Colp de fortuna in ca’ di Zanetti

Stampa questo copione

COLP DE FORTUNA IN CA’ DI ZANETTI

COLP DE FORTUNA IN CA’ DI ZANETTI

Commedia brillante in 3 atti

Versione di Ambrogio Zacchetti

in dialetto dei dintorni del milanese di

“COLPO DI FORTUNA IN CASA ZANETTI”

di Giovanni Busatto

 

SCENA – unica per i 3 atti

TEMPO - attuale

PERSONAGGI – 5 uomini e 4 donne    Tutti hanno parti rilevanti.

                         (1u e 1d ventenni circa – 1u e 1d anziani – gli altri di mezza età)

trama:

Una famiglia piccolo borghese. Lui, Giulio, impiegato delle poste, senza ambizioni, pungolato dalla moglie, cerca in modo scorretto di aiutare la propria carriera in attesa che si realizzi un suo sogno ricorrente: l’arrivo di una lettera che risolverà per sempre la sua vita. Lei, Carla, casalinga appiattita dalla mediocrità, riceve una enorme, improvvisa quanto misteriosa eredità che ne risveglia i sogni di grandezza.

Così, mentre la vita di lui sembra crollare (perderà moglie, lavoro e casa), la vita di lei sembra avviata ad un brillante ingresso in società.

C’è però qualcosa che le provoca un profondo indefinito disagio di cui si renderà conto appieno solo ritrovando le lettere di quando erano fidanzati: la rottura dell’unione col marito.

Finalmente si avvera il sogno del marito e si capisce che il vero colpo di fortuna in casa Zanetti non è la montagna di soldi ma la presa di coscienza che la vita non può fare a meno di valori molto più profondi: “solo una dichiarazione d’amore ti può dire qual è il tuo posto giusto nella vita”.

Il modo è leggero e scanzonato, condito con un pizzico di sentimento, di mistero e di caricatura anche quando tratta i temi più seri come la vocazione personale, il rapporto di coppia e la vita familiare.

Autore del testo e della versione dialettale danno esplicita autorizzazione sia alla pubblicazione, sia  alla rappresentazione da parte delle compagnie amatoriali.  

Il testo è pubblicato ma non è iscritto alla SIAE. Gradirei comunque essere informato delle eventuali rappresentazione anche per poter dare la relativa liberatoria.

Chiediamo soltanto che le compagnie che intendono rappresentarla, prevedano una donazione (dell’entità che riterranno opportuna) a favore della associazione

“AMICI DELLA FONDAZIONE FRANCO GILBERTI” ONLUS

C/C Postale N° 36598209 – causale: contributo liberale per le attività dell’associazione

che sostiene la FONDAZIONE FRANCO GILBERTI a Bahia (Brasile) –

Informazioni sul sito www.fundacaofrancogilberti.org.br

COLP DE FORTUNA IN CA’ DI ZANETTI

Versione di Ambrogio Zacchetti

in dialetto dei dintorni del milanese di

COLPO DI FORTUNA IN CASA ZANETTI

di Giovanni Busatto

PERSONAGGI:

Giulio Zanetti  -  impiegato delle poste

Carla  -  sua moglie

Filippo  -  suo figlio

Antonella  -  sua figlia

Elisabetta  -  sua madre

Roberto Isimbardi  -  un collega

Giorgio Pasini  -  notaio e amico

Viola  -  sua moglie

Leone

L’azione si svolge nel soggiorno della casa di una famiglia piccolo borghese.

La scena è fissa per i 3 atti.

Primo Atto


La mattina di un giorno feriale. Quando si apre il sipario Giulio Zanetti dorme, sdraiato sul divano, in pigiama e vestaglia.

Carla è al tavolo e sta facendo dei conti.

Antonella: (da fuori)  Mamma mi dai dei soldi? (entra, si ferma sulla porta e con un sorriso disarmante) sono rimasta a secco.

Carla: Ssst!  Vusa nò! Che el papà l'è adré a dourmì in sul divan.

Anton.: (sottovoce) Credevo fosse al lavoro a quest'ora. Un’altra nottataccia?

Carla: Eren i tre, stanott, quand  el g'ha avuu el sô solit incubo.

Anton.:  Sempre la stessa storia.

Carla: Semper la stessa. E credi che el se sia rindurmentaa vers i sés, chi sul divan.

Anton.: Ha poi accettato di vedere il medico?

Carla: Finalment sì. Gh'èmm l' appuntament per doman dopo mezz'dì.

Giulio: (svegliandosi di soprassalto)  Che ora l'è?

Carla: Quasi i dez. Come te stee?  

Giulio: (allarmato)  Cos’è?  Ma l'è tardissim!  Devi andà in uffizi!

Carla: Càlmes. Hoo già telefonaa mi e g'hoo dii che te set indispost e che per incoeu te vet nò.

Giulio: E cosa l'ha dii el cap-uffizi?

Carla: Nient... o perlomém, l'ha dii che el preferiva dat un dì de ripoos  puttòst che ris'cià ....

Giulio: Che malfident. Per una volta che hoo scambiaa Salerno con Palermo.

Carla:  No, no.. lù l'ha parlaa de dò nott de laorà per trovà e corégg tutti j errur che gh'era in de la “chiusura” de fin mes. Comunque, el tò capuffizi l'è staa gentilissim, anzi (civettuola)... perfina un poo galante.

Anton.: Mamma! Faccio tardi.... Mi dai i soldi, allora?

Carla: No, Antonella, pódi no. T'hoo daa un 50.000 ier, e incoeu g'hoo appena appena i dané per la spesa. [impositiva] A proposit, Giulio, ricordes de andà in banca.

Anton.: (capricciosa)  Ma mamma! Ho promesso a Federico che oggi sarei rimasta fuori a pranzo con lui.

Carla: Bene! Allora “lui” farà el cavaliere e ti te g'avaret no bisogn di dané.

Anton.: Ai tuoi tempi, forse! Oggi si fa alla romana: ognuno paga per sé. E’ l’emancipazione della donna!

Carla: (sentenziosa)  L’hoo semper dii mi che l’emancipazion l'era no economica; ma numm donn (insinuante) “sappiamo ottenere l’uno e l’altro”, vera?

Giulio: (ad Antonella) Guarda in de la saccoccia di me calzon, de la in stanza, douarìa  vegh (....)  un 20.000. ....

Anton.: Le farò bastare. (esce velocemente)

Carla: Quand che te la finisset de viziala! Ricordes che te se' domà un impiegaa de la posta e cont el tò stipendi te podet no permettes tanta generosità.

Giulio: Ma se l'è assé inscì pocch per fala contenta ... L'è giùina. Lassa che la se diverta, finché la pö.

Carla: Già, però dopo sont mi che devi tirà a la fin del mes; e l'è semper una gran fadiga.

Giulio: Ma che barbutuna che te se'! Te pàret on caldar de fasö! Te se lamentet semper che guadagni pocch e pò, quand fù j straordinari per arrotondà, te se lamentet che sont mai in cà.

Carla: (un po’ acida e un po’ canzonatoria) Mi... sugnavi un marì brillant, che el me fazeva sta' ben, comoda e senza preoccupazion, che el me portava in società, un marì de caratter fort, e tèner, gentil, e premuros... (sospira con aria sognante).

Giulio: (divertito)  Ven giù da la pianta, Carluccia! Per vegh un marì inscì t'avariet dovuu sposà  (pomposo) el nodàr, el Giorgio Pasini, quel sì ...

Carla:  E già, e inveci la mia “cara amica” Viola l'è arrivada prima de mi e m'l'ha portaa via da sotta el nas ... come al solit.

Giulio: Ma ciàpetela nò! Porta pazienza .... Te vedaret che la lettera del mé sogn la 'rivarà per davvera. Me la senti.

Carla: ... ma la douarìa véss una bella lettera de raccomandazion da part d'on quajvun in alt, magari dal ministero, ...ma una lettera inscì l'arrivarà mai. (con fare accusativo) Ti te set tropp un sempliciott, un pan-cott ! un touàja senza ambizion! Ah, se fussi stada mi al tu post!, l’avarìa cercada con tutti j mezzi, a costo de scrivemela mi una lettera. Ma ti... Ti te la ricevet domà in dj tò sogn, anzi, “nei tuoi incubi”.

Giulio:  El sô come te la penset, ma te vedaret che 'l sarà propi inscì: vegnarà el dì che riverà una bella lettera e la risolverà per semper “tutti i nostri problemi”.

Carla: (canzonatoria) “E vissero tutti felici e contenti!” Guarda che l'è  tantu temp che ghe prövi, ma mi sont nonanmò riuscida cont un basìn a trasformà un sciàtt (e indica Giulio) in un principe.

Giulio: (c.s.) Forsi perché nanca ti te set la principessa delle favole.

(  suona il campanello della porta  )

Anton.: (entra velocemente)  Questo è il “mio” principe. Grazie, papà (gli dà un bacio, sventolando il 20000). Ciao mamma, ci vediamo stasera. (esce)

Carla:  Lé sì che l'è una principessa, innamorada come l'è del principe ereditario Federico Pasini (sospira, [poi cambiando tono]). Mettém che la roba tra on poo la diventa seria e che, alla fin, pensessen de sposass! Ai Pasini de sicur ghe mancaran no i mezzi per fa' i robb in grand. Ma numm? Che figura faremm?

Giulio: Intanta l' Antonella l'è anmò giùina, e poeu coi “Pasini” sèmm amìs tucc duu da quand andavum a scola, quindi... pensi nò che ne metterann in imbarazz.

Carla: (acida)  Ma se a la Viola ghe basta un vestidìn noeuv per vegnì chi a pavoneggiass, a sventolàmel sotta el nas per divertirs ai me spall.

Giulio: ... el divertiment te ghe 'l procüret ti, cont la tua invidia.

Carla:  Mi... mi pensi con timùr al moment del matrimoni de l'Antonella. Douèm fa' on qujcoss; anzi: tè “devi fare qualcosa”.

Giulio: (sereno)  Preoccupet nò, per allora la lettera la sarà già arrivada e g'n'avaremm pù de problemi.

Carla: E finisela de möv la basletta domà per parlà a vanvera. Per risòlv i noster problemi  ghe vör “i fatti”, caro mio, alter che i tò sogn...

Viola: (entra senza suonare alla porta)  Carla, ci sei?  (la vede)  Oh mamma mia, che stremissi! Hoo vist la porta averta e me sont spaventada. Con tutt quell che succed al dì d'incoeu! Dovresti stare più attenta, non si sa mai.

Carla: La sarà stada l'Antonella: l'è andada föra de pressa col tuo Federico.

Viola: (che non ha ascoltato la risposta)  Ah, sai, ieri hoo vist in centro un negoziett con certa roba!  “Non ho proprio saputo resistere”, e me sont comprada un vestidìn celest che l'è ona meraviglia .. e anca una camizetta. “Voglio proprio farteli vedere”. Ven de là.

(mentre Viola quasi la trascina fuori, Carla guarda Giulio come se cercasse aiuto)

Viola: (prosegue)  Oh, ciao Giulio. T'avevi minga vist. [uscendo noncurante, gli domanda] “Come mai non sei al lavoro?”

(Giulio fa per rispondere qualcosa ma le due donne sono già fuori)

Carla: (da fuori)  Sì, è in casa, che el vaga pur avanti.

Roberto: ([in divisa da Postino], entra)  Ciao Giulio.

Giulio:  Ciao Roberto, S'te fee de 'sti part?

Roberto: In uffizi m'hann dii che te seret malaa e inscì, fasendes el gir, sont vegnuu a portat i novità.

Giulio:  Che novità? Gh'è arrivaa la lettera del ministero?

Roberto:  No, l'è no una notizia allegra, anzi.

Giulio:  Se gh'è success?  Dai, tegnumm no chi in su j spin.

Roberto:  Guarnieri....

Giulio: (ansioso)  El Guarneri? Oh no! L'ha savuu? Ma se èmm faa tut's'coss cont inscì tanta caütela!

Roberto:  El sô no de precis cosa l'abbia savuu, ma stamattina, appena l'è arrivaa in uffizi el m'ha guardaa cont ona faccia,... el m'ha domandaa “dov’è Zanetti” e l'è andaa drizz, in pressa e furia, in dell’uffizi del cap-division.

Giulio: (disperato)  El savevi! El savevi mi che 'sta faccenda la sarìa andada a finì mal.

Roberto: Ma perché?  Purtopp fan carriera domà i raccomandaa.    Guarda el tò caso: apprezzaa da tutti, anca dai capi,  te set lì a un pass dalla promozion, arriva el Guarnieri - che nissun pö sopportaa - e cont la sua letterina in saccoccia el te porta via el post. E quest domà per el fatto che lù l'è un intrigant.

Giulio:  El sô, purtropp. El guaio l'è che mi g'hoo no “un padrino in alto che lubrifichi la mia carriera”.

Roberto:  E come no! Nientemeno che el Prim Dirigent dell’Ufficio Affari del Personale del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni.

Giulio: Impienìset no la bocca cont sti paroloni! 'Stavolta l’èmm fada propi grossa! Se se scopra  -e chissà se el Guarnieri l'è già vegnuu a savél - che la lettera del Prim Dirigent per la mia promozion l’èmm scritta numm,... podarìa capitagh in sul coo tri  licenziament in tronco: quel de l' Antonio, che l'ha procuraa la carta intestada del Ministero, el tu, forse, e sicurament el mé ... che hoo falsificaa la firma del Prim Dirigent.

Roberto: Oh, come te la mettet giù tragica! La firma l'era falsificada alla perfezion e pò: te la meritet o no 'sta promozion?

Giulio: El sô pù!  ... Te capisset adess perché de nott g'hoo j incubi?

Roberto: Te set tropp onest! Te set talment onest e seri che te se meritariet la promozion anca domà per quest. Siccome però la 'riveva no..., gh'èmm daa una spintarella, ecco!  Tranquillizet, dai, e pensa a come la sarà contenta la tua miee alla notizia della promozion e dell’aument de stipendi.

Giulio: Parlum no de la mia miee! Domà a l’idea che la pö vegnì a savé quel che èmm faa,... me trema j gamb.

Roberto: Ma t'avevet no dii che l'è stada propi lé, che te l'aveva quasi  suggerii...? Perché adess te diset che la t'approvarìa no.

Giulio: Perché mi sô cosa la disarìa se la vegniss a savé che l’hoo pròpi faa! Prima de tutt la disarìa che questa l'è un’azione immoral, disonesta e da codice penale, e dopo, rincarando la dose la disarìa anca che questa l'è el modo de fa carriera de j'imbranaa. E mi me trouarìa rovinaa tutta la stima che la g'ha anmò per mi.

Roberto: Ah, perché? la tua miee la sa no ?!.

Giulio: Tarnéll  !!  La sa no e la douarà mai savéll !

Roberto: Ben, allora ... douarù avvertì subit tutt' j alter.

Giulio:  Come: «tutt' j alter»?

Roberto: (imbarazzato vedendo il disappunto di Giulio)  Ma sii un quej amìs de quej fidaa, T'el set come se fa: s'incomincia a parlà .. [come incerto] e... e titìm e titùm eee.....

Giulio: [incalzante] .. e titìm e titùm e titùm e titéla, e se riessa pù a frenà la lengua e.. ti t'ee(t) dii anca quel che te douevet di' no!

Roberto: Ma domà a un quej amìs di tò e a un quejvun di mee !

Giulio: ... e a un quejvun del Guarnieri!  Che el s'è infilaa subit in del uffizi del cap-division. Che disaster! Sarà mej che incoeu dopo-mezz'dì vegni in uffizi.

Elisabetta: (entra senza suonare)  In-doe te vet, dopo-mezz'dì?

Giulio:  Devi anda' in uffizi, mamma.

Elisab.:(trattandolo come un bambino)  No, no, no. Ti te set malaa e incoeu te vet foeura no. La tua mamma l'è vegnuda chi apposta per curat.

Giulio: (evidentemente a disagio)  Mamma, g'hoo giammò pussee de 40’ann, sont sposaa, g'hoo duu fiö grand...

Elisab.: (lo interrompe)  L'è stada pròpi la tua fiöla a dimm che te seret malaa. L’hoo trovada intanta che 'rivevi, e a quanto pare, la g'aveva pròpi rezon.  Te set lì smort come ona pata lavada ! ... Ma come mai te ricevet la gent in pigiama?

Giulio: L'è un me collega e amìs .... mamma. Te presenti el Roberto, Isimbardi.

Roberto: (a disagio per il modo di Elisabetta di trattare Giulio)  Piacere, signora.

(Roberto da ora cercherà continuamente uno spiraglio nella conversazione per dire che vuole andarsene). 

Elisab.: (con distacco)  Piacere. Amìs pö das, ma collega ...  disarìa de no: (squadra la divisa, poi a Giulio)  ti teset no un postìn, ti te set un impiegaa d'uffizi, e prest, ... apena s'incorgiarann de quanto te varet, te saret promoss  “capufficio”; vero Giulietto?

Giulio: (fino a quel momento, oltre all’evidente disagio di come è trattato dalla madre,  fa di tutto per impedirle di notare un quadro alla parete)  Mamma, te me preparariet no un cafferìn? ... inscì ghe l'offri anca al me amìs.

Roberto:  Che la se disturba no, sciora, grazie, anzi, adess vo via.

Elisab.: Ma la tua miee la gh'è no!?

Giulio:  L'è andada un attim de là con la sciora Pasini.

Elisab.:  E la t'ha lassaa chi deperti!? Inscì malaa! (scuote la testa in segno di disapprovazione).

Giulio:  No, adess stò mej ...

Elisab.: Ma el te farà no mal un caffè? El sarìa mej un bel brodìn con la scigùla: l'è un toccasana per tutt's'coss. La diseva anca la mia poera mamma, ( alza gli occhi al cielo ) buonanima.

Giulio:  Sì, e al me amìs mi ghe offri el brodìn con la scigùla!? Mamma, t'hoo dii che adess stò pròpi mej.

Elisab.:  Va ben, va ben. Ghe pensi mi. Foo in un attim.  (esce)

Roberto:  Davvera devi pròpi anda', sont in ritard per el gir. Te tegnaròo informaa sulla situazion. Comunque, se incoeu dopo-mezz'dì te podet vegnì in uffizi... el sarà mej.

Giulio: (lo accompagna) Saròo lì apena dopo mangiaa. Ciao e grazie.

(Roberto saluta ed esce. Subito dopo Giulio si affretta a cambiare il quadro sulla parete con un altro bruttissimo che era nascosto lì vicino, appena in tempo per il rientro di Elisabetta)

Elisab.: ...el caffè l'è sul fögh. ... Ma: el tò amìs in-doe l'è?

Giulio: L'ha dovuu anda', l'era in ritard per j consegn.

Elisab.: Senza saludà? Che maleducaa!  ...  Beh, mej!  Inscì te podaret contagh su tutt's'cos a la tua mamma. Bella gioia, cosa l'è che te fa' stà mal? T'eet ciapaa per caso un quei colp de fregg? L'è ottober, el comincia a fa frescott e el saria ora che te metteset sú la maja e i mudand de palpignana...  

Giulio: Ma l'è no una roba fisica, mama. La me par una roba de stress. Da un po’ de temp foo un sogn strano: sont 'dre aspettà con ansia una lettera. Sô no se l'è che ghe sia scritt ma sô che l'è decisiva per la mia vita e che la risolvarà per semper tutti i me problemi. Però, me capita che apena la ciàpi in man, per leggela, me senti una grand agitazion in corp, pò la lettera la ciàpa fögh e la me se brusa tra i man ... me dessedi de soprassalt, tutt sudaa....

Elisab.:  Oh, “povero Giulietto mio!”

Giulio:  ...  E dopo sont sfinii e cont i nerv a tòcch. L'è per quest che la Carla, stamattina, la m'ha lassaa dormì finn a tardi.

Elisab.: (sente il caffè)  Oh, oh gh'è pront el caffè. (esce veloce­mente e rientra poco dopo con due tazze e il caffè. Giulio nel frattempo raddrizza il quadro che nella fretta di prima era ri­masto storto. Elisabetta siede rivolta verso il quadro bruttis­simo) Comunque, conossi mi un brao psicanalista che sicura­ment el te spiegherà el significaa del tò sogn.

Giulio: Quej lì si ch'hinn bon. Te tegnen in analisi per dj ann senza ottegnì alter risultaa che la realizzazion “dei “loro” sogni”. Con quell che costen pö! Pödi no permèttumel, mamma, chi l'è che m'la paga?

Elisab.: (che nel frattempo si è messa a fissare il quadro bruttissimo sulla parete)  Tò pader.

Giulio: Ma mamma, el papà l'è mort da cinq'ann!

Elisab.: Noo. Tò pader, disevi, l'è l’autor de quel quader lì. Vedi che te l'eet riatacaa sù. Me fa' piasé  perché quest el significa tanti robb.

Giulio: Cioè?

Elisab.: Che te gh'eet bon gust, per esempi; che te ghe tegnet anmo alla tua famiglia e a fa' contenta la tua mamma; e che, finalment, in che la cà chi te comandet ti. (Giulio, di nasco­sto, commenta con smorfie, le affermazioni della madre)

Giulio: Anca la Carla l'ha diis che a guardal ben se pö troual bell. Però la diis anca che el starìa pussee ben in de la cà de campagna.

Elisab.: (allarmata)  Te vourarett minga portà 'sto “bel” ricordo del tò papà in d'un post inscì lontan, vera?

Giulio: No, no. L'era domà un’idea, inscì ...

Elisab.: Ma là t'la vedariet tropp de ràri!

Giulio: Appunto! ... (occhiataccia di Elisabetta - Giulio cerca di rimediare alla gaffe)  Ehm, appunto per quest, disevi, l'èmm taccaa-sù lì: per vedel semper.

Elisab.: Ben.Riporti i tazinìŋ in cusina.

(Elisabetta [prendendo le tazze del caffè] esce, Giulio prende il giornale, Carla entra tutta agitata)

Carla: Se t'avevi dii? L'ha passaa tutt 'stò temp a pavoneggias cont el vestìi celest che la s'è comprada. Come se la stess ben!

           Scommetti che 'l sarìa staa mej a mi ... e inveci m'l'ha nanca lassaa prouvà. E pensà che l’avevi vist prima mi in quel negozi là. (s’accorge che Giulio continua a leggere senza ascoltarla)  Ehi, varda che sont adré a parlà con ti !

Giulio: Sì, Carluccia, se gh'è?

Carla: Gh’è, gh'è, che ancamò una volta la Viola l'è arrivada prima di mi ... e la m'ha soffiaa un vestii che me piazeva, ecco se gh’è!  (vede il quadro sostituito)  Ma perché t'eet taccaa-sù anmò sta crosta de quader, te 'l set che pödi no vedel.  (e fa per toglierlo)

Giulio: (scatta in piedi, la zittisce e glielo fa riappendere) Lassell in-doe l’è, per piazé.

Carla: (canzonatoria)  Ah, gh'è rivaa “la mammina”!?. O douarìa forsi di' “la “regina madre”?! Va ben, ma appena la va via, “si toglie, neh!”

(squilla il telefono)

Carla: “Pronto? Oh, Ciao Giorgio ... no, “non è successo proprio niente”, perché?” ... ma guarda che mi n'hoo ricevuu minga de avvis per vegni' in de ti stamattina ai des'or. (appena sen­te Giorgio, Giulio esce velocemente e rientra subito dopo con una lettera che consegna a Carla)  Ah, sì. El Giulio me l’ha da­da adess. Senta, me dispiàz, ... damm almen el temp de cambiamm ...  Ah, bèh, se te devet già vegni' a cà ... “Sei sempre molto gentile” Giorgio. Allora te aspetti chi. A più tardi, ciao.”

Giulio: (come un bambino scoperto a fare una marachella)  Carla, scùsum, ma l’avevi desmentegada in d'una saccoccia della giacchetta.

Carla:  “TSuma propi bin ciapà”, la disarìa la zia Isotta de Mondovì! G'hoo un marì ch'el riceva i me letter e nanca mi a consegna.

Elisab.: Strapazzel no! Te vedet no che 'l sta mal, poerin?

Carla: (subito ridimensionata e sottomessa)  Buon giorno, mamma. Come mai da 'sti part?

Elisab.: [canzonatoria] Sotta i portigh hoo incontraa dò colombìn che tubéva  ...  [poi, cambiando tono]  L'Antonella la m'ha dii che el me Giulietto steva ben pocch e inscì sont vegnuda a vedè. G'hoo preparaa anca el caffè! (sarcastica) Gh'n’è un chiccrìn anche per ti, se t'el vöret. L'è anmò cald.

Carla:  No, grazie, sont già nervosa assé per cont me.

Elisab.: Ste ghe fee de mangià incoeu al me Giulietto? hoo vist che el frigorifer l'è vöj!

Carla: Stamattina douvevi giust andà a fa' la spesa, ma pò g'hoo avuu di contrattemp ... Un queicoss mettaroo insemma.

Elisab.: Cara la me tosa, quand el Giulietto el viveva in cà mia, mi me preocupavi semper “prima” de come fal content. Alter che “mett insemma un queicoss”. (a Giulio) Perché incoeu te vegnet no a pranzo in de mi, (sottovoce, tra i denti) almen te mangiariet come se dev...

Giulio: Grazie mamma, ma incoeu approfitti dell’assenza di fiö per andà föra a pranzo con la Carla; l'è da tantu che gh'el prometti e che trövi mai l’occasion.

Elisab.: Fa come te credet, ma sta attent a quell che te manget! E va' no in de vun de chi postàsc moderni, pien di muchiàtt frecassùn, dove se mangia di robb condii de salsìn e porcherii picànt, ... setaa in quatter ad un tavolin grand come un bôll de 5 franch.... Come l'è che se ciamen?

Giulio: No, mamma, g'hoo no intenzion de anda' in un “fast food”.

Elisab.:  Ecco, brao, quej lì. Comunque, adess mi voo, inscì g'hoo el temp de preparà... nel caso che te cambiasset idea. Ciao Giulietto. Ciao Carla.  (bacia Giulio ed esce)

Carla:  Ciao, mamma. (poi, appena uscita Elisabetta, furibonda)  Quand la fa inscì riessi propri no a sopportala. Ma perché la me tratta inscì? anzi, perché la te tratta “ti” inscì?!. Sèmm sposaa da pussee de vint’ann e par che, se la ghe fudess no lé a curàt ... da brava mamma ...

Giulio: Porta pazienza Carluccia. 'Ste vör fagh. L'è diventada inscì da quand gh'è mort el papà.

Carla:  A di' la verità l'è semper stada altezusa e de ti la s'è semper vantada, sia a proposit che a sproposit.

Giulio:  Paghi el prezzi de véss figlio unico. Ma adess càlmes, dai.

Carla:  Incominciandes dal nom! In privato la te ciama  (e pronun­cia con una smorfia di disgusto) “Giulietto”, ma l’hoo sentida mi, in pubblich, ciamat cont el tò nom per esteso: “Giulio Cesare”. Scommetti che la se vanta anca de ciamàs Elisabetta come la regina d’Inghilterra. (e sta per cambiare il quadro bruttissimo alla parete quando ...)

Elisab.: (riappare all’improvviso e con tono dispettoso ...) Ah, savìi che la Regina d'Inghilterra la se ciama Elisabetta, propi come mi.. ? ...S'eri adré a desmentegam: Giulio, appena te stee mej vegn a cà mia che devi spostà un mobile. Ciao.  (esce)

Carla:  T'eet sentii? S'te disevi!?  (fa per staccare di nuovo il quadro dalla parete, ma non osa più)

Giulio:  Ma dai, ciappetela no. Dopo tutt l'è la mia mamma.

Carla:  E pensà che hinn pussee de vint’anni che la ciami “mamma” anca mi. Ah, se avessi savuu !

Giulio: Ti te set una persona gentil e t'eet pensaa de fagh piazé accettando el sô invito a ciamàla mamma.

Carla:  E inscì gh'è incominciaa el sô dominio anca sù de mi. Comunque, lassèmm perd. In-doe l’è quella lettera là?  Ah, te-la-chi. Guarda che tra un poo arriva el Giorgio. El sarà mej che te vaghet a vestiss.

Giulio:  Sì, sì, voo subit.  (esce)

Carla: (rilegge la lettera per rendersi conto di preciso) «“Signora Carla Gervasini Zanetti, via ...  La signoria vostra è convocata presso questo studio il 13 ottobre corrente alle ore 10, per importanti comunicazioni che La riguardano. E’ indispensabile un documento di identità e il numero di codice fiscale. Notaio Giorgio Pasini.”» ...    Accidenti! L'era propri per stamattina. Che figura del lella  che el me fa fà. Meno mal che el Giorgio l'è noster amìs. ...  «“Indispensabile codice fiscale e un docu­mento di identità“»? Caspita! Ma el Giorgio el me co­gnoss ben e el g'ha no bisogn di document per savé chi sont ... a meno che el gh'abbia de trascriv el numer su di docu­ment ufficiaj.  E pò... il codice fiscale?  Aspetta, al telefono l'ha parlaa di “cessione, successione” o un queicoss del gèner. Qui deva vesigh in ball di dané! (pensosa)  Però, dal tono de la vòs  hoo capii no se “tanti o pochi” ... (si guarda intorno). Speremm almen che sien assé per sistema' un poo 'sta cà-chi, e chissà mai, per sposà i noster fiö come se dev, ... 

(suona il campanello della porta)

Carla:  Chi è?

Viola:  (da fuori)  Viola.

Carla:  Gh'è  'vèrt. Ven pur avanti.

Viola: “Ciao cara, sto mandando la cameriera e l’autista a far la spesa” te serva on queicoss?

Carla:  Grazie, ma g'hoo non'anmò de pensagh...

Viola:  “Dai, non fare complimenti”; intanta che vann per mi ...

Carla:  (irritata per il tono di affettata superiorità di Viola) Te set gentil, cara, ma per stamattina me serva nient, grazie:  (con intenzione) Mi e el Giulio andemm a pranzo “föra”.

Viola: Oh-oh. Festeggiate qualche ricorrenza?

Carla:  No, perché?

Viola: Che io sappia, vialter sii no grandi frequentatori de ristoranti. Va beh, va. “Ti lascio, cara, ho molto da fare.”    (esce)

Carla:  (è furiosa, guarda la lettera che ha ancora in mano e ripren­de il suo ragionamento sotto l’influsso dell’invidia e dell’irrita­zione provocatale dall’amica)  Speri propri che chi dané là sien tanti; me ciaparìa di bei rivincit. Oltre a la cà: cameriera, autista, ... (pensa come se cercasse mentalmente qualcosa, poi diventa raggiante per una trovata che la entusiasma) ...  Ecco, la Viola la g'ha no un  ...  (si tappa la bocca come a voler mantenere il più assoluto segreto) Se g'l'avessi mi prima di lé, la farìa morì d’invidia; la vourarìa immediatament anca lé, ma finalment, per una volta, sarìa arrivada prima mi. (sognante) Sarìa sistemada per semper ... ma quest l'è quel che diis semper el Giulio quand che el parla della lettera del sô sogn ... che la sia questa la lettera che lù 'spetta?  domà che l'ha sbagliaa destinatario. (chiama eccitata) Giulio, Giulio, gh'è arrivaa la tua lettera, quela del tò sogn.

Giulio: (entra semi-svestito)  Cosa?

Carla: Gh'è’ rivaa la lettera del tò sogn, quella che la pö sistemagh per tutta la vita, guarda.

Giulio: Ma quella lì l'è la lettera del Giorgio (la prende e la esami­na). A mi me par che la dis nient de particolar, e pò l'è nemmen indirizzada a mi. Bisogna parlà cont lù, prima de ...

Carla: Ma te capiset no? “Importanti comunicazioni, documento di identità ... codice fiscale, ci devono essere in ballo dei soldi.”

Giulio: ... o magari comunicazioni “giudiziarie”:  documento di identità per verificà che propi ti t'eet pagaa no j tass. Te vedet: “codice fiscale”. E pò: denunce, avvocat, tribunaj, arretrati, mult, interess. Andem in miseria e perdem anca quel minim de reputazion che gh'emm. Ecco come 'sta lettera la ghe sistema per tutta la vita.

Carla:  (ridendo)  Dai, schèrza no. Prima de tutt quella catastrofe lì la sarìa no de competenza d'un nodar. E pò, al telefono, Giorgio el gh'aveva no un tono inscì tragic, anzi, l'ha parlaa de cession o de sùccession... o d'un queicoss del gener.

Giulio:  Gh'è’ mort un quajvun di tò parent, per caso?

Carla:  No, che mi sappia. ... El nonno Ottavio, forse.

Giulio: No, el g'ha 96 ann ma nanca un franchin. Forse el tò zio Eugenio ... No, pö no trattas de lù, lù el g'ha domà di debit...

Carla:  Magari la zia Isotta: lé sì che la g'ha di terren, in Piemont.

Giulio: Sì: tri ettari, divis in quatter comun divers e ghe viva sora deggià 10 person. No, l'è impossibil. Mej fas minga di illusion. T'eet dii che el Giorgio 'l rivarà tra un poo, no?  Voo a finì de vestim. Ciamum quand el 'riva.

Carla: Ma la convocazion l'è per mi! Forsi el m'aveva convocaa in uffizi propi per parlam  'depermi.

Giulio: Ma t'eet no dii che quella lettera li l'è quella del me sogn? Me par ovvio quindi che “mi” sia curiùs di savé on queicoss de pù.

Carla: Ne parlaròo prima col Giorgio. (Giulio esce scrollando le spalle. Carla comincia a mettere in ordine la stanza ma solo per calmare l’agitazione, poi si ferma di colpo)  No! G'hoo bisogn de bev un queicoss: un po’ d’acqua, sì, un bel biccer d’acqua fresca.  (ed esce risolutamente verso la cucina)

Filippo: (entra cauto e guardingo)  Finalment, credevi che l'andass via pù. Hinn des minut che aspetti chi in anticamera. (ha in mano un pezzo di motocicletta tutto sporco ed è lui stesso sporco le mani e il viso)  Se la mamma l'è inscì agitada el sarà mej che me faga minga vede' inscì consciaa e con la moto rôtta ...  l'andarìa sù tutt j fùri. (fa per prendere un giornale in cui avvolgere il rottame ma non fa in tempo perché sente la voce di Giulio)

Giulio: (da fuori)  Carla, in-doe l'è la mia cravata?!

Carla: In soggiorno, te la porti mi.

(Filippo si nasconde dietro il divano portandosi dietro il rottame, ma la-sciando fuori posto il giornale. Carla entra con vassoio e bicchieri, lo lascia, prende la cravatta, vede il giornale, resta un attimo per-plessa ma poi lo mette a posto ed esce senza accorgersi di Filippo che esce subito dopo dal suo nascondiglio senza il rottame)

Filippo: Caspita, per un pelo. Devi propi fà a la svelta. (riprende il giornale e torna dietro il divano per avvolgere il rottame) Accidenti che guaio! Hoo svônciaa tutt's'coss chi dedrè; mej che netti sùbit, prima che la s'incorgia. J fregôn hinn in anticamera. (mette il rottame col giornale dietro la poltrona ed esce appena in tempo per non essere visto da Carla che entra con delle bibite che appoggia sul tavolo. Filippo rientrando cerca di non essere visto e poi si mette a pulire mettendosi in modo che Carla, rientrando subito dopo con dei tovagliolini e vedendone solo il sedere, non lo riconosca e si spaventi)

Carla: (grida)  Ah! Giulio, gh’è un omm in cà!

Filippo: (si alza di scatto, anche lui colto di sorpresa) Mamma, sont mi.

Giulio: (entra allarmato)  'Se sùcceda?

Carla: (a Filippo) Ste fee lì, incrotaa come un can? E se l'è quel catànj tutt vônc' e tarlachént che te gh'eet lì?

Filippo: Un tocch de la mia moto, mamma,(candido) la me s'è rôtta.

Carla:  Anmò? L'è la terza volta in duu mes. Pussee che un mezzo de trasporto, quela moto lì l'è una falla “nella fragile barchetta dell’economia domestica” de che-la-cà-chi. (a Giulio) E ti, che te set el papà, te diset nient?  Te fee nient?

Giulio: Va ben se ghe compri una moto növa? Almen la se romparìa no inscì de spess?

Carla: (prima lancia un’occhiata fulminante a Giulio e poi a Filippo [indi] con tono che non ammette repliche) Tasa! E ti guardet: te set consciaa come un Pilàt ! ! Và sùbit a lavat, che aspetti gent.  E porta via quela rottamaja lì!

Filippo: Si, mamma.  (raccoglie il rottame ed esce. Anche Giulio fa per uscire)

Carla: No, ti férmet che voeuri parlat. Te devet piantàla de difendel quand che mi ghe vousi adrè. Te douariet inveci tiragh i redin, correggel anca ti, sì, propi ti, perché te set sò pader.

Giulio: Se ghe ne fuss bisogn, la farìa. Ma 'ste voeuret ... in fond l'è un brao fiö, pien de vita, e senza farfall in del coo.

Carla: Quella moto lì la me preoccupa: la se ròmpa tropp de spess; el podarìa fass mal ... e la costa anca un sacch de dané in riparazion.

Giulio: Gh'èmm dò fórtùn: ghe pias j moto d’epoca e pò el g'ha avuu, a gratis, la Gilera del ’49 da me pader.

Filippo: (si affaccia appena) E terza fórtùna: j riparazion j'a foo de per mi, artigianalment.

Carla: Ecco perché la se ròmpa semper! Ti tòrna de là, l'è maleducazion 'scoltà dedré di port. (Filippo se ne va) E pò... el fa un bel nagotta tutt el dì.

Giulio: Quest l'è minga vera, el se 'rangia come 'l pö: ogni tant el fa' un quei lavorett in gir. Te'l set anca ti che l’è difficil trouà un post fiss prima del militar.

Carla:  Comunque, adess ti te vet de là e te ghe parlet ciàr.

Giulio: Ma 'ste voeuret che ghe disa?

Carla: Pàrligh de la responsabilità, de la partecipazion alla vita de la famiglia ... Oh, insomma, te se ti el pader, no? Te douariet savé cosa te devet digh a un fiö.

(Giulio esce mentre Carla ricomincia a riassettare la stanza, parlot­tan­do tra sé e guardando continuamente l’orologio con impa­zienza, finché suona il campanello della porta. Va ad aprire.)

Carla:  Oh, Giorgio, finalment.

Giorgio: Sono arrivato appena ho potuto, ma g'hoo no tropp temp.

Carla: L'è una roba lunga?

Giorgio: Più che lunga è complessa, da chiarire nei particolari.

Giulio: (rientra)  Ah, eccoti, me pareva de avé sentii el campanell.

Carla: (prendendolo in disparte) Giulio, te vouraret minga in sùl seri stà chi intanta che “mi” parli col Giorgio, vera?

Giulio: E perché no, scusa!

Carla: Giulio! Te voeuret fà el ficcanaas!?. La convocazion l'è indirizzada a mi. Guarda: “Carla Gervasini”. E se te me l'avarisset dada in temp, a quell’ora chi sarìa stada in del uffizi del Giorgio ... senza de ti.

Giulio: E inveci ti e'l Giorgio sii chi, a cà mia, in-doe ghe sont anca mi.

Giorgio: (che da questo momento comincia a dare segni di fretta)  Se non vi dispiace, preferisaria perd no temp in ciàccer.

Carla:  Ma allora... lù el pö restà?

Giorgio: In verità, la cosa riguarda te. Ma perché impedirgli di essere presente? Dopo tutt l'è to marì.

Carla: Eggià, “due cuori e un’anima sola.”

Giorgio: Stessa famiglia, stessa vita. Resta pure, Giulio, la pratica non ti riguarda direttamente ma di sicuro ti interessa. Cominciamo.

Carla: (lo interrompe)  Scusa, pödi offrit un queicoss de fresch, o un caffè ...

Giorgio: No, niente, grazie, andiamo avanti.

Carla: (lo interrompe di nuovo)  Ma perché te m'eet mandaa una lettera per convocam in del tò studi?  Te pódevet no dimmel a vós?

Giorgio: No, perché la pratica prevede la convocazione scritta. Vogliamo cominciare ora?

Carla:  Si, certo. “Dicevi che è una cessione o una successione”, ma che differenza gh'è?

Giorgio: (sta per sbottare ma la sua buona educazione lo trattiene; però con lo sguardo e piccoli gesti chiede a Giulio di trattenerla) - T 'el spieghi in un alter moment. Comunque questa è una specie di successione, ossia un’eredità.

Carla: (che comincia a starnutire ripetutamente)  Oh gent! Gh'è mort un queivun di me parent?  Nissùn m'ha faa savé nient; chi l'è?

Giulio: Carla, per piasé, calmess e lassel parlà. Se te continuet a parlà ti, come fazem a savé cosa l'è che el g’ha de di?

Carla: Te gh'eet rezon ... Scusa, e va avanti ... Anzi, no, 'spetta. Giulio, va a tomm una bottiglia d’acqua.

Giulio:  Un’aranciada la pö no andà ben?

Carla:   No, per calma' j sternüt me serva l’acqua.

Giulio:  Va ben, va ben.   (esce)

Carla:  Ma el deva propi stà chi? L'è no mej che ...  (Giulio rientra con una bottiglia d’acqua)  ... Come t'eet faa prest!

Giulio:  Vist che el Giorgio el g'ha premura...

Giorgio:  Appunto. Dunque, dicevo, un’eredità che ti viene dal Canada, da un certo signor Carlo Donati.

Carla:  (lo interrompe)  Ah... L'è forse quel zio mort in guerra in onor del quale me mader l'ha vouruu ciamam Carla.

Giulio:  Ma s' te diset! Quel l'è mort in de la guerra del 15-18; come el fa' a lassat un’eredità adess.

Carla: Se sà mai. I tempi de la burocrazia hin semper  “molto” lenti.

Giorgio: (imponendosi) “Questo” signor Carlo Donati è emigrato in Canada per ragioni politiche durante il fascismo e là pare abbia fatto fortuna.

Carla:  Come: “pare”, non è sicuro ?

Giorgio: (ha perso la pazienza) Scusa, Carla, forse è meglio che venga in un altro momento, con più calma.  (e fa per alzarsi ed andarsene)

Carla: (sbalordita) E te me lasset chi cont una notizia del gener a metà?

Giorgio: Ma tu mi interrompi di continuo. Tra starnuti e domande non riesco neppure a cominciare.

Carla:  Hai ragione, scùsum.L'è che quand sont emozionada riessi no a trattegnim. L'è una reazion nervosa. Devi vèss allergica alla fórtùna.

Giorgio:  Me ne sont accort.

Carla:  Comunque, adess me metti chi brava brava ad ascoltat.

(subito suona il campanello della porta. Giulio va ad aprire mentre Giorgio dà segni di impazienza)

Viola: (entrando)  Mio marito è qui?

Giorgio: (subito addolcito)  Sì, cara, eccomi.

Viola: (rimproverandolo) Ma è un quarto d’ora che sono pronta. Ho perfino telefonato in ufficio per sapere dov’eri.

Giorgio:  Ho ... una pratica da sbrigare con Carla.

Viola: (come se dicesse a Carla: “Visto che vado anch’io fuori a pranzo con mio marito?”)  Ma caro, faremo tardi al ristorante; ho prenota­to per la una. Non puoi smettere e continuare un’altra volta? Guarda, mi sono messa perfino il vestito nuovo, tutto per te!

Carla: (a Giorgio) Ohh, ma adess t'andaret minga via piantando chi el discors a metà, vera? Giulio, dighel anca ti.

Viola: Ma cosa sarà questa cosa così importante: hai problemi col fisco? O hai vinto alla lotteria?

Carla: (irritata)  Né una roba né l'altra

Viola: (decisa)  Dai, Giorgio, vieni. Sai che non mi piace far tardi.

Giorgio: Ancora qualche minuto; farò più presto che posso.

Viola: D’accordo, ma sbrigati. (esce nervosamente)

Giorgio: Torniamo a noi. Questo signor Donati, dicevo, era il titolare di un’industria, ora liquidata, del cui valore, secondo il testamento, tu sei l’unica erede.Facendo un calcolo approssimativo, credo che dopo le pratiche valutarie e fiscali rimarranno tra i venticinque e i trenta ... miliardi.

Carla e Giulio:  Miliardi !?!

Carla: (ricomincia a starnutire rumorosamente ) E sarìen tutti nòster? Tutti?  Oh, me senti svegnì. (finge di svenire)

Giulio: (la soccorre)  Sù, sù, Carla, coragg...  sta' no mal propi adess! Sta tranquila, cara, “non ti lascerò sola”, t'aiutaròo mi.. “e affronteremo insieme la situazione”.

Carla: “Giulio, vai a prendermi la medicina dentro la mia borsa in camera da letto.”

Giulio: Sì cara, subito cara. (esce)

Giorgio: Come ti senti, ora?

Carla: (ben sveglia, tradendo la finzione dello svenimento) T'ee(t) sentii?  Te l’avevi dii che el sarìa staa mej che “lù” steva no chi a sentì.

Giorgio: Ma perché?

Carla: Perché l'ha giammò pensaa de mettigh sora j sô man: “Non ti lascerò sola; affronteremo insieme la situazione”.

Giorgio: (rimproverandola)  Carla, ma l'è el tò marì.

Carla: Ma i dané hinn mè, o no? ... Oppur, per la legge della comunione dei beni ... Accidenti, ma perché èmm scernii no la separazion!  Oh, ma scommetti che sèmm anmò in temp, vera?

Giulio: (entrando)  In temp per cosa?

Carla: (cambiando discorso)  Per ... per anda' föra a pranzo.. perché bisogna festeggia'.

Giulio: Certo che bisogna festeggià.

Carla: T'eet trouvaa la medizina?

Giulio: No.

Carla: Ma se l'è sù la mensóla del bagn!

Giulio: Va ben.  (esce)

Carla:  Allora s'te me diset?

Giorgio:  Sta tranquilla. L’eredità l'è tua e domà tua.

Carla:  Ma da quand?

Giorgio: Ghe vourarà un poo de temp, ma non molto. Ti saprò dire.

Giulio: (rientra con una scatola di medicinali) ... saprai dire ... che cosa?

Carla:  Ma come te set veloce incoeu!

Giorgio: (preparandosi per andarsene) Vi saprò dire: “Quando potrete cominciare a godervi i vostri miliardi”. Ma adess devi propi andà! Della carta d’identità e del codice fiscale ho già preso nota ...  Ci saranno dei documenti da firmare ma vi avviserò man mano. Arrivederci. 

(esce lasciando Carla e Giulio un po’ frastornati che si guardano con aria interrogativa mentre si chiude velocemente il sipario)

 Fine primo atto

Secondo atto

(stesso ambiente con qualche modifica nei particolari - giorno - al posto del quadro bruttissimo ora campeggia un bel quadro con cornice raffinata Nessuno in scena, suona il campanello della porta)

Leone: ( Maggiordomo, in livrea, sulla sessantina, [idiomadialettal- francesizzante] va ad aprire attraversando tutta la scena. La battuta è detta fuori scena)  Bon jour Madam, antré púr. (rien­tra con Elisab.)

Elisab.:  Grazie.  (guardandosi intorno come per verificare dove si trova)

Leone:  Com'an peut-véss util par ell?

Elisab.: ... avroo  minga sbagliaa cà.... Ma lù chi l'è? Lei chi è?

Leone:  Leon! Je suì Leon, madam, e son le majordòm qui g'ha la direziòn de 'sta maisòn.

Elisab.: Magiurdòm? A la direzion “de 'sta mesòn”? Incredibil!  Per­ché: chi gh’è de l'altra servitù? ... qui cì è dell'altra servitu?

Leone:  Naturalemant, madam: alter tri person oltr' a muà.

Elisab.: Naturalemant? (canzonatorio, come per dire il massimo dell’ assurdità) “Vuoi vedere che, magari, adesso abitano pure tutti qui!”?

Leone: (sorridendo pazientemente) Non ancor, madam..Le servìz el deverrà residenzièl dop el trasferimant ne la noeuv abitazion che madam la patrònn sta cercand et che sicuramant l'avrà un’al reservé a la servitù.

Elisab.:  Caspita, non si bada a spese.

Leone: Madam la patrònn è trè generös.

Elisab.: Sì, La sciora padrona l'è tre volt spendacciuna, disaria.

Leone: (imperturbabile)  Dipand da le punt de vistà, madam.

Elisab.:  E da quand' l'è che ci è stata questa rivoluzion?

Leone: Da quelch jur, madam. Ma: ell comm'en s'appel?

Elisab.: Ma che s'appell o se schìscen.... (che intanto si guarda in­torno per scoprire altri segni di cambiamento e vede un altro quadro al posto di quello del marito) Mi... mi sont la suocera. Ma, sciur Leòn, lù el se ciama inscì, no? Chi,... qui, prima, gh'era un alter quader divers da quest.

Leone: S'è vré madam, ma ... quand j'avè di' che “quel” tableau, cioè “quel cadre” il ne s'accordè pas cont le stil e la nobless de 'sta maisòn,... la patronn fuì bièn contentà de sostituìrl con quest qui che je mèm gh'avù le privileg de scernìr e con­sigliar.

Elisab.: Ah! E  “quel” quader, ora, dov’è?

Leone: De dré a l’armuàr di scarp, in fond a le curridör.

Elisab.: (furente)  Mmh. E il signor Giulio l'è in casa?

Leone: Spiaciant, qui gh'è sulemant Madam Carlà, la patronn. Si völ l'annunc subitmant. Ell' ha un appuntmant?

Elisab.:  (sbotta) Quest l'è el colmo. Mi sont l'Elisabetta Pizzoni ve­dova Zanetti “la madre del padrone di casa” e qui ci vengo senza appuntamento, capii?  E mi, sarìa entrada anca senza de lù .... (sbatacchiando nervosamente il mazzo di chiavi che non ha potuto usare) se avessen no cambiaa la serradura de la porta!

Leone: (imperturbabile)  Pardòn, madam, je m'escus, ma je ne savé rien de elle e de son possibl arriv . La annunc subitmant.  (esce)

Elisab.: Ueh, te fee no in temp ad andà in vacanza dò settiman a Rapallo che al ritorno te trövet una rivoluzion! Chissà cosa gh'è success!?  E el me Giulietto? L'è da stamattina, appena arrivada, che el ciami in uffizi senza trouval. Vegni qui e trövi: “el magiurdòm”; el quader del me poer Armando dedré de l’armuàr di scarp; quel lì ch'el ciama la Carla: madam la patronn; servitù, ... Mi ghe capisssi pù nagotta! Come se avessen vinciuu un sacch de dané al totocalcio o alla lotteria!  Ma m'hann dii nient !?  (resta un attimo pensierosa)  Un moment!

Quel pappagall d'un maggiurdom cont el sô francees el m'ha bloc-caa qui come se fussi un’estranea. Ma mi, qui, sont de fami­glia e adess voo de là in de la Carla a famm spiegà.  (si diri­ge con decisione verso la porta dove incontra Carla che la fa tornare indietro).

Carla:  (con tono affettato, formale e ironico per mettere distanza tra lei e la suocera)  Oh,Signora Zanetti. Che piacere rive­derla. Come mai da 'ste parti? La credevo ancora a Rapallo con le amiche della terza età.

Elisab.: (colta di sorpresa, quasi balbetta) Ciao Carla, sont tornada stamattina e vourevi saludav.

Carla:  Grazie, molto gentile da parte sua. Ma non restiamo così in piedi! S’accomodisca, la prego.

Elisab.: Ma el Giulio, in dove l’è? L’hoo cercaa in uffizi, e m'hann dii che “non c’era”.

Carla: Ah, si. Il capodivisione ci ha affidato un incarico fuori città; dovrebbe tornare domani.

Elisab.:  (riprendendosi)  Allora devi domandatel a ti: cosa l'’è tutt 'sto cambiament, tutta 'sta messinscèna?

Carla:  Quale “messinscena”?

Elisab.:  Come “quale messinscena”! Questa qui, no? Cosa gh'è suc­cess? Avii vinciuu al lott ? ... O gh'è vegnuu i lader?

Carla:  (con una risata)  Ma no! Ma che ladri. Cosa c’entra?

Elisab.: El so no, ma sont 'drè a domadatel a ti. Chi gh'è cambiaa talment tutt's'coss! ... Te me parlet “in italiano”, te me cia­met “signora Zanetti” e te me dee del “lei”, gh’è el maggior­dom e so no quant'altra servitù, .... el quader del tò pover suocero l'è finii dedré de l’armuar di scarp, avii faa cambià la serradura de la porta ....!  Se pö savé se gh'è succes in de chi dò settiman chi?

Carla: Prima di risponderle mi permetta di offrirci qualcosa da bere; cosa gradisce? Un caffè, una bibita fresca, oppure vuol farci compagnia con un qualcosa di forte? (snob) Sa, questa è l’ora del mio whisky.

Elisab.:  Un bel biccér d’acqua fresca l'andarà ben, grazie. G'hoo bi­sogn de calmam un poo; ... sont in ansia.

(Carla suona graziosamente il campanello per chiamare il maggior­domo)

Elisab.: [proseguendo]  E el me Giulietto, come sta?  Cosa el diis de 'sta rivoluzion?

Carla:  Signora, non deve mica preoccuparsi. Il suo “Giulietto” sta bene e a questi cambiamenti dovrà farci l’abitudine anche lui. Comunque non non son venuti i ladri e nessuno c'ha portato via nulla, anzi: è arrivato qualcosa.

Elisab.:  (tra sé, indicando il maggiordomo che in quel momento sta entrando)  Sì, “un bel piruàl de gèss”

Leone:  Uì, Madam.

Carla:  Leon, porta ... (si interrompe e dandosi un tono)  Ci porti il mio whisky e [rimarcando] un bel biccer d’acqua fresca per la signora.

Leone: Oké, Madam. (esce e rientra dopo poco servendo in silenzio quanto richiesto)

Carla: Effettivamente qualcosa è successo: una cosa che c'ha dato una svolta definitiva alla mia vita mettendola finalmente al li­vello che mi compete.

Elisab.: Cosa? Hai vinto a Telemike? (Carla sorride enigmatica) O t'eet  faa 13 al totocalcio ... o t'eet vinciuu alla lotteria?  ...In fin de la fera:  se gh'è success?  (Carla continua a sorri­dere con superiorità - Elisabetta si blocca rendendosi conto)  Ma perché pò te parlet al singolare? Te vör di' che quel che gh'è success “riguarda solo te”, e che el me Giulietto e i vòst fiö, “i me novod”, c’entren nient?

Carla: (con sussiego)  In effetti la cosa riguarda solo me: ho ricevu­to una forte eredità da uno zio che c'aveva un’industria. Certo che ”i tò nevod” ne parteciperanno: sono miei figli; ma per il Giulio si vedrà.

Elisab.: (allibita)  Si vedrà?  'Ste vör di'?

Carla: Ci ho posto una condizione:  o el diventa dirigente entro un anno, oppure ... non posso certo permetterci che da semplice impiegato delle poste c'abbia il maggiordomo.

Elisab.: Sarebbe una carriera fulminea. La tua, comunque, l'è una condizion inaccettabil. In fond l'è tò marì.

Carla:  Appunto, e non vorrei che la gente ci rida sopra. Poi, insom­ma, in mezzo a industriali, notai, banchieri, giudici, dottori, avvocati, finanzieri ... (con una smorfia) che figura ci faccio con “un impiegato” per marito?

Elisab.: Ma el podaria “smettere di lavorare” e fà el sciór! Ve man­caria no de certo i mezzi, stando a quel che te diset.

Carla:  Eh no! (con intenzione) A parte il dettaglio insignificante che i soldi sono miei; lui deve dimostrarci quanto vale per poter stare al mio fianco - alla mia altezza - cosa che, finora ...  Comunque, la cosa è forse meno impossibile di quanto non sembri: pare che al suo capodivisione ci sia arrivata una let­tera dal ministero e da allora ci danno degli incarichi di fidu­cia che mi potrebbero far pensare ad una promozione vicina. In questi giorni, infatti, è fuori città per questo.

Leone: (rientra)  Escusé Madam, ma je le record che tra mezz’or ell ha l'appuntamant cont el sò perruquè.

Carla:  Oh, che sbadata! Il parrucchiere! Quasi me lo dimenticavo. Non voglio far tardi. E’ successo una volta, settimana scorsa, e François si è arrabbiato tantissimo. E poi, come si dice, la puntualità è la cortesia dei re, vero? E io non voglio rtardare.

Leone:  Alor poss dir a le cheffeur de preparè l’autò?

Carla:  Sì, grazie, ci dica che tra un quarto d’ora sarò giù.

Leone:  Très bien Madam.  (esce)

Carla:  Lei mi scusa, vero?

Elisab.: Si, ma... Un’ultima roba: el quader che gh'era tacaa-sù lì ...

Carla:  Sì?

Elisab.: Te par giúst d'avél cascià dedré de l’armuàr di scarp?

Carla: (canzonatoria) Certamente no! Un ricordo così prezioso, un cimelio di famiglia ... Il fatto è che non c' ho una casa in “Australia” dove attacarlo su. Così, come sistemazione provvi­soria ... (allusiva)  A meno che ...

Elisab.:  Hoo capii. Se te me'l dee el porti via mi. Pò, per saludà i me nevod, telefonaró pussé tardi.

Carla: Come desidera, signora Zanetti. Aspetti che ci mando Leon con il quadro. La saluto e Arrivederci. (esce)

(Elisabetta resta un attimo sola, si guarda in giro poi scuote la te­sta, perplessa, poi entra Leone con il quadro impacchettato)

Leone: E vualà le cadre, madàm Zanettì. Si ell permett l'acompagn a la port.

Elisab.: “Conosco la strada”, grazie. A meno che el vouer controllà che vaga föra verament.

(Leone alza il naso e se ne va sdegnosamente. Elisabetta fa per uscire ma si trattiene perché sente i nipoti che parlano da fuori)

Antonella:  Se dici alla mamma del voto io le dico quanto vuoi spendere per quella moto.

Filippo: Capirai che paura! Mi ha daj lé i dané. (entrano e vedono con sorpresa Elisabetta)  Ciao nonna.

Anton.:  Ciao nonna.  (e va a darle un bacio)

Elisab.:  Ciao ragazzi, come stii? 

Anton.:  Bene, grazie.  E tu?  ...  Ma sei già tornata? E cosa fai qui, sola, in piedi e con quel quadro in mano?

Elisab.:  Verament s'eri 'dré andà via a portà in salvo el quader del nonno: “Qui non è più gradito”, (parlando ad alta voce in di­rezione di Leone) “Qui non è più all’altezza”.

Filippo:  Beh, nonna, se el fuss no per el fatto che l'è del nonno e per el sò valor affettivo ...

Elisab.:  Che el g'ha la sua importanza!

Anton.:  Ma adesso abbiamo Leon che non è sensibile al valore af­fettivo di quel quadro.

Elisab.: A proposito del Leon, vourì spiegàm almen voialter se l'è che gh'è success?

Anton.:  Semplice, la mamma ha ereditato una grossa fortuna da uno zio industriale canadese e ha deciso di cambiare tono di vita.

Filippo:  L'ha ciapaa in man la situazion e “fa la padrona”.

Elisab.:  Hoo capii. E 'l papà?

Anton.: (teneramente) Il papà..., lo sai com'è. E' troppo buono. E  subisce la situazione con calma, o almeno così sembra.

Filippo: Forse 'spetta el moment pussé adatt per fas sentì. .... Ma in 'sto periodo la mamma l'è propi intrattabil.

Anton.:  Anche noi dobbiamo stare molto attenti a quello che fac­ciamo: da una parte, per noi, spende un sacco di soldi; dal­l’altra, dobbiamo essere sempre all’altezza del nuovo rango.

Filippo:  (canzonatorio)  Figurati che per tutta una settimana l’ha portaa in gir l'Antronella per i negozi del centro: “per rifarle il guardaroba”     ... e bors, e scarp, e collan, e oregìn ....

Anton.:  Tu stà zitto che ti ha comprato un hi-fi da capogiro, il com­puter con stampante a colori e non so cos’altro. In camera nostra non c’è più un angolo libero.

Filippo:  Ma in tutta la casa non trovi un angolo libero. L'ha cam­biaa no i mobil domà perché l'aspetta di vede' la cà növa, altrimenti ...

Anton.: Però ha voluto subito la servitù! La sua amica Viola ha la cameriera e l'autista, quindi ... ma stavolta ha veramente voluto strafare.

Elisab.:  Sì, hoo vist. L'ha voursuu anca “el magiurdòmm!”.

Anton.: E’ proprio lui la sua soddisfazione più grande perché, final­mente, è riuscita ad avere qualcosa prima della sua amica: prima non c’era riuscita nemmeno col morbillo.

Elisab.:  Ma quanta servitù gh’è?

Anton.:  Dunque, in questa casa ...

Filippo:  Tre locali e servizi.

Anton.:  Abbiamo:  maggiordomo ...

Filippo:  Che hai già visto.

Anton.:  Cameriera, cuoca, ...

Filippo:  E meno male che abbiamo la cucina abitabile  (facendo il gesto per indicare una persona molto grassa)

Anton.:  Poi c'è il Giardiniere e “le chauffeur”, l'autista,

Filippo: ... che per el moment hinn la stesa persona per­ché j unich ses vàas che gh'èmm in sul puggiö lassen tropp temp liber al giardiné e ne occupen tropp pocch al l’autista. Ma la mamma l'ha già dii che in della cà növa ...

Elisab.: Ma vialtér cosa ne pensii?

Filippo: Che deva vessigh in gir una gran fam de laourà, per laoura' in de chi condizion qui, semper schisciaa, denter in cusinna...  e meno male che l’autista sta semper giù in del box: c'ha messo su casa, nel box.

Anton.: Comunque in questa casa non ci si gira più!  Ieri, per esem­pio, volevo studiare qui, ma non ho potuto perché c'era “qui” la cameriera che stava pulendo l’argenteria.

Filippo: Ma dai. La gh'avarà miss no tantu temp: l'è la terza volta in una settimana che la mamma la g'ha fa netà el sò “regalo di nozze”: ses cugiarìn del caffè! Dopo sì che el sarà un proble­ma, quand arriverà el servizio da 48 che la mamma l'ha ordinaa.

Anton.: Ma io mi sento a disagio. Non sono abituata a trovarmi continuamente degli estranei tra i piedi.

Carla: (entrando all’improvviso mentre si prepara per uscire) E tu mandali fuori dai piedi; dopo tutto la servitù è al nostro ser­vizio, e la dev no rômp... [riprendendosi] non deve disagiarci. Ah, ragazzi, quante cose dovete ancora imparare. Ma ve­drete che nella casa nuova sarà tutto più facile.

Anton.: Oh, mamma, esci?

Carla:  Sì, cara, vado da François, e ce ne avrò per un paio d’ore. Se avete fame ditelo a Leon e comunque, al mio ritorno, vo­glio vedervi cambiati d’abito, tutti e due. Con tutto quello che vi ho comprato non capisco perché vi ostiniate a metter  su quella (con una smorfia di disgusto) roba.

Anton.:  A che ora torna papà?

Carla:  Torna domani, tesoro.

Filippo:  (insinuante)  Ci sarebbe bisogno di una firma.

Anton.:  (dà una gomitata a Filippo)  Non importa, mamma, faccia­mo poi quando torni, con calma.

Carla:  Sì, meglio così, cara. Se faccio tardi, François si innervosi­sce, mi fa la testa a cavolfiore e finisce che ci litigo. Io vado, ci vediamo, ragazzi. Di nuovo, signora. (esce)

(Antonella e Filippo parlottano tra loro lasciando involontariamente Elisabetta in disparte)

Filippo: Ma quanto te set poca furba! L'era el moment ideàl. Quand'è che te trovet anmò la mamma inscì in sù la bouna, che “esce in fretta per andare (le rifà il verso) da François dove il piacere di uno shampoo le avrebbe fatto smaltire l’ar­rabbiatura?” Stavolta el papà el farà no in temp a torna' a cà a risolv el tò problema...

Elisab.:  Uehi, ragazzi, se succed? Sii adré a tacalìt?

Filippo:  No. Ha preso 3 nel compito in classe di latino.

Anton.:  E lui vuole spendere trenta milioni per una moto vecchia!

Filippo:  No, no una moto “vecchia”: una moto “d’epoca”,  e pò i dané mi ha già daa la mamma.

Anton.:  Chiamala come vuoi ma resta pur sempre una moto vecchia.

Elisab.:  Su, su ragazzi, finisèla de tacalìt e contém sù tutt's'coss con calma.

(suona il campanello della porta)

(Leone va ad aprire. Mentre Leone e Viola parlano da fuori, Antonel­la e Filippo, a gesti, fanno capire ad Elisabetta che racconte­ranno tutto di là ed escono tutti insieme in silenzio. Elisabet­ta dimentica il pacco del quadro)

Leone: (da fuori) Bon jour, Mdam Pasinì.

Viola:  Buon giorno Leon, la signora è in casa?

Leone: Madam èt foeura, da quelch minut.

Viola:  Dobbiamo esserci incrociate con gli ascensori. (entrano. Viola ha in mano la borsetta, un sacchetto di negozio e un pacco identico a quello del quadro di Elisabetta)

Leone:  E’ probabl, madam. Peut-etre...

Viola: (cambiando tono e appoggiando tutto quello che ha in mano perché è tutta eccitata)  Allora possiamo smettere di fare la commedia. Oh, signor ... (interrotta e zittita da Leone) quan­te domande vorrei farle. Mio marito mi ha detto che ...

Leone:  (interrompendola di nuovo con TONO diverso e deciso, con­trollando i volumi)  Madam, pliis! Non siamo soli in casa ... non vorrei che ci sentissero.

Viola:  Ma mi sont tropa curiosa, möri dalla vöja de savè.

Leone:  (irremovibile)  La prego!  Per il mio progetto c’è bisogno della massima segretezza. E’ pericoloso parlarne qui.

Viola:  Allora venga a trovarmi di là. Oppure troviamoci in un bar ... insomma esca da questo buco. La sua storia è troppo eccitan­te: mi dica qualcosa.

Leone: Le dirò una cosa, ma poi desidero che si ritiri.

Viola:  D’accord, d’accord, mi dica.

Leone: [sussiegoso, e riprendendo la sua parte di “maggiordomo”]        Est un antiq mot françé q'il dì:  Aucun rich / n'à pàs valeur / com'un de son serveur.

Viola:  (sorpresa)  Come, come?  (per chiedere “cosa significa”)

Leone: Je le dì a lé en milanees: (storpiando) “Nissun sciòr / el g'ha pussé valour / de quel che g'ha / vün di sò servidòr”

Viola:  (la sua espressione passerà dall’eccitato iniziale -non avendo capito-  poi al deluso e all’allarmato)  Ma è valido anche per le donne?

Leone:  Naturalemant, Madam.

Viola:  Oh, povera me!  Io ne ho due di domestici.

Leone:  Ma, s'il vou plait, me vuolè-vu dir le motiv de vost visìt?

Viola:  (ancora smarrita) Sì ... ehm ...  Volevo chiedere a Carla se sa quando ci sarà il funerale di un nostro ex-professore che è morto ieri; ma gliene parlerò stessa. Quando torna?

Leone: Apré dò or, Ell' è da le parrucché.

Viola:  Allora torno più tardi. Buon giorno Leon.  (fa per uscire quando, sulla porta, si ricorda di tutto quello che aveva appoggiato e ritorna. Leone l’aiuta a prendere le sue cose ma prendono per sbaglio il quadro di Elisabetta)

Leone:  A revuàr, Dam.  (la accompagna alla porta e poi si mette automaticamente a riassettare la stanza. Esce, quindi, por­tando con sé i bicchieri sporchi e il pacco del quadro rimasto, scuotendo la testa e commentando tra sé)  Mah!

(la scena resta vuota qualche secondo, poi entra Giulio, appoggia la valigetta dei documenti del suo lavoro e si accascia sul divano sfinito e depresso)

Giulio:  Finalmente qui non c’è nessuno. Eh no! C’è (chiamando) Leon.

Leone:  Bon jour, monsieur, bien tourné.

Giulio:  Grazie, Leon. Sont sfinii. Portami le ciabatte, per piazé.

Leone:  Monsieur, il voeut quelch scios pour mangjè o pour bevé?

Giulio:  No, grazie, voeuri domà sta chi in-de-per-mi “in silenzio”.

Leone: In silanz?! Je suppose che ne sarà possibil, pourquà, sont isì tutt'e duu le son fis,  sò miee e pur sò mamàn....!

Giulio: Ah. L'è chi anca lé! Beh, faroo 'l possibil. (lo congeda) Grazie Leon.

(Leone esce mentre Giulio si toglie le scarpe e si stende sul divano. Un attimo dopo Elisabetta entra con le ciabatte in mano e gri­da in direzione di Leone) 

Elisab.: Io, qui, sono la madre del padrone di casa e faccio quello che voglio, ha capito? (poi, a Giulio, cambiando completa­mente tono) T'eet vist, Giulietto, quel pinguino lì el voureva no che vignissi chi in de ti. Ecco le tue ciabatte, tesoro. (lo aiuta ad indossarle) Tesoro, ma che pé fregg che te gh'eet!

Giulio:  Ciao mamma. Come mai già qui? Te seret no a Rapallo?

Elisab.: 'Ste vör, i vacanz voulen! Ti, puttost, t'avariet no dovuu tornà doman?

Giulio:  Avaria dovuu!  Ma incoeu l'è vun de chi dì che se preferisa­ria ...  beh, lassem perd. G'hoo bisogn de  riposà mamma, ti dispiaz?

Elisab.: E te par che una mamma, cont un fiö in sti condizion, la pö  lassà perd? Dai, Giulietto, conta sù tutt's'coss alla tua mamma.

Giulio:  (cerca di fare resistenza)  Mamma, per piazé! ... (ma subito cede)  E va ben. Tant per incomincià, stanott g'hoo avuu anmò el me solit incubo, dal principi alla fin: da l’attesa de la let­tera fin ai man brusaa, e pò l’agitazione e l’insonnia. Pò, sta­mattina, propri in del moment che s'eri 'dré per anda' föra da l’albergo, ricevi una  telefonada dal cap-division: [toni a sog­getto]  “Zanetti - el me diis - oggi si prenda un giorno di per­messo e vada a casa.”  El m'ha ciapaa un poo de sorpresa, ma g'hoo dii: “Dottore, ... oggi devo formalizzare an­cora tre contratti”.  “Non si preoccupi – el me risponda - ho già prov­ve­duto io: lo farà il Guarnieri.  Ah, ... e legga il Cor­riere a pag. 5, in alto a destra”.  Ghe sont restaa come un baccalà ma, alla fin, hoo pensaa che l'era no una cattiva idea quella de ciapà un dì de ripòs. Comunque, compri el Corriere, e voo a legg ... (dà il giornale alla madre)  a pag. 5, in alto a destra.

Elisab.: (legge)  “Ancora corruzione nell’apparato burocratico: è la volta del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni - Primo Funzionario del Personale inquisito: avrebbe favorito alcune carriere in cambio di denaro.” [a Giulio, interrogativa]  E que­st l'è quell ... ?

Giulio: (sconsolato)  L'è propri lù.

Elisab.:  E ti, quanto t'eet pagaa a 'sto pescecane?

Giulio:  Nient!  Con quel che me gira in saccoccia, “al pescecane” avaria poduu offrigh al massim una quei sardina....

Elisab.:  Beh, “se non hai pagato”, allora te gh'eet d'avé pagura de nient.

Giulio:  Se sa' mai. Ghe sarà l’inchiesta, j interrogatori, j accerta­ment, ... e intanta a mi m'hann mandaa a cà.

Elisab.: Eh, no eh! Questa l'è un’ingiustizia! Dubità d'un dipendent inscì precis e scrupolos 'me ti. Damm el nom del cap-division, che ghe voo mi a parlargh.

Giulio:  (anche troppo deciso)  No, mamma. Ma 'ste diset! In chi rob chi se sa mai; te podariet anca peggiora' la situazion.

Elisab.:  (sentenzia)  Una mamma la pö mai peggiorà i robb.

Giulio:  L'è che se sa' no cosa gh'è sotta verament. Se podaria trou­vas devanti anca a di brutt sorpres.

Elisab.:  Ma Giulietto, sont la tua mamma, e devi aiutat !

(entrano Antonella e Filippo il quale cercherà di far firmare il brutto voto di Antonella la quale però non se la sente di caricare Giulio di quest’altra sofferenza e fa in modo che Filippo non ci riesca)

Giulio:  Lassa sta, che forsi l'è mej. A ti te lasserien nanca parlà. Invece (piagnucolando) me farann parlà mi, l'è quest el gua­io.  Ah, che tragedia!  E magari perdi anca el post de laourà!   

Anton.: Suvvia, papà, non mi sembra che la cosa sia così drammati­ca. Dopo tutto, ora la mamma ha tutti quei soldi e anche se perdi il lavoro ...

Giulio:  (ad Antonella)  Sì, brava, te set rivada anca ti a mett altra benzina sul fögh ?!

Filippo: Papà, vedrai che i robb  si risolveranno per il meglio, e co­munque sai che puoi contare su di noi.

Elisab.: Oh, pover el me Giulietto,  voo subit a töt un bel bicceron d'acqua fresca. (esce)

Giulio:  Mo voeuri di' che la mama l'è gelosa di sô dané e che mi podarò sta cont lé domà dopo che gh'hoo dimostraa che vari on quejcoss “diventando dirigente”, altrimenti ...Che trage­dia! Ma adess, ragazzi, g'hoo davvera bisogn de riposà; ve di­spiaaz ...?

Anton. E Filippo:  Va bene, papà.  (escono)

(suona ripetutamente e nervosamente il campanello della porta e Giulio, che stava sdraiandosi sul divano pregustando un atti­mo di riposo, va ad aprire con evidenti segni di disappunto)

Viola:  (alterata, da fuori)  Ah, Giulio, sei in casa? Meno male.

Giulio:  Se gh’è success? (entrano, Viola ha in mano il quadro di Elisabetta) Come mai te set inscì agitada?

Viola: Una vera tragedia! Sa pö pù fidass de nissun.

Giulio: Eh! A chi lo dici!

Viola: Avevi compraa un quader a la galleria d’arte: una vera belez­za,  duu milioni e mezz !

Giulio:  Però! [pensando ai 2 milioni e mezzo]

Viola: Sont andada a ritirarl; arrivi a cà tutta contenta, scarti el pacch e guarda se troövi [con ironia]: “quest”, una vera bel­lezza, due milioni e mezzo.

Elisab.: [rientrando e vedendo] Visto? L’avevi dii mì che l'era un quader de valour.

Viola:  Macchè valour! Figuras se mi pagaria una cifra inscì per un besàsc come quest chi! Deva vesigh staa uno scambi de qua­der là a la galleria: quest chi l'è no el quader che hoo com­praa. Mi hoo telefonaa, naturalment, ma lor néghen. Figurass! Duu milion e mezz per che la crosta chi! Che tragedia!

(intanto che Viola parla senza, praticamente occuparsi di lui, Giulio si siede affranto sul divano)

Giulio: Parlà de tragedi, propi a mi, incoeu, l'è come parlà de la corda in cà dell’impiccaa.

Viola:  Eh? Chi l'è che s'è impiccaa?

Giulio:  Nissun, nissun.

Viola:  Meno mal. Ma dai, Giulio, buttes no giù inscì. Te set no ti quel che ris'cia de perd di dané. L'è no tua la tragedia.

Giulio: Te vör fa' cambi?

Viola:  Ma dai, fa' no quella faccia de funeral! A proposit, la Carla l'è tornada?

Giulio: Non anmò, perché?

Viola: Vourevi domandagh se la saveva quand farànn el funeral del prof. Rubini. T'el se ricorded el noster professor? L'è mort propi ieri sira.

Giulio: Sì, m'el rigordi, ma del funeral mi sô nient.

Viola: Vourevi anca avvertila de sto scambi de quader, perché lé n'ha compraa vun de tri milioni ... e douarissen consegnaghel doman.

Leone:  (entra con in mano il quadro imballato)  Pardon, madam, fors' è sesì son cadre?!

Viola:  Vedè, vedè.... (lacera un poco la carta e controlla)  Ma si, è proprio lui. Grazie Leon. Ma come fa ad averlo lei?

Leone:  Le sciang èt avvenuu poc temp fa quand ell è venuu in sta mesòn. Quel cadre èt un’ovr del pére de monsiö Gjuliò.

Viola:  (imbarazzatissima)  Ehm, forse è meglio che torni di là ...  Comunque... meno male: nissuna tragedia ... torni pussé tardi per el funeral ... cioè, per domandagh a la Carla “del funeral”. (indicando il quadro brutto) - Beh. Tutto sommato...Niente male! .. quel quadro.... Sì, sì, proprio niente male.  (esce)

Leone:  Monsiö, ha bisogn d'on quajcos?

Giulio:  Sì, Leon, g'hoo bisogn de restà chi in-de-per-mi: da Solo! Mi sono spiegato? (SUBITO suona il campanello della porta. Giulio si stende sul divano girando le spalle. Leone si avvia alla porta, ed esce)

Elisab.:  Leon, mi l’aspetti de là per incartà-sù de növ «il “mio” quadro» (esce con il quadro).

Leone:  (da fuori)  Buon jour, desiderà?

Roberto:  C'è in casa il signor Zanetti?

Leone:  Nou, monsiö è no isì.

Roberto: Comé?? L'è chi “nò” o l'è chi “sì”? El portinar el m'ha dii  di averlo visto salire.

Leone:  Effettivament monsiö è isì, ma in 'sto mumant ne pö pà as­solutment riceverlà.

Roberto: Ma l'è una roba urgente e importantissima. “Devo conse­gnare questa lettera nelle sue proprie mani” (ed entra prima che Leone possa dire:)

Leone: Donné pùr a muà. (poi a Giulio) Pardon, monsiö, ma je n'ho poduu pà trattegnìl.

Giulio: Va ben istess, Leon, l'è un amìs, grazie.  (Leone esce)

Roberto: Hoo faa tutta la strada de corsa. S'eri adré a preparas per andà föra a fa il gir de la posta quand el cap-division el me ciama:  “porti questa a Zanetti, lo troverà a casa”. “No, si­gnore, - ghe disi – el Zanetti l'è fuori città, lo ha mandato lei.” “Lei legge i giornali?”  el me domanda, “Certament, tutta la pagina del sport parola per parola” . El me passa el Corrie­re: Legga!  “pagina 5, in alto a destra.” Hoo legiuu .... e “me sont stremii”, e allora g'hoo dii: “Scior capodivisione, Zanetti non c’entra, è innocente. La lettera del Primo Funzionario a suo favore è ... è ... “

Giulio: [allarmato] Te gh'avaret minga dii che ... che l’émm scritta numm?

Roberto: Eh, Te l’hoo dii che me sont stremii, e inscì, quand l'ha voursuu savé i dettagli,.....[d'un fiato] glieli ho detti tutti. Ma l’hoo faa per salvàt. (sorride) Adess sont pùssé tranquill per­ché, dopo, lù el se faa dà indré la lettera e 'l m'ha dii: “Torni tra dieci minuti” e quand son tornaa el m'ha daa questa chi. Toh, dervela.

Giulio:  (titubante)  G'hoo paura che la me se brusa tra i man, come quella di me sogn.

Roberto:  Ma quanti stupidàad! Dèrvela, e te vedaré che la sarà una lettera che la te dis de stà tranquil e de parlà cont lor prima de rispond a j' interrogatori. Te'l set anca ti come hinn i poli­tigh: túti pappa e ciccia, immanigaa tra de lor.

Giulio:  (non convinto, apre timorosamente la lettera e legge)  L'è propi no come te diset ti. (gli dà la lettera perché legga an­che lui e si accascia sul divano)

Roberto: (legge)  “Avendo avuto inconfutabile conferma del già for­temente sospettato falso in atti d’ufficio da lei perpetrato, le comunico ufficialmente d’aver avviato presso la Ripartizione del Personale di questo Ministero la pratica per il suo licen­zia­mento immediato. Si ritenga, comunque, dalla data odier­na, sospeso dal servizio fino a nuova comunicazione. Distinti saluti.” (si accascia anche lui sul divano vicino a Giulio)  Oh, gent, che tragedia! E adess chissà cosa succederà anca a mi.

Elisab.:  (entra con una scodella di brodo)  Giulietto, hoo pensaa de fat un bèl brodìn cald, te vedaret che 'l t'aiutarà. Oh, buon­giorno signor ... signor ...

Roberto: Isimbardi,... Roberto,... collega... ex-collega di suo fi­glio.

Elisab.:  Ah già!  Ex-collega, adess che el me Giulio el g'ha avuu la promozion!  (a Giulio) Te'l metti chi: bevel finché l'è cald.

Giulio:  Mamma, ma t'eet capii o t'eet capii no quel che gh’era scrit in sul giornal?

Elisab.:  Certo che hoo capii, caro, ma ti te ghe entret nient,”tu non hai pagato!" (Giulio le fa vedere le lettera e lei la legge)  Li­cenziament?!? Ma come? Adess ghe voo mi!

Giulio:  Ma in-dove te vee, mamma?

Elisab.: A s'ciarì j rob cont el to cap-division. El me sentirà! Oh, se 'l me sentirà!

Roberto:  Ma sciora, cosa la vör fa'?

Elisab.:  Uehi, giovinott, lù che'l pensa per lù. Mi sont sô mader e g'hoo el doer de fa' de tutt contra l'ingiustizia

Giulio: Ma Mamma, l'è vera!

Elisab.: Che cosa l'è che gh'è vera?

Giulio: El falso.

Elisab.: El falso l'è vera? Ma ste se 'dré a di'? Pover el me Giulietto, ti te laouret tropp, te set un poo esaurii.  (decisa)  Ghe disa­ròo anche quest al cap-division: se pö no sfruttà i dipendent fina all'esauriment e pò...., inveci de dagh una promozione, meritada, minaccià el licenziament. L'è un ingiustizia!  (rac­coglie la propria borsetta e fa per uscire ma, sulla porta, in­crocia Carla che sta entrando furibonda).

Carla: Lei è ancora qui?

Elisab.: Sì, perché, te dispiaaz?

Carla: Assolutamente.

Elisab.: S'te gh'è? Te me paret un poo sù de gir.

Carla:  Non per lei! Per François. Ce l'avevo detto: mi dia un appun­tamento in cui possa essere lei a pettinarmi. Sono lì che sta per cominciare quando arriva una tipa con almeno otto etti di gioielli e lui ... sai che cosa ha fatto? Mi ha piantato lì nelle mani di una lavorante e è andato da quella là! ... Sono venuta via. Farsi piantare in asso dal proprio parrucchiere. Assoluta­mente inaudito! In­dicibile! (si accorge dei due uomini)  Isimbardi, Giulio, cosa ci fate qui a casa, a quest’ora!

Giulio: Sta’ tranquilla, noi... niente problemi col parrucchiere. Gh'émm domà de mettes i man in di cavèj ... perché l'è una roba un poo seria. (le fa vedere la lettera)

Carla: (dopo aver letto... riprende il dialetto )  Ma l'è vera?

Giulio: Certo che l'è vera.

Carla: Ma l'è vera anca el falso?

Giulio: Sì. L'è vera anca el falso.

Elisab.: Deven vèss esaurii tutt e duu.

Carla:  Ma cosa el significa? De che falso se parla?

Giulio: Te gh'eet present la lettera del Prim Dirigent del Ministero?

Elisab.: (si intromette)  “Il mio Giulietto è innocente. Non ha pagato niente a quel pescecane, neanche una sardina!”  (e togliendo all’improvviso la lettera di mano a Carla)  E adesso ci vado io dal suo capodivisione a fargli ...

Giulio: (perentorio – mettendola a tacere)  Mamma, per piazé!

Carla:  (a Giulio)  Va avanti!

Roberto: (timidamente) L’émm scritta... numm!

Carla ed Elisab.:  Cosa?!?

Roberto: (che sparirebbe volentieri [d'un fiato])  L’émm scritta numm.

Giulio:  E incoeu, da la pianta ghe crodaa duu cachi ... e s'hinn spe­tasciàa in de la stessa pociàcra.

Carla:  Parla no come la Settimana Enigmistica, cerca de parlà ciar.

Roberto: El Prim Dirigent l'è inquisii per corruzion (e fa vedere il giornale), perchè par che l'abbia favorii la carriera d'un quaj­vun ... “dietro bustarella”.

Giulio: E el noster cap-division, “incoeu” el g'ha avuu l' “inconfuta­bile conferma”  (e indica Roberto)  che quella lettera l'era un falso scritt da numm. E el risultaa l'è quest chi!  (e sventola la lettera del licenziamento)

Carla:  Ma brao, inscì, inveci de diventà dirigent in un ann, te se di­ventaa disoccupaa in duu mes!!! Carriera fulminea!  Anzi, ful­minante! ... Ma creda minga de poudé viv sui me spall! Se que­st chi l'è quel che te vàret, te licenzi anca mi!

Elisab.: “Non ti preoccupare, Giulietto”, gh’è semper la tua mamma.

Giulio: (reagisce e si dà un tono)  Un moment!  L'è vera che la si­tuazion l'è precipitada, ma “mi” sont anmò in grado de ripren­dum. In fond “sono temporaneamente disoccupato, non defi­nitivamente morto”.

Viola: (entra all’improvviso)  Ah, Carla, me pareva de avet sentii rientrà... Vourevi domandat quand’ l'è che gh'è el funeral....

Carla: Ma cosa te diset!  L’hoo minga mazzaa, L’hoo domà licenziaa,  “licenziaa, LICENZIATO!”

Fine secondo atto

Terzo atto

(La scena è la stessa ma nel tipico disordine di un trasloco: scatole di cartone, fogli di giornale e oggetti vari sparsi ovunque. Sono in scena, indaffarati, Carla, Antonella, Filippo e Leone)

Carla:  ( la parla in italiano - a Filippo)  Questo metticelo là den­tro.

Anton.: (facendole vedere dei libri in edizione economica)  Mamma, questi li portiamo?

Carla:  (Quasi scandalizzata ) Ma cara! Non vorrai mica che nella li­breria dello studio ci metta delle edizioni economiche! Se vi interessa, tirateli su per le vostre stanze, oppure lasciateli qui, così vostro padre c'avrà qualcosa da leggere e passare il tempo quest’inverno.

Filippo: Allora proprio non vuoi ripensarci?

Carla: Ne abbiamo già parlato e non intendo ritornarci sopra: vostro padre potrà venire nella nuova casa solo se ce lo invito. Gio­vedì mattina formalizzeremo la separazione consensuale, così sarà tutto chiaro.

Filippo: E a noi non pensi?

Carla: Siete proprio degli ingrati!  Vi sto preparando una splendida casa, grande, bella, attrezzata, dove ci vivremo comodi, ser­viti e riveriti, e vi farò frequentare persone che favoriranno il vostro ingresso in società, ... e mi dite che non penso a voi?

Filippo: (insiste)  Ma noi vogliamo bene a papà e abbiamo bisogno di lui.

Anton.: E soffriamo all’idea che resti solo.

Carla: Con lui c'ho già parlato, anche di questo: continuerete ad avere qui la vostra stanza e potrete venirci quando volete. Oramai siete grandi e non serve impedirvelo. Ma ora basta. Andate in camera vostra a scegliere le cose da portar via.

(Antonella e Filippo escono)

Leone: [entrando, con una scatola] Madam, cèt imball l'è pront.

Carla: Allora lo chiuda, e poi me ne prenda un’altro di là.

(Leone, con un piccolo inchino, esce. Suona il campanello della porta. Carla va ad aprire)

Carla:  (rientrando con Elisabetta)  Buon giorno signora Zanetti, il Giulio non è in casa.

Elisab.: El so, l’hoo vist pocch temp fa in-del giornalàt e 'l m'ha dii che vialter seri chi, e allora hoo approfittaa per vegnì sù a domandagh una roba a Leon.

Carla: Cosa deve chiederci, lei, al Leon?

Elisab.: El douaria confermam se stasera el vegnarà a zena [=cena; pron.: sèna] in-de mi.

Carla: Leon?

Elisab.: Leon!

Carla: Non me lo sarei mai aspettato. Lei (come per dire: che si dà tante arie) in una cenetta intima con un “domestico”.

Elisab.: Pensa no mal; el sarà domà un confronto “tra cuochi”, no “una cenetta romantica” (tra sé e sospirando di nascosto) ... perlomen, non per 'stasera. (forte) Ma ti, Carla, quell’omm lì, t'e l'eet guardaa una quei volta?

Carla: Che domande! Ha i capelli bianchi ... no, brizzolati, ... (con evidente, crescente, disagio)  no ... è .....

Elisab.: (incalza)  Te gh'eet mai parlaa insemma?

Carla: (irritata)  Certo che ci parlo, di continuo.

Elisab.: Ma mi disi: come a un omm, no come a una persona de servi­zi. Scommetti che te set nanca el sò cognom !

Carla:  (con una sicurezza che svanisce subito)  Certo. Si chiama Leon ... Leon ...

Elisab.: Leon, senza cognom !? Ecco, t'el vedet?  Per ti l'è domà un servo ma lù l'è una persona, e che persona! Mi me ne sont accorta des dì fa quand el Giulio l'è staa mal. Ti te seret trop­pa indaffarada cont i mobili de la cà noeuva, e lù, in del sò dì de libertà, l'è vegnuu a troual e el g'ha faa compagnia in modo inscì gentil che el m'ha colpii.

Carla: (tra sé, gelosa e indispettita) Ma come si è permesso.

Elisab.:  Da allora hoo cominciaa a vedel con di oeucc divers e me sont resa cont de quanto el sia de animo sensibil e bun.  (tra sé)  Se el  fuss no per la mia età.........

Carla:  (sprezzante)  Un maggiordomo!

Elisab.: Da allora émm incominciaa a frequentass e a fa' amicizia. A proposit, adess in-doe l'è?

Carla:  E’ di là che cerca delle scatole per questa roba: Comunque, c'abbiamo troppo da fare, stasera non potrà venire.

Elisab.  Quest vöri sentìmel di' da lù.

Carla:  D’accordo, glielo chiamo. Leon.

Leone:  (dopo un attimo entra)  Uì, madam !? Oh, bon jour dàm Za­nettì.

Elisab.:  Buon giorno Leon. Volevo sapere se hai deciso di venire da me, stasera.

Carla:  (imperativa)  Leon, stasera c'avrò bisogno di lei fino a tardi, c'abbiamo molto da fare, qui.

Leone: (con tono quieto ma deciso) Madam, a l'assumtion, èmm bien s'ciarii che les jour de libertè pattuìi, n'ha pas poduu vèss condizioné da les necessité de la mesòn.

Carla:  Ma le dico che c'abbiamo molto da fare, e stasera lei non c'avrà la serata libera.

Leone: (cominciando ad essere un po’ contrariato) Pardon Madam, ma ce jour nous n'avè nient de fa' che ne peut-etre vèss faa doman.

Carla:  E lei mi lascerebbe qui fino a domani con due case in disor­dine solo per andare a cena da mia suocera?

Leone:  (nervoso ma compìto)  Je me permett de dir a vous, ma­dam, che, c'è vrai che je sont a votre serviz, ma me vit privé ne la regard pas. A' bien comprì?

Carla: (esasperata) E lei crede che io possa tollerare questa arro­ganza?

Leone: (senza badarci, rivolgendosi a Elisab.) Allor: cette soir se ve­demm ai sett'or. (confidenzialmente) Vin: roug o blanc?

Elisab.: Bianco secco: mi cusinni  el pès; e ti,... cos’hai in program­ma?

Carla:  (taglia corto)  Leon, cominci a portar giù queste scatole e le carichi in auto. Dobbiamo sbrigarci, se lei poi se ne va!

(Leone prende una scatola e fa per uscire)

Elisab.: Vegni anca mi, inscì finisum de mettes d’accord... föra de qui!

Leone:  [uscenso] La cognoss la bouillabaisse à la marseillese?

Elisab.: (incuriosita e allegra)  No.

Carla: Quasi quasi mi ... lo licenzio, “così non dovrò più sopportare la sua arroganza così irritante”.

Viola: (entra senza bussare) Ah, eccoti!  Sono tre giorni che ti rin­corro senza riuscire a vederti.

Carla: C'hai ragione, Viola, in questi giorni mi sembra di essere una trottola (pur avendo entrambe le mani occupate, si baciano sulle guance senza toccarsi) tra i lavori nella nuova casa, i mobili, il trasloco e tutto il resto, ... guarda, arrivo alla sera stanca morta.

Viola: Ti capisco, cara, so che è una faticaccia.

Carla: Sai che poi ho prorpio comprato quella villa che abbiamo visto insieme, ricordi? Quella su due piani, che c'ha quel bel giardino grande e la dependance per la servitù.

Viola:  Veramente, con te ho visto solo una vecchia cascina malan­data e piuttosto lontana.

Carla: (che continua a lavorare mentre Viola cerca di sedersi ma non riesce a causa del troppo disordine)  Sì, è vero, ha avuto bisogno di qualche ristrutturazione, ma, ... sai che oggi le case coloniche ristrutturate fanno molto chic, e poi ... dovevo tener conto anche del prezzo, anche perché le pratiche dell’e­redità stanno andando per le lunghe e la disponibilità è ancora limi­tata.

Viola: Ma allora perché stai già traslocando? Non ti conveniva aspettare?

Carla: Ci sono diverse ragioni. Per prima c'è la situazione col Giulio, che tu conosci bene. Poi c'è da sorvegliare da vicino i lavori: una parte è già finita, e ora stanno sistemando le stalle... hmm, la dependance.

Viola: Certo che tutto questo ti occuperà molto.

Carla: (gongolante)  Poi ho saputo che nella nuova zona residenzia­le lì vicino:  sai, quella dove per un soffio non sono riuscita a prendere quell’attico, ci abita un sacco di gente facoltosa ... e tu conosci il mio debole per quell’ambiente.

Viola: Ti sei proprio lanciata, vedo. Comunque cara, comprati un te­lefonino: non riuscivo più a trovarti!  Ti muovi sempre!  Ma come hai fatto a trovare quella casa?

Carla: Tutto merito di Leon: aveva fatto tutta una ricerca e alla fine ha insistito tanto perché la prendessi. C'ho quasi l’impressio­ne che  piaccia di più a lui che a me.... Vedessi come segue i lavori! Peccato che potrebbe non godersela.

Viola: Perché?

Carla: Sono sul punto di licenziarlo.

Viola: Non posso crederci, cos’ha combinato di tanto grave?

Carla: E’ diventato arrogante. Pensa che, poco fa, ha rifiutato di ri­nunciare alla sua sera di libertà nonostante c'abbia detto che avevo bisogno di lui qui; e sai perché?

Viola: Sentiamo.

Carla: Perché c'ha un incontro “gastronomico” con mia suocera, ca­pisci? Con mia suocera! C'ho una voglia di licenziarlo!

(Leone entra senza che le due se ne accorgano)

Viola: Ma sei matta?  Guarda che se lo licenzi tu, un minuto dopo lo assumo io. E poi, tua suocera ...

Leone: (tra sé)  E’t un personne de bon caratter e de coeur; un per­sonne verament affable.

Viola: Leon, lei è qui?

Leone: Sì, madam, et je la remercì per son apprezzmant.

Filippo: (entra con una scatola in mano)  Mamma, io ho finito. Antonella, invece, è in difficoltà e vorrebbe il tuo aiuto.  Oh, buon giorno signora Pasini. Ha visto che confusione?

Viola: Tipico dei traslochi. L’unica cosa positiva è che si ritrovano un sacco di cose che non sapevi più dove fossero.

Carla:  (evidentemente colpita dalla frase di Viola) Perché dici così?

Viola:  Ma sì! Non ricordi la festa che ha fatto Laura quando, pro­prio traslocando, ha ritrovato in una vecchia scatola di scarpe gli orecchini di sua nonna a cui teneva tanto !?

Filippo:  (a Leone)  C’è ancora posto in macchina?

Leone:  Uì, garçon.  (Filippo esce)

Carla:  (a Viola)  Io vado un attimo da Antonella. Tu non te ne andare.

Viola:  Ma certo, fai pure. (Carla esce)

           (rimasti soli, a Leone) Ha sentito quello che ha detto Carla, vero?

Leone: Partialmant, ma je ne sont pas mervaiglié. [poi, confiden­zial­mente] Mi scusi, signora, ma... il notaio è in casa?

Viola:  Sì, si stava preparando per uscire. Perché?

Leone: Ho bisogno di parlargli, al più presto.

Viola:  Ha finalmente deciso di mettere in atto il suo piano? (eccitata) Oh, signor ... (Leone la zittisce con un gesto deciso)  se va di là subito lo trova.

Leone: Se andassi di là ora, la signora Carla potrebbe insospettirsi ... Porti di là lei la signora Carla,con una scusa, e intanto dica al notaio di raggiungermi qui; basterà che la trattenga pochi minuti.

Viola: D’accordo, è meglio che vada subito prima che esca.

(esce velocemente e rientra appena in tempo per non far accorgere Carla della sua assenza. Nel frattempo, Leone spia ansiosa­mente i movimenti fuori scena di Carla)

Carla: (da fuori)  Non mi coinvolgere nelle tue storie sentimentali: tu hai fatto la frittata e ora cavatela da sola! (entra)  Questi giovani, sembrano tanto forti e sicuri e poi, alla prima diffi­coltà seria ... Però, che bella età! Che tenerezza! Ma torniamo a noi. Sai, per la villa c'ho grandi progetti: l’architetto mi sta disegnando il giardino: la parte più vicina sarà all’italiana con aiuole fiorite, siepi, ecc., il resto invece sarà a prato e alberi d’alto fusto. Ci vorranno un sacco di soldi, ma vedrai che bel­lo.

Viola: Sicuramente splendido. Molto meglio dell’attico. Adesso che ci penso ... ho una cosa per te, vieni, vieni con me.

Carla: Veramente, non c'avrei  tempo. Ho ancora un sacco da fare qui.

Viola: Ma resta qui Leon a finire, e poi ci sono i ragazzi. Via, pren­diti un attimo di tregua, hai un viso così stanco!

Carla:  E’ vero, sono stanca. Una pausa mi farà bene. (a Leone, secca)  Lei vada avanti più che può, dato che poi se ne an­drà. Finisca quella scatola, la metta in macchina e la porti con le altre nella casa nuova.

Viola:  Bene, andiamo allora.

(mentre escono, Viola fa un gesto d’intesa a Leone che resta, impa­ziente e irritato in attesa del notaio. Poco dopo suona il cam­panello della porta e va ad aprire)

Leone: Oh, bon jour monsieur, si accomodi prego.

Giorgio: Buon giorno signor Donati, ha chiesto di vedermi?

Leone: Sì, e sono contento di poterle parlare subito.

Giorgio: Ha dunque deciso qualcosa?

Leone: Già, j'avée decidée: Serrée i cordoun !... “Chiuda la borsa. Blocchi il conto dell’ere­dità. Carla non do­vrà più toccare una lira di quei soldi”

Giorgio: E’ una decisione drastica.

Leone: Ma l'èst inscì. “Domattina dia disposizioni alla banca. A Carla parlerò io stesso”.

Giorgio: Ma Carla ha già preso degli impegni, come farà ad onorarli?

Leone: Trovarsi un po’ nei guai non può che farle bene: l’aiuterà a ridimensionar son follie.

Giorgio: Però si creeranno delle pendenze alle quali, oggettivamen­te, non potrà far fronte senza quelle disponibilità: la casa per esempio.

Leone: La casa la prenderò io e anche per il resto sto già pensando a des soluzion.

Giorgio: Ha dunque deciso di annullare tutta l’operazione Carla?

Leone: No, l'ho solo “modificata”. Ma adesso non c’è tempo, una di queste mattine verrò da lei in ufficio e le spiegherò meglio. [qui si intravede Antonella che origlia] Intanto, domani matti­na parli subito con la banca per bloccare il conto; l’importan­te è che Carla ne touche pas alter dané de l’eredità.

Giorgio: D’accordo, farò come ha detto. (guarda l’orologio) Allora .... l’aspetto in ufficio.

Leone: Scendo con lei. (prende una scatola ed escono)

Anton.: (entrata mentre i due parlavano, senza che se ne accorges­sero, era rimasta ad origliare in modo che solo il pubblico po­tesse intravvederla, entra ora in scena tutta allarmata) Oh, poveri  noi e povera mamma, questa è una congiura contro di lei ... Ma chi è Leon per poter dire al notaio che mamma non deve più toccare i soldi della sua eredità?  ...  Devo avvertirla subito. Abbiamo in casa un impostore che sta per rovinarci. ... Ma dove sarà andata? ... Forse da Viola. (esce, si sente lei bussare nervosamente, poi rientra)  No. Da Viola non c’è. E adesso cosa posso fare? ... Devo tenerlo d’occhio ... acciden­ti! Adesso non so nemmeno più come chiamarlo. Forse non è ancora partito ... vado a vedere.  (esce) 

Carla: (entra spolverandosi)  Ma per chi mi ha preso quella. (rifà il verso a Viola)  Mi dice:“vieni, vieni, ho una cosa per te” e  mi porta in solaio a vedere un vecchio cassettone mezzo am­muffito che vuole vendermi per due milioni. “Adesso hai una bella casa grande e una cosa così ci starebbe bene. Ha solo bisogno di un’aggiustatina, ma ... adesso ...i soldi non ti mancano.”  Che vipera!  Prima mi punzecchiava per alimenta­re la mia invidia, ma ora mi sa che è lei ad essere “viola” per l’invidia.  (si rimette a lavorare e, poco dopo, trova una scatola che era nascosta ...) 

           Oh, Ecco in-dov’eren finii j letter de quand s'eri môrôsa!  (le appoggia; si rimette a lavorare ma subito si ferma come at­tratta dalle lettere e dai pensieri che queste le risvegliano. Riprende le lettere, comincia a guardarle  e a parlare tra sé come dando voce ai suoi pensieri che manifestano una presa di coscienza progressi-va)  Chissà, forse, senza savél ... cer­cavi propri chi rob chi...

           L'èra da un poo de temp che, nonostante avessi realizzaa el sogn d'una cà “mia”, piena de tutt quell che hoo semper desi­deraa, ... me sentivi strana, a disagio, sóla... Forsi la rispo­sta l'è propri chi.... Ecco: me mancava un tocch de la mia sto­ria! (tira fuori due lettere pinzate tra loro e, guardandole, dice  teneramente... ) 

           Che scemi: pinzà insema j letter de la nostra dichiarazion  d’a­môr! Pensavum che inscì se sarìum mai pù separaa! ....

           E questa? Oh: la nostra pôesia!  (legge in silenzio e si rende conto) ... Che stupida che sont! Quell che me manca davvera hinn no chi tocc chi de carta, ma: Giulio. El “mé”  Giulio!  ... E mi sont 'dré a trattal come un fregôn del söl, pensàndo ... de sbattel föra de cà come un strasc, come un paltò vec'c.... !   [riflette]

           Devi domandagh scusa! Chissà se'l podarà perdonàm? Mi cre­di de sì, magari no subit ... el gh'avarà magari bisogn de pen­sagh su un poo.... Ma: ma se ghe disi...?

           Se ghe scrivi un quejcos forsi l'è pussee facil! (prende carta e penna e comincia a scrivere dicendo ad alta voce ciò che scri­ve)  “Caro Giulio, nella casa nuova ...  no, va ben no.  ...  Caro Giulio, mi dispiace molto ...  no. ... Ricomìnci:  Caro Giulio, solo oggi ho capito perché nella casa nuova non riesco a sentirmi bene, a mio agio. L’ho scoperto ritrovando le lette­re di quando eravamo fidanzati e quella piccola poesia che mi hai dato quando mi hai chiesto di sposarti. Ho capito ...” (viene interrotta dal suono di una sveglietta) Oh, mamma! L’appuntamento dal dentista! L'avevi desmentegaa. ... Acci­denti, hoo dii a Leon di andà via, e senza macchina ... farò tardi. Se devi andà coi mezzi devi propri sbrigam. Beh, la lettera la finissi dopo, quand torni a cà...(esce in gran fretta)

( buio per alcuni secondi )

Giulio:  (da fuori scena, con la voce falsata dal vaneggiamento)  Status quo ante bella ... ubi major minor cessat ...

Roberto:  (imbarazzato e agitato)  Sta’ calmo, Giulio, sta’ calmo, adess sèmm rivaa a cà tua.

Giulio:  Mala tempora currunt ... (entrando)  repulisti ... repulisti ... ipse dixit .

Roberto:  Dai, Giulio, quiettet, buttes-giù chi (=sdraiati) sul divan. Adess arriva la tua mamma, l’hoo mandada a ciamà...

Giulio: ... Ad majora canamus ...

Roberto: Scusa Giulio, ma riesci no a capì se l'è che te voueret ?

Giulio: Ad majora ... canamus.

Roberto: Te voeur de bev ?

Giulio:  In illo tempore....

Roberto: Certo, quand te voeuret, Giulio, quand te voeuret. Dimmel ti. Ma adess sta quiet, chi sul divan! Rilàsset, sù, sta calmo.

(Giulio sembra calmarsi, sdraiato sul divano. Intanto Roberto si ver­sa da bere)

Roberto: Sperémm che sò mader l'arriva prest, perché mi devi andà.

Giulio: [di soprassalto] Ipse scripsi ! ... mala tempora...  currunt.

Roberto: (...) Hoo capii che te fa mal un  queicoss e che te deva curr....  (....)

Giulio:  Ubi major .... minor ... cessat!

Roberto: Allora te ghe veet in-deperti! Tutt'al pù te acompagni a la porta...

Giulio:  ... cessat, cessat !...  Magna charta.

Roberto: La carta... sa sarà de là, .... credi. ...

Giulio: [di soprassalto] Ipse scripsit ! ... mala tempora ... currunt.

Roberto: (agitatissimo)  Ma cosa l'è che te diset!?! ... Mi conossi no el latin..... 

Giulio:  O tempora, o ..... mores!

Roberto: (ancora più allarmato)  Oh, ciel!  No, Giulio, möra no propi adess. Mettum no in d'un alter pastìss! ... Sperem che sò mader l'arriva prest. ... Se l'arriva no entro cinq minut, ... mi ciami l’ambulanza el foo portà a l’ospedale, inscì ghe pen­saran lor.    (si agita ancora un po’)  

           No, no! Pödi propi no aspettà! (telefona)  Pronto? Guardia medica? C’è qui uno che c'ha urgentissimo bisogno di un medico ... i sintomi? Parla in latino. ... No, non l'è agitato; dice solo cose strane... come ... “tracanamus, ... tutti cessat ... e ... tempo de mortes”, in la­tino, sì, in latino! almen inscì me par... Come? ... “allora chiami un prete ... che, almeno, lui capisce quello che dice”!? Ma me par no che un pret ...  Ma sta male, vi dico! E’ fuori di testa: Ha bisogno di voi.

Elisabetta: (entra senza bussare)  Lasci stare. El me Giulietto el g'ha bisogn domà de la sua mamma.... !

Roberto: Meno mal che l'è arrivada; savevi pù se fà.

Elisab.: (vezzeggiandolo come un bambino)  “Sono qui, Giulietto, c’è qui la tua mamma”  (a Roberto)  Bisogna dagh de bev un quejcoss de fort: l'aiuterà a riprendes. Ma se gh'è success?

Roberto: El m'ha faa ciapà un stremissi!  In uffizi hoo vist che gh'e­ra una raccomandada per lù e mì ghe l’hoo portada. L’hoo trovaa al bar sotta i portigh che el beveva una birra. G'hoo daa la lettera e ...  come l'ha leggiuda l'ha incominciaa a comportas in modo strano. A proposit, me la firma lé la rice­vuda?

Elisab.: Ma lassa perd la ricevuda! (intanto dà da bere [cognac] a Giulio che sembra riprendersi un poco)  Va avanti a cuntà-su.

Roberto: L'ha incominciaa ad alzàs e a setàs, su e giù, su e giù, di­versi volt, come una molla ... e pò el s'è miss a parlà in la­tin... forsi. El diseva di parol strani, che riuscivi no a capì; ma quand el s'è miss a di' “tutti curren, tutti cessat  ... ”   hoo pensaa che ... magari ... el voureva andà in bagn e allora l’hoo portaa chi a cà sua, in-doe, magari, l'era pussee facil...

Elisab.: Ma che cosa gh’era scritt in quela lettera? E adess in-doe l’è?

Giulio: Mater! Mater amabilis! Mater admirabilis... mater

Elisab.: Sont qui. Sont qui, tesor. L'è chi la mamma. [carezzevo­le]

Roberto: (togliendola di tasca)  Eccola, l’aveva lassada sul tavolin del bar... Ma mi l'hoo leggiuda no, neh...!

Elisab.: (con tono di rimprovero)  Ghe credi ben!  Dà qui!

Roberto: Ma perché el parla come in latin?

Elisab.: (mentre legge)  De piscinìn, l'era affezionaa al curàt del nò­ster paes e inscì... (agitata) Ma questa l'è una lettera del pa­dron de cà che el ghe comunica “lo sfratto”!

Giulio: (scatta in piedi e si risiede, ripetutamente)  Ipse dixit ... ipse scripsit  ... mala tempora currunt ...

Elisab.: Calmo, calmo, Giulietto, la tua mamma l'è chi con ti.

Roberto: Ecco, la ved?  Al bar el faseva propri inscì, e anca pesg!.

Elisab.: [a Roberto]Dam la bottiglia del cognac! (dà ancora da bere a Giulio che si calma e sembra assopirsi)

Roberto: Sciora, se la g'ha pù bisogn de mi, ... mi torni in uffizi.

Elisab.: Grazie per tutt quell che t'ee(t) faa per el me fioeu. Va pur. Sto chi mi, adess.

Roberto: Se ghe dispiaz no, telefonaroo per sentì come sta.

Elisab.:  Telefona pur quand te voeur. Arrivederci e grazie anmò.

Roberto:  Arrivederla.  (dà un’ultima occhiata a Giulio ed esce)

Elisab.:  (lo sistema un poco) Adess te lassi chi in deperti, in silen­zio, inscì te se riposet un poo intanta mi vo de là a preparat un brodin, o mej: un latt e cognac, bell cald.

(proprio mentre sta per uscire verso la cucina, SUONA IL TELEFONO)

Elisab.: “Pronto? .. Sì, casa Zanetti. ... No, non può venire a vedere l’appartamento! ... Non me ne importa un fico di quello che c'ha detto il padrone di casa! ... No! Neanche domani! ... Neanche la settimana prossima e neppure l’ANNO prossimo. Qui c’è una persona malata, e non si azzardi a presentarsi.” Sont stada ciara? Buon giorno! (sbatte giù il ricevitore) Scia­calli!  (a Giulio) Scusom caro, adess te lassi propi riposà.

(proprio mentre sta per uscire verso la cucina, SUONA IL CAMPA­NELLO DELLA PORTA. Elisabetta, spazientita, va ad aprire e rientra con Filippo facendogli segno di fare piano)

Filippo: (preoccupato)  Nonna, el portinar el m'ha dii che el papà sta mal; cosa è successo?

Elisab.: L'ha ricevuu un’altra lettera del sò incubo, vuna de quej che ghe se brusa in di man, e l'è andaa un poo föra de coo,  ... “l'ha incominciato a sclerare”, come disì vialter giovani d'og­gi.

Filippo:  Spiéghes mej.

Elisab.: L'ha ricevuu una raccomandada dal padron de cà che el ghe comunica lo sfratto, ... e lù l'ha cominciaa a möves in modo strano e a parlà in latin. Adess però el sta già mej. L'è adré a riposà. (lo porta in disparte)  A proposit, come l’è andada pò, a la tua sorella, per quel tri in del compit in class?

Filippo:  Eh ... a mali estremi, estremi rimedi.

Elisab.:  Cioè?

Filippo:  L'ha falsificaa la firma del papà.

Elisab.: Cosa?! Sperèm che el diventa no un vizi de famiglia. E ti s't'eet faa coi tò 30 milion per la moto “d’epoca”?

Giulio:  (che aveva cominciato, non visto, a riprendersi - si alza)  Se  l'è 'sta storia di firm fals?

Filippo:  Nient, nient papà. Stràcchet no.

Giulio:  Eh no! Dopo quell che gh'è success, vöri savé tutt-s-coss. Dai. Cunta-sù!

Filippo: Beh. L'è andada inscì. L'Antonella l'ha ciapaa un 3 in latin, e la gh'aveva còssa a fal firmà da la mamma,.. ti te seret föra città e inscì ... [e traccia col gesto “la firma”]

Giulio: Pensevi pesgg. Al pù la giustificaroo mi. E l’altra faccenda? Se l'è? Hoo minga capii ben.

Filippo:  Ma no, nient, papà. Sta’ tranquill, riposa.

Giulio:  Ma come foo! Avìi parlaa de trenta milioni per una moto,... o no? T'avaret minga spenduu davvera quela cifra lì per una moto?

Filippo: M'j'ha daa la mamma.

Giulio:  D’accord, ma cerca de capì,...  mi, in de la mia situazion: disoccupaa, abbandonaa da la mjé ... e adess anche sfrattaa, sentì che el me fioeu el se permetta de spend una cìfra simil ...

Filippo: Papà, avaria vouruu parlaten in un alter moument, ma vist la situazion, forsi l'è mej che te'l disi subit. Nonna, te di­spiaaz?

Elisab.: Cosa?

Filippo: Vouraria parlà ... domà col papà.

Elisab.: Ma mi ... Mmmm! Hinn robb seri!?

Filippo: Scusa, nonna... ciàpetela no, ma voraria propi ...

Elisab.: Va ben. La sarà giusta inscì. Mi intanta voo de là a preparàt un poo de Latt e cognac, bel cald e imbrughént....  (esce)

Giulio:  Perché t'ee(t) mandaa via la nonna? Te vouraree minga dim che t'ee(t) perduu l’assegn che t'ha daa la mamma?!

Filippo: (timido e impacciato fino alla fine del colloquio)  No, i dané gh'j'hoo anmò tuc'c.

Giulio: Te j eet drouaa no per comprà la moto?

Filippo: No. J hoo tegnuu per un’altra roba.

Giulio: Che faccia!  [F., impacciato, abbasa gli occhi e Giulio cambia tono] Ma t'è forsi success un quajcoss ?

Filippo: Beh, ... sì!

Giulio: Aspetta un moment, dimel no subit! Ghe calaria che dopo tutt quel che m'è già capitaa, el me fiö el me disèss che sont adré a diventà nonno!  Alter che mettes a parlà in latin. .... Spetta che me setti-giù, che, “al più” ... l’infarto “preferisco che mi venga da seduto.”

Filippo: No papà, sta’ tranquill, te foo no diventà nonno... ma ...

Giulio: Ma...?  Dai, dai, sèttes chi, e cunta-su tut-s-coss al tò papà.

Filippo: Preferisi stà in pe, se te dispiaaz no. Te se ricordet de la moto che avevi trouvaa sul giornal?

Giulio: La Guzzi del ’51?

Filippo: Sì, propi quella.  S'eri per strada, con la mia moto, per andà a vedela e per decìd se comprala, quand s'è dervii j ca­teràtt del ciel e gh'è vegnuu giù un'acqua che pareva el fini­mond,... e trouvevi no un ripàri, un post in doe fermass: né un pónt,  né un pórtón ...  Fórtúna che là in mezz a la campa­gna gh'era una geseta, un poo diroccada, col pòrtigh devanti. Me sont riparaa là. S'eri masaraa scorént, e intanta che cer­cavi de sugàs e 'spettavi che 'l temporal el balcàss, sont en­trà a curiosà. Gh’era un affresch e un quej quader, nanca tantu bei fra l’alter, quand,  tutt a un tratt... g'hoo avuu la sensazion come de vèss guardaa...!

Giulio: Ma, oltre a ti, gh’era un quajvun d'alter?

Filippo: No, nissun, domà un crocifiss, grand, sora un altar lateràl.

Giulio:  Che el te guardava...?!

Filippo: So no. Me ricordi no! Ma l'era una sensazion strana.

Giulio: E ghe credi, sentiss osservaa e savé no da chi!

Filippo: No, no osservaa. “Guardaa”: Come quand t'incrousiet j oeucc d'un quajvun che da lontan el te rimìra come per dit un quajcos. Pò, hoo guarda vers el tabernacol,... e hoo sentii una sensazion dolza, de tenerezza, come quand s'eri piscinin e ti te me ciapevet in brascia, te me strengevet fort-fort e te me disevet: “bell coo de ravarìn ! te vöri ben”. Te se ricordet?

Giulio: E come no! L’avarù faa almen un milion de volt..: “bell coo de ravarìn”, e ...pen­sandegh adess... me veŋ quasi la pell d'oca ...!

Filippo: Papà, “sont riuscii no a resist” e dopo un àttim, sont vegnuu föra e sont tornaa a cà de volàda, anca se 'l piôeva anmò a secc.

Giulio: Allora l'è stada quela volta che te set arrivaa a cà tutt ba­gnaa e t'è vegnuu la bronchite cont una févrascia per una settimana?!

Filippo: Sì, e in chi dì là g'hoo avuu modo de pensagh-sora per ben, e hoo conclus che a quela tenerezza “mi devi rispond”,... e seriament!

Giulio: In che manera? L'è no che magari te vourariset fass frà ?

Filippo: El sô nonammò de preciis ...  'spetti una Sua indicazion.

Giulio: De chi?  (Filippo indica verso l’alto)  Se ghe c’entra j inqui­lin del pian de sora?

Filippo: No, papà...  (e allarga le braccia a mo’ di crocifisso)

Giulio:  Ah!

(Elisabetta entra con una tazza di  latt-e-cognac,fumante, e un plaid; Filippo si ricompone come se fosse stato colto in fla­grante)

Elisab.: Allora, avii finii de fa i carbonari vialter duu? Chi, el latt-e-cognac che t'ha faa la tua mamma el diventa fregg; adess te 'l bevet tutt e pò te fee un bel riposìn.

Giulio: Mamma, ....  al Filippo gh'è success ....

Elisab.: No, no! Ghe temp dopo per contàm-su i sò rob. (gli dà la tazza, lui beve qualche sorso e poi si corica mentre Elisabetta lo accudisce amorevolmente) Ti beva, che adess el Filippo el veŋ de là cont mi, inscì te podaré stà chi in silenzio a riposà.

(sono sulla porta verso la cucina, quando suona il telefono. Elisabet­ta si precipita)

Elisab.:  (sottovoce)  “Pronto?  ... Ciao Antonella ... No, la mamma la gh'è no ... el sò no dove la sia andada e se la torna a cà ...   No, Leon non è qui ... Papà sta riposando” ... Ma perché te set inscì agitada? ... Va ben, t'aspettom chi. ... D’accord, ciao. (a Filippo)  Ma, Leon, l'era no insema ti?

Filippo: Sì, nonna. El s'è fermaa a fà la spesa. Strano, vist che sta­sera l'è no in servizi.... ma el m'ha dii che el saria passaa de chi.

Elisab.: (guardando l’orologio)  Sperem che el faga no tardi. (guarda Giulio) Oh, finalment el s'è rilassaa.. numm andemm. (escono verso la cucina)

(Giulio resta un attimo coricato, poi si alza di scatto, come se si sve­gliasse di soprassalto)

Giulio: (quasi gridando) La lettera! Gh'è rivaa la lettera! (Poi, con un po’ di delusione che torna pian piano ad essere sicurezza) Ma no, forsi s'eri adré domà a insognass, ... però stavolta la me s'è brusada no in di man. ... E l'era no el Roberto che me la porteva ma un tipo strano tutt vestii de bianc che el pareva un gelaté, ... Beh, insomma, el gh'aveva sù un strano cami­zon bianc ... ! Comunque la sia... senti che la lettera l'arriva­rà per davera e la sarà quela giusta, quela che spettavi, tan­t’è vero che la me s'è no brusada in di man come i alter. (in­tanto comincia a guardarsi in giro e a cercare, emozionato)  L'è chi vizin, la senti. Sì, la dev’ véss de chi part qui. ...(tro­va la lettera di Carla) Te-la-chi! L'è sicurament questa! ... Oh che peccaa! Me 'spettavi un quajcos de mej: hinn domà de dò righ e l'è nanca firmada...! Però la calligrafia l'è quella de la Carla... (legge) “Caro Giulio,  Solo oggi ho capito perché nella casa nuova non riesco a sentirmi bene, a mio agio. L’ho sco­perto rileggendo le lettere di quando eravamo fidanzati e quella piccola poesia che mi hai dato quando mi hai chiesto di sposarti. Ho capito ...   (con nostalgia)  La pôesia ... la “no­stra” pôesia ... la m'è vegneva in ment propi in chi dì chi e me la ricordi anmò a memoria come se l'avessi scritta iér.... :

         “ INSIEME  COME  IN  UNO,

           IO  VORREI

           GLI  OCCHI  E  LE  MANI,

           IL  SONNO,  IL  CIBO 

           E  L’ACQUA  E  L’ARIA

           CHE  CI  AVVOLGE  COME UNO “ .................

Carla:  (entrata giusto mentre Giulio diceva la poesia, si era tenuta in disparte, ora si fa avanti proseguendo la poesia) 

          “DOVE  LO  SGUARDO  PROFONDO

           UNISCE  I  CUORI

           CHE,

           INSIEME,  COME  UNO,

           IO VORREI

           CON  TE.”

Giulio:  Oh, Te set chi?

Carla:  (umile, titubante)  Sì.

Giulio:  Ma te seret no andada dal dentista?

Carla: Gh'è arrivaa el Roberto alla fermata del bus, el m'ha dii che te seret staa mal, e allora .... sont tornada a cà de corsa... e sont arivada propi intanta che te leggevet la mia lettera....!

Giulio:  Allora, t'ee(t) capii?!?

Carla:  Sì, hoo capii.

Giulio:  E se  l'è che t'ee(t) capii?

Carla:  Che podi no stà senza de ti, perché ti e mi sèmm una roba sôla.

Giulio:  E adess, 'se te s'aspettet da mi?

Carla:  Che te me brascet-sù ... anmò come una volta!

Giulio: E perché douaria fall?

Carla: Perché “mi te vöri ben” e ... “ti te me vöret ben” !... e sô  che t'ee(t) spettaa con santa pazien­za e in silenzio che mi arrivassi a capì!

Giulio:  E allora sta no lì in su la porta! Ven chi, Carluccia ! (Carla corre ad abbracciarlo) Te m'ee(t) faa propi penà in de chi mes chi!

Carla:  Me dispiaaz.

Giulio: Ma mi me disevi:  “La Carla l'è una donna intelligenta, la me vör ben; l'ha ciapaa domà una sbandada, ecco... e la but­terà   no via pussee vint’ann de vita vissuda insema, duu bravi fioeu...

(lo interrompe il CAMPANELLO della porta)

Antonella: (da fuori, ansiosa, suona e chiama)  Nonna, nonna.

Giulio:  Ecco: se disevi..? duu bravi fioeu che .... rômpa... e che te lassen mai in pas, nanca in un moment de intimità...!

(Giulio va ad aprire ed entra Antonella tutta agitata)

Anton.:  Papà, mamma! meno male che ci siete, devo darvi una brutta notizia.

Giulio:  Ah, no, eh! Basta. Da ora in avanti mi accetti doma “buone notizie”.

(entrano Elisabetta e Filippo)

Elisab.:  Chi l'è che gh'è arrivaa?

Anton.: [senza badarci, rivolgendosi sempre ai genitori] Ma è una cosa gravissima!

Giulio: Un moment! Prima vöri condivid e gustà cont vialter 'sto mo­ment de grazia.

Carla: Calmati Antonella, 'scolta prima el papà: che l'è una roba im­portant.

Anton.: Ma io vi dico che sta succedendo una cosa terribile.

Giulio: A mi, inveci, me n'è successa vuna meravigliosa e permetta­ròo a nissun de rouvinamela. E dato che sii tutti chi, ve la disi: “finalment hoo ricevuu la lettera di me sogn”, e stavolta l'è propi quela giusta, quela che la rimett a post tutta la mia vi­ta.

Anton.: Che lettera è? Posso vederla?

Giulio: Te-la-chi! [sventolandogliela ma non consegnandogliela]

Anton.: Ma perché dici che rimette a posto la tua vita? In che modo?

Giulio: Te seret accorta nò che el noster matrimoni l'era adré a naufragà  dopo l’arrivo di quella “benedetta” eredità!? Beh, adess el s'è rimiss in careggiàda grazie a chi pocch righ chi, che hinn una bellissima dichiarazion d’amor scritta da la tua mamma...!

Anton.: Me la fai leggere?

Giulio: E no! Questa è riservata personale. (e sorride a Carla)

Carla: (ad Antonella)  Gli lasceresti leggere le tue?

Anton.: Cosa vuoi dire, non capisco!

Giulio: Dice il saggio: “SOLO UNA DICHIARAZIONE D’AMORE PUO’ DIRTI QUAL E’ IL TUO POSTO GIUSTO NELLA VITA.”  E anca el tò fradell, che l'ha appena faa un'esperienza simil, el poda­ria confermatel ... l'è no forsi vera, Filippo?

Filippo: (un po’ contrariato)  Ma papà....!

Giulio: Vèss no egoista: Regaj come quel che t'ee(t) ricevvu vann no scunduu, ma vann drouaa per fa cress anca j alter.  (ad Anto­nella)  Forse se ve parlii tra vialter duu la roba la te sarà püssé ciara.

Filippo: (evita il discorso cambiando argomento) Ma allora quest vör di' che in de la cà noeuva ghe andarem tutti insema?!

Carla: Propi. Tutti insema.

Anton.: Mi fa piacere sentirtelo dire, ma ... scordatevi la casa nuo­va!

Giulio: Beh? Dato che da questa “ci hanno sfrattati”... perché no?!

Anton.: E’ mezz'ora che cerco di dirvelo: Leon non è Leon!

Filippo: Oh bella, cos’è? Una giraffa?

Anton.: L’ho sentito che diceva a Giorgio di chiudere la borsa; che tu mamma non puoi più toccare un soldo dell’eredità e che la casa nuova la prende lui.

Carla: Lo diceva a Giorgio? Ma quando? Perché el m'ha dii nient. (ad Antonella)  Antonella,Va’ a chiamarlo.

Anton.: Vado subito.  (esce)

Carla: (a Elisabetta)  Ti mamma, te savevet un quajcoss? .... Speri che ghe dispiaaz no se torni a ciamala mamma.

Elisab.: No, no, ne sont contenta, cara. Ma de quela roba chi mi ne sô propi nient. Questa l'è una notizia che la me lassa propi de stùcc.

Carla: Stasera, Leon el vegn in de ti, no ...?

Elisab.: Ma prima el passarà sicurament de qui e  “mi” vöri vedegh ciàr; nel caso me porti no de certo in cà un impostor.

(entrano Antonella, Giorgio e Viola)

Carla: (a Giorgio)  Ah, eccoti!  (a Viola, con sorpresa)  Viola, hai bi­sogno di qualcosa?

Viola: No, no. Ma non voglio perdermi il colpo di scena. Altro che Beautiful! (o il nome di qualche altra telenovela famosa)

Carla: (a Giorgio)  Allora, cos’è questa storia dell’eredità bloccata?  E chi è veramente Leon?

Giorgio: Ecco, vedi, .... c’è un accordo fra lui e me che non posso rivelarti a causa del segreto d’ufficio. Ma, effettivamente,  l’e­redità è bloccata ....

Carla: (incalza)  Ma cosa c’entra lui con l’eredità?

Giorgio:  Non posso dirtelo: sono legato al segreto d'ufficio.

(suona il CAMPANELLO della porta, Antonella va ad aprire e torna di corsa, agitatissima)

Anton.:  Eccolo! E’ lui! E’ lui!

Leone:  Bon soir.  Ehila, quanti personn!

Carla:  E tutti in attesa di lei.

Leone:  E que vìsages de tribunal.

Elisab.:  Vourevum giust fagh una quei domanda.

Leone:  Oh, anch'elle è isì, [rivolgendosi al notaio, termina la sua recita e da qui... in italiano - “ad libitum”]. Très bien.  Meglio così. Potrà farmi da avvocato di­fensore. Forza, sono pronto.

Giulio: Prima di tutto, luu chi l'è?

Carla: E cosa el c’entra con la nostra eredità?

Leone: Oke, reggetevi forte. “Mon nom” è Carlo Donati e son lo zio del Canada che vi ha portato quella l'eredità !

Carla: (sbigottita come gli altri)  No !?... Un moment .... Ma ....Ma allora, perché el s'è insinuaa in cà nostra in sta manéra? ...  E a che scopo, pò ?

Anton.:  Perché non è stato chiaro subito?

Carla: “E perché adesso ha bloccato l’eredità mettendomi nei guai?”

Giulio: Luu el penserà minga de cavasela inscì “a bon mercaa”!

Leone: Tranquilles. Calma. Je n'avé pas des cattives intenzions. Se mi la­sciate parlare vi racconto tutto. E il notaio, mi corriggerà se sbaglio.

Elisab.: “Però vogliamo spiegazioni anche sulle cose non legali.”

Leone: “D’accord”, [-in italiano “ad libitum”] darò spiegazioni su tutto, partendo dall’inizio quando, perdendo la famiglia, persi anche il gusto di vivere e di lavorare e così decisi di passare la mano. Siccome però mi dava fastidio che il risultato di tanti anni di lavoro finisse in mani sconosciute, volli effettuare subito il passaggio all’unica erede, tu Carla, occupandomene personalmente. Così, un po’ nella segreta speranza di ritrovare dei legami familiari, un po’ per conoscervi da vicino, decisi di frequentarvi, ma in inco­gnito per non alterare la sincerità dei vostri comportamenti.

Anton.: Come maggiordomo!

Viola: Ecco allora cosa voleva dire con il proverbio  “nessun uomo è grande per il proprio domestico”: voleva conoscerli il più da vicino possibile, fin dentro casa.

Filippo: Che vigliaccata, però!

Giulio: “Insomma, lei per tutto sto tempo ci ha tenuti tutti, segreta­mente, sotto esame.”

Carla: E a quanto pare, siamo stati bocciati!!!

Giorgio: Gliel'ho detto anch’io che non era corretto nei vostri con­fronti, ma non ha voluto sentire ragioni.

Leone: E’ vero, sono stato un po’ scorretto, “mais j'ai comprì una grand chos”.

Filippo: Cioè?

Leone: Che se “un” arriva a “voler bene” a un qualcuno pur cono­scendo­ne a fondo i difetti..., quello “vuol bene sul serio”.

           E in quanto a voi ... beh, io, je... a vous, me sont' affezionàa.

Carla: Tanto da metterci nei guai bloccando l’eredità ?!

Leone: Il fù necessaire, non credi? E l'ho fatto pro­prio perché ho incominciato a volervi bene. Comunque, per le possibili conseguenze ho già le soluzioni.

Carla: Sont propi couriosa de sentì come.

Elisab.: Giusta: “ci parli un po’ dei suoi progetti per il futuro dato che, a quanto pare, ci riguardano”.

Leone: E’ presto detto:  Ritrovata, anche grazie a voi, la voglia di vivere e di lavorare, ho deciso di rilevare una piccola indu­stria.  (scherzosamente)  Giulio, hai del tempo libero? Vorrei che mi aiutassi a dirigerla.

Giulio: (sorpreso)  Mi? ... Perché mi?  G'hoo nissuna esperienza d'industria.....

Leone: N'importe. Ho capito che tu sii tres-onest e quindi so che lo faresti bene.

Giulio: Da impiegato-disoccupato a dirigente:  carriera anomala ma fulminea.  Carla, t'ee(t) vist? Sono diventaa dirigente in men d'un ann, propi come te vourevet ti! Te set contenta?

Carla: Per ti, sì, ma mi sont in dj guai: per la cà, per esempi.

Leone: Stai tranquilla, per quella subentro io:  in fondo l’ho scelta io quella casa e posso garantirvi che mi piace molto.

Elisab.: “Già, ma dopo lo sfratto da qui loro restano senza casa.”

Leone:  Io non ho detto di volerci abitare da solo.... e se voi siete d’accordo....  Francamente, mi spiacerebbe che rifiutaste.

Carla: “E noi saremmo veramente degli ingrati a non accettare.” E ti, Giulio, cosa te ne penset?

Giulio: Che rifudà un’offerta inscì generosa... el saria propri de stu­pid. E mi, incoeu me senti propi no stupid e allora...“accet­to”.

Leone: Très bien. Faremo così. D’altronde ho già l’appuntamento col notaio per mettere a punto le modalità più convenienti. (a Giorgio) Non è così?

Giorgio: E’ vero, lui aveva già pensato a tutto e mi pare una buona soluzione.

Anton.: Che bello! Potremo vivere tutti insieme, e con in più lo “zio Carlo”.

Leone: Che veglierà “sous tout vous”  [rivolgendosi in particolare a Carla] onde evitare ulteriori follie....

Carla: Ghe ne sarà no de bisogn: hoo capii la mia mattàna. Sont tornada a vess la Carla de semper e per prima roba hoo faa pas col Giulio.

Viola: Davvero?  Oh Carla, sont propri contenta.

Giorgio: Sì, la vostra situazione ci spiaceva molto e siamo contenti che si sia risolta per il meglio.

Carla: Grazie.

Viola: Sono così contenta che voglio farti un regalo: Se vuoi puoi prenderti il secretaire che ti ho fatto vedere prima.

Carla: Sei gentile, cara, ma lassum pensagh a sura. Con tutti sti rob in ball .... ne riparlarem al riceviment che g'hoo intenzion de dà per l’inaugurazion ufficial de la cà növa. E, per l'occasion, tegnés tucc liber, me raccomandi!

Viola: Sarai rinsavita, ma non ti smentisci. Comunque, hai ragione, c’è tutto il tempo.

Giorgio: Bene, ora che è tutto chiarito, se permettete, noi ci ritiriamo.

(Giorgio e Viola escono accompagnati da Giulio e Carla)

Elisab.: (in disparte - a Leone)  Senta un poo, tirum via una curio­sità: chi l'è che veŋ a cusinnà a cà mia, stasira, el Leon o... el Carlo?

Leone: “ Comme tu prefèr, tucc dù sont des brav cusinnièr!”

Elisab.:  Mi pensi che 'l Carlo el sia un leon e quindi... j'invìdi tutti e duu!

(SUBITO suona il TELEFONO)

Filippo:  Pronto? .... Buona sera .... ora sta bene, grazie .... sì, glielo passo. (a Giulio) Papà, per te, è l' Isimbardi.

Giulio: (allegro)  Ciao, Roberto .... mai stato meglio di così: hoo faa la pas cont la mia miee; g'hoo una cà noeuva e sont diven­taa “dirigente d’azienda” e t'el set chi l'è el me principal? Leon, o mej “il signor Carlo Donati”, che l'è el zio de la Carla e che pà l'è la stessa persôna. .... Cosa?  Te vöret una racco­mandazion per vegnì a laourà da numm? Cià: quanto te me dee? .... Fa' no el bamba... te pensaré minga de avegh un post de laourà senza pasàgh una bustarella al prim dirigent?....  (ride)  Dai, dai, ne parlaremm.... Aspetta almen che cominci a lavorà mi! (ride di nuovo) .... Sì, va ben, se vedum doman e ne parlom.... Ciao.  (riappende)

Elisab.: (prende dei soldi dalla borsetta)  Ragazzi, questa sera la vostra nonna vi offre pizza e cinema.

Filippo: (prendendo i soldi)  Grazie, nonna, j drouarem ben. Ciao a tutti.

Anton.: Aspetta, potremmo telefonare a ..

Filippo:  (interrompendola)  Telefonarem da fora, dai , andiamo.

Elisab.: E, me raccomandi (indicando, non vista, Giulio e Carla in at­teggiamento affettuoso):  “non tornate PRIMA di mezzanot­te.”

Filippo e Anton.: (dapprima restano sorpresi ma capiscono e, con un sorriso d’intesa verso la nonna)  D’accordo.  (escono in fretta)

Elisab.:  (guarda l’orologio)  Però: hinn quasi i sett'or, ... e g'hoo un appuntament...   (e si prepara per uscire)

Leone: “Cette soir je sont libre et je même avé un appuntmant que ne veut pas perdre”. (a Elisabetta in tono scherzoso)  Hoo l’impression che nous allon da la stessa part, poss' offrirl' un passagg, madame? (e le offre il braccio)

Elisab.:  Molto volentieri, [accentuando:] “grasie leòn”. (prende Leone sottobraccio e si avviano all’uscita) Ci vediamo, ragazzi.

Leone:  Au revoir .... et a bientôt !

Giulio:  T'ee(t) vist? La nonna j ha sistemaa tucc e ... numm sèmm restaa chi depernumm.

Carla: Già!  E l'è quasi ora de zena [pron.: séna]

Giulio: In cusinna ghe sarà anmò un poo de latt-e-cognac che ha preparaa la mia mamma (ride).... ma in del frigo ghe sarà un quejcoss de cascià sotta i dent....

Carla: (smorfia) Sèmm pù scióri, ma....  se te'n diset se festéggium tutti j aveniment d'incoeu cont una bella cenetta romantica?

Giulio: Ma, in-dove? A cà tua o a cà mia?

Carla: In-dove te vöret ti, perché la sarìa comunque cà nostra.

(si abbracciano mentre il sipario si chiude)                   

  F I N E

PERSONAGGI:

Giulio Zanetti  -  impiegato delle poste  

Carla  -  sua moglie

Filippo  -  suo figlio    

Antonella  -  sua figlia

Elisabetta  -  sua madre

Roberto Isimbardi  -  un collega

Giorgio Pasini  -  notaio e amico        

Viola  -  sua moglie

Leone

L’azione si svolge nel soggiorno della casa di una famiglia piccolo borghese.

La scena è fissa per i 3 atti.

GIOVANNI BUSATTO

Via Uruguay, 30/2  -  20151 – MILANO

tel. 333.78.09.345        e.mail – bubaff@fastwebnet.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno