Conversione ad U

Stampa questo copione

Conversione ad “U”


Commedia in due atti

 di

Luciano Medusa

Personaggi:

Giuseppe Accurso:        

Maria:            

Augusto Accurso:         

Olga Giuliva:            

Raffaele:               

Pupella:                 

1° Atto

Scena: Salotto–tinello medio borghese; in fondo un’ampia portafinestra lascia intravedere un ampio giardino; sulla destra c’è la porta d’ingresso, sulla sinistra un disimpegno che porta nelle altre stanze; divano, tavolo, sedie, parete attrezzata con televisore e impianto stereo, c’è un telefono cordless in giro per la stanza… tutto questo coperto e tappezzato da quadri sacri e statuette di santi, candele, vasetti con fiori e ceri, un po’ dappertutto. Un quadro raffigurante San Giuseppe impera su tutti. All’apertura del sipario Maria è intenta a sfuggire alle lusinghe di Raffaele…

Maria

(continuando una fuga e un discorso già iniziato) … Rafè basta!… Ferniscela, io non sono una santa… si fai accussì, va a finire che cedo!

Raffaele

(incalzante) E quanno!?… Marì, tu hè ‘a fa chello che ddico io… nun dà retta a chillu fesso ‘e tuo marito, si vai appriess’ a isso farai per sempre quello che ti sta costringendo a fare da più di quattro anni: la sepolta viva.

Maria

(c.s.) Tu mi devi lasciar stare… la carne e debole… io ho fatto la promessa davanti a Dio… non posso fare diversamente, lo vuoi capire o no!?

Raffaele

(c.s.) Se ci sta qualcuno che deve capire qualcosa quella sei tu! Ma come fai a non capire che la vita è un’altra cosa, la vita non è questa che ti sta facendo fare tuo marito… la vita non è privazione e stento, tu te stai facendo pell’ ‘e ossa, tu hai bisogno di soddisfazione… tu hai bisogno di goderti la vita…

Maria

(c.s. lo interrompe trasalendo) Nun dicere ‘sta parola!

Raffaele

(c.s.) E io, invece ‘a dico! Non solo, la grido anche: devi godere, devi godere, devi godere! (guarda l’orologio) A quest’ ‘ora nun ce sta nemmeno mia moglie. Stamme sule io e te, putimmo fa tutto chello che ce pare e piace! Marì ‘a vita è bella e quell’incosciente di Peppino te sta impedendo di vivere. Tu, quatte anne fa, prima dell’incidente di tuo marito, eri una madonna, a ggente che te vedeva ‘e passà, poco ce mancava che se facev’ ‘a croce; i negozianti uscivano dai negozi per guardare le tue meravigliose curve e pe’ sentì, almeno, l’alone del tuo odore, del tuo profumo e mo, guarda che sì addeventata!?  ‘Na tavola ‘e ponte chin’ ‘e pile, ianca comm’ ‘a ‘na busta ‘e latte e per giunta, pure nu poco puzzolente!

Maria

Puzzolente!?

Raffaele

Si, puzzolente! Da quando, quell’imbecille, non ti fa usare il sapone, sei pure un po’ puzzolente. Tu eri una gardenia, una camelia, una rosa e adesso sei diventata ‘nu scior’ ‘e cucuzziello arrepecchiato e muscio!

Maria

(piangente) No, scior’ ‘e cucuzziello no!

Raffaele

(incalza) Si, scior’ ‘e cucuzziello si! Ma a chi aspiette, viene cu’ mme… almeno, se non puoi godere per tutta la vita, godi per un poco, fallo fesso a ‘stu piezz’ ‘e scemo. Concediti, ogni tanto, un po’ di piacere, vieni con me e per mezz’ ‘ora ti farò provare quello che Peppino non sa e non vuole farti più provare: il godimento!

Maria

(decisa) Rafè basta! Non posso. Dio sa quanto vorrei, ma Dio sa anche che non posso. Tu mi conosci, noi siamo cresciuti insieme… chi più di te sa come la penso… tu mi devi capire… tu… tu sei… sei mio fratello. L’ho promesso a Peppino, davanti a Dio, e cu’ Ddio nun se pazzea.

Raffaele

Ma che dici? Secondo te Dio s’ ‘a piglia a male si tu viene a casa ‘e frateto a te mangià ‘nu bellu piatto ‘e paccheri cu’ ‘a salsa e ‘a ricotta!?

Maria

(si sente mancare, traballa, si siede) Rafè, nun annummenà ‘sti ccose fallo pe’ so-sora toia!

Raffaele

Dio se piglia collera se un fratello vuole che la sorella mangi? Che goda i piaceri della tavola, delle belle e buone cose che Dio stesso ha creato e che il marito, pur avendo soldi e disponibilità le nega? Viene cu’ mme, te faccio pure ‘na custatella ‘e maiale cu’ ddoje mulegnanelle sott’ ‘uoglie!

Maria

No! Ferniscela!

Raffaele

L’ha mise mia moglie cu’ ‘e mmane soje!

Maria

(c.s. al limite della sopportazione) No, ‘e mulegnanelle no!

Raffaele

(incalza) Cu’ ‘nu cuzzetiello ‘e pane cafone appena asciuto da ‘o furno!

Maria

Basta, Rafe’!

Raffaele

L’ha sfurnato mia moglie cu’ ‘e mmane soje!

Maria

(c.s.) No, ‘o pane cafone no!

Raffaele

(c.s.) E ‘nu bicchiere ‘e aglianico russo comm’ ‘o sango ca tenimme dint’ ‘e vvene!

Maria

(c.s.) No, l’aglianico no!

Raffaele

L’ha travasato mia moglie cu’ ‘e mmane soje!

Maria

Rafe’ no! E dici a tua moglie ca ciuncass’ ‘e mmane!

Raffaele

Noi dobbiamo godere! Nun ‘o dà retta a chillu scemo e bizzuoco ‘e mariteto. Ddio ha creato tutte ’stì ccose pe ce fa capì ca isso è grande! ‘Nu piatto e maccarune al ragù è grande? E Isso è cchiù grande! ‘Nu capretto arrosto è grande? Isso ancora ‘e cchiù! ‘Na bistecca ai ferri, ‘nu piatto ‘e vermicielle cu’ ‘e frutt’ ‘e mare è grande? Isso è mille, diecimila, un miliardo, infinitmente più grande! Rifiutare e non apprezzare tutte queste cose è offendere ciò che Lui ha creato!

Maria

(al limite della sopportazione, con l’acquolina in bocca) Invece dei paccheri putimme fa dduje manfredini?

Raffaele

(assecondandola, partecipa al godimento) Si, te faccio ‘e manfredini, accussì ‘a ricotta s’azzecca attuorne attuorn’ ‘e manfredini…

Maria

(c.s.) … E ‘a costoletta ‘e maiale, me la devi dare con l’osso, pecchè, tu ‘o ssai, io ‘a piglio cu’ ‘e mmane e m’ ‘a spuzzelo  chianu chiano…

Raffaele

(c.s.) Spuzzelia quando vuo’ tu!

Maria

(c.s.) ‘E mulignanelle, m’ ‘e pozzo mettere dint’ ‘o cuzzetiello ‘e pane cafone?

Raffaele

(c.s.) Si, puo’ fa chelle che vuo’ tu. Te puo’ pure nzuppà ‘o ppane direttamente dint’ ‘o vasetto d’ ‘e mulignane…

Maria

(c.s.) No!… Na cos’ ‘a vota! Tu me vuo’ fa murì!? Rafè, ‘o vino, l’aglianico, m’ ‘o pozzo vevere direttamente ‘a vicin’ ‘o fiasco?

Raffaele

(c.s.) Tutto quello che vuoi! Tu sì ‘a padrona. Viene cu’ mme, nun perdimme cchiù tiempo.

Maria

(risoluta e decisa) Nun ce ‘a faccio cchiù, puorteme addò vuo’ tu! (i due si avviano verso la porta di destra)

Giuseppe

(entra da destra, ha un piccolo sacchetto di plastica e un grosso mazzo di fiori) Buongiorno!

Raffaele

(i due si bloccano, a Maria, con disappunto e delusione) Ha chiuso‘o ristorante. (a Giuseppe) Buongiorno Peppì.

Giuseppe

Rafè, tu stai qua? Bravo, ogni tanto vieni a trovare la tua sorellina, tu sei un bravo giovane, bravo.

Maria

Hai fatto la spesa?

Giuseppe

Si, ecco, tieni. Oggi, non so’ cosa mi è successo, ho comprato qualcosa in più. (le porge il sacchetto e posa i fiori sul tavolo)

Raffaele

(si trova tra i due e fa il passamano, soppesa il sacchetto, con delusione) In questa busta c’è tutto il pranzo di oggi?

Maria

(sofferente e paziente) No… c’è anche la cena.

Raffaele

(amaramente ironico) Cercate di non appesantirvi troppo, va a finire che la notte, non riuscite a prendere sonno.

Giuseppe

Hai ragione. Stanotte nun so’ riuscito a durmì bbuono, me so’ avutato e girato mille vote dint’ ‘o lietto e lo stomaco mio faceva “qua qua qua, qua qua qua!” Secondo me ieri abbiamo mangiato troppo pesante?

Maria

Pesante!? Duje cucchiare ‘e pastina acen’ ’e pepe in un finto brodo, ‘na meza mela e ‘nu bicchier’ acqua ‘e serino è pesante!?

Raffaele

(c.s.) Allora era ‘a meza mela ca, se steve facente ‘na nuotata dint’ ’o finto brodo e dint’ ’all’acqua ‘e serino. (mima una nuotata) Qua qua qua...

Giuseppe

Nun fa ‘o spiritoso! L’uomo deve mangiare per nutrirsi. È buona regola alzarsi da tavola, sempre, con un po’ di appetito. Nostro Signore non ci ha dato le cose per farcele sprecare. Come fai ad abboffarti quando nel mondo c’è gente che muore di fame? Bisogna mangiare il giusto, e il giusto è la quantità che ci permette di vivere. (si rivolge al quadro di San Giuseppe) è vero Peppì? (come se ripetesse una frase di qualcuno) “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte…”

Raffaele

È buona regola avere la forza di alzarsi dalla tavola. Comunque, questi non sono fatti miei.  Sia fatta la volontà di San Giuseppe! Che vi devo dire: contenti voi! (fa per andarsene)

Giuseppe

Che fai, te ne vai?  Resta a pranzo con noi. Io stamattina ho preso un poco di roba in più. (estrae dal sacchetto nelle mani di Maria) Ho preso tre pummarulelle do’ piennele pe’ fa na bella sarzulella, 150 grammi e vermicielle, pe’ ‘o primmo. Pe’ ssicondo, avevo preso una scatoletta di tonno pe’ me e pe’ Maria, ma poi ho pensato: “mo ne piglio ddoje, non si sa mai!” e bbuon’ ‘aggia fatto, quello è stato San Giuseppe che mi ha consigliato, accussì, se resti le apriamo tutt’ ‘e due. 

Raffaele

(ironico) Tutt’ ‘e ddoje!? S’avessa piglià collera San Giuseppe?

Giuseppe

No, (rivolgendosi al quadro) Peppin’ ‘o ssape che noi, ogni tanto, ci diamo alla pazza gioia.

Raffaele

(c.s.) Scusami, ma non posso restare, io non sono abituato a queste botte di vita, va a finire che non resisto e rimango sott’ ‘a botta. No!… vi lascio soli, mia moglie mi starà aspettando.

Giuseppe

Già, tua moglie! Chiamala, fa venire pure lei. Come si dice: “addò mangiano tre mangiano quatte!”

Raffaele

(ironico) Mia moglie, purtroppo sta a dieta, se viene a pranzo qua, la costringi ad interrompere la dieta. (serio, a parte, a Maria) Ma… me sta sfuttenno!?

Maria

No… chist’ ‘è ‘o guaio!

Raffaele

(risoluto) È meglio ca me ne vaco. (mentre sta per andarsene, tra se) So’ cos’ ‘e pazze… addo’ mangiano tre, mangiano quatte…  quatte?… Quatte furmiche! Ma nun fernesce ccà… nun fernesce ccà! (esce da sinistra)

Giuseppe

Ma tu guard’ ‘a chisto!? Uno lo invita a pranzo e chilo si altera pure! Va a fa ‘o bbene, va!

Pupella

(è la perpetua della parrocchia del paese, veste di nero, entra, timida) È permesso?

Giuseppe

(positivamente sorpreso) Sorella Pupella! Che piacere. Entra, accomodati.

Maria

(le prepara la sedia) Buongiorno. Come mai da queste parti? È successo qualcosa?

Pupella

No! Che vuo’ fa succedere? (pettegola) Aggia visto a Raffaele tutto agitato, ma ch’è succieso?

Maria

Niente, le solite cose. (indicando Giuseppe) Non riesce a capire mio marito.

Pupella

Ce vulesse n’atu miracolo! (segnandosi davanti all’immagine di San Giuseppe) San Giuseppe avessa pensà pure nu poco a isso. Comunque, qui mi ha mandato il parroco. Ha ritto: “ Va tu, dincelle tu, ca si vaco io la cosa assume altre dimensioni”!

Maria

(non capisce) La cosa?... Qua’ cosa?

Pupella

La cosa!

Maria

‘A cosa ‘e chi?

Pupella

‘A cosa ‘e nisciune! La cosa che so’ venuta a dicere.

Maria

E quanno ‘a rice?

Pupella

(infastidita) Se sorella Maria mi dà il canzo… io la “dicio”, se no come la “dicio”?

Giuseppe

Ave ragione. Maria falla parlare. Comunque don Armando puteve venì pur’ isso!? Ne approfittavamo ce diceveme nu bellu rusario insieme.

Pupella

Chiste so’ tuoste! Don Armando non vuole dire con la sua bocca la cosa e ha mandato a me, con la mia, per direcela… per divervela… (risoluta) pe’ v’ ‘a ricere!

Giuseppe

E dilla.

Pupella

Fratello Giuseppe, ma ch’hè cumbinato?

Giuseppe

Sorella Pupella, spiegati meglio.

Pupella

Le statuette che don Armando ti ordinò…

Giuseppe

(pronto) Le ho consegnate ieri pomeriggio.

Pupella

Bravo! E che c’hè purtate?

Giuseppe

Trecento statuette di San Giuseppe.

Pupella

Si!? Ma tu l’hè viste?

Giuseppe

Veramente no. Se n’è occupato Luigino, il mio dipendente, lui le ha fatte, le ha imballate e le ha spedite. Perché, non sono state fatte bene?

Pupella

Fratello Giuseppe, San Giuseppe ce sta…

Giuseppe

E allora?

Pupella

Ma sta pure Gesù bambino.

Giuseppe

Gesù bambino!? E non ci doveva stare. Io glielo dissi a Luigino “San Giuseppe col bastone col giglio”!

Pupella

Ma llà, nun ce sta né ‘o bastone né ‘o giglio.

Giuseppe

E che ce sta?

Pupella

San Giuseppe cu’ Gesù bambino ‘ncopp’ ‘e coscie…

Giuseppe

‘Ncopp’ ‘e coscie!?

Pupella

A panza sotto cu’ ‘o culetto a fora!?

Giuseppe

Uh, Gesù!

Maria

Chist’ è Luigino! Quando ce l’hè ritto chissà che avarrà capito.

Giuseppe

Fammele mandare indietro, nun ‘e facite verè a nisciuno. Pe’ carità! Gesù bambino col culetto fuori! San Giuseppe miettece ‘a mano tu!

Pupella

(spaventata) Addò l’ha da mettere sta mano!?

Giuseppe

No! Nel senso: “aiutaci tu!”.

Pupella

T’avessa volute fa verè ‘a faccia ‘e don Armando quando ha scartato la prima statuetta… me pareva ‘nu semaforo! Primme giallo, po’ russo e alla fine verde e tremmava sano sano: “Chille già ce chiammano pirofili, ce mancava sule chesto ce mancava…”

Giuseppe

È stato Luigino, chillo ten’ ‘e recchie fracete, chissà che avarrà capito! Ma ho sbagliato io a non controllare. Dici a don Armando che farò penitenza e che rimandi indietro tutte le statuette. Gliele faccio rifare.

Pupella

Bravo! Io mo me ne vaco. Comunque, mi ha detto don Armando che gli servono pure 300 statuette di 25 centimetri della Madonna col manto nero. Dincelle bbuone a chillu sturdute e tu, fratello Giuseppe, controlla prima di consegnare. Controlla (esce)

Giuseppe

(l’accompagna alla porta) Controllerò, dillo pure a don Armando, controllerò.

Maria

(guardando il contenuto della busta) Allora, che dici, vado a cucinare? ‘Stì scatulette ‘e tunno e le apriamo tutt’e due?

Giuseppe

Tutt’ e due? Tuo fratello se ne è andato, ed io devo fare penitenza per l’errore che ho commesso. Una sola, per noi due, basta… che te vuo’ abbuffà!?

Maria

(uscendo da destra, amaramente) E già!... È meglio ca ce mantenimme leggeri… accussì ‘a notte facimme un’ suonno!

Giuseppe

(prendendo i fiori dal tavolo, come se parlasse a dei presenti) Si… non gridate, adesso vi cambio i fiori!… datemi il tempo… uno alla volta e sarete serviti tutti. (cambia i fiori alle varie statuette) Questi a te… quest’ altri a te… e il resto, scusatemi tutti, ma tutto il resto va a Peppino (mette la maggior parte del mazzo di fiori a San Giuseppe) No, è inutile che vi lamentate. Peppino è il mio santo protettore, io mi chiamo come lui e se non fosse stato per il suo aiuto, non starei qui a mettervi i fiori. (a San Giuseppe) Peppì… e chi s’ ‘o scorda cchiù! Mi hai salvato dalle fiamme dell’inferno! “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte…” Tu mi hai cambiato la vita da così (il palmo della mano rivolto verso il soffitto) a così! (palmo verso il pavimento, guarda l’orologio) Madonna!… ‘o rusario! (corre ad accendere la radio)

Radio

(voce speaker) Radio Maria vi saluta e vi dà appuntamento per il prossimo Santo Rosario alle 17,30, non dimenticate che pregare insieme è pregare due volte. Sia lodato nostro Signore, oggi e sempre. (si sente un canto liturgico)

Giuseppe

(spegne, chiama verso l’interno) Maria. Mannaggia, m’aggia perz’ ’o rusario ‘e miezo juorno!

Maria

(accorre, ha della pasta in mano) Peppì, che c’è?

Giuseppe

Già hè calata ‘a pasta?

Maria

No, stavo per calarla (mostra la pasta)

Giuseppe

(a San Giuseppe) Grazie, Peppì, si nun fosse pe’ te! (a Maria) Cala solo cento grammi, dobbiamo fare penitenza.

Maria

(delusa) Cento grammi per due persone?

Giuseppe

Ci siamo dimenticati del rosario!? Per riparare dobbiamo solo fare un po’ di penitenza e tutto si aggiusta.

Maria

Sì sicuro ‘e chello che dici?… Tu ‘o ssai, io non ho mai dubitato e non ti ho mai ostacolato, ma… sì sicuro ca San Giuseppe e ‘o Padreterno vonno ca nuie dobbiamo vivere così?

Giuseppe

Così, come?

Maria

Come pezzenti, muort’ ’e famme, sempre in penitenza, ma che male facimme nuje, che amma fa tutta sta penitenza? 

Giuseppe

Ne abbiamo già parlato un sacco di volte, è inutile che ne discutiamo, è così e basta.

Maria

No! E basta! Lo dico io…        

Giuseppe

Lo dici tu!? Ricordati che io stavo morendo per colpa tua e sono vivo per merito e grazia (indica il quadro) di San Giuseppe, e non dimenticare che mi hai fatto un giuramento davanti a Dio.

Maria

Basta! Basta! Io non posso andare avanti così… nun ce ‘a faccio… E ferniscela ‘e me dà sempe ‘a colpa a me! Io ‘na semplice telefonata aggia fatto!

Giuseppe

Una semplice telefonata che è stata l’origine di tutto.

Maria

Ma chi, ‘ncopp’ ‘a sta faccia da terra, pe’ avè fatto ‘na telefonata, sta pavanne chello che sto pavanno io!?… Peppì, io nun ce ‘a faccio cchiù! ‘A notte nun riesco a durmì pe’ troppa  famma e ‘o juorne nun riesco a sta scetata pe’ troppa debolezza!

Giuseppe

Cucini troppo pesante!

Maria

Sono uno straccio… ‘na pezza vecchia… non ho più la voglia di campare… ogni volta che passo davanti allo specchio, devo chiudere gli occhi, perché se vedo come sono ridotta, piglio e mi sputo in faccia…

Giuseppe

Mortificare la carne, fa bene!

Maria

Ti ricordi com’ero?…  giovane, bella, prosperosa… t’arricuorde ‘a pelle mia comme era liscia… ?

Giuseppe

(imbarazzato, si asciuga il sudore) Nun dicere ‘stì ccose.

Maria

(lo invita a toccarle il braccio) Mo me pare ‘a pelle d’ ’a scigna! Quando passava pe’ strada facev’ ’asci tutt’ ’e negozianti ‘a dint’ ’e negozi: ‘o salumiero a’ dint’ ’a salumeria, ‘o macellaio ‘a dint’ ’a macelleria, ‘o farmaciste ‘a dint’ ’a farmacia,  persino ‘o prevete ‘a dint’ ‘a cchiesa…

Giuseppe

No, ‘o prevete, no!

Maria

E mo!  Da quando San Giuseppe t’ha parlato. So’ ridotta ca quanno me vereno, tutta vestuta nera, chin’ ’e pile, me fanno ‘e scongiuri appriesso! Hé capi’ Peppì!?…

Giuseppe

Nun ‘e dà retta a ‘stì miscredenti e superstiziosi. Sono destinati alle fiamme perenni dell’inferno!

Maria

Mi vedono e si grattano!… ‘o ssaje comme me chiammano?… ci stanno tre scuole di pensiero, la prima me chiamma “mulignana pelosa”, ‘a siconda “‘a vedova nera!” e ‘a terza “’a vedova pelosa!”

Giuseppe

Vedova? Pecchè vedova?

Maria

E che t’aggia dicere, forse ‘o tiene scritto ‘nfaccia.

Giuseppe

Che cosa tengo scritte ‘nfaccia?

Maria

Che, come marito, sei morto! Quattro anni fa, in quell’incidente, mio marito è morto, te sì salvato sulo tu, e tu, mi sei tutto tranne che marito. So’ quatt’ anni che nun me tuocche nemmeno cu’ ll’uocchie!

Giuseppe

(imbarazzato) Marì ferniscela.

Maria

(cerca di sedurlo) Ma nun ‘e ssiente ‘e muorze da’ carne…?

Giuseppe

Ma pienze sempe a mangia’!?

Maria

… comme nun fai a sentì ‘sta carne mia che grida, allucca, ulula dal desiderio… acquieta ‘a carne mia e acquieta pure ‘a toia, nuje simme marito e moglie…  c’avimma acquità!

Giuseppe

(sfuggendola in evidente eccitazione ed imbarazzo) Te prego ferniscela… statte ferma… io non voglio il piacere effimero… io voglio il piacere eterno… non mi basta la quiete momentanea… io voglio la quiete eterna.

Maria

(scoraggiata e delusa)  E allora, muore!… Schiatta, ma muore sulo tu, io nun voglio murì. Io sono ancora giovane, voglio campà. Ma nun fernesce ccà… nun fernesce ccà! (esce da sinistra)

Giuseppe

(agitato, rivolto verso l’interno) Diavolessa  lussuriosa. Tu me lo hai promesso e adesso devi mantenere la promessa. Mo è meglio che chiamo a stu sturduto primma che cumbina n’atu guaio. (prende un cordles e compone un numero) Pronto… Luigì, sì tu? Luigì, io nun ce ‘a faccio cchù!… Io nun pozzo jì annanze accussì, ddoje so’ ‘e ccose: ‘o vai da un buon otorino o ti licenzio!… Te voglio mannà a Torino cu’ Vincenzo!? Ma qua’ Torino!? Otorino, otorino!… si nun t’accuonce ‘stì rrecchie te licenzio!… cheste che tiene jettele, nun servono!… Don Armando ha visto le statuette di San Giuseppe… Io te dicette: San Giuseppe c’ ‘o bastone cu’ ‘o giglio… ecco! nossignore!… ‘o bastone cu’ ‘o giglio, no: “che bastona ‘o figlio”!… Quando mai hai sentito che San Giuseppe vattev’ ’a Gesù bambino!? Hè fatto ‘e statuette ‘e  San Giuseppe che sculaccia il bambinello!? Mo sienteme bbuono… arape ‘sti recchie fracete ca tiene… (scandendo bene le parole) Mi devi fare 300 statuette, quelle da 25 centimetri, della Madonna co’ manto nire. Hè capito? ‘A Maronna co’ manto nire… Comme?… ‘A maronna cu’ ‘o mandulino!?… Bravo! ‘A maronna co’ mandulino, San Giuseppe co’ triccabballacche e ‘o bambeniello co’ putipù, facimme “La sacra famiglia di canto popolare”… Ma passami a figlieto che c’ ‘o spiego a isso… No… “sì piechero e fesso”, “ce ‘o spiego a isso”. Accussì aggia ritto… ma famme ‘o piacere, vattenne! (attacca il telefono) È meglio a parlà cu’ nu pazzo e no cu’ nu surdo!

Si spalanca la portafinestra, una nube di fumo, lampi e scintille, nasconde una figura di uomo che man mano si scopre essere Augusto; la portafinestra diventa un boccascena ;  come una presentazione di uno show.

Augusto

Ladies and gentleman, medame et monsieurs, signore e signori, sono giunti qui, dopo un’assenza di ben quattro lunghi anni, solo ed unicamente per voi, direttamente dagli Stati Uniti d’America (indica se stesso) Augusto, il mago di Hollywood esperto in effetti speciali e la conturbante, sexy, stupenda e bellissima Olga (appare Olga come in uno show, si inchina e saluta) Olga Giuliva, ugola d’oro diNew York!

Olga

(ballando insieme ad Augusto, canta sulle note di “New York New York”)

Peppino, Peppì

Siam venuti qui

Pecchè nuie te vulimme bene

assai Peppì.

Perciò, arap’ ‘e braccia

E vase chesta faccia

Nuie stamme ccà

Peppì, Peppì.

Augusto

(i due si bloccano, non hanno avuto l’accoglienza che si aspettavano. Augusto perde il fare da presentatore e si guarda intorno, poi fa segno ad Olga che non riconosce il luogo)          

Giuseppe

(impaurito a morte, nascondendosi,  riparandosi e sfuggendo i due, grida) Iatevenne… non mi avrete… è inutile che mi tentate… io non cederò mai… San Giuseppe aiutami tu!

Augusto

(sorpreso, guardandosi intorno, mortificato) Scusate, forse abbiamo sbagliato indirizzo… scusate reverendo...

Olga

(guardandosi intorno) This is a church!Mi hai portato in una chiesa!?

Giuseppe

(riprendendosi dallo spavento) Ma quale chiesa?… questa è casa mia!

Augusto

(con circospezione si avvicina a Giuseppe sforzandosi di riconoscerlo) Scusate se insisto, permettete che vi guardi un po’ più a favore di luce?

Giuseppe

Perché, vulite vedè se sono fotogenico?

Augusto

(lo riconosce, avvicinandosi a Giuseppe, cerca di farsi riconoscere a sua volta) Peppì, sono Augusto, non mi riconosci più? I ‘m your brother, so’ frateto!

Giuseppe

(inizia a riconoscerlo, meravigliato) Augusto!?… (lo osserva meglio, deciso e contento) Augusto! Fratu mio bello! (si abbracciano calorosamente)

Augusto

Peppino, pecchè nun m’hè scritto cchiù? (soffermandosi sul suo aspetto) What’s this? Ma ch’è successo?…

Olga

(è rimasta, timida, in disparte; per attrarre l’attenzione  saluta con la mano) Iuuuù! Bye, bye!

Augusto

Olga! Come here! Viene ccà. Peppì Olga  è mia moglie. Nun ‘o ssape ancora nisciuno, tu sei il primo, sai, nel nostro mondo, per stare un poco in pace, è meglio fare poca pubblicità. (parla di Olga come di una persona famosa e conosciuta) Peppì, tu hè capito a chi me so’ spusata… a Olga… ‘a cantante, Peppì!…

Olga

Hello, Pepy!

Augusto

(deluso dalla reazione fredda del fratello) Ma nun ‘a vire ‘a televisione?

Giuseppe

(imbarazzato) Non spesso, sulo ‘a domenica mattina. La santa Messa.

Augusto

Peppì, Olga nun è sulo ‘na grande cantante, è pure ‘a figlia ‘e ‘nu paisano… da piccola steve ccà, è ‘a figlia ‘e… chillo che se ne andò in America…

Olga

Feliciello!

Giuseppe

Ah, Feleciello! Felice Giulivo, ‘o meccanico! Ho capito, Olga è a figlia do’ meccanico.

Augusto

Si, è ‘a figlia do’ meccanico, ma lei, oggi, è Olga Giuliva, ‘na grande cantante. (ad Olga) Olga, lui è Peppino, mio fratello, abbraccialo, dance ‘nu bacio.

Olga

(con le braccia aperte va incontro a Giuseppe) Dear Giuseppe! Augusto mi ha parlato tanto di te, caro cognatino mio give me a kiss.

Giuseppe

(sfugge l’abbraccio) No, ‘o kiss nun  te ‘o pozzo dà. (le dà la mano) Accuntientete ‘e chesta..

Olga

Il destino ci ha fatti incontrare anche in America e noi per non deluderlo, ci siamo sposati.

Augusto

Ma comme fai a non conoscere Olga? Olga è una grande cantante, venne milioni di dischi in tutto il mondo. Nuie pe’ ccheste stamme ccà.

Peppino

Me vuo’ vennere ‘e dischi?

Olga

Siamo stati invitati ad una trasmissione televisiva, da Pippo Baudo. Tu lo conosci?

Giuseppe

(come un ricordo lontano) Si, me lo ricordo. Ma è vivo ancora?

Augusto

Vivo e vegeto! Ci siamo sentiti non più di un’ora fa.

Giuseppe

Tene ‘a pelle tosta, tene! E tu?… Olga canta e tu che fai, suoni?

Augusto

(deluso) Comme, Peppì, nun sai tuo fratello (pronuncia il suo nome come di una persona importante) Augusto Accurso che mestiere fa?

Giuseppe

Quanno stive ccà facive ‘o radiotecnico, eri pure bravo, ‘a ggente te chiammava Augusto Valvulella, mi ricordo, poi te ne sei andato in America e non so adesso che mestiere fai.

Augusto

Ma  tu addò vivi? Non vai al cinema?

Giuseppe

(imbarazzato) No, è da tempo che non ci vado. Pecchè fai l’attore?

Augusto

Ma quale attore!?

Olga

(riferendosi agli effetti di poco prima) Non hai visto il fumo?

Giuseppe

Fai ‘o fummo dint’ ‘e film? Che mestiere è chisto?

Olga

Tu non leggi i giornali? “Augusto Accurso il mago di Hollywood…”

Giuseppe

(allarmato) No! ti sei messo a fare il mago? Augù, il mago no! Chille so’ tutte scieme, sono imbroglioni, fanno fess’ ‘a ggente, tu nun puo’ fa ‘stu mestiero.  

Augusto

Ma c’ hè capito (riferendosi allo show precedente) Hè visto che so’ capace ‘e fa? Ho preparato tutto io, pe’ te fa ‘na sorpresa. Ho vinto l’oscar per gli effetti speciali del film “Morti su Marte”. Naturalmente, tu nun te l’hè visto, è vero?

Giuseppe

No, nun l’aggia visto.

Augusto

Nun te vire ‘a televisione, nun vai a cinema,  ma… (gli viene un dubbio, guardandosi intorno) Aggia capito! Peppì, te sì fatto prete!? 

Giuseppe

Ma che vai dicenno?

Augusto

Ma tu sei cambiato però!

Olga

Augusto mi ha sempre detto che tu sei un mandrillo. Dice sempre: ”Se io sono il mago degli effetti speciali, lui è il mago della sensualità, dell’eros, del sesso…”

Giuseppe

Ferniscela…

Augusto

Non fare il modesto. Olga, davanti a te c’è l’uomo che ha messo mutande, reggiseni, baby-doll e camicie da notte alle donne di mezzo mondo…

Giuseppe

Augù basta…

Augusto

Lui, dal niente, è riuscito a creare, produrre e vendere intimo per signore in tutto il mondo! Il marchio “Intimo Inferno” è suo!

Olga

Congratulation! You are an artist! (a Giuseppe) Anche io vesto “Intimo Inferno”!

Giuseppe

(insofferente, riferendosi alla sua posizione) No! Non è così…

Olga

(fraintendendo) Si, ti giuro, vuoi vedere? (fa per alzarsi la gonna)

Giuseppe

(allarmato) No, ti prego, fermati! Ti credo, ti credo sulla parola.

Augusto

Nun te preoccupà, sai Olga, adesso, che modello indossa? “Le mille e una notte”. Tra tutti i modelli che hai creato, questo è il modello più azzeccato. Mi fa un effetto, che non ti dico! Ti dico solo che invece di “Le mille e una notte” io ‘o chiammo “Le mille e una botta” (ride aspettandosi una risata dal fratello, si ferma, deluso) Ch’è, nun t’arricuorde ‘o modello? (alla moglie) Olga fance ‘o vedè nu mumento.

Giuseppe

(Olga sta per alzarsi la gonna, Giuseppe, ad un lato di Olga, la blocca tenendole la gonna abbassata) Lascia stare! Ho detto che non voglio vedere.  

Augusto

(all’altro lato, si attacca alla gonna, anche lui, e cerca di alzarla)  No, ci tengo. Tu hè guardà , devi vedere, indossate da Olga, che effetto fanno le tue creazioni.

Giuseppe

(c.s.) Nossignore, fallo pe’ San Giuseppe, nun aizà ‘sta gonna. Io nun pozzo guardà, nun c’ ‘a faccio!

Augusto

(c.s.) Nun ce ‘a fai?… (si blocca, lascia la gonna e si drizza, serio e grave)  Sì addeventato ricchione!

Olga

(è rimasta tra i due, a Giuseppe) Allora la vuoi vedere o no?

Giuseppe

(gridando) No!  (ad Augusto) Non sono ricchione!

Augusto

(alterato) Allora Pecchè?

Maria

(allarmata, entra da sinistra) Ma che so’ ‘st’ ‘allucche!?

Augusto

(le capita davanti, spaventato le si allontana) Maronna! ‘Na mulegnana pelosa!

Maria

(piangente) Peppì hè sentuto!?

Giuseppe

(si rifugia dietro Maria) Marì, aiutami, proteggimi.

Augusto

(sbalordito, guardando Maria) Maria!? Tu sei Maria?

Maria

(mortificata, lo guarda meglio, lo riconosce) Augu’!Si, so’ io. Hè visto comme m’ hè lasciata e comme m’hè truvata!?

Augusto

Marì, sei quasi irriconoscibile! Lei è Olga, tu ‘a sai a Olga, te la ricordi? Io e Olga ci siamo sposati.

Maria

(abbracciandola) Comme, m’ ‘a ricordo quanno era peccerella; tenive ‘e trezzelle e ghive cantanne sempe.

Olga

Yes, sempe trezzajola so’ stata!

Augusto

E nun s’è levata ‘o vizio, pure mo canta sempe. (guarda il fratello e la cognata) Ma che vi è successo, pecchè vi siete ridotti così?

Maria

Peppino è stato miracolato.

Augusto

(c.s.) Nun è riuscito bbuono, ‘stu miracolo! I don’t understand! Che schifezza ‘e miracolo è chisto? ‘E miracoli fanno sta meglio, vuje state peggio.

Giuseppe

Peggio? E chi ti dice che quello che è il tuo meglio non sia, invece, il peggio, e il peggio invece sia il meglio?

Augusto

(a Maria) Ho capito! ‘O miracolo  l’ ha pigliato ‘ncapa!

Giuseppe

Augù, io capisco perchè tu non capisci, perché neanche io capivo e invece poi ho capito.

Augusto

(allibito) Madonna, è proprio grave! Ma che ha avuto, un incidente?

Giuseppe

Si, un incidente che mi ha salvato la vita!

Maria

(si accorge che il cognato non capisce) Augù, mo t’ ‘o spiego io. Peppino, quanno parla ‘e chillu iuorno, nun riesce a se fa capì.

Augusto

Solo quando parla ‘e chillu iuorno?

Maria

Come sai, Giuseppe aveva messo su un’industria di corsetteria e intimo per donna che andava una favola.

Giuseppe

(come un predicatore) Quello era il mio inferno.

Maria

(autoritaria a Giuseppe) Zitto, sto parlanno io! (agli altri) Un giorno, mentre stava in macchina sulla strada di casa, lo telefonai…

Giuseppe

(c.s.) La voce della lussuria, del vizio e della perdizione.

Maria

T’aggia ritto, statte zitto! Mi ero ricordata dell’ultimo modello di baby-doll che Peppino aveva creato, io lo vidi solo disegnato e già mi piaceva, (commossa) a Peppino, tutti i modelli glieli ho ispirati io, Peppino guardava me e li disegnava! (riprendendosi) Comunque, passiamo a noi, telefonai per dirgli di portarmene uno della mia taglia, e che avevo preparato, per lui, una bella seratina. Capite no?

Olga

(Molto interessata) Bella questa storia, capiamo, came on, va avanti.

Giuseppe

(c.s.) Diavola tentatrice.

Maria

E vire si se sta zitto! Non trovandoselo in macchina, pecchè lui, ogni modello nuovo, prima di metterlo in commercio, me ‘o purtave a me, mi disse (commossa): “Perzechella mia, percoca co’ pizze”, accussì me chiammava: perzechella, per la pelle vellutata che avevo e percoca cu ‘o pizzo per… (indica i suoi seni, poi vergognandosi) Niente! Disse: “per te ritornerò indietro per prenderlo. Tu preparati che vengo subito.”

Olga

(c.s.) Beautiful, continua, poi che successe?

Giuseppe

E lì successe tutto. Pusaie o telefono e, incoscientemente, eccitato, infuocato dalle lusinghe che quella diavola mi fece telefonicamente, feci, su una strada statale, un’inversione ad “U”. Nu camion veneve dall’altra corsia e Buuuum!

Maria

Lo acchiappò in pieno!

Giuseppe

E lì successe il miracolo! Augù, stevo dint’ ‘e lamiere tutte sturzellate e accartucciate che ‘a machina mia me pareva un pacchetto di sigarette finito, stritolato nel pugno e buttato via… ma io non avevo un graffio!

Olga

(sbalordita e interessatissima) My God!  It’ s fantastic!

Maria

Stava imprigionato, non poteva uscire e la macchina stava per prendere fuoco…

Giuseppe

Quando verette a isso (indica il quadro di San Giuseppe) Augù, quant’ era bello: in una nube di fumo lucente, cu’ chella barba longa e bianca, candida, con quegli occhi che parlavano: “ “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte… dammi la mano” io c’ ‘a dette e isso mi tirò fuori, e mentre me tirava: “Se vai avanti così tu morirai, cambia! Io adesso ti salvo, ma la prossima volta chi lo sa se ci sarà qualcuno a salvarti”

Augusto

(che ha seguito incredulo e incantato) Era San Giuseppe e t’ha parlato cu’ ll’uocchie!?

Giuseppe

(contrariato) Qual’ uocchie… m’ha parlato cu’ ‘a vocca!

Augusto

E tu hè ritto che teneve l’uocchie che parlavano?

Giuseppe

Nel senso che teneve l’uocchie espressivi.

Augusto

Ma tu hè visto ‘a vocca che se muveva?

Giuseppe

(pensa) No, io senteve sulo ‘a voce.

Augusto

Hè visto!? Allora ha parlato cu’ ll’uocchie!

Giuseppe

Augù, con gli occhi si vede, si parla con la bocca.

Augusto

Uno ‘e nuie! Mica nu santo! ‘O santo po’ parla con quello che vuole lui.

Giuseppe

(per chiudere) Si va bbuo’! Comunque a me me parlaie cu’ ‘a vocca.

Augusto

Però nun l’hè visto ‘e movere ’a vocca, quindi po’ essere pure che t’ha parlato… nun saccio… cu ‘a recchia.

Giuseppe

(meravigliato) Cu’ ‘a recchia!?

Augusto

Si, pecchè? Cu’ ‘a recchia nun se po’ parlà? Uno ‘e nuie, nun po’ parlà cu’ ‘a recchia, ma nu santo che ce mette? Dice, anzi, nun dice neanche, pensa: “recchia parla” e chella ‘a recchia se mette a parlà!

Giuseppe

Augù, io stevo cchiù allà che ‘a ccà, mmieze muorto… che ne saccio io… io sentivo una voce, che ne saccio, mo,  da dove veniva.

Augusto

E già, hai ragione, dopo quella caspita di botta che volevi capire!? Eri confuso… addirittura vireve a San Giuseppe… 

Giuseppe

Infatti, Augusto mio, questi sono gli ultimi ricordi che ho di quel momento. Poi mi sono svegliato in ospedale.

Olga

(sempre eccitata, come se avesse sentito la trama di un film) Bello! It’s beautiful! Però c’è poco sesso e poco sangue. Oggi la gente vuole il sesso e il sangue, tanto sangue e tanto sesso! Il desiderio della moglie di indossare il nuovo baby-doll non deve essere solo raccontato, deve essere sceneggiato, cioè, si deve vedere la moglie che sogna di indossare il baby-doll e che si accarezza e si guarda allo specchio e immagina il marito con lei che la guarda, poi l’accarezza e mentre fa tutto questo si sente la mia canzone: “Give me your dick ”

Giuseppe

(eccitato dal racconto) Olga, finiscila!

Maria

(estasiata) Comme parle belle!

Olga

Lo scontro tra il camion e l’auto, poi, sarà una cosa spettacolare, piacerà moltissimo al pubblico, (ad Augusto) e fatto da te sarà, certamente, un capolavoro. La storia va bene però io ci metterei, una scena col corpo aggrovigliato nelle lamiere, non come hai detto tu (a Giuseppe) senza un graffio, anzi, con ferite sanguinanti e fiumi di sangue dappertutto. Vedo questo rosso del sangue che si confonde col rosso del baby-doll. Perché lui mentre sta per morire pensa al corpo della moglie coperto dal baby-doll. Sarà una scena fantastica. Il salvatore, poi, non può essere San Giuseppe! Deve essere qualcuno che susciti più meraviglia… vediamo… un extraterrestre, che non parla né  con la bocca né con le orecchie, ma col pensiero. Che ve ne pare? 

Maria

Nennè, l’ america nun te ha fatto assai bene.

Augusto

My dear, Giuseppe non ha raccontato il soggetto di un film, ci ha raccontato quello che gli è capitato veramente.

Olga

(incredula) Allora, Giuseppe ha visto, veramente,  San Giuseppe?

Augusto

E io che ne saccio! Isso accussì dice.

Olga

(scoppia in una irrefrenabile risata) This is madmen…!

Giuseppe

(risentito al fratello) Che tene ‘a rirere, chesta!?

Augusto

Nun ‘a dà retta, fa sempe accussì: quando nun capisce ‘na cosa, scoppia a ridere e nun ‘a fernesce cchiù.

Maria

(riprendendo il racconto) Quando arrivai in ospedale ‘o truvaie dint’ ‘a nu lettino che fissava ‘o soffitto, io lo chiamavo: ”Peppì, me siente, comme stai?” E isso, sempe con lo sguardo immobile: “Bene, adesso sto bene.”

Giuseppe

Augù, quella inversione ad “U” mi ha cambiato la vita! È stata la causa della mia salvezza, della mia conversione.

Augusto

Allora è stata una conversione ad “U”.

Giuseppe

Bravo! Una conversione ad “U”, perché ho cambiato totalmente direzione alla mia vita.

Maria

(con dolore e intenzione) So’ quatt’ anni che abbiamo cambiato direzione.

Giuseppe

Me lo disse San Giuseppe mentre mi salvava: “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte… dammi la mano. Se vai avanti così tu morirai, cambia! Io adesso ti salvo, ma la prossima volta chi lo sa se ci sarà qualcuno a salvarti”. Hè capito, Augù, facendo così si va incontro alla morte, cambia!

Olga

Così, come?

Giuseppe

Come avevo vissuto fino ad allora: lusso e lussuria! Il peggio è che con le mie creazioni inducevo anche gli altri a perdersi nella lussuria. Per questo ho convertito anche la mia industria.

Maria

Da “Intimo Inferno” creazione di intimo per donna a “Santa Strada” produzione di addobbi e statue sacre per la salvezza dell’anima.

Augusto

All’anima! Allora tu non produci più mutande, reggiseni, vestaglie, baby-doll ma statue di santi?

Giuseppe

Si, non sono più l’operaio di satana che promuoveva lusso e lussuria, ma il servitore di Dio che conduce sulla strada della penitenza e castità, quindi dritti sulla strada che porta a Dio: la salvezza.

Maria

(con intenzione) Penitenza e castità! Hè capito Augù! Hai capito perché mi sono ridotta così?

Augusto

Ma tu che c’entri?

Giuseppe

La moglie segue il marito nella buona e nella cattiva sorte e poi, in ospedale, quando stavo sul lettino, lei prese il Crocefisso dal muro e piangendo giurò…

Maria

Feci un voto: “Dio mio, non farlo morire, se non muore prometto che, da oggi in poi cambierò vita.”  Comme dicette cheste, lui mi fece ripetere appriesso a isso: “non siano il mio corpo, il mio pensiero e le mie azioni origine e causa di lussuria  e  vanità, come è stato fino ad adesso. Mi converto a miglior vita com’è nella volontà di Dio, di San Giuseppe e di mio marito.” Augù, come feci il giuramento, chisto (indica Giuseppe) zumpaie ‘a copp’ ‘o lietto che me pareva nu grillo!

Olga

(continua a riferirsi al film) Meraviglioso! The dead... il morto risuscita, ma non come man... un uomo, com’era prima, ma come un grillo, cioè, come gli extraterrestri! Perché lo hanno aiutato a liberarsi della vecchia vita da uomo per dargliene una migliore da grillo! Bellissimo! Faremo impazzire tutta Hollywood. Prenderemo l’oscar per la migliore sceneggiatura.

Augusto

(spazientito) Olga, si nun ‘a fernisce, io piglio l’oscar e t’ ‘o sono ‘ncapo! Chisto nun è nu film, ‘o vvuo’ capì o no!? Questa è realtà!

Olga

(incredua) Realtà!?… Allora lei veramente ha fatto quel voto?… (a Maria)  per questo tu sei così?… Allora, tu,  non fai nemmeno, come dire,  “fik-fik”?

Maria

(addolorata, quasi piangente) Hai capito bene! So’ quatte anni che non facciamo “fik-fik”!

Olga

(scoppia in una irrefrenabile risata) Quattro anni!?That woman is crazy! (si tocca la tempia con l’indice)

Maria

(Indispettita ad Augusto) Ma che tene ‘a rirere , chesta? E che ‘nce vuo’ fa!? Ogni tanto piglia dice ‘na cosa in americano e rire. Augù che sta dicenno?

Augusto

(cercando di riparare, con sforzo) Niente… dice che… sei da apprezzare… che sei una grande donna.

Maria

(c.s.) E pecchè ha fatto accussì? (fa lo stesso gesto di Olga)

Augusto

(c.s.) Accussì?… (ripete il gesto, pensa ad una scusa) si, ha fatto accussì (c.s.)  pe’ dicere: “questa donna è grande dai piedi alla testa.” Hè capito?

Maria

(dubbiosa) Si!? Ma nun se dice: “dalla testa ai piedi”?

Augusto

(c.s.) In Italia! In America se dice tutt’ ‘o cuntrario.

Maria

(c.s.) E pecchè rire sempe?

Augusto

(strattonando Olga con rimprovero) Pecchè?… Pecchè è scema! Shut up! You are a stupid! Shut up!

Olga

(offesa impreca contro Augusto, ne nasce una lite a soggetto, in inglese)

Maria

(a Giuseppe) Ma ch’è  successo?

Giuseppe

So’ sbarcati gli americani a Salerno!

Olga

(continuando la lite) …e poi mi hai promesso che mi facevi fare un completo  esclusivo da your brother ,tuo fratello. (dispettosa, isterica) Where is the panties?... Dov’è la mutandina?… and the bra?.. e il reggiseno?… the baby-doll, where is ? Me lo avevi promesso… I want it! Lo voglio…

Augusto

(cercando di calmarla) Olga… hai ragione… si, te l’ho promesso… ma la situazione è cambiata… mio fratello, adesso, ti può fare solo una statuetta.

Olga

(c.s.) Nossignore!… deve prendermi le misure! (sicura verso Giuseppe, mostrando il suo corpo)  Peppe, sono qui, prendi tutto quello che vuoi.

Giuseppe

(sfuggendola si fa scudo con Maria) Aiuto! Chesta è ritornata all’attacco.

Maria

Piccerè, calmati! Allora nun hè capito niente! Peppe non vuole niente!

Olga

(c.s.) Peppe deve prendermi tutte le misure.

Maria

Continui a non capire. Olga, mio marito è come il Vesuvio, ‘o tiene presente ‘o Vesuvio?

Olga

Yes,  I know! Lo conosco.

Maria

Brava! Il Vesuvio me pare che dorme, è vero?

Olga

Yes, Vesuvio sleep.

Maria

Ma si ‘o vai a sfruculià, ‘o Vesuvio, nun sleep cchiù, è capace che… erutta. Hai capito?

Olga

No, I don’t understand!

Maria

(risoluta) Olga, mio marito pare che sleep, ma nun sleep, chillo nun erutta ‘a nu sacco ‘e tiempo, sta comme ‘o Vesuvio, tene ‘a lava astipata ‘ncuorpe, comme ‘o tuocche caccia tutt’ ‘a lava: erutta!

Giuseppe

Ma che stai dicendo, io erutto?

Maria

Peppì, chesta è americana e va bbuo’, ma tu sì napulitano e nemmeno capisci!

Olga

(dispettosa, isterica) Io non me ne torno in America senza un “Intimo Inferno” da indossare!

Augusto

(a Giuseppe) Peppì, nun è che te truvasse ancora qualche capo, ‘na rimanenza?

Giuseppe

No, aggia appicciato tutte cose! Quella era roba del diavolo.

Augusto

(a Maria) Marì, me dai uno tuo? Nun fa niente ca è usato, chella basta che  ‘o vere  e se sta zitta, altrimenti chi ‘a ferma cchiù a chesta! 

Maria

(amaramente) Augù, mi è rimasto solo un modello: “Donna in Iraq” (si alza la gonna e mostra un grosso mutandone di stoffa pesante che la copre tutta) Peppino dice che accussì non lo turbo, si ad Olga le piace io c’ ‘o dongo!

Olga

(sgrana gli occhi, ancora più dispettosa) Quello a me!? (a Giuseppe) Tu vieni subito qui e prendimi le misure!

Giuseppe

(facendosi scudo con Maria) No, ‘e misure no, nun t’ ‘e pozzo piglià. Io erutto!

Olga

(c.s.) Allora, se non vuoi prendermi le misure, per campione ti do la mia mutanda… (fa per togliersela) 

Augusto

(la blocca) No, Olga, no!

Olga

(meravigliata) It’s clean! È pulita!

Augusto

Non è una questione d’igiene è una questione di lunga astinenza, capisci?

Giuseppe

(evidentemente conturbato) Che stava facendo quella?… si stava togliendo… la mutandina?… San Giuseppe mio, troppe tentazioni, troppe tentazioni, sto tutto surato… aiutami tu… ‘o Vesuvio nun ce ‘a fa cchiù… scusatemi, subito torno. (esce di corsa a sinistra)

Olga

Where is he going?… Dove è andato?

Maria

È ghiuto ‘a eruttà!

Raffaele

(fa capolino dalla portafinestra) Maria.

Maria

(sorpresa) Guè, che fai lì!? Entra.

Raffaele

(timido entra, nasconde qualcosa dietro la schiena) Buongiorno. Io sono Raffaele, il fratello di Maria.

Augusto

(lo riconosce) Rafè, so’ Augusto, non mi riconosci?

Raffaele

(positivamente sorpreso) Augù! Augusto Accurso, il mago di Hollywood! E che ci fai… (dimentica di avere qualcosa in mano e, d’impulso, gli dà la mano)

Augusto

(invece di stringere la mano di Raffaele stringe una colazione: pane, costoletta di maiale e melanzane sott’olio, che nell’azione cade, naturalmente, si sporcano le mani) Finalmente uno che mi conosce! Rafè che piace… ma che è questa?

Raffaele

(mortificato) Augù scusami! Questa l’ho portata per mia sorella. Se sapessi questa povera madonna che è costretta a sopportare… 

Augusto

Lo so, Rafè, lo so!

Maria

(accorre dal fratello gli afferra le mani e gliele annusa) Cosa mi avevi portato?

Raffaele

‘Nu poco ‘e pane cu…

Maria

(voluttuosa, fa una leccata alle mani di Raffaele, interrompendolo) …‘a custatella ‘e maiale (un’altra leccata)… e cheste so’ ‘e melanzane sott’olio!

Raffaele

Sissignora! (ad Augusto) Vire tuo fratello comme l’ha ridotta! Va tre vvote ‘o iuorne dint’ ‘a chiesa pe’ se piglià ‘a Comunione. Per fede? No, pe’ famma! Anche se leggere, le ostie sempe ‘e farina so’.

Augusto

(riferendosi alla colazione) Peccato che è caduta!

Maria

(con desiderio) E che fa, io me ‘a mangio ‘o stesso.

Raffaele

(fermandola) Marì, ‘nterra sta spuorco… ce stanno ‘e batteri, ‘e microbi…

Maria

(c.s.) Nun fa niente, me mangio pure a loro.

Augusto

Marì, tu pigli ‘na malatia.

Maria

(rassegnata) Va bbuo’! M’aggia rassignà: pe’ nun piglià ‘na malatia aggia murì ‘e famma!

Augusto

Rafè, qui bisogna fare qualcosa.

Raffaele

(si è incantato a guardare Olga, intontito) Si… qualcosa…

Augusto

Ma che t’è venuto?

Raffaele

(c.s.) Nun me sento tanto bbuono… tengo ‘e visioni… è comme si annanze a me ce stesse in carne ed ossa la mia cantante preferita…

Augusto

Olga Giuliva?

Raffaele

Si! Olga Giuliva. Io m’ ‘a sonno pure ‘a notte, tengo tutti i suoi cd, me so’ registrati tutti i suoi filmati… secondo me ho esagerato… sono impazzito… io mo ‘a veco che sta ccà.

Olga

I stay here! Io sto qua.

Raffaele

(c.s.) Augù, mi ha parlato pure.

Augusto

Lo so, ho sentito.

Raffaele

(c.s.) Pecchè, ‘a siente pure tu?

Augusto

‘A sento e ‘a veco. Rafè, scetate, quella non è un’allucinazione è Olga in carne ed ossa.

Raffaele

(c.s.) Pigliati tu l’ ossa, lasseme ‘a carne a me.

Maria

Nun annummenate cose ca se mangiano che io svengo ccà ‘nterra.

Augusto

Olga, sbloccami un poco a questo, per piacere.

Olga

(gli dà ripetuti schiaffetti sulle guance) Ehi, boy, I’m Olga… Olga Giuliva… are you live?… sì vivo paisà!?

Raffaele

(riprendendosi) Si, so’ vivo, ma nun me tuccà che me fai murì.

Augusto

Rafè arrepigliati, cca dobbiamo pensare a cosa fare per salvare questa famiglia.

Raffaele

Si, ma Olga, poi, me lo fa l’autografo sui cd?

Olga

Yes, all right. Ti firmo tutto quello che vuoi.

Raffaele

(ha un fremito) No, nun m’ ‘o ddicere accussì… nun dicere “tutto quello che vuoi”, io so’ capace ‘e lassà a mugliera e figli per seguirti fino in capo al mondo.

Augusto

Rafè, ma che vuo’ seguì!? Olga è mia moglie!

Raffaele

(ricomponendosi) Tua moglie?… (deluso) Olga s’è spusata cu’ te!? Scusami Augù, io nun ‘o ssapevo…

Augusto

Nun fa niente, nun te preoccupà. Noi non abbiamo fatto molta pubblicità, capisci, vulimme sta nu poco in santa pace.

Raffaele

Si, bravo, capisco.

Augusto

A proposito di mogli, Rafè, ma tua moglie (si riferisce all’abbigliamento intimo) che tene ‘a sotto?

Raffaele

(sorpreso, fraintende) Chello che tene tua moglie.

Augusto

No, vuleve sapè se tiene quello che cerca mia moglie.

Raffaele

(c.s.) Pecchè, tua moglie nun cerca chello che cercano tutt’ ‘e femmene?

Augusto

No, mica tutt’ ‘e femmene hanno gli stessi gusti! Ce stanno quelle che hanno i gusti, diciamo, un po’ più raffinati, capisci?

Raffaele

(sempre fraintendendo, ad Olga) Olga, non l’avrei mai pensato. Tu tiene ‘e “gusti raffinati”!?

Olga

Perché, tua moglie comm’ ‘e tene?

Raffaele

Lasciamme sta a mia moglie! Mia moglie tiene i gusti che deve tenere, ce piacene l’uommene… cioè, ce piace l’ommo… cioè, ce piaccio io sulo e basta!

Olga

Ma anche a me piace l’uomo.

Raffaele

Ma, a mia moglie piace solo l’uomo. È diverso.

Augusto

Perché è diverso, scusa. A mia moglie pure piacciono solo gli uomini… cioè, ce piace l’ommo… cioè, ce piaccio solo io e basta!

Raffaele

E allora primma ch’ hè ritto?… l’hè ritto tu che tua moglie ten’ ‘e gusti raffinati, cioè lle piaceno ‘e femmne?

Augusto

Ma che hai capito!? Ten’ ‘e gusti raffinati, lle piace l’intimo firmato e specialmente quello firmato ‘a chillu fesso ‘e mio fratello: “Intimo Inferno”

Raffaele

E si è pe’ chesto, pure a mia moglie lle piace, anzi, lei veste solo “Intimo Inferno”. Maria, quattro anni fa, per non bruciare tutto,  regalò tutti i suoi completini a mia moglie. Quella biancheria è troppo bella Augù, dint’ ‘a quatte anni abbiamo avuto tre figli.

Augusto

E tu che dici, tua moglie potrebbe regalare qualche completino a mia moglie?

Raffaele

Ma ‘o ddice sulo! Quella ne tiene a bizzeffe. Ce ne sono tanti ancora impacchettati. Ne saremo onoratissimi!

Olga

(eccitatissima) Bene, benissimo! Grazie! Vieni qui, (con le braccia spalancate) Give me a kiss!

Raffaele

(timido e voglioso guarda Augusto) Tua moglie vo’ truvanne ‘o kiss, ce ‘o pozzo dà?!

Augusto

Si, ma ‘nu kiss piccerillo, però.

Olga

(abbracciandolo e baciandolo sulle guance) Mio salvatore, tieni, te li meriti.

Raffaele

(non la lascia più)Si, e dammene un altro… e un altro ancora… e un altro…

Augusto

Rafè basta! (lo stacca dalla moglie) Dopo, Olga te firma tutto quello che vuoi tu, adesso però pensiamo al necessario. Io devo salvare  Peppino! Quello si sta inguaiando una vita. Io nun ‘o pozzo vedè accussì cumbinato. Me fa impressione.

Raffaele

Hai ragione. Frateto, pure a me, m’ha fatto sempe nu poco ‘mpressione, ma me fa cchiù impressione ‘sta scorteca ‘e mia sorella, che peccato ha fatto pe’ ave’ sta ciorta!?

Augusto

Hai ragione. Io me la ricordo che era una madonna e adesso…

Maria

Te lo ricordi, Augù? Quando passavo pe’ strada facev’ ’asci tutt’ ’e negozianti ‘a dint’ ’e negozi: ‘o salumiero a’ dint’ ’a salumeria, ‘o macellaio ‘a dint’ ’a macelleria, ‘o farmaciste ‘a dint’ ’a farmacia, persino ‘o prevete ‘a dint’ ‘a cchiesa…

Augusto

Certamente. Hai bisogno di aiuto anche tu! Cosa potrei fare?… La situazione,  è delicata, qui, rischiamo che, se facciamo qualche passo sbagliato… Rafè mi devi dare una mano, bisogna trovare qualcosa che salvi capra e cavolo…

Maria

(deglutendo) Nun parlat’ ‘e mangià! Me facite venì ‘na cosa.

Raffaele

Dobbiamo trovare qualcosa che non distrugga niente e, come si dice?…  ci fa prendere due piccioni con una fava.

Maria

(c.s. con sintomi di svenimento) No!

Olga

(la soccorre preoccupata) Uuuuu’! (agli altri) Non dite questo!

Augusto

Certo dobbiamo agire con furbizia, nessun altro deve entrare in questa faccenda,  in modo che nessuno ci possa rompere le uova nel paniere.

Maria

(c.s.) Pe’ carità!

Olga

(c.s.) Questa muore!

Raffaele

È certo, perché si corre il rischio, se le cose non vengono fatte come si deve, che ci scappa ‘o pesce ‘a dint’ ‘a tiella!

Maria

(c.s.) Pe’ ‘ammor’ ‘e Ddio!

Olga

(c.s.) Assassini! Smettetela!

Augusto

Certo è che non dobbiamo puntare subito all’obbiettivo finale, a volte è meglio accontentarsi di piccoli obbiettivi, come si dice: “Meglio l’uovo oggi che la gallina domani.”

Maria

(c.s.) Mamma do’ Carmine!

Olga

(c.s.) Metti mano su recchie, non sentire!

Raffaele

Però dobbiamo stare attenti, perché se non ci muoviamo bene, facimme ‘a carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppe!

Maria

(c.s.) V’ hanna accirere e nun v’ hanna pavà!

Olga

My god!

Augusto

Dobbiamo muoverci bene, c’ amma sta accorta basta un passo falso e facimme ‘a frittata!

Maria

(c.s.) No, ‘a frittata no! (sviene)

SIPARIO

                       Fine 1° atto

2° Atto

Scena: La stessa del primo atto, siamo nel bel mezzo delle pulizie generali, i quadri sono sparsi intorno alle pareti, per terra. Giuseppe siatema uno scaletto nei pressi del quadro di San Giuseppe.

Giuseppe

(chiamando verso l’esterno) Augusto, ho preso lo scaletto, vieni.

Augusto

(da fuori) Subito, prendo le pinze e vengo.

Guseppe

(verso il quadro di San Giuseppe, soddisfatto) Grazie, Peppì grazie!

Augusto

(entra, vestito con abiti del fratello, assume un aria sottomessa) A volte so’ ‘e fierre che fanne fa ‘o masto. Avevo bisogno delle pinze.

Giuseppe

Speriamo che riesci ad aggiustare queste lucette.

Augusto

Ma è una cretinata: un filo staccato, mo lo attacco e si accendono di nuovo. (sale sullo scaletto, mentre Giuseppe cerca di tenerlo fermo) Mantiene bbuone… nun me fa carè!

Giuseppe

Si… ma tu fa ampresse, io nun ce ‘a faccio cchiù.

Augusto

Nu scaletto nu poco meglio nun ‘o tiene!?

Giuseppe

Si ‘o tenevo… pigliavo chisto?

Augusto

Me stai facenno fa l’equilibrista dint’ ‘o circo Orfei… (imitando una presentazione in circo) “Signore e Signori, ecco a voi il grande illusionista, nonché acrobata equilibrista, Augusto Accurso, che da Hollywood, dopo aver creato e realizzato effetti speciali elettronici, pirotecnici, ingegnosi e spettacolari è venuto a Napoli, dal caro fratello pe’ c’accuncià ‘na serie ‘e lampadine ‘e Natale!”

Giuseppe

Quella che stai aggiustando non è una serie di lampadine qualunque. È la serie che illumina San Giuseppe.

Augusto

(finendo di aggiustare la serie) Tutt’ o rieste de’ santi che ne pensa di tutta ‘sta dedizione e venerazione che tiene pe’ San Giuseppe?

Giuseppe

Ma che dici? Accuonce ‘e fili, ca tu sulo cheste capisci! (si rivolge a tutte le altre immagini e statuette sacre) Diteglielo voi, quello, a me non mi crede, se glielo dite voi, quello, si acquieta.

Augusto

(c.s. meravigliato) Cu’ chi stai parlanno?

Giuseppe

Cu’ chi? Con tutti i santi.

Augusto

Meglio “tutti i santi” che “il due novembre”.

Giuseppe

(rimproverandolo fraternamente) Non scherzare, quelli, poi, sentono, si pigliano collera e piangono.

Augusto

Ah, piangono pure!?

Giuseppe

Caspita! Piangono per tutti i peccati del mondo, per la superficialità, per la lussuria che ha invaso ogni angolino segreto del mondo, per la libidine sfrenata, per la vanità di tutta l’umanità, per l’attitudine dell’uomo al superfluo, al vano, all’inutile … 

Augusto

(scendendo dalla scaletta) Hai ragione! Nun se capisce niente cchiù: sui giornali, per televisione, al cinema è sempe ‘a stessa storia; corpi nudi di donne, manco a farlo a posta, senza un filo di grasso, sode, con le loro curve e “protuberanze” che me pareno ‘e marmo, scolpite dalla mano più abile, saggia e sapiente del più grande scultore del mondo,  ‘e marmo si, ma vellutato… sempre abbronzate, depilate perfettamente in ogni parte del corpo, cu’ tutt’ ‘e riente mmocca! Bianchi, dritti, nun ce ne sta uno che si accavalla, perfetti! Con due occhi, ma che dico!? Con due fari azzurri o verdi che ti puntano e con una voce che esce sinuosa da due labbra carnose, rosse, morbide, che si schiudono appena e lentamente sussurrano: “Compra lo yogurt, ‘o yogurt te fa jì dint’ ‘o cesso!”

Giuseppe

(ha avuto un crescendo di conturbazione) Basta! La devi smettere. Io nun ce ‘a faccio a sentì ‘sti ccose. (riferendosi alle statuette e alle immagini) E po’, ‘e ssiente, siente comme chiagneno.

Augusto

Chiste chiagneno sempe!?

Giuseppe

No, non piangono sempre! Quando l’uomo fa del bene, loro sono felici e pregano il Signore.

Augusto

‘O chiagneno o pregano! Meno male che ‘e ssiente sule tu!

Giuseppe

(allarmato) Ma che dici!? Nun te fa sentì, nun dicere ‘sti ccose.

Augusto

(guardandosi intorno) Ma chi vuo’ che ce sente. Stamme sulo io e te!

Giuseppe

Ma comme fai a dicere chesti ccose!? Nun ‘e vvire tutte chist’ ‘uocchie ca te guardano?… Chesti recchie ca te sentene?

Augusto

(allarmato, si gira intorno) Ma stesseme al Grande Fratello? Chi è, ‘o KGB, ‘a CIA? Chi so’ ‘e russi o ‘e mericani?

Giuseppe

Tu la devi smettere! Questa è una cosa seria. Loro sanno tutto, vedono tutto e sentono tutto, quindi sanno se tu hai intenzione di convertirti o no!

Augusto

Peppì, scusami, (si rivolge ai santi) scusatemi pure voi…

Giuseppe

I santi non scusano… perdonano.

Augusto

(confuso) Scusatemi se ho detto scusa… anzi, perdonatemi delle scuse, io mi scuso del perdono… cioè… perdono delle scuse… mamma d’ ‘o Carmine, sto tutto surato… comme aggia dicere!?

Giuseppe

(fraterno e comprensivo) Non dire niente, loro sanno già quello che hai nel cuore, nella mente e cosa vuoi dirgli.

Augusto

Però, t’aggia dicere ‘a verità… a me fa nu poco impressione ‘stu fatto che io nun so’ libero ‘e pensà e che loro già sanno che sto pensando, nun parlo e già sanno chello che voglio dicere, nun me movo e già sanno che voglio fare… insomma… io avesse bisogno… come si dice?… di un po’ di privacy !

Giuseppe

(c.s.) Ma cosa dici!? Augù, io ti capisco, questi sono i primi momenti della conversione, è come se uno non fosse abituato, ma poi, guarda me: io non potrei più vivere senza di loro! Ogni uno ha bisogno di avere qualcuno a cui si ha piacere  non nascondere niente di se stesso, qualcuno a cui diamo il permesso di conoscerci fino in fondo, nell’intimo… 

Augusto

(allarmato) Nell’intimo… In che senso Peppì!?

Giuseppe

Nell’intimo più profondo! Fino all’angolino più nascosto della nostra coscienza! (estatico) Sapisse quant’è bello!

Augusto

(preoccupato) Ma... nell’intimo… nel senso di coscienza!

Giuseppe

Si, la coscienza, l’anima, chiamala come vuoi tu… lo spirito!

Augusto

(lo osserva pensieroso) Certo è che sì cagnate proprio! Dove sta più quel Peppino che mi dava i consigli sulle donne?… mi dava i preservativi… mi ricordo quando mi descrivevi il corpo di una tua “preda”. Altro che spirito! Me lo descrivevi così bene e dettagliato che a me pareva di averlo lì davanti, potevo toccarlo e scrutarlo dappertutto.

Giuseppe

(un po’ turbato) Altri tempi. I tempi della perdizione.

Augusto

La perdizione? Se mi ricordo bene, tu ti perdevi che era un amore. Comme te perdive tu nun se perdeva nisciuno.

Giuseppe

(da predicatore) Vedi la forza e la potenza del Signore: è riuscito a far cambiare strada persino  me: grande libertino e libidinoso, tentatore, ideatore,  produttore e venditore di perdizione e peccato.

Augusto

“Ideatore,  produttore e venditore di perdizione!”? Tu ddoje mutandelle, tre reggipetti e quatte sottoveste hè fatte!

Giuseppe

(c.s.) No, non sminuire il mio peccato! Il vestiario che producevo induceva al peccato…

Augusto

Vedila sotto un altro aspetto: induceva all’unione, alla comunione.

Giuseppe

Si, ma dei corpi! Non delle anime!

Augusto

S’accumencia dai corpi, ma poi… si uno è bbuono, ci si unisce fino a dint’ all’anima!

Giuseppe

Nun dicere bestialità! Augù, tu devi smetterla di pensare così. Me l’hai detto tu, no? Che come hai messo piede in questa casa ti sei  sentito diverso, che vuoi cambiare, che vuoi dare un senso alla tua vita dissoluta, libertina e libidinosa, no?

Augusto

(imbarazzato) Si, ma damme nu poco ‘e tiempo… io, mo, so’ comm’ ‘a nu criature che ha succhiato sempre dal seno della madre e all’improvviso s’adda abbituà cu ‘a buttigliella... Peppì, me manca ‘a zizza!

Giuseppe

Augù!

Augusto

Nel senso di... latte! S’intende!

Giuseppe

Mo che stai ccà, avimma fa cos’ ‘e pazze!

Augusto

In che senso?

Giuseppe

Tu lo sai, no, che ‘a capa mia è ingegnosa, creativa?... e allora ho pensato ad una cosa, che però, da solo, non riuscivo a realizzare, perchè, come si dice: mi mancano le conoscenze specifiche... mo che si’ venuto tu ho anche le competenze specifiche.

Augusto

Spiegati meglio, quali competenze tengo io?

Giuseppe

L’elettronica, l’elettricità, trucchi e affini!

Augusto

Mi stai incuriosendo. Spiegami che c... capolavoro ha pensato questa tua testa di... inventore!

Giuseppe

(con enfasi e orgoglio) ‘A statuetta parlante!

Augusto

(dubbioso) ‘A statuetta parlante?

Giuseppe

(c.s.) Si!

Augusto

(c.s.) Quale statuetta?

Giuseppe

(c.s.) Qualsiasi statuetta... San Giuseppe, San Crispino, Sant’Anna, San Leopoldo, Santa Giacinta...

Augusto

(lo interrompe) E basta! Aggia capito! Nun te fa tutt’ ‘o calendario! Le statuette dei santi.

Giuseppe

(c.s.) Bravo!

Augusto

(sempre un po’ dubbioso) E che avessena dicere ‘sti statuette?

Giuseppe

(c.s.) Una frase che li caratterizzi, un qualcosa che loro stessi nella vita hanno detto e che li faccia riconoscere. Per esempio,prendiamo Sant’Anna: (con voce artefatta)

“Io so’ ‘a mamma ‘e Maria,

chella bella figlia mia,

 essa ha fatte ‘a Gesù

e jesce incinta pure tu!”

Che ne piense?

Augusto

(pensa) È giusto... Sant’Anna la protettrice delle partorienti invita le donne ad uscire incinte. Aggia capito! Ma allora, accussì putimme fa  tutt’ ‘o presepio che parla! Ce piense Peppì: “Il primo presepe non vivente, ma parlante, di tutto il mondo”

Giuseppe

(al limite dell’eccitazione) Si! Bravo,tutt’ ‘o prisepio!

Augusto

Facimme a San Giuseppe che dice:

”Figlio mio quanto sei bello,

figlio mio, guardate llà,

è tale e quale a suo papà!”

E Maria che gli risponde:

“Marito mio, nun fa cchiù finta

dicimmacelle  a tutti quanti

‘o pato ‘e Gesù è ‘o Spirito Santo!”

Giuseppe

(c.s.) Si! Bravo!

Augusto

(incalza) San Giuseppe, a chistu punto, si altera un poco e dice:

”Ca nun sia mai, mugliera mia!

‘o pato ‘e Gesù, rimango sempe io!”

e Maria:

“Jamme Peppì,

 famme ‘o piacere...

 si’ accussì viecchio

ma chi te crere?”

Giuseppe

(dubbioso) Forse questo no...

Augusto

(c.s.) Gesù Bambino, a questo punto, vedendo i genitori litigare, chiagne:

“Ngueeeee, ngueeee...”

‘o ciuccio sentenno a Gesù che chiagna, arraglia:

“Iiiioooo, iiiioooo”

‘o bue sentenne ‘o burdello, muggisce:

“muuuuu, muuuuuuu”...

Benito se sfasteria e dice.

“ma ‘a vulite fernì, io aggia durmì!”

Giuseppe

(c.s.) No, Augù, non esageriamo.

Augusto

(continuando) ... mentre, tutti  i venditori danno ‘a voce:

“’o mullone chin’ ‘e fuoco...

vongole, taratuf’ ‘e fasulare...

alic’ ‘e pozzuoli, alic’ ‘e pozzuoli...

‘a tengo nera, nera ‘a molegnana...”

Giuseppe

(lo interrompe) Augù, basta!... Chisto nun è cchiù nu presepio, chisto è nu mercato!

Augusto

Forse ho un poco esagerato!

Giuseppe

Diciamo che ti sei lasciato, un poco, andare. Queste cose lasciale a me, ci penso io a quello che devono dire, tu ti devi preoccupare del meccanismo... a comme se fa a farle parlà. Hai capito?

Augusto

Che ci vuole!? Non si deve inventare niente, già esistono in commercio. Ci sono quelli a pressione, cioè, tu li schiacci e quelli parlano e quelli al contrario, li liberi e parlano.

Giuseppe

Ecco, bravo, questi che si liberano... possiamo metterli sotto le statuette, in modo che quando si alza la statuetta quella parla. Si può fare?

Augusto

Si può fare tutto, si deve fare solo un piccolo foro sotto la statuetta...

Giuseppe

(allarmato) Un foro sotto la statuetta!? E se lo faccio fare tu già mi puoi mette il congegnino?

Augusto

Certo, che ci vuole?

Giuseppe

(prende il telefono) Mo li faccio fare già, così vediamo che effetto fanno. (al telefono) Pronto... sono io... bravo, la voce del padrone la riconosci!... Adesso sentimi bene… dobbiamo fare un lavoretto... ‘o gabinetto?... e io se dovevo andare in gabinetto te ‘o vvenevo a dicere a te pe’ telefono!?... (ad Augusto) Chist’ è surdo comm’ ‘a ‘na campana, mo me fa surà sano sano, sta a sentì. (al telefono) Arape ’stì recchie fracete ca tiene e sienteme bbuono: (lentamente) pe’ primma cosa, piglia una statuetta dell’ultima partita... “’a primma figlia ‘e Elisabetta tena ‘a parotite”?... e io che aggia fa?... L’aggia ritto io!?... io ho detto: “piglia una statuetta dell’ultima partita”... si... bravo... tu ‘a pigli e lle fai un buchino... (offeso e meravigliato) Screanzato e fetente, come ti permetti?... ‘O fa sorema!?... sorema adda venì apposta llà pe’ fa nu buchino?... Nossignore lle ‘a fa tu... ce le ‘a fa sotto... lo devi fare come fece tua moglie quell’altra volta… si nun ‘o saje fa fatte ‘mparà a essa… anzi, fall’ ‘o fa a essa… chell’ ‘o sape fa meglio ‘e te… ma che alluchi a fa?... Famme ‘o piacere passami a figlieto che ce ‘o spiego a isso… n’ata vota!?...  no “sì piechero e fesso”, aggia ritto “ce ‘o spiego a isso”. Accussì aggia ritto… ma famme ‘o piacere, vattenne! (attacca, ad Augusto) So’ cos’ ‘e pazze, cu’ chisto ‘e telefonate fernescene sempe ‘o stesso.  

Olga

(entra e sfila come su una passerella, indossa l’abito bianco di e una parrucca bionda alla Marylin Monroe) Che ve ne pare?... Chi vi ricordo?

Giuseppe

(sbigottito e agitato) Maronna!

Olga

(c.s.) No, Madonna! Marylin Monroe?

Augusto

Ma che fai?... My love, non stiamo a casa nostra, non puoi girare conciata così...

Olga

Why!? Pepy è nostro fratello, siamo una famiglia, io non ho vergogna.

Giuseppe

(cercando di non guardarla) Tu non hai vergogna... ma io tengo cierti form’ ‘e ormoni che me pareno ippopotami! Nun ‘e riesco a mantene’! E poi, non mi avevi detto che ti volevi convertire?

Olga

Yes, voglio fare come mi hai detto tu, voglio dare tutto quello che ho agli altri... eccomi!?

Giuseppe

(c.s.) Ferniscela!

Augusto

(mettendosi tra i due) Peppì, mantieni gli ippopotami! (ad Olga) Tu vai dentro e mettiti qualcosa di più coprente...

Olga

Coprente!? No! Il dottore ha detto che la pelle deve prendere aria, deve ossigenarsi, altrimenti invecchio prima.

Augusto

Famme capì! Tu vuoi andare o no dalla parte del Signore?

Olga

(ingenua) Quale signore?

Giuseppe

(indicando il cielo) Il Signore!

Olga

(guardando in alto) Devo andare dal  signore del piano di sopra?

Augusto

(spazientito) Quanno fai accussì me stizze ‘a nervatura!You are stupid!(specifica) ‘O Signore, ‘o Padreterno, Dio!

Olga

(semplice) The God! Certamente! Voglio andare dalla sua parte... (indica la sua mise) Così, non ci posso andare?

Giuseppe

No! Così, proprio no!

Olga

I understand! Ho capito! Ha gli ippopotami anche lui!

Giuseppe

Ma che dici? (rivolto ai santi) Perdonatela, non sa quello che dice.

Olga

Non si dice così, in italiano?

Augusto

In italiano, in russo, in giapponese! Olga, non si dice e basta!

Olga

(spazientita) Questo non si fa... quello è peccato... quell’altro non si dice! Ma allora cosa si deve fare?

Giuseppe

Pregare, pentirsi e rendere grazia.

Olga

Chest’ è!?... (energica) You are crazy!... I love the live... I love the freedom... I love the man!  That is live! You are crazy, you are dead!

Giuseppe

Che ha detto?

Augusto

Che te vo’ assai bene!

Maria

(allarmata) Che sta succedendo? Olga pecchè allucca!?

Giuseppe

È il demonio che non vuole lasciarla. Guarda come si è vestita?

Maria

T’ha fatto eruttà n’ata vota?

Giuseppe

Nossignora!... Con l’aiuto di San Giuseppe, il mio corpo si sta temprando alle tentazioni.

Augusto

Noi non siamo forti come voi, capiteci, abbiamo bisogno di tempo per cambiare completamente direzione alla nostra vita, anche voi, credo, nei primi giorni avete trovato delle difficoltà. Mari’, tu devi fare un po’ la guida spirituale di mia moglie, stalle vicino, consigliala.

Giuseppe

Ecco, bravo! Falla coprire, così non sarà più oggetto di desiderio e istigatrice alla lussuria, al peccato.

Maria

Ho capito. Olga, vieni con me, mo te dico io comme s’adda fa. Non vi preoccupate, mo ce faccio io ‘a scola.

Olga

Scuola!? Alla mia età, ancora la scuola? Ma siete tutti pazzi?

Maria

(prendendola per il braccio e avviandosi ad uscire) Non si finisce mai di imparare, cara mia! Noi non siamo pazzi, stai zitta e poi te ne accorgerai. (escono)

Giuseppe

(al quadro di San Giuseppe) Miettece ‘a mano tua! Fa che un’altra pecorella si aggiunga all’ovile.

(bussano alla porta)

Giuseppe

(apre la porta) Sorella Pupella, entra.

Pupella

Buongiorno fratelli. Scusatemi se sono venuta in ritardo, don Armando mi ha trattenuta. Abbiamo sistemato tutte le statuette della madonna Addolorata che ci hai mandato ieri.

Giuseppe

Questa volta comme so’!? Mica ce sta qualche altra sorpresa?

Pupella

No! Belle, veramente belle. A don Armando ll’è piaciuto ‘a faccia d’ ‘a Maronna, ha ritto: “Bravo a Peppino, ha fatto l’Addolorata che ride… così mostra il piacere di soffrire per il bene degli altri”

Augusto

L’Addolorata ride?

Pupella

Si, pur’ io me so’ un po’ meravigliata, aggia pensate, “Peppino ha fatto n’ata strunzata…”

Giuseppe

Sorella Pupella!

Pupella

No, po’ dopp’ ‘a spiegazione e don Armando, aggia ritto, ma stu piacere ‘e vulè sta male putess’essere pure capito comme si ‘a Maronna fosse ‘na “mascolista”… “mesolista”…

Augusto

Masochista!

Pupella

Bravo! E isso, nun sapeve cchiù che risponnere e m’ha ritto: “Ma tu nun iva jì da fratello Giuseppe, e va.. va… va che fai tarde!”

Giuseppe

Sorella, mo vai da Maria e dalle una mano, c’è una pecorella da riportare all’ovile.

Pupella

Bravo. Con l’aiuto di San Giuseppe pigliammo tutt’ ‘e pechere, nun te preoccupà (esce)

Augusto

Peppì, ma addo stanne tutti sti pechere? Io nun aggia viste nisciuna.

Giuseppe

(ride) Augu’ le pecorelle smarrite, non ti ricordi la parabola di Gesù nel Vangelo?

Augusto

Peppì, è nu poco ‘e tiempo ‘a chesta parte ca nun me ricordo niente cchiù.

(bussano alla porta)

Augusto

(apre la porta) Guè Rafè si’ tu!? Trase.

Raffaele

(sulla soglia, freddamente) Ci sta Giuseppe?

Augusto

Si, sta qui, trase.

Raffaele

(c.s.) Mi fa la cortesia di chiamarmelo?

Augusto

(meravigliato) Rafè… che fai, mi dai del lei?

Raffaele

(c.s.) Io non voglio avere niente a che fare con (sottolinea) lei. Si faccia da parte e mi chiami suo fratello Giuseppe, per favore.

Augusto

(indispettito) Se lei me lo chiede con quella faccia e quel tono, lei a mio fratello Giuseppe se lo chiama da solo, mi sono spiegato?

Raffaele

(sprezzante) Si è spiegato benissimo e anche se non si spiegava, già lo sapevo che su di lei non si poteva contare. Non mi dimentico di quello che ha fatto.

Augusto

Dato che io sono un poco scordariello, le posso chiedere la cortesia di ricordarmi quello che avrei fatto?

Raffaele

Lei è un incosciente! Tradisce, mente, si fa abbindolare e non se ne rende  nemmeno conto.

Augusto

Io, per sua norma e regola, sono uno che, notoriamente, non si fa abbindolare, ma, anche profumatamente remunerato, abbindola. Lei, piuttosto, non ha certo la faccia di abbindolante,  si vede da chilometri di distanza che è un abbindolato, quindi stia zitto, si faccia abbindolare e prosegua.

Raffaele

(perde la pazienza, minaccioso) Prosegua, a me, nun me l’ha mai ritte nisciuno!

Augusto

(altrettanto minaccioso) C’è sempre una prima volta! Pecchè quacchecosa!?

Raffaele

(c.s) Nuje c’eravamo messi d’accordo, dovevamo aiutare mia sorella e tu m’hè tradute a mme e a Maria!

Augusto

Io non ho tradito nessuno! Tu nun ‘o vvuo’ capì che ce sta una sola strada da percorrere: quella che conduce a Dio!

Raffaele

E bravo! Io mo, chella strada te faccio percorrere, te spacco ‘a capa e te manno annanz’ ‘o Padreterno!

Giuseppe

(si frappone) Smettetela! Non si risolvono così i problemi.

Raffaele

Nossignore, cu ‘na capata mmocca, risolviamo tutto!

Augusto

E tu fusse capace ‘e me dà ‘na capata mmocca a me!?

Raffaele

Io so’ capace ‘e te rummane’ muorto ‘nterra, carugnone!

Giuseppe

(c.s.) Madonna, che esagerazione! ‘O vuo’ accidere apprimma! Ma che ha fatto ‘e tanto grave?

Raffaele

Mi ha tradito! Chisto è ‘nu traditore e nu carugnone. (a Giuseppe) Tu è inutile che t’ ‘o prutiegge, chillo vuleve fa fesso proprio a te!

Giuseppe

A me!?

Raffaele

Certamente! (imitando Augusto) “Nun te preoccupà, m’ ‘o vveco io. Io ‘o cunosco bbuono a mio fratello, basta che lle faccio girà p’ ‘a casa a mia moglie cu ‘a minigonna e cu tutt’ ‘o piette in mostra e te faccio vedè, Peppino, comme “erutta” continuamente e si “Sconverte””. Accussì me dicette. Hè capito che te vuleve fa?

Giuseppe

(addolorato) Augù... allora è vero?

Augusto

Ma tu stai a sentì a chisto!? Ma ti pare che io, ‘o frate bello tuoio, puteve mai pensà a ‘na cosa ‘e chesta?

Raffaele

Busciardo! Me diciste pure che lo avresti preso per il lato psicologico, gli avresti raccontato delle tue avventure amorose e parlato sempre di sesso e di donne, così lui non avrebbe resistito e certamente si sarebbe "sconvertito".

Augusto

Io a te nun te piglio po’ lato psicologico ma quello materiale, te scommo ‘e sango!

Giuseppe

Perciò mi parli sempre di “pelle liscia”, di “curve sode”…

Raffaele

Hai visto!? Io non mento, io dico sempre la verità. Tuo fratello è un traditore!

Giuseppe

(mesto) Augusto, fratello mio, ma che combini?

Augusto

(in difficoltà, poi pentito) Giusè… io, veramente… prima volevo… poi, invece… (gli si inginocchia ai piedi) Giusè perdonami!

Giuseppe

Ti perdonerò solo se aprirai il tuo cuore.

Augusto

(esita, poi con sforzo) … Si, è vero!  Mi devi capire, io mi aspettavo di trovarti come ti avevo lasciato… non so… come Casanova e invece ti ho trovato come Fra’ Peppino da Velletri! Uno che non mangia, non va  a cinema, accende la televisione per vedere solo la Santa Messa, ascolta solo Radio Maria e non fa vestire, non fa truccare, non fa curare  la moglie per non avere un oggetto del desiderio al suo fianco, insomma io me pensavo ‘e venì dint’ ‘a ‘na reggia cu’ nu rre e ‘na reggina e me so’ truvato dint’ ‘a ‘nu cunvento ‘e clausura cu’ Fra’ Peppino, ‘a monaca ‘e Monza e (indica i Santi) tutt’ ‘o paraviso appriesso!

Giuseppe

Augù, accorta a comme parli!

Augusto

Certamente! Tu me faciste ‘na cosa ‘ncuorpo!… Cioè… nel senso che me facive pena, pensavo: “guarda ‘nu poco, mio fratello, che fin’ ‘e mmer… 

Giuseppe

Augù!

Augusto

No, nel senso che prima… a prima vista… poi invece ho capito. Una settimana fa, quando non avevo ancora capito, io e Raffaele ci eravamo messi d’accordo che dovevamo fare in modo che fra’ Peppino da Velletri doveva trasformarsi in Casanova, non solo per te ma pure per salvare quella povera scorteca di Maria.

Raffaele

Traditore!  “…dobbiamo agire con furbizia… dobbiamo fare le cose per bene… è meglio accontentarsi di piccoli obbiettivi.”  So’ stato io fesso a nun capì che eri un traditore, falso e carugnone!

Augusto

Nun dicere accussì, mio fratello mi ha aiutato a capire, mi sono bastati pochi giorni qui dentro che mi sento diverso, voglio cambiare vita, proprio come ha fatto Peppino, voglio diventare, anche io, una pecorella del Signore.

Raffaele

Tu stai pe’ ‘a via bbona: fatte ‘na cammenata a Casablanca, chille da pucurone, quale sei, nun ce metteno niente a te trasformà in pecorella.

Giuseppe

Raffaele…

Raffaele

(lo interrompe) Peppì, è inutile che parli! Frateto è nu traditore e basta! Se mi aveva detto che mi aiutava a salvare mia sorella, mi doveva aiutare e basta!

Giuseppe

Rafè, ma tu si’ forte ‘o ssai!? Insomma, si aggia capito bbuono, Augusto ha traduto a te pecchè nun ha traduto a me?

Raffaele

Esatto!

Giuseppe

E tu m’ ‘o ddice ‘nfaccia!?

Raffaele

Sissignore, t’ ‘o ddico ‘nfaccia e te dico pure che so’ venuto a me piglià a Maria. Io sono il fratello e non posso permettere che mia sorella viva insieme ad un pazzo maniaco che non la fa vestire, mangiare, uscire… insomma che ‘a tene chius’ ‘a rinto peggio ca si stesse in clausura!

Giuseppe

Rafè, Maria è mia moglie!

Raffaele

Peppì, Maria è mia sorella!

Augusto

Guagliù, Maria è mia cognata!

Raffaele

Embè!?

Augusto

No, niente. Volevo partecipare!

Giuseppe

Caro Raffaele, dal momento che tua sorella si è sposata con me…

Raffaele

(lo interrompe) …Ha fernuto ‘e campà!

Giuseppe

(con pazienza, riprende) …non appartiene più alla tua famiglia, ma alla famiglia che va a formare.

Raffaele

Ma se nella famiglia che va a formare la povera scorteca fa ‘e pose da’ famme pe’ colpa del marito, che si è rimbambito, è impazzito o se vogliamo dirlo diciamolo pure, si è rincoglionito, il fratello per salvarla se la può prendere e portare via.

Augusto

E no! Perché, come si dice? “La moglie segue il marito nella buona e nella cattiva sorte.” In qualità di cognato posso dire: ‘a ssoreta ll’è piaciuto il periodo delle vacche grasse, mo che ‘a vacca s’è arritirata ‘e zizze, lle fa specie!? E poi, ce piaceva, alla cognatina, ‘e se ‘ngignà tutte le novità dell’ Intimo Inferno, ce piaceva fino al punto di costringere il marito a fare una inversione ad “U” per andare a prenderne un’altro perché, ‘o ‘nzallanuto, se lo era dimenticato… 

Raffaele

Uffà! Ancora cu’ chesta storia!?

Augusto

Ancora!? È certo! Questo è il nocciolo della matassa… cioè, è il bandolo della questione… insomma : sta tutto ccà, Rafè!

Raffaele

(deciso) Basta! È inutile parlare. (estrae un grosso coltello e minaccia i due) Levateve, faciteme passà… Maria, ‘a so-sora mia, mo se ne vene cu’ mme!

Augusto

Rafè, nun fa fesserie, piensece bbuono… tu stai facendo un reato penale.

Raffaele

(c.s.) Già ci ho pensato, ci sto pensando da parecchio… levateve ‘a miezo e faciteme fa. (ad alta voce) Maria!… Vieni, so’ io… so’ Rafele tuoio… vieni.

Maria

(entra da sinistra, spaventata) Rafè, ma che stai facenno?

Pupella

(entra, spaventata, con tono di orazione) Rafè, arricuordete: “Chi di coltello ferisce di coltello perisce”! (cambia tono) Posa stu coso, nun fa ‘o scemo!

Raffaele

(raggiunge maria, la prende per un braccio e sempre minacciando gli altri si muove verso la porta) Marì, sto facendo quello che avrei dovuto fare quattro anni fa. Jammucenne Marì, finalmente è giunto il giorno della tua liberazione.

Pupella

Tu vai ‘ngalera! Tu stai facendo il “ratto delle Marie”… fermati rattuso!

Maria

(sorpresa) Rafè…

Raffaele

(la interompe.) Nun parlà! ‘O ssaccio, me vulisse ringrazià…

Maria

(cerca di incalzare) Rafè, io…

Raffaele

(c.s.) Tu non mi devi niente, sia ben chiaro! Io ti sto aiutando solo perché è il sangue che me lo comanda.

Maria

(c.s.) Si, però…

Raffaele

(c.s.) Non insistere. Chisto nun è ‘o mumento dei convenevoli. T’aggia ritto che mi ringrazierai cchiù tardi.

Maria

(decisa e brusca) M’ ‘a fai ricere ‘na vrenzola ‘e parola!? Si’ sempe ‘o stesso. Tu, ‘a ggente ll’hè ‘a fa parlà, accussì vire si è d’accordo cu’ chello che dice tu o no.

Raffaele

(sorpreso) Ma io già so quello che vuoi e se sei d’accordo.

Maria

(decisa) E nun sai ‘o riesto ‘e niente! (si avvicina a Giuseppe)

Raffaele

(imbambolato) Che stai dicenno!?

Maria

Sto dicenno che il mio posto è qui, accanto a mio marito! L’ho promesso a Dio: “nella buona e nella cattiva sorte”.

Pupella

(indicando Maria) Santa Maria Coretti!

Maria

E po’, Rafè, chi è che stabilisce ‘o buono e ‘o cattivo?

Giuseppe

(fiero) Brava! Rafè, quello che i tuoi occhi vedono “male”, se ti affiderai al Signore, te lo farà vedere “bene”.

Augusto

(positivamente meravigliato) ’O Signore fa pure l’oculista!?

Pupella

(indicando Augusto) Giuda Iscariota!

Giuseppe

(con rimprovero) Augusto!

Augusto

(remissivo) Scusa… cioè, perdono… cioè, perdono delle scuse… insomma, Peppì, io so’ frisco convertito, m’aggia abituà!

Raffaele

(c.s.) Ma che cosa sta succedendo? Questa è un’epidemia… Peppì hè contagiato  a tutti quanti!

Olga

(entra da sinistra, è vestita come Maria, si stenta a riconoscerla) Raffaele, vieni, vieni anche tu con noi! Salvati l’anima! (canta) Alleluia… alleluia… alleluia…        

Pupella

(indicando Olga) La pecorella smarrita!

Raffaele

(esterrefatto) Olga! No, tu no! Tu nun me puo’ fa ‘na cosa ‘e chesta!

Giuseppe

(osserva Olga, poi a San Giuseppe) Grazie! Hai esaudito un altro mio desiderio, la conversione di Olga. (si muove verso Raffaele) Fratello convertiti anche tu, unisciti a noi per andare insieme dal Signore.

Pupella

Vieni con noi… vieni… saglie!

Raffaele

(spaventato indietreggia e minaccia col coltello) Fermati, nun fa n’atu passo che ti faccio arrivare adesso dal Signore.

Augusto

(va verso Raffaele) Rafè, nun fa accussì…

Raffaele

(c.s.) Fermati pure tu, traditore… nun te movere che te ‘nfizzo ‘stu curtiello dint’ ‘o core.

Maria

(va verso Raffaele) Rafè, crire a so-sora toia… so-sora nun vo’ ‘o male tuoie.

Raffaele

(c.s.) Marì, statte ferma e nun te movere. Tu nun si’ cchiù ‘a so-sora mia… so-sora mia è morta! (fugge dalla porta-finestra di fondo)

Pupella

Requie e pace all’anima soja!

Maria

(contrariata, facendo gli scongiuri) Pupe’!?

Pupella

Ah, sì viva!? Scusa!

Giuseppe

(verso le statue dei santi) Voi siete testimoni, noi abbiamo fatto di tutto per farlo convertire… (come se qualcuno gli abbia parlato) come?… c’è ancora qualcosa da fare?… e che cosa?… (si illumina in volto) è certo! Perché non ci ho pensato prima!? (agli altri) Fratelli e sorelle, per il nostro fratello che tene ‘a capa tosta non ci resta che pregare!

Augusto

(accende la tv e la radio) Si, preghiamo insieme a tutti i nostri fratelli, così la preghiera diventa più potente e ha più efficacia.

Il televisore trasmette la Santa Messa e la radio il Santo Rosario. Tutti, in posa di preghiera seguono, chi il Rosario, chi la Messa. Ne risulta un fastidioso ed incomprensibile vociare.

Augusto

(si accorge della confusione) Stop! Questa nun me pare ‘na preghiera,

Pupella

‘O vero! Me par’ ‘e sta ‘o mercato!

Augusto

Fratelli e sorelle mettimmece d’accordo: ‘o Rusario o ‘a Messa?

Dalla porta-finestra succede di tutto: fuochi pirotecnici, fumo, luci ecc. ecc. Da tutto questo sbuca fuori Raffaele, irriconoscibile perchè indossa una grossa barba bianca ed è vestito e truccato da Babbo Natale. Si ferma sulla soglia.

Raffaele

(la sua voce, artefatta, è diffusa tramite la radio e la sua immagine è trasmessa dal televisore) Ma che state facendo?

Giuseppe

(spaventato) Madonna!

Raffaele

(c.s.) Guagliò, ma fusse scemo!? ‘A Maronna vestuta ‘a Babbo Natale!

Olga

(positivamente meravigliata) Santa Claus! Che bello!

Raffaele

(vanitoso) Grazie, la signora si che se ne intende!

Giuseppe

Augù, questa è un’altra delle tue sceneggiate? Questi trucchi sono tuoi è vero?

Augusto

(spaventatissimo) Peppì, mai comm’ ’a mo, t’ ‘o giuro, nun saccio niente! (incredulo a Raffaele) Ma non le sembra che ha sbagliato periodo?

Pupella

Ma mica stamm’ ‘a Natale?

Raffaele

Secondo te io esco solo a Natale? E stevo frisco, stevo!

Augusto

Ma lei parla napoletano?

Raffaele

(con sopportazione) Chisto è proprio scemo! Secondo te, io che giro tutto il mondo, quante lingue avessa sapè pe’ me fa capì ‘a tutti quanti?

Augusto

(insicuro) Diciamo… tutte!

Raffaele

Bravo! Allora ho fatto in modo che io parlo sempre la mia lingua, e chi ascolta mi sente parlare nella sua. È chiaro?

Giuseppe

Questo, può essere pure chiaro, ma non mi è chiara la tua presenza qui.

Raffaele

Io sto ccà proprio pe’ te ‘o ssai?

Giuseppe

(incredulo) Pe’ me!?

Raffaele

(imitandolo e deridendolo) Pe’ me? No pe’ ‘a figlia d ‘ ‘o rre! Si, pe’ te! Stai facenno cierti casini ca è necessario che qualcuno ti fermi.

Augusto

Quali casini!? Mio fratello è un uomo pio e timorato di Dio, un uomo così non può che fare del bene, perché

Pupella

Cammina sempre per le vie del Signore.

Raffaele

(annoiato) Pupè, va in convento!Chiurete dint’ a ‘na cella e ghiett’ ‘a chiave, fai meno danni.E tu, Augusto hè fernuto ‘e fa ‘a predica? Circa ‘e te sta zitto, famme ‘o piacere. Vuie cheste sapite fa: chiacchiere! Con le chiacchiere fate tutto, create, distruggete, amate, odiate solo ed unicamente cu’ ‘e chiacchiere, con le parole. E quante bugie che dite! Il Signore, probabilmente, pe’ chesto ha criato ‘o munno ‘a forma ‘e palla… ‘o munno è ‘na grossa palla!

Maria

Tu si’ ‘na palla, tu si’ ‘na buscia! Lievete ‘sta maschera che nun stammo a carnevale.

Raffaele

Guè, ccà sta pure ‘a “mulignana pelosa”, o “Vedova nera”, no, anzi,  “Vedova pelosa”!

Maria

(meravigliata) E tu che ne sai!?… (a Giuseppe, lamentosa)  Me sfotte pure Babbo Natale, me sfotte! 

Giuseppe

Nun ‘o pensà, questo è un impostore: Babbo Natale non esiste! È un personaggio inventato per tenere buoni i bambini. Levate ‘sta barba, facci vedere chi sei.

Pupella

Facci vedere chi sei.

Raffaele

(a Pupella) Va in convento! (con calma) Ognuno crede a quello che gli piace credere!

Giuseppe

Ognuno crede alla verità, non a te che sei falso come un cartone animato.

Raffaele

Io so’ falso!? Ingrato, irriconoscente, traditore!

Augusto

(in difesa del fratello, a mo di guappo) Guè, Babbo, stai tranquillino e aggiustati con le parole che stai arrivolgendo a fra-frato mio che va a finire che mi scordo che sei Natale e con una capata in bocca ti schiumo di sangue, hè capì!?

Giuseppe

(fermandolo) No, lascialo parlare, non si risponde alla violenza con altra violenza. (a Raffaele) Fammi capire, quegli insulti erano rivolti a me!?

Raffaele

Si a te! A quell’uomo che ho incontrato quattro anni fa e che stava per finire arrostito nell’abitacolo della sua auto… a quell’uomo che ho tirato fuori dalle lamiere contorte di una macchina accartocciata ed irriconoscibile, senza fargli fare un solo graffio. 

Giuseppe

(incredulo e smarrito) Ma tu che stai dicendo!?

Raffaele

La verità! Ecco quello che sto dicendo. La verità! Io sto parlando a quell’uomo che crede alla luna nel pozzo e ‘o ciuccio pe’ cielo, a quell’uomo che ha preso fischi per fiaschi, lucciole per lanterne…

Augusto

…’O cacchio pe’ ‘a banca ‘e ll’acqua!

Tutti

(con disappunto) Guè!

Augusto

(intimorito) Scusate, volevo allargare il concetto!

Maria

Augù, nun allargà niente, statte stritto!

Olga

(estatica, guardando Raffaele) Babbo  Natale... che meraviglia!

Raffaele

(lusingato, spavaldo) ‘A peccerella è un’intenditrice.

Olga

(c.s.) Quante letterine che ti ho mandato!... Tu mi hai sempre accontentata... Ti ricordi della letterina, di quando avevo diciotto anni, quella in cui ti scrissi di essermi innamorata di te?... Era quella in cui ti chiedevo una Barbie e Big Gym, ti ricordi?

Raffaele

E comme me ‘o pozzo scurdà! Una, che a diciotto anni  scrive ‘a letterina a Babbo Natale dichiarandogli il suo amore e chiedendo una Barbie e un Big Gym, crireme, è una cosa indimenticabile.

Olga

Quella volta però, non mi accontentasti del tutto mi portasti solo la Barbie?… Perché… perché non mi portasti anche Big Gym?… Lo sai che da allora ho una voglia pazzesca di Big Gym…

Raffaele

(con intenzione, con allusioni sessuali) Piccerè, tu me vuo’ fa credere che ‘a tanne, nun hè truvate a nisciuno che te ha date a Big Gym.

Olga

Si, ma erano tutti piccoli e flosci, quelli scadenti. Mai nessuno me lo ha dato grande come si deve.

Augusto

(capendo le allusioni) Babbo Natà! Cercamme da’ fernì cu’ chistu Big Gym, pecchè si nun ‘a fernisce, te faccio un’operazione di estirpamento e te faccio addiventà Befana!

Olga

(bambinescamente lamentosa) Augù, io voglio a Big Gym, tengo a Barbie che sta da sola, Barbie mia vuole a Big Gym!

Augusto

(pazientemente) Olga, ferniscela! Adesso non è il momento… po’ ne parlamme!

Olga

(c.s.) Ne parlamme!?… (delusa) Finisce sempre così: io ho bisogno di fatti e quello mi dà solo parole!

Raffaele

(amaro) ‘O pane a chi nun tene ‘e riente!

Pupella

Quando si devono fare le parole si parla e quando si devono fare i fatti si fa! Augu, fa e statte zitto!

Giuseppe

(ha assistito sconcertato) Guè, basta! La vogliamo finire? Ma che e successo?… (a Raffaele) Tu chi sei, che ci fai qui a casa mia…

Raffaele

A casa tua, dint’ ’a televisione tua, dint’ ‘a radio tua…

Giuseppe

(guardando la televisione, meravigliato) Già… chi sei?… Aggia capito! Tu sì ‘o riavule!

Raffaele

Riavule a me!? Comme te permiette!? Si’ tu ‘nu povero riavulo! Fesso, fatto fesso, cuntento ‘e essere fatto fesso.

Giuseppe

(verso San Giuseppe) Peppì, aiutami tu, chist’ ’è ‘o riavulo, fallo scomparire.

Raffaele

(ironico, verso San Giuseppe) Peppì, m’arraccumanno, famme scumparì. (aspetta) Che c’è… io sto ancora ccà… fa cuntento al tuo fedele Giuseppe, famme scumparì! (a Giuseppe) Come vedi il tuo San Giuseppe non mi ha fatto scomparire. Questo che significa?

Giuseppe

(disorientato) Che significa?

Raffaele

(spazientito) Guagliò si’ tuosto!Che so’ quatte anne che stai spennenne soldi per fiori, candele e luminarie…

Giuseppe

(interrompe) Pe’ San Giuseppe che mi ha salvato la vita e l’anima!

Raffaele

(riprendendo) Pe’ San Giuseppe che, probabilmente, nun sape neanche che esisti!

Giuseppe

(isterico) Nossignore! San Giuseppe mi tirò dalla macchina e mi disse…

Raffaele

(lo anticipa) “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte… dammi la mano. Se vai avanti così tu morirai, cambia! Io adesso ti salvo, ma la prossima volta chi lo sa se ci sarà qualcuno a salvarti”.

Giuseppe

(meravigliato) Si, ma tu come lo sai?

Raffaele

Peppì, ‘o ssaccio pecchè lo dissi io!

Giuseppe

(c.s.) Tu!

Raffaele

Tiene proprio ‘a capa tosta! ‘O vvuo’ capì o no che per quattro anni hai ringraziato un altro al posto mio!?

Giuseppe

(confuso) No! La barba che vidi era ‘a barba ‘e San Giuseppe!

Raffaele

(ironico) C’ hè fatte l’analisi del DNA?

Giuseppe

(c.s.) San Giuseppe mi disse che dovevo cambiare vita: “Non si fa così, facendo così, si va incontro alla morte…

Raffaele

Ero io che ti dissi che facendo le inversioni ad “U” come l’avevi fatta tu, era pericolosissimo, si andava sicuramente incontro alla morte!

Giuseppe

San Giuseppe mi disse anche: “Se vai avanti così tu morirai, cambia!” Per dirmi che se avessi continuato a vivere in dissolutezza, la mia anima sarebbe morta!

Raffaele

Io, Babbo Natale, ti dissi quelle parole per dirti: “Imbecille, nun fa cchiù chello che hè fatto ca ‘a prossima vota vai sicuramente ‘o campusanto!

Giuseppe

E che significava: “Io adesso ti salvo, ma la prossima volta chi lo sa se ci sarà qualcuno a salvarti”.

Raffaele

Significava: “ Io adesso ti salvo, ma la prossima volta chi lo sa se ci sarà qualcuno a salvarti”. Io me truvaie a passà allà pe’ scagno ti vidi e ti aiutai, ma si pe’ quella strada nun passava nisciuno tu, quatte anne fa, eri morto come un piechero arrosto, imprigionato nella sua lussuosa macchina!

Maria

(incredula) Ma allora il digiuno, le penitenze, il voto…

Raffaele

Tutte fesserie! Invenzioni dei sensi di colpa di una vittima di un brutto incidente, sarà stata la paura di morire e qualche botta in testa che gli ha sciolto le briglie alla fantasia e quella si è vista libera e si è messa a galoppare.

Augusto

Babbo, scusa, ma allora l’astinenza, le preghiere…

Raffaele

Le preghiere continuate a farle, ma l’astinenza…! Ma che può importare a un Dio che un uomo o una donna non facciano sesso?

Giuseppe

Dio vuole che tutto si faccia per uno scopo ed un fine giusto e alto!

Pupella

Rendere grazia al Signore!

Raffaele

E vedere il proprio partner felice e soddisfatto, con l’aria di chi ti è grato per quei momenti che gli hai regalato, avere dei momenti di serenità, tranquillità insieme alla persona che si ama non è giusto e alto?

Maria

È giusto, è alto e necessario!

Pupella

Non disperdere il seme!

Raffaele

Quale Dio vuole che i suoi figli patiscano la fame? Desiderino un pezzo di pane…

Giuseppe

Dio vuole che non si sprechi niente!

Pupella

La penitenza è la strada che conduce a Dio.

Raffaele

Dio vuole che il suo creato abbia l’importanza che lui stesso gli ha dato! ‘Nu piatto ‘e vermicielle a vongole è importante, ‘na past’ ’e fasule cu’ ‘a cutunella ‘e maiale è necessaria, godere del creato di Dio ci fa suoi figli. Si ringrazia Dio, anche godendo del suo creato. (tuonante) Tu nun hè capito mai niente!

Ad un cenno di Raffaele si sente una dolce musica, Olga e Maria, come ipnotizzate gli si avvicinano, a passo di danza si esibiscono in uno spogliarello che le lascia poco  vestite.

Augusto

Vire che creato vi’!

Pupella

Nun guardà, fratello Giuseppe, appilate ll’uocchie!

Giuseppe

(eccitato, sbalordito, confuso) Io mo more!... Babbo Natale!?... San Giuseppe!?... io nun capisco niente cchiù! Aiuto! (esce a destra)

Augusto

(gli corre appreso fino alla porta) Peppi’, addò vai, fermati, vieni qui! (guarda all’interno della porta, poi, ai presenti) S’è chiuso dint’ ‘o bagno!

Pupella

(spaventata) Dio scansa e liberi! Tu nun sì Babbo Natale, tu sì ‘o riavule tentatore. Mo vaco a chiammà a don Armando… chillo te ne caccia isso. Vattenne… vattenne… lasciaci nella pace del Signore… vattenne… (esce da sinistra)

Olga

(allarmata, ad Augusto) Va da lui, quello si suicida!

Maria

(calma) No! Chillo mo... erutta e se calma!

Raffaele

(togliendosi la barba e il cappello) Augu’, comme so’ ghiuto? ‘O pozze fa l’attore? Dice ‘a verità.

Augusto

(allarmato) Miettete ‘o posto tuoio... si chillo torna avimme fatte tutt’ ‘a fatica pe’ senza niente.

Maria

Nun te preoccupà, nun torna. Mo se sta chiuso dinto per un’ oretta abbondante.

Olga

Come ho recitato io, vi è piaciuta la mia interpretazione?

Augusto

Comme!? Bellissima! Stavi mandando all’aria tutto il progetto. Comme ti è venuto in testa di venire di qui mezza nuda?

Olga

(mortificata) I’m sorry! Mi dispiace, mi ero dimenticato tutto... mi sono spogliata, mi sono guardata nello specchio e ho cominciato ad imitare Marylin...

Maria

Meno male che abbiamo apparato!

Raffaele

Ma adesso non sarebbe opportuno togliere tutti i trucchi?

Augusto

È opportuno e necessario. Mari’, miettate a fa ‘a sentinella, nun sia mai ce vedesse.

Maria

(si avvicina alla porta  mettendosi sulla soglia) Jate, facite ampresse, levate tutt’ ‘e tracce.

Augusto

(notando la mise di Maria, con gusto) Te si’ priparata proprio ‘a fine do’ munno!

Maria

Menomale che c’era Olga. Aggia cunsumate quattro confezioni ‘e ceretta. Che dolore!

Augusto

(c.s.) Che fesso ‘e frate ca tengo!  Tutto stu bbene ‘e Ddio e isso ‘o vuleva ‘a San Giuseppe!

Raffaele

(alle prese con dei cavi elettrici) Fernisce ‘e guarda’ a sorema e viene a me dà na mano! Piglia na seggia togliamo la telecamera da qui. (indica la portafinestra)

Augusto

(va a dargli la mano) Te stai scarfanno pe’ na guardata che sto facenno a soreta e io che aggia dicere? Si ‘e guardate fossere muorze, Olga stesse senza carne!

Raffaele

(continuando a lavorare) Scusami, ma io dint’ ‘e vene teng’ ‘o sango!

Augusto

(ironico, aiutando Raffaele) Io, invece, tengo ‘a birra! Ma che dici!?... (ricordandosi) Mo che m’arricorde! Rafe’, ‘o Big Gym a mia moglie ce sta chi c’ ‘o dà!  Gruosso e bello! Ci siamo capiti!

Raffaele

(c.s) Scusami, mi ero lasciato prendere dal personaggio...

Augusto

Tu stive facenne a Babbo Natale, non Casanova!

Olga

(scontrosa, indispettita) Sto da un ora qui, con in dosso un capo “Intimo Inferno” e mio marito fa i complimenti alla cognata!

Augusto

(accorre da Olga) My love! Ma che dici? Quando hai fatto lo spogliarello, poco è stato ca nun te so’ curzo ncuollo! Ha ragione Peppino: la donna è tentazione, è peccato... e tu, Olga, sei il mio inferno! (l’abbraccia)

Raffele

(ha finito, con i cavi e la telecamera) Augu’, scusami se t’interrompo, io porto tutto a casa mia, va bene?

Augusto

Si, bravo, poi dopo vengo a prendermi tutto. (a Tutti) Ma dico io: ho fatto succedere l’ira di Dio, ho fatto comparire a Babbo Natale in televisione, la sua voce si sentiva per radio e nessuno mi ha detto bravo!

Maria

Certo che sei bravo! Se tutto andrà per il verso giusto ti sarò debitrice per tutta la vita.

Augusto

(ammaliato) Mi basterebbero solo un paio d’ore.

Olga

(gelosa, sarcastica) Buggiardo! Solo cinque minuti.

Raffaele

(uscendo dalla portafinestra) Allora io vado, me vaco a levà ‘a cuollo stu custume ca stongo tutto surato. (sta per uscire poi si ferma, alla sorella) Mia moglie ti ha preparato ‘a lasagna cu’ ‘a ricotta e cu’ ‘e purpettelle, ha fatte pure ‘a braciola ‘e cotene dint’ ‘a salsa e ddoje zuppulelle ‘e ciurille. Che dice, so’ pesante ‘sti ccose a chest’ ‘ora?

Maria

Fra-fratu mio... saranno pure pesante ma so’ sempe cchiù leggere d’ ‘a famma!

Raffaele

Mi raccomando, faciteme sapè. (esce)

Augusto

Che dici Marì, secondo te abbiamo fatto bene?

Maria

Non lo so. Quando tutto manca, abbiamo avuto una serata un po’ movimentata. Erano quatt’anni che qui dentro non si muoveva una foglia.

Olga

Secondo me andrà tutto bene. Forse, non subito, ma piano piano ritornerà come prima. (a Maria) Tu datti da fare, non farlo stare tranquillo, provocalo, fatti vedere sempre mezza nuda...

Maria

Olga, fa friddo, me vene na cosa!

Olga

(abbracciando Augusto) Quando una donna vuole... non ha limiti!

Maria

(dopo aver guardato dalla porta, allarmata, si allontana dalla porta, prende i vecchi abiti e inizia ad indossarli, sottovoce) Sta venendo! Olga, viestete pure tu.

Augusto

(si siede) Mettetevi normali, non facciamo capire niente.

Olga

(rivestendosi, scontenta) Mannaggia! Stavo così bene!

Giuseppe

(entra, indossa una vestaglia, grave, serio) Calme, non andate di fretta. Vestitevi piano piano. Non vi preoccupate, ormai mi sono abituato alle nudità.

Maria

Tu comme stai? Io me sento strana, comme si m’avessa scetate ‘a nu suonno luongo luongo.

Olga

Si, pure io... luongo luongo!

Augusto

Babbo Natale, mo se n’è ghiuto. Ha detto: ”Salutatemi a Peppino e ditegli che l’ho dovuto fare, non potevo farlo continuare a sbagliare” ed è sparito.

Giuseppe

(amaro e risentito, quasi in trans, girando per la stanza) Traditori!... Imbroglioni... questo siete! Se solo... consideraste l’uomo per quello che è e non per quello che vi fa comodo credere che sia... sarebbe un’altra cosa... un altro mondo... Ingannatori, menzogneri! Prendersi gioco di me... prendermi in giro e non dirmi niente... menzogna su menzogna, bugia su bugia, inganno su inganno e non una parola! Traditori!

Giuseppe

(c.s.) No! Come avete potuto... dopo tutta la fiducia che ho riposto in voi, dopo l’aiuto che vi ho dato...

Raffaele

(fa capolino dalla portafinestra, si accorge di Giuseppe e si nasconde)

Giuseppe

(c.s. indicando un punto verso il Quadro di San Giuseppe) E tu! Perchè non me lo hai detto?... Anche tu come loro raditore!... Imbroglione... Ingannatore, menzognero... bugiardo!

Raffaele

(credendo di essere stato visto, esce, mortificato) Hai ragione Peppì! Nun è stata na cosa bella.

Maria

Tutto è stato fatto per il tuo bene!

Olga

I love you, Pepy!

Augusto

Peppi’, se, qui,  c’è qualcuno che ha sbagliato questo...

Giuseppe

(lo interrompe) È  San Giuseppe!... pecchè so’ quatte anne che ‘o sto prianno e servenno, e nun m’ha ritte mai niente! (ai presenti) Venite ccà, abbracciatemi. (meravigliati lo attorniano) Perdonatemi! Specialmente tu Maria, io ti ho costretta a stare insieme a me nell’inferno per quattro anni... perdonatemi tutti quanti... perdonate la mia pazzia!

Augusto

Peppì, ma allora tu...?

Giuseppe

Allora, non mi resta che ringraziare voi e soprattutto...  Babbo Natale!

Maria

(meravigliata) Babbo Natale!?

Giuseppe

Si, è stato isso che m’ha salvato... e questi (indica i santi e San Giuseppe) bugiardi, per quattro anni, se so’ pigliati tutti i meriti senza dirmi niente. Traditori!... Imbroglioni...

Olga

(gioiosa) Si, Santa Claus! (incitando tutti gli altri) Ringraziamo Babbo Natale... Tutti insieme!

Raffaele

(uscendo dalla portafinestra) Aspettate, io ho portato qualcosa per festeggiare. Augù damme na mano. (Augusto lo segue)

Giuseppe

(al centro delle due donne, le guarda con desiderio) Che fesso che so’ stato, ho perso quattro anni... stenti privazioni e morsi della carne... (con un gesto fa rimanere in baby-doll le due e gli tocca il sedere) nun me dicite niente, faciteme sfucà!

Augusto

(rientra con Raffaele trasportando pentole e piatti, vede il gesto del fratello) Peppi’!

Giuseppe

Scusami! Fratello caro, scusami! Anzi, capiscimi, ho perso quattro anni della mia vita, mo aggià recuperà.

Augusto

E cu’ mia moglie hè ‘a recuperà!?

Maria

(voluttuosa, lo abbraccia) Peppiniello mio, nun te preoccupà, te faccio recuperà io! ‘A mugliera ‘e Rafele, si è conservata tutti i modelli di “Intimo Inferno”... me ne metterò uno a notte...

Giuseppe

(voluttuoso) Pecchè ‘a matina tiene che fa!?

Maria

(c.s.) Si! Uno a matina,  uno ‘o pomeriggio e un ‘a notte! T’aggia cunsemà comm’ ‘o miccio int’ ‘a cannela!

Olga

(come Maria, con Augusto) Anche io ti consumerò il miccio!

Augusto

(cedendo agli abracci) Nun è proprio accussì, ma va bbuone ‘o stesso!

Raffaele

(da solo con le pentole) Non so a voi, ma a me m’è venuta un po’ di fame... ccà ce sta nu poco ‘e lasagna...

Maria

(si stacca da Giuseppe, correndo verso Raffaele) È ‘a mia! 

Giuseppe

(la blocca) Addò vai!? È ‘a nosta! So quatte anni che me sonno ‘a lasagna tutt’ ‘e notte... esse fuje e io ‘a corro  appriesso.

Augusto

(prendendo la pentola e mostrandogliela) Mo nun hè correre cchiù... tiè è tua!

Giuseppe

(con Maria afferra la pentola, guardano e annusano, con soddisfazione) Grazie Signore Dio... grazie pe’ ‘a lasagna, pe’ mia moglie, per tutte quelle cose belle che ho e non ho mai saputo apprezzare. Chiedo perdono a tutti i santi... comm’ è brutto quanno uno se fissa ncopp’ ‘a na cosa! San Giuse’ perdonami... io ti pregherò sempre, nun te preoccupà... 

Maria

(ha sempre guardato, con voglia,  nella pentola) Peppì, fa mpresse chesta se fa fredda!

Giuseppe

Però, na cappella  a Babbo Natale...

Tutti

Vattenne!

                                  

Sipario

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno