Cocci, cerotti e fantasia

Stampa questo copione

COCCI,CEROTTI E

FANTASIA

Ovvero

I’ PRETE NI’

LETTO

due atti in vernacolo fiorentino di

Gabriele Verzucoli

personaggi

Felice

Amalia

Rosetta

Michele

Anselmo

Antonio

Dorotea

Emma

Gaetano

Il giudice


1

ATTO PRIMO

ROSETTA

(entra è tutto buio,Michele dorme sulla poltrona)0 che dormono

ancora tutti ?(apre la finestra e chiama)Micheleee! ! !

MICHELE

(Che si sveglia di colpo)0hh! !Ma che sei grulla a vociare cosi?

ROSETTA

O che ti sei addormentato costì,dopo quello che è successo

stanotte?

MICHELE

(stiracchiandosi)Davvero.. accidenti a loro!

ROSETTA

Ma nemmeno la notte stanno tranquilli... mamma mia, che gente !

MICHELE

Vai a preparare la colazione,perché se lasi sveglia "la pazza"e si sta lustri

tutte due

ROSETTA

Ora vado.. ma ti volevo dire,che l'è venuta una persona che vole affittare

l'appartamento,giù al primo piano,eppoi volevo sapere come l'è andata a

finire stanotte.

MICHELE

L'è andata a finire,che dopo tanti strill la pazza la s'è addormentata sulla

poltrona,e il signor Felice s'è addormentato in terra!

ROSETTA

Ma che gente strana. Ma perchè fanno sempre così?

MICHELE

Perchè.. perché il signor Felice un doveva riprendere moglie dopo che l'era

morta la povera signora... ma poi l'è andato a prendere una

capricciosa,un'isterica,un li va bene mai nulla,pe’ nulla la perde la testa.

Potessi gliela spaccherei io la testa!

ROSETTA

Povero Michele,ma come tu fai a stare qui?

MICHELE

Ma icchè tu voi.. praticamente ci sono nato. La mi' mamma l'è stata qui a

servizio fino alla morte. Da piccino,siccome i padroni unn'avevano

figlioli,spesso mangiavo insieme a loro. La signora la m'ha voluto bene

come a un figliolo. Poi ho preso il posto della mi' mamma e eccomi

qui. Ma finché ero solo conil signor Felice stavo come un Pascià, .ma poi gli

è venuta la bell'idea di risposarsi ed è finita la pace!Ehh!Ma io un gli do

pace a quell'arpia.. c'ho in mente  un piano e se mi va bene,quella la

smamma e io ritorno alla mi' vita tranquilla e beata!

ROSETTA

Un piano?Che piano... ..dimmelo... dimmelo.. Michele..

MICHELE

No,un tè lo posso dire... .come se un ti conoscessi!

ROSETTA

Icchè tu vorresti dire che sono una chiacchierona?

MICHELE

Noo!Ma,vedi le son cose delicate... Ora però l'è meglio che tu ti levi di

tomo,perché se la viene diqua quell’ arpia,tu senti che strilli .Vai... .vai...

ti farò sapere.

ROSETTA

Senti,Michele,che glielo dici te al signor Felice di quella persona che vuole

affittare l'appartamento?

MICHELE

L'è meglio tu glielo dica te,io c'ho da pensare a qualcos'altro.

ROSETTA

Allora torno più tardi cosi tu mi racconti l'ultime novità.(prima di


2


MICHELE ROSETTA


L'è meglio tu glielo dica te,io c'ho da pensare a qualcos'altro. Allora tomo più tardino così tu mi racconti l'ultime novità, (prima uscire)Mamma mia,che famiglia di grulli.(esce)


di


MICHELE Speriamo che il mio piano funzioni. Farò d i tutto perché quei due si separino.

(Va alla finestra).Ma quando arriva questo... Ho dato un po' di soldi a un

mio

amico che fa il venditore ambulante,perché venga tutte le mattine a far confusione sotto la finestra degli sposini. Ma ancora un si vede... Ah!

Eccolo!...


NANDO


Nando. .t'avevo detto di venire alle otto... svelto!

T'hai ragione... ma c'era un grullo su' i' ponte di via Borghini,che si voleva


MICHELE NANDO MICHELE NANDO MICHELE NANDO


buttare ni' Mugnone…

Che è affogato?

Macchè.. l’è morto!

Allora l'è affogato!

No,l'è morto per la paura di dovessibuttare di sotto!

Poche chicchere,dai.... comincia.... attacca, (di fuori,musica rumori)

Venite spose.. oggi si fanno affari...affarucci...affaroni.Forza.scendete.Ho

girato il mondo per portarvi queste meraviglie dall'America. SOTTABITI

IGIENICI dalla Francia:LATTE DI COCOMERO E GLICERINA,e le

rughe vanno vie... .(prosegue)


SCENA SECONDA


FELICE NANDO AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA MICHELE FELICE


(di dentro)Allora... Ma la unn'è l'ora di fìnilla…tutte le mattine

l'è questa musica... .Ma lasi levi di tomo.. la vada da un'altra

parte a vendere le su cianfrusaglie...

Icchè?... Cianfrusaglie! ! ! '.(entra Amalia) La su' moglie.. la sarà

una cianfrusaglia!

(andando alla finestra)Icchè l'ha detto?La venga a dirmelo su,se

l'ha i' coraggio! (entra Felice)

(mentre si sente allontanarsi Nando)Ma,brava... .brava davvero...

Come tu reciti bene....

Recito?Icchè recito?

La fa da nesci... come se un' avessi capito tutto...

Icchè t'hai capito?

Che quello l'è stato pagato,pe' venirea svegliarmi tutte le

mattine... E chi l'ha pagato?

Chi l'ha pagato?

Chi l'ha pagato?

(a Michele)Te pensa agli affari tuoi... .Vai a preparare la

colazione,presto!


3


MICHELE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE


Volo! (Fra se)Le cose si stanno mettendo bene! (esce)

Un tu penserai mica che sia stata io a pagarlo!

E chi sennò? L'ho capito i tu' piano, te tu mi vói far impazzire...

Io?... .Tu sei tè che tu fai di tutto per farmi schiantare .Da un anno

che siamo sposati io ho perso la pace,ora per una cosa domani

per un'altra,un posso mai stare tranquilla. Anche,stanotte tu m'hai

fatto fare una di quelle nottate....

Io?... icchè c'entro io?

Sì. .sì. .te. te... Per colpa tua e qui' maledetto scaldaletto,mi stavo

per bruciare!

Ma tu sei stata te,che tu l'hai messo ni' letto... eppoi dopo…l'è

successo il guaio!

Uh! !Io l'ho messo?Io l'ho trovato dentro al letto!Basta… basta...

un   ti sopporto più!Ma chi me l'ha fatto fare,di sposarti... .ma

icchè c'ho trovato in te,di tanto bello... Eh... me lo dici?

Ahh! (ammirandosi) TUTTO!

Ma guardati allo specchio... con codesta calza in testa tu mi sembri l

la Befana ...Vaia. Vaia... ridicolo!

Che coraggio... .la mi da di ridicolo a me.... !E t'ho visto sai,che tu

vai di nascosto in bagno a darti quella crema, che tra l'altro la

puzza di bottino,per tirare su la pancia...Lo sai quanti quintali ce ne

vorrebbero costì....! E la ciondoloaaa! Ah Ah!

Un parliamo di ciondoli... .perché tètu mi batti... .Ci siamo intesi?

Un cominciare ad offendere, sai. .perché... perché... sennò.... ti butto

fori di casa!

Bene l’è proprio proprio icchè voglio un ti sopporto più,questa vita

un sopporto più, me ne voglio andare via,mi voglio separare,non ti

voglio più vedere!

(mentre fa questo discorso butterà in terra varie cose) (Esce)

Brutta assassina... Ma guarda a icchè mi dovevo ritrovare! Ho

sposato una pazza…Eh... ma ora ti sistemo io!A noi!

(esce    comicamente)


SCENA TERZA


MICHELE ROSETTA


(entrando)Ah!Ah!Ah!Come me la rido .Ma non finisce qui.(va alla

tavola)Leviamo questo tovagliolo e mettiamoci questo.

(Al posto del tovagliolo metterà una mutanda che avrà in una

tasca,il pubblico non se ne deve accorgere la metterà sul piatto. )

0ra viene il bello!

(Entra con 2 tazze da caffée delle paste con la panna)Michele,ma i

padroni,icchè fanno?


4


MICHELE ROSETTA MICHELE ROSETTA FELICE ROSETTA FELICE ROSETTA FELICE ROSETTA FELICE MICHELE FELICE MICHELE AMALIA MICHELE AMALIA FELICE AMALIA FELICE ROSETTA MICHELE ROSETTA FELICE AMALIA ROSETTA


Icchè fanno?. L’hanno finito ora, di fare un'altra leticata.

Mamma mia ma un sanno far altro che leticare?Ma un sarebbe

meglio che si separassero?

Eh... l'è quello che dico anch'io.

Invece di starsene tranquilli,un gli manca niente, figlioli

unn'hanno avuti nessun dei due,a soldi stanno bene... Mha…

l'è proprio verochi c'ha il pane unn'ha i' denti!

(entra con una lettera, chiamando) Michele....

Buongiorno, signor Felice!

(arrabbiandosi, a Rosetta)D'ora in poi .nessuno mi deve dare il

buongiorno !Perché non è mai un buongiorno...

Va bene signor Felice.

(arrabbiato)E non sono nemmeno Felice... sono        infelice.. capito?

Sì… sì... !(E SI METTE DA U         NA PARTE)

Michele, vai giù dal portiere,e digli di portare questa lettera a

questo indirizzo. Mi raccomando,che faccia veloce,è un affare

urgente.

Se lei vuole,posso portarla io la lettera!

O tè o il portiere,per me fa lo stesso,basta fare alla svelta

Va bene.

Michele,per favore porta questo biglietto al suo indirizzo, (glielo da)

Mi scusi signora,prima devo portare questa lettera del signor Felice.

La porterai dopo. La mia è urgentissima.

La mia è ancora più urgente della tua.

La mia è più importante della tua.

La mia è più grande della tua. (mentre dicono queste

parole,levano e mettono le rispettive lettere in mano di Michele.)

Michele fai uno sforzo e portale tutte e due.

Vado e torno.(Via)

Scusate se m'intrometto, signori ma non potete essere sempre

così arrabbiati,per una cosa da nulla ne fate una tragedia!

Eh... Ma fra un po' sarà tutto finito .

Fra poco s ' aggiusterà ogni cosa.... !

Bene... ma intanto fate colazione...qui c'è il caffé…qui ci sono

le paste...Dopo un anno di matrimonio,!'amore è ancora forte!

Ogni sguardo è una nuova dichiarazione d'amore... ..e i cuori

palpitano,(gli prende le mani e le mette l'una sul petto dell'altra)

Sentite,come palpitano... .(le toglie)

E invece perdete tutto il vostro tempo a leticare.


5


FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE ROSETTA


Te impicciati degli affari tuoi.

Queste son cose che a tè un ti riguardano.

Te tu sei una serva,e stai al tuo posto.

Vai levati di torno.

Torna in cucina.

Me ne vado,io l'ho detto per il vostro bene(fra se)Ma icchè me ne importa

a me... ..Per me si possono anche ammazzare. (via)


(A questo punto,ognuno di loro va a prendere il ritratto del proprio congiunto e se lo mette vicino.)


AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA


(parlando al quadro)Come dici,caro?Sì…sì.. hai ragione devo mangiare

qualcosa,altrimenti divento secca,secca e alla fine muoio,(a voce alta)A

qualcuno farebbe piacere che io morissi,e invece no,questa soddisfazione

un gliela do'(nervosamente fa rumore con quello che c'è)

(senza accorgersene,si mette la mutanda al posto del

tovagliolo)Mangia,mangia...tu schianterai speriamo prima possibile.....

Io son più giovane di tè! Sicché per legge di natura... .Amen!

Non è detto... .Una disgrazia,può capitare da un momento all'altro!

(Insieme afferrano l'ultima pasta rimasta)Questa è mia.....

L ' avevo presa prima io...

L'ultimo    boccone è sempre delmarito!La mia povera Lina,me lo

lasciava sempre... vero Lina?(Al quadro che lo bacia)

Anche il mio Venanzio,me lo lasciava sempre... Sicché ,prima la moglie....

Prima il marito....

Ho detto prima la moglie. Ma già,te tu mi vuoi contrariare in tutto. E va

bene un tu voi che io lo mangi? ... ..Ma, un tu lo mangi nemmeno te... (e lo

butta in terra)Ecco fatto!

Ma brava... .brava davvero... Lo sai icchè si fa'?Si digiuna,

oggi,domani,sempre! (parlando al quadro)Come dici,cara?::Hai ragione

non mi dovevo sposare con la moglie di un baccalaio puzzolente!

Il mio Venanzio non era un baccalaio puzzolente,ma un negoziante di

baccalà!

Sì…Ma sempre puzzolente !

E allora la cara,dolce Lina che con la scusa di darla a tutti,la si faceva

pagare 1000 lire,per fargliela vedere eppoi la un la dava a nessuno!

(Facendo delle controscene imbarazzato perché non ha capito)La faceva

bene,per 1000 lire un si da nulla!

E intanto quei poveri disgraziati senza una casa speravano di averla,ma la

cara dolce Lina,prima la si faceva dare le 1000 lire


6


FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA


per il disturbo eppoi in seguito con una scusa la gli diceva chell'era bell'è

stata affittata. Bei modo di fare soldi !

Un parlare male della mi' moglie,inteso?Codeste son tutte chiacchiere

di gente invidiosa!

E te un dire più che i' mi' marito puzzava!

E te ritira tutto icchè t'ha detto della mi' moglie!

(vedendo le mutande)Ah. .Ah... Ah... Che bello spettacolo ! Ma

icchè tu ti sei messo?

Perché?... Icchè c'è?(si guarda addosso e vede le utande)Chim me l'ha messe

queste mutande al posto del tovagliolo?Ah... tu sei stata te... bello scherzo...

Io??Ma te tu sei tutto grullo... perché avrei dovut fare una cosa del genere?

Perché se putacaso fosse entrato qualcuno, tu avresti riso alle mie spalle!

Te,tu fai sempre ridere!

Questo è troppo... .Stanotte con lo scaldaletto... .Stamani con la colazione

non fatta... e,ora con le mutande... .queste cara signora sono tutte prove che

io porterò in tribunale,le farò vedere a tutti   e così finalmente avrò la

separazione!

Bravo,te porta le tue e io porto le mie..

Ma benone...Tutti in tribunale ognuno con la propria mutanda.

Ma icchè t'hai capito... io porto le mie prove! Eppoi si vedrà a chi

daranno ragione i giudici. Si vedrà!


SCENA QUARTA


MICHELE


I biglietti sono stati consegnati.


FELICE MICHELE FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE MICHELE AMALIA FELICE AMALIA


Bravissimo.

Signor Felice,c'è la Rosetta che c'ha dadirgli una cosa.

Non è il momento!

Perché non è il momento?

Perché... perché sto facendo colazione... ossia volevo fare

colazione....

E io,invece voglio sentire icchè la vòle!

E io no!

E io si!

Ma io sono il marito,e la moglie la deve stare sottoposta al

marito. Altrimenti,aria!

Bravo!Ben detto!

Eh,no... caro mio.. ti sbagli... tu sei te che tu devi stare al di sotto

di me.

Impossibile... io sono più alto

Ah. .AH... spiritoso! Michele,fai entrare la Rosetta, sentiamo icchè la

vole.


7


MICHELE ROSETTA MICHELE FELICE ROSETTA AMALIA ROSETTA AMALIA FELICE FELICE AMALIA ROSETTA AMALIA ROSETTA AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE ROSETTA


(in fondo) Vieni. Rosetta, entra!

(a Michele) Che si sono un po' calmati?Sennò,torno dopo.

Sie,.. se t'aspetti che si calmino...si fa notte. Vai.. vai!

Allora che s'ha a aspettare dimolto?

Stamani l'è venuta una persona che voleva affittare l'appartamento del

primo piano.

E' maschio o femmina?

Femmina, signora.

(guardando Felice a denti stretti)Ah.. !E' una femmina... fé. .mmi…na...

Perché tu lo dici così? Fé... mmi..na? Eh,allora Rosetta. M'ha dato questo

biglietto da visita,ecco tenga! (e lo da a Felice)

(legge) "Emma Carcioff ballerina".

Ah. ! Bene. .una ballerina?... E tè icchè tu gli hai risposto?

Io gli ho detto,che il signore non vuole affittare l'appartamento a

donne sole.

E lei che cosa ti ha risposto?

Che oggi viene a parlare un signore con il padrone.

Farà il viaggio a vuoto!

Perché?

Perché, dentro alla casa che mi ha asciatol il mio povero marito non voglio

che ci entrino donne di questa specie

Ma in questo modo la casa non verrà mai affittata.

E che me ne importa,resterà sfitta u n ce le voglio donnacce dentro.

Ti faccio presente,che oggi il padrone sono io.

No,la padrona sono io,la casa è roba mia!

Tu sbagli, cara Amalia prima era tua,ma ora è mia!

Scusatelo è meglio che tomi di là!


FELICE E


AMALIA (insieme, senza rispondere a Rosetta) E' mia. .no... è mia...


MICHELE AMALIA FELICE AMALIA FELICE


Andiamo Rosetta,le cose si stanno mettendo bene... prima parlavano di

separarsi... Uh... Dio lo volesse! (escono confabulando)

Come fai a dire che la casa è roba tua.

Eh. .per quella t'ho sposata!

Ah.. sì.. EH?Si vedrà, chi ha ragione  se è mia o tua. Questa è una cosa che

lo deciderà il tribunale e non te che tu sei un cretino,una bestia!La casa è

mia!Miaa! ! ! .(esce)

Becera... .Ignorante... Baccalaia.. si sente ancora il puzzo... (Vede

il ritratto del marito lo annusa)... senti che sito... .(va alla porta)...

Tieni t'ha lasciato lo stoccafisso! Ma roba da matti, quella la comanda la

ordina e io me ne devo stare zitto?(entra Michele a sparecchiare)

Ma che hai sentito che roba…


8


MICHELE FELICE MICHELE FELICE MICHELE FELICE MICHELE FELICE MICHELE


Ah.. Signor Felice,ma chi gliel'ha fatto fare di riprendere moglie,si stava

così bene,io e lei da soli!

Che tè ne ricordi, eh,Michele!

Eh!!!Se me ne ricordo! Soprattutto la Domenica...Colazione presto…

poi via di corsa al cimitero,io sulla tomba della mamma, e lei sulla

tomba della povera signora(prende il ritratto)Che brava donna.

EH!!!Poi,di corsa a casa a mangiare,un bei riposino per digerire una

partitina a carte,poi la cena e poi a letto. Che pace, che tranquillità. Eh!

Che allegria!

Ora invece la notte un si dorme,il giorno un si mangia... .siamo arrivati

anche ai dispetti... come queste mutande al posto del tovagliolo... .Che

vipera!

Come tu fai a sapere che l'è stata lei?

La me l'ha ordinato... Io un volevo... ma l'ha tanto insistito !

Benone. Tu verrai a testimoniarlo in tribunale,sì perché ho mandato a

chiamare l'avvocato,mi voglio separare. Libertà... (canta)"Libero voglio

vivere... (esce)

Questa del tribunale un ci voleva.. MHA! Qualcosa inventerò!


SCENA QUINTA


ROSETTA ANSELMO ROSETTA MICHELE ANSELMO MICHELE ANSELMO MICHELE ANSELMO MICHELE ROSETTA ANSELMO


(dal fondo) Prego entrate,da questa parte Chi devo dire?

(tartagliando) Diiica alla siignora che iiio sono Aaanselmo

Raganelli,!L'avvocato aaal quale ha manndato questo bischetto...

cioè.. biglietto… biglie  tto.(lo mostra)

Subito aspettate un momento. (Via)

Scusi,lei è avvocato?

Ciiivile e Peenale!

Ha vinto molte cause?

Tutte. Con la mia pariantiiina,mettto tutti in giiinocchio.

Sì.. dalla disperazione!

(che  guardava   l'orologio    e   non   ha   capito)   Come   ha   detto

Io? Niente!

La signora ha detto che può entrar e.

Graaazie.(esce insieme a Rosetta)


scusi?


9


ANTONIO


(dal fondo)E' permesso?


MICHELE


E ora chi c'è?(si avvia alla porta)prego, desidera?


ANTONIO


(E' un tipo alquanto sciatto e puzzolente)Grazie. E' in casa il signor Felice AlIegretti?Sono l'avv. Antonio Saponetti.


MICHELE


Saponetti?(annusando) non sembrerebbe. Si accomodi glielo chiamo subito?


ANTONIO


Grazie!


MICHELE


(Fra sé) O indove l'hanno trovatiquesti avvocati?

(fa per uscire e vede arrivare Felice) Ah.. ecco il signor Felice.


FELICE


(vedendo l'avvocato) Buongiorno!


ANTONIO


Buongiorno signor Allegretti,io sono l'avvocato Antonio Saponetti!


FELICE


(comicamente comincia ad annusare Michele)Ma che ti sei lavato stamani?(Michele fa dei cenni,indicando l'avv.)Sì.. Si.. Lo vedo... vai di là e lavati. (Michele esce)Prego,si accomodi... io sa... veramente aspettavo l'avv. Stoppi, (gli stringe la mano eppoi se l'asciuga)Ih.. Ih!


ANTONIO


Ha ragione,ma l'avvocate ha avuto un contrattempo, quindi ha mandato me ,per sentire intanto, di che cosa si tratta, sempre che a lei non dispiaccia!


FELICE


No.. no... si figuri,Avv. Schifetti... nessun problema, (annusa)


ANTONIO


No…Schifetti...Saponetti Avv. Ant (si leva il cappotto giacca sdrucita)


onio Saponetti !(pausa)Che caldo!


FELICE ANTONIO


Ecco, apriamo un po' la finestra!(Fra se)Mamma mia che sito!(vedendo che sta in piedi)Ma,prego si metta a sedere.... (Antonio fa per sedersi)... No... non lì... la si metta.. ecco.. laggiù.. così la vedo meglio! Perché lei è presbite?


FELICE


Ehhh.. eccome... sprebitissimo.....


ANTONIO


Io, in vece sono un po' miope, quindi è bene che mi avvicini.(esegue, e Felice si mette un fazzoletto al naso)Allora,mi dica di che cosa si tratta.


FELICE


Signor avvocato,lei mi deve salvare,lei mi deve aiutare...Mi metto nelle sue mani (fa per dargliele eppoi ci ripensa)


10

ANTONIO

Su… avanti racconti.

FELICE

Io mi voglio separare dalla mi’ moglie.

ANTONIO

Separare? Ma come alla sua età…dopo tanti   anni di matrimonio?

FELICE

Macchè l’è appena un anno che mi sonosposato…perché…vede io sono

vedovo.(va alla foto) La guardi questa è la mia dolce e cara Lina, una

santa donna!Bella vero?Lo vede questo neo, vicino alla bocca?

Mi piaceva tanto…(guarda l’av

v.)… ma anche lei la ce l’ha. Da chi l’ha

ereditato dalla su’ mamma?

ANTONIO

Purtroppo, io la mamma non l’ho mai conosciuta…mi ha abbandonato

appena nato…da una balia a Ce

cina…è lei che mi ha rallevato…Eh!!!

Mi piacerebbe tanto sapere chi sono i miei genitori.(Foto di lui)…

E questo chill’è?

FELICE

Questo l’è i’ marito di quella là! Sen ta…come puzza di baccalà…

(annusa l’avv.)…Strano…Mha!

Andiamo avanti…dunque le dicevo che io

sono vedovo…e sa com’è…la so

litudine l’è brutta…e allora un giorno

incontrai quell’arpia di là…   La pensi la combinazione, da 2 anni l’abitava

qui al primo piano e io non l’avevo mai vista. Poi l’è morta la mi’ moglie,

gliè morto i’ su’ marito, ci siamo conosciuti,piaciuti e sposati.

E lo feci i’bollo! Da qui momento ho perso la pace,la tranquillità…

l’allegria…Insomma mi voglio

separare…

ANTONIO

Ma prima,bisogna sapere le ragioni! Che caldo!(si leva la giacca)

FELICE

Ce n’ho mille di ragioni! La mattina io voglio fare colazione alle 10,lei alle

11.A mezzogiorno io voglio mangiare, lei no all’una. Va bene!Se io voglio la

pastasciutta lei la vole i’ brodo,se io voglio i' brodo lei la vole la pastasciutta.

..e lo sa perché la fa tuttoquesto?

ANTONIO

No…me lo dica.

FELICE

Lo fa…per…come si dice…per

ANTONIO

Per ostacolarla?

FELICE

Bravo! Per OLASTOCARMI.

ANTONIO

No…No… Stia calmo…calmo! Ostacolarla!


11

FELICE

Sì…Appunto…OSTALOCARMI…come l’ha dett

o lei!

ANTONIO

(si asciuga la fronte)Che caldo!(si sgancia la cravatta e si sventola le ascelle)

Andiamo avanti!

FELICE

Andiamo avanti…come l’ha detto che

la si chiama…?Puzzetti?

ANTONIO

Saponetti…Avv. Saponetti!

FELICE

(fra se)Ma ogni tanto adoprale,però !Dunque dicevo…Un’altra

cosa che mi dà ai nervi,l’ è quella…che io vado pazzo per i fagioli, e lei

da un anno a questa parte non me l’ha mai fatti fare. Perché,la dice lei

che fanno male,che sono…ru  morosi!

ANTONIO

Beh…questo è vero!

FELICE

Ma una volta ogni tanto…si può anch

e sopportare!Andiamo avanti. Se

io voglio uscire fuori a piedi lei la vole andare in tram o viceversa…

se io sono allegro lei l’è di cattivo umore o viceversa…siamo come cani

e gatti…questa vita io non

la sopporto più.

Signor avv. lei la mi deve aiutare. (pausa)

ANTONIO

Caro signor Felice, ma queste non sono delle buone ragioni per

intraprendere una causa di separazione. Ma cosa vuole che gliene importi

al Presidente dei fagioli?

FELICE

E perché?Posso trovare un Presidente che gli piace i fagioli, e mi dà

ragione. A lei gli piacciono i fagioli?

ANTONIO

Sì…molto!

FELICE

Oggi l’ha mangiati?

ANTONIO

No!

FELICE

Meno male!

ANTONIO

(sganciandosi il colletto della camicia)Senta Signor Felice…per ora non ci

siamo…

FELICE

(fra se) Piano…piano questo rima  ne in mutande…(ricordando)Ecco le

mutande…questa sì che è

una prova…(le prende)

ANTONIO

Che mutande!

FELICE

Stamattina a colazione, la mi moglie l’ha ordinato a Michele di mettere

queste mutande sul tavolo al posto del tovagliolo!


12

ANTONIO

Ma queste le son tutte futilità… Ma n

on ce l’ha una ragione più

positiva?

FELICE

Come no! La c’è la c’è…

ANTONIO

Bene,allora me la dica.

FELICE

I'prete!

ANTONIO

Che prete?

FELICE

I prete..!' prete!La mi' moglie da un po' di tempo la va a letto con il

prete... il problema l'èche io un ce lo voglio,ma lei la pretenderebbe che

anch'io dormissi con qui' coso ni' mezzo. Ma che gli sembra normale?Io

un lo voglio e lei la lo vòle. Ma che ha capito con che tipo di donna ho a

che fare?

ANTONIO

Ma signor Felice...quello che lei mi sta dicendo è...scandaloso.. ma nello

stesso tempo è tutto a nostro favore. Con questa prova...la causa è

vinta. Benissimo. Altro che fagioli ,mutande... .I'prete! Mamma mia che

caldo!

FELICE

Ma non è tutto.. qui’ maledetto m'ha anche bruciato! La guardi.(si tira su

il pantalone)Che ha visto?

ANTONIO

Giue... tentato omicidio !

FELICE

La mi voleva far fare la fine di Savonarola! Scriva...scriva,avvocato!

Brutta assassina. I’ bello l'è che la da la colpa a me se qui véggio s'è

rovesciato e l'ha bruciato i' lenzuolo.

ANTONIO

Véggio? ..che véggio!

FELICE

Come che véggio?!' prete... lo scaldino... come la lo chiama lei?

ANTONIO

AHH! !Ma allora i' prete sarebbe i' véggio... O Santa Rosalia da

Cecina...O santa Marta Martire Morta....

FELICE

Ma icchè l'aveva capito?

ANTONIO

Che sua moglie la tradiva con un prete!

FELICE

Ma nemmeno i' diavolo la vòle,quel la, figuriamoci un prete!

ANTONIO

Peccato !Peccato davvero !A questo punto,signor Felice,io credo

che l'unica cosa da fare è quella di invocare la incompatibilità di

carattere.

FELICE

Bene,invochiamo la INCOLATIBILIBA'

ANTONIO

Incompatibilità!

FELICE

Sì.. sì…INCOMATIBILIBA'.. e io icch

è ho detto?

ANTONIO

Incompatibilità... Ha capito?


13

FELICE

Ho capito ma la un s'arrabbi…lo vede   come la suda…quando la si agita.

ANTONIO

Mi agito sì... Ero così contento di aver finalmente una prova... invece

scopro che i' prete l'èil vèggio. Ma roba da matti!

FELICE

Ma se la vòle.. si può rimediar e,se ne cerca uno e gli si mette ni'

letto!Eh?Che idea geniale!

ANTONIO

Ma.. ma cosa dice?Guardi io ora torno allo studio e mi riguardo un po'

la situazione. Ma lei nel frattempo,si dimostri con sua moglie,

dolcissimo,disponibile,non la contraddica ma,anzi faccia in modo di

bisticciare con sua moglie la si faccia offendere,si faccia trattare male,

ma mi raccomando sarebbe bene che ci fosse un testimone presente al

vostro litigio. Eppoi, sempre davanti a qualcuno,sua moglie gli dovrebbe

dare un bello schiaffo: Se noi abbiamo uno schiaffo, siamo a cavallo.

FELICE

Perché,!'ha detto noi?Anche leila ne deve buscare?

ANTONIO

Io?No,lei solamente!Sa,noi avvocati parliamo sempre in persona

plurale...facciamo.. diciamo...Ma lo schiaffo la lo deve prendere.. Lei.

FELICE

Io.. ho capito. Ma con lo schiaffo,posso avere la separazione?

ANTONIO

E' possibile,ma mi raccomando,ci deve essere sempre qualcuno presente.

FELICE

Va bene ! (intanto si riveste)

ANTONIO

Quando questo accadrà,me lo faccia sapere,e mi dirà nome e cognome

del o dei testimoni, così noi li citeremo e vedrà che riusciremo a vincere .

FELICE

Va bene. signor Avvocato Caccoletti la ringrazio tanto.

ANTONIO

Saponettiii... Mi chiamo Saponetti!bene,io vado,allora intesi stia

buono,dica sempre di sì... e si faccia dare un bello schiaffo.

E mi

raccomando,sia docile,buono e acconsenta in tutto quello che lei

dice.

(campanello)


14


FELICE


Sarò un agnellino... Arrivederci.. (no n sa se dargli la mano o no.

l'avv. esce ma poi rientrerà alla fine battuta di Felice)

0ra esco, cerco un amico,lo porto su, chiamo la mi moglie ,una bella

leticata, un bello schiaffo e ...arrivederci e grazie!


MICHELE


(entra con Carcioff)Signor Felice ci sono due signore che vorrebbero parlargli!


FELICE


Va bene falle entrare!Bene non uno,ma due testimoni! (entra Carcioff tutta di bianco vestita, accompagnata dall'avv. La guarda eppoi soggetto)Bella... Che profumo!... Michele... controlla che mia moglie non venga di qua!


MICHELE


Ci penso io!(ridacchiando va via)


DOROTEA


(entra anche lei)Eh.. no.. sono arrivata prima io quindi l'appartamento è mio!


CARCIOFF


Ma lei non sa chi sono io!


DOROTEA


Sì. .sì. .lo so..,l'ho vista ieri sera al teatro. .Ma questa non è una buona ragione per passarmi avanti.


FELICE


Signore.. calma.. (a Carcioff)Prego... signorina.. signorina...


ANTONIO


Emma Carcioff la signorina è la grande.. divina.. Emma Carcioff. (sudando)Che onore!


CARCIOFF


Caro.. caro Avvocato.. che piacere !


FELICE


Vi conoscete?


ANTONIO


(imbarazzato)Noo... sììì... così e così !


CARCIOFF


E' un mio assiduo ammiratore. Tutte le sere è lì.. in prima fila ad applaudirmi.


FELICE


(fra se)Hai capito?Eh?L'avvocato?Eh??


CARCIOFF


Gli è piaciuta la mia interpretazione di Ofelia?


ANTONIO


Sublime  pianto tanto!


DOROTEA


Anch'io ho pianto tanto. Ieri sera maritino mio,mi c'ha portato. Bello!Unn'ho capito nulla.. ma m'è piaciuto tanto!


15


CARCIOFF


(che è entrata in parte)..Egli è mortoe scomparso,signore,egli è morto e scomparso,al suo capo sta una verde zolla,ai suoi piedi una pietra:il suo lenzuolo è bianco come la neve della montagna, coperto di dolci fiori che non furno sparsi sulla sua tomba,bagnati dalle lacrime di un vero amore:Innanzi la mia carrozza! Buonanotte,signore,buonanotte,bella ma,buonanotte,buonanotte! (si accascia distrutta)


FELICE


Bònanottee!!!


ANTONIO


(sudato e piangente)Brava! Brava! ! ! !


DOROTEA


Continuo a non capire... però che br ava!


FELICE


Che allegria!


ANTONIO


Purtroppo devo andare.(saluta)Signor Felice di nuovo... .signorina Emma a presto, .presto... !Brava,Brava!Ah! ! !(esce)


DOROTEA


Maleducato unn'm'ha nemmen salutato!


FELICE


Allora... che posso fare per lor signore?


CARC. E DOR.


(insieme) Io sarei venuta per quell'appartamento...


CARCIOFF


Tocca a me!


DOROTEA


Sono arrivata prima io!


FELICE


Una alla volta,per carità!


CARCIOFF


Ma io, sono già venuta stamani,per avere informazioni.


Quindi ho la precedenza.


FELICE


(facendo il galante)E' vero,l’è arrivata prima lei!


DOROTEA


Le solite raccomandate!


FELICE


Signore,purtroppo,non sono io che decide,ma mia moglie ...l'appartamento è suo.


16

DOROTEA

E allora ci faccia parlare con lei!Perchého molta fretta,devo andare

al teatro,perché ieri sera ho perso un orecchino e mi è stato detto che

l'hanno ritrovato,ma devo vetrificare se è quello.

CARCIOFF

Anch'io ho molta furia si avvicina l'ora degli sciacqui!

DOROTEA

(ridendo) A quest'ora la si sciacqua?L'èproprio vero gli artisti son tutti

grulli!

CARCIOFF

Ma lei mi sta offendendo! Come si permette?

FELICE

La signorina ha ragione.. Come si permette?Se l'è l'ora di sciacquarsi.

La si sciacqui pure.. anzi la un faccia complimenti se la vòle andare in

bagno...l'accompagno io!

CARCIOFF

Com'è gentile!

DOROTEA

E io icchè faccio?

FELICE

Lei?La va a fare una girata!

DOROTEA

Ignorante…cafone.. la ringrazi Iddio ch

e un c'è marittimo

mio... Sennò,,glielo face va vedere lui...

L'è meglio che vada via.. ma qui un

ci torno più!(e lascia la borsetta sulla poltrona)

FELICE

Brava, se la un ci torna più,la mi fa un piacerone!

CARCIOFF

Ma che donna ignorante!

FELICE

E ora che siamo soli,parliamo dei nostri affari.

CARCIOFF

Ma veramente…preferirei ci fosse Gaeta  nuccio mio.. deve

arrivare.

FELICE

Ah,ah.. viene anche Gaetanuccio?

CARCIOFF

Certo.. perché stamattina, quando sonovenuta mi è stato detto che

non volete affittare a donne sole,ma si dà il caso... che io non sia

sola...(guardando l'orologio)Ma si è fatto tardi... .devo andare... .sa gli

sciacqui.. per la voce.. stasera ho spettacolo... .Arrivederci.


17


FELICE


Ah... l'erano per la voce? Chissà icchè avevo capito. Ma aspetti non vada via subito.. guardi,chiamo la mi' moglie... (pregandola)... la prego non vada lei potrebbe essere la mia salvezza!


CARCIOFF FELICE


Non capisco... Ma a momenti sarà qui Gaetanuccio mio…parlerà

con lui... .Arrivederci! (esce)

(insistendo)La prego...cinque minuti... (li va dietro,poi rientra)Ma porca

miseria. L’era i' testimone che faceva per me. La mi' moglie,l’avrebbe

vista.. la si sarebbe arrabbiata."Come?Affittare l'appartamento a una

donnaccia simile?Porco":Schiaffo... separazione.. e Libertà! ! !E invece

ora,ne devo aspettare un altro!


MICHELE


(entrando con delle buste)Signore,è arrivata la posta.


FELICE


Grazie,Michele... guardiamo un pò '...Bella posta.. solo bollette...

bollette... (Esce brontolando)


SCENA SESTA


ANSELMO


Dunque signora,arrivederci.


AMALIA ANSELMO


Arrivederci signor avvocato,e mi raccomando.

Signora, gliel'ho detto,diiipende solo da lei.:Siiia dociile,ubbidiente e

faccia in modo di fare una bella leticata,però sempre davanti ad un

testimone,magari se ci scappa anche uno schiiiaffo,siamo a cavaaallo!


AMALIA


Se 1 ' è per leticare, ci pensoio ! Arrivederci !

(prende un giornale e legge)


FELICE


(entra Felice) Oh!Cara Amalia... che leggi di bello?


AMALIA


Guerra e pace..


FELICE


Accidenti! Molto rilassante! (sta per accendere una sigaretta,poi ci ripensa) Ah.. già il fumo gli da noia!


AMALIA


Felice ,perché hai buttato viala sigaretta?


FELICE


Perché mi sono ricordato cheil fumo ti da fastidio!


AMALIA


No, anzi,mi fa piacere, fuma, fuma maritino mio.


FELICE


(la guarda incredulo)Ma cara,me lo hai sempre proibito!


AMALIA


(incalzando)Ho detto che puoi fumare.. fuma.. (e gli accende la sigaretta con rabbia e gliela infila in bocca)


18


FELICE


(sospettoso)C'è qualcosa di strano!


ROSETTA


Signore,c'è un signore che vòle parlare con lei.


FELICE


Chi è?


ROSETTA


II nome non me l'ha voluto dire. Però,m'ha detto che vi vòle parlare dell'appartamento.


FELICE


Fallo entrare.(Rose. esce)Bene,un testimone!


AMALIA


Felice,io torno di là!


FELICE


Ma No. .resta... mi farebbe piacere.. sentire insieme quello che vuole.


AMALIA


No. sarebbe maleducato, che la moglie assista !Si tratta d'affari e, per questo parlaci te e se poi ti va,mi fai sapere qualcosa, altrimenti non importa!Del resto tu sei il padrone e puoi fare tutto quello che ti pare e piace. (Azione di Felice)Perché tu sei la perla dei mariti... sei il modello dei mariti Hai capito?Maritozzo mio bello,bello!Parlaci te con questo signore,senti prima icchè vòle,cosa desidera poi se credi, ma se vuoi... mi fai sapere di che si tratta... marito mio caro,caro,caro!


FELICE


(Esce Amalia) Ma che è impazzita.. .E ora?A me chi me lo tira lo schiaffo?


19

SCENA SETTIMA


GAETANO


E’ permesso?


FELICE


Avanti.(Gaetano:tipo di vecchio elegante. Appare sotto la porta e si ferma Felice lo guarda)Icchè l’è rimasto incollato… (a Gaetano)Prego entri si sieda….


GAETANO


Grazie!Lei è il signor Felice Allegretti? (Siede,restando fermo in una posizione comica.)


FELICE


Per servirla! (lo guarda,pausa)Signore,forse lei ha sbagliato, unn'è qui,l'è all'ultimo piano.


GAETANO


(senza muoversi)Che cosa?


FELICE


I' fotografo!


GAETANO


Ma io non cerco il fotografo,io voglio parlare con lei.


FELICE


Ma la s'è messo in una posizione.. da fotografia, (imitandolo)


GAETANO


Ah! Ho capito... Questo è un modo di stare grazioso. Io sono tutto grazioso!


FELICE


Bellinooo!


GAETANO


Lei vorrebbe sapere come mi chiamo,ma quando gli dico icchè son


venuto a fare,a lei che gliene importa,che gliene importa,che gliene importa.


FELICE


Se la me lo vole dire bene,sennò a me che me ne importa,che me ne importa,che me ne importa?


GAETANO


Stamattina è venuta una signora per affittare l'appartamento.


FELICE


Sissignore,una certa Emma Carcioff,attrice...ho già avuto il piacere di


conoscerla.. sì.. è venuta,ma poi è dovuta andare a casa per i suoi sciacqui. Ma ha detto che tornava presto!


20


GAETANO


Però,gli è stato detto che non l'affittate a donne sole!


FELICE


Sissignore,perché così che vuolela mi' moglie.. Ha capito?


GAETANO


(approva muovendo la testa comicamente)


FELICE


(fra se) Ma icchè c'ha le molle?


GAETANO


Forse perché la donna in questione èun attrice! Ma lei sa che ci sono eccezioni,ci sono quelle buone e quelle cattive. Ma la mia Emma... è un angelo. La mia Emma è un fiore di virtù!


FELICE


Mi scusi,ma lei che sarebbe il babbo della signorina Emma?


GAETANO


Babbo?(ride comicamente)Io?I'babbo?Ma che m'ha guardato bene?


FELICE GAETANO


Eh! !Proprio,perché l'ho guardato!

Sono uno che gli vuole bene come una figlia,anzi ora gli racconto come

l'ho conosciuta. Un giorno,mentre camminavo sui Lungarni, quel

giorno tirata tanto vento.. a me mi piace quando tira vento,perché mi fa

tanto bene alla pelle.. gliel’ho detto io sono grazioso!


FELICE


( fra sé) Poerino l'è convintod'essere grazioso!


GAETANO


Gli dico la verità la sua bellezza m i colpì.. lei andava avanti e io accanto. Quando tutt'a un tratto,venne un temporale,tuoni,lampi,e un' acqua tremenda. La poveretta stava senza ombrello, allora io colsi l'occasione. mi accostai e le le dissi: Signorina,si ripari qui sotto, (con voce bassa)


FELICE


E lei la si spaventò?


GAETANO


Nooo.. anzi,accettò l'invito e l'ac compagnai fino a casa.


FELICE


A casa sua?


GAETANO


A casa mia... fossi grullo ! Io sono ammogliato.. anzi vedovo !


FELICE


Come sarebbe a dire?


GAETANO


Sarebbe a dire che alla signorina ..gli ho detto che sono vedovo. Insomma per farla breve.. l’accompagnai fino a casa sua,e per strada la mi raccontò tutta la s ua storia. Gli assicuro che la mi fece tanta.. ma tanta pena, che da 8 mesi non mi sono fidata a lasciarla sola.


FELICE                  Ma se quella la scopre che la moglie l'è viva?

21

GAETANO  Questo è un problemino.. perché,appunto'altro giorno,la mi disse:

Mio caro  perchè non ci sposiamo?

FELICE           E lei ,icchè la rispose?

GAETANO  Eh!Ho trovato subito una scusa... Le dissi che i mi' babbo non vuole che

ripigli moglie.. per rispetto della defunta!

FELICE          (ride)Ah... Ah. .e lei la c'ha creduto?

GAETANO  Perché?Icchè c'è di strano?

FELICE           La scusi, ma i ' su' babbo, chill'èNoè?

GAETANO   Ah! !Ho capito, .lei pensa che sia un po' vecchietto?

FELICE          A occhio e croce ... i' su' babbo.. dovrebbe avere 150 anni!

GAETANO  Ma icchè la dice... I mi' babbo c'ha 50 anni!

FELICE         (Si pe' gamba)!

GAETANO  Insomma…signor Felice…se lei riuscisse a   convincere sua moglie…

io potrei stare più vicino a quel fiore di virtù! Guardale do subito un anticipo sull'affitto! Va bene?Queste sono 30.000mila lire per sei mesi anticipati :D'accordo?

FELICE         (fra se)Questo potrebbe essere un buon motivo di litigio Senta, io prima

voglio sentire la mi' moglie,perché capisce, io un faccio nulla senza il suo consenso.

GAETANO   E' giusto. Si vede che lei è proprio un marito affezionato.

FELICE          Marito affezionato?

GAETANO   Certo!

FELICE          Signore, la si ricordi questa parola.


GAETANO  E perché?


FELICE         Può darsi che la dobbiate ridire da un' altra parte, (chiamando) Rosetta!.

22

SCENA OTTAVA


ROSETTA FELICE ROSETTA FELICE GAETANO ROSETTA AMALIA FELICE GAETANO AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE


Mi dica,signor Felice.

Per favore vai a dire a mia moglie, che se è in comodo se gli fa piacere,se

può venire un momento di qualche gli devo dire una cosa.

Bene(esce)

Mio caro signore,da parte mia,c'ètutta la buona intenzione,speriamo che

dica di sì.

Stiamo a vedere,una parola lei,una parola io...

La signora viene subito, (esce)

(sempre con modi gentilissimi)Eccomi qua marito mio.

Cara Amalia.

Rispettabilissima signora.

Signore, (salutando)

Moglie mia,il signore qui presente è venuto per affittare l'appartamento.

Con piacere,e l'affìtto l'avete concordato?

No, non ancoralo sai che io non faccio niente senza il tuo consenso.

Senza il mio consenso !?E a che serve?!! padrone sei tu marito mio.

No,moglie mia la casa è roba tua,e tu ne devi disporre.

Ma che dici... il padrone sei tu,e quello che fai tu,è ben fatto!

Ma no, sei tu la padrona.


23


AMALIA FELICE AMALIA GAETANO FELICE AMALIA FELICE AMALIA FELICE GAETANO FELICE AMALIA FELICE GAETANO FELICE AMALIA FELICE AMALIA GAETANO


No, sei tu marito mio.

No,sei tu......

Ma no,sei tu....

Signori, decidiamoci...

Dunque,gliela vogliamo dare?

Se tu gliela vuoi dare,dagliela!

No,se non gliela vuoi dare te,non gliela diamo.

Ma se tu vuoi,per me non gliela do.

E io lo stesso.

Ma vi lascio sei mesi anticipati.. queste sono 30.000 mila lire.

Ma non si sta parlando di soldi... E' che la mi' moglie, ancora non sa a chi

serve la casa,ha capito?

(con ingenuità caricata)Ah!Perché non serve a lui?

E no,è per questo che ti ho chiamata. Il signore è ammogliato,abita con la

moglie.

(Per carità,non faccia sapere i fatti mi ei)

(seguitando)La casa serve per quella signorina, .l'attrice…Emma

Carcioff.(0ra tu senti che strilli)!

(c.s.)Ah! !E va bene.. icchè c'è di male?

Come,la vuoi affittare ad una attrice?

Voglio?... Ma io non voglio niente. Se a te va bene,io son contenta la tua

volontà è anche la mia.

Brava. Che moglie obbediente.


24


AMALIA


Moglie obbediente?(A Gaetano sottovoce)Si ricordi di questa parola!)


GAETANO


E perché me la devo ricordare ?Via.. signor Felice.. se lei è d'accordo!


AMALIA


Io?D'accordissimo…E' lui che non l'ha


mai voluta affittare.


FELICE


Io?(a denti stretti)Ma moglie mia cara cara...non dire bugie,ma se mezz'ora fa,quando ce l'ha detto la Rosetta l'è successo i'finimondo!


AMALIA


Io?Ma tè tu sei pazzo!


FELICE


(SUBITO)Pazzo?!(a Gaetano sottovoce)Signore,la si ricordi che la m'ha dato di pazzo!... T'hai ragione a dire che son pazzo.. se ero normale unn'avrei mai sposato una baccalaia!


AMALIA


Baccalaia?!(c.s.)Signore,la si ricordi che m'ha dato della baccalaia.


FELICE


(urlando). Signore l'è un anno che io sto nell'inferno, questa donna è una vipera!


AMALIA


Vipera?!(c.s)Signore si ricordi che m'ha dato della vipera!


GAETANO


Ma perché me ne devo ricordare?


FELICE


Perché al momento opportuno,lei dev testimoniare in mio favore.

Mi dica come si chiama,nome cognome e indirizzo...


GAETANO


Questi mi mettono nei guai, io gliene do uno falso!... Mi chiamo Nicola Coperchini via Farini n. 55.


FELICE


Benissimo(va a scrivere)


AMALIA


Signore... nome cognome e indirizzo..


GAETANO


Subito ! Francesco Stoppa, via La Farina 88.


FE. e AM.


Signore,può andare domani parlerem o.


GAETANO


(ASSECONDANDOLI) Certo…Certo…domani.(Vu (fa per andare quando entra la Carcioff)


state freschi)!


CARCIOFF


Caro. .meno male sei ancora qui... allora la casa è nostra?


GAETANO


Emmuccia mia.. andiamo via.. questi sono due pazzi.. (la prende


per un braccio)

FELICE           Signore,si ricordi che se lei testimonierà in mio favore,io, la casa gliela do per 20.0001ire

25

AMALIA

Io per 15.000 lire

FELICE

Facciamo 5.000

AMALIA

No... 1000.

GAETANO

Qua va a finire che l’affitto me lo danno loro a me!

CARCIOFF

(contenta)Abbiamo la casa... (lo abbraccia)

DOROTEA

(Entra per riprendere la borsetta)Permesso. .ho lasciato...

(vede il marito abbracciato) Ahhh... .mio marito..

GAETANO

Cielo,mia moglie..

CARCIOFF

Tua moglie, .ma non è morta?

GAETANO

Miracolo... Miracolo....

DOROTEA

Te lo do io il miracolo (borsettate sul capo)...Gaetano, voglio

delle spiegazioni.. subito....

AMALIA

Gaetano?!. .Ma lui si chiama Francesco Stoppa.

FELICE

Macchè Stoppa... Coperchiili.. Nicola Coperchiili !

DOROTEA

La sarà lei un coperchio…lui è Gaetan

o Frittella,marittimo mio..

FE. e AM.

(vanno a scrivere il nome azzuffandosi senza pensare agli altri)

CARCIOFF

(da una parte a sedere)Ma…come...per

tutto questo tempo…mi hai

preso in giro...ohhh! Dioo! (Sviene)

GAETANO

Emmuccia mia..(FA PER ANDARE A SOLLEVARLA).

DOROTEA

Alto là... Traditore.. infame... Ora andiamo subito dall'avvocato !

GAETANO

Dorotea. .lascia che ti spieghi... (escono)

AMALIA

(stanno discutendo)Mi hai dato della baccalaia...(a Felice)

E

FELICE

E a me hai dato del porco...(Amalia)sìì...porco(e gli da uno schiaffo

e idem Felice ad Amalia)


AMALIA

E

FELICE


(rivolgendosi a chi non c'è più)Avete visto...mi ha dato uno schiaffo.. (idem Felice)


26

FELICE

I testimoni dove sono andati... .(vede la Carcioff)...0 Bella Otero...

sveglia..  che ha visto ..mi ha dato uno schiaffo...

Sie questa l'è diventata un pinzimonio... E ora come fo!!!

AMALIA

Sono scappati

... (pensando all' indirizzo)gli devo ritrovare...

(uscendo) Ci rivedremo in tribunale!

FELICE

Bene.. ci sarò....

!! Ma icchè tu corri…arrivo prima io da

Gaetanuccio...

(esce)

MICHELE

(in silenzio entrano,guardano la Carcioff, accendono la radio,

E

ROSETTA

fuma e prende da bere, si siedono comodamente) Che pace! ! !

FINE   PRIMO    ATTO


27

SECONDO ATTO

Michele e Rosetta stanno sistemando la sala come se fosse un tribunale.

MICHELE       Ma guarda che bell'idea che gli è venuto.

ROSETTA       Davvero sai,io unn'è posso più!

MICHELE       Almeno speriamo che presto si ritorni alla normalità.

Comunque il giudice Taddei,ha fatto bene a volerli convocare prima

privatamente per poi andare in tribunale


ROSETTA


Ma se e' andavano subito ,questa storia la si risolveva prima.


MICHELE


Lo so!Ma la pazza l'ha fatto di tutto ,perché il giudice venisse qui...la vòle essere sicura che i testimoni si presentino tutti.


ROSETTA MICHELE


Che è vero che anche noi si deve testimoniare?

Se un si fa noi,che s'è assistito atanti di quei litigi,chi lo deve fare?


ROSETTA


Ma tè, che glielo dici al giudice,che l'è anche stata colpa tua se leticavano,con tutti gli scherzetti che tu gli hai fatto.


MICHELE


Ecco.. lo dicevo io che un mi dovevo fidare di te. Tu sei una gran chiacchierona!


ROSETTA MICHELE


Ma io un l'ho mica detto a nessuno.

Sarà bene che tu stia zitta,perché se quei due si separano anche te tu ci

guadagni. Nessuno ti dirà più:"fai questo... fai quello... Vai di qua... vai

di là:Hai capito?Sicché zitta e muta.


ROSETTA


Sii. .Zitta e muta!


(campanello)


MICHELE


Vai ad aprire,comincia lo spettacolo!


ROSETTA


(d. d)Prego si accomodi.. da questa parte.


TADDEI


(entra il giudice frettolosamente)Buongiorno,sono il giudice Taddei. Gli avvocati delle parti in questione sono arrivati?


ROSETTA


Ancora no!Se mi vuole dare il cappello e il cappotto.


TADDEI


Speriamo di fare alla svelta... c'ho la testa pe' l'aria. Stanotte io e quella povera disgraziata della miì moglie, la s'è fatta in bianco.


28


MICHELE


Che cosa è successo,signor Giudice?


GIUDICE


Ho la moglie che sta per partorire. Son tre giorni che ha i dolori c’ho un pensiero che non puoi credere. Fra le altre cose ho 7 figlie femmine .. io vorrei un maschio e ti assicuro che se nasce un'altra femmina questa volta la porto a Casablanca,quant'è vero Iddio! Ora l'ho lasciata con i dolori… meno male che ci sono i parenti ad aiutarmi.


MICHELE


Speriamo che questa sia la volta buona!


GIUDICE


Ho detto a mia cognata che appena la mi' moglie partorisce,che me lo venga a dire subito,se è maschio o femmina. Se è femmina,parola d'onore... te la regalo.. va bene?


MICHELE


Ma icchè la dice...


GIUDICE


Ma proprio oggi,dovevo fissare quest' appuntamento...son così sulle spine... Per favore,mi dovrei cambiare la camicia,sono uscito così di corsa che non ho avuto il tempo di cambiarla... dove posso andare?


MICHELE


Venga signor Giudice,!'accompagno di là!


GIUDICE


Grazie! Che dici sarà maschio o femmina ?


MICHELE


Io che ne so! Speriamo bene !


GIUDICE


Accidenti !... un' altra femmina. E questa sarebbe una disdetta,una disdetta! (Via tutti e due)


FELICE


SCENA SECONDA

Allora.. avvocato.. ci siamo !


ANTONIO


Ancora però, è presto per urlare vittoria, questo è solo un incontro amichevole,perché il Giudice,ritiene questa causa un po'ridicola.


FELICE


Ridicola?... Ridicola?... .Gliela darei a lui una donna come quella la vedrebbe che cambierebbe subito parere!


ANTONIO


Credo che di donne ce n'abbia abbastanza! Gli bastano le sue.


FELICE


Bene. .un Giudice donnaiolo, quindi esperto in femmine...La causa è vinta!


ANTONIO


Macchè donnaiolo. Poveraccio. C’ha 7 figlie femmine.. e ora la su moglie la sta per partorire di nuovo... sperano che sia un maschio!


29


FELICE


Poer'omo con tutte quelle piscione pe' casa!...(ridacchiando)

Però questo giudice.. si dà d a fare?Eh?!


ANTONIO


Sì. .ma torniamo a noi... Mi raccomando a lei,non deve dire nemmeno una parola,se c'è qualcosa da dire ci penso io. Intesi?


FELICE


Ahhì! La ci pensa lei!


ANTONIO


E certo,io sono il suo avvocato! Si sieda,qui accanto a me e zitto!


FELICE


Ma qualcosa potrò dire anch'io!


ANTONIO


Ho detto di no.. !Che caldo!


FELICE


Ovvia si ricomincia con lo spogliarello! Apro un po' la finestra, va bene?


ANTONIO


Grazie.. grazie!Ma sua moglie?Com'è cheancora non si vede?


FELICE


La c'avrà ripensato! (voce d.d. della moglie)Eccola la strega!


SCENA TERZA


ANSELMO


Buongiiiorno a tuuutti. (salutando)Avvocato Saponetti…signor Allegretti. (Antonio risponde)


AMALIA


(fra se) Ecco l'infame!


ANSELMO


Il giuudiiice è arriiivaaato?


ANTONIO


E’ nello studio a cambiarsi la camicia!


ANSELMO


Siignora mi raccomando stia calma-Penso a tutto io!


ANTONIO


Signor Felice,saluti sua moglie!


FELICE


Ma che è grullo... Oh,mi scusi! Ma io un ce la fo a salutarla!


ANTONIO


Ma se lei fa il gentile,tutti penseranno che è sua moglie la cattiva.


FELICE


C'ha ragione.. allora la saluto, (si alza controscena ma non ce la fa) E' più forte di me,un ce la fo! (Antonio gli da una spinta)Oh!Cara mogliettina mia,buongiorno! (Amalia lo ignora)Bella figura che ho fatto,che è contento avvocato?


ANTONIO


Bravo ! Molto bene !


30


AMALIA


L'ha avuto anche il coraggio di salutarmi!


FELICE


Quando uno saluta di solito si risponde!


ANTONIO


Stia zitto,non ci parli con lei.


FELICE


Io?!... Ma io un parlo mica con lei,ce l'ho con una persona che stamattina l'ho salutata,e non m'ha risposto…!Capito?


AMALIA


Io un ce l'ho cento facce come tè!


ANSELMO


Signora,per favore,lei non deve parlarci!


AMALIA


Ma io non parlo mica con lui,ce l'ho con una persona che sta diventando ridicolo quanto basta!


FELICE


Icchè??. .Ridicolo a meeee !.. Senti chi parla, brutta cimbardosa.


AMALIA


Avete sentito. ?M'ha dato della cimbardosa... Avvocato scriva.. scriva..


ROSETTA


Ovvia ,ora si va alle mani!


MICHELE


Magari.. così la si farebbe finita con questa pagliacciata!


ANSELMO


Signora per favore,si calmi!


AMALIA


Sì,l'è meglio.. sennò mi comprometto... Avvocato,io vado in camera mia.. perché quella l'è ancora camera mia.. Appena siete pronti chiamatemi!


ANSELMO MICHELE


Signora.. aspetti.. dobbiamo parlare di alcune cose... (esce

rinconcorrendola)

(campanello)Rosetta vai ad aprire e lascia pure l'uscio aperto!


ROSETTA


Sii... sarà meglio,con tutta le gente che deve venire,sennò stasera c'ho piedi lessi, (esce e entra con Gaetano che darà il cappello a Michele e esce con Rosetta)


FELICE


Uh il signor Gaetano(andandogli incontro)sono proprio contento che lei sia venuto. O perbacco... ma cosa gli è successo?E' stato un incidente?


GAETANO


Noo...sii…beh!Lasciamo stare.


31


FELICE


Bene.. allora si ricordi ..Porco!


GAETANO


Porco.. porco a me?Ma come si permette?


FELICE


Ma icchè l'ha capito?Lei la deve dire al giudice,che mia moglie mi ha dato di porco…se lo ric orda vero?


GAETANO


Anche la mia la m'ha dato di porco…sa…pe r la faccenda della signorina Carciofi e ora la vole chiedere la separazione.. ha capito in che guaio sono!


FELICE


E a me che me ne importa?


GAETANO


Anche a me che me ne importa di lei.. Io quasi.. quasi vo via!


FELICE


Noo…dicevo.. che oggi non me ne impo


rta,ma domani..


GAETANO


E a me non me importa ne oggi ne domani. Arrivederci!


FELICE


(prendendolo per un braccio)La venga qua... si sieda qui accanto a me…Lei la deve solo dire c he la mi' moglie la mi dette di porco eppoi la va via! Siamo d'accordo?


GAETANO


Ma io.. devo pensare ai miei guai!


FELICE


La mi faccia questo piacerebbe poi io la ringrazierò. Ho preparato una cosa.. che poi gliela mando a casa...una cosuccia che gli farà piacere...Lei l a si domanderà ma icchè l'è?..Un lo so.(ridendo)Un si può dire! (accomodandogli i capelli)Lei mi faccia da testimone…che poi io...Vedrà.. vedrà che bella sorpresa. D ice,ma icchè l'è?Un lo so!


GAETANO


Questo l'è tutto grullo!(Ad Antonio)Avvocato,che c'è da molto?


aspettare di


ANTONIO


Noo.. no.. è questione di pochi minuti.


GAETANO


Senta signor avvocato,posso parlargli di una cosa mia privata?


ANTONIO


Certo,mi dica! (si allontanano i due)


FELICE


Signor Gaetano indove la va?


GAETANO


Devo dire una cosa a l'avvocato.


FELICE


Ma che uscite fuori?


32


GAETANO


Nossignore,sto qua.


FELICE


Ah.. qui.


GAETANO


Qua.


FELICE


Qui. (ripetere con soggetti)


GAETANO


(in confusione)Qui.. qua.. qui. .Lei mi fa perdere il capo!


FELICE


Insomma,non andate fori!


GAETANO


Nossignore,stiamo qua... in questa stanza, .va bene?


FELICE


Ohh…0hh...icchè la bòcia…ho capito.

di molto a dirlo!


..vu restate qui,che ci voleva


ANTONIO


Allora mi dica.


GAETANO


Dunque.,lei deve sapere..(si accorge che Felice ascolta)Oh!Ma insomma,ma lei è proprio maleducato.. non vede che devo parlare all'avvocato?


FELICE


Io per sua norma e regola.. sono a casa mia... qui…qua...

vado dove voglio. Va bene?


ANTONIO


Via signor Felice,sia gentile,ci lasci un secondo in pace!


FELICE


Ma fate veloci,perché anch'io vogli concludere questa faccenda... Mi sembra che si vada un po' troppo pe' le lunghe!


GAETANO


Lei deve accomodare quest' affare con mia moglie... Sono 15 giorni che mi ha lasciato,e se n'è andata dalla su' sorella.. si vole separare,mi vuole fare causa.


ANTONIO


E perché?


GAETANO


Perché.. perché... l'ha scoperto che c'ho (sottovoce)un amante.


ANTONIO


Ma come all'età sua.


GAETANO


Icchè la vole sono errori di gioventù!


FELICE


Tant'è che anche il babbo l'ha brontolato..


33


ANTONIO


I’ babbo di chi?


GAETANO


I'mmio!


ANTONIO


Ahh...perché lei la c'ha ancora il babbo?


GAETANO


Sicuro..!' babbo e i' nonno!


ANTONIO


Ehhh'. Come no?


FELICE


L'è vero,sa?Il nonno lo conosco anch'io l'ho visto una volta in un bei sarcofago tutto mummificato… bello...sembrava un giovanottino... Lei gli assomiglia,tale padre tale figlio!


GAETANO


Ma lei mi sta prendendo in giro.


FELICE


Come potrei,lei è il mio testimone.


ANTONIO


Insomma,smettetela con queste scemenze. Andiamo avanti,signor Gaetano.


GAETANO


Lei dovrebbe andare a casa della su sorella,la ci parla,e la gli dice che io sono pentito,sono amaramente pentito,che non lo farò mai più,mai più. (giura) Giuro,giuro!


FELICE


Ma come,uno c'ha la fortuna che la moglie la se n'è andata di casa e questo la rivole… ma roba da pazz i!!


GAETANO


Ma perché la un si impiccia degli affarisuoi?Se la rivoglio vol dire che

c'ho le mie buone ragioni. Dunque avvocato,la mi' moglie l'è di molto

arrabbiata,tanto è vero che la m'ha ridotto così…

Però un lo dica a nessuno c he l'è stata lei,mi vergognerei.


ANTONIO


(ride)Ah! ah! :Ah! Questa sì che è bella.


FELICE


Icchè c'è da ridere?


ANTONIO


L'è stata la su moglie a ridurlo così..Ah!Ah!Ah!


FELICE


(ride)La su' moglie?!!! Altro che incidente. E la rivole a casa?Ma allora lei la unn'è mica grullo…l’è d oppio grullo!


GAETANO


Ma gli avevo detto di non dirlo a nessuno!


FELICE


Invece io, lo racconto a tutti.


34


GAETANO


Ecco lo sapevo,ora lo saprà tutta Firenz e. Chiacchierone... e io un gli fo da testimone.


FELICE


Un parlo più.


ANTONIO


Signor Gaetano,vedrò quello che si può


fare?Va bene?


GAETANO


La ringrazio anticipatamente.


SCENA QUARTA


MICHELE


Prego si accomodi,signorina. (entra la Carciofi)


EMMA


Grazie, (siede)


GAETANO


(con molta passione) Uh' Emmuccia.


FELICE


Ora more!(intanto Antonio alla vista dell'Emma,suda,è imbarazzato)


GAETANO


Avvocato... (chiamandolo)Avvocato... sveglia.


ANTONIO


Ma cosa vuole,ancora.


GAETANO


Avvocato,quella signorina... (titubante), è la mia amante!


ANTONIO


(indignato)Che cosa?Lei vorrebbe dire che la signorina se la intende con (dispregiativo)con Lei..!


GAETANO


Eh.. sì::!Bella vero?


ANTONIO


Bellissima! Signorina Emma,ma chi l'avrebbe detto che dovevamo vederci di nuovo qui.


EMMA


Eh,bisogna aver pazienza:Ecco,che cosa significa fidarsi troppo degli uomini.


ANTONIO


Degli uomini, va bene,ma lei però si è fidata di un mandrillo!'.(ride)


FELICE


Ce l'ha con lei!Però c'ha ragione.. lei l'è proprio un mandrillone... anzi un orangutango !


ANTONIO


Ma scusi,ma abbia pazienza io non so come una donna si possa innamorare di lei. Ma son cose inaudite.


FELICE


Ma poi che donna... quella donna(indicando)


35


GAETANO


Io sono uno che piace... piaccio piaccio... io !


EMMA


Mi disse che voleva sposarmi,ed io,a questa lusinga non guardai ne l'uomo,né l'amante,né mandrillo,ma il marito.


ANTONIO


Il marito?!! marito di un'altra.


EMMA


Ma lui mi disse che era vedovo, poi all'improvviso è riapparsa la morta più viva che mai.


ANTONIO


Questa poi!


FELICE


Una morta che picchia!


GAETANO


Insomma basta... .Lei ha oltrepassato il limite! Io sono dovuto venire qui a testimoniare,perché convocato dal giudice, altrimenti col cavolo che sarei venuto. Ma chi se ne frega di lei e della su' moglie.. anzi vi ritengo colpevoli di quello che m'è successo! Vi denuncio…Avvocato voglio den unciare questa famiglia!


ANTONIO


Calma, .signori... per carità. Questo do veva essere un incontro amichevole,invece sembra di essere ad un incontro di boxe!


FELICE


L'ha proprio ragione avvocato, .bisogna essere amici... volersi bene.. (baciando Gaetano)Caro... ..caro Gaetanuccio... su… un t'arrabbiare... tu ti spettini tutto... Guarda ,appena tu avrai testimoniato,te ne potrai andare a casa(sottovoce)…nell 'appartamento di sotto...è tuo! Ehh!?


GAETANO


Ma ormai,come faccio... la mi' moglie la sa tutto !


FELICE


La un pensi a lei... ma a quella(indicando Emma)


GAETANO Quella l'ho persa.. io la conosco… Quando  la s'arrabbia la diventa

terribile!


AMALIA


(entrando furiosa)Allora... che c'è ancora di molto da aspettare? Nemmeno fosse l'opera di'Domo!


FELICE


Stiamo aspettando il Giudice.


GIUDICE


Buongiorno a tutti! Sono il giudice Taddei!


FELICE


A bomba! Buongiorno signor Giudice.


GIUDICE


(molto nervoso)..Il telefono funziona.. vero?(come se sentisse

uno squillo)Pronto?Pronto?Ma un c'è nessuno!


AMALIA


Perché nessuno l'ha chiamata!


36

GIUDICE

Ehhh... Sarà così! (guarda tutti)Allo ra.. io sono il giudice Taddei...

ve l'ho già detto?

TUTTI

Sììì!

GIUDICE

Dunque.. su insistenza della signora Amalia.. qui presente...

ho ritenuto  opportuno avere un incontro privatamente con le

parti in questione e i loro testimoni... (guardando l'orologio)…

Ora vista l'ora e la semplicità di questa causa...io direi...direi,

(prende la cornetta)Pronto???Pronto???Questo telefono non funziona!

FELICE

Permette signor Giudice?(prende la cornetta)Sente?...fa tu…tu...,

quindi funziona. Ecco…ora   pensiamo a questa separazione!

GIUDICE

Certo.. siamo qui apposta!(prende un fascicolo)La signora Amalia e suo

marito il signor Felice Allegretti…bla...bla...bla...bla...bla...(mentre legg  e

guarda l'orologio e il telefono)... Bene, vogliamo ascoltare qualche

testimone?Che dite?

TUTTI

Sentiamo!

GIUDICE

(chiamando)Michele Cencetti... Michele Concetti... Non c'è!

Bene andiamo avanti!

FELICE

No…no…L’aspetti!Permette?(va all'us

cio e urla) Micheleee! ! !

MICHELE

(arriva trafelato con il grembiule da cucina)Eccomi.. stavo aiutando la

Rosetta, con le cipolle...

FELICE

Eh,lo sento,lo sento! Vai il giudice ti vole!

MICHELE

Giuro di dire la verità, .tutta la veri tà... .nient'altro che la verità!

GIUDICE

Bravo!Per ora basta che si segga. (Michele si siede accanto a Gaetano)

GAETANO

(annusandolo)Ma questo puzza di cipolla.. la vada più in là!

MICHELE

Il giudice m'ha detto di sedermi qui!

GAETANO

Ma io un ce lo voglio accanto.

FELICE

Ma quanto la fa lunga…per un po’ di

puzzo…la si volti da questa parte,

così la un lo sente!

GAETANO

Così mi viene il torcicollo!


37


FELICE


E allora la stia come la vòle!


GIUDICE


Signori...(si accorge che non ha il martelletto e prendendola come scusa) Signori…mi manca il mio...mio ...capito no?Quindi devo andare a casa a prenderlo. La corte si aggiorna.


AMALIA


Ma icchè la dice...lei la un va da nessuna parte...Guardi come si fa! (Esce un secondo e prende un mazzuolo da cucina e un tagliere)Ecco…la batta qui... l'è uguale. Andiamo avanti efacciamo alla svelta!


GIUDICE


Ecco.. facciamo alla svelta!(chiamando)…Rosetta Paletti...Rosetta Paletti...

anche questa non c'è...


AMALIA


Scusi eh... (chiamando)Rosettaaa…svelt


a il giudice ti vole!


ROSETTA


Arrivo... (intimorita)


AMALIA


Vai dal giudice ! (si risiede) Vai.. e smoiti !


ROSETTA


Signor Giudice... (si butta in terra)Io un so nulla...io unn'ho fatto nulla...l'è tutta colpa di...


TUTTI


(si accusano. .Michele accusa Rosetta,Amalia accusa Felice Emma accusa Gaetano,con un po' di confusione)


GIUDICE


(batte il mazzuolo)Signori...vi prego,un po' di contegno…così non risolviamo nulla.(a Rosetta)Lei si segga. Proseguiamo… (chiamando)Gaetano Frittella..


FELICE


Eccolo qui. L’è il mio testimone…lui


sa tutto!Guardate quanto è bello!


GIUDICE


Signor Felice,per piacere, faccia rispondere a lui. Allora,lei è il signor Gaetano Frittella?


FELICE


Per servirla.


GIUDICE


Qui mi risulta anche la signora Dorotea Frittella sua moglie?


GAETANO


Per ora sì!


FELICE


Più che una Frittella la pare un tondone.


GIUDICE


E dov’è?


GAETANO


Non lo so!


38


GIUDICE


Va bene,cominceremo senza la signora Frittella, (accorgendosi della Carcioff si alza e va a salutarla)Signorina,(le bacia la mano)che onore averla qui con noi!


CARCIOFF


Grazie,signor Giudice.


AMALIA


Quante smancerie!


GIUDICE


Allora ci siamo tutti,possiamo cominciare.


FELICE


Sarebbe l'ora. La c'ha messo meno la mi' mamma a fammi!


GIUDICE


E invece la mi' moglie l'è tre giorni che la c'ha i dolori…la un lo fa...


FELICE


La un lo fa…


GIUDICE


Un lo fa......


AMALIA


La lo fa.. eccome.. e speriamo che sia femmina!


GIUDICE


Noo...un'altra femmina no... ce n'ho sette,mi pare che bastino.


AMALIA


Alla grazia... e allora speriamo che sia un maschio.


GIUDICE


Speriamo... Io ho già scelto il nome,se ntite se vi piace:S...


TUTTI


Sandro...Stefano... Silvio... Sempronio…


GIUDICE


Macchè...Sofferto...Sofferto Taddei. Ho sofferto tanto per averlo. Bello vero?


TUTTI


Ehhh...


FELICE


Ecco...e se invece l'è una femmina...?


GIUDICE


(dispregiativo)…Sofferenza...(brusio di tutti)Allora…si diceva che... (riprende il fascicolo)In nome della legge,ecc. ecc. in data 25 ottobre ecc. ecc.. Autorizzo la signora Amalia Allegretti nata Pitocchi....


GAETANO


(ride)Ahh…ahh...Pidocchi...la signora Pid


occhi…


AMALIA


No,Pidocchi…Pitocchi!


39


GAETANO


Fa lo stesso.. l’è brutto lo stesso!


AMALIA


Bellino il suo... Frittella... Ahh Ahh! (ridono tutti )


GIUDICE


Signori…silenzio(batte)(c.s.)PRIMO:c he il signor Felice Allegretti suo marito,voleva farla morire di freddo,perché non voleva il prete nel letto...O perbacco...(continua a leggere)ovvero lo scaldino,detto anche veggio...Ahhh,ora ho capito!


FELICE


Ma questa è un 'infamità!


ANTONIO


Stia zitto!(Giudice batte o suona e sbadiglia aprendo tutta la bocca)


FELICE


E c'ha un forno a caso!


GIUDICE


(stanco sbadiglia):"Per causa di questo nacquero mille incomprensioni sempre occasionate dal sig. Felice Allegretti,!! Quale voleva financo fittare una casa fatta fabbricare dal defunto marito della Signora Amalia,a certa gente che la discreditavano!...


CARCIOFF


(alzandosi)Oh!Questa poi...


GIUDICE


(imponendole silenzio suonando o battendo delicatamente e gentilmente):

Pss...


AMALIA


Come glielo suona gentilmente!


GIUDICE


SECONDO:Perchè il signor Allegretti non contento di far morire di freddo la sig. Amalia sua moglie, voleva perfino toglierle il sonno e per ottenere questo,pagava un venditore ambulante ,il quale ogni mattina, con tanto di grammofono, faceva tanto rumore,che la sig. Amalia,era costretta ad alzarsi e non poter più dormire".


FELICE


Unn'è vero niente,queste cose la lefaceva lei a me.


ANTONIO


Ho detto di stare zitto. Replicheremo dopo.


FELICE


Un posso stare zitto... qui si sta rivoltando le carte in tavola… (Amalia ride) Ridi…Ridi... ma riderà bene chi riderà ultimo!


GIUDICE


Insomma la vogliamo finire sì o no?...Che è lei l'avvocato del signore?


ANTONIO GIUDICE


Sì.. sono io..

Mi meraviglio di lei,sig. Avvocato,che non gli dice niente.


ANTONIO


Ma gliel'ho detto.


FELICE       Macchè zitto e zitto...Io voglio i fagioliii! ! !


40

SCENA SESTA

U o D              (CORRENDO E GRIDANDO)Femmina... femmina. .E' una femmina.


GIUDICE


Nooo... un' altra femmina! 7 e una 8 !Ma questa è una maledizione! (chi fa brusio e chi consola il Giudice)


U o D


(entra trafelato\a)Femmi…na...(si   accorge di aver sbagliato uscio)

Femm… scusate ho sbagliato piano!

(esce ma prima il Giudice gli tira qualcosa).


GIUDICE


Ma chi l'era quello?M'ha fatto prendere uno spavento!

(prende la cornetta)Niente... tutto tace.


DOROTEA


Permesso?


GAETANO


Oddio la mi' moglie!


GIUDICE DOROTEA


Prego... chi sarebbe lei?

La moglie di quell'essere immondo,(indicandolo). Sono la signora Dorotea

Frittella, (da un'occhiataccia alla Carciofi)


GIUDICE


Bene.. pensavamo che non venisse.. prego si accomodi!


DOROTEA


Buongiorno a tutti!


GAETANO


(a Felice) Quella appena si esce di qui,la ce ne dà, di santa ragione.


FELICE GAETANO


A chi?A mee?

Ma no!...A me e all'Emmina!


DOROTEA


(a Gaetano)Te t'aspetto di sotto,insieme a quella e vi rompo le gambe a tutt'e due.


GAETANO


Ecco,lo dicevo io!


GIUDICE


(legge nella lista dei testimoni):Emma Carciofi, venga avanti.

(Emma s'alza e si dirige verso il Giudice e Dorotea occuperà la sua sedia.)


GAETANO


Bella,come la cammina bene,che bei passi,che bei passi!


FELICE


(soggetto da definire)


GIUDICE


(con caricata eleganza)Lei è Emma Carciofi?


CARCIOFF


Sì,signore.


41


GIUDICE CARCIOFF GIUDICE EMMA GIUDICE AMALIA GIUDICE CARCIOFF GAETANO GIUDICE CARCIOFF GIUDICE CARCIOFF GIUDICE CARCIOFF FELICE AMALIA GIUDICE CARCIOFF


Lei è un attrice, vero?

Sicuro!

Brava... (sottovoce)A me piace tanto il teatro. Io vengo tutte le sere al

teatro,dove c'è lei,ho laprima poltrona in prima fila,non mi ha mai visto?

No,non ci ho fatto caso.

Ma come,io vengo sempre:C'ho un binocolo grande grande e vi fisso,

vi fisso per tutta la serata.

Ma come si fa a sopportare queste smancerie!

Dunque,giurate di dire la verità,tut ta la verità nient' altro che la verità?

Lo giuro!

Come è bella.. come è bella!

Cosa sa lei,di questo Felice Allegretti e sua moglie?

Niente! So solo che sono i proprietari dell'appartamento.

E questa casa lei la voleva affittare?

Sì,perché è vicino al teatro dove sto avorandol.

E perché non l'avete più affittato?

Perché loro non vollero più.

No... unn'è vero.. io volevo.. l’èlei che ....

Bugiardo... La un gli dia retta signor Giudice..(gli avvocati sollecitano al

silenzio)

Io unn'è posso più. Bastaaa!Allora,signorina,lei sa niente di come il signor

Felice trattava sua moglie?

No,di questo non so niente.


42

GIUDICE       Ma come, lei è all’oscuro di tutte le questioni, tutte le chiacchiere,

tutte le liti che succedevano in casa.

CARCIOFF   Io?Io sì!

GIUDICE      (aprendo la bocca sul manico del campanello) :Ahh!

FELICE         Ora quello se lo mangia!

GIUDICE      Ma allora, se non sa nulla,può ritirars i. (Dandole la mano)

CARCIOFF   Grazie.

GIUDICE         Si ricordi di guardarmi la sera.. prima fila.. con binocolo lungo.. lungo.

CARCIOFF   Va bene. (salutando)Signori. (gli uomini sospirano,esce)

GIUDICE      (leggendo la lista)"Rosetta Faletti”

ROSETTA    Presente.

GIUDICE      Venga avanti e si segga.

FELICE         Lei l'è una bona testimone,la sa tuttii fatti miei! Rosetta,se tu fai la

brava ti aumento lo stipendio!

MICHELE    Mi raccomando.. zitta e muta..

ROSETTA    Sii....sii!

GIUDICE      (sorridente)Lei è la serva del signor Felice?

ROSETTA    Sissignore!

GIUDICE      Brava! A me piacciono tanto le serve.

FELICE         A questo,gli piacciono tutte!

GIUDICE   Se per caso ,lei volesse venire via da qui,me lo faccia sapere,

perché la prendo al mio servizio.

FELICE         La va a servizio con l'orso.

GIUDICE      Io ho sette figlie femmine,e ho bisogno di un'altra cameriera.

FELICE       Ma icchè vòle fare un harem...

GIUDICE      Bè !...Giurate di dire tutta la verità,ecc. ecc. (Sbadiglia)


43


ROSETTA RAFFAELE ROSETTA FELICE GAETANO FELICE GIUDICE ROSETTA GIUDICE ROSETTA GIUDICE ROSETTA FELICE ANSELMO AMALIA ANSELMO GIUDICE ANSELMO AMALIA MICHELE


Lo giuro.

I suoi padroni,si contrastavano mai?

Sempre,ogni minuto secondo!

(contento da una botta sul cappello di Gaetano che ha sulle ginocchia)Bene!

Ohh!La m'ha rovinato il cappello!Che maniere!

L'è stato l'entusiasmo!

E lei,sa niente dell'affare dello scaldino?

(guardando sempre Michele)No, dello scaldino non so niente.

Chi dei due,era il primo che cominciava a leticare?

II primo?Non lo so.. io gli ho sempre trovati a leticare.

Va bene,può andare,e si ricordi se vuo le cambiare posto di lavoro,

me lo faccia sapere.

Va bene. (ritornando al posto)Che paura che ho avuto.

Bestia,tu dovevi dire, che l'era lei la prima a cominciare!

(che nel frattempo si è addormentato e russa)

Avvocato…sveglia...

(pensando di fare l'arringa)..Signori,quello che è stato deeettto...

Avvocato...Avvocato...non tocca a lei. Anzi...visto il prolungarsi

(guarda l'orologio)... del parto... no... cioè... insomma è possibile

avere un po' di caffé?

Buuu…ona iiidea!

Certo Michele e Rosetta andate a prepararlo.

Per tutti?


43


44


AMALIA


No davvero... solo per due ! (fra se)Gli altri si arrangino !

(Michele e Rosetta escono)


FELICE


Garbino morì!


GIUDICE


(chiamando)Gaetano Frittella…Gaetano F


rittella…Ma c'è questo Frittella?


DOROTEA


E C'è...C'è... .Eccolo là!Unn'ha i' coraggio d'uscire... vigliacco!


GIUDICE


Signora per favore,la un ci si metta anche lei. Allora Gaetano Frittella, venga avanti. Ma che è sordo?


GAETANO


Nossignore, vengo subito. (Gaetano avanza e facendo segno ala moglie di volerlo perdonare, ritarda ad andare dal Giudice. Questi lo chiama con un grido e da un colpo col mazzuolo. Gaetano fa un salto.) Frittella,che viene sì o no?


GAETANO


Eccomi, (s'avvicina)


FELICE


La si ricordi,di "pazzo e porco"


GAETANO


(avvicinandosi e subito)"porco,pazzo"


GIUDICE


Ma che dice?Il porco è pazzo?Io non la capisco?


FELICE


Che animale!


GAETANO


Scusi,signor Giudice,ma sono un po' agitato!


GIUDICE


Giurate di dire la verità.. ecc. ecc. ecc.


GAETANO


(guardando un pò Felice e un pò Dorotea)Lo


giuro!


GIUDICE


Lei voleva affittare la casa del Sig. Allegretti?


GAETANO


Sissignore. (Quella appena si esce la m'ammazza)!


GIUDICE GAETANO


Ma questa casa non serviva a lei,ma alla signorina Carcioff? (Ovvia la frittata l'è fatta!) (poi pianissimo al giudice)Sissignore.


GIUDICE


Che cosa ha detto?


GAETANO


(c.s)Sissignore


GIUDICE


Ma alzi la voce,non la sento.


45


GAETANO GIUDICE GAETANO GIUDICE GAETANO FELICE AVVOCATO GAETANO GIUDICE GAETANO FELICE GAETANO GIUDICE GAETANO FELICE GAETANO GIUDICE ANTONIO AMALIA GAETANO GIUDICE


(piano)Sig. Giudice,la prego,non glielo voglio far sapere alla mi'

moglie.

Ma a me che me ne importa di sua moglie lo devono sentire tutti.

Avanti.

Sissignore.(forte)

E quando lei andò, il signor Felice stava l itigando con la moglie?

Sissignore.

Avvocato.... ora viene il bello ! (suggerendogli)Porco e pazzo.

Signor Felice,stia giù!

(Al giudice) Pazzo porco o.. porco pazzo. Ohh! M'è venuto!

Chi è venuto?

(a Felice)Chi è venuto?

O sant’Iddio! Io divento pazzo!

Ecco…viene il pazzo con il porco.

Ahhh! Il pazzo porta il porco?

(a Felice)!! pazzo porta il porco qua?

(No.'La moglie.)

La moglie.

La moglie porta il porco?

Ma nooo... Frittella vòle dire, che la sign ora la dette di porco e di

pazzo al signor Felice!

Io?... ..Te.. tu m'ha dato di baccalaia e di vipera! Vero Frittella?

Ohi... Ohi... Ohi! Questi mi mandano a i' manicomio. Va bene. Si

offesero a vicenda, tanto a lei,che lei a lui.

O che ci voleva dimolto a dirlo. La vada a sedersi! Via!


46


GAETANO


Grazie,signor Ministro.


GIUDICE


Non sono Ministro. Sono solo un Giudice.


GAETANO


Grazie lo stesso signor "solo Giudice"


GIUDICE


(urlando)A sedere !(Gaetano siede spaventato)"Dorotea Frittella"


DOROTEA


Presente.(s'alza)


GIUDICE


Giurate.. bla.. bla.. bla.. blaa..


DOROTEA


Lo giuro.


GIUDICE


Signora lei che cosa sa di questi due signori?


DOROTEA


Io?E chi li conosce?


GIUDICE


Come?E non sa dirmi niente?


DOROTEA


Niente,proprio niente. Ho solo conosciuto il signore Felice, 15 giorni fa,ma per soli 5 minuti. Tutto qui.


GIUDICE


E allora perché è venuta qui?


DOROTEA


Perché,lei mi ha chiamata. Eppoisono venuta per dirgli che mio marito mi tradisce con una Carcioffola! (urlando)Ed è proprio in questa stanza che l'ho trovati insieme,e lo sa io icche ci fo con loro due?Gli prendo e gli sbatto bene ,bene:Frittata e Carciofi, che bel tortino!


GIUDICE


Signora si accomodi.


DOROTEA


Ma sig.Giudice, noi siamo tutti qui per essere giustiziati.


FELICE


Icchè la l'ha preso per i'boia!


MICHELE


(entra con Rosetta e il caffé)Ecco il caffé! (Una tazza al giudice e l'altra ad Anselmo)


AMALIA


Avvocato sveglia... la prenda i'caffé,e la dica qualcosa!


ANSELMO


(alzandosi)Sig.Giudice,que... que.. questi ci ba...ba.. bastano,gli altri te…te…testimoni s i po…po…possono interrogare do.. dopo.


GIUDICE


Ecco, facciamolo dopo.. o anche un altro giorno.. perché si è fatto un po' tardi.


47

ANSELMO

Solo du...

du...due parole.

GIUDICE

E va bene parli avvocato.

ANSELMO

Signor Ciucci, .signor Giudice, qui non si tra...

ta...tta...

tra... tra.

FELICE

....Trapana?

ANSELMO

...non si tratta di fare la caucia

...la causa per un omicidio

"primmerattato"...

premeditato di un fu

... "o di un fu...

fu...

FELICE

... fucile?

...Fungo?

ANSELMO

... furto,con assoì...

assoì...(batte il piede)

FELICE

Ohh…ohh…così la sfonda il pavimento

!. La faccia piano !

ANSELMO

... Assassinio,ma soro se ratta...

ma solo si tratta di una povera mula

sventrata.. di una povera moglie sventurata, che viene innanzi a lei

signor Giiudice,per provare con i fatti le torture che le dava co... co...

co..

FELICE

Ovviarci fa l'ovo?!

ANSELMO

Co... continuamente suo marito. Quello che ha detto il Fratello.. cioè...

il

Frittella, uomo impotente(reazione di Gaetano)...uomo imponente e

incapace di mentire,poco fa ci ha detto ..

che quando andò per affettare...

affittare la casa,si contrastava con la propria moglie,e si facevano delle

pommarole in brodo... e si dicevano delle parole improprie. Anche la

suddetta serva, donna salata...

salariata poteva dire.. che i suoi padroni

non si contrastavano mai,ma nonna... nonna...

FELICE

Che bocca grande che hai!

GIUDICE

Avvocato…concluda. Non siamo in trib

unale...

Stringa, .stringa!

ANSELMO

Ma no...

ma no. .

Essa ci ha detto che si contrastavano ogni minuto

secondo. Allora potreste credere che questi contrasti venivano secula…

per secula...

FELICE

Seculorum amen!

ANSELMO

Se…sempre per parte della moglie?E chi..  . chi.. ri.. chi.

FELICE

(soggetto a piacere)

ANSELMO

E chi.. chi non sa che la donna è assai più debole del marito!


48


DOROTEA


E Ma chi glielo ha detto?La guardi lui…c


ome l'ho conciato!


AMALIA


Io un sono debole!


ANSELMO


Mi lasci finire..


FELICE


Ecco sì, la finisca,perché un se nepuò più!


ANSELMO


Quindi,sig. Giudice concludo dicendo,che la mia cliente non può

essere così tanto mangiata...malvagia,basta guardarla in viso…

per capire che è incontinente...innocente. Quindi assoluzione piena.

(ad Amalia)Ha visto?L'ho fulminati tutti!


AMALIA


Ahh.. sì?(prende un libro e glielo sbatte in testa)Ecco,ora l'è fulminato anche lei!


TUTTI


Oh! ! !Finalmente...ecc...ecc.


GAETANO


Accidenti a i’ giorno che son venuto in questa casa!


ANTONIO


Sig. Giudice,avrei anch'io da dire qualcosa.


FELICE


Sarebbe l'ora. L’è sempre stato zitto!


ANTONIO


Perché,questa non è un aula di tribunale,infatti mi meraviglio del mio collega…che unn'ho capito nulla d'icchè l'ha detto.. ma si è permesso di fare un'arringa in un luogo fuori luogo. Quindi per concludere,signor Giudice la prego di ascoltare l'ultimo testimone...


TUTTI


Eppoi si va via!


GIUDICE


(legge la lista):Michele Cencetti.Avanti. (Michele s' avvicina)

Giurate...bis...bla...bla..


MICHELE


Lo giuro.


GIUDICE


Bene, dimmi che cosa sai dei tuoi padroni!


MICHELE


Io so,che leticavano sempre.


GIUDICE


E questo benedetto scaldino;chi l'ha messo nel letto,lui o lei?


MICHELE


Lei!. La moglie:


AMALIA


Unn'è vero,bugiardo!


FELICE


Ti fa male,sentire la verità,eh?


49


ANTONIO


Lasciamolo finire.


DOROTEA


(A Gaetano)Noi,dopo si fa i conti,babbaleò!


GAETANO


Perdonami. (tutti parlano e fanno confusione. Giudice sia con il campanello che con il mazzuolo impone il silenzio.)


SCENA ULTIMA

Squillo di telefono. Tutti zitti.


GIUDICE


Pronto... sì... sono io... come?Allora è maschio?Nooo !

(si accascia disperato)


FELICE


E' una femmina?


GIUDICE


No... due,7 e 2 nove ! Signori scusate lasciatemi correre a casa... sono disperato... ci aggiorniamo a nuovo ordine.


AMALIA


(a Michele)Bugiardo...Te tu lo sai che io unn'ho mai messo

questo benedetto scaldino a letto! Perché.. perché.. tu hai giurato

il falso?!Eh?


GIUDICE


(che ha sentito)Chi è che ha giurato il falso?


AMALIA


Lui,signor Giudice. E’ un bugiardo!


GIUDICE


Allora,se è un bugiardo.. andrà in galera!Ma ora scusate devo proprio andare.. Arrivederci...Due femmine...due femmine.. (via)


MICHELE


In galera?No.. no...vi prego.. Gli dico tutta la verità. Lo scaldino l'ho messo sempre io dentro al letto,il venditore ambulante lo pagavo io,perché venisseogni mattina,tutti gli imbrogli l'ho fatti io!


FELICE


Icchè t'ha detto?(dando un pestonea Gaetano,che si trovava vicino a lui.)


GAETANO


Ohi... ohi! ! l'mi' lupino... Accidenti...


FELICE


Colpa sua l'è sempre ni' mezzo?


AMALIA


E perché t'ha combinato tutto questopasticcio?


50


MICHELE


Perché,il signor Felice,prima di risposarsi con lei,mi trattava come un su' figliolo... mi voleva bene,invece dopo sposato non mi ha più considerato per questo che ho fatto di tutto per farvi separare.


AMALIA


Ahh!0ra è tutto chiaro.


FELICE


Ma come.. e te per gelosia,tu mi volevi far lasciare questo pezzo... di burro della mi' moglie?Esci,subito da questa casa e non ti fare più vedere!


MICHELE


No.. perdonatemi.. signora la prego... non lo faccio più.


AMALIA


Un lo so. Ora ci penso! Intanto levati di tomo.


ROSETTA


Bella figura t'ha fatto ! (campanello Michele esce)


FELICE


Amaliuccia vogliamo fare pace?


AMALIA


Sì. Felice.. dammi un bacio!


FELICE


Domani,però tu me li fai i fagioli, vero?


AMALIA


Sì.. sì... si fa una bella fagiolata!


GIUDICE


Bene, visto che tutto è risolto io me ne vado…arrivederci a tutti.


ROSETTA


(rientrando)Signor Giudice,hanno portato questi documenti per lei.


GIUDICE


Proprio ora...che disdetta...ma ora ho altro a cui pensare...(all'avvocato Antonio)Avvocato.. ci pensi lei a dare questi documenti ai signori Allegretti...Arrivederci…(me ntre esce)...Due femmine...due femmine... Oddio...oddio...(esce)


DOROTEA


Gaetano,andiamo…e non credere che sia fin ita qui. Domani si va dall'avvocato…voglio la sepa razione.(rivolta a Felice e Amalia)…e loro verranno a testimoniare in mio favore. Va bene?


AMALIA


La conti pure su di noi!


DOROTEA


Arrivederci.


GAETANO


Accidenti al giorno che son venuto in questa casa! (esce)


ANSELMO


Se anche non confessava lui glielo avrei fatto fare io...Eh…sì…avevo capito tutto.. perché io sonfurbo!


AMALIA


Sì.. sì.. avvocato... grazie... e la mi mandi il conto.


51


ANSELMO


Sicuro,presto gli manderò il conto. Arrivederci!


FELICE


(vede l'avvocato)Avvocato icche’ c'è?


ANTONIO


Sono un po' triste,questa doveva essere la mia prima causa importante e,invece è utto finito.


AMALIA


Su... su… ce ne saranno delle altr


e.


ANTONIO


Per me il lavoro è tutto.. Sono solo…i mie genitori m'hanno abbandonato... unn'ho una famiglia...tutti mi scansano…chissà perché?


FELICE


Forse una lavatina ogni tanto la farebbe bene!


ANTONIO


Come dice?


FELICE


Niente, .niente!


ANTONIO


Allora tolgo il disturbo...Ah…queste sono per voi,me le ha date il Giudice.(intanto molto lentamente si veste)


AMALIA


Icchè le saranno?


FELICE


Leggiamole. (Apre) Oh,perbacco l'è una lettera della mia dolce e cara Lina…


AMALIA


E questa l'è di mi' Venanzio…(l'an nusa)riconosco il suo profumo. (legge)Cara Amalia,ti scrivo per togliermi un peso che mi porto sullo stomaco da tanti anni... strano unn'aveva mai detto nulla che soffriva di stomaco...


FELICE


(legge)Caro Felice…ti scrivo queste du' righe per togliermi dallo stomaco un peso che mi porto da anni...poerina l'ha sempre avuto problemi di digestione....


AMALIA


...subito dopo sposati,io,forse perché ero così giovane ed inesperto,ebbi una fugace avventura co' una donna sposata...


FELICE


... appena sposata, dato che ero così giovane e tanto sola visto che te, Felice,eri sempre fori pe' lavoro...non so come…finii travolta dalla passione pe' un uomo dallo statuario corpo, avvolto in muscoli guizzanti come pesci... mi fece provare l'ebrezza di una folle notte di passione e di follia....


AMALIA


...Qualche tempo dopo quel fugace e furtivo amplesso mi dichiarò di aspettare un figlio...Ehh?


52


FELICE


...Da quella breve e insana passione germogliò un frutto... un piccino che lasciata subito dopo la nascita alle cure di una balia di Cecina...


AMALIA


...che al momento della nascita affidò alle cure di una balia di Cecina…


FELICE


...Non pretendo che tu mi perdoni,ma il mio desiderio è quello di assicurare un avvenire più sereno al figlio della mia colpa lascio a lui l'appartamento dove abbiamo vissuto gli anni del nostro matrimonio…so che si è laureato avvocato...il suo nome è Antonio...e porta il cognome di quella brava gente che l'ha rallevato Saponetti...


AMALIA


...So che adesso è diventato avvocato ed io per rimediare alle colpe che ho commesso,ho deciso di lasciargli in eredità la casa dove abbiamo vissuto gli anni del nostro matrimonio...da questo momento in poi l'appartamento sarà di proprietà del mio figlio s egreto del quale solo ora ti rivelo nome e cognome Antonio Saponetti... Io rimango nichellata...


ANTONIO


(Prende le foto) Mamma...Babbo....


FELICE


C'è tutta la sacra famiglia…la mamma.. . i'babbo e i' bambino… Brutta sgualdrina…


AMALIA


Sudicione, puzzolente, baccalaio....


ANTONIO


Non offendete i miei genitori...in casa mia...perché questi documenti parlano chiaro...io sono il proprietario dei due appartamenti…Signor iAllegret ti…vi do quindici giorni per lasciarli liberi... compresi mobili... suppellettili e…


FELICE


(dandogli le foto) e.. anche questi.. gli si regalano... (mimica)La mamma...


AMALIA


(c.s.)E i' babbo... (si allontanano dall'avvocato)Felice.. e ora icchè si fa?


FELICE


Un'idea ce l'avrei…Se tu c'hai ancorala licenza dell'ingrosso della buonanima vol dire che riprenderò a lavorare…così un tu perderai l'abitudine d'esse'la moglie d'un baccalaio....


AMALIA


E io farò quello che la faceva la tu' Li na....


FELICE


No l'è meglio di no,perché unn'è verohec la si faceva dare l000 lire per fargliela vedere e basta...a qualcuno la gliel'ha anche data...la CASA....


FINE DELLA COMMEDIA


    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno