Chi manicomiu

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

CHI MANICOMIU

di PIPPO BARONE

FARSA BRILLANTE IN VERNACOLO

IN DUE ATTI

PERSONAGGI

NONNO, suocero di

PEPPE, marito di

VITTORIA, madre di

LUCIO

   e

TERESA

NINI

    e      amici di Lucio

FOFO’

MARIO fidanzato di Teresa

DOTTORE

ASSISTENTE

1 TESTIMONE

2 TESTIMONE

POSTINO

                                              

ATTO PRIMO

MUSICHETTA ALLEGRA CHE ACCOMPAGNA  L’ENTRATA DEL NONNO SCLEROTICO E TERMINA QUANDO ENTRA TERESA. MIMICA DEL NONNO. SI SIEDE IN POLTRONA E SI ADORMENTA. DOPO QUALCHE ISTANTE, CON PASSO FELPATO E CIRCOSPETTO, ENTRA TERESA, LA NIPOTE. SI AVVICINA AL NONNO PER ASSICURARSI CHE DORMA. POI SI AVVICINA AL TELEFONO

Teresa : Menu mali chi dormi. Iddu non senti quandu è rrussignatu, mmagginamundi quandu dormi!....Pozzu telefonari. (Compone il numero, guardando sempre che non arrivi qualcuno) Pronto!....Mario sei tu? Sono Teresa.....Si, si lo so che non dovevo telefonarti, ma ndavimu a vidiri d’urgenza. Ho dei problemi, non sto bene, mi gira la testa....ho nausea e qualche volta mi sento mancare. Ieri sono svenuta, e menu mali chi non mi vitti me mamma. Speriamu che non sia quello che penso io!.(aspettando e rispondendo alterata)Ma come fai a dirmi di non preoccuparmi! Non ncia fazzu cchiù.Tu t’ha preoccupari cchiù i mia. Mi mentisti nte guai e devi trovare una soluzione. Devi convincere i tuoi ad accettarmi, anche se sono povera, perchè io ti voglio bene e non mi costringere a fare una fesseria. (Voce fuori campo della madre). Va bene....Ciau, ciau. Ti chiamu dopu. Sta rrivandu carcunu. Ciau! (Chiude in fretta il telefono, si siede sulla poltrona e legge una rivista)

Peppe : (Entrando con la testa fasciata e qualche cerotto si trascina sotto braccio a Vittoria la moglie) Ahiai a testa......ahiai u filettu....ahiai i gambi

Vittoria : E bonu, bonu.....

Peppe : Ahiai a guaddara....ahiai u cori.....ahiai i caddi....

Vittoria : Vidi chi ti sperdisti n’ahiai.....

Peppe : Ahiai i debiti.....

Vittoria : Oh foragabbu! Cu na scorciatina chi ti facisti nto ginocchiu sta facendu na tragedia.

Peppe : Ma quali scorciatina! Mbestia chi corna nto canceddu mentri scindiva ca lapa!

Nonno : (di soprassalto) I lapi?, i lapi! Aundi sunnu i lapi! Pigghiati a D.D.T

Vittoria : U vidisti, u vidisti chi cumbinasti! U rrussigghiasti! Puru iddu nci mmanca!(Accusandolo) Durmiti, durmiti papà! ( accorgendosi della figlia) Ah, comu stamu comudi! Tu spaparanzata e eu ndaiu a sbattiri cu tutti.

Teresa : Oggi è domenica (sempre seduta comodamente sulla poltrona e sfogliando il giornale)

Vittoria : E pirchì a dominica servizi non si ndannu a fari?

Teresa : Eu i fazzu tutta a settimana e a dominica mi vogghiu riposari.( si alza)

Vittoria : E certu! Pirchì eu duranti a settimana vaiu mi ballu o mi ndi vaiu a spassu, speciarmenti ora chi to patri non si poti moviri.

Teresa : Cu ddu chili i patati chi vindi ogni tantu ( esce, va verso le camere )

Vittoria : Ah brutta scostumata! (Rivolgendosi al marito) A senti comu si vota? a senti?

Peppe : (lamentandosi) A sentu! a sentu!

Vittoria : E sa senti, pirchì non rispundi?

Peppe : Non nci rispundu pirchì non pozzu parrari.

Vittoria : Non poi? Non voi?

Peppe : Non pozzu

Vittoria : No! Tu non voi pirchì si cchiù scostumatu d’idda.

Peppe : Eu non pozzu parrari pirchì mi sentu i labbra quantu nu mussu i porcu Sugnu comu a n’africanu.

Vittoria : Si ti mmanca sula a scimmia i tarzan

Peppe : Senti, non mi fari nchianari i catinazzi

Nonno : (salto del nonno che dormiva sulla poltrona) I pipalorazzi? Si i pipalorazzi. Si si rrustimu i pipalorazzi, i pipalorazzi......

Lucio : (Il figlio entra avvolto in un lenzuolo biano con in testa una corona d’alloro e una candela accesa o un teschio recitando l’Amleto) Ah....ah....ah... Essere o non essere ! Morire o dormire! Questo è il dilemma!

Nonno : Va curchiti...

Peppe : Si ndaiva a curcari e non mi si iazza cchiù.

Lucio : (avvicinandosi alla poltrona del nonno)Oh nobile condottiero della tribù dei beduini, appartenente alla superba discendenza dei piedi lordi......guarda, stupisci.....com’è ridotto quest’uomo per te (indicando il padre) za.....za

Nonno : Zanzara, zanzara! Tu dissi mi pigghi u D.D.T.

Peppe : (a squarciagola) Teresaaaaaa!!!

Teresa : ( entrando) Cca sugnu papà!

Peppe : Portami u fucili.

Teresa : E pirchì? ( esce  verso le camere)

Peppe : Mi nci iettu na fucilata a stu carnulivari

Vittoria : Ma chi sta dicendu?

Peppe : Sta zitta si nno ndavi puru pi ttia.

Lucio : (Abbracciando la madre e recitando con enfasi) Povera mia madre, nelle grinfe di un bruto. Mi ritiro nelle mie stanze. Tra te e me c’è un muro: la tua ignoranza. (esce verso le camere)

Peppe : (visibilmente irritato, cerca di rincorrerlo) E vatindi, vatindi ch’è megghiu.

Vittoria : Nd’avi ragiuni chi non capisci nenti. Inveci mi ti sciali chi ndai stu gioiellu i  figghiu attori, u tratti i sta manera.( rivolgendosi al figlio che è fuori scena) bellu meu! Tu si chi si u futuru i sta casa. Ca chi ndavi Ronaldu cchiù i tia!

Lucio : (entra solo con il lenzuolo) Oh natura  natura perchè di tanto inganni i figli tuoi. O mà

Vittoria : Figghiu

Lucio : Dopu tutti st’energie chi perdia, non mu sbatti n’ovu  (Vittoria esce)

Nonno : (saltando dalla poltrona) Puru eu, puru eu u vogghiu sbattutu.

Peppe : Unu? Pi n’attori  nci vonnu dui, du mattuni nta testa nci ndaiva a sbattiri mi si senti comu mi sentu eu, mi vidi i stiddi comu i vitti eu. Puh! vagabbondu, figghiu sfamigghiatu. Inveci mi penza  mi mi iuta o mi si trova nu lavuru, voli  fari l’attori. (pausa) Na vota mu portai cu mmia. A lapa, a pigghiau pu palcu e cu nu citrolu nte mani si misi mi recita. “ Il citriolo lo coltiva il massaro, la donzilletta lo coglie e lo mette nel panaro. Di matina il suo culo è amaro e di sera è come il brandy: crea un’attimosfera.. Eu pa vergogna, partia a tutta birra. Nta strata pariva nu pilota i formula unu,  trasiva nte curvi a 160, poi non mi tinniru i freni e minai prima cu na lapa e poi nti nu canceddu i cimentu armatu. Mi cunzai a tri tubi, iddu inveci mancu na scorciatina. Scindiu da l’apa come se nulla fosse, e cu na manu isata diciva

Lucio : (entrando) Allegria!.....Allegria.....Signore e signori ho il piacere di presentarvi il concorrente più giovane d’Italia Noè Cocozza

Nonno : Si, si a cucuzza fammilla fritta

Peppe : (disperato) N’atra vota?

Lucio : (aiuta il nonno ad alzarsi dalla poltrona ed uscendo lo intervista) Signor Noè, di quanti anni siete?

Nonno : Puru eu figghiu ndaiu siti!

Lucio : No! Quanti anni avete?

Nonno : Quand’era giuvini ndaiva tanti i ddi fimmini chi......(escono e si incontrano con Vittoria )

Vittoria : (entrando) Attia, .....chi vo mangiari oggi?

Peppe : Nenti.....nenti.....sulu velenu.......

Vittoria : E pi contornu?

Peppe : (secco e risoluto) Arsenico!

Vittoria : Inveci mi fai u spiritusu, cerca mi trovi a soluzioni mi giusti a l’apa. All’assicurazioni isti?

Peppe : Ia, ia.....

Vittoria : E chi dissiru?

Peppe : Chi nci vonnu du testimoni.

Vittoria : E ora aundi i trovi? E tu non ti potivi portari d’arretu?

Peppe : E si, pirchì eu secundu tia,  a matina ndaiva a priparari a l’apa, ma caricu i citrola, lattuchi, racina, patati, cipuddi, portuvalli, poi nci mentiva du belli poltroni, pigghiava du testimoni cu na testazza tanta e mindiva  paisi paisi bandiandu: Cu voli mi m’investi? Cu voli mi m’investi? tantu i testimoni l’haiu!.......Gnorati! Secundu tia potiva sapiri chi mi mbestivunu?

Vittoria : E comu facimu?

Peppe : Pi chistu a mmia mi doli i cchiù a testa, pirchì mi ndeppi a spremiri i melingi mi trovu na soluzioni

Vittoria : E allura?

Peppe : Parrai cu cumpari Roccu, e mi dissi chi mi trova ddu testimoni fidati e cchiù tardu i manda ccà.

Vittoria : Statti attentu non mi ti mandunu in galera.

Peppe : Megghiu, megghiu! Accussi mangiu e mbivo gratis a facci du governu chi aumenta i tassi.

(Entrano gli amici di Lucio dalla porta d’ingresso: Fofò e Ninì, vestiti in modo buffo)

Fofò : (facendo capolino sull’uscio) C’è permessu? C’è permessu?

Vittoria : (senza guardare) Avanti!

Fofò e Ninì : (ragazzi molto spiritosi) Ciao ragazzi. Ciao nè!

Vittoria : Ah! Vui siti? trasiti....trasiti......

Peppe : Itavindi.....itavindi.........

Vittoria : Statti  zzitu! Sempri chi scherzi

Fofò : Lucy!....Dov’è Lucy

Peppe : E cu cazzu è stu Lucy

Vittoria : Stortu! E’ u nomi i battaglia i to figghiu. (rivolgendosi ai due) vaiu e vu chiamu (esce)

Fofò : (vedendo conciato in quel modo Peppe) Don Peppino, ma per caso anche voi recitate in qualche spettacolo di piazza? Vi vedo tutto truccato!

Peppe : Si! Mi truccai i corna, perchì l’haiu rutti

Ninì : E non vi potiti fari novi?

Peppe : E comu?

Ninì : Nce lo dite a cummari Vittoria, a vostra mugghieri e idda vi faci novi, novi senza vui mi vi sforzati.

Peppe : O grandissimu curnutu! Fattilli fari i to mamma e i to soru.(alza una sedia per colpire Ninì e viene trattenuto da Fofò)

Fofò : Ma don Peppino cosa fate? Ninì scherzava Era una licenza teatrale. Sta provando. A proposito i provari, pirchì don Peppinu non ndi  faciti provari un liquorino, un cognacchino?

Ninì : Un pochettino di tacchino, di certosino, na provola, nu prosciuttu?

Peppe : Ca comu nò! Teresa.......(gridando)

Teresa : (entrando in scena) Chi voi?

Peppe : Portinci du belli bicchieri d’acqua du rubbinettu, corretti al mbilimbò e du amici di Lucy......

Teresa : Lucy?.......E cu è Lucy?

Peppe : To frati!

Teresa : Lucio?

Fofò : Oh gentilissima signorina! Lasci che le porga i miei rispetti.(prende la mano a Teresa) E come disse il regista Damiano, alle donzelle si bacia sempre la mano!

Teresa : Grazie!, come siete gentili!

Peppe : Va dda intra e iuta a to mamma e poi ccconzumi u lettu. (Teresa esce) E chi voliti i Lucy?

Fofò : Come vi dicevo prima don Peppino, dobbiamo provare. Stiamo preparando un lavoro drammatico.

Ninì : Si....si..... “ Seduta e abbandonata “

Peppe : Seduta?

 

Fofò : Ma no! Vuole dire.... sedotta sedotta

Ninì : Sedotta! Sedotta!

Peppe : E chi voli diri?

Ninì : Don Peppino, sedotta voli diri.....cioè quandu....(non facendosi capire cerca di farsi capire con i gesti)

Nonno : (entrando in scena si siede in poltrona) Giuvanotti! Si parrati i fimmni, teniti cuntu i mia.

Ninì : Don Peppino l’amanti masculu, dopo averla posseduta, a dassa capiscistuvu?

Peppe : E l’amanti masculu cu u faci? Luciu?

Ninì : No! iddu faci l’amanti fimmina, Fofò faci u masculu e io fazzu a mamma.

Peppe : Azzo! Complimenti per la trasmissione a tutti e due........

Ninì : Grazi don Peppinu.

Peppe : Pi chistu u so nomi i battaglia è Lucy? (a Ninì) E u to nomi qual’è?

Ninì : U me nomi i battaglia?

Peppe : Si!......

Ninì : Ciolla!

Peppe : Azzo! e natra vota azzo! Congratulazioni vivissimi. Auguri e figghi masculi.

Fofò : A questo punto come disse Murat al vice rè ci vorrebbe una bella tazza di caffè!.....

Teresa : (entra dalla cucina con il caffè) Ecco il caffè! (Teresa poggia il vassoio con le due  tazze di caffè sul tavolino del salotto. Fofò e  Ninì  si siedono sul divano e si gustano il caffè fino all’ingresso di Lucio

Peppe : U cafè???

Teresa : Si......a mamma dissi chi l’acqua sindi iu e nci fici u cafè........

Peppe : (vedendo solo due tazze) E pi mmia nenti?

Vittoria : (entrando) A ttia ti faci mali. Chiuttostu si ti vo curcari, u lettu è cunsatu

Peppe : Quasi, quasi è megghiu mi vaiu e mi mi curcu. Ma appena venunu i testimoni rrussigghiatimi, iettatimi puru ddu lettu, ma chiamatimi.

Vittoria : (esce con Peppe e Teresa verso la cucina) Non ti preoccupari chi ti chiamamu prima mi bussunu a porta.

Lucio : ( entra con fare da grande attore e con sottofondo musicale)

Fofò e Ninì : (si alzano dal divano declamando) Lucy....Lucy....Lucy....Sei un mito!....Sei un mito!....

Lucio : Ciao a tutti! E allora ragazzi, come va? Chi vuole un autografo? ( rivolto al nonno) vuoi un autografo?

Nonno : U fotografu? Aund’è u fotografu chi mi vogghiu fari na fotografia cu Valeria Marinu.

Fofò : Caro Lucy, ho un’impotante notizia da darti ( prendendo il giornale dalla tasca) La M.P.C.M.P. cerca giovani attori, bella presenza, per costituire compagnia stabile. Presentarsi in sede via Marsala 36 ore 19

Lucio : Uh! la miseria! E chi nci facimu?

Fofò : Eu nci fazzu u cani  (imita)

Ninì : No è megghiu a iaddina quandu faci l’ova (imita)

Lucio : Ma no! Bestie! Dobbiamo portare qualcosa di pronto.

Ninì : Si! nu pocu i pasta o furnu, du mulingiani chini, quattru purpetti

Fofò : Du patati fritti nu piattu i livi schiacciati, nu fiascu i vinu e u cafè

Lucio : Cretino! Volevo dire di portare una scenetta pronta, una poesia, un monocolo! E io avrei pensato mi ndi priparamu la scenetta che abbiamo provato l’artra sera!

Ninì : Chidda da televisioni?

Lucio : Occhei! ( Lucy e Ninì escono per entrare dopo la presentazione di Fofò)

Fofò : Signore e Signori, dal teatro la fenice di Venezia, ristrutturato in sole 12 ore per la presentazione di questo lavoro, il trio Polenghi presenta la scenetta umoristica dal titolo “ Corna e catrichi “ Atto unico e solo del grande scrittore di fame internazionale Fofò Tirabusciò. Personaggi e interpreti: Della Troia Betty  Nini Ciolla, il focoso amante Lucy Cocozza, il marito cornuto Fofò Tirabusciò. Regia di Fofò Tirabusciò. Ospite d’onore (indicando il nonno) Noè Cocozza. Signori e signore buon divertimento.

( musichetta. Entra Niny con una parrucca da donna e grembiule. Ancheggia)

Lucio : (entra con un mazzo di fiori in mano) Oh mia adorata!

Ninì : Focu meu! cchà venisti? Si ndi vidi me maritu ndi spara a tutti i dui

Lucio : Meglio la morte che vivere senza di te, mio unico e solo fiorellino

Ninì : Ma chi dici? Eu sugnu na fimminazza seria!

Lucio : Fatti abbracciare e abbandonati nel vortice della passione e della lussuria.

Ninì : Oh amore mio! Minchia chi parri bonu.

Fofò : (dall’esterno) Betty! dove sei? Dov’è il tuo amante

Ninì : Focu meu! me maritu?

Fofò : (dall’esterno) Iapri! Sinno scassu a porta. Preparati a morire.....

Ninì : ( a Lucio) Mmucciati!...mmucciati

Lucio : E a undi mi mmucciu! (Dopo vari tentativi di cercare un nascondiglio )

Ninì : Allura nesci da porta darretu (Lucio esce, Ninì si ricompone.Fofò entra dalla cucina) Chi fai cu sta cosa nte mani?

Fofò : (entra d’impeto con una pistola in mano) Dov’è? dov’è? Quel figlio di cane del tuo amante? parla........ confessa!

Ninì : Ma chi dici? Chi ndaiu a cunfessari? Eu mi cunfessu sulu cu l’arciprevitri. E poi vidi chi cca non c’è nuddu.

Fofò : (dopo aver cercato un po') Hai ragione amore mio! Perdonami! Ma la gelosia mi fa venire il sangue agli occhi! Ora accendo la televisione per distendermi.

Ninì : Si....si bello mio rilassati!Eu vaiu e ti priparu na caddara i camumilla (esce)

Fofo’ : (accende la televisione) Stop. Stop! non ci siamo. Ritmo troppo veloce e scena senza spirito e senza anima. Non appare l’aspetto drammatico della situazione. Io voglio la commozione, il pianto......di qua, di là carramba.....uno spettacolo alla Raffaella Carrà. Ripetiamo. ( il nonno si alza ed esce)

(Ripetizione della scena con introduzione musica funebre e pianti, Il tutto fino a quando entra Lucio vestito da donna)

Peppe : (entra mezzo addormentato ,svegliato dai pianti) Chi succediu? Pirchì ciangiti? Forsi moriu u nonnu?

Fofò : Moriu u nonnu?

Vittoria e Teresa : (richiamati dalla confusione entrano  in scena e parlano tra di loro finchè non entra il nonno)

Tutti : (a coru) Moriu u nonnu

Nonno : Moria ? E quandu? ( si siede in poltrona)

Peppe : (chiarito l’equivoco, Vittoria fa sedere il nonno sulla poltrona) Basta....basta..... itavindi, dassatimi ca me paci....scambiastuvu questa casa per un teatrino

Fofò : Ma don Peppino, noi siamo venuti quà e non altrove solo ed esclusivamente per le prove

Peppe : E eu vi dicu chi cca provuli non ndavi. Nci sono brocculi, citrola, e banani. E ora nesciti tutti fora.

Fofò : Va bene don Peppino....No problem....nessun problema.....Togliamo subito l’incomodo.....Ciao ragazzi....ciao Lucy..... a stasera. Andiamo a mangiare una pizza

Ninì : Ciao nè....(rivolto a don Peppe)Addio ( si toglie la parrucca e la lascia sul tavolo)

Peppe : Fora......

Vittoria : Madonna mia,.....Madonna mia chi cunfusioni......Caminati pà mi vi dugnu nu pocu d’acqua chi vi schiantastuvu quandu sentistuvu c’avivuvu morutu (escono)

Peppe : (rivolto al figlio) Tuttu pi ttia..... e natra vota quandu voliti fari  i mozzarelli

Lucio : (che intanto stava misurandosi la parrucca che aveva Ninì) I provi papà ca quali mozzarelli

Peppe : Si sti cosi chi dici tu, vindi iti a casa i ll’atri. Cca intra non vogghiu mi viu cchiù. (si gira e vede Lucio con la parrucca) E ccacciati sta cosa da testa e fai u masculu chi consatu i sta manera mi pari nu.....

Lucio : (interrompendolo) Non capisci nenti! Esigenze di copione! Fisic du rol.....L’abito non fa il monaco.  En franzè L’abitazion non fa le monacò.(esce)

Peppe : Dassati mi m’indivaiu ch’è megghiu. (esce)

BUSSANO

Teresa : (rimasta sola in scena va ad aprire. E’ Mario il suo innamorato)Focu meu....Tu cca venisti?

Mario : Dicisti chi mi vulivi e vinni mi viu

Teresa : Si, ma no ccà....

Vittoria :  (Entrando) Teresa sentisti chi bbussaru? (sorpresa dalla presenza di Mario) Oh....signurinu....vui ....e comu mai?

Mario : (imbarazzato) Ecco signora....siccome mi vinni u deideriu mi mi fazzu na nzalata i pomadoru e a casa li ho finiti e....siccome  don Peppinu ndavi na para i iorna chi no viu....pensai mi vi disturbu

Vittoria : Ma quali disturbu.....Focu meu....quanti voliti...sei vi bastunu?

Mario : Fate voi signora.....sceglitammilli vui

Vittoria : (esce)

Teresa : (appena soli ) Mario sono preoccupata....ho paura di essere incinta.....

Mario : (preoccupato) Si sicura?.......

Teresa : Ancora no,.....ma mi cunfidai cu na me amica  e mi dissi chi puru idda prima mu nci nasci u figghiolu si sentiva comu mi sentu eu.. Sugnu ruvinata (piangendo)

Mario : E eu sugnu cchiù ruvinatu i tia.

Teresa : Non m’interessa......Mi nda maritari, si no me patri mi spara.

Mario : To patri? nda vidiri chiddu chi mi faci me patri a mmia........M’indaiu a laureare e per adesso è inutile che ne parliamo. Mi caccia da casa.....sugnu ruvinatu.....mi sparu.....mi avveleno........mi impicco.....

Teresa : (timida) Se tu voi, na soluzioni c’è

Mario : E quali?

Teresa : Mi ndi fuimu.

Mario : Chi dicisti?

Teresa : Si ! ndi fuimu!

Mario :E comu a pedi?

Teresa :  No.... ca lapa!!

Mario : Ma chi dici storta.   E pi mangiari?

Teresa : A carricamu i patati, pipi, mulingiani

Mario : Citrola!

Vittoria : ( entra con i pomodori in mano ) Puru i citrola vuliti?

Mario : No....Ncistava dicendu a signurina chi a mmia i citrola non mi piaciunu.....specialmenti quandu sunnu simenzusi.( tra se ) comu a mmia.....

Vittoria : Ora v’incartu.......alicca.....sunnu propriu pi nzalata.....virdi e russi......

( Nel frattempo Mario e Teresa si fanno cenni a vicenda dandosi un appuntamento per un altro momento )

Mario : Va bene signora... vi chiedo scusa per il disturbo. Vi ringrazio e ditemi quanto vi devo dare.

Vittoria : Ma chi m’aviti a dari pi sei pumadoru! Nenti....itavindi...Stativi bonu e mi ndaimu a saluti.

Mario : Molto buona signora....Grazie e arrivederci.... Signorina ( le da la mano ed esce e Teresa lo accompagna fino alla porta ed esce)

Nonno : ( entrando in scena con un tovagliolo attaccato al collo e gridando ) Oh! nti sta casa non c’è nuddu....Vi ndi futtiti tutti i mia....Vogghiu mi mangiu cazzulata....Vi dissi chi vogghiu mi mangiu......

Vittoria : Focu meu...o nonnu ndi sperdimmu. Veniti nonnu, veniti chi vi fazzu a pastinedda......

Nonno : Pastinedda.... cazzi! Eu vogghiu na ringa ca cipudda rrustuta cu ll’ova.... e poi vogghiu a valeria Marini a televisioni.

Vittoria : Ma c’aviti a vidiri vui.....chi vi mentiti a dormiri

Nonno : Si....si chi dormu, futtatindi chi dormu (esce verso l’interno accompagnato da Vittoria)

Lucio : ( entra in scena. Musica. Si sente bussare)

1 testimone : Buon giorno, Geova sia con te

Lucio : Cui?

2 testimone : Noi siamo i testimoni di Geova!

Lucio : I Genova? Ah..... si trasiti.... trasiti chi me patri vi sta spettandu( li fa entrare e si fermano davanti al divano lasciandoli in piedi)

1 testimone : Aspettava noi?

Lucio : Si mu dissi me mamma......Spettati....(chiamando la madre) Mà...oh ma...

Vittoria : (fuori scena) Cu è

Lucio : Nci sunnu i testimoni i Genova

Vittoria : Si....si chi vegnu!.....( entra ) ne facisti mi si settunu. (prendendo la sedia in maniera rozza ) Ssettativi. Mio marito è di quella banda....veramente si è un po' sbracato nel letto per il forte dolore alle melinghe. Ora lo chiamo.

1 testimone : Se ha mal di testa, signora possiamo passare un altro momento.

Vittoria : No.... chi mai sia mi mmazza........Peppi......Peppe nci sono le testimoni......Ora parrati cu iddu, pirchì iddu è in statu interessati. ( vedendo che Peppe non viene, si avvicina alla porta della camera e grida ) Peppi......Ih chi mi ti mmazza nu camion a rimorchiu, ti vo iazzari.......Vai e chiama a to patri e iettinci nu bbagghiolu d’acqua d’ancoddu. (Lucio esce e poi rivolta ai testimoni ) Vi preparu u cafè

1 testimone : No grazie...

Vittoria : Nu bicchierinu u rosoliu. (si sentono rumori e grida e Lucio entra in scena correndo e con un secchiello in mano. Subito dietro arriva minaccioso il padre)

Peppe : Tracandali chi non si atru....ma non finiu ccà...stortu.....

Vittoria : Chi succediu?

Peppe : Stu calandariu mi iettau nu lavamanu d’acqua d’ancoddu

Lucio : A mmia mu dissi a mamma

Peppe : E menu mali chi non ti dissi mi ti ietti du quintu pianu. Cretinu....pezzu i citrolu scundutu. ( ai due) Mi dovete scusare.....ma ndaiu sta disgrazia nta casa....... A che devo l’onore?

Vittoria : Sunnu i testimoni.

Peppe : (contento) Ah....tanto piacere......Vi vulistuvu scomodari.....e cu vi mandau cumpari Roccu?

1 testimone : No siamo venuti di nostra iniziativa. Questa è la nostra missione

Peppe : Giustu.....faciti bbonu...ca comu no.....na commissioni cca, nautra ddà e vi nesci a iornata

2 testimone : Niente affatto non lo facciamo per interesse, cerchiamo di guadagnarci il paradiso.

1 testimone : Il nostro compito è quello di portare pecorelle smarrite all’ovile

Peppe : Pecore? Veramente eu fazzu u venditori ambulanti. Ndaiu a lapa. A matina e quattru e menza mi iazzu e vaiu o mercatu e vindu frutta. Ieri nti na curva mbestia cu n’autra lapa e l’avvocatu mi dissi. “ Se avete un testimone, l’assicurazione vi rimborsa una bella somma “ Ora vui venistuvu in dui! E cu vi mandau u Signuri?

1 testimone : Proprio così

Vittoria : E vinniru puru i Genova!

Peppi : I genuva ? cu trenu?

2 testimone : Fratello credo che ci sia un equivoco

Peppe : U maru i mia nta me casa n’equivocu.Aundè cu cacciu subitu. (a Lucio) Attia, passa dda intra.( Lucio esce subito)

1 testimone : La sorella vuole dire che c’è un errore. Noi siamo testimoni di Geova e non di Genova...... Siamo i rappresentanti della Torre di Guardia.

Vittoria : Capiscisti? Uno veni i Torri Melissa e uno veni i Guardia Piemontesi

2 testimone : No signora! Di Geova, di Dio va

Peppe : Di Diu? Evi mandau iddu?

1 testimone : Proprio.

Peppe : Mi mi faciti a testimonianza a mmia

1 testimone : Si! ma soprattutto per farvi conoscere la verità

Peppe : A verità è quella che dico io. Idda caminava nta me manu, non mi tinniru i freni e minammu mussu cu mussu.

1 testimone : Questo a noi dispiace.....Ma non ci riguarda. Noi siamo qui per predicare la Bibbia. Voi avete letto la bibbia?

Peppe : Eu non sacciu leggiri.

Vittoria : Cca l’unici chi sannu leggiri sunnu i me figghi.

1 testimone : Ah, molto bene. Avete prole?

Peppe : N’atra vota cu sti catinazzi i provuli?

2 testimone : Il fratello voleva sapere se avete figli.

Peppe : Dui....nu masculu e na fimmina

1 testimone : Praticanti?

Peppe : Ca quali.....Uno è disoccupatu ed è equivoco. E’ chiddu chi mi iettau l’acqua, l’atra è casereccia e sta cucinandu. Ma scusati, venistuvu cca mi faciti i testimoni o mi faciti l’interrogatoriu?

1 testimone : Caro fratello......

Peppe : (interrompendolo ) Caro cognatu, ndavi menz’ura chi stamu parrandu e ancora non capiscia nenti. Mi dicistuvu chi siti testimoni i Genova, però non veniti i genova ma i Torri Melissa. Mi dicistuvu chi vi mandau Diu. Mi chiedistuvu si ndaiu provuli. Ma a mmia tutti sti discursi non m’interessunu e siccomu ora è ura i mangiari, prima vindi iti e megghiu è

2 testimone : Ma fratello.....

Peppe : E torna cu stu fratello! Signurina eu frati non ndaiu, eu su figghiu unicu

1 testimone : Ma siamo fratelli in Cristo.

Peppe : Va bonu capiscia......Sapiti chi vi dicu? Pigghiativi a vostra soru e itavindi

1 testimone : La sorella è mia moglie

Peppe : Vostra mugghieri?

Vittoria :Chi scandulu!!! E vi maritati tra frati e soru?

2 testimone : Ma no signora, spiritualmente siamo tutti fratelli.....

Peppe : Puru eu?

2 testimone : Certamente........

Peppe : E  veni cca bella mia e fatti mbrazzari....(si avvicina alla testimone e cerca di abbracciarla) Soricedda mia quantu si bona tu.......e non potivi veniri prima

Nonno : (entrando vede la scena) Puru eu, puru eu

Vittoria  : ( al marito ) Ah disgraziatu, ta dugnu eu  a soru....ti piaci ma tocchi.....(rincorre il marito, mentre il nonno cerca di prendere la testimone, e tra la confusione generale le busca il testimone. Musichetta)

FINE  1° ATTO




       ATTO SECONDO

STESSA SCENA DEL 1° ATTO. ENTRA IL NONNO CON  UN BINOCOLO ED UN TERMOS A TRACOLLA ED UNA RADIO IN MANO A TUTTO VOLUME. SI SIEDE IN POLTRONA, ABBASSA L’AUDIO E CHIAMA

Nonno : Vittoria......Vittoria!

Vittoria: ( entra con grembiule e un piatto che sta asciugando) Chi succediu? Chi voliti

Nonno : Chi ura è.

Vittoria : I setti da matina (esce)

Nonno : (alza un’altra volta il volume e segue la musica con i movimenti ritmati della testa e delle mani. Poi abbassa il volume e chiama) Vittoria!.....Vittoria......

Vittoria : (entrando e asciugandosi le mani nel grembiule) Natra vota! Ma chi vuliti?

Nonno : Chi ura è?

Vittoria : Vu dissi ora ora. Sunnu i setti e nu minutu. Cu voliti sapiri a fari?

Nonno : Siccomu stasira e deci c’è Valeria Marinu nta televisioni, non vogghiu ma perdu......

Vittoria : E fina a stasira e deci ndaviti voglia mi vi llonga u coddu e eu mi vaiu avanti e arretu. (vedendo il termos) E ddocaintra chi ndaviti? Puru l’acqua vi portastuvu.

Nonno : Si l’acqua! U inchia i cafè accussì non m’iddormentu.

Vittoria : (si avvicina a prendere il termos) Focu meu........ datammillu.......non vu mbiviti tuttu stu cafè chi vi faci mali e vi veni a diarrea......... e poi chi ndavi i bbonu sta Marini?

Nonno : Chiddu chi non ndavi Pippu Baudu...... u pipirinnacchiu.......u pipirinnacchiu........e poi tu fatti i catinazzi toi comu mi fazzu eu ( esce)

Vittoria : Ma guardati vui stu vecchiazzu........

Lucio : (entrando) Ciau mà

Vittoria : Ah Luciu, ti iazzasti? Comu ti senti a mamma.

Lucio : Peggiu d’aieri.

Vittoria : Ti passau u vomitu?

Lucio : Si!

Vittoria : E a sciorta?

Lucio : Stanotti ndeppi sulu na scarica!

Vittoria : Una sula? Menu mali!

Lucio : (entra camminando con le gambe divaricate) Non sacciu si fu una sula o na vintina i seguitu! Mi ssettai supra o cessu e cincu i sta matina e mi staiu iazzandu ora ora, picchistu caminu i sta manera! ndaiu tutti i musculi paralizzati.!

Vittoria : E chi ndaivi nto stomucu? Na carriolata i mundizzi! Chi mangiasti ieri sira?

Lucio :  E chi mangiai! Nenti ! Ninì e Fofò si bbuffaru. Si mangiaru ddu pizzi l’unu, eu mi mangiai na margherita, na quattru stagioni, na napolitata e una ca cipudda.

Vittoria : E sulu pi chistu ti vinni a sciorta?

Lucio : No! Poi Ninì e Fofò si pigghiaru na coscia l’unu i pollu, eu inveci n’ovinu..

Vittoria : U dissi sempri chi si sfurtunatu! E pi n’oviceddu ti sentisti mali i sta manera? Voli diri chi non erunu frischi.

Lucio : No mamma! Ma chi capiscisti! Non era n’ovu i iaddina, n’ovinu, na pecura rrustuta....alla brace va.

Vittoria : E quandu mai ti fici mali a carni i gneddu! Non ti potivi mangiari nu pocu i frutta mi digerisci.

Lucio : E non ma mangiai!. Mangiati chista che ianca e mangiati chista che russa, mi mangiai trenta ficarazzi.

Vittoria : Focu meu! E inveci mi stuppi ti vinni a sciorta.

Lucio : No, pi scummissa mi mangiai cu tutti i scorci e allura forsi pi chistu mi vinni a sciorta..

Vittoria : Allura non è sciorta! Chista i ntichi a chiamavunu diarrea carcagnola maligna!

Lucio : E chi è

Vittoria : Nenti! Na speci i colera

Lucio : Allura vo diri chi pozzu moriri?

Vittoria : Ma chi mori e mori..... Bestia! Na vota si muriva. Natru pocu veni u medicu.....ti ordina nu bellu cristeru e ti passa tuttu.

Lucio : Allura cchiù tardu pozzu mangiari?

Vittoria : Comu no! Ora chiamu a to soru e nci fazzu priparari na cosa cadda. (chiama) Teresa....Teresa.....

Teresa : (entrando) Chi vo mamma?

Vittoria : Vidi ca undè chi si cogghi to patri e eu nci ndaiu a iutari mi scarrica a lapa. Fanci a to frati carcosa i leggeru, nu brodu!

Teresa : (ironica) Megghiu nu piattu i canigghia. E’ cchiù leggera.

Lucio : Eu canigghia non ndi vogghiu! E poi mangiatilla tu accussi manteni a linea. Non vidi quantu ti sta facendu! Sta ngrassandu ogni iornu i cchiù. Sei diventata truglia.... truglia

Teresa : Sta zzittu cretinu......nimali....villano! (si siede sul divano e piange)

Vittoria : Finitila! Finitila chi pariti cani e iatti,( a Lucio) e tu non ti permettiri mi nci dici sti cosi a to soru ch’è na fimmina onesta, casta e pura comu a nu chiuri, comu a na palumba.... Vidisti chi cumbinasti? A facisti mi si mortifica e mi ciangi. Cerchinci scusa. Eu vaiu e chiamu u medicu e quandu tornu vogghiu mi vi viu a tutti e dui chi vi voliti beni pirchì siti frati e soru. (esce dalla porta d’ingresso)

( Attimo di riflessione e turbamento in Lucio poi.....)

Lucio : (titubante si alza e piano piano si avvicina a Teresa) Teresa.....Teresina T’offendisti? Pari chi tu diciva piddaveru chi si incinta? U sai chi ti vogghiu beni....Io scherzo sempre, lo sai che sono un attore......Si pi casu ndavissi a succediri na cosa i chisti, pa vergogna inveci i tia era megghiu chi restava incinta eu.........T’immagini na cosa i chisti, mi davunu puru u premiu.

Teresa :  (sempre piangendo) E non scherzari....lasciami stare.....(si alza e si affaccia al balcone e fa dei cenni con la mano).

( Si sente suonare il campanello e Lucio sempre con la solita camminata va ad aprire. Entrano Fofò e Ninì)

Lucio : (precedendoli) Accomodatevi amici miei!

Fofò : Ciao Ragazzi! Ciao nè!

Ninì : Oh boys.....Okay

Fofò : (notando Teresa che rientra dal balcone) Ullalà! Ecco la signorina Teresella che ogni giorno diventa più bella

Teresa : (piangendo) Grazie, grazie (esce e va verso le camere)

Ninì : (faccia da ebete) Okay!

Fofò : (sorpreso a Lucio) Ma perchè piange tua sorella?

Lucio : Piange per me....

Fofò : Per te?

Lucio : Si......perchè (recitando con enfasi) Addio amici miei.....Addio compagni d’armi! Addio per sempre.(intona la canzone di Reitano Calabria mia col coro di Fofò e Ninì)

Fofò : Ma che cosa ti è successo?

Lucio : Oh! mio amato Fofò sto per morire......

Fofò : No!

Ninì : E quando?

Lucio : Ebbene si!

Fofò : Ma no!

Lucio : Si!

Fofò : (recitando) Oh, destino crudele! Oh ria sorte! Perchè, perchè come mannaia ti abbatti su questa casa? Amato fratello dimmi qual’è.......qual’è il tuo cruccio.....qual’è il male che ti sta sucando.......?

Lucio : Diarrea carcagnola.......!

Fofò : A diarrea carcagnola?

Ninì : Comu a me nonnu

Fofò : E chi è?

Lucio : E’ na malatia chi si non ti sbrighi mi vai o cessu ti cachi strati strati

Ninì : Comu a me nonnu.

Fofò : Ma tu chi ti senti?

Lucio : Mi sentu a frevi e mi doli a panza

Ninì : Comu a me nonnu

Fofò : (a Ninì) E to nonnu chi cura fici?

Ninì : Matina e sira cataplasmi i cicoria bbuggnuta

Fofò : E poi guariu?

Ninì : No.....moriu......

Lucio : (disperato) U diciva eu chi moru.....chi cussì non pozzu campari

Fofò e Ninì : (in atteggiamento di preghiera. Ninì ripete sempre l’ultima parola di Fofò) Povero Lucio, povero amico mio

Ninì : Amico mio

Fofò : Tutta per colpa nostra.,

Ninì : Colpa nostra

Fofò : Noi ti abbiamo provocato, e noi ti abbiamo portato sulla cattiva strada

Ninì : Cattiva strada

Fofò : Indotto in tentazione

Ninì : In tentazione

Lucio : Ma liberaci dal male

Fofò e Ninì : Amen ( e fanno un veloce segno di croce)

Ninì : Ti futtisti na crapa sana. Noi siamo i padri di questo delitto

Fofò : Ma oramai è tardi. Non resta che la rassegnazione. Sei un cadevere. Sei cotto. Dobbiamo solo pensare al funerale.

Ninì : Si...si......eu portu a curuna

Fofò : Dobbiamo solo stilare il manifesto....Io già lo vedo, ecco Oggi, alle ore 16, nella chiesa matrice, alla presenza di un caloroso pubblico, il famoso attore  Fofò Tirabusciò presenterà le spoglie mortali del dilettante attore Lucio Cocozza. Lo spettacolo sarà replicato domani alle ore 21. Ingresso gratis.

Lucio : Ma chi sta dicendo? Quanti voti ndaiu a moriri? E poi pirchì nda presentari sempri tu? U protagonista sugnu eu, atru chi dilettanti.

Ninì : Ndavi ragiuni!

Fofò : Ma chi dici? Si tu si mortu!

Lucio : Si ma u funerali è u meu ed io devo venire prima di te

Fofò : Ma non è coreografico   (entra Teresa e si affaccia al balcone facendo segni a qualcuno)

Ninì : Ndavi ragiuni!

Lucio : Ah si? Allura non vogghiu moriri cchiù

Ninì : Ndavi ragiuni!

Teresa : (rientrando dal balcone) Ancora cca siti? Non è megghiu mi v’indiiti pi vostri casi?

Ninì : Ndavi ragiuni puru idda

Teresa : Staiu spettandu visiti e non potiti stari.

Fofò : Va bene, togliamo il disturbo.Aggiorniamo il disturbo ad altro giorno.

Teresa : (spingendoli) Nesciti....nesciti i l’atra porta.chi vi cumpagna Lucio. (escono dalle camere interne mentre suona il campanello) Un momento.....(va ad aprire ed entra insieme a Mario vestito da donna) E nc’era bisognu mi ti vesti i fimmina mi veni cca?

Mario :  (intanto mentre parla si toglie la parrucca)E chi volivi, mi vegnu mi cattu natra vota citrola e pumadoru? Mi vestia i sta manera non mi mi canusciunu i mei!

Teresa : Allura chi decidisti?

Mario : E secundu tia, chi ndaiva a decidiri? U sai chi ti vogghiu beni.....Ndi fuimu.....

Teresa : E comu ndaiu a fari? Non mi ndi fuia mai....Comu mi ndaiu a cumpurtari?

Mario : Pi prima cosa, pigghia carta e pinna e nci scrivimu du paroli e toi!

Teresa : Allura spetta nu minutu. (esce)

Mario : (rimasto solo si rimette la parrucca e si aggiusta, mentre appare il nonno che rimane turbato alla vista della donna e la scruta col binocolo)

Nonno : Minchia che bona! E’ megghiu i valeria Marinu. Chidda è nta televisioni....chista l’haiu in diretta. (si avvicina per attaccare discorso) Scusate, siete libera?

Mario : No nonno, sono sposata.

Nonno : Voi na basciata? (cerca di abbracciarla)

Mario : Lasciatemi stare!

Nonno : A voi a sucari? Oh bella mia! (inseguimento)

Teresa : (entrando) Nonno! Ma chi sta facendu?

Nonno : Cazzulata! Sempri nto megghiu! A quandu a quandu m’aviva fattu zitu.....(Teresa lo accompagna fuori scena) Scrivimi....ti raccumandu....a Noè Cocozza....Italia  ....(esce)

Teresa : Vai....vai....nonnu!

Mario : Quanti nd’aiu a passari......a pigghiasti?

Teresa : Nci scrivia eu già du paroli.....

Mario : Allura teniti pronta....cchiù tardi nci pigghiu i chiavi da machina a me patri e ndi fuimu......Ndi vidimu all’ottu arretu a scola.

Teresa : Va bonu.....ora vatindi prima mi rriva carcunu. (squillo di campanello) Pari cu sapiva eu....Nesci i cca...prestu...prestu ( esce dalle camere. Altro squillo) Cu è....staiu venendu

Dottore : (fuori scena) U medicu!

Teresa : Vegnu! (va ad aprire) Ah....vui dottori? Buongiorno, accomodatevi

Dottore : (entrando e poggiando laborsa sul tavolo ) Dov’è il malato? Dov’è il malato? Movimindi......Lo sapete che visito solo in ambulatorio! Non posso perdere tempo.(il tutto mentre apre la borsa e si prepara per la visita)

Teresa : (tra se) Il malato? Quasi quasi mi fazzu visitari eu!

Dottore : Allora dov’è?

Teresa : Veramente non si tratta di malatu!

Dottoreo : Ah....no?

Teresa : Si tratta di me.....

Medico : I tia ? To mamma mi chiamau mi visitu nu masculu

Teresa : (impacciata) Veramenti......ho fatto dire io così.....perchè mi vergognavo di farmi visitare in ambulatorio e poi non volevo dare a capire alla gente

Dottore : Eh cara mia, Esculapio diceva: Essere ammalati non è una vergogna ma una disgrazia

Teresa : E allura cchiù disgraziata i mia non nd’avi!

Dottore : Non ti preoccupari! Nu mpaccu e na purga e ti passa tutto.

Teresa : No dottori, sti cosi non passunu ca purga

Dottore : E chi nd’ai figghia? Dimmi.....dimmi.....

Teresa : Nd’avi nu pocu i tempu...chi mi gira a testa

Dottore : E poi.....poi......

Teresa : Mi veni u vomitu....

Dottore : Uhhhhh!! E poi....poi.....

Teresa : Nd’aiu a sputaredda.....

Dottore : Uhhhhh!!!! Cara mia.....mi pari chi u mpaccu tu ficiru prima......ma tu....si zzita?

Teresa : Si

Dottore : I toi u sannu?

Teresa : No

Dottore : Uhhhh!!!Ma senti nu pocu...parramundi chiaru, u medicu è comu o previti. Ma ddiri a verità....nci fu contatuu carnali? Vi ntrusciastuvu?

Teresa : Na vota sula volandu, volandu e pi suli cincu minuti......

Dottore : E cara mia u ceddu ndavi l’ali e trasi nti tutti i purtusa. I chiddu chi mi dicisti e in basi e libri chi leggiu, tu si incinta!

Teresa : M’ummagginava!

Vittoria : (Chiama dall’esterno ed entra quando Teresa è già uscita) Teresa.....vinni u medicu?

Teresa : (scappa dalla scena)

Vittoria : (Entrando dalla porta d’ingresso con due borse della spesa che poggia sul tavolo) Allura dottori! Rrivai giustu in tempu. Ncia facistuvu a visita?

Dottore : (alterandosi) Vittoria pi certi fissarii si ndavi a veniri all’ambulatoriu! Mi fai sulu mi perdu tempu!

Vittoria : Va bonu! Ma dicitimi chi nd’avi?

Dottore : Niente di grave è solo gravida. Presto diventerai nonna.....

Vittoria : (sorpresa) Nonna? E di chi? I nu masculu? Siti sicuru?

Dottore : Nci po calari a pasta.....Diventasti nonna, trovanci subitu u nomi.....Va bbonu....mi ndi vaiu chi ndaiu genti! (esce lasciando Vittoria nella disperazione)

Vittoria : Oh Madonna di Pompei.....Non nc’è cchiù mundu! A stu puntu rrivammu? E comu poti essiri? Ora puru i masculi nesciunu incinta? Focu meu non nc’è cchiù mundu

Lucio : (Entra. La madre lo guarda con commiserazione e curiosità davanti e di dietro. Anche lui la guarda, poi rivolto alla madre) Ma chi sta guardandu? Mi pendi carchi cosa?

Vittoria : Ma chi nti ndavi a pendiri, figghiu, mi pari chi mancu a cravatta ti mpendi cchiù.

Lucio : Perchè non ce l’ho? L’unica chi ndaiva dopu ca lavai e a stirai si rrunchiau tutta.

Vittoria : Nda rraggiuni!....Ma rrunchiata com’era potiva serviri, puru pi ll’occhi da genti.......E ora chi nci dicimu? Comu ncia stuppamu a bucca?

Lucio: Chi nci ndavimu a diri ma? Pari chi nci davimu a dari cuntu a genti? Non mi serviva cchiù e a iettai.

Vittoria : Atru chi cuntu! E comu t’haiu a chiamari, figghiu o figghia?

Lucio : Comu?

Vittoria : Vicinu Milanu. Chi guaiu chi ndi capitau.....(con premura) Ssettiti....Ssettiti e non ti trapazzari. Comu ti senti?

Lucio : (sedendosi) Chi sacciu.......mi sentu nu pocu curiusu.......pari chi mi veni u vomitu.......

Vittoria : E chistu è normali

Lucio : Mi gira nu pocu a testa.....

Vittoria : Iddu è......

Lucio : Iddu cui?

Vittoria : Iddu........u....u......gghiomburu!

Lucio : Si.....mi sentu comu nu gghiomburu.......nu....pisu supra a bucca du stomucu.....

Vittoria : Sventura nostra....proprio comu a mmia quand’era incinta....Oh! Madonna mia, e i undi ndi vinni stu focu randi........nu fattu i chisti comu si poti mmucciari!

Lucio : Ih ca sta facendu tragica!Chi nd’avimu a mmucciari u fattu da cravatta? Comu veni u papà mi fazzu dari i sordi e mi ccattu na cravatta chi pallini rrussi.

Vittoria : E’ megghiu si tta ccatti senza palli figghiu chi ti sta megghiu.

Peppe : (entrando con rabbia dalla porta d’ingresso)Cosi i pacci.... cosi i pacci..... pari chi mi cercu cu  lanterninu ( alla moglie) Ma a sai l’urtima?

Vittoria : No! L’urtima ta cuntu eu!

Peppe : Cosi mi scrivunu nte giurnali!

Vittoria : E ancora non sai u restu.

Peppe : ( Entra con la giacca sulla spalla e la poggia sul divano) Ma quali restu....Non ndavi restu.....Stamatina ia a Sip mi pagu a bulletta du telefunu. Sai chi  mi dissiru? Lo sai cosa mi hanno detto? Chi nc’era na bolleta vecchia, ma ndavimu a pagari  300.000 liri per chiamate al 144. Eu chiamai mi saccio chi era e na vuci mi rispundiu: Prova e chiamami, per ogni squillo.....sempre più arzillo. U capiscisti o nonnu? A notti u telefunu u faci russu....e eu pagu......E ora cu mi duna sti 300.000 liri. Aundi i pigghiu?.....Si poti essiri cchiù disgraziati i cusì?

Vittoria : Si poti! si poti! Nci sunnu disgrazi chi non si ponnu riparari

Peppe : E quali sunnu! A morti?

Vittoria : Peggiu !

Peppe : U maremotu, u terremotu?

Vittoria : Peggiu....peggiu ancora

Peppe : A fini du mundu!

Vittora : Peggiu ancora....A malatia i to figghiu

Peppe : Ih.....pi nu duluri i panza!

Vittoria : Atru chi nu duluri i panza! A cosa è gravissima.

Lucio : A mamma dissi chi sugnu malatu pirchì non nd’aiu a cravatta chi mi pendi

Peppe : A cravatta?

Lucio : Eu nci dissi mi sta tranquilla chi poi ma ccattu una nova chi pallini russi

Peppe : Ma chi discursi stati facendu.....mamma e figghiu....facitimi capisciri?

Vittoria : (a Lucio) Vatindi ddaintra tu. Va chianu....chianu....(lo accompagna fino alla porta poi) vinni u medicu.....e dissi......dissi.....(scoppia a piangere)

Peppe : E parra......si poti sapiri chi succediu.......chi nd’avi Luciu?

Vittoria : Non nd’avi propriu na malatia........ma....na cosa diversa......

Peppe : Appendiciti?

Vittoria : Peggiu....

Peppe : Ncuminciamu natra vota cu stu catinazzu i peggiu insomma chi nd’avi?

Vittoria : E ssettiti....ssettiti....statti carmu.

Peppe : Ssettamundi......(si siede)

Vittoria : (dopo essersi assicurata che nessuno sente) to figghiu........spetta

Peppe : Spetta? E tuttu chistu era? E a cu spetta?

Vittoria : A stortaina chi non ti levau! Ma poti essiri chi ancora non capiscisti?

Peppe : E chi ndaiu a capisciri......a cu spetta ......o carria morti mi su leva.....

Vittoria : Forsi era megghiu......armenu ndi cacciavumu i sta vergogna.

Peppe : Senti mi ntronasti! Mi vo spiegari si o no!

Vittoria : (di colpo) To figghiu è incinta.....Spetta nu figghiu.......

Peppe : (rimasto senza parole, si alza lentamente facendo segno con le mani) inci....incin.....incinto? I sta manera

Vittoria : I sta manera. I sta manera

Peppe : (Sviene cadendo sulla sedia )

Vittoria : (disperandosi) Focu.....puru chistu nci mancava, Peppi chi nd’ai rispundimi, non stirari i gambi, chi ti senti ( Vittoria  prende una brocca con l’acqua e la versa sulla faccia di Peppe, il quale dopo una lunga scena si riprende)  Peppi......Ti senti megghiu......rispundimi....dimmi carchi cosa......

Peppe : E chi ti ndaiu a diri....chi ti ndaiu a diri! Me figghiu.....ragazzo.....madre....! E comu ncia stuppamu a bucca e genti......Domani simu supra a tutti i giornali, a televisioni........cu na notizia i chisti, diventamu a barzelletta i tuttu u paisi. Appena ddumi u televisori a prima notizia è chista: In Calabria, giovane mascolo di sesso femminile da alla luce......autru chi luci, eu u dassava o scuru pi sempri.

Vittoria : (accomodante) E bonu chi ndavimu a fari? U figghiu è u nostru e l’avimu accettari comu a na penitenza. U Signuri vosi mi ndi menti a prova......oppuri l’avimu a considerari comu nu premiu.......chi potimu sapiri?

Peppe : Nu premiu? E secundu tia l’avimu a considerari nu premiu? E si ndi voliva castigari chi ndi mandava du gemelli?.....No chista è sulu na sventura, na tragedia.....eu non resistu.....eu mi sparu......anzi mi iettu sutta o trenu o megghiu mi iettu a mari cu na petra o coddu

Vittoria : Focu meu ca fa longa! Na vota chi ti spari nc’è bisognu mi ti ietti a mari?

Peppe : Ma poi pensandoci bene, pirchì m’haiu a sparari eu? Iddu si ndavissi a sparari

Vittoria : E pirchì s’indavi a sparari iddu?

Peppe : Allura spariti tu! Carcunu indavi a moriri pa vergogna

Vittoria : Va bo....ora carmiti...chi poi facimu u toccu pi cui s’indavi a sparari....e poi chi voi.....u figghiu è u nostru e nui nd’avimu u doveri mi nci damu tuttu l’appoggiu e l’assistenza chi nd’avi bisognu. Tu non nciù duni?

Peppe : Ca comu no! Du corpa i lignu non nci leva nuddu. Bella consolazione! U figghiu è u nostru......E nuautri diventamu i genitori di nu fenomino fenominale, unico in tutto il mondo.....E ora nci ndavimu a cambiari nomi, comu u chiamamu? Lucio non si poti cchiù chiamari pirchì è mammu....l’avimu a chiamari cu nu nomi i fimmina...

Vittoria : Voli diri cu chiamamu Lucietta.....(alzandosi) Ora carmiti nu pocu chi ti preparu nu bellu decottu  accussi ti riposi.(esce mentre si sente suonare il campanello)

Peppe : O Signuri meu......... o cori di Gesù ......o san Pancraziu...... o Santu Roccu vui chi siti miraculusu.......pensatici vui mi mandati nu cataclisma generali e accussi vi cacciati u penseru.

(Entrano Fofò e Ninì. Faccia di circostanza come in un funerale. Danno tutti e due la mano a don Peppino, come di condoglianze, che si trova seduto sulla poltrona del Nonno.)

Fofò : Don Peppino......contate su di noi.......Avete tutto il nostro conforto. Sappiamo tutto.

Peppe : U sapiti puru vui? Già circula a vuci?

Ninì :  A vuci? Azzu.....aundè chi mpizzamu i manifesti

Peppe : I manifesti ? Puru i manifesti? E sventura mia......(si dispera)

Fofò : Calmetevi don Peppino.... Noi siamo disposti ad assumerci ogni responsabilità.... siamo venuti a confessare tutte le nostre colpe.

Peppe : Le vostre colpe? Quali?

Fofò : Tutto quello che ha Lucio ce l’ha per colpa nostra

Peppe : Ah si!?

Fofò : Si! Noi l’abbiamo provocato......l’abbiamo invitato ad una festa....l’abbiamo tentato e.....carne chiama carne.....c’è caduto e.........

Ninì : .....E unchiau.......

Peppe : Comu....comu......

Fofò : Si..... e proprio così....comunque noi ci assumiamo la paternità di quanto è successo

Peppe : Tutti e dui?

Ninì : Si.....si parrammu puru cu previti

Peppe : Pu battesimu?

Fofò : No......Don Peppino....per il funerale...... Ora siamo qua a vostra disposizione

Peppe : E quindi vui già parrastuvu pu funerali?

Fofò : Si....si.....tutto già programmato...... corone....discorso......

Peppe : (a tutte e due) Allura...mentitivi cca (li sistema) no...no....cchiù pi cca tutti e dui....bravi cusi......Quandu vi dicu pronti vi girati. Va beni?(prende il fucile appeso al muro e li punta)

Peppe : Pronti? ( i due si girano, si spaventano e scappano. Peppe nell’inseguimento si fa male ad una gamba lamentandosi)

Vittoria : ( attirata dal rumore entra e vede il marito con il fucile) Focu mio.......e chi fai cu stu fucili?......Ti sparasti?.....chi facisti?......

Peppe : Ahiaia!....ahiaia!....

Vittoria : Dammi stu fucili...... Aundi ti sparasti? Moristi?.....

Peppe : Dassimi stari.......Non gridari chi  non mi sparai e non mi sparai.

Vittoria : E chi ti succediu?

Peppe : Cadia !

Vittoria : Cadisti nterra?

Peppe : No all’aria!

Vittoria : E ti facisti mali?

Peppe : No, .....mi fici beni.....anzi benissimo

Vittoria : E allura pirchì ti lamenti?

Peppe : Non mi perdu l’abitudini........Cosi lordi......porcarusi.......

Vittoria : E ora cu cu ll’hai?

Peppe : Cu l’amici i to figghiu! Capiscisti comu iu a cosa?.....(cambiando tono) Carne chiama carne.....e u bellu i to figghiu s’accomodau cu tutti i dui......Vittoria......(la guarda e lei pure) Vittoria to figghiu è nu prostituto.

Lucio : ( entra abbuffato) Oh mà, guarda, guarda comu unchiai! (canta) e dopo nove mesi......(rivolto al padre) è nato un bel bambino......e tutti lo chiamaron....lo chiamaron Peppino

Peppe : Non vogghiu mi si chiama comu a mmia....va beni?

Lucio : Però nonostante tutto sento un certo languorino! (imitando la pubblicità) Din  Don.......Pubblicità (rivolto al padre) Ambrogio, avrei voglia di qualcosa di buono. Cosa mi dai?

Peppe : Na corda mi ti ffuchi......

Lucio : Mamma, ndaiva voglia i carcosa di friscu, nu gelatu.....

Vittoria : (insieme a Lucio) na limunata....du pipi sutta citu.....

Peppe : Du pisci......nu quartu i piscistoccu, na ringa rrustuta (mimando col braccio)

Lucio : (eccitato)  Si, si.....vogghiu na ringa rrustuta

Vittoria : (preoccupata e adirata col marito) Non ti potivi stari zzittu! Ora ncia nominasti e vai e ncia trovi.....

Peppe : E a undi a trovu? A stura su tutti chiusi.

Vittoria : Su fatti toi. Iettinci i porti nterra, chiama i carbineri, a polizzia, u 113

Peppe : Ca comu no? Puru a marina, cusì ncia piscamu frisca frisca e ncia salamu subitu.

Vittoria : Non m’interessa! chisti sunnu voglie e nto stato soi sunnu pericolosi.Curri....va e portancilla cchiù prestu chi poi. (escono)

Lucio : Minchia chi mi voli beni me  patri? Mi caccia tutti i desii....e mancu m’era incinta! (si tocca la pancia e saltellando alle bimbe belle canta) E dopo nove mesi.....è nato un bel bambino ecc........(Lucio cantando esce dalla porta d’ingresso)

Teresa : ( Entra preparata per la fuitina. Ha in mano una lettera e cerca un posto per metterla bene in vista)

Nonno : (entrando vede Teresa) Teresina.......Chi sta facendu?

Teresa : Ah!....nenti nonno......Mu fai nu favuri?

Nonno : Voi nu liquori? E si tu non mbivi.

Teresa :  No!.....Nu favori.....Fa...vo...ri....

Nonno : Ah !...nu favuri?

Teresa : Bravo......

Nonno : E chi voi?

Teresa : Nci nda dari sta littira a me mamma. Capiscisti?

Nonno : Comu no!....Nci ndaiu a dari sta littira a me mamma.

Teresa : No a to mamma......a me mamma

Nonno : A to mamma.

Teresa : Bravu! Finalmenti ndovinasti...... Ti raccumandu? Appena veni mi ti ricordi....

Nonno : Comu no......Appena veni mi mpendi i robbi.

Teresa : No.......

Nonno : Ah no? E chi ndavi a fari?

Teresa : Mi ti ricordi.....

Nonno : A già.....mi tira i cordi

Teresa : No.....Non mi ti sperdi!

Nonno : Non mi mi perdu

Teresa : No.....non mi ti sperdi!

Nonno : Capiscia, capiscia....non ti preoccupari ca tegnu nte mani e comu a viu ncia dugnu

Teresa : Va bonu.....nonnu....ciau......dassa mi ti basciu

Nonno : (più confuso che altro) E aundi vai? Ti succediu carcosa? e pirchì ciangi?

Teresa : Piango perchè vado incontro alla mia felicità.....al mio destino e non sarò più sola.

Nonno : Ah! vai a scola.... Brava.....brava..... va a scola?

Teresa : Si ....si....nonnu...va bonu......ciau......

Nonno : Senti Teresa e cu sta cosa nte mani chi ndaiu a fari.

Teresa : Fa chiddu chi voi........iettila (esce, irritata)

Nonno : (sempre con la lettera in mano e rimasto solo dopo un pò) Finalmenti suggnu sulu.......ora fazzu na cosa chi nd’avi assai chi non fazzu....vogghiu mi viu si mi ricordu u numiru. (compone il numero ripetedolo a voce alta 144696969 .Si sente squillare il telefono e poi una musichetta) Ma ricordu, ma ricordu

1° Voce : Ciao Tesoro! Io sono Vanessa.....la tua Margherita, dolce miele della vita! Chiamami, chiamami, chiamami !

Nonno : Chiamu a cu vogghiu eu capiscisti brutta lordazza! Passimi subitu a Valeria mia, se no spasciu u telefunu.

2° Voce : Ciao Tesoro, come sei focoso......Risparmia il tuo calore per me.....la tua Valeria, belva e pantera della sera! Chiamami, chiamami, chiamami!

Nonno : (alzando sempre più il tono della voce) Valeria!.....Valeria!.....Valeria!..... Ahha chi bella chiamata chi mi fici.(chiude il telefono, si siede sulla poltrona e si addormenta con la lettera in mano)

Lucio : (entrando dalla porta d’ingresso si accorge che il nonno ha la lettera in mano) E chi nd’avi nte manu? Non criu chi fici testamentu? Dassa mi viu.(prende la lettera e la legge)

“ Cara mamma e caro papà. Perdonate questo mio gesto. So bene che vi arreca dispiacere, ma la situazione e l’amore mi obligano a prendere questa decisione. Io amo e sono riamata. (sbigottimento di Lucio) Mario è l’uomo del mio destino. Vi voglio bene......Teresa........ Me soru? e pariva na lima surda!....Sicuramenti sa fuiu! Chi figura pa me famigghia. Mi ruvinau a carriera.....e  ora cu nciu dici a me patri e a me mamma.( si avvicina al nonno per svegliarlo e lo scuote chiamandolo, ma il nonno non si sveglia. Prende un imbuto attaccato alla parete e parla come se fosse un altoparlante) Nonno.....Nonno.....

Nonno : (si sveglia) Chi fu....chi succediu?

Lucio : (al nonno sillabando) Cu - va - desi - sta - li - tti - ra

Nonno : (risponde sillabando) To - so - ru -  Mi -  di - ssi -  mi -  ncia -  du - gnu -  a to -  ma - mma

Lucio : E quandu va desi dda lima surda

Nonno : Ora ora. U tempu mi mi fazzu na bella chiamata

Lucio : (tra se e se) E ora comu fazzu? Aundi i trovu? Me patri sa pigghia cu mia: Cu sapi aundi iu?

Nonno : Aundi iu Teresa? A scola! Ciangiva comu na figghioledda pirchì non ndaiva u cestinu.

Lucio : A scola? Ah l’appuntamentu è arretu e mura da scola (scappa via)

Nonno : (vedendo Lucio scappare si affaccia al balcone) Luciu....Lucieddu non fuiri non mi struppichi

Peppe : (rientrando) Chi succediu? E Luciu pirchì curriva ?

Nonno : Sindi fuiu!

Peppe : Sindi fuiu? E comu sindi fuiu?

Nonno : Chi pedi.....! Guarda...guarda puru tu  (al balcone) Comu curri

Peppe : No.....non è possibili....non nci bbastau chiddu chi fici? Ora puru chistatru guaiu cumbinau. E quanti.... e quanti ndaiu a suppurtari? Ahiaia......mi sentu mali......u sentu..... sta venendu...... aluccà vinni...... è iddu l’infaltu..... Vittoria.... Vittoria.... chiamati a vostra figghia

Nonno : Ti pigghiu a bbuttighia

Peppe : No! (si fa capire facendo gesti)

Nonno : Vittoria...... Vittoria.! Veni ccà chi non capisciu chi dici stu rrimbambitu

Vittoria : (comparendo) Chi fu....chi succediu.....N’atra vota ccuminci mi ti lamenti?

Peppe : To fig....to figghia.... Luciu sindi fuiu....!(si accascia sul divano)

Vittoria :  Luciu sindi fuiu? Madonna mia....nte so condizioni?

Peppe : Nu medicu......chiamatimi u medicu......

Vittoria (confusa e disperata) Nu medicu....Nci voli nu medicu....E ora comu fazzu..... a undi u pigghiu u medicu ch’è dominica.....Papà.....papà.....faciti carchi cosa chi me maritu sta morendu........

Nonno : (fa un giro attorno al tavolo poi si affaccia la balcone e chiama)Cummari Spasimina..... cummari Natalina....... cummari Petronilla....Viditi si c’è u medicu chi staiu morendu.

Vittoria : (al marito accasciato) Peppi..... Peppi..... mi canusci...... sugnu to mugghieri..... chi ti senti..... aundi ti doli?

Assistente : (entrando con le carte aperte a ventaglio in mano e zoppicando) Chi è? chi succediu? Cu sta morendu?

Dottore : (pure lui entra con le carte aperte a ventaglio in mano e seguito da un omino) U nonnu si senti mali? (Il nonno fa gli scongiuri toccandosi).

Vittoria : Dottori, dottori, menu mali chi venistuvu? Sia lodato Iddio. Me maritu si senti mali !!!

Dottore : E giustu ora si nd’aiva a sentiri mali? E comu fazzu chi  non nd’aiu nenti (facendo segno con le carte)

Assistente : Vui non ndaviti nenti! Eu ndaiu na napulitana e tri tri....!

Dottore : Ti strichi!!!! Cca nci vonnu i medicini....i medicini.....(raccogliendo le carte e buttandole sul tavolo)

Assistente : Ecco qua....basta chiedere.....(toglie dalla tasca dei pantaloni) purga....  in polvere o sciroppo.

Dottore : Ma quali purga......Curri inveci nto studiu....... Si va bbonu....Vittoria prestu manda a carcunu a me casa  e fatti dari a borsa chi ferri.(nel frattempo l’assistente tocca il polso a Peppe contando i battiti, toccando però il gomito)

Vittoria : Si dottori ! E a cu mandu ! Papà iti a casa du dottori e facitivi dari subitu a borsa....!

Nonno : Mi mi fazzu na corsa. Ca non mi fidu cchiù mi curru

Vittoria : Si....va bbonu.....facitivi dari a borsa.(facendo gesti con le mani)

Nonno : Si.... si.... chi vaiu fuiendu (esce)

Assistente : Dottore.... il fatto è grave!

Vittoria : Focu meu!

Dottore : Che c’è?

Assistente : Qua non serve la vostra borsa! Nci voli l’autombulanza e u carria morti mi si teni prontu. Non ha più polso.!!!

Dottore : Pi forza nci sta toccandu a guaddera!Dassa fari a mia Peppi....Peppi.....chi sta facendu, volivi mi ti ndi vai senza u me permessu?

Peppe : Dottori.... dassatimi futtiri chi vogghiu  moriri!

Dottore : Ma chi sta dicendu? prpriu ora chi to figghia Teresina ti regala nu niputeddu!

Peppe e Vittoria : (guardandosi)Puru idda? Allura su dui? (svengono marito e moglie. I medici si dividono e dopo qualche buffetto si riprendono)

Dottore : (a Peppe) Ma pirchì dicistuvu chi sunnu dui?

Peppi : Pirchì unu è di Teresina a figghia fimmina e l’atru è di Luciu u figghiu masculu.

Dottore e assistente : (in coro) U figghiu masculu? (solo dottore) e da quando in qua i maschi partoriscono?

Peppe : I quandu u visitastuvu vui!

Dottore : Eu? (rivolto all’assistente) U visitasti tu per casu?

Assistente : Io no dottore. Eu nci ordinai sulu a purga a signura!!!

Dottore : (rivolto a Peppe ) Allora come ti permetti, ignorante e ambulante che non sei altro.

Vittoria : Ma comu dottori; stamatina visitastuvu a me figghia u masculu......e dopo mi dicistuvu chi diventava nonna e  ora va pigghiati puru cu me maritu?

Dottore : Io stamattina ho visitato a to figghia  a fimmina.

Peppe : Comu.... comu..... A me figghia? a fimmina? a Teresina?

Dottore : Esatto.... A to figghia a fimmina e siccome da che mondo è mondo quando una donna ha rapporti intimi con un uomo, il minimo che si può aspettare è di rimanere incinta....

Assistente : Uhhhmmm!

Dottore : Si vidi chi to figghia toccau carchi filu sfoderatu e restau sicca

Assistente : Uhhhmmm!

Dottore : Finiscila cu stu uhhhmmmm!

Peppe : E quindi vui u masculu no vidistuvu affattu?

Dottore : Natra vota? Io ho visitato solo ed esclusivamente.......

Peppe : Basta dottori.... aviti ragiuni...... Pirchè sugno nu citrolu..... ia appressu a me mugghieri......Vui siti nu scenziatu....siti n’enciclopedia......Ma chi dicu....siti nu tri cani.....

Assistente : (cerca di farsi notare con un dito alzato)

Peppe : E vui ......vui siti nu calendariu (poi al dottore) Dottore mio......Vi ndaiu a basciari ( lo abbraccia per baciarlo)

Dottore : Ma no Peppe....

Peppe : Si....dottore.....Vittoria puru tu bbascia o medicu...... perchè siete un benefattore, un’arca di scienza, un luminario, na lampadina, ma chi dicu siti nu lampadariu..... (assistente cerca di farsi notare come prima) E vui.... vui..... siti nu ccendiri i lignu

Dottore : Va bene Peppe.....

Peppe : Professore....vi domando scusa per il mio comportamento di ignorante e mi fazzo obblico di presentare le mie scuse personali e personalmenti a voi e a tutti i medici d’Italia

Assistente : La famiglia ringrazia

Dottore :  (rivolto all’assistente) Finisti? E ora dassa mi mindi vaiu chi ndi pozzu cchiù....mi sentu mbarazzatu.....

Assistente : Dottore se vuliti nc’è sempri a purga

Dottore : E finiscila cu sta purga!

Nonno : (entra con la borsa del dottore seguito dall’omino)

Dottore : Ah!  Natra vota tu......Ti sto dendo che devi venire all’ambulatorio.....U vo capisciri....Eu non fazzu ricetti strati, strati

Omino : Ma cu catinazzu vu dissi chi vogghiu a ricetta..... ndavi du iorna chi vi vegnu d’arretu comu a nu cagnoleddu e vui mi curriati. Eu sugnu u postinu.....U postinu novu capiscistuvu e vi ndaiu a dari nu telegramma: Mi facistuvu mi cunsumu nu paru di scarpi.... e ora su voliti,  veniti vui d’arretu a mmia si nno iti e va faciti nto culu (esce)

Dottore : Picchistu mi volivi? E non mu potivi diri prima? Ma guardati nu pocu. Tutti eu i trovu? Nti stu paisi ndaivuvu  a essiri tutti ricoverati, siti tutti esauriti. Ora dassa mi m’indivaiu si no sbiellu.(esce)

Assistente : (Tornando su i suoi passi) Don Peppino.....arrivederci e su con la vita.

Peppe : Ma scusati, u dottori non mi ordinau nenti?

Assistente : E che vi deve ordinare.....vui siti cchiù sanu i mia. Comunque per vostra tranquillità per 15 giorni, un giorno si e uno no, pigghiativi na bella purga così vi sbarazzati di tutti i penseri e vi sentirete più leggero. Arrivederci

Peppe : Arrivederci e grazi.(uscito l’assistente si mette a ballare contento, mentre Vittoria piagnucola) Neddu....neddu....neddu... Mara mia chi figghiu beddu, tolu...tolu.....(si accorge che la moglie piagnucola) E tu chi ndai chi ti piccii tutta.

Vittoria : No sai chi ndaiu? Non sentisti u medicu? Dissi chi Teresa spetta nu figghiolu?

Peppe : E chi voi? Forsi era megghiu su spettava u masculu? Tra i due mali si sceglie il minore. Pi Teresa carchi stuppagnu u truvamu, ma pi Luciu chi trovamu?.....Sulu pa vergogna ndaivumu a stari chiusi intra e mi ndi mmuciamu. Pi chistu sugnu cuntentu

Vittoria : Intantu to figghia scumpariu.... Dda intra non nc’è..... Cu sapi a undi iu....Chidda pa vergogna e capaci mi faci carchi fissaria. Oh Madonna mia.... lluminatila vui..... vegnu e vi ddumu i candili finu a undi siti..... cu trenu!

Peppe : E cu bigliettu i prima classi.......U faci u sforzu

Teresa : (comparendo sulla porta e un po' indietro Mario con un occhio pesto) Mamma.... mamma.... sugnu cca

Vittoria : Teresa!!! Oh Madonna ma facisti a grazia. (i due si abbracciano piangendo mentre Peppe rimane più serio)

Teresa : (piangendo) Perdunami mamma! No fazzu cchiù

Peppe : Ndavi intezioni seri

Teresa : Perdunami....Lo so che ho sbagliato.....Sono stata una sciagurata, ma io e Mario ndi volimu beni veramenti

Mario : E’ veru....è propriu cusì

Peppe : Mario?

Vittoria : Vui signurinu? Apposta venivuvu sempri pi citrola!

Mario : Si don Peppinu, sono stato io a mettere nei guai vostra figlia. Ma sono pronto a riparare. Io sposerò Teresa anche senza consenso dei miei genitori, perchè loro pretendono che prima mi devo laureare e sono contrari.... anche perchè.... Teresa è povera. Ma a mmia non m’interessa, ndon Peppino. A Teresa nci vogghiu beni cchiù da me vita

Peppe : E cu vi pistau? Vostru patri?

Mario :  No don Peppinu, vostru figghiu

Peppe : Me figghiu?

Mario : Si Lucio!.....Io e Teresa ndi stavumu fuiendu, iddu ndi pizzicau in ntempu  e mi saccuddiau i botti....

Peppe : Tesoro di papà! E ora aund’è?

Teresa : Fora chi sta parrandu cu certi amici soi

Mario : Si, Ninì e Fofò vinmniru mi nci dinnu chi rrivau u telegramma mi si presentunu a corrida e iddu i mandau a ddu paisi. Don Peppinu, vostru figghiu vi voli veramenti beni....Luciu è nu figghiolu d’oru. Nci dissi chi nd’avi a fari cosi cchiù importanti, per esempiu u matrimoniu i so soru e ndavi a iutari a vui mi portati avanti a famigghia.

Peppe : (compiaciuto) Bellu i so patri....Figghiazzuni meu....Portatimmillu ccà cu vogghiu vidiri, mu basciu tuttu, mu stringiu.

Teresa : Papà, è arretu a porta....non voli trasiri chi si vergogna.

Peppe : Lucioo.....Lucietto..... trasi o papà

Lucio : (moine dietro la porta)

Peppe : E dai ...... bambolotto mio......lucione.....lucertolone......

Lucio : (finalmente entra)

Peppe : Trasisti? E ora vaiu e pigghiu u fucili chi vogghiu sparari

Vittoria : Focu meu chi fai? Nescisti pacciu? Fermatulu....fermatulu cu voli sparari (parapiglia)

Peppe : Dassatimi....dassatimi stari.....Mi dassati futtiri....Eu non vogghiu sparari a nuddu, vogghiu sparari all’aria pirchì oggi è festa....è capudannu, inizia un’altra vita, perchè questo figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato..... figlio mio!

Lucio : Papà (i due si abbracciano)

Peppe : Perdonami figlio mio....Perdona questo tuo padre ingrato...ti avevo giudicato male e tu mi hai dato una lezione di vita. Tu si a bandera i sta casa

Lucio : Papà!

Peppe : Masculazzu meu.....E pensari chi eu e a mamma ndaivumu fissatu chi non ti pendiva cchiù a cravatta.

Lucio : E chi vo diri?

Peppe : Chi tu.....chi tu..... (glielo dice in un oreccchio)

Lucio : (ride con un gesto)

Peppe : Nd’ha ragiuni.... nd’ha ragiuni..... perdunami

Lucio : Ti perdono papà, ma tu nda perdunari a Teresa e a Mariu

Peppe : Teresina mia veni cca, u papà ti perdunau e tu Mariu non ti preoccupari chi e toi i cunvinciu eu mi capisciunu chi l’amuri è a cosa cchiù bella di sta terra e non è giustu ostacolare due giovani innamorati anche se si è poveri. La povertà non è disonore, perchè se si è onesti, l’onesta vali cchiù di sordi

Lucio : Bravu papà!

Peppe : E poi comu fannu non mi  accettunu stu niputazzu(mette una mano sulla pancia di Teresa) Niputi, eu ancora non ti canusciu e già ti vogghiu beni......ti promettu chi quandu si randi ti fazzu diventari n’ attori famosu...... però a prima parola chi dici ndavi a essiri NONNU

F I N E

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno