Comu fazzu a dillu a me patri

Stampa questo copione

COMU FAZZU A DILLU A ME PATRI

(commedia brillante in due atti)

(di Calogero e Rosanna Maurici)

PERSONAGGI

Catania Emanuele                               (IL padre)

Catania Santina                                   (La moglie)

Catania Ernesto                                   (IL  Figlio)

Catania Viviana                                    (La figlia)

Messina Rino                                        (Fidanzato di Viviana) 

Messina Anna                                       (Fidanzata di Ernesto)

Messina Renato                                   (Il padre)

Messina Cettina                                   (La moglie)

Carmelina                                              (Vicina di casa)

Catania Olga                                         ( La madre di Emanuele)      

La storia si svolge in un paese del sud, IL Signor Catania ha due figli, Ernesto e Viviana, fidanzati con i figli dei vicini di casa del signor Messsina

Renato, Rino fidanzato di Viviana e Anna, fidanzata di Ernesto. Ernesto dopo otto anni circa, mette incinta Anna, mentre Rino sempre dopo otto anni circa, mette incinta Viviana e qui ovviamente succedono delle situazioni incresciose anche da parte dei genitori. Ad inserirsi bene nel contesto vi è la mamma del signor Catania Emanuele, che  vive una vergogna essendo di un’altra generazione. Un altro personaggio che si è una vicina di casa molto pettegola. Il resto lo saprete dopo. Anche in questa opera si riscontra spesso una lucida ed ironica analisi delle micro realtà sociali della nostra terra, mettendone in luce contraddizioni, barriere ancestrali e conformismi senza però, trascurare la sana filosofia di vita che contrassegna le note caratteriali del popolo siciliano.

 Per la scenografia, come ritiene opportuno il regista e scenografo.

(S C E N A   I°)

(Viviana, il fratello Ernesto, la madre Santina, il padre Emanuele)

Viv.    (seduta triste, vicino al tavolo, con la mano appoggiata sul viso, stessa cosa

           suo Fratello seduto dall’altra parte, ovviamente frontali al pubblico entrambi)

            Ma chi hai ca avi un po di jorna ca pari ca ti muriu u sceccu.

Ern.     U sceccu…e tu chi hai ca avi ca ti muriu u mulu….

Viv.     Si sapissitu chi mi succidiu u frati ti avvilisci e iu non ti lo vogghiu diri.

Ern.     E si sapissitu a soru chiddu chi capitau ammia ti sbatti a testa contru u muru

            Picchissu non ti lo vogghiu diri. Il mio problema è il monte più alto L’Everest,

            Il tuo puà essere il monte Bianco.

Viv.     Inveci ti sbagli, perche secondo certi studi recenti, il monte più alto è

            Il Chimborazo che si trova in Ecuador.

ERn.    Ma unni i trovi sti notizie…

Viv.      Io mi aggiorno sempre…   

Ern.     Comunque haiu un problema grande quando il mare, e non ti vogghiu

            Diri nenti picchissu.

Viv.     Ma allura chi soru e frati semu, comu ci siamo sempre confidati detti tutto

            E stavota non mi voi diri nenti? Anche se io non ti vogghiu diri u fattu meu

             Picchi è troppu gravi, pisanti ca mancu Maciste putissi purtarlu.

ERn.     Hai ragiuni a soru, ci siamo detti sempre tutto, però stavota mancu Ercole

              Putissi purtarlu, e ti assicuro ca Ercole era cchiù forte di Maciste, anche

              picchi era il figlio di Zeus. Però lassamu stari u fattu meu, ca è di nna

              gravità…(espressività)

              Però u fattu toi mu poi cuntari, anchi picchi ti pozzu aiutari, anchi si per ora

              non sacciu comu a fari pi aiutari me stesso….

VIv.      Senti allura cuntami u to fattu picchi io forse ti pozzu aiutari ,anchi ca ti

             Assicuro ca per oro non sacciu cu po aiutari ammia.

Ern.      Senti stamu scurrennu u tempu e nautri dicemu tri pila avi un porcu e un

             Porcu avi tri pila…damucci un tagliu e mi dici chiddu chi ti capitau.

             Io magari fra qualchi misi tu cuntu, accussi si calmanu l’acqui.

Viv.      Ma picchi non mu poi cuntari tu ed io ti lu cuntu fra tri misi….   

ERn.     Di novu tri pila avi un pilu e un pilu avi tri pila? Magari mi stannu

             Cunfunnennu…nonn ci misi u porcu….anche picchi sono stato un porcu

             Io, un cretino, uno senza testa, uno piccolo, un coglion…..

Viv.      Basta…..u capivu , picchi puru io mi sentu accussi…una cretina, una scema…

Ern.      Basta….non ripetere chiddu chi dissi io e dimmi subito chi ti capitau.

Viv.      (si alza di scatto) Va bene, ti lu cuntu, anche se il mio fatto rispetto a chiddu

            Chi capitau attia è una elefantessa di fronte alla tua formichina. Caro fratello

             Caro fratello (mentre ripete ogni volta, va avanti verso il pubblico)

             Caro fratello, caro fratellone.

Ern.     (verso il pubblico) Fratellone? Divintavu cchiù grassu tuttu da n’avota?

Viv.      Ernesto…Ernesto, Ernesto, Ernesto, Ernesto,

Ern.      (verso il pubblico) Finalmente non vi putiti scurdari cchiù comu mi chiamu.

Viv.      Ernestoooooooooo...Ernestoooooooo!

Ern.      Mi chiama con l’eco!...(verso il pubblico)

Viv.      Ernesto, mio fratellino….

Ern.     Fratellino? ORA divintavu siccu?

Viv.      Ernesto….(piangendo) io….io….sono rimasta incinta di Rino...

             E pari ca fu un cretino.

Ern.     ( Si alza di scattto, oviamente esperessività) Puru io ….cioè, la sorella di Rino,

             Anna, ristau incinta.

Viv.     E cu fu?

Ern.     E cu fu? Cretina cu potti essiri….io.

Viv.      Quindi semu, un frati e na soru , un frati e na soru…’nguaiati!

ERn.     Ora io, comu fazzu a dillu o papà, a mamma mi capisci megghiu, ma u papà.

            Chiddu mi pigghia e mi sbatti fora, anche picchi comu a campu!

Viv.      E io, comu fazzu a dillu a mamma, chidda mi pigghia e mi sbatti fora,

             ammia u papà mi capisci megghiu.

Ern.      E’rimasta incinta Anna….la mia condanna 

            U sai ca ti dicu a soru, niscemu un pocu, poi cchiu tardu vinemu e nel

             Frattempo attia a panza ti crisci chiassai….anche vse io ci lu dicissi subito

             O papà…

Viv.      Prima ciù dici tu o papà, e poi ciù dicu io a mamm. E attia nel frattempo ci

             crisci a panza di Anna…me cugnata…

ERn.    Certu però ca me cugnatu Rino fu cretinu, cu quanti cosi chi ci sunnu

             Ormai, ti metti incinta?!

Viv.      (guarda il pubblico e poi) Ma picchi tu fusti cchiu scaltru?

             (entrano Santina ed Emanuele, genitori di Viviana ed Ernesto)

Ema.    Chiccè, Viviana, pari ca stai chiangennu….

Viv.      No papà, haiu ridutu, io quannu ridu, pari ca chiangiu….

San.     E lassala stari addeva, non lo saic’avi otto anni, novi misi, dudici jorna e

            quattru uri ca è zita? Ed ancora non se ne parla…senza lavoro.

Ema.   Si pigghiau a Rino, pi carità,bravo ragazzo, ma senza lavoro. Ponnu fari

              I filini!

San.      Picchi, to figghiu avi travagghiu? Ernesto avi ca è zitu….

Ema.     Non mo diri tu, ca chissà mu ricordu io….otto anni, sei misi, deci jorna,

              (ovviamente guarda l’orologio)  sei ore e sette minuti….chi memoria chi

               Haiu , ti fregavu cara moglie, puru i minuti mi ricurdavu…(si atteggia)

               Meggiu da signora Carmelina( al pubblico) una vcicina di casa pettegola

               Ca si ricorda tutto e vuole sapere tutto.

San.      Ora ti damu u premu, ca ti ricordi puru i munuti.

Ern.      Papà , mamma, nautri niscemu un pocu, cchiu tardu vinemu.(escono)

S C E N A  II°

(Santina , Emanuele, Carmelina)

Ema.    Mancu fattu apposta, nautri ni chiamamu di cognome Catania e semu di

             Origine Messinesi, i cumpari si chiamunu Messina e sunnu di origini Catanesi.

San.     Chi coincidenze,  e chi coincidenze, due figli fidanzati cu i due soi figli.

Ema.    Grazie a Dio Santina, avemu du figghi c’hannu statu ca testa ‘ncapu i spaddi.

             Sulu u travagghiu ci manca ad Ernesto pi maritarisi, anzi dopo tanti anni a so

              Zita, Anna, per ora cu qualchi altro sarebbe gia  gravida…

San.     Chi signicica !….

Ema.    Incinta e a stessa cosa nostra figghia Viviana, s’avissi statu cu qualchi nautru

             fussi Incinta. Certu ca  mi ricordu i nostri tempi, brutti ma brutti pi quantu

             eranu, era cchiu facile truvari lavoro….e poi mica si ristava incinta accussi

              facilmente comu ora…aviamu sempre i cani di guardia appressu.

San.      Disgraziatu, ammia comu mi maritasti, in du minuti, incinta e in du misi

             Matrimonio, dopu du anni ca eramu ziti.

Ema.    E cu putia resistere cchiù, ci detti un cafè e guardiani, ti ricordi? Ci misi

             Delle gocce, s’addummisceru e ficimu u battesimu del nostro amore.

              MA picchi mi ricordi sti cosi?!

San.      Picchi dici sempre ca si capitassi a to figghiu non lo accetteresti…Ma picchi

              Me patri poi, non ci misi na petra supra….

Ema.     Si, mu ricordu, quannu poi io ciù dissi a me patri u ricoveraro.

              Però tannu erano autri tempi, u travagghiu ti dissi, si truvava ed io mi

              Sono prese le mie responsabilità, ti ho sposata, ti ho amata e continuerò ad

              Amarti vita naturale durante. (Verso il pubblico) Ma chi significa  sta frasi

              Non l’haiu caputu mai!     

           ( Bussano, aprono ed entra Carmelina, una vicina di casa pettegola)

Car.     Buongiorno, chi si dici, vitti nesciri a Ernesto e Anna cu nna facci tristi.

            Ma comu mai…certi voti pensu ,sti picciotti sunnu senza travagghiu, quannu

            Sannu a maritari, c’avi n’avita chi sunnu ziti…e speriamo ca non succedi nenti,

            cioè un quantatotto e a frittata è fatta.

San.     Non succedi nenti, picchi i me figghi hannu a testa ‘ncapu i spaddi!

Car.     A testa ‘ncapu i spaddi tutti l’hannu, puru vautri, intanto tannu….

Ema.    Comu i me figghi cinnè picca, oggi giornu cu chiddu chi si senti diri.

            Ma dicu io, Carmelina picchi non vi faciti i cazziceddi vostri! Avi chi ti l’avia

             diri…i cazziceddi! Picchi fin’ora haiu dittu sempre i fatti  vostri!

Car.      CHiffa vi affinnistivu, io parlu picchi semu vicineddi di casa, e si aviti di   

             bisognu basta ca mi faciti sapiri i cosi ed iu scappu anche si haiu autri cosi

             da FARI , o sugnu in qualchi autru postu io, pi vautri scappu, picchi vogghiu

             sapiri tutto come finisci sta storia dei fidanzamenti…megghiu di una

             telenovela siti.

Ema.    Pi comu sai scappari tu, specialmente con la lungua, nuddu lo sa fare.

             E non ci paragonare cchiù ad una telenovela, piccchi l’haiu supra u stomacu,

             sti telenovele sunnu troppu longhi, non finiscinu mai e chiddu chi succedi

             cioè, le sceneggiature sono troppo forti, volgari ed offensive. Ma comu vi

              li taliati?  E poi attia non c’è bisognu di fariti sapiri i cosi, picchi prima ca i

              sapemu nautri,gia tu sai Tutto...di quantu si veloci, i sai prima tu ca nautri.

Car.      Santina, ma c’avi Emanuele mi fa certi battuti comu si fussi a capa delle

             Curtigghiare do paisi.

San.     MA cu è a capa?!

Car.      Ancora non lo so, spero ca si rendono conto e mi fannu ammia!.

             Va bene, mi nni vaiu ca vaiu a priparu qualcosa pi me maritu. (saluta ed esce) 

                                                            S C E N A  III°

( Emanuele, Santina,Rino, Anna, Ernesto, Viviana)

Ema.     Che gran curtigghiara, giustu vicinu a nautri avia a stari.

San.       Ormai ci fici u caddu anche se è insopportabile. Idda avi i figghi sistimati

               Nonna è…. E nautri ancora l’avemu ziti e non si ni parla.

Ema.      Speriamo ca trasunu unuo a posta e uno a supermercato ,datu c’avemu

               Sta speranza. Santina dumani avemu i cumpari a pranzu.

Sant.    Non ni scurdamu i stuzzicadenti, picchi u sai ca li usanu sempre.

Ema.    Megghiu si usassiru le dita, accussi risparmissimu, e non è un bel vedere cu li

              stuzzicadenti in bocca.  Vonnu mangiari sempre chiddu chi dicunu iddi , dolci

              non ni portanu mai picchi dicinu ca acchiana a glicemia, pero, chiddi chi

              accattamu nautri si li mangianu sempre….pezzenti! IN tanti anni non hannu

              mai purtatu un dolce, sempre cosi amari portanu (Bussano, aprono ed

              entrano i quattro fidanzati)

Rin.      BUogiorno a tutti….

Ann.     Buongiorno.....

San.      Ma picchi siti tristi accussi….chiccè

Ema.     Avi qualchi tri misi, pariti ca iti ogni giorno ad un funerale!

Ann.     Semu accussi, per ora nell’aria!

Ema.     Nell’aria? Sapiti vulari?

Rin.       Semu ancora senza lavoro….

Ern.       E speriamo ca ni pigghianu e arriva a chiamata subitu…

Ern.        Papà io t’avissi a parlari a sulu a sulu …

San.       Senza di mia? A mamma, io ti ascolto comu u papà.

Ern.       No, è mugghi ca ci si tu, picchi asinò non sacciu… Papà mi sta vinennu di

              chiangiri forti, forti forti…..picchi non sacciu comu diri certi cosi attia e a

              mamma, ma mi scantu di tia chiassai, a mamma mi comprende mugghiu.

Ema.      Ma prima diccillu a to cugnata, a to zita e a to soru.

               (tutti e tre rispondono contemporaneamente) Nautri u sapemu!

Ema.     (Se lo prende come un bambino) e Bonu u papà, ora n’assittamu e mi cunti

               Tutti cosi….(poi se lo prende la mamma, stessa scena con più enfasi)

Viv.      Però io, Anna e Rino non ni sentemu di stari ccà, niscemu, accussi parlati

             Tranquilli! (Escono)

SCENA IV°

( Ernesto, La madre, il padre, Anna, Renato, Cettina, Carmelina,OLga)

Ema.    Dai beddu du me cori, ( se lo riprende dalla moglie e se lo siede sulle gambe

             per qualche minuto come un bambino)

San.      Ernesto chiccè a mamma, u sai ca cu nautri poi parlari tranquillamente,

              poi cummia addirittura, to patri è un pocu…(la guarda male Emanuele)

Ern.      Pa…..pa…..pa….pa….

Ema.    Chi voi diri Palermo? Ma nautri Catania ni chiamamu. Ma tu immagini appena

              Ti mariti?  U parrinu vi fa: vuoi tu Ernesto Catania sposare la qui presente

              Anna Messina? Paremu n’autostrada, Catania…Messina.

San.      Quantu curri!

Ema.     IO mai haiu currutu nell’autostrada, specialmente Catania… Messina.

Ern.       Pa..pa…pap….pap…pap….

Ema.     U tempu da pappa finiu…..

San.      Quantu ti nni mangiasti a mamma.

Ern.      Pa…paa….pap….pap…papà….papà…. (Eman. E Santina: finalmente)

             Papà i….i….i….i…. io….io….sugnu incintu! (prima di farlo capire ne passa

             E storpia anche la parola incinto, poi tutto insieme)

San.      SAntu celu! E cu fu a mamma!

Ema.    Ma chi cavulu rispunni tu, cu fu, un vidi ca è confusu e vulia diri qualche altra

              Cosa!..dimmi piano piano e con calma.

Ern.      Io misi incinta a Anna…..(piange e si nasconde dietro la madre)

Ema.     (rimane basito e guarda il pubblico con occhi spalancati) chissà no, non

              Lo dovevi fare, (si da ceffoni in viso)

San.      E bonu a mamma, tu masculu si, voli diri ca a idda ci piaciu.

Ema.     Quannu fu, unni fu, a che , ora fu…

Ern.       CCà dintra di nautri, quaqnnu vautri istivu a Catania, eramu suli

              E ni ficimu pigghiari a manu!

Ema.     A manu non po esseri asinò non ristava incinta, vi facistivu pigghiari di autri

              Cosi….il psserottino e la passerottina!

San.      E bonu a mamma, i to soggiri hannu a casa granni, putiti stari ni iddi. Ma ci

               Pensi Emanuele, i scarpuzzi nicareddi, i bavaglini, a cacchina chi ci stui tu

               spissu.

Ema.      Picchi ci la stuiari io spissu e no tu o i cumpari.

Ern.        Speriamo che mi chiamanu a postaaaaaaaaa (piangendo)

Ema.      Allura dimmi, fu ccà dintra quannu nautri eramu a Catania,, unni eravu…

Ern.        Supra u divanu….

Ema.       Giustu giustu, unni m’assettu sempre io,  Santina dumani cancia divanu

                O copri divanu….chissa quantu traccie ci sarannu….a chi ura fu.

Ern.         Alle quattro e mezza di tri misi fa.

Ema.       E ti la tinutu dintra a panza tri misi!

San.        Non si la tinutu iddu, veramente si lu teni Anna.

Ema.      Non ci pigghiasti nenti di to soru, idda è scaltra, non si fa mettiri incinta

               Comu facisti tu cu Anna…ma di quantu sacchettini di plastica vinninu a

               Farmacia , un paccu non tu putiatu accattari?

ERn.       Papà chissacciu, mi dici sempre di rispiarmiari, e poi non me l’aspettavo

               Non me l’aspettavooooooo (piange)

Sant.      Non se l’aspettava addevu….nono lu rimproverare cchiù.

Ern.       Papaà  pap… aàààààààà…..perdo….perdona…..mi……namiiiiiiiiiiiiii!

Ema.     Chi parli a rate?! 

San.       Emanuele perdona, perché non sa quello che ha fatto.    

               Emanueele, comu pensi ca la ma chiamari, con il tuo nome se è masculu

              O ci mittemu il mio nome se è femmina!

             (bussano, aprono, entrano Anna, Cettina e Renato i genitori)

Cet.      (disperata ed  aggressiva, mentre Renato a causa di un precedente ictus

               Più calmo, ma da caratterizzare il personaggio succube della moglie)

              Cumpari, a sapiti gia a notizia veru….me figlia mi cuntau tutti cosi, io a

              rimproveravu  picchi non ci pigghiau nenti di me figghiu masculu…ora comu

              facemu….cu sta vita cara chiccè , senza travagghiu ancora Ernesto, comu

              facemu (gridando)certu ca si era vostra figgghia v’avissi bruciatu assai,

              siccome è u masculu chi misi incinta vi ni frigati(gridando) cummari,

             cuuuummmmaaaaaaaaari aviti a collaborare assai, anche si a figghia è mea,

              ma u  dannu u ficiru assiemme.

Ema.     Cummari assieme, cu una emme! Vui ci ni mittistivu dui.

San.       Cumpari na cosa bella è, divintamu nonni.

REn.      Piccatu ca io eppi un icx, asinò ci mangiava u figatu ad Ernesto. 

              Cettina ricordami chiddu c’avia a diri!

Cet.       Dai, ricordati, ti fici mezzura di parlari e lu sapiatu a memoria.

Ren.      Me mugghieri mi fici mezzura di parlarimi e lu sapia a memoria.

Cet.       Ogni tantu ‘ncazzati!

Ren.      Si ogni tantu m’incazzu, vulissi sapiri comu a m’affari ora, me figghia

              Anna è disperata, stu picciliddu fra sei misi non ci vulia ancora. Ma unni fu

              Cumpari vui u sapiti? Io vogghiu cuntu e ragiuni.

Ema.     Megghiu ca non lu sapiti.

Ren.      Picchi non lo devo sapere! (la moglie lo sprona a dire quello che vuole lei)

Ema.      Ma dico io, vi incazzati sulu vautri, io ci ristavu siccu….

Ren.       E menumali ca non ci ristati grossu!

 Cet.       Ora io vulissi sapiri, comu facemu a fari sti spisi dei  vestiti, del latte, di

              quantu costano cari   comu accattamu tutti sti cosi, i pannolini, u ciucciu!

Ema.       Cummari, non vi preoccupati ca nautri vi aiutamu, pi vestiti, per il latte,

                pi pannolini, ci pinsati vui….pu ciucciu ci pensu io… (verso il pubblico)

REn.        Emanuele, ma chi pigghi per il sederino?

San.        Ma quannu mai….

Ren.        Cu stu quannu mai… ci prendete per il sederino ancora di più?

Ema.        Maquannu mai! Casomai accattamu nautri puru u biberon!

Ren.         (s’incazza facendo dei tic strani) di comu mi rispunni pari ca ni pigghiati

                 Pi fissa.

San.          Cumpari ma mancu l’aviti a pinsari!

Ren.          (Ancor di più) Basta non rispunniti cchiù.

Ema.         E allura non faciti cchiù dumanni.

Cet.           Non ti innervosiri tu, ca non tu poi permettiri.

Ren.          Si a mugghieri!

Cet.           Dicci chidda cosa importante.

Ren.           Cumpareddi, vulissimu sapiri unnu fuu u dannu, ma davanti ad iddi

                   Ni pari mali, chiffà i facemu nesceri?

San.            Se picchissu non c’è bisognu, vautri non c’entrate nenti.

Ema.          U dannu fu, a mme casa ccà dintra, mentre nautri Catania, eramu a

                   Catania, forse era mugghiu ca non ni muviamu di dintra ed io m’assittava

                  ‘ncapu u divanu meu tutta a jurnata.

Ren.           Che sta storia do divanu, nautra pigghiata pu sederino?!

San.           NO, U divanu è parte importante del danno.

Cet.           Non staiu capennu nenti.

Ema.         Certu ca non stati capennu, u divanu nautri l’amacanciari…

                  (Incazzato) Ficiru tutti cosi ‘capu u me divanu, ca si vennu i  RIS con i  

                   Luminor ccusapi quante tracce di natura….che genera natura truvassiru.

Ann.        (piangendo e gridando)IO me lo tengo….e faremo sacrifici, anche se poi io

                 devo andare a lavare le  Scale.

San.       Prima dai alla luce, poi si vede.

Ren.       Che da alla luce, ava ddumari l’interruttore?

Cet.       Renato, prima a va figghiari! CHissu vulia diri a cummari. Ora tanti si

               Abbagnano u pani (Bussano, entra la pettegola Carmelina)

Car.        E’ permesso?!

Ema.      Ma si già siti dintra chi chiedi permmessu.

Car.       Matri chi vuci chi sintivu, i vicini di casa addumannanu ammia, e se iu non

              Sacciu i cosi precisi non possu dari informazioni. Sintia parlari e gridari

              Di panza, di latti, di pannolini…etc…..etc…..

San.      Carmelina, me figghia è incinta….

Car.      Matri! Matri! (ripeterlo più volte) e ora ti la teni tu?, a casa l’aviti bella

             granni.

REn.      Signora Carmelina, ma picchi non si fa i caz……

Ema.      AH! GIa ci l’avia dittu io!

Car.       Ma picchi, non sugnu na vicineddaq di casa, affabile, chi si interessa del

                Prossimo in maniera pulita? Tutti putemu aviri bisognu, ed io ni stu

                Mumentu sugnu a disposizione. Per qualsiasi cosa chiamatemi ca io scappo.

                Anche si dalle grida capivu tutti cosi precisi precisi, anzi vistu ca non aviti

                Parlato do biberon, casomai ci lu regalu io, almeno risparmio,matri mi

                vennu i brividi, quannu ci toccu a manuzza, quannu ci mettu u ditu e mi lu

                stringi  forti , coraggio, coraggio…Ora mi nnivaiu ca sicuramente a chiesa mi

                 aspettano pi sapiri tutti cosi….(saluta ed esce)

Ren.           Ma comu a suppurtamu… Cettina ma mi devo incazzare ancora?

                   IO non mi ricordu cchiu chiuddu c’avia a diri. (Anna sempre seduta con la

                   Testa chinata, entra Ernesto, e si va a mettere vicino Anna)

ERn.           Anna dai ca u Signuri n’aiuta, campamu!

Ema.          (verso il pubblico) D’aria!...Si dai u Signuri è granni in quel momento entra

                  ( La mamma di Emanuele ,Olga che vive con loro)        

OLg.          Vergogna, vergogna….vergogna (oltre che un po’ sorda, ha un inizio

                  Demenza Senile)  io alla me età, caminava cu me zitu a deci metri di

                  distanza, e dietro c’eranu sempre due parenti ca ni guardavano. Capivu

                  bona ca   ERNESTO misi incinta Anna?

Ema.         NO mamma, capisti mali, non incinta, dissimu pi finta …

OLg.          Ma chi ti pari ca sugnu surda, un po rimbambita sugnu, picchi haiu l’età.

                 Ma tu cusi?

Ema.         Sugnu to figghiu…

OLg.         Ora mi vuliti scippari a pinsioni mea e l’accumpagno per fare

                 stare boni a  iddi? Prima vegnu io, picchi vogghiu stari comu nna signora

                  vecchietta  ca non mi deve mancare niente…asinò vi denuncio….a tutti…

Ema.         Mamma, non ti preoccupari ca stai megghiu di nautri.

Olg.           Ma tu cusi…

Ema.         To figghiu, chiuddu di prima, hai sulu ammia….

Olg.           A PUTIA, A putia tu l’hai non io. CHiuttostu priparatimi pi mangiari ca

                  Stasira Non vogghiu verdura, vogghiu arancinu frittu, olive greche,

                  mozzarella, e per primo pasta con le vongole. Ora vi saluto a

                  tutti….vergogna (mentre  se ne va) Vergogna….chi tempi!  E non sperate

                  ca moru prima,  picchi vi fazzu rusicari l’ossa a tutti a centanni passati ci

                  vogghiu arrivari ogghiu veniri a tutti i funerali vostri…Vergogna  (entra

                  nella sua stanza, Camminando col bastone)  

 San.       Me soggira, è un po surda, un po di demenza senile e sta megghiu di tutti.

Cet.       Quindi aviti puru a pensione dell’accompagnatore….

Ema.     Veramente anche a sta età, ni putissi accumpagnari idda a tutti

San.      Renato, Anna, cumpari , nautri ni nniemu, pinsati bonu a chiddu ca m’affari

              Per la serenità di sti figghi! (escono)               

  

S C E N A  V°

( Emanuele, Santina, Ernesto, Viviana)

Ema.      Mio figlio Ernesto è stato lesto senza fare testo ha fatto presto ed ora

               diventa Papà con tutto il resto con un cretino gesto.

San.        Emanuele, u maritu, non lo mortificare chiasssai ancora.

Ern.        Papà, ti vassicuro ca non capita cchiù!

Ema.       Ma certo comu ava a capitari, pi sei misi ancora si coperto…. asinò sugnu  

                 Sicuru ca ristavi cu sederinu scoperto  

Ern.         A prossima vota m’accatto i…i….

San.         U capemu a mamma, però non è chi ti poi fermare ad un picciliddu sulu.

Ema.       Ma si ancora ava nasciri chissà.

San.         E si nascissi cu qualchi difettu? NI fai nautri quattru a mamma.

Ema.        Ignorante, il signore ti sente, vatti a confessare domani. (entra Viviana)

Viv.          Ciao a tutti.

Ema.        Unni stai ennu.

Viv.          Trasivu e salutavu…

Ema.        Cara FIGLIA , è proprio vero che le femmine sunnu cchiù scaltre. Tu

                 Non ci saresti mai cascata….

San.          E avissitu pigghiatu le preoccupazioni.

Ema.         Ma che dici (lo corregge) pre ca u zi oni…. (ovviamente Viviana fa scena)

San.          Giusto dissi io, le precauzioni per poi non prendere preoccupazioni.

Ema.         Chi tempi, avi ragiuni me matri…vergogna…vergogna.

                  (musica, fine primo  atto)

     

                                                              II° A T T O

(SCENA VI°)

(ovviamente il copridivano e cuscini di un altro colore per apparire tutto nuovo)

                                      (Santina, Emanuele,Olga,Carmelina )

San.      Emanuele u maritu, a cummari avia nna lingua…

Ema.     Santina , chissa non ci vulia, a lassau incinta troppu prestu…

San.      Si troppu prestu, dallle quattru e mezza, tu chissai acchiusa fineru.

Ema.     Ma chi capisti scimunita, troppu prestu, senza travagghiu, Ernesto fu

              Troppu ingenuo, (si da sberle nelle guange) io ci tinia troppu ca me figghiu

              Non facia stu sbagghiu…

San.       Megghiu iddu ca è masculu….ma…scu…lu! Ca Rinu mittia incinta a Viviana.

               Idda non si fa pigghiari facilmente.

Ema.      Me figghia Vivivana, ca mi paria cchiù debuli, si dimostrau cchiù forti

               E cchiù scaltra.

San.       Emanuele, appena si maritanu tutte due, mi porti alla isole ascelle.

Ema.      SI, ascelle accussi puzzano e ce ne scappiamo subito. Cretina, si chiamano

                HAskell!...

San.       Allura mi porti alle isole tremiti.

Ema.      Si, accussi poi tremanu e voi scappari!

San.       E allura alle isole mauriziu!..   

Ema.      Si mugghi alle isole di Giuseppe o di Alessandro. Scena alle Mauritius si dice.

Olg.       (entra Olga)   Unnè me figghiu!...

Ema.      Ccà sugnu mamma, io sono….

Olg.        Ma tu cu si?

Ema.      Chiddu da prima vota, do primu atto.

Olg.        Mi dicisti ca sugnu ruota?

San.     Non, cara mamma…

Olg.      Ma tu mi chiami mamma? Allura chi hai una figghia fimmina?

Ema.    No, mamma io sugnu to figghiu, mi chiamo E m a n u e l e…

Olg.      Si nna persona per bene? U sacciu….

San.      Io sono tua nuora ed iddu attia davanti…

Olg.      Tu si chidda chi ignora e, io sugnu vacanti? AH! Disgrazia…ti

             Comu si mangiaru l’Italia sti politici!

Ema.     Mamma nautra vota?

Olg.       IO avi ca non vaiu a vutari…Ah! Disgrazia…ti ! Comu si mangiiaru L’Italia!

Ema.     Mamma, trasitinni, ti riposi na to stanza

Olg.      Ma quali panza e panza…( se ne entra)

                                   

(S C E N A VII°)

(Emanuele, Santina, Carmelina,Olga)

Ema.     Quannu pensu o dannu chi fici stu divanu è incredibile.

San.       Emanuele, non ci dari a culpa o divanu, ci la dari o canarino

               E alla colomba!

Ema.      Ma non putiamu iri a  Catania o jornu dopu?

San.       Accussi u facianu o jornu prima!

Ema.     Non ci pozzu pinsari,  u ficiru alla quattro e mezza, ma non putiamu arrivari

              dintra  alle tre e mezza?!

San.       Accussi u facianu alle due e mezza.     

Ema.     Ma non putiamu esseri senza divanu?

San.       Emanuele ma chi si scemu, accussi poi aviamu a canciarii a stanza da lettu?

               ( entra Olga)

Ema.     Mamma non trasiri spissu!

Olg.       U postu fissu? IO speru anche in un postu privatu, me niputi sbagghiau

               Che vergogna…che vergogna…Ah! (Rispondono gli altri: Disgrazia…ti

               Comu si mangiaru L’ Italia!

Olg.       (Verso il pubblico) Stavota vi fregavu! Stava dicennu….AH! Si ci fussi vivu

               A bon’anima di mto patri. (poi si avvicina a Santina) Ma tu cu si?

San.       So nora…so nora Santina.

Olg.        Lavori nna cantina? Ma io vogghiu sapiri tu cu si!

Car.        Mischina ma picchi non la chiuditi.

San.       IO sugnu a mugghieri di so figghiu! (bussano, entra Carmelina)

Olg.       A mugghieri di me figghiu sugnu io.

Car.       Io sugnu a vicina, carmelina.

Olg.       (la guarda bene)

CAr.       Non mi canusci.

OLg.      TU si una grandissima curtigghiara! (EMan. E Sant. Ridono)

              ( Carmelina offesa esce) 

Car.        Buongiorno , chi cosi, però parunu brutti e se ci pinsati, poi siti nonni.

               Ma chi pinsati ca suppra stu argomentu padre giovanni ci fa l’omeliaca?

Ema.      Omelia! Carmelina, padre Giovanni avi tanti pinseri (entra Olga)

Olg.        Cu vinni ieri? 

  

  

S C E N A  VIII°

(Emanuele, Santina, Viviana, Rino, Ernesto,Anna)

Ema.      Ma dicu io, non sulu chiddu c’avemu pa testa, a m’assuppurtari puru

               A me matri e a signora Carmelina. Ma chiusstostu i picciotti unni sunnu.

San.       Per ora avrannu a testa confusa e fusa. (Entrano Viviana, Rino, Ernesto,

               Anna) ( Salutano tutti)

Ann.      Sig. Emanuele, mi dispiace, ficimu dannu e nautri ci prenderemo la nostra

               Responsabilità.

San.       Ormai u dannu fu fattu, è inutile piangere sul vino versato.

Ema.      A mumentu sullla cocacola versata dicia!

Ern.        Mamma, si dice sul latte versato.

ERn.        A proposito di latte, a nostro figghiu non ce ne mancherà, spero puro che a

               Questo lavoroo mi chiamano al più presto per non gravare tutto su

               voi genitori.

Ema.      Queste parole ti fanno onore (ovviamente Viviana, ernesto e Anna fanno

                Scena pensando che Viviana deve raccontare tutto a mamma e papà)

San         Certo ca tìaiutamu a mamma.

Ema.       Già i primi spisi i ficimu, comu putiti vidiri, u divanu è novu, e comu mi putia

                 Assittari stamattina di novu ni chiddu di prima.

Ann.        Signora Santina, ormai sugnu di tri misi quasi.

San.         Però Anna, prorprio dintra a nostra casa, picchi non vi affitavata una

                Pensione?!

Rin.        U ficiru pi risparmiare penso.

ERn.      Certo pi risparmiare pa …pà

Ema.     Chi mi chiami comu antura?  Ora nautri niscemu, emu nei cummari

             Ca a ma parlari per organizzare stu matrimonio. Mi raccumannu

                Faciti i bravi e non mi faciti canciari mancu un cuscinu cchiù.

               (Santina ed Emanuele escono)

                               

S C E N A   IX°

(I quattro ragazzi,  Carmelina, Olga)

Viv.        (scoppia a piangere) comu fazzu a dillu a me matri ora io…

Rin.        Dai Amore, vedrai che capiranno tutti e quattro.

Viv.        Ma poi giustu giustu capitau u stessu jornu del giorno vostro e quasi allo

               Stesso orario…e si nasciunu u stessu jornu?

Ern.        Bellissimo….dintra a stessa stanza, tu ed anna che partoriti. 

Viv.        Ernesto mentre io ciù dicu , tu non mi poi fari cumpagnia?

ERn.       No a soru, io ciù dissi sulu a papà e mamma, tu fai a stessa cosa.

Ann.       Dai cognata, l’importante è cominciare….

Rin.         E poi finire.     (preferibilmente mettere la canzone di Mina, L’imporante è

                                            Finire, per circa 40 secondi)

Viv.         U sintistivu, canciau u divanu, appena sapi chiddu ca a va canciari sveni!

Ann.        Due nipoti nello stesso periodo.  (Bussano entra Carmelina)

Car.        Buongiorno, chiccè riunione di famigghia?

ERn.       Nautri semu una vera famigghia!...

Car.       Non vi scantati, ca non siti ne i primi ne l’ultimi. Mancu avia fattu

               Casu ca aviavu canciatu divanu. Ma comu mai?... NON è che per caso !

               Ah! Capivu tutti cosi…puru io l’avissi canciatu. Percio, ero a Catania e

              Facistivu dannu proprio da ddu mumentu. Non vi preoccupati, appena nasci

               Si scordanu tutti cosi comu ficiru i me soggiri cummia sulu me mamma

                Non mi perdonau…(Viviana fa scena, poiché si spaventa di più di mamma,

                mentre Rino l’abbraccia e la stringe) Ora ci passau tutto anchhe a me

                mamma (entra Olga)

Olg.         Vergogna, sugnu surda ma sentu tutto. I me tempi erano belli!

                 Ah! Sti disgrazia…ti comu si mangiaru l’Italia!

Rin.          Ma di cu parla.

ERn.        Dei politici in generale!

Ann.        Avi ragiuni !

Viv.         Ormai avi sta frasi incorporata dintra sapiddu quantu anni.

Olg.         (si avvicina ad Carmelina) MA tu cu si?

Car.          A vicina di casa

OLg.         Ammia mi dici ca sfasa?

Car.          Sugnu Carmelina   

OLg.         Ammia? Mi dici Cretina?      

Car.          Matri non mi sta canuscennu!

Olg.          SI ca stai niscennu!

Car.          Vinni pi nna visita 

OLg.         Chissi dottoressa? Ora ti canuscivu, si Carmelina dda gran curtigghiara

                 (CArmelina esce offesa) Tu si Anna, pa picchi si cchiù grossa di panza?

ERn.      Nonna mangia chiassai per ora

Olg.       Mangia fora? Ma tu si chidda incinta, vergogna, nesci….(Anna ed Ernesto

              escono)

Viv.       Nonna chi facisti!

Olg.       Bivisti? Fa male u vinu, sulu acqua io bivo.

Viv.       Nonno chidda è me cugnata, è una ragazza sana!

Olg.       Era con la sottana?

ERn.      Nonno vai no to stanza e t’affaci o balcone e si all’aria aperta?

Olg.        Non haiu bisognu di coperta!  (se ne entra)

S C E N A  X°

                            (ERNESTO, VIVIANA, EMANUELE, SANTINA)

Viv.     Ernesto, a mumenti veni papà e mamma, stai cummia, aiutami

            Mancu sacciu di unni a cuminciari.

Ern.     Ascuta ammia, fai tutto da sola, io balbettavo ma ci la fici.

Viv.      (mentre ogni tanto Olga ripete dalla sua stanza, la solita frase)

             Poi a sentiri puru a nonna, a signora  Carmelina.

ERn.     Ma chiddi a minima cosa sunnu…

Viv.       Ma tu capisci ammia, voli sapiri unni fu, acchiura fu e quannu fu.

Ern.       Comu fici cummia u papà, cosi farà cuttia a mamma. Però appena u papà

              Sapi unni fu, non sacciu si ti difenni assai. Intanto speriamo ca io e Rino ni

             Chiamanu subitu pi stu travagghiu accussi semu a postu.

              (Entrano, i genitori)

Ema.      Ancora cca dintra siti vautri?

Viv.        Amu parlatu papà, poi vinni a signora Carmelina.

Ema.      Puru quannu non ci semu nautri veni.

San.       Ormai divintau di casa.

ERn.       Poi trasiu a nonna e a fici sballari e nisciu offesa)

               (ridono, tranne Viviana)

Ema.      Certu ca i vostri suoceri hannu na testa per il matrimonio, a mumenti u

               Vulianu fari in una trattoria. Dici ca cu tutti sti spisati, non si ponnu

               permettiri  il lusso di farli in un bel ristorante. Io u vulia fari a Taormina!

San.        Ernesto To soggira Cettina si misi a gridari, e quando ti nni dissi, dici ca a

                Culpa fu sula toa.

ERn.        E non ci faciti casu mamma.

Ema.       Quantu timpuluna chi mi facisti dari…ti l’avia a dari attia ‘nveci!

Ern.        Va bene, io esco, vaiu a pigghiu ad Anna e ci fazzu fari una passeggiata.

Ema.      Viviana e tu non esci, ma chi hai.

San.        Viviana, hai a facci di un funerali, ti senti mali?

ERn.       Vi saluto, cchiu tardu ni videmu.

Viv.        Ma picchi mi lassi sula…

Ern.        Sula, si con mamma e papà, cosa vuoi di più dalla vita! Un cinar?

Viv.        CHiddu era un lucano!

Ern.       Puru con la pubblicità mi freghi.    (saluta ed esce)

Viv.        Ma….ma… io avissi a parlari cuttia!

Ema.       Picchi io non ci sugnu.

VIv.         Si papà, cu tuttiv e due, però chiassai cu a mamma.

San.       Picchi chiassai cummia?

Ema.      Forse picchi siti fimmini!

San.       Non mi fari preoccupari a mamma.

               Ma si dispiaciuta pu fattu di to frati?

Ema.      C’è qualcosa che non va cu to zitu  Rino?

Viv.        Si, qualcosa, cioè no…tutto bene dipende dal punto di vista.

San.       Viviana non mi fari preoccupari!

Viv.        NO mamma, in fin dei conti non è una cosa grave.

Ema.      Viviana, cumencia a parlari dai.

Viv.         Ma….ma…ma…ma…

San.       Chi sunnu esclamazioni?! O mi chiami a rate?

Ema.      Cacchio! Comu me figghiu  Ernesto, comu so frati sta iniziannu!

Viv.        Ma….mam….mam…mam…mammmmmmmmma!

San.       Quantu emme ci mittisti.

Viv.        Assai assai.

San.        Mi voi diri chiddu chi succidiu ora….

Viv.         Papà…

San.         (verso il pubblico) Papà u disssi tutto assieme.

Viv.          Io….io…io….sugnu cchiù vergine!

Ema.       Nel senso ca cambiasti segno zodiacale dell’oroscopo?

Viv.         SOno  incinta….

San.         Madonna Santa, Madonna dei Miracoli, Madonna dello scoglio!

Ema.        Si sente scoglionata!

San.         Sorreggimi….sostienimi….affiancami…confortami, assistimi!

Ema.       Ora parla bona italiano!...

San.         Quannu fu…acchiura fu….e unni fu!

Viv.         Quannu vautri istivu a catania.

Ema.       U stessu jornu di to frati?

Viv.         Si!...

San.        Emanuele, tienimi, abbracciami, stringimi! A che ora fu!

Viv.        Alle quattordici e trenta….e due e mezza!

San.      Staiu murennu, Ricoveratemi!

Ema.     Mizzica, anche se allura du jornu viniamu alle tredicici e trenta  non

              Servia a nenti. (tiene la figlia stretta e Viviana si nasconde dietro suo padre)

San.      Unni fu!

Viv.       Ccà dintra!

San.      Emanuele a pressione…Sostienimi, affiancami, reggimi, prendimi, tienimi.

Ema.    (verso il pubblico) U sapiti qual è a differenza fra  una maestra e me

             Figghia? La maestra boccia, me figghia sboccia!

San.      Emanuele non ni pozzu cchiù!

              Oh! Ma cu to figgi Ernesto non facisti accussi…

San.      Chiddu è masculu, a cosa è diversa! Unni fu! Unni fu!...

Viv.       Prima eramu na vasca di bagno, poi nna stanza di letto. Si sapia ci facia

              Mettiri a cintura di castità fino al primo giorno del matrimonio!..   

                  (Santina sviene)

Ema.       Oh! Ccà m’incazzu puru io, almeno cu to frati canciamu sulu u divanu

               cuttia a ma canciari vasca e stanza da letto…quanti soldi ci vonnu! Ed io

                ni sti misi m’ahiu lavatu na vasca e haiu durmutu nna stanza da lettu.

                Picchissu avi otto anni ca haiu sempre manciasciumi!

                Viviana ma chi cu minasti! (Poi va dalla moglie) Santina dai, du niputi

                 Avemu poi….a ma canciari vasca e stanza da lettu! Non sono un

               Chiaroveggente, ma ho una visione lucida del futuro.

S C E N A  XI°

                     (Emanuele, Viviana, Santina, Cettina, Rino, Renato, OLga)

Ema.     Santina, Viviana, amuninni a casa dei signori Catania

San.       SI emucci subitu, (bussano, sono loro ed entrano)

              Cummare, dobbiamo rimediare subito. (cominciano a litigare

               a soggetto)   

Cet.      Ora ca li cosi sunnu diversi vi brucia chiassai?

REn.     Cumpareddi, chi la fa prima o poi se l’aspetta.

Ema.    Si però io mi staiu facennu l’arredamento novu

             E vui non stati accattannu nenti. Comunque i cretini foru i me

            Figghi…almenu avissiru fattu na casa per ognuno!

Rin.      Sig. Catania, ammia mi stannu cadennu i braccia, però sono

             Responsabile e stu figghiu me lo tengo.

 San.     Scemo, non sei tu che te lo tieni ma mia figlia.

Ema.     (al pubblico)  ma sta gravidanza c’ insignau a parlari italiano bona!

 San.      Ora io vulissi sapiri, cu li fa sti spisi, per il latte, la culla, i vestiti i

              pannolini u ciucciu!

Ren.      Non vi scurdati u biberon!

CEt.       Santina, tutti sti cosi ci li faciti voi, u ciucciu ci l’accattamu nautri

              Comu mi rispunniu vostru maritu pi me figghia Anna,

Ren.      Caro Emanuele botta e risposta. (entra Olga)

Olg.        Non vogghiu supposta, mugghi una puntura…

               Haiu fami, e mi dati sempre minestrina e verdura, stasira vogghiu:

               Focaccia con acciughe, olive greche, scalora, patatine fritte, poi u gelato

              Poi, i piparelli poi, i nzuddi, e poi u sorbetto a gianduia…(entra nella stanza,

              ripetendo sempre: Ah! Disgrazia…ti (etc)

Ema.      Ma dicu io, tutti e quattru comu foru accussi cretini.

               Intanto l’amaiutari picchi sunnu i nostri figli, e li spisi li facemu

               Tutti a metà anche se voi spese di arredamento non ne avete!

                (Intanto squilla il telefono, lo prende  Emanuele e comunicano

               che  Rino è stato assunto, appena lo dice, grande gioia di tutti ) 

S C E N A  XII°

(DETTI, Ernesto, Anna, OLGA, CARMELINA)

Viv.        Tutto è bene quel che finisce bene.

Ema.       Senti u papà, quannu vi maritati, non accattati divani.

Ren.       Cumpari, ma c’è a stanza da letto.

Cet.        Cummare, ma c’è u bagnu cu la vasca.

Ema.      Min….u manciasciumi mi veni. Intantu mi lavu na vasca  di me

               Matri ,entro stasira stanza di lettu cambiata (entra Carmelina)

CAr.       Matri mia! Chi vuci, cu non voli sentiri senti tutti cosi. Perciò              

               Viviana puru tu con la pancia. E considerato ca ffu nello stesso

               Giorno, quasi allo stesso orario, si nascinu assieme e nello stesso

               Giorno unni iti prima a vidiri , quali niputi viditi.

Ema.       Carmelina troppu cacchii voi sapiri.

San.       Carmelina, casomai stessa clinica, stessa stanza etc….etc..

               (entra Ernesto con Anna gioiendo)

Ern.       Mi telefonaru, fu assunto alla posta di  Catania il prossimo mese.

Ema.      Mi ma stu cognomi nostru è fortunato.

Cet.       Renato parla puru tu.

Ren.       Mu ricordu chiddu chi mi dicisti a casa. Picchi il cognome Messina

               Chi porta sfortuna?

EMa.     Ma quannu mai, il trattenimento lo facciamo tra Catania Messina

              E magari lo stesso giorno, facciamo tutte e due i matrimoni.

                       (prendono i bicchieri, spumante e brindano)

Ann.    Chi sugnu cuntenta, se è masculu ci mittemu Emanuele,

            SE è femminuccia ci mittemu Santina.

San.     Emanuele, sorreggimi, sostienimi, stringimi, non abbandonarmi.

Ema.    Ogni vota impara termini nuovi.

Viv.       Anche  noi, abbiamo deciso, ca se è femminuccia ci mittemu Cettina,

             se è masculu, ci mittemu Renato.

Ren.     Cettina, sostienimi, reggimi, stringimi, soffocami.

Ema.     (al pubblico) Io l’affucassi vero! (Entra Olga)

Olg.      Capivu tuttoooooo…….nautra niputi incinta e non mi diti pi finta, ca stavota

             Sintivu bona. Che vergogna….vergogna….ah! (tutti stavano per dire

            Disgraziati)

Olg.     Nautra vota pu culu vi pigghiavu, stava pi diri AH! Si ci fussi a buon’anima

            Di me maritu!  (ridono tutti) AH! Disgrazia…ti comu si mangiaru l’italia

            Sti politici di tutti i tempi, anche chiddi di ora… chiddi di ieri e chidddi di

             Dumani. (poi tutti assieme col bicchiere alzato preferibile anche  Carmelina)

                  Ah! Sti disgrazia…ti, comu si mangiaru L’Italia!.

Ema.     (avanza centrale ed frontale al pubblico)

            A questo gentile pubblico voglio dire delle cose per finire. Quando siete

              Fidanzati non pensate che siete arrivati, avete tanta strada da seguire

             Per poi cominciare a capire (raccomando le rime) so che non potete

             Confidare che fate all’amore, anche se noi lo sappiamo, nulla possiamo

             E di impedirlo il diritto non abbiamo, ma i vostri TIMORI confidateli

             Con i GENITORI.

San.     Io invece vi dico solo di non prendere il volo, l’amore è un vero Valore

             L’unico della vita che si dimostra col cuore, altrimenti è un cibo senza

             sapore. Pensate…pensate prima di cadere nelle cascate, senza salvagente

             si stravolge la mente, camminate a destra, vedrete che seguirete la strada

             maestra.

Ema.    Come ha detto mia moglie, con i genitori parlate, anche quando pensate di

             toccare il fondo, noi vi aiuteremo dal più profondo noi vi aiuteremo

             a farvi alzare, perché questo è AMARE. Anche noi genitori che non abbiamo

             più i nostri cari sappiamo che ci seguono da lassù con nostro Gesù. Basta

             una piccola e vera preghiera e non ha importanza se di giorno o di sera.

(RACCOMANDO DI METTERE LE MUSICHE Là DOVE IL REGISTA RITIENE OPPORTUNO)

Dedicata ai miei genitori

Alla famiglia Pavone Francesco.

Marzo 2017.     Iniziata il 16 marzo 2017 finendo il primo atto in sole tre ore e mezza.

                            Ripresa il 20 Marzo e finito il secondo atto in quattro ore e mezza.

                               Telefono autore: abit. 090/638009

                                                               Cell. 3393359882

                                                                Cell. 3490730285 (Rosanna Maurici)

                                                 

                                    

              

 

   

                 

 

 

                   

 

                 

   

                  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno