Come igghjeren bon, quej tagghjarin

Stampa questo copione

Come igghjeren bon, quej tagghjarin

Come igghjeren bon, quej tagghjarin

A Muntignoso aè sempre usato alzà un popò el gomito e anche tutto el braccio.

Come in tutte le cose bisogna capinne el mutivo. Tradizion, predispusizion ???

In paeso le cantine un’enne mae mancate da queje storiche del dopoguerra: Scarenzi, Misciulin, Filì, Giusè, Miglietta, Pupporona, ecc. a queje che  mò dai monti al maro, a’jan sustituito le vecchie cantine con rinnovati bar, ma sempre in tutti tu troa la droga dei poeri      “ el vin “.

Droga dei poeri e’scì. Muntignoso unnè mae stato un paeso ricco gnanche nel passato e se tu caa igghje Sciffe e igghje Sforza de famigghje ricche un ce-n’era proprio, qualche benestante ma ricchi intesi ricchi un ce-n’era. Dopo la seconda guera mondiale el paeso igghjera distrutto in tutto e per tutto. Omi e donne i’naeene passate de tutti i colori. Anime disperate svotate de ogni dignità, campati  per miracolo anzi scampati, lì onde in tanti ì’cciaene lasciato la peja.

Le donne al cercaene de accasasse per iscì de sù le spaje de i ginitori, eppò rimanè zitella u’nnera bejo a quej tempi, igghjomi i cercaene una compagna ch’àgghjè fesse da mà e da mogghja, fatta, isse troaene e i metteene su famigghja, senza cà, senza laoro, senza senza.

E’junica manera per sognà aera quea de infilasse in gola un po’ de vin, ch’ì fea scordà la fatiga del laoro, o la forza dendallo a cercà o rempiattà i rospi in gola. Un c’era ne trevision ne giochi  se  non quejo  d’una partita a carte, con quattro moccoli, e do-ttre amici

Al fù in una de queste sere passate in cantina, che doppo ae buto qualche bicchjeretto, a Giusè agghjè-vense  in mente de’nvità a cà  soa  igghj-àmici de buta.

O fanti à volete vinì fin a cà-mmea la me mogghja aià preparato dei tagghjarin nei fagioli che igghjenne la fin del mondo, à vinite?

Mezzi ‘mbriachi igghj-àccettene e i vanne.

Per la via Giusè ì l’avverta:- ò fian pianin pianin e stian al buio, cugì la me mogghja un se svegghja, va ben?  Sonnonche asse manda tutti fora, a lo sapete come aè fatta no?

Tutti con un cenno de coppeja ìgghjà-mmicchene de scì.  Anche perché anche le sò mogghje aun eren diverse da queja de Giusè.

Le donne un eren de certo contente dei mariti che igghjendeene a bè el vin eppò a cà ì’ffeene i disastri, compreso quejo de fagghjè fà figghjoli a ripitizion.

La cà de Giusè  aera come tutte le cà del dopoguera, dò stanze una sotto una sopre separate da un bajatojo in cimo a una scala de legno ch’al portaa ne la stanzia da letto, el cesso quagi sempre fora, la cucina un taulin, de le scrane, un fornejo, un foco, un mobile, un acquajo un…pogo de niente ma tutto quel ch’accera iccera e un mancaa gnente e gnente accera in più.

Entrati drento, al buio, in silenzio, come solo i briachi un possene mae fà, a taston armati de mestolo e cucchjari, tutti inseme, quatti quatti,  issà-vicinene al pajolo ligato a la catena del camin.Sintite che robe! Igghjenne ‘nchemò tepidi. E giù mestolate e cucchjarate zeppe e piene

Un ì sentenzia:- ostia come igghjen bon, e come igghje schiocchene i fagioli.

E  Giusè  de rimando:- atte credo igghjenne quej cò jgghj-occhi. Atte-leo ditto ch’igghjen bon

E un altro:- igghjen proprio bon che’dDio. Igghjen  proprio saldi i fagioli. Senta che schiocchi

Igghjenne perfetti,- ì’ddice quejaltro:-  bon  e come igghje schiocchene in bocca.

In quel mentre ass’accenda la luce. (Tre donne al mercato al fanne un casino ma quattro briachi i fanne altro che bordejo ).

Come la lampadina ae’illumina el paiolo, tutti inseme un urlo, sul pajolo, sù la catena, drento al pajolo, tutta una sfilza  de borbolon dal lozzo, quej neri schifosi.

Atte credo che igghje schioccaene i fagioli.

Per dò sittimane tutt’e-quattro u’nàn fatto altro che vumità, ibbola, senza gnanche più passà in cantina.

Cunsigghjo del saggio

sia a dicembre come a maggio                                              LIANO 2005

seppure t’à coraggio

se sicuro tu vò magnare

ricorda el lumo d’appicciare

un’te-lo  diminticare…………………………………………………are are are are are

SCHIO’, SENTA COME IGGHJE SCHIOCCA, SCHIO’, COME IGGHJE SCHIOCCHENE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno