Che tempi, figgeu!!

Stampa questo copione

CHE TEMPI, FIGGEU

                                    CHE TEMPI, FIGGEU !!

                        (Commedia brillante in tre atti di Giovanni DE MOLINER)

info 349.5254263 - bandadeimisci@libero.it

PIPIN PAITU, Scindicu du Cumune Dedatu;

STERRE, seu nessa e seu cunsegea;

NINNA, impiega’ du Cumune;

BERTUME’ PALANCA, l’Usceru;

SUSINA PORCU, custode tuttofare sarda;

La Contessa MARIA CARLOTTA VIVAGNIN DELL’ACQUAFRESCA, donna d’affari;

CROCIFISSA IMPALATA, capo siculo dell’opposizione.

                                               LA SCENA

L’ufficio del Sindaco di un qualunque piccolo Comune dell’entroterra Genovese, in un tempo non lonta

no all’anno duemila: sul fondo a sinistra, messa di traverso, c’e’ la scrivania del sindaco con una sedia dietro e due davanti. Sull’angolo della scena, quasi dietro la scrivania, il quadro con la foto del Presiden

te della Repubblica. Sempre verso il fondo, quasi a centro scena, un divanetto con un piccolo tavolino e

sull’angolo di destra c’e’ un piedistallo o qualcosa di simile con la bandiera tricolore.

Ci sono due uscite: una a destra, che conduce negli altri uffici del Comune, ed una a sinistra che porta nei locali attigui alla casa comunale, occupati dalla custode.

                                       

                                              PRIMO ATTO

E’ mattino, poco dopo le otto: il sipario si apre con Ninna in scena, accanto alla scrivania, che smista la corrispondenza destinata al Sindaco.

 1 – NINNA – (E’ accanto alla scrivania con in mano una cartella da dove estrae la corrispondenza ancora imbustata) “Questa a l’e’…..” (Estrae la lettera dalla busta) “…a Regiun !!” (Posa la lettera sulla scrivania stendendola per bene con il palmo della mano) “Questa invece…..” (Ripete l’operazione) “ …

a Pruvincia….!!” (Posa anche la seconda lettera sulla scrivania lisciandola per bene) “Euh ma…Pipin !! Chi l’avieiva mai ditu…..chi l’avieiva mai ditu !!! Scindicu: e cun quanti vuti !!” (Prende in mano un’altra busta: fa’ per estrarre il foglio che contiene, poi si ferma) “In meize fa’: sulu che in meize fa’, quande anava a ca’ dau luo cou vedeiva in ta villa cu carassava i puisci o da-a stalla cu levitava a vacca o u tiava sciu’ u liame……chi l’avieiva mai ditu !!!” (Squittisce quasi trionfante. La sua attenzione si posa nuovamente per un attimo sulla busta, poi distoglie nuovamente lo sguardo) “In meize cu l’e’ scin

dicu e u l’e’ za cunusciu-u fin-a a fundu valle. E quanta gente ca ghe scrive, poi !!” (Torna ad occupar-

si della busta che ha in mano) “E questi chi saian…!? Sessi…..shop….center…..” (Si ferma un attimo)

“Perbaccu !!” (Esclama) “Dau numme, paen fin-a mericani…!!” (Estrae il contenuto dalla busta: trasa-

le, scattando leggermente all’indietro) “Ohimemi’….!!” (Esclama. Poi, dopo un attimo di palese imbarazzo, rimettendo il contenuto nella busta..) “Questa chie….l’e’ meggiu che ga daghe sera, eh!!”

(Si schernisce posando velocemente la busta sulla scrivania. In quel momento, fa’ il suo ingresso in sce

na da destra Sterre, nipote di Pipin)

 2 – STERRE – (Entra in scena da destra: e’ una ragazza giovane, spigliata, decisa, che sembra dagli at-

teggiamenti avere gia’ ben chiaro cosa vuole dalla vita) “Bungiurnu, Ninna…..” (La apostrofa) “…novite’?”

 3 – NINNA – (Si volta all’ingresso di Sterre) “Oh, scignurin-a…..! Bungiurnu !! A l’e’ za chi stamatin !?”

 4 – STERRE – (Decisa) “Perche’…..distutbu !?”

 5 – NINNA – (Tossicchia lievemente, in imbarazzo) “Ou nu, ou nu….ma cosa dixe!?!? Au sa’ che me fa’ sempre piaxei vedila !!”

 6 – STERRE – (Si avvicina alla scrivania e comincia a scorrere la corrispondenza aperta) “De otte nu parieiva…..Comunque, tuttu ben ?”

 7 – NINNA – (Imbarazzata) “Sci, sci, tuttu ben….” (Poi, illuminandosi) “L’e’ arivou in muggiu de po-

sta pe seu barba !!”

 8 – STERRE – (Sta’ scorrendo le lettere, sempre piu’ corrucciata) “Ninna, fisse cumme le nu saieiva guei contenta…..” (Gli tende le lettere) “….. i ciu’ tanti sun cunti da paga-a !!”

 9 – NINNA – (Interdetta) “Aaahhh …!!”

10 – STERRE – (Acida) “Eeehhhh….!!!”

C’e’ qualche secondo di silenzio con Ninna ferma stringendo la cartellina e Sterre che continua a controllare la posta, poi….

11 – STERRE – (Decisa, indicando le varie lettere ancora sulla scrivania) “Ca vagghe pure, Ninna: ghe pensu mi, eh!”

12 – NINNA – (Esitante) “Ma nu ho ancun finiu…chi ghe’ ancun de l’atru….!!”

13 – STERRE – (Sbotta spazientita) “E ca lasce li a cartelin-a !!”

14 – NINNA – (Niente affatto convinta) “Sci ma….a me serve pe mettighe e lettere in partenza….!!”

15 – STERRE – (Sbuffa rassegnata: si avvicina a Ninna, le prende la cartella, toglie la posta ancora da aprire e gliela riconsegna) “Prublema risoltu: ca vagghe pure oua……CA VAGGHE !!” (Ringhia deci-

sa indicandole l’uscita a destra)

Ninna esita ancora un attimo, poi fa’ spallucce ed esce rassegnata da destra.

 

16 – STERRE – (Sbuffa ancora pesantemente, raccogliendo tutta la corrispondenza e cominciando a scorrerla) “Ciutostu che fase i afari seu, a vendie l’an-nima au diau!” (Commenta seccata) “A Regiun …..a l’ha rispostu picche…..” (Posa un foglio sulla scrivania, appoggiandosi ad essa con le spalle rivol

te all’ingresso di destra) “….a Pruvincia…..a nu n’eu propriu savei…..” (Posa un secondo foglio) “Que

sti chie…..se nui paghemmu entru u meize van da l’avucatu……” (Posa un terzo foglio: si blocca, lo ri-

prende in mano) “Sezze d’otubre du…..” (Strabuzza gli occhi) “Belandi !! ghe van segu-u da l’avucatu:

l’e’ ciu’ de n’annu che duvemmu pagali..... !! » (Commenta incredula : prende in mano la busta ancora

chiusa, la guarda) “Sexy shop…. Ma vanni a ca’ du diau !!!” (Sbotta furibonda buttando la busta nel cestino della spazzatura accanto alla scrivania) “E ghe manchieiva ancun: cusci’ cumme semmu missi, oua catemmu anche e cascette pornografiche !!” (Scuote la testa passando ad un’altra lettera che Ninna non aveva ancora aperto) “Roba da matti: oua manda serta rumenta anche ai scindici….orian fa i cumu-

ni a luci rosse ….!!” (Commenta fra se’, aprendo la lettera: la scorre velocemente, spalanca gli occhi in

credula, raccoglie la busta dalla scrivania, legge il mittente) “Contessa Maria Carlotta Vivagnin Dell’Acquafresca … account menager…..” (Legge a mezza voce: poi, rivolgendosi alla platea) “E chi a l’e’ st’anghesa…..!?” (Si chiede stupitissima ad alta voce. Si accomoda meglio a sedere sulla scrivania, riapre la lettera e comincia a leggerla) “Pregiatissimo signor sindaco, eccetera, eccetera….la sottoscritta

presidente, eccetera, eccetera….. siamo quindi a proporle…..certi che ella sapra’ ben considerare……”

(Sgrana gli occhi e, a tutta voce) “….dell’ANTICA ARTE DELLA TRASFORMAZIONE NELLA ACQUA NELLO VINOOOO…….!?!?!?” (Spara esterrefatta. Si riprende: rivolta alla platea) “Sta chi, o a l’e’ praente de Giexiu Cristu….o a l’e’ a seu de Vanna Marchi !!” (Posa la lettera e la busta sulla scrivania, batte le mani sconsolata) “Ma chi ghe l’avia mai fetu fa….chi ghe l’ha fetu fa !!” (Commenta sconsolata) “Poviou barba Pipin, infiase in te stu bulezumme…..!! Atru che fanfara in testa e bandee au ventu: da chia doutrei di’ ariva a questua e a ne liga tutti !!”

Intanto che Sterre esterna ad alta voce la sua preoccupazione, quatto quatto, dall’uscita di destra fa’ la sua comparsa Bertume’ Palanca, l’usceru. E’ vestito normalmente con in testa il berretto da vigile.

17 – BERTUME’ – (Entra in scena quasi di soppiatto, strofinandosi lentamente le mani in preda ad un tic nervoso: vede Sterre e…) “Scignurin-a….bungiurnu…..!” (Bisbiglia quasi con melliflua discrezio-

ne)

18 – STERRE – (Si volta: distratta, ancora assorta nei suoi pensieri) “Oh, Bertume’….bungiurnu.”

19 – BERTUME’ – (Avanza lentamente verso la scrivania) “Ca scuse, ma….u sciu scindicu…u nu l’e’

ancun arivou ?”

20 – STERRE – (Si riprende) “E nu, stamatin nue….” (Si alza dalla scrivania) “Ma se ei bezeugnu, puei dime a mie: apena u l’ariva…..”

21 – BERTUME’ – (Quasi scusandosi) “Nu, nu, scia Sterre, nu l’e’ ninte d’importante….nu sun cose de Ufissiu…..semai….” (S’illumina) “….l’aspetu n’istante, eh !”

22 – STERRE – (Fa’ spallucce) “Cumme vuei…..” (Poi, maligna) “Se propriu nu gh’ei NINTE da faa

…..” (Sottolinea la parola alzando il tono della voce)

Bertume’ glissa, senza rispondere, e comincia a passeggiare lentamente per la scena guardandosi in giro indifferente mentre Sterre continua il suo lavoro alla scrivania. Si ferma davanti al ritratto del Presi

dnte della Repubblica e rimane a fissarlo pensoso, prendendosi il mento con una mano, per qualche i-

sante, poi, fra se’, ma in modo che Sterre lo possa sentire…..

23 – BERTUME’ – (Con finta noncuranza) “Mi questu l’ho za vistu ma…..” (Poi, alzando leggermente il tono della voce gia’ sufficientemente alta, rivolto direttamente a Sterre) “U nu me paa un di seu paren

ti…..!”

24 – STERRE – (Interdetta) “Parenti de chi, scuzei !?”

25 – BERTUME’ – (Con ovvieta’) “Ma de Pipin, nu !?! Mi i cunusceiva tutti, eh! Cumpreizu u seu bacan, Steva de Busce….” (Le si avvicina un po’ mellifluo) “Quand’ea figeu, me ricordu che a lalla

Netta a ne ghe portava a piggia u lete…..”

26 – STERRE – (Seccata) “Ma pe piaxei, sciu! Mee nonnu u l’e’ mortu che Pipin e mee pue e-en garsu

netti !! Duviesci avei almeno vint’anni de ciu’ pe aveilu cunusciu ….!!!” (Allarga le braccia spazientita

27 – BERTUME’ – (Con una faccia tosta incredibile) “Ah, le vea ….!!! Veu di’ che me sbagliu cun qualche dun atru….” (Conclude rimettendosi a rimuginare davanti al ritratto, mentre Sterre scuote la te-

sta e si rituffa nel suo lavoro. Poi, dopo qualche attimo) “E scie, eh….stu chi’ u nu peu esse Steva de Busce: u l’e’ troppu zuenu !!” (Sentenzia risoluto)

28 – STERRE – (Sbuffa infastidita) “U l’e’ u Prescidente da Repubblica !!”

29 – BERTUME’ – (Coglie la palla al balzo) “Aaah, eccu perche’ me paiva d’aveilu za vistu….!!”

(Ride tra se’, allargando le braccia, poi..) “Ca scuze, eh ! Ma mi, de pulitica, nu ne capisciu guei…!!” (Si giustifica con Sterre allargando le braccia. Lei lo fredda con uno sguardo e si rituffa nel lavoro sen-

za ribattere. Rimane ancora qualche istante a fissare il ritratto, poi…)

30 – BERTUME’ – (Con aria pensosa) “Sci ma…da-arente a quellu…ghe staieiva ben ‘na futugrafia du Cee….”

31 – STERRE – (Trasale, voltandosi di scatto esterrefatta) “Che Guevara…..!?!?” (Chiede sbigottita)

32 – BERTUME’ – (Con ovvieta’) “Ma nuuu….!! U Cee de Traxiu !!! In gran bellu figeu, se....” (Si af-

fretta a spiegare alla trafelata Sterre) “Ca se figure che l’an fin-a za’ ciamou a Milan pe fa u modellu….

A sa quande sfilen in passerella…..!?!”

33 – STERRE – (Non sa cosa dire) “Bertume’, ma….mi….mi nu so cose pensei de….”

34 – BERTUME’ – (Imperterrito) “Ou nu, ou nu, scignurin-a: u l’e’ in figgieu cu merita, u merita! Mi ghe l’ho sempre ditu a seu pue: lascilu fa, Checcu, lascilu fa, cu l’ha da stoffa !!”

35 – STERRE – (Interdetta) “Alua….u pueiva fa u mersa-a, che foscia l’ea meggiu !!” (Sbotta)

36 – BERTUME’ – (Imperturbabile) “U mersa-a !? U fa’…cumme se ciamme ? I servisi, eccu !! I servi

ssi cui futografi !!” (Si avvicina con fare circospetto) “Mi, a ca’, ghe n’ho dui o trei….In paa undu fa u nudo artistico…!! Sa vuesse…..”

37 – STERRE – (Lo interrompe bruscamente) “Bertume’, pe piaxei !!”

38 – BERTUME’ – (Si ritrae contrito) “Sci, sci…segu-u: pe piaxei, eh….miga pe e palanche !!”

Sterre fa’ per replicare ma e’ interrotta dall’ingresso in scena da sinistra di Ninna

39 – NINNA – (Entra da sinistra, con fare discreto) “Scigniurin-a, ghe saieiva l’inzegne-e Bezugo au te

lefunu cu serca u sciu scindicu…” (Pigola quasi)

40 – STERRE – (Si volta verso di lei, sospira) “Dell’Ugo, Ninna: l’ingegner Dell’Ugo !!” (Poi, distrat-

tamente) “U l’e’ de Milan…..”

41 – NINNA – (Come folgorata) “Ooooohh…..u l’e’ de Milan….!!!” (Poi, curiosa) “E cosu l’oria da

Milan…..!?”

42 – STERRE – (Desolata) “E u so mi’ cosu l’eu da Milan……!!” (Si avvicina al telefono) “Ca lasce, Ninna, rispundu mi.” (Alza il ricevitore, alza gli occhi al cielo, prende la linea) “Pronto…!?!? Ingegne-

re, ma che piacere sentirla ….!!” (Inizia piu’ suadente che puo’)

43 – BERTUME’ – (Che ha mangiato la foglia, rivolto alla platea) “Eeeeuuuhhh, ti savesci….!!!”

44 – STERRE – (Lo fulmina con gli occhi, poi, all’ingegnere) “Come andiamo a Milano, nella metropo

li……tutto bene mi auguro……i suoi figli….? La sua signora….?”

45 -  BERTUME’ – (Serissimo, a mezza voce, rivolto a Sterre) “Scignurin-a, u g’ha anche in can e in gattu !!”

46 – STERRE – (Non raccoglie: sta’ interloquendo al telefono) “Bene ma….”  (Cambia tono della voce

“Scia nu m’ha telefunou pe parla’ de questu…..” (Silenzio glaciale per alcuni istanti poi) “U scindicu…

!?!?” (Bisbiglia appena. Poi, di getto) “No !! U scindicu u nu l’e’ ancun arivou stamatin….” (Altra pau-

sa) “Ma nu, ma nu…..non e’ che si fa’ negare…..u nu g’he propriu !!” (Prova a raddolcire il tono della voce) “A mie ….!? Si….ce…certo che puo’ dire a me !”

47 – BERTUME’ – (Maligno) “Tantu a l’e’ a mexima …..”

48 – STERRE – (Cerca di controbattere al suo interlocutore) “Si, si….lo so che il cantiere e’ chiuso da nove mesi, ma…..” (Pausa) “….ma nu, scia stagghe tranquillu che….” (E’ interrotta) “No, no, no: scia vedia’ che…..” (Esita) “….entru u meize proscimu…..” (Butta li’: poi, non venendo interrotta, prova a partire in quarta) “…..entru u meize proscimu daieumu sens’atru urdine a-a tesoreria de pruvedde pe or

dina-a u pagamentu e……” (Viene bloccata) “Cumme, na setiman-a….” (Geme trafelata) “Nu ma….scia nu peu…scia vedde…..” (Rimane letteralmente freddata al telefono) “Scignuria, sciu Dell’U

go…….!” (Geme appena posando il telefono) “E ghe mancava anche questa……!” (Sospira)

49 – BERTUME’ – (Sempre serissimo) “Cose g’he, scignurin-a, gh’e’ mortu u gattu !?”

50 – STERRE – (Alza appena lo sguardo) “Magari..!!” (Commenta desolata)

51 – NINNA – (Che non c’ha capito niente) “Alua u can……” (Prova a correggerlo)

52 – STERRE – (Spazientita) “Ma figuremuse in poo…..!! Stu chi’, se entru na setiman-a nuu paghem-

mu, u ne fa’ pignora u palassiu du Cumune !!” (Conclude amara)

53 – NINNA – (Con naturalezza assoluta) “E alantun paghemmulu, nu !?”

54 – STERRE – (Furibonda) “Ma cun cose u pagu, stu bezugu !!

55 – NINNA – (S’illumina) “Ma alantun nu m’ea sbaglia-a: u se ciamma Bezugo…!!”

56 – STERRE – (Scatta come una molla) “Ninna, ma a nu g’ha propriu ninte da faa, stamatin….!?!? E anche vui’, Bertume’, devi propriu staa chi a lociave e die….!?!?”

57 – BERTUME’ – (Con falso ritegno) “Mi…..viamenti…spetava u scindicu…..”

58 – STERRE – (Perentoria) “Stamatin, TUTTI spetemmu u scindicu !! Anei, che quande u l’ariva ve ciammu !!”

59 – BERTUME’ – (Ossequioso) “Va ben, va ben…..anemmu: scignuria, scignurin-a. scignuria!!”

Esce da sinistra seguito da Ninna, sotto lo sguardo torvo di Sterre che rimane solo in scena: e’ ferma a pensare per qualche istante, poi sbuffa e si siede alla scrivania, su una delle sedie di fronte a quella del Sindaco.

60 – STERRE – (Sedendosi pesantemente) “Mue caa, che paciugu !! Armeno se quell’oxelun du barba u se decidesse a ariva, stamatin !!”

In quel momento, da fuori a sinistra, si sentono delle voci fuori scena

61 – NINNA – (Con voce garrula) “Bungiurnu, sciu scindici, bungiurnu !!”

62 – BERTUME’ – (Con voce melensa) “Scignuria, sciu scindici, scignuria !!”

63 – STERRE – (Allarga le braccia) “E menu male, dai, cu s’e’ decisu !!”

Un attimo dopo, da sinistra, fa’ il suo ingresso in scena Pipin Paitu, scindicu du Cumune Dedatu: e’un uomo di circa sessant’anni, vestito da contadino e cio’ che e’ attaccato agli scarponi che indossa non lascia dubbi circa la sua provenienza mattutina.

64 – PIPIN – (Entra in scena e, ancora rivolto verso l’uscita) “Bungiurnu, bungiurnu…..!!”

65 – STERRE – (Lo apostrofa malamente) “Ah, tie’ chi, doppu tantu!”

66 – PIPIN – (Pacifico) “Ou, Sterre, tie’ za chi’ !?”

67 – STERRE – (Un po’ interdetta) “Belandi, barba, ma tie vistu che ua l’e’ za ?”

68 – PIPIN – (Si ferma, estrae l’orologio dal taschino del panciotto e lo osserva attentamente) “E sci, eh….! Stamatin l’emmu feta in po lunga…..!!” (Si siede alla scrivania) “Ma cose ti veu….vint’anni nui ho ciu’, e leita-a e vacche…..porta via du tempu!” (Fa’ una breve pausa) “E poi l’urtima da stalla, quan

de eiva za’ finiu, cosa te me cumbin-a….!?!? A me mette a sampa in tu bulaccu, e ciao bambina !”

69 – STERRE – (Fa’ spallucce) “Cose che capiten, me paa…..”

70 – PIPIN – (Visibilmente contrariato) “E sci ma….ti perdi tuttu u lete, eh !!”

71 – STERRE – (Visibilmente sulle spine) “Barba…..amia che chi…..” (Indica la posta sul piano della scrivania) “…..rischiemmu de perde anche a vacca, attru che u lete !!”

72 – PIPIN – (Sorpreso) “Eulla peppa ! E ti peu capi’ !!” (Si meraviglia)

73 – STERRE – (Si infervora) “Amia che chi, a situasiun a l’e’ seria: ghemmu ciu’ debiti che a Banca d’Italia, tutti reclamen u seu, e nisciun n’eu da-a ninte !!”

74 – PIPIN – (Fa’ una smorfia) “Se tiu dixi ti…..saia….!” (Rimane un attimo pensoso, poi, di botto) “A Regiun a l’ha rispostu pe quelle palanche…..”

75 – STERRE – (Lapidaria) “Sci….!!”

76 – PIPIN – (Speranzoso) “A nee da’ ??”

77 – STERRE – (Glaciale) “Nu….!!”

78 – PIPIN – (Interdetto) “Ah….! Eeee….perche’ !?”

79 – STERRE – (Rassegnata) “Mancansa de fundi…!!”

80 – PIPIN – (Non capisce) “Saieiva a di…!?!?”

81 – STERRE – (Un po’ seccata) “Mancansa de biada…..se l’an za mangia tutta !!”

82 – PIPIN – (Stupitissimo) “Orcu…..ma semmu de freva’, miga de mazzu !!”

83 – STERRE – (Secca) “Ma quelli li’ nu sun vacche, sun elefanti !!”

84 – PIPIN – (Fa’ un’altra smorfia di incredulita’) “Moh!!” (Un attimo di pausa, poi…) “E a Provincia invece……tie ciu’ saciu ninte da-a Provincia ?”

85 – STERRE – (Un po’ sarcastica) “Ou sci! A l’ha scritu proproiu stamatin !!”

86 – PIPIN – (Riprende coraggio) “E cosa dixe !?”

87 – STERRE – (Agra) “Bellu prugettu quellu du zeugu da bocce, complimenti….!!”

88 – PIPIN – (Ringalluzzito) “Alantun a ne da’ e palanche…..!”

89 – STERRE – (Glaciale) “Nu !!”

90 – PIPIN – (Gli si spegne il sorriso: trafelato…) “E perche…..!?!?”

91 – STERRE – (Fa’ spallucce) “Ho parlou cun quellu teu amigu…..quellu da cirulla che ti m’eivi ditu…”

92 – PIPIN – (Riacquista fiducia) “Ah sci….u Checcu u Neixa, quellu cu fava u sindacalista da Permo-

lio…..!!”

93 – STERRE – (Truce) “Za! U dixe che semai ghemmu l’Usceru cu se ciamma Palanca: che preuem-

mu a spendiselu le….!!”

94 – PIPIN – (Stupefatto) “E…cumme femmu a vendilu…..!?!?”

95 – STERRE – (Acidissima) “In ciassa Cavour, au mercou di pesci…..u femmu pasa pe pesciucan, che u se g’asumeggia abasta !!”

96 – PIPIN – (Gli si spegne di nuovo il sorriso sulle labbra) “Ma….nu ghea propriu atru in ta posta !?”

(Implora quasi)

97 – STERRE – (Sempre caustica) “Ousci! Ghea a publicite’ d’en negossiu cu vende materiale porno-

graficu !”

98 – PIPIN – (Gli si illumina l’occhietto) “Donne…..nue !?” (Chiede a mezza voce)

99 – STERRE – (Perentoria) “DONNE….NUE !!!” (Sottolinea)

100 – PIPIN – (Fa’ l’indifferente) “Ah….” (Dopo una breve pausa) “Eeeee…..unda l’e’ oua…..??” (Chiede speranzoso guardando di sottecchio su tutta la scrivania)

101 – STERRE – (Imbufalita) “In tu bulaccu da rumenta, eccu unda l’e’ oua !!” (Poi, rivolta alla platea

“Mancu u l’avesse vint’anni !!”

102 – PIPIN – (Si riprende) “Ben…ben….! Tie propriu fetu ben! Ti se che figua….” (Avvicina furtiva-

mente il cestino della spazzatura alla scrivania cercando di non farsi notare dalla nipote) “…..se treues-

sen serta roba in scia scrivania du scindicu !!” (Fruga nel cestino cercando il depliant)

103 – STERRE – (Allarga le braccia sollevata) “Menu male che ti l’e acapiu !!”

104 – PIPIN – (Rincara la dose continuando nella sua ricerca) “Ti see, a saieiva….” (Trova il depliant)

“….i na ben misera figua….” (Apre furtivamente un cassetto) “….se treuessen na cosa du genere….”

(Cerca di infilarci il depliant senza farsi notare) “…..in scia scrivania du primmu sitadin !!”

105 – STERRE – (Che non si e’ persa neanche uno dei suoi movimenti, lei si’ senza farlo notare) “In scia scrivania sapeva davei na gran brutta figua….” (Poi, cogliendo in flagrante Pipin mentre cerca di intrufolarci il depliant) “In ta cantia invece nu, eh !!” (Lo ferma a mezz’aria puntandogli contro il dito)

106 – PIPIN – (Colto in flagrante, in grandissimo imbarazzo) “Eeeee……nuuuu……..sercava sulu a preua….pe puei manifesta a chi l’ha manda…..tutta a me reprimenda……” (Farfuglia)

107 – STERRE – (Bieca) “L’imaginu, barba: l’imaginu !!”

C’e’ un attimo di pausa con Sterre che passeggia nervosamente per la scena e Pipin che si gratta nervo-

Samente la testa, poi….

108 – PIPIN – (Alla nipote, sconfortato) “Sterre, ma ti dixi ca l’e’ propriu cusci’ neigra….??”

109 – STERRE – (Allarga le braccia) “Barba, emmu fetu i cunti: da chia a dui meixi nu gh’emmu man-

cu ciu’ i dine’ pe paga i stipendi !!”

110 – PIPIN – (Non sa’ piu’ cosa dire) “E cumme femmu ?”

111 – STERRE – (Scuote la testa) “Boh ! G’orie in miaqu !!”

112 – PIPIN – (Ridacchia) “Za, in miaqu !!” (Poi, inseguendo il filo di ipotetici ricorsi) “Cumme quan-

de a vivagna da Madonetta a butava vin !!”

113 – STERRE – (Incuriosita) “Eh ?”

114 – PIPIN – (Ride divertito) “E sci, eh! L’an sempre cunta-a: a vivagna da-a Madonetta da Neive, pe tempu a butava vin pei peregrin c’anaven au Santuaiu. S’en missi a vendilu, e a vivagna a l’ha cuminsou a buta egua !!”

115 – STERRE – (Si blocca, come folgorata) “Mumentu……” (Si avvicina velocemente alla scrivania) “A vivagna…..” (Comincia a cercare freneticamente fra le carte) “Ma sci, a vivagna !!” (Si illumina)

116 – PIPIN – (Stupito e interdetto) “Ma…cosa gh’intra a vivagna cun i debiti du Comune…..!?!?”

117 – STERRE – (Ha trovato quello che cercava) “Cosa gh’intra…..!?!?” (Alza trionfante la lettera del

la contessa Vivagnin Dell’Acquafresca) “Tou chi cosa gh’intra !!”

118 – PIPIN – (Non realizza) “E ben…!? U l’e’ in toccu de papee….!!”

119 – STERRE – (Prendendo una sedia e sedendosi accanto allo zio) “E che toccu, barba !” (Gli mette la lettera sotto il naso) “Mia chi: lezzi !!”

120 – PIPIN – (Fa’ una smorfia di stupore) “Speta…..” (Cerca gli occhiali, li inforca comincia a legge-

re) “Management……alcountu……ma....cosse eu di ?? » (Chiede interdetto)

121 – STERRE – (Concitata) “ Ninte, barba : vanni avanti ! »

122 – PIPIN – (Sempre piu’ interdetto) “Sci ma….g’orie capi quarcosa…..!!”

123 – STERRE – (Sempre piu’ infervorata) “Va ben, va ben…..ma vanni avanti…!!”

124 – PIPIN – (Prosegue nella lettura) “Della….antiga….arte….della trasformazione…..della acqua in nello vino…..!?!?” (Strabuzza gli occhi) “Ma….e chi l’ha scrita, Gieuxu Cristu :::!?!?”

125 – STERRE – (Trionfante) “L’e’ quellu che ho ditu anche mi…..pero’….perche’ nu serchemmu de saveine de ciu’….!?”

126 – PIPIN – (Non capisce) “E pe faa cose, arvii n’ostaia !?”

127 – STERRE – (Eccitata) “N’ostaia….!? Na fabbrica….!!”

128 – PIPIN – (Ride incredulo) “E de cose, de vin fetu qui pachetti….??”

129 – STERRE – (Convinta) “Barba, a-a giurna’ de anch’eu u vin u l’e’ fetu tuttu de pachetti! Nu en miga ciu’ i teu tempi che in te tutte e ville gh’ea a vigna……Oua, u se peu fa’ anche cun l’egua !!”

130 – PIPIN – (Con ovvieta’) “Se l’e’ pe quellu, tutte e ostaie an sempre avu-u u fundegu d’arente an ria….!”

131 – STERRE – (Prende la sedia, fa il giro e gli si siede accanto) “Barba, ma nu ti capisci !? Se sta’ chi a riesce viamenti a fa quarcosa cu s’assumeggia au vin sfrutando l’egua da vivagna….emmu treuou

a galin-a que ove d’ou !! Ti t’immagini che bulezumme in giu quande se sa’ che u vivagnin da Mado-

netta u s’e’ turna missu a buta’ vin !?!? E quante gente che cure a vedde !?!? E quanti belli franchi che te porten …..!?!?”

132 – PIPIN – (La guarda un po’ perplesso) “Sci ma…..cua Madonna, cumme a metemmu ?? U nu saia

n’afruntu ??”

133 – STERRE – (Si alza) « Oh, barba.....u femmu pe na giusta causa !! Se rescimmu a fa in cioccu du genere, in tu giu de doutrei meixi emmu sanou i cunti du Comune !!”

134 – PIPIN – (Fa’ una smorfia) “Se tiu dixi ti……”

135 – STERRE – (Lo tranquillizza) “Comunque, pe bun-a quete de tutti, na parte de palanche a demmu a Don Fransescu cu dighe de Messe……” (Fa’ una breve pausa quasi cercando un a motivazione) “…...

de ringrasiamentu a-a Madonna pe a grassia ca n’ha fetu !!”

Fa’ una pausa aspettando una risposta che non viene: Pipin si limita ad allargare leggermente le braccia.

136 – STERRE – (Scatta verso il telefono) “Mi a ciammu: cumme se dixe….se sun reuse, fiurian….!!”

(Alza il ricevitore e fa’ per comporre il numero ma e’ interrotta dall’ingresso in scena di Ninna da de-

stra)

137 – NINNA – (Entra discreta da destra) “Scignurin-a…..sciu Scindicu…..scuzeime ma de la’ ghe a scia Impalata ca domande de viatri……..” (Pigola come suo solito)

138 – STERRE – (Posa il telefono con un gesto di stizza) “E a ghe mancava….!!”

139 – PIPIN – (Sobbalza sulla sedia) “O mue caa….!! E cosa l’eu quella becamortu !?”

140 – NINNA – (Titubante) “Ma mi….nu savieiva de precisu: a dixe ca s’e’ pigia cun a custode e veu faa na rimustransa …..”

141 – STERRE – (Decisa) “Va ben, va ben…..tantu che le a rimostra mi vaggu a senti a nostra contes-

sa…..” (Si avvia per uscire a destra) “Semai, barba, ghe diggu ca ne ne mande in fiaschin pe asazzu…”

142 – PIPIN – (La ferma) “Sterre…..” (Lei si volta) “….na demixianin-a …..!?!?”

Sterre si riavvia ed esce da destra dopo averlo folgorato con lo sguardo, senza rispondergli.

143 – NINNA – (Guarda Sterre uscire con sguardo interrogativo) “Sciu scindicu, cose ghe devu di a-a Impalata……che scia ua riseive opure a fassu speta….??”

144 – PIPIN – (Richiamato bruscamente alla realta’) “Bellu Segnu cusci’ cau !!” (Sbuffa pesantemente

Poi, rivolto a Ninna) “Quella li’ a me ghe cresce propriu cumme l’egua in tu vin…..” (Fa’ una breve pausa, pensoso, poi…..) “Sulu che u numme u me fa’ puia…..” (Allarga le braccia) “Cumma fa’ na per

sun-a a ciamase Crocifissa Impalata !! Gheu du curaggiu…..!!!”

145 – NINNA – (Non sa’ cosa rispondere) « Beh...…..a l’e’ sicilian-a de origine e lazu Crocifissa u l’e’ in numme deuviou de spessu…..”

146 – PIPIN – (Dissente) “A saia’ anche sicilian-a ma un-a ca l’e’ za impala’…” (Mima il gesto con le mani) “…..nu ti peu fala finii anche cruxefissa….!!!! Tia piggi pou nasu…..!!! Pe de ciu’ a se veste ca paa sempre a luttu…..figurite in po che rie !!”

147 – NINNA – (Che sente rumoreggiare da fuori e comincia a preoccuparsi) “Comunque, sciu scindi-

cu, cose ghe devu di oua …!? Vusscia’ u a cunusce cumma l’e’ fet-a: a nu l’ha tanta pasiensa e se a femmu spetta troppu quella……”

148 – PIPIN – (La interrompe) “Va ben, va ben, Ninna…..falla pasa-a.” (Si alza) “Mi intantu vaggu a fa in lou pe mi: dighe ca l’agge n’attimu de pasiensa, eh !” (Si avvia verso sinistra)

149 – NINNA – (Non capisce) “Sci ma…..sa l’insciste ca veu  veddilu subitu….!?!?”

150 – PIPIN – (Si ferma sull’uscita, allarga le braccia) “Ti ghe dixi ca me dagghe u tempu de tiame sciu’ e braghe !!” (Sbotta uscendo poi da sinistra)

151 – NINNA – (Si capacita) “Aaaaaaahhh….!!” (Muove verso l’uscita di destra, si blocca: rivolgendo

si verso sinistra) “E nu eiva capiu !!” (Poi esce a destra)

La scena rimane vuota per qualche istante, poi, sempre da destra ricompare Ninna.

152 – NINNA – (Si ferma un passo oltre l’entrata) “Scia s’acomude, scignua…” (Fa’ passare Crocifis-

sa Impalata: donna ancora giovane, vestita in maniera austera e che tradisce nelle movenze le sue origi-

ni siciliane) “U sciu scindicu u veggne subitu, eh !”

153 – CROCIFISSA – (Entra nell’ufficio, si guarda nervosamente in giro, poi si siede alla scrivania)

“Ecco come il Zindaco conzidera il capo dell’opposizione: facendozi negari o facendozi aspettari….”

(Protesta con Ninna)

154 – NINNA – (Cerca di difenderlo) “Ma nu…ma nu….u s’e’ sulu…..” (Cerca le parole giuste) “…..

…retiou, eccu….!!”

155 – CROCIFISSA – (Scatta come una molla) “Retirato…….!?!? Demesso si fu……!?!?!”

156 – NINNA – (Sorpresa) “Ma nuuuuu……!! E s’e’ retiou sulu in mumentu…..” (Cerca di spiegare)

157 – CROCIFISSA – (Marziale) “Zignora, non raccontiamo panzane…..un zindaco no puo’ demetter-

si solo per qualche minuto…..illegale ieh !!!” (Tuona a tutta voce, alzando minacciosa l’indice sotto il naso di Ninna)

158 – NINNA – (Che non la sopporta, perde la pazienza) “Scignrin-a, u l’e’ anetu au leugu !!” (Spara a sua volta a tutta voce)

159 – CROCIFISSA – (Tossicchia leggermente, imbarazzata) “Ah !!” (Geme quasi, poi) “Zignora, pre-

go..!”

160 – NINNA – (Non capisce) “Cumme….!?”

161 – CROCIFISSA – (Si rimette a sedere) “Zignora, non signorina…..” (Mostra l’indice della mano si

nistra dove ha due fedi) “Vedova sono”

162 – NINNA – (Sinceramente sorpresa) “Oooohhh….cusci’ zuena….!?!?” (Chiede con un filo di voce

163 – CROCIFISSA – (Fa’ spallucce con aria rassegnata) “Il mio povero marito a trent’anni se ne ando’”

164 – NINNA – (Desolata) “Uh, cumme me dispiace !! Qualche ma bruttu, imaginu…..”

165 – CROCIFISSA – (Glaciale) “Ntzzz…..lupara!”

166 – NINNA – (Trasale, gelandosi a sua volta) “Mue caa !! Ma …..alantun….u l’e’ stetu n’omicidiu !!” (Realizza agitandosi)

167 – CROCIFISSA – (Con aria rassicurante) “Nooo…..disgrazia fu !”

168 – NINNA – (La guarda interdetta) “Eh !?”

169 – CROCIFISSA – (Si affretta a spiegare) “A Palemmo era….in autostrada viaggiava…..si scontro’

con un proiettile che viaggiava in senzo contrario, eh !”

170 – NINNA – (Esterrefatta, fa’ mostra di aver capito) “Ah, eccu…..!” (Poi, a mezza voce, rivolta al pubblico) “Bellu Segnu cusci’ cau….!!!” (Ansima quasi)

In quel momento, da sinistra, rientra in scena Pipin: si sta’ ancora aggiustando i pantaloni.

171 – PIPIN – (Rivolto a Crocifissa) “Scignu-a bungiurnu, i mee rispetti …..!”

172 – CROCIFISSA – (Polemica) “Buongionno a vossia…..in quanto ai rispetti, non direi proprio….”

173 – PIPIN – (Interdetto) “Perche’…!?!?”

174 – CROCIFISSA – (Si alza: infervorandosi) “Prima anticamera ho dovuto fari, poi ancora aspettari e quando vossia s’e’ degnato di presentarsi, lo ha fatto reggendosi i pantaloni…..!!”

175 – PIPIN – (Che nel frattempo si e’ seduto alla scrivania: la scruta interrogativo) “Perche l’oppozi-

siun……a nu see rezze e braghe !?” (Chiede maligno. Poi, senza darle tempo di rispondere) “Ah, nu….

Nu ghe pensava: nu puei, perche’ ae elesuin, van portou via anche quelle….!!” (Sogghigna)

176 – CROCIFISSA – (Risentita) “Miii….poco da ridere c’e’! Io ca sono perche’ sono stata pesante-

mente inzultata dalla custode e chiedo che me ne sia reso conto…..!!”

177 – PIPIN – (Che ci ha preso gusto) “E cosa prupun-e, in duellu cun a spada !?”

178 – CROCIFISSA – (Imbestialita) “Zignor Zindaco, le comunico ufficialmente che al prossimo consiglio l’opposizione chiedera’ che la custode sia licenziata e che lei rassegni le sue demessioni in quanto incapace di covennare il nostro paese nel rispetto reciproco e nella tolleranza….!”

179 – PIPIN – (Piu’ divertito che spaventato) “E mi ghe cumunicu ufficialmente che me metiou a rie!

Ma se peu savei cosa g’ha ditu poi de cusci’ offensivu !?”

180 – CROCIFISSA – (Isterica) “Terrona mi chiamo!! A mia….!! Trent’anni che sono a Zena e quella ancora terrona mi chiama…..non pozzo tollerari….non capisco pecche’ !!!”

181 – NINNA – (Caustica) “E u so mi’ perche’, vanni….!!”

182 – PIPIN – (Serio, rivolto a Crocifissa) “E alua ti se cose femmu ….!? Gou dumandemmu !!” (Si alza in piedi e va’ all’uscita di sinistra) “Brignun-aa !!!” (Chiama a tutta voce)

183 – CROCIFISSA – (Sorpresa) “Zindaco…..Susina si chiama….!!”

184 – PIPIN – (Sempre serissimo, rivolto a Crocifissa) “In Sicilia a se ciamia cuscie: chi semmu a Zena e MI….” (Indica se stesso rafforzando la parola) “ ….a ciammu in zeneise….!!” (Poi, ancora rivol

to all’uscita di sinistra) “Brignun-aa…..!!!!”

Da fuori scena, si sente la voce di Susina Porcu, la custode sarda, che risponde al sindaco.

185 – SUSINA – (Da fuori scena) “Sentito ho…..subbito arrivo….!”

Pipin si riavvia a sedersi alla scrivania e, un attimo dopo, da sinistra, fa il suo ingresso in scena Susina Porcu: e’ completamente vestita di nero, con uno scialle che le copre il capo.

186 – SUSINA – (Al sindaco) “Chiamato mi ha…..??”

187 – PIPIN – (Un po’ spazientito) “E dieiva…….!!”

188 – SUSINA – (Con massima naturalezza) “Risposto le ho !!”

189 – PIPIN – (Glissa) “Sci, sci….va ben….Ma…..ca me digghe in po….a scignua chi presente…..” (Indica Crocifissa) “…..a dixe che le a l’ha ofeisa……”

190 – SUSINA – (Con naturalezza) “Povera pecoraia mi chiamo’, e io terrona gli risposi….”

191 – PIPIN – (Stupefatto per l’ammissione) “Ma…..l’ea u caxu !?”

192 – SUSINA – (Si inalbera) “A casa, possidente ero: un nuraghe con quaranta pecore avevo !”

193 – NINNA – (Interviene a sproposito, incuriosita) “Davei !? Ma alantun perche’ a nu se l’ha portee chi !?”

194 – SUSINA – (Meravigliata dalla domanda) “E no, eh !! Casa piccola tengo: sotto al lavello, solo due ce ne stanno !!”

195 – CROCIFISSA – (Alterata) “Ecco, signor zindaco, il suo torto pubblicamente ammise! Ora, deve riparare !”

196 – SUSINA – (Avanza verso di lei) “Cossa ….!?!?!” (Poi, amuso duro) “Attenta, aho, perche’ la prossima volta sarai tu che dovrai riparare….!!”

197 – PIPIN – (Prova a calmare gli animi) “Ma via, sciu, cosa gh’avia mai da ripara….” (Indica Crocifissa rivolgendosi a Susina)

198 – SUSINA – (Decisissima) “Le corna che gli rompo…..lampu !!”

199 – CROCIFISSA – (Decisamente inviperita) “Questo e’ un affronto che nelle piu’ alte sfere deve arrivari…..Zindaco: ci vediamo in Consiglio !!” (Gira sui tacchi ed esce infuriata da destra)

200 – SUSINA – (Fa’ spallucce) “Provare devi…..solo provare…..” (Smoccola fra se’, girando sui tacchi a sua volta e uscendo a sinistra)

201 – PIPIN – (Che ha tentato inutilmente di trattenere e far ragionare entrambe) “Ma porcu…..”

(Smoccola ad alta voce)

202 – SUSINA – (E’ appena uscita da sinistra: torna a far capolino in scena e, rivolta a Pipin) “Chiama-

to mi ha ??”

203 – PIPIN – (Strabuzza gli occhi) “Viamenti ho ditu porcu….”

204 – SUSINA – (Lo incalza) “E io Porcu mi chiamo …!!”

205 – PIPIN – (Sprofonda a sedere sulla sedia dietro la scrivania) “O mamma mia……!!” (Geme)

206 – NINNA – (Accorre verso di lui) “Sciu scindicu, scia se sente maa…..!?!?!” (Chiede trepidante)

207 – PIPIN – (Si ricompone) “Nu,nu…..pe amu de Diu !!! Staggu beniscimu !!!” (Si affretta a precisa-

re. Poi, rivolto a Susina che e’ ancora ferma sull’ingresso di sinistra) “Ni…ninte Susin-a: ca vagghe pu-

re, ca vagghe…..!!” (La accomiata. Sus ina fa’ spallucce ed esce a sinistra. Poi, rivolto a Ninna) “Ca vagghe pure anche le eh, Ninna ! A l’avia da fa, m’inmagin-u…..ca l’atende….ca l’atende pure….!!”

208 – NINNA – (Si volge per uscire da destra: si ferma, si volta verso Pipin) “Ah, sciu scindici…..ghea

Bertume’, l’usceru, cu l’aspetava pe parlaghe. G’ho ditu che quande u l’arivava l’ avieiva ciamou, ma...

209 – PIPIN – (La interrompe) “Ca nu se preocupe, Ninna: u l’oria parlame pe a festa de San Sarvou du meize proscimu…..Da chi an mumentu vaggu mi a sercalu, eh…..”

210 – NINNA – (Uscendo da destra) “Ben, ben…..alantun se u veddu gou diggu, eh….!!”

211 – PIPIN – (La guarda uscire) “Sci, sci, Ninna: grasie!” (Poi, quando una volta Ninna e’ uscita….)

“Bella mue caa, che afare !! Chi se pesighen tutti cumme tante vipere, atru che storie !! E pensa che quande pe scindicu gh’ea u Russu da Tolla, quando l’arivava le scatave tutti in sce l’atenti che paiven tanti surdatin !! Oua, invece…….” (Poi, rivolto alla platea, alzandosi in piedi e avviandosi verso l’usci-

ta di destra) “Che tempi, figgeu….che tempi !!” (Esce da destra)

                                            -  S   I   P   A   R   I   O   -


                                   -  S E C O N D O   A T T O  -

La scena si apre con Sterre seduta alla scrivania del Sindaco: sta interloquendo con una Signora non piu’ giovanissima, apparentemente di gran classe, vestita in maniera sobria e distinta: e’ la Contessa

Maria Carlotta Vivagnin Dell’Acquafresca.

1- STERRE – (Con fare compito) “Scia vedde, contessa, u nostru problema ciu’ grossu a l’e’ propriu a mancansa de risurse da sfruta’, e se questa seu idea a se dimustresse valida…..”ù

2– LA CONTESSA – (L’interrompe) “Pe caite’, scia Sterre: scia sfunda na porta averta ! A dighela tutta…..” (S’interrompe un attimo: poi, con discrezione) “…..pe esse sincera….cun

i picculi Cumuni….cummu peu esse questu…..nu g’ho mai travagiou guei, eh….” (Fa’ una pausa studiata, poi, volutamente vaga) “Scia sa’, de votte…..se rischia de treuva-a de realte’

nu ancun prunte ad aceta-a l’idea rivulusiunaria che prupunemmu…..E i scindici, poi…..!”

(Rimarca volutamente) “Serti personaggi…..!! De n’otusite-e che….”

3- STERRE – (E’ lei ad interromperla) “Tranquilla, contessa: tranquilla! U nu l’e’ propriu u

nostru caxiu ! Chi u scindicu, anche se chiaramente de matrice cuntadin-a u l’e na persun-a

seguamente de classe: viamente de classe !! (Rimarca decisa)

In quel momento, da destra, fanno il suo ingresso Pipin che precede Bertume’: Pipin ha in spalla un fascio di canne e in una mano regge un secchio di letame, Bertume’ lo segue a pochi passi. Stanno

Discutendo.

    

4- PIPIN – (Rivolto all’indietro, verso Bertume’, non vede Sterre e la Contessa) “Bertume’,

l’e’ inutile che ti inscisti: nu ti tepeu porta-a in giu u trumbun intanto che ti fe u mestru notifi

catu: fin che ti preui chi in Comune, va ben, ma feu de li’ in giu……” (Posa le canne in un angolo)

5- BERTUME’ – (Deciso a far valere le sue ragioni) “Sci ma…ti in Comune cun u liame e-e

cerasse ti ghe veggni…..!!”

6- PIPIN – (Si giustifica) “Sci, ma mi poi vaggu in ta villa….!!” (Allarga le braccia facendo arrivare il secchio quasi fin sotto il naso della Contessa che si ritrae inorriditi)

7– STERRE – (Fra se’, prendendosi la testa fra le mani) “Bellu Segnu cau…Pipin….Pipin..

….!!” (Geme quasi alla vista dello spettacolo poco edificante proposto dallo zio)

8- PIPIN – (Finalmente si accorge della presenza delle ospiti) “Oh, scusei, belle scignue,        

            scusei, eh…..!! Stamu discutendu e nu emmu fetu caxu a-a vostra presensa, vea Bertume’!?”

            (Si volta per chiedere conferma e nel frattempo posa il secchio in prossimita’ della scrivania

9- BERTUME’ – (Ossequioso) “Sci, sci, sciu scindicu, l’e’ vea ….!!”

10– PIPIN – (Si rivolge a Sterre e alla Contessa con un sorriso, poi si blocca e si volta nuova-

mente verso Bertume’) “Dimme in poo……fin-a an pou fa’ ti me davi du ti e ti me ciamavi pe numme, oua invece……”

11- BERTUME’ – (Con ovvieta’) “Ma in po fa parlava cun l’amigu, oua parlu cun u Scindici

……l’auturitee…..!!” (Spiega)

12- PIPIN – (Con fare ravveduto) “Aaahhh….!!” (Si gira nuovamente verso Sterre e la Contes-

sa ma si blocca nuovamente e si rivolge a Bertume’) “Alantun …oria di che a briscula invece de zeugala in ta suciete’ veniemu a fala in Cumune….!!”

13- BERTUME’ – (Si stupisce) “Perche’…..!?!?”

14– PIPIN – (Con ovvieta’) “Chi ti zeughi cun l’auturitee: cusci’ nu ti martelli !!” (Poi si volge nuovamente verso le due donne incrociando lo sguardo trafelato della Contessa e

quello desolato di Sterre) “Sterre….scignua…..bungiurnu !! Ma….ghe’ quarcosa che nu va…..!?”

15- STERRE – (Rassegnata) “Barba, ghe ne saieiva tante cose che nu van…..” (Alza gli occhi

al cielo. Poi…..) “Comunque….lascia che te presente a contessa Maria Carlotta Vivagnin

Dell’Acquafresca. A l’e’ chi pe quella questiun che eimu acenou l’atru giurnu, ti te ricordi …::!?” (Chiede allo zio con fare ammiccante)

16- PIPIN – (Cade dalle nuvole ma cerca di non mostrarlo) “Aahh….sci…a Cuntessa….a que-

stiun….l’atru giurnu….euh….!! Atruche’ se me ricordu !!” (Fa’ un sorriso visibilmente for-

zato. Poi, rivolgendosi di sottecchio a Bertume’) “Beuh….!!”

17– STERRE – (Si e’ accorta che si e’ gia’ dimenticato tutto: cerca di farglielo ricordare) “A viva-

gna, barba……!!”

17      18 – PIPIN – (Decisamente in ambasce) “A vivagna, scie…..” (Sbiascica appena: poi trasale) “Cose

18       gh’e’ sucessu a-a vivagna……!?!?” (Trafelato) “A nu se saia miga sciuga-a, eh…..!!!”

19– STERRE – (Rassicurante) “Ma nuu…..ma nuuu…..!! Ti te ricordi che eimu parlou de cumme pueila sfruta-a…..!? A Cutessa a l’e’ chi pe dane qualche idea…..” (Ammicca nuovamente)

20 - PIPIN – (Sembra riaversi) “Aaahhh…sciii…..!! Sfruta-a a vivagna…..!!! (S’illumina) “Belandi che idea pero!”

Sterre si alza dalla poltrona e lo fa’ accomodare, poi si rivolge verso Bertume’, che e’ rimasto inte-

ressatissimo alla cosa, per accomiatarlo ma Pipin la anticipa:

21– PIPIN – (Rivolto a Bertume’) “Vegni….setite che ti te ne see tante asci’ da vivagna !!”

22– STERRE – (Agra) “Ma barba, Bertume’ u l’avia da fa oua…..”

2323 – BERTUME’ – (Ben contento di poter rimanere ad ascoltare) “Ou nu, ou nu….” (Si siede accan

24to alla contessa che lo guarda brusca) “Avieiva da serne e muxiche pe San Sarvou, ma posu faa ciu’ tardi…!!” (Ostenta un sorriso che vorrebbe essere rassicurante)

2524 – PIPIN – (Deciso) “Oua, ben ! Alantun, cuntessa….sentimmo in poo queste idee….”

2625 – STERRE – (Preoccupata dell’andamento che sta’ prendendo la cosa , cerca di giustificare) “Ca nu se meraviglie, cuntessa…..da ‘ste parti semmu in po…cumme di…ruspanti ! Bertume’ u l’e’ in servisiu da tanti ani e u l’e’ in prufundu cunuscitu da situasiun du paize……”

2726 – LA CONTESSA – (Anche lei con un sorriso forzato) “Ma pe’caitee, scignurin-a, pe caite’! Sun cose genuine…..naturali…..!!”

2827 – PIPIN – (La frase della contessa gli ha fatto tornare la memoria) “Ma scie….!!!” (Scatta come folgorato da un’illuminazione divina) “A vivagna…..u vin ……!!!”

2928 – BERTUME’ – (Sempre piu’ interessato) “U vin ….!?!? Ma quale vin…..?? A vivagna….a but-

30ta egua….!!!”

3129 – PIPIN – (D’impeto) “Ma na otta cunte ca butesse vin !! Nu ti te ricordi cosu cuntava Beppe da Cuiga ….!?!? Che poi s’e-en missi a vendilu, e a vivagna a l’ha cuminsou a buta-a egua !!”

3230 – BERTUME’ – (Scrolla le spalle) “Beppe da Cuiga u l’ea ciuccu da-a matin a-a seia ! U lea le cu butava vin , atru che a vivagna….!!”

3331 – PIPIN – (Cerca di contraddirlo) “O beh, u l’ea anche n’ommu cu a saiva lunga….”

3432 – BERTUME’ – (Caustico) “Segu-u !! U saiva a mente tutte e ostaie da fundu valle fin-a au Santuaiu !!”

3533 – LA CONTESSA – (S’intromette) “Scusei, scignuri….mi sun vegnua fin-a chi a posta pe parla-

36ve da me idea…..cumme di-i….rivolusiunaria…….Ma se a cosa a nu l’interessa…..” (Fa’ il gesto di

37alzarsi ma Sterre la blocca, folgorando nel contempo con gli occhi prima Bertume’ e poi lo zio in ra

38pida sucessione)

3934 – STERRE – (Le poggia con delicatezza una mano sull’avambraccio) “Ma Cuntessa, ma scia schersa…..!! Se a cosa a nu l’interesava nu se saiescimu mai permissi de fala vegni-i fin-a chie !!”

4035 – LA CONTESSA – (Si risiede abbozzando un sorriso) “A beh….sa l’e’ cuscie….”

4136 – STERRE – (Rincara la dose) “MA segu-u ca l’e’ cusci’, scia credde !!”

4237 – PIPIN – (Riflette a voce alta) “Pero’…..miga maa resci-i a faa diventa-a vin l’egua da vivagna.

43….” (Ridacchia compiaciuto. Poi si blocca) “Ma…a saia na cosa bun-a…!? Nu l’e’ che poi ariva a

44mutua e a ne mette i sigilli ….!?!?”

4538 – LA CONTESSA – (Interdetta) “A mutua…..!?!?”

4639 – STERRE – (A denti stretti, rivolta alla contessa, mettendo ancora una mano, con forza, questa volta sull’avambraccio dello zio) “L’ASL, u scindicu u l’intendeiva l’ASL…..” (Poi, rivolta a Pipin

47“Nu preoccupate, barba: cun a contessa emmu za mio questu aspettu da cosa e te possu assegua ca l’ha tutte e carte in regula …..”

4840 – PIPIN – (Meravigliato) “Tutte…..!?!?” (Sterre annuisce) “Cun timbri, visti, firme e bulli…!?”

4941 – LA CONTESSA – (Rassicurante) “Ma segu-u…..”

5042 – PIPIN – (Sornione, si allunga verso di lei) “Eeeee….ca me dighe in po……cusci’, pe cuiuzitee

51……Quante otte gh’e’ tucou anaghe pe aveile tutte…..!?!?”

5243 – LA CONTESSA – (Sconcertata dalla domanda) “Ma….de precisu…..nu savieiva: scia sa’, nu ghe sun aneta mi de persun-a. Cumme ditta emmu gente ca travaglia pe niatri paga-a a posta pe occupase de ste’ cose. Cumunque……” (Fa’ una pausa: cerca di dare una risposta convincente) “…dieiva dui-trei viaggi, eccu. Nu de ciu’.”

5344 – PIPIN – (Salta quasi sulla sedia) “Oscituese….!! Mi ho dumandou a pensciun de invalidu di vilen e me g’an za’ fetu ana-a sei otte !!!” (Sbotta)

5445 – LA CONTESSA – (Prende la palla al balzo) “Oh ma, sciu scindicu, scia stagghe tranquillu !! Voria di’ che a proscima otta che qualcun da ditta avia l’ocaxiun de anaghe me premuriou da fa daa

55n’euggia a che puntu al’e’ a seu pratica……”

5646 – PIPIN – (S’illumina) “Davei….!?!? Ma grasie…..!!!”

5747 – LA CONTESSA – (Si schernisce) “Ma pe caite’…..duvei !!!”

5848 – BERTUME’ – (Che muore dalla curiosita) “Sci ma …..nu stavimu parlando du vin …..!?!?”

5949 – STERRE – (Decisa) “E ne parlavimu anche ben…..” (Rivolta a Bertume’) “…..primma che ghe metesci u beccu….!”

6050 – LA CONTESSA – (Acida) “Probabilmente u scignuru, chi……” (Indica Bertume’ con aria leg

61germente infastidita) “……u credde che nu ghe segge a breiga de stame a sentii…..”

6251 – BERTUME’ – (D’impeto) “Nu, nu….senti se sente sempre…..!! Poi, semai, se decidde…..”

6352 – LA CONTESSA – (Rivolta a Sterre, infastidita) “Ca scuse, scignurin-a, ma se peu savei chi

64 l’e’ u scindicu…..!?”

65 53 – PIPIN – (Seccato) “Ma sun mi, belandi…..!!!”

6654 – LA CONTESSA – (Perentoria, dopo aver folgorato Bertume’ con gli occhi) “A alantun scia u fasse, pe piaxei ..!!”

6755 – STERRE – (Prova a ricucire lo strappo) “Cuntessa, cumme ghe diva primma…..” (Cerca di spiegare) “…….Bertume’ u l’e’ u ciu’ ansian fra i dipendenti in servisiu….i seu servixi sun steti sempre presuisi e pe questu mutivu u godde ma massima stima e cunsciderasiun du scindicu…..

68Dunca….” (Conclude) “…..scia parle pure tranquillamente …!!”

6956 – LA CONTESSA – (Non ne e’ molto convinta) “Sa l’e’ cusci……” (Tergiversa ancora un atti     

mo, poi si decide) “Alantun…..” (Inizia a spiegare) “……semmu tutti beniscimu che, au giurnu de ancheu, cun i moderni ritrovati da scienza, nevea……” (Fa’ una pausa a sottolineare l’ovvieta’ delle

sue affermazioni) “…..pe otegni sustanse alimentari, au postu di ingredienti tradisiunali se peu uzaa

tranquillamente di surogati……” (Pipin e Bertume’ la guardano straniti, senza capire nulla di cio’ che sta’ dicendo. Lei prosegue imperterrita) “…..praticamente sustituindo materiali facilmente depe

ribili o cuntaminabili da agenti patogeni…….” (Pipin e Bertume’ si guardano come se stesse parlan

do un marziano) “….cun  sustanse de sintesi, ciu’ valide e segue e cun i meximi risultati qualitativi

du prodottu edibile finale…..” (S’interrompe: incrocia i loro sguardi stralunati e…) “Le cieu ??” (Chiede con discrezione)

57 – PIPIN e BERTUME’- (Si guardano straniti, poi, insieme) “Eeeeuuuuhhhh……!!!”

58 – STERRE – (Osserva la Contessa allargare le braccia desolata, poi cerca di spiegare) “Orieiva di che invece de faa u vin cun l’uga, se peu deuvia de sustanse simili, fete cumme in farmacia, cun i meximi risultati……Ansi, foscia meggiu….!!” (Rafforza il concetto)

59 – PIPIN e BERTUME’ – (I loro volti si illuminano in un sorriso: si scambiano vistosi segni di intesa, poi, ancora contemporaneamente) “U vin de pachetti…….!!”

60 – PIPIN – (Rincara la dose) “Invece che sciacou, fetu cuu baccu….!!!”

61 – LA CONTESSA – (In lieve imbarazzo) “Suvvia, scignuri…..nu esageremu. A l’e’ na pratica ormai cunsolidaa, certificaa fin-a dall’ UE……..”

62 – PIPIN – (Sgrana gli occhi) “L’UE……!?!?”

63 – BERTUME’ – (Stupito) “A Lue, a mue de Franscin da Rocca…..!?!?!?”

64 – STERRE – (Desolata) “L’Uniun Europea, figgeu: l’Uniun Europea…..!!!”

65 – PIPIN – (Si ravvede) “Aaahhhh…..queli dell’Euro!!”

66 – BERTUME’ – (Fa’ ampi cenni di assenso, poi, affilando lo sguardo, rivolto alla contessa) “Eeeee…..scia digghe in poo…..quante custieiven i pachetti de ‘sta lue…..??”

67 – LA CONTESSA – (Stizzita dal suo intervento) “Ma insumma…..!!” (Scatta in piedi) “L’e’ mai puscibile che deve mettighe sempre lengua stu tafanu chi…..!?!?”

68 – BERTUME’ – (Piccato) “Scignua, anche mi fassu cumerciu, eh !!”

69 – PIPIN – (Velenoso) “Sci, sci…..specie quande ti seunni u trumbun, ti ne fee du cumerciu….!!”

70 – STERRE – (Cerca ancora di ricomporre il discorso) “Cuntessa, ca scuze…..” (La fa’ risedere)

“A peu miga spiegane in cose u cunsciste u seu prucedimentu…….”

71 – LA CONTESSA – (Si risiede ancora visibilmente contrariata) “Segu-u….segu-u….se u scignu

ru…..” (Indica Bertume’ che fa’ l’indifferente) “…..u mou permette……” (Ottiene attenzione ed ini

zia a spiegare) “Cumme tutti semmu, u vin u s’otegne cun a fermentasiun de l’uga, doppu aveila sciaca-a: l’uga a da’ egua che insemme au succou e a l’alcool a fa’ otegni u vin.” (Fa’ una pausa sen

za essere contraddetta: riprende) “Basta quindi pigia de l’egua, azunzighe du per idrato, mescala cun u cloridrato, azunzighe in poo  de pericarburato e……cose s’otegne…..!?”

72 – BERTUME’ – (dopo essersi scambiato una lunga serie di sguardi terrorizzati con Pipin)

“A benzi-a pei missili…..!?!?” (Chiede stranamente discreto)

73 – LA CONTESSA – (Sospira rassegnata, senza controbattere) “Ben…. A me pruposta ve l’ho feta, oua, sta a viatri decidde…..Ho vistu che a fundu valle ghe’ na pensciun: aloggioo lazu pe quar-

che giurnu spetandu ‘na risposta.” (Si alza, fa’ per muoversi, si ferma: rivolta a Pipin e Sterre) “I in-

gradienti custen pocu, a reiza a l’e’ erta, i risultati ottimi.” (Si muove avviandosi verso l’uscita di de

stra: si ferma, si volta) “Ciutostu……indipendentemente daa vostra risposta vorieiva cuminsa-a a mee ativite’ chi in zona: avieiva bezeugnu d’en capanun da atresaa. Possu cunta in scia vostra culla-

borasiun pe treuvalu…!?”

Bertume’ schizza in piedi avvicinandosi a lei, Pipin e Sterre si scambiano vistosi segni di assenso

74 – PIPIN – (Rassicurante) “Ma segu-u !! Ca stagghe tranquilla, scignua: in zona, cascinusse aban-

dunee se n’atreua…..!!”

75 – STERRE - (Realista) “Sens’atru !! U tempu de dase n’euggia in giu: se se treuva quarcosa de adattu, ben vuentea ….”

76 – LA CONTESSA – (Si accomiata con un sorriso) “Grasie, ben gentili…..Sciu scindici, scia Ster

re……arivederci !”

Muove per uscire ma Bertume’ le e’ addosso

77 – BERTUME’ – (Mellifluo, prendendola per un braccio) “Scignua…..scignua…..serve ‘na ca’…

in rustegu….na cascin-a…….dui pilastri in t’en beusua……..?? Mi ghe l’ho, eh….mi ghe l’ho, mi ghe l’ho…..!!!”

78 – LA CONTESSA – (Strabuzza gli occhi stranita, rimane bloccata per un attimo, poi, imbufalita, a Bertume’ “Ma vanni via, lappasuppe….!!!!” (Gli sbraita in faccia mandandolo platealmente a quel paese con un gesto del braccio e uscendo da destra)

79 – BERTUME’ – (Insistente) “Davei, eh….!!! Mi, de segundu lou, fassu u degente mobiliere……

de strafoxiu, perche’ saie proibiu, ma…….” (La insegue deciso uscendo da destra)

80 – STERRE -  (Si batte violentemente una mano sulla fronte, trafelata) “Mue caa bella….mue caa bella …!!!” (Mormora prima di lanciarsi a gran carriera fuori da destra all’inseguimento di Bertume’, chiamandolo a tutta voce) “Bertume’…..Bertumeeee……!!!!!”

In scena rimane solo Pipin, seduto alla sua scrivania. E’ accigliato: fa’ ampi gesti con le mani.

81 – PIPIN – (Gesticolando vivacemente) “Dunca……sta chi a piggia l’egua…..” (Fa’ una puasa) “Da vivagna !!” (Aggiunge poi, autoconvincendosi) “A ghe mette l’ipposacratu…..” (Mima i gesti di aggiungere con una mano) “A gh’azunze u perticolatu……” (Mina il gesto con l’altra mano) “Ai

rubatta cun u scavensolatu……” (Mima il gesto di girare con entrambi le mani) “E sciortieiva feua u vin…..!!” (Allarga le braccia) “sau dixe le……” (Fa’ una pausa, poi) “Ueiva ana in ta villa a da in

poo de liame in ti surchi, ma saia megiu che spete Sterre e me fasse spiega-a ben e cose…..” (C’e uno strano olezzo nella stanza: tira col naso, poi guarda verso il basso e scorge il secchio del letame

“Ah..!!” (Commenta fra se’. Tira ancora col naso) “U l’e’ bellu forte…..stu chi, u deve fali cresce cumme sucche….!!(Altra breve pausa) “Za che ghe sun, pero’, bezeugneiva che primma de stasera rescisse a mette due carasse ai faxeu, sedunca…..” (I suoi pensieri agresti sono interrotti dall’ingres-

so in scena di Ninna da destra)

82 – NINNA – (Entra discreta da destra) “Sciu scindicu, scia scuse….ghe saieiva a scia Impalata ca dumanda de esse risevua….”

83 – PIPIN – (Scatta a razzo dalla sedia) “Bellu San Pee…..!!” (Agguanta il secchio del letame) “Famme ana in ta villa, vanni, che l’e’ meggiu….!!!!” (Si avvia per prendere anche il fascio di can-

ne ma ormai e’ troppo tardi)

84 – CROCIFISSA – (Irrompe nello studio come un uragano lasciando di sale la povera Nina)

“Zindaco, buoncionno a vossia…..!!”

85 – PIPIN – (Desolato) “E te salu-u…..!” (Sbuffa, posa il secchio su una delle sedie vicino alla scri

vania alzando gli occhi al cielo: non si accorge che e’rimasto pericolosamente in equilibrio)

86 – CROCIFISSA – (Si siede imbufalita sull’altra sedia, di fronte alla scrivania) “La prego di scu-

sare la mia irruzione, ma da troppo tempo, in questo Comune, puzza di maccio si sende….!!”

87 – PIPIN – (Riguadagna la sedia dietro la scrivania) “Viamenti….u l’e’ u bulaccu du liame che ueiva porta-a in ta villa……” (Cerca di scusarsi, indicando il secchio)

88 – CROCIFISSA – (Sempre piu’ inviperita) “Ma che leame e leame…..!!! Mi si disse che e’ stata notata la presenza nella casa comunale della contessa Vivvagnin dell’Acquafresca, donna d’affari rampante i senza scrupoli…….”

89 – PIPIN – (Non sa’ cosa rispondere) “Ma….nu so sa seggie ruspante……e poi, sciu….” (Si infer

vora) “……a nu l’e’ miga na galin-a !!”

90 – CROCIFISSA – (Sempre piu’ stizzita) “Gallina…..!?!? Idda cacciatrice di polli e’!! Ovunque dov’e stata, zizzania semino’…… e un mucchio di guai !!”

91 – NINNA – (A sproposito) “Ma nu, scia Impalata, a nu l’e’ vegnua pe sumena erba gramma: a l’eu faa buta-a vin a-a vivagna pe giusta i cunti du Comune …..!!!”

92 – CROCIFISSA – (Sobbalza sulla sedia) “Vino a che cosa, scusasse…..!?!?”

93 – PIPIN – (Uccide Ninna con lo sguardo) “Ma nuuu……!! Ninte, ninte…..!!! Ninna a schersava.

…..!!!” (Cerca di rimediare alla frittata) “A l’ueiva sulu di’ che a l’orieiva faa butaa vin ae vivagne..

…!”

94 – CROCIFISSA – (Stranemente quasi convinta alla prima) “Aaaahhhh…..!!” (Si rilassa)

95 – NINNA – (Persevera) “Ma….sciu scindicu……” (Chiede stupita) “…..a nu l’ea vegnua chi fe preua a faa butaa turna vin a-a vivagna da Madonetta, cumme ai tempi de Beppe…..”

96 – PIPIN – (Balza in piedi, l’interrompe) “Nuuuuu…..!!!! quellu u l’ea sulu n’esempiu che famu..

…..cusci’, pe daa sensu a-a mezua…..!!!”

97 – NINNA – (Imperterrita) “Ou, nuu…!! A scignurin-a Sterre a l’ha ditu che a vivagna a deve turna buta-a vin se uemmu sarva u Comune dau falimentu……!!”

98 – CROCIFISSA – (Balza in piedi) “A questi punti siamo……!!” (Grida trionfante)

99 – PIPIN – (Non sa’ piu’ che pesci prendere) “Ma ti peu capi’….!!! Ma Ninna, ma semmu matti a dii ‘ste cose……!?!?!”

100 – NINNA – (Umile) “Ma mi, scindicu……diggu sulu e cose cumme stan…..” (Allarga legger-

mente le braccia inchinandosi leggermente, quasi a scusarsi) “…….emmu in muggiu de din-e de de-

bitu e mancu in francu in ta cascia….!!”

101 – PIPIN – (Di brutto) “Nu l’e’ vea …..!!!!! Sei viatri impieghe-e che nu sei buin a fa i cunti !!”

102 – CROCIFISSA – (Velenosissima) “Perche’, il  zindaco invece che cos’e’ capace a fari…..!?”

(Sibila quasi)

103 – PIPIN – (Preso in contropiede) “U scindicu…..!?!? U l’e’ bun a….a…..aaa…..”

In quel mentre rientra in scena da destra Sterre: sta’ ancora discutendo animatamente con Bertume’ che e’ rimasto fuori scena.

104 – STERRE – (Rientra di gran carriera da destra, con lo sguardo rivolto all’indietro: risponde a Bertume’, a tutta voce) “A seuna-a u trumbun !!” (Si accorge della presenza di Crocifissa e si ferma

“Ah…..Scignua, bungiurnu ! Ca scuse, eh, ma ea a preu a parla-a cun Bertume’ e…..”

105 – CROCIFISSA – (Caricatissima, l’assale quasi) “Signorina, lasciasse stari Bertumme’ e parlia-

mo un poco di quella storia della vivvagna…..”

106 – STERRE – (Ha un sussulto) “Qua….quale storia, ca scuse…..?” (Cerca di glissare)

107 – PIPIN – (Innocente) “Stere, lascia perde….” (Indica Ninna, in un angolo, in imbarazzo) “….’sta trofia a g’ha cuntou tuttu….!!”

108 – STERRE – (A sua volta in imbarazzo) “Ah…! Beh…in fundu….a l’ea sulu n’idea….”

(Cerca di cavarsi d’impiccio. Si riprende un po’) “Scia sa, nu l’e’ che naveghemmu in te l’ou e……

cumme se dixe…..” (Abbozza un sorriso allargando leggermente le braccia) “….tuttu fa’ muggii !!”

109 – CROCIFISSA – (Marziale) “Anche le donne di malaffare….?? E gli impiegati che fanno i fat

ti propri in orario di servizio…..??”

110 – PIPIN – (Insorge) “Questa a l’e’ ‘na fandonia…..!” (Si alza in piedi battendo un pugno sulla

scrivania) “Chi, in te l’orariu d’ufissio, nisciun di impieghi-e u fa’ ninte se nu quellu cu l’e’ pagou pe faa……!!!”

In quel preciso istante, da fuori scena, si sentono le note di “Noi vogliam Dio” suonata da Bertume’ con il suo trombone.

111 – STERRE – (Amara) “Quexi nisciun, barba……”

112 – NINNA – (Attratta dalla musica, a Pipin) “Pero’ sciu scindicu, u l’e’ migliurou, eh….!!”

113 – CROCIFISSA – (Infuriata) “Miii…..ca’ per il naso mi si vuole prennere….ma IO…” (Sottolinea la parola) “…..alla magistratura mi rivolgo…!!”

114 – PIPIN – (Mordace) “Pe denunsia quellu cu t’ha missu u numme….!?!?”

115 – CROCIFISSA – (Sempre piu’ infoita) “Poco da ridere c’e’: vent’anni sono che sono in politi-

ca e, come disse Cicerone, la mia tonaca sempre pulita rimase…..!!! Avrete presto mie notizie.” (Conclude altezzosa, girandosi di scatto per uscire: urta la sedia con sopra il secchio che, in equili-

brio precario, le si rovescia addosso) “Aaaahhhh…..!” (Grida scattando all’indietro)

116 – PIPIN – (Riesce a stento a soffocare una risata) “Quella de quellu la peu dase ma a teu nu sens’atru….!!”

117 – CROCIFISSA – (Realizza cosa gli e’ caduto addosso) “Anche lo sterco in  Comune adesso…

….!!” (Urla cercando disperatamente di togliersi lo sporco di dosso)

118 – PIPIN – (Con naturalezza) “Viamenti u l’ea pe a villa…..”

119 – CROCIFISSA – (Sbalordita) “Non si potta lo sterco in comune…..!!”

120 – PIPIN – (Beffardo) “E perche mai….!? Tantu, ghe semmu za fin-a chi….!!” (Indica beffardo il centro della sua fronte con il taglio della mano)

121 – STERRE – (Cerca di porre rimedio) “Oh, che disastru….!! Susina….Susinaa….” (Chiama a tutta voce)

122 – SUSINA – (Spunta appena con la testa da sinistra) “Chiamato mi ha…..!?”

123 – STERRE – (Rivolta a Susina) “Ca l’agge pasiensa, l’e’ sucessu n’incidente…. Apeu miga portaa dui sciugamuen a-a scignua e quarcosa pe puli-i in tera…..?”

124 – SUSINA – (Riesce da sinistra) “Subbito arrivo.”

125 – CROCIFISSA – (Inviperita) “Incidente…..!?!? Un agguato fu’! Un attentato alla parte politi-

ca che rappresento fu’…….!!!”

126 – PIPIN – (Venefico) “A tutta a seu parte pulitica…!?! Se saiva de tantu, ne portava na butte !!”

127 – SUSINA – (Rientra in scena da sinistra con un asciugamano, una scopa ed uno straccio da la-

vare per terra: vede lo scempio sul pavimento e….) “Lampu…!! La cera ieri mattina avevo datto !!”

Ha un moto di stizza e, distrattamente, getta lo straccio a Crocifissa e l’asciugamano per terra a co-

prire il disastro.

128 – CROCIFISSA – (Sempre piu’ furente) “Pecoraia, lo straccio mi dai…..!?!?”

129 – SUSINA – (Si accorge dell’errore, sembra volersi scusare, inquadra Crocifissa e ci ripensa. Prende l’asciugamano, ormai impregnato, di sporco da terra e glielo tira letteralmente addosso)

“Giusto !! Per pulirsi, questo ci vuole !!”

130 – CROCIFISSA – (Gli si scaglia contro) “Ma io ti…..”

131 – SUSINA – (Si difende) “Provaci, dai…..” (Alza la scopa per difendersi ma finisce per centra-

re in pieno Pipin, che e’ in piedi alle sue spalle, con l’intento di fermare le contendenti)

132 – PIPIN – (Preso in piena fronte, arretra dolorante) “Ahia….!!” (Si porta una mano alla fronte) “Ma porcu……”

133 – SUSINA – (Si gira di scatto verso di lui) “Chiamato mi ha…..!?!?”

134 – STERRE – (Separa le due contendenti) “Scignue, pe piaxei, calmemuse, eh. In fundu u l’e’ stetu sulu n’incidente, vedemmo de nu fala cusci’ tragica….” (Rivolta a Crocifissa) “Ca vegne cun mi, sciugnua….vedemmo de mettise in sestu, eh….” (Rivolta a Susina) “E ti, pe piaxei, leva u bulaccu e danni na pulia all’incirca. Puliemu meggiu duman, eh…..!!” (Esce da destra accompa-

gnando una furibonda Crocifissa: incrocia Ninna) “E le, Ninna, ca vagghe pure…..pe ancheu de dan

ni a n’ha za fetu abasta….!”

135 – NINNA – (Sorpresa e mortificata) “Ma mi….che danni ho mai fetu…..!?!?”

136 – STERRE – (Furibonda) “Sa vegne cun mi, poi gou spiegu…!!”

Ninna fa’ spallucce e esce mogia dietro Sterre e Crocifissa. In scena restano Pipin che sacramenta massaggiandosi la fronte e Susina che sacramenta pulendo il pavimento.

137 – PIPIN – (Massaggiandosi la fronte) “Segnu-u cusci’ cau !! Megiu avei da faa cun u tou du Buxe !! »

138 – SUSINA – (Raccatando il secchio e pulendo il pavimento) « Santissima Teresa….un fetore terribile e’…..” (Poi, rivolta a Pipin) “Ma chi e’ il tontu che in comune l’ha portato…?”

139 – PIPIN – (Per niente contento) “E ghe l’ho portou mi, bruttu sacratu…!! Pe analu a da in ta vil

la…..!!”

140 – SUSINA – (Fa’ spallucce) “Meglio le pecore sono…..Almeno da una sola parte sporcano…”

141 – PIPIN – (Inviperito) “Brignun-a, ti ghe de na botta e ti vee a faa de l’atru….!?!?”

142 – SUSINA – (Scocciata) “Eeeeehhhh…..!! Me ne vado, capito ti ho !!” (Armeggia ancora qual-

che secondo, poi raccoglie stracci e scopa e si avvia per uscire a sinistra: si ferma sull’uscita, si vol-

ta un attimo verso Pipin e, categorica….) “Meglio le pecore, si: sotto il lavello, meno puzza c’e’!!”

(Esce da sinistra lasciandolo di stucco)

143 – PIPIN – (Batte le mani) “O mue caa…..!! Ghe ne saia’ di atri ancheeu….??” (Guarda desola-

to la sedia dove fino a qualche attimo prima c’era il secchio) “U mee liame…!! L’eiva scioltu cusci’ ben….! Bezeuignaa che vagghe turna inderee a fane de l’atru……” (Sbuffa pesantemente alzandosi dalla sedia e poggiando le mani sul tavolo) “N’atra giurnaa persa apreu au Cumune!” (Sbotta. Fa’ per avviarsi verso l’uscita di destra ma l’ingresso di Ninna da quella parte lo blocca)

144 – NINNA – (Entra con discrezione da destra) “Sciu scindicu, scia scuse, g’e’ a cuntessa Viva-

gnin dell’Acquafresca ca dumanda de lee……”

145 – PIPIN – (Si gira di scatto) “Turna….!! E cosa l’eu…!?”

146 – NINNA – (Fa’ una smorfia interdetta) “Ma mi…nuu so…a nu me l’ha ditu…E mi, scia sa’, fa

me i afari di atri…..nu m’incallu miga…..!!”

147 – PIPIN – (Velenoso) “Oua…!! Ti peu capi’….!!” (Poi, serio) “Comunque, se l’e’ pa-a cascin-a digghe che nu l’emmu ancun treua…” (Conclude perentorio)

148 – NINNA – (Saccente) “Nu, nu….nu l’e’ pe quellu….A l’ha ditu ca s’e’ ascorda-a quarche detagliu…..”

149 – PIPIN – (Ilare) “E menu male che nu ti g’he dumandou ninte …..!!”

150 – NINNA – (Quasi risentita) “Sciu scindicu, scia nu pensia miga maa, eh! L’e’ cusci’, tantu pe descurii…..Cu nostru lou, bezeugna cunusce e gente, sedunca…..”

151 – PIPIN – (Taglia corto) “Sci, sci…va ben! Dighe ca veggne avanti….” (La invita con un gesto della mano: Ninna, ossequiosa, fa’ un leggero gesto di assenso ed esce da destra: riguadagna il suo posto alla scrivania) “Sentimu cosa l’eu ‘sta drolica….!!!” (Sbotta allungandosi sulla sedia)

152 – LA CONTESSA – (Da fuori scena) “L’e’ permessu…..!?!?” (Pipin si ricompone assumendo un tono ufficiale: un attimo dopo la contessa fa’ il suo ingresso in scena) “Sciu scindicu, bungiurnu !! Scia scuse se me sun permissa de ridisturbala ma….”

153 – PIPIN – (Alzandosi, con un sorriso poco credibile) “Ma nuuu….scia se figure !!” (Gli fa’ se-

gno con la mano di accomodarsi)

154 – LA CINTESSA – (Si siede davanti alla scrivania, proprio accanto alla sedia incriminata) “Eccu, sciu scindicu vueiva dighe…..” (S’interrompe) “Ma nu ghe faio miga perde tempu, veu….?? Semai scia mou dighe, che ripassu n’atru mumentu….”

155 – PIPIN – (Si siede a sua volta, desolato) “Oua…!! A parte e vacche e a tera, nu g’ho atru da faa…..!!”

156 – LA CONTESSA – (Si finge rinfrancata) “Bene…bene….vueiva dighe, ripettu, che, a prupoxi

tu de l’aplicasiun da mee teoria…..” (Si ferma, comincia ad annusare delicatamente l’aria)

157 – PIPIN – (Fra se’, osservando i segni ancora ben visibili di qualche attimo prima) “Tou chi che ghe semmu…!!”

158 – LA CONTESSA – (Piacevolmente sorpresa) “Ma….” (Si ferma, tornando ad annusare piu’ convinta) “U l’e’ u seu ‘stu prufummu che l’e’ in te l’aia….??”

159 – PIPIN – (Trasale) “Nu…nu….!! U l’e’ u bulaccu du liame..... !!! » (Si affretta a spiegare) « Me l’ea portou a preu pe ana-a in ta villa e ……” (Indica con la mano l’uscita di destra) “…..quella mangia carubbe a me l’ha inversou….!!”

160 – LA CONTESSA – (Fa’ finta di non capire) “Nu…nu…u l’e’ in prufummu….” (Fa’ una pau-

sa studiata) “…..sarvegu….” (Si alza tendendosi verso Pipin che strabuzza gli occhi allibito) “…….

servaggiu…..!!!” (Rincara la dose. Si risiede, rilassandosi)

161 – PIPIN – (Allibito) “O mue caa…a l’ha bevu…!! A l’ha sazou u seu vin.....sens’atru !! »

162 – LA CONTESSA – (Imperterrita, con fare mistico) « Che emusciun….che emusciun….!!”

(Ripete con gli occhi al cielo) “Al’e’ n’emusciun neua….fresca….naturale….che n’ueiva mai prevou primma…..!!” (Rivolta allo stralunatissimo Pipin, fissandolo con sguardo magnetico) “Sciu scindicu…..scia sa’ che scia l’e’ in bel’ommu !?!?”

163 – PIPIN – (Toccato su un tasto al quale e’ particolarmente sensibile) “Bell’ommu……” (Si schernisce in brodo di giuggiole. Poi, gesticolando con entrambi le mani) “Bell’ommu….” (Ripete, completamente in palla) “……discretu….!!”

164 – LA CONTESSA – (Si rilassa sulla sedia, volgendo gli occhi al cielo) “Eeh Pipin….Pipin…..!

(Si blocca: sporgendosi verso di lui) “Possu ciamala Pipin…..scia n’u s’ofende miga…..”

165 – PIPIN – (Al colmo dell’imbarazzo) “Ma figuremmuse…..!! Me ghe ciammen tutti !!”

166 – LA CONTESSA – (Si rilassa nuovamente, gli occhi al cielo) “Cumme ghe diva…..a l’e’ n’emusciun forte….diversa…..” (Si sporge nuovamente verso di lui, quasi a sfiorarlo) “Se cunu-

scemmu sulu da poche ue, e me pa de cunuscilu da sempre !!” (Rimane tesa verso di lui)

167 – PIPIN – (Deglutisce pesantemente, in pieno marasma) “Anche mi’ g’ho n’emusciun diversa...

…..” (Bisbiglia appena)

168 – LA CONTESSA – (Spalanca gli occhi a fanale) “Sciiiiii……!?!?!?”

169 – PIPIN – (Con un filo di voce) “Me sua anche a lengua…..!”

170 – LA CONTESSA – (Risata breve e squillante) “Oh, che ommu…..” (Si alza con fare civettuo-

lo) “……cumme dii…..” (Fa’ una pausa studiata, quasi a cercare la parola, gli volta le spalle un atti-

mo, poi si rigira di scatto verso di lui) “…….originale, eccu…..!!”

171 – PIPIN – (Non sa piu’ da che parte girarsi) “U…unicu dieiva…..eccu!!”

172 – LA CONTESSA – (Annuisce convinta) “Eeeee ….sci, sci: unicu, u l’ha ditu ben….! Ommi cumme Pipin, n’an fetu un sulu…..”

173 – PIPIN – (D’istinto, con un sorriso forzato) “Poi se gh’e’ ruttu u stampu….!!”

174 – LA CONTESSA – (Gli volta nuovamente le spalle per un attimo) “Nu so….saia’ l’aia bun-a..

….saia a gente schietta…..ma mi….da queste parti…..me g’afurmieiva propriu u niu…..”

175 – PIPIN – (Comincia a guardarsi nervosamente in giro in cerca disperata di aiuto) “Ecumme…”

(Risponde distrattamente) “……ghe n’e’ pecusci’ di ouxelli che ghe fan u niu chi in giu…..!”

176 – LA CONTESSA – (Nota che non ha capito) “Ma u s’immagina…..” (Si gira nuovamente ver-

so di lui) “…..insemme….” (Avanza verso la scrivania) “…..quante belle cose…..” (Si allunga ver-

so di lui poggiandosi sulla scrivania) “…..poriescimu fa….” (Si posiziona in modo di piazzargli sot-

to gli occhi il suo abbondante decolte’, nascosto fino ad un attimo prima sotto la giacca un po’ auste

ra sbottonata abilmente e, con fare ammaliante) “…..mi e le….!?!?”

177 – PIPIN – (Abbacinato da tanta abbondanza) “Mi…mi e le….” (Bisbiglia stranito) “….insem-

me…..” (Tossisce nervosamente) “Se…segu-u !!” (Prova a riprendersi: poi, di getto) “Le a fa’ u vin e mi ghe mettu a vigna…..!! In po’ ghe l’ho, eh ! Segu-u, nu l’e’ ca segge tanta ma……” 

178 – LA CONTESSA – (Sente di avverlo in pugno: affonda i suoi colpi) “U vin…!?!? Ma attru che vin !! U se l’imagina mi e le….che so…..insemme a faa na vacanza esotica….magari alle Seych

elles…..!?!?”

179 – PIPIN – (Sempre in difficolta’) “Vacanse insemme…..” (Si blocca, la guarda stupito) “In sei-

xeu, dedatu a Isu ….!?!?”

180 – LA CONTESSA – (Gli sgrana un sorriso spaziale sotto il nsao) “Ae Isole Seychelles, cau u mee Pipin….!!”

181 – PIPIN – (Finge di aver capito) “Ah, ae isule de Seixeu….!!” (Si blocca di nuovo) “Ma ‘n mu-

mentu: dedatu a Seixeu ghe’ e Casine-e, li ghe porte a rumenta….!!” (Spiega preoccupato)

182 – LA CONTESSA – (Non raccoglie) “U s’imagina, Pipin….u maa….u suu…..a fruta esotica…

…tante belle figge……”

183 – PIPIN – (La segue con difficolta’) “Belle figge…….” (Ripete meccanicamente: si blocca di nuovo) “Pero’, che nuu sacce Sterre, seduca fan a fin du deplian…..”

184 – LA CONTESSA – (Stupita) “Saie-e…..??”

185 – PIPIN – (Desolato) “A mee caccia in tu bulaccu da rumenta….!!!”

186 – LA CONTESSA – (Prorompe in una fragorosa risata) “Nuuuu……!!!!! Nu ghe van sensatru in tu bulaccu da rumenta quelle li’……” (Fa’ una breve pausa alzandosi davanti a lui) “Naturalmen

te…..fra tutte e belle figge…..mi serchie-e de esse sempre a ciu’ bella….!!” (Ammicca maliziosa)

187 – PIPIN – (Completamente in palla) “Poscituese…..poscituese…..!!!” (Riesce appena a sbiasci-

care)

188 – LA CONTESSA – (Comincia a girare lentamente per l’ufficio, come pensierosa) “Ansi….” (A mezza voce, come se parlasse a se’ stessa) “…se a cosa a rendesse anche chi…..cume a deve ren

de…..pensiei fin-a che in te ‘n paa d’anni……” (Fa’ una breve pausa) “….trei au mascimu…..” (Si

gira di scatto verso di lui) “…..Pipin, in t’en postu cusci’, se pourie anche anaghe a vive…!!”

189 – PIPIN – (Stravolto) “Pe sempre…..!?!?”

190 – LA CONTESSA – (Convintissima) “E sci…..pe sempre !!”

191 – PIPIN – (In sollucchero) “Ooooh !!” (Poi, di scatto) “E ma chi, chi ghe daieiva da mangia ae vacche …..!?!?”

192 – LA CONTESSA – (Ride di gusto) “Eu dii che primma de ana via, se-e mangemmu e vacche !”

193 – PIPIN – (Annuisce convinto. Poi si ferma, pensieroso) “Cuntessa…..”

194 – LA CONTESSA – (Con ovvieta’) “Ma cu me ciamme Carlotta….!!”

195 – PIPIN – (La guarda un momento dubbioso) “A nu s’ofende….!?”

196 – LA CONTESSA – (Ride leggermente) “Ma u l’e’ u mee numme….!!”

197 – PIPIN – (Si autoconvince) “A g’he abitua…..”

198 – LA CONTESSA – (Con naturalezza) “Ma sci, eh…..!”

199 – PIPIN – (Meditabondo) “A l’ha ditu…..in paa d’anni….?” (Chiede: lei annuisce) “Foxa trei...

…..!?”

200 – LA CONTESSA – (Perentoria) “Au mascimu !!”

201 – PIPIN – (Timidamente) “Eeeee……a ghe portieiva anche mie…..!?!?”

202 – LA CONTESSA – (Quasi offesa) “Ma Pipin….se u fassu…..u FASSU pe LE !!”

203 – PIPIN – (La guarda interrogativo) “Carlotta…….”

204 – LA CONTESSA – (Maliarda) “Sci Pipin……?”

205 – PIPIN – (Di getto) “Quande l’e’ che se peu cuminsa a cuntaa i giurni…..??”

206 – LA CONTESSA – (Trionfante) “Ma da quande va in portu l’afare da vivagna…!!”

207 – PIPIN – (Convinto) “U l’e’ za in radda…..u la za seunou a sirena pe ciama-a i rimurchiatui ...”

208 – LA CONTESSA – (Spalanca gli occhi) “Ma alua…veu di….che femmu l’afare….!?!?”

209 – PIPIN – (Perentorio) “Sci !!”

210 – LA CONTESSA – (Salta dalla gioia) “Evviva !!!” (Si allunga verso di lui e gli da’ un bacio sulla fronte: Pipin rimane di sasso…..) “Alua, Pipin, mi vaggu a daa urdine ai ommi che cuminsen”

211 – PIPIN – (Stupito) “I ommi…..!? Ma….a faa cose….!?!?”

212 – LA CONTESSA – (Ovvia) “A loua…Sun za prunti da-a vivagna, ghe’ sulu da scarega-a a roba d’en scii cami-i…..”

213 – PIPIN – (Ancora sorpreso) “E…..cumme mai e-en za prunti….!?!?”

214 – LA CONTESSA – (Con una naturalezza spudorata, allargando le braccia) “Ma cusci’ guagne

mu tempu: emmu menu da cuntaa…..!!!” (Esce di scena velocemente da destra lanciando a Pipin un

bacio con una mano)

215 – PIPIN – (La guarda estasiato uscire da destra, strofinandosi delicatamente la guancia sulla quale pensa sia caduto il bacio lanciatogli da Carlotta: rimane in silenzio un attimo, poi) “Figgeu…..

Figgeu…..!! Ma ghe pensei che afare…..!?!? Na contessa…..na donna de afari, de biscavessi……ca

vegne chi…..Dedatu……e a s’interessa a MI !!” (Fa’ una pausa scrollando la testa incredulo: si fer-

ma di colpo e, rivolto alla platea) “Ouh…..vilan sensatru…..pero’ de classe eh!” (Si indica. Si alza in piedi dirigendosi verso l’uscita di destra) “E le, al’ha acapiu subetu !!” (Si ferma un attimo subito prima dell’uscita e, rivolto alla platea) “Che donna, figgeu……che donna !!!” (Esce da destra dopo un attimo, chiamando) “Bertume’….Bertumeee….!! Pe a festa de San Sarvou, ueiva dite…….”

                                            -   S   I   P   A   R   I   O  -

 

 

          


                                               TERZO ATTO

L’ambiente e’ sempre l’Ufficio del Sindaco, ma ci sono alcuni dettagli che fanno notare che e’ pas-

sato diverso tempo: non siamo piu’ alla fine di Febbraio, ma all’inizio della primavera (fiori in un

angolo della scrivania, dentro un vaso, vesti piu’ leggere dei protagonisti che possono eliminare la

giacca o sostituirla con una piu’ leggera).

Anche Pipin e’ cambiato: e’ vestito in modo meno stropicciato e si muove in maniera piu’ composta

Il sipario si apre con Pipin, il Sindaco, seduto alla sua scrivania mentre cerca di decifrare la corrispo

ndenza.

1 – PIPIN – (Bofonchia fra se’, facendo scorrere le varie lettere) “Mah….! Chi nu se g’acapisce ciu’ ninte !!” (Fa’ una smorfia interdetta) “Citasione in giudisio…..cos’oria dii, poi…..!!” (Allarga le braccia) “E Sterre, che primma a l’ea sempre chi, oua a vegne sempre ciu’ de reu…..” (Altra espres-

sione stupita) “Chissa’ poi perche !!” (Rimane pensoso qualche istante, poi il suo volto si allarga in un sorriso) “Pe’ furtun-a che g’he a Carlotta….!!” (Alza gli occhi al cielo in una espressione di beati

tutine) “Sempre presente….sempre dispunibile…..sempre caa…..” (Fa’ una breve pausa) “E anche a seu idea da vivagna…..” (Attacca deciso) “…..belandi, a l’ha funsiunou……ecumme !! In t’en me

ize, disette milioni……!!” (Fa’ una pausa: diventa serio) “U vescuvu a n’ha detu a scumuniga…..” (Si rasserena subito) “…..ma quandu l’ha vistu, l’asegnu, u l’ha ditu che nu l’emmu feta poi cusci’ grossa…..” (Altra pausa e poi, con un’espressione beata) “……semai u ne vendia-a n’indulgensa !!”

(Riprende a scorrere la posta) “E questa…..!? Ah, a l’e’ pe San Sarvou, a setiman-a che vegne….” (Sobbalza, battendosi una mano sulla fronte) “A prupoxitu de San Sarvou……Bertume’…!!” (Chia-

ma a tutta voce. Non ottiene risposta) “Bertumeee……!!!!” (Chiama piu’ forte: da destra, fa’ capoli

no Ninna)

2 – NINNA – (Timidamente, da destra) “Sciu scindicu, scia l’ha ciamou…..??”

3 – PIPIN – (Stupito nel vedere lei) “Sci ma…..Bertume’ undu l’e’ anetu….!?”

4 – NINNA – (Non senza imbarazzo) “Eeeeeeee…..gh’e’ tucou ana-a a fase disinfetaa u trumbun..”

5 – PIPIN – (Non realizza) “Disinfetaa u trumbun….!?!? E cumme mai ??”

6 – NINNA – (Imbarazzatissima) “Beh…..eccu, sciu scindicu…..l’e’ sucessu che……” (Fa’ una pausa: cerca le parole) “Scicumme s’avvixin-a a festa den San Sarvou, sci…..” (Pipin fa’ cenno di si con la testa) “…..Bertume’ u deve serne e muxiche…..” (Nuovo cenno di assenso di Pipin) “…..e preuale…..” (Pausa piu’ lunga)

7 – PIPIN – (Interdetto) “E ben…..!?!?”

8 – NINNA – (Ancora in imbarazzo) “E ben, pe preuale ciu’ de spessu u s’e’ portou u trumbun in Comune…..”

9 – PIPIN – (Scocciato) “Ma sci, uu so’…..!! (Sbuffa) “Ninna, uu sa’ tuttu u mundu cu se porta u trumbun in Cumune……!!!”

10 – NINNA – (Al colmo dell’imbarazzo) “Apuntu…….”

11 – PIPIN – (Non capisce: decisamente seccato) “Ninna, dundu l’e’ u problema…..”

12 – NINNA – (Di getto) “U l’e’ propriu chi u prublema…..veiseia u se ghe l’ha ascordou e staneut

te……quarche d’un u g’ha fetu dentro i seu bezeugni…..”

13 – PIPIN – (Sdrammatizza) “Eu va ben, pe in pou d’egua……!!”

14 – NINNA – (Marmorea) “Nu, sciu scindicu…..a nu l’ea egua…..”

15 – PIPIN – (Sorpreso) “Ah nu……!?!?”

16 – NINNA – (Ferale) “ A l’ea solida……”

17 – PIPIN – (Marmorizzato anche lui) “Ah…” (Fa’ una pausa: poi sobbalza) “Ma….ciutostu…..su l’ea chi, cumme an feetu a intra-a…..??” (Balza in piedi) “Ninna, chi ghe l’ha e ciave…..!?!?”

18 – NINNA – (Sobbalza anche lei) “Sciu scindicu, scia ou sa’ ben…..!! Vuscia’, i asesuri, i cunsi-

glieri, Bertume’ e a governante. Nisciun atru de segu-u !!”  

19 – PIPIN – (Si siede) “……i asesuri…..” (Rimugina fra se’: s’illumina) “I cunsilieri….!!” (Balza nuovamente in piedi battendo i palmi delle mani aperte sulla scrivania) “Quella mangia carubbe de l’Impalata……!!!” (Sentenzia furibondo) “A storia da vivagna a dev’esighe aneta pe traversu, ma oua mi……” (Si blocca) “Mumentu…..!” (Rimane in piedi pensoso) “Anche a Brignun-a, sciu’, a storia de pegue a nu l’ha pigia guei ben…..” (Allarga le braccia) “Ma tegni e pegue sutta u lavellu,

sciu…..a nu l’e’ miga igene ! Se veggne a mutua, a ne fa’ sera-a u municipiu, a dixe ben a carlotta !”

20 – NINNA – (Timidamente) “Sciu scindicu, viamente…. vuscia’….sutta u lavellu…..scia ghe teggne e galin-e: de due, nu savieiva propriu chi brutta de ciu’…!!”

21 – PIPIN – (Tossicchia imbarazzato) “Va ben ma….a ca’ mee a mutua a nu g’ha da vegni a faa ninte….” (Prova a giustificare)

22 – NINNA – (Innocente) “Mancu a scia Carlotta a g’he mai vegnu-a….!?!?”

23  - PIPIN – (Nasconde l’imbrazzo con la rudezza) “Ninna, oua emmu da faa de cose ciu’ serie, eh

Ca convuche subetu a scia Impalata, pe piaxei: ca ghe digghe che U SCINDICU…..” (Gonfia il pet-

to) “…..u ghe deve parla-a d’urgensa……” (Le indica l’uscita a destra tendendo il braccio)

Ninna accenna un inchino e fa’ per uscire da destra: proprio sull’uscita, incoccia Sterre che sta’ en-

trando.

24 – NINNA – (La saluta con fin troppa cordialita’) “Bungiurnu, scignurin-a ! Veddu che l’abitudi-

ne de arivaa fitu aa matin a l’ha persa…..!!”

25 – STERRE – (Acidissima) “Le invece quella de nu fase i feeti seu a nu l’ha ancun persa…..” (La

gela)

Ninna esce rapidamente con la coda in mezzo alle gambe e Sterre si avvicina alla scrivania.

26 – PIPIN – (Con un largo sorriso) “Ciau, Sterre…..finalmente !! L’ea in poo che nu ti te favi ciu’ vedde…..cumme mai !?!?”

27 – STERRE – (Aspra) “Beh, oua che ti ghee na segretaria…..particulare….mi g’acresciu….!”

28 – PIPIN – (Non capisce) “Ma……cost’oriesci dii…..!?!?”

29 – STERRE – (Seccata) “Che oua a posta taa peu anche serne a cuntessa…..!!”

30 – PIPIN – (Si sorprende) “Dinni in poo…..nu ti saiee miga giusa, vea….?”

31 – STERRE – (Spalanca gli occhi) “Barba, ma de cose…..!?!? Gelusa de nu duveime ciu’ sciapaa a testa pe faa turnaa i cunti du Comune…..?? Ma se tiu pensi, eu dii che tie propriu persu u servellu !” (Sentenzia)

32 – PIPIN – (Vorrebbe capire) “Ma alantun se peu savei cose l’e’ che te da’ fastidiu ….?”

33 – STERRE – (Si infervora) “Me da’ fastidiu che quella bibin-a a fasse a stupida cun ti’ e intantu a se mange frutu e capitale !! In te pocu ciu’ d’en meise l’idea da vivagna a l’ha frutou disette milla euro: tie idea de quante ne segge introu in te cascie du Cumune ??”

34 – PIPIN – (Un po’ imbarazzato) “E va ben…..daghe tempu. In fundu, a deve ben rifase de speise

35 – STERRE – (Stupefatta) “Ma se ga’ missu tuttu u Cumune impegnanduse anche u berettu de Bertume’ !!”

36 – PIPIN – (Si sente offeso) “In fundu……” (Esita: non vuole essere cattivo. Poi, di getto…) “In fundu, tie steta ti’ a da u via a tuttu l’ambaradan, eh !! E u feetu che a cuntesssa a preuve na simpa-

tia pe mi’ u duvieiva……”

37 – STERRE – (Si inalbera) “Tie raxiun, su steta MI…..” (Sottolinea la parola indicandosi) “….a portaa chi quella specie de pavun vestiu aa festa…..!! E nu me ne sun ancun pentia abasta….!!”

38 – PIPIN – (E’ in imbarazzo: resta qualche istante in silenzio, poi cerca di cambiare argomento) “Uh, Sterre, za che tie chi…..mia in po’ sta lettia…..a l’e’ arivaa stamatin…..” (Le porge l’atto giu-

daziario) “…..ma mi nu l’e’ che ghe capisce guei……”

39 – STERRE – (Vede la busta) “U l’e’ n’attu giudisiariu…..” (Scrolla le spalle) “A saia qualche atra murta……” (Prende il foglio, inizia a scorrerlo, trasale) “Barba…..ma chi ne lighen….!!”

40 – PIPIN – (Preoccupato) “Cose l’e’……me sun scordou de pagaa u fugaggiu…..!?”

41 – STERRE – (Incredula) “Fugaggiu…..!?!? A l’e’ na citasiun du Tribunale !! T’acuse d’avei prufitou della credulita’ popolare…….”

42 – PIPIN – (Sobbalza sulla sedia) “O mue caa…..!!! E chi l’e’ stetu….!?!?”

43 – STERRE – (Serissima) “U Vescuvu….!!” (Lo guarda malissimo) “Atru che n’indulgensa, chi ti ne duviee cataa na cuffa…..!!”

44 – PIPIN – (Pensieroso) “L’asegnu u saia miga stetu troppu bassu…..??”

45 – STERRE – (Scatta furibonda) “Ou belandi, barba…..!!! Ma cose ti te creddi, che cun e palan-

che se posse cataa anche e gente….!?!? E chi te l’ha fetu intende, a cuntessa ?? Tegnitela, alantun!! E bun pru’ a te fasse !!!”

Scatta imbestialita uscendo di gran carriera da destra, travolgendo quasi Bertume’ che sta’ entrando, seguita dallo sguardo stranito di Pipin che accenna ad alzarsi e richiamarla indietro ma si ferma sen-

sa averne la forza.

46 – BERTUME’ – (Entra da destra, quasi travolto da Sterre che sta’ uscendo) “Belan , figgeu, che quinta….!!” (Commenta fra se in mezzo ai denti. Poi, entrando e rivolgendosi a Pipin) “Sciu scindi-

cu, scia m’ha sercou..??”

47 – PIPIN – (Abbacchiato per lo scontro con Sterre) “Bertume’…..pe piaxei, finimula cun sta foua de l’auturitee……”

48 – BERTUME’ – (Persevera) “Ou nuu, ou nuu….che mi ghe teggnu.... !!”

49 – PIPIN – (Quasi lo implora) “Armenu quande semmu da suli………!!!!”

50 – BERTUME’ – (Serio) “Beh….dipende de cose se parla……”

51 – PIPIN – (Sornione) “Da festa de San Sarvou……”

52 – BERTUME’ – (Convinto) “A ben, alantun sci, eh….! Dimme Pipin…..”

53 – PIPIN – (Convinto) “Oua ben….! Dimme in poo, cose l’e’ sucessu au teu trumbun….??”

54 . BERTUME’ – (Con ovvieta’) “E cose teu che segge sucessu……quarche d’un u l’ha cangiou pe u leugu….!!”

55 – PIPIN – (Riprende la sua veste ufficiale) “E nu eh…..” (Poi, salendo di tono) “E nu eh……!!! Chi u nu l’e’ quarche d’un che, pe sbagliu, u l’ha cangiou pou leugu….chi u l’e’ in leugu cu l’ha fe-

tu na porcheria…..!!” (Sentenzia)

56 – BERTUME’ – (Strabuzza gli occhi, sbalordito) “Tieu dii…..!?!?”

57 – PIPIN – (Si infervora) “N’asiun studia-a……de sabotaggiu…..terusristica…..!!”

58 – BERTUME’ – (Sempre incredulo) “Pipin……”

59 – PIPIN – (Distratto dal suo sermone politico) “Eeh….!?!?”

60 – BERTUME’ – (S’allunga verso di lui) “Ma….famme in poo capii na cosa: cummu l’ha fetu u leugu…..a fa u terurista…..??”

61 – PIPIN – (Non capisce) “Ma….cos’ti dixi ….!?”

62 – BERTUME’ – (Convinto) “E sci…!! Cumma l’ha fetu a pasaa d’en tu leugu…..” (Mima la fi-

gura di una tazza da bagno con le mani) “…..in tu mee trumbun…..!?!?”

63 – PIPIN – (Capisce l’equivoco: si innervosisce) “In leugu inteisu cumme persun-a !! Cumme om

mu……” (Fa’ una breve pausa) “…..ansi: DONNA…..” (Si corregge sottolineando la parola) “……

bieca e sensa sentimentu ca l’ha fetu de n’ocaxiun de festa populare in mumentu de misera vendetta pulitica de bassa stagiun….!!!” (Sentenzia tronfio)

64 – BERTUME’ – (Schizza in piedi, si mette quasi sull’attenti) “Sci sciu scindicu…..scia l’ha sens’atru raxiun !!”

In quel momento, fa il suo rientro in scena da destra Ninna, piu’ timida del solito.

65 – NINNA – (Entra da destra e, quasi pigolando) “Sciu scindicu…..scia scuze….ghe saieiva a scia Impalata ca dumanda de esse risevu-a……”

66 – PIPIN – (Scatta in piedi anche lui) “Ben oua….!! Ca passe……” (Fa’ cenno di farla entrare con la mano) “….che oua saa vedemmo !!”

67 – BERTUME’ – (Si e’ girato verso Ninna: si rigira verso Pipin) “Mi intanto saia meggiu che vagghe a finii de serne e muxiche…..” (Si defila quatto quatto verso destra) “…..st’annu me pa de esse in poo in ritardu…..”

68 – PIPIN – (Con tono ufficiale) “Sci, sci….vanni, Bertume’, vanni…….che questa taa scistemu mi!”

69 – BERTUME’ – (Ossequioso, uscendo da destra) “Scignuria, sciu scindicu, scignuria….”

Incrocia Crocofissa che entra impettita da destra: si fermano un attimo entrambi, lei lo folgora con lo sguardo, lui, esitante, fa’ per dire qualcosa, si volta verso Pipin indicandolo con una mano, poi….

70 – BERTUME’ – (Uscendo da destra quatto quatto) “Scignuria, scia Impalaaa….” (Teme d’aver fatto una gaffe. Si corregge) “Cruxefissa……” (Non gli suona giusta neanche cosi’: rimane imbam-

bolato un attimo senza sapere che dire, poi, allargando le braccia) “Meschinetta…..!!” (Ed esce sot-

to lo sguardo attonito di Crocefissa)

71 – CROCEFISSA – (Rimane un momento imbambolata, poi, riavendosi dallo stupore) “Zignor Zindaco, e inaudito……!!” (Attacca pomposa dirigendosi verso la scrivania) “Chistu fetuso…..” (Indica l’uscita di destra, riferendosi a Bertume’) “…..u trombone in Comune se potta……inamis-

sibbile ie…..!!!”

72 – PIPIN – (Passa al contrattacco) “E nu ehhhh…..!!!” (Tuona feroce) “Inambinsibile, cumma di-

xe lee, l’e’ u fetu che Bertume’ a se seggie scordou u trumbun in Cumune e che QUARCHEDUN…

(Sottolinea la parola con aria inquisitrice) “…..n’agge aprufitou pe scaregaghe dentro i seu bezeugni

cumme sa fisse steta a seppa du bagnu….!!”

73 – CROCIFISSA – (Sorpresa) “I suoi bizogni……nel trombone……!?!?”

74 – NINNA – (Interviene saputa) “E miga liquidi: solidi !!”

75 – PIPIN – (Infuriato) “L’e’ vergheugnusu……l’e’ feua leugu…..” (S’accorge d’aver fatto una gaffe) “Leugu come postu, s’intende !!”

76 – CROCIFISSA – (Non riesce a trattenere una risata) “Ha, ha, ha, ha…..i suoi bisogni…..Ha, ha, ha, ha…..in tu trombone…….”

77 – NINNA – (Stupita) “Ma…..a ghe paa cusci’ da rie…..!?”

78 – CROCIFISSA – (Ride a crepapelle) “Figuratevi un poco se chillu nun se ne accorgeva e anda-

va a suonari in ta processione……!!!!”

79 – NINNA – (Fra l’ilare e lo scandalizzato) “Oooo mue caaaa…….!!!!” (Si copre istintivamente la testa)

80 – PIPIN – (Furibondo) “Insumma, oua basta..!!” (Batte con violenza il pugno sulla scrivania) “Questu u l’e’ in cieu atacu puliticu mirou a screditaa in figgeu cu loua pe da lustro au seu paize. N’ataccu de frunte de l’oposisiun neigra e fascista an brau talian cu l’ha u sulu difettu de esse de si-

nistra !! » (Tuona)

Bertume’, nel frattempo, e’ fuori scena, a destra, e sta’ scegliendo le musica per San Sarvou ascolta

do vecchi dischi con l’ausilio di un giradischi: appena smorzatesi le parole di Pipin, da fuori scena arrivano a tutto volume le note di “Faccetta Nera”.

81 – NINNA – (S’accorge del patatrac: scatta verso destra uscendo) “Bertumeee…..!! Pe piaxei, smortei u gramofunu…..!!”

82 – CROCIFISSA – (Prorompe in un’altra fragorosa risata) “Infatti idda proprio canzone di sinista ie….!!!!”

83 – PIPIN – (Imbarazzatissimo) “Va ben ma……” (Non sa’ cosa dire. Poi si riprende) “…..u l’e’ mancin, eh……!!” (Sentenzia convinto)

84 – CROCIFISSA – (Trionfante) “Ceettooo…..abbiamo u messo mancino e u Zindaco cretino: a posto siamo !! Signor Zindaco…..!!!!” (Urla con quanta voce ha in corpo) “Questo alla mia perzona e’ un attacco subdolo ed indegno di un rappresentate delle Pubbliche Istituzioni: la infommo che a meno di zue scuse ufficiali formali espresse per iscritto, l’opposizione presentera’ al prossimo consi

glio Comunale una mozione di sfiducia chiedendo le sue immediate dimissioni…..!!”

85 – PIPIN – (La guarda esterrefatto per un lungo attimo, poi…..) “Cruxefissa…..se ti parli cumme ti mangi, minimu tie l’urcera……!!!!” (Sentenzia beffardo)

86 – CROCIFISSA – (Furiosa, gira sui tacchi scattando verso l’uscita di destra) “Pure sfrontato ie...

…!!” (Si gira verso Pipin) “Ma si ricoddi, zindaco, che io mi spezzo…..ma non mi piego !!!” (Si gi-

ra di scatto trovandosi di fronte al piedistallo con l’asta della bandiera: non riesce ad evitarlo, non riesce a fermarsi, sbatte violentemente con la fronte nell’asta, afflosciandosi con un gemito) “Aaaahhhh…..”

87 – NINNA – (Scatta verso di lei, sorreggendola) “Oh mi, scignua, che botta !! Ghe bagnemmu in poo….??”

88 – PIPIN – (Gaudente) “Belan se ti te cieghi…..” (Fa’ una breve pausa, poi, fingendo stupore) “Amia in poo…..s’e’ ciegou anche l’asta, se……!!”

89 – CROCIFISSA – (Si rida’ un contegno. Scrolla le spalle ed esce a destra lasciando di stucco Ni-

na che la stava soccorrendo) “Arrivedecci….!!”

Ninna scrolla le spalle fa’ un gesto di meraviglia ed esce a destra lasciando Pipin solo con i suoi pensieri.

90 – PIPIN – (Sbuffa, si siede, si prende il mento con una mano, rimane un lungo attimo in silenzio, poi…..) “…….sci ma…..” (Ad alta voce, seguendo il filo dei suoi pensieri) “……a l’e’ Sterre ca me preocupa…. !!” (Fa’ un’ altra pausa: appoggia il gomito sulla scrivania) “Chissa’ cosa dia’ quande a sa che vaggu ae isole Seixeu……!!!” (Fa’ ancora una pausa: poi scatta) “Chissa’ s’amouria daa da mangiaa ae vacche, armenu pe quarche viaggiu…..!?!?” (Si chiede preoccupato)

In quel momento, da destra, rifa’ il suo ingresso Ninna, ossequiosa come sempre.

91 – NINNA – (Entra appena da destra) “Sciu scindicu……scia scuze…….ghe saieiva a contessa Maria Carlotta Vivagnin dell’Acquafresca ca dumanda de vuscia’……”

92 – PIPIN – (S’illumina: perentorio) “E feila intraa, nuu….!!”

93 – NINNA – (Fa’ un lieve inchino poi si appresta ad uscire. Si ferma un attimo, si volta verso Pipin con aria pensosa) “A me paa preocupaa……saia miga sucessu quarcosa…..!?!?”

94 – PIPIN – (Sbuffa seccato) “Ninna, perche’ a nu a fa’ intaa, cusci’ armenu a mou dixe le…..!?!?”

95 – NINNA – (Si volta ed esce a destra) “Subetu….subetu……”

Dopo qualche istante, fa’ il suo ingresso in scena da destra la contessa Maria Carlotta Vivagnin Dell’Acquafresca: effettivamente, smbra piuttosto turbata ma, al cospetto di Pipin, si allarga in un sorriso smagliante

96 – LA CONTESSA – (Con enfasi) “Ciau, Pipin….bungiurnu…!!!” (Si avvicina alla scrivania scioccandogli un bacio su una guancia)

97 – PIPIN – (Si e’ alzato. In brodo di giuggiole) “Carlotta, caa…..cumme mai da queste parti…!?”

98 – LA CONTESSA – (Con noncuranza) “Ooooo….ninte…..! Passava pe caxu e me sun dita: foscia Pipin u peu giutame a risolve in picculu prublema……!!”

99 – PIPIN – (Accondiscendente) “Seguamenti…..!! Ma settite dunca…..e dimme….”

100 – LA CONTESSA – (Si siede di fronte a lui) “Beh…..ti te ricordi l’ordinansa da cuncesiun da vivagna che tie firmou a frevaa…..?”

101 – PIPIN – (Con naturalezza) “Scii…..”

102 – LA CONTESSA – (Continua a spiegare) “A scazze a-a fin de stu meize e Bertume’….l’uscie

ru…..a l’ha ditu ai mee ommi che nu ti peu ciu’ reneuala….!!”

103 – PIPIN – (Sorpreso) “E perche’….!?!?”

104 – LA CONTESSA – (Allarga le braccia) “E mah….! Le u dixe ca l’e’ a lezze in sciu sfrutamen-

tu de egue naturali cou dixe…..”

105 – PIPIN – (Scrolla le spalle) “ A lezze....a lezze.....” (Sobbalza) “A prupoxitu de lezze….”

(Prende dalla scrivania la citazione a giudizio e gliela porge) “…..mia in poo quellu galantommu du teu amigu vescuvu cosu m’ha mandou…..!”

106 – LA CONTESSA – (Prende la citazione, la guarda un attimo, sobbalza leggermente ma si riprende subito, assumendo un atteggiamento disteso) “Ah….eccu, scie….sftutamentu da credulitee populare…….” (Poi, ostentando un largo sorriso) “Ma Pipin, u l’e’ nattu duvu-u…..!! Se parte cusci’ e poi se ariva a n’acomudamentu. Anche le, ti see, u deve rende cuntu a-a curia, eh!”

In quel momento, fa il suo ingresso da destra Sterre: vede la contessa e si ferma, non vista proprio sull’ingresso, scostandosi leggermente.

107 – PIPIN – (Si rassicura) “Alantun….eu dii che gh’anemmu u meximu ae isule Seixeu…..”

108 – LA CONTESSA – (Rassicurante) “Ma tiu dixi ancun….!!!” (Si tende verso di lui) “A setima

n-a prossima, deve arivaa l’urtimu acreditu: setantamilla euro !!”

109 – STERRE – (Fra se’, a mezza voce) “Pero’, miga pruxe….!!”

110 – LA CONTESSA – (Continua imperterrita) “U tempu de faa dui cunti e poi….via….ae Isole Seychelles…..!!!”

111 – PIPIN – (Stenta a crederci) “Cun mie…..!?!?”

112 – LA CONTESSA – (Maliarda) “Cun tie….!!”

113 – STERRE – (Sempre fra se’) “Tie capiu, sta lazagnun-a….!!” (Rivolta alla platea) “Ma te ghee daggu mie e Isole Seychelles…..!!!!” (Gira sui tacchi e scompare a destra)

114 – LA CONTESSA – (Prosegue) “Ciutostu, pero’…..se Bertume’ u dixe che nu se peu reneua a

cuncessiun…..cumme femmu a mantegniseghe…..!?!?”

115 – PIPIN – (Sdrammatizza) “Eeeuuuuhhh…..!!! Nu te preoccupa, caa….Bertume’ u ne dixe pe-

cusci’ de storie, poi……” (Scrolla la testa: lo chiama) “Bertume’……Bertumeee…..!!!”

116 – BERTUME’ – (Fa’ il suo ingresso da destra) “Scia dighe, sciu scindicu…..”

117 – PIPIN – (Con fare interrogativo) “Me diva chi a Carlotta……” (Si corregge) “….a contessa…

che a fin du meize scazze a cuncesiun pe a vivagna…….”

118 – BERTUME’ – (Con l’occhio scintillante) “E scie, eh….sci, sci…..”

119 – PIPIN – (Ancora interrogativo) “E che ti ghee ditu ca nu se peu ciu’ reneua…..”

120 – BERTUME’ – (Sempre piu’ gongolante) “E nu, eh…..nu….nu…..”

121 – PIPIN – (Perentorio) “Perche’ ?”

122 – BERTUME’ – (Lapidario) “A lezze..!”

123 – PIPIN – (Accomodante) “Va ben ma…..Bertume’…..ti see cumma l’e’…..diotte….basta faa finta de nu acorzise ca l’e’ scheita e…….”

124 – BERTUME’ – (Sgrana gli occhi: insorge) “E nu…..! E NU…..!!!” (Urla quasi) “A l’e’a lezze !! Bezeugna lezze a lezze, perche’ a lezze al’e’ a lezze e MI……” (Si indica con fare imperioso) “...

sun bun …..a lezze a lezze….!!!!”

125 – PIPIN – (Sbalordito dalla reazione di Bertume’, si stacca leggermente dalla scrivania e poi, con un’espressione di sommo disgusto, passandosi una mano sullo stomaco) “Me fa maa a pansa…

…!!” (Bisbiglia appena)

126 – LA CONTESSA – (Schizza dalla sedia come morsa da una tarantola) “O bruttu anghesu maa deviou !! E se peu savei perche’ t’interessa tantu levame a licensa da vivagna….?!?”

127 – BERTUME’ – (Fa’ spallucce) “Perche’ al’e’ scheita ….!”

128 – PIPIN – (Ovvio) “A se rineuva…!!!”

129 – BERTUME’ – (Impassibile) “E nu ! U dixe a lezze, e a lezze…..”

130 – PIPIN – (Strabuzza gli occhi) “Bertume’, pe caite’ caaa……!!!!”

131 – LA CONTESSA – (Inviperita, rivolta a Bertume’) “Bruttu insensou, ti l’acapisci o nu che quella licensa…..au Cumune a ghe porta de palanche, a mi a me porta de palanche ……”

132 – BERTUME’ – (La interrompe) “Au Pipin a ghe porta de palanche…..”

133 – LA CONTESSA – (Distratta, conferma) “E sci, eh….!!!” (Poi si accorge della gaffe) “Inteisu cumme scindicu, s’acapisce….!!” (Cerca di correggersi)

134 – BERTUME’ – (Batte le mani compiaciuto) “Ma mia ‘n poo…..!!!” (Poi mette le braccia con-

serte) “E u dev’esse u sciu Palanca a resta’ sensa mancu na palanca, eh….!! Braa benarda !!” (Gira sui tacchi lasciando entrambi senza parole. Uscendo, rivolto alla platea) “E sta in po’ a vei che a li-

censa mi g’aa daggu a n’atru..!!” (Sentenzia. Si blocca sull’uscita) “Sci ma….l’atru u gh’ei avia i pa

chetti !?!?” (Fa’ marcia indietro) “A menu che…..nu diventemmu socci….!!!” (Spara allargando le braccia, rivolto alla contessa)

135 – LA CONTESSA – (Inviperita) “Cun tie…..!?!?!? Ma nu sun miga sciortia vei dau manicomiu

…..!!!” (Poi, rivolta a Pipin) “A setiman-a proscima gh’e’ da reneua a licensa: se tieu ana in ferie…

(Poi, indicando Bertume’) “……mandilu in ferie !!!” (Spara agra, voltandosi poi di scatto e uscendo piccatissima da destra, inseguita da Bertume’)

136 – BERTUME’ – (Si lancia al suo inseguimento uscendo da destra) “Ma nu….ma nu….ca sente

…..”

Pipin rimane solo in scena, osservando con la bocca spalancata per lo stupore l’uscita di destra.

137 – PIPIN – (Con un filo di voce) “Carlotaaaaa……..!” (Bisbiglia appena)

Dopo qualche istante, da destra, fa la sua ricomparsa Ninna, anche lei sorpresa e stranita.

138 – NINNA – (Entra in scena da destra, visibilmente turbata) “Sciu scindicu…..ma cose l’e’ sucessu…..!?!?” (Mormora appena)

139 – PIPIN – (Decisamente di malumore) “Ninna, cose te fa’ pensa-a che l’e’ sucessu quarcosa ?”

(Chiede maligno)

140 – NINNA – (Non riesce a riaversi dalla sorpresa) “A scia cuntessa…..a l’e’ sciortia de cursa ca paiva in furmine cun Bertume’ a preu cu ghe diva: ariva in scia porta, a s’e’ giaa de scattu e te g’ha

afibiou na bursetaa in scia testa che ciu’ in poo a l’amassa……!!” (Allarga le braccia) “Poviou om-

mu, se gh’e’ sciacou tuttu u berettu….!!”

141 – PIPIN – (Ingrugnito) “Pocu male……dai descursci cu l’ha fetu, se gh’ea za sciacou u servellu !”

In quel mentre, dalla sinistra, fa’ la sua comparsa in scena Susina Porcu con scopa, secchio e stracci

Incurante della loro presenza, comincia a pulire il pavimento. E’ incupita, scurissima in volto.

142 – NINNA – (La nota, ne nota l’espressione infelice e….) “Eu ma….Susina, cumme semmu scui stamatin !! Cose sucedde !?”

143 – SUSINA – (Risponde con un grugnito) “Male di testa ho !”

144 – PIPIN – (Comincia a guardare le pratiche sulla scrivania) “Figuremuse….!!” (Commenta aci-

do)

145 – NINNA – (Le si avvicina, ne nota le occhiaie) “Ooooh, ma che euggi !! Ma cose l’e’ sucessu ??” (Chiede curiosa)

146 – SUSINA – (Sempre immusonita) “Poco e male ho dormito….”

147 – NINNA – (Sorpresa) “Uuuhh….e cumme mai !? A nu avia digeriu ben a sen-a….”

148 – SUSINA – (Butta lontano lo straccio con stizza) “Quella benissimo l’ho digerita……e’ mio marito che non digerisco piu’ !!”

149 – NINNA – (Ha un sussulto) “Storie chi…..!!! Ma…..u l’e’ cativu…..!?”

150 – SUSINA – (Con i lucciconi) “Da quando cassa abbiamo lasciato, irriconoscibile e’: prima, in isola, tutto casa e pecore era. Ora, in continente, un mollusco e’ diventato !!”

151 – NINNA – (Cerca di scusarlo) “Saia curpa da nostalgia….”

152 – SUSINA – (D’impeto) “E no, eh! Colpa del canonau e’: troppo ne beve, non lo sopporta, e a strisciare si ritrova….!!”

153 – NINNA – (Cerca ancora di scusare) “E va ben, ma i ommi….ogni tantu l’e’ normale che fas-

sen in poo i matti…..”

154 – SUSINA – (Stizzita) “D’ogni tanto u cornu cu so sfonda: tutte le sere e’!! Figuriamoci che ieri sera e’ tornato a casa talmente bevuto che giurava che qui in Comune avevamo un cesso d’oro !!”

155 – NINNA – (Ancora con stupore) “E peu capii….!!!”

Pipin e’ chino sulle carte: si scuote di colpo, rimanendo bloccato

156 – PIPIN – (E’ rimasto bloccato seduto dritto alla scrivania: fra se’) “In Cumune….vei seia…..in cessu d’ou……” (Poi, girandosi di scatto verso l’uscita di destra) “Bertume…..!!” (Chiama con quanta voce ha in corpo) “Bertumeeee……!!!!”

157 – BERTUME’ – (Compare in scena da destra qualche istante dopo) “Sci, sciu scindicu, scia me dighe…..”

158 – PIPIN – (Indicando Susina con una mano) “Tou chi’ chi te l’ha feta in tu trimbun….!!” (Ber-

tume’ non capisce, scuote la testa: e Pipin…) “U….brignun, u maiu da Brugnun-a.....!!“

159 – BERTUME’ – (Sorpreso) “Ma.u l’e’ fascista….!?!?”

160 – PIPIN – (Ilare, mimando il gesto del bere con una mano) “Nu, u l’ea caregu…!!!”

161 – BERTUME’ – (Sembra non dare grande peso alla cosa) “Aaaahh….!” (Si limita a commenta-

re girandosi poi per uscire a destra)

162 – PIPIN – (Sghignazzando) “E niatri che dimu ca l’ea a neigra….!!!”

163 – BERTUME’ – (Sta’ per uscire: si ferma, si volta: rivolto al Sindaco) “Pipin…..viamenti a lea maron, eh…!!” (Puntualizza. Si avvia nuovamente ed esce a destra)

164 – PIPIN – (Scuote la testa incredulo) “Beleu, che afare……!” (Si rida’ un contegno) “Ben…..!”

(Batte una mano sulla scrivania) “Ca segge steta neigra, maron o bleu’, oua bezeugna che me rescu-

se, primma che a mangia carubbe a fasse scieupaa n’atra rivulusiun…..Ninna….!”

165 – NINNA – (Che e’ rimasta in un angolo ad assistere, divertita e sorpresa) “Sci, sciu scindicu ?

166 – PIPIN – (Con tono ufficiale) “Ca fasse vegnii chi’ quella befana…..Ca ghe dighe che g’he ste

tu in bruttu sbagliu e che…..” (Fa’ una breve pausa, poi allarga le braccia rassegnato) “…..intendu

rescusame…!”

167 – NINNA – (Uscendo da destra) “Sci, sciu scindicu…..a ciammu subetu…..!”

168 – PIPIN – (Un po’ contraddetto) “Eh, che l’e meggiu….! E ti…..” (Rivolto a Susina) “…..Sus-

sin-a….brugnun-a…..cumme ti te ciammi: vedemmu de nu faa scieupaa di bulezummi, che nu l’e’ u

mumentu !”

169 – SUSINA – (Sempre immusonita) “Io i miei mestieri ho da fare….” (Scrolla le spalle racco-

gliendo i suoi attrezzi e si avvia per uscire da sinistra. Si ferma, si volta) “Sindaco…..almeno una pe

cora, pero’…..”

170 – PIPIN – (Categorico) “Nu !!” (La guarda male) “Saccrabandu, u l’e’ u municipiu, miga na s

stalla…!”

171 – SUSINA – (Uscendo da sinistra) “Anche qui, comunque, in fatto di animali, mica si scherza!”

173 – PIPIN – (Si gira piccato, mentre lei esce di scena) “Sci, ma ‘sti animali chi te dan da mangia!

174 – SUSINA – (Riappare un attimo) “Per adesso con la scusa che sotto il lavello non era igene,

siete voi che vi siete mangiati le mie pecore !!” (Sbotta, sparendo di nuovo)

175 – PIPIN – (Ci rimane male: batte le mani, poi, indicando con una mano verso sinistra) “Ma mii-

te questa….che razza de descursci….! Dii che se semmu mangee e seu pegue: roba da matti !!” (Fa’ una breve pausa, poi) “Tra l’atru een due cumme scarpe: deven esse stete vegge cumme Noe’ !!” (Commenta fra se’ a mezza voce. In quel mentre, da destra, fa’ la sua ricomparsa Ninna)

176 – NINNA – (Sempre pigolante) “Sciu scindicu, ghe a scia Impalata…..a fassu pasaa….?”

177 – PIPIN – (Stupito) “Za’ chi !?!? E cumme a gh’e’ arivaa, cun l’elicoteru….??”

178 – NINNA – (Abbozza un sorriso) “A lea pe straa….l’ho sercaa cuu celulare….”

179 – PIPIN – (Trasale) “U celulare…..!?!? L’an ligaa…..!!??”

180 – NINNA – (Spiega) “U telefunu celulare !”

181 – PIPIN – (Si rilassa) “Ah, miava ben !!” (Poi, deciso) “Sci, sci….ca ghe dighe ca passe!”

Ninna fa’ il solito accenno di inchino ed esce da destra: un attimo dopo, piu’ rilassata del solito, fa’ il suo ingresso in scena sempre da destra Crocifissa Impalata.

182 – CROCIFISSA – (Entra da destra, stranamente sorridente) “Zgnor Zindaco, riverisco a vossia

183 – PIPIN – (Si sforza di essere cordiale) “Bungiurnu scia Impa……” (Gli sembra scortesia chia-

marla col poco invidiabile cognome) “…..Cruxef……” (Si rende conto che il nome non e’ da meno

“……scignua….!!” (Sentenzia alla fine togliendosi d’impiccio e indicandole la sedia) “Scia s’aco-

mude……scia s’acomude…..”

184 – CROCIFISSA – (Gia’ informata, pregustando la rivincita) “Grazie, Signor Zindaco. Pallare mi doveva…..???”

185 – PIPIN – (Non senza imbarazzo) “Eccu, sci…..” (Si schiarisce la voce) “…..l’e’ pe quella sto-

ria du trumbun de l’usceru…..” (Tossicchia nuovamente, nervoso) « Pensu che....eccu…..l’aggimu pigiaa in poo troppu ata…..tutti quanti…..”

186 – CROCIFISSA – (Sorride, stranamente accomodante) “Non zi preoccupi, non zi preoccupi…..

gia’ infommata sono stata…..” (Indica l’uscita verso destra)

187 – PIPIN – (Sacramentando, a mezza voce) “Ninna, nu te se secca mai a lengua, nu !!”

188 – CROCIFISSA – (Prosegue) “Effettivamente tutti troppo sopra le righe siamo andati. Lei non e’ pessona di malafede…….” (Sorride sorniona) “Anzi, una cosa le devo confessare…..” (Si allun-

ga verso di lui) “Al di la’ della fede politica e degli opposti ruoli di istituzione….simpatico mi e’, Pippino…!!”

189 – PIPIN – (Trasecola) “O mue caa……!!!! Taa chi n’atra….!!!!”

190 – CROCIFISSA – (Prosegue imperterrita) “E anche come zindaco, bisogna dire che in questi mesi non ha lavorato tanto male…..” (Pipin si gonfia come un pavone) “…..suscitando la benevolez

za nei zuoi gonfrondi un po’ di tutta la cittadinanza, al di la’ del credo politico…..” (L’incensa)

191 – PIPIN – (Non crede alle sue orecchie: abbozza un sorriso) “Me fa piaxei….me fa piaxei….”

192 – CROCIFISSA – (Arriva al punto) “A parte chilla storia……”

193 – PIPIN – (La segue) “Quella storia…….”

194 – CROCIFISSA – (Dolcemente) “Daa funtana…….”

195 – PIPIN – (Continua a seguirla) “Da funtan-a……” (Sobbalza: realizza dove vuole arrivare) “A vivagna !!” (Sbotta) “E cosa l’ha a vivagna ca nu va…..!?!?”

196 – CROCIFISSA – (Ammiccante) “Zindaco…..la storia, un po’ spocca ie…..”

197 – PIPIN – (L’ha capita) “In poo sporca……” (Ripete: poi, a voce piu’ alta…) “In poo sussin-a”

C’e’ un attimo di silenzio: da sinistra fa capolino Susina

198 – SUSINA – (Spunta in scena da sinistra) “Chiamato mi ha….??”

199 – PIPIN – (La guarda sorpresissimo) “E nu eh….!!” (Lei fa’ spallucce e sparisce fuori scena. Pipin alza gli occhi al cielo, poi smoccola a voce alta) “Ma porcu……” (Da sinistra, ricompare Susi

na)

200 – SUSINA – (Seccata, rifa’ capolino da sinistra) “Chiamato mi ha…..!!”

201 – PIPIN – (Seccato) “Nu !! Ho criou porcu…..!!” (Sbotta)

202 – SUSINA – (Altrettanto seccata) “E sempre io sono !!!”

203 – CROCIFISSA – (Cerca di riprendere il filo del discorso) “Le dicevo, zindaco, de idda funda-

na……”

204 – PIPIN – (Ancora un po’ seccato) “E mi ghe diva, scigua-a…..cosa g’ha a vivagna……??”

205 – CROCIFISSA – (Scopre le sue carte) “A fine mese la licenza scade: lei za, che per la legge sulle acque pubbliche, non puo’ piu’ essere rrinovata alla stessa pessona……” (Si allunga ancora verso di lui) “Io avrei cetti amici degli amici di Palemmo, che saprebbero come falla fruttari…..”

(Sibila quasi)

206 – PIPIN – (La guarda meravigliato, poi, rivolto a Susina che e’ rimasta ad osservare sull’ingres-

so di sinistra) “E ti lee capia l’imaculata…….!!!!” (Le indica Crocifissa che si rida’ un contegno) “Menu male cu l’ea n’afruntu a-a Madona, eh!!” (Sbotta)

In quel mentre irrompe in scena da destra, come un urugano, la Contessa Maria Carlotta Vivagnin

Dell’Acquafresca.

207 – LA CONTESSA – (Si avventa verso la scrivania calpestando la povera Crocifissa che si ritrae spaventata: rivolta al Sindaco) “Pipin….Pipin…..l’e’ arivou l’acreditu…..setanta milla euro…..oua se peu anche ana-a…..!!!”

208 – PIPIN – (La guarda storto) “Carlotta…..caa……!!! Gh’e’ u cappu de l’opozisiun, chie .... !! »

(Cerca di indurla a non parlare troppo)

209 – LA CONTESSA – (Scrolla le spalle) “E alua…..!?!?”

210 – PIPIN – (Non sa come dire) “Eccu….in sce serte cose, a pourieiva nu esse d’acordu…..”

211 – LA CONTESSA – (Guarda male Crocifissa) “Sta salacca….!?!? E lascia ca giappe….!! Ciuto

stu, bezeugna che vagghe a retiali, che ti me fasci a delega……!!!”

212 – PIPIN – (La guarda sorpreso) “Perche’? Nu ghe puemmu ana-a mi o Sterre che semmu auturi

zee a prelevaa…??”

213 – LA CONTESSA – (Insiste) “Nu, nu…..! Sterre……nu me paieiva propriu u caxiu, nevea…..”

(Fa’ una breve pausa) “E ti…….” (Si guarda un attimo intorno, poi indica Crocifissa) “Gh’e’ u cap-

pu de l’opozisiun, a purieiva nu esse d’acordu…..”

214 – CROCIFISSA – (Si insospettisce) “ Su che coza potrei non essere d’accoddo....... !?!?”

In quel momento fa’ il suo ingresso da destra Bertume’.

215 – BERTUME’ – (Rivolto a Pipin) “Scia scuze, sciu scindicu, u tassi zu de sutta u dumanda se a scignua a va subetu a l’areuportu o a passa primma da ca’ seu……”

216 – CROCIFISSA – (Strabuzza gli occhi) “All’areopotto…..!?!?”

217 – BERTUME’ – (Con naturalezza, rivolto a Crocifissa) “A cuntessa a va in vacansa ae Seychel

les…..” (Crocifissa annuisce: lui prosegue) “…..e a se porta anche Pipin , stu viaggiu !!”

218 – PIPIN – (A Bertume’, sbigottito) “E ti cumme ti fee a saveilu……?!?!”

219 – BERTUME’ – (Meravigliato della domanda) “Sun l’usceru: nu me deve scapaa ninte a mie !!”

220 – PIPIN – (Imbarazzatissimo) “Va ben, va ben….ma oua…..” (Cerca di togliersi d’impiccio) “Oua bezeugna faa a delega a-a contessa ca vagghe in banca…..a pigia e palanche…..pe pagaa i de-

biti du cumune…!!” (Poi, volgendosi a destra) « Ninna…..Ninnaaaaa……!!!” (Chiama a tutta voce)

221 – NINNA – (Appare da destra) “Sci, sciu scindicu…..scia dighe….!”

222 – PIPIN – (Di getto) “Bezeugna faa na delega a-a contessa ca vagghe in banca a retia u creditu..

subetu……d’urgensa…..!!!” (Puntualizza)

223 – NINNA – (Candidamente) “Ma…..nu ghe n’e’ de bezeugnu……!Ghe za’ anetu Sterre, a l’e’ apena partia !”

224 – PIPIN – (Stupito e un po’ preoccupato) “E cumme mai tutta ‘sta sprescia……!?”

225 – NINNA – (Fa’ spallucce) “Mah……” (Allarga leggermente le braccia) “…..mi nu-u so…!”

(Fa’ una breve pausa, poi, ringalluzzita) “A l’ha ditu che semai che gh’e’ d’ana-a ae Seychelles, ghe tucca a le pe primma: che quande a riturna ghe saia da faa i cunti !!”

226 – LA CONTESSA – (Si inalbera) “A brutta tolla….!! Ma te ghei daggu MI i cunti…..!!!”

227 – PIPIN – (Accomodante) “Ma nu….ma nu…..!! Tranquilla, mi a cunusciu: a fa’ cusci’ ma poi

……” (Fa’ un ampio cenno con la mano come per dire – abbaia ma non morde - )

228 – CROCIFISSA – (Indagatrice) “Momento….momento….ca’ c’e’ quaccosa che de maccio puz

za……” (Con fiero cipiglio) “Ca’ un reato si commette: distrazione di fondi ie….!!!”

229 – BERTUME’ – (Rassicurante) “Nu, nu…..nu se distraen in tu spende, ca stagghe tranquilla…!

230 – CROCIFISSA – (Imbufalita) “Miii…..ca in giro mi si prende…..!!!! Io non pozzo pemettere che sto’ discosso delle Seychelles passi inosservato…..!!! Faro’ un comunicato stampa da diffonde-

re a televisioni e gionnali, faro’ migliaia di volantini da distribbuire alla popolazione, affiggero’ ma-

infesti ovunque spiegando come il zindaco usa i soldi destinati alle casse del Comune….!!!”

231 – LA CONTESSA – (L’interrompe con voce melliflua) “Scignua, scia me scuse…..” (Crocifis-

sa si volta verso di lei con sguardo interrogativo) “…….invece de faa tantu bulezumme, perche’ a nu vegne cun niatri…..!?!?”

232 – CROCIFISSA – (Interdetta) “Io…..!?!? Con voi……!?!?”

233 – LA CONTESSA – (Anticipando Pipin che la guarda trafelata) “E sci, eh….!! U postu u ghe, e duve sciorte pe dui……” (Allarga le braccia e, con ovvieta’) “……ghe sciorte anche pe trei…..!!”

Bertume’, Ninna e Susina Porcu si scambiano uno sguardo interdetto e poi……

234 – BERTUME’ – (Deciso, verso la Contessa) “Mumentu…..!!!”

235 – LA CONTESSA – (Sottovoce, fra se’) “E cosu l’eu stu chi…..!?!?” (Poi, sorridendo, rivolta a Bertume’) “Sci, cose gh’e’”

236 – BERTUME’ – (Con aria seria) “Vuiatri dui anei in vacansa….cun e palanche da vivagna…”

237 – LA CONTESSA – (Glissa) “Beehh….cun l’utile che n’e’ cunseguiu da l’utilizzu da vivagna e che……”

238 – BERTUME’ _ (Deciso, l’interrompe) “E ve portei apreu a Cruxefiss…..” (Si ferma imbaraz-

zato) “…..l’Impal……” (Non vuol dire neanche questo) “…..a meschinetta…..” (Riprende deciso indicando il capo dell’opposizione che gli volta le spalle di scatto con un moto di stizza) “E perche’ mai……!?!?” (Conclude inquisitore)

239 – LA CONTESSA – (Con un po’ di imbarazzo) “Perche’…..perche’…..perche’ le, cumme cap-

pu de l’oposisiun, a fa’ parte du Cumune…….!!” (Conclude con la prima scusa che le viene in men-

te)

240 – BERTUME’ – (Interdetto, indicando ancora Crocifissa) “Le….!!” (Perentorio)

241 – PIPIN – (Deciso) “Sci…..!!!”

242 – BERTUME’ – (Imperterrito) “A l’e’ u cappu de l’oposisiun……”

243 – LA CONTESSA – (Con ovvieta’, allargando le braccia) “Eh…..!!!”

244 – BERTUME’ – (Non convinto) “E a fa’ parte du cumune…..”

245 – PIPIN – (Seccato) “Za !!”

246 – BERTUME’,  NINNA e SUSINA – (Si scambiano uno sguardo prima stupito e poi arrabbiato e, insieme, indicandosi, rivolti a Pipi e alla Contessa) “E niatri…..!?!?!” (Sparano a tutta voce)

247 – LA CONTESSA – (Imbarazzata) “Beh….eccu, viatri…..poriei spetane chi, se vuei….” (Fa’ una breve pausa, poi, cercando di essere convincente) “Poi riturnemmu, eh……poi riturnemmu !!”

248 – PIPIN – (Sbuffa pesantemente) “E viatri cose gh’intrei in te questu…..!?” (Insorge) “Viatri, CHI…..ghe mangei du pan a tradimentu….!!! Ghe fisse ancun u Russu da Tolla, staiesci freschi !!”

249 – BERTUME’ – (Accattivante) “Sciu scindicu…..Pipin….aggi pasiensa….me pa che ti seggi ti che tie a faccia cumme na tolla….!!”

250 – PIPIN – (Piccato) “Cose ti oriesci di, bezugu…..!?!?”

251 – BERTUME’ – (Venefico) “Ti t’ascordi che a licenza da vivagna a l’e’ scheita e che tucca a mi reneuala: se ti te ricordi de mi, tegnu averta a vivagna, se ti t’ascordi de mi….ti t’ascordi anche a vivagna……!”

252 – NINNA – (Con finto imbarazzo) “Sciu scindicu, viamenti mi de la in ta cantia g’avieiva ancun na copia de quelle lettie cu l’ha mandou in giu zuandu a tutti che u Cumune u nu l’ea in debi-

tu che nu l’ea vea e se a cosa a se savesse in giu…..”

253 – SUSINA – (L’interrompe secca) “E lei sotto il lavello le galline ci tiene e a me le peccore ha

fatto levare, e io…….”

254 – LA CONTESSA – (Interviene decisa) “Va ben….va ben….emmu capiu ! Voria dii che pe ‘na otta, u Cumune Dedatu u va tuttu in vacanza eh…..!!” (Guarda furbescamente Pipin fra i commenti di approvazione di tutti)

255 – BERTUME’ – (Trionfante) “Oua sci, ben…..: cusci’ che me piaxe !!”

256 – SUSINA PORCU – (Trionfante) “E basta un attimo con peccore e animali…..!!” (Indica di na

scosto Crocifissa)

257 – NINNA – (Diventa pensierosa) “Sci ma……sciu scindicu…..se anemmu tutti…..chi g’aresta chi in Cumune……!?!?”

258 – LA CONTESSA – (Decisa, anticipando Pipin) “Sterre….!!!” (Spara maligna)

259 – PIPIN – (Angosciato) “Ma alantun…..chi ghe pensa ae me vacche…..!?!?”

260 – LA CONTESSA – (Con ovvieta’) “Semplice: de mattin a vegne in Cumune, dopu mezugiur-

nu a sta apreu ae vacche….!!”

C’e’ un moto di approvazione generale: solo Pipin rimane un attimo interdetto.

261 – PIPIN – (In imbarazzo) “Ma…..povia Sterre…..me pa in po troppu…..”

262 – LA CONTESSA – (Rassicurante) “Oooooh, nu te preocupaa….tantu a l’e’ zuena!! In po de muvimentu u ghe fa ben pe a linea….!!” (Poi, fra le risate generali) “Ben, ben, ma oua…se uemmu ana-a l’e’ meggiu che s’inandiemmu o perdemmu l’aparecchiu !!”

Si muovono tutti verso l’uscita di scena commentando

263 – BERTUME’ – (Al settimo cielo, uscendo da destra) “Sta chi sci’ ca l’e’ bella……sta chi sci’ ca l’e’ bella…..!!!”

264 – CROCIFISSA – (Lo segue subito dietro) “L’ho zempre detto che u zindaco simpatico e’..!!”

265 – SUSINA – (Uscendo da sinistra, indicandosi i vestiti) “Finalmente di questi tammarri neri mi libero!” (Si ferma un attimo, fa’ una pausa) “E anche del marito, lampuuu….!!!!”

266 – LA CONTESSA – (Rincorre con la voce Ninna che si sta’ avviando all’uscita di destra fregan

dosi le mani) “Ninna, ca ciamme in Questua pe i passaporti, me racumandu !!”

267 – NINNA – (Senza voltarsi) “Sci, sci……sens’atru…..!!!” (esce da destra)

In scena restano solo Pipin e la Contessa: e’ il Sindaco, dopo alcuni attimi durante i quali la Contes-

sa passeggia avanti indietro pensosa per la scena, a rompere il silenzio.

268 – PIPIN – (Visibilmente abbacchiato) “Carlotta…….Carlotin-a…..!!!”

269 – LA CONTESSA – (Distolta dai suoi pensieri) “Sci Pipin…..!?!?”

270 – PIPIN – (Preoccupato) “Ma…..tie segua de treua postu pe tutti in sce l’aparecchiu….??”

271 – LA CONTESSA – (Gli si avvicina, rassicurante) “Tranquillu, cau…..anemmu cun in volu pri

vou……ghe stemmu tutti !!”

272 – PIPIN – (Dopo qualche attimo di pausa in cui e’ rimasto immobile, pensoso, accanto alla scri-

vania) “Sci ma….la, poi…..cumme femmu a mantegnili tutti ?? Quelli mange,eh ! Mangen ciu’ che u Municippiu…..!!!” (Sbotta indicando i muri della sala)

273 – LA CONTESSA – (Gli si avvicina, lo prende sottobraccio e, confidenziale) “Ma nu te preocu

pa-a, Pipin, nu te preoccupa-a…..!!” (Sorride sorniona) “O pensou a tuttu: arivemmu la, chinemmu in te l’albergu, fisemmu e stansie e in ta neutte mi e ti ciapemmu l’aparecchiu e pigemmu u xiou !!

I lascemmu li cun in parmu de nazu…….” (Mette la mano aperta innanzi al naso) “……e u cuntu da paga-a !!”

274 – PIPIN – (Si risolleva) “Aaaahhh……o capiu !! Tou li’ perche’ tie nolegiou l’aparecchiu !! Che filun-a che tie, che filona-a……!!!”

275 – LA CONTESSA – (S’allarga in un sorriso) “E sci, eh…..!!!!” (Ridono entrambi per qualche attimo, poi Pipin si blocca)

276 – PIPIN – (Si rabbuia) “Sci ma….quande tie fitou l’aparecchiu …..nu tiu seivi ancun che eimu in ta tanti….. Nu l’e’ che ea mi a duvei retsa-a cun in parmu de nazu….” (Mette a sua volta la mano davanti al naso) “……e u cuntu da paga-a …..!?!?”

277 – LA CONTESSA – (Presa in castagna, tossicchia leggermente) “Ma nu, ma nuu…..!!” (Si af-

fretta a giustificare) “Mi l’aparecchiu l’ho fitou pe prudensa……!! Ti se, i voli de linea…..cun tutti ‘sti scioperi nu ti see mai quande t’arivi….!!!!”

278 – PIPIN – (Convinto) “E sci, sci…..l’e’ vea, l’e’ vea anche quellu !” (Sta’ per aggiungere qual-

cosa ma e’ interrotto dall’ingresso in scena di Ninna dalla destra)

279 – NINNA – (Entra da destra, trafelata) “Sciu scindicu, sciu scindicu, scia scuse…..” (Si voltano entrambi verso di lei) “Ho telefunou in Questua pe i passaporti: pe niatri nu ghe’ de problemi, ma le e a scignua…..” (Indica la Contessa) “……ghe’ a denunsia du Vescuvu !! L’auturizasiun pe anaa a l’esteru, nu vaa dan miga….!!”

280 – PIPIN – (Trasale) “Orca pippa!! L’e’ vea !!”

281 – LA CONTESSA – (Stizzita) “E ghe mancava u vescuvu, porca vacca…..!!!”

282 – SUSINA PORCU – (Compare da sinistra in abbigliamento da vacanza ai mari del Sud: rivol-

ta alla Contessa) “Chiamato mi ha…..!?!?”

283 – PIPIN – (Indispettito) “Brignun-a, pe piaxei, eh!! Seduca quand’arivemu dunde l’e’ i pescichen, zu-u che t’imbechellu zu da l’aparecchiu…..!!” (Si ferma un attimo) “Se rescimmu a pi-

gialu……!!” (Smoccola)

284 – BERTUME’ – (Entra in quel momento in scena da destra seguito da Crocifissa entrambi in abbigliamento da spiaggia) “Perche’, nu se peu partii……??”

285 – CROCIFISSA – (Contrariata) “Zindaco, non dica che gia’ tutti i soldi avete speso, ah….!!”

286 – PIPIN – (Imbufalito) “Cruxesanta….fin che nu ariva Sterre palanche nu ne vedemmo propriu

…..!!!” (Si blocca) “Ma unde a l’e’ aneta a pigiale, a Rumma….!!” (Sbotta)

287 – LA CONTESSA – (Accomodante come sempre) “A l’avia trevou trafegu in banca…..a st’ua l’e’ normale, ghe tutte e ditte……!!” (Poi, decisa) “Ciutostu, vedemmu de risolve u problema du Vescuvu oua……”

288 – BERTUME’ – (Perplesso) “U vescuvu……!?!?” (Fra se’. Poi, rivolto a Pipin) “Nu stamme a di-i che sou portemmu anche le……!!!”

289 – PIPIN – (Furioso) “Ma nu, ma nu….!!” (Sbuffa. Poi si calma) “Ghe a denunsia pe abuso dell’incredibilitee…..” (Bertume’ lo guarda stranito) “…..quella pe a vivagna da Madonna, nu ….!?

290 – BERTUME’ – (Fa’ mostra d’aver capito) “Aaahhhh….!!” (Non ha capito) “E alua…..!?!?”

291 – PIPIN – (Si altera di nuovo) “Mi e le….” (Indica la Contessa) “…..ghemmu a denunsia ca pende: nu puemmu ana-a a l’esteru….!!” (Spiega)

292 – BERTUME’ _ (Fa’ spallucce) “Tuttu li’!? Basta ciama u Vescuvu e cunvinsilu a retiala…..!!”

293 – PIPIN – (Incredulo) “Davei……!?!?”

294 – LA CONTESSA – (Illuminata) “Ma sci…..u l’ha raxiun……!!!”(Afferra la cornetta e la passa a Pipin: perentoria) “Avanti,sciu: ciamma…..!!”

295 – PIPIN – (Interdetto, forma il numero. Passa qualche istante, poi) “Pronto….? Pronto…..!?!? L’Arcivescovato……!?!? Bungiurnu, bungiurnu…….sun Pipin Paitu, u Scindicu du comune Deda-

tu…..Vueiva parla-a cun u Vescuvu, l’e’ importante……! Sci…..sci, sci, capisciu ma…..” (Si bloc-

ca) “U…..nu gh’e’……Ma…..u rientra…….” (C’e’ una lunga pausa) “Sei meixi…..!?!?” (Si fa’ ter

reo) “Nu, nu….ma …..ma semmu matti……!?!?!?”

296 – BERTUME’ – (Sconsolato) “U l’eu vegni anche le!!”

297 – PIPIN – (Posa il telefono sconsolato) “U l’e za anetu….!! L’e’ passou a pigialu Sterre dexe menuti fa’ cun a machina du Cumune: en partii pe ana ae Seychelles……!!”

298 – NINNA – (Sorpresa) “Sterre…….”

299 – CROCIFISSA – (Incredula) “Alle Seychelles…..!!”

300 – BERTUME’ – (Allibito) “Cun u Vescuvu……!!” 

301 – LA CONTESSA – (Affranta) “Cun e palanche….!!!”

302 – SUSINA – (Stupefatta) “Lampu…..!!”

303 – PIPIN – (Non sa’ che dire: gesticola qualche istante cercando di collegare mentalmente tutti i tasselli del mosaico, poi sbotta affranto rivolto alla platea, allargando le braccia) “Che tempi, figge !!”

                                       -   S   I   P   A   R  I  O   -

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 26 volte nell' arco di un'anno