Ci sposammo per odio

Stampa questo copione

Ci sposammo per odio

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

                                                                          (detto EZIO)

01/07/2007

Personaggi:   11

Oscar Paro, inventore di giocattoli

Ombretta Mascara, moglie e truccatrice

Fiamma Ossidrica, ginecologa

Nico Tina, fidanzato di Fiamma

Eugenio Della Lampada, avvocato matrimonialista

Cosetta Di Poco, futura sposa

Il Cavaliere Tristano De Profundis, ricco commerciante 

Emilia Romagna, cliente di Ombretta

Andrea Oparente, maresciallo GdF

Salvatore Sarraggia, pediatra

Giò Cattolaio, della tributaria

Napoli, casa dell’inventore di giocattoli Oscar Paro. Il tema in questione è quello dei matrimoni che derivano da fidanzamenti di lunghissima durata. Una coppia vive le difficoltà e le crisi che si manifestano quando le incomprensioni pregresse non vengono eliminate. Ma stavolta c’è un colpo di scena: un figlio subentra nella vita dei due coniugi. La sua venuta dovrebbe generare serenità nella coppia, ma c’è un particolare su di lui che invece alimenta un attrito ancor più forte fino alla rottura che pare irrimediabile. Gli sono vicini gli amici di sempre, Fiamma (ginecologa) e Nico (ha una pessima vista e vive in un mondo tutto suo). Guai ed equivoci non mancheranno, specialmente dopo l’arrivo di altri personaggi imprevisti…

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, salone di casa dell’inventore di giocattoli Oscar Paro. C’è un tavolo centrale contornato da quattro sedie. Verso destra c’è una credenza e a sinistra un mobiletto. Alla casa s’accede da una porta da sinistra. Una porta centrale conduce in camera da letto e una stanza-studio. La porta destra conduce alla cucina e alla stanza da bagno. 

ATTO PRIMO

1. [Oscar Paro, Ombretta Mascara, Nico Tina e Fiamma Ossidrica]

                     A centro stanza Oscar e Ombretta litigano. L’amico Nico (con occhiali spessi

                     per una forte miopia e una sigaretta accesa in bocca) trattiene Oscar per un

                    braccio e la fidanzata Fiamma fa lo stesso con Ombretta.

Oscar:        Disgraziata! Nun te supporto cchiù. Cinch’anne fa, t’aggio spusata per odio!

Ombretta: E pur’io, nun te supporto cchiù! Ma chi ce l’ha fatte fa’, a nuje?!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Ma nun vide comme te si’ fatta brutta?

Ombretta: Ma pecché, tu quanno maje si’ stato bello?

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Embé, Nico, mantiéneme, o si no a chesta ‘a vatto!

Ombretta: Embé, Fiamma, mantiéneme, o si no chillo me vatte!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Nico, ma ‘a vuo’ fa’ sta’ ‘nu poco zitta, ‘a ‘nnammurata toja?!

Nico:          (La richiama, ma farfuglia solo per via della sigaretta bocca) Gne-gne-gne…

Oscar:        Ma che cacchio staje dicenno? Ma inzomma, ‘a vuo’ ittà ‘sta sigaretta?

Nico:          (Si leva la sigaretta di bocca) E addò l’aggia ittà?

Oscar:        Ah, già, chisto tene ‘na miopia maje vista!Vabbuò, damme ‘sta sigaretta.

                   (Gliela spegne lui nel posacenere dal tavolo) Ecco qua.

Nico:          Grazie. (Ma s’accende un’altra sigaretta)

Oscar:        Dunque, Ombretta, torniamo a noi! Ohiné, io m’aggio sfastriato ‘e te vedé. Ombretta: A chi ‘o ddice! E allora pecché nun me daje ‘o divorzio?

Oscar:        Sì, te piacesse, accussì aroppo t’aggia pure mantené!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Eh, s’è ‘ncantata Fiamma! Néh, Nico, ma chesta nun sape dicere niente cchiù?

Nico:          (Non si capisce niente per via della sigaretta accesa in bocca) Gne-gne-gne.

Oscar:        ‘N’ata vota cu’ ‘sta sigaretta ‘nmocca?

Nico:          (La toglie di bocca) Néh, ma nun guardate a me, penzate a v’appiccecà!

Ombretta: E addò éreme rimaste? Ah, già. Oscar, tu nun me puorte maje a nisciuna parte.

Oscar:        Buciarda! A agosto t’aggio purtato a ffa’ ‘o viaggio a Venezia. Dincello a loro.

Ombretta: Pe’ carità! Siccomme tu vuo’ saparagnà sempe, amme viaggiato ‘na schifezza!

Oscar:        Ma chillo era ‘nu last minute!

Ombretta: Sì, ‘e che bellu last minute: ‘ncoppa a ‘nu  treno merci chino ‘e limune!

Nico:          E allora nun era ‘nu last minute, era ‘nu last a limone!

Oscar:        (Lo nota fumare dietro di lui) Embé, mò t’’a faccio magnà, ‘sta sigaretta!                

Ombretta: Ma che parle a ffa’, Oscar? Tu fumme peggio ‘e isso.

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        (Indica Fiamma e Nico) Ma comme v’ate apparate belle, tutt’e dduje!

Fiamma:    Oscar, Ombretta, pe’ piacere, calmàteve e arraggiunàmme tranquillamente.

                    I due, senza dir nulla, prendono due sedie dal tavolo e si siedono. Fiamma nota 

                    Nico con sigaretta in bocca e le braccia protese come per trattenere qualcuno.

                    Néh, Nico, ma che staje facenno?

Nico:          (Sposta la sigaretta) Sto’ mantenenno a Oscar, o si no chisto vatte ‘a mugliera! 

Fiamma:    Cretino, chillo, Oscar, s’è assettato. E pure Ombretta!

Nico:           Ma nun è che me staje facenno fesso?

Fiamma:    Siente, vatte a fummà ‘sta sigaretta fora ‘a porta. Va’, tuorne aroppo.

                   Va a prendere sottobraccio Nico, lo spintona verso sinistra e confabula con lui.

                    Nico, t’aggia dicere primma ‘na cosa.

Nico:          Che cosa?

Fiamma:    Quanno ce spusàmme, io e te?

Nico:           Embé, guardanno a ‘sti duje che s’appìccechene sempe, m’è passato ‘o genio!

Fiamma:    (Sdegnata) Va’ a fummà fora ‘a porta, va’!

                    Lo spinge all’uscita a sinistra, poi torna da Oscar e Ombretta che si ignorano.

                    E allora, amici miei, finalmente possiamo parlare tranquilli. ‘A sigaretta se n’è

                    asciuta! Insomma, fatemi capire una cosa: pecché v’appiccecàte sempe!

Ombretta: E nun ‘o ssaje? Marìteme è ‘nu scansafatiche.

Oscar:        Ma se io faccio l’inventore di giocattoli. Il sottoscritto rende felici i bambini.

Ombretta: Ma che? Tu nun vinne maje niente! Invece io faccio l’estetista e ‘a truccatrice.

Oscar:        Sì, comme saje truccà bello! ‘Na vota truccaste a ‘na signora, pareva Sbirulino!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Mò accummience ‘n’ata vota?

Ombretta: Infatte, nun è cosa ‘e niente. Se lui non guadagna, non potremo mai avere figli.

Oscar:        Nun tuccamme ‘stu tasto. Nun simme capace ‘e avé ‘nu figlio maschio. E

                    manco ‘na figlia femmena. E manco ‘nu figlio frocio!

Ombretta: E ch’è colpa mia?

Oscar:        E allora fosse ‘a mia?

Ombretta: E’ meglio che lassamme sta’.

Oscar:        E lassamme sta’. (Si alza in piedi) Io me ne vaco dinto. A ‘n’appoco ha da venì

                    ‘nu cliente. Deve comprare dei giocattoli. Si va malamente ‘st’affare, so’ guaje!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:        Ma va’…!

                    La manda a quel paese con un gesto, poi esce al centro. Lei ci rimane male.

Fiamma:    Ma ce ll’aveva cu’ me?

Ombretta: Sì, Fiamma. (Poi, amara) Se n’è gghiuto ‘int’’o studio suojo. E penzà che chella

                   ‘eva essere ‘a stanzetta d’’e ccriature. Ma quali ccriature? Noi non ne abbiamo.

Fiamma:    E vabbuò. Ma dico io, perché non ve l’adottate, un figlio?

Ombretta: E t’’o spiego, però, jammuncenne ‘int’’a cucina. Ccà ddinto nun voglio parlà.

Fiamma:    E sì, famme pure ‘nu bicchiere ‘e cammumillo, accussì me calmo ‘nu poco.

Ombretta: Tu? Me l’aggia fa’ io, ‘o cammumillo. Vabbuò, facimmancìllo tutt’e ddoje!

                   Ombretta si alza in piedi e le due escono a destra.

2. [Nico, poi l’avvocato Eugenio Della Lampada. Infine Oscar]

                    Ad un tratto da sinistra, torna Nico, più deciso che mai. Crede ci siano gli altri.

Nico:          Benissimo, amici miei, m’aggio fummato ‘a sigaretta e mò putimme parlà!

                 Intanto dall’ingresso a sinistra, entra l’avvocato matrimonialista Eugenio Della

                 Lampada: trasandato, spettinato, in camicia bianca imbrattata di ditate, calzoni

                 neri sporchi di farina e valigetta rotta. Osserva Nico parlare con sedie e tavolo.   

                 Dunque, Fiamma, pe’ primma cosa, stattu zitta e famme parlà sulo a me. E a te,

                 Ombré, siénteme buono: tu nun puo’ lassà a Oscar, pecché chisto è abbandono ‘e  

                 tetto coniugale. Se te ne vai, io chiamo l’avvocato matrimonialista Eugenio Della

                 Lampada, amico mio. E’ ‘nu poco spuorco, però è bravo. Che d’è, nun rispunne?  

                 E allora fate pace. Su, datevi un bacio sulle labbra. Ecco, bravi, così!

                 Eugenio va dietro Nico e tossisce per richiamarne l’attenzione. Nico fraintende.

                 E comm’è, Oscar? Tu faje ‘a tosse annanzo a me, però io ‘a sento areto ‘a

                 recchia mia! Ma che ce sta ‘int’a ‘sta casa, ll’eco ‘o cuntrario?!             

Eugenio: He’ fernuto, o no?

Nico:       (Si guarda intorno) Chi è?

Eugenio: Songo Eugenio.

Nico:       (Si volta verso la porta d’ingresso) Uhé, Eugé, ma io ancora t’aggia chiammà!

Eugenio: Senti, Nico, io ti ho seguito fino a qua. Non dirmi niente. Però io t’aggia parlà.

Nico:       No, aggie pacienza! Sto parlando un momento coi miei amici qui presenti!

Eugenio: (Osserva ma non vede nessuno) Ma chi?

Nico:       Loro. Adesso te li presento: lui è Nico, lei Ombretta e lei è l’amore mio Fiamma.

Eugenio: Ma staje parlanno tu sulo. Lloco non ce sta nisciuno.   

Nico:       ‘O vero? Ua’, m’he’ fatto distrarre ‘nu sicondo e se n’hanne jute tutte quante!

Eugenio: Vabbuò, mò stamme a sentì ‘nu mumento. Tu si’ comm’a ‘nu frato pe’ me. Cu’ te

                 pozzo parlà: ho perso 3000 Euro alle carte. Nun m’’e puo’ prestà tu?

Nico:       Mannaggia ‘a capa toja, nun ‘o vuo’ proprio perdere ‘stu vizio ‘e jucà.

Eugenio: E tu l’he’ perduto ‘o vizio ‘e fummà?

Nico:       No.

Eugenio: E allora che parle a ffa’? Damme ‘e sorde e tutto se sistema!

Nico:       No, io, al massimo, te pozzo da’ ‘nu cliente.

Eugenio: (Meravigliato) ‘Nu cliente? E addò sta? Amma arrivà luntano assaje?

Nico:       No, sta ccà ddinto. Aspiette, mò t’’o chiammo. (Gridando) Néh, Oscar, curre ccà!

                Dalla porta centrale accorre subito Oscar.

Oscar:    Ch’è succieso?

                Nico va da tutt’altra parte (cioè verso la porta a destra).

Nico:       T’aggia dicere ‘na cosa.

Oscar:    (Lo ferma) Addò vaje? Lloco se va ‘int’’o bagno.

Nico:       Oscar, voglio farti conoscere quel mio amico avvocato matrimonialista di cui ti

                parlavo prima.

Oscar:    Tu poco fa m’he’ parlato ‘e ‘n’avvocato matrimonialista?

Nico:       Sì, quanno stive assettato a chillu tavolo. Ce steva pure Ombretta. Io v’aggio pure

                incitato a ffa’ pace. E vuje v’ate pure vasate. Annanze all’uocchie mie!

Oscar:    Chi sa che cacchio he’ visto?! Famme cunoscere a ‘st’avvocato, va’!

Nico:      Me pare che sta lloco. (Indica verso sinistra)

Oscar:    E gghiamme addù isso.

               Raggiungono sottobraccio Eugenio. Oscar lo osserva dalla testa ai piedi.

               Nico, ma addò sta l’avvocato?

Nico:      E nun ‘o vide?

Oscar:    No. Forse se n’è gghiuto. Ccà ce sta sulo ‘nu barbone tutto spuorco!

Eugenio:    Barbone a me? Ma comme ve permettite?

Nico:          Ma nun vide che sta in giacca e cravatta, ben pettinato e cu’ ‘a valigetta in pelle? Oscar:        Nico, chisto nun tene né ‘a giacca, né ‘a cravatta, né ‘a valigetta in pelle e tene

                    ‘e capille tutte scumbinate!

Nico:          Ma quello è un avvocato di grande rispetto.

Eugenio:    Permettete? Avvocato Eugenio Della Lampada.

Oscar:        E chillo me servésse proprio, ‘nu genio d’’a lampada!

Eugenio:    E con chi ho il piacere di parlare?

Nico:          Oscar Paro.

Eugenio:    Facite ‘o scarparo? E che me ne ‘mporta, a me?

Oscar:        No, io mi chiamo Oscar di nome e Paro di cognome: tutto ‘nzieme, Oscar Paro!

Eugenio:    Capisco. E allora, signor Calzolaio…

Oscar:        Ma che Calzolaio? Oscar Paro.

Eugenio:    Vabbé, io vi ho italianizzato!

Oscar:        E io vi ringrazio per la cortesia! Comunque, preferirei andare nel mio studio.

                   Sapete che cos’è, qui si trova a passare gente.

Nico:          Ma che stamme, ‘a Riviera ‘e Chiaia?!

Oscar:        Tu nun l’he’ maje visto comm’è fatto ‘stu salone. Su, forza, in piedi tutti e due.

                   Nico ed Eugenio si alzano in piedi. Oscar gli spiega ancora qualcosa.

Eugenio:    Ma amma arrivà luntano assaje?

Oscar:        (Ironico) Sì, amma piglià ‘a Vesuviana e ‘a Metropolitana! Néh, ma addò vulite

                    ì? ‘A casa mia chest’è. Prima andiamo nel mio ufficio, poi vi faccio il caffè.

Eugenio:    No, niente caffè, per carità. Ho paura che mi sporco la camicia!

Oscar:        (Ironico) E già, chella, po’, è troppo pulita. E’ meglio che andiamo, seguitemi.

                   Oscar ed Eugenio si avviano alla porta centrale mentre Nico s’avvia a sinistra.

Eugenio:    Nico, addò vaje?

Nico:          Vi sto seguendo.

Oscar:        Ma no, lloco s’aésce fora ‘a porta. Avvocà, aggiate pacienza, jatele a piglià!

                    Eugenio lo va a prendere sottobraccio.

Eugenio:    Jammuncenne, vedìmme si ‘a quagliamme!

                    I tre finalmente escono al centro.

3. [Ombretta e Fiamma. Poi Cosetta Di Poco]

                    Da destra tornano Ombretta e Fiamma.

Ombretta: Senti, Fiamma, ma si io voglio divorzià ‘a Oscar, pozzo avé cocche vantaggio?

Fiamma:    E certo. In tribunale puoi chiedere anche l’assegnazione dei figli.

Ombretta: (Si arrabbia con lei) Ma pecché, io e Oscar tenìmme ‘e figli?

Fiamma:    Ah, già, vuje nun ‘e ttenite. Peccato, la giudice è una mia amica fraterna.

Ombretta: A proposito di amica, ma tu non mi dovevi mandare quella tua amica che

                   doveva fare le prove di trucco per il suo matrimonio?

Fiamma:    E come. Tu devi sapere che quando lei si sposa, è Nico a procurarle il catering.

Ombretta: Ah, ecco, gli procura il pranzo. E quando viene questa tua amica? 

                   Dall’ingresso a sinistra, si presenta Cosetta Di Poco, un tipo assai timido.

Cosetta:     Scusatemi se vi ho fatte aspettare.

Fiamma:    Eccola qua. (A Cosetta) Ciao, bella! Vieni, cara, entra.

Cosetta:     Ma è sicuro che posso entrare, oppure rischio qualcosa?

Ombretta: Ma pecché, ce he’ viste cu’ ‘e mitra ‘nmana?

Fiamma:    Su, dai, vieni, avvicinati a noi.

                   Cosetta va dalle due. Ha in mano una scarpina per bambini.

                   Ecco, Ombretta, lei è la mia amica che ti dovevo mandare.

Cosetta:     Io sono Cosetta Di Poco.

Ombretta: (Capisce tutt’altro e cerca di incitarla) Ma no, nun dicere accussì. Tu non sei

                   una cosetta di poco! Sei una “cosetta di assai”! Perciò, su con la vita!

Cosetta:     Ho capito, ma io sono Cosetta Di Poco.

Ombretta: (Seccata) E vabbuò, ma mò nun me mannà in depressione pure a me! Se pensi

                    di essere una cosetta di poco, che te spuse a ffa’?

Fiamma:    Ombré, ma te vuo’ calmà ‘nu poco? Lei si chiama Cosetta Di Poco.

Ombretta: Uh, scusami, non farci caso. Comunque piacere, Ombretta Mascara.

Cosetta:     A proposito, fuori alla porta ho trovato questa scarpina. E’ mica vostra?

Ombretta: E secondo te, io e Fiamma ce mettìmme ‘sti scarpe lloco?

Cosetta:     Sicuramente no. Ma tu non hai bambini?

Ombretta: (Acida) No, nun ne tengo.

Cosetta:     (Le porge la scarpina) E allora prendila, può essere che ti porta fortuna.

Ombretta: (La prende, acida) Sì, vabbuò. Però mò dimme comme vuo’ essere truccata.

Cosetta:     Beh, veramente, io mi dovrei sposare.

Ombretta: Cu’ ‘sta crisi? E chi t’’o ffa’ fa’? Dai retta a me, resta per sempre celibe!

Cosetta:     No, caso mai è nubile.

Ombretta: Nun si’ manco celibe? Ma faje proprio schifo, aggie pacienza!

Cosetta:     Ma io amo un uomo meraviglioso, bello, buono, gentile, ricco, con la villa al

                    mare ed una in montagna, la Porsche ultimo modello e mi regala sempre fiori.

Ombretta:Chi schifo! Ma addò l’he’ truvato a chisto? Fammìllo cunoscere a me!

Cosetta:     No, è mio!

Ombretta: E tienatìllo! Po’ te faccio avvedé che quanno ve site spusate, tuo marito nun è

                   cchiù meraviglioso: le cresce a panza d’’a chiattezza, perde ‘a gentilezza, nun va

                   a faticà cchiù pecché perde ‘o lavoro e t’’o tiene ‘int’’a casa tutt’’e juorne. 

Cosetta:     Però mi restano le ville al mare e in montagna, la Porsche e i fiori tutti i giorni.

Ombretta: Ma nun essere ingenua. Sta’ a sentì ‘o cunziglio ‘e ‘n’amica: facìmme a cagno.

                   Io te dongo all’ommo mio e tu me daje ‘o tuojo.

Cosetta:     No, basta.

Ombretta: Peggio pe’ te.

Fiamma:    Sì, Ombretta, ma adesso perché non cominci a truccarla?

Cosetta:     E’ vero. Le vogliamo fare queste prove di trucco per il mio matrimonio?

Ombretta: Tranquilla, mettiti nelle mie mani. Andiamo in bagno. Lì c’è tutto il necessario.

Fiamma:    Vengo pur’io cu’ vuje. Voglio vedé che capolavoro ce faje.

                   Le tre escono a destra.

4. [Nico, Eugenio Della Lampada e Oscar]

                   Dal centro tornano Nico (con la sigaretta accesa in bocca), Eugenio ed Oscar.

Eugenio:   E’ meglio che torniamo a parlare qua dentro. (Indica Nico) Chisto, cu’ ‘sta

                   sigaretta, m’ha stunato!

Oscar:       Nico, ma pecché fumme sempe?

Nico:         Pecché io me chiammo Nico Tina: tengo ‘a sigaretta ‘int’’o DNA!

Oscar:     Vabbuò, avvocà, ignoratelo, a chisto. Chiuttosto, ate capito che v’aggio ditto io?

Eugenio:  Sì, ma certamente: voi e vostra moglie andate d’amore e d’accordo.

Oscar:     (Seccato) Ma qualu amore e accordo? Avvocà, è tutto ‘o cuntrario.

Nico:        Vabbuò, Oscar, assettàmmece duje minute e spiegancéllo ‘n’ata vota.

Oscar:     (Seccato) E sì, assettàmmece.

                  I tre si sistemano al tavolo: Nico è seduto tra gli altri due (sempre fumando).

Eugenio:  Allora, ditemi tutto. Io prendo nota. (Estrae dalla tasca della camicia un block

                  notes e una penna. Quindi, scrive) Che tipo è vostra moglie?

Nico:        (Leva la sigaretta di bocca) Si chiama Ombretta. E’ bionda con gli occhi neri.

Oscar:      No, veramente, è castana cu’ ll’uocchie verde.

Nico:        Ma no, te staje sbaglianno! E’ bionda cu’ ll’uocchie nire.

Oscar:      E ‘o vvuo’ sapé meglio ‘e me? Tene ‘e capille castane e ll’uocchie verde.

Nico:        Oscar, ma tu l’he’ vista bona?

Oscar:      E se capisce. Mia moglie è bionda, però se pitta ‘e capille e s’’e ffa castane.

Nico:        E se pitta pure ll’uocchie: so’ nire, però essa s’’e ffa verde!

Eugenio:  (Seccato) Ma se po’ ssapé ‘e che culore so’ ‘st’uocchie e ‘sti capille? Vuje me

                 state facénno scrivere e scancellà. Me pare ‘a battaglia navale, ‘stu foglio!

Oscar:      Voi scrivete ciò che dico io: mia moglie ha i capelli castani e gli occhi verdi.  

Eugenio:  Menu male. E ora passiamo ai tratti caratteriali. Come vi ha conquistato vostra

                  moglie? Vi ha sedotto?

Oscar:      Sì, avvocà, m’ha sedotto ‘e scatole! Io mi fidanzai con lei per disperazione.

Eugenio:  Non avete capito niente. Io voglio sapere che cosa vi è piaciuto di lei.

Oscar:      Quando l’ho conosciuta, teneva il seno più bello che avessi mai visto.

Nico:        E se capisce, chella Ombretta teneva ‘a quinta taglia!

Oscar:     (Lo richiama) Nico!

Eugenio: Signor Oscar, ma voi all’epoca avevate un lavoro?

Oscar:     Mi ero arruolato nell’esercito. Facevo parte del 5° reggipetto!

Eugenio: Reggipetto?

Oscar:     Scusate, avvocà, Nico m’ha ‘nzallanuto pe’ mezza d’’a quinta taglia! Volevo dire,

                 5° reggimento. Poi ho lasciato l’esercito e adesso faccio l’inventore di giocattoli.

Eugenio: Ho capito. E cosa mi dite di questa casa?

Oscar:     Mia moglie l’ha voluta per forza. E anche se si trova a piano rialzato, m’è custata

                 ‘na cifra. ‘A verità? Me chiagne ‘o fegato!

Nico:        No, ‘o core.

Oscar:     No, a me me chiagne ‘o fegato.

Nico:        E te staje sbaglianno. ‘O fegato nun po’ chiagnere.

Oscar:     Ma tu saje ‘e fatte mie?! Statte ‘nu poco zitto. Miéttete ‘a sigaretta ‘nmocca!

Eugenio: Bene, arriviamo al nocciolo della questione: ma vostra moglie, che vvo’ ‘a vuje?

Oscar:     Quella si lamenta del mio lavoro, ma soprattutto perché non riusciamo ad avere

                 figli. E come facciamo ad averli? Io nun ‘a tocco cchiù ‘a duje anne!

Eugenio: Duje anne? State a posto!... E fatemi capire, ma voi intendete divorziare da lei?

Oscar:     Si gghiamme annanzo ‘e ‘stu passo, sì. Ma pure lei vorrebbe divorziare.

Eugenio: Ma lei lavora?

Oscar:     Sì, fa l’estetista.

Eugenio: (Si infervora e così emette un grido esagerato) E allora siamo a cavallo!

                 Oscar e Nico si spaventano, si alzano e se ne scappano un po’ più a destra.

                  Ma addò jate, tutt’e dduje?

Oscar:      Avvocà, ma ch’è stato? Pecché ate alluccato?

Eugenio:  Niente, sono felice. (Si alza e va da loro) Ma vi rendete conto? Se lasciate vostra

                  moglie, non dovete darle un soldo. Invece, per i vostri beni, c’è la comunione.

Nico:         He’ capì?

Oscar:      No.

Nico:         Ha ditto che t’he’ ‘a fa’ ‘a cummunione!

Oscar:      ‘N’ata vota? E quanta vote me l’aggia fa’?

Eugenio:  Ma quala cummunione? Io parlavo della comunione dei beni, cioè il 50% dei

                  vostri averi, e più precisamente, della vostra casa.

Oscar:      E vabbé, ch’amma fa’. Va bene così, avvocato.

Eugenio:  Grazie mille.

Oscar:      Ma grazie mille a voi.

Eugenio:  No, nun ate capito. Io dicevo “grazie mille”, nel senso che m’ata da’ mille Euro!

Oscar:      ‘A faccia d’’o baccalà! E vuje allora me custate cchiù assaje d’’o divorzio.  

Eugenio:  Ma no, si tratta solo del mio onorario. Se volete, me li darete a rate.

Oscar:      OK, avvocà, vi farò avere i soldi.

Eugenio:  Allora, grazie mille.

Oscar:      (Sorpreso) In che senso? V’aggia da’ ati mille Euro?

Eugenio:  No, ‘sta vota ve sto’ ringrazianno. Arrivederci, signor Ciabattino.

Oscar:      Oscar Paro. Nun v’’o scurdate!

Eugenio:  Va bene. Cià, Nico. Tu nun è che te stisse sparténno cu’ Fiamma?

Nico:        Io ancora me l’aggia spusà e tu già me vuo’ fa’ divorzià?  

Eugenio:  Allora, statemi bene.

                 Eugenio esce di casa. Oscar se la prende con Nico.

Oscar:      E chisto fosse l’amico tuojo? L’avvocato?

Nico:        Embé, mò te svelo ‘nu segreto: io nun ‘o pozzo vedé proprio!

Oscar:      E te credo! Comunque, jamme ‘o BAR ccà ffora. Aggià accattà ‘o spumante. 

                 Forse riesco a liberarmi per sempre di mia moglie col minor danno economico!

Nico:        Bravo, so’ cuntento pe’ te! E pe’ festeggià, m’appiccio ‘na bella sigaretta.

                 I due escono di casa (a sinistra), sottobraccio.

5. [Ombretta, Fiamma e Cosetta. Infine, Nico e Oscar]

                   Da destra, tornano Ombretta (con uno specchio), Fiamma e Cosetta (struccata).

Ombretta: Ecco qua, ho finito. Cara mia, il giorno del tuo matrimonio, tu sarai truccata

                   così! Uno, due, tre…! Eccoti! (Le para lo specchio davanti)

Cosetta.     (Delusa) E addò stongo, io?    

Ombretta: Staje ‘int’’o specchio. Nun te vide?

Cosetta:     No, intendo dire, dove sto truccata? Io tengo ‘sta faccia accussì cadaverica!

Fiamme:    Si aggia essere sincera, io te veco struccata!

Ombretta: E si capisce, questa è una novità: il trucco c’è, ma non si vede!

Cosetta:     Ma no, il trucco si deve vedere. Se no, dove sta lo sfizio?

Fiamma:    Effettivamente, è come una che si sveglia la mattina e si va a sposare struccata!

Cosetta:     E quanto costa?

Ombretta: E’ un affare. Però t’arraccummànno, nisciuno l’ha da sapé: sono cento Euro!

Cosetta:     Cient’Euro? A chi? Ccà nun se vede niente. No, nun me piace. Io vado altrove.

Ombretta: Siente, amica, ma tu ‘o ssaje a chi aggio truccato io ‘int’’a vita mia? ‘E mmeglie

                    star napulitane: Maria Esposito, Valeria Cozzolino e Cira Donnarumma.

Cosetta:     E cheste fòssene ‘e star?

Ombretta: E certamente, sono cantanti neomelodiche!

Cosetta:     Senti, Fiamma, io me ne vado. Non ho tempo da perdere qui.

Ombretta: Aspié, e me vuo’ pavà ‘a prova? So’ trent’Euro!

Cosetta:     Denunciami!

                   Si volta e se ne va. Ombretta le parla dietro.

Ombretta: E se capisce che t’aggia denuncià. Tu si’ ‘na ciuccia, asina, analfabeta!

Fiamma:    Vabbuò, Ombré, nun ‘a da’ retta cchiù. Mò vulìmme ì ‘int’’o studio mio?

Ombretta: Ma proprio mò?

Fiamma:    E tanto, sta ‘int’’o palazzo ‘e rimpetto. Ci mettiamo poco tempo ad andarci. Io

                   sono la tua ginecologa di fiducia. Voglio visitarti di nuovo.

Ombretta: (Esibisce la scarpina datale da Cosetta) Che dici, me la porto appresso?

Fiamma:    E sì, può essere di buon augurio. Però comme scinne? Cu’ ‘e scarpune ‘o pede?

Ombretta: Nenné, io songo ‘na femmena semplice. Su, andiamo.

                   Le due vanno per uscire a sinistra, ma si di faccia mentre entrano, Oscar che ha

                   una bottiglia di spumante e Nico. Ombretta volta la faccia ad Oscar ed esce via.

Fiamma:   Me dispiace, Oscar, ma l’aggia fa’ pe’ solidarietà femminile!

                   Anche lei volta la faccia ad Oscar. E se ne esce all’ingresso (a sinistra).

Nico:         Ma chi è che parlava?

Oscar:       Fiamma. Steva ‘nzieme a Ombretta. M’hanne avutato tutte ddoje ‘a faccia!

Nico:         Uh, e pecché?

Oscar:       Ma che ce ne ‘mporta? Mò vaco a piglià duje bicchieri, accussì brindamme!

                  Nico si accende una sigaretta, mentre Oscar lascia la bottiglia sul tavolo ed

                  esce a destra. Nico però pensa ci sia ancora con lui alla propria destra.

Nico:         Oscar, primma che vaje ‘int’’a cucina, t’aggia cuntà ‘na cosa divertente!

                  Dall’ingresso, non visto da Nico (ovviamente), entra il cavalier Tristano De

                  Profundis, vestito tutto di nero e con un crisantemo all’occhiello della giacca.

                  Pare quasi uno iettatore. Va alla destra Nico che parla con Oscar (che non c’è).

                  Dunque: poco fa, ‘nmiezo ‘a via, aggio ‘ncucciato a ‘na femmena bona! Embé,

                  cu’ ‘a scusa che l’aggio tuzzata, l’aggio tuccata ‘o popò! ‘E che pacchia, Oscar!

Tristano:  Io nun songo Oscar!

Nico:         (Sorpreso) Ma chi è che sta parlanno?

Tristano:  Sono il cavalier Tristano De Profundis.

Nico:         Mamma d’’o Carmene! E che vvulìte ‘a ccà?

Tristano:  Songo ‘a femmena bona che poco fa ate ‘ncuntrato ‘nmiezo ‘a via. ‘O popò

                  ch’ate tuccato, era ‘o mio!

Nico:         (Schifato) Chi schifo. Aggio tuccato a ‘n’ommo! Scusate, non l’ho fatto apposta.

Tristano:  Va bene, se non l’avete fatto apposta, vi perdono. E come vi chiamate, voi?

Nico:         Mi chiamo Nico Tina. La mia passione è fumare. ‘A vulite ‘na sigaretta?

Tristano:  Per carità, la sigaretta è veleno! Fa tossire talmente forte, che ci si sente male!

                  Così Nico fa una boccata di sigaretta e comincia a tossire. Tristano lo interroga.  

                  Che succede?

Nico:         (Tossendo) Gne-gne-gne… Puozze passà ‘nu guajo!

Tristano:  Ma non vi capisco.

Nico:         (Gli passa) Niente, ora sto meglio. Scusate, ma cosa vi occorre?

Tristano: Dovrei parlare col signor Oscar Paro, l’inventore di giocattoli. 

Nico:        Ah, ecco. Io sono amico suo.

Tristano: Vedete, io sono imprenditore nel ramo dei giochi per bambini. Stavo cercando il

                 signor Paro ovunque, e l’ho trovato grazie alla vostra palpatina sul mio sedere!

Nico:        Oscar sarà andato a prendere due bicchieri. Dobbiamo brindare con lo spumante.

Tristano: (Prende la bottiglia di spumante sul tavolo) Ma questo è spumante chardonnay!

Nico:        Comme?

Tristano: Chardonnay, chardonnay. E’ una qualità di spumante che si fa con uve pregiate.

Nico:        Aggio capito. E allora speràmme ch’Oscar vene ambresso, così ce lo beviamo.

                 Da destra entra tutto festante proprio Oscar, con due bicchieri in mano.

Oscar:      Ecco i bicchieri, allegriaaaa! (La “a” finale di allegria gli si ammoscia in modo

                 progressivo, appena nota Tristano. Poi si avvicina ai due) Nico, che succede qui?

Nico:        Oscar, c’è questo signore col vestito tutto di colori a fantasia.

Oscar:     Di colori a fantasia? Ma si chillo sta vestuto tutto ‘e niro!

Tristano: Io sono il cavalier Tristano De Profundis. Ho una fabbrica di giochi per bambini.

Oscar:     (Stupito) Ma vuje ‘o vero state dicenno? Tanto, tanto, tanto, tanto piacere!

Tristano: Io vi sto cercando da parecchio. E grazie al vostro amico Nico, vi ho trovato.

Oscar:     Nico, ma comme he’ fatto?

Nico:       ‘Nu colpo ‘e mazzo! (Fa il gesto con la mano)

Oscar:     Ma allora dobbiamo brindare. Io ho preso pure lo spumante. E’ di ottima qualità.

Nico:        Infatti: è “sciordonné”!

Oscar:     “Sciordonné”? Ma allora fa’ fa’ ‘a sciorda?

Tristano: Ma quala sciorda? E’ chardonnay, una qualità di vini pregiata.

Oscar:     Allora facciamo così: vado in cucina e poi torno coi bicchieri già colmi di

                 spumante, acussì facìmme ccchiù ambresso! Scusatemi, con permesso.

                 Corre via in cucina portandosi i primi due bicchieri e la bottiglia di spumante.

Tristano: Però il signor Oscar sta correndo troppo. Speriamo che non cada!

                 Dalla cucina, si sente una brutta caduta e Oscar urlare.

Oscar:     Ahiaaa…!

Nico:       (Comincia a preoccuparsi) Ehm… ma mica chisto era Oscar?

Tristano: E’ probabile!

Nico:        Azz! (Fa le corna con le dita, non notato) Speriamo che Oscar torna da noi vivo!

                 Torna proprio Oscar, senza bicchieri né spumante. E’ zoppicante e dolorante.

Oscar:     Amme fernuto ‘e brindà: s’è scassata ‘a butteglia ‘e spumante e pure ‘e bicchiere!

                 Fortunatamente, ho messo a preparare pure il caffè.

Nico:        Ma fatte ‘na rattata, ch’è meglio?

Osc&Tr: Eh?

Nico:        Dico, ma certo, il caffè va benissimo.

Tristano: Anche per me.

Oscar:     E allora vado in cucina, ve lo porto subito. Con permesso.

Tristano: State attento a non cadere di nuovo!

Oscar:     (Preoccupato) Sentite, nun è che v’’o putìte venì a piglià ‘int’’a cucina, ‘o ccafè?

Tristano: Ma certo. Venite, signor Nico. Però fate attenzione al vetro a terra. Avete capito?

                 Si avviano: Oscar davanti, Tristano al centro e Nico che gli fa le corna dietro.

6. [Ombretta e Fiamma. Poi Tristano, Oscar e Nico]

                 Dall’ingresso tornano Ombretta e Fiamma (con un certificato), esultanti.  

Fiamma:    Auguri! ‘A scarpetella ‘e Cosetta t’ha purtato furtuna!

Ombretta: (Esibisce fiera la scarpina di Cosetta) Infatti! Marò, comme so’ felice! Grazie,  

                    Fiamma. A proposito, ma tu si’ sicura che nun te si’ sbagliata?

Fiamma:    Ma scherzi? La tua amica Fiamma Ossidrica non sbaglia mai! Sei già al terzo. E

                    secondo l’ecografia che ti ho fatto, forse è un maschietto. Dincello a tuo marito.

Ombretta: Sì, ma mò addò sta? Sento addore d’’o ccafé. Secondo te sta ‘int’’a cucina?

Fiamma:    E allora addò se fa ‘o ccafé? ‘Int’’o bagno?! Su, vieni, vieni, andiamo da lui.

                   Le due vanno verso destra, ma si fermano perché sentono la voce di Oscar.

Oscar:        Cavaliere De Profundis, Nico, andiamocelo a prendere nel salone, il caffè.

                   Per primo esce col suo caffè, Tristano: nota le due, fa un inchino e va a centro

                   stanza. Le due lo osservano esterrefatte. Poi esce Nico col suo caffè: non nota le

                   due e girovaga in stanza. Infine, ecco Oscar col suo caffè: nota le due donne, le          

                   volta la faccia e va da Tristano. Ombretta s’arrabbia, vorrebbe dirgli di tutto

                   ma Fiamma la zittisce e se la tira con sé in cucina. Oscar fa gli onori di casa.

                   Ma prego, accomodatevi.

Tristano:  (Si accomoda) Grazie.

                   Anche Oscar si accomoda, ma i due notano che Nico non trova la sedia.

Nico:         Oscar, ma tu ‘na vota nun tenìve ‘e sseggie, ccà dinto?! Che fine hanne fatto?

Oscar:       Stienne ‘nu poco ‘a mano.

Nico:         (Stende la mano e trova qualcosa) Uh, sta ccà! (Ma si siede addosso a Tristano)

Tristano:  Ma che ffacìte? V’assettàte ‘ncuollo a me? (Lo spinge via) Ecco!

Oscar:       Scusate, abbiate pazienza, quello è un po’ distratto. (Aiuta Nico a sedersi) E

                  allora veniamo a noi. Cavaliere, ditemi qualcosa sulla vostra azienda.

Tristano:  Si chiama De Profundis SPA. Pensate, esiste dal 1901!

Nico:         Azz, ma site accussì viecchio, cavalié?

Tristano:  No, ma io l’aggio ricevuta in eredità. Una volta però mi occupavo di cimiteri.

                  Nico ed Oscar si impressionano e si mettono sottobraccio. Tristano prosegue.

                  Per la precisione, di addobbi cimiteriali. Poi però sono passato ai giocattoli.

Nico:         E che giocattoli producete? Bambole moribonde, scheletri per l’armadio,

                  macchinine funebri…?

XTristano:  No, giocattoli normali.

Oscar:       (Si alza) E allora è il caso che io vada a prendere il mio catalogo. Con permesso.

Nico:         (Si alza di scatto, impaurito) No, io nun t’’o dongo ‘o permesso. Addò vaje?

Oscar:       Non ti preoccupare, Nico. Pochi secondi e torno.

                  Oscar esce al centro. Nico, spaventato, si rivolge a Tristano che lo guarda cupo.

Nico:         Ehm… Cavalié, scusate, io vado dal mio amico Oscar. Lo aiuto a prendere il

                  catalogo che è tanto pesante, perché i giocattoli di oggi pesano!

                  Nel frattempo, rientra Oscar col proprio catalogo. Ascolta Nico parlare da solo.

                  Voi però state comodo. Io vado da Oscar e torniamo tutti e due col catalogo.

Oscar:      ‘O catalogo già sta ccà.

Nico:        (Sorpreso) Sta ccà? E comme l’he’ fatto a piglià?

Oscar:      (Ironico) E’ venuto isso sulo addù me! Senti, perché non vai a fumare un poco?

Nico:         Ottima idea! Cavalié, con permesso.

Tristano:  Fate pure. Ma fate attenzione a quando uscite fuori!

Nico:         Non vi preoccupate.

                  Esce di casa facendo le corna.  

Oscar:      Bene, signor De Profundis, vi mostro il catalogo?

Tristano: Sì, sì. Mostrate, mostrate.

Oscar:     (Apre il catalogo) Cavalié, questi non sono giocattoli cinesi. Li costruisco io con

                 le mie mani. Cominciamo dalle bambole. Ecco a voi la bambola Capricciotta: fa

                 tanti di quei capricci, che le bambine non potranno farne a meno… d’’a abbuffà

                 ‘e mazzate! Però vedo dalla vostra faccia che non vi piace. E allora passiamo agli

                 accessori sfiziosi: in questa foto potete ammirare le scarpe a reazione: sono dotate

                 di rotelle, e sul tacco ci sono razzi che vanno a benzina. Costano solo 10 Euro.

Tristano: Accussì poco?

Oscar:     Il fatto è che sono un po’ difettose: finisce spesso la benzina e non hanno i freni. I

                 clienti me le portano sempre ad aggiustare. Però non è che io posso fare gran che.

Tristano: Passate avanti, passate avanti.

Oscar:      E allora passiamo alla pagina degli supereroi. Qui potete ammirare il robot più

                 mazzoso del mondo. Un robot troppo fortunato: Mazzinga!

Tristano: E che sa fare?

Oscar:     Cavalié, ‘stu robot nun sape fa’ niente, ma tene ‘na ciorta…! Spara ‘nu missile,

                 sbaglia ‘a mira, però torne areto e distrugge ‘o nemico! ‘Na cosa incredibile!

Tristano: (Entusuasta) Lo prendo! Quanto costa?

Oscar:     Soltanto 30 Euro ognuno all’ingrosso. Non c’è al dettaglio.

Tristano: Beh, facciamo una cosa: ci penserò. E se è il caso, facciamo l’ordine.

Oscar:      Allora non vi comprate niente?

Tristano: (Si alza in piedi) Per adesso, no. Magari torno a trovarvi domani.

Oscar:     (Si alza pure lui) Allora vi preparo il pacco con qualche Mazzinga?

Tristano: Calma, poi si vedrà. Ricordatevi che chi corre troppo, inciampa! Arrivederci.

                 Tristano esce via. Appena si allontana, Oscar tira un sospiro di sollievo.

Oscar:      Marò, chisto me fa inciampà overamente! Aggia ì a tuccà ‘nu fierro ‘e cavallo!

                 (Appena corre a cercarlo, inciampa e cade) Ha da passà ‘nu guajo niro!

                 Si rialza e si avvia claudicante nella porta centrale. Ma torna Nico, tossendo.

Nico:        Oscar! Aggio ‘ntiso ‘o cavaliere ch’ascéva. S’è accattato coccosa?

Oscar:      Purtroppo, no. Chillo puteva essere ‘n’ottimo cliente pe’ me. (Si siede al tavolo)

Nico:        (Nota il silenzio, si spaventa) Oscar, te ne si’ gghiuto? Nun te ne ì, tengo paura!

Oscar:      Sto’ ccà! Che vaje truvanno?

Nico:        Quanno songo asciuto ccà ffora a fumà, ‘o pustino m’ha data ‘na lettera pe’ te.

                 (La prende dalla giacca) E’ chesta. Però nun me dicere niente, ma io già l’aggio

                 liggiuta. ‘A curiosità era troppa.

Oscar:     Ma comme, tu liegge ‘a posta mia? E che ddice ‘sta lettera?

Nico:       (Dispiega il foglio e legge molto da vicino) “Caro amico, tu non sai ancora che  

                 cosa ti aspetta da qui a poco. La tributaria è una brutta bestia…”.

Oscar:     La tributaria? E che d’è ‘sta tribbutaria?

Nico:       Boh! La lettera dice che la tributaria è una brutta bestia. Uh, forse aggio capito: ‘a

                 tribbutaria è mugliéreta! Chella vo’ divorzià pe’ se piglià ‘e sorde tuoje.

Oscar:     (Impressionato) Ma tu he’ capito a chella disgraziata?! E chi me l’avrà mannata,

                 ‘sta lettera? Liegge ‘nu poco ‘o nomme abbascio a tutto.

Nico:        Nun ce sta scritto. Leggi tu.

Oscar:      (Gli prende il foglio e controlla) E che d’è, ccà? Ma che he’ liggiuto?

Nico:        ‘A lettera.

Oscar:      E comme po’ essere? ‘Stu foglio è bianco! Nun ce sta scritto niente.

Nico:        Uh, aggio sbagliato foglio. (Si fruga nelle tasche) Vedi se è questa, la lettera.  

Oscar:        (Prende l’altro foglietto e legge) No, chesta è ‘a bulletta d’’o gas!

Nico:          (Si fruga nelle tasche e gli dà fogli di carta igienica) E allora pruove cu’ chesta!

Oscar:        (Prende la carta igienica) Chesta è ‘a carta igienica!

Nico:          (Si fruga nelle tasche e gli da un altro foglio) Chisto è ‘o ll’urdimo foglio!

Oscar:        (Prende l’altro foglietto e legge) ‘A vi’ ccanno, ‘a lettera è chesta.

Nico:          He’ visto?

Oscar:        Sì, ma tu comme l’he’ fatta a leggere?

Nico:          Ehm… me l’ha liggiuta ‘o pustino e io me l’aggio ‘mparata a memoria!

Oscar:        E tu faje leggere ‘e fatte mie ‘e ggente estranee? Mò pure ‘o pustino sape ‘a

                   storia mio e ‘e Ombretta. E intanto, chella strega, me vo’ ‘nguajà. So’ sfurtunato

                   proprio. In amore e pure in lavoro. Certe volte rinuncerei a questa vita inutile.

                   Prende il catalogo, va nella porta centrale. Nico si alza e lo cerca in stanza.

Nico:          Uhé, uhé, Oscar, nun fa‘ scherze. Addò te ne si’ gghiuto?

                   Da destra entrano e si fermano Ombretta e Fiamma.

Ombretta: Basta, è arrivato ‘o mumento ‘e ce dicere tutto cose a Oscar.

Fiamma:    (Nota Nico che pare che stia nuotando) Ombré, ma che sta facenno Nico?

Ombretta: Boh! (Gli urla contro) Néh, Nico!

Nico:          Uhé, Ombré! Tu Fiamma e nun me disturbate.

Ombretta: Ma Oscar nun ce sta?

Nico:          E’ succieso ‘nu fatto grave.Chillo steva tutto ‘ntussecato. Ha ditto che vo’

                   rinuncià a chesta vita inutile!

Ombretta: (Si impressiona) Uh, Marò, ma forse Oscar se vo’ suicidà. E proprio mò?

Nico:          Ma pecché, che sta succedenno, mò?

Ombretta: Io aspetto un… aspetto un… (Ha un malore) Me sento ‘e svenì.  

Fiamma:   Uhé, uhé, Ombré, nun te siente bona? (La fa accomodare) Nico, Nico, falle un

                   po’ d’aria. Falle un po’ d’aria.

Nico:          Subito! (Fa vento con le mani dappertutto, ma non in direzione di Ombretta)

Fiamma:   Ma nun m’he’ sciuscià a me, he’ sciuscià a essa!

                   Nico soffia con le mani dappertutto, sotto gli occhi della sconsolata Fiamma.

Ombretta: (Si ridesta) Basta, basta. Mi sento meglio, mi sento meglio. Presto, jamme addù

                   Oscar ‘int’’o studio suojo. E’ probabile che sta lloco.

                   Le due escono via al centro. Nico resta solo in stanza.

7. [Nico e GiòCattolaio. Poi Ombretta e Fiamma]

                   Nico si accende una sigaretta e parla con Ombretta e Fiamma, credendo che   

                   esse siano ancora lì. Dall’ingresso, intanto, entra Giò Cattolaio, della polizia

                   tributaria, in borghese: si massaggia il sedere dolorante. Nota Nico e va da lui.

Nico:          Ombretta e Fiamma, primma che gghiate addù Oscar, v’aggia cuntà ‘nu fatto:

                   poco fa, ccà ffora, aggio visto ‘o cane d’’o vicino ‘e casa, chillu coso antipatico

                   ch’abbaia sempe. Se truvàva vicino ‘a ‘na machina. Steva pe’ ffa’ ‘o pipì vicino

                   ‘a rota. Allora aggio pigliato ‘a rincorza e… boom… l’aggio dato ‘nu cavicio

                   cu’ tutta ‘a cattiveria!

Giò:           E mò site cuntento?

Nico:         (Perplesso) Ma chi è che ha parlato?

Giò:           Songo ‘o cane che steva pe’ ffa’ ‘o pipì vicino ‘a rota d’’a machina!

Nico:         Ah, sì? Allora vergognatevi. E’ inconcepibile che ‘n’ommo se mette a ffa’ ‘sti

                     ccose ‘nmiezo ‘a via. Si fanno queste cose vicino alle ruote delle auto? Sì?

Giò:             Ma io stevo cagnànno ‘a rota pecché s’è bucata. Chella machina è ‘a mia!

Nico:           (Imbarazzato) Uh, Marò! Scusatemi, io v’aggio scagnato ‘o vero pe’ ‘nu cane!

Giò:             Va bene, va bene, lasciamo stare. Sentite, voi per caso siete il padrone di casa?

Nico:           No, però sono il suo amico. Permettete? (Stretta di mano) Nico Tina. E voi?

Giò:             Giò Cattolaio.

Nico:           (Stupito) No! Site ‘o giocattolaio? E allora aggia chiammà all’amico mio.

Giò:             No, ma…

Nico:           Zitto, nun parlate. V’arraccummànno, restate ccà. Io torno subito.  

                    Nico cerca con le mani la porta ed esce a destra. Giò rimane interdetto.  

Giò:            Giocattolaio? Ma io sono il tenente Giò Cattolaio della tributaria. Sto indagando   

                    su uno scarparo che non rilascia le fatture ai clienti. (Osserva intorno a sé) E

                    guarde ‘e che casa! Quase, quase, m’’o metto a ffa’ pur’io ‘o scarparo… a nero!

                    Posa la ventiquattrore su una sedia e vi scava tra i documenti. Torna Nico.

Nico:           Signor giocattolaio, scusate.

Giò:            (Chiude frettolosamente la ventiquattrore) Ditemi.

Nico:           L’amico mio non stava là dentro. Non mi domandate che stanza è quella,

                    perché io non vi saprei rispondere.

Giò:            Ma aspettate, devo chiarire prima un equivoco. Io stongo cercanno ‘o scarparo!

Nico:          Aggio capito, Oscar Paro. Ma che m’ate pigliato, pe’ scemo?

Giò:            Sentite, io mò aésco ccà ffora a mettere ‘o grattino ‘int’’a machina mia. Si

                   quanno so’ turnato, l’amico vuosto nun ce sta, io aìzo ‘ncuollo e me ne vaco.  

Nico:          Non vi preoccupate, adesso ve lo chiamo subito.

                    Giò esce di casa. Nico intanto si prende una sigaretta. Da destra escono e si

                    fermano Ombretta e Fiamma.

Fiamma:    Niente, Oscar s’è chiuso ‘int’’ studio suojo e nun te vo’ parlà. Si sultanto ce

                    stesse Nico.

Ombretta: (Lo nota) ‘O vi’ lloco, l’he’ nnummenàto e isso è accumparso.

Fiamma:    E jamme, dicìmmancello a isso.

                   Le due sia avvicinano a Nico e ne richiamano l’attenzione.

Le due:      Pss…. pss… pss…

Nico:          Ma chi è? ‘A do’ vene ‘stu rummore?

Fiamma:    Nico, simme Ombretta e Fiamma.

Nico:          E pecché me chiammate accussì: pss…. pss… pss…?

Fiamma:    Pecché nun ce amma fa’ sentì ‘a Oscar. Nico, tu ha’ fa’ ‘nu piacere a Ombretta.

Nico:          E cioè? (Mette la sigaretta in bocca)

Ombretta: Fiamma, diglielo tu. Io non ho il coraggio. ‘O ssaccio che pure pe’ te è difficile.

Fiamma:    (Invece glielo dice subito) Nico, Ombretta è incinta.

Nico:          (Appena sente la notizia, sputa la sigaretta, sorpreso) Che?

Fiamma:    Ombretta è in dolce attesa. Si tratta di un maschietto.

Nico:          (Perplesso) E Oscar nun sape niente?

Ombretta: No. Io e Fiamma nun riuscìmme a ce ‘o ddicere. Ma tu ci riuscirai sicuramente.

Nico:          Aggio capito. Ce ll’aggia dicere io? E io ce ‘o ddico. Tra una parola e l’altra.

Fiamma:    Bravissimo. Allora noi torniamo in cucina. Quando gliel’avrai detto, chiamaci.

Nico:          Nun ve prioccupate. State ‘nmana all’arte!

Ombretta: Grazie, Nico, grazie!

                   Le due escono a destra. Nico intanto prende un’altra sigaretta, tutto tremolante

             di paura. Intanto torna Giò e va verso Nico che parla da solo.

Nico:    E’ ‘na parola. Mò ce ll’aggia dicere proprio io? (Mette la sigaretta in bocca)

Giò:     (Con vigore) Niente ancora?

Nico:    (Dallo spavento, sputa la sigaretta) Chi è?

Giò:      Giò Cattolaio. E’ turnato l’amico vuosto?

Nico:    Nun l’aggio visto ancora.

Giò:      E allora, mi dispiace, ma è come se non lo avessi trovato. Io mò m’assetto a

             scrivere ‘o verbale e ppo’ me ne vaco, e v’’o chiagnite vuje e isso.

             Si siede al tavolo, estrae documenti dalla ventiquattrore e scrive il verbale.  

Nico:    (Prende un’altra sigaretta) Mannaggia ‘a morte. Ma addò è gghiuto Oscar?

             Mette la sigaretta in bocca. Dalla porta centrale esce Oscar. Va da Nico.

Oscar: (Gli dà una pacca sulla spalla) Amico mio!

Nico:    (Dallo spavento, sputa la sigaretta) E so’ tre! M’’a facìte fummà ‘na sigaretta  

             ‘ngrazia ‘e Dio, o ate deciso ‘e me fa’ sta’ ‘in astinenza?!

Oscar: (Nota Giò seduto al tavolo) Nico, ma chi è chillu signore?

Nico:    Ah, già. E’ uno che va cercanno a te. Trattasi di giocattolaio!

Oscar: (Sorpreso) ‘N’atu cliente? Ma ch’è succieso, oggie?

Nico:    Se sarrà sparsa ‘a voce.

Oscar: Ah, sì? E allora vado a prendergli le mie scarpe a reazione. Così le spiattello a lui!

             Oscar torna nella porta centrale. Nico gli parla come se lui fosse ancora lì.

Nico:    No, Oscar, nun te mòvere ‘a lloco, io t’aggia parlà. Tu e tua moglie non litigherete  

             mai più. Tra poco lei ti renderà padre. Ebbene sì, è incinta. E nun fa’ chella faccia!

             E’ bello a essere pato. Perciò, quando vedi Ombretta, dille che sei felice.

             Intanto torna Oscar con uno scatolo bianco per scarpe. Nico séguita a parlargli.

             Oscar, he’ capito tutto cose?

Oscar: (Ignaro) ‘E che?

Nico:    ‘E chello che t’aggio ditto.

Oscar: (Fa il gesto di dire “Ma che hai detto?”, però finge di aver capito) Sì, aggio capito.

             Mò però voglio restà sulo cu’ chillu cliente.

Nico:    Sì, ma a Ombretta quanno ce penzàmme?

Oscar: Vall’a chiammà.

Nico:    Molto bene. Allora io vaco. Addò se va p’’a cucina? 

Oscar: Accà!

             Lo fa uscire a destra, poi torna a centro stanza e trama qualcosa.

             Basta, ho deciso: io divorzio da mia moglie. Tanto, stongo p’addiventà ricco. Mò  

             m’’a levo ‘a tuorno, a chella strega ‘e Beneviento! (Nota Giò) E ora, a noi due!

             Si avvicina a Giò e gli para davanti, spaventandolo, lo scatolo di scarpe e lo apre.         

Giò:     (Balza in piedi) Chi è? Ma vuje fùsseve pazzo?

Oscar: No, quello era l’effetto a sorpresa. Queste scarpe, modestamente, sono opera mia.

Giò:     Néh, ma vuje chi site?

Oscar: Oscar Paro.

Giò:     Fermo là, non dite altro! Finalmente ci incontriamo. Vi stavo aspettando.

Oscar: ‘O ssaccio, ‘o ssaccio… caro giocattolaio!

Giò:     (Stupito) Voi sapete chi sono? Meglio, così non perdiamo tempo a presentarci. 

Oscar: E allora, caro mio, si v’accattate ‘sti scarpe, ve faccio ‘nu sconto scandaloso!

Giò:     (Con atteggiamento di sfida) E ‘a fattura nun m’’a facìte?

Oscar: ‘A fattura? E che m’ate pigliato, p’’a fattucchiera?!

Giò:           No, ma io intendo dire la fattura, la bolla, lo scontrino.

Oscar:       E a che serve? Oggie nisciuno l’aùsa cchiù ‘sti ccose.

Giò:           Bravo, bene. Allora vi faccio una domanda: vi dice niente la parola “tributaria”?

Oscar:       Aggio capito, v’ha mannato mia moglie! Ma allora… non siete un giocattolaio?

Giò:           Ma che giocattolaio? Pure vuje cu’ ‘sta storia? Io sono qui per un accertamento.

Oscar:       E v’’o vulite fa’ proprio ccà ddinto, st’accertamento? Jate ‘ncoppa ‘o spitale!

Giò:           Vuje facite ‘o spiritoso? Badate, che io vi faccio pagare una barca di soldi.

Oscar:       Mannaggia ‘a tributaria, e voi sapete di chi parlo. Embé, dicitece ca io nun temo

                   nisciunu ricatto. E troverò la maniera di non cacciare nemmeno un soldo per lei.

Giò:           Guardate, che vuje accussì passate ‘nu guajo.

Oscar:       Nun me ne ‘mporta niente. E mò pigliate ‘a rrobba vosta e jatevénne.

Giò:           Me ne state caccianno?

Oscar:       E nun s’è capito? Su, fuori!

Giò:           (Raccoglie le sue cose nella ventiquattrore) E’ la prima volta che qualcuno mi  

                   caccia via. In genere, chiunque mi vede e sa chi sono… se squaglia d’’a paura!

Oscar:       Io invece nun me metto appaùra ‘e vuje. E nemmanco d’’a tributaria, e vuje

                   sapite ‘e chi sto’ parlanno…! Anze, mò ch’’a ‘ncuntrate, purtàtece pure chesta!

                   Fa una pernacchia e così Giò, offeso, se ne esce celermente. Oscar si diverte.

                   Stiamo 2-0 per me! Embé, aggia ì a accattà ‘n’ata butteglia ‘e spumante.

                   Ed esce di casa.

4. [Fiamma e Ombretta. Poi Nico. Infine Oscar]

                    Da destra torna Nico con un’altra sigaretta in bocca.

Nico:           Menu male, ‘sta vota m’’a riesco a fummà, ‘na sigaretta!

                    Sta per accendersela. Ma da destra tornano Fiamma ed Ombretta.

Fiamma:    Uhé, ma che fine he’ fatto?

Nico:          (Dallo spavento, sputa anche questa sigaretta) Ma che miseria! M’è venuto ‘o

                    schifo ‘e fummà! Dimane m’accatto doje liquirizie e subito me spiccio!

Ombretta: Nico, allora, che t’ha ditto Oscar?

Nico:          Te ll’aggio ditto che staje ‘nmana all’arte. Tranquilla, ormai Oscar sa tutto.

Fiamma:    E isso che reazione ha avuto?

Nico:          Nun ha ditto ‘na sola parola. Era comme si nun ce steva proprio!

Fiamma:    Bravo, Nico!

Ombretta: Menu male, va’. Oscar nun s’ha fatto piglià d’’a pazzarìa! Comme so’ cuntenta!

Le due:      (Felici) E vaiiii! (Si danno il cinque)

Nico:          E mò che dicìte? M’’a pozzo fummà finalmente ‘na sigaretta?

Ombretta: Ma sì, fumma, fumma!

Nico:          Alleluia! (Si accende la sigaretta)

                   Intanto Ombretta fa un cenno a Fiamma. Quest’ultima fa segno di aver capito.

Fiamma:    Ehm… Nico, ma tu nun è ch’avìsse penzato ‘e me spusà?

Nico:          Fiamma, ma pecché vuo’ ‘nguajà ‘sta bella jurnata?

Fiamma:    (Delusa) ‘O ssapevo!

Nico:          Mò, finalmente, Ombretta e Oscar fanne pace definitivamente. Nun si’ felice?

Fiamma:    Assaje. Finalmente questi due vivranno felici. Saranno in brodo di giuggiole.

Nico:          In brodo…?

Fiamma:    Di giuggiole.

Ombretta: Sì, ma addò è gghiuto Oscar?

Nico:           Poco fa steva cu’ ‘nu cliente. Speràmme che sta facénno cocche affare buono!

                   Dall’ingresso (a sinistra) entra Oscar, con una bottiglia di spumante in mano.

Oscar:        (Felice) Comm’è bella ‘a vita mia!

Nico:          Uhé, Oscar, sento ‘a vocia toja.  

Oscar:        Carissimo amico mio! Oh, ma noto che qua ci stanno pure Fiamma e Ombretta.

Fiamma:    Oscar, hai comprato lo spumante. Ma allora è vero, tu e Ombretta vivrete felici.

Nico:          E già: in brodo di vongole!

Fiamma:    (Si arrabbia) Di giuggiole!

Ombretta: (Si avvicina a suo marito) Oscar, e a me nun me dice niente?

Oscar:        (Acido) E comme, te vulésse dicere tanta cose. Ma io non posso parlare, se no

                    mi metto dalla parte del torto.

Ombretta: In che senso?

Oscar:        Vedi questa bottiglia di spumante? E’ il segno che io sto per tornare libero.

Fiamma:    Néh, ma che sta dicenno, chisto?

Oscar:        Parlate col mio avvocato che tra poco sarà qui. Vallo a telefonare, Nico!

Nico:          E che ll’aggia chiammà a ffa’?

Oscar:        Deve dire a Ombretta che il nostro divorzio è vicino e non avrà un soldo da me!

Ombretta: Che? Oscar, ma io nun ce sto’ capenno niente.

Oscar:        (Ironico) E tu sei piccola e innocente… cara “tributaria”!

Ombretta: A me?

Oscar:        Sì, a te. Tu m’he’ mannato a chillu Giò Cattolaio pe’ me minaccia. E’ accussì?

Ombretta: Ma tu staje ascénno pazzo?

Fiamma:    (Dubbiosa) Nico, siente, ma si’ sicuro che ce he’ ditto chella cosa a Oscar?

Nico:          E addimannancéllo a isso.

Fiamma:    Oscar, ma Nico te l’ha ditto ‘o fatto ‘e Ombretta.

Oscar:        Qualu fatto? 

Fiamma:    Embé, Nico, nun si’ buono proprio!

Oscar:        Io saccio sulo che Nico m’ha purtato ‘na lettera anonima che me vuleva mettere

                    in guardia. Diceva che se io e Ombretta divorziamo, lei si prende i miei soldi.

Ombretta: E secondo te, io ti lascerei proprio ora che mi porto dentro un figlio mio e tuo?

Oscar:        Esatto, tu mi lasceresti proprio ora che ti porti dento un figlio mio e… Prego?

Ombretta: Oscar, ma comme faje a nun capì? Io so’ incinta. So’ incinta.

Oscar:        (Sconvolto) Overamente? Ma nel senso… che tu aspiette ‘nu figlio?

Nico:          (Ironico) No, aspetta ‘nu cuniglio! Ma se capisce ch’aspetta ‘nu figlio.

Fiamma:    Nun si’ cuntento, Oscar?

Oscar:        (Esplode in tutta la sua felicità) E sìììì! So’ troppo cuntentooo!

                   Fa un giro intorno al tavolo e gli altri esultano. Poi Oscar si ferma, dubbioso. 

                   Aspiette ‘nu mumento, ma nun po’ essere. Nun po’ essere.

Ombretta: E pecché? 

Oscar:        Ombré, ma comme faje a essere incinta, si io nun te tocco ‘a duje anne?!

Gli altri:    (Perplessi) Eh?

Oscar:        E’ ‘a verità. Forse tu te l’he’ scurdato, ma io no.

Ombretta: Ma comme, nun t’arricuòrde tre mmise fa? Stevéme ‘ncoppa ‘a spiaggia ‘e

                   Margellina, sule io e te.

Oscar:       ‘Ncoppa ‘a spiaggia ‘e Margellina? Ma io e te nun ce simme maje jute ‘nzieme.

Ombretta: Ah, già, nun ire tu! (Si rende conto di cos’ha detto e si tappa la bocca)

Oscar:        Comme sarebbe a dicere, nun ire tu?

Ombretta: Ehm… no, nel senso che nun ire tu, pecché nun ce stevo manch’io. E allora,

                    Oscar, è succieso ‘o Bosco ‘e Capodimonte, ‘int’’a machina toja!

Oscar:        Ma si io nun tengo ‘a patente!

Fiamma:    E allora sarrà succieso ancora ‘int’a ‘n’ata occasione. Arricurdàteve buono.

Oscar:        No, Fiamma, t’aggio ditto ca io a mugliérema nun ‘a tocco ‘a duje anne.

Nico:          E allora sarrà asciuta incinta duje anne fa!

Oscar:        Ma nun dicere palle. Chesta è incinta, però nun so’ stato io. E comme se spiega?

Ombretta: (Rassegnata) Se spiega che he’ raggione tu, nuje nun ce tuccàmme ‘a duje anne.

Oscar:        Benissimo, e allora me vuo’ dicere comm’aggio fatto a ffa’ ‘stu figlio cu’ te?

Ombretta: (Confusa) Beh, ce sta ‘na spiegazione. Eccola qua: questo figlio che aspetto, io

                    non lo conosco perché non è mio, anche se sta dentro di me.

Nico:          (Ingenuamente) Ma allora è trasuto isso sulo?

Oscar:        (Ironico) Sì, ‘int’’a nuttata, mentre essa durmeva!

Nico:          (Ingenuamente) E pe’ ddo’ è trasuto?

Fiamma:    Ma Nico, cheste so’ domande ‘a fa’?

Nico:           No, è ca io vulésse capì comme ha fatto ‘stu criaturo a trasì dint’’a Ombretta?!

Oscar:        (Ironico) Ha pigliato ‘a scala!

Nico:          (Sorpreso) Guardate ‘nu poco, guardate. Notate la malizia dei bambini di oggi.

Fiamma:    He’ fernuto ‘e dicere scimmità? Piuttosto, lasciamo soli a Ombretta e Oscar.

Oscar:        No, vuje nun ve n’ata ì, pecché ata essere testimonie.

Nico:           Io nun aggio visto niente!

Oscar:        Però he’ ‘ntiso. Ormai sapìte ch’Ombretta m’ha tradito. Chi sa cu’ chi, po’?!  

Fiamma:    Ombré, parle, discòlpete. Fance sentì: ‘e chi è ‘stu figlio, si nun è ‘e Oscar?

Ombretta: Vuo’ sapé ‘e chi è? Pure si ce faccio l’esame d’’o DNA, ‘a risposta sarrà sempe

                   ‘a stessa: è ‘o mio e m’’o tengo. E si vuo’, è pure ‘o tuojo, Oscar.

Oscar:        E si po’ s’appresénta ‘o pato, chillo ‘o vero, che ffacìmme? Ce ‘o spartìmme?!

Ombretta: Il padre non uscirà mai fuori, perché non c’è.

Nico:          (Ingenuamente) Ah, ma allora si’ asciuta incinta spontaneamente?

Oscar:        Nico, ma tu oggie nun tiene genio ‘e fummà?

Nico:           E vabbuò, io me metto a leggere ‘o giurnale. Con permesso!

                    Dalla tasca interna della giacca estrae un quotidiano, si siede al tavolo, apre   

                    e legge molto da vicino. Gli altri lo osservano perplessi, poi riprendono la lite.

Fiamma:    Oscar, pe’ favore, te vuo’ càlmà?

Oscar:        E io so’ calmissimo! Mica aggio accìso a mugliérema?

Ombretta: E ce mancasse pure!

Oscar:        Ma pecché, che tiene ‘a dicere?

                    Si spazientisce Nico, smette di leggere, si alza in piedi e richiama gli altri.

Nico:           Néh, uhééé! Ma ch’educazione è chesta? Io stongo liggénno ‘o ggiurnale.

                    Jatevénne a v’appiccecà ‘int’’a cucina!

                    Gli altri, imbarazzati, non protestano. E vanno a destra parlando, silenziosi.

Oscar:        Comunque, Ombré, io aggia chiammà all’avvocato mio.

Ombretta: E io chiammo ‘o mio.

Fiamma:    Vabbuò, è cosa ‘e niente!

                   Una volta usciti, Nico si siede di nuovo a leggere il giornale (molto da vicino).

FINE ATTO PRIMO

Casa Paro, sei mesi dopo. C’è un festone sulla porta centrale con su scritto: “Benvenuto Ermenegildo” ed una coccarda azzurra sulla porta d’ingresso (a sinistra).

ATTO SECONDO

1. [Ombretta ed Emilia Romagna]

                   Ombretta è insieme ad Emilia Romagna, donna mal vestita e assai ignorante.

Ombretta: Piacere di conoscervi, io sono Ombretta Mascara, estetista e truccatrice.

Emilia:       Io mi chiamo Emilia Romagna. Ma io vi conosco, mi hanno detto di voi. Vuje

                    site chella che s’appìcceca cu’ ‘o marito!

Ombretta: Ma chi ve dice ‘sti ccose?

Emilia:       Se dice ‘o peccato ma no ‘o peccatore.

Ombretta: Mah! Vabbé, comunque, scusatemi un minuto. (Estrae un cellulare dalla tasca

                    dei pantaloni) Sto chiamando una persona, però non è raggiungibile.

Emilia:       E pruvate ‘n’ata vota. Io ve dongo ‘o permesso!

Ombretta: Grazie tante!

                   Ombretta telefona camminando intorno al tavolo. Emilia la segue tutto il tempo.

                   Pronto, Fiamma! Finalmente si’ raggiungibile. Allora, me vuo’ aiutà a organizzà

                   ‘a festa p’’a nascita ‘e Ermenegildo? Grazie, si’ ‘n’amica. Allora a dopo, cià.

                   Ombretta stacca il telefonino, si ferma, si volta e nota dietro di sé Emilia.

Emilia:       Scusate, ma pe’ parlà cu’ vuje, aggia cammenà ancora assaje? Io sono stanca!

Ombretta: Abbiate pazienza, scusate, ma dieci giorni fa sono diventata mamma.

Emilia:       Sì, sì, auguri. Ora ascoltatemi: dovete sapere che io sono sposata con un marito.

Ombretta: (Ironica) ‘O vero?

Emilia:       Sì. E sapete che lavoro fa? E’ metà-meccanico*!     (*Mima la parola  col gesto della mano)

Ombretta: Caso mai, è metalmeccanico.

Emilia:       Ma voi lo conoscete?

Ombretta: No.

Emilia:       E io ve veco accussì informata!

Ombretta: Va bene, ma andate avanti.

Emilia:       E v’aggio ditto che nun ce ‘a faccio a cammenà!

Ombretta: No, io dico andate avanti nel discorso.

Emilia:       Uh, scusate, ho capito male. Vi ho travasata! Dunque, stavamo parlando di

                   Pasquale, che è sempre mio marito. Lui conosce un dottore: un torino ingoiato.

Ombretta: Un otorino laringoiatra.

Emilia:       Lo conoscete pure voi?

Ombretta: No. Ma cercate di correre, per piacere.

Emilia:       ‘N’ata vota? Me fanne male ‘e ccosce.

Ombretta: (Comincia a spazientirsi) Ma io sto’ dicenno ch’ata parlà cchiù ambresso.

Emilia:       Certo. In pratica, io e Pasquale, grazie a questo torino ingoiato, conosciamo la

                    gente ricca di soldi. Così stiamo salendo l’alta società: tutti i cretini delle scale.

Ombretta: (Ironica) Che d’è, mò nun ve fanne male cchiù ‘e ccosce?!

Emilia:       Sì, però più tardi devo andare a una cerimonia, perciò voi dovete truccarmi. 

Ombretta: E vuje ate fatto tutto ‘stu riassunto pe’ me dicere chesto?

Emilia:       E certo, io songo ‘na femmena precisa. Aggia spiegà tutto cose.

Ombretta: Va bene, allora adesso andiamo nel mio bagno dove tengo tutto l’occorrente. 

Emilia:       Brava, mettetevi all’opera. E si me truccate buono, io aroppo ve pavo pure!

Ombretta: E se capisce che m’ata pavà! Mica ve trucco pe’ sfizio? Venite, jamme!

                   Escono a destra.

2. [Oscar e Eugenio. Poi Nico e Fiamma]

                   Da sinistra entrano Oscar ed Eugenio.

Oscar:       Ate capito, avvocà? Sei mesi fa ho saputo che mia moglie era incinta. E alla

                  fine, il bambino è nato dieci giorni fa. Verrà registrato col nome Ermenegildo.

Eugenio:   Ho capito tutto. E allora adesso volete che io proceda con le carte per il divorzio.

Oscar:       E cu’ chi aggia divorzià?

Eugenio:   Cu’ vostra moglie. Vulìsseve divorzià cu’ me?

Oscar:       Avvocà, ma vuje capite sempe tutto ‘o cuntrario? Chi vo’ divorzià cchiù? Chella

                   è storia vecchia.

Eugenio:   (Prende il block notes e la penna) E allora spiegatemi, io prendo nota.

Oscar:       Dunque, come ben sapete…

Eugenio:   Scusate se vi interrompo, ma dopo “dunque”, ci vuole la virgola?!

Oscar:       Ma che ne saccio? Io sto’ parlanno, e mentre parlo, comme faccio a vedé si ce

                   stanne ‘e punte ‘o ‘e vvirgole?! Mettìtece chello che vvulìte vuje!

Eugenio:   Andate avanti.

Oscar:       Dunque… sì, ccà ce vo’ ‘a virgola! Come ben sapete, il figlio di mia moglie non

                   è mio, perché lei non lo ha avuto con me. A proposito, avvocà, acqua in bocca.

Eugenio:   Ma scherzate? Io sono un uomo serio. Scusate, la vibrazione del mio cellulare. Oscar:       Fate, fate, rispondete.

Eugenio:   Pronto! Uhé, Giggì. Sto da un mio cliente. E’ alle prese con un figlio che però

                  non è suo, perché la moglie l’ha avuto con un altro uomo. Questo cliente si

                  chiama Oscar Paro. Hai capito bene? Oscar Paro. Allora ci vediamo più tardi.

                  Ciao. (Spegne il cellulare) Ecco qua, era un mio carissimo amico.

Oscar:       (Polemico) E chiammàtele ‘n’ata vota.

Eugenio:   E pecché?

Oscar:       (Polemico) V’ate scurdato ‘e ce dicere addò stongo ‘e casa!

Eugenio:   Avete ragione, scusate, ma mi sono lasciato prendere. Prego, continuate pure.

Oscar:       Come dicevo, ormai il bambino c’è, però manca il padre naturale. Così io avrei

                   pensato di riconoscerlo e di dargli il mio cognome. Voi che ne dite? Si può fare?

Eugenio:   E certo. Se nessuno l’ha riconosciuto, potete farlo voi che siete uomo d’onore.

Oscar:       Sì, ma chesta è ‘na surpresa che voglio fa’ a mia moglie. E essa nun l’ha da

                  scuprì! Perciò, speriamo che non vi incontrerà mai!

Eugenio:   Dite bene. Insomma, si è sistemato tutto per il meglio. Ora siete un uomo felice.

Oscar:       Felice? Avvocà, m’è succieso ‘n’atu guajo: ‘o tribunale ‘e Napule m’ha mannato

                  ‘na multa ‘e ‘nu milione ‘e Euro!

Eugenio:   Uh anema d’’a miseria! Forse avete ricevuto un accertamento della tributaria?

Oscar:       ‘A tribbutaria? Avvocà, ma allora è colpa ‘e mugliérema?

Eugenio:   Ma chi sta parlanno d’’a mugliera vosta? Io sto parlando della polizia tributaria,

                  che è un organo della Guardia di Finanza e combatte le evasioni fiscali.

Oscar:      (Capisce) Ah, la Guardia di finanz… le evasioni fiscal…! Chillu cretino ‘e Nico!

Eugenio:   E che ce azzecca Nico, mò?

Oscar:     Mi capisco io. Io, cchiù fesso ‘e isso, l’aggio stato pure a sentì. Secondo lui,

                 “tributaria” poteva essere un nome in codice, usato nella lettera anonima, per

                 mettermi in guardia da mia moglie, con cui ero ai ferri corti. E ora ho capito

                 perché ho avuto la multa: ho impedito al tenente Giò Cattolaio di controllarmi.

Eugenio: Ma pur volendo, io come posso posso difendervi da queste accuse?

Oscar:     Avvocà, c’è stato ‘nu sbaglio, pecché ‘ncoppa ‘a denuncia ce sta scritto: “signor

                 Oscar Paro, calzolaio”. E io mica faccio ‘o scarparo?!

Eugenio: Beh, possiamo contestare l’errore. Ma voi, coi vostri clienti, come vi comportate?

Oscar:     Ehm… volete sapere se rilascio fatture,  bolle e scontrini? Un giorno lo farò!

Eugenio: Mannaggia ‘a capa vosta! E se vogliono controllare veramente i vostri

                 documenti? Voi che gli mostrate? Fate così, cercate delle pezze d’appoggio.

Oscar:     Le pezze?

Eugenio: Esatto. Io intanto provo a rintracciare questo Giò Cattolaio. Forza, muoviamoci.

                 I due si alzano in piedi. Eugenio ha ancora raccomandazioni per Oscar.

                 E cercatemi le pezze d’appoggio. Quando torno, voglio vederle. Vi saluto.

Oscar:      Arrivederci.

                 Eugenio esce di casa. Oscar pare preoccupato.

                 Mannaggia, mò ce mancava sulo ‘a tribbutaria. Ma si acchiappo a Nico…! 

                 Arrivano Nico e Fiamma (in tailleur), con due pacchi di dolci a testa.

Nico:        Ecco Babbo Natale col catering!

                 I due posano tutto sul tavolo. Oscar accoglie molto male Nico.

Oscar:     Disgraziato, aroppo amma parlà ‘e ‘na certa “tribbutaria”!

Nico:       T’he’ appeccicato ‘n’ata vota cu’ mugliéreta?!

Oscar:     Lasse sta’ a Ombretta. Vabbuò, cagnamme discorso. Vedo che non sei solo.

Nico:       Ma quanno maje? Io stongo io sulo!

Fiamma: Nico, ce stongo pur’io! Cià, Oscar. Auguri, auguri, auguri!

Oscar:     Grazie!

Nico:       Uhé, Fiamma. E comm’è, si’ venuta appriesso a me?

Fiamma: E se capisce. Io ti ho aiutato a portare i dolci.

Oscar:     E che dolci sono?

Nico:       Ciambelle. Oscar, il resto del catering te lo regalo, ma queste però devi pagarle.

Oscar:     E certamente.

Nico:       Una però è in omaggio.

Oscar:     E’ pecché?

Nico:       E pecché è gghiuta ‘nterra ‘nmiezo ‘a via!

Oscar:     E tu ‘a miette ‘n’ata vota ‘int’’o cartoccio e m’’a puorte a me?

Nico:       E nun te prioccupà. Mica è detto che l’acchiappe e t’’a magne proprio tu?

Oscar:     Ma pecché, ce sta scritto ‘o nomme ‘a coppa?! Embé, tu me faje ascì pazzo!

Nico:       Vabbuò, Fiamma, damme ‘na mana a piglià ll’ata rrobba. Che ce sta ancora?

Fiamma: Antipasti, lasagna, arrosto di carne, formaggi a spicchi e la torta.

Oscar:     Ah, che bello! C’era da festeggiare il successo delle mie scarpe a reazione, però

                 quello è saltato. E così festeggeremo un’altra cosa. Possiamo parlarne da soli?

Nico:        Ho capito. Fiamma, avviati tu a prendere l’altra roba.

Fiamma: Néh, uhé, fa’ ambresso. Ce vedìmme aroppo, Oscar.

                 Appena Fiamma esce di casa, i due confabulano.

Nico:        E allora, ch’amma festeggià? E’ morta tua suocera?

Oscar:     Fosse ‘o Dio! No, no, festeggeremo l’arrivo del piccolo Ermenegildo. Io poi farò

                    una sorpresa a Ombretta: ho deciso di riconoscerlo e gli darò il mio cognome.

Nico:           E tu si’ proprio ‘nu mago.

Oscar:        Pecché?

Nico:           Te truove a ‘nu figlio, ma nun l’he’ fatto cu’ mugliéreta! E chi si’, Mandrake?!

Oscar:        E’ meglio che vaje a piglià ‘o riesto d’’a rrobba ‘a mangià!

Nico:           Oscar, ma io e te, oggie, nun ‘evema ì a piscà a Margellina?

Oscar:        No, mò è tarde.

Nico:           Ma pecché, a chest’ora, a Margellina, so’ fernute ‘e pisce?

Oscar:         Siente, oggie nun putimm’ì. A casa mia si festeggia.

Nico:           E vabbuò. Mò vaco e torno. Però, primma, aggia risolvere ‘na cosa: oggi tengo

                    certi mal di testa. M’aggia piglià n’auliva!  

Oscar:         Ma pecché, l’aulive fanne passà ‘e male ‘e capa?

Nico:           E certamente. ‘Int’’all’acqua.  

                    Esce di casa.

Oscar:         Vabbuò, mò famme pusà ‘nu mumento ‘sta rrobba. Ombretta nun l’ha da vedé,

                     o si no fernesce ‘a surpresa.

                    Prende due delle quattro confezioni di dolci ed esce al centro.

3. [Ombretta ed Emilia. Poi Andrea Oparente. Poi Oscar]

                   Da destra torna Ombretta.

Ombretta: Signora Emilia, qua fuori la luce è migliore. Venite, così vediamo il risultato!

                   Da destra esce Emilia, truccata. Pare un clown: labbra con rossetto sbavato,

                   ombretto bianco sugli occhi, rosso sfumato sulle guance. Ombretta pare pentita.

                   Oddio, forse aggio ‘ncasato troppo ‘a mana! Signora, posso fare tutto da capo?

Emilia:      Ma scherzate? Io mi fido di voi. Si vede che siete una professionista seria.

Ombretta: No, ma io dico…!

Emilia:      Non aggiungete altro. Ora il trucco ce l’ho. A proposito, vi piace il mio vestito?

Ombretta: E sì, l’ho notato. E’ tutto decorato. Ed è pieno di sottigliezze.

Emilia:      E secondo voi, io me metto ‘e ssottilette ‘ncuollo?!

Ombretta: Quali sottilette? Io aggio ditto “sottigliezze”, cioè ricami minuziosi. 

Emilia:      Uh, vi ho travasata un’altra volta!

Ombretta: Stongo addiventanno ‘na butteglia ‘e vino! Sentite, signora, scusate la curiosità,

                   ma a che tipo di cerimonia dovete andare di bello? A qualche inaugurazione?

Emilia:      No, aggia ì a ‘nu funerale. E’ muorto ‘n’amico d’’o torino ingoiato!

Ombretta: Embé, e vuje jate a ‘nu funerale accussì vestuta e accussì truccata?

Emilia:      E se capisce. Quello che è morto era un barone. E col mio vestito, ma soprattutto

                   col trucco che mi avete fatto voi, farò una grande figura! Vi devo 100 Euro?

Ombretta: (Guarda il viso di Emilia) Beh, 100 Euro? Non si potrebbe avere uno sconto?

Emilia:      Ma comme, jate truvanno vuje ‘o sconto ‘a me? 

Ombretta: Sentite, datemi 60 Euro e non se ne parli più. Ho il sospetto che dovrò ridarveli! 

Emilia:      Esagerata! (Prende i soldi dalla borsa e glieli da) Io songo ‘na signora dell’alta

                   società. A proposito, ma pe’ saglì ‘ncoppa all’alta società, ce vo’ ‘a Funicolare?!

Ombretta: (Non sa cosa rispondere) Ehm… veramente, non saprei.

Emilia:      E già, vuje appartenìte ‘a bassa società! Bene, allora, arrivederci! E grazie.

                  Emilia esce via felice. Emilia esce di casa. Ombretta pare dubbiosa.

                  Mamma mia, ch’aggio cumbinato?!

                    Va a destra. Dall’ingresso entra Andrea Oparente: ha una busta di spese che

                    posa a terra appena entra. Nell’altra mano ha un pacco in carta da imballo.

Andrea:      Bene, è qua. Ce n’è voluto per trovare questo calzolaio! Fora ‘a porta ce steva

                    scritto “Oscar Paro”. In napoletano! Che gente strana. E intanto, deve ripararmi

                    le suole di queste scarpe. E’ peccato si l’aggia ittà. Le tengo solo da vent’anni!

                    Dalla porta centrale torna Oscar, frettolosamente.

Oscar:        Famme piglià chill’ati dolce…!

Andrea:      Scusate!

Oscar:        Sì?

Andrea:      Site vuje ‘o scarparo?

Oscar:        Sì, songo Oscar Paro. Ve serve coccosa?  

Andrea:      Vulésse fa’ accuncià ‘nu poco ‘sti scarpe.

Oscar:        Ma so’ ‘e scarpe a reazione?

Andrea:      Nun ‘o ssaccio, io ‘e cchiammo scarpe e basta! Eccole qua. Le vedete?

Oscar:        (Nota il pacco) E comm’’e faccio a vedé? Mica tengo ‘a vista a raggi X?!

Andrea:     Praticamente, il problema sono le suole. Non riesco più a camminarci.

Oscar:        E allora non sono le suole, il problema. Voi avete provato a metterci la benzina?    

Andrea:     (Sorpreso) ‘A benzina? No!

Oscar:        Va bene, ci penso io. Allora ripassate quando volete voi e ve le riconsegno.

Andrea:     Grazie tante. Arrivederci.

                   Andrea esce di casa.

Oscar:       ‘Sti scarpe a reazione songhe ‘a morta mia!

                   Mette lo scatolo sotto braccio, poi prende le altre due confezioni di dolci sul

                   tavolo e torna al centro. Da destra, torna Ombretta. 

Ombretta: Tengo sempe che ffa’, io! Ma chi m’aiuta, a me?

                   Va al mobile e prende una tovaglia. Intanto dall’ingresso torna Andrea.

Andrea:     M’aggio scurdato ‘a busta d’’a spesa! (La prende accanto alla porta) Eccola.

Ombretta: (Lo nota) Prego.

Andrea:     Uh, scusate, signora…! (Poi, sorpreso) Tu?

Ombretta: (Sorpresa) Tu?

Andrea:     No, l’aggio ditto primma io, “tu”! Allora abiti qua. E ci abita pure tuo marito?

Ombretta: E se capisce, mica ‘o pozzo mannà ‘int’a ‘n’albergo?!

Andrea:     Brava, bravissima, tu si’ ‘a mugliera d’’o scarparo. Mi fa tanto piacere rivederti.

Ombretta: (Ogni tanto, si guarda intorno preoccupata) A me no.

Andrea:     E perché? Io sono una persona perbene: maresciallo Andrea Oparente della

                   Guardia di Finanza, sezione di polizia tributaria.

Ombretta: Nun me ne ‘mporta niente, chi si’ tu!

Andrea:     Ma come, dopo quello che c’è stato tra di noi. Hai dimenticato quella bella

                   serata sulla spiaggia di Mergellina?

Ombretta: Nun alluccà! Quella sera, dopo la solita lite con mio marito, scappai in quel Bar

                   e mi ubriacai. E lì ti conobbi. Quello che successe dopo, non me lo ricordo.

Andrea:     E rimarrà un nostro segreto finché vivremo. Mia moglie non deve sapere niente.

Ombretta: E nemmeno mio marito.

Andrea:     E intanto, abbiamo rischiato. Ma tu lo sai che potevi uscire pure incinta? A

                   quest’ora, ti ritrovavi un figlio con un uomo diverso da tuo marito! 

Ombretta: Stattu zitto e vatténne. Sparisci per sempre. Nun sia maje te vede Oscar!

                   Dalla porta centrale esce proprio Oscar.

Oscar:        Menu male, aggio fernuto.

Ombretta: (Fa finta di niente) Ah, ehm… ciao, Oscar, tutto bene?

Oscar:        Sì, non c’è male.

Ombretta: Bravo, me fa piacere.

                   Ed esce a destra, frettolosamente. Oscar la osserva sorpreso, poi nota Andrea.

Oscar:       Beh?

Andrea:    Che c’è?

Oscar:       Voi siete quello che poco fa mi ha portato ad aggiustare le scarpe?

Andrea:    Sì, sono io.

Oscar:       E che volete, ancora?

Andrea:    No, niente, volevo vedere se già me le avete aggiustate.

Oscar:       E chi so’, Flash?! Io vi avevo detto di tornare quando volete, ma non così presto.

Andrea:    Allora, vi saluto e vi ringrazio. Arrivederci.

                  Esce via di casa.

Oscar:       Mah!... Va bene, devo fare un po’ di spazio nel frigo. E stasera, saranno bagordi!

                  Esce a destra.

4. [Fiamma e il pediatra dott. Salvatore Sarraggia. Poi Ombretta]

                   Dall’ingresso entra Fiamma, chiamando Ombretta.

Fiamma:   Ombretta!

                   Da destra torna Ombretta.

Ombretta: Uhé, Fiamma.

Fiamma:    T’aggio purtato ‘o pediatra.

Ombretta: E addò sta?

Fiamma:    In questo momento sta mettendo il grattino nella sua macchina. Viene subito.

Ombretta: Sapìsse comme so’ cuntenta che pure tu si’ incinta!

Fiamma:    Già, di tre mesi. Mò Nico m’ha da spusà pe’ forza. Almeno spero!

Ombretta: Ma ancora nun se pronuncia?

Fiamma:    Ma che? Lassàmme sta’, va’. E Oscar che dice? Vuole riconoscere il bambino?

Ombretta: Non ne parla proprio. Secondo me non tiene intenzione. Mi sta tornando la

                   voglia di divorziare da lui.

Fiamma:    E per fare che? Il tuo bambino ha bisogno di un padre.

Ombretta: Tu dici? Ma lo sai chi è venuto poco fa qua dentro? Il mondo è proprio piccolo.

Fiamma:    Meno male che non è quello del Bar, il finanziere. Quello che tu ci hai fatto…   

Ombretta: (La interrompe) Lo so, lo so! E invece è proprio lui.

Fiamma:    (Sconvolto) Ma tu che staje dicénno?

Ombretta: E se io ti dicessi che forse Ermenegildo ha trovato suo padre naturale?

Fiamma:    (Sorpresa) Che? E’ isso? Ma… è assurdo!

Ombretta: Embé, si Oscar me fa sfastrià, me ne vaco cu’ Andrea.  

Fiamma:    Se ricominci a parlarmi di divorzio, me ne vado subito. A proposito, ma ‘stu

                    duttore quanto tiempo sta perdenno pe’ mettere ‘stu grattino?

                   Arriva proprio il pediatra, dottor Salvatore Sarraggia (con borsa).

Salvatore: E’ permesso?

Fiamma:    Ah, eccolo. Prego, pego, venite.

Salvatore: (Si avvicina a Fiamma) Scusate, ma è questo il posto? Siete sicura?

Fiamma:    E se capisce. Dottore, vi presento Ombretta.

Salvatore: E chi è?

Fiamma:   La mia amica.

Ombretta: Piacere, Ombretta Mascara.

Salvatore: Il piacere è tutto mio. Voi siete la mamma del bimbo che devo visitare?

Ombretta: Sì, sono la mamma di Ermenegildo.

Salvatore: Tanti auguri.

Ombretta: Grazie, anche a voi!

Salvatore: A me? Ma io non ho figli.

Ombretta: Peccato! Allora, vogliamo andare?

Salvatore: Ma certo.

Fiamma:   Un momento solo, dottore, prima voglio chiedervi una cosa: dopo aver visitato il

                   figlio della mia amica, potete visitare pure il mio?

Salvatore: E dove sta?

Fiamma:   Nascerà fra sei mesi!

Salvatore: E comm’’o faccio a visità, si ancora nun è nato?

Ombretta: Fiamma, ave raggione ‘o duttore! Allora, seguitemi, dottò.

Salvatore: Aspettate, ma vostro figlio c’è già, oppure anche questo non è ancora nato?!

Ombretta: No, no, questo è nato, questo è nato!

Salvatore: Bene, allora fatemi strada.

                   I tre escono a destra.

4. [Nico e poi Oscar]

                  Dalla porta d’ingresso (a sinistra) entra Nico. Ha due buste chiuse con su scritto

                 “Umido Organico”. Crede che dietro di lui ci sia Fiamma.

Nico:        Fiamma, ma comme si’ moscia! E comme si’ silenziosa, oggie! Guarda che belle

                 cose da mangiare abbiamo portato per i nostri Oscar e Ombretta. Sultanto, però,

                 comme fete ‘stu magnà! Pare quase comme si fosse munnezza! Chi sa pecché?

                 Da destra torna Oscar.

Oscar:      Nico!

Nico:        Uhé Oscar! Ecco la roba. La vuoi vedere?

Oscar:      No, no, nun me fa’ vedé niente. Ho fatto lo spazio in frigo. Fai una cosa, vai a

                 metterle tu. Però ti raccomando, non ti far vedere da Ombretta. Sta nella stanza da

                 letto col pediatra.

Nico:        Nun te prioccupà.Faccio ambresso, ambresso. 

                 Esce a destra.

Oscar:      Bene, stasera ci divertiremo proprio.

                 Squilla il suo cellulare e lui risponde.

                 Pronto, avvocà! Oh, grazie a nome di Ermenegildo! Ditemi tutto. (Si incupisce)

                 Ma vuje site sicuro? Nella polizia tributaria di Napoli non esiste nessuno che si

                 chiama Giò Cattolaio? E chi era chillo, allora? E nun alluccàte, lo so che non lo

                 sapete. Bene, fate ancora delle ricerche e poi ci aggiorniamo. Arrivederci.

                 Riaggancia. Pare dubbioso. Da destra torna Nico. Anch’egli dubbioso.

Nico:        Che strana cosa: in quel frigorifero non faceva per niente freddo. Mah! Uhé,

                 Oscar, staje ccà o te ne si’ gghiuto? 

Oscar:     No, no, sto qua. Siente, m’’issa fa’ ‘nu piacere. Tra poco viene il signor De

                 Profundis. Io ho un po’ di cose da fare. Dovresti riceverlo tu.

Nico:         No, pe’ pietà!

Oscar:       Ma che te costa?

Nico:         Nun ‘o voglio vedé! Stanotte me l’aggio sunnàto!

Oscar:       Ma stai tranquillo. Lui viene soltanto per ritirare un pacco. Dentro ci stanno i

                   ciucciotti di “Chicco brutto”!

Nico:         E allora?

Oscar:       Dovresti fargli pure la fattura. Ti raccomando, cerca di non sbagliare.

Nico:         Va bene, la fattura. E dopo?

Oscar:       Dopo, fuori al balcone ci sono buste di rifiuti organici. Buttamele via. Tutto qua.

Nico:         Va bene.

Oscar:       Adesso ti pago le ciambelle che mi hai portato. Quanto ti devo?

Nico:         Un prezzo di favore: quattro confezioni, solo 100 Euro!

Oscar:       Cient’Euro?

Nico:         Senza Iva.

Oscar:       E nun me l’he’ purtata?

Nico:         A chi?

Oscar:       A ‘sta Iva!

Nico:         Ma chi ‘a sape?

Oscar:       Va bene, lascia stare. Adesso vado a prendere alcune sedie di plastica giù nello

                  scantinato. Tu allora mi getti la spazzatura?

Nico:         Sì, sì. Però po’ basta. Tu m’he’ miso a faticà malamente proprio!

Oscar:       Va’, va’!

                  Nico esce a destra. Oscar, da solo, fa delle belle riflessioni su Nico.

                  Però che amico. Te lo trovi in tutto: ti porta da mangiare, ti butta la spazzatura, ti

                  accoglie i clienti quando tu sei impegnato altrove. Jamme a piglià ‘e sseggie, va’.

                  Esce via a sinistra.

5. [Nico, Fiamma, Ombretta e il dottor Sarraggia. Infine, Tristano]

                   Da destra, esce Nico, sigaretta in mano e quattro buste trasparenti di alimenti.

Nico:          Che strana cosa: dentro il bidone dei rifiuti organici fa un freddo tipo frigorifero.

                   Ma ‘a cosa ancora cchiù strana, è chesta: ‘sti rifiuti organici ténene ‘nu bellu

                   profumino! Potere della raccolta differenziata!

                   Nico esce di casa. Intanto, da destra, tornano Fiamma, Ombretta a Salvatore.

Salvatore: Cara signora, vostro figlio mi piace.

Ombretta: Uh, Giesù! E pecché nun v’’essa avutà piacé? Chillo è ‘nu criaturo.

Salvatore: Ma io intendo dire che mi piace, nel senso che sta bene. Il mio è gergo medico.

Fiamma:   Dottò, e mio figlio?

Salvatore: Fatelo prima nascere e poi lo visito.

Fiamma:   Non è per niente, ma è per far stare tranquillo il futuro papà che si chiama Nico.

                  Torna proprio Nico.

Nico:         Chi m’ha chiammato?

Fiamma:   Uh, eccolo qua.

Salvatore: Ah, lui è vostro marito? Piacere.

Nico:         Chi ha parlato?

Fiamma:   Il dottore.

Nico:         Ma pecché, ce sta ‘nu duttore?

Fiamma:    Sì, è un pediatra.

Nico:          Piacere, dottore, Nico Tina.

                   Tentano di scambiarsi una stretta di mano, ma non gli riesce. Nico taglia corto.

                   Va bene, facciamo finta che ci siamo stretti la mano! Dottore, fra sei mesi nasce

                   mio figlio. Vorrei avervi come suo pediatra. Posso sapere come vi chiamate?

Salvatore: Salvatore Sarraggia.

Nico:          Comme?

Salvatore: Salvatore Sarraggia.

Nico:          Nun aggio capito, si me dicìte ‘o nomme vuosto, ‘stu Salvatore s’arraggia?

Salvatore: Ma Salvatore sono io.

Nico:          E che ffacìte? Parlate in terza persona?

Ombretta: Ma si’ tu che nun capisce niente. Lui è il dottor Salvatore Sarraggia.

Nico:          E facìteve capì.

Ombretta: Dottore, allora posso stare tranquilla per il mio Ermenegildo?

Salvatore: Signora, è la quarta volta che me lo chiedete. Vi ho già detto di sì. E’ chiaro?

Ombretta: Sapete com’è, la cacca del mio bambino non mi piace molto!

Nico:          E pe’ forza! A chi piace?

Salvatore: Signora Ombretta, voi vi siete fissata con le feci del vostro bambino.

Ombretta: Dottò, ma voi avete mai fatto veramente la cacca?

Nico:          (Ironico) No, ha sempe fatto apposta!

Ombretta: Dottore, e della pipì di mio figlio, che mi dite?

Salvatore: Signora, adesso cominciate con la pipì di vostro figlio?

Ombretta: Dottore, ma voi avete mai fatto veramente la pipì?

Nico:          (Ironico) No, s’è sempe trattenuto! ‘O duttore tene ‘na vescica tanta! (La mima)

Salvatore: Care signore, non siate apprensive. Se no i vostri figli non crescono bene.

Ombretta: Va bene, allora già vi ho pagato, picciò ve ne putite pure ì!

Fiamma:   Arrivederci, dottore.

Salvatore: Arrivederci. Arrivederci anche a voi, signor Nico.

Nico:          A voi.                 

                   I due tentano ancora di stringersi la mano, ma non ci riescono.

Salvatore: (Ci rinuncia) Va bene, va bene così.

                   Ed esce di casa. Dopodiché, Fiamma e Ombretta si dedicano a Nico.

Ombretta: Meno male, va’. Il mio bambino sta bene.

Nico:          E già. Tra sei mesi tocca a noi.

Ombretta: Siente, Nico, ma tu quanno te decide a te spusà a Fiamma?

Nico:          E io ce ll’aggio promesso: tra cinque-sei anni fissiamo la data.

Le due:      Uuuffff!

                   E se ne vanno a destra. Nico fuma e parla alle due, credendo siano ancora lì.

                   Intanto dall’ingresso (a sinistra) Tristano entra in casa e gli si avvicina.

Nico:          Care mie, io non è che non mi voglio sposare. Facciamo così, quando mio figlio

                   diventa maggiorenne, faccio scegliere a lui. Ma che d’è? Ate perzo ‘a lengua?!

                   E che dovrei dire, io? Tra poco devo incontrare un certo Tristano De Profundis!

                   A proposito, mettetevi al riparo, quello lì porta sfortuna! Menu male ch’Oscar

                   tene astipate sempe ‘e curnicielle ‘int’’a credenza, ‘o ssale ‘int’’o mobile e ‘o

                   fierro ‘e cavallo ‘int’’a fioriera! Perciò, siamo coperti. (Sente un odore) E

                   comm’è? Sento ‘n’ addore ‘e crisantemo. Fiamma, Ombretta, fujìte, sta

                   arrivanno De Profundis!

Tristano: (Ironico) Toc toc!

Nico:        (Guarda verso la porta) Avanti, la porta è aperta.

Tristano: Sono già entrato. Allora, vi siete preparate le vostre cose?

Nico:        Quali?

Tristano: ‘O ssale, ‘e curnicielle e ‘o fierro ‘e cavallo!

Nico:        (Timoroso) Uh, Giesù, e vuje comm’’o ssapìte? Facìte ‘o veggente?

Tristano: Avete visto?

Nico:        Signor De Profundis, vi prego, non mi guardate con quell’occhio sinistro.

Tristano: No, io ve guardo pure cu’ ‘o destro!

Nico:        Ma quello è il mio amico Oscar che è scaramantico. Io non uso né corni, né ferri

                 di cavallo e né il sale. Al massimo, cocche rattata!

Tristano: Va bene, non perdiamo tempo. Il vostro amico Oscar mi deve dare un pacco.

Nico:        Sì, lo so. Adesso ve lo vado a prendere nel suo studio. Scusatemi un attimo.

                 Nico si sposta, però sbaglia lato e se ne va a sinistra. Tristano lo richiama.

Tristano: Addò jate? Lloco s’aésce ‘e casa!

Nico:        Ah, già. E allora adesso vado dalla parte giusta.

                 Nico però si avvia verso destra e Tristano lo ferma di nuovo.

Tristano: Addò jate? Lloco ce sta ‘a cucina e ‘a stanza ‘e lietto. Lo studio è al centro.

Nico:        Azz, v’ate ‘mparato ‘a casa ‘e Oscar a memoria! Comunque, grazie tante.

                 Nico prova ad andare nella porta centrale, ma sbatte sul muro a fianco. Ci prova

                 di nuovo, ma sbatte sull’altro muro. Allora si arrabbia.

                 Ma che miseria, hanne levato ‘a porta ‘a faccia ‘o muro?!

Tristano: (Si decide ad aiutarlo) Vabbuò, v’aiuto io.

                 Lo prende sottobraccio e lo indirizza alla parte giusta. Poi torna al centro.

                 Ma chisto, si nun me sbaglio, nun ce vede proprio!

                 Cosicché va al mobile, apre e prende il pacco col sale. Ne prende un po’ e se lo

                 getta alle spalle. Sente arrivare Nico e rimette tutto a posto, poi lo aspetta. Nico

                 arriva col pacco (ma in realtà sono le scarpe di Andrea Oparente!).

Nico:        Ecco il pacco.

Tristano: Ma siete sicuro che qua dentro ci stanno i ciucciotti di Chicco brutto? 

Nico:        (Ironico) No, ce stanne ‘nu paro ‘e scarpe! Ve sérvene?

Tristano: E non fate lo spiritoso. Datemi questo pacco. (Lo prende) Ora fatemi la bolla!

Nico:        Come?

Tristano: Fatemi la bolla.

Nico:        Qua?

Tristano: E certo. Presto, subito!

Nico:        E va bene. La bolla. (Dalla tasca estrae un barattolo e fa bolle di sapone)

Tristano: Ma che state facendo?

Nico:        Quello che mi avete chiesto voi.

Tristano: Ma io non voglio le bolle, voglio la bolla.

Nico:        Ah, ma ne volete una sola? Io non avevo capito! (Fa una sola bolla di sapone)

Tristano: (Si arrabbia) Sentite, sapìte che ve dico? Anatema su di voi!

                 Lo manda a quel paese con un gesto e poi esce via. Nico resta perplesso.

Scena Ultima. [Nico, Oscar e Fiamma. Poi Fiamma e Ombretta. Infine Eugenio ed Andrea]

                 Nico, offeso da Tristano, comincia a parlargli come se lui ci fosse ancora.

Nico:           Anatema a me? Anatema a me? Ma mò ve faccio ‘na faccia ‘e pacchere!

                    Tira schiaffi a Tristano ma fa solo aria con le mani. Entra da sinistra Oscar  

                    con quattro sedie bianche di plastica che posa a terra e osserva Nico.

                    Piglie chesto, e chesto, e chest’ato ancora!

Oscar:        Ma che d’è, chillo? Sta sciuscianno ‘e carbune sotto ‘a brace?

Nico:           (Si ferma) Mantenìteme, mantenìteme, o si no a chisto ‘o ‘ccido!

Oscar:        (Si guarda intorno) Ma a chi?

Nico:           ‘O cavalier De Profundis!

Oscar:        (Si guarda intorno) Ma ccà nun ce sta nisciuno!

Nico:           Uh anema, l’aggio disintegrato!

Oscar:        Ma no, forse se n’è fujuto.

Nico:           Meglio p’isso! Ma comme se permette? M’ha mannato ‘n’anatema.

Oscar:         E che vvo’ dicere?

Nico:           E io che ne saccio? Però nun se po’ mmaje sapé!

Oscar:         Aggie pacienza, famme sistimà ‘sti sseggie. (Comincia a sistemare le sedie al

                    muro) Famme sentì: hai sistemato la roba che hai portato tu in frigo?

Nico:           Missione compiuta!

Oscar:         Hai portato fuori al palazzo quelle buste di spazzatura?

Nico:           Missione compiuta 2!

Oscar:         Hai consegnato i ciucciotti a De Profundis?

Nico:           Missione compiuta 3! E l’aggio pure vattuto, quindi, missione compiuta 4!

Oscar:        Ma almeno gli hai dato la fattura?

Nico:          Nun l’ha vuluta! Invece d’’a fattura, m’ha cercato ‘a bolla.

Oscar:        E tu che he’ fatto?

Nico:          Chello che m’ha ditto isso. Guarda! (Prende le bolle dalla tasca, ne fa alcune) 

Oscar:       (Non sistema più le sedie e lo osserva) Cretino! Ma tu nun c’’iva fa’ ‘e bbolle.

Nico:          E infatte, aroppo, ce n’aggio fatta una sola, però manco l’è piaciuta!

Oscar:       Ma chillo nun vuléva ‘e bbolle ‘e sapone. Voleva la bolla d’accompagnamento.

Nico:          Uh, Marò! E nun m’’o pputeva dicere?

Oscar:       Speràmme che nun m’he’ fatto perdere ‘o cliente! (Si siede al tavolo, affranto)

Nico:          E nun è sultanto colpa mia. (Si siede al tavolo, estrae un quotidiano dalla

                   giacca. Poi, lo legge e commenta) Caro Oscar, è crisi nera.

Oscar:       Néh, ma che staje liggenno?

Nico:          Le borse europee. Questo è il Sole 24 ore!

Oscar:       Veramente, chillo è ‘o Corriere d’’o Sport!

Nico:         ‘O vero? E ccà ce stanne tutte ‘sti nummere!

                   Oscar si abbandona, rassegnato. Da destra tornano Fiamma ed Ombretta.

Fiamma:   Mò che torna Oscar, ce ll’aggia dicere proprio.

Ombretta: E che ce vuo’ dicere? Io ho chiamato l’avvocato Della Lampada. Ci parlerà lui.

Fiamma:   Brava, accussì facìte subito ‘stu divorzio, punto e basta!

Ombretta: (Nota Oscar) Ah, sta assettato a tavola. Si ce vuo’ parlà, buon divertimento.

Fiamma:   E se capisce che voglio. (Va da lui) Oscar, t’aggia parlà.

Oscar:       Che te serve?

Fiamma:   Ma sta bene a ffa’ chello che staje facénno tu?

Oscar:       E che sto’ facenno?

Fiamma:   Te n’accuorge mò che vene l’avvocato Della Lampada.

Oscar:       E ‘o ssaccio, chillo ha da venì. Ci siamo messi d’accordo per telefono.  

Fiamma:   Aspiette ‘nu mumento, ma allora già te l’ha ditto?

Oscar:       Mi ha accennato qualcosa. Per me va bene. In questo momento sta cercando a

                   quel bastardo che è sparito. Ma appena lo porta qua, primma ‘o vatto, accussì

                   se ‘mpara a dicere ch’è d’’a tribbutaria. E deve riconoscere il proprio errore. 

Fiamma:   Oddio! (Corre a confabulare con Ombretta) Ombré, he’ ‘ntiso? L’avvocato ha

                   truvato a Andrea e mò ‘o porta ccà. E Oscar ‘o vo’ vattere, pecché fa parte d’’a

                   tribbutaria. E vuole anche fargli riconoscere il proprio errore, cioè il figlio suo!

Ombretta: Allora picciò Oscar è accussì cuntento: ‘int’a ‘na sola botta, se leva ‘a tuorno a

                   me, a mio figlio e pure ‘o pato originale! Mò ce penz’io!

Fiamma:   Ma mica ‘o vuo’ fa’ male?

Ombretta: No, p’’o mumento no! E mò famme passà. (Va da Oscar) Néh, faccia ‘e scemo!

Oscar:       (Si guarda intorno) Ma staje parlanno cu’ me?

Ombretta: No, cu’ Oscar Paro. Sappi che quando le nostre vite si divideranno, ti cancellerò

                   per sempre. Tu, senza ‘e me, nun si’ nisciuno!

Oscar:       (Si alza in piedi, stupito) Ma… nun te capisco.

Ombretta: Io vulévo festeggià ‘o juorno cchiù bello d’’a vita mia, e tu m’’o vuo’ arruvinà.

Oscar:        Ah, aggio capito. Tu vuo’ festeggià? E va bene, anticipiamo il tutto. Nico,

                    jamme ‘int’’o studio mio a accumminciàmme a piglià ‘a rrobba!

Nico:           Ho capito. Non vedo l’ora. Fiamma, Ombretta, aspettate qua. Torniamo subito.

                    I due se ne vanno nella stanza centrale. Fiamma e Ombretta restano sorprese.

Fiamma:    Ma che vonno fa’?

Ombretta: Tu me cride si te dico ca nun ‘o ssaccio? Speriamo che l’avvocato lo sappia lui!

                   Dall’ingresso (a sinistra) entrano Eugenio ed Andrea.

Eugenio:    Prego, prego, tenente, entrate pure.

Andrea:     Grazie.

Ombretta: (Sconvolta, fa notare Andrea a Fiamma) Oddio, Andrea!

Fiamma:    (Sconvolta anche lei) Mò vene ‘a mmuina!

Eugenio:    Scusate, signore carissime, buongiorno.

Le due:      (Tremanti) Bu-buon… giorno!

Eugenio:    Voi vi domanderete chi è lui.

Andrea:     Ma loro già lo sanno. Le conosco di vista. Specialmente la signora Ombretta!

Ombretta: No, mettiamo in puntini sulle “i”: se ci siamo visti, è stato proprio di sfuggita!

Eugenio:    A proposito, ma il signor Oscar non c’è?

Ombretta: No, perciò ripassate l’anno prossimo!

Eugenio:    Peccato! Io avevo portato il tenente Oparente per parlare con lui. Ma se proprio

                   non c’è, signora, cominciamo a parlare almeno del vostro fatto.

Ombretta: Quale fatto? Io non mi ricordo!

Eugenio:    Ma come? Il fatto che voi volete divorz…

Fiamma:    (Interrompe) Ehm… che bella camicia tutta macchiata che tenete! E’ nuova?

Eugenio:    No, ‘a tengo ‘a vint’anne! Signora Ombretta, dicevamo che voi volete divorz…

Fiamma:    (Interrompe) Ehm… ma che bel pantalone tutto sporco che tenete! E’ nuovo?

Eugenio:    No, l’aggio accattato ‘nzieme ‘a cammisa! Dunque, signora Ombretta, allora voi

                    volete divorz…

Fiamma:    (Interrompe) Ehm… ma che belle scarp…!

Eugenio:    (Stufo) E basta! Tengo tutto cose ‘a vint’anne! Vabbuò? E ora fatemi lavorare!

Ombretta: Sentite, avvocato, ma io non ho più bisogno di voi.

Andrea:     Va bene, avvocato, ma se le non occorrete più, non insistete.

Eugenio:    E allora so’ venuto pe’ senza niente? Voi dovevate parlare col signor Oscar.

Andrea:     E nun fa niente. Turnàmme ‘n’atu juorno. Tanto, lui doveva aggiustarmi pure

                   certe scarpe. Allora, arrivederci, care signore.

Eugenio:    E va bene. Arrivederci.

                    I due stanno per andare via, ma si fermano quasi all’uscita perché si sente

                   dalla porta centrale Oscar con Nico (col cibo portato prima e le ciambelle).

Oscar:       (Festante) Ecco la sorpresaaa!

Nico:          Questa è tutta roba da mangiare: dal dolce al salato.

Oscar:        E si sapìsseve chello che ce sta ‘int’’o frigorifero, po’!

Nico:          E pecché ce l’he’ ditto? Chello che sta ‘int’’o frigorifero è proprio ‘o mmeglio!

Ombretta: (Sorpresa) Ma… a che serve tutta ‘sta rrobba?

Oscar:        Pe’ festeggià! Ho deciso di riconoscere tuo figlio e di dargli il mio cognome!

Ombretta: Uh, Giesù! (Si siede, sconvolta)

Fiamma:    Uh, Maronna! (Si siede perché anche lei sconvolta)

Nico:          Ma… ch’è stato? Se n’hanne jute, chelli ddoje?

Oscar:        No, stanne ccà. L’amme proprio scioccate! (Poi nota Eugenio ed Andrea) Uh,

                    ma ce sta pure l’avvocato. E ce sta pure chillu signore d’’e scarpe a reazione.

Eugenio:    Ma allora voi ci state, signor Oscar.

Oscar:        E pecché nun c’’essa sta’?

Eugenio:    No, niente, forse abbiamo capito male. Volete che ripassiamo un altro giorno?

Oscar:        E perché? Oggi è festa. Voglio che rimanete pure voi due a festeggiare con noi.

Eugenio:    A proposito, voglio presentarvi la persona che è con me.

Oscar:        Sì, lo conosco di vista, ma non so il suo nome.

Andrea:     Andrea Oparente.

Oscar:        ‘O parente? Ma ‘o parente ‘e chi?

Andrea:     Andrea.

Oscar:        Cioè, aspettate, voi vi chiamate Andrea e siete parente di un altro Andrea?

Andrea:     Ma no, io sto parlando di me.

Nico:          Oscar, nun he’ capito niente. ‘Stu signor Andrea è parente a sé stesso!

Oscar:        Ma nun esiste ‘na cosa ‘e chesta!

Eugenio:    Sentite, tagliamo a corto. Lui fa parte della tributaria.

Oscar:        ‘N’ato?

Eugenio:    State tranquillo, lui sa tutto. Quel tale Giò Cattolaio non esiste. In giro ci sta una

                    banda di truffatori che si spaccia per la tributaria. Quei balordi prendono i soldi

                    e spariscono. Ma per fortuna, con voi, il gioco non è riuscito. Siete stato furbo!

Oscar:        Scusate, ma allora anche la multa che ho ricevuto è falsa?

Andrea:      E si capisce. Ma pecché, overamente è venuto addù vuje ‘a Guardia ‘e Finanza?

Oscar:        Pe’ carità!

Andrea:      L’importante è che rilasciate sempre fatture, bolle d’accompagnamento e

                    scontrini ai vostri clienti. Del resto si vede, siete un ottimo calzolaio!  

Eugenio:     Calzolaio? Ma ch’ate capito? Chillo nun fa ‘o scarparo. Si chiama Oscar Paro!

Andrea:      Ma allora voi vi chiamate Oscar di nome e Paro di cognome. ‘E che sbaglio!

Eugenio:     Signor Oscar, per soddisfazione, fategli vedere i vostri documenti. Capite a me!

Oscar:         Aggio capito: le pezze d’appoggio. M’’o vveco io!

                    Corre al mobile e prende degli stracci. Poi torna da Eugenio ed Andrea.

                    Eccomi qua.

Eugenio:     E cheste che sso’?

Oscar:        ‘E ppezze d’appoggio!

Eugenio:    Ehm… no, no… (Gli prende gli stracci di mano, li nasconde dietro la schiena)

Andrea:     Non capisco. Comunque, lasciate stare. Rilassatevi e non pensate a nulla. Da

                   quel che ho sentito, siete diventato pure padre.

Oascar:      E già. Da dieci giorni, sono fresco padre!

Andrea:     E allora vi raccomando, crescete bene quel bambino.

Oscar:        E certo. Si chiama Ermenegildo Paro? Lo volete vedere?

Ombretta: (Si alza e corre da Oscar) Ehm… ma che vedere? Il pupo ora dorme. (Poi va da

                    Andrea) Tenente, io ho capito tutto. E voglio dirvi grazie di questo nobile gesto.

Andrea:     Signora, abbiate cura di voi e della vostra famiglia. Auguri per tutta la vita.

Ombretta: Addio!

                    Andrea va via. Gli altri presenti si abbandonano a gesti di gioia.

Oscar:        Marò, comme so’ felice.

Ombretta: E pur’io.

Fiamma:    E pur’io.

Nico:          E io cchiù assaje ‘e vuje, picciò m’appiccio ‘na sigaretta! (Così fa)

Oscar:        Avvocà, e vuje nun site felice?

Eugenio:    Grazie mille!

Oscar:        Prego cinquecento!

Eugenio:    E che vvo’ dicere?

Oscar:        Che ‘sta vota ve dongo sulo cinquecento Euro!

Eugenio:    (Entusiasta) Vabbuò, allora so’ felice ‘o stesso pur’io!

                   Gli altri lo applaudono. Ma, dall’ingresso, entra Emilia (ancora col viso

                   truccato da Ombretta). Si ferma dietro Oscar che si vola e la osserva. Poi si

                   rivolge a Nico, Fiamma e Ombretta.

                   Néh, ma pe’ caso in città è arrivato ‘o circo?

Fiamma:   No. Pecché?

Oscar:       (Indica Emilia) Ccà ce sta ‘na specie ‘e pagliaccio!

Emilia:      Pagliaccio a me? Ma ‘a faccia vosta nun l’ate maje vista?!

Oscar:       Signò, nuje tenìmme che ffa’. Amma festeggià! Dicìteme che vvulìte.

Emilia:      M’aggia appiccecà cu’ ‘a signora Ombretta Mascara.

Oscar:       Ma pecché, chi site?

Emilia:      Emilia Romagna.

Oscar:       E vuje venite ‘a ll’Emilia Romagna fino e ccà pe’ v’appiccecà cu’ muglierema?

Emilia:      Ah, vuje site ‘o marito? E se vede!

Ombretta: Signora Emilia, ma ch’è stato? Comm’è gghiuto ‘o funerale?

Emilia:      ‘Nu disastro. Appena i ricconi e le riccone presenti mi hanno vista così truccata,

                   s’hanne mise a rirere! E vulite sapé qual è ‘a conseguenza? Mò nun pozzo trasì

                   cchiù ‘int’all’alta società. E mio marito m’ha pure vattuto. Mi avete rovinata!

Fiamma:    Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Emilia:      Signò, stàteve zitta, vuje! Ma chi site?

Fiamma:    E dàteve ‘na calmata. Songo ‘n’amica ‘e Ombretta.

Emilia:       E dicìtece all’amica vosta che nun sape truccà.

Ombretta: Ma come ve permettìte? Si nun ve ne jate, ve metto ‘e mmane ‘ncuollo!

Nico:          Signore, signore belle, ma perché tutto quest’odio? Oggi ci sta una bella festa.

                   Signò, ma che ve ne ‘mporta ch’Ombretta v’ha ‘nguacchiato ‘a faccia? Tanto,

                   vuje site brutta ‘o stesso!

Emilia:    E con ciò?

Nico:        Divertitevi e mangiate insieme a noi.

Oscar:     Ma sì, ave raggione Nico. 

Emilia:    E allora a chi stamme aspettanno?

Nico:        Forza, andiamo in cucina e prendiamo dal frigo le cose buone che ho portato io.  

                 Vanno tutti in cucina, a destra, festosi. Ma poi si sente Oscar inveire contro Nico.

Oscar:     Disgraziatone!  

                 Tornano Nico, che corre a centro stanza, e Oscar, irato, trattenuto dagli altri.

                 M’he’ miso ‘a munnezza ‘int’’o frigorifero! Te l’aggia fa’ magnà tutta quanta!

Nico:        ‘Nu mumento, ma allora si aggio miso ‘a munnezza ‘int’o frigorifero, quala

                 munnezza aggio ittato?

Oscar:     (Realizza) He’ itttao ‘o magnà buono!

Fiamma: Vabbuò, ja’, è cosa ‘e niente!

Oscar:     E’ cosa ‘e niente? Ma tu overamente te vuo’ spusà cu’ chisto?

Fiamma: E certo, chillo è sulo ‘nu poco miope. Ma quanno ce spusàmme, ‘o porto ‘a ‘nu

                 bravu oculista. E poi ci sarà pure nostro figlio. Nico, è ‘o vero che tu me spuse?

Nico:        Beh, veramente… no, Fiamma, io nun te sposo. Devo confessarti che da un paio

                 di mesi sono cambiato. Adesso frequento un’altra persona.

Fiamma: (Sconvolta) Che? Hai un’altra donna?

Eugenio: (Con voce gay) No, tene a me!

Nico:       (Con voce gay) He’, visto? Ce ll’aggio ditto!

Eugenio: (Voce gay) E ce he’ miso tutto ‘stu tiempo? Néh, “Nicotina”, jamme ‘a casa toja!

Nico:       (Voce gay) No, jamme addù te. ‘O lietto tuojo è cchiù tuosto d’’o mio!

Eugenio: (Voce gay) Marò, ma quanta vizie, tiene! E mò famme salutà. Signori, un saluto!

Nico:       (Voce gay) Ombré, dà ‘nu bacio a Ermenegildo d’’a parta mia! Ciao a tutti: cià

                 Fiamma, cià Ombretta, cià Oscar! Inzomma, cià!

Eugenio: (Voce gay) Damme ‘a mana, “Nicotina”!

                 I due escono mano nella mano, sotto lo sguardo sconvolto degli altri presenti.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno