Come te metto ‘e ccorne

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

 

Versione napoletana della commedia comica in tre atti:

“COME TRADIRE IMPUNEMENTE LA PROPRIA MOGLIE”

di

PASQUALE CALVINO

(Posizione Siae n.180531)

Il copione può essere fornito con numero diverso di personaggi e battute contattando:

pasqualecalvino@gmail.com    cell. 347-6622400

paolodiperna@inwind.it        cell. 340-2146831

Versione in napoletano di

PAOLO DI PERNA

(2Donne-4Uomini:scena unica)


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

1f-SOFIA, cameriera e cuoca  di casa Ruffo                           _________________

1m-GUSTAVO, autista e maggiordomo di casa Ruffo               _________________

2mRICCARDO RUFFO, uomo di affari, secondo marito di…       _________________

2f-ANGELA, moglie di Riccardo                                             _________________

3m-TOMMASO TOMMELLA, spasimante di Angela ed amico di Riccardo                                                                                        _________________

4m-SAVERIO SAPONETTA, marito dell’amante di Riccardo                                                                                                                             _________________


ATTO PRIMO

Epoca attuale (fine secondo millennio).

Un salone a piano terra con vetrata e giardino esterno. Porta in fondo a sinistra che dà sul vestibolo. Porte a sinistra e a destra in primo piano. Una grande porta-finestra in fondo, a destra, che dà nel giardino.

Uno scorcio di camino, a sinistra, sormontato da un grande ritratto del defunto signor Rubini.

Al centro, una tavola ricoperta da un panno. Poltrona a sinistra della tavola e sedia a destra, un divano a sinistra, un altro divano davanti al camino, un pouff davanti al tavolo-scrivania.

N.B.: La scenografia, uguale nei due o tre atti, può essere fatta diversamente, ma deve avere una finestra che dà nel giardino, una porta-finestra sempre per il giardino e una porta di entrata dalla strada. Le entrate alle camere di Angela e Riccardo; poltrone, divani, sedie, tavolo-scrittorio, libreria, pouff… e, se possibile, un bel caminetto e un televisore moderno.Il primo o secondo atto possono, a scelta del regista, essere  interrotti da lenta chiusura e riapertura della luce o da intervallo. La dissolvenza di chiusura e apertura permetterà agli attori il cambio posizioni.Il regista, se lo riterrà opportuno, potrà eliminare qualche battuta piccante.

SCENA PRIMA

(SOFIA e GUSTAVO)

All’apertura del sipario, la finestra sul fondo è aperta. Sofia e Gustavo sono alla finestra. Sofia all’interno e Gustavo all’esterno. Stanno abbracciati come due innamorati

Gustavo        Uno solo ‘nu vasillo, Sofì!

Sofia              No, t’aggio ditto ca nun è ccosa!

Gustavo        E ghiammo, piccirillo piccirillo…

Sofia              No, hè ‘a fà  ‘o bravo, hè ‘a essere serio!... E va bene, dammello ccà, ma fà ampresso! (Gli porge il collo)

Gustavo        (Mentre la bacia) Ah, Sofì, pè ‘stu mumento ‘e felicità fosse capace ‘e perdere ‘a vita… d’‘e patrune nuoste…

Sofia              Jamme, Gusta’, nun è ‘o mumento! Mò mò aggio purtato ‘o ccafè a ‘e signure! Ponno lassà ‘a tavula ‘a ‘nu mumento a ‘n ato, ce scoprone e fernesce ‘a zezzenella… Statte cujeto!

Gustavo        (Con voce flautata) E che ce scupressero, che me ne fotte! Nun è giusto ca lloro ponno fà tutte cose e nuje niente, nun ce putimmo manco amà… Io sono un libero pensatore, ‘nu filosofo: pe’ mme che songo un uomo di genio, è alienante a ffà l’autista: “È alienante per l’uomo di genio vivere senza ricchezze e misconosciuto, ma quando vi riesce è eccezionale”… oppure, e chisto è ‘n atu cuncetto importante: “Non mi piace esser nessuno, ma ho paura di essere qualcuno”… Bello, è ‘ovè?

Sofia              Ma pecché dici sempre fesserie?... Si ‘e patrune nuoste venessero a ssapè ca nuje ce vulimmo bbene, ‘nce cacciassero ‘a via ‘e fore, subito, senza manco l’otto juorne! Jammo bello, mò vattenne. Ecco, t’aggio purtato ‘na butteglia ‘e vino buono e mezza lasagna ca aggio salvato dalla cena… Quaccheduno vuleva fà ‘o bis, ne vulevano ancora, ma io l’aveva astipà pe’ tte, e accussì aggio ditto ca nun ce ne steva cchiù! È buonissima, io songo ‘na brava cuoca, ‘o ssaje? Aah, biato a chi me sposa!

Gustavo        (Prendendo la bottiglia e la lasagna) Ah! Comme capisco l’ammore… Essere amati per quel che si è… e io nun songo ‘n ommo ‘e successo, ma Joyce nell’Ulisse dice: “Il successo è per noi la morte dell’intelletto”… (Poi, rivolto a Sofia) “I’m nobody! Who are you? – Are you -Nobody- Too?... How dreary- to be- Somebody!” Questi sono versi di Emily Dickinson c’ amò te traduco pecché tu nun cunosce ‘e llengue: “Io sono nessuno! Tu chi sei? Nessuno pure tu? Che fastidio essere qualcuno!” (Guarda il cibo) Perché siamo schiavi della pancia? (Guarda Sofia) … E della carne? … E mò quando ce vedimmo?

Sofie               Siente, Gustà, si nun dice tutte ‘sti strunzate’, stasera, si vuò… si te fa piacere…

Gustavo        E comme no?! Me fa piacere assaje! Tu ‘o ssaje, songo ‘nu filosofo strano… Pe’ ‘na parte songo stoico, quanno veco ‘o magnà, ‘e ffemmene, ‘e sorde, resto impassibile… Pe’ ‘n’ata parte songo epicureo: me piacieno ‘o magnà, ‘e sorde e ffemmene… (Sofia lo guarda male)… a femmina mia…e stasera, già ‘o ssaccio, m’‘o ssento, addeventerò epicureo… Allora ce vedimmo stasera?... Ma ‘e signure nun jesceno?

Sofia              Nossignore… Quando stutarranno tutte cose, tu trase pe’ ‘sta fenesta, t’‘a lasso socchiusa… po’ saglie zittu zittu dint’‘a cammera mia… ma sulo si tiene intenzioni serie! Je songo ‘na femmena ‘a spusà, saccio fà bbuono tutte cose: levo ‘a povere, pulezzo tutta ‘a casa, cucino bene e saccio pure… so pure amare bene, molto bene, e tu ‘o ssaje buono! Mò famme ‘na cortesia, pigliame ‘o scaletto, aggia levà ‘a povere…

Gustavo        Allora stasera traso ‘a ‘sta fenesta, va buono… (Entra in casa dalla porta-finestra, prende lo scaletto e aiuta Sofia a salire, poi cerca di guardarle le gambe) Stasera, prima di fare l’amo-re… ti reciterò “Il monologo di Amleto”


Sofia              E tu sulo chesto saje fà… Che ‘nce magnammo doppo spusate, ‘o monologo d’A-mleto, ‘e ppoesie, ‘e rrecite, ‘a filosofia…? Titò, tu nun saje fà manco ‘a decima parte ‘e chello ca saccio fà je… Sì, vabbuò, saje guidà… faje quacche servizietto, ma po’…? E nun me guardà ‘e ccosce! Ecco, chesta è ‘n’ata cosa ca faje bbuono… ‘o rattuso! (Si sente la voce di Riccardo che dice: “Damme ‘nu vaso… facimmo pace!) Stanno venenno, vattenne! (Gustavo fugge, poi torna, prende il vino e la lasagna, guarda di nuovo le gambe di Sofia e fugge via nuovamente)

SCENA SECONDA

(ANGELA, RICCARDO e detta)

Angela          (Entra speditamente da sinistra con una tazza di caffè in mano) Lassame stà, me daje fastidio!

Riccardo       (Stesso passo, anche lui con una tazza di caffè in mano) E jamme! Io voglio ca ‘st’improvvi-sate nun succedeno cchiù!

Angela          ‘O vvuò ‘overamente?

Riccardo       (Sedendosi sulla poltrona accanto alla tavola) Proprio accussì. (A Sofia) Sofì, lassace sule, cchiù tarde fernesce ‘e pulezzà… (Beve il suo caffè)

Sofia              Sì signore. (In disparte) Mamma mia e comme stanno! Ccà succede ‘o terremoto! (Scende dallo scaletto ed esce a destra)

Riccardo       No, io sò sicuro ca tu ogge hè avuto ‘n eccesso ‘e pazzia! Nun è possibile ca tu, ‘na femmena a modo, per bene, ‘na vera signora, viene a ffà chella chiazzata mentre stevemo facenno ‘o Cunsiglio d’amministrazione!

Angela          E chi me diuceva ca tu stive a ‘stu Cunsiglio d’amministrazione? (Ripone la tazza sulla tavola e va a sedersi sul divano)

Riccardo       (Alzandosi) Ma comme chi t’‘o ddiceva?... Io t’aggio ditto: “Vado alla riunione del Consiglio d’Amministrazione dell’azienda casearia”… Me pareva chiaro, no? Nossignore, alla mia signora nun l’abbasta, è comme a Tummaso, ‘nce ha da mettere ‘o naso, s’ha da rendere conto essa stessa. Nientemeno ca nun avevemo manco accummenciato, ‘o Presidente tanno tanno aveva aperto ‘a seduta, quanno all’intrasatto è trasuto ‘nu tornado dint’‘a sala riunione… Il tornado Angela, l’avessero chiammato in America… Era essa, ‘a signora mia ca alluccava annanze a tutte quante: “Ah, ah, ‘o voglio proprio abbedè, ‘stu famoso Consiglio!”… Ha lassato a tutte quante cu’ ‘a vocca spalancata, nisciuno sapeva ch’aveva ‘a fa, ‘a dicere…

Angela          E allora? Mica so’ muorte tutte ‘sti signure?!

Riccardo       (Andando verso di lei) Ma comme? Hè fatto ‘na figura ‘e tre sorde, e io appresso a tte…

Angela          He’ fatto ‘na brutta figura? Uh! Comme me dispiace…

Riccardo       ‘O ssaccio ca nun te ne fotte proprio… (Si siede a destra della tavola) Ma comunque io aggia fà in modo ca ‘sti ccose nun succedeno cchiù… A te vedè lloco, t’‘o giuro, nun sapevo addò m’aveva annasconnere… E ‘o signor Vacca… he’ visto ‘a faccia ca ha fatto ‘o signor Vacca Carlo, il Rockfeller della mozzarella? Nun me l’ha fatta bbona quanno te ne sì ghiuta… m’ha ditto: “Riccà, parla cu’ mugliereta e dincello, pe’ ‘o futuro, ca ‘e riunione noste sò ccose private!” He’ capito ch’hè cumbinato, sì o no? E io che l’avevo ‘a risponnere?...

Angela          ‘O pozzo immagginà: hè fatto parlà male a tutte quante e nun hè ditto niente, anzi, hè ‘ncasata ‘a mana…

Riccardo       (Alzandosi) Ma nossignore, t’aggio difesa e t’aggio scusata: aggio ditto ca è ‘nu poco ‘e tiempo ca staje dando segni di alienazione mentale… Io primma ‘e me dedicà alla finanza ero ‘nu psichiatra… Aggio ditto ca tu soffri di “paranoia erotica… gelosia ossessiva… delirio erotico…”

Angela          (Alzandosi) Chesto hè ditto?

Riccardo       Sissignore, ma stai calma, li ho rassicurati… Aggio garantito io per la tua guarigione… È overo ca nun esercito cchiù ‘a professione ma songo ancora ‘nu buono psichiatra!

Angela          Ma bravo, bravissimo! (Sale sulla tavola)

Riccardo       Ma scusa, tu ch’avisse ditto ‘o posto mio?

Angela          (Scendendo sulla sinistra) Ch’avesse ditto? Avisse ditto ca si ero venuta è pecché songo ‘na mugliera fedele e innamorata che vuleva sapè quanto vale ‘a fedeltà ‘e ‘n ommo, cioè si pure tu sì fedele… Chesto avesse ditto!

Riccardo       (Alzando le spalle) Ma nun dicere fesserie!

Angela          Nun sò fesserie, Riccà, pecché io nun aggio creduto manco pe’ ‘nu minuto sicondo a ‘stu fatto d’‘o Cunsiglio d’amministrazione!

Riccardo       E basta, mò ‘a può pure fernì, ci hai pure visti…

Angela          Ah, v’aggio visti, e che significa? V’aggio visti, eravate tutt’uommene, è ‘overo, ma che significa… che vò dicere… che prova sarebbe? È tutto ben congegnato, bene organizzato, basta ‘na bona organizzazione e s’evitano tutt’‘e surprese…

Riccardo       Ma che stai dicenno?

Angela          Chi mi dice ca nun avite avuto ‘o tiempo pe’ fà sparì ‘e ffemmene? Chilli llà ca teneno ‘o vizio d’‘e ccarte, dint’a ‘nu mumento fanno sparì tutte cose, carte, fiches, panni verdi, e vuje ca tenite ‘o vizio d’‘e ffemmene ‘e ffacite sparì dint’a ‘n attimo ‘nzieme a tutte ‘e ccose ca ausate quanno facite ll’orge!

Riccardo       Angelì, ma allora tu ‘overo nun staje bbona cu’ ‘a capa! Ti garantisco che il Consiglio d’amministrazione tene ati cacchi ‘a parte d’‘a capa, nun s’aunisce pe’ se divertì cu’ ‘e ffemmene…

Angela          E tu me vulisse fà credere ca ve vedite tutte quante pe’ parlà ‘e provole e muzzarelle? Sicondo te m’ammocco chesto?

Riccardo       E che avesseme ‘a fà, neh Angeli? ‘A nosta è ‘n’azienda casearia, trattiamo provole, mozzarelle e affini…

Angela          E vacche…

Riccardo       E vacche, certo, ma no chelle ca vuò dicere tu…

Angela          Ma nun me fà ridere… ‘E mozzarelle, ‘e provole e ‘e casecavalle vuoste stanno a posto, nun ce sta bisogno ‘e ne parlà cchù… (Ritorna verso il camino e si siede sul divano davanti al camino stesso)

Riccardo       (Tra sé) È inutile, nun se po’ discutere cu’ ‘e ffemmene… fanno cierti ragionamenti troppo aggarbugliati… (Andando verso Angela) Ma stamme a sentì: chi sì tu? Che diritto tiene ‘e sospettà ‘e me? T’aggio mai dato ‘nu motivo bbuono pe’ te dicere ca te metto ‘e ccorna? (Si appoggia al camino)

Angela          ‘A verità tu no, ma isso… (Indica il ritratto di Raffaele Rubini,il primo marito, sul camino)

Riccardo       Ah, isso… sempe isso… Raffaele Rubini… Ma che colpa ne tengo io si ‘o primmo marito tujo te regneva ‘e corna?


Angela          No, no, ‘a colpa è ‘a mia! Si fusse stata cchiù attenta e cchiù previdente… Pure pe’ cchesto mò piglio tutte ‘e precauzioni. Chill’ommo ‘e niente… Quanno penso ca m’ha miso ‘e ccorne pe’ ‘na vita sana sana… E nun me n’aggio maje addunata, maje! Guardalo… (Riccardo si siede accanto a lei sul divano) Guardalo, cu’ chella faccia tosta ca se pigliava juoco ‘e me… (Verso il ritratto) Disgraziato fetente! M’hè miso in ridicolo abbastantemente!

Riccardo       (Alzandosi) Ecco, brava, pigliatello cu’ Rafele! (Si dirige verso sinistra)

Angela          (Con lo stesso atteggiamento) Te credive forte pecché tenive ‘na mugliera cecata… Ueh, ma aspetta ‘nu mumento: tu m’he tradita, hè avuto delle amanti… (Alzandosi) E allora pur’io t’aggi’‘a mettere ‘e ccorne, pur’io avrò i miei amanti!

Riccardo       Angela ma che vuò fà?

Angela          Te faccio cunoscere ‘a legge d’‘o taglione!

Riccardo       Angelì, nun esaggerà… Mò te staje sbaglianno… Nun te scurdà ca hè cagnato ditta! ‘O nummero uno è stato liquidato!

Angela          (Sopra la poltrona) Ah, già, è ‘overo… Che rabbia!

Riccardo       Sì, ma nun t’arraggià troppo, pecché nun è a isso, ma a me ca me facisse quaccheccosa!... È stato isso a ffà bancarotta, e nun è ‘nu mutivo buono pe’ me mettere in fallimento!

Angela          Ah, è chillu ritratto! Ogni vota ca ‘o guardo, m’arraggio a tal punto ca ‘a raggia me sagli fino dint’‘e ccerevelle!

Riccardo       Ah, benissimo, allora si è pecchesto mettimmolo ‘ncoppa ‘a suffitta… Ma tu pecché ‘o guarde?

Angela          Pecché è ‘nu Bonocore! Si fosse stato pe’ maritemo già ‘a tiempo me l’avesse levato ‘a ‘nanze, ma ‘nu Bonocore, pure d’‘o marito disgraziato, ha da stà esposto, è decorativo… E vale pure ‘nu sacco ‘e sorde!

Riccardo       D’accordo, ma si t’ha da fà ‘sta sempe ‘nquartata, si ‘a pace d’‘a casa n’ha da risentì, allora vaco a parlà cu’ Bonocore, è vicchiariello ma è ancora in gamba, e ce faccio fà ‘nu ritocco… ‘o faccio cagnà ‘nu poco… ‘o facimmo addeventà ‘nu gran signore del Medio Evo… ‘O tiempo cancella tanti ccose… E accussì è capace ca tu t’acquieti ‘nu poco, nun ce pienze cchiù…

Angela          Nossignore, ‘o voglio tenè accussì… M’aggio ‘a stipà annanze all’uocchie ‘stu bellu campione ‘e fedeltà coniugale… per lo meno imparo a diffidà ‘e te…

Riccardo       ‘E me? Uh mamma mia, ma pecché?

Angela          Pecché me sì marito!

Riccardo       E chesta fosse ‘na bbona raggione?

Angela          È ‘a meglia! ‘Stu ritratto sta ccà pe’ me dicere: “Arricuordete ca tutte ‘e marite sono spergiuri e infedeli!” Nun è pe’ recriminà, è la sua funzione! Tutte ‘e marite metteno ‘e ccorna a ‘e mugliere, è ‘na quistione ‘e quantità… ‘e mugliere accorte veneno tradite ‘e meno, è cchiù difficile tradirle, ma nun è impossibile!

Riccardo       Quindi Rafele ‘a copp’a chella tela dice tutte ‘sti ccose?!

Angela          Proprio accussì! E dice pure: “Arricuordate ca io t’aggio tradita per bene, tu nun te ne sì maje addunata! Miettete buono ‘ncapa ca tutte ‘e marite tuoje te mettarranno ‘e ccorne comme te l’aggio mise io!”

Riccardo       Tutte ‘e marite tuoje?

Angela          (Continuando) Nun te fidà ‘e l’apparenze, l’apparenza inganna… cchiù ll’uommene teneno cose ‘a se fà rimproverà, cchiù curano ll’apparenze… Nun credere a chello ca vide e a chello ca siente, ma cerca, spulcia, sorveglia, e si nun vide niente, dici ca perlomeno hè cercato e cunvinciti ca ce sta comunque quaccheccosa!

Riccardo       Ma ccà ce stà ‘a ascì pazzo!

Angela          Ecco tutto chello ca me dice Raffaele ‘e Bonocore!

Riccardo       Io l’appicciasse ‘stu ritratto… ‘o jettasse dint’‘o caminetto!

Angela          ‘A primma vota m’hanno fatto scema, ma no ‘a siconda… o per lo meno nun sarrà pe’ colpa mia!

Riccardo       Ma santo Cielo, ma pecché questo tuo signor Rubini…

Angela          Nun se tratta ‘e Raffaele Rubini, isso ha lassato ‘stu munno pe’ ‘n ato!

Riccardo       (Canzonatorio) Ah sì? E nun se po’ cercà l’estradizione?

Angela          Sta buono addò sta! Si isso nun ce sta cchiù, tu staje ancora ccà…

Riccardo       Ma che d’è, ‘nu rimprovero… ‘na minaccia…?

Angela          Io nun pazzèo, ma sento ca ‘a lezione me serve. A quaccheccosa nel bene e nel male. Pe’ chesto quanno t’aggio spusato m’aggio imposto ‘na regola ‘e condotta. M’aggio detta: “Tanto sì stata doce e affettuosa cu’ ‘o defunto Raffaele Rubini, tanto hè ‘a essere severa e diffidente cu’ ‘o defunto Riccardo Ruffo!

Riccardo       (Facendo i divuti scongiuri) Come sarebbe ‘o defunto Riccardo Ruffo?

Angela          No, scusame, sulo Riccardo Ruffo, senza defunto, haje raggione…

Riccardo       Menu male!

Angela          (Prendendolo per un braccio) Sarraje ‘overo bravo si sarraje cacchio ‘e me mettere ‘e ccorna!

Riccardo       E comme faccio?! Me staje sempe areto areto… Mi pedini!

Angela          (Alzando le spalle) Ti pedino… Cioè saccio tutte ‘e mezzucce tuoje, tutte ‘e buscie…

Riccardo       Tu saje tutte ‘e buscie mie?

Angela          Proprio accussì… Tengo ‘a collezione! (Brandisce un piccolo taccuino finemente rilegato in pelle)

Riccardo       E che fosse ‘stu coso?

Angela          Ccà dinto ce sta l’elenco ‘e tutte ‘e furfanterie d’‘o primmo marito mio.

Riccardo       Ah!

Angela          Tutte chelle ca ha fatto quann’era vivo…

Riccardo       E pe’ fforza, chelle ca sta facenno mò ca è muorto nun l’ha putute scrivere quann’era vivo…

Angela          Nun fà ‘o spiritoso… Nientedimeno ca ha tenuto ‘a faccia tosta e ‘o cinismo ‘e l’an-notà ccà ‘ncoppa, accussì i posteri nun l’ignorassero… Nun s’accuntentava sulo d’‘e ffà, no, l’aveva pure annotà, registrà… Femmenaiuolo!... E archivista… Chesto ‘a verità m’ha meravigliato, però m’ha fatto capì parecchie cose sul suo comportamento, che spesso era dettato sulamente ‘a ‘nu principio ‘e superiorità… Comme si avesse voluto dicere ca era cchiù furbo ‘e me, più in gamba, pecché me metteva ‘e ccorne e io nun me n’addunavo maje…

Riccardo       È stato pure accussì fesso ‘a mettere tutte cose per iscritto… Ci stanno cose ca se fanno ma ca nun se scrivono…

Angela          Chisto è ‘nu principio d’‘o tujo?

Riccardo       (Con avventatezza) Ma Angeli’… No! È ‘na cosa ca dicono tutte ‘e marite ca se comportano comme ‘o primmo marito tujo…

Angela          Isso invece l’ha scritto… Ne ha fatto un’opera… e ce stanno pure l’indice degli argomenti e perfino ‘nu titolo! Ce sta pure ‘o titolo, hè capito?

Riccardo       Ah, ce sta pure ‘o titolo?

Angela          (Con un ghigno amaro) Sissignore… “Le mie navi”.

Riccardo       Le mie navi?

Angela          (Scuotendo il libro che tiene per un angolo) “Le mie navi: guida pratica per i mariti senza immaginazione”, titolo e sottotitolo… ccà dinto ce stanno le sue navi: trecento sessantacinque!

Riccardo       Trecentosessantacinque? ‘A faccia d’‘o… bicarbonato! E chesta è ‘na flotta, ato che Costa Crociere o Tirrenia!... Trecentosessantacinque, quanti sono i giorni dell’anno!

Angela          Il che, ripartito per gli otto anni di matrimonio, fa esattamente una nave ogni otto giorni!

Riccardo       Ma che è, la rotta transatlantica, ‘nu corriere settimanale?

Angela          (Sedendosi sulla poltrona) ‘O bello è ca ‘sti ccose m’‘e ffaceva sott’all’uocchie, e io niente, nun aggio mai capito niente…

Riccardo       Forse nun avive visto ‘o puorto…

Angela          Ma che me ne ‘mporta!... Pe’ merito ‘e stu libretiello mò tengo ‘a chiave ‘e tutte ‘e trucche ca tenite vuje marite… Mò nun me faje fessa, ce’ ‘e scemità ca me raccunte... ccà dinto ce sta tutta ‘a collezione!

Riccardo       (Alzando le spalle) E già, tiene tutta ‘a collezione… nun pozzo fà niente… (Si siede all’al-tro lato della tavola)

Angela          Proprio accussì! Ecco, si nun me cride, pe’ quanto riguarda ‘o Cunsiglio d’ammini-strazione… ojccanne, dinto ‘a “A”

Riccardo       Nun avesse ‘a stà sotto ‘a “C”?

Angela          Nossignore, ojccanne: (Leggendo) “Amministrazione, Consiglio d apostrofo: Quando vado a fare una partita in allegra compagnia, dico a mia moglie che ho una riunione del mio Consiglio d’Amministrazione”

Riccardo       E po’?

Angela          E po’… Pare ca quanno se dice ca uno tene ‘a riunione d’‘o Cunsiglio d’amministra-zione, vò dicere ca se va a ffà ‘na partita in allegra compagnia… Io saccio sulo chello ca sta scritto ccà dinto

Riccardo       Ah, è pe’ cchesto ca… Ma allora sì proprio assurda! Ma che senso logico tene ‘stu libro? ‘O tene ‘nu senso logico?

Angela          Sì: rabbia… rabbia… E non m’impedirà ‘e te ‘ncuccià dint’‘o fatto!

Riccardo       (Alzandosi) Siente, lassame stà. Quando accummenci a sragionà…

Angela          (Alzandosi) Ah, io sragiono!... Io sragiono!

Riccardo       Proprio accussì, Angela, tu staje fore cu’ ‘a capa!

Angela          Ah, accussì ‘a pienze, io stongo fore cu’ ‘a capa? E mò te faccio abbedè io si stongo fore cu’ ‘a capa… mò vedimmo si può continuà a te cumpurtà comme vuò tu…

Riccardo       Io?

Angela          Sissignore! E saprò tutte cose, hè capito? Tutte cose… pecché è meglio a tenè ‘a certezza invece ‘e chistu dubbio ca me sta purtanno all’esasperazione!

Riccardo       (Furioso) Angela ma che stai dicenno?

Angela          (Uscendo a sinistra, in primo piano) Tutte cose, Riccà, tutte cose!

Riccardo       (Rimasto solo, riflettendo) Ecco qua… E dire che me l’aggio spusata pecché vulevo ‘na mugliera ca tenesse ‘na grande fiducia ‘e me… È tutta colpa ‘e chist’imbecille ‘e Raffaele Rubini (Indicando il quadro) ca me diceva sempe: “Ah, mia moglie… Che donna piena di fiducia… Mai ca m’addimanna  addò vaco… addò so stato…” ‘Aiccanne ‘a femmena fiduciosa! Ma che vita sto facenno? Nun è bello pe’ ‘nu marito a se vedè spiato una continuazione, senza ‘n attimo ‘e tregua… sempe sorvegliato… E specialmente mentre sta creanno ‘nu rumanzo… (Rientra Angela) Ah, è essa… (Alla moglie) Tu stai ‘n’ata vota ccà? (Si siede a destra della tavola)

SCENA TERZA

(ANGELA e detto)

Angela          (Dopo un attimo di esitazione si dirige verso Riccardo) Ricca’, aggio sbagliato, t’addimanno scusa!

Riccardo       Seh, e a che serve perdonarti si po’, doppo manco cinche minute accummencie ‘n’ata vota… comme a ‘na criatura…

Angela          No, Ricca’, vedrai ca stavota faccio ‘overamente.

Riccardo       Sì, certo, comme tutte ll’ati vvote… M’‘o ddice sempe, Angelì…

Angela          Sì, hai raggione, ma ll’ati vvote nun ‘o ppenzavo, mentre mò…

Riccardo       Mentre mò ‘o pienze, ma pe’ ppoco… E vabbuò, viene ccà… (L’abbraccia)

Angela          (Porgendogli due lettere) No, nun è pe’ ppoco, e pe’ te provà ca so pentita, guarda, ccà ce stanno ddoje lettere pe’ tte! Nun ‘e vvoglio manco leggere!

Riccardo       Ooh, quanto sì bbona… E che ssò ‘sti llettere? (Leggendo su una delle due buste) “Signor Riccardo Ruffo, Circolo Canottieri Posillipo” Ah! E comm’è ca ‘e ttiene tu?

Angela          L’aggio jute a piglià a ‘o Circolo…

Riccardo       Ma comme, sì stata a ‘o Circolo?...

Angela          Sissignore, aggio ditto a ‘o signore ca m’ha aperto: “Mio marito mi ha incaricato di venire a ritirare la sua posta, me la può dare?” E isso m’ha dato ‘sti ddoje lettere.

Riccardo       Ah, mannaggia a chill’animale! Ma si ‘o ‘ncappo sotto ‘e mmane ‘nce faccio passà ‘o vizio ‘e cunzignà ‘a posta mia a chiunque…

Angela          (Irritata ma cercando di controllarsi) Grazie per il “chiunque!”… Quindi mò ‘na femmena nun po’ manco jì a piglià ‘e llettere d’‘o marito sujo…

Riccardo       Nossignore!

Angela          E comunque te faccio notà ca nun l’aggio arapute, ‘e llettere toje.

Riccardo       Uh, Madonna mia, manteniteme!

Angela          Tu ca sì convinto ca te pedino… si ‘o ffacesse ‘overamente… (Riccardo alza le spalle) E allora, nun ‘e leggimmo?

Riccardo       Che cosa?

Angela          ‘E llettere.

Riccardo       Caso mai ‘e leggo sul’io… E comunque ci sta tempo p’‘e leggere.

Angela          Ah, allora ci sta qualcosa ca nun me vuò fa abbedè e aspiette ca io me ne vaco p’arapì ‘e llettere e leggerle!

Riccardo       Angiolè, quanto sì scucciante! Sì proprio ‘na scassacacchio, ecco! Tiene mente, mò mò m’è venuta a chiedere scusa, ‘aiccanne! (Guardando in successione le lettere) Che ce ha da stà dint’a ‘sti llettere, che cosa? Tiè, liggiatelle! Non saccio pecché l’avesse ‘a nascondere!

Angela          Ah!

Riccardo       (In disparte, andando verso destra) Nun teneno nisciuna importanza, aggio riconosciuto ‘a scrittura… (Si siede sul divano)

Angela          (Leggendo) “Mio caro collega, non ho dimenticato le trecentomila lire che ti devo, e se ti scrivo è perché ci tengo a sdebitarmi e a mettertelo per iscritto…”

Riccardo       Ecco qua, sì cuntenta? Hè letto? È ‘nu collega ca me vò restituì trecento mila lire ca ce prestaje…

Angela          (Continuando) “…Prestami pertanto altri duecento mila, farà cifra tonda, cinquecento mila, che ti restituirò il primo giorno del mese prossimo, quando riceverò le pigioni dei miei inquilini” Bravo! Mi congratulo cu’ tte pe’ comme capisci gli investimenti… (Poi, prendendo l’altra lettera) Chesta ccà tene ‘na scrittura cchiù elegante… (Girando la busta) Ah, tene pure ‘nu motto… “Chi mi prende mi è fedele”

Riccardo       (Alzandosi di scatto e prendendo di slancio la lettera dalle mani di Angela) “Chi mi prende mi è fedele!”… Ce sta scritto proprio accussì?

Angela          Nun pienze ca è ‘na femmena? Io penzo proprio ‘e sì!

Riccardo       Nun capisco… (Aprendo la lettera e leggendo) “Signor e…” Ah, bene, è gentile, Signora /e… (Riprende a leggere) “Di fronte al successo ottenuto dalla nostra recente invenzione, ‘La bananina’, è nostro compito consigliarvi questo prezioso apparecchio massaggiatore tuttofare. È a buon diritto che abbiamo adottato come motto per lui “Chi mi prende mi è fedele”. Il suo impiego facile, il suo prezzo modico, insieme alla sua forma elegante ne fanno un vero gingillo di lusso, e affermano in modo lampante la sua superiorità rispetto all’apparecchio del dottor Contraffatto, fino ad oggi preferito…” (Ad Angela, dandole la lettera) Toh, tecchete ‘a femmena!

Angela          Eh…

Riccardo       È essa ca me distoglie dai miei doveri…

Angela          Che ne sapevo ca ‘o motto “Chi mi prende mi è fedele” era ‘e ‘n apparecchio ‘e chiste…

Riccardo       E invece è proprio accussì! Come vedi tu primma m’accuse e po’ te riende conto ca ‘e suspette nun teneno nisciuno motivo d’esistere! Eh, ma mò me so scucciato, nun è possibile ca tu truove ‘nu doppio senso a tutto chello ca faccio! Io nun pozzo manco dicere, che saccio, alla cuoca: “Vulesse mangià ‘a fesa ‘e vitello stasera”, senza ca tu pienze ca io me vulesse jì a cuccà cu’ essa… È ‘na cosa insopportabile! Angelì, vide comme t’‘o ddico: facenno accussì me ne faje fujì d’‘a casa, è chiaro?

Angela          Tu te ne jisse d’‘a casa?

Riccardo       Proprio accussì. Me ne vaco add’‘a famiglia mia, me ne torno addu’ mammà a Surriento, dint’‘a chella villa meravigliosa ‘ncoppa ‘o mare, vicino ‘a casa ‘e Torquato Tasso… (Si siede a destra, sul divano)

Angela          No Riccà, tu nun può ffà chesto…

Riccardo       Sì invece!

Angela          Te chiedo perdono!

Riccardo       Ancora?!

Angela          Aggio sbagliato, nun avevo ‘a suspettà!

Riccardo       (Come un bambino imbronciato) Ah, sì?

Angela          (Sedendosi a destra della tavola) Avesse avuto riflettere… avesse avuto aspettà primma ‘e t’accusà…

Riccardo       ‘O ccapisci mò?

Angela          Ma chello ca me rende diffidente a me è chello ca m’ha cumbinato chill’assassino ‘e Rafele Rubini ca tengo sempe ccà, annanze all’uocchie!


Riccardo       (Alzandosi e andando a sedersi sul bracciolo del divano, vicino ad Angela) Angiolè, ma vuò capì ca staje proprio ‘ncoppa a ‘na strada sbagliata, cu’ ‘stu libretiello? Ma si pure vulimmo dicere ca io te vulesse tradì, facimmo sulo pe’ ‘nu mumento pe’ ffà ‘n esempio, ma tu ‘overo te pienze ca io facesse una ‘e chelli ccose ca stanno scritte lloco dinto?... Chilli là so cose ca nun s’ausano cchiù, so’ trucchi viecchie, superate… Nossignore, permettimi almeno di essere originale… Io nun songo uno ‘e chilli ca stanno dint’‘e vecchie cummedie ‘e Scarpetta, dint’‘e pochade francesi… Io nun aggio bisogno ‘e sapè chello ca hanno fatto ll’ate pe’ ‘e cupià e pe’ ffà  nuove avventure (Canta) Non sarà un’avventura…

Angela          Noo, certamente tu nun faje nuove avventure… Tu nun sì ‘n avventuriero. NUn cercà ‘e sunà ‘o clarinetto, bello mio… pecché io putesse sunà ‘a chitarra…

Riccardo       Tu nun te vuò convincere ca ‘o clarinetto nun ‘o sono senza ‘e te… senza la mia bella mogliettina… Però, è ‘overo, alla fine pure va a fernì ca me faje annammurà d’‘a musica clarinettistica, e allora suonerò il clarinetto dint’‘e circoli musicali… insomma fore d’‘a casa…

Angela          Vedimmo ‘nu poco… Allora: dint’a tutto chesto o ce sta sicuramente parecchia colpa d’‘a toja, pecché si io avesse ‘ntiso ca tu ‘overo me vuò bene, che tu mi ami davvero, nun avesse avuto chesti ppenzate…

Riccardo       Vulisse dicere ca io nun te voglio bbene, che io non ti amo?

Angela          No comme all’inizio… Si pienze ca ‘na femmena se sbaglia… Riccà, ci stanno juorne ca quanno tuorne ‘a casa nun me dice manco “bonasera”, mentre ‘na vota m’‘o ddicive pure ddoje, tre vvote ‘o juorno… Nun va, non mi ami comme a primma…

Riccardo       Vabbuò, comme dice tu… Sempe ‘e stessi storie. Facimmo sempe discussioni, e che vuò, tutte ‘sti chiacchiere a me me fanno perdere tutte ‘e tenerezze, è normale, penso, no? Qualunque manifestazione prevede un impegno nervoso e allora, visto ca tenimmo ‘nu budget quotidiano ‘e nierve, si ‘o spennimmo pe’ ‘na cosa, nun ne tenimmo cchiù pe’ ‘o riesto… Tu me faje ‘na sfurriata… ‘o budget mio s’esaurisce e io m’arriposo.

Angela          Aggio ‘a penzà ca so cchiù ricca ‘e te allora?

Riccardo       Po’ essere! Ma io songo comme a ‘nu signore ca po’ spennere sulo vint’euro ‘o juorno, perciò si dint’‘a jurnata s’accatta vint’euro ‘e sfizi, avrà voglio di fare altro, ma nun tene manco ‘nu centesimo pe se pagà ‘a cena…

Angela          Po’ sempe jì a cenà a ‘n’ata parte… (Allusiva) dint’a ‘n’ata casa… da un’altra cuoca…

Riccardo       Ah, certamente…

Angela          (Battendo i piedi mentre piagnucola come una bambina) Io nun voglio ca tu vaje a cenà a ‘n’ata parte… tu hè cenà cu’ mme, me capisce? Sulo cu’ mme, hè capito?

Riccardo       Ma io nun vulevo dicere chesto…

Angela          (Alzandosi) Tu hè cenà cu’ mme! Io tengo tante pappe buone… si nun s’‘e mangia nisciuno vanno a male, marciscono… ‘e vuò vedè? ‘E vuò assaggià?

Riccardo       E comme, no? Sulo ca t’he’ organizzà buono pe’ nun me fa perdere l’appetito…

Angela          Comme vuò tu… Allora… Ti bacio…

Riccardo       Sì, baciami… e nun accummenciammo ‘n’ata vota!

Angela          Promesso! (Si dirige verso sinistra)

Riccardo       (A parte) Vuje ve credite ca chesto ‘a cagna? Manco pe’ ‘a capa… (Vedendo Sofia che entra a destra) Che c’è Sofia?

SCENA QUARTA

(SOFIA e detti)

Sofia              Niente signò…

Riccardo       (Alzandosi e andando a destra) Ah, vabbè…

Angela          Che vuoi Sofia?

Sofia              È ‘na lettera p’‘o signor Riccardo…

Angela          A, bene, e dancella.

Sofia              Signò, ma vuje primma aviveve ditto…

Angela          (Senza farla finire) E ho cambiato idea! (Via a sinistra)

Riccardo       Insomma Sofia, si può sapere che c’è?

Sofia              È… è ‘na lettera pe’ vuje, signò…

Riccardo       (Prendendo la lettera, preoccupato) Per me?... ‘Na lettera pe’ mme?!... (Leggendo) “Azioni telecomunicazioni in ribasso…” Ah, nun è niente! Mamma mia, m’aggio miso ‘na paura… (A Sofia) Ma dimme ‘na cosa, comm’è ca tu daje a muglierema ‘e llettere ca arrivano pe’ mme?

Sofia              Eh… Il fatto è, signore, che… comme ve l’aggi’‘a dicere… aggio prummiso ‘a signora…. ‘A signora m’ha urdinato…

Riccardo       Ah, perfetto! E forse t’ha dato pure ‘na cosa ‘e solde pe’ ffà chesto!

Sofia              Ah, vuje ‘o ssapite?

Riccardo       Io saccio tutte cose… E quanto t’ha dato ‘a signora?

Sofia              Beh… venti mila lire, signò…

Sofia              E nun te miette scuorno? Dint’a qua’ casa s’è maje visto ca ‘na domestica se piglia solde pe’… Mah! Comunque è vergognoso!... (Dandole delle banconote) Toh, ccà ce stanno cinquanta mila lire…

Sofia              Grazie! Ma… ch’aggi’a ‘a fa?

Riccardo       Piglia ‘e vint’euro e dancelle ‘n’ata vota a muglierema, e ‘a prossima vota me date tutte cose a me, possibilmente quando nun ce sta ‘a signora…

Sofia              Ah, certamente signò!

Riccardo       Vabbuò, mò vattenne…

Sofia              Subito signò!. (Fa per andarseme, poi ritorna sui suoi passi) Si ‘o signore vulesse arrivà a centomila lire, ve dongo pure ‘e llettere d’‘a signora…

Riccardo       Che cosa? Tu vulisse…? (Suonano alla porta) Và, arape ‘a porta ca è meglio…

Sofia              Subito, signò! (Va verso la porta in fondo)

Riccardo       Si è pe’ mme fallo aspettà, aggio ‘a scrivere ‘na lettera. Jammo Sofì, nun te ‘ncantà… (Sofia esce) Menu male ca aggio scoperto ‘o complotto a tempo a tempo… Nun voglia maje o Cielo ca muglierema acchiappa quacche lettera p’‘e mmane… Meglio accussì, stavota ce vuleva ‘sta botta ‘e furtuna!


SCENA QUINTA

(SOFIA, TOMMASO e detti)

Sofia              Entrate, prego…

Tommaso       Mamma mia e comme stongo emozionato!.. È proprio ‘overo: t’accuorge ca na perzona nun ce sta sulo quanno staje luntano ‘a essa!!... (A Sofia) Andate ad avvisare la vostra signora.

Sofia              E chi dovrebbi annunciare alla signora mia?

Tommaso       Tommaso Tommella. (Passando a destra) Anzi no, ditegli “Un amico venuto dal Brasile”

Sofia              Da ‘o Brasile… E sta luntano assaje ‘stu Brasile?

Tommaso       Nientedimeno? Sta proprio a chell’ata parte d’‘o munno!

Sofia              E io l’avevo penzato…

Tommaso       Non c’è più Raffaele Rubini, è vero?

Sofia              Eh no, ormai songo due anni!

Tommaso       E già, due anni, povero amico mio! Si dice che il tempo cancella i desideri… Nun è overo: povero amico mio, so’ passate duje anne e io ‘o sto chiagnenno ancora!

Sofia              Forse l’avite saputo ‘a poco tiempo?

Tommaso       Manco ‘nu quarto d’ora fa. Appena so’ sceso dal treno sono andato alla vecchia casa dei Rubini al Corso Garibaldi, vicino alla Stazione Centrale, e là mi hanno informato della perdita del caro Raffaele… un caro amico che amavo comme a ‘nu frate… Così aggio chiesto l’indirizzo d’‘a vedova e so’ arrivato. È stata proprio ‘na mazzata per me!

Sofia              (Con un sospiro di compiacimento) Ah!...

Tommaso       E qui, adesso?

Sofia              Qui? Beh, ci siamo abituati…

Tommaso       (Guardando il ritratto) ‘Oilloco oì, il vecchio Raffaele, proprio comme me l’arricurda-vo… È isso, proprio isso… forse cchiù bellillo, ma è isso!

Sofia              Vaco a chiammà ‘a signora…

Tommaso       Sì, grazie… (Sofia via a sinistra)

SCENA SESTA

(TOMMASO, poi ANGELA)

Tommaso       (Al ritratto) Povero amico mio… Finalmente mò me pozzo ‘nzurà cu’ mugliereta! Mò pozzo piglià ‘o posto tujo senza ‘e te fa nisciuno tuorto… ‘A verità, fosse stato meglio quando tu stive ancora ccà… ma me vulette alluntanà invece ‘e me esporre alla tentazione ‘e tradì ‘n amico ca pe’ mme era comme a ‘nu frate… Pecché te vulevo ‘nu bene ‘e pazze… m’avive fatto ‘nu favore ca nun me pozzo scurdà cchiù… Me stevo spusanno, ‘na femmena affascinante e ammaliante ca me offrette essa stessa ‘a mana soja… M’‘a stevo spusanno, ma tu sì venuto addu me e me diciste: “Nun t’‘a spusà, sento ca taje facenno ‘na fesseria enorme, te ne pentirai amaramente!” Io nun m’‘a spusaje e doppo tre mise essa parturette ‘na criatura… Non era per amore che mi offì la sua mano… Tu hè sempe saputo ca te fosse stato grato pe’ tutta ‘a vita pe’ ‘stu servizio ca m’avive reso, e ‘a tanno simmo state grandi amici. Me diciste: “Tutto chello ca è d’‘o mio è pure d’‘o tujo, ‘a fore ‘e muglierema!” (A parte) Pecché po’ aveva escludere proprio ‘a mugliera? All’amico del cuore non si nega niente… Bah! (Al ritratto) Mò allora t’‘o pozzo cunfessà: io m’annammuraje pazzamente ‘e mugliereta, tutto a ‘nu tratto, senza ‘e me n’addunà, senza sapè comme fuje… Era ‘nu juorno ‘e pioggia, ma faceva assaje cavero, essa teneva ‘nu bruco ca le cammenava ‘ncoppa ‘o cuollo; me dicette: “Tommà, famme ‘nu favore, lieveme ‘sta bestia!” M’ avvicinaje tranquillo, senza penzà… ma il suo collo era là, cu’ chilli capille… ‘nu cuollo ca m’allummaje ll’uocchie… ‘nu cuollo ca me pareva chillo ‘e ‘na giraffa tanto ca era luongo e sottile… Nun capette niente cchiù e me scappaje ‘nu vaso… Nun me rendette conto… Sentette ‘a voce ‘e Angela comme dint’a ‘nu suonno ca me diceva: “Tommà, nun è bello chello ca stammo facenno!” Nun saccio pecchéP ma me mettette appaura e me ne fujette… ‘o core me sbatteva… Me pigliaje ‘n’aspirina p’ affruntà ‘a situazione e ‘o juorno appresso accettaje ‘o posto di console in Brasile, pecché ero un vero amico! Mi dicevo tra me e me: “Tu nun tiene ‘o diritto ‘e penzà ‘a mugliera fino a che isso sta llà!... Ma nun te disperà, Rafele fa sempe bagordi pericolosi, primma o poje ce lassa ‘a pelle… E allora tu può turnà e te può spusà ‘a mugliera senza rimorsi!... Nun t’arruobbe ‘o bene ‘e ‘n amico, semplicemente sarai un suo erede, raccoglierai la sua successione e chesto se fa dint’‘e famiglie cchiù aunite!”… Accussì aggio aspettate… tu nun ce staje cchiù… E io sto ccà!

Angela          (Entrando dalla prima a sinistra) E chi sarrà ca sta venenno d’‘o Brasile?

Tommaso       Angelì…

Angela          Tummà?!... Tu?... E che ce faje ccà, a Napule?

Tommaso       Angelì, nun può immagginà quanto sò felice ‘e te vedè… (Si avvicina e l’abbraccia forte) Mò finalmente ce putimmo abbraccià… Angela cara, t’aggio penzato sempe…

Angela          Ma tu, amico mio, che fine hè fatto?

Tommaso       Me ne jette in esilio, pecché t’amavo… perché ti amo sempre…

Angela          Shhh! Statte zitto!

Tommaso       Nun tenevo ‘o diritto ‘e t’‘o dicere… Ah, Angelina, quanto è piccola e dura la vita!

Angela          Ma che dici, pecché parle accussì?

Tommaso       Per quali prove s’ha da passà!... Oiccanne, il mio caro amico… (Guarda il ritratto) Povera donna!... Con quale culto conservi la sua immagine!

Angela          Chi, Rafele? Ah, benissimo, parliamone… Era proprio ‘nu bellu tipo!

Tommaso       Come sarebbe a dire?

Angela          Tu credive comme a me ca era ‘nu marito fedele, uno sposo modello?...

Tommaso       Certamente!

Angela          E invece no… Mi ha tradita… M’ha miso ‘e ccorne pe’ tutta ‘a vita! Siente a me, nun t’‘o chiagnere!...

Tommaso       Angela mia, chello ca me staje dicenno m’addolora ma nello stesso tempo me regne ‘e gioia…

Angela          Perché?

Tommaso       Pecché si ‘e ccose stanno accussì, pozzo stà sicuro ca ‘o ricordo sujo nun me farrà suffrì… Pecché si ‘nu juorno farai ‘nu paragone, sicuramente sarrà tutto a vantaggio mio!

Angela          Ma che stai dicenno? A che proposito?

Tommaso       Ma comme a che proposito? A proposito del fatto che non ci sono più ostacoli tra di noi… Che ti amo e ca te vengo a dicere: “Spusammoce!”

Angela          Ma chi, nuje? (Scoppiando a ridere) Ah! Ah! Ah! Povero caro amico mio…

Tommaso       Che c’è?

Angela          Sposarmi cu’ tte! C’è solo un piccolo problemino…

Tommaso       ‘O superammo!

Angela          Maritemo!

Tommaso       Che cosa?

Angela          Me sò spusata ‘n’ata vota, povero amico mio…

Tommaso       (Dopo una brevissima pausa) Nun è ‘overo… Me staje mettenno ‘a prova, è ‘ovè? Non mi avrai fatto questo?

Angela          L’aggio fatto.

Tommaso       Nun ce credo, nun credo manco a ‘na parola!

Angela          (Sentendo la voce di Riccardo a destra) E va bene. Addimannancello a isso stesso, sta trasenno ccà.

SCENA SETTIMA

(RICCARDO e detti)

Riccardo       (Entra dalla destra) Ah, ci sono ospiti? E chi c’è qui?

Tommaso       (Andandogli incontro meravigliato) Riccardo Ruffo!?

Riccardo       Tommaso Tommella! E che ci fai a Napoli?

Tommaso       (Ancora incantato) È Riccardo…

Riccardo       Ma che hai, Tommà?

Tommaso       Niente, niente… E comme staje? Staje buono ‘a chell’ata vota?

Riccardo       L’ata vota?!... ‘A chiamma l’ata vota!... Sò tre anni ca nun ce vedimmo!... A proposito, hè saputo ca me sò ‘nzurato? Lei è mia moglie, t’‘a presento…

Angela          Nun dà retta, nun è ‘o caso… Tommaso Tommella nun è ‘nu scunusciuto pe’ mme, già ce cunuscimmo ‘a diverso tiempo…

Riccardo       Ah, sotto… sotto il primo regime? ‘O primmo marito?...

Tommaso       Sì, all’epoca ‘e Raffaele… ‘Oilloco il povero amico mio… Chi l’avrebbe detto mai… Così pieno di vita… Ah! I miei buoni amici…

Vit. + Ang.     (In grande imbarazzo) Eh, sì…

Tommaso       Lui, accussì chieno ‘e salute, quando penso che… (In disparte) Nun stongo dint’all’e-lenco…

Riccardo       E sì turnato definitivamente a Napule? Nun tuorne cchiù in Brasile?

Tommaso       AH, no, no, me ne torno…

Riccardo       E pecché?

Tommaso       Quando sò arrivato aggio pruvato ‘na delusione accussì grossa che ‘a meglia cosa ca pozzo fà mò è chella ‘e me ne turnà… me ne torno add’‘e brasiliane, e mentre stongo cu’ lloro, penzo all’ammore mio… Forse me ‘nzoro cu’ ‘na brasiliana… so’ stupende… teneno ‘nu cuorpo… ‘nu culo e ddoje ziz… volevo dire un fondoschiena ed un petto quasi perfetto… e po’ sanno fà tutte cose… Me dispiace sulo ca io vulevo bene a ‘na napulitana ca però s’è scurdata ‘e me…

Riccardo       Oh, ma che dici mai? Delusioni… Che motivi sono?... Sarrà ‘n’infedele ca s’è scurdata ‘e te…

Tommaso       Ah, ma essa nun è stata mai niente pe’ mme…

Riccardo       E allora?! Niente è perduto! Aspetta, venarrà ‘o turno tujo… T’‘o prumetto!

Tommaso       Ma questo mica dipende da te?

Riccardo       E pure hai ragione… Peccato, sarebbe stato davvero facile!

Tommaso       Bravo, amico mio, bravo!

Angela          (A parte) Cierti vvote ‘e marite fanno cierti proposte ‘overo infelici…

Riccardo       Pe’ tramente, ce pigliammo nuje cura di te, addò stanno ‘e bagaglie tuoje?

Tommaso       I miai bagagli? Beh… all’Hotel Excelsior, dove alloggio…

Riccardo       Benissimo, ‘e manno a ppiglià e te sistieme ccà.

Ang. + Tom.   Che cosa?

Riccardo       Ce sta ‘nu padiglione sano sano tutto a tua disposizione dint’‘o giardino… ‘Na dependence, va’!

Tommaso       Ma nun te preoccupà, non soffrirò…

Riccardo       Lassa stà!

Angela          (A parte) Ma chisto allora ‘overo è pazzo a l’ospità? (Ad alta voce) Ma nun ce pienze ca nun è abitabile?

Riccardo       Ma nun te preoccupà, pe’ isso nun have imposranza… (A Tommaso) In verità ‘na cosa te l’aggia cunfessà: è chieno ‘e scarafaggi!)

Tommaso       Ah!

Riccardo       E pe’ cchesto ca nun riesco a l’affittà a nisciuno… Un estraneo ovviamente… Pecché a ‘n amico… è dovuto Pe’ tte è ‘a stessa cosa, no? Mica dei poveri scarrafoni napoletani impressionano ‘n ommo ca vene add’‘o Brasile!

Tommaso       Ah, lì in Breasile ‘e scarrafune so’ enormi…

Vit. AnA        Enormi!

Tommaso       Ce stanno pure cierti scarrafune luonghe assaje…..…»

Riccardo       Guarda guarda, convivono cu’ scarrafune enormi veramente… Pensa all’aragoste ca camminano dint’‘a stanza toja!!

Angela          Che schifo!

Riccardo       Vò dicere ca dint’‘a dependance te sentarraje circondato ‘a ‘sti bestielle…

Tommaso       Ma nossignore, t’assicuro ca è poca cosa…

Riccardo       Ma purtroppo nisciuno ‘a vò in affitto fino a che sta in questo stato… Jammuncenne, vaco a dà ordini… (Esce dal fondo)

SCENA OTTAVA

(TOMMASO e ANGELA)

Tommaso       ‘A verità, nun m’‘a sento d’accettà l’offerta ‘e Riccardo.

Angela          (Seduta suldivano a destra) Hai ragione, e pe’ favore nun l’accettà!

Tommaso       E pecché?

Angela          Pecché doppo tutto chello ca m’hè ditto poco fa, doppo ‘e confessione ca hè fatto cu’ meze parole annanze a maritemo… insomma doppo chello ca c’è stato tra me e te…

Tommaso       Ma ch’è succieso Angela? Niente, nun è succieso proprio niente! Sì, ‘nu vasillo, ‘na carezza… Ma nun è succieso niente ‘e serio.

Angela          E menu male ca nun è succieso niente, pe’ furtuna… Chello ca è fatto, è fatto! Nuje avimmo sulamente lassà correre, ma nun c’è stato niente d’importante, pecché simmo asciuti intatti tuttìe dduje ‘a ‘nu mumento ‘e debolezza… Sto parlanno ‘e chillu juorno ‘e pioggia, t’arricuorde?

Tommaso       È ‘overo, io perdette ‘a capa, nun saccio che me pigliaje! Spesso rimpiango ca me ne fujette… Cierti vvote è meglio a tenè ‘e sensi ‘e colpa,’e rimorsi, invece ‘e tenè ‘e rimpianti… Maledico la mia sfiga… la fuga… ‘a timidezza mia!

Angela          È chella proprio ‘sta timidezza m’ha salvata!

Tommaso       Quanti rimpianti!Ma mò ‘e ccose sò cagnate… Nun so cchiù l’amico del cuore del tuo nuovo marito…

Angela          È inutile ca continuammo a vivere uno vicino all’ata! ‘Stu cuntatto ogni juorno me putesse provocà ‘na costrizione, ‘n’esasperazione dei sentimenti mieje pe’ tte!

Tommaso       E così, visto ca te sì spusata a Riccardo invece d’aspettà a me, pur sapendo che ti amavo, mò me n’aggi’‘a jì ‘n’ata vota, m’aggi’‘aalluntanà, me ne vaco ‘n’ata vota in esilio! Non solo nun può essere d’‘a mia, ma mi è pure vietato ‘e te vedè?!

Angela          Ma è p’‘o bbene tujo… p’‘o bbene nuosto… dint’a ‘nu mumento ‘e debolezza…

Tommaso       E dillo ca è p’‘o bbene ‘e Riccardo! Ecco l’ommo per cui so costretto a me sacrificà… Ma insomma l’amavi tanto pe t’‘o spusà?

Angela          Non più di tanto!

Tommaso       (Sedendosi su una sedia vicino a lei) Ah, bene! E allora pecché?

Angela          Nun putevo rimmanè vedova… è ‘na posizione fallace… ‘nu periodo ‘e transizione… Riccardo me pareva ‘nnammurato ‘e me…

Tommaso       (Con un riso amaro) Ah!

Angela          A chesto po’ aggiungi il suo cognome: Ruffo!

Tommaso       Ah va bene… Si è pecché t’hè chiammà Ruffo…

Angela          È importante assaje… Primma Rubini, poi Ruffo…

Tommaso       E che vò dicere?

Angela          Teneno ‘a stessa iniziale!

Tommaso       Sarraggio scemo, ma nun capisco che ce azzecca!

Angela          Ma comme che ce azzecca? Nun aggio ‘a smarcà né ‘a biancheria, né ‘l’argenteria…

Tommaso       (Alzandosi) Allora chisto è ‘nu matrimonio ‘e convenienza?! Io cunuscevo ‘o matrimonio d’amore, chillo ‘e calcolo, ma chistu ccà nun ‘o sapevo propeto! Io pozzo pure capì ca una sposa a ‘n ommo pecché tene belli mustacce, pecché se sape vestì, pecché tene ‘nu bellu purtamento… Ma ca una se sposa pecché nun ha da smarcà ‘a biancheria e l’argenteria, agge pacienza, è il colmo!

Angela          E vabbuò, mò calmate però.

Tommaso       Ma io avesse pavato ‘a smarcatura, io! E pure ‘a rimarca tura cu’ ‘a T di Tommella al posto della R di Rubini!

Angela          E vabbè, ma oramai so’ spusata cu’ Riccardo, lo amo e tutto è a posto!

Tommaso       Ah, lo ami, e ‘o viene a dicere propeto a me?’Alla signora nun l’abbasta ‘a ferita ca m’ha fatto, ce ha da affunnà pure ll’ogne ‘a dinto!

Angela          (Alzandosi) Tommà, mò hè capito ca te n’hè ‘a jì?

Tommaso       Dimane matina.

Angela          Va bene, dimane matina.

Tommaso       ‘Nu viaggio ‘e chesta manera pe’ passà ‘na serata a Napule…

Angela          Cu’ Riccardo po’ hè truvà ‘na scusa pe’ giustificà ‘sta partenza anticipata… E mò addio, amico mio… addio pe’ sempe! (Si dirige verso la sua camera passando davanti a Tommaso)

Tommaso       Addio! (Chiamandola) Angiole’, almeno però m’hè prumettere ‘na cosa…

Angela          Dimme.

Tommaso       Nisciuno è eterno ‘ncoppa a ‘sta terra… Io e Riccardo putimmo sparì ‘a ‘nu juorno a ‘n ato…

Angela          Pe’ mò accummencia a sparì tu…

Tommaso       Nun pazzià, sto parlanno seriamente… Si casomaje ‘sta disgrazia avesse capità primma a mariteto, prometti ca me chiamme, ca me scrive subbeto, e me dice: “Vieni Tommà, sono libera!”

Angela          Zitto! Nun può ffà a meno ‘e parlà ‘e ‘sti ccose?

Tommaso       Sì, ma famme ‘sta prumessa…

Angela          Addio! (Esce in prima quinta a sinistra)

Tommaso       (Rimasto solo) Addio… Nun me dice manco, che ssaccio, arrivederci… statte bbuono… no, addio!... No, ma tene ragione, io me n’aggio ‘a turnà al più presto in Brasile… Me ne torno addo ‘e scarrafune mieje… Ccà nun tengo cchiù speranze, essa ama ‘o marito e gli sarà fedele, nei secoli, comme ‘e carabbiniere!

SCENA NONA

(RICCARDO e detto)

Riccardo       (Entrando dal fondo) E che d’è, muglierema se n’è gghiuta?

Tommaso       Sì, se n’è gghiuta proprio mò

Riccardo       Bene, tutto a posto, aggio fatto mettere a posto ‘a dependance!

Tommaso       Riccà, stamme a sentì, veramente nun è ccosa… Fammenne jì…

Riccardo       Ma comme, pensavo ca c’eramo intesi… Ah, nun sì proprio ‘nu compagnone tu!

Tommaso       No, ch’aggio ‘a fa?

Riccardo       Nun te preoccupà, me piglio io stesso l’impegno ‘e te rallegrà.

Tommaso       Nun dà retta, niente me po’ rallegrà…

Riccardo       Ma comme può dicere ‘sti ccose a Napule, la città dell’allegria… dell’ammore…

Tommaso       Napule nun ‘a pozzo cchiù suppurtà!

Riccardo       Ma insomma, nun songo ‘na cumpagnia allera?

Tommaso       Sì, ma…

Riccardo       E mia moglie nun è ‘na bella piccerella?

Tommaso       (Sbadatamente) Sì, ma nun ce sta niente ‘a fa…

Riccardo       Ma che stai dicenno?

Tommaso       (Riprendendosi) Cosa? Uh, scusa, vulevo dicere ca nun ce sta cchiù niente ‘a fa pe’ mme a Napule! (In disparte) Mannaggia ‘a marina, m’ero scurdato ca isso è ‘o marito… (Ad alta voce, prendendo dalla tavola bastone e cappello) Riccà, ti dico ca me n’aggio ‘a jì, ecco! Voglio turnà in Brasile!

Riccardo       (Prendendogli il bastone ed il cappello) Ah, al diavolo, ma che sta succedendo? Mò me staje sfasteriacnno! Tu restarraje ccà! Che cacchio, nun se po’ essere accussì strunze pe’ ‘na femmena!... (Va a rimettere tutto a posto vicino alla finestra) Nun è chesta ‘a manera pe’ raggiungere ’o scopo tujo… Invece ‘e te disperà, passa all’attacco, forza! Essa nun te vene a cercà dint’a ‘n angolino!

Tommaso       Chella nun me vene a cercà e basta!

Riccardo       Siente ‘na cosa: tu nun capisce niente ‘e femmene, me vuò dà ‘a procura?... Ma sulo pe’ te fa vedè!... Te faccio abbedè comme porto annanze ‘na campagna: m’ammocco cu’ ‘a signora, ‘a studio, ‘a tasto…

Tommaso       (Con superba indignazione) No, nun me dicere che la tasti!

Riccardo       Tasto il terreno, no a essa, ch’hè capito?!... Trovo ‘o difetto della corazza e ‘nce ‘a levo dint’a ‘nu batter d’occhio!

Tommaso       Ma statte zitto!

Riccardo       Nun me dicere ca nun te fide ‘e me?! Ma che, tiene appaura ca te soffio la tua Dulcinea?

Tommaso       Ma nun è chesto…

Riccardo       Te pozzo garantì ca ‘sti ccose nun ‘e ffaccio! Sì, è ‘overo, sei anne fa t’aggio sostituito al fianco di Mariolina Di Meo, ma chella è ‘na ciaciona… ‘na simpaticona tutto pepe…

Tommaso       Ah, m’hè soppiantato tu?

Riccardo       Ma pecché, nun ‘o ssapive?

Tommaso       Nun me l’hè ditto maje!

Riccardo       Ah, io me penzavo ca ‘o ssapive…

Tommaso       Ma chesta è stata ‘na cattiveria bella e bbona!

Riccardo       Ma che te ne fotte? Nun staje cchiù cu’ essa, no?

Tommaso       Siente a chisto! ‘Sta cunfessione nun m’è piaciuta propeto! Che me dicisse si doppo ca t’hanno fatto vevere ‘nu bellu bicchiere te dicessero: “Beh, mò v’‘o pozzo cunfessà: ‘o cammarere ‘nce aveva sputato dinto!” Si pure te l’hè vevuto tutto quanto, sarrà disgustoso…

Riccardo       Beh, ti ringrazio del confronto!

Tommaso       Ma è ‘n esempio… (In disparte) Allora tu m’invadevi il campo? E va bene, si me riesce, te faccio vedè io…

Riccardo       Allora che me dici, ‘sta procura m’‘a daje o no?

Tommaso       Ma sì pazzo? Innanzitutto sì ammugliato, e quando si è ammogliati ci si occupa del proprio menage e di nient’altro…

Riccardo       Che ce azzecca?! Napoleone dettava a due segretari per volta…

Tommaso       Sì, ma tu nun sì Napoleone! E po’ Angela nun è gelosa?

Riccardo       Nun è gelosa? Chella è stata essa ca ha inventato’a gelusia! Sì, è carina, è gentile, ma cierti vvote me rende ‘a vita ‘n inferno! Me sta sempre areto areto, me cuntrolla ogne passo ca faccio…

Tommaso       Ma allora tu nun sì felice?

Riccardo       ‘A verità, non sempre…

Tommaso       (In disparte) Nun è felice… È ‘overo, ‘a sfurtuna ‘e ‘n ommo fa ‘a furtuna ‘e ‘n ato ommo…

Riccardo       E dire ca ‘na vota teneva assaje fiducia… S’ammuccava tutte cose… Comunque, visto ca tu ire tanto amico te l’aggio ‘a dicere: Raffaele l’abbuffava ‘e corna!

Tommaso       Sì, spesso.

Riccardo       Dio solo ‘o ssape quanta corna ‘nce a miso… Chillu strunzo ‘e Raffaele, pace all’a-nima soja…

Tommaso       No Riccà, nun ‘o chiammà accussì ca me piglio collera! Io ‘o vulevo bene comme a ‘nu frate…

Riccardo       E va bene, invece ‘e dicere “Chillu strunzo”, dico “Frateto”, va bene?

Tommaso       Va bene.

Riccardo       È bastato ca frateto lasciasse ‘mmiezo ‘e ccarte soje ‘n elenco ‘e tutte ‘e trucchetti ca ausava pe’ tradì Angela.

Tommaso       E allora?

Riccardo       E allora ‘stu fatto ha fatto arapì ll’uocchie ad Angela sul conto di Raffaele e di tutti i mariti in genere! E chello ca è terribile è ca si venesse a scuprì quaccheccosa, io ‘a saccio buono, è vendicativa, nun m’‘o perdunasse maje!

Tommaso       (In disparte) Senti senti, interessante…

Riccardo       Fosse capace ‘e m’infliggere la pena del taglione!

Tommaso       (In disparte ridendo sotto i baffi) M’ha ditto tutte ‘sti ccose , proprio a mme… (A Riccardo) Sì, nun ‘a può ‘ngannà…

Riccardo       Ah, ma io mica ‘o vogflio fà? Nun tengo nisciuna intenzione… Però m’aggio ‘a cautelà, aggio ‘a piglià precauzioni… Vedi, proprio mò, dint’a ‘stu periodo, tengo ‘nu piccolo rumanzo in corso… ‘na piccola avventura, cosa ‘e niente, justo pe’ passà ‘o tiempo… pe’ parlà ‘nu poco, jamme… Toommà, ‘a vita è breve, nun ce avimmo creà possibili rimpianti…

Tommaso       (In disparte) Benissimo!

Riccardo       ‘A mugliera ‘e ‘nu commerciante ‘e vini e liquori… ‘Na bruna meravigliosa, ‘na maggiorata! Si ‘a vedisse… formosa e burrosa… muzzarelle, pruvulune, frutta fresca… Insomma Tommà, è proprio ‘na tentazione!

Tommaso       E comme faje a fà fessa a mugliereta, visto ca canosce tutte ‘e trucche?

Riccardo       In pratica… Eludo la sua sorveglianza!

Tommaso       Nun aggio capito.

Riccardo       Me fusse meravigliato d’‘o ccuntrario… Comunque, tengo ‘nu sistema infallibile ca Rafele nun tene scritto dint’a chillu libretiello, nun ‘o canusceva, e perciò nun ‘o canosce manco Angela. Raffaele ausava trucchi da dilettanti… ‘O sistema mio è scientifico!

Tommaso       Spiegati meglio, ‘e che se tratta?

Riccardo       Siente a me, invece ‘e t’‘o spiegà, è meglio ca tu vide ‘e perzona comme funziona, o putarraje capì meglio.

Tommaso       E comme facimmo?

Riccardo       Te faccio abbedè alla mia prossima esperienza.

Tommaso       Con piacere.

Riccardo       Ma pe’ ffà chesto, tu hè ‘a rimmanè, nun può turnà subbeto in Brasile…

Tommaso       D’accordo!

Riccardo       Ah, menu male, era ora! Sò cuntento assaje!

Tommaso       (In disparte) Ah, mò è sicuro ca rimango ccà! Io resto e Angela nun me putarrà dicere niente, è ‘o marito ca m’ausa violenza…

SCENA DECIMA

(SOFIA e detti)

Sofia              (Entrando dal fondo) La dependance è pronta!

Riccardo       (A Tommaso) Ah, bene, è pronta, ‘a vuò vedè?

Tommaso       Certamente, accussì me faccio pure ‘na doccia.

Riccardo       Sofia, accompagna l’amico mio.

Sofia              Subito signore. (Presentando una lettera a Riccardo) Chesta mò mò è arrivata dal circolo, l’ha purtata ‘nu fattorino.

Riccardo       Grazie.

Sofia              Avite visto? ‘A sto cunsignando a vuje propeto medesimo!

Riccardo       E a chi ‘a vulive cunzignà, a Pinco?

Sofia              (A Tommaso) Se il signore vuole seguirmi…

Tommaso       Certo. (A Riccardo) Ce vedimmo adoppo…

Riccardo       Sì. (Sofia e Tommaso via dal fondo. Riccardo, rimasto solo, apre la lettera) Vedimmo chi è… Teresa Saponetta! Uh mamma mia, e si ‘sta lettera jeva a fernì dint’‘e mmane ‘e muglierema ccà succedeva Casamicciola! Nun ce sta niente ‘a fà: stiamo sempre sui bordi dei precipizi della nostra vita… (Leggendo) “Bambolotto…” (Sorridendo) Bambolotto fusse io… “Bambolotto, mio marito è stato chiamato all’improvviso in Puglia per dell’uva appena scaricata, perciò stasera sono libera, ho dato anche la libertà ai domestici. Ti aspetto alle nove.” (Guardando l’orologio) Songo già ll’otto e meza, nun tengo tiempo ‘a perdere… (Vede Angela che entra) Muglierema! Justo mò… (Allontana la poltrona dalla tavola) Faccio a tiempo a tiempo a ricorrere agli estremi rimedi…

SCENA UNDICESIMA

(ANGELA e detto)

Angela          (Uscendo dalla sua camera con un cesto per il cucito che posa sul tavolo) Tommaso se n’è andato?

Riccardo       Sì, se n’è ghiuto dint’‘a dependance a se sistemà… Ma tu nun me guarde, staje ancora incazzata cu’ mme?

Angela          Io? Noo, ‘o ssaccio buono ca nun me tradisce…

Riccardo       E allora guardame dint’all’uocchie! Accussì, mani nelle mani… (Le prende le mani) Tengo ‘a faccia ‘e ‘nu marito ca te mette ‘e ccorne? Te guardasse accussì si te vulisse ‘ngannà? Allora non vuoi che io ti ami?

Angela          (Con gli occhi che diventano fissi per l’effetto della suggestione ipnotica e ricadendo sulla poltrona) È vero?... Tu mi ami?...

Riccardo       Ma sì, anche io ti amo… (Le prende le mani, le accarezza, le bacia, poi) Le tue mani sono belle…calde… molto calde… si stanno riscaldando sempre di più… il tuo corpo si riscalda… tu ti stai addormentando… devi dormire… dormi… dormi… te lo ordino… ti sveglierai solo quando te lo dirò io…solo quando te lo dirò io… (Vedendo Angela addormentata) Ecco fatto! (Con enfasi verso il pubblico, mostrando Angela) Il meraviglioso sistema Ruffo! (Rivolgendosi al ritratto) ‘Stu sistema nun ‘o tiene dint’‘a collezzione, don Raffaè!

SCENA DODICESIMA

(TOMMASO e detti)

Tommaso       (Entrando dal fondo) Ah, caro Riccardo, mi sa che starò ‘overamente bbuono llà bbascio…

Riccardo       Songo assaje cuntento. (Andando a prendere il cappello sul mobile a destra) Io esco, viene cu’ mme?

Tommaso       (Vedendo Angela addormentata) Ma mugliereta s’è addurmuta?

Riccardo       Shh, statte zitto, parla a voce bassa…

Tommaso       Ma che l’è succieso? ‘A veco strana…

Riccardo       Caro amico mio… È il sistema Ruffo!

Tommaso       E sarebbe?

Riccardo       Essa mò dorme pe’ tutto ‘o tiempo ca io stongo fore, e quando stasera torno se scetarrà comme si nun fosse succieso niente. (Va a chiudere la porta di destra a doppia mandata, poi quella di sinistra)

Tommaso       (In disparte) All’anema d’‘o fetente! (Vedendo le manovre di Riccardo) Ma che stai facenno?

Riccardo       Aggio ‘a chiudere, o si no ‘e domestici me putessero rompere ll’ove dint’‘o panaro… Mò acalo pure ‘a luce pe’ nun fa vedè niente ‘a fore. (Abbassa la lampada, si vede il magnifico chiarore della luna) Jammuncenne… Viene!

Tommaso       Eccomi, eccomi… (Vedendo Riccardo che lo aspetta sul ciglio della porta) Pure chesta he’ ‘a chiudere comme all’ate?

Riccardo       Chesta pure meglio!

Tommaso       (In disparte) Mannaggia! Ah, ecco… (Corre alla finestra)

Riccardo       Ma addò vaje?

Tommaso       Vaco a piglià ‘o bastone ca he’ lassato lloco… (Prende il suo bastone e allo stesso tempo fa girare la maniglia della finestra che è aperta)

Riccardo       Allora, te spicce?

Tommaso       Eccomi! (Al pubblico) Alla fine è ‘n amico, mica ‘o voglio bene comme a nu frate! (Escono. La porta in fondo si richiude, si sente il rumore del doppio giro di chiave nella serratura)

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO (o breve dissolvenza di luce)

La stessa scena del primo atto.

All’aprirsi del sipario, Angela, sempre addormentata, è nella stessa posizione in cui l’abbiamo lasciata alla fine del primo atto. La lampada è sempre abbassata.

All’improvviso dalla finestra illuminata dal chiaro di luna, si vede delinearsi una sagoma ed appare Gustavo.

SCENA PRIMA

(ANGELA e GUSTAVO, poi TOMMASO)

Gustavo        (Apre la finestra a due battenti e si poggia da fuori sulla balaustra) Sofia nun s’è scurdata, ha lassato ‘a fenesta meza araputa… Se sape, quanno se tratta d’ammore, ‘na femmena nun se scorda maje niente! Mò avimmo sulo scavalcà, jammo belle… (Scavalca la balaustra e s’impiglia) Ma che d’è? S’è strappata quaccheccosa… M’aggio impigliato a quacche parte… E va buò, si ce sta ‘nu strappo ce facimmo ‘na bella cusetura e ‘o sistemammo… ‘A faccia mia, ma ccà è buio nero, nun se vede ‘o riesto ‘e niente… Eppure ‘a lampada nun è tutta stutata… (Si dirige verso la lampada senza vedere la poltrona dove dorme Angela e la urta) Ueh! (Tasta e la mano si posa sul volto di Angela) E che è ‘sta cosa? Aggio tuccato ‘na cosa cavera… Ah, sarrà ‘a cana ca s’è ‘nfizzata dint’‘o salotto… (Andandosene in punta di piedi) Menu male ca nun m’ha muzzecato… (Esce a destra in prima quinta. La scena resta vuota un attimo, poi si scorge Tommaso che si presenta con la sua sagoma alla finestra)

Tommaso       E comm’è ca ‘a fenesta sta spalancata ‘e chesta manera? Io l’’avevo lassata appena socchiusa!? Bah, forse sarrà stata ‘na ventecata. In tutti i modi, chello ca è stato è stato, mò nun tengo tiempo ‘a perdere. (Scavalca la finestra) Mammina mia e comme me sbatte ‘o core! Jammo Tommà, anema e curaggio, staje annanze all’ammore d’‘a vita toja… (Suonano le nove) E comme me sento emozionato, me pare d’essere Romeo… (Alza l’intensità della lampada e ritornando a centro scena tra la poltrona e il tavolo si ferma a contemplare Angela) Si me vedesse Riccardo m’accedesse, pecché le sto cumbinando ‘nu brutto servizio: isso m’ospita dint’‘a casa soja e io lle porto via ‘a mugliera… Ma che me ne fotte! No, no, nun ce sta amico che tenga! (Appoggia la lampada sul tavolo) Si pure turnasse Riccardo, ‘nce ‘o ddico faccia a faccia: “Vulevo a mugliereta!” (Cade ai piedi di Angela) Oh, Angela… angiulillo mio!... Nun me ne caccià… (Tra sé) Quanto sò strunzo! Comme me sente si sta durmenno?! (Chiamando) Angela… Angela… (La scuote leggermente, poi un po’ più forte) Comme ce ‘a faccio ‘na dichiarazione si nun se sceta?! Angela… Angela… Mannaggia ‘a capa d’‘o ciuccio, dorme comme a ‘nu ghiro! Nun se scetarrasse manco cu’ ‘nu colpo ‘e rivultella… Ma io sò strunzo ddoje vote: Riccardo me l’ha ditto comme ‘a sceta! ‘Nce aggio ‘a piglià ‘a mana, l’accarezzo, ‘a vaso e chella se sceta senza né vedè né cunoscere. Ecco il sistema: (Soffia sulla fronte di Angela) fff… Angela… fff… Scetate… scetate chianu chianu…

Angela          Dove sono? Oh Dio mio, stevo durmenno ‘n’ata vota?

Tommaso       (Ai suoi piedi) Angela… Angelo mio!

Angela          (Respingendolo) Ah sì tu? E che ce faje ccà?

Tommaso       Songh’io, sì, songh’io… Sarraggio pure colpevole ma nun me ne fotte cchiù ‘e niente ‘e de nisciuno, io te l’aggia dicere: te voglio bbene… ti amo… ti amo!

Angela          (Alzandosi) Ma sì asciuto pazzo? E maritemo addò sta? (Si sposta a sinistra)

Tommaso       Calmati Angela, ‘o Cielo ce prutegge: mariteto nun ce sta.

Angela          Nun ce sta? E addò è gghiuto?

Tommaso       Addo ‘o tabaccaro, ll’erano fernute ‘e sigari…

Angela          P’ammore ‘e Ddio, allora susete ‘a ccà: po’ arrivà ‘a ‘nu mumento a ‘n ato! ‘O tabbaccaro sta ‘o puntone ‘o vico…

Tommaso       No, no, statte serena, tenimmo tutto ‘o tiempo ca vulimmo, pecché mariteto è ghiuto addò ‘o tabaccaro al centro, pecché chistu ccà nun tene ‘e sigari ca ce piaceno a isso… Angiolè, te scongiuro… Stamme a sentì: è meglio a tené rimorsi ca rimpianti… Amiamoci!

Angela          Tu staje fore cu’ ‘a capa!

Tommaso       Sì, probabilmente sarrà accussì, ma io ti amo e pure tu mi ami!

Angela          Ma chi te l’ha ditto? Io non ti amo per niente… Pe’ mme sarebbe soltanto piacere…

Tommaso       Azzò, hè ditto niente?! Molto piacere… Assai piacere… Ma pe’ mme va buono pure accussì, Angela! (La prende tra le braccia) M’abbasta pure sulo ‘o piacere…

Angela          (Liberandosi e andando a sinistra) Lassame stà Tommà, nun voglio… Nun sta bene chello ca staje facenno!

Tommaso       Nun sarrà buono ma è umano! (La prende di nuovo tra le braccia)

Angela          Lassame stà, ma quanti mmane tiene? Ma che sì, ‘nu purpo?... Nun te pare ‘nu comportamento ‘a vigliacco?

Tommaso       Sì, hai ragione, e ce aggio penzato no una ma diece, ciento, mille vote…

Angela          E allora?

Tommaso       Alla millesima me ce songo abituato!

Angela          Nun m’hè ‘a dicere ‘sti ccose… Tu m’avive prummiso ca te ne turnave in Brasile!

Tommaso       Turnà ‘o Brasile? Manco pe’ tutto l’oro d’‘o munno! Si può essere imbecilli ‘na vota sola. Io me ne jette in Brasile pecché Raffaele pe’ mme era ‘nu frate, più ca ‘n amico… Ma chesto nun vò dicere ca me n’aggio jì pe’ tutte ‘e successori suoje…

Angela          Ah…

Tommaso       Fuje ‘nu bell’affare già all’epoca! E sì, pecché io nun ce stevo e quacchedun’atoha pigliato ‘o posto ‘e Rafele… So turnato e t’aggio truvata ‘nzurata… e nun parlammo d’‘a biancheria… (Angela mimica a smorfie) Tu ‘o ssapive ca te vulevo bbene, m’avive aspettà… Riccardo s’ha pigliato ‘o bene mio…

Angela          Tommà…

Tommaso       (Battendo i piedi per terra come un bambino) Io voglio ‘n’ata vota ‘o bene mio! Io nun ‘o ssaccio si ‘o diritto e ‘a legge m’assolvono o me cundannano… Me ne fotto! Io saccio sulamente ca sò stato danneggiato, spugliato e me voglio piglià ‘n’ata vota chello ca era d’‘o mmio, nun me passa manco pe’‘a capa si aggio ‘a siglà ‘n’ata vota ‘a biancheria e l’argenteria! Oh! (L’abbraccia)

Angela          Tommà… ti supplico… (Si libera)

Tommaso       Io te voglio bbene… Io ti amo, comme te l’aggio ‘a dicere? Da ‘stu core m’esce ‘nu canto d’ammore… me sento ‘nu poeta…

Angela          Ma che staje dicenno?

Tommaso       Sì, me sento ‘nu poeta: “Amor che nullo amato amar perdona”  no mi sembra che già è stata scritta….”Amor che nella mente mi ragiona” …ma pure questa è stata scritta…Amor che al cor gentile …ma tutte le hanno scritte…«Amo te sola, te sola amai / Tu fosti la prima, tu pur sarai / L’ultima donna che adorerò!» questa mi sembra nuova…

Angela          Ma chisto è Metastasio camuffato!

Tommaso       Se sente ‘o camuffo, eh?... E va bene, chi lo nega?! Angela, dimmi che mi ami: facesse qualunque cosa, sò disposto a tutto!

Angela          A tutto tutto, sicuro?

Tommaso       A qualunque cosa!

Angela          Tuornatenne ‘o Brasile!

Tommaso       Mai! A mille miglia da te aspettanno ‘o turno? Speranno ca mariteto jetta ‘o sango? No, meglio a te piglià subbeto e ca isso campa!

Angela          Oh, Tom…

Tommaso       E po’ nun ce scurdammo ca nisciuno po’ sapè quanto campa ‘nu marito…

Angela          Oh, povero Riccardino mio…

Tommaso       Vabbuò, ma nun è ‘o caso ‘e se commuovere accussì: ce facimmo tutti e tre ‘na vita nova, tutti e tre assieme… Cu’ tutte ‘e cummudità, sia chiaro… Es sì, pecché isso nun ha da suffrì puveriello: ‘o tradimmo tutt’e dduje ma ci ameremo in tre!

Angela          Ma tu ‘overo t’hè ‘a ricoverà Tommà!

Tommaso       Embè, io nun arrivo a capì tutte ‘sti scrupole ca te faje, quando tutte ‘e ffemmene cchiù oneste sò fatte accussì ‘a che munno è munno.

Angela          Tommà ma che stai dicenno? Ma te siente quanno parle, o no?

Tommaso       Ma certamente… E po’ pure dint’‘e storie sacre ce stanno tanti ‘e ‘st’esempi…

Angela          ‘E storie sacre?... E famme ‘n esempio allora…

Tommaso       Marte e Venere, proprio sotto ‘o vulcano!

Angela          E chesta fosse ‘a storia sacra?

Tommaso       Stammo perdenno ‘o tiempo, Angiolè! (Scrutandola) Io nun ce ‘a faccio cchiù!

Angela          Vide d’‘a fernì o me metto a alluccà! (Va alla porta di fondo) Mannaggia, è chiusa… (Va alla porta di destra) Pure chesta è… nun ce sta ‘a chiave! Che vò dicere chesto, Tommà? Arape immediatamente!

Tommaso       Io nun ‘a tengo ‘a chiave, ha chiuso tutte cose mariteto!

Angela          Maritemo, e pecché?

Tommaso       Ah, chesto nun ‘o ssaccio.

Angela          Allora me n’aggio ascì p’‘a fenesta…

Tommaso       (Mettendosi tra lei e la finestra) Angela, nun fa fesserie, p’ammore ‘e Ddio!

Angela          E invece io ‘a faccio! (Tommaso l’afferra tra le braccia) Ma pecché Riccardo nun torna?!

Tommaso       Angela… Angelo mio… (Squillo di campanello) E chi sarrà? (Altro squillo)

Angela          Due squilli… È maritemo!

Tommaso       (In disparte andando verso sinistra) ‘O marito? Accussì ampressa?

Angela          Che c’è Tom?

Tommaso       (Sedendo sulla poltrona) Chesto nun ce vuleva!

Angela          (Alla finestra) Ma che sta facenno Riccardo, nun vò ca trase quaccheduno?

Tommaso       (Si alza e cammina agitato) Nun ce vuleva… Nun ce vuleva… Si ‘a vede scetata capirà tutte cose! L’aggia fa addurmì ‘n’ata vota! Angela… Angela… Viene ccà…

Angela          (Si avvicina) Che d’è?

Tommaso       (Prendendole le mani) Guardame fisso dint’all’uocchie!

Angela          E pecché? (Ridendo) Comme sì strano…

Tommaso       Nun sò strano, nun te distrarre e nun ridere… Guardame fisso dint’all’uocchie! Nun siente niente? Guardame dint’o bianco ‘e ll’uocchie…

Angela          Sì… Sì, sto sentenno quaccheccosa… Me pare comme ‘o prufumo d’‘o dopobarba!

Tommaso       Ma che ce azzecca ‘o dopobarba?! Io voglio dicere si te siente quaccheccosa dentro… dentro di te!

Angela          Ma ch’aggio ‘a sentere? (Ridendo) Nun sento ‘o riesto ‘e niente!

Tommaso       (Guardando a sinistra con disperazione, tra sé) Mannaggia ‘a marina, nun tengo ‘o fluido… Riccardo m’ha ditto comme se sceta, ma nun m’ha ditto comme se fa pe’ la fà addurmì… (Ad Angela) Angela, p’ammore ‘e Ddio, fai chello ca te dico, assettate ‘ncoppa ‘a pultrona. Quanno trase Riccardo faje abbedè ca duorme e nun te movere finoa quanno isso nun te vene a scetà.

Angela          Che vò dicere tutto chesto?

Tommaso       Po’ te spiego! Arricuordete: nun te movere, nun alluccà e nun parlà, te scongiuro! Putesseme passà ‘nu bruttu quarto d’ora! (Abbassa nuovamente la lampada)

Angela          Ma se po’ ssapè che staje cumbinanno?

Tommaso       (Tra sé) Aggio ricostruito ‘a scena e me ne fujo! (Ad Angela) Nun parlà, nun dicere niente… Arricuordete, manco ‘na parola… Duorme… Lo voglio! (Scavalca la finestra)

Angela          Chisto si nun è pazzo è scemo! (Voci dall’esterno) Maritemo! E nun sta isso sulo!... Mò faccio comme m’ha ditto Tommaso, è capace ca ce capisco quaccheccosa… (Finge di dormire)

SCENA SECONDA

(RICCARDO, SAVERIO e detta)

Riccardo       (Entra in tutta fretta con un cappello non suo e si chiude la porta alle spalle mentre dall’esterno qualcuno tenta di aprirla) Ma insomma, ‘a vulite fernì o no?

Saverio          (Dall’esterno) Ve faccio abbedè ca traso!

Riccardo       No, no e poi no! (Tiene la porta ferma)

Saverio          E invece sì! (Riesce ad aprire la porta) Ecco qua!

Riccardo       (Aumentando la luce) Angela sta durmenno ancora, pozzo stà cujeto! (A Saverio) Ma insomma se po’ ssapè che ghiate truvanno ‘a me? Io nun ve saccio!

Saverio          Va bene, va bene, nun alluccate però! E facite ascì primma ‘a figlia vosta…

Riccardo       Nun è figliema, è muglierema.

Saverio          Allora facite ascì ‘a mugliera vosta, chello ca v’aggio ‘a dicere ha da rimmanè tra me e vuje.

Riccardo       (Andando verso Saverio) Parlate senza problemi, muglierema sta durmenno, e quanno dorme nun ‘a scetano manco ‘e ccannunate!

Saverio          Si vulite accussì… Io me chiammo Saponetta… Saverio Saponetta

Riccardo       (In disparte) Ahi! Ahi! Ahi!

Angela          (In disparte) Saponetta?

Riccardo       E con ciò? (Si assicura che Angela dorme) ‘Stu nomme nun me dice niente…

Saverio          Ah sì? Allora mi spiego meglio: vuje site l’amante ‘e muglierema, o se preferite, io songo ‘o marito ‘e l’amante vosta… (Angela, non vista, si alza sulla poltrona come per aggredire Riccardo, poi si ferma e si rimette a sedere)

Riccardo       Ma chi, io?

Saverio          Sissignore, vuje!

Angela              (A parte) All’anema d’‘o fetente! (Si rimette a dormire)

Saverio          Poco fa vuje stiveve a casa mia cu’ muglierema! Appena so’ arrivato io vuje ve ne site fujuto, ma nun currite assaje e io v’aggio secutato fino a ccà.

Riccardo       (Dopo aver guardato Angela che finge ancora di dormire) Si ‘a mugliera vosta tene ‘n amante, chillo certo nun songh’io! Se vede ca dint’a l’inseguimento ve site perze ‘e ttracce…

Saverio          Ah sì? E allora spiegateme pecché vuje tenite ‘o cappiello mio e io ‘o vuosto!

Riccardo       E va bene, confesso: ero io ca stevo cu’ ‘a mugliera vosta.

Saverio          Ah, proprio chello ca vulevo sapè!

Angela          (Scatta e si siede in poltrona. Tra sé) L’aggio ‘a scannà cu’ chesti mmane!

Riccardo       E mò che vulite?

Saverio          Che voglio? Come che voglio? Vuje m’avite fatto fà ‘na figura ‘e niente!

Riccardo       Nun ve capisco…

Saverio          Stateme a sentì, io songo ‘nu commerciante ‘e vini e liquori, nun saccio manco comm’è fatta ‘na pistola… Ma si dicite a quaccheduno ca site l’amante ‘e muglierema, v’‘o giuro: v’accido!

Riccardo       E chesto è tutto?

Saverio          Sissignore, chesto è tutto! Io nun me voglio vendicà, pecché l’avesse ‘a fà? P’‘a suggità… pe’ chello ca me putarria dicere ‘a gente… Ma si nisciuno sape niente…

Riccardo       Me pare pure giusto.

Saverio          Nun ve scurdate allora: acqua in bocca! Tanto tra poco divorzierò e nisciuno saprà niente… Ve l’aggio ditto, songo ‘nu mercante ‘e liquore, nun sia mai Ddio se sapesse in giro… I miei affari andrebberi a rotoli e io perdarraggio ‘a reputazione.

Riccardo       ‘Overo? E pecché?

Saverio          Pecché ccà, a Napule, ‘nu commerciante curnuto dint’a pochi juorne perde tutte ‘e cliente… accummenciano a lo sfottere ed è finito, parlanno commercialmente.

Riccardo       Ma vuje ‘overo dicite?

Saverio          Pe’ cchesto avite ‘a tenè ‘a vocca cusuta!

Riccardo       Tenite ‘a parola mia (Con volto mendace) Vuje me site simpatico assaje, si l’avisse saputo m’avesse truvato ‘n’ata amante… Putite stà a penziero cujeto, nisciuno saprà niente ‘a me…

Saverio          Io v’aggio avvisato: si parlate v’accido… Po’ ce sta pure ‘n atu problema: muglierema nun fatica ma tene ‘na rendita ‘e tremila euro; si ‘e spese soje superano ‘a rendita, ve ne ‘ncarricate vuje, si no…

Riccardo       Nun ‘e supera, ve dongo ‘a parola mia, nun ‘e supera! Ma pure vuje nun avite dicere niente a nisciuno…

Saverio          (Si siede al tavolo e posa il cappello) Certamente, ve dongo pure io ‘a parola mia d’onore, è nell’interesse pure mio, no?

Riccardo       E pure nel mio: si muglierema venesse a ssapè…

Saverio          (Si versa da bere) Posso? È un buon limoncello… Quanto ve costa ‘na butteglia, si nun songo indiscreto… Sapete, sono nel campo…

Riccardo       Nessun problema, mi costa dieci mila lire a bottiglia, centesimo più, centesimo meno…

Saverio          È ‘nu pucurillo carestuso… Io per sei mila ve pozzo fa avè ‘nu limoncello pure migliore… ‘na delizia… ‘o limoncello ‘e Surriento. Si poi vulite ‘o limoncello d’Amal-fi, otto mila. Anzi, facimmo accussì: ve regalo ‘na butteglia e si ve piace me facite ‘n ordine. Po’ tengo pure ‘nu bellu nocillo fatto con le famose noci di Sorrento… le migliori di tutte!

Riccardo       E io ve ringrazio, è ‘n’ottima offerta… Nuje ne cunsumammo aprecchio, come digestivo e come aperitivo…

Saverio          Bene bene… (Guarda il ritratto) È ‘nu parente vuosto?

Riccardo       No, è ‘o primmo marito ‘e muglierema.

Saverio          Ah, puveriello… Vuje site stato ‘o sicondo… ‘A mugliera vosta già aveva provato le gioie dell’amore…

Riccardo       Io penzo ca vuje state peggio ‘e me, pecché io e vuje ce spartimmo ‘a stessa femmena…

Saverio          E no, mio signore, ccà ve sbagliate. Io tengo ‘n’amante ca nun tene manco ‘a mmità ‘e ll’anne mieje, e cu’ muglierema nun tengo cchiù rapporti… dicimmo intimi… Vuje site ‘o sicondo pure ccà… merce ausata… (Toccando Angela) Ma è ‘na femmena ‘overa? Tene ‘o suonno pesante… Ed è pure ‘na bella piccerella… Ve putesse pure dicere ca me spettasse ‘e ll’ausà quacche vota, ma p’‘o mumento nun v’‘o ddico…

Riccardo       Meglio accussì… Muglierema nun m’‘o permettesse mai… mi è fedele assaje… ‘A chesta parte, don Savè… (Lo accompagna oltre la porta finestra dalla quale era entrato)

SCENA TERZA

(ANGELA e RICCARDO)

Angela          (Alzandosi e percorrendo la scena a grandi passi) Grandissimo fetente ca nun sì ato! Nun saccio chi m’ha mantenuto, t’avesse avuto scannà ciento vote! Chesta era ‘a tabaccheria d’‘o centro, addò accattave e astipave ‘o sigaro fetente … Ommo ‘e niente… Ma me l’hè ‘a pavà… Mò te faccio vedè chi songh’io! (Si trova vicino al camino e vede rientrare il marito) Oiccanne, ‘l’ommo cu’ ‘o sigaro… ‘mmocca…

Riccardo       Che tipo curiuso… Si dicite ‘na parola sola v’accido… (Canta un ritornello) Quanno sponta ‘a luna a Marechiaro, tutte li pisce cagneno culore… Mò aggio scetà Angela… (La vede seduta e che si muove) Ah, staje scetata?

Angela          Sì carino… stongo scetata… Nun te l’aspettave, è ‘ovè?

Riccardo       (Stralunato) Eh… Sì… No… Ma comm’è ca staje scetata?... ‘A quantu tiempo?

Angela          (Andandogli incontro) Dimme ‘na cosa… ‘addò sì stato, grandissimo fetente?

Riccardo       Addò sò stato?... Tu vuò sapè addò sò stato?... Sò juto a accattà ‘e sigari addò…

Angela          Addò ‘a tabaccara… pe’ accattà ‘e sigari… (Prende una scatola di sigari dal mobile) L’hè purtate alla tabaccara… ‘e piccerille stanno ccà… te sì miso a fumà chilli gruosse?

Riccardo       Sì, infatti… aggio purtato ‘o sigaretto… ‘Na scatola ‘e sigare piccirille e l’aggio cagnata cu’ una cu’ ‘e sigare gruosse…

Angela          E addò stanno ‘sti sigare gruosse?

Riccardo       (Mette le mani in tasca) Nun ne tengo cchiù… ‘n aggio pigliate dduje e me l’aggio fumate… So’ addeventate cenere…

Angela          E si invece te dicesse ca nun tiene sigari pecché staje venenno d’‘a casa ‘e l’amante toja, Teresa Saponetta…

Riccardo       Teresa Saponetta?

Angela          Mò confessi?

Riccardo       Ma ch’aggio ‘a cunfessà?! Tu hè sunnato… Hè fatto ‘nu suonno e te pienze ca è stato ‘nu fatto ‘overo… (Avvicinandosi e cercando di ipnotizzarla con gli occhi e le mani) Tu confondi l’irreale con il reale… il sogno con la realtà… Senti come sono caldi i tuoi piedi… le tue gambe… e le tue mani… sono calde e pesanti… il calore richiede riposo… tu ora devi dormire… te lo ordino! (Angela fa finta di perdere i sensi e Riccardo la riporta sul divano) Ecco qua, aggio fatto ‘nu poco ‘e casino ma s’è addurmuta ‘o stesso… Staje durmenno? (Si avvicina al volto e non sente risposta) Ammo fatto pure chesto… Quando se scetarrà le dico ca ha fatto sulo ‘nu bruttu suonno…

Angela          (Gli prende la testa tra le mani e gli dà un morso su un orecchio) Confessa, o si no te stacco ‘a recchia e vaco dicenno tuorno tuorno ca tu si’ l’amante ‘e Teresa Saponetta, accussì ‘o marito t’accide!

Riccardo       Sissignore, confesso… È tutto ‘overo… lassame stà ‘a recchia però…

Angela          Ah, chesto vulevo sapè! (Va verso la porta a sinistra)

Riccardo       Addò vaje?

Angela          So fatte mie! (Esce)

Riccardo       (Rimasto solo) Mannaggia ‘a marina, che bellu guajo… Ma comm’è ca stava scetata? Nun s’è pututa scetà essa sola… Nun è succieso maje… Ma chi sarrà stato ca l’ha scetata?

SCENA QUARTA

(TOMMASO e detto)

Tommaso       (Sporgendo la testa dal fondo) Posso?

Riccardo       Trase, trase, amico mio…

Tommaso       (Tra sé) Amico mio? Allora nun sape e nun ha capito ‘o riesto ‘e niente… Sono salvo!

Riccardo       Si tu sapisse, Tommà… Muglierema è stata scetata mentre io nun ce stevo…

Tommaso       No!

Riccardo       Sì!

Tommaso       Ma nun è possibile!

Riccardo       E invece è accussì… Ma chi è stato? (Vede la finestra aperta) Ah, ‘a fenesta sta araputa… ‘o fetentone è trasuto p’‘a fenesta…

Tommaso       Ma chi? Chi sarrà stato?

Riccardo       Lo saprò… Lo troverò, e sarà la sua fine…

Tommaso       (Tra sé) Forse è meglio ca me ne torno ‘o Brasile…

SCENA QUINTA

(SAVERIO e detti)

Saverio          (Entrando svelto dal fondo) Don Riccà… Don Riccà…

Riccardo       (Sobbalzando chiude la porta da cui è uscita Angela) Vuje state ‘n’ata vota ccà! Ma che vulite?

Saverio          Viaggio ‘a parlà, ma primma facite ascì ‘o figlio vuosto…

Tommaso       Io?

Riccardo       Ma chillo nun è figliemo…

Saverio          Chi è è, ‘o frate vuosto, ‘o nepote vuosto, insomma facitelo ascì ‘o stesso!

Riccardo       (A Tomaso) Famme ‘o piacere, agge pacienza, aspettame ‘nu mumento llà dinto…

Tommaso       Va benissimo (Fra sé, andandosene) Sarrà ‘nu creditore! (Esce a destra)

Riccardo       Jamme bella, facimmo ampressa, che gghiate truvanno?

Saverio          Ca vuje venite cu’ mme.

Riccardo       E addò?

Saverio          Addu muglierema.

Riccardo       Grazie, vuje site ‘na perzona squisita, ma mò nun è ccosa, nun tengo voglia… nun tengo sfrennesie…

Saverio          Mi dispiace ma è urgente, urgentissimo… Ma che ce facite vuje a ‘e ffemmene?

Riccardo       ‘A spesa ‘a matina… Ma che significa, pecché?

Saverio          Pecché muglierema sta durmenno comme a ‘nu ghiro e nun sò cacchio d’‘a scetà ‘e nisciuna manera.

Riccardo       Come sarebbe?

Saverio         Sta durmenno accussì pesante comme ‘a mugliera vosta, e in un abbigliamento ‘overo sconcio… E che cacchio, ‘a putivevev pure fà vestere primma ‘e ll’addurmì… Jammo, venite cu’ mme, facimmo ampressa… (Cerca di trascinarlo fuori, intanto si sente scuotere la porta di Angela)

Riccardo       Uh Madonna mia, è Angelina… ‘A mugliera vosta ‘a putite scetà vuje stesso: pigliatele ‘e mmane, accarezzatele, vasatele e dicite: “Le tue mani stanno diventando calde… il tuo corpo si riscalda e tu ti svegli dolcemente”

Saverio          Aspettate ‘nu mumento, faciteme capì.. Aggio ‘a piglià ‘e mmane, l’aggio accarezzà primma, poi ‘e vvaso e po’ lle dico: “Le tue mani stanno diventando calde… il tuo corpo si riscalta e tu ti svegli dolcemente”?

Riccardo       Bravissimo, mò jatevenne!

Saverio          Me ne vaco, grazie assaje… (Uscendo ripete come una lezione) Le piglio ‘e mmane, ll’ accarezzo, ‘e vvaso e le dico:… (Via)

Riccardo       Ah, se n’è ghiuto! Uffà… (Si dirige verso la porta di Angela e tira il chiavistello)

SCENA SESTA

(ANGELA e detto)

Angela          (Entra furiosa con cappello e ombrellino) Ma insomma, che staje cumbinanno, nun m’hè ‘ntisa?

Riccardo       No, nun aggio ‘ntiso niente… Staje ascenno?

Angela          (Andando verso il fondo) Sissignore!

Riccardo       (Ansioso) E addò vaje?

Angela          Al circolo tuo, aggio ‘a prenotà duje posti pe’ ‘o spettacolo

Riccardo       Ma nun è possibile, ‘e ffemmene nun ponno vedè ‘e spettacoli!

Angela          Allora vaco dicenno ca tu tiene ‘n’amante, e che è ‘a… signora… Se fa pe’ dicere… Saponetta… ‘Na vera signora e nun po’ tenè l’amante.

Riccardo       Si tu vaje dicenno tuorno tuorno ca ‘a signora Saponetta è l’amante mia, ‘o marito d’ ‘a signora m’accide, e tu restarraje verola p’‘a siconda vota.

Angela          E che me ne ‘mporta? Me sposo p’‘a terza vota… Comme se dice, non c’è due senza tre!

Riccardo       Tu nun me farraje chesto…

Angela          Mò vedimmo… Io ‘o ffaccio, pecché t’‘o mmierete!

Riccardo       (La guarda fisso negli occhi, muove le mani e poi le dice) Ma io ti amo… amo solo te… ‘A signora Saponetta m’ha sedotto… m’ha violentato… (Le prende le mani tra le sue, le accarezza, le bacia) Le tue mani diventano sempre più calde… il tuo corpo si riscalda e tu dormi… dolcemente…

Angela          ‘O ffaccio Riccà… ‘o ffaccio… t’‘o mmierete… (Si avvicina alla poltrona, aiutata dal marito, si siede e si addormenta dolcemente)

SCENA SETTIMA

(TOMMASO e detti, poi SAVERIO)

Tommaso       (Sporgendo la testa) Neh, ma aggio ‘a figlià ccà dinto?

Riccardo       (Tra sé) Che bell’idea! (Ad alta voce) Trase, viene ccà…

Tommaso       Ah, mugliereta s’è addurmuta ‘n’ata vota? Ma allora tene chella malatia… comme se chiamma… narlochessia… carnolessia…

Riccardo       Narcolessia!

Tommaso       Bravo, …narcopessia.. insomma chella ca hè ditto tu! ‘Nce vò ‘na serenga, ce ‘a faccio io…

Riccardo       (Prendendo un mazzo di carte) Statte zitto ma soprattutto statte fermo e assettate. Mò ‘nce facimmo ‘na partitina a scopa.

Tommaso       Justo mò? E pecché?

Riccardo       Famme ‘o piacere ‘e te stà zitto e faje chello ca te dico… È meglio pe’ tte, hè capito?

Tommaso       (Timoroso e poco convinto) Va buono… Me piace assaje pazzià a scopa…

Riccardo       Damme ‘na mano, avimmo ‘a spuglià a muglierema. (Le toglie il cappello)

Tommaso       (Eccitato) L’avvimmo ‘a spuglià annuda, comme mamma l’ha fatta?

Riccardo       Ma che staje penzanno? E già, io po’ te facevo spuglià a muglierema e t’‘a facevo vedè comme l’ha fatta ‘a mamma… Te dich’io fino a quanno… (Le tolgono il soprabito e la giacca, poi Riccardo prende un cestino da lavoro e lo poggia sulle ginocchia di Angela, mettendole un centrino nella mano sinistra ed un ago nella mano destra)

Tommaso       Riccà, nun ce sto capenno ‘o riesto ‘e niente!

Riccardo       E chesta nun è ‘na nuvità… Angela sape tutte cose… Jammo, nun ce perdimmo in chiacchiere, pazziammo… Io me sto jucanno l’amore suo!

Tommaso       (Interessato) Allora si vench’io Angela sarrà d’‘a mia?!

Riccardo       Ma ch’hè capito?... Statte zitto e ammesca ‘o mazzo.

Tommaso       Qua’ mazzo?... Ah, ‘e ccarte… No, va buono accussì, l’alliscio ‘o mazzo… (Guarda Angela e iniziano a giocare normalmente)

Riccardo       Tom, io mò ‘a sceto e tu hè ‘a dicere ca stammo pazzianno ‘a cchiù ‘e ddoje ore, hè capito bbuono?

Tommaso       Tengo ‘a femmena… Scopa!

Riccardo       Tomma’…

Tommaso       Sì, sì,. Aggio capito buono… Stammo scupanno ‘a paricchio tiempo… voglio dire, stammo pazzianno a scopa ‘a paricchiu tiempo…

Riccardo       (Posa le tre carte sul tavolo, prende le mani della moglie, le accarezza, le bacia e le dice) Le tue mani diventano sempre più calde… il tuo corpo si riscalda… ora puoi svegliarti… (Subito riprende le tre carte e ne gioca una) Asso!

Tommaso       Che bello… ‘o tengo… Scopa!

Riccardo       Ma nun è possibile pazzià cu’ tte, scusa… M chi t’ha battezzato, ‘nu prevete ricchione?... (Angela comincia a muoversi) Faje sempe scopa!

Angela          Dove sono?... Che state facenno?

Riccardo       Mia cara Angela, avevi molto sonno, staje durmenno per lo meno ‘a ‘nu paro d’ore… Tommaso tene ‘na furtuna sfacciata, ha vinto cinche partite… mò sta vincenno ‘a sesta… Tu stive cusenno ma te sì addurmuta…

Angela          E ‘o cappiello e l’ombrello?... Io stevo jenno a ‘o circolo… Ma ch’avevo ‘a fà?... Ah… Pe’ via d’‘a Sapunetta…

Riccardo       Che ce azzecca ‘o circolo cu’ ‘a sapunetta?

Angela          ‘A signora Saponetta…

Riccardo       Chi è, ‘n’amica toja? ‘A stive sunnanno?

Angela          No, è l’amante toja… Ma po’ essere ca m’aggio sunnato tutte cose? (Tommaso e Riccardo si mettono a ridere, intanto appare sul fondo il signor Saponetta che vede la scena e inizia a ridere insieme agli altri) Ah, ecco il signor Saponetta… Ma allora nun aggio sunnato… È tutto ‘overo… Tu tiene l’amante!... Signor Saponetta, maritemo è l’amante d’‘a mugliera vosta… Tenite ‘e ccorna… Anzi, tenimmo ‘e ccorna, pecché ‘e ttengo pur’io, sulo ca vuje site cuntento e io no!

Saverio          E bravo don Riccardo, avite miso ‘e manifesti… Mò ‘o ssanno Napule e ‘e trentasei casale… Va bene, facite ‘e cunte cu’ mme!

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO (o breve dissolvenza di luce)

La stessa scena degli atti precedenti

In scena ci saranno Tommaso seduto a destra del tavolo e Riccardo seduto in poltrona.

SCENA PRIMA

(TOMMASO e RICCARDO, poi SOFIA, indi ANGELA)

Tommaso       Allora, te miette appaura d’‘a vendetta ‘e Saponetta? Tiè, aggio fatto pure ‘a rima…

Riccardo      Ha ditto ca me l’ha da fà pavà e mi minacciava cu’ ‘nu gesto comme si me vuleva sparà… Comunque pigliate ‘sta lettera, ce stanno le mie ultime volontà. (Gli porge la lettera) Ce ‘a daje a muglierema doppo ll’esequie. (Chiama col campanello la cameriera. Tommaso va via dal fondo)

Sofia              (Entra dal fondo) Signò, m’avite chiammata?

Riccardo      Sissignore. Sofì, fammi sapere con cortese sollecitudine quando viene un signore…

Sofia              Cu’ che cosa ve l’aggia fa sapè? Che è ‘sta solleticudine?

Riccardo      Sollecitudine, Sofì… ‘E pressa espressa!

Sofia              Ah, aggio capito… Comunque poco fa è venuto ‘nu signore, ma se n’è gghiuto.

Riccardo      Ma comme, è venuto ‘nu signore e tu nun m’hè ditto niente?

Sofia              Ma è venuto pe’ pulezzà ‘o caminetto… Comme ‘o facevo trasì ccà dinto?

Riccardo      Ma io nun parlavo d’isso, parlavo ‘e ‘n atu signore

Sofia              Aspettate a quaccheduno?

Riccardo      Nossignore. (Esce a destra)

Angela          (Entra da sinistra) Sofì, ‘o signore sta ancora dint’‘a cammera soja?

Sofia              Sì signò, è trasuto proprio mò, e l’aggio ‘a chiammà?

Angela          No, no, nun ‘o voglio proprio abbedè… S’è spassato troppo ‘ncoppa ‘e spalle meje…

Sofia              Comme vulite vuje, signò… (Uscendo dal fondo) Sò marito e mugliera e nun se vonno vedè… Bah! (Esce ma rientra subito dopo) Signò, fore ce sta il signor Saponetta, ‘o faccio trasì?

Angela          E che va truvanno mò chisto? Vabbuò, fallo trasì… (Sofia esce)

Sofia              (Entra seguita da Saverio) Il signor Saponetta. (Via dal fondo)

SCENA SECONDA

(SAVERIO e detta)

Saverio         Buongiorno signora Angela!

Angela          Vuje ccà, doppo chello ca è succieso?

Saverio         (Posa il cappello sul tavolo) Capisco che la mia presenza qui vi stupisca… Ma ‘o probblema mio supera tutte ‘e regole!

Angela          E quale fosse ‘stu gravissimo probblema?

Saverio         Vuje ‘o ssapite ca aggio beccato a muglierema dint’‘o lietto cu’ ‘o marito vuosto… Isso se n’è fujuto cu’ ‘o cappiello mio, io l’aggio inseguito, sò bbenuto dint’a ‘sta casa e ce aggio parlato ‘a galantommo, pregandolo ca nun dicesse niente a nisciuno ‘e ‘stu fatto cu’ muglierema. Nun ce aggio chiesto niente… ‘Nce putevo pure dicere ‘e fernì ‘sta tresca… Ce aggio ditto ca me putevo vendicà mettenno ‘e ccorna io a isso…

Angela          Cu’ mme? E chi v’ha fatto credere ca io venevo a letto cu’ vuje?

Saverio         Cara signora, cara Angela… cheste sò ccose che non richiedono un piacere reciproco… o se fa accussì, oppure io accido a tutte quante… tre colpi: uno p’‘o marito vuosto, uno pe’ muglierema e uno pe’ vuje… ‘o prezzo è ‘o stesso: pe’ ‘a legge o s’accide ‘na perzona o se n’accideno tre se pava ‘o stesso prezzo. Ma io avevo chiesto a don Riccardo ‘e frequentà a muglierema senza mettere ‘e manifesti… ‘O ssaccio ca ‘o matrimonio è ‘na catena ca difficlmente se po’ purtà a ddoje, che in tre o in quattro è cchiù semplice… Ve cunfesso ca pur’io tengo ‘n’amante, è assaje giovane e bella, nun tene manco vint’anne e quanno stongo cu’ essa me scordo ‘e tutte cose, perciò nuje avessemo purtato ‘a catena d’‘o matrimonio in quattro: io e ‘a ventenne, ‘o marito vuosto e muglierema… Nun saccio si vuje tenite quacche amante…

Angela          Ma comme ve permettite? Io songo ‘na femmena seria… A primma vota mia è stata cu’ ‘o primmo marito mio  ca vedite dint’a chillu rutratto, e po’ aggio dato… l’usato, dicimmo accussì (Saverio sorride) a Riccardo Ruffo, in seconde nozze… (Fa dei gesti con le mani dietro la schiena, si allontana un poco e dice tra sé) Signore mio, perduoneme quacche buscìa…

Saverio         In tutti i modi ‘o probblema è ca ‘o marito vuosto nun s’è cumpurtato buono… Si permettite ve voglio leggere ‘na lettera ca ha scritto a muglierema… Posso?

Angela          A me nun è ca me ne ‘mporta cchiù ‘e tanto, comunque… accomodatevi e leggiteme ‘sta lettera…

Saverio         Grazie... V’avviso però ca ‘o tono è ‘nu poco forte, dicimmo pure ca è osceno… ma vuje site maggiorenne, ‘na femmena ‘nzorata ddoje vote e nun penzo ca ve scandalizzano i loro giochi erotici e le varie oscenità. (Angela presta attenzione)

Angela          Signor Saponetta io so’ ‘n angelo di nome e di fatto, e per i puri è puro tutte cose, come diceva San Paolo “Omnia munda mundis”…”Tutto è puro per i puri”.. E diceva Diogene il Cinico: “Anche il sole penetra nelle latrine, ma non ne è contaminato…” Aggio studiato filosofia…

Saverio         Beh complimenti, me fa assaje piacere che “omni mundu mutandas” accussì nun me facite sentì ‘nu satiro puorco”… (Butta la lettera a terra, la riprende per vedere meglio le gambe di Angela, poi inizia a leggere) Dunque… “Mia cara e bella Sasa”… Muglierema se chiamma Teresa, io ‘a chiammo “Tetta” pecché tene… come dire… ‘na bella scollatura, ‘na settima misura, putite immagginà… oppure ‘a chiammo “Rerè”, per il re-tro a mandulino… scusateme d’‘a franchezza… ‘O marito vuosto ha usato chello can un aggio ausato io… d’‘o nomme ‘e muglierema… Dunque: “Mia cara e bella Sasa, ti ho appena lasciata e sento di nuovo il bisogno di te. Ti ho lasciata e ti rivedo ancora nella tua nuda bellezza. Ora verrà tuo marito e tu dovrai subire le sue voglie. Muoio dalla gelosia, lo so, me lo dici sempre che non è possibile amare quel…” Signò, scusate, nun ce ‘a faccio a leggere… faciteme ‘a cortesia ‘e continuà a leggere vuje… (Passa il foglio ad Angela)

Angela          (Prendendo il foglio) Dateme ccà… Dunque… (Cerca il punto) Ah, ecco… “Lo so, me lo dici sempre che non è possibile amare quel mostro di tuo marito, brutto come una scimmia brutta…” (Si ferma, lo guarda e dice) Mica è accussì brutto… “…E poi vizioso come un mandrillo maiale, anzi peggio… Sono rimasto basito quando mi hai detto che ti costringe a fare l’amore con lui mentre lui guarda le foto o i video di donne nude. Fa l’ amore con te e pensa a loro… Che schifo! Mi ricorda molto quella strega…” Uh mamma mia… Nun ce ‘a faccio… putite leggere vuje? (Gli porge la lettera)


Saverio         (Riprende a leggere) “Mi ricorda molto quella strega-mostro di mia moglie… la senzatette… la ninfomane… che non solo pretende di vedere i video di donne e uomini nudi, ma pretende anche che io le racconti storie erotiche e le dica parole oscene come: che bella fi…” No, non posso, sono vocaboli troppo osceni… Comunque avite capito che razza d’animali songo ‘o marito vuosto e ‘a mugliera mia… Io cu’ l’a-mante mia nun me permettesse maje ‘e dicere cierti ccose, è ‘na figliola assaje dolce e pura… Signora Angela, ma me state sentenno?

Angela          Sì, so’ rimasta inorridita ‘a ‘sti pparole, ‘a chesti fesserie tutte inventate su di me… Non penserà mica ca dint’a chilli mumente io pretennesse…

Saverio         ‘O ssaccio ca site ‘na femmena pura… Comme avite ditto: Omis mutandas mutanda… no, omnia… vabbnuò, nun fa niente, ce simme capite.

Angela          Mò però avimmo ‘a penzà a ‘na vendetta e pure a ‘o divorzio, pecché io divorzio e maritemo, ‘o sicondo ex-marito mio oramai, m’ha da restituì ‘a dote ca le purtaje… Cinquecento milioni!

Saverio         Pur’io divorzio, ma nun tengo niente a restituì, pecché m’aggio spiso tutta ‘a dote ‘e Tetta… Seicento milioni… E comme facevo ‘o commerciante ‘e vini e liquori.. Comme m’accattavo ‘a merce… Po’ l’aggio fatta mangià e vestì… L’aggio fatta divertì pe’ cchiù ‘e sei anne… A cento milioni  all’anno aggio spiso tutte cose… Vabbè, io me ne vaco signò, arrivederci. (Esce)

Angela          Arrivederci… (Rimasta sola) Che schifo chillu marito mio… anzi, ex marito… Va cuntanno tuorno tuorno ‘e fatte ca uno se dice e ca uno fa nell’intimità… È turpe e schifoso, ecco! Ma io m’aggio ‘a vendicà nel migliore dei modi… Si pe’ cumbinazione Saponetta accedesse a maritemo, e si se spartesse d’‘a zizzacchiona… comme se chiamma… ‘a mugliera, isso cu’ seiciento milioni e io cu’ cincuciento , putesseme campà overamente buono… Ah, no, ce sta ‘a ventenne… ‘a zucculella casta e pura… E allora avessemo scrivere ‘nu cuntratto addò se chiarisce ca nun facimmo sesso cchiù ‘e ‘na vota ‘o mese, magari ‘o vintisette, doppo ca m’ha cunsignato ‘o mensile pe’ purtà annanze ‘a casa… (Entra Riccardo dalla seconda quinta a destra) Ah, oilloco, è trasuto ‘o mumento justo…


SCENA TERZA

(RICCARDO e detto)

Riccardo      (Tra sé) Muglierema sta ccà… (A voce alta) Scusa Angela ma Sofia m’ha ditto ca ce steva ‘nu signore ca me cercava, addò sta?

Angela          Se n’è gghiutro… Pig!... You are a pig!... A large, a big pig!

Riccardo      Angela, famme ‘a cortesia ‘e parlà tricolore, nun ‘o cunosco ‘o francese…

Angela          A parte ‘o fatto ca era inglese… Allora… Puorco!... Dunque, mio caro, si e fa pe’ dicere, è venuto ‘o signor Saverio Saponetta pe’ dicere ca si tu vuò, isso è disposto a caricà ‘e ppistole a salve, ma s’ha da dicere a tutte quante ca è pe’ ‘na quistione ‘e liquori… ‘e vini…

Riccardo      (Facendo segno di accettare) Sì, sì, tutto chello ca vò, pe’ mme va bene… Angela, io ‘o ssaccio, tu vuò ‘o divorzio… Io te capisco, e te vulesse dicere ca pe’ mme Sasa… insomma Teresa Saponetta è stata comme a ‘na droga… Io aggio amato sempre e sulamente a tte, ma cierti ffemmene nun arrivano a capì ‘e spasse ‘e ll’uommene, e io nun te voglio furzà… (Tra sé) Nun ce ‘a facesse… (Ad alta voce) Allora ti concedo il divorzio, sì cuntenta?

Angela          No caro, è ‘overo, nun te sì cumpurtato buono… te sì cumpurtato comme a ‘nu maialo… ‘nu maialone… ‘nu puorco! Anzi, sarebbe meglio dire da grandissimo topo gigante, ma no ‘e campagna, ‘nu topone ‘e fogna… ‘nu zucculone! Ma io nun pozzo divorzià, innanzitutto pecché penzo ca sulo ‘a morte po’ spartere ‘na coppia (Tra sé) Che fesseria… (Ad alta voce) E po’ soprattutto pecché io m’aggio cumpurtato peggio ‘e te…

Riccardo      Comme sarebbe a dicere? Ch’hè fatto tu ca te sì cumpurtata peggio ‘e me? (Furioso si avvicina e la prende per le braccia scuotendola)

Angela          Tu hè ‘a essere ‘n ommo, anzi, ‘nu galantommo… Io t’aggio cunfessato ca m’aggio cumpurtato peggio ‘e te e me piglio tutte ‘e ccolpe, ma tu hè ‘a essere ‘n ommo gentile e cortese, ‘nu signorone, e nun m’hè ‘a addimannà maje ch’aggio fatto… Io perdono a te e tu perduone a mme, qualunque siano stati i nostri errori.


Riccardo      (Ancora più furioso) Io nun ce pozzo credere… ‘na santarella… l’aggio sempe considerata ‘na santarella e mò me vene a dicere: “Io songo cchiù porca ‘e te…” Addò sta ‘o revolvere ch’aggio accattato? (È furioso e confuso) Nun m’arricordo addò l’aggio miso… Ah, sì, dint’‘o cassetto d’‘a scrivania! (Corre verso la scrivania, corre anche Angela e arrivano conteporaneamente, ma sapendo dove mettere le mani, trova la pistola e la punta contro la moglie)

Angela          No Riccà, ti prego, nun m’accidere! T’aggio ditto ‘na fesseria, nun è ‘overo ‘o riesto ‘e niente!

Riccardo      Si mò nun me dici tutte cose… si nun me dici tutte ‘e purcarie ca hè fatto, nun t’acci-do e ce spartimmo, divorziamo… Scegli tu.

Angela          Nossignore, te dico tutte cose, però m’hè giurà ca nun m’accide!

Riccardo      T’‘o giuro, nun t’accido, ma spicciate, fa ampressa…

Angela          Me pozzo assettà? (Prende tempo)

Riccardo      Assettate e parla! (Con la pistola puntata) Aggio levata ‘a sicura, perciò parla… fatte ascì ‘o spireto e cunfessame tutte ‘e purcarie ca hè fatto!

Angela          Nun te voglio dicere buscie, te dico tutta ‘a verità… Dunque, quanno ‘a sera tu m’addurmive pigliannome ‘e mmane, accarezzannole e vasannole, po’ me dicive tutte chelli pparole magiche, io m’addurmevo ma nun era ‘nu suonno profondo, era ‘nu dormiveglia, ‘nu stato particolare ca me faceva movere, me faceva fà tanti ccose… Me pareva tutto ‘nu suonno, io vedevo ca tu astutave ‘a luce, arapive ‘a fenesta e ascive socchiudendola, po’ ‘o suonno se faceva cchiù pesante… me sunnavo a papà, ‘a nonna… po’ quacche rummore me faceva turnà in dormiveglia e me faceva turnà immobile… allora guardavo ‘a fenesta e vedevo ca traseva ‘n ommo… però ‘o scuro nun me faceva vedè ‘a faccia… Isso s’accustava a mme, me spugliava e io nun pitevo fà niente… ero immobilizzata, e isso abusava ‘e me…

Riccardo      No! Dimme ca nun è ‘overo! Dimmello! Te giuro ca nun t’accido cchiù… (Ripone la pistola in tasca)

Angela          Sapisse comme t’‘o vulesse dicere  ca nun fosse ‘overo o ca fosse sulamente ‘nu suonno, comme me penzavo ‘e primme vote, ma po’ chianu chianu aggio capito ca nun era ‘nu suonno, e comme si nun abbastasse, chello ca me faceva chillu scunusciuto, ‘overamente brutto ‘e faccia e orribile d’animo, chello ca me faceva, accummenciava a me piacè, e accummenciaje a l’aspettà, e l’aspettavo con ansia, ‘o desideravo sempe ‘e cchiù, e chesto ‘overamente è grave. (Riccardo si schiaffeggia) Desideravo chill’ommo e tutto chello ca me faceva… Chesta è tutta ‘a verità!

Riccardo      (Andando alla finestra) Io ‘a lassavo meza aperta e isso traseva… (Si schiaffeggia di nuovo) E mò… (Riavvicinandosi alla poltrona di Angela e riprendendo la pistola dalla tasca) Mò m’hè ‘a dicere chi è chist’ommo… Nun te mettere appaura, nun accido né a te né a isso, però ‘o voglio sapè! He’ capito?

Angela          Me può pure accidere, ma nun t’‘o pozzo dicere, e no pecché nun ‘o voglio, ma pecché nun ‘o ssaccio, t’‘o giuro… E sò stata pure cchiù… porca, comme m’hè chiammata tu, pecché io l’avesse vuluto incontrà a chist’ommo in altri momenti, a quacche ata parte, aggio cercato pure ‘e capì quaccheccosa, si ricunuscevo ‘a voce, ma niente, o ‘a cagnava oppure nun ‘o cunuscevo proprio… t’‘o giuro! (Fa le corna, non vista dal marito)

Riccardo      Quindi, tutte ‘e ssere ‘n ommo… e po’ chi dice ca era sulamente uno? Putevano essere pure assaje…

Angela          No, chesto no, era sempe ‘o stesso e me faceva sempe ‘e stessi ccose… me vasava sempe con lo stesso ordine e dint’‘e stessi posti…

Riccardo      Per carità statte zitta, taci, nun voglio sapè cchiù niente!... Ma nun putive alluccà, chiammà a quaccheduno?

Angela          ‘E primme vote ‘o ffacevo, o meglio, cercavo d’‘o ffà, ma ero comme ‘o marmo, nun riuscivo a cumannà niente al mio corpo… subevo sulamente… Po’ adoppo, quanno nun è stato cchiù ‘n incubo ma ‘nu piacere, nun vulevo alluccà cchiù!

Riccardo      Ah, ma t’‘o giuro ca io ‘o trovo a chillu scurnacchiato… E costi quel che costi, lo denuncerò!

Angela          (Va verso la sua camera) Riccà… è stato il fato… ‘o destino… (Rivolta al pubblico) Chisto nun arriverà maje a capì niente! (Va nella sua camera in prima quinta a sinistra)

Riccardo      (Rimasto solo, a voce molto alta) Ma che cretino ca sò statoun si’ stato, che imbecille… anzi, dicimmo ‘e ccose comme stanno: sò stat ‘overo ‘nu strunzo! Vulevo fa l’ipno-tizzatore… ‘o sistema Ruffo… Me sputasse ‘nfaccia! (Cade sul puff davanti alla scrvania-tavolo, si apre un poco la porta della camera di Angela) Me stracciasse tutte ‘e capille ‘a capa… Sò stato io ch’aggio consentito a ‘n ato d’abusà ‘e muglierema… Sì, è ‘overo, io pure tengo assaje colpe, me piaceva ‘e m’addivertì cu’ Teresa, ma l’ammore mio, e nun ‘o pozzo dicere a nisciuno, l’ammore mio ‘overo è sempe stata ‘a mugliera mia… Era ‘nu juoco stupido c amò me fa murì p’‘a sufferenza, e ‘o colpevole songo sulamente io… Ero io ca ‘a facevo addurmì, che puteva fà Angela, povero ammore mio, si era bloccata?... (Si siede, la luce è tenue. Si vede la porta della camera di Angela leggermente aperta e lei che, non vista, la richiude)

SCENA QUARTA

(TOMMASO e detto)

Tommaso       (Entrando dal fondo e sedendo a destra del tavolo) Sò gghiuto giranno ‘nu poco tuorno tuorno… Sò stato a ‘o circolo e m’hanno ditto ca ‘o presidente è muorto ajeressera pe’ ‘n improvviso arresto cardiaco, comme se diceva ‘na vota, è muorto ‘e subbeto. M’han-no ditto pure c alle piacevano assaje ‘e ffemmene, cu’ tutto ca teneva uttant’anne. D’ ‘o fatto tujo e d’‘e Sapunetta nun sanno ‘o riesto ‘e niente.

Riccardo      (Alzandosi) Sapisse quanto me ne ‘mporta…  Nun me passa manco p’‘a capa, Tommà…

Tommaso       Ch’è succieso, Riccà?

Riccardo      Angela m’ha raccuntato tutte cose. (Piange; ogni volta che parla si riapre laporta di Angela)

Tommaso       (Molto imbarazzato) Ah, Angela t’ha cuntato tutte cose… Uh Madonna mia, e che t’ha ditto?

Riccardo      M’ha ditto tutta ‘a verità, sulo ‘a verità, nient’altro che la verità. Comme me sento male, e comme fa male ‘a verità!

Tommaso       D’accordo, ma quale fosse ‘sta verità?

Riccardo      Quale verità? ‘A verità è una sola! Purtroppo ‘a sera, doppo ca avevo ipnotizzato e addurmuto Angela pe gghì addò ‘a zizzona… da Teresa Saponetta, ‘n ommo se ‘mpizzava pe’ dinto ‘a fenesta ca io lassavo meza araputa e s’approfittava ‘e muglierema: ‘a spugliava sana sana (Singhiozza) povera piccerella… e ‘a violentava, e essa, puverella, nun se puteva manco movere, nun puteva alluccà, pecché era rimasta bloccata ‘a me, imbecille e cretino ca nun songo ato…

Tommaso       Io dicesse strunzo…

Riccardo      ‘A verità, me l’aggio ditto pure io stesso… E quindi Angela aveva ‘a subì tutte ‘e purcarie ca chillu scunusciuto… pecché nun se faceva vedè, ‘o scurnacchiato, lassava ‘a cammera ‘ scuro… Nun ce pozzo penzà… Nun ce voglio penzà!...

Tommaso       Angela, mugliereta, tutte ‘e ssere era violentata… (Riflette) Scusa, ma a te che te ne fotte? Tu sì ‘nnammurato ‘e Teresa, no? ‘A zizzacchiona…

Riccardo      Tommà, comme ‘o ssoleto nun hè capito ‘o riesto ‘e niente… ‘A zizzacchiona era ‘nu spasso, un hobby… io songo ‘nnammurato ‘e muglierema… (Gridando) Io amo Angela, amo Angela, hè capito?

Tommaso       Aggio capito, aggio capito, nun alluccà, calmate… Ma nun se sape ‘st ommo comme se chiamma? Voglio dire, tu tiene quacche suspetto?

Riccardo      (Alzandosi e passando a destra) Tommà, putesse essere chiunque! (Va verso la finestra) Chillu scurnacchiato traseva ‘a ccà tutte ‘e ssere, nun s’‘o scurdava maje, ‘o str… (Si tappa la bocca, poi si ferma e lancia un grido) E chesto che rrobba è? Chisto sì ca è ‘na prova… un indizio… (Guarda quello che ha trovato, è una fibbia. Con voce diabolica) Guarda ccà, è ‘a fibbia ‘e ‘nu gilet, cu’ ‘nu piezzo ‘e stoffa attaccato…

Tommaso       (Comincia a tremare) ‘A fibbia ‘e ‘nu gilet… cu’ ‘nu piezzo ‘e stoffa attaccato… (Guarda il suo gilet) Nun è ‘a mia!

Riccardo      Ma chi ha penzato a tte… (Tocca il gilet di Tommaso, lo guarda e si convince meglio) Ma io trovo a chi appartene… (Sardonico) E sarà la sua fine!

SCENA QUINTA

(SOFIA, GUSTAVO e detti)

Sofia              (Entra dalla prima a destra seguita da Gustavo) Signò, ce sta Gustavo…

Riccardo      Mannalo ‘a via ‘e fore.

Sofia              Ma dice ca l’avite chiammato vuje…

Gustavo        Sighnò, aggio lavato ‘a machina, mò è pronta, possiamo andare… (Vede che non lo segue) Vuje primma m’avite ditto ca avevo ‘a priparà ‘a machina, nun serve cchiù?

Riccardo      (Senza dargli retta) P’‘o mumento nun me serve niente, te ne può gghì!

Gustavo        Va bene, signore… obbedisco. (Si toglie il cappello e mostra il gilet con una fibbia mancante)

Riccardo      Aspetta ‘nu mumento… (A Tommaso) Guarda Tom, ‘a fibbia… È isso! Non c’è dubbio, l’aggio truvato! (Mette la fibbia vicino al gilet di Gustavo e vede che combaciano) Combaciano… è isso!

Tommaso       È stato l’autista? (Riccardo si tormenta sul volto)

Gustavo        Ma che sta succedenno? Ma che teneno? Sò stato io a ffà che?

Riccardo      (Si lancia su Gustavo) Disgraziato!... Ommo ‘e niente!... Viene ‘a ccà, t’‘o spiego io!

Tommaso       Assassino! (Si lancia su Gustavo ma cerca di dividerli)

Riccardo      (Va verso la scrivania) ‘A rivoltella… dateme ‘a rivoltella… (Tommaso corre) Mannaggia, nun ‘a trovo, steva ccà… Ah, l’aggio misa dint’‘a sacca! (Lotta con Tommaso che gli mette le mani in tasca per prendere la pistola e vi riesce, ma si accorge che Sofia cerca di difendere Gustavo mettendosi davanti a lui) Lievete ‘a miezo Sofì, aggio ‘a parlà… avimmo ‘a parlà cu’ Gustavo… L’autista, e chi ce avesse maje penzato… (Tommaso fa sedere Gustavo sul puff)

Sofia              Va bene, me sposto, ma m’arraccumanno, nun facite pazzarie… Gustavo è ‘nu bravo giovane, è pure filosofo…

Riccardo      (La spinge verso destra in prima quinta) Filosofo, eh?... Mò ‘nce ‘a dammo nuje ‘a filo… sofia… addiventarrà cchiù bello cu’ ‘a filo… sofia… (Sofia esce e lui ritorna verso il puff)

Tommaso       (Sottovoce a Riccardo) Avimmo da essere diplomatici, famme fà a mme, ch’aggio fatto ‘o console in Brasile…

Riccardo      (Stanco, ma contento, si siede) Sì, sì, è meglio, vidatella tu…

Tommaso       Gustavo, ‘a cunusce ‘sta fibbia?

Gustavo        E comme, no? È d’‘a mia, menu male, l’aggio cercata tuorno tuorno… M’‘a putite dà pe’ favore? M’‘a faccio attaccà ‘a Sofia…

Tommaso       Statte zitto! Rispunne sulamente alle mie domande! Dunque, si sta fibbia è ‘a toja, vò dicere ca tu ajeressera sì trasuto ‘e stramacchio pe’ dint’‘a ‘sta fenesta, mentre ‘o patrone tujo steva fore, è ‘ovè?

Gustavo        Visto ca ‘o ssapite, nun ‘o pozzo negà.

Tommaso       E sì trasuto pe’ ffà ‘o mariuolo o pe’ quacche femmena?

Gustavo        Mariuolo? No, assolutamente, ce mancasse… nun songo ‘nu mariuolo, songo ‘na perzona onesta e per bene!

Tommaso       Molto bene. E venivi tutte ‘e ssere, ‘o scuro, senza ‘e te scurdà manco ‘na notte, è accussì? Manco ‘na vota sola!

Gustavo        Sissignore, è accussì, tutte ‘e ssere, pecché nun ne putevo proprio fà a meno… ‘O spirito è forte, amo la filosofia, ma ‘a carne è debole e forse amo di più la carne! (A queste parole Riccardo smania, Tommaso gli si avvicina e lo calma a gesti)

Tommaso       Quindi, lo stai ammettendo tu stesso, sienteme buono: tutte ‘e ssere, ‘o scuro, zumpave pe’ ‘a fenesta e, sempre al buio, facive ‘e schifezzelle… tutte ‘e ssere!

Gustavo        Sissignore, propetamente accussì, ma nun m’aggio arrubbato mai niente!

Tommaso       Rispondi solamente sì o no, nun dicere niente ‘e cchiù.

Gustavo        Va bene, comme vulite vuje…

Tommaso       Tu ‘o ssaje ca chello ca facive nun era ‘na bella cosa…

Gustavo        Sì, ma nun ne putevo fà a meno…

Tommaso       Tu violentavi ‘na femmena, la stupravi!

Gustavo        Nossignore, p’ammore ‘e Ddio, nun l’avesse fatto maje! Essa era consenziente, anzi… (Riccardo si alza e gli si avvicina con calma)

Riccardo      (Con calma) Tu… tu stai dicenno ca essa era consenziente… ca lle piaceva… che approvava ‘stu comportamento d’‘o tujo?

Gustavo        E l’approvava sì, anzi, cierti vvote nun vuleva manco ca me ne jevo… vuleva sempe coccole, coccole, e io lle dicevo: “E si vene ‘o patrone e me trova ccà…?” E essa: “Nun te preoccupà, è ancora ampresso, chillo primma d’‘e ttre nun se ne va d’‘a casa ‘e ll’am…” Scusate, m’è scappato…

Tommaso       Vabbuò, avimmo capito tutte cose, te ne può gghì…

Gustavo        Grazie signò, nun ‘o ffacimmo cchiù!

Riccardo      Vattenne, vattenjne ca è meglio, hè capito? Nun ascì d’‘a casa però, ca ‘a ‘n atu ppoco te chiammo. (Gustavo va via. Riccardo cade tra le braccia di Tommaso) Amico mio… è orribile!

Tommaso       Mostruoso direi! E chi puteva maje penzà ca Angela, accussì doce, accussì bellella… pareva ca Dante avesse penzato a essa quanno diceva: Tanto gentile e tanto onesta pare, la donna mia quand’ella altrui saluta / Ch’ogni lingua divien tremando muta e li occhi non ardiscon di guardare / Ella si va. Sentendosi laudare benignamente d’u-miltà vestita / E par che sia una cosa vanuta dal cielo in terra a miracol mostrare…

Riccardo      Basta, ‘a vulisse dicere tutta quanta?! Me pare ca te sfizi a infangarla ancora ‘e cchiù cu’ ‘a poesia ‘e Beatrice…

Tommaso       Povero amico mio… cu l’autista… L’avesse fatto almeno cu’ ‘na perzona acculturata…

Riccardo      Si è pe’ chesto, Gustavo tene ddoje lauree, una in filosofia e ‘n’ata in lettere classiche, cunosce ‘o greco antico e sei lingue moderne… Ma a me nun me ne ‘mporta c’ chi l’ha fatto… Nun l’aveva ‘a fà! E po’ nun m’aveva ‘a dicere buscie, chello è stato peggio… Me diceva: “Io nun me putevo movere… isso me spugliava… isso faceva tutte cose…” E io, fesso, ca l’aggio creduta… Fai ‘na cosa, valla a chiammà, voglio vedè che me dice… pe’ curiosità…

Tommaso       (Andando vicino alla porta di Angela) Angela… Angela… (Bussa) Puoi venire?

SCENA SESTA

(ANGELA e detti, poi GUSTAVO)

Angela             (Dalla sua stanza) ‘Nu minuto e vengo!

Tommaso       Va bene, ti aspettiamo… (Ritorna da Riccardo) Meglio accussì, puteva essere peggio.

Riccardo      Nun me fà ‘ncazzà… Comme puteva essere peggio d’accussì?

Tommaso       Al peggio non c’è mai fine… Puteva avè ‘nu paro ‘e figli cu‘ l’autista…

Angela          (Entra contrariata perché ha sentito tutto) Eccomi qua, che c’è?

Riccardo      Angela, saccio tutte cose… Sapimmo tutte cose!

Tommaso       Sì, è ‘overo, cunuscimmo tutta ‘a verità.

Angela          E certo, ve l’avevo detta prima la verità.

Tommaso       Sulo ca mò sapimmo pure chi è stato. Riccardo ha truvato ‘sta fibbia ‘e ‘nu gilet vicino ‘a fenesta. Avimmo truvato ‘o proprietario d’‘a fibbia, l’avimmo interrogato e isso ha cunfessato tutte cose. Purtroppo ha ditto ca tu sì stata consenziente, e nuje ce avimmo creduto, perciò mò facimmo ‘nu faccia a faccia, comme fanno ‘a Polizia e ‘e Carabbiniere. Riccardo, fallo trasì!

Riccardo      (Andando alla porta di destra) Oiccanne… Viene, Gustà… (Appare Gustavo)

Angela          L’autista… Gustavo… E allora?

Riccardo      Gustavo ha cunfessato ca vene ccà tutte ‘e notte, se ‘mpizza pe’ ‘a fenesta meza aperta, ha perduto pure ‘na fibbia d’‘o panciotto, pe’ se ‘ncuntrà cu’ ‘na… signora… pure chesta nun è mai stata ‘na signora… (Gustavo lo guarda strano) Ma ‘a cosa importante è ca Gustavo ha giurato ca ‘sta signora… sempe pe’ dicere… era consenziente, hè capito? Con-sen-zien-te!

Gustavo        È ‘overo, proprio accussì, signora Angela, e lo confesso pure davanti a voi!

Angela          Ma nun è ‘overo, nun ‘o date audienza… È ‘nu busciardo! (Gustavo li guarda inebetito, senza riuscire a capire niente) Nun è ‘overo niente, v’‘o giuro! Aggio inventato io tutte cose pe’ te fa suffrì comme aggio sufferto io penzanno a te cu’ Teresa Saponetta… Ma comme può penzà ca io… consenziente…? Nun è ‘overo, nun sò stata violentata proprio ‘a nisciuno mentre tu stive fore… Forse l’avesse vuluto, pe’ te rendere ‘a pariglia, ma nessuno m’ha mai stuprata, tanto meno l’autista… (Piangendo) Gustavo è ‘nu buono guaglione, nun è cattivo…

Riccardo      Bene, visto che neghi ancora, l’interrogammo annanze a te… Tommà, pe’ piacere fallo tu, nun me sento tanto buono…

Tommaso       Va bene Riccà. Dunque Gustavo, è vero ca ‘a femmena ca tu ‘ncuntrave ccà quanno scavalcave ‘a fenesta era consenziente?

Gustavo        Sì, era consenziente! (Angela vorrebbe lanciarsi contro ma è fermata da Tommaso)

Tommaso       Quindi tu me staje dicenno ca essa nun durmeva, ma parlava, se muveva… nun era ‘na statua, nun era ‘e marmo?

Gustavo        Beh… ‘e marmo sì, bella tosta e soda, ma certamente nun era ‘na statua. E mica durmeva, anzi… Appicciava pure ‘o stereo cu’ chella canzone d’‘o film addò Sofia Loren fa ‘o spogliarello, comme se chiamma… ah, sì, “Abat-.jour”, ‘e vvote pue ‘a musica di “Nove settimane e mezzo”, e me faceva ‘o strip-tease. Po’ vuleva essere sempe coccolata, vasata pe’ tutte parte: ‘ncopp’‘e braccia, ‘ncopp’‘a faccia, pe’ tutte parte, e nun l’abbastavano maje… Me diceva: “Vasame, vasame ancora…” E poi me faceva ‘na capa tanta, ca io nun avevo ‘a guardà ll’ati ffemmene… sapite comm’è fatta Sofia, parla sempe, pepetea una continuazione… Pure cu’ a signora Angela è sempe Sofia ca parla…

Riccardo      (Tremante)) Ma che staje dicenno?... ‘E chi staje parlanno? ‘Qual è ‘a femmena ca venivce a truvà ccà dinto tutte ‘e ssere? (Siede)

Gustavo        E di chi avesse ‘a parlà: d’‘a fidanzata mia, Sofia… ‘a cammarera… Ma nuje tenimmo intenzioni serie, nuje ce vulimmo spusà appena… appena ‘o padrone ce versa ‘e marche… ‘e contributi… insomma appena nun faticammo cchiù a nero. Sofia sape fà paricchie ccose: me mettarrà ‘a fibbia a ‘o gilet, cucina divinamente bene, nun jetta ‘e denare e… a letto… beh, capite a mme… (Sono tutti allibiti)

Tommaso       Va buò, lassammo stà cierti particolari… Quindi tu… (Imbarazzato, non sa che dire) Tu… a Sofia… ‘a vuò bene ‘overamente, è accussì?

Riccardo      (Tutto emozionato, dà duecento euro all’autista) E va bene, ve mettarraggio a posto cu’ ‘e contribute e ve dongoun milione ‘o mese a ognuno ‘e vuje!

Tommaso       Vitto, alloggio, lavatura e… stiratura!

Gustavo        Grazie don Riccà, grazie donna Angela, e pure a vuje, grazie… Nun aggio capito ‘o riesto ‘e niente ma è bello a nun capì si po’ ‘e ccose vanno accussì…

Riccardo      Bene, ora lassace sule, vai a dare ‘a bella nutizia a Sofia.

Gustavo        Corro! Compermesso… (Via)

Riccardo      Angela, perdonami… (Cerca di avvicinarsi ma Angela si allontana) Però pure tu a me raccuntà tanti fesserie… Io ti amo sempre, t’aggio amata sempe, l’aggio ditto pure a Tommaso poco fa, proprio ccà dinto… Tu nun m’hè ‘ntiso, stive dint’‘a stanza toja, ma Tom ha ‘ntiso buono… Chella femmena è stata sulamente ‘nu spassatiempo, ‘n’ avventura… ‘nu piatto magnato dint’a ‘na trattoria, no dint’a casa… ‘Na menesta diversa, ca però m’ha fatto capì ca ‘a menesta ‘e casa è sempe cchiù ddoce e cchiù bbona…

Angela          Mi dispiace sulamente ca nun hè sufferto abbastanza, pe’ quanto me riguarda… Ma pe’ tutto chello ca hè cumbinato e p’‘a mancanza ‘e fiducia ca hè avuto nei miei confronti… Vattenne e nun te fà cchiù vedè… Tra noi tutto è finito. Chesta casa è ‘a mia, papà m’‘a ‘ntestaje, te lasso pure ‘a dote, ma pigliate tutte ‘e ccose toje, vattenne e nun te fà vedè manco cu’ ‘o cannocchiale.

Tommaso       No, mò aggio ‘a essere onesto, Angela. Perdonalo, m’ha ditto pure a mme che ha amato sulamente a tte, ca chell’ata era ‘na specie ‘e droga… Ti prego, perdonalo.

Angela          Comme site bellille a v’aiutà l’uno cu’ ll’ato vuje uommene… Isso mi ama e m’ha amato tanto… Io nun l’aggio amato maje e manco mò ‘o vglio bbene… Se ne jesse add’‘a zizzacch… da Teresina!

Riccardo      È giusto, aggio sbagliato, e chi sbaglia ha da pavà… Angela, hai ragione, te lasso libera, e comunque, giusto pe’ me fà odià ‘nu poco ‘e meno, sappi ca ‘a zizzacchi… vulevo dicere Teresa Saponetta è stata l’unica femmena con cui t’aggio tradita. ‘A puverella tene ‘nu marito manesco e ‘mbriacone, e in me essa ha truvato ‘n amico… ‘nu compagno… forse ‘o destino chesto ha vuluto pe’ essa, e infatti non approvava il mio comportamento. Mò ca sò libero, passerò ‘a vita mia pe’ dà serenità a Teresa… Nun è ‘na malafemmena, v’‘o pozzo giurà… Dimane me vengo a piglià ‘a rrobba mia… Tom, grazie di tutto, tu sì stato ‘n amico sincero… Addio, vaco a cunsulà ‘a povera Teresa… (Angela gli si avvicina)

Angela          (Singhiozza, noin si capisce bene ciò che dice) Nun ‘o ffà… Nun ‘o ffà…

Riccardo      Guarda ca sì ttu ca me ne staje caccianno, e tiene pure ragione…

Tommaso       Signori… Mi sa mi sa, ca è meglio ca me vaco a spusà ‘o Brasile! Arrivederci e figli maschi… ma pure si sò femmene va buono ‘o stesso…

Sipario

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno