Chi dice donna…

Stampa questo copione

Hai un’età compresa fra i 10 e gli 80 anni

CHI DICE DONNA……

Spettacolo di varietà

di

Umberto Castaldi

BUIO IN SALA, OCCHIO DI BUE SUL PIANISTA CHE SUONA LA CANZONE DONNA: ALLA FINE DELL’ESECUZIONE BUIO SUL PIANISTA E OCCHIO DI BUE SU CANTANTE CHE CANTA LA PREDETTA CANZONE.

DONNA

(diGarinei-Giovannini-Gorni Kramer)

La la la la
la la la la la.
La la la la
la la la la la.

Donna, tutto si fa per te,
tutto, pur di piacere a te.
Tutto per un sorriso
e per un sì e per un no, per te.

Perché sei donna, gioia di vivere,
donna, favola splendida.
Sei tu, solo tu, quel desiderio
.che l'uomo chiama amor.

Donna, tutto si fa per te,
tutto, pur di piacere a te.
Tutto per un sorriso
e per un sì e per un no, per te.

Perché sei donna, nata per farti amar,
donna, nata per dominar.
Sei tu, solo tu, quel desiderio
che l'uomo chiama amor.

La la la la
la la la la la.
La la la la
la la la la la.

Donna! Donna! Donna!

ALLA FINE DEL CANTO BUIO IL MAESTRO RIPRENDE PER QUALCHE SECONDO IL RITORNELLO DELLA CANZONE. ALLA FINE SI ACCENDONO LE LUCI ED ENTRA IL PRESENTATORE: E’ LEGGERMENTE EFFEMINATO, INTONA IL RITORNELLO.

Present:        Donna gioa di vivere….donna favola splendida (Cessa il canto) Donna, donna sempre donna…. Noi stasera anche se non è l’otto marzo, vogliamo dedicare uno spettacolo, al gentil sesso, dove, nel suo contenuto, è sempre presente la donna. E non a caso per condurlo hanno scelto me…

Sugger          (Dalla quinta)          Perché sei una lucciola….

Present         (A disagio)  Ohooo quel buontempone, ha sempre voglia di scherzare! (Si riprende) Dunque….Chi dice donna….  

Sugger:        (Dalla quinta) Dice danno…

Present:        (Rivolto verso la quinta) Scostumato, bifolco……(Al pubblico a bassa voce) Ha qualche problemino con sua moglie. Dunque stavo dicendo: Chi dice donna…(Guarda verso la quinte e riprende a parlare soddisfatto che non vi è stato nessun intervento) Ah! Chi dice donna non dice una sola parola ma un contenitore di parole…Chi dice donna dice moglie, amante,figlia mamma….

Sugger:        (Sempre dalla quinta) Diavolo…

Present         (Adirato) E no mo’ basta……Cafone, lingua biforcuta, mo ‘o dico perché ce l’hai con le donne! (Al pubblico) ‘A mugliera l’ha rignuto ‘e corna! Ah, m’aggio sfugato!

Sugger:        (Esce dalla quinta) Mo’ te faccio sfugà buono io: t’e scasso ‘e rine…(Cerca di avventarsi sul presentatoree)

Present:        (Scappa) Aiuto… aiuto…fermate  quest’energumeno….accorruomo…..

(Dal fondo escono due persone che bloccano il suggeritore.

Present:        Grazie…grazie…..ragazzi, mettete questo gorilla in una gabbia e buttate la chiave a mare! Quando volete, chiedetemi qualunque i cosa!

Sugger          Lassateme, si me ne cacce, come da contratto, me ‘a da il doppio della paga.

Present         No, per carità, Dammi la tua parola però che te ne stai zitto e queito

Sugger:        T’ho giuro ‘ncopp’a ll’ossa  d‘a mamma toja!.

Present         (Ai due uomini) Lasciatelo, (Al Sugg) Tu vai al posto tuo e mi raccomando…..Io cercherò di non rraccogliere qualche eventuale tuo intervento

Sugger          (Esce dalla quinta dalla quale è entrato)

Presen          Grazie ragazzi. (Tocca i muscoli delle braccia dei due uomini. (Estasiato) Mamma mia che muscolacci, ah come sono duri!

I due              (Escono)

Present         (Riprende il discorso con il pubblico) Dunque dicevo chi dice donna….. (Rivolto al pubblico a voce bassa) L’energumeno non ha tutti i torti….chi dice donna dice anche diavolo anzi anche di più perché la donna ne sa una più del iavolo, perciò voglio darvi un consiglio: Attenti alle donne!

CANTANTE ESEGUE

ATTENTI ALLE DONNE

(di: (Armando Gill)) -
Quanno na femmena mme vene a dicere:
"T'aggia lassá, nun pò durá st'ammore...è inutile!"
Io só' filosofo, mme metto a ridere:
'o ssaccio giá ca nun 'o ffa manco si 'accidono...
ché la donna, con baci e promesse,
fa ogni cosa nel proprio interesse.

'E ffemmene, si chiagnono ce vonno arravugliá,
e quanno ce disprezzano, ce vonno cchiù attaccá...
Quanto só' scieme ll'uommene ca nun sanno capí:
si dice "No" na femmena, allora ha ditto "Sí"!

Segui una donna pittosto eccentrica?!
La senti dir: "La vuol finir di far lo stupido?"
"Qui c'è un equivoco! Só' n'ommo serio:
le voglio offrir un posticin nella mia macchina..."
Sente 'a "machina" e più non ragiona...
la ragazza con te si abbandona!

Po' se ne vène ô cinema, po' vène a strafucá...
e doppo, tutta languida, se lascia accompagná.
Giunta alla casa, alle undici, confida alla mammá:
"Mammá, ho trovato un "chiòchiaro" cchiù chiòchiaro 'e papá...

Se l'uomo è timido, piuttosto ingenuo,
la donna sa comm'ha da fá po puté cogliere....
Tuccá è difficile, baciá è impossibile...
"Vieni a parlá con la mammá e si puó concludere...
Ci ho la casa, il corredo e lo zio,
ca, si more, ogni cosa è do mmio..."

E il povero Saverio, quand'è salito su,
corredo, casa, láscito...nun trova niente cchiù!
E restano a suo carico la moglie e la mammá...
e tre fratelli piccoli ch'isso ha da dá a magná...

E cheste sóngo 'e ffemmene, c'è poco 'a pazziá!
T'avotano, te girano,..te sanno 'mpapucchiá!
Io do un consiglio ai giovani quanno s'hann'ammogliá:
"Ccá nce sta tutta perdere e niente 'a guadagná!..." (di: (Armando Gill)) -
Quanno na femmena mme vene a dicere:
"T'aggia lassá, nun pò durá st'ammore...è inutile!"
Io só' filosofo, mme metto a ridere:
'o ssaccio giá ca nun 'o ffa manco si 'accidono...
ché la donna, con baci e promesse,
fa ogni cosa nel proprio interesse.

'E ffemmene, si chiagnono ce vonno arravugliá,
e quanno ce disprezzano, ce vonno cchiù attaccá...
Quanto só' scieme ll'uommene ca nun sanno capí:
si dice "No" na femmena, allora ha ditto "Sí"!

Segui una donna pittosto eccentrica?!
La senti dir: "La vuol finir di far lo stupido?"
"Qui c'è un equivoco! Só' n'ommo serio:
le voglio offrir un posticin nella mia macchina..."
Sente 'a "machina" e più non ragiona...
la ragazza con te si abbandona!

Po' se ne vène ô cinema, po' vène a strafucá...
e doppo, tutta languida, se lascia accompagná.
Giunta alla casa, alle undici, confida alla mammá:
"Mammá, ho trovato un "chiòchiaro" cchiù chiòchiaro 'e papá...

Se l'uomo è timido, piuttosto ingenuo,
la donna sa comm'ha da fá po puté cogliere....
Tuccá è difficile, baciá è impossibile...
"Vieni a parlá con la mammá e si puó concludere...
Ci ho la casa, il corredo e lo zio,
ca, si more, ogni cosa è do mmio..."

E il povero Saverio, quand'è salito su,
corredo, casa, láscito...nun trova niente cchiù!
E restano a suo carico la moglie e la mammá...
e tre fratelli piccoli ch'isso ha da dá a magná...

E cheste sóngo 'e ffemmene, c'è poco 'a pazziá!
T'avotano, te girano,..te sanno 'mpapucchiá!
Io do un consiglio ai giovani quanno s'hann'ammogliá:
"Ccá nce sta tutta perdere e niente 'a guadagná!..."

Present: Avete sentito cosa ne pensa delle donne l’autore della canzone?

Sugger: (Prevendolo):E’ femmene son fatte al contrario e vanno prese per il cu…

Present: (Prevenendolo alzando la voce) ….Cuore…., (Al suggeritore) Comunque ‘na vota tanto sono d’accordo con te: come già detto, le donne ne sanno una più del diavolo e sanno cavarsela anche nelle situazioni più imbrogliate…Senttie….:

Nennella: (Entra con passo ostentato da donna di classe:  indossa un abito costoso, ma pacchiano. Ha gioielli vistosi. Si rivolge al pubblico. Vuole darsi un contegno da gran dama, ma travisa molti vocaboli. Canta o recita )

NENNELLA ‘A FRUTTAIOLA

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

So’ Nennella ‘a fruttaiola

e so’ nata ‘o conte ‘e mola

vengo fiche e pummarole

in gran peso e qualità!

Da Nennella pruove ‘o sfizio

di trovare le primizie:

contra tiempo ‘a mulignana

‘a può accattà ‘nzieme ‘a banana!

Tutte ll’uommene me vonno:

chi me cerca ‘a cerasella

e chi invece va truvanno

‘nu bicchiere ‘e chillo bbuono,

e po’ ‘o core’ me vo da’!

So’ Nennella ‘a fruttaiola,

nun so’ gghiuta manco ‘a scola,

ma so fare il mio mestiere,

con cazzimma e gran piacere….

Buonasera,bonasera a tutta chesta gente bella di uommene chic e femmene elicante: sono la professoressa Fruttabell, acconosciuta come Nennella ‘a fruttaiola! Come già vi ho detto, nun so’ gghiuta ‘a scola, ma dopo anni di onorato ed onesto mestiere, doppo c’aggio maniato banane, carote  e cucuzzielle di ogni forma e grandezza, il Capo dello Stato, per meriti ortofrutticoli, m’ha fatto avé’ la laurea “Odoris Causa Cucuzziellum”, con la quale posso fare visite e curare con la fruttortaggiterapia chi n’ave bisogno! Ma io nun me so’ fermata! Ho fatto un corso ad Oxforcella e posso lavorare anche in campo internazionale da Caivano in su e giù! Io faccio miracule, arrivo addò ‘a medicina nun po’ fa’ niente cchiù! Per esempio, sei mise fa haggio avuta ‘a cchiù grossa soddisfazione ’a quanno faccio ‘a dottorssa: stateme a sentì:è turnato dall’Argentina il mio primo amore che, dopo avermi fatto ‘o trave ‘e fuoco, se ne partette per il sud America, dove ha fatto ‘e denare a zeffunno! Tiempe arete, pigliaje ‘na malatia che l’ha fatta ascì macchie comme ‘a pelle ‘e leopardo, ‘nfaccia e pe’ tutto ‘o cuorpo! Dovete sapere ca chisto è ‘nu tipo a nnacchennella sempe alliffato e ‘mpumatato e ce tene assale a paré bello: s’è fatto ‘o lifting pe’ se levà ‘e zampe ‘e struzzo ‘a vicino all’uocchje, ‘o trapianto d’e capille che aveva perso e s’è fatto allungà ‘e cosce ‘e diece centimetre! (Rivolto a qualcuno del pubblico) No amico, nun aveva bisogno ‘e se fa’ allungà niente cchiù…… tutto ‘o riesto ‘o ttene a  soddisfazione!  Sapenno ca songo addivintata dottoressa e curo tutto con la fruttortoterapia è venuto addu me pe’ se fa curà ‘e macchie! Comm’è trasuto dint’o studio s’è ‘ngrifato comme ‘nu pavone: “Bimba” m’ha ditto, “Il tuo primo amore sta ccà per continuare il discorso interrotto per la mia partenza” Ll’aggio guardato dalla capa nord a alla capa sud, chella ca fa perdere ‘e cervelle….Me stevo squaglianno pe’ ‘a gioia, ma nun ce aggio dato soddisfaziona! “Signore” ce aggio ditto, “Quella ragazzuola meza scema, innocente, candida, casta e pura  che voi portaste al peccato nun ce sta cchiù! Davanti a voi c’è una dottoressa che col cetrulo e la mulignana guarisce la gente. In che  cucuzziello vi posso servire? Me guardaje cu ‘nu pizzo arrise, po’ sbuttaje a chiagnere! “Salvame” me dicette e mi mostrò la sua pella arruvinata! Cu tutto chesto l’avesse zumpato ‘ncuollo ‘o stesso, ma me mantenette e ‘o facette spuglià per controllare il danno e (Nostalgica) pe’ me ricurdà  chello c’avevo perso pe’ tant’anne.….Era tale e quale  e me parette ca ‘o  tiempo s’era fermato pure se teneva ‘e macchie anche nelle le parti intime ca erano già pronte all’uso! Capette subito addò vuleva arrivà, ma me facette forza, facendolo tricà per ben cinque minuti! Dopo la consumaziona lle parlaje chiaro: la cura era longa e custava assaje! “Nun me ‘mporta “me dicette”, basta ca torno ‘n’ommo e nun me sento, cu chesta pelle comme ‘na bestia”  Ce dette subito  ‘a cura: tre cremine, una verde a base ‘e cetrulo da mettere a matina, una rossa ‘e puparuole a miezojurno e una bianca di finocchi paesani ‘e coppa ‘o corso Vittorio Emanuele, la sera! Po’ pe’ ‘a faccia, una cacca ‘e zoccola ‘e saittella da spalmare alle tre di notte! ‘A cacca nun se ‘a vuleva mettere, ma visto che non gli garantivo la riuscita della cura, se l’e misa tutte ‘e notte pe tre mise. Alla fine della cura è turnato ‘a me tutto soddisfatto cu ‘na pella janca e liscia comme ‘na zizza ‘e pacchiana…..”M’aggio rignuto ‘e merda, è overo” m’ha ditto mostrandomi la faccia, “Ma ne valeva ‘a pena!”  Cu ‘na schiattata ‘e rise ‘o sfuttette “Ne putive fa’ a meno, la cacca nun servava a niente!” “E allora pecché me l’è fatta mettere?” Soddisfatta e cu sfregio le rispunnette: “Pe’ ‘nu sfizio d’o mio, pe’ mettere ‘a m….’nfacci’a ‘nomme ‘e m…..!” Accussì cari amici, doppo tant’anne ‘o trave ‘e fuoco è stato vendicato! Chillu piezze ‘e carogna però doppo che l’aggio fatto sta buono, e fatto che vuleva isso, se n’e gghiuto ‘n‘ata voota comme ‘nu mariuolo, senza me pavà. Pe’ mo’ comme dicono ‘e signore altoallocate me voglio piglià ‘na paùsa ‘e riflessione per sta’ quieta per lo meno duje o tre gghiurne; ‘e pruposte nun me mancano. Ce sta pure ‘nu nobile, ‘nu contino ca me vulesse spusà. C’aggia fa io ‘o marito già ‘o tengo, carcerato, ma ‘o tengo e allora da signora quale sono, l’aggio risposto:  

AMMORE NOBBILE

(Trusiani)

Mio caro don Liunardo nun è cosa

Nu pozzo maje adivintà tua sposa,

perché lei siete un nobile, un contino,

ed io ‘na vasciaiola d’o Pennino

Tu vuò ca io a fforza parlo ‘o ttaliano,

ma arrevutammo ‘o vico sanu sano

so’ tale e tante ‘e vruoccole ‘e ‘sta vocca

che ‘a gente dice. “Ojné, ma va te cocca!

Propeto ajere  all’aria del Mandracchio,

parlaje e me azzellajieno ‘nu pernacchio

Si me porte a vedé ‘a forza ‘e ll’intestino,

dint’o S. Carlo me addormo a suonno chino!

Me porte dint’ e meglio ristorante,

‘e meglie piatte tu me piazze annanze,

ma c’aggia fa me chiammaraje scorrotta,

ma a me me piace ‘a zuppa ‘e carnacotta

E po’ che d’è, st’ammore ca nun schiatta

A me me piace ll’ommo ca me vatte

E che mi dice sempe cu’ trasporto,

“quanno si’ bbona,” sanghe ‘e chi t’è muorto!


Present: Comme ‘a vulite chiammà ‘na femmena ‘e chesta!

Sugger: Zoccola…

Present: (Al sugger: Contegno. In sala ci sono dei minorenni, siamo in fascia protetta e non bisogna essere scurrili!  Io vi dico  la stessa cosa con una canzone del grande Totò paragonata come bellezza e notorietà a  Eternamente la grande canzone del grande Charlie Chaplin e famosa in tutto il mondo….

CANTANTE ESEGUE

 

                  MALAFEMMENAENA

       Totò

Si avisse fatto a n'ato
chello ch'hê fatto a me,
st'ommo t'avesse acciso...
e vuó' sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a 'sta terra,
femmene comm'a te,
nun ce hann''a stá pe' n'ommo
onesto comm'a me...

Femmena,
tu si' na malafemmena...
a st'uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme 'e 'nfamitá...

Femmena,
tu si' peggio 'e na vipera,
mm'hê 'ntussecato ll'ánema,
nun pòzzo cchiù campá...

Femmena,
si' doce comm''o zzuccaro...
peró 'sta faccia d'angelo,
te serve pe' 'nganná!

Femmena,
tu si' 'a cchiù bella femmena...
te voglio bene e t'odio:
nun te pòzzo scurdá...

Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché...
pecché ll'unico ammore
si' stato tu pe' me!...
E tu, pe' nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né'...
Ma Dio nun t''o pperdona
chello ch'hê fatto a me...

Femmena,
.................



Sugger:        O malafemmena o zoccola, qual’è ‘a differenza?

Present: Nella signorilità di esprimersi! (Troncando il discorso, al pubblico) Avete sentito il grido di dolore dell’autore? Il grande Totò dedicò questa canzone non come comunemente si crede a  Silvana Pampanini, ma a sua moglie Franca Faldini. Bando alle beghe familiari e continuiamo col nostro spettacolo: molto spesso le donne per conquistare un uomo usano i fornelli: Una buona cuoca ha tante possibilità di conquista prendendo l’uomo per la gola. Specialmente se in cucina c’è Titina...

Titina:            (Indossa un grembiule e ha tutta l’aria di una casalinga pronta a cucinare) Uhh quanta bella gente, uhhhh mo’ si ca stongo dint’o mio….Bonasera, sono Titina e prima di entrare nell’argomento del culo in aria tengo na canzuncella (O poesia) di presentazione, come qualcun altra ca spesso me copia ‘e ricette (A tono basso) Antonella Clerici  (Canta o declama):

TITINA CUOCA SOPRAFFINA

Sono Titina, cuoca sopraffina

e sto in cucina, ‘o ssaje sera e matina,

per preparare con grande abilità

Tutto chello ca tu vuò strafugà.

Cuoca provetta servo ‘o spezzatino

Con i bigné e sette litri ‘e vino

Con allegria te faccio po’ ‘mbriacà,

chello ca voglio te faccio arricettà

La crostata di baccalà

pure ‘e dete te fa alleccà

io con cura l’ho preparata

Chiene ‘e cerase e poi l’ho infornata!

Il cocoziello è un grande ortaggio

E va farcito con il formaggio

Con i canditi e  cioccolata

‘nu poco ‘e pepe e marmellata!

E poi  Titina, dopo che hai sbafato

Ti serve pure il bigarbonato

Così cchiù ambresso tu può po’parià

  e n’ata vota a mangià può accummincià!

E dopo che tu poi ti sei abboffato

Con grazia il conto poi va presentato

E si è salato e nun ‘o può pavà

Dint’a cucina ‘e piatte può lavà!

Come già detto sono Titina  e comme dice ‘o  popolo cuoca sopraffina. La mia è una nouvelle cousin, anche se qualcuno cu cazzimma l’ha ribattezzata:”‘Na schifezz ‘e cousin” e credo che ce sta ‘a manella   ‘e chella ‘nfama c’aggio nnummenato primma: chella tene ‘na nviria ca quanno me sente ‘e nnumenà pare ‘nu semaforo: se fa giallo verde e rossa. Chella ‘nfama quanno era j’ in maternità  pe’ paura ‘e perdere ‘o posto al provino per sostituirla  “ALLA PROVA DEL CUOCO” dicette ca comme cuoca ero ‘nu cachisso ‘nzuarato ed era meglio ca jevo a lavà ‘e lastre d’e machine fmmiez’a via ‘nziem’e vuò cumprà! Ma io nun ‘a penso proprio, ho ben altro buongustai ca se alleccano ‘e baffe: per il comune preparo colazione pranzo e cena, pe’ diecimila e dico diecimila cane e gatte ca nun teneno a nisciuno (Si commuove) ehhhhh stanno  nmmiez’a via! (Si asciuga le lacrime) Basta cu ‘e vutamient’e ‘e stommaco, ora pensammo a nuje: tutti apprezzano ‘a fantasia dei miei murzille sapuritei. Anche se non ho frequentato nessuna scuola, dopo aver maniato carote  e cucuzzielle (Sospira  fa l’atto di accarezzere uno zucchino grosso e lungo) ahhhhhhh  di ogni forma e grandezza, il Capo dello Stato, per meriti ortofrutticoli, m’ha fatto avére la laurea “Odoris Causa Cucuzziellum”! Ma io nun me so’ fermata! Ho fatto un corso di specializzazione ad Oxforcella e posso lavorare anche in campo internazionale nelle friggitorie e pizzerie da Pollena Trocchia a Caivano e posso andare cu ‘o carrettino a vennere, pizze, cazune, zeppole e panzarotte addò voglio! Poi quando faccio la chef nei ristoranti importanti,  comme Addò  zuzzuso e Alla taverna ‘e zi’ Nicola  le mie ricette songo n’ata cosa:possono sembrare pesanti, ma invece sono digeribilissime perché tra gli ingredienti ce metto amuchina e bicarbonato. I miei piatti più richiesti sono: Crostata di baccalà cu cerase, che modestamente fa leccare ‘e ddete fino a consumarle. Zucchino dolce e salato farcito con asiago, scorzette d’arancio, cedro, cioccolato pepe e marmellata! Ed ora voglio farvi un regalo: Una ricetta che solo a sentirla vi farà fare ‘a sputazzella mmocca e che mi ha fatto vincere il concorso gastronomico internazionale: “’ ‘A VOTAPESCE APPILATA” Il piatto è “LENTICCHIE FARCITE  MARE E MONTI” dose per quattro persone:  ingredienti: pe’ primma cosa dodici lenticchie chelli rosse piccerelle  d’e scoglie ‘e Pantelleria; per il sugo: dodici chili di pomodorini di San Sebastiano al Vesuvio, concimate con pietra lavica. Dodici litri di olio extra vergine, da ulive VERGINI che non hanno mai avuti rapporti sessuali; dodici spicchi d’aglio gigante cinese, ca nun fanno puzzà ‘o ciato. Dodici peperoncini forti calabresi oriundi dell’Alto Adige. dodici piante di basilico al rosmarino e un cespuglio  di prezzemolo con incrocio di menta.. Per il ripieno: dodici fette di mozzarella di bufala nordafricana cu ‘e recchie a ventariello, dodici funghi a /Sospira) Ahhhhh capocchia grossa, che a Napule chiammammo ‘e ricchiune. Dodici alici  pescate sott’a discarica ‘e Cuma: dodici gamberi reali ca camminano annanze e non areto! Preparazione: Fate soffriggere i dodici spicchi d’aglio cu tutt’a scorza nei dodici litri d’olio; quando ’a scorza  s’è nu poco abbrustuluta , pigliate cu ‘a mano annura uno alla volta gli spicchi cercanno e nun  ve cocere,  levatece a scorza e rimetteteli nell’olio bollente; quanno pure l’aglio s’è abbrustuluto aunite ‘e pummarulelle  scamazzate cu ‘nu martello ‘e bronzo e fate cuocere per dodici ore. Finita la cottura unite le dodici piante ‘e basilico, dopo ca, m’arraccumanno, l’avite levate dai vasi; mettete da parte a riposare. A questo punto pigliate una tiella e mettetece  le dodici lenticchie e tagliatele in dodici fettine, cercanno de fa’ eguale. ‘Mbuttunate le lenticchie ad uno strato alla volta, mettenno primma ‘a mozzarella, po’ ‘a capocchia d’o fungo, po’ l’alice  po’ ‘e jammeri. Ad ogni strato ‘nu chilo ‘e pummarurelle. Quindi avremo dodici strati con tre gamberi, tre alice, tre ricchiune, tre fette ‘e muzzarella per ogni lenticchia. Sull’ultimo strato mettete ‘o cespuglio ‘e  prezzemolo tagliato fino fino a forma di cuore ed infornate. Lasciate cuocere per dodici ore.  Una volta cotte, fate riposare per dodici ore e servite ben calde. Si ‘o piatto v’è piaciuto dicitelo a Napule e sette casate, si nun v’è piaciuto faciteve ‘e cazze vuoste!l  N’ata vota vi darò un’altra ricetta. Arrivederci.

Ed or  Titina cuoca sopraffina

Mo vi saluta e vi fa l’inchino

E po’ v’aspetta pe’ ve alleccà

Ancora ‘e dete pe’ farve arricrià

STATEVE BBUONE! (Via)

Sugger: Mamma mia bella….Doppo na‘ magnata ‘e chesta te ‘a lavà ‘o stommaco cu’ ll’acido muratico!

 

Present: (Ride) Ah…ah…ah..Non so come Titina abbia conquistato il suo uomo con la sua cucina.. Io con grande signorilità i suoi piatti ce l’avesse chiavate ‘nfaccia! Ritornando alla donna e alle sue virtù, per la sua indole è esbizionista e fa di tutto per mettersi in mostra ed essere notata dagli uomini che quando vedono ‘na bella femmena dicono:

CANTANTE ESEGUE

UE’,UE’. CHE FEMMENA !

(Nisa – Calise)

Fermateme…..Teniteme….

Calmteme pecché

Guagliù. Io nun ragiono cchiù……

Uè…uè….uè….uè….ué…..

Aggio visto ‘na femmena

E che femmena….

Sento ‘’o core che fa “zimpù- zimpà”

Uè…uè….uè….uè----

È ‘na cosa fantastica,

tutta Napule

s’’’a vulesse vasà.

Capille nire, uocchie ‘e mare,

yacche a spillo e ‘a vesta blù.

‘Na vocca rossa comme ‘o ffuoco…

Fuoco,fuoco. Bruciame tu!....

Uè…uè….uè….uè….ué…….

Aggio visto ‘na femmena

E che femmena,

fatta apposta pe’ mmme!....

Ma sta femmena io nun saccio chi è!

Guardatammrlla

‘na musica tu siente attuorno a te…

Chi è. È bella comme a cch  è!

Uè…uè….uè….uè….ué…..

Aggio visto ‘na femmena

E che femmena….

Sento ‘’o core che fa “zimpù- zimpà”

Uè…uè….uè….uè----

È ‘na cosa fantastica,

tutta Napule

s’’’a vulesse vasà.

Capille nire, uocchie ‘e mare,

yacche a spillo e ‘a vesta blù.

‘Na vocca rossa comme ‘o ffuoco…

Fuoco,fuoco. Bruciame tu!....

Uè…uè….uè….uè….ué…….

Aggio visto ‘na femmena

E che femmena,

fatta apposta pe’ mmme!....

Ma sta femmena io nun saccio chi è!

Guardatammrlla

‘na musica tu siente attuorno a te…

Chi è. È bella comme a cch  è!

Che femmena…che femmena….che femmena, guagliù

No, io nun me ‘a scordo cchiù…

Sugger:        (Al present) Chissà si ce l’avevano cu te! (Ride)

Present: (Senza scomporsi) Sciocco! Ah questi uomini, questi uomini, come vedono una gonnella che le piace fanno di tutto per conquistarla. Negli ultimi anni però le donna da marito sono sempre diventate meno, perché presa consapevolezza delle sue possibilità ha preferito il lavoro alla famiglia. Molte sono andate anche all’estero e fra queste Agnese che ha trovato lavoro in Ingilterra. Ora è tornata e ci racconta come è andata!

AGNESE, LADY INGLESE

Good evening, I am Agnese parte nopea e parte  inglese: dove c’è una serata very nice i go with the hope, ce vaco c’a speranza di fare un’acchiappanza because pecché ce sta  many fine people  tanta bella gente cu sterline a zeffunno! Avete notato il mio accento straniero? Sono di origini nobili, sono stata diversi anni in Inghilterra e si può dire che sono cresciuta a Bucchingam palace, a stretto contatto con Elisabeth, the queen, ‘a regina. Modestamente ero la sua wasching women, (specifica) lavavo ‘nterra tutto ‘o palazzo reale e one day, ‘nu juorno  avevo appena lavato ‘o scalone,  Elisabeth scennette per le scale ancora bagnate e  steve cadenno; io pe ‘a mantené sciuliaje e me facette tutte ‘e treciente scaline scassanneme ‘a capa! Da quel momento reclamai i miei diritti per far parte della Corte e diventare una nobile anche se da caduta: chella 'nfama invece 'e me fa' baronetta me schiaffai 'nfaccia ‘o foglio ‘e via dicenno" Go play washing…. Ma va a lavà a chillu paese”: una volta in Naples mi misi a giocare in borsa diventando  very rich!  'Nu juorno, uno without lucking ‘e chilli  ca furtuna s’era juta a fa’ ‘na cammenata,  un maresciallo dei carabinieri in borghese, me acchiappaje ‘ncopp’a ‘nu pulman, mentre gentilmente sfilavo ‘nu portafoglio ‘a dint’a ‘na borsa ‘e na signora! Mo state pensanno:"All'anema d'a mariaola!" Ma quale mariola, prelevavo il portafoglio per investire meglio i suoi risparmi data la situazione della borsa che  pe' un'azione sbagliata cadette 'nterra tutto 'nu botto, il mibtel se ne jette in negativo ‘o spread perdette e me truvaje cu’ ‘e manette  e 'na borsa 'e studio a spese dello stato pe' tre anni di holidays gratis a Poggioreale! Ne aggio fatte solo dduje e songo asciuta un anno prima pe' buona condotta, per aver raccontato gratis tutte 'e cufecchie dei reali inglesi a 'nu giurnaliste che ne ha fatto 'nu libro c'a vennuto pe accattà in occasione della Befana 'e cazette pe' figlie de' carcerate! Quando ho rivisto the sun , il sole non più a sbarre mi sono dedicata a fare concorrenza al monopolio dello stato: vennevo ‘e sigarette ‘e contrabbando specialmente ‘a notte per le lucciole e i suoi clienti. E qui la sorte nera che mi perseguita nun se facette scappà l’occasione: in una retata d’a polizia. Data la mia prestanza fisica e my beauty la mia bellezza fui scambiata per una lucciola di alto borgo e portata di nuovo dietro le sbarre, dove chiarito l’equivoco, feci solo sei mesi per vendita di contrabbando.  Allora  quando sono uscita per la seconda volta giro per i café chantant, i teatri  dove si fanno le cene spettacolo e racconto la mia storia. Tutti mi prendono per un’artista, ma io parlo ‘overo d’a vita mia: fatico e mi diverto peché in questi locali  se fa cabaret, se sona, se canta, se balla e in in qualcuno, se beve e se magna cu ‘e ca…(si riprende) ehm con i canoni del buon gusto: doppo ca se so  fruculiate tutte cose, s’alleccano ‘o piatto e pure ‘e dete! Io aspetto ca rimane qualcosa per risolvere in parte il problema del desinare quotidiano, ma quando vedo ‘e piatte  già alleccate  significa ché già hanno strafugato tutte cose, e mi  ritorna in mente quel famoso detto anglo-partenopeo: “E’ fernuto ‘o fud e mò te fut” (Pacienza) Vediamo per lo meno se this evening, stasera,  riesco a fare qualche penny! Quando ve ne jate , al guardaroba ce sta ‘nu cestino con la scritta “Aiutate una povera donna indicente”. Quella povera donna sono io, ma nun ‘o dicite a nessuno perché ho vergogna. Vi saluto, Bye bye….

Presetat:       Povera donna, ora che uscite mettete qualche euro nel cestino, aiutiamola. A questo punto vorrei presentarvi un grande poeta napoletano che ha fatto dell’amore il tema principale dei suoi versi. E’ stato in Francia alla scuola di Jacques Prevet. Ascoltate la soavità dei suoi versi. (Se c’è il pianista si rvolge a lui, altrimenti verso il servce) Una musica melodica di sottofondo, prego.Ecco a voi Giachin Pernacchié

IN CONTRAPPOSIZIONE IL PRESENTATORE ALL’OCCORRENZA POTRA’ DIRE CHE LUI E’ STATO IN FRANCIA E QUINDI  LE POESIE SONO SUE.

(Il poeta in abiti che ricordano il vestire degli artisti entra con un leggio, vi posa alcuni fogli e recita)

TI HO CERCATA

Ti ho cercata nella rugiada del mattino

e non ti ho trovata,i amor mio,

Ti ho cercata nel rosso del tramonto

e non ti ho trovata, amor mio,

Ti ho cercata nel profumo dei fiori

e non ti ho trovata, amor mio!

Nell'aria ho poi incontrato

il tuo profumo amor mio:

l'ho respirato, l'ho assaporato

ed il mio cuor ha urlato:

"Ma pecché nun 'a chiure

'o cesso. Amor mio?

SEMPRE E SOLO TE

Mi sveglio, apro gli occhi

e vedo te, amor mio

sento la gioia di vivere

e vedo te; amor mio

ogni istante, ogni momemto dl giorno

vedo te, amor mio

e quando vien la notte, chiudo gli occhi

vedo e sogno te, amor mio

ed un sol pensiero m'inonda

mente e cuore:

"Ma pecché nun te ne vaje

'nu poco a fa' 'nculo?"

AMOR MIO!

DA QUANDO

Da quando sei con me

esisti solo tu!

Da quando sei con me,

il mondo non c'é più

e parlarti sol d'amore vorrei,

me il verbo mi si strozza in gola

pecchè "M'è fatto 'sta uallera

'a pizzaiola!"

DOV'ERI?

Son venuto al mercato dei fiori

e non c'eri, amor mio;

son venuto sulla cima del mondo

e non c'eri, amor mio;

son venuto nel mar più profondo

e non c'eri amor mio;

son venuto alla via Domitiana

e là, vicino a 'na lampa,

tu c'eri, amor mio

TRE FIAMMIFERI

Tre fiammiferi accesi

nel buio dellla notte:

il primo per guardar

il viso tuo,

il secondo per esplorar

il cespuglio che ci ospita,

il terzo per constatare

quanta merda tenimmo

sotto 'e scarpe!

MI PIACI

Mi piaci quando mi vezzeggi,

amor mio.

Mi piaci quando mi stringi a te,

amor mio

Mi piaci quando mi baci,.

Amor mio

Mi piaci quando mi accarezzi,

amor mio

'e un sol pensier m'inonda il cor

Amor mio!!

Ma pecché nun te taglie ll'ogne?

QUANDO

Quando ti stringo a me

i tuoi sospiri

si mescolano coi miei

amor mio,

quando ti stringo a me

respiro il tuo respiro:

amor mio

e lo ingoio come affamato,

amor mio

ma comm'é ca te fete 'o ciato,

'e 'sta manera amor mio?

TE SCITE

Quanno 'a notte mentre suonne

te scite 'e buotte

o staje sunnanno a me

o te staje facenno sotto!

'E RROSE

M'e purtate 'e rrose!

'E rrose, che songo 'e rrose

'E bigliettine 'e tutte 'e nnammurate

ca sperute 'e se vedè

fanno 'e rrose parlà!

Ma 'stu fatto, 'a verità il cor mi stizza:

n'ata vota puortame 'na pizza!

Present: (Contrariato) Pigliammoce ‘o buono da ‘o malamente. Anche se c’é qualche facezia, i versi parlano d’amore. Nell’ultimo sonetto il poeta parla anche delle rose. Quante volte l’uomo rivolgendosi ad una donna ha detto: “Si bella e prufumata comme ‘na rosa. Sapendo che le donne amano i fiori, non abbiamo voluto deluderle e questa sera ad offrirci e parlarci dei fiori abbiamo:

Lorella           (Entra,, é vestita in modo dimesso con vestito pieno di pezze colorate : ha in mano un cesto di fiori) Eccomi qua.. (Canta)

LORELLA

(Umberto Castaldi)

E Lorella mo’ sta qua

proprio pe’ te cunsiglià

con che fiore la tua bella

‘a può certo conquistà….

Quando tu le dai un fiore

é un messaggio sai d’amore…

Dimme di’ che t’aggia da’

se coi fiori vuò parlà!

Se le dai una rosa rossa,

tu le faje venì ‘na mossa:

le vuoi dir e non è poco

che il tuo amor è pien di fuoco…

Se le dai i fior d’arancio

é poi chiaro il tuo messaggio.

Che all’altar ‘a vuò’ purtà

e così ‘a può impalmà….

E Lorella mo’  sta qua,

proprio pe’ te cunsiglià

e se sape, mano ‘a sacca,

senza solde chi t’e ddà?

Tu ch’e sciure vuò parlà?

E pe’ chesto io stongo ccà!

Tu ch’e sciure vuò parlà?

Man’a sacca e io stongo ccà!

 

Bonasera, sono Lorella ‘a sciurara ‘e l’Arenella: si me vedite vestuta accussì nun pensate ca songo ‘na pezzente,, pure se cu ’sta crisi ca ce sta ccà  pure  sciure se so’ ammusciate, ma e mieje no, so comme me sempe frisce tuoste: me veste accussì pecché me piace: tutti ‘sti pezze m’arricordano ‘e culure d’e sciure Io so’ nnata mmiez’e sciure: ‘o nonno mio teneva ‘nu piezz’e terra ‘ncopp’o lagno a San Giovanni a Teduccio, ‘ncopp’a discarica addò coltivava ‘e meglio sciure da ‘e fetiente in sù: e comme adduravano. Morto ‘o nonno, papà ca teneva idee da grande commerciante, se mettette ‘na bancarella abusiva fore ‘o campusante: ‘e cose jettero bbuone pe tant’anne pecché papà jeve a piglià ‘e sciure addò nun custavano niente: fore ‘o quadrato d’o camposanto addò ‘e schiattamuorte jettavano tutt’e curone e ‘e cuscine doppo c’avevano atterrato ‘o muorto. Po’ papà c’aveva idee di grande commerciante vulette allargà ‘o cummercio  e se mettette a piglià pure ‘e sciure frische ca stevano ‘ncop’e tombe. ‘Na sera, poiché era ‘nu grande faticatore, invece ‘e accummincià ‘a raccolta doppo ca ‘o guardiano s’era juto a cuccà, se mettette a faticà ch’era ancora juorno pecché ‘o guardiano steva a fammore cu ‘a cummara soja dint’a ‘a cappella! Che succedette? ‘A cummara vulenno pazzià a   nasconnnere  se piazzaje areto ‘nu monumento: ‘a stssa cosa facette papà pe’ nun essere ‘ncucciato e ‘o guardiano invece ‘e acchiappà ‘a cummara acchiappaje a papà: ‘o vuleva fa arrestà, ma nun putette pecché pur’isso steva in difetto. ‘A chillu juorno fernetta ‘a carriera: jette in pecunndria e doppo poco jete ‘a vennere ‘e sciure llà ‘ncoppa( Indica il cielo e fa segno che il padre è morto) ( Commossa) Primma ‘e murì però ‘o vicchiariello vulette pensare al mio avvenire e mi lasciò in eredità ‘stu cesto dicenno: “Te lasso ‘o cummecio mio mmano a te, fatte onore” E chiudette lluocchje. Allora piglije o negozio ‘e papà, cu pochi solde c’a m’erano rimaste , ‘o regnette ‘e sciure e accumminciaje a girà addò ce steva tanta gente: fore ‘e cinema, ‘e teatre, ‘e ristorante, fore ‘e chalet ed ora eccomi qua:  accattateve ‘nu sciore per la vostra bella perché parlano per voi, sparagnate ‘o ciato; per esempio: una rosa  significa tante belle cose: amore, tenerezza ecc. Stateve accorte al colore però: quella rossa allucca per voi il vostro amore, quella gialla nun ve ‘a pigliate, anzi chiavatacella ‘nfaccia perché esprime disprezzo e in quel momento ve sta dicenno : "Te schifo!" Quella bianca fa venì 'e llacreme all'uocchie pecché arricorda 'e tiempe belle 'e 'na vota quanno ancora se parlava di purezza, innocenza, verginità, cose ca  nun 'e truve cchiù manco si vaje a :"Chi l'ha visto?". Il garofano poi è il fiore per gli uomini eleganti ca se 'o mettono dint'all'occhiello d’a giacchetta! Cu ll’orchidea poi jammo dint'o pesante, vietato ai minori perché ha un significato erotico: e che redite a fa? Erotico, tene dduje baffe cu’ ddoje palluccelle che ricordano quelle cose che gli uomini si grattano per scongiurare qualche pericolo o quando uno s'é sfasteriato e dice "M'é fatto ddoje palle tante!"  Allora quando vi regalano un’orchidea ve stanno dicenno (Fa un cenno eloquente con la mano) “Io te vurria…  Ce simmo capite no? Il crisantemo che é comme se sape the flower d'é muorte,  va anche bene, dopo una certa età, davanti la cerniera dei pantaloni dei signori uomini       (Specifica) Annanze ‘a vrachetta! Scusatemi la volgarità ma é pe' ce capì meglio!.

(Si rivolge ad uno spettatore) Allora la volete una bella rosa rossa per la vostra signora, per dirle tutto ‘o fuoco, della vostra passione per lei? Ah, ‘o fuoco fire s’è stutato…(Alla donna) No signò mi dispiace aggio fernuto ‘e crisantemi Ma se è per vostro marito, si tene 'o muorto dint'o cazone potete rimediare cu 'nu bottone o 'na nocca nera Mo ve saluto, me ne vaco a Margellina, può darsi ca llà trovo (Sprezzante al pubblico) nun sulo muorte ‘e famma e arrepezzo ‘a jurnata (Esce cantando) E Lorella se ne va, cca nun ce sta niente ‘a fa…..

Sugger: Ih che purecchiuse, qualche fiore se ‘o putevano accattà…

Presentat: Fatte ‘e fatte tuoje…(Al pubblico) Come si sa il grande Totò è stato un grande amatore e spesso ha dedicato una canzone alla sua donna. Nella canzone che segue la paragona ad una cesta di rose, una stella, una tentazione, una dannazione e le canta:

CANTANTE ESEGUE

Nun si ‘na femmena

(Buonagura – Totò)
Quanto sò: belle st'uocchie tuie curvine
e chesta chioma nera e avvellutata
pare na massa 'e file 'e seta fine.

Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na cesta 'e rose

sì nu canisto 'e fravule addirose;
Gnorsì , te l'aggia dicere
ca 'nterra sì na stella
tu sì na scarda 'e femmena,
sì troppo bella, bella ojnè .

'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata
nu lampo me sentette 'e venì 'mpietto
e 'ncapa a mme penzaie mo chisto è stato
'o Pateterno a farme stu dispietto.

Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na meraviglia
ma comm' 'a fatto mammeta sta figlia;
Gnorsì , te l'aggia dicere

ca sì na melodia
tu sì 'a cchiù bella musica,
d' 'a vita mia, spusate a mme.

S'io fossi 'o presidente 'e na giuria,
senza pensarce 'ncoppa t'eleggesse
l'unica Miss 'e tutta 'a vita mia
e forte dint' 'e braccia t'astrignesse.

Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na tentazione
si 'nu supplizio sì na dannazione;
Gnorsì , te l'aggia dicere
ca sì na calamità peggio d' 'a bomba atomica
me lieve 'a vita, crideme a mme.

Sugger:        (Al presentatore) Certo nun ce l’aveva cu te!

Present         Invidioso!     Ah , chissà se nascera mai un nuovo Totò: ed ora parliamo un po’ delle donne che lavorano nell’ambito dello spettacolo: troviamo cantanti di musica leggera, lirica, ballerine, attrici di prosa, imitatrici presentatrici; queste sono quelle che offrono la loro immagine alla platea, ma c’è un’altra categoria che opera dietro le quinte altrettanto necessaria per la riuscita della spettacolo. Fra queste troviamo, le truccatrici, le acconciatrici, le scenografe, le costumiste e le sarte di scena. Fra queste Milena.

Milena : Entra dalla sala con un pantalone in mano) Pasquale, addò sta. Pasquale…(Ad uno spettatore)  Scusate avete visto Pasquale?  No? E mo’ come faccio? Chella capa fresca s’è  cagnato, ha messo il vestito di scena e nun s’è accorto ca’ ‘o cazone tene la cerniera rotta. Si chiude e po’ all’improvviso s’arape. Chillo  quanno fa un’acuto cu’ chella voce s’ abboffa sanu sanu  dal  diaframma fino a sotto ‘o vellicolo  e mentre canta “ ‘E spingule francese”, sotto sforzo, se po’ arapì la patta e che succede si esce ‘o spillone ‘a fore? Facimmo ‘e nummere!  Io nun ce a faccio cchiù con i signori artisti:’e femmene  se vonno  mettere ddoje, tre taglie ‘a sotto per paré tanta spilapippe e se fanno mettere ‘o busto ca stregne stregne ‘a vita ma fa ascì ‘a fora o pe’ coppa (Accenna al seno)  ddoje mummere ‘e acqua ferrata o pe’ sotto (Fa segno ai glutei) cu n’abbuffamiento ca  pare ‘a luna chiena al momento del risorgimento. Accussì prima di andare in scena passammo ‘o tiempo a stregnere ‘a vita e a caccià‘ ’o supierchio ‘a coppa ca  gghiesce ‘a sotto e viceversa. Quanno ‘o supierchio esce a coppa le signore so’ cuntentei perché a tutte le paice ‘e mettere ‘e mummere ‘a fore e quanno ‘e mummere so’ mummarelle se mettono ‘ o push up ca fa addivintà ‘e  ddoje mummarelle ddoje vuttazzelle. Quanno invece ‘o supierchio esce areto pe ammacchià ‘o mandulino passammo  ‘o tiempo a mettere nocche e nuccarelle areto pe’ accammuffà ‘luna chiena! L’ata sera  è succiesso ‘o pata pata ‘e ll’acqua:: la soubrette, secca comme n’alice, teneva ‘o  decolté cu ddoje lumine e pareva ca , S. Giuseppe ce aveva passata ‘a chianozza:  allora se mettette ddoje palluncielle per dare un po’ di abboffamiento: : s’avetta allargà ‘o vestito c’appuntaje pe’ mancanza ‘e tiempo cu’ quatte spille. Trasette in scena- facette ‘nu movimento stuorto e ‘e spille pugnettero ‘e pallonciello ca scoppiaiino. N’atu ppoco succedeva ‘o diluvio universale  pecché nu cuofeno ‘e  spettatori a furia ‘e ridere se facette sotto e ‘a serata passaie a mettere quintale ‘e segatura pe’ asciuttà ‘terra! Secondo voi se po’ fa’ ‘sta vita?.

Pe’ ll’uommene n’atu turcimiento ‘e panza: i  pantaloni anna essere a ponta ‘e tacche e ‘a giacchetta a filo ‘e pacca. A cammisa deve essere con le pence e chi tene ‘a panza nun adda essere  stretta pecché  ponno zumbà ‘e buttone e vanno a ciaccà qualche spettatore: ‘O bello po’ vene pe’ i ballerini di danza classica ca portano ‘e calzamaglie (Maliziosa) ca se azzeccano ‘nguollo e fanno vedé ‘a stazza  ‘e l’ommo: Chilli cu ‘o strumento XL fanno sunnà ‘e femmene; quelli invece che ‘a natura ha fatta ‘a carogna cu ‘o necessario  al disotto della media europea, per nun  ‘e fa mettere scuorno,  e pe’ fa’ abbuffà la parte lesa, rimediano con un push up int’a  calzamaglia come quelli usati per l reggimummarelle de’ femmene. Ora però voglio parlarvi un poco di me: Nun aggio fatto sempe ‘a sarta; tant’anne fa facevo ‘a ballerina ‘e primma fila pecché già in seconda, nisciuno me vedeva! Il pubblico mi buttava fiori in quantità! ‘Na sera però ‘nu piezzo ‘e caliota ghittaje ‘nu cachisso, ‘nce sciulaje ‘a coppa, me scassaje collo del femore, femore, bacino, tibia perone e malleolo a destra e sinistra Conclusione ‘n’anno ‘o spitale! L’impresario m’avetta sostituì e pigliaje a ‘na ‘ntrucchettina ca sapeva abballa megliio ‘e me sott’e lenzola. Quanno turnaje nun ce ‘a facevo cchiù a abballa mi offrì e fa ‘a sarta e io pecché nun saccio vivere luntano ‘a chesti tavule accettaje! Mio marito però vuleva ca stevo a casa a fa ‘a mamma e a mugliera. “Alluccaje,  io voglio ‘na femmena ca sta dint’a cucina e dint’o lietto”, ‘o zuzzuso ” “E no bello, le rispunnetto, chesta è ‘a vita mia, nun saccio campà si nun stongo  ‘ncopp’a ‘sti tavule! Sienteme buono bello, si nun te conviene vattenne!” “Se facette russo russo, abbiaje a ‘ncacaglià,  me pigliaje ‘e mane ‘mmano, me guardaje dint’a ll’uocchie cu ‘e lacreme ca le scennevano a zeffunno e dicette: “E va bene ammore mio,, fa comme vuò tu, nun può fa a meno ‘e sta’ ncopp’o palcoscenico?  “Me facette longa longa e tosta tosta le rispunnette “NO, o accetti la mia vita o vattenne !E isso. ” E allora mi piego al tuo volere, ammore mio, ME NE VACO” e se ne jette!  Da allora nun l’aggio visto cchiù e io sono diventata a tempo pieno Milena, sarta di scena Ora scusatemi v’aggia lassà perché devo trovare Pasquale: s’adda cagnà ‘o cazone  nun vulesse ca (Tendenziosa) s’arape ‘o siparioi e ‘o spettacolo s’avota a luci rosse….Stateve buone!

Sugger: Stai parlanno, stai parlanno ma non hai detto neanche una parola sulla nascita della donna

Present:        Hai ragione, avrei dovuto farlo all’inizio dello spettacolo, ma (Abbasando la voce) l’energumeno mi ha distratto: (Si riprende) si sa che la prima donna fu creata da Dio che prelevò una costola da Adamo e così nacque la donna: I maschilisti  dicono che la donna non è originale, è pezzottata. Pazzi! Gli accessori sono diversi: Dio prelevò una costola, al centro del corpo: se avesse scelto un organo più in alto o più in basso o esterno invece sapete che inferno, come l’avremmo riconosciuta?

Sugger          Chissà ‘a costola toja addò l’ha pigliata!

Present: (Con noncuranza) Sciocco….Un’altra teoria sempre maschilista dice che il Padreterno creò il mondo in sei giorni e si riposò, poi creò il primo uomo, Adamo , e si riposò, poi creò la donna Eva, e nessuno si riposò più! (Ride poi rivolto al pubblico). Bellina questa vero? Certo la donna che vi presento adesso è unica. Di indubbia nazionalità  si sa solo che  come Agnese, è parte nopea e parte francese. Signori Fifina.

FIFINA LA PARIGINA

(Testo di Umberto Castaldi – Musica di Franco Tricoli)

Son Fifina, la parigina,

j’ me ‘ntuletto tutt’e matine a soiré:

camicetta scollacciata,

minigonna mozzafiato,

calze a rete di Gianfranco Ferrè….

tacchi a spillo, son firmati Cardé….

E il mio passo, ‘o può certo vedé,

è assai tranquillo!

Io passeggio per l’occasione,

per via Chiaia ed il Chiatamone…

me ne vado con eleganza,

come diva, ma con creanza…

e sculetto così e colì…

che spettacolo songo ojnì!

FIFINA  LA  PARIGINA

Bonsoir,, bonsoir a tut le monde.  Je suì Fifina la parisien, di origin franses: sono stata trové in una busta di plastic avec la torre Eiffel designé a copp, dint a ‘na toilette pubblic pour homme a Parì! La guardian de la toilette se avutaje a pietà  e me tenett cu essa pe’ quinnice anne crescennom  in quel cess pubblic addò ce stev un forte parfum de maschiò, che me  regneva ‘e pulmun: le mie bambol e tutti i miei giocattoli adduravano facennome arricrià con quel parfum de Homme! A quindici anni la guardian de toilette sagliett in cielò  ed io fui adotté a dduje napolitan. A Napoli so’ diventé gross e ave trové l’amour  pecché ‘e napulitane so n’ata cosa! ‘E francise, so’ meza cazett. A Napule basta ca uno me guard io le faccc ll’uocchie a zennariello e ‘o juoco é fé. Nun aggiò fa’ vedé la papillon, ‘a farfalla, comme ha fatto Belenne a San Remò….Io so’ scurnosa e la papillon la faccio veder solo nell’intimità: chi ‘a ved dic: “Ua è cchiù grossa e cchiù bella ‘e chella ‘e Belenne!

Qualche annò aret m’e venut la voglia di veder n’ata vota ‘a France pecché me sunnaje a toilette ‘e Parì e vulevo vedè si ‘e francise erano diventé fucus comme ‘e napulitan. Me sceté cantand : “A Parì, ma a chi aspetto, ce vaco e sicuro  po trovo chi voglio a Parì” Manco ‘o tiemp e ce pansà e già stev a Parì: Appena arrivé a la gar, ‘a stazione, mentre attraversé la rue, ‘a via..la premier avventur: ‘ncopp’e srisce un garcon cu ll'uocchie a zzennariell, me guardé e dicett: 'Na bella famme comme tuà nun addà purtà pise e me piglia e valigge a mane....Che gentil pensaje, manc 'o tiempe de 'o pensà ca se mettette a fuì e se fumaje 'e valigge! Po’ dicene a Napule….Pe’ fortun l’eurò ‘e tenev dint’a casciafort: (Mostra il seno) miez’e ccà ! Piglio nu tassì vac a Mom Matre, ‘na piazza china ‘e pittur: uno me fissa e fa : vulé vou posé pour muà e me port dint’o studio suojo ce stev ‘nu liett, me fa denudé ...me guard, e 'cu 'na faccia nun saccio si disgusté o  allampané, me scippa l'eurò 'a dint'a la casciafort, me votte 'ncopp'o lietto e me mett  tutt'attuorn cavuluscior, vruoccol puparuol, mulignan e 'nzalat a varieté....me guard cu' ll'uocchie assatanat e se mette a fa ‘o quadro: alla fine dic: fa:”Nature mort perfett” ! Me fa vestì e dic: Mo nu jamm al lo batto musc.......'stu fatto 'e muscio nun é ca me fa sperà chissà che ma po dice: te plasir le puasson? Te piace 'o pesce? A me si me plasir 'o pesc? Bambinò, guagliò io so' criscuta avec le puasson, matin, miezujuorn e suaré. A Napol mon papà adottiv facev le piscater... ghiamm 'ncopp'a 'nu barcon addò ordinà la sup de puasson.....ma senz 'o puasson...aggio voglia 'e girà dint' a scafarea, ma sulo bror, puasson manco 'o ca...so di dirlo s'era spallummé...Po' aggio saput ca a Parì la sup de puasson _é sul brod....Isso se scol dudice butteglie 'e champagne...Me piglia pe a mano, ce mettimmo a dansé , po’ fa nu giro, pare ‘nu strummulo, me lassa e pe’ ‘a velocità vaco a fernì dint’o sciunmmo  dint'a na rezza 'e 'na paranza 'e passaggio ca me portn 'o spitale. Ccà l'avventur parisienn fernesc Pe turnà 'a casa aggio avuto 'o foglio e via come elemon indesiderato e mo sto ccà.

Allora a Parì (Canta)

A Parì, io so' stata e mo' torno cu l'ossa scassate, a Parì..

A Parì m'anno pure arrubbate 'e valigge appena accattate...a Parì...

A Parì tutt'annura lo sai ho posato e nun aggio agguazzato a Parì...

A Parì 'o puasson nun ce steva, sulo 'o broro bevevo, a Parì...

A Parì sul battò ch’era muscio ho ballato .e dint’o sciummo vuttata...a Parì....

A Parì, quasi meza affugata, po’ m'hanno cacciata a Parì..

A Parì e mo sto a casa mia e mai cchiù arrassusia a Parì!!!

Present:        Avite capito ca se passa pe' 'nu poco 'e spasso? (Guarda il pubblico) Ma quanti bei maschioni, ato che parisien.....Fusse la vota bon? Su...su.....jamme bell faciteve guardà mon cherì, tartufon  roché don  Perignon....Jammo bell....chi me vo ben aret me ven...(Esce cantando) Son Fifina la parigina ecc..ecc..

Sugger:        Chesta si ca è ‘na femmena!

Present:        Hai ragione (Al pubblico) Avete  capito comme ragionano ‘e femmene oggi? Molto spesso però le donne tacciono per quieto vivere, sirifugiano nei ricordi, nelle lettere d’amore  e spesso soffocano il loro dolore dicendo anche una bugia, ma che molte volte è una mancata verità. Quante cose non dicono ed ora ascolteremo una canzone che ci dirà:

 

Quello che le donne non dicono

( Ruggeri, Schiavone)

Ci fanno compagnia certe lettere d'amore
parole che restano con noi,
e non andiamo via
ma nascondiamo del dolore
che scivola, lo sentiremo poi,
abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia
è una mancata verità che prima o poi succederà
cambia il vento ma noi no
e se ci trasformiamo un po'
è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà arrivare a stare con noi,
siamo così
è difficile spiegare

certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "sì".
In fretta vanno via della giornate senza fine,
silenzi che familiarità,
e lasciano una scia le frasi da bambine
che tornano, ma chi le ascolterà...
E dalle macchine per noi
i complimenti dei playboy
ma non li sentiamo più
se c'è chi non ce li fa più
cambia il vento ma noi no
e se ci confondiamo un po'
è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare
ancora con noi.
Siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate,
ma potrai trovarci ancora quì
nelle sere tempestose
portaci delle rose
nuove cose
e ti diremo ancora un altro "sì",
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "sì".
..

Present: (commosso, cerca di prevenire il suggeritore) Nun te permettere di fare nessun commento!

Sugger: E chi parla…

Present:        Bella canzone, vero? Piena di sentimenti  e una grossa accusa agli uomini di essere folli banderuole e girarsi ad ogni occasine dove butta il vento, mentre loro sono sempre coerenti:  esortano infine l’uomo per  essere  capite specialmente quando non parlano. Ora  tutte le nostre artiste canteranno una canzone per ribadire di non errere solo gambe, di essere donne e lanciano un monito “Attento che cadi”

Tutte le artiste che partecipano allo spettacolo cantano “Siamo donne, eseguendo anche una coreografia. Arrivate al ritornello “Suiamo donne, oltre le gambe c’è di più” , si inserisce tra loro il presentatore.

Siamo donne

Giovanna Coletti)

C'e' chi dice che l'amore oggi
non ha piu' valore perche' solo ai
soldi pensa e alla fine
mangia in mensa.
Burattini incravattati
da un milione e mezzo al mese,
su e giu' per la citta' sulla jeep
a fare spese.
Attento che cadi! Attento che cadi!
Attento che cadi! Attento che cadi!
C'e' chi dice che l'amore oggi
e' in trasformazione tipica mentalita'
manager di societa'.
C'e' chi insegue la carriera poi a
casa e' cameriera c'e' chi muore
dall'invidia per chi lavora nei
mass media.Ma che vita vuoi?
In che mondo sei?
Siamo donne oltre le gambe c'e' di piu'.
Donne, donne,un universo immenso e
piu'... Oh! C'e' chi al
mondo e' un egoista
e chi invece e' un pacifista
c'e' chi no,non cresce mai
e si trova in mezzo ai guai.
Chi ha la testa sulla luna
e poi sfida la fortuna,
c'e' chi guarda nel passato
e chi invece e'gia' cambiato.
Attento che cadi Attento che cadi!
Attento che cadi! Attento che cadi!
Ma che vita vuoi? In che mondo sei?
Siamo donne oltre le gambe
c'e' di piu'. Donne, donne,
un universo immenso e
piu'... Senza donne ma sai che noia
qui in citta'!
Donne, donne,la vita gira un
po' di piu'. Oh!
Siamo donne oltre le gambe
c'e' di piu'.Donne, donne,
un universo immenso e
piu'... Senza donne
ma sai che noia qui in citta'!
Donne, donne,la vita gira un
po' di piu'. Attento che cadi!

.

Present: (Nell’andare al proscenio inciampa ma riesce a non cadere)

Sugger: Attento che cadi…

 

Present: Ntruppecheo, ma non cado! (Al pubblico) Mamma mia che ci tengono queste ragazzuole, mi hanno fatto sudare sette camice, Che caldo. Dunque continuiamo, anche la lirica si è occupata delle donne e il duca di Mantova, nel terzo atto del Rigoletto di Giuseppe Verdi ci dice cosa ne pensa delle donne: prima dice “Questa o quella per me pari sono” e poi canta “La donna è mobile“. Problemi suoi!

TENORE CANTA:.

La donna è mobile
Qual piuma al vento,
Muta d'accento - e di pensiero.

Sempre un amabile,
Leggiadro viso,
In pianto o in riso, - è menzognero.

È sempre misero
Chi a lei s'affida,
Chi le confida - mal cauto il core!

Pur mai non sentesi
Felice appieno
Chi su quel seno - non liba amore!

La donna è mobile
Qual piuma al vento,
Muta d'accento - e di pensiero.

Eeh eeh e di pensier

Sugger:        Il duca di Mantova ‘a pensava comme a mme!

Present:        Non aveva per niente  stima nelle donne, Ma forse il problema ve lo dico zitto zitto, io penso che secondo me è stato rignuto ‘e corne! Ora lo spettacolo volge al termine: vi ringrazio per la vostra partecipazione. Abbiamo evidenziato diversi tipi di donna, abbiamo sentito canzoni che le esaltavano ed altre che ci mettevano in guardia su di loro. Io da amico un consiglio sento di darvelo:

TUTTI I PARTECIPANTI CANTANO.

E’ scabroso le donne studiar

Son dell’uomo la disperazion

Dentro o fuor un mister sempre son

Donne donne eterni de

cherubin dal viso tutto cel

Dallo sguardo soave e fedel

Rosse o brune oppur biondine che fa

L’uomo sempre burlato sarà

Donne..donne donne donne do…………

Con il canto prevedere una corografia con finale che in fila indiana tutti escono per una quinta per poi riuscire uno alla volta per l’applauso singolo.

Canzoni di riserva

NAPULE E’ CHINO ‘E FEMMENE

(Baratta – Lama)

Si' bella e cara,
ma si' pazzòteca;
e viene a spènnere,
dich'i', just'addu me?!
Nu mese 'ammore,
tre mise 'appícceche!
Io, nevrastenico,
só' peggio 'e te!

Oje né',
si te vuó' sciogliere,
'a strada è libera:
puó' cammená!...
Napule è chino 'e femmene
cchiù calme 'e te...
cchiù doce 'e te...
cchiù scicche 'e te!...

Si tu mme lasse,
t'aviss''a credere
ca i', p''a còllera,
nun magno e bevo cchiù?!
Comme te sbaglie!
Pòzzo refónnere
nu grammo 'e lacreme
e t''o vvide tu!

Oje né',
si te vuó' sciogliere,
'a strada è libera:
puó' cammená!
Napule è chino 'e femmene
tutte pe' me...
ca vònno a me...
pazze pe' me...

Mme basta sulo,
p'avé na femmena
na vranca 'e spíngule
na cena e nu cafè...
E po' stó' a posto:
Cu 'a luna pallida,
p''o ssulitario,
chi è meglio 'e me?!

Oje né'
mme voglio sciogliere!
I' voglio ll'aria
pe' respirá!...
Napule è chino 'e femmene
cchiù fresche 'e te...
cchiù belle 'e te...
cchiù bone 'e te!...

CHELLA LLA’

Taccani - Bertini

St'ammore mme teneva 'ncatenato,
ma ho detto: "Basta!" e mme só' liberato...
Mme pare cchiù turchino 'o cielo,
mme pare cchiù lucente 'o mare...
e 'o core canta p''a felicitá!

Chella llá, chella llá...
mo va dicenno ca mme vò' lassá...
Se crede ca mme faccio 'o sango amaro,
se crede ca 'mpazzisco e po' mme sparo!
Chella llá, chella llá...
Nun sape che piacere ca mme fa...
Mme ne piglio n'ata cchiù bella
e zetèlla restarrá...
Chella llá, chella llá, chella llá!

Ajere, mm'ha mannato nu biglietto
p''a figlia d''o purtiere dirimpetto.
Mme scrive ca nun è felice
e ca vurría, cu me, fá pace...
ma io mme stó' gustanno 'a libbertá!

Chella llá, chella llá...
...................................








    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno