Chi ha ucciso chi

Stampa questo copione

CHI HA UCCISO CHI

CHI HA UCCISO CHI

Farsa giallo comica in due atti

di

Luciano Lunghi

PERSONAGGI:

·VOCE FUORI CAMPO                  Uomo o donna, appare solo nella scena finale

·ISPETTORE/FATTORINO            

·CHI                                                   La vittima, uomo

·MERA                                               Sua moglie

·LINA MESSA                                  Amante di Chi

·VIRGINIA HUOLF                        Donna

·AGATA TRISTI                               Cugina di Chi

·ASSO                                                Spirito drago protettore della famiglia Chi, uomo o donna

·CORO                                               Mera, Lina, Virginia e Agata che parlano  insieme

La scena è la stessa per entrambi gli atti, una uscita a destra verso l’esterno ed una a sinistra. Un divano nel centro e sulla parete di sinistra un mobiletto con telefono. Ci devono essere parecchi componenti d’arredo che richiamano lo stile cinese, vasi, lampade e paraventi. Vicino all’uscita di destra, quasi in proscenio, tre scatole tipiche della consegna della pizza a domicilio buttate a caso.

PRIMO ATTO

Sipario chiuso

Voce                               :(Con enfasi)La prima bruma procedeva prudente, pressando e prostrando i precoci prati di quel principio di primavera. Le precedenti precipitazioni presagivano un prematuro primeggiare di principesche primule, probabile prodigioso prologo di una prolifera e prodiga promessa propiziatoria …..

Asso                               :(Fuori scena) Ma che stai a dì??

Voce                               :(Schiarendosi la voce con un colpo do tosse) Stava scendendo la prima pallida nebbia in quella serata di fine marzo ….

Asso                               :(c.s.) Ah ecco ….

Voce                               :(Riprendendo la stessa enfasi iniziale) Lo strisciante silenzio assordava sinuoso la solenne seicentesca silhouette Sartori, scivolando e serpeggiando …..

Asso                               :(c.s.) Allora!?!?

Voce                               :Il silenzio che avvolgeva villa Sartori venne squarciato all’improvviso ….

       

Forte grido di donna fuori scena

 Apertura sipario in scena c’è l’ispettore in piedi con un impermeabile blu ed un taccuino in mano.

Ispettore                         :Ma chi sta parlando?

Voce                               :Il capitano Tortora era giunto in villa quasi immediatamente dopo la chiamata ricevuta ……

Ispettore                         :Chi è che parla??

Voce                               :…. dato che si trovava già in zona per una battuta di “bird watching”  ……

Ispettore                         :Non è vero, non faccio “bird watching” e poi sono le nove di sera …. Che cavolo dovrei vedere??

Voce                               :Tipo curioso il capitano Tortora… Si era imposto come divisa un buffo impermeabile blu perché in commissariato lo prendevano in giro chiamandolo come quel tenente della televisione, personaggio che lui proprio non sopportava ….

Ispettore                         :Allora, la facciamo finita? Chi sta parlando? Cos’è uno scherzo??

Voce                              :….. e secondo il suo modo di vedere l’impermeabile blu l’avrebbe sicuramente differenziato, ma non si rendeva conto di essere quasi del tutto identico al suo omonimo più famoso …..

Ispettore                         :Non siamo omonimi, io sono Tortora e lui Colombo!!

Voce                               :….. come lui aveva l’abitudine di prendere appunti sul un blocchetto …

Ispettore                         :(Nasconde il blocchetto in tasca)

Voce                               :….. e come lui teneva sempre in bocca un sigaro spento ….

Ispettore                         :(Spalancando la bocca) Aahh …. Sbagliato!! Non ho nulla in bocca!! E poi basta con questa storia!! Voglio sapere chi parla!!!

Chi                                 :(Entra da sinistra) Buonasera Ispettore.

Ispettore                         :Buonasera, e lei chi è?

Chi                                 :Chi!

Ispettore                         :Lei …

Chi                                 :Sì?!

Ispettore                         .Sì cosa?

Chi                                 :Non so …

Ispettore                         :Non sa come si chiama?!

Chi                                 :Certo che lo so!!

Ispettore                         :(Prende il blocchetto per scrivere) E allora mi dica, come si chiama?

Chi                                 :Chi!

Ispettore                         :(Cominciando ad alterarsi) Senta, ma mi sta pigliando per ….

Asso                               :(Entrando da destra)Chi è il suo cognome … si chiama Chi!!

Ispettore                         :(Ad Asso) Ah, e lei chi è?

Chi                                 :(Sbuffando) Chi, mi chiamo Chi!!

Ispettore                         :(A Chi) Non dicevo a lei, (indicando Asso) Dicevo a lui ….

Chi                                 :Chi??

Ispettore                         :Ancora?!?

Chi                                 :No, dicevo a lui chi?

Asso                               :Non mi può vedere ….

Ispettore                         :Chi non la può vedere?

Asso                               :Esatto!!

Ispettore                         :No, era una domanda, chi non la può vedere?

Chi                                 :Cosa non posso vedere?

Asso                               :Nessuno mi può vedere, mi sono reso visibile solo a lei …

Ispettore                         :Si è reso visibile??

Chi                                 :Ma con chi sta parlando?

Asso                               :Sono lo spirito protettore della famiglia.

Voce                               :Il capitano restò bloccato con un’espressione che evidenziava tutto il suo stupore.

Ispettore                         :Non sono bloccato e poi basta con questa storia … Vieni fuori chiunque tu sia!!!

Asso                               :Non la può sentire.

Ispettore                         :Chi non mi può sentire?

Chi                                 :Io la sento benissimo!

Ispettore                         :(Sbottando verso Chi) Non dicevo a lei!! (Calmandosi un attimo, poi ad Asso) Non mi può sentire, perché?

Asso                               :Lei è la voce narrante!!

Ispettore                         :Voce narrante? Cos’è un film?

Asso                               :No, un romanzo.

Ispettore                         :Ah, un romanzo ….

Asso                               :Giallo.

Ispettore                         :Giallo…..

Asso                               :Proprio! Un romanzo giallo. E la voce narrante è colei che sta scrivendolo!

Ispettore                         :(Con calma apparente) Dunque noi saremmo i personaggi di un romanzo giallo, giusto? L’ispettore, il signor Chi, lo spirito guida e la voce narrante.

Asso                               :Posso capire che sia difficile crederci, ma è la verità.

Voce                               :Il capitano non aveva mai brillato per autoironia, per cui quella situazione lo stava mettendo in imbarazzo ……

Ispettore                         :Non sono imbarazzato!!

Voce                               :…… anzi, lo stava proprio inquietando:

Ispettore                         :(Sbottando) Bastaa!! (Piano piano, cercando di far sbollire la rabbia) Dieci …. Nove ….. Otto ….. Sette …… Sei ………. Cinque …………….

Asso                               :Quattro!

Ispettore                         :Zitto!!

Chi                                 :Non ho detto nulla.

Asso                               :Pensavo non si ricordasse ….

Ispettore                         :Zitto!! (Riprendendo a contare lentamente) Cinque ….. quattro ….. tre ….. due ……..uno!! (Rivolgendosi a Chi con calma apparente) Lei, dunque, è il signor Chi?

Chi                                 :Sì.

Ispettore                         :Ma che razza di cognome è Chi?

Chi                                 :Cinese.

Ispettore                         :(Guardandolo un attimo perplesso) Lei non mi sembra proprio cinese ….

Chi                                 :Sono stato adottato all’età di due anni.

Ispettore                         :Lei in Italia è stato adottato da una famiglia cinese?!?

Chi                                 :Allora risiedevo ad Hong Kong, mio padre era segretario del console. Quando, all’età di due anni, i miei veri genitori sono morti in un incidente, sono stato adottato dalla famiglia dell’addetto cinese all’ambasciata.

Ispettore                         :Il signor Chi senior.

Chi                                 :Esatto!

Ispettore                         :Dunque, per quello che mi è stato riferito, in villa avrei dovuto trovare solo quattro donne …

Chi                                 :Giusto.

Ispettore                         :Sarà anche giusto, ma lei non mi sembra una donna ….

Chi                                 :Ma che c’entra, io sono la vittima!!

Ispettore                         :Lei … è …

Chi                                 :La vittima. Sono io che sono stato ucciso.

Voce                               :Quest’ultima affermazione lasciò il capitano senza fiato.

Ispettore                         :(Respirando rumorosamente) Lei sarebbe la vittima?

Chi                                 :Non sarei, sono la vittima.

Ispettore                         :Bene, se lei è la vittima, allora la mia presenza è del tutto inutile, quindi se non vi dispiace ……

Chi                                 :Deve scoprire chi mi ha ucciso!!

Ispettore                         :(Cercando di rimanere calmo) Ma lei non è morto!!

Chi                                 :Tecnicamente non ancora.

Ispettore                         :Quindi dovrei scoprire chi intende ucciderla?

Chi                                 :Noo!! Deve scoprire chi mi ha ucciso!!

Ispettore                         :(Dopo un lungo istante di silenzio) Allora, è mio dovere informarvi, e sto parlando con tutti spiriti e voci compresi, che il vilipendio ad un rappresentante delle forze dell’ordine può essere perseguibile anche penalmente, per non parlare del procurato falso allarme.

Voce                               :Il capitano stentava a comprendere pienamente la questione …..

Ispettore                         :Ho capito benissimo, invece. Qui si sta cercando di prendersi gioco di me!!

Voce                               :…. Ma decise comunque di stare al gioco. Prese il suo blocchetto e si mise a rileggere gli appunti che aveva scritto precedentemente ……

Ispettore                         :Non ho preso nessun appunto!!

Voce                               :…. La vittima era stata rinvenuta a terra, davanti al mobiletto del telefono …..

Chi                                 :(Si sdraia scomposto davanti al mobiletto del telefono)

Asso                               :(Comincia a singhiozzare)

Ispettore                         :Che c’è adesso? Perché piange?

Asso                               :Chi è morto!

Ispettore                         :Nessuno.

Asso                               :No, Chi è morto!

Ispettore                         :Non è morto nessuno, le dico!!

Asso                               :No capitano, (indicando Chi) Il signor Chi è morto!!

Ispettore                         :Non è morto, si è solo buttato per terra.

Asso                               :(Avvicinandosi a Chi) No, venga a vedere, è proprio morto!!

Ispettore                         :(Sbuffando si avvicina a Chi, si china e gli prende la mano come per aiutarlo ad alzarsi, ma lascia immediatamente alzandosi di scatto spaventato) Ma è …. freddo gelato!!!

Asso                               :Certo. Glielo dicevo che era morto!!

Voce                               :Il cadavere giaceva scomposto ormai da diverse ore …..

Ispettore                        :(Si china e con due dita tenta di sentire le pulsazioni nel collo di Chi, poi alzandosi incredulo) Ma è morto veramente ……

Asso                               :(Sempre singhiozzando Lo so!

Voce                               :Il capitano cominciò ad esaminare la vittima per cercare di capire come potesse essere stato ucciso ..

Ispettore                         :(Sempre incredulo) Ma poco fa era vivo e vegeto …..

Voce                               :….. ad un primissimo esame superficiale il corpo non mostrava nessun segno evidente di violenza …..

Ispettore                         :(c.s.) Stavo parlando con lui pochi secondi fa…..

Asso                               :(c.s.) Eh già.

Ispettore                         :(Dopo un attimo ancora di incredulità, si avvicina risoluto ad Asso) Adesso lei mi dice chi è e che cosa sta accadendo qui … e lo voglio sapere subito!!

Asso                              :(Arretra intimorito) Ma l’ho già detto, sono Asso, lo spirito protettore della famiglia Chi …..

Ispettore                         :Lei uno spirito?

Asso                               :Uno spirito drago protettore!

Ispettore                         :Drago?!?

Asso                               :(Guardandosi un attimo) Beh, diciamo draghetto!! Sono stato mandato dagli Avi della famiglia a proteggere Chi!!

Ispettore                         :Un draghetto spirito protettore della famiglia?!?

Asso                               :Sì, sono Chi-Asso dei Chi-Avi!!

Ispettore                         :Chiasso dei chiavi?!

Asso                               :Asso dei Chi degli Avi di Chi!!

Voce                               :Il capitano decise di interrogare le quattro donne presenti quella sera nella villa ….

Ispettore                         :(Verso l’alto) Io non ho deciso un bel niente!!

Entrano da sinistra Mera, Lina, Virginia ed Agata. Mera e Lina stanno singhiozzando

Mera                               :Buona …

Lina                                :…. Sera …

Virginia                          : … Capitano …

Agata                             : ….Tortora!

Mera                               :Siamo ….

Lina                                :….. giunte ….

Virginia                          :……appena ci ha ….

Agata                             :……chiamato!!

Ispettore                         :(Studiandole) Buonasera.

Coro                               :Misere mire di malevolenza mano, mute manovre di melliflua mente, miserrimo miscuglio di malvagie mete, mai mieterete il massiccio Marte, né mastro Mercurio dal maestoso manto, ma morderete il morso e muterete melma in muschio e male in miele.

Ispettore                         :(Dopo averle guardate un po’ stranamente, ad Asso) Ma che stanno facendo?

Asso                               :Il coro!

Ispettore                         :Il coro?!

Asso                               :In tutte le tragedie che si rispettino c’è un coro.

Ispettore                         :Ma questo non doveva essere un romanzo giallo?

Asso                               :Per chi lo scrive e per chi lo legge sì, per chi lo vive è una tragedia!!

Voce                               :Il capitano cominciò a rendersi conto che quella non sarebbe stata un’indagine semplice.

Coro                               :Avanza accorto, avida anima anzi che avvezza, arrembante azzardo di amori amari, arrogante agitar di agili alibi altri che assicurarti agile avanti, altresì assegnano attesa avara di averi, ed angusti accadimenti.

Ispettore                         :Mi sembra di aver interpretato una velata minaccia …

Asso                               :No, non è per lei, parlano in generale.

Coro                               :Addentrarti ancora ad ammirar antri ed anfratti …

Ispettore                         :(Urlando) Bastaa!! Silenzio!! Tutti!!

Voce                               :Il capitano cercava …

Ispettore                         :(c.s.) Ho detto tutti!!!

Asso                               :Non la può sentire…

Ispettore                         :(Ad Asso) Tu seduto!!

Asso                               :(Si siede)

Ispettore                         :(Alle quattro donne) Voi sedute!!

Coro                               :(Si siedono tutte sul divano)

Ispettore                         :(Prende una sedia e si siede a cavalcioni vicino al divano, studiando le quattro donne)

Voce                               :Il capitano cercava di trovare il bandolo di quella intricata vicenda. Decise di cominciare da quello che aveva in mano di concreto …

Ispettore                         :Sì, facciamo anche gli spiritosi!!

Asso                               :(Sta per parlare)

Ispettore                         :(Gli punta il dito contro come se fosse una pistola, costringendolo al silenzio)

Voce                               :….. consultò di nuovo i suoi appunti …..

Ispettore                         :(Prende il blocchetto e lo butta via vistosamente)

Voce                               : … poi decise di farne a meno …..

Ispettore                         :Brava!!

Voce                               : …. E cominciò ad interrogare le quattro donne ……

Ispettore                         :(Ad Agata) Lei, come si chiama?

Agata                             :Agata, Agata Tristi.

Asso                               :Lo dicevo che è un giallo!!

Ispettore                         :(Punta di nuovo il dito come una pistola contro Asso)

Asso                               :(Fa il gesto di chiudersi la bocca come se fosse una cerniera)

Ispettore                         :(Ad Agata) E come mai si trova nella villa?

Agata                             :Sono stata invitata da Mera per la consueta serata a carte del giovedì.

Ispettore                         :Scusi, ma oggi è martedì ….

Agata                             :Vero, ma noi la consueta serata a carte la facciamo al giovedì.

Ispettore                         :E quindi?

Agata                             :Quindi non potevo dirle la consueta serata a carte del martedì.

Voce                               :Eh sì, pensò il capitano, non sarebbe stata una serata facile quella ……

Ispettore                         :(Con calma apparente) Va bene, e mi dica, è stata invitata da chi?

Agata                             :Sì.

Ispettore                         :(c.s.) Dicevo, chi è la persona che l’ha invitata?

Agata                             :(Indicando Mera) La signora Chi.

Ispettore                         :(A Mera, indicando Chi) Lei è la moglie della ……

Mera                               :Sono Mera Chi.

Ispettore                         :Chi..mera?!?

Mera                               :Sono la signora Chi, Mera Chi.

Ispettore                         :Eh appunto Chi .. Mera.

Mera                               :Esattamente!

Ispettore                         :Dunque, se ho capito bene, lei ha organizzato una serata a carte con queste sue amiche …..

Mera                               :Beh, amiche non proprio, (indicando Lina) lei è l’amante di mio marito, (indicando Virginia) lei la sua aspirante amante e (indicando Agata)lei invece è la cugina di mio marito.

Ispettore                         :(Guardando le quattro donne in modo strano) Non sono sicuro di aver capito ……

Voce                               :Erano troppe tutte quelle informazioni insieme per la mente semplice del capitano …..

Ispettore                         :(Verso l’alto) Ci vai da sola o ti ci mando io?! (A Lina) Allora, lei è?

Lina                                :Messa Lina

Ispettore                         :Messalina?!?!

Lina                                :Messa, spazio, Lina. Lina è il diminutivo di Natalina.

Ispettore                         :Messa Natalina.

Lina                                :Preferisco Messa Lina, se non le dispiace.

Ispettore                         :Ah sì certo, non mancherò!! (A Virginia) E lei invece è?

Virginia                          :Virginia Huolf.

Asso                               :Lo dicevo che era un giallo!!

Ispettore                         :(Minaccia nuovamente Asso con le dita a forma di pistola)

Asso                               :Non è colpa mia …. Senti che nomi …….

Ispettore                         :A perché Chiasso dei Chiavi invece ……

Asso                               :Prego, Asso dei Chi degli avi di Chi!!

Ispettore                         :Ecco, appunto. (A Virginia) Dunque, mi faccia capire bene, lei aspirava a sua volta a diventare l’amante della vittima?

Virginia                          :Ma nemmeno per sogno …. Io aspiravo a diventare l’amante della sua amante!!

Ispettore                         :(Inebetito) Di chi?!?

Virginia                          :Noo!! Di Lina.

Ispettore                         :(c.s.) Messa Natalina.

Lina                                :Messa Lina!!

Virginia                          :Esatto. Solo che lei sembrava avere occhi solo per lui ….. respingeva sempre le mia avances …….

Voce                               :La prima bruma procedeva prudente, pressando e prostrando i primi preludi di pratici ….

Asso                               :Di nuovo?!?!

Voce                               :(Schiarendosi la voce) La nebbia sembrava lentamente sollevarsi dai pensieri confusi del capitano ….

Ispettore                         :Ma che sta dicendo?

Asso                               :Che sta cominciando ad intuire qualcosa …..

Ispettore                         :Io?! Ma davvero?!? E cosa esattamente?!?

Asso                               :Beh, intanto abbiamo dei moventi per il delitto.

Ispettore                         :(Alle donne) Sembra che tranne la signora Tristi, tutte voi abbiate almeno un movente per l’uccisione del signor Chi.

Asso                               :Anche lei potrebbe avere avuto un motivo per compiere il delitto, e noi della famiglia lo sappiamo bene.

Ispettore                         :(Ad Agata) Davvero?

Agata                             :Davvero cosa?

Ispettore                         :Ha sentito cos’ha detto Chiasso?

Agata                             :Chi??

Asso                               :(Quasi cantilenando) Non mi possono vedere, non mi possono sentire!!!

Ispettore                         :Anche lei, signora Tristi, aveva un motivo per eliminare il signor Chi?

Agata                             :(Fingendo) No, non mi pare ….  Mi ricordo solo che il padre di Chi lasciò con indifferenza che fallisse una florida attività che aveva iniziato la mia famiglia….

Asso                               :(Sarcastico) Si, florida …come no!!

Ispettore                         :Di che attività stiamo parlando?

Agata                             :Era una bellissima pensione, “La locanda dei Tristi”.

Ispettore                         :La locanda dei tristi?

Asso                               :Con un nome così era destinata a fallire da sola ….

Agata                             :Un bellissimo albergo sempre ben frequentato …..

Asso                               :Certo, tutti attirati dal nome!!

Ispettore                         :Un’attività non fallisce solo per un nome sbagliato ….

Asso                               :Se però ci aggiungi che stava di fianco al vecchio cimitero ….

Agata                             :Ci veniva sempre gente vestita elegantemente……..

Asso                               :Erano i parenti dei defunti per i funerali ….

Ispettore                         :E cosa è successo? Perché è fallita?

Agata                             :Un giorno, così all’improvviso, tutto è cambiato; la gente smise di venire alla “Locanda dei Tristi”.

Asso                               :E’ successo il giorno che hanno inaugurato il nuovo cimitero.

Agata                             :Mio padre cercò in tutti i modi di continuare, ma fu tutto inutile. Allora chiese aiuto ai Chi, però da loro abbiamo avuto solo promesse e nient’altro. Alla fine, oppresso dai debiti, lui e suo fratello si sono impiccati dentro la locanda. (Si commuove al ricordo)

Ispettore                         :Mi dispiace….

Agata                             :Il peggio è che in seguito la locanda fu rilevata dai Chi e trasformata in uno dei loro ristoranti “La trattoria dei tristi impiccati”

Ispettore                         :(Ad Asso) Complimenti agli avi, una famiglia col gusto del macabro.

Asso                               :Gli affari sono affari!!

Ispettore                         :(Alle donne) Ricapitolando, sembra che ognuna di voi avesse un ipotetico valido motivo per uccidere Chi!! (A Mera) E lei signora, cosa mi dice del suo matrimonio? Il vostro si sarebbe potuto definire un matrimonio felice?

Mera                               :Non ho nessun dubbio in merito, Odino mi ha sempre amato in un modo esagerato!!

Ispettore                         :Odino? E chi è?

Chi                                 :(Si rialza un attimo seduto) Come chi è? Sono io Odino!! (E si sdraia nella stessa posizione di prima)

Ispettore                         :(Si gira sorpreso, poi nota che nessuno dei presenti sembra aver notato nulla, si rigira verso Mera ma con la coda dell’occhio guarda Chi)

Mera                               :Odino è mio marito, naturalmente.

Ispettore                         :Eh già, che stupido sono. Chi-Odino. (Sarcastico) Ma come ho fatto a non pensarci? Mi scusi, signora, continui pure.

Mera                               :Fin dall’inizio per lui sono stata come un sogno proibito ….

Ispettore                         :La sua Chi-Mera …

Voce                               :Delle qualità di comico del capitano si è già detto in precedenza ….

Mera                               :…. Mi vedeva lontana, quasi irraggiungibile!!

Asso                               :Per forza, era monaca in un convento di clausura ….

Ispettore                         :(Incredulo) Lei era una monaca?!?

Mera                               :E lei come lo sa, scusi?

Ispettore                         :Diciamo che ho le mie fonti d’informazione.

Mera                               :Comunque è vero, ero monaca in un convento di clausura. Un giorno, non mi ricordo nemmeno per quale particolare motivo, il convento si rivolse per un servizio ad uno dei ristoranti dei Chi ….

Ispettore                         :La “Trattoria dei tristi impiccati”

Mera                               :No, no, un altro ristorante, al “Chi non risika” ….

Ispettore                         :Chi non risika?

Chi                                 :(Mettendosi seduto) Certo, ai Chi non è mai piaciuto il Risiko! (E si sdraia nella stessa posizione di prima)

Ispettore                         :(Si gira di nuovo stupito verso Chi, poi guarda le donne ed Asso che sembra non abbiano notato nulla)

Mera                               : ….. la mattina che venne effettuata la consegna ero io di turno all’ingresso al convento. Mi ricordo ancora benissimo quella tempestosa mattina di gennaio (ricordando) un tempo da lupi … sentii bussare ….. e non appena terminato di dire la frase rituale “con ‘sta pioggia e con ‘sto vento chi è che bussa a ‘sto convento” si spalancò il portone e mi apparve lui, Odino, bellissimo, avvolto in una tempesta di neve come un Dio nordico!!

Asso                               :E beh, Odino!

Mera                               :Mi innamorai di lui in un secondo, ed anche per lui fu un vero e proprio colpo di fulmine.

Ispettore                         :Ma se lei aveva preso i voti, come avete fatto poi invece a sposarvi?

Mera                               :Beh, sa com’è, i voti si prendono, si danno. E’ bastata una generosa offerta all’Ordine del convento e fui di nuovo libera di poter convolare a nozze.

Ispettore                         :Sì, chiaro. Ma mi spieghi una cosa: se il suo matrimonio funzionava così bene, come mai il signor Chi si era fatto un’amante?

Lina                                :Ma guardi che io non sono un’amante reale, io sono un’amante virtuale!!

Ispettore                         :Eh?!?!

Mera                               :Lina non è mai stata una vera amante di Odino, lo abbiamo solo fatto credere in giro.

Ispettore                         :(Le guarda allibito) E per quale assurdo motivo avete fatto una cosa del genere?

Mera                               :Ma perché non potevo accettare che al circolo del polo dove siamo soci, le altre mogli potessero pensare che lui non aveva una relazione. Anche mio marito era perfettamente in grado di mantenere un’amante.

Lina                                :Il problema era che Odino non avrebbe mai accettato una situazione del genere, per cui io e Mera abbiamo deciso che io dovessi fingermi sua amante senza coinvolgere lui.

Ispettore                         :Fatemi capire, lei, su richiesta della moglie, si è finta amante del marito senza che lui ne sapesse nulla?

Mera                               :Esattamente, una situazione perfetta!!

Ispettore                         :(Guarda un attimo incredulo le due donne, poi guarda Chi ed infine rivolgendosi ad Asso) Ma cos’è, uno scherzo? Vi state tutti divertendo a pigliarmi per i fondelli?

Asso                               :Assolutamente no, ci mancherebbe!

Ispettore                         :(Guarda perplesso Asso, poi guarda allo stesso modo Chi, poi rivolgendosi a Virginia) Mettiamo che la storia sia vera, se lei (indicando Lina) era una finta amante di Chi, non vedo quali ostacoli ci potevano essere al suo di amore….

Virginia                          :Ma come, è chiaro che a quel punto non sarebbe più stato un amore impossibile, avrebbe perso tutta quella valenza che aveva ai miei occhi

Ispettore                         :Cosa?!’

Virginia                          :Ma sì, il vertiginoso fascino dell’amore proibito, per cui travolgentemente desiderabile ……

Ispettore                         :(Sbottando) Bastaa!! Stop!!

Voce                               :Il Capitano decise di dare una secca svolta alle indagini.

Ispettore                         :(Guardando verso l’alto) Con te facciamo i conti dopo!! Allora, lasciamo perdere per ora il movente. (Passandosi le mani nei capelli si avvicina pensieroso a Chi)

Voce                               :Questo era il suo solito gesto scaramantico: davanti ad ogni indagine complicata il Capitano usava passarsi le dita delle mani tra la folta chioma …….

Ispettore                         :(A muso duro verso l’alto) Che fai, sfotti!?!

Voce                               : …. Usava passarsi le mani tra i capelli per raccogliere le idee ed avere quella botta d’intuito che lo aveva sempre aiutato nei casi più difficili.

Ispettore                         :(Si ferma di colpo illuminato, poi si gira verso Asso e gli si avvicina a grandi passi)

Voce                               :Ed anche questa volta funzionò, la botta arrivò!!

Ispettore                         :(Inciampa nei propri passi, poi guardando verso l’alto) Non è che porti pure sfiga?!? (Ad Asso) Tu dici di essere uno spirito ….

Asso                               :Io sono uno spirito drago protettore!!

Ispettore                         :Ah .. e quindi tu lo sai chi ha ucciso Chi!!!

Asso                               :(Indietreggiando) Io lo so??

Ispettore                         :Sì, sono sicuro che tu lo sai!!

Asso                               :Sì, io lo so!!

Ispettore                         :Dunque, chi è stato?

Asso                               :Non posso dirlo, non mi è concesso.

Ispettore                         :Perchè?!?

Asso                               :Non posso interferire direttamente con le vicende umane, se non quando un Chi è in pericolo ....

Ispettore                         :(Indicando Chi) Beh, non è che funzioni un gran che ....

Asso                               :(Giustificandosi) Che c'entra, non avevo ancora ricevuto l'incarico quando è stato ucciso.

Ispettore                         :Ma se eri qui quando è morto!!

Asso                               :No, non è vero, l'hai detto anche tu che il cadavere "giaceva scomposto ormai da diverse ore"....

Ispettore                         :Non l'ho detto io, (indicando in alto) l'ha detto lei!

Asso                               :Ma tu l'hai toccato ed hai detto che era freddo gelato!

Ispettore                         :(Girandosi verso Chi e guardandolo pensieroso) E' vero!

Coro                               :La prima bruma procedeva prudente, pressando e prostrando .....

Ispettore                         :Silenzio!!! (Dopo un attimo di silenzio, come parlando a sè stesso) E' presumibile pensare che l'omicidio sia stato compiuto nel primo pomeriggio, diciamo intorno alle quindici .....

Chi                                 :(Mettendosi seduto) Erano le quattordici e venti, me lo ricordo benissimo. (E si sdraia come prima)

Ispettore                         :(A Chi) Grazie. (Alle donne) Dunque, ditemi, dove vi trovavate esattamente alle quattordici e .... (si blocca di colpo, realizzando si volta verso Chi)

Chi                                 :(Rimane immobile sdraiato come prima)

Ispettore                         :(Guarda Chi, poi le donne, poi Asso, quindi ancora Chi poi le donne ed ancora Asso, ma nessuno di loro sembra aver notato nulla, quindi ironico) Naturalmente nessuno di voi ha notato nulla, vero?!

Asso                               :(Fischiettando finge indifferenza e si volta da un'altra parte)

Coro                               :Mute le muse a macerare memoria, maturo il martire messo a mendicare miseria, mente mentendo e mischia mestiere con mille moine e morale malsana, Marte e Mercurio menan mestizia, per morte malata di mala malizia.

Ispettore                         :Mi avete tolto le parole di bocca! (Si avvicina a Chi egli mette due dita sotto la gola per sentire il battito) Morto naturalmente! Morto che parla!! (Ritornando dalle donne) Dunque, dicevamo ... dov'eravate alle quattordici e venti?

Mera                               :Eravamo nella sala da gioco.

Ispettore                         :Tutte e quattro?

Mera                               :Sì.

Ispettore                         :Stavate giocando a carte?

Mera                               :No, eravamo impegnate nel "chi l'ha fatto".

Ispettore                         :E cioè?

Virginia                          :E' un gioco tanto semplice quanto coinvolgente: ci si benda gli occhi, si indossano dei capi firmati e poi, toccandosi, si cerca di capire il modello e lo stilista che l'ha disegnato.

Ispettore                         :(Guardandole perplesso) Ma se siete vestite tutte di nero!!

Lina                                :Certo, abbiamo dovuto cambiarci per il lutto.

Ispettore                         :Fatemi capire, siete venute alla villa con un vestito a lutto per un morto che ancora non c'era stato?!?

Agata                             :Bisogna sempre essere adeguate ad ogni evenienza.

Voce                               :Il capitano si stava sempre più convincendo che quella non sarebbe proprio stata un'indagine come le altre.

Ispettore                         :(Verso l'alto ironico) Ma va?!? (Alle donne) Comunque all'ora del delitto. voi vi trovavate tutte insieme, giusto?

Coro                               :Giusto!

Asso                               :Sbagliato!!

Ispettore                         :Perchè sbagliato?

Asso                               :Erano tutte nella stessa stanza, dicono loro, ma erano anche tutte bendate, per cui non possono escludere che una di loro ne abbia approfittato per allontanarsi qualche minuto indisturbata, compiere il delitto e tornare nella stanza senza che le altre se ne accorgessero.

Ispettore                         :(Studiando Asso pensieroso) Potrebbe essere .....

Mera                               :Cosa potrebbe essere?

Ispettore                         :Qualcuna di voi si pùo essere allontata approfittando del fatto che le altre tre erano bendate.

Mera                               :Impossibile. Durante il "chi l'ha fatto" le regole prevedono che ci sia tra le partecipanti un contatto continuo, proprio per rilevare col tatto quei dettagli che potrebbero aiutare nell'individuare lo stilista che ha fatto l'abito.

Ispettore                         :(Guardandole perplesso) Mi piacerebbe proprio sapere chi è l'ideatore di questo gioco!

Lina                                :Chi.

Ispettore                         :Chi l'ha inventato!

Lina                                :Appunto Chi, il signor Chi. E' un gran burlone, in fondo.

Asso                               :Era ... un burlone!!

Ispettore                         :Chi ha fatto "chi l'ha fatto".

Voce                               :Il capitano sembrava aver perso di vista il punto cruciale della questione ....

Ispettore                         :(Verso l'alto) Non sto perdendo di vista un bel nulla, era solo una battuta.

Voce                               :Ecco, questo era proprio un suo difetto, era tutto tranne che un fine umorista, le sue battute si rivelavano regolarmente un disastro.

Ispettore                         :Ma come sei simpatica!!

Coro                               :Vacuo e vano il vagheggiar vagando, vanesio vaneggiar di varie venture,vuota visione di vigor vetusto, volto a violare virtuose verità e volgere al volgo una vuota volontà.

Ispettore                         :(Ad Asso) Cosa dicono?

Asso                               :(Dopo un attimo d'esitazione) Meglio se non te lo dico!

Ispettore                         :Ma che bella conbricola di simpaticoni!! (Alle donne) Avanti, vi invito a mostrarmi com'è questo gioco!

Virginia                          :Ma.... vuole che giochiamo qui adesso?

Ispettore                         :Sì, voglio vedere con i miei occhi come si svolge in pratica questo gioco!

Agata                             :Ma non dovremmo essere bendate?!

Ispettore                         :Chiudete gli occhi e fingete di esserlo.

Agata                             :Ma dovremmo cambiarci d'abito ....

Ispettore                         :(Guardando in alto) Non è che tu hai un sacco di pazienza da prestarmi? Perchè la mia l'ho quasi finita! (Ad Agata) Non importa, fingete di avere indosso un capo firmato, voglio solo vedere una cosa. Forza, su!!!

Le quattro donne si dispongono a quadrato,una di fronte all'altra, abbastanza vicine da potersi toccare

a destra e a sinistra.

Ispettore                         :Bene, adesso tenete gli occhi chiusi, io vi sposterò in una nuova posizione in modo che nessuna di voi sappia chi ha di fianco.

L'ispettore comincia a spostare le donne togliendo Mera dal gruppo, e sistemando le altre in modo che

 siano abbastanza vicine da toccarsi)

Ispettore                         :Adesso potete iniziare a toccarvi.......

Le tre donne allungano una mano a destra e l'altra a sinistra fino a toccarsi ed iniziano ad esplorare i

vestiti di chi sta al loro fianco)

Ispettore                         :Allora, signora Virginia, è così che si svolge il gioco?

Virginia                          :Sì, ma con un po' più di charme!

Ispettore                         :Vi state toccando tutte?

Virginia                          :Sì.

Lina                                :Sì.

Agata                             :Sì.

Ispettore                         :Bene, adesso potete aprire gli occhi.

Le tre donne aprono gli occhi e si guardano stupite di ritrovarsi in tre.

Ispettore                         :Visto? Asso potrebbe aver ragione!

Mera                               :Asso? Chi è Asso?

Asso                               :(Quasi canlenando) Non mi vedono ....

Ispettore                         :Sono io Asso, ho l'abitudine di chiamarmi Asso quando ho un'intuizione geniale.

Voce                               :Quando appunto si diceva che il capitano non brillava certo per il suo umorismo ....

Agata                             :(A Mera) Ma allora sei stata tu ad uccidere tuo marito?

Mera                               :Ma stai scherzando?!? Perchè io?

Agata                             :Sei uscita di nascosto dal gruppo ....

Mera                               :Non sono uscita, (indicando l'ispettore) è lui che mi ha messo di lato!!

Ispettore                         Volevo solo avere la prova che chiunque di voi potrebbe aver commesso il delitto. Tutte avete un movente, nessuna ha un alibi.

Mera                               :Io non ho un movente!

Lina                                :Anch'io non ho nessun motivo per averlo fatto!

Virginia                          :Figuratevi io se avevo qualche ragione per ucciderlo.

Mera                               :E poi mi ricordo benissimo che alla mia destra avevo riconosciuto le maniche di uno Shi Jie!

Ispettore                         :Di un cosa?

Mera                               :Uno Shi Jie. Ci siamo dimenticate di dirle che, essendo mio marito un appasionato cinesofilo, gli abiti che si devono indossare durante il gioco devono essere rigorosamente di stilisti cinesi.

Ispettore                         :Pure!! E chi indossava lo scisce?

Lina                                :Shi Jie!! Io indossavo lo SHI Jie! E alla mia destra c'era il giro manica di Chang Yu Jin!!

Ispettore                         :Prego?!?

Virginia                          :Chang Yu Jin, l'avevo indossato io ... e alla mia destra c'erano le balze di Uma Wang ...

Mera                               :Io indossavo il modello di Uma Wang!!

Ispettore                         :(Ad Agata, sospettoso) E lei Agata, che cosa indossava?

Agata                             :(Tentennante) Masha Ma .....

Ispettore                         :Qualcuna di voi ha individuato questo mascialam?

Mera                               :Io no!

Lina                                :Io no!

Virginia                          :Nemmeno io!

Tutti si fermano con uno sguardo accusatorio verso Agata

Agata                             :Ma no, io .......

Voce                               :No! No! No! Così non va proprio! Troppo banale, troppo semplice ....

Forte rumore di carta strappata, Chi si alza ed insieme alle quattro donne ed Asso assume una

posizione ed un espressione vuota, assente, neutra.

Voce                               :Che razza di giallo può mai essere questo? Non un filo di suspance, non un intrigo, non c'è proprio nulla. Basta!!

Chi, le quattro donne ed Asso escono dalla scena come degli zombie.

Ispettore                        :(Alquanto perplesso) Ma ...... che succede?! Cosa state facendo? Ma dove state andando ..... aspettate ....... Asso ..........

Voce                               :Bene. Ricominciamo da capo!!

Ispettore                         :Da capo?!?!?!

SIPARIO

SECONDO ATTO

Apertura sipario

In scena c'è l'ispettore nella stessa posizione in cui era alla fine del primo atto.

Voce                               :(Con enfasi)La prima bruma procedeva prudente, pressando e prostrando i prati precoci in quel principio di ......

Asso                               :(Fuori scena a destra) Ancora?!?

Ispettore                         :(Verso l'uscita di destra) Asso!!

Voce                               :Scendeva la prima pallida nebbia su quella serata di fine marzo.Il silenzio che circondava villa Sartori venne squarciato all'improvviso ........

Forte grido di donna fuori scena.

Ispettore                         :(Allarmato) Chi ha urlato?

Voce                               :Il capitano Tortora era giunto in villa quasi immediatamente dopo la chiamata ricevuta .....

Ispettore                         :(c.s.) Chi ha urlato?!?

Voce                               : ....... dato che si trovava già in zona per una battuta di "bird watching" e ....

Ispettore                         :(Risentito) Non faccio "bird watching"!

Voce                               :Tipo curioso il capitano Tortora ....

Ispettore                         :(Sbottando) Basta!!!

Voce                               : ..... ma lo conosceremo meglio in seguito.

Asso                               :(Entra da destra) Buonasera Ispettore.

Ispettore                         :Oh Asso, ma dov'eri finito?

Asso                               :(Si blocca stupito) Ma ... ci conosciamo...?!?

Ispettore                         :Cosa fai, lo spiritoso?

Asso                               :(c.s.) Come fa a sapere il mio nome?

Ispettore                         :Ma se me l'hai detto tu, prima!

Asso                               :(Studiandolo) Allora ci siamo già conosciuti?

Ispettore                         :(Con finta calma) Sì, prima.

Asso                               :In qualche vita precedente?

Ispettore                         :(Guardandolo dubbioso) Ma stai scherzando o cosa?!?

Asso                               :Io non mi ricordo di lei ....

Ispettore                         :Sei Chiasso dei Chiavi.

Asso                               :(Lo guarda stupito)

Ispettore                         :Sei uno spirito drago. Draghetto.

Asso                               :Lei ha dei poteri medianici?

Ispettore                         :Sei stato mandato dagli avi della famiglia a proteggere il signor Chi, ma sei arrivato troppo tardi.

Asso                               :(Allarmato) Perchè troppo tardi?

Ispettore                         :Chi è morto.

Asso                               :Non lo so ...

Ispettore                         :Cosa non sai?

Asso                               :Chi è morto, io ho sentito solo un grido di donna ....

Ispettore                         :No! Non chi è morto, domanda, ma Chi è morto, affermazione.

Asso                               :Non può essere, il signor Chi è vivo.

Ispettore                         :In effetti si comporta come se lo fosse, ma è completamente freddo e non ha battito cardiaco. Un morto non morto, insomma.

Asso                               :Ma non è possibile ... e come sarebbe morto?

Ispettore                         :Si direbbe ammazzato. E qui si ritorna alla questione iniziale: chi ha ucciso Chi?

Voce                               :Il capitano non brillava certo per il suo senso dell'umorismo ....

Asso                               :Chi ha parlato?

Ispettore                         :Che fai, ricominci? L'hai detto tu che questa è la voce narrante di un romanzo .... giallo ... dramma ....

Colpo di pistola fuori scena.

Ispettore                         :(Spaventato) Chi ha sparato?

Asso                               :(Correndo fuori a sinistra) Non chi ha sparato, ma hanno sparato a Chi .....

Ispettore                         :(Comincia a toccarsi le tasche dell'impermeabile)

Voce                               :Il capitano si rese conto, allarmato, di essere uscito senza la sua pistola d'ordinanza. L'aveva volutamente lasciata a casa. Non pensava certo gli potesse servire durante una battuta di "bird watching" ..

Ispettore                         :Non faccio "bird watching"!!!

Mera                               :(Entra da sinistra urlando agitatissima) Hanno sparato a mio marito! Mio Dio, gli hanno sparato! (Ed esce di nuovo a sinistra)

Ispettore                         :Ma come gli hanno sparato, ma se era già morto ....

Agata                             :(Entra da sinistra, urlando agitatissima) Hanno sparato a mio cugino! Mio Dio, gli hanno sparato! (Ed esce di nuovo a sinistra)

Ispettore                         🙁 Si avvia verso sinistra) Ma figuriamoci, chi è così fesso da sparare ad uno già morto ....

Chi                                 :(Entra da sinistra, urlando agitatissimo) Hanno sparato a mé stesso! Mio Dio mi hanno sparato! (Ed esce di nuovo a sinistra)

Ispettore                         :(Si blocca inebetito)

Voce                               :La situazione stava prendendo una piega del tutto inaspettata ...

Asso, Mera, Lina, Virginia ed Agata rientrano da sinistra, portando a braccia Chi che ha una vistosa

 ferita  sulla tempia sinistra come un foro di proiettile nero, contornato da pochissimo sangue, con un

piccolo rivolo di sangue che scende fino alla guancia.

Coro                               :Gemete genti, gentili e giuste giungan le gemenze al giaciglio del giacente, ormai gelido giglio già giunto al giorno del giusto giudizio. (Depongono a terra Chi)

Ispettore                         :(Ad Asso) Cosa dicono?

Asso                               Le giaculatorie.

Ispettore                         :E piantala!

Asso                               :Piangono la morte di Chi.

Ispettore                         :Un'altra volta? Ma se era già morto!

Chi                                 :(Mettendosi seduto a terra mostra la ferita alla tempia) Ah sì?! E questa allora? Qualcuno mi ha sparato!!

Ispettore                         :(Studiando la ferita) E chi le ha sparato?

Chi                                 :E come faccio a saperlo? Io stavo dormendo.

Ispettore                         :Le hanno sparato mentre dormiva?!

Coro                               :Vile e volgare il vilipendio voluto, volto a violare  vita e virtù, in vano versato il vino vitale da vuote vene in vigliacchi vasi di vetro velati di vento.

Ispettore                         :Velati di vento?

Asso                               :Licenza poetica!

Ispettore                         :(A Chi) Come fa a dire che le hanno sparato se stava dormendo?

Chi                                 :(Indicando di nuovo la ferita) Questa non mi sembra certo la puntura di una zanzara!

Voce                               :Al capitano non restava che arrendersi all'evidenza. Ma non sfuggì al suo attento spirito d'osservazione, frutto di anni e anni di "bird watching", un particolare davvero interessante ....

Asso                               :Lei fa "bird watching"?

Ispettore                         :(Sta per controbattere, poi rassegnato) Sì, faccio "bird watching".

Asso                               :Ah, e qual'è questo particolare interessante?

Ispettore                         :(Si guarda in giro un po' smarrito come a cercare qualcosa, poi guarda quasi implorante verso l'alto)

Voce                               : ..... non sfuggì al suo acuto spirito d'osservazione un particolare davvero importante .....

Ispettore                         :(c.s.) Si può avere un aiutino?

Asso                               :Sì, la telefonata a casa o l'aiuto del pubblico, ma cos'è un gioco a premi?

Ispettore                         :Zitto tu!!

Voce                               : ... la ferita di Chi risultava essere davvero particolare ....

Ispettore                         :(Si avvicina a Chi e studia la ferita) E' vero, si vede il foro d'entrata del proiettile ..... ho capito, non c'è il foro d'uscita ...

Voce                               :(Con tono di rimprovero) Al capitano non era sfuggito il fatto che dalla ferita era uscito pochissimo sangue!!

Ispettore                         :Appunto! Ma certo, lei ha perso pochissimo sangue per una ferita del genere!

Chi                                 :Non ho capito, mi sta accusando di non essermi dissanguato?

Ispettore                         :Ma no, dico solo che normalmente, da un colpo di pistola alla tempia, esce una quantità enorme di sangue, mentre lei ha solo un piccolo rivolo.

Chi                                 :E con questo?

Ispettore                         :Lei era già morto quando le hanno sparato.

Chi                                 :(Ironico) Lei non può capire quanto questa cosa mi tiri su il morale.

Coro                               :Triste e tremendo, a tratti troppo tortuoso. Turbante trama di tragiche tresche, travolge e trasforma in truculente trovata un troppo trascurato tradimento.

Ispettore                         :(A Chi) Ma lei cosa si ricorda di preciso?

Chi                                 :L'ultima cosa che ricordo è che me ne stavo seduto alla scrivania dello studio e stavo bevendo il mio solito the. Poi buio assoluto.

Voce                               :Un altro campanello d'allarme scattò nella testa del capitano ....

Ispettore                         :(Sbuffando spazientito) Possiamo essere un po' meno ermetici?!

Voce                               : ..... qualcuno poteva aver servito a Chi un the particolare ...

Ispettore                         :Vero! Si ricorda chi le ha servito il the?

Mera                               Ho portato io il the a mio marito, come sempre.

Ispettore                         :(A Mera) Ah, e l'ha preparato lei stessa?

Lina                                :No, io l'ho preparato, come sempre.

Ispettore                         :(A Lina) Ah, ed è un the che ha portato lei?

Virginia                          :No, io l'ho acquistato, come sempre.

Ispettore                         :(A Virginia) E dove l'ha comprato questo the?

Agata                             :Io sono la sua erborista, come sempre.

Ispettore                         :Già, chissà come mai lo immaginavo. (A Chi) Dunque, lei potrebbe essere stato avvelenato da un the che le ha dato lei (indica Mera), preparato da lei (indica Lina), portato da lei (indica Virginia) e confezionato da lei (indica Agata).

Chi                                 :Beh, adesso è più chiaro, sì!

Ispettore                         :(Si siede con la testa tra le mani in un pianto isterico)

Voce                               :Il capitano fu preso da un attimo di sconforto ....

Asso                               :Sempre ammettendo che il the fosse avvelenato.

Ispettore                         :(Alzandosi in piedi risoluto) Basta! Ecco come procederemo: si farà analizzare il the che ha bevuto il signor Chi e vedremo se c'è o meno del veleno, (indicando le donne) con voi eseguiremo l'esame del guanto di paraffina e scopriremo chi di voi ha sparato, ed infine sasrà l'autopsia a dirci come è morto Chi.

Chi                                 :Autopsia? Vuol dire che mi vuole tagliuzzare come un pollo?

Ispettore                         :Lei è morto!!

Chi                                 :Ho capito, ma ho pur sempre una certa dignità e ancora un po' di amor proprio.

Voce                               :Quando ecco, all'improvviso, senza che nessuno se lo immaginasse, arrivò il colpo di scena ....

Ispettore                         :(Guarda verso l'alto, poi si guarda intorno in attesa e dopo un po') Beh?! Arriva o non arriva 'sto colpo di scena?

Lina                                :Non serve fare nessuna analisi, capitano.

Ispettore                         :Ah no? E perchè?

Lina                                :Adesso le dico come sono andate le cose.

Ispettore                         :Mi dispiace signora, ma devo fermarla un attimo, prima di tutto non le ho ancora detto quali sono i suoi diritti, poi non posso ascoltarla se non in presenza di un avvocato.

Voce                               :Come al solito emergeva la pignoleria del capitano sui regolamenti.

Ispettore                         :(Verso l'alto) Ma quale pignoleria, se non faccio così la confessione non ha nessun valore legale.

Lina                                :Ma la mia non è una confessione, ma una precisa accusa.

Ispettore                         :A maggior ragione allora, lei come amante del signor Chi potrebbe anche voler falsare le indagini ....

Mera                               :(Avvicinandosi minacciosa a Lina) Tu sei l'amante di mio marito?! Sei tu?! Brutta serpe velenosa ... vigliacca .....

Ispettore                         :(Si mette tra le due donne) Ferma!! Cosa fa adesso, la scena madre?

Mera                               :(Cercando di colpire Lina) Questa traditrice ... poco di buono .... eri tu la sua amante .....

Ispettore                         :Ma scusi, non capisco, eravate daccordo no? E' stata lei a volerlo!

Mera                               :(Si ferma e guardando malissimo l'ispettore) Ma cosa sta dicendo? Ma è pazzo? Io avrei dovuto volere che questa ....... fosse l'amante di mio marito?!? Ma si rende conto di quello che dice .... non so che tipo di gente frequenta lei, ma le assicuro che non è così che vanno le cose!!

Voce                               :Il capitano si rese conto di aver fatto una gaffe enorme ....

Ispettore                         :(Verso l'alto) E chissà di chi sarà la colpa.

Mera                               :Cosa vuole insinuare?

Ispettore                         :No scusi, non dicevo a lei! Adesso voglio che lei si calmi un attimo, e voglio che voi quattro andiate di là, nello studio. Poi in presenza di almeno un avvocato, continueremo questa chiaccherata. (Spinge le quattro donne verso l'uscita di sinistra)

Mera                               :(A Chi) E tu non pensare di cavartela così .... con te facciamo i conti dopo, te la faccio pagare questa!!

Chi                                 :Ma se sono già morto!

Mera                               :Non basta, brutto farabutto traditore.

Le quattro donne escono a sinistra.

Chi                                 :Ha sentito anche lei, mi ha minacciato!

Ispettore                         :Certo, ha minacciato di farla pagare ad uno che è già morto! Se la racconto in giro, questa, non mi crede nessuno.

Chi                                 :E se facesse parte di una sua scena?

Ispettore                         :Ma perchè, lei sospetta di qualcuna di loro?

Chi                                 :Beh ... no, nessuna in particolare, perchè lei sì?

Ispettore                         :Non importa quello che penso io. Resta il fatto, però, che tra quelle quattro donne c'è ne una che l'ha avvelenata, ed una che le ha sparato.

Chi                                 :Tutto questo affetto mi travolge.

Asso                               :E se si trattasse della stessa persona?

Ispettore                         :Potrebbe essere, ma perchè allora dopo il veleno prendersi anche il rischio di venire scoperta sparando?

Asso                               :Per essere sicura del risultato finale.

Ispettore                         :No, sono più portato a pensare che siano due differenti persone ad aver agito.

Chi                                 :Ma con chi sta parlando?

Ispettore                         :(Sorpreso) Io? Sto parlando con ... mé stesso. E' una moderna tecnica di indagine. Sto facendo dei ragionamenti.

Chi                                 :E  non le viene il sospetto che, trattandosi di due persone diverse, potrebbero aver agito di comune accordo?

Ispettore                         :Lei pensa?

Chi                                 :Certo che penso, sono morto, non scemo, ma che domande fa?

Ispettore                         :No, intendevo dire lei pensa che potrebbero aver agito d'intesa?

Chi                                 :Perchè no? Anche perchè in questo modo nessuna delle due potrebbe essere accusata direttamente del delitto.

Ispettore                         :Ci sarebbe comunque l'accusa di tentato omicidio. E poi comunque l'autopsia chiarirà sicuramente come lei è morto.

Chi                                 :(Spaventato) Ancora con questa storia? Le ripeto che non mi va di essere aperto in due come un cocomero!

Ispettore                         :Non credo lei abbia molta scelta.

Voce                               :Faceva strano al capitano trovarsi a discutere di un'autopsia con chi la doveva subire. Ma poi la sua attenzione fu catturata da un nuovo fatto inquietante .....

Ispettore                         :(Verso l'alto) Oh no, che succede adesso?

Chi                                 :Perchè, che succede?

Colpo di pistola fuori scena.

Ispettore                         :Ancora?!?! Chi ha sparato?

Chi                                 :Io no, e nemmeno hanno sparato a me. Ma come faceva a saperlo?

Ispettore                         :A sapere cosa?

Chi                                 :Che avrebbero sparato.

Ispettore                         :(Toccandosi le varie tasche dell'impermeabile) Ho tirato ad indovinare ...

Voce                               :Il capitano si rese conto, allarmato, di essere uscito senza la sua pistola d'ordinanza. L'aveva volutamente lasciata a casa. Non pensava ......

Ispettore                         :Sì, l'hai già detto! Il "bird watching".

Chi                                 :Ma non va a vedere chi ha sparato?

Ispettore                         :Purtroppo al momento sono disarmato e per i miei gusti di là si spara un po' troppo facilmente.

Asso                               :Un poliziotto disarmato? Ma come lavora?

Ispettore                         :(Ad Asso) Perchè non vai tu?

Chi                                 :Non posso, sono già morto.

Asso                               :Non posso allontanarmi, il mio compito è proteggere il signor Chi:

Ispettore                         :Ah sì? E critichi me? Guarda il tuo di lavoro!! Il tuo protetto è già stato ammazzato tre volte da quando sei qui, se non è un record questo.

Chi                                 :Perchè invece di parlare da solo non si da una mossa?

Voce                               :Ancora una volta gli eventi vennero in aiuto al capitano .....

Ispettore                         :Ecco, brava!

Mera, Virginia e Agata entrano portando a braccia Lina che è morta, e la depositano vicino a Chi.

Coro                               :Insulsa iconografia di idolatrata ignominia che inpera d'immolare un impossibile e inadeguato innocuo inganno a inquietante incubo .....

Ispettore                         :Fatela finita! Cosa è successo?

Agata                             :Mera ha sparato a Lina!

Chi                                 :Cosa?

Ispettore                         :Le ha sparato?!

Mera                               :(Impulsiva a Chi) Certo le ho sparato, e sparerò anche a te!!

Chi                                 :Un'altra volta? L'hanno già fatto!

Ispettore                         :(Bloccando Mera) Ferma, basta! Si calmi e mi dia la pistola!

Mera                               :(Guardandosi le mani) Non ce l'ho .... non so dov'è finita ...

Ispettore                         :(Ad Agata e Virginia) Dov'è la pistola?

Virginia                          :Noi non lo sappiamo ...

Agata                             :Eh no, non lo sappiamo ....

Ispettore                         :Ma insomma, c'è in giro una pistola che spara a destra e sinistra e nessuno sa dove sia?

Asso                               :Veramente è lei l'ispettore qui ....

Ispettore                         :Certo, ma un po' di collaborazione non guasterebbe. (Rivolgendosi a Mera) Perchè ha sparato a Lina?

Mera                               :Certo che lei ha un bel coraggio, prima mi dice che questa poco di buono è l'amante di mio marito e poi mi chiede perchè le ho sparato?!

Asso                               :Quando una ha ragione, ha ragione.

Ispettore                         :Zitto tu!

Asso                               :Guardi che non è colpa mia se le sue disattenzioni hanno causato un'altra vittima.

Ispettore                         :Non diciamo fesserie. (A Mera) E può essere che per lo stesso motivo lei abbia sparato anche a suo marito?

Mera                               :No, non ancora!

Ispettore                         :Cosa vuole, ammazzare uno che è già morto?

Chi                                 :Una volta in più che differenza vuole che faccia?

Coro                               :Fine funesta di fragile farfalla. Festosa e felice filava tra frasche.

Ispettore                         :Sì, la vispa Teresa correa tra l'erbetta!!

Coro                               :Fallace falena a cui fu fatale fare famiglia in facile fede. Fase finale di futile fama, fermata e fissata in fronte come faziosa frase.

Ispettore                         :Ma che cavolo dicono sempre queste?

Asso                               :Che la signora è più una vittima che un carnefice.

Ispettore                         :Ah sì? A me sembra che le vittime siano altre!

Voce                               :Comunque al capitano non tornavano i conti. Aveva due cadaveri e per ora un solo colpevole.

Ispettore                         :Sempre simpatica questa. (A Mera) Signora, le devo chiedere di prepararsi una borsa da portare con sé quando arriveranno i miei colleghi.

Mera                               :(Smarrita) Ma perchè, mi vuole arrestare?

Ispettore                         :No signora, la portiamo ad una gita sul lago.

Agata                             :Oh che carini!

Ispettore                         :Ma per favore!! Certo che la devo arrestare!

Voce                               :Il capitano andava sempre su tutte le furie ogni volta che le sue battute non erano comprese, e questo succedeva spesso .....

Ispettore                         :(Verso l'alto) Ma a te la gola non si secca mai?

Mera                               :(Mestamente) Allora vado in camera mia ...

Ispettore                         :(Ad Agata e Virginia) Voi accompagnatela per favore e controllate che non faccia altre sciocchezze.

Coro                               :(Uscendo verso sinistra) Profonda pena, patimento e patema portavano i passi a passare pesanti. La passione passata pressava prostrando parole e pensieri. Perduta promessa precipitata in prolungata palude di perpetuo patire. (Ed escono a sinistra)

Ispettore                         :E poi quello strano sarei io!

Voce                               :Il capitano si mise a riflettere sul fatto che tutti gli ultimi avvenimenti non avevano minimamente intaccato quella che era la questione iniziale .....

Ispettore                         :Cioè?

Voce                               :Chi ha ucciso Chi.

Ispettore                         :Già, ed anche dov'è finita l'arma dei delitti.

Chi                                 :(Divertito) Deve ammettere però che tutto questo è molto meglio del "bird watching".

Ispettore                        :Non faccio "bird watching". Lei mi sembra un po' troppo di buon umore per essere un morto. E non mi sembra nemmeno molto colpito dalla fine della sua amante.

Chi                                 :Ma non era veramente la mia amante.

Ispettore                         :Come?!

Chi                                 :Povera Lina. Povera MessaLina. Aveva ragione chi ha detto che ha volte le persone portano scritto il proprio destino nel nome. Anche lei, come la più famosa omonima, ha finito per pagare con la vita delle colpe mai commesse.

Ispettore                         :Cosa intende dire? Era o no la sua amante?

Chi                                 :Diciamo che era la mia amante per finta. Ci eravamo accordati perchè circolasse questa voce ...

Ispettore                         :Non mi dica che c'entra qualcosa il circolo del polo.

Chi                                 :Bravo! E lei come lo sa?

Ispettore                         :(Guardando verso l'alto) Diciamo un'intuizione?

Asso                               :Bene, e adesso che facciamo?

Ispettore                         :In che senso?

Asso                               :Voglio dire quali saranno adesso le sue prossime mosse per cercare di scoprire il colpevole .. o i colpevoli?

Ispettore                         :(Parlando con intenzione verso l'alto) Eh già!! Vediamo adesso che cosa si può fare .....

Voce                               :Sembrava che le indagini fossero arrivate ad un punto morto, ma non era così purtroppo.

Ispettore                         :Purtroppo?!'

Voce                               :Il capitano si sarebbe presto reso conto a sue spese di quanto sarebbe stato meglio che tutto finisse lì ...

Ispettore                         :(Allarmato) Cosa stai dicendo?

Chi                                 :Nulla, non ho detto nulla.

Ispettore                         :(c.s.) Perchè sarebbe stato meglio?

Voce                               :Come prima cosa il suo infallibile senso del pericolo si era misteriosamente allertato ......

Ispettore                         :(Con inquietudine crescente) Pericolo di cosa?

Voce                               : ..... sentì un brivido lungo la schiena, un lungo, interminabile brivido ...

Ispettore                         :(Si muove come percorso da un brivido)

Chi                                 :Cos'ha ispettore? Sente freddo?

Voce                               :........ ed ebbe l'immediata sensazione che quello non era un buon segno ....

Ispettore                         :(Quasi tremante) Ah no?!

Voce                               : .... anzi, era proprio un pessimo segno.

Ispettore                         :(c.s.) Ah sì?!

Voce                               :E fu sopraffatto dalla ferma convinzione che venire in quella strana casa completamente disarmato per colpa del "bird watching" era stata una pessima idea.

Ispettore                         :L'ho sempre detto che non mi piace il "bird watching" .....

Chi                                 :Non lo dica a me, la capisco benissimo, io non sopporto il polo.

Voce                               :Più il tempo trascorreva e più sentiva crescere in lui la forte sensazione che qualcosa di tragico stava per travolgerlo .....

Ispettore                         :(Ormai spaventatissimo) A me? Ma che c'entro io? Non so nemmeno perchè mi trovo quì ....

Chi                                 :Come scusi?

Voce                               : ... finchè fu assalito dal quel senso di impotenza che prende chi vede arrivare a grandi passi la propria fine senza poter far nulla per fermarla ....

Ispettore                         :(Isterico) Ma che dici? Brutto uccellaccio del malaugurio ... sei tu che porti sfiga ....

Chi                                 :Io porto sfiga? Ma se sono io ad essere stato ammazzato per ben due volte!

Voce                               : .... ecco ... ci siamo ..... arriva il cupo mietitore!!

Virginia entra da sinistra indossando dei guanti bianchi e con in mano una pistola.

Virginia                          :(Ad alta voce) Ispettore!!

Ispettore                         :Aahh .... Ah ... Agata!

Virginia                          :No, sono Virginia.

Ispettore                         :(Riprendendosi) Sì, sì, scusi. Mi sono lasciato un po' troppo suggestionare ...

Chi                                 :(A Virginia) Tutto a posto?

Virginia                          :Sì.

Ispettore                         :Ha trovato la pistola, brava, ed ha usato dei guanti per prenderla... molto bene.

Virginia                          :(Con un sorriso maligno) Grazie.

Ispettore                         :(Prende un fazzoletto dalla tasca e si avvicina a Virginia) Ecco, la dia pure a me ...

Virginia                          :(Lo blocca puntandogli contro la pistola) Non così in fretta ...

Voce                               :L'esatta percezione di quello che stava per accadere lo colpì come un pugno nello stomaco ....

Ispettore                         :Non ho intuito un bel niente!! (Muovendosi nuovamente verso Virginia) Avanti, mi dia quell'arma ...

Virginia                          :(Lo blocca nuovamente puntandogli contro la pistola e sorridendo sorniona) Fermo lì capitano!! Le ho già detto di non avere fretta.

Ispettore                         :(Nuovamente un po' spaventato) Non le sto facendo fretta, voglio solo che mi dia quella pistola e sopratutto che la punti da un'altra parte.

Virginia                          :Non le posso dare questa pistola ....

Ispettore                         :Perchè?

Virginia                          :Mi serve ..... per ucciderla!

Voce                               : .... come un pugno nello stomaco.

Ispettore                         :(Barcolla all'indietro come colpito da un pugno) Le ... serve ... per uccidermi?!?!

Virginia                          :Preciso!

Ispettore                         :(Guarda allibito Virginia, poi guarda Chi)

Chi                                 :(Sorride bonario)

Ispettore                         :(Guarda Asso)

Asso                               :(Sorride bonario)

Ispettore                         :(A Virginia) Ah .... è uno scherzo .....

Virginia                          :(Scuote la testa)

Ispettore                         :(Guarda Chi)

Chi                                 :(Scuote la testa)

Ispettore                         :(Guarda Asso)

Asso                               :(Scuote la testa)

Ispettore                         :(Deglutisce rumorosamente e terrorizzato) Non è uno scherzo .... ma perchè, che le ho fatto?

Virginia                          :Proprio nulla capitano!

Ispettore                         :Ma allora perchè uccidermi?!

Chi                                 :(Sfoderando dei denti da vampiro) Perchè desideriamo il suo sangue ....

Ispettore                         :(Ormai sconvolto dalla paura) Oh mio Dio!! Un ... vampiro!!

Virginia                          :(Sfoderando dei denti da vampiro) E non possiamo certo lasciarla in vita .....

Ispettore                         :(c.s.) Anche lei ... un ....

Asso                               :(Sfoderando dei denti da vampiro) Non dopo che ha visto tutto questo .....

Ispettore                         :(Cadendo in ginocchio) Anche tu ...... Chi-asso dei Chi-avi ...... ma allora tutto questo era una trappola ..... i finti omicidi ....

Asso                               :Non proprio. Lina è stata veramente uccisa da Mera.

Chi                                 :E' giusto che prima di morire sappia come stanno esattamente le cose.

Virginia                          :E' vero amore mio, glielo dobbiamo.

Ispettore                         :Ma chi l'ha detto che mi dovete qualcosa? Facciamo così: voi non mi dite un bel nulla, io dimentico tutto quello che ho visto, torno a fare "bird watching" e tutti amici come prima. Eh? Che ne dite? Non è una bella idea?

Asso                               :Tu non fai "bird watching"!!

Ispettore                         :Ma certo che faccio "bird watching". E' una vita che lo faccio ..... stanotte non ho fatto altro .... mai stato in questa casa io ....

Voce                               :I futili tentativi del capitano di salvarsi la vita non davano i risultati sperati ....

Ispettore                         :(Verso l'alto arrabbiato) Taci tu gufa maledetta!! Non datele retta, non sa quello che dice, è una menagramo!!

Virginia                          :Vede, avevamo bisogno che lei fosse qui stanotte, in modo che accadessero alcune cose ....

Chi                                 :Comincia dall'inizio, amore, altrimenti lo confondi.

Ispettore                         :Amore?!(A Chi) Ma quante amanti ha?

Virginia                          :Come le ho già detto, il mio nome è Virginia, Virginia Huolf, ma il mio secondo cognome è Dracul, da un lontano prozio rumeno ...

Ispettore                         :Chissà perchè ho la sensazione di sapere di chi si tratta.

Virginia                          :Alcuni mesi fa, durante un meeting, incontrai Odino e me ne innamorai follemente. A quel punto, la mia particolare condizione, mi metteva però davanti ad un terribile dilemma: dovevo decidere se averlo a cena o averlo per cena. Optai per la prima ipotesi e fu subito amore con la a maiuscola. Dopo la prima portata eravamo già talmente intimi che lui si offrì di donarmi il suo sangue, pur sapendo che in questo modo sarebbe stato legato a me per l'eternità.

Ispettore                         :Altro che nozze d'oro eh?!

Chi                                 :A questo punto però c'era il grosso ostacolo di una moglie e di una finta amante. Non avrei potuto eliminare entrambe, troppo vistoso e difficile da giustificare. Ed allora ecco il piano: fingere il mio omicidio, fare in modo che la finta amante si tradisse e spingere mia moglie ad ucciderla per vendetta. Come si suol dire, due piccioni con una fava.

Ispettore                         :Già, ed io vi devo fare da garante ....

Asso                               :(Leccandosi le labbra) Bravo. Ed ora farai anche da dessert!!

Ispettore                         :Ecco perchè lei era un morto non morto, prima freddo e poi caldo, senza battito ....

Chi                                 :Beh essere delle creature come noi comporta avere quache potere in più.

Ispettore                         :Ed Agata? Ucciderete anche lei?

Virginia                          :Oh no, non sarà necessario. Per caso troveranno, durante le indagini sull'omicidio di Lina ed il tentato omicidio di Chi, che il veleno presente in grande quantità nel the servito ad Odino, è, combinazione, dello stesso tipo presente anche nel negozio di erboristeria di Agata.

Ispettore                         :Avete pensato proprio a tutto ......

Asso                               :Non siamo mica qui a pettinar le bambole!

Ispettore                         :E tu che c'entri in tutto questo?

Asso                               : Come che c'entro, se non ci si aiuta fra colleghi .... e poi, cosa non si farebbe per del buon sangue fresco appena punto?

Ispettore                         :Appena munto intendi ...

Asso                               :E che sei, una mucca?(Mostrando i denti) No, appena punto!!

Ispettore                         :(Verso l'alto) E tu che già sapevi tutto, non potevi almeno avvisarmi in qualche modo?

Voce                               :Ma come, se non ci si aiuta fra colleghi ... e poi cosa non si farebbe per del buon sangue fresco appena punto?

Ispettore                         :(Crollando a terra) Oh no ..... pure la voce .....

Virginia                          :(A Chi, avvicinandosi all'ispettore) Allora, procedo?

Chi                                 :Certo amore, mi è anche venuto un certo appettito ....

Asso                               :A chi lo dici, ho un tale languorino ....

Virginia                          :(Avvicinando la pistola alla fronte dell'ispettore) Beh, addio ispettore, che ci creda o no, è stato un piacere conoscerla.

Ispettore                         :Mi dispiace, ma non riesco a dire altrettanto.

Voce                               :Ed alla fine arrivò dall'ispettore quella battuta spiritosa che sognava da tutta una vita ....

Ispettore                         :Ma va a f....

Asso                               :Oh .... niente volgarità, siamo tra persone civili!!

Ispettore                         :Come no?! E comunque non otterrete niente di buono dalla mia morte ...

Chi                                 :E perchè?

Ispettore                         :Sono anemico!!!

Buio in scena e colpo di pistola.

Durante il buio escono tutti di scena tranne l'ispettore che si toglie l'impermeabile e rimane con la

maglietta tipica del fattorino che consegna pizze a domicilio, si sdraia a terra vicino ai cartoni delle

 pizze. Vicino a lui si inginocchia la persona che fin ad ora aveva fatto la voce fuori scena.

Luce.

Fattorino                        :(Ancora  in stato confusionale) Sono anemico. Sono anemico ........

Voce                               :(Cercando di aiutarlo a sollevarsi) Su, su, coraggio ....

Fattorino                        :(c.s.) No, non voglio morire .....

Voce                               :Non morirà, stia tranquillo, probabilmente è stato solo un malore ......

Fattorino                        :(Cominciando a riprendere conoscenza) Un malore .... ma tu ..... questa voce la conosco .....

Voce                               :Beh, sono io che ho ordinato le pizze.

Fattorino                        :Le pizze? No, tu sei la scrittice .....

Voce                               :Scrittrice? Ma se non riesco nemmeno a scrivere la lista della spesa.....

Fattorino                        : .... la vampira ....

Voce                               :Vampira?!?!

Asso                               :(Entra di corsa da sinistra) Ecco ti passo i sali ....

Fattorino                        :Chiasso dei Chiavi!!

Asso                               :No, ti passo dei sali!!

Fattorino                        :Lo spirito drago protettore vampiro ....

Asso                               :(A Voce) Ma che, ha sbattuto la testa?

Voce                               :E che ne so? Forse è ancora un po' confuso .....

Fattorino                        :(Riprendendosi e toccandosi) Ma sono ancora vivo .....  non sono morto?!?

Voce                               :Direi proprio di no, ha avuto solo un mancamento credo.

Chi                                 :(Entra da sinistra) Ma cosa sta succedendo?!

Fattorino                        :Odino!!

Chi                                 :Chi?

Fattorino                        :Sìì!!

Chi                                 :Cosa?

Fattorino                        :Chi!!

Chi                                 :Chi cosa?!?

Fattorino                        :Lei è Chi-Odino!!

Chi                                 :Io chiodino!?!

Asso                               :E' sicuro! Ha sbattuto la testa!!

Voce                               :E' il fattorino delle pizze, ha avuto un malore ed è svenuto, ma sta riprendendosi.... credo.

Chi                                 :Ah, ecco.

Fattorino                        :Pizze? Ah già ..... io consegno pizze ... non sono un ispettore ...... e non faccio "bird watching"......

Asso                               :Se lo dice lei .... ma come si sente?

Fattorino                        :(Massaggiandosi il collo) Bene, mi fa solo un po' male il collo. .....

Voce                               :Sarà la botta che ha preso!

Fattorino                        :Ma che strano .... quanto sono rimasto svenuto?

Voce                               :Pochissimo, un minuto direi.

Fattorino                        :Mi è sembrato un'eternità .... e che sogno strano che ho fatto .....

Asso                               :Senta, non è che per caso entrando ha sfiorato quello strano girasole che c'è vicino all'ingresso?

Fattorino                        :Girasole? E che ne so? Può darsi, perchè?

Asso                               :Ecco perchè!! Quella è una rara pianta tropicale della Birmania, e quando è in fase di fioritura, come in questo periodo, rilascia quando viene toccata una nube di spore che se vengono inalate causano alle persone effetti allucinogeni.

Fattorino                        :Allucinazioni?

Asso                               :Esatto.

Fattorino                        :Accidenti, altro che allucinazioni, incubi!! Beh, dovreste spostarla da lì!!

Voce                               :(Aiutandolo ad alzarsi) Si sente meglio ora?

Fattorino                        :Sì, sì, grazie. (Raccogliendo le scatole delle pizze) Scusate, sono cadute ....

Voce                               :Non si preoccupi, quanto le dobbiamo?

Fattorino                        :(Guarda il biglietto) Sono ventitre euro.

Asso                               :Ecco, sono trenta euro, tenga pure il resto per il disturbo.

Fattorino                        :Grazie. (Massaggiandosi il collo ed uscendo verso destra) Accidenti che botta. Alla faccia della piantina birmana!!!

Asso                               :(Accompagna il fattorino fuori a destra e rientra quasi subito, fissando im modo cattivo Chi e Voce)

Chi                                 :(Guarda a terra mortificato)

Voce                               :(Guarda a terra mortificato)

Asso                               :Meno male che quel fessachiotto si è bevuto la storia del girasole!!

Chi                                 :Potevi dirgli la verità.

Asso                               :Sì, certo, che ho due cugini irresponsabili!!

Voce                               :Non siamo irresponsabili.

Asso                               :Si che lo siete, fate le cose senza pensare alle possibili conseguenze!! Via, andate di la adesso!!

Voce e Chi escono a sinistra.

Asso                               :Benedetti ragazzi, ma quand'è che metteranno un po' la testa a posto? Però un po' li capisco ... cosa non si farebbe per del buon sangue fresco appena punto? (E sfodera verso il pubblico dei denti da vampiro).

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 47 volte nell' arco di un'anno