Cu ‘o monaco dint’o lietto

Stampa questo copione

Cu ‘o monaco dint’o lietto

Cu ‘o monaco dint’o lietto

Tre atti

(Il terzo di cafè chantant) di

Umberto Castaldi

Libero rifacimento da

Lo scarfalietto  di

Eduardo Scarpetta

Personaggi del primo atto

Rosella                                           Cameriera

Michele                                           Servitore

Felice Sciosciammocca

Amalia                                            Sua moglie

Anselmo Raganelli                        Avvocato

Helga                                              Governante tedesca

Antonio Saponetto                        Avvocato

Gaetano Papocchia                      Graziosità

Emma Carcioff                              Soubrette

Gennaro Fasulillo                          Garzone

ATTO PRIMO

LA SCENA: Camera da pranzo in casa di Felice. Porta in fondo e due laterali. Una finestra in 2°       a dx dello spettatore. In fondo a dx una credenza con piatti, bicchieri, posate ed un libro. A sinistra, in fondo, una cristalliera. Nel mezzo della scena una tavola apparecchiata per due. Sedie etc. etc….

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(Le luci si spengono per metà in sala. Parte una musichetta allegra sullo sfumare della quale Rosella esce dal fondo della platea. Il sipario rimane chiuso

Scena I (Rusella con Michele

Rosella            (E’ molto agitata) Nun ce ‘a faccio cchiù, tra il pubblico)

nun ce ‘a faccio cchiù! (SI RIACCENDONO TUTTE LE LUCI IN SALA) (Dialoga con il pubblico) Stanotte aggio fatta n’ata nuttata perché i signori padroni invece ‘e durmì, se appiccicano! Intanto mo’ lloro stanno durmenno ancora e i’ m’aggio avuta sosere pe’ fa ‘e servizie…(Ad una spettatrice) ve pare giusto dicite ‘a verità? (Ad un’altra) Nun ve serve ‘na femmena ‘e servizio?

Michele           (E’ uscito dal fondo della sala ed ascolta)

Rosella            Io saccio fa’ tutte cose: saccio lavà, stirà, cucenà, ricamà…..

Michele           (Sullo stesso tono)…Perdere ‘o tempo a chiacchierià…… vuò j’ a faticà?

Rosella            Si, ma primma dimme comme è gghiuto a fernì l’appicceco ‘e stanotte.

Michele           (Soddisfatto) E’ Gghiuto a fernì che, ‘a mugliera sé addurmuta ‘ncopp’a ‘na poltrona e don Felice, ‘o marito, s’è addurmuto ‘nterra!

Rosella            Vuje vedite che gente strana! Ma pecché fanno sempe questione?

Michele           E pecché…pecché nun so fatte tuoje…mo’ vattenne ca si vene chella ufara d‘a padrona, siente ‘e strille!

Rosella            Vaco, vaco…. (Sale sul palco - sfottente) Ma viene ambresso pure tu! (Canta) Vieni, pesciolino mio diletto vieni…(Ride ed entra sul palco a sipario chiuso)

Michele           Benissimo, tutto procede secondo i miei piani! (Ad uno spettatore): dovete sapere ca io sto al servizio ‘e don Felice ‘a diece anne; a ‘quanno s’è ‘nzurato me tratta comme l’ultimo d’e servitore! Primma  don Felice addò jeva me purtava a me, mangiavamo  a tavula ‘nzieme, durmevamo dint’a unu lietto…..(Si ferma e sempre allo spettatore) No, no…non per quello ca state pensanno vuje, io modestamente so’ ‘nu masculone…Insomma ’a n’anno. io nun aggio cchiù pace, ma si me riesce chello ca sto facendo….don Felice se sparte cu’ ‘a mugliera! Mo’ perdonatemi un momento. (Si avvicina ad altri spettatori in prima fila) Allora guagliù, avete capito chello che avite ‘a fa’?

Spettatore       Sicuro!

Michele           (Caccia una moneta) Ccà sta’ ‘na lira: meza pe’ ogge e meza pe’ dimane…m’arraccumanno quanno cchiù ammuina putite fa’!

Spettatore       Sarete servito

Michele           (Sale sul palcoscenico)

                        (I TRE SPETTATORI, CON, PIATTI SCETAVAIASSE E PUTIPU’ INCOMINACIANO A FARE RUMORI ALTERNANDOLI A FISCHI E PERNACCHI)

(IL SIPARIO SI APRE E LE LUCI SI SPENGONO IN SALA)

Michele           (Si sfrega le mani compiaciuto e inizia a riordinare)

 

Scena II (Michele - Felice - Amalia -  suonatori)

Felice                 (Esce dalla prima a destra in veste da camera e berretto) Mannaggia l'anema de’ mamme voste! Hanno accomminciato n'ata vota ‘e matina.(Corre al proscenio e come se alla finestra, grida) Lazzaroni, scostumatoni! (Colpo fortissimo di tre strumenti insieme.) Levateve da llà sotto, ca ve mengo ‘na cosa ncapa! (c.s.) Voi per chi m'avete preso? Io sono un galantuomo. (c.s.)

Suonatori            (Continuano  a fare rumore spostandosi per la sala)

Amalia                (Esce dalla prima a d. e va al proscenio) Ecco qua ‘o solito stunamiento.

Felice                 ‘Sta cosa nun me fa capace. Michè, dà na lira a chilli curiuse  e falle gghì.

Michele              Subito. (Va al proscenio, butta la moneta) Guagliù pigliateve ‘sta lira e ghhiatevenne! (Via)

(UNO DEI TRE RACCATTA LA MONETA ED ESCE INSIEME AGLI ALTRI DUE DAL FONDO DELLA SALA)

Felice                 Vulesse sapé comm’è che ‘sti suonatori venene sotto ‘a fenesta mia, ogni mattina, alla stessa ora.

Amalia                Accussì, spontaneamente.

Felice                 Senza che nisciuno le dice niente.

Amalia                Senza che nisciuno ‘e paga.

Felice                 È impossibile!... Pecché si chille nun sarriano pagate, nun venessero a fa’ tanto ammuina. Sono sicuro: sono pagati da te.

Amalia                Da me? Ah! ah! ah! Mò me faje pure ‘a parte faticata, chille so' pagate ‘a te.

Felice                 Da me? Uh! Io pagave a chille pe’ farle fà: ‘nfrunghete, nfrunghete, nfrù?

Amalia                Sì, da te, che staje facenno tanta cose, pe’ me fà schiattà ncuorpe a me puverella. Da n'anno ca simme spusate, io aggio perzo ‘a pace: stanotte aggio fatta chella nuttata.

Felice                 E che l'avete fatta per me la nottata?

Amalia                Se capisce, pecché tu m'e fatta cocere cu ’o scarfalietto.

Felice                 Io? Tu l'hai messo nel letto... e po' è succieso chillo guaio!

Amalia                Uh! Io l'aggio truvato dinto ‘o lietto. Vattenne, vattenne, ‘nfamone, ‘sta vita nun ‘a pozzo suppurtà cchiù, me ne voglio j’, me voglio spartere, nun te voglio vedè cchiù! (Via prima a s.)

Felice                 E io chesto vaco truvanno. Mannaggia l’anema ‘e mammeta, vì’ che me sta facenno passà! Mò te acconc'io. (Via prima a dx.)

SCENA III (Michele - Felice - Amalia)

Michele              (Entra dal fondo con 2 piatti, uno con carne, e l'altro con 2 uova sode - Li mette in tavola) Ah! ah! ah! Comme jammo bello!  Mo’ faccio n’atu ‘mbruoglio. (Va alla tavola, prende il tovagliolo, poi va alla credenza e prende dal tiretto una mutanda da uomo, piegata come una salvietta, in modo che il pubblico non se ne accorga, e la mette nel piatto.) Mò siente ‘e resate!

Felice                 (Con lettera) Michè, porta mò proprio sta lettera al suo indirizzo. Bada ch'è un'affare urgente.

Amalia                (Con lettera) Michè, porta mo’ mo’ ‘stu biglietto al suo indirizzo. (Glielo dà.)

Michele              Scusate, signò, aggia purtà primma ‘sta lettera d’o marito vuosto.

Amalia                ‘A puorte doppo. La mia è di gran premura.

Felice                 La mia è urgentissima!

Amalia                La mia è pressantissima!

Felice                 La mia è grandissima!

Michele              E i’ ve servo subitissimo:  faccio  nu zumpo, e ‘e porto tutte e doje. (Via)

Felice                 (E’ seduto a tavola).

Amalia                (Anche lei è seduta a tavola di fronte a Felice)

Amalia                (A parte) ... Mò mangio, si no me faccio secca secca, io moro, e chillo se ne piglia a n'ata! (Si volta per mangiare facendo molto rumore con i piatti e le forchette)

Felice                 (Guarda con insistenza i piatti. A parte) Mò mangio pur'io!... E si no chella se combina tutte cosa!. (Senza rendersene conto, mette la mutanda alla gola, come la salvietta) L'ho messo io ‘o scarfalietto dentro al letto?

Amalia                E che l'ho messo io?

Felice                 Va bene, questo poi si vedrà. (Tutti e due prendono le forchette, ed insieme afferrano una sola fetta di carne. Pausa. Si guardano) Ma vedete che stongo appezzanno, e lasciateme appezzà!

Amalia                E io pure steva appezzanno.

Felice                 Ma a me, me pare, c'appizza prima il marito.

Amalia                No, no, mio caro, sei in errore, appizza prima la moglie, ma il fatto è che tu ‘e visto che io steva mangianno, e hai detto: “Io a chesta la debbo torturare, la debbo far soffrire!”...  E va bene!... Nun mangiamme cchiù. E’ fatto. (Lascia la forchetta e gli volta le spalle.)

Felice                 (Pausa) E nemmeno io voglio mangià! (Lascia la forchetta.)

Amalia                Già, questa è l'educazione che avete ricevuto da vostro padre... nu baccalajuolo!

Felice                 Mio padre non era ‘nu baccalajuolo, era negoziante de baccalà!

Amalia                E non è la stessa cosa?

Felice                 Ricordatevi invece di vostra madre, ch'era purtusara, se pigliava 5 soldi al buco!

Amalia                (Si alza e minacciosa) Guè nun parlà ‘e mammema ca nce ncuitammo seriamente!

Felice                 (Alzandosi lascia vedere la mutanda) E voi non parlate di mio padre.

Amalia                Uh! (Ridendo) Chillo che s'ha miso nganna? Na’ mutanda!

Felice                 ‘Na mutanda? (Se la toglie.) Questo è un altro scherzo, brava!

Amalia                Io facevo ‘o scherzo a isso.

Felice                 Intanto si mò me vedeva quaccheduno, rideva sulle mie spalle.

Amalia                E tu chesto faje sempe, faje ridere.

Felice                 Brava, m'è piaciuto, invece del salvietto, ‘o cazunetto. Ma questo, cara signora, lo porterò in tribunale; lo farò vedere al Presidente. (Lo mette sulla credenza, e da questa prende un libro.)

Amalia                Faje vedè ‘na bella cosa!

Felice                 Mangiate voi, perché io non tengo appetito.

Amalia                Meno male, accussì sto cuieta. (Si mette a mangiare.)

Felice                 (Apre il libro, lo appoggia alla bottiglia dell'acqua, si mette a leggere)

Amalia                (Prende la bottiglia, fa cadere il libro, e si versa un bicchiere d'acqua)

Felice                 (Prende la bottiglia del vino e fa lo stesso)

Amalia                St'acqua assoluta com'è disgustosa. (Prende la bottiglia del vino per metterne un poco nell'acqua, e fa cadere il libro)

Felice                 Ma insomma, ‘stu coso addò vulite ca ‘o poso?

Amalia                Miettelo addò vuò tu.

Felice                 M'avete levato il primo e il secondo appoggio ‘e reto, po' dicite che so' io.

Amalia                Nun nce aggio badato, si no nun te devo tanta confidenza.

Felice                 Nun aggia leggere neppure? E non leggiamo! (Chiude il libro.)

Scena IV (Michele – Felice – Amalia)

Michele              Le lettere so' state portate.

Felice                 Bravissimo.

Michele              Scusate se interrompo il vostro pranzo, (Ad  Amalia) ma è arrivata quella persona che aspettavate.

Amalia                Bene, falla trasì

Michele              Permettete! (Via)

Felice                 Ma siete uscita pazza? Ricevere degli estranei mentre stiamo ….tentando di pranzare?

Amalia                Questa non è un’estranea, è una mia persona di fiducia!

Scena V (Helga - Felice – Amalia)

Helga                  (Entra dalla comune. E’ una tedesca e parla in italiano ma con marcato accento tedesco. Veste in modo castigato.) E’ permess?

Amalia                (Le va incontro) Accomodatevi mia cara!

Felice                 E chesta mo’ chi è?

Helga                  (Si presenta) Helga Fontuten, tedesca della Cermania…

Felice                 Scusate se mi permetto di sottolinearlo, ma tutt’e tedeschi sono della Germania!

Helga                  Non vero, perché italiani quando me vedere, dire: chesta essere n’ata tedesca ‘e merda!

Felice                 (Insieme alla moglie soffoca una risata) Bene signora Fontuten..

Helga                  Signorina, bitte!

Felice                 Signorina Fontutern, a che dobbiamo il piacere?

Helga                  Sono stata assunta da signora Amalia per fare governante e dama compagnia in questa casa!

Felice                 (Contrariato alla moglie) Così, senza me dicere niente?

Amalia             Non vedo perché avrei dovuto…

Felice                 Ma ci stanno già Rosella e Michele, che necessità…

Amalia                La necessità di mettere un po’ d’ordine in questa casa, di avere un po’ di compagnia di una persona senza ca me ce appicceco…

Felice                 Comunque non sono d’accordo…(Ad Helga) Signurì, mi dispiace pe’ vuje, ma avite fatte ‘nu viaggio luongo inutilmente…Tornatevene in Germania…

Helga                  (In tono duro) Com? Helga Fontuten, rispedita in Cermania come pacco postalo?

Felice                 (Sorpreso) No è che…

Helga                  (Incalza su Felice che, impaurito se ne scende sulla sedia) E’ che avere contratto con signora Amalia per fare governante e dama compagnia e solo lei può mandare via me, dopo però avere pacato quattro anni di servizio!

Felice                 ‘A sotto! (Ad Amalia) Però ‘a pavate vuje!

Amalia             E se sapeva, chi altro caccia ‘e denare in questa casa?

Felice                 Questo non vi giustifica! Dovevate chiedere ‘o consenso mio, in  questa casa, io songo l’ommo!

Helga                  Tu essere uomo?

Felice                 (Pavoneggiandosi) Di prima scelta….

Helga                  Sarà….Conosciuti…(Sospira)…tanti uomini italiani, ma tu diverso…

Felice              E che tengo ‘e diverso?

Amalia                Si n’ommo ‘e quatto solde!

Felice                 (Reazione contrariata)

Helga                  (A Felice con disgusto) Divers, mollo mollo (poi languida) ma sempre uomo sei e vedere, che presto (Invogliante) io e te  andare d’accord…

Amelia                Seh seh accumminciammo buono…Signorina….

Helga                  Fontuten….

Amelia                Andate, andate Fontuten e prendere possesso della vostra stanza…(Chiama) Michele..

Scena VI (Michele – Amalia – Felice – Helga)

Michele              (Entra) Comandate!

Helga                  (Sospira a parte) Oh…Altro uomo…

Amalia                Accompagnate la signorina Helga nella stanza degli ospiti: è la nuova governante, da oggi in poi prenderete ordini da lei…

Michele              Ma io…

Helga                  (Dolce) Stare tranquillo, io essere molto buona con servitù….specialmente con maschietti!

Amalia                Andate, andate nella vostra stanza…

Michele              (Ad Helga, ossequioso) Accomodatevi…

Helga                  Bitte, accompagnare me bel maschietto…(Esce insieme a Michele a sinistra)

Amalia                Me sape ca chesta nun dura dint’a ‘sta casa!

Felice                 V’è piaciuta? E mo’ tenitavella cara cara e nun ‘a putite manco licenzià pecché si no avite ‘a pagà quatto anne ‘e mesata, bitte!

Amalia                Chesto po’ se vede!

Felice                 Dopo questo lauto pranzo, m’è venuto ‘nu poco suonno…(Sfottente) Voi mi date la licenza di ritirarmi?

Amalia                (Altrettanto sfottente) Ma ti pare, sei il padrone….Io vado dai miei fiori….(Esce a sin)

Felice                 Ca puozza sciulià ‘ncopp’a ‘na fronna ‘e ‘nu crisantemo! (Via a dx)

Scena VII (Michele – Anselmo)

Anselmo                       (Entrando dalla comune) E’ p’allesse?

Michele             Ce vo ‘o finucchietto!

Anselmo           E’ permesso? Din….din….din….din…

Michele             Sta trasenno‚ o trammo!

Anselmo           Di….dite  alla signora ca è venuta ‘a ‘nzalata ‘e rafanielle…

Michele             Facite ‘o verdummaro?

Anselmo           A…..Ansenmo Raganelli, so’ abboccato…

Michele             E aizateve ca ve va ‘o sango ‘ncapo!

Anselmo           Sono avvocato….…’a signora me ha mannato ‘o distretto…

Michele           ’Pe fa’ ‘o suldato?

Anselmo          ‘O biglietto e so’ curnuto ccà!

Michele             Nun facite sapé ‘e fatte vuoste!

Anselmo           E so’ curruto ccà!

Michele           E vuje cu chesta faccia facite l’avvocato?

Anselmo         Sta…ste…sti…sta…

Michele           Ttà…ttà…bum…

Anselmo         Staatte  a vedè ca pe’ fa’ l’avvocato , se va a caccia ….

Michele           ‘E quaglie…

Anselmo         Ce vo’ ‘a faccia …Ce vo ‘a lenza  ‘a le..le..lengua!

Michele           E se sape…Mo’ jate, ‘a signora ve sta aspettanno ‘a via ‘e dinto!

Anselmo         Vado sabato…

Michele           Ve truvate, jatece mo…

Anselmo         Va....vado subito…(Si avvia poi si ferma) Neh, ma io  voglio sale e pepe..

Michele           Pe’ ‘a trippa?

Anselmo         Neh ma io voglio sapere…a te, a te, a te….

Michele           Sette a me!

Anselmo         A te chi ti da tanta scuffia ‘e renza….confidenza…Io voglio essere spilato…

Michele           Avite ‘a chiammà l’idraulico!

Anselmo         Io voglio essere spiegato….pecché nun me tire ‘o cazone….

Michele           (Si ritrae) Ojnì vattenne Aversa!

Anselmo         Non mi tieni educazione! Io ora pallerò…pallerò…pallerò…

Michele           Chi è bello jesce fore!

Anselmo         Parlerò col pallone…col tu...tu.... tuo  padrone e ti faccio mangià ‘e virze…

Michele           Cu ‘e rise so’ sapurite!

Anselmo         Ti faccio cacciare dal servizio!…Io so’ Carlo terzo.

Michele           E io so’ Vittorio Emanuele!

Anselmo         Sono caldo di testa e te posso piglià pure a pastinache, a ba...ba,,,bastonate  ‘nfaccia!

Michele           No...no...

Anselmo         Me ne vaco ‘e capa cu ‘a fanteria..

Michele           E gghiate a pere!

Anselmo         ‘Cu ‘a fantasia, perde ‘e baffe…

Michele           E ve rimane a faccia liscia..

Anselmo         E perdo le staffe!

Michele           E carite ‘a coppo’o cavallo!

Anselmo         (Come un imbonitore) Te l’ho detto per la prima, la seconda, la terza e la quarta

Michele           Aggiudicato!

Anselmo         Me ne vaco ‘a Fenice…

Michele           Fanno ‘a Traviata!

Anselmo         Mo la devi finire…fatti i fitti fitti…i fritti fritti…..’o fatto è fritto…’o fritto è fatto.

Michele           Mo nu tengo famma!

Anselmo         Fatti i fatti tuoi sco….co..co..co…coo

Michele           Mo fa l’uovo

Anselmo         Scostumato! So’ cosce ‘e palazzo…So’ cose ‘e pazzo! (Via)

Michele           (Ride) Ah…ah…Vulesse proprio vedé a chisto quanno fa’ ‘na causa!

Scena VIII (Rusella - Antonio - Michele)

Rusella            Prego accomodatevi. (Via a sin)

Michele           Desiderate?

Antonio           È in casa il Signor Felice Sciosciammocca?

Michele           Sissignore, diciteme chi siete.

Antonio           L'avvocato Antonio  Saponetto.

Michele           Saponetto? Vi vado subito ad annunziarvi. (Via fondo a sin.)

Scena IX (Antonio – Helga)

Helga               (Entra, vede Antonio) Oh, un uomo! (Ad Antonio, languida) Buoncionno….

Antonio            (Galante) Buongiorno, con chi ho il piacere?

Helga               Helga Fontuten ed io?

Antonio            Permette? (Le bacia la mano) Antonio Saponetto, avvocato!

Helga               Avvocato? Ed anche bell’uom!

Antonio            Grazie, so’ gli occhi vostri. Siete straniera’?

Helga               Tedesca della Cermania…

Antonio            E se sape, se siete tedesca…siete una parente di don Felice?

Helga               No, sono governante di questa casa e dama compagnia signora Amalia…

Antonio            Fortunata quella signora che si avvarrà dei vostri servigi!

Helga               Come siete calante, ma posso chieder a voi piacere?

Antonio            Certo, in cosa posso esservi utile?

Helga               Appena arrivata in Italia, conobbi soldato italiano che dopo avere portato me ristorante e teatro, per passare notte, portò me in caserma e durante notte, gli altri soldati fecero me tanti complimenti ed io essere stata con tutti loro un po’ carina, mi capite?

Antonio            Tutti? E quanti erano?

Helga               Non tanti, solo sua camerata…appena quindici….

Antonio            Quindici e con tutti siete stata carina?

Helga               Si, loro essere così affettuosi….

Antonio            E ce credo, ma io che posso fare per voi?

Helga               Mattina dopo quella notte, soldati essere molto stanchi…

Antonio            Non poteva essere altrimenti!

Helga               Così capitano, saputo quello che era successo, volere che io essere carina con lui, e così mentre io essere carina con lui solo la quinta volta, arriva colonnello che vecchio brutto e antipatico denunziare me per….come dire…..

Antonio            Attentato di strage alle forze militari italiane!

Helga               Brav….e così io dovere fare causa….e se tu difendere me, io essere carina con te tutte volte che tu volere!

Antonio            ‘E capito, mi riconosce pure lauto onorario! Va bene Helga poi si vedrà, ora devo parlare con don Felice..

Helga               Va bene, ma tornare presto e  io fare vedere come so essere carina (Via)

Antonio            Ma cheste so’ cose ‘e ll’atu munno!

Scena X (Michele - Felice – Antonio)

Michele           (Entra e precede Felice) Avvocato, ecco don Felice)

Felice              (Entra) Pregiatissimo Signor Avvocato, con quant'ansia v'aspettavo.

Antonio            Caro don Felice.

Michele           (Porge le sedie.)

Felice              Prego accomodatevi, posso offrirvi qualche cosa?

Antonio            Niente grazie.

Felice                          Non sia detto! Michè, va a ‘o cafè de rimpetto, e fa venì ‘na giarra d'orzata con tre paste.

Michele           Mò ve servo. (Via fondo.)

Felice                          Mi dovete scusare se vi ricevo in questa stanza, ma vi voglio parlare da solo. In salotto c’è mia moglie insieme alla sua dama di compagnia.

Antonio           La signorina Fontuten?

Felice              L’avete già conosciuta?

Antonio           Ho avuto il piacere, mentre vi aspettavo.

Felice              N’atu guaio!

Antonio           Perché, è così simpatica, anche se le nostre forze armate s’anna sta accorte: abbatte cchiù suldate essa ca ‘nun plotone ‘e  tedesche!

Felice              Come sarebbe?

Antonio           Mi ha raccontato che una volta, con una sola manovra bellica, in una notte ha annientato un plotone di quindici soldati, un capitano e non è riuscita però a portare sul campo di battaglia il  colonnello, perché troppo vecchio e cu ‘a baionetta acalata!

Felice              (Ride) Ora però turnammo ‘o fatto mio avvocà!

Antonio                       Di che si tratta?

Felice              Io mi voglio spartere da mia moglie.

Antonio           Una separazione.

Felice                          Ma senza perdere tempo. Voglio spendere qualunque somma, anche che se ne devono andare 40, 50 lire, non me n'importa.

Antonio           (Ridendo) E che state accattanno, ‘e lupine? 40 50 lire non bastano.

Felice                          Quelle che so'... 51, 52, 53... io sono ricco e non bado al danaro.:voglio la separazione.e tengo mille ragioni per averla.

Antonio           Ditemi quali sono queste ragioni.

Felice                          Ogni mattina, sono svegliato da rumori di grancassa, tamburo e piattine, pecché tre sfelenze, pagati da mia moglie, vengono a fare baccano sotto la mia finestra.

Antonio           Ah!

Felice                          Quanno voglio fa’ colazione, essa dice che nun tene appetito, quanno voglio mangià ragù, essa vò mangià menesta,   io vado pazzo per i fagioli, ma nun me l'ha vuluto fà maje. pecché dice che so' ‘nu poco scostumate….

Antonio           Insomma se ho ben capito, vi contraddice in tutto e per tutto!.

Felice                          Bravo insomma facimmo sempe cane e gatte e pe’ chesto sto sempe nervoso!.

Antonio                       Caro don. Felice, non sono motivii per avere la separazione.

Felice                          ‘Ah no? Ma chello ‘e stanotte si!

SCENA XI      (Antonio – Felice - Helga)

Helga              Entra dalla sinistra, è agitata) No, io non potere vivere così!

Felice              (Sgomento) Che ato è succiesso?

Helga              Tu licenziare tuo cameriere Michele!

Felice              Pecché c’ha fatto?

Helga              Lui mancato me di rispetto!

Felice              Ha cercato di abusare di te?

Helga              No, lui rifiutato di abusare di me!

Antonio           (Divertito) Signorina, forse sarebbe il caso che vi spiegaste meglio!

Helga              Volevo essere carina con lui e lui respinto me, che vergogna!

Felice              Michele è ‘nommo serio!

Helga              No strunzo! (Via)

SCENA XII (Antonio – Felice)

Felice              (Sgomento) Avvocà, secondo voi pozzo ‘j annanze accussì?

Antonio           Decisamente no, licenziatela!

Felice              Non posso, mia moglie le ha firmato un contratto ca si ‘a licenza, comunque l’adda pavà pe’ quatt’anne!

Antonio           Certo è una brutta situazione, ma torniamo  a noi: allora, cosa è successo stanotte?

Felice              Mia moglie nun vo’ durmì oscuro e tene ‘nu lumino appicciato. Doppo spusate, ‘nu lumino nun l’abbastava cchiù e accussì ne aggio appicciato n’ato…ma essa diceva ca steva ancora troppo ‘o scuro e…

Antonio           Appicciasteve n’atu lumino…

Felice                          Bravo… Da quel momento nun aggio durmuto cchiù io pecché me pareva ‘e sta ‘o camposanto!…Accussì aspettavo ca essa se addurmeva  e stutavo ‘e lumine…

Antonio           Una buona trovata, ma non mi avete ancora raccontato ‘o fatto ‘e stanotte!

Felice                          S’è scetata ‘a ‘ntrasatte, s’è vista tutto nire attuorno, s’è misa alluccà comme ‘na pazza e me ha fatto scetà. Aggio allungate ‘e cosce pe’ scennere d’o lietto e mi sono inteso scottare vicino (Lo mostra) Comme se chiama…il polpone…

Antonio           (Lo corregge) Polpaccio!

Felice                          Forse in legge, a Napule se chiama pulpone…Vado a vedè, e chella che era? Una bottiglia piena d'acqua bollente.

Antonio           Ah il monaco!

Felice              No avvocà’ era proprio ‘na bottiglia d’acqua bollente…

Antonio                       Non mi sono spiegato bene: la bottiglia d’acqua bollente posta nel letto per riscaldarsi viene comunemente chiamato ‘o monaco!

Felice                          (Pausa) Ah? Avvocà dicimmo la butteglia, mi suona così brutto sentì ‘e dicere ca muglierema steva cu ‘o monaco dint’o lietto!

Antonio           E chi l'aveva posto nel letto?

Felice                          Io no! Basta, io me so' ntiso scuttà, e cu ‘o  pede l'aggio vuttato d’a parta soja, essa me l'ha vuttata d’a mia e, votta io e votta tu... sento na cosa calda, le gambe bagnate! Vaco a vedè, e veco ‘o lietto tutto nfuso ma di un'acqua tiepida... come quando….(Ride) uno ha  una mancanza involontaria!

Antonio           (Ride) Ah! ah! ah!. Ve site fatto sotto!

Felice              No, s’era rotta ‘a buttglia!      

Antonio           Cose da non credere! Ditemi un'altra cosa, in tutti i contrasti che avete avuti, ci sono state persone presenti?

Felice              Sì, Michele il servitore, Rosella la serva.

Antonio                       No, occorrono testimoni estranei. Prima di tutto, dovete mostrarvi con vostra moglie, dolcissimo, non contraddirla in niente, e quando vi è un estraneo presente, fate in modo che vi dica parole insolenti, che vi minacci, e cosa bellissima, che vi desse uno schiaffo. Se noi abbiamo uno schiaffo, siamo a cavallo.

Felice              (Pausa) Lo dovete avere pure voi lo schiaffo?

Antonio                       No, ma sapete com’é, noi avvocati parliamo sempre in persona plurale, facciamo, diciamo ma sempre voi...

Felice                          …Aggio avè ‘o pacchero. Ho capito, ho capito! E avendo uno schiaffo, posso avere la separazione?

Antonio                       Senza dubbio, ma sempre cu ‘nu testimone presente: se succederà, mi farete conoscere il nome, o i nomi dei testimoni, così noi li citeremo! Non dubitate, caro don Felice riusciremo nell’ intento. L’avvocato Saponetto ottiene sempre quello che vuole!

Felice              Va bene avvocato, vi ringrazio tanto tanto.

Antonio           Arrivederci. e non v'incomodate, conosco la strada.

Felice                          Vi accompagno, veco si pozzo truvà duje testimoni…(Entrambi escono da fondo)

Scena Xiii (Anselmo - Amalia)

Anselmo         Arrive a Lecce!

Amalia            Mannateme ‘na cartulina!

Anselmo\        Arri…arrri….

Amalia            Cavalluccio…..ma che vulite dicere?

Anselmo         Arri….vederci

Amalia            Arrivederci e tanto ce vò?

Anselmo         Vuje avite cecà!

Amalia            Neh, avvocà’?

Anselmo         Voi dovete ce….cercare di essere dodece, dodece, dodoce!

Amalia            Trentasei

Anselmo         Docile, docile, docile! Vuje ve avisseve fa’ piglià da ‘o strappone d’a ventresca?

Amalia            No, nun me piace!

Anselmo         Dallo stimolo della vendetta? Facite ca ‘o pullaste vene ‘a Ischia!

Amalia            Chillo ‘e Napule nun so’ buone?

Anselmo         Ca ‘o contrasto vene ‘a isso! E sempe cu ‘na testa ‘e limone presente!

Amalia            P’a ‘nzalata?

Anselmo         Sempre con i testimoni presenti!

Amalia            E se sape!

Anselmo         Vuje me avite mannato a Chiaia…

Amalia          Seh, a Pusilleco…

Anselmo         Me avite mannato a chiammà e me so’ vestuto!

Amalia            Stiveve annuro?

Anselmo         E io so venuto!

Amalia            Ah, mbé’!

Anselmo         Vuje basta ca me mannate ‘nu cazettino….

Am[1]alia           E addò ‘o piglio?

Anselmo         ‘Nu bigliettino…..e subito vengo a seppellirvi…

Amalia            All’ossa vostra!

Anselmo         Vengo a servirvi…Mo’ ve  vulesse da’ ‘nu coniglio….

Amalia            Grazie, ma nun ne magno…

Anselmo         Un consiglio….Vuje ve mettite ‘a provola….

Amalia            Addò?

Anselmo         Ve mettite a tavola e ve maniate ‘nu muorto tantu bello!

Amalia            Sciò…sciò….

Anselmo         Ve magnate ‘nu muorzo tantu bello! Matalune e Capua!

Amalia            Aversa e Santa Maria…

Anselmo         Maccheroni e carne! E po’ ve facite tutta ‘a sagliuta!

Amalia            Me fanno male ‘e piede!

Anselmo         E ve ne facite tutta salute!

Amalia            Ah, ‘mbè!

Anselmo         Signò sculateme…

Amalia            E comme faccio?

Anselmo         Scusateme, ma ‘e vote ‘a crapa nun sta a posto!

Amalia            Povera bestia!

Anselmo         ‘E vote ‘a capa nun sta posto, quanno uno va a Fratta…

Amalia            Passa p’Arzano…

Anselmo         Va di fretta…Nun pensa che adda vennere alice…

Amalia            Facite pure ‘o pisciavinnolo?

Anselmo         Nun pensa che adda dicere…Mo’ me scordavo: ‘O bollito ‘o port’io?

Amalia            Se volete, io oggi faccio ‘o ragù!

Anselmo         La carta bollata la porto io?

Amalia            Si, si voi!

Anselmo         ‘E sarde po’ m’e date!

Amalia            ‘E mettimmo sotto sale!

Anselmo         I soldi poi me li date!

Amalia            Va bene!

Anselmo         Signò, l’uovo!

Amalia            Nun ne tengo.

Anselmo         Signò, di nuovo! E avete capito? Dudece, dudece, dudece e ‘a colla, ‘a colla assale!

Amalia            Che avimmo azzecca?

Anselmo         La calma, la calma assaje….Arriva ‘a rezza…

Amalia            Chiena ‘e pisce…

Anselmo         Arrivederci e, (in crescendo) stateve ‘ntruono….stateve buono! (Esce)

Amalia            Parla strevezo, ma è ‘nu buono avvocato!

Scena XIV     (Rosella – Felice – Amalia)

Felice                 (Entra dal fondo, vede Amalia e si mostra gentile)  Ah, stai qua? Oggi sei più bella del solito!

Amalia                (Sorpresa, risponde gentilmente) Grazie, saranno gli occhi tuoi!

Rosella               (Entra dal fondo) Eccellenza, fore ‘nce sta ‘na persona che ve vò parlà.

Felice                 N’ata? No, mò nun è ora...

Amalia                Rusé è n’ommo o  ‘na femmena?

Rosella               E’ ‘na femmena e se vularria affittà ‘a casa d‘o primmo piano!

Amalia                Ah! È na femmena? (Guardando Felice a denti stretti:) È na fem... me... na...

Felice                 E c'aggia fà ch'è na fem... me... na?

Rosella               M'ha dato ‘stu biglietto ‘e visita, (A Felice.) Tenite (Glielo da)

Felice                 (Legge e trasale)."Emma Carcioff, ballerina". No, non è possibile, una ballerina…una donna di facili costumi…mandala via…..

Rosella               Ha ditto ca nun se ne va, finché nun ha parlato cu vuje!

Amalia                Io vado di la, spicciatetella tu, quelo che fai tu, per me è sempre ben fatto.

Felice                 (Sorpreso, aparte) Ma sicuro ca chesta è muglierema?

Rusella               ‘A faccio trasì?

Felice                 No, dille….

Scena XV (Felice -  Emma - Amalia)

Emma                ..(Entra contrariata) Cosa, Emma Carcioff che tutte le sere ha centinaia di uomini ai suoi piedi, messa alla porta da una cameriera? Non posso avere il piacere di parlare con il signor Felice….

Amalia                E’ giusto, la signorina vuol parlare con l’uomo di casa…ed io l’accontento….Rosella, andiamo dentro, lasciamo il signore a parlare d’affari…

Felice                 No, aspetta…

Emma                Grazie…Si vede che siete una moglie rispettosa del marito!

Amalia                (Si illumina) Rispettosa…si sempre…E vi prego ricordatevi ‘sta parola…Jammucenne Rusé…..(Esce insieme a Rusella)

Scena XVI (Felice – Emma)

Emma                        (Cambia atteggiamento, gli va incontro egli butta le braccia al collo) Amore, parché mi tratti così, non mi ami più?

Felice                          (La scosta) Ma tu ‘e deciso ‘e me fa’ passà ‘nu guaio, me vuò fa’ abbuscà, me vuò fa’ accidere? 

Emma             Esagerato, tua moglie è così gentile e rispettosa.

Felice              Te pare a te, ma si chella se ne accorge….

Emma             Ora basta, fa l’ommo….

Felice              Comme si fosse facile…Ma insomma che vuò, pecché si’ venuta ccà?

Emma                        Pe’ me fittà l’appartamento ‘o sicondo piano….accussì ce vedimmo tutte ‘e juorno….tu r’arretire e passi prima da me e nisciuno se ne accorge ‘e niente…

Felice              Nun possibile..

Emma             No? Alloramo’ vaco ‘a via ‘e dinto e le dico tutte cose…..

Felice              No ferma pe’ carità!

Emma             Allora stamme a sentì buono: più tardi verrà un mio spasimante….

Felice              Il mio rivale!

Emma             (Dolce) Tu non hai rivali: è un vecchio illuso che in cambio di qualche sorriso mi paga l’affitto…..Tu gli fitterai la casa per me….(Fa l’atto di uscire)

Felice              Ma non posso…quella mia moglie…

Emma             Sono problemi tuoi…O la casa o le dico tutto…che mi hai illuso che non sapevo che eri sposato e che sono venuta qui a chiedere il suo perdono…(Via)

Felice              E mo’? Ato che schiaffo…..chella me fa ca manco ‘e cane m’addorano……

Scena XVII (Amalia – Felice – Rosella)

Amalia            E’ andata via la signorina?

Felice                          Si quella pazza vuleva che le fittavo ‘a casa ‘o primmo piano, a essa, ‘a na femmena sola…’na ballerina! (Falso) Non sia mai detto, la moralità innanzi tutto!

Amalia            (Altrettanto falsa) Perché poverina, nun tene pur’essa ‘o diritto ‘e tené ‘na casa?

Felice              (Timido) Tu ce ‘a fittasse?

Amalia            Io, e che c’entro io, il padrone sei tu…

Felice              Neh ma che sta succedendo, dateme n’ata capa!

Rosella            (Dal fondo): Signò, fore ‘ce sta nu signore che vò parlà cu vuje.

Felice              Chi è?

Rosella            ‘O nomme nun me l'ha vuluto dì., ma v'hadda parlà d’a casa  d‘o primmo piano!

Felice              N’ato?  Per lo meno è n’ommo! Fallo entrare.

Rosina            (Via.)

Amalia            Felì, io me ne traso dinto.

Felice              E perché? Tu puoi restare liberamente.

Amalia            No, parlaci tu con questo signore, vedi prima che cosa vuole, cosa desidera, e poi se credi, ma se vuoi... mi fai sapere di che si tratta...! Ma ricuiordate ca già tiene ‘a parola cu ‘a ballerina… (Via prima a s.)

Felice              (Pausa) Ma che d’è, se sta cagnanno ‘o munno? Io mò esco pazzo!...

SCENA XVIII (Gaetano - Felice)

Gaetano       (Entra dal fondo) È’ permesso?

Felice             Favorite.

Gaetano         (E’ anziano, veste con eleganza. Entra e si ferma)

Felice             (A parte) Uh, chisto è asciuto ‘a ‘n’uovo ‘e Pasca!

Gaetano         Don Felice Sciosciammocca?

Felice           Sono io, accomodatevi. (Gli dà la sedia.)

Gaetano       Grazie. (Siede, restando fermo in una posizione comica.)

Felice           (Lo guarda, pausa) Signore, avete sbagliato, ‘o fotografo non è qua, è all'ultimo piano.

Gaetano       E c'aggia fà cu ‘a fotografo, io voglio parlare con voi.

Felice           E voi ve siete posto in posizione. (Imitandolo.)

Gaetano       Ah! Ho capito... Quella è graziosità che tengo io. Io sono tutto grazioso!

Felice           (A parte) Bello bè. Allora?

Gaetano       Poco fa è venuta una persona per affittarsi la vostra casa al primo piano?

Felice              Sissignore, una certa Emma Carcioff, ballerina.

Gaetano                     Per l'appunto, e l'è stato detto che il proprietario, non voleva fittarla (Marcato) a donne.

Felice              Sissignore, perché così vuole mia moglie... capite...

Gaetano          (Approva muovendo la testa comicamente).

Felice                          (A parte) Che tene ‘a capa cu’ ‘e molle? Scusate, a questa Emma voi le siete padre?

Gaetano          Padre? (Ridendo comicamente.) Uh! ‘O pato? Sono uno che le  vuole bene come una figlia….Un giorno l’incontrai e mi misi a seguirla. essa andava avanti, e io appresso. Quando tutto insieme, venne un forte temporale, tuone, lampe, e n'acqua tremenda. La poveretta stava senza ombrello, allora io colpii l'occasione, m’accustaje, e le dissi: (Con voce bassa) Signorina, riparatevi qui sotto.

Felice              Lei si spaventò?

Gaetano          Che!... Anzi accettò l'invito e l'accompagnai fino a casa.

Felice              A casa vostra?

Gaetano          A casa mia? Nun voglia maje lo Cielo!... Io sono ammogliato... chella si la vedeva mughierema ‘a jettava ‘a coppa a bascio!

Felice              Ah! Voi siete ammogliato?

Gaetano          Sissignore. L'accompagnai fino a casa sua, e per istrada mi raccontò tutta la sua storia. Vi assicuro che mi fece tanta pena... tanta compassione, che da otto mesi non mi sono fidato di lasciarla.

Felice              Ma llo sa che siete ammogliato?

Gaetano          Ah! Oh! Ah!

Felice              (A parte) Passa llà, pà’….!

Gaetano          Essa nun sape niente. Vedete appunto l'altro giorno, mi disse: (Imitando la voce di donna) Mio caro, perché non mi sposi?

Felice              E voi che le rispondeste?

Gaetano          Eh! Trovai subito la scusa. Le dissi che papà non vuole ch'io m'ammogli!

Felice                          Papà?  E chi è, Giacobbe o Noè?

Gaetano          Ah! Ho capito... volete dire ch'è nu poco vicchiariello?

Felice              Nu poco?!... Col conto che me posso fare io... povero vecchio... ha da tenè... 124, 125 anne!

Gaetano          Eh! che dite? Papà tiene 42 anni.

Felice              (Pe’ coscia!). Sentite, io pò avarria trovata n'ata scusa, l'avarria ditto: Mia cara, nun te pozzo spusà, pecché sto caccianno le carte pe’ fa’ ‘o suldato!

Gaetano          E’ una scusa banale perché si vede che sono un po’ cresciutello!

Felice              Scusate se entro nei fatti vostri, ma lei perché se ne vuole andare da dove sta di casa?

Gaetano          Per la lontananza che tiene dal teatro.La casa vostra  m'hanno detto che se pagano 70 lire ‘o mese, e io, se me la date, ve dà n'annata anticipata! Ho portato i soldi: 840 lire.

Felice              (Tra sé) Chisto sarrìa nu buono testimone, pe’ ‘o fatto ‘e l'appicceco. Sentite, signore, io voglio interrogare prima mia moglie, pecché capite, io non faccio niente senza il suo consenso.

Gaetano          È giusto. Si vede che siete un marito proprio affezionato.

Felice              Ricordateve sta parola.

Gaetano          E perché?

Felice              Po’ essere che l'avita dicere ncoppa a ‘na parte. (Chiamando s'alza:) Rosella…

Scena XIX (Rosella – Felice – Gaetano - Amalia).

Rosella            Comandate?

Felice              Andate a dire a mia moglie che se sta comoda, se le fa piacere, venisse un momento qua, perché debbo dirle una cosa.

Rosella            Va bene. (A Gaetano) Permettete. (Via)

Gaetano          Speriamo che se fa capace.

Felice              Mio caro signore, io per me, ho tutta la buona intenzione e speriamo che lei dica di sì.

Gaetano          Speriamo, ‘na parola voi, ‘na parola io...

Scena XX (Rosella - Felice – Gaetano – Amalia)

Rosella            Ecco quà la signora. (Via per il fondo.)

Amalia            (Sempre con modi gentili) Eccomi qua marito mio.

Felice              Cara Amalia.

Gaetano          Rispettabilissima Signora.

Amalia            Signore.

Felice              Moglie mia, il Signore qua, è venuto per fittarsi la casa al primo piano.

Amalia            Con piacere, e avete fatto l'affitto?

Felice              No, non ancora, sai che io non faccio niente senza il tuo consenso.

Amalia            Il mio consenso? E a che serve? Il padrone sei tu marito mio.

Felice              No, moglie mia, la casa è roba tua, e tu ne devi disporre.

Amalia            Ma che dici... il padrone sei tu, e quello che fai tu, sta tutto bene.

Felice              Ma no, sei tu la padrona.

Amalia            No, sei tu marito mio.

Felice              No, sei tu...

Amalia            Ma no, sei tu...

Gaetano          (Tra sé) Quante so' farenielle!.

Felice              Dunque, ce la vogliamo dare?

Amalia            Si tu nce la vuò dà, dancella.

Felice              No, si ce ‘a vuò da tu, ‘ce ‘a damme.

Amalia            Se vuoi tu, per me io non ce la do.

Felice              E io manco.

Gaetano          Sapete, voi non me la date per senza niente, io ve dongo 840 lire, n'annata anticipata.

Felice              Ma non si parla per questo... mia moglie non sape ancora la casa pe’ chi serve, capite?

Amalia            (Con ingenuità caricata) Ah! Non serve per lui?

Felice              E no, perciò ti ho chiamata. Il signore è ammogliato, abita con la moglie.

Gaetano          (Con tono basso a Felice) Stateve zitto, nun facite sapè ‘e fatte mieje!.

Felice                          (Seguitando): La casa serve per quella tale ballerina, Emma Carcioff. (A parte) Mò siente ‘e botte!

Amalia            (c.s.) Ah! E va bene... che male ci sta?

Felice              Come!... Vuoi fittarla alla ballerina?

Amalia                        Voglio?... Ma io non voglio niente. Se tu credi, io so' contenta, la tua volontà è pure la mia.

Gaetano          Brava. Vera moglie obbediente.

Amalia            Moglie obbediente? (A Gaetano sotto voce:) Ricordatevi ‘sta parola!.

Gaetano          (Tra sé) E pecché me l'aggia ricordà?. Don Felice mò dipende da voi.

Felice              Aspettate... (Tra sé) Me stracciaria tutt’e panne ‘aa cuollo pe quanto è certa ‘a morte! (Ad Amalia) Moglie mia cara cara, ma comme, tu stammatina eri tanto avversa a fittare la casa alla ballerina, e mò?

Gaetano          E mò s'è fatta capace, e m’a vo’ dà.

Amalia                        Ma nonsignore... quando mai? È stato isso che non l'ha voluta maje affittà.

Felice              Io?, Oh! (Fa per inveire, poi s'arresta, e a denti stretti si rivolge ad Amalia) Ma moglie mia cara cara... non dire bugie, tu mezz'ora fa, quanno ce lo ha detto la serva, n'atu poco facive correre la cavalleria!

Amalia            Io?... Ma tu sei pazzo!

Felice                          (Subito): Pazzo?! (A Gaetano sotto voce) Signore, ricordatevi che m'ha chiammato pazzo! (Ad Amalia) Già haje ragione e chiammarme pazzo, perché se non ero pazzo, nun m'avarria sposata na stravagante comme a te.

Amalia            Stravagante? (A Gaetano c.s.) Signore, ricordatevi che m'ha chiammata stravagante!.

Felice              (Gridando): Signore, è un anno che io sto nell'inferno, questa non è una donna, è una tigre!

Amalia                        Tigre?! (A Gaetano) Signore, ricordatevi che m'ha chiammata tigre!

Gaetano          (Tra sé) E ccà ce vò ‘nu quinterno ‘e carta).

Amalia            Vattenne, tu non eri degno e te spusà a me.

Felice              Io? Io ero un signore, tua madre era na purtusara. (A Gaetano) Signore, la madre pigliava 5 soldi ‘o buco.

Gaetano          Chesto nun ‘o voglio sapè.

Amalia            T'aggio ditto tanta vote, nun parlà ‘e mammema. La famiglia mia ti ha nobilizzato!

Felice              A me mi ha nobilizzato? Vattenne. (Dando una spinta a Gaetano) Io t'ho sposata senza cappello!

Amalia            A me? Vattenne, baccalajuolo!

Felice              Ah! (A Gaetano:) Signore, ricordatevi che m'ha chiammato baccalajuolo!

Gaetano          Ma che m’aggia ricurdà!

Felice              Vattenne, zantraglia!

Amalia            Zantraglia?! (A Gaetano Signore, ricordatevi che m'ha chiammata zantraglia!

Scena XXI  (Dorotea – Gaetano – Amalia – Felice)

Dorotea           (Voce fuori campo) Guagliò lievete ‘a miezo, io abbisogno assale di fare un parlamento cu’ o padrone ‘e casa …

Gaetano          Io mo moro..’A voce ‘e muglierema…E che ce fa ccà…Vi prego annascunniteme, chella si me trova ccà m,’accide!

Amalia             Io ve sannasconno, ma venite a testimoniare al processo?

Gaetano          Si vengo!

Felice              Pe’ me’

Amalia             No pe’ me!

Entrambi         (Strattonano Gaetano)

Gaetano          Basta, me state facendo ‘na pappina, annascunniteme, ve scongiuro!

Felice              (Insieme alla moglie) E venite a testimoniare?

Gaetano          Si!

Felicee            (Insieme alla moglie) E pe cchi?

Gaetano          (Indeciso) ‘Nu poco appedona!

Felice              (Insieme alla moglie) Ma chisto è scemo?

Gaetano          Pe’ mo’ annascunniteme, po’ ce mettimmo d’accordo!

Felice              (Sempre insieme alla moglie) Pe’ mmo’ jate ‘a via ‘e dinto…po’ se ne parla!

Gaetano          (Esce a sinistra)

SCENA XXII (Dorotea – Amalia – Felice)

Dorotea           (Entra) E’ primesso, è primmess, posso trasire? (Senza dare il tempo di rispondere) Sono trasuta! Questo palazzo è bello assale, ma ha la rariata troppo rapida! Saglio, arrivo, faccio la chiamata e non ricevo la risposta (Si avvicina a Felice) Eia …leia…ué tu…

Felice              Che maniere, ma che state miez’o mercato?

Dorotea           Io vi ho chiamato con la gentilezza e vuje nun avite arrisponnuto

Amalia             Signò, ma chi siete? Siete entrata, snza essere invitata, interrompendo una discussione importante fra marito e moglie, che educazione è questa?

Dorotea           Avete ragione, ma mo’, signori miei, scusate, lassateme assettà ‘nu poco: ho fatto una carrera d’a casa fino a ccà tutta di un corso e tutta di un ciato!

Felice              Insomma, che volete?

Dorotea           E ‘nu mumento, lassateme risciatà, io songo ‘nu poco chiattullella!

Felice              (A parte) Chella me pare ‘na balena! (Le da una sedia)

Dorotea           (Lasciandosi cadere sulla sedia) Ahhhhhhh

Amalia             (Tra sé) S’è sfiatata ‘a gomma!

Dorotea           La rariata mi ha stancata e io non posso rariare troppo, anzio meno rareo, meglio è!

Amalia             Signò, ma che volete?

Dorotea           ‘Nu mumento fatemi risciatare, pecché doppo tutte ‘sti rariate mi fanno male (mostra i piedi) gli estremisti! E po’ me fa male ‘a panza,  devo fare dei bisogni repellenti…!

Felice              Che schifo! E allora jatevenne, avisseve repallare qua atterra?!

Dorotea           Non vi preoccupate, faccio la trattenuta….

Amalia             Signò, noi dobbiamo pranzare, venite cchiù tardi!

Dorotea           Sentite non mi fate fare un’altra rariata! Vaco in un’altra stanza (Si avvia verso quella da dove è uscito Gaetano) Allora, mentre voi mangiate io  vaco a pascolare….

Felice              (A parte) ‘Nzieme ‘e piecure

Dorotea           In quella stanza

Amalia             No, fermateve, llà non potete andare…..C’ è una persona che sta dormendo..Dicite ambresso ambresso chello ca ve serve e gghiatevenne!

Dorotea           Va beme….Ce steva ‘na vota…

Felice              ‘Na femmina ca pareva cchiù ‘na balena..

Dorotea           Il mio marittimo Gaetano…..

Felice              Ca ogne sera jeva a piscà…

Amalia             ‘A faje parlà?

Dorotea           Mio marittimo Gaetano ca se annammuraje ‘e me…

Felice              Comme S. Antonio s’annammuraje d’o puorco….

Dorotea           S’annammuraje e me spusaje e io songo stata la sua micella pe’ trent’anne….Neh chillo doppo ca pe’ tant’anne ha abusato della mia carna….

Felice              S’ha fatta ‘nu fritto ‘e pesce!

Dorotea           No, s’è nnammurato d’a carcioffola!

Amalia             Chelle so’ bbone, specialmente arrustute!

Dorotea           No, d’a carcioffola ca canta e balla!

Amalia             E’ ‘na rarità!

Felice              Forse la signora si riferisce ad Emma Carcioff, la ballerina,,,

Dorotea           Propetamente ad  essa!

Amalia             E da noi che volete?

Dorotea           Aggio saputo ca chillu porco del mio marittimo, ‘a vo fittà, per fare le schifezze, la casa ca vuje tenite dint’a ‘stu palazzo1

Amalia             Ed allora?

Dorotea           Nun ce l’avite affittò, si no spacco a capa pure a vuje!

SCENA XXIII (Dorotea – Amalia -  Felice -  Emma – Rosella)

Rosella            (Entra) la signora Emma Carcioff…

Emma             (Entra) Vi volevo dire, riguardo alla casa..

Dorotea           (si alza) Uh ‘sta piezza ‘e caliota, sta ccà? (Si avventa) Mo’ te abboffo ‘e pacchere)

Emma             (Scappa e va nella stanza dove è Gaetano)

Dorotea           (Entra anche lei) (Fuori scena) Ahhhhhhh, ‘chiammate ‘e pompiere, ‘e carabiniere, l’aggio accidere)

Emma             (Esce inseguita da Dorotea a sua volta inseguita da Gaetano che cerca di trattenerla) Fermate quella pazza….(Esce dal fondo)

Dorotea           (Segue Emma)

Gaetano          (Si ferma con Felice ed Amalia) Chella si l’acchiappa l’accide..

Amalia             Allora andate a fermarla!

Gaetano          Accussì accide pure a me! J’ me ne fuje a casa! (Esce per la comune incontrandosi con Helga, Michele e Gennaro che porta un boccale con mezza granita d'orzata)

Michele           (Rendendosi conto he stanno bisticciando, fa mettere Gennaro in un angolo della scena, facendogli segno d'aspettare. Va via per il fondo)

Gennaro         (Guarda la scena meravigliato)

Amalia            Ma che puorco, tale e quale a te!

Felice              Puorco? Comme te permette, zandraglia? Mo tabboffo…(Sta per darle uno schiaffo ma viene preceduto dalla moglie che gli da un sonoro ceffone)

Amalia            (Via prima a sin).

Scena XXIV  (Felice – Helga - Gennarino)

Felice              (Tenendosi la mano alla guancia, si volta e vede Helga)

Gennaro         (Impaurito si rifugia in un angolo)

Felice              Ah, ca ‘sta pure ‘a tedesca….Viene a ccà (La tira per un braccio)

Helga              Uomo bruto e violento, me sempre piaciuto…

Felice              Mo nun è ‘o mumento….Avete visto, mia moglie mi ha dato uno schiaffo…

Helga              Avere visto, tu godere quando donna vattere te…Ora io te struppiare….anche a me piacere vattere uomo…

Felice              Ojné vattenne…tu devi solo venire sul tribunale a testimoniare che mia moglie m’ha dato ‘nu pacchero!

Helga              (Si irrigidisce) Io? Tribunale?

Felice              Si!

Helga              No, io non potere venire…io già problemi con tribunale…no, io andare via…(Via fondo sin)

Felice              E mo comme faccio? (Vede Gennarino tremante in un angolo, l’afferra per un braccio e lo porta avanti Mostra la guancia) ‘E visto?

Gennarino       No, io nun aggio visto niente!

Felice              (Gli da una moneta) Comme, nun ‘e visto niente?

Gennarino       (Guarda la moneta) Effettivamente ‘a signora ve ‘a miso ‘na mano ‘nfaccia!

Felice              Bravo, e me ha dato ‘nu buffettone!

Gennarino       ‘Nu buffettone mo’…. ve ha fatto ‘na carezza!

Felice              (Dandogli un’altra moneta) Nun era ‘na carezza…

Gennarino       Pensannoce bbuono forse era ‘nu paccariello….vuleva pazzià.

Felice              (Gli da una banconota di grosso taglio) Era ‘nu buffettone!

Gennarino       (Guarda la banconota) Qua’ buffettone, chella ve ha stroppiato proprio!

Felice                          Bravo! Quanno si bello, fatte da’ ‘nu vaso (Lo bacia e abbraccia) E mo’ ghiammoncenne…

Gennarino       (Guarda la banconota) Don Felì, ve servesse pure ‘nu braccio rutto e ‘na base ‘e ricovero?

Felice              E quanno me costa?

Gennarino       Ce mettimmo d’accordo!

Felice              Pe’ mo jammuncenne, jesce.

BUIO – SIPARIO - FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Personaggi

 

Giacomino                                              Usciere del tribunale

Raffaele                                                   Presidente del tribunale 

Michele                                                    Servitore

Rosella                                                     Cameriera

Felice Sciosciammocca

Amalia Sciosciammocca                     Sua moglie

Antonio Saponetto                               Avvocato di Felice

Anselmo Raganelli                               Avvocato di Amalia

Gaetano Papocchia

Dorotea Capocchia                              Sua moglie

Emma Carcioff                                       Ballerina

Gennaro Fasulillo                                 Garzone

Helga Fontuten                                      Governante

Raffaele                                                   Presidente del Tribunale

Cancelliere del Tribunale

Giudice a latere

ATTO SECONDO

La scena rappresenta una sala del Tribunale. A destra, sedia per il Cancelliere, a sinistra quella del P.M. Tavoli per gli avvocati sul davanti a destra, e a sinistra, con sopra occorrente da scrivere e vicino una sedia. Sedie a destra e a sinistra per i testimoni prima a destra porta comune. In fondo a destra e a sinistra due porticine con tendine verde. Sulle sedie degli avvocati vi sarà su ognuna, la toga. Tutti gli attori, la prima volta in scena,  entrano dalla sala.

SCENA I (Usciere - Raffaele)

Usciere           (Entra dal fondo della sala, seguito da Raffaele, camminando e rivolgendosi di tanto in tanto al pubblico, salgono sul palcoscenico) Eccellé, putimmo fa’ chesto: tutte ‘e matine? V’aggio venì a piglia fore ‘o Cafè chantant, miezu ‘mbriaco! Mi meraviglio ca nun state  ‘a quattuordice, come al solito!

Raffaele         (E’ il presidente del Tribunale:indossa soprabito e cravatta nera, cappello a cilindro) Giacomì, sapevo di dover affrontare un processo e mi sono mantenuto sobrio.

Usciere           ‘E butteglie so state al posto loro, ma ‘e femmene?

Raffaele         Ho passato in rivista il corpo di ballo!           

Usciere           (Meravigliato e ammirato) Tutto?

Raffaele         Giacomì E che so’ fatto ‘e fierro? Solo le ballerine di prima fila! Non ho bevuto, dovevo pur passare il tempo in qualche modo?

Usciere           Vi siete fatto un can can…

Raffaele         Uno? Sette, Giacumì, sette!

Usciere           ‘A sotto! E state ancora allerta?

Raffaele         Pe’ accussì poco? A volte sono arrivato pure alle sette di seconda fila!

Usciere           E arrivammo a quattuordice! E si quando turnate a casa pure ‘a mugliera vosta se vo fa’ ‘nu can can, che facite?

Raffaele         Abballammo! In questo periodo però sto solo: essa  sta a casa d’a mamma pe’ parturì!

Uscire             E  si quanno turnate a casa ve vene voglia ‘e ballà che facite?

Raffaele         Un assolo, oppure mi faccio un bagno rilassante e mi passano i bollenti spiriti! Che vuò a me ‘e femmene me piaceno…(Lo guarda voglioso) Si mo’ tu fusse ‘na femmena…

Usciere           Presidé, jateve a fa’ ‘nassolo dint’all’acua gelata! N’atu ppoco tenite ‘o pruciesso!

Raffaele         E me sento ’e scennere ca muglierema partorisce! Tengo già sette figlie femmene!

Usciere           Eccellé ma vuje facite tutte cose a sette?

Raffaele         E multipli!  Giacumì, tu quanta figlie tiene?

Usciere           Quatte e….(Con orgoglio) tutte mascule!

Raffaele         Mascule? E tiene pure ‘o coraggio e  me ‘o dicere ‘nfaccia, sei uno scostumato!

Usciere           Io e pecché’

Raffaele         Pecché….pecché (Rivolto a qualcuno del pubblico) E’ un  usciere e tene quatte figlie mascule e io ca so’ ‘o presidente, tengo sulo femmene….Ve pare giustizia chesta?’

Usciere           Presidé nun è colpa mia!

Raffaele         (Ad uno spettatore) Ci resterei male assai si muglierema facesse n’ata  femmena! 

Usciere           E po’ essere ca ‘stavota avite ‘na bona nutizia.

Raffaele          Si è femmena Giacomì, la regalo a qualcuno di questi signori! (Indica il pubblico)

Usciere           (A parte) L'ha pigliata pe’ na cacciutella.

Raffaele         Famme j’ a priparà! Tengo ‘na causa ‘e separazione tra Sciosciammocca e ‘a mugliera!

(Intanto sono saliti sul palcoscenico).

Usciere           Allora nun perdite atu tempo,  jateve a cagnà, ca mo’ ‘e vedite ‘e venì!

Raffaele         Hai ragione. Vado a mettermi la toga. Neh! Giacomì, che dici, faje che fà, ‘o mascolo?

Usciere           E io che ne saccio, che faccio ‘a vammana? Lassate fa’ ‘o Cielo!

Raffaele         (Piagnucola) I’ voglio ‘o maculo, voglio ‘o masculo! N'ata femmena sarebbe una iettatura! (Via a sn)

Usciere           Ah! Ah! Ah!... Si ‘a mugliera fa n’ata femmena, A chisto ’o portano ‘o manicomio.

SCENA II (Usciere - Michele, Rosella).

Miichele          (Entra dal fondo della sala, seguito da Rusella e parlando salgono sul palco) Scusate... ccà se fa ‘a causa d’’o padrone mio, Don Felice Sciosciammocca?

Usciere           Ah! Sissignore, è ccà. Chi siete? (Prende una carta che sta su un tavolo.)

Rosella           So’ Rosella Paparella, so’ nata ‘a Stella, vicino a Carmenella ca venne ‘e papaccelle!.

Michele           Io  so’ Michele Pascone, so’ nato ‘o Cavone, vicino a Pachialone ca venne ‘o mellone!.

Usciere           E i’ so’ l’usciere, sto all’erta fino a sera e si nun ve state quiete, ve scasso ‘a capa ‘e rine e pure ‘e piere! Ma che avimmo fa’ ‘e poesie? (Legge) Rosella Paparella... e Michele Pascone... Sissignore siete testimoni, assettateve là. (Indica a sinistra)

Michele           (Va a sedersi al posto del Presidente) Viene ‘a ccà Rusè’ comme se vede bello!

Rosella           (Esegue)

Usciere           Neh, guè! (Muove il braccio come una marionetta. Lazzi a soggetto)

Rosella           (Insieme a Michele fa altrettanto)

Esciere           Uh! Mannaggia ‘e mamme voste, scennite ‘a lloco! Chisto è ‘o posto d’’o Presidente.

Michele           So’ arrivato primm’io, n’ata vota ‘o presidente vene cchiù ambresso!…

Rosella           Ave ragione!

Usciere           Scennite a lloco si no ve tiro ‘nu scarpone ‘nfronte! (Fa il gesto)

Michele           Ce ne jammo, ce ne jammo e che maniere!

Usciere           (Perentorio) Assettate lloco! (Laterale a sinistra)

SCENA III (Felice Antonio – Usciere – Rosella - Michele)

Felice                         (Entra dal fondo della sala seguito dall’avvocato Saponetto e parlando salgono sul palco. E’ Esagitato ed urla) Stammatina  ‘a  voglio struppià, ‘a voglio accidere!

Usciere           Signore... vi prego... nun alluccate, là dinto, ‘o presidente si sta mettendo la toga!.

Felice              Pecché si alluccammo nun se ‘a mette cchiù?

Usciere           (Strillando) Ccà nun se po’ alluccà! (Deciso) Me so’ spiegato?

Felice              (Togliendosi il cappello) Scusate... sig. presidente.

Antonio           (Tirandolo in disparte) Chillo nun è ‘o presidente, è l’usciere!

Felice              ‘E ditto niente? Chilo può fare molto di più d’o presidente!

Antonio           Ma che gghiate dicenno?

Felice              (All’usciere) Allora mi raccomando a voi, io a quella donna, non la potevo più sopportare.

Antonio           (Ridendo) Don Felì’, forse non avete capito, quello è usciere, non può far niente, sapete che fa? Quando viene il presidente dice: Fate loco, fate loco!

Felice              (Con sufficienza) E allora jate a fa’ loco a n’ata parte!

Usciere           Neh, guè, embé?

Felice              Chillo nun pò fà niente, e io me metto a cuntà ‘e fatte mieje a isso!

Usciere           Chi v'ha pregato ‘e me dicere i fatti vostri? Vuje vedite che se passa!.

Felice              Vì quanto è bello, me pare na butteglia ‘e gnostro!

Usciere           Avvocà, quello m'insulta.

Antonio           Non ci fate caso, sta nu poco nervoso. (A Felice) D. Felì stateve zitto.

Felice              ‘Stu sicchio ‘e gravune!

Usciere           Avvocà, ma c’aggio avutà ‘a valanza ‘a via d’’o gruosso?

Antonio           D. Felì mettetevi qua, state zitto e non vi muovete più. E quanno se fa ‘a causa  non dite nemmeno una parola! Si ‘nce sta qualche cosa da dire ‘nce pens'io.

Felice              Nce pensate vuje?

Antonio           E si capisce, io sono l'avvocato vostro.

Felice              Va bene. (Siede a destra.)

Antonio           Zitto, viene vostra moglie.

SCENA IV (Anselmo – Amalia – Antonio – Felice – Usciere

)

Anselmo         (Sempre dalla salai) Signò, ve arracquo ‘a mano cu ‘a cavecia…Vi raccomando la calma. Là sta ‘a gnostra e l’acito! Là sta vostro marito…..Accuvateve…Assettateve e lasciate ballare…parlare a me

Amalia            ‘O ‘nfamo già sta ccà! (Si siede vicino ad Anselmo)

Antonio           (Sottovoce) D. Felì, vi conviene di salutare vostra moglie.

Felice              (C.s) Io vi faccio pazzo, caro avvocato! Chella m'ha fatto passà chellu poco.

Antonio           E voi salutandola fate capire che la cattiva è essa, capite?

Felice              Ah! Già, dite bene... Allora mò ‘a saluto?

Antonio           Sicuro.

Amalia            (Con  Anselmo è salita sul palcoscenico e hanno preso posto di fronte a Felice)

Felice              (Si alza) Eh, questo è il mondo. (Cammina lentamente)

Antonio           Don Felì... Don Felì... Addò jate?

Felice              Nun ve preoccupate, me ne vaco a largo a largo…

Antonio           …Pe’ Margellina!.

Felice             (Arrivato vicino a Amalia la saluta)  Signora.

Amalia            (Si gira - A parte) Vì che assassino!...Tene pure ‘o curaggio ‘e me salutà.

Felice              Quando uno saluta bisogna rispondere.

Antonio           Stateve zitto, non parlate con lei.

Anselmo         Signò, vuje nun avita fa’ ‘e nacchere …fà tanta chiacchiere, nun spilate cu ‘o pizzo….nun parlate cu isso.

Amalia            Io nun parlo cu isso, l'aggio cu na persona che sta diventando ridicolo bastantamente!

Felice              Oh! Ridicolo poi...

Antonio           Nun ve n'incarricate, non rispondete, poi vedete che accusa faccio io.

Felice              Tre tre, e ‘a napulitana a coppa!.

Usciere           (Entrando) Favorisca signore, da questa parte. (Introduce Gaetano e via)

Scena V (Gaetano –  Felice – Antonio)

Gaetano         (E’ pallido. Entra lentamente col cappello in mano, si guarda intorno e parla con gli spettatori) Avete visto mia moglie? No sapite pecché? Nun vulesse abbuscà n’ata vota…Doppo ca me ne so’ fujuto d’a casa ‘e don Felice, m’ha curruto appriesse, s’è levata ‘na scarpa, l’lha tirata e m’ha cugliuto justo ‘ncapo, m’aggio atturcigliato piere e piere e aggio fatto ‘nu sciuliamazzo pe’ tutte ‘e grare! Quella janara, nun contenta, m’è arrivata ‘ncuollo e m’ha rignuto ‘e cavece e pacchere..Tengo ‘a capa ancora tutta ‘ntrunata! (E’ arrivato sul palco)

 Felice             Don Gaetano bello! (Andandogli incontro). Quanto è bello! Don Gaetà, ricordatevi puorco e baccalaiolo!

Getano           Seh, mò penzo justo a vuje! Tengo ato p’a capa! D. Felì. Mia moglie vuole farmi  causa di separazione capite?

Felice              E a me che me ne ‘mporta.

Gaetano         ‘E vedè che me ne ‘mporta a me ‘e te!

Felice              No dico, che ogge non me ‘mporta, forse dimane...

Gaetano         E a me nun me ne ‘mporta né ogge e né dimane.

Felice              Don Gaetà’, assettateve ccà, vicino a me.

Gaetano         (A parte) E vì quanto è seccante. (Siede alla sinistra di Felice)

Felice              Don Gaetà vuje avita dicere che muglierema me chiamò puorco e baccalaiolo.

Gaetano         Ma io tengo ‘e guaje mieje.

Felice                         Don Gaetà... contentatemi, che io po’... mi levo l'obbligazione. Anzi sapete domenica che facciamo?

Gaetano         Me venite a truvà ‘o campusanto….

Felice                         No,  ve porto a piscà cu me! Conosco ‘nu posto addò pisce ‘e chesta posta, abboccano uno areto a n’ato! Io porto ‘o panaro e vuje ‘a canna!

Gaetano         E già, secondo voi un signore come me va c’ ‘a canna mmano mmiez’a via!

Felice              Ce va tanta gente!

Gaetano         Io no! Ora permettete…(Ad Antonio) Signor avvocato, vi dovrei dire una cosa.

Antonio           (S'alza e viene avanti.) Eccomi a vostra disposizione!

Gaetano         Ecco qua... (Passando a destra con Antonio)

Felice              Don Gaetà, addò jate?

Gaetano         Debbo dire una cosa a l'avvocato.

Felice              Ma uscite fuori?

Gaetano         Nonsignore qua.

Felice              Lloco mmocca?

Gaetano         Che?

Felice              Lloco mmocca?

Gaetano         Chi mmocca! Quà mmocca?

Felice              Dico, non uscite fuori, ve state ccà?

Gaetano         Sissignore.

Felice              Mmocca lloco?

Gaetano         Comme?

Felice              Lloco mmocca, mmocca ccà?

Gaetano         Lloco mmocca mmocca lloco, mmocca ccà. Comme parla chisto. Non esco, sto qua!

Felice              Ah, mbè.

Gaetano         Avvocà, Sentite, vediamo d'accomodare st'affare mio con mia moglie.

Antonio           Perché, di che si tratta?

Felice              (Si mette in mezzo ai due per sentire)

Gaetano         (Lo guarda e fa ancora qualche passo a destra) Dunque avvocà, vi stava pregando...

Felice              (Li segue)

Gaetano         Ma insomma che educazione è questa? Vulite sentì a forza ‘e fatte mieje?

Felice              Addò, io sto qua, sto andando a zonzo.

Gaetano         Non potete zonzare ad un’altra parte?

Antonio           Don Felì, abbiate pazienza, mi sta parlando di un affare serio.

Felice              E fate. (Va a sedersi)

Gaetano         Dunque, avvocà, vi stevo pregando... Vedete mia moglie, m’ha lasciato, se vò dividere, me vò fa causa. Voi perorate la mia causa, ditele: “Signora, abiate pietà….

Felice              ..Di un povero disgraziato…

Gaetano         Guardatelo….

Felice              ….é ciunco, nun po’ faticà!

Antonio           Don Felì, vi ho pregato…..(A Gaetano) Prerché vostra moglie ce l’ha con voi?

Gaetano         Perché ha saputo ca vulevo affittà ‘na casa pe’ ‘na figliola, ‘na ballerina!

 Antonio          (Ridendo) E voi a questa età jate affittanno case ‘e fìgliole?

Gaetano         Che volete, sono errori di prima gioventù.

Antonio           (A parte) All'anema d’a primma gioventù.

Felice              Avvocà, ma voi sapete che papà non vuole che s'ammogli?

Antonio           ‘O pate, tene ‘o pate?

Felice              Sicuro.

Gaetano         Ma che d'è, ve fà maraviglia, io tengo pure ‘o nonno!

Antonio           ‘O nonno?! Oh, questa poi...

Felice              Ah! Sicuro, ‘o nonno ‘o saccio, l'ho visto ‘na volta.

Gaetano         Ah! Lo conoscete?

Felice              Sicuro.

Gaetano         (Ad Antonio) Avete visto? (A Felice) E addò l'avete conosciuto?

Felice              Lo vidi ‘na domenica matina, sopra ‘o Museo.

Gaetano         Sì, llà va a passeggiare.

Felice              No, stava dentro ‘o Museo, dinto a nu scaravartolo ‘e creta... accussì. (Si stende sulla sedia come un morto.)

Antonio           (Ridendo) Ah! Ah! Ah!

Gaetano         E ch'è ‘na mummia ‘o nonno mio?

Felice              (Ridendo) Io scherzo.

Gaetano         E ma questi scherzi non mi piacciono... chi vi dà ‘sta confidenza?

Antonio           Va bene, Don Gaetà, non ce fate caso... dunque?

Gaetano         Vi stavo dicendo ...

Felice              (Lo interrompe) Avvocà, avete visto che bella testa tiene Don Gaetano?

Antonio           Ah! sicuro, è di moda.

Felice              Me pare ‘nu purpo sotto e ncoppa!

Antonio           Ah! Ah! Ah!

Gaetano         (Fa gesti d'impazienza)

Antonio           Don Felì, e quanto vi stimo (A Gaetano) Don . Gaetà, abbiate pazienza.

Gaetano         Si vede ch'è mancanza d'educazione... Perché io sto parlanno d'affari seri con   l'avvocato, e voi m'interrompete, e mi stuzzicate a dietro.

Felice              Io vi stuzzico a dietro?

Gaetano         E se capisce, me state stuzzicanno, fino a che perdo la pazienza! Stia a suo posto signore, e si faccia i fatti suoi.

Antonio           Don Gaetà non importa, nun ve pigliate collera.., dunque?

Gaetano         Dunque avvocà... Vedete di convincere mia moglie a fa’ pace anche perché sfocò bastantemente, perché me facette ‘na mazziata che fu un capolavoro.

Antonio           (Ridendo) Ve vattette?

Gaetano         (Sempre cercando di non fare sentire a Felice) Me vattette? Poche volte aggio avuto il piacere e acchiappà pacchere e cavece comme stavota! Ogne pacchero ‘ntrunava tuttecose, pareva ‘a festa d’o Carmene!  Ma vi prego, non dite niente a nessuno!

Antonio           Ah! Ah! Ah! Chesta è bella!

Felice              Avvocà, ch'è stato?

Antonio           ‘A mugliera ‘o vattette!

Felice              Uh?... Ah! Ah! Ah!

Gaetano         Embè, avvocà. Io vi ho pregato ‘e nun dì niente.

Felice              (Ridendo) Mò che esco fuori lo dico a tutte quante.

Gaetano         (Ad Antonio) Avete visto? Io ‘o sapevo, chillo è ‘a trumbetta d’a vicaria! Mò ‘o sape Napule e 36 casale.

Antonio           Va bene, vedrò io d'accomodare tutto.

Gaetano         Vi ringrazio anticipatamente. (Ritornano ai loro posti)

Felice              (Va verso Amalia) Sapete, don Gaetano abbuscaje d’a mugliera!

SCENA V (Usciere, Emma e detti)

Usciere           (Sempre dal fondo della sala Introduce Emma): Favorisca, signora, s'accomodi.

Emma                        (Entra sulle note di una canzone che potrebbe cantare: ha un fascio di rose, attraversa tutta la sala salutando e dando le rose agli spettatori, buttando loro baci. Una volta sul palco, siede vicino ad Amalia)

Gaetano         (Con trasporto) Uh! Emmuccia!

Felice              Mò more don Gaetano! (A parte, riferendosi ad Emma) Sta piezza ‘e caliota!

Gaetano         (Alzandosi) Avvocà, un'altra preghiera.

Antonio           (Si alza e viene avanti) Dite.

Gaetano         (Sotto voce) Questa qua, è quella tale giovane, alla quale io volevo fittare la casa.          Comme ve pare?.

Antonio           (A parte a Gaetano) Ora facciamo in modo ca essa addiventa ‘a causa ‘e tutto! (Risponde alla domanda di Gaetano) E’ molto simpatica)

Gaetano         Solo simpatica? E’ bbona avvocà, è bbona assaje!

Antonio           Bravo don Gaetano, siete proprio un mandrillo! (Ride)

Gaetano         E voi un rango tango!... Avvocà, e comme ve vene ‘ncapo?

Felice                         Ma comme ha fatto ‘e se ‘nnammurà ‘e chisto?i.

Gaetano         A dir le mie virtù basta un sorriso!

Felice              (Ride)

Emma            (A parte a Felice) ‘Cu te po’ facimmo ‘e cunte! (Risentita) Avvocato perché vi impicciate di fatti non vostri?(Come a scusarsi) Cercavo un marito…..

Antonio           Il marito di un’altra, e lo sapevate bene!

Emma            (Si alza ed offesa) Voi siete un imbecille!

Antonio           Ah! A me imbecille? (S'alza e viene avanti)

Emma            (Gridando) Sì, a voi.

Antonio           Voi siete una donna, e non mi conviene mettermi con voi; mandatemi un uomo.

Felice              Don Gaetà, approfittate….

Gaetano         (Fermo con il cappello in mano con il fondo rivolto in alto, guarda Emma estasiato)

Antonio           E che è ommo chisto?

Felice              (Ad Antonio) Avvocà, vuje invece ‘e penzà a’ causa mia...

Gaetano         (Si mette vicino a Felice e si toglie il cappello.)

Felice              Signurì... fate bene a’ nu povero cecato... aggio perzo ‘o meglio d’’a vita mia!... La vista ‘e l'uocchie!

Gaetano         Ma voi siete n'affare serio... sapete?

Felice              E vuje me parite nu pezzente che cerca ‘a lemmosena!

Gaetano         Che pezzente... (Indica Emma) Io sto guardanno a chella...che bijoux …che bijoux…

Usciere           (Dal fondo della sala Introducendo Gennarino): Trase, trase, levete lo cappiello.

SCENA VI (Gennarino e detti)

Gennarino      Buongiorno ossignurì e salute e so’ compagno vuosto!

Felice              (Alzandosi) E’ trasuto dinto Puceriale! Viene ccà, assettate vicino a me

Usciere           Nossignore, assettate llà dereto. (Indica dietro la ruota.)

Felice              Un momento, Usciè, perdonate... (A Gennarino) Gennarì viene ccà, assettate

vicino a me. (Lo piglia per la mano.)

Usciere           Nonsignore, scusate, questo non può stare qua.

Felice              Perché non può stare? Quello è testimone a carico...

Anselmo         No, no, a discarico.

Felice              (All'usciere) E allora lasciatelo discaricare.

Gennarino      (Siede vicino a Gaetano.)

Usciere           E se ne va abbascio ‘a dugana a scaricà, qua non può stare. (Lo piglia per mano per farlo alzare)

Felice              Ma nonsignore, usciè, quella è persona mia.

Usciere           Ma scusate, chillo sta cumbinato ‘e chella manera...

Felice              N’ata vota ‘o faccimmo venì in frak e cravatta bianca! Comme se trova, viene! Gennarì, assettate, nun te n'incaricà.

Antonio           Va bene, Usciè, lasciatelo stare.

Tutti                (Siedono)

Gaetano         (Guardando Gennarino e Felice) Oh! Ma insomma vuje mò che tenite ‘ncapo, pecché ‘stu lazzarone ‘o vulite fa stà vicino a me?

Felice              Lazzarone?!... D. Gaetà e che d'è sta parola? Sapisseve vuje chello che sape chisto.

Gaetano         Pecché è istruito?

Felice              Istruito? Chillo sape ‘o fatto d’o schiaffo.

Gaetano         Vì che sape, teh

Felice              (Appoggiandosi con Gennarino sulle gambe di Gaetano) Gennarì, tu ‘e dicere ca ‘o schiaffo fuje tanto forte, ca me nturzaje tutta ‘a faccia.

Gennarino      Chella ve facette girà ‘a capa tuorno tuorno, comme a ‘nu strummolo!.

Gaetano         Oh! ma vulisseve ‘na colonnetta, ‘na scanzia, ‘nu cuscino... pe’ sapè almeno. (Poi a, Gennarino gridando) E scostati... tu puzzi di cipolla che appesti!

Gennarino      Ma tu che bbuò? (Alita in faccia a Gaetano)

Gaetano         (Imbambolato) Aiutateme, dateme ‘nu poco d’aria!

Felice              (Prende un fazzoletto, lo spiega e lo agita davanti a Gaetano)

Usciere           Pss... pss... Signori miei, un poco di silenzio. Vi ho pregato ca ‘o presidente se sta mettenno...

Felice              ‘A toga.

Gaetano         (Si alza e si avvicina all'usciere, mostrando Gennarino) Puzza di cipolla! (Siede.)

Usciere           Levete ‘a lloco.

Felice              Oh! Usciè, ma mò me pare che sia ‘na mancanza di rispetto proprio a me. Vi ho detto ch'è persona mia, e qua deve stare.

Usciere           Ma quello puzza di cipolla!

Felice              Puzza di cipolla, non puzza di cipolla... (A Gaetano) Vi voltate da questa parte, e non la sentite. Con questo ha potuto fare colazione!...(A Gennarino) Signore puzzate!

Gennarino      E po’ dint’e cipolle ce stanno ‘e vitamine!

Gaetano         E che sai le vitamine tu?

Gennarino      Si!

Gaetano         E che so’?

Gennarino      Chelle ca ce dongo a soreta!

Tutti                            (Ridono)

Gaetano         Scostumato!

            (Lunga suonata di canpanello)

Usciere           (Annunziando) La Corte!

Tutti                (Si alzano.)

Gennarino      (A Gaetano) Neh!... Io pure m'aggia sosere?

Ggaetano       Susete, assettete, a chi l'assigne!...

Gennarino      (Si alza.)

SCENA VII

(Raffaele, 2 Giudici, Pubblico Ministero e il Cancelliere, con toghe e berretti neri. Raffaele siede nel mezzo  e 2 Giudici a destra e a sinistra del detto, il Pubblico Ministero a sinistra, ed il Cancelliere a destra)

Raffaele         (Tra sé) Va trova si muglierema è figliata!. (Suona il campanello che è sul tavolo.)

Felice              Sta ascenno ‘a messa!.

Raffaele         L'udienza è aperta.

Usciere           (Verso la comune gridando) L'udienza è aperta.

Tutti                (Siedono.)

Raffaele         (Fa un gesto al Cancelliere, per farlo incominciare a leggere) Avanti.

Cancelliere     (Prende la lista dei testimoni e legge) "Michele Pascone!"

Usciere           Pascone Michele... Pascone Michele... (Poi verso la comune) Pascone Michele!... Sig. Presidente. Michele Pascone manca.

Michele           (Alzandosi) Che manca? Presente.

Usciere           Come! Vi ho chiamato tre volte, e non rispondete.

Michele           Quanno m'avite chiammato? Voi avete chiamato Pascone Michele... Io me chiamo Michele Pascone! (Siede.)

Felice              (Si alza e fa per tirargli il cappello) Ah! Bestia! Pascone Michele, e Michele Pascone non è lo stesso?

Raffaele         (A Felice): Pss... basta, basta. (Al Cancelliere) Avanti.

Cancelliere     (Legge): "Rosella Paparelia".

Usciere           (c.s.): Rosella Paparella!

Rosella           Presente. (S'alza e siede subito)

Gennarino      (S'è addormentato.)

Cancelliere     (c.s.) "Emma Carcioff".

Usciere           (c.s.) Emma Carcioff!

Emma            Presente. (S'alza e siede subito.)

Gaetano         (Sottovoce) Quanto è bella, quanto è bella!

Felice              D. Gaetà, lassatece fà.

Cancelliere     (c.s.) "Gennarino Fasulillo".

Usciere           (c.s.) Gennarino Fasulillo?... Gennarino Fasulillo? (Poi alla porta) Gennarino Fasulillo? (A Raffaele) Sig. Presidente, manca Fasulillo.

Felice              Che manca? Subito dite che manca.

Usciere           E dove sta?

Felice              Sta qua, si era addormentato un poco.

Usciere           E scetatelo.

Felice              Ma nun fa brutto a scetarlo a dint’o suonno?

Usciere           (Strilla) Scetatelo!

Felice              (Afferra Gennarino per la mano e lo scuote) Dite, presente, presente.

SCENA VIII (Gennarino – Raffaele - Felice)

Gennarino      (Stropicciandosi gli occhi): Presente.

Raffaele         (A Gennarino) Andate al vostro posto e toglietevi il cappello!

Gennarino      Io me moro ‘e freddo e po’…. tu pecché ‘o tiene?

Felice                         (Dandogli un altro schiaffo) Scostumato, accussì si risponde al presidente? Lievete ‘o cappiello e vatte a assettà!

Gennarino      (Piangendo mostra Gaetano) Io me l'avarria piglià cu chisto, ‘o vì! Ma comme, duje cumpagne, vanno a fà uno servizio, tu ‘e visto ca io me so' addurmuto, comme a cumpagno mio me vuò scetà, pe’ nun me fà scumparì cu chiillo che sta llà ncoppa?

Gaetano         (Guardandolo) Ma quà compagne? (Più forte) Ma quà compagne? (Si alza) A te chi ti conosce?

Raffaele         Pss... pss... (A denti stretti.)

Felice              ‘A vocca d’o Presidente, me pare ‘na senga de carusiello!.

Raffaele         (c.s. al Cancelliere) Avanti.

SCENA IX ( Cancelliere – Usciere – Antonio – Gaetano – Raffaele - Felice)

Cancelliere     (c.s.) "Dorotea Papocchia".

Usciere           (c.s.) Dorotea Papocchia.

Antonio           (S'alza e siede subito) Non è ancora venuta!

Gaetano         (Alzandosi) Sta cucinando certe patate.

Usciere           E salutatemmella!

Gaetano         Vi servirò….

Raffaele         (Al Cancelliere) Passate avanti.

Cancelliere     (c.s.) "Gaetano Papocchia".

Gaetano         (A Gennarino) ‘O cumpagno... se ne vene, ‘o cumpagno.

Usciere           (c.s.) Gaetano Papocchia?

Gaetano         (A Gennarino) Non lo dire più sà...

Usciere           (c.s.) Gaetano Papocchia?

Gaetano         Vedete che se passa.

Usciere           (Più forte) Gaetano Papocchia?

Felice              Don Gaetà, ve chiammano.

Gaetano         (Si alza) Vado subito (Va verso la porta)

Felice              Addò jate, vi sta chiamando il presidente, dite presente…

Gaetano         Presente, sto qua!

Usciere           Presente, sto qua e non rispondete? Ma che siete sordo?

Gaetano         Nonsignore.

Usciere           E perché non rispondete?

Gaetano         Ho risposto adesso.

Usciere           Dopo tre volte che v'ho chiamato?

Gaetano         Sissignore.

Usciere           Va buo’, assettateve.

Gaetano         Grazie tante.

Usciere           Niente!

SCENA X (Gennarino – Gaetano – Raffaele – Cancelliere – Felice – Usciere)

Gennarino      (A Gaetano) E ve vulite luvà a nanze, me vulite fà vedè comme fanno chilli llà?

Gaetano         Ma ch’e vedè, l'opera ’e pupe? Mò te ceco n'uocchio!

Gennarino      I t’’e ceco tutt’e dduje..

                       (Stanno per azzuffarsi)

Raffaele         (Perentorio) Basta finitela o ve caccio a via ‘e fore!

                       (Ritorna la calma)

Raffaele         (A Gaetano suonando leggermente il campanello) Pss... pss...

Cancelliere     Sig. Presidente, pare che manchi soltanto la Papocchia.

Raffaele         E va bene, incominciamo senza la Papocchia.

Felice              Io mò saccio se me fa male o me fa bene, a incominciare senza la Papocchia?

Raffaele         Giacomì, vattenne fore, e appena vene la femmena de servizio mia, me faje sapè si muglierema ha fatto ‘o mascolo o ‘ ’a femmena.

Usciere           Va bene, Eccellenza. (Via.)

SCENA XI (Gaetano – Felice – Raffaele – Cancelliere – Gaetano – Antonio)

Gaetano         Ma che tene ‘a cuvata d’e palumme?

Felice              Quà palumme, chella è la mugliera c'hadda parturì.

Raffaele         (Ai due guardandoli sott'occhio) Posso avere il  silenzio da quella banda?

Felice              (Fa un cenno di assenso a Gaetano e Gennarino: tutti e tre si alzano ed intonano il silenzio militare)

Raffaele         Basta, silenzio!

Tutti                (Zittiscono)

Raffaele         Avanti…(Fa un cenno al Cancelliere d'incominciare a leggere.)

Cancelliere     (Prende un'altra carta e legge): "In nome della legge, ecc. ecc. Noi Presidente ecc. ecc. con sentenza in data del 25 ottobre...

Felice              (interrompendolo) Eccetera, eccetera. (Il Cancelliere si ferma e guarda, Raffaele.)

Raffaele         (Manda un occhiata d'impazienza a Felice poi fa il solito gesto al Cancelliere di seguitare) Avanti

Cancelliere     (Legge): "Autorizziamo la signora Amalia Sciosciammocca, nata Maruzzella, a provare i seguenti fatti".

Gaetano         (Divertiti) Ve site spusata ‘na maruzzella.

Felice              Che c'entra, chillo è ‘o cugnomme.

Gaetano         Anche il cognome dev'essere bello.

Felice              E già... è meglio ‘o suio: Papocchia!

Gaetano         Se capisce, te regne ‘a vocca, Papocchia!

Raffaele         Pss... pss... (Solito gesto al Cancelliere.)

Felice              È na funtanella chella vocca, m'ha nfuso tutta ‘a faccia!.

Cancelliere     (c.s.) "1° Che il Sig. Felice Sciosciammocca suo marito, voleva farla morire di freddo, perché non voleva che in letto avesse tenuta la bottiglia d'acqua calda, usata da molti come scaldaletto".

Felice              Questa è un'infamia!

Antonio           Stateve zitto. (Raffaele impone il silenzio suonando il campanello, ed aprendo la bocca)

Felice              (Riferendosi alla bocca del presidente) All’anema d’o furno!.

Raffaele         Avanti….

Cancelliere     (c.s.): "Per causa di questo nacquero mille dispiacenze, sempre occasionate dal signor Sciosciammocca, il quale voleva finanche fittare una casa fatta fabbricare dalla madre della Sig. Amalia, a certa gente che la discreditavano!...".

Emma            (Alzandosi) Oh! questo poi...

Raffaele         (Imponendole silenzio suonando il campanello piano piano e gentilmente) Pss...

Felice              A chella ‘o sona cu ‘a morbidezza!.

Raffaele         (Al Cancelliere) Avanti.

Cancelliere     "Secondo che il Sig. Sciosciammocca, non contento di far morire di freddo la signora Amalia sua moglie, voleva perfino toglierle il sonno, e per ottenere questo, pagava dei saltimbanchi, i quali ogni mattina, con grancassa e tamburo, facevano tanto tanto fracasso e tanto rumore

Felice              (Insieme a Gaetano e Gennarino, cantilenando) Tanto fracasso e tanto rumore ca nun se durmeva a tutte ll’ore….tanto fracasso e tanto rumore….

Raffaele         Basta, silenzio!

Cancelliere     Facevano tanto fracasso e tanto rumore, che la signora Amalia, era costretta di levarsi e non poter più dormire.

Felice              Non è vero, questo lo faceva essa a me.

Antonio           Stateve zitto.

Felice              No, ccà è ‘nu murì, ‘nu schiattà ncuorpo!

Raffaele         (Suonando) Neh! neh! ma voi la volete finire sì o nò?... Ma chi è l'avvocato di quel signore?

Antonio           Sono io...

Raffaele         E me faccio meraviglia di voi, signor avvocato, che non gli dite niente.

Antonio           Ma gliel’ho detto.

Raffaele         Che educazione è questa? Ve l'ho detto per la prima, per la seconda...

Felice              E per la terza veduta, signori, si passa ‘ncopp’a loggia ‘e S. Martino….

Raffaele         E per la terza volta. Mò succede che faccio sgrombrare la sala, e la causa ce ‘a facimmo nuje! (Apre la bocca) Ahhhhh!

Felice              Tene ‘a vocca ‘e ‘nu pescecane!.

Raffaele         Sia fatta la vuluntà d’o Cielo. (Al Cancelliere:) Avanti.

Cancelliere     (c.s.) Terzo che il Sig. Sciosciammocca tormentava sempre la Sig. Amalia, ora per una cosa, ora per un'altra e specialmente nell'ora della colazione o del pranzo, ed in ultimo l'aveva fatta priva di ogni divertimento lecito ed onesto".

SCENA XII (Usciere e detti, poi Dorotea )

Usciere           (Correndo e gridando): Eccellenza, eccellenza!

Raffaele         (Alzandosi) Giacomì che c'è?

Usciere           ‘Na femmena!

Raffaele         N'ata femmena! Sette e una otto! Io mo’ moro!

Usciere           Nonsignore, Eccellenza, c'avite capito! Fore ce sta ‘na femmena ca se chiamma Dorotea Papocchia.

Raffaele         ‘E ‘a murì ‘e subbeto! Me credeva che muglierema aveva fatta n'ata femmena! Falla trasì.

Usciere           Favorite.

Dorotea          (Entra, dà un'occhiata di rabbia a Gaetano ed Emma) Signori miei, salute a buje!

Gaetano         (Tra sé) È morta ‘a ciuccia! Mò che scennimmo a ccà certo abbusco!.

Raffaele         Giacomì, va fore e statte attiento, tengo ‘nu pensiero!

Usciere           Va bene. (Via.)

Dorotea          (A Gaetano) Ve site mise ‘e rimpetto, mò che scennimmo abbascio, te voglio rompere ‘e cosce a te e a essa.

Gaetano         Mò l'ho detto!

Raffaele         (Legge nella lista dei testimoni) Emma Carcioff, venite avanti.

Scena XIII (Emma – Doratea – Gaetano – Felice – Raffaele)

Emma            (S'alza e si dirige verso Raffaele)

Dorotea          (Si siede al posto di Emma)

Gaetano         Comme cammina bello, che belli passe, che belli passe.

Felice              ‘Nu turneso ‘o piatto, vì che pignuole!

Raffaele         (Con caricata eleganza) Voi siete Carcioff?

Emma            Sì signore.

Raffaele         (Sospira) Ah, quanto me piaceno ‘e carcioffole! Dunque a me pare che siete  ballerina?

Emma            Perfettamente!

Raffaele         Brava!... Eh, a me piacciono tanto le ballerine. Io vengo tutte le sere al teatro, dove state voi, tengo la poltrona in prima fila, non m'avete mai visto?

Emma            No, non ci ho fatto caso.

Raffaele         Eh, come, io vengo sempre. Tengo nu binocolo grande grande, ‘o cchiù grosso ‘e tutte quante e vi fisso, vi fisso tutta la serata. (Sospira) Ah che gambe…che gambe…Ah!

Felice              (A parte) Ma è possibile c'avimma suppurtà sti vuommeche!

Raffaele         Dunque giurate di dire la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità?

Emma            Lo giuro.

Gaetano         Quanto è bella, quanto è bella!

Raffaele         Che sapete voi di questo Felice Sciosciammocca e sua moglie?

Emma            Niente, Signor Presidente, so che sono i proprietari di una casa al vico Baglivo.

Raffaele         E questa casa voi la volevate fittare?

Emma            Sì, perché era vicino al teatro dove sto scritturata.

Dorotea          E s'era diretta al suo cassiere.

Raffaele         Pss... (Suona il campanello agitandosi)

Dorotea          ‘Nu pupazzo movibile 25 soldi.

Raffaele         (Mostrando Dorotea) Guè, n'è venuta n'ata! Silenzio (Dolce ad Emma) E poi perché non l'avete più fittata?

Emma            Perché i proprietari non vollero più fittarla.

Felice              No, io la volevo fittare.

Raffaele         (Fa gesti d'impazienza; minaccia di tirare il campanello)

Gaetano         (Riparandosi dietro Felice) Don Felì stateve zitto, chillo mena a vuje e coglie a me!

Raffaele         Sapete niente come questo Sig. Sciosciammocca trattava la moglie?

Emma            No, di questo non so niente.

Raffaele         Come, non sapete tutte le questioni, tutte le chiacchiere, tutte le liti che succedevano in casa.

Emma            No, niente.

Felice              Non è vero, mente!

Raffaele         (Irato apre la bocca sul manico del campanello) Ahhhh!

Felice              Mò se magna ‘o campaniello!

Raffaele         Allora, una volta che non sapete niente, potete ritirarvi. (Le da la mano.)

Emma            Grazie.

Raffaele         Ricordatevi di guardarmi la sera, a teatro, sto sempre in prima fila!

Emma                        Va bene. (Salutando.) Allora se permettete vado a teatro dove mi aspettano…

Raffaele         Andate, andate, non sia mai che privi il pubblica di una così grande bellezza e bravura…Andate, andate..apenna finito sarò ad applaudirvi…..

Emma            Come sempre….

Raffaele         Ma prima di andare via mi fareste un piacere?

Emma            Come potrei negarlo a un uomo con un binocolo di quelle dimensioni….

Raffaele         Allora cantatemi quella canzone che mi piace tanto..

Emma            Quale?

Raffaele         Quella del pesciolino….

Felice              Aggio capito: ce vo ‘o binocolo pe’ vedé ‘o pesciolino!

Raffaele         Silenzio! (Ad Emma) Allora?

Emma            Ogni suo desiderio è un ordine (Si rischiara la voce, canta) Vieni, pesciolino mio diletto vieni, noi faremo un amoretto insieme, su vieni da me allor, vieni pesciolino mio diletto vieni, e per sempre se tu lo vorrai la mia bocca per sempre avrai…la la la la la la la la la la (Passa davanti a Dorotea fa uno sberleffo ed esce)

Dorotea          (Fa per avventarsi ma l’usciere la mantiene) Mo me ‘a faccio fritta ‘a pesciolina! (Si svincola)

Gaetano         (Guardando Emma) Mò se ne và!... Mò s’a portano...Mo’ s’a portano!

Felice              ‘O camposanto…Requiem eterna….

Raffaele         (Arrabbiato) Llà ve manno si nun ve state zitte! (Legge nella lista): "Rosella Paparella".

SCENA XIV (Rosella – Raffaele – Felice - Gaetano )

Rosella           Presente. (S'alza.)

Raffaele         Venite avanti.

Rosella           Eccomi qua.

Felice              Chesta è na bona testimone, sape tutt’e fatte mieje! (Piano a Rosella) Rusì, ricordate ca ‘o nomme tuojo te facette ‘a vesta nova!

Rosella           Va buono! (Si avvicina a Raffaele)

Raffaele         (Sorridente) Voi siete la serva di don Felice?

Rosella           Sissignore.

Felice              Vuò vedé ca ve piacciono tanto le serve?

Raffaele         Bravo, come avete fatto a capirlo?

Felice              Accussì (a parte ) A stu Presidente ‘e femmene le piacene tutte quante.

Raffaele         Se mai ve ne andate da don Felice, fatemelo sapere, perché vi prendo al mio servizio.

Felice              (A parte) E le fa ‘o servizio!

Raffaele         Io tengo sette figlie femmene, ho bisogno di un'altra cameriera.

Felice              (C.s) Chisto tene ‘o serraglio dint’a casa!

Raffaele         Bè!... Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità.

Rosella           Lo giuro.

Raffaele         Sapete niente se i vostri padroni si contrastavano mai?

Rosella           Sempe, ogni minuto secondo!

Felice              Bene! (Da un colpo sul cappello che Gaetano ha sulle gambe.)

Gaetano         Puozze passà ‘nu guaio. M'ha ruvinato ‘o cappiello!

Felice              Abbiate pazienza, D. Gaetà, è stato pe’ fà ‘na mossa ‘e piacere.

Gaetano         ‘A mossa me steva venenno a me!... Sia fatta ‘a volontà d’o Cielo!

Raffaele         (Ai due) Questo mormorio, questo mormorio! (Pone le mani al petto) Ah!

Felice              (A Gaetano con voce bassa) ‘A mossa mo’ le vene a chisto!

Raffaele         Sapete niente dell'affare dello scaldaletto?

Rosella           No, d’o scarfalietto nun saccio niente.

Raffaele         Chi era la causa del contrasto, il marito o la moglie?

Rosella           Nun ‘o saccio signò, io me truvavo sempe quanno era accumminciato ‘o spettacolo, nun saccio chi accumminciava.

Raffaele         Va bene, sedetevi, che poi sarete richiamata. E ricordatevi, se ve ne andate da don. Felice fatemelo sapere.

Rosella           Va bene! (Ritornando al posto) Mamma mia! Mò moro d’a paura.

Felice              (Piano a Rosella) Bestia, tu aviva dicere che accumminciava essa.

Gaetano         (A Gennarino) Non t'addormentare.

SCENA  XV (Gaetano – Raffaele – Felice - Dorotea)

Raffaele         (Leggendo sulla lista) "Gaetano Papocchia".

Gaetano         (A Gennarino) Hai capito? Mò’ sarai chiamato pure tu.

Raffaele         (c.s.) "Gaetano Papocchia".

Gaetano         Statte scetato, si no haje n'atu paccaro.

Raffaele         (c.s. gridando) "Gaetano Papocchia".

Felice              Don Gaetà, jate llà.

Raffaele         Ma ce sta ‘sta Papocchia, o no?

Gaetano         (Alzandosi.) Presente, sto qua!

Raffaele         Ma vuje ‘overo fusseve surdo?

Gaetano         Io no, forse voi….

Raffaele         ‘O surdo songh’io?

Gaetano         No, dicevo : forse voi mi avete chiamato sottovoce..

Raffaele         Venite avanti!

Gaetano         Me vulite lloco?

Raffaele         E vulite che vengo io lloco?

Gaetano         Venite, vi aspetto!

Raffaele         Venite qua, imbecille.

Gaetano         (Si alza e facendo segni alla moglie di volerlo perdonare, ritarda di andare da Raffaele)

Raffaele         (Con un grido e un colpo col campanello). Papocchia! Ma volete venire sì o no?

Gaetano         (Sobbalza) Eccomi.(S'avvicina a Raffaele.)

Felice              (Sotto voce) Don Gaetà, ricordatevi, puorco e baccalaiuolo!

Gaetano         (Arrivato vicino a Raffaele gli dice) Puorco e baccalaiolo!

Raffaele         Oh! (S'alza gridando) Chi è puorco e baccalaiolo!?

Felice              Che animale!

Gaetano         (Crede sia il suggerimento) L’animale!

Raffaele         Quale animale?

Gaetano         Nun’o saccio,(Indica Felice) Lo sa lui…

Felice              Ma che saccio , io nun saccio niente…

Raffaele         Va bene, basta! (A Gaetano) Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità.

Gaetano         (Guarda prima Felice, poi Dorotea)

Dorotea          (Gli fa gesti di minaccia)

Gaetano         Lo giuro! (Giura con la mano sinistra.)

Raffaele         Giurate con la mano sinistra?

Gaetano         (A Felice) Me facite giurà con la mano sinistra?

Raffaele         Allora?

Gaetano         Mi dovete perdonare, ma nella mano destra ho il cappello!

Raffaele         E passatelo nell’altra mano!

Gaetano         E si può?

Raffaele         Mo’facimmo a domanda a ‘o Ministero! “Giuro di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità” Dite: “Lo giuro”

Gaetano         (c.s.): Lo giuro! (Mette la mano destra sul calamaio)

Raffaele         Ncoppa ‘o calamaro?

Gaetano         Ncoppa ‘o calamaro!

Raffaele         (Indica le carte che ha davanti) Qua, qua, sulla Bibbia, dovete giurare.

Gaetano         Lo giuro!

Raffaele         Voi volevate fittare la casa del Sig. Sciosciammocca?

Gaetano         Sissignore.

Doratea          Ah!

Gaetano         (A parte) Mò che scengo abbascio muglierema m'accide.

Raffaele         Ma questa casa non serviva per voi, serviva per la ballerina Emma Carcioff?

Gaetano         (Con voce molto bassa e tra i denti) Sissignore.

Raffaele         Che avete detto?

Gaetano         (c.s.) Sissignore.

Raffaele         E alluccate, io non ve capisco.

Gaetano         (Piano): Sig. Presidente, c'è mia moglie là, non vorrei far sapere.

Raffaele         Davanti alla giustizia non si può occultare niente! In questo momento, per noi, vostra moglie è morta!

Dorotea          Avite a jettà ‘o veleno tutt’e dduje!

Raffaele         Silenzio! Allora rispondete c<on voce forte: Questa casa serviva per la ballerina Emma Carcioff?

Gaetano         (Forte) Sissignore.

Dorotea          (Sbracciandosi le maniche) Ah!

Gaetano         E’ fatta ‘a frittata!

Raffaele         E quando andaste per fittarla, il Sig. Sciosciammocca si stava contrastando con la moglie?

Gaetano         Sissignore.

Felice              (Zitto a Gaetano) D. Gaetà, mò viene.

Gaetano         (a Raffaele) Mò viene.

Raffaele         Chi viene?

Gaetano         (A Felice) Chi viene?

Felice              ‘O puorco.

Gaetano         (A Raffaele) ‘O puorco!

Raffaele         Viene ‘o puorco qua?

Gaetano         (A Felice) Viene ‘o puorco qua?

Felice              (A parte) Che bestia!.

Raffaele         E chi lo porta?

Felice              (A Gaetano) ‘O baccalaiuolo.

Gaetano         (A Raffaele) ‘O baccalaiuolo.

Raffaele         ‘Oo baccalaiuolo porta ‘o puorco qua?

Gaetano         (A Felice) Porta ‘o puorco qua?

Felice              (Suggerendo) No! La moglie.

Gaetano         La moglie.

Raffaele         La moglie porta ‘o puorco?

Felice              (C.s) No! la moglie lo chiamò puorco.

Gaetano         La moglie chiamò il porco.

Felice              (C.s) E baccalaiuolo!

Gaetano         E baccalaiuolo!

Raffaele         La moglie chiamò il porco e ‘o baccalaiuolo?

Felice              (C.s) No, a me, a me!.

Gaetano         A lui, a lui!

Raffaele         A lui? Voi che state accucchianno? (Gridando:) Se pò sapè chi porta stu puorco?

Gaetano         Ecco qua... (Mostra Felice) Si dissero delle parole improprie, tanto lui a lei, che lei a lui, alleluja tutt'e duje.

Raffaele         Va bene, ho capito, jateve a assettà!... Va!

Gaetano         Grazie, Sig. Ministro.

Felice              Che ministro? Presidente.

Gaetano         Grazie, Sig. Presidente.

Felice              Cavalier Presidente.

Gaetano         Cavalier Presidente.

Raffaele         (Gridando) Assettateve!

Gaetano         (Siede spaventato.)

Scena XVI Dorotea  - Raffaele  - Felice - Usciere)

Raffaele         (Legge nella lista) Dorotea Papocchia".

Dorotea          So presente e mi presento. (S'alza.)

Raffaele         Avanti.

Dorotea          (Si avvicina) ’Eccomi qua.

Raffaele         Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità.

Dorotea          Lo giuro.

Raffaele         Che sapete voi di questo signor Sciosciammocca e sua moglie?

Dorotea          Sig. Presidente, io nun ‘e cunosco.

Raffaele         Come? E non sapete niente.

Dorotea          Niente, proprio niente.

Raffaele         E allora perché ci siete venuta?

Dorotea          Perché voi mi avete chiamata.

Usciere           (Entra dal fondo)

Dorotea          E poi sono venuta per dirvi che mio marito mi tradisce pe’ ‘na Carcioffola! (Gridando:) Ma mo aggio addurato il fieto al miccio, e….appena ‘o ‘ncoccio, cu essa, ‘o paccareo a ddoje mane! (Al marito) Ih quanta ne va facendo ‘sta ranfa ‘e purpo!

Raffaele         (Suonando il campanello) Pss... silenzio.., basta.

Dorotea          Ma Sig. Presidente, noi siamo tutti qui per essere giustiziati.

Felice              L'ha pigliato p’o boja!

Usciere           (Pigliandola pel braccio per farla ritornare al posto) Pss... prego.. signò... silenzio...

Dorotea          (All’usciere): Vi comme stregna, ‘o vì, miezo all'ammuina se vuleva piglià ‘o passaggio!

Usciere           Nun me facite avutà ‘o stomaco, assettateve!!

Dorotea          (Ritorna al suo posto)

Raffaele         (Legge dalla lista) Gennaro Fasulillo.

Scena XVII (Gennarino -  Felice - Raffaele)

Felice              Va, va e ricordate ‘o paccaro

Gennarino      Ma io me metto appura..

Raffaele         Gennarino Fasulillo, venite avanti

Felice              (Lo spinge)

Raffaele         Non abbiate timore. Venite qua  e fate il giuramento...

Gennarino       ((Va al banco dei testimoni rincuorato) E chest’é? Basta che me ‘o diciveve primma! (Si rischiara la voce e canta) Comme te può scurdà si t’aggio amata, comme te può sbaglià pe’ tutta ‘a vita, ma si nun vuò pensà ‘o giuramento ca facile a me…

                       (Tutti applaudono, gran confusione)

Raffaele         Basta, silenzio….(A Gennarino) Statte zitto e dimme ch’è visto quanno don Felice se appiccicaje cu ‘a mugliera!

Gennarino      Aggio visto, ca primma ‘a mugliera l’ha fatto ‘na carezza, ca po’ è adduvintata, ‘nu pacchero, po’ ‘nu buffettone e po’ don Felice ‘a vuleva fa’ ricoverà si le putevo va’ avè’ ‘nu braccio ‘ngessato!

Raffaele         Me che staje dicenno?

Gennarino      Vuje che vulite ‘a me, j’ chesto aggio visto! (Piange)

Raffaele         Vai, vai al tuo posto! I giudici non tengano conto di questa testimonianza, il testimone non è attendibile!

Gennarino      (Torna al suo posto)

Felice              Ma ch’è ditto, animale!

Gennarino      (Sempre piagnucolando) Vuje che vulite a me! (Siede)

SCENA XVIII (Anselmo – Raffaele  - Felice – Gennarino )

Anselmo         (Alzandosi) Sig. Presidente, questi ci ballano….. bastano, gli altri teste ‘e limone... te... testimoni puzzano. po... possono essere inter...rogati do... dopo...

Raffaele         (Si rivolge ai  Giudici, e al P.M. i quali con cenni approvano) La parola all’avvocato Raganelli!

Anselmo         (Si rivolge all'usciere) E’ asciuta ‘a foca!

Felice              E se n’è gghiuta ‘o zo’

Anselmo         U…usciere la trocola…..laaa toga!

Gennarino      Neh, ma io aggia j a’ puteca.

Gaetano         Statte zitto!...

Usciere           (Porta una toga, una bottiglia d'acqua ed un bicchiere)

Usciere           Ecco servito, Sig. Avvocato.

Anselmo         (Pulisce il bicchiere, prende la bottiglia, riempe il bicchiere, butta l’acqua e beve vicino la bottiglia. Dopo aver bevuto) Signor...

Felice              (Cantando.) Capitano, faciteme nu favore...

Raffaele         Pss... (Impaziente:) Lasciate parlare l'avvocato.

Felice              Signor Presidente, io me credeva che vuleva cantà la canzone.

Raffaele         (Ad Anselmo) Avanti.

Anselmo         Signò, posa ‘a lente….signor presidente, e signori Ciucci... signori Giudici, qui non si tra... ta...ta... tta... tra...tra.

Felice              Buh! Ha sparato ‘nu tracco!

Anselmo         Qui non si tra...tta di fare la caucia... la causa pe’ ‘nu mucillo primma rattato, per un omicidio premeditato, e di un fu... o di un fu...fu...fu...

Felice              Chiano cu sta parola.

Anselmo         O di un fu...furto con asso…

Felice              ‘E coppe...

Anselmo         Asso…

Felice              ‘E denare…

Anselomo       Asso…

Felice              ‘E bastone…

Anselmo         Asso….

Felice  ‘           E spade

Presidente      (A Felice) ‘E cunusce tutte quante? Fallo parlà, (Ad Anselmo) Prego avvocato.

Anselmo         Giacchì…

Felice              Pascà..

Anselmo         Giacchè non è assoì...

Felice              Nun ‘o vattere!

Anselmo         Ass...assassinio, ma soreta se ratta... ma solo si tratta di una povera mula sventrata... di una povera moglie sventurata, che viene innanzi a voi signor Puzzulente... signor Presidente, per provare con li fritte de tartufe... con i fatti le torture che le dava co... co... co...

Felice              Ha fatto l'uovo!

Anselmo         Co... continuamente suo marito. Chella che ha rotta la pupatella.

Felice              E’ ‘na ‘nfama…!

Anselmo         Quello che ha detto la Paparella, ci prova tutta la sua coppola... la sua colpa, e la Parrocchia ‘e S. Gaetano... e il Papocchia sig. Gaetano, uomo impotente ca magno ‘o pepe... uomo imponente e degno di fede, poco fa ci ha detto che quaranta ove pe’ ‘a frittata c’o caso... che quando andò per fittarsi la casa, vide che il sig. Sciosciammocca, se cuccava l’estate co la provola mmocca...

Felice              Io me cuccava l’estate cu ‘a  provola mmocca?

Anselmo         Si contrastava con la propria moglie…. ‘A sotto p’e chiancarelle!

Tutti                (Si alzano spaventati, gridando e guardando il tetto)

Felice              (Si copre la testa con una sedia)

Presidente      (Impaurito si curva lasciando vedere la sola testa, e il braccio destro che suona il campanello) Ch’è stato.

Anselmo         (Contagiato dall’atteggiamento degli altri, anche lui si spaventa) Ch’è stato?

Anselmo         Dicevo... la suddetta Paparella.

Tutti                (Rassicurati si mettono a posto.)

Felice              E’a murì sotto a ‘na chiangarella…(Siede.)

Anselmo         (Seguitando) La suddetta Paparella, come serva della casa e donna salata... e donna salariata poteva dire che io saglio ‘o pallone.., che i suoi padroni non si contrastavano mai, ma nonna nonna...

Felice              Bebè..ca mo vene papà….

Anselmo         Ma no... ma no... Essa venne a durece...

Felice              Alice!

Anselmo         Essa venne a dirci che il Sig. Felice e sua moglie se cuccavene ogne minuto secondo.

Felice              E quanno se suseveme?

Anselmo         Si contrastavano ogni minuto secondo. (Pausa breve.) e se facevavano pure ‘e pummarole dint’o brodo!

Felice              No, ce facevano ‘e patane ‘o furno!

Anselmo         Si dicevano parole improprie…e mo’ Signor Presepio... signor Presidente, si prore a buje e a Giustina...

Raffaele         Piano piano avvocà!

Anselmo         Se preme a voi la Giustizia, potreste credere che questi contrasti venivano secula... per secula...

Felice              Seculorem amen!

Anselmo         Se... sempre per parte della maglia.., della moglie? E chi-chi-ri-chi.

Felice              È schiarato juorno.

Anselmo         E chi... chi non sa che la donna è assai più debole del marito? E poi, guardate sta figliola, e ciuncate voi sig. Presidente.

Raffaele         Tu e l'anema ‘e mammeta.

Anselmo         E giudicate voi, signor Presidente, chistu virze è di Nocera…questo viso è innocente e e non vi può essere.. mannaggia...

Felice              Ll'anema ‘e patete.

Anselmo         Mannaggia...

Felice              Chi t'ha allattato!

Anselmo         Ma... mal... vagità. (Crescendo) Essa non è col pepe.

Felice              No, è col sale!

Anselmo         Non è colpevole, è il marito che vuole pane cevuze e case-cavalle...

Felice              Io voglio pane cevuze e casecavalle?

Anselmo         Che vuole paglia per cento cavalli!

Felice              All'anema d’a lengua!

Anselmo         (Gridando): Ma chi di voi non tene ‘e corne?

Felice              Mò jammo carcerate tutte quante.

Anselmo         Tene core, non può fare altro che darle rangiata.

Felice              No limonata.

Anselmo         Darle ragione!... Qui... qui... qui...

Felice              Cacciate le capuzelle.

Anselmo         Quindi, io conchiudo Signor. Puzzolente…signor presidente, voi che rappresentate la cestunia...

Felice              Mò ‘e ditto buono.

Anselmo         La... giustizia, se le dovete dare na pera... na pena, o chella ‘e mammeta o chella ‘e sorete... o che l'amalgama, e che l'assolva!

Tutti                (Applaudono) Bravo!

Anselmo         E ricordate: Armando è de Nucera!

Tutti                E chi se ne fotte!

Anselmo         Amalia è innocente! Ho prurito!

Tutti                E rattateve!

Anselmo         Ho finito! (Siede)

Raffaele         Menu male! La parola all’avvocato Saponetto

Felice              (A Gaetano) E’ l’avvocato mio, è grande…mo’ sentite, mo’ sentite…

SCENA XIX (Antonio – Gaetano – Felice – Raffaele- Usciere )

Antonio           (Si alza, si rischiara la voce, beve)

Gaetano         (A Felice) Comme se chiama chisto?

Felice              Saponetto!

Gaetano         E nun ‘o facite bere!

Felice              E pecché?

Gaenano        ‘A sapunetta cu‘ l’acqua fa ‘e bolle!

Antonio           (Durante  il dialogo tra Felice e Gaetano ha fatto scena con la toga! Si rischiara di nuovo la voce ed in modo enfatico) Sig. Presidente, signori giudici, mi si ascolti bene! Voi ora aspettate la mia arringa, ma il caso è così palese che ne faccio volentieri a meno. I fatti parlano da soli, pertanto chiedo e sottolineo chiedo, che vengano escussi i testi! (Si guarda intorno, poi pone la mano alla fronte come se volesse ricordare qualcosa, guarda tutt’intorno) Mi resta solo da dirvi: ho finito! (Si siede)

Gaetano         Don Felì, quanno l’avite dato a chisto?

Felice              Quaranta lire.

Gaetano         E farcitevene da cinquanta ‘e riesto!

Raffaele         Silenzio….(Al cancelliere) Vi sono altri testi?

Cancelliere     Si, froilen Helga Fontuten!

Raffaele         Tene ‘nu nomme che è tutto un programma!…Usciere fate entrare la Fontuten!

Usciere           (Chiama) Helga Fontuten1

SCENA XX (Helga  - Raffaele – Felice - Cancelliere)

Helga              (Entra con incedere elegante ed ancheggiando) Eccomi qua!

Raffaele         Azzò’ e che Fontuten! (Si rivolge ad Elga) Lei è Helga Fontuten?

Helga              In person!

Raffaele         Come siete simpatica, siete tedesca?

Helga              Ya eccellenz! Di pura razza Ariana, della Germania!

Raffaele         A me ‘a razza Ariana me piace assale

Felice              E te pareva!

Raffaele         (Duro a Felice) Silenzio!

Felice              Yavol!

Raffaele         (Ad Helga) E che mestiere fate?

Helga              La governant!

Felice              ‘E governante le piaceno assale!

Raffaele         E se capisce. (Ad Helga) Verreste a governare a casa mia?

Helga              Essere molti uomini a casa tua?

Raffaele         Tutte femmene, l’unico ommo songh’io!

Helga              (Invogliante) Tu essere vero uomo, maschio latino?

Felice              Latino po’ essere, maschio nun se sape, fa’ sule femmene!

Raffaele         Mio signò per regola vosta io so masculo….

Gaetano         Sta scritto ‘ncopp’o certificato ‘e nascita!

Felice              ‘A vota ‘e certificate sbagliano!

Raffaele         Non è il mio caso  e po’ facite silenzio, si no ve faccio arrestà per oltraggio a  maschio presidente! (Ad Helga) Dunque che sapete dei rapporti tra don Felice e la moglie?

Helga              Io per quello che avere visto don Felice essere masochista e moglie sadica!

Raffaele         ‘O vatteva?

Helga              Non capire!

Raffaele         Lo picchiava?

Helga              Ya!

Felice              Benissimo, aggio vinciuta ‘a causa!

Raffaele         Silenzio, (Ad Helga) E voi avete assistito a quando la moglie lo picchiava?

Helga              Ya e lui molto godere di questa cosa…

Raffaele         Le faceva piacere?

Helga              Ya, lui essere molto contento.

Felice              Non è vero, comme me ponno piacé ‘e mazzate?

Raffaele         Se siete masochista si!

Felice              Ma qua’ masochista, io sono cattolico, apostolico romano!

Raffaele         Basta, fate silenzio…Se avete abbuscato col vostro consenso il fatto non costituisce reato!

Felice              Ma…

Raffaele         Silenzio, ascoltiamo gli altri testi e poi deciderò…(Ad Helga) Voi ricordatevi che la mia casa è sempre aperta per una governante come voi.!

Helga              Tanksce..

Raffaele         Bittescé

Felice              Chisto è scè’!

Raffaele         Come vi permettete?

Felice              E se sape, ve mettite a fa’ ‘o vummecuso cu’ ‘sta zandraglia tedesca!

Helga              (Parla in napoletano) Zandraglia a me? Uè grandissimo scurnacchiato, si te metto ‘e mmano ‘ncuollo te faccio ca manco ‘e cane t’addorano!

Tutti                ‘E capito ‘a tedesca?

Helga              Ma qua’ tedesca, io so Carmilina d’o Pallonetto e tutt’e ll’uommene comme e vuje dint’a sacca me metto! (A Felice) A te t’aspetto a via ‘e fora! (Via)

Raffaele         Basta, finitela, silenzio! (Al Cancelliere) Chi altro dobbiamo ascoltare?

Cancelliere     (Legge la lista) Michele Pascone.

Raffaele         Michele Pascone, venite avanti!

SCENA  XXI (Michele – Raffaele – Amalia – Felice – Gaetano - Dorotea)

Michele           (S'avvicina.)

Raffaele         Giurate di dire la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità.

Michele           Lo giuro.

Raffaele         Tu sei il servo di D. Felice Sciosciammocca?

Michele           Si, eccellenza...

Raffaele         Che sai tu dei tuoi padroni?

Michele           Saccio che s'appiccecavano sempe.

Raffaele         E lo scaldaletto chi l'ha posto nel letto, il marito, o la moglie?

Michele           La mugliera!

Amalia            Non è vero, Sig. Presidente!

Felice              Pss. Lasciate parlare il testimone...

Antonio           Lasciatelo finire.

Raffaele         (Agitando sempre il campanello cerca di imporre silenzio)

Amalia            Sig. Presidente questo testimone è un bugiardo.

Raffaele         Va bene, se è un bugiardo lo farò arrestare

Michele           Arrestare? No, nun voglio j’ carcerato! Mò ve dico ‘a verità! ‘O scarfalietto ‘o mettette io dinto ‘o lietto, ‘e giocoliere ‘e facevo venì io ogne matina, tutte sti mbrouglie l'aggio fatto io!

Felice              Che! (Da un colpo sul piede di Gaetano, che si trovava vicino a lui.)

Gaetano         Ah! Ncoppa ‘o callo!

Felice              E levateve ‘a reto!

Amalia            (A Michele) E perché hai fatto questo?

Michele           Pecché D. Felice, prima de se nzurà me trattava buono doppo nzurato nun me trattava cchiù comme a ‘na vota, e io cercave tutte ‘e mezze pe’ farlo spartere ‘a vuje.

Amalia            Ah! Adesso ho capito.

Felice              Birbante, pe’ causa toja me facive lascià questo pezzo di burro. Mugliera mia cara, cara, perdoname.

Raffaele         (Assiste incantato alla scena che segue con la testa appoggiata sul braccio)

Michele           Signore mio perdunateme, nun ‘o faccio cchiù!

Felice              Esci! Non ti voglio più vedere.

Amalia            Va buono, Feliciè, perdonalo chillo è ‘nu scemo.

Felice              Lo vuoi tu? Ebbene, per questa donna io ti perdono.

Michele           Grazie..grazie1

Gaetano         (Zoppicando va da Dorotea a domandare perdono)

Dorotea          (A Gaetano) Galantò, nuje pò facimmo ‘e cunte nuoste.

Gaetano         Perdoname.

Dorotea          E nun me ‘o cercà cu ‘stu mussillo a cerasella, ‘o ssaje ca nun te saccio resistere!

Felice              Che vutamiento ‘e stomaco!

Gaetano         (A Felice) Don Felì, cu ‘e femmene ce vo’ ll’arte!

Felice              (A Dorotea) Allora, lo avete perdonato?

Gaetano         Nun ncè rumpite a capa, lassatece fà. (A Dorotea) ‘A Chiapparella mia, già ha perdunato a Gaetanuzzo suo c’a vo’ tantu bene…(Come si gioca con un bambino, ponendo le dita vicino alle labbra di Dorotea) ‘Mbru…’mbru….’mbru…

SCENA ULTIMA (Usciere - Tutti)

Usciere           (Gridando): Eccellenza, eccellenza.

Raffaele         Giacomì che d'è?

Usciere           È figliata la mugliera vosta!

Raffaele         (Speranzoso) Ha fatto  ‘nu mascolo?

Usciere           Nonsignore!

Raffaele         ‘N’a femmena?

Usciere           Nossignore!

Gaetano         ‘Nu femmenella?

Usciere           Neanche!

Felice              E c’ha fatto ‘nu scungiglio?

Usciere           No eccellé, sette….

Raffaele         Sette scungiglie?

Usciere           No eccellé, sette mascule!

Raffaele         Tu ‘overo dice? Signori, Chi è cchiù felice ‘e me? Il processo è chiuso e il presidente per la gioia assolve a tutte quante. Lasateme correre a casa….(Si ferma) Voi Andate tutti quanti a festeggiare…Andate al salone Margherita ad applaudire la bellissima Emma, Consumate e fate mettere tutto sul mio conto…Offro io….

Tutti                Evviva il presidente..

Raffaele         (Scende dal palco in sala)

Tutti                (Seguono Raffaele, facendo il trenino ed escono per il fondo della sala cantando, mentre il sipario si chiude lentamente).E questa è la machiia napoletana, ls la la la la la la la la la la la…..

FINE SECONDO ATTO

“Cu’ ‘o monaco dint’o lietto”

ATTO TERZO


Inverosimile Café chantant

Di

UMBERTO CASTALDI

                                                                                         

SCALETTA

Presentatore                                              (Benvenuto al  Café Margherita)

Balletto                                                        Cac Can

Canzone                                                      Damme ‘na cura

Canzone                                                      Nennella ‘a fruttaiola

Monologo                                                   Nennella ‘a fruttaiola

Canzone                                                      Antonietta del Pallonetto

Monologo                                                   Caldarelli

Poesia                                                          Quando nacquetti

Canzone                                                      Fortuna

Canzone                                                      Fifina la parigina

Canzone                                                      ‘O sudato nnammurato

Canzone                                                      Fifina la parigina

Monologo                                                   Fifina la parigina

Ogni numero viene introdotto da un presentatore che di volta in volta dialoga col alcuni personaggi della commedia che fanno da elemento disturbatore.

La scena

Rappresenta il palcoscenico di un café chantant dove ha inizio uno spettacolo. Entra il presentatore

Present.      Signori e signori buonasera e benvenuti all’inaugurazione del café chantant salone Margherita…..

Felice         Nun se puteva chiammà Rusinella?

Presnt         No caro amico, perché la Margherita é….

Felice         ‘A pizza cu ‘a muzzarella…..

Preset         (Senza raccogliere) Il fiore dell’amore: La sfronni pettola su pettola…..

Gaetano     Sta facendo ‘a pastiera…petalo, si dice petalo…..

 Present      (Non raccoglie) …Ed alla fine quando hai sfronnato l’ultimo petalo….

Gaetano     Te rimane ‘o strappone mmano!

Present       Neh amico, m’o facite fa? Dunque dicevo: quando hai staccato l’ultimo petalo, sai se isso o essa ti ama!

Dorotea      Come sei reumatico!

Present       Haje ragione, sto chino ‘e dulure!

Gaetano     Quella voleva dire romantico!

Present       (Sospira) Ah! Mammà accussì m’ha fatto!

Dorotea      Comme a ‘nu purchiciello!

Present       (Contrariato ) Passiamo allo spettacolo.

Felice         Stregne…stregn…

Present       Scusate se mi sono allungato…

Amalia        Diciamo allargato…..

Present       Mamma mia e pubblico impertinente!  Dicevo: per farmi perdonare, vi faccio vedere quelle che state aspettando: le femmine, le ballerine ca ve fanno vedé ‘nu can….

Dorotea      Muorto….

Present       ‘Nu can can…’nu ballett! Signori direttamento da Parigge, dove abballano tutt’e sere in un localo sott’a torre ca  j’ fete

Dorotea      Se sente!

,Present      Signori, le ballerine!

                   BALLETTO ESEGUE CAN CAN

Present       Brave, bravissime, , sono gocce di gioventù, sono boccioli  e anch’io io mi sento…

Felice         ‘Nu, garuofano spampanato!

Present       Neh crisantemo ammosciato! (Si riprende) Ora miei cari amici è il momento di una persona che chiede il nostro aiuto: è innamorato della nostra cara Emma e vo ‘na cura pe’ nun suffrì cchiù: sentite (Cantante esegue)

DAMME ‘NA CURA!

(Testo di Umberto Castaldi – Musica di Franco Tricoli)

Io quanno veco a te

me vene ‘a freva…

mi faccio rosso rosso

e il sangue sale….

Rimane tutto quanto

nella testa

e sembro un gamberetto

tosto tosto!

Ma tu me può curà

cu chisti vase…

e tu me può salvà

cu chist’ammore!

non fare la gradassa

ca può piglià  la scossa

si miette mo’ ‘a mano…..   dove?

su questo cuore!

‘Nfama, vigliacca a dispietto,

a tutti fai un sorriso,

ma con me fai la ritrosa

sempe  cu’‘a cera sul viso!

Con tutti quanti sei aperta,

sol con me non c’è verso,

tu truove sempe ‘na scusa

e ‘a tiene sempe cusuta!

che cosa’?

‘A vocca!

Non vedi che per te

sono malato,

perché tu nun vuo’ fa’

il mio dottore?

Misura la pressione

del mio cuore

e dammi la tua cura

con ardore!

Ogni matina dammi il tuo sorriso

A mezzogiorno sol carezze e vase

Verso le otto, abbracci fino a me soffocà….

E ‘a notte tutto ‘o riesto ca saje ggià!

Se tutto ciò farai, vedrai che si alzerà……………Che cosa?

Il grido mio di gioia…….che vaje a pensà?

Present:    Puveriello s’adda curà, ma addò?

Felice         ‘O camposanto!

Present      Sicuro llà nun ave chhiù bisogno ‘e se curà, ma ora permettetemi di presentarvi ‘na fammela bella e cianciosa. Signori  vi presento “Nennella, la fruttaiola tanto bella

NENNELLA ‘A FRUTTAIOLA

(Trsto e musica di Umberto Castaldi)

So’ Nennella ‘a fruttaiola

e so’ nata ‘o Conte ‘e Mola

venno fiche e pummarole

in gran peso e qualità!

Da Nennella pruove ‘o sfizio

di trovare le primizie:

contra tiempo ‘a mulignana

‘a può accattà ‘nzieme ‘a banana!

Tutte ll’uommene me vonno:

Chi me cerca ‘a cerasella

Chi invece va truvanno

Ddoje percoche pe’ se fa’

‘nu bicchiere ‘e chillo bbuono,

e po’ ‘o core’ me vo da’!

‘O sapite io so’ Nennella

‘a fruttaiola tanto bella…

con la frutta io do sollazzo……

(Si ferma parla) A che cosa? Tu si pazzo!

So’ Nennella ‘a fruttaiola

La…la…la…la…la…la…la

Bonasera, so’ Nennella, ‘a fruttaiola tanto bella! (Da la voce) :”’E fiche fresche, ‘e fiche fresce, mo’ so’ belle mo’ che ha chiuppeto! ‘A tengo nera nera ‘a mulignana!”  Da Nennella trovate tutte le primizie fore tiempo! Tra l’altro sono specializzata nella vendita di erbe e frutta esotica, ca po’ si levate ‘a “s” e mettite ‘a “r” diventa erotica! Nun è ‘overo niente, ma ‘a gente ce crede e vendo quintali di avocado, mango, datteri, banane e tutta ‘a frutta e l’evera che tene nomme streveze…..La gente per migliorare le prestazioni sessuali jesse a pere scaveze a Pumpei. ‘Pare ca tutte quante tengono tutte e due i sessi: uno dove l’ha messo madre natura e n’ato ‘ncapo! Il sesso, ‘a verità, a me non mi interessa, sono una donna, serena, tranquilla…..Basta che aggio le mie piccole soddisfazioni, tre, quattro volte al giorno….sto a posto! Tengo ‘o marito carcerato, che esce una volta al mese per buona condotta! E io che faccio aspetto a isso? Ogni tanto cedo, dopo insistenza per lo meno di quattro, cinque minuti, alle proposte mascoline! Qualche giorno fa mio marito, ha avuto una licenza premio, ma nun è cchiù isso! Ha perso tutto il suo vigore mascolino e l’interesse pe’ ‘a mugliera! Mo’ è turnato ‘ngaleraa e ricomincia ‘o turmiento di tutti i giorni! Il corteggiamento degli spasimanti ed io donna sola, debole e indifesa che pozzo fa? Resisto chili quatto cinche minuti e po’ cedo alle vogliose richieste ‘e st’uommene ca teneno sempe ‘o stesso pensiero! E che cazzo! Mo’ mi arritiro, scusatemi ma m’aggio a j’ a priparà per un’altra lunga, faticosa, noiosa, notte! Qualcuno putesse dicere: “Ma chi t’ho fa’ fa?” Che volete fare, nun saccio dicere ‘e no! Posso mai lasciare quei poveretti con le loro esigenze? E se per necessità vanno cu qualche malafemmena e pigliano ‘na malatia, po’ ‘a colpa è ‘a mia! Posso mai campà cu’ ‘stu pensiero? La mia è una missione, un compito quasi da assistente sociale, l‘assistente dell’amore! Anzi sapete che faccio? Voglio fa ‘a domanda ‘ncopp’o comune pe’ vedé se mi assumono! ‘A volte però  me pigliano ‘e scrupole nei confronti di mio marito! Secondo voi faccio male a gghì con gli altri uomini? Ma io lo faccio solo col corpo, perché con l’anima sto  in galera, cu isso! Arrivederci, arrivederci (canta) 

So’ Nennella ‘a fruttaiola

nun so’ gghiuta manco a scola

ma so fare il mio mestiere

con cazzimma e gran piacere

la….la….la….la…la…la…

(Esce con la  musica che sfuma)

 Present       ‘E capito ‘a fruttaiola? Qualche ghiurno ‘e chisto vaco pur’io a fa a spesa…addu essa…

Felice         Accattate ‘nu cucuzziello!

Presen       (Innervosito) Nun tengo che ne fa! (Cambia tono) Vi presento una granda artista: non è una cantante, non è una ballerina è….

Amalia        ’Na scigna ‘mbalsamata!

Present       ’Na scigna ‘mbalsamata….(Si riprende) Ma che me faje dicere….volevo dire vi presento una sorbetta…

Felice         Al limone o cioccolata?

Present       Una sorbetta, cioè un’artista che sape cantà e ballà!

Amalia        Una soubrette!

Present       Propetamente, una sonetta! Vene pur’essa da Parigge, dove si esibiscia al Mulino ruggino, la piu’ bella, la più brava, la più sciantosa delle sciantose, accompagnata da un spasimanto  masculo.

(Entra Emma Carcioff insieme ad altro cantante  ed insieme cantano)

Antonietta del Pallonetto

(Testo di Umberto Castaldi - musica di Franco Tricoli))

Lei: Sentite che calore,

nun se po’ suppurtà..

(Indica la camicetta) Che dite la sbottono?

Lui: Ve vengo ad aiutà?

Lei: Guardate che cafone,

che se adda suppurtà…

è inutile che insisti

nun ce sta niente a fa’!

Lui: Ma comme mio bijox,

mia dolce mon cherì…

Lei: Insomma ‘a vuò fernì?

Lui: Si…si..si…si…si…si…si….si….i

Lui: Vedete con che amor

Vi chiamo mia Frou…Frou

Lei: te ne vuò j’ garçon…

Lui: No…no…no…no…no…no…no…no..

Me chiamme “mio bijoux”

Me dice ma’  cherì

Pecchè finanche tu

Te cride ca i’ songo ‘e Parì

Mi dici mon amour

Mi chiami “mia frou frou

E nun te saje spiegà

Perché non so parlà fransuà!

Lui: Chi sarai mai allor

O mia dolce vision

Lei:’O vuò proprio sapé?

Lui. Se…se…se…se…se..se..se…se….

Lei: Ed io te lo dirò

Se tu prometti mo’

Ca nun me ‘o circhi cchiù….

Lui: Su…su…su…su…su…su…su…su….

Lei. Mi chiamo Antonietta

Ed il mio do di petto

È nato al Pallonetto…..

Lui: Senza nessun difetto!

Lei: Ma un  giorno un gran signore

In Francia mi ha portata

Ed il suo amor donato

Lui: (Al pubblico) E lei  cosa gli ha dato?

Lei: E da quel momento in poi

madama diventai…

ed il can can ballai….

Lui: Ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…

E con tanta nostalgia

Cantai sulo  canzone

‘e Napule coumprì?

Lui: Ouì…ouì…ouì…ouì…ouì….ouì…ouì…ouì…

Lei: Ma quando t’ incontrai

Di te m’innamorai

E so’ turnata ccà

Lui: La…la…. la..la …la…la…la…la

Lui: E quando ti guardai,

d’amore mi ammalai

cu te voglio campà

Lei La…la…la…la…la…la…la…la…

Insieme: La…la…la…la…la…la…la…la…

Present           Brava……brava ……

Gaetano          E pure bbona….

Dorotea           (Da la borsa in testa al marito) ‘Stu porco zuzzuso….                      

Present           Carissimo pubblico, che bella casa ca è il café chantant…Mi sta venendo il genio di fare pure io qualche cosa! Vi farò….

Amalia            ‘O ballo ‘e ll’urso….

Felice              Nun ‘o po’ fa’ 

Amalia            E perché?

Gaetano          Tene ‘e calle….

Dorotea           Allora è ‘na scigna!

Present           (Cercando di rimanere calmo) Ai signori le piace ‘e pazzià! Vi stavo dicendo….Vi farò, invece d’o ballo ‘e ll’urso….

Amalia            La danza delle libellule…..

Present           Va buò, aggio capito, nun è cosa….Continuiamo lo spettacolo

(VIENE INTERROTTO DA UNO SPETTATORE)

Attore              (DAL PUBBLICO) Signor presentatore, scusate se vi interrompo, state presentando tanta bella gente, ma a  me, quando mi chiamate?

Present           Chi siete?

                        (Le due ragazze vanno via)

Attore              Come chi sono, sono CARDARELLI!

Present           CALDARELLI?

Attore              (RAFFORZANDO LA ERRE)  CARDARELLI con la erre! Se era CALDARELLI con la  Elle dicevo con la  “L” come a dire “ LIEVETE ‘A NANZO”, pecchè mo ‘nce stongo io! (GLI FA CENNO DI ANDARE VIA)

Present           Un momento, non andate di fretta, prendiamo la scaletta!

Attore              E’ proprio necessario?

Present            Certamente, devo controllare quando è previsto il vostro intervento e quindi farvi salire!

Attore              E nun pozzo piglià l’ascensore?...Sapete ho avuto una giornata faticosissima!

Present            L’ascensore? Che avete capito? Dobbiamo prendere la scaletta, cioè l’ordine di entrata degli artisti !

Attore              (RIDENDO) AH; AH ! Io l’avevo capito...ho solo voluto darvi un saggio del mio umorismo, della mia capacità di improvvisare! Comunque, permettetimi di darvi un consiglio: Cercate ‘e ve spiegà meglio, perchè con tutto il rispetto parlando, vuje ve spiegate comme a ‘nu libbro stracciato !

Present           Io ?

Attore :            E se capisce! (SALE SUL PALCO) Comunque  pigliateve ‘a scaletta e gghiatevenne.Ora sono salito quindi (CAMBIA TONO)  Ragazzo ammontonati ‘a via ‘e dinto e...fammi lavorare!

Present           (ANDANDO VIA) Ma vedite che se passa!

Dorotea           Ma chisto mo che vò?

Attore              Solo   un po’ della vostra attenzione

Felice              Si va be’, ma chi si’

Attore              Sono un  grande artista avvezzo a calcare  i palcoscenici

Dorotea           Uh ‘stu zuzzuso, pecché ‘o bagno nun ‘o tiene?

Attore              A calcare, cioè a calpestere i palcoscenici di grandi teatri nazionali ed esteri Sono reduce ....

Gaetano          Puveriello, ha fatto ‘a guerra….

Attore              (Spazientito) No, nun aggio fatto nisciuna guerra....Sono reduce, nel senso che da poco ho finito una tourne’ all’estero! Da Caivano ad Afragola, da Portici a Ponticelli, ho mandato in delirio e visibilio migliaia di spettatori!

Amalia             Come ti chiami?

Attore              LORETO CARDARELLI!

Felice              (Fa le corna a mo di scongiuro) Mamma d’o Carmene…

Attore              E no amico, non sta bene! Che colpa ne ho io se il mio nome e cognome corrispondono a quello di due noti ospedali napoletanti! Dovete sapere che  quando sono nato, di sette mesi, me purtarono al Loreto dove appera arrivai….ma ora ve lo racconto in versi per darvi un saggio un saggio delle mie doti di poeta e fine dicitore ! Vi recitero’ una mia poesia che racchiude tutto il tormento della mia vita!

QUANDO NACQUETTI

Quando nacquetti ero prematuro,

di sette mesi, si e no  sicuro!

Al Caldarelli di gran soccorso fui portato,

dopo che al Loreto m’avevano schifato!

Qui in incubatrice fui messo e li per lì

un corto circuito il reparto incenerì..

Sol’io rimasi indenne perché le fiamme

Per paura di spegnersi, m’avevano evitato!

‘Nu cielo oscuro, mancava la corrente,

chiuveva, nun se vedeva niente!

Ed il dottore, con voce soffocata,

Dicette: “Chistu ninno é disgraziato!”

Il mio papà, come vi vide, con grido lacerante,

mi disconobbe sai seduta stante!

Rivolto alla mammà dicette: “ Oiné,

cu chi ll’è fatto, nun è figlio a me!”

La povera mammà ahimè scoperta,

nun riuscì a tener la capa allerta

Gridò: Totò perdoname ‘stu fatto”

e le mancaje ‘o llatte all’intrasatto!

Papà, lo sai, la volle perdonare

Sapenno ca era stato cu ‘o cumpare

‘e fazzoletto che ahime era inciampata

e, senza voler, l’aveva ingravidata!

Il giorno del battesimo quest’uomo

con grande charme ed anche tomo tomo

a me fece il compare e fore a chiesa,

sciuliaje pe’ tutte ‘e grare de’ a discesa!

Il tempo di inveir col fato avverso,

che il prete gli si parò poi di traverso

lo ammonì per la superstizione

e quando fece la benedizione,

nell’oscillar davanti cu ‘o ‘ncenziere,

sgarraje cu’ a mano e le scassaje a‘ dentiera!

Al momento della fotografia

‘nu cane muzzecaje a me e ‘a zia,

ed al ricevimento la cara donna Marianna

cu’ ‘nu cannuolo se affugaje ‘nganna!

Poi al ritorno, ahimé d ‘a carrozzella

se ne fujette ‘o cavallo senza ‘a sella,

e così, affranti in fisico e in morale,

fernettemo a pere, ‘ncopp’o  a ‘nu spitale!

In rianimazione fui portato e messo

e il tubo per respirar mi andò di traverso

e senza speranza di sopravvivenza fui dimesso.

Ma or tediarvi ancor non voglio più

pensando che una stella di lassù,

ce l’ave assaje  cu me’ che ce vuò fa’

e tutte ‘e juorne me fa’ amariggià !

                                                        Ed or che inoltrata è già la sera,

e raccontata ho questa vita nera,

alla gente che mi ascolta,

da un bel po’, con gran pazienza,

io men vo’ solerte, in altra piazza,

per far si’ che ahimé non oda :

“ CARDARE’ ‘NCE RUTTO ‘O.......”

A BUON INTENDITOR POCHE PAROLE…E ARRIVEDERCI!!! (Via dal fondo)

Ppresent     Puveriello è proprio sfortunato!

Felice         Sfortunato? Chillo è ‘na peste! Addò passa isso nun cresce più          l’erba!

Present       E nun ve ha ditto tutte cose…’O pompiere ca sta areto ìo palco m’ha raccontato che vicino casa ‘e Caldarelli, ce sta ‘nu gatto niro…..        

Gaetano                   Un concorrente…

Present       Nossignore….’ A primma vota  che ‘a povera bestiella l’ha ‘ncuntrato, è stato investito ‘a ‘nu camion ed è diventato sicco come una sogliola…

Felice         ‘Overo?

Present       N’ata vota ‘o nirone, pe’ o scansà è caruto e ha  fatto un volo di trenta metri a copp’a ‘nu ponte…. 

Dorotea      Regalammo ‘nu cuorno ‘o gatto

Present       Se po fa! P’o  mumento il gatto, quando lo incontra, lo guarda, si gratta ‘e pallucce e se ne fuje!

(Caldarelli) (Rientra) Scusate….

                   (Scongiuri da parte di tutti)

Present       Che vulite?

Felice         Vo’ fa cadé ‘o teatro…

Caldarelli    Non mi mortificate….nella fretta di andar via perché era juto tutto bbuono, senza sische pernacchie e senza danni a cose o persone ho dimenticato di cantare una canzone che ho composto ed è quasi una preghiera alla fortuna che mi schifa…

Present       E fa  buono (esce)

Caldarelli  canta                       

                                                                            Furtuna

Testo e musica di Umberto Castaldi

Furtuna…fortuna,

io te chiammo ogni matina,

si me lavo, si me vesto

si me cagno ‘e cazettine….

Ma tu niente si’ sorda e nun rispunne,

tutte ‘e speranze mie, m’’e vutte ‘nfunno!

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io me vulesse

‘fronte a te fa’ vasà…

ma niente, nun rispunne

a chistu strazio….

Forse me vuò vedè

Proprio all’ospizio?

Furtuna…furtuna,

io lo so tu sei bendata,

ma cu’ mmè, ma che truvata

ll’uocchje ‘e tiene fravecate….

E pirciò me lieve pure ‘o sfizio

‘e te mannà uno schizzo in orifizio….

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà

pe’ te putè struppià….

Ma tu perché sei tu,

sei affortunata,

così la mia intenzione

hai camuffata!

Furtuna…furtuna…

Si nun viene faccio ‘o pazzo

E po’ faccio arrevutà

Tutta ‘a piazza e ‘stu palazzo….

E si pure cu’ ‘a banda viene adesso,

senza pensà, te lavo ‘a faccia ‘o stesso!

                   Present E mo sperammo ca ce ‘o simmo levato a ttuorno…

Felice         Mo te ne a ‘j ssulo tu!

Present      (Non raccoglie) Adesso casissimo pubblico vi voglio fare un regalo: una cosa grandiosa!  La più granda stella dello spettacolo ca guardate ‘a cumbinaziona, pur’essa vene da Parigge dove canta e balla alle follie berge: Fifina’ la bellissima, la bravissima l’altissima….(Si sposta e dietro di lui è posizionata una cantante piuttosto bassina) (Esce)

Felice         Chill’atu piezzo addò sta?

Gaetano     Chesta scopa all’erta sott’o lietto…

Artista canta

FIFINA LA PARIGINA

(Castaldi – Tricoli)

Son  Fifin, la parigin,

Io me ‘ntuletto tutte ‘e matine a soiré

Le bluson le scollaccion,

con la pans tutta de for

Tacchi long ca me fanno cadé…

Calze a ret tutto fanno vedé

E il mio pass, comme tu può vedé

è ‘na danzé

j’ men v’ais pour l’occasion

sur le Moin Matre ed al Chiatamon

j’ cammin cu nosciaslanz

comme subrette, mais cu crianz

e me mov così e colì

che spettacol songo ojnì….

Felice           Ma adsdò si asciuta, chi sei?        

Fifina                          Chi sono?…. Ve l’ho anche cantato! Son’ Fifin la parigin, la francese che ciancé un uom al mese e qualche volta pure ‘o  juorn! J vuless essere fedel, ma nun ce ‘a facc! Ah si fosse omm, tutto putess fa! Monsieur l’omm, quanno ‘na femmena lle piace,  la portanò a’ casa loro a veder la collezion di papillon! Allora perquoì, nun posso far vedere  la mia collezion? Veramon non è proprio una collezion perquà j’ tengo una sola papillon, (Specifica) eh, ‘na farfalla che, per grandezza, colore e bellezza vale per cent e...forse più’! Io senza n’omm nun me fid ‘e sta’ e faccio ‘na mappin sul campò di battaglià, (Specifica) ‘Ncopp’o lietto! Anche quando sono venuta a teatro ho incontrato un bel pompier che appen m’ha vist m’ha fatto  lo sguard languid…Le sue intenzioni erano chiare, potevo mai perder l’occasion?

Felice         Nun sia maje, e come è andata?

Fifina         Invadente, si chiedono certe cose a una signora?

Gaetano     A una signora no!

Fifina         Che vuò dicere? Guarda ca non ti graffio perché sono una signora, non ti picchio perché è volgare, ma ti odio, ti odio ti odio!

Felice         Nun ‘o fa male, perdonalo!

Fifina         Perdonato, anche perché é un maschietto anche se stagionato e non si può mai sapere!

Felice         Allora?

Fifina        Allora Ho raccolto l’invito del bel pompiere, senza perdere tiempo prendo l’iniziativa  e gli chiedo:”DOVE MI PORTI, UOMO DALL’IDRANTE A GETTO CONTINUO? “ E lui: “A CASA MIA” dove me scippa ‘e panne ‘a cuollo,si mette  in testa il casco di ordinanza e mi dice:” Scendo, tu appicce questa paglia: appena vedo le fiamme, salgo sulla scala, entro e spengo il fuoco in casa e dentro di te “ Mi bacia e va giù’! Al colmo dell’eccitazione faccio quello che mi ha detto: appiccio ‘o fuoco, lui posiziona la scala, sale e sta  per entrare ma sciulia,  cade abbasc e se scass ‘na coscia! L’incendio intante accummencia  a piglià pede! Improvvisamon arrivano i pompieri con l’autopompa e ci salvano! Il capo subito fa una cazziata al mio lui, e gli dice:”‘A vuo’ ferni ‘e appiccia’ ’a casa ogni volta che tenti di avere un incontro amoroso?

“Nu era ‘a primma vota!” Che nuttata ! E meno male che mi è andata bene! E cosi diuna e morta ‘e famma sono venuta qua per fare il mio numero! (Guarda il Pubblico) Ma quanti bei maschioni….Che fosse la volta buona? Su …su ….su mettetevi in fil e faciteme vedé chi più me plasir….su…su….mon cherì…..tartufon….roché….don perignon……voulevant

Chi mo’ vò ben aret me ven…..OREVOIRE, OREVOIRE!!!

(Canta ed esce dalla sala)

Son Fifin la parigin

 E si Je t’aime addivient mapin

                                                           Tengo ‘o fuoco dint’e ven

                                                           e me ‘a piglio comme ven

Quand l’omme poi la corte mi fa

J po’ pens vene ‘o fuoco a stutà

E si m’ema senza farme aspettà

È ‘nu babà!

Son Fifin la parigin

Mo teng famm, vaco a magnà ‘nu panin

lalalalalalalalalala

 (Esce con la  musica che sfuma)

 

Present      Ah ‘sti femmene ca se fidono ‘e fa’! Ed ora caro pubblico, me vene ‘nu poco ‘e malincunia: lo spettacolo è quasi finito, le luci stanno pe’ se stutà…e perdonatemi se nun riesco a parlà buono, pecchè sento un nodulo alla gola che me fa ‘ncrippà il zezeniello!

Felice         Dispiace pure a me!

Present          Bravo! Per questo ti perdono tutto quello che hai detto e il tuosseco che mi hai dato! Ora tutti gli artisti che si sono esibiti verranno sul palcoper salutarvi e sperano nel vostro caloroso applauso…Arrivederci

Entrano uno alla volta tutte quelli che si sono esibiti e dopo

 

Si chiude lentamente il sipario


[1]

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno