Cu mancia fa muddichi

Stampa questo copione

Belmonte Mezzagno 06/ 02/ 2011

Belmonte Mezzagno 06/ 02/ 2011

Prefazione

Pinuzza e Giannina, sono due sorelle che vivono nello stesso baglio, con le rispettive famiglie. Il loro, è un rapporto di odio, amore. Basta un niente a scatenare tra le due famiglie, una furia cieca. A calmare gli animi, vi si trova sempre, il prete del paese, che abita lì vicino. Nel bel mezzo dell’ennesima predica e conversione, irrompe nella scena un ragazzino, che a dir poco, sconvolge gli animi di tutti, perché si viene a scoprire che…

  

Cu mancia fa muddichi

  Commedia brillante in due atti di:

Giovanni Allotta

  Personaggi

Pinuzza                                  sorella di Giannina

Totino                                   marito di Pinuzza

Gigetto                                  figlio di entrambi

Giannina                               sorella di Pinuzza

Mimiddu                               marito di Giannina

Dolly                                     figlia di entrambi

Prete

Nino                                             Genitori di

Bastiana                                 Pinuzza e Giannina

Ragazzino

(All’apertura del sipario, ci si ritrova in un baglio,antico borgo con un unico accesso centrale. lato destro, si affaccia il prospetto di una casa con finestra e porta di accesso con uno sgabello fuori, dove abita Pinuzza. Lato sinistro, medesimo prospetto, dove abita Giannina, la sorella, con setaccio al muro. Tutto compare silenzioso, quando…)

PINUZZA

(Donna adulta. Si affaccia dalla finestra,con rabbia urla alla sorella di fronte) affacciati jatta morta chi patati! (Rientra chiudendo finestra)

GIANNINA

(Donna adulta. Anche lei, apre finestra e urla) nesci da tana, sarda salata chi corna! (Rientra chiudendo la finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) ti scanti a nesciri, arancina chi pedi! (rientra, chiude finestra)

GIANNINA

(Apre finestra) affacciata sugnu, citofono astutatu! (rientra chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra, in mano ha una scarpa) baccalaro chi pampini, nun ti vju! Nesci, ca ti fazzu a fotografia! (tira la scarpa, nel muro della sorella. Rientra, chiude finestra)

GIANNINA

(Apre finestra) visto ca nun mi vidi, datti una lucidata ‘nte popille! (le tira la scopa) pecora zoppa stupefacente ( Chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) Mucca pazza allucinante, chi minni scaduti (rientra, chiude finestra. Entra nel baglio il prete esausto con le mani in testa. Con se ha un ombrello)

GIANNINA

(Apre finestra) mammifera ca peddi di coccodrillo! Nun sbagghiari a parrari, se no ti fazzu divintari borsetta ginecologica (rientra chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) Sciacqua lattuche chi cipuddu, mettiti u parra picca, e va curcati o scuru! (rientra chiude finestra)

PRETE

Non si può, non si può andare avanti così! Sorelle spaccalafico, smettetela! (Le donne continuano)

GIANNINA

(Apre finestra) Coccobello chi capiddi, va jeccati a mare ( rientra chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) Calamaro cu l’accappatoio e ciriveddu fritto misto (rientra chiude finestra)

PRETE

E mai possibile che ogni mattina invece di farmi la messa in santa pace, e sentiri u vostru rusariu!

GIANNINA

(Esce dalla finestra con un corno rosso) è inutili ca mi jetti u malocchio, I corna cca ti po’ sbattiri, arraggiata cu tutti i scarpi! (Rimane affacciata)

PINUZZA

(affaccia,vede la sorella col corno e ride) mi vulissi fari scantari cu un corno? Talìa chi c’è cca! (Evidenzia un ferro da cavallo) n’haju dui di corna, patata bollita cu viagra!

PRETE

A finiti, si o no cu tutti sti corna! Nun mi fati arrabbiari, se no, vi li rumpu io i corna!!! (Allude alle legnate)

GIANNINA

Parrinu, a curpa ca mi comporto così,ri da cosci lordi di me soru è! U sapi chi fa pi risparmiari acqua? si lava cu pinguino lavasecco

PINUZZA

Mi lavo a secco pi ristari pulita, cretina! Tu pi risparmiari l’acqua, ti lavi cu l’umidità. Vogghiu fari una opera di carità. Ti la regalo io ‘na para di chila! (Le lancia una bacinella d’acqua, il prete fa in tempo ad aprire l’ombrello che ne viene investito. Chiude finestra)

GIANNINA

(anche lei prende una bacinella d’acqua) Nesci pinguina lavasecca, ti fazzu vidiri cu quali umidità mi lavo (Affaccia Pinuzza, le tira una bacinella d’acqua, il prete si ripara con l’ombrello)

PRETE

Grazie mio Signore, che mi hai illuminato facendomi portare l’ombrello! (Urla alle donne) Smettetela per favore, mi state allagando!

PINNUZZA

(Apre finestra) parrinu, ci cunveni ca si nni va. A cu sparti havi a megghiu parti! (Le tira ancora acqua dalla finestra. Il prete si ripara lamentandosi)

PRETE

Haju l’impressione, ca mi vinni a riparari dunni chiovi!

GIANNINA

Lei si facissi u parrino, a cunfessu io a me soru! (Le tira altra acqua, il prete fa in tempo a ripararsi)

PRETE

(Innervosito urla) Basta! Finitila! Io me fari a missa, mica pozzu cummattiri cu tutti e dui! Mi stati facennu veniri a polmonite oceanica!

PINUZZA

Si livassi di mezzo, c’è fari un tatuaggio a me soru. C’è tirari a tavula chi seggi

GIANNINA

Tirala se sei capace! Ca ti tiru u frigorifero, cu tuttu u ventolatore! (Rientrano entrambe, per uscire in scena, nel frattempo, il prete parla tra se)

PRETE

(Adirato) Mai vi pigghia un colpo di fulmine ‘nta lingua! Signore, tanta gente vola in cielo, a chisti dui u biglietto ci lu pago io, pigghiatilli, dai!

GIANNINA

(mentre si avvicinano al centro dove si trova il prete, le donne si lanciano sguardi fulminanti) Nun mi taliari così, se no, ti fazzu cadiri le palle degli occhi!

PINUZZA

A ringraziare ca c’è u parrinu, se no,ti faciva nesciri i tonsilli du nasu!

PRETE

A finiti con queste parole! È educazioni mentri staju facennu a missa, chi vostri vuci mi faciti cunfunniri tuttu! A vuliti finiri, si o no? O vi fati trasferire vuatri nel polo nord, o mi sconsacro di parrino e mi fazzu scarparo

PINUZZA

Ci la cuntu io a storia, così po’ diri cu havi torto e cu ragiuni! Tutto cominciò così: chiamavu a sta curtigghiara e ci dissi: (Urla) << Giannina, ci nn’hai salsa?>>

GIANNINA

Io ci rispunnivu a sta panellara<< mi dispiaci Pinuzza, haju sulu sugo col pomodoro!>>

PINUZZA

Sapendo che il giorno prima, havia fattu a pasta ca salsa, pinsavu ca nun mi nni vuliva dari! Mi sono sentita pigghiari per i fornelli e mi arrabbiavo!

GIANNINA

Parrino, a curpa è mia se salsa ca voli idda nun ci l’haju, ma haju sulu sugo di pomodoro? Ci lu vuliva dari, ma idda insistiva ca salsa. Così, ‘na parola idda, ‘na parola io e accumincimu a litigarimi.

PRETE

La scuola è dell’obbligo, a critinaggini è facoltativa! Com’è ca nun mi sbattu a testa o muro, manco io u sacciu! Non vi rendete conto che vi siete odiate per la stessa cosa! Sia la salsa che il sugo, sono la stessa cosa, ma detta con due vocaboli diversi!

PINUZZA

Appunto! Se io vogghiu a salsa, chi c’entra ca mi voli dari u sugo! U sta dicennu puru lei ca sunnu dui vocaboli diversi. poi, me maritu senti navutru sapuri, e sa pigghia cu mia!

PRETE

Parrari cu vuatri, e parrari sulu è a stissa cosa! Pi capiri ca a salsa u il sugo sunnu a stessa cosa, ci voli a laurea?

PINUZZA

Lei chi nni po’ sapiri? Lei fa u parrino, mica il culinario! Certo ca è bravo! Sapi ca a salsa e u sugo sunnu a stessa cosa, e mi lu dici ora! Mancu lu veni a dici prima, almenu evitavamo di spararinni un vocabolario di minchiate!

GIANNINA

Appunto! ora, mi tocca accattarimi u vocabolario di secondo livello!

PRETE

Care sorelle Spaccalafico l’odio non sta con Dio! Voi lo sapete, tutte le volte che litigate vi allontanate dal bene, e fate spazio al male!

PINUZZA

A proposito di male! Sta cosa nutuli di me soru, ‘na vota mi tirò una fragola ca mi fici un binocolo in testa!

GIANNINA

Ignorante, si dici bernoccolo! Nun era fragola! Era una pietra rossa color fragola! (Pinuzza si scaglia sulla sorella, il prete in mezzo, prende legnate)

PRETE

Smettetela! Vi rendete conto, tutto quello che fate è dolore agli occhi di nostro Signore! Dovreste amarvi e rispettarvi e non litigare! Se non volete finire a bruciare nel fuoco dell’inferno, (Tra se) chi ci putissiru andare puru ora! (Normale) amatevi e non deludete Dio! Perché Dio è amore!

GIANNINA

(Entrambe le sorelle, sono pacate) Chistu voli diri ca u Signori è siddiato cu nuatri?

PRETE

Certamente! Dio non è contento di questo! Chiedetevi scusa, e amatevi!

PINUZZA

(Le due sorelle con sguardo piangente) Giannina, mi pentisco di tutte le parole che ti dissi. Si nun ti staju dicennu a verità, giuro che, a prossima vota ti nni dicu chiossà!

GIANNINA

(Gemente) pure io mi pentisco. Ti prometto ca fino a stasera paroli nun ti nni dicu cchiù. Domani, è un altro giorno! (Si abbracciano fingendo di piangere)  Sorella mia! Sangue del mio sangue!

PINUZZA

(Piangendo) Parente dei miei parenti, ca a mia nun mi veni nenti! (Il prete li guarda sorpreso. Rimangono abbracciate) Parrino, si facissi a missa tranquillo, io e mia sorella nun ni sparti cchiù nuddu, mancu u sonnu! Lei deve sapere, cu mancia fa muddichi!

PRETE

Mi fa piacere vedervi pentite, ed unite! Sperando che lo sia per sempre. Prima che torni in chiesa, vorrei che chiedeste perdono a qualcun’altro (Le  donne si guardano perplesse) Dovete chiedere perdono a DIO!

PINUZZA E GIANNINA

Ah si! (In sintonia) Perdonaci caro Gesù, ti promettiamo che non ci ammazziamo più! Te lo giuriamo nel nome di san Crispino, se sbagliamo avissi a moriri u parrino.

PRETE

(Il prete fa gli scongiuri, toccandosi) Chi schifia diciti! Cu ciriveddu malato chi aviti, mi faciti cripari! Giurati pi santa Lucia, no pi San Crispino!

PINUZZA E GIANNINA

Te lo giuriamo pi santa Lucia, si sbagliamu, avissi a moriri me zia!

PRETE

Ora ci semu! Complimenti! Però come dice la Bibbia, la fede non è nulla senza le opere!

PINUZZA

A chi dobbiamo operare pi farini perdonare?

PRETE

Ma quale operare! Dovete fare una opera di bene per far si che la vostra fede, sia più forte, ben salda al cuore! 

GIANNINA

Chi avissimu a fari?

PRETE

Pigghiativi u cannavazzu e asciugati l’acqua di ‘n terra e fati pulizia, subitu!

PINUZZA

(Le sorelle vanno nelle rispettive case. Tornano con gli stracci, asciugano l’acqua da terra, danno una sistemata al baglio) Mi pari puru giustu, fare questa opera di bene.

GIANNINA

Nun vulissi ca me soru, si stocca a nuci du coddu e avissi a diri, ca fuvu io!

PRETE

Sorelle, io vado. (Mani giunte) Vi prego, datemi ascolto, non odiatevi ma amatevi! Dio è amore, ricordatevelo! Pace e bene sorelle (Esce)

GIANNINA

Baciamo le mani parrino. Però, pinsannuci bona, semu due cretine che ni litigamu pi fissarii. Da oggi in poi, ci dobbiamo amare e rispettare!

PINUZZA

Certamente! Da oggi in poi, dalla nostra bocca, solo poesie d’amore! Scusami Giannina, vaju a priparari di manciari, fra poco veni me maritu. Sai, ca chiddu è camurrusu!

GIANNINA

Puru io mi nni trasu. Puru u miu veni fra poco e si nun trova nenti, si fa sentiri du megghiu luntanu. (Le sorelle rientrano in casa)

PINUZZA

(Apre finestra) Giannina, gioia della mia vita, affaccia!

GIANNINA

(Apre finestra) eccomi curuzzu beddu, chi c’è?

PINUZZA

Ti volevo dire, per caso, ti trovi un poco di salsa?

GIANNINA

Mi dispiace gioia, mi li dai ‘nto cori! haju sulu sugo di pomodoro!

PINUZZA

(Ci pensa qualche secondo) e va beh, voli diri ca pi oggi a pasta ci la fazzu col sugo! Mi lu pozzu veniri a pigghiari un poco?

GIANNINA

Scherzi? ti fazzu fari tutta sta strada pi un poco di sugo? Me li rompo io le gambe pi tia! Non ti affaticare, vengo io! (Entrambe chiudono le finestre)

PINUZZA

(Apre finestra, col sorriso sulle labbra) Affacciati dolce fiore della notte (Chiude finestra)

GIANNINA

(Apre finestra. Anch’ella usa un tono dolce e sorridente) esci fuori, dolce arcobaleno del giorno (Chiude finestra. Entra affaticato Totino, il marito di Pinuzza, con in spalla una zappa vestito da contadino. Ascolta disgustato le moine delle due donne)

PINUZZA

(Apre finestra) sei la rosa rossa più bella del mare (Chiude finestra)

GIANNINA

(Apre finestra) sei i frutti di bosco in persona (Chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) Sei una macedonia di poesia. (Chiude finestra)

GIANNINA

(Apre finestra) tu, sei una coppa di champagne con le bollicine blu blu (Chiude finestra)

PINUZZA

(Apre finestra) mi facisti grapiri u cori

TOTINO

(Apre la finestra Giannina, non fa in tempo a parlare) a mia, mi facistivu chiudiri u pitittu!

PINUZZA

(Chiude subito la finestra e corre dal marito) Totino, già cca si! Chi ura sunnu? Ancora nun haju priparatu nenti.

TOTINO

Sunnu i dudici e mezza! Ni po’ aviri mai a testa a priparari, ca vi diciti i poesie cu to soru! Pariti Giulietta e Alfa Romea!

GIANNINA

(Esce da casa con un barattolo) Totino a curpa è mia, mi havia scurdatu di purtarici u sugo a to mugghieri. (Da il barattolo a Pinuzza) Teni cca, curri va facci a pasta a to maritu ca è mortu stancu! (Totino si tocca) vuliva diri, stancu mortu! Ni videmu! (Rientra in casa)

PINUZZA

Accumincia a spugghiariti, fra poco a pasta è pronta! (esce. Totino adagia nel muro la zappa, si siede nello sgabello, è stanco. Entra la moglie con un bacile di acqua) teni, fatti u bidè, fra poco è tutto pronto (Totino si toglie le scarpe e le calze che fanno puzza da vomitare. Nella sua parete cerca un chiodo non ne trova. Guarda in giro, vede il setaccio appeso nella parete di Giannina, è indeciso se stenderli o no, sentendo la puzza che ha sotto il naso, va a stenderli sul setaccio. Va a lavarsi mani e faccia, le altre parti del corpo le lava con tutti i vestiti. Come ascelle, gambe, cosce…)

GIANNINA

(Totino si lava dando le spalle alla cognata, Giannina canta affacciata dalla finestra e spolvera uno straccio) Volare oo, cantare oooo, nel blu dipinto di blu (Inizia ad annusare l’aria puzzolente, la voce si affievolisce) felice …di …stare …lassù…(Fa un respiro profondo) con…te (Sviene sulla finestra, cadendo a cavallo su di essa. Metà dentro, metà col busto a penzoloni in avanti. Totino non si accorge)

PINUZZA

(Entra) Totino, a pasta la vuoi al dente?

TOTINO

Oggi ca sugnu stancu, megghiu ‘nta vucca!

PINUZZA

(Nota la sorella svenuta sulla finestra. Emette un urlo) beddamatri! Me soru muriu a cavaddu! (Accorre, si inginocchia e le parla) Giannina, sei morta? (La scuote) Parra! Si nun mi dici comu muristi, mica pozzu sapiri si prima eri viva! Santa Rosalia, aiutami tu! (Il marito a piedi scalzi guarda impassibile) pigghia ‘na seggia, inveci di taliari! (Totino va dentro, ritorna con una sedia. Aiuta la moglie a prendere la cognata e sederla) Veni, aiutami a falla scinniri du cavaddu (preoccupata cerca di farla rinvenire dandole schiaffi) Giannina svegliati! Si mori tu, con chi mi ammazzo? Poi chi fazzu, mi dicu paroli sula? Svegliati, non so stare senza di te!

TOTINO

Era bona fino a quannu cantava volare, poi si sentì male e…bho!

PINUZZA

(Preoccupata) po’ essiri ca vulà puru idda, nel blu di lassù (Le da schiaffi) Svegliati Giannina! (La sorella rinviene) Comu ti senti? Chi ti successi?

GIANNINA

(Stordita) ahi ahi…chi mi successi? Chi mi sentu strana! Mi pigghiaru di petto?

PINUZZA

No, ti pigghiavu di spaddi, e ti misi ‘nta seggia! Mi facisti scantari appena ti vitti a pinnolone nna finestra. Chi combinasti? Ti abbassò a pressioni da testa?

GIANNINA

No, mi acchianò a puzza nno nasu (Totino capisce si allontana dalle donne)

PINUZZA

Quali puzza? Passò u camion da munnizza?

GIANNINA

Magari avissi statu munnizza. Chista era ‘na puzza strana,’na puzza di cani morti sott’olio, ma chi dicu, peggio! Era una puzza di famigghia, tipo…l’hai presente i quasetti di to maritu? A stissa!

PINUZZA

Ma quannu mai, me maritu i quasetti ci l’havi incuddati nne pedi. vero Toti…(Vede che il marito non ha le calze) Totino, dunni ci l’hai i quasetti?

TOTINO

(si finge Stupito. si guarda i piedi nudi) Mizzica, i quasetti di pedi si futteru!

GIANNINA

(Si alza di scatto, con ira) Iddu fu! Dunni sunnu, dunni i mittisti! (Cerca le calze, le trova sul setaccio) cca sunnu! Ecco il corpo del reato. (Le prende e dalla puzza sviene)

PINUZZA

(soccorre la sorella a terra) Giannina, svegliati! Chi ti pigghiò oggi, cu stu vieni e svieni. si continui, si brucianu i lampadini du cervelletto! (Le da schiaffi) Ti prego, non te ne andare, piccioli pi accattariti i fiori nun ci l’haju!

GIANNINA

(Si va riprendendo) a curpa di to maritu è! Fu iddu ca mi fici l’attentato a domicilio (Gli lancia le calze in viso a Totino, il quale sviene)

PINUZZA

(Soccorre il marito) Puru tu Totino! Ma chi ti pigghiasti di invidia! Resuscita, ricordati ca mi devi campari! Si mori tu, io e to figghiu, siamo sperduti in questa valle di lacrime! Ed io, sinceramente, nun sacciu nuortari!  

TOTINO

(si riprende) minchiuni, chi bumma nucleare! ( Le butta via) comunque Giannina, nun lu fici apposta. Circava un appizza panni, nno me muru nun c’era, u vitti nno to muru, pinsannu ca tu mi facissi una opera di carità.

GIANNINA

Una opera di carità ti havia a fari? Tu, mi facisti, un opera di cimiteru! (a Pinuzza) Scummissa ca tu sei complice, vero?

PINUZZA

(Dispiaciuta)Ti giuru soru mia, nun ni sapiva nenti. Niscivu pi dirici comu vuliva a pasta, ti vitti morta supra a finestra, e mi spaventavu. Si nun ti staju dicennu a verità, me taliari o specchio, e ti sputo ‘nta facci!

TOTINO

To soru nun ni sapiva nenti. È stata ‘na cosa mia. Ti chiedo scusa. comunque…cu mancia fa muddichi! Tutti putemu sbagliari!

GIANNINA

Va bene. Pi sta vota ci mettu ‘na petra sopra. A prossima vota ca mi fai moriri, a petra, ti la mettu a tia, di sopra! (Entra il marito con zappa in spalla, ricurvo in avanti, molto stanco si lamenta. Pinuzza rientra in casa. Totino si siede nello sgabello) Cca è il lavoratore. Chi hai ca ti lamenti?

MIMIDDU

(Stanchissimo, si lamenta) ahi ahi ahi…ahi ahi. Mi lamento io? Ma quannu mai, staju cantannu! Ahi ahi ahi ahi…

GIANNINA

Vo pigghiata ‘na seggia?

MIMIDDU

(Ironico) no, mi assetto ‘nterra. O se ti fa piacere, mi assetto in piedi. Certu a pigghiari a seggia, mancu ti l’avissi a fari diri! (Giannina entra in casa) Ti salutu Totino. Cu fu stu crastu, ca invintò u travagghiu! Haju i rini rutti (Toccandosi la schiena con la mano libera) Facisti mezza jurnata?

TOTINO

Ma quali mezza jurnata. Havi picca ca arrivavu!

GIANNINA

(Esce con la sedia) teni cca, assettati. (Mimiddu negli spostamenti lenti continua a dire “ahi” continuando da seduto) picchì fai così, ma si stanco?

MIMIDDU

(Con ironia) stanco io? Chi fa scherzi? Oggi mi haju liggiutu u giornale, sono stanco di non fare niente! Sugnu così ripusato, ca l’ernia du troppo rilassamento, si ci incantò u disco! Mi chiedevo, si ti vo assittari, u priparu io u manciari! (Giannina rientra in casa) a sentisti? Ci pari ca dico ahi, pi sport!

TOTINO

I fimmini, sunnu tutti i stessi. Sulu iddi travagghianu, sulu iddi sunnu stanche. Nuatri, tutta a jurnata jucamu cu patroni allo zappa tu, o zappu ju!

MIMIDDU

Dicisti giustu! Tutti i sacrifici chi facemu, sunnu persi! Appena nun semu cchiù boni, ni dunanu un cavuciu ‘nto culu, arrivederci e grazie!

TOTINO

Me mugghieri, ti pari ca è tantu megghiu da tua. Dio ci nni libera, si nun ci dugniu i piccioli u fine settimana, sugnu cunsumatu! mi fa manciari ‘na manciatura cu sceccu!

MIMIDDU

U fine settimana, prima ca io mi partu du travagghiu, i piccioli hannu arrivari prima di mia a casa! Si nascissi arreri, nascissi fimmina. Mi facissi campari, mi stassi da matina a sira, dintra a nun fari nenti!

TOTINO

Io nun vulissi essiri fimmina, picchì i fimmini hannu i capiddi longhi e u ciriveddu curtu. Nun mi sposassi cchiù, pi evitari problemi! (Dalle rispettive case, escono da una parte Pinuzza, dall’altra Giannina. Entrambe male intenzionate) Chi è Pinuzza, a facisti a pasta?

MIMIDDU

Picchì mi guardi cu sti occhi dolci? Mi vo livari li scarpi tu?

GIANNINA

Haju statu darreri a porta a sentiri chiddu chi dicisti. Vo nasciri fimmina, così da matina a sira, nun fai nenti?

PINUZZA

(A Totino) Macari io ti sentiva. I fimmini avemu i capiddi longhi e u ciriveddu curtu? I masculi chi aviti u ciriveddu sviluppatu e il pisellino curtu!

TOTINO

Capistivu mali! Io e Mimiddu, parlavamo di travagghiu. Si sapi, ca o paisi ‘na cosa nica, a fannu divintari ‘na montagna. Vero cugnatu?

MIMIDDU

Comunque, è inutili negari a realtà. Forsi dissimu cocchi cosa di sbagliato. Vi chiediamo scusa! Vero Cognato?

TOTINO

Ma quali scusa, chi cosa dissimu di mali?

MIMIDDU

(Mimiddu si alza, parla al cognato all’orecchio) Facemucci cridiri ca semu dispiaciuti, se no, chisti ni lassani dijuni! (Torna a sedersi)

TOTINO

Vi chiediamo scusa, non lo facciamo più!

GIANNINA

(Con foga) Aviti a sapiri, a fimmina dintra ‘na casa è tutto! Si nun fussi pi nuatri, i masculi fussivu munnizza! Nuatri lavamu, stiramu, vi priparamu di manciari e vi mantinemu i figghi beddi sistemati! Vuatri chi faciti?

MIMIDDU

Vi purtamu i piccioli pi campari! Nenti vi pari?

PINUZZA

(A voce alta) Sulu i piccioli ni dati, poi tutti cosi facemu nuatri. Appena finiti di travagghiari, vi curcati e finiu. Nuatri sempri in movimento. Aviti di bisogno di nuatri, puru pi puliziarivi a vucca.I masculi, mancu siti boni pi pisciari

TOTINO

(Adirato si alza) Io sugnu u masculu da casa, sulu io i pozzu jettari i vuci! Si nun ti purtassi i piccioli, ti nni putissi jri ‘nte strati a lavari semafori. (Si irrita Pinuzza) Fatti sentiri cognato, se no, chisti ni mettinu i peri di supra!

MIMIDDU

(Alza anch’egli la voce) Veru è! I fimmini vi pignati a manu cu tuttu u peri! Cu vi la detti sta confidenza cu nuatri! Ora, di cursa a priparari u manciari! Subitu e senza parrari!

TOTINO

Si vidi ca sunnu soru! Hannu u stissu ciriveddu, sti maladucate!

GIANNINA

Pinuzza, visto ca avemu u stissu ciriveddu, sta pinsannu chiddu chi pensu io?

PINUZZA

(Si sgranchisce) forsi, puru peggio! Accuminciamu (Le donne si accaniscono sugli uomini, pestandoli. I quali cercano di ripararsi chiedendo aiuto. Arriva il prete di corsa)

PRETE

Smettetela figliuoli! (riesce a dividere i mariti dalle donne, finendo che si ritrova lui nella mischia a prendere legnate, chiedendo aiuto ai mariti che lo tirino fuori) aiutatemi, mi stanu ammazzannu! (Le donne si fermano) vinni pi spartiri, e lignati ni pigghiavu chiossà di tutti!

MIMIDDU

Lei forsi nun lu sapi, i lignati sunnu orbi. A cu pigghianu, pigghianu!

PINUZZA

Parrinu, lei pari ‘na fimmina, sempri mezzu li peri è.

PRETE

Vi ammazzati sempri a lignati, mai ni trovu unu morto! Ammazzativi, vi prometto ca lu funerale vi lu fazzu gratis, basta ca nun vi vju cchiù! (si inginocchia) perdonami mio Signore, per quello che ho detto, però levamilli di menzu li peri! (Si rialza) beh, come ci insegna il padre celeste: prendete la vostre croce e seguitemi! Ed io con voi, altro che croce, mi staju purtannu puru i radici! 

GIANNINA

Accuminciassi a caminari, nuatri avemu chiffari! (Si ributtano nella mischia, il prete li divide appena in tempo)

PRETE

Smettetela! Anche voi fratelli, smettetela di farivi dari lignati! Dentro questa casa c’è qualcosa che non va. Ogni fesseria, sempre guerra. La devo benedire qualche giorno! Comu mai stavate litigando?

PINUZZA

Quali litigare parrino! Ci stavamo insignannu l’educazione e nostri mariti!

MIMIDDU

Parrinu, sunnu cosi chi capitano fra marito e moglie. Una parola dici idda, una parola dicu ju, e …u focu attizza.

PRETE

Il male, non aspetta altro che questi momenti di debolezza per insinuarsi e dar scompiglio in una coppia, cari figliuoli. In questi casi, si dovrebbero riconoscere i propri limiti, avendo l’umiltà di star zitto, mentre l’altro parla. Si nno focu si ci mettinu ligna, nun si astuta cchiù!

TOTINO

Parrinu, io e me mugghieri ci amiamo. Sulu ca certi voti, ni riscaldiamo l’intelligenza e…comu si dici: l’amore non è bello se non è litigarello!

PINUZZA

Nuatri ci chiediamo scusa parrino, che l’abbiamo disturbata. Però, lei mica ogni vota chi senti vuci, deve intervenire! Sapi comu si dici: tra moglie e marito…

PRETE

…(La precede) i lignati si dannu cu pico! –piccone!-

PINUZZA

No, ma chi dici! Tra moglie e marito non metter dito!

PRETE

Cari figliuoli. Siete due belle famiglie, perché tanto odio? I ragazzi non ci sono?

GIANNINA

 A scola sunnu i picciriddi. A momenti, vennu!

PRETE

Fatelo anche per loro. Non insegnategli l’odio, ma l’amore! Guardate, che chiedere scusa al proprio fratello o sorella, non significa essere da meno. Anzi! è segno di grande umanità! Sappiate che da lassù DIO ci guarda. Quello che facciamo quaggiù, un giorno ne pagheremo le conseguenze! Amatevi, non odiatevi! Non fatelo perché lo dico io, è legge divina!

TOTINO

Parrino, taliassi che bedda me mugghieri. Pari un gattino duci duci, però quannu ci pigghia, diventa ‘na leona! (Scherzosamente, verso Pinuzza emette un ruggito, con le mani simula il graffio degli artigli) 

PINUZZA

(Dispiaciuta) Mi dispiaci Totino, che ti detti lignati! Ti sei fatto la bua?

TOTINO

Nun ti scantari, una bua in più una bua in meno! Io haju a facci di bumma e nun mi fazzu nenti (Pinuzza gli molla uno schiaffo, facendolo rimanere di stucco) ma si pazza?

PINUZZA

(Tutti restano allibiti) Nun pinsati mali! Ero curiusa di tuccari a faccia di bumma! (Abbraccia Totino esterrefatto)

PRETE

(Rivolto a Mimiddu e Giannina) Voi due, non fate la pace?

GIANNINA

(Dispiaciuta) Mimiddu, ti chiedo perdono, se ho sbagliato con te! La mia, nun era rabbia quannu ti dava lignati. Nun sacciu se te ne sei accorto, ma ti detti, una carezza in un pugno!

MIMIDDU

Grazie alle tue carezze, mi haju canciatu tre dentiere! Nun ci pinsamu cchiù. Puru ju ti chiedo scusa (Si abbracciano.Pinuzza e Totino applaudono)

PRETE

Benissimo! Questo è quello che voglio vedere da voi! Sia lodato nostro Signore!

TOTINO

Lei ci deve scusare parrino, sa come si dice: cu mancia fa muddichi!

PRETE

(Con premura) va bene, io vado che ho da fare in parrocchia! Vi prego, non fatemi tornare più! Solo se muore qual…(Si riprende) volevo dire Che DIO vi benedica! (Fa il segno di croce con le mani e va)

TOTINO

(Felice, si siede) picciotti, nun sacciu vuatri, dopo stu intervento du parrino, mi sentu tranquillo e sereno.

PINUZZA

Comu diri, u cori mi ridi, al sulu pinseri di taliarivi ‘nta faccia! Puru ju mi sentu cchiù leggera e ricca di amuri!

GIANNINA

Mi sento contenta e soddisfatta! Accuminciassi a vasarivi a tutti e finissi dumani matina. Tu comu ti senti Mimiddu?

MIMIDDU

Io mi sentu ca haju u stomacu vacanti, e staju scuppannu ‘n terra cu tutti i scarpi e i quasetti!

GIANNINA

Giustissimo! Mi criditi, sugnu talmente piena di gioia, ca mancu pinsava cchiù a manciari! Con permesso. (Entra in casa)

PINUZZA

Si vero, puru ju! (Entra in casa. Arrivano da fuori Gigetto, figlio di Totino.  Dolly figlia di Mimiddu)

GIGETTO

(bambinone ingenuo. Entra col grembiule e va tirando un carrello della spesa con i libri scolastici) Buongiorno papà. Buongiorno zio Mimiddu!

DOLLY

(Una ragazza balbuziente. Gesticola col corpo, come se sforzandosi le uscissero meglio le parole. Porta le treccine, grembiule. Una tipa sveglia) Bo …ii bo…ii bongigioooorno a tutu…tutu…tutu…

GIGETTO

Datici un bicchieri d’acqua, ca havi u telefono accupato! (Ride)

DOLLY

Tutu…tutti!

GIGETTO

(Felice) Papà papà, oggi la maestra mi fici un bellissimo complimento!

TOTINO

Veramente? Chi complimento ti fici? Chiddu ca si, tuttu stupitu!

GIGETTO

Mi dissi ca sugnu cchiù ignorante di tia!(Felice, ignaro di ciò che dice)

TOTINO

(Adirato) sta jatta morta da to maestra, u sapi con chi havi a chi fari! Dicci ca, fici otto anni di prima alimentare, tri anni di seconda e mi ficiru promosso all’asilo politico

GIGETTO

Nun sulu ca sugnu cchiù ignoranti di tia, ma sugnu cchiù maggiorato di tia, ca a diciott’anni sugnu arrivato alla quinta alimentare! (Felice)

DOLLY

Sei cre…cretino! A ma…ii a ma…oo a ma…ee stra, ti lu dissi cu lu …cu lu…

MIMIDDU

(La sgrida) silenziati Dolly! Non dire volgarità! Parla con fisofolia! Se dici culo, è volgare. Se dici, dunni si mettinu i supposti, è fisofolico… fisionomico…comu schifia si dici! Filosofico, ecco!

DOLLY

Sta…vo dice…n…do ca la mae… ca la mae…stra, cu lu sorriso ci dissi ignogno… ignogno… igno…rante! Comu se ci di…comu se ci di…cece ce cece ce…va ri ri ri tar tar dato

GIGETTO

Io non ci sono ritardato! A matina a scola, arrivo sempre prima di tia. Tu, arrivi ritardata!

DOLLY

Ma statti zi zi tto, pezzu di cu cu…cu cu…

GIGETTO

(Piange)U sentisti papà, mi dissi paroli. Dici ca sugnu cucu! E idda e una coco!

TOTINO

Ma quali paroli! To cugina ti vuliva diri, cucuzzuni, nel senso ca si testardo! Vero dolly?

DOLLY

Ma quali cu cu cu cuzzuni, io ci vu…liva di diri, (Fa le corna) cu cu curnutu

MIMIDDU

(Afferra Dolly per il braccio la manda dentro) vatinni ad aiutari a to matri! U sai, ca la verità nun si dici mai! Vatinni, pi favori! (Dolly entra in casa) Scusami Totino, me figghia havi a lingua della verità, certi voti fa dannu.

TOTINO

C’era bisogno di dirmi scusa? Ti pari ca sugnu picciriddu ca nun capisciu ca, to figghia si miritassi a lingua tagghiata!

MIMIDDU

Quantu vaju a vju, a chi puntu semu ca pasta! Ni videmu! (Entra in casa)

TOTINO

Vai vai, puru nuatri avissimu a manciari, se è veru! (Chiama la moglie) Pinuzza, comu finì? Vidi ca u pitittu, mi sta facennu acito!

GIGETTO

Di la troppa fame, mi sta vinennu u blocco stradale! (Si tocca la pancia) 

PINUZZA F. S.

Cinqu minuti e arrivo!

TOTINO

Aspittamu! Visto ca manca picca!

GIGETTO

Papà, visto ca avemu tempu di perdiri, pi fariti vidiri ca sugnu intelligente, ta pozzu fari ‘na domanda? (Totino annuisce) tu, lo sai chi ha fatto la spedizione dei mille?

TOTINO

Certo ca lu sacciu! Giuseppe Garibaldi! È tanto facile!

GIGETTO

Ma chi dici, papà! A spedizione dei mille, la fa tutti i giorni u postino! Havi sempri a borsa china di lettere (Il padre si mette le mani ai capelli) non sei preparato! Ti nni dicu navutra. Tu lo sai quando è morto Cristoforo Colombo?

TOTINO

Chi nni pozzu sapiri! Mica mi pozzu ricurdari a data!

GIGETTO

(con euforia) io lo so, io lo so! Cristoforo Colombo è morto …quannu ci siddiò a campari! Yeah!! (felice saltella) papà, quannu sugnu grande, pozzu andari in America a tuccari la statua della libertà?

TOTINO

C’è bisogno diventi granni pi andari in America? Appena nesci du bagghiu, vai sempre dritto. La prima traversa, giri a destra e trovi l’America, nova yorki, Ci cago! (Gigetto va verso l’uscita, guardando verso la strada)

PINUZZA

(Esce) Gigetto, tu cca si! A cu stai taliannu da strata?

GIGETTO

Staju circannu l’America! Però nun si vidi, picchì davanti c’è ‘na montagna di munnizza! Mi vaju a fari un giru, e fra cinqu minuti vegniu!

PINUZZA

Ca prima mancia, e poi ci vai. A chi ci si, mi accatti u pani. Totino, sai chi pinsavu? Inveci di manciari dintra ca haju cosi in menzu, manciamu fora vistu ca è ‘na bedda jurnata?

TOTINO

U sai, ca dicisti ‘na cosa giusta! Apparecchia fora. Almeno, sentiamo il canto degli uccellini, basta ca nun ni cacanu in testa!

PINUZZA

Gigetto, aiutami a purtari u tavulu fora! (Madre e figlio, portano il tavolino fuori, apparecchiandolo)

GIGETTO

Papà, inveci di nun fari nenti a guardari cu l’occhi, aiutaci chi manu!

TOTINO

Nun fazzu nenti? Io lavoro con la mente! Sugnu già stanco, sulu a taliarivi! Sono intelligente, perché ho senno! 

GIGETTO

(Pinuzza esce, per ultimare le portate sul tavolo) Mamma, u papà dici ca è intelligente picchì havi u seno! Tu, ca ci l’hai cchiù grosso di iddu, l’intelligenza ta vinni?

PINUZZA

Nun lu vidi ca ti pigghia pi fissa, scimunito! Manciamu (Gigetto e Totino si siedono. Pinuzza, divide gli spaghetti col sugo ad ognuno. nel frattempo esce dalla casa Giannina e Dolly col tavolo fuori) nun mi diciti ca puru vuatri, manciati fora!

GIANNINA

(Meravigliata) Viditi i casi della vita, mancu si eramu d’accordo! Oggi, decisi di manciari fora, pi pigghiari un poco di aria. (Mentre parla, Dolly va apparecchiando la tavola, portando l’occorrente da dentro)

GIGETTO

Zia, si ti pigghi un poco di aria tu, nuatri comu respiriamo?

TOTINO

Cu naso! (Tutti ridono) Mancia cretino! Sa po’ pigghiari mai tutta l’aria. Anticchia pi nuatri, a lassa puru. Vero Giannina?

GIANNINA

Mi pari logico. Vi pari, ca sugnu così cannibala ca vi fazzu moriri senza aria? (Ridono) continuati, ca io continuo ad apparecchiare.

PINUZZA

Spicciativi, ca accuminciamu tutti assieme!

GIANNINA

Mimiddu, aiutami ad apparecchiari ca manciamu in società cu me soru. Spicciati! (Entra a prendere altro, esce Mimiddu con quello che manca in tavola. Esce Giannina con pentola, dividendo anche lei spaghetti col sugo) forza, datimi i piatti, oggi spaghetti col sugo!

TOTINO

Ma tutti e dui soru, vi mittistivu d’accordo? Cosi da pazzi! A stissa pasta.

PINUZZA

Avemu lu stissu sangu, mi pari logico manciari i stissi cosi! Allura, putemu accuminciari? (dicono tutti si) Buon appetito!

DOLLY

(Si alza) un moooo un moooo…un mo mo…mento! Si…si… si… de de…ve fare la prepre… la prepre ghie ghie, pre pre… ghie ghie…rina! Uni… uni…te le…le…ma le…le…ma le…le…ma

TOTINO

(Tra se) minchiuni, si accumincia a parrari chista, mi pozzu iri a ricoverari, reparto morti di fame!

GIGETTO

Ma chi è, si incantò u disco? Girate pagina! (Ride. Totino gli da uno schiaffo)

DOLLY

Le…le…mani! (Tutti eseguono) Ca ca…ca ca…ca ca…

GIANNINA

Mancu u tempu di manciari? Hai u stomacu suttasupra? accompagna a to figghia, deve andare a …ci cago! (Allude al bagno. Dolly continua a sforzarsi per far uscire bene la parola)

GIGETTO

Vero? Puru idda? (Prende dolly per il braccio, la tira) amunì dolly, ti ci portu io a ci cago, ti fazzu tuccari la statua della libertà!

MIMIDDU

(libera la figlia da Gigetto) oh! Vidi ca me figghia ancora è menomata pi tuccari a statua! Appena fa diciott’anni a po’ tuccari, ma ora no! (Ai genitori di Gigetto) Chista è l’educazioni chi ci insignati a vostru figghiu!

TOTINO

Nun pinsati mali! Me figghiu per ci cago, ci pariva l’America! Siccomu, dopo manciari, si va a fari due passi e quindi…(Dolly continua sforzarsi dicendo “ Ca ca…ca ca…”)

GIANNINA

Ancora assittatu si! A senti a to figghia ca deve andare di corpo? Vacci!

MIMIDDU

E picchì nun ci va cu so corpo, ca havi di bisogno du miu! Pi mia, si po allagari tutta! Prima mancio, e poi ci fazzu compagnia. Almenu fazzu un viaggio e dui cacate, eh!

DOLLY

Ca ca…caro Gesù. Be… ne di… ci, la mia pa pa …(Ogni volta che dice “ pa pa… Mimiddu le dice “ chi è” ) pa pa…pa pa…

MIMIDDU

(Irritato) chi vo? Mi chiama pa pa, pa pa e poi nun mi dici nenti!

DOLLY

La mia pa pa…pasta! E a… e a… e a…anche, que…(Si sforza per farle uscire la parola intera)

PINUZZA

Chi ficiru, chiamaru? Videmu cu è! (Vede fuori dal baglio) nuddu c’è.

DOLLY

(Continua a sforzarsi nel pronunziare bene la parola) que…

GIANNINA

(A Mimiddu) inveci di stari assittatu, va vidi cu è!

MIMIDDU

Tutti cosi ju e fari? Porca miseria! (Va a guardare fuori dal baglio) c’è nessuno? Nun c’è nuddu! (Intanto dolly, continua a dire “ que…) a cu schifia senti, ca dici cu è? Nun sentu a nuddu!

DOLLY

(Continua a sforzarsi) Que…

PINUZZA

Si a picciridda dici cu è, voli diri ca dintra li so aricchi, tuppuliano!

DOLLY

Que…lla di noi tu..tu tti!

MIMIDDU

Finalmente, si capiu cu e, u que!

TOTINO

Scusa Mimiddu, no per essere razzista contro to figghia ca chicchìa

–balbetta- , ma io vulissi manciari!

GIANNINA

 Gioia mia, pi oggi basta ca preghierina! U manciari, rifriddà!

DOLLY

Ma ma…mma! A pre…ghie …a pre…ghie…rina, è impopo… impopo… rtante!

GIANNINA

Lu sacciu vita mia, però dalla fame, mancu vju cchiù dove sta a bocca dello stomaco. Facemu ‘na cosa, a preghierina che devi dire domani, accumincia a falla stasera. Così dumani prima di pranzo, finisci. Ok? (Dispiaciuta, Dolly si siede) scusatemi tutti, possiamo cominciare,amen!(Tutti mangiano)

TOTINO

(Mangiando)Amore, complimenti. Stu sugo, si scioglie in bocca. Tuttu chiddu chi fai, è oro! Chi hai, i manu di pasta frolla?

PINUZZA

Chisto è u sugo, chi mi detti me soru. I complimenti a idda ci l’avemu a fari. lei è la chuochessa

GIANNINA

Ma quali complimenti! Sono solamente, piccoli segreti di cucina!

GIGETTO

Mamma, ti fazzu i complimenti pa pasta(Pinuzza lo ringrazia)…pari di umma! –di gomma!-(Disgustato) mi si stannu incuddannu tutti i denti!

PINUZZA

Mancia cretino! Chista è pasta al dente, è normali ca si appiccica ‘nte denti!

DOLLY

(Mangia la pasta e si brucia. Fa un balzo, facendo spaventare i genitori con bocca aperta si lamenta, usando il palmo della mano per sventagliarsi la bocca) bru …bru…bru…

GIANNINA

Chi ti vinissi ‘nta punta da lingua, così mi fai scantari! (Vede che si lamenta e fa sventagliare la mano) inveci di manciari, ti metti a fari le imitazioni? Mancia, se no, ti lu fazzu fari jo u muturi, cu un colpo di messa in moto! (Evidenziando il palmo della mano, allude allo schiaffo)

DOLLY

Bru…bru…cia fo fo…fo…forti. la la…la la…

GIANNINA

(Guarda in ogni punto del baglio, non capendo che la figlia le dicesse di darle l’acqua, ch’è sul tavolo) dunni sta pigghiannu focu? dici, di là? Io vampate nun ni vju. (Dolly continua col bru bru…la la…) Inveci di manciari, vo vidiri, dunni è ca sta pigghiannu focu, là!

MIMIDDU

(Guarda in giro, continuando a sentire la figlia che dice la la…) dunni,là? (Indica un qualsiasi punto del baglio, Dolly continua a dire la la…) si po sapiri dunni schifia vidi stu focu? Po’ essiri, ca hai l’occhi ca lampeggianu du pitittu e vidi tuttu bruciato?

DOLLY

(Beve l’acqua che ha sul tavolo, si riprende) u vidi, ca…ca vu …vu… liva, la la…l’acqua! Se era pit …pit..pi… tia , puti…va mo mo…ri ri.

MIMIDDU

Ora, manciamu beddi sistemati. Picchì già, mi staju saziannu di chiacchere!

TOTINO

Appuntu! a pasta mi sta divintannu surgelata, a forza di lassa e pigghia, lassa e pigghia! Quindi, silenzio ca e manciari! (Mangia)

PINUZZA

(parlano mangiando) Giannina, sai cu ti saluta? A za Crocifissa addolorata

GIANNINA

Veru? Havi assai ca nun la vju. Ancora viva è? Ma quannu mori, mai! 

PINUZZA

Si, ma è tanto sofferente! Mischina, a so vita è stata un calvario!

MIMIDDU

Mi pari logico! Cu un nomi di chistu, vuliva essere la bella addormentata nel bosco? (Tutti ridono)

TOTINO

Chi nomi ridicoli si usavano ’na vota! Se oggi, si decidessi di chiamari ‘na picciridda Crocifissa, chidda si cuntintassi moriri impiccata cu cordone ombelicale, ca nasciri dispirata!

GIANNINA

Esagerato! All’epoca, sti nomi erano di moda! Sempri megghiu di chiddi di ora, ca nun si ponnu diri. Giasminne, Maicoll Gessico, Naomi Campabella, Braddi Pitbull.

PINUZZA

Ai tempi, a vita era diversa. Mi ricordo me patri, pi ammazzari u tempu, ni faciva assittari vicino o braciere cu focu e ni cuntava storielle, proverbi, miniminagghi. Ora, sti cosi, nun esistinu cchiù!

GIGETTO

Chi cosa, i minni mi annagghi? – incastri?-

GIANNINA

Ma chi capisci! I miniminagghi, sunnu indovinelli chi ni faciva u nonnu, pi farini sfirniciari! – scervellare-

 

DOLLY

Cu cu…nta cu cu…nta cu cu…nta …mi, sti indo …ee indo…ee indo…vinello!

GIGETTO

(Euforico) si, puru a me, contami i minni mi annagghi!

PINUZZA

Dopo manciari, vi li cuntu! Ora manciamu (Dolly e Gigetto, fanno i capricci)

TOTINO

E finitela di fari i cretini! Prima manciati e poi, vi li cunta!

GIGETTO

(Capriccioso) no, mi l’havi a cuntari ora, se no, faccio lo sciopero della dieta  (Anche dolly fa la capricciosa)

MIMIDDU

Cuntacinni unu, quantu si zittinu tutti e dui!

PINUZZA

Si fati i bravi, vi dicu i miniminagghi! (I ragazzi esultano, poi si quietano. Intanto gli altri mangiano) stativi attenti e riflittiti bene: Calai all'ortu e vitti un omu mortu. Ci isai a vistinedda e ci vitti a ciullaredda! Cosa è?

GIGETTO

(Agitato) io u sacciu, io u sacciu! Ci isasti a vesta all’omu mortu, e ci vidisti il pinnolino!

PINUZZA

Zittuti cretinu, nun è chistu!Nuddu a sapi? (agli altri)vuatri mancu la sapiti?

TOTINO

(Suscita curiosità di tutti, tanto che smettono di mangiare e si scervellano) Ripetilu navutra vota!

PINUZZA

Calai all'ortu e vitti un omu mortu. Ci isai a vistinedda e ci vitti a ciullaredda! Cosa è?

MIMIDDU

Lo strumento!

TOTINO

I palle di natale!

GIANNINA

Ci vidisti a cannila, astutata!

PINUZZA

Vi arrendete? (Si guardano un attimo tutti, poi si arrendono) a fagiolina è!

GIANNINA

Ora una io. Faciti attenzione. Hai vogghia di curriri e scappari, chiddu chi  hai mienzu i jammi, ma fari tastari.

MIMIDDU

Curò, c’era bisogno di dirimillu in pubblico? Vieni dietro le quinte, ca ti fazzu saziari!!!

PINUZZA

Picciotti, nun cominciati a fari gli erotichi, ca ci sunnu picciriddi. Se aviti desideri carnali, itivinni a macelleria!

GIANNINA

Nun pinsati mali. Vi dugniu una manu. Sta cosa si trova in menzu i cosci, si afferra chi manu e si munci! (imita con le mani la mungitura)

GIGETTO

(Euforico) io u sacciu, io u sacciu! È il pinnolino!!!

MIMIDDU

Oh, ma sempri ‘nta vucca ci l’havi! Vastaso! (Totino lo guarda con rabbia. Dolly alza la mano per parlare) sentite a me figghia, idda ca educazioni n’havi di vinniri! Gioia mia, chi cosa è ca si trova menzu i cosci e si fa tastari?

DOLLY

A min…a min…

TOTINO

(Corre a tapparle la bocca) Fermati! A me figghiu dici vastasu? A to figghia nenti ci dici, si nun la firmava, faciva lo spelling della minc… (si blocca) vabbè, mi capistivu! 

GIANNINA

(Si adira) comu ti permetti a diri sti cosi a me figghia! Chiddu chi si trova menzu i jammi e si fa tastari, u latti di crapa è! A picciridda, stava dicennu giustu, a minna! U latti di da dintra nesci, da minna! (Totino è mortificato)

MIMIDDU

Nun ci pinsari Giannina! Ora, ni fazzu una ju. Stativi attenti ca è difficili! Caminannu caminannu, ma vaju tuccannu! Cosa è?

GIGETTO

Ju u sacciu, ju u sacciu. È il pinnolino!

TOTINO

A maritu e mugghieri, vi dicessi di insignarivi l’educazione, prima di parrari! Mi stati rovinannu un figghiu! Appena diventa ricchionello, vogghiu essere risarcito!

PINUZZA

(Adirata) Giustissimo! A finiti di diri sti porcate! Si lassaru iri i porci?!

GIANNINA

Nun esagerare a parrare, altrimenti ci arrabbiamo! Prima di diri porchetta a mia, pensa pi to figghiu ad ogni cosa, dici sempri pinnolino e pinnolino!

PINUZZA

U picciriddu dici pinnolino, pu fattu ca vuatri gira e rigira diciti sempri indovinelli ca si trovanu menzu i cosci! E poi, io dissi porci, no porchetta!

GIANNINA

Ignorante, a mugghieri du porco cu è? A porchetta!

MIMIDDU

U sapiti ca siti ‘na massa di picuruna ignoranti ca cipudda! Prima di giudicari, capite! Ora ve lo imito, così capiti ca nun è una cosa volgare! (Si mette al centro della scena, si mette le mani in tasca) Caminannu caminannu, ma vaju tuccannu!

PINUZZA

Viditi chi facci di scimpanzè chi havi! Fa l’imitazioni, si munciunia e dici ca nun è volgare! I pinnuli scaduti ci vonnu! 

DOLLY

Ciu ciu ciu ciu…ciu ciu ciu ciu…

TOTINO

Mimiddu, levati di menzu a strata, ca sta passannu, u trenu! (Ride insieme a Pinuzza e Gigetto. Mimiddu e Giannina, trattengono l’ira)

DOLLY

Ciu ciu…ciu ciu dicu ju, cococococo…cococococo (Fa il verso della gallina, si sforza a parlare)

PINUZZA

Picciotti, fati silenzio, a jaddina sta facennu l’ova strapazzate! (Ride con sua famiglia)

DOLLY

Ciu ciu …dicu ju coco …coco…sa è! A sa cche cche tta!

MIMIDDU

Brava gioia mia, hai indovinato! (La bacia. Giannina Fa il viso orgoglioso davanti alla sorella e cognato) faccillu sentiri a sti ignoranti ca tu lo sai!

DOLLY

A sa…a sa…a sa… a sa… a sa…(mimiddu le da una pacca sulla spalla) a sa…cchetta!

MIMIDDU

U sintistivu chi cosa è? A sacchetta! Siccome siti zulù maliziosi, pinsavavu cosi mali! Ora basta, mi siddiò a sprecare la mia coltura cu sti zulù. Amuninni picciotti(Alla sua famiglia)

TOTINO

Aspettati! Tutti si, ed io no! Facitiminni diri unu puru a mia!

GIANNINA

Dilla pure, basta ca nun la dici, volgare! Se no, mi susu e mi nni vaju!

PINUZZA

Statti calma e tranquilla, me maritu cose porcellinose, nun li dici. Prego amore, fai la dicitura del tuo miniminagghio!

TOTINO

Semu pronti? O cu pilu o senza pilu, rapi i cosci ca ta ‘n filu! Cosa è?

GIANNINA

Vergogna! Chisti cosi di diri sunnu, davanti e picciriddi!

GIGETTO

Io u sacciu, io u sacciu. Il pinnolino!

MIMIDDU

U vidi chi c’è cca? Porco u patri, e porco u figghiu!

GIANNINA

E porchetta, a mugghieri!

PINUZZA

Vidi ca, ora stai parranno assai, delfino curioso! Facitimi un favori, livativi di davanti l’occhi nostri!

MIMIDDU

Io nun vogghiu litigari cu nuddu, però, vi renditi conto? Prima parrati e ni giudicati a nuatri, poi, u primu si tu Totino, ca parri vastasu!

TOTINO

U miniminagghi chi dissi io, nun è volgare. Vi dugniu un aiuto. Ju ci la infilu a me mugghieri ogni matina. to mugghieri ta infila a tia,ogni sira!

PINUZZA

Veru è. A matina, nun mi pozzu susiri du lettu di lu troppu friddu, me maritu, mi la infila, mi riscalda! Quannu me maritu è stancu, puru me figghiu mi la infila!

GIANNINA

Ma chi siti tutti maniaci! Io vero ca ci la infilu tutti i siri a me maritu, ma pi fallu ripigghiari!

DOLLY

U ca…pipi, u ca… pipi, u capivu, coco …sa è! A su… a su …ppo ppo …sta!

TOTINO

No no, u sapiti chi è? A quasetta! Gente ignorantissima! A quasetta o cu pilu o senza pilu, si infila nne pedi, pi riscaldari. Talè, itivi a curcari, gente priva di coltura!

MIMIDDU

Ueh, priva di coltura a mia proprio nun mi lu dici! Io sugnu o zappatore, e u zappatore nun sa scorda a mamma! Agginocchiati e vasami sti mani, za za!

GIGETTO

A coltura, è chidda chi si fa a scola, no in campagna!

PINUZZA

Viditi me figghiu, è ricco di culturismo! Insignacilla tu, un po’ di cottura a sti antiriquariati!

GIANNINA

Stai tranquilla, ca puru me figghia è ricca di ragioneria! Sta studiannu musica, nel coro da chiesa. (Con orgoglio) sta divintannu cantante!

DOLLY

Fa fa…fa fa…ccio par…tt par…te del coro, de …lle vovo …ci bia…nche!

TOTINO

Nun lu dicu pi sfottimento, cu stu fattu ca si incanta u discu quannu parri, a vuci avutru chi bianca, nesci ni vu ra! (Ride con la moglie e Gigetto)

MIMIDDU

Almenu me figghiu parra a cambiali, to figghiu, havi u ciriveddu arrostito! Cu ci lu vinnì, ‘na gaddina senza mutanni? (Ride insieme la moglie e Dolly)

PINUZZA

Ma vi taliati mai o specchiu? Siti a famigghia Spaccalafico. Senza panza, ciriveddu e viddico! – ombelico- (Ridono)

GIANNINA

Vuatri siti a famigghia cimmiciolla, senza pinna e senza ciolla! (ride insieme la sua famiglia)

TOTINO

Ma statti zitta, scimmia di tarzan. O posto da liana, hai a lingua longa! (Pinuzza ride)

MIMIDDU

Scimmia di tarzan a me mugghieri? Taliati a tua, pari un pidocchiu chi minne! (Giannina ride)

PINUZZA

Mettiti a museruola e zittuti, se no, chiamo la protezione animali, a tia e tua mugliera, vi fazzu chiudiri o manicomio canino! (Ride insieme a Gigetto e Totino)

GIANNINA

Mi fazzu trent’anni di carceri, però vogghiu aviri l’onore di strapparici u me dna dall’enciclopedia di famiglia a ‘sta mummia senza carta igienica! L’ammazzo! (Si scagliano tutti contro tutti. Tirandosi farina, acqua, quello che ci sta in tavola. Diventando bianchi)

PRETE

(Entra di corsa) Fermatevi figlioli! (appena li vede bianchi, sporchi di farina, si spaventa) Beddamatri, i fantasmi! Ma chi sugnu nella casa del mulino bianco?

GIANNINA

Si priparassi parrino. A navutru poco, avrà tri fantasmi da confessare! (Torna nella mischia. Il prete si mette in mezzo per sedare la rissa, ma ne viene coinvolto, sporcandosi anch’egli. Cala il sipario)

Fine primo atto

Secondo Atto

(medesima scena del primo atto. Sgombra da ogni tavolo, sedie e disordine.  In punta di piedi, entrano nel baglio i genitori di Pinuzza e Giannina. Due

persone mature, vestiti all’antica. L’uomo porta gilèt e coppola. La signora veste lunga)

NINO

(alla moglie sottovoce) veni Bastiana, nun fari rumuri. Ci facemu ‘na sorpresa e to figghi! (Si mettono al centro del baglio. Nino urla) Posta! Vi purtavu a posta! (Nessuna risposta) Chi siti tutti surdi? C’è posta per voi!

BASTIANA

Nino, diccillu ca si tu! Po’ essiri, ca pensanu ca è u postino ca ci porta cosi di pagare, e ti avissiru a tirari un piatto in testa!

NINO

Ora glielo specifico! Posta! Affacciativi, nun c’è nenti di pagari! (Nessuna risposta) po’ essiri nun ci sunnu dintra e io staju parranno sulu!

TOTINO F. S.

Signor postino, si dintra stu bagghiu vulemu campari: muti, surdi e ciechi avemu a fari!

BASTIANA

Comu? I lassamu boni, dui misi fa, e divintaru tutti handicappati?

MIMIDDU F. S.

Si spiegassi per filo e per segno, signor postino. Di cu è sta posta?

NINO

Per la famiglia Spaccalafico!

GIANNINA F. S.

Si, ma quali famiglia? Precisassi megghiu. Cca dintra, semu tutti Spaccalafico! Nun scanciassi l’oro cu chiummu! – col piombo-

BASTIANA

Ma picchì ragiunanu così! Mi fazzu tagghiari a testa, ca chisti si litigaru, e nun si parranno!

NINO

Nun pinsari mali! Scummissa ca ni vittiru, e stannu facennu u nostru stessu jocu. Ora ti fazzu vidiri! (torna a gridare) allura a vuliti sta posta, si o no?

PINUZZA F. S.

Lei deve sapere, dintra stu bagghiu ci sunnu due famigghie. Chi corna (Affaccia la testa dalla finestra, fa le corna verso la casa di Giannina. Anch’ella, si affaccia dalla sua finestra, facendo le corna verso casa di Pinuzza. Al termine della parola, rientrano)

MIMIDDU F. S.

O senza corna! (si affaccia dalla porta, facendo segnale su se stesso. Anche Totino, si affaccia dalla porta, imitando lo stesso gesto. al termine, rientrano)

BASTIANA

Tu diciva ju, ca chisti mancu si ponnu taliari, ‘nta cartina geografica!

NINO

(Alza la voce dalla rabbia) si po’ sapiri chi schifia di discursi fati, tutti quantu siti! Nisciti fora! (Escono uno dietro l’altro, ognuno dalle proprie case)

TOTINO

Ah, lei è? Nuatri ca pinsavamu ca era veramente u postino(Saluta i suoceri)

GIGETTO

(Euforico) nonno nonno! Mi purtasti a pensioni! (porge il palmo della mano, senza salutare i nonni) amunì, a cu aspetti a darimi a pensioni! Si staju assai ca manu aperta cu stu friscu, mi veni a maningite!

NINO

Mancu mi saluti! (Gigetto dice no) si vinisti cu stu pinseri, va rompiti i corna o largo! (Gigetto, si allontana indispettito)

PINUZZA

(bacia i genitori) ciao mamà. Ciao papà! Chi bella sorpresa!

BASTIANA

(Nota che Giannina con la sua famiglia, è in disparte) tu, nun ci saluti?

GIANNINA

Appena si allontanano i signori, ni salutamu. Dolly, va pigghia u sgrassatore universale (Dolly esce)

NINO

I pulizie ora l’ha fari ca vinnimu io e to matri? (Entra dolly con lo sgrassatore a spruzzo ed uno straccio)

GIANNINA

Se vuliti ca vi salutu e nun m’infetto, (gli spruzza l’acqua in viso ai genitori,asciugandoli con lo straccio) vi disinfetto a faccia dalle malattie chi vi lassaru (Indica la sorella) certi bestie

PINUZZA

(Totino si lamenta) senti signora mastro lindo, vidi ca io e la mia famigghia, semu puliti al mille per mille. Nuatri nun ni avemu anticorpi! Nuatri, di corpo, andiamo alla grande!

TOTINO

To maritu, o travagghiu veni rimproverato sempri du principale. Talmente è infettato, ca dunni passa iddu, mancu i petri nascinu! (Mimiddu si lamenta)

BASTIANA

(porta la calma) Pariti quattro picciriddi, ca fannu a gara pi essiri unu cchiù cretinu di l’avutru! Pi mia, siti tutti uguali! (Saluta Giannina, Mimiddu e Dolly) Vegniu pi stari in paci chi me figghi, i me jenniri e niputi, e vegniu a trovu, sciarre e lamenti

MIMIDDU

Lei hava a sapiri, ca certi cristiani, (allude a Totino e famiglia) sunnu comu aceddi ‘nta gaggia. O cantanu pi stizza o cantanu pi raggia!

PINUZZA

Sai comu si dici o me paisi? Nun dari cuntu è disprezzo!

NINO

A sintirivi parrari, mi stati facennu rovesciari u latti chi mi detti me matri! (Si avvicina ai nipoti) viniti cca, parru cu vuatri ca ingegneria ni aviti chiossà di iddi! Chi mi cunti Gigetto, come va?

GIGETTO

Va bene nonno, ma si mi dai a pensioni, va megghiu ancora! (Gli allunga la mano, sotto gli occhi allibiti del nonno) spicciati, dammilla così mi nni vaju

NINO

Ti nna ghiri? (Lo allontana col braccio) allora va caca. Fattilla dari tu a pensioni, ca hai u ciriveddu in ferie! Viditi chi ragionamento! Dolly, tu che sei una Signorinella bella e intelligente! Chi mi dici, che mi dici di bello?

DOLLY

Sei un cu cu…un cu cu…

NINO

Cu io? Allura, veru tutti ‘na massa di fangu siti!

BASTIANA

Dolly! Sti cosi si ci dicinu o nonno? Dicci scusa! (La nipote continua a sforzarsi)

PINUZZA

U vidi, chi niputi educata chi hai! Ma com’è ca nun la jetti a mari!

GIANNINA

Zittiti mucca carolina! Si parri ancora, ti jettu dintra l’Etna e ti fazzu divintari colla pi scarpi! (entrambe le sorelle parlano uno su l’altra)

DOLLY

Sei un cu cu…ore mio, no no…nno!

NINO

Silenzio tutti! Ripetilu di nuovo, dolly!

DOLLY

Sei un cu cu..ore mio, no no…nno! Pu pure a no a no…nna!

NINO

(I nonni abbracciano e baciano Dolly) scusa gioia mia, per il complimento ca ti fici. I fanghi sunnu sulu iddi, tu sei fango color oro!

BASTIANA

Scusati, mi la dati una seggia, ca mi assettu. Haju i pedi, chi mi chiancinu! (Pinuzza e Giannina, entrano di corsa nelle loro case, escono con le sedie. Litigano per far sedere la madre, togliendo una la sedia dell’altra, facendo far il gesto a Bastiana di sedersi e rialzarsi per non cadere) Mi faciti assittari? A fari cala e isa, mi stati facennu fari il ballo del pinguino! (Nino blocca le figlie con un alt, fa sedere la moglie prende l’altra sedia, sedendosi anch’egli al centro del baglio)

TOTINO

Nenti ni diciti? Comu mai da queste parti?

NINO

Io e to soggira, decisimu di fari un misi di vacanze, in casa vostra!

PINUZZA

A me casa posto non ce ne. Mi dispiace, haju u letto a castello e persi a scala, pi acchianari navutri dui piani! Prova ne me soru!

GIANNINA

Ne mia? Io haju u lettu a cu cu. A parte mia, me maritu e me figghia, posti nun ci nne cchiù!

MIMIDDU

Canciamu discursu. A cosa è dovuta sta bella sorpresa delle ferie?

NINO

Ma chiami bella sorpresa chista? Si turnassi indietro, mi sparassi ‘nte pedi, almeno havia una scusa pi nun veniri! Un patri e ‘na matri, centu figghi i campanu. Centu figghi i fannu moriri ad un patri e ‘na matri! Vergogna!

GIANNINA

Esagerato! Mica vi stamu jettannu fora! No pi nun vi ospitari, ma cu tanti case di cura chi ci sunnu, i ferie proprio a me casa, vi l’aviti a fari?

BASTIANA

(Angosciata) Nun vi scantati, ca io e vostru patri, u sapemu dunni andarini a ricoverare! Anzi, scusate u disturbo! Prima chi mi nni vaju, mi lu vuliti diri, picchì siti litigati? (Parlano tutti insieme da creare confusione) O mircatu mi sentu!

NINO

Oh, silenzio! Aricchie dui n’haju! Si parrati tutt’insieme, a dui sulu pozzu sentiri, l’avutri parrati suli! Si vuliti essere ascoltati tutti, parrati a dui a dui!

MIMIDDU

Semu litigati, picchì sunnu maleducati e vastasi!

PINUZZA

Senti cu parra, il signor licca licca. È u burattinu della sua mogliettina!

GIANNINA

Si invidiosa, picchì ju ci l’haju comu burattinu u miu, tu ci l’hai comu asso di bastoni e mancu ni po’ fari usu, picchì nun vali nenti! (Risata ironica)

TOTINO

Nun valu nenti io? Tu, manco sei degna di odorare il profumo di me scorreggi, ca pigghi valuri!

GIGETTO

Hannu una figghia, ca parra ti ti…to to, parla a moviola!  (Ride)

DOLLY

E tu si, un cu cu…curnutu chi corna! (parlano tutt’insieme, continuando ad insultarsi, l’urlo di Nino li blocca)

NINO

(Urla) Silenzio! Chi vi siccassi a pupilla di cannarozza! Inveci di rispittarivi, siti tutti contro tutti! (Alla moglie ch’è disperata) chi ti disperi a fari Bastiana? Nun vali la pena, sprecare lacrimi pi sti fanghi termali!

BASTIANA

(Gemente) ti rendi conto? Tutta l’educazione, i valori, u rispettu, si nni puliziari u cu…(Si tappa la bocca) dove non batte il sole.

NINO

Tanti sacrifici, pi crisciri i figghi, ora vidi comu ti rispunninu! Haju i figghi, ed me circari ‘na casa di cura pi…Sai chi ti dicu Bastiana? Amuninni! (Si alza, prende la moglie sotto braccio) a curpa fu a mia, ca pinsavu di veniri a festeggiari chi me figghi…(Ci ripensa) scusate vuliva diri, porci!!!! Ammazzativi puru, nuatri togliamo il disturbo! (Stanno per uscire, vanno tutti a prenderli trattenendoli)

GIANNINA

A sorpresa? Quali sorpresa! Trasiti, ancora è presto per andare nna casa di cura! Parramu!

PINUZZA

Cu me soru, ni vulemu beni! (Le fa un gesto senza farsi vedere dai genitori, come se volesse cavare gli occhi. Li fanno risedere al centro del baglio i genitori) di quali sorpresa parravi papà?

TOTINO

Si, di quali?

GIGETTO

Vi lu dicu ju! U nonnu, mi purtò a pensioni. Vero?

MIMIDDU

Sempri e piccioli pensi stu parassita! Peggio di so patri è!

TOTINO

Sempri megghiu di tia, ca si morto di fame!!! (I due alzano la voce)

NINO

A vuliti finiri, chi vi vinissi ‘na moria ‘nta lingua! Geppetto havi ragioni!

PINUZZA

Gigetto papà, Gigetto!

NINO

Scusa, ero emozionato e sbagliavu! Vinni pi festeggiari cu vuatri, ca mi dettiru finalmente a pensioni! (tutti sono felici, abbracciano Nino)

BASTIANA

Pinsamu di veniri a festeggiari cu vuatri! A manciari e divirtirinni! A spenniri tanti piccioli, tantu nun pago ne io ne vostro patri! (Silenzio di tomba in famiglia, Nino e Bastiana guardano le due famiglie silenziose) u statu paga! (Tutti fanno un respiro di sollievo, levando in aria un bel “ aaaaaaaaaa”)

PINUZZA

No pi essere invadente, ma quantu ti dannu di pensione?

NINO

(Con felicità) mille euro!

PINUZZA

(Senza esitare, prende il padre per il braccio, lo tira dalla sua parte) po’ veniri a fariti i vacanze a me casa! Ti garantisco, colazione cu sacco.

GIANNINA

(Prende il padre dall’altro braccio, tirandolo a se) a me casa veni papà, haju u lettu chi rose, e idromessaggio! (le donne fanno un tira e molla, tra le grida di dolore di Nino e quelle di Bastiana, che implora le figlie di fermarsi) lassalu! U patri nun è tuo, è tutto mio! Picciotti, aiutatimi a tirari ( Mimiddu e dolly, tirano insieme a Giannina, il braccio di Nino)

PINUZZA

Aiutatimi, se no, da jatta spennacchiata di me soru, vinci a me patri! (Totino, Gigetto e Pinuzza, tirano l’altro braccio di Nino. Tra tira e molla vincono, e festeggiano aggiudicandosi il povero Nino che si lamenta a terra. Giannina e famiglia, sono dispiaciuti) uno a zero e palla al centro!

BASTIANA

(Piangendo, coccola il marito a terra, privo di voce, che si lamenta) Nino, Ninuzzu miu. Ti ficiru la bua? (Con spregio) Disgraziati! Invece di festeggiare, u vuliti ammazzare? Si vi dicessi ca puru ju, pigghiavu a pensioni chi fati? Mi faciti a spezzatino? Vastasi!

GIANNINA

(come un fulmine, prende la madre e la mette dalla sua parte. Festeggiando con la sua famiglia. Pinuzza e famiglia sono dispiaciuti) uno a uno e palla negli spogliatoi! (Ridono)

TOTINO

E’ inutili ca fai a scimunita! Tantu, comu ci l’hai tu a pensionata, ci l’avemu puru nuatri! Da chiddu ca sacciu, a pensioni da fimmina, è minima minima! (Ride) 

GIGETTO

(con scherno) U nostro pensionato, ci l’havi bedda grossa!

MIMIDDU

Nun vi preoccupati, puru alla nostra pensionata ci diventerà bedda grossa!

BASTIANA

(gemendo) U sinnacu, tuttu crastu è, però a pensioni e fimmini ci la fici aumentari!

DOLLY

Qua qua…qua qua…qua qua…

BASTIANA

(Dispiaciuta, piange) ma comu, io sugnu dispiaciuta, e  tu fai le imitazioni?

DOLLY

Qua qua…nto, pigghi di pi pi pi pi pi…nsioni?

BASTIANA

Quattro spiccioli! Dopo una vita di travagghiari onestamente è una vergogna, pigghiari ‘na miseria! Pigghiu intorno…agli otto mila euro o misi

GIGETTO

Minchia!!!!!!

GIANNINA

Beddu u porco! Sai chi ti dico Pinuzza? Insignaci l’educazioni a to figghiu!

PINUZZA

Inveci, sai chi ti dicu Giannina? (Prende il padre, lo da alla sorella e si prende la madre) dici ca u patri è u tuo? Pigghiatillu! mi tegniu a me matri

GIANNINA

(Non accetta lo scambio, finisce che i poveri genitori, vengano sballottolati dalle due famiglie) Tenitullu a to patri, io mi tegniu a me matri, ca ci l’haju ‘nto cori! (in quel avanti indietro, Gigetto va di dietro lo zio Mimiddu, lo chiama, lui si distrae e Totino, riesce ad acchiappare Bastiana, lasciando Nino a Giannina. Pinuzza e famiglia, festeggiano. Bastiana si siede, piange)

BASTIANA

(Piangendo) Nino, mi senti? Se ci sei, batti un colpo! (Nino privo di forze, fa un verso con la bocca “Toc!” )Cu nu fici fari, veniri. Era megghiu, si ni ricoveravamo o spitali! (Nino asseconda la moglie con mugugni)

PINUZZA

Quali ricoveru e ospitali! A me casa, sarai in un albergo a dieci stelle!

GIANNINA

A dieci stalle! Da puzza di fognatura chi ti nesci da casa, mi stanno murennu tutte le ragnatele chi haju ‘nte muri!

PINUZZA

Di quant’havi ca stai ‘nta stu bagghiu, i surci, si ficiru i valigi, si suicidare e parteru per Hollywood. In mezzo le stelle! (Le sorelle litigano)

BASTIANA

Silenzio! (Gemente) Nino, ti rendi conto? In cinquant’anni di matrimonio no, e ora siamo divorziati. Io di qua, tu dall’altra sponda! (Piange) ricordati di santificare le feste, e di passarimi gli assegni familiari! (Pinuzza e famiglia, supportano il discorso di Bastiana, dicendo sempre “Giusto!”)

NINO

Hai otto mila euro di pensione, e vo puru gli assegni familiari? Tu, sbattisti a testa! Per vera legge, avissi a essiri tu ad adottarmi! (Giannina e famiglia , dicono “Giusto!” )

BASTIANA

(Si adira) comu? Io, adottari a tia? Menu mali ca u sai, ca sugnu allergica o pilu degli animali! Ora ca ni divorziamo, ni approfitto pi respirare!

NINO

Ora scopro tutto! Quannu mi trattavi comu un cani, mi pariva ca lu facivi per affetto, inveci lu faciva, per dispetto! (Gemente) io, annorbato d’amore, ti ridevo mentri tu mi davi uno schiaffone. Ca faccia russa come un peperone, ogni sira mi andavu a curcari senza manciari comu un cogl…(Si blocca)… coccodrillo! (con sprezzo)  Sai chi ti dico? Va fa ‘nto culu!!!!

BASTIANA

A mia, sti paroli?

NINO

No, era un complimento! (Bastiana si avventa su Nino. Si crea confusione, tra le due famiglie. Arriva di corsa il prete)

PRETE

(Cerca di fermare tutti) Fermi, fermatevi figliuoli! Ma chi siti, tutti scappati du manicomio? Calmatevi! (Si placano tutti) dico io, ci fosse una sola volta, una sola volta in cui, in questa famiglia si sentissero grida di piacere. Sempre urla di vastunati!

BASTIANA

Signor parrino, a curpa di me maritu fu, ca mi dissi…

PRETE

Non mi servono spiegazioni! Posso capire loro (allude alle famiglie) ma voi! Dovreste dare esempio di amore, unione! Ditemi la verità, siti vuatri ca ci dati corsi di aggiornamento e vostri figghi, pi ammazzarisi megghiu?

NINO

Parrinu, chi va pinsannu! Me mugghieri è una…

PRETE

Quando in una famiglia c’è scompiglio, si è tutti colpevoli! Altrimenti, si metterebbe pace (passeggia, guardando il pavimento) ultimamente, spesso ci si litiga in questo posto! In questo baglio, c’è qualcosa che non va

TOTINO

Veru è! È troppo stritto e manca l’aria!

PRETE

Silenzio! So io cos’è che non va! C’è qualche entità paranormale!

MIMIDDU

Esatto! Parrinu, i taliassi ‘nta faccia (addita verso Totino e famiglia) parino normali ma sunnu tutti foddi! (Stavano per ribattere Totino e famiglia, vengono bloccati in tempo dal prete)

PRETE

Silenzio! Mettetevi in linea davanti a me. Scattare, scattare! (Tutti si premurano a schierarsi uno accanto all’altro. Il prete grida e da ordini come fosse un capitano d’esercito) attanzion, attanzion! (Ognuno cerca di eseguire gli ordini, come meglio può) Pancia in dentro, petto in fuori, bocca chiusa, orecchie spalancate e sentitimi!!!

DOLLY

Scusi, papa …papa…rrino. Popo…zzu re…spispi…rari?

PRETE

Potete respirare, importante ca nun fati rumore! Chiaro? (Tutti annuiscono) non ho capito, è chiaro? (Tutti annuiscono con mugugni) bene! (li scruta per bene, passandogli davanti) ora vediamo chi di voi, ha il negativo dentro! Ce l’hai tu? (A Pinuzza) no, troppo bedda si! Ce l’hai tu? (Giannina) no, troppu brutta! (Gigetto euforico addita verso di lui) ce l’hai tu? Nun po’ essiri, sei troppu cretinu (Arriva davanti a Nino) Eccolo, lo vedo! Vedete, l’ho trovato! Ce l’hai scritto in faccia, che porti scompiglio in questo posto!

NINO

Parrino, veramente io nun sacciu scriviri!

PRETE

Non importa che non sai scrivere, so leggere io! (Ride con sarcasmo) inutile che mi guardi, ora ti esorcizzo! (Lo afferra per le spalle, si imposta la voce, Nino è spaventato) Spirito immondo che non sei di questo mondo, invece di stare in questo posto a fare il girotondo, lascia il corpo di questo disgraziato senza far ritorno! (Scuote Nino) esci da questo corpo, esci da questo corpo! Vai via! Lascia questo corpo. Esci subito da questo corpo!

NINO

(Il prete si ferma, non appena lo vede piangere) Parrinu, stamattina quannu mi vistivu, mi scurdavu a mittirimi i mutanni. Se escio da questo corpo, chi figura ci fazzu nudu! Lei mi po’ capiri, avemu a stissa età

PRETE

(Riflette un attimo, gli batte mano sulla spalla, placa la voce) Hai ragione, ti pozzu capiri! Rimani col tuo corpo. A risulvemu di navutru modo a situazioni! Fratelli, visto che c’è stato un imprevisto, esorcizziamo il baglio!

PINUZZA

Esorcizziamo u bagghiu? Comu cu terremoto?

PRETE

Ci metteremo tutti in fila uno dietro l’altro, facendo un trenino. Io sarò il capotreno. Solo le donne, visto che ne sanno una più del diavolo, diranno una parola positiva dentro, negativa fuori! Vi faccio un esempio: (Con cantilena) Dintra bene, fora male! Capito? (Tutti approvano l’iniziativa del prete) Noi uomini, al termine di ogni loro intervento, diremo: ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu! Ok? (Tutti approvano)

GIGETTO

Parrino, picchì lei pure uomino è?

PRETE

Ti pari ca sugnu ricchionello comu tia? Basta! Concentramento! (Tutti si dispongono in fila uno dietro l’altro, tenendosi per i fianchi) Semu pronti? (Tutti dicono si) Via! (Il gruppo si muove, solo quando gli uomini dicono ciu ciu ciu ciu…)

BASTIANA

(Con cantilena) Dintra bon’occhio e fora malocchio!

UOMINI

(si muovono nel baglio tutt’insieme, a ritmo) Ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu

PINUZZA

Paci dintra e guerra fora!

UOMINI

Ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu!

DOLLY

Dintra abbra…abbracciati, fora i li li…gnati! 

 

UOMINI

Ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu!

GIANNINA

Dintra gli amorosi, e fora i cornutosi!

UOMINI

Ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu!

PRETE

Va bene così, cari figliuoli! Abbiamo finito

MIMIDDU

Un momento parrino! Lei dici ca i fimmini ni sannu una cchiù du diavulu, nun pensa ca nuatri masculi ni sapemu una cchiù di lei? Ni facissi esorcizzare puru a nuatri! (Il resto degli uomini in casa, approva)

PRETE

(Pensa qualche secondo) sai che hai ragione? Si può fare! Ebbene si, che si faccia! Adesso, saremo noi uomini a ripetere frase positiva dentro, negativa fuori. Voi donne …

DOLLY

…Ciu ciu ciu ciu, ciu ciu ciu ciu!

PRETE

Invece no! Ci vuole qualcosa di forte! (Pensa) Trovato! Ascoltatemi donne. Visto ogni pilu vi pari un travu e continuamente litigate, direi di esorcizzarvi le orecchie per non ascoltare le brutte cose che vi dite!

BASTIANA

Esorcizzarci le aricchie? Parino, chi è drogato? Si fumà un cannuni?

PINUZZA

Se esorcizziamo le aricchie, poi, comu sintemu cu c…

PRETE

(La precede) Ho capito! Datemi ascolto, vi troverete bene! Tutte in coro dovete dire: (Imita il gesto, indicando le orecchie. Prima una, poi l’altra. Con cantilena) Di cca mi trasi ciu ciu ciu ciu… di cca mi nesci ci ci ci ci. Va bene? (Le donne approvano) in posizione! (Tutti si riposizionano nella medesima fila di prima) via! 

NINO

(Con cantilena)Dintra ‘na mugghieri chi tace, fora fazzu chiddu ca mi piace

DONNE

(il gruppo si muove a ritmo, solo quando le donne parlano, indicando il gesto con le dita sia in entrata di orecchie, che in uscita. accentua il tono Bastiana) Di cca mi trasi ciu ciu ciu ciu… e di cca mi nesci ci ci ci ci

TOTINO

Dintra la servitù, fora mi diverto di più!

DONNE

(Accentua Pinuzza)Di cca mi trasi ciu ciu ciu ciu…di cca mi nesci ci ci ci ci

MIMIDDU

Fora ti mannu a travagghiari e dintra, ma purtari i piccioli pi campari!

DONNE

(Tutte tranne Giannina) Di cca mi trasi ciu ciu ciu ciu ciu e di cca mi nesci ci ci ci ci…

GIANNINA

(Adirata) ora basta cu sta litania! U capistivu, a scusa ca nuatri dicivamu sta filastrocca, iddi si nni approfittavano a parrari, contra li nostri doveri di mugghieri! (Le tre donne si scaldano)

BASTIANA

Puru ju ti sintivu Nino! Voi ‘na mugghieri chi tace? Ora ta fazzu vidiri ju a mugghieri si ti piaci! (Si stiracchie le dita, alludendo a botte)

PINUZZA

Dintra la servitù, ora ti scippu a testa, così nun parli cchiù!

PRETE

(Il prete si mette in mezzo, per dividere le donne dai mariti) Figliuole, calmatevi! Stiamo in fase di esorcizzazzione!

GIANNINA

Parrinu, si livassi di menzo. Ora lo esorcizzo io a me maritu, pi sempri!

GIGETTO

Oh, io puru le diri a me preghierina!

PRETE

Lascia stare Geppetto! Già i cosi si mettinu mali, si parri tu, scoppia a quinta guerra mondiale! (Gigetto insiste, fino a che il prete cede) e vabbè, dilla pure, basta ca ti zitti! Un attimo di attenzione, ascoltate Geppetto!

GIGETTO

Dintra vogghiu fimmini speciali, fora i masculi di jettari! (le donne lo abbracciano)

DOLLY

Di di…cca mi mi trasi ciu ciu ciu ciu di di…cca …mi nesci ci ci ci ci

GIANNINA

U sentistivu belle parole chi dissi Gigetto! (Agli uomini) Du picciriddu, havi cchiù ciriveddu di vuatri, nel valutare i fimmini in casa! Vergognatevi!

BASTIANA

Gioia mia! Belle parole chi dissi! (Con disprezzo, si riferisce agli uomini) Sempri megghiu di chiddi zulù, che non hanno un cuore femminile!

PINUZZA

Me figghiu, ci l’havi beddu grosso il cuore! Vidistivu belli paroli? A pigliato, dalla mamma!

TOTINO

No no, nun diri fesserie! A preso la vinatura poetica, di mia!

MIMIDDU

Nun diciti cavolati! Si vostru figghiu avissi pigghiatu di lu vostru carattere, era megghiu ca si faciva monaco! Inveci rispetto a vuatri, è un signore!

TOTINO

Invece to figghia Dolly, è una ragazza speciale! Si giri tuttu u paisi, comu idda nun ni trovi! Pi fortuna, nun è comu vuatri!

GIANNINA

Totino, to mugghieri da matina a sira sempri a fare pulizie comu una scecca. tu, manco ci dai soddisfazione e la tratti chi peri!

PINUZZA

Nun sei degno di aviri ‘na fimmina brava e sistemata, comu me soru Mimiddu! Ci avissi a fari una statua d’oro, no ca la disprezzi sempre!

PRETE

(stavano iniziando a parlare uno su l’altro) Smettetela! Cari figliuoli, sono felice del vostro batti e ribatti! Complimenti! Continuate così.

GIANNINA

Chi significa ca è felice? Ogni vota, ni critica, ora è felice?

PRETE

Non vi siete resi conto, che parlavate bene uno dell’altro! (Tutti si guardano) questo vuol dire, che vi siete esorcizzati bene! Benissimo!

BASTIANA

Parrino, stu fattu ca me maritu voli ‘na mugghieri chi tace, nun mi va giù! Ci la pozzu stirari a testa, così parra cchiù picca!

NINO

Amore, io scherzavo! U sai, ca senza di tia, non so stare! Tu pi mia, sei come il sole…(Tra se) mi piaci taliariti di luntanu!

PINUZZA

Mamma, i sentisti belle paroli chi ti dissi u papà? Forza, dativi un bacio!

TUTTI

(Gridano) Bacio! Bacio! Bacio! …(I nonni si baciano, tutti applaudono. Poi, tutti si guardano, e si baciano e abbracciano tutti, facendo pace) 

PRETE

Sia lodato Gesù Cristo! Questa è la famiglia che voglio vedere! Siate felici sempre, e non litigatevi mai per fesserie!

TOTINO

Parrinu,una parola dici chiddu, ‘na parola dicu io e…ni pirdemu tutti in chiacchere. Ni litigami senza motivo, però da comu lei stissu vidi, ni vulemu sempri beni! Lei deve sapere…cu mancia fa muddichi!

PRETE

Si, ma lu diciti sempri cu mancia fa muddichi! Però, fatinni cchiù picca muddichi, e amatevi di più, eh! Chiossà muddichi fati, chiossà vi affuccati!

NINO

Un attimo di attenzione! Cari figghi, generi e nipoti, davanti a lu parrinu vi dicu, nun bisogna litigarisi pi li soldi! I soldi nun dannu la felicità!

MIMIDDU

Ma chi dici! Io, quannu haju a sacchetta chi mi canta, sugnu felice. U dannu è, quannu a sacchetta mi chianci, mi pisciu tutto dal dolore!

NINO

Cari figghi, nna sta terra semu tutti di passaggio! Vulemunni beni e rispittamuni, mentri semu in vita. Chiudennu l’occhi, u fattu è fattu! Nun vi attaccati a li soldi, picchì i soldi portanu dannu! È vero ca fannu stari beni. Prima di tuttu, chiddu chi cunta è u rispettu, e poi i piccioli! Attaccativi all’amuri, ca è la vera ricchezza da coltivare! (Applausi, si abbracciano e baciano tutti. Una voce di ragazzino, irrompe nella loro festa, destano l’attenzione di tutti)

VOCE F. S.

Papà, papà! Unni schifia si! Papà …(Tutti si chiedono chi fosse che urla così disperatamente)

PRETE

(Con premura) Bene, cari figliuoli! Sono felice che tutto si sia risolto, che DIO vi benedica! Ora, devo scappare! (Sta per uscire, si scontra con un ragazzino che entra)

RAGAZZINO

(Col fiatone) Papà, cca si! E giratu tuttu paisi, pi circariti. A mamma, è incazzata nivura cu tia! Amunì! (Lo prende per il braccio e lo tira. Il prete imbarazzato, cerca di scostarsi dal ragazzino)

PRETE

Vai figliuolo. Vai in pace!

RAGAZZINO

Ma quale in pace! Appena arrivamu a casa, a mamma ni pigghia a lignati!

MIMIDDU

Parrinu, ma chi havi stu picciriddu! (Il prete non sa che dire)

PINUZZA

Sbagghiu, o lu chiamà papà?

PRETE

(Imbarazzato) ma si, ma no…ma è…un figlio spirituale, si! Come lo siete anche voi! È un mio figlio spirituale! ( accarezza il ragazzino)

RAGAZZINO

Quale spirituale! A mamma fici a pasta cu baccalaru e vuncià tutta, amunì!

BASTIANA

(Il ragazzino continua a tirarlo per il braccio,il prete china la testa dispiaciuto, è irremovibile) Parrinu, mi dettiru a pensioni pi anzianità, ma di ciriveddu sugnu vegetale! Stu picciriddu, dici veru ca lu chiama…papà! 

TOTINO

Parrinu! Nun si vergogna? Io, mi mittissi ‘na jatta morta di cent’anni, ‘nta facci!

GIANNINA

Parrinu, si rende conto della situazione? Havi ‘na vita chi nni fa a predica, chistu nun si fa picchì è peccato. Chiddu nun si fa, picchì è peccato! Lei, fici tutti cosi, nun ci pari peccato? Mancu appi rispettu pi lu so sacramento (Si crea tanta confusione. Ognuno parla per attaccare il prete, il quale è dispiaciuto)

PRETE

(Giunto all’esasperazione, emette un urlo, facendo zittire tutti si libera dalla morsa del ragazzino) Basta! Tanta vucciria pi ‘na fesseria! Cari figliuoli, è inutili ca fati vucciria, aviti a sapiri…CU MANCIA FA MUDDICHI! (Tutti rimangono di stucco. Cala il sipario)

Fine

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 36 volte nell' arco di un'anno