Comme vene, vene

Stampa questo copione

Siamo in un basso di Napoli, nel salone di casa Primiera: al centro c’è la porta di

Comme vene, vene

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

19/09/2003

Personaggi:   12

Gennaro Primiera

Rosalia Primiera

Giovanni Primiera

Alfonso Primiera

Assunta

Raffaele Settoro

Galina Fallova

Lucia

Leo Misto

Vincenzo Vecienzo

Carmela

Valentina Guarra

Un basso di Napoli, casa Primiera. Gennaro e Rosalia hanno adottato un figlio, ma non gli hanno mai detto questa verità anche quando egli è ormai adulto. La ragione di questa scelta sta nel fatto che Gennaro non vuole che l’adottato Alfonso si senta inferiore all’altro figlio Giovanni o che quest’ultimo pretenda un maggior affetto dai genitori in quanto figlio naturale. Le discriminazioni su un figlio adottato sono sempre dietro l’angolo, per cui è giusto che non esista differenza tra figlio legittimato e figlio naturale. Un giorno però si presenta a casa la famiglia Vecienzo che anni ed anni addietro ha abbandonato Alfonso, pretendendone il ritorno in famiglia, a causa di una clausola testamentaria che offre la possibilità di ottenere ai Vecienzo l’eredità di famiglia se essi ritroveranno quel figlio che invece avevano allontanato dal proprio calore familiare.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

Siamo in un basso di Napoli, nel salone di casa Primiera: al centro c’è la porta di ingresso. A sinistra c’è la cucina, a destra le altre stanze. Nella stanza, a sinistra c’è un divanetto alla cui destra c’è un tavolino col telefono. A destra dell’entrata c’è un mobile. Sulle pareti qualche quadro arricchisce l’ambiente.

ATTO PRIMO

1. [Alfonso e Giovanni. Poi Rosalia e Gennaro]

                  Sul divanetto dorme Alfonso. Squilla il telefono e lui si sveglia di soprassalto. 

Alfonso:   (Assonnato) Ma chi è? Nun se po’ durmì ‘nu poco in pace. (Risponde) Pronto!

                  Chi è? A chi volete? Casa Piecoro? No, no, avete sbagliato numero. Vi dispiace?

                  Eh, e a chi ‘o ddicìte?! (Riaggancia) ‘E che ggente.

                  Si rimette a dormire. Poco dopo squilla di nuovo il telefono e Alfonso si sveglia.

                  Ancora? (Risponde stufo) Pronto! Chi è? A chi volete? Casa Piecoro? Ma avete

                  sbagliato numero. Riprovate, sarete più fortunato! (Riaggancia) ‘Stu ‘nzallanuto!

                  Torna a dormire. Poco dopo squilla di nuovo il telefono, e Alfonso si sveglia.

                  Ma ‘o ffanne apposta? (Risponde stufo) Pronto! Ma chi è? A chi volete? ‘N’ata

                  vota? Ma posso sapere chi siete? Il signor Macellaro? E che vvulìte ‘a ‘stu signor  

                  Piecoro? ‘O vulìte scannà? Ma facìte chello che vvulìte vuje. Ch’aggia fa’ io?  

                  (Riaggancia) Ma chisto è scemo? E facìteme durmì ‘npace! (Si riaddormenta)

                  Da sinistra entra Giovanni con bicchiere di carta con camomilla. Va da Alfonso.

Giovanni: (A mezza voce) Alfonso... Alfonso...

                  Alfonso non lo ha sentito.

                  (Voce un po’ più alta) Alfonso... Alfonso...

                  Ma Alfonso niente.

                  Pronto, c’è il signor Alfonso?

Alfonso:   (Risponde al telefono) Pronto... Chi è?

Giovanni: Sono Giovanni...

Alfonso:    Giuà, e addò staje?

Giovanni: Stò vicino a te!

Alfonso:    Staje vicino a me? E che teliefene a ffa’?

Giovanni: Animale, sto’ ccà vicino a te!                 

Alfonso:    (Lo nota e posa la cornetta) Giuà, ma tiene genio ‘e pazzià? Ja’, che vvuo’?

Giovanni: T’aggio purtato ‘o cammumillo.

Alfonso:    Ah, già, dammìllo, me ce vo’ proprio. (Prende il bicchiere, ma se lo rovescia

                  addosso e balza in piedi) Ahiaaa... al fuoco, al fuoco...!

Giovanni: Che caspito he’ cumbinato?

Alfonso:   (Si dimena) Acqua, acqua!

Giovanni: Va’, curre ‘int’’a cucina...

Alfonso:    Volooo...!

                  Corre in cucina (a sinistra). Giovanni raccoglie il bicchiere e lo posa sul tavolo.

Giovanni: Ma è mai possibile che tengo un fratello così imbranato? ‘E che suggetto!

                  Torna Alfonso un po’ provato dalla sgradevole esperienza di prima.

                  Alfò, sei ancora vivo?

Alfonso:    Sì. M’è gghiuta bona. (E si siede sul divanetto)

Giovanni: A proposito, ma chi era ‘o telefono?

Alfonso:    Era un certo Macellaro. Voleva a un certo Piecoro. Ha ditto ch’’o vo’ scannà!

Giovanni: Alfò, ma he’ capito buono?

Alfonso:    Ma che ne saccio, Giuà?... Io stongo stunato. E chi ha durmuto stanotte?

Giovanni: Senti, raccontami che è successo. (Prende una sedia e l’accosta al divanetto)

Alfonso:    M’aggio appiccecato cu’ muglierema. Chella, Lucia, è troppo gelosa. Vedi,

                   come tu ben sai, io lavoro alla radio.

Giovanni: E certo. Io e te conduciamo la stessa trasmissione: “Comme vene vene”. Solo

                   che io la faccio alla televisione e tu alla radio. Embé, e allora?

Alfonso:    Ieri abbiamo fatto una festa alla mia radio. E come testimonial abbiamo scelto  

                   la famosa top model Valentina Guarra. Ma lo champagne scorreva a fiumi. E

                   chella pazza scatenata s’è ‘mbriacata, accussì m’ha dato ‘nu vaso... sulla bocca!

Giovanni: E chella pecché steva ‘mbriaca!

Alfonso:    E così i giornali scandalistici si sono scatenati. E in particolare uno, “Il Corriere

                  dello scandalo”. Accussì Lucia ha fatto ‘na scenata: “Chi è ‘sta malafemmena?”.

Giovanni: Embé, e tu non glielo potevi spiegare l’equivoco?

Alfonso:    Addò? Chella nun m’ha fatto dicere ‘na fetente ‘e parola! Parlava sulo essa! Ma

                   io nun riesco a capì: pecché ‘sti ggiurnale cérchene sempe a me e a te no?

Giovanni: E io mi nascondo bene. E poi sono single. Alfò, chi te l’ha fatte fa’ ‘e te spusà?

Alfonso:    Giuà, grazie per l’incitamento!

Giovanni: Prego, Alfò!

                  Entrano in casa (dal centro) di Gennaro e Rosalia (che non notano Alfonso).

Gennaro:  Nuje stamme ccà... (Poi toglie la giacca e la posa su un’altra sedia)

Giovanni: Uhé, papà, mammà...                

Rosalia:    (Stanca, va a sedersi su una sedia) Ah, ‘e che stanchezza...

Alfonso:    (Giuà, nun ce ‘o ddicere che m’aggio appiccicato cu’ Lucia...).

Giovanni: (No, nun te prioccupà...).               

Rosalia:    (Si accorge di Alfonso) Ah, Alfò, ma tu staje ccà? Nun t’’eva proprio visto.

Gennaro:  Uhé, Alfò, t’he’ appiccecato ‘n’ata vota cu’ Lucia?

Rosalia:    Uh, comme me dispiace.

                  Alfonso fa una facciaccia a Giovanni.

Giovanni: Alfò, io nun aggio ditto niente!

Gennaro:  E vabbuò, nun te piglià collera, a papà. Sono cose che capitano.

Rosalia:    Sì, po’ facite pace. So’ ccose ‘e poco.

Gennaro:  E mò, guagliù, pe’ piacere, ce stanne cierti bborze ‘e spesa ‘int’’a machina.  

Giovanni: Mò ‘e gghiamme a piglià subito. Jamme, Alfò, damme ‘na mana.

                  Alfonso fa un sospiro di rassegnazione. Poi i due si alzano e escono di casa.

2. [Rosalia e Gennaro. Poi Giovanni e Alfonso]

                   Rosalia è ancora seduta e un po’ sofferente per la stanchezza.

Gennaro:  (Slacciandosi la cravatta) Che d’è, Rosalì, staje ancora stanca?

Rosalia:    Sì. Ma nun è tanto ‘a stanchezza fisica chella che sento. E’ più quella di dentro.

Gennaro:  Ah, sì? Comme sarebbe a dicere?

Rosalia:    Gennà, m’aggio sfastriata ‘e sentì ‘e ggente che pàrlene ‘e spalle.

Gennaro:  E che ténene ‘a dicere ‘e nuje?

Rosalia:    No. Non parlano di noi. Ma di nostro figlio Alfonso.

Gennaro:  E comm’’o ssanne che s’è appiccicato cu’ Lucia?

Rosalia:    Gennà, ma tu faje apposta ‘e nun capì, oppure sì scemo overamente? Le persone

                   parlano che lui non è figlio nostro. Che lo abbiamo adottato e non gliel’abbiamo

                   mai detto. Dicono che abbiamo sbagliato e pure adesso sbagliamo.

Gennaro:  Rosalì, te si’ scurdata? Noi ce lo siamo promessi anni fa, quando ho avuto

                   quell’incidente stradale da dove mi sono salvato per miracolo. Però purtroppo

                   non potevo più avere bambini. Sono diventato stitico!

Rosalia:    Gennà, se dice sterile. 

Gennaro:  Ah, sì? E tu comm’’o ssaje?

Rosalia:    Ll’aggio liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale!

Gennaro:  Ah, e vabbuò. Comunque, per la rabbia, ti ho proposto di affittare un bambino!

Rosalia:    Si dice adottare.

Gennaro:  Ah, sì? E tu comm’’o ssaje?

Rosalia:    Ll’aggio liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale!

Gennaro:  E vabbuò. E così, io e te, ce lo siamo andati a prendere da dentro all’obitorio!

Rosalia:    Eh, ‘a ‘int’’a sala ‘e rianimazione! Gennà, si chiama orfanotrofio.

Gennaro:  Ah, sì? E tu comm’’o ssaje?

Rosalia:    Ll’aggio liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale!

Gennaro:  Pure? E vabbuò. Comunque, Rosalì, ‘e ggente pàrlene? E lass’’e parlà. Tanto,

                   fanne sempe chesto. La prima volta che hanno visto a Alfonso con noi, si erano

                   meravigliati, perché noi tenevamo un bambino nuovo, ma tu non avevi mai

                   avuto la pancia. Ja’, vide che scimmità. Ma pecché, ce vo’ afforza ‘a panza?

Rosalia:    Sì, Gennà, ce vo’. Ll’aggio liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale!

Gennaro:  (Seccato) Ah, Rosalì, ma nun ‘o liegge ‘nu poco troppo ‘stu giurnale?!

Rosalia:    Gennà, e intanto secondo me c’’essema dicere ‘a verità, a Alfonso.

Gennaro:  Ancora? Ma che ce ne ‘mporta? I genitori originali di Alfonso, quando lui era in

                   fasce, lo hanno abbandonato. Noi, invece, lo abbiamo cresciuto. E quanta cose

                   amme fatto p’isso! E quanta cose aggio fatto io pe’ l’entusiasmo. Ti ricordi?

                   Appena l’abbiamo adottato, per prima cosa, mi sono aperto il mio negozio di

                   fiori. Rosalì, ma a chi amma da’ cunto?!

Rosalia:    Nun amma da’ cunto a nisciuno, però ce ll’amma dicere.

Gennaro:  E vabbuò. Ce ‘o vvuo’ dicere? E dincéllo tu. Io nun m’’a sento d’’o ffa’.

Rosalia:    E comme si’ bello! Sì ce ‘o ppozzo dicere io, ce ‘o ppuo’ ddicere pure tu. No?

Gennaro:  E vabbuò, dicimmancéllo. (Puntualizza) Tutti e due, però.

Rosalia:    E certo. Mò che viene, glielo diciamo. (Si alza)

                  Tornano Giovanni e Alfonso con quattro buste di spese in mano (due a testa).

Alfonso:    Eccoci tornati.

Giovanni: Ccà ce stanne ‘e bborze.

Rosalia:    (Ecco che si perde di coraggio) Ehm... Io vaco a cucenà!                

Gennaro:  E io me vaco a ffa’ ‘a doccia!

                  E così lei scappa via a sinistra e lui scappa via a destra.

Alfonso:   Ma che d’è? Ch’è succieso?

Giovanni: Boh! Si vede che stanno stanchi. Vabbuò, purtàmme sti’ bborze ‘int’’a cucina.

                  E vanno a sinistra in cucina. Frattanto torna Rosalia.

Rosalia:    Scappa, scappa! Mamma mia... e chi ‘o tene ‘o curaggio ‘e ce ‘o ddicere?!

                  Torna pure Gennaro.

Gennaro:  Rosalì, se n’è gghiuto?

Rosalia:    Ah, ‘o vi’ lloco. Ma che ffaje, te ne fuje?

Gennaro:  Ah, io? E tu, allora?

Rosalia:    Eh, Gennà, nun tengo proprio ‘o curaggio ‘e ce ‘o ddicere.

Gennaro:  E manch’io. Comme s’ha da fa’?

Rosalia:    Eh, comm’è o comme nun è, ce ll’amma dicere. ‘Nu poco ‘e curaggio e ce aésce.

Gennaro:  E vabbuò. Quanno vene ce ‘o ddicimme.

Rosalia:    Chesta vota overamente.

                  Tornano Giovanni e Alfonso.

Alfonso:    Sentite, abbiamo posato le borse.

Gennaro:  Ehm... Io vaco a cucenà!               

Rosalia:    E io me vaco a ffa’ ‘a doccia!

                  E così lui scappa via a sinistra e lei scappa via a destra.

Alfonso:    Ma ch’è stato?

Giovanni: Boh! E chi ‘e capisce?

                  Alfonso si siede sul divanetto mentre Giovanni si dà una sistemata.

3. [Giovanni e Alfonso e dopo Assunta]

                   Alfonso, sedutosi, riflette sul comportamento strano dei suoi genitori. Poi...

Alfonso:    Ah, a proposito, Giuà, ti volevo raccontare un sogno che ho fatto stanotte.

Giovanni: Un sogno? (Siede sulla sedia accanto al divanetto) Sentiamo. Racconta.

Alfonso:    Si tratta di un sogno strano. In pratica, io ero un neonato e dormivo tranquillo,

                   quando ad un tratto una luce fortissima mi ha svegliato. E io volevo capire cosa

                   era quella luce. E così davanti a me sono comparse due persone che dicevano di

                   essere i miei genitori... ma nun érene papà e mammà. Tu nun ce stive proprio!

Giovanni: E vabbé, quello è un sogno! Passa avanti.

Alfonso:    Quei due insistevano, ma io non li conoscevo proprio. Cosicché, mia madre si è

                   messa a rammendare e mio padre si è messo ad aggiustare una sedia di legno.

Giovanni: Alfò, ma a chi t’he’ sunnato, a San Giuseppe e ‘a Maronna?!

Alfonso:    E senti il finale. Poco dopo mi sono riaddormentato e quando mi sono svegliato,  

                   mi sono guardato allo specchio. Ero come sono adesso. E così sono venuti da

                   me papà e mammà, però stavolta erano loro veramente. Tu nun ce stive proprio!

Giovanni: Dalle, e so’ ddoje! Ma quello è sempre un sogno!

Alfonso:    E papà mi ha detto: “Vedi quello che hai visto prima? Tienatéllo pe’ te, nun ce

                   ‘o ddicere a nisciuno!”. Ma che cosa nun aggia dicere, Giuà? E chi erano quei

                   due che io non conoscevo?

Giovanni: E che ne saccio? Io nun ce steve proprio! Fa’ ‘na cosa: domanda a zia Assunta!  

Alfonso:    No, nun ‘a nnummenà, Giuà, chella porta sfurtuna!

                  E arriva Assunta, vestita in abito nero. E’ una che a detta di molti porta jella!

Assunta:   Buonasera a tutti.

Giovanni: Uhé, zia Assunta.

Alfonso:    Uh, Marò, s’é materializzata!

Giovanni: (Stattu zitto, nun te fa’ sentì!). (Si alza e le si avvicina) Ehm… ‘a zi’, tutto bene?

Assunta:   A me? Sì, va benissimo! Anzi, no, bene! No, benino! Guagliù, va ‘na schifezza!

Alfonso:    E io ‘o ssapéve!... (Così si alza e si avvicina ai due)

Giovanni: (E vi’ si se sta zitto!)... Ehm… zia, e come mai va una schifezza?

Assunta:   Eh, la gente è cattiva. E pure vostro zio Giuseppe. Chillo s’era fissato che vuleva

                  pittà afforza ‘a casa. Io non volevo, ma isso niente, m’ha ‘nguacchiato tutta ‘a

                  casa! E allora io gli ho detto: “Ah, sì? E nun he’ ‘ncarrà a pittà”! E guarda caso,

                  s’è azzeccato ‘o penniello ‘nfaccia ‘o muro! Chella nun era pittura, era colla!

                  Alfonso si volta per grattarsi.

Giovanni: (Stattu femo!). (E lo blocca)

Assunta:   E non è finita qua: stamattina stavo stendendo i panni fuori al balcone. A ‘nu

                  ciertu punto, chella disgraziata d’’o piano ‘e coppa, ha sbattuto ‘o tappeto e m’ha

                  spurcato tutt’’e panne! Nun ce aggio visto cchiù e l’aggio ditto: “S’ha d’allagà ‘a

                  casa toja”! E guarda caso... è scoppiata ‘a lavatrice!

                  Alfonso si volta per grattarsi.

Giovanni: (E stattu fermo!). (E lo blocca)

Alfonso:   (Intimorito) Zia, io ti voglio un sacco di bene, eh!

Giovanni: (Intimorito) Zia, e pure io.

Assunta:   E lo so, lo so. Anzi, Giovanni, io adesso mi sono calmata. Però mi ricordo che

                   noi due abbiamo avuto quella discussione. E tu mi hai detto quella parolaccia!

Alfonso:    Giuà, ma comme t’è venuto?

Giovanni: Vabbuò, scimmità!

Assunta:   E sì, io però, ieri, sai com’è, nella rabbia ho detto: “S’ha d’appiccià ‘o studio

                   televisivo ‘e Giuanne”! E guarda caso...! 

Giovanni: (Preoccupato) Ma guarda caso che cosa?

Assunta:   Niente, s’è appicciato!

Alfonso:    E no, mò m’he’ ‘a fa’ rattà! (Si volta e si gratta rabbiosamente gli attributi)

Giovanni: (Spaventato) Comme s’è appicciato?

Assunta:   Eh, e nun te prioccupà, mò ce stanne ‘e pumpiere!

Giovanni: ‘E pumpiere? Mamma mia, famm’ì a vedé...

                  E corre fuori di casa come un matto.  

Assunta:   Eh, ma che d’è? Ma comme sta nervuso chisto! (Poi guarda un attimo Alfonso)

Alfonso:   (Terrorizzato) Ehm... zia, io mi prostituisco ai tuoi piedi!

Assunta:   E no. Pure con te sono un po’ arrabbiata, perché hai litigato con tua moglie. E

                  che cosa mi dicesti l’altra volta? Che non litigavate più.

Alfonso:    Ah, sì?!... Giuà, pecché m’he’ lassato a me sulooo!

                  E scappa via pure lui di casa. Assunta fa un sorriso di soddisfazione.

Assunta:   Nun te prioccupà, Alfò, nun te dico niente. (Poi siede su una sedia)

4. [Zia Assunta, e poi Gennaro e Rosalia]

                  Da sinistra, arriva Gennaro (non nota Assunta).

Gennaro:  Alfonso se n’è gghiuto. Mò pozzo ascì! (Va dalla parte opposta) Menu male!

                  Passa davanti a Assunta e quasi non la nota, però la saluta inavvertitamente.

                  Cià, Assuntì... (Poi si ferma) Assuntì?

Assunta:   Cià, Gennà.

Gennaro: (Un po’ impaurito) Ah... ehm... Assuntina, come stai?

Assunta:   Lassamme sta’...

Gennaro:  E in questo periodo hai ucciso a qualcun... cioè, hai fatto qualcosa di bello?

Assunta:   Beh... niente di particolare. E a te, come va il negozio?

Gennaro:  E chi ‘o ssape si ce sta ancora?!

Assunta:   Ma nun ce sta Rosalia?

Gennaro: Ah, vuoi a Rosalia?

Assunta:   Immediatamente.

Gennaro: (Corre alla porta a destra) Rosalì... (Curre, o si no chesta fa cadé ‘o palazzo!).

                  Accorre Rosalia e si ferma appena entrata.

Rosalia:   Che d’è, se n’è gghiuto Alfonso?

Gennaro: (Stattu zitta, Rosalì. Guarde chi ce sta...).

Rosalia:   (Assuntina? Uh, m’aggio scurdata che ll’’eva accumpagnà add’’o parrucchiere.).

Gennaro: (Rosalì, ma che ce vuo’ fa’ venì ‘nu maremoto ‘ncuollo?).

Rosalia:   (E mò che ce dico?).

Gennaro: (Mannaggia ‘a capa toja! Dille che sei venuta con me a fare un servizio.).

Rosalia:   (Sì, te pare facile. Chella vo’ sapé ‘e particolare).

Gennaro: (E tu guarda a me da questa parte. Ti suggerisco io qualcosa!).

Rosalia:   (E vabbuò...). (Avvicinandosi) Ehm... cià, Assuntì...

Assunta:   Uhé, Rosalì, tutto a posto?

Rosalia:    Ehm... sì. (E si siede alla sua destra) Allora, Assuntì, che mi dici?

Assunta:   Niente, m’aggio appiccecata cu’ Giuseppe. Per il resto, niente di nuovo. La gente

                  è sempre cattiva, io gli dico le cose addosso e, guarda caso, succedono. E’ il caso

                  dell’altro giorno: io ho fatto un concorso della cioccolata, che si vince un viaggio

                  in Messico. Ma non ho vinto. Hanno vinto quei cosi brutti degli Esposito. Così, il

                  giorno dopo, prima di partire, sono passati a casa mia e mi hanno sfottuta: “Noi

                  abbiamo vinto e tu no...”! E io ce aggio ditto: “Voi in Messico non ci arrivate”!...

                  E guarda caso... è caduto l’aereo. Però non è morto nessuno... solo gli Esposito!

                  Gennaro, dalla tasca, estrae un corno e lo accarezza, alché Rosalia si mette alla 

                  sinistra di Assunta per non farle vedere quello che sta facendo lui.

Rosalia:    Ah, Assuntì, è simpatico ‘stu fatto, però mò guarde a me!

Assunta:   A proposito, Rosalì... ma tu nun m’iva accumpagnà add’’o parrucchiere?

Gennaro: (‘O vi’ lloco, ‘o vi’, mò vene ‘o burdello!). (Posa il corno in tasca)

Rosalia:    Ehm... non ho potuto perché... ho accompagnato a Gennaro. Vuoi sapere dove?

                  Gennaro si fa il segno della Croce, poi mima che Rosalia lo ha accompagnato al

                  supermercato: sé stesso, poi mima il carrello della spesa. Rosalia equivoca.

                  Ah, aggio purtato a Gennaro ‘int’’o passeggino!

Assunta:   (Stupita) Che cosa?

                  Gennaro, dopo un gesto di stizza, mima di nuovo la stessa cosa.

Rosalia:    Ah, eh... no, volevo dire che ho accompagnato a Gennaro al supermercato! E poi

                  dopo, all’uscita, ho portato a Gennaro...

                  Gennaro con le mani mima qualcosa di grande e poi indica i suoi pantaloni, per 

                  dire che sono andati in un negozio ad acquistare un pantalone per lui.

                  ...a ffa’ ‘o pipì areto a ‘n’albero, e s’è ‘nfuso tutto ‘o cazone...!

Assunta:   Comme?

                  Gennaro le ripete la scena e fa il gesto dei soldi con le dita.

Rosalia:    No, amme accattato ‘n’atu cazone! E ‘o viecchio l’ha lassato ‘nterra all’albero!

Assunta:   L’ha ittato? E comme ha cammenato ‘nmiezo ‘a via? In mutande?!

                  Gennaro fa segno di no, e mima una macchina e fa il gesto con le dita di un

                  grosso buco alla ruota (vorrebbe suggerirle che hanno forato una gomma).

Rosalia:    Sì, però ‘na machina l’ha ittato sotto e l’ha stracciato pure ‘a mutanda!

Assunta:   Rosalì, ma che staje dicenno?

                  Gennaro si dispera, e le rifà il gesto con le dita del grosso buco e la ruota.

Rosalia:    (Capisce) Ah, no. S’è bucata ‘a rota d’’a machina e Gennaro l’ha avuta cagnà!

Assunta:   Ah, ecco. E allora accompagnami adesso dal parrucchiere. (E si alza in piedi)

Rosalia:    (Rassegnata) E vabbuò, jamme mò. (Si alza pure lei) Gennà, nuje ascìmme.

Gennaro:  Jate, jate... (Puortatella a chesta!).

Assunta:   Cià, Gennà... e nun te prioccupà, ‘o negozio tuojo ce sta ancora!

                  E se ne escono. Gennaro estrae un fazzoletto dalla tasca e si asciuga il sudore.

Gennaro:  Mamma mia, me pare ‘a mafia chesta: si sgarre, t’appiccia tutto cose!

                  E va via a sinistra.

5. [Giovanni e Alfonso]

                  Dall’ingresso torna Alfonso tutto affannato.

Alfonso:   Uff, sono sano... sono salvo. Sono sano e salvo! Giesù, chillo overamente se

                  steva appiccianno tutto cose. ‘Sta zia Assunta è pericolosa. E’ ‘na calamità!

                  Si siede sul divanetto e si rilassa. Squilla il telefono.

                  Accomme m’assetto ccà, sona ‘stu telefono! (Risponde) Pronto! Chi è? Il signor

                  Macellaro? E che volete? Ah, sempre il signor Piecoro? Sì, lo so, p’’o scannà!

                  Ma avete sbagliato numero, come ve lo devo dire? Addio! (Riaggancia) E

                  intanto, com’è brutto essere innocenti e non poterlo dimostrare. Ma pecché

                  Lucia è accussì gelosa? Vulésse fa’ pace cu’ essa. Ma come si fa? Chi mi aiuta?

                  Torna Giovanni affranto e col viso un po’ bruciacchiato.

Giovanni: Mamma mia, ce l’ho fatta. (Va a sedersi su una sedia accanto al divanetto)

Alfonso:   (Uhé, Giuanne è turnato. Ho un’idea!)... Ehm... uhé, Giuà, tutto a posto?

Giovanni: Diciamo! Meno male che i pompieri sono arrivati in tempo, o si no s’appicciava

                  tutto cose. Comunque si tratta di un incendio doloroso!

Alfonso:   Giuà, si dice doloso. Ma mò nun ce penzà cchiù. Anzi, ora approfitto per

                  chiederti un favore. Un favore che solo tu mi puoi fare.

Giovanni: E dimmi.

Alfonso:    Giuà, aggia fa’ pace cu’ Lucia. Nun ce puo’ parlà tu cu’ essa?

Giovanni: Me vuo’ fa’ abbuscà ‘o posto tuojo?! Caso mai, parlaci tu: falle una telefonata.

                  Dille belle parole, e lei si scioglierà.

Alfonso:    Sì, ma io nun ‘e ssaccio dicere sti’ belli pparole.

Giovanni: E va bene, ti suggerisco io quello che le devi dire. Prendi il telefono.

Alfonso:   (Entusiasta) Uh, sì, facciamolo, facciamolo! (Prende il telefono, digita il numero,

                  poi attende nervosamente) E ja’, quanto ce vo’? (Poi finalmente…) Pronto, c’è

                  Lucia?... Ah, ciao, Genoveffa... Giuà, è la nipotina di otto anni di Lucia.

Giovanni: Eh, e salutammélla!

Alfonso:    Ehm... Genoveffa, sono Alfonso, mi passi a Lucia? Come dici? (A Giovanni)

                  He’ capì, ha ditto che nun m’’a vò passà, pecché faccio schifo!

Giovanni: E dille che glielo chiedo io.

Alfonso:    Senti, Genoveffa, allora fallo per mio fratello Giovanni, che ti vuole tanto bene!

Giovanni: Che ha detto?

Alfonso:    Ha ditto che faje cchiù schifo ‘e me!

Giovanni: E quant’è bellella ‘sta criatura! ‘E che belli ccriature ce stanne oggie!

Alfonso:    E dai, Genoveffa, passami a Lucia...

Giovanni: Alfò, sii più deciso.

Alfonso:    Genoveffa, ora basta, passami a Lucia...

Giovanni: Sii più deciso.

Alfonso:    Genoveffa...

Giovanni: Più deciso.

Alfonso:    (Spazientito) Néh, mappì, pàsseme a soreta!

Giovanni: No, mò è troppo.

Alfonso:    Ha detto che me la passa. Hai visto? Con le buone maniere si ottiene tutto!

                  Ehm... ciao, Lucia... Come stai? Pure io sto bene... senti, non riagganciare...

Giovanni: (Comincia a suggerire) “Voglio dirti due parole”...

Alfonso:    (Comincia a capire tutt’altro) Voglio ‘a pizza cu’ ‘e scarole!

Giovanni: Eh, e io voglio ‘o casatiello!... No, “voglio dirti due parole”...

Alfonso:    Ah, voglio dirti due parole...

Giovanni: “Stongo ascenno pazzo io sulo”.

Alfonso:    Stongo ascenno pazzo p’’e fasule!

Giovanni: Ma quali fasule?... “Ie to sto’ cercanno”...

Alfonso:    Io te tengo ‘ncanno!

Giovanni: Ma no... “E nun t’’o ddico comme”.

Alfonso:    E io nun t’’e ddongo ‘e ggomme!

Giovanni: No, ce daje ‘e Tic Tac!

Alfonso:    Te dongo ‘e Tic Tac!

Giovanni: “Lucì, pateto m’accusa”!

Alfonso:    Lucì, pateto è rattuso!

Giovanni: No, m’accusa. “Ma chi ti ha mentito?”…

Alfonso:    Ma a chi he’ parturito?

Giovanni: Eh, ha fatto duje gemelli...!

Alfonso:    Lucì, he’ fatto duje gemelli senza ‘e me? E comme cacchio he’ fatto?

Giovanni: Ma nun ha parturito nisciuno!... “Era solo una menzogna”...

Alfonso:    Era bona ‘sta pezzogna?!

Giovanni: No, è cchiù buono ‘o baccalà!

Alfonso:    E’ cchiù buono ‘o baccalà!

Giovanni: “Tu pe’ me nun si’ cchiù”...

Alfonso:    Che cosa?

Giovanni: “‘Na sora cucina”...                                                             (*traduzione: una sorella cugina)

Alfonso:    Eh, e ‘a mamma fa ‘e piatte!

Giovanni: Ma quali piatte?... “Voglio dirti un’ultima cosa”...

Alfonso:    Voglio dirti un’ultima cosa...

Giovanni: “Tu ‘o ssaje, io nun te *perde”...                                                  *(le due parole hanno la      

Alfonso:    Tu faje ‘e ffigure ‘e *mmerda!                                                             stessa assonanza)

Giovanni: No...

Alfonso:    Pronto... pronto... ha attaccato.

Giovanni: Veramente? E perché?

Alfonso:    E pe’ fforza, tu m’hé ditto tutte chelli scimmità. (E posa la cornetta)

Giovanni: Io?

Alfonso:    Mò me faje spartere cu’ muglierema. E mò te sparto io a te mità e mità.

Giovanni: Alfonso, fai il bravo!

Alfonso:    Viene ccà...

Giovanni: Nooo!

                  E scappa via a destra inseguito da Alfonso.

6. [Leo Misto e Gennaro]

                  Dall’ingresso, al centro, silenzioso, entra il giornalista di gossip Leo Misto: ha

                  un block notes in mano e una macchina fotografica appesa al collo.

Leo:          Hai capito? Alfonso Primiera ha litigato con la moglie. Ma allora lo scoop della

                  top model era giusto. E vai, ce l’ho fatta! Certo, non è facile essere allo stesso

                  tempo direttore, articolista e paparazzo del giornale: “Il Corriere dello scandalo”.

                  Ma stavolta supererò il milione di copie vendute. E allora fammi prendere nota!

                  Apre il block notes, si siede in disparte su una sedia e scrive. Da sinistra, entra

                 Gennaro che mangia una carota. Nell’altra mano ha un block notes dove legge:

Gennaro: Perfetto, i calcoli si trovano tutti. Eh, io sono preciso, se no non potrei tenere un

                  negozio di fiori. Ccà ce stanne ‘a pavà tasse, tasse, sulamente tasse... anche se io

                  spesso non le pago. Però devo stare attento: pare che tra i negozi si aggira un

                  messo dell’agenzia delle entrate che controlla se i negozianti sono a posto col

                  fisco, allora devo stare attento. Tiene un block notes e una macchina fotografica. 

                  Dà un morso alla carota, poi si volta e nota Leo, e gli cade la carota di mano.

                  (Sconvolto) Marò! Un tizio con un block notes e una macchina fotografica. E

                  allora è isso! E mò comme faccio? Io ll’aggio sempe ditto, ‘e tasse s’hanna pavà!

                  Aggia mantené ‘a calma. Ora faccio finta di niente. (Ad alta voce) Uhm uhm... Io

                  sono una persona perbene, precisa e puntuale. Perciò, aiza ‘ncuollo e vattenne!

                  E poi fa finta di niente. Leo lo ha sentito, lo nota, poi si alza e lo raggiunge.

Leo:          Scusate, ma ce l’avete con me?

Gennaro: Chi, io? Ma si io nun ve saccio proprio!   

Leo:          Ah, no, avevo l’impressione...

Gennaro: E vi siete sbagliato! Stavo solo leggendo una cosa sul mio block notes.

Leo:          (Ah, tene pure isso ‘nu block notes. Questo deve essere pure lui un giornalista

                  che cerca di sapere qualcosa su Alfonso. Devo stare attento!). Ehm... permettete?

Gennaro: Prego.

Leo:          Io mi chiamo Giubileo!

Gennaro: (Sorpreso) Giubileo? E che razza ‘e nomme è?

Leo:          E’ ‘nu nomme! Però per gli amici sono Leo. Per la precisione, Leo Misto. E voi?

Gennaro: Io mi chiamo Gennaro.

Leo:          Piacere. Scusate, ma tenete scritto qualcosa di particolare su quel block notes?

Gennaro: (‘O vi’ lloco, ‘o vi’...). Ehm... no, conti, solamente conti...

Leo:          Ma quali conti? Stiamo tra noi!

Gennaro: E vabbé, volete sapere qualcosa?

Leo:          (Ah, ci siamo...). Certamente, dite.

Gennaro: Niente, sapete com’è, la vita non è facile. Si pagano troppe tasse, e a volte non ci

                  sta neppure la forza di comprare un giornale.

Leo:         (Sorpreso) Addirittura?

Gennaro: Sì, perché voi vi prendete troppi soldi.

Leo:         (Pe’ tremila lire?!).

Gennaro: La gente va in mezzo alla strada. Guadate, che per colpa di questo fatto, c’è

                  perfino chi si è suicidato, e perfino chi ha ucciso. 

Leo:          (P’accattà ‘o giurnale mio?... Aspit’oh, fa ‘stu ppoco, ‘stu giurnale?!).

Gennaro: Prima o poi succederà una guerra civile. Voi vi ricordate le Vespe Siciliane?!

Leo:          No...

Gennaro: E può succedere un’altra volta. Perciò, bisogna che paghiamo più poco!

Leo:          E vabbé, allora vorrà dire che scendiamo di quattro-cinquecento lire!

Gennaro: No, di più, di più...

Leo:          (E mò ‘o regalàmme proprio, ‘stu giurnale!...).

Gennaro: E mò vi ho detto quello che so io. Adesso me lo dovete dire voi.

Leo:          Eh, cose grosse. Lo sapate? C’è in atto una crisi!

Gennaro: Ah, e voi mò lo state scoprendo? Ma io già lo so.

Leo:          Lo sapete? E sapete pure il fatto della lite?

Gennaro: Quale lite?

Leo:          (Si rallegra) (Ah, nun ‘o ssape!). Ehm... niente, niente. Sentite, ma io ho

                  l’impressione che in questa storia, c’è... come dire... un poco di sfortuna!

Gennaro: Eh, e chello è pe’ mezza ‘e Assunta!

Leo:          Assunta? E chi è?

Gennaro: Eh, quella è il pallone di Achille!

Leo:          (Sorpreso) ‘O pallone ‘e Achille? Sentite, ma facìteme capì. Chi è st’Assunta?

Gennaro: Una maniaca!

Leo:          (He’ capì? Nella vita di Alfonso Primiera c’è un’altra donna. Devo correre subito

                  al giornale!). Ehm... sentite, io devo scappare. Tanto, ho già scritto molte cose...

Gennaro: No, addò jate?... Sentite, per piacere, non dite niente di quello che avete scoperto.

Leo:          Comme?

Gennaro: Ja’, vuje me mannate ‘nmiezo a ‘na via... E io ci ho famiglia! Facciamo così,

                  quanto volete per strappare quella pagina che avete scritto?

Leo:          Ma niente.

Gennaro: ‘A stracciate gratis?

Leo:          No, ma io nun ‘a straccio pe’ niente!

Gennaro: Ma almeno lasciatemi il tempo di mettere a posto le cose. Se fra tre giorni non è

                  cambiato niente, potete fare quello che volete. Io vi dò il mio Val d’Aosta!

Leo:          Si dice “Nulla Osta”!

Gennaro: Pure vuje, mò? Scusate, ma vuje cunuscìsseve a mia moglie?!

Leo:          No, chi ‘a sape?! (Ma chisto è pazzo! Mò m’’o levo ‘a tuorno!). Sentite, e va

                  bene, faccio come avete detto voi.

Gennaro: Ah, grazie tante, siete un angelo. Vi posso dare un bacio?

Leo:          Nun ve permettite, o si no ve dongo ‘a machina fotografica ‘nfaccia!

Gennaro: No, no, va bene. Allora vado subito a riparare. E v’arraccumànno, zitto, zitto!  

                  Prende la giacca ed esce di casa. Leo lo osserva esterrefatto.

Leo:          Cose ‘e pazze...! Fammenn’ì ‘o giurnale... Qui ci sono cose roventi! Grazie,

                  Alfonso Primiera...! Grazie!

                  E se ne va.

7. [Alfonso, Valentina Guarra e poi dopo Lucia, Rosalia e Assunta]

                  Da destra torna Alfonso che intanto sta minacciando il povero Giovanni.

Alfonso:    T’aggia acchiappà, nun te prioccupà! ‘O vi’, me fanne sulo guaje! Mò sta a vedé 

                  che pe’ colpa ‘e Giuanne me sparto cu’ Lucia. E non solo per colpa di Giovanni.

                  Dall’ingresso (al centro) arriva Valentina Guarra (vestita in jeans e maglia).

                  Pure pe’ mezza ‘e chella... nun me fa’ dicere che cosa… ‘e Valentina Guarra!

                  Valentina gli si avvicina, non notata da Alnfoso, che continua a dirle improperi.

                   Chella disgraziata addò sta mò...! 

Valentina: Scusa, puoi ripetere? Che sono io?

Alfonso:     He’ ‘ntiso buono...! (Si volta e la nota) Ah, tu staje ccà? Pe’ via toja, sta

                    succedénno stu’ ppoco. ‘A quanno t’aggio cunusciuta, pe’ me è ‘n’inferno!

Valentina: E che è colpa mia? Che t’aggio miso io ‘nzieme a me ‘ncoppa ‘o giurnale?

Alfonso:     No, è mia. ‘O vaso chi me l’ha dato?

Valentina: E mi sarò distratta!

Alfonso:     Eh, si è distratta! E mò pecché si’ venuta, che vvuo’?

Valentina: Non sono venuta certo per te. Sono venuta perché, come sai, io sono una famosa

                   top model, e per ogni cosa che faccio, mi devono pagare i diritti di immagine. E

                   sia dia il caso cheper la festa dell’altro giorno, la tua radio non mi ha pagato

                   ancora niente. Così io sono venuta da te per regolare questa faccenda.

Alfonso:     E he’ fatto ‘nu viaggio a vuoto. Perché io non c’entro niente.   

Valentina: Uhé, nun me fa’ fa’ ‘a pazza!

Alfonso:     Valentì, embé? E’ inutile che parli napoletano per impressionarmi.  

Valentina: E comm’aggia parlà, veneziano? Io songo ‘e Arzano! Ma tu sai come mi chiamo

                   per davvero? Valentina Guarracino. Però il mio agente mi ha ridotto il cognome,

                   chiamandomi Guarra, pecché Guarracino pare ‘o nomme ‘e ‘na fruttajola!

Alfonso:    ‘O vero? Io me penzave che tu ire milanese.

Valentina: E invece so’ napulitana. E mò damme ‘e sorde che me n’aggia ì...

Alfonso:     E vabbuò, quanne ce vo’, ‘na cinquantamila lire?!

Valentina: Ma che? Qua’ cinquantamila lire? A me mi hanno promesso un milione.

Alfonso:    ‘Nu milione? E io ‘a do’ ‘o piglio?

Valentina: E che mi interessa, a me?

Alfonso:     Senti, Valentì, vattene. ‘A vita mia è già ‘na guerra, nun pozzo penzà pure a te.

Valentina: (Fa il segno con le dita) ‘E sorde...!

Alfonso:     E vabbuò, abbasta che te ne vaje. Ci parlo con la radio e te li faccio dare. OK?

Valentina: Ma staje facenno ‘o furbo?

Alfonso:     No, no. Sto’ dicenno overamente. Dimane ce vaco e chiudimme ‘sta partita.

Valentina: E vabbé. Io te stongo a sentì. Mi voglio fidare. Però Alfò, statte accorto, pecché  

                   si nun faje chello che he’ ditto, io faccio succedere ‘nu scandalo!

                   Si volta e va via, poi si blocca all’ingresso. Alfonso non se n’è accorto ancora.

Alfonso:     Menu male, se n’è gghiuta. ‘E che passaguaje...!

                   Valentina torna indietro e gli grida una cosa nell’orecchio.

Valentina: E nun fa’ ‘o fesso!

                   E stavolta se ne va sul serio.

Alfonso:     Ma chi m’ha cecato a me ‘e me fa’ fotografà cu’ ‘na passaguaje ‘e chesta? (Si

                   siede affranto) E intanto, mò vulésse sta’ cu’ Lucia. Aggia dicere ‘a verità?

                   E entra Lucia e gli si ferma dietro. Alfonso non se ne accorge.

                   Me manca... me manca assaje...

Lucia:        E pure tu...

Alfonso:    ‘O vi’, me pare d’’a sentì vicino a me che me dice: “E pure tu”!

Lucia:        Ma io sono qui!               

Alfonso:    (Si volta e la vede) Lucì... (Si alza in piedi e la abbraccia, dopodiché...) Lucì,

                   comme me si’ mancata... Ma mò si’ turnata pe’ stà cu’ me?

Lucia:        Sì, anche se non lo meriti. Ma quando mai mi hai detto tutte quelle parolacce?                  

Alfonso:    Al telefono? E scusami, ma mi sono confuso... (Mannaggia a Giuanne!)...

Lucia:     Però sono state appunto quelle cose che mi hai detto a convincermi a venire da te.

                Quelle parole mi hanno fatto riflettere. Mi hanno scossa.

Alfonso: ‘O vero? (Uahm, è propio grande Giuanne!).

Lucia:     Però io sono arrabbiata con te per quelle cose che compaiono sui giornali.

Alfonso: Ma non è vero niente.

Lucia:     E tu perché non me l’hai spiegato?

Alfonso: E ci ho provato, ma tu mi hai cominciato a tirare tutti i piatti del corredo appresso!

Lucia:     Embé, e dopo i piatti non me lo potevi dire?

Alfonso: E tu subito dopo mi hai buttato tutte le pentole appresso...

Lucia:     E dopo le pentole non me lo potevi dire?

Alfonso: Lucì, tu ce mancava sulo che me menave appriesso ‘o palazzo...!  

Lucia:     E scusa, hai ragione. Ma sai, quelle foto mi hanno un po’ offuscato la mente.

Alfonso: E vabbuò, nun ce penzàmme cchiù. Dammi un bacio...

Lucia:     E come no.

                Ma sono interrotti dall’arrivo di Assunta e Rosalia, che si fermano all’ingresso.

Assunta: ‘E ch’ommo ‘e niente!

                I due le sentono e desistono.

                Ma a chillu parrucchiere chi c’ha miso ‘o pettine ‘nmana?!

Rosalia:  E nun ce penzà, Assuntì...

Assunta: Nun ce penzà? Guarde ccà, chillo nun m’ha fatto propio niente e s’ha pigliato

                cientomila lire! Ha da perdere tutte ‘e capille che tene ‘ncapa!

Rosalia:  Tiene ‘nmente, mò addevénta zelluso ‘o parrucchiere!

Assunta: (Nota i due) Uh, Rosalì, guarde! Che bella cosa. Alfonso e Lucia hanne fatto pace.

Rosalia:  Jamme addù loro.

                Le due si avvicinano.

                Guagliù, comme so’ cuntenta ‘e ve vedé!

Alfonso: (Nuje no...!).              

Lucia:     Grazie.

Alfonso: Ma allora avete fatto pace?

Lucia:     Beh, dobbiamo parlare un po’... però a casa.

Alfonso: E jammuncénne. Voglio stare da solo con te.

Lucia:     E pure io.

Alfonso: Cià, mammà, cià, ‘a zia. Noi andiamo via.

Rosalia:  Jate, jate...

Assunta: E nun v’appiccecàte cchiù!

Alfonso: (Spaventato) Nooo...!

Lucia:     Non vi preoccupate. Allora arrivederci.

Assunta: Aspettate, aggio deciso: me ne vengo cu’ vuje...

Alfonso: (E te pareva!).

Assunta: Rosalì, io me ne vaco cu’ loro. Cià, ce vedimme.

Rosalia:  Aspettate, v’accumpagno fora ‘a porta.

Alfonso: Eh, mò facìmme ‘a prucessione ‘e San Ciro!

                Assunta si mette tra Alfonso e a Lucia, e così i tre vanno via (li segue Rosalia).  

               

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1.[Alfonso e Raffaele Settoro]

                 Da destra entra Alfonso. Va sul divanetto. Squilla il telefono.

Alfonso:  Oh, ma stive apettanno a me pe’ sunà? Uffa! Pronto! Chi è? A chi volete? (Stufo)  

                 No! Site ‘n’ata vota ‘o signor Macellaro? Ma l’ate scannato a ‘stu signor Piecoro?

                 Ancora no? Vulìte ch’’o vengo a scannà io? E nun telefonate cchiù! (Riaggancia)

                 Comm’è scucciante chisto! A me me cérchene sulo ‘e scieme! (Si alza in piedi)

                 E intanto m’aggio appiccicato ‘n’ata vota cu’ Lucia. ‘E che pacienza che ce vo’!

                 Si alza e va a sinistra. Entra in casa Raffaele Settoro (in abito scuro e cravatta).  

Raffaele: Ma Giuanne addò sta? Fuje sempe, chillo! E intanto, la sua trasmissione mi costa  

                 un capitale. Ma io, il grande Raffaele Settoro, produrrò anche il mio capolavoro:   

                 il film tratto dal romanzo “L’uomo di Imelda”! Per la verità, Imelda, donna calda

                 e passionale, l’ho già trovata: è la top model Valentina Guarra. E’ l’uomo che mi

                 manca. Mi servirebbe un tizio con la faccia da passaguai! E addò ‘o trovo, mò?

                 Torna Alfonso, con la testa china e una mano sul capo. Raffaele si entusiasma.

                 Ecco l’uomo di Imelda!

                 Alfonso lo guarda stupito, e poi si guarda intorno.

                 Sì, tu, tu sei l’uomo di Imelda!

Alfonso:  Ah, sì? E tu si’ ‘n’ommo ‘e niente!               

Raffaele: Ma tu hai messo le corna alla tua donna.

Alfonso:  (Pure chisto, mò?!).

Raffaele: Ma che uomo sei? Mi fai schifo!

Alfonso:  (Si spazientisce, prende una sedia e lo minaccia) Ma mò t’’a dongo ‘na siggiata!

Raffaele: A me? E perché?

Alfonso:  E tiene pure ‘a faccia d’’e ccorne. Tu me staje facénno tutte ‘sti complimente!

Raffaele: Ma no… (Gli fa posare la sedia) Aspetta. Io non ti volevo offendere. Io dicevo

                 che tu sei “L’uomo di Imelda”, che è il titolo del mio prossimo film.

Alfonso:  Un film?

Raffaele: Sì. Io sono un produttore e sto cercando il protagonista del mio capolavoro. Ma

                 siediti. (Lo spinge sul divanetto destro e gli siede vicino) Dunque, caro… caro…

Alfonso:  Alfonso Primiera.

Raffaele: E io Raffaele Settoro.

Alfonso:  Eh, io e te apparàmme a ‘na mana ‘e Scopa!

Raffaele: (Si diverte) Buona questa. A proposito, iosto cercando un tale Giovanni Primiera.   

                 Sono il suo produttore. A lui l’ho scoperto io. L’ho creato io! Anzi, si può dire

                 che il suo vero padre... sono io!

Alfonso:  (Sorpreso) No... (He’ capito? Allora Giuanne è stato adottato... e chisto è ‘o pato

                 originale! E perché non ho mai saputo niente? In ogni caso, manterrò il segreto!).

Raffaele: Scusa, ma tu lo conosci?

Alfonso:  E si capisce, io sono il fratello... (Almeno spero!).

Raffaele: Veramente? Uh, ma guarda! Se ti conoscevo prima, non avrei dovuto girare il

                 mondo intero per cercare l’uomo di Imelda, perché più uomo di Imelda di te...!

Alfonso:  Se more!... Scusa, ma che caratteristiche avrei io per fare questa parte?

Raffaele: A me mi serve uno con la faccia da passaguai. E tu la tieni, questa faccia.  

Alfonso:  Sulo ‘a faccia?

Raffaele:  E ti dirò di più: sarai il protagonista del film, e lavorerai con una top model.

Alfonso:   (‘N’ata top model?!)... Scusa, ma è sicuro che io sono all’altezza?

Raffaele:  Eh, beh. Forse devo lavorare un po’ su di te. Come dire, io ti devo… manipolare!

Alfonso:   (Che vvo’ fa’? Me vo’ manià?!...).

Raffaele:  Però, per prima cosa... mi devi fare un book!

Alfonso:   (Si sorprende perché non ha capito) Ch’aggia fa’?

Raffaele:  Un book!

Alfonso:   (Si alza in piedi scandalizzato) Nun ‘o voglio fa’ cchiù ‘o film!

Raffaele:  (Si alza pure lui) Ma che ti prende?

Alfonso:   No, no, levàmme tutto cose ‘a miezo! Io ‘o ssapéve: “Sei bravo, hai la stoffa, sei

                  l’uomo di merda...!” ma in realtà vuo’ fa’ sulo ‘o sporcaccione! No, questo no!      

Raffaele:  Ma che hai capito? Io ho detto che ti devo manipolare, cioè devo migliorarti nella

                  recitazione e nel look. E poi devi fare un book, cioè un album di foto. Tutto qua.

Alfonso:   Ah, questo è?

Raffaele:  E secondo te, io facevo le cose sporche con te? Per carità. Io queste cose non le

                  faccio mai... con gli uomini!

Alfonso:   E scusami, ma io non sono molto pratico di televisione. Io lavoro alla radio.

Raffaele:  Ah, bravo! Allora spero di fare cose buone con te. Di guadagnare molti punti!

Alfonso:   E io e te già tenìmme duje punte: tu cu’ ‘o Settoro e io cu’ ‘a Primiera!

Raffaele:  (Si diverte) Giusto. Allora, Alfonso, quando lo posso trovare a Giovanni?

Alfonso:   Non lo so, mi dispiace. Però quando viene, glielo dico.

Raffaele:  Bene, io torno più tardi, così programmiamo tutto. Arrivederci, uomo di Imelda!

                 E va via.

Alfonso:   Sì, ce manca sulo ‘o film cu’ ‘a top model, mò! Si me sente Lucia…!

                 Prende la giacca che sta sul divanetto e se ne va a destra.

2. [Rosalia e Gennaro, e dopo Vincenzo Vicienzo e Carmela]

                   Dall’ingresso (al centro) entrano Rosalia e Gennaro.

Gennaro:  Rosalì, ma tu ire asciuta? E addò si’ gghiuta?

Rosalia:    ‘A casa ‘e Assuntina. ‘O marito Giuseppe è rimasto azzeccato ‘nfaccia ‘o muro!

                   Steva accussì! (Mima) Pareva l’Uomo Ragno! Nientemeno, ce so’ vulùte ‘e

                   pumpiere p’’o levà ‘a faccia ‘o muro!

Gennaro:  Rosalì, sòreta fa paura! Ma pecché nun ce ne jamme ‘e casa a ‘n’ata parte?

Rosalia:    Può darsi pure. Tra poco devono venire quei due signori a vedere la casa nostra.

Gennaro:  Ah, già. Ce li manda l’agenzia. Allora amma pulezzà ‘nu poco ccà ddinto?

Rosalia:   No, aggia spannere primma ‘e panne fora ‘o barcone. Stanne ‘int’’a lavatrice. Gennaro:  E allora te dongo ‘na mana. Jamme, Rosalì.

                  Escono a sinistra. Entrano due persone dai modi signorili: Vincenzo Vicienzo,

                  in abito scuro e ventiquattrore e sua moglie Carmela. Si guardano intorno.

Vincenzo: Carmela, eccoci giunti qui in casa Primiera. Comme te pare ‘stu posto?

Carmela:  Me pare ch’è ‘nu vascio! Hai preparato tutti i documenti?

Vincenzo: Stanno nella ventiquattrore.

Carmela:  Ottimo. Ma dove sta la gente di casa? Qui dentro sembra disabitato.

                  Tornano Gennaro e Rosalia con due bacinelle piene di panni. Si fermano. Non

                  hanno notato i due, ma i due invece li hanno notati e li guardano stupiti.

Rosalia:    Jamme, Gennà. Mamma mia e comme pesa ‘stu coso.

Gennaro:  Ma che sso’ ‘e fierro, ‘sti panne? (Poi nota i tre) Rosalì, ce stanne doje perzone.

Rosalia:    Uh, forse so’ chille che hanna vedé ‘a casa. E già so’ venute? Stanne in anticipo.

Gennaro:  E che facìmme cu’ ‘sti panne?

Rosalia:    Pusàmmele ‘ncoppa ‘a tavola.

                  Così fanno. Poi Rosalia e Gennaro vanno dai due, perplessi. Rosalia li accoglie.

                  Salve, signori. Scusateci, non vi aspettavamo così presto!               

Vincenzo: Ma perché, ci aspettavate?

Rosalia:    Uh, e che ve ne siete dimenticati? Prego, venite con noi, vi mostriamo la casa.

Gennaro:  Ma che? Tagliamo corto. Signori, la casa è vostra. Costa solo un miliardo di lire!

Carmela:  E noi dovremmo comprare questa bettola? E chi ci verrebbe mai a vivere?!

Vincenzo: Signori, c’è un errore. Noi non vogliamo acquistare la... facciamo finta... la casa!

Gennaro:  (Ma mò a chiste ‘e vvotto fora!).

Rosalia:    (Stupita) E allora?

Vincenzo: Credo che sia giunta l’ora di presentarsi. Io sono Vincenzo Vicienzo.

Gennaro:  Scusate, e di cognome?

Vincenzo: Vicienzo.

Gennaro:  E di nome?

Vincenzo: Vincenzo. 

Gennaro:  Ua’... tene ‘o nomme tale e quale ‘o cugnomme!

Rosalia:    Stattu zitto!... Ehm, piacere.

Carmela:  Io sono la sua consorte Carmela.

Rosalia:    E ora ci presentiamo noi. Gennà, e muòvete...!

Gennaro:  E ‘nu mumento! Ehm... io mi chiamo Gennaro Primiera, nato a Ercolano da

                  famiglia umile. Mio padre faceva il mastrascio...

Rosalia:    Gennà, ma mò ce vulìsse fa’ ‘a biografia toja?

Gennaro:  Uhé, e se a loro gli interessa...?

Vincenzo: Francamente, non ci riguarda!

Gennaro:  ‘E che scustumate!

Rosalia:    Zitto! Scusatelo. Io sono Rosalia Primiera, sua moglie. Ma prego, accomodatevi.

                  Si accomodano: Vincenzo e Carmela al tavolo, Gennaro e Rosalia sul divanetto.

                  E a che dobbiamo questa visita?

Vincenzo: No, io non parlo ancora.

Gennaro:  Ma pecché, tenìte l’orario?

Vincenzo: Prima di me, parla mia moglie. Ha da dirvi una cosa. Prego.

Carmela:  Grazie. Dunque: noi qui presenti, vi dobbiamo parlare... basta!

Gennaro:  (E chesto ‘eva dicere, chesta?!).

Vincenzo: Vedete, io appartengo a una famiglia nobile di un certo blasone. E questo è.

Rosalia:    (Perplessa) Bene, ma... scusate, che c’entriamo noi?

Vincenzo: Mio padre, prima di morire, ha lasciato tutti i suoi beni a me, ed è tutto scritto in

                  un testamento. Soltanto che alla fine c’è una clausola. Ecco.

Rosaria:   Scusate, ma continuo a non capire.

Gennaro:  Rosalì, e famme sentì, ch’è bello ‘stu fatto! Me pare ‘nu rumanzo! Dicevate?

Carmela:  Anni fa, per colpa di una crisi, abbiamo dovuto commettere un imperdonabile

                  errore. Ma per fortuna l’abbiamo superata e ora siamo tornati ad una situazione

                  di antico splendore. E così vogliamo riparare a questo errore. Subito!

Vincenzo: Siamo venuti qui a riprenderci nostro figlio, che voi avete chiamato Alfonso. 

                  Gennaro e Rosalia rimangono sconvolti, senza parole.

Carmela:  Sì, noi siamo i genitori di Alfonso. Lo abbiamo abbandonato appena nato.

Vincenzo: Ma ora lo abbiamo ritrovato. E così abbiamo espletato quel che ci chiedeva la

                  clausola del testamento di mio padre. Farò di nostro figlio il mio successore.

Carmela:  Ma guardali, Vincenzo, sono rimasti senza parole!

Rosalia:    (Arrabbiata) E fosse meglio pe’ vuje si io parlàsse sulamente, pecché o si no...

Gennaro:  Rosalì, pe’ piacere... (Poi a loro) Scusate, ma siete sicuri di essere veramente i

                  genitori di Alfonso? Voglio dire, quelli veri.

Vincenzo: Nella mia ventiquattore c’è il documento che lo prova. Ora ve lo faccio leggere.

                  Lo prende dalla ventiquattrore e lo consegna a Gennaro. I due lo leggono.

                  Lì ci sono i risultati di anni e anni di ricerche, compreso l’esame del DNA.

Carmela:  Però non possiamo svelarvi come abbiamo avuto tali notizie. E adesso che dite?

Gennaro:  E vabbuò, sì, è ‘o vero...

                  Riconsegna il documento a Vincenzo che lo ripone nella ventiquattrore.

                  Siete i genitori di Alfonso. Quelli ufficiali. (Con ira) Ma quando lui è nato, lo

                  avete abbandonato. E mò per mezza di quel fatto sul testamento, lo rivolete.

Rosalia:    Ma vuje che razza ‘e ggente site?

Vincenzo: Signori, capisco la vostra sorpresa. Ma fatemi finire. In qualità di notaio, ho  

                  preparato una dichiarazione di rinuncia vostra ad Alfonso, che entrerà così nel

                  nostro stato di famiglia. Non è proprio legale, ma andrà tutto bene.

Carmela:  Tutto avverrà sub iudice.

Rosalia:    (Non ha capito) Che d’è?

Gennaro:  Niente, ha ditto ch’o giudice fa ‘o sub!

Carmela:  Sentite, volete un consiglio? Non vi avvilite. Noi vi offriremo miliardi di lire!

Vincenzo: Allora adesso mi serve solo che firmiate il documento. Aspetto una risposta.

Rosalia:    E aspettate inutilmente, perché a una proposta così schifosa, non ci sono risposte.

Gennaro:  Ma pe’ vuje che d’è ‘nu figlio? ‘Na pianta ‘e basilico? Primma ‘a ittàte e ppo’ ‘a

                   vulìte ‘n’ata vota!

Rosalia:    E nun ve permettite ‘e ì a parlà direttamente cu’ isso, o si ne vo ve denuncio.

Vincenzo: (Si alza in piedi) Capisco, adesso siete troppo sorpresi per accettare subito.  

Carmela:  (Si alza anche lei) Ma quando vedrete i soldi... cambierete idea. Per cui,

                   tornereno domani. Andiamo Vincenzo. Arrivederci, signori.

                  Vanno via. Rosalia resta seduta. Gennaro si alza, va all’uscita e guarda fuori.

Gennaro:  E vabbé... vabbé. La nebbia si è derattizzata!

Rosalia:    Si dice diradata. L’aggio liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale!

Gennaro:  Sì? E allora he’ raggione tu!

Rosalia:    (Qualche secondo di riflessione) Gennà...

Gennaro:  (Torna da lei) Che d’è?

Rosalia:    Io penso che è meglio dirgli tutto, a Alfonso. Pure il fatto dei suoi veri genitori.

Gennaro:  Rosalì, ma tu nun tiene niente ‘a fa’? Oggie te sfastidie d’’o leggere ‘o giurnale?

Rosalia:    E intanto mò chisto a ‘n’appoco vene ccà.

Gennaro:  No, nun m’’a sento ‘e ce parlà. Me vaco a fummà ‘na sigaretta fora ‘a loggia.

Rosalia:    E aspié, nun me lassà a me sola. Mò me ne vengo cu’ te.

                  I due escono celermente a destra.

3. [Leo e zia Assunta e poi Alfonso, e poi dopo Giovanni e Rosalia]

                  In casa entra Leo, silenzioso. Squilla il telefono. Leo va nel panico e risponde.

Leo:        Pronto! Non gridate, vi voglio bene, se no mi fate scoprire. Chi siete? Il signor

                Macellaro? No, qui non è casa Piecoro! Oh, e ch’alluccate a ffa’? E che me ne

                ‘mporta a me che l’avìta scannà? (Riaggancia) ‘Stu scemo! (Fiero) E intanto, ce

                l’ho fatta: un milione di copie vendute del mio giornale. E se voglio raddoppiare,       

                devo scoprire la nuova fiamma di Alfonso Primiera. Ma chi sarrà st’Assunta?

                Si siede sul divanetto, pensieroso. E poco dopo arriva proprio Assunta.

Assunta: Rosalia...

Leo:        (Salta in piedi dalla paura) Mamma bella...

Assunta: (Si avvicina a Leo) Scusate, cercavo a Rosalia.

Leo:        No, non sono io!

Assunta: E lo vedo che non siete voi. Ma allora chi siete?

Leo:        Mi chiamo Giubileo. Ma per tutti sono Leo. Per la precisione, Leo Misto.

Assunta: E che ci fate qua?

Leo:        Ehm... io sono…  io sono… un rappresentante di macchine fotografiche.

Assunta: E questa qui che avete al collo quanto costa? Me la vendete? Aggia fa’ ‘na  

                fotografia a mio marito quanno passa ‘nu guajo!

Leo:        No, ma questa mi serve. A proposito, ma voi chi siete?

Assunta: Piacere, io mi chiamo Assunta.

Leo:        (Non ci fa caso) Sì, piacere... (Poi se ne accorge e spalanca gli occhi) Assunta?

Assunta: Sì...

Leo:        Ma avete detto proprio Assunta?

Assunta: Eh, ma che è colpa mia?

Leo:        (Entusiasta) L’ho trovata... E’ lei! (Le dà un bacio sulla guancia)

Assunta: (Sorpresa) Uh, ma che ffacìte...?

Leo:        Sapeste da quanto tempo vi sto cercando!

Assunta: Sentite, io vi lascio un attimo. (Sexy) E quanno torno, t’’e ffaccio vedé io ‘e vase!

                E va a destra.

Leo:        Ma che vvo’ chesta? Comunque finalmente l’ho scovata! Però questa nuova

                fiamma di Alfonso è un po’ attempata. Ma tanto, oggi si porta la donna più

                vecchia dell’uomo! Non vedo l’ora che torna, così le faccio una super fotografia!

                Prepara la sua macchina fotografica. Ritorna Assunta.

Assunta: Ma che d’è, nun ce sta nisciuno, dinto?

Leo:        Sentite, signora, vi voltate un attimo, per piacere?

                Assunta si volta e Leo gli scatta una foto.

                Ecco qua! Abbiamo fatto proprio una bella foto.

Assunta: (Ma sì, che me ne ‘mporta, mò ce ‘e mmetto ‘e ccorne a Giuseppe!)...

                Si avvicina in modo provocatorio a Leo e gli si ferma proprio a fianco.

Leo:        (Imbarazzato) Ehm... Scusate, ma perché mi guardate così? Che volete, signora?

Assunta: Ma quale signora? Chiamami Susy!

                Lo spinge sul divanetto. Intanto da destra entra Alfonso: guarda il tutto, stupito.

Leo:        Ah, che dulore! Signora, ma avete capito male...

Assunta: Senti, vuoi che mi spogli dall’alto verso il basso… o viceversa?

Alfonso:  (Interviene) Uhé, ma che state facenno?

Leo:         Uh, mamma mia, siamo stati scoperti!

Assunta: (Imbarazzata) Alfonso... non stiamo facendo niente di male. Io non lo conosco.

Alfonso:  Nun ‘o cunusce? Ma si tu ‘o staje pe’ zumpà ‘ncuollo!

Leo:        (Si rialza) No, guardate...

Alfonso:    Stattu zitto, tu! (E lo spinge sul divanetto)  

Assunta:   Alfonso, ma è vero, devi credermi...

Leo:          (Si rialza) Ma ha ragione...

Alfonso:   Stattu zitto, tu! (E lo rispinge sul divanetto)

Leo:          (E’ meglio si me ne fujo!). Ehm... (Si rialza) Guardate, c’è un incendio là dentro!

                  I due si distraggono e lui se ne scappa.

                  (Correndo) “Ci hai creduto, faccia di velluto!”...

Alfonso:   Uh, mannaggia, ce ha fatto fessi! Comunque, zia Assù, nun me staje piacenno.

                  T’he’ scurdata che si’ spusata cu’ zio Giuseppe.

Assunta:   (Quasi disgustata) Marò, e pecché me l’he’ arricurdato?

Alfonso:   ‘A zì’, ma tu stisse perdénno ‘e ccerevelle?

Assunta:   Sì. Sono rimasta travolta dalla passione che ha per me quel tizio che ora è andato

                   via. Mi ha fatto pure una fotografia. E quanno maje marìteme me n’ha fatta una?

Alfonso:    (Siente, siente...!).

Assunta:   E ultimamente non mi tocca neppure più. Ed io mi sento in crisi di astinenza!

Alfonso:    (Eh, è arrivata ‘a drogata!).

Assunta:   Alfò, io devo sfogarmi. Ti va di andare a parlare in cucina e di offrirmi da bere?

Alfonso:    E sì, ti offro un’orzata.

Assunta:   No, io voglio ‘n’Whisky!

Alfonso:    Jamme bello. Pure ‘e vizie, tene!

                  E vanno a sinistra in cucina. Dall’ingresso entra Giovanni.  

Giovanni: Bene, bene, aggio truvato pure ‘o sponsor d’’a trasmissione: papà! Grandeee!

                  Da destra torna Rosalia.

Rosalia:    Nun aggio capito: che ha da fa’ papà?

Giovanni: Uhé mammà. No, niente, deve fare lo sponsor.

Rosalia:    (Sdegnata)Ma comme, io e tuo padre t’amme dato ‘n’educazione. E tu ‘o

                   chiamme ‘e male parole?

Giovanni: No, mammà, lo sponsor sarebbe la pubblicità del negozio dei fiori.

Rosalia:    Ah, chest’è?

Giovanni: E sì. Pienze mò che ce ‘o ddico a Alfonso!

                  Arriva Alfonso preoccupato.

Alfonso:   Maronna ‘e ll’Arco, che ha cumbinato ‘a zia Assunta...!

Giovanni: Uhé, Alfò! Ch’è succieso?

Alfonso:   Giuà, ‘a zia Assunta se sta bevenno ‘na butteglia sana sana ‘e Whisky. S’è

                  ‘mbriacata! Mò sta abballanno ‘ncoppa ‘o tavule d’’a cucina!

Giovanni: Uh, mamma mia...

Alfonso:    S’è mmisa a cantà: “L’unico frutto dell’amor, è la banana, è la banana...!”.

Giovanni: E tu nun he’ fatto niente?

Alfonso:    Me so’ mmiso a abballà pur’io!

Rosalia:    Uh, Marò! Jamme subito lloco dinto. ‘Essa fa’ cocche guaje, chella?

                  Corrono in cucina a sinistra.

4. [Raffaele Settoro e Galina Fallova, Alfonso e Giovanni]

                  Dall’ingresso (al centro) entrano Raffaele e Galina Fallova (vestita in camicetta

                  e minigonna ed ha occhiali da sole). Sembra tutt’altro che contenta di essere lì.

Raffaele:  Trase, trase, simme arrivate. E nun fa’ sempe chella faccia. Tu me pare ‘na peste!

                  E lievete ‘sti llente p’’o sole, che me pare ‘na cecata!

Galina:     Ma tu nun m’he’ vuluto purtà all’Edellandia!

Raffaele:  Che passaguaje! Ti ci porto dopo che abbiamo parlato con Giovanni. Va bene?

Galina:     Certo.Piuttosto, io che cosa devo fare?

Raffaele:  Non devi fare niente e non devi dire niente.

Galina:     Aggia fa’ ‘a statua ‘e marmo!

Raffaele:  Brava! E se ti chiedono come ti chiami, cosa rispondi?

Galina:     Uh, Giesù, le dico ‘o nomme mio: Galina Fallova.

Raffaele:  Perfetto! E ti raccomando, eh! Fammi fare bella figura. E mò assiettete.

                  I due si siedono al tavolo.

                  Ricordati che qui dentro c’è gente perbene. Vedrai, sono persone civili!

                  E all’improvviso si sentono rumori dalla cucina. Poi da sinistra escono di corsa  

                  Giovanni e Alfonso tutti trasandati e feriti. Raffaele e Galina li guardano stupiti. 

Giovanni: E’ una furia... è una furia...

Alfonso:    No, è ‘na bestia...!

Giovanni: Meno male che l’abbiamo legata bene. Alfò, che dici, quelle corde resisteranno?

Alfonso:    E certo, sono d’acciaio. Non c’è nessuna possibilità che zia Assunta si liberi.

                  All’improvviso, da sinistra, arriva una bottiglia di plastica scagliata verso i due.

Giovanni: Alfò, nun l’he’ legata buono. He’ visto? Già s’è libberata.

Alfonso:    Stai tranquillo, dentro è rimasta mammà. Lei riuscirà sicuramente a calmarla.

Giovanni: Guarde a chesta comme ce ha cumbinato! Menu male che mò stamme sulo nuje!

Raffaele:  (Si alza in piedi e parla ai due) Disturbo?

Giovanni: (Nun me stongo maje zitto!)... Uhé, cià Rafé, tutto a posto? (Gli si avvicina)

Alfonso:   (Uh, ‘o pato ‘e Giuanne!)... (E poi gli si avvicina pure lui)

Raffaele:  Ma... ma... che è successo?

Alfonso:   Ah, no, niente. Non ci fate caso... abbiamo avuto una colazione con nostra zia!

Giovanni: Una colluttazione! No, lui scherza!... Sai com’è, questo è mio fratello Alfonso. 

Raffaele:  Ah, sì, l’ho già conosciuto. Lui è l’uomo di Imelda!

Giovanni: (Capisce tutt’altro) Uhé, e comme te permiette ‘e offendere a fràteme?

Raffaele:  Pure tu, mò? Giuà, ma che staje durmenno? Quello è il film.

Giovanni: Ah, già. Scusa, Rafé, tengo ‘a capa che me sbatte. Allora, che dicevi di Alfonso?

Raffaele:  Sarà il protagonista del film “L’uomo di Imelda”!

Giovanni: Isso? E che t’aggia dicere? Sei tu il produttore. A me che me ne ‘mporta? Ma ora

                  parliamo della trasmissione. Lo sai, io ho trovato pure lo sponsor: è mio padre...!

Alfonso:   Che ha da fa’ papà?

Giovanni: T’’o ddico cchiù tarde.

Raffaele:  (Entusiasta) Ua’, Giuà, si’ grande. E io invece ti dirò di più... Galina Fallova!

Giovanni: Che ha ditto?

Alfonso:    Ha ditto ch’’a gallina fa ll’ove!

Giovanni: Ah, Rafé, e chesto ‘o ssaccio...

Raffaele:  Ma no, non hai capito.

Alfonso:    E jamme, comme no, pure io l’aggio vista...

Raffaele:  Ma no...

Giovanni: Rafé, e non insistere, io aggio visto pure ‘o buco ‘a do’ aéscene ll’ove!

Raffaele:  (Incomincia a spazientirsi) Ma no...

Giovanni: (Si spazientisce) E invece sì...

Raffaele:  (Si spazientisce) Ho detto di no...

Alfonso:   (Si spazientisce più di tutti) Giuà, ce fanne ‘o “parto Cesareo”, a ‘sta gallina!

Raffaele:  Ma no, non avete capito niente. (Prende per mano Galina, che ha ancora gli

                  occhiali da sole, la fa alzare in piedi) Questa è Galina Fallova!

Alfonso:   (Sorpreso) Oh, ‘e comm’è bona ‘sta gallina!

Giovanni: Ah, ma è ‘na femmena!

Raffaele:  E certo. E’ la tua nuova valletta. E’ ceca!

Alfonso:   Uh, povera guagliona! E nun ce vede?

Giovanni: E comme, Rafé, tu me vaje a piglià ‘na valletta cecata?... E chesta va a sbattere

                  pe’ tutto ‘o studio!

Raffaele:  Ma no... Vabbuò, siente, Galina, famme ‘o piacere, ja’, lievete sti’ llente.

                  Galina toglie gli occhiali da sole.

                  Ecco qua... ci vede!

Alfonso:   (Sconvolto, si inginocchia a mò di preghiera) Miracolo!

Giovanni: (Sconvolto, si inginocchia a mò di preghiera) Rafé, ma comme he’ fatto?

Raffaele:  Ma ch’ate capito? Io non ho detto che è cieca. Ho detto che è ceca, senza la “i”...

                  cioè viene dalla Repubblica Ceca, che è uno stato europeo. Avete capito?

Alfonso:   (Si rialza ed aiuta Giovanni a rialzarsi) Ah, chest’era?

Raffaele:  E certo. M’’ite fatto fa’ ‘na sudata, pe’ v’’o spiegà. Sua mamma invece è dell’est.

Giovanni: Ah, è estiva!

Raffaele:  Eh, tene ‘e mmàneche corte!... No, io dicevo che la mamma è russa.

Giovanni: E scusa, Rafé, ma lei parla? No, pecché nun ha ditto ancora ‘na parola...

Raffaele:  Certo che parla. Ma tanto, lei in trasmissione non deve parlare. Ed è meglio così!

Giovanni: No, no, mò quase quase voglio sentì comme parla. Le voglio fare una domanda.

Raffaele:  (Rassegnato) E vabé, falle una domanda. Però facile facile, se no non capisce.

Giovanni: Ehm... ti piace Napoli?

Galina:     Azz’oh!

                  Raffaele le dà una leggera gomitata per richiamarla.

                  Ehm... sì, sì, sì!

Raffaele:  Avete visto? Quella è una ragazza intelligente. Parla pure russo. Volete sentire?

Giovanni: Uh, sì, sì... Dai, dicci qualcosa in russo.

Galina:     Ehm... “Spasiba”!

Alfonso:    Comme ha ditto?

Galina:     “Spasiba”!

Giovanni: Rafé, ma chi “spasiba” ha ditto?

Raffaele:  Ha detto “grazie” in russo.

Alfonso:   Scusa, ma tu parli pure italiano?

Galina:     Da, da, da...!

Alfonso:   Uh, hé ‘ntiso, Giuà? Ha ditto “Da, da, da”... Néh, ma che ll’aggia da’?

Raffaele:  Ma no, nun l’ata da’ niente! “Da” in russo significa “sì”...

Giovanni: Vabbuò, a questo punto, lo sponsor ce l’abbiamo, la valletta pure. Siamo a posto.

Raffaele:  Siamo a posto per la trasmissione e pure per il film.

Alfonso:    Scusate, ma dentro al film, perché non ci mettiamo pure a questa “gallina”?

Giovanni: No, ma che te n’he’ ‘a fa’? E ppo’, ato che gallina, chella me pare ‘na papera!

Galina:     (Seccata) Néh, uhé, puzzulé! Ma mò a ‘sti duje ‘e sputo ‘nfaccia! ‘A gallina, ‘a

                   papera...! Néh, Rafé, io ‘a trasmissione ‘a faccio, ma solo per i soldi. Vabbuò?

                  Se ne va. I due la guardano stupiti, Raffaele porta le mani al viso per imbarazzo.

Giovanni: (Interdetto) Rafé, ma nun era d’‘a Repubblica Ceca?

Raffaele:   E che vvulìte? Vuje ll’ate fatta addiventà napulitana!

                   E se ne va anche lui.

Giovanni: ‘A veco malamente, ‘sta trasmissione! Alfò, jàmmece a lavà ‘int’’o bagno, va’.

                   E così i due vanno via a destra.

5. [Assunta e Rosalia. Poi Giovanni, e dopo Gennaro e Rosalia. Infine Alfonso]

                  Da sinistra, torna Lucia seguita e Assunta che è tutta spettinata e piange.

Rosalia:    Viene ccà, Assù, viene. E mò basta, fernìscele ‘e chiagnere. Assiettete.

                  Le due si siedono sul divanetto.

                  Te si’ calmata ‘nu poco?

Assunta:   (Si asciuga le lacrime e smette di piangere) Sì, ora va meglio.

Rosalia:    Assù, ma tu l’he’ fernì ‘e t’appiccecà cu’ tuo marito.   

Assunta:   Ma chillo me trascura, sta sempe a accuncià tutto cose e nun me tocca cchiù.

                  Aiére io steve ‘ncoppa ‘o lietto cu’ ‘na bella vestaglia, tutta ‘e pizzo e merletto

                  nero, cu’ ‘o ppoco d’’a coscia ‘a fora: “Giusé, viene, te sto’ aspettanno”! E isso

                  steva ‘int’’a cucina: “Aspié, Assù, quanno ‘gnovo ‘sta puntina ‘nfaccia ‘o muro e

                  vengo”! Doppo tre ore e mmeza, m’aggio addurmuta, e ‘a ‘int’’o suonno l’aggio

                  menato ‘na jastemma: “T’ha da ì ‘o martiello ‘ncoppa ‘o pede”! E guarda caso...!

Rosalia:    E vabbuò, chillo però te vo’ bene, ‘o crestiano.

Assunta:   Ma io nun ‘o voglio cchiù. Io voglio a Giubileo!

Rosalia:    Giubileo? E chi è mò ‘stu Giubileo?

Assunta:   Per gli amici, Leo. Rosalì, è ‘nu ddiece d’ommo! Pensa, quello nemmeno mi

                  conosce, mi dà un bacio. E mi fa pure una foto! Me cride, Leo m’ha fatta venì ‘o

                  genio ‘e…! Embé, si l’acchiappo ‘n’ata vota... non rispondo più delle mie azioni!

Rosalia:    (Si alza in piedi) Assù, ma famme ‘o piacere. Tuornatenne ‘a casa. 

Assunta:   (Si alza in piedi) E sì, he’ raggione tu, Rosalì. Meglio che torno alla mia vita

                  inutile e buia. Però mi devi promettere che Lucia e Alfonso fanno pace.

Lucia:       E pare che dipende ‘a me. Io che ce pozzo fa’? Allora ce vedìmme?

Assunta:   Sì, sì, prima possibile. Cià, Rosalì... e grazie.

                  Assunta se ne va.

Rosalia:    Menu malce che se n’è gghiuta, chesta! Accussì pozz’ì ‘int’’o bagno.

                  Va a destra in bagno. Da destra torna Giovanni che si è sistemato, spinto fuori.

Giovanni: Ua’, mammà è trasuta ‘int’’o bagno e m’ha cacciato. Ha ditto che vo’ parlà cu’

                  Alfonso. Speriamo bene. Io ho fatto quel guaio con quella telefonata!

                  Da sinistra entra Gennaro, quatto quatto. Giovanni lo nota.

                  (E che d’è chisto?)... Uhé, papà...

Gennaro:  (Si spaventa) Maronna mia... Ah, si’ tu, Giuà? Io me penzavo ch’era Alfonso.

Giovanni: Papà, ma perché ogni volta che vedete a Alfonso, tu e mammà scappate sempre? Gennaro:  No, niente. Non te lo posso dire. Anzi... non te lo voglio dire.

                  Da destra entra Rosalia.

Rosalia:    E allora t’’o ddich’io...

Gennaro:  (Sorpreso) Rosalì, ma che ffaje?

Rosalia:    Gennà, e mò basta, me so’ sfastriata. Io ce ‘o vvoglio dicere almeno a Giuanne.

Gennaro:  E va’, va’. Però a Giuanne ce ‘o ddice tu, pecché io nun ce ‘o ddico ch’Alfonso

                  nun è figlio a nuje e che ll’avimme adottato! (Realizza) Uh, ch’aggio fatto?

                  Rosalia fa un gesto come per dire: “Oh, finalmente!”. Giovanni è sconvolto.

Giovanni: Che? No... non può essere. E perché non me l’avete mai detto?

Rosalia:    E chillo, pàteto, ‘o vi’, tene ‘a capa tosta! Non gliel’ha mai voluto dire.

Giovanni: E si è pe’ chesto, nun me l’’ate ditto manco a me!

Gennaro:  E certo, io volevo che questo fatto andava a finire nell’oblò!

Rosalia:    Nell’oblìo...

Gennaro:  L’he’ liggiuto ‘ncoppa ‘o giurnale?

Rosalia:    Sì.

Gennaro:  Embé, mò t’’o straccio ‘stu giurnale...! Me sta facenno fa’ sulo figure ‘e niente!

Giovanni: Papà, ma io non capisco. Hai mantenuto un segreto del genere per tanti anni.

Gennaro:  E già. Ma alla fine si è bruciata la resistenza!

Giovanni: Eh, e s’è scassata ‘a lavatrice! Ma insomma, fammi capire.

Gennaro:  E’ facile, Giuà. Nun ce vo’ ‘o giurnale ‘e mammeta. Ma vide comm’è strana ‘a

                  vita: è più facile dire una bugia che la verità.

Rosalia:    E sì, Giuà. Io e tuo padre avevamo paura che tu, sapendo che Alfonso non era

                  veramente tuo fratello, potevi avere una gelosia contro di lui.

Giovanni: Tanto, verrà a saperlo lo stesso. E sapete chi glielo dirà? Io!

Gennaro:  Mi sembra giusto. Fallo tu. Quando lo vedi, diglielo.

Giovanni: E se capisce, io tengo ‘o curaggio d’’o ffa’. E allora, mò che viene, glielo dico.

                  E da destra torna Alfonso a testa bassa.

Alfonso:    Mammà, hai ragione tu!

Giovanni: (Lo sente e va nella paura) Ehm... no, nun è cosaaa...!

                  E fugge via di casa.

Gennaro:  He’ visto?... He’ visto comm’è difficile a dicere ‘a verità?

Rosalia:    Gennà, però mò nun parlà cchiù. Che stive dicenno, Alfò?

Alfonso:    Stevo dicenno che mò me ne torno ‘a casa mia. E parlo cu’ Lucia. Da uomo!

Rosalia:    E allora vatte a piglià ‘a valigia. Gennà, dammece ‘nu passaggio cu’ ‘a machina.

Gennaro:  Sta senza benzina. Ma tanto, io e te stamme annanzo… e Alfonso spinge!

                  Escono via tranne Alfonso.

Alfonso:    Azz, aggia pure spingere? E vabbé, basta che torno a casa. Evviva l’ammore!

                  Esce a sinistra.

6. [Vincenzo Vicienzo, Carmela e Alfonso]

                  Entrano Vincenzo (il quale ha una valigetta in mano) e Carmela.

Carmela:  Eccoci, finalmente siamo arrivati. E speriamo che quei due si convincano presto,

                  perché non ne posso più di venire in questa... topaia!

Vincenzo: E non lamentarti sempre. A me interessa solo arrivare fino in fondo. Domani alle

                  diciannove scade la clausola del testamento, perciò sbrighiamoci.

Carmela:  Sì, ma tu non dire questa storia ai signori Primiera. Offriamogli solo dei soldi.

Vincenzo: Per la precisione, dieci miliardi di lire. Tutti in biglietti da centomila. Stanno in

                   valigia. Ci sono pure il contratto e una lettera.  

Carmela:  Già. Ma intanto non sappiamo neppure com’è fatto Alfonso. Chi l’ha mai visto?

                   So solo che quando lo vedrò, lo porterò via con me. Chissà ora dov’è?      

                  Torna Alfonso con una valigia. E’ pesante. E così la posa a terra e rifiata.

Alfonso:    Mamma bella... ma ch’aggia fa’, ‘nu sfratto?!

Vincenzo: (Lo nota) (Carmela, guarda. E chi sarà quello?).

Carmela:  (Non lo so. Chiediamogli dove stanno i signori Primiera...). Ehm... scusate...

Alfonso:    (Lascia la valigia e gli si avvicina) Dite a me?

Vincenzo: Certo. Cerchiamo i signori Primiera: il signor Gennaro e la signora Rosalia.

Alfonso:    Ah, ehm... sono usciti. Volete dire a me? Io fra poco li vedo e gli riferisco.

Vincenzo: Scusate un momento.

Alfonso:    Prego! (E torna alla valigia per cercare un modo di portarla)

Vincenzo: Carmela, questo è persona di famiglia. Che dici? Gli lasciamo la valigetta? Nun

                  ‘a putimme purtà annanzo e areto pe’ tutto Napule!

Carmela:  Siente, fa’ comme vuo’ tu... abbasta ca ce ne jamme!

Vincenzo: Ehm... signore... scusate...

Alfonso:    (Lascia di nuovo la valigia e torna da loro) Dite, dite.

Vincenzo: Dovremmo consegnare una cosa molto importante ai signori Primiera.

Alfonso:    Ah, e datemela, io me la metto in tasca...!

Vincenzo: No, non è una cosa che si mette in tasca. Si tratta di una valigetta. Eccovela.

Alfonso:    (La prende in consegna) Non vi preoccupate. Mò la lascio sul divanetto...

Vincenzo: Nooo...!

Alfonso:    (Si spaventa) Uhé, uhé, ch’é stato?

Vincenzo: E come, lasciate la valigetta così in vista? Dovete metterla in un posto più sicuro.

Alfonso:    Scusate, ma che ce sta ccà ddinto?      

Carmela:  Si tratta di un debito che noi abbiamo fatto coi signori Primiera.

Alfonso:    Un debito? Duje-trecientomila lire?

Vincenzo: Dieci miliardi...!

Alfonso:    (Non fa caso alla cifra appena detta) Ah, e vabbé, mò la vado a posare dentro...

                  Va per andare a sinistra, se ne rende conto, si blocca e comincia a tremare.

                  Marò... Mamma d’’o Carmene... Scu-scusate... che ci sta qua dentro? Dieci...?

Vincenzo: Miliardi!

Alfonso:    E di che?

I due:        (Ridono) Di lire.

Alfonso:    (Mamma mia, e ‘a dò ll’hanne pigliate tutte ‘sti sorde, papà e mammà?).

Carmela:  Anzi, vi dirò di più: noi torneremo pure domani e porteremo altri dieci miliardi.

Vincenzo: Non solo. Noi torneremo anche dopo domani e porteremo altri dieci miliardi.

Alfonso:    Ma pe’ me putìte venì pure tutt’’e juorne! Anzi, venite pure un poco a casa mia!

Carmela:  Va bene, Vincenzo, ora possiamo andar via. E a voi, state attento alla valigetta.

Alfonso:    Non vi preoccupate... (Marò, me sento ‘e svenì...!).

Vincenzo: Allora arrivederci.

                   I due vanno via sotto lo sguardo attento di Alfonso, il quale rimane interdetto.                

Alfonso:    Famme vedé che ce sta ccà ddinto. (Ci ripensa) Ma che sto’ facenno? L’aggia

                   pusà ‘int’’a cucina. (Si avvia, ma cambia ancora idea) No, aggia vedé! (Posa la

                   valigetta su una sedia e si inginocchia a terra. La apre e si meraviglia) Questi

                   sono dieci miliardi! Come sono belli! Ci sta pure una lettera. (Legge fuori busta)

                   “Per i signori Primiera”. Embé, io songo ‘o figlio, pozzo leggere! (Apre e legge)

                   “Egregi signori, come promessovi, abbiamo portato i dieci miliardi. Domani

                   torneremo e ve ne porteremo altri dieci a scambio avvenuto. Fateci sapere

                   quando ci restituirete nostro figlio...”. Che? (Sconvolto) Ma… allora... mammà e

                   papà... hanne fatto ‘nu rapimento! (Si dispera) Marò, so’ figlio ‘e rapiture!

                  E sviene.

FINE ATTO SECONDO

ATTO TERZO

1. [Alfonso, Giovanni, Valentina e Lucia]

                     Alfonso sta dormendo sul solito divanetto. Sul viso ha un giornale di gossip di

                    Leo. Squilla il telefono. Alfonso si sveglia, toglie il giornale dal viso e risponde.

Alfonso:     Pronto! Chi è? Il signor Macellaro? L’avìte scannato ‘o signor Piecoro? No? Ma

                    nun site proprio buono?... Comme? Vulìte sapé pecché m’aggio appiccecato cu’

                    mugliérema? E io nun v’’o vvoglio dicere, vabbuò?! Arrivederci.

                    Riaggancia e si mette a dormire di nuovo (col giornale sul viso). Poco dopo, da  

                    destra, entra Giovanni. Ha una gruccia in mano, con un vestito nero elegante.

Giovanni:  Ecco il vestito per la trasmissione di stasera. Me lo porto io da casa perché non

                    ci stanno i soldi per farci un guardaroba! ‘E chi schifo! Chi sa si va buono? Ah, 

                    c’è Alfonso. Ora chiedo a lui. (Va da lui, lo chiama a bassa voce) Alfonso... 

                    (Non riceve risposta, allora alza un po’ la voce) Alfonso... (Ma ancora niente,

                    allora grida) Alfò...

Alfonso:     (Si sveglia contrariato, toglie il giornale dal viso) Giuà, ma ch’allucche a ffa’?

Giovanni:  Ah, ma allora m’’ive ‘ntiso? E pecché nun rispunne?

Alfonso:     E pecché vulésse durmì cinche minute... tre minute... ‘nu minuto...! E invece no,

                    ve mettite tu e ‘stu passaguaje che telefona sempe e me scetate! Ja’, che vvuo’?

Giovanni:  Guarda questo vestito. Secondo te va bene per una trasmissione televisiva?

Alfonso:     No, è cchiù adatto pe’ ‘nu funerale. Cià! (Torna a dormire col giornale sul viso)

Giovanni:  E che ne capisci tu di vestiti? Già, tu lavori alla radio! Guarda a chi ho chiesto

                   un parere, io...! (Dà un’ultima occhiata al vestito) Per me va benissimo.

                   Va a destra. Dall’ingresso entra Valentina (in minigonna). E’ nervosa.

Valentina: No, chiste m’hanne pigliata pe’ scema. Se pénzene che saccio cammenà sulo

                   ‘ncoppa ‘e passerelle, accussì nun m’hanne pavata cchiù. Ma hanno capito

                   male! Allora paga Alfonso per tutti. Ah, sta lloco. (Va da lui) Alfonso! Alfò!

Alfonso:     (Resta immobile) Giuà, ma che vvuo’? Miettatìllo ‘stu vestito, staje buono!

Valentina: E scìtete...

Alfonso:     (Si accorge che è Valentina e scatta in piedi) Tu? E che ce faje ccà?

Valentina: Che ce faccio? Non ricordi? I soldi! Quelli della tua radio non me li hanno dati.

Alfonso:     Valentì, ma tu che vvuo’ ‘a me? Che c’entro io?

Valentina: Niente. Chi ti ha detto di venirmi a cercare per quella festa alla tua radio?

Alfonso:     Appunto, chillu juorno nun me putéve rompere ‘na coscia?!

Valentina: (Provocante) Ma che fai? Perché mi tratti male? Non ti piaccio più?

Alfonso:     Che vvuo’? Valentina, non fare così.                 

Valentina: Ma perché mi resisti? Ora ti dò un bacio...

                   Torna Giovanni con un paio di scarpe in mano: fissa le scarpe e non nota i due. 

Giovanni:  Alfò, te piàcene ‘sti scarpe?

                   Valentina sente la voce e desiste. I due fanno finta di niente. Giovanni seguita.

                   Guarde comme so’ belle... (Alza gli occhi e li nota) ...’sti scarpe! (Incuriosito da

                   lei, va dai due) Alfonso, non ho l’onore di conoscere la signorina...!

Alfonso:    (Imbarazzato) Ah, ehm... E’ la nuova valletta del mio programma radiofonico!

Giovanni:  ‘Na valletta pe’ ‘nu programma radiofonico? E a che serve? Nisciuno ‘a vede!

Valentina: Ma quala valletta? Alfò, dince ‘a verità. Io sono la top model Valentina Guarra.

Giovanni:  (Sorpreso, si lascia cadere una scarpa di mano) Ma piacere, tanto piacere!

                   Va per stringerle la mano e per sbaglio le lascia l’altra scarpa.

                   Uh, scusa! (Riprende la scarpa e la getta via. Poi guarda Valentina incantato)

Valentina: Alfò, mò t’’o ddico annanzo a isso: paga il tuo debito, o faccio ‘nu scandalo.   

Alfonso:    (Tono di sfida) E che ffaje?

Valentina: Dico tutto a tua moglie. Anzi, se vuoi saperlo, qua fuori, ho lasciato una borsa.  

                   Dento ci sono volantini coi nostri nomi. Alcuni già li ho lanciati un po’ di qua e

                   un po’ di là. Quando tua moglie viene, trova una bella sorpresa!

Alfonso:    (Spaventato) Che he’ fatto? Ma tu si’ pazza? Me vuo’ ‘nguajà a me?

Valentina: Sì.

Alfonso:    Uh, mamma mia... (Poi nota Giovanni incantato e lo ridesta) Uhé, a te...

Giovanni:  (Si ridesta) Ehm... che c’è?

Alfonso:     Va’ mommò ccà ffora, piglia chella borza cu’ ‘e volantini e puortammélla ccà.

Giovanni:  Sì, sì, volo...   

                   E corre via fuori.

Alfonso:     Ma sei proprio senza scrupoli. Ma addò l’hé miso ‘o core, ‘int’a ll’acìto?

Valentina: E no, io sono brava e dolce, ma non fatemi arrabbiare, che divento cattiva e

                   dispettosa. (Poi sensuale) Uh, mi sono smagliata una calza! (Si piega in avanti,

                   col sedere in direzione di Alfonso, finge di aggiustarsi la calza, resta immobile)

Alfonso:     Valentì, ma tu si’ scema? Aìzete mommò, Valentì... (Poi si compiace) Ah, però!

                   Resta a fissarla. Torna Giovanni con la borsa e i volantini raccolti a casaccio.

Giovanni:  Alfò, ccà ce sta ‘a rrobba. (Va vicino a lui, nota Valentina in quella posizione,

                   la fissa pure lui, senza staccare gli occhi dal suo sedere) Alfò, ‘a rrobba...

Alfonso:     (Senza staccare gli occhi dal sedere di Valentina) Sì, dammélla...

                   Giovanni (senza guardare) gli consegna la borsa, ma Alfonso non la afferra e la

                   lascia cadere in terra. Dall’ingresso, entra Lucia. Nota tutto. Va da Alfonso.

Lucia:        E’ carina, vero?

Alfonso:    (Non si accorge di lei) No, Lucì, chella è proprio bona! (Si rende conto) Lucia?

                   Si volta e la vede. Valentina torna in posizione eretta. Alfonso è in imbarazzo.

                   Uhé, Lucì, e tu che ce faje ccà?

Lucia:        Stavo venendo da te, ma a quanto pare tu eri impegnato a guardare il panorama!

Alfonso:     Ah, chi, io? No...

Lucia:        E chi è la signorina?                 

Alfonso:     Ehm... è la nuova valletta del mio programma radiofonico.

Lucia:        ‘Na valletta pe’ ‘nu programma radiofonico? E a che serve? Nisciuno ‘a vede!

Alfonso:     (Eh, e sso’ ddoje! Inzomma, nun riesco a ffa’ fesso a nisciuno cu’ ‘sta palla!...).

Valentina: Alfò, e dince ‘a verità! Dille chi sono io veramente. Signora, io sono...                

Giovanni:  (Interviene per zittirla) Ehm... senti, andiamo nella mia stanza a fare il provino.

Valentina: Come?

Giovanni:  Sì, quel provino che dovevamo fare per la TV. Vieni con me, ti faccio strada.

                   La afferra per un braccio e se la porta via verso la sua camera (a destra).

Valentina: (Uscendo) No, ma io...

Giovanni:  E gghiamme!

                   Giovanni se la tira via e così escono.

Lucia:        E bravo, io vengo qui per fare pace e ti trovo a fare il malato con un’altra donna!

Alfonso:    (Tono scherzoso) Allora vuoi che lo faccio con te?

                   Lucia si arrabbia e se ne esce di casa.

                   No, ma io scherzavo. (Prende borsa e volantini) Famm’ittà ‘sta rrobba. Luciaaa!

                   E la insegue.

2. [Gennaro e Leo]

                   Da destra, entra Gennaro.

Gennaro:  Ma che miseria, ‘o gabinetto è zumpato ‘a terra. Ma chiste, quanno s’asséttene ‘a

                   coppa, che se méttene a ffa’, ‘o rodeo? E intanto, aggio chiammàto all’idraulico,

                   ma nun è venuto cchiù. E vabbuò, famme vedé si ‘o pzzo accuncià io. Uffa!                 

                   Torna a destra. Dall’ingresso (al centro), entra Leo in tuta e borsa da idraulico.

Leo:           Ce l’ho fatta! Due milioni di copie vendute. E tutto questo grazie alle foto della

                   nuova fiamma di Alfonso: Assunta! (Esulta) E vai! E adesso, devo scoprire altri

                   altarini su Alfonso Primiera. Mi sono camufatto da idraulico. Ho il block notes  

                   pronto nel taschino e la macchina fotografica nella borsa. Ora mi preparo, va’!

                   E mette a punto la sua borsa. Torna Gennaro.

Gennaro:  Niente da fare. Nun ‘o riesco a accuncià. Embé, quanno vene l’idraulico, l’aggia

                   dicere... (Nota il finto idraulico) Ah, finalmente site venuto.

Leo:           (Si mette a posto in fretta e furia) Ehm... chi, io?

Gennaro:  No, io! (Gli si avvicina) V’aggio chiammato tre ore fa!

Leo:           A me? (Fa finta di ricordare) Ah, già avete ragione...! E che volete, il traffico...

Gennaro:  (Lo guarda bene) Scusate, ma a voi io già vi ho visto.

Leo:           Veramente? E beh... se è per questo pure io a voi. Ma non siete un giornalista?

Gennaro:  Io? Ma si io a stiento saccio scrivere...! Io sono il capofamiglia.

Leo:           (Un po’ preoccupato) Ah, veramente?

Gennaro:  E già. Mò jamme, venite, ‘o gabinetto ve sta aspettànno ‘int’’o bagno!

Leo:           (Ironico) E si ‘o ssapeve, ce purtave ‘e ppastarelle!... E cos’ha questo gabinetto?

Gennaro:  Se ne viene da terra. Ieri sono andato in bagno per il mio rituale mal di pancia!

                   Embé, m’aggio assettato ‘ncoppa, s’è ‘mpennato ‘o gabinetto! Venite a fissarlo.

Leo:          (Sorpreso) Io?

Gennaro:  E chi, io? Vuje site l’idraulico?

Leo:          Sì, sì... andiamo, portatemi dal paziente!

Gennaro:  E’ arrivato ‘o chirurgo! Venite, seguitemi.

                  I due vanno via a destra.

3. [Giovanni, Valentina, e poi dopo Raffaele e Galina. Infine Leo]

                    Da destra torna Giovanni seguito da Valentina.

Valentina: Dàteme ‘e sorde, ate capito? O si no jate malamente.

Giovanni:  Nun alluccà. Ma te vuo’ calmà ‘nu poco? Vai a farle alla radio, queste scenate.

Valentina: E ce so’ stata. Però m’hanne ditto ch’è troppo assaje ‘nu milione. Allora ‘o

                   voglio ‘a Alfonso, o si no ‘o piglio e ‘o ‘nguajo.

Giovanni:  E t’’a piglie cu’ Alfonso? Chillo già tene ‘e guaje suoje cu’ ‘a mugliera.

Valentina: ‘E sorde...! (E si mette col broncio)

Giovanni:  ‘E che passaguaje! (Va lentamente all’uscita) Ma quanno se ne va? (Guarda

                    fuori e si spaventa) (Uh, Giesù, stanne venenno Rafele e Galina! E mò a chesta

                    nun l’hanna truvà ccà. Arraggiata comme sta, chesta fa succedere ‘o burdello!).

                   (Torna da lei) Ehm... Valentina, va bene, il milione te lo dò io. Lo vuoi?

Valentina: Ma staje facénno ‘o furbo?

Giovanni:  No, no, dico sul serio. Seguimi, devo andare in camera da letto dei miei.

Valentina: Bene, tanto, chi me li dà, me li dà, i soldi, per me è lo stesso! Su, fammi strada.

                   I due escono a destra (Valentina si sfrega le mani). Arrivano Raffaele e Galina.

Raffaele:   Galina, trase, trase. (La richiama) Ll’atu juorno, che bella figura m’he’ fatto fa’!

Galina:      E m’he’ scusà, Rafé, ma chilli duje me chiammàvene gallina, papera...!

Raffaela:   E lasse sta’, nun ce penzà. Mò amma parlà cu’ Giuanne. Però t’arraccummànno:

                   qualsiasi cosa, tu non apri bocca. Vuo’ ì a Disneyland?

Galina:      Sì.

Raffaele:   E nun parlà. Che te costa?

                   Frattanto torna Giovanni. Non nota i due, ma loro notano lui parlare da solo.

Giovanni:  Ecco fatto, aggio chiuso a chella pazza scatenata fora ‘a veranda. L’ho legata e

                   imbavagliata! Nun se po’ movere e nun po’ ascì!  

Raffaele:   Uhé, Giuà.

Giovanni:  Uhé, Rafé, tu staje ccà? Ah, ce sta pure chesta. Ma s’è calmata, o no?

Raffaele:   Comme no, s’è calmata… o si no ‘a dongo ‘nu cazzotto!

Giovanni:  (Galina) Néh, che ddice, “tacchina”?!

Galina:      Ma che “tacchina”? Galina! Embé, tu he’ raggione ca io aggia ì a Disneyland!

Giovanni:  E nun me dicere niente, me so’ confuso. Ma assettàteve.

                   I tre si siedono.

Raffaele:   Allora, Giovanni, la scaletta della trasmissione di stasera ti soddisfa?

Giovanni:  Rafé, ‘a verità? No! Perciò, pensavo di metterci qualcosa di... di più vero. Ecco!

Raffaele:   Sai, ci ho pensato anch’io. Pecché nun pigliàmme a ‘nu tizio qualunque ‘a miezo

                   ‘a via? Gli facciamo raccontare una storia della sua vita che l’ha colpito.

Giovanni:  Eh, e addò ‘o truvàmme a chisto?

                   Da destra (notato dai tre) entra Leo. Cammina quatto, quatto.

Leo:           E io avessa mettere ‘e mmane ‘int’’o gabinetto? E’ meglio che me ne fujo!

Giovanni:  (Si alza in piedi, gioioso) Eccolo qua! Un idraulico!

Leo:           (Tiene le mani in alto) No, io nun saccio niente! 

Raffaele:   (Va da lui, gioviale) Non spaventarti. Come ti chiami? Va bene, non ce ne frega.

                   Stasera io e lui, il grande Giovanni Primiera, ti portiamo in TV. Sei felice?

Leo:           Non si potrebbe evitare?

Raffaele:  (Gli dà un buffetto dietro il collo) Ma quant’è simpatico! Galina, vieni qua!

Galina:      Che vuuo’?

Raffaele:   Sempre fine, tu! Guarda, ti piace lei? E’ una valletta. Galina, fate una passerella

                   tu e lui. Fingiamo che tu lo stai introducendo in trasmissione.

Galina:      Venite qua, datemi quella specie di mano!

                   Gli prende la mano e i due cominciano a camminare per la stanza.

Raffaele:   (Meravigliato) Giovanni, guarda che meraviglia! Il nostro amico è telegenico.

Giovanni:  E sì, è proprio telegenico. Io adesso direi che…

                   Ad un tratto i due escono proprio fuori casa. Giovanni si arrabbia.

                   Néh, ma addò stanne jenno, chilli duje?

Raffaele:   Boh! Mannaggia a Galina. Addò vo’ ì, a Disneyland? Io ‘a manno ‘o CTO!

                   I due escono frettolosamente.

4. [Vincenzo e Carmela. Infine Gennaro e Rosalia]

                   Da destra torna Rosalia.

Rosalia:    ‘A funtana scorre ‘na’ta vota. Embé, aggio chiamamto all’idraulico e ancora nun

                  è venuto. Quase, quase, me l’acconcio io sola!

                  E va a sinistra. Dall’ingresso, ecco Vincenzo (ha una valigetta) e Carmela.

Vincenzo: Carmela, ormai manca poco alle diciannove. Bisogna concludere subito l’affare.

Carmela:  E ti pare facile? I signori Primiera ci hanno restituito la valigetta coi soldi.   

Vincenzo: Già. Dieci miliardi di lire. Questi, o sono stupidi, o non hanno bisogno di soldi.

Carmela:  Oppure hanno troppo amore per i figli. (Si siede sul divanetto)

Vincenzo: Ma alla fine la spunterò io, quanto è vero che mi chiamo Vincenzo Vicienzo!

Carmela:  Almeno sapessimo com’è fatto Alfonso. (Trova il giornale sul divanetto e legge)

Vincenzo: Appunto. Abbiamo scoperto tante cose su di lui, ma non le sue sembianze.

Carmela:  Adesso io so com’è fatto. Sta su questo giornale.                                    

Vincenzo: Fammi vedere un po’. (Osserva) Ma questo è il tizio a cui abbiamo dato la

                   valigetta coi soldi. Accidenti, e noi ci abbiamo pure parlato. (Si siede al tavolo)

Carmela:  Intanto, a quanto pare, lavora alla radio... e fa la bella vita con le donnacce.

Vincenzo: Ma che te ne frega? Io ti ricordo che manca poco tempo. E stiamo ancora a zero.

Carmela:  Ma se non riusciamo a parlare coi signori Primiera, diventa impossibile.

                   Intanto, da destra, torna Gennaro.

Gennaro:  Ma che sta cumbinanno chillu scemo ‘e idraulico?! Invece ‘e m’accuncià ‘o

                   gabinetto, me sta scassanno pure ‘o bidet!

                   Torna Rosalia (da sinistra).

Rosalia:    Ma chi m’ha mannato a chill’imbranato ‘e idraulico?!                

Vincenzo: (Nota i due, si alza e li chiama in causa) Oh, signori Primiera, buonasera.

Gennaro:  Ah, ce state ‘n’ata vota vuje? Ma non vi avevamo dato i soldi indietro?

Vincenzo: Certo. Ma noi non li vogliamo. Prendeteli voi.

Rosalia:    Se vede ch’’e ttenìte ‘e cchiù!

Carmela:  (Si alza in piedi) E si vede che voi non avete capito. E allora, noi siamo pronti a

                   rilanciare. In quella valigetta c’è un assegno. La cifra non c’è, mettetecela voi.

Rosalia:    (Si avvicina) Sentite, ma non lo sapete che quello che state facendo è illegale?

Vincenzo: E che cosa è illegale? Che noi vi vogliamo dare dei soldi? Non è mica un reale!

Gennaro:  (Si avvicina) E no. Si dice reato. L’ha liggiuto mia moglie ‘ncoppa ‘o giurnale!

Rosalia:    Il reato non è il fatto che ci volete dare dei soldi, ma il perché ce li volete dare.

Gennaro:  Embé, ‘sta storia m’ha scucciato! Primma abbandunate a ‘nu figlio in fasce, po’

                   v’’o vulìte accattà quanno se fa ‘ruosso...! Ma che stamme ‘e cummédità voste?

                   E poi siete stati sleali, perché avete parlato con lui, senza di noi e in casa nostra!

Carmela:  (Si alza e mette in mostra il giornale) Abbiamo parlato con lui senza saperlo. E’

                   lui Alfonso, fino ad ora non lo sapevamo. Siamo in buona fede.

Rosalia:     E lo avete visto per l’ultima volta. Alfonso è nostro figlio. E se lo volete sapere,

                   è pure sposato e sua moglie si chiama Lucia. E presto avranno pure dei figli.

Carmela:  (Felice) Uh, che bello, avrò dei nipotini, e io sarò la loro nonna!

Rosalia:    Uhé, e comm’è bella, chesta. Io stongo aspettanno ‘a tantu tiempo ‘stu mumento,

                  arriva essa cacchia cacchia, e vò fa’ ‘a nonna cu’ ‘e nepute mie! Ma vavatténne!

Vincenzo: Ma Alfonso potrete vederlo quando volete. Però intanto, sarete diventati ricchi.

Gennaro:  ‘On Vicié, ‘e sorde nun chiòvene ‘a cielo.

Rosalia:    E poi, firmando quel contratto, nostro figlio diventerà un semplice conoscente.

Carmela:  Perché, un figlio si riconosce da un pezzo di carta?

Rosalia:    No, ma si riconosce dall’affetto e dai sacrifici, due cose che voi non conoscete.

Carmela:  Scusate, ma perché non provate a chiederlo a lui direttamente? Può darsi che...

Gennaro:  Sentite, m’aggio sfastriato ‘e ve vedé. Jatevénne e nun ce venite maje cchiù, ccà.

Vincenzo: (Nervoso) E va bene. Andiamo via. Però badate, che la nostra è solo una ritirata

                  strategica. Ma fra dieci minuti, torniamo qui con duecento miliardi... sull’unghia.

Gennaro:  (Ironico) No, nun ce mettere niente ‘ncoppa all’ogna, chella se spezza!         

                  Vincenzo se ne va celermente senza dire una parola.

Carmela:  (Posa il giornale sul divanetto, poi...) Io non riesco a dirvi niente.          

                  E se ne va anche lei.

Rosalia:    Gennà, che dice, s’arrénnene?

Gennaro:  No... e nemmanco nuje.

                  E ritorna a destra, mentre Rosalia se ne ritorna a sinistra.

5. [Giovanni e Leo. Poi Valentina. Infine Alfonso e Lucia]

 

                   Dall’ingresso (al centro) torna Giovanni. Porta per un braccio Leo.

Giovanni:  Cose ‘e pazze! Io voglio capì che chella Galina è tutta scema, pecché vo’ ì

                   Sempe ‘ncoppa ‘e giostre. Ma tu manco ce pare.

Leo:           Néh, ma io stevo faticanno ‘int’’o gabinetto cu’ ‘nu certu Gennaro Primiera.

Giovanni:  E allora tuornatenne ‘int’’o gabinetto a ffa’ ‘o mestiere tuojo.

Leo:           Ah, sì? Ah, sì? (Prepara la macchina fotografica) Giovanni Primiera, fai un

                   sorriso! (Gli scatta una foto) E mò te faccio avvedé io! Con permesso!

                   Esce via a destra. Giovanni rimane ancora sorridente. Poi torna serio. 

Giovanni:  ‘Na fotografia? A me? Forse ‘stu stagnaro sarrà cocche mio ammiratore! (Va

                   alla soglia della porta e guarda fuori) A proposito, ma Rafele e Galina addò so’

                   gghiute a fernì? Nun se po’ faticà accussì. Io songo ‘nu professionista serio.

                   Intanto, da destra, torna Valentina che si è liberata. 

Valentina: Ce l’ho fatta a liberarmi. A me nemmanco ‘e ccorde d’acciaio me ponno fermà!

                   Spicialmente quanno se tratta ‘e sorde. E mò addò stanne? Aggia fa’ succedere

                   ‘o quarantotto! (Nota Giovanni, va da lui alle spalle e grida) Giuà!

Giovanni:  (Si spaventa) Chi è? Tu? (La conduce al centro) Come hai fatto a liberarti?

Valentina: Invece ‘e fa’ domande inutile, damme ‘e sorde.

Giovanni:  Ancora? Siente, dimane t’accumpàgno io stesso ‘a radio e t’’e ffaccio da’.

Valentina: No. He’ ditto che m’’e ddive tu? E adesso caccia i soldi.

Giovanni:  Sì, sì, haje voglia ‘e aspettà! (Si riavvicina alla soglia della porta)

Valentina: E allora io nun me movo ‘a ccà fin’a che tu nun me pave. O tu, o Alfonso.

Giovanni:  (Si spaventa) Uh, mamma mia, stanne turnanno Alfonso e Lucia...

Valentina: Ah, bene, adesso facciamo i conti.

Giovanni:  (Torna frettolosamente da lei) No, Valentì, nun t’hanna truvà ccà. Te n’he’ ‘a ì.

Valentina: Neanche per sogno. Da qui non mi muovo neppure morta.

Giovanni:  (Tira fuori il portafogli) Valentina, guarda, qua dentro c’è un milione preciso!

Valentina: Uh, ‘e sorde... Viene accà, damme ‘e sorde!

                   Giovanni scappa via a destra inseguito da Valentina. Arrivano Alfonso e Lucia. 

Alfonso:     Lucì, lo vedi, non c’è più nessuna donna.

Lucia:        Sì, lo vedo, lo vedo.

Alfonso:     Allora avimme fatto pace?

Lucia:        E vabbuò, Alfò. Come al solito litighiamo litighiamo, e poi va a finire sempre 

                    così. Figurati. Tanto varrebbe non litigare più.

Alfonso:     Magari. A me me lo dici? Lucì, io m’aggio sfastriato d’’a purtà annanzo e areto

                   chella valiggia. Lucì, chella valiggia pesa!

Lucia:        E si tu te cumpuorte buono, vide che chella valiggia nun ‘a piglie cchiù!

Alfonso:     Ancora? Facciamo tanto per fare pace e poi vuoi litigare un’altra volta?

Lucia:        Ehm... hai ragione. Solo che mi sono innervosita quando ho visto a quella...

                   diciamo donna... peraltro in quella posizione.

Alfonso:     E vabbé, lascia stare. E adesso che ce ne torniamo a casa nostra?

Lucia:        Lo sai? Stavo per chiedertelo io.

Alfonso:     Allora facciamo una cosa: dammi una mano a fare la valigia.

Lucia:        Con vero piacere.

                   Si prendono per mano e vanno via a sinistra.

6. [Leo e Gennaro. Poi Rosalia e Pasquale]

                   Gennaro e Leo tornano dal bagno (da destra).  

Leo:           Caro signore, ora quel gabinetto non lo smuoveranno più nemmeno le bombe!

Gennaro:  Mò però m’aggia abbituà.    

Leo:           A fare cosa? 

Gennaro:  E vuje m’ate miso ‘o gabinetto ‘o posto d’’o lavandino e ‘o bidet ‘o posto d’’o

                   gabinetto! ‘Na vota ‘e cheste, me trovo a me lavà ‘a faccia ‘int’’o gabinetto!

Leo:           E pazienza! (Si siede al tavolo) Comuqnue, meno male che abbiamo finito.

Gennaro:  (Si siede sul divanetto accanto al telefono) No, ci sta ancora la fontana in cucina.

Leo:           Ancora? Cinque minuti di pausa, e poi vi aggiusto tutte le fontane che volete.

Gennaro:  Sì, non c’è fretta. (Nota il giornale di Leo che era sul divanetto e lo legge) Tié

                   tié,guardate che porcheria gi giornale.

Leo:          (Si volta e riconosce il suo giornale) (Ma chillo è ‘o giurnale mio!).

Gennaro:  Ce sta mio figlio ccà ‘ncoppa. Lo sapete? Si chiama Alfonso Primiera.

Leo:          (Che? Ma allora è ‘o figlio ‘e chisto?).

Gennaro:  L’hanne fotografato cu’ ‘sta malafemmena. Però io non ce l’ho con mio figlio.

Leo:           Ah, ecco. Ce ll’avite cu’ essa.

Gennaro:  Neanche. Io ce ll’aggio cu’ chillu ‘nfame che ha fatto stu’ servizio ccà ‘ncoppa!

Leo:           (Si preoccupa un po’) Ehm... ma in fondo deve essere una brava persona!

Gennaro:  Uno che mette ‘o burdello ‘int’’e ffamiglie? No, è sulo ‘n’ommo ‘e tre sorde.

Leo:           E’ un lavoratore.

Gennaro:  Lavoratore? Embé, m’’ita credere, si ‘o tenesse annanzo, ‘o squartasse vivo!

                   E continua a leggere, mentre Leo fa un viso preoccupato, e così si mette carponi             

                   per terra e incomincia a camminare pian piano verso l’uscita.

                  ‘O levàsse ‘a capa ‘a coppa ‘o cuollo! (Nota Leo) Scusate, ma che state facendo?

Leo:          (Si ferma) Ehm... niente, stavo andando fuori casa a fumarmi una sigaretta!  

Gennaro:  E perché camminate così?

Leo:           Ehm... perché dice che camminare così aiuta a rilassarsi. L’ho letto sul giornale! 

Gennaro:  E ha da essere ‘o stesso giurnale ‘e Rosalia! Aspettate, mò vengo cu’ vuje!

                   I due escono camminando carponi. Da sinistra, riecco Rosalia e Pasquale.

Pasquale: Signò, ce l’abbiamo fatta. Alla fine il rubinetto è stato riparato.

Rosalia:    Ma site sicuro?

Pasquale: Comme no. Scusate, ‘o rubinetto perdeva a sinistra?

Rosalia:    Mò però perde a destra!

Pasquale: E vabbuò, sono sottilette!

Rosalia:    Ma parlate comm’e mio marito? Se dice “sottigliezze”!

Pasquale: Eh, votta lloco!

Rosalia:    Sentite, mò ce sta a accuncià ‘o gabinetto. Tene ‘o ballo ‘e San Vito.

Pasquale: Signò, però tutto sommato, nun è accussì malamente ‘stu fatto.

Rosalia:    E pecché?

Pasquale: E pecché, ve vene ‘nu malo ‘e panza? Quanno ve mettite lloco ‘ncoppa, se

                  mmesca ‘o dulore p’’o malo ‘e panza e l’allerìa d’’o movimento accà e allà!

Rosalia:   Mò aggio capito pecché v’appiccecate sempe cu’ ‘a mugliera vosta! Ja’, venite!

                  E vanno alla loro destra: Tornano Gennaro e Leo.

Gennaro: E allora, mò ‘o vulimm’ì a accuncià ‘stu rubinetto ‘int’’a cucina?

Leo:          Ancora? Sentite, ma io tengo ‘a faticà. Aggia fa’ assolutamente ‘e ffotografie.

Gennaro: A chi ce l’ata fa’? ‘O rubinetto?

Leo:          No, a Alfons…! Uh, che stò ddicenno? Ehm… sì, sì, aggia fotografà ‘o rubinetto.

Gennaro: E a che ve serve?

Leo:          Pe’ piglià ‘e misure!

Gennaro: Ma che state ristrutturanno, ‘o stadio San Paolo? Jamme ‘int’’a cucina, ja’!

                 I due vanno a sinistra.

7. [Vincenzo e Carmela. Poi Rosalia e Gennaro]

                   Dall’ingresso (al centro) entrano Carmela e Vincenzo con valigione enorme.

Vincenzo: Carmé, questa è l’ultima volta che veniamo qua, perché secondo il mio orologio,

                   mancano dieci minuti alle diciannove, dunque allo scadere del tempo massimo.

                   (Posa la valigia a terra) Stavolta ce la faremo. Qui in valigia ci sono duecento

                   miliardi. (Nota Carmela silenziosa) Carmela, ma… nel tragitto per giungere fin

                   qui, non hai detto una parola. Non ti vedo più così motivata, convinta...

Carmela:  Chi, io? No, ma che dici?

Vincenzo: Non mentire. Prima eri tu che mi davi pressione, ora invece tieni gli occhi giù.

Carmela:  Beh, Vincé, forse è come dici tu. La verità? Mi sento un pochino confusa.

Vincenzo: Confusa dalle parole di quei due?

Carmela:  No, dall’amore che hanno per quel figlio che gli ha regalato il destino. Forse io e

                   te non riusciremmo a darglielo in egual misura.

Vincenzo: Cosa sentono le mie orecchie? Cosa vedono i miei occhi? Eravamo in due per la

                   stessa causa e ora son rimasto solo. Bene! Se vuoi, ti dispenso dall’andare fino

                   in fondo. Ma io non mi fermo. (Chiama) Don Gennaro, donna Rosalia, ci siete?

                   I due accorrono (lui da sinistra, lei da destra).

Gennaro:  Ch’è stato?

Rosalia:    Ch’è succieso?

Gennaro:  Ancora vuje? Ma ch’aspettate, che chiammame ‘a polizia?

Vincenzo: Un momento, ascoltate. In quella valigia ci sono duecento miliardi… in contanti.

Gennaro:  Oh, è cresciuta ‘a valiggia! E è crisciuta pure ‘a cifra che ce vonno da’!

Rosalia:    E già. Ma io nun ce ll’aggio tanto cu’ don Vincenzo: quello è accecato dai soldi

                  del testamento. Ma cu’ ‘a signora Carmela, sì. Chella putesse essere ‘na mamma.

Vincenzo: E infatti non lo è, ma lo sarà.

Gennaro:  E adottatevi un bambino. Oppure fatelo voi, che potete farlo.

Vincenzo: Signori, non provate a convincere mia moglie, non è un atteggiamento dignitoso.

Carmela:  No, non mi hanno convinta loro. Vincé, mi sono convinta da sola. Fra tre minuti,

                  alle diciannove esatte, scade il termine, e finalmente questa sotria finirà.

Vincenzo: (Stupito) Cosa dici? Ma non è vero. Non esiste alcun termine.

Carmela:  Ah, sì? E allora sediamoci e prendiamo un bel caffè. Tanto, che fretta c’è?

Vincenzo: Carmé, sei una traditrice.   

Rosalia:    Avete visto? Siete rimasto solo. Vi ha abbandonato addirittura vostra moglie.

Gennaro:  ‘On Vicié, cu’ ‘e sorde putìte accattà: palazze, machine, ‘o biglietto p’’o tiatro…

                   Ma ati ccose nun s’accàttene, pecché nun ce sta prezzo. A proposito… (Guarda

                   l’orario) Mancano dieci secondi alle diciannove... sette... sei... cinque...

                   E cominciano a contare pure Rosalia e Carmela.

I tre:          Quattro... tre... due... uno...

Gennaro:  Sono le diciannove precise, precise.

Rosalia:    Signora Carmela, mi pare che il testamento da questo momento non vale più.

Carmela:  Esattamente. E neanche il contratto.

                  Vincenzo osserva i tre “ribelli”. Poi, senza dire niente, va via. Carmela si scusa.             

                  Signori Primiera, io vi chiedo perdono. Vedete, nella vita c’è sempre tanto da

                  imparare. Ed io sono stata fortunata, perché vi ho conosciuta… ed ho imparato.

                  Stringe la mano ai due. Si avvia, poi si ferma sulla porta e dice un’ultima cosa.

                  Ah, dimenticavo: date un bacio da parte mia ad Alfonso.

                  E va via. Gennaro e Rosalia sono raggianti.

Rosalia:    Gennà, he’ visto? Mò nun ce avìmma dicere cchiù niente a Alfonso.

Gennaro:  He’ raggione, Rosalì. Sarà tutto come era prima. Anzi, ho un’idea: andiamocene             

                   a festeggiare solo io e te.

Rosalia:    E sia così. Però è meglio che ce muvìmme, o si no a ‘n’appoco vene Assuntina.

Gennaro:  Pe’ carità. Nun ‘a voglio vedé, a chella, o si no mena jastemme tuorno tuorno e

                   ce coglie pure a nuje. (Infila la giacca che sta sull’appendibiti) Tu si’ pronta?

Rosalia:    M’aggia mettere sulo ‘e scarpe. (Corre a metterle, a destra).

Gennaro:  Rosalì, e fa’ ambresso... Rosalì, e muòvete... Rosalì, te si’ misa ‘sti scarpe?

                  Torna Rosalia.

Rosalia:    Sì, so’ pronta. Gennà, pe’ ‘nu poco ‘e tiempo nun voglio vedé cchiù a nisciuno!

Gennaro:  A chi ‘o ddice?!

                  E fuggono via di casa.

 

Scena Ultima. [Leo, Assunta, Valentina, Giovanni, Alfonso e Lucia]

                   Torna Leo dalla cucina (a sinistra).

Leo:           Ma ‘o pato ‘e Alfonso che fine ha fatto? Io aggio lassato ‘a chiave inglese int’’o  

                   bagno. Mò m’’a piglio io. Però me stongo appassionànno a ffa’ ‘stu lavoro!

                   E va a destra. Poco dopo, dall’ingresso (al centro), arriva Assunta. E’ delusa.

Assunta:    Embé, cu’ mio marito perdo sulo ‘o tiempo. Biata a Rosalia che nun passa ‘e

                   guaje mie. E penzà ch’a Gennaro m’’o steve pigliànno io primma ‘e essa.

                   Siede sul divanetto, trova il giornale di Leo e legge. Da destra torna Valentina.

Valentina: Ah, ll’aggio fatto fesso a Giuanne. L’ho lasciato fuori alla veranda legato e

                   imbavagliato. Mò vedimme ‘nu poco ‘a do’ hanna ascì sti’ sorde.

                   Assunta, leggendo, si mette a fare delle considerazioni ad alta voce.

Assunta:    Uh, guardate a Alfonso, l’hanne fotografato cu’ sta’ mala crestiana. Chillo è

                   innocente, io ‘o ssaccio! Valentina Guarra. Tene ‘o nomme ‘e ‘na prostituta!

Valentina: (Le si avvicina e la guarda male) Overamente è...!

Assunta:    (Alza la testa e le parla) Dìcite ‘a verità, signò. Guardate cu’ ll’uocchie vuoste.

                   Signò, però aggia dicere ‘a verità? Siete un poco poco tale e quale a questa!

Valentina: E’ un caso.

Assunta:    E sentite ccà, signò. “Ecco in anteprima la foto della nuova fiamma di Alfonso

                   Primiera: Assunta”! Se chiamma pure comm’a me, ‘sta puzzulente! Ma fam’’a

                   vedé ‘nu poco. (Apre la pagina) Ah, ‘a vi’ ccanno, ‘sta faccia ‘e scigna!

Valentina: Avite raggione, signò!

Assunta:    (Poi guarda bene la foto e si sorprende) Uh... ma chesta songh’io! Uh, mamma

                   mia, ‘e che scuorno! M’hanne scagnata pe’ l’amante ‘e Alfonso. Che scandalo!

                   E intanto, da destra, torna Giovanni che si è liberato.

Giovanni:  Addò sta? Addò sta? Ah, tu staje lloco? (E si avvicina a Valentina)

Assunta:    (Si alza in piedi) Uhé, cià, Giuà...

Giovanni:  Cià, ‘a zia. Néh, Valentì... Valentina, tu te ne devi andare, hai capito?

Assunta:    Valentina? Cioè, ‘sta signurina fosse ‘sta cosa  quequera d’’a fotografia?

Valentina: Ah, e mò l’avìte capito? E quanta male parole m’’ite ditto. Embé, signò, io nun

                   ve mette ‘e mmane ‘ncuollo pecché tenite ‘n’età!

Assunta:    Ah, sì? Ah, sì?

Giovanni:  Aéh, Valentì, e mò so’ guaje d’’e tuoje!

Assunta:    Nun he’ fa’ bene, t’ha da ì tutto cose malamente, t’he’ fa’ vecchia comm’a me!

Valentina: Signò!

Giovanni:  Valentì, è inutile che prutiéste. Tanto, ormai, ‘a jastemma te l’ha mannata!

Assunta:    E invece no. Ho perso i miei poteri! In questo periodo sono in crisi, perché non

                   riesco più a trovare il mio grande amore, il mio ultimo fiammo! Il mio Leo!

                   Da destra torna Leo. E’ sconvolto.

Leo:           Uh, mamma mia! E’ scuppiato ‘o gabinetto, se sta allaganno tutta ‘a casa!

Assunta:    (Nota Leo e torna felice) Leo, amore mio! (Va da lui, gli prende il braccio)

Leo:           (Disperato) Marò, ce mancava sulo chesta!

Assunta:    Non ti lascerò mai più! 

Leo:           Ah, sì? ‘O terremoto! (Avendola distratta, si libera da lei) Scé, nun è ‘o vero!

                   E scappa via di casa.

Assunta:    Ammore mio, t’aggia schiattà ‘int’’e braccia mie!

                   Lo insegue.

Valentina: Scusa, ma che ci fa tua zia appresso a quell’individuo?

Giovanni:  E che ne so? Le piace così tanto quell’idraulico...

Valentina: Idraulico? Quello è Leo Misto, giornalista di un famoso giornale scandalistico. 

                   E’ quello che ci ha fotografati a me e a Alfonso insieme.

Giovanni:  Guarde, guarde... mò ch’’o ssape Alfonso...!

                   Frattanto, da sinistra, tornano Alfonso (con la valigia in mano) e Lucia.

Alfonso:     Ah, finalmente si torna a casa. (E posa la valigia a terra)

Giovanni:  (Terrorizzato) Uh, mamma mia, Alfonso cu’ Lucia!

Valentina: Ah, finalmente! (Si avvicina ai due) Adesso, caro Alfonso, facciamo i conti...

Giovanni:  Valentina, vieni qua. A cuccia! (La afferra per un braccio per mantenerla)

Lucia:        Cosa? Valentina? Ma allora tu saresti la top model Valentina Guarra?

Valentina: Sì, sono io, e sarò anche la protagonista femminile del film “L’uomo di Imelda”.

Alfonso:     Che cosa?

Valentina: Sì, caro Alfonso. Tu, il film, lo fai con me.

Lucia:        Alfò, non ti permettere di fare un film con questa.

Alfonso:     Néh, ma chi ‘o vo’ fa’? Anzi, Giuà, dici a Raffaele che si cerca un altro uomo

                   di Imelda! Tanto, in giro, di uomini di Imelda, ce ne stanne quante ne vo’ isso!

Valentina: Uhé, e mò palamme ‘e cose cchiù importante. Alfò, damme ‘stu milione!

Lucia:        Ma che vvo’, chesta?

Alfonso:     Lucì, nun ‘a da’ retta! Chella è una pazza.

Lucia:        E mò ‘a facc’io ‘a pazza!

                   Afferra Valentina per un braccio e se la porta a sinistra in cucina.

Alfonso:    No, Lucia!

                  Giovanni ed Alfonso le ricorrono. Poco dopo si sente baccano e delle grida.

Lucia:        “T’aggia accidere...”!

Valentina: “No, io a te...”!

                   Esce Giovanni che porta via per un braccio Valentina (spettinata e indolenzita).

Giovanni:  E mò viene ccà, tu.

Valentina: Le ho dato quello che si meritava. He’ fatto buono che me l’he’ levata ‘a sotto.

Giovanni:  Valentì, stattu zitta, pecché t’aggio levata io ‘a sotto ‘a essa!  

Valentina: Intanto mò chi m’’e dda ‘e sorde a me?

Giovanni:  (Mò me votto!). Ehm... Valentina, per caso stasera hai da fare?

Valentina: No, perché?

Giovanni:  Perché, volendo, dopo la trasmissione... ti posso portare fuori a cena.

Valentina: Saje che te dico? Ma che me ne ‘mporta d’’o milione? Te servésse ‘na valletta?

Giovanni:  Sì, buona idea. Accussì a chella malata d’’e ggiostre, ‘a votto fora a cavice!

Valentina: Bravo, fammi fare tanta carriera alla televisione! Che bello!

                   Escono di casa sottobraccio. Poco dopo tornano Alfonso con la valigia e Lucia.

Alfonso:     Lucì... Lucia, allora mi perdoni?

Lucia:        Sei tu che devi perdonarmi. Ti ho accusato ingiustamente. Ma tu sei innocente.

Alfonso:     Finalmente l’he’ capito. E che c’è vuluto! E adesso dobbiamo ricominciare...

                   Anzi, no, dobbiamo continuare, prendendoci la vita... “comme vene, vene”! E

                   mò famme piglià ‘a valiggia. Si torna a casa! (Va a prenderla ma non ce la fa

                   ad alzarla) Ma che ce sta ‘o marmo ccà ddinto?

Lucia:        Aspetta, fammi fare a me. (La alza lei)

Alfonso:    Uh anema, Lucì, tiene ‘sta forza?!

                   I due si mettono sottobraccio e si avviano all’uscita, quando squilla il telefono.

                   Lucì, solo un momento. (Risponde) Pronto! Chi è? A chi volete? Siete il signor

                   Macellaro? (Felice) Avìte scannato ‘o signor Piecoro? Alééé! (Riaggancia)

Lucia:        Alfò, ma chi è?

Alfonso:     Niente... un amico!

                   Si mettono sottobraccio e escono.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno