Con tutt el ben che te voeuri

Stampa questo copione

Con tutt el ben che te voeuri

Con tutt el ben che te voeuri

Commedia brillante in tre atti

di

Luciano Lunghi

Traduzione in dialetto milanese e adattamento

per la filodrammatica “L’Ortensia”

di

Enzo Giannotta


Personaggi:

Arturo

Marito

Lucrezia

Moglie

Patrizia

Suocera

Giacomo

Amico dottore

Signora Pina

Vicina di casa

Signora Chiara

Una vedova

Portinaia

Becchino

Leo

Commesso del negozio di scarpe

Agente assicurativo


La scena è uguale per tutti gli atti, cambia solo la disposizione dei mobili. E’ l’interno di una sala da pranzo. Per il primo atto, sulla sinistra, c’è un tavolo con alcune sedie, sulla destra una zona con divano o poltrone e un mobile alla parete. Ci sono due uscite, una che dà all’esterno sulla destra della scena, e una che da sulle altre stanze sul fondo della scena.

ATTO PRIMO

Arturo             (seduto sul divano, legge il giornale)

Lucrezia          (entra dal centro indossando una brutta vestaglia e con i bigodini in testa; si avvicina silenziosamente ad Arturo e quando gli è alle spalle urla)

                        Arturooo!

Arturo             (si spaventa e dopo un attimo si fa aria col giornale senza voltarsi)

                        De tutti i troad, questa l’è la pussee scema.

Lucrezia          L’è no ona troada, l’è pussee de mezz’òra che te ciami, domà che ti quand te leggett el giornal te sentet mai nagott: podarien anca portamm via senza che te se n’accorget.

Arturo             Ma chi l’è che pò vegh el coragg de portatt via, quand el sà che dopo el gh’ha de vedessela con tò mader?

Lucrezia          Spiritos!

Atruro             (si gira e vedendola si spaventa di nuovo)

Lucrezia          E adess ‘se ghè?

Arturo             Ma te se see vista in del specc?  Per forza che i omen a crepen d’infarto.

Lucrezia          Ma come semm alegher stamattina, come semm spititos!

Arturo             Se te me ciamavet l’è perché te gh’avevet de bisogn. ‘Ste voeuret?

Lucrezia          Gh’avevi de bisogn mezz’òra fà quand te ciamavi, adess gh’hoo pù de bisogn.

Arturo             Ti te me ciamet semper, anca per i stupidad.

Lucrezia          (prendendolo un giro) Se ved che gh’hoo semper bisogn de ti, car el mè amor. (ritorna seria) Famm on esempi di stupidad de quand te ciami.

Arturo             Voo in ordin alfabetich o voo a caso?

Lucrezia          A caso.

Arturo             Quand te me ciamet per saggià la pasta…

Lucrezia          Per forza te la voeuret al dent.

Arturo             Son no mì, l’è el tipo de pasta che la và cotta al dent. Quell che l’ha inventada l’ha pretes come garanzia, minga come te fee ti, che te vee ben a laorà in d’ona fabbrica de colla de tappezzee.   

Lucrezia          Se te pias no come foo de mangià perché te m’hee sposada?

Arturo             T’hoo minga sposada per el mangià, nessun gh’avaria on coragg del gener, t’hoo sposada perché…

Lucrezia          Perché?

Arturo             Famm pensà, gh’ha pur de vessegh on motiv se t’hoo sposada, almen vun el gh’ha de vessegh…

Lucrezia          (andando verso l’uscita sul fondo) Se te credet che gh’hoo voeuia de stà chi a scoltà i tò bambanad, te se sbagliet de gross.

Arturo             Va no via, tesor, se te stee chi almen on’oretta, te vedaret che on motiv el troeuvom.

Lucrezia          (uscendo dal centro) Scemo!

Arturo             (riprende il giornale) Prima la me fa i domand e poeu se ghe rispondi la se inrabiss. Ah, i dònn, mai content. Voeuna che la se contentaria la ghè: mia suocera, se la savess che son mort la saria propri contenta.

Patrizia            (entrando da destra) Te se sbagliet, per vess contenta me basta domà la certezza che ti, on dì o l’alter… (mette le mani a lato dei fianchi e imita le ali di un angelo, mentre con gli occhi guarda verso il cielo)

Arturo             (alzandosi e facendo gesti di scongiuro) Ghè rivaa l’usell del malaugùri. Se usa pù sonà prima de andà in cà di i alter? Podevi vess in mudand.

Patrizia            Quand se gh’hann i ciav, (mostra un mazzo di chiavi) se usa no. E mi ghi hoo. E riguard a i mudand, stà pùr sicur che la mia età, e el tò fisich, me metten al ripar da tutti i pericol.

Arturo             Per quell che riguarda el mè fisich, te see minga tì la persona che la gh’ha de giudicaa.

Patrizia            Per fortuna no, ma stà attent che chi gh’ha de giudicà l’ha cominciaa a dervì i oeugg.

Arturo             Per quell che riguarda  i ciav, capissi no perché te gh’hee de vegh i ciav de cà nostra.

Patrizia            Ma perché questa l’è cà mia.

Arturo             No, cara, te se sbagliet. La cà ghe l’avii regalada un poo de ann fa ti e’l tò marì, pòr Crist, pas a l’anima soa. Quindi l’è pù toa, l’è nostra.

Patrizia            Se te dà fastidi che gh’hoo i ciav de cà de la mia tosa, perchè te se comprett minga on’altra cà e te vee a viv lì?

Arturo             (acido) Perché i mè gent m’hann insegnaa i bei maner, e che quindi bisogna mai refudà on regal, anca quand el pias no.

Patrizia            Cosa te voeuret di con “pias no”?

Arturo             Voeuri dì che te podevet scernill mei el regal per el tò gener.

Patrizia            Te ghe reson, ma in città son minga riessida a troà un porcile in vendita.

Arturo             Ma come, t’avariet mandà la toa tosetta a viv in d’on stabiell?

Patrizia            Vist che l’ha ciappaa per marì on purscell...

Lucrezia          (rientra senza bigodini ma sempre in vestaglia) Avii finii de scambiav di compliment vialter dù? Ciao mama.

Patrizia            Ciao, gioia, ma te see non anmò pronta?

Lucrezia          On moment e rivi, purtropp hoo dovuu fa tuscoss in depermi. (e guarda in malo modo il marito)

Arturo             Eh già, gh’hoo minga dà ona man coi bigodin.

Lucrezia          Gh’avevi no bisogn de ti per i bigodin, anca se gh’hoo di amis che gh’hann di marii che che quand i miee se fann la messa in piega stan li a passagh i bigodin, ma domadaa a ti de fa istess l’è fiaa traa via. Gh’avevi bisogn de ti per stend la biancheria appena lavada. Siccome gh’eren di lenzoeu matrimonial, l’è difficil fall in depermì. Se se stenden ben, poeu l’è pussee facil suppressai. Ma per tì l’è ona roba troppa complicada de capì. A ti te interessa domà andà a divertiss cont i amis, intanta la toa miè la gh’ha de mandà avanti la cà in deperlee. Ma guarda che prest o tardi…

Patrizia            Sent, gioia, mi te l’hoo dit almen on milion de volt che ‘sto rembambii l’era minga l’òmm per ti. Inscì bellina andà a fini con vun del gener. Ma guardess intorna on moment e te’n troeuvett inscì de òmen pront a corrett adree, minga di barlafùs, ma fior de laureaa, de professor, gent che conta insomma, minga on senza canetta come quesschì. Me piang el coeur a vedett inscì.

                        Ah, se tò pader el ghe fudess anmò chì el savaria lù come sistemà i ròbb e ti, gioia, te sariet minga costretta a sopportà la prepotenza de vun ch’el pensa domà al sò interess.

Arturo             Ohe demm a traa, vialter dò ve sii miss d’accord per vegnì chì a seccà i perdee tutt e dù insema? Vardè che me pias no famm romp i ball in stereofonia. A gh’hoo giomò difficoltà a sopportav voena per volta, figuremess insema. Voeuna vestida de stasciòna  cont i bigodin in coo e l’altra che la ven denter senza nanca sonà; e gh’avii la pretesa de damm lezion de stile. Del rest ‘se podevi spetamm? Da ona mader inscì podeva vegnì foeura domà ona tosa inscì. Per forza chel pòr òmm del mè suocero l’è mort giovin, per cercà on poo de pas.

Pina                 (entra da destra con gli occhi sbarrati come in trance e si ferma a fissare i tre che a loro volta la guardan senza parlare)

Lucrezia          Sciora Pina, tutt a post?

Pina                 (guarda Lucrezia sempre con gli occhi sbarrati senza parlare)

Arturo             (avvicinandosi alla signora Pina) Sciora Pina, la stà ben? (gli agita una mano davanti al viso)

Pina                 (guarda prima Arturo, poi la mano davanti al viso senza parlare)

Arturo             (a Lucrezia) Se semm giugaa la vesina de cà.

Lucrezia          (avvicinandosi alla signora Pina) Sciora Pina, ‘se ghè success?

Pina                 (si riprende e guarda in faccia i presenti, poi a Lucrezia) L’ho visto!!

Arturo             Cosa?

Lucrezia          Come?

Pina                 L’ho visto!!

Lucrezia          Chi?

Pina                 L’Ercole!

Patrizia            Chi l’è che l’ha vist?

Arturo             Ah no, eh, cominciom anmò con ‘sta storia? (si allontana)                         

                       

Patrizia            E chi l’è ‘sto Ercole?

Lucrezia          El sò marì.

Patrizia            (ad Arturo) El gh’ha de vess vun come ti se ogni volta che le ved la fa ‘stà faccia.

Arturo             L’è lee che l’è come ti, vedoa, e come ti la dà i numer al lott. L’è convinta de vedè anmò el marì ch’el ghe gira per cà.

Lucrezia          Che la vegna, sciora Pina. (la fa sedere sul divano) La se setta giò chì e la disa ‘se ghè success.

Pina                 (siede sul divano)

Arturo             ‘Ste fee, te ghe deet anca corda?

Lucrezia          (lo prende da parte per non farsi sentire) El dottor l’è stà ciar, bisogna lassallasfogà, anzi bisogna incoraggialla.

Arturo             Si, ma la pò minga tutti i volt vegni chì a menà el torron cont el marì mort ch’el gira per cà.

Patrizia            (si avvicina per sentire) Se pò’ savè ‘se ghè ‘dree succed?

Lucrezia          La sciora Pina l’è la nostra vesina de cà che l’è restada vedoa e da quand l’è success  l’è convinta ch’el so marì, ogni tant, el se fa viv in cà con di apparizion.

                        (sedendosi accanto alla signora Pina) Dai che la conta su ‘se ghè success.

Pina                 Ero in cucina e ero dietro a piangere….

Patrizia            Eh, per el dolor…

Pina                 No, per le cipolle.

Arturo             Hinn mort anca lor?

Lucrezia          Arturo!!

Pina                 Ero dietro a tagliare giu le cipolle e c’avevo gli occhi che lacrimavano quando all’improvviso…

Patrizia            A l’improvis?

Lucrezia          Sù, sciora Pina, ‘se ghè success?

Arturo             Che suspense, che thrilling!!!

Pina                 Lui!

Lucrezia          L’Ercole!

Patrizia            El marì!

Pina                 No, il pomodoro!

Patrizia            El tomates?

Arturo             Scigoll, tomates, ‘se l’è la ricetta del minestron?

Pina                 Il pomodoro ha cominciato ad alzarsi dal tavolo!

Arturo             Se ved che l’aveva finì de mangià e l’è leva su!

Pina                 No, si è alzato per aria, davanti a me!

Patrizia            El tomates?

Lucrezia          El tomates el s’è alzaa, e poeu?

Pina                 Son restata lì un attimo perché c’avevo gli occhi anebbiati dalle lacrime, poi li ho asciugati su col grembiule e ho visto benissimo il pomodoro per aria!!

Arturo             Allora l’ha ciamà i carotol perché el tirassen giò cont on gamb se sèller.

Lucrezia          Basta, Arturo, muchela!

Patrizia            Mai che l’è bon de tasè.

Arturo             El boeu ch’el dà del becch a l’asin.

Lucrezia          Piantela lì vialter dù! (alla signora Pina) Dai, sciora Pina, la vaga avanti.

Pina                 Son stata lì a guardare il pomodoro che svolazzava quando ho sentito un gran fracaasso in stanza. Allora ho lasciato perdere il pomodoro e son corsa di là e…

Patrizia            E…

Pina                 Non c’era nessuno, allora son tornata di corsa in cucina e… sorpresa!

Lucrezia          El tomates el gh’era pù?

Pina                 No, c’era ancora, ma non volava più, l’era fermo sul tavolo. Al suo posto volavano una mela, una pera e una banana!

Arturo             La macedonia volante! Venghino siori, venghino, il primo orto-volante della storia!

Lucrezia          Arturo!

Pina                 Ma non capisce? E’ lui che li fa volare!

Patrizia            El tomates?

Pina                 No, l’Ercole!

Arturo             L’è voeuna di sò dodes fadigh.

Lucrezia          E perché el sò mari el doaria fa girà tutta ‘sta roba?

Arturo             Perché quand l’era viv ghe girava on queicoss d’alter!

Pina                 Non mi credete, vero? (alzandosi dal divano e dirigendosi verso l’uscita di destra) Venite, venite a casa mia a vedere se non è mica vero. (esce da destra)

Patrizia            (esce dietro alla signora Pina)

Lucrezia          (avviandosi verso destra, si rivolge ad Arturo) Te vegnet no?

Arturo             Te see ‘dree scherzà? Son sicùr che la manifestazion aerea l’è finida, e poeu hoo nanca pagà el bigliett…

Lucrezia          Capacità de comprension: zero! (esce)

Arturo             (rifacendole il verso) Capacità de comprension: zero! Figurèmess, hin quatter mes che la ne tormenta con ‘sta storia! Ona volta vola la frutta, on’altra i cassett che se derven, on’altra i tubett del dentifricio che se schisen: e tutti i volt che se và de là a vedè, ghè nient. Chela lì l’è sonàda. (si risiede sul divano con il giornale) La doaria scriv di romanz de paùra o de fantascienza, tipo: “Melanzane volanti” o “Chi ha spremuto quel tubetto?”.

Suona il campanello d’ingresso.

      

Arturo             (si alza, esce verso destra e rientra poco dopo con dietro Giacomo. Arturo siede sul divano)

Giacomo         (resta in piedi a guardare Arturo)

Arturo             (dopo un po’ lo guarda) Beh?

Giacomo         Nient, te guardavi.

Arturo             Te cerchet de capii se sont el tò tipo?

Giacomo         Se anca me piasessen i òmen me mettaria mai con vun ch’el gh’ha on fisich ‘me ‘l tò.

Arturo             Stamattina ghe l’avii tucc con mi?

Giacomo         Te guardavi perché te gh’heèt ona brutta cera: te gh’hee di carimaa che paren dò bors de viagg. Quando l’è che t’hee fa i ultim analisi?

Arturo             Te see chi come amis o come dottor?

Giacomo         Fà differenza?

Arturo             Si, d’onorari! L’amis le faria gratis, el dottor el soo no.

Giacomo         Te faria minga credit perché con la cera che te gh’hee me sa che te duret pocch.

Arturo             (allarmato) Son debon inscì consciaa?

Giacomo         On specc te ghe l’hee no? Ogni dì che passa te vedi semper pussee vecc. Ghè on queicoss che te me minga dii? On quei disturb?

Arturo             Ma l’è possibil che vialter dottor riessì a vedè domà i malattii del corp ma minga quei de la l’anima?

Giacomo         Allora on queicoss a ghè.

Arturo             Certo che ghè on queicoss.

Giacomo         (sedendosi sul divano vicino ad Arturo)  Quell che me dispias pussee l’è che ti t’hee me di nient, eppur semm amis da quand serom di bagai…

 

Arturo             La causa del mè deperiment te la cognosset anca tì, vist che te see stà testimoni fin dal principi.

Giacomo         Mi?

Arturo             Si, te see staa o no el mè testimoni quand me son sposaa? Tutt l’è cominciaa ch’el dì li.

Giacomo         Va che son minga ‘dree a scherzaa, son debon preoccupaa per ti.

Arturo             Nanca mi son ‘dree a scherzaa. La causa l’è la guerra che tutti i dì gh’hoo de affrontà, semper in prima linea da vinticinch ann, mai on dì de licenza. Da quand el mè suocero el ghè pù, me tocca addiritura combatt su duu front.

Giacomo         Te taccaa lit anmò con la Lucrezia?

Arturo             Macchee tacaa lit; semm mai staa in pas, la discussion ghe l’hoo avuda su l’alter front.

Giacomo         La Patrizia?

Arturo             E chi se no? Se fudessi minga on fifon, avaria giomò risolt la situazion cont on bell delitt, magari anca perfett, domà che son sicur che la saria anca bòna de tornà da l’alter mond per lassamm minga quiett. Magari per famm girà la frutta in cusìna.

Giacomo         (lo guarda meravigliato) Cosa in cusìna?

Arturo             Va che son minga matt, pensavi a la vesina.

Giacomo         T’hee taccaa lit anca con la vesina?

Arturo             No, l’è la vesina che la gh’ha i vision del marì che l’è mort, e quella de stamattina l’è la frutta che la sgoratta in cusìna.

Giacomo         Beh, almen on queicoss che vola el ghè, vist che tant per cambià l’Alitalia l’è in sciopero. Quasi quasi voo de là a domandagh on passagg per Palermo.

Arturo             Gia, te doevet minga vess a Palermo per on convegn?

Giacomo         Va a dighel a l’Alitalia: forse doman.

Arturo             E perché te see chi invece de vess all’ospedal?

 

Giacomo         Avevi giomò ciapaa ona giornada de feri, e inscì… Ma se te doo fastidi podi anca andà via.

Arturo             Ma di no di stupidad, l’è che me par strano de vedet chi in d’on dì ferial.

Giacomo         Minga tucc gh’ann la fortuna de vess di baby pensionaa. Se t’hee disevet de la vesina che la gh’ha i vision?

Arturo             Alter che vision! Allucinazioni.

Giacomo         Disen che gh’hinn di spiegazion scientifich per ‘sti manifestazion: quand marì e miee in ligà in manera fortissima e vun di duu…

Arturo             Ma che ligà, taccaven lit pussee che mi e la Lucrezia.

Giacomo         Andaven minga d’accord?

Arturo             Figuremess! Pensa che certi volt per podè taccaa lit con la Lucrezia, doevi vosà ‘me on strascee per quatà el can-can che faseven lor.

Giacomo         Chissà come mai allora ‘sti vision, forse per compensà on sens de colpa.

Arturo             Cioè?

Giacomo         Forse, la toa vesina la se sent in colpa per come l’è finida tra de lor, che lù el sia mort senza fa la pas e inscì, incosciament, la soa ment la crea di situazion doe el spirit del marì el torna indree a cercà giustizia. Quand la capissarà che la s’era comportada malament,  la se pentissarà e i vision sparirann.

Arturo             Peccaa che però L’Ercole ormai l’è mort.

Giacomo         Chi?

Arturo             L’Ercole, el marì, che l’ha dovuu crepà per vess considerà da la soa miee.

Giacomo         L’è semper inscì, ti te se rendet cùnt del valor de ‘na roba quand te ghe l’hee pù.

Arturo             Te see ‘dree a di che per apprezzà mia suocera a gh’hoo de copalla?

Giacomo         L’è forse minga vera che toa suocera l’ha cominciaa a parlà ben del sò marì dopo che l’è mort?

Arturo             (riflettendo) L’è vera, chel pòr òmm el gh’ha avuu ona vita piena de discussion con la stria, poeu, dopo che l’è mort, per lee l’è diventà on sant! Come hinn fals i donn!

Giacomo         L’è no che l’è falsa, te garantissi che quell che la sent adess l’è on sentiment sincer.

Arturo             Allora mi, per vess consideraa da la mia miee, doaria crepà?

Giacomo         Disi che a volt, i persòn, capissen pienament el valor de chi ghe stava visin domà quand el ghè pù.

Arturo             Quindi, mort.

Giacomo         Ghè minga bisogn che vun el sia mort, basta anca lontan fisicament.

Arturo             (si alza e comincia a passeggiare avanti e indietro riflettendo fra sé) No, la minaccia de spartiss la gh’avaria l’effett contrari, chi ghe voeur on queicoss de pussee definitiv.

Giacomo         ‘Ste see ‘dree barbottaa?

Arturo             Son sicùr che se la Lucrezia la me credess mort la cambiaria el sò attegiament vers de mi. (girandosi verso Giacomo) Gh’hoo de morì.

Giacomo         (guardandolo strano) Cosa?

Arturo             Te gh’hee de copamm.

Giacomo         (spalancando gli occhi) Ma te see scemo, o te see ciucch?

Arturo             No, l’è propri come te diset ti, se mi moeuri i dò befan magari cambien l’attegiament vers de mi.

Giacomo         La me par ona soluzion on ciccin esagerada.

Arturo             Gh’hoo domà de fa finta de vess mort!

Giacomo         Ah, te par ona roba da nient? E come te penset de fa?

Arturo             Gh’hoo bisogn de ti.

Giacomo         (alzandosi e dirigendosi velocemente verso destra) Ma nanca in sogn.

Arturo             (lo blocca) Va che ghè minga de pericol, se tratta de recità ‘na commedia, disemm…

                        per on para de dì, poeu podaroo tornà in vita per miracol e…

Giacomo         La Lucrezia e la soa mama, prima te picchen ti e dopo vegnen de mi…

Arturo             L’è ciar che se doarà fa cred che mi son mort debon e che la mia rinascita la sia conseguenza di una morte apparente.

Giacomo         (lo guarda negli occhi) Ohe,te saree minga ‘dree a parlà sul seri.

Arturo             Te see minga staa ti a dì che te see preoccupaa per mi?

Giacomo         Si.

Arturo             Te see minga staa ti a dì che te see el mè miglior amis?

Giacomo         Si.

Arturo             E dato che te see on dottor, te see forse minga ti la persona giusta per stilà on certificaa de mort fals?

Giacomo         No.

Arturo             Scusa, ma capissi no ‘se  ghè de peoccupass.

Giacomo         Ah, te capissett no. Segund a ti, mi doaria fa finta che ti te see mort davanti a la toa mie a la toa suocera, stilà el certificaa de mort, spettà che te tornet in vita, poeu dì che me son sbagliaa? Ma te see quanti cart bisogna fa quand vun el moeur? Bisogna fall savè a mezz mond; a l’Inps, al Comun, a l’assicurazion a la banca… va che in Italia, morì, l’è ona roba complicada!

Arturo             Sarà minga necessari fa tutt ‘sto gazaghee.

Giacomo         Quest t’el diset ti.

Arturo             Organizzom tuscoss per la domenica che ven, quan tutti i uffizzi hinn sarà su e se pò fa nessuna denuncia, poeu, al lunedì mattina me riprendi, ti te diset ch’el mè l’è staa on rarissim cas di morte apparente.

Giacomo         (lo guarda in faccia e dopo qualche attimo) No, ghe stoo no. L’è tropp pericolus. se interven on queidun d’alter...

Arturo             Ma chi lè che gh’ha de intervegni? Sèmm semper chi numm quatter; ti te se fermett chi a controllaa che tuscòss vaga ben.

Giacomo         E se salta foeura on quei intòpp?

Arturo             Disaremm che se serom miss d’accord per fa on scherz; me ciapparoo mi tutta la colpa.

Giacomo         (rassegnato) Son sicùr che la Lucrezia la me coppa.

Arturo             Al contrari, quand la vedarà che son viv la te sarà riconoscenta per semper, magari mia suocera on poo de men, ma son sicur che la Lucrezia la me voeur ammò ben e tutt servirà a ripartì cont el pee giust.

Patrizia            (rientra da destra) Buongiorno Giacom, ‘me te stee?

Giacomo         (si danno la mano) Bene, grazie, e ti?

Patrizia            Ben, a part ona quei seccadura. (guarda Arturo)

     

Arturo             (le fa le boccacce).

Giacomo         L’arturo el me diseva che la vesina la sta minga tropp ben...

Patrizia            La gh’ha i allucinazion.

Arturo             E la frutta, la volava?

Patrizia            No.

Giacomo         Per forza ghè l’Alitalia in sciopero.

Patrizia            Come?

Arturo             (a Giacomo) Come te disevi, tutt i vòlt che se corr de là, succed mai nagott.

Giacomo         Mi voo. Proeuvi a fa on salt in ospedal a vedè se gh’hann bisogn.

Arturo             (lo prende sottobraccio e l’accompagna alla porta di destra) Allora semm d’accord per chela roba là. Te ciami per telefono per mett ben a punto tuscoss.

Giacomo         Te see propri decis?

Arturo             Si, te vedarett che poeu de me daree reson.

Giacomo         Speremm in ben. (a Patrizia) Arrivederci.

Patrizia            Arrivederci, Giacomo.

Giacomo         (ad Arturo) Ciao, se vedom (esce da destra)

Arturo             Ciao e me raccomandi, su con la vita.

Patrizia            El me pareva on poo giò de corda, ghè forse success on queicoss?

Arturo             No, l’è che lù l’è on pessimista el gh’ha semper che la faccia lì anca quand tutt va ben.

Patrizia            Te me paret stranament alegher…

Arturo             Grazie a vialter dò che sii stà foeura di pee per on poo de temp.

Patrizia            Gent con la ment piscinina la se contenta de ròbb piscinin.

Arturo             Mei ‘vegh ona ment piscinina che ‘veghela no del tutt. La Lucrezia doe l’è?

Patrizia            La sé fermada on poo da la sciora Pina. Poerina, l’è propri sconvolta, El sò marì el gh’ha de vess staa propri on brav’òmm per soffri in chela manera lì.

Arturo             Come semper se apprezza i person domà quand gh’inn puu.

Patrizia            (lo guarda in maniera strana) E ti ‘ste spettet a dann ‘sta soddisfazion?

Arturo             Son sicùr che quand saroo mort te saree la prima a rimpiang là mia presenza.

Patrizia            Proemm allora!

Arturo             Proemm!

Fine primo atto

ATTO SECONDO

La scena è la stessa del primo atto, solo che sulla sinistra, al posto del tavolo, c’è un catafalco con
un lenzuolo funebre grigio e un cuscino, intorno ci sono quattro grossi candelieri con le candele
spente. Tra il catafalco e il resto della scena c’e un grosso paravento che nasconde la zona funebre 

dalle altre zone della sala. In scena ci sono Arturo e Giacomo che discutono.

Giacomo         Che scemo son staa a lassam tirà denter.

Arturo             Va che t’hee propri stufii: capissi no cosa ghè de proccupass, va tuscoss come previst. I donn gh’hinn borlaa denter e pensen che son mort, el beccamort l’ha nanca sospettaa, lasèmm che incoeu i ròbb maduren per benin e doman ghè la resurrezion.

Giacomo         Te la fee facil ti. El caso de la toa mòrt apparent l’attirarà ona valanga de curios. E se salta foeura la verità, ti te podaret giustificass col dì che l’era on scherz, ma mi ai mè collega de l’ospedal ‘se ghe disi?

Arturo             Che te faa un esperiment di carattere psicologico su on para de donn per studià i reazion provocaa da ona mort improvvisa.

Giacomo         Podaria anca sembrà ‘na roba vera.

Arturo             Te vedet?

Giacomo         Peccaa che mi foo l’ortopedich.

Arturo             (si avvicina e si sdraia sul catafalco) Con ti l’è inutil ragionaa.

Giacomo         Ah, adess son mì che voeuri minga ragionà! Ma guardess, tutt vestì per el funeral, con tant de palch e candel, ma ghè on piccol difett, che a l’attor del dramma ghe manca la caratteristica principal: l’è minga mort.

Arturo             (sdraiato completamente e con la testa sul cuscino) Me dispias, ma numm mort, per definizion, podom minga parlà con gent senza spirit. Bella questa! (si mette a ridere)

Giacomo         Rid, rid, speremm che te gh’abbiet de rid anca quand la sarà finida. E poeu perché te se see slongà in su chel ròbb lì? Me va no de parlaa con ti in ‘sta manera. Me fa impression.

Arturo             (alzando la testa) Ma  te gh’hee no de parlà com mi: mi son mort!

Giacomo         Sent, continua a fa ‘l spiritos e te coppi debon.

Arturo             Son no ‘dree a fa el spiritos, ma siccome in ‘sta cà ghè gent che va e che ven, vesin, suocer eccetera che par de vess in piazza del Domm, me prepari per on ingress a sorpresa. Doe t’hee dì che l’è ‘ndada la Lucrezia?

Giacomo         L’ha minga vorsuu dimmel. L’ha dì che la stava via on’oretta e la m’ha domandà de stà chi a fatt la veglia.

Arturo             Te vedet che l’è ‘dree cambià: non voleva che restassi solo.

Giacomo         A dì la verità, la gh’aveva paura che te cominciasset a spuzzà.

Arturo             (guardandolo malissimo) Ghè di volt che me domandi se saria minga mei veghen no de amis.

Giacomo         Stà giò, inscì te se allenett on poo a recità la part del mort. Adess pizzi i candel…

Arturo             Fa no ona roba del gener. Ricordess la mia allergia. Pensa che bell se intant che me fann la veglia cominci a starnudà.          

Giacomo         Ah già, te se allergich al fùmm e a la polver. El savevi che prima o dopo ona quei rogna la saltava foeura.

Arturo             (sbuffando) Te see che te see insopportabil? Succederà nient e per l’allergia basta stà attent: credi no che cont on mort in cà a on queidun ghe ven in ment de fa giò la polver, e per i candel, basta pizzai no.

Giacomo         Allora che bisogn a gh’è de vegh i candel?

Arturo             Ehe, gia, perché segond a ti, avaria dovuu levà su dal catafalch per digh al beccamort che vorevi no i candel perché gh’hoo l’allergia!

Giacomo         Bastava dimmel a mi.

Arturo             ‘Ste ghe disevet? Ch’el tò amis el t’ha parlaa da l’oltretomba per fa tirà via i candel? Ma dai, semm seri. (si ricompone in con le mani giunte sul petto e resta immobile) 

Portinaia         (si affaccia all’ingresso) E’ permesso?

Giacomo         (alza gli occhi alcielo) Avanti.

Portinaia         (entra, ha in mano un pacco di telegrammi) Hinn rivaa di telegramma de condoglianz.

Giacomo         Perché, ghè mort on queidun?

Portinaia         Ma el scior Arturo, no.

Giacomo         Ah, gia! (tra se con gli ochhi al cielo) Ossignur, la vos la comincia giomò a girà incontrollada. (alla Portinaia) E le come la fa a savè che hinn telegramma de condoglianz?

Portinaia         Eh, gh’hoo daa on’oggiada.

Giacomo         Perchè, adess i portinar derven anca la posta?

Portinaia         (risentita) Caro lei, è una questione di professionalità. El foo anca con la posta ordinaria. Dervi, leggi, sari su… sa per la privacy. E se l’è ròba urgente la recapiti a subit a domicili. L’hoo faa quindi per vedè se l’era roba urgente. Se l’era minga urgente me scomodavi no a portaghela su.

Giacomo         E i telegramma de condoglianz, segond a lee, l’è ròba urgente?

Portinaia         (gli mette in mano i telegrammi) Dai, bando alle ciance, podi vedell?

Giacomo         Chi?

Portinaia         Il morto.

Giacomo         Quale morto?

Portinaia         Come “quale morto”? Dai ch’el faga no el toaia, me risulta che ghe ne sia vun sol: el scior Arturo.

Giacomo         (sospirando rassegnato e indicando il paravento) Prego… 

Portinaia         (va dietro il paravento, guarda Arturo, si fa il segno della croce mugugna una preghiera inintelleggibile e torna fuori) El sta propri ben! El par viv!

Giacomo         Infatti…   

Portinai           Beh, adess podi anche anda. Se riven di alter telegramma el ghe disa a la sciora de vegni giò in porineria a ritirai, che per le mance che mi danno è già tanto se gli apro la posta. (esce)

Arturo             (scoppia a ridere)

Giacomo         Rid , rid, rembambii…

Arturo             Cerca de ricordass che son mort. L’è no che ogni volta che ven denter on queidun te gh’hee de restà li come bamba e cercà de negà. Cerchemm de vess seri… 

Giacomo         Se fudessom seri sarissom minga in ‘sta situazion chi. ( si appoggia al paravento con la schiena verso l’appartamento e continua a parlare con Arturo)

                        Speri che la bonanima de mè pader la sia ‘dree fa on queicoss d’alter e che la gh’abbia minga temp de guardà giò per vedè cosa l’è ‘dree fa el sò fioeu, con tutti i danee che l’ha spes per famm studià…

Lucrezia          (entra da destra e, sentendo Giacomo che parla, si avvicina senza far rumore)

Giacomo         … e mi guarda se ghe combini. Te see cosa me impediss de andà via da ‘sta scena? El rispett per la nostra amicizia e l’obbligh de mantegnì l’impegn che hoo ciapaa con la toa miee. Ma ricordess che l’è l’ultima volta che me presti a ‘sti ròbb. El prossim funeral te s’el organizzett in depertì.

Lucrezia          (appoggiandogli da dietro una mano sulla spalla) Giacom…

Giacomo         (si paventa e lancia un urlo)

Lucrezia          Giacom, el dolor el te faa straparlà.

Giacomo         Pe… pe... Perché?

Lucrezia          Ma te se rendet cunt de quell che te diset? El funeral organizzaa dal mort, ma te par normal? L’è vera che te seret sò amis e che te ghe vorevet ben… anca per mi l’è stada ona bella bòtta, ma me comporti minga inscì.

Giacomo         L’è che sont anmò sottsora.

Lucrezia          (lo prende sottobraccio e l’allontana dal paravento) Dai, pensegh no e damm ona man; tra on quei moment riva l’assicurador ch’el gh’ha de constatà…

Giacomo         (allarmato)  Chi l’è che ‘riva?

Lucrezia          (lo guarda strano) L’assicurador!

Giacomo         (spaventato) E s’el ven chi a faa?

Lucrezia          (c. s.) Segond a ti cosa el ven chi a fa? Te se ricordet no de l’assicurazion su la vita de l’Arturo? L’ha fada on para d’ann fa.

Giacomo         Me ricordavi no…

Lucrezia          Fa nient, comunque l’è ‘dree vegni su, famm on piasè, ricevell ti che mi voo on moment de là.

Giacomo         Gh’hoo de… de.. ri… ri… cevell mi?

Lucrezia          Si, per piasè, mi rivi subit.

Giacomo         Ma l’è domenica!

Lucrezia          Credi che anca se l’è no on dì ferial te podet intrattegnì on agent assicurativ…

Giacomo         Appunto, l’è minga on dì laorativ, s’el ven chi a fa de domenica?

Lucrezia          Che differenza te voeuret che faga se l’accertament le fa de domenica invece che de lunedì?

Giacomo         Una differanza enorme, come tra la vita e la morte! Te me spieghet come t’hee faa a troall?

Lucrezia          L’è ona precisa clausola del contratt: “appena viene a verificarsi l’infausto evento della morte dell’assicurato, telefonare immediatamente al numero indicato per una immediata constatazione del decesso. Il numero è in funzione 24 ore su 24.”

Giacomo         Incredibil, per avè ona simil efficienza da viv, bisogna vess mort!

Lucrezia          (lo guarda perplessa, poi allontanandosi verso l’uscita di fondo) Lassem perd ‘sti ragionament on poo foeura de l’ususal… Rivi subit. (esce al centro)

Giacomo         (controlla che sia uscita, poi si avvicina al paravento con le spalle, tenendo d’occhio le due entrate) Complimenti.

Arturo             (resta immobilie)

Giacomo         (si affaccia al paravento) Parli con ti, l’è mei che te levet su subit e che te anticepet la toa resurrezion.

Arturo             (si alza leggermente e sussurra) Podi no; l’è non anmò el moment.

Giacomo         Ma te see scemo? T’hee sentuu chi l’è che ghè ‘dree rivà?

Agente ass.     (entra da destra) E’ permesso?

Giacomo         (si guarda attorno spaventato poi si nasconde dietro il catafalco)

Agente ass.     C’è nessuno?

Arturo             (prende Giacomo per il colletto e lo spinge a uscire. Lui fa resistenza e a gesti fa capire che non ne vuol sapere)

Agente ass.     C’è qualcuno in casa?

Arturo             (sempre cercando di spingere fuori Giacomo) Si, son chi! (e si rimette giù in posa)

Giacomo         (resta come bloccato guardando verso il paravento)

Agente ass.     (andando verso il paravento e girandogli attorno) Scusate, ma la porta era aperta e la signora mi aveva invitato… (vede Giacomo, si ferma un attimo studiandolo bene) Sciatalgia vero? Una delle peggiori piaghe dell’umanità; si immagini che almeno il 25 per cento della popolazione mondiale soffre o a sofferto di sciatalgia. Si calcola che il fenomeno sia in deciso aumento grazie al fatto che ormai la stragrande maggioranza di occidentali e da considerarsi sorappeso, quindi con notevole pressione a carico delle vertebre che si schiacciano, infiammando il nervo sciatico e aprendo di fatto la strada alla cronicità del disturbo. E lei mi sembra proprio il tipo. Ha anche fatto degli sforzi, ultimamente?

Giacomo         (per tutto il discorso è rimasto a guardarlo e solo adesso di rende conto della posizione assunta, si rimette dritto cercando di mantenere un certo contegno)

                        Prego?

Agente ass.     Domandavo se ultimamente ha dovuto sottoporre il suo fisico a lavori pesanti cui non era abituato.

Giacomo         Si, propri inscì.

Agente ass.     Lei è un parente?

Giacomo         Non proprio.

Agente ass.     Semplice conoscente?

Giacomo         Veranmente io…

Agente ass.     Un amico del defunto, un grande amico.

Giacomo         Ecco, appunto.

Agente ass.     Ed era a conoscenza del fatto che il suo caro amico avesse stipulato un’assicurazione sulla vita?

Giacomo         Savevi on queicoss, perché la soa compagnia, come i alter, prima de assicurà on queidun, la fa tutta ona serie de ricerch anca col dottor personal.

Agente ass.     E lei cosa c’entra in tutto ciò?

Giacomo         Sont el sò dottor.

Agente ass.     (si avvicina ad Arturo, lo guarda un attimo, poi a Giacomo) Così lei sarebbe il suo medico curante? Non mi pare che abbia fatto un buon lavoro, visto come è conciato questo poveraccio.

Giacomo         (seccato) Lù ch’el pensa al sò de laorà che al mè ghe pensi mi.

Agente ass.     Appunto! Vediamo allora di cominciare a lavorare, visto che mi pagano per questo.

Giacomo         Gh’han de pagall ben s’el fan laorà anca de domenica.

Agente ass.     Scherza? Per un ispettore delle compagnie d’assicurazione non esiste domenica, Natale, Pasqua e nemmeno il ferragosto: la nostra è una missione, quando il morto chiama, la risposta dev’essere pronta!

Giacomo         E che bisogn a ghè de tutta ‘st’urgenza? Me par no che i voster client sien ne la condizion de vegh pressa.

Agente ass.     Prima di tutto dobbiamo accertarci che il nostro cliente sia veramente morto e non un impostore che si finge tale per incassare il cospicuo premio d’assicurazione.

Giacomo         (deglutendo rumorosamente) Beh… non mi pare questo il caso.

Agente ass.     Lei non ha idea di quanti truffatori ci siano in giro, persone senza scrupoli, che mirano solo ad imbrogliare il prossimo; il compito del sottoscritto è quello di consegnare questi farabutti alla giustizia!

Giacomo         Addirittura alla giustizia?

Agente ass.     Certo, alla giustizia. D’altronde la legge parla chiaro: per reati di truffa ai danni di compagnie di assicurazione, è prevista una pena di anni cinque di detenzione e una multa che si aggira attorno al centinaio di milioni.

Giacomo         (barcollando) Ossignur…

Agente ass.     (si avvicina premuroso) Non sta bene? Lei non ha una bella cera, sa? Le dò due consigli: primo si faccia una bella assicurazione sulla vita, non si sa mai, e poi vista la fine che ha fatto il suo amico… io cambierei dottore. A proposito, dato che lei è il medico curante, l’ha redatto lei il certificato di morte?

Giacomo         (c. s.) Eh?… Come… chi è che è morto?

Agente ass.     Come chi è morto? Ma lui no? (indicando Arturo) Non è lui il morto?

Giacomo         E’ morto? Quando?

Agente ass.     Se non lo sa lei io non so a chi chiederlo.

Giacomo         Forse a la miee?

Agente ass.     (prendendolo sottobraccio e portandolo verso il divano) Per carità, lasciamo la signora all’oscuro di questa nostra piccola indagine.

Giacomo         Ma se l’è stada lee a dimm che lù l’era ‘dree rivà?

Agente ass.     Ah, è bene informata la signora, chissà chi l’ha avvertita.

Giacomo         Ma l’è minga staa lù a digh ch’el rivava subit, per constatà el decess?

Agente ass.     Vedo che la cosa è ormai di dominio pubblico e questo non facilita certo il mio lavoro! (estrae di tasca una penna e un blocchetto per appunti) Dunque, posso farle qualche domanda?

Giacomo         (esitante) De che gener?

Agente ass.     Qui le domande le faccio io, va bene? Cosa mi dice della moglie del morto?

Giacomo         ‘Se gh’entra la miee?

Agente ass.     Ma lo sa che con lei è impossibile lavorare? Continua a tempestarmi di domande!

Giacomo         Ah, adess saria mi che tempesti de domad!

Agente ass.     Un buon ispettore non tralascia nulla, uno dei nostri motti è: se sei sicuro che ormai il morto giace, cerca di scoprire chi coi soldi si da pace!

Giacomo         El proerbi l’era propri minga inscì…

Agente ass.     Vuole insegnarmi il lavoro? Vuole fare lei? (gli porge penna e blocchetto)

Giacomo         No, no, el vaga pur avanti lù che l’è inscì brao.

Agente ass.     (riprendendo un tono professionale) In questi casi la prima ad essere sospettata è la moglie.

Giacomo         Sospettata di cosa?

Agente ass.     Potrebbe aver soppresso il marito per intascare i soldi della polizza.

Giacomo         Stavolta el se sbaglia de gross.

Agente ass.     E’ così sicuro? Chi dice che la signora non abbia un amante? E che questi non l’abbia spinta a commettere qualcosa che da sola non avrebbe mai fatto?

Giacomo         La Lucrezia, no de sicur.

Agente ass.     Si chiama Lucrezia? Beh, il nome certo non l’aiuta!

Giacomo         El voeur denuncialla per el nom de battesim?

Agente ass.     A volte il destino di una persona è racchiuso nel suo nome!

Patrizia            (entra da destra)

Giacomo         La Lucrezia l’è ona dòna come se dev e al sò marì la ghe voreva on ben de l’anima!

Patrizia.           Questa l’è bella, ma se ormai se sopportaven pù!

Giacomo         Ma ‘ste diset? L’è normal che in ona famiglia ghe sia on quei moment de disaccord, ma son sicur che (aumentando il tono della voce) all’ ISPETTORE DELLA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE ‘sti moment gh’interessen no.

Patrizia            Moment? Ma s’el sann tucc che tacaven lit da matina a sera!

Agente ass.     (scrivendo sul blocco) Ah… Ah…

Giacomo         Dai, esagera no, l’ ISPETTORE DELLA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE l’è minga interessaa a ‘sti ròbb de nient!

Agente ass.     Sono interessato si. (prendendo sottobraccio Patrizia) Quindi, secondo lei, esistevano motivi di disaccordo?

Patrizia            L’era ona guera continua.

Agente ass.     E secondo lei, questa guerra a lungo andare può aver esaperato gli animi?

Patrizia            Ma sicur! Oramai si era a un punto tale da giustificare un atto estremo.

Agente ass.     (illuminandosi) Quale atto estremo?

Giacomo         (intervenendo) Anca el divorzi el pò vess consideraa un atto estremo.

Agente ass.     Non stavo parlando con lei!

Patrizia            Ma chi lè chel scior chi?

Giacomo         L’ispettor del l’assicurazion. L’Arturo el gh’aveva on’assicurazion su la vita e chel scior chi l’è incaricaa de l’accertament.

Agente ass.     (a Giacomo) Ma chi è la signora?

Giacomo         La suocera del… mort.

Agente ass.     Devo constatare che la situazione è parecchio confusa, un amico medico, che non è un granchè, una signora Lucrezia, esperta di veleni, che potrebbe avere un amante…

Patrizia            La mia stelina l’ha gh’ha un amante?

Giacomo         (scuotendo la testa indica l’agente puntandosi l’indice alla tempia)

Agente ass.     … e una suocera che mal sopportava il genero, tanto da poter giungere a qualche atto estremo. L’unica cosa certa è che quel poveraccio è morto!

Giacomo         (tra sè) Se te savesset com te se sbagliet!

Agente ass.     Allora, ricapitolando: lei ha redatto il certificato di morte?

Giacomo         No!

Agente ass.     Perché no?

Patrizia            Perché no?

Giacomo         Perché… perché è domenica.

Agente ass.     E cosa c’entra?

Giacomo         Al contrari de lù, car ispettor, mi la domenica loari no.

Agente ass.     Ma il morto non era un suo amico?

Giacomo         Si, ma io non mischio mai il dovere col piacere.

Agente ass.     Le fa piacere redigere un certificato di morte?

Giacomo         Certo che no, quell l’è el doer.

Agente ass.     Allora il piacere è la morte del suo amico?

Giacomo         El piasee l’è ona bella cazzoeula con la polenta.

Agente ass.     Ma che risposta è?

Giacomo         Ma che domanda è la sua!

Agente ass.     E’ stato lei il primo a parlare di piacere.

Giacomo         Ma mi faccia il piacere!

Patrizia            Disi, ma vialter duu avii bevuu?

Giacomo         Perché?

Patrizia            L’è des minut che sii ‘dree a straparlà.

Agente ass.     Sono d’accordo con lei, signora; questo soggetto elabora concetti sconclusionati.

Patrizia            Invece lù…

Agente ass.     Io non mipermetterei mai. Io voglio solo accertre il decesso.

Patrizia            E le faga donca, invece de sutà a cicciarà!

Giacomo         (mettendosi tra l’ispettore e il catafalco) Nanca per sogn!

Agente ass.     (a Patrizia) Vede? Mi impedisce di svolgere regolarmente il mio lavoro!

Giacomo         Ghe l’impedissi perché lù el gh’ha minga la competenza necessaria per giudicà se’l mort l’è mort.

Agente ass.     Mi sta dicendo che non saprei riconoscere un morto da un vivo?

Giacomo         Senta, ch’el me lassa giò l’idirizz del sò uffizi, ghe faroo avè el certificaa de mort appena l’avarò stilaa.

Agente ass.     (si togli di tasca un biglietto da visita e glielo porge) Tenga. Spero sia una faccenda rapida.

Giacomo         Ma lù el gh’ha semper pressa?

Agente ass.     Prima apriamo la pratica e prima sarà possibile saldare il premio.

Giacomo         L’è la prima volta che senti un’assicurazion che la gh’ha pressa de pagà.

Agente ass.     Farò finta di non aver sentito questa sua frase ironica.

Giacomo         Ben, adess el pò anca andà.

Agente ass.     Vuole cacciarmi fuori dalla porta?

Giacomo         Me piasaria pussee da la finestra.

 

Patrizia            Ma Giacomo!

Agente ass.     (andando verso l’uscita di destra) Visto come mi si tratta in questa casa, preferisco allontanarmi, ma prometto di interessarmi personalmente a questa pratica. (esce)

Patrizia            Ma, Giacom, che maner hinn questi?

Giacomo         Scusa, ma ch’el sifol li el m’ha faa perd la trebisonda.

Patrizia            El cercava de fa el sò mestee, e pou el podaria anca vess util per la riscossion di danee.

Giacomo         (guardando verso il paravento) Preoccupess no, che ghè minga de bisogn, almen per adess…

Patrizia            Se t’el diset ti... (cambiando argomento) Te see doe l’è la mia tosetta?

Giacomo         L’è de la, in camera; per fortuna l’ha dii che la faseva in d’on moment…

Patrizia            (andando verso l’uscita di fondo) Vialter òmen podarì mai capì… (esce)

Giacomo         (andando verso il paravento) Ghè pocch de capi… (si volta verso le due uscite prima di girare dietro al paravento per controllare che non ci sia nessun altro)

                        Speri che adess te saree content!

Arturo             (si alza leggermente) Per cosa?

Gaicomo         Perché adess se mettarà in moto tutt l’ambaradn burocratich e te gh’avaree de sudà sett camis per sistemà tuscoss.

Arturo             Grazie anca a ti. Te podevet minga trattall mei chel pòer diaol  li?

Giacomo         L’è lù che l’è ‘ndaa a cercassela.

Patrizia            (rientra dal centro) Te see propri sicura?

Arturo             (si rimette giu)

Lucrezia          (vestita a lutto, entra dietro alla madre) Si, mama, preferissi fermamm a cà.

Patrizia            Ma scusa, quando l’è che capiterà anmò de troà i negozi avert anca de domenica?

Lucrezia          Dai, mama, sta minga ben che ona vedoa la vaga a fa spes col marii appena mort.

Patrizia            Dipende dal marito. (indica il catafalco) Quesschi el riess a romp i ball anca da mort.

Lucrezia          Ma mama!

Patrizia            E chi bei scarp che t’avevet vist? Son sicura che incoeu ie compra on’altra e ti te restet senza.

Lucrezia          T’el see ch’el Leo l’è on carissim amis.

Patrizia            Si, e soo anca ch’el gh’ha on debol per ti, ma credi no che se voeuna la ghe domada i scarp ch’el g’ha in vedrina, lù ghi a vend no per fatt on piasee a ti.

Lucrezia          El m’ha promettuu che s’el ciami el ven a cà a fammi proà, basta on colp de telefono.

Patrizia            E ‘ste spettet a ciamall?

Lucrezia          Adess, appena te ve via, el ciami.

Patrizia            E te me lasset andà in centro in depermi?

Lucrezia          (andando verso Giacomo e prndendolo sottobraccio) No, el te compagna lù.     

Giacomo         Mi? Ma mi voeuri minga andà a fa spes!

Lucrezia          Dai, hoo pensaa che te farà ben moeuvess on poo, da quand l’è success te see semper staa chi con l’Arturo. Te gh’hee bisogn d’on poo de distrazion.

Giacomo         Ma mi podi no andà via, L’arturo el gh’ha bisogn…

Lucrezia          (spingendolo verso l’uscita di destra) Stoo mi chi con l’Arturo, ti preoccupess no, pensa a svagatt on ciccinin.

Giacomo         (facendo resistenza) Ma l’è el mè miglior amis e poeu…

Patrizia            (lo prende sottobraccio e lo tira energicamente verso l’uscita di destra) ‘Ndemm, su

                        quanti stori, par quasi che te daga fastidi vegnì a spass con mi.

Giacomo         Ma no, l’è minga inscì…

Patrizia            (lo butta letteralmente fuori dall’uscita di destra) E allora ‘ndemm su. (si volta verso la figlia) Te podet daghela a bev a lù, ma no a la toa mama che la te cognoss ben.

Lucrezia          ‘Ste voeuret di?

Patrizia            T’el see ben: te fee vegni chi el Leo con la scusa di scarp e te cascett via numm, cominci a pensà che l’assicurador el gh’aveva minga tutt i tort.

Arturo             (si alza leggermente e guarda verso il paravento con la faccia allarmata)

Lucrezia          Capissi no cosa te see ‘dree dì.

Patrizia            Ma capissi mi. Ciao. (esce)

Lucrezia          (va verso il telefono. Prende la rubrica, cerca il numero, poi telefona e aspetta)

                        Pronto, Leo?… Ciao, si son mi… Te see semper gentil… Grazie, anca a mi me fa semper piasee sentitt… T’hoo ciamà per chi scarp che hoo proà l’alter dì… Si chi li, ho decis de comprai, però al moment podi no vegnì al negozi… voraria minga disturbà… te vegnet chi? E chi l’è che resta in negozi?… No te me fariet propri on gran piasee…. A furia de compliment te me fee diventà rossa, gh’hoo de bisogn anca d’on para de scarp negher… no, fa ti… Va ben te ‘spetti, ciao. (riappende e si sistema i capelli e l’abito)

Arturo             (ha seguito la telefonata in piedi, nascosto dietro al paravento e segue con sospetto i movimenti della moglie)

                        Suona il campanello della porta di destra. Lucrezia esce a destra.

Arturo             Leo di qui, Leo di la, ma chi l’è ‘sto Leo?

Lucrezia          (entra) Si accomodi, prego.

Arturo             (si precipita a sdraiarsi sul catafalco)

Vedova           (entra, vestita in modo eccentrico, ha in mano un’urna cineraria con coperchio)

                        Buongiorno.

Giacomo         (entra dietro alla vedova) La m’ha domandà in doe te stavet e inscì l’hoo compagnada su.

Vedova           (si ferma, toglie il coperchio dell’urna, mette dentro una mano, prende una manciata di polvere grigia e tenendola sul palmo della mano la soffia per tutta la stanza, ripete l’operazione un paio di volte)

Giacomo         (si precipita spaventato verso il catafalco) La polver!!!

Vedova           (verso Lucrezia) Sono la presidentessa del comitato cittadino delle vedove combattenti.

Lucrezia          Vedove combattenti?

Vedova           Si, combattiamo perché cessi la barbara pratica di seppellire i nostri mariti nella nuda terra!

Arturo             (si alza leggermente annusando l’aria e allarga le narici come per starnutire)

Giacomo         (vedendo ciò che sta per accadere si prepara a sua volta per starnutire) Eh… Eh…

Vedova           Noi preferiamo che i nostri cari compagni siano…

Arturo             (starnuta)

Giacomo         (finge di starnutire coprendo il rumore di Arturo)

Vedova           Salute!

Arturo             (starnuta)

Giacomo         (c. s. Poi prende un fazzoletto e si soffia rumorosamente il naso, andando dietro al paravento)

Vedova           Salute! Sa che lei farebbe bene a farsi vedere da un dottore?

Giacomo         (da dietro il paravento) L’è giomò la seconda volta che m’el disen.

Arturo             (starnutisce ripetutamente)

Giacomo         (cerca di coprigli la bocca e intanto fa una serie di rumori con il naso e la gola)

Vedova           (guarda Lucrezia)

Lucrezia          (si avvia verso il paravento) Te see sicur de sta ben? Se te gh’hee bisogn…

Giacomo         (si precipita fuori per fermarla) No, no, sto benone, l’è domà on poo d’allegia. (trona dietro il paravento fingendo di starnutire)

Lucrezia          Savevi no che te soffrivet d’allergia.

Giacomo         Nanca mi.

Vedova           Forse è colpa della mia cenere.

Arturo             (starnuta)

Giacomo         (finge di starnutire) Ecco si, sont allergic a la scendra!

Lucrezia          Ma cosa gh’entra la cenere?

Vedova           E’ quello che cercavo di spiegarle.

Arturo             (starnuta)

Giacomo         (finge e copre con le mani la faccia di Arturo, buttendoglisi letteralmente addosso)

Vedova           (prende sottobraccio Lucrezia) Rappresento tutte le vedove combattenti della città.

Lucrezia          E ‘se gh’entri mi?

Vedova           Lei non è vedova?

Lucrezia          Si, da circa on dì.

Vedova           Per questo sono arrivata subito; è meglio agire in fretta per mettere i nostri avversari con la spalle al muro.

Lucrezia          Ma cosa l’è che l’è ‘dree dì?

Vedova           Semplice, mia cara, voglio bruciare suo marito!

Lucrezia          Cosa?

Giacomo         (spaventato, guarda verso il paravento)

Lucrezia          E perché la voeur brusà el mè marì?

Vedova           Io sono qui per spiegarle i vantaggi di bruciare il marito…

Lucrezia          Certo che dill in che la manera chi, fa on poo impression.

Vedova           Pensi che qualcuna ci ha chiesto se potevamo farlo anche se il marito era ancora vivo. (si siede sul divano)

Lucrezia          Ma è un omicidio!

Vedova           Loro lo chiamavano “favore”. Ma non siamo qui per parlare di queste povere sfortunate, ma per parlare di quelle donne che hanno avuto un compagno splendido e che preferiscono non separarsi del tutto da lui, ma continuare a tenerselo vicino, nella casa dove hanno vissuto felicemente.

Lucrezia          Ma come l’è possibil?

Vedova           Cremandolo e conservandone le ceneri. (accarezza l’urna con amore)

Lucrezia          La voeur dì che quell li l’è el sò marì?

Vedova           Beh, quello che resta.

Lucrezia          E se le porta semper adree?

Vedova           Certo, altrimenti come faremmo a stare sempre insieme?

Lucrezia          Ma allora la polver che la buffava via prima…

Vedova           (annuisce) Pino Amato. Era il suo nome.

Giacomo         Ecco perché se sentiva on profum de resina!

Vedova           No, quello è il profumo della legna su cui è stato bruciato.

Lucrezia          (inorridita) Ghe dann foeugh in su la legna?

Vedova           Certo che no. Ci sono forni appositi, solo che esiste la possibilita di bruciare, assieme alle spoglie, anche una certa quantità di legna aromatica a scelta.

Lucrezia          E perché?

Vedova           Nel mio caso è un motivo pratico: dovendo spolverare mio marito in qualsiasi ambiente mi vengo a trovare, ho bisogno di una certa quantità di cenere.

Lucrezia          Ma le la buffa via el sò marì in qualsiasi post la se troeuva?

Vedova           Certo, solo così sono sicura di avere sempre al mio fianco il mio Amato Pino.

Lucrezia          Da quanto temp l’è vedoa?

Vedova           Quindici anni.

Giacomo         Caspita! Ma quanta scendra l’ha consumaa?

Vedova           Sono quasi vicina al quintale.

Lucrezia          Ma allora ghe sarà capità ona quei volta che invece de buffà via el sò marì l’abbia buffaa via domà scendra de legna.

Vedova           Si sbaglia, perché in tutta la cenere che possiedo è presente la sua essenza.

Giacomo         La famosa essenza di pino.

Vedova           Allora che ne dice, non la trova una soluzione splendida? Pensi al vantaggio di non doversi recare tutti i giorni al cimitero, magari lontanissimo, magari col brutto tempo. A dover spendere un sacco di soldi per il funerale, la lapide, i fiori tutti i giorni, i lumini, per non parlare poi…

Lucrezia          Basta, per carità l’ha giomò dii assee.

Vedova           Allora, lo bruciamo? Posso farle avere delle urne come questa a prezzi stracciati.

Lucrezia          Ci panserò.

Vedova           (si alza, estrae dalla borsa un biglietto da visita enorme) Ecco, qui ci sono tutti i miei possibili recapiti. (andando verso l’uscita di destra) Le assicuro che se dovesse rinunciare alla sepoltura, sarebbe la donna più felice della terra. Stia su di morale; la vedovanza è solo un concetto mentale, suo marito è ancora vivo e vicino a lei più di quanto creda.

Giacomo         E anca de quanto la cred lee.

Vedova           (urlando rivolta al paravento) Arrivederci signore, e si riguardi che con la salute non si scherza.

Giacomo         La se cascia no, che se me malassi seriament, ghe prometti de sposamm prima de morì, inscì podaroo trasformamm in essenza di Giacomo.

Vedova           Bravo! (esce)

Lucrezia          La compagni foeura (si avvia dietro di lei)

Giacomo         (ad Arturo) La t’è passada?

Arturo             A momenti te me suffegavet.

Giacomo         La saria stada la soluzion miglior.

Lucrezia          (rientra) Giacomo…

Giacomo         (esce da dietro il paravento) Son chi.

Lucrezia          La t’è passada l’allergia?

Giacomo         Par de si. Certo che ne riva de gent strana in cà toa, prima l’assicurador, poeu la vedoa matta.

Lucrezia          Chissà chi l’ha mandada?

Giacomo         Per mi l’e staa el beccamort.

Lucrezia          (cambiando discorso) Ma la mia mama doe te l’hee lassda?

Giacomo         (dandosi una pacca sulla fronte) Porca l’oca, me sont desmentegaa. (si precipita verso l’uscita di destra) Adess chi l’è che la sent! L’è giò che la me speta. Ciao! (esce)

Portinaia         (fa capolino dalla porta) E’ Permesso

Lucrezia          (seccata. Tono che avrà anche nel dialogo successivo) Avanti.

Portinaia         (entra. Ha una corona di fiori che porta in maniera comica e irriverente – magari tenedola come una ruota di bicicletta, oppure sottobraccio come un giornale o attorno al collo) Hann portaa questa. (la porge a Lucrezia)

Lucrezia          Grazie. (la va a mettere dalle parti di Arturo)

Portinaia         Ghè giò i beccamort che hinn adree parà la porta. Podi vedell?

Lucrezia          Prego.

Portinaia         (va dietro al paravento, guarda, poi) El stà propri ben. (guardando Lucrezia con malizia) El par nanca mort. (attende una risposta che non arriva) Hinn semper i miglior che se ne vann.

Lucrezia          (sospira commossa) Eh, l’è propri vera, povero Arturo!

Arturo             (gran sorriso verso il pubblico)

Portinaia         L’è mort stanott?

Lucrezia          (torna il tono seccato) Si, intant ch’el dormiva. 

Portinaia         E cosa ghè vegnuu?

Lucrezia          On accident perchè el se vaseva minga i affari sò!

Portinaia         Capissi, capissi...

Lucrezia          A mi me par de no…

Portinaia         Le fa mett al Monumental o a Musocch?

Lucrezia          Che la senta: quand sarà finii tuscoss ghe foo ona relazion scritta su doe l’emm miss, quant emm spenduu e con l’elenco de tutt i nòmm de quei che hin vegnii chi a seccà i perdee. El so nòmm el sarà el prim de la lista, contenta? E adess la me faga el piasee de desfesciamm la cà prima che la casci foeura mi a pesciad in del cuu!

Portinaia         (andandosene) Oh ma che caratter! Adess capissi perché el so marì l’era semper incassaa ‘me on negher…        

Lucrezia          (siede sul divano, e prende il bigliettone da visita lasciato dalla vedova) Comitato delle vedove combattenti. Mah!

Fine secondo atto

ATTO TERZO

La scena è la stessa del secondo atto

 

Lucrezia          (seduta sul divano come alla fine del secondo atto. Si è assopita)

Arturo             (entra di soppiatto dall’uscita di fondo con inmano due mele, un panino e una lattina di birra. Cammina in punta di piedi verso il paravento)

Lucrezia          (parla nel sonno) No, fa no inscì!

Arturo             (che voltava le spalle si blocca spaventato con gli occhi sbarrati verso il pubblico)

Lucrezia          (c. s.) Come te feet a comportatt inscì? Te gh’hee no on poo de compassion?

Arturo             (fermo dov’era deglutisce rumorosamente)

Lucrezia          (c. s.) Basta, ghe la foo pù, ah Leo!

Arturo             Leo? (si volta verso Lucrezia e s’accorge che sta dormendo)

Lucrezia          (borbotta qualcosa di incomprensibile)

Arturo             (si avvicina in punta di piedi e sottovoce) Cosa? Hoo minga capii.

          Suona il campanello.

Arturo             (si blocca terrorizzato, lei continua a dormire. Si gira e in punta di piedi si dirige verso il paravento)

       Suona di nuovo il campanello.

                       

Arturo             (si precipita al catafalco, si sdraia nascondendovi sotto le cibarie)

Lucrezia          (si sveglia) Me sont indormentada. (si alza) E che sogn seri ‘dree fa!

     Suona il campanello più a lungo)

Lucrezia          (esce a destra)

Arturo             Chissà che sogn te fasevet! T’el doo mi el Leo!

Lucrezia          (rientra) Ven denter, Leo.

Arturo             (balza a sedere sul catafalco)

Leo                 (entra. E’ un bell’uomo coetaneo di Lucrezia, ben vestito ha in mano una grossa busta con dentro almeno quattro scatole di scarpe, di cui un paio colarate e le altre nere con tacchi di diversa altezza) Cara Lucrezia, come la va? (baciamano) Hoo sentii de la toa disgrazia. Condoglianze.

Lucrezia          Grazie, Leo, te see semper inscì… inscì…

Arturo             Verme!

Lucrezia          … Delicaa con mi.

Leo                 I fiòr van trattaa con amor e ghè minga on fiòr pussè bell de ti.

Lucrezia          Te see semper come toccà el coeur d’ona dòna…

Arturo             El gh’ha domà de proà a toccà on queicoss d’alter!

Leo                 (comincia a estrarre le scatole dal sacchetto) T’hoo porta i scarp.

Lucrezia          Oh, che pressa, dai settess giò, on guttin de cafè?

Leo                 Si, grazie, on caferin el bevi volentera.

Lucrezia          Voo a preparall. (esce dal fondo)

Arturo             (non sente più alcun rumore, scende dal catafalco e va a spiare da dietro il paravento)

Lucrezia          (si affaccia e ad alta voce) Te scaldi anca on poo de latt?

Arturo             (si precipita di nuovo a sdraiarsi)

Leo                 No, grazie, basta ‘l cafè.

Lucrezia          (esce)

Leo                 (si avvicina lentamente al paravento)

Arturo             (non sentendo alcun rumore si alza e si avvicina al paravento)

Lucrezia          (rientra) El cafè l’è in sul foeugh, te voeuret on biscottin?

Leo                 Mei de no; te see a la mia età gh’hoo de sta attent a certi caprizzi.

Lucrezia          Ma se te paret on gioinott!’

Leo                 Troppo buona. Ti, puttost, te me paret splendida.

Arturo             (al pubblico) Se ved ch’el lùtto el ghe fa ben, el ghe dòna.

Lucrezia          Esagera no, che te me fee diventà rossa. (siede sul divano) Chi, settes giò; te gh’hee temp o te gh’hee de scappà in negozi?

Leo                 (si siede sorridente e le prende la mano) No, ghe pensa la Daniela a sarà su el negozi.

Lucrezia          Ma te see fidet a lassà i ciav a ona commessa?

Leo                 L’è tanto temp che la laora con mi, con lee son sicur. Ma che man fregg che te gh’hee!

Arturo             ‘S’el fa? El tocca?

Lucrezia          Mi gh’hoo semper man e pee gelà.

Leo                 (le prende anche l’altra mano) Lassa che te ie scaldi on momentin.

Arturo             (salta giu dal catafalco) ’Se l’è ch’el voeur scaldà?

Lucrezia          (si alza di colpo e corre fuori) El cafè!

Arturo             (si precipita sul catafalco)

Leo                 (rimasto solo torna ad avvicinarsi al paravento)                               

Arturo             (non sentendo alcun rumore si alza e si avvicina al paravento)

Leo                 (arrivato al paravento, vi appoggia una mano e si volta verso l’uscita per vedere se Lucrezia rientra)

Arturo             (vedendo la mano di Leo, si appiattisce contro il suo lato del paravento)

Leo                 (si affaccia per guardare il catafalco e resta stupito di vederlo vuoto)

Lucrezia          (rientra con il servizio da caffè su un vassoio) Ecco, el sarà no on granche, ma l’è come ‘l te pias a ti: fort da fa resciuscità i mort.

Leo                 L’è no che per caso te ghe ne daa ona tazzina anca a lù? (indica il catafalco)

Arturo             (si tuffa sul catafalco)

Lucrezia          (guarda Leo in un modo strano) Cosa?

Leo                 Disevi se per caso… (si blocca perché girandosi vede Arturo sul catafalco)

                        Me pareva… (andando verso Lucrezia) Me sa tanto che gh’hoo propri bisogn d’on cafè. (prende la tazza, zucchera il caffè e si siede sul divano)

Lucrezia          (appoggia il vassoio su un mobile e siede anche lei sul divano) Come van i affari?

Leo                 Podi minga lamentamm. (beve il caffè e depone la tazzina) Cià che proevum i scarp.

                        (si inginocchia davanti alla poltrona e comincia a aprire le scatole)

Lucrezia          Giust, te see minga vegnì chi per quest?

Arturo             Cominci a ‘vegh on quei dubbi.

Leo                 (prende un piede di Lucrezia e le sfila la scarpa) Ciumbia, te gh’avevet propri reson, te gh’hee i pee gelaa!

Lucrezia          Te l’avevi dii.

Leo                 (comincia a massaggiarle il piede) Cont el pè frecc te podet minga proà i scarp, te perdet la sensibilità.

Lucrezia          Che man bei cald, e come ti ha moeuvet ben.

Arturo             (balza dal catafalco e si mette a spiare)

Lucrezia          (si toglie anche l’altra scarpa e porge il piede a Leo) Te voraree minga fa di differenz…

Leo                 Me ne guardi ben. Qual è che te voeuret proà per primm?

Lucrezia          Prima el doer; proemm quei negher.

Leo                 Con che altezza de tacch te voeuret comincià?

Lucrezia          Alto

Leo                 Hin quei pussee femminil. (gliele infila)

Lucrezia          (si alza, fa qualche passo guardandosi le scarpe) ‘Se te’n diset?

Leo                 Te stan d’incant, te slancen la figura.

Lucrezia          (c. s) Si ma podi no andà adree al funeral con ‘sti tacch. Proemm con on tacch pussee bass.

Leo                 (le infila il paio col tacco medio) Questi me par che vaghen ben.

Lucrezia          (si alza, fa qualche passo guardandosi le scarpe) Hinn bei moresin e me sforzen minga el pee. Hinn bei de vedè?

Leo                 Cont i bei gamb che te gh’hee, ghè minga scarpa che la te staga mal.

Arturo             (va a recuperare le mele che ha nascosto) Adess ghe tiri on pomm in del copin.

Lucrezia          Te parlet a la dòna che ghè denter de mi o alla dòna che la gh’ha de compraa i scarp?

Arturo             Fa anca la civetta, spetta che resuscito e poi…

Leo                 Parli a la dòna che la gh’ha di gamb fantastich, e te assicuri che, cont el mè mestee, de gamb ne vedi tanti.

Lucrezia          Te m’hee convint: ciapi questi che me paren l’deal.

Leo                 Ottima scelta! Adess proeuvom quei che te piasen inscì tanto?

Lucrezia          Sicur. M’hinn restaa in del coeur da quand i hoo vist. (si siede)

Arturo             Per forza ghè minga post per mi; el sò coeur l’è pien de scarp!

Leo                 Podi minga datt tort; hinn propri bei. (estrae un paio di scarpe colorate e gliele infila)

Lucrezia          Spetta, podi no provai vestida a lutto. Voo a cambiamm. (esce dal centro)

Leo                 (si alza e si avvicna al paravento)

Arturo             (intuendone le intenzioni, corre a sdraiarsi, nascondendo una mela tra le gambe e l’altra, preso dal panico se la mette inbocca)

 

Leo                 (guarda dietro al paravento e vedendo Arturo si tranquillizza ma, mentre sta per tornare indietro si accorge della mela in bocca e, strabiliato, si avvicina per controllare)

Lucrezia          (da fuori) Leo, gh’hoo on problema con la lampo del vestì, te podet vegnì a damm ona man?

Leo                 (dimenticando la mela e fregandosi le mani dalla contentezza si avvicina all’uscita di fondo) Rivi subit! Ma ‘se ghe foo mi a i dònn? (esce)

Arturo             (allarmatissimo balza dal catafalco, recupera le due mele e circospetto si avvicina all’uscita di fondo) Podi minga credegh, in cà mia e in mia presenza fann ‘sti ròbb?

                        Ma mi el coppi cont on pomm! (comincia a far saltare in mano una mela)

Pina                 (entra da destra e si ferma con gli occhi sbarrati a guardarlo)

Arturo             (vedendola si ferma ache lui a guardarla con gli occhi sbarrati)

Pina                 La frutta!

Arturo             (ricordando) Ma certo la macedonia volante! (si fa saltare le mele nelle mani)       

Pina                 Anche te come l’Ercole?

Arturo             Certo, a numm ghe pias fa girà la frutta! (le si avvicina minaccioso)

Pina                 (spaventata comincia a urlare) Aaaahhh!!!

Arturo             (si avvicina preoccupato) Shh, vosa no!

Pina                 (comincia a correre per scappare da lui) Aaahh il fantasma! Lasciami in pace spirito! Aaahh!

Arturo             (inseguendola) Muchela de vosà, per carità vosa no!

Lucrezia          (da fuori) Chi l’è che vosa?

Pina                 (sentendo Lucrezia si precipita all’uscita di centro)

Arturo             (torna sul catafalco)

Lucrezia          (entra in vesaglia e con tono paziente) Doe, sciora Pina, doe l’è?

Pina                 E qui che fa girare le mele!

Lucrezia          Ma chi ghè nissun!

Pina                 (ispeziona la stanza e guarda dietro il paravento)

Leo                 (entra e guarda Lucrezia in modo interrogativo)

Lucrezia          (gli fa segno che è matta)

Pina                 Eppure era qui. Ci devo avere dei poteri particolari se riesco a vedere quello che gli altri non vedono.

Lucrezia          L’è sicurament inscì. Perché la va no a cà soa a vedè se L’Ercole l’è ‘dree a fa girà la frutta?

Pina                 Devo essere arrivata al punto di vedere anche l’Ercole, pronta per ‘st’esperienza mistica…

Lucrezia          (spingendola verso l’uscita) L’è certament come la dis lee, adess però la vaga a cà soa acontinuà i esperiment. (esce con la Pina per rientrare subito dopo) Hoo sprangà la porta se de no che la matta lì la se ripresenta cont on’altra di sò invenzion.

     Suona il campanello

Lucrezia          Oh no, la sarà minga anmò lee!

Leo                 Basta dervì no.

Arturo             Te piasaria eh? Ma ti te la cognosset no. La derva de sicur!

Lucrezia          Te gh’hee reson, mei dervì no.

Arturo             (sbigottito) EH?

    Suona il campanello

Lucrezia          L’arturo el gh’aveva reson riguard a la sciora Pina.

Arturo             Me toccaa morì per sentimm dà reson da la mia miee.

Leo                 Ma chi l’è ‘sta sciora?

Lucrezia          Ona vedoa che l’è convinta de parlà col sò marì.

    Suona il campanello

Lucrezia          (esce a destra) Podi minga lassala foeura de l’uss.

Arturo             Vorevi ben dì, figuremess se cognossi no la mia miee.

Lucrezia          (rientra) Prego, el vegna denter, ch’el me scusa per la vestaglia ma spettavi nissun.

Becchino         (Entra con una valigetta nera tipo dottore) Che la se preoccupa no, sciora, sono l’impiegato delle pompe funebri.

 

Lucrezia          Me ricordi de lù, l’era in uffizi l’alter dì.

Becchino         La gh’ha de scusà se hoo minga poduu vegnì ier quand el mè collega ha preparato la cara salma.

 Lucrezia         Savevi no ch’el doeva vegnì anca lù.

Becchino         Fa parte del pacchetto “Diletto congiunto” che lei ha richesto e che, a mio modesto avviso l’è vun di miglior.

Lucrezia          El me spiega mei in cosa el consist?

Becchino         L’è on argoment un poo’ delicaa che a volte urta la suscettibilità dei parenti.

 

Lucrezia          Cioè?

Becchino         (appoggia a terra la borsa e ne estrae una grossa siringa contenente un liquido giallognolo) Doaria praticà el trattament alla cara salma.

Lucrezia          (inorridita) Oh, Dio!

Leo                 Ossignur!

Arturo             (si alza preoccupato)

Lucrezia          Ma ‘se accident a l’è chel ròb li?

Leo                 El fa on’impression…

Arturo             (si avvicina al paravento per spiare)

Becchino         Ghè nient de preoccupass, quesschi el serv ad iniettare un liquido medicinale nel corpo della cara salma.

Lucrezia          Ona siringa! E come l’è grossa!

Becchino         (estrae dalla borsa un camice verde e una mascherina che si applica sulla bocca)

                         Gh’avii no de procupass. Questo che vedete non è un normale apparecchio per iniettare liquidi attraverso la pelle. Usa un sistema diverso.

Lucrezia          Cioè?

Becchino         (imbarazzato) Anche se la cara salma è defunta, le sue cellule hanno continuato a vivere per un certo tempo, producendo delle scorie che l’organismo riesce comunque a considerare nocive e quindi cerca di espellerle. Ora, se non si controlla questa evacuazione, essa potrebbe avvenire in qualsisi posto e in qualsiasi momento.

Lucrezia          Ch’el me scusa, ma per “scorie” l’intend quell che pensi mi?

Becchino         Propri inscì, sciora.

Lucrezia          Ma allora quell ch’el gà de fa… l’è ona peretta!

Becchino         Preferisco non usare quel termine, sa, la gent l’è molto permalosa.

Leo                 Ma come mai inscì… inscì…

Becchino         Grossa? Beh, considerato che la cara salma non è più in grado di sentire dolore, preferiamo andare sul sicuro utilizzando strumenti equini.

Arturo             (sbarra gli occhi atterrito)

Lucrezia          In pratica l’è ‘dree a dì che al mè mari el ghe farà on clisteri de cavall?

Arturo             (preoccupatissimo cerca un posto dove nascondersi o un via di fuga)

Becchino         Le assicuro che è tutto per il bene della cara salma.

Arturo             Toa sorèla!! Chela roba lì te se l’infilet ti, ami te me ciapett no de sicur.

Lucrezia          Capissi, ma l’è propri necessari doperà ona roba inscì grossa?

Arturo             Meno mal che ghè resta anmò on ciccinin d’amor!

Becchino         Podi capì benissim la sua reticenza inizial, ma ghe assicuri che ona volta vist el risultaala sarà propri contenta.

Lucrezia          Se le dis lu…

Impigato         Allora posso procedere?

Arturo             No!

Lucrezia          Si!

Becchino         Grazie! (prende la borsa e si avvia verso il paravento)

Arturo             (sempre più atterrito fissa il paravento trattenendo il fiato)

Leo                 On moment!

Arturo             (sospira di sollievo)

Leo                 Ch’el spetta on moment. (comincia a raccogliere le scarpe rimaste e a metterle nel sacchetto) Voeuri minga vess chi quand succederà… (a Lucrezia) Questi allora i ha porti via…

Lucrezia          Grazie, passaroo in negozi a saldà.

Leo                 Quand te voeuret, te see semper ben accetta. Ciao. (al Becchino) se vedom, anzi mei de no. (esce)

Becchino         Posso procedere, signora?

Lucrezia          Prego.

Arturo             Ma come prego! Adess te rangi mi. (si sdraia sul catafalco)

Becchino         Farò in un attimo (gira dietro il paravento)

Lucrezia          (si siede trattenendo a stento le risate)

Becchino         Si sistema dietro il catafalco in modo da essere rivolto verso il pubblico. Estrae dalla borsa un telo che stende ai piedi del catafalco, poi mentre si gira e prende la siringa)

Arturo             (si alza e gli fa le boccacce)  

 

Becchino         (si blocca e lo guarda inespressivo)

Arturo             (vedendo che non c’e reazione, riprende a fargli boccacce, poi si rimette giù)

Becchino         (senza cambiare espressione, raccoglie la sua roba, si toglie camice e mascherina e infila tutto nella borsa. Si avvia all’uscita di destra)

Lucrezia          (Vedendolo passare) Già fatto?

Becchino         (senza cambiare espressione e senza dire una parola esce)

Lucrezia          (si alza e ridendo segue con lo sgardo il Becchino) Ciumbia! L’è staa propri de parola! L’ha faa in d’on moment! (poi si nasconde dietro la poltrona in modo da non essere vista)

Arturo             (non sentendo più alcun rumore, si affaccia al paravento e, non vedendo nessuno, va verso l’ucita di centro e sempre guardingo esce)

Lucrezia          (corre a sdraiarsi sul catafalco)

        Suona il campanello

Arturo             (torna precipitosamente in scena, ma è costretto a uscire di nuovo dal centro perché entra Patrizia)

Patrizia            (entra da destra)

 

Giacomo         (entra dietro di lei) Perché te m’hee fa sonà se te gh’avevet i ciav?

Patrizia            Per minga disturbà, e poeu la porta l’era verta. (lascia la borsetta sulla poltrona e va verso l’uscita di centro) Foo in d’on moment, dopo riprendom el noster gir. (esce)

Giacomo         (gridandole dietro) Veramente la me scappava pussee a mi! (si avvicina al paravento. Guarda e vede Lucrezia e comincia ad agitarsi)

Patrizia            (rientra) Ma la Lucrezia la ghè no…

Giacomo         (la prende per le spalle e la spinge verso l’uscita di destra) Si, l’è ‘ndada foeura, andemm a cercalla de corsa, magari la gh’ha bisogn de numm…

Patrizia            Ma son non anmò ‘ndada in bagn, e poeu te gh’avevet minga bisogn anca ti?

Giacomo         (uscendo e tirandosi dietro Patrizia che lascia la borsetta sulla poltrona) Dopo, adess l’è pussee important andà foeura… (escono)

Lucrezia          (scende dal catafalco e si avvicina al paravento)

Arturo             (rientra circospetto e non vedendo nessuno va a nascondersi dietro al paravento)

Lucrezia          (vedendolo si nasconde dietro al catafalco)

Patrizia            (rientra) Figuremess se podi andà in gir senza la mia borsetta…

Arturo             (vede la suocera e va a sdraiarsi sul catafalco)

Giacomo         (rientra e molto impaziente) Dai, andemm!

Patrizia            (si ferma pensosa) Però, strano che la sia minga in cà…

Giacomo         (c. s.) La sarà andada a ciapà on poo d’aria, andemm donca?

Patrizia            No, ghè on queicoss che va no, se l’è ‘ndada foeura come mai la lassa avert l’uss?

                        (andando verso il paravento) La se sarà minga indormentada chi dedree…

Giacomo         (c.s. Si precipita fra lei e il paravento) No!!!

Patrizia            No, cosa?

Giacomo         L’è minga chi dedree!

Patrizia            (lo allontana con una spinta) Ti a furia de frequentà l’Arturo te see ‘dree diventà scemo anca ti. (si affaccia al paravento e vede Arturo)

Giacomo         (si mette le mani nei capelli disperato)

Patrizia            (lo guarda strano)

Giacomo         Podi spiegà tuscoss…

Patrizia            Ecco, bravo, spiega.

Giacomo         La gh’ha present la vesina coi fenomen paranormal?

Patrizia            Ma che ròba, paranormal? T’hee guardà prima, ecco perché te savevet che li la gh’era no.

Giacomo         Cosa savevi?

Patrizia            Che de là la Lucrezia la ghè no.

Giacomo         (incredulo) La ghè no? L’è minga li? (si precipita, dietro il paravento e, vedendo che è tutto normale) La ghè no… (ridendo isterico) L’è no… hi.. hi… Voo al cess. (esce dal centro)

Patrizia            (a bocca aperta lo guarda uscire)

Arturo             (scende dal catafalco e va a spiare da dietro il paravento)

Lucrezia          (esce da dietro il catafalco e urla) Arturo!!!

Arturo             (spaventato esce dal paravento urlando) Aaahhh!

Patrizia            Aaahhh… (e vedendo Arturo sviene)

Lucrezia          (corre verso la madre) Mama… mama…

Giacomo         (rientra di corsa e si blocca davanti alla scena che vede)

Lucrezia          (china sulla madre le fa aria con la mano)

Giacomo         (riprendendosi dalla sorpresa) E’ tornato in vita! Miracolo!

           

Arturo             (capendo al volo) Si, son tornato in vita! Miracolo!!

                         

Lucrezia          Avii finii de fa i scemi? E ti, Giacom, damm ona man.

Arturo             (a Lucrezia) Ma te capisset no che son tornaa in vita?

Lucrezia          Adess se te la pientet no, te foo morì mi a sberlottoni. Iuttom a portalla in sul lett.

Patrizia            (riprendendosi) L’hoo vist anca mi, come la vesina, l’hoo vist!

Giacomo         (aiutato da Arturo solleva Patrizia e, seguiti da Lucrezia, escono verso il centro)

Lucrezia          (rientra seguita da…)

Arturo             (mogio) Allora te savet tuscoss?

Lucrezia          Certo che savevi tuscoss! Domà ona scema te podevet imbroià con ona storia simil.

Arturo             E allora perché te m’hee lassà andà avanti?

Lucrezia          Seri curiosa de vedè in doe te vorevet andà a parà. E poeu l’è stada ona roba divertent, specie quand el beccamort el voreva fatt el trattament. Hoo fa ‘na fadiga a minga s’cioppà a rid…

Arturo             (ridendo) Te doevet vedè che faccia el gh’aveva quand hoo comincia a fa smorfi a tutt andà. Credi de vess staa la prima cara salma a trattal inscì.

Lucrezia          (ridendo) E da come l’è ‘ndà via son sicura che l’è ‘ndaa a da i dimission.

Arturo             (c. s.) E la Pina? L’era on spettacol quand l’ha m’ha vist in pee con in man i pomm.

                        (facendole il verso) Come l’Ercole, come l’Ercole.

Lucrezia          (c. s.) Adess come femm a fagh savè che te see resciuscitaa?

Arturo             (tornando serio) A proposit, te see perché gh’avevi in man i pomm?

Lucrezia          Te gh’avevet famm?

Arturo             Si. Ma poeu hoo cambià idea e vorevi tiratti adree a ti e a chel Leo del…(intuendo improvvisamente) Ma allora anca la question di scarp, la cerniera e tutt el rest, l’era

                        tutta ona messa in scena?

Lucrezia          Ti te vorevet mettom a la proeuva con la toa mort e mi ho vorsuu mettett a la proeuva con la gelosia.

                        Sent, parlemess ciar: tutta ‘sta faccenda l’è servida a dervinn i oeucc su tutt quell de bell che serom adree traa via con i noster comportament.

Arturo             E quindi?

Lucrezia          La prima roba de fa l’è ciamà el Leo.

Arturo             (stupito e sospettoso) Cosa?

Lucrezia          Soo che lù el cognoss on ferree che per pocch danee el ne cambia la serradura a la porta.

Arturo             Te voeuret di che…

Lucrezia          Che i ciav de cà nostra gh’hann dev’ess domà noster.

 

Arturo             (l’abbraccia sollevandola e facandola ruotare) Vareva la pena de tutta ‘sta messa in scena se el risultaa l’è quest!

Giacomo         (rientra) Vedi che ghè ‘ndaa tutt a post.

Arturo             Ven, ven anca ti a fa festa: l’è minga andada come previst, ma el risultaa l’è ancamò miglior.

Lucrezia          ‘Me la sta la mama?

Giacomo         Le ‘dree a riprendes. Beh, adess podi anca andà.

Lucrezia          Spetta on attim, che la mama la podaria avegh bisogn de ti. ‘Rivum subit. Dai, Arturo, andemm a tegni compagnia a la mama.

Arturo             Mi tegnì compagnia a la suocera?

Lucrezia          (lo guarda in modo significativo)

Arturo             (intuendo) Vegni, vegni a tegni compagnia a la cara suocerina. (escono)

Giacomo         (si siede stancamente, si fa aria con un giornale) Meno mal che lè finida ben se de…

Vedova           E’ permesso? (entra, sempre con l’urna in mano) Allora lo bruciamo o no?

Giacomo         (salta in piedi allarmato) Ammò? No, ghè pù de bisogn; Lazzaro è risorto.

Vedova           Come risorto?

Giacomo         Si, era un caso di morte apparente.

Vedova           Che peccato… Possibile che gli uomini devono sempre rovinarti la festa?

Giacomo         Senta, perché la va no a cercà on qeuidun d’alter de brusattà?

Vedova           (lo guarda da capo a piedi con un certo interesse) Lei è un amico?

Giacomo         Si, perché? La vorarà minga brusamm mi al so post.

Vedova           Ma no, certo che no. (civettuola) E poi lei è così un bell’uomo…

Giacomo         (si guarda con con aria schifata)  L’è no che lee oltre a vess vedoa l’è anca un ciccin sguercia per caso?

Vedova           (c. s.) Ci vedo benissimo sai? E quelli come te… (con voce roca) mi fan perdere la testa.

Giacomo         Capissi che dopo tanti ann de vedoanza ma…

Vedova           Come ti chiami?

Giacomo         (imbarazzato) Chi? Io?

Vedova           (spazientita, battendo un pide a terra) E chi se no?  

Giacomo         (sussulta) Giacomo.

Vedova           Dio, che nome sexy! E…sei vedovo anche tu?

Giacomo         Ehm.. no. Signorino.

Vedova           Strano, così un bell’uomo…

Giacomo         (la guarda bene da capo a piedi) Ma la sa che anca lee l’è minga de traa via? Anzi…

                       

Vedova           (gli si avvicina, lui arretra. Con voce sensuale) Hai paura di me?

Giacomo         Propri de lee no, ma  la soa mania de brusà la gent…

Vedova           (sempre più vicina, lui sempre più indietro) Ma tu non sei mica mio marito e poi sei tutt’altro che morto.

Giacomo         Anca quest l’è vera…

Vedova           Cosa fai questa sera?

Giacomo         Chi? Io?

Vedova           (spazientita, battendo un pide a terra) E chi se no?  

Giacomo         (sussulta) Ecco… io dovrei…

Vedova           (prende il suo biglietto da visita che è rimasto su un tavolino e glielo sbatte in mano) A casa mia. Alle otto. (si avvia per uscire)

Giacomo         Mi son de bocca bòna eh, l’unica ròba che me pias no…

Vedova           (si ferma) E chi ha parlato di mangiare? (si riavvia)

Giacomo         (inghiotte rumorosamente) Ma… ma ci sarà anche… l’essenza di Pino?   

Vedova           (che è arrivata alla porta accanto alla quale c’è un portaombrelli. Si ferma, poi con gesto teatrale ci lasia cadere dentro l’urna) Al diavolo Pino! (esce sbattendo la porta)

Giacomo         (a bocca aperta guarda verso il pubblico)

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno