Chi la fa l’aspetta

Stampa questo copione

untitled

Carlo Goldoni

Chi la fa l'aspetta


Questo e-book è stato realizzato anche grazie al sostegno di:

E-text

Editoria, Web design, Multimedia http://www.e-text.it/

QUESTO E-BOOK:

TITOLO: Chi la fa l'aspetta

AUTORE: Goldoni, Carlo

TRADUTTORE:

CURATORE:

NOTE:

DIRITTI D'AUTORE: no

LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza

specificata al seguente indirizzo Internet: http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/

TRATTO DA: "Tutte le opere" di Carlo Goldoni, a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, seconda edizione, volume ottavo, Milano, 1955

CODICE ISBN: informazione non disponibile

1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 5 dicembre 2008

INDICE DI AFFIDABILITA': 1 0: affidabilità bassa 1: affidabilità media 2: affidabilità buona 3: affidabilità ottima

ALLA EDIZIONE ELETTRONICA HANNO CONTRIBUITO: Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

REVISIONE:

Vittorio Bertolini, vittoriobertolini@inwind.it

PUBBLICATO DA:

Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

Informazioni sul "progetto Manuzio" Il "progetto Manuzio" è una iniziativa dell'associazione culturale Liber Liber. Aperto a chiunque voglia collaborare, si pone come scopo la pubblicazione e la diffusione gratuita di opere letterarie in formato elettronico. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet: http://www.liberliber.it/

Aiuta anche tu il "progetto Manuzio" Se questo "libro elettronico" è stato di tuo gradimento, o se condividi le finalità del "progetto Manuzio", invia una donazione a Liber Liber. Il tuo sostegno ci aiuterà a far crescere ulteriormente la nostra biblioteca. Qui le istruzioni: http://www.liberliber.it/sostieni/


Carlo Goldoni

CHI LA FA L'ASPETTA

O SIA

I CHIASSETTI DEL CARNEVAL

Commedia veneziana di tre atti in prosa.

Rappresentata la prima volta in Venezia l'anno 1765

Personaggi

Sior GASPARO senser.

Siora TONINA moglie de sior Gasparo.

RIOSA serva.

Sior RAIMONDO bolognese, mercante de canevi.

Siora CATTINA figlia de sior Raimondo.

Sior BORTOLO negoziante.

Siora CECILIA sorella de sior Bortolo.

LUCETTA serva.

Sior LISSANDRO mercante de zoggie false.

Sior ZANETTO zovene venezian.

Missier MÉNEGO oste.

Un Caffettier.

Garzoni d'osteria.

Servitori.

La Scena si rappresenta in casa di sior Gasparo.


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Camera in casa di Bortolo. Un tavolino picciolo da lavorare in mezzo la scena. Varie sedie sparse qua e là.

Cecilia e Lissandro.

CEC. (Guardando degli orecchini ed altre cose da donna, di pietre false)

LISS. (Tira fuori di quando in quando degli astucchi e delle scatole con dentro simili mercanzie) La varda quelle buccole se le puol esser meggio ligae.

CEC. Le me par troppo grande.

LISS. Se usa. La varda queste.

CEC. De dia[1]! Ghe vol un facchin a portarle. No le porteria gnanca se i me le donasse.

LISS. E pur adesso i le vol cussì; ghe n'averò dà[2] via trenta para in manco d'una settimana.

CEC. Cargadure, strafari, mode che no dura do mesi. Sè vualtri che inventa ste mode strampalate per far spender i bezzi a chi gh'ha el mattezzo de tegnirve drio.

LISS. Sìela benedetta. Tutto quel che la vol.

CEC. Lassè véder se gh'avè qualcossa de meggio.

LISS. Ghe ne vorla un par che anderà ben all'aria del so viso?

CEC. No le togo miga per mi.

LISS. Qualche commission?

CEC. Sì, mio fradello m'ha pregà de sto servizio.

LISS. Se sior Bortolo vol far un regalo, el se vorrà far onor, el vorrà qualcossa de bon.

CEC. No so, vedè, nol m'ha ditto gnente. No so che ziri[3] ch'el gh'abbia.

LISS. La lassa far a mi. So quel che ghe vol. La varda e la stupissa. (le fa vedere delle altre buccole)

CEC. Sì ben. Cossa varle?

LISS. Mo la le esamina avanti.

CEC. Ho visto. So cossa le xe. Quanto varle?

LISS. Ghe spuzza el fià[4].

CEC. Oh za, per carìgolo[5], sè carìgolo certo. Ma pur, via, disè quanto.

LISS. Vorla che fazza una parola sola?

CEC. Una parola sola.

LISS. O sie zecchini, o la xe parona de bando[6].

CEC. O che caro sior Lissandro! Sie zecchini!

LISS. Via, se ghe par poco, la me ne darà sette. (mettendo via le altre)

CEC. L'avè sbarada, compare.

LISS. Sala che roba che xe quella?

CEC. La vedo, e la cognosso, e so cossa che la xe. Animo, animo, quanto voleu?

LISS. Mi ho dito.

CEC. Vu avè dito. Bisogna mo che diga anca mi.

LISS. La varda ben...

CEC. Tasè là. Sì ben; tre zecchini, e gnanca un bezzo de più.

LISS. Siora sì, farave un bel vadagno. Le me costa a mi quattro zecchini da quel bon servitor cheghe son.

CEC. Via, chiaccole, pacchiarate[7]. Se volè tre zecchini, ben; se no, tegnivele, e mi no compro altro.

LISS. Via, no la vaga in collera. La me daga de più tutto quel che la vol.

CEC. Gnanca un bagattin. (apre la cassetta e tira fuori tre zecchini) Tolè, questi xe tre zecchini. Se volè, ben; se no volè, bon viazo. (li mette sul tavolino)

LISS. No so cossa dir. Ghe perdo, ma con ela bisogna perderghe volentiera. (prende i tre zecchini)

CEC. Mi ho paura che colle vostre chiaccole m'abbiè fatto zo.

LISS. Se no la xe contenta, ghe dago i so bezzi in drio. (e in questo mentre li mette in tasca)

CEC. Basta, l'è fatta.

LISS. Sora sto marcà, se mai ghe avanzasse una chiave de palco[8], la se recorda de mi.

CEC. Oh caro vecchio, in sti ultimi zorni?

LISS. Basta, digo, se a caso...

CEC. Sì sì, volentiera. Se mai poderò.

LISS. Sin adesso ho comprà delle chiave[9], ma adesso le xe cussì care...

CEC. Sì sì, caro, ve piase a divertirve, per quel che vedo.

LISS. Oh mi sì, la veda. Laoro, e me diverto. Vadagno, e spendo. No gh'ho muggier, no gh'ho fioli. Tanti pia, tanti mazza[10]. No fazzo debiti, ma co ghe n'ho, me li godo.

CEC. Bravo, pulito. E no ve volè maridar?

LISS. Mi maridarme! bisognerave ben che ghe n'avesse voggia. Oh no digo gnente, perché no vorria che la disesse che son una mala lengua.

CEC. Oh no no, no v'indubitè, che anca mi son della vostra opinion. M'ho maridà una volta: son restada vedoa, e no me torneria a maridar gnanca se me vegnisse un re de corona.

LISS. Oh benedetta la libertà!

CEC. Oh anca mi, vedè, anca mi digo cussì, che la libertà xe una bella cossa.

SCENA SECONDA

Lucietta e detti.

LUC. Siora patrona.

CEC. Cossa gh'è?

LUC. Una mascara.

CEC. Una mascara! Omo, o donna?

LUC. Omo, me par. Sala chi credo ch'el sia?

CEC. Chi?

LUC. Sior Zanetto.

CEC. Oh magari! Vardè, e se el xe elo, fe ch'el vegna avanti.

LUC. E se nol xe elo?

CEC. Sappième dir chi xe.

LUC. Siora sì. (parte)

CEC. El cognosseu sior Zanetto Bigolini? (a Lissandro)

LISS. Mi no.

CEC. Fermeve qua, se no gh'avè da far, che se el xe elo conosserè un capo d'opera.

LISS. In che genere?

CEC. In genere de cargadura, de scempiagine, de tutto quel che volè.

LISS. Cospetto! me lo goderò volentiera. A ste cosse mi ghe vago de vita[11].

CEC. Oh siestu malignazo[12]! el xe elo, el xe elo. (guardando verso la scena).

SCENA TERZA

Zanetto e detti.

ZAN. (Mascherato in bautta, con caricatura, entra seriosamente credendo non esser conosciuto)

CEC. Sior Zanetto, patron.

ZAN. (Fa cenno con la testa che non è lui)

LISS. (Oh co bello!)

CEC. Eh via, mascara, che ve cognosso.

ZAN. (Fa dei lazzi, volendo sostenere che non è lui)

CEC. Nol xe elo, via, nol xe elo. (toccando col gomito Lissandro) Mo chi mai xe sta mascara? Vardè co pulito! Vardè con che bona grazia! Qualche forestier certo, qualche milord che me fa sto onor.

ZAN. (Si consola, e procura di far da signore)

LISS. Co l'è cussì, vago via, zelenza. (saluta Zanetto)

CEC. No, no, restè, lassèghe véder, che pol esser ch'el compra qualcossa. (a Lissandro)

LISS. Zelenza, se la gh'avesse bisogno de fornimenti da scarpe, da zenturini, bottoni da camisa, fiube[13] da cappello, fiube da collo, anelli, stucchi, relogi.

ZAN. (Fa cenno di no)

CEC. De ste cosse el ghe n'averà, caro vecchio; lassèghe véder qualcossa da donna. (Za son segua che nol ghe n'ha un). (piano a Lissandro)

ZAN. (Si trova imbrogliato, e non sa come dir di no)

LISS. La varda ste buccole, sti anelli, sto fior da testa. L'avantaggio che la gh'averà da mi, no la lo gh'averà da nissun.

CEC. Via, animo, sior milord, la compra.

ZAN. (Si mette a ridere forte)

CEC. Cossa gh'ala che la ride?

ZAN. (Seguita a ridere)

CEC. Cossa diseu? con che bona grazia ch'el ride? (a Lissandro)

LISS. Se la vol, sceglierà sta signora qualcossa per ela. (a Zanetto)

ZAN. Noi non vogliamo comprare diamanti di Murano[14]. (a Lissandro, caricando la voce)

LISS. La me perdoni, questa no xe roba da strapazzar.

CEC. Vorla che ghe diga, che la me par un bel matto.

ZAN. (Levandosi il volto) Ah ah, non la m'ha cognossù, non la m'ha cognossù.

CEC. Oh no l'aveva miga cognossù, vedè. (ironica)

ZAN. Patrona, siora Cecilia. Mettè via quella roba. (a Lissandro)

LISS. (La ghe fa mal ai occhi). (mette via)

CEC. Cossa falo, sior Zanetto? Stalo ben?

ZAN. Siora no, stago mal. (si mette a sedere con sgarbo)

CEC. Cossa gh'alo?

ZAN. Son innamorà. (stendendosi sulla sedia)

CEC. Poverazzo! quanto xe?

ZAN. Da giersera in qua. (balza in piedi)

CEC. E ve sè innamorà cussì presto?

ZAN. Son cotto, sbasìo, desperà, fora de mi, fora de logo, fora de sesto, no posso più. (così dicendo passeggia a gran passi, e poi si getta sulla sedia)

LISS. (No daria sta zornada per tutte le opere e per tutte le commedie del mondo). (da sé)

CEC. Se pol saver chi xe quella che ve fa spasemar?

ZAN. Una cagna, una sassina, che me vol far morir.

CEC. Cossa v'ala fatto?

ZAN. La m'ha ferìo el cuor.

CEC. Cussì presto?

ZAN. In t'un batter d'occhio.

CEC. Se la v'ha ferìo, la ve pol guarir.

ZAN. Siora no. Questo xe el mio mal. No la gh'ha carità, no la gh'ha compassion. (salta in piedi)

LISS. La perdona, come mai in t'una sera...

ZAN. Vu no gh'intrè, sior; andè via de qua a vender la vostra roba.

LISS. Ghe domando perdon. M'interesso, perché se la podesse aiutar...

ZAN. Oh amigo, se vedessi che tocco! (a Lissandro, prendendolo per la mano)

LISS. (Oh bello!) (da sé)

CEC. Ma se pol saver chi la sia?

ZAN. Ghe lo dirò, ma no i diga gnente a nissun.

CEC. No parlo.

LISS. No gh'è pericolo.

ZAN. Conósseli sior Raimondo Berlingozzi?

LISS. Un marcante bolognese. Se el cognosso? La diga: anca sì che la xe la siora Cattina so fia?

ZAN. «Ecco la fonte del mio mal crudele,

Ecco la piaga... che ha piagato il core.»

CEC. Oh bravo! (ridendo)

ZAN. La ride? (a Cecilia, con muso duro)

LISS. No, siora Cecilia, no la rida, perché le xe cosse che no xe da rider. (con serietà)

ZAN. Ah cossa diseu, vu che sè omo, ah? (a Lissandro)

LISS. Digo cussì che la me fa compassion, e mi che pratico in quella casa, son capace de servirla da amigo e da galantomo.

ZAN. Oh magari! Oh siestu benedetto! (lo bacia)

CEC. Ma come xela stada? Se pol saver?

ZAN. L'ho vista giersera a un festin. Vederla e amarla fu in un punto solo. L'ho vardada, la m'ha vardà. L'ho saludada, la m'ha saludà. L'ho invidada a ballar... la m'ha refudà. (si getta dolente su la sedia)

CEC. (Oh matto maledetto!) (da sé)

LISS. La l'ha refudà! (a Zanetto, seriamente)

CEC. Possibile sta cossa! (a Zanetto, ironicamente)

ZAN. Da putto[15], la m'ha refudà, e se nol credè, domandèghelo a sior Bortolo, ch'el giera presente anca lu. (a Cecilia)

CEC. Ghe giera anca mio fradello? (a Zanetto)

ZAN. Siora sì, el ghe giera anca elo, e come ch'el xe mio amigo, el l'ha ditto a tutti... No so se de mi o de ela, i s'ha messo a rider, e a sganassar.

CEC. Oh, senz'altro, i averà ridesto de ela.

ZAN. L'è quel che digo anca mi.

LISS. (La lassa far a mi). (piano a Cecilia) Sior Zanetto, questa xe la prima volta che gh'ho l'onor de conosserla, ma vedo che el xe un galantomo, vedo ch'el gh'ha della passion, el me fa peccà.

ZAN. Amigo, no vardè che sia fio de fameggia, perché in t'un bisogno vederè chi son.

LISS. No gh'è bisogno de gnente. Vorla che mi ghe procura l'occasion de trovarse in compagnia de siora Cattina?

ZAN. Oh magari! (balza dalla sedia)

CEC. Via, da bravo, sior Lissandro.

LISS. Vorla che la fazza disnar con ela?

ZAN. Oh magari!

LISS. M'impegno che ancuo[16] la fazzo disnar co siora Cattina.

ZAN. Oh caro! che siestu benedetto! (lo abbraccia) Tolè, ma de cuor. (lo bacia)

CEC. E vu ve podè tor sto impegno? (a Lissandro)

LISS. Siora sì, e ela ne farà grazia d'esser della compagnia.

ZAN. Sì, cara ela.

CEC. Siora Cattina la cognosso solamente de nome, né l'ho mai vista. In casa soa no son mai stada, e no me togo sta confidenza.

LISS. No vôi miga che andemo a disnar da sior Raimondo.

CEC. E dove donca?

ZAN. Dove, dove? Diseme dove.

LISS. Da un mio amigo, da un certo sior Gasparo senser.

CEC. Oh sior Gasparo lo cognosso, el mario de siora Tonina. So chi el xe.

LISS. Ben donca, giusto elo...

ZAN. Giusto ela. (a Cecilia, ridendo)

LISS. El xe amigo, amigon de sior Raimondo. M'impegno mi de far andar ancuo sior Raimondo e so fia a disnar da sior Gasparo, e che ghe andemo anca nu, e che sior Zanetto staga arente de siora Cattina. (allegro)

CEC. Ma come fareu a combinar tutte ste cosse insieme? (a Lissandro)

LISS. La lassa far a mi. (a Cecilia)

ZAN. Lassémolo far elo. (a Cecilia)

LISS. E la vegnirà anca ela. (a Cecilia)

CEC. Ma mi sta zente no la cognosso.

LISS. N'importa: la meno in casa d'un galantomo; la se divertirà.

CEC. Divertimose pur.

LISS. Ma per non dar sospetto a sior Raimondo, gh'averavela difficoltà de far una cossa? (a Cecilia)

CEC. Disème cossa.

LISS. De passar ela e sior Zanetto per mario e muggier.

CEC. Mi passar per so muggier!

ZAN. Sì, sì, cara ela, la prego.

CEC. E se siora Tonina e sior Gasparo che me cognosse, i ne scoverzirà... (a Lissandro)

ZAN. Saveu che la gh'ha rason? (a Lissandro)

CEC. Piuttosto poderia passar per so sorella. (a Lissandro)

ZAN. Oh sì, sì, mia sorella.

LISS. Ma se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se pol metter in testa de voler andar via.

ZAN. Cospetto de diana!

CEC. Femo cussì, vestimo Lucietta, e fémola passar per so muggier.

LISS. Chi èla Lucietta?

CEC. La mia serva.

ZAN. Oh sì sì, la serva.

LISS. La xe ditta. Vago da sior Raimondo, e po subito da sior Gasparo, e magneremo, e rideremo, e se goderemo.

ZAN. E se goderemo. Ma mi no ghe so miga andar.

CEC. Anderemo insieme.

ZAN. Ma in mascara no ghe vôi vegnir.

CEC. No? Per cossa?

ZAN. La vede ben; co se xe in mascara, se xe spennacchiai[17], no se pol miga parer bon.

CEC. Oh sì, gh'avè rason. Andeve a far i rizzi[18], po vegnì qua.

ZAN. Vado subito. Oh caro Lissandro!

LISS. Oh! songio un omo mi?

ZAN. Vardè po, no me manché.

LISS. Me maraveggio. Co dago una parola, no manco mai.

ZAN. Siora Cecilia, la riverisso. Siora sorella, bondì, siora sorella. Cara sorella! (si maschera) Adesso nissun me cognosse più. Sior milord, sior milord. Got morghen, main libreher[19]. Ah, ah, ah. (ridendo) Patrona riverita. (parte)

SCENA QUARTA

Cecilia e Lissandro.

CEC. Ah! cossa diseu?

LISS. El xe una delizia, un zuccaro, un marzapan.

CEC. E volè dasseno che femo ancuo sta commedia?

LISS. Sì, anca da galantomo che vôi che la femo.

CEC. Cossa voleu che diga sior Gasparo e siora Tonina?

LISS. La lassa l'intrigo a mi; no son capace de torme un impegno, co no son seguro de tirarla fora pulito. Semo de carneval, i xe spassi che se se pol tor.

CEC. Sì ben, co sior Gasparo lo sa, co siora Tonina xe contenta.

LISS. Ghe sala andar da sior Gasparo?

CEC. Oh sì, ghe so andar.

LISS. Dopo nona[20], la se trova là col sior milord, e se no la ride ancuo, no la ride mai più; a bon riverirla.

CEC. A rivéderse.

LISS. Oh che chiassi che avemo da far! (parte)

SCENA QUINTA

Cecilia, poi Bortolo.

CEC. Semo de carneval, xe vero; gh'ho dà parola, ma per dir la verità, no so miga se ghe anderò. Ghe penserò suso avanti de andar.

BORT. Ho visto sior Lissandro. Aveu comprà le buccole?

CEC. Le ho comprae. Vele qua, vardè; xele belle?

BORT. Belle. No me n'intendo; ma le par belle. Quanto le aveu pagae?

CEC. Stimèle.

BORT. Vinti ducati?

CEC. Quanti zecchini fali?

BORT. Sie zecchini, manco otto lire.

CEC. Povero martuffo!

BORT. Mo se v'ho ditto che no me n'intendo.

CEC. A forza de parole, el me l'ha lassae per tre zecchini.

BORT. Via via, son contento. (le incarta e le mette via)

CEC. Se pol saver a chi volè far sto presente?

BORT. Ve dirò po.

CEC. Me pareria che a vostra sorella...

BORT. Mo se vel dirò. (vuol partire)

CEC. Vegnì qua, ve vôi domandar un conseggio.

BORT. Che xe?

CEC. Xe stà qua quel sempio de sior Zanetto...

BORT. Oh caro! Se savessi giersera che scene che s'ha fatto sora de elo!

CEC. El me l'ha ditto. E cussì ghe giera qua anca quel mattarana de sior Lissandro. Zanetto n'ha contà che l'è innamorà, e alle curte Lissandro s'ha impegnà de farlo disnar ancuo in t'un terzo liogo in compagnia de sta so morosa, e i vorave che ghe andasse anca mi. Cossa diseu?

BORT. Mi ve conseggio de no ghe andar.

CEC. N'è vero? Son anca mi della stessa opinion.

BORT. Chi xela sta morosa de Zanetto? La cognosseu?

CEC. Saveu chi la xe? Siora Cattina, la fia de sior Raimondo...

BORT. Cossa, cossa? Siora Cattina?

CEC. Siora Cattina.

BORT. La fia de sior Raimondo?

CEC. La fia de sior Raimondo.

BORT. La xe quella delle buccole.

CEC. Eh via!

BORT. Come dìselo che la xe la so morosa?

CEC. El s'ha innamorà giersera.

BORT. Oh che alocco! El xe stà el ridicolo della conversazion.

CEC. Gh'avè bon[21] donca vu con quella putta?

BORT. Ve conterò. El sior Lissandro lo vol far disnar co sta putta?

CEC. Sì ben, co so pare, in casa de sior Gasparo sanser, e i voleva che ghe andasse anca mi; ma mi no ghe anderò.

BORT. Andémoghe. Ghe vegnirò anca mi.

CEC. Mo no, caro vu, no me convien a mi...

BORT. Co ghe son mi, siora sì.

CEC. Ve cognósselo sior Raimondo?

BORT. El me cognosse, ma nol sa gnente de quel che passa tra mi e la putta.

CEC. Che intenzion gh'aveu?

BORT. Ve dirò. La xe fia sola, e so pare xe un omo ricco...

CEC. Perché no ghe la feu domandar?

BORT. Perché voggio prima saver se la me vol ben.

CEC. No savè se la ve vol ben, e ghe volè dar le buccole?

BORT. Giersera la ghe n'ha rotto una al festin. Vôi provar de darghele, e se la le tol, sarà segno che la me vol ben.

CEC. Come voleu che la toga le buccole? Cossa dirave so pare?

BORT. Oh certo che no la saverà dir che qualche santola[22] ghe le ha regalae?

CEC. Voleu che ve la diga? In sti potacchi mi no ghe voggio intrar.

BORT. Cara sorella, andemo.

CEC. Sior no, sior no.

BORT. Vardè, se el caso, se l'accidente me pol esser più favorevole. Cercava un'occasion de poderghe parlar, e la me capita, e volè che me la lassa scampar?

CEC. Andeghe vu.

BORT. Cara sorella, vegnì anca vu.

CEC. Sior Lissandro ha ditto che se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se metterà in sospetto, e l'anderà via.

BORT. Zanetto no xelo da maridar?

CEC. Avévimo ditto de vestir Lucietta, e finzerla so muggier. (ridendo)

BORT. Sì ben, e vu sarè mia muggier de mi.

CEC. Eh via, matto.

BORT. Cara vu, cara fia, cara ti. (facendole delle carezze fraterne)

CEC. Sentì, per farve servizio, vegnirò; ma abbiè giudizio, no me fe scene, e no me fe smattar.

BORT. Cossa songio, un puttelo?

CEC. E le buccole no ghe le stè a dar.

BORT. Tolè, dèghele vu...

CEC. Dè qua...

BORT. No, no; ghe le darò mi.

CEC. Abbiè prudenza.

BORT. Sangue de diana! ancuo chi me pol? Me par che tutto el mondo sia mio. (parte)

CEC. Eh putti senza giudizio. E po? E po, dopo tre dì, no la xe più quella[23]. (parte)

SCENA SESTA

Camera con due porte laterali, ed una nel fondo; un tavolino da una parte

con una testa da scuffia ed una cestella, e con due sedie di paglia polite.

Tonina, poi Riosa.

TON. Riosa. (chiama, e si mette a lavorare intorno ad una scuffia)

RIO. Siora. (viene lavorando, facendo le calze)

TON. L'aveu visto mio mario stamattina?

RIO. Mi no, siora, che no l'ho visto. Xelo fora de casa sior Gasparo?

TON. Sior Gasparo? Che bisogno ghe xe che disè sior Gasparo? Se dise el patron.

RIO. La gh'ha rason, siora sì. Xelo fora de casa el patron?

TON. Siguro ch'el xe fora de casa. El s'ha levà su stamattina; el xe andà via, che no l'ho gnanca sentìo.

RIO. Caspita, siora patrona, bisogna ben che la dormisse pulito! (siede e lavora)

TON. Bisogna; e sì, savè, giersera, appena ho messo la testa sul cavezzal, me son subito indormenzada.

RIO. Ma! co se gh'ha el cuor contento, se dorme ben.

TON. Son contenta, xe vero. Ma anca mi gh'ho delle cattive zornae.

RIO. Cara ela, cossa ghe manca?

TON. No me manca gnente; ma stago sempre col batticuor.

RIO. De cossa?

TON. No vedè ch'el xe sempre a torzion[24].

RIO. El va per i so interessi.

TON. Sia malignazo quando el s'ha messo a far el sanser.

RIO. Cara siora patrona, no xe stada ela che gh'ha fatto aver sta carica da sanser?

TON. No saveva miga mi che per far sto mistier el s'avesse da levar all'alba, e che l'avesse da vegnir a casa a magnar un boccon a strangolon, e po piantarme qua fin a negra notte.

RIO. Ma almanco la sera el vien a casa a bonora, el sta qua con ela...

TON. La sarave bella che nol vegnisse gnanca la sera.

RIO. Oh, cara siora, quanti ghe n'è.

TON. Quanti ghe n'è, quanti ghe n'è... (con forza, interrompendola)

RIO. La me lassa dir; elo no gh'ha casin...

TON. No ghe mancarave altro.

RIO. Nol zoga...

TON. Sì, xe vero; nol cognosse gnanca le carte.

RIO. Nol gh'ha pratiche... se la m'intende...

TON. Oh in questo po, no so gnente.

RIO. Gh'ala qualche suspetto?

TON. Xe qualche tempo che gh'ho sto balin[25].

RIO. Ma con che fondamento? El xe tutto el zorno fora de casa.

TON. Cossa sogio mi? I omeni, co i s'ha messo el tabarro e el cappello, vàttela a pesca dove che i va.

RIO. Oh co no la gh'ha altro fondamento che questo...

TON. Che altro fondamento voleu che gh'abbia?

RIO. Che sogio mi? Credeva che la savesse qualcossa.

TON. Che savesse qualcossa? De dia, se fosse sicura de gnente, poveretto elo. Ch'el varda ben... che l'ara dretto[26], perché son fia de mia siora mare.

RIO. Védela, cara siora patrona? La me compatissa: la se scalda per gnente.

TON. Oh in ste cosse son delicata.

RIO. La gh'ha rason, per questo la gh'ha rason; ma la me compatissa, xe el ben che me fa parlar...

TON. E mi xe el ben che qualche volta me fa andar in collera con mio mario.

RIO. Qualche volta la dise!

TON. Via, siora dottora, cossa vorressi dir? Chi ve sente vu, pareria che fusse una stramba.

RIO. No parlo altro.

TON. Tra mario e muggier se cria, se se magna i occhi e po se fa pase, e la xe fenìa.

RIO. Se la fusse fenìa!

TON. Tasè là, che son stuffa.

RIO. (El xe el più bon omo del mondo, e la lo fa desperar). (da sé)

TON. Siora! cossa diseu? (con sdegno)

RIO. Oh digo de ste calze.

TON. No vorria che ve tolessi troppe boneman[27].

RIO. Oh la tasa, che credo ch'el sia elo.

TON. Da che banda? (guardando alle due porte laterali)

RIO. Da sta banda qua. Lo conosso in tel far la scala.

TON. Via, via, me ne contento. El xe vegnù a un'ora discreta; averzìghe[28].

RIO. No gh'alo la chiave?

TON. N'importa. Averzìghe; gh'aveu paura d'incomodarve?

RIO. Siora sì, no la vaga in collera. (si alza e va ad aprire) (La xe proprio impastada de velen). (da sé)

TON. (La gh'ha rason, culìa, ma no posso far de manco). (da sé) E cussì xelo elo?

SCENA SETTIMA

Gasparo e dette.

GASP. Siora sì son mi. (con ciera ridente)

TON. Bravo sior, dove seu stà fin adesso? (ridendo)

GASP. Fin adesso! non xe gnancora disisett'ore.

TON. Digo fin adesso, perché sè andà via che dormiva e non v'ho più visto. (ridendo)

GASP. Cara fia, son stà per i mi interessi.

TON. E perché non m'aveu desmissià? (placidamente)

GASP. Perché v'ho volesto lassar dormir. (con maniera)

TON. Andè là, che sè un gran baron. (scherzando)

GASP. Poverazza! un'altra volta no lo farò più. (scherzando)

TON. Andè via, andè a lavorar in cusina. (a Riosa)

RIO. Oh siora sì. La diga, sior patron.

GASP. Cossa gh'è?

RIO. No l'ha gnancora mandà la spesa, stamattina.

GASP. Andè, andè, no stè a cercar altro. (a Riosa che parte)

TON. Appunto! no volè che magnemo ancuo?

GASP. Ve dirò, ho trovà mio compare Bernardin. Ghe xe da elo dei Bolognesi, che gh'ha una partìa de canevo da esitar, e i m'ha scelto mi per sanser, e ancuo bisogna che vaga a disnar da elo. TON. Per cossa mo a disnar?

GASP. Perché i gh'ha delle altre cosse da far, e i ha destinà quell'ora per sto negozio.

TON. E vu gh'avè ditto de sì, che anderè?

GASP. Cossa voleu che fazza? Voleu che ghe diga de no?

TON. E mi sola in casa co fa una bestia...

GASP. No; ve dirò...

TON. Andè, andè, se avè d'andar, destrighève. (si mette a lavorare)

GASP. Cossa diavolo gh'aveu stamattina?

TON. Gnente. (lavorando)

GASP. Seu in collera perché no v'ho desmissià? (scherzando)

TON. Mi! no me n'importa né bezzo, né bagattin.

GASP. Cossa gh'aveu donca?

TON. Andeve a divertir e lasseme qua.

GASP. Ve dirò, se me lásserè dir. Xe debotto un mese che vostra mare me prega che ve lassa andar un zorno da ela; gh'ho promesso, gh'ho dà parola, ancuo la ve aspetta.

TON. Ancuo la me aspetta?

GASP. Siora sì, ancuo.

TON. Quando l'aveu vista mia mare?

GASP. Stamattina.

TON. Sè stà da ela donca?

GASP. Son stà da ela, seguro.

TON. Ho capio.

GASP. Cossa mo?

TON. Ho capio.

GASP. Ma cossa?

TON. Accordi fatti, perché vaga mi da mia mare, e vu dove volè.

GASP. In verità, Tonina, qualche volta sè bella.

TON. O bella o brutta, se gh'avevi intenzion de trattarme cussì, me dovevi lassar dove che giera, che stava ben.

GASP. Con che sugo, con che proposito vegnìu fora co ste freddure?

TON. Ancuo mo, giusto per questo, da mia mare no ghe voggio andar.

GASP. E sì bisognerà che gh'andè.

TON. Bisognerà che ghe vaga?

GASP. Mi crederave de sì.

TON. Per che rason?

GASP. Ve dirò, fia mia; perché la ve aspetta, perché la v'ha da far véder della tela che vorace comprar, perché gh'ho promesso che anderè, e perché son un pochetto, un pochetto patron de dirve che voggio che andè.

TON. Oh potenza de diana de dia... (alzandosi con furia)

GASP. Zitto! (a Tonina) Riosa. (chiamandola)

RIO. Sior.

GASP. Portèghe la vesta e 'l zendà alla vostra patrona. (a Riosa)

RIO. Qualo vorla? (a Tonina)

TON. Ve digo cussì... (con sdegno)

GASP. Zitto! (a Tonina) Quell'ordenario. (a Riosa)

RIO. (Se el scomenzasse a far un pochetto da omo, sior sì, che le cosse anderave ben). (parte)

TON. E cussì, sior, la s'ha cazzà in testa, che ancuo vaga a disnar da mia mare?

GASP. Cara la mia  cara Tonina, savè se ve voggio ben, se ve amo, se ve respetto, ma qualche volta arecordève che son vostro mario.

TON. Qualche volta ah! me l'arecordo anca troppo, e se no ve volesse ben... (le vien da piangere)

GASP. (Ghe scometto che la pianze da rabbia, ma n'importa; a poco a poco la modererò).

TON. (Mai più nol m'ha parlà come ancuo). (si asciuga gli occhi)

GASP. Via, Tonina, via; vien qua, fia mia, ti sa che te voggio ben.

TON. Quanti ghe n'avemio del mese?

GASP. Cinque, fia mia.

TON. De che mese sermio?

GASP. De Febraro.

TON. Ben, ben, sto zorno me lo ricorderò.

GASP. Perché no v'ho desmissià stamattina?

TON. Sior no, la veda, patron: perché ancuo per la prima volta la m'ha ditto voggio.

GASP. Oh adesso ho capio. E vu che sè una bona muggier, per contentar el mario, anderè da vostra siora mare, senza nissuna difficoltà.

TON. Ghe anderò, perché son una bona minchiona.

GASP. No, fia mia; disè che gh'anderè perché me volè ben.

TON. Ve voggio ben, ma... sior Gasparo...

GASP. Gh'andereu, o no gh'andereu?

TON. No v'ogio ditto che gh'anderò?

GASP. Sia ringrazià el cielo. (tira fuori un lunario e una penna da lapis, e fa un segno)

TON. Cossa xelo quel libro?

GASP. El lunario.

TON. Cossa segneu?

GASP. El primo zorno che avè fatto a mio modo.

RIO. (Colla veste ed il zendale della patrona) La toga la vesta e el zendà. (a Tonina)

TON. Dè qua. (prende con dispetto) Via, siora, agiutème. (a Riosa)

RIO. De diana! Cossa gh'ala con mi? (l'aiuta)

GASP. Tonina. (amorosamente)

TON. Cossa gh'è? (brusca)

GASP. Via, siè bona, fia mia. (amorosamente)

TON. Se poderave saver per cossa che stamattina me volè ficcar da mia mare?

GASP. No ve l'ogio ditte le rason?

TON. No se podeva mo aspettar a doman? (vestendosi si agita, perché il zendale non va bene)

GASP. Vedeu, fia mia, za che ancuo vado a disnar da mio compare, vu andè da vostra siora mare, e cussì se sparagna un disnar; ah Riosa, cossa distu?

RIO. Mi digo gh'el gh'ha rason.

TON. Animo, animo, siora, andève a vestir, che vegnirè con mi. (a Riosa)

RIO. Oh mi, siora, fazzo presto. (No gh'ho miga bisogno del compasso mi per vedér se el becco del zendà xe alla mezzaria.) (burlandosi di Tonina, e parte)

TON. Sè deventà ben economo, sior Gasparo. Una volta no geri miga cussì.

GASP. Una volta, co giera da maridar, giera un'altra cossa. Adesso penso a casa mia, penso a mia muggier, e penso a quello che pol vegnir. Me podeu condannar per questo?

TON. Per questo no ve condanno, ma no vorria che tegnissi per la spina, e che spandessi per el cocon[29].

GASP. Come sarave a dir?

TON. Vardè che scuro! non vorria che sparagnessi in casa, e che andessi a spenderli fora de casa.

GASP. Mi a spenderli fora de casa! Oh fia mia, me cognossè mal. Dopo che son maridà, non ho pagà un caffè a chi si sia. Son galantomo, no gh'ho da dar gnente a nissun, ma del mio nissun ghe ne magna, e nissun ghe ne magnerà. Voggio gòderme quel pochetto che gh'ho colla mia pase, e colla mia cara muggier.

TON. Sì sì, la vostra cara muggier.

GASP. No xe fursi vero?

TON. No ve arecordè cossa che m'avè ditto?

GASP. Cossa v'ogio ditto?

RIO. Son qua co la comanda. (a Tonina)

TON. Via, andemo co volè. (a Gasparo)

GASP. Andè pur, mi bisogna che resta a casa.

TON. Gnanca a compagnarme no volè vegnir?

GASP. Aspetto mio compare Bernardin, che m'ha da vegnir a levar.

TON. Aspetteu sior compare Bernardin, o siora comare Bernardina?

GASP. Cossa diavolo diseu?

TON. Sior Gasparo, se me n'accorzo!

GASP. Via, via, buttè a monte sti puttelezzi. Son omo, son maridà, e no tendo a ste frascherie.

TON. Ne vegnireu a levar gnanca?

GASP. Oh siora sì, per vegnirve a levar, siora sì. Subito che m'ho distrigà, vegno a torve.

TON. Riosa, dov'è la chiave del saggiaor?

RIO. La xe là su quel tavolin.

GASP. Cossa gh'aveu bisogno della chiave del saggiaor? No vegnirogio a levarve?

TON. Sè capace de farme star là fina a negra notte, e mi gh'ho da far a casa mia, e vôi vegnir co me par e piase.

GASP. Siora no, aspettème.

TON. E se no vegnissi? (prende la chiave dal tavolino)

GASP. Aspettème, e lassè là quella chiave. (con forza)

TON. No gh'aveu la vostra?

GASP. Siora sì, ma voggio aver sto gusto de vegnirve a levar.

TON. Ben, v'aspetterò.

GASP. Siora no; so chi sè; sè capace de vegnir via; vôi esser seguro de trovarve da vostra mare, e lassè là quella chiave.

TON. De dia! Sè deventà una bestia, un satiro, no ve cognosso debotto più. (getta la chiave in terra)

GASP. Me fe da rider in verità.

TON. Andemo, andemo, che debotto... (s'incammina verso la porta)

RIO. (Uh, se el gh'avesse cuor!)

GASP. Andeu via con questa?

TON. Se no me podè soffrir, disèmelo.

GASP. Via, matta. (dolcemente)

TON. No m'avè mo gnanca trovà in t'un gattolo.

GASP. E tutte ste cosse, perché son andà via senza desmissiarla.

TON. Perché... perché... no me volè ben.

GASP. Dè qua la zatta[30].

TON. Cossa songio, una gatta? (gli dà la mano)

GASP. Cinque e cinque diese[31].

TON. E l'amor?

GASP. No gh'è vanti.

TON. E l'amor ve va zozo per i calcagni.

GASP. Ah muso d'oro, veh!

TON. Ah tocco de baron. Stassera faremo i conti. (parte)

RIO. (Oh che stomeghezzi! no li posso proprio soffrir). (parte)

SCENA OTTAVA

Gasparo solo.

GASP. Ghe voggio un ben che l'adoro a culìa, ma la cognosso. So da che piè che la zòppega. La vorave el mondo a so modo, e mi lo voggio un pochetto al mio. Vedo che co le bone no se fa gnente, bisogna provar un pochetto co le cattive. No la xe usa, la gh'ha parso un pochetto garba[32]. La se userà, la se userà. La farà a modo mio. L'ho volesta venzer anca della chiave. (la riprende da terra) Le xe cosse da gnente, ma xe meggio usarle in ste cosse piccole, per no vegnir al caso de cosse de conseguenza. (si sente a battere) Me par che i batta. La sarave bella che la fusse ela che tornasse indrio[33]. (mette la chiave sul tavolino e va ad aprire)

SCENA NONA

Lissandro ed il suddetto.

GASP. Oh! sè vu, sior Lissandro?

LISS. Son mi, compare Gasparo. Cossa feu! Steu ben?

GASP. Che bon vento ve mena da ste nostre bande?

LISS. Amicizia vecchia, amicizia vera, de cuor.

GASP. Ve son obbligà del vostro bon amor.

LISS. Xe un pezzo che non se vedemo. Cossa feu della vostra vita? Una volta vegnivi qualche mezz'oretta al caffè, qualche sera al casin, adesso no se ve vede più.

GASP. Ho tirà in terra[34], compare, ho fenio.

LISS. Per cossa? Perché sè maridà? Se pol tender a casa soa, se pol esser marii e de là de marii[35], e véder qualche volta i so boni amici. Vu fe un mestier, compare, che gh'ha bisogno de amicizie, de conoscenze, de protezion.

GASP. Oh de questa, per grazia del cielo, no me ne manca, e de le faccende ghe n'ho, per un principiante, che no me posso descontentar.

LISS. Quanto xe che no vedè sior Raimondo?

GASP. L'ho visto gieri a Rialto.

LISS. E nol v'ha ditto gnente?

GASP. Gnente.

LISS. Quello, vedeu, quello xe un omo da farghene capital!

GASP. Oh in quanto a questo, gh'avè rason; quel poco che gh'ho, lo riconosso da elo, e no finirò mai de pagar le mie obligazion.

LISS. Sì, se vede ch'el gh'ha dell'amor. Capisso da quel che el m'ha ditto ch'el gh'ha dell'amor.

GASP. De cossa? Cossa v'alo ditto?

LISS. Me despiase ch'el m'ha ordenà espressamente de no parlar.

GASP. Se no podè parlar, caro vecchio, no so cossa dir.

LISS. Ma coi amici no posso tàser.

GASP. Ben donca, se me sè amigo, parlè.

LISS. Ma no disè che sia stà mi che ve l'abbia ditto.

GASP. Ve prometto che no parlerò.

LISS. Ancuo sior Raimondo vol vegnirve a far un'improvisata.

GASP. Un'improvisata de cossa?

LISS. El vol vegnir a disnar con vu.

GASP. S'el m'ha visto gieri, e nol m'ha ditto gnente?

LISS. S'el ve l'avesse ditto, no la saria più improvisata. El vol vegnir ancuo a disnar da vu, elo e siora Cattina, so fia.

GASP. E el ve l'ha ditto a vu ch'el vol vegnir?

LISS. El me l'ha confidà, ma el m'ha ditto che no ve diga gnente, perché nol vol metterve in soggezion. Mi mo che ve son amigo, v'ho volesto vegnir a avisar. Ah! ogio fatto ben?

GASP. M'imagino che sarè anca vu della compagnia?

LISS. No voleu? A mezzozorno el me aspetta da elo, montaremo in gondola, e vegniremo insieme.

GASP. Me despiase una cossa.

LISS. Che xe mo?

GASP. Che ancuo son impegnà a andar a disnar fora de casa.

LISS. Oh vedeu? Queste xe de quelle cosse da perder i amici, da perder i protettori, e da farse trattar da spilorza, e da omo che no gh'ha cuor. Compatime, xe l'amicizia che me fa parlar. Cossa voleu che diga sior Raimondo...

GASP. Co 'l saverà...

LISS. Cossa voleu che diga la so putta, che gh'ha tanta voggia de star un zorno co siora Tonina.

GASP. L'anderà da ela quanto che la vorrà.

LISS. Mo no, no, qua, in confidenza, da vu, in casa vostra.

GASP. Caro amigo, son impegnà, e ve dirò anca con chi: da mio compare Bernardin.

LISS. Fe una cossa: se ve preme, se no ve podè cavar, andè, e lassè ordene a vostra muggier che la li riceva.

GASP. Mia muggier xe andada a disnar da so mare.

LISS. Eh via, cabale, invenzion; vergogneve, un omo della vostra sorte.

GASP. Ve digo che la xe andada da galantomo, in parola d'onor. Vardè, per segno della verità, ho d'andarla a levar, e la m'ha lassà la chiave del saggiaor.

LISS. Me despiase per vu; ma assae, assae, vedè, me despiase.

GASP. Me despiase anca a mi, ma per ancuo no ghe xe remedio.

LISS. E gh'avè cuor de far sta malagrazia a sior Raimondo al qual gh'avè tante obligazion?

GASP. Anderò a trovarlo, ghe farò le mie scuse.

LISS. No, no, no v'incomodè; el m'ha ditto che no ve diga gnente; no stè andar adesso a far delle chiaccole, a far ch'el me toga in urta[36].

GASP. Voleu ch'el vegna, e che nol me trova?

LISS. L'avviserò mi, ghe dirò che ho savesto che andè a disnar fora de casa.

GASP. Oh bravo! ve lasso l'impegno a vu.

LISS. Ma scuseme, sior Gasparo, fe molto mal.

GASP. Oh! i batte.

LISS. Mi no gh'ho sentio. (osservando la porta per dove è venuto)

GASP. Oh, i ha battù dall'altra banda.

LISS. Gh'ala do porte la vostra casa?

GASP. Sior sì, se va fora anca per de là; senz'altro sarà mio compare Bernardin che me vien a levar[37].

LISS. Vardè se ve podessi dispegnar.

GASP. Farò el pussibile, ma gh'ho paura de no podér. (apre, e parte per l'altra porta)

SCENA DECIMA

Lissandro solo.

LISS. Ghe scometto che nol xe impegnà gnente affatto, o che se el xe impegnà, el se poderia despegnar, ma che el lo fa per spilorzeria. El me giera sta ditto ch'el xe deventà una tegna[38], ma no lo credeva. Tolè suso[39], aveva immaginà la più bella cossa del mondo: son in to l'impegno, e sta caìa[40] me fa perder el piaser e la bona occasion. Cossa dirà sior Raimondo che gh'he dà da intender che Gasparo l'invidava a disnar? E cossa dirà siora Cecilia che gh'ho dà parola? Maledetta la spilorzeria de costù! Gh'ho una rabbia che se savesse come podér far a vendicarme... Ma zitto, che me vien un pensier. El m'ha ditto che questa xe la chiave del saggiaor. (prende la chiave del tavolino) Se ghe la fasse sparir?... Ma se el torna, e che nol la trova... Vedemo la mia. (tira fuori la sua) Per diana, gh'è poca differenza. (confronta le due chiavi) Presto, presto, scambiemola. (mette la sua sul tavolino) Ma per andar a casa da mi, che no gh'è nissun! Eh, co gh'ho questa, vegnirò a tor quell'altra. (mette via la chiave di Gasparo) Oh, se la me va ben l'ha da esser el più bel spasso del mondo. Vedo qua l'amigo.

SCENA UNDICESIMA

Gasparo e detto.

GASP. No gh'è rimedio, ve l'ho ditto, no gh'è rimedio. Sior Bernardin ch'el me manda a chiamar.

LISS. Perché no gh'aveu fatto dir che ancuo el ve despensa?

GASP. Eh no, caro vu, che gh'ho promesso d'andar, e po xe tardi; adesso come voleu che fazza a ordenar un disnar?

LISS. Per tardi no xe tardi; ghe xe un'osteria qua taccada[41].

GASP. Se xe disnov'ore sonae.

LISS. Disnov'ore! M'impegno che no le xe gnancora disdotto.

GASP. Me lo voleu dir a mi, che le ho sentie a sonar?

LISS. Me lo voleu dir a mi, che gh'ho la bocca della verità? (cerca l'orologio)

GASP. Coss'è? Aveu perso el relogio?

LISS. La sarave ben bella! El me costa vinti zecchini. (cerca)

GASP. Lo gh'avevi stamattina?

LISS. Me par... Aspettè, aspettè, adesso che me arecordo... Sì ben; l'ho lassà taccà alla testiera del letto.

GASP. Andèlo a tor, andè là.

LISS. No posso, se ho da andar da sior Raimondo. (Sia maledetto! se podesse aver la mia chiave). (da sé)

GASP. Via donca, andè da sior Raimondo.

LISS. Mo adesso: par che me cazzè via. (si accosta al tavolino)

GASP. Xe che mio compare me spetta.

LISS. Andeu per de là o per de qua? (tenta di levar la chiave)

GASP. Vu per de là, e mi per de qua.

LISS. (Pazienzia. Vegnirò a torla col sarà andà via). Sior Gasparo, a rivéderse. (andando per partire)

GASP. Me despiase che ancuo no posso gòder sta bella compagnia.

LISS. Un'altra volta.

GASP. Sior sì, un'altra volta.

LISS. (Se me riesse... a Rialto vôi che ghe demo la battarella) [42] (parte)

SCENA DODICESIMA

Gasparo solo.

GASP. Me despiase per sior Raimondo. In verità, el me voleva far sto onor, ghe son obligà. Ma col saverà che giera impegnà per un interesse che me pol portar del profitto, son seguro che anzi el gh'averà a caro, e el me loderà. Ch'el diga quel che el vol Lissandro, le mie scuse le voggio far. Oh andemo. Mio compare me manda a chiamar; bisogna che i voggia scomenzar a bonora a parlar. Gh'ho gusto, cussì anderò più presto a levar Tonina. Gh'ogio la mia chiave in scarsella? Sì ben. Ma n'importa, xe meggio che toga anca questa za che la gh'è; delle volte se ghe ne pol perder una. (prende la chiave e la mette via senza guardarla) Me despiase de sior Raimondo. Ma lo pregherò de vegnirme un dì a favorir. Xe meggio che vaga per de qua, che la scurto. Vorria squasi serrar colle chiave: eh no; za vegnirò avanti sera. (parte, e serra)

SCENA TREDICESIMA

Lissandro solo, poi il suo Garzone.

LISS. (Apre la porta pian piano colla chiave, ed entra) Ghe n'ha volesto avanti ch'el vaga via. Me son giazzà su quella porta quel che sta ben. Vorave che vegnisse sto mio garzon. Me preme de mandar a casa a tor el relogio. Cossa diavolo falo? L'osteria xe tanto taccada. Ma dove xe la mia chiave? (cercando sul tavolino e per terra) Dove diavolo alo ficcà la mia chiave! Ch'el l'abbia portada via! No crederave mai.

GARZ. Sior patron. (sulla porta con timore)

LISS. Vien avanti, che no gh'è nissun.

GARZ. L'osto xe avisà, e el vien elo in persona.

LISS. Gh'astu ditto da sior Gasparo?

GARZ. Sior sì, da sior Gasparo.

LISS. Gh'astu parlà de mi?

GARZ. Mi no, gnente.

LISS. Vorria che ti andassi... Aspetta, caro ti, che no trovo sta maledetta chiave. Bisogna seguro che, senza abbadar, el l'abbia portada via. Pazienza. Bisognerà sta sera che fazza averzer da un favro, e che domattina fazza muar la serradura.

GARZ. Comàndela altro?

LISS. Aspetta.

GARZ. Vedo l'osto che vien su de la scala.

LISS. Va là, va in cusina, fa del fogo, e impizza el fogo in tinello[43].

GARZ. No son miga pratico de sta casa.

LISS. Va drento de quella porta, (accenna la porta di fondo) e ti troverà tutto.

GARZ. E se non ghe xe fogo?

LISS. Battilo.

GARZ. E se no trovo l'azzalin?

LISS. Eh, el diavolo che te porta colle to difficoltà. (Garzone parte)

SCENA QUATTORDICESIMA

L'Osto ed il suddetto.

LISS. Vegnì avanti, sior paron.

OSTO La me comandi.

LISS. Nu gh'avemo bisogno de vu, presto, pulito, e no vardè bezzi.

OSTO Per quanti?

LISS. Aspettè. Do e do quattro, e do sie... per sette; per sie o sette.

OSTO Vienle da mi, o vorle che le serva qua?

LISS. Qua, qua, da sior Gasparo. Lo cognosseu sior Gasparo sanser?

OSTO Lo cognosso de vista. So ch'el xe una persona civil, ma nol m'ha mai fatto l'onor de spender un soldo alla mia osteria.

LISS. Ben, caro vecchio, tutte le cosse gh'ha d'aver el so principio; el principierà ancuo[44].

OSTO Nol ghe xe in casa sior Gasparo?

LISS. Nol ghe xe; el m'ha dà l'incombenza a mi.

OSTO La perdoni, e ela? La so riverita persona?

LISS. Mi son so fradello.

OSTO Me ne consolo infinitamente. (cavandosi la berretta o il cappello) E... la perdoni, la pagherà ela?

LISS. Pagherà mio fradello. Gh'aveu qualche difficoltà?

OSTO Gnente affatto. Me maraveggio.

LISS. Gh'ho ben campo de vegnir spesso alla vostra bottega.

OSTO La vederà che gh'averò ambizion de servirle. Quanti piatti comàndele?

LISS. Sentì, amigo. Mio fradello xe un omo che in te le occasion no se fa vardar drio; trattèlo ben, e no ve dubitè gnente.

 OSTO Per esempio, cento risi colla quagietta?[45]

LISS. Sì ben.

OSTO Un bel pezzo de triolfa de lai suttilo?[46]

LISS. Anzi.

OSTO Un cappon impastà col balsamo del Perù?[47]

LISS. Anca con quel della Mecca, se volè.

OSTO Un fracassè all'ultima moda?

LISS. Bravo! evviva la moda!

OSTO Ma ghe raccomando el piatto.

LISS. Come el piatto?

OSTO Perché m'impegno che le magnerave anca el piatto.

LISS. Ho capio; son cortesan, e no ghe arrivava.

OSTO Lattesini certo.[48]

LISS. S'intende.

OSTO Figà de vedello?[49]

LISS. No ghe xe risposta.[50]

OSTO Vorla che fazza un contrabbando?

LISS. Che xe mo?

OSTO Che ghe daga una lengua de manzo salmestrada co le mie man?

LISS. Magari!

OSTO La sentirà che roba! altro che calle dei Fuseri[51]! La sentirà. Cossa vorla de rosto?

LISS. Cossa gh'aveu de bon?

OSTO Tutto quel che la vol, lonza, straculo, cingial, lievro, agnello, cavretto, pollastri, dindi, capponi, ànere, quaggie, gallinazze, beccanotti, pernise, francolini, fasani, beccafighi, tutto quel che la vol.

LISS. Tutta sta roba gh'avè?

OSTO La comanda, e no la dubita gnente. Semo a Venezia, sala! No ghe nasse gnente, e ghe xe de tutto, e a tutte le ore, e in t'un batter d'occhio se trova tutto quel che se vol. La comandi.

LISS. M'avè minzonà[52] tanta roba, che m'avè confuso la fantasia.

OSTO Faremo cussì: una lonza, sie gallinazze, e do pollastrelli.

LISS. Sì ben.

OSTO Vorla una torta?

LISS. Perché no?

OSTO Una crema de cioccolata?

LISS. Sior sì.

OSTO Ostreghe ghe ne vorla?

LISS. Oh sì apponto, le ostreghe.

OSTO Ghe voria anca la so tartuffoletta maligna[53].

LISS. No disè mal; e che sior Gasparo se fazza onor.

OSTO No la se indubita, che el xe in bone man.

LISS. Me par anca mi.

OSTO Cossa comàndela per el deser?

LISS. Vu sè omo capace; fe tutto quel che volè.

OSTO La se lassa servir, e no la gh'abbia travaggio[54] de gnente.

LISS. Ma disème, caro sior...

OSTO Paron Ménego, per servirla.

LISS. Caro sior paron Ménego, questo che m'avè esibìo, nol xe miga un disnar da ostaria.

OSTO Bravo! La gh'ha rason. Ma no la sa che gh'ho do cusine, do capi cuoghi, do caneve e do botteghe? Mi ghe darò da disnar, se la vuol, scomenzando da diese soldi a testa, fina a diese zecchini, se la comanda.

LISS. Sior sì, ho capio tutto. Ma aspettè, caro vecchio... (vorave farghela portar a sta caìa de sior Gasparo, ma no voria mo gnanca rovinarlo). (da sé) Disème, sior paron Ménego, appresso a poco quanto ne fareu spender in sto nostro disnar?

OSTO El vin se lo pòrteli lori?

LISS. Vu avè da metter tutto. Pan, vin, frutti, biancheria, possade, piatti, tutto quel che bisogna.

OSTO Anca i piatti da tovaggiol?

LISS. No so, per quelli no credo; ve saverò dir (anderà a véder se ghe xe el bisogno in cusina). (da sé)

OSTO La senta, co la vol un disnar da par soo, con tutto quel che s'ha ditto, manco de do zecchini a testa mi no la posso servir.

LISS. No, amigo, mio fradello sta spesa nol la vol far, un zecchin a testa, e gnanca un bezzo de più. (Per sie o sette zecchini, la se ghe pol far portar) (da sé)

OSTO Mi le servirò a quel prezzo che le comanda; za le tartuffole con sti sirocchi le xe patìe.

LISS. N'importa, faremo de manco.

OSTO Le ostreghe chi le ghe piase, e chi no le ghe piase.

LISS. Xe vero.

OSTO Mezza gallinazza per omo, le gh'ha da magnar quanto che le vol.

LISS. No andè avanti altro, compare; fermeve là.

OSTO Sarà difficile che a st'ora trovemo dei lattesini.

LISS. Oh compare, compare, no me dè in te la gola; no me tocché i lattesini.

OSTO Vorle spender un zecchin a testa?

LISS. Sior sì, ma ben lo volemo spender.

OSTO La lassa far a mi, che ghe lo farò spender ben. (comincia a partire)

LISS. E presto. (s'incammina verso l'appartamento)

OSTO In tun batter d'occhio. (camminando)

LISS. E pulito. (camminando)

OSTO La vederà. (camminando)

LISS. Pan? (camminando)

OSTO Da Marocco. (camminando)

LISS. Vin?

OSTO Da Vicenza.

LISS. Da bravo, sior paron Ménego.

OSTO La sarà contenta de mi. (parte per la porta della scala)

LISS. E sior Gasparo pagherà. (parte per la porta di mezzo)


ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

La stessa camera col tavolino medesimo.

Lissandro solo, poi Giovani d'osteria.

LISS. (Apre colla chiave la porta solita della scala, ed entra e chiude) Oh bella! oh bella da galantomo! Chi mai se podeva immaginar una cossa simile! Me vien in mente de far una chiassada per rider de sior Zanetto, e trovo che sior Bortolo xe innamorà dasseno de siora Cattina, che le buccole che ha comprà siora Cecilia le xe destinade per ela, e che sior Bortolo vol vegnir anca elo a disnar. La cossa se fa seria, e squasi me despiase d'averme impegnà. Ma ghe son, e no gh'è più remedio. El disnar xe ordenà, xe invidà sior Raimondo... No gh'è più remedio; lassemo correr. La sarà co la sarà. Semo de carneval. Se divertiremo alle spalle de quel caìa de sior Gasparo. Son contento almanco, che m'ho assicurà che el xe a disnar da sior Bernardin, e che so muggier xe da so mare. Gh'aveva i mii reverenti dubbi, ma adesso posso star col cuor quieto. Spero che i ne lasserà disnar con tutte le nostre comodità. El se la merita sto tegna, el se la merita. Se vede ch'el l'ha fatto per avarizia. Gièrelo impegnà? bon viazo; el doveva, el giera in obligo de mandar a chiamar so muggier. (si sente a battere) I batte; chi è? Vedemo. (apre) (Tre o quattro Garzoni carichi di roba)

LISS. Oh bravi! Andè là, andè in cusina, mettè la roba in calda. Ghe xe del fogo, ghe xe dei fornelli, ghe xe carbon. Parecchiè la tola in tinello. Oe Ménego, (verso l'appartamento) varda sti putti; dighe quel che i ha da far. E co vorremo che mettè su i risi[55], ve aviseremo.

GARZ. (Dicono di sì di tutto, ed entrano nell'appartamento)

LISS. Andarò anca mi a dar un'occhiada in cusina, perché me preme che sior Gasparo se fazza onor. Ma gh'ho sta roba in scarsella... la me intriga, e no vorave perder qualcossa. (tira fuori i suoi scrignetti) Se savesse dove metterli... qua, qua; li logherò in sta cassella. (li mette nella casselletta del tavolino) No vorave desmentegarmeli... Oh diavolo! pussibile che sia cussì storno! me li ricorderò. I batte. (va ad aprire)

SCENA SECONDA

Raimondo[56], Cattina e detto.

LISS. Patroni, ben venuti, che le resta servide.

RAIM. Oh el mi car sgnor Lissandro, bon dì a vossignori.

LISS. Bravo sior Raimondo, brava, siora Cattina, cussì me piase. No ghe posso dir quanta soddisfazion che gh'averà sior Gasparo e siora Tonina...

CATT. Dove xela?

LISS. Ghe dirò...

RAIM. Dov'el el sior Gaspar? Dov'el el mi car amigon?

LISS. Ghe dirò. Sior Gasparo e siora Tonina i xe andai tutti do fora de casa per un interesse de gran premura, ma a momenti i sarà qua, e i m'ha lassà mi a posta per riceverle, e domandarghe scusa, e farghe compagnia fin che i vien. Le se comoda, le resta servide. (porta due sedie)

CATT. Starali un pezzo a vegnir? (siedono)

LISS. No i doverave tardar.

CATT. Sarà debotto vint'ore.

LISS. No crederia gnancora.

RAIM. (Guarda il suo orologio) Disnov'e mezza.

LISS. Eh via via, no gh'è mal.

CATT. Xe ché nualtri semo avezzi a disnar tanto a bonora.

LISS. Gh'ala appetito, siora Cattina?

CATT. Ve dirò, me son levada un pochetto tardi; tra vestirme, conzarme, e tra la pressa de vegnir via, no gh'ho gnancora marendà stamattina.

LISS. Oe, se i starà un pezzo a vegnir, co sarà all'ordine andaremo a tola senza de lori.

RAIM. Mo sgnor no, da bon, ch'an s'ha d'andar a tavla s'in vien.

LISS. (Oh se ghe anderemo senza de lori!) (da sé) Perché no xela vegnua in mascara, siora Cattina?

CATT. Oh, perché in mascara! Semo vegnui in barca. Son vegnua cussì come che stago per casa. Za co siora Tonina no gh'ho suggizion.

LISS. Cossa dìsela? Per diana, la xe pulita, che no se pol far de più. No ghe manca gnente.

RAIM. L'am fa da rider mi fiola. (ridendo)

LISS. Per cossa?

CATT. Cossa ghe fazzo da rider?

RAIM. L'ha chiappà anch'li sta bell'usanza. L'ha semper el mattezz de dir che l'è vestida come che la va per cà.

CATT. Oh vardè che gran cosse! Cossa xelo sto strazzo de abito?

RAIM. Ah! cossa disiv! la ghe dis un strazz! (a Lissandro)

LISS. No, no, siora Cattina. L'assicuro che la xe vestia pulitissimo. El xe un abitin de bon gusto.

CATT. Ve piàselo? (guardandosi ed accomodandosi)

LISS. El me piase infinitamente.

CATT. Me l'ho scielto mi sto raso. (come sopra)

LISS. Brava, pulito.

RAIM. Quant credì mo ch'el gh'durerà? (a Lissandro)

CATT. Oh che songio una strapazzona?

RAIM. Ancù, per esempi, a n'jera sta necessità da metters st'abitin per vgnir a disnar con d'i amigh de confidenza.

CATT. Mo za, elo el vorave sempre che andasse co fa una massèra.

LISS. Eh ancuo no l'ha fatto mal a vestirse, perché a disnar ghe sarà qualchedun. (a Raimondo)

RAIM. Cmod? Ai sarà dla zent a dsnar? Mo an m'avi miga dett sta cossa.

CATT. (El gh'ha paura che la zente i me magna). (da sé)

LISS. No gh'ha miga da esser un gran invido. La vederà, la vederà, no la se toga suggizion.

RAIM. Mo s'a saveva csì, ani vgniva miga, vedi. An vui ch'i diga che la mi fiola...

LISS. La me perdona, sior Raimondo, la l'ha pur menada giersera al festin.

RAIM. L'è veira, ma li è stà mi cugnà ch' m'ha fatt sta bassetta. La n'ha invidà a magnar una turta a la bulgnes, mi a credeva ch'an' i fuss nissun, e a poc a la volta, a du, a trì, a quatter s'ha impenii la cà, e i ha fatt una festa da bal.

CATT. Oh la varda che gran cosse! no gh'ho mai un fià[57] de divertimento.

RAIM. E chi eni sta zent, ch'ha da vegnir a dsnar? (a Lissandro)

LISS. No la se  indubita gnente. Tutta zente propria, civil; tutti mario e muggier. La vederà do zoveni tutti do maridai, e i vegnirà tutti do colle so muggier.

RAIM. Oh quand l'è cusì, a n'i è mal.

CATT. Mo una gran cossa de elo che el vol sempre pensar al mal. (a Raimondo)

RAIM. Eh fraschetta veh! At cgnoss.

CATT. (El me fa una rabbia!) (da sé)

RAIM. E chi eni mo? Se pol saver? (a Lissandro)

LISS. Do mercanti de rango, de considerazion. La vede ben: sior Gasparo fa el senser...

RAIM. Eh sior Gaspar, el so mi, l'è un om de giudizi, el fa ben i fatt so. Cossa ghe disni[58] a sti do mercanti?

LISS. Uno xe un certo sior Zanetto Bigolini...

RAIM. Quel matt!

LISS. El xe matto, ma el gh'ha dei bezzi, e del credito, e dei magazzeni.

CATT. Quel scempio xe maridà? (a Lissandro)

LISS. La vederà so muggier. (a Cattina)

CATT. Oh che te pustu[59]! Chi mai xela quella matta che l'ha tolto?

LISS. Per i bezzi, fia mia, per i bezzi.

CATT. (Vardè che sporco! e giersera el me vegniva a far el grazioso! Manco mal ch'el me fava stomego, e che no gh'ho badà). (da sé)

RAIM. E quel alter chi el?

LISS. Un certo sior Bortolo Parigini.

CATT. (Sior Bortoletto!) (da sé, con allegrezza)

RAIM. Sior Bortel Parisin? Al cgnoss, ma n'ho miga mai savù ch'al sippia maridà.

LISS. Sior sì, el vegnirà anca elo co so muggier.

CATT. (Oh poveretta mi! Anca elo xe maridà? Gran busiari che xe sti omeni). (da sé, afflitta)

RAIM. A i ò piaser ch'i sippia el sior Bortel. Al cgnoss cussì de vista: so ch'el fa d'i bon negozj, ò piaser de far amizizia con lu.

CATT. Sior padre.

RAIM. Cossì è?

CATT. Vedo che sior Gasparo e siora Tonina no vien mai. Ancuo i gh'averà da far, sarave meggio che tornessimo a casa. Vegniremo più tosto un altro zorno.

LISS. Oh cossa dìsela, siora Cattina?

RAIM. Via, via, avi pazenzia.

CATT. E po con tutta sta zente la sa che mi non son usa...

RAIM. Quand a i è de l'alter donne... Quand n'i è che marì e mujer...

CATT. In verità me sento una certa cossa. Par che me vegna mal. Andemo via, caro elo.

LISS. Vorla una scuela de brodo?

CATT. Sior no, sior no. Grazie.

RAIM. Se vulì che andemen, anden.

LISS. Caro sior Raimondo, cossa vorla mai che diga sior Gasparo e siora Tonina? La ghe vorria far sto affronto?

RAIM. L'è veira; vi[60], la mi fiola, avì pazenzia.

LISS. La compatisso, poveretta, xe tardi. Cossa diavolo fali, che no i se destriga? Farò cussì, so dove che i xe, i xe poco lontani. Tanto che vien sti altri, anderò a chiamarli, i vegnirà subito. No la s'indubita gnente. Se vien sti signori, la prego de riverirli ela. (a Raimondo) Vago e vegno in t'un salto. A bon riverirle. (Anderò a veder cossa che i fa in cusina). (da sé, e va per andare all'appartamento)

RAIM. Dov'andev per dlà? (a Lissandro)

LISS. Eh se va fora anca per de qua. La se scurta. (parte)

SCENA TERZA

Raimondo e Cattina.

RAIM. Ah sì, el me l'à dett sior Gaspar, che i è do port int la so cà.

CATT. (No credeva mai che sior Bortolo fusse maridà!) (da sé)

RAIM. Anim, anim, alligher[61].

CATT. Ghe digo che me sento poco ben.

RAIM. Ti averà tropp striccà el bust. Vot che te delazza?

CATT. El varda se son mola.

RAIM. Vot magnar qualcossa?

CATT. Oh me xe passà la fame.

RAIM. L'è el patiment, l'è el stomegh che te va vi. Ma perché n'at fatt colazion stamattina?

CATT. Non ho avudo tempo.

RAIM. L'è quel specch[62], quel maledett specch. Ti gh sta tre or d'orlogg a quel specch, e fa, e desfa e tira i cavj[63] dzà, e tira i cavj d'là; d'i grum de manteca sul topè; d'i baril de polver in tel cignon, e sta bucla ne va ben, e sta bandetta ne corrisponde a quest'altr, a gh'vol tutta una mattina per sto bel conzir.

CATT. Perché no me tróvelo un perrucchier?

RAIM. Aveva trovà una donna; no l'avi vluda.

CATT. Sior no; le donne no sa far ben; fazzo meggio mi.

RAIM. Oh ragazza! ragazza!...

CATT. Andemo via, caro elo.

RAIM. I batt. An gh'è la serva, an gh'è nissun. Avrirò mi. (va ad aprire)

CATT. (Vardè se gh'avesse teso[64] a quel baron! andarme a dir ch'el giera da maridar! Manco mal che no gh'ho mai ditto de volerghe ben). (da sé)

RAIM. (Cmod se fa a avrir sta porta? Ah, l'ò trovà). (apre)

SCENA QUARTA

Zanetto dando mano a Lucietta in abito da signora. Bortolo dando mano a Cecilia, e detti.

RAIM. Eh i vignin pur innanz; ch'i s'accumda.

ZAN. Servitor umilissimo al mio caro patron. (a Raimondo)

RAIM. Èla la so sgnora questa? (a Zanetto, accennando Lucietta)

ZAN. (Senza rispondere lascia Lucietta e corre da Cattina) Ghe fazzo umilissima reverenza. Ala dormio ben sta notte? S'ala destraccà? Stala ben? (a Cattina)

CATT. Benissimo, per servirla. (seria)

ZAN. (Sala insunià[65] de mi stanotte?) (a Cattina)

CATT. (Vardè che sempiezzi!) (da sé, con rabbia)

LUC. (El m'ha impiantà qua). (piano a Cecilia)

CEC. Cossa volévistu? ch'el te tegnisse sempre per man? (piano a Lucietta)

ZAN. (Si va aggiustando l'abito e i maneghetti)

RAIM. A i ho ben piaser, sior Bortel, d'aver l'unor de la so compagnì.

BORT. La xe una fortuna per mi questa, d'aver l'onor de disnar con ela, e co la degnissima so siora fia. (drizzandosi a Cattina)

CATT. (Poco de bon! malignazo quando che l'ho cognossù!) (da sé)

RAIM. Vi, la mi fiola. Agradì, respondì con un poc d'bona grazia. (a Cattina)

CATT. L'ho saludà, ho fatto el mio debito; la sa che mi no so far cerimonie.

BORT. (Sia maledetto! ghe scometto che la crede che sia maridà). (da sé)

RAIM. Èla lì[66] la consort del sior Bortel? (a Cecilia)

CEC. Per servirla.

RAIM. E st'altra sgnoura? (verso Lucietta)

CEC. St'altra signora... (forzandosi per non ridere) la xe la consorte de sior Zanetto.

ZAN. (Ci patisce)

RAIM. Me consol infinitament d'aver l'unor de cgnosserla. (a Lucietta)

LUC. Grazie tanto, sior. (si vede ch'è impicciata)

CEC. e BORT. (Ridono piano fra di loro)

RAIM. Me ne ralligr con lì, sgnour Zanett, dla bona scelta.

ZAN. Eh sior sì... Ma... grazie. (a Raimondo) No la creda gnente. (piano a Cattina)

CATT. (Cossa diavolo dìselo? mi nol capisso). (da sé)

RAIM. (Am d'avis[67] che la mujier e el marì se someggia). (da sé, ridendo) L'am fazza grazia. El mo un pezz ch' l'è maridà? (a Lucietta)

LUC. Mi, sior? (imbarazzata)

CEC. Via, siora Gasparina... (a Lucietta)

LUC. (Oh Gasparina!) (da sé, ridendo)

CEC. La ghe diga quanto che xe che la xe maridada. (a Lucietta)

LUC. No so, sior, tre anni, quattr'anni. No so gnente.

RAIM. Hala d'i fantsin?

LUC. Oh giusto! (ridendo)

CEC. (Oh no la tien duro custìa)[68]. (da sé)

RAIM. (Mo che bella copia!) (da sé)

BORT. (No son miga maridà, sala?) (a Cattina)

ZAN. (Gnanca mi). (piano a Cattina)

BORT. (Quella xe mia sorella). (come sopra)

ZAN. (E quella xe la massèra). (come sopra)

CATT. (Oh matti maledetti tutti do!) (da sé, e riprende la ciera allegra)

CEC. Cossa xe de sior Gasparo e de siora Tonina, che no i se vede?

CATT. No i ghe xe, ma adesso adesso i vegnirà tutti do. (con spirito, e si accosta a Cecilia) Aspettemoli. Xe tardi, ma n'importa. Semo in compagnia; no xela ela? (accennando Bortolo)

CEC. Siora sì, la muggier de sior Bortolo.

 CATT. (No xe miga vero, n'è vero?) (piano a Cecilia)

CEC. (Siora no, so sorella). (piano a Cattina)

CATT. Me consolo tanto de véderla e de cognosserla. (si baciano) E questa xe la consorte de sior Zanetto? (a Lucietta, ridendo)

LUC. Siora sì. (si accosta per baciarla)

CATT. Grazie. (si ritira) Mi no vôi basar la massèra. (da sé)

LUC. Me cognossela? (a Cecilia, piano)

CEC. Oh giusto! (piano a Lucietta) Bisogna che quei matti gh'abbia scoverto tutto. (da sé)

RAIM. Per cossa mo i avì fatt ste sgarb? (piano a Cattina)

CATT. Perché la gh'ha mal a la bocca. (piano a Raimondo)

RAIM. Cara la sgnoura delicatina. (piano a Cattina)

SCENA QUINTA

Lissandro e detti.

LISS. Patroni reveriti.

CATT. E cussì? Vienli, o no vienli?

LISS. I vegnirà.

CATT. Dove diavolo xeli ficcai stamattina?

LISS. Ghe dirò: sior Gasparo xe da sior Bernardin Zoccoletti per un negozio de canevi, che se el ghe va ben el va a rischio de vadagnar almanco un mier de ducati, in tre o quattro zorni.

CEC. E cossa gh'intra siora Tonina?

LISS. Siora Tonina? La xe una donetta che val un milion. Sti marcanti che gh'ha sto canevo da dar via, i gh'ha bisogno de bezzi, ghe vol do mille ducati a la man, e siora Tonina s'ha cavà le zoggie, e tanto che so mario contratta, la xe andada a trovar i bezzi.

RAIM. Per cossa no ela vgnù da mi, che a g' li averia dadi senza un interess al mond?

BORT. Ma in sostanza, vegnirali, o no vegnirali?

LISS. I vegnirà.

ZAN. Sentémose a tola, che i vegnirà.

RAIM. Oh sgnour Zanett, cossa disla? Senza i patron de cà? L'am perdona, saravla una bella creanza?

ZAN. La creanza xe bella e bona, ma mi gh'ho una fame che no ghe vedo.

LISS. E el negozio va longo e Dio sa quando che i vegnirà.

LUC. (Oh mi dobotto chiappo su, e vago via). (da sé)

RAIM. Ma coss'ha dett el sior Gaspar?

LISS. Sior Gasparo gh'ha el mazor travaggio del mondo, ma el sa che l'ha da far con de le persone che ghe vol ben, che no ghe vorrà far perder sta bona occasion, e el li prega, e el li supplica, el li sconzura de sentarse a tola, e de principiar.

TUTTI (Fuor che Raimondo e Lissandro) Sì, sì, sior sì.

RAIM. Mo sgnour no, da bon, ch'i avem da aspetar.

LISS. Sior, son andà in cusina: se la vedesse, xe una cossa che fa compassion. Tutto va de mal. E sì, sala, l'ha parecchià un boccon de disnar! no ghe digo gnente. L'ha tolto un cuogo... (a Raimondo)

CEC. Andemo, andemo, sior Raimondo, che i vegnirà.

RAIM. Se i vol andar lor, che i vaden pur, ma mi e mi fiola piuttost anderem a cà: el veira, Cattina?

CATT. Mi, sior? In verità che gh'ho fame, e che no gh'ho gambe da far le scale.

RAIM. Ti m'ha pur dett, che t'era passà la fam?

CATT. Oh la me xe tornada.

CEC. Anemo, sior Raimondo, andemo che i vegnirà. (lo prende sotto il braccio)

BORT. A tola, a tola. (prende per la mano Cattina)

ZAN. Sans façons, sans façons[69]. (la prende per l'altra mano)

CATT. Sior padre, se ghe xe, bisogna starghe. (parte con li due suddetti)

RAIM. L'am vol far far una cossa... (a Cecilia)

CEC. Andemo, andemo drio de sti putti. (vuol condurlo via)

RAIM. Putti! (guardandosi)

CEC. Eh mi, co i xe zoveni, ghe digo putti. Andemo (parte con Raimondo)

SCENA SESTA

Lissandro e Lucietta.

LISS. Via, siora novizza, la me favorissa la man. (a Lucietta, ridendo)

LUC. Eh novizza i totani[70].

LISS. Quanto pagaressi che fusse la verità?

LUC. Oh con quel scempio no, vedè.

LISS. Piuttosto con mi, n'è vero?

LUC. Oh gnanca. Gh'avè troppe cabale.

LISS. No cognossè el bon, sorella. Via, la me daga la man. La permetta che gh'abbia l'onor de servirla.

LUC. Dove me voleu menar?

LISS. A tola.

LUC. A tola? mi no, varè.

LISS. No? per cossa?

LUC. Figureve se mi vôi disnar sentada a tola coi mi paroni.

LISS. Co lori ve lo permette.

LUC. Oh mi no, vedè, me vergogno.

LISS. Dove voressi andar? In cusina?

LUC. Feme parecchiar piuttosto qua su d'un taolin.

LISS. Eh andemo. Vegnì con mi. (la prende a forza per la mano)

LUC. Sior no, ve digo. (fa forza per restare)

LISS. Sangue de diana che vegnirè. (la prende in braccio, e la porta)

LUC. Oe, oe, siestu malignazo. (partono)

SCENA SETTIMA

Tinello con la tavola apparecchiata, e le pietanze in tavola colle sedie che occorrono.

In fondo una credenza grande da tinello, con portelle che si aprono.

Cecilia, Cattina, Raimondo, Bortolo, Zanetto, poi Lissandro e Lucietta;

Servitori d'osteria ed il Garzone di Lissandro che servono.

CEC. Son qua, son qua, farò mi i onori della casa. Qua, sior Raimondo, in cao de tola[71].

RAIM. An so cossa dir. Ai son. (siede in principio, dalla parte della prima donna)

CEC. E mi arente de elo; e arente de mi mio mario. (ridendo)

BORT. (Prende il posto)

CEC. Là, siora Cattina.

CATT. (Siede vicino a Bortolo)

ZAN. E mi qua. (siede vicino a Cattina)

CEC. Sì ben, e vu là. (a Zanetto)

ZAN. E mi qua. (fa un poco il pazzo)

CEC. Dove xeli sti altri?

BORT. Veli qua che i vien. (comincia a distribuir la minestra)

RAIM. (Me faravla una grazia?) (a Cecilia, piano)

CEC. (La comandi pur). (piano)

RAIM. (L'è tant matt quel sior Zanett; siv content de lassar che mi fiola vegna qui, e lì andar dall'altra banda de so marì?) (piano)

CEC. (Sior sì, volentiera). (si alza e va da Cattina, e le parla all'orecchio)

CATT. (In verità, gh'ho da caro). (a Cecilia, e si alza; va tra Raimondo e Bortolo)

ZAN. Dove vala? (si alza)

CEC. E vu qua, e vu qua, fermeve qua. (a Zanetto, tenendelo e caricandolo) Animo, ve destrigheu? (alla scena)

LISS. Semo qua, semo qua anca nu. (Cossa che gh'ha volesto a farla vegnir!) (da sé)

CEC. Anemo, siora Dorotea: arente a vostro mario. (a Lucietta)

LUC. (Oh adesso mo Dorotea!) (da sé)

CEC. E là sior Lissandro.

LISS. Siora sì. (siede in fondo, dalla parte della seconda donna) Via, siora Dorotea, la se senta. (a Cecilia)

LUC. Oh m'avè debotto stuffà. (a Lissandro)

CEC. Via, cossa fala? (a Lucietta)

LUC. M'ogio da sentar? (a Cecilia)

CEC. Cossa vorla? Magnar in piè?

LUC. Sia malignazo! (vuol sedere, ed è imbrogliata)

ZAN. (Non vorrebbe vicino Lucietta, guarda Cattina, ci patisce, e vorrebbe alzarsi)

CEC. Fermeve qua, ve digo.

ZAN. (Oh poveretto mi!) (da sé)

LUC. (Siede, e sta lontana dalla tavola in maniera che tiene il piatto metà in mano e metà sulla tavola)

CEC. Cossa diavolo feu, Lucietta? Feve avanti, che spanderè el piatto e ve macchierè la roba.

LUC. (Si tira inanzi)

RAIM. Sgnora Cecilia.

CEC. Sior.

RAIM. Quanti nomi ala quella sgnora?

CEC. No so gnanca mi. Semo amighe, ghe digo quel che me vien in bocca.

ZAN. (Sior Lissandro). (piano, avanzandosi davanti Lucietta, e Lucietta lo spinge)

LISS. (Sior). (piano)

ZAN. (M'avè tradio). (come sopra, e Lucietta lo spinge)

LISS. (Per cossa?)

ZAN. (Songio arente de siora Cattina?) (come sopra)

LUC. La vorla fenir una volta? (spingendolo)

ZAN. Eh, lassème star. (contro Lucietta)

RAIM. Coss'è ste tananai?

CEC. Via, sior, portè respetto a vostra muggier. (a Zanetto)

ZAN. (Pazenzia. El finirà sto disnar). (da sé)

RAIM. (L'è matt. A l'ho semper dett. Ho fatt ben mi a allontanar el da mi fiola). (da sé, mangiando)

BORT. (Dà la carta con le buccole a Cattina. Ella vorrebbe vedere cos'è ma ha soggezion di suo padre) (Oe). (piano a Cecilia)

CEC. (Cossa gh'è?) (piano)

BORT. (Gh'ho dà le buccole).

CEC. (L'ala tolte?)

BORT. (No voleu?)

CEC. (Me ne consolo).

RAIM. Almane el sior Bortel l'è un zoven savi e prudent; as ved ch'al gh'vol ben a so muier; siel benedett! CEC. Coss'è, sior Lissandro, no disè gnente? Paremo morti.

LISS. Fin adesso gh'ho abuo da far. Adessadesso me metterò in vena. Deme da bever. (gli portano da bere) Signori, se i me permette, el primo brindese... alla salute de sior Gasparo.

TUTTI Evviva. (tutti prendono da bere)

RAIM. Evviva el sior Gasper. Ma la va longa sta ctà[72]. Nol vin mai?

LISS. Adessadesso el vegnirà. CEC. E mi alla salute de siora Tonina.

TUTTI Evviva.

LUC. (Col gotto in mano vorrebbe bevere, e non sa come fare; va menando il gotto, poi si alza e dice) Oh, alla so bona conservazion. (beve)

TUTTI Evviva. (ridendo)

LUC. (Quando ha bevuto, scola il gotto in terra)

CEC. Oe l'abito, in malora. (forte a Lucietta)

CATT. (Curiosa guarda le buccole sotto la tavola)

RAIM. Coss'è quel negozj? (a Cattina)

CATT. Eh gnente.

RAIM. A jò vist a luser.

CATT. Le mie buccole che ho rotto giersera. (mette in saccoccia)

RAIM. Demle a mi, che av le farò accomdar.

CATT. Oh giusto.

RAIM. Demle a mi, ve digh.

CATT. Ghe le darò

CEC. (Vedeu?) (urtando Bortolo)

BORT. (Si vede agitato)

LISS. Cossa gh'ala? De le buccole da far comodar? (a Cattina)

CATT. Sior sì; gh'ho rotto el ganzo giersera.

LISS. (Si alza e va da Cattina) La me le daga a mi, che el xe el mio mestier.

CATT. Sior sì, tolè: eh, ehm. (tosse)

LISS. (Ho capio). (da sé) Eh gnente, ho visto. Domattina ghe le porterò comodae. (guarda e mette via, e torna al posto)

RAIM. A lu sì, e a mi no? (a Cattina, con un poco di sdegno)

CATT. Sior sì, perché sior Lissandro xe bravo, el comoda le cosse pulito, e lu el le averave tutte precipitae. (a Raimondo)

CEC. Brava, brava, pulito. (a Cattina) E vu cossa feu qua incantà co fa un pandolo? (a Zanetto)

ZAN. Voggio andar via.

CEC. Per cossa?

ZAN. No gh'ho più fame. Voggio andar via.

CEC. Se no gh'avè più fame vu, gh'ha fame vostra muggier.

ZAN. Cossa m'importa a mi de ela? (disprezzandola)

LUC. E gnanca mi de vu, sior. (colla bocca piena)

CEC. Oe, la ve vol tanto ben, che la se soffega.

RAIM. (Oh oh, che matrimoni, oh oh). (da sé, ridendo)

LISS. Qua nissun magna altro. Oe, portè via; ànemo, alla seconda portada. (Servitori levano e rimettono i piatti)

RAIM. Sior Lissander.

LISS. Signor.

RAIM. Mi a nem poss più tgnir.

LISS. De cossa?

RAIM. Sto sior Gasper, sta siora Tonina?

LISS. Mi no so cossa dir. La me par una stravaganza anca a mi.

RAIM. Ch'agh sia intravgnù qualcossa?

LISS. Mi no crederia.

RAIM. Mandem a veder da qualchedun.

LISS. Adesso manderò el mio garzon. Dov'estu? Ménego. (Ménego sarà dentro per portar via i piatti, e Lissandro va dentro a parlargli)

BORT. (Distribuisce i piatti della seconda portata)

CATT. (Che belle buccole!) (piano a Bortolo)

BORT. (Ghe piàsele?) (a Cattina, piano)

CATT. (Sior sì). (piano)

RAIM. Cossa?

CATT. De che?

RAIM. Cossa disel s'av pias?

BORT. Ghe domando se ghe piase le gallinazze.

CATT. Sior sì, che le me piase assae. (con caricatura)

BORT. Xele belle?

CATT. Bellissime.

BORT. Mo cossa?

CATT. Le gallinazze.

BORT. La compatissa. (dandole una gallinazza sul piatto)

CATT. La ringrazio tanto.

CEC. (Caspita, la la sa longa!)

ZAN. (Taglia un piatto che è dalla sua parte, ne mette sopra un tondo, e l'offerisce a Cattina) A ela. (a Cattina)

CATT. Grazie. (rifiuta)

ZAN. La favorissa.

CATT. No dasseno.

ZAN. La se degna. (con più forza)

CATT. Mo no la vede che son drio sta gallinazza?

ZAN. Co no la vol, la lassa star. (butta il tondo in mezzo la tavola)

CEC. Oe, oe, sior, dove credeu d'esser? Al magazzin?

ZAN. La perdona. Ho fatto mal, xe vero. Ho mancà de rispetto. (si alza) Signori, ghe domando a tutti perdon. (gli vien da piangere, e si getta a sedere)

TUTTI (Ridono)

ZAN. (Si alza, passeggia e batte i piedi)

CEC. L'è matto sior Zanetto,

L'è matto poveretto.

L'è matto in verità.

(cantando, ma senza grande impegno di musica)

LISS.   Signori, compatilo,

Che anca a mi el me fa peccà. (col medesimo canto)

TUTTI (Ridono, applaudiscono, dicono bravi e battono le mani)

ZAN. Deme da bever. (torna a sedere e gli danno da bere) Sangue de diana, se vaga a far squartar la malinconia. Alla salute... No de ela, che me scoffona[73]. (a Cecilia, con rabbia) No de ela, che no me vol per gnente. (a Cattina, patetico) Alla salute... de mia muggier.

TUTTI Bravo, bravo, evviva.

LISS. Comàndele altro? No. Tirè via, e portè el deser. (Si alza, i Servitori eseguiscono; Lissandro parla piano col Garzone)

LISS. Séntele? El garzon xe tornà, i conta bezzi, i xe in tel calor del negozio, i ghe domanda mille perdoni, ma per ancuo i dise cussì che no i pol vegnir: xe la verità, Ménego?

GARZ. Sior sì, tal e qual.

RAIM. Oh l'am despias po ben. S'a saveva csì[74] a n'i vgniva miga, vdì.

LISS. Cossa vorla far? I xe casi che nasce.

LUC. Siora, vorla che impizza el fogo?

LISS. Coss'è? S'insoniela? (a Lucietta)

LUC. Sior sì, m'insuniava.

SCENA OTTAVA

Il Giovine del caffè con cogome e chicchere, e detti.

LISS. Oh, xe qua el caffè. Lo vorle bever a tola? (si alza)

CEC. Per mi son stracca de star sentada. Lo voggio bever in piè. (si alza, e tutti si alzano)

RAIM. (Tira aranti la sua sedia e lo beve a sedere)

LISS. Putti, desparecchiè. Mettè tutto in quella credenza, piatti, possade, biancheria; mettè tutto là, che po' li vegnirè a tor. E ti fa quel che t'ho ditto; sta attento se mai da una banda o dall'altra ti vedessi a vegnir sior Gasparo, e se ti lo vedi da lontan, avviseme. (piano al Garzone)

GARZ. Sior sì, no la se indubita gnente. (parte)

LISS. I ha da far tre o quattro viazi; no voria che i incontrasse sior Gasparo sulle scale. (I Servitori sparecchiano, mettono tutto nella credenza, levano le tavole, poi partono)

CEC. (A Bortolo, bevendo il caffè) E cussì, come vala?

BORT. D'incanto. La me vol ben. La xe mia. Un de sti dì ghe la fazzo domandar. Cossa diseu?

CEC. Sì ben, me par che la lo merita. La me piase anca a mi, son contenta.

ZAN. Me perméttela? (a Cattina, volendo prender la tazza dopo che ella ha bevuto il caffè)

CATT. No la se incomoda. (la dà al Caffettiere)

ZAN. (Sangue de mi! sangue de mi! poveretto mi! poveretto mi!) (da sé, smaniando)

CEC. Cossa feu vu! no bevè el caffè? (a Lucietta)

LUC. A mi el caffè?

CEC. Perché no ghe deu el caffè a sta signora? (al Caffettiere)

CAFF. No la ghe n'ha volesto. (a Cecilia, ridendo)

CEC. Via, deghelo, che la lo beverà. (al Caffettiere)

CAFF. Vorla, siora Lucietta? (gli dà il caffè, ed ella lo beve)

CEC. Ti la cognossi? (piano al Caffettiere)

CAFF. (No vorla?)

CEC. (Tasi sa, no dir gnente).

CAFF. (Mi no parlo). (ridendo)

CEC. (No rider, che te trago sta tazza in tel muso). (ridendo)

LUC. Tolè la tazza. (al Caffettiere)

CAFF. Pulito, siora Lucietta.

LUC. Oh se savessi, son propriamente in gioa[75].

CAFF. El caffè lo pàghela ela? (a Lissandro)

LISS. No, pagherà sior Gasparo.

CAFF. Non occorr'altro. (prende la sua roba e parte)

RAIM. Oh i mi sgnori, con so bona grazia mi a fazz cont che mi e la mi fiola as n'andarem.

ZAN. Se la me permette, averò l'onor de servirla. (si esibisce di dar la mano a Cattina)

CATT. No in verità, grazie; la daga man a so muggier che la farà meggio.

RAIM. (Brava la mi fiola!)

ZAN. Muggier? mia muggier?...

CEC. Animo, animo, sior, semo vegnui insieme, andemo via insieme, e no ghe xe altri discorsi. (a Zanetto)

ZAN. Basta. Averò l'onor de riverirla. (a Cattina)

RAIM. No, chan la s'incumda minga, vidla. (a Zanetto)

ZAN. Come? No la me vol? Un omo della mia sorte? Cossa gh'oio fatto?

RAIM. L'am perdona; servitor de lor sgnori, andem. (prende sotto il braccio Cattina)

BORT. Addio. (a Cattina, così alla sfuggita)

CATT. Grazie delle gallinazze. (lo saluta con vezzo)

ZAN. Sangue de diana! A mi sto affronto?

CEC. Seu matto? (a Zanetto)

RAIM. Saludè 'l sior Gasper, e ringraziel. (a Lissandro)

LISS. La sarà servida. (va a sollecitar i Servitori)

ZAN. No la me vol donca? (a Raimondo, con forza)

RAIM. Mo... Mo... Che l'am scusa. In casa mi... Patron... Mo a gh digh po de no, mi.

ZAN. No certo? (con forza)

RAIM. No, sicura.

ZAN. Pazenzia. (patetico)

RAIM. (Oh el bel matt). (da sé) Servitor de lor sgnori. (parte con Cattina)

CEC. Mo andè là, che gh'avè tanto giudizio co fa un gatto. (a Zanetto)

ZAN. Xe vero. Mi no gh'ho giudizio. Sala chi gh'ha giudizio? Quel sior. (accennando Bortolo)

BORT. Mi? Percossa?

ZAN. Credeu che no abbia visto che avè fatto le carte[76] con quella putta?

BORT. Mi? V'inganné, compare...

ZAN. E per farme smattar, i me va a far passar per mario de quella martuffa. (accennando Lucietta)

LUC. Come pàrlelo, sior! Varè che sesti, ancora che me lasso vestir da Franceschina[77] per vegnir qua a batterghe l'azzalin...[78]

ZAN. A mi batterme l'azzalin?

BORT. Sior sì. Ela da una banda, e mi dall'altra. E se ho parlà a quella putta, gh'ho parlà per vu.

ZAN. Per mi? (tutto allegro)

CEC. Sior sì, per vu; el so anca mi.

ZAN. Per mi? Contème, contème. (a Bortolo)

BORT. Andemo, che ve conterò.

GARZ. (Sior patron. Ho visto sior Gasparo e siora Tonina). (piano a Lissandro)

LISS. (I vien?)

GARZ. (I vien).

LISS. (Da che banda?)

GARZ. (Dalla fondamenta).

LISS. (Anderemo via per la corte. Xeli lontan?) (al Garzone)

GARZ. (I ho visti a spontar sull'altra fondamenta de là dal rio).

LISS. (Presto, presto, va via). (al Garzone che parte) Patroni, se le vol andar, anca mi bisogna che vaga, e che serra la casa.

CEC. Andemo. (vuol andar dalla parte diritta)

LISS. No, andemo per de qua. Ghe xe un'altra scala, e la so barca l'ho fatta vegnir alla riva della corte che xe più comoda. La resta servida con mi.

CEC. Andemo. (prende per mano Bortolo) Via, deghe man a la vostra cara muggier. (a Zanetto ridendo, e via)

ZAN. Son qua, dolcissimo mio tesoro. (a Lucietta)

LUC. Che el senta. Mi no valo gnente, ma per diana de dia, no me scambiarave. (partono)

SCENA NONA

Gasparo in tabarro, Tonina in zendale. Riosa col zendale sul braccio.

Vengono senza dir niente, un poco ingrugnati.

RIO. Vorla despoggiarse? (a Tonina)

TON. Aspettè, me despoggerò co vorrò.

TON. Me par de sentir un certo odor, come de roba da magnar... Sentiu vu? (a Riosa)

RIO. Siora sì, me par anca a mi.

GASP. (Ascolta e ride)

TON. Ridè? Saveu qualcossa vu? (a Gasparo)

GASP. No saveu che gh'avemo l'osteria taccada muro con muro? Le se sente spesso ste galanterie.

TON. Sior Gasparo, mi non ho volesto dir gnente per strada per non far scene: avè volesto che vegna a casa, son vegnua, ho obbedio, perché ai sie de Febraro xe la zornada del voggio. Ma adesso mo in casa se poderave saver perché, za che son vestia, no volè che andemo a far una visita a sior Raimondo e a siora Cattina?

GASP. Perché ho da scriver, perché gh'ho da far, e ancuo no ghe posso andar.

TON. Ben, se gh'avè da far, vu gh'anderè un'altra volta, e ancuo anderò mi colla donna.

GASP. Caveve zo[79], e gh'anderè domattina.

TON. Mo perché domattina? Mo perché no ghe possio andar adesso, za che son vestia?

GASP. Cara fia, gh'ho le mie rason, perché no gh'abbiè d'andar ancuo, e perché gh'abbiè d'andar domattina.

TON. E a so muggier no se poderave dirghele ste rason?

GASP. (Oh poveretto mi!) Ve soddisferò, ve dirò la rason. Riosa, tolè sto tabarro, portelo de là. RIO. Sior sì, la daga qua. (Porlo esser più bon de quel che el xe? La tira i tonfi[80] tre mia lontan). (prende il tabarro e parte)

TON. E cussì? Cossa xe ste rason?

GASP. Aspettè, deme tempo. Sappiè che stamattina, dopo che vu sè partia, xe vegnù un amigo a dirme che sior Raimondo e siora Cattina i voleva vegnir stamattina a farme una burla.

TON. Una burla? (con maraviglia e piacere)

GASP. Sì; che all'improvviso i voleva vegnir a disnar da nu.

TON. E perché no xeli vegnui? (con premura)

GASP. Vedè ben; mi giera impegnà fora de casa...

TON. No ghe gierio mi? (con forza)

GASP. Vu gieri andada da vostra mare...

TON. No me podevi mandar a chiamar? (come sopra)

GASP. A quell'ora cossa ghe volevi parecchiar da disnar?

TON. E li avè rifudai?

GASP. Gh'ho dito all'amigo la verità, e l'amigo li xe andai a avertir.

TON. Andè là, che avè fatto una bella cossa.

GASP. Cossa volevi che fasse?

TON. Persone che gh'avemo tutta l'obligazion...

GASP. Ma giusto per questo...

TON. Che se gh'avemo bisogno de mile o domile ducati da negoziar, i xe capaci d'imprestarneli senza un interesse a sto mondo.

GASP. Carneval no xe gnancora fenio.

TON. Mi no gh'ho più muso da farme véder. Riosa. (chiama)

RIO. Siora. (Oh cossa che ho visto!) (da sé, maravigliandosi assai)

GASP. E per questo vôi che domattina andè a domandarghe scusa da parte mia.

TON. Mi? No ghe vago gnanca se i me strascina co le caene. (si cava il zendale, e lo dà a Riosa)

RIO. (Oh che cusina che ghe xe de là! Oh che diavolezzi!) (da sé)

GASP. Mo per cossa? Co vu no ghe gieri? Co mi giera impegnà via...

TON. Eh lassème star, caro vu, coi vostri impegni, lassème star. (cavandosi la vesta)

GASP. Tonina, in verità, dasseno, parè matta.

TON. Portè de là. (getta la vesta a Riosa con dispetto)

RIO. (Oh, se la va in cusina, poveretti nu! Cossa mai alo fatto el paron stamattina!) (da sé, parte)

TON. Refudar un omo de quella sorte, per andar... per andar...

GASP. Da mio compare Bernardin.

TON. Da vostro compare Bernardin?

GASP. Siora sì e avemo serà el contratto d'una partia de quattro balle de canevi.

TON. Caro vu, no me fe parlar.

GASP. Cossa voressi dir?

TON. Voggio dir che ho mandà da sior Bernardin, e che no ghe gieri.

GASP. A che ora aveu mandà?

TON. A ora che tutti i galantomeni xe a disnar: a vint'ore.

GASP. Se avessi mandà a vintiuna, i n'averave trovà. Semo andai a visitar i canevi in magazen.

TON. Podè dir quel che volè, mi no ve credo né bezzo, né bagatin.

GASP. Credè donca che sia un baron?

TON. Mi no so quel che siè, vedè.

GASP. Siora Tonina, no voria che ai sie de Febraro v'avesse da succeder qualch'altra cossa.

TON. Coss'è, sior? Me manazzaressi ancora?

GASP. Son galantomo, ve stimo, ve voggio ben, ma no me tirè per i cavei.

TON. Cossa voressi che ghe disesse a sior Raimondo e a siora Cattina?

GASP. Feghe le nostre scuse, e invideli a disnar quando che volè.

TON. Bisognerà veder se i ghe vorrà vegnir. 

GASP. Eh no l'è cussì puntiglioso, no, sior Raimondo. Lo cognosso; el xe un omo ragionevole, el ne vol ben, e son seguro ch'el vegnirà.

RIO. Sior patron, ghe xe uno che lo domanda.

TON. Chi xelo?

RIO. No so, siora, no lo cognosso.

GASP. Andè de là; sarà qualchedun per qualche interesse. (a Tonina)

TON. E cussì? Me volè ficcar via? No ghe posso esser? No posso sentir anca mi?

GASP. (Oh che pazenzia!) Diseghe ch'el vegna avanti. (a Riosa)

RIO. (Ho gusto che la resta. Cussì finirò un pochetto de destrigar. Prego el cielo che no la se n'accorza). (va alla scena) La resta servida, patron. (alla scena, e parte)

SCENA DECIMA

Paron Ménego oste, e detti.

OSTE Patroni, con so permission.

GASP. La reverisso; signor.

TON. Chi èlo? (a Gasparo)

GASP. Mi no so. (a Tonina)

OSTE Xela ela sior Gasparo?

GASP. Son mi per servirla.

OSTE Servitor umilissimo. Me pareva, e no me pareva. Patrona reverita. (a Tonina)

TON. Patron.

GASP. Cossa m'ala da comandar?

OSTE Prima de tutto desidero de saver se la xe contenta de mi.

TON. De cossa? (a Gasparo)

GASP. Signor, mi no gh'ho l'onor de cognosserla.

OSTE Paron Ménego per servirla. L'osto qua della Tartaruga.

GASP. Ah questo che ne xe taccà?

OSTE Per obbedirla.

TON. Avè fatto un gran disnar ancuo? se sente dei gran odori.

OSTE Odori e saori. Cossa dìsela? (ridendo)

TON. Mi ve digo che sto fumo per casa no me piase gnente.

OSTE Bisogna ch'el so camin fazza fumo.

TON. Se l'ho fatto scoar che no xe quattro zorni.

GASP. A monte sti pettegolezzi. (a Tonina) Cossa me comanda sior paron Ménego?

OSTE Prima de tutto, ghe torno a dir, me preme de saver se i mi paroni, se i mi avventori xe contenti de mi. Gh'ha piasso, xela restà contenta stamattina?

GASP. De cossa?

OSTE De cossa? De tutto; del disnar che gh'ho fatto.

TON. Disnar?

GASP. Sior paron, vu me tolè in fallo.

OSTE No xela ela sior Gasparo sanser?

GASP. Son mi seguro.

TON. (Sentimo mo!) (da sé)

OSTE E po cossa serve, ho servio in sta casa, e s'ha magnà in sto tinello.

TON. Quando? (con ansietà)

OSTE Ancuo.

TON. Ah! questo xe l'odor che sentiva. (a Gasparo, con sdegno)

GASP. Mi ve digo, sior, che no so gnente, e che me maraveggio de vu.

OSTE E mi ghe digo, patron, che me maraveggio de ela, che ho parecchià qua in sta casa per sette persone...

TON. Sette persone? (all'Oste)

OSTE Siora sì, sette persone, a un zecchin per testa.

TON. Una bagatella? ghe giera donne? (con furia all'Oste)

GASP. Quieteve, perché quello xe un pezzo de matto. (a Tonina)

TON. Ghe giera donne? (con più furia all'Oste)

OSTE Mi no so chi ghe fusse, ma i m'ha ditto i mi omeni che ghe giera quattro omeni e tre donne.

TON. Tre donne! (contro Gasparo fieramente) L'ho ditto; l'ho scoverto: sior Bernardin ah! El sior diavolo che ve porta.

GASP. Tasè una volta, in tanta malora. (a Tonina) Sior osto, mi son un galantomo.

OSTE E mi son un galantomo anca mi.

TON. Cossa serve che ve fe nasar? Paghèlo. (a Gasparo)

GASP. Tasè. (a Tonina)

TON. Aveu magnà? Paghèlo. (a Gasparo)

GASP. Ma tasi, che te casca la testa. (a Tonina) Disè donca che avè parecchià qua sto disnar? (all'Oste)

OSTE Sior sì, lo digo, e lo sostegno.

TON. No se salo?

GASP. (Guarda Tonina bruscamente, poi si volta all'Oste) E avè parecchià per sette persone, a un zecchin a testa?

TON. Sior Bernardin, sior Bernardin.

OSTE Cussì semo restai d'accordo.

GASP. Con chi? Chi v'ha ordenà da disnar?

OSTE So sior fradelo.

GASP. Compare, vu v'inganè, perché mi no gh'ho fradeli.

TON. Tutte finte, tutti rezziri. Sior sì, per sconderse l'ha fatto passar qualchedun per so fradello. (all'Oste)

GASP. Se pol sentir de pezo! Infamar so mario! (a Tonina)

OSTE Sior Gasparo, no so cossa dir, me despiase... Se la m'avesse ditto che no la voleva che so muggier savesse gnente...

GASP. Mi no voleva!...

TON. Sior sì, sior sì, nol voleva che mi lo savesse. Ma lo so, l'ho scoverto a so marzo despetto.

GASP. Orsù, son stuffo de soffrir ste insolenze. (a Tonina) E a vu, sior, ve digo che no so gnente, che no v'ho da dar gnente, e che andè a bon viazo. (all'Oste)

OSTE Me maraveggio de ela. Se no la me vol pagar, ghe penserò mi a farme pagar, ma intanto la me daga la mia roba, patron.

GASP. Che roba?

OSTE Le mie possae, i mi piatti, la mia biancheria.

TON. Sior sì, deghe quel che ghe vien. (a Gasparo)

GASP. Ve digo che sè matto da ligar.

OSTE Come? La me nega l'arzentaria?

GASP. Mi no so quel che ve disè.

OSTE M'ha ditto i mi zoveni che i ha fatto logar tutto in t'una credenza, che la credenza xe in tinello e la sarà quella là.

GASP. Sè matto, ve digo.

TON. Vardemo, vardemo. (corre alla credenza, apre, e si vede tutta la roba)

GASP. Coss'è sta roba? (resta attonito)

OSTE Putti, vegnì avanti. Portemo via la mia roba. (entrano i Garzoni con delle ceste, mettono via tutto, e l'Oste va ad aiutare e ad incontrar le posate)

TON. Cossa dìsela? (a Gasparo)

GASP. Son fora de mi.

TON. Sior Bernardin?

GASP. Chi ghe xe stà? El diavolo in casa mia?

TON. Oh sì el diavolo, gh'avè rason. Queste xe cosse che altri ch'el diavolo no le fa far.

GASP. Vu sarè stada.

TON. Mi? via mo, da bravo.

GASP. Altri che vu no gh'aveva la chiave, altri che vu no podeva vegnir.

TON. Vardè, se sè fora de vu, se la passion ve orba, se no savè quel che ve disè? No v'arecordè, patron, che m'avè fatto lassar a casa la chiave del saggiaor? (con sdegno)

GASP. (Xe vero: son fora de mi. Vele qua tutte do). (le tira fuori) Ma adesso che vedo, questa no xe compagna de st'altra. Questa no xe della nostra porta. Sè vu che me l'ha scambiada. (a Tonina)

TON. Mi ah! mi, can! mi, traditor! a mi sta sorte de imputazion! a una donna della mia sorte? Son tradia, son sassinada; e anca m'ho da lassar strapazzar? Ah poveretta mi! Son morta, la xe fenia, no gh'è più remedio per mi, no gh'è più remedio per mi. (disperata)

GASP. Mo via, cara sì, ho ditto mal...

TON. Sassin della to povera muggier, traditor del mio povero cuor.

GASP. Mo via, digo...

TON. Lasseme star, lasseme star!... che farò qualche bestialità. (parte)

GASP. Da una banda la gh'ha mo anca rason. Bestia che son mi, andarghe a dir che l'averà ela scambià la chiave.

OSTE Servitor umilissimo. (con muso duro)

GASP. Patron reverito. (con sdegno)

OSTE La me favorissa sette dei so zecchini.

GASP. Ma se ve digo cussì...

OSTE La senta, son galantomo; se no la li gh'ha, n'importa, aspetterò. Basta che la prometta de darmeli; aspetterò.

GASP. Ve torno a dir che mi no v'ho da dar gnente.

OSTE Co l'è cussì, co la me nega el debito, la farò chiamar dove se convien: andemo. (ai Giovani)

GASP. Sentì, fermeve. Un omo della mia sorte farme chiamar? Con che fondamento me fareu chiamar?

OSTE Ghe dìsela poco fondamento aver trovà la mia roba in te la so credenza, in tel so tinello? E ancora negarme la mia arzentaria?

GASP. Zitto, amigo, no fe altro strepito. No so gnente... ma gh'avè rason.

OSTE No la sa gnente?

GASP. No so gnente... Ma ve pagherò.

OSTE Me basta cussì; quando me pagherala?

GASP. Doman sarè sodisfà, ma feme almanco un servizio. Chi xe quella persona che xe passada per mio fradello?

OSTE Mi no lo cognosso, el m'ha fatto vegnir qua, avemo contrattà in sta casa, ho mandà el disnar in sta casa. Mi no so altro più de cussì.

GASP. Ma come gierelo sto mio fradello? Grando, piccolo, grasso, magro, come gierelo vestio?

OSTE No so, no m'arecordo ben. Grando no certo; gnanca tanto piccolo. Me par magretto... So ch'el gh'aveva un tabarro de scarlatto, mi no so altro.

GASP. (No crederave mai ch'el fusse Lissandro!)

OSTE Me comàndela altro?

GASP. La vostra bona grazia. Patron.

OSTE Son ai so comandi, de dì e de notte, co la vol; e un'altra volta, se no la vol che so consorte lo sappia, la me avvisa per tempo, e la lassa far a mi. (parte coi Garzoni)

SCENA UNDICESIMA

Gasparo, il Caffettiere, poi Riosa.

GASP. Eh vatte a far squartar anca ti. Più che ghe penso e più gh'ho sospetto sora Lissandro. Ch'el m'abbia fatto elo sta baronada? No l'è baronada, se volemo, ma la xe un'insolenza: tanto più che m'ha toccà quel siropo de mia muggier.

CAFF. Patron, sior Gasparo.

GASP. Cossa gh'è sior?

CAFF. Son vegnù a incontrar se la pagherà ella quei sette caffè che ho portà qua ancuo.

GASP. Mi no so gnente. Chi ve l'ha ordenai?

CAFF. So ch'ela no sa gnente, e son vegnù qua per questo. Me li ha ordenai sior Lissandro.

GASP. Gièrelo qua Lissandro?

CAFF. Sior sì, no alo disnà qua in compagnia?

GASP. (Oh bona! ho scoverto tutto). (da sé) Saveu chi ghe giera qua a disnar?

CAFF. Sior sì, li conosso tutti a un per un. Ghe giera anca una massèra vestia da lustrissima.

GASP. Contème, contème. Mo no vorria che vegnisse mia muggier. Andemo, ve pagherò, e me contarè per strada. (in atto di partire, ed il Caffettiere l'aspetta alla porta)

RIO. Sior patron. (coi stucchi e le scatole)

GASP. Cossa gh'è? (torna un passo indietro)

RIO. Presto, ch'el metta via sta roba. (gli dà tutto)

GASP. Coss'è là? (apre e vede) (Questa xe marcanzia de Lissandro). (da sé)

RIO. L'ho trovada in cestella del taolin de portego.

GASP. Chi ghe l'ha messa?

RIO. No so, la patrona no certo. Che el metta via, che se la patrona se n'accorze, la se butta in canal. (parte)

GASP. Ho capio. Questa xe roba de sior Lissandro. El se l'averà desmentegada. Gh'ho gusto da galantomo. Sto sior cortesan me la pagherà. (parte)


ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Notte illuminata.

La prima camera o sia sala in casa di Gasparo col solito tavolino, sul quale una candela accesa ed una spenta.

Tonina e Riosa.

TON. Cara vu, lassème star. (a Riosa con sdegno, camminando)

RIO. Mo de diana! cossa gh'alo fatto el patron?

TON. Cossa ch'el m'ha fatto, ah! So mi cossa ch'el m'ha fatto; ma no l'anderà sempre cussì; no, no, no l'anderà sempre cussì.

RIO. (In verità stavolta ho paura che la gh'abbia rason). (da sé)

TON. Nol gh'ha più né amor, né convenienza, né discrezion.

RIO. Ma se el ghe vol tanto ben.

TON. Che el se lo petta el so ben. Dopo quel ch'el m'ha fatto, dopo quel ch'el sa che ho scoverto, el me vede fora de mi, el sa che son dove che posso esser, e in vece de scusarse, e de cercar de quietarme, el chiappa su senza dir gnente, e el va via? Ah! xelo ben questo? Eh, el xe la so arma ch'el tocca[81].

RIO. El la vede cussì... Nol s'averà ossà[82].

TON. Siora sì, scusèlo. Ho paura che ghe tegnì terzo mi.

RIO. Cara siora patrona, come pàrlela? No xe d'ancuo che la me cognosse. Son una putta da ben, onorata, e no son capace de tegnir terzo a nissun.

TON. No la se scalda el figà, patrona. Chi v'ha ditto che andè in pressa in pressa a far tante belle faccendine in cusina, che gieri infina suada?

RIO. Volévela che lassasse la cusina intrigada?

TON. E chi l'ha intrigada quella cusina?

RIO. Cossa vorla che sappia mi? Me par d'esser stada tutto el zorno con ela.

TON. Cossa soggio mi dove che fussi quando che giera al taolin a lavorar co mia siora mare?

RIO. Oh! che! xelo un palazzo la so casa?

TON. Sentì che tocco de temeraria, come che la responde?

RIO. Oh vorla che ghe diga...

TON. La diga mo...

RIO. La me daga la mia bona licenza che anderò via.

TON. Oh certo, che per mi la sarà una gran disgrazia!

RIO. A ela no ghe mancherà serve, e a mi no me mancherà patrone. Manco salario, manco piatanza, e magnar quel fià in santa pase.

TON. Senti che battola che la gh'ha[83]!

RIO. Fazzo quel che posso, servo con amor, e ancora i me magna i occhi... (piangendo)

TON. Via, via, a monte, patrona. Andè a far quel che avè da far, e doman, se volè andar via, mi no ve tegno per forza.

RIO. Basta. Parlerò col patron... (singhiozzando)

TON. Siora! Parlerò col patron! e mi cossa songio? Avè anca tanta temerarità de dirme che parlerè col patron? Vardè cossa che vol dir un mario che tratta mal so muggier! Nissun la stima, la servitù ghe perde el rispetto.

RIO. Mi, siora...

TON. Andè via de qua.

RIO. No me par mo gnanca...

TON. Andè via de qua, ve digo.

RIO. No ghe stago se credesse de andar porta per porta a domandar un tocco de pan. (parte)

SCENA SECONDA

Tonina, poi Lissandro in maschera.

TON. Sior sì che la xe cussì. Mio mario ghe dà de bon in man[84]. Ma! chi mai l'averave ditto? Baron! ch'el me fava tante carezze. Tolè suso[85]. Porlo far de pezo? L'è in dolo[86], el va via senza dirme gnente; el se vergogna, poveretto. (ironica) El gh'ha rabbia che l'abbia scoverto.  (si sente battere) Chi diavolo xe che batte? (va ad aprire) O patron, sior Lissandro. (sostenuta, col suo medesimo tuono sdegnato, senza appena guardarlo)

LISS. (In maschera in bautta, ma senza il volto sul viso) Patrona, siora Tonina. Gh'èlo sior Gasparo? TON. Sior no, nol gh'è. (come sopra)

LISS. (Lo so anca mi che nol gh'è, e se no l'avesse visto fora de casa, per ancuo no ghe sarave vegnù). (da sé ridendo)

TON. Nol ghe xe, sala, sior Gasparo. (con sprezzatura)

LISS. Ho inteso. (Se podesse recuperar la mia roba!) (da sé)

TON. Se la vol tornar... (con dispetto ed impazienza)

LISS. Eh no gh'ho tanta premura. (Bisogna che in casa ghe sia baruffe, e gh'ho paura d'esser la causa mi. Da una banda me despiaseria). (da sé)

TON. E credo che nol vegnirà per adesso, sala? (El me doverave capir). (da sé)

LISS. Ghe levo l'incomodo, ma... la diga...

TON. Mi no me n'impazzo, la veda, in ti interessi de mio mario.

LISS. La me parla in t'una certa maniera... (Che la sappia qualcossa de mi?) (da sé)

TON. Con grazia... (vuol andar via)

LISS. Vago via, ma la supplico d'una parola.

TON. Cossa comàndela? (rustica)

LISS. A caso averavela visto certi stucchi, certe scatole con delle buccole, delle fiube, dei anelli?

TON. Dove?

LISS. Qua in casa.

TON. Chi l'ha portada sta roba?

LISS. Son vegnù per un interesse da sior Gasparo...

TON. E avè lassà qua sta roba?

LISS. Me l'ho desmentegada.

TON. Ho inteso. (affannata)

LISS. Coss'è stà? (timoroso)

TON. Mio mario averà regalà quelle sporche che ancuo xe stae qua a disnar. No ve digo gnente. Buccole, anelli, fornimenti; el vuol andar in malora, el se vuol precipitar elo, e el me vuol precipitar anca mi.

LISS. Le ha avudo zente a disnar ancuo? Le ha disnà in compagnia? (ridendo)

TON. Oh mi no, sior, mi no ghe son intrada. Elo, elo s'ha fatto st'onor.

LISS. Sior Gasparo xelo stà a casa a disnar?

TON. Sior sì, in compagnia de sette persone, quattro omeni, e tre donne, e mi el m'ha ficcà da mia mare.

LISS. (E no i sa gnente de mi? Mo la xe la più bella cossa del mondo). (da sé, ridendo)

TON. Ridè, ah?

LISS. Siora no, no rido. (tenendosi)

TON. Mo za, vualtri omeni gh'avè el cuor de orso, de tigre, fodrà de pelle de can.

LISS. Me dispiase de véderla desgustada; ma la mia roba l'ho lassada qua per accidente; sior Gasparo no me l'ha domandada, e son seguro che la se troverà tal e qual.

TON. Dove se troverala?

LISS. Adesso che ghe penso, come che gierimo là che fevimo certi conti co sior Gasparo, me recordo che l'ho messa in quel casselin.

TON. Se la ghe xe, tolèvela.

LISS. Con so bona grazia. (apre) Poveretto mi, no gh'è gnente.

TON. Ghe xela?

LISS. Siora no. (malinconico)

TON. No ve l'oggio ditto? Tutto l'ha donà via, tutto, e ghe ne fusse stà.

LISS. (Com'èlo sto negozio? Che gh'abbia da perder cussì più de cento zecchini de roba?) (da sé)

TON. Mi ho paura ch'anca vu siè d'accordo con mio mario.

LISS. Oh siora no: ghe posso far tutt'i zuramenti del mondo, che no semo d'accordo; ma cara siora Tonina, bisogna che la me aiuta.

TON. In che proposito?

LISS. Sta roba che ho lassà qua...

TON. Cossa gh'ìntrio mi? Domandèghela a elo.

LISS. (Son intrigà morto). (da sé) La senta... Sior Gasparo no ghe n'ha colpa... sta roba che ho lassà qua...

TON. Sento zente su per le scale. Oh poveretta mi, sior Raimondo e siora Cattina! (affannata)

LISS. (Diavolo! i scoverzirà tutto. Mi no gh'ho cuor de restar. Se podesse andar via!) (da sé) Tornerò, a bon reverirla. Me perméttela che vaga via per de qua? (si mette il volto)

TON. Sì, sì, dove volè... come oggio da far a riceverli? (Lissandro parte per l'altra porta) Con che cuor oggio da scusar quel senza giudizio de mio mario? (va ad incontrarli)

SCENA TERZA

Raimondo, Cattina e Tonina, poi Riosa.

TON. Serva umilissima. Che grazie? Che favori xe questi?

RAIM. Bondì la mia sgnora Tonina.

CATT. Sì, sì, cara. Son in collera con ela, ma quel che sta ben.

TON. No so cossa dir, la gh'ha rason...

RAIM. Oh l'an ve la perdona più mi fiola. (ridendo)

TON. No so cossa dir; so che i gh'ha tanta bontà l'uno e l'altro che i me compatirà. Mio mario... mio mario... giera impegnà da sior Bernardin. (con pena)

RAIM. El so; i me l'an ditt.

CATT. Ma perché no vegnir ela almanco?

TON. Mi, fia mia, in verità no saveva gnente.

CATT. Oh giusto! no la saveva gnente?

TON. No, da donna d'onor che no saveva gnente.

RAIM. Oh i n' l'avrà volsuda avisar, per no disturbarla da i so interess. Ma disim un poc, la mi fiola:

el andà ben el negozj?

TON. Qual negozio?

RAIM. Quel ch'a fatt voster marì in cà del sgnor Bernardin.

TON. Cara ela, no la me fazza parlar...

CATT. Oh via, che no i staga adesso a parlar de negozi.

TON. Vorla sentarse qua, vorla che andemo de là?...

CATT. Gnente; mi no me son gnancora sfogada, e me voggio sfogar. La dise che la me vol tanto ben, e una zornada che avévimo da star insieme, la chiappa su e la n'impianta?

TON. Ghe assicuro, siora Cattina, che mi no ghe n'ho colpa, e co mio mario m'ha ditto sta cossa, el mio viso xe deventà una brasa de fogo. Anzi ghe dirò la verità. Mio mario voleva che venisse doman a domandarghe scusa, e in verità no saveva gnanca come far a vegnir.

RAIM. Vì, se al sgnor Gaspar n'a psu esser con nu sta mattina, generosamente al vol ch'a cenamen in compagnì stassira.

TON. Dove? (con maraviglia)

RAIM. Oh bella; in casa vostra, al n've l'ha ditt sior Gaspar?

TON. No, in verità, nol m'ha ditto gnente.

CATT. Gh'ala impegni? Anderala via anca stassera?

TON. No, cara siora Cattina, no la me mortifica d'avanzo. Ghe digo e ghe accerto che no podeva aver una consolazion più granda de questa. Dove l'ala visto mio mario?

RAIM. An l'ho minga vist, el m'ha scritt un bigliett. Oh el m'ha fatt rider con ste bigliett. (lo tira fuori e legge) Ci sarà tutta la compagnia fuori del ridicolo sior Zanetto e della sguattera sua consorte. S'ai iera quel matt, mi an ghe vegniva.

TON. Oh per mi za, la pol dir quel che la vol, mi no so gnente, mi no conosso nissun; el fa le so cosse senza dirme gnente.

CATT. (Per mi me basta che ghe sia Bortoletto). (da sé)

RAIM. Me despias solament una cossa. (a Tonina)

TON. Cossa, sior Raimondo?

RAIM. Me despias ch'el sior Gaspar abbia da suffrir una doppia speisa. Stamattina un disnar sontuos, stassira la cena.

TON. Tutta Venezia xe piena de sto gran disnar da un zecchin a testa.

RAIM. Un zecchin a testa! Diavol! L'è ben purassà.

TON. Cossa dìsela? Che poco giudizio! Farse magnar el suo cussì miseramente. I giera in sette a magnarghe le coste.

CATT. Siora?

RAIM. De chi parlev, sgnora Tonina?

TON. Parlo de quei che ha magnà qua stamattina.

RAIM. E i mittì tutti a mazz?

TON. Mi digo, che chi va a magnar in casa d'un omo maridà, in scondon de so muggier, sia chi se sia, i xe tutti poco de bon.

CATT. Andemo a casa, sior padre. (sostenuta e sdegnata)

TON. Coss'è stà? (a Cattina, maravigliandosi)

RAIM. La mi cara sgnora, se sem vegnù mi e mi fiola in casa vostra a magnar... (con caldo)

TON. Intendemose. No parlo miga della cena, parlo del disnar. (con forza)

RAIM. E mi a ve respond del disnar. (con caldo)

CATT. E se ela se fusse degnada de vegnir co i l'ha mandada a chiamar, no averessimo disnà in casa del mario, in scondon de la muggier.

TON. Come! Come! Oh poveretta mi! Coss'è sta cossa? Lori ha disnà qua stamattina?

RAIM. Aviu dà volta[87], la mi fiola?

TON. Spieghemose: la me perdona, mi son in t'una confusion. Lori ha disnà qua stamattina?

CATT. De cossa volévela domandarme scusa?

TON. Che ancuo mio mario no li ha podesti ricever, e nol gh'ha podesto dar da disnar. (affannata)

CATT. Se anzi el n'ha invidà, e avemo disnà qua, e no avemo visto né mario né muggier...

TON. Gnanca mio mario no ghe giera? (con ansietà a Raimondo)

RAIM. Sgnora no, al n'i è stà, al n'i è mai vegnù, e sem andadi vi senza poderl ringraziar.

TON. Oh cossa che sento! Oh cossa che la me dise! Mio mario no sa gnente! Mio mario xe innocente! La diga, la diga: chi ghe giera? Come èla stada?... Ma... L'aspetta, che qua se birada freddo[88]: oe Riosa. (affannata e contenta)

RIO. Siora.

TON. Ghe xe fogo in tinello?

RIO. Siora sì TON. Andemo, andemo, la favorissa. (li prende tutti due per mano) Che la me diga... Che la me conta... Oe Riosa, el paron xe innocente. (allegra) Son fora de mi dalla consolazion. (Corre tenendo li due per la mano, e fa traballare Raimondo, e tutti partono)

SCENA QUARTA

Riosa, poi Gasparo con seguito di varie persone.

RIO. Oh che gh'ho tanto da caro[89], gh'ho tanto da caro! In verità per elo, ch'el xe el più bon paron che se possa trovar. Nol parla mai, el se contenta de tutto, sia salà, sia dessavìo[90], quella bocca no parla mai. Mo come mai xela stada? Chi mai ha disnà ancuo in sta casa? Che ghe sia el foletto? Ho paura de sì mi. Oh poveretta mi! Mi che dormo sola! Ah i averze la porta! (si vede aprire la porta, e trema)

GASP. (Entra solo, e parla sottovoce e lontano) Riosa.

RIO. Ah el xe elo. (prende coraggio)

GASP. Dove xe la patrona? (sempre sottovoce e ridente)

RIO. La xe... (forte)

GASP. Zitto, no ve fe sentir.

RIO. La xe in tinello, e ghe xe sior Raimondo e siora Cattina. (anch'ella sottovoce e ridente)

GASP. Bon, bon. Xela su le furie?

RIO. Oh la xe tutta contenta.

GASP. Sì? com'èla?

RIO. No la sa?

GASP. Cossa?

RIO. Ghe xe el foletto in sta casa.

GASP. Oh sì, so mi che foletto ch'el xe. Impizzè una luse, e andè a verzer el cameron.

RIO. Oh mi no, sior, che no ghe vago.

GASP. Per cossa?

RIO. Perché gh'ho paura del foletto.

GASP. Eh via, matta.

RIO. No in verità, che no ghe vago, che no me vôi ispiritar.

GASP. Via, via, lassè star. Delle volte la paura pol far dei brutti scherzi. Impizzè quella luse, che anderò mi.

RIO. Cossa vorlo far a sta ora in quel cameron? (accendendo il lume)

GASP. No disè gnente alla patrona che mi ghe sia, né disè gnente del cameron, né de sta zente che vederè. (va pian piano alla porta) Amici, vegnì avanti pian pian. (sottovoce alla porta, e si vedono entrare varie persone: alcuni con delle placche e delle chiocche[91], e delle candele di cera in una cesta, ma che si vedano; altri con degli strumenti, violoni, violini, corni, e qualche maschera ancora) Vegnì con mi. (prende il lume)

RIO. Coss'è sto negozio? (a Gasparo)

GASP. Zitto, no disè gnente a nissun. Dove xe el mio tabarro e la mia bautta? (a Riosa)

RIO. In cameron, sul tavolin sotto el specchio.

GASP. Zitto. (a Riosa, e ridendo parte col lume in mano e tutti gli vanno dietro)

SCENA QUINTA

Riosa, poi Lissandro in maschera.

RIO. I sonadori! Bisogna ch'el voggia far un festin. Ghe scometto mi ch'el vol far un'improvvisata a so muggier. Siestu benedetto! Va là che ti xe una pua[92]. Ti xe una pasta de marzapan. Lo gradirala gnanca sta rustegona? (prende il lume in mano) Oh, l'ha lassà la porta averta: presto presto, che la vaga a serrar. Nissun me leverà dalla testa che in sta casa no se ghe senta. (tiene in mano il candeliere, e va per chiudere la porta. Nell'atto ch'ella vuol chiudere, si presenta Lissandro in maschera, col volto sul viso. Riosa si spaventa, le casca il candeliere di mano, la candela si smorza e grida) Agiuto.

LISS. Non abbiè paura, son mi. (si avanza)

RIO. Agiuto, agiuto. (torna a gridare, si salva all'oscuro e corre via)

LISS. Se trovasse la porta... (vorrebbe andar via)

SCENA SESTA

Tonina con lume in mano, e Lissandro.

TON. Coss'è stà, cossa xe sti zighi? Siora mascara, cossa voleu? (fra il timore e lo sdegno)

LISS. Son mi, siora Tonina. (si smaschera confuso)

TON. Ah, vu sè, sior Lissandro? (Ho ben gusto ch'el sia elo). (da sé, ridendo) Cossa gh'aveu fatto a Riosa?

LISS. Mi no gh'ho fatto gnente. La porta giera averta voleva chiamar, la m'ha visto in mascara, e la s'ha messo in sto boccon de paura.

TON. Vardè che stramba! L'averà lassà ela la porta averta. (Se posso, me vôi divertir con sto cortesan). (da sé, e va a chiuder la porta)

LISS. Xe mo che, per dirghe la verità, giera vegnù giusto per parlar con Riosa.

TON. Dasseno? Cossa voleu da ela?

LISS. Ghe dirò... Me sta sul cuor la mia roba, voleva domandarghe se a caso la l'avesse trovada, se la l'avesse messa via in qualche logo...

TON. Oh sior no, ve l'assicuro mi che no l'ha trovà gnente. Se la l'avesse trovada, figureve, la me l'averave ditto.

LISS. Bisogna donca che sior Gasparo l'abbia avuda elo.

TON. Via, via, no v'inquietè; se el la gh'averà elo, el ve la darà.

LISS. Nol xe gnancora vegnù sior Gasparo?

TON. Gnancora.

LISS. (Vorave andar, vorave restar). (da sé)

TON. Aspettèlo, ch'el pol star poco a vegnir.

LISS. Me despiase... No vorria... (No so quala far). (da sé)

TON. (El gh'ha paura d'esser scoverto, bisogna procurar de fidarlo). (da sé) Sior Lissandro, savè de quel disnar che s'ha fatto qua stamattina?

LISS. Che disnar? (ridendo)

TON. Oh via; cossa serve? So che sè stà anca vu a sto disnar.

LISS. Anca mi ghe son stà? (ridendo)

TON. Sì, lo so de seguro.

LISS. Co la lo sa donca...

TON. Sentì, no xe stà miga mio mario, savè, che l'ha fatto far sto disnar.

LISS. No? (con affettazione)

TON. Oh giusto! gnanca per immaginazion.

LISS. Mo chi donca? (con maraviglia affettata)

TON. No ve poderessi mai immaginar..

LISS. Mi no saverave. (con affettata curiosità)

TON. Oe... Zitto che no i ne senta. Xe stà quela flemma malignaza de sior Raimondo. (piano e ridendo)

LISS. Eh via!

TON. Cossa diseu? Chi l'averave ditto?

LISS. Lo sala de seguro?

TON. Oh no gh'è nissun dubbio. El xe stà elo che n'ha fatta sta burla. El n'ha fatto parecchiar sto disnar, sperando che ghe fussimo anca nu; no l'averà savesto dove trovarne, e adesso el se vergogna de dirlo. Sentì, sentì, el voleva buttarla sora de vu... (ridendo)

LISS. Sora de mi?...

TON. Figureve, mi che son dretta, l'ho subito ditto. Sior Lissandro, digo, che confidenza gh'alo in casa mia de vegnirme a far sta insolenza? Fina sior Raimondo, el xe mio santolo, el m'ha visto putella, el xe un omo vecchio, el xe quel ch'el xe, el se pol tor sta sorte de libertà. Ma sior Lissandro nol gh'ha nissuna rason de vegnir in casa nostra co no ghe semo, le xe burle che a elo no ghe convien, el xe un omo civil, e no lo credo capace de far de ste male azion. Ah, cossa diseu? Oggio ditto ben?

LISS. Pulito, pulito. (mortificato) E sior Raimondo coss'alo ditto?

TON. Oe, no l'ha savesto cossa dir. El s'ha imutìo. L'ha tasesto, e chi tase conferma.

LISS. Brava, brava, da galantomo. (ridendo) (Fin adesso la va ben. Nissun sa gnente de mi). (da sé ridendo)

TON. (Ghe l'ho piantada pulito a sto cortesan). (da sé, ridendo)

LISS. E sior Gasparo mo coss'alo ditto elo a proposito de sto disnar?

TON. Oh, elo el l'ha ditto subito che sarà stà sior Raimondo.

LISS. Se gh'ho da dir la verità, el me giera vegnù in testa anca a mi.

TON. Oh sì, la xe natural.

LISS. E cossa mo xeli vegnui a far qua sior Raimondo e so fia?

TON. I xe vegnui, perché li avemo invidai. Tanto xe vero, che mio mario ha sospettà de lori, che per renderghe la burla, el li ha pregai de vegnir qua stassera a zogar alla Meneghella[93], e all'improvviso el ghe fa parecchiar una cena. Doveressi restar anca vu, sior Lissandro.

LISS. Ghe dirò: sior Gasparo per so grazia l'ha mandà al caffè dove ch'el sa che son solito a andar. E se gh'ho da dir la verità, el m'ha invidà a cenar da elo.

TON. Oh bravo, bravo! Gh'ho gusto. Rideremo, se divertiremo.

LISS. Ma me despiase de no poder restar.

TON. Oh no ve lasso andar via, vedè. (ridendo)

LISS. Me despiase che gh'ho un impegno...

TON. Oh no ghe xe impegni che tegna. E poi se ve preme i vostri anelli e le vostre fiube, bisogna ben che l'aspettè.

LISS. Veramente i me premerave... (Ma se resto a cena, xe impussibile che no se scoverza, e dopo quelle quattro fregole che la m'ha ditto...)[94] (da sé)

TON. Via, animo, cavève zoso[95]. (ridendo, e con forza)

LISS. No, siora Tonina... La ringrazio, ma no posso restar. (vuol andar via)

TON. Oh no ghe andè, vedè, fora de sta porta. (si mette colla schiena alla porta)

LISS. Cara ela, la me permetta. (guarda per sortire per l'altra porta)

TON. Sì sì, vardè pur. Ho serrà colle chiave. Per de là no se va più via. (si batte forte alla stessa porta, e Tonina si spaventa un poco) De dia! i m'ha fatto paura! Chi è che batte cussì pulito? (apre)

SCENA SETTIMA

Cecilia, Bortolo e detti.

CEC. Amici.

TON. Chi domandeli?

CEC. No la me cognosse, siora Tonina?

TON. Me par, e no me par.

LISS. (Se podesse sbrigarmela!) (tenta di andarsene, ma gli altri restano verso la porta, e Tonina sta attenta, e chiude)

BORT. Semo boni amici de sior Gasparo, e semo pieni d'obligazion.

CEC. Certo: no gh'ha bastà favorirne sta mattina, el vuol che godemo le so grazie anca stassera.

TON. Oh cossa dìsela? L'onor semo nu che lo ricevemo.

LISS. (Sieu maledetti! Se moverali de là una volta?) (da sé)

TON. (Te cognosso, ma no ti va via). (da sé, accennando Lissandro) La favorissa, no xela sior Bortolo ela?

BORT. Per servirla.

TON. E sta signora me par de conoscerla...

BORT. La xe mia muggier.

TON. Ah, so consorte la xe! E mi delle altre volte che ho avuda la fortuna de véderla, l'ho sempre credesta so sorella.

CEC. Dasseno! (un poco confusa) (Sentiu in che impegni che me mettè? Oh stassera no vado via de qua, se la cossa no xe dichiarada). (piano a Bortolo) Sior Lissandro, patron. (scoprendolo nel cuor del suddetto discorso, lo saluta grossamente)

LISS. Patrona reverita.

TON. Andemo de là, se le se contenta. (a Cecilia e a Bortolo)

CEC. Quel che la comanda. (rasserenandosi per non darsi a conoscere)

LISS. Me perméttela? (a Tonina per andarsene)

TON. Sior no. (a Lissandro)

BORT. La perdoni, no gh'ha da esser, me par, anca sior Raimondo? (a Tonina)

TON. Sior sì, el xe de là in tinello co la so putta.

BORT. Dasseno! xeli soli?

TON. I xe soli, ma ghe dirò. Sior Raimondo m'ha domandà da scriver, e mi, per no far chiaccole, per no disturbarlo, gh'ho dà un libro a siora Cattina, e gh'ho ditto che co sior Raimondo ha fenio, la me chiama.

BORT. Andemo, andemo a tegnirghe un poco de compagnia. (offre la mano a Tonina)

TON. Via, sior Lissandro, deghe man a sta signora.

LISS. Mi la sa quel che gh'ho ditto.

TON. La varda che azion che me vuol far sior Lissandro. Mio mario l'ha invidà, mi lo prego, e nol vuol restar. (a Cecilia, ridendo)

CEC. Oh el resterà, el resterà. (lo prende per mano)

LISS. Ma se ghe digo... (cercando di liberarsi)

TON. L'è capace de scampar, sala? (a Cecilia, ridendo)

CEC. Vorave véder anca questa (contro Lissandro)

BORT. Via, sior Lissandro. (forte)

LISS. Ma se no posso!

SCENA OTTAVA

Cattina, poi Raimondo e detti.

CATT. Oh cari, cossa fali qua co sta bella conversazion?

BORT. Oh siora Cattina, patrona. (con allegria lascia Tonina e le corre incontro)

TON. Alo fenio sior Raimondo? (anch'ella si accosta a Cattina)

CEC. Patrona, siora Cattina. (lascia Lissandro, e corre da Cattina)

CATT. Debotto. (a Tonina)

LISS. Se posso, me la batto. (va verso la porta)

TON. El ne scampa, el ne scampa. (a Cecilia, parlando di Lissandro)

CEC. Fermèlo, fermèlo. (corre, e gli porta via il cappello)

LISS. Diavolo maledetto!

RAIM. (Colla penna da scrivere in mano) (Coss'è ste tananai?)

TON. Sior Lissandro che vuol andar via.

CEC. Ch'el vaga, se ghe basta l'ànemo. (mostrando il cappello)

BORT. L'è ch'el vien zoso un'acqua che la consola.

TON. Meggio.

CEC. Oh che gusto!

SCENA NONA

Riosa e detti.

RIO. Siora patrona. (affannata)

TON. Cossa gh'è?

RIO. Presto, la vegna in cameron, presto. (affannata)

TON. Coss'è stà? (intimorita)

RIO. La vegna a vedér cossa che ha fatto el foletto. (ridendo)

TON. Eh va via, matta.

RIO. Che i vegna, che i vederà. (ridendo e facendo festa)

TUTTI Andemo, andemo. (Cecilia e Tonina prendono in mezzo Lissandro, Bortolo dà mano a Cattina, Raimondo seguita Riosa, ride, e tutti partono)

SCENA DECIMA

Camerone illuminato, e colle sedie accomodate per una festa da ballo.

Gasparo in maschera in bautta, e varie maschere che passeggiano. Subito l'orchestra suona con minuetti; poi Tonina, Cecilia e Lissandro senza cappello, Bortolo, Cattina e Raimondo. Entrano tutti maravigliandosi, e Tonina principalmente fa grandi maraviglie battendo le mani come sogliono fare le donne che si maravigliano di qualche cosa, e facendo delle esclamazioni di giubilo. Ah! Ah! Coss'è sta cossa? Gasparo in un canto, mascherato, tenendosi ben coperto col tabarro, ride, e se la gode. Tutta questa pantomima dura una parte di minuetto, poi gl'instrumenti sifermano, e principiano a parlare.

TON. Cossa xe sto negozio? Chi xe ste mascare? Coss'è sta zente? (a tutti)

CEC. Poveretta! No la sa gnente. (ironica)

TON. No, da donna onorata che no saveva gnente, e che no so gnente.

LISS. Mi resto incantà, e stimo che no se vede sior Gasparo.

RAIM. (Passeggia sbuffando) Che l'am perdona, sgnora Tonina. (passeggiando)

TON. Coss'è? sior Raimondo la gh'alo con mi?

RAIM. L'è veira che mi cugnà m'ha fatt jersira l'istessa soverchierì, ma lì[96], l'am perdona, an la credeva capaz.

TON. M'intèndelo che no so gnente? Crédelo che sia una donna onorata? (a Raimondo)

RAIM. Catterina.

CATT. Sior. (mortificata)

RAIM. Andem[97].

CEC. Eh no, sior Raimondo, za che ghe semo...

TON. L'aspetta un momento. La lassa che sappiemo almanco... (a Raimondo)

GASP. (Da sé in un canto, e ride)

TON. Sior Lissandro. (accostandosi a lui)

LISS. Siora.

TON. Coss'èlo sto negozio? (con calore)

LISS. A mi la mel domanda?

TON. Ghe scometteria la testa... (a Lissandro)

LISS. Oh la la perderia. (a Tonina)

TON. Vorave ben saver chi ghe xe in casa mia. (Va dalle maschere ad una ad una domandando piano. Le maschere con civiltà la salutano, e fanno cenno che non sanno niente; intanto Lissandro e Cecilia parlano come segue, e Raimondo passeggia)

LISS. La diga, siora Cecilia, xela una bella figura che la me fa far, a star qua cussì come un matto?

CEC. Voressi el vostro cappello.

LISS. Se ghe par che cussì staga ben.

CEC. Deme el tabarro e la bautta, e mi ve darò el cappello.

LISS. Oh via, no femo chiaccole.

CEC. Oh, se no me dè el tabarro e la bautta, no gh'avè el cappello.

LISS. Eh sangue de diana! Che la sia come esser se voggia. Ghe semo, stémoghe, animo. (si cava il tabarro e la bautta) La toga, la me daga el cappello, e divertimose, e ballemo, che ballerò anca mi.

CEC. Bravo! Cussì me piase. (gli dà il cappello, prende la bautta e il tabarro, e lo dà alla scena)

TON. (Dopo aver fatto il giro delle maschere, arriva vicina a Gasparo) E cussì, siora mascara, se pol saver...

GASP. (Ride)

TON. Oh siestu malignazo! Adesso ho capio. (lo conosce) Senza dirme gnente! (piano a Gasparo)

GASP. Tasè; no disè gnente a Lissandro. (piano a Tonina)

TON. Patroni, adesso ho savesto tutto. (alla compagnia) Mio mario, senza dirme gnente, l'ha imprestà el portego a questi che ne stà dessora, e i xe qua tra de lori che i se diverte in fameggia.

CEC. Se péttela[98]. (a Tonina)

TON. La tasa che ghe conterò. (piano a Cecilia, urtandola)

LISS. E nol gh'ha ditto gnente sior Gasparo? (a Tonina)

TON. Cossa diseu? Nol m'ha ditto gnente. Ma col vien a casa, el me sentirà. (affettando d'esser in collera)

LISS. (Vorave squasi che nol vegnisse). (da sé)

RAIM. Anim Catterina, andem. (risoluto)

CATT. Sia malignazo! (mortificata)

TON. La vuol andar via? (si accosta pian piano a Raimondo)

RAIM. An vui ch' resta qua la mi fiola con de la zent ch'an se cognoss.

TON. (La tasa, che la xe una burla de mio mario). (piano a Raimondo)

RAIM. (Mo dov'el el sior Gasper?) (piano, rasserenandosi)

TON. (Quella maschera là infondi). (piano a Raimondo)

RAIM. (N'occor alter, ai ò capì). (piano a Tonina, e va bel bello, a poco a poco, per non dar nell'occhio, accostandosi a Gasparo)

TON. Via, con licenza dei patroni della festa, che la fazza un menuetto, siora Cattina.

CATT. (Guarda Raimondo pateticamente)

TON. Se conténtelo, sior Raimondo?

RAIM. An gh'è minga sta gran premura (a Tonina)

CEC. Oh sior sì, sior sì; mettémose in moto un pochetto. Con licenza de chi comanda. Sonadori, soné. (Li suonatori suonano un minuetto. Cattina balla con Bortolo. Intanto Raimondo si accosta a Gasparo; siedono vicini, si parlano piano, e ridono. Tonina e Cecilia siedono da un'altra parte, parlano tra di loro, e ridono. Finito il minuetto, Cattina va a sedere vicina a Bortolo. Tutti applaudiscono al minuetto. Gasparo batte le mani, e ride.)

SCENA UNDICESIMA

Riosa e detti.

RIO. Sior patron... (forte verso Gasparo, ma da lontano)

TON. Cossa voleu dal patron? Qua nol ghe xe el patron. (a Riosa)

RIO. Ah sì, nol ghe xe; no m'arecordava. (ironica)

TON. Cossa volevi?

RIO. Ghe xe do maschere alla porta che vorave intrar.

TON. Chi xele?

RIO. Mi no so, la veda, che mi no gh'ho averto. I m'ha ditto che le xe do maschere omo e donna.

TON. Chi domàndeli?

RIO. El patron.

TON. Chi mai porli esser?

RAIM. (Domanda piano a Gasparo, ed egli fa cenno che non sa niente)

LISS. Vorla che vaga a véder mi? (a Tonina)

TON. Sì ben, sappième dir.

CEC. Oe, no ghe dè miga el tabarro e la bautta, vedè. (alla scena)

LISS. No la se indubita, che adesso no vago via gnanca se i me bastona. (in atto di partire)

RIO. Oh el diga, faroggio anca mi una furlana? (a Lissandro)

LISS. Sì ben, la farè con mi (a Riosa, e parte)

RIO. Oh che caro matto ch'el xe! (parte)

TON. (Si alza, e corre da Gasparo) Che voggia che ve xe vegnù de far sta chiassana?

GASP. Sentève qua, che ve conterò. (piano)

RAIM. (Vorrebbe levarsi)

TON. No no, che nol se incomoda. (a Raimondo)

GASP. Qua, qua, ch'el senta anca elo. (sono tutti tre a sedere vicini, parlano piano, e ridono)

CEC. E cussì, cossa penseu de far? (a Bortolo, che senta anche Cattina, ma sotto voce)

BORT. Cossa me conseggieu?

CEC. Mi ve digo cussì, che se tiremo de longo, ghe va della vostra, e della mia reputazion.

CATT. Voràvela che andasse via? (a Cecilia, con passione)

CEC. No digo questo, ma qualcossa bisogna far: perché no ghe parleu a sior Raimondo? (a Bortolo)

BORT. No so cossa far. Sia maledio co[99] ho finto da esser maridà.

CEC. Voleu che ghe parla mi?

BORT. Magari!

CATT. Oh sì, cara ela.

CEC. Ma za bisognerà che m'espona mi.

BORT. Via, cossa voleu far? Per el vostro povero fradello.

CEC. Oh putti senza giudizio! (si alza) Ma mi son stada una matta. (da sé, camminando) Sior Raimondo.

RAIM. Sgnora[100].

CEC. Con licenza de siora Tonina, e de quella maschera che no conosso. (ironica, Gasparo la saluta ridendo) Vegnirala in tinello a ascoltar una parola?

RAIM. Mi sol?

CEC. Ela solo.

RAIM. Senza mi fiola?

CEC. La xe qua... Ghe xe siora Tonina.

RAIM. A gh'la raccumand. (a Tonina, e s'alza)

TON. Ch'el staga col so cuor quieto. (s'alza, e s'incammina verso Cattina)

CEC. La vegna con mi. (a Raimondo, passano dinanzi a Cattina e Bortolo. Cattina abbassa gli occhi, e Bortolo si alza, e fa una riverenza a Raimondo, rispettosa e timida)

RAIM. Ch'al n s'incomoda. (a Bortolo) Coss'al el so sgnor consort, ch'al me par malinconich? (a Cecilia)

CEC. Ghe conterò. Gh'ho da parlar de elo. (piano a Raimondo)

RAIM. Oh! Ai ò da sentir di guaj. Am despias. (da sé, e parte con Cecilia)

TON. Son qua con ela. (siede vicino a Cattina) Cossa gh'ala che la me par sbattuetta[101]? (a Cattina)

CATT. Oh gnente; no in verità, gnente (Oh come che me batte el cuor!) (piano a Bortolo)

BORT. E mi! Me trema fina le gambe. (piano a Cattina)

SCENA DODICESIMA

Lissandro e detti, poi Riosa.

LISS. Sala chi xe? (a Tonina, ridendo)

TON. Chi?

LISS. Sior Zanetto Bigolini.

TON. Mi no lo cognosso. (Gasparo freme, Bortolo e Cattina ancora)

LISS. El xe el più caro matto de sto mondo.

TON. E la donna! (a Lissandro)

LISS. (Guarda intorno) Sì ben, no gh'è né siora Cecilia né sior Raimondo, lo posso dir. El xe colla massèra de siora Cecilia.

TON. Chi èlo sto pezzo de aseno? Xelo logo questo de menar massère? (si alza)

LISS. La se ferma. Chi fa la festa, no l'ha da saver. Co ela ha imprestà el portego, no la xe più casa soa. Lucietta xe vestia coi abiti de la patrona, e la passa per so muggier. (Gasparo freme, e si alza)

TON. Coss'è ste baronade? Me maraveggio de vu, sior.

LISS. Mo la se ferma; el xe un chiassetto de carneval.

RIO. Chi gh'ha nome sior Bortolo?

BORT. Mi, fia. (alzandosi con affanno)

RIO. Che la vegna in tinello, che i la domanda. (parte)

BORT. Vegno. (Vago a sentir la mia sentenza). (parte)

CATT. (Poveretta mi! Me par che me vegna mal). (da sé, e beve qualche spirito)

TON. Cossa gh'ala? (a Cattina)

CATT. Gnente, fazzo perché no me vegna sonno.

TON. E cussì, sior, cossa me diseu de chiassetti? Coss'è sto finzerse mario e muggier? (a Lissandro) LISS. (Guardandosi intorno) La xe una burla; giusto come quella de sior Bortolo e de siora Cecilia.

TON. Come! No i xe mario e muggier, sior Bortolo e siora Cecilia? (con maraviglia)

LISS. No la sa che i xe fradello e sorella?

TON. Mi! No v'arecordè cossa che i m'ha ditto in portego, co i xe vegnui? (con caldo, fremendo) LISS. No gh'ho miga badà, la veda.

GASP. (Ride, e passeggia)

CATT. (Oh poveretti nu, in che intrigo che semo!) (da sé)

TON. Siora mascara, cossa diseu? (a Gasparo, fremendo)

LISS. Xelo el patron della festa? (a Tonina)

TON. Sior sì, sior sì; el xe el patron. (a Lissandro)

LISS. Signor, no la se metta in sospetto de gnente, perché i xe tutti galantomeni, persone oneste; la xe una burla, e no gh'è gnente de mal. (a Gasparo, ridendo)

GASP. (Fa cenno che domandi permissione a Tonina)

LISS. Siora Tonina, se conténtela che le vegna ste mascare? (a Tonina)

TON. Dove xele? (a Lissandro)

LISS. In portego.

TON. Chi le ha fatte intrar?

LISS. Gh'ho averto mi, veramente.

TON. Chi va dà sti ordini, sior?

SCENA TREDICESIMA

Zanetto e detti, poi Riosa.

ZAN. (Senza volto, e colla bautta sotto la gola, correndo innanzi, dice) Vedendo che le s'ha desmentegà de un so umilissimo servitor, me son tolto la libertà de rassegnarghe el mio gran rispetto, e de supplicarle della so devotissima tolleranza.

TON. e GASP. (Si guardano l'uno e l'altro, e non ponno far a meno di ridere)

LISS. Lassèlo andar via, se ve basta l'ànemo. (a Gasparo)

ZAN. Se le me permette...

RIO. Siora Cattina. (chiamandola)

CATT. Me chiameli? (a Riosa, alzandosi con ansietà)

RIO. I la chiama in tinello. (parte)

CATT. Vegno, vegno; co so bona grazia. (a Tonina, correndo)

ZAN. Dove vala? Dove vala? (a Cattina, andandole dietro)

CATT. Cossa vorlo saver? Che el me lassa star. (Oh co i me chiama, xe bon segno). (da sé, parte)

ZAN. Se le me permette, me cavo zo. (si cava il tabarro e la bautta, si guarda l'abito, e si pavoneggia)

SCENA QUATTORDICESIMA

Lucietta in maschera, col volto sul cappello, e con la bautta mal messa; Riosa e detti.

RIO. La varda, ghe xe qua sta signora in maschera... (introducendola)

ZAN. (Corre a prender Lucietta) Le me permetta che abbia l'onor de presentarghe...

LISS. La so signora consorte. (a Zanetto, ridendo)

ZAN. No... (si guarda intorno se vede Cecilia o altri) La massèra de siora Cecilia. (sottovoce. Gasparo e Tonina non possono lasciar di ridere) LISS. Cossa gh'oio ditto? (a Gasparo e Tonina)

RIO. (Siestu maledìa! Varè che sporca? E mi ancora gh'ho fatto tante cerimonie!)

LUC. No la ghe xe la patrona? (a Zanetto)

ZAN. Via, fe el vostro debito, e ringrazieli. (a Lucietta)

LUC. Patroni. (fa una riverenza sgarbata) Grazie tanto. No avemio disnà qua stamattina? (a Zanetto)

ZAN. Certo; no v'arecordè?

LUC. Cenerémio anca?

RIO. (La vegna, lustrissima, la vegna in cusina che ghe faremo una polentina). (si ritira un poco per rispetto dei patroni)

ZAN. Me perméttela? (a Tonina)

TON. Via, per un minuetto la se comoda.

ZAN. Sonadori, sonémelo bello e longo. Favorissela? (a Tonina)

TON. No dasseno, mi no ballo. Perché no bàllelo co la so mascara?

ZAN. La gh'ha rason. Son qua; ànemo, un menuetto gaggiardo. (a Lucietta)

LUC. Oh, mi no, sior...

ZAN. Anemo, ànemo, digo.

LUC. Se no ghe ne so.

TON. Via, da brava. (a Lucietta)

LISS. Feve coraggio. (a Lucietta)

LUC. Farò quel poco che so. (Finito il minuetto, tutti applaudiscono. Zanetto si pavoneggia) LISS. Anemo, una furlana. (prende Lucietta. Sonatori suonano, Lissandro e Lucietta ballano la furlana)

SCENA ULTIMA

Tutti.

Cecilia avanti, poi si vedono Cattina e Bortolo che si tengono per mano,

e Cattina si asciuga gli occhi col fazzoletto; ultimo viene Raimondo.

CEC. Bravi, bravi. Evviva chi balla!... Cossa fastu qua ti? (a Lucietta)

LUC. El xe vegnù a torme, el m'ha ditto che la lo saveva (a Cecilia, mortificata)

CEC. Chi v'ha dà sta libertà, sior, che andè a casa da mi e che mené con vu la mia serva? (a Zanetto)

ZAN. Se l'ho fatto, l'ho fatto con le mie razon. Dov'èlo sior Raimondo?

RAIM. A son qua mi, per obbedirla.

ZAN. E la crede che mi sia maridà?

RAIM. Un galantom ne doverav mentir.

ZAN. La gh'ha rason, ma no xe vero gnente.

TON. Oh che zavaggi[102]. Oh che potacchi! E ella, siora Cecilia, perché làssela che so mario tegna per man co sta confidenza la fia de sior Raimondo?

CEC. Vorla saver el perché? Perché sior Bortolo ancuo xe stà mio mario, e doman el sarà mario de siora Cattina.

TON. Com'èlo sto negozio? (con allegria)

ZAN. No xe vero gnente, no i sa cossa che i se diga. E mi son qua per domandarghela a sior Raimondo.

RAIM. E mi son qua per dirgh, che mi fiola l'è promessa e che dman la sarà maridà.

ZAN. Con chi, patron?

 RAIM. Con un galantom che merita la mi stima, e che abbrazz com zener, e com mi fiol. (lo abbraccia. Bortolo abbraccia Raimondo teneramente, senza parlare; Cattina piange forte di consolazione)

ZAN. Sangue de mi! cospetto de mi! No la posso tegnir.

TON. Ma come xela stada? Contème. (a Raimondo)

RAIM. La sgnora Cecilia ve la conterà lì. Mi an ve poss dir gnent; v'assicur che son fora de mi da la consolazion. LISS. Orsù, za che la cossa xe andada ben, qua bisogna cavarse la maschera, e dir le cosse come che le xe. Sta barca l'ho menada mi, e la xe arrivada a bon porto. Xe vero che sior Gasparo ha pagà el nolo, ma el xe un galantomo, el xe bon amigo. Col vegnirà ghe domanderemo scusa, e con sette zecchini de la so moneda el sugherà sta lissia[103].

GASP. (Si leva la maschera) Bravo, compare Lissandro!

LISS. (Un poco confuso) Com'èla? Ve ne aveu per mal?

GASP. Niente, compare. Semo amici, e saremo amici.

LISS. E la mia roba? I mi scrignetti li gh'aveu vu?

GASP. I vostri scrignetti i xe in bone man. Andè da l'osto qua vesin. Deghe sette zecchini del disnar de stamattina, e el ve darà pontualmente la vostra roba, e mi ve dago de soravia[104] la cena de stassera, el festin e la vostra chiave del saggiaor[105]. (gli dà la chiave)

TUTTI Bravo, bravo. (a Gasparo, e danno la battarella a Lissandro)

LISS. Gh'avè rason. Compatì un chiassetto de carneval. Pagherò volentiera i sette zecchini per la consolazion che sto tal accidente abbia prodotto la consolazion de sti do zoveni innamorai.

ZAN. E mi?

LISS. E ela l'ha fatto el so ballo... Deghe el so tabarro e la so bautta. (alla scena)

ZAN. E mi resto senza muggier!

LISS. E cussì!

ZAN. E anca... I me manderà via senza cena?

TON. Sior no, sior no, poveretto, che el resta. (a Gasparo)

GASP. Cossa dìsela, sior Raimondo?

ZAN. Grazie, cenemo, ballemo, divertimose, e no ghe vôi[106] più pensar.

TON. Oe putti, cossa feu? Vegnì avanti. Aveu perso le parole? (a Bortolo e Cattina)

BORT. Son confuso, tra l'allegrezza, la contentezza, e el rimorso de qualche busia che ho ditto, e la confusion che i m'abbia cussì ben perdonà.

TON. Bravo! e vu, fia? (a Cattina)

CATT. Mi, siora... ghe digo... che me sento... In verità no so cossa dir.

TON. Siori, no la pol dir gnente, ma la dise assae. No la gh'ha fià[107] de parlar, perché el so spirito xe impiegà a consolar el so cuor. Lassemo che la se remetta in forza, e dopo del so incantesmo, succederà l'allegria. Intanto divertimose, ballemo e po andaremo a cenar. Ma prima che se torna a ballar, permetteme che diga quattro parole a chi se[108] convien.

Siori, i nostri chiassetti xe fenii;

Se ve sè divertii,

Tanto meggio per nu.

Ma per saverlo

Come mai se pol far?

Sì, benedetto

L'uso sia de Venezia.

Se in Teatro

Qualcossetta ghe xe che dà diletto,

Colle man e coi piè se fa chiassetto.

Segue la contradanza.

Fine della Commedia



[1] Esclamazione, come se dicesse per Bacco.

[2] Dar via, vendere.

[3] Raggiri.

[4] Frase de' cortesani, per dire che una cosa è cara, ghe spuzza el fià, cioè ha cattivo odore, perché costa molto.

[5] Carìgolo, bellissimo termine veneziano per ispiegare un uomo che vende caro.

[6] Per niente.

[7] Pastocchie.

[8] Le domanda un palchetto di Commedia.

[9] Comprar una chiave, s'intende comprar un palchetto. Si fa ordinariamente questo commercio di sera in sera.

[10] Quanti ne guadagno, tanti ne spendo.

[11] Ghe vago de vita; me le godo infinitamente.

[12] Malignazo: quasi maledetto, per ischerzo, e modestamente.

[13] Fibbie.

[14] Diamanti falsi, cristalli che si fanno in Murano.

[15] Specie di giuramente: da giovine onesto.

[16]  Oggi.

[17] Spennacchiato, arruffato, male accomodato.

[18] Farsi accomodare il capo.

[19] Vuol passare per milord, e parla male il tedesco.

[20] Dopo le tre del pomeriggio.

[21] Gh'avè bon, cioè siete bene con lei.

[22] Matrina, comadre che ha tenuto a battesimo o a cresima.

[23] Dopo tre giorni si annoierà della moglie.

[24] A gironi, qua girando.

[25] Sospetto.

[26] Arar dritto, per metafora, condursi bene,

[27] Troppa di libertà.

[28] Apritegli.

[29]    Proverbio, che significa aver economia per le piccole cose, e gettar via per le grandi. Cocon è il grosso turacciolo della botte.

[30]    Zampa, e scherzosamente per mano.

[31]    Cinque e cinque diese, e l'amor passa il vanto, maniera scherzevole e usitata dai Veneziani quando prendono e
danno la mano a persona di confidenza; perciò Tonina dice e l'amor... e Gasparo risponde no gh'è vanti, perché
Tonina non avendo i guantio non può dire: E l'amor passa il vanto, cioè il guanto.

[32]    ?

[33]    Indietro.

[34]    Frase presa da' gondolieri, che tirano in terra le loro barche, quando vogliono riformarle. Ho fenio spiega
l'intenzion della frase.

[35]    Mariti, e più che mariti, cioè attaccatissimi alla moglie.

[36]    Tor in urta concepir odio, sdegno, o mala opinione per qualcheduno.

[37]    Che viene a prendermi.

[38]    Tegna, cioè avaro.

[39]    Ecco.

[40]    Spilorcio.

[41]    Vicina.

[42] Vuol dire, se mi riesce di corbellarlo, lo vuò far sapere agli amici che frequentano Rialto, e lo voglio far
scorbacchiare.

[43]    Tinello: stanza dove si mangia.

[44]    Oggi.

[45]    Un piatto di riso colle quaglie.

[46]    Un bel pezzo di carne di mazo tagkiato di coscia.

[47]    Un cappone grosso.

[48]    Animelle.

[49]    Fegato di vitello.

[50]    Ci s'intende.

[51]    Allude alla riputazione che ha il lugamegher, o sia pizzicagnolo di calle dei Fuseri per le lingue tagliate di fresco.

[52]    Nominato.

[53]    Quest'epiteto di maligna è in questo sesno un'espressione cortigianesca adottata dall'uso, e difficile da spiegarsi,
perché non indica cosa cattiva, ma all'incontro cosa buona, ricercata e piacevole.

[54]    Timore.

[55]    Metter su i risi, cioè mettere a cuocere il riso, minestra ordinaria e comune de' Veneziani.

[56]    Raimondo parla bolognese.

[57]    ?

[58]    Cossa disni, cioè come si chiamano.

[59]    Maniera bassa, che siognifica ammirazione, come se si dicesse Oh che ti possa rompere il collo, e cose simili.

[60]    Via animo.

[61] Allegri.

[62] Specchio.

[63] Capelli.

[64] Se gli avessi abbadato.

[65] Sognato.

[66]    Ella.

[67]    Mi pare.

[68]    Or ora costei si scuopre.

[69]    Senza cerimonie: frase francese usata comunemente in Italia.

[70]    Lo stesso che in toscano corbezzoli.

[71]    In capo di tavola, al posto d'onore.

[72]    Ctà. Termine stretto bolognese, significa questa istoria, questa facenda.

[73]    Scoffonare, cioè burlare.

[74]    ?

[75]    Impicciata.

[76]    Far le carte, amoreggiare.

[77]    Da bamboccia.

[78]    Per tener mano a' suoi disegni.

[79] Spogliatevi. Tonfi.

[80] Tonfi, lo stesso che pugni, e vuol dire che eccita suo marito a batterla.

[81]    Frase bassa come se dicesse: è il suo diavolo che se lo porti.

[82]    Osato.

[83]    Che linguaccia.

[84] L'esempio, la facilità.

[85] Tolè suso, lo stesso che ecco qui.

[86] Si conosce da sé che è colpevole.

[87] Siete impazzita.

[88] Birar da freddo: intirizzire.

[89] Aver da caro aver caro, sentir piacere.

[90] Che le vivande sieno salate, o sieno insipide.

[91] Lampadari.

[92] Buono come un bambino.

[93] Gioco di carte così chiamato dai Veneziani.

[94] Dopo il discorso, che ella m'ha tenuto.

[95] Tiratevi su.

[96] ?

[97] Andiamo.

[98] Frase bassa, il di cui significato è: V'immaginate che lo crediamo?

 [99] Co, quando.

[100] Sgnora, signora.

[101] Di ciera pallida e patetica.

[102] Imbrogli.

[103] Darà fine a questa faccenda.

[104] Di soprapiù.

[105] Saggiaor, saliscendi.

[106] Non ci voglio.

[107] Fiato, respiro.

[108] Si.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 12 volte nell' ultimo mese
  • 88 volte nell' arco di un'anno