Cu i vitti?

Stampa questo copione

Titty Giannino

CU I VITTI?

Commedia brillante in 2 atti

2014

Personaggi

Le sorelle NATALINA e PASQUALINA

TANO, il padre

FILIPPA, la vicina di casa

FELICETTO, il fratello di Filippa

GERVASO, il detective

opzionali

il fantasma di NINITTA

KAMAL, il servitore arabo

In caso di eventuale rappresentazione contattare:

SANTINA (TITTY) GIANNINO, e-mail santina.giannino@hotmail.it   tittyg68@gmail.com 

                                                          cell. 334 3589590  Facebook  SANTINA TITTI GIANNINO

La scena

Si svolge nel soggiorno in casa di Tano, padre di Natalina e Pasqualina. Semplice ed ordinata. Ingresso frontale, nascosto; a dx porta che conduce alla cucina.

Mobilio a scelta, tavolo con sedie, l'importante è sistemare una poltrona in cui siederà Tano.

Caratteristiche personaggi

NATALINA, sorella minore, dal carattere debole, ingenua, piagnucolona, credulona. Veste di nero.

PASQUALINA, sorella maggiore, dal carattere forte, sempre pronta a dire bugie e ad inventarsi di tutto.

TANO, Anziano padre, in giacca da camera , cammina col bastone.

FILIPPA, Decisamente brutta, single, vicina pettegola e sempre pronta a curiosare , e  in eterna ricerca di un marito. Quando chiama il fratello dice Felice-tto calcandosi sull'ultima parte. Esagerare nell'imbruttirla. A scelta può essere utilizzato un interprete maschile. Gli atri personaggi, Felicetto escluso,  quando la guarderanno faranno gesti, smorfie  e altro del genere per sottolineare la sua bruttezza.

FELICETTO, Fratello di Filippa,  è un personaggio un po' folle.. un po' stupido..  ha la sindrome del detective, e un insolito  gesto-vizio:  si avvicina improvvisamente alla faccia delle persone, come per tenerle d'occhio, con un indice alzato che ogni volta rischia di infilare negli occhi (a volte ci riesce!). Quando chiama la sorella dice Fili-ppa come se l'ultima parte fosse un colpo di fucile!

GERVASO,  bel giovane e ben vestito.

Personaggi opzionali

NINITTA, Nella versione del suo fantasma, vestita e velata di nero. Le battute di Ninitta, in quanto opzionale, verranno scritte tra parentesi quadre. Il testo prevede anche la versione senza Ninitta. (tutto quello che riguarda la versione con Ninitta sarà scritto in rosso)

KAMAL, Servitore arabo, quindi vestito di conseguenza con tunica e fez o similari. (tutto quello che riguarda la versione con Kamal sarà scritto in blu)

ATTO PRIMO

E' mattina. Seduta ad una sedia del tavolo Natalina. Piange (il pianto ovviamente sarà comico non drammatico).

Scena 1 (Natalina, Pasqualina)

NATALINA, (piange e sospira, tiene in mano un fazzoletto che, alternando, a volte usa per asciugarsi gli occhi, a volte stropiccia tutto) ¬†¬†Cu mi l'av√¨a diri! Ah! ¬†Cu mi l'av√¨a diri! (lo ripete pi√Ļ volte, disperata e in diversi toni; poi, un po' calmandosi) ¬†Si vin√¨a n'anciulu du Paradisu e mu dic√¨a... ci rispunn√¨a: Anciulu... vatinni... chi non ti cridu! (continua a piangere) Cu mi l'av√¨a diri? Ah! ¬†Cu mi l'av√¨a diri?

PASQUALINA, (entra dalla cucina, e vedendo la sorella piangere si infastidisce e sbuffa) Auddocu! Cominciammu ca scena matri!

NATALINA, ¬†¬†Cu mi l'av√¨a diri? Ah! ¬†Cu mi l'av√¨a diri? (Sempre pi√Ļ volte)

PASQUALINA, Natalina a soru .. sempri accuss√¨ fai? E finiscila! E non ci voli autru! (ironica) U cori fai llaggari! Uhh! T'assicuru j√≤! U fighitu simmai! Chiddu mu facisti divintari quantu na casa!¬† Avi tri misi chi na cianci! ¬†¬†(pausa mentre la sorella continua a ripetere sempre la solita tiritera) ¬†Ma mu spieghi chi ci risovvi a cianciri sempri? Ah? Chi ci risovvi? Trovi na soluzioni? No! Strudi fazzuletti... l'occhi toi... (e ancora pi√Ļ infastidita)... e puru a¬† pacenza mei! (pausa) ¬†E poi ‚Ķ ricodditillu chi j√≤ e tu...¬† semu nta stissa bacca... e navigamu nto stissu mari in tempesta!

NATALINA, (piangendo pi√Ļ forte)¬† E chi mari in tempesta! Non mu ricuddari! Non mu ricuddari chi m'accoru chiussai! Cu mi l'av√¨a diri! Ah! ¬†Cu mi l'av√¨a diri!

PASQUALINA, Ma picchì a mia cu mi ll'avìa diri? Ah!  Cu mi l'avìa diri?  Sulu chi jò … tragedi grechi comi a tia… non ni fazzu!

NATALINA, (sempre in tono mesto, ma da rendere in modo non serio) Quali tragedi grechi.. quali tragedi grechi... chista... na  vera tragedia siciliana è!

PASQUALINA, (ancora pi√Ļ infastidita) A soru... ma quantu si pisanti! Vidi chi a¬† bacca ... accuss√¨... nfunna!

NATALINA, Non sacciu tu.. (sempre piangendo disperata) .. ma jò... nfunnai! Avi mò chi nfunnai! Cu na bedda petra o coddu nfunnai! Nniata... motta nniata sugnu! E puru i pisci mi stannu manciannu!

PASQUALINA,  (alterata) E allura ti cantamu u misareri... e (cantandolo) … amen! (poi) E bonappitittu e pisci!

Scena 2 (gli stessi, Tano)

(entra Tano, il padre delle due sorelle, in giacca da camera e bastone)

TANO, (avendo sentito Amen!) Amen? Chi è? Finìu a missa?

PASQUALINA,  No papà! Nenti missa! Tiatru c'è! (sillabando) Tra-ge-dia! Comi ogni matina chi u Signuri ni brisci supra a terra … di tri misi a sta patti!

NATALINA, Ah!  Cu mi l'avìa diri?

PASQUALINA,  (infastidita assai)  E cu ti ll'avìa diri? Acidduzzu.. ti ll'avìa diri!

TANO, (al pubblico) E chi billizza i capu matinu! Unu sa sciala a ruspigghiassi accussì! Chi scialapopulu su sti dui! Sempri a mummuriari! (alle figlie) Ehhh... ma jò vi ll'avia dittu... cu mia … non va putiti pigghiari!(e va a sedersi sulla poltrona)

PASQUALINA, (alterata) Eccu... idda cianci.. iddu predica...

NATALINA,  (sempre piagnucolando) ...e tu rumpi!

PASQUALINA, … e u quatru è completu! (e quindi cantando in stile litania) Patri... Figghiu e Spiritu Santu.... a junnata a cuminciammu bona!  (si va a sedere pure lei)

TANO, (anche lui con lo stesso tono da litania) Ccà ni manca sulu u parrinu chi ni dici... Oremus!

NATALINA/PASQUALINA,  (cantato come prima) Amen! (pausa)

NATALINA, (calmandosi) Ma jò.. chi ci pozzu fari... mi sentu sula!

PASQUALINA, Si.. picchì jò.. mi sentu in cumpagnia!

TANO, Oh.. ma jò.. pi vui dui.. chi sugnu... trasparenti? Nvisibili?

PASQUALINA, Chi c'entra papà.. chi ci ntrasi tu?

TANO, Finu  a prova contraria stamu nta stissa casa! Anzi.. vui.. stati nta.. me.. casa! Quindi ci ntrasu!

NATALINA, U fattu è papà..  chi jò … mi sentu.. pi così diri... u ciancu friddu! (e piagnucola stropicciando  il fazzoletto)

TANO, (guardandosi attorno) U ciancu friddu? I potti chiusi su! Non n'avi correnti! Ch t'è diri? Mettiti na cupittedda i supra!

PASQUALINA, Papà.. Natalina metaforica fu!

TANO, Ahhh.. pi chistu avi u ciancu friddu.. è mità i fora! E ntrasi pi ghintra.. figghia.. chi ti pigghi nu raffridduri!

NATALINA, Si.. si.. tu ci schezzi? (piangendo) Jò non haju nenti i schizzari!!! (a cantilena piagnucolando e lagnandosi) U sacciu sulu jò comi mi sentu u cori!

TANO, (imitando il suo stesso tono) E comi tu senti?

NATALINA, (sempre a lagna) Vacanti! (e piange)

TANO, Bona si cumminata figghia! U ciancu friddu .. u cori vacanti... l'occhi ciancennu ciancennu ti facisti a pampinedda...  hai autru? (a Pasqualina)  E tu Pasqualina... nenti hai? Chissacciu... l'ossu nto pedi... u drinocchiu da lavannara... u gomitu du tennista... cacchi cosa puru tu l'aviri!

PASQUALINA, Nenti haju jò! Jò.. saziu.. non ci ni dugnu a nuddu! Va beni?

TANO, E fai bonu... ciatu mei! Accussì si fa!

NATALINA, Ma puru jò … saziu...  non ni dugnu! Quannu c'è cacchidunu stranu... i lacrimi... (ricominciando a piangere).. mi tegnu! (a dirotto)

PASQUALINA,  Stu picciu è nu privilegio chi ni risevvi sulu a nui.. veru a soru?

NATALINA, (sempre lagnandosi) Siii!

TANO, (a parte) Maria... chi sirena!

PASQUALINA, (sempre alla sorella, alterata) Senti... basta... finiscila..

TANO, Giustu!

PASQUALINA, E datti na cammata...

TANO, E cettu!

PASQUALINA, Chi si nni llaghi a casa... povira tu!

TANO, Oh.. oh.. annamucci a leggiu! Ccà ni luci a fera.. nta stu pizzu i cantunera! Quali casa llagata! A casa mei è!  Chiudi sta funtanella tu.. chi spanni assai! Annunca chiamu l'idraulicu!

NATALINA,  (si calma, si asciuga il viso, si sistema il vestito) Va beni.. va beni... mi cammu.. mi cammu! Comi diciti vui!

PASQUALINA,  Oh! E così sia! (pausa)

TANO, Voli diri.. santa figghiola... ancora... non t'à bbituatu!?

NATALINA, E comi fazzu mi mi bbituu...¬† pap√†? Passaru tri misi.. ma a mia mi parinu tri anni! Na junnata.. non passa mai! Voi mettiri? (sognante)¬† Quannu c'era u me Sariddu... era tutta n'autra cosa! Mi bastava mu vaddu nta ll'occhi.. e par√¨a chi spuntava u suli! A so risatedda? M'illuminava tutta! A so vuci? Era u me faru! (Rattristandosi) Mentri ora... chi iddu non c'√® cchi√Ļ...

TANO, (la interrompe) … nenti suli.. nenti luci.. nenti faru.. scurau!

NATALINA, (ricominciando a piangere, lamentosa) Si.. si... scurau! Ora sugnu tutta o scuru!

TANO, (facendole il verso, anche lui con lo stesso tono lamentoso)  E ddumiti a cannila! 

NATALINA, (sempre piagnucolando lamentosa) E puru o friddu.. picch√¨ u ciancu non mu quadd√¨a cchi√Ļ! Motta i friddu sugnu!

TANO, (sempre facendole il verso, anche lui con lo stesso tono lamentoso) E fatti na bracera e zzicchitilla i sutta!

PASQUALINA, (spazientita, alla sorella) E basta! Mancu fussi mottu! Puru i niru ti vististi! Na cucca si!  (pausa) E poi...vadda chi unni c'è u to Sariddu.. c'è puru u me Turiddu! Ammenu … si spera! (pausa)

TANO, Jò... vi ll'avìa dittu.. non vi maritati a sti dui...  non su pi vui autri! Vui dui.. miritau i megghiu! A st'ura si scutau a mia.. non vi truvau nta sta situazioni... nta sti rotula scassi!

NATALINA, (in tono ingenuo) Ma nui.. papà... comi putiimu mmaginari.. quannu ni maritammu... tri anni fa... chi i nostri mariti.. chi erinu beddi sistimati... così.. di l'oggi o dumani...  piddiinu u travagghiu.. e chi.. pi truvari vintura.. pattiinu pi cusapi aunni e poi.. e poi... (ricominciando a piangere, sempre lamentosa) … mancu diri u sacciu!!

PASQUALINA,  (lei in tono deciso) E poi... scumpariinu da facci da terra... comi si si gghiuttìu u tirrenu?

NATALINA, (piangendo lamentosa) Eccu! (pausa) Non sapemu... si su vivi.. si stannu boni... (ricominciando a piangere sempre in tono lamentoso) … o  si su motti! (a dirotto)

PASQUALINA, (sempre imitando il tono lamentoso della sorella) E tu intantu .. pi no sbagghiari... fai a viduva! (pausa)   E basta cu stu picciu! Cu stu triulu! Ni stai facennu rrancari u cori! A scutra così.. ta chiami!  Pinsamu positivu inveci! Sunnu a cacchi patti chi non ni ponnu chiamari! Va beni? Non c'è posta... non c'è telefoni.. non c'è nenti! Nta nu desettu su.. va beni?

NATALINA, (piangendo al solito) Mih.. e magari stannu murennu da siti... o già su motti e si stannu manciannu l'avvottoi!

PASQUALINA, Cettu... a tia i pisci e a iddi l'avvottoi!

NATALINA,  (diperata) A soru.. non mi ci fari pinsari!

PASQUALINA, (infastidita) Cu tia? Non c'è nenti i fari! (breve pausa) Nta l'oasi su.. e sa stannu scialannu cu tutta l'acqua chi hannu i mbiviri! Puru u bagnu si stannu facennu! Sguazzinu nta l'oasi!E si stannu ssittati a panza all'aria o friscu di na pammara! Va beni?

NATALINA, (calmandosi) Ci vogghiu cridiri!

PASQUALINA, E cridici! Oh!

TANO, (a parte) Cettu chi me figghia Pasqualina avi na fantasia! Sempri nta so vita ava fattu cos√¨... o dici minzogni o cunta palli! Non ci po' fari nenti.. √® cchi√Ļ fotti d'idda!

NATALINA, Vogghiu cridiri.. (in tono sognante e ingenuo, esce dalla tasca una foto del marito che pulirà passando il fazzoletto)... chi u me Sariddu... propriu nta stu minutu... comi dici tu.. o friscu da pammara... sta pinsannu a mia... comi jò.. staju pinsannu a iddu! (Bacia la foto) Veru a soru chi è così?

PASQUALINA, ¬†(per farla contenta) Si a soru.. cos√¨ √®! (fra s√©) A sta strudennu dda fotografia! Unn√® chi non si capisci cchi√Ļ mancu chi c'√® stampatu Sariddu!

NATALINA, E puru Turiddu sta pinsannu a tia!

PASQUALINA, (ironica) Si.. si.. tutta pinsata sugnu! Uh! Mi stannu friscannu puru i ricchi!

NATALINA, (preoccupandosi improvvisamente, ripiagnucolando) E si a pammara è fracida e ci cadi ncoddu? E si l'acqua di ll'oasi è nquinata? O addirittura  nvilinata? Chi succedi a soru? Ah.. chi succedi?

PASQUALINA, Succedi chi si na finisci...  ti nvilenu jò  … a tia! E a pammara a scippu jò da villa (nominare un luogo vicino che ha tanti alberi e palme)  e nta dugnu nta testa a tia!  (Natalina la guarda triste e si mette a piangere in silenzio; pausa in cui Pasqualina è arrabbiata e Natalina piagnucola sempre in silenzio)(fra sé) Tutti idda i pensa i cosi stotti!

TANO, ¬†(al pubblico) Cori di patri sti me figghi.. nta quali spini si trovinu! E chistu pi cuppa di cu? Ah! Da.. (a denti stretti) ‚Ķ¬† bon'amma i me mugghieri! Chi non n'av√¨a cuffari mi cummina sti du matrimoni! Mancu unu.. dui! A tutti e dui i mprusau sti ciatitti di me figghiceddi! (la imita) ‚ÄúSu bravi sti ddu fraticeddi Turiddu e Sariddu.... facemuci maritari e nostri figghiceddi! Du fratuzzi e du suruzzi! ¬†Cu iddi.. Tanuzzu.. semu schidati!‚Ä̬† Uhh.. assai semu schidati! (rivolgendosi al cielo nel senso che parla con la moglie morta) Ninitta... u vidisti unni semu .. no? Tu ti nn'annasti... e a iddi i lassasti nte guai! (pausa, poi alle figlie) Ma picch√¨ vui dui non vi sapistu mai mpuntari cu vostra matri?

PASQUALINA,  Picchì.. na vita... tu... u sapisti fari?

TANO, (fra sé) Teniti chista.. Tanu! Mogghittilla e pottitilla pa casa!

NATALINA, (sorridendo ingenua)  Ma comi si putìa diri di no a mammitta?

TANO, Ragiuni hai figghia! Ninitta... donna.. tidesca! Tutta d'un pezzu! Non si scugnava mancu si scinnìa cacchi santu du paradisu!

PASQUALINA,  Papà.. maaaa .. ma spieghi na cosa? Ma tu... comi facisti mi ta mariti?

TANO, E comi fici.. comi fici! Quannu eravamu figghioli .. quannu eravamu zziti... mi mustrau na facci.. e quannu ni maritammu.. vutau a frittata e mi mustrau chidda bruciata! Prima era (in tono sdolcinato) Tanuzzu di ccà.. Tanuzzu di ddà.. Tanuzzu quantu si duci.. Tanuzzu quantu ti vogghiu beni... e liscia di ccà e liscia di ddà... e poi.... (in tono imperioso)  Tanuzzu fa chiddu .. Tanuzzu fa dd'autru...  Tanuzzu... ccà si fa chiddu chi dicu jò! Ccà cumannu jò! Tu si bonu sulu a fari danni! Ogni cosa stotta.. è cuppa toi!  (breve pausa) E jò … c'avìa fari? A lassava fari! Ci pruvai na para i voti mi m'impuntu.. mi ci dicu.. ca quali cuppa mei!... nenti.. non ci niscìu … nenti …   da so opinioni era e da so opinioni ristava... e pi cui ma pinsai e mi dissi: ma cu mu fa fari a mia mi mi bilìu? Mi mi fazzu u sangu jacidu? Accussì voi? A cuppa è mei? A cuppa è mei.. pacenza! A ragiuni è sulu toi? Cuntenta tu.. cuntenti tutti! Quieto vivere figghia! Quieto vivere! Tantu... si dici... a ragiuni è di fissa.. no?

PASQUALINA, E allura picchì nu dici a fari a nui mi ni mpuntavimu? A risposta.. ta dasti sulu!

TANO, Ragiuni hai figghia! I pantaloni... comi si dici.. si pigghiau to matri.. e a mia mi lassau... a gonnella! Comi dici tu.. metaforica .. ah! (pausa)

NATALINA, (sorridendo ingenua) A mia in effetti.. prima chi a mamma cumminava sti matrimoni.. mi vulìa … Umbettu!

TANO, Umbettu cu? Jò nenti sacciu!

NATALINA, U figghiu da cummari Vennira a stotta!

TANU, Quali .. chiddu chi si aprìu ddu beddu ristoranti o lungomari? Unni si mancia sulu cosi fini?

NATALINA, Eh.. chiddu!

TANO, E babbasunazza! A st'ura facivi a bella vita! Chiddu.. riccu spunnatu divintò!

NATALINA, (sorridendo ingenua)  Ma comi si putìa diri di no a mammitta? Jò... mischina  i mia...  a Umbettu ci appa diri di no! A  mammitta avìa già cumminatu! Eh?!

PASQUALINA, Si è pi chistu.. a mia... mi vulìa Robettu!

TANO, Robettu... cu? Mancu i st'autru sacciu nenti!

PASQUALINA,  U figghiu di Don Vincinzinu u sciancatu!

TANO, Quali... chiddu chi ntrasiu nta finanza e divintau capitanu?

PASQUALINA,  Eh chiddu!

TANO, E babbasunazza puru tu! A st'ura facivi a bella vita! Puru chiddu nu beddu pattitu era!

NATALINA, (sorridendo ingenua)  Ma comi ci putìa diri di no a mammitta? Idda .. mischinedda...  a Robettu ci appa diri di no! A  mammitta avìa già cumminatu! Eh?! (Pasqualina conferma a cenni del capo come per dire : purtroppo!)

TANO, Cettu però.. chi tutti e dui.. si non aviinu a rima non ni vuliiu! Umbettu e Robettu! Turiddu e Sariddu! D'altro cantu vui siti Pasqualina e Natalina!

NATALINA, E già! Però... si è pi chistu ci foru puru ..  Emanueli e Raffaeli!

TANO, E puru st'autri  ca rima... e jò puru chisti mi piddia! Vostra matri nenti mi dicia... tantu s'avia fari chiddu chi dicia idda!

PASQUALINA, Chisti erinu du frati piscaturi! Na baccuzza aviinu! E s'arranciavinu vinnennu ddi ddu pisciceddi chi piscavinu!

TANO, Ah! Scassulidda sa passavinu! Allura ccà eppi ragiuni Ninitta! Quannu è soi è soi!

NATALINA, (fantasticando) Però erinu... beddi! Mori... occhi niri... cu a cannaggioni scura... bruciata du suli...

TANO, (la interrompe) Noo.. du alivi mpassuluti... c'aviu fari! E poi.. i biddizzi.. non paghinu!

PASQUALINA, Va beni.. biddizzi o no biddizzi.. oramai chiddu chi fu .. fu! Semu maritati a comi √® √® cu Turiddu e Sariddu.. e basta! (Pausa) Ma in ogni casu ‚Ķ¬† cc√† u problema resta! Turiddu e Sariddu avi tri misi chi patteru in cecca di travagghiu e nu misi chi non si fannu cch√Ļ sentiri! Si picch√¨ prima.. si faciinu sentiri? Uhh.. assai!¬† Telefonaru a si e no tri voti ‚Ķ dicennu: stamu boni! E pi autru.. n√® schi n√© sc√≤ e n√© passal√†! Unni su .. unni non su.. non si sapi! E mancu soddi manninu! Si non sar√¨a pi st'anima pia i me patri .. a st'ura sariimu puru mmenzu a na strada! Picch√¨.. cu sta crisi.. mancu nui ni truvammu travagghiu! Mancu a cammareri ni vonnu! Pi chistu ci su i filippini... i rumeni... l'indiani...

NATALINA, (piagnucolando) E ora.. tu... chi voi fari? Iddi dissiru .. mi non stamu cu pinseri... ma jò l'haju u pinseri.. eccòmi! Chi dici.. a chiamamu a polizia? Anzi... l'aviimu fari puru prima!

¬†PASQUALINA, Chi fai babbii!? Ma tu.. tu scuddasti quanti pitteguli c'avemu nto paisi? A prima i tutti dda lingua longa di Fulippa.. chidda c'avemu a latu! Attrova di castelli in aria chi far√¨a! No.. no ... cu a voli sentiri chidda! E soprattuttu vidiri... √® cchi√Ļ brutta da malanova! M'imprissionu... no.. no! Chidda √® brutta di facci.. e di lingua!

NATALINA, (piagnucolando) U sacciu chi Fulippa è brutta e lingua longa... ma tu no voi sapiri chi ci succidìu e nostri mariti? Jò si! Mica putemu stari accussì! Troppu tempu passau!

(comincia a suonare il campanello in modo insistente)

PASQUALINA,  Matri! E cu è ? (e rivolgendosi al padre e alla sorella, mentre ancora il campanello suona ) Vui muti.. nudda parola supra u fattu chi di Sariddu e Turiddu non sapemu nenti! Ma spitugghiu jò! Va beni? Sacciu jò chiddu chi è fari!

TANO/NATALINA, Comi vò tu!

PASQUALINA, (e mentre va ad aprire)  Vegnu .. vegnu! E chi è... pacenza non n'aviti?

(e mentre Natalina cerca di sistemarsi per non farsi vedere che ha pianto e Tano magari gioca col bastone, rientra Pasqualina, spaventata,  a retromarcia e davanti a lei Felicetto che la guarda molto vicino con un indice puntato su un occhio; Natalina e Tano si spaventano anche)

Scena 3 (gli stessi, Felicetto)

FELICETTO, (a Pasqualina) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

NATALINA, Matruzza.. cu è? Lassa stari a me soru!

FELICETTO, (sempre zitto, si stacca da Pasqualina, e velocemente, va da Natalina e le si para inaspettatamente davanti puntando l'indice all'occhio anche a lei; Natalina urla di spavento) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

NATALINA,  Ah! Ah! Luvatimmillu i supra! Mi scantu! Aiutu... mi veni i cianciri!

TANO, (agitando il bastonne) Ou! Cu si tu? Chi voi di me figghi?

FELICETTO, (sempre zitto, si stacca da Natalina, e velocemente, va da Tano e gli si para repentinamente davanti, senza che lui possa avere tempo di difendersi col bastone,  puntando l'indice all'occhio anche a lui; stavolta a lui centra l'occhio, Tano urla) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

TANO, (tenendosi l'occhio) Oh! Vacci a lleggiu! Autru chi mu teni! Mu stavi scippannu l'occhiu!

FELICETTO, (che si era in primo momento staccato, si riavvicina lestamente al volto di Tano e con l'indice dell'altra mano, punta l'altro occhio) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

TANO, (tenendosi l'altro occhio) Ma teniti i to occhi e a mia lassimi i mei! Maria cecu divintai! Ma cu u puttau chistu ccà? U mari?

(nel frattempo entra Filippa, chiamando, prima ancora di apparire, il fratello Felicetto. Non dimenticare d'ora in poi le smorfie degli altri personaggi nei confronti della bruttezza di Filippa. Fare a soggetto)

Scena 4 (gli stessi, Filippa)

FILIPPA, Felice-ttooo! Felice-ttoooo! Felice-ttoooooo!

PASQUALINA, (a parte) Auddocu... ccà c'è Fulippa lingua longa! Maria.. priparamunni.. concentrazioni....

FILIPPA,  (entra e vedendo il fratello, che nel frattempo, avendo sentito, trasalendo, la sorella che lo chiamava, se ne sta buono buono in angolo ) Ah.. ccà si!

PASQUALINA, (A parte, dopo averla guardata ed essersi spaventata da tanta bruttezza, sia lei che Natalina, e da ora in poi , non dimenticare, ogni volta che la guarderà farà un gesto di spaventarsi, si girerà e cose del genere ) Maria … mi mprissiunai! (breve pausa) Ma quali concentrazioni? Non basta!

FILIPPA, (e vedendo Tano che si tiene gli occhi e ancora si lamenta piano, mettendo le mani ai fianchi) Auddocu! U facisti ancora! Ma comi è fari cu tia?

FELICETTO, (chiamandola come detto prima calcandosi sul finale) Fili-ppa! Fili-ppa! Fili-ppa!

PASQUALINA, (infastidita, così come gli altri, per il modo rumoroso in cui Felicetto dice Filippa) Maria... un coppu i scupetta fu!

FELICETTO, Fili-ppa! Fili-ppa! Fili-ppa!

PASQUALINA, Si .. va beni.. basta cu sta fucilazioni!

FELICETTO,  Fili-ppa!  Jò … nenti fici!

FILIPPA, Si.. comi no! Cunticcillu a nn'autru! (poi rivolgendosi alle sorelle, che stavano a guardare sbalordite) M'ata scusari! Mi scappau! Me fratittu è così! Arriva e scappa!

PASQUALINA,  Ma picchì? Tu nu frati hai? E unni u tinivi mucciatu? Avi tant'anni ommai chi stai a latu i nui e non ni sapiimu nenti! (a parte) Megghiu mi na vaddu! Megghiu ma passu!

FILIPPA,  Ehhhh.. Felicetto  nto'n cullegiu stava! Sulu chi ora stu cullegiu chiudìu .. pi mancanza di fondi.. ehhh.. c'è crisi!.. e ora u me fratuzzu mi ll'è cianciri jò!

TANO, (massaggiandosi ancora gli occhi) A basta chi non ni ll'avemu cianciri nui! Cu stu iditeddu... (fa un gesto col suo indice)... non ni ni fa ristari occhi e mancu cianciri putemu poi!

PASQUALINA, (a parte, piano) Allura chistu ci vurrissi pi me soru! Accuss√¨ non cianci cchi√Ļ!

FILIPPA, Non vi nn'incaricati! D'ora in poi.. ci staju cu l'occhi i supra!

TANO, (ancora massaggiandosi gli occhi) Non ci teniri  i supra l'occhi! Non ti cummeni! Stacci luntana.. chi è meggiu! Vaddilu i luntanu a to frati … pericolosu è! Vaddilu sulu ca cuda i ll'occhi.. sulu a cuda! (ne fa il gesto) Accussì! (pausa, poi a parte) Fossi è megghiu mi non ti vadda iddu!

FELICETTO, (si incavola) Felicetto no pericolosu! (e allora repentinamente torna da Tano e di nuovo vicinissimo alla faccia e  gli infila ancora una volta il dito nell'occhio) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

TANO, (preso alla sprovvista non riesce a scansarlo, ma fattosi male, salta come una molla in piedi e comincia a lamentarsi per il dolore -  se il caso fare una scena esagerata, tipo girare tutto intorno sempre lamentandosi) Ahi.. ahi.. chi duluri! Mi mmazzaaaaau!  Mi mmazzaaaaau!  Chi duluriiii!!! Cecu.. cecu divintaiii! Ahi.. ahi! Mischineddu i mia!

FILIPPA, (al fratello) Disgraziatu.. chi cummini?

(a questo punto Filippa  insegue Felicetto che scappa per tutta la scena.. magari si scontreranno con Tano che non vedendo bene comincerà a colpire alla cieca col bastone mentre i due cercheranno di scansarli, mentre Natalina, spaventata, si rifugerà nelle braccia della sorella, e insieme tentano di scansare chiunque gli passerà vicino; il tutto fino a quando Pasqualina arrabbiata non urla: basta! -  la sorella si tappa le orecchie magari facendo un gesto come per dire: esagerata! -  Felicetto allora, come un cane bastonato,  si ritira in un angolo)

FELICETTO, Fili-ppa!  Jò … nenti fici!

FILIPPA, (soffiandosi perchè è accaldata) E tu mai nenti fai!

(tutti si calmano e si siedono, tranne Felicetto che resta in un angolo della scena, vicino alla poltrona di Tano)

FILIPPA, (ancora stanca e accaldata, continua a soffiarsi, e inframezza il discorso di tanto in tanto mandando al fratello il gesto di mordersi la mano) M'ata scusari.. m'ata scusari! Jò no sacciu comi è fari! Ma non  avìa cuffari mi chiudi ddu cullegiu!

TANO, (che √® ritornato sulla poltrona, a Felicetto, accorgendosi che √® l√† vicino) Tu chi ci fai ddocu? Leviti... ncugna cchi√Ļ pi dda! Sci√≤.. sci√≤! ¬†(fa gesto di girargli le spalle e di proteggersi la faccia) Cu si vaddau si savvau!

FELICETTO, (si sposta, ma prima si riavvicina a Tano  sempre nel solito modo,  ma stavolta lui si protegge, dicendo sempre) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

TANO,  (sbuffa) E chi camurrìa! E si … si.. tenimi d'occhiu.. ma i luntanu.. però! Vatinni.. vatinni! Luntanu.. luntanu! (a gesti; breve pausa) Ma chi nni mattìu stamatina!

FELICETTO, (si sposta verso la sorella, ma nel tragitto si avvicina anche alle due sorelle che si spaventano ognuna col suo modo di fare, una pi√Ļ paurosa l'altra pi√Ļ altera; arrivato da Filippa si mette in ginocchio e si abbraccia con lei in maniera infantile) Per√≤ ‚Ķ vidi chi ti tegnu d'occhiu!

FILIPPA, Si a soru... comi vò tu! Basta chi ti stai quietu e mi fai parrari ddu paruleddi... va beni?

FELICETTO, Va beni! (mentre Filippa parler√†, ogni tanto , lentamente, la ‚Äúterr√† d'occhio‚ÄĚ e nello stesso tempo e durante tutte le battute successive, ogni tanto si allungher√† anche verso Natalina e Pasqualina sempre con lo stesso atteggiamento di chi tiene d'occhio, ma in silenzio, e le sorelle lo cacceranno con gesti delle mani, comunque fare a soggetto)

FILIPPA, Ora dicitimi vui autri.. j√≤.. comi √® fari.. cu chistu chi cummina sti guai? E intantu.. a cu ci√Ļ lassu? Me frati √®! Me patri e me matri.. non ci su cchi√Ļ.. paci all'animi so!

TANO, (a parte) E iddi stannu in paci e nui no! Dda sunnu chi sa scialinu nsemi a Ninitta! Si vaddinu u fimmi da nostra vita... a facci nostra!

FILIPPA, Stu camurrìa di cullegiu chiudìu! Pi crisi.. dicinu!

TANO, (a parte) Pi obbarìa.. pi obbarìa  chiudìu! Senti a mia! A tutti iddu i sciubbau! Senti a mia .. pi mancanza i pessonali.. videnti.. chiudìu!

FILIPPA, Ni girìai autri.. ma no voli nuddu!

TANO, (a parte) Nto'n paisi semu.. i cosi si sannu! Ognunu si .. (lo sottolinea) vadda... i so interessi.. finchè ci vidi!

FILIPPA, E si mu pottu cu mia.. appena u vidunu.. chiddi di culleggi no?... appena ci nni cummina una di soi.. ni mmustrinu subbitu subbitu a potta! E si u lassu a casa sulu...

TANO, (la interrompe) No... chi lassi sulu! Menzamà scappa e  (facendo il gesto di infilare le dita negli occhi) veni mi ni fa a festa!

FILIPPA,E u viditi? Haju i mani completamenti ttaccati accussì! E non sulu … a me vita i tutti i jonna annau all'anchi all'aria... i me discurruteddi chi cummareddi...

TANO, (a parte) Mmagginu chi discurruteddi!

FILIPPA, .. i me nisciuti.. i me passiati nta piazza... mancu a spisa pozzu fari cchi√Ļ! E.. praticamenti.. i sta manera... ¬†mi mannau all'aria... puru tutti i me... prugetti!

PASQUALINA, (ironica perchè lo sa già quali sono i suoi progetti, magri si fanno gesti d'intesa con la sorella) Ma picchì...  chi prugetti hai.. Fulippa?

FILIPPA, Eh.. eh.. chi progetti haju! Prugetti.. prugetti... ehhh .. prugetti... matrimoniali! Eccu! Chi è..  nu beddu giuvini non mu pozzu truvari mi mi maritu? Non n'haju dirittu puru jò?

PASQUALINA, (ironica) E cettu.. ci manchirìa! (si gira, a parte) Basta! Na vaddu.. megghiu staju!

TANO, (a parte) Sempri si nu beddu giuvini dispostu mi ti marita... u trovi! (guardandola) E cu sti presupposti...campa cavallu!

FILIPPA,  (riferendosi al fratello) Sulu chi iddu.. cu stu modu i fari.. mi fa scappari.. mi fa scantari! Mi sdirrupa accussì!

TANO, (a parte) Secunnu mia na sdirrupa... ci giua eccomi! Prima passa iddu chi ci dugna na cavatedda all'occhi di giuvinotti.. cos√¨ non vidunu cchi√Ļ.. (ironico).. i so.. biddizzi! Accuss√¨.. occhi non vidi.. cori non doli!! Secunnu mia.. u caciu supra i maccaruni fu!

NATALINA, (ironica) Ma senti... chi c'è già cacchi … pretendenti? (facendo un gesto di: quando mai! .. a parte)

FILIPPA, No.. pretendenti.. no! Dicemu.. chi n'avi tanti chi mi piacinu.. ma nuddu s'ava ancora fattu  avanti!

TANO, (a parte) Autru chi avanti! A retromaccia vannu quannu a vidinu!

FILIPPA, Evidentementi ancora … non m'hannu...  aducchiatu!

TANO, (a parte) E chi t'hanna aducchiari figghia.. si scantinuuu!!

FILIPPA,  Ma jò.. in effetti... mi mpegnu.. ah?!... si.. si... mi mi fazzu aducchiari.. mi impegnu! (in confidenza) Quannu nesciu... sapiti chi fazzu?

PASQUALINA, No.. chi fai?

FILIPPA, Mi mpupu tutta!

TANO,  Chi fai?

FILIPPA, Mi mpupu.. mi mpupu.. puru quannu vaju a fari a spisa.. o quannu vaju puru a¬† ittari a spazzatura... mi vestu lliganti... mi truccu.. mi fazzu cchi√Ļ bedda va!

TANO,  ( a parte ironico) Com'era ddu fimmi? Chiddu cu Tommy Cruisi? (indicando Filippa) Ah! Miscion impossìble! (Da leggere come è scritto)

FILIPPA, E poi... si  mi capita mi ncontru cacchi figghiolu chi mi piaci... sapiti chi fazzu?

PASQUALINA,  Sintemu.. chi fai?

FILIPPA,   Aaahhh... sbattu l'occhi.. (facendo il gesto in modo molto comico) … accussì!

TANO, (guardandola sconcertato, a parte)  Praticamenti ci dici: scappati.. scappati!

FILIPPA,  Ma finu a ora... nenti! .. non ava funzionatu! Me frati ora.. cunnìu puru i cauli! Dicitimi vui autri .. jò.. sti prugetti.. comi ll'è puttari a compimentu! Jò.. single (detto come è scritto) .. non vogghiu moriri!

FELICETTO, (avvicinandosi agli occhi della sorella magari facendo che gli sputa in un occhio dicendo il ‚Äúppa‚ÄĚ finale del nome) Fili-ppa! Fili-ppa! Ti tegnu d'occhiu! (e durante la scena successiva, mentre ancora abbraccia la sorella, fargli fare delle cose non propriamente intelligenti, magari disturbando la sorella mentre parla¬†che magari lo scaccia con le mani -¬† per esempio un tentativo di infilare a lei il dito nel naso oltre che nell'occhio , ecc.)

FILIPPA, (infastidita, asciugandosi l'occhio) Puru chistu! E si a soru.. tenimi.. tenimi... non mi fari scappari! (sospirando) Comi è fari jò cu tia! (pausa, poi a Natalina e e Pasqualina) Ma .. va pozzu fari na dumanna?

PASQUALINA,  Parra!

FILIPPA, Ma.. vui dui... comi vi truvastu i .. vostri mariti? Magari.. mi dati cacchi cunsigghiu!

TANO, Ah.. a iddi... ci ghiuveru du cielu!

FILIPPA,  Chi voli diri?

NATALINA, (ingenua) Voli diri chi me mam...

PASQUALINA,¬† (la interrompe bruscamente rimproverandola con uno sguardo) Nenti.. voli diri chi nui ‚Ķ ni ‚Äúma‚ÄĚritammu .. ddu anciuli!

FILIPPA, Beati vui!  E n'autru anciulu pi mia.. no canusciti?

PASQUALINA, No.. mi dispiaci!

TANO, (a parte)¬†Erinu l'uttimi nto Paradisu! Av√¨a finutu l'offetta speciali! E pou truvanni unu pi tia... cu (indicando Filippa in tutta la sua ‚Äúbellezza‚ÄĚ) ¬†stomicu resistenti... √® cosa praticamenti ‚Ķ ehhhh... non ci nn'√® spiranza vah!

FILIPPA,  (facendolo apposta) Ma... a propositu... unni su sti.. ddu anciuli? Avi assai chi ne vidu! Cacchi.. tri misi!

NATALINA, (facendosi triste) Ehh.. a unni su!

PASQUALINA, (dando una gomitata alla sorella) Patteru!

FILIPPA,  (curiosa) Ah si?! Viaggio di piaceri ooo ….

NATALINA, (quasi piangendo) … Oooo !!!!

PASQUALINA, (dando una gomitata alla sorella) Di onori! Viaggio di ‚ÄúO‚ÄĚnori! Ebbiru nu onori!

FILIPPA,  Veru? Chi onori.. chi onori? Chi piaciri chi haju!

PASQUALINA, E chi onori... (non sapendo cosa dire) … n'onori ranni! Eehhh... (inventando sul momento) .. ma no pozzu diri... è na cosa .. (in confidenza).. segreta! (Natalina la guarda stranita)

FILIPPA,  Uh.. addirittura! Ma … segreta.. quantu?

PASQUALINA,  Segretissima!

FILIPPA, Uh.. addirittura!! Ma... propriu nenti nenti mi poi diri? Mi facisti smoviri a curiosità!

PASQUALINA, E chi ti pozzu diri? .. (pensando per inventare)... ehhh... (in confidenza) Tu dicu a tia.. ma non ci√Ļ diri a nuddu! Va beni?

FILIPPA, Tu nciuru supra a vita i me frati! Purrissi moriri nta stu minutu!

FELICETTO, (arrabbiato per quello che ha detto la sorella, si sgancia da lei) Ooohh! E j√≤ non ti tegnu cchi√Ļ d'occhiu! (e se ne ritorna ¬†afflitto nell'angolo vicino Tano)

FILIPPA, Comi voi .. a soru! (a parte) Ohh! Na picca d'abbentu! L'avissi dittu prima!

TANO, N'autra vota ccà si? O mali pi mia! (Felicetto ha l'aria del  cane bastonato, Tano lo osserva) E non ma fari sta facci i cani bastunìatu! (continua a guardarlo e  mosso a compassione ) Va beni va! .. statti ddocu.. basta chi ti stai ccu ddu pedi nta na scappa!

FELICETTO, (restando lontano, ma facendo il gesto tristemente tranquillo) Si.. ma ti tegnu d'occhiu!

TANO, Bonu... si resti luntanu.. non fa nenti! (a gesti) Ma luntanu però! Luntanu!

FELICETTO,  (sempre con tono afflitto)  Va beni! (mentre resterà vicino Tano, avvicinandosi piano piano,  continuerà a fare le sue stranezze però sotto forma di pseudo coccole stavolta. Tano lo tratta bene ora)

FILIPPA, (ansiosamente curiosa) Si va beni.. ma ritunnamu a nui! Chi è sta cosa chi non mi poi diri?

PASQUALINA, (fra sé) E jò chi pinsava chi si ll'avìa scuddatu! (poi a Filippa, sempre in confidenza, cincischiando, tipo che si guardava attorno guardinga e inventando ) Cosa … cosa... cosa... di … spionaggiu è!  Schhh! Mi raccumannu!

TANO, (a parte) Bumm! Chi bommacarìa! Ora me figghia Pasqualina sa sciala... e cumincia cu festival di Sanpallunaru!

NATALINA, (a parte, spostandosi di lato sulla sedia per non farsi vedere) Chista rossa è! A cruci ca manu manca mi fa fari! Chi viziu chi avi me soru.. chi ava diri sempri minzogni! Jò non sugnu capaci! Quannu mai jò sti cosi!

FILIPPA, (meravigliata) Pi davveru?

PASQUALINA, (sempre in confidenza) Si! (sempre guardinga) Ti spiegu! N'agenzia famosa.. i vosi … comi spii!

FILIPPA, (meravigliata) Maaaah! (a parte) I vidi a Turiddu e Sariddu!

PASQUALINA,  (sempre in confidenza) Si! E girinu tuttu u munnu! Eccu picchì non ci su!

FILIPPA, (meravigliata) Puru! (a parte) Pariinu babbi babbi!

PASQUALINA, (sempre in confidenza) Si! In cecca di cosi i spiari su!

FILIPPA, (meravigliata) Vah! E per ora unni su? Unni sunnu.. a .. spiari?

PASQUALINA, (sempre in confidenza) Veramenti non tu purrissi diri! Per√≤ si mi nciuri chi non ci√Ļ dici a nuddu...

FILIPPA, Tu nciuru supra a ....

FELICETTO, (arrabbiato la interrompe) Fili-ppa! Fili-ppa! Fili-ppa! No Felicettu.. no... no!

TANO, Avi ragiuni.. quannu è soi .. è soi!

FILIPPA,  Va beni... va beni... u nciuru e basta!

PASQUALINA, (che ora sembra si stia divertendo a raccontar frottole)  Allura... senti senti... … sunnu a .. (cautissima, magari in maniera esagerata e comica, dicendolo bene, fa la colta)  … Cape Canaveral !

FILIPPA, A unni?

PASQUALINA,  (stesso tono) A Cape Canaveral! Chi è no sai? Aunni pattinu i missili pi supa a luna.. vah!

TANO,  (a parte) Autru chi missili pattinu! Pallunarii chi volinu! Stannu inchennu na casa!

FILIPPA,  (meravigliata) Addirittura!

PASQUALINA, (sempre in confidenza) Si! Scupreru chi.. hai presenti chiddi chi guidinu i missili? Comi si chiaminu? ah.. l'astronauti! Eh.. dui di chiddi ‚Ķ si desinu appuntamentu ¬†supa a luna... cu autri astronauti!¬† ¬†(pi√Ļ in confidenza) Du astronauti .. cinisi!

FILIPPA, Ma chi mi stai dicennu?

PASQUALINA, Si!Attrova ddocu chi c'è sutta! Cacchi scanciu d'infommazioni scottanti! I cinisi? Iddi già incheru un munnu! Ora po' essiri chi vonnu  colonizzari puru a luna!  Pi chistu pinsaru a  n'incontru  dda supra.. mi fannu nu sopralluogu e mi sunnu luntanu di ricchi e occhi indiscreti! E Turiddu e Sariddu scupreru tutti i cosi e ora all'appuntamentu ci va cacchi autru e ci spascinu i brigghia!  Così a luna non diventa puru chidda.. madi in Cina!

NATALINA, (A parte) Maria.. Maria.. Maria! Chi annau mi si nventa! Unni  ci arriva u carrettu!

FILIPPA, Menu mali! Si no a luna di janca divintava.. gialla!

FELICETTO, Ma jò... i tegnu d'occhiu! Puru jò .. i tegnu d'occhiu!

FILIPPA, Brau! Ora ti facemu nziccari puru a tia comi spia! Così patti puru tu.. e jò mi staju nta me bedda santa paci! Ah... tranquilla! Tonnu donnavota in paradisu!

TANO, (a parte) Brava! Così vidi si tu trovi puru tu n'anciulu! Però mi raccumannu.. obbu! Così non ti vidi nta facci!

FELICETTO, No.. jò no spia... jò.. detectìvi! Tegnu d'occhiu!

TANO, Chi dici? I detessìvi? Chi a lavari i piatti o i robbi?

FILIPPA, No.. detectìvi.. speci di poliziotti vah! Praticamenti quannu era nto culleggiu.. si vidìa nta televisioni .. ma puru ora!... puru ora! ..  sulu telefimmi e cattoni animati unni ci su sti detectìvi.. poliziotti.. commissari! Mi fa nesciri paccia mi ci  nni trou cacchi d'unu! Chissacciu.. Scello Hommi! Chiddu … chiddu  fissatu chi scoli elementari!

FELICETTO, (illuminandosi) Si.. si... (trasformandosi in una persona perfettamente normale, con voce bassa e impostata, come ad imitare, con perfetta dizione ) Elementare Watson!

TANO, (meravigliato, così come gli altri) Ou! Ma tu chi fai u babbu pi non pagari u daziu?

FILIPPA, Lassa fari... babbu veru è! (Felicetto la guarda indispettito) Opuru si vidi.. u commissariu sicilianu.. chiddu tuttu pilatu... chiddu sempri zzitu chi non si marita mai... chistu  quantu mi piaci puru a mia! Chi omu chi è!

PASQUALINA, (a parte) Idda a testa sempri ddà ll'avi!

FELICETTO, (rilluminandosi imita tutto contento) Il commissario Montalbano sono!

TANO,  E brau a Felicettu!  Vadda comi i fa boni!

FILIPPA, Quannu voli!  A poi si vidi puru u commissariu.. chiddu chi è nu cani.. comi chiama.. ah.. Rexy!

FELICETTO,  (abbaia per imitare Rex)

TANO, Eccu.. chistu poi.. u facisti precisu!

FELICETTO, (tutto contento per esser stato lodato, fa il gesto ma da lontano) Jò.. ti tegnu d'occhiu!

TANO, E tenimi.. tenimi d'occhiu.. però non tu scuddari.. i luntanu.. i luntanu! Fossi! Si ci rinesci!

FELICETTO, (tutto contento lo stesso) Si.. si! I luntanu.. i luntanu! (rif√† il gesto senza parlare per√≤, durante i discorsi successivi continuer√† a fare il gesto, avvicinandosi sempre di pi√Ļ, fino a farsi abbracciare dallo stupito Tano)

FILIPPA, (a Pasqualina) Cettu chi tu.. mi facisti ncuriosiri assai.. cu sta storia du .. (pianissimo) .. spionaggiu!! Ma senti.. senti.. a autri posti.. autri posti.. unni hanna statu.. mi poi diri? Non è chi mi poi lassari accussì .. cu sta cuntatedda sula!

PASQUALINA, Ora tu troppu voi sapiri!

FILIPPA, E n'autritta.. n'autritta.. chi ti custa?

NATALINA, (con tono di rimprovero) ¬†Fossi.. a soru... sar√¨a megghiu.. non diri cchi√Ļ nenti! Mi pari a mia .. chi stai esagirannu! Su cosi.. segreti no? E puru cosi... ¬†nostri! ¬†(Tano conferma a cenni del capo; poi piano all'orecchio della sorella) Cecca ma finisci! Basta cu tutti sti pallunarii! (forte) Anchi picch√¨.. (ricomincia a piagnucolare).. a parrari di Sariddu e Turiddu... a mia... mi veni i cianciri! (E piange nel solito modo lamentoso)

TANO, (a parte)E menu mali chi quannu c'erinu i strani si ll'avìa teniri... i lacrimi!

FILIPPA, ¬†Ma picch√¨ cianci? Avrissi essiri oggogliosa di nu maritu accuss√¨! Mica l'hannu tutti! L'autri hannu .. u dutturi.. u ngigneri.. u prufissuri... u jancheri...¬† e vui autri aviti¬† .. a spia! Vui l'aviti.. patticolari..¬† originali .. raru! Siti.. pri-vi-le-ggia-ti! Oh! U vurrissi aviri j√≤ unu comi a iddi! (In confidenza) Ah! Poi per√≤ si cianci picch√¨ a Sariddu no voi cchi√Ļ.. picch√¨ non ti piaci u maritu raru... ¬†mu pigghi√Ļ j√≤.. ah?! Non mi nni fazzu problemi.. j√≤! Anzi... sarebbi.. comi aviri... nu... (sottolinea) ... ¬†usato garantito!

TANO, (a parte) Vadda a chista chi facci i sola!

NATALINA, (piangendo col solito tono lamentoso) Ma chi m'è sentiri diri! Me maritu... usatu garantitu!

PASQUALINA, (indispettita a Filippa)  No... me soru cianci... picchì ci manca .. so maritu! Stannu sempri  luntanu.. è ovviu chi ci manca!!   Tu.. si u voi puru usatu... nu maritu...  cecchittillu.. nta n'autra .. concessionaria!

FILIPPA, (a Pasqualina) E senti... senti... ¬†u toi.. tu .. u voi.. sempri? O vistu chi cu stu travagghiu chi avi ‚Ķ chi √® sempri luntanu... no voi cchi√Ļ? E non t'interessa mancu a tia chi √®.. originali?

TANO, (a parte) Chi facci i sola .. bis! (magari si guarda con Felicetto che oramai è sistemato sotto il suo braccio, e Felicetto conviene alla sua battuta)

PASQUALINA,  (indispettita) O Fulippa... n'autra concessionaria.. non ntinnìa... a mia! Turiddu mi sta beni! Parrannu quantu voli Diu... ancora.. tri anni avi chi l'haju pi maritu... mancu a garanzia.. ci ava scadutu!

FILIPPA, E va bè! Chi v'è diri? Cuntenti vui! Però … si una di dui prima o poi cancia idea.. a disposizioni!

PASQUALINA, Non ci nn'è piriculu! Nui fimmini seri semu! (Natalina conferma)

FILIPPA, Comi vuliti!  Però.. senti... ma cunti u stissu n'autra … spiata... di so? Vistu chi non l'haju a nuddu di dui comi maritu.. ammenu mi passu u piaciri mi sentu i so stori!

TANO, (a parte) Oh... no molla l'ossu! (anche Felicetto fa no con la testa, magari Tano comincia ad accarezzargli il volto, mosso a compassione)

NATALINA, A mia.. non mi pari u casu! (piangendo al solito) Jò.. ne pozzu sentiri sti  minz... (voleva dire minzogni ma la sorella le da una gomitata e la blocca,; Natalina a gesti la manda a quel paese e indispettita ripete all'orecchio della sorella: Minzogni.. minzogni e minzogni!)

PASQUALINA, (indispettita anche lei)Menz-jonnu... ne po' sentiri picchì è quasi menzjonnu! Ed è ura chi priparamu cacchi cosa i manciari!

FILIPPA, E va bè... c'ata priparari? Du cusitti! Tri siti.. no trentatrì! E poi.. a cu ci ata dari cuntu? Non n'aviti mariti chi ritonninu i travagghiari!  (insistente) Ma putiti cuntari n'autra!

NATALINA, (alla battuta di Filippa ricomincia  a piagnucolare)  Jò avrissi prifirutu chi tunnavinu!

FILIPPA, (insistente) Fozza!  Ma putiti cuntari n'autra! Cincu minuteddi!

PASQUALINA, (alla sorella piano) Quantu ci nni cuntu n'autra si no.. chista.. non si nni va!

NATALINA,  (a malincuore acconsente, sempre piano) Cunta.. chi t'è diri! Sparitilla st'autra! Vogghiu propriu vidiri chiddu chi t'inventi!

PASQUALINA, Sta beni.. una cutta però! (pausa, si prepara) A sapiri tu.. chi tempu fa.. spiannu spiannu.. scupreru na cosa .. straoddinaria!

FILIPPA, (incuriosita al massimo) Ah si? E chi cosa? Chi cosa?

PASQUALINA,  E sta cosa straoddinaria... i capi i tuttu u munnu.. a muccinu!

FILIPPA, Puru!

PASQUALINA, Si! Sai chi scupreru?

FILIPPA, Sintemu.. sintemu!

PASQUALINA, Hai presenti u Polu Suddi?

FILIPPA, (accondiscendendo)Eh!

PASQUALINA, (a parte) Mih.. chistu u sapi! (forte) Eccu... nziccata o funnu o funnu di ghiacci... ma funnu assai .. ah?!... assaissimu.. chi cchi√Ļ assai non si po'... ¬†ci sta...

FILIPPA, Chi ci sta.. chi ci sta?

PASQUALINA, Ci sta... (in confidenza) … na … navicella … spaziali...  extraterrestri!

TANO, (a parte) Bumm! (Felicetto si spaventa e cade col sedere per terra e Tano facendo gesti come per dire: che combini? - lo aiuta ad alzarsi e e durante i discorsi successivi lui gli si attacca tipo polipo, facendo il gesto del : ti tegnu d'occhiu! Inizia una lotta tra Tano che lo vuole scollare e Felicetto che gli si attacca sempre di pi√Ļ, facendo sempre il: ti tegnu d'occhiu)

NATALINA, (si fa di nuovo la croce con l'altra mano e piano di lato)  Patri .. Figghiu e Spiritu santu! Ora puru l'extraterrestri sconza!

FILIPPA, Viditi.. viditi!

PASQUALINA, Si.. ma non ci√Ļ diri a nuddu!¬† Mi raccumannu! Chisti su .. segreti i statu!

FILIPPA, (passandosi la mano sulla bocca a mò di cerniera) Bucca.. cuciuta!

TANO, (sempre alle prese con Felicetto in versione polipo, improvvisamente viene colpito agli occhi) Fitusazzu.. ma facisti nta l'occhi! In tutti i sensi! (e si copre gli occhi)

FELICETTO, (per scusarsi si abbarbica ancora di pi√Ļ) Scusa... scusa.. Felicetto scusa!

FILIPPA, (vedendo il fratello) Eccu.. fitemmu! Non pottimu stari cchi√Ļ! Felice-tto! Lassa stari a Don Tanu! (si avvicina per separarli) Don Tanu.. l'ava scusari a me frati! (al fratello) E scodditi (scollati)... nu pruppu mi pari! Fozza.. finiscila! (dopo un notevole tira e molla, scena mimica comica, magari Tano continua a dire: ahiai! Soffucu! M'affuu!! ¬†, magari intervengono in aiuto di Filippa anche Natalina e Pasqualina; alla fine riescono a scollare Felicetto) Oh San Franciscu i Paula! Setti camici mi facisti sudari! Nu pezzu d'acqua sugnu!

NATALINA/PASQUALINA, (piano, fra loro a parte, sentendo puzza e muovendo la mano) Si senti!

FILIPPA, (tenendo per mano il fratello) Fozza.. amuninni.. ficimu assai! Ma è possibili mai chi ma fari cadiri a facci nterra unni annamu annamu?

TANO, (mentre si sta risistemando, a parte) E si ti cadi.. a facci... na ricogghiri.. chi è megghiu!

FELICETTO, Felicetto... sulu .. ti tegnu d'occhiu! No autru!

FILIPPA, Ehhh.. cu stu ti tegnu d'occhiu! Tu e a to manìa di poliziotti e i detectìvi! Fozza camina! (lo trascina e a Pasqualina che vuole accompagnarla alla porta)  No... non c'è bisognu.. niscemu suli.. a strada a sapemu.. non vi nn'incaricati! Arrivedecci a tutti!

NATALINA/PASQUALINA/TANO, Arrivedecci... arrivedecci! (sospirano, poi si mettono in ascolto perchè)

FILIPPA, (mentre Felicetto saluta con la mano e facendo il solito gesto, escono, ma subito si sente la sua voce fuori scena) Statti femmu un attimu.. va beni? Chi è fari na cosa i prescia!

FELICETTO,  Si.. però jò ti tegnu d'occhiu!

FILIPPA, E chi camurrìa chi si.. sempri cu stu pedi i canzuna! Statti mutu nu minutu! (suono di tasti di telefonino per comporre un numero di telefono) Cummari  Assuntina? U sapiti chiddu chi seppi? Mih.. non ci cridirìu né ora né mai! Ora vu cuntu!

Scena 5  (Pasqualina, Natalina, Tano) 

NATALINA, Eccu! U vidisti chiddu chi cunchiudisti? Ora chista fa un tu-t√Ļ! Inchi nu paisi cu tutti sti minzogni chi ti facisti nesciri da bucca! A luna.. i cinisi.. u polo suddi... l'extraterrestri! Mih.. hai na fantasia! A prossima vota chi t'inventi?

PASQUALINA, ¬†No sacciu.. ancora mi ll'√® pinsari! Comunqui... j√≤ ‚Ķ apposta u fici.. cos√¨ a finiscinu i tagghiari e cuciri.. supra u picch√¨ e u pi comi Turiddu e Sariddu non si vidinu cchi√Ļ in giru!! Non sunnu cosi chi ci arriguaddinu! Su cosi nostri.. e basta! Ti pari chi no sacciu chi semu supa a bucca i tutti? Attrova chiddu chi pensinu! ¬†E ora i fazzu rusicari j√≤! Cos√¨ a finiscinu di inchissi i cianchi! Oh!

NATALINA, (cominciando a piagnucolare) Mih .. a soru... supa a bucca i tutti semu? Ma nui.. chi mali ficimu? (In tono lamentoso)  Nui... nnucenti semu! Ah! Cu mi ll'avìa diri?!

TANO, E cettu.. vui nnocenti siti! Cu dici u contrariu!? Comunqui .. stati tranquilli chi prima o poi ddi ddu  disgraziati s'arricoddinu chi hannu ddu mugghieri chi i spettinu a casa e si fannu sentiri!

NATALINA, (piangendo disperata, sempre col solito tono lamentoso) Sempri .. si non mureru prima!

PASQUALINA, (sbuffando di brutto) E basta... basta cu stu triulu!¬† (poi si alza di scatto) Autru chi cianciri.. cc√† passau troppu tempu chi non dannu cchi√Ļ notizi! S'ava pigghiari provvidimenti! A polizia no.. si no annamu a finiri nta tutti i giunnali e nta tutti i televisioni! Pura dda.. a .. a.. a...¬† comi si chiama... a ‚ÄúChi l'ha vistu!‚ÄĚ! E gi√† ni basta Fulippa comi giunnali!

NATALINA, (piagnucolando) Eh.. a poi fannu.. Turiddu e Sariddu.. cu i vitti? Chiamati u numiru eccetira eccetira.. (e piange a dirotto)

TANO, (mandano a quel paese a gesti la figlia che piange in modo assordante) E muta .. muta.. sirena! (poi a Pasqualina) E allura chi voi fari?

PASQUALINA, J√≤... haju n'idea! Ci√Ļ fazzu vidiri j√≤ a sti ddu disgraziati! Picch√¨ a mia mi pari.. chi non ma cuntinu giusta! Autru chi motti.. feriti e dispessi!

NATALINA, (che si è calmata un po', si asciuga le lacrime) Pascalina? Jò mi scantu di to idei! Troppa fantasia hai! Attrova a chi pinsasti!  E non mi piaci mancu stu fattu chi secunnu tia non na cuntinu giusta!

PASQUALINA, Senti... prima o poi.. u scupremu! Non ti nni ncaricari! Jò haju st'idea.. patticolari! N'idea chi ma desi Felicettu!

NATALINA, (meravigliata) Ddu babbu? Chi idea ti potti dari?

TANO, Chiddu non è babbu.. scutati a mia!

NATALINA, Si va bè.. babbu o non babbu... jò vogghiu sentiri chiddu chi si nvintau sta vota me soru!

PASQUALINA,  E' presto detto! (pausa ad effetto in cui lei tace e gli altri la incalzano) Chiamamu... nu.. detectìvi privatu!

NATALINA/TANO, Nu detectìvi  privatu?

PASQUALINA, Eh.. eh.. nu detectìvi  privatu! Capistu boni!

NATALINA, E a unni u trovi nu detectìvi  privatu?

PASQUALINA, E a unni u voi truvari? Nte pagini gialli no?

NATALINA/TANO, Nte pagini gialli?

PASQUALINA, Eh.. eh.. nte pagini gialli! E finitila i fari u coru vui dui! Anzi Natalina.. smoviti.. valli a pigghiari sti pagini gialli! Jò.. mi priparu comi si devi.. alla ricerca! (altera si alza le maniche, resta in attesa atteggiandosi a risolvitutto, come un chirurgo in sala operatoria)

NATALINA,  (sebbene titubante) E comi voi tu... a soru! Pigghiamu sti pagini gialli! E videmu unni voi arrivari! (si alza e va a prendere da qualche parte le pagine gialle poi le porge alla sorella)

PASQUALINA,  (altera) Su! Dammi lo scibile degli abbonati in ambito economico!

TANO, Mih.. ora a fina fa!

NATALINA, (stupita) Chi t'è dari?

PASQUALINA, (afferrandole , quasi strappandole dalle mani) E dammi ddocu! (poi ritornando altera) Diamo avvio alla missione: Cu i vitti? (si concentra) Procediamo con la ricerca! D come detectìvi ! (gira le pagine mentre Natalina la osserva)

NATALINA, Vidi chi a passasti a pagina... parola ngrisa è .. e si scrivi ca C!

PASQUALINA,  Ma chi mi ncucchi!? Ca D si scrivi!

NATALINA, A C nto menzu è!

PASQUALINA, Nto menzu.. nto latu! Chi dici?! Nte primi è! Unni a voi truvari a C?

NATALINA,  Ti dicu chi nto menzu è! A C  è prima da T!

PASQUALINA, ¬†Chista nova √®! A C prima da T.. prima da T c'√® a S... ora mancu l'affabetu sai cchi√Ļ! Statti muta vah...chi fai cchi√Ļ figura! Fammi fari a mia chi sugnu cchi√Ļ scattra!

NATALINA, Si¬† .. picch√¨ tu a stai facennu bedda.. sta figura! Assai si cchi√Ļ scattra! Ti dissi chi √® parola ngrisa e si scrivi divessa!

TANO, (infastidito si alza dalla poltrona, strappa di mano a Pasqualina le pagine gialle, gira qualche foglio, e poi sbattendogliele sotto il naso) Ccà ci su i detectìvi ! (Poi ritorna alla poltrona)

NATALINA,  Mih.. a soru! Chi bedda figura ficimu tutti e dui!

PASQUALINA,  Va beni.. va beni... jò l'avìa truvatu.. è chi s'aviinu ncuddatu du pagini e no riniscìa mi apru!

NATALINA, Quannu a jatta non arriva o primuni.. dici chi feti!

PASQUALINA, (guardando  di traverso la sorella)   Comunqui... ora chi truvammu a pagina.. truvamu a pessona giusta! Chidda apposta pi nui!

NATALINA, E comi fai a truvari a pessona giusta? Chidda apposta pi nui? A ddocu c'è na pagina china!

PASQUALINA,  (chiude gli occhi e mette il dito a caso nella pagina) Accussì! (guardano entrambe il nome segnato dal dito, Pasqualina legge) Gervaso, il detectìvi col naso!

NATALINA,  (sorpresa e ingenua) Cu nasu? Picchì l'autri non n'hannu? E comi fannu mischineddi? Chi categoria disgraziata!

PASQUALINA,  Ma quali categoria disgraziata! Tu cadi sempri da naca.. a soru! E'  metaforicu!

TANO,  Chi è... puru iddu l'avi menzu intra e menzu fora?

PASQUALINA, (a parte, sbuffa) Maria .. fannu cadiri u latti di drinocchia tutti e dui! Finu e pedi.. finu e pedi!!

NATALINA,  Mah.. Gervaso il detectìvi col naso! Mah! Ma jò.. mi fazzu na dumanna...  comi facemu  a sapiri chi è a pessona giusta? Chi è chidda apposta pi nui? Mica u conuscemu!

PASQUALINA, (altezzosa, mette in evidenza, in alto, il suo dito)  U distinu parrò... attravessu u me iditu!

NATALINA, (sempre con sguardo ingenuo) Tu dici?

PASQUALINA, (sempre altera, come se fosse una predizione) Jò.. dicu!

TANO, Shhh! Parrau l'oraculu Pasqualina!

NATALINA, E allura … chi spittamu? Chiamamu?

PASQUALINA, (decisa, sempre con lo stesso atteggiamento da chirurgo in sala operatoria, allungando lateralmente la mano col palmo aperto) Telefono!

NATALINA, (si alza, prende il telefono, lo mette in mano alla sorella) Telefono!

PASQUALINA, (come prima) Numero!

NATALINA, (prendendo le pagine gialle e facendole da leggio) Numero! (poi titubante glielo allontana abbassandolo, cosicch√® Pasqualina non vede pi√Ļ il numero) Ma si sicura?

PASQUALINA, (infastidita) Sicura! Mustrimi stu nummiru!

NATALINA, (risistema le pagine gialle per far vedere la sorella, poi però di nuovo perplessa lo riabbassa) Si.. ma chi ci dicemu?

PASQUALINA, (sbuffa) Uffa! E chi ci dicemu? Ci dicemu chi avemu bisognu di so servizi.. e.. e .. e.. e basta!

NATALINA,Va bè! (le rialza le pagine gialle, poi di nuovo non convinta, le riabbassa) Ma tu chi dici? Ci ama cuntari tutti cosi?

PASQUALINA, (arrabbiata)  E basta! Finiscila! Ci cuntamu.. chiddu chi ci cuntamu! Va beni? E fammi fari stu nummiru! Ohh!

NATALINA, E comi voi tu!  (Le rialza il libro, poi lo riabbassa) Si però....

PASQUALINA, Uhhhh! Ma fai fari sta telefonata si o no?

NATALINA, (rialzando le pagine gialle accondiscendente) Falla! E u Signuri mi nna manna bona!

PASQUALINA,  (finalmente riesce a fare il numero, se si vuole si può  far sentire il suono dei tasti, quindi in ascolto) Sona! Sona!

NATALINA, Chi fa.. rispunni?

PASQUALINA,  Spetta! Ora videmu! Dacci u tempu! Ancora sona!

NATALINA, Nenti.. non rispunni!

PASQUALINA, E muta.. cucca! (finalmente qualcuno risponde, Pasqualina si illumina ) Pro.. pronto? Il signor Gervaso? Si?! (tappando il telefono piano) E' iddu.. è iddu!

NATALINA,  E l'avi sicuru u nasu?

PASQUALINA, A soru.. chistu nu telefunu √®! No na televisioni! Chi nni sacciu j√≤! Mica u vidu!(riprende la telefonata) Senta... signor Gervaso... le volevo fare una domanda... lei √® ‚Ķ libbiro? (fa la faccia offesa) Ma chi cap√¨u?! Non mi interessa chi lei √® single... j√≤... non cecco compagnia! Grazie.. l'haju! Cio√®...¬† mi l'avrissi truvari lei.. a me cumpagnia! (rifa la faccia offesa) Ma chi mi sta dicennu!? Jo non ceccu nu paraninfu e non sbagghiai nummiru! J√≤ maritata sugnu! Fimmina onesta sugnu! Ma vadda a chistu! Ah.. ma allura picch√¨ ci dumannu si √® libbiru? J√≤ libbiru di impegni ntinn√¨a! E chi ci par√¨a?! J√≤ haju bisognu di un so sevviziu! Mu po' fari si o no? (sempre con la faccia pi√Ļ offesa) ¬†Sintissi.. stu geniri i sevviziu a mia.. non mi giua! Vadda a chistu stajunnata!¬† Ma lei √® o non √® nu detect√¨vi? Si? (fa si con la testa per comunicare la notizia ai suoi) Oh! E j√≤ i chiddu haju bisognu! Ah.. nte mumenti libbiri arrotonda cu l'autru misteri! Eccu u picch√¨ di l'equivucu! E va b√®.. cosi soi su! A mia chi mi cunta?

NATALINA,  Ma tu.. si sempri sicura chi è a pessona giusta? Jò non tantu!

TANO, Cacchi dubbiu mi sta vinennu puru a mia!

PASQUALINA, U me iditu non si sbagghia!(di nuovo a Gervaso) Allura.. signor Gervaso.. nu fa stu sevviziu? Si? Per√≤ ci√Ļ dicu prima... a na condizioni ava essiri! Pr√†vasi.. assai.. ci n'ava mettiri assai .. pravasi! !E' na cosa delicata¬† a nostra... ni putemu fidari? Si?! (fa si con la testa per comunicare la notizia ai suoi) ¬†Lei abbonda ca pr√†vasi? Tunnillati ci nni metti?¬† Menu mali! E allura comi facemu? Ama veniri nto so studiu? Nooo.. (anche Natalina dice no a gesti del capo) .. non si nni parra propria! Cosa troppu delicata √®! Gi√† cos√¨ .. scalammu ca pravasi! (tappando il telefono) ¬†Troppi occhi ndiscreti ci su! Noo.. attrova chiddu chi dicinu poi! (Riprende) ¬†¬†Non √® chi po' veniri lei.. a me casa? Si?! (fa si con la testa per comunicare la notizia ai suoi) ¬†Fa nu strappu alla regola? Menu mali! Menu mali!

NATALINA, (preoccupata) E si cacchidunu u vidi? Cu dicemu chi è? Puru chistu è pericolosu!

PASQUALINA, (tappando il telefono) I chistu non t'à biliari!  E' megghiu accussì... i sicuru! Poi ma vidu jò!

TANO,  A maggior ragiuni n'ama biliari!

PASQUALINA, ¬†(riprende la telefonata) Allura veni quannu? Pomeriggiu veni? Picch√¨ poi stasira √® occupatu cu l'autru misteri! E a mia chi mi cunta? Chi mi interessa a mia chiddu chi lei fa a sira? Pi mia po' fari chiddu chi voli! J√≤ chi fazzu? Ma vadda a chistu!? Mi cuccu.. eccu chiddu chi fazzu!¬† Sintissi.. u voli fari stu beni si o no? Si? ¬†E allura u spittamu! Unni ava veniri?¬† Allura.. vinissi in via... (inventarsi un indirizzo a piacere, o magari scegliere l'indirizzo del luogo in cui si svolge la rappresentazione) ! E in via.. (‚Äú) a cu ava ciccari? Qual'√® u me nomu? Noo.. non c'√® bisognu chi ci dugnu u me nomu! Picch√¨? E ci dissi chi cosa dilicata √®! ¬†¬†Intantu vinissi in via...(‚Äú) e poi ni facemu truvari nui! Ci pinsamu a tutti cosi nui! Lei non si n'incaricassi! L'unica cosa chi ava fari lei √®.. non¬† fari traficu.. va beni? Ava veniri comi nu jattu in pantofoli! Mutu.. mutu! Nui semu cc√†! Va beni? Si.. si... allura... arrivedecci... arrivedecci! (Chiude, ai suoi) E' fatta! Cchi√Ļ taddu veni!

NATALINA,  Sugnu agitata! (e ricomincia a piagnucolare) E si stu detectìvi non risovvi nenti?  E si è troppu taddu? E si Turiddu e Sariddu foru rapiti? E si su prigionieri a cacchi patti... senza manciari.. senza dommiri.. magari o scuru.. e senza acqua? O matri comi fannu senz'acqua? O si sunnu nta cacchi sdirrupuni cusapi a unni e nuddu i trova? E si nfunnaru nta cacchi mari e si stannu già manciannu i pisci?

PASQUALINA, (ironica) Puru a iddi si mancinu i pisci!?

TANO, Cettu! Così a famigghia si riunisci nta panza di pisci! Comi a Pinocchiu e Geppettu nta panza da balena!

NATALINA,  (incurante della battuta) O si caderu i cacchi aeriu? E si...

PASQUALINA,  (la interrompe) E si.. si.. si.. si basta!  Ou! E poi parri i mia! Puru tu .. a fantasia non schezzi! Sulu chi tu... fai scurari u cori! Basta.. finiscila.. annamu a manciari ora e vidi chi u signor Gervasu .. i nostri problemi.. ni risovvi.. va beni? Fozza n'amuninni nta cucina e leviti sta facci i micciu! Vogghiu manciari in santa paci e non mu fari calari di travessu stu muzzicuni! Ni capemmu?

NATALINA,  (si asciuga le lacrime) Va beni.. va beni.. comi voi tu a soru!

PASQUALINA, Oh.. fammi na risata.. fozza.. ottimismu.. ottimismu!

NATALINA,  (fa una risata silenziosa e stupida) Chista ti basta?

PASQUALINA, Ti spricasti! Camina vah! (a Tano) Papà.. chi fa .. tu veni?

TANO, Vegnu.. vegnu... u ciancu in effetti mi batti! Fami haju! (E si alza)

PASQUALINA, Papà.. chi voi manciari oggi?

TANO, Mi piacirìa na picca i spaghettu a carrittera!

NATALINA, (ricomincia a piagnucolare) No.. u spaghettu a carrittera no!!!! Mi ricodda a Sariddu! Ci piacìa assai a iddu! (sempre nel solito modo lamentoso) Cu mi ll'avìa diri a mia! Ah! Cu mi ll'avìa diri!

PASQUALINA, (le rifa il verso, magari insieme a Tano lo dicono in coro dietro di Natalina) Si vinìa n'anciulu du Paradisu e mu dicìa... ci rispunnìa: Ancilu vatinni chi non ti cridu! (finisce l'imitazione e il coro) Ma camina vah! (Natalina piange, Tano sbuffa e Pasqualina per ultima, li spinge verso la cucina ed escono tutti e tre )                                                                                                            

                                                       

                                                                                                        FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Stessa scena, nel pomeriggio, in attesa di Gervaso! Tano dorme sulla poltrona russando e muovendosi spesso, come se stesse facendo un incubo.

Prima versione senza Ninitta

Scena 1a (Tano)

TANO, (dormendo sulla poltrona, si agita spesso -¬† rendere questo agitarsi in modo comico - , come se stesse facendo un incubo, e parla nel sonno, infatti) Cu √®? Cu.. cu √®? Cu √®... cu √® chi mi chiama? (si spaventa) Matruzza.. me mugghieri Ninitta √®! (si agita) E chi voli i mia? (si agita)¬† Parrari... m'ava parrari.. dici! (si agita) ¬†Chista nova √®.. i motti parrinu! (si agita)¬† Ninitta.. chi voi i mia? Parra e vatinni! Non mi spasciari u sonnu e a digistioni! (si agita) I me figghi? Biliata si? E puru j√≤! (si agita)¬† E' cuppa mei... cuppa mei! ((si agita arrabbiato)¬† Ma quannu mai! Tu paccia si!¬† (si agita) A cuppa toi √®! E ora vidi chiddu c'√† fari! (si agita)¬† Tu di sicuru .. di ddocu... ni sai cchi√Ļ i mia! Dimmi unni su ddi ddu sbinturati!(si agita) ¬†Chi dici? Tu non poi mettiri lingua? I piani su gi√† fatti? E tu spascili! A lingua a tia non t'ava mai mancatu! (si agita)¬† Fozza.. fatti diri cacchi cosa! Parra cu cacchidunu ddocu! ¬†(si agita) Fozza e non ci voli autru! Vinisti cc√†.. ammenu fai cacchi cosa i bonu!(si agita)¬† Sta parrannu.. sta parrannu.. mi scutau! (si agita) ¬†Parrasti gi√†? E chi ti dissinu? (si agita e comincia a soffiarsi) Cauddu? Chi voli diri.. cauddu? Ah.. √® n'indiziu? Ci ntrasi u cauddu? Picchicedda mi pari st'infommazioni! (si agita) Ah.. mi ll'√® fari bastari? (si agita)¬† Ou.. unni stai annannu? Chi fai ti nni vai? Oh.. spetta.. dimmi cacchi autra cosa! Cauddu √® troppu picca! ¬†(si agita)¬† Ninitta.. Ninitta.... ¬†

Seconda versione con l'introduzione del personaggio opzionale di Ninitta

Scena 1b (Tano, Ninitta)

NINITTA,  (Entra in scena velata camminando piano e sedendosi con molta flemma su una sedia, poi, seria,  chiama)  Tano!

TANO,  (sussulta nella poltrona, ma non si sveglia )

NINITTA, (ripete) Tano!

TANO, (risussulta) Uhmf! Ma picchì non si po' mai dommiri nta sta casa?! (Ma non si sveglia)

NINITTA, (ripete imperiosa) Tano!

TANO, Cu è chi mi spascia u sonnu e a digistioni?

NINITTA, (ripete imperiosa) Tano!

TANO,  (si sveglia) E cu è? Cu è? Chi camurrìa!  Mancu cincu minuti mi pozzu mpinnicari! Non è chi pretennu a luna.. cincu minuti dopu manciari.. chi aiutinu a digiriri! Mica è na cosa i l'autru munnu?  (si volta e vede la moglie che proprio in quel momento si alza la veletta, quindi sobbalza, inizialmente rimane in silenzio, di sasso, poi al pubblico) Mizzica.. me mugghieri è! E chista...  cosa i l'autru munnu è!  (poi rivolto a lei) E .. e.. e tu? Tu... chi ci fai.. ccà? Mi pari a mia chi tu eri na picchicedda motta! Ma sulu na picchicedda però! (si pizzica, a sé stesso ) Tanu … ma tu.. stai svigghiu... o ancora dommi?

NINITTA,  Tu dicu jò! A secunna!

TANO, Ah! Menu mali! (al pubblico) Quindi significa chi ma staju nzunnannu.. e chi staju facennu.. (guardandola di traverso, come per aspettarsi una sua reazione) … nu beddu... incubu!

NINITTA, (ripete risentita e imperiosa) Tano!

TANO, (si protegge a gesti dal suo richiamo imperioso, poi) Megghiu accussì però! Picchì mi l'haju n'autra vota  casa casa.. (sbuffa a gesti) … dopu chi m'avìa luvatu stu pinseri!

NINITTA, (ripete risentita e imperiosa) Tano!

TANO, (come prima, poi ironico, si alza e si mette vicino a lei) Ninitta.. a mugghieri.. tu sempri u solitu tonu gintili e delicatu.. veru?! E jò chi pinsava chi ammenu ddocu ti giustavi!  (guardandola di traverso, come per aspettarsi di nuovo una sua reazione) Chissacciu.. chi  ti faciinu frequentari na scola pi boni maneri!

NINITTA, (ripete risentita e imperiosa) Tano!

TANO, (come prima, poi ironico) No... decisamenti no! Si scuddaru i tia!

NINITTA, (ripete risentita e imperiosa) Tano!

TANO, Ohh.. basta! Tanu.. Tanu! Tanu voli sapiri picchì vinisti mi mi spasci u sonnu e a junnata! Chi voi?

NINITTA,  (sempre con tono imperioso che userà per tutto il tempo) Parrari!

TANO, Ma... picchì... i motti.. chi fannu.. pàrrinu?

NINITTA, Pàrrinu.. pàrrinu! Quannu vonnu cacchi cosa.. pàrrinu!

TANO,  Picchì … si non vonnu nenti.. stannu muti?

NINITTA,  Sissignori!

TANO, E mannaia! Avisti truvari pi fozza cacchi cosa i diri! Stasti tantu tempu muta... non ti piac√¨u cchi√Ļ? ¬†J√≤ av√¨a bbintatu!

NINITTA, Ah si? Bbintatu avivi? E jò ti spasciu u to abbentu   .. e parru! Picchì è diri cosa!

TANO,E santa paci! Sintemu chiddu chi avi i diri! (pausa) Ma chi poi scusa.. ripinsannuci...  picchì vinisti propriu unni mia pi parrari? Autri colleghi.. ddocu unni si.. non n'hai mi ti fai na discurrutedda? Secunnu mia siti n'ammata!! Hai l'imbarazzu da scelta! Puru na brisculedda vi purrìu fari! Nu torneu sanu i briscula.. i trissetti cu.. mottu!!

NINITTA, (fulminandolo) Mutu! (pausa) Jò cu tia è parrari!

TANO, Pi fozza?

NINITTA, Pi fozza!

TANO, E tu mi veni ancora a scunzari.. ommai dopu chi già passaru du anni chi ti nn'annasti.. sulu pi na discurrutedda? (A parte) E chi poi jò mi scantu di so discurruteddi! (a Ninitta)  Ma .. dimmi na cosa... non ti bastau quannu eri viva? Puru ora non mi lassi in paci? Ammenu vinivi mi mi dugni na para i nummira i giucari?! Fossi nu sfozzu u putìa puru fari mi staju ccà e mi ti scutu!

NINITTA, (imperiossissima, in tono di forte rimprovero) Tano.. ti dissi mutu statti! Chi parru jò!

TANO, (a parte)  Eccu! Sempri a solita musica! (forte) No.. bedda... ora musica a fazzu canciari jò... jò parru quantu vogghiu! Oh!! Senti a chista!  Ma ... fammi capiri  na cosa..

NINITTA, (lo interrompe, al solito) Tano... tu nenti ha capiri... va beni?

TANO,  (a parte) Matematicu...  non canciau propria! Cumannèra era e cumannèra ristau! I boni maneri? A unni i vinninu! (a Ninitta) No.. no.. jò vogghiu capiri chi hai i tantu impottanti i diri chi ti pigghiasti a briga di veniri finu a ccà? Qual'è  l' aggomentu da discurruta?

NINITTA,   I to figghi!

TANO,  Ah.. chi aggomentu! Calasti subbitu subbitu l'asu i briscula!

NINITTA, Tano... i to figghi.. hannu cacchi cosa chi non va... jò u sentu! Su … tristi! Eccu!

TANO, Uhh! Chi discurruta! Fici a scopetta i ll'america nto biccheri cu l'acqua! (a Ninitta)  Praticamenti u Signuri ti dissi mi veni ccà … mi mi cunfessi i to piccati! Picchì si Natalina e Pasqualina  su.. tristi... (ironico) .. u meritu.. è sulu toi!

NINITTA, No..a  cuppa è a toi.. chi non sapisti fari u masculu e u patri!

TANO, Ah.. e ti parìa! Gira.. . gira..  a faffalla nta lumera! A cuppa è a mei.. na cosa nova! (ironico) Chista propriu non m'aspittava! Mi mancava! (ironico) Uhh.. assai mi mancava!

NINITTA, Tano.. jò vinni ccà mi ti dicu chi tu ha truvari na soluzioni! Picchì a mia.. unni sugnu... m'arrivinu brutti sinsazioni!

TANO, Jò? Non haju chi fari.. jò! Facisti na vinuta inutili! (breve pausa) E poi jò .. mischinu i mia...chi avrissi fari.. dopu chi.. tu... spasciasti tutta l'opira? E poi mi veni a ciccari na soluzioni a mia... e ora? Picchì non ci pinsavi prima mi cummini guai? E ora teniti i brutti sinsazioni! Non haju mi ti fazzu!

NINITTA, Vidi chi si sbagghiatu! Jò...  non ni cumminai guai!

TANO, (ironico) Nooo! Picca! (pausa)  Ora jò dicu... cu tutti i matrimoni boni chi putiinu aviri.. dda c'erinu ddi Umbettu e Robettu.. u finanzieri e chiddu du ristoranti...  tu.. ci mprusasti sti ddu sciagurati chi poi non è chi faciinu stu gran misteri.. operai nta na fabbrica erinu! E ora poi non sapemu mancu  unni si mmucciaru!  (pausa)  A propositu.. ma tu.. non è chi ni sai nenti di unni su? Di unni si zziccaru? Fai cacchi cosa i bonu.. così non fu inutili a to vinuta!

NINITTA, Di chistu... non pozzu parrari!

TANO, Na cosa bona putivi diri.. no! I cosi babbi .. si! (a parte, riflette sulle parole di Ninitta)  I me figghi  su tristi! Ci voli l'obbu pi nduvinari a vintura! Una cianci da matina a sira.. l'autra.. pi non dari saziu...  cunta palli peggiu i Pinocchiu!

NINITTA, Non pozzu ntromettimi nte piani... già predisposti!

TANO, E allura cc√† chi voi? Non c'√® autru i diri! Ti nni poi annari! Comi vinisti... ti nni poi annari! (pausa, poi ci ripensa) Ma vaja.. Ninitta... dimmilla cacchi cosa! Un indizieddu .. picciriddu picciriddu.. chi ni po' jutari! (Ninitta comincia a titubare) ¬†Fallu nu sfozziceddu! Chi ti custa!? Fallu pi mia! (Ninitta tentenna) E si no voi fari pi mia...fallu pi to figghi! Si preoccupata, no? Si no non vinivi cc√†! Fai a brava.. chi poi ni trovi beneficiu puru tu chi cos√¨ non hai cchi√Ļ brutti sinsazioni! (Ninitta comincia a cedere) A vaja.. chi nfunnu nfunnu.. nu cori l'hai! (a parte) Ammenu pensu! Nfunnu assai assai.. fossi cacchi cosa si trova!!

NINITTA, (risentita ma non troppo) Vadda chi ti sintìa! Nui autri animi tutti cosi sintemu! Sintemu cu i sinsazioni e puru chi ricchi!

TANO, E allura... nescilu o laggu stu cori.. fozza … fallu stu beni! Mettila na bona parola .. ddocu.. cu cu è di competenza! E vidi chiddu chi mi poi diri di utili!

NINITTA, (tentenna ancora un po', poi) E va beni... va beni... spetta! Dumannu! Ma non ti prumettu nenti! (si concentra, come per comunicare con qualcuno telepaticamente; a soggetto, rendere la scena comica ed esagerata)

TANO, Idda avi i mezzi pi truvari rimediu pi sta situazioni e veni e ma cianci a mia! Ma j√≤ no capisciu comi ragiuna! (si volta per guardarla) ¬†Maria .. ma chi sta facennu? Oh.. non √® chi mi mori cc√† n'autra vota? Ninitta? Oh.. ripigghiti! Matri.. mi staju scantannu! Maaa.. ancora j√≤.. non √® caputu na cosa... ma chista unni annau a finiri? Non √® chi si sta cumputtannu tantu comi n'anima... celestiali! (spaventato) Ihhh! E si si annau a finiri... (intendendo all'inferno indica col dito gi√Ļ)... No .. chi dici Tano.. era si tinta... ma non di miritari ‚Ķ. (riindica gi√Ļ)...

NINITTA,(all'improvviso si blocca, alza le mani al cielo e solenne) Capìa!

TANO, (imitandola e rincuorato ) No... all'aria i azzau i brazza! Cu cielu parra!

NINITTA, (solenne) Sulu na parola.. cauddu!

TANO, (attonito ripete) Cauddu!? (pausa, poi ironico) Assai mi dicisti! (pausa) Comunqui... a stu puntu... polo noddi e polo ¬†sudddi... ¬†i putemu escludiri! Dd√†.. di sicuru non ci su! Cauddu.. dd√†.. non n'avi! (riflette e preoccupato) E si inveci foru iddi chi si nn'annaru o .. (dito gi√Ļ) o .. cauddu?

NINITTA, (rilassandosi dopo lo sforzo) Non ti pozzu diri autru.. a linia era distubbata! Troppu eneggia negativa!

TANO,  (a parte) A soi.. a mei no! Unni sugnu negativu jò?! (a Ninitta) E va beni.. nu facemu bastari! Cacchi cosa a facemu nesciri!

NINITTA, (come se fosse stata chiamata) Tano.. u me tempu scad√¨u.. non pozzu stari cchi√Ļ! Ora apri l'occhi e vidi chiddu chi fai! (si alza) Ora √® tutti cosi nte to mani!

TANO, ¬†E ch'√® fari? Intantu.. mi finisciu a dummuta chi tu mi ntirrumpisti .. digirisciu... e poi si vidi! Ora veni puru st'autru cosu.. comi si chiama.. chiddu cu nasu va! E unni spunta si punta! Ci√Ļ dicu a iddu stu fattu du cauddu e videmu! Tu sta storia a mittisti nte me mani e j√≤ ci√† passu a iddu ! In ogni casu.. cauddu.. mi pari picchitta! (si rimette sulla poltrona)

NINITTA,  Ora mi nni vaju! Mi raccumannu.. a pecura o lupu! (e piano va via da dove è venuta)

TANO, Oh.. spetta.. quali pecura e quali  lupu?! Oh! Veni ccà.. vidi si si libirau a linia.. parra n'autra vota.. fatti diri autru. ou... non ti nn'annari... du paroli.. tri paroli.. sunnu megghiu i una!  (richiude gli occhi per ritornare a dormire e parla nel sonno e chiama forte) .. Ninitta... Ninitta... tonna ccà! Ninitta! Ninitta... Ninitta!

Scena 2a (Tano, Natalina, Pasqualina) + Scena 2b  (Tano, Natalina, Pasqualina, Ninitta)

(entrano Natalina e Pasqualina perchè sentono il padre chiamare)

PASQUALINA, (seguita dalla sorella, comincia a strattonare il padre) Papà.. papà.. chi c'è?

TANO, (si sveglia di soprassalto) Cu è.. cu è? Chi fu?

PASQUALINA, Papà... chi c'è? Gridavi nto sonnu!

NATALINA, Ni facisti scantari!

TANO, Ah si? E chi dicìa?

PASQUALINA, Chissacciu.. parìa chi chiamavi a mamma!

NATALINA, Si.. eri tuttu scantatu!

TANO, E allura.. nu incubu appa essiri! Cu Ninitta non è chi ti poi spittari caramelli!

 

Nella versione con Ninitta

NINITTA, (che eventualmente si può fare scendere nel pubblico, ascolta e sta attenta a quello che dice il marito) Si.. picchì jò mi spettu i tia... i caramelli! Vinni si unni i tia... ma chi mi pozzu spittari? Nenti i sicuru!

PASQUALINA, E chi facìa a mamma nta stu.. incubu?

TANO, (perplesso) Chi facìa to matri? E chi nni sacciu jò?

NATALINA, Comi: chi  nni sacciu jò? .. Ti dicìa cacchi cosa? Tu ricoddi?

TANO, (confuso) Jò? Nenti mi ricoddu jò!

NINITTA, Eccu! A postu semu! U dissi jò! A unni unu bonu annai! Ciatu pessu e fatica cassariata!

PASQUALINA, E' sempri così.. i sonni unu non si ricodda mai!

TANO,  E menu mali! Non mi bastau chi mi ntossicau u sonnu? Puru a junnata?

NINITTA,  Complimenti.. belli considerazioni chi fai!

NATALINA,  E si a mamma ti vulìa diri cacchi cosa d'impottanti? Sai.. i motti.. nto sonnu.. di solitu.. veninu pi cacchi motiu!

TANO, (stupito) To matri? E c'ava diri chidda? Chi putìa diri? Non ava mai dittu na cosa ritta nta so vita! Figuramunni na cosa impottanti! Vinni mi mi rumpi a testa! Avia assai chi no facia! Sintia a nostalgia!

NINITTA,  Cu parrau m'arricriau!

NATALINA, Tu ripetu .. i motti.. non è chi veninu nte sonni .. cusì.. pi casu! Si veninu.. cacchi motivu ci ava essiri! Pensici!

NINITTA,  Brava! Figghia ntilligenti!

TANO, Chiddu mi mi spascia u sonnu non ti basta?

NINITTA,  E maritu scunchiudutu!

TANO, (comincia a soffiarsi) Sacciu sulu chi aju nu cauddu! Sentu.. nu cauddu stranu! Curiusu assai! (Soffiandosi forte, fare una scena esagerata e anche comica, a soggetto) Maria.. moru.. staju murennu! Nto'n funnu crematoriu sugnu! Squagghiu! Nu pezzu d'acqua sugnu! Matri.. ma picchì tuttu stu cauddu?

NINITTA,¬† (infastidendosi) Tano... u cauddu ti ll'avivi ricuddari.. no sentiri! Sciccuni! U pezzu d'acqua tu dar√¨a nta testa! Quantu mi nni vaju.. vah! Chi √® megghiu! Fatica spricata! A unu bonu ciu dissi... ci cunsignai a tila a lucetta! Me maritu? ¬†Stottu era e stottu ristau! J√≤... non haju cchi√Ļ mi ci fazzu! Si √® rimbamminutu.. j√≤.. non haju nenti i fari! Non haju mi speru d'iddu! Amara pi ddi poviri figghi mei! (e mentre va via, sempre dal pubblico) Poi dici picch√¨ cumannava j√≤! Ma chi av√¨a fari iddu.. non c'√® nenti i pigghiari! Nenti!! Fumu... fumu... sulu fumu! (se si vuole coinvolgere il pubblico, Ninitta pu√≤ chiedere alle spettatrici: Tu na pensi comi a mia? Dimmillu.. Ninitta hai ragiuni tu! - e cose del genere, a soggetto ‚Äď poi) Mi nni vaju.. mi nni ritonnu nta santa paci! Arrivedecci a tutti! Ora vogghiu vidiri chi cummina.. comi a risovvi sta maredda!

TANO, C'è cacchi cosa chi non mi cunvinci... stu cauddu tuttu nta na vota?

NATALINA, E si è a mamma chi ti voli diri cacchi cosa?

TANO, Cu Ninitta? Ma chi dici..  ancora nsisti cu sta storia? Chi m'ava diri? E poi si mi vulìa diri cosa … ma dicìa … non chi mi facia ssimpicari du cauddu! Attrova figghia... mi potti fari mali cacchi cosa.. na botta i prissioni jauta!

PASQUALINA, E cettu.. tu dicu sempri jò... tu vinu non n'à biviri!!!!! Ti fa mali! U vidi? Ti fa veniri l'incubi... ti fa parrari nto sonnu.. e ti fa sentiri cauddu!

NATALINA, Mah! Saravi u vinu comi dici tu.. ma jò restu di ll'opinioni chi  fu a mammitta!

TANO, E comi no... non mi po' tuzzuliari cchi√Ļ picch√¨ oramai (ironico) ‚Ķ canciau.. strada... e sa scunta facennumi sentiri caudddu! Ma va leviti va! Videmu chiddu c'ama fari! Tantu oramai u sonnu u pidd√¨a.. sugnu svigghiu i tuttu!

NATALINA, Si videmu chiddu c'ama fari.. facemu cacchi cosa mi mi tegnu occupata picchì sugnu...  in ansia!  (sospira)

PASQUALINA, Già.. a mumenti arriva u detectìvi! Mi raccumannu... faciti parrari a mia!

TANO, E cu ciata!

NATALINA, Si.. si... parra tu.. picchì (ricomincia a piagnucolare) .. si parru jò... si a storia.. l'è cuntari jò...  a mia... mi veni i cianciri!! (e piange forte al solito)

PASQUALINA,  A sirena pattìu.. n'autra vota!

TANO, ( a parte, infastidito per il pianto) Maria.. megghiu i pallunarii di Pascalina chi a sirena di Natalina! (A Natalina che sta continuando a piangere) E stutila sta sirena!! E cammiti!

NATALINA, (si calma) Vu dissi... sugnu in ansia.. (comincia a piagnucolare) e quannu sugnu in ansia...

PASQUALINA/TANO, (la interrompono e in coro la imitano) Mi veni i cianciri!!! (con tanto di sirena finale)

NATALINA, (seria, senza piangere, dopo che loro hanno smesso) Ma chi faciti? Pigghiati pu culu?

PASQUALINA/TANO, (ironici) Nui? Quannu mai!!

NATALINA, (innervosita) Va beni... vaju a vaddari da finestra .. così mi distraju e vaddu quannu arriva u detectìvi! (va avanti e al centro sulla scena, guardando verso il pubblico come se lì ci fosse una finestra)

TANO,  Vvisinni quannu arriva! L'ama fari rrivari ccà... in silenziu!

NATALINA, Si.. cettu! (breve pausa in cui guarda fuori, agitata) Ancora nuddu arriva!

PASQUALINA, Abbi pacenza.. ora spunta!

NATALINA, (passa pochissimo in cui lei continua a guardare fuori, magari strofinandosi le mani per il nervosismo) Jò ccà nuddu vidu!

TANO, (magari rivolto al pubblico, come battuta fuori dal contesto) E chi vuliti fari? Vui autri ddocu ssittati non cuntati!

PASQUALINA, A soru.. ti voi cammari? Chi mi stai facennu... friiri … puru  a mia!

TANO, Rilassativi... a frittura fa mali! Fa nchianari u polistirolu!

Scena 3 (Tano, Natalina, Pasqualina, Gervaso, Felicetto)

(a questo punto dal pubblico spunta Gervaso, ¬†con una cartina in una mano che non riesce a guardare bene perch√® ha una valigetta nell'altra mano, che comincia a chiedere in giro, a pi√Ļ persone man mano che si avvicina, in modo molto rumoroso)

GERVASO, Scusati...  scusati.. haju bisognu di n'infommazioni... mi sapiti indicari a via... ? (dire la via che si è utilizzata prima)

NATALINA, (eccitata)  Mi pari a mia chi vidu cacchidunu stranu!

PASQUALINA/TANO, (avvicinandosi a Natalina) Veru? Videmu.. videmu!

NATALINA, (a Pasqualina) Chi dici.. iddu è?

PASQUALINA,  Ma chi nni sacciu jò! Ora videmu! Scutamu e capemu!

NATALINA, U sacciu j√≤ comi ama fari pi capiri! Ci vaddamu u nasu! ‚ÄúGervaso.. il detect√¨vi col naso!‚ÄĚ.. si ll'avi.. √® iddu.. si non l'avi.. non √® iddu!

PASQUALINA, (spazientendosi ) Oh Natalina... ma tu l'ha vistu mai cacchidunu senza nasu?

NATALINA, (ingenua) No... veru è! E allura comi facemu?

PASQUALINA, A soru... stattiti muta chi è megghiu! E fammi capiri a mia chi sugnu cosa!

GERVASO, (nel frattempo, magari rigirando la cartina in mano, lo chiede a pi√Ļ persone, magari ringrazia ciascuno) Ci√Ļ dumannu puru a lei.. pi sicurezza... tanti sbagghinu o si passinu u tempu a pigghiari in giru... a via... unn'√®? (magari qualcuno gli risponde che √® questa) Ah chista √®?¬† Menu mali ci nzittai!

PASQUALINA, (poi preoccupata) Vadda a chistu!..  Sta dumannannu paru paru .. a tutti chiddi chi vidi!  E menu mali chi avìa abbondari ca pravasi! C'avìa veniri mutu mutu! Ccà pari chi sta banniannu i pisci! 

NATALINA, E ora nui chi ci cuntamu e cristiani? Attrova chiddu chi ponnu diri supa a chistu chi cecca a nostra via! ?!  Pasqualina a soru... chi facemu?

PASQUALINA, Cacchi cosa na vintamu.. non ti  n'incaricari! E poi a via sta ciccannu.. e nta sta via mica stamu sulu nui?

NATALINA, Chistu veru è!

(tra il pubblico fare sedere anche Felicetto.. Gervaso andrà giusto da lui a chiedere)

GERVASO, (scorgendo Felicetto)  Lei avi na facci simpatica e  intelligenti.. sta dumanna cià fazzu puru a lei.. mi sapi diri unni è a via... ? Mi dissinu chi chista è! Veru è? Megghiu essiri strasicuri!

FELICETTO, (scatta in piedi come una molla e come al solito avvicinandosi di molto al volto) A cu cecca?

GERVASO, (si spaventa) O Ges√Ļ Ges√Ļ Ges√Ļ! Accuss√¨ siccu ci restu! (nel caso in cui l'attore fosse un po' in carne, toccandosi il fisico: Cettu na para i chila in menu, mali non mi fariinu!) E mi rimanciu i paroli! Nenti simpaticu e intelligenti!

FELICETTO, (puntando il dito al solito negli occhi, magari colpendo la cartina e sbattendola in faccia a Gervaso) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

GERVASO, (si spaventa di nuovo e spostandosi dalla faccia la cartina) Madunnuzza bedda! Figghiu.. ma chi mi voi mottu? Du infatti nto'n minutu.. motti sicura è! (continuano in silenzio Gervaso a riaversi e Felicetto continua a tenerlo d'occhio, mentre)

NATALINA, (inquieta)  O mali pi nui...  ddu cosa fitusa di Felicettu c'è! Giustu giustu a iddu avìa ncuntrari? Ora mi staju agitannu assai.. (le viene da piagnucolare) … mi staju llammannu... mi sta vinennu l'ansia... e si mi veni l'ansia....

PASQUALINA/TANO, (la interrompono e in coro la imitano) Mi veni i cianciri!!! (con tanto di sirena finale)

NATALINA, (piangendo a sirena) Aviti ragiuni!

TANO, Figghia finiscila.. chi a batteria ti levu! (Natalina si calma, e tutte e tre tornano a guardare dalla finestra)

FELICETTO, (a Gervaso) A cu stai ciccannu?

GERVASO,  Veramenti.. no sacciu! Jò cu na fimmina parrai! Quindi na fimmina di sicuru ceccu! E na fimmina chi sta nta sta via!

FELICETTO, Me soru... fimmina è! E sta nta sta via!

GERVASO, E menu mali chi to... soru... non è masculu! E chi to frati non è fimmina!

FELICETTO, Non n'haju frati fimmini! E mancu soru masculi! Sulu na soru fimmina!

GERVASO, E megghiu pi tia!

FELICETTO, Ti pottu unni me soru fimmina! Ti piaci?

PASQUALINA/TANO/NATALINA, (in coro) Quali Fulippa? Iddu pacciu è!

NATALINA,  Ruvinati semu!

PASQUALINA, ¬†Ora ma vidu j√≤! (tipo affacciandosi di pi√Ļ dalla finestra si rivolge a Gervaso) ¬†Mi scusasse... a lei.. a lei.. dicu a lei!!

GERVASO, (attratto dalla chiamata, prima si guarda in giro e a qualcuno del pubblico a lui vicino)  A lei sta chiamannu? (ovviamente lo spettatore dirà di no) No? Allura l'avi cu mia? (poi rivolto a Pasqualina) Cu mia parra?

PASQUALINA, Si.. si.. cu lei.. cu lei! Vinissi ccà!

GERVASO, (a Felicetto) Cu è … to soru fimmina?

FELICETTO, Nzu!

GERVASO,  (forte) Ma mi dicissi na cosa.. jò cu lei parrai pi telefunu?

PASQUALINA,  Si.. .. cu mia parrò... vinissi ccà.. ma nenti buci pi cottesia! E non mpizzassi i manifesti!

GERVASO, (a Felicetto)  Avanti.. ccumpagnimi tu!

FELICETTO, Si... ma … (avvicinandosi di botto come al solito al viso di Gervaso) … ti tegnu d'occhiu!

GERVASO,¬† (stavolta scansandolo) Ahh... non mi freghi cchi√Ļ! J√≤.. non mi fazzu teniri d'occhiu tantu facilmenti! Picch√¨ di solitu... u fazzu j√≤!

FELICETTO, (arrabbiandosi e pestando i piedi ) Jò tegnu d'occhiu... tegnu d'occhiu... tegnu d'occhiu... tegnu d'occhiu... tegnu d'occhiu...   no tu.. no tu .. no tu!

PASQUALINA,  (interrompendolo urlando forte) Felicetto... finiscila i fari u pacciu e  fila pa casa... e non ci voli autru!

GERVASO, (tappandosi le orecchie per le urla di Pasqualina, al pubblico) Ed era jò  chiddu chi non avìa mpizzari i manifesti! (poi a Felicetto) Bonu... senza mi ti siddii.. ti fazzu cuntentu …. tenimi d'occhiu tu!! (vanno verso il palcoscenico, mentre magari Felicetto fa capire a Pasqualina che la tiene d'occhio)

PASQUALINA , (a Felicetto) E vaddimi.. vaddimi.. chi t'è diri! (poi a parte) Ora videmu chi pisci pigghiamu cu chistu!

(Felicetto e Gervaso entrano nelle quinte)

Scena 4 (Tano, Natalina, Pasqualina)

TANO, Saddi..  ancioi.. opi... trigghi... sciobbacheddu.... tutti i pigghiamu! Na bedda frittura (i paranza)  facemu! (piano per non farsi sentire) E magari ci vaddamu prima nta panza.. ommi ci truvamu Turiddu e Sariddu!

NATALINA, A mia veramenti.. mi nna basta sulu dui! E su ddu beddi pisci rossi! I nostri Sariddu e Turiddu! (pausa) Matri! Agitata sugnu! Emozionata!

PASQUALINA, Basta chi non ti metti a chianciri.. mi raccumannu.. i rubinetti... tenili chiusi!

NATALINA,  Non ti nn'incaricari! Mi sentu ccà.. (indica il cuore) chi chistu mi trova u me Sariddu! (esce dalla tasca la solita foto e la bacia e poi la lucida e alla foto) Beddu du me cori... prestu ni videmu! Ti savvamu nui! (alla sorella) E puru a Turiddu savvamu!

PASQUALINA,  E speriamu! (poi va alla porta mentre Natalina ancora stringe sognante la foto)

Scena 5 (Tano, Natalina)

TANO,(a parte) Sempri si iddi vonnu essiri savvati! (Poi) Maria.. chi cauddu sentu! Ma chi mi pigghiau stajunnata? (si soffia)  A vicchiaia ava essiri!

NATALINA, (parla alla foto) Stai tranquillo.. amore mio... chi ora arriva to mugghieri e ti risovvi tuuuuutti i cosi!

TANO, (a parte) Supermen arrivò! In gonnella!!

NATALINA, Non ci fa nenti si nta sti misi non truvasti n'autru travagghiu.. chi non divintasti riccu pi comi tu tu nzunnavi!

TANO, (a parte) Rittu rittu a iddu spittaunu.. i ricchizzi!

NATALINA, A mia chistu non mi nteressa! Jò vogghiu sulu a tia! Jò ora vegnu unni si si e ti ripottu a casa.. cacchi cosa a facemu ccà.. ni rranciamu! Jò non ni vogghiu lussi!

TANO, (a parte, finto sognante a mò di presa in giro) Du cori e na capanna! Chi poi a capanna è a me casa!

NATALINA, Ci vulisti pruvari.. e va bè! A chiddu chi fu fu... ora basta! Ora ti rrricogghi pa casa! Ccà cu mia è u to postu! To liggittima mugghieri ed è to doveri.. amammi.. onorammi e rispittammi...

TANO,  (a parte) E giungiu jò.. campatti! Chi ora mi ristastu tutti i dui a caricu da me pinsioni!

NATALINA, I vicinu e i  prisenza però.. no i luntanu... finchè motti non ci separi! (ribacia la foto. Ci ripensa, si oscura, comincia a piagnucolare) E si... e si... e si a motti... già … pruvvidìu e ni.. separau.. i tuttu? (al solito a sirena) .. jò comi fazzu???

TANO, (a parte, imitando il suo tono lamentoso) Comi ficiru u ntichi.. si livaru a panza e si lassaru

i biddichi!

Scena 6 (Tano, Natalina, Pasqualina, Gervaso)

PASQUALINA, (che sta entrando con Gervaso, rimprovera la sorella) Natalina... c'è genti! Chi ti dissi cincu minuti fa?

NATALINA,  (trasale, si asciuga frettolosamente le lacrime ) Di non cianciri.. di non cianciri!!(quindi si scusa) Ahhhh... (con sorriso stile ebete) eh.. eh..eh.. bongionnu! M 'ava scusari.. era nu mumentu.. i scuramentu! Ogni tantu mi capita!

TANO,  (a parte, esasperato) Ogni tantu e sempri!

NATALINA, (si avvicina e osserva Gervaso,  fissandogli  il naso ) Veru è... l'avi.. l'avi.. ed è puru normali! E jò chi mi pinsava cusapi chi!

GERVASO,  (perplesso) Cosa avrei  io di... normale?

PASQUALINA,¬† (infastidita per la frase della sorella, si scusa) Nenti.. non ci facissi casu! Na pigghiassi in considerazioni! E' u scuramentu chi a fa parrari! (A Natalina) E ora muta.. studduta ‚Ķ chi fai cchi√Ļ figura tu.. e puru j√≤! (a Gervaso) Ma non ristassi addritta signor Gervaso.. prego.. si accomodasse.. si assittassi!

(ma vengono interrotti dal campanello)

PASQUALINA,  Oh mali pi nui! E ora cu è?

NATALINA, Maria! E ora chi dicemu?

PASQUALINA, (alla sorella) Tu muta... ma vidu jò! (a Gervaso)  Mi scusasse... mi lo liquido in quattro e quattr'otto a questo camurrìa!

GERVASO, Faccia con comodo! Liquidi.. liquidi pure!

(Pasqualina va quindi ad aprire, ma spunta  improvviso  Felicetto che scappa alle sue attenzioni)

PASQUALINA, (voce da fuori campo, spaventata dalla fulmineità di Felicetto) Maria cu fu stu ventu?

Scena 7 (Tano, Natalina, Pasqualina, Gervaso, Felicetto)

FELICETTO,  (  di corsa entra in scena e si piazza davanti a Gervaso) Vidi chi ti tegnu d'occhiu!

GERVASO, (  colpito all'occhio, se lo tiene per il dolore)  Fitusazzu! L'occhiu mi scippasti! Mi frigasti n'autra vota!

TANO, (a parte)   Oh Felicetto! Accussì diventa Gevvaso il detectìvi col naso ma senza n'occhiu!

PASQUALINA,  (correndo dietro a Felicetto e rimproverando) Felicetto.. tu si? Ma non t'avia dittu mi ti nn'annavi pa casa? Chi fai? Non senti?

FELICETTO, A casa a cu tegnu d'occhiu?

PASQUALINA, A to soru!

TANO, O figghia.. si vadda a so soru.. si senti mali! Poi ci veni a voglia mi si scippa l'occhi sulu! Occhi non vidi , cori non doli! Eh!

FELICETTO, Jò a iddu vogghiu teniri d'occhiu! (e col dito lo punta sull'occhio di Gervaso)

PASQUALINA, E picchì? Chi simpatia ti fici?

FELICETTO, (toccandosi il naso) Sentu ciauru!

PASQUALINA/NATALINA, I chi?

FELICETTO, I detectìvi! Chiddi chi mi piacinu a mia!

PASQUALINA, (piano a Natalina) Non fari nenti chi nenti si sapi!

NATALINA,  (piano alla sorella) E ora chi facemu? Chistu ni spubbrica ora!

GERVASO,  In effetti.. caro giovanotto... l'occhi i scippi... ancora mi doli, ah?... ma u nasu.. l'hai bonu puru tu!

(Felicetto comincia allora a guardarlo da vicino, a scrutarlo tutto, magari anche ad odorarlo)

GERVASO,  Ma chi fai? Mi ciaurii?

FELICETTO, Felicettu non sbagghia.. non sbagghia! Jò.. detectìvi.. puru!

GERVASO, Ma chi mi voi fari … concorrenza?

(comincia quindi una sorta di balletto, magari con una musica di sottofondo, in cui Felicetto continua ad osservare Gervaso e tenerlo d'occhio, si studiano mentre girano e Gervaso, all'inizio √® un po' stranito dal suo comportamento poi si fa sempre pi√Ļ collaborativo, il balletto quindi inizialmente lento poi si velocizza.. tipo un paso doble ‚Äď corrida x intenderci - .. renderlo ovviamente comico... mentre magari gli altri finisco per fare il ritmo con le mani... non guasterebbe un ol√® finale! Terminato il balletto....)

FELICETTO,  Ti tegnu d'occhiu! (ed esce fulmineamente di scena)

Scena 8 (Tano, Natalina, Pasqualina, Gervaso)

PASQUALINA, (ad un Gervaso perplesso) M'ava scusari signor Gevvaso.... ma chi voli fari... tutti l'avemu na mola fracida nto quatteri.. e lei canusc√¨u a nostra! In effetti n'avemu cchi√Ļ di una... na dintera para fracida avemu.. m'ava cridiri!

NATALINA,  Si.. veru è! Oltri a Felicetto avemu.. so soru Fulippa.. chi teni a bannera... poi ci su... Rosaliedda lingua bedda... Tirisina a funnara chi nfunna pani e cuttigghi... Assuntina fobbici d'oru... Giuvanninu u scapparu chi conza scappi e sconza a tutti! Puru i masculi.. linguti puru iddi.. mi ci pari! E poi...

PASQUALINA, (la interrompe) E basta a soru... l'elencu longu assai è! Chiddu du telefunu... in confrontu .. a dieta fici!  E  lassamu peddiri.... (a Gervaso) e lei... lei non l'avi una.. i mola fracida.. unni sta?

GERVASO, Si... come no!  N'avi cariati.. sputtusati uhhh.. i tutti i culuri! Ogni munnu ... è paisi!

PASQUALINA, Paroli santi.. paroli santi! Ma s'accommidassi.. s'accommidassi! Non ristassi addritta!

GERVASO, (accomodandosi su una sedia) Grazie! (poggia la valigetta sul tavolo, si siedono tutti, poi come se si concentrasse) Bene...  tolti i convenevoli... adesso sono pronto.... a vestire  i panni professionali del detective Gervaso, il detective col naso!

NATALINA,  (ingenua) C'ava fari? S'ava vestiri? Ma picchì? Mica è nudu!! Jò già vistutu u vidu!

PASQUALINA, (in tono di rimprovero) Natalina... u signor Gervasu.. metaforicu fu!

TANO, (a parte) E ccà c'è u tezzu.. mità dintra e mità fora! Tutti sani.. mai! A menzu a menzu veninu!

PASQUALINA, (a Gervaso) Non ci facissu casu a me soru... è un pochiceddu così... (come se non si sapesse spiegare ma intendendo quello che sta per dire , a parte, Gervaso)

GERVASO,  (in confidenza a Pasqualina) Cadutedda da naca!  Mi nn'avìa ccuggiutu! (Pasqualina fa spallucce per dire: pazienza!) Va bene... passiamo ai fatti! Prego... esponetemi il problema!

NATALINA,¬† J√≤ nta matematica non annava tanta bona! I problemi ne sacciu esporri e mancu ¬†fari! Parra me soru.. chi √® cchi√Ļ brava! Idda √® espetta... nta pi√Ļ.. nta menu.. nta divisu.. nta per...

TANO, (a parte) Nta per poi.. ni moltiplica di fissarii!! Uhh!

GERVASO, (a parte) Speriamu!

TANO, (a parte) E infatti priparamunni a na looonga serii di palli... palluni e puru mongolfieri! (Si mette in ascolto) Sugnu propriu curiusu!

PASQUALINA, Sta beni! Allura....  il nostro problema è.. trovare! (si ferma, pausa)

GERVASO, (per qualche secondo attende il continuo della storia, poi) Ok.. è il mio campo.. trovare .. ma cosa.. dovrei... trovare? (riflettendo e puntualizzando) Non mi diciti.. cani .. jatti.. cunigghi... criceti... canari... pappajaddi... e nnimali vari smarriti.. chi non ni vogghiu sapiri! Ah?! Sugnu alleggicu! Poi non mi parrati di seppenti.. longhi.. cutti.. sicchi e rossi... i dudda manera chi mi scantu.. va beni? Patti chiari amicizia longa!

PASQUALINA, Chi sta dicennu? Quali nnimali! Cu parrau di nnimali!?

GERVASO, No picchì na vota mi desinu i truvari du jatti c'aviinu nu pilu longu i ccà a ddà'n'facci chi mi ficinu stranutari pi deci jonna! Mittennumi supra i so tracci u nasu... accussì mi divintò!(indica un naso enorme)

TANO, (a parte) E chi era cani i caccia?! Ciauriannu.. ciauriannu sa fici?

NATALINA, (A parte) E picch√¨ √® ‚ÄúGevvaso, il detect√¨vi con il naso!‚ÄĚ.. si non l'av√¨a.. u nasu... problemi... non ci nni vin√¨a! Eh!

PASQUALINA, (che l'ha sentita, la guarda con gli occhi storti)

GERVASO,  O di quannu nu tiziu mi dissi chi vulia ciccatu u so boa costrittor  chi ci avia scappatu! Autru chi boa e savvagenti.. cussi chi fici! Chi poi ci niscìu du cessu mentri stava facennu chiddu .. insomma... chiddu chi stava facennu! M'avissi mattuttu a mia.. n'infattu mi vinìa! E di tannu … fici cruci e nuci! Basta nnimali! Puru si c'è crisi.. nenti nnimali! Sulu cristiani!

PASQUALINA,  Quali nnimali! Tutti cosi lei dissi! Cristiani... cristiani ciccamu!

TANO, (a parte) Mah! Jò cacchi dubbiu l'avrissi.. si ddi dui sunnu viramenti cristiani.. (a mezza voce)... o nnimali! E jò.. a iddi.. na picchicedda alleggicu c'era!

GERVASO,  Allura putemu proseguiri! Sono tutto orecchie!

NATALINA, (ingenua) Mih! Non ci bastava u nasu.. puru tuttu ricchi è! Ma unni l'avi mmucciati?

PASQUALINA,  (rimproverando la sorella) Natalina! (poi a Gervaso) Dunqui... nui ciccamu... cristiani.. pa precisioni... mariti!

GERVASO, Mariti?Ma allura sbagghiastu! Vu dissi già pi telefunu.. non sugnu nu paraninfu!! (breve pausa) A massimu.. posso fare.. (schiarendosi la voce per prepararsi all'effetto, si alza ) ... l'accompagnatore! (mentre Pasqualina e Natalina lo guardano allibite) Che so.. per esempio... dovete andare a una festa.. a teatro.. ad una cena di gala...  a una grande  soirée... e vi serve.. un bel .. (mostrandosi)... maschione.. un bel esemplare di uomo latino da mettere in mostra? Eccomi.. sono pronto! E non sono neanche tanto esoso!

PASQUALINA, (sbalordita dopo una breve pausa in cui guarda ancora a bocca aperta) Ma quali paraninfu.. quali maschioni... quali masculu latinu!¬† Ma pi cu ni pigghiau? A patti chi nui mancu annamu o tiatru.. e e ¬†festi ! E i ceni i gala i facemu ca pastina cu fummagginu ¬†e cucchiti... e quali gran sor√®... i soru ranni ci bastu j√≤! Ma ci√Ļ dissi.. nui.. fimmini onesti semu.. e... dico... e dico... ¬†(sillabando per sottolineare) ... ma-ri-ta-te!

GERVASO, E allura.. m'aviti scusari...  picchì ni ciccati autri.. mariti?

PASQUALINA, (alterata) Ma cu ni cecca autri.. nui vulemu i nostri.. mariti!

GERVASO, E pigghiativilli allura.. cu vi tocca?!

NATALINA, (alla sorella, piano) Chistu aviravi  puru u nasu.. e  i ricchi... ma.. u ciriveddu... mica tantu!

PASQUALINA, (in risposta alla sorella, sempre piano) Stavota... a soru... ti dugnu ragiuni!

NATALINA, (alla sorella, piano) E mi dugni ragiuni o fattu chi fossi u to iditu si sbagghiau? Chistu mi pari .. scassuliddu!

PASQUALINA, (in risposta alla sorella, sempre piano) Donna di poca fedi.. dacci tempu! Ancora aviravi carburari!

PASQUALINA, (infastidita cerca di spiegare) Signor Gervaso.. scutassi...  sintissi a mia... si i nostri mariti l'aviimu ccà.. chiamaumu a lei?

GERVASO, (come illuminato) Ahhh.. le pecorelle smarrite allora sono loro?

TANO, (A parte) U dissi jò chi erinu nnimali! Però.. autru chi pecureddi.. pecuruni!!!

PASQUALINA, Ohhh! Ora ni capemmu! (a parte) Caduteddu da naca puru iddu però!

NATALINA, (ricominciando a piagnucolare e stropicciando il solito fazzoletto e col solito tono lamentoso) Si.. si.. avi ddu misi … chi si smarreru.. i nostri mariti!! (Pasqualina la guarda con gli occhi storti)

GERVASO, (quasi soddisfatto) Bene.. bene!

PASQUALINA, (perplessa) Beni beni.. chi cosa? Ma vadda a chistu!

NATALINA, Ma lei chi fa.. ci godi.... (solito tono lamentoso) .. di nostri disgrazi???

PASQUALINA, (a parte) A soru.. na disgrazia si tu … cu stu picciu!

GERVASO, Non sia mai! Ho detto bene perchè l'istinto mi dice che è un caso complicato.. e tutto ciò che è complicato... mi alletta!

NATALINA, (ingenua)  Mahh!! Ci fa mali? .. s'ava  mettiri nto lettu? S'ava cuccari? Chi fa... ci veni a frevi? (Pasqualina fa una faccia stizzita)

GERVASO,(sorridendo) No... mi alletta... mi attira.. mi stuzzica.. mi affascina! Perchè a Gervaso, il detective col naso.. non scappa nulla!

TANO, (A parte) Sulu u ciriveddu ogni tantu ci scappa! Ci scappa e si fa na passiatedda! Pigghia aria.. si nni va.. ammenzu o nasu e i ricchi.. soffoca!

GERVASO,¬† Sappiate che anche lo smarrito che pi√Ļ smarrito non si pu√≤... io... lo ritrovo!

PASQUALINA, (in risposta alla sorella, sempre piano) U vidi? Dacci tempu! E u me iditu.. sta sicura... chi non sbagghia!

NATALINA, (piano)  Si u dici tu!

GERVASO,  Allora ditemi...

PASQUALINA, Vogghiu essiri sincera cu lei...

TANO, (a parte) Fossi! Sarissi a prima vota! ¬†(poi comincia a soffiarsi) Ma chi cauddu stajunnata! Ma chi √® sciroccu? E cettu... non po' essiri autru! Buuuuh... chi cauddu!!!(soffiandosi a pi√Ļ non posso ‚Äď esagerare non farebbe male) ¬†Peggiu di na fimmina in menopausa mi cumminai!

PASQUALINA, I nostri mariti... eccu.... premessu chi ni vonnu beni... ah?! … assai.... eccu... pigghiaru … na decisioni!

GERVASO, Giusto.. l'uomo deve essere deciso... fermo... volitivo!

TANO, (a parte) Volitivi.... volitivi foru! Eccomi si vularu! E attrova unni vularu! (continuando a soffiarsi sempre in modo comico)

PASQUALINA, Insomma.. dicideru di... pattiri!

GERVASO, Ah... partire! E come recita una bellissima  poesia...  (enfatico).... partire è un po' morire!

NATALINA, Pattiri.... (comincia ad intristirsi e piano piano facendo delle smorfie finisce per piangere come al solito e lagnandosi)¬† √®... √®.... √® nu po' moriri‚Ķ u sap√¨a j√≤! Attrova unni su.. motti... chi magari gi√† fetinu!!! (la solita sirena, molto pi√Ļ del solito)

PASQUALINA, Ma lei non n'avìa cuffari mi si metti a diri sta poesia!? (per consolare la sorella) Non ci pinsari a soru! Canta.. canta cu mia ! (e inizia a cantare Felicità di Albano e Romina) Felicità... è nu bicchieri i vinu cu nu paninu.. è la felicità.. felicità...felicità... canta canta.... vadda chiddu chi mi tocca fari... felicità.... felicità … (allungarla a piacimento)

NATALINA, (calmandosi canta con lei solo le ultime parole, anche se un po' titubante)... felicità...felicità...

GERVASO, Perdonatemi.. non volevo creare scompiglio! Ma a questo punto credo di aver capito.. i vostri mariti son partiti e ora non avete pi√Ļ loro notizie! Ho indovinato?

PASQUALINA, (accondiscendendo) Strinci.. strinci... sissignori... u problema  chistu è! (Natalina conferma con cenni del capo e piagnucolando in silenzio, magari strizzando il fazzoletto)

GERVASO, ¬†Non potevate trovare persona pi√Ļ esperta di me per risolvere la situazione! Perch√® Gervaso il detective col naso ha ‚Ķ intraprendenza, coraggio , sensibilit√†, ¬†capacit√† fuori dal comune .. e come un detective che si rispetti Gervaso conosce alla perfezione l'animo umano,¬† ma prima di tutto ¬†√® un amico , un consulente, uno psicologo, un confessore, un assistente sociale....

TANO, (a parte) E chi mi significa chistu? Quantu voti voli pagatu chistu pi fari tutti sti cosi? Povira pinsioni mei!! Pascalina... a prossima vota chi usi u to iditu... tu tagghiu!

GERVASO, Quindi... mi metto subito all'opera!¬† (apre la sua valigetta dove si trova il suo portatile¬† e concentrandosi comincia a digitare velocemente) Cercheremo le loro tracce e controlleremo se ci sono indizi ¬†prima di ogni cosa su tutti i social network... perch√® loro ci stanno su i social network vero? Facebook.. Twitter... loro ci stanno su Facebook e Twitter vero? Magari troviamo qualche loro selfie da cui possiamo trarre qualche indizio per le nostre indagini! Lo analizzeremo¬† zoommandolo al massimo! ¬†¬†(non d√† il tempo di rispondere ) Poi controlleremo Whatsapp... perch√® loro ci stanno su Whatsapp vero? (non d√† il tempo di rispondere a Natalina e Pasqualina che lo ascoltano sempre pi√Ļ perplesse e meravigliate) ¬†¬†¬†¬†Poi controlleremo Skype... perch√® loro ci stanno su Skype vero? Guarderemo su Messenger... perch√® loro ci stanno su Messenger vero? Controlleremo tutte le chat possibili e immaginabili....¬† chiss√† hanno chattato con qualcuno... ¬†perch√® loro ci stanno sulle chat vero? (guardando alternativamente Natalina e Pasqualina) ¬†Eh.. vero? Eh.. vero?

NATALINA,  (dopo averlo guardata stordita, così come la sorella, comincia la sua solita lagna)  Ma nui no sapemu unni stannu!!!

PASQUALINA, Ma sinnunca picchì u chiamammu? ( fra sé) Eh... poi... sti cosi ddocu.. sti maliparoli... chi su? Stu fissabuchi... stu orazappu... stu scappa... sti jatti... ddocu... chi vonnu diri? Ma chistu  chi nni sta ncucchiannu?

TANO, (a parte) Pasqualina? U iditu... scodditillu! Zac!

GERVASO, (che non  le sta ascoltando prosegue imperterrito)  Controlleremo bus .. treni.. aerei... anche gli alberghi...  magari hanno pagato con la carta di credito o il bancomat.. perchè ce l'hanno la carta di credito vero? Anche il bancomat vero?

PASQUALINA, (a bocca aperta per qualche secondo, poi a parte)   Ma nui non avemu mancu l'occhi pi cianciri!

TANO, (a parte) Tutti cosi supra i me spaddi su! Autru chi bancomattu! Banco -Tano!

GERVASO, (continua imperterrito) E il telefonino... si si... lo controlleremo col satellite... se ce l'hanno acceso.. perchè ce l'avranno acceso vero?

TANO, (a parte) Ddummatu? U focu ddumatu nui avemu!

PASQUALINA, Ma quali telefoninu e telefoninu! Ama ringraziari a Diu si avemu .. comi si chiama.. u coddilessi... picchì u pigghiammu chi punti du supemmeccatu! Si no avvimu ancora chiddu ca rotella! (imita il gesto del componimento del numero col telefono a rotella con suono onomatopeico)

GERVASO, (deluso) Quindi... neanche... computer?  Pc? Notebook? Netbook? Tablet? I-phone?

PASQUALINA, Nossignori! Quali compiuteri! E quali autri schifezzi ddocu!

GERVASO, (sempre deluso)  Ed io .. ora.. come mi muovo? (poi riilluminandosi) E se li avessero comprati dopo la partenza? (guardando illuminato alternativamente Pasqualina e Natalina)  Eh? Eh? E' possibile no?

TANO, (a parte, mentre Gervaso e le sorelle riflettono) Tutti i cosi su possibili... puru chi divintaru sceicchi .. si ficiru i soddi... e puru n'harem! (con un  gesto come per dire: quando mai!) Nz! Mi sarìa cosa soi! (poi)  Maria chi cauddu!!! Puru a mia mi pari di essiri nto desettu.. comi i sceicchi! (esagerare come al solito, magari giocare con la lingua stile cammello)  Mizzica puru siti aju..  nu cammellu mi paru! Mancu si manciai saddi salati! A lingua … llippata l'aju!  (continuare ad esagerare col caldo e con la sete) Ma chi mi mmattiu .. chi calura! Chi assura! Ma chi c'è incendiu? Buuuuuhhh!! Cosa soprannaturali pari!

GERVASO, Adesso non so proprio che fare! Sarebbe come cercare un ago in un pagliaio! Io mi sono sempre avvalso dell'uso della tecnologia! E ora che faccio? Pensa Gervaso.. pensa!¬† (riflette) E se facessimo un bel video e lo spedissimo a ‚ÄúChi l'ha visto‚ÄĚ? Eh? (riguardando alternativamente le sorelle)

PASQUALINA,  (alterata, quasi spaventata, imperativa) Noo!!! Non si nni parra propria! Chiddu campu minatu è! Bummi .. bummi scoppiriinu!!!

(si sente come se qualcuno sfondasse una porta)

PASQUALINA, (si spaventa così come tutti gli altri) Ah! A bumma! Auddocu!

(ed entrano in scena Filippa e Felicetto)

Scena 9 (Tano, Natalina, Pasqualina, Gervaso, Felicetto, Filippa)

FILIPPA, (ancora fuori scena) Unnè... unnè?  (entra e si ferma sulla porta, mentre il fratello dietro gli arriva addosso)

TANO,  Ni mancaunu sulu u babbu ca pacchiana!

FILIPPA, (guarda ammirata Gervaso, che per lo spavento si era alzato in piedi, ¬†per qualche secondo, dalla testa ai piedi pi√Ļ volte, poi) ¬†¬†Minchiuna.. chi masculuni!

GERVASO, (che si spaventa invece per la sua bruttezza) Minchiuna.. chi fitinzia!

PASQUALINA, Minchiuna... semu cunsumati!

TANO, Minchiuna chi caaaaauddu!!! Tutti i baschi mi nchianaru! (magari gira per la scena)

NATALINA, (al solito inizia a piangere) E a mia mi veni i cianciri!!! (prima piagnucola qualche secondo, poi si zittisce, e guardando tutti) … minchiuna!

FILIPPA, Mio fratello mi disse che visite c'erano! E io voglio fare gli onori del quartiere! (poi, piano piano, con movenze pseudo sexy,ovviamente ridicole,  si avvicina a Gervaso e sbattendo le ciglia suo solito) Ehi... signor mascolone … mi presento... mi chiamo Fili-pppa! (e gli sputa involontariamente in un occhio, che Gervaso, prontamente e schifato, asciuga)

FELICETTO, (si avvicina anche lui a Gervaso e col solito gesto di tenerlo d'occhio) Chista è me soru … fimmina! E a tia .. ti tegnu d'occhiu!

GERVASO, (impressionato da tanta ‚Äúbellezza‚ÄĚ) Piaceri! (a Felicetto) Maaaa... si sicuru? A mia mi pari to soru ‚Ķ masculu!

FILIPPA, (scansa il fratello da Gervaso) Va a teniri d'occhiu a cacchi autru tu! Ddà c'è Don Tanu... disoccupatu è! Tenicci l'occhiu a iddu!

TANO,   No.. jò pensionatu sugnu...  quali disoccupatu! E poi... u me occhiu.. mu tegnu sulu!

FILIPPA, (indicando Gervaso) A chistu... (sempre ostentando una sensualità inesistente, ovviamente esagerare per fare scene comiche) …ci pensu jò! U tegnu d'occhiu... jò!

(durante la scena successiva Pasqualina e Natalina avranno un atteggiamento preoccupato e commenteranno a gesti i fatti, ovviamente Natalina piagnucoler√† e Pasqualina cercher√† anche di farla smettere. Felicetto ubbidisce e va da Tano, sempre facendo il gesto di tenerlo d'occhio, ma¬†¬† quest'ultimo a gesti gli intima di star lontano, Felicetto per√≤ gli star√† sempre incollato. Tano in ogni caso continuer√† a sentir caldo, la vicinanza di Felicetto, gliene far√† sentire di pi√Ļ, ¬†e si ¬†soffier√† a pi√Ļ non posso - sempre esagerare )

GERVASO, Fossi fossi.. jò... prifirìa a iddu! (indicando Felicetto) Signor Tano.. facemu a canciu?

TANO,  I chi? Mancu mottu! Megghiu iddu! (Felicetto fa il solito gesto rischiando di fargli male e lui riesce a scansarsi) Però teni i mani o postu!

FILIPPA, (ancora come prima, avvinghiandosi a Gervaso che cercherà inutilmente di divincolarsi, impressionato)  Senta... signor mascolone... avrei na domanda pi lei! A pozzo fare?

GERVASO,  (rassegnato) Si proprio ci necessita!

FILIPPA,  (c.s.) Lei... lei è …. libbiro? Io... si.... comi l'aria! (magari facendo il gesto di mandargli un bacio con le labbra; esagerare )

GERVASO, Aiutu! A mia mi manca.. l'aria!

TANO, (a parte) A cu ci√Ļ dici! (e continua a soffiarsi)

FILIPPA, E sono tutta un fuoco!

GERVASO, (sempre intrappolato da Filippa) Prestu.. chiamati i pumperi!

TANO, Megghiu mi mi ciusciu cchi√Ļ luntanu... ommi chista ni fa n'incendiu!!¬† (e continua a soffiarsi)

FILIPPA, Non c'è bisogno... signor mascolone... lo stutasse lei... il mio fuoco! Arde dentro da una vita... nessuno ancora lo ha spento!

GERVASO, E picchì propriu jò... mischinu i mia? Jò non sugnu pumperi!

FILIPPA, Non mi interessa.. io non cerco un pompiere! Un marito!!! Voglio .. un marito... ora e  subitu!

GERVASO, ¬†(sempre pi√Ļ disperato per il comportamento di Filippa) Peggiu mi sentu! Tutti chi pidderu u maritu.. chi √® nu virus?

FILIPPA, Io non ho perso niente... un marito... non l'ho mai trovato!

GERVASO, (guardandola sconsolato e sempre pi√Ļ spaventandosi) E non mi nni fazzu maravigghia!

TANO, (a parte) E mancu jò! (e continua a soffiarsi sempre con Felicetto che lo tampina)

FILIPPA,  Nessuno ancora ha apprezzato  questo..  (indicandosi)... quadro! A mia Leonaddu.. Michelangilu.. Raffellu tutti assemi...  mi dipingeru!

GERVASO, (impressionato da tanta bruttezza, quasi piagnucolando) Pi mia ¬†√® cchi√Ļ un quatru .. impressionista... infatti...tuttu mi mprissiunai! Tuttu tuttu!

FILIPPA, (interpretando male) Ah si? Ho fatto colpo allora! !

GERVASO, (ovviamente ancora impressionato ma dalla bruttezza, ironico) Comi no... colpitu e affondatu! (A parte) Ma cu mi puttau ccà oggi? (si gira verso le sorelle e chiede aiuto afflitto e a mezza voce o anche strozzata) Aiutuuuu!!!

FILIPPA,  Puru lei … mi colpìu e affondau! Lei è peffettu... beddu e pristante.. propriu comi mi piaci a mia!!

GERVASO, (sempre pi√Ļ disperato, guardandolo¬† sottecchi, magari impressionato chiude gli occhi) Non pozzu diri u stissu! E poi... quali beddu.. bruttu sugnu! Bruttu assai! (fa delle smorfie per imbruttirsi) A mia Picassu mi diping√¨u! Tuttu stottu sugnu!¬† E musciu.. musciu assai! Quali pristanti! Spittau tantu... spittasi n'autra picca! Prima o poi u trova unu beddu e pristanti! (a parte) Fossi! (poi gira e chiede ancora aiuto come prima a Pasqualina) Aiutuuuu!!!!!

PASQUALINA, (si decide ad aiutarlo, e cerca di dividerlo da Filippa, che però stringe imperterrita) Fulippa.. vidi chi u signò... mascolone... era ccà … pi n'autra cosa! (Gervaso conferma con cenni del capo)

FILIPPA, E va bè... a fa dopu! Ora... mi ccuntenta a mia!

GERVASO, Nooo... a fazzu subitu... non c'è tempu i peddiri! (a Pasqualina)  Veru?(ancora chiede aiuto)

PASQUALINA,Verissimu! (poi a Filippa, mentre cerca di separarla da Gervaso, inutilmente) Comunqui .. nu cunsigghiu... chistu non mi pari u modu giustu … pi truvari maritu! Già mi paria esagerato (imitandola) u sbattulìamentu i ll'occhi.... figuramunni mi ti ntucciunii i supra a stu mischineddu!

FILIPPA,¬† (sempre , a modo suo, pi√Ļ infervorata) Siiiii... cettu chi √® u modu giustu ‚Ķ j√≤... non haju tempu i peddiri! Basta! Non vogghiu cchi√Ļ spittari!

PASQUALINA, No.. jò e me soru non avemu tempu i peddiri! (riprendendo il tentativo di separarli) Fozza.. signò mascolone... si mittissi all'opera!

FILIPPA, (ancora sensuale a modo suo, a Gervaso) Siiiiii... mittemunni all'opera... subbitu... di cussa.. di prescia!

PASQUALINA, (a Filippa) Scugna ddocu Fulippa.. chi mi giua a mia! (e comincia un tira e molla tra Pasqualina e Filippa con Gervaso al centro che viene tirato ora a destra ora a manca con la faccia sempre pi√Ļ sbalordita)

FILIPPA,  (decisa verso Pasqualina) A tia tu lassava! E poi tu chi ti nn'à fari? L'hai u maritu.. e  ca garanzia mancu scaduta.. pi cui chi voi?  (sensuale verso Gervaso) Signò mascolone .. vinissi unni mia! Ci prometto il Paradiso!

GERVASO, (sempre piagnucolando) Di stu paradisu … mi scantu!

PASQUALINA, Signò mascolone...  fozza... quali paradisu e paradisu... non si scuddassi u so travagghiu!

FILIPPA, (c.s.) Lo facisse prima a me... nu travagghieddu!

GERVASO, (piagnucolando) Ma quali travagghiu!? (guardando alternativamente Filippa e Pasqualina)  Mi nni vaju in ferii... mi licenziu... mi nni vaju in pinzioni! Ma chi mi mmattìu!

PASQUALINA, (alla sorella) Tu.. venimi e jutimi! Tiramu assemi!

NATALINA, (seppur titubante, si accoda alla sorella) Ma a mia mi veni i cianciri!

PASQUALINA, Chiudi a funtanella! Non è u mumentu!

FILIPPA, (al fratello) Tu... juta a mia! (titubante anche lui si stacca da Tano e va da Filippa)

PASQUALINA, Papà.. veni puru tu! Juta puru tu!

TANO, Non si po' fari! Mpignatu sugnu! Jò.... m'è ciusciari! (e continua a soffiarsi)

GERVASO, (disperatissimo e piagnucolando)  E a mia cu m'aiutaaaaa????!!!

PASQUALINA, Si mi dugna u tempu.... (a Filippa) U signor Gervaso mi giua a miaaaa!

FILIPPA, Gervaso? Chi bello nomi! Eleganti e pomposo! Felicetto tira! Mi piaci assai!

FELICETTO, Jò.. jò tegnu d'occhiu! (e cerca di andare da Gervaso, ma Filippa lo tira verso di sé porgendogli il braccio di Gervaso )

FILIPPA, No... tu teni u brazzu e tira! Chi a chistu … non mu fazzu scappari!

(continua il tira e molla, e Filippa e Pasqualina, a soggetto, diranno frasi del tipo: molla .. è u mei!... u visti prima jò!... ecc... alla fine Gervaso)

GERVASO, Aiuuuutuuuuu!!!! (grida piagnucolando) Mi staju rumpennu in duiiiiii..ih..ih..ih!!!!

FELICETTO, (mosso a compassione si ferma) Bastaaaa!!!

FILIPPA, Basta chi cosa? Mutu e tira!

FELICETTO, (che si è staccato) A mia iddu.. mi piaci!

FILIPPA, E puru a mia... tira!

FELICETTO, Jò .. a iddu... tegnu sulu d'occhiu! Iddu... detectìvi!

PASQUALINA, (con il morso della mano tipico siciliano) Chi mi ti cadissi a lingua!

TANO, ¬†(a parte) Minchiunedda! J√≤.. sentu sempri cchi√Ļ cauddu!!!¬† (e si soffia)

FILIPPA, (si blocca e lo molla, la curiosità ha il sopravvento. Gervaso con Pasqualina e Natalina si destabilizzano e lanciano un urlo ) Chi è iddu?

FELICETTO,  Nu detectìvi... e jò.. u tegnu d'occhiu! E iddu puru.. teni d'occhiu! (si avvicina al solito a Gervaso)

FILIPPA, (curiosa)  E chi ci fa .. ccà... nu .. detectìvi? Sintemu? (Felicetto fa spallucce)

TANO, (a parte) Pasqualina... vai con le pallunarieee!!!

PASQUALINA, E chi ci fa ccà nu detectìvi? Eh.. chi ci fa?  (cerca una scusa e dopo aver cincischiato un pò)  Ehh.. ehhhh …. nenti... è n'amicu..  si.. n'amicu di Turiddu e Sariddu! Veru a soru?

GERVASO, (fa la faccia perplessa, come per dire: io?)

NATALINA, (la guarda perplessa per un po' poi comincia a piangere, con la solita sirena fino a quando non parla Pasqualina e poi abbassa il tono )

PASQUALINA, Eh... eh...eh.. cianci... picchì … picchì …. è emozionata... si.. emozionatissima...  quannu senti nominari Turiddu e Sariddu! Ni manchinu assai... veru a soru?

NATALINA, (la guarda perplessa per un po' poi comincia a piangere, con la solita sirena fino a quando non parla Pasqualina e poi abbassa il tono )

PASQUALINA, (A Filippa) Assai.. assai! (alla sorella) Ma non ti preoccupari... u signor Gevvasu... chi era in missioni cu Turiddu e Sariddu.... vinni pi cuntu d'iddi! Mi ni cunta cacchi autra avventura! (a Filippa a parte) E' cchi√Ļ segreta du solitu.... non na putiinu mannari scritta pi littra! E ni mannaru.. (indicando Gervaso) ...na littra.. viventi!

GERVASO, (fa la faccia perplessa, come per dire: io?)

FILIPPA,  E chi littra!

PASQUALINA,  (a Natalina) Si cuntenta.. a soru? Ah!? Chi hai sti beddi nutizi?

NATALINA, (la guarda perplessa per un po' poi comincia a piangere, con la solita sirena fino a quando non parla Pasqualina e poi abbassa il tono )

PASQUALINA,  Eh..eh..eh.. basta emozioni … a soru!

FILIPPA, Cettu c'ava essiri cuntenta e emozionata pi l'arrivu di stu missaggeru! (Indica a Gervaso, poi sensuale) E chi missaggeru!  Vero... signor mascolone? (sbattendo abbondantemente le ciglia)

GERVASO,  (la guarda perplesso per un po' poi comincia a piangere, imitando Natalina, magari uscendo un fazzoletto dalla tasca )

PASQUALINA, E' emozionatu puru iddu!

GERVASO, (faccia e gesti come per dire : uh.. assai!!)

FILIPPA,  Ma senti... ma si non vinia jò...  tu... mu vulivi teniri mmucciatu.. stu beddu.. masculuni!?

PASQUALINA, Nooo.. non è chi tu vulìa teniri mmucciatu... è chi era na soppresa... na soppresa.. si.. pi Felicettu!

FELICETTO,(si illumina) Pi mia?

PASQUALINA, Siii.. vuliimu pigghiari ddu picciuni cu na fava! Pi na mani aviimu u missaggeru chi ni dava nutizi...  e pi n'autra mani ti faciimu na soppresa … picchì era nu dectettìvi.. di chiddi chi ti piacinu a tia.. no?! Ma tu ..   ( a doppio senso).. ni spasciasti l'opira!

FILIPPA,  E va beni.. non ci fa nenti! Strincemu!(poi sempre col solito atteggiamento pseudo sensuale, a Gervaso)   E allora... Gervaso... la ascolto.. sono curiosa... ci dicesse il suo missaggio... ci racconti l'avventura di Turiddu e Sariddu... a mia... mi piacciono assai i racconti di avventure!

PASQUALINA, (a parte) Speci quannu poi i cunta e quattru venti e mittennu puru a giunta!

GERVASO, (piagnucolando) A mia no! Mi piacinu i polizieschi!

FELICETTO, (contento) Puru a mia... puru a mia! Ahaha... ti tegnu d'occhiu! (E da ora si sta attaccato a Gervaso)

FILIPPA, Chiddu chi è è.. basta chi …(c.s.) … cunta!

GERVASO,  (la guarda perplesso per un po' poi comincia a piangere, imitando Natalina, poi dopo aver fatto gesti come per dire : e ora che faccio?Che devo dire?... decide ) Sugnu troppu emozionatu... (indicando Pasqualina) .. a.. a... a... a  cunta idda!

TANO, (a parte) E cettu! L'addetta.. e pallunarii.. è idda! (e soffiandosi fa come se stesse facendo volare delle bolle tipo quelle di sapone soffiandole) Comi volinu ora!

PASQUALINA, A cuntu jò? E..e..e.. va bè... a cuntu jò!

GERVASO, (a Pasqualina, a parte) Ma non dovevamo risolvere il caso ‚Äúmariti smarriti‚ÄĚ?

PASQUALINA, (a Gervaso , a parte) Stassi tranquillu! 5 minuti e a spidisciu! Fulippa è comi i cani... si non ci dugni l'ossiceddu... non s'acquieta! E ora ci nni dugnu unu rossu.. chi si sta muta pi na bedda picca!

GERVASO, (a Pasqualina, a parte) Pessonalmenti .. non vogghiu essiri ddu ossiceddu.. rossu!

PASQUALINA,(a Gervaso , a parte) Noo... oramai a luvai di .. so denti! Ora ci dugnu n'autra cosa i rudicari! Quattru fissarii.. e a studdu! Lassassi fari a mia!

GERVASO, Speriamu!

TANO, (si avvicina a loro, sempre a parte) E' sperta... spertissima... si fidassi! (si continua a soffiare) Malantisa sta junnata... chi razza i cauddu chi aju sentiri! Mah! Sapissi ammenu u picchì! Mah! Anchi si haju na speci i sinsazioni.. mah... na sacciu mancu spiegari!

Scena 9 bis (gli stessi, Ninitta)

(Se si è utilizzata la versione con Ninitta farla parlare dal pubblico o in un angolo del  palco comunque rivolta a Tano, e nel frattempo gli altri si siedono)

NINITTA, (infastidita) Sinsazioni.. ma chiama sinsazioni! (poi come rivolta a Tano)  Vadda.. mi desinu u pemmessu mi restu n'autra picca e avi ddu uri chi ti vaddu .. chi ta ciusci i paru paru! Ma è possibili mai chi non ni cummini una ritta? Na cosa avivi fari... diri chi to mugghieri nto sonnu t'avia datu n'indiziu pi truvari ddi ddu mbranati chi attrova unni si mucciaru! I paroli di motti chi veninu nto sonnu si scutinu.. si scutinu...  bestia chi non si autru! Avivi diri sulu .. cauddu! 6 lettiri.. nudda complicazioni! Pò essiri quindi chi ddu prisintuni di speci i detectivi chi chiamastu.. cacchi illuminazioni l'avìa! E inveci.. ta ciusci.. picchì u cauddu tu facesti veniri tu! (pausa)  Sciccuni.. smemoratu e sciccuni! E ora bugghi e ribugghi... peggiu  pi tia! (Pausa) Ora vidi chiddu chi succedi! Dda jatta motta i cuttigghiara i Fulippa vidi chiddu chi po' cumminari! Dd'autra me figghia Pascalina.. ora vidi chiddu chi scatascia.. Natalina sapi sulu cianciri.. e ddi ddui sunnu sempri attrova a unni.. di sicuru.. a stu puntu.. a cacchi patti o cauddu! .. e chi mu sentu... ni cumminaru cacchiduna rossa.. mu sentu... mu sentu.. e i motti sa sentinu giusta! Ora mi mettu ccà.. (indica quel posto che si è utilizzato prima per  Felicetto nel pubblico) … e mi godu (ironica) .. stu beddu spittaculu! (si siede) U vogghiu propriu vidiri chiddu chi succedi!

PASQUALINA, (con atteggiamento di chi sta per raccontare qualcosa di molto segreto e invitandoli a gesti) Fozza.. ssittamunni !

(si siedono le due sorelle, Gervaso e Filippa spostando le sedie in modo da essere molto vicini, Tano  sulla sua poltrona e Felicetto attaccato a Gervaso, disturbandolo suo solito)

TANO, (a parte, indicando quelli seduti) A bracera sula ci manca! A mia di sicuru.. non m'aggiua.. cu stu cauddu! (soffiandosi riflette) Cauddu... cauddu... mah! Ora haju stu  pinseru fissu! Mah!

NATALINA, (a parte alla sorella) Maa.. pi fozza l'ha fari sta pagliacciata? Quantu ancora na cuntari frastocchi? A mia.. a mia...(cominciando a piagnucolare) ... mi veni i cianciri!!

PASQUALINA,  (alla sorella, a parte) Tu muta! E si non voi sentiri .. stuppiti i ricchi.. e puru l'occhi .. così puru non cianci... picchì ora fazzu .. giochi i focu!! Mi sparu a megghiu!

NATALINA, (a parte, piagnucolando, ma senza tapparsi niente) Poviredda i mia .. chi m'è sentiri diri! Ah.. cu mi ll'avìa diri...!! (per tutto il racconto, ad ogni esagerazione della sorella piagnucolerà in silenzio -  esagerare coi gesti)

PASQUALINA, (a tutti) Allura....

FILIPPA, (curiosissima) Sintemu .. sintemu! Maaa... nta sta storia... c'è puru.. (indicando Gervaso, come se si prendesse confidenza)... Gervy?

PASQUALINA,  Cu?

FILIPPA, Gervy.. Gervy.. il … mio...  Gervaso no?!

GERVASO, (fa una faccia come per dire: quale suo? ma guarda questa!)

PASQUALINA,  Ahhh!  Cettu chi c'è... (a  mò di presa in giro )...  Gervy! Fammi cuntari! Allura.. a   simana passata...  erinu... tutti i tri.. Turiddu, Sariddu e (calcandosi)...Gervy...  nta na stazioni di spionaggiu.. (li fa avvicinare tutti indicando con gesto delle mani e intimando il silenzio a voce bassa)... se-gre-ti-ssi-ma!  Mi raccumannu.... scchhhhh!! (tutti ripetono Schh!! )

GERVASO,(fa una faccia come per dire: ma dove sono capitato?.. magari asciugandosi il sudore.. questo atteggiamento lo ripeter√† pi√Ļ volte durante il racconto)

FILIPPA,  (a voce bassa) Mihh! Curiusa assai sugnu!

PASQUALINA, (a parte) Non ciurari chi ti cridu!

FILIPPA, Maaaa... si po' sapiri unni è … unni è... sta stazioni?

PASQUALINA,¬† ( a voce alta, alterata, facendo allontanare tutti )¬†Cettu chi si scattra! Si √® segreta... non tu pozzu diri... si no chi segreta √®? Pi cui... (facendo riavvicinare tutti) scchhhh!! (lo ripetono anche gli altri, Natalina dopo sollecitazione con gomitata dalla sorella, poi) Appuntu! (pausa) ¬†Allura... e di dd√† patteru pi na missioni ancora cchi√Ļ segreta... cc√† u sign√≤ Gevvasu po' confirmari!

GERVASO, (fa una faccia come dire: Io?... poi rassegnato, ridendo a denti stretti, conferma a gesti del capo)

FILIPPA, Mihhh. Gervy... com'eri.. com'eri.. scantatu?

GERVASO,( fa una faccia come dire: Io?... poi rassegnato, ridendo a denti stretti, e asciugandosi il sudore, dice di no a gesti del capo)

TANO, (a parte) E i chi s'av√¨a scantari? E' tutta na palla.. chi cchi√Ļ sta cchi√Ļ ranni si fa!¬† Per ora √® ranni quantu.. nu palluni i calciu! Ora videmu quantu uscia! (soffiandosi, riflette) Cauddu! Cauddu! .. o Polo Noddi... non ci nn'√®! Mah! Sta cosa non mi sona nova! Mah!

NINITTA, ¬†(si alza e va a seguire il discorso pi√Ļ da vicino) ¬†Vadda vadda.. chi fossi cumincia a ragiunari!

PASQUALINA, Ma chi avìa essiri scantatu? U capu da missioni era Turiddu.. u vici era Sariddu e Gervy...  era chiddu chi potta i valigi... chiddu chi esegui l'oddini.. nu speci i maggioddomu vah! Veru Gervy?

GERVASO, (conferma rassegnato al solito, poi a parte) Puru cammareri è essiri! Povireddu i mia! Ma cu mi puttau ccà?

FILIPPA,  Va bè.. ci voli curaggiu u stissu! Anzi.. pi mmuttari tutti i valigi.. ci voli fozza.. abilità... maistrìa ! (atteggiamento al solito e rivolta a Gervaso) E tu si fozzutu … abili … e maistru assai... veru.. Gervy?

GERVASO, (sempre pi√Ļ terrorizzato a vederla, e quasi piagnucolando, prendendosi anche in giro) Si.. Mastro Lindu.. si po' mettiri i latu!

PASQUALINA,  Lassamu peddiri a Mastro Lindu...u vuliti  sapiri comi patteru? (indicando Gervaso) U dicissi lei.. u dicissi lei chi c'era!

GERVASO, (basito, a denti stretti, inveendo contro Pasqualina che sempre lo mette in mezzo) No.. e picchì? A sta cuntannu così bedda... picchì l'è rovinari jò? Cuntassi... cuntassi appressu! (A parte)  Già mi mprusau u ruolu i cammareri.. videmu unni ava rrivari ancora!

PASQUALINA, Va beni... u dicu jò! Gervy è.. troppu modestu!

GERVASO,(fa una faccia come per dire: uhhh! … poi ... ma dove sono capitato?.. magari asciugandosi il sudore)

PASQUALINA, (solenne) Cu n'aeriu di chiddi chi mancu i radirri vidinu! Di chiddi chi volinu.. puumm!...  sparati nto cielu .. di chiddi chi supirannu a vilocità da luci!

TANO, (a parte) Eccu! A palla divintau ora... aviti presenti chidda cu cu si gioca  ... sittannusi i supra e sautaunnu? Eccu.. i dda misura! (Si soffia e riflette) Cauddu! No... mancu o polo Suddi ci nn'è! Mah!

NINITTA, Fozza chi cià fai! Pensa... pensa... chi ci arrivi!

PASQUALINA, To'n vidiri e svidiri.. cu st'aeriu...  arruaru a distinazioni! Però na vilocità... di chiddi chi ti dugna na cannunata nto stomicu! Tantu  è veru chi...  Gervy... si sintìu na picchicedda.. assai...  malucciu.... eeeehhh ... è dilicateddu i stomicu u figghiolu!

GERVASO, (fa una faccia come dire: Io? Pure?  poi rassegnato, ridendo a denti stretti, conferma a gesti del capo)

FILIPPA,  Cori mei.. mali stesi! Ma ora comi ti senti? Si voi ti priparu cacchi cosa jò! Na picca d'acqua cu lauru? Rifrisca! Na picca i limìuni sprimutu? Strinci!

GERVASO, (fa una faccia come per dire: quale suo? ma guarda questa! Ma dove sono capitato!?.. poi risata forzata) Meglio.. sto meglio!

PASQUALINA, Ehhh.. fozza maggiuri s'appa ripigghiari... sapennu chiddu chi ci spittava dopu!

FILIPPA, (preoccupata) Picchì... chi ci spittava?

PASQUALINA, Ma secunnu tia ddi aerii ponnu attirrari unni è è? Nooo! Cu paracaduti s'aviinu ittari!

TANO, (parte) Eccu... ora a palla sta divintannu pressappocu quantu na casa! (si soffia e riflette) Cauddu! Ccà in Sicilia c'è cauddu! Si.. c'è cauddu! Però... ora si.. ora no! A quannu ci pigghia! Mah!

NINITTA,  Ancora n'autra nticchia! N'autra nticchia Tanu.. e cià fai!

FILIPPA,  Mischineddu... cu paracaduti!! Ma è pericolosu!

PASQUALINA, Ma genti comi a Turiddu e Sariddu su addestrati a sti cosi! E non teminu periculu!

FILIPPA, E Gervy?

PASQUALINA, Iddu nu pocu i menu... tantu è veru chi nto ittari cu paracaduti si papugghiau e mmiscau cu culu nterra!

GERVASO, (a parte a Pasqualina) La smette di dipingermi come lo sfigato imbranato? Maggiordomo... col mal di pancia e  la cacarella e ora pure cu culu mmaccatu? E basta!  Ho una dignità io!  Anche perchè sta... sta.... (piagnucolando) .. fitinzia (indicando Filippa) na finisci mi mi cunsola.. e jò.. na pozzu vaddari!

PASQUALINA, (piano a Gervaso)  E chi voli...  si vulìa fari u superieroi … a cuntava lei  e sa facìa a modu soi! Mu desi a mia l'incaricu? E jò ma fazzu comi vogghiu!

FILIPPA,  Mih... poviru figghiu... jò sacciu fari .. si voli.. nu beddu massagginu.. a rimettu subbitu subbitu in sestu!

GERVASO, (facendo , rivolto a Pasqualina, la faccia  e i gesti come per dire: come volevasi dimostrare!... poi a Filippa) Grazi assai .. ma sugnu già in sestu.. in settimu e puru in ottavu!

PASQUALINA, Puru nonu e puru decimu.... va beni... va beni... ma faciti finiri i cuntari sta storia.. si o no?

NATALINA, (piagnucolando) Jò ni farìa volentieri a menu!

FILIPPA, No.. chi c'entra! Jò vogghiu sapiri comi finisci.. l'avventura! Vogghiu sapiri tutti i cosi.. di.. Gervy! (Gervaso continua a guardarla sottecchi inorridendo)

PASQUALINA, E allura scutati! (li fa riavvicinare) Ma u sapiti unni si paracadutaru? U sapiti? Ah.. u sapiti?

FILIPPA,  (curiosissima) A unni? A unni?

PASQUALINA,  Nto Sahara! (aspirare in modo esagerato la H) Nto desettu!

NATALINA, (a parte alla sorella) Veramenti quannu parravi i giochi i focu avìa pinsatu a Matti .. a Giovi... a cacchicosa du generi! U desettu... non è tutta sta gran fantasia! Stavota ti spricasti!

PASQUALINA, (piano alla sorella) ¬†¬†Tu fammi finiri chi a bumma veni dopu! (forte a a tutti) E u sapiti chiddu chi scupreru? ( creando suspense) Chi nto menzu a chiddi chi vivunu nta l'oasi... chiddi tutti ncudduriati da testa e pedi.. aviti presenti?... (Filippa fa pi√Ļ o meno con la mano cos√¨ come gli altri) ‚Ķ allura... sapiti cu c'√® ‚Ķ mmu-ccia-tu? ( li fa riavvicinare in segno di segretezza) Mi raccumannu ‚Ķ chista √® cosa toppi-sicretti... giurati chi na diciti mai .. mancu sutta giuramentu! Fozza.. giurati! (E allunga la mano nel senso che vuole che anche gli altri la mettano pure per giurare)

FILIPPA,  (allunga la mano e decisa la appoggia su quella di Pasqualina) Jò.. u giuru!

PASQUALINA, (invita a gesti nervosi Gervaso e Natalina.. Gervaso, prima titubante, lo far√† sempre con la faccia di chi pensa: ma che ci faccio qui?... Natalina la sta avvicinando lentamente mentre tiene il fazzoletto sulla bocca piagnucolando, ma la sorella le afferra il braccio e glielo mette velocemente sugli altri, Natalina piagnucola pi√Ļ forte ma in silenzio, poi)

PASQUALINA, (a Tano) Tu papà non veni a nciurari?

TANO, Jò nciuru di ccà.. jò me ciusciari! (si soffia)

FELICETTO, (tutto contento va a mettere la mano pure lui) Jò puru ciuru!(poi torna da Tano)

PASQUALINA, Sta beni! (li guarda prima tutti in faccia, a giro, poi lo dice piano e velocemente) Babbo Natali!

TUTTI, (non avendo capito)Ahh????

PASQUALINA, (stavolta scandendo) Ba-bbo Na-ta-li!!!!

NATALINA,  (a parte)  E chi bumma! (e si alza piagnucolando)

TANO,  (parte) Eccu.. ora arruammu e dimensioni … di na mongolfiera!

NATALINA,  (a parte) Jò vurrissi sulu sapiri unnè u me Sariddu.. autru chi sti bommacarii!

FILIPPA,  Annunca Babbo Natali... e mica esisti! Attrova chi stai dicennu!

PASQUALINA, ¬†Ti dicu di si.. e-si-sti! Cc√† c'√®... Gervy... chi u visti! (a Gervaso) Ci√Ļ dicissi lei ! (Gervaso sempre pi√Ļ confuso e disperato, sotto sollecitazione di Pasqualina ¬†conferma suo malgrado)

FILIPPA,  (sempre al solito) Vadda.. si mu dici tu.. Gervy.. jò.. ci cridu! E dimmi ... com'è com'è.. ca babba janca longa comi si dici?

GERVASO,  (oramai non sapendo cosa fare, e infastidito,  inventa pure lui) No... beddu rasatu è... sa tagghiau … nto desettu... ci puttava cauddu!

FILIPPA, E cettu... ddà n'avi cauddu! Fici bbonu!

TANO,  (a parte, riflette) Nto desettu.. nto desettu.. dda si chi c'è cauddu!! Veru è! Desettu! Picchì mi girìa sempri sta parola nta testa? (ha un'intuizione) Ma.. ma.. ma... ma si! Chi bestiuni sugnu! (si alza in piedi, facendo ruzzolare Felicetto che era attaccato a lui, e si  batte una mano in fronte)

NINITTA,  Finammnenti dici na cosa giusta!

NATALINA,  (preoccupata) Chi c'è papà?

TANO, Cauddu.. ora mu ricoddu... mu dissi Ninitta nto sonnu... è n'indiziu...!

NINITTA,  Megghiu taddu chi mai!

NATALINA,  U dicìa jò... u dicìa jò chi a mammitta vulìa diri cacchi cosa!

TANO,  Nto desettu...  ddà si chi c'è cauddu... puru troppu! …  ni sugnu sicuru... siiii... su nto desettu... sunnu nto desettu... sunnu nto de-se-ttu!

PASQUALINA,  (sorridendo a denti stretti) Facisti a scopetta i ll'America nto bicchieri cu l'acqua.. papà! E jò chi staju dicennu?

TANO, Ti dissi chi su nto desettu... non sacciu quali.. ma su nto desettu!

PASQUALINA,  Papà ti senti bbonu? U cauddu ti fici dvintari suddu? Chi avi ddu uri chi dicu jò? Turiddu e Sariddu su nto desettu e scopreru u secretu i Babbu Natali! No?! (sorridendo forzatamente)

TANO, No.. u dicu pi davveru... su nto desettu!

NINITTA,  (rivolta ipoteticamente a Pasqualina) Na vota tantu chi ci nni nzetta una... scutilu a to patri! Chi poi è meritu mei.. ovviu!

PASQUALINA, (sempre insistendo sulla sua invenzione) Picchì jò u dicu pi finta?

(suonano alla porta)

PASQUALINA, (trasale) Matri! E ora cu è? (nessuno si muove, facendo tutti la faccia come per dire: boh!) E va bè... vistu chi non si smovi e non si commovi nuddu...  vaju jò! (si alza  e dice) Cu jè? (da fuori scena: Posta!... Pasqualina e gli altri restano basiti. Pasqualina va ad aprire, e ancora fuori scena, urla)

NATALINA,(così come gli altri, trasale e si preoccupa) Pasqualina a soru! ( e corre da lei ancora fuori scena)

GERVASO, (segue Natalina e uscendo)  Vengo anch'io!

(mentre tutti si guardano preoccupati, entrano in scena Gervaso e Natalina che reggono Pasqualina semi svenuta che tiene nella mano tremante un telegramma [nella versione con Kamal portare invece  di un telegramma,  un rotolo di pergamena] )

TANO,  Figghia... chi fu? (prepara una sedia alla figlia e la fa sedere)

PASQUALINA, (ancora svenuta, agita vistosamente la mano tremante col telegramma)

NATALINA, (cercando di prendere il telegramma) ¬†A soru.. fammi leggiri! (ma Pasqualina lo tiene stretto facendo resistenza ‚Äď esagerare - ¬†¬†e Natalina fa fatica a prenderlo, poi per√≤ ci riesce, magari rischiando di cader all'indietro, ¬†e comincia a leggere)

TANO, Leggi .. leggi  a buci fotti … figghia!

(Natalina legge per√≤ nella sua mente e riga dopo riga fa la faccia sempre pi√Ļ sbalordita, magari gli cominciano a tremare le gambe, rischiando di perdere l'equilibrio, fino a che urla e sviene anche lei, Gervaso vicino la sorregge e Tano, mentre dice il suo nome,¬† le porge una sedia. Anche Natalina comincia¬† a far tremare la mano col telegramma -¬† esagerare. Durante la scena successiva Felicetto si alterner√† tra le due sorelle cercando di farle rinvenire, inutilmente, ma in modo goffo)

TANO, (cerca di prendere il telegramma) Figghia... fammi leggiri! (ma, come prima, non ci riesce.. - esagerare -  poi finalmente, con notevole sforzo, magari anche lui rischia di cadere,  lo prende) E dammillu stu cosu! (ma mentre si accinge a leggerlo, magari mettendoselo lontano per via della vista) Allura... (ma...)

FILIPPA, (Filippa, curiosissima, glielo strappa di mano) Don Tanu... vui aviti a vista debuli.. me frati  poi...  cu so vizieddu … ci misi u caricu i unnici! (e cerca di leggere)

TANO, (gliela riprende) Tranquilla... non haju bisognu jò.. ancora ci vidu! E to frati non fici tantu dannu!  ( e cerca di leggere, ma)

FILIPPA, (la riprende) Noo .. chi diciti... cià leggiu jò.. m'è  fari piddunari ammenu da maleducazioni di me frati! (Felicetto fa la faccia offesa, ma continua a soccorrere le due sorelle)

TANO, (la riprende) Nooo.. unni vai pinsannu... to frati non è maleducatu! ( a parte) So soru si!  (E cerca di leggere)

FELICETTO, ¬†(contento, che Tano lo difende, andr√† a dargli un bacio sulla guancia, e facendo il gesto suo solito, ma da lontano e poi dicendo no con la testa, come a dire che a lui non lo fa pi√Ļ)

FILIPPA, (la riprende) Ora viditi... me frati cettu chi √® maleducatu.. si u dicu j√≤! (Felicetto √® sempre pi√Ļ offeso)

TANO, (la riprende) E jò dicu di no!

FILIPPA, (la riprende) E jò dicu di si!

TANO, (la riprende) E jò dicu di no!

FILIPPA, (la riprende) E jò dicu di si!

TANO, (la riprende) E jò dicu di no!

FILIPPA, (la riprende) E jò dicu di si!

FELICETTO, (facendo la faccia sempre pi√Ļ offesa, strappa il telegramma alla sorella e lo porge a Gervaso)

GERVASO, (prendendo il telegramma) Io? (Felicetto gli fa di si con la testa) Ma si... forse è meglio!

(mentre Tano e Filippa, braccia conserte, si guardano in cagnesco, e Felicetto è sempre alla prese con le sorelle svenute)

GERVASO,  (finalmente legge il telegramma [nella versione con Kamal omettere la parola telegramma e gli stop tipici da telegramma]) Allora... telegramma... dunque dunque... “ Mogli carissime... (e guarda le sorelle) …  mandiamo il presente per dare notizie stop.. noi trovasi in Emirati Arabi stop......

TANO, E a unni su.. sti Arabi ddocu?

GERVASO,  Nto desettu!

TANO, Ah.. u vidi chi avìa ragiuni jò! Annassi avanti.. annassi avanti!

GERVASO,  (riprende il filo) .... Trovato emiro generoso stop... lui trattare noi come figli che lui non ha stop... lui dato noi  suo nome et tante ricchezze et pure suo harem stop.. noi trovare bene stop... noi restare qui stop... qui nostro futuro stop.. senza di voi stop... firmato..  Turiddo  et Sariddo ibn Amir che in arabo significa figli di Amir stop!

TANO, Minchia.. nta babbarìa jò ci avìa mbroccatu! Sti pecuruni fitusi.. l'harem si ficiru! E puru ricchi divintaru!

PASQUALINA,  (rinviene appena) U sacciu jò di cu su figghi.. sti ddu grannissimi curnuti!

FILIPPA,  (a parte)  Mi sa a mia chi ccà... cacchi autru è curnutu! (fa il gesto delle corna in direzione di Natalina e Pasqualina)

PASQUALINA, Autru chi figghi i sceiccu! Di na gran but.... tr.. zoc... (lasciare solo le iniziali) …. mmmmmhhhh … scinniti pi ssutta!

NATALINA,  (rinviene un pò anche lei, e cominciando a piagnucolare)   A mia .. a mia mi veni i cianciri! Avivi ragiuni chi non na cuntavinu giusta!

NINITTA, I fitusi... mi futteru! S'avissi saputu tantu.. ammatula ci facìa maritari i me figghiceddi!

PASQUALINA, ¬†E ciu fazzu diri j√≤ ‚Ķ stop... ! [nella versione con Kamal sostituire la parola ‚Äústop‚ÄĚ con ‚Äúsenza di voi‚ÄĚ!]

NATALINA,  (piagnucolando) Stop nu dissinu a nui ..  [nella versione con Kamal omettere la  frase precedente] … a soru! A nui.. ni ficiru scadiri a garanzia! (al solito pianto a sirena)

PASQUALINA, (si alza dalla sedia a tappo e decisa) Quali garanzia scaduta.. e quali garanzia scaduta! Ci√† facemu scadiri nui a garanzia! Suggiti a soru! Ci√Ļ facemu vidiri nui cu su i sorelli Natalina e Pasqualina!

TANO, Ben dettu!

NINITTA, Na vota tantu hai ragiuni Tano.. ben detto!

NATALINA, (piagnucolando) No sacciu tu... ma a mia.. mi veni sulu i cianciri!

PASQUALINA, E finiscila cu sta musica! Basta! Fai rrancari sulu u cori! E ora a soru.. ni giua nu cori i liuni! Arruau u mumentu da ribellioni! Autru chi cianciri! Fozza a soru... ci√Ļ facemu vidiri nui stu harem! Cu binoculu ci√Ļ facemu vidiri ‚Ķ stu harem e ddi quattru jaddini spinnati chi ci stannu dintra!

TANO, Ben dettu!  (E d'ora in poi insieme a Gervaso e gli altri contribuiranno a gasare l'atmosfera )

Anche Ninitta , sistemata lateralmente al palco, farà come gli altri

NATALINA, (smette di piangere, comincia a caricarsi) Si... ragiuni hai!

TUTTI,  Siii!

PASQUALINA, Ci√Ļ facemu vidiri nui a sti ddu fitusi cu su i so mugghieri: ‚ÄúTesoro.. tu sei l'unica donna della mia vita‚ÄĚ... cos√¨ diciiinu... veru a soru?

NATALINA, Si.. così diciinu!

PASQUALINA,  E ora sti unichi donni .. cià struncunu sta vita!

NATALINA, (che si sta gasando) Si.. struncamu.. struncamu!

TUTTI,  Siii!

PASQUALINA, Ora ni facemu sparari puru nui cu dd'aeriu spiciali.. a velocità da luci! E a vilocità da luci ci arrivamu incoddu e ci nni damu tanti.. ma tanti... ma tanti!

NATALINA,(ancora pi√Ļ gasata) Siii... di cchi√Ļ!

TUTTI,  Siii!

PASQUALINA, A iddi e ddi quattru jaddini spinnati di ll'harem! I facemu stracquari boni boni!!

NATALINA, Siii.. stracquari.. stracquari!!

TUTTI,  Siii!

PASQUALINA,  Natalina a soru.. fozza... nfirramu tuttu chiddu c'avemu...  matteddi... mattarelli.. umbrelli...  u bastuni du papà...

TANO, Oh... mi giua!

PASQUALINA, ...  e priparamunni!

NATALINA, (c.s.) Siii... puru manichi i scupa!! Tutti chiddi chi truvamu!

TUTTI,  Siii!

PASQUALINA, E autru chi Emirati Aribi ci facemu vidiri.... si non stannu cu quattru pedi nta na scappa.... (ghignando)... facemu ‚Ķ ‚Äúl'Evirati‚ÄĚ Aribi!

NATALINA, (c.s.) Siii.. eviramu.. eviramu! (poi riflette) Ma chi voli diri?

PASQUALINA, (fa un gesto come per dire: zac! .. tutti fanno un'espressione come per dire: ahi!.. magari facendo il suono tipico di aspirare fra i denti!)

PASQUALINA, Turiiiiiddu... Sariiiiiddu.... trimaaati! Picchì i soru Pasqualina e Natalina.. sunnu pronti a fari.... nu Viva Maria!

NATALINA, (gasatissima) Viva Maria!

TUTTI,  Siii! Viva Maria!

PASQUALINA, (quasi urlando)  Natalina... ripigghiamunni chiddu chi è nostru!

NATALINA, (c.s.) Siiiiiiiiiiiii.. (riflette velocemente e improvvisa).. all'arrembaggiu! (Fa un gesto come per dire: ti piace?)

TUTTI,  Siii! All'arrembaggiu!!

FILIPPA,¬† (si ferma e ferma a tutti) Ah... si poi canciati idea e ne vuliti cchi√Ļ... ricuddativi chi sugnu sempri a disposizioni... j√≤!

PASQUALINA,  Ma comi.. tu.. non vulivi.. a .. Gervy?

FILIPPA, Mah! E' megghiu una mi si mpenni i tanti rami!

PASQUALINA, (indispettita) Si si.. mpenniti mpenniti e vidi mi non mi cadi! (Poi alla sorella) camina soru! (rigasandosi) All'arrembaggiu! Mi piaci!

NATALINA,  Siiiii! (e insieme alla sorella e agli altri cercano di uscire, ma si blocca dicendo alla sorella) Aspetta!

PASQUALINA,  (infastidita) Chi c'è ora?

NATALINA, (si guarda attorno per un po', e poi rannuvolandosi) Ma a mia... mi veni i cianciri! (e fa al solito) Cu mi ll'avìa diri... ah.. cu mi ll'avia diri!

PASQUALINA, (le rifa il verso, magari lo dicono in coro tutti) Si vin√¨a n'anciulu du Paradisu e mu dic√¨a... ci rispunn√¨a: Ancilu vatinni chi non ti cridu! (finisce l'imitazione e il coro) Ma camina vah! Avemu na missioni i fari! Missioni .. cu i vitti?.. ne vidi cchi√Ļ! Picch√¨ nte me ¬†mani... prima fannu na brutta fini e poi... i pigghiu du capizzu... unu d'un latu.. unu di nn'autru...e¬† i fazzu ricogghiri pa casa! ¬†Tu Natalina.. ti metti darreti.. e si non vonnu tunnari... spinci! (Al padre) Pap√†.. veni puru tu.. n'autri ddu mani.. giuvinu!

FELICETTO, Puru jò.. puru jò vegnu! (tutto contento) Jò.. tegnu d'occhiu!

PASQUALINA, (accondiscendente) E camina puru tu! Cchi√Ļ semu.. megghiu √®!!

Nella versione con  Kamal

Scena 9 b(Tutti, Kamal)

KAMAL, (entra all'improvviso in scena mentre loro stanno uscendo, quindi si scontrano e arretrano ) Salam alayk! (con inchino molto molto cerimonioso)

NATALINA, E tu.. cu si ?

PASQUALINA, (sbuffando) Chiddu chi ni spasciau a junnata! (poi a Kamal, indispettita) Salami.. a tia!

KAMAL, Io Kamal... umile servitore di grandi Emiri Turiddo e Sariddo (si inchina di nuovo cerimonioso) … che Allah benedica grandi emiri Turiddo e Sariddo!  Io portato rotolo di notizie (lo indica ).. ma donna infedele (indica Pasqualina)  urlato e chiuso porta in faccia e lasciato fuori!

PASQUALINA, (arrabbiatissima e mani ai fianchi) Ihhhhh! Infedeli ..  a mia? A vaccillu a diri a ddi grannissimi curnuti di to patruni!  Chi sa stannu scialannu a facci nostra cu ddi quattru jaddinazzi! No a mia!

KAMAL, (faccia sdegnata) Tu … donna infedele non offendere miei grandissimi emiri... e loro onorevoli mogli... (inchino) che Allah benedica grandi Emiri Turiddo e Sariddo e loro onorevoli mogli!!

PASQUALINA, Ma quali onorevoli mogli! Le .. onorevoli mogli.. nui semu! Chiddi but... tr.. zoc... mmmmhhhh... scinni pi ssutta!.. su!

KAMAL, (faccia sdegnatissima) Tu offende troppo... tu non conosce educazione! Tu in mio paese messa in prigione e buttato chiave! Donna deve essere rispettosa con tutti e soprattutto con uomo.. suo superiore! E specie se è suo Emiro!!

PASQUALINA, Senti bidduzzu... Cavallu.. Camallu.. Cammellu.. Caramellu... comi ti chiami...

KAMAL, (arrabbiato) Kamal.. Kamal!

PASQUALINA,  Comi vò tu...  ccà non si nto to paisi! Va beni? E finu a prova contraria chista è a me casa e ccà cumannu jò e ffennu quantu vogghiu jò... e si a tia non ti piaci.. ddà c'è a potta e tonnitinni d'unni vinisti!

KAMAL, (faccia sempre sdegnata) Io venuto qui in missione e non andare via se prima non terminare!

PASQUALINA, E allura smoviti... dinni qual è sta missioni .. oltri a chidda mi nni potti mali nutizi... e poi vota sboddu e vatinni!

KAMAL,Io dover aspettare vostra risposta da portare (di nuovo inchino) a grandi Emiri Turiddo e Sariddo … che Allah benedica grandi emiri Turiddo e Sariddo!

PASQUALINA, (fa una faccia furbetta) Aaaahhhh... sulu chistu voi? Subbitu! Intantu cià diri a Allah mi non si spreca cu sti ddu fitusi di emiri e poi …  (fa un cenno d'intesa a Natalina) .. chi dici a soru... cuminciamu cu iddu? Na picca d'allenamentu non fa mali!

NATALINA, Siiii! (gasandosi) All'arrembaggiu!

PASQUALINA, Sii! Chista è a risposta! All'arrembaggiu! (e vanno incontro a Kamal con intenzioni bellicose)

KAMAL, (lui capisce e comincia a scappare arretrando) Donne infedeli pericolose... meglio scappare! Allah aiuto!

PASQUALINA, Si.. si scappa... hai vogghia mi chiami a Allah.. tantu ti pigghiamu u stissu! (ed escono tutti di scena tranne...)

(con e senza kamal)

NINITTA, Allura vegnu puru jò! (ed entra nelle quinte)

Da qui senza scena di Kamal

(Si dirigono verso l'uscita. Natalina ancora piagnucola,  per ultimi Gervaso e Filippa, ma quest'ultima bloccherà Gervaso )                                                                                                 

Parte in comune

Scena 10 (Filippa, Gervaso)

FILIPPA, (metter√† un braccio sullo stipite della porta-arco per fermarlo, e col suo solito fare ‚Äúsuadente‚ÄĚ, tipo sbattere ciglia, le labbra a m√≤ di bacio, ovviamente esagerare) Gervy.. chi dici... ni facemu sparari puru nui... supra n'isola desetta.. sutta na bedda pammara a mbiviri latti di cocco ‚Ķ¬† j√≤.. mi metto nu bikini tutto sconcio sconcio... e poi ‚Ķ alla tua fantasia ‚Ķ Gervy! Alla tua fantasia! (Fa finta di alzare un calice per brindare)

GERVASO, (la guarda bene in faccia, pensando e  spaventandosi e poi, piagnucolando) Ma a mia .. mi veni i cianciri! (Come Natalina piange a sirena  ed esce di corsa passando sotto il braccio di Filippa che poi lo segue)

FILIPPA, (si ferma prima di uscire di scena) Gervy.. Gervy.. aspetta! Prifirisci il freddo? Na bedda baita... sulla neve? Comi vò tu! Pi mia non cancia nenti! Si voi mi metto na pilliccia .. ddu gocci di profumo comi a Merilinni... (in atteggiamento tipo sexy) … e basta!!! (mentre lei si sistema, tipo si alza le tette, si aggiusta i capelli e cose del genere  ma in modo ridicolo ed esagerato, si sente un urlo di Gervaso, poi) Gervy... Gervy! Spettimi!

Scena 11, QUADRO FINALE (Tutti)                                                                                                                      

(se si vuole, con il sottofondo di una musica divertente, tipo anche un¬† Can Can - per es. quello di Offenbach- ¬†si pu√≤ fare una scena mimica:¬† prima far¬† rientrare Gervaso che manda a quel paese Filippa, poi come un inseguirsi dei due , e nel frattempo far rientrare anche Natalina sempre piagnucolante e Pasqualina che la rimprovera ‚Äď se c'√® anche Ninitta lei guarder√† le figlie con le braccia ai fianchi con la faccia di chi dice: non cambiano mai!¬† - se c'√® Kamal, Pasqualina e Natalina invece (e pure Ninitta se c'√®) lo inseguono per accopparlo munite di mattarello e bastone o altro a piacere - e Tano √® sempre alle prese con Felicetto, stile piovra, che lo tiene d'occhio)

                                                                                                                             FINE

In caso di eventuale rappresentazione contattare:

SANTINA (TITTY) GIANNINO, e-mail santina.giannino@hotmail.it   tittyg68@gmail.com 

                                                          cell. 334 3589590  Facebook  SANTINA TITTI GIANNINO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno