Cosiminu mbrujone diplomatu

Stampa questo copione

SCENA DIVISA IN DUE PARTI: A SINISTRA C’E’ UNA SARTORIA CON SCRITTE APPESE AL MURO (ABITI FIRMATI- SARTORIA- BUTICCHI); A DEST

SCRITTE APPESE AL MURO (ABITI FIRMATI-SARTORIA-BUTICCHI); A DESTRA C’E’ IL SALOTTINO/SALA DA PRANZO E PORTA DEL WC, CON RADIO, TV, E ARREDAMENTO VARIO. A SIPARIO CHIUSO SI ASCOLTA UNA CANZONE PUNK MOLTO CHIASSOSA (A PIACERE). SI APRE IL SIPARIO E DOPO UN PO’ ENTRA TOTU PEPE, ARRABBIATO

   T: Ma è possibile ca intra sta casa te prima matina nu ssa capire nienti? VA A SPEGNERE LO STEREO; Unu nu sse po’ zzare tranquillu, no! Ha cuminciare la sciurnata cu lli niervi! VA ALLA PORTA DEL BAGNO E NOTA LA SCRITTA: WCosimino. Naaa…ma quarda quiddhru cci m’ha cumbinatu, WC, viva Cosimino…ma nc’è propriu cu llu crapenti te mazzate te la matina alla sera! VA AD APRIRE LA PORTA DEL BAGNO E COSIMINO, DALL’INTERNO, GRIDA

CO:  Occupato!

T:  Mena me’, sbloccate!?

CO:  Ahi papà…sta cacu…sta mme tole la ventre

T: TRA SE’ …Mhm…quiddhru ete ca nun bole cu bbae alla scola…GRIDA…eh,     sienti…nc’ete la Rusina ca sta tte spetta a qua fore

CO:  ESCE CON I PANTALONI CALATI A ddhru stae?

T:  A nnanti alla porta stìa

COSIMINO ESCE DA SINISTRA E TOTU GLI FA IL GESTO “DELL’OMBRELLO” ENTRANDO NEL BAGNO LIBERATO CON UN SOTTERFUGIO. DA DESTRA ENTRA IN SCENA GIOCONDA CON CAMICE DA SARTA, METRO AL COLLO. SCOPA LA STANZA IMPRECANDO CONTRO IL TEMPO CHE NON BASTA MAI. VA IN NEGOZIO, SI SIEDE E RAMMENDA ALCUNI ABITI. TOTU ESCE DAL BAGNO E VA IN NEGOZIO

   G:  Uè, Totu. Te ddhru sta bieni?

   T:  Te lu bagnu!

   G:  Mmhhm…immagginu cci ndoru...!

   T:  E sì: Cacarel numero 5, ò de tualèt

   G:  Sì, sì, scherza teve: me pare ca cu sta scusa ca t’hai preparare pe ll’esami, sta te faci lu     primu vacabondu!

   T:  Ma che vacabondo e vacabondo: io tevo avere la promozione, tevo addiventare lu capo te li spazzini ti questo paese

   G:  E hai fare l’esami?

   T: Certo, se capisce: se uno spazzino quarsiasi face la raccolta indifferenziata delle mmundizze, ieo, col tiploma firmato e controfirmato te lu sindacu, pozzo tire ai miei subalterni MIMA “Ehi tu, ricoji quel pezzo di plastica, e tu quella bottiglia”

   G:  E ci nu cane hae llassatu nu bbellu … “recàlu” ?

   T:  Ehi tu, prendi il recàlo

   G:  INTERROMPENDOLO E pòrtandelu a mujèrata!

   T:  …E deponilo intro al camio!

   G:  Ma quetu, quetu: cu ffaci ste cose puru lu tiploma nc’ole?

   T:  Nà!? Ca li tiplomi a cci sservane allora?

   G:  E com’è ca lu buonanima te sirama, quandu scìa cu cariscia rumatu era alfabeta te nanzi e de retu?

   T:  Altri tempi, cara mia, altri tempi: moi nc’ete il procresso, nun ete comu na fiata ca cu bbai…SI SENTE UNA VOCE MEGAFONATA DALLA STRADA : “ SI AVVISA LA CITTADINANZA CHE QUESTA SERA PASSERA’ LA POMPA PER LA DISINFESTAZIONE SU TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE; SI PREGANO, PERTANTO, I CITTADINI DI TENERE CHIUSE PORTE E FINESTRE E DI TENERE A RIPARO GLI ANIMALI DOMESTICI ” …nà! Hai vistu cci face lu procressu ?

ENTRA ARMANDO CON GILET E COPPOLA COLORATI

A:  Buongiorno a tutti

T:  Uei Armà! Hai ntisu? Stasera tocca tte stai a casa!?

A:  Ca ieu animale suntu?

T:  …noooo! Cunussìa quiddhru te la pompa, allu scuru, nu bbite e te secuta pansandu ca sinti qualche zzanzale crisciutu!

A:  Ah, sì, sì: me stau a casa. Però cuardu te la finescia, cunussìa nc’ete farceccunu ca lu scàngiane pe zzanzale e lu sècutane cu lla pompa!

T:  Eh…beatu te Armà, ca nu capisci!

G : Te frausa ha pijatu !!!

T:  Tu femmina conta soltanto quando qualcheccuno ti ddommanda, capito?

G:  Sì…è rrivatu lu comandante! Ma statte quetu,statte! Nu bbì ca nu ssai mancu piji la penna mmanu

T:  Te mammata!

G:  PRONTA A SCHIAFFEGGIARLO cci hai tittu?

T:  No…te mamma Ata…la penna ca me rrecalàu la mamma Ata: me la tegnu zzata bella bella pe ricordu, nò Armà?

A:  Ah?

T:  Sì, vabbè : bbonanotte!

A:  Tantu mprima sta bba’ tte corchi?

T:  Oh, Sant’Armando…!

A:  Preca per noi che prechiamo per voi

T:  …Mhm…sienti Armà: vanne allu papa

A:  Finu a Roma a llampète aggiu scire?

T:  Allu papa nosciu, don Ferrucciu ! e fa tte tae lu ‘ntartieni russu

A:  Vato e torno como un furgulo!

T:  No, no, vanne chianu, cu nu tte cala nu tulore

A:  Ah, sta bau

G:  Totu, vanne e pija to’ sarmente cu ddumamu lu focu

T:  Ahi, ahiaiaiiii, uuhuuh, che ddulore te spaddhre ca m’ha vanutu: hai vistu ca comu apri ucca faci tanni? T’hai stare queta, queta!

G:  E cunta teve! Ulìa bbisciu ci nun c’era ieu intra sta casa cci facibbe!?

T:  Sempre festa, per ringraziare Nostro Signore ca nun c’eri!

G:  Assa cu bbau, sinò fazzu acitu…

T:  Giacchè te tròi, pija puru farce taccaru

G:  Sì...cu tte lu sonu an capu !GIOCONDA ESCE

TOTU MOLLEGGIA SCATTANTE COME UN ABILE SPADACCINO : oplà…eheèè…et voilà! Nà, basta ca mujerama nu nc’ete e sonto un fiuro…oplà…in guardia…

ENTRA CARLINO FETECCHIA CON LE MANI ALZATE, SPAVENTATO

T:  Chi è ssignurìa?

C:  Io sono…

T:  INTERROMPENDOLO Abbascia le razze che ti puzzano le ascelle!

C:  Come si permette? Lei non sa chi sono io!!!

T:  Ca perciò glielo sto ddimmandando: chi è ssignurìa?

C:  Io sono Carlino Fetecchia, compro e vendo roba vecchia

T:  Tuttu nu nome ete, puru cu lla rima?

C:  Che fa, prende in giro?

T:  Me, casomai sinti teve ca piji an giru quiddhru ca troi, pe quantu aggiu capito ieo!

C:  Infatti, è per questo che sono qui: ho incontrato poco fa Cosimino, suo figlio

T:  Mio figlio, come suo?

C:  No: suo di lei

T:  Comu lei: ca ieo mascolo sonto!

C:  Ma no: suo di tu!!!

T:  Ahhhh, vabbè…e allora?

C:  Mi ha dato un’informazione che mi è costata ben 250.000 lire

T:  Cioè?

C:  Mi ha detto…CONTROLLA CHE NON CI SIANO ORECCHIE INDISCRETE  che lei ha una copia autografa della Gioconda…

T:  Una copia? Una…cosu, como si chiama? Una fotografia

C:  Come? Ma allora mi ha imbrogliato! Una foto ce l’hanno tutti!

T:  Comu tutti?!

C:  Certamente: sta anche sui libri di storia dell’arte

T:  Ah sì???

C:  Però ci sono anche tante copie false, come forse la sua…

T:  No, no: io tengo quella originale PRENDE UNA FOTO DAL PORTAFOGLIO E GLIELA MOSTRA

C:  Nooo…questa non è la Gioconda: è una copia mal riuscita. Quella vera ha i capelli neri!

T:  (ADATTARE ALL’ATTRICE) E pare ca quandu s’ha fatta la fotocrafia, s’ha tinti li capiddhri!

C:  Ma quando mai!!! Mi vuole prendere in giro? ARRABBIATO lei mi sta facendo perdere tempo: questa non è la vera Gioconda, col suo sorriso enigmatico…stzt! Ce l’ho tutto qui il sorriso della Gioconda INDICANDOSI LA FRONTE

T:  None…nu frunchiu ete : spochi te gioventù!

C:  Lei continua a canzonarmi; se non mi fa vedere immediatamente la vera Gioconda, me ne vado a piè pari!

T:  Nu paese a qua nanzi ete?

DA DESTRA TORNA GIOCONDA CON LE SARMENTE

C:  Insomma, la Gioconda dove sta?

G:  A quai stau, ci me ole?

C:  Ma…ma che scherzo è questo?

G:  Ci scherzu?…Totu, cci bbole stu nunnu?

T:  Sta specie te cristianu…

C:  Come specie?

T:  Sta sottospecie te cristianu…

C:  Come osa?

T: Nu toccu ci faci spicciu te cuntare!…tice ca quista non ete la Gioconda E LE MOSTRA LAFOTO

G:  Come no? Sonto proprio ieo…qualche annetto a reto!

T:  Uei…viti ca quista te lu millenniu passatu ete, sai?!

G:  Tutta mbìtia! SI SIEDE E SPEZZA LE SARMENTE

C:  Signora…anche lei!…io intendevo il ritratto che Monna Lisa si fece fare da Leonardo

T:  SORPRESO …Scusi un momentu…Gioconda, quistu sta dice ca la nonna Lisa se     l’ha fatta fare te lu Leonardu…ci va se sape an giru, nde cate na bella nomina sulla       

 famija noscia…SI PORTA LECORNA IN TESTA

G:  Uuuuh…e ci va lla sape Mamma Ata, cci pensa te mammasa?

T:  Aspetta, ca mo’ visciu ieu comu stane le cose…RIVOLGENDOSI A FETECCHIA…Mi tica un picca, signor Fetecchia, te lu Leonardu cu lla nonna Lisa, ci è ca la sape topo assignurìa?

C:  Chi lo sa? Lo sanno tutti, da tanto tempo ormai!

T:  Comu da tanto tempo!…ca ieo non lo sapìa…!

C:  Eh…ma lei non ha studiato!

T:  Ca puru stutiare era cu ssacciu le corne te nonnasa?

C:  Certamente: è scritto sui libri!

G:  Nà, ha vistu cci nd’hai cu nu te prepari all’esami?

T:  Uuuh…puru sulli libri stae scrittu…SI DISPERA…Gioconda, viti: sta me discèndane corne an capu?

G:  None, nun c’è nienzi, pe moi

T:  Mannangia a nonnata, quella pu…GIOCONDA LO GUARDA IN CAGNESCO, MINACCIANDOLO CON LE SARMENTE…quella pu…quella pura donna: essere infamata in questo modo, si offende la memoria, eh!…scusa, signor Fetecchia…….Fetecchia…Fetecchia: ma ti Lecce sinti signurìa?

C:  Di Lecce Lecce

T:  Brao,sempre forza Lecce. Ieo sonto tifoso

C:  Anch’io

T:  Brao, brao! Ti stabbe ticendo: stu Leonardu…cci fine ha fattu?

C:  E’ morto da quasi 500 anni!

T:  Gioconda, nonnata a quanti anni è morta?

G:  A 83!

T:  …500 menu 83 face…ehm…tenendu conto ca tandu nc’era l’inflazione…iddhra poi ìa fattu le scole serali…ehm…face 417. Uè, cumpare cucùmbaru…a quai nci avanzano 417 anni: la nonna Lisa è morta a 83 anni!

C:  Ma quando mai! La Monna Lisa è morta ben più giovane!

T:  Nà! È rrivatu l’Almanacco tel giorno topo!

C:  Ma che topo e topo!

T:  Ca face puru le battute………..sta seggia an capu te chiantu, baccalà!

C:  Come osa apostrofarmi così?

T:  Vabbè, ci nun boi l’apostrufu te mintu la virgola, ma sempre baccalà rimani!

C:  Insomma, una volta per tutte: io volevo una copia della Gioconda di Leonardo da Vinci!

T:  E che vinci e vinci…sta faci cu perdu la capu cu stu Leonardu…!

C:  Ah! Ora sarebbe anche colpa mia?!

T:  Nà, mo’ viti ca ete mea…!

C:  Sì?…sentiamo: perché avrei torto?

T:  ………Però…no, no: pansandu bonu la ragione ete te ssignurìa; como tice il proverbio: la ragione è dei fessi!

C:  E io sarei un fesso?

T:  No, ieo aggio titto che avete ragione!

C:  Basta, è troppo. Me ne vado! ESCE DA SINISTRA

T:  Ma ci t’ha chiamatu!…sti scorciaturi te prima matina. Vitimu cci fàciane a sta tiàulu te televisione (O RADIO)

GIOCONDA VA IN NEGOZIO A CUCIRE. DA SINISTRA TORNA COSIMINO CON UN AMICO MUNITO DI TANICHE

CO:  Ma’! Addhru stae lu papà?

G:  Alla televisione stìa

CO:  Papà, papà…

T:  Tiscraziatu, ‘ncora acasa stai

CO:  Papà, papà: t’aggiu ddire na cosa urgente

GIOCONDA ENTRA PREOCCUPATA

G:  Ci è successu?

CO:  No, nienti…me serve na latta te 20 litri e 50.000 lire

T:  Parcè?

CO:  Aggiu fare benzina

T:  Ntorna an terra cu lla machina si rimastu?

CO:  No! Siccomu sta bbae a focu la scola…

T:  Ah, malecarne! Propriu l’urtimi giurni te scola…la capu te mintu a focu…a te e a quist’addhru. C’ete?

CO: Comu, nu llu canusci? Quistu ete il mio migliore amico, confidente, compagno, quasi nu fratellu

T:  Sì…fratellu te latte!INDICANDO LE TANICHE lassa a quai ddhra benzina ca me serve pe la fresa, e spariti immetiatamente te qua nanzi, sinò bbe crapentu te mazzate

COSIMINO E L’AMICO SCAPPANO DA SINISTRA

T:  Ma sti vagnuni te moi…ma ieu nu ssacciu…ddhru fiju tou poi…

G:  Com’è ca quandu face la cose bbone ete fiju tou e quandu le face fiacche ete fiju meu?

T:  Ebbè…questione ti sangue: teve nd’hai tata la parte cchiu fiacca!

G:  Ma camina,va!

ENTRA ARMANDO CON DON FERRUCCIO

F:  Buongiorno a tutti!

T: Addiu me! Osci nu cumbinamme nienzi CERCA UN QUADERNO NEI CASSETTI

G:  ANDANDO VERSO IL NEGOZIO Buongiorno papa!

F:  Buongiorno Gioconda APPENDE IL BERRETTO dov’è il tuo maritino?

G:  Addintra stava, con le latte

A:  Totu,all’età toa ‘ncora lu latte te piji?

ARMANDO E DON FERRUCCIO VANNO DA TOTU

T:  Uè, don Ferruccio! SI INGINOCCHIA A BACIARGLI LA MANO E GLI SCHIACCIA IL PIEDE COL PROPRIO GINOCCHIO

F:  Mortacci tuam in carriolam!

A:  Requiem aeterna

T:  Papa, la messa sta zzicchi ddire?

F:  No, no caro Totu, volevo solo dirti…LO PRENDE PER ORECCHIO che lu ntartieni russu per dieci volte al giorno mi sembra esagerato, o no???

T:  Ahiaiai…

F:  Chè, fa male ?

T:  Ahiaihaihai…hai ragione papa: la prossima fiata fazzu cu tte lu cerca verde ULTERIORE TIRATA D’ORECCHIO no, no: fazzu cu nu tte lu cerca propriu; fazzu bbae alla Cia te lu Ninu…

F:  Ecco, bravo figliolo; adesso mi porti il quaderno che ti correggo i compiti

ENTRA COSIMINO E TOTU CERCA ANCORA NEI CASSETTI

CO:  Buongiorno papa! S’INGINOCCHIA PESTANDOGLI L’ALTRO PIEDE

F:  Aaaaaaaaaaahhhh SALTELLA TENENDOSI IL PIEDE

CO:  CANTA Aaaaaaa, a chiiiii ii, sorriderò se non a te?…

T:  Oooooooou! Silenzio! E cci gghè rrivatu lu circu?

A:  Ah, sì? Oiu bbau! Oiu bbau!

T:  Te moi vanne intra allu negoziu

A:  Ah, a ddrhai stae lu circu?

T:  URLA Armando venne a ddintra!!!

ARMANDO VA IN NEGOZIO E GIOCA A SOLITARIO. LO SEGUE GIOCONDA

T:  Tu, Cosiminu, cci ssi bbanutu ffare a casa? Alla scola nu ssi sciutu?

CO:  M’aggiu ntisu fiaccu alla via, anzi: tocca cu bbau allu bagnu…

T:  Nà! Giacchè: viti ca m’ane catute 1000 lire, àcchiale !

CO:  Ma…si trasutu già allu bagnu?

T:  Certo: mi aggio fatto la setuta quotitiana!

COSIMINO APRE L’ARMADIETTO, PRENDE UN MASCHERINO ED ENTRA IN BAGNO

T:  Don Ferruccio, pronti: nà lu quaternu!!

DON FERRUCCIO SI SIEDE E COMINCIA A CORREGGERE; TOTU ESCE DA DESTRA. IN NEGOZIO ENTRA UNA CLIENTE ELEGANTE

CL:  Signora, potrebbe ricucirmi questo strappo al giaccone?

G:  Sì, però dovrebbe aspettare

CL:  Per favore: se me la può fare subito, perché sono in ritardo e devo andare a scuola

GIOCONDA ESCE DA SINISTRA COL GIACCONE

A:  All’età toa ‘ncora alla scola vai?

CL:  Io sono una professoressa!

LA CLIENTE SI SIEDE E SI GUARDA NEL TASCHINO SINISTRO, SI ALZA E SI SIEDE SU UN’ALTRA SEDIA; SI GUARDA NEL TASCHINO, SI ALZA E SI SIEDE SU UN’ALTRA SEDIA; SI GUARDA NEL TASCHINO E SI SIEDE SU UN’ALTRA SEDIA; SI GUARDA NEL TASCHINO E SI SIEDE SU ARMANDO

A:  Ah…signora…tal primo mumento che l’aggio vista il mio cuore ha cominciato a battere

CL:  Perché, prima non batteva?

A:  Su, non facci la timita: Ho visto che tante e tante fiate si cuardava il cuore sotto la giacchetta: mi vuole sposare?

CL:  Il mio cuore è già occupato!

A:  E basta che il resto tel corpo ete libero!

CL:  Come si permette? Io insegno lettere, e non mi abbasserei certo a sposare un analfabeta!

A:  Uei, uei: mi pari la rota ti un camio pe quante arie sta te tai: mo’ ca consegni lettere non ti critire chi sinti, ca postini nd’hae tanti, sai?!

CL:  E’ intollerabile il suo comportamento!

A:  Mena, mè:spusamunde

CL:  Basta! Non voglio avaere più nulla a che fare con lei!

A:  Nà, santimo allora: perché signorìa ha fatto il giro tel necozio e ssi bbanuta co tti ssetti paro paro assù meve, co tante sètie libere ca nc’erane?

CL:  Perché questo è l’unico posto in cui prende il telefonino!!! TIRA FUORI DAL TASCHINO IL TELEFONINO; ARMANDO PIANGE; RIENTRA GIOCONDA CON IL GIACCONE RAMMENDATO

G:  Cci gghè Armà? Parcè sta chiangi?

A:  Sta signora m’ha scangiatu pe’ na cabina telefonica!

G:  No, no, sta scherzava RIVOLTA ALLA CLIENTE Signora, non ci faccia caso: non fa male a nessuno!

CL:  E’ pronto il mio giaccone?

G:  Si, eccolo

CL:  Quant’è?

G:  5000 lire

CL:  Ecco a lei. Arrivederci

G:  Buongiorno. Armando, rispondi alla signora

A:  La cabina stae fuori servizio!

ARMANDO TORNA A GIOCARE A CARTE E GIOCONDA VA NELL’ALTRA STANZA

G:  Don Ferruccio, ‘ncora a quai state?

F:  Eh…cara mia…il nostro Totu è un brav’uomo, però è un vero ignorante!

G: Eh…papa meu : quiddhru l’aggiu vintu al TOTO-CALCIO te li mariti!

F:  Eh! Bella battuta!

GIOCONDA ESCE DA DESTRA; COSIMINO ESCE DAL BAGNO

CO:  Papa,cci faci te bbellu?

F:  Sto correggendo gli ultimi errori di tuo padre

CO:  Mancu li numari mbeste?

F:  Macchè!

CO:  Ehehhh! Quiddhru, pe quantu ricuarda la scola, ha pijatu te meve!

F:  A proposito, Cosimino, che classe stai frequentando quest’anno?

CO:  La classe te la Rusina

F:  Ah, il magistrale! Allora conosci il latino?

CO:  No, papa, nun dimu capiti: ieu me mintu frequentemente alla finestra te la classe te la Rusina e

me la cuardu, me la cuardu…

F :  Allora non stai frequentando la sua stessa scuola ?

CO:  No, st’annu sta bbau all’Istituto Superiore “Valeria Marini”  : 13 anni in uno!!!

F:  Quindi prenderai il diploma?

CO:  Certu! Cusì la Rusina erge te cradu, e ieu me la portu an giru cu lla machina!

F:  Attento a non correre troppo. Mi raccomando: metti sempre la cintura!

CO:  Non c’è bisogno papa: ieu portu le bretelle!!!

F:  Oh, bene; anzi, mica tanto. Dì a tuo padre che ripasserò se ripasserà

CO:  Ah?

F:  Ripasserò se ripasserà!

CO:  E cci scioglilingua ete?

F:  No: se ripasserà la lezione che gli ho scritto, ripasserò a interrogarlo!

CO:  Siiiii…e quando lo cchiate a casa? Tovete rrivare ti sorpresa. Non avete vetuto che se n’è sciuto appena avete zziccato a correggere le tabelline?

F:  Ma in questo modo non arriverà preparato agli esami, e non mancano molti giorni! Comunque-in coscienza-io il mio dovere l’ho fatto: tornerò quando mi sarà possibile!

CO:  Papa, ti conviene ssire ti reto, così lo bbecchi all’osteria e gliene canti quattro

F:  Dici bene Cosimino, vedo che ci tieni all’istruzione di tuo padre: questo ti fa onore.Vado

CO:  Papa, il cappieddhro

F:  Oh, già! Che sbadato!

COSIMINO APRE LA TENDA DIVISORIA E VEDE ARMANDO

CO:  Ziu, pija lu cappieddhru te don Ferruccio

ARMANDO PRENDE IL CAPPELLO, MA-MENTRE LO PORTA A DON FERRUCCIO-GLI CADE DI MANO

F:  Attento Armando, chè quel cappello è divino

A:  E nu tte mbriachi cu llu porti sempre an capu?

CO:  None: quistu ete te picca fermentazione!

F:  Date qua, date: fateme andare! Arrivederci

A:  Tante cose

CO:  Ciao papa

COSIMINO CHIAMA COL TELEFONINO; ARMANDO LEGGE IL GIORNALE

CO:  Pronto? Rusina? Oh…amore mio squagliato! Sei ssuta ti la scola?…mhm…senti: passa ti casa che ti tebbe tare un bacio…no: la macchina stae allo meccanico…no, no…trasi di reto, così non ti vetono…sì, sì…ciao..mmmmmzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz(BACIO LUNGO)

A:  E cci sta rrufi, moniceddhre?

CO:  E te cci sta ffaci ‘ncora a quai? Vanne intra allu necoziu

A:  Nu mme coddhra!

CO : Dai, vanne…

A:  Nu mme coddhra!

CO :  E parcè ?

A:  Te parcè nun boi mai cu bbai alla scola?

CO:  Ca nu mme coddhra!!!

A:  Unu pari!

CO:  A propositu, mo’ ca sta mme ricordu…ahiai, uuuh, ahiai…osci nu ssu sciutu alla scola pe llu tulore te ventre: ziu, vanne allu tuttore e ffa tte tae qualche cosa

A:  Si, si, spettame sai?

CO:  Sine

A:  Cu nu ssìa te nde vai?

CO:  None!

A:  Cu nu ssìa nu tte trou?

CO:  None!

A:  Ci propriu te nd’hai scire, llassa a quai lu tulore cusì nde tau la cura!

CO:  Mena e bbanne!

ARMANDO ESCE DA SINISTRA; COSIMINO SI SPECCHIA, SI PETTINA COL PETTINONE, INIZIA UNA COLONNA SONORA ROMANTICA; ENTRA DA DESTRA RUSINA

CO:  Oh…amore mio squagliato!

R:  Oh, tesoro!

CO:  Oh…se i tuoi occhi sarebbero scarniòncule, me li mangiassi tutti i giorni!

R:  Oh, tesoro!

CO:  Se il tuo naso sarebbe una cozza di mare, me lo rufassi a pranzo, colazione e cena

ENTRA TOTU E SI FERMA ALLE LORO SPALLE

R:  Oh, tesoro!

CO:  Se la tua bocca sarebbe un uovo sciottuluso, me lo beveressi sempre

R:  Oh, tesoro!

CO:  Se le tue orecchie sarebbero come i mugnuli all’oiu fatto, io li mangiassi nelle feste comandate

R:  Oh, tesoro!

T:  E se tu sarebbi ‘na pala te baccalà te mintìa intra llu focalire e te rrustìa tuttu sanu!

COSIMINO E RUSINA SI ALZANO SPAVENTATI

CO:  Patre! Non si tuzza prima ti trasire? E poi, non hai vetuto che stavo in atteggiamento amoroso con la mia futura muijere?

T:  Con la tua futura muijere? Povera Italia! Macari iti già cuntatu cu llu papa, iti stabilitu lu giurnu te lu sposaliziu, no?…a propositu: c’è ca nd’ha tittu a Don Ferrucciu ca ieu stìa all’osteria?

CO:  Booooooooh!

T:  Mo’ te tiru li capiddhri a unu unu!

TOTU PICCHIA COSIMINO

R:  Aiuto, aiuto, che ti fa tesoro, aiutoooooooooooo!

ENTRA GIOCONDA DA DESTRA

G:  Cci sta ssuccete? Llassa stare fijuta e bbà sguària cu ll’amici

T:  E no: prima il dovere e poi il piacere

TOTU CONTINUA A PICCHIARE COSIMINO

R:  Aiuto signora, lo fermi, è un bruto!

COSIMINO SI DIVINCOLA DALLE MORSE PATERNE

R:  Oh, tesoro mio…che ti ha fatto quel bruto?…adesso ti do un bacinobacino e passa tutto, se ne va via la bua

T:  SI E’ FERMATO A GUARDARE…Nà, menu male ca quandu moru sacciu a cci mani llassu la famija, sinò murìa preoccupatu! Assa cu bbau a ddintra, assa! TOTU VA IN NEGOZIO E LEGGE UN GIORNALE

G:  Cosiminu, vanne alla cummare Tora e pija to’ cumbitori te prendula, nu picca te cipuddhre e na pezza te casu friscu

COSIMINO E RUSINA ESCONO. GIOCONDA CONSULTA UN LIBRO DI RICETTE. TORNA ARMANDO CON UN OCCHIO NERO

G:  Uei, Armà, cci hai ccappatu all’occhiu?

A:  Su sciutu a ddhra vanda, e nc’ete nu necoziu ca sulla porta tene nu bigliettu

G:  Nu mme tire ca hai tatu n’occhiata e hai sbattutu allu vitru?

A:  None, nc’è scrittu: SI PREGA DI SUONARE IL CAMPANELLO.GRAZIE

G:  E mmè?

A:  Alla quarta fiata ca lu patrunu è ssutu e hae vistu ca nun bulìa nienzi, m’ha vattutu!

G:  Mè, basta ca nc’è la salute!!!

A:  Ah, certu: quiddhra prima te tuttu!

G:  Armà…te fermi e mangi cu nui osci?

A:  Mah…!? Cci sta cucini te bbellu?

G:  Ahi, nu ssacciu propriu; sta otu, sta otu, ma nu trou nienzi te bonu. E nu me la tai teve ‘na ricetta?

A:  PRENDENDO LA RICETTA DEL MEDICO Nà, eccula!

GLEGGE…Ma a quai nu sciaruppu esse!

A:  Tice ca te sienti la ventre china, però poi digerisci mprima mprima…

G:  Allora…ci ete digestivu, nde lu pijamu a postu te lu cafè!

A:  E pe’ primu?

G:  Fazzu pasta, comu tutti l’addhri giurni!

A:  Si, si: sta tegnu già fame!

ARMANDO PRENDE UN WALKMAN, SI SIEDE E ASCOLTA MUSICA DALLE CUFFIE. OGNI TANTO BALLA. IN NEGOZIO ENTRA UN ARABO

AR:  Buongiorno, ne vendete pantaloni?

T:  Ssssssstzzz FA IL GESTO DELL’ABBONDANZA CON LA MANO

ARPARLA A VOCE BASSA  Ne vendete pantaloni?

T:  E parcè state parlando a voce bassa?

AR:  Mi avete detto: “Sssssstzzz”

T:  No, era per dire: “Sssstzzz, hai voglia, ne abbiamo di tanti tipi…”

AR:  Anche firmati?

T:  Eh si. Vete ?

AR :  LEGGE SUI PANTALONI  Gioconda Cucuzza in Pepe? Mai sentita!

T:  Como! Ma forse lei non è ti questo paese?

AR:  Beh…come dire: io sono cittadino italiano, ma sono nato in Turchia, sono ottomano

T:  E l’addhre sei mani taijate te l’ane?

AR:  No: ottomano è il nome del popolo turco

T:  E com’è ca state qua?

AR:  Io sono appuntato

T:  Eh, eh…attenzione: in italiano si dice abbottonato!

AR:  Ma no: appuntato dei carabinieri!

T:  Aaahhh! Ho capito

AR:  Adesso sto collaborando con gli agenti di un paese straniero per lottare il crimine, sto lavorando con l’Arabia Saudita

T:  Stai calmu calmu, allora!!?

AR:  Perché?

T:  Hai tittu ca fativi cu lla raggia esaurita!

AR:  Arabia Saudita!

T:  Aaahhh, mo’ te spiechi!

AR:  Io ho lavorato anche con la polizia francese, con i servizi segreti tedeschi, con l’FBI, con la CIA

T:  Nà!? La Cia te lu Ninu alli carabinieri fatìa? Nu lla sapìa! Assa bba nde la ticu a muijerama…

AR:  No, no: non può dire a nessuno che sono qui, io sono in incognito

T:  In?

AR:  Incognito, segreto

T:  Aahh…

AR:  Mi raccomando, acqua in bocca, sennò…MIMA COL POLLICE LO SGOZZAMENTO

T:  SPAVENTATO Ah, ah...sì...sì…acqua in bocca…nà, sta bbau cu bbiu…ca-cumbinazione-sta tegnu na site ca nun hai itea…Gioconda…Gioconda, vieni…c’è un cliente dell’Arabia: è arrabbiato

TOTU STA USCENDO DA DESTRA E GIOCONDA VI RIENTRA: SI SCONTRANO

G:  Cci gghè, cci gghè ca criti sempre armenu?

T:  Vanne…ca unu…ca mo’ ieu tegnu site…ca sinò alla Cia te lu Ninu nd’è tàijane li cannaozzi…ESCE

G:  Mah! Sarà ca vae ntorna mbriacu! Buongiorno

AR:  Salve, vorrei dei pantaloni

G:  Colore?

AR:  Scuro

G:  Guardi, abbiamo questi, questi, oppure questi, tutti di ottima qualità

AR:  Sì, vanno bene questi: quant’è?

G:  Vengono 35000, però le faccio lo sconto: 34900!!!

AR:  A lei. Tenga pure il resto

G:  Grazie, molto generoso. Arrivederci

AR:  Arrivederci

TORNANO COSIMINO E RUSINA E DANNO LA BUSTA DI PLASTICA A GIOCONDA CHE CONTROLLA LA SPESA. TOTU DA’ UN URLO DALLA CUCINA. TUTTI ACCORRONO IMMEDIATAMENTE.

ARIMANE AD ASCOLTARE MUSICA, POI SI FA PIU’ ATTENTO E DICE AL PUBBLICO

Ou! Hane tittu ca è spicciatu lu primu attu! 

 

 

FINE PRIMO ATTO 

     SIPARIO

C’E’ TOTU STESO SU UNA SEDIA A SDRAIO, ATTORNIATO DA GIOCONDA, RUSINA, ARMANDO E COSIMINO, TUTTI VESTITI A NUOVO

T:  Ahiahiai…

G:  Cci te sienti Totu, Totu meu?

T :  Ahiaiai…sarà ca aggiu cacatu 7 o 8 chili te rrobba…sta moru…sta moru

G:  GLI PRENDE LA TESTA E GLIELA RUOTA  Poveru Totu meu: sta te gira la capu?

T:  E de cci manera!!!

G :  Totu, Totu, nu murire cusì ; ca puru ca t’hai llassatu, nun vuol dire ca nd’hai llassare in questa valle di lacrime

A:  E de puzza!

T:  C’ete? L’Armandu nc’ete? Addhru stai ? nà, ecculu ! Armà, tuttu te nou : me pari nu ciucciu bardatu a festa, a ddhru hai scire ?

A:  A nu funerale

T:  E ci è mortu?

A:  Fratuma!

T:  Nà, condoglianze!

A:  Crazie, addhru tantu!

T:  E comu se chiamava?

A:  Totu Pepe

T:  Ddrafiscu aggia……nà……sta cuntava te meve e mancu me nd’era ccortu…sat spattati cu mmoru, no?…tantu ieu allu campusantu rriu topu te ui…

A:  La stramurale pij? Quiddhra è cchiu longa…

T:  Aaaaahhhhh……llavatimelu te tornu sinò me lu mangiu e moru bbinchiatu

COPREGANDO RIVOLTO AL CIELO Signore, nu ffa cu mmore lu papà meu

T:  Crazie figlio, armeno uno che mi vuole bene

CO:  Ca sinò, Signore, ci me li tae li sordi cu bbau alla tiscoteca?

T:  Tiscraziatu, malecarne! Topu ca t’aggiu crisciutu cu llu sutore te la fronte…!

A:  Aaaahhhh, perciò santìa sempre puzza te sutore: teve eri!!!

T:  Armà, pe l’arma te li morti, vabbande!

ENTRA UNA SIGNORA IN NERO : “Peccato, un pezzo d’uomo:condoglianze”

T:  Crazie, puru a bbui in famiglia

ENTRA UN’ALTRA SIGNORA IN NERO : “Mille di questi giorni”

T:  A te e a tutta la strappinazza fino alla settima generazione!”

ENTRA IL RAPPRESENTANTE DELLE POMPE FUNEBRI E PROPONE VARI MODELLI DI BARE

T:  Ooooouuu! Ca ieu nu n’aggiu murire moi!

CO :  Papà, nu porre limiti alla Provvidenza !

T:  Statte ‘ttentu, ca ieu nu pongu limiti alle mazzate…quante te nd’aggiu ddare…fazzu ddiventi cchiù fessa te zziuta. E mo’ sciàtibbende, sciàtibbende tutti

RIMANGONO SULLA SCENA: TOTU, GIOCONDA E RUSINA. ARMANDO STA PER ENTRARE IN BAGNO, MA INDIETREGGIA PER IL FETORE E VA NELLE QUINTE

T:  Mijere mea, cci me tici pe’ confortu?

G:  Ca si’ fessa!!!

T:  Crazie: mo’ pozzu murire scusciàtatu!

G:  Ca comu: fazzu ‘na ricetta noa e iddhru ha scire cu lla proa prima te l’addhri, ecoista e arrocante!

T:  E cci putìa sapire ieu ca m’era cacare l’osse cu ddhru sangu te sciaruppu?!

G:  No! È’ ca te fervane li mani! Ticu ieu: ddummanda prima cci sta tte pij, no? Ca ieu t’era tittu

T:  Ma ci ieu sta tanìa na site te cavaddhru, nun è ca putìa pansare cu tte ticu cci…..

ENTRA DON FERRUCCIO

F:  Pace e bene: sono venuto a portare la luce

T:  Ah…puru la bbulletta te la luce era rrivare…nu mme llàssane mancu murire

G:  None, lu papa ete

T STUPITO E FELICE Oh…il Sommo Pontefice! Santità, se mi fai passare il mal di pancia dò tutta pensione di mio fratello alla chiesa

G:  None, lu papa nosciu ete, don Ferruccio

F:  Totu, in che stato ti trovi?

T:  All’Italia stau!

F:  No: in che stato di salute

T:  Ah…fiaccu, fiaccu

F:  Coraggio, coraggio: da quel che vedo la guerra è finita senza perdite

T:  Veramente le perdite su state nell’ordine dei 7-8 chili!!!

G:  Papa, tici ca cu tre litri te limone nde passa?

F:  Sì…anche se è un’estrema opzione da fare a priori

T:  Gioconda, lu priore fiaccu stae?

G:  None, ca sabutu stìa allu marcatu, parcè?

T:  Lu papa ha tittu ca s’ha fare l’estrema unzione allu priore!

F:  No, no Totu: hai capito male……però stai allegro, chè non è nulla di grave; e non fare quella faccia, che mi sembri l’Ecce Homo

TOTU ERGE IL BUSTO, APRE LA CAMICIA E MOSTRA LA MAGLIETTA DEL LECCE

T:  Papa, puru teve sai ca suntu fedele te lu Lecce: un LECCE-UOMO!!! Forza Lecce! E SI SDRAIA ESAUSTO

F:  No, Totu, vedi, è latino: l’Ecce Homo è la statua di Gesù coronato di spine e flagellato

T:  Eeehhh! Iddhre suntu le spine ca me flagèllane

F:  Su, su, Totu, non ti buttare a terra

T:  None: è friddu lu pavimentu!

F:  Gioconda, abbi fede

G:  Eeh, papa meu, pare facile, ca sulamente cu trasi intra ddhru cabbinettu…

F:  Non ti scoraggiare, pensa a quanti nel mondo stanno peggio di te…ENTRA ARMANDO CON SCHERMO PROTETTIVO PER IL VOLTO E POMPA PER DISINFESTARE. VA IN BAGNO…soffrono la fame, la sete, stanno in guerra, muoiono spappolati dalle bombe…

T:  Crazie, papa: sta mme tai propriu parole te confortu!

F:  Eh, la nostra è una missione: sollevare i pesi degli uomini, ergo…

T:  Cci ergi?

F;  No, è latino, vuol dire: “Quindi”…abbiamo bisogno di fede pure noi, più di voi…

SQUILLA IL TELEFONINO DI DON FERRUCCIO

T:  Papa, la sveglia an poscia te porti? Ha sunatu menzatìa?

F:  Pronto? Sì, certo: arrivo subito. Scusate, devo scappare: questione di priorità

DON FERRUCCIO ESCE

T:  Hai vistu? Lu priore gghè mortu…addhru ca l’hai vistu allu marcatu!

G:  Quetu, quetu ca mo’ te passa

T:  Sìììììì, e comu me passa?

TORNA COSIMINO COL DOTTORE

G:  Nu te preoccupare, nà, nà, cuarda ci nc’ete…

T:  C’ete? Nu furnaru? Nun d’oiu pane, oiu cu me passa la ventre!

G :  Quetu, quetu : nà, lu tuttore ete !Buongiorno tuttore!

M:  Buongiorno PRENDE IL RICETTARIO Si chiama?

G:  Gioconda Cucuzza in Pepe!

M:  Non lei: il nome del signore…

T:  Il nome del Signore?…Gesù Cristu!!!

M:  No, no: il suo!

T:  Ah: Totu Pepe

M :  Mi dica, signor Pepe, cosa le è accaduto ?

T:  Mi ha catuto nu cuzzettu te culu!

M:  Come? Non capisco!

T:  Tuttore mio, m’aggio cacate l’osse, le ntrame e puru farce picca te core, ca nu sta mme lu sentu cchiui! Aiutu tuttore, sta moru, aiutu!

ARMANDO ESCE DAL BAGNO E RESTA DIETRO AL MEDICO; GIOCONDA PARLA NELL’ORECCHIO A RUSINA, CHE VA IN NEGOZIO A CUCIRE

M:  Non si preoccupi. Sentiamo: accusa disturbi…come dire……apparenti?

T:  Si: nu frate, na muijere e nu fiju

M:  No: apparenti, che appaiono ma poi scompaiono

T:  Ah, no! Sti tulori mei nu scumparane filu! No lli viti? stanno spattando che io moro

M:  Stia tranquillo, non è niente: guardi me, io ho piena fiducia nella medicina e sono calmo e pacifico SI VOLTA, VEDE ARMANDO, SI SPAVENTA E SVIENE

G:  Tuttore! Tuttore! Ha svenutu lu tuttore…

T:  S’ha calmatu troppu!

G:  Lu core, lu core. Armà, viti, sta batte ?

ARMANDO AVVICINA L’ORECCHIO AL CUORE DEL MEDICO

G:  Sta batte? Pompa, pompa?

ARMANDO AZIONA LA POMPA IN FACCIA AL MEDICO

G:  Fermu, cci sta faci?

IL MEDICO SI ALZA SPAVENTATO. COSIMINO SI DIVERTE

M:  Ma cos’è questo fetore? E chi è questo mostro?

G:  No, No, tuttore, non si proccupa, nu face male: è bbonu

T:  Sì, nu bbonu fessa ete!

M:  Per cortesia, levatemelo dai piedi: disturba la mia concentrazione…

T:  Cosiminu, portande zziuta a qualche chilometru te qua nnanzi

CO:  Sciamu, sciamu

COSIMINO E ARMANDO ESCONO DA DESTRA

M:  Mi dia il polso

T:  Ma a mè me servane tutti toi!

M:  Non si preoccupi: glielo ridò indietro!

RIENTRA COSIMINO E OSSERVA LE OPERAZIONI

M:  Ma…ma lei…non ha più il polso: ha perso il polso!

T:  Nà, vanne a fiducia te le mètici! T’aggiu tittu ca me sarvìne tutti toi! Ota bbonu, cerca an poscia, sotta allu liettu  GRIDA Cacciate fuori il polso, sinò faccio un macello

M:  Si calmi, si calmi, non sia IMPOLSIVO, adesso vediamo con questo…

PRENDE IL FONENDOSCOPIO E DICE A COSIMINO

M:  Me lo tenga

IL MEDICO CERCA NELLA VALIGETTA

M:  Allora, giovanotto, mentre io controllerò sul mio computerino, lei metterà quest’estremità qui sul cuore, ha capito?

CO:  Sì, sì, però attenda un attimo METTE NELLO STEREO UNA CASSETTA

M:  Adesso!

COSIMINO AVVICINA L’ESTREMITA’ DEL FONENDOSCOPIO ALLA CASSA DELLO STEREO, DA CUI SI DIFFONDE UN BATTITO CARDIACO CHE SFOCIA IN MUSICA PUNK; IL MEDICO SBRAITA A TERRA CERCANDO DI TOGLIERSI LE “CUFFIE”

G:  Stuta ddrha cosa! Tuttore, tuttore…

T:  Uè, c’ho un cuore ti leone, nò tottò? Motestamente tutte le femmane an terra me catine…

G:  Tuttore, tuttore…

M:  Ah…mi aiuti a rialzarmi…

G:  Tiscraziatu! Cuarda cci hai cumbinatu!

CO:  E mà! Nu sse po’ mancu scherzare intra sta casa! Nu bbì ca è scemu!?

G:  Ddummanda immetiatamente scusa allu tuttore!

CO:  Ca ci t’aggiu tittu ca è scemu…!

G:  Nu tte permettere cchiui cu llu chiami cusì e chieti scusa!

CO:  No!

GLO PRENDE PER ORECCHIO  Chieti scusa!

COSI INGINOCCHIA DI FRONTE AL DOTTORE  Dottore, chiedo scusa a tutta la mia famiglia  se sei scemo, ma non aggio truato altri tuttori…

M:  Ma…signora…ma suo figlio è uno screanzato. Non gliel’ha data un’educazione?

CO:  Uei…io sono autotitatta!!!

G:   GLI DA’ UNA SCOPPOLA  Va’ ffatte li compiti!

COSIMINO SI SIEDE AL TAVOLO SU CUI IL DOTTORE HA POSATO LA VALIGETTA CON L’ELETTROCARDIOGRAFO ED INIZIA A DISEGNARE CON SQUADRA E MATITA

M:  Dunque, vediamo di fare questo benedetto elettrocardiogramma!

IL MEDICO “COLLEGA” TOTU ALL’ELETTROCARDIOGRAMMA

M:  Signora, potrebbe darmi un bicchier d’acqua? Sono un po’ scosso…

G:  Preco, preco, venga…

USCENDO, GIOCONDA, DA’ UNA SCOPPOLA A COSIMINO; ANCHE RUSINA ACCOMPAGNA IL MEDICO

T:  Cosiminu, Cosiminu!

CO:  Timme, papà!?

T:  Portame nu bicchieri t’acqua puru a meve!

TORNA ARMANDO DA DESTRA, VESTITO NORMALMENTE

A:  Uei, Totu! Nu ssi mortu ‘ncora?

T:  No: sta tte spattava cu tte visciu e ccu moru scusciatatu!

A:  Nooooo, è ca s’ha fatta ‘na certa ora…ieu sta tegnu fame…!

T:  Armenu ‘rmenu cu tte nfuchi allu second’uncone. Cosiminu, l’acqua!

CO:  Eccula, eccula  GLI DA’ DA BERE

A:  Ah, Cosiminu: ha tittu lu sacristanu ca lu ntartieni giallu iddhru nu llu tene; ci oi quiddhru russu, lu tene don Ferrucciu

T:  ALLARMATO  E nu è ca teve si sciutu cu nde lu cerchi, no?

A:  No: su turnatu amposta cu tte ddummandu ci te serve

TPREMUROSO  No, no: statte a quai, basta ca te stai quetu…

A:  SUBITO  Allora, no!? Su passatu te l’osteria te l’angulu e ndavina ci aggiu vistu?

T:  Ci hai vistu?

A:  Ndavina!
T:  Cci ssacciu!

A:  Ndavina!
T:  URLA  Nu ssacciu! Ca ci ieu stia a quai, comu fazzu cu ssacciu ci hai vistu?

A:  E vabbè, nc’è bisognu cu te stizzi? Cci sta dicìa?

T:  Ndavina!

A:  Ah, sì! Aggiu vistu ddhri to’ frati ca se spusara cu lle ricche

T:  Nà?! Parcè, nci suntu puru quiddhri ca se sposane senza ricche?

A:  Embè, ca nu tutte le femmane tenane li sordi!

T:  Aaaaahhh, ricche te sordi…

A:  C’allora te ccite?! Ieu m’aggiu bbicinatu alla cummare Tora

T:  Ah, l’ostessa?!

A:  Sì: passane l’anni, ma iddhra rumane sempre lo stessa; face casa-osteria, osteria-casa ma nu sse stracca mai: che femmana! Filu teve…

T:  Continua…

A:  Allora ieu nd’aggiu ddummandatu c’erane quiddhri e iddhra m’ha titta tutta la storia; nà, mo’ te la cuntu: nel 1932…

T:  Armà, pe’ favore…

A :  Cci bboi ntorna ?

T:  Va’ fatte quattru passi

ARMANDO FA QUATTRO PASSI INTORNA A TOTU, RUOTANDO DI 180°

T:  Ntorna a quai stai?

A:  Aggiu fattu li quattru passi ca m’hai tittu cu fazzu!!!

T:  Mannaggia li porcu te lu zzi Tore…vanne, vanne e fatte le parole incrociate…

A:  A ddhru stane?

T:  Ota intra allu tirettu

ARMANDO APRE UN CASSETTO, TROVA IL MONOCOLO E CI GUARDA DENTRO

A:  Uuuuuu, Totu! Cci sta faci a ddhra vanda? Ieni a quai!

T:  Ma allora sinti propriu fessa dichiaratu!

A:  Uuuuu, e lu Cosiminu: com’è ca moi stìa a quintra e moi stae a menzu lla via?…nàaaa!?…a quai nc’era lu parete e mo’ hane llargatu la stanza…VA VERSO IL MURO E VI SBATTE  ahiaiai

COSIMINO LO PORTA IN BAGNO. RIENTRANO GIOCONDA, IL MEDICO E RUSINA (CHE POI VA A CUCIRE IN NEGOZIO)

R:  Dove vai, tesoro?

CO:  Quanto viscio che si è fatto il zio e torno

M:  Nulla di grave, spero!

CO:  No, no: la solita svista!!!      ENTRANO IN BAGNO

M:  Signor Totu, va meglio?

T:  Eh, un picca!

M:  Vediamo, vediamo questo elettrocardiogramma  GUARDA IL TRACCIATO MA RESTA STRANITA…ma…no…eppure…nooo…qui non ci vedo chiaro

T:  E mintate li cchiali!

M:  Non c’è bisogno: ho le lenti

T:  L’occhi lenti tieni? Nàaa, a me me servane veloci, ca oiu ssacciu mprima

M:  Ma…ma io non so…non mi è mai successo…signora guardi, guardi anche lei

G:  Ieo? E cci nde capisco ieo?

M:  Solo per rendersi conto

G:  ANALIZZA IL TRACCIATO  Nà! Lu sole, le muntagne, le case le pecure

T:  Le pecure? Eccu parcè ogni tantu me lu sentu battire forte forte : suntu le pecure ca fusciane !

G:  Mhmm…quiddhru ddhru pecuraru te fijuta è statu…ma cuarda teve: li culori, le riche…mo’ ci esse, mo’, fazzu bbite…

M:  Signora, non lo so…quel ragazzo è indomabile

T:  Indomabile? No, no: mo’ lu ddumu ieu cu lla fiamma ossitrica!!!

M:  Guardi, non so che dirle: è meglio se me ne vado!

G:  Quanto per la visita, dottore?

M:  Nulla, nulla…però mi raccomando signor Pepe: faccia attenzione a non prendere farmaci che non sono stati prescritti a lei; è facile poi dare la colpa ai medici: se l’erogatore di un servizio il suo dovere lo fa bene, ma l’utente fa male…

TSUBITO  Vae allu tentista!

M:  E cosa c’entra?

T:  Comu?! Ci te tole lu tente nu bbai allu tentista?

M :  No, no : l’utente è colui che usufruisce di un servizio

T:  Aaaahhh…sìììì…Gioconda: hai capitu?

G:  No!

T:  E mai nienzi cu capisci…!!!

G:  Sììì: è rrivatu Dante Alicheri!

T:  E cci bbole quist’addhru?

G:  Cu tte tice ca si’ fessa!!!

T:  Però…non c’è che dire: in questa casa mi vogliono tutti bene!!!

M:  Meglio: così guarirà più in fretta! Arrivederci……

T:   Ciao tuttore, ciao……..nà, sta sse nde vae? Tuttore, e la cura?

M:  Ma che cura!…moto, moto, bisogna fare moto

T:  E ieu nu ssuntu meccanicu, nu ssacciu cu lla fazzu ‘na motu!

M:  No, no: lei è troppo sedentario, bisogna cambiare marcia, accelerare, serve moto, moto  ora e sempre

T:  Sììì, nei secoli dei secoli amen! T’aggiu tittu ca la motu nu lla tegnu!

M:  E’ meglio se me ne vado. Arrivederci… e si riguardi, eh!?

T:  Sine, ciao tottore…te cci cilindrata me l’aggiu ccattare la motu?…IL MEDICO SE NE VA SPAZIENTITO…Gioconda, portame ‘nu specchiu

G:  Cci ll’ha fare?

T:  Ha tittu lu tuttore cu mme ricuardu!

G:  Nonsignore: li specchi servane alle femmane

T:  Vabbè, poi ci nu mme passa la ventre cu tte me la piju, sai?

GIOCONDA SCOPA A TERRA. COSIMINO ESCE GUARDINGO DAL BAGNO, SEGUITO DA ARMANDO-CON ENTRAMBI GLI OCCHI NERI

CO:  Mà, se nd’ha sciutu lu tuttore?

GIOCONDA ALZA LA SCOPA PER DARGLIELA IN TESTA, MA COSIMINO SI ABBASSA E LA SCOPA INVESTE ARMANDO, CHE CADE CON LA TESTA NEL WC

A:  Aiutu…ddumati la luce…Totu, ntorna a diarrea si sciutu? Cci puzza…aiutu, aiutu…

COSIMINO LO LIBERA

A:  Ahiai, aggiu vistu le stelle!

CO:  Nun erane stelle quiddhre!

A:  Comu, le stelle catenti a quarche bbanda hane scire cu spìcciane, no?!

T:  Eh, se capisce!

A:  Eh, se capisce!

T:  Ca certu!

A:  Ca certu !

T:  Ca sinò!

A:  Ca sinò!

T:  Eh, è rrivatu lu pappacallu !           GIOCONDA RIDE

A:  Uuuuu, porrrrrtobello, porrrrrtobello: a ddhru stae?

G:  Ah, ah, ah: Totu, te lu ricordi lu pappacallu te lu zzi ‘Ntoni?

T :  Ah, ah : iddhru pensu ca se lu ricorda ‘ncora ogni fiata ca vae allu bagnu…

CO:  Cci gghè stu fattu? Oiu rriu puru ieu

T :  Mo’ rrivi puru teve…ah, ah…cunta, cunta Giocò !

G:  Armà, veramente l’eri cuntare teve

A:  Cu cuntu uliti? Unu, toi, trete…

T :  Armando…….silenzio !

A:  Ma parcè nu me faciti mai fare nienzi?

T:  Cu nu ssìa te stracchi!

A :  Ah, crazie, ma ieu nu mme straccu : quattru, cinque, sei, sette…

T:  Armando, vanne intra allu necoziu e cunta finu a quantu oi   ARMANDO VA IN NEGOZIO  cunta, cunta, ca lu vagnone ole ssape

G:  Allora, l’Armandu era picciccu…

T:  Ma era fessa già te tandu: benatica, è statu precoce!

G:  E nc’era lu zzi ‘Ntoni ca tanìa l’anca ggissata; allora la zzi genoveffa

T:  Ddrafiscu aggia!

G:  Lu facìa sguariare: nu giurnu a na zia, nu giurnu a n’addhra… lu mandava cu porta cose. Ddhra fiata nde tisse: vanne e mintande lu pappacallu a llu zzi ‘Ntoni

T:  Ah, ah, ah…e quiddhru scìu e nde mise lu pappacallu vivente a menzu all’anche…

CO:  Acchia quante cazzate tisse!?!

T:  Ah, ah…ha fattu la bbattuta…ahiahai…nu faciti cu rriu mutu, sinò me cacu te capu…

G:  Uuu, mai sia: te sporchi tutti li capiddhri…

CO:  Mena mè, papà, ca te sienti meju…

T:  Ahiai…ste quattru risate m’hane fattu santire taveru meju…

G:  Ringraziamu Diu!

TOTU SI ALZA LENTAMENTE

T:  Ahiai…Cosiminu, sienti quai

CO:  Sì…?!

TOTU GLI DA’ UNA SCOPPOLA

T:  L’hai ntisa? Quista ete pe’ la purga    GLI TIRA L’ORECCHIO

CO:  No, no, papà: nu mme tirare la ricchia ca sinò me venane l’orecchioni!

TLO SCHIAFFEGGIA  Quistu ete pe’ lu tuttore

CO:  Aiutu, mamma: lu papà me vatte!

G:  Fermu teve, ca stai tebbule e nu poti fare sforzi  LO PICCHIA LEI

CO:  Ouuu, ma intra sta casa siti sempre pronti cu mme tati ‘na manu…

T:  Ci oi, nci suntu puru li pieti!

CO:  Aiutu, aiutu…   SCAPPA

T:  Ahiai…assa cu mme visciu nu picca te televisione [……..] GIOCONDA ESCE

TOTU VA IN NEGOZIO

T:  Armà!

A:  428

T:  Comu?

A :  429

T :  Ambo !

A :  430

T :  Li numari sta ddai ?

A:  431

T:  Sienti, Armà, spicciala te cuntare e dimme ci è ca t’ha fattu l’occhi niuri

ARMANDO TACE

T:  Ouuuu, ca cu tte sta cuntu! Rispondi!!!

ARMANDO TACE

T:  Nu timire, timme cci è successu, cunta

A:  Prima me tici : “Spicciala te cuntare” e moi oi cu cuntu. Poi lu fessa suntu ieu intra sta casa…

T:  Nààà, ma cci t’ha misu an capu…?

A:  Profumu te cantru, opera delle tue ntrame…

T:  Armando, timme ci è statu, ca fazzu bbite ieu…

A:  Veramente vitìa bbonu, vitìa…

T:  Nu tte proccupare: nde li cecu ieu tutti toi l’occhi

A:  Vabbè, però prometti ca nu mme faci addhre domande e ca me criti…

T:  Vabbè!

A:  E’ statu…è statu…INVENTA è statu lu pallone te cuoiu, quiddhru crossu ca mintane alle feste, sotta alle giostre: aggiu carcatu lu bbuttone e m’ha rrivatu sull’occhiu; poi m’aggiu spustatu cu bisciu meju e m’ha rrivatu sull’addhru

T:  GRIDA  Ma allora sinti propriu fessa! Te faci pijarre an giru te tutti: sinti lu pagliacciu te lu paese!

ARMANDO PIANGE E GIOCONDA ACCORRE

G:  Allora sì scemu propriu! E lu pij te ddhra manera?

T:  Na mannaggia la cicora cresta…: ca ci iddhru me l’ha titta!

GIOCONDA ACCAREZZA ARMANDO

G:  Comu?…iddhru te la ticìa?

T :  Eh, no !? testimone sta muscia: nà, Rusina, tinde cci m’ha tittu fratuma

R:  Sì, ha detto proprio così: “Prometti ca nu mme faci addhre domande e ca me criti”

T:  E ieu l’aggiu critatu!!!

G:  Critire l’eri, e no critare!

T:  Ca ci nu sse spieca…!

G:  No: è ca te si fessa!

T:  Uè…hae te quandu ndimu spusati ca me tici sempre la stessa cosa: ‘ncantata t’hai?

A:  E pare ca te sì rrumastu fessa comu tandu!

G:  Vanne, vanne e stutia, ca hai fare l’esami…

T:  Assa cu bbau, ca è meju!   VA NELL’ALTRA STANZA

G:  Rusina, fa’ bbisciu comu sta esse ddhra conna… VA IN NEGOZIO

ARMANDO VA DA TOTU

A:  Ou, Totu…

T :  Attentu a comu cunti, sai ? usa le parole ca canusci !

A:  Te lu ricordi lu Giovanni Stoccasarmente?

T:  Eh! Quante nd’imu cumbinate te paru…!

A:  E’ mortu !

T:  Comu è mortu? E me la tici cusì?

ARMANDO SI SIEDE

A:  E’ mortu! Cusì vae meju?

T:  Nà! Topu picca tiempu ca nd’era morta la mujere…

A:  Eh, mo’ suntu vedovi tutti toi!!!

TQUASI PIANGENDO  Cci brutta notizia ca m’hai tata…

A:  La mujere nde la portane crai

T:  Comu crai? Ca ci è morta tre misi a rretu!?

A:  E cci ssacciu?…sullu manifestu nc’era scrittu: i funerali si svolgeranno domani!

T:  Iiiiiiii  MIMA IL GESTO DI ACCECARLO  e dde quale giurnu era lu manifestu nu ll’hai lettu, no?…povero Giovanni, amico mio…E comu è mortu, se sape?

A:  Mah, nu sse capisce mutu te comu hane scrittu

T:  Parcè, sulli giurnali è ssutu?

A:  No…scrittu sullu manifestu!…comu sia ca è esplosu, scoppiatu…

T:  E comu ticìa?

A:  Ticìa: “ Ieri si è spenta Pia Fiamma. Ne dà il triste annuncio il marito Giovanni Stoccasarmente, distrutto dal dolore”

T:  E cci c’entra?

A:  Comu?…distrutto dal dolore: nun bole cu ddice ca è zzumpatu all’aria pe’ lu tulore?

T:  Assa cu mme nde vau, assa!

A :  Sta bbai pe’ le condoglianze ? portande puru le mei!

T GUARDA IN ALTO  Signore, questa croce che mi tevo portare appresso, tammi la forza cu nu lla stoccu a ddoi qualche fiata  ESCE A DESTRA

A:  GUARDA NELLO STESSO PUNTO  Signore? Ca nu sta bbisciu mancu signorine! Sarà ca ddhru frate meu vae mbriacu  ESCE A DESTRA

CO TORNA DA SINISTRA Amore mio squagliato, sarà che è ora co ti ndi vai a casa, senò la tua mammata sta col pensieri…

R:  Oh, tesoro! Hai ragione. Vado, mi mangio quelle quattro rape nfucate nell’olio e poi mi faccio i compiti. Ciao…Ah, signora: per questo vestito basta seguire le tracce che ho disegnato sulla stoffa ed è terminato

G:  Si, grazie; ciao

RUSINA E COSIMINO SI SCAMBIANO UN BACIO VOLANTE

G:  Uè, Cosiminu, ssettate e fatte li compiti

CO:  Ahi, mà: su preparatu già! Ca prima te l’esami quantu pare ca te faci ‘na ripassata a mente. Anzi, mo’ sai cci fazzu? Me leggu lu giurnale!

GIOCONDA CONTINUA A CUCIRE

CO:  Mà, cci bbene ddire: “Il governo ha dichiarato che la nuova riforma fiscale sarà progressiva?”

G:  Ca nui spicciamu sullu lastricu procressivamente, cu tutte ste tasse!

CO: “ Il Presidente del Consiglio ha fatto dieci scorregge: sapevamo che si dava delle arie, ma non così tante!…Quest’anno sono stati spesi più soldi per costruire armi che per costruire scuole; niente paura però: i missili intelligenti uccidono soltanto le persone intelligenti!”

G:  Eh…fiju meu…nu sse nde capisce nienti cchiui: troche, sparatorie a menzu lla via, l’aria ete tutta mbalenata…

ENTRA CUMMARE CHICCA DA SINISTRA

C:  Buongiornu cummare

G:  Buongiorno, buongiorno……che bellu vestitu cummare…

C:  Ehh! Li complimenti sula te faci? Alla facce te la motestia!!!

G:  Nà…ieu te l’aggiu fattu? Nu sta me ricordu…

C:  Comu? Quandu m’aggiu spusata…!

G:  La prima, la seconda o la terza fiata?

C:  L’urtima…….pe’ moi!

G:  Ehhh… cummare Chicca: teve pij tuttu nu picca alla leggera…

C:  Ma la vita va presa con leggerezza!

G:  …A propositu: la Vita te lu Pascalinu ha vistu cci collane tanìa allu battezzu?

C:  Mmhh……pensa maritusa…!

CO:  Cci gghè gioielliere?

G:  No: latru!

C:  E pe’ recalu allu vagnone sai cci nd’hane fattu?

G:  Ccite?

C:  Nu telefoninu cu sei lingue!

G:  E l’italianu nc’ete?

C:  No, però nc’ete lu dialettu!

G:  Eeehhh, sti vagnuni te moi…

C:  Mmmhhh, cci nde sai…: ieu a fijama nde l’aggiu ccattatu; iddhra nu llu ulìa, però cci nd’hane dire l’addhre compagne te scola? Poi…sai com’è…nu vagnone te quai, unu te ddhrai…nun boiu cu rrumane zitella!

G:  Quant’anni tene moi?

C:  Ottu, lu mese ci trse

G:  Però, comu crisciane li fiji…

G:  Beh, d’altra parte hane tanire puru la loru indipendenza: iddhra stutia allu pianu te susu e ieu nde telefunu e bbisciu cci face, nde ticu ca è prontu cu sse mangia…

G:  Nà…mò ca hai tittu mangiare…assa cu bba calu la pasta, ca osci nu imu mangiatu filu…

C:  Parcè?

G:  Ca marituma nu ssa ntisu bbonu e ndimu sparpajati nu picca. Con permesso…

GIOCONDA ESCE DA DESTRA

C:  Preco…Cosiminu, sta stuti pe’ l’esami?

CO:  Sì, sta me ripassu l’urtime cose…

C:  Quandu suntu?

CO :  Tocca cu me rrìa l’avvisu te la scola

C:  AH! Moi cusì se usa?

CO:  Ca nui simu moterni!

C:  Lu Luigi meu sta face lu quartu annu…

DA DESTRA ENTRA TOTU UBRIACO E ARMANDO CON UN ENORME PELUCHE NELLE BRACCIA. TOTU CANTA (sulle note di FRATELLI D’ITALIA)

T:  Fratello di Totu, lu Totu vae mbriacu, lu vinu gghè bbonu, meju te l’acqua…

ENTRA GIOCONDA DA DESTRA

G:  Ntorna mbriacu vai? Sempre la stessa canzone ete?

T:  No, cangiamu: E mamma ci nu mme nzuri me la taju, sotta llu focalire me la ppendu…

G:  Ma statte quetu, statte. Cci face quist’addhru cu sta cosa?

A:  L’imu vinta alla lotteria te la cummare Tora

G:  E cci gghete?

A:  Portachiavi!

G:  Ca nd’abbimu tanti! Tandelu allu Cosiminu…Cosiminu ieni

A:  Totu, crattame lu coddhru

TOTU LO GRATTA E ARMANDO RUOTA LA TESTA GRATTANDOSI DA SOLO

CO:  Cci gghè?

G:  Nu recalu pe’ teve

CO:  Nà, cc’è bbellu! Pe meve ete?

A:  Sine, pijatelu

ARMANDO STA MUOVENDO LA TESTA COME PER DIRE : “NO”

CO:  E’ pe’ meve o no?

A:  T’aggiu tittu ca te lu poti pijare, nà!

CO:  E parcè cu lla ucca tici sine e cu lla capu faci none?

A:  Ca sta mme crattu!!!

GIOCONDA PRENDE IL PELUCHE E LO DA’ A COSIMINO. SUONA IL CAMPANELLO E COSIMINO-LASCIANDO IL PELUCHE SUL TAVOLO-VA AD APRIRE. ARMANDO RISPONDE AL TELEFONO E TOTU PARLA AL PELUCHE . GIOCONDA VA A MOSTRARE A CHICCA IL VESTITO

A:  Pronto?

T:  C’ete?

A:  C’ete? C’ete lei!

T:  Ieo? Ieo suntu lu Totu
A:  E com’è ca sta telefuni? Ca mo’ stivi intra casa!?

T:  Cci ssacciu…a me chiamatu m’hane…SI ACCORGE CHE E’ ARMANDO A PARLARE

A:  E cci è ca t’hae chiamatu?

T:  Ddhru fessa te frauma!

A:  Nà...puru teve tieni nu frate fessa?

T:  E dde cci manera!!!

COSIMINO HA IL TELEGRAMMA IN MANO. HA UN’IDEA E GIOISCE

CO:  Papà, papà: è rrivatu lu telegramma, tice ca lu professore rrìa alle ore 17

TOTU RESTA IMMOBILE. ENTRA GIOCONDA. CHICCA E’ USCITA

G:  Cci ha ccappatu?

CO:  Hae fare l’esame alle cinque!

G:  Ahh, nu tt’ha piaciutu cu tte diverti? Mo’ nde divertimu nui!

A:  Allu cinema imu scire? Cc’è bellu!

G:  Scià mangiamu, scià!

TUTTI TRASCINANO TOTU NELLE QUINTE

A:  Totu, nienzi tici?

T:  Ha spicciatu lu secondu attu!!!

 

                                          FINE SECONDO ATTO

            

COSIMINO E’ SOLO IN CASA. SQUILLA IL SUO TELEFONINO

CO:  Sì ?… ah, ciao don Fefè…eh…ma gliel’avevo detto che non era una cosa facile…si…ma…ah:mi da’ il doppio?…allora se ne può parlare…sì…venga. Il nome? …ehm…boh…no, cioè…sì, lo conosco, ci mancherebbe…il nome…il nome…ah, sì: Chicca! Venga che gliela presento!…Arrivederci

ENTRA TOTU E COMINCIA A DARE SCOPPULE CON UN BERRETTO A COSIMINO

CO:  Ahi, fermu papà!

TOTU CONTINUA PICCHIARLO. ENTRA DON FERRUCCIO

F:  Fermo, Totu: che fai?

T:  Hai ragione papa: è paccatu cu rruvinu sta coppula

 LA GETTA E LO PICCHIA CON LE MANI

F:  Ma Totu, smettila, cosa ti è preso?

T:  M’hane sempre tittu ca cu me passa la mbriacatura bisogna dare schiaffi…!

F:  Sì, ma a te!!!

T:  E ci me schiaffisciu sulu ole ddice ca vau ncora mbriacu: quandu me passa?

PICCHIA ANCORA COSIMINO

F:  Totu, fermo, ricorda il motto evangelico: Ama il prossimo!

T:  Lu prossimu fiju, quistu none!

F :  Ora basta, Totu  PRENDE COSIMINO SOTTO LA SUA PROTEZIONE  Cosimino fa qualche marachella, come tutti i giovani della sua età, ma in fondo è un bravo ragazzo, attaccato alla famiglia, ai genitori…anche se per la sua età è un po’ mammone

T:  Cci gghete?

F:  Mammone

T:  Ca intra alli pisieddhri stae?

F:  No, no: intendo dire che è molto legato a sua madre e non vuole staccarsene

ENTRA ARMANDO E SI SIEDE AL TAVOLO

T:  E sì, lu sire invece nu llu considera propriu…

CO:  Ca ci te me vatti…!

T:  Puru te susu ! E propriu veru : quantu cchiù faci pe’ li fij, cchiù caggi pij !

PICCHIA COL PUGNO SUL TAVOLO, SCHIACCIANDO-PERO’-LA MANO DI ARMANDO

A:  Ahiahi…

T:  Uuuu, scusa Armà: nu picca te jacciu nc’ole

A:  Otame am poscia, ca sarà lu tegnu

T:  Ca teve lu jacciu intra le poscie te la giacca te minti?

A:  Ha ragione! Intra allu giubbottu stae, ca ete impermeabile!!!

T:  Vanne, vanne e mintatelu sotta all’acqua frisca…

COSIMINO ESCE DA SINISTRA

F:  Allora, caro Totu, calmati; mi ha telefonato Gioconda dicendo che fra poco sosterrai gli esami…

T:  Sì’: e a me ci me sostiene?

F:  Su,su…in fondo le lezioni che ti ho dato saranno servite a qualcosa, o no?

ENTRA GIOCONDA DA DESTRA CON LO SCATOLINO DI UNA POMATA IN MANO

T:  Ete ca me sentu la capu nu picca vacante…

G:  Nu picca? Tutta vacante ete! Papa, cuarda sta pumata cci dice…

F:  Non somministrare ai bambini al di sotto di un metro e ottanta…se il sintomo persiste, consultare il becchino!

G:  Nde la pozzu tare all’Armandu?

T:  Ca ci quiddhru nu ete nu metru e ottanta!?

G:  E sta nde tole lu tisciutu…

T:  Nfasciandelu!

G:  Nà, papa, mo’ ca hae tittu cusì m’aggiu ricurdata:alla statua te San Luigi cci nd’hane fattu ddhri tiscraziati?

F:  Ehhh…fortunatamente ci sono state persone di buona volontà che gli hanno stuccato gratuitamente la mano e la gamba

T:  E stai prasciatu?

F:  Perché?

T:  Hai tittu ca nd’hane stuccata gratis la manu e l’anca!

F:  Nooo…hai capito male

G:  Quandu mai capisce nienzi!

F:  Ho detto stuccata…con lo stucco, il cemento!

T:  Aaaahhh…….Hai capitu, ciuccia? Ci nu ssai cu cunti l’italianu vanne ccucina, vanne!

GIOCONDA STA PER SCHIAFFEGGIARLO MA POI ESCE DA DESTRA

F:  Allora, Totu, ti senti pronto per l’esame? Hai qualche altra domanda da farmi?

T:  PRENDE IL QUADERNO, LO SFOGLIA  Per esempiu, a quai, quandu m’hai cuntatu te le religioni, te l’eretici, nun è ca me ricordu mutu…

F:  E’ semplice: nella storia c’è sempre stata gente che si è allontanata dalla verità della Chiesa, ha deviato la via della Dottrina, e così ci sono stati-ad esempio-gli integralisti, gli eretici, i falsi profeti e si sono fatte le settembre

T:  Le sette s’hane fatte? E com’è ca quiddhru nu è bbanutu ‘ncora?

F:  No, no: stai tranquillo. C’è ancora tempo perché arrivi il professore; le sette sono gruppi di persone che si staccano dalla Dottrina già diffusa

ENTRA ARMANDO COL DITO MEDIO FASCIATO E CON UN BICCHIERE NELL’ALTRA MANO

T:  Aahhh, me critìa ca sta dici l’ora. Ca moi suntu le…quattru menu cinque

F :  Le quattru meno dieci

T:  Armà, ci ora faci teve?

ARMANDO SI GUARDA L’OROLOGIO E SI VUOTA ADDOSSO IL CONTENUTO DEL BICCHIERE

A:  Le quattru…!

DON FERRUCCIO E TOTU NON SI ACCORGONO DI NULLA. ARMANDO SI STROFINA GLI ABITI COL FAZZOLETTO

F:  C’è ancora un’ora circa

T:  Sì, papa, ma ieu nu me sentu tantu prontu…

F:  Ho capito: ci vorrebbe l’input, la scintilla, lo spunto

T:  Eh, cù me sentu cchiù sicuru, ca sinò me riscordu qualche cosa

ARMANDO ESCE DA DESTRA

F:  E’ una questione di metodo: a seconda dell’argomento trattato, tu dovrai ricordarti la parola-chiave, quella più importante

T:  Aaahhh, per esempiu: settembre-vinu………che bella parola-chiave m’aggiu cchiata!!!

F:  Giusto! E poi su quella parola sviluppi tutto il discorso che abbiamo fatto su quel tema

ENTRA ARMANDO E DA’ UN BICCHIERE A DON FERRUCCIO

T:  Mè…cusì è cchiù facile…

DON FERRUCCIO BEVE

F:  Ma che schifo, questo vino non è buono!

A:  Hai tittu ca nc’ulìa lu spuntu e te l’aggiu purtatu!?!

T:  Armando santo…!

A:  Lu sitici giugnu ete!

T:  Sienti Armà…vanne allu scarparu e fanne te tae la scarpe niure

A:  Toi?

T:  Allora tre?!

A:  Nooo: toi, pe teve?

T:  Sì, sì mei suntu!

ARMANDO ESCE

T:  Papa, viti? Me nde cumbina una topu l’addhra!

F:  Eh…Totu, ricorda che siamo tutti fratelli

T:  Ca perciò era oddhru cu essu fiju unicu!

F:  …La calma è la virtù dei morti!

TORNA ARMANDO

T:  Ma, papa, mintate nei miei panni…

A:  All’età toa ‘cora li panni porti?

T:  GUARDA IN ALTO  Signore…! Quale peccato ho commesso per una punizione così longa?

A:  GUARDA ANCHE LUI IN ALTO Ahh, le signore te prima? Ma com’è ca ieu nu bbisciu mai nienti?

T:  Armà, nu tt’era mandatu allu scarparu?!

A :  Sì, m’aggiu ricurdatu ca nu m’eri tatu li sordi…

T:  Nà…a ddhru sta pensa…: poi me li tai!

A:  Veramente te me l’hai dare!

T:  Ah, già!…nà, quisti suntu vinti

A:  LI CONTA  None: tutici suntu, filu vinti!

T:  Vinti, l’aggiu vinti a ddhra lla cummare Tora, nu te ricordi? Ca poi imu fattu la lotteria…?

A:  Ah…si…sta bau  ESCE

T:  Apri l’occhi. …..Ahi, papa…!

F:  Coraggio, Totu: hai qualche altra domanda da farmi?

T:  E lu quaternu?…nà, ecculu! Santa Lucia, ncerte fiate…a propositu: st’annu se face la prucissione?

F:  Quest’anno Santa Lucia cade di domenica

T:  Comu…cate?

G :  ENTRANDO  Eh : ca ci nu bbite !

F:  Nooo, cade per dire che viene di domenica!

T:  Hai ntisu? Ciuccia!

IN NEGOZIO ENTRANO COSIMINO, DON FEFE’ E DUE SICARI. SI SIEDONO, PARLANO E MANGIANO I DOLCETTI PORTATI DA DON FEFE’

G:  Quetu, quetu…girate, girate…gira ‘ncora  GLI PRENDE LE MISURE

T:  Cci bboi, cu me frisci ‘mpanatu?

G:  Camina a ddhrintra!

T:  Papa, tocca me scusi…si vete ca la signora tene esigenze pomeritiane AMMICCANDO

F:  Andate, poi mi farete sapere dell’esame…

T:  Statte bonu, papa

DON FERRUCCIO ENTRA IN NEGOZIO

F:  Salve

I:  Baciamo le mani, Monsignore…

F:  Non ancora

II:  Abbia fede

F:  Eh, quella non mi manca

CO:  Papa, vuoi favorire?

FE:  Favorisca padre, li ho presi poco fa, sono freschi

I:  Su, padre: non faccia il difficile…

F:  E va bene…ma prima voglio ringraziare il Signore per queste prelibatezze che ci ha offerto SI FA IL SEGNO DELLA CROCE

FE:  CREDENDO SI RIFERISSE A LUI  Non cìè bisogno di ringraziare…ah, mi scusi…

DON FERRUCCIO SI SIEDE MANGIANDO UN DOLCETTO

II:  Padre…

F:  Prego

II:  Ah, mi scusi

F:  Prego, prego

II:  Ho capito: finisca di pregare e poi le dico!

F:  No, no: dica

II:  Padre, una domanda che mi affligge da tempo…

F:  Dimmi tutto, figliolo

II:  Ma nell’acqua santa ci sono i batteri?

F:  ARRABBIATO  Figliolo! Tutto ciò che è santo è puro. Comunque reciti 2600 Ave Marie e poi venga a farmi qualche altra domanda! Arrivederci

FE:  No…padre…il mio amico stava equivocando: ha bevuto un po’ troppo. PRENDE DEI SOLDI ecco…no…questi sono per Cosimino…ehm…sì: questi sono per la parrocchia

F:  Ah, grazie, sono per i poveri. Cosimino, spero che il signore sia con voi…

CO:  INTERROMPENDOLO  E con il tuo Spirito…

F:  No, dicevo: che il signore sia con voi, che con altre famiglie, sia un generoso benefattore

CO:  Lo spero anch’io

F:  Arrivederci

CO:  Ciao, ciao papa

FE:  E’ bravo questo papa, eh?! Ma…veniamo al dunque, Cosimino: questi sono i soldi che ti avevo promesso, la signora Chicca dov’è?

CO:  Ehhh….sì…cioè…no…è che…però…

I:  Guarda che se ci vuoi fregare  MIMA COL POLLICE LO SGOZZAMENTO

II:  E lui non scherza!

CO:  Sì…sì: corro a trovarla…

DA DESTRA ESCE GIOCONDA COL METRO DA SARTA E TOTU VESTITO DA DONNA, CON BORSETTA, BERRETTINO E VELETTA; GIOCONDA GLI AGGIUSTA IL VESTITO

T:  Ma cuarda teve si uno te la mia età teve andare in giro a queste condizioni

G:  Quetu, quetu, statte fermu

T :  Chianu cu nnu me pungi…

G :  Quetu, camina nu picca…

TOTU SFILA, ANCHEGGIANDO COME UNA VERA MODELLA. IL PRIMO SICARIO GIRONZOLA IN NEGOZIO E SBIRCIA DALLA TENDA

G:  E mo’ nc’è lu finale: nà, il foulard, la chicca!

IL I° - SENTITO CIO’- CHIAMA FEFE’ E L’ALTRO. ENTRANO NELL’ALTRA STANZA

I:  E’ una bella Chicca!

G:  Nà, hai vistu? Puru sti cristiani la tìciane! Ma…ci siete voi?

TOTU SI NASCONDE IL VISO CON LA BORSETTA

FE:  Amici di Cosimino!

T:  Mhmm, ci lu piju me lu mangiu!

II :  E che bella voce !

T:  FACENDO LA VOCINA  Ehm…sì caro: ogni tanto c’ho un po’ di raffreddore ROCCHEGGIA E SPUTA NELLA BORSETTA

FE:  (a G.) Signora, ci porti una bottiglia di wiscky

G:  Lu vinu te Santa Taresa tegnu

FE:  Va bene uguale

GIOCONDA ESCE. TOTU SORRIDE, IL PRIMO LE SI AVVICINA

I:  E che bel faccino, che bella boccuccia…e che dice questa boccuccia?

T:  La fessa te mammata!

I:  Come?

T:  Ehm…fa caldo…

FE:  Adesso ci sediamo e ci facciamo un bel pokerino, per vedere se la signora è del mestiere

T:  Devo andare, c’ho la pignata sul fuoco!

I° E II° LE PUNTANO IN FACCIA LE PISTOLE

T:  Uuu, che bello il poker: io tutti i giorni gioco a poker; volete un po’ di gioccolatini?

FE:  No, no: giochiamo

I:  Fuori i soldi

II:  Allora, signora, dove sono i soldi? Dov’è la posta?

T:  All’angulu te la chiazza!

I :  Come ?

T :  Ehm…un momento che li prendo

TORNA GIOCONDA COL VINO.TOTU LE CHIEDE AIUTO COI GESTI, MA LEI NON CAPISCE

G:  Volete un po’ di cioccolatini? Ne ho una scatola nuova nuova

II:  No, grazie. Giochiamo

IL PRIMO GIRO E’ A SOGGETTO

FE:  Diecimila

I:  Diecimila

T:  ‘Na mila

FE:  Le va di scherzare? Giochi con i soldi!

T:  Sì, eccoli

II:  Diecimila

FE:  (al I)  Apri tu?

I:  No

FE:  (al II)  Apri tu?

II:  No

FE:  E chi apre?

T:  Nà, mo’ apro li gioccolatini!

FE:  Ma no, signora: bisogna aprire la mano

T:  Nà!  APRE LA MANO

FE:  La mano di carta

T:  E ieo di carne e ossa la tengo!

FE:  Il giro di carte

T:  Aaahhh! Diecimila

I:  Io vedo

FE:  Io vedo

II:  Io non vedo

T:  Vato a ddumare la luce più forte?

FE:  Dove va? Guardi qua: full di ottu

II:  Eh, capo: la solita fortuna…

FE:  E’ bravura, è bravura!

II:  Apro di 30.000

ENTRA ARMANDO   DA DESTRA CON LE SCARPE IN MANO

A:  A tombula sta sciucati? Puru ieu. E cci bbella signora, como ti chiami?

T:  Totu!

A:  Como?

T :  Ehm…Chicca

A :  Ma siete nuova di queste vande, che non vi aggio mai vista…

TORNA COSIMINO DA SINISTRA, PREOCCUPATO PERCHE’ NON HA TROVATO CHICCA, MA SI ACCORGE DELLA SCENA NELL’ALTRA STANZA. GIOCONDA VA DA LUI E GLI SPIEGA LA SITUAZIONE

T:  Sì, sono di passaggio

A:  Posso giocare puro io, co mi busco qualche cosa?

T:  Pe moi te buschi quista scoppola!

A:  Ahiai…

FE:  Per cortesia, signore, ci lasci giocare con la signora Chicca!

CO:  ENTRANDO SPAVALDO  Allora…contenti della signora Chicca?

FE:  Hai mantenuto la promessa. Bravo Cosimino: questi sono per te  GLI DA’ DEI SOLDI

CO:  Grazie, continuate pure

TOTU GLI FA UNA PARENTESI CON LE MANI, COME PER DIRE: “Dopo ti faccio un culo così” , I TRE SE NE ACCORGONO E LUI…

T:  Uuu, che caldo!

COSIMINO RESTA DIETRO LA TENDA DOPO UNO SGUARDO DI TRANQUILLA INTESA CON GIOCONDA

I:  Io raddoppio

FE:  Io passo

II:  Io non passo

T:  Nà, mo’ me azzu. Allu bagnu hai scire?

FE:  Giochi, signora, giochi!

T:  Mah, vetiamo che ne esse GUARDA ATTENTAMENTE LE CARTE Nà, guarda qua

I:  Accidenti, capo: poker d’assi

FE:  Com’è possibile: l’ho fatto anch’io?!

II:  Allora c’è qualcosa sotto…

TOTU GUARDA SOTTO IL TAVOLO

FE:  E’ inutile che ti nascondi

I:  Ci ha imbrogliati

FE:  Tu bari

T:  Como?

FE :  Tu bari

T :  SI APRE IL VESTITO E MOSTRA LA MAGLIA DEL LECCE Io Lecce, altro che Bari

CO:  ENTRANDO DI CORSA Presto, presto: arriva la finanza…

TUTTI SCAPPANO. TOTU RESTA CON COSIMINO. TORNA GIOCONDA

T:  Ahiai, sarà ca tocca cu me cangiu le mutande

G:  Nu face nienzi, basta ca è passatu lu periculu

T:  Ahiai…te tiscraziatu…ieni a quai ca t’aggiu tirare li capiddhri a unu unu

G:  Tuttu ddhru tiempu te pardire tieni?

T:  Hai ragione: fazzu prima cu nde taju la capu, no?

BUSSANO

T:  C’è ca sta tuzza? Ca ddhra porta stae sempre perta…!?

G:  Ieu l’era chiusa, cu nu trasane ntorna ddhri cristiani

BUSSANO

T:  Uuu, e ci ete?

G:  Nun è ca ete lu professore pe l’esami?

T:  Uuu, e ieu vau vastutu te sta manera. Tinda ca nun c’è ciujeddhri a casa…fa me scundu…TENTA DI NASCONDERSI SOTTO LA GONNA DI GIOCONDA

G:  Fermu…Cosiminu, vanne e apri, ca pensu a tuttu ieu…

T:  E cusì rimagnu?

G:  Nu te proccupare!

T:  Eh…mo’ è propriu sicuru ca m’aggiu cangiare le mutande…!

ENTRA COSIMINO (RIDENDO) E ARMANDO

G:  Mmè? E lu professore?

CO:  Iddhru era ca sta tuzzava!

T:  GLI SI AVVENTA CONTRO  Te parane quisti li momenti cu scherzi?  LO PICCHIA CON LE SCARPE APPENA TORNATE DAL CALZOLAIO

A:  Ahiai…signora! Nu me bbinchiare cu ddhra scarpa, ca li tacchi su’ noi e tolane!

G:  Fermi…LI DIVIDE…ma com’è ca te si ssutu a ddhra fore?

A:  Ha tittu ca sta rrivava la finanza e sta timìa cu nu me sequestra stu tente te oru, ca nu llu tegnu dichiaratu!

T:  SI TOGLIE LA SCARPA DA DONNA E LO PICCHIA  Quista è cchiù moddhre?

A:  Ahi, signora! Tevo tire che lei mi ha colpito dal primo momento che l’aggio vista!!!

G:  E spicciatila. Te vanne e bestate te cristianu e te ssettate e scioca a carte, nà!

A:  Sulu? Ca l’addhra fiata a solitariu aggiu persu 18.000 lire. Tocca cu me ‘mpegnu. Ciao signora…

SI SIEDE E GIOCA. TOTU E GIOCONDA ESCONO. COSIMINO SI SIEDE CON LO ZIO. TORNA TOTU SEMIVESTITO E GLI DA’ UN COLPO DI SCARPA

T:  Nà, quistu ete pe’ li sordi ca ha fattu perdu a poker!

CO:  Ahia, papà!

T:  La mbesti ca sta spettu gente, sinò te facìa intra-fore  ESCE

CO:  Sienti, ziu, tocca cu me presti 100.000 lire

A:  Noooo: all’età toa su troppe, te tane an capu

CO:  Dai, ziu, tammele. Aggiu pacare la scola, aggiu fare la tomanda pe l’esami

A:  Nà? E cu faci la tomanda tocca pachi? Spetta cu te rispundane, nò?!

CO:  Dai, ziu, tammeli

A:  Te li tae sirata

CO:  Nun bole

A:  Comu nun bole?

CO:  Nu sse nde freca nienti te l’avvenire meu!

A:  Nà…comu?…ma ieu nu ssacciu…ma te servane propriu?

CO:  Sine!

A:  Ma poi cci te li faci?

CO:  Cu pozzu fare l’esami e me piju lu tiploma

A:  Lu…?

CO:  Tiploma, lu famosu pezzu te carta

A:  E hai pacare tantu? Nà, pijate quistu PRENDE UN ROTOLO DI CARTA IGIENICA E GLIENE DA’ UNO STRAPPO

CO:  None, ziu, me servane! Aggiu diventare…ehh…aggiu diventare…bò…ah, sì: peritu acrariu!

A:  E cci gghè?

CO:  Cu ‘mpari le cose te campagna

A:  E nc’è bisognu cu bbai alla scola? Te tau ‘na zappa e te mosciu ieu comu se face!

CO :  Ahi, ziu…tammeli, mè !

A :  Ma cuarda teve…nà, nà   GLIELI DA’  basta ca te nde vai…

CO:  Crazie ziu   COSIMINO ESCE

ENTRA GIOCONDA E VA IN NEGOZIO, SEGUITA POCO DOPO DA TOTU

T:  Armà, sempre a carte sciochi?

A:  Tocca bbisciu se riescu cu bbincu a solitariu

T:  Parcè, perdi?

A :  C’allora ! e nu aggiu ‘ncora capitu comu faciane l’avversari mei cu me battane sempre… !!!

T:  Ehhh…Armà…sinti pesciu te lu Carlinu Fetecchia, ca se nde vene te Lecce a quai cu bbinde rrobba vecchia

A:  Ma ieu nu ssuntu te Lecce, comu iddhru!

T:  No, Armà, ulìa cu ddicu ca te sinti nu menzu ciucciu!

A:  Ouu…chianu cu lle offese!

T:  Momento che ti spieco; me l’ha titta don Ferrucciu, ete filosofia e specificamente trattasi di sillogismo, rrobba seria: tunque, nu musciu tene quattru anche

A:  Eh, ca puru lu cane te la zzi Giulia nd’hae quattru!

T:  E siccomu tene quattru anche, gghete nu musciu puru iddhru!

A:  Nà? E cci c’entra? Ca puru lu ciucciu tene quattru anche!

T:  E teve quante nd’hai, Armà?

A:  Toi!

T:  E perciò sinti nu menzu ciucciu!

A:  Nà…è bberu…ma sì’ sicuru?

T:  Ehhh, ete filosofia!

A:  Nà, c’è bbellu!

SUONA IL TELEFONO ED ARMANDO VA DI CORSA AD APRIRE LA PORTA DEL NEGOZIO, MA NON C’E’ NESSUNO. TORNA CORRENDO IN CASA, IL TELEFONO CONTINUA A SQUILLARE E LUI RITORNA ALLA PORTA, RIENTRA E RIESCE CORRENDO. RIENTRA ARRABBIATO. TOTU E’ RIMASTO A GUARDARLO

A:  Ou, Totu, tocca cu tte giusti lu campanieddhru

T:  Lu telefunu ete…

A:  Ahh...pronto? il signor Pepe? Si, sono io. Come? Verrà per l’esame? Sì, non si proccupa, la casa ete al numero totici, tove nc’ete il necozio ti vestiti. Sì, arriveterci!

T:  C’era?

A:  Quiddhru te l’esame

T :  ALLARMATO  E c’ha tittu ?

A:  Ulìa ssape l’indirizzu cu bbene pe l’esame

G:  Mena, mè: sta faci parire cci gghete…

T:  M’aggiu riscurdatu tuttu. Ci sinti teve?

G:  Comu ci suntu? Mujerata!

T:  Ah, già, purtroppu quistu me lu ricordu…Armà, vanne e mintate alla porta e spetta lu professore

A:  Ma ieu nu fazzu lu portiere…

T:  Sì…cci sinti, mezzapunta?

A:  No: in difesa sciucava

T:  Menzu fessa sinti!

A:  Ahhh…ddhra cosa te filosofia ete?

T:  Sì, sì…mo’ vanne alla porta però!

A:  E sia ca nun d’hae addhri intra ‘sta casa…   ESCE  DA  SINISTRA

G:  Mena, Totu, nu te preoccupare…

T:  Sì, pare ca l’hai fare teve l’esame…

G:  Ca ci moi sì’ fessa…cchiui cu diventi fessa tiplomatu?

T:  Meno male che ti tengo vicina nei momenti di sconforto!

CO:  ENTRANDO  Cci hai papà, ntorna fiaccu stai?

G:  None: mo’ rrìa lu professore e sta time

CO:  Eeehhh…fanne comu fazzu ieu, ca tegnu tuttu scrittu a quintra SI INDICA LA TESTA

T:  Crazie! Ca ci ete vacante! Ogni cosa ca t’hai ‘mparare acchia la via libera e se nferra a ddhra nfacce!

CO:  A propositu, papà, tocca me tai li sordi cu fazzu la tomanda pe l’esami

T:  Quantu?

CO:  Tocentumila lire

T:  Toccu! Tantu vali?

CO :  Eh, sai…suntu esami importanti…l’urtimu annu…poi lu professore vene a domiciliu : oi armenu cu nde pachi la benzina ?

T:  E nu putìa vanire a lampete?

CO:  Mena, mè, papà! Nu fare storie…

T:  Ieu nu fazzu né storie né giografie…però 200.000 lire su’ sempre sordi!

CO:  E cacciale!…fanne finta ca sta bai cu ll’amici all’osteria e sta nde offri ‘na cosa!

T:  Cci brutta finta aggiu fare…

G:  Mena, mè! Nu fare lu tirchiu e tande li sordi

T:  Na, na…va’ paca, na. Me raccumandu: tielli belli belli stritti an poscia…

G:  Sì…cu nu ssìa fàciane la pieca!

COSIMINO ESCE DA DESTRA, ARMANDO ENTRA DI CORSA

A:  Ou, ou: sta rrìa

T :  Mena, mena : ddhrumati tutte le luci e statibbe queti

G:  Ca ci sta passa, la prucissione?

ARMANDO ACCOMPAGNA IN CASA IL PROFESSORE

A:  Preco, preco, ti questa vanda, mi secoti a meve…

P:  Grazie mille

A:  Como?

P:  Grazie mille!

ARMANDO GLI DA’ MILLE LIRE

P:  Cos’è, un anticipo sull’onorario per l’esame? Vi conviene darmele tutte insieme, sennò cinquanta da mille ci vuole molto tempo a contarle

A:  Ah…pacamento anticipato!?

P:  Eh, sì

T:  Ecco a lei!

P:  INTASCA  Scusate, dove posso appendere l’impermeabile?

A:  Preco, qua

IL PROFESSORE APPENDE L’IMPERMEABILE E LO “SPAZZOLA” CON LE MANI TENENDO LE ASCELLE IN ALTO; ARMANDO, INFASTIDITO DA QUELL’ODORE, PRENDE UN DEODORANTE E LO SPRUZZA SUL PROFESSORE

P:  Ma cosa fa? Stia fermo!…non si vergogna alla sua età ad andare in giro mascherato? Carnevale è passato da un pezzo!

T:  No, professore, non si preoccupi: è un po’ ritardato…

A:  Ah, è vero: è ritardato per il traffico, professore?

T:  Silenzio! Professore, cominciamo

P:  Sì, sì, che sono stanco e vorrei andare a dormire all’hotel

T:  Ah, ottima scelta: l’Otellu è ‘nu bravu cristianu! Me lu saluti, sai?

P:  Ma cos’ha capito? Ho detto hotel, albergo!

T:  Ah…

P:  Allora, pronti? Il signore è pronto?

T:  GUARDANDO IN ALTO  Signore, sì’ prontu? Iutame teve, ca ieu nu me ricordu cchiui nienti!

P:  Beh…signor Pepe…abbiamo studiato…abbiamo letto?

T:  Sì, a quai stae!

P:  Cosa?

T:  Lu liettu!

P :  Perchè, si sente male ? non si preoccupi: se ha studiato, non ha nulla da temere!

T:  Speriamo!

GIOCONDA PORTA IN TAVOLA UNA FORMA DI FORMAGGIO E UN FIASCO DI VINO

G:  Favorite!?

GIOCONDA, OGNI TANTO, ENTRA PER CONTROLLARE L’ANDAMENTO DELL’ESAME, DONDOLA LA TESTA E RIESCE

P:  Cominciamo con una domanda facile. Stia attento, eh!? Mi dica il presente del verbo sorgere

T:  Ehm…si…allora: io sorgo, tu sorgi, egli topo…

P:  Si dice sorge!

T:  In dialettu!!!

P:  E vabbè...passiamo oltre

T:  Non le piace questa stanza?

P:  Perché?

T:  Ha detto che vuole passare oltre…!

P:  No: con le domande!……vediamo: il presente del verbo essere

T:  Eh…su questo non sono tanto preparato…

P:  Ma lo ha appena detto!

T:  Nà, cci ssu’ bbrau! L’aggiu tittu e mancu me nd’aggiu ccortu!

P:  Allora?…su, su…io so? Io so? Io sono!…

ARMANDO SUGGERISCE MIMANDO UN CHITARRISTA

P:  Eh…però, però…DONDOLANDO LA TESTA SCOPRE ARMANDO

A: CANTA Peròperò, poroporòpopperoperòporoporòpopperoperòporoporòpoppo……

P:  Basta, la smetta, vada via!

A:  Ahi, sta me nde vau…ENTRA IN BAGNO

P:  Allora: il verbo essere?!

T:  Io sono, tu soni, egli sona, noi balliamo, voi cantate, essi zzumpano!

P:  Neanche il verbo essere conosce…! Alla sua età….! Non sa neanche parlare…

T:  Stz…è arrivato il professore…!

P:  Certo!

T:  Perché, lei professore sei?

P:  E no!? Ma guarda la combinazione!? Guarda un po’ il caso!?

T:  Nà, pecorinu ete: nd’oi ‘nu stozzu?

P:  Signor Pepe…io non so come mai lei, alla sua età, abbia ripreso a studiare: non aveva di meglio da fare?

T:  Eh…professore mio…io sta spero a questa promozione per avere unp stozzo di carta e addiventare qualcuno a questo mondo di ignoranti e vacabondi

P:  Bravo, signor Pepe: questo le fa onore!

T:  Che io aggio avuto sfortune alla vita mia, sinò all’ora di moi…stz! Io, fino a qualche anno a rreto, non riuscìa a fatiare perché era avuto un trauma…

P:  Che tipo di trauma?

T:  Eh…in secuito alla morte ti mia matre

P:  Ohhh…mi dispiace…e com’è morta sua madre?

T:  E’ morta di parto quando sono nato io!

P:  Ma per cortesia !!! andiamo avanti, prima che mi arrabbi. Vediamo il verbo pagare. Mi dica il presente indicativo del verbo pagare

T:  Ah…questo lo so, lo sanno tutti gli italiani: io pago, tu paghi, egli paga, noi paghiamo, voi pagate…essi riscuotono!

P:  Eh! Con un’imperfezione finale, ma almeno uno l’ha detto! Vediamo ora il presente del verbo esigere

T:  Aspetta…ca lo tegno proprio sulla punta tella lingua  TIRA FUORI LA LINGUA E NE “PRENDE” IL VERBO  allora: io esigo, tu esigi, egli esige, noi esigiamo, voi esigete, essi esigono

P:  Oh, bravo! Adesso, dello stesso verbo, mi dica il participio passato

T:  Eh… sì…allora…vitìmo…ete…tunque…esi…esi…e no, no…esige…esige…te sigge nu picca te casu? Mangiamu meiu, a postu cu pansamu alli verbi

P:  Signor Pepe, non si distragga!

T:  Esige…esigente…esageratu..

P:  URLA SPAZIENTITO  esatto!!!

T:  Nà! Aggiu mbastutu! Su passatu all’esame?!

P:  Ma stia zitto: ha sbagliato!

T:  Comu? Hai tittu: esatto?!

P:  Esatto è il participio passato del verbo esigere…SI ALZA SCONFORTATO…guardi signor Pepe…PICCHIA SUL TAVOLO io non so come fare con lei…PICCHIA ALLA PORTA DEL BAGNO

A:  Occupato

P:  Non so proprio come comportarmi con lei…

T:  Nà! Bbonu t’hai comportare

P:  Non mi faccia perdere la pazienza, eh…andiamo avanti. Vediamo un verbo di una certa consistenza: il verbo armare. Mi coniughi il gerundio del verbo armare

T:  Armadio

P:  Ma che armadio!

T:  Armeculi?

P:  Ma quando mai…! BEVE

T:  Arme…armenu ‘rmenu cu tte scinde tortu !

P:  Allora ?

T:  Armonica ?

P:  Insomma…URLA…Armando!!!

ARMANDO ESCE DAL BAGNO CON I PANTALONI ABBASSATI ED UN ROTOLONE DI CARTA IGIENICA IN MANO

A:  Eccomi, chi mi vuole?

P:  Chi è lei? Cosa vuole? Chi l’ha chiamata?

A:  Como!? Ieo sonto Armando, fratello di Totu

P:  Ma no: Armando è un gerundio!

A:  Uei, nu ddire parolacce, sai?!

P:  Silenzio, silenzio…e poi…si vesta da uomo!

A:  Ca moi te femmana vau vastutu?

T :  Armà, vanne e fanne cinca hai fare… !

A:  M’hae passatu lu spilu, crazie  STA PER RIENTRARE IN BAGNO

P:  Signor Pepe..

A e T:  Sì?

P:  Che c’è?!

A e T:  Ha chiamato!?

P:  Stavo dicendo a lui…! Coi verbi stiamo messi male…vediamo che argomento possiamo affrontare…ah, sì, cercherò di venirle incontro. Facciamoci una chiaccherata

T:  Allora tocca sciamu alla prucissione!

P:  Perché?

ARMANDO SI SIEDE CON LORO AL TAVOLO

T:  Ca a quai la maggior parte te li cristiani vae alle pruciussuni cu parla e sparla…

P:  No, no, nulla di tutto ciò…mi parli di economia

T:  A me nu me piace cu spendu muti sordi!

P:  No: di economia in generale…mi parli del settore primario. Chi appartiene al settore primario?

T:  Primario…primario…ah: li tottori!

P:  Quando mai!?

T:  Comu? Hai tittu primario!

P:  No: primario è il settore riguardante l’agricoltura

T:  Nà?! Lu cumpare Pippi ete tuttore e mancu la sape!

P:  Oh…santa miseria…!

A: Cci giurnu se festeggia?

T:  Lu giurnu ca te stai quetu!

P :  Per favore, continuiamo. Il settore secondario

T:  Secondario…secondi…qualche cosa ca c’entra cu lli secondi…ah,sì: l’orologiai!

P:  Ma stia zitto! Vediamo di porle la domanda sotto un’altra forma

T:  Travestire t’ai?

P :  Non m’interrompa…il settore secondario è quello dei servizi ?

T:  Ah: quello tegli itraulici!

P:  Come!?

T:  Li bagni nu sse chiamane servizi ?!?

PARRABBIATO  Mi dica chi appartiene al settore terziario

T:  Ohhh, finalmente una cosa che saccio! Al settore terziario appartengono li seguaci di San Francesco!

P:  ARRABBIATISSIMO  Che cosa sta dicendo?…la smetta di dire stupidaggini…mi fa star male con queste cretinerie…aiuto…mi sento male…mi manca l’aria

A:  GLI SOFFIA IN FACCIA

P:  Ah…che schifo…la smetta…silenzio…silenzio…voglio solo sentire il silenzio

ARMANDO CANTA IL SILENZIO MILITARE

P:  Ma che fa? Basta, per carità! Non voglio sentir volare una mosca…

ARMANDO SPRUZZA LO SPRAY ANTINSETTI NELLA STANZA

P:  Stia fermo…basta…mandatelo via o diventerò pazzo

T:  Armà statte fermu, ssìa m’ha fare domande cchiù pacce te quiste…

P:  Ahiai…calma..calma…mi faccia riprendere…

T:  Armà pija la telecamera e riprendi lu professore

P:  No, cos’ha capito? Volevo dire: mi faccia rimettere

T:  Ah…Armà, porta ‘na busta te plastica ca quistu s’ha fommacare…

P:  Senta, ma lo sa che lei è veramente un ignorante?

T:  Mah…questo lo ignoro

P:  Appunto! Continuiamo, va’! Una domanda di storia: cosa accadde l’8 settembre?

T:  Ah, sì: l’8 settembre ete la Matonna te le Crazie!

P:  Cosa sta dicendo?

T:  Parcè, spustata l’hane? Ma sti comitati-festa…faciane sempre quiddhru ca olane!

P:  …L’otto settembre si ricorda l’armistizio!

T:  Mah!…se lo tice ssignurìa…

P:  Perché, mette in dubbio la mia serietà professionale?

T:  No, no…

P:  No, no, chiariamoci, qui bisogna mettere i puntini sulle “ i ” : io sono un docente laureato e rispettato e non tollero che si mettano in forse le mie conoscenze

T:  Scusa, olìa cu ddico che non sapìa dell’8 settembre, scusa…

ARMANDO VA A ROVISTARE NEI CASSETTI

P:  Ah…vediamo: quando è morto Garibaldi?

ARMANDO METTE I CHIODI SULLE “I” DELLE PAROLE IN NEGOZIO

P:  Chi è?

T:  Armà, cci sta faci?

A:  Quetu, quetu, ca me l’ha titta lu professore, e stìa puru stizzatu…

T:  Professore, che gli avete tetto?

P:  Io? Nulla!

TOTU VA DA ARMANDO

T:  Armà, fermu, ca sta me smunti lu necoziu! Cci t’ha tittu lu professore?

A:  Hae tittu: “ Qui bisogna mettere i puntini sulle i ”

T:  Sulla lingua te l’hai  mintire!!! Tamme quai ddhru martieddhru. Ieni e ssettate. E statte quetu. Professore, scusatelo. Andiamo avanti

P:  Basta che non perdiamo altro tempo…!

T:  Eh…che mi stava ddimmandando?

P:  Quando è morto Garibaldi

T:  Ah, è mortu? E quandu?

P:  Ma quando glielo sto chiedendo io!

T:  Eh…non saccio!

P:  Mi dica almeno cosa successe dopo la sua morte?!

T:  Lo so: fecero un bellissimo funerale!

P:  Ma lo sa che lei è un impertinente? Ha proprio una faccia di bronzo?!

A:  FELICE  Te l’ha titta puru lu mesciu, te l’ha titta puru lu mesciu!

T:  Cci cosa?

A:  Ca tieni la facce te stronzu !!!

P:  Cosa dice? Si segga e stia fermo, piuttosto!

ARMANDO SI SIEDE IMPIETRITO

P:  Intendevo dire che lei non sta prendendo sul serio quest’esame

T:  Ma no, professore: è che sto un picchi confuso

P:  GUARDA ARMANDO  Ma che fa?

T:  Armà, cci sta faci?

A:  Ha tittu cu mme ssettu più-ttosto e m’aggiu ntustatu!

T:  No, no: te poi squajare, prima cu te squaiu te mazzate!

P:  Oh…povero me! Vediamo se sa qualcosa di letteratura: conosce Dante?

T:  No, che io esco poco di casa, penso sempre a stutiare!

P: Ma no,Dante Alighieri! Vediamo se sa ripetermi questi pochi versi

T: Abbaiare aggiu?

P:  Non sono versi animali!!! Dunque…Guido,i vorrei che Lapo ed io fossimo presi per grande incantamento…ovviamente si tratta di Lapo Gianni,che conosceva Dante,non come lei.Allora mi ripeta ciò che le ho appena detto

T: Sì, allora: io vorrei cu guido l’apo di Gianni, ma nu tegnu lu documentu..

P: Ma insomma… vediamo se almeno mi sa dire una parola che cominci con l’acca

T:  PENSA  Accademia!

P:  Sì…dell’Aeronautica!

T:  Ma puru te l’Esercitu!

P :  Sentiamo, mi dica il contrario di queste parole : compare

T:  Cummare!

P:  Umano

T:  Upiede!

P:  Astuto

T:  Addumo!

P:  Addetto

T:  Ha stato queto!

P:  Accesso

T:  Nà, a ddhrai stae lu cessu: hai scire?

P:  Neanche queste cose semplici sa? Ma come devo fare con lei?

T:  Ehhh…un argomento a piacere…

P:  Cioè?

T:  Il regolamento della nettezza urbana ti questo paese!

P:  Eh…eh…regolamenti…un argomento strano: cosa vuole che ne sappia io? Ci vorrebbe un uomo di legge

A:  E quiddhri te Bari nu lle sapane ste cose?

P:  Ho detto legge, non Lecce!

T:  Armà, pensa scioca a carte! E ssignurìa non ne capisci ti queste cose?

P:  Ma io sono un professore di italiano, che leggi…? CHIEDENDO CON LA MANO

T:  Io? Niente

P:  Cosa?!

T:  Non leggo niente!

P:  No, intendevo dire che non m’intendo di leggi: a me piace l’arte, la poesia, il mare…

T:  Ah, sì…lu mare: io pure, col mare c’ho molta stitichezza

P:  Stitichezza? E prenda un lassativo!

TALLARMATO  No, no, per carità!

P:  E se soffre di stitichezza!?

T:  No, como si tice…che io saccio molte cose tel mare, tengo familiarità, stitichezza…?!

P:  Dimestichezza!!!

T:  Eh! Quella. Io vato al mare, prendo il pesce e lo porto a casa. Oggi ho piscato gamberi e calamari

P:  Ehh…anch’io ho la barca, però vado sull’Adriatico, dalle parti di Lecce. Solo che in questi giorni il mare era molto agitato, sarà stato forza…forza…

T:  Forza Lecce!!!

P:  Non urli, o crederanno cosa stiamo facendo!…beh…direi di fare le ultime domande…vediamo: in disegno geometrico come stiamo?

T:  Mhm…’nzomma!

P:  Allora: mi disegni, senza guardare, una piantina della sua casa

TOTU DISEGNA ED IL PROFESSORE OSSERVA IL TELEVISORE

P:  Quanti pollici?

T:  Due!

P:  Come, due?

T:  Eh…tanti me nd’hae llassati mauma!

ARMANDO ESCE

P:  Non lei…il televisore!

T:  Ahh…non so…vuole che glielo ddumo, intanto io faccio il disegno?

P:  Sì, grazie!

[……….]

ENTRA GIOCONDA, SPOLVERA E SCOPA

T:  Professore? Ho spicciato!

PGUARDA IL DISEGNO  Eh, eh: qui casca l’asino…

G:  Totu: ntorna hai catire?

T:  Ca sacciu?!

P :  Si può sapere cosa ha disegnato ?

T:  Una piantina te casa mea ACCOSTA IL DISEGNO ALLA PIANTA Nà, lo stessa è bbanuta: nu ssu bbrau?

P:  Ma cos’ha capito? Io volevo una piccola mappa di casa sua!

T:  Ah…e dicevalo prima! PRENDE LO STROFINACCIO DI GIOCONDA E GLIELO DA’

P:  E cos’è questo?

T:  La piccola mappa: la mappina!

P:  Ma…ma signora…lo sa che quest’uomo è assurdo?

G:  None, sente bbonu, sente

P:  E’ un uomo gretto, ignorante…

T:  Grazie, altrettantu!

P:  Come?

T:  No, niente, niente

P:  Ah, volevo ben dire!

T:  Nun hai benatire nienti, vi’ cu tte sbrichi, invece

P:  Oooooohhh….signori! andiamo piano!!!

GIOCONDA E TOTU SI MUOVONO AL RALLENTATORE

PRIVOLTO AL PUBBLICO  Io devo capire se quest’uomo ha in sé la capacità di stupirsi…perché noi-come diceva il Pascoli-dobbiamo continuamente attingere ai ricordi della nostra infanzia. Vedete, anch’io tengo sempre presente il fanciullino, il bambino che c’è in me

G:  Parcè, incinta stai?

P:  Ma signora…anche lei…alla mia età non posso averne, scusi…eh!!! E poi…guardi questa casa: è povera di colori. Serve colore qua, qua, qua, qua, qua, qua…

T:  Qua, qua, qua…mo’ mintimu le papare!

P:  Ci vuole un tocco di classe

G:  Che ci vuole?

P:  Un tocco

G:  Un tocco tte pija a te e cci t’ha mandatu!

P:  Ehhh…purtroppo questi limiti sono peculiari di un malcostume comune

T:  Pe cculiari? Gioconda ! pe culu sta nde pija !

G:  Mo’ te vattu cu sta mazza  LO SEGUE CON LA SCOPA

P:  No, signora, stia ferma, finiamola una volta per tutte! Ehm, ehm  TOSSISCE  vista la serietà della nostra scuola, visto il suo impegno nonostante l’età e visto-soprattutto-che ha pagato…noi la promuoviamo…col massimo dei voti! GLI CONSEGNA IL DIPLOMA LEGATO COL NASTRO ROSSO

T:  Allecria, evviva, m’hane promossu. Armando, Cosimino…si festeggia

G:  Auguri, capo te li spazzini!

T:  Eh…professore…una ddimmanda, prima che se nde va

P:  Dica

T:  Ma parcè l’esame l’aggio fatto ieo solo e teve essere promosso pure questo MASSIMO DEVOTO? Qualche sacerdote raccomandatu ete?

P:  ARRABBIATO  Basta, mi lasci perdere, addio, me ne vado, a mai più rivederci…

T:  Statte bbonu! E menu male ca l’aggiu pacatu!

 ARMANDO TORNA DA SINISTRA

T:  Armà, a ddhru stae lu Cosiminu?

A:  Allu bbarra stìa…hae tittu ca quandu se nde scìa lu professore vanìa

T:  E iddhru lu canuscìa lu professore?

A:  Boh!

T:  Vabbè…allecria, Armà: m’hane promossu!

CO:  ENTRANDO DA SINISTRA  Papà, papà t’hane promossu?

T:  Sì, e mo’ scià festeggiamu!

CO:  Sì, evviva…ieu aggiu vintu alla schedina e vau mme fazzu nu jaggiu lontanu

T:  Ah, brau, brau…mo’ sciamu alla cummare Tora, si mangia e si beve. Armà, chiuti a casa

ARMANDO STA RASSETTANDO. HA IN MANO UNA BOTTIGLIA ED UN BICCHIERE

CO:  Ziu, sbricate, mena

A:  Sine!

CO:  Mena, mena

ARMANDO GETTA A TERRA CIO’ CHE AVEVA IN MANO

CO:  Cci ha fattu?

A:  Hai tittu mena, e l’aggiu manati!

CO:  Ahi…vabbè: riccoij tuttu e jeni alla Cummare Tora, ca se mangia

A:  Sì, sì, mo’ rrìu…

SUONA IL CAMPANELLO

A:  Non c’è nessuno

E:  E allora lei chi è?

A:  E lei chi è?

E:  Sono l’esaminatore, ho un appuntamento col signor Pepe, ho telefonato poco fa

A:  Ah, mo’ vegno  VA AD APRIRE

E:  Salve, è lei il signor Pepe?

A:  Si!

E:  Ci siamo sentiti prima per telefono!?

A:  Ah…sì, sì

E:  Cerchiamo di sbrigarci, chè devo sostituire un collega

A:  Tutti te pressa sciati!

E:  Allora, è pronto?

A:  Per cosa?

E:  Oh…mi scusi, per la fretta non le ho neanche detto in cosa consisterà l’esame; praticamente è un gioco da ragazzi: si tratta di scrivere una lettera, come se lei fosse un’altra persona. Potrò così capire le sue conoscenze di cultura generale

A:  Mah! E vabbè…ma a stu sciocu se vince qualche cosa?

E:  Vince…diciamo che si vince una promozione

A:  Ah! Però veloce, che mi spettano

E:  Allora: carta, penna e calamaio

ARMANDO ESCE A DESTRA

E:  Dove va?

A:  Torno subito

E:  OSSERVA UNA PIANTA. ARMANDO TORNA CON UNA BUSTA  Che bella pianta: ha il pollice verde?

A:  Cuarda ca ieu me li sciacqu li mani, sai? Nà! GLI DA’ LA BUSTA

E:  Ooouufff…che puzza! Ma che c’è qui dentro?

A:  Li calamari! Hai tittu: carta, penna e calamari?

E:  Calamaio, calamaio!

A:  Ah…unu sulu nd’oi? Nà, tieni

:  Basta con questo pesce puzzolente…tenga questa  GLI DA’ UNA PENNA  Dunque, lei scriva e io detto

A:  E ci ha tetto?

E:  Lei scriva e io detto!

A:  Sì, ma ancora non ha titto niente

E:  No, detto: le dirò cosa scrivere!

A:  Ah…basta ca ti sbrichi

E:  Allora…Sannicola…lì  MUOVE DISTRATTAMENTE IL BRACCIO E ARMANDO SI SPOSTA CON LA SEDIA

E:  Che fa? Dove va?

A:  Mi ha titto: lì?!

E:  No: lì è il giorno

A:  Ah…a quai gghè lu giurnu e a ddhrai gghè la notte? Su statu tant’anni intra sta casa e nu m’era mai ccortu te sta cosa, mah!

E:  Ma insomma, lì, la data!

A:  Nde l’ha tata? E a cci nde l’ha tata, scamusa?!

E:  Senta, non perdiamo tempo: scriva quanti ne abbiamo oggi

A:  Te ccite?

E :  Sì…di calamari !  SFOTTENDOLO

A:  Ah, osci te calamari nd’abbimu cinque e ci oi tanimu puru sette spicaluri…

E:  Ma la smetta! Scriva che giorno è oggi

A:  Ahhh…oggi è un giorno da ricordare perché non abbiamo filo mangiato

E:  Senta, non mi faccia arrabbiare! Oggi è il 20, 21, 18…ha capito?

A:  Aaaaaahhh…e cunta chiaro, pare che non sei mai sciuto alla scola!

E:  Come si permette? Io sono plurilaureato

A:  Uei, uei: bascia la cresta!

E:  Lei mi fa un baffo!

A:  E la barba ci te la face, soruta?

E:  Che insolente!…scriva, prima che mi arrabbi…

A:  E scrivimu!

E:  Io sottoscritto

ARMANDO SI METTE SOTTO IL TAVOLO, L’ESAMINATORE SI VOLTA E NON LO VEDE

E:  Dov’è andato?

A:  Sotto ho scritto, come ha titto ssignurìa!

E:  Si alzi, e non si distragga  MENTRE DETTA CAMMINA  Allora…io sottoscritto, dottor Giulio Rossi, dichiaro che la signora Maria Verdi sta bene

A:  Eh, eh: in italiano si dice sta venendo!

E:  Ma io intendevo che sta bene come fisico

A:  Ah! E’ bbona soruta te fisicu!?

E:  Come osa fare  certe allusioni? Intendevo dire che sta bene in salute

A:  Ah…sta bbene mme saluta! E fa’ sse maniscia, ca sta mme spettane!

E:  Stia zitto…andiamo avanti e mi segua  CAMMINA E ARMANDO LO SEGUE COME UN’OMBRA

E:  Dunque, stavamo dicendo?  SI VOLTA A DESTRA (ARMANDO LO IMITA), SI VOLTA A SINISTRA (ANCHE ARMANDO). SI VOLTA DI SCATTO E LO VEDE…Che sta facendo?

A:  La sto secuendo!

E:  Nel discorso mi deve seguire…vada a sedersi, vada!

A:  Ah…mi scucio

E:  Cosa stavo dicendo?

A:  Ci nu ssai teve…!

E:  Cosa ha scritto?

A:  Io sottoscritto, dottor Giulio Rossi, dichiaro che la signora Maria Verdi sta bene

E:  Mhm…anche se ogni tanto è depressa

A:  Eh, eh…si dice di fretta!

E:  No, no: depressa

A:  Ma lei il taliano lo sape?

E:  Sta a vedere che adesso sono un asino!?!

ARMANDO LO GUARDA INSISTENTEMENTE

E:  E ora perché mi guarda così insistentemente?

A:  Guardi che professore o ciuccio, non si vede la differenza!

E:  Che fa, insulta?

A:  Scusa, ssignurìa ha titto: “ Stai a vedere che adesso sono un asino” però non ti sei miso manco a quattro anche…!

E:  Ahhh…andiamo avanti!

ARMANDO SI STA ALZANDO

E:  No, no: resti seduto

A:  Aggiu scire a nanzi o m’aggiu ssattare

E:  Continuiamo, va bene? Oh!…s’ignora se la signora

A:  E quante fiate? Nun è sempre ‘na signora?

E:  No! La prima è s’ignora, con l’apostrofo!

A:  Aaahhh…una vae cu ll’apostulu e una cu llu discepulu?

E:  Ma no, ma no! E’ discorso indiretto!

A:  APRE UN CASSETTO  Me dispiace: nun d’ae scorze intra allu tirettu!

E:  Lei è proprio insopportabile: non so che pesci prendere!

A:  Nà! Pijate quisti, cà su’ frischi!  GLI DA’ LA BUSTA COL PESCE

E:  Non ne voglio!!!

A:  Oi to’ spicaluri?

E:  No!

A:  To’ sàrachi?

E:  Ho detto di nooo! Ma come mai ha tutto questo pesce in casa, le piace la pesca?

A:  Verità, puru la vernacocchia!

E:  Ohh, povero me. Scriva, scriva: s’ignora se la signora, per curarsi, preferisca il bagno nel lago

A:  Uuu…e nu sse punge?

E:  Nel lago, senza apostrofo

A:  Ah, nienti apostolu: nu gghè cattolica quista!?

E:  Silenzio, o mi fa perdere il filo

A:  Nà, te chiamu caniatama, quiddhra ete sarta…

E:  Stia zitto e scriva:…oppure la gita al mare. Conviene, comunque, non farla innervosire, perché queste gite al mare, quando stanno per andare in porto, vanno a monte

A:  Ah! Allora è meju la campagna: spali rumatu…ahi…cci ndoru!…

E:  Schhzh…pertanto è meglio che esca di casa

ARMANDO ESCE

E:  Dove sta andando?

A:  Esco di casa!

E:  Ma non lei!

A:  Nun d’ae addhri intra sta casa!?

E:  Ma è la signora, per finta, nella lettera!

A:  Aaahhh…

E:  Dunque…esca di casa e rimanga molto sveglia, perché chi dorme non piglia pesci

ARMANDO PRENDE LA BUSTA COL PESCE E GLIELA RIDA’

E:  Che fa ancora con questo pesce puzzolente?

A:  Non sta ddisciatatu? E pijatelu!

E:  Giovanotto, ma che si è messo in testa?

A:  ‘Nu cappieddhru, ca sentu friddhru: me l’aggiu llavare?

E:  La smetta di perdere tempo…vediamo cos’ha scritto  MENTRE LEGGE, ARMANDO GLI SI METTE ALLE SPALLE E GUARDA IL FOGLIO

E:  Eh, eh…ma qui ha dimenticato qualcosa…dobbiamo fare un passo indietro

ARMANDO FA UN PASSO INDIETRO

E:  Anzi, due

ARMANDO NE FA UN ALTRO MA SBATTE CONTRO UNA SEDIA

E:  Che ha combinato ancora?

A:  Ho fatto i due passi indietro, como ha tetto lei…!

E:  Ma io dicevo in senso metaforico!

A:  Uffa, quante nde sai…! VA A METTERSI COL CORPO SIMMETRICO RISPETTO ALLA TENDA  Cusì vau bbonu?

E:  E che sarebbe questa posizione?

A:  Metà fore e metà intra!

E:  Metaforico…!senta, torni a sedersi e finiamola con questa benedetta lettera!

A:  Benedetta? Te don Ferrucciu sì passatu prima cu bbieni a quai?

E:  Scriva, scriva: ritengo dunque che quanto sopra…

A:  Il soffitto!?

E:  Come?

A:  Il soffitto…nu stae sopra?

E:  Quanto sopra la lettera

A:  Ah…la penna

E:  NEVROTICO  Quanto sopra scritto vada eseguito alla lettera. Ora, in calce, scriva la firma

A:  Parcè, cu sta penna nu bbae bbonu?

E:  Eh…vuole firmare con qualcos’altro?

A:  Ca ci teve hai titto cu firmu cu lla calce!

E:  Ma no: vuol dire in basso!

ARMANDO SI METTE CARPONI E FIRMA. L’ESAMINATORE, ORMAI SPAZIENTITO, PRENDE IL DIPLOMA

E:  Dunque, lei è il signor Totu Pepe…?!

A:  No: io sonto Armando Pepe

E:  Allora c’è stato un errore? Eh, questa burocrazia!  CORREGGE  Ecco fatto!

T:  ENTRA DA DESTRA  Armà, te sbrichi? Sta tte spattamu!

A:  Nà, spicciu quai e begnu

T:  E cci gghè?

E:  Signor Armando Pepe, a nome dell’amministrazione comunale, la nomino capo degli operatori ecologici

T:  Fermi tutti…tradimento…il tiploma di capo spazzino è mio…ecculu  LO APRE E LEGGE…L’Istituto Superiore “ Valeria Marini ” riconosce il signor Pepe Cosimino…comu Cosiminu…ma allora…m’hae mbrujatu…

A:  Totu, m’hane tatu lu postu…

T :  Comu, e ieu m’aggiu fare cumandare te nu fessa?

A:  RIVOLTO AL PUBBLICO   CA SE SAPE: LI CCHIU’ FESSI CUMANDANE!!!

TOTU SVIENE IMPRECANDO CONTRO COSIMINO

 

                                                  FINE

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno