sorela an barela, che dròlo!...

LIV    O monsù! A veul andé, per piasì?

GAR   No, grassie. I son già ‘ndàit stamatin.

PRI    E adess a va torna. (SPINGE GARETTO NEL BAGNO E CHIUDE LA PORTA)

LIV    (A GILDA) Ma Sandra a sta mej?

GIL    Sì, sì, benissim. Chila e Sergioa van d’acordissim. A son ambrassà ch’a pioro tuti doi…

PRI    Benòne. Alora i peus torné a la mia conferensa.

LIV    Sandra e Sergio a deuvo savej chi ch’a l’è ‘l ver pare. (ADDITA PRIMO)

PRI    A lo san già, chi ch’a l’è ‘l pare. It ses ti e a lor ai va benissim.

LIV    No! Mi i peus nen andé avanti parej!

GIL    No, Livio… Sergio at veul na bin ëd l’anima…

LIV    Ades a j’è d’an mes ‘dcò mia sorela!...

GIL    Livio! Sergio a l’ha da manca ‘d ti! Tu sei il suo sostegno!

LIV    E ‘l mè “sostegno” chi ch’a l’è?

GIL    Pensa nen ch’it sìa nen riconossènta per lòn ch’it l’has fàit fin-a ades… Sei stato magnifico... Più che magnifico!

LIV    (COMPIACIUTO, MA IMBARAZZATO) Beh, magnifich… As fa lòn ch’as peul…

GIL    It l’has pròpi tocame ‘mbelessì… (SI METTE UNA MANO SUL CUORE)

LIV    (REAGISCE) No, eh? Mi i l’hai nen tocà gnun!

Scena XV

(Sergio, Gilda, Garetto, Primo, Livio e Sandra)

SER   (ENTRA) Ah!… I seve ‘ncora tuti sì…

PRI    Oh, vaca tèra!

SER   A j’è col civich maledet ch’am cor d’apress...

LIV    Perché?

SER   Beh, la caposala a l’è rivà sota, no…

PRI    Orsolina? Ma vaca tèra!...

SER   Quand a l’ha dit ch’a l’era staita possà giù dal curnison, ël civich a l’ha fait un sàut ch’a smijava na cavalëtta...

PRI    Ël civich? Ma vaca tèra!...

SER   Poi ha cominciato con me.

LIV    No! A l’ha pa fate gnente ‘d mal?

GIL    Poverino…

PRI    Poverino? Ma guarda ‘l cine ch’a l’ha combinane stamatin, vaca tèra!…

SER   Ma te lo voglio dire papà, la zia è stata troppo forte!...

LIV    Dabon?

SER   Sì. Quand la caposala as la piava con mi, a l’ha daje ‘n mordion.

PRI    (BURBERO, A SERGIO) Ti, gagno… stame fòra dai pé fin ch’i l’avrài nen finì la conferensa. (FA PER USCIRE, MA SULL’USCIO SI BLOCCA, PERCHÈ)

SOR   (ENTRA) Dov’è Sergio?

LIV    Sandra, it duvìe nen ëvnì su…

SOR   (MOLTO AUTORITARIA) Zitto. Se il ragazzo ha delle noie con i vigili, ha bisogno dell’assistenza dei suoi cari.

LIV    Fa ‘l piasì… le ròbe a son nen pròpi come a peudo smijéte…

SOR   Io le cose le capisco al volo, Livio!Anche se, effettivamente… non credevo che ce l’avresti mai fatta, ad avere figli!

LIV    Sandra!...

SOR   Comunque, sono molto contenta che sia una ragazza piacevole come Gilda Chiappa.

GIL    Grazie.

PRI    Sono contento che si sia riunita la famiglia, ma io ho altro da fare… (APRE LA PORTA ED ESCE, MA RIENTRA SUBITO SCOSSO)Vaca tèra! (RICHIUDE RAPIDAMENTE LA PORTA) Orsolina e ‘l civich!

SER   (NASCONDENDOSI DIETRO A LIVIO) Papà, ës civicham fa gnun-a paùra!

LIV    A mi, sì.

PRI    Se a ven a savej còs it fasìe an sël curnison… tentato suicidioe tentato omicidio!

SOR   Tentato suicidio o tentato omicidio?

LIV    E adess ch’a sa ch’aj’è mach na caposala… a vorerà torna vëdde j’àutre!...

GIL    J’àutre?

PRI    E a vorerà torna ‘nteroghé ‘l prèive!

SOR   Che prete?

GAR   (RIENTRA DAL BAGNO) Gnente. I l’hai possà tut lòn ch’i pudìa, ma…

PRI    (URLA) E alora torna lì ‘ndrinta, gadan!

GAR   (VEDE LA SORELLA) E ti d’andoa të s-ciòde, bela manzòta?

SOR   Non faccia il villano. Sono la sorella del dottor Reuma.

GAR   Oh, guarda… a j’è torna col fieul… come a va, Sergio?

SOR   È lei il prete?

LIV    Lassa perde, Sandra… (SI SENTE BUSSARE ALLA PORTA; TUTTI SI GIRANO)

PRI    (TENENDO LA PORTA CHIUSA, SOTTOVOCE A GARETTO) Vatne subit ant ël cess!

LIV    E va ‘dcò ti, Sandra… mach un moment…

SOR   Non voglio andare al bagno, io!

LIV    Mach un moment… i l’oma da parlé an privà! (LA SPINGE GENTILMENTE DENTRO AL BAGNO; A GARETTO) Ch’a vada ‘dcò chiel con mia sorela…

GAR   A va bin. Ma a l’è na sorela vera… o a l’è come le infermére ‘d prima?

LIV    Va via! (SPINGE GARETTO NEL BAGNO E CHIUDE LA PORTA)

Scena XVI

(Vigile, Orsolina, Sergio, Gilda, Primo, Livio e Sandra)

         (SI SENTE DI NUOVO BUSSARE ALLA PORTA)

CIV    (DA FUORI) Dottor Neurotti!

PRI    (GRIDA) Non c’è nessuno! Sono tutti al congresso! (LIVIO E GILDA AIUTANO SERGIO A SDRAIARSI SULLA BARELLA E LO COPRONO CON IL LENZUOLO, POI GILDA SI SIEDE INNOCENTEMENTE SU UNA SEDIA E PRIMO LASCIA LA PORTA)

CIV    (ENTRA CON ORSOLINA) Arriveremo presto in fondo a tutto questo, non si preoccupi…

ORS   Le assicuro che non c’è nessun’altra caposala, in questa clinica.

CIV    (A LIVIO) Dov’è suo figlio, dottor Reuma?

GIL    (IN FRETTA) È sceso giù all’ingresso proprio un attimo fa...

CIV    Bene. Gli devo chiedere ancora molte spiegazioni... Allora, dottor Neurotti… pare che ci sia un po’ di confusione quanto al numero di caposala, in quest’ospedale…

ORS   Una sola!

CIV    Vorrei sentire ancora un attimo quelle altre due…

PRI    Ci dispiace… vorremmo poterla aiutare, ma…

CIV    E quel prete così strano.

PRI    Ma non è questo il momento per…

CIV    Voglio arrivare in fondo a questa storia! E subito!

PRI    La prego!... Siamo in presenza di uno scomparso... (INDICA IL CORPO COPERTO DAL LENZUOLO SULLA BARELLA; ANCHE LIVIO INDICA IL CORPO, MA CON MENO CONVINZIONE)

CIV    Oh, scusate...

ORS   E chi è?

PRI    (TRATTIENE IL FIATO, NON SA CHE DIRE) Chi è, dottor Reuma?

LIV    (DOPO UNA PAUSA) È del povero signor Sergio Garetto.

CIV    Il signor Garetto?

LIV    (INIZIANDO A SPINGERE LA BARELLA, CERCA DI SVICOLARE) Scusatemi…

CIV    (FERMA LA BARELLA) Chi?Quel povero vecchietto sulla sedia a rotelle?

LIV    (PAUSA) Proprio lui.

ORS   Scusé mach un moment, neh… ma col Dormiben… (SI SIEDE SU UNA SEDIA ED IN BREVE SI ADDORMENTA, SOTTO L’EFFETTO DEL CALMANTE)

PRI    Abbiamo dovuto consolare la povera signora Garetto...

GIL    (SINGHIOZZANDO) Oooh! (TIRA FUORI IL FAZZOLETTO E SOFFIA IL NASO)

LIV    (LA CONSOLA) Su, su…

CIV    Ma se poco fa saltellava su e giù…

PRI    Proprio per questo.Gli è venuto un attacco cardiaco.

GIL    (ESAGERANDO) Oooh!

CIV    Povero vecchio... (ALZA IL LENZUOLO PER VEDERE IL VOLTO, MA GILDA, GEMENDO, GLI SI BUTTA ADDOSSO E LIVIO RICOPRE BENE IL CORPO)

PRI    La signora l’ha presa molto male, vero dottor Reuma?

LIV    Non c’è da stupirsi. Suo marito è stato ricoverato per gotta, l’hanno operato di emorroidi ed è morto per un attacco di cuore…

GIL    (GEMENDO) Oooh!

PRI    Dottor Reuma, può portare via il corpo e prepararlo per l’autopsia. (SERGIO SI ALZA A SEDERE E LIVIO LO SBATTE GIÙ DI NUOVO SULLA BARELLA)

SER   (SBATTENDO LA TESTA SULLA BARELLA) Ohi! (ORSOLINA E IL VIGILE SI VOLTANO)

LIV    Ohi! (SI TIENE LA SCHIENA SIMULANDO UN DOLORE) Che mal, bòja fàuss!...

PRI    Cosa le succede, dottore? La sua lombaggine un’altra volta?

LIV    Temo di sì, caro collega... Viene di colpo. È che mi piego troppe volte, nelle visite, per esaminare i pazienti… (SI PIEGA) Ohi!

PRI    Sono certo che la signora Garetto l’accompagna volentieri fino alla camera mortuaria, dottor Reuma… così le da una mano…

GIL    (GEMENDO) Grazie…

CIV    (A PRIMO) Può far portare il signor Garetto nella camera mortuaria da qualcun altro. Ho bisogno di lei e del dottor Reuma per farvi qualche altra domanda a proposito del ragazzo e della caposala. (INTANTO GARETTO ENTRA DAL BAGNO; LIVIO SEMPLICEMENTE LO RIGIRA E LO RISPINGE DENTRO, CHIUDE LA PORTA E CI SI APPOGGIA CONTRO, SORRIDENDO INNOCENTEMENTE AL VIGILE)

PRI    Dottor Reuma, faccia una cosa… lasci il cadavere nel corridoio… (LASCIA LA PORTA DEL BAGNO E NE ESCE SANDRA)

LIV    (VISTA SUA SORELLA, DOPO UN ATTIMO DI ESITAZIONE SI GIRA CORDIALMENTE VERSO IL VIGILE) Lei ha già conosciuto mia sorella, vero?

CIV    (ATTONITO) Dottor Reuma, cosa ci fa sua sorella nel bagno qui di sopra?

PRI    Sandra, è meglio che aspetti Livio al piano terra.

SOR   Sì, è meglio. Non mi trovo a mio agio con quel signor Garetto.

PRI    (ESITA UNA FRAZIONE DI SECONDO, POI CON TONO CONCILIANTE) Ma ‘s capiss… E chi a sarìa a “proprio agio”? (PRENDE SANDRA SOTTOBRACCIO E L’ACCOMPAGNA ALLA PORTA)

CIV    Poveraccio… ha finito di soffrire, vah... (SANDRA ESITA; PRIMO, LIVIO E GILDA SONO IMPIETRITI, POI PRIMO, UN PO’ RUDEMENTE, SPINGE FUORI SANDRA)

Scena XVII

(Vigile, Orsolina, Sergio, Gilda, Primo, Livio, Garetto e Infermiera 1)

PRI    Va bene, dottor Reuma… vada a mettere il signor Garetto nel corridoio.(GARETTO APPARE SUL CORNICIONE FUORI DALLA FINESTRA E, DURANTE IL DIALOGO CHE SEGUE, CAMMINA IN EQUILIBRIO PRECARIO SUL CORNICIONE)

LIV    (VEDE GARETTO E SOBBALZA) Ah! (CORRE IN BAGNO)

CIV    (SI SPAVENTA PER L’URLO DI LIVIO) Ohi!

PRI    (CERCA DI MINIMIZZARE) Glielo dico sempre di non pranzare in mensa…

CIV    (VUOLE CONCLUDERE) Allora... Cerchiamo di trovare un senso alle cose... Signorina caposala!... (DURANTE IL DIALOGO SEGUENTE, GILDA FA SEGNO A GARETTO DI TORNARE INDIETRO; GARETTO LA SALUTA ALLEGRAMENTE CON LA MANO,COSÌ SCIVOLA E RIMANE APPESO NEL VUOTO) Signorina Orsolina!

ORS   (DORMIVA SEDUTA SU UNA SEDIA, INTONTITA PER L’INIEZIONE DI DORMIBEN) Sì? Chi ch’a l’è?Sto bene, adesso… sto meglio.

PRI    (PROVA AD ESSERE ALLEGRO) E si sentirà ancora meglio domani.

CIV    Signorina, se potesse darmi per un attimo la sua attenzione…

ORS   Ma certo!…(SI SIEDE DI NUOVO SULLA SEDIA E SI ADDORMENTA SUBITO)

CIV    Grazie. (LIVIO APPARE SUL CORNICIONE DELLA FINESTRA CON UN ASCIUGAMANO; GARETTO RIESCE A RISALIRE SUL CORNICIONE, AD APRIRE LA FINESTRA E A SEDERSI SUL PARAPETTO, CON LE GAMBE PENZOLONI ALL’INTERNO DELLA STANZA; LIVIO GLI BUTTA L’ASCIUGAMANO SULLA TESTA;I DUE SI METTONO A LOTTARE CON GARETTO CHE VUOLE ENTRARE NELLA STANZA E LIVIO CHE LO VUOLE TENERE FUORI) Allora, signorina Orsolina… (VEDE CHE SI È ADDORMENTATA UN’ALTRA VOLTA) Orsolina!

ORS   (RISVEGLIANDOSI DI SOPRASSALTO) Sì? Còs a j’è?…

CIV    Può confermarmi la dichiarazione che lei è l’unica che lavora in quest’ospedale come caposala? (INTANTO ORSOLINA SI È ADDORMENTATA DI NUOVO)

PRI    Non sta bene... Non la si può interrogare…

CIV    Orsolina! (ORSOLINA RUSSA) Porca miseria!

IN1    (ENTRA) Scusate,qualcuno ha visto il signor Sergio Garetto? (VEDE GARETTO E LIVIO ALLA FINESTRA E LI ADDITA ESTERREFATTA) Ah!

CIV    (SUSSULTA) Accidenti!

IN1    Dottor Reuma! (TUTTI SI VOLTANO A GUARDARLO)

LIV    (DOPO UN ATTIMO DI SGOMENTO) Non si preoccupi, maresciallo! I l’hai ciapàlo! (LIVIO SPINGE GARETTO DENTRO ALLA STANZA, MA INTANTO CONTINUA A TENERE L’ASCIUGAMANO STRETTO INTORNO ALLA TESTA DI GARETTO, CHE CERCA DI TOGLIERSELO; L’INFERMIERA CHIUDE LA FINESTRA)

LIV    (A GARETTO) E sta ferm un moment!...

IN1    Che è successo? (LIVIO NON SA CHE DIRE)

PRI    Insomma, che è successo?

CIV    Il responsabile qui sono io! Sono io che faccio le domande! (A LIVIO) Che è successo?

LIV    L’ho sorpreso sul cornicione della finestra del bagno…

PRI    Ah!Gino il guardone!

LIV    (A GARETTO) Ferm lì, ti!

PRI    Bravissimo, dottor Reuma... È lui quello che negli ultimi mesi ha importunato tutte le infermiere… Lo porti subito giù e lo consegni alla forza pubblica!...

LIV    Subito!...

CIV    Aspettate un momento…. Qui chi dà gli ordini sono io. E poi… sono io, la forza pubblica!... Ma prima lo voglio vedere in faccia! (MENTRE IL VIGILE SI AVVICINA PER TOGLIERE L’ASCIUGAMANO DALLA TESTA DI GARETTO, LIVIOLO SPINGE VERSO LA PORTA, FACENDO FINTA CHE GARETTO GLI STIA SCAPPANDO)

LIV    Torna indietro! (LIVIO FA FINTA DI TIRARE INDIETRO GARETTO, MENTRE IN REALTÀ LO SPINGE FUORI) Ti ho preso, eh? No, no! Torna indietro! (LO INSEGUE,A SUA VOLTA SEGUITO DALL’INFERMIERA 1)

CIV    (URLA) Ehi!

PRI    (URLA) Ehi! (FA FINTA DI INSEGUIRE, MA DI FATTO FA DI TUTTO PER OSTACOLARE IL VIGILE) Mi scusi, mi scusi… dopo di lei... (COSÌ IL VIGILE NON RIESCE AD USCIRE ALL’INSEGUIMENTO)

Scena XVIII

(Vigile, Orsolina, Sergio, Gilda, Primo, Livio e Giulio)

LIV    (RIENTRA QUASI SUBITO, SEMPRE IN LOTTA CON UNO CON L’ASCIUGAMANO SULLA TESTA) Ti ho preso! Stai fermo! Questa volta non mi scappi!

PRI    (PREOCCUPATO) Còs it ses tornà a fé, vaca tèra?

LIV    Il maresciallo lo vuole interrogare.

CIV    Non sono maresciallo! (STRAPPA VIA L’ASCIUGAMANO E SCOPRE GIULIO; PRIMO È PIACEVOLMENTE SORPRESO)

ORS   (SBADIGLIANDO) Dotor Squarta!

PRI    (RAGGIANTE)Bravissim, Livio!

CIV    Giulio!

GIU   (STRINGENDOGLI LA MANO, VIVACEMENTE) Ciao, barba! Che piasì!

CIV    Che diavolo stai progettando?

GIU   (ALLEGRAMENTE) A dire la verità… non lo so neppure io.

PRI    (FA IL SORPRESO) Dottor Squarta! I son pròpi ambajà! Chiel? Pròpi chiel?... A spié tute le nòstre infermére?...

GIU   Infermére?

CIV    Giulio…ma è vero?

PRI    Ma ‘s capiss ch’a l’è vera. (A GIULIO, ALLUDENDO AL PREMIO IN DENARO) Immagino che lo faccia… perché lo considera molto gratificante, vero? (SI AVVICINA E GLI FA IL GESTO SFREGANDOSI POLLICE E INDICE)

GIU   (SORRIDENDO IMPROVVISAMENTE) Ah, sì! Gratificante…

PRI    Le dà qualche cosa in più, non è vero? (RIPETE IL GESTO)

GIU   Certo, ha certamente i suoi vantaggi…

CIV    (A GIULIO) Di questo ne parleremo dopo, Giulio... E adesso, fila!

GIU   Sì, zio. Grazie, zio. (VEDE IL CORPO SULLA BARELLA) E questo chi è?

GIL    (RIPRENDE IMMEDIATAMENTE A PIANGERE) Mio marito…

GIU   Mi dispiace… Deve essere stato improvviso…

PRI    Sì, è stato improvviso.

LIV    Molto improvviso.

GIU   Comunque, ha avuto una bella vita... (ALZA IL LENZUOLO)

PRI    Giulio! (ACCENNA A FERMARLO)

LIV    Sta ferm!(PRIMA CHE RIESCANO A BLOCCARLO, GIULIO GUARDA IL FINTO CADAVERE; C’È UNA BREVE PAUSA, POI GIULIO RIMETTE GIÙ IL LENZUOLO)

PRI    Ehm… Giulio… proabilment ti it ciameras perché…

GIU   (CAPISCE AL VOLO E STA AL GIOCO) No, no!... Chi sono io per svelare i misteri della vita e della morte?

PRI    (RIENTRA FELICE NEL PERSONAGGIO)Naturalmente riceverà un rapporto patologico completo. Anzi, vedrà che lo troverà molto gratificante. (RIPETE IL GESTO DEL DENARO)

GIU   (SODDISFATTO) Vuol dire… ancora più gratificante?

PRI    Certo!... Adesso, per cortesia, accompagni la signora ChiappaSergioGaretto nel corridoio e porti il caro estinto per la… (SI PIEGA SUL CORPO PER TRATTENERLO CORICATO) autopsia… Mi affido a lei per affrontare questa situazione…

GIU   Non c’è problema. (A GILDA, CHE RIPRENDE IL PIANTO) Prego, signora... (VEDE ORSOLINA CHE DORME) Ha tirato le cuoia anche lei?

CIV    Il figlio del dottor Reuma le ha fatto un’iniezione.

GIU   (GUARDA SORPRESO LIVIO) Il figlio del dottor Reuma?

LIV    Sì, mè fieul! Perché? It l’has quaicòs an contràri?

GIU   No, no… gnente… (A PRIMO, CON TONO PROFESSIONALE) Sono certo che mi metterà al corrente della situazione appena potrà. (SPINGE FUORI LA BARELLA)

GIL    (USCENDO AL SEGUITO, EMETTE UN SONORO GEMITO) Oooh!...

Scena XIX

(Vigile, Orsolina, Primo, Livio e La Salma)

CIV    Beh, cari dottori… avrei piacere di sentire da voi qualcosa di sensato…

PRI    Da noi?

LIV    Noi?

CIV    Mi pare che se c’è qualcuno che dovrebbe sapere quante caposala ci sono in quest’ospedale, siete voi…

PRI    Lo sappiamo. Ce ne sono tre. (CONTA CON LE DITA) Neurologia, Chirurgia e… (INDICANDO ORSOLINA) tòta Orsolina.

CIV    Lei dice che è la sola caposala di questa clinica!

PRI    Logico. Lei è la capo-caposala e ci tiene moltissimo… (IL VIGILE NON HA L’ARIA MOLTO SODDISFATTA DELLA RISPOSTA, MA PRIMA DI POTER FARE OBIEZIONI)

GAR   (ENTRA CON FARE CIRCOSPETTO) As peul? Come a l’è la situassion? (VEDE IL VIGILE) Ceréa… (DOPO BREVE PAUSA SCAPPA FUORI)

CIV    (A PRIMO E LIVIO, CHE CERCANO DI SORRIDERE) Suppongo che la prossima volta il cadavere camminerà sulle acque, non è vero? (ALL’IMPROVVISO GRIDA) Ehi, torni indietro! (FA PER CORRERE FUORI DIETRO A GARETTO, QUANDO ENTRA DECISO LA SALMA; HA IN MANO IL FOGLIO COL DISCORSO DI PRIMO; IL VIGILE SI FERMA ED APOSTROFA IL PROFESSORE) E magari anche lei potrebbe dare qualche spiegazione! (ESCE RAPIDO;LA SALMA OSSERVA IL VIGILE CHE SE NE VA E POI SI GIRA VERSO PRIMO)

PRI    (VIVACEMENTE) Gliel’ho detto, Professore, che era un altro caso di emergenza… La caposala ha avuto un collasso. Soffre spesso di questi attacchi…

PRO   (SI PREOCCUPA) La caposala ha degli attacchi?

PRI    Sì, causati dall’affaticamento eccessivo per il troppo lavoro.

PRO   (SI RASSERENA) Comunque, le farà piacere sapere, dottor Neurotti, che, in sua assenza, la conferenza l’ho terminata io per lei.

PRI    (AFFLITTO) Mi dispiace molto, professore...

PRO   Già… (SORRIDENTE) e devo dire che mi sono enormemente divertito.

PRI    Non so come scusarmi… (SI INTERROMPE) Come, scusi?

PRO   Certo! Un discorso eccellente il suo, Neurotti!… Caro collega!… (DÀ A PRIMO IL FOGLIO DEL DISCORSO)

PRI    (RAGGIANTE) Oh! La ringrazio, professore!... Gradisce qualcosa da bere? (VA A SERVIRE UN LIQUORE)

PRO   Ma certo!Perché no?... Sa che le dico? Aveva ragione a proposito della sua entrata. Li ha fatti alzare dritti in piedi, i delegati. E il futuro Ministro della Sanità! Pantaloni arrotolati e parrucca spiritosa. (RIDE) Potrei provarla anch’io per il mio discorso di chiusura! (ARROTOLANDOSI IL FONDO DEI PANTALONI) Pantaloni arrotolati, molto bene! E una parrucca! (BEVE DAL BICCHIERINO OFFERTO DA PRIMO) Grazie. È il primo oggi… (MENTRE SI AVVIA) “Stimatissimi colleghi… ditutto il mondo. Vorrei ringraziarvi dal profondo del cuore…” (ESCE)

Scena XX

(Sandra, Sergio, Orsolina, Primo, Livio, Giulio, Garetto e Renata)

         (ENTRA SANDRA CON SERGIO E SI BLOCCA VEDENDO ORSOLINA ADDORMENTATA)

LIV    Sent, Sandra…e s’it fèisse che ‘ndé a ca?

SOR   (INDICANDO LA CAPOSALA) Ha tirato le cuoia?

PRI    No.

SER   Papà, i vorìa mach dite ch’a l’è nen necessari ch’it ven-e con mi dai civich.

LIV    Ah, no? E perché?

SER   Ai ven magna, con mi…

LIV    Sandra! Non farti coinvolgere così!

SER   Ma a l’è ancora sì ës prèive? (PRIMO SORRIDE IMBARAZZATO)

SOR   (SI GIRA INTORNO A CERCARE UN PRETE CHE NON C’È) Perché? Vedi dei preti?

SER   (ADDITANDO PRIMO) Lui.

SOR   No, caro… lui è un dottore…

SER   Sì, lo so… dottore in Teologia. (SANDRA GUARDA PRIMO)

PRI    (ALLEGRAMENTE) Per ancheuj mi i dirìa ch’a basta, no? Còs i na dise?

GIU   (ENTRA AFFANNATO)Barba civich a l’è ‘ncamin ch’a ven sì a cerché monsù Garèt!

SOR   Barba civich?

GAR   (ENTRA SENZA FIATO) A j’è col civich ch’am cor dapress!...

PRI    Ma chiel a duvìa nen esse mòrt?

GAR   Ah, s’a va avanti parej, am resta pì nen tant temp… (VEDE ORSOLINA) Chilassì anvece a l’è s-ciopà dabon?

PRI    No! Ch’a vada ant ël cess!

GAR   (PROTESTA) Ma i l’hai passà mesa matinà, ant ël cess!...

PRI    Benissim. Ch’ai passa l’àutra metà! (SPINGE GARETTO IN BAGNO, POI COMINCIA AD ALZARE ORSOLINA) A sarà mej portela giù al pronto soccorso prima ch’ai torna barba civich. Fòrsa, Livio… dame na man…

REN   (ENTRANDO) Primo, il professor La Salma era assolutamente entusiasta del… (SI FERMA VEDENDO ORSOLINA) Bòja! A l’è mòrta?

PRI    No, a l’è nen mòrta…a l’ha avù‘n collasso.

SER   Papà!...

PRI    Ti stà lì ciuto e brav un moment… (A GIULIO) Va e cerca ‘d ten-e barba civich ocupà ‘ntant che noi i ‘ndoma a stermé col vej ant ël sò reparto.

GIU   A va bin. (ORSOLINA SI ALZA, COME SONNAMBULA)

PRI    E già ch’it jë ses, parchegia Orsolina da quàiche part.

GIU   (ALLUNGA LA MANO E STA PER DIRE QUALCOSA, MA CAMBIA IDEA E RITIRA LA MANO) OK. Stavòlta i euffro mi. (SPINGE FUORI ORSOLINA ED ESCE)

PRI    (GRIDA VERSO L’ESTERNO A GIULIO CHE È USCITO) E s’it l’has ëd problema con tò barba civich…

Scena XXI

(Vigile, Gilda, Sandra, Sergio, Primo, Livio e Renata)

         (IL VIGILE ENTRA MENTRE PRIMO DICE L’ULTIMA FRASE E GLI SI PARA DAVANTI, BURBERO)

PRI    (HA UN ATTIMO DI ESITAZIONE, POI SORRIDE STUPIDAMENTE AL VIGILE) Stavamo proprio dicendo: “Che fine avrà fatto il maresciallo?…”

CIV    (LO GUARDA STORTO) Non sono maresciallo!... Dov’è il signor Garetto?

GIL    (ENTRA DI CORSA)Col biòvo d’un civich… (VEDE IL VIGILE E SI INTERROMPE)

CIV    “Col biòvo d’un civich” è qui davanti a lei… Benissimo! Eccoci tutti qui, allora… (A GILDA) Stavo appunto cercando suo marito...

GIL    (GEMENDO IMPROVVISAMENTE) Oooh!...

CIV    (FREDDAMENTE) Forse le farà piacere sapere, cara signora, che ho rincorso il suo ultimo marito su e giù per i corridoi dell’ospedale e che il suo ultimo marito correva almeno veloce quanto me.

GIL    (FELICE) Oh… ma è un miracolo!

CIV    (IRONICO) Non mi dica!...

REN   Mi scusi…ma veramente!... Inseguire un povero vecchio come quello… Gli può far venire un infarto!

CIV    Stia tranquilla, signora…per il momento sopravvive benissimo!

SER   Un’altra persona a cui potrà venire un infarto…sarà la moglie del mio papà... Dovremo raccontarle tutto molto delicatamente… (TUTTI GUARDANO SERGIO)

SOR   (STUPITA) La moglie di Livio?

SER   Certo, zia. La mamma mi ha detto che mio padre era sposato. (LIVIOE PRIMO, ANGOSCIATI, CHIUDONO GLI OCCHI)

CIV    Chi di voi due mi vuole raccontare come va a finire questa telenovela?

SOR   Livio!... Mi hai nascosto anche che avevi una moglie?

LIV    Ormai i l’hai perdù ‘l cont ëd lòn ch’i l’hai stermà…

SER   Papà, prima mi presenti tua moglie e meglio è.

LIV    (DECISO) Non ce n’è alcun bisogno!

SER   E invece sì, papà!

LIV    No, Sergio, non è necessario!

SER   Perché no?

PRI    (INTROMETTENDOSI) Perché sono divorziati. (LIVIO LO GUARDA INCREDULO E SI ACCASCIA SULLA SEDIA)

SOR   Divorziati?

SER   Ma è grandioso! (A LIVIO) Niente potrà impedirmi d’ora in poi di vedervi tutti i giorni, tu e la zia! Anche per te, papà, questo è stato il più bel giorno della tua vita, no? (LIVIO GLI RIVOLGE UNO SGUARDO VUOTO)

PRI    (AL VIGLE, INDICANDO RENATA) Beh, visto che in tutto questo mia moglie non c’entra, penso che vorrebbe tornarsene a casa…

CIV    Sua moglie potrà tornarsene a casa quando le avrò fatto qualche domanda. Come, per esempio… perché la caposala aveva una siringa di dodici centimetri infilzata nel fondoschiena?…E come mai le altre caposala sono scomparse? Perché il dottor Neuro ha una moglie di cui non sa nulla?Un’amante che lui chiama tòta Ciàpa, madamin Sergio e madamin Garetto? Perché i dottori in questo ospedale fanno resuscitare i pazienti dopo morti e di altri pazienti invece non sanno neanche se sono stati operati o se sono finiti sotto un tram? Come fa un uomo ad uccidersi cadendo dal Musiné senza che nessuno ne sappia niente? Perché io sto cominciando a pensare che siete tutti una manica di matti?

PRI    (DOPO CONGRUA PAUSA) Qual era la prima domanda?

Scena XXII

(Garetto, Vigile, Gilda, Sandra, Sergio, Primo, Livio e Renata)

GAR   (ENTRA DAL BAGNO CON CIRCOSPEZIONE) I peuss seurte sensa pericol? (VEDE IL VIGILE) Oh, ceréa… che piasì… (CORRE DI NUOVO IN BAGNO)

CIV    Ehi! (INSEGUE GARETTO NEL BAGNO)

PRI    (CHIUDE IN FRETTA LA PORTA E METTE LA SEDIA SOTTO ALLA MANIGLIA) Renata… Dovrò essere breve… I chërdo ch’a sia rivaje ‘l moment ëd contete la verità su col fieul… Sergio...

GIL    Dottor Neurotti…

SOR   La sappiamo, la verità su Sergio.

PRI    (A GILDA) I podoma nen andé avanti parej... Renata, preparati a uno shock.

REN   Primo, còs a j’è?

PRI    It vëdde… ës fieul… (VIENE INTERROTTO DA UN GRAN BACCANO, PERCHÉ BUSSANO ALLA PORTA DEL BAGNO E CERCANO DI APRIRLA)

CIV    (DA FUORI) Ehi! Aprite la porta!

PRI    Si è bloccata, maresciallo... Aspetti un attimo. (A RENATA) Renata…ël pare ‘d col fieul…

SER   (INTERROMPENDO) È il più grande! Il migliore! Ecco chi è mio padre! (ABBRACCIA LIVIO)

PRI    Ës fieul sì…

REN   Sì?

PRI    A l’è mè!

REN   (CON STUPORE) Tò?

SOR   (ALLIBITA) Suo? (BUSSANO DI NUOVO ALLA PORTA DEL BAGNO)

CIV    (DA FUORI) Cosa sta succedendo lì dentro?

PRI    (VERSO IL BAGNO) Abbiamo mandato a chiamare la manutenzione!...

REN   It veule dì… ch’it l’has falo ti?... A l’è tò fieul?...

PRI    Mè… e dl’inferméra Gilda Chiappa.

REN   Gilda Chiappa?

PRI    Pijëtla nen con chila… Mi i j’era giovo, bel…(A LIVIO CHE LO GUARDA CON RIMPROVERO) Un tipo, là…

REN   Còs a veul dì, sòn?

PRI    A veul dì che Gilda a pudìa nen resiste a la tentassion...

REN   Ti sì, però!... (ALTRI COLPI ALLA PORTA DEL BAGNO)

CIV    (DA FUORI) Aprite immediatamente questa porta!

PRI    (VERSO IL BAGNO) La manutenzione sta arrivando!

SER   (A PRIMO) Cosa sta cercando di insinuare?

PRI    Insinuare?

SER   Mia mama a podrìa mai avèj na relassion con un prèive!…

REN   (SEMPRE PIÙ STUPITA) Con un prèive?

PRI    Lassa perde… A l’è passaje disneuv ani, Renata...

SER   (A GILDA) È il dottor Reuma mio padre, vero? (ABBRACCIA LIVIO)

GIL    (NON SA CHE DIRE) Sergio…

SER   (INSISTENDO) Lui è buono, gentile e sensibile, generoso, amorevole… ed è un eroe! (RIFERENDOSI A PRIMO) Chielsì a pudrìa mai esse mè pare!...

PRI    Magara… e ‘nvece purtròp i lo son. (ALTRI COLPI ALLA PORTA DEL BAGNO)

CIV    (DA FUORI) Aprite questa porta o chiamo i vigili!... (SERGIO SCOPPIA A PIANGERE; SANDRA, LIVIO E GILDA CERCANO DI CONSOLARLO)

GIL    Sergio... tesoro…

SOR   Su, su… non fare così…

LIV    Piora nen parej, ch’i t’am bagne la camisa… (BUSSANO DI NUOVO ALLA PORTA)

CIV    (DA FUORI) Ehi, là dentro!

PRI    (URLA VERSO IL BAGNO) Stà ciuto!

SER   Mama, dime ch’a l’è na busìa!

GIL    Sergino…

SER   Dimmi che è una bugia… che il mio papà l’ho trovato, che è il dottor Reuma, eh?

LIV    Ma ‘s capiss!... It l’has rason, Sergin… As capiss ch’i son mi!... (TUTTI SI GIRANO A GUARDARLO; LIVIO STESSO È SORPRESO; POI CORAGGIOSAMENTE CONTINUA) A l’è motobin mej fé che dì tuta la verità…

GIL    Cosa?

LIV    Grassie, Primo… ma a fa pì nen damanca ch’it pije ‘d responsabilità ch’a son mie.

PRI    (CONFUSO) Ehm… ant che sens?

LIV    Sì, a fa pì nen damanca…la responsabilità a l’è tuta mia… mach mia…

SER   (RAGGIANTE) I lo savìa!

SOR   Anch’io!

SER   (ABBRACCIA LIVIO) Il mio papà non dice bugie! A l’è vera, papà?

LIV    Assolutamente no. (A PRIMO) It ringrassio per tut lòn ch’it l’has cercà da fé per salvé la mia reputassion… ma adess… a l’è tut finì. Se i l’hai quàiche colpa, a l’è giust ch’im la grata da sol. E am va benissim la situassion parej come ch’a l’è.

PRI    (NON CREDE ALLE SUE ORECCHIE) Ma… s’it ses content ti…

LIV    Sì… i son content parej.

PRI    E s’a l’contenta l’inferméra Gilda Chiappa…

GIL    (CON IRONIA) L’inferméra Ciàpa a l’è contenta.

SOR   (GIOIOSA) Ed è felice anche la zia Sandra!

PRI    Maaa… miii… i pensava che ant le mie condission… econòmiche, ecco… potevo provvedere al meglio per il futuro del fanciullo, ecco…

LIV    (SOLENNE) È stato un gesto molto generoso, da parte tua, caro collega...

REN   (MERAVIGLIATA) Sì… molto strano per te, Primo… di solito sei così egoista…

PRI    Egoista?... (SI SCUOTE) Beh, pròpi egoista... (ESPANSIVO) Ansoma, là…i vorìa mach dé na man al mè car amis Livio!

SER   Noi i l’oma nen dë bzògn dij sòld ëd gnun. A l’è vera, papà?

GIL    Assolutamente no.

LIV    Mah… una piccola donazione non sarebbe inopportuna, veramente... (LIVIO AMMICCA CON INTENZIONE A PRIMO;NUOVI COLPI ALLA PORTA DEL BAGNO)

CIV    (DA FUORI) Se non aprite questa porta, la butto giù!

LIV    Ci stiamo appunto occupando della…“manutenzione”... (DICENDO “MANUTENZIONE”, FA IL GESTO DEL DENARO CON DUE DITA E UN SORRISO SIGNIFICATIVO A PRIMO)

PRI    (SORRIDE A SUA VOLTA) Lòn ch’a l’è giust, a l’è giust! A veul dì ch’i saraj per ës fieul… come dì… na specie ‘d parin…

LIV    A va bin. Alora… foma che ‘ndesne tuti a ca nòstra!

GIL    E come i foma con col civich?

PRI    (A LIVIO) O già!... Guarda che chiel-là a cherd mach pì a lòn ch’i t’ij conte ti, neh…

LIV    Sì, sì, i l’hai già pensaje… Giulio Squarta a l’è nen sò nëvod?

PRI    E con lòn?

LIV    E a l’è nen Giulio Squarta ch’a l’han veddù an sël curnison a guardé le infermére?

PRI    (COMINCIA A CAPIRE) Pròpi chiel.

LIV    Beh, i chërdo nen che a col civich ai fasa piasì che sò ‘nvod as cuca na denunsia per… “guardonaggio”!

PRI    Livio! It meriterìe na midaja!

LIV    Per adess am basta la… “manutenzione”…

PRI    It la merite! It ses un genio!

SER   Certo che lo è. È il mio papà!... Andiamo, zia!

LIV    Sì, andoma!... (a GIL) Dopo di lei, signora Reuma…

GIL    Vorrebbe essere una proposta?

LIV    E perché no?I l’oma già fin-a ‘n fieul an comun!... (LIVIO OFFRE IL BRACCIO A GILDA ED ESCE CON LEI; ALLO STESSO TEMPO, SERGIO OFFRE IL BRACCIO A SANDRA E ESCONO)

Scena XXIII

(Renata, Primo, Garetto e Vigile)

REN   Mi pare che lei mi debba delle spiegazioni, Reverendo…

PRI    (SVICOLA) Sì, sì… ma prima andoma a vëdde còs a fan ij delegati al congress… (SPINGE RENATA PER FARLA INCAMMINARE)

REN   (SI ARRESTA)Ma j’euj ëd col Sergio… a son celest…

PRI    E alora?

REN   Livio e l’inferméra Gilda a l’han j’euj maròn…

PRI    (DISTOGLIE LO SGUARDO) Còs a veul dì? La genetica a l’è pa… ehm… e peuj… magara ij nòno… a ‘ndarìa vëdde… Dài, andoma.

REN   E la boca… e ‘l nas…

PRI    Perché? Còs a l’ha ‘l nas? I l’hai pa notalo…

REN   (LO OSSERVA) Ma it sas ch’a l’è bel pensé che na vòlta it j’ere quasi… uman?

PRI    (ACCUSA IL COLPO) Còs it veule dì? (BUSSANO ALLA PORTA DEL BAGNO)

CIV    (DA FUORI) Aprite la porta!

REN   It j’ere meno nojos quand it l’avìe le toe…“avventurette occasionali”…

PRI    (FALSAMENTE SCANDALIZZATO) Ma come it peude dì na ròba parej?

REN   A saran almeno… des ani, ch’it l’has piantàla lì, no?

PRI    (IMBARAZZATO)Eh… i sai nen… im ricòrdo pa…

REN   Im lo ricòrdo mi. Sei sbollito anche con me a quell’epoca…

PRI    (SORPRESO) Come, sbollito?

REN   (GLI DA UN BACIO SULLA GUANCIA; PRIMO RIMANE STECCHITO, A BOCCA APERTA) Andoma, vah… andoma dai delegati… (SI AVVIA, MA SI FERMA ANCORA UN ATTIMO) Dopo tutto… cosa credi che facessimo io e il professor La Salmamentre tu te la spassavi con le infermiere? (ESCE)

PRI    (LENTAMENTE LA BOCCA GLI SI RICHIUDE, MENTRE RIMUGINA CIÒ CHE RENATAVOLEVA INSINUARE CON LA SUA ULTIMA FRASE) Come a sarìa a dì? (SI PRECIPITA A RINCORRERLA, CHIAMANDO A GRAN VOCE) Renata!...

         (MENTRE INIZIA LA MUSICA DI CHIUSURA, GARETTO APPARE FUORI DALLA FINESTRA, SUL CORNICIONE, SEGUITO DAL VIGILE; GARETTO LO AGGUANTA PER NON CADERE NEL VUOTO E COMINCIANO A LOTTARE, MENTRE)

CALA IL SIPARIO

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno