Cincu fimmini e un tarì

Stampa questo copione

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO GIAMBRONE

 “Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

“ CINCU FIMMINI E UN TARI’”

Commedia brillante in tre atti di

PINO GIAMBRONE

Personaggi:

ØZu TATANU ZARBU

ØDonna ADELINA BARONE, sua moglie

ØAGNESINA

ØCATARINA

ØRUSINEDDA

ØASSUNTINA

ØBaruni PAULU TRUPIA

ØVICIA NACA, sua moglie

ØPEPEDDU

ØCALIDDU

ØALFIU SANTAITA u Catanisi

ØSARINA FAZIA ‘ntisa Chioppi e scampà

ØNINUZZU

Tutti i diritti riservati — Iscrizione alla S.I.A.E. —Direzione Generale ROMA —Sezione D.O.R.—Per la rappresentazione, versione in dialetto, in lingua italiana, straniera e varia utilizzazione di brani e riduzione cinematografica, rivolgersi alla S.I.A.E. —Direzione Generale ROMA o all’autore, via Roma n. 22— 93010 Campofranco (CL) tel. 0934/959412.—3385995676

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

ATTO PRIMO

LA SCENA

Comune a destra dello spettatore con porta che da diret­tamente all'esterno. Porta a sinistra che si accede in una altra stanza. Al centro della scena un letto matrimoniale, ben visi­bile allo spettatore. Ai piedi del letto trova posto una cassapanca, a destra un lavabo in ferrobattuto con asciugamani.Tavolo al centro della scena. Sedie sparse. Sulla sinistra trova pos­to un grosso “cantaranu” e su di esso un lume a petrolio acceso. Sulla parete di fondo un grosso tabellone con la scritta “Rota di Palermu” e i cinque numeri al lotto della settimana.Quadri e foto di antenati. Sul lato sinistro del letto una finestra. Il fatto ha’ ‘luogo in un piccolo paese dell’entroterra siciliano alla fine degli anni quaranta.

SCENA PRIMA

Zu Tatanu e Ninuzzu.

 

( U zu Tatanu di anni 55è un procacciatore d’affari. Smorfia i numeri al lotto. Si reca spesso a Paler­mo, dietro incarico della gente, ricevendo commissioni per l’acquisto di oggetti di qualsiasi natu­ra e per le giocate al lotto. E’ seduto vicino al tavolo e sta controllando i ritardi dei numeri nelle diverse ruote.)

Tatanu             —Lu 23 avi 32 simani ca nun nesci ni’ ‘la rota di Palermu. Lu 17 avi 25 simani ca nun nesci ni’ ‘la rota di Napoli. (bussano alla porta è Ninuzzu, Tatanu va ad aprire.)

Ninuzzu          —(bambino di cinque anni figlio di un assiduo giocatore al lotto.)

Sabbenedica zu Tatanu!

Tatanu             — Santu figliu, chi vua?

Ninuzzu          —Ma patri mi mannà ni vossia pi ‘na jucata!

Tatanu             —Forza Ninuzzu dunami ‘sti nummari. (si siede vi­cino al tavolo piglia carta e matita e va per scrivere.)

Ninuzzu          —No, nun mi ni detti nummari!

Tatanu             —E allura chi à ghiucari?

Ninuzzu          —Ma patri mi dissi: Va ni’ ‘lu zu Tatanu e ti fa smurfiari ‘stu suonnu. Si truvava dintra ‘na stanza ca gridava, sintiva vuciati pua niscì fori ‘ncuntrà a vossia e ci detti ‘na vasata. (mentre parla si dimena tutto in quanto gli viene di fare pipì)

Tatanu             —Ja ci detti ‘na vasata?

Ninuzzu          —(sempre dimenandosi) No ma patri a vossia.

Tatanu             —(facendo scongiuri e toccando ferro) Belli notizij mi purtasti, aspetta ca vaju a pigliu lu libru.(esce dalla sinistra.)

Ninuzzu          —(rimasto solo non può più resistere, deve fare pipì. Stringendo le gambe.)

Nun ci la fazzu cchiù! Nun ci la fazzu cchiù! Unni la fazzu? (in un angolo sotto la finestra vede una pianta di basilico e va a fare la pipì) La fici, la fici..ah ..la fici.(si ricompone e subito dopo entra Tatanu col libro.)

Tatanu             —(aprendo il libro) Grida sta pi 19, vuciata sta pi 82, vasata all’amicu (fa scongiuri) sta pi 4. Allura lu tiernu è 19, 82, e 4!

Ninuzzu          —No quaterna!

Tatanu             ---E quali è l’antru nummaru?

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Ninuzzu          —Mi dicissi zu Tatanu, curnutu pi quali nummaru stà?

Tatanu             ---Pirchì curnutu?

Ninuzzu          —Pirchì ma matri mi dici sempri: va ni’‘la putia di vinu unni è ddu gran curnutu di to patri e lu chiami, e allura...

Tatanu             —(ridendo) Ninuzzu, spertu si! Troppu spertu! Allura curnutu sta pi 49. Allura pozzu scriviri ‘sta quaterna? 19, 82, 4 e 49 ? (Ninuzzu annuisce con la testa) Pi la rota di Palermu? (Ninuzzu annuisce) Li sordi li purtasti? (Ninuzzu annuisce). Dunamilli. (annuisce sempre con la testa). Chi si ‘ncantà lu discu? Mi li du ‘sti sordi?

Ninuzzu          —(mette la mano in tasca ed esce un fazzoletto annodato, lo scioglie e tira fuori un sordo.) Ca cc’è un sordu!

Tatanu             —Un sordu?

Ninuzzu          ---Chiffà nun bastanu?

Tatanu             ---No!

Ninuzzu          —Ccà cci n’è n’antru.(tira fuori un altro soldo)

Tatanu             —Ancora picca sunnu! Quanti ti detti to patri?

Ninuzzu          —Trì sordi!

Tatanu             ---Quantu?

Ninuzzu          ---Quattru sordi!

Tatanu             ---Quantu?

Ninuzzu          —(esitando) Cincu!

Tatanu             —Unu pi la cummissioni sei! Dunamilli.(Ninuzzu piglia tutti i soldi e glieli consegna. Tatanu riempie un foglio come ricevuta e lo consegna a Ninuzzu.) Teccà la ricivuta, portala a to patri!

Ninuzzu          —Grazie zu Tatanu, sabbenedica! (va per uscire ed incontra Adelina.)

SCENA SECONDA

Detti, Adelina, Agnesina, Catarina, Rusinedda e Assuntina.

Adelina           —(pigliando in braccio a Ninuzzu) Ninu, Ninuzzu quantu si bieddu! (gli da un bacio) Vatinni salutami a to matri. (gli da una pacca sul sedere. Ninuzzu esce. Al marito.) Chi ha cu ssà fungia? Chi ti successi? Ti murieru li vacchi?

Agnesina         —Papà chi avi?

Catarina          —Chi si sienti mali?

Rusinedda      —Papà parlassi

Assuntina        —Papà la dicissi cocchi cosa!

Tatanu             —Sugnu muortu cara muglieri!

Adelina           —Quannu arriva l’ura è troppu tardi! Vidiemmu chi successi?

Tatanu             —Ninuzzu mi purta ‘na bella notizia!

Adelina           —Quali?

Tatanu             —So patri Carmelu si sunnà ca mi detti ‘na vasata!

Adelina           —E allura?

Tatanu             —Lu sai chi significa quannu unu si sonna ca duna ‘na vasata all’antru?

Adelina           —No, chi significa?

Tatanu             —‘Na vita ca sta cu mia ancora nun t’ha ‘mparatu nenti!

Adelina           —Haju avutu antri cosi a chi pinzari! Allura?

Tatanu             —(fa segno con le dita di morte)

Adelina           —Cu? (fa segno anche lei con le dita)

Tatanu             — (ripete il segno con le dita e poi indicando se stesso ) Ja!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Ah mi pariva!

Tatanu             —Ti pariva cu?

Adelina           —No dicu mi pariva...Po essiri..

Tatanu             — Po essiri chi?

Adelina           —C’è Alfiu Santaita u Catanisi ca ni voli cuntu e ragiuni di’ ‘lu pirchì nun ci jucasti lu tiernu. Ma poi dicu ja, fra tanti jucati chi isti a fari a Palermu propriamenti.. chidda di Alfiu u Catanisi nun facisti? Ca cu la furtuna chi ti ritruvasti, ieru a nesciri tutti trì nummari ni’ ‘la rota di Palermu! Ma santu cristianu cuomu facisti a scurdaritillu?

Tatanu             —Mi sirvivanu cincu liri p’accattari 'sti linzola a’ ‘li to figli. Eccu pirchì mi lu scurdavu e nun fici la jucata di Alfiu u Catanisi!

Adelina           —E chiddu ora voli sodisfazione. Voli li sordi di’ ‘la vincita di’ ‘la jucata o t’ammazza!

Tatanu             —Quattrucientu liri? E unni li truovu tutti 'sti sordi? Mancu si mi vinnu 'sta casa.

Adelina           —E chiddu t’ammazza!

Agnesina            —Dai mamà su vuci ca circulanu! Vossia lu sapi cuomu sunnu li genti ‘na cosa tanta, (fa il gesto con le mani) la fannu addivintari tanta.

Adelina           —O tanta (anche lei fa il gesto) o tanta, fattu sta ca to patri nun ci fici la jucata a Alfiu u Catanisi e chiddu è ‘na furia di ‘mpiernu. Dicica sta viniennu a pedi di’ ‘lu so paisi!

Catarina           —Dai papà stassi tranquillu.Vossia lu sapi cuomu è la mamma! Senti diri ‘na parola e chidda ci fa un romanzu!

Adelina           —Si, u romanzu! Chi nummaru è?

Tatanu                 —Chi?

Adelina           —Dicu, chi nummaru è “vasata a n’amicu”?

Tatanu                 —Ah, quattru!

Adelina           —Puorcu?

Tatanu                 ---Cu?

Adelina           —Tu! Lu nummaru quattru nun sta pi puorcu?

Tatanu                 —Cu ti lu dissi a tia?

Adelina           —Cuomu cu mi lu dissi! Ma nanna!

Tatanu                 —To nanna?

Adelina           —Si, ma nanna! Quannu jucava a la tombola e nisciva lu quattru diciva sempri puorcu!

Tatanu                 ---To nannu!

Adelina           —No ma nanna!

Tatanu                 —No, puorcu to nannu!

Adelina           —E chi c’entra ma nannu?

Tatanu             —Pirchì to nannu quannu jucava a la tombola cu to nanna, cu ‘na manu signava li nnummari e cu l’antra...

Adelina           —….E cu l’antra?

Tatanu                 —L’allungava sutta lu tavulu...

Adelina           —(dando una pacca sulle spalle) Puorcu!

Tatanu                 —Vidi! Tali matri tali figlia tali niputi.

Agnesina            —Papà taliassi chi n’accattammu pi doti! (apre il pacco ed esce fuori un lenzuolo di tela.)

Catarina          —(altrettando fa lei) Taliassi che bellu, papà.

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Tatanu             — (guardando la moglie) Cu li sordi di Alfiu! Ma dicu ja, vaju e viegnu di Palermu, fazzu cummissioni a’ ‘li genti. Puortu la qualsiasi e tu v’accatti la roba ni’ ‘lu zi Pasquali Ninchi Nanchi

Rusinedda         —Papà, la curpa è mia! Vitti esposta a la putia ‘sta stoffa e mi piaci la qualità. Piaci a mia e a tutti li ma suoru.

Tatanu             —(sorridendo piglia un lenzuolo e lo indossa coprendosi tutto) Sugnu lu spirdu! (apre le brac­cia e le muove a modo d’ali). Sugnu lu spirdu di’ ‘lu zi Pasquali Ninchi Nanchi ca si futtì li sordi chiddi mia e chiddi di uantri!

Assuntina        —(presa dalla paura toglie il lenzuolo dalle mani del padre e tutta tremante) Papà, papà cu 'sti cosi nun si scherza. A’ ‘lu zi Cicciu lu scarparieddu, l’antra notti ci spuntaru li spirda di dintra l’armadiu, e a’ ‘lu mischinu ci vinni l’infartu!

Tatanu             —(ricomponendosi e manifestando paura) Chi ci spuntaru li spirda di dintra l’armadiu!

Adelina           —Deci, deci spirda di dintra l’armadiu

Catarina          —Ma quali deci; quattru, quattru spirda ci spuntaru di dintra l’armadiu, mentri iddu durmiva.

Agnesina         —Ma quali quattru, eranu du, du spirda. A mia mi lu dissi la niputi ca ni vittimu a’ ‘lu furnu a fari lu pani. Mi dissi ca mentri lu zi Cicciu era curcatu vitti nesciri di dintra l’armadiu du spirda e accuminciaru a vulari dintra la stanza, e si ‘nni ieru a pusari a’ ‘li piedi di’ ‘lu liettu!

Adelina           —(manifestando paura) Bedda matri e pua?

Rusinedda       —Pua lu zi Cicciu quannu capì ca si trattavanu di spirda ci vinni n’assintuomu e lu purtaru a’ ‘lu spitali!

Tatanu             —E pua?

Rusinedda       —E pua chi?

Tatanu             —Dicu, pua li spirda chi ficiru?

Assuntina        —Sparieru!

Tatanu             —Nun ci cridu! Nenti nun ci cridu!

Adelina           —Ja mancu ci cridu...ma mi scantu! Certu si vidissi du cosi chi vulassiru ni’ ‘la stanza nun sapissi cuomu avissi reagiri!

Assuntina        —Lu sapiti chi s’ava fari pi falli spariri?

Tatanu             —Chi?

Catarina          —Li spirda! S'anna battiri li mani, cchiù forti si battinu cchiù prima si nni vannu.

Rusinedda       —No, bisogna assecondarli! Pirchì iddi si vidinu scalcolati e si nni vannu.

Tatanu             —Basta! Finiemmula cu ‘sti cosi! Lu zi Cicciu si piglià su scantu, morti sua vita mia. Forza carusi livati ‘sti stoffi di ‘mmiezzu e mittitili ni’ ‘la cascia ‘nzemmula cu l’antri robi di’ ‘la doti.Tutti cosi aviti siti pronti pi maritarivi, vi manca sulu lu maritu! (Agnesina si mette a pian­gere) Agnesì chi ha lu papà? Chi ti successi?

Adelina           —Chi ha la figlia? Chi ti sienti mali? (tutti i presenti si stringono a lei) Dillu a la mamma, chi ti successi cosa?

Agnesina         —(singhiozzando)U papà dissi c’aviemmmu tutti cosi, ni manca sulu lu maritu! E unni è...(piange).

Tatanu             —Ah pirchissu è! Nun ti preoccupari, nun vi preoccupati ca picca tiempu ava passari e ata truvari tutti e quattru un maritu!

Catarina          —E cuomu ni l’amma spartiri?

Tatanu             —Chi?

Catarina          —U maritu pi tutti quattru!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Tatanu             —No unu a testa. Pua, cuomu si dici cosa chiama cosa. Doti chiama doti e doti chiama maritu. Perciò cara Agnesina a’ sapiri, lu liggivu ‘ncapu lu giornali, ca ni

lu munnu ogni fimmina ci toccanu cincu masculi. Quindi n’aviti di putiri scegliri.

Agnesina         ---E unni su?

Tatanu             —Unni su!..E’ ‘nu studiu chi ficiru!

Agnesina         —Chi significa? Mi facissi n’esempiu!

Tatanu             —Ascunta ccà! Si ni’ ‘lu munnu ci sunnu cientu masculi e vinti fimmini, quantu masculi toccanu a ogni fimmina? Eh forza fatti 'stu cuntu!

Agnesina         —Quantu?

Catarina          —Quantu ni toccanu?

Tatanu             —Chi opirazioni ci voli? Ci voli la ..la divisioni! Cientu divisu vinti fa cincu cu lu riestu di nenti!

Agnesina         —E nun lu dicu ja, a mia mi tuccà lu riestu.

Tatanu             ---Talè Adelì fammi un piaciri vatinni dda banna! Vatinni e ti puorti la prole. Chiuttuosto va a priparari lu mangiari.

Adelina           —(alle figlie) Mittiti 'sti linzola dintra la cascia.Ca ja cuogliu tanticchia di basilicu pi fari quattru purpetta.(va verso la pianta di basilico.)

Rusinedda       —Mamà c’è la cascia china.Unni li mittu 'sti linzola? Ma quann’è l’ura ca ci mittiemmu tanticchia di naftalina ni 'sta cascia?

Adelina           —Ascunta mittili sutta lu liettu, ca unu di 'sti jorna accattammu cocchi pallina di naftalina e ci la mittiemmu dintra la cascia. (raccoglie alcune foglie di basilico) Tatà c’adacquasti lu basilicu?

Tatanu             —No, pirchi?

Adelina           ---E’ vagnatu!

Tatanu             —Cusà l’umidità, l’acquazzina! (Adelina finisce di raccogliere il basilico ed esce con le figlie.)

Adelina           —Amuninni carusi!(escono)

SCENA TERZA

Detto, Adelina, Baruni Paulu Trupia, Barunissa Vicia Naca, Pepeddu e Caliddu Trupia.

Tatanu             —(Bussano alla porta) Vegnu, vegnu! (va ad aprire e nella stesso tempo entra Adelina. Sono il baro­ne Paulu Trupia con sua moglie Vicia Naca e i due figli gemelli biovulari, Pepeddu e Caliddu. Il titolo di barone è stato comprato.Vestono eleganti di una eleganza poco raffinata. Paulu in vestito bianco a doppio petto, bastone e cappello. Porta alcune medaglie sul petto.Vicia Naca veste in abito rosso sgargiante con scollatura molto pronunciata. Scialle e cappello voluminoso. I due figli pantaloni a zuava e giacca a quadri. Capelli alla mascagna con riga al centro. Sono molto timidi. Ogni persona che viene loro presenta­ta accennano un leggero inchino.)

Si accomodino, prego!

Paulu               —Buongiorno, mi presento: Baruni Paulu Trupia, la barunissa mia moglie Vincenza Naca e i baronessi miei figli Pepeddu e Caliddu. (Tutti accennano un sorriso, porgono la mano e fanno un inchino)

Tatanu             —Piacere, Gaetanu Zarbu, per gli amici Tatanu. Mia moglie Adelina Barone essa, essa Barone, cioè di cognome Barone essa, ja Zarbu.

Adelina           —(dando la mano agli ospiti e ricambiando in ma­niera buffa l’inchino.) Piacere!

Pepeddu          —Piacere! (Bacia la mano e fa un inchino)

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Caliddu           —Altrettando piacere! (bacia la mano e fa un inchino.)

Tatanu             —(dopo i convenevoli alla moglie) Adelina, dai aiutami, pigliammu quattru seggi e faciemmu assittari la barunia! (pigliano le sedie) Prego barunissa, s’assittassi!

Adelina           —S’accomodi anche lei barone! M’ava scusari ma nantri 'sti quattru seggi aviemmu, sgangariddati ma si po addubbari. Prego!

Tatanu             —Prego baronessi accomodatevi! (si siedono tutti. Tatanu e la moglie sulla sinistra dello spettatore, la famiglia Trupia a destra.) In che cosa la puozzu serviri?

Paulu               —Caru don Tatanu...

Tatanu             —Zu Tatanu!

Paulu               ---Chi?

Tatanu             ---Mi chiamassi zu Tatanu, lu don lassamulu a’ ‘li campani!

Paulu               —Caru don..zu Tatanu, ja vinni ccà pirchì stanotti mi sunnavu trì nummari e mi li vuogliu jucari ni’ ‘la rota di Palermu.

Tatanu             —Ah pirchissu vinni? Subitu la siervu! Barù pi ghiucari un tiernu c’era bisuognu ca scomoda la famiglia? Allura quali su ‘sti nummari? (piglia carta e penna e va per scrivere.)

Paulu               —Trì, vintitrì e novantadù!

Tatanu             —Novantadù?

Paulu               ---Si, novantadù!

Tatanu             —Barù, vidissica lu novantadù nun c’è!

Paulu               —In quali rota c’è ca mi lu iuocu!

Tatanu             —Mi dicisi ‘na cosa: Chi è la prima vota chi ghioca a’ ‘lu lottu?

Paulu               —No, haju jucatu!

Tatanu             —Allura ava sapiri ca ni’ ‘lu jocu di’ ‘lu lottu li nummari arrivanu a novanta, quindi...(in ques­to dialogo Adelina avrà sorriso agli ospiti.)

Vicia               — (interrompendo il discorso) Paulu, diccillu, diccillu, o ci’ ‘lu dici tu o ci’ ‘lu dicu ja..ah, allura...allura ci’ ‘lu dicu ja! Caru zu Tatanu, vidissi chisti su (indicando i figli) li du ma gioielli. Haiu sulu ‘sti du figli, iemmuli!

Tatanu             —Gemelli? Nun s’assumiglianu pi nenti!

Paulu               —Su gemelli di du russa! (fa il segno con le di­ta) Du russa!

Adelina           —Du russa? E chi significa?

Paulu               —Su gemelli di dù ova. Cuomu si dici in termini scentificu su gemelli “biovulari” di dù ova e non di unu sulu!

Adelina           —Ah, u capivu!

Paulu               —Ammu crisciutu ‘sti du carusi cu tantu amuri e c’ammu datu n'educazioni e l’ammu mannatu ni’ ‘li miegli scoli....

Vicia               —(interrompendo il marito) Paulu, diccillu, diccillu, o ci’ ‘lu dici tu o ci’ ‘lu dicu ja..ah, allura, allura ci’ ‘lu dicu ja. Caru zu Tatanu ma maritu ci gira sempri e nun va mai al dunque! Perciò ‘sti du gioielli l’haju addivatu cu tantu amuri, vinticincanni di sacrifici….

Tatanu             —Vinticincanni! Li gemelli hannu vinticincanni? Mancu si vidi, parinu du picciuttieddi di primu pilu!

Paulu               —Chi voli, zu Tatanu hannu crisciutu sutta la prutizioni di’ ‘la mamma, mai ‘na zuffa, casa e chiesa chiesa e casa. Du animi dintra un cuorpu....

Vicia               —(interrompendo sempre il marito) Paulu, Paulu diccillu, diccillu o ci’ ‘lu dici tu o ci’ ‘lu dicu ja.. ah, allura, allura ci’ ‘lu dicu ja!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Barunissa lu dicissi lei ‘na vota pi sempri, pirchì si dici: li cosi luonchi diventanu serpi.Veru Tatanu? O ci’ ‘lu dicivatu tu o ci’ ‘lu diciva ja….e allura ci’ ‘lu dissi  ja….Cuomu ci ivu?(il marito annuisce con la testa.)

Vicia               —Cara signura, caru zu Tatanu, nantri vinnimu ccà pi addumannari li mani di’ ‘li vostre figlie.

Adelina           —(un po stordita da questa rivelazione, al marito) Tatà, parli tu o parlu ja….ah….allura parlu ja! Cara barunissa sugnu veramenti ono­rata di questa vostra richiesta! Ma nantri aviemmu quattru figli finmini, e pienzu ca’ ‘li du barunissi (indicando Pepeddu e Caliddu) ni vuonnu una a testa, giustu? Quindi di quali figlie addumannati la manu?

Vicia               —Ah certu! Nantri addumannammu la manu delle due figlie che hanno la precedenza di maritarisi!

Tatanu             —Ah, quann’è accussì, allura.

Adelina           —Quannu è accussì chi? Nantri nun putiemmu diri di si! Prima s’anna canusciri iddi li ziti. Nantri amma canusciri li du picciuotti, pirchì amma sapiri le nostre figlie unni vannu a finiri....

Paulu               —Ah chissu nun c’è problema, li ma figli hannu ricivutu n’educazioni di’ ‘la matri; (Vicia armuisce) di cuomu cumpurtarisi in prisenza della lo­ro futura donna.(ai figli) E’ veru?

Pepeddu          —Si papà! La mamà n’ha ‘nsignatu che la donna è l’angelo della casa. Il focolare domestico. Bisogna custodirla dentro uno scrigno d’oro...

Caliddu              —...Tempestato di pietre preziose e trascorrere tutto il tempo della giornata a guardarla, contemplarla senza mai toccarla.

Vicia               —Chi su bieddi! Parinu dù pupi di zuccaru!

Adelina           —Ma ja nun miettu in dubbiu l’educazioni di’ ‘li vostri figli, ma è giustu ca ‘sti carusi si frequentassiru, nantri li frequentassimu, e si pua nasci cosa si maritanu. Ogni matri voli l’arrizziettu di’ ‘li propri figli. E ja vuogliu essiri sicura ca’ ‘li ma figli vannu a finiri in boni mani!

Paulu               —In bonissimi mani! U vidistivu pocu fa chi concettu hannu della loro futura donna? (guardando i due figli) E’ veru?

Pepeddu          —Si papà La mamà n’ha 'nsignatu che la donna è l’angelo della casa. Il focolare domestico. Bisogna custodirla dentro uno scrigno d’oro...

Caliddu           —….Tempestato di pietre preziose, e trascorrere tutto il tempo della giornata a guardarla, contemplarla senza mai toccarla.

Vicia               —I brividi, i brividi mi viennu, i brividi.Chi su bieddi. Du pupi, du pupi di zuccaru parinu.. i brividii

Adelina           —(a bassa voce al marito) Vì, a mia puru i bri­vidi mi viennu....ma sia fatta la voluntà di Diu!

Tatanu             —Accurzammu, perciò fissammu n’appuntamentu dumani a la stess’ura, accussì faciemmu canusciri ‘sti du pupi di...'sti barunissi cu li ma figli. E’giustu ca’ ‘li canusciti tutti e quattru. Però la pricidenza ci l’hannu li du cchiù ranni. Ranni di picca. Pi canuscili ja ci fazzu attaccari ‘na bella taccaglia russa ‘ntesta, accussì li barunissi nun si ponnu sbagliari. Mi sono spie­gato?

Paulu               —Si è spiegato benissimo. Ma nun li putiemmu fa­ri canusciri ora stessu?

Tatanu             —Ora nun po essiri. Nun su pronti. Dumani, dumani a’ la stess’ura!

Paulu               —(alzandosi) Cuomu dici vossia, caru don...

Tatanu             —Campani....

Paulu               —…..Zu Tatanu.( si alzano tutti. Saluti ed inchini) Piacere della conoscenza.(da la mano a tutti.)

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Vicia               —Morto lieta. (da la mano per farsela baciare.)

Tatanu             —Il piacere è stato mio!

Adelina           —Anch’io morto lieta (inchino.)

Pepeddu         —A domani! ( inchino)

Caliddu           —A domani (inchino. Escono.)

Tatanu             —Ottantadù, dù e quarantanovi. Tiernu ni’ ‘la rota di Palermu. Ottantadù ‘sta pi barunia, dù quantu sù li ma figli ca si maritanu e quarantanovi sta pi titolo!

Adelina           —(festante) Li ma figli, barunissi. Barunissi! e cu mi l’aviva a diri. Chi sugnu cuntenti.Cuntintissima. (Bussano alla porta.E’ Sarina chioppi e scampà.)

SCENA QUARTA

Detti, Sarina, Agnesina, Catarina, Rusinedda e Assuntina.

Tatanu             —Cu è?

Sarina              —(d.d.) Sarina, sugnu! Mi rapissi subitu!

Adelina           —Sarina è, Sarina chioppi e scampà!

Tatanu             —Cu sì Sarina?

Sarina              —(d.d.) Si idda è! Rapissi subitu! Di cursa! (Tatanu va ad aprire) Zu Tatanu vidissica sta viniennu Alfiu Santaita u Catanisi!

Adelina           —Bedda matri! Allura veru è! E chi faciemmu ora?

Tatanu             —Sarì, sempri belli notizij mi puorti!

Sarina              —Cuomu, lu viegnu avvisari, e chistu è lu ringraziamentu! Basta, mi nni vaju! Chioppi scampà e nun si ni parla cchiù!

Tatanu             —(mostrando preoccupazione) Calma e sangue fred­do! (chiama le figlie) Agnesina, Catarina, Rusinedda Assuntina.Viniti subitu. (le figlie irrompono in scena).

Agnesina         —Chi c’è, papà?

Catarina          —Chi successi?

Rusinedda      —Muoru chi scantu! Chi c’è?

Assuntina        —Bedda matri, cu muri?

Tatnu               —Ancora nuddu. Sta viniennu Alfiu Santaita lu Catanisi. Piano numero due. Tutti ai posti di combattimento. (Tutti presi dal panico incomin­ciano a girare nella stanza e subito dopo escono dalla porta di sinistra.)

Sarina              —(rimasta sola e preoccupata) E ora chi fazzu? Mi lassaru sula cuomu un citruolu. Ora mi nni vaju! Chioppi scampà e nun si ni possa parlari cchiù! (entrano Agnesina e Caterina con due candelabri e una scatola di fiammiferi.)

Agnesina         —Te, Sarì adduma ‘sti cannili e li mietti a’ ‘li piedi di ddu liettu. (le due sorelle escono. Sarina esegue. Subito dopo rientra Catarina con in mano un grosso cuscino, con merletti, di colo­re viola e una coperta di letto singolo e li consegna a Sarina.)

Catarina          —Te, Sarì sistema ‘sta cuperta e ‘stu cuscinu ‘ncapu lu liettu. A’ ‘lu centru l’ha mittiri! U capisti? (Sarina esegue: sistema la coperta sul letto, al centro, poi posiziona il cuscino ed accende le due candele, posizionando ai piedi del letto i due candelabri. Dopo aver sistemato il tutto, le luci di scena vengono scemate. Sottofondo musicale funebre. Entrano: Tatano vestito in nero e fazzoletto legato attorno al viso. Scalzo e con le scarpe in mano. Dietro di’ ‘lui, la moglie anch’essa vestita in nero con fazzoletto sulla testa e rosario in mano. Dopo ancora le quattro figlie anch’esse vestite in nero e tengono in mano, ognuna una grossa corona di fiori.Una delle figlie ha l’abito un poco sollevato in maniera da

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

scorgere l’abito a colori che tiene di sotto. Tatanu si va a posizionare sul letto, poggiando la testa sul grosso cuscino. Le quattro figlie dopo aver sistemato le corone di fiori, si posizionano ai lati del letto. La moglie seduta in disparte vicino al tavolo. Sarina con gran­de meraviglia assiste alla scena. Bussano alla porta. E’Alfiu Santaita persona spavalda con atteggiamenti mafiosi, ma fondamentalmente di animo buono. Abbaia ma non morde.Veste giacca a quadri, gilet, cappello e bastone. Tutta la gamiglia fa cenno a Sarina di andare ad aprire.

SCENA QUINTA

Detti e Alfiu.

Alfiu               —(entrando come un fulmine) Zu Tatanu, vuogliu cuntu e ragiuni! Pi tutti li tesori di Santaita, Patruna di Catania; degnu figliu, rappresentanti. Pirchì nun mi

iucastivu lu tiernu, dopu ca vi pagavu mastria e capitali! (avrà detto tutto sen­za accorgersene della scena funebre. Si blocca senza più parlare.)

Agnesina         ---Di unni vinni 'stu malannu!

Catarina          —Ca n’arrivà senza lu bannu!

Rusinedda      —Morti tua e vita mia!

Assuntina        —Vuonnu accussì Gesù e Maria!

Adelina           —Suli ni lassasti, cincu fimmineddi suli. Senza ne biviri e ne chi mangiari. Trì ghiorna ca spasimammu di’ ‘la fami! (incomincia a cantare):

Amuri mia gioia di l’arma,

ni’ ‘lu me cori s’astutà ‘na fiamma,

e cuomu è fari senzadi tia,

dunci e beata tua cumpagnia. (piange).

Agnesina         —Di unni vinni ‘stu malannu;

Catarina          —Ca n’arrivà senza lu bannu!

Rusinedda      —Morti tua e vita mia,

Assuntina        —Vuonnu accussì Gesù e Maria! (piangono)

Adelina           —(accorgendosi ceh una delle figlie, Agnesina, ha l’abito sollevato sino a scoprire la veste colorata di sotto, ripiglia il canto.)

Amuri mia sugnu distrutta,

'Gnesì si vidi la vesta di sutta!

Agnesina         —(sistemandosi l’abito, ricomponendosi e rispondendo cantando.)

buonu facisti o matri mia,

si stava ancora, si n’accurgiva.

Alfiu               —(preso dall’emozione, non sa reagire) Scusatimi! (esce.)

Adelina           —(dopo aver seguito con gli occhi Alfiu) Nun mi pari veru!

Sarina              —(che ha accompagnato Alfiu alla porta.) Si ‘nnì ì! Chioppi scampà e nun si ni potti parlari cchiù!

Agnesina         —Pericolo scampato!

Catarina          —(soffiandosi con la gonna). Staiu trimannu tutta. Sugnu tutta sudata.

Rusinedda      —Papà, papà sveglia ca si ‘nnì ì Alfiu!

Assuntina        —Chi scantu!

Tatanu             —(alzandosi e stando seduto sul letto) Lu Signuri è ranni!

Adelina           —Ranni, assà! Sempri pi curpa tua. Ricorrere a queste bassezze!

Tatanu             —Chi siemmu puntu e d’accapu? Nun ti lu dissi ca mi lu scurdavu. Pua tu nun ti n’addunasti ca’ ‘li cunti nun turnavanu. No, tu basta ca vidi sordi, annuorvi! (si sente bussare alla porta, è di nuovo Alfiu.)

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Alfiu               —(d.d.) Rapiti, arrieri ja sugnu Alfiu!

Tatanu             —Bedda matri arrieri Alfiu è! Forza carusi, al solito posto. (Nella fretta Tatanu si dispone sul letto a testa in giù. Non ha neanche il tempo di riflettere in quanto il cuscino su cui aveva poggiato la testa, involontariamente si trova nella parte dei piedi del letto. Sarina va ad aprire.)

Alfiu               —(entrando con un vassoio di biscotti in mano.) Scusatimi, mi permisi di purtari cocchi cosa! (va a posare sul tavolo il vassoio, quando si accorge della nuova posizione di Tatano. Anche la famiglia s’accorge del nuovo cambiamento. Attimi di panico. Alfiu interroga con gli occhi Adelina.)

Adelina           —Uno spiffero! C’era uno spiffero di corrente d’aria e ci cangiammu posizioni! Maritu mia! (piange.)

Alfiu               —Mi sono permesso di purtarici quattru viscotta. (apre il vassoio). Prego signura si mangiassi un viscuottu!

Adelina           —No grazie! (piange e guarda i biscotti.) No grazie (guarda i biscotti e poi si decide di pigliarne uno.) Mi pari di fari ‘nu sgarbu a ma maritu! (piange e mangia a soggetto.) Maritu mia , sula mi lassasti! Piange e mangia.)

Alfiu               —Bah, mi ‘nnì vaju. (poi guarda Tatanu) “Sceccumuortu ni li matinati, sparagna favi e vastunati. (esce e si dimentica il bastone).

Sarina              —Si ‘innì ì! Chioppi scampà....(completano la frase il resto dei presenti alla scena. Tatano e le figlie di corsa si precipitano a mangiare i biscotti. Si sente bussare alla porta. E’ per l’ennesima volta Alfiu che ha dimenticato il bastone. Tutti ripigliano la posizione di prima Tatanu si dispone nella posizione iniziale. Tiene in bocca un biscotto. Sarina va ad apri­re.)

Alfiu               —Scusatimi mi scurdavu lu vastuni. (s’accorge che Tatano ha il biscotto in bocca, e come al solito con lo sguardo interroga la moglie Adelina.)

Adelina           —Mi faciva pena! Dissi n’ antri suli dobbiamo gioire di ‘sta grazia di Diu? E ci ni detti unu! Quantu accussì si fa puru iddu la ucca! (a questo punto Tatanu non riesce più a fare il morto, in quanto il biscotto gli provoca un leggero soffocamento. Tossisce alzandosi dal letto. Panico tra i presenti.) Miracolo, miracolo!

Alfiu               —Ah quali miraculu, chista pigliata pi fissa! (esce il coltello dalla tasca.) Vulivavu mittiri ni’ ‘lu saccu a Alfiu Santaita lu terrore di Catania. Nun v’arriniscì ‘sta farsa. (sollevando il coltello) Mori Sanzuni cu tutti li filistei. (va per infierire contro Tatanu, ma vie­ne fermato da un improvviso malore al petto. Toccandosi il petto.) Aih, Aih lu cori mi fa mali, lu cori! (s’accascia a terra.)

FINE PRIMO ATTO

               

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

SECONDO    ATTO

La stessa scena del primo atto

SCENA PRIMA

Adelina, Agnesina, Catarina, Rusinedda, Assuntina e Tatanu

(All’aprirsi del sipario, Adelina seduta vici­no al tavolo lavora a maglia, sta facendo la calza con i cinque aghi. Agnesina cuce con la macchina da cucire. Catarina col telaio. Rusinedda e Assuntina rammentano la coperta che sta sul letto.)

Agnesina         —Mamà, quannu ava viniri lu baruni cu li figli?

Adelina           —Ristammu pi oj, ni’ ‘lu pomeriggiu!

Catarina          —Allura fa cuntu ca sunnu ccà!

Adelina           —Ih cuomu ci finì a Alfiu u Catanisi?

Rusinedda       —Nenti ci dissiru a’ ‘lu spitali ca fu un leggero attaccu di cori, pi lu forti abbili chi si piglià!

Agnesina         —E niscì di’ ‘lu spitali?

Rusinedda      —No, ancora nun ha nisciutu!

Adelina           —Spiramu ca ci resta pi un piezzu!

Assuntina        —‘Ntantu lu papà nun veni di Palermu!

Rusinedda       —Tu lu sa cuomu è la curriera. Porta sempri ritardu. Lu zi Liddu, l’autista, si ferma sempri, ‘na vota p’accattari l'ova, ‘na vota lu vinu, e arriva sempri in ritardu.

Assuntina        —Ora quanni arriva lu papà, sempri caricatu, quannu trasi dda porta dici: ”Chi si lu mangiassiru li cani a’ ‘lu zi Liddu, unni si ferma 'mpingi.”

Catarina          —La mamma: ”Tatà, mangiasti?”

Agnesina         —U papà: “ Si mi mangiavu un paninu cu li panelli e m’acchiuppà ccà! (indica lo stomaco) ‘Ncapu la ucca di’ l’arma.(bussano alla porta, è Tatano carico di pacchi e pacchettini.) Chistu è lu papà. (le figlie lasciano il la­voro e vanno incontro al padre.)

Tatanu             —(entrando) Lu sceccu di’ ‘lu zi Caloiaru, sugnu sicuru ca camina cchiù lieggiu di mia. (le figlie lo aiutano a posare i pacchi) Talè accura arrivavu di Palermu. Chi si lu mangiassiru li cani a’ ‘lu zi Liddu, unni si ferma ‘mpingi. (le figlie si guardano con la mamma e sorridono. Poi le figlie fanno segnale alla mamma di chiedere se ha mangiato.)

Adelina           —Tatà, mangiasti?

Tatanu             —Si, mi mangiavu un paninu cu li panelli, e m’acchiuppà ccà, ‘ncapu la ucca di’ l’arma. (fa il relativo gesto. Le figlie mentre il padre ripete la frase, loro in contemporanea muovono le labbra. Alla fine ridono.) Talè quantu sciocchi chi ci sunnu! Si po sapiri chi è tutta ‘sta alligrizza?

Agnesina         —(avvicinandosi al padre) Nenti papà! Dimmi ‘na cosa, a cura ava viniri lu baruni cuomu si chiama...

Catarina          —Paulu Trupia cu la muglieri Vincenza Naca, al secolo Vicia, ‘na morti di fami ca so pà e so mà ivanu addumannannu pi li casi!

Agnesina         —E lu baruni Paulu, baruni, cu quattru sordi s’accattà ‘stu titolo, e ora va faciennu lu nobili!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Rusinedda       —(con tono scherzoso) Agnesì e li barunissi, li figli, Pepeddu e Caliddu nun su figli di’ ‘lu baruni e di Vicia Naca? Barunissa Agnesina!

Assuntina        —Barunissa Caterina!

Agnesina         —E finitila, si mancu canusciu cu su Pepeddu e Caliddu!

Rusinedda       —Ma a tia t’interessa un maritu, nun è veru? Dopu ca tu avisti la miningiti, pi tia va beni efa brodo la qualsiasi cosa!

Agnesina         —Ma chi dici! Pua chi è ‘sta miningiti?

Rusinedda      —‘Na malatia!

Agnesina         —E chi malatia è? Fammi n’esempiu!

Rusinedda       —Cara sorella, cu la malatia di’ ‘la miningiti, quannu veni o si mori o si diventa babbi!

Agnesina         —Ma ja nun murivu. (poi riflette e scoppia a piangere, andando verso la mamma) Mamà u sienti chi mi dissi, ca sugnu babba!

Adelina           —Nun lu vidi ca scherza, babba!

Agnesina         —U vidi, mamà, vossia puru ni’ ‘lu dici. (va verso il padre) Papà!

Tatanu             —Ma tu quannu nun capisci ‘na cosa, nun diri “fammi n’esempiu”, pirchì lu vidi chi ti succedi! U capisti?

Agnesina         —Chi? Mi facissi n’esempiu!

Tatanu             —Ma babba veru, si!

Agnesina         —U viditi l’aviti tutti cu mia! (esce dalla sinistra seguita da Assuntina.)
Rusineddda    —Papà chi c’è ni ‘sti pacchi?

Catarina          —Veru, papà chi c’è?

Tatanu             —Nun su cosi vuostri! Chisti su robi chi mi ordinaru li genti. (piglia un pacco) Chisti su li scarpi di’ ‘la zi Tiresa spilata. Idda mi dissi di pigliarici lu nummaru trentotto! Ma ja ci pigliavu lu nummaru quaranta, vistu ca nun c’era lu nummaru d’idda. Ci mitti tanticchia di cuttuni. (poi piglia un altro pacco) Chistu è pi uantri!

Rusinedda      —Pi nantri?

Catarina          —E chi c' è?

Tatanu             —Chiamati a’ ‘li vuostru suoru! (Catarina e Rusined­da escono dalla sinistra.)

Adelina           —Chi ci purtasti?

Tatanu             —Ora vidi, chi ci purtavu! (rientrano le quattro sorella.)

Agnesina         —Chi ni purtasti, papà? (tutte e quattro mostra­no curiosità.)

Tatanu             —(aprendo il pacco, esce fuori dei libri.) Chisti su pi tutti uantri quattru.

Agnesina         —Libra?

Catarina          —(leggendo) I Promessi Sposi?

Rusinedda      —Delitto e castigo?

Assuntina        —Tuttu ccà, papà si spilà tuttu!

Tatanu             —Silenziu, e facitimi parlari.‘Sti libra siervunu pi ‘mparari cuomu comportarsi in prisenza di’ ‘li baruna!

Catarina          —E chi ci trasi “Delitto e castigo, I Promessi Sposi e…..

Tatanu             —Non importa il contenuto, ma la sustanza!

Agnesina         —Papà, nun la capisciu, mi facissi n’esempiu (si blocca subito.)

Tatanu             —Nun ti lu vua livari ‘stu viziu! Ascuntati, ‘sti libra siervunu no pi leggirì ma pi acquistari la padronanza del vostro corpo, pi quannu vi presentati davanti al barone.

Agnesina         —Cuntinuu a nun capiri. Mi facissi....

Tatanu             —‘Sti libra nun l’aviti a leggiri ma vi l’aviti a mittiri ‘ntesta, accussì! (esegue mettendosi un libro in testa.) Accussì, testa e spaddi diritti. (poi pigliando dal

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

pacco due mele) Pua pigliati ‘sti du puma e li tiniti in manu accussì! (tiene in mano le due mele, toccandosi le gambe con la parte esterna delle mani) e faciti l’inchinu, accussì (esegue, con il libro in testa e le mele in mano, un buffo inchino. Le figlie contente della lezione, ognuna si appropria del libro e delle mele, ed incominciano ad esercitarsi)

Adelina           —U maritu cuomu ti camina la testa!

Tatanu             —E a tia la lingua. Perciò, carusi allinativi buoni, pirchì ata fari ‘na figura in prisenza di tutta la barunia. Studiati beni la lezione libra e puma! Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì, calati. Capistivu? Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì, calati! Quannu veni lu baruni cu la famiglia, uantri vi faciti truvari dda dintra. (Mentre spiega come com­portarsi la famiglia, in disparte Adelina fa le prove con il libro e le mele.) Taliati, taliati la barunissa Sispilò. Adelì conzala cuomu vua, ca sempri cucuzza è!

Adelina           —(vedendosi scoperta) Chi c’è? Chiffà nun mi puozzu mangiari un pumu?(da un morso alla mela. Le figlie vanno alla ricerca dei loro libri e le mele. Agnesina s’accorge che la mela che sta mangiando la mamma è la sua. Si mette a piangere.)

Agnesina         —Lu pumu mia è! E ora cuomu fazzu?

Tatanu             —(piglia altre mele dal sacchetto) Té, ancora ci ni sunnu! Allura turnammu a’ ‘lu discursu. A’ ‘li baruna li fazzu assittari ccà! (indica il lato destro della scena) Poi cu una scusa, vi chiamu a una una!

Rusinedda      —E chi scusa?

Tatanu             —Una qualsiasi.Vi dicu di purtari un bicchirinu di rosoliu, qualchi viscuottu!

Adelina           —Tatà, quali?

Tatanu             —Chi?

Adelina           —Quali viscotta?

Tatanu             —Chiffà nun n’aviemmu?

Adelina           —Tu ni vidi?

Tatanu             —E allura rosoliu!

Adelina           —Mezza buttiglia. Era china e la sculasti tu, appuzzannuti e viviennuti mezza buttiglia!

Tatanu             —Ora la curpa è mia!

Adelina           —E di cu è? (guarda le figlie per avere conferma di ciò che sostiene, e tutte annuiscono facendo il segno col dito, di bere.)

Tatanu             —Ah, accussì è!

Adelina           —Propriamenti! (le figlie annuiscono).

Tatanu             —Chi vi passastivu parola? Lu sai chi fa, mittici tanticchia d’acqua, e inchi la buttiglia!

Adelina           —Vidica lu facisti già tu ‘stu travagliu!

Tatanu             —E ora lu fà tu. Chi n’amma prisintari cu mezza buttiglia vacanti. Perciò turnammu a’ ‘lu discursu! Tu Agnesina e tu Catarina attaccativi un taccagliu russu ‘ntesta!

Catarina          —E pirchì?

Tatanu             ---Pi ‘nsinga!

Agnesina         —‘Nsinga? Pirchì 'sta ‘nsinga?

Tatanu             —Perchè siete le prescelte!

Agnesina         —Le prescelte? Mi facissi n’esempiu!

Tatanu             —Agnesì! 'Stu viziu….(bussano alla porta, è il barone Trupia con tutta la famiglia.) Forza carusi, tutti dda banna. Pigliativi li attrezzi e ripassativi la

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

lezioni. Mi raccumannu! Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì, calati! (ognuna si piglia il libro con le mele, escono in fila indiana e Tatanu ripete sempre) Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì, calati! (Alla moglie) Adelì, unni va, tu? Resta cu mia, anzi va rapi! (Adelina va ad aprire).

SCENA SECONDA

Detti, Paulu, Vicia, Pepeddu e Caliddu.

Tatanu             —(verso il barone a braccia aperte) Oh, caru baruni, accomodatevi! Baronessa! (bacia la mano e fa l’inchino. Ai gemelli) Baronessi, prego accomodatevi, ca la putia è aperta! Prego accomodatevi. Adelina aiutami a pigliari quattru seggi!(pigliano le sedie e fanno accomodare gli ospiti nel lato destro della scena, a forma di semicerchio.)

Pepeddu          —Caru zu Tatanu, cuomu sugnu cuntenti oj.Oggi sarà il più bel giorno della mia vita, conoscerò la mia futura mamma dei miei futuri figli.... La donna, e cuomu dici mamà, è l’angelo della casa, il focolare domestico. Bisogna custodirla dentro uno scrigno d’oro, tempestato di pie­tre preziose e trascorrere tutto il tempo del­la giornata a guardarla, contemplarla, senza mai toccarla!

Caliddu           —Ja puru, videmma, anche io sugnu cuntenti! Oh che bel giorno beato, il ciel ci ha dato….

Tatanu             —Giorno di Paradiso, viva Gesù, viva Gesù!

Caliddu           —Chi dici zu Tatanu?

Tatanu             —No, nenti, anch’ja sugnu cuntenti! (guarda la moglie) e canticchio!

Caliddu           —Anch’io cantu, canto l'amore che avrò per la mia donna, la donna che come dice mamma, la donna è l’angelo della casa, il focolare domestico. Bisogna custodirla dentro uno scrigno d’oro, tempestato di pietre preziose e trascorrere tutto il tempo della giornata a guardarla, contemplarla, senza mai toccarla! (mentre ripetono questa filastrocca, Tatanu e Adelina si guardano in faccia con una espres­sione come per dire “A chi stiamo dando per moglie le nostre figlie”. Paulu e Vicia sono estasiati.)

Tatanu             —Chi sugnu cuntenti! Chissa sula sannu! (tutto a bassa voce alla moglie.) Bando alle chiacchiere! Chi vi puozzu offriri? ‘na cicara di cafè, un bicchirinu di rosoliu, ‘na cosa dunci? Che desi­derano i baroni?

Adelina           —(a bassa voce) Tatà, chi niscisti foddi? Nun ristammu ca ci avivamu offriri sulu rosoliu?

Tatnu              —Tu zittuti, ca ci pienzu ja! Allura chi vi offru?

Vicia               —Pi mia ‘na cicara di cafè!

Paulu               —Pi mia un bicchirinu di rosoliu!

Pepeddu         —Un dolcinu, grazie!

Caliddu           —Anchi a mia, grazie!

Adelina           —E ora?

Tatanu             —E ora ci pienzu ja, nun ti preoccupari! Allura, baruni rapriemmu ‘sta putia. La vinnita all’asta! (si avvicina alla porta e chiama Agnesina). Agnesì, Agnesina!

SCENA  TERZA

Detti e Agnesina.

Agnesina         —( si presenta sull’uscio con il libro in testa e le due mele in mano.)

Ccà sugnu, papà! Sugnu pronta!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Tatanu             —Pronta pi la babbia! (toglie il libro e le due mele.) Teccà, va posali, curri. (Agnesina esce per rientrare subito.) Scusate c’è stato un inchippo. (rientra Agnesina). Agnesì, talia, talia ddà! (fa segnale verso gli ospiti.) Dimmi ‘na cosa ti piaci u zitu?

Agnesina         —Si, papà, assai assai! Ma cu è?

Tatanu             —Cuomu cu è! Unu di’ ‘lu giovani, vistuti cu la giacca a quadri!

Agnesina         —Ah, u capivu! E cu, di’ ‘li dù?

Tatanu             —O unu o l’antru, tantu su gemelli di du russa, ma gemelli. (in questo dialogo gli ospiti avran­no sorriso ad Agnesina.)

Adelina           —Ascunta, Agnesì, va piglia la buttiglia di rosoliu e li bicchirina! (Agnesina esce per rientra­re subito con la bottiglia e i bicchieri.) Agnesì, saluta li baruna! U baruni Paulu, la barunissa Vincenza e li baruni, Pepeddu e Caliddu.

Tatanu             —Fa l’inchinu, dai fa l’inchinu! Spaddi alzati, uvita divaricati, unu dù e trì, calati!

Agnesina         —(poggiando il vassoio sul tavolo) Bongiorno, molto lieta! (esegue un inchino, che viene risposto da Pepeddu e Caliddu in maniera buffa. Per i gemelli è abituale fare l’inchino.)

Tatanu             —Agnesì, offri un bicchirinu di rosoliu a’ ‘li baruna! (Agnesina riempie i bicchieri e li offre.) Barù, lotto numero uno. Modellu Agnesina. Prego guardare la taccaglia russa ‘ntesta. (alla baro­nessa e i figli che non pigliano il rosolio.) Baronessi, chiffà nun l’accittati un bicchirinu di rosoliu?

Vicia               —No, grazie sugnu gastemia. Quannu mi nnì vivu tanticchia mi viennu li brividi, grazie!

Tatanu             —Ma chistu è rosoliu speciali, avi pochi gradi, pari acqua! (guarda la moglie). Cioè avi picca gradi. Prego! (piglia dei bicchieri e li offre alla baronessa e i figli. Poi piglia un fazzoletto lo butta a terra.) Agnesina, pigliami lu fazzulettu, per piacere. (mentre Agnesina raccoglie il fazzoletto al centro della scena, Tatano fa segnale agli ospiti di guardare. Agnesina raccoglie il fazzoletto e lo consegna al padre.) Prego, Agnesina, puoi andare. Saluta i. signori, baroni. Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì, calati. (Agnesina esegue ed esce.) E allura? Chi vi ni pari? Scusatemi. (va verso l’uscio e chiama) Catarina, Catarina!

SCENA QUARTA

Detti e Catarina

Catarina          —(affacciandosi alla porta) Ccà sugnu, papa!

Tatanu             —Talia, talia ddà! Ti piaci’ ‘lu zitu?

Catarina          —Cu è chiddu vistutu di russu?

Tatanu             —Cuomu vistutu du russu! Chidda la barunissa è! (s’accorge che la figlia non ha gli occhiali) Attia unni sunnu l’occhiali?

Catarina          —(pigliandoli dalla tasca) Ccà ci l’haju!

Tatanu             —Mittitilli. (Caterina esegue) Allura, talia ti piaci lu zitu?

Catarina          —E cu è di chiddi du?

Tatanu             —O unu o l'antru! Ti piacinu?

Catarina          —Si, papà! Tantu, tantu!

Tatanu             —(pigliandola per mano e presentandola agli ospiti) Lotto nummaru dù modellu Catarina. Prego guardare la taccaglia russa! Dai saluta gli invitati! (a bassa voce) Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì calati!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Catarina          —(esegue) Piacere Caterina Zarbu! (i due gemelli si alzano ripetendo sempre il solito buffo inchino).

Pepeddu         —Piacere, Pepeddu Trupia!

Caliddu           —Piacere anch’io! Caliddu Trupia!

Paulu               —Piacere barone Paulu Trupia! Mia moglie Vincenza Naca. (Vicia accenna un sorriso).

Tatanu             ---Dai Catarina offri un bicchirinu di rosoliu a’ ‘li baruna! (Caterina esegue. Tatanu fa cadere per terra il solito fazzoletto.) Catarina pi piaciri pigliami lu fazzulettu ‘nterra. Caterina esegue, mettendosi in mostra). Benissimo, esame superato, ti nnì po ghiri! Saluta li baruna! (a bassa voce e in contemporanea con Caterina) Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì calati.

Caterina          —(esegue) Molto lieta! (esce).

Adelina           —Carusi d’oro su! Chi vi ni parinu? Baronessi Pepeddu e Caliddu!

Vicia               —Belle, bellissime due gemme, sono. Due cassate! E’ veru? (ai figli).

Pepeddu         —Due ragazze compunte!

Tatanu             —Ah, m’ava scusari, caru baronesso Pepeddu, ca punti li ma figlie nun hannu. Nun sunnu pizzuti!

Pepeddu          —Ma chi capì, zu Tatanu. Ja diciva compunte, ca sunnu ‘mbarazzate, timide. E’ veru, mamà?

Vicia               —Certu, due figlie ca sunnu due angeli, è veru Caliddu?

Caliddu           —Si veru è, mamà, cuomu dici vossia, la donna è il focolare domestico l’angelo della casa. Bisogna custodirla dentro uno scrigno d’oro, tempestato di pietre preziose e trascorrere tutto il tempo della giornata a guardarla, contemplarla senza mai toccarla!

Adelina           —(al marito a bassa voce) Chissa sulu sannu?

Tatanu             —Zittuti! (a Caliddu) Mi scusassi ogni tanto bisogna aprire questo scrigno d’oro e toccarla!

Caliddu           —No! La mamà dici che non bisogna toccarla, è veru, mamà?

Pepeddu         —Mamà, lu senti chi dici lu zu Tatanu?

Paulu               —Certu ca ogni tantu bisogna toccarla e non bisogna toccarla!

Caliddu           —Mamà! Lu senti u papà? (piagnucolando)

Pepeddu         — (piagnucolando) Mamà!

Vicia               —Si, ragiuni avi lu zu Tatanu e lu papà, ogni tanto…. bisogna…. toccarla!

Paulu               —U capistivu? Bisogna, ogni tanto toccarla! (bussano alla porta è Sarina).

SCENA QUINTA

Detti e Sarina.

Tatanu             —Cu è?

Sarina              —(d.d.) Ja sugnu, Sarina!

Adelina           —Sarina Fazia, Sarina chioppi e scampà!Chissa ni porta sempri belli notizij.

(va ad aprire).

Sarina              —(precipitandosi in scena) Sabbenedica! (poi s’accorge degli ospiti e chiama in disparte lu zu Tatanu) Zu Tatà, vidissica niscì di’ ‘lu spitali Alfiu Santaita! Fici buonu ca l’avvisavu?

Tatanu             —(mostrando preoccupazione) Sarì, mi puorti sempri belli notizij. (i due fratelli nel vedere Sarina, si alzano e vanno incontro.)

Pepeddu         —Piacere io sono Pepeddu Trupia e chistu è ma frati gemellu, Caliddu!

Sarina              —Piacere! (facendo un inchino).

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Pepeddu          —(pigliandola per un braccio e toccando) Chidda è ma matri e chiddu è ma patri! (i fratelli continuano a toccarla in maniera spropositata. I baroni accennano un sorriso)

Tatanu             —(alla moglie) Chisti hanno preso alla lettera i suggerimenti! (a Sarina) Sarì, u capivu, vieni cchiù tardi ca ti li juocu li nummari! (         i due non si allontanano da Sarina e continua­no a toccare). Tu chisti a chi nenti a chi assà! Sarina vatinni! (l’accompagna alla por­ta, togliendola di mano ai fratelli).

Sarina              —Bongiorno! (esce, guardando i due fratelli).

Tatanu             —Chi si la mangiasssiru li cani, sempri belli notizij mi porta! (alla moglie) Chiama li to figli, lu riestu!

Adelina           —(verso l’uscio) Rusinedda; Assuntina! (le due figlie si presentano).

SCENA SESTA

Detti, Rusinedda e Assuntina.

Tatanu             —(Tatanu presenta le due figlie di corsa) Mi raccumannu! Spaddi alzati, uvita divaricati, unu, dù e trì calati! (le figlie eseguono). Lotto nummero tre, modelli Rusinedcla e Assuntina. Ultimi arrivi di stagione! Ammirare il taccaglio; non è rosso! (i due gemelli toccano in maniera spropositata le due figlie.) Adelì, miegliu prima ca stavanu fermi. Si chisti nun li fiermu ja, sopiddu unni vannu a finiri! (si avvicina alle figlie) Prego salu­tati la barunia e sciò! Mi raccumannu spaddi alzati, uvita divaricati, unu dù e tri calati (le figlie eseguono ed escono). E allura chi vi ni parinu?

Pepeddu          —Splendide!

Caliddu           —Bellissime!

Vicia               —Un capolavoro sunnu! Tutta ccà è la famiglia?

Tatanu             —Cincu fimmini e un Tarì! (indicando se stesso). (bussano alla porta è Alfiu Santaita.)

SCENA SETTTIMA

Detti, Alfiu Santaita, Agnesina, Catarina, Rusinedda e Assuntina

Alfiu               —(Bussando energicamente) Rapiemmu, rapiemmu ‘sta porta! (momento di panico da parte di Tatanu e Adelina.Gli ospiti guardano straniti.)

Tatanu             —Bedda matri, ora chissu m’ammazza, m’ammazza!

Adelina           —Curpa tua, curpa tua!

Tatanu             —Curpa tua o curpa mia chiddu m’ammnazza! (agli ospiti) Scusatimi! Unni m’ammucciu, unni m’ammucciu!

Adelina           —(guardando la cassa panca ai piedi del letto) Veni ccà, mittiti ccà dintra, dintra la cascia ca è vacanti, ca ci misi la naftalina! Veni ccà, trasi. (Tatanu di corsa s’infila dentro la cassa. Dapprima un po restìo ad entrare in quanto sente puzza di naftalina, poi spinto dalla moglie s’infila dentro. Alfiu continua a bussare. I baroni incominciano ad avere paura, stringendosi tra di loro. Adelina si scusa in continuazione e poi va ad aprire.)

Alfiu               —(infuriato, e con il coltello in mano.) Unni è? Unni è? Unni è lu vigliaccu ca ci tagliu la testa! (momenti di terrore da parte dei presenti.)

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Calmativi don Alfiu! Calmativi, ma maritu nun c’è! Ma maritu nun lu fici pi mali, scurdannusi di’ ‘la vostra jucata! Fu ‘‘na dimenticanza! Vossia ca è buonu, lu pirdunassi! Pua lu vidi ca haiu ospiti!

Alfiu               —Nun m’interessa di nuddu. Cu si mitti contru di mia, ja l’ammazzu! (guarda i baroni che presi dalla paura fanno cenno di no con le dita, come per dire non ci mettiamo contro.) Unni è? Unni è lu ‘mbrugliuni! (va verso la porta di sinistra e viene fermato da Adelina.)

Adelina           —Nun c’è! Nun ci’ ‘lu dissi ca nun c’è!

Alfiu               —Si mi tiniti, voli diri ca è dda dintra! (la sposta ed entra. Riesce subito inseguendo le quattro figlie che vanno ad abbracciarsi con la mamma.) Nun c’è lu vigliaccu. (si siede sul­la cassa.) Nun c’è, ma si lu bieccu, ci appizzu lu cutieddu ni’ ‘la gula! (conficca il coltello sulla cassa panca, su cui è seduto, facendo trasalire tutti i presenti.) Chi c’è? Ah, chi c’è? (tutti con i gesti come per dire “niente”) L’ammazzu, l’ammazzu! (batte diverse volte il coltello sulla cassa).

Adelina           —Nun c’è ma maritu!

Paulu               —(intervenendo facendosi coraggio) Si vi dissi ca nun c'è, lu maritu!

Alfiu               —(arrogante) E lei cu è, ca s’ammisca ni’ ‘li me cosi?

Paulu               —(pauroso) Baruni Paulu Trupia! Ma muglieri e li ma figlie. (Tutti accennano un saluto)

Alfiu               —(Affilando la lama dal coltello sugli abiti) Baruna! (riflette) Baruna nun n’haiu mai ammazzatu! Ni l’elencu baruna nun haiu! Mi mancanu ‘sti peddi! (Vicia sviene, il barone con i figli la soccorrono. Troviamo sulla destra il gruppo formato dal barone e famiglia. Dall’altra la famiglia Zarbo. Al centro Alfiu seduto sulla cassa che domina la situazione.) Tornerò! (si alza e va via. Adelina va a soccorre­re Vicia che è ancora svenuta. Tatanu fa capoli­no dalla cassa, e accertatosi che Alfiu è andato via, esce.)

Tatanu             —Si ‘nnì ì? (tutti emettono un grido di paura. Vicia rinviene.)

Vicia               —(guardando in faccia i presenti, poi al marito.) Parla, parla, parli tu o parlu ja....ah....allura parlu ja. (si alza) Scusati lu disturbu! Amuninni Paulu, amuninni Pepeddu e Caliddu!

Tatanu             —E allura cuomu ristammu?

Vicia               —Nun ristammu nenti! Giustu dici lu proverbiu anticu: Mittiti cu chiddi miegli di tia e appizzacci li spisi!

Adelina           —(un po aggressiva) Chi voli diri cu chissu, Barunissa?

Vicia               —Nenti, lu capistivu! Amuninni!

Pepeddu         —Mamà e allura. Lo scrigno d’oro, le pietre preziose....

Caliddu           —Mamà, il focolare, l’angelo della casa!

Vicia               —Ah quali angeli, diavuli. Sbagliammu casa e purticatu!

Adelina           —Mi vuogliu fari la cruci cu la manu manca. Viddana arrinisciuta! Saccu di patati cu li manichi ‘mpicicati! Tu mi vieni a dici a mia “Mittiti cu chiddi miegli di tia e appizzacci li spisi”? Oh callaruni! Ti lu scurdasti cu era la to nannaula, to nanna e to matri? Ti lu scurdasti ca ivanu girannu li munnizzara pi circari mangiari pi li figli! Ti lu scurdasti! Pipiruna!! (Tatano con le figlie cercano di calmarla).

Vicia               —(isterica) Vidica la giuranna cripà pi lu troppu vuciari! (Paolo l’afferra per il braccio e cerca di calmarla. I figli ogni tanto non curanti del­la situazione, accennano dei sorrisi a Rusinedda e Assuntina, sorriso ricambiato.)

Paulu               —Basta, basta Vicia, calmati non cadere alle loro bassezze

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Talè cu parlà! Lu baruni Trupia, Ogliaru, Ogliaru di profissioni. Quantu uogliu arrubbasti a’ ‘li puvurieddi, accattannuti 'stu titolo di baruni. Baruni! Vidica è malu segnu quannu lu piritu si fa cchiù gruossu di’ ‘lu culu. Baruni! Baruni!

Paulu               —Amuninni, ni ‘sta casa nun ci mittu cchiù pedi!

Adelina           —Ne pedi e mancu testa! BARUNI!

Paulu               —Amuninni! (alla moglie e ai figli i quali continuano a guardarsi con Rusinedda e Assuntina.) Carusi dicu a uantri! Amuninni!

Adelina           —(Sempre trattenuta dal marito e dalle figlie.) Sciò, Sciò! Acqua davanti e vientu darrieri, fumu pruvulazzu piedi, piedi. (Si sente bussare energicamente alla porta. Breve pausa! Paura dei presenti. E’ Sarina.)

Sarina              —(d.d.) Zu Tatà, zu Tatà, ja sugnu Sarina! (tutti si stringono tra di loro, mostrando paura.)

Tatanu             —Sarina è! Sarina chioppi e scampà!

FINE SECONDO ATTO

Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

ATTO            TERZO

Scena, la stessa del primo e del secondo atto.

 

SCENA PRIMA

Rusinedda, Assuntina, Ninuzzu, Pepeddu e Caliddu.

Assuntina        —( Seduta vicino al tavolo, gioca con Ninuzzu che tiene la testa tra le gambe di Assuntina.) Allura, Ninuzzu, quantu corna porta la crapa? (fa il numero tre con le dita, sopra la testa di Ninuzzu).

Ninuzzu.         —Cincu!

Assuntina        —E s’avissitu dittu trì, lu to nasu fora frittu ‘intra un pignatieddu strittu, (cambiando il numero con le dita) quantu corna porta la crapa?

Ninuzzu          ---Trì!

Assuntina        —E s’avissitu dittu quattru lu to nasu fora frittu ‘intra un pignatieddu strittu, quantu….

Rusinedda       —(lavora a maglia) Ma quantu sta durannu ‘sta mangiata, ni’ ‘la zia Cuncetta! Si fici scuru e ancora anna viniri, la mamma, lu papà e li nostru suoru. Assuntì, fallu iri a Ninuzzu, lu vidi ca si fici tardi!

Assuntina        —Amunì, Ninù, amunì ca t'accumpagnu! (piglia il lume a petroliu ed accompagna alla porta Ninuzzu. Assuntina sta davanti la porta a fare luce a Ninuzzu) Duna a cura, Ninù! Trasitinni subitu dintra. (Assuntina sta per chiudere la porta, ma viene fermata da Pepeddu e Caliddu) Pi favuri, itivinni ca siemmu suli!

Rusinedda       —(si alza e va verso la comune) Chi è? (entrano definitivamente Pepeddu e Caliddu.) Bedda matri, uantri ccà? Si lu scopri ma patri fa succediri lu fini munnu!

Pepeddu          —Rusinè, a mamà dici sempri, ca la futura moglie deve essere custodita in uno scrigno senza toccarla! Però ja quannu ti tuoccu mi n’addugnu ca m’acchiana ‘na caluria ‘ntesta, ca mi fa strammari! Allura ja dicu: è miegliu ca la tuoccu, no?

Rusinedda       —Vatinni Pepeddu! Tu lu sai cuomu è ma patri, pua chiddu (ti fa acchianari lu sancu ‘ntesta a cuorpi di lignati. Vatinni! (lo spinge verso la comune.) Però ti ricuordu chiddu chi dissi ma patri, ca prima s’anna maritari li ma suoru cchiù ranni! Agnesina e Catarina.

Caliddu           —E n’antri li chiuiemmu dintra uno scrigno d’oro..

Assuntina        —Uantri siti cosa di ‘nchiuiri, di ‘nchiuiri ni’ ‘lu manicomiu. Pi favuri, itivinni.(spinge Caliddu verso la comune).

Pepeddu          —No, di ccà nun ni jammu si prima nun mi dici ca mi vua beni! E' veru Caliddu?

Caliddu           —Si veru.

Pepeddu          —Veni ccà, Caliddu assittati ccà! (si siedono sul­la cassa panca) E di ccà nun ni spustammu!

Rusinedda      —E va beni! Ma ora itivinni!

Pepeddu         —Va beni chi? Dimmillu ca mi vua beni! Dimmillu!

Caliddu           —Diccillu, diccillu!

Assuntina        —Pirchì a tia nun ti spercia! Nun vua ca ti dicu ca ti vuogliu beni?
Caliddu           —Certu! Dimmillu!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Pepeddu         —Dai ditinillu!

Rusinedda      —E va beni! Vi vuliemmu beni!

Assuntina        —Morto, morto! Ora itivinni!

Pepeddu          —U sintisti Calì? Ni vuonnu beni! All’assaltu! (mentre si alzano per andaread abbracciare le due sorelle, bussano alla porta. E’ Tatanu, Adelina, Agnesina e Catarina. Momenti di panico)

Rusinedda      —Ma patri! E cuomu si fa ora?

Assuntina        —Muoru, chi faciemmu?

Rusinedda       —(guarda un po in giro poi si sofferma sul letto) Ammucciativi cca sutta, sutta lu liettu! (Rusinedda piglia con forzaCaliddu e lo spinge sotto il letto dal lato destro dello spettatore. In contemporanea Pepeddu spinge con forza sotto il letto Assuntina. Quindi troviamo nascos­ti sotto il letto Caliddu lato destro e Assuntina lato sinistro. Rusinedda e Pepeddu si sie­dono sul letto, esausti, dandosi le spalle, poi voltandosi s’accorgono dell’errore. Allora Rusinedda gira nel lato sinistro e lo spinge sotto il letto facendo uscite dall’altro lato Caliddu. Siedono in contemporanea sul letto. Rusinedda lato sinistro e Caliddu lato destro. Accortosi di nuovo dell’errore, prende con forza Caliddu e lo spinge sotto il letto dal lato sinistro facendo uscire la sorella Assuntina dall’altro lato.Vanno ad aprire.)

SCENA SECONDA

Detti, Tatanu, Adelina, Agnesina e Catarina.

Tatanu             —E ci vuliva tantu!

Rusinedda      —Ni stavamu quasi addummisciennu!

Tatanu             —Dda robba cotta di to suoru, l’haju ccà, ‘ncapu la ucca di l’arma.

Adelina           —Sempri lamintusu, si! La robba cotta chi fa to suoru, inveci nun t’acchiuppa, è veru?

Rusinedda      —Menu mali ca a nantri nun ni piaci! Ni ficimu du ova fritti ca n’arricriammu!

Assuntina        —Ova e olivi fritti!

Tatanu             —Adelì, amunì ca ni jammu a mittiri la cammisa di notti e ni jammu a curcari!

Rusinedda       —(preoccupata di questa decisione) Papà accussì prestu va t’agghiri a curcari? Li setti e mezza sunnu!

Tatanu             —Pirchì l’antri siri a cura n’ammu jutu a curcari?

Assuntina        —Papà ja vi cunsigliu di iri dda banna, vi faciti ‘na bella callara di acqua e addauru, vi la viviti, faciti quattru passi e pua vi jti a curcari! E’ veru Agnesì?

Agnesina         ---Ja nun haju di bisuognu di acqua giurgiana!

Catarina          —E mancu ja! Haju ‘nu stomacu lisciu! Suonnu nun haju.

Tatanu             —Carusi, ja mi vaju a mittu la cammisa di notti, e mi curcu, pua uantri chiddu chi vuliti fari faciti. Adelì amuninni!

Adelina           ---Amuninni, unni?

Tatanu             —A mittirini la cammisa di notti!

Adelina           ---Nun haju suonnu!

Tatanu             —Ja l’haju! E lu sa, si mi curcu senza di tia nun haju rimiegiu ‘ncapu lu liettu, mi viennu li smanii, e lu sai pua chiddu chi succedi!

Adelina           —(con malavoglia) E amuninni a vestirci! (escono Tatanu e Adelina).

Rusinedda       —(alle sorelle Agnesina e Catarina, sempre sulle spine) Amunì, amunì dda banna ca vi fazzu vidiri lu ricamu chi fici ni’ ‘li linzola!

Catarina          —Va piglialu e mi lu fa vidiri! (si siede)

Rusinedda      —E’ appizzatu a’ ‘lu tilaru, e si lu puortu ccà si po allurdari!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Agnesina         —E chi è la prima vota ca puorti lu tilaru cu lu linzuolu di ‘na cammara all’antra?

Assuntina        —(visto che le sorelle non si spostano dalla stanza, va a sussurrare una parola all’orecchio di Agnesina e Catarina.)

Agnesina         —Veru?

Catarina          —E nun m’ha dittu nenti! Amuninni! (vanno per usci­re e Rusinedda resta in scena) E tu nun vieni?

Rusinedda    —Ora viegnu, viegnu subitu! (escono tranne Rusinedda che rimasta sola si precipita verso il letto facendo segnale ai due fratelli Pepeddu e Caliddu di uscire. Ma nell’istante in cui i due stanno per uscire da sotto il letto, rientrano Tatano e Adelina vestiti con la cami­cia da notte e relative papaline. Tatano regge in mano un vaso da notte. Rusinedda rifà nascondere i due fratelli.)

Tatanu             ---Chi fa Rusinè?

Rusinedda       —Vi staju priparannu lu liettu!

Tatanu             —Nun c’è di bisuognu! Va curcati!

Rusinedda      —Nun n’haju suonnu....ma ....bonanotti!

Tatanu             ---Bonanotti, figlia!

Adelina           —Bonanotti! (Rusinedda non vuole lasciare la scena, ma suo malgrado costretta a farlo. Esce)

Tatanu             —(sedendosi sul letto) Binidittu cu sprimintà lu liettu!

Adelina           —Tatà, cangiala! Ogni sira chissa dici!

Tatanu             —Cu sprimintà lu liettu è binidittu! Ti piaci cangiata accussì? (si copre con le coperte. Adelina scema la luce del lume a petrolio e si corica anch’essa. Scena in penombra)

Tatanu            —Bonanotti, Adelì!

Adelina           —Bonanotti, Tatà! Ringraziammu lu Signuri ca ni fici passari st’antra jurnata! Nun ti scurdari li prijeri!

Tatanu            —Ringraziammu lu Signuri, nun mi lu scuordu. Bonanotti!

Adelina           —Bonanotti! (Tira la coperta verso di lei scoprendo in parte Tatanu. Tatanu fa altrettanto, sino a raggiungere alla fine un compromesso. Movimenti a soggetto. Breve pausa. Dal lato di Adelina spunta la mano di Pepeddu per accertarsi se i due si sono addormentati.) Tatà, chi tuocchi? Vua stari fermu!

Tatanu             ---Cu mia parli?

Adelina           —No, cu lu muru! Cu tia, cu c’è ccà dintra? Pirchì mi tuocchi?

Tatanu             —Si mancu m' haju tuculiatu!

Adelina           —Sì, u solitu! Vah, bonanotti!

Tatanu             —Bonanotti! (dopo alcuni secondi spunta la mano di Caliddu e va a toccare Tatanu.) Adelì! Adelì.

Adelina           —Chi è?

Tatanu             —Pirchì mi tuocchi?

Adelina           —Tatà chi pigli di ‘ncapu? Tu, si ca mi tuocchi. Ja di ccà mancu m’haju muvutu!

Tatanu            —Allura fu impressioni mia!’

Adelina           —Stranu ca aviemmu tutti du la stessa impressione! (finisce di dire la frase tutti e due in con­temporanea si siedono sul letto e si guardano in faccia impauriti come per dire “io non sono sta­to” poi guardano con paura sotto il letto e si accorgono della presenza di una qualcosa non identificabile.)

Tatanu            —Adeli!
Adelina           —Tatà!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Tatanu             —(impaurito) Chi vidisti?

Adelina           —(impaurita) Chi vidisti tu?

Tatanu             —Nun cridu ca su....

Adelina           —Bedda matri! (fa il segno della croce)

Tatanu             —E si su fantasmi?

Adelina           —‘Mpressioni è! Ni ‘mpressionammu! Nuddu c’è, sutta lu liettu!

Tatanu             —Talia!

Adelina           —Talià tu!

Tatanu             —Taliammu?

Adelina           —E taliammu.(riguardano sotto il letto ed hanno la certezza che c’è qualcosa sotto il letto. Emettono un grido lacerante.)

Tatanu             ---I fantasmi su!

Adelina           —Fantasmi su! (da sotto il letto escono lentamente i due fratelli Pepeddu e Caliddu indossan­do le lenzuola che erano stati messi sotto il letto, all’inizio del primo atto. Momenti di panico. Reazioni a soggetto.)

Tatanu             —Adelì, li vidi videmma tu?

Adelina           —(da sotto le coperte) No, nun li vidu.

Tatanu             —(scoprendola) Cuomu a vidiri di sutta li cuperti?

Adelina           —Si, Tatà, li vidu videmma ja! Spirda su, spirda. (fa il segno della croce)

Tatanu             ---E chi faciemmu ora?

Adelina           —Battiemmu li mani, cuomu ni dissiru li to figli. (durante tutto il dialogo, i due fratel­li si saranno spostati, cambiando posizione come se fossero delle statue marmoree.)

Tatanu             —Veru è! Battiemmu li. mani! (battono le mani ed ad ogni spostamento dei due fratelli loro si nascondono sotto le coperte, per poi riappari­re ribattendo le mani.)

Adelina           —Tatà, nenti! Mancu volanu!

Tatanu             —Anna essiri fantasmi di primu vuolu!

Adelina           —Tatà, triemu tutta!

Tatanu             —Ja no! (anche lui trema dalla paura) Chi faciemmu ora ‘na surfarata?

Adelina           —Nun schirzammu cu li cosi serij!

Tatanu             —Lu sai chi faciemmu ora?

Adelina           —Chi?

Tatanu             —Assecondiamoli, faciemmu finta di nenti

Adelina           —Cuomu dici tu!

Tatanu             —Adelì, chi bella jurnata, agghiurnà oj!

Adelina           —(a bassa voce) Chi ti sparanu si siemmu di sira. Si veru bella è!

Tatanu             —Chi pripari di mangiari oj?

Adelina           —Pasta e fasoli!

Tatanu             —Buoni su! (a bassa voce) Nenti sempri dda sù.

Adelina           —Va si fici tardi, chi fa ni curcammu?

Tatanu             —Si, curcammuni! (ad alta voce) Nantri ni stammu curcannu! (si coricano e si coprono con le coperte sino alla testa)

Adelina           —Si nni ieru?

Tatanu             —(scoprendosi la testa e guardando) No ancora dda su!

Adelina           —Mìh, testa dura chi hannu! Tatà durmiemmu! (dopo alcuni secondi, spuntano dalla porta di sinistra Rusinedda e Assuntina.)

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

SCENA TERZA

Detti Rusinedda e Assuntina.

Rusinedda       —Duormunu, amuninni! (si avvicinano al letto, Rusinedda da una parte e Assuntina dall’altra, per fare segnale ai due fratelli di uscire, non accorgendosi che i due si trovano nella stan­za coperti dalle lenzuola. Tatanu e Adelina sentendo rumore emettono un grido lacerante, trasalendo sul letto.)

Tatanu             —Bedda matri ccà sunnu!

Adelina           —Santi di’ ‘lu paradisu, aiutatimi. (reazioni a soggetto. Poi si tranquillizzano quando s’accor­gono che sono le loro figlie.)

Tatanu             —E chi ci faciti ccà uantri?

Adelina           —Taliati! (fa segnale alle figlie di guardare i due fantasmi.)

Rusinedda      —Chi è mamà?

Adelina           —(facendo segnale con il dito) Talia ddà! (Rusinedda e Assuntina guardano verso i due fantasmi. Fanno finta di non vederli.)

Rusinedda      —Chi c’è?

Tatanu             —Nenti viditi?

Assuntina        —No, nenti!

Adelina           —Cuomu nenti! Versu ddà!

Rusinedda      —Versu ccà? (e si sposta verso i tue fratelii)

Tatanu             —Assuntina versu ddà!

Assuntina        —Versu ccà? (anche lei si sposta verso i due fratelli. Continuano a dire che non vedono niente, si spostano ed involontariamente vanno a posare i piedi sopra la punta del lenzuola che tocca terra. Subito dopo entrano Agnesina e Catarina.)

SCENA QUARTA

Detti, Agnesina e Catarina.

Agnesina         —Chi c’è?

Catarina          —Chi su si vuci? (vedono i due fantasmi ed emetto­no un grido fadendo impaurire i due fratelli che si spostano dalla posizione assunta precedentemente,

scoprendosi interamente, in quanto le lenzuola erano state trattenute, involontaria­mente dai piedi di Rusinedda e Assuntina. Momenti di smarrimento. Adelina aumenta la luninosità con il   lume a petrolio.)

Tatanu             ---Di trì a trentatrì!

Adelina           —Ni quali rota?

Tatanu             —Ni chidda di scorta! Ebbene vero pi daveru! Li dù pupi di zuccaru! (alle figlie) Chi di voi ha osato ricevere in casa, a mia insaputa, tuttu su zuccaru? Chi? (guarda le figlie e capisce che sono state le figlie più piccole) Uantri? Belli facci tosti aviti nichi e mali caputi! (riferendosi ai due fratelli) uantri approfit­tare dell’ingenuità di queste due figlie picciulari. Unni ì a finiri lo scrigno d’oro tempes­tato di pietre... ....pumici. Non bisogna toccarle.... Bisogna contemplarle...E si chissa è contem­plazione.

Pepeddu          —Caru zu Tatanu, colgo l’occasione per chiedere sia pi mia ca pi ma frati Caliddu, la mano di so figlia Rusinedda e di so figlia Assuntina.

Caliddu           —E ja pure colgo l’occasione di chiedere la mano di so figlia Assuntina pi mia e Rusinedda pi ma frati Pepeddu.

Tatanu             —(alzandosi dal letto) Uantri nun cugliti nenti! Dindirindì, cincu fimmini un tarì! Lu Tarì traputenti! Giammai!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Chi? (alzandosi dal letto)

Tatanu             —Mai! U vidisti chi scantu ni ficiru pigliari! I fantasmi. Mai e poi mai! (alle figlie piccole) E uantri, ca li facistivu trasiri dintra, durante la nostra assenza, svergognate!

Rusinedda      —Ma papà! Si ni vuliemmu beni!

Assuntina        ---Papà si nantri....

Tatanu             —Zittitivi, muti, uantri!

Agnesina         —(avvicinandosi al padre e a bassa voce) Papà nun tocca a nantri prima!

Catarina          —Nun eramu nantri le prescelte!

Tatanu             —Muti anchi uantri! (bussano alla porta, e Vicia Naca).

SCENA QUINTA

Detti, Vicia e Paulu.

Vicia               —(d.d.) Zu Tatanu rapissi, rapissi subitu!

Tatanu             —Vostra matri, la barunissa? Vidiemmu chi voli (ad Agnesina) Va rapi! (Agnesina esegue.)

Vicia               —(vedendo i figli) Lu diciva ja, lu diciva ja, lu diciva ja!

Adelina           —(aggredendola) Lu dicissi, lu dicissi, pirchì si nun lu dici lei lu dicu ja!

Vicia               —Lu diciva ja, ca v’inchiuistivu dintra li ma du gioielli, li dù ma figli. Vi stati curtivannu l’urticieddu. No! No, nun v’arrinesci chissa. Li ma dù gioielli, li dù ma carusi ca ci puzza la ucca ancora di latti. E no! Lu diciva ja, lu diciva ja!

Adelina           —(isterica) Tà, Tà tienimi, se no mi la mangiu a chissa! Tienimi! Tienimi ca mi la mangiu!

Tatanu             —N’ha pi sei misi!

Agnesina         —(andando verso la madre) Calmati mamà, calmati!

Catarina          —(andando anche lei verso la madre) Mamà calmati ca ora lu papà aggiusta tutti cosi!

Pepeddu          —(calmando la mamma) Mamà, calmati. Vidica nun è cuomu pienzi tu! Ja e Caliddu vinnimu ccà di nostra spontanea volontà, pirchì vuliemmu beni a Rusinedda e Assuntina. E’ veruCalì?

Caliddu           —Si, mamà, veru è! Ja mi vuogliu fari zitu!

Pepeddu          ---Vinnimu ccà p’addumannari la manu di Rusinedda e di Assuntina. E cu l’occasioni ca c’è ma matri, addumannammu scusa a’ ‘lu zu Tatanu di questa nostra intrusione nella vostra casa!

Catarina          —(a bassa voce) Papà nun ti lu scurdari....

Tatanu             —Zittuti! (a Vicia) Unni è vostru maritu?

Vicia               —Fori!

Tatanu             —Fori, unni?

Vicia               —Fori, ccà davanti la porta!

Tatanu             —E pirchì nun trasì?

Vicia               —Pirchì chiddu è di parola. Dissi ca ccà dintra nun ci mitti cchiù pedi, e chiddu nun ci’ ‘lu mitti.

Tatanu             —Lu chiamassi e lu facissi trasiri cu la panza.

Vicia               —Chi?

Tatanu                  —Lu facissi trasiri! Vidiemmu si si po sistimari ‘sta barracca!

Pepeddu         —(interrompendo e bloccando l’entuale intervendo della madre) Ci vaju ja!

Caliddu           —Ja puru! (escono Pepeddu e Caliddu).

Tatanu             —Adelì va piglia carta e lapisi!

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Adelina           —Pi fari chi?

Tatanu             —Ti dissi di pigliari carta e lapisi. Esegui i miei ordini!

Adelina           —Tatà, chi ti fa lu spertu ccà davanti a’ ‘la barunissa? (esce per andare a pigliare carta e matita. Entrano Pepeddu Caliddu che accompagna­no il padre che non vuole entrare.)

Tatanu             ---Baciammu li mani, baruni! Mittiemmuci ‘na petra di ‘ncapu e faciemmu finta ca nun successi nenti. Ccà c’è ‘na cosa sula. Dù carusi ca si vuonnu fari ziti, (indica i gemelli) con altrettante ragazze, (indica le figlie, tutte e quattro. Entra Adelina). Ja sugnu patri, cuomu lu è vossia. Pienzu ca cuomu sugnu ja a vuliri lu beni di’ ‘li figli, lu è anchi vossia, e anchi vossia, (indicando Vicia) ca è la matri, e altrettando la qui presente Adelina Barone, mia moglie. Cridu ca tutti siemmu daccordu! E’ veru baruni? La rijssi ssà testa e taliassi la realtà in faccia. Barù, barunissa!

Vicia               —Paulu, Paulu o ci’ ‘lu dici tu o ci’ ‘lu dicu ja? Ah... e allura ci’ ‘lu dicu ja!

Paulu               —Parlu ja, Vicia! Pi mia basta ca su filici li ma figli, sugnu filici anch’ja!

Tatanu             —Barunissa! Dicissi la sua, pirchì si nun lu dici lei, lu dicu ja, e si ci lievu lu guizzagliu a ma muglieri, lu dici idda! (Adelina assume un atteggiamento aggressivo.)

Vicia               —E sia fatta la volontà di Diu, chiddu di ma maritu e chiddu di’ ‘li ma figli!

Tatanu             —E si scurdà chidda mia, chidda di ma muglieri e di’ ‘lu dù ma figlie...Però c’è un però!

Paulu               ---Quali però?

Tatanu             —La taccaglia russa!

Paulu               —La taccaglia russa?

Tatanu             —Li patti quali furono? Si figli ja aviva dari a maritari, la pricidenza era di’ ‘li cchiù ranni! Agnesina e Catarina.

Rusinedda      ---Ma papà!

Assuntina        —(alla mamma per trovare solidarietà) Mamà! (Adelina fa segno come per dire “io non c’entro”)

Pepeddu         —Zu Tatanu ma ja vuogliu beni cchiossà a Rusinedda!

Caliddu           —E ja a Assuntina!

Tatanu             —E ja a tutti quattru! Ma la precedenza è di’ ‘li ranni “ Liggi di l’anticu”. (alcuni secondi di dissenso da parte della famiglia Trupia e delle figlie Assuntina e Rusinedda.) Perciò….perciò.... se no, se no faciemmu decidiri a’ ‘lu distinu.

Paulu               —Lu distinu? (tutti ripetono sotto voce la paro­la “destino”).

Agnesina         —Chi significa? Papà mi facissi n’esempiu!

Tatanu             —Agnesì viziu bruttu! Stava diciennu faciemmu decidiri a’ ‘lu distinu. Il destino, 'sta potenti machina ca movi la vita e ca nuddu è capaci di firmari o farici cangiari strata. Sorteggiammu, sorteggiammu, cu di’ ‘li quattro figlie si farannu ziti cu li dù gemelli! (tutti restano allibiti, chiedendosi cosa vuo­le dire Tatanu.) Nun lu capistivu? Ora vi lu spiegu: ora faciemmu dù puolizzi, in una ci scriviemmu Agnesina e Caterina e ni l’antra Rusinedda e Assuntina!

Assuntina        —Papà!

Tatanu             —Zittuti tu!

Rusinedda      —Papà, ma chi dici?

Tatanu             —Giustu dicu, muta!

Pepeddu         —Zu Tatanu ma chi jucammu a’ ‘lu lottu?

Tatanu             ---Si, pirchì la vita nun è ‘‘na cuntinua jucata a’ ‘lu lottu? Lu juocu di’ ‘lu distinu. Oi tocca a mia, dumani tocca a tia. Oj ridu ja, dumani chiangi tu! Oj

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

muori tu, dumani mori iddu! (indicando Peped­du e Caliddu) Tiri lu nummaru di’ ‘lu distinu: sissantatrì, furtuna in casa Zarbu; tiri n’antru nummaru: diaciassetti, disgrazia in casa Trupia! (la famiglia Trupia fa scongiuri.) Chista è la vita! Chi ni penza, baruni, barunissa?

Vicia               —Paulu, parli tu o parlu ja, Ah allura parlu ja! Caru zu Tatanu pi mia vannu beni qualsiasi di’ ‘li so figli! Tantu su tutti aggraziati, e saran­no delle buone mogli!

Tatanu             —Barù, e lei?

Paulu               —Ma muglieri parlà e ci misi u bullu! Ja ci mittu lu siggillu! (ai due gemelli) Sunnu brave ragazze tutti e quattru, o una l’antra cridu ca fa’ ‘lu stessu.

Tatanu             —Oh! Allura subitu, faciemmu ‘stu sorteggiu. Adelì lapisi e carta. (Adelina consegna carta e matita. Tatanu piglia un foglio di carta e lo divi­de in due, in uno scrive Agnesina e Catarina e nell’altro Rusinedda e Assuntina.) Allura ni chistu scrivu Agnesina e Catarina, e ni chistu Rusinedda e Assuntina. (finisce di scrivere e piega i due foglietti in quattro, poi invita Vicia ad estrarre.) Cu tira a sorti? Signora barunissa a lei la ma­nu di’ ‘lu distinu! Pigliassi ‘na puolizza! (Vicia piglia un foglietto e lo consegna a Tatanu. I figli incrociano le dita. Tatanu dopo breve pausa e con religioso silenzio, legge) AGNESINA E CATARINA! Prosita e prosituna! (abbracci e baci di tutti. I delusi fanno gli auguri con riluttanza. Tatanu va a baciare le due figlie prescelte dal destino e poi va a baciare i futuri generi. Nel frattempo Ade­lina va a pigliare il foglietto rimasto sul tavolo e legge, poi chiama il marito in disparte.)

Adelina           —Tatà, Tatà!

Tatanu             —Chi è?

Adelina           —Vieni ccà! (Tatanu si avvicina ad Adelina, e tutti e due si sposano versola ribalta.) Chi ci scrivisti ni tutti dù li biglietta Agnesina e Catarina?

Tatanu             —Il destino, la mano del destino! (va a consolare le due figlie Rusinedda e Assuntina)

Adelina           —La manu di’ ‘lu zu Tatanu! Chi ti sparanu! (bussano alla porta è Sarina Fazia chioppi e scampà)

Tatatu              —Sarina è! Bedda matri, porta sempri belli notizij! (alle figlie Rusinedda e Assuntina) Jti a rapiri!

SCENA SESTA

Detti, Sarina e Alfiu.

Sarina              —Zu Tatanu, sta viniemmu Alfiu Santaita! (momen­ti di panico per i presenti. Vicia si sente mancare e si appoggia tra le braccia del marito, i gemelli si stringono con le fidanzate. Rusinedda s’abbraccia con Assuntina. Tatanu tutto impaurito).

Tatanu             ---Signori piano nummaru unu!

Adelina           —Tatà, ma quali pianu nummaru unu, si mancu c’è lu tiempu di scappari e lassari la casa sula! (da dietro le quinte si sente la voce di Alfiu Santaita, che chiama lu zu Tatanu! Tatanu va a nascondersi dietro la moglie. La porta era rimasta aperta. Entra Alfiu infuriato)

Alfiu               —Zu Tatanu! (corre verso lu zu Tatanu e lo affer­ra per la camicia) Zu Tatanu, finalmente faccia a faccia!

Tatanu             —(svincolandosi) Ecce Homo! Trafiggimi cuomu a Giulio Cesare!

Alfiu               —Zu Tatanu! (mette la mano in tasca).

“Cincu fimmini e un tarì” commedia brillante in tre atti di PINO  GIAMBRONE

Tatanu             —(sbottonandosi la camicia, offrendo il petto) Fai pianu! (chiude un occhio. I presenti impau­riti non sanno come reagire. La moglie prega!)

Alfiu               —Zu Tatanu! (esce dalla tasca un foglio. Tatanu è al limite delle forze.) Zu Tatanu, ringraziassi a Sant’Aita, patruna di Catania! Nenti ci fazzu! Nenti ci fazzu! (porgendo il foglio) Liggissi! Liggissi ccà

Tatanu             —(Scioccato da questo strano comportamento, non sa come reagire.) Chiffà nun m’ammazzi?

Alfiu               —‘Nso!

Tatanu             ---Nun m’infilzi?

Alfiu               —‘Nso!

Tatanu             —Nun mi...(fa il gesto di decapitazione colla mano.)

Alfiu               —‘Nso!

Tatanu             —E pirchì?

Alfiu               —Liggissi! (da il foglio).

Tatanu             —(piglia il foglio e legge) Iscrizione di matri­monio tra Sarina Fazia e Alfiu Santaita. Vi maritati? (guarda Sarina che fa cenno di sì). E allura lu tiernu?

Alfiu               —Miegliu tiernu di chissu! (indica Sarina).

Tatanu             —Allura finieru tutti cosi?

Sarina              —Si, zu Tatanu, chioppi scampà e nun si ni potti parlari cchiù. (tutti emettono un sospiro di sollievo. Cambiano tutti umore.)

Tatanu             —Lu sienti, Adelì?

Adelina           —Lu sintivu! Auri e figli fimmini!

Tatanu             —....Masculi! Ca c’è scarsizza! (in questo dialogo Vicia si sarà ripresa dallo spavento, come del resto tutti gli altri. Scambi di auguri. Rusinedda e Assuntina chiamano in disparte, vicino la ribalta, il padre.)

Rusinedda       —Papà e n’antri?

Assuntina        —Pi n’antri nun ci penza?

Tatanu                 —Babbi, aviti ancora cincu masculi a testa ca fannu deci, menu tri! (indica i presenti che si sono fidanzati) vi ni restanu setti!

Rusinedda       —E unni sunnu?

Tatanu             —Ddà! (indica verso il pubblico)

Rusinedda       —Papà, aspittassi! (piglia per mano Assuntina ed escono dalla sinistra.)

Tatanu             —(ai generi) Baronessi! Barunissa! u vidistivu  lu distinu. Ja era distinatu ca nun n’aviva a muriri cutiddiatu. Pepeddu e Caliddu eranu distinati ca s’avivanu fari ziti cu Agnesina e Catarina....(entrano Rusinedda e Assuntina, con un grosso e spropositato fiocco rosso in testa. Pigliano il padre e lo riportano al centro e vicino alla ribalta..)

Rusinedda       —Papà, ccà siemmu!

Assuntina        —Papà, siemmu pronti!

Tatanu             —(piglia le due figlie, una da parte e l’altra dalla parte opposta, verso il pubblico.) Carusi, spaddi alzati, uvita divaricati, unu, du’ e trì…….

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 19 volte nell' ultimo mese
  • 323 volte nell' arco di un'anno