Cuae de mogge

Stampa questo copione

abcdefghilmnopqrstuvwz

 


TRE ATTI BRILLANTI DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

BRUNO BRANCALEONE             direttö

ALMERICO STACCHETTA         rappresentante da ditta

NINO MARCHI                                ragioniere

SABINA CHIESA                            impiegà 

UGO BEDIN                                     sorvegliante

GRAZIA CASALE                          stenodattilografa

FRANCA OGNIBENE                   impiegà

DOTTOR RATTI                              amministratò do condominio

LILLY                                                voce fuori campo    

In te 'n scagno in Piccaprïa verso i anni ottanta

CUAÊ DE MOGGË

ATTO PRIMO

Ufficio di rappresentanza in Piccapietra per la vendita di materiali siderurgici. Una paratia con porta, divide l'ufficio del direttore dalla sala degli impiegati. Alcune scrivanie e scaffali arredano gli ambienti. Pratiche e macchine da scrivere. Telefoni nei due uffici. Sul fondo, a destra, o all'esterno quindi non visibile, una guardiola col fattorino. La scena sarà la stessa per tutti gli atti.

SCENA I

(Nino – Sabina - Franca)

NINO          :- (a Sabina che sta scrivendo a macchina) "Però, comme se sta ben in scagno quande o direttò o no gh'è" (accennando con la testa all'ufficio del direttore) "Quande o se ghe mette o riesce a ëse ciù angoscioso de 'na partìa persa a-e bocce. S'o no sente de bordello o no se fa vedde.. Te diggo francamente Sabina che vorriae che no mettessan nisciûn a-o posto da Rosa ch'a l'è andaeta in pensciòn.. Ma me sa tanto che primma o poi o piggia 'n'ätra segretäia"
SABINA     :- "Ne so quarcösa mì quante o me n'ha faeto cuà primma de piggiäme. O n'aveiva provòu zà 'na vintenn-a, ma no ghe n'andava ben ûnn-a.. E véi ghe n'éa o doppio e tante gh'aveivan anche de raccomandazioìn.. Ma lé, ninte!.. Doveivan savéi o mesté.. E chì ghe daggo raxon" (sorridendo) "Me ven ancòn da rïe se penso a quella befana con o muro inciastròu de marròn,con 'na raccomandazion de quelle potenti... ma le o l'ha faeta corrî comme 'na lippa"

FRANCA   :- "Ugo, o nostro fattûrin, ho m'ha dïto che o Brancaleon ho l'ha daeto appuntamento a 'n'ätra aspirante… Speremmmo ch'ha no segge 'na scorpena"

SABINA     :- (con sufficienza) "Mmm.. s'a l'è bella a no l'avià cuae de travaggià.." (un po' malignetta) "..e ne tocchià fa noiätri o seu travaggio.."

NINO          :- (sorridendo) ".. e o Merigo e se mettià sûbito a fa o cascamorto.. o no lascia sta manco quelle brûtte.. Tanto l'è vea che finn-a con ti o s'è incallòu.."

SABINA     :- (impermalita) "E comme saieiva a dì, mädûcòu!"

NINO          :- "No voeivo offendite.. dixeivo solo che.."

SABINA     :- (interrompendo) "Pe' ancheu i teu sguaroìn ti l'hae za dïti" (chiama) "Ugo!"

SCENA II

(Nino – Sabina – Franca - Ugo)

UGO           :- (con grembiule da fattorino, entra con il passo da sfaticato e semiaddormentato, sbadiglia) " 'Se gh'è?"

NINO          :- "Ti l'ha piggiae e schedinn-e?"

UGO           :- (estrae dalla tasca alcune schedine) "N'ho piggiòu 'na magnà"

NINO          :- "Pe' fänne cöse?.. Ciù che ûnn-a da séi colonne no poemmo fa.. ti ou sae"

SABINA     :- (si alza e si avvicina a Ugo) "Dài, intanto che gh'è 'n po' de queto caccemmo zù 'na colonna.. e speremmo de agguantà 'n bello trezze"

UGO           :- "Con Ugo c'è più sugo!" (ridacchia credendo di aver fatto una bella battuta. Sabina e Franca si guardano e guardano Ugo con commiserazione)

NINO          :- "Se vedde che a tì o sûgo l'han za spremmûo primma che ti nascessi"

UGO           :- (impermalito) "Comme saieiva a dì?

NINO          :- "Saieiva a dì che.." (ammiccando ai colleghi) "Ma no ti a sae a stöia de l'intelligenza? O no te l'ha conta o Merigo?"

UGO           :- "Mi no. E quande a l'è sciortîa?"

SABINA     :- "Intanto che fae da filosofia mì e a Franca caccemmo zù 'na colonna e poi voiätri faiei e varianti" (con Franca si sposta per fare la schedina)

FRANCA   :- "Ma mi no me n'accapiscio"

SABINA     :- "Manco mì"

UGO           :- "No preoccupaeve.. tanto pe' fa 'n bello trezze ghe veu.." (mima con eloquenza) "..ûn bello sezze"

FRANCA   :- "Ma Ugo..!"

NINO          :- (a Ugo) "Alloa.. te conto o no te conto?"

UGO           :- "Conta"

NINO          :- "Quande o Segnô o doveva distribuì l'intelligenza ai ommi in sce-a taera, ho l' ha faeto impî di grossi paggeu de saeximo e tûtta a gente in fila a s'è scoverciava o cranio passandoghe davanti"

UGO           :- "Se.. se scoverciavan a testa?.. E comme l'è poscibile?"

NINO          :- (con aria professorale, e sottile ironia) "Oua no saieiva poscibile ma alloa.. scì.. e poi no interrompime se no.. perdo o fì.."

UGO           :- "Se mai doppo te daggo 'na man"

NINO          :- "A fa cöse?"

UGO           :- "A çercà o fì"

NINO          :- "O bello Segnô cäo.. Famme andà avanti.. Dunque.. dov'éimo arrestae?"

SABINA     :- (che nel frattempo stava meditando sulla schedina) "A Genova-Sampdoria"

UGO           :- (a Sabina) "Icse!"

NINO          :- "Ugo.. posso contate? Dov'eivo arrestou?

UGO           :- ".. ai cranii scoverciae"

NINO          :- "Perfetto! Dunque.. tûtti passavan davanti e se scoverciavan.."

UGO           :- "…O cranio.."

NINO          :- "…e lè o ghe versava 'na cassà de intelligenza… L'éa za passòu na mûggià de gente quande o Segnô o s'accorze ghe o contegnûo di paggeu o no l'abastava pe' tûtti e coscì… o gh'ha azzunto de l'aegua"

SABINA     :- (che ha finito la colonna) "Ecco faeto.. e oua e varianti a voiätri"

FRANCA   :-(con Sabina parlottano fra loro)

NINO          :- "E varianti son staete quelle che o saeximo o l'è vegnûo un po' ciù rëo"

UGO           :- (grattandosi la testa) "Famme accappì. E varianti da schedinn-a son quelle ch'han faeto vegnì o saeximo ciù rëo"?"

NINO          :-(si sforza di stare calmo)"Ma cösa gh'intra a schedinn-a! O liquido con o sae- ximo o l'è vegnûo sempre ciù rëo, perché a colonna a no finiva mai e i ûrtimi… e fra questi gh'éan i teu antenati.."

UGO           :- (interrompendo) "I mae antenati? E ti comme ti fae a saveilo?"

NINO          :-  (guardandolo con commiserazione) "Poi te o spiego, intanto se vedde da o risûltato. Faeto sta, cäo Ugo, che i teu antenati han avûo solo aegua scc-etta.. Capìo?"

SABINA     :- "E così, caro Ugo, sei rimasto senza sugo"

UGO           :- "Sidoro.. questa no a savieiva.. Ghe scommetto che i teu antenati invece ean fra i primmi"

NINO          :- "Ti peu ben dïlo" (intanto si avvicina al tavolo dove sono le schedine)

UGO           :- "Che affortûnou!"

NINO          :- (prende la schedina e mette le varianti) "Ugo, lascio due partïe da mettighe a variante. Tegni da fa 'na colonna pe' l'Almerico se no o no dïxe che no semmo manco boin de compilà 'na schedinn-a vincente"

UGO           :- "Pe mi fanni pûre tì; mettile abrettio, tanto o teu çervello o l'ha sciorbïo ciù intelligenza che o mae"

SABINA     :- (sorridendo) "E bravo Ugo. Foscia i teu antenati no ean proppio i ûrtimi"

NINO          :- (prende la schedina e mette due varianti a caso e poi la porge a Ugo) "Tegni. Quande a l'è completa vanni a zûgala"

UGO           :- "A credito?"

SABINA     :- "Ah, za..e palanche.. Mettighe quelle pe' o Merigo, poi ti e fae dà da lé" (danno a lui dei soldi)

NINO          :- "O resto no beivilo"

UGO           :- "E poei accappì.. con o resto no ghe sciorte manco 'na ciappelletta baûssà.. 'n po' de spilorci che séi"

SCENA III

(Nino – Sabina – Ugo – Franca - Direttore - Almerico – Grazia)

DIRETT.    :- (entra in quel momento. Cappello, cartella. Vede gli impiegati sfaccendati anche se cercano di assumere un certo contegno) "Veddo che quande o gatto o no gh'è i ratti ballan!.. Me sa tanto che quarchedûn de voiätri o l'agge cuae de lascià o so posto a 'n disoccupòu!" (al guardiano) "E ti perché no t'è in ta guardiöla?"

UGO           :- "Ma Sciò direttò, tanto se veu intrà quarchedûn o deve ben passà da quella porta e mì, o in ta guardiola o chi drento, o veddo o maeximo"

DIRETT.    :- "Descorsci! No l'è dïto che ti devi fäli passà tûtti. A propoxito, deve vegnì a fa 'n colloquio 'n'ätra ch'a çerca o posto. Falla intrà e annunciamela. E  voiätri travaggiae, pelandroìn!" (entra nel proprio ufficio)

FRANCA   :- (a Ugo) "Se ti fïsci stato a-o teu posto, t'aviesci faeto in tempo a avvertine ch'arrivava o lô"

UGO           :- (scimmiottandola) "Se fïsse stato a-o mae posto no faxeivimo a schedinn-a"

 (suonano il campanello alla porta) "Han seunnòu"

NINO          :- "E alloa?"

UGO           :- "E alloa.. vaddo a-arvì" (esegue e fuori scena) "Scignorìa… cöse scià veu?"

GRAZIA     :- "Vorrieiva parlà con o direttò.. gh' ho 'n'appuntamento"

UGO           :- "Scià l'aspëte 'n momento.. vaddo a vedde s'o a peu riçeive" (rientra e prevenendo la domanda dei due) "A l'è n'ätra aspirante a-o posto"

NINO          :- (incuriosito) "A l'è graziosa?" (allunga il collo per vedere oltre la guardiola)

UGO           :- "Me n'incanello"

SABINA     :- (ironica) "Stanni a vedde che l'è intròu a Venere de Milo"

UGO           :- (perplesso) "O-a conosce?.. A sé ciamma coscì?"

ALMERICO:- (entra da fuori con un borsone e lancia un fischio) "Che bello tocco de.." (a Sabina) "Voeivo dì.." (posa il borsone)

FRANCA   :- "Emmo accappìo beniscimo"

NINO          :- "Saià mëgio che t'avvisi o prinçipà"

UGO           :- "Ah, zà.. saià mëgio.." (bussa alla porta del signor Brancaleone)

DIRETT.    :- (con voce autoritaria) "Avanti!"

UGO           :- (entra dal direttore) "Signor direttore.. c'è di là una ragassa che dice di avere un appuntamento"

DIRETT.    :-  "Che tipo a l'è?.. A l'ha mïga a faccia da abbertoelà?"

UGO           :- "Sciò direttò.. E' UNO SCHIANTO!.. Le darei subito la patente di Miss Bassa Val Bisagno"

DIRETT.    :- (tornando brusco) "Basta così.. Non facciamo commenti"

UGO           :- "Ma.. ma lei mi ha interrogato e.. mi ho risposto"

DIRETT.    :- "Va ben, va ben.. falla intrà"

UGO           :- "Comme scià comanda" (esce e rientra dagli impiegati e brontola) "Quande o l'ha sentïo ch'a l'è graziosa o m'ha dïto de falla intrà" (uscendoall’esterno) "Scignorinn-a Scià peu intrà in ta caverna do liòn.. Scià no se spavente se scià vedde che a-o sciò Brancaleon ghe vegne o scc-iummasso ä bocca.. veu dì ch'o l'è 'n pittin araggiòu"

GRAZIA     :- (bella e giovane ragazza entra in scena) "Buongiorno"

NINO          :- (si asciuga rapidamente le mani sui pantaloni porgendo la destra) "Buongiorno a lei" (saluti a soggetto)

GRAZIA     :- (a Nino) "Molto lieta.. e lei il dirett.."

UGO           :- (interrompendola e dirigendola poco garbatamente verso la porta del direttore) "No, o no l'è lé.. Oh, a lé ghe saieiva cäo.."

NINO          :- (lo guarda severamente) "Cöse t'orriesci dì?"

UGO           :- "O direttò o l'aspëta de de là.. " (bussa alla porta del direttore)

DIRETT.      :- (sempre brusco) "Avanti!"

UGO           :- "Signor direttore.. c'è la signorina.."

DIRETT.    :- (alterato) "E ben?.. cöse Scià l'aspëta?  La faccia accomodare, no?"

UGO           :- (alla signorina, sussurrando) "Ancheu o l'è in bonn-a.. Prego, si accomodisca"

DIRETT.    :- (vedendo che Ugo sta sulla porta) "E alloa?"

UGO           :- (chiudendo la porta lestamente) "Alloa.. vaddo, compermisso" (esce e va alla  guardiola. Dalla parte degli impiegati si può fare quasi buio e questi ascoltano a basso volume una radiolina mentre fanno parole crociate o lanciano aeroplanini di carta)

DIRETT.      :- (facendo buon viso alla vista della signorina) "Prego, si accomodi"

GRAZIA     :- "Grazie" (siede di fronte alla scrivania del direttore)

DIRETT.    :- "Così lei, come mi ha accennato al telefono, sarebbe venuta a chiedere un colloquio dopo aver letto l'inserzione sul giornale"

GRAZIA     :- "Infatti" (apre un giornale che conteneva anche un diploma) "Ho letto l'annuncio ed ho portato con me anche il diploma. Eccolo" (lo porge)

DIRETT.    :- (controlla) "Veddo, veddo.. Scià l'ha anche piggiòu di belli voti.. brava… Nata a Genova, benissimo!"

GRAZIA     :- (sorridendo) "Autoctona"

DIRETT.    :- "Non genovese?"

GRAZIA     :- "Zeneize de Zena"

DIRETT.    :- "Ottimo... Dattilografia e anche stenografia... che metodo?"

GRAZIA     : "Gabesper-Noe"

DIRETT.    :- "Scistema rapido a quante ne so" (intanto che il direttore legge, gli impiegati parlottano)

NINO          :- "Ghe scommetto ch' o a piggia"
SABINA     :- "Dipende da l'axillo che gh'acciappa"

FRANCA   :- (un po' acida) "..e da quarcös'ätro.."

DIRETT.    :- "Scìà parla qualche lingua?"

GRAZIA     :- "O zeneize!"

DIRETT.    :- "Ancon da sae. Comunque o nostro traffego o l'è solo locale e con quarche aggancio regionale. Dunque abbiamo parlato di stenografia.. Si sente di fare una piccola prova?"

ALMERICO:- (si avvicina ad ascoltare)

GRAZIA     :- (imbarazzata) "Veramente sono un po' fuori esercizio"

SABINA     :- (ad Almerico) "No se va a cuiusà"

NINO          :- "T’hae raxon" (nel frattempo si alza a sua volta per andare ad origliare alla porta. a Sabina, sottovoce) "O me pä un colloqio ciûttosto feua de righe"

FRANCA   :- "Ssstt.. No fatte sentì"

DIRETT.    :- (sempre più gentile) "A dì a veitae.. manco a stenografia a no serve tanto.. Chì gh'è da compilà di moduli, fa di conti, risponde a-o telefono.."

GRAZIA     :- (rapida) "Quello so fälo beniscimo"

SABINA     :- "Alloa.. cöse se sente?"

ALMERICO:- (ironico) "A sa risponde finn-a a-o telefono"

SABINA     :- "E t'accapiae ghe stûdi che ghe veu"

DIRETT     :- "S' intende che chì no se fan telefonate personali.. magara pe' risponde a-o galante.."

GRAZIA     :- "Scià stagghe tranquillo"

DIRETT     :- (interessato) "Tranquillo perché.. no gh'è de galante?"

NINO          :- "O no peu ëse o Brancaleon.. o l'è troppo gentile.."

FRANCA   :- "Gentile?.. Alloa o-a piggia"

NINO          :- (che ascolta alla porta, fa gesti a Sabina mimando smancerie. Inavvertitamente fa rumore e corre subito alla sua scrivania, seguito da Almerico, giusto in tempo mentre il direttore apre la porta per scrutare. Le luci si alzano e Nino sta rumorosamente timbrando degli inutili fogli mentre Sabina scrive a macchina; Almerico sta mettendo a posto qualcosa nello scaffale e Franca è china su un registro)

DIRETT.      :- (sospettoso) "Cöse o l'è stato quello bordello?"

NINO          :- "Bordello?.. Ah.. M'èa cheito o timbro in taera"

DIRETT.    :- (rientra. Le luci si abbassano dalla parte degli impiegati mentre Nino si deterge il sudore. Brancaleone ritorna gentile)"Dov'eivimo arrestae?"

GRAZIA     :- "A-o telefono!"

DIRETT.    :- (con voce mielosa, accusandola dolcemente col dito) "Birichinn-a.. Stavimo parlando do galante.."

ALMERICO:- (si avvicina ad origliare alla porta) "Vaddo mi che no fasso de bordello"

GRAZIA     :- (titubando) "Ninte galante"

DIRETT.    :- "Saià.. No diggo questo pe' fäghe di complimenti ma 'na bella figgia comm'a l'è…Scià no me fraintende.. intendo dì che armeno qualche flirt.." (pronunciare com'è scritto e non come si pronuncia)

GRAZIA     :- "No diggo de no avei di corteggiatoì.. saiae böxarda ma pe' oua veuggio pensà solo a-o travaggio"

SABINA     :- (sottovoce) "Cöse dixan?" (intanto, tratti i trucchi dal necessaire, si incipria)

ALMERICO:- "Ch'a pensa solo a-o travaggio"

NINO          :- "A telefonà"

DIRETT     :- "Beniscimo! Alloa o posto o l'è o so..e pe' o stipendio scià saia inquadrà.." (sottintendendo) "..doppo 'n periodo de preuva s'intende, con a paga sindacale"

GRAZIA     :- "No so comme ringrassiälo, Sciò direttò"

DIRETT.    :- "Ma no l'è o cäxo. Se ne son presentae ûn mûggio ma penso che Voscià scià segge a ciù idonea. Scià no me delûdde. Oa ghe presento i seu colleghi"

ALMERICO:- (si precipita al suo posto) "Bossa. O l'arriva!"

(Sabina mette via rapidamente il "necessaire"; Nino ripone il Tuttosport e tutti fingono di lavorare. Si alza la luce della sala impiegati ed appare il direttore con Grazia)

DIRETT.    :- "Scià s'accomode" (vede Almerico e si innervosisce) "E ti, comme mai t'è ancon chì?. No t'aveivo dïto de andà a Lavagna?"

ALMERICO:- (sbirciando Grazia, non risponde a tono) "Eh?.. a Lavagna?.. A fa cöse..Ah, zà.. C'era lo sciopero dei distributori di benzina è così ho pensato di andarci domani"

DIRETT.    :- (poco garbato) "Gh'éa anche o sciopero di treni e de corriere?!"

ALMERICO:- "Scià me scûse, ma no poeivo andaghe con a borsa do campionäio ch'a peiza ciù de dëxe chilli"

DIRETT.    :- "Eh za. Ti o camallo no ti o fae" (come un rimbrotto) "Ma doman, sciopero o no, bezeugna andà. Gh'è da screuve de fattûe.. da piggià de grosse ordinazioìn, inteixi?"

ALMERICO:- "Scià no se preoccupe; domani sarà fatto"

DIRETT.    :-"Questa a l'è a neuva impiegà ch'a piggia o posta da Rosa; a scignorinnn-a.." (alla ragazza) "Scignorinn-a?"

SABINA     :- (sottovoce a Franca) "O-a piggia senza manco savei comm'a se ciamma.."

GRAZIA     :- "Grazia Casale"

DIRETT.    :- (con aria da.. piegadonne) "Grazia di nome e.. di fatto.. Ehm.. questo giovanotto é il nostro addetto alle vendite e alla ricerca di nuovi clienti.. "(con arie da sfottò) "Scioperi a parte.. s'intende"

ALMERICO:- "Piacere, Almerico Stacchetta.. Chiodi, profilati, lamiere e giù di li"

DIRETT.    :- "Il ragioniere Nino Marchi…la signorina Sabina Chiesa.. e di là il nostro usciere e guardiano: Ugo Fontana, che conosce già perché l'ha introdotta da me" (presentazioni a soggetto) "La signorina Franca Ognibene e c'e anche una tuttofare, Domenica, che ogni tanto da recatto all'ufficio. Allòa, ragioniere, scià spieghe ben ä scignorinn-a quello ch'a dëve fa.. Poco ä votta, s'accapisce, perché a l'è a-o so primmo travaggio… Se semmo accapìi?!"

NINO          :- "Scià stagghe tranquillo, ghe fasso scheua mì"

ALMERICO:- "Anche mi. No fasso pe' vantäme ma mì.."

DIRETT.    :- "Tì pensa a andà a vende di ciòi, vïe, fî de faero e lamée!.. Allòa signorinn-a, ä lascio ai mae aggiûttanti e m'arraccomando.. Scià çerche de imparà fïto e… no solo a risponde a-o telefono, eh?"

GRAZIA     :- "Gh'a mettiò tûtta e... tante grassie"

DIRETT.    :- (a Nino) "Ragioniere, bezeugna scistemmà a scignorinn-a e mettighe i papé in regola"

NINO          :- "A-o posto da Rosa?"

DIRETT.    :- "A-o posto mae no de segûo...in sostituziòn da Rosa ma in preuva comme apprendista ben inteizo" (agli impiegati) "E ninte scemmaie. Mi vaddo a l'Ansaldo a vedde se veuan do frecciamme pe' i altiforni" (esce all'esterno, mentre gli impiegati si avvicinano a Grazia)

SCENA IV

(Nino – Sabina –Almerico – Franca – Grazia)

NINO          :- (alla ragazza) " Vorriae savéi comme scià l'ha faeto a convinçilo coscì fïto"

SABINA     :- (tirandole una frecciatina) "N'è passou ben ben de figge pe' 'sto posto. Ti devi ëse proprio brava!"

ALMERICO:- "Dipende da.. tante cöse, e chì ä scignorinn-a.. 'ste cöse no ghe mancan"

NINO          :- (al Almerico) "No commençà a fa o scemmo"

ALMERICO:- "Io constato!"

FRANCA   :- (a Grazia) "No fäghe cäxo.. O no piggia mai ninte in sciò serio"

SABINA     :- "Se gh'è 'na cösa che o Merigo o piggia in sciò serio, son e donne! Ma ti, Grazia... no däghe troppo a mente"

GRAZIA     :- "Grazie de l'avviso ma penso che con questi ciaei de lûnn-a l'è mëgio pensà a-o travaggio.. no veuggio riscc-ià de perdilo e compromette o mae avvegnì"

ALMERICO:- (a Grazia) "No sta a sentì quella miodinn-a.. Scûsa se te daggo do <ti>, ma semmo ciù o meno da stessa etae e.."

NINO          :- "O s'è faeto un po' de sconto"

ALMERICO:- ".. e in quanto a-e donne.. son sempre in çerca da donna faeta pe' mì.. e s'attreuvo o mae ideale posso anche ciantâla lì de demoäme, fermà o balìn e sposäme"

GRAZIA     :- "Ognidûn l'è libero de fa comm'o veu. D'ätro canto a mì no me piäxan quelli che se pösan in sciè tûtti i fiori"

FRANCA   :- (a Merigo) "Piglia, pesa, incarta e porta a casa!"

ALMERICO:- "Vedremo: O san tûtti che mì gh' ho l'arma segreta"

FRANCA   :- (sarcastica) "Ciöi e stacchette!"

NINO          :- "Merigo, finiscila e mettite a travaggià che s'arriva o baccan o ne a da lé l'arma segreta: licenziamento pe' scarso rendimento!"

ALMERICO:- "L'ho sempre dïto che i contabili son teste de citrato. Mì, rendo e comme. Orriae veddite tì a vende ciöi senza punte a-e fabbriche da Rivéa e lamée che invece d'ëse drïte pa' ghe gh'aggian faeto a permanente. S'o gh'andesse mai lé, o Brancaleon, con a diplomazia ch'o no l'ha o porrieiva serrà bûttega e noiätri saiescimo tûtti a vende pendalocchi ä fëa de Sant'Agà"

NINO          :- "Ti peu ringrassià teu barba, l'onorevole.. lotti.. appalti.. tangenti.."

ALMERICO:- "No te permetto de dî de siottàie in scie mae barba. O l'ha e moen pulite lè!"

FRANCA   :- "O se-e lava tûtte e mattin con a poligrinn-a"

GRAZIA     :- "Scûsae se me intrometto in ti vostri descorsci. Mi son l'ûrtima arrivà e me saieiva cäo ch'andescimo tûtti d'accordio. In te 'n moddo o in te l'ätro tûtti dovemmo collaborà pe' fa andà avanti l'azienda, diggo mä?"

SABINA     :- "A l'è adescia a figgieua"

ALMERICO:- "Eh zà; a noiätri o travaggio e a lé ..palanche e meriti. L'han finn-a faeto commendatò!"

SABINA     :- "Te brûxa ancon eh? Dinni a veitae.. ti ghe l'è con lé perché quande sei andaeti a Pariggi o t'ha fregòu a françesinn-a.."

ALMERICO:- "Ma cöse ti dïxi?..Quella l'ho mollà mì.. E poi semmai o l'è lé ch'o ghe patisce perché mi son ciù zoeno e.. modestamente.. ciù bello.."

NINO          :- "E ti gh'è o barba a Romma.."

ALMERICO:- "Ti stanni sitto perché t'è feua causa.. Con quella caporale de teu moggê che ti t'arritreuvi, no t'è manco padròn de 'na nichelinn-a"

NINO          :- "E ti cöse ti ne sae?"

ALMERICO:- "Ma o san tûtti.. no l'è vea Sabina?"

SABINA     :- "Mi no so ninte.. Me ciammo Gëxa"

FRANCA   :- "Chiesa di nome e di fatto"

ALMERICO:- "O so ben che ti te ciàmmi Gëxa..Sabina Chiesa, però ti sae che.."

SABINA     :- "No so ninte e no veuggio intrà in ti vostri descorsci, in te vostre rattelle"

FRANCA   :- "Ma ammiae 'n po' che da-e presentazioìn semmo passae a-e rattelle. Bel- lo quaddro pe' ä neuva impiegà"

NINO          :- "Sciù, basta oua… semmo pëzo che o direttò quande o l'è in bonn-a. Grazia oa scià vegne che ghe daggo di conti da controllà.."

GRAZIA     :- "Ma o peu damme do tì.. mi son zovena e.."

ALMERICO:- "Giûsto e ti t'è vëgio e a te deve dà do Voscià, ciàppa lì!"

SABINA     :- "Commençemmo torna?"

SCENA V

(Nino – Sabina – Almerico – Franca – Grazia – Direttò - Ugo)

DIRETT.    :- (da fuori a Ugo) "Ugo, piggia a spassetta e damme 'na pulita a-o paltò" (entra seguito da Ugo)

UGO           :- (entra con una spazzola per panni) "Scià veu che ghe leve duì pelûcchi?"

DIRETT.    :- "Solo na nettezzà. Me son appoggiou da o fornà e me son ammacciòu de faenn-a"

UGO           :- (esegue e comicamente pulisce anche il.. didietro. Brancaleone si scosta osservandolo severamente) "Scià l'agge pasiensa ma.. gh'è do cianco anche in sciò pané!"

SABINA     :- (sottovoce a Franca) "O se saià arrembòu ä fornarinn-a.. ä Scià Ansaldo.. ätro che frecciamme da vende a l'Ansaldo"

DIRETT.    :- "Cos'éi da malignà?"

SABINA     :- "Mì malignà? Ma Sciò direttò.."

DIRETT.    :- "Comme se no ve conoscesse…Ragioniere, alloa con a neuva impiegà?.."

UGO           :- "Sciò direttò... se scia se mescia de longo.."

NINO          :- "A sta controllando di conti"

DIRETT.    :- "Scià ghe fasse vedde l'archivio, i cartellin di clienti, o releuio da timbrà, o funzionamento do telefono. Ah no.. quello a-o sa addeuvià. M'arraccomando daeghe 'na man senza fa o solito casin. Se vegne l'avvocato Ribotta pe' quella causa de fallimento, rimandaemelo a doppo disnà a çinq'öe"

NINO          :- "Beniscimo"

DIRETT.    :- (frenetico a Ugo) "E ti t'hae finìo de tocchettäme con quella spassetta?"

UGO           :- "Ma Baccàn.. gh'è veu o so tempo..e poi scià no sta fermo 'n momento.. Comunque ho finìo"

DIRETT.    :- "Va ben, va ben.. Mi vaddo ä Camera de Commercio pe' 'na rûnion"

ALMERICO:- (sornione) "E… l'Ansaldo.. tûtto ben?"

DIRETT.    :- (messo in sospetto) "Cöse t'orriesci insinuà?"

ALMERICO:- "Ninte, ninte.. me riferivo a-o stabilimento Ansaldo, pe' o frecciamme"

DIRETT.    -:"Son cöse che tratto mì e no te riguardan.. E travaggiae eh?" (esce)

ALMERICO:- "O l'è andaeto. Cöse ne diesci de 'n bon caffè?"

NINO          :- "Ma o l'è bon d'ëse lì de fuea... in agguato "

GRAZIA     :- "Poei fäve o caffè?"

ALMERICO:- "Segûo. Se ti vegni de de là con mi, te fasso vedde"

SABINA     :- "Saià mëgio ch'a stagghe chì a controllà i conti" (a Grazia, sottovoce) "Maniman o te mette e moen addosso"

NINO          :- "A Grazia a deve travaggià"

ALMERICO:- "Ho accappio... gh'andiò mi. Pä imposcibile ma gh'è sempre chi te rompe e euve in to cavagno" (esce brontolando)

SABINA     :- "Stanni attenta che quello o tìa l'arpettà a tûtte. Oh, intendemmose, no te diggo questo perché o Merigo o me interesse; mi o galante ghe l'ho; ma no fäte imbarlûgà dai descorsci perché o l'è 'n scörifädette"

FRANCA   :- "Magara o no combinn-a ninte e o se dà solo de äie, però o l'angoscia"

GRAZIA     :- "Grassie pe' l'avviso ma…con mi no ghe ninte da fa"

NINO          :- "Brava. Ti me pàggi 'na figgia con do saeximo.. Eh.. se no fïsse che mi son zà sposòu.."

FRANCA   :- "Ma Nino.. ti te ghe metti ti ascì?"

ALMERICO:- (entra con un cabaret e dei bicchierini di carta col caffè) "Ecco o caffè. Metteighe poco sûccao perché o m'è vegnûo piuttosto longo"

SABINA     :- "E no ti poeivi fälo ciù cûrto?"

ALMERICO:- (sornione) "Se ghe fisse staeta 'na donna con mi o saieiva vegnûo ciù ben.."

FRANCA   :- "Alè.. a solita stöia.. Bevemmose 'sto caffè primma che arrive a Prinçipà" (bevono)

ALMERICO:- (a Grazia) "Sciòrbite o caffè stellin e.. buon pro ti faccia"

GRAZIA     :- "Grazie pe' o caffè, ma o peu anche avanzà de dimme stellin.. e con tûtto o rispetto no me pä de aveighe daeto questa confidenza"

SABINA     :- "Ben dïto!"

ALMERICO:- "Ti täxi, arbanella pinn-a de dexidéi.." (a Grazia) "Spero che avremo il tempo per conoscerci.. a propoxito gh'avviae duì biggetti pe' o teatro.."

NINO          :- "Ma beivite quella specie de laccia[1] e täxi.. teatro"

SCENA VI

(Nino – Sabina – Almerico – Franca – Grazia  - direttò)

DIRETT.    :- (entra, guarda e apostrofa tutti in malo modo) "Belli anghaezi che séi.. Lavoratori della mente che però no dae a mente a 'n beliscimo. Ei averto 'na suc- cursale do bar in scagno? Ragioniere, comme ommo de fidûccia scià no l'è manco bon de tegnì o scagno comme fisse n'uffizio. Me ne ricordiò a Natale con a gratifica. Se no m'ascordavo a pratica de Officinn-e Meccaniche Imperiesi no me ne saieiva accorto de quante sûè a travaggià.." (entra nel suo ufficio, prende la pratica che mette in borsa. Nel frattempo tutti lavorano in silenzio. Rientra nella sala impiegati e a Nino) "Parlemmose ciaeo, Voscià Scià l'è responsabile e o primmo ch'o sghinda o piggia a porta, inteixi?.. De impieghae comme voiätri se n'attreuvan de longo" (esce di scena)

ALMERICO:- "No l'è mïga véa ch'o s'è ascordòu a pratica.. Ho l'ha faeto apposta… ma se cangia bandéa.."

SABINA     :- "No ghe saieiva ciù o barba onorevole e tì ti saiesci a spasso"

NINO          :- "Cangemmo discorso e louaè"

ALMERICO:- "Sûbito" (accende una radiolina e sente dei ballabili)

NINO          :- (adirato) "Asmorta quell'arneize; no veuggio perde o posto perché ti t'hae da sentì di ballabili in scagno"

FRANCA   :-"O l'ha raxon.. t'è solo 'n sciätagalinn-e"

ALMERICO:- "E mi me ne frego e çerco 'n bello tango argentin da ballà con a Grazia" (prende quasi di forza la ragazza e l'abbraccia per ballare il tango. Entra il direttore ed ad Almerico scappa come un'imprecazione) "Ma Scià l'è de longo a mëzo!"

DIRETT.    :- (guarda esterrefatto. Gli cade la cartella e sbotta con un urlo) "Ma mi ve mando tûtti in galéa!" (Gran trambusto per riprendere il posto, sedie che cadono mentre il sipario si chiude)

FINE DEL PRIMO ATTO



SECONDO ATTO

SCENA I

(Almerico – Nino – Sabina - Grazia)

ALMERICO:- (entra in scena agitando festosamente un giornale sportivo) "Lavoratoriiii!.. " (accenna ironicamente al motivo <Ammazza la vecchia col flit> e poi un gestaccio col braccio verso l'ufficio del direttore)

NINO       :- "T'è za imbriaego ä mattin fïto?"

ALMERICO:- "Ammiae i risûltati de partïe... ABBIAMO FATTO TREDICI!"

SABINA  :- "O solito piggia in gïo.. E a schedinn-a dond'a l'è?"

ALMERICO:- "Gh'è l'ha quello scansafadïghe do Ugo, ma me son copiòu e colonne e.. ammiae ben.. in te questa emmo faeto 'n bello trezze e in te ätre quattro dozze!" (porge il tutto e tutto si precipitano a controllare, mentre Almerico saltella canticchiando a passo di danza)

NINO       :- "Belan!.. L'è véa.. Ûn trezze e quattro dozze! Yu-uu.. Anche lui segue Almerico saltellando"

SABINA  :- "L'arrivo da Grazia.. ha n'ha faeto a Grassia" (la va ad abbracciare, poi rivolta ai colleghi) "Me pä finn-a imposcibile... L'è 'na vitta che travaggio senza mai riûscì a mette via 'n po' de palanche e oua...  "

ALMERICO:- "O proverbio o dïxe che <chi veu avéi 'na gran fortûnn-a, gïe o cû pe' contra a lûnn-a>" (e tutti, comicamente, girano il deretano)

NINO       :- "Se ne vedde o Prinçipà a fa 'ste çiottaie…"

SABINA  :- (in estasi, romantica) "Finalmente, doppo dëx'anni de fidanzamento con o Rosario posso mette sciù casa e maiäme.."

ALMERICO:- (ironico "Oua son segûo che o Rosario o te veu ancon ciù ben!" (sventola la copia della schedina)

SABINA  :- "Cöse t'orriesci dì? S'emmo äspettou l'è perché no s'attrovava 'na casa con n'affitto abbordabile e con o mae stipendio… t'accapiae.."

GRAZIA  :- "Ma lè o no travaggia?"

SABINA  :- (in imbarazzo)"Eh… scì... ma pe' quelli pochi tappulli ch'o fa o guagna poco e i dinae o-i manda a casa da seu mamma.."

NINO       :-"Stanni attenta ch'o no ghe mande anche quelli da teu quota de vincita"

ALMERICO:- "Tou lì.. gh'è za da fa 'n regallo pe' i sposi"

SABINA  :- (impermalita) "Mi no ho domandòu ninte a nisciûn.. No gh'è nisciûn obbligo"

GRAZIA  :- "No te a piggià…o scherza de longo... Mi invece son contenta de attrovà questa occaxon pe' fäte o regallo.." (ai colleghi) "A Sabina a m'ha daeto 'na man i te reue pe' regiäme in te questo scagno"

NINO       :- "E s'accapisce che anche a mi me fa piaxei.." (ironizzando) "Dieci anni di Rosario per la Chiesa.. Intendo Sabina Chiesa e-o so galante Rosario"

SABINA  :- "Che spirito de patatta!"

ALMERICO:- "Mi invece appena-a poscibile, me metto in penscion e arvo 'na bûtteghetta"

 NINO      :- "E mì invece, con questi dinae me scistemo con ûn rûsteghetto in campagna... Mae moggé ha l'ha sempre dexideròu 'na casettinn-a con 'n tocchettin d'orto, quarche ërbo de sëxe e de brignoìn… (siede, mette i piedi sul tavolo) "Me veddo assettou in scé 'na carena, de quelle che dindann-an comme in ti film de cavalli e püa, dovve gh'è sceriffo davanti a-o SALOON.." (pronunciare con le due <o>)

ALMERICO:- (interrompendolo, saccente) "Mia che se dixe SALUN"

NINO       :- "Eh, za.. scrivan a-n moddo e poi lëzzan a 'n'ätro.. perché no ghe mettan a <U> invece due <O>?.. Beh, continuando.. veuggio fämme de pisaggiae doppo disnà.. Tra l'ätro ghe saieiva posto anche pe' o can.. o Veringetorige"

GRAZIA  :- "E comme mai l'éi ciammòu con ûn nomme coscì strano?"

NINO       :- "Perché o l'é ûn mascc-io, se no mae moggé a l'avieva ciammà CALPURNIA, ghe piaxe a storia di antichi romani"

SABINA  :- "Bello nomme... Ma oua, allegri perché con 'sta vincita, i nostri seunni porrian diventà realtae. Mì m'accattiò 'na çinqueçento...o mae catorcio o no ne peu ciù... E o nostro Merigo cöse o ne faià di dinae?"

ALMERICO:- "Ve l'ho dïto che veuggio arvì 'na bûtteghetta, coscì quande son in pensciòn…"

NINO       :- (interrompendo) "De che genere... ciòi?"

ALMERICO:- "Basta stacchette, limme, fî de faero, lammée martelli. Sarò un artigiano, l'artista delle cornici... O faxeivo za da figgeu in to centro storico. Cornici di classe per quadri di valore, cornici lavorate per specchi e poi, ogni tando me demòo anche a dipinze"

SABINA  :- "Bene... mì gh'avieva da dà 'na man de colore in te mae stanzie"

ALMERICO:- (ironico) "Ma no ti stavi in te 'na caverna?"

SABINA  :- "Ammia, Raffaello, che mi staggo in via della Caverna e no in te 'na caverna"

GRAZIA  :- "Gh'aveivimo 'n Raffaello e no o saveivimo"

ALMERICO:- (un po' contrariato) "O saveivo… No so tegnì a bocca serrà.. Anche i amixi e parenti vari me piggian in gïo  pe' questo ma ballin..  Me dïxan che son 'n' illûso. Ma me piaxe dipinze…"

GRAZIA  :- "Sûccede… Ammiae o Ligabue o pittò Naif de Guastalla"

NINO       :- "L'è tanto che t'hae quest'idéa pe' a testa?"

ALMERICO:- "Fin da figgeu.. Ma no sempre se peu fa o mesté che ne piäxe.. " (sorridendo) "Emmo o vizio de mangià e alloa se no intran de palanche bezeugna accettà quello che vegne. Se fïse staeto ciù fûrbo polivo nasce figgio de 'n' industriale invece son nasciûo figgio de 'n' operaio… Ma no l'è mai troppo tardi e con 'sta vincita cheita da o çe…"

NINO       :- "Vorrià dî che se i teu spegàssi[2] no son proprio de croste.. t'accattiò qualche quadretto pe' o mae rûsteghetto in campagna" (si odono due squilli di campanello) "O prinçipà!"

GRAZIA  :- (si alza, prende un block-notes ed una matita) "Vaddo.. quande o seunna due votte o veu che stenografe..ma quande o detta fasso fadiga a mette insemme l'italian"

ALMERICO:- "Se vedde ch'o l'ha piggiòu o diploma a l'estero"

NINO       :- "Vanni, no fälo äspettà. M'arraccomando no dì ninte do trezze. S'o me çerca digghe che son andaeto in banca a pagà de tratte" (esce)

SABINA  :- "S'o sa da vincita o l'è bon de diminuine o stipendio"

GRAZIA  :- (entra nell'ufficio del direttore. Gli impiegati lavoricchiano mentre si spegne la luce e si accende quella del direttore)

SCENA II

(Direttore – Grazia)

GRAZIA  :- "Ai so ordini, Sciò direttò"

DIRETT.  :- "Scià s'assette. Devo scrive 'na lettia a Milan, poi Scià ghe mette a data d'ancheu, o protocollo ecc. Pronta?"

GRAZIA  :-"Pronta"

DIRETT.  :- "<Spettabili Costruzioni Edilizie Lombarde – Casella Postale 412 – Milano.. Oggetto: Tubi per ponteggi. Ci pregiamo informarvi che…> No, Scià cancelle.. Recomençemmo da prinçippio.. Alloa.. <Nei nostri magazzini abbiamo la disponibilità di..> No.. no me piaxe.. Scià cancelle"

GRAZIA  :- (con referenza) "Se Scià me permette.. se porrieiva dî..<Abbiamo il piacere de segnalarvi la nostra disponibilità di..>

DIRETT:- (annuisce e poi compiaciuto) "Scià l'è 'n'aggiûttante preziosa.. Abbiano il piacere di.. Sciì, scì..<Abbiamo disponibile una grossa partita di tubi per ponteggi rimasta invenduta a causa della situazione libanese, ad un prezzo.. ad un prezzo.."> (cerca le parole) "..<eccezionalmente favorevole.>punto <In caso di vostro interesse provvederemo a farvi visitare, da un nostro incaricato alle vendite> gh'è mandemmo o Merigo, <la merce in questione e vi saranno forniti i dettagli dei costi, i tempi della consegna ecc. Grati per un vostro cenno di riscontro, porgiamo i nostri migliori saluti, ecc. ecc.> Scià me o rilëze"

GRAZIA  :- (rilegge il testo) "<Abbiamo disponibile una grossa partita di tubi per ponteggi rimasta invenduta a causa della situazione libanese..>

DIRETT:  :- (ogni tanto annuisce)

GRAZIA  :-<.. ad un prezzo eccezionalmente favorevole. Punto. In caso di vostro interesse provvederemo a farvi visitare, da un nostro incaricato alle vendide e ghe mandemmo o Merigo..>

DIRETT:  :- (interrompe un po' incavolato) "Ma cöse Scia scrïve?.. Ghe mandemmo o Merigo o no ghe va"

GRAZIA  :- "Scià l'ha raxon.. l'ho scrïto senza pensaghe ma.. me ne saieiva accorta in to batte a macchina" (tira una riga sul taccuino e si alza) "Posso andà?"  

DIRETT.  :- "Ûn momento.. a stessa lettia paegia pe' tûtte e Ditte che gh'emmo in te l'elenco speciale.. e senza mettighe che ghe pensa o Merigo, inteixi?"

GRAZIA  :- "Scià stagghe tranquillo. Scià verifichià quande Scia ghe mettià a firma"

DIRETT.  :- (mellifluo) "Scià l'ha coscì sprescia de andasene?"

GRAZIA  :- (sorpresa e sul chi vive) "No, ma.." (accenna al testo stenografato)

DIRETT.   :- "E alloa Scià me stagghe a sentì.." (si raschia un po' la voce) "Vorrieva faghe 'na proposta.."

GRAZIA  :- "Scià me digghe"

DIRETT.  :- "Ecco... gh'ho duì biggetti pe' o Circo Americano ch'o l'ha ciantòu e tende ä Föxe… son pe' staséia... Ehm.. posso invitäla?"

GRAZIA  :- "Mi?"

DIRETT:  : "Chi no gh'è nisciûn ätro e mi me son za invitòu... Cöse gh'è che no va?. Scià no l'avià soggezion pe' cäxo de mi, nevvea?

GRAZIA  :- "Ma ghe saià anche a so Signoa.."

DIRETT.  - (contrariato) "A mae Scignoa a no gh'intra!.. Scià a lasce dond'a l'è che l'è mëgio"

GRAZIA  :- (imbarazzata) "Ma a no me pä 'na bella cösa…"

DIRETT.  :- (con aria gentile) "Ma no femmo mïga ninte de mä... A-o mascimo quarchedûn o porrià pensà.." (cerca di essere spiritoso) "Ma ammiae 'n po' quello brûtto scimmion con quella bella novena. Tûtto chi… Poi, ä fin do spettacolo l'accompagno a casa e... amixi comme primma"

GRAZIA  :- (cercando di non essere scortese) "O ringrassio ma… vorrieiva pensaghe. Intanto, pe' primma cösa devo…" (cerca una scappatoia) "… ecco, devo domandalo ai mae genitori pe' avei o permesso de rientrà tardi"

DIRETT   :- (gesticola scocciato, poi, recitando) "Ehm… ma s'accapisce... Scià l'è proppio n'eccezion…" (non riuscendo a nascondere un gesto di stizza, tra sé) "E-a me accapità a mi" (riprendendo) "Ghe n'è poche de figgie che ä giornà d'ancheu, domandan o permisso ai genitori pe' sciortì de seia… A votte sûccede che son i genitori che domandan ai figgi se no han de bezeugno e se peuan sciortì. Comunque, Scià me fasse savei quarcösa in tempo perché coscì..." (con atteggiamento da donnaiolo) "... prenotto 'na çenetta in te 'n bello ristorantin... dovve non gh'è troppa gente…"

GRAZIA  :- "Grazie de l'attenzion... posso andà?"

DIRETT.  :- (scocciato, si sforza di essere gentile) "Ma s'accapisce... il dovere…"

GRAZIA :- (esce) 

SCENA III

(Almerico - Grazia – Sabina - Ratti – Direttore)

                 (si accende la luce dell'ufficio degli impiegati e si spegne quella del direttore. Grazia va a sedersi seriosa)

ALMERICO:- "Quarcösa no va?"

GRAZIA  :- "Tûtto ben, grassie" (si mette alla macchina da scrivere) "Oua che son sciortìi i computer, o porrieiva piggiäne armeno ûn"

SABINA  :- "S'o poësse o vendieva anche e macchine da scrïve, figûremosse accattà ûn computer..."

ALMERICO: - "Se me çercan son in gïo pe' vendite" (sta per uscire ed entra il dottor Ratti, amministratore del caseggiato nei cui fondi ha gli uffici la ditta) "Bongiorno dottor Ratti"

RATTI     :- (entra con una cartella. E' un tipo di aspetto militaresco, Scatta e batte i tacchi) "Bongiorno.. Sciò Stacchetta, sempre i gïo pe' ferramenta?"

ALMERICO:- "O faero o fa ben ä salûtte... Scignorìa" (esce)

SABINA  :- "Oh, dottor Ratti… sempre in forma eh?"

RATTI     :- "Comme o solito… Scià sta ben?

SABINA  :- "Scì, grassie"

RATTI     :- "Scignorìa a tûtti… Gh’è o Sciò Brancaleon?"

SABINA  :- "O gh'è, o gh'è. L'accompagno mi" (bussa alla porta del direttore)

DIRETT.  :- "Avanti"

SABINA  :- (apre e sta per annunciare ma viene subito apostrofata dal direttore)

DIRETT.  :- "No l'ho vista stamattin. Scià l'è andata a-o mercou pe' i faeti seu? "

SABINA  :- (mortificata) "Veramente son staeta in côa a-a Posta pe' pagà e bollette da lûxe e do telefono da Ditta"

DIRETT.  :- "Bezeugna che me decidde de fälle pagä in banca… Cöse Scià veu?"

SABINA  :- "Mi ninte... voeivo annuziäghe o dottor Ratti, l'amministratò do condominio… O dexidera conferì con Voscià"

DIRETT   :- (spazientito) "Proprio oua? Cöse o veu o specialista di ratti?"

RATTI     :- (si presenta sull'uscio e nota il disappunto. Batte i tacchi) "Scignorìa… destûrbo?"

DIRETT.  : (con faccia tosta gli va incontro giulivo) "Ma cöse Scia dïxe mai…Voscà Scià peu vegnì sempre quande Scia veu!.."

RATTI     :- "Veramente... no me pàiva.."

DIRETT   :- "E gh'ammanchieva ancon" (a Sabina, guardandola severo) "Alloa? Scià no l'ha ninte da fa?"

SABINA  :- "Vaddo, vaddo" (esce; luce dal direttore e buio dagli impiegati)

SCENA IV

(Direttore – Ratti)

RATTI     :- "Posso assettäme?"

DIRETT.  :- "Ma s'accapisce; prego" (indica la sedia al lato opposto della scrivania)

RATTI     :-  "Grassie"

DIRETT.  :- "Prego. Alloa, dottore, a cöse devo l'onore da so visita?" (cercando di essere gentile gli offre una sigaretta e l'accendino) "Ûnn-a sigaretta?"

RATTI     :- (parla con scatti ad uso militaresco) "O ringrassio ma no fûmmo ciù… ho dovûo smette pe' via de coronarie... son staeto castigòu… Quand'èo uffiziale in te l'esercito ne fûmavo ciù de 'n pacchetto a-o giorno ma, comme gh'ho dïto, ho smisso"

DIRETT.  :- (scherzando) "Ghe rimettià o Stato. A cöse devo l'onore da so vixita? Gh'è mïga da pagà ancon?" (credendo di sapere) "Ghe scommetto che Scià l'è vegnûo pe' o problema di ratti"

RATTI     :- "Ratti? Quae ratti?"

DIRETT.  :- "No intendevo Voscià dottor Ratti, intendevo quelli che scorattan chì in gïo… I topi, insomma"

RATTI     :- "Eh, accapiscio… O problema di ratti o l'è ûn dramma ch'o riguarda tûtta a çittae... Manco con a deratizzazion semmo riûscìi a desentegäli.. Ghe ne son mai tanti che se riûscissimo a trasformäli in sordatti vinçiescimo tûtte e guëre"

DIRETT.  :- "Alloa l'è mëgio che restan ratti… Ma Scià sa che l'ätro giorno me n'è accapitòu duì in sce-a mae scrivanîa?"

RATTI     :- "Ma no!"

DIRETT.  :- "Ma scì!"

RATTI     :- "Poffarbacco.. Cösa mi dice "

DIRETT.  :- "Eh.. poffar-RATTO ätro che BACCO… Ghe conto... Ho domandòu a 'na mae impiegà 'na pratica molto importante, che a tegnimmo in te 'n classificatò  speciale; arvo o contenitò e Scià l'indovinn-e 'n po' cöse gh'éa drento"

RATTI     :- "Me pä ovvio... Scià me l'ha antiçipou.. Ûn ratto "

DIRETT.  :- "Duì rattin da coppi…paivan 'na cubbia de ratti in te 'na stanzia matrimoniale e se no abasta, se ne fregavan de mi perché o rattin ciù grosso o lisciava a testa a quell'ätro rattin… Immagino ch'a fïsse ä rattinn-a perché no creddo che anche tra e bestie ghe segge da mescc-iùia"

RATTI     :- "E… Scià no l'ha ammassaê?"

DIRETT.  :- "Doppo 'n'attimo de esitazion me scappòu ûn crîo e i duì leppegoìn se son infiae sotto a scrivania. Poi natûralmente se semmo tûtti mobilitae. O fattûrin, con a spassuia, i impiegae con di bacchi... Emmo tiòu zû classeur, pratiche, spostòu mobili... Paivimo di terremotae.."

RATTI     :- "E de ratti?"

DIRETT.  :- "De ratti, a-o de feua de Voscià, manco l'ombra"

RATTI     :- "Son scappae!"

DIRETT.  :- (ironico) "Bravo! Scià l'ha indovinòu! Magara son in te qualche pratica importante a leppegà"

RATTI     :- "Me despiaxe ma noiätri, comme amministrazion, emmo faeto fa a deratizzazion ciù de 'na votta da ditte specializzae…Scià sa cöse l'è sûccesso?"

DIRETT.  :- "Ancon no.. ma.. aspëto de saveilo"

RATTI     :- "Comme Scià sà i ratti annîan in ti fondi do caseggiato e qualche votta anche ai cien bassi, ma dopo o trattamento, i fûrbi, se son trasferìi sotto a-o teito e cian cianin vegnan zû a fa rifornimento.. A stessa cösa do resto a l'accapita anche in ti uffizi comunali, in Region, dovve rosiggian.."

DIRETT   :- (con allusione) "Rosiggian, rosiggian " (sornione) "Anche Voscià?"

RATTI     :- (stizzito) "Ma cöse Scià dixe... cöse gh'intro mi"

DIRETT.  :- "Daeto che se parla de ratti.. "

RATTI     :- "Ma Scià no fasse o spiritoso... Mi me ciammo Ratti e quelli non son mae parenti"

DIRETT.  :- "E alloa cöse femmo? Paghemmo a deratizzazion e se i mantegnimmo a penscion?"

RATTI     :- "Son troppo fûrbi… han imparòu a lession tanto ben che se stenta finn-a a creddighe"

DIRETT.  :- "Scio Ratti, spero che Scià no segge vegnûo a çercà o rimedio da mi. Avieiva ätro da fa che sta a parlà de longo de quest' argomento"

RATTI     :- "Di ricercatoì han faeto di esperimenti e han constatou che a deratizzazion a no serve a ninte"

DIRETT.  :- "E alloa Scià m'ha faeto spende de palanche pe' ninte!"

RATTI     :- "Ghe spiego cös'han accertòu. Quande ghe mettan e esche, van a mangià solo i ratti vëgi, quelli che no han ciù e sampe leste pe' andäselo a çercà da 'n'ätra parte, do resto, pe' lezze de natûa, gh'han ciù poco da vïve. I ratti zoveni no mangian… aspëtan l'effetto e se quelli vëgi meuan i zoveni accapiscian l'antifona e se trasferiscian in te 'n posto ciù segûo"

DIRETT.  :- (ironico) "Speremmo che i Enti assistenziali e l'INPS no copian pe' risolve o problema de penscioìn ai anzién"

RATTI     :- "E quindi... morale della favola.."

DIRETT.  :- "Me tegno i ratti! Comunque se i ricercatoì attreuvan 'n rimedio... Scià m'avverte primma che me rosiggian e pratiche"

RATTI     :- "Eo vegnûo a portaghe a notta con e spezie de l'amministrazion… oua o salûtto.." (si alza, batte i tacchi) "Scignorìa"

DIRETT   :- "Grazie pe' e spezie d'amministrazion... No se finisce mai de pagà" (si alza) "Sciorto mi ascì e Sciò Ratti, m'arraccomando… attento a-e esche" (passa dalla sala impiegati, dove viene fatta luce; dà un'occhiata ed esce con Ratti)

SCENA V

(Ugo – Grazia – Nino – Sabina – Franca)

NINO       :-"O l'andià all'Ansaldo" (ironico) "Dä Scià Ansaldo..."

GRAZIA  :- "Cöse n'è da Franca?"

SABINA  :- "A sta ciù ben. Doppo o sciòcche da vincita a se sta accattando di mobili neuvi e…"

FRANCA :- (entra con abiti eleganti, cappellino, ecc) "Bongiorno a tûtti"

NINO       :- "Lupus in fabula" (accennando al vestito) "Ti l'hae za speizi primma de piggiäli?… T'è graziosa vestïa coscì"

FRANCA :- (seccata per la gaffe) "A l'è 'n'offeiza o 'n complimento?"

UGO        :- (entra quasi circospetto. Non saluta)

NINO       :- "Bongiorno eh?"

UGO        :- "Bongiorno anche mi.." (li guarda, tenendo un po' il capo chino, come se avesse fatto qualche marachella) "Comme mai sei tûtti sciättae?"

GRAZIA  :- "Perché con a vincita ..l'è 'n bello giorno!"

UGO        :- "T'hae guägno a-o Semenäio?"

NINO       :- "Ma no ti l'hae accattòu o giornale.."

SABINA  :- "Lé accattà o giornale?"

UGO        :- (sempre imbronciato e un po' assente) "Perché... cöse gh'è in to giornale de interessante? Quarche politico ch'o se diminuisce o stipendio perché o guagna troppo?"

GRAZIA    :- "Chissà!"

UGO        :- "Se l'è véa... l'è 'na gran balla!"

SABINA  :- "E dài.. no fa finta de ninte… Emmo za ordinòu champagne e pastissin e.." (accennando al suo abbigliamento) "..faeto qualche speiza extra"

UGO        :- "Ti te sposi?"

SABINA  :- (gattona) "Chissà!"

FRANCA :- "Dai Ugo, no fa o nescio e tìa feua a schedinn-a"

UGO        :- (imbarazzato) "A sche… a schedinn-a?"

NINO       :- "E no fäne sospià... emmo za faeto de spezie antiçipae e..."

UGO        :- (trae di tasca una schedina non giocata e la porge lemme, lemme) "Questa?"

NINO       :- (in sospetto, la prende e vede che non è stata giocata) "No questa a l'è a teu copia.. voemmo vedde quella valida, quella che t'hae zûgòu."

UGO        :- "A l'è... a l'è questa… che me son ascordou de zûgäla, tûtto chi"

SABINA  :- (passo, passo, assieme agli altri si avvicina a Ugo il quale,comicamente passo, passo, indietreggia fino a bloccarsi col retro ad una scrivania) "Comme saieiva a dî?!"

UGO        :- "Sa… saieiva a dî che... me son ascordòu de zûgala… tûtto chi?"

GRAZIA  :- (vedendo la minacciosità dei colleghi, cerca di calmare) "Fermi!.. no fae de siottàie .. doppo tûtto o no l'avià mïga faeto apposta"

UGO        :- (balbettando) "Ti scì che t'è 'na brava figgia"

SCENA VI

(Ugo – Grazia – Nino – Sabina – Franca – Almerico – Direttore)

 ALMERICO:- (entra ben vestito, cappello, papillon. E' allegro) "Salûtte ai cari colleghi benestanti!.. Che facce… L'è morto quarchedûn?"

GRAZIA  :- "L'è morta a schedinn-a"

ALMERICO:- "A schedinn-a?.."(vede Ugo col capo chino e intuisce. Si avvicina punzecchiandolo al petto con un dito) "No stamme a di che ti..."

TUTTI      :- "O no l'ha zûgòu a schedinn-a!"

ALMERICO:- "O no l'ha zûgà? (si siede affranto) "E mì ch'aveivo zà attrovou a bûtteghetta e daeto a capära… " (col magone) "Me son finn-a misso o papillon..." (sta per avventarsi su Ugo e viene trattenuto dai colleghi) "Ti m'hae arruinòu balordo!"

UGO        :- "Ma... ma anche ti tempo fa ti t'hae ascordòu de zûgala e nisciûn t'ha dïto ninte.."

ALMERICO:- "Ma senti che descorsci! Quella votta aviescimo faeto trei invece de trezze, barudda"

UGO        :- "Tre... trezze?.. Ma dai no scherzà"

NINO       :- "Perché no ti controlli?"

UGO        :- "Preferiscio de no"

FRANCA :-"O mae Rosario... o gh'arrestià mä"

NINO       :- (salace) "Son segûo!"

GRAZIA  :- "E' la prova del fuoco. Se-o te veu ben no ghe ne importià"

FRANCA :- (piagnucolando) "Magara o me ne voeiva de ciù... "

DIRETT.  :- (entra. Resta un attimo in silenzio, poi sbotta) "Ma se peu savei cöse sûccede? Stae dando 'na festa invece de travaggià? Ma mi ve mando tûtti a remengo pe' scarso rendimento! " (si avvicina ed osserva i loro abiti) "E comme mai tûtti in ghingheri?"

UGO        :- "Mi no Sciò Prinçipà"

DIRETT.  :- "Ti taxi che no t'è ätro che 'n nescio"

UGO        :- "Questa me l'aveivan antiçipou anche loiatri"(mima lo scoperchiamento del cranio) "Question de cranio"

DIRETT.  :- "Ti cranio no ti n'è mai avûo. " (agli altri) "Alloa?"

ALMERICO:- "L'è che… Aveivimo faeto ûn sistema a o totocalcio e... o Ugo o s'è ascordò de zûgä a schedinn-a! "

DIRETT.  :- "E ve ratellavi solo pe' questo?" (so avvicina alla scrivania di Grazia)

SABINA  :- "Ma avievimo faeto trezze!"

NINO       :- "Çentocinquantamilioni.."

DIRETT:  :- (perplesso) "Çentoçinquantamilioni?" (con malcelato piacere) "A ve sta ben… coscì imparè a fiäve do fattûrin e… a no aveime invitòu a sta in societae con voiätri"

ALMERICO:- “Ugo, ti doviae ti‑ali feua tì i dinae da vincita!”

UGO        :- (spaventato) “Mi?… E dovve i piggio? Anche mì ho perso a vincita… tûtt’a o ciù v daggo i dinae che m’éi daeto pe’ zûgà..”

DIRETT.  :- “Ûnn-‘ätra votta imparaea sta ciù attenti”

GRAZIA  :- (guarda il principale e lancia un urlo scostandosi rapidamente) "Che schifo!"

TUTTI      :- (hanno un comico atteggiamento di sussulto al sentire l'urlo della ragazza)

DIRETT.  :- (credendo che si rivolgesse a lui, reagisce) "Ehi diggo, figgetta... come Scià se permette de mancäme de rispetto!"

GRAZIA  :- "Comme?.. Mancà de rispetto a chi?"

DIRETT.  :- "Scià m’ha ammiòu e scià l’ha dïto: <che schifo>"

GRAZIA  :- "Gh'èa ûn ratto... ûn ratto ch'o m'ha sfioròu e gambe"

ALMERICO:- "Beato quello ratto"

                                                   FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA I

(Nino – Grazia – Sabina)

 (Il ragionier Nino Marchi sta controllando delle fatture, Grazia è alla macchina da scrivere, Sabina sta scrivendo)

NINO       :-"O fattûròu de quest'anno o mette angoscia. Son diminuîe e vendite e son aumentae i costi de produziòn. Ûn pâ d'anni coscì e finimmo tûtti quanti in sce-o lastrego"

GRAZIA  :- "Me pä che ti seggi 'n po' pescimista.  O Merigo o dïxe ch'o riesce a piazzà a merce, a vende"

NINO       :- "O Merigo o l'è o solito fanfaròn; tante de seu vendite son svendite, prexi faeti quaexi sotto costo. Proprio pe' questo véi, o Prinçipà o te gh'ha daeto 'na rûxentà che no ve staggo a dî... e no solo riguardo a-o travaggio.."

SABINA  :- (smettendo di scrivere) "Dài conta"

GRAZIA  :- (toglie un foglio dalla macchina da scrivere) "Sentimmo, sentimmo"

NINO       :- "Mi no ho sentîo perché l'è sûccesso feua da-o scagno, ma o Merigo o m'ha dito che criavan tûtti duì comme matti dandose do VOI'.."

SABINA  :- "O l'è 'n particolare tûtto zeneize, e poi?"

NINO       :- "In sce-a a fin o direttò o gh'ha dïto, segondo quello che m'ha riferîo o Merigo: <Sul lavoro non transigo, niente telefonate personali, niente che non abbia a che fare con l'ufficio e le sue tresche, i suoi amori, se li coltivi altrove!>"

GRAZIA  :- "O l'éa arraggiòu pe'n davei s'o parlava in italian.. e poi?"

NINO       :-"E poi o Merigo o l'e vegnûo in scagno, con a côa in mëzo a-e gambe. L'ho faeto parlà e o s'è sfogou con mì contandome quello che v'ho riferîo. A seu allegria a l'éa sparìa d'incanto. O mugugnava, tanto pe' no dî de pëzo, ch'o pàiva 'n camallo ch'o scaregava corbe de carbon sotto l'aegua... e intanto ho l'ha arrecheuggeito e seu carte e o se l'è portae via"

SABINA  :- "Che carte ean?"

NINO       :- "Ma ti peu immaginälo, no? Lettie d'amô lighae con ûn nastrin rosso e fotografie de seu conquiste con dediche…"

GRAZIA  :- "In fondo me despiäxe...O l'è comme 'n figgieu… è innamorato dell'amore… anche se no l'è tûtt'òu quello che lûxe"

NINO       :- "Penso paegio anche mì. Chi parla tanto dandose àie da ceigadonne l'è comme tanto fûmme e poco rosto. Saieiva da rïe scrovì ch'o l'è ancon da... dimmoghe... da smalizià"

SABINA  :- "Ma s'o tenta con tûtte"

NINO       :- "Scì, ma comme a va a finì?"

GRAZIA  :- "Mi no creddo ch'a segge comme ti dïxi tì... In fondo o l'è 'n bell'ommo… E poi tûtte quelle fotografie con dedica vorrian dî quarcösa, no?"

NINO       :- "E pûre mi saieiva pronto a scommette che gh'ho raxòn"

GRAZIA  :- "Mi no"

NINO       :- (escogita uno strattagemma) "Mettemmolo ä preuva. Ûnn-a de voiätre due a peu tentà de saveilo… faxendoghe 'n po' de corte, dandoghe da intende... ch'a ghe stà insomma"

SABINA  :- "Mi no de segûo. No veuggio mïga famme tià 'n corpo de lupara da o Rosario... giöso commìo l'è..."

NINO       :- "No resta ätro che a Grazia. Doppo tûtto ti peu anche provà e poi… se ven burrasca... ti molli l'ormezzo"

GRAZIA  :- "Ma pe’ cöse ti m'hae piggiòu… Mi no fasso de quelle cöse"

SCENA II

(Nino – Grazia – Sabina – direttore)

DIRETT.  :- (entra dall'esterno. Squadra tutti) "Beh?.. Veddo che travaggiae da matti; no abastià i mandilli pe' sciûgäve o sûo"

NINO       :- "Ma Sciò direttò…. stavimo controllando o portafeuggio ordini..."

DIRETT.  :- "E chi l'è de queste scäda-careghe che l'aggiûtta?"

NINO       :- (indicando Grazia) "Lé"

DIRETT.  :- "No contemmo de micce. A figgetta a no l'ha manco 'n feuggio davanti" (alzando il tono della voce) "Quante votte ve devo ricordà che in scagno se ghe vegne pe' travaggià e no pe' demoäse… Intendemmose ben; o primmo de voiätri ch'attreuvo a ciaccerà o a streppäse i pelucchi o licenzio senza preavviso… Oua me son proprio rotto e…"

SABINA  :- (interrompendolo) "Scià s'è spiegòu molto ben, direttò"

DIRETT.  :-(con sfottò)"E l'ineffabile signor Almerico Stacchetta, non è ancora rientrato?"

NINO       :- "No ancon"

DIRETT.  :-  "No me mäveggio... s'o l'è andato in Rivéa e o l'incontra 'na svedesinn-a ö vedemmo a domenega da pûgnatta... Ma mì o tegno d'euggio, andaeghelo pûre a dì che se o pesco a leppegà in scagno o-a telefonà pe' i affari seu, anche s’o l'ha o barba onorevole, o spediscio a vende lûmasse" (va al tavolo di Almerico, alza la cartella posacarte e con sarcasmo) "Voeivo ben dî... Ecco chì o reperto; 'na fotografia de 'na donna nûa. Ma o no gh'ha ätro pe' a testa?.. S'o-a veu inderé ch'o vegne a piggiäsela da mì" (va nel suo ufficio)

NINO       :- "Stavotta o l'è proprio do diâo"

GRAZIA  :- "Che razza d'ommo. Perché quella fotografia poi..."

NINO       :- "Proppio nûa a no l'éa... a l'éa solo vestîa dimmoghe… de pelle e accoegà in sciè 'n'ätra pelle.. 'na pelle de pantera" (ammmicca ad un gesto come una zampa che graffia) "Arf!"

SABINA  :- "Eh, quello Merigo o no cangia mai… O dïxe che se no, no ghe vegne l'ispi- razion"

UGO        :- (dall'esterno) "Salve Merigo, novitae?" (apre la porta per farlo entrare)"O l'è chi"

ALMERICO:- (ha in mano una valigetta e nell'altra due rose) "Bonn-a seja a tûtti" (si avvicina alle ragazze) "Ûnn-a reuza pe' tì, Sabina e l'ätra pe' ti, Grazia"

SABINA  :- "Che gentile. Grassie"

GRAZIA  :-"A cöse dovemmo questo <exploit>?"

ALMERICO:- "Ma mi, col gentil sesso, son sempre aggaibòu… M'ha çercòu o lô?" (accenna all'ufficio del direttore)

NINO       :- "E comme ch'o t'ha çercòu"

ALMERICO:- "O l'è arraggiòu?"

NINO         :- "No. O gh'aveiva solo o scc-iûmmasso"

ALMERICO:- "Cöse voei.. ho faeto tardi.. ma nisciûn poeiva preveddilo.. Savesci cöse l'è sûccesso.."

GRAZIA  :- "Cöse?"

ALMERICO:- "Poi ve conto…Oua metto a posto i papé" (posa la valigetta sul tavolo)

SABINA  :- "Veddo che t'hae 'na valixetta neuva"

ALMERICO:- "Scì. L'ho accattà a Rapallo" (con fare misterioso e sottovoce) "A l'è 'na valigetta con a combinaziòn.. comme 'na casciaforte"

GRAZIA    :- "A deve costà ben ben"

ALMERICO:- "Vegni chi, te fasso vedde comme a fonzionn-a"

GRAZIA  :- (si avvicina,così come gli altri due) "A l'è proprio bella"

ALMERICO:- "Ecco chi. Fasso a combinazion..1-2-3-4-2, e ûn lato o l’è averto, oa l'ätro: 2-3-1-4. Ecco faeto" (alza il coperchio)

GRAZIA  :-  (fa un balzo indietro) "Oh,Segnô cäo!"

ALMERICO:- "Euh.. perché gh'è a fotografia de 'na donna.. in abiti succinti?"

NINO       :- "N'ätra teu neuva conquista?" (si avvicina e guarda) "Ma no t'hae ätro pe' a testa?" (scrolla la testa)

ALMERICO:- "Quella d'ancheu a no l'è questa.. Savesci.."

SABINA  :- (con sfottò) "Sentimmo o Don Giovanni de stacchette cöse o ne spara"

ALMERICO:- "Finîo o gïo de vendite.. e no fasso pe' vantäme ma ho concluso di bon affare, son andaeto a Rapallo, in ûn de quelli bar che s'avanzan in sce-o mâ e.. indovinae 'n po' chi gh'éa?"

GRAZIA  :- "O Mago Zurlì"

ALMERICO:- (sciogliendosi in esagerata descrizione) "..n'apocalisse.. ûn tronco de..ërta, de 'n biondo mai visto.." (mima i capelli sciolti lungo la schiena) "..ghe scommetto che voei savéi comme a se ciamma.."

SABINA  :- (che non glie ne frega nulla) "Euh…no vedemmo l'öa"

ALMERICO:- (con arie trionfale) "Helène.. 'na fraulein teutonica!

NINO       :- "Ûnn-a Kessler"

ALMERICO:- "Emmo attaccou discorso.. ch'o m'è costòu 'na bottiggia de champagne.."

GRAZIA  :- "..mëzo stipendio.."

NINO       :- "Ti parli tedesco?"

ALMERICO:-  "M'arrangio e se semmo inteizi a mäveggia.. Gh'ho daeto o mae biggetto da vixita cö nûmero de telefono e i orari de l'uffizio"

NINO       :- "Alloa.. t'hae combinòu quarcösa de concreto..a parte o champagne.. Ma lé.. a krûkka.. a ghe stava?"

ALMERICO:-"M'è parsciûo de scì…Ancheu no aveivo tempo de portäla da nisciûnn-a parte, doppo o bûllezzûmme do Brancaleon no voeivo perde o posto.. e poi a doveva andà a Milan.. Pensae.. a l'è 'na figûrinista e a travaggia in te 'na casa de modda.. A m'ha promisso ch'a me ciammià a-o telefono e alloa..so mi dovve portäla.."

NINO       :- "Ti saiae affortûnnou!"

ALMERICO:-"L'ho fotografà con a mae polaroid"

NINO         :- "E alloa, fammela vedde"                                         

ALMERICO:- "Ecco chi" (mostra una foto)

NINO       :- (i colleghi si avvicinano) "Complimenti.. a pä 'na mannequin.. Me congratulo.. Quande ti me a presenti?"

NINO       :- "Ti <piaceresse> eh?.. Ninte da fa"

SCENA III

(Nino – Grazia – Sabina – Almerico – Direttore)

DIRETT.  :- (appare sull'uscio ed apostrofa i presenti) "Cöse gh'è? A féa de Sant'Agâ?" (ad

                 Almerico) "Giûsto tì.. za che t'è arrivou.."  (sornione) "Vegni 'n po' de de là che te devo parlà" (va nel proprio ufficio)

ALMERICO:- (chiude la valigetta) "Sûbito" (segue facendo smorfie al direttore) 

GRAZIA  :- "Meschinetto de lé"

NINO       :- "O l'è in sce-o libbro neigro"

SABINA  :- "Ma o l'ha sempre 'na chance.. o barba a Romma"

NINO       :- "Ma pare che anche seu barba o segge sotto inchiesta pe.."

SABINA  :- “Sitto! O Direttò e che sta dando 'na lavà de testa" (si avvicinano alla porta)

                 (si spegne la luce dagli impiegati e si accende quella del direttore)

DIRETT.  :- "Questo o l'è l'ûrtimo avvertimento. A primma votta che te pesco a fa de telefonate personali o attreuvo de teu lettere privae e de fotografie scandalose comme questa.." (glie la getta sotto il naso dopo che la fatta a pezzi) "..ti peu consciderate licenziòu.. Se semmo accappìi Don Giovanni della Darsena?"

ALMERICO:- "No sûccedià ciù Sciò Direttò… promisso"

GRAZIA  :- "Figûremmose s'o mantegne a parolla"

SABINA  :- "Oua o gh'ha anche a valigetta casciaforte"

NINO       :- "A posto... o l'arriva" (movimento di riassestamento)

ALMERICO:- (rientra mogio. Ha in mano la fotografia stracciata. Mugugna) "Bello cöso quello là.. Ammiae.. Ho l'ha distrûto 'n'opera d'arte… Ma.. se o s'ascordesse de respià pago 'na çenn-a pe' tûtti"

NINO       :- "No te a piggià"

ALMERICO:- (facendo il verso al direttore) "Se te pesco a fa de telefonate personali… Sei cöse ve diggo? Che ne fasso sûbito ûnn-a" (compone un numero) "Pronto?.. Ciao Fiammetta.. Se vedemmo staséia? Beniscimo bella stella"

DIRETT.:- (riappare sospettoso sull'uscio)

ALMERICO:- (cambia subito discorso) "Ma scì.. gh'emmo di tondin de fëro do dozze.. .pe' o cemento armòu.. "

 

BUIO PER FINE DEL QUADRO SIPARIO APERTO

SECONDO QUADRO

SCENA IV

(Nino – Sabina – Grazia)

NINO       :- (guarda l'orologio) "L'è za quattr'öe. Notissie do Merigo?"

GRAZIA  :- "Doppo quella rattella de qualche giorno fa o te l'ha spedîo, con 'n crîo ch'o paiva quella de Tarzan, a fa 'na comiscion"

SABINA  :- "Ho gh'ha sempre in ta testa quella tedesca?"

NINO       :- "Ho l'ha dïto ch'a dovieiva arrivà da 'n momento all'ätro"

SABINA  :- (sorridendo ad un proprio pensiero) "Stavo pensando che se ghe porrieiva preparà 'n bello scherzetto.."

GRAZIA  :- "A cöse ti stae pensando?"

SABINA  :- "Se ghe porrieiva fa attrovà in sce-a scrivania, 'na lettìa da krûkka.. Helène me pä, vea?"

NINO       :- "Scì, Helène"

GRAZIA  :- "Ho l'ha dïto ch'a l'andava a Milan… E noiätri porriescimo fäghe attrovà 'n seu biggetto, con a firma de Helène, ch'a l'invita a Milan"

NINO       :- "Saieiva 'n bello tîo… "

GRAZIA  :- "Però, pe' andà a Milan o dovià pagäse o biggetto de stacca seu e 'na votta là affrontà ätre speze.. foscia saieva 'n po' troppo”

NINO       :- "Ma, a-o momento ch'o sta pe' partì, o fermemmo. No l'è a primma votta che ghe femmo di schersci.. Forza Sabina.. attacca a scrive"

GRAZIA  :- "Mettighe i verbi all'infinîo, con di sbagli… coscì parrià ciù véa"

NINO       :- "Dài che te detto"

SABINA  :- (prende dalla borsetta una bottiglietta di profumo e ne mette un po'sulla lettera e a Nino)"Coscì cö profûmmo a cösa a pä ciù véa"(a Nino, pronta per scrivere) "Alloa?"

NINO       :- (andando avanti e indietro, pensando) "<Carro Merico> , duì erre, <doppo>, con duì <P> nostro incontro io sempre pensato a tu e afere nostalgia di italiano simpattico >, duì <T>. <Se tu folere fenire Milano, io essere Albergo Moderno>. Piggia l'indirizzo dä guida do Touring, poi stacca 'n po' quello francobollo in sce-a bûsta ch'a l'è arriva da Milan, delle Acciaierie milanesi… ghe l'incollemmo in sce-a seu, scrivemmo l'indirizzo do scagno, e lascemmo a lettia in sce-a a seu scrivania, coscì quande o l'arrìa o-a vedde sûbito.. E oua travaggemmo" (tutti vanno al loro posto e si mettono al lavoro)

SCENA V

(Nino – Sabina – Grazia – Almerico)

ALMERICO:- (entra con la sua valigetta che va a posare sul tavolo mentre saluta) "Salve.. ghe scommetto che gh'è Cappo"

GRAZIA  :- "Perché?"

ALMERICO:- "Perché travaggiae in silenzio tûtti quanti"

SABINA  :- "Invece travaggemmo perchè gh'emo da fa"

ALMERICO:- (si accorge della busta, l'annusa. Scena del caso degli altri) "E questa da donde a sciorte"

NINO       :- "A l'è arrivà con a posta"

ALMERICO:- (annusando soddisfatto) "Profumo di femmina!"

NINO       :- "Veramente gh'è 'n spûssa de profûmmo ch'a me dà ä testa... De segûo a no l'è pe' mi"

ALMERICO:- (con arie da piegadonne) "Naturalmente a l'è pe' mì.. Vedemmo chi me scrive" (apre la busta, legge e resta stupefatto) "Poscibile!?"

GRAZIA  :- "Cöse gh'è Merigo, ti te senti mä?"

ALMERICO:- (si siede di schianto) "Gh'è che.. gh'è che… ha m'ha scrïto.."

SABINA  :- "Chi?"

ALMERICO:- "A te... a tedesca.. Helène"

GRAZIA  :- (avvicinandosi) "Davvei?.. Posso vedde?"

ALMERICO:- (gliela porge) "Controllae… e voiätri che no me credeivi..."

GRAZIA  :- (inizia a leggere la lettera) "Carro Merico.."

ALMERICO:- (la interrompe riprendendosi la lettera) "Basta coscì, son cöse personali"

NINO       :- "T'è proprio nascûo con a camïxa"

ALMERICO:- (in imbarazzo) "Bella camïxa... A me dïxe de andäla a trovà a Milan"

SABINA  :- "A Milan?"

NINO       :- "Ma vannighe de corsa primma ch'a vadde in Germania. A mì, de queste occaxoìn no me n'accapita"

ALMERICO:- "Ma comme fasso con o scagno?.. Che scûsa gh'attreuvo a-o Brancaleon?"

NINO       :- "Ti ghe dïxi che o teu barba onorevole o l'è marotto, o ch'o l'ha avûo 'n'incidente de macchina e che… o te veu vixin"

ALMERICO:- "Ma se o no gh'ha manco a patente"

SABINA  :- "O gh'avià ben l'autista, no?"

GRAZIA  :- "Oppûre.. ghe dimmo che ti t'è sentîo mä improvvisamente e che t'è andaeto a fäte controllà a l'ûspià… a fa de analisi.." (ritorna la suo posto)

ALMERICO:- "Comme idèa no gh'è mä… Ma o ghe l'ha con mì e o vorrià controllà"

SABINA  :- "Ghe pensiemo noiätri a convinçilo"

ALMERICO:- "Veuggio pensaghe 'n po'.. .Gh'ho do travaggio arretròu da finì"

NINO       :- (a Grazia) "O nasello ho l'ha collòu l'àmmo"

GRAZIA  :- "Però me despiäxe... dimmoghe sûbito ch'o l'è 'n scherzo"

 NINO      :- "Aspëttemmo"

ALMERICO:- (pensieroso, telefona) "Ferrovie dello Stato?.. Per favore può dirmi a che ora c'è il treno per Milano prima di questa sera?… Direttissimo alle 17,30?.. Grazie" (posa il ricevitore)

NINO       :- "Allòa.. t'hae deciso?"

ALMERICO:- "Ho deciso de andà..Basta che quarchedûn o convinçe o Barban de de là"

SABINA  :- "Tranquillo. Ghe pensemmo noiätri"

ALMERICO:- (apre la valigetta, si specchia, si pettina, richiude la valigetta) "Alloa.vaddo e.. grassie.. Scappo se no no agguanto o treno a Prinçipe" (esce rapidamente)

NINO       :- "Aspëta.. fermite.." (nella fretta inciampa in una sedia e cade. Viene aiutato a rialzarsi, apre la porta e chiama) "Merigooo.. Torna indierrè.. o l'éa 'n scherzo.."

GRAZIA  :- "Che cöro appreuvo mì" (esce sveltamente)

NINO       :- "O l'è scappou lesto comme 'na lippa" (rassegnato rientra e chiude la porta) "Speremmo che a Grazia a riesce a bloccälo primma ch'arrive o Direttò"

SCENA

VI

(Nino – Sabina – Direttore - Grazia)

DIRETT.  :- (entrando) "Sempre meno gente a travaggià eh?. O Ugo o l'è marotto, o Merigo e Grazia no i veddo...dovve son?"

NINO       :- "O Merigo o l'è andaeto a casa perché o no se sentiva ben.. foscia l'inflûenza.. a Grazia.. a l'èa chi 'n momento fa. A saià de de là in bagno. Devo ciammäla?"

DIRETT   :- "No me pä o cäxo... Scià me a mande doppo" (vede le rose) "E 'ste reuze..cöse significan?"

NINO       :-"No saviae..no so manco chi l'ha portae"

DIRETT.  :          "Ö sei che i fiori in uffizio no i veuggio.. portan jella.. e con questi ciaei de lûnna me gh'ammanca anche quella. Levaeli d'in gïo" (entra nel suo ufficio)

NINO       :- "Speremmo che a Grazia a torne sûbito..no veuggio che o gorilla o com-mençe a sospettà. Travagemmo s’o sente silenzio o no vegne a controllà"

SABINA  :- "L'éa mëgio che no fescimo quello tîo a o Merigo"

NINO       :- "Ma no l'è o cäxo de fasse di scrupoli.. Lé o no se a piggia ciù de tanto. Poi, pe' 'na donna, o l'andieiva anche in sce-a lûnn-a"

GRAZIA  :- (rientra trafelata)

SABINA  :- "Alloa?"

GRAZIA  :- "Ninte.. ho l'ha piggiòu ûn tàxi e o l'è sparìo.. Me despiaxe. Emmo esageròu"

NINO       :- "No te a piggià.. ti veddiae ch'o l'inventa qualche stöia..In queste cöse a fantaxia a no gh'ammanca "

DIRETT.  :- (apre la porta) "A l'è arrivà a mae segretäia?"

GRAZIA  :- "Son chì Sciò direttò"

DIRETT.  :- "Lapi, blocchetto e da mì" (agli altri) "No veuggio ëse distûrbòu pe' nisciûnn-a raxon.. manco a-o telefono, inteixi?"

SABINA  :- "Inteixi"

NINO       :- "Ti dïxi ch'o ghe tîa l'arpettà?

SABINA  :- "Sotto, sotto, o l'è pëzo che o Merigo"

BUIO E MUSICA – FINE QUADRO SECONDO

QUADRO TERZO

SCENA VII

(Nino – Grazia – Sabina - Almerico – Direttore – Franca - Voce esterna di Lilly)

(ufficio degli impiegati)

NINO       :- "Véi o Merigo o no l'ha averto bocca. O l'éa neigro comme 'n capello da praeve"

GRAZIA  :- "A mi o no m'ha manco salûou.. s'accapisce che doppo o scherzo che gh'emmo faeto…"

SABINA  :- "Emmo esageròu... mandälo a Milan a veuo… "

NINO       :- "Chissà che pansà de raggia.. armeno ghe servisse a callà 'n po' o presûmin con e donne"

FRANCA :- "Meno male che mi no gh'intro"

SABINA  :- "Tì t'è sempre quella ch'a tia a prîa in to stagno e a l'asconde a man"

ALMERICO:- (entra accigliato, posa la sua valigetta-cassaforte sul tavolo e si mette a lavorare)

GRAZIA  :- (le si avvicina con un foglio) "Ecco.. quella verifica de vendite con a fattûa, l'ho faeta"

ALMERICO:- (serio, prende il foglio e lo posa) "Grassie"

GRAZIA  :- "Ti stae poco ben?"

ALMERICO:- "Staggo beniscimo!"

SABINA  :- "Comme a l'è andata a Milan?"

ALMERICO:- "Mëgio de coscì a no poeiva andà… Ma oua lasciaeme travaggià"

FRANCA :- "Gh'éa a nebbia?"

ALMERICO:- "S'a gh'éa no me ne son accorto"

DIRETT.  :- (entra dall'esterno e a Merigo) "Passò o mä de pansa?"

ALMERICO:- "Scì, Sciò Commendatò"

DIRETT.  :- "Attento a no piggià o vizio de marcà vixita troppo spesso. Visto che ancheu t'è in salûtte, vanni da-o spèdissioné e arretîa o campionäio neuvo"

ALMERICO:- "Sûbito" (si alza ed esce)

DIRETT.  :- (lo guarda uscire, dimostrando che trova strano il suo atteggiamento) "Comme mai o no mugugna?" (vede la valigetta sulla scrivania) "E questa cös'a l'è? 'Na novitae da ditta o de l'Almerico Stacchetta?"

NINO       :- "A l'è 'na valixetta con a combinaziòn, comme e casceforti"

DIRETT.  :- "E brao Almerico... O l'è sempre o maeximo, coscì no se peu savei cöse gh'è drento… Ma se o pesco a-ammià çerte fotografie.."

NINO       :- (frena un sorrisetto con la mano; se ne avvede Brancaleone)

DIRETT   :- "Gh'e n'è anche pe' VOÎ ragioniere.. con a mania do fottoballe e de colonne do totocalcio. A-o lûnedì no parlae ätro che de ballòn…O Merigo con a radiolinn-a pe' sentì i ballabili... Credeivi che no me ne fise accorto? Son staeto sotto padron anche mì primma de voiätri" (rientra nel suo ufficio)

NINO       :- "O giorno che o veddo contento vegne 'n terremotto"(squilla il telefono sul tavolo di Merigo)

FRANCA :- (va a rispondere) "Pronto, Ditta Brancaleone, vendita ferramenta"

LILLY      :- (voce fuori campo) "Mi scu-scusi, sono Lilly.. c'è il signor Al-Almerico Sta-Stacchetta?"

FRANCA :- "No, in questo momento non c'è"

LILLY      :- "Sa quando to-tornerà?"

FRANCA :- “No, ma provi a chiamare verso le sei"

LILLY      :- "Va bene. Graaa-zie"

FRANCA :- (posa il ricevitore e riavvia al proprio posto commentando) " 'N'ätra neuva.. e questa a checchezza anche" 

NINO       :- (con malcelata invidia) "Cöse gh'attreuvan mai e donne in to Merigo.. mi no so proppio"

GRAZIA  :- (sospira) "Mi penso che malgraddo o seu atteggiamento o segge candido comme a néie"

SABINA  :- "Mescc-ià cö carbon!"

FRANCA :- (scherzosa) "Bezeugneiva provà"

NINO       :- "E allòa sotta... alla prova"

FRANCA :- "Ma no v'è abbastòu Milan?"

ALMERICO:- (rientra serio, ha un pacco in mano che posa sul tavolo) "Ecco o campionäio"

NINO       :- "Portighelo sûbito a-o Cappo, coscì o l'avanza de vegnïne in ti pë"

ALMERICO:- "Vaddo" (riprende il pacco e bussa alla porta del direttore. Si spegne la luce e si accende quella del Direttore)

SCENA VIII

(Almerico – Direttore – Nino – Grazia – Sabina – Franca)

DIRETT.  :- "Avanti"

ALMERICO:- "Ho portòu o campionäio di ciòi"

DIRETT.  :- "Beniscimo. Pösili in sce-a töa; piggia e quelle cartelle e prepara e fattûe"

ALMERICO:- "Comme Scià comanda"

DIRETT.  :- "Notize do Ugo, o nostro fattûrin?"

ALMERICO:- "O se sta ripiggiando.. o dovieiva rientrà fïto"

DIRETT.  :- "Segûo che doppo quella schedinn-a no zûgà.. gh'è vegnûo 'n mëzo infarto, meschinetto"

ALMERICO:- "Miga solo a lé, se l'è pe' quello"

DIRETT.  :- "A ve sta ben. E quande ve gïa de fäne 'n'ätra, ricordaeve anche do sottoscrïto... pelandroìn.. Ma t'è ancon chì?"

ALMERICO:- "Ma mì.. Scià me ferma e poi.."

DIRETT:  :- "Che ti vaddi… no perdemmo do tempo"

ALMERICO:-  (scocciato, esegue e rientra nella sala dove ritorna la luce e si spegne quella del direttore. Butta le cartelle sulla scrivania)

FRANCA :- "Che röba a l'è?"

ALMERICO:- "Ho m'ha caregou de travaggio comme 'n'äze. Maledetti ciòi... Ghe ne mettessan armeno 'na magnà in to menestron.."

GRAZIA  :- "No t'ho mai visto coscì arraggiòu... Cöse gh' che no va?"

ALMERICO:- (sgarbato) "Son affari maei. Va ben?!"

FRANCA :- "A proposito de affari teu.. .Ha ciammòu 'na certa Lilly"

ALMERICO:- "Lilly?... A che òa?"

FRANCA :- "Poco primma che t'arrivesci.. A dovieiva riciammà"

NINO       :- (ironico) "Eh.. 'ste donne che fan andà avanti e inderrè.."

ALMERICO:- "T'hae cuae de sfotte?"

SABINA  :- "Calma, no arragiaeve" (guarda l'ora) "Sei òe.. fine del travaggio.. (tutti si preparano ad uscire tranne Grazia e Almerico) "Ma no ve 'n 'andae?"

GRAZIA  :- "Devo scrive de lettie ch'o m'ha dettòu o direttò.. Dettòu…dettòu pe' moddo de dì. Devo aggiûstäle e spedile doman mattin"

ALMERICO:- (accenna alle cartelle sul tavolo) "O veu e fattûe pronte e doman devo andà a Ciàvai in gïo pe' i canté con o campionäio neuvo.. PERQUINDI... mi ha brasato!"

FRANCA – SABINA – NINO:- (escono e salutano a soggetto)

SCENA IX

(Grazia – Almerico – Direttore - Ugo)

(mentre i due lavorano al proprio tavolo, entra il direttore)

DIRETT.  .- "Veddo che ve sei fermae a travaggià; comme mai?"

ALMERICO:- (mostra il plico di cartelle che lui gli ha dato) "A risposta a l'è chì!.. Scià veu e fattûe e fattûe ghe fasso. Doman devo andà a Ciàvai e alloa.. o tempo a disposiziòn l'è quello ch'o l'è.."

DIRETT:  :- "E a scignorinn-a?"

GRAZIA  :- "E lettere da scrive e da spedì doman mattin..."

DIRETT.  :- "Bene.. coscì recûperae o tempo che perde in scemmaie e.. ninte straordenäio inteixi?"

ALMERICO:- "A no l'è 'na novitae"

DIRETT.  : - "Alloa Merigo, ti saeri tì. Mi vaddo perché questa sera sono invitato ad una tavola rotonda" (esce e rientra subito. Ad Almerico) "M'arraccomando e tapparelle, o contatore da lûxe e do gazzo. Metti in ordine e sorviatûtto danni i gìi ä ciaveuja"

GRAZIA  :- (sorridendo) "Tanto ciù che ratti chi drento, i laddri no trovieivan"

DIRETT.  :- (ironico) "Ma l'è ben pe' i ratti che o diggo; no vorrieiva che scappessan feua do scagno" (esce)

ALMERICO:- "Gh'ammanca anche che o se mette a fa o spiritoso"

                 (i due lavorano senza guardarsi. Ad un tratto Almerico si avvicina cercando di abbracciarla alle spalle)

GRAZIA  :- (dà un grido e si divincola. Si alza e va alla porta che apre. Entra in quel momento Ugo, vede e capisce la situazione)

UGO        :- "Baccere che movimento!"

ALMERICO:- (si blocca. E' nervoso) "E ti.. cose ti ghe fae a quest'öa? No t'è in convalescenza?"

UGO        :- (calmo come se la cosa non lo interessasse) "Scì… son in convalescenza.. Ma savendo che o Brancaleon o l'andava a 'na <tavola rotonda>, manco o fïsse quello Re con a cassarolla in testa e savendo sorviatûtto che MAE NESSA A L'EA SOLA CON TI IN SCAGNO…"

ALMERICO:- (frastornato dalla scoperta) "A Grazia teu.. teu nessa?.. Ma famme o piaxéi"

GRAZIA  :- (si avicina ad Ugo) "Scì.. o l'è mae barba; no l'emmo mai dïto perché no voeivimo inflûenzà o direttò. Voeivo ëse bonn-a da sola a çercäme 'n travaggio, senza raccomandaziòn. Anche o direttò o m'ha faeto de avançe, ma a parte o faeto ch'o porrieiva ëse mae poae, o l'ha anche moggé"

ALMERICO:- "Ma mì no ghe l'ho"

UGO        :- "T''è troppo piggiou a fa o ruolo do Dongiovanni e.. coscì t'han spedìo a Milan a piggia 'n po'.. " (in milanese) "<de nèbia che la va giò per i polmon> e a te rinfresca o çervello…” (ai presenti) “E questo o saieiva quello ch'o l'ha piggiòu e cassoaè de intelligenza" (salace) "..quella fila ch'a se scoverciava o çervello"

ALMERICO:-"E coscì m'éi combinòu o tranello. M'éi faeto spende de palanche pe' ninte"

GRAZIA  :- "Se l'è pe' quello n'è despiaxûo a tûtti. Te son corrîa appreuvo pe' fermate, ma t'aveivi za piggiòu o taxi.. e coscì.."

UGO        :- "Morale della favola diggo che anche se i mae antenati ean quello che in to çervello gh'aveivan solo aegua scc-etta,  <chi troppo veu, ninte ha>!”

ALMERICO:- (siede sconfortato) "Che salamme che son staeto.. A lettia cö profûmo di <rosa bulgara>"

GRAZIA  :- "Frau Elène .."

ALMERICO:- "Frau Helène.. Voei savéi cöse m'è accapitòu quande son andaeto a l'Albergo Moderno?"

GRAZIA  :- "Dipende da quello che ti conti"

UGO        :- "Se ti ghe tegni, conta"

ALMERICO:- (si alza e passeggia nervoso) "Quande arrivo, domando de Frau Hèlene. Quello da reception ghe scappa 'n sorrisetto e me diggo fra mì.. questo o-a sa lunga.. <Ascensore a destra e quarto piano> o me dïxe <e se si ferma scenda e lasci i documenti>; vaddo e.."

GRAZIA  :- "No stamme a dì ch'a gh'éa pe'n davvei!"

UGO        :- "Tûtte e fortûnn-e!"

ALMERICO:- "Fortûnne?.. Fortûnne 'n corno pèrchè mi desideravo avei moggé, famme ‘na famiggia e me pàiva che Helène a fïsse faeta pe’ mì… E ben, voei saveila tûtta?… M’è pasòu sûbito a cuae de moggé perché la sedicente Helène.. o l'éa Giovanni, ûn travestîo!"

SI CHIUDE IMMEDIATAMENTE IL SIPARIO

 

F I N E


[1] Laccia- doo, sbruffo, regalo

[2] spegassi - scarabocchi

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno